Le filiali del futuro, il futuro delle filiali. Aprile. Financial Institutions

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Le filiali del futuro, il futuro delle filiali. Aprile. Financial Institutions"

Transcript

1 Le filiali del futuro, il futuro delle filiali Aprile 2010 Financial Institutions

2 Abstract Qual è in questo momento la vostra valutazione sulle prospettive del settore bancario retail? Quali saranno le modalità future di fare banca *? Dalle trasformazioni che il sistema bancario ha visto imporsi negli ultimi vent anni, sono forse due le tematiche principali che rappresentano, ad oggi, una sfida forte per il futuro delle banche retail. La prima, comune a tutte, riguarda il ruolo, il numero ed il layout ottimale delle filiali tradizionali nel prossimo futuro grazie ad un contesto in cui la tecnologia e l evoluzione normativa permetteranno un progressivo processo di snellimento delle procedure e di semplificazione delle relazioni con la clientela. La seconda, più specifica e che riguarda solo alcuni gruppi, interessa il posizionamento delle pure online bank, emblema ormai storico del settore bancario, all interno di gruppi multibanca che stanno progressivamente portando avanti strategie di multicanalità e d integrazione per favorire l utilizzo di canali virtuali in via complementare a quello tradizionale, fisico. Se molteplici sono gli approcci alla soluzione di queste tematiche, la vera sfida non è tanto (solo) nella fase dell individuazione del modello ideale a tendere, quanto soprattutto nella scelta del giusto timing per calibrarne l attuazione. Ciò dipende dall evoluzione dei comportamenti/ desiderata da parte dei clienti nonché dalle dinamiche competitive. Per gli istituti bancari diventa pertanto importante dotarsi di un approccio specifico al Controllo di Gestione della multicanalità che permetta di ponderare l applicazione del modello a tendere secondo timing adeguati. dell impatto di Internet sui processi e i servizi * Banking is essential, banks are not, Bill Gates, Le filiali del futuro, il futuro delle filiali

3 Esiste un Controllo di Gestione della multicanalità nelle banche? A nostro avviso ancora no. C è bisogno, infatti, di un approccio focalizzato alla gestione e all implementazione delle strategie multicanale messe in campo dalle banche che porti a sintesi gli interventi, i riscontri e le verifiche di quanto fatto. Queste attività vengono fatte, oggi, in modo solo frammentato e discontinuo. Ad esempio, quanto e come dialogano le persone preposte alla Pianificazione territoriale con chi si occupa della gestione/contenimento del churn rate della clientela o con chi delinea lo sviluppo di nuovi prodotti e il pricing degli stessi data la grande influenza del prezzo nell indirizzare i comportamenti e le scelte di canale? Le scelte su queste tematiche rispondono ad una strategia unitaria? 2

4 L offerta di servizi bancari multicanale è prassi comune Oggi è sufficiente essere dotati di un cellulare appena sofisticato per poter eseguire transazioni e interrogazioni anni 90 ad avere un impatto più massiccio sui processi, i prodotti e i servizi del settore bancario (Tav. 1). bancarie in qualsiasi parte del globo. La prima risposta da parte delle banche ad un bisogno latente dei clienti di poter usufruire dei servizi bancari in maniera no time consuming e senza code allo sportello L utilizzo del phone banking come canale di fruizione dei servizi della banca cede negli anni il passo all home banking che si avvia a diventare anche un importante canale commerciale. La banca, con l avvento di Internet, ha potuto raggiungere i propri clienti direttamente nelle case, negli uffici e, più recentemente, dovunque essi si trovino. I nuovi canali hanno, negli anni, raggiunto dimensioni e numero di è stato, a partire dagli anni 80, il phone banking. Ma è la diffusione di Internet che ha caratterizzato gli utilizzatori estremamente importanti che hanno decretato il loro successo. Tav. 1 - L home banking & Phone banking in Italia. Banca d Italia giugno, Home Banking Phone Banking Ricordiamoci che Per ricevere le first la versione completa mover della multicanalità del Paper siete pregati di contattare sono state le pure online bank tradizionali. fare banca attraverso lo sfruttamento delle potenzialità derivanti dalla diffusione di Internet, si è realizzata con la nascita di online bank completamente costruite su piattaforme virtuali per un modello di servizio innovativo, autonomo e distinto da quello delle banche Quando facenti parte di gruppi bancari, queste banche hanno costituito la quick answer degli stessi alla discontinuità tecnologica portata da In un primo momento la necessità di un nuovo modo di Internet. 3 Le filiali del futuro, il futuro delle filiali

5 Questi operatori hanno conquistato quote di mercato retail proponendo un sistema d offerta distintivo caratterizzato da un elemento di unicità dato dalla tecnologia utilizzata nonché operando verso una continua riduzione dei costi interni e verso una diversificazione dei servizi offerti per posizionarsi su ruolo storico dei borsini delle filiali tradizionali, il rallentamento delle performance borsistiche e il calo dei margini d intermediazione, ha spinto le pure online bank ad elaborare anche i principali prodotti/servizi bancari tradizionali con l obiettivo di conquistare una massa significativa di clienti. segmenti di mercato lasciati scoperti dalle banche tradizionali. A cavallo degli anni 2000 si è assistito in tutta Europa all esplosione di una nuova Ad oggi, le banche virtuali non replicano le banche tradizionali nella Un segmento di servizi di indubbio successo è stato il trading online. Se la negoziazione di titoli via web tipologia di offerta bancaria, l online banking. struttura, bensì nelle funzioni, mirando a fornire all utente finale un surplus di servizi caratterizzati da ha rappresentato, e rappresenta ancora, uno dei servizi più apprezzati dalla clientela rivoluzionando il una fruibilità più immediata e senza limiti d orario (Tav. 2). Tav. 2 - Le First Mover della multicanalità. Elaborazioni Active Value Advisors, Anno di nascita E le banche tradizionali? fine di combinare i vantaggi relazionali del rapporto interpersonale alla rapidità e comodità di accesso ai servizi. Per ricevere la versione completa Ad oggi, in Italia, sono più di 14,5 milioni (quasi la Se da una parte molte banche tradizionali hanno inglobato/costituito del al loro Paper interno ban- siete pregati di contattare metà, con un incremento del 8,6% La strategia perseguita dai nel 2008 rispetto all anno precedente) i conti corrente abilitati ad che virtuali autonome, dall altra la principali player bancari, anche quasi totalità di esse si è progressivamente in Italia, mira a disincentivare aperta alla multicanalità offrendo ai propri clienti in portafoglio la possibilità di utilizzare canali per attività quotidiane e transazionali l uso dello sportello. almeno uno dei canali alternativi allo sportello tradizionale (Internet, Phone e Mobile banking via telefonino) di e-banking in via complementare a quello fisico al e nel 72% dei casi questi conti sono attivi e utiliz- zati più di una volta alla settimana (Tav. 3). 4

