Relazione Semestrale di WeBank Spa al 30 Giugno 2014

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Relazione Semestrale di WeBank Spa al 30 Giugno 2014"

Transcript

1 Relazione Semestrale di WeBank Spa al 30 Giugno

2 Dati di sintesi e indicatori di bilancio 2

3 Schemi di bilancio riclassificati: aspetti generali Per consentire una lettura gestionale più immediata delle consistenze patrimoniali e del risultato di periodo sono stati predisposti schemi di stato patrimoniale e conto economico riclassificati sintetici, nei quali i principali interventi riguardano, aggregazioni di voci e riclassificazioni effettuate con la finalità di garantire una più chiara lettura della dinamica andamentale, in linea con la prassi di mercato. Per consentire un agevole riconciliazione con le voci degli schemi riclassificati e quelle contenute negli schemi previsti dalla circolare n. 262/05 della Banca d Italia si è provveduto a riportare con distinti prospetti, tra gli allegati al bilancio, i dettagli analitici delle riesposizioni e delle aggregazioni delle voci effettuate. Con riferimento alle voci dello schema di stato patrimoniale riclassificato si è provveduto ad effettuare le seguenti aggregazioni: 1. nella voce Attività finanziarie valutate al fair value e derivati di copertura sono state inserite le voci: 20. Attività finanziarie detenute per la negoziazione, 30. Attività finanziarie valutate al fair value, 40. Attività finanziarie disponibili per la vendita, 50 Attività finanziarie detenute sino alla scadenza, 80. Derivati di copertura e 90. Adeguamento di valore delle attività finanziarie oggetto di copertura generica ; 2. nella voce Immobilizzazioni sono confluite le voci: 100. Partecipazioni, 110. Attività materiali e 120. Attività immateriali ; 3. nella voce Altre attività sono confluite le voci: 130. Attività fiscali e 150. Altre attività ; 4. nella voce Passività finanziarie e derivati di copertura sono state inserite le voci: 40. Passività finanziarie di negoziazione, 50. Passività finanziarie valutate al fair value, 60. Derivati di copertura e 70. Adeguamento di valore delle passività finanziarie oggetto di copertura generica ; 5. nella voce Altre passività sono confluite le voci: 80. Passività fiscali e 100. Altre passività ; 6. nella voce Fondi a destinazione specifica sono confluite le voci: 110. Trattamento di fine rapporto del personale e 120. Fondi per rischi ed oneri ; 7. nella voce Capitale e riserve sono confluite le voci: 130. Riserve da valutazione, 140. Azioni rimborsabili, 150. Strumenti di capitale, 160. Riserve, 170. Sovrapprezzi di emissione, 180. Capitale e 190. Azioni proprie. Le voci di conto economico sono state oggetto delle seguenti riclassifiche e riesposizioni: 1. dalla voce Dividendi e proventi simili sono stati enucleati i dividendi da partecipazioni e inseriti a voce propria nell ambito dei Proventi operativi dello schema riclassificato; 2. nel Risultato netto dell attività finanziaria sono confluite: la voce 70. Dividendi e proventi simili, la voce 80. Risultato netto dell attività di negoziazione, la voce 90. Risultato netto dell attività di copertura, la voce 100. Utili (perdite) da cessione o riacquisto, la voce 110. Risultato netto delle attività e passività finanziarie valutate al fair value e la voce 130. b) Rettifiche/riprese di valore nette per deterioramento di attività finanziarie disponibili per la vendita. Da tale aggregato è stata enucleata la voce 100. a) Utili (perdite) da cessione o riacquisto crediti ; 3. gli Altri oneri/proventi di gestione (voce 190) iscritti nell ambito dei Costi operativi dello schema contabile sono stati decurtati della quota recuperata di imposte indirette e tasse e sono stati aumentati delle quote di ammortamento dei costi sostenuti per migliorie su beni di terzi. Tale voce, così riclassificata, è stata inserita nell ambito dei Proventi operativi dello schema riclassificato; 4. le Altre spese amministrative (voce 150. b) dello schema riclassificato sono state ridotte dell importo corrispondente alla quota recuperata di imposte indirette e tasse di cui al punto 3; 5. le Rettifiche di valore nette su attività materiali e immateriali (voci 170 e 180) dello schema riclassificato sono state incrementate dell importo corrispondente alle quote di ammortamento dei costi sostenuti per migliorie su beni di terzi di cui al punto, 6. le Rettifiche di valore nette per il deterioramento di crediti e altre operazioni, riportate nello schema riclassificato dopo il Risultato della gestione operativa, includono la voce 130, al netto della sottovoce 130. b) Rettifiche/riprese di valore nette per deterioramento di attività finanziarie disponibili per la vendita (riclassificata nel Risultato netto dell attività finanziaria ) e la voce 100 a) Utili (perdite) da cessione o riacquisto crediti (scorporata dal Risultato netto dell attività finanziaria ); 2

4 We Bank Stato patrimoniale riclassificato Attività Variazioni A-B Variazioni A-C A B C valore % valore % Cassa e disponibilità liquide Attività finanziarie valutate al fair value e derivati di copertura: Attività finanziarie detenute per la negoziazione Attività finanziarie valutate al fair value Attività finanziarie disponibili per la vendita Derivati di copertura Adeguamento di valore delle attività finanziarie oggetto di copertura generica Crediti verso banche Crediti verso clientela Immobilizzazioni Altre attività Totale attività Passività Variazioni A-B Variazioni A-C A B C valore % valore % Debiti verso banche Debiti verso clientela Titoli in circolazione Passività finanziarie e derivati di copertura: Passività finanziarie di negoziazione Passività finanziarie valutate al fair value Derivati di copertura Adeguamento di valore delle passività finanziarie oggetto di copertura generica Altre passività Fondi a destinazione specifica Capitale e riserve Utile (Perdita) di periodo (+ / -) Totale passività e patrimonio netto

5 We Bank Evoluzione trimestrale dei dati patrimoniali Attività Cassa e disponibilità liquide Attività finanziarie valutate al fair value e derivati di copertura: Attività finanziarie detenute per la negoziazione Attività finanziarie valutate al fair value Attività finanziarie disponibili per la vendita Derivati di copertura Adeguamento di valore delle attività finanziarie oggetto di copertura generica Crediti verso banche Crediti verso clientela Immobilizzazioni Altre attività Totale attività Passività Debiti verso banche Debiti verso clientela Titoli in circolazione Passività finanziarie e derivati di copertura: Passività finanziarie di negoziazione Passività finanziarie valutate al fair value Derivati di copertura Adeguamento di valore delle passività finanziarie oggetto di copertura generica Altre passività Fondi a destinazione specifica Capitale e riserve Utile (Perdita) di periodo (+ / -) Totale passività e patrimonio netto

6 We Bank Conto economico riclassificato Voci Primo semestre 2014 Primo semestre 2013 Variazioni Valore % Margine di interesse Margine non da interesse: (697) (4) - Commissioni nette Altri proventi: (1.754) (13) - Dividendi da partecipazioni n.a. - Risultato netto dell'attività finanziaria (402) (36) - Altri oneri/proventi di gestione (1.352) (11) Proventi operativi Spese amministrative: (19.013) (18.537) (476) 3 a) spese per il personale (6.859) (7.740) 881 (11) b) altre spese amministrative (12.154) (10.797) (1.357) 13 Rettifiche di valore nette su attività materiali e immateriali (1.723) (1.996) 273 (14) Oneri operativi (20.736) (20.533) (203) 1 Risultato della gestione operativa Rettifiche di valore nette per il deterioramento di crediti e altre operazioni (735) (434) (301) 69 Accantonamenti netti ai fondi per rischi e oneri (145) (386) 241 (62) Utili (Perdite) da partecipazioni ed investimenti n.a. Utile (Perdita) della operatività corrente al lordo delle imposte Imposte sul reddito del periodo dell operatività corrente (3.483) (3.029) (454) 15 Utile (Perdita) di periodo Utile netto per azione (Euro) 0,091 0,072 Utile netto diluito per azione (Euro) 0,091 0,072 5

7 We Bank Evoluzione trimestrale del conto economico riclassificato Voci Secondo trimestre 2014 Primo trimestre 2014 Quarto trimestre 2013 Terzo trimestre 2013 Secondo trimestre 2013 Margine di interesse Margine non da interesse: Commissioni nette Altri proventi: Dividendi da partecipazioni Risultato netto dell'attività finanziaria Altri oneri/proventi di gestione Proventi operativi Spese amministrative: (8.370) (10.643) (7.135) (8.333) (9.742) a) spese per il personale (3.324) (3.535) (2.706) (3.409) (3.647) b) altre spese amministrative (5.046) (7.108) (4.429) (4.924) (6.095) Rettifiche di valore nette su attività materiali e immateriali (845) (878) (1.114) (1.064) (1.003) Oneri operativi (9.215) (11.521) (8.249) (9.397) (10.745) Risultato della gestione operativa Rettifiche di valore nette per il deterioramento di crediti e altre operazioni (599) (136) (1.295) (35) (65) Accantonamenti netti ai fondi per rischi e oneri 87 (232) (79) (112) (210) Utili (Perdite) da partecipazioni ed investimenti Utile (Perdita) della operatività corrente al lordo delle imposte Imposte sul reddito del periodo dell operatività corrente (2.149) (1.334) (5.305) (1.755) (1.551) Utile (Perdita) di periodo

