nforma San Filippo Neri

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "nforma San Filippo Neri"

Transcript

1 San Filippo Neri nforma n. 1 anno II Gennaio 2006 Mensile di zione e partecipazione dell ACO San Filippo Neri, in collaborazione con U.O.C. Oculistica Tanti progetti per aumentare la produttività: dalla chirurgia vitreo-retinica al trapianto di cornea, alla chirurgia oftalmoplastica Lo shock nella maxi emergenza 2 UOC Oculistica Vediamoci chiaro 4 La mininvasività nell ernia del disco e nella patologia degenerativa del rachide lombare 6 Pillole di notizie 7

2 Il Servizio di Psicologia Lo shock nella maxi emergenza Sostegno ai famigliari delle vittime, assistenza psicologica e un area riservata al personale per scaricare le tensioni tramite colloqui di defusing La maxi emergenza non comprende, come comunemente si crede, soltanto il servizio di pronto soccorso e di assistenza medica diretta alle vittime di esplosioni, attentati o quant altro. Curare solo questo aspetto trascurando le implicazioni dello shock e del panico che una situazione simile presenta, sarebbe un grave errore. Un errore che il San Filippo non commette con l organizzazione del servizio psicologico nella maxi emergenza. Se la dottoressa Paola Valentini, nominata disaster manager nelle emergenze, si occupa della gestione del Pronto Soccorso, la dottoressa Luisa de Bellis responsabile del Servizio di Psicologia, ha la responsabilità di accogliere e assistere i famigliari delle vittime e il personale ospedaliero alle prese con un evento che, per quanto possa essere ipotizzato ed immaginato, resta fuori dal comune nel momento in cui si verifica e viene vissuto in prima persona. 2 San Filippo Neri Gennaio n. 1 anno II