6 Tav. 3 - L apertura alla multicanalità. ABI, IV/V/VI Rapporto La multicanalità nelle banche ,1 11,5 10,5 9,15 4,6 31,1 13,4 12,2 9,7 5,1 31,5 14,5 13,2 9,3 4,8 Totale c/c C/C abilitati ad almeno un canale alternativo C/C abilitati ad C/C operare su Internet abilitati al Phone Banking C/C abilitati al Mobile Banking % 68% 55% 62% 58% 70% 72% 45% 23% 0% % C/C abilitati ad almeno un canale alternativo utilizzati dagli utenti più di 1 volta a settimana Il primo quesito rilevante - Che ruolo avranno le filiali tradizionali nella strategia multicanale delle banche? Anche se oggi la multicanalità si è progressivamente diffusa come servizio da dare al cliente e l accesso tramite web ha ridotto le occasioni quest ultima sia rimasta comunque un fulcro fondamentale di relazione tra banca e cliente (Tav. 4). In ogni caso, il futuro sviluppo del ruolo della filiale non può prescindere dall esistenza e dall evoluzione dei nuovi canali e il pricing rappresenta una delle leve principali mediante cui guidare i comportamenti d acquisto degli utenti. Poiché, infatti, gli utilizzatori attivi di Internet per accedere ai servizi bancari spendono annualmente in media 9,5 in meno di un utente multicanale (16% in meno) e circa 31 in meno di un utilizzatore di sole Filiali (-34%), la strategia più diffusa è quella di spingere i clienti all utilizzo di canali virtuali alternativi e Per ricevere la versione completa all uso di Internet per lo svolgimento di attività transazionali, liberando così capacità produttiva dalle che i clienti hanno di recarsi in Se i canali alternativi sono una realtà filiali tradizionali. del Paper siete pregati di contattare filiale, non si può negare che in crescita, nel contempo la centralità La maggior parte delle banche, delle filiali fisiche si è mantenuta nel tempo e il loro numero è in costante aumento. Internet rispetto che da sportello. dunque, ha attuato negli anni strategie di pricing che prevedono minori costi per la fruizione dei servizi bancari da canale 5 Le filiali del futuro, il futuro delle filiali

7 Tav. 4 - Numero di filiali e sportelli bancari in Europa. European Central Bank, Statistical data, Euro-zona Contrariamente al trend globale, solo pochi paesi scelgono di prezzare maggiormente l accesso ai propri sente, infatti, di erogare ai clienti servizi bancari a costi diversi, con differenziati pacchetti d offerta. servizi Internet rispetto al Preso atto della diffusione di una strate- Per la banca i nuovi canali hanno un costo transazionale più basso del canale fisico e per i clienti, canale fisico (Tav. 5). Un esempio è la Russia che ha mantenuto alte le fee sugli utenti che fruiscono online dei servizi bancari. L offerta multicanale con- potendo effettuare operazioni in qualsiasi orario da qualunque pc, un maggior valore aggiunto. Per la maggior parte delle banche le politiche di pricing tendono a seguire le politiche di costo e non del valore percepito dagli utenti. gia di prezzo a favore dei nuovi canali, quale sarà, dunque, il numero e il ruolo delle filiali future? Tav. 5 - Raffronto prezzi agli utenti. Elaborazione AVA su World Retail Banking Report, 2009, Euro , ,9 55% 78,1 76,6 75,3 75,3 75,3 71,1 70,4 70,3 64,5 31% Per 61,8 ricevere la versione completa 60,8 54,3 10% 0% 0% 45,6 29% del Paper siete pregati di contattare 13% 16% 14% 16% Euro zona Europa no Euro Nord America Asia Pacifico Media Utenti solo Internet Utenti Multicanale Utenti solo filiale 6

8 Chi ha ancora bisogno delle filiali tradizionali? Anzitutto le banche stesse. In media, infatti, circa il 30% delle visite in filiale in un anno da parte degli utenti è per firmare accordi e documenti o sbrigare formalità e procedure. Tutte attività che non servono al cliente, ma alla banca stessa per funzionare. Nell immediato futuro, grazie a nuovi dispositivi, sia tecnici ma anche normativi, che entreranno a far parte dell infrastruttura della filiale (firme a scansione, gestione documentazione via web, posta certificata, etc.), tali procedure si potranno automatizzare e gestire a distanza mediante centri di servizio per lo svolgimento dell attività di back office. Anche i clienti hanno bisogno del canale fisico. Pensare che gli utenti non vorranno più andare Per molti utenti la filiale fisica rappresenta il luogo preferito nonché la sede più opportuna per incontrare consulenti e personale bancario. presso le filiali fisiche è sbagliato. In linea generale, più della metà degli utenti tra i 18 e i 25 anni, nonostante la rapida diffusione di canali alternativi in questa fascia d età, preferisce interagire di persona con il personale bancario. Solo in Italia sono circa 6 milioni (il 21%) i clienti che prediligono con la banca il solo rapporto face to face potendo relazionarsi con più di 34 mila sportelli presenti sul territorio nazionale. Infine anche i dipendenti hanno bisogno di un luogo di lavoro possibilmente piacevole e accogliente per interagire con i clienti e svolgere al meglio l attività commerciale/ relazionale. Per i dipendenti, però, i desiderata sulle caratteristiche che devono avere i luoghi dove operare possono essere diversi da quelli dei clienti (ad esempio filiali ground floor vs filiali a piani più alti oppure open space per una maggior interazione con i clienti vs social room riservate solo al personale bancario), (Tav. 6). Tav. 6 - La necessità di filiali tradizionali. Elaborazione AVA su dati Deloitte Center for banking solutions/harris Interactive Survey Oggi Banca Clienti Dipendenti In Futuro Banca anni anni Clienti Per ricevere la versione completa anni 44% 56% del Paper siete pregati di contattare Oltre 61 anni 57% 43% Dipendenti 53% 47% 47% 53% Filiale fisica Altri canali 7 Le filiali del futuro, il futuro delle filiali

9 Mutando il ruolo della filiale fisica, diverso deve anche essere il modo con cui essa si presenta... Ad ogni modo da qui al prossimo futuro il bisogno di filiali fisiche, così come tradizionalmente pensate, sarà di molto ridotto per le banche, per gli utenti e per i dipendenti. Secondo alcune stime un cliente retail, in media, avrà necessità di recarsi in filiale al massimo 8 volte nell arco di una vita. Nel prossimo futuro, dunque, sarà la banca (destrutturandosi in nuovi layout o proponendo servizi di advisory by appointment) ad andare verso il cliente o il cliente stesso a recarsi in banca? Molti gruppi bancari hanno già intrapreso iniziative d integrazione tra canale fisico e virtuale. Ma nel modello di banca del futuro, sarà la banca ad andare verso il cliente o il cliente stesso a recarsi in banca? Da qui derivano numerose strategie che puntano a ripensare i concept di filiale fisica per trasformarla in un luogo confortevole dove il cliente può ottenere assistenza, informazioni, consulenza in ambienti con aree diversificate per attività e postazioni dove l operatore bancario può dialogare in maniera collaborativa con il cliente nonché vincere quel timore reverenziale che spesso contraddistingue il rapporto con le istituzioni finanziarie (Tav. 7). Sono inoltre molteplici le iniziative d integrazione tra canale virtuale e canale fisico che mettono da una parte la tecnologia al servizio della semplificazione e che dall altra puntano a riqualificare la filiale come sede di svolgimento di servizi a maggior valore aggiunto/percepito. Ma come definire il giusto timing per attuarle? Tav. 7 - Ideare nuovi concept di Filiale. Elaborazione AVA, SARÀ IL CLIENTE AD ANDARE IN BANCA...? Porte scorrevoli per eliminare le barriere all ingresso Un ambiente che rispecchia i valori della banca Ambiente informale ma curato per una maggior customer experience Giornali, caffè, brochure nel momento dell attesa...o LA BANCA AD ANDARE DAL CLIENTE? Filiali in punti strategici (cafè, store, edicole, etc.) Layout innovativo Partner brands (Tchibo, bakery, etc.) Sale d attesa attive e confortevoli Per ricevere la versione completa del Paper siete pregati di contattare Il secondo quesito rilevante - Come posizionare le pure online bank cui fanno parte. all interno del gruppo? Per poter gestire tali banche in un ottica d integrazione, è importante, ad oggi, avere una chiara visione prospettica del posizionamento e del ruolo distributivo delle pure online bank all interno dei gruppi bancari di 8