8 We Bank Dati di sintesi Principali dati patrimoniali Variazioni A-B Variazioni A-C 0 A B C Crediti verso clientela di cui: sofferenze nette Raccolta diretta (*) Raccolta indiretta da clientela di cui: risparmio amministrato di cui: risparmio gestito Totale attività Patrimonio netto (escluso utile del periodo) Patrimonio di Vigilanza di cui: patrimonio di base valore % valore % Principali dati economici Variazioni A-B Variazioni A-C 0 A B C Margine di interesse Proventi operativi Oneri operativi (20.736) (38.179) (20.533) di cui: costo del personale (6.859) (13.855) (7.740) Risultato della gestione operativa Rettifiche di valore nette su crediti e altre operazioni (735) (1.764) (434) Utile della operatività corrente al lordo delle imposte Utile (Perdita) dell'esercizio valore % valore % (8.746) (43) (29.917) (50) (46) (203) (50) 881 (11) (12.474) (57) (58) (301) 69 (11.013) (57) (4.407) (47) Struttura operativa Variazioni A-B Variazioni A-C 0 A B C Organico (dipendenti e altro personale) Numero degli sportelli valore % valore % (*) La voce comprende: i debiti verso clientela, i titoli in circolazione e le passività finanziarie valutate al fair value. 7

9 We Bank Indicatori Indicatori di struttura (%) Crediti verso clientela / Totale attivo 29,2 28,1 25,3 Attività immobilizzate / Totale attivo 0,14 0,18 0,23 Raccolta diretta / Totale attivo 84,4 82,4 81,9 Raccolta gestita / Raccolta indiretta 8,2 7,1 6,9 Crediti verso clientela / Raccolta diretta 34,6 34,4 30,9 Indicatori di redditività (%) (indicatori annualizzati) Utile netto / Patrimonio netto (escluso utile netto) (ROE) (a) 8,0 8,4 7,1 Utile netto / Totale attivo (ROA) 0,24 0,26 0,22 Cost / Income 69,1 62,9 72,6 Indicatori di rischiosità (%) Sofferenze nette / Crediti verso clientela 0,02 0,02 0,01 Indice di copertura su crediti in sofferenza lordi con clientela 82,69 81,96 84,41 Indice di coperura su crediti in "bonis" lordi con clientela 0,19 0,20 0,21 Indicatori di produttività (euro/000) (b) Raccolta diretta per addetto Crediti verso clientela per addetto Risparmio gestito per addetto Risparmio amministrato per addetto Coefficienti patrimoniali (%) (c) Patrimonio di base di Vigilanza / Attività di rischio ponderate (CET 1 capital ratio) 19,96 28,36 30,14 Capitale primario di classe 1/ Attività di rischio ponderate (Tier 1) 19,95 28,36 30,14 Totale fondi propri / Attività di rischio ponderate (Total capital ratio) 19,95 28,36 30,14 Informazioni sul titolo azionario Numero azioni: in circolazione proprie a) Patrimonio netto di fine periodo. b) Numero dipendenti di fine periodo comprensivo del personale dipendente e altre tipologie contrattuali. c) I dati relativi al 2013 sono determinati sulla base delle regole allora vigenti ("Basilea 2") 8

10 RISULTATI AL 30 GIUGNO 2014 SINTESI DEI RISULTATI Nel primo semestre 2014 WeBank ha mantenuto il trend positivo che aveva contraddistinto l anno 2013 proseguendo il suo percorso di crescita dei clienti e delle masse nonostante lo scenario macroeconomico resti complesso e permanga la competizione nel segmento delle banche online soprattutto con nuovi entranti. WeBank mantiene il presidio della propria posizione tra i principali player online grazie allo sviluppo della customer base, alla valorizzazione del brand, al monitoraggio dei livelli della customer experience nei vari punti di contatto tra il Cliente e la Banca e mantenendo il focus sull eccellenza nei livelli di servizio. Al 30 giugno 2014 WeBank ha superato la soglia dei clienti, in crescita del 5% rispetto alla chiusura dell esercizio precedente e dell 8,7% rispetto al 30 giugno Nel primo semestre WeBank è tornata in comunicazione con una campagna che ne ha ribadito il posizionamento, sostenuto dal 2011, di Banca eccezionale in grado di offrire più elementi distintivi insieme. In questa nuova promozione il posizionamento eccezionale è stato legato al contributo dei clienti che hanno aiutato a rendere Webank quello che è oggi: dal 2010 la banca ha messo a disposizione dei propri clienti un area, La banca che vorrei, in cui possono suggerire miglioramenti sui prodotti e servizi, rendendosi così artefici e protagonisti dell evoluzione dell offerta. Da qui il claim delle campagne Eccezionale perché ci siete voi, Certe storie diventano eccezionali per quello che ci aggiungete voi. Oltre alla campagna hanno avuto un ruolo fondamentale, nell acquisizione di nuova clientela, le marketing partnerships con l ingresso di EBay, uno dei principali siti di e-commerce mondiali mentre il successo dell iniziativa Member get Member (+100% di clienti presentati rispetto al 2013) si puo interpretare come riconoscimento, da parte della clientela, della qualità dei servizi offerti. Non è mancata la tradizionale partecipazione all Investment & Trading Forum di Rimini per rafforzare il posizionamento di WeBank tra i leader Italiani del trading online. In questo contesto, le masse stock di raccolta diretta si attestano a milioni di Euro, in crescita di 559 milioni di Euro (+20%) rispetto allo stesso periodo del 2013 e di 412 milioni di Euro (+14%) rispetto alla fine dell esercizio precedente. La raccolta indiretta (masse amministrate e gestite) raggiunge milioni di Euro, in crescita di 128 milioni di Euro (+9%) rispetto allo stesso periodo del 2013 e di 12 milioni di Euro (+1%) rispetto a dicembre Il totale delle operazioni di compravendita titoli è pari a circa mila (+5,7% rispetto al medesimo periodo 2013). Lo sviluppo del business dei mutui casa per la clientela privata, commercializzati tramite canale diretto e portali specializzati nella mediazione online, è continuato in un contesto di crescente pressione competitiva. 9

11 WeBank si distingue per l offerta di prodotti con tasso all inclusive e per l eccellenza del servizio di assistenza ai clienti. In termini di risultati è stato raggiunto uno stock totale di impieghi commerciali pari a milioni di Euro, in crescita del 34% rispetto allo stesso periodo del 2013 e del 14% dall inizio dell anno. Nell erogazione dei servizi internet banking per Capogruppo si evidenzia, rispetto al primo semestre 2013, un incremento del 6,4% del numero dei clienti abilitati ai servizi telematici, accompagnato da un maggiore utilizzo dei servizi stessi: clienti dispositivi privati +7,4%, numero delle operazioni dispositive +10,5%. Positivo anche il comparto imprese che segna un aumento del 4,3% dei clienti dispositivi mentre il numero delle disposizioni si attesta ad oltre 9,3 milioni, in linea con il dato al 30 giugno Queste azioni hanno permesso di chiudere il primo semestre 2014 con un risultato netto positivo per mila Euro, in crescita del 27% rispetto a giugno ANDAMENTO ED EVOLUZIONE DELL OFFERTA Di seguito vengono illustrate nel dettaglio le principali iniziative commerciali intraprese, gli investimenti realizzati e i risultati conseguiti nelle tre macroaree in cui può essere suddivisa l attività della banca: Banking, Trading on Line e Servzio Multicanale. BANKING Raccolta Diretta Nel periodo di riferimento ha trovato conferma il trend di progressivo allentamento della pressione competitiva sul fronte della raccolta da parte dei principali competitors online e delle banche tradizionali e specializzate, in un contesto di mercato che ha visto una continua riduzione dei tassi monetari a breve termine. Le masse di raccolta diretta si attestano a milioni di Euro, in crescita di 559 milioni di Euro (+20%) rispetto allo stesso periodo del 2013 e di 412 milioni di Euro (+14%) rispetto alla fine dell esercizio precedente, grazie al contributo della campagna volta all acquisizione di nuova clientela realizzata nei primi mesi dell anno. La politica commerciale del 2014 rimane incentrata sul contenimento del costo della raccolta, con la crescita delle masse accompagnata da un progressivo calo dei tassi passivi iniziato nel 2013 e protrattosi anche nel primo semestre del Impieghi Commerciali L erogato complessivo di finanziamenti rateizzati (mutui e prestiti personali) nei primi 6 mesi dell anno è pari a 166 milioni di Euro, con una contrazione del 5,7% rispetto allo stesso periodo del Lo stock a fine periodo è pari a milioni di Euro, con una crescita del 14% rispetto alla chiusura del 2013 e del 34% rispetto alla chiusura del primo semestre Il tasso attivo del portafoglio è aumentato di 12 punti base rispetto alla chiusura 2013 e di 23 punti base rispetto ai dodici mesi precedenti. 10

