Segreteria organizzativa del Coordinamento Talenti Lungadige Matteotti n Verona Tel

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Segreteria organizzativa del Coordinamento Talenti Lungadige Matteotti n. 8-37126 Verona Tel. 045.8302649 progetti@caritas.vr.it"

Transcript

1 DOSSIER EMPORIO DELLA SOLIDARIETÀ

2

3 PREMESSA RETE TALENTI VERSO L EMPORIO DELLA SOLIDARIETÀ Dal 2010 Caritas Veronese e 8 associazioni impegnate nella distribuzione di pacchi alimentari collaborano all attivazione di strategie di rete sul territorio, monitorando situazioni di disagio per individuare delle risposte adeguate alla crescente domanda proveniente dal territorio, sintomo di una complessità del bisogno in aumento. Costituito il coordinamento Rete Talenti, gli enti partecipanti si sono confrontati sulle rispettive modalità di distribuzione di generi alimentari, cercando di individuare un modus operandi il più possibile condiviso e mettendo in luce le principali criticità nell offerta e realizzazione di questo servizio. Con l obiettivo di restituire un servizio di distribuzione di viveri maggiormente qualificato, si è intrapreso un percorso di condivisione di prassi e dati riguardanti l utenza, per un monitoraggio costante dell utenza e l analisi dell effettiva risposta al reale bisogno delle comunità di appartenenza. Nel corso di questo percorso, si è imposta l urgenza di una riflessione in merito ad alcuni nodi critici rispetto allo stato attuale dei servizi. In primo luogo, a causa della difficile congiuntura economica, si è reso importante ridefinire l operatività dei centri di distribuzione per una gestione oculata e orientata delle risorse, accompagnata da una riduzione degli sprechi e dalla ricostituzione del rapporto tra l utenza e le comunità di appartenenza, attraverso l istituzione di un criterio di territorialità. Inoltre, la mutata natura del bisogno spinge in direzione di un servizio sempre più mirato, personalizzato, e teso ad investire non solo il bisogno immediato, ma la globalità della persona. In primis, la crescente presenza di stranieri sul territorio impone una presa di coscienza rispetto a stili di vita e di consumo diversi da quelli tradizionali, per i quali il pacco alimentare standardizzato può non rappresentare la soluzione più efficace. In secondo luogo, è stata rilevata dai centri di distribuzione una fascia di bisogno scoperta che investe un utenza atipica, che fa riferimento a forme temporanee di povertà economiche, come nel caso di famiglie con difficoltà di spesa nella seconda parte del mese, per la quale è imperativo attivare un servizio fruibile e socialmente accettato, prevenendo la cronicizzazione del disagio e potenziando le capacità della famiglia di superare la crisi. Da queste riflessioni è emersa la necessità di coinvolgere nuovi enti nella Rete, includendo enti ed istituzioni che svolgono un ruolo di coordinamento o gestione in questo ambito, per una condivisione allargata non solo di informazioni, saperi, buone prassi e competenze, ma anche per l elaborazione congiunta di progettualità nuove e innovative, che permettano di affrontare in modo sinergico e funzionale la complessità del bisogno emergente. L idea sorta in seno alla Rete è quella di promuovere un Emporio della Solidarietà, un supermercato di medie dimensioni dove famiglie in difficoltà possano reperire gratuitamente generi di prima necessità, scegliendo secondo le loro necessità ed esigenze. L Emporio della Solidarietà, già avviato con successo in altre città italiane, consentirebbe di riorganizzare il servizio di distribuzione alimenti in una soluzione fruibile e socialmente accettata dalle famiglie in una situazione di disagio economico, volta a prevenirne la cronicizzazione e a potenziare gli strumenti a disposizione delle famiglie stesse per fronteggiare la condizione di vulnerabilità. Identificando

4 l Emporio come centro di distribuzione accentrato, inoltre, gli attuali enti caritativi e socio-assistenziali che operano sul territorio potrebbero concentrare sforzi e risorse nel processo di accompagnamento delle famiglie e degli utenti, anziché sulla fase erogativa del servizio, come propulsori e riferimenti nel percorso di empowerment che si intende promuovere nelle famiglie. Le pagine seguenti illustrano brevemente le caratteristiche salienti dell Emporio della Solidarietà ed alcune delle esperienze di successo realizzate in altre città italiane.

5 SCHEDA SINTETICA Cos è l Emporio della Solidarietà? Obiettivi: Destinatari: Accesso: Funzionamento: Parole chiave: Si tratta di un progetto sociale che prevede un servizio di distribuzione di generi di prima necessità, organizzato come un vero e proprio supermercato all interno del quale i beneficiari possono reperire, in modo autonomo e secondo le loro esigenze, prodotti alimentari e non, nella misura concordata con gli enti socio-assistenziali che ne elaborano il progetto di accompagnamento. Sostenere famiglie in condizioni di difficoltà economica attraverso un processo di accompagnamento ed empowerment che ne valorizzi le risorse e la capacità di scelta Nuclei famigliari in condizioni di disagio economico, residenti nella provincia di Verona. Particolare attenzione viene riservata ai nuclei con figli al di sotto dei 24 mesi. I criteri di accesso al servizio verranno elaborati e definiti in sede di coordinamento. Subordinato al colloquio di un membro della famiglia con i centri territoriali (caritativi o socio-assistenziali) autorizzati. Il rapporto con i centri territoriali ha lo scopo di: - Determinare le condizioni socio-economiche della famiglia - Valutare le possibilità reali che l accesso all Emporio rappresenti un aiuto per il processo di empowerment della famiglia - Elaborare con la famiglia il progetto di accompagnamento L accesso all Emporio viene concesso attraverso l erogazione di una tessera, sulla quale vengono caricati dei punti che rappresentano il controvalore da rilasciare per l acquisizione dei prodotti scelti. I punti, all interno del sistema, rappresentano la moneta di scambio. A ciascuna famiglia viene rilasciata una tessera con una dotazione di credito, in punti, che rappresenta il limite massimo spendibile da parte del nucleo familiare in 4 settimane, al termine delle quali l utente dovrà recarsi presso il centro preposto a ricaricare la tessera. Il credito da assegnare alla famiglia viene calcolato sulla base della composizione (in termini di numerosità e fascia d età) del nucleo familiare. TERRITORIALITÀ: il rapporto con gli utenti e la definizione del progetto di accompagnamento del nucleo famigliare viene affidato ai centri caritativi o socio-assistenziali della comunità di residenza della famiglia, in modo che il processo di accompagnamento ed empowerment trovi radicamento e valorizzi le risorse già presenti sul territorio. TEMPORANEITÀ: la tessera di accesso al servizio dell Emporio ha una durata temporanea, per necessità dettate dal completamento di un percorso di accompagnamento della famiglia verso il raggiungimento di uno o più stadi di emancipazione dalla situazione di difficoltà. PARZIALITÀ: il beneficio offerto dall Emporio non deve essere inteso come un completamento sostitutivo del fabbisogno alimentare o materiale del nucleo familiare, ma rappresenta piuttosto un sostegno parziale alle necessità familiari, per la soddisfazione delle quali è richiesto anche il contributo della famiglia.