10 Ma su quali fattori distintivi deve puntare la banca virtuale rispetto alle banche tradizionali del gruppo? Se, da principio, l innovazione banca solo online piuttosto che sull offerta retail multicanale delle altre banche del gruppo, favorendo così un implicito posizionamento tecnologica e un modello di servizio web based rappresentavano E necessario trovare un posizionamento distintivo per le pure online bank all inter- della banca su determinati segmenti di clientela (Tav. 8). l elemento dino dei gruppi d appartenenza. Pianificare una strategia stintivo per eccellenza, oggi la tecnologia rappresenta un fattore ampiamente disponibile e poco caratterizzante. E necessario, quindi, concentrarsi su sistemi d offerta Un sistema d offerta troppo esteso, sia dal punto di vista della clientela di riferimento che dell area geografica cui ci si rivolge, rischia di cannibalizzare i clienti delle altre banche del gruppo. multicanale complessiva è necessario, dunque, per elaborare piani ed attività volti a posizionare le online bank all interno del gruppo, segmentando la clientela di riferimento specifici e differenzianti (quali ad esempio l asset gathering) o su politiche di pricing in grado di clusterizzare/veicolare alcune tipologie di utenti verso la rispetto alle altre banche senza rischiare di cannibalizzare i clienti. Ma come definire il giusto timing per attuarli? Tav. 8 - Le banche online cercano un proprio posizionamento. Elaborazioni AVA, OFFERTA LIMITATA PRODOTTI E SERVIZI OFFERTI OFFERTA ESTESA RETAIL SETTORI DI CLIENTELA SERVITI RETAIL & SME SINGOLO PAESE MERCATI SERVITI VARI PAESI Nelle banche, manca una funzione preposta a controllare la transizione tra la vecchia Per concezione di banca del e Paper quella siete pregati di contattare ricevere la versione completa nuova La stragrande maggioranza delle banche retail ha avviato una strategia commerciale multicanale. L approccio utilizzato, però, è legato principalmente al miglioramento del cost income attraverso lo spostamento delle attività transazionali dalle filiali ad altri canali innovativi. Il rischio di suddetti approcci è quello di creare una segmentazione indesiderata della clientela nonché di perdere occasioni di contatto con la stessa che possono costituire l opportunità per offrire prodotti relazionali a maggior valore aggiunto. La logica della sola ottimizzazione del cost income non permette di capire e gestire le dinamiche evolutive dei comportamenti commerciali ove spesso i numeri consuntivi delle performance conseguite rappresentano la media di realtà gestionali che si vanno polarizzando. 9 Le filiali del futuro, il futuro delle filiali

11 Tale logica, dunque, se non è supportata da un chiaro plessiva, si dovrà ad esempio: monitoraggio dell impatto della strategia multicanale scelta sul canale fisico, può far correre alle banche rischi di depauperamento dei propri asset intangibili. La transizione dal modello tradizionale di fare banca Verificare l impatto che determinate politiche di pricing dei prodotti hanno sul churn rate e sul livello di utilizzo delle filiali (strategic pricing & performance analysis), ad un nuovo modello multicanale deve poter avvenire calibrando i diversi attributi dell offerta e le logiche di pricing sull evoluzione dei comportamenti della clientela Individuare opportune leve che permettano il posizionamento desiderato delle pure banche online rispetto al gruppo (network architecture), tenuto conto delle dina- Offrire evidenze per definire miche competitive (Tav. 9). Per rendere fattibile ciò, è importante disporre di un Controllo di Gestione della multicanalità in grado di misurare e offrire evidenze sull evoluzione di tali dinamiche. La prima istanza che una La risposta alle sfide moderne non va ricercata solo nella definizione di un nuovo modello ideale di banca, ma soprattutto nella calibrazione del timing della sua applicazione. opportune logiche di segmentazione/portafogliazione della clientela affinché le politiche tese a favorire la multicanalità non realizzino una segmentazione indesiderata, ma coerente al posizionamento-obiettivo (planning & contact management), strategia multicanale di gruppo richiede è, dunque, una funzione di supporto alla strategia commerciale complessiva, preposta al Controllo di Gestione della Verificare la qualità e l efficacia delle campagne di marketing anche in relazione al diverso utilizzo delle filiali (marketing research & analysis), multicanalità. Di cosa dovrebbe occuparsi il Controllo di Gestione della multicanalità? Se l obiettivo primario è quello di governare/monitorare il perfezionamento della strategia multicanale com- Rendere esplicito l utilizzo desiderato/ottimale delle filiali in modo coerente ai modelli di comportamento dei clienti/segmenti di clientela (branch layout). Tav. 9 - L importanza del Controllo di gestione della multicanalità. Elaborazioni AVA, Una funzione di Staff interna alla struttura commerciale preposta al Controllo di Gestione della multicanalità... Piattaforme Online Call Center Utente finale Per ricevere la versione completa del Paper siete pregati di contattare Filiale ATM Advisory service 10

12 Active Value Advisors. T F E I Position Paper_ Series

L'importanza di un posizionamento distintivo nell'innovazione di canale

L'importanza di un posizionamento distintivo nell'innovazione di canale L'importanza di un posizionamento distintivo nell'innovazione di canale Ruggero Benedetto Gruppo Monte dei Paschi di Siena Responsabile Multicanalità Integrata Roma, 15 Aprile ABI Dimensione Cliente 1.

Dettagli

Multicanalità e Mobile: un opportunità per rinnovarsi. Romano Stasi Segretario Generale, ABI Lab

Multicanalità e Mobile: un opportunità per rinnovarsi. Romano Stasi Segretario Generale, ABI Lab Multicanalità e Mobile: un opportunità per rinnovarsi Romano Stasi Segretario Generale, ABI Lab CARTE 2012 Roma, 15 novembre 2012 La multicanalità Fonte: Elaborazioni ABI su dati sull Osservatorio di Customer

Dettagli

La centralità del Pricing per una gestione evoluta della Customer Experience. ABI Dimensione Cliente 2014 Roma, 8 Aprile 2014

La centralità del Pricing per una gestione evoluta della Customer Experience. ABI Dimensione Cliente 2014 Roma, 8 Aprile 2014 La centralità del Pricing per una gestione evoluta della Customer Experience ABI Dimensione Cliente 2014 Roma, 8 Aprile 2014 Agenda Il contesto di mercato La centralità del Pricing Come sfruttare le potenzialità

Dettagli

La filiale Bancaria, luogo di relazione

La filiale Bancaria, luogo di relazione GRUPPO TELECOM ITALIA ABI Dimensione Cliente 2009 La filiale Bancaria, luogo di relazione Agenda L evoluzione della filiale I modelli di evoluzione e le aree di relazione Le nostre esperienze Idee Cambiare:

Dettagli

Digital CRM: analytics e customer dynamics per lo sviluppo di prodotti e servizi innovativi PROPOSTA DI ADESIONE ATTIVITA DI RICERCA 2015