12 La politica commerciale adottata consente il raggiungimento degli obiettivi sui volumi, con attenzione alla redditività complessiva. Il mix di tasso sui nuovi mutui erogati è incentrato sulla componente variabile in relazione all andamento del mercato. Nel corso del semestre si è infine riattivata l erogazione di mutui tramite la rete di mediatori creditizi di Credit Panel, interrotta a fine del 2014 per cambiamenti dell assetto organizzativo all interno del Gruppo MOL. Servizi e Monetica Nel corso del primo semestre dell anno lo stock complessivo delle carte di pagamento è cresciuto, rispetto ai dati di fine 2013, rispettivamente del 14% per quanto riguarda le carte prepagate e del 6% relativamente a bancomat e carte di credito. Il transato complessivo delle carte di credito ha avuto una buona performance e, rispetto al primo semestre del 2013, il controvalore del transato ha registrato un incremento del 18%. Si osserva invece una leggera flessione della spesa media per carta attiva (-2%) mentre è migliorata la percentuale delle carte utilizzate (nel primo semestre 2014 raggiunge il 74% rispetto al 71% dello stesso periodo del 2013). Lo speso complessivo delle carte di debito è aumentato del 12% rispetto ai valori al 30 giugno Nel corso del semestre sono state intraprese da WeBank delle azioni commerciali con lo scopo di aumentare la penetrazione del prodotto carta di credito sulla base clienti e a stimolare l utilizzo della stessa da parte dei possessori di Cartimpronta. In particolare nel mese di giugno si sono svolti 2 concorsi a premio: il primo rivolto ai clienti non possessori di carta ed il secondo per incentivare l utilizzo della carta da parte dei già titolari di Cartimpronta. Servizi Mobile Il primo semestre 2014 evidenzia un trend un di crescita molto interessante che mette in risalto cambiamenti importanti nell utilizzo del canale mobile della banca. In questa prima metà del 2014 si registrano download delle applicazioni che portano il numero di download totali a , facendo registrare una penetrazione di canale verso la base clienti del 47,8%. Più di un quarto dell intera base clienti sono abituali utilizzatori del canale. Anche nel primo semestre del 2014 sono stati effettuati sviluppi di nuove funzionalità mobile con l obiettivo di migliorare ulteriormente l offerta per la clientela. Il rilascio di nuove funzioni ha permesso di aumentare la penetrazione del canale e di aumentarne l'utilizzo non solo per la consultazione ma anche per l inoltro delle disposizioni. Il 37% dei clienti attivi ha fatto almeno una disposizione nel corso del periodo facendo registrare un aumento del 51% rispetto allo stesso periodo dell anno precedente. I rilasci principali hanno visto nascere funzioni per il pagamento di MAV e RAV, la possibilità di pagare il bollo ACI e di ricaricare gli abbonamenti della rete dei trasporti di Milano ATM. Le applicazioni sono disponibili per iphone, ipad, Android, BlackBerry di vecchia e nuova generazione e Amazon Kindle. 11

13 TRADING ON LINE E INVESTIMENTI Al fine giugno 2014 il numero complessivo di clienti con custodia titoli risulta pari a , mentre lo stock di titoli amministrati, valutati ai prezzi di mercato, raggiunge il controvalore di milioni di Euro, sostanzialmente in linea rispetto alla fine del I clienti aderenti al servizio Portafoglio Extra (prestito titoli) sono pari al 34% del totale clienti con custodia, mentre in termini di stock il monte prestabile equivale al 74,8% del totale del comparto azionario euro e ETF, e al 66,7% del comparto obbligazionario. Al 30 giugno 2014 sono stati effettuati eseguiti, in crescita del 5,7% rispetto al medesimo periodo 2013, con una leggera flessione della quota di mercato rispetto al medesimo periodo dello scorso anno. Continuano con successo le azioni commerciali volte all aumento di redditività del comparto: la commissione media è aumentata dell 8% rispetto al primo semestre 2013, con una media di periodo che si attesta a 4,48 Euro. E continuata a ritmo sostenuto durante tutto il semestre l organizzazione di eventi e l erogazione di corsi di formazione ed educazione finanziaria rivolti alla clientela finale. Risparmio Gestito La raccolta netta in prodotti di risparmio gestito è stata positiva per l intero semestre, con un flusso stabilmente elevato di sottoscrizioni, e con trend in costante miglioramento, che ha più che compensato il flusso stabile dei rimborsi. Per tutto il semestre è stata attiva la promozione Commissioni Zero, prorogata fino alla fine del 2014, che prevede l azzeramento delle commissioni di ingresso su tutti i fondi e i comparti di Sicav. A fine giugno la raccolta in prodotti di risparmio gestito (AUM) si attesta a circa 127 milioni di Euro, in crescita del 30% rispetto allo stesso periodo del 2013 e del 17% rispetto alla fine dell esercizio precedente. SERVIZI MULTICANALE VERSO LE BANCHE DEL GRUPPO WeBank gestisce i canali diretti per le Banche del Gruppo, sia per i clienti privati sia per le imprese, contribuendo alle sinergie del Gruppo Bipiemme con la propria conoscenza e competenza maturata nella più che decennale gestione dei canali telematici. 12

14 Nel corso del primo semestre del 2014 i clienti abilitati ai servizi telematici delle banche del Gruppo Bipiemme raggiungono le unità, in aumento dell 6,4% rispetto allo stesso periodo del La distribuzione tra le banche per segmento di clientela è la seguente: Privati Imprese Totale BPM BM Totale Le nuove abilitazioni al servizio sono state per i clienti privati e per quanto riguarda le aziende. I clienti privati dispositivi sono stati registrando una progressione del 7,4% in confronto al primo semestre Questi clienti hanno fatto oltre 2,2 milioni di operazioni dispositive (bonifici, bollettini, RiBa, MAV ecc.) con una crescita del 10,5% rispetto all anno precedente. Per quanto riguarda l operatività bancaria delle Aziende si conferma un incremento nell utilizzo del canale internet: il numero di clienti dispositivi del primo semestre 2014 cresce del 4,3% rispetto allo stesso periodo del 2013 mentre il totale delle disposizioni online e CBI è pari a circa 9,3 milioni. Numero di operazioni dispositive per banca e segmento di clientela: Privati Imprese Totale BPM BM Totale INVESTIMENTI ED EVOLUZIONE DELL OFFERTA Nel corso del 2014 l iniziativa di sviluppo dell Information Technology di WeBank ha diretto la propria attività sia verso l ampliamento dell offerta dei prodotti alla clientela che al mantenimento degli obiettivi di stabilità, performances e sicurezza di tutti i siti gestiti dalla Società, sia per WeBank che per le altre banche del Gruppo. Di seguito una breve sintesi delle attività e dei progetti rilasciati nel primo semestre del Nuova Campagna AOL: nuova campagna di acquisizione prospect con offerta su tasso promozionale e bonus sul portafoglio titoli; Cartimpronta Paypass: il progetto ha previsto una serie di interventi in ambito Carte, a fronte dell introduzione della tecnologia Contactless; Evoluzione sezione Derivati: implementazione della marginazione SPAN per i mercati derivati statunitensi; Pagamento Bollo auto Lombardia: ampliamento offerta Banking per la clientela online di Webank/MyBusiness, XBanking privati e imprese, che consente il pagamento del Bollo, anche della Lombardia, attraverso ACI; Vendita online abbonamenti ATM: implementazione sui siti WeBank, Bpmbanking e Banca Popolare di Mantova, della nuova funzionalità di ricarica della tessera ATM Milano; F24 semplificato: implementazione del modello di pagamento on-line tramite il Mod. F24 Semplificato; 13