6 GLI EMPORI DELLA SOLIDARIETÀ IN ITALIA

7 EMPORIO DELLA SOLIDARIETÀ DI ROMA INDIRIZZO "Cittadella della Solidarietà Santa Giacinta" Via Casilina Vecchia, ROMA SITO TELEFONO EMPORIO DELLA SOLIDARIETÀ DI PRATO INDIRIZZO Via del Seminario, PRATO SITO TELEFONO

8 EMPORIO DELLA SOLIDARIETÀ DI PESCARA INDIRIZZO Via Rubicone sn PESCARA SITO TELEFONO EMPORIO DELLA SOLIDARIETÀ DI GORIZIA INDIRIZZO Via Faiti, 15/b GORIZIA SITO TELEFONO

9 EMPORIO DELLA SOLIDARIETÀ DI TRIESTE INDIRIZZO Via Chiadino TRIESTE - SITO TELEFONO EMPORIO DELLA SOLIDARIETÀ DI PARMA INDIRIZZO Strada Traversante San Leonardo PARMA SITO TELEFONO

10 GLI ALTRI EMPORI: LAMEZIA TERME LECCE PISA ASCOLI PICENO

11 DICONO DELL EMPORIO ROMA Nasce Emporio Caritas il supermarket dei poveri 22 novembre 2006 Emporio della solidarietà: un supermercato a punti per arrivare a fine mese 22 novembre 2006 Apre l Emporio Caritas, spesa gratis agli indigenti 22 novembre 2006 Nasce l Emporio Caritas supermarket per i poveri 22 novembre 2006 Caritas, poveri in aumento I pasti gratis non bastano 22 novembre 2006 Un «emporio della solidarietà» per le famiglie più disagiate. CARITAS Iniziativa in collaborazione con i servizi sociali del Campidoglio 23 novembre 2006 Il supermercato della carità luglio 2008 Alemanno all Emporio della Carità: «Voi siete un punti di riferimento» - 13 luglio 2008 Roma, il supermercato della solidarietà 19 ottobre 2008 Nasce il supermercato della solidarietà. Lo aprirà la Caritas grazie alle monetine raccolte nella Fontana di Trevi e ad alcuni sponsor 22 novembre 2006 Emporio Caritas per mille persone. Sono 200 famiglie italiane, solo 3 straniere 26 giugno 2008 Sabato la spesa diventa solidale. Iniziativa promossa dalla Caritas in 50 supermercati di Roma: raccolta di beni alimentari per l'emporio della Solidarietà - 24 maggio 2012

12 PRATO L Emporio della Solidarietà trasloca in via del Seminario: sede più ampia e funzionale, ci sarà anche il baby parking donato da Ikea - 26 Maggio 2011 Il cuore di Prato non tradisce: raccolti 60 quintali di prodotti per la prima infanzia destinati all Emporio della Solidarietà -17 Ottobre 2011 Solidarietà&scuola, gli studenti di Datini e Rodari presteranno servizio tra gli scaffali dell Emporio - 3 Novembre 2011 L Emporio della Solidarietà si appella alla generosità dei pratesi: Abbiamo bisogno di zucchero e olio - 9 Novembre 2011 Un concorso fotografico sul tema della solidarietà per sostenere l Emporio - 15 Dicembre 2011 Inaugurato il Laboratorio Caritas per l inserimento lavorativo e nel fine settimana la raccolta per l Avvento di Fraternità - 16 Dicembre 2011 L Arci sostiene l Emporio, per ogni caffè servito dona un centesimo - 2 Febbraio 2012 Emporio, sabato 3 marzo la raccolta in 18 supermercati cittadini - 1 Marzo 2012 «Grazie pratesi per la vostra generosità», l Emporio ringrazia per i 285 quintali di prodotti raccolti - 6 Marzo 2012 Emporio, aumentano gli italiani oltre il 50% degli utenti - 17 Aprile 2012 Appello dell Emporio della solidarietà: occorrono riso e olio di semi - 6 Giugno 2012 In cosa all Emporio della Solidarietà Italiani in aumento 17 aprile 2012

13 PESCARA Sabato raccolta alimentare per l'emporio della Solidarietà Pescara - Un'iniziativa per le famiglie e le persone in difficoltà momentanea. Intanto organizzata nei punti Sma e Ipersimply una raccolta di prodotti che riempiranno gli scaffali del supermercato della carità :37 Pescaraonline.net Emporio della solidarietà RACCOLTA ALIMENTARE ANTI-CRISI Pubblicato in: Cultura e società il 21 marzo 2012 at 17:2 ilcentro.gelocal.it/pescara Pescara: a San Donato il supermercato della solidarietà - Articolo pubblicato il A San Donato il supermercato della solidarietà - La onlus Cuore Caritas garantisce la spesa gratis ai poveri gennaio Un aiuto all'emporio della Solidarietà Povertà, a Pescara nasce la 'Task force della solidarietà' 8 Aprile 2011 LAMEZIA TERME Lotta alla povertà: nasce a Lamezia l Emporio della solidarietà Vengono offerti beni di prima necessità ai più bisognosi - 8 giugno, 2010 Il supermercato della solidarietà allestito nei locali dell'ex macello Emporio di solidarietà fondo di 80 mila euro per aiutare i bisognosi Emporio della solidarietà in via delle Rose 8 giugno 2010

14 LECCE Lecce. Apre l emporio della solidarietà - Venerdì 23 Dicembre :32 Buccoliero: "Povertà a Lecce sfida da vincere per la politica tutta" - Mercoledì 29 Febbraio :03 Lecce, apre l Emporio della Solidarietà 23 dicembre 2011 Nasce l Emporio della solidarietà. Obiettivo: dare gratis la spesa ai "poveri aventi diritto" 23 dicembre 2011 "Emporio della Solidarietà": un progetto per una società più solidale 27 febbraio 2012 Cresce l Emporio della Solidarietà 25 maggio 2012 Cresce l Emporio della Solidarietà 27 maggio 2012 GORIZIA Raccolta alimentare a supporto dell Emporio della Solidarietà a Gorizia 20 ottobre 2011 Emporio della solidarietà 20 dicembre 2011 Caritas di Gorizia: in aumento le richieste di aiuto da parte delle famiglie italiane 2 aprile 2012 Emporio della solidarietà grande raccolta a Gorizia aprile 2012 PISA CEP. Al posto dell ec-cinema 20+1 in arrivo la cittadella della solidarietà 05 giugno 2011

15 TRIESTE Un emporio solidale contro la crisi 10 maggio 2012 Un supermercato per chi è in difficoltà sarà aperto in via Chiadino 10 maggio 2012 Una card a punti per gli acquisti della solidarietà. Al via l Emporio di Caritas e Fondazione CRTrieste rivolto a persone in difficoltà, sorgerà in via Chiadino 11 maggio 2012 Fondazione CR Trieste: al via progetto Emporio della Solidarietà 11 maggio 2012 A Trieste il supermercato solidale 23 maggio 2012 ASCOLI PICENO Ascoli Piceno - Nasce l'emporio della Solidarietà 10 ottobre 2011 Nasce l emporio della Caritas. La spesa per chi non può farla 05 ottobre 2011 I Giovani teramani per l Emporio della solidarietà 21 maggio 2012 Città di Castello: L Emporio della Solidarietà, una sorta di market speciale dove vengono raccolti ed esposti prodotti di prima necessità. La sua apertura è prevista dopo l estate 04 giugno 2012 PARMA Nasce l Emporio, un luogo per dire fare e creare Parma, al market della solidarietà 350 famiglie fanno spesa gratis 30 agosto 2010 Emporio cento per uno 07 luglio 2010 L Emporio della Solidarietà 08 ottobre 2010

Piattaforma Parma. per l impresa che dona prodotti. Parma, 14 giugno 2013. Comune di Parma