Digital CRM: analytics e customer dynamics per lo sviluppo di prodotti e servizi innovativi PROPOSTA DI ADESIONE ATTIVITA DI RICERCA 2015 ATTIVITA DI RICERCA 2015 Digital CRM: analytics e customer dynamics per lo sviluppo di prodotti e servizi innovativi PROPOSTA DI ADESIONE In collaborazione con 1 TEMI E MOTIVAZIONI Nel corso degli ultimi

Dettagli

Il CRM nei servizi finanziari alla clientela retail

Il CRM nei servizi finanziari alla clientela retail Il CRM nei servizi finanziari alla clientela retail Microsoft Dynamics CRM e le istituzioni finanziare dedicate alle famiglie banche, banche assicurazioni e sim Premessa Ogni impresa che opera nel settore

Dettagli

Coinvolgere, valorizzare ed emozionare il cliente nei nuovi modelli di servizio

Coinvolgere, valorizzare ed emozionare il cliente nei nuovi modelli di servizio Coinvolgere, valorizzare ed emozionare il cliente nei nuovi modelli di servizio DIMENSIONE CLIENTE 2012 Roma, 11 aprile 2013 Daniela Vitolo ABI Ufficio Analisi Gestionali - Direzione Strategie e Mercati

Dettagli

Active Value Pricing. Costruire un ponte tra due visioni della performance d impresa.

Active Value Pricing. Costruire un ponte tra due visioni della performance d impresa. Active Value Pricing Costruire un ponte tra due visioni della performance d impresa. Il Pricing: la principale leva di miglioramento della redditività Lo scenario economico in cui le imprese operano è

Dettagli

Provate un nuovo modo di fare banca dove i vostri clienti hanno il controllo.

Provate un nuovo modo di fare banca dove i vostri clienti hanno il controllo. Provate un nuovo modo di fare banca dove i vostri clienti hanno il controllo. Provate un nuovo modo di fare banca dove i vostri clienti hanno il controllo. Benvenuti in un nuovo mondo finanziario. Questo

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

Carte Diem 2008 Palazzo dei Congressi Roma

Carte Diem 2008 Palazzo dei Congressi Roma Carte Diem 2008 Palazzo dei Congressi Roma Gli aspetti di sicurezza nell'evoluzione dei canali verso il self service Romano Stasi Segretario Consorzio ABI Lab Centro di ricerca e sviluppo sulle tecnologie

Dettagli

Il Customer Relationship Management nelle Istituzioni Finanziarie Europee

Il Customer Relationship Management nelle Istituzioni Finanziarie Europee Il Customer e Il Customer Contenuti marketing e per le per il CRM 2 Il Customer I punti principali: L attività bancaria sta sperimentando una serie di profondi mutamenti a causa dell accentuarsi delle

Dettagli

Lo scenario di cambiamento del Private Banking in Italia: MIFID, processi di ipercompetizione e nuovi modelli di consulenza

Lo scenario di cambiamento del Private Banking in Italia: MIFID, processi di ipercompetizione e nuovi modelli di consulenza Lo scenario di cambiamento del Private Banking in Italia: MIFID, processi di ipercompetizione e nuovi modelli di consulenza Angelo DEIANA Responsabile Mercato Private Gruppo Monte dei Paschi di Siena Scenario

Dettagli

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano www.pwc.com/it Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano giugno 2013 Sommario Il contesto di riferimento 4 Un modello di evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il

Dettagli

Customer Services. Versione: 0.1 CNS Customer Services

Customer Services. Versione: 0.1 CNS Customer Services Customer Services Agenda 2 Il contesto competitivo La strategia del Customer Services Call Center Protezione Civile Il telelavoro Il servizio 186 Il contesto competitivo Il mercato dei Contact Center ha

Dettagli

Il servizio di consulenza avanzata in materia di investimenti

Il servizio di consulenza avanzata in materia di investimenti Il servizio di consulenza avanzata in materia di investimenti Milano, 27 giugno 2013 Prof. Emanuele Maria Carluccio Prof. Paolo Antonio Cucurachi Le legittime esigenze del cliente Dal proprio consulente

Dettagli

ATM: strategie ed innovazioni

ATM: strategie ed innovazioni ATM: strategie ed innovazioni Business e tecnologie Gli investimenti delle banche in tecnologia e nello sviluppo del canale Atm devono andare in direzione non solo dell efficienza e del cost saving, ma

Dettagli

Multicanalità e CRM: obiettivi e criticità

Multicanalità e CRM: obiettivi e criticità Multicanalità e CRM: obiettivi e criticità Corrado Avesani - CRM 2001 Strumenti evoluti per il rapporto con la clientela Convegno ABI Roma, 14 dicembre 2001 Agenda Multicanalità e CRM Il concetto di multicanalità

Dettagli

Economia degli intermediari finanziari 2/ed Capitolo 9 La strategia e l organizzazione delle attività di intermediazione finanziaria Esercizio 1

Economia degli intermediari finanziari 2/ed Capitolo 9 La strategia e l organizzazione delle attività di intermediazione finanziaria Esercizio 1 Capitolo 9 La strategia e l organizzazione delle attività di intermediazione finanziaria Esercizio 1 Volendo rappresentare il settore dei servizi finanziari fate riferimento: a. ai tre tipi di intermediazione

Dettagli

Experience a new world of interaction. Experience a new world of interaction.

Experience a new world of interaction. Experience a new world of interaction. Experience a new world of interaction. Experience a new world of interaction. Experience a new world of interaction. Cos è il nuovo mondo delle interazioni? Questo è il luogo in cui le persone possono

Dettagli

Digitalizzazione e Multicanalità per un modello innovativo di Banca Territoriale

Digitalizzazione e Multicanalità per un modello innovativo di Banca Territoriale Digitalizzazione e Multicanalità per un modello innovativo di Territoriale Roberto Manini, Responsabile Gestione Clienti e Sviluppo Commerciale 23 ottobre, ABI Costi & Business 2013 1 AGENDA Digitalizzazione

Dettagli

Banking & Financial Diploma Percorso base

Banking & Financial Diploma Percorso base Banking & Financial Diploma Sono oggi più di 3.000 i partecipanti che hanno conseguito l Attestato ABI di professionalità bancaria e finanziaria, con risultati eccellenti in termini di crescita personale

Dettagli

Credit Suisse Invest La nuova consulenza d investimento

Credit Suisse Invest La nuova consulenza d investimento Credit Suisse Invest La nuova consulenza d investimento Le vostre esigenze prima di tutto Credit Suisse Invest Mandate Expert Partner Compact 2 / 20 4 Tante buone ragioni Per ottenere ciò che vi aspettate

Dettagli

IL CONTACT CENTER COME STRUMENTO DI CRM NELL AMBITO DI UNA STRATEGIA DI RIDUZIONE DEI COSTI

IL CONTACT CENTER COME STRUMENTO DI CRM NELL AMBITO DI UNA STRATEGIA DI RIDUZIONE DEI COSTI IL CONTACT CENTER COME STRUMENTO DI CRM NELL AMBITO DI UNA STRATEGIA DI RIDUZIONE DEI COSTI I consumatori sono saturi e hanno poco tempo, ha sentenziato recentemente Enrico Finzi, presidente di Astra/Demoskopea,

Dettagli

Qualità, integrazione e innovazione nei call center bancari

Qualità, integrazione e innovazione nei call center bancari L Osservatorio 2010 ABI-ABI Lab sui call center bancari evidenzia una sempre più ampia proattività di questo canale che diviene operativo anche nella comunicazione via web, potendo beneficiare della professionalità

Dettagli

Dalla Banca Retail alla Banca Digitale

Dalla Banca Retail alla Banca Digitale Dalla Banca Retail alla Banca Digitale Carlo Panella ABI - Dimensione Cliente, 9 Aprile 2014 Il Gruppo CSE: copertura dei servizi bancari Fleet Management: POS, ATM, Cash/Desktop Management, Teller Cash

Dettagli

Sfide strategiche nell Asset Management

Sfide strategiche nell Asset Management Financial Services Banking Sfide strategiche nell Asset Management Enrico Trevisan, Alberto Laratta 1 Introduzione L'attuale crisi finanziaria (ed economica) ha significativamente inciso sui profitti dell'industria

Dettagli

Innovare il modello di servizio per la clientela Small Business

Innovare il modello di servizio per la clientela Small Business Innovare il modello di servizio per la clientela Small Business Nicola Generani Responsabile Direzione Marketing Retail - Private Convegno Dimensione Cliente 200 Roma, 26/03/200 Contenuti Overview Gruppo

Dettagli

Bank of America Il Mobile Banking

Bank of America Il Mobile Banking Bank of America Il Mobile Banking Questa breve sintesi è solo un supporto alla comprensione del caso e non ne sostitusce la lettura. L analisi del caso avverrà venerdì 11 settembre pomeriggio (le domande

Dettagli

I SISTEMI DI PAGAMENTO DI POSTE ITALIANE

I SISTEMI DI PAGAMENTO DI POSTE ITALIANE I SISTEMI DI PAGAMENTO DI POSTE ITALIANE Alberto Scaduto Responsabile Sistemi di Pagamento - Marketing BancoPosta Poste Italiane AGENDA Il bollettino: il successo di un sistema di incasso Bollettino e

Dettagli

LEZIONE 3 CUSTOMER RELATIONSHIP ICT GOVERNANCE. ECONOMIA dell ICT ECONOMIA DELL ICT 1. Facoltà di Ingegneria Università di Roma Tor Vergata

LEZIONE 3 CUSTOMER RELATIONSHIP ICT GOVERNANCE. ECONOMIA dell ICT ECONOMIA DELL ICT 1. Facoltà di Ingegneria Università di Roma Tor Vergata LEZIONE 3 CUSTOMER RELATIONSHIP MANAGEMENT (CRM) ICT GOVERNANCE ECONOMIA dell ICT ECONOMIA DELL ICT 1 Sviluppo storico del CRM 50 60 Avvento dei brand items e delle agenzie di pubblicità 70 Avvento del

Dettagli

FORUM HR 2015. Roma, 9/10 giugno 2015. Le nuove professioni in Banca. La crisi economico-finanziaria, iniziata a partire dal 2008, ha avuto importanti

FORUM HR 2015. Roma, 9/10 giugno 2015. Le nuove professioni in Banca. La crisi economico-finanziaria, iniziata a partire dal 2008, ha avuto importanti 1 FORUM HR 2015 Roma, 9/10 giugno 2015 Le nuove professioni in Banca La crisi economico-finanziaria, iniziata a partire dal 2008, ha avuto importanti ripercussioni, oltreché a livello sociale, sulla redditività

Dettagli

Stato dell arte e tendenze evolutive dei call center bancari in Italia

Stato dell arte e tendenze evolutive dei call center bancari in Italia L indagine condotta dal Consorzio ABI Lab e dal Centro Studi e Ricerche dell ABI fotografa la situazione dei call center bancari rivelando un ruolo sempre più proattivo di questo canale nelle politiche

Dettagli

Indagine ABI-Università di Parma sull evoluzione dei modelli di servizio

Indagine ABI-Università di Parma sull evoluzione dei modelli di servizio L ABI, in collaborazione con l Università di Parma, ha realizzato un indagine presso le banche finalizzata a cogliere le iniziative, presenti e future, volte a innovare il modello di servizio, soprattutto

Dettagli

Modelli Evolutivi di Multicanalità per la Soddisfazione del Cliente Retail

Modelli Evolutivi di Multicanalità per la Soddisfazione del Cliente Retail Modelli Evolutivi di Multicanalità per la Soddisfazione del Cliente Retail Paolo Lombardi, Banca Monte dei Paschi di Siena Dimensione Cliente 2009: Obiettivo Fiducia. Convegno ABI sulla Relazione Banca-Cliente

Dettagli

Il cliente multicanale, le sfide e le opportunità per la distribuzione assicurativa

Il cliente multicanale, le sfide e le opportunità per la distribuzione assicurativa Il cliente multicanale, le sfide e le opportunità per la distribuzione assicurativa I comportamenti in evoluzione dei clienti assicurativi Milano, 11 ottobre 2012 Uno scenario complesso La grande depressione

Dettagli

prima della gestione.

prima della gestione. 1 Il Business Plan per l impresa alberghiera è uno strumento fondamentale per programmare e controllare la gestione delle attività alberghiere volto ad esplicitare, esaminare e motivare in modo completo

Dettagli

Evouzione del modello di servizio retail: da Filiale Estesa a Relazione Estesa. Laura Furlan Responsabile Marketing Strategico

Evouzione del modello di servizio retail: da Filiale Estesa a Relazione Estesa. Laura Furlan Responsabile Marketing Strategico Evouzione del modello di servizio retail: da Filiale Estesa a Relazione Estesa Laura Furlan Responsabile Marketing Strategico Divisione Banca dei Territori Roma, 8-9 Aprile 2014 Intesa Sanpaolo, come tutti

Dettagli

Funzionigrammi della Divisione Banca dei Territori

Funzionigrammi della Divisione Banca dei Territori Funzionigrammi della Divisione Banca dei Territori Luglio 2010 Indice Divisione Banca dei Territori 3 Direzione Marketing Privati 6 Direzione Marketing Small Business 15 Direzione Marketing Imprese 23

Dettagli

Overview del settore Wealth Management Luca Caramaschi Università di Parma. 6 maggio 2015

Overview del settore Wealth Management Luca Caramaschi Università di Parma. 6 maggio 2015 Overview del settore Wealth Management Università di Parma 6 maggio 2015 Overview e trend del settore Wealth Management 2 Overview del settore Wealth Management - Università di Parma - 06.05.2015 Il Mercato

Dettagli

Contact Center. solutions

Contact Center. solutions Contact Center solutions Rafforzate le relazioni con i clienti e proteggete i profitti Il contact center è l interfaccia principale che la vostra organizzazione presenta alla sua risorsa più preziosa:

Dettagli

Banca e cliente cavalcano l onda del Mobile

Banca e cliente cavalcano l onda del Mobile Saldo/lista movimenti c/c Ricarica cellulare Ricerca sportelli Bancomat/ATM più Ricerca filiali più vicine Bonifici e giroconti Saldo/lista movimenti conto Ricarica carta di credito prepagata Informazioni

Dettagli

La consulenza finanziaria nella prospettiva della MiFID2. L evoluzione del servizio di consulenza negli intermediari finanziari

La consulenza finanziaria nella prospettiva della MiFID2. L evoluzione del servizio di consulenza negli intermediari finanziari La consulenza finanziaria nella prospettiva della MiFID2 Tolleranza al rischio degli investitori, valutazione di adeguatezza e selezione degli investimenti L evoluzione del servizio di consulenza negli

Dettagli

Conoscere il cliente e le sue potenzialità: l importanza della business intelligence in banca

Conoscere il cliente e le sue potenzialità: l importanza della business intelligence in banca Conoscere il cliente e le sue potenzialità: l importanza della business intelligence in banca Luca Molteni Elena Feltrinelli Università Bocconi Milano Convegno ABI Dimensione Cliente Roma, 13 febbraio

Dettagli

Teleperformance Italia

Teleperformance Italia Teleperformance Italia Customer acquisition e gestione della relazione con il Cliente Gabriele Albani 0 Roma, 13 febbraio 2007 1978-2006 Teleperformance All rights reserved Indice Il Gruppo Teleperformance

Dettagli

CONSUMATORE IBRIDO 10 TREND EMERGENTI

CONSUMATORE IBRIDO 10 TREND EMERGENTI CONSUMATORE IBRIDO 10 TREND EMERGENTI PER IL SETTORE ASSICURATIVO OSSERVATORIO REPUTATIONAL & EMERGING RISK 1 3 CONSUMATORE IBRIDO Per un customer journey in cui si mescolano sempre più fasi offline e

Dettagli

,17(59(172 'U*LXVHSSH=$'5$ 'LUHWWRUH*HQHUDOH $VVRFLD]LRQH%DQFDULD,WDOLDQD

,17(59(172 'U*LXVHSSH=$'5$ 'LUHWWRUH*HQHUDOH $VVRFLD]LRQH%DQFDULD,WDOLDQD ,17(59(172 'U*LXVHSSH=$'5$ 'LUHWWRUH*HQHUDOH $VVRFLD]LRQH%DQFDULD,WDOLDQD La capacità di crescere e creare valore per le banche nell ambito della new economy passa attraverso una serie di scelte strategiche

Dettagli

Costi & business 2013. Evoluzione dei canali e dei modelli di servizio. Luisa Bajetta Ufficio Analisi Gestionali ABI

Costi & business 2013. Evoluzione dei canali e dei modelli di servizio. Luisa Bajetta Ufficio Analisi Gestionali ABI Costi & business 2013 (Roma, 22/23 ottobre 2013) Evoluzione dei canali e dei modelli di servizio Luisa Bajetta Ufficio Analisi Gestionali ABI Prosegue la crescita dei canali diretti, mentre l agenzia mantiene

Dettagli

I BENEFICI ECONOMICI DELL INTERNET SEARCH PER L ACQUISIZIONE DI NUOVI CLIENTI RETAIL

I BENEFICI ECONOMICI DELL INTERNET SEARCH PER L ACQUISIZIONE DI NUOVI CLIENTI RETAIL I BENEFICI ECONOMICI DELL INTERNET SEARCH PER L ACQUISIZIONE DI NUOVI CLIENTI RETAIL INCONTRO DI KICK-OFF E PRIMO TAVOLO DI RICERCA: IL CONTRIBUTO DI EQUITEAM-FINALTA Milano, CeTIF 18.06.2008 AGENDA 1

Dettagli

COSTI & BUSINESS 2015

COSTI & BUSINESS 2015 COSTI & BUSINESS 2015 Multi speed IT per un multi speed Business: Il sistema informativo del futuro per le Banche Roma, 15 Ottobre 2015 La disruption digitale sta accentuando l'unbundling dei servizi bancari

Dettagli

L'utilizzo di strumenti di Social Network & Community in banca. Romano Stasi Segretario Generale ABI Lab

L'utilizzo di strumenti di Social Network & Community in banca. Romano Stasi Segretario Generale ABI Lab L'utilizzo di strumenti di Social Network & Community in banca Romano Stasi Segretario Generale ABI Lab Milano, 16 marzo 2010 Priorità ICT di investimento e indagine per le banche Italiane canali Fonte:ABI

Dettagli

Direzione Marketing Small Business Missione

Direzione Marketing Small Business Missione Direzione Marketing Small Business Missione Soddisfare i bisogni della clientela Small Business 1, compresi gli Enti, attraverso un presidio integrato di segmento, prodotto e canale Definire un modello

Dettagli

È TEMPO DI PIANIFICARE NON BASTA PIÙ INVESTIRE INVESTIRE 500.000? ECCO GLI ULTIMI PORTI SICURI COSTRUIRSI UNA RENDITA CON GLI AFFITTI

È TEMPO DI PIANIFICARE NON BASTA PIÙ INVESTIRE INVESTIRE 500.000? ECCO GLI ULTIMI PORTI SICURI COSTRUIRSI UNA RENDITA CON GLI AFFITTI www.effemagazine.it NOVEMBRE 2014 MENSILE - ANNO 4 - NUMERO 11 - NOVEMBRE 2014 POSTE ITALIANE SPA - SPEDIZIONE IN ABBONAMENTO POSTALE - 70% - LO/MI 5,00 EURO 4,00 EURO TORNA L AVVERSIONE AL RISCHIO ECCO

Dettagli

Indagine ABI sui modelli di servizio per small business e piccole imprese

Indagine ABI sui modelli di servizio per small business e piccole imprese Indagine ABI sui modelli di servizio per small business e piccole imprese La microimpresa rappresenta un segmento molto importante per le banche italiane, che organizzano e gestiscono la relazione con

Dettagli

1.Che cos è e come si articola un Business Plan

1.Che cos è e come si articola un Business Plan CODINEXT 1 1.Che cos è e come si articola un Business Plan Il Business Plan per l impresa alberghiera è uno strumento fondamentale per programmare e controllare la gestione delle attività alberghiere volto

Dettagli

Dinamica competitiva nel pricing bancario

Dinamica competitiva nel pricing bancario Financial Services Dinamica competitiva nel pricing bancario Dr. Enrico Trevisan 1 La determinazione del prezzo di un prodotto può avvenire attraverso tre metodi differenti: cost plus pricing, value pricing

Dettagli

Dal CRM Strategy al CRM Technology: la soluzione di Banca Popolare di Bari. Convegno ABI CRM 2004-13 dicembre 2004

Dal CRM Strategy al CRM Technology: la soluzione di Banca Popolare di Bari. Convegno ABI CRM 2004-13 dicembre 2004 Dal CRM Strategy al CRM Technology: la soluzione di Banca Popolare di Bari Giovanni Ciccone Stefania De Maria 080 5274824 Marketing Strategico Sistemi Informativi Convegno ABI CRM 2004-13 dicembre 2004

Dettagli

Roma, 22 Novembre 2011

Roma, 22 Novembre 2011 Roma, 22 Novembre 2011 1) L evoluzione: a) Della redditività banca b) Della crisi economica c) del Cliente d) del canale retail della Banca 2) Mercato 3) Soddisfare il Cliente 4) Le riforme 5) I modelli

Dettagli

STORIA DELLA SOCIETÀ Edoardo Merenda acquista BackOffice srl il sito web Mutuiperlacasa.com TassoAlert, la mobile app

STORIA DELLA SOCIETÀ Edoardo Merenda acquista BackOffice srl il sito web Mutuiperlacasa.com TassoAlert, la mobile app MOBILE PERFORMANCE DISPLAY DATA MANAGEMENT 2 STORIA DELLA SOCIETÀ APRILE 2011 - Edoardo Merenda (ex Head of Sales Area Network di Barclays Bank plc in Italia dal 2004 al 2009 a capo di una struttura composta

Dettagli

Quale servizio e quale consulente per il cliente private di domani

Quale servizio e quale consulente per il cliente private di domani Quale servizio e quale consulente per il cliente private di domani Simona Maggi Direzione Scientifica AIPB Milano, 10 aprile 2014 Il contributo di AIPB alla sfida della diffusione del servizio di consulenza

Dettagli

Ottimizzare l assetto distributivo della Rete di Filiali e Promotori

Ottimizzare l assetto distributivo della Rete di Filiali e Promotori Ottimizzare l assetto distributivo della Rete di Filiali e Promotori L approccio VALUE LAB Andrea Toletti 13 marzo 2015 Obiettivi Ripensare ruolo e modello di servizio delle filiali, applicando logiche

Dettagli

La piattaforma di Business Intelligence per la GOVERNANCE COMMERCIALE

La piattaforma di Business Intelligence per la GOVERNANCE COMMERCIALE La piattaforma di Business Intelligence per la GOVERNANCE COMMERCIALE "Difficile non è sapere, ma saper far uso di ciò che si sa" (Han Fei) La filosofia di base Lo studio delle politiche commerciali è

Dettagli

Nuvola IT Readycontact

Nuvola IT Readycontact La NuvolaBusiness e Nuovi Modelli di Roma 27 Settembre 2011 Nuvola Italiana Nuvola IT Readycontact Telecom Italia Marketing Top - Network Services Marco Marchesi marco.marchesi@telecomitalia.it Marco Marchesi

Dettagli

vendite Come organizzare le informazioni Il Customer Relationship Management nelle Istituzioni Finanziarie Europe

vendite Come organizzare le informazioni Il Customer Relationship Management nelle Istituzioni Finanziarie Europe Premessa Analisi dei progetti di Customer Il Customer Il data base per il marketing e per le : Come organizzare le informazioni Più di un terzo delle istituzioni non inserisce ancora in un unico data base

Dettagli

L azienda Estesa. Giancarlo Stillittano

L azienda Estesa. Giancarlo Stillittano L azienda Estesa Giancarlo Stillittano L azienda estesa L azienda ha necessità di rafforzare le relazioni al suo interno (tra funzioni,uffici, stabilimenti produttivi e filiali di vendita) e si trova al

Dettagli

Deutsche Bank Spa - Divisione Private & Business Clients

Deutsche Bank Spa - Divisione Private & Business Clients Deutsche Bank Spa - Divisione Private & Business Clients Modelli Organizzativi e Sistemi Informatici a Supporto del Segmento Private Banking - L Esperienza Deutsche Bank Italia Milano, 14 Ottobre 2004

Dettagli

Caratteristiche e trend evolutivi della distribuzione. Marco Roccabianca

Caratteristiche e trend evolutivi della distribuzione. Marco Roccabianca Caratteristiche e trend evolutivi della distribuzione Marco Roccabianca pagina 1 di 8 L evoluzione del processo d acquisto Il nuovo scenario Aumentata complessità del modello d acquisto del cliente Possibilità

Dettagli

CRM Strategico Soluzione evoluta per aumentare vendite e soddisfazione dei clienti

CRM Strategico Soluzione evoluta per aumentare vendite e soddisfazione dei clienti CRM Strategico Soluzione evoluta per aumentare vendite e soddisfazione dei clienti Canali e Core Banking Finanza Crediti Sistemi Direzionali Sistemi di pagamento e Monetica CRM Strategico Cedacri ha sviluppato

Dettagli

CONSORZIO SERVIZI BANCARI

CONSORZIO SERVIZI BANCARI CONSORZIO SERVIZI BANCARI CSE Consorzio Servizi Bancari, nato nel 1970 come centro meccanografico, è divenuto nel corso degli anni leader nel campo dell outsourcing bancario. Nel tempo l attività primaria

Dettagli

Web, Mobile e Firma Digitale: servizi in mobilità, reti esterne e offerta fuori sede

Web, Mobile e Firma Digitale: servizi in mobilità, reti esterne e offerta fuori sede ATTIVITA DI RICERCA 2013 Web, Mobile e Firma Digitale: servizi in mobilità, reti esterne e offerta fuori sede PROPOSTA DI ADESIONE 1 TEMI E MOTIVAZIONI I dati sulla diffusione del web in Italia segnalano

Dettagli

La fidelizzazione dei diversi segmenti di clientela nei Monitoraggi dell ABI: il caso delle Donne

La fidelizzazione dei diversi segmenti di clientela nei Monitoraggi dell ABI: il caso delle Donne Roma, Palazzo Altieri 12/13 febbraio 2007 La fidelizzazione dei diversi segmenti di clientela nei Monitoraggi dell ABI: il caso delle Donne (Centro Studi e Ricerche ABI - Associazione Bancaria Italiana)

Dettagli

L automazione dei servizi in Poste Italiane. Roma, aprile 07

L automazione dei servizi in Poste Italiane. Roma, aprile 07 L automazione dei servizi in Poste Italiane Roma, aprile 07 L automazione è diffusa tra i principali player dei servizi finanziari e postali Posizionamento iniziative di automazione Banche e Poste Estere

Dettagli

Scoprire le azioni fidelizzanti in banca

Scoprire le azioni fidelizzanti in banca Scoprire le azioni fidelizzanti in banca Il Modello di Soddisfazione-Loyalty consente alla banca di scoprire quali azioni mettere in campo per rendere concretamente più fedeli i clienti, incrementandone

Dettagli

WEALTH MANAGEMENT: CENTRALITA DEL CLIENTE, PERSONALIZZAZIONE,

WEALTH MANAGEMENT: CENTRALITA DEL CLIENTE, PERSONALIZZAZIONE, CONVEGNO ASSBANK-ACRI MIFID: A DUE ANNI DAL VARO Spoleto, 16-17 ottobre 2009 WEALTH MANAGEMENT: CENTRALITA DEL CLIENTE, PERSONALIZZAZIONE, STANDARD DI COMPORTAMENTO Prof. Marco Oriani Università Cattolica

Dettagli

La visione ed esperienza di Poste Italiane

La visione ed esperienza di Poste Italiane La visione ed esperienza di Poste Italiane La Mission del Gruppo Poste Italiane 2 Diventare un azienda di servizi ad alto valore aggiunto che, valorizzando al massimo i suoi asset fondamentali ed in particolare

Dettagli

Marche, Il centro storico verso un nuovo modello di sviluppo integrato del territorio e dei borghi: Il progetto FERMO

Marche, Il centro storico verso un nuovo modello di sviluppo integrato del territorio e dei borghi: Il progetto FERMO Marche, Il centro storico verso un nuovo modello di sviluppo integrato del territorio e dei borghi: Il progetto FERMO L'evoluzione della domanda di turismo e le implicazioni per i modelli di offerta turistica

Dettagli

Multicanalità integrata: una piattaforma tecnologica al servizio dello sviluppo commerciale e dell ottimizzazione. Roma, 12 Novembre 2009

Multicanalità integrata: una piattaforma tecnologica al servizio dello sviluppo commerciale e dell ottimizzazione. Roma, 12 Novembre 2009 Multicanalità integrata: una piattaforma tecnologica al servizio dello sviluppo commerciale e dell ottimizzazione Roma, 12 Novembre 2009 Agenda I. Evoluzione da dei multicanalità trend IT a multicanalità

Dettagli

La relazione con il cliente nelle assicurazioni online

La relazione con il cliente nelle assicurazioni online Facoltà Economia Cattedra Marketing Strategico La relazione con il cliente nelle assicurazioni online RELATORE Chiar.mo Prof. Maximo Ibarra CORRELATORE Chiar.mo Prof. Gennaro Olivieri CANDIDATO Francesca

Dettagli

Banca Carige: il cliente diventa Manager!

Banca Carige: il cliente diventa Manager! GRUPPO TELECOM ITALIA Banca Carige: il cliente diventa Manager! Daniele Balbo Dirigente I.C.T. Governance e Canali Distributivi Banca Carige Jacopo d Auria TOP Clients Marketing - Field Marketing Finance

Dettagli

Ottimizza le prestazioni del tuo Call Center Call center e marketing intelligence: quali le relazioni?

Ottimizza le prestazioni del tuo Call Center Call center e marketing intelligence: quali le relazioni? Ottimizza le prestazioni del tuo Call Center Call center e marketing intelligence: quali le relazioni? Milano, 4 Giugno 2002 Obiettivi dell incontro Obiettivi dell incontro Condividere alcune riflessioni

Dettagli

Risparmio gestito in Italia: trend ed evoluzione dei modelli di business

Risparmio gestito in Italia: trend ed evoluzione dei modelli di business Risparmio gestito in Italia: trend ed evoluzione dei modelli di business I risultati della survey Workshop Milano,12 giugno 2012 Il campione 30 SGR aderenti, rappresentative di circa il 75% del patrimonio

Dettagli

CARIGE: L EVOLUZIONE NEL RETAIL BANKING MANTENENDO LA TRADIZIONE DI SERVIZIO. CARLO ARZANI (Vice Direttore Generale Vicario - Banca Carige S.p.A.

CARIGE: L EVOLUZIONE NEL RETAIL BANKING MANTENENDO LA TRADIZIONE DI SERVIZIO. CARLO ARZANI (Vice Direttore Generale Vicario - Banca Carige S.p.A. BANCA CARIGE CARIGE: L EVOLUZIONE NEL RETAIL BANKING MANTENENDO LA TRADIZIONE DI SERVIZIO Molti canali ma un solo sportello CARLO ARZANI (Vice Direttore Generale Vicario - Banca Carige S.p.A.) Milano,

Dettagli

I fattori di successo nell industria dei fondi

I fattori di successo nell industria dei fondi Financial Services Banking I fattori di successo nell industria dei fondi Un marketing ed una commercializzazione strategici sono la chiave per l acquisizione ed il mantenimento dei clienti Jens Baumgarten,

Dettagli

Il valore strategico dell ICT nel settore bancario

Il valore strategico dell ICT nel settore bancario Il valore strategico dell ICT nel settore bancario Matteo Lucchetti ABI Lab - Senior Research Analyst Milano, 28 ottobre 2008 Il sistema bancario in Italia Sistema bancario 341.538 dipendenti 1 Dati 2006

Dettagli

Marco Marchesi Top Clients - Marketing Network Solutions. Avaya Forum 2011 Roma 24 Marzo 2011

Marco Marchesi Top Clients - Marketing Network Solutions. Avaya Forum 2011 Roma 24 Marzo 2011 Marco Marchesi Top Clients - Marketing Network Solutions Avaya Forum 2011 Roma 24 Marzo 2011 Sede Funzionario Agente Voce ed Elaborazione Vocale- IVR Fax Mail - Posta MMS/SMS Digital Signage WEB 2.0 Self

Dettagli

La relazione banca-cliente ai tempi del 2.0

La relazione banca-cliente ai tempi del 2.0 La relazione banca-cliente ai tempi del 2.0 I social media e le logiche 2.0 rappresentano una grande opportunità per ampliare la relazione tra la banca e il cliente, in uno scenario in cui quest ultimo

Dettagli

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Luglio 2016

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Luglio 2016 Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano Luglio 2016 Banca Generali in pillole Banca Generali è uno degli assetgathererdi maggior successo e in grande crescita nel mercato italiano, con oltre

Dettagli

PER UNA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DI QUALITÀ

PER UNA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DI QUALITÀ PER UNA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DI QUALITÀ La qualità dei servizi e delle politiche pubbliche è essenziale per la competitività del sistema economico e per il miglioramento delle condizioni di vita dei

Dettagli

Come stanno rapidamente cambiando le preferenze sulle

Come stanno rapidamente cambiando le preferenze sulle WHITE PAPER MARZO 2013 Come stanno rapidamente cambiando le preferenze sulle modalità di contatto e interazione tra utente e azienda Fonte Dati: Forrester Research Inc I marchi registrati citati nel presente

Dettagli

PAYMENT RESEARCH PROGRAM 2009-2012

PAYMENT RESEARCH PROGRAM 2009-2012 DO YOU SEPA? 2010 PAYMENT RESEARCH PROGRAM 2009-2012 Chiara Frigerio CeTIF in collaborazione con 1 Dinamiche evolutive del business dei pagamenti Fattori Socio-culturali SEPA Evoluzione del mercato Sistemi

Dettagli

Le strategie delle banche retail nel mercato del credito al consumo. STEFANO COSMA Università di Modena e Reggio Emilia - CEFIN

Le strategie delle banche retail nel mercato del credito al consumo. STEFANO COSMA Università di Modena e Reggio Emilia - CEFIN Le strategie delle banche retail nel mercato del credito al consumo STEFANO COSMA Università di Modena e Reggio Emilia - CEFIN Agenda 1. Introduzione 2. Il credito al consumo: alcune riflessioni sull evoluzione

Dettagli

Lo sviluppo dei ricavi

Lo sviluppo dei ricavi Lo sviluppo dei ricavi Programma di potenziamento e propulsione commerciale della rete: - diagnostico della rete di vendita - progetto di potenziamento commerciale Collaborazione tra la rete bancaria e

Dettagli

Soluzioni. e CRM per Grandi Aziende

Soluzioni. e CRM per Grandi Aziende Soluzioni di LOYALTY e CRM per Grandi Aziende NEXUSCOM Nexuscom è un agenzia nata nel 2005 e focalizzata nella realizzazione di progetti che consentono alle aziende di entrare in contatto con i propri

Dettagli

Acquisizione di nuovi clienti: un problema crescente per le società di servizi finanziari

Acquisizione di nuovi clienti: un problema crescente per le società di servizi finanziari Aprile 2007 Acquisizione di nuovi clienti: un problema crescente per le società di servizi finanziari Le società di servizi finanziari affrontano le sfide più grandi: il rispetto delle disposizioni vigenti

Dettagli

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELLA BANCA POPOLARE DI VICENZA APPROVA IL NUOVO PIANO INDUSTRIALE 2015-2020

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELLA BANCA POPOLARE DI VICENZA APPROVA IL NUOVO PIANO INDUSTRIALE 2015-2020 COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELLA BANCA POPOLARE DI VICENZA APPROVA IL NUOVO PIANO INDUSTRIALE 2015-2020 VALORIZZATO IL RUOLO DI BANCA COMMERCIALE RADICATA SUL TERRITORIO, PUNTO DI

Dettagli

Il Modello di Orientamento Commerciale

Il Modello di Orientamento Commerciale Il Modello di Orientamento Commerciale Un importante strumento di indirizzo strategico che, classificando clienti e prospect in base alle loro potenzialità di sviluppo, supporta azioni mirate su segmenti

Dettagli

Infinita: multicanalità at work

Infinita: multicanalità at work Infinita: multicanalità at work Paolo Lombardi Responsabile Servizio Infinita Banca Monte dei Paschi di Siena Workshop Osservatorio ABI Call Center Bancari Milano, 3 luglio 2009 Agenda Comportamenti del

Dettagli

CKit Cedacri Keep in touch. L innovazione che avvicina la banca al cliente

CKit Cedacri Keep in touch. L innovazione che avvicina la banca al cliente CKit Cedacri Keep in touch L innovazione che avvicina la banca al cliente Canali e Core Banking Front End Unico Soluzione integrata per l operatività di filiale Internet e Mobile Banking Soluzioni evolute

Dettagli