15 T3 Evoluzioni Piattaforma: implementazione delle evoluzioni condivise con la struttura commerciale (ad es. evoluzioni indicate da clienti o dalle strutture interne in base all'utilizzo della piattaforma); T3 per Android fase I: obiettivo di questo progetto è stato quello di approfondire i requisiti con predisposizione del successivo studio di fattibilità avente ad oggetto sia gli aspetti di interazione utente che gli aspetti più tecnologici; Evoluzioni Sezione Fondi e Sicav: sono state implementate una serie di evoluzioni volte ad ampliare l'offerta Fondi e Sicav presente nell'area investimenti del sito WeBank. Oltre all ottimizzazione dell ambito transazionale, sono stati rilasciati alcuni progetti volti ad aumentare la customer experience del canale ed a supportare la Capogruppo. In particolare, i principali sviluppi per questi ambiti sono stati: Ben Fatto: "Push" su APP risparmio d Impulso - obiettivi del progetto sono stati i seguenti: - gestione fino a 4 obiettivi per conto (sito e APP, notifiche) - gestione della fase di realizzazione obiettivo - aggiornamento delle statistiche con grafici e dati previsionali - profilazione dipendenti per la vetrina Bazak e modifiche alla gestione della pubblicazione del materiale - introduzione notifica per l'accredito dello stipendio; Ben Fatto : finalizzazione obiettivo con funzioni banking (bonifico, ricarica, giroconto) - Il progetto ha l'obiettivo di rendere disponibile all'utente la possibilità di finalizzare il risparmio con le funzioni di bonifico ricarica carta prepagata e giroconto. Questa nuova funzione sarà presente su sito e da APP Ben Fatto il cliente verrà reindirizzato su APP BPM Mobile; Evoluzioni confronta mutui privati BPMBanking.it: il progetto, richiesto dall area commerciale e dalla compliance, prevede la realizzazione di alcuni interventi migliorativi del confronta mutui all interno della parte privata del sito BPMBanking; Estensione a BPM di Prestiti obbligazionari e AUCAP: estensione a BPMBanking delle funzioni on line di adesione ai prestiti obbligazionari e alle operazioni di Aumento di capitale; Chat proattiva per BPM.it: il progetto prevede l'estensione del servizio di chat proattiva su alcune sezioni del sito Bpm.it per offrire assistenza commerciale; Ben Fatto - nuova login senza PIN 32 + obiettivo deposito libero: il progetto ha reso possibile la gestione delle somme accantonate sul sito Ben Fatto come obiettivo di Risparmio, la modifica dell'accesso all'app Ben Fatto eliminando la data di nascita e il PIN32 e la profilazione dipendenti per la vetrina Bazak, e modifiche alla gestione della pubblicazione del materiale; Evoluzioni confronta mutui privati Bpmbanking - fase 2: evoluzioni all'area Mutui di BPM Banking per una migliore gestione dei prodotti a catalogo inclusi nel confronta mutui; Simulatore mutuo imprese: creazione di un tool di confronto preventivi mutuo per la sezione Imprese del sito Bpmbanking; Chiusura Agenzie BPM: attività di analisi ed implementazione relative alla chiusura agenzie ed inserimento, on line, di eventuali blocchi dispositivi ai clienti. Il primo semestre del 2014 ha visto l Information Technology di WeBank impegnata in importanti evoluzioni volte all aggiornamento tecnologico di alcuni processi interni: Carte di credito, richiesta Cartimpronta con Crif: il progetto ha permesso l'inserimento di chiamate a Crif per valutazioni creditizie sulle richieste di carta di credito, permettendo un efficientamento dell attività svolta dalla Filiale Virtuale; Evoluzione processi gestione emissione carte: interventi volti a migliorare i processi di lavorazione delle carte all interno di Wetools con effetti positivi in termini di efficientamento dell attività svolta dalla Filiale Virtuale; 14

16 Evoluzione gestione processo Fido con inserimento nuovo modulo di accettazione: revisione del processo di gestione dei fidi con inserimento di un nuovo modulo di accettazione. Trattasi di modifiche necessarie per adeguamento al nuovo processo di Capogruppo; Riconciliazione pregresso conto liquidità OUT: verifica della quadratura del conto liquidità OUT utilizzato per i bonifici in uscita dei conti tecnici, dalla partenza del servizio sino all'inizio della quadratura settimanale; Evoluzione processi interni di gestione documentale: il progetto di gestione documentale elettronica ha lo scopo di sostituire gli archivi digitali e cartacei ad oggi esistenti con una repository documentale unica. La prima parte del progetto comprende attività legate all'analisi ed alla definizione della struttura del sistema di gestione documentale, in particolare l individuazione delle diverse tipologie di documento, catalogazione e codificazione, recupero del pregresso cartaceo e digitale. La seconda fase del progetto prevederà, invece, l'integrazione con i servizi del fornitore per l'archiviazione automatica dei documenti digitali; Evoluzione Wetools - impersonificazione imprese: attivazione attraverso Wetools dell'impersonificazione dei clienti Imprese (funzione già presente per i clienti privati); Mutui - Censimento immobile MOL (più check sui flussi): revisione dei flussi relativi ai censimenti immobili; Evoluzione offerta e processi credito: attività legate all'aggiornamento dell'offerta credito online (prestiti fidi e mutui), modifiche contrattuali e di processo; Adeguamenti tecnologici - ottimizzazione oracle e migrazione EJB: interventi sul back end per ottimizzazione chiamate oracle e migrazione enterprise java bin. Il primo semestre del 2014 ha anche registrato grande attenzione in materia di Sicurezza con l obiettivo di contrastare e diminuire i tentativi di frode informatica e, in questo ambito, sono stati rilasciati i seguenti progetti: Adeguamento provvedimento garante privacy con creazione inquiry in wetools: Il progetto prevede tutti gli interventi obbligatori di tracciatura accessi informativi ai sistemi banca da parte dei dipendenti, in aderenza al nuovo provvedimento garante privacy (settembre 2014). Nel secondo trimestre è stata rilasciata la prima tranche di attività finalizzata alla tracciatura degli accessi ed al conferimento di tali informazioni nel sistema di analisi integrato predisposto da Capogruppo; Certificazione Cellulare, mail, domanda segreta: il progetto consiste nel richiedere a tutti i clienti del Gruppo la certificazione del numero di telefono e dell indirizzo mail mentre per i clienti WeBank viene richiesta anche la domanda/risposta segreta. Inoltre, nel secondo trimestre dell anno si è conclusa l attività di Assessment, condotta di concerto con Capogruppo, finalizzata ad analizzare i gap esistenti sui servizi on line per la clientela Retail del Gruppo rispetto a quanto previsto dalle raccomandazioni emesse dalla BCE sulla sicurezza dei pagamenti internet e recepite dalla Banca d Italia nell ambito dell ultimo aggiornamento delle raccomandazioni di vigilanza prudenziale (Normativa n. 263); questa attività implicherà un aggiornamento delle modalità di autenticazione del cliente ed autorizzazione delle disposizioni sui servizi on line del gruppo per la clientela Retail e Imprese. Nel corso del semestre sono anche stati rilasciati i seguenti progetti legati ad adeguamenti normativi: SEPA: Migrazione BON per ristrutturazione su SCT - modifiche pagina web: implementazione di modifiche strutturali e migliorie delle pagine web riguardanti i bonifici con agevolazioni fiscali (bonifici per ristrutturazione edilizia e per risparmio energetico). Il progetto è stato rilasciato anche per BPM; Riconoscimento antiriciclaggio a distanza, evoluzione processo: obiettivo del progetto è stato quello di rafforzare le modalità di identificazione a distanza della clientela, uniformando il processo con quanto stabilito dalla nuova normativa in materia di antiriciclaggio in vigore dal 1 Gennaio 2014; Adeguata Verifica Fase II provvedimento 2014: adeguamento alla normativa di Banca d Italia, in vigore dal 1 Gennaio 2014, in materia di adeguata verifica della clientela. Il progetto ha interessato la modifica del questionario di Adeguata verifica con inserimento di ulteriori campi e il processo di proposizione ed acquisizione dell adeguata verifica rafforzata; Adeguamento processo chiusura conti, bolli conti tecnici: interventi per la corretta determinazione dell imposta di bollo da applicare alla rendicontazione dei conti tecnici WeBank; Riconoscimento antiriciclaggio: modifiche al processo di riconoscimento tramite bonifico a seguito di modifiche normative; 15

17 Adeguamento Normativo Derivati: adeguamento alla normativa europea per quanto riguarda la segnalazione delle operazioni su strumenti derivati; Compliance - CLICK online su dischi worm - definizione processo e salvataggio click MIFID: attività necessarie alla messa in produzione di nuove promo, modifiche di promo esistenti, rimozione promo scadute, censimenti deroghe e creazioni listini ad host. Inteventi web, back end e hostes. chiusura promo; Adeguata Verifica: Automatizzazione processo di sollecito e attività ex Art.23: definizione del processo di sollecito per i clienti con Adeguata Verifica scaduta e mancante, con particolare attenzione alla gestione delle posizioni reticenti (sollecito mail sms, recall, raccomandata, chiusura conto) e definizione dello strumento atto alla gestione del processo sopra descritto. La prima fase include i primi 3 solleciti via mail, sms e recall, mentre sono escluse l'invio di raccomandate ed estinzione conto; Evoluzione gestione mandati SDD con inserimento OTP: il progetto ha risposto a richieste di Compliance e Sicurezza con l obiettivo di far utilizzare ai clienti Imprese la firma digitale e ai i clienti privati l OTP in fase di inserimento mandato. 16

18 I RISULTATI ECONOMICI PROVENTI OPERATIVI NETTI Al 30 giugno 2014 si sono registrati proventi operativi netti pari a mila Euro, in crescita del 6% rispetto a giugno 2013 e costituiti principalmente da: mila Euro come margine di intermediazione, in crescita del 20% rispetto a giugno 2013; mila Euro derivanti dagli accordi quadro stipulati con Banca Popolare di Milano e Banca Popolare di Mantova per la gestione di tutti i siti operativi (www.bpmbanking.it, che riguardano sia i clienti privati che le aziende. Il dato è in calo del 10% rispetto al 30 giugno 2013 grazie al continuo efficientamento della macchina operativa e alla riduzione dei costi tecnologici unitari (a fronte dell incremento dei clienti) che ha permesso la riduzione del canone per i servizi resi dalla società; 134 mila Euro verso Banca Popolare di Milano per lo sviluppo di ulteriori progetti tecnologici. Il Margine di Intermediazione è determinato essenzialmente dal margine degli impieghi, della tesoreria, dal costo della raccolta e dalle commissioni per servizi (trading, mutui, collocamento fondi, monetica, assicurazioni e altri servizi banking). A seguito della revisione della circolare 262 emessa da Banca d Italia, sono state riclassificate, anche sui dati 2013, le componenti economiche relative al prestito titoli acceso con la controparte Banca Akros e al prestito tioli acceso con la clientela sull operatività short overnight: le fees incassate quale remunerazione a fronte dei titoli oggetto di prestito verso Banca Akros e verso la clientela shortante sono state riclassificate dalla voce Interessi Passivi alla voce Commissioni Attive di conto economico mentre le componenti relative alle cedole/dividendi pagati alla clientela lender sui titoli oggetti di prestito sono state riclassificate dalla voce Interessi Passivi-debiti v/clientela a Interessi Passivi-debiti v/banche. In particolare il margine di interesse è costituito da un saldo positivo per oltre 11 milioni di Euro, in crescita del 27% rispetto al primo semestre 2013 per effetto del calo del tasso passivo pagato sulla raccolta e di maggiori interessi attivi sui mutui che compensano la diminuzione dei rendimenti ottenuti dagli investimenti in tesoreria e i minori interessi attivi sul portafoglio Afs a seguito della riduzione dei capitali investiti in finanza. Margine di interesse Interessi attivi verso banche Interessi attivi su titoli AFS Interessi attivi verso clientela Interessi attivi Interessi passivi verso banche Interessi passivi derivati di copertura Interessi passivi verso clientela Interessi passivi Totale

19 Le commissioni nette si attestano ad un valore positivo di mila Euro, in crescita del 18% rispetto al 30 giugno 2013, e risultano così composte: Commissioni nette Amministrazione titoli Risparmio gestito Altri servizi bancari Cessione mutui a Bpm Totale La variazione positiva rispetto al primo semestre 2013 è dovuta soprattutto alla componente commissionale relativa all operazione di cessione dei mutui a Banca Popolare di Milano, partita ad aprile 2013, e al miglioramento delle commissioni legate al modo del trading che beneficiano della crescita del 4% del numero di eseguiti e dell incremento della commissione media rispetto a giugno COSTI OPERATIVI Al 30 giugno 2014 gli oneri totali ammontano a mila Euro, in linea rispetto allo stesso periodo del Il costo del personale si attesta a mila Euro, in riduzione dell 11% rispetto al dato di giugno 2013; nel corso dell ultimo anno la Banca ha provveduto a rivedere la propria struttura organizzativa e i processi preservando la produttività aziendale e i livelli di servizio affidandosi anche alla mobilità trasversale e creando sinergie di Gruppo. Le altre spese amministrative ammontano a mila Euro e sono composte principalmente dalle seguenti voci: investimenti commerciali per mila Euro, in netto aumento rispetto a mila Euro di giugno 2013 per effetto degli investimenti sostenuti per la realizzazione e la promozione della campagna La Banca che vorrei nel periodo tra il 21 gennaio e il 15 marzo; costi legati ai servizi offerti ai clienti (informativa finanziaria e contact center) pari a circa 2 milione di Euro, in crescita del 18% rispetto alla fine di giugno 2013 a causa, principalmente, del maggior utilizzo del canale telefonico sia inbound che outbound; costi legati all attività bancaria (SLA verso Capogruppo, back office, lavorazione assegni, carte e bancomat e loro sedizione ai clienti, archivio elettronico dei contratti) pari a mila Euro, in crescita di 79 mila Euro rispetto al primo semestre 2013; costi tecnologici legati alla manutenzione e allo sviluppo dei siti (canoni di manutenzione hardware e software, licenze annuali, assistenza sistemistica) pari a mila Euro, in crescita del 41% nel confronto con il dato al 30 giugno 2013 a seguito della realizzazione di un maggior numero di progetti legati ad adeguamenti normativi e di compliance oltre all evoluzione di processi interni e ad una più intensa attività sui progetti richiesti da Capogruppo. 18

20 Gli ammortamenti su attività materiali e immateriali si attestano a mila Euro, in calo del 14% rispetto al valore al 30 giugno 2013 per effetto di una più intensa attività riservata allo sviluppo di progetti per Capogruppo, mentre risultano accantonamenti ai fondi rischi e oneri per circa 145 mila Euro. Le rettifiche di valore nette per deterioramento di crediti e altre attività finanziarie sono pari a 735 mila Euro e comprendono un contributo di 697 mila Euro versato al Fondo di Tutela dei Depositi a seguito dell intervento a supporto della Cassa di Risparmio di Teramo. Il risultato operativo della società risulta positivo per oltre 8 milioni di Euro mentre, per quanto riguarda gli elementi non legati alla gestione ordinaria, si segnala che le imposte accantonate sono pari a mila Euro. Il risultato netto si attesta ad un utile di mila Euro. 19

Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l.

Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l. Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l. Esercizio 2014 433 Dati di sintesi ed indicatori di bilancio della Banca Popolare di Milano 435 Schemi di bilancio riclassificati: aspetti generali

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Proposto un dividendo di 8 centesimi di euro per azione (6 centesimi nel 2013)

COMUNICATO STAMPA. Proposto un dividendo di 8 centesimi di euro per azione (6 centesimi nel 2013) COMUNICATO STAMPA Conferma della solida patrimonializzazione del Gruppo: Common Equity Tier 1 ratio phased in al 31 dicembre 2014: 12,33% 1 (13% al 30/09/2014) Common Equity Tier 1 ratio pro forma stimato

Dettagli

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Il profilo della Banca Fondata nel 1871, è una della prime banche popolari italiane ispirate

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014)

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 marzo 2015 GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) Il risultato beneficia del positivo contributo

Dettagli

NOTE OPERATIVE PER IL NUOVO TRADING

NOTE OPERATIVE PER IL NUOVO TRADING Integrazione Webank-WeTrade NOTE OPERATIVE PER IL NUOVO TRADING La fusione tra Webank e WeTrade, avvenuta lo scorso 18 dicembre, ha comportato alcune novità nella tua operatività di trading. Te li riassumiamo

Dettagli

2010 Relazione e Bilancio della Banca Popolare di Mantova al 31 dicembre 2010

2010 Relazione e Bilancio della Banca Popolare di Mantova al 31 dicembre 2010 2010 Relazione e Bilancio della Banca Popolare di Mantova al 31 dicembre 2010 Relazione e Bilancio della Banca Popolare di Mantova (*) Banca Popolare di Mantova Società per Azioni Sede legale: Via Risorgimento,

Dettagli

0,00 EUR Canone mensile. 0,00 EUR Canone/forfait/spese trimestrali. 0,00 EUR Spese annue per conteggio interessi e competenze (*)

0,00 EUR Canone mensile. 0,00 EUR Canone/forfait/spese trimestrali. 0,00 EUR Spese annue per conteggio interessi e competenze (*) CONTO CORRENTE WEBANK L offerta commerciale della Banca contempla prodotti, servizi e attività differenti che si contraddistinguono per specifiche caratteristiche (es. i prodotti contraddistinti dal marchio

Dettagli

I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS

I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS IAS-IFRS E NON PERFORMING LOANS Verona, 9 giugno 2006 I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS Andrea Lionzo Università degli Studi di Verona andrea.lionzo@univr.it 1 Indice 1. I fondamenti

Dettagli

COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 30 GIUGNO 2014

COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 30 GIUGNO 2014 COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 30 GIUGNO 2014 UTILE NETTO DEL 1 SEM. 2014 A QUASI 1,2 MLD, SE SI ESCLUDE L AUMENTO RETROATTIVO DELLA TASSAZIONE RELATIVA ALLA PARTECIPAZIONE

Dettagli

Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza

Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza ADVISORY Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza Analisi dei bilanci bancari kpmg.com/it Indice Premessa 4 Executive Summary 6 Approccio metodologico 10 Principali trend 11

Dettagli

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido Sommario: 1. Il rendiconto finanziario 2. L OIC 10 ed il suo contenuto 3. La costruzione del rendiconto finanziario: il metodo diretto

Dettagli

COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 MARZO 2015

COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 MARZO 2015 COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 MARZO 2015 FORTE AUMENTO DELLA REDDITIVITÀ, SUPERIORE AGLI OBIETTIVI DEL PIANO DI IMPRESA 2014-2017. ELEVATA PATRIMONIALIZZAZIONE, LARGAMENTE

Dettagli

Resoconto Intermedio di Gestione. del Gruppo Bipiemme al 30 settembre 2011

Resoconto Intermedio di Gestione. del Gruppo Bipiemme al 30 settembre 2011 2011 Resoconto Intermedio di Gestione del Gruppo Bipiemme al 30 settembre 2011 Resoconto Intermedio di Gestione del Gruppo Bipiemme al 30 settembre 2011 (*) Società Cooperativa a r.l. fondata nel 1865

Dettagli

Relazione e Bilancio della Banca Popolare di Mantova al 31 dicembre 2011

Relazione e Bilancio della Banca Popolare di Mantova al 31 dicembre 2011 1 2011 Relazione e Bilancio della Banca Popolare di Mantova al 31 dicembre 2011 2 Relazione e Bilancio della Banca Popolare di Mantova al 31 dicembre 2011(*) Banca Popolare di Mantova Società per azioni

Dettagli

Di seguito due profili carta realizzabili combinando le diverse modalità di addebito, esemplificativi della versatilità che caratterizza YouCard.

Di seguito due profili carta realizzabili combinando le diverse modalità di addebito, esemplificativi della versatilità che caratterizza YouCard. YouCard, la prima carta in Italia che consente di personalizzare il codice PIN, è anche l unica carta al mondo che unisce la sicurezza delle carte prepagate, la semplicità delle carte di debito e la flessibilità

Dettagli

La Guida di. La banca multicanale. In collaborazione con: ADICONSUM

La Guida di. La banca multicanale. In collaborazione con: ADICONSUM La Guida di & La banca multicanale ADICONSUM In collaborazione con: 33% Diffusione internet 84% Paesi Bassi Grecia Italia 38% Spagna Svezia Francia 80% Germania Gran Bretagna 52% 72% 72% 63% 77% Diffusione

Dettagli

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO FOGLIO INFORMATIVO NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO INFORMAZIONI SULLA BANCA UNIPOL BANCA S.p.A. SEDE LEGALE

Dettagli

Deutsche Bank Easy. db contocarta. Guida all uso.

Deutsche Bank Easy. db contocarta. Guida all uso. Deutsche Bank Easy. Guida all uso. . Le caratteristiche. è il prodotto di Deutsche Bank che si adatta al tuo stile di vita: ti permette di accedere con facilità all operatività tipica di un conto, con

Dettagli

AGOS: IL BILANCIO INDIVIDUALE BILANCIO INDIVIDUALE

AGOS: IL BILANCIO INDIVIDUALE BILANCIO INDIVIDUALE BILANCIO INDIVIDUALE 2006 AGOS: IL BILANCIO INDIVIDUALE BILANCIO INDIVIDUALE Capitale sociale E 60.908.120 interamente versato Sede legale in Milano, via Bernina 7 Registro delle Imprese di Milano n. 264551

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l.

Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l. Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l. Esercizio 2008 17 Dati di sintesi ed indicatori di bilancio della Banca Popolare di Milano Premessa Stato Patrimoniale riclassificato Conto Economico

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE Redatto ai sensi dell art. 5 della Delibera Consob n. 17221 del 12 marzo 2010 (come modificata con Delibera n. 17389

Dettagli

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A.

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A. Comunicato Stampa Methorios Capital S.p.A. Approvata la Relazione Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013 Acquistato un ulteriore 16,2% del capitale di Astrim S.p.A. Costituzione della controllata Methorios

Dettagli

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A.

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A. COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA Ufficio Mercati Alla cortese attenzione del dott. Salini Telefax n. 06 8477 757 Ufficio OPA Alla cortese attenzione della dott.sa Mazzarella Telefax n. 06

Dettagli

Foglio informativo n. 060/011. Servizi di Home Banking.

Foglio informativo n. 060/011. Servizi di Home Banking. Foglio informativo n. 060/011. Servizi di Home Banking. Servizi via internet, cellulare e telefono per aziende ed enti. Informazioni sulla banca. Intesa Sanpaolo S.p.A. Sede legale e amministrativa: Piazza

Dettagli

COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 30 SETTEMBRE 2014

COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 30 SETTEMBRE 2014 COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 30 SETTEMBRE 2014 INTESA SANPAOLO VINCENTE, TRA LE BANCHE EUROPEE, NON SOLO NELL ESERCIZIO DI ASSET QUALITY REVIEW E STRESS TEST MA ANCHE NELL

Dettagli

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO I NUOVI PRINCIPI CONTABILI. LA DISCIPLINA GENERALE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO E CONSOLIDATO. OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO GABRIELE SANDRETTI MILANO, SALA

Dettagli

PROSPETTO INFORMATIVO. relativo all offerta ai Soci e al pubblico di azioni ordinarie Banca Sviluppo Economico S.p.A.

PROSPETTO INFORMATIVO. relativo all offerta ai Soci e al pubblico di azioni ordinarie Banca Sviluppo Economico S.p.A. BANCA SVILUPPO ECONOMICO Società per Azioni Sede sociale: 95128 Catania (CT), Viale Venti Settembre n. 56 Iscritta all albo delle Banche al n.3393 Capitale sociale Euro 6.146.855,00 Aderente al Fondo Interbancario

Dettagli

I contributi pubblici nello IAS 20

I contributi pubblici nello IAS 20 I contributi pubblici nello IAS 20 di Paolo Moretti Il principio contabile internazionale IAS 20 fornisce le indicazioni in merito alle modalità di contabilizzazione ed informativa dei contributi pubblici,

Dettagli

BANCO POPOLARE S.C. SERIE 356 TASSO MISTO CON CAP 31.10.2013 31.10.2018

BANCO POPOLARE S.C. SERIE 356 TASSO MISTO CON CAP 31.10.2013 31.10.2018 Banco Popolare Società Cooperativa - Sede legale in Verona, Piazza Nogara, n. 2 Società capogruppo del Gruppo bancario Banco Popolare Iscritta all albo delle banche al n. 5668 Capitale sociale, al 31 marzo

Dettagli

COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 DICEMBRE 2014

COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 DICEMBRE 2014 COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 DICEMBRE 2014 FORTE AUMENTO DELLA REDDITIVITÀ, SUPERIORE AGLI OBIETTIVI DEL PIANO DI IMPRESA 2014-2017. PROPOSTA DI DIVIDENDI CASH PER 1,2

Dettagli

INDICE. 1. Cos è la carta prepagata Pag. 3. 2. Sito carteprepagate.cc Pag. 10. 3. Come acquistare on line Pag. 14

INDICE. 1. Cos è la carta prepagata Pag. 3. 2. Sito carteprepagate.cc Pag. 10. 3. Come acquistare on line Pag. 14 INDICE Carte Prepagate istruzioni per l uso 1. Cos è la carta prepagata Pag. 3 2. Sito carteprepagate.cc Pag. 10 3. Come acquistare on line Pag. 14 4. Come creare il 3D security Pag. 16 5. Collegamento

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Prima lezione di Alberto Bertoni 1 IMMOBILIZZAZIONI Definizione Cod. Civ. art. 2424-bis, 1 c. Le immobilizzazioni sono

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

TERZO SUPPLEMENTO AL PROSPETTO DI BASE

TERZO SUPPLEMENTO AL PROSPETTO DI BASE Credito Valtellinese Società Cooperativa Sede in Sondrio Piazza Quadrivio, 8Codice fiscale e Registro Imprese di Sondrio n. 00043260140 Albo delle Banche n. 489 Capogruppo del Gruppo bancario Credito Valtellinese

Dettagli

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE Dott. Elbano De Nuccio L analisi di bilancio si propone di formulare un giudizio sull EQUILIBRIO ECONOMICO e FINANZIARIO/PATRIMONIALE della

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

Internet Banking Aggiornato al 13.01.2015

Internet Banking Aggiornato al 13.01.2015 Foglio informativo INTERNET BANKING INFORMAZIONI SULLA BANCA Credito Cooperativo Mediocrati Società Cooperativa per Azioni Sede legale ed amministrativa: Via Alfieri 87036 Rende (CS) Tel. 0984.841811 Fax

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Università degli Studi di Parma Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Prof.ssa Paola Schwizer Anno accademico

Dettagli

Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni

Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni Giugno 2012 Il presente documento è stato redatto in lingua inglese.

Dettagli

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014 Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano Agosto 2014 Banca Generali in pillole Banca Generali è uno degli assetgathererdi maggior successo e in grande crescita nel mercato italiano, con oltre

Dettagli

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO Gli indici sono rapporti tra grandezze economiche, patrimoniali e finanziarie contenute nello stato patrimoniale e nel conto economico

Dettagli

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio.

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. Provvedimento 20 settembre 1999 Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58 (testo

Dettagli

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano www.pwc.com/it Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano giugno 2013 Sommario Il contesto di riferimento 4 Un modello di evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il

Dettagli

Indice. Cariche Sociali. Bilancio della Banca di Legnano dell'esercizio 2008

Indice. Cariche Sociali. Bilancio della Banca di Legnano dell'esercizio 2008 Indice Cariche Sociali Bilancio della Banca di Legnano dell'esercizio 2008 Consiglio di Amministrazione Presidente Corali Enrico ** Vice Presidenti Castelnuovo Emilio ** Martellini Maria ** Consiglieri

Dettagli

3- Dove e come posso richiederla ed attivarla?

3- Dove e come posso richiederla ed attivarla? FAQ ITALO PIU 1- Cos è la Carta Italo Più? 2- Cosa puoi fare con Italo Più? 3- Dove e come posso acquistarla? 4- Quanto costa? 5- Come posso ricaricare la carta? 6- Dove posso controllare il saldo ed i

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri Prospetto Informativo Semplificato per l offerta al pubblico di strumenti diversi dai titoli di capitale emessi in modo continuo o ripetuto da banche di cui all art. 34-ter, comma 4 del Regolamento Consob

Dettagli

Rendiconto finanziario

Rendiconto finanziario OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Rendiconto finanziario Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

PROMOZIONI SU TASSI E CONDIZIONI APPLICATE AI SERVIZI BANCARI E D INVESTIMENTO

PROMOZIONI SU TASSI E CONDIZIONI APPLICATE AI SERVIZI BANCARI E D INVESTIMENTO PROMOZIONI SU TASSI E CONDIZIONI APPLICATE AI SERVIZI BANCARI E D INVESTIMENTO Edizione n. 26 del 03.07.2015 A. TASSO CREDITORE ANNUO NOMINALE GIACENZE FRUTTIFERE CONTO CORRENTE FREEDOM PIU... 1 B. TASSO

Dettagli

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI Valore aggiunto Valore della produzione - Consumi di materie - Spese generali + Accantonamenti Mol (Valore

Dettagli

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC Il bilancio con dati a scelta Classe V ITC Il metodo da seguire Premesso che per la costruzione di un bilancio con dati a scelta si possono seguire diversi metodi, tutti ugualmente validi, negli esempi

Dettagli

StarRock S.r.l. Bilancio 2014

StarRock S.r.l. Bilancio 2014 StarRock S.r.l. Bilancio 2014 Pagina 1 StarRock S.r.l. Sede legale in Milano 20135, Viale Sabotino 22 Capitale sociale sottoscritto Euro 35.910,84 i.v. Registro Imprese di Milano, Codice Fiscale, P.IVA

Dettagli

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione COMUNICATO STAMPA AMPLIFON S.p.A.: L Assemblea degli azionisti approva il Bilancio al 31.12.2005 e delibera la distribuzione di un dividendo pari a Euro 0,30 per azione (+25% rispetto al 2004) con pagamento

Dettagli

** NOT FOR RELEASE OR DISTRIBUTION OR PUBLICATION IN WHOLE OR IN PART INTO THE UNITED STATES, AUSTRALIA, CANADA OR JAPAN **

** NOT FOR RELEASE OR DISTRIBUTION OR PUBLICATION IN WHOLE OR IN PART INTO THE UNITED STATES, AUSTRALIA, CANADA OR JAPAN ** Il Consiglio di Amministrazione di Aeroporto Guglielmo Marconi di Bologna S.p.A. approva il Bilancio Consolidato Intermedio al 31 marzo 2015: Traffico passeggeri in crescita del 4,5% nel primo trimestre

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative 1 aspetti economici * gestione assicurativa * gestione

Dettagli

OFFERTA DI OBBLIGAZIONI BLPR S.P.A. 4,60% 2011-2016 54MA ISIN IT0004734932

OFFERTA DI OBBLIGAZIONI BLPR S.P.A. 4,60% 2011-2016 54MA ISIN IT0004734932 Banca del Lavoro e del Piccolo Risparmio S.p.A. - Sede legale e amministrativa in Benevento, Contrada Roseto - 82100 Aderente al Fondo Interbancario di tutela dei depositi Capitale sociale e Riserve al

Dettagli

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi dott. Gianluca Odetto Eutekne Tutti i diritti riservati Interessi passivi soggetti a monitoraggio AMBITO OGGETTIVO Tutti gli interessi passivi sostenuti

Dettagli

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011 STRATEGIA SINTETICA Versione n. 4 del 24/05/2011 Revisione del 24/05/2011 a seguito circolare ICCREA 62/2010 (Execution Policy di Iccrea Banca aggiornamento della Strategia di esecuzione e trasmissione

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

ALLEGATO 4 ALTRI ENTI IN CONTABILITA' FINANZIARIA

ALLEGATO 4 ALTRI ENTI IN CONTABILITA' FINANZIARIA Prospetto di cui all'art. 8, comma 1,D.L. 66/2014 (enti in contabilità finanziaria) Bilancio di Previsione 2015 E I Entrate correnti di natura tributaria, contributiva e perequativa 0 0 E II Tributi 0

Dettagli

FUSIONE PROGETTO DI. rispetto al 1Q 2012) ) investimenti in. finanziario. Indebitamento. riconosciuta. decremento milioni di euro.

FUSIONE PROGETTO DI. rispetto al 1Q 2012) ) investimenti in. finanziario. Indebitamento. riconosciuta. decremento milioni di euro. Torino, 10 maggio 2013 COMUNICATO STAMPA RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE DEL GRUPPO SIASS AL 31 MARZO 2013 PROGETTO DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE DELLA D SOCIETÀ INTERAMENTE CONTROLLATA HOLDING PIEMONTE

Dettagli

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT Dr. Gabriele Cappellini Amministratore Delegato Fondo Italiano

Dettagli

TEMI SPECIALI DI BILANCIO MODULO II

TEMI SPECIALI DI BILANCIO MODULO II TEMI SPECIALI DI BILANCIO MODULO II Lezione 6 IAS 19: Benefici per i dipendenti Marco Rossi Senior Manager Deloitte & Touche S.p.A. marrossi@deloitte.it Facoltà di Economia anno 2011 2012 24 aprile 2012

Dettagli

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U)

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Il presente prodotto è distribuito dalle Agenzie Vittoria Assicurazioni

Dettagli

IL NUOVO BILANCIO IAS: GLI ADEGUAMENTI PUMA2 (seconda versione)

IL NUOVO BILANCIO IAS: GLI ADEGUAMENTI PUMA2 (seconda versione) GRUPPO INTERBANCARIO PUMA2 IL NUOVO BILANCIO IAS: GLI ADEGUAMENTI PUMA2 (seconda versione) Roma, marzo 2006 BANCA D ITALIA Servizio Informazioni Sistema Creditizio INDICE PREMESSA 3 1. LE INFORMAZIONI

Dettagli

V I V E R E L ' E C C E L L E N Z A

V I V E R E L ' E C C E L L E N Z A VIVERE L'ECCELLENZA L'ECCELLENZA PLURIMA Le domande, come le risposte, cambiano. Gli obiettivi restano, quelli dell eccellenza. 1995-2015 Venti anni di successi dal primo contratto sottoscritto con l Istituto

Dettagli

Il pos virtuale di CartaSi per le vendite a distanza

Il pos virtuale di CartaSi per le vendite a distanza X-Pay Il pos virtuale di CartaSi per le vendite a distanza Agenda CartaSi e l e-commerce Chi è CartaSi CartaSi nel mercato Card Not Present I vantaggi I vantaggi offerti da X-Pay I vantaggi offerti da

Dettagli

FINANZIAMENTI IMPORT IN EURO

FINANZIAMENTI IMPORT IN EURO Data release 1/07/2014 N release 0009 Pagina 1 di 6 INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione Sede legale: BANCA CARIM Cassa di Risparmio di Rimini S.p.A. P.za Ferrari 15 47921 Rimini Nr. di iscriz. Albo

Dettagli

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Aggiornamento del luglio 2013 1 PREMESSA La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal

Dettagli

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 Nel 2013 ingresso in 11 startup, di cui 6 startup innovative, una cessione, una

Dettagli

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Modello 730 precompilato e fatturazione elettronica Roma, 11 marzo 2015 2 PREMESSA Signori

Dettagli

PRIMO SUPPLEMENTO AL DOCUMENTO DI REGISTRAZIONE

PRIMO SUPPLEMENTO AL DOCUMENTO DI REGISTRAZIONE Unione di Banche Italiane S.c.p.A. Sede Legale e Direzione Generale: Bergamo, Piazza Vittorio Veneto, 8 Sedi operative: Brescia e Bergamo Codice Fiscale, Partita IVA ed Iscrizione al Registro delle Imprese

Dettagli

Panoramica dei prezzi per le operazioni d'investimento e su titoli. Le migliori condizioni per il suo patrimonio

Panoramica dei prezzi per le operazioni d'investimento e su titoli. Le migliori condizioni per il suo patrimonio Panoramica dei prezzi per le operazioni d'investimento e su titoli Le migliori condizioni per il suo patrimonio 2-3 Sommario 01 Il nostro modello dei prezzi 4 02 La nostra gestione patrimoniale 5 03 La

Dettagli

LA TRASFORMAZIONE DEI SISTEMI AMMINISTRATIVI E CONTABILI: IL PASSAGGIO DALLA CONTABILITÀ FINANZIARIA AI NUOVI SISTEMI CONTABILI (CO.GE.

LA TRASFORMAZIONE DEI SISTEMI AMMINISTRATIVI E CONTABILI: IL PASSAGGIO DALLA CONTABILITÀ FINANZIARIA AI NUOVI SISTEMI CONTABILI (CO.GE. LA TRASFORMAZIONE DEI SISTEMI AMMINISTRATIVI E CONTABILI: IL PASSAGGIO DALLA CONTABILITÀ FINANZIARIA AI NUOVI SISTEMI CONTABILI (CO.GE. E COAN) Prof.ssa Claudia SALVATORE Università degli Studi del Molise

Dettagli

Il conto corrente in parole semplici

Il conto corrente in parole semplici LE GUIDE DELLA BANCA D ITALIA Il conto corrente in parole semplici La SCELTA e i COSTI I DIRITTI del cliente I CONTATTI utili Il conto corrente dalla A alla Z conto corrente Il conto corrente bancario

Dettagli

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti CIRCOLARE 11/E Roma, 23 marzo 2015 OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti 2 INDICE 1 DESTINATARI DELLA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA... 5

Dettagli

293,10 Non previsto. Servizio non commercializzato unitamente al conto corrente, si rinvia al foglio informativo del relativo contratto

293,10 Non previsto. Servizio non commercializzato unitamente al conto corrente, si rinvia al foglio informativo del relativo contratto Questo conto è particolarmente adatto per chi al momento dell apertura del conto pensa di svolgere un numero bassissimo di operazioni o non può stabilire, nemmeno orientativamente, il tipo o il numero

Dettagli

La CR come strumento per la previsione dell insolvenza e la diagnosi delle manipolazioni contabili

La CR come strumento per la previsione dell insolvenza e la diagnosi delle manipolazioni contabili S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE La centrale rischi interbancaria e le centrali rischi private: istruzioni per l uso La CR come strumento per la previsione dell insolvenza e la diagnosi delle manipolazioni

Dettagli

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI UNIVERSITA ROMA TRE FACOLTA DI ECONOMIA PROF. UGO MARINELLI Anno accademico 007-08 1 COMPRENSIONE DELL IMPRESA

Dettagli

QUANTO PUÒ COSTARE IL FIDO. Servizio non commercializzato unitamente al conto corrente, si rinvia al foglio informativo del relativo contratto

QUANTO PUÒ COSTARE IL FIDO. Servizio non commercializzato unitamente al conto corrente, si rinvia al foglio informativo del relativo contratto INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca di Credito Cooperativo di Barlassina Società Cooperativa Via C. Colombo, 1/3 20825 BARLASSINA (MB) Tel.: 036257711 - Fax: 0362564276 Email: info@bccbarlassina.it - Sito internet:

Dettagli

Secondo Supplemento al Prospetto di Base relativo al programma di offerta al pubblico di prestiti obbligazionari denominato:

Secondo Supplemento al Prospetto di Base relativo al programma di offerta al pubblico di prestiti obbligazionari denominato: Secondo Supplemento al Prospetto di Base relativo al programma di offerta al pubblico di prestiti obbligazionari denominato: Banca Monte dei Paschi di Siena S.p.A. Obbligazioni Zero Coupon Banca Monte

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

Il consolidamento negli anni successivi al primo

Il consolidamento negli anni successivi al primo Il consolidamento negli anni successivi al primo Il rispetto del principio della continuità dei valori richiede necessariamente che il bilancio consolidato degli esercizi successivi sia strettamente dipendente

Dettagli

2. Infrastruttura e sicurezza (Equivalente al Pillar 2-3 e 4 della Ade)

2. Infrastruttura e sicurezza (Equivalente al Pillar 2-3 e 4 della Ade) AGENDA DIGITALE ITALIANA 1. Struttura dell Agenda Italia, confronto con quella Europea La cabina di regia parte con il piede sbagliato poiché ridisegna l Agenda Europea modificandone l organizzazione e

Dettagli

TERZO PILASTRO DI BASILEA 2 - INFORMATIVA AL PUBBLICO CAPITAL

TERZO PILASTRO DI BASILEA 2 - INFORMATIVA AL PUBBLICO CAPITAL TAGES GROUP TERZO PILASTRO DI BASILEA 2 - INFORMATIVA AL PUBBLICO al 31 dicembre 2013 TAGES CAPITAL Tages Holding S.p.A. Sede legale Corso Venezia 18-20121 Milano Iscrizione al Registro delle Imprese di

Dettagli

Eccellenza nel Credito alle famiglie

Eccellenza nel Credito alle famiglie Credito al Credito Eccellenza nel Credito alle famiglie Innovazione e cambiamento per la ripresa del Sistema Paese Premessa La complessità del mercato e le sfide di forte cambiamento del Paese pongono

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI 1. IDENTITÀ E CONTATTI DEL FINANZIATORE/ INTERMEDIARIO DEL CREDITO Finanziatore/Emittente CartaSi S.p.A. Indirizzo Corso Sempione, 55-20145 Milano Telefono 02.3488.1 Fax 02.3488.4115 Sito web www.cartasi.it

Dettagli

CIRCOLARE N. 14/E. Roma, 4 giugno 2014

CIRCOLARE N. 14/E. Roma, 4 giugno 2014 CIRCOLARE N. 14/E Roma, 4 giugno 2014 OGGETTO: Le perdite e svalutazioni su crediti La nuova disciplina ai fini IRES e IRAP introdotta dall articolo 1, commi 158-161, della legge 27 dicembre 2013, n. 147

Dettagli

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto Gentile Cliente, il momento storico della fine del Conto Energia in Italia è arrivato lo scorso 6 luglio ed ha rappresentato un punto di svolta per tutti gli operatori del solare. La tanto discussa grid

Dettagli

I NUOVI SERVIZI SEPA: BONIFICI E ADDEBITI DIRETTI.

I NUOVI SERVIZI SEPA: BONIFICI E ADDEBITI DIRETTI. I NUOVI SERVIZI SEPA: BONIFICI E ADDEBITI DIRETTI. BancoPosta www.bancoposta.it numero gratuito: 800 00 33 22 COME CAMBIANO INCASSI E PAGAMENTI CON LA SEPA PER I TITOLARI DI CONTI CORRENTI BANCOPOSTA DEDICATI

Dettagli

POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI. Versione 9.0 del 09/03/2015. Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015

POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI. Versione 9.0 del 09/03/2015. Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015 POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Versione 9.0 del 09/03/2015 Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015 1 INDICE PREMESSA... 3 1. Significato di Best Execution... 3 2. I Fattori di

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014)

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) 1. LA NORMATVA DI RIFERIMENTO. La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento europeo nel 2004

Dettagli

GUARDIAN asset management software. Solutions. The safe partner for your business

GUARDIAN asset management software. Solutions. The safe partner for your business Portfolio Management GUARDIAN Solutions The safe partner for your business Swiss-Rev si pone come società con un alto grado di specializzazione e flessibilità nell ambito di soluzioni software per il settore

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di sintesi -

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di sintesi - Direttiva 2004/39/CE "MIFID" (Markets in Financial Instruments Directive) Direttiva 2006/73/CE - Regolamento (CE) n. 1287/2006 Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di sintesi

Dettagli