Piattaforma Parma. per l impresa che dona prodotti. Parma, 14 giugno 2013. Comune di Parma Piattaforma Parma per l impresa che dona prodotti Parma, 14 giugno 2013 Comune di Parma IL PROGETTO Piattaforma Parma è, prima di tutto, un iniziativa condivisa dalla città e dai suoi principali rappresentanti,

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA SOSTEGNO, PROMOZIONE E VALORIZZAZIONE DELLA RETE DI SOLIDARIETA SOCIALE A SUPPORTO DELLE SITUAZIONI DI DISAGIO SOCIALE

PROTOCOLLO D INTESA SOSTEGNO, PROMOZIONE E VALORIZZAZIONE DELLA RETE DI SOLIDARIETA SOCIALE A SUPPORTO DELLE SITUAZIONI DI DISAGIO SOCIALE Zero Sprechi 100% Solidarietà e Ambiente PROTOCOLLO D INTESA SOSTEGNO, PROMOZIONE E VALORIZZAZIONE DELLA RETE DI SOLIDARIETA SOCIALE A SUPPORTO DELLE SITUAZIONI DI DISAGIO SOCIALE PROTOCOLLO D INTESA

Dettagli

PROGETTO ABITARE. donne sole e/o con figli in condizioni di fragilità o vulnerabilità sociale a seguito di eventi spiazzanti;

PROGETTO ABITARE. donne sole e/o con figli in condizioni di fragilità o vulnerabilità sociale a seguito di eventi spiazzanti; PROGETTO ABITARE OBIETTIVI GENERALI Il quadro di riferimento e l origine del Progetto Abitare è rappresentato dal Protocollo di Intesa stipulato tra la Città di Torino, la Compagnia di San Paolo e l Ufficio

Dettagli

Dall osservazione al fronteggia mento nei processi di impoverimento: metodologia e strumenti per un efficace contrasto

Dall osservazione al fronteggia mento nei processi di impoverimento: metodologia e strumenti per un efficace contrasto Dall osservazione al fronteggia mento nei processi di impoverimento: metodologia e strumenti per un efficace contrasto R. Orlich - Gli interventi economici dei Comuni La legge regionale n. 6/06, relativa

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA

PROTOCOLLO D INTESA TRA PROTOCOLLO D INTESA TRA La Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per i Diritti e le Pari Opportunità, di seguito denominato Dipartimento, c.f. n. 80188230587, con sede in Roma, Largo Chigi,

Dettagli

Associazione BANCO DI SOLIDARIETA ARCA - ON- LUS

Associazione BANCO DI SOLIDARIETA ARCA - ON- LUS Associazione BANCO DI SOLIDARIETA ARCA - ON- LUS R e l a z i o n e a t t i v i t à e s e r c i z i o 2 0 1 1 (aprile 2012) edizione n. 1 Indice 1. Presentazione dell'associazione 2. Relazione attività

Dettagli

UN ESPERIENZA TERRITORIALE A SPINACETO

UN ESPERIENZA TERRITORIALE A SPINACETO UN ESPERIENZA TERRITORIALE A SPINACETO Don Francesco De Franco è uno dei sette parroci delle parrocchie che gestiscono l Emporio della Solidarietà di Spinaceto nella zona sud di Roma e da circa un mese

Dettagli

Caritas Diocesana di Ravenna Cervia. Relazione sui dati del Centro di Ascolto Diocesano 2011

Caritas Diocesana di Ravenna Cervia. Relazione sui dati del Centro di Ascolto Diocesano 2011 Caritas Diocesana di Ravenna Cervia Relazione sui dati del Centro di Ascolto Diocesano 2011 Con la chiusura dell anno 2011 è ora di bilanci. Ecco allora qualche cifra che può essere utile per fotografare

Dettagli

Criteri per l erogazione di interventi di natura economica a sostegno delle fragilità

Criteri per l erogazione di interventi di natura economica a sostegno delle fragilità Criteri per l erogazione di interventi di natura economica a sostegno delle fragilità I presenti criteri disciplinano l accesso, la gestione e l erogazione degli interventi economici di assistenza sociale

Dettagli

LA FASE 2 DEL FONDO FAMIGLIA LAVORO

LA FASE 2 DEL FONDO FAMIGLIA LAVORO LA FASE 2 DEL FONDO FAMIGLIA LAVORO DELL ARCIDIOCESI DI MILANO: FRA CONTINUITÀ E NOVITÀ DARE CONTINUITÀ AL METODO DI LAVORO: VALORIZZARE L INIZIATIVA LOCALE E PROMUOVERE UNA LOGICA DI RECIPROCITÀ Lanciato

Dettagli

CON-DIVIDERE PER MOLTIPLICARE FAMIGLIE E STILI DI VITA. Forum Regionale delle Associazioni Familiari della Lombardia

CON-DIVIDERE PER MOLTIPLICARE FAMIGLIE E STILI DI VITA. Forum Regionale delle Associazioni Familiari della Lombardia CON-DIVIDERE PER MOLTIPLICARE FAMIGLIE E STILI DI VITA Forum Regionale delle Associazioni Familiari della Lombardia Obiettivi della serata Presentazione del contesto in cui si inserisce il percorso «Famiglie

Dettagli

ALL INCLUSIVE SPECIAL ALL INCLUSIVE SOLIDALE

ALL INCLUSIVE SPECIAL ALL INCLUSIVE SOLIDALE 9 dicembre 2013 ALL INCLUSIVE SPECIAL ALL INCLUSIVE SOLIDALE Dal 9 al 27 dicembre 2013 All Inclusive Special Solo fino a Natale le All Inclusive diventano Special! All Inclusive Special è disponibile a

Dettagli

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE FAMIGLIA IN COMPAGNIA (allegato n. 2) PREMESSA Il Progetto FAMIGLIA IN COMPAGNIA mette al

Dettagli

COMUNE DI MONZAMBANO Provincia di Mantova

COMUNE DI MONZAMBANO Provincia di Mantova COMUNE DI MONZAMBANO Provincia di Mantova Piazza Vittorio Emanuele 46040 Monzambano tel. 0376800502 fax 0376809348 REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ECONOMICI AI FINI SOCIO-ASSISTENZIALI

Dettagli

Politiche di contrasto della povertà e grave emarginazione: priorità di intervento

Politiche di contrasto della povertà e grave emarginazione: priorità di intervento 2.7 Politiche di contrasto della povertà e grave emarginazione: priorità di intervento Obiettivi di integrazione - Si rileva una disomogeneità nelle modalità di raccordo e collaborazione tra il Servizio

Dettagli

AgriSocialCoop S.c.E. ONLUS SEDE LEGALE - PUNTO VENDITA

AgriSocialCoop S.c.E. ONLUS SEDE LEGALE - PUNTO VENDITA Fondazione DARE Un progetto proposto da: AGRISOCIALCOOP S.C.E. Pag. 1 di 5 PREMESSA Progetto di recupero e valorizzazione dei beni invenduti per la creazione di un CENTRO DI REDISTRIBUZIONE SOCIALE - CIRCOSCRIZIONE

Dettagli

Le buone prassi. Progetto regionale di contrasto alla povertà e all esclusione sociale

Le buone prassi. Progetto regionale di contrasto alla povertà e all esclusione sociale Le buone prassi Progetto regionale di contrasto alla povertà e all esclusione sociale Crediti Si ringraziano le associazioni, i volontari, i partner, la Regione Emilia Romagna, le Amministrazioni pubbliche

Dettagli

Obiettivi. Destinatari e Azioni

Obiettivi. Destinatari e Azioni PROGETTO NOVA SOLIDALE Insieme si può Obiettivi Il contesto socio economico evidenzia un impoverimento progressivo delle famiglie, in ragione della perdita della loro capacità di spesa per motivi differenti

Dettagli

GEMACA GEstione e Monitoraggio degli Aiuti ai poveri mediante Carta Acquisti

GEMACA GEstione e Monitoraggio degli Aiuti ai poveri mediante Carta Acquisti 1. Introduzione Il progetto GEMACA nasce in risposta al fabbisogno presentato da CONFCOOPERATIVE BARI-BAT nell ambito del programma Apulian Living Lab della Regione Puglia. Il progetto si è sviluppato

Dettagli

Servizi ed interventi per i senza fissa dimora nel Comune di Cagliari

Servizi ed interventi per i senza fissa dimora nel Comune di Cagliari Relatore Simonetta Piras Comune di Cagliari[Soft Break]Assessorato alle Politiche Sociali Servizi ed interventi per i senza fissa dimora nel Comune di Cagliari La complessità della società attuale, le

Dettagli

LINEE GUIDA. Premessa

LINEE GUIDA. Premessa LINEE GUIDA Premessa Poste Insieme Onlus nasce il 16 aprile 2015 dalla volontà di Poste Italiane SpA di promuovere e sviluppare una organica presenza istituzionale di ambito nazionale e territoriale a

Dettagli

C O N V E N Z I O N E PER L AVVIO DEL PROGETTO MICROCREDITO PER LE FAMIGLIE TRA : COMUNE DI CATTOLICA COMUNE DI SAN GIOVANNI IN MARIGNANO

C O N V E N Z I O N E PER L AVVIO DEL PROGETTO MICROCREDITO PER LE FAMIGLIE TRA : COMUNE DI CATTOLICA COMUNE DI SAN GIOVANNI IN MARIGNANO C O N V E N Z I O N E PER L AVVIO DEL PROGETTO MICROCREDITO PER LE FAMIGLIE TRA : COMUNE DI CATTOLICA COMUNE DI SAN GIOVANNI IN MARIGNANO CARITAS PARROCCHIALE DI CATTOLICA PER L EROGAZIONE DI MICROCREDITO

Dettagli

PROGRAMMA: REDDITO MINIMO D'INSERIMENTO PROGETTO: LAVORO CONVENIENTE

PROGRAMMA: REDDITO MINIMO D'INSERIMENTO PROGETTO: LAVORO CONVENIENTE PROGRAMMA: REDDITO MINIMO D'INSERIMENTO PROGETTO: LAVORO CONVENIENTE Annualità: 2013/2014 AMBITO: Comune di Capannori Informazioni generali Area prioritaria di intervento: Azioni di contrasto della povertà.

Dettagli

PUNTO LAVORO CIELI APERTI. Gennaio dicembre 2012

PUNTO LAVORO CIELI APERTI. Gennaio dicembre 2012 Associazione Cieli Aperti ONLUS - Via Lazzerini n 1-59100 Prato Sede operativa: Via Marengo n 51 Cod. Fiscale: 92062880486 - P. Iva: 01939060974 Telefono: 0574 607226 3280809395 - Fax: 0574 607226 E-mail:

Dettagli

Comune di Cavezzo Provincia di Modena

Comune di Cavezzo Provincia di Modena OGGETTO CONTRIBUTI ECONOMICI, AGEVOLAZIONI IN FAVORE DI PERSONE FISICHE ED INTERVENTI PER FRONTEGGIARE LA CRISI ECONOMICA :ATTO DI INDIRIZZO ANNO 2009-VARIAZIONI AL BILANCIO DI PREVISIONE E AL PIANO ESECUTIVO

Dettagli

Il più grande network online dove chiedere ed offrire aiuto in Toscana. Firenze, 4 maggio 2015

Il più grande network online dove chiedere ed offrire aiuto in Toscana. Firenze, 4 maggio 2015 Il più grande network online dove chiedere ed offrire aiuto in Toscana. Firenze, 4 maggio 2015 Siamosolidali.it è un progetto promosso dell Ente Cassa di Risparmio di Firenze, nato dalla necessità di sostenere

Dettagli

Famiglie in salita Rapporto 2009 su povertà ed esclusione sociale in Italia a cura di Caritas Italiana - Fondazione Zancan

Famiglie in salita Rapporto 2009 su povertà ed esclusione sociale in Italia a cura di Caritas Italiana - Fondazione Zancan Famiglie in salita Rapporto 2009 su povertà ed esclusione sociale in Italia a cura di Caritas Italiana - Fondazione Zancan LOMBARDIA: sintesi di alcuni dati 1. IL PUNTO DI PARTENZA: UNO SGUARDO STORICO

Dettagli

CREDITO AL FUTURO. Osservare, ascoltare e animare per un credito a misura di persona TERRAFUTRA. FIRENZE 26 Maggio 2012

CREDITO AL FUTURO. Osservare, ascoltare e animare per un credito a misura di persona TERRAFUTRA. FIRENZE 26 Maggio 2012 CREDITO AL FUTURO Osservare, ascoltare e animare per un credito a misura di persona 1 TERRAFUTRA FIRENZE 26 Maggio 2012 Francesco Delfino andriacaritas@libero.it www.caritasandria.com GLI STRUMENTI A DISPOSIZIONE

Dettagli

Centro affidi e Centro adozioni: esperienze e prospettive

Centro affidi e Centro adozioni: esperienze e prospettive Nuove forme per l accoglienza familiare Firenze, 6 marzo 2013 Centro affidi e Centro adozioni: esperienze e prospettive Dott.ssa Sandra Di Rocco Responsabile P.O. Interventi per Minori e Famiglia del Comune

Dettagli

Progetto V.A.I. Valorizzazione Accoglienza Integrata. Guida ai servizi degli Enti aderenti alla Rete. Centro di Orientamento dell Alto Friuli

Progetto V.A.I. Valorizzazione Accoglienza Integrata. Guida ai servizi degli Enti aderenti alla Rete. Centro di Orientamento dell Alto Friuli Centro di Orientamento dell Alto Friuli Azienda per i Servizi Sanitari n. 3 Alto Friuli Distretto Socio-sanitario n. 1 Distretto Socio-sanitario n. 2 C.I.C. Centro Informazione e Consulenza Dipartimento

Dettagli

DONNE E UOMINI PER UNA ECONOMIA DI CONDIVISIONE

DONNE E UOMINI PER UNA ECONOMIA DI CONDIVISIONE DONNE E UOMINI PER UNA ECONOMIA DI CONDIVISIONE Anche il più piccolo atto nelle circostanze più limitate ha in sé il germe della stessa illimitatezza, perché un solo atto, e qualche volta una sola parola,

Dettagli

Fondo Famiglia Lavoro

Fondo Famiglia Lavoro Fondo Famiglia Lavoro Finalità Funzionamento Criteri Marzo 2009 1 Identità Il Fondo Famiglia Lavoro, formalmente istituito il 23 gennaio 2009, è costituito come Fondazione non autonoma all interno dell

Dettagli

3.- ORGANIGRAMMA ORGANIGRAMMA

3.- ORGANIGRAMMA ORGANIGRAMMA 3.- ORGANIGRAMMA ORGANIGRAMMA Legale Rappresentante: Mons. Franco Agostinelli Vescovo di Prato Coordinatore Generale con procura speciale: Paolo Gennari Amministrazione: Carlo Ferrari CENTRI DI ASCOLTO:

Dettagli

Microcredito alle porte della Lombardia: BCC di Creta Cred. Coop. Piacentino

Microcredito alle porte della Lombardia: BCC di Creta Cred. Coop. Piacentino Microcredito alle porte della Lombardia: BCC di Creta Cred. Coop. Piacentino Bologna, 21 maggio 2010 premessa: la popolazione sotto il livello di povertà L'ISTAT conduce annualmente una analisi delle condizioni

Dettagli

Special project Newsletter 1

Special project Newsletter 1 PO F.S.E. Regione Abruzzo 2007-23, Obiettivo C.R.O. - Asse V Piano Operativo 2007-2008; Codice Identificativo (CIG) n. 64280FF5 L incremento dei fabbisogni di assistenza per non i autosufficienti ed il

Dettagli

PIANO DI EROGAZIONE 2015

PIANO DI EROGAZIONE 2015 Fondazione della Comunità di Monza e Brianza PIANO DI EROGAZIONE 2015 Giovedì 19 Marzo -ore 17 Casa del Volontariato - MONZA 1 Un ultimo sguardo al 2014 2 QUALCHE NUMERO sul 2014 996.000 17 patrocini euro

Dettagli

I contributi economici a sostegno del reddito

I contributi economici a sostegno del reddito Corso di formazione ed aggiornamento sulla gestione dei servizi sociali con riferimento alle prestazioni agevolate I contributi economici a sostegno del reddito Rimini, 24 gennaio 2012 Le misure della

Dettagli

Periferie educative 2014 - LA SPEZIA

Periferie educative 2014 - LA SPEZIA Presidenza del Consiglio dei Ministri Ufficio Nazionale per il Servizio Civile PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA della Caritas Diocesana della LA SPEZIA TITOLO DEL PROGETTO

Dettagli

LE ASSOCIAZIONI DI VOLONTARIATO E LA SOSTENIBILITÀ

LE ASSOCIAZIONI DI VOLONTARIATO E LA SOSTENIBILITÀ L SSOIZIONI I VOLONTRITO L SOSTNIILITÀ lle ssociazioni di volontariato del riuli Venezia iulia lle ssociazioni di promozione sociale del riuli Venezia iulia La sostenibilità, che viene declinata nella

Dettagli

Programma di adozioni a distanza

Programma di adozioni a distanza Programma di adozioni a distanza Tutti noi siamo stati bambini, certamente più fortunati di molti altri perchè abbiamo avuto chi ci ha seguito e ci ha consentito di diventare adulti. Ma in tutto il mondo

Dettagli

un aggiornamento sui dati del prestito della speranza

un aggiornamento sui dati del prestito della speranza 6. un aggiornamento sui dati del prestito della speranza Dal Censimento delle opere ecclesiali 1. Il Prestito della Speranza nel contesto nazionale del microcredito Il Prestito della Speranza è un progetto

Dettagli

le chiese locali contro la crisi: le progettualità delle diocesi italiane

le chiese locali contro la crisi: le progettualità delle diocesi italiane 5. le chiese locali contro la crisi: le progettualità delle diocesi italiane Dal Censimento delle opere ecclesiali 1 Il quadro generale Nel 2013 Caritas Italiana ha realizzato la quarta rilevazione annuale

Dettagli

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PIANO DISTRETTUALE DEGLI INTERVENTI del Distretto socio-sanitario di Corigliano Calabro Rif. Decreto Regione Calabria n. 15749 del 29/10/2008 ANALISI DELBISOGNO

Dettagli

Consulta DS per l infanzia e l adolescenza Gianni Rodari. Adozione e Affido Familiare Una famiglia per ogni bambino

Consulta DS per l infanzia e l adolescenza Gianni Rodari. Adozione e Affido Familiare Una famiglia per ogni bambino I figli non sono vostri figli. Sono i figli e le figlie della sete che di sé stessa ha la vita... Voi siete gli archi da cui i figli, come frecce vive, sono scoccate in avanti. L'Arciere vede il bersaglio

Dettagli

PROGETTO AFFIDO FAMILIARE sintesi Attività di sensibilizzazione e formazione Famiglie affidatarie (Ottobre 2001 Ottobre 2002)

PROGETTO AFFIDO FAMILIARE sintesi Attività di sensibilizzazione e formazione Famiglie affidatarie (Ottobre 2001 Ottobre 2002) L Affidamento etero familiare inteso come risposta qualificata a garantire il diritto di tanti bambini e ragazzi ad avere una famiglia, in grado anche temporaneamente di aiutarli a crescere ha costituito

Dettagli

Protocollo operativo A.D.I. (Assistenza Domiciliare Integrata) AUSL /BA2 - COMUNE DI BARLETTA

Protocollo operativo A.D.I. (Assistenza Domiciliare Integrata) AUSL /BA2 - COMUNE DI BARLETTA Barletta, 16/02/05 8.24 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida Piano Sociale dell Ambito Distrettuale di Barletta Anni 2005 2007 Protocollo operativo

Dettagli

COMUNE DI VALDISOTTO (Provincia di Sondrio)

COMUNE DI VALDISOTTO (Provincia di Sondrio) COMUNE DI VALDISOTTO (Provincia di Sondrio) OGGETTO: Esame ed approvazione Regolamento per l erogazione degli interventi economici di assistenza sociale. IL CONSIGLIO COMUNALE Premesso che la legge 08

Dettagli

BANDO DI CONCORSO DI IDEE per individuazione del Logo Emporio Solidale di Rimini e nuovi servizi per le famiglie in difficoltà

BANDO DI CONCORSO DI IDEE per individuazione del Logo Emporio Solidale di Rimini e nuovi servizi per le famiglie in difficoltà BANDO DI CONCORSO DI IDEE per individuazione del Logo Emporio Solidale di Rimini e nuovi servizi per le famiglie in difficoltà PREMESSA E OGGETTO DEL BANDO ART. 1 OGGETTO DEL CONCORSO Le reti degli attori

Dettagli

DIGITAL-GYM Palestra digitale per la terza età attiva

DIGITAL-GYM Palestra digitale per la terza età attiva DIGITAL-GYM Palestra digitale per la terza età attiva I Bando 2015 Fondazione della Provincia di Lecco 1. DESCRIZIONE DEL CONTESTO Studi demografici dimostrano che la longevità nel nostro paese aumenta

Dettagli

AMBITO TERRITORIALE SOCIALE DI CASARANO

AMBITO TERRITORIALE SOCIALE DI CASARANO CASARANO COLLEPASSO MATINO PARABITA RUFFANO SUPERSANO TAURISANO AMBITO TERRITORIALE SOCIALE DI CASARANO Tel.: 0833 502428- PROVINCIA 0833 514227 DI LECCE Fax: 0833 514227 Internet: www.confinesociale.it

Dettagli

Indagine sullo spreco alimentare in Italia. 13 miliardi di euro di cibo ogni anno buttati nella spazzatura

Indagine sullo spreco alimentare in Italia. 13 miliardi di euro di cibo ogni anno buttati nella spazzatura Indagine sullo spreco alimentare in Italia 13 miliardi di euro di cibo ogni anno buttati nella spazzatura I risultati dell indagine promossa da Politecnico di Milano e Fondazione Banco Alimentare dal titolo

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. Istituzione del prestito d onore per laureati N. 5336. d iniziativa del deputato CROLLA

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. Istituzione del prestito d onore per laureati N. 5336. d iniziativa del deputato CROLLA Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 5336 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato CROLLA Istituzione del prestito d onore per laureati Presentata il 3 luglio 2012 ONOREVOLI

Dettagli

Il Servizio Socio-Occupazionale Ce.Se.A. La Carta dei Servizi. Gli orientamenti culturali di riferimento

Il Servizio Socio-Occupazionale Ce.Se.A. La Carta dei Servizi. Gli orientamenti culturali di riferimento Il Servizio Socio-Occupazionale Ce.Se.A. Ce.Se.A. nasce nel 1999, presso il Centro Servizi Formativi del Comune di Lecco e sullo stimolo dell allora Centro Servizio Adulti (da cui l acronimo Ce.Se.A.)

Dettagli

Da oltre 10 anni. DEI Programmi Sociali Pubblici

Da oltre 10 anni. DEI Programmi Sociali Pubblici Da oltre 10 anni AL SERVIZIO DEI Programmi Sociali Pubblici SOMMARIO 1. Cosa sono i Voucher Sociali? 2. Perché utilizzare sistemi di monitoraggio? 3. Quali sono le possibili finalizzazioni? 4. Schema di

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DEGLI INTERVENTI ECONOMICI DI ASSISTENZA SOCIALE - approvato con deliberazione di C.C. n. 49 del 30.11.

REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DEGLI INTERVENTI ECONOMICI DI ASSISTENZA SOCIALE - approvato con deliberazione di C.C. n. 49 del 30.11. REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DEGLI INTERVENTI ECONOMICI DI ASSISTENZA SOCIALE - approvato con deliberazione di C.C. n. 49 del 30.11.2007 CAPO I: PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto Il presente Regolamento

Dettagli

COMUNE DI SINNAI DGC N. 185 DEL

COMUNE DI SINNAI DGC N. 185 DEL 1 Progetto Speciale Sperimentale di Inclusione Sociale anticrisi a favore delle fasce più deboli della popolazione COMUNE DI SINNAI DGC N. 185 DEL 30.12.2013 approvato dal Consiglio di gestione nella seduta

Dettagli

NIDI E SERVIZI PER L INFANZIA

NIDI E SERVIZI PER L INFANZIA NIDI E SERVIZI PER L INFANZIA Conoscere per governare 13 novembre 2013 Sala Polifunzionale Via Santa Maria in Via, 37 R o m a I servizi per la prima infanzia: il punto sulle Intese e il Piano di Azione

Dettagli

Prima di allegarvi il materiale diffuso in Conferenza, vi elenchiamo i punti principali della Conferenza medesima.

Prima di allegarvi il materiale diffuso in Conferenza, vi elenchiamo i punti principali della Conferenza medesima. Si è svolta stamani, 1 ottobre, la prevista Conferenza Stampa, promossa dalla Cooperativa A.S.S.O. di Pescara sull'iniziativa di Assistenza gratuita agli anziani di Pescara svolta nei mesi di Agosto e

Dettagli

RAPPORTO di PROGETTO FINALE PROGETTI SOLIDARIETA RETE Iniziativa finanziata dal CSV di Verona PROGETTO TALENTI FASE 1

RAPPORTO di PROGETTO FINALE PROGETTI SOLIDARIETA RETE Iniziativa finanziata dal CSV di Verona PROGETTO TALENTI FASE 1 RAPPORTO di PROGETTO FINALE PROGETTI SOLIDARIETA RETE Iniziativa finanziata dal CSV di Verona PROGETTO TALENTI FASE 1 INDICE 1 INTRODUZIONE...2 2 PRESENTAZIONE DEL PROGETTO...4 3 PRESENTAZIONE DEGLI ENTI

Dettagli

RIPERCORRERE I CONFINI DEL WELFARE

RIPERCORRERE I CONFINI DEL WELFARE RIPERCORRERE I CONFINI DEL WELFARE LISTA CERCO OFFRO: PRESENTAZIONE Mailing list aperta di persone (oltre 700) che abitano tra Como e la parte nord di Milano Oggetto: il riuso di beni, il dono, lo scambio

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE E DI SOLLIEVO ALLE PERSONE DISABILI E ALLE PERSONE AFFETTE DA DISTURBO

REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE E DI SOLLIEVO ALLE PERSONE DISABILI E ALLE PERSONE AFFETTE DA DISTURBO REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE E DI SOLLIEVO ALLE PERSONE DISABILI E ALLE PERSONE AFFETTE DA DISTURBO MENTALE Approvato con Deliberazione di C.C. n. 52 del

Dettagli

esercitata sui bilanci pubblici dall espulsione

esercitata sui bilanci pubblici dall espulsione 44 FOCUS INVESTIMENTI SOCIALI IL PACCHETTO DI INVESTIMENTI SOCIALI PER LA CRESCITA E LA COESIONE È LO STRUMENTO CREATO DALL UNIONE EUROPEA PER CONTRASTARE LA POVERTÀ E L EMARGINAZIONE SOCIALE. L ARTICOLO

Dettagli

ALZHEIMER. Interventi a sostegno delle persone affette da malattia di Alzheimer e dei loro familiari

ALZHEIMER. Interventi a sostegno delle persone affette da malattia di Alzheimer e dei loro familiari PROGETTO ALZHEIMER Interventi a sostegno delle persone affette da malattia di Alzheimer e dei loro familiari L ALZHEIMER E IL PROGETTO DI VERONA L assistenza agli anziani affetti da demenza tipo Alzheimer

Dettagli

GLI ADULTI GLI ADULTI. Domiciliarità Continuare a vivere nel proprio ambiente di vita, mantenendo la propria autonomia e evitando l'inserimento

GLI ADULTI GLI ADULTI. Domiciliarità Continuare a vivere nel proprio ambiente di vita, mantenendo la propria autonomia e evitando l'inserimento Carta BISOGNI BISOGNI GLI ADULTI GLI ADULTI Domiciliarità Continuare a vivere nel proprio ambiente di vita, mantenendo la propria autonomia e evitando l'inserimento in una struttura residenziale. Domiciliarità

Dettagli

PROGETTO PETRARCA 2 CODICE PROGETTO: PROG-101927

PROGETTO PETRARCA 2 CODICE PROGETTO: PROG-101927 PROGETTO PETRARCA 2 CODICE PROGETTO: PROG-101927 FINANZIATO SUL FONDO EUROPEO PER L INTEGRAZIONE DEI CITTADINI DI PAESI TERZI AVVISI REGIONALI 2007-2013 INFORMAZIONI GENERALI Soggetto capofila: Regione

Dettagli

Carta del Servizio. CdS 02 Ed. 01-29/04/13

Carta del Servizio. CdS 02 Ed. 01-29/04/13 Carta del Servizio CdS 02 Ed. 01-29/04/13 Chi siamo 2 Cooperativa Sociale ACLI, senza fini di lucro, opera da più di venticinque anni nel territorio provinciale fornendo servizi socio-assistenziali ed

Dettagli

Comune di Parma Progetto Spesa Amica

Comune di Parma Progetto Spesa Amica Comune di Parma Progetto Spesa Amica Descrizione progetto Molte amministrazioni comunali hanno avuto ed hanno necessità di finalizzare le risorse che vengono destinate a determinati servizi sociali, senza

Dettagli

A.S.P. OPUS CIVIUM Sede legale: via Conciliazione, n 10-42024 Castelnovo di Sotto (RE) GUIDA ALL ISCRIZIONE AL NIDO COMUNALE D INFANZIA

A.S.P. OPUS CIVIUM Sede legale: via Conciliazione, n 10-42024 Castelnovo di Sotto (RE) GUIDA ALL ISCRIZIONE AL NIDO COMUNALE D INFANZIA A.S.P. OPUS CIVIUM Sede legale: via Conciliazione, n 10-42024 Castelnovo di Sotto (RE) Nido Comunale Elvise Carpi i bambini e le bambine GUIDA ALL ISCRIZIONE AL NIDO COMUNALE D INFANZIA

Dettagli

REGOLAMENTO DEGLI INTERVENTI DI SOSTEGNO ECONOMICO E DI SOLIDARIETA CIVICA A FAVORE DELLE PERSONE E DELLE FAMIGLIE

REGOLAMENTO DEGLI INTERVENTI DI SOSTEGNO ECONOMICO E DI SOLIDARIETA CIVICA A FAVORE DELLE PERSONE E DELLE FAMIGLIE REGOLAMENTO DEGLI INTERVENTI DI SOSTEGNO ECONOMICO E DI SOLIDARIETA CIVICA A FAVORE DELLE PERSONE E DELLE FAMIGLIE Approvato con deliberazione consiliare n. 62 del 10 dicembre 2012 1 CAPO I - DISPOSIZIONI

Dettagli

Carta dei Servizi del Consultorio UCIPEM Cremona- Fondazione ONLUS

Carta dei Servizi del Consultorio UCIPEM Cremona- Fondazione ONLUS Carta dei Servizi del Consultorio UCIPEM Cremona- Fondazione ONLUS Via Milano, 5/c 26100 Cremona Tel. 0372 20751/34402 Fax 0372-1960388 Codice fiscale 80011480193 Partita Iva 01273220192 mail: segreteria@ucipemcremona.it

Dettagli

Interventi di prevenzione e promozione sociale

Interventi di prevenzione e promozione sociale Assistenziale aiuto e sostegno Sostegno psico-sociale Interventi integrativi e sostitutivi delle funzioni proprie del nucleo familiare Assistenza domiciliare Consultorio Mediazione familiare Tutela salute

Dettagli

COMUNE DI DOMUS DE MARIA (Provincia di Cagliari) REGOLAMENTO COMUNALE

COMUNE DI DOMUS DE MARIA (Provincia di Cagliari) REGOLAMENTO COMUNALE COMUNE DI DOMUS DE MARIA (Provincia di Cagliari) REGOLAMENTO COMUNALE SERVIZIO CIVICO COMUNALE LINEE D INTERVENTO 1 2 3 PROGRAMMA REGIONALE DI AZIONI DI CONTRASTO ALLA POVERTA ***************************

Dettagli

ACCORDO DI PROGRAMMA PER L ATTIVAZIONE DI UNA RETE DI COMUNI AMICI DELLA FAMIGLIA

ACCORDO DI PROGRAMMA PER L ATTIVAZIONE DI UNA RETE DI COMUNI AMICI DELLA FAMIGLIA Forum Lombardo delle Lombardia FeLCeAF Associazioni familiari ACCORDO DI PROGRAMMA PER L ATTIVAZIONE DI UNA RETE DI COMUNI AMICI DELLA FAMIGLIA La crisi in atto ormai da alcuni anni porta al contenimento

Dettagli

Comune di Settala- Provincia di Milano

Comune di Settala- Provincia di Milano Comune di Settala- Provincia di Milano ASSESSORATO ALLA PUBBLICA ISTRUZIONE PIANO FINANZIARIO PER IL DIRITTO ALLO STUDIO ANNO SCOLASTICO 2005/2006 L ASSESSORE ALLA P.I. (Massimo Dr. Labadini) IL SINDACO

Dettagli

Sezione n 374 Iscrizione Registro Provinciale del Volontariato di Lecce con determinazione Dirigenziale n 2135/2012 del 02-10-2012

Sezione n 374 Iscrizione Registro Provinciale del Volontariato di Lecce con determinazione Dirigenziale n 2135/2012 del 02-10-2012 Premessa IDEA PROGETTUALE Condivisione e Dignità Giovanile L Associazione di Volontariato I.P.F. Onlus Sezione Zonale n 374, costituita nel novembre del 2010 a Lecce con due filiali a Cosenza ed una sede

Dettagli

I servizi di assistenza domiciliare integrata: Una valutazione e ipotesi di prospettive future

I servizi di assistenza domiciliare integrata: Una valutazione e ipotesi di prospettive future I servizi di assistenza domiciliare integrata: Una valutazione e ipotesi di prospettive future Contesto socio demografico Una città di medie dimensioni (207.800 ab. al 31/12/2012 ) con una popolazione

Dettagli

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle persone

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle persone Centro per l Impiego Carta dei servizi alle persone SOMMARIO SERVIZI ALLE PERSONE - Accoglienza e informazione - Dichiarazione di disponibilità all impiego e colloquio di primo livello; - Colloquio di

Dettagli

SERVIZI DOMICILIARI C a r t a dei S e r v i z i. Giugno 2014. Sommario

SERVIZI DOMICILIARI C a r t a dei S e r v i z i. Giugno 2014. Sommario Sommario 1. Storia e futuro....1 2. La nostra mission e i nostri impegni La nostra tradizione è al servizio della persona 2 3. Riferimenti Normativi 3 4. L offerta dei servizi a domicilio..3 5. Voucher

Dettagli

Azioni di contrasto alle nuove povertà

Azioni di contrasto alle nuove povertà Azioni di contrasto alle nuove povertà UNISOLIDARIETA ONLUS Unisolidarietà Onlus & Volontariato in Rete Federazione Provinciale di Vicenza Ente Gestore CSV di VI Centro di Servizio per il Volontariato

Dettagli

BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ ANNO 2013 CLIENTI AMBIENTE COMUNITÀ

BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ ANNO 2013 CLIENTI AMBIENTE COMUNITÀ BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ ANNO 2013 Collaboratori AMBIENTE CLIENTI COMUNITÀ indicatori di sintesi 2013 COLLABORATORI - INDICATORI DI SINTESI 2013 Δ 2013/2012 Profilo Collaboratori (n.) 9.266-2,3% Contratti

Dettagli

GRUPPO PROVINCIALE DI MANTOVA di SUPPORTO ALLA FORMAZIONE CONTINUA DEGLI ASSISTENTI SOCIALI

GRUPPO PROVINCIALE DI MANTOVA di SUPPORTO ALLA FORMAZIONE CONTINUA DEGLI ASSISTENTI SOCIALI GRUPPO PROVINCIALE DI MANTOVA di SUPPORTO ALLA FORMAZIONE CONTINUA DEGLI ASSISTENTI SOCIALI VERBALE INCONTRO 29/11/2013 dalle ore 14,30 alle ore 16,30 SEDE: Provincia di Mantova via Don Maraglio Mantova

Dettagli

Regolamento per l'erogazione di sussidi economici a sostegno della maternità e a famiglie economicamente disagiate con minori

Regolamento per l'erogazione di sussidi economici a sostegno della maternità e a famiglie economicamente disagiate con minori 1 ODG/PRG: 101 PG: 45008/2001 Data Seduta: 07/05/01 Data inizio vigore: 17/05/01 Regolamento per l'erogazione di sussidi economici a sostegno della maternità e a famiglie economicamente disagiate con minori

Dettagli

PROGETTO SERVIZIO CIVILE NAZIONALE

PROGETTO SERVIZIO CIVILE NAZIONALE PROGETTO SERVIZIO CIVILE NAZIONALE ENTE PROPONENTE: C.I.D.E.S. Centro Internazionale dell Economia Sociale Consorzio di Cooperative Sociali SEDE ACCREDITATA: Via Cervellati, 1/f Bologna (BO) 40122 TITOLO

Dettagli

Alleanza contro la povertà

Alleanza contro la povertà Documento costitutivo della Alleanza contro la povertà - Tavolo regionale della Sardegna Le articolazioni regionali della Sardegna delle organizzazioni nazionali che aderiscono all Alleanza contro la povertà

Dettagli

1. Il welfare locale. 1. 1 Contesto normativo

1. Il welfare locale. 1. 1 Contesto normativo 1. 1 Contesto normativo L evoluzione normativa, avvenuta negli ultimi trentanni a livello nazionale in materia sanitaria e sociale e a livello regionale (dalle Leggi Regionali n. 78/1979, n. 13/ 1980,

Dettagli

Titolo del Progetto. To Be HuMan Spazi per l infanzia - Supporto alla genitorialità. Sintesi

Titolo del Progetto. To Be HuMan Spazi per l infanzia - Supporto alla genitorialità. Sintesi Titolo del Progetto To Be HuMan Spazi per l infanzia - Supporto alla genitorialità Sintesi Il progetto To Be HuMan vuole contribuire al miglioramento dei servizi socio-assistenziali all interno del territorio

Dettagli

Lo strumento del microcredito a servizio del Progetto Policoro

Lo strumento del microcredito a servizio del Progetto Policoro Lo strumento del microcredito a servizio del Progetto Policoro A partire dalle numerose esperienze sbocciate in alcune diocesi nel campo del microcredito a sostegno delle imprese nate dal Progetto Policoro

Dettagli

DISTRETTO SOCIO - SANITARIO N. 45

DISTRETTO SOCIO - SANITARIO N. 45 DISTRETTO SOCIO - SANITARIO N. 45 1. NUMERO AZIONE 2 2. TITOLO AZIONE CARD - TICKET SERVICE 3. DESCRIZIONE DELLE ATTIVITÀ Descrivere sinteticamente le attività che si intendono realizzare all interno dell

Dettagli

RISTORANTI ETNICI. Quanti sono e dove sono?

RISTORANTI ETNICI. Quanti sono e dove sono? L INFLUSSO DELLA CUCINA ETNICA SULLE ABITUDINI ALIMENTARI DEGLI ITALIANI L integrazione alimentare coinvolge di più i giovani e i residenti al Nord e al Centro A Milano, Prato e Trieste la maggiore presenza

Dettagli

RASSEGNA STAMPA DATI RACCOLTA FARMACI MILANO. A cura di. Agenzia Comunicatio

RASSEGNA STAMPA DATI RACCOLTA FARMACI MILANO. A cura di. Agenzia Comunicatio RASSEGNA STAMPA DATI RACCOLTA FARMACI MILANO A cura di Agenzia Comunicatio COMUNICATO STAMPA MILANO; BANCO FARMACEUTICO: RECUPERO FARMACI VALIDI RISPOSTA CONTRO POVERTA', RACCOLTI IN 6 MESI 11 MILA MEDICINALI"

Dettagli

Una casa di accoglienza. per le studentesse. di Koupéla AFRICA

Una casa di accoglienza. per le studentesse. di Koupéla AFRICA Una casa di accoglienza per le studentesse di Koupéla AFRICA 1 2 Il PUNTO DI PARTENZA Ha il nome di un fiore, di quelli colorati e profumati che adornano i nostri giardini, la ragazza di 16 anni che bussa

Dettagli

Guida per accedere al Servizio Civile Regionale

Guida per accedere al Servizio Civile Regionale Guida per accedere al Servizio Civile Regionale Per partecipare ai progetti di Servizio Civile Regionale di questo Comune, è necessario accedere al programma Garanzia Giovani. L accesso al programma è

Dettagli

Scheda progettuale Progetto: Insieme per diffondere la solidarietà

Scheda progettuale Progetto: Insieme per diffondere la solidarietà Scheda progettuale Progetto: Insieme per diffondere la solidarietà Allegato B Soggetto proponente (Capofila) La sottoscritta Agnani Paola nata a Macerata Prov MC il 19/09/1950 residente a Macerata C.A.P.

Dettagli

MODALITA SPERIMENTALI PER L ACCESSO E L EROGAZIONE DEI SERVIZI DI ASSISTENZA DOMICILIARE MEDIANTE VOUCHER SOCIALE

MODALITA SPERIMENTALI PER L ACCESSO E L EROGAZIONE DEI SERVIZI DI ASSISTENZA DOMICILIARE MEDIANTE VOUCHER SOCIALE Piano di zona dei Comuni dell Abbiatense per il sistema integrato di interventi e servizi sociali Legge 328/2000 MODALITA SPERIMENTALI PER L ACCESSO E L EROGAZIONE DEI SERVIZI DI ASSISTENZA DOMICILIARE

Dettagli

NOTA PRELIMINARE DELLO STATO DI PREVISIONE DEL MINISTERO DELLA SOLIDARIETA SOCIALE

NOTA PRELIMINARE DELLO STATO DI PREVISIONE DEL MINISTERO DELLA SOLIDARIETA SOCIALE NOTA PRELIMINARE DELLO STATO DI PREVISIONE DEL MINISTERO DELLA SOLIDARIETA SOCIALE Quadro generale di riferimento Ministero della solidarietà sociale Previsioni di bilancio 2008 - Nota preliminare L insediamento

Dettagli

HOUSING SOCIALE, RIQUALIFICAZIONE URBANA E QUALITÀ DELL ABITARE

HOUSING SOCIALE, RIQUALIFICAZIONE URBANA E QUALITÀ DELL ABITARE HOUSING SOCIALE, RIQUALIFICAZIONE URBANA E QUALITÀ DELL ABITARE a cura degli architetti Roberta Prampolini Daniela Rimondi F/01_FASCICOLO 1_DESCRIZIONE DELLA RICERCA Indice 1. La ricerca 2. Gli obiettivi

Dettagli

CITTA DI QUARRATA. Premessa

CITTA DI QUARRATA. Premessa Bando per l'erogazione di contributi a sostegno di progetti individuali per persone fisiche volti allo sviluppo di attività lavorativa Anno 2013 Premessa Il Comune di Quarrata assume la presente iniziativa

Dettagli

COMPORTAMENTI VIRTUOSI ANTI-CRISI

COMPORTAMENTI VIRTUOSI ANTI-CRISI LAMEZIA TERME 2012-11-17 FQTS sud COMPORTAMENTI VIRTUOSI ANTI-CRISI Tommaso Marino Coordinatore dei Soci della Calabria di Banca Popolare Etica ALCUNE PRECISAZIONI legislative DECRETO LEGISLATIVO 13 agosto

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI ASSISTENZA DOMICILIARE ASSISTENZA DOMICILIARE DISABILI ASSISTENZA EDUCATIVA DISABILI.

CARTA DEI SERVIZI ASSISTENZA DOMICILIARE ASSISTENZA DOMICILIARE DISABILI ASSISTENZA EDUCATIVA DISABILI. L aquilone CARTA DEI SERVIZI ASSISTENZA DOMICILIARE ASSISTENZA DOMICILIARE DISABILI ASSISTENZA EDUCATIVA DISABILI. PREMESSA Con questa Carta dei Servizi le Cooperative del territorio Aquilone, Sottosopra

Dettagli

PRONTUARIO DELLE PRINCIPALI RISORSE DISPONIBILI PER IL SOSTEGNO SOCIO ECONOMICO DELLE FAMIGLIE

PRONTUARIO DELLE PRINCIPALI RISORSE DISPONIBILI PER IL SOSTEGNO SOCIO ECONOMICO DELLE FAMIGLIE PRONTUARIO DELLE PRINCIPALI RISORSE DISPONIBILI PER IL SOSTEGNO SOCIO ECONOMICO DELLE FAMIGLIE Contributi, agevolazioni e servizi rivolti al sostegno dei nuclei familiari e singoli soggetti in difficoltà

Dettagli