CAPITOLO 3 CARATTERISTICHE DELL INFRASTRUTTURA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CAPITOLO 3 CARATTERISTICHE DELL INFRASTRUTTURA"

Transcript

1 CAPITOLO 3 CARATTERISTICHE DELL INFRASTRUTTURA 3.1 INTRODUZIONE (aggiornamento dicembre 2013) Il capitolo descrive le principali caratteristiche delle linee e degli impianti che costituiscono l infrastruttura ferroviaria nazionale, con la finalità di fornire alle imprese ferroviarie tutti gli elementi necessari affinché le stesse siano in grado di pianificare la loro offerta e richiedere le relative tracce orarie e i servizi connessi. I dati fisici degli allegati al Cap. 3 nn.1,2,7 parte a) e 8 parte a) hanno valore di aggiornamento in riferimento all orario 15 dicembre 2013/13 dicembre 2014, hanno valore informativo gli allegati al cap. 3 nn.2bis, 2ter, 2quater e 9 con riferimento all orario 14 dicembre 2014/12 dicembre Informazioni di maggior dettaglio sono oggetto di specifiche pubblicazioni di servizio che saranno fornite alle imprese assegnatarie di tracce orarie e, a richiesta, alle altre imprese. Per eventuali informazioni aggiuntive relative ai contenuti del presente capitolo fare riferimento a: RFI S.p.A. - Direzione Commerciale ed Esercizio Rete ESTENSIONE DELLA RETE Estensione L infrastruttura ferroviaria nazionale è quella che risulta dal D.M, n. 138T del 31 ottobre Ai soli fini del calcolo del pedaggio, coerentemente con il D.M. n.43/t del 21 marzo 2000, l infrastruttura è suddivisa in nodi, rete fondamentale e rete complementare (a sua volta suddivisa in linee della rete secondaria, linee della rete a scarso traffico, linee a spola). Si veda la planimetria 1 per la rappresentazione di quanto sopra Stazioni di collegamento reti estere I rapporti tra Gestori Infrastruttura di reti estere, relativamente alle operazioni del servizio di traffico di confine, sono disciplinati da accordi internazionali stipulati tra gli stessi, la cui normativa è richiamata nei contratti di accesso all infrastruttura sottoscritti con le Imprese Ferroviarie (cfr. appendice 1 bis); Le stazioni di collegamento tra l infrastruttura nazionale e le reti estere sono: - per la frontiera Francese: le stazioni di Ventimiglia e Modane; - per la frontiera Svizzera: le stazioni di Domodossola, Luino e Chiasso; - per la frontiera Austriaca: le stazioni di Brennero, Tarvisio Boscoverde e S.Candido; - per la frontiera Slovena: le stazioni di Villa Opicina e Nova Gorica. Per eventuali contatti con i gestori dell infrastruttura delle reti confinanti con la rete italiana si faccia riferimento a: RFF, gestore della rete ferroviaria francese 92, avenue de France PARIS CEDEX 13 Tel : +33 (0) Fax : +33 (0) Sito web: SBB/BLS Infrastructure, gestore della rete ferroviaria svizzera Hochschulstrasse 6 73

2 3000 Bern 65 Tel: +41 (0) Fax: +41 (0) Österreichische Bundesbahnen Netz, gestore della rete ferroviaria austriaca A-1010 Vienna, Elisabethstrasse 9 Tel: Fax: Slovenske železnice d.d., gestore della rete ferroviaria slovena Kolodvorska ulica 11, SL Ljubljana Tel. (386 1) , (386 1) Fax (386 6) Sito web: Collegamento rete nazionale con le reti regionali I rapporti fra il Gestore dell infrastruttura nazionale ed i Gestori delle infrastrutture regionali a contatto sono regolati da apposite convenzioni da stipularsi ai sensi del D.M. n. 28/T del 5 agosto Descrizione della rete Quanto segue è riferito alla cartografia e alle tabelle in allegato Dati geografici Le informazioni relative alle linee facenti parte della infrastruttura ferroviaria nazionale riguardanti: Numero di binari; Distanza tra le stazioni. sono deducibili dall Allegato 1 (Caratteristiche delle linee) e dalla Planimetria 1. Lo scartamento delle linee della infrastruttura ferroviaria nazionale è di 1435 mm. Il nome e la posizione geografica delle stazioni di confine sono deducibili dalla Planimetria Caratteristiche della linea (aggiornamento dicembre 2013) La caratteristica delle linee in relazione al trasporto combinato è deducibile dall Allegato 1 e dalla Planimetria 3. La codifica delle linee stesse è riportata nelle Pubblicazioni di Servizio. Nel caso di trasporti eccedenti sagoma (TES) occorre fare riferimento a quanto detto nel paragrafo 2.6. La classifica delle linee rispetto alla massa assiale è deducibile dall Allegato 1 e dalla Planimetria 4. Viene evidenziata inoltre la presenza di eventuali limitazioni particolari in caso di carichi superiori al limite di carico ammesso; queste ultime sono rilevabili dalla Prefazione Generale all Orario di Servizio (di seguito P.G.O.S.) ed in fase di programmazione saranno comunicate a richiesta alle IF interessate. I valori corrispondenti alle classifiche indicate in planimetria sono: 74

3 Classifica (categoria) Massa per asse Massa per metro corrente D4 22,5 t 8,0 t/m C3 20,0 t 7,2 t/m B2 18,0 t 6,4 t/m A 16,0 t 5,0 t/m Nel caso di trasporti eccedenti tali limiti di peso fare riferimento a quanto detto nel paragrafo 2.6. Nell Allegato 1 sono altresì presenti: La pendenza massima della linea, espressa in per mille, distintamente nei due sensi di marcia della tratta; Le velocità di fiancata (di linea), nei suoi valori minimo e massimo per ciascun rango di velocità ammesso nella tratta; i ranghi di velocità ed i relativi treni ammessi sono riportati nei Fascicoli Linea/Fascicoli Orario; Il sistema di alimentazione ove è: a) TE a corrente continua a 3000 V sulle linee convenzionali (vedi Planimetria 2), b) TE a corrente alternata V sulle linee AV/AC (vedi Planimetria 2); c) TD è linea non elettrificata (Trazione Diesel) (vedi Planimetria 2); Il modulo della linea che rappresenta la lunghezza massima utilizzabile dai treni, viaggiatori e merci, che la possono percorrere (locomotiva/e più materiale rimorchiato) Sistemi di sicurezza e sistemi di comunicazione La presenza o meno dell attrezzaggio tecnologico che permette la ripetizione dei segnali verso il mezzo di trazione è deducibile dall Allegato 1 e dalla Planimetria 9. Il regime di circolazione in uso sulle linee della infrastruttura ferroviaria nazionale è deducibile dall Allegato 1 e dalla Planimetria 6. BAB è da intendersi con Blocco Automatico Banalizzato, BA con Blocco Automatico, BCA con Blocco Conta Assi, BEM con Blocco Elettrico Manuale, ERTMS con European Rail Traffic Management System. Il sistema di comunicazione terra-treno denominato GSM-Railway è attivo dal 25 ottobre Da tale data il Gestore dell infrastruttura ferroviaria nazionale prende in carico direttamente i servizi di comunicazione mobile a supporto dell esercizio ferroviario, tra i quali le chiamate di emergenza, di gruppo nonché la gestione di chiamate prioritarie. L attivazione di tali funzionalità, legate alla disponibilità della copertura radio della rete GSM-R sulle singole tratte, sarà comunicata nei modi d uso e resa disponibile tempestivamente sul sito di RFI - Direzione Tecnica - GSM-R. Nella Planimetria 15 viene presentata l estensione della copertura del sistema GSM-R di RFI nelle tre fasi di attivazione ad oggi previste. Il sistema di esercizio delle linee della infrastruttura ferroviaria italiana è deducibile dall Allegato 1 e dalla Planimetria 7. Con la simbologia utilizzata DC è da intendersi con Dirigente Centrale, CTC con Controllo Centralizzato del Traffico in cui opera il Dirigente Centrale Operativo, SCC con Sistema Comando Controllo, DL con Dirigenza locale, DU con Dirigente Unico; ove sia indicato Altri si rinvia alle pubblicazioni di servizio relative alla linea. L attrezzaggio delle linee della infrastruttura ferroviaria nazionale con il Sistema di Controllo Marcia Treno (SCMT) è deducibile dalla Planimetria 8. Per le caratteristiche e funzionalità del sistema si rinvia alle disposizioni regolamentari disponibili su 3.4 RESTRIZIONI DI TRAFFICO Linee dedicate Le linee adattate o specializzate per servizi AV viaggiatori vengono indicate in Allegato 5; le linee adattate o specializzate per servizi merci vengono indicate in Allegato 6. In essi è anche specificato se l adattamento/specializzazione sia da intendersi totale o parziale, in questo ultimo caso vengono evidenziati i periodi (ipotesi di parzialità nel tempo) e gli altri servizi ammessi (ipotesi di parzialità nella utilizzazione). 75

4 Infrastruttura a capacità limitata (aggiornamento dicembre 2013) Ai sensi della definizione di cui al paragrafo 1.10 si indicano di seguito le sezioni di infrastruttura ferroviaria a capacità limitata: fino a che tali sezioni di infrastruttura non saranno dichiarate sature, il GI opera affinché siano soddisfatte, per quanto possibile, tutte le richieste di tracce orarie, attivando se del caso il processo di coordinamento di cui al paragrafo Carico per fasce orarie Tratte a capacità limitata Treni/giorno Venezia Firenze Mestre-S.Lucia (PV) Bivio Mirabello- MI PG Seregno-Greco Greco-Lambrate Lambrate-Q. Turro (VE) Gallarate-Rho Statuto-Campo Marte- Rovezzano VENEZIA S.LUCIA- VENEZIA MESTRE (Ponte Vecchio) VENEZIA MESTRE- 276 VENEZIA S.LUCIA (Ponte Vecchio) BIVIO/PC MIRABELLO- MILANO PORTA GARIBALDI MILANO PORTA 319 GARIBALDI-BIVIO/PC MIRABELLO SEREGNO-DESIO DESIO-SEREGNO DESIO-MILANO GRECO PIRELLI (via Chiasso) 215 MILANO GRECO PIRELLI DESIO (via Chiasso) MILANO GRECO PIRELLI QUADRIVIO/PC TURRO 213 QUADRIVIO/PC TURRO MILANO GRECO PIRELLI QUADRIVIO/PC TURRO- MILANO LAMBRATE (Merci) MILANO LAMBRATE- 226 QUADRIVIO/PC TURRO (Merci) QUADRIVIO/PC TURRO MILANO LAMBRATE (VE) MILANO LAMBRATE- QUADRIVIO/PC TURRO (VE) GALLARATE-RHO RHO-GALLARATE DEV. ESTR. FIRENZE STATUTO-FIRENZE CAMPO MARTE FIRENZE CAMPO MARTE- 271 DEV. ESTR. FIRENZE STATUTO FIRENZE CAMPO MARTE PM ROVEZZANO 236 PM ROVEZZANO-FIRENZE CAMPO MARTE 76

5 Roma Roma Ciampino- Casilina CIAMPINO-ROMA CASILINA 225 ROMA CASILINA CIAMPINO ROMA TIBURTINA-DEV. ESTR. ROMA TUSCOLANA DEV. ESTR. ROMA 215 TUSCOLANA-ROMA TIBURTINA MILANO ROGOREDO PAVIA 230 PAVIAMILANO ROGOREDO ROVATO-BIVIO MELLA BIVIO MELLA-ROVATO BOLZANO-DEV. ESTR BOLZANO 252 DEV. ESTR. BOLZANO BOLZANO PM ROVEZZANO-DEV. ESTR. DD PM ROVEZZANO DEV. ESTR. DD PM 211 ROVEZZANO-PM ROVEZZANO DEV. ESTR. DD PM ROVEZZANO-1^BIVIO VALDARNO NORD 1^BIVIO VALDARNO 228 NORD-DEV. ESTR. DD PM ROVEZZANO 1^BIVIO ORTE SUD-ROMA TIBURTINA 258 ROMA TIBURTINA-1^BIVIO ORTE SUD Tiburtina- Tuscolana Rogoredo-Pavia Brescia-Treviglio Bolzano Rovezzano-Valdarno Nord (via DD) Orte-Settebagni-Roma Tiburtina (via DD) Ai fini della dichiarazione di infrastruttura a capacità limitata delle sezioni sopra indicate, si è fatto riferimento - prendendo in considerazione il traffico di una giornata di circolazione tipo- ad un volume di traffico giornaliero 200 treni/g nei due sensi di marcia, considerato come rappresentativo in media di un utilizzo della capacità prossimo alla saturazione, e determinato tenendo conto di livelli medi di eterotachia. Sono state prese in considerazione per l analisi solo linee a doppio binario e con blocco automatico. In aggiunta alle sezioni sopra indicate, devono considerarsi a capacità limitata, in quanto caratterizzate da un elevato numero di interferenze, anche - le stazioni principali del nodo di e del nodo di Roma. A valle del processo di allocazione della capacità, l elenco delle tratte /impianti dichiarati a capacità limitata sarà aggiornato dandone comunicazione alle IF (pubblicazione sul sito di RFI) Restrizioni ambientali Per memoria Merci pericolose (aggiornamento dicembre 2013) Gli impianti idonei alle operazioni di terminalizzazione di merci pericolose sono individuati nell allegato 2 quater. Per il trasporto di merci pericolose valgono le prescrizioni del Regolamento concernente il trasporto Internazionale Ferroviario delle merci pericolose (RID) e quanto detto nei paragrafi 2.6 e

6 3.4.4 Restrizioni in galleria Per quanto riguarda le restrizioni di traffico in galleria si veda il paragrafo relativamente alle caratteristiche della linea per il trasporto combinato Restrizioni sui ponti Per quanto riguarda le restrizioni di traffico sui ponti della infrastruttura ferroviaria italiana si faccia riferimento alle tabelle 49ter, 50, 51 e 53 della P.G.O.S Altre restrizioni Di seguito vengono indicate le caratteristiche di quei mezzi di trazione ai quali, per gli effetti negativi indotti sulla capacità infrastrutturale a causa delle ridotte prestazioni in termini di velocità e potenza continuativa oraria, viene esclusa la circolazione sulle tratte stesse. Eventuali deroghe alla circolazione dei mezzi in questione verranno valutate di volta in volta su tratte parziali, oltre che in caso di provvedimenti specifici di deviazioni di flussi di traffico per interruzioni di linea. Velocità massima 110 km/h [] Rogoredo - Lavino [Bologna] Potenza continuativa oraria 2 Mw Velocità massima 110 km/h Modane / Modane FX - Alpignano [Torino] Potenza continuativa oraria 2 Mw Velocità massima 110 km/h Brennero-Verona Potenza continuativa oraria 2 Mw [Bologna] Bologna S. Ruffillo - Firenze Castello [Firenze] Velocità massima 110 km/h Potenza continuativa oraria 2 Mw nota: i mezzi interessati sono quelli che hanno entrambe le caratteristiche 3.5 ORARIO DI ESERCIZIO (aggiornamento dicembre 2013) Il periodo di abilitazione delle linee è di regola come da tabella seguente: Periodo apertura linee Linee AV/AC 24h Per l'elenco cfr. DM 43T e DM-T 18/8/06 Linee fondamentali 24h Per l'elenco cfr. DM 43T e DM-T 18/8/06 Linee nei nodi 24h Per l'elenco cfr. DM 43T e DM-T 18/8/06 Linee Complementari Tipo "A" 24h Per l'elenco cfr. allegato n 9 Linee Complementari Tipo "B" 17h46' Per l'elenco cfr. allegato n 9 Linee Complementari Tipo "C" 15h46' Per l'elenco cfr. allegato n 9 Linee Complementari Tipo "D" 14h24' Per l'elenco cfr. allegato n 9 78

7 Il presenziamento delle linee complementari tipo "B", "C" e "D" all'interno del periodo di apertura previsto nella tabella su riportata, non comporta oneri aggiuntivi. Il presenziamento può essere esteso, oltre le soglie di apertura previste, su richiesta dell IF e, in ogni caso, previa verifica della disponibilità di personale. Tale richiesta deve essere formalizzata all'atto della presentazione della richiesta di tracce e comunque almeno 30 giorni prima rispetto alla data di avvio del servizio per il quale è richiesta l'estensione del presenziamento. Qualora la richiesta venga soddisfatta, l IF interessata dovrà corrispondere l'onere economico corrispondente al costo dell'ampliamento (Cap ). L elenco completo delle linee classificate complementari e la loro natura con riferimento al periodo di apertura per l orario 2014/2015 è deducibile dall Allegato 9. Il periodo di abilitazione degli impianti è deducibile dall allegato 2. Per quanto riguarda le stazioni di testa di Torino P.N., C.le, Venezia S.L., Trieste C.le, Firenze S.M.N., Roma T.ni, Napoli C.le, Palermo C.le, Cagliari, il servizio commerciale è sospeso nel periodo notturno per almeno 3 ore, al fine di garantire le attività di manutenzione e pulizia. Eventuali richieste e conseguenti assegnazioni di tracce al di fuori dei suindicati periodi comporta per l IF l onere economico corrispondente al costo dell ampliamento del periodo (cap ). Le ore effettive di inizio e termine del periodo di abilitazione delle linee e degli impianti sono deducibili, per l orario 2013/2014, dalla normativa d esercizio vigente (Fascicoli Linee). Per le stazioni in regime di Telecomando/D.U., le ore indicate si riferiscono all orario di abilitazione del posto centrale con D.C.O./D.U. Nelle stazioni rette da Dirigente Movimento (D.M.), sulle linee esercitate a Dirigenza Locale (D.L.), durante il periodo di disabilitazione non è possibile effettuare operazioni di manovra, incroci e precedenze. 3.6 STAZIONI PASSEGGERI ED IMPIANTI MERCI (aggiornamento dicembre 2013) Le informazioni relative alle stazioni passeggeri ed agli impianti merci facenti parte della infrastruttura ferroviaria italiana riguardanti: Nome; Posizione geografica sono deducibili dall Allegato 2 (Caratteristiche impianti per linea) e dalla Planimetria 1. L Allegato 2 fornisce inoltre informazioni relative a: la tipologia dell impianto, indicando con S le stazioni (località ove sono possibili incroci, precedenze), con F le fermate; con PC Posto di Comunicazione e con PM Posto di Movimento. Le località indicate con (t) sono quelle gestite in regime di Telecomando/Dirigenza Unica (D.U.), con (P) quelle dotate di P luminosa, con (D) quelle dotate di D luminosa e con (A) quelle dotate di A luminosa. la disponibilità di infrastrutture atte a effettuare servizio per passeggeri o per merci. La lunghezza minima e massima dei marciapiedi (in presenza di un solo marciapiedi è esposto un solo valore) per il servizio viaggiatori, espressa in metri, con la quale deve essere compatibile la lunghezza dei treni che effettuano fermata, nonché l indicazione dei marciapiedi per servizio passeggeri aventi altezza pari a 55 cm.. Per eventuali ulteriori informazioni richieste dalle IF circa le caratteristiche tecniche delle infrastrutture di stazione e degli impinti di competenza di GI, lo stesso fornirà risposta, entro 15 giorni.i la presenza o meno di sottopasso per l accessibilità ai binari di stazione; L accessibilità per i portatori di handicap se prevista, è indicata con apposite note. Per quanto riguarda le stazioni passeggeri origine e destino l allegato 2bis e 2ter forniscono informazioni circa: numero di binari di circolazione origine/destino per lo svolgimento delle operazioni tecnico-commerciali e relativi limiti temporali di utilizzo; numero di binari dedicati al servizio di sosta lunga/ricovero nonché di deposito e limiti temporali di utilizzo; dettaglio sulle regole di utilizzo delle principali stazioni (all.2ter). Per quanto riguarda gli impianti merci l allegato 2quater fornisce indicazioni sui servizi offerti alle IF e sulla possibilità di utilizzo degli impianti ai fini del trasporto di merci pericolose. 79

8 3.7 STRUTTURE ATTE A SERVIZI Traghettamento Questa sezione del documento fornisce le informazioni sul servizio di traghettamento di carri merci e carrozze viaggiatori sulla rotta Messina-Villa S.Giovanni, servizio che garantisce la continuità delle tracce fra la Sicilia e l Italia continentale. La capacità di traghettamento è di: metri lineari di binario (per ciascuna corsa) tonnellate. Il tempo necessario per le operazioni di imbarco (intervallo fra l arrivo della traccia oraria alla stazione di riferimento e la partenza della nave traghetto) e sbarco (intervallo fra l arrivo della nave traghetto e la partenza della traccia oraria dalla stazione di riferimento) è orientativamente il seguente: Impianto Imbarco Sbarco Villa S.Giovanni - Viaggiatori Merci 50 Messina - Viaggiatori Merci 50 - Viaggiatori Merci 50 - Viaggiatori Merci 50 I tempi di cui sopra possono essere aumentati qualora, oltre alla manovra di imbarco o sbarco, debbano essere effettuate manovre di composizione o scomposizione con veicoli non interessati alla traversata marittima. La richiesta di tracce orarie che collegano Sicilia e Continente si intendono comprensive del servizio di traghettamento. Il servizio di traghettamento sulla rotta Civitavecchia-Golfo Aranci, che assicura la traversata del Tirreno ai carri merci nel collegamento fra Sardegna e Italia continentale, non interessa treni completi. Le informazioni sulle relative prestazioni, non indicate nel presente documento, potranno essere richieste direttamente al settore Navigazione: RFI S.p.A. Direzione Produzione Produzione Navigazione Via Calabria, Messina Tel: Rifornimento Carburante Le stazioni ove è possibile il rifornimento del carburante sono indicate nell allegato 2. Terminalizzazione La funzione caratteristica di impianto atto alla movimentazione e trasferimento delle merci tra diverse modalità di trasporto è indicata nell Allegato 2. Platea di lavaggio e fosse di visita Gli impianti dotati di platee per il lavaggio dei treni e di fosse di visita sono indicati nell Allegato 2. Servizio auto al seguito Gli impianti dotati di attrezzaggio per il carico/scarico di auto (servizio auto al seguito) sono indicati nell Allegato 2. Rifornimento idrico e Preriscaldamento/Climatizzazione Gli impianti dotati di attezzaggio per rifornimento idrico, per il preriscaldamento e/o climatizzazione sono indicati nell Allegato 2. 80

9 3.8 SVILUPPO DELL INFRASTRUTTURA (aggiornamento dicembre 2013) In questa sezione sono indicati gli interventi che durante la validità del presente documento, produrranno un aumento di capacità dell infrastruttura (nuove opere disponibili per il traffico - allegato 7) o una riduzione di capacità di infrastruttura (allegato 8, contenente tutti gli interventi sull infrastruttura che GI si impegna a comunicare alle IF secondo quanto previsto al paragrafo 2.4.2). Nel caso in cui l intervento comporti un aumento di capacità GI provvederà a richiedere preventivamente all ANSF se detto intervento determini la necessità dell acquisizione del relativo Certificato di Sicurezza e, conseguentemente, ad informare le IF interessate. Gli interventi riportati nelle tabelle di cui ai summenzionati allegati sono distinti per giurisdizione di esercizio e per linea/tratta interessata, con l indicazione della data di attivazione dell intervento per le opere di potenziamento dell infrastruttura e della data/periodo di indisponibilità nel caso di riduzione di capacità. GI, con cadenza almeno annuale, convocherà, d intesa con il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Dipartimento per le Infrastrutture, gli Affari Generali ed il Personale Direzione Generale per le Infrastrutture Ferroviarie e l Interoperabilità Ferroviaria, un tavolo tecnico di ascolto e di raccolta delle richieste di miglioramenti, efficientamento e sviluppo dell infrastruttura con tutte le IF operanti in Italia, al fine di verificarne, in maniera autonoma e d intesa con la D.G. del MIT, l eventuale inserimento in CdP. Le eventuali proposte avanzate nell ambito del suddetto tavolo tecnico dovranno essere supportate da una analisi documentale sugli effettivi vantaggi dell intervento, sulla sua economicità (costi/benefici) e sul miglioramento qualitativo dell infrastruttura interessata. 3.9 UTILIZZAZIONE DELLA RETE Questa sezione del documento fornisce informazioni utili per la pianificazione dei servizi di trasporto (itinerari e impiego delle risorse tecniche di produzione), nonché, contemporaneamente, come riferimento per alcuni aspetti relativi alle condizioni di accesso all infrastruttura. In particolare vengono fornite le informazioni di base sulla densità di traffico avente riflesso sui canoni di accesso (tratte ad alta, media e bassa densità di traffico distintamente per periodi significativi della giornata). In particolare le planimetrie 10, 11 e 12, ciascuna delle quali relativa ad uno dei periodi significativi della giornata, suddividono la infrastruttura fondamentale in tratte a densità di traffico alta, media e bassa, riprendendo il corrispondente allegato tecnico del D.M. 18 agosto Ai fini della determinazione del canone di accesso all infrastruttura viene fornita la planimetria 13 indicante le velocità di riferimento, in ognuna delle tre fasce orarie, delle linee fondamentali della infrastruttura ferroviaria nazionale UTILIZZAZIONE DELLE LINEE AV/AC Questa parte del documento fornisce alcune prime indicazioni necessarie alla pianificazione dei servizi di trasporto sulle linee della rete AV/AC. A tale riguardo, premesso che le nuove linee AV/AC sono caratterizzate da: velocità standard di linea 300 km/h sistema di sicurezza ERTM-S livello 2 energia di trazione V corrente alternata. Al fine di non pregiudicare la piena utilizzazione delle prestazioni in qualità e quantità consentite dalle particolari caratteristiche delle linee AV/AC, nel periodo diurno caratteristico delle circolazioni AV, di massima dalle ore 6 alle ore 22, saranno ammesse solamente velocità di almeno 250 km/h. Velocità inferiori potranno essere ammesse solo per tratte di estensione limitate, indicate nell allegato 5. 81

CAPITOLO 3 CARATTERISTICHE DELL INFRASTRUTTURA

CAPITOLO 3 CARATTERISTICHE DELL INFRASTRUTTURA CAPITOLO 3 CARATTERISTICHE DELL INFRASTRUTTURA 3.1 INTRODUZIONE (aggiornamento dicembre 2012) Il capitolo descrive le principali caratteristiche delle linee e degli impianti che costituiscono l infrastruttura

Dettagli

CAPITOLO 3 CARATTERISTICHE DELL INFRASTRUTTURA

CAPITOLO 3 CARATTERISTICHE DELL INFRASTRUTTURA CAPITOLO 3 CARATTERISTICHE DELL INFRASTRUTTURA 3.1 INTRODUZIONE (aggiornamento dicembre 2009) Il capitolo descrive le principali caratteristiche delle linee e degli impianti che costituiscono l infrastruttura

Dettagli

CAPITOLO 5 SERVIZI. 5.1 STRUTTURA LEGALE vedi capitolo 1 5.2 CLASSIFICAZIONE DEI SERVIZI

CAPITOLO 5 SERVIZI. 5.1 STRUTTURA LEGALE vedi capitolo 1 5.2 CLASSIFICAZIONE DEI SERVIZI CAPITOLO 5 SERVIZI 5.1 STRUTTURA LEGALE vedi capitolo 1 5.2 CLASSIFICAZIONE DEI SERVIZI 5.2.1 PACCHETTO MINIMO DI ACCESSO Trattamento delle richieste di capacità di infrastruttura ai fini della conclusione

Dettagli

Legnano, 5 maggio 2009. FIERA - MALPENSA: Andata / Ritorno

Legnano, 5 maggio 2009. FIERA - MALPENSA: Andata / Ritorno Legnano, 5 maggio 2009 FIERA - MALPENSA: Andata / Ritorno 1 Progetti Prioritari rete TEN e corridoi paneuropei 2 Progetto Prioritario 6 (TEN.T) e del Corridoio Paneuropeo V Connessione con il sistema dei

Dettagli

La linea Firenze-Empoli-Pisa

La linea Firenze-Empoli-Pisa La linea Firenze-Empoli-Pisa La variante Signa-Montelupo La variante Signa-Montelupo La realizzazione della variante Signa-Montelupo sulla linea Firenze-Empoli-Pisa consentirà il potenziamento del servizio

Dettagli

Evoluzione del sistema ferroviario. Marsiglia, 29 marzo 2005

Evoluzione del sistema ferroviario. Marsiglia, 29 marzo 2005 Evoluzione del sistema ferroviario Marsiglia, 29 marzo 2005 Progetti Prioritari della rete TEN e corridoi Paneuropei interessanti l Italia Tratti italiani del Progetto Prioritario 6 (TEN) e del Corridoio

Dettagli

6.2 SISTEMA DI PEDAGGIO

6.2 SISTEMA DI PEDAGGIO CAPITOLO 6 TARIFFE 6.1 QUADRO GIURIDICO (vedi capitolo 1) 6.2 SISTEMA DI PEDAGGIO 6.2.1 Pacchetto minimo di accesso A fronte della corresponsione del canone di utilizzo di cui al D.Lgs. n. 188/2003 saranno

Dettagli

L OFFERTA NEL LAZIO LO SCENARIO EVOLUTIVO. Roma li, 2 ottobre 2014

L OFFERTA NEL LAZIO LO SCENARIO EVOLUTIVO. Roma li, 2 ottobre 2014 L OFFERTA NEL LAZIO LO SCENARIO EVOLUTIVO Roma li, 2 ottobre 2014 L affluenza sui treni MONTEROTONDO LADISPOLI COLLEFERRO CAMPOLEONE APRILIA Un network stazioni ad elevata qualità: progetto 500 stazioni

Dettagli

Le infrastrutture ferroviarie del Nord Est

Le infrastrutture ferroviarie del Nord Est Le infrastrutture ferroviarie del Nord Est Grazie agli interventi di potenziamento infrastrutturale e di ammodernamento tecnologico delle linee ferroviarie del Nord Est portati a termine negli ultimi anni

Dettagli

Incrementi prestazionali della rete AV/AC conseguibili con ETR 1000

Incrementi prestazionali della rete AV/AC conseguibili con ETR 1000 Incrementi prestazionali della rete AV/AC conseguibili con ETR 1000 Caratteristiche della rete AV/AC italiana La rete ferroviaria AV/AC in Italia presenta un assetto e una conformazione ( curve minime

Dettagli

Rete Ferroviaria Italiana Gianpiero Strisciuglio, Direttore Commerciale ed Esercizio Rete

Rete Ferroviaria Italiana Gianpiero Strisciuglio, Direttore Commerciale ed Esercizio Rete Rete Ferroviaria Italiana Gianpiero Strisciuglio, Direttore Commerciale ed Esercizio Rete 1 Overview Brescia e l Europa: i corridoi della Rete TEN-T Nodo di Brescia: infrastruttura e servizi Il Piano TPL

Dettagli

TECNICA DELLA CIRCOLAZIONE

TECNICA DELLA CIRCOLAZIONE 1 INFRASTRUTTURE FERROVIARIE TECNICA DELLA CIRCOLAZIONE A.A. 2008-09 2 DISTANZIAMENTO DEI TRENI Criteri di sicurezza La tecnica della marcia guida vincolata si basa sul vincolo, imposto dalla via per la

Dettagli

Prospetto Informativo della Rete

Prospetto Informativo della Rete Prospetto Informativo della Rete Aggiornamento edizione dicembre 2011 1^bozza LEGENDA TESTO ROSSO: testo nuovo rispetto al PIR vigente; TESTO NERO BARRATO: testo eliminato rispetto al PIR vigente; 2 ELENCO

Dettagli

WORKSHOP. Lo stato della programmazione delle infrastrutture portuali e ferroviarie. «Parte II» Antonino Vitetta

WORKSHOP. Lo stato della programmazione delle infrastrutture portuali e ferroviarie. «Parte II» Antonino Vitetta WORKSHOP ROMA TRENTUNOMARZODUEMILAQUINDICI ANNO ACCADEMICO DUEMILAQUATTORIDCII/DUEMILAQUINDICI Lo stato della programmazione delle infrastrutture portuali e ferroviarie «Parte II» Antonino Vitetta Obiettivi

Dettagli

al verbale di incontro del 11.12.2007 Progetto scissione RFI /TRENITALIA

al verbale di incontro del 11.12.2007 Progetto scissione RFI /TRENITALIA Allegato A al verbale di incontro del 11.12.2007 Progetto scissione manovra Motivi del trasferimento Con il tasfeimento trasferimento, il Gruppo Ferrovie dello Stato si allinea alle altre principali reti

Dettagli

Quando eccezionalmente i treni percorrono il binario di sinistra si dice che essi viaggiano su binario

Quando eccezionalmente i treni percorrono il binario di sinistra si dice che essi viaggiano su binario Metropolitana di Genova Regolamento di Esercizio la conoscenza Per Parte Dall art. necessità 2a del l esecutore 1 semplificativa Regolamento Termini sulla e definizioni ESTRATTO viene parte d Esercizio

Dettagli

ADEGUAMENTO AV/AC DELLA LINEA DD FIRENZE - ROMA

ADEGUAMENTO AV/AC DELLA LINEA DD FIRENZE - ROMA Sezione Emilia Romagna ADEGUAMENTO AV/AC DELLA LINEA DD FIRENZE - ROMA Bologna, 16 Ottobre 2014 Premessa e obiettivi Studio di Fattibilità Piano di adeguamento a standard AV/AC OBIETTIVI Miglioramento

Dettagli

UNIVERSITA MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA CIVILE CORSO DI INFRASTRUTTURE FERROVIARIE LECTURE 07 - LE STAZIONI

UNIVERSITA MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA CIVILE CORSO DI INFRASTRUTTURE FERROVIARIE LECTURE 07 - LE STAZIONI UNIVERSITA MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA CIVILE CORSO DI INFRASTRUTTURE FERROVIARIE LECTURE 07 - LE STAZIONI Docente: Ing. Marinella Giunta DEFINIZIONI Vengono definite

Dettagli

Allegato 6 bis Regole di utilizzo dei principali impianti viaggiatori

Allegato 6 bis Regole di utilizzo dei principali impianti viaggiatori Allegato 6 bis Regole di utilizzo dei principali impianti viaggiatori PIR 2015 - Agg. Giugno 2014 Scheda n. 1 - Stazione di Alessandria Caratteristiche della stazione Altre condizioni Binari di sosta lunga

Dettagli

IL SISTEMA INFRASTRUTTURALE E LOGISTICO VENETO. Criticità e potenzialità per una maggiore competitività delle imprese e del territorio

IL SISTEMA INFRASTRUTTURALE E LOGISTICO VENETO. Criticità e potenzialità per una maggiore competitività delle imprese e del territorio IL SISTEMA INFRASTRUTTURALE E LOGISTICO VENETO Criticità e potenzialità per una maggiore competitività delle imprese e del territorio Verona, 28 Febbraio 2011 Sommario La dotazione infrastrutturale attuale:

Dettagli

TRASPORTI FERROVIARI PARTE B

TRASPORTI FERROVIARI PARTE B Università di Pisa - Polo della Logistica di Livorno Corso di Laurea in Economia e Legislazione dei Sistemi Logistici Anno Accademico: 2010/11 CORSO DI TECNICA DEI TRASPORTI FERROVIARI, MARITTIMI E AEREI

Dettagli

Linea di accesso sud alla galleria di base del Brennero I progetti di potenziamento RFI per lo sviluppo del traffico merci

Linea di accesso sud alla galleria di base del Brennero I progetti di potenziamento RFI per lo sviluppo del traffico merci Linea di accesso sud alla galleria di base del Brennero I progetti di potenziamento RFI per lo sviluppo del traffico merci Marzo 2015 Il contesto europeo: i Core Corridors che interessano l Italia Corridoio

Dettagli

LA REALTÀ DEL BRENNERO

LA REALTÀ DEL BRENNERO LA REALTÀ DEL Il principale valico del trasporto merci in Italia è oggetto di un deciso potenziamento, al termine dei quale presenterà soprattutto un innalzamento della sagoma-limite, permettendo all autostrada

Dettagli

Nei giorni sottoindicati, per lavori potenziamento infrastrutturale fra le stazioni di Orte e Roma, i seguenti treni subiranno variazioni.

Nei giorni sottoindicati, per lavori potenziamento infrastrutturale fra le stazioni di Orte e Roma, i seguenti treni subiranno variazioni. LINEE: MILANO - ROMA - NAPOLI; TORINO - ROMA - NAPOLI; ROMA - VENEZIA - UDINE; ROMA - VERONA - BOLZANO; ROMA - - RAVENNA; ROMA - FIRENZE; ROMA - FOLIGNO - PERUGIA; ROMA - BRESCIA; ROMA - VIENNA; FIUMICINO

Dettagli

L Scc della Rete Sarda

L Scc della Rete Sarda L Scc della Rete Sarda L Scc della Rete Sarda IL SISTEMA DI COMANDO E CONTROLLO La sigla Scc, Sistema di Comando e Controllo, indica il più avanzato sistema di gestione integrata della circolazione in

Dettagli

ALTA VELOCITA / ALTA CAPACITA

ALTA VELOCITA / ALTA CAPACITA ALTA VELOCITA / ALTA CAPACITA Ponte strallato sul Po (tratta AV/AC Milano-Bologna) PRESENTAZIONE 29.11.2010 RETE ALTA VELOCITA / ALTA CAPACITA Con treno ad Alta Velocità si intende un convoglio per il

Dettagli

Corso di Progettazione di Sistemi ed Infrastrutture di Trasporto

Corso di Progettazione di Sistemi ed Infrastrutture di Trasporto Corso di Progettazione di Sistemi ed Infrastrutture di Trasporto Il Tracciato Appunti a cura di Sergio d Elia Demetrio Festa Giuseppe Guido BOZZA Testi di riferimento Lucio Mayer, Impianti ferroviari,

Dettagli

Elenco treni ammessi alla conciliazione per viaggi effettuati dal 12 dic 2010 all'11 giu 2011

Elenco treni ammessi alla conciliazione per viaggi effettuati dal 12 dic 2010 all'11 giu 2011 EC 12 MILANO CENTRALE 7.10 CHIASSO 7.49 EC 13 CHIASSO 10.11 MILANO CENTRALE 10.50 EC 14 MILANO CENTRALE 9.10 CHIASSO 9.49 EC 15 CHIASSO 12.11 MILANO CENTRALE 12.50 EC 16 MILANO CENTRALE 11.10 CHIASSO 11.49

Dettagli

I Trasporti multi-modali, ostacoli e opportunità

I Trasporti multi-modali, ostacoli e opportunità Intermodal Connections in the Adriatic Ionian Macro Region I Trasporti multi-modali, ostacoli e opportunità Roberto Laghezza Direttore Direttrice Adriatica Ancona, 02 Luglio 2015 La Rete TEN-T che attraversa

Dettagli

I principali aeroporti nazionali ed il collegamento alla rete ferroviaria. Febbraio 2015

I principali aeroporti nazionali ed il collegamento alla rete ferroviaria. Febbraio 2015 I principali aeroporti nazionali ed il collegamento alla rete ferroviaria Febbraio 2015 Traffico passeggeri dei principali Aeroporti nazionali - 2014 Aeroporto Nazionali Internazionali di cui C. Europea

Dettagli

Prospetto Informativo della Rete

Prospetto Informativo della Rete Prospetto Informativo della Rete Prima Bozza PIR 2017 PIR 2017 LEGENDA: Testo rosso: Testo rosso barrato: Testo blu: testo nuovo rispetto al PIR vigente testo eliminato rispetto al PIR vigente rinumerazione

Dettagli

Omologazione Alta Velocità

Omologazione Alta Velocità Omologazione Alta Velocità Omologazione del treno ETR 500 PLT Verifica delle condizioni di progetto della sovrastruttura binario per l esercizio a 300 km/h nelle nuove linee AV/AC I risultati I Record

Dettagli

Ministero dei Trasporti. Direttive e calendario per le limitazioni alla circolazione stradale fuori dai centri abitati per l anno 2008

Ministero dei Trasporti. Direttive e calendario per le limitazioni alla circolazione stradale fuori dai centri abitati per l anno 2008 Ministero dei Trasporti Direttive e calendario per le limitazioni alla circolazione stradale fuori dai centri abitati per l anno 2008 IL MINISTRO DEI TRASPORTI VISTO l art. 6, comma 1, del nuovo codice

Dettagli

corso di Tecnica ed Economia dei Trasporti a.a. 2004-2005 LE STAZIONI FERROVIARIE Umberto Crisalli crisalli@ing.uniroma2.it

corso di Tecnica ed Economia dei Trasporti a.a. 2004-2005 LE STAZIONI FERROVIARIE Umberto Crisalli crisalli@ing.uniroma2.it corso di Tecnica ed Economia dei Trasporti a.a. 2004-2005 LE STAZIONI FERROVIARIE Umberto Crisalli crisalli@ing.uniroma2.it INTRODUZIONE Definizioni Si definisce stazione ogni complesso organico di impianti

Dettagli

Circolazione ed Impianti di Sicurezza e Segnalamento

Circolazione ed Impianti di Sicurezza e Segnalamento Circolazione ed Impianti di Sicurezza e Segnalamento Principali concetti relativi a: Segnali luminosi; Stazione; Treno; linea a semplice binario, incrocio; linea a doppio binario, precedenza, binario legale

Dettagli

Ancona, 11/03/2010 PORTO DI ANCONA. Evoluzione del traffico ferroviario. Potenziamento linea adriatica

Ancona, 11/03/2010 PORTO DI ANCONA. Evoluzione del traffico ferroviario. Potenziamento linea adriatica Ancona, 11/03/2010 PORTO DI ANCONA Evoluzione del traffico ferroviario Potenziamento linea adriatica Corridoi transeuropei 2 La strategia merci di RFI Concentrazione del reticolo degli scali serviti e

Dettagli

Progetto tratta AV Treviglio-Brescia e nodo di Brescia

Progetto tratta AV Treviglio-Brescia e nodo di Brescia Progetto tratta AV Treviglio-Brescia e nodo di Brescia Michele Mario Elia - Amministratore Delegato di RFI Brescia, 23 aprile 2014 Tratta AV/AC Treviglio-Brescia: Inquadramento dell opera Core Network

Dettagli

Accesso equo e non discriminatorio alle infrastrutture ferroviarie: Misure di Regolazione aggregate per area di intervento (cluster)

Accesso equo e non discriminatorio alle infrastrutture ferroviarie: Misure di Regolazione aggregate per area di intervento (cluster) Documento per la stampa Allegato al Comunicato Stampa n. 45 del 5 novembre 2014 Accesso equo e non discriminatorio alle infrastrutture ferroviarie: Misure di Regolazione aggregate per area di intervento

Dettagli

corso di Terminali per i Trasporti e la Logistica Umberto Crisalli crisalli@ing.uniroma2.it

corso di Terminali per i Trasporti e la Logistica Umberto Crisalli crisalli@ing.uniroma2.it corso di Terminali per i Trasporti e la Logistica LE STAZIONI FERROVIARIE Umberto Crisalli crisalli@ing.uniroma2.it INTRODUZIONE Definizioni Si definisce stazione ogni complesso organico di impianti ferroviari

Dettagli

PROSPETTO INFORMATIVO DELLA RETE (P.I.R. - 2017)

PROSPETTO INFORMATIVO DELLA RETE (P.I.R. - 2017) Unità Pianificazione Rete e Gestione Contratto di Servizio Ufficio Pianificazione Rete PROSPETTO INFORMATIVO DELLA RETE (P.I.R. - 2017) pagina 1 di 68 INDICE CAPITOLO 1 - INFORMAZIONI GENERALI... 5 1.1

Dettagli

Il nodo di bologna come esempio di integrazione nell ambito del sistema ferroviario

Il nodo di bologna come esempio di integrazione nell ambito del sistema ferroviario 1 La riqualificazione delle grandi infrastrutture Il nodo di bologna come esempio di integrazione nell ambito del sistema ferroviario ing. Vincenzo Conforti 1 Scelte economiche e tecniche nel Nodo di Bologna

Dettagli

Potenziamento del Nodo di Genova e Terzo Valico dei Giovi

Potenziamento del Nodo di Genova e Terzo Valico dei Giovi Potenziamento del Nodo di Genova e Terzo Valico dei Giovi Inquadramento di rete Investimenti Terzo Valico dei Giovi Potenziamento Nodo di Genova Marsiglia Ventimiglia Collegamento del sistema portuale

Dettagli

Elenco treni ammessi alla conciliazione per viaggi effettuati dal 13 giugno 2010

Elenco treni ammessi alla conciliazione per viaggi effettuati dal 13 giugno 2010 EC 12 MILANO CENTRALE 7.10 CHIASSO 7.50 EC 13 CHIASSO 10.10 MILANO CENTRALE 10.50 EC 14 MILANO CENTRALE 9.10 CHIASSO 9.50 EC 15 CHIASSO 12.10 MILANO CENTRALE 12.50 EC 16 MILANO CENTRALE 11.10 CHIASSO 11.50

Dettagli

Ingresso urbano dell interconnessione di Brescia Ovest

Ingresso urbano dell interconnessione di Brescia Ovest Infrastrutture ferroviarie strategiche definite dalla Legge Obiettivo n. 443/01 Tratta AV/AC Milano-Verona Lotto funzionale Treviglio Brescia Ingresso urbano dell interconnessione di Brescia Ovest Ottobre

Dettagli

Delibera n. 84/2015. VISTI in particolare, i commi 2 e 3 del citato art. 37 del decreto-legge n. 201/2011 e, specificamente:

Delibera n. 84/2015. VISTI in particolare, i commi 2 e 3 del citato art. 37 del decreto-legge n. 201/2011 e, specificamente: Delibera n. 84/2015 Prescrizioni a Rete Ferroviaria Italiana S.p.A. relativamente ad alcune modifiche da essa apportate, nel corso del 2015, al Prospetto informativo della rete 2014 e 2015 L Autorità,

Dettagli

Circolare Territoriale BOLOGNA RFI DP/DTP_BO CT 9/2014. In vigore dal 26/09/2014 ore 00:01. Fascicolo Circolazione Linee di:

Circolare Territoriale BOLOGNA RFI DP/DTP_BO CT 9/2014. In vigore dal 26/09/2014 ore 00:01. Fascicolo Circolazione Linee di: RFI DP/DTP_BO Circolare Territoriale CT 9/2014 PAGINA 1 DI 12 In vigore dal 26/09/2014 ore 00:01 Fascicolo Circolazione Linee di: N fasc. Linea interessata/parte Generale 82 Piacenza - Bologna Salsomaggiore

Dettagli

oggetto: Documento di consultazione sulle tematiche di cui alla delibera n. 16/2014.

oggetto: Documento di consultazione sulle tematiche di cui alla delibera n. 16/2014. Classsifica n. TPL 0.1. riferimento allegato Spett.bile Autorità di Regolazione dei trasporti Via Nizza 230, 10126 Torino PEC: pec@pec.autorita-trasporti.it oggetto: Documento di consultazione sulle tematiche

Dettagli

Riordino del quadro normativo. Firenze, 09 maggio 2012

Riordino del quadro normativo. Firenze, 09 maggio 2012 Riordino del quadro normativo Firenze, 09 maggio 2012 Nuovo TESTO UNICO Il Regolamento sui Segnale diventa una parte del RCT Testo unico: Regolamento per la circolazione dei treni TESTO UNICO Il Testo

Dettagli

515 IC VENTIMIGLIA 6.33 ROMA TERMINI 14.14 LIMITATO A PISA 10.57

515 IC VENTIMIGLIA 6.33 ROMA TERMINI 14.14 LIMITATO A PISA 10.57 Treno Partenza Arrivo N. Categoria stazione orario stazione orario Note 227 EN DOMODOSSOLA 2.30 ROMA TERMINI 9.51 CONFERMATO 235 EN TARVISIO 0.41 ROMA TERMINI 9.05 CONFERMATO 313 EN DOMODOSSOLA 1.45 ROMA

Dettagli

Ferroviario e dell Alta Velocità. Milano, 15 marzo 2014

Ferroviario e dell Alta Velocità. Milano, 15 marzo 2014 Lo sviluppo del Trasporto Ferroviario e dell Alta Velocità in Italia Milano, 15 marzo 2014 Lo sviluppo della mobilità in treno: i grandi corridoi europei La rete TEN (Trans European Network) gioca un ruolo

Dettagli

DISPOSIZIONE ORGANIZZATIVA n. 654/AD del 24 lug 2007. Trenitalia

DISPOSIZIONE ORGANIZZATIVA n. 654/AD del 24 lug 2007. Trenitalia DISPOSIZIONE ORGANIZZATIVA n. 654/AD del 24 lug 2007 Trenitalia Principali logiche organizzative: Al fine di migliorare l efficacia del processo di monitoraggio del servizio di trasporto passeggeri e merci

Dettagli

La Ferrovia Trento - Borgo Valsugana - Bassano e l esperienza della Provincia Autonoma di Trento

La Ferrovia Trento - Borgo Valsugana - Bassano e l esperienza della Provincia Autonoma di Trento Allegato n.1 La Ferrovia Trento - Borgo Valsugana - Bassano e l esperienza della Provincia Autonoma di Trento L infrastruttura La ferrovia Trento Bassano del Grappa o ferrovia della Valsugana è una linea

Dettagli

DEIF n 42.4 del 16/05/2014

DEIF n 42.4 del 16/05/2014 Direzione Tecnica Direttore DEIF n 42.4 del 16/05/2014 In vigore dalle ore 00.01 del 25/06/2014 RIORDINO NORMATIVO MODIFICHE A: -DISCIPLINA DEI RAPPORTI FRA REGOLATORE DELLA CIRCOLAZIONE E PERSONALE DEI

Dettagli

NUOVO TRASPORTO VIAGGIATORI S.P.A. PEDAGGIO PER L UTILIZZO DELL INFRASTRUTTURA FERROVIARIA CALL FOR INPUTS

NUOVO TRASPORTO VIAGGIATORI S.P.A. PEDAGGIO PER L UTILIZZO DELL INFRASTRUTTURA FERROVIARIA CALL FOR INPUTS Versione pubblica NUOVO TRASPORTO VIAGGIATORI S.P.A. PEDAGGIO PER L UTILIZZO DELL INFRASTRUTTURA FERROVIARIA CALL FOR INPUTS 1 Gli effetti della concorrenza nel mercato AV INTRODUZIONE Nuovo Trasporto

Dettagli

RETI DI TRASPORTO TRANSEUROPEE. Roberto Laghezza

RETI DI TRASPORTO TRANSEUROPEE. Roberto Laghezza RETI DI TRASPORTO TRANSEUROPEE Roberto Laghezza TEN-T OGGI Il Regolamento UE n 1315/2013 per lo sviluppo della rete transeuropea dei trasporti TEN-T, approvato dalle istituzioni dell'unione Europea nel

Dettagli

Il sistema dei prezzi delle tracce. Chi paga quanto per l infrastruttura ferroviaria?

Il sistema dei prezzi delle tracce. Chi paga quanto per l infrastruttura ferroviaria? Il sistema dei prezzi delle tracce. Chi paga quanto per l infrastruttura ferroviaria? FFS Infrastruttura, luglio 2015 Il prezzo della traccia copre circa il 40 percento delle spese infrastrutturali. Mediante

Dettagli

Un modello di calcolo per i costi standard infrastruttura ferroviaria

Un modello di calcolo per i costi standard infrastruttura ferroviaria Un modello di calcolo per i costi standard infrastruttura ferroviaria Commissione ASSTRA Costi Standard ferroviari A cura dell Ing. Marco Barra Caracciolo Capillarità (km medi tra stazioni) 7,00 Posizionamento

Dettagli

CCNL Mobilità Area Contrattuale Attività Ferroviarie e Contratto Aziendale FS ORARIO DI LAVORO (SINTESI)

CCNL Mobilità Area Contrattuale Attività Ferroviarie e Contratto Aziendale FS ORARIO DI LAVORO (SINTESI) CCNL Mobilità Area Contrattuale Attività Ferroviarie e Contratto Aziendale FS ORARIO DI LAVORO (SINTESI) 1 CCNL Mobilità Area Contrattuale Attività Ferroviarie Contratto Aziendale FS Orario di Lavoro Disciplina

Dettagli

Collegamento ferroviario veloce Roma Termini - Fiumicino Aeroporto. Michele Mario Elia Roma, 9 dicembre 2014

Collegamento ferroviario veloce Roma Termini - Fiumicino Aeroporto. Michele Mario Elia Roma, 9 dicembre 2014 Collegamento ferroviario veloce Roma Termini - Fiumicino Aeroporto Michele Mario Elia Roma, 9 dicembre 2014 Aeroporto di Fiumicino e Rete AV - inquadramento L asse ferroviario AV/AC Milano Roma - Napoli,

Dettagli

Recupero delle stazioni impresenziate per finalità sociali

Recupero delle stazioni impresenziate per finalità sociali Roma, 28 Giugno2005 Arrivi, partenze, relazioni, Ferrovie e Comuni insieme per la qualità della vita di tutti i cittadini Recupero delle stazioni impresenziate per finalità sociali Arch. Norberta Valentino

Dettagli

SPECIFICHE REQUISITI DI SISTEMA SCMT SCMT VOL 2 APPENDICE L. Foglio 2 di 7

SPECIFICHE REQUISITI DI SISTEMA SCMT SCMT VOL 2 APPENDICE L. Foglio 2 di 7 2 di 7 1 CARATTERISTICHE GENERALI...4 1.1 CONSISTENZA DELLA LINEA...4 1.2 UTILIZZAZIONE DELLA LINEA...4 1.3 INIZIO/FINE SISTEMA CMT...4 1.4 REGIME DI CIRCOLAZIONE DELLA LINEA (SISTEMA DI DISTANZIAMENTO)...4

Dettagli

Allegato B all accordo programmatico del 15 maggio 2009

Allegato B all accordo programmatico del 15 maggio 2009 Allegato B all accordo programmatico del 15 maggio 2009 TRENITALIA 1. Equipaggio treno L ampio confronto, iniziato tra il febbraio e l aprile 2008 e proseguito a partire dallo scorso mese di settembre

Dettagli

Frecce ed EuroCity per Expo Milano 2015

Frecce ed EuroCity per Expo Milano 2015 Frecce ed EuroCity per Expo Milano 2015 Rho Fiera Expo Milano 2015 - ingresso Ovest Le Frecce a Rho Fiera: il modo più veloce per raggiungere Expo 2015 e Fiera Milano Sito EXPO 2015 Fiera Milano Stazione

Dettagli

La Rete Ferroviaria FS oggi

La Rete Ferroviaria FS oggi LOMBARDIA Estensione complessiva linee: 1569 km Binario semplice: 57% Binario doppio: 42% Not defined: 1% BEM 16% BCA 46% ALT 4% BA/BAB 34% DC 36% DL 28% CTC 36% Elettrica: 82% Diesel: 18% PIEMONTE Estensione

Dettagli

Il Piano Regionale dei Trasporti e della Mobilità La politica della mobilità delle merci in Sicilia

Il Piano Regionale dei Trasporti e della Mobilità La politica della mobilità delle merci in Sicilia Il Piano Regionale dei Trasporti e della Mobilità La politica della mobilità delle merci in Sicilia La necessità che anche la Sicilia si dovesse dotare di uno strumento di pianificazione del settore dei

Dettagli

5. TECNOLOGIE E MATERIALE ROTABILE

5. TECNOLOGIE E MATERIALE ROTABILE 5. TECNOLOGIE E MATERIALE ROTABILE 5.1 SEGNALAMENTO Tenuto conto dell entità del traffico e del prevedibile modello di esercizio, si ritiene sufficiente adottare per la regolazione della circolazione il

Dettagli

DISPOSIZIONI RFI ANNO 2008 -RCF

DISPOSIZIONI RFI ANNO 2008 -RCF TABELLA DI RAFFRONTO DISPOSIZIONI RFI ANNO 2008 -RCF Nella 1 a colonna è riportato il testo delle Disposizioni sudviso in commi, punti o articoli. Per ciascuna sudvisione del testo della prima colonna:

Dettagli

Corrado Sala Alta Velocità L ALTA VELOCITA tutti una

Corrado Sala Alta Velocità L ALTA VELOCITA tutti una L ALTA VELOCITA E un momento nel quale si parla tanto e male dell alta velocità, ma non correttamente. Le motivazioni per le quali è nata l alta velocità sono in parte diverse dal semplice progetto di

Dettagli

TRASPORTI FERROVIARI

TRASPORTI FERROVIARI Università di Pisa - Polo della Logistica di Livorno Corso di Laurea in Economia e Legislazione dei Sistemi Logistici Anno Accademico: 2012/13 CORSO DI TECNICA DEI TRASPORTI FERROVIARI, MARITTIMI E AEREI

Dettagli

Roma, 6 maggio 2008. Piani di sviluppo e programma investimenti infrastrutturali di FS

Roma, 6 maggio 2008. Piani di sviluppo e programma investimenti infrastrutturali di FS Roma, 6 maggio 2008 Piani di sviluppo e programma investimenti infrastrutturali di FS La Legge Finanziaria 2006-2007 2007 La riduzione dei trasferimenti finanziari previsti nella Legge Finanziaria 2006-2007

Dettagli

ISTRUZIONE. per l Esercizio sulle Linee a doppio binario Banalizzate (ad uso del personale dei treni) (I.E.L.B.) Disposizione 33/2003 EDIZIONE 2003

ISTRUZIONE. per l Esercizio sulle Linee a doppio binario Banalizzate (ad uso del personale dei treni) (I.E.L.B.) Disposizione 33/2003 EDIZIONE 2003 ISTRUZIONE per l Esercizio sulle Linee a doppio binario Banalizzate (ad uso del personale dei treni) (I.E.L.B.) Disposizione 33/2003 EDIZIONE 2003 METROTIPO SpA REGISTRAZIONE DELLE DISPOSIZIONI CHE HANNO

Dettagli

TECNOLOGIE PER TUTTI

TECNOLOGIE PER TUTTI TECNOLOGIE PER TUTTI Il guidatore di un auto... IL GUIDATORE DI AUTOMOBILE In automobile il guidatore sceglie dove andare, a che velocità, come mantenere la distanza di sicurezza con le altre macchine

Dettagli

OSSERVAZIONI GENERALI AL PROGETTO AV/AC PER LA CONFERENZA DEI SERVIZI

OSSERVAZIONI GENERALI AL PROGETTO AV/AC PER LA CONFERENZA DEI SERVIZI 24 Novembre 2014 INFRASTRUTTURE FERROVIARIE STRATEGICHE DEFINITE DALLA LEGGE OBIETTIVO N. 443/01 PROGETTO LINEA AV/AC TORINO VENEZIA, TRATTA MILANO VERONA LOTTO FUNZIONALE BRESCIA VERONA OSSERVAZIONI GENERALI

Dettagli

Frecce ed EuroCity per Expo Milano 2015

Frecce ed EuroCity per Expo Milano 2015 Frecce ed EuroCity per Expo Milano 2015 Rho Fiera Expo Milano 2015 - ingresso Ovest Le Frecce a Rho Fiera: il modo più veloce per raggiungere Expo 2015 e Fiera Milano Sito EXPO 2015 Fiera Milano Stazione

Dettagli

Convegno DISABILITÀ E TRASPORTI

Convegno DISABILITÀ E TRASPORTI Convegno DISABILITÀ E TRASPORTI Regolamento (CE) n. 1371/2007, relativo ai diritti e agli obblighi dei passeggeri nel trasporto ferroviario Servizio di assistenza in stazione ai passeggeri con disabilità

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O C U R R I C U L U M V I T A E D I P I E R L U I G I N A P O L I

F O R M A T O E U R O P E O C U R R I C U L U M V I T A E D I P I E R L U I G I N A P O L I F O R M A T O E U R O P E O C U R R I C U L U M V I T A E D I P I E R L U I G I N A P O L I INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Telefono Email PIERLUIGI NAPOLI Via Mario Rapisardi, 48 00137 Roma 3479367838

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA per il miglioramento della mobilità ferroviaria regionale del Lazio. tra

PROTOCOLLO D INTESA per il miglioramento della mobilità ferroviaria regionale del Lazio. tra PROTOCOLLO D INTESA per il miglioramento della mobilità ferroviaria regionale del Lazio tra Regione Lazio e Trenitalia S.p.A e Rete Ferroviaria Italiana S.p.A Roma, 1 L anno, il giorno del mese di in Roma,

Dettagli

La misura della Soddisfazione del Cliente per il Gestore dell Infrastruttura Ferroviaria ( RFI)

La misura della Soddisfazione del Cliente per il Gestore dell Infrastruttura Ferroviaria ( RFI) La misura della Soddisfazione del Cliente per il Gestore dell Infrastruttura Ferroviaria ( RFI) Bologna: 09/04/2013 I clienti di RFI q Le Imprese Ferroviarie q I Clienti nelle Stazioni q Le PRM (Persone

Dettagli

IL SISTEMA DI COMANDO E CONTROLLO

IL SISTEMA DI COMANDO E CONTROLLO L Scc del Brennero L Scc del Brennero IL SISTEMA DI COMANDO E CONTROLLO La sigla Scc, Sistema di Comando e Controllo, indica il più avanzato sistema di gestione integrata della circolazione in uso in

Dettagli

Manuale degli Annunci sonori

Manuale degli Annunci sonori Manuale degli Annunci sonori Manuale degli Annunci sonori DICEMBRE 2007 AGGIORNAMENTO GIUGNO 2011 A cura di RFI - Rete Ferroviaria Italiana SpA Progetto Grafico di Ettore Festa, HaunagDesign Indice Definizioni

Dettagli

TRENITALIA. TRENO CAT PROVENIENZA Ora Part. DESTINAZIONE ora arr. PROVVEDIMENTI DETTAGLIO PROVVEDIMENTO

TRENITALIA. TRENO CAT PROVENIENZA Ora Part. DESTINAZIONE ora arr. PROVVEDIMENTI DETTAGLIO PROVVEDIMENTO PROTESTE SINDACALI PROCLAMATE IN ADESIONE ALLO SCIOPERO GENERALE: FILT - FIT - UILT Segreterie Regionali Emilia Romagna - RFI S.p.A., Trenitalia S.p.A. personale tutto dalle ore 09:01 alle ore 13:00 del

Dettagli

06 Ottobre 2007 Isp. Sup. Franco Medri. Graphics by M.G.

06 Ottobre 2007 Isp. Sup. Franco Medri. Graphics by M.G. 06 Ottobre 2007 Isp. Sup. Franco Medri Il regolamento CE n.561/2006 del 15 marzo 2006 modifica i regolamenti del Consiglio CEE n.3821/85 e CE n.2135/98 e abroga il regolamento CEE n.3820/85 del Consiglio

Dettagli

Terminali Italia. Piano di Impresa aggiornamento 2013-15. Milano, 18.11.2013. Pasquale Ventrella

Terminali Italia. Piano di Impresa aggiornamento 2013-15. Milano, 18.11.2013. Pasquale Ventrella Terminali Italia Piano di Impresa aggiornamento 2013-15 Pasquale Ventrella Milano, 18.11.2013 Prodotto Interno Lordo Confronto internazionale Prodotto Interno Lordo Confronto internazionale Commercio Italia

Dettagli

Il Sud si muove. Si muove l Europa.

Il Sud si muove. Si muove l Europa. Il Sud si muove. Si muove l Europa. PON TRASPORTI 2000-2006 Programma di sviluppo infrastrutturale della rete trasporti nel Sud Italia Il Programma Nell ambito delle politiche cofinanziate dai Fondi strutturali

Dettagli

IL TRASPORTO FERROVIARIO

IL TRASPORTO FERROVIARIO REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana Assessorato del Turismo, delle Comunicazioni e dei Trasporti Dipartimento Trasporti e Comunicazioni IL TRASPORTO FERROVIARIO ANNO 2003 Acquisizione ed elaborazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CIRCOLAZIONE DEI TRENI

REGOLAMENTO PER LA CIRCOLAZIONE DEI TRENI REGOLAMENTO PER LA CIRCOLAZIONE DEI TRENI Edizione 1962 Testo aggiornato, in vigore dal 13/12/2009 (ultimo aggiornamento: decreto ANSF n. 12/2009) Elenco dei provvedimenti che hanno modificato l edizione

Dettagli

Le ore e la data di attivazione dei singoli provvedimenti sono riportate nelle pagine successive

Le ore e la data di attivazione dei singoli provvedimenti sono riportate nelle pagine successive RFI DMO/DCM_FI RFI DMA/DCI_FI Circolare Compartimentale CC 18/2008 PAGINA 1 di 10 Le ore e la data di attivazione dei singoli provvedimenti sono riportate nelle pagine successive Fascicolo Circolazione

Dettagli

TRENITALIA. TRENO CAT PROVENIENZA Ora Part. DESTINAZIONE ora arr. PROVVEDIMENTI 32 EC MILANO CENTRALE 08:25 DOMODOSSOLA 09:43 CONFERMATO

TRENITALIA. TRENO CAT PROVENIENZA Ora Part. DESTINAZIONE ora arr. PROVVEDIMENTI 32 EC MILANO CENTRALE 08:25 DOMODOSSOLA 09:43 CONFERMATO Sciopero gruppo FS personale tutto delle OO.SS: - CAT Esecutivo Nazionale GRUPPO FS (escluso personale Divisione Cargo di Trenitalia) dalle ore 21.00 del 12 luglio alle ore 21.00 del 13 luglio 2014 - CUB

Dettagli

S E N A T O D E L L A R E P U B B L I C A

S E N A T O D E L L A R E P U B B L I C A S E N A T O D E L L A R E P U B B L I C A X I I I L E G I S L A T U R A N. 481 D I S E G N O D I L E G G E d iniziativa del senatore CASTELLI COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 22 MAGGIO 1996 Norme a favore

Dettagli

L accessibilità dei servizi di trasporto passeggeri e merci

L accessibilità dei servizi di trasporto passeggeri e merci ANNO ACCADEMICO DUEMILAQUATTORDICII/DUEMILAQUINDICI 15 dicembre 2014 Laboratorio di Analisi dei Sistemi di Trasporto L accessibilità dei servizi di trasporto passeggeri e merci Francesco Russo francesco.russo@unirc.it

Dettagli

Analisi di capacità di infrastruttura regionale; dallo stato attuale al Piano di potenziamento

Analisi di capacità di infrastruttura regionale; dallo stato attuale al Piano di potenziamento SEF 15-4 Convegno Nazionale Sicurezza ed Esercizio Ferroviario Università La Sapienza Facoltà di Ingegneria Analisi di capacità di infrastruttura regionale; dallo stato attuale al Piano di potenziamento

Dettagli

Reti TEN-T (Trans European Network Transport) il Corridoio Scan-Med Scan-Med Corridor

Reti TEN-T (Trans European Network Transport) il Corridoio Scan-Med Scan-Med Corridor Reti TEN-T (Trans European Network Transport) il Corridoio Scan-Med Scan-Med Corridor Percorso di Capacity Building Progetto STREETS Catania 03/04 dicembre 2014 Giuseppe Anzaldi Regione Siciliana Dipartimento

Dettagli

POLITICHE SULLA RETE DISTRIBUTIVA E DI ASSISTENZA. Roma, ottobre 2008

POLITICHE SULLA RETE DISTRIBUTIVA E DI ASSISTENZA. Roma, ottobre 2008 POLITICHE SULLA RETE DISTRIBUTIVA E DI ASSISTENZA Roma, ottobre 2008 La rete distributiva diretta SPECIALIZZAZIONE NEI GRANDI IMPIANTI Le biglietterie XXL XL L specializzano la propria attività esclusivamente

Dettagli

Codifica: RFI TC.PATC ST CM 02 D02 G

Codifica: RFI TC.PATC ST CM 02 D02 G 2 di 110 Tabella upgrade del documento Rev. Data DESCRIZIONE A 18/04/00 PRIMA EMISSIONE C 10/05/01 SECONDA EMISSIONE D 26/07/01 EMISSIONE PER SPERIMENTAZIONE D01 AGGIORNAMENTI D02 05/07/02 AGGIORNAMENTI

Dettagli

CONTENUTI:IL QUADRO NORMATIVO NAZIONALE IN MATERIA DI SICUREZZA DELLA CIRCOLAZIONE FERROVIARIA

CONTENUTI:IL QUADRO NORMATIVO NAZIONALE IN MATERIA DI SICUREZZA DELLA CIRCOLAZIONE FERROVIARIA Programma del corso 1 a LEZIONE - 16/04/2015 ore 8.30/13.30 5 ore Contenuti: Introduzione al corso. Il Sistema Ferroviario Docente: Luca Franceschini -Amministratore CIFI Programma:L interazione tra infrastruttura,

Dettagli

Elenco treni ammessi alla conciliazione per viaggi dall' 11 dicembre 2011 al 9 giugno 2012 EC 12 MILANO CENTRALE 7.10 CHIASSO 7.49

Elenco treni ammessi alla conciliazione per viaggi dall' 11 dicembre 2011 al 9 giugno 2012 EC 12 MILANO CENTRALE 7.10 CHIASSO 7.49 EC 12 MILANO CENTRALE 7.10 CHIASSO 7.49 EC 13 CHIASSO 10.11 MILANO CENTRALE 10.50 EC 14 MILANO CENTRALE 9.10 CHIASSO 9.49 EC 15 CHIASSO 12.11 MILANO CENTRALE 12.50 EC 16 MILANO CENTRALE 11.10 CHIASSO 11.49

Dettagli

Trasporto ferroviario merci. Documento tecnico

Trasporto ferroviario merci. Documento tecnico INDUSTRIA DI MARCA DISTRIBUZIONE MODERNA Trasporto ferroviario merci Documento tecnico Giugno 2014 2 Indice ECR Italia... 4 Introduzione... 5 RETI FERROVIARIE... 6 Elettrificazione... 6 Gabarit (profilo

Dettagli

0.742.140.345.43. Convenzione

0.742.140.345.43. Convenzione Testo originale 0.742.140.345.43 Convenzione tra il Dipartimento federale dell ambiente, dei trasporti, dell energia e delle comunicazioni e il Ministero dei trasporti e della navigazione della Repubblica

Dettagli

723 IC ROMA TERMINI 7:39 PALERMO C.LE 19:00 treno Classifica Partenza ora Arrivo ora 727 IC ROMA TERMINI 11:39 SIRACUSA 22:30 785 ICN MILANO CENTRALE

723 IC ROMA TERMINI 7:39 PALERMO C.LE 19:00 treno Classifica Partenza ora Arrivo ora 727 IC ROMA TERMINI 11:39 SIRACUSA 22:30 785 ICN MILANO CENTRALE Allegato 3 LISTA TRENI Lista completa e dettagliata dei treni su cui si applicano le agevolazioni tariffarie (aggiornabile al cambio orario giugno 2013 e dicembre 2013). Treno Classifica Partenza ora Arrivo

Dettagli

Condizioni Generali di Contratto. per il trasporto delle merci per ferrovia PRODOTTI

Condizioni Generali di Contratto. per il trasporto delle merci per ferrovia PRODOTTI Condizioni Generali di Contratto per il trasporto delle merci per ferrovia PRODOTTI Divisione Cargo EDIZIONE IN VIGORE DAL ORDINE DI SERVIZIO REGISTRAZIONE 1 01/03/2010 n. 3 del 28/01/2010 Serie 3 n.4633

Dettagli