3 Durante l evento spiega la dottoressa de Bellis e per un tempo massimo di sei giorni, sarà compito del Servizio di psicologia accogliere i famigliari delle vittime nella postazione avanzata a sostegno dell unità dell URP, assisterli all interno dell ospedale, offrire assistenza specialistica ai feriti, coordinandoci con il servizio di psichiatria e consultazione della AUSL Roma E. A questo si aggiunge un compito da non sottovalutare, che è quello di tenere sotto controllo l equilibrio psichico del personale. Spesso a fronte di un evento catastrofico non si tiene conto a sufficienza delle ripercussioni che la tensione e la gravità delle situazioni possono avere sul personale impegnato ad accogliere feriti e vittime. Sarebbe bene individuare un locale, o anche una tenda, dedicata al personale ospedaliero per dar modo, a chi è in prima linea, di ricavarsi, anche se per pochi minuti, uno spazio proprio, isolato dall esterno. Dei colloqui, detti tecnicamente di defusing e di debriefing, aiuteranno poi i singoli a sfogare le paure accumulate così a lungo. Contrariamente alle opinioni dei più, la dottoressa de Bellis non è una fautrice degli Open Space nel Pronto Soccorso e nelle situazioni di emergenza: comprendo spiega l esigenza del personale medico di poter visitare più pazienti per volta e tenere tutto sotto diretto controllo ma, in un area aperta dove tutti vedono tutto, dove si percepisce l odore del sangue, dove si sentono le urla di chi sta peggio, in uno scenario tale d emergenza è più facile creare il panico e diffondere la paura tra i pazienti accolti e il personale. 10 psicologi h 24 a turnazione, uno psicologo per la postazione URP, tre distribuiti: uno nell area di soccorso, uno con i famigliari e il terzo utilizzato come unità di raccordo, tutti comunque a rotazione per evitare una sovraesposizione emotiva. Questo il modulo previsto dal Servizio Psicologia nella maxi emergenza anche se, in realtà, non esiste un organico. La dottoressa de Bellis ha ovviato alle carenze, con un comunicato rivolto a tutto il personale sanitario dell Azienda, laureato o studente in psicologia. Qualora non sia previsto il loro impiego in compiti ordinari le signore: Mirella Chiatti, Maria Costa, Armida Orgolesu e Patrizia Lappa interverranno nella maxi emergenza affiancando la dottoressa de Bellis nel servizio con un gettone di presenza, come da norme contrattuali, anche in fase di pre-allarme. Naturalmente non si arriva nel Servizio di Psicologia a secco di nozioni e soprattutto senza conoscere i compiti nello specifico che la maxi emergenza richiede. A questo scopo la dottoressa de Bellis ha presentato domanda alla direzione per attivare un corso di formazione teorico-pratico, con data di inizio primo semestre 2006, volto ad approfondire i fenomeni psichici individuali e collettivi che tali circostanze comportano, a formare il personale necessario ad attuare le funzioni previste dal PIEMAF aziendale ed infine, volto ad affinare le competenze professionali di quanti si trovano a vivere il primo impatto in situazioni di emergenza. I destinatari del corso, infatti, saranno gli psicologi (reperiti fra il personale), gli specializzandi in psicoterapia e i tirocinanti post lauream, le assistenti sociali, il personale dell URP, ed alcuni fra medici, infermieri ed ausiliari che prestano servizio al Pronto Soccorso. Il corso spiega la dottoressa de Bellis prevede la formazione di un gruppo preselezionato composto da 20 persone per modulo: 10 psicologi (4 dipendenti con altra qualifica, 4 specializzandi in psicoterapia, 2 tirocinanti post-lauream), 1 assistente sociale, 1 componente URP e 8 dipendenti DEA (2 medici 4 infermieri 2 ausiliari). Si articola in 3 giornate più un incontro di verifica per un totale di ore spiega la de Bellis in cui proporremo nozioni di psicologia dell emergenza, scenari di emergenza umanitaria, una panoramica delle reazioni psichiche più frequenti, elementi di psicopatologia (DAS, DPTS, Attacchi di panico), tecniche di rilassamento anti stress, modalità d approccio alle persone traumatizzate (familiari, soccorritori), tecniche di defusing, di empatia e comunicazione del lutto. Una particolare menzione poi, la dottoressa de Bellis la dedica ai 3 incontri di Social Dreaming: Il Social Dreaming prosegue è un metodo non terapeutico, per accedere alla conoscenza e ai pensieri che si rendono manifesti quando un collettivo di persone si riunisce per condividere i propri sogni a livello sociale e non privato. Compito del Social Dreaming è di creare collegamenti e connessioni, che permettano di comprendere meglio la realtà condivisa e di creare pensieri nuovi relativi alla Istituzione. Questi ultimi incontri saranno condotti dalla dottoressa Lilia Baglioni. n. 1 anno II - Gennaio San Filippo Neri

4 UOC Oculistica Vediamoci chiaro Tanti progetti per aumentare la produttività: dalla chirurgia vitreo-retinica al trapianto di cornea, alla chirurgia oftalmoplastica. Uno staff infaticabile affianca il professor Bozzoni Da poco trasferita al terzo piano dell edificio A, la UOC Oculistica diretta dal professor Francesco Bozzoni Pantaleoni che con l aiuto dei suoi tre collaboratori; il dottor Lucio Vitale, il dottor Fabio Gragnoli e dal dottor Marco Vergari e dalla ortottista dottoressa Raffaella Matone, si sta preparando al restyling con ambiziosi progetti. Ma nulla è possibile se non si è affiancati da un gruppo di lavoro solidale e affiatato, concetto che qui sembra proprio aver trovato casa. Lodi a non finire da parte del responsabile per la caposala Patrizia Vernarelli ed il gruppo infermieristico: La nostra caposala è insostituibile sottolinea con sincero fervore il dottor Bozzoni sono invidiato da tutti per la sua presenza nel mio reparto. Ma anche le 3 infermiere sono bravissime. Devo reputarmi fortunato, ho trovato da subito nel personale infermieristico un aiuto vero: sono operativi in ogni momento, non mancano mai e hanno un modo garbato e disponibile di approcciare il paziente a cui tengo particolarmente. Il professor Bozzoni è uno che cura molto, non solo la parte strettamente professionale, ma anche la sfera emotiva delle persone che si rivolgono alla UOC. Mi piace prosegue che si instauri un rapporto diretto con i pazienti. Ritengo uno dei principali doveri per un medico quello di spiegare al paziente i problemi della patologia di cui soffre, le modalità e le finalità di un intervento. E importante mettersi nei panni di coloro che arrivano qui, magari per la prima volta, e si sentono spaesati, non sanno a chi domandare, come comportarsi di fronte al loro problema di salute. Per ora, questo modo di affrontare i rapporti interpersonali è risultato vincente e sono molto soddisfatto dei risultati. Il professor Bozzoni non manca di sottolineare come in un grande ospedale, sommerso dalle richieste e dal lavoro stressante, a volte il personale sia costretto a peccare nel rapporto con l utenza non volontariamente, ma perché pressato e esasperato da un lavoro sempre in emergenza e dalla quotidiana e costante vicinanza con la malattia. A questo proposito la UOC Oculistica ha approntato una regolamentazione degli orari per non stressare i tempi e i ritardi, il tutto a favore della qualità del lavoro del personale e dell assistenza agli utenti. Diagnosi e terapia delle principali patologie oculari con settori specialistici per lo studio delle patologie retiniche, del glaucoma, delle uveiti e delle patologie corneali, un servizio di oftalmologia pediatrica per la diagnosi e cura dello strabismo congenito ed acquisito. Queste le principali attività della UOC a cui si aggiungono quelle chirurgiche, prevalentemente in regime di day surgery, che comprendono la chirurgia della cataratta, del glaucoma, del distacco di retina e delle vie lacrimali. Passando sotto la lente di ingrandimento il lavoro del reparto è macroscopica la rilevanza che hanno proprio le operazioni di cataratta, che ormai possono vantare il titolo di interventi più frequenti nel mondo, grazie alle tecniche di microchirurgia e all anestesia topica che hanno semplificato l operazione. 4 San Filippo Neri Gennaio n. 1 anno II

5 Il trasloco al terzo piano dell edificio centrale permetterà anche una nuova organizzazione della UOC e il professor Bozzoni ha già grandi progetti: Vorrei differenziare il livello qualitativo importando la chirurgia vitreo-retinica. Un attrezzatura sofisticata, tanta pazienza nell operare e interventi non brevi, caratterizzano questa tecnica: Entriamo direttamente nell occhio con un sistema di illuminazione e un manipolatore spiega il professor Bozzoni Si agisce dall interno distendendo la retina distaccata, separandola dal virtreo che viene aspirato e sostitutito. Nelle gravi retinopatie, come la diabetica, è possibile eseguire anche dei trattamenti endolaser. Altra meta da raggiungere è il trapianto della cornea. Nel Centro-Sud non esistono molte strutture che effettuano questo intervento. La maggior parte dei trapianti di cornea avviene al Nord, soprattutto nel Veneto dove è sorta la prima banca delle cornee. A Roma spiega Bozzoni da pochi anni è attiva una banca degli occhi presso il reparto oculistico del San Giovanni. Forse si potrebbe stipulare una convenzione con l Azienda San Giovanni mettendo a disposizione le cornee di eventuali donatori deceduti nel nostro ospedale. Così si riuscirebbe ad ottenere il tessuto evitando di pagare cifre elevate. Una sorta di do ut des. Una volta ottenuta la cornea, l iter del trapianto non è molto complesso se si considera che la cornea non è vascolarizzata, che il rischio di rigetto è basso e comunque può essere controllato con farmaci cortisonici e infine, che il recupero è solitamente soddisfacente. Un attenzione particolare deve riguardare la sutura che deve essere precisa per non incorrere, una volta terminato l intervento, in una astigmatismo elevato che potrebbe inficiare la qualità della visione. Ma il compito del oftalmologo non finisce qui poiché, per questo tipo di intervento, è fondamentale seguire in modo scrupoloso il decorso post- operatorio. Se il cambio di reparto ha giovato al sistema della UOC ancora un tassello manca per far quadrare il cerchio. Il tassello si chiama sala operatoria. Nonostante il trasferimento, la sala operatoria di oculistica è rimasta nel vecchio edificio, questo significa una perdita di tempo per lo spostamento dei pazienti in attesa di essere operati, a discapito del paziente stesso e della UOC. La speranza è che sia assegnata alla UOC la sala operatoria più vicina possibile al reparto. Altro obiettivo prosegue Bozzoni è l oftalmoplastica. Questa chirurgia consente di migliorare, ad esempio, l aspetto estetico di quei pazienti che hanno perso un occhio. Oggi con delle biglie in idrossiapatite, un materiale ricavato dal corallo, si può. L idrossiepatite grazie alla sua caratteristica porosità si adatta all organismo venendo colonizzata dal tessuto connettivo e dai vasi sanguigni. Noi vi suturiamo i muscoli e sopra poniamo una protesi che così acquista una motilità molto simile all occhio sano. A fronte di questi progetti ambiziosi, tra gli obiettivi più urgenti, per iniziare, c è quello di potenziare gli ambulatori nel numero e nella qualità delle visite utilizzando, magari a turno, anche i giorni di mercoledì e sabato dedicati alla sala operatoria. La voglia non manca davvero se si considera che, oltre al normale lavoro ambulatoriale svolto durante la mattina, all interno del reparto ogni giorno arrivano moltissime consulenze dagli altri reparti dell ospedale. n. 1 anno II - Gennaio 2006 San Filippo Neri 5

6 Il Dott. Franco Caputi, neurochirurgo, ci parla di: La mininvasività nell ernia del disco e nella patologia degenerativa del rachide lombare La mininvasività implica il rispetto delle strutture anatomiche, nei loro rapporti relativi e nelle loro caratteristiche strutturali. Essa tende ad un concetto di chirurgia ideale: l eliminazione della patologia senza intaccare le strutture sane. Per quel che riguarda la colonna vertebrale preserva i muscoli e le loro inserzioni, i legamenti ed i rapporti articolari, riducendo i processi infiammatori da taglio e retrazione dei tessuti. Ne consegue un recupero post-operatorio più rapido per l integrità delle strutture circostanti ma scarsamente coinvolte dal processo patologico dei base. Ad esse viene risparmiato l impatto chirurgico. Qui di seguito consideriamo le indicazioni all approccio mininvasivo nella patologia discale ed nelle patologie degenerative del rachide lombo-sacrale. Queste metodiche sono consolidate dalla letteratura scientifica internazionale e praticate nel reparto di neurochirurgia del S. Filippo Neri, dal Prof. Gazzeri e dal suo staff. Riportiamo degli esempi per ciascuna delle patologie trattate. L ernia del disco lombare Il disco si interpone tra due corpi vertebrali ed è l ammortizzatore naturale dei movimenti della colonna. I dischi lombari ed in particolare gli ultimi due (L5-L5 ed L5- S1) sono soggetti ad erniazione. La parte più interna del disco, il nucleo, tende a sporgere o fuoriesce del tutto dalla parte più esterna o anulus. I termini protrusione, ernia e frammento espulso graduano questo processo che clinicamente si manifesta con lombalgia e sciatica. Il conflitto con la radice (il nervo) giustifica il dolore lungo la gamba, e l infiammazione che porta al mal di schiena. La coblazione è una delle tecniche mininvasive usata in questi casi. Lo strumento chirurgico viene inserito in anestesia locale nel disco vertebrale ed attivato. Il nucleo polposo viene vaporizzato a 42 gradi e l anulus eventualmente irrigidito con la coagulazione. A differenza del laser, la coblazione agisce a freddo, quindi con minore irritazione dei tessuti. Il disco sgonfiato non preme sulla radice e quindi non causa dolore. La elettromiografia (dr. Conti ed il suo staff della neurofisiopatologia) prima e dopo l intervento valuta la efficacia del trattamento. Stenosi lombare. La degenerazione delle strutture vertebrali restringe il canale in cui passano le radici dirette agli arti inferiori. Disco, legamenti e ed ossa contribuiscono in varia misura al restringimento del canale. Sul piano clinico ciò comporta dolore lombare, parestesie (intorpidimento) agli arti inferiori e la cosiddetta claudicatio neurogena, ossia il paziente dopo pochi metri è costretto a rallentare o a fermarsi. La tecnica mininvasiva in questo caso consiste nell interposizione di uno spaziatore interspinoso tra le vertebre interessate che stabilizza in modo minimale il tratto interessato, aprendo i forami di coniugazione in cui passano le radici. Quando la stenosi sia marcata si richiede un intervento classico, con allargamento del canale ed eventuale fissazione. Spondilolistesi lombare. In questo caso le vertebre scivolano tra di loro, creando una situazione di instabilità e quindi di dolore. Il trattamento classico consiste in una stabilizzazione, ossia bloccaggio con placche e viti dei corpi vertebrali eccessivamente mobili. Da qualche anno esiste la possibilità di una fissazione per-cutanea che rispetto all approccio tradizionale comunque valido e spesso insostituibile, consente l inserzione di barre e viti evitando l ampia esposizione dell approccio classico. Le viti e le barre vengono inserite attraverso fori cutanei risparmiando la manipolazione di muscoli validi col loro ruolo stabilizzante. Il recupero avviene naturalmente in tempi più brevi rispetto alla stabilizzazione classica. Conclusioni La chirurgia mininvasiva rappresenta una conquista della chirurgia moderna: riduce l aspetto demolitivo dell atto chirurgico e ne esalta l aspetto curativo o riparativo. Va sottolineato che non sempre è applicabile e come per tutte le manovre mediche le indicazioni vanno decise caso per caso. Non è un trattamento semplicemente cosmetico, ossia riduzione o assenza dell incisione cutanea, ed è prevedibile che il suo sviluppo progredisca oltre limiti finora inimmaginabili. 6 San Filippo Neri Gennaio n. 1 anno II

7 Pillole di notizie Cardiosalus: 11 febbraio visite gratuite per la prevenzione delle malattie cardiovascolari In occasione della XIV Giornata del Malato, sabato 11 febbraio 2006, presso la Chiesa di S.Maddalena di Canossa, via della Lucchina 82, zona Ottavia, l Associazione Onlus Cardiosalus organizza una mattinata dedicata alla prevenzione delle malattie cardiovascolari. L équipe del reparto di Cardiologia Riabilitativa del presidio ospedaliero Salus Infirmorum - San Filippo Neri, coordinata dalla professoressa Anna Patrizia Jesi, offrirà delle visite gratuite per la rilevazione di alcuni parametri emodinamici ed antropometrici: pressione, altezza, peso corporeo, circonferenza vita. Inoltre, i soggetti fumatori potranno effettuare la misurazione del monossido di carbonio nell aria espirata ed un colloquio con gli specialisti pneumologi del reparto di Riabilitazione Respiratoria dello stesso presidio. Al termine del percorso si potranno effettuare brevi colloqui anche con gli specialisti cardiologi, che offriranno una valutazione dei parametri rilevati. Si inizia alle 9.00 con la distribuzione dei numeretti e della carta del rischio da compilare. Per zioni rivolgersi alla segreteria: lunedì, martedì e venerdì ore 13:00-17:00: Compie un anno la legge contro il fumo: cala la vendita di sigarette -5,7% Sono stati presentati in un convegno il 10 gennaio, i dati sulla legge n. 3/2003 art. 51 anti fumo ad un anno dalla sua applicazione. Domenico Di Virgilio, sottosegretario al Ministero della Salute, ha aperto i lavori ricordando che in Italia, rispetto allo scorso anno, la vendita di sigarette è diminuita del 5,7% con ricadute positive sulla salute generale. Anche altri paesi europei, come la Spagna, stanno seguendo il nostro esempio ha sottolineato Di Virgilio L obiettivo non è soltanto la riduzione dei fumatori, 500mila in meno da quando è in vigore la legge, ma soprattutto quello ridurre le malattie correlate al fumo, come le malattie croniche delle patologie respiratorie, il cancro al polmone, la broncopolmonite cronica ostruttiva, che costringe chi ne soffre ad una ossigeno-terapia fino a ore al giorno per tutta la vita. Ad eccezione di marzo e maggio, il trend delle vendite di sigarette è decrescente in tutti i mesi, con picchi nel mese di febbraio del -19,62% e nel mese di luglio con -14,56%. Di contro, nel periodo gennaio-settembre 2005, sono quasi raddoppiate le vendite di prodotti sostitutivi della nicotina che hanno registrato un incremento pari al 91,9% rispetto allo stesso periodo del (Fonte: Ministero della Salute) Stop allo smog, tre domeniche di blocco totale del traffico fino al 19 marzo Tutti a piedi per tre domeniche consecutive. Insieme alle targhe alterne del giovedì tornano a Roma le domeniche anti smog. Dopo il primo blocco totale della circolazione del 22 gennaio, si proseguirà con le giornate del 12 febbraio e del 19 marzo. Lo stop, riguarderà tutti i veicoli, tranne quelli alimentati a gpl o metano, gli elettrici o ibridi, le auto euro 4, le auto dei portatori di handicap e i taxi. Il divieto di circolazione sarà in vigore dalle 10 alle 18 all interno della Fascia Verde. Le tre domeniche di blocco programmato completano, con le targhe alterne, le misure d emergenza messe in campo dal Comune per contrastare lo smog nel periodo dell anno più a rischio, sia per le condizioni meteo che per i riscaldamenti in funzione. Durante le targhe alterne, fermi invece i veicoli con le targhe vietate, a seconda della disposizione, tutte le auto non catalitiche, i vecchi diesel e i motorini euro 0. Per saperne di più consultare il sito: (Fonte: Comune di Roma) Un nucleo di cure primarie realizzato dall Azienda Usl Roma D. Si chiama Mi occupo di te il primo servizio di cure primarie istituto nella Regione Lazio inaugurato il 17 gennaio presso Poliambulatorio Casal Bernocchi, via di Villa Cilone. Presenti anche Augusto Battaglia, assessore regionale alla sanità, e Giusy Gabriele, direttore generale dell Azienda USL Roma D. La struttura, che sarà coordinata da un medico di famiglia, è stata creata per fronteggiare le numerose richieste che il pronto soccorso dell ospedale Grassi non riesce a soddisfare e, al contempo, per dotare il cittadino di uno strumento ad accesso diretto, idoneo a garantire risposte efficienti ai suoi bisogni di salute. Il nucleo Mi occupo di te consentirà infatti di ridurre il numero dei codici bianchi/verdi al pronto soccorso ospedaliero al quale verranno invece rimessi solo i casi gravi non trattabili in sede territoriale. Il servizio offerto dalla nuova struttura in via sperimentale, oltre ad abbattere notevolmente i tempi d attesa, funzionerà nell arco delle 24 ore, sarà contattabile anche telefonicamente al numero e garantirà le proprie prestazioni a tutti pazienti in situazione di bisogno, con particolare riguardo all utenza fragile. Infine, l interazione fra i medici di famiglia e gli specialisti degli ambulatori permetterà l applicazione di percorsi diagnostici e terapeutici condivisi tali da migliorare l appropriatezza e l equità delle prestazioni. (Fonte: Regione Lazio) La redazione sarà lieta di accogliere e pubblicare tutte le nuove iniziative attivate dalle UOC. Potete scriverci all indirizzo mail: n. 1 anno II - Gennaio 2006 San Filippo Neri 7

8 Numeri utili DIREZIONE AZIENDALE Direzione Generale Tel Direzione Sanitaria Tel Direzione Amministrativa Tel Sito Internet PRESIDI OSPEDALIERI Ospedale San Filippo Neri Via G. Martinotti, 20 Tel Presidio Sant Andrea Via Cassia, 721 Tel Casa di Cura Convenzionata Salus Infirmorum Via della Lucchina, 41 Tel Casa di Cura Convenzionata Valle Fiorita Via Torrevecchia, 156 Tel Ufficio Comunicazione e Relazioni con il Pubblico (URP) Tel OSPEDALE SAN FILIPPO NERI Centralino Tel Direzione Sanitaria di Presidio Tel Direzione Amministrativa di Presidio Tel Servizio Assistenza Infermieristico-Ostetrica Tel Farmacia Tel CUP (Centro Unico Prenotazioni Ambulatoriali) Tel CUP Regionale Tel Prenotazioni Visite Intramoenia Tel ALTRI SERVIZI Donazioni di Sangue Tel / 2583 Cartelle Cliniche Tel Certificazioni Sanitarie Tel Assistenza Sociale Tel Posto di Polizia Tel Editore: Azienda Complesso Ospedaliero San Filippo Neri Piazza S. Maria della Pietà, Roma Direttore Responsabile: Francesco Prost Comitato di redazione: Lorenzo Sommella, Laura Scaringella, Dario Fratoni. Redazione Medilife: Arianna Ugolini. Progettazione, realizzazione e composizione: Medilife S.r.l. Via G. Antonelli, Roma, Tel fax Iscritto nel Registro dei Periodici del Tribunale di Roma n. 481/2004 del 7 dicembre 2004 Finito di stampare: Gennaio 2006 c/o Centro Stampa Xerox via Castagnola snc

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE REGIONE LAZIO Direttore Generale Dott. Vittorio Bonavita U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE Ospedale Sandro Pertini Direttore: Prof. Vincenzo Di Cintio Gentile paziente, Le diamo il benvenuto nella nostra Struttura

Dettagli

COS È IL PRONTO SOCCORSO?

COS È IL PRONTO SOCCORSO? AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA INTEGRATA VERONA COS È IL PRONTO SOCCORSO? GUIDA INFORMATIVA PER L UTENTE SEDE OSPEDALIERA BORGO TRENTO INDICE 4 COS È IL PRONTO SOCCORSO? 6 IL TRIAGE 8 CODICI DI URGENZA

Dettagli

Guida alle prestazioni ambulatoriali

Guida alle prestazioni ambulatoriali Az i e n d a O s p e d a l i e r a O s p e d a l i Riuniti Papardo-Piemonte M e s s i n a P r e s i d i o O s p e d a l i e r o P AP AR D O Guida alle prestazioni ambulatoriali Gentile Signore/a, l Azienda,

Dettagli

L A CLINICA SPECIALIZZ ATA IN CHIRURGIA ORTOPEDICA E MEDICINA SPORTIVA. Ci muoviamo insieme a voi.

L A CLINICA SPECIALIZZ ATA IN CHIRURGIA ORTOPEDICA E MEDICINA SPORTIVA. Ci muoviamo insieme a voi. L A CLINICA SPECIALIZZ ATA IN CHIRURGIA ORTOPEDICA E MEDICINA SPORTIVA Ci muoviamo insieme a voi. PREMESSA LA ORTHOPÄDISCHE CHIRURGIE MÜNCHEN (OCM) È UN ISTITUTO MEDICO PRIVATO DEDICATO ESCLUSIVAMENTE

Dettagli

PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI

PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITA DI PADOVA PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI Preparato da Gruppo di Lavoro Ambulatori Clinica Ostetrico- Ginecologica Verificato da Servizio Qualità Verifica per

Dettagli

TASSI DI ASSENZA E MAGGIOR PRESENZA OTTOBRE 2014

TASSI DI ASSENZA E MAGGIOR PRESENZA OTTOBRE 2014 PRESIDIO BORRI VARESE ACCETTAZIONE RICOVERI 18,9 0 22,84 77,16 PRESIDIO BORRI VARESE AFFARI GENERALI E LEGALI 4,35 15,53 19,88 80,12 PRESIDIO BORRI VARESE AMBULANZE 15,78 1,77 20,03 79,97 PRESIDIO BORRI

Dettagli

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto.

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Gentili congiunti, Questa piccola guida è stata creata per voi con l obiettivo di aiutarvi

Dettagli

La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio.

La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio. Che cos è la Degenerazione Maculare correlata all Età (DME)? La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio. Essa porta a una limitazione o alla perdita

Dettagli

Ernia discale cervicale. Trattamento mini-invasivo in Radiologia Interventistica:

Ernia discale cervicale. Trattamento mini-invasivo in Radiologia Interventistica: Ernia discale cervicale. Trattamento mini-invasivo in Radiologia Interventistica: la Nucleoplastica. Presso l U.O. di Radiologia Interventistica di Casa Sollievo della Sofferenza è stata avviata la Nucleoplastica

Dettagli

ORGANIZZAZIONE CORSI Referente: D.ssa Anna Incelli

ORGANIZZAZIONE CORSI Referente: D.ssa Anna Incelli (Gustav Klimt, 1905) CONSULTORIO FAMILIARE RIETI Responsabile: Dr. Attilio Mozzetti ORGANIZZAZIONE CORSI Referente: D.ssa Anna Incelli (Immagini tratte dal web e utilizzate per finalità istituzionali)

Dettagli

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore Testo aggiornato al 29 novembre 2011 Legge 15 marzo 2010, n. 38 Gazzetta Ufficiale 19 marzo 2010, n. 65 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore La Camera dei

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. Il Direttore Sanitario Dr.ssa Renata Vaiani

CARTA DEI SERVIZI. Il Direttore Sanitario Dr.ssa Renata Vaiani CARTA DEI SERVIZI Questa Carta dei Servizi ha lo scopo di illustrare brevemente il nostro Poliambulatorio per aiutare i cittadini a conoscerci, a rendere comprensibili ed accessibili i nostri servizi,

Dettagli

MA 28. DAI Chirurgia e Oncologia MDA Oncologia Borgo Roma SCHEDA INFORMATIVA UNITÀ OPERATIVE CLINICHE MISSIONE E VALORI

MA 28. DAI Chirurgia e Oncologia MDA Oncologia Borgo Roma SCHEDA INFORMATIVA UNITÀ OPERATIVE CLINICHE MISSIONE E VALORI pag. 7 DAI Chirurgia e Oncologia MDA Oncologia Borgo Roma SCHEDA INFORMATIVA UNITÀ OPERATIVE CLINICHE MA 28 Rev. 1 del 22/10/2011 Pagina 1 di 6 MISSIONE E VALORI L U.O.C. di Oncologia Medica si prende

Dettagli

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Lo scorso 8 febbraio nella sede del Comitato Consultivo, il Direttore Generale dell Azienda "Policlinico-Vittorio Emanuele", Armando Giacalone, il Direttore

Dettagli

Come fare per prenotare esami, visite o altre prestazioni sanitarie

Come fare per prenotare esami, visite o altre prestazioni sanitarie Come fare per prenotare esami, visite o altre prestazioni sanitarie Informazioni utili Come fare per prenotare esami, visite o altre prestazioni sanitarie Informazioni utili U.O. AFFARI GENERALI E SEGRETERIA

Dettagli

Realtà e problematiche relative alla qualità formativa: un esperienza

Realtà e problematiche relative alla qualità formativa: un esperienza Commissione Nazionale dei Corsi di Laurea in Infermieristica La valutazione dei risultati dell apprendimento e qualità formativa dei Corsi di laurea in Infermieristica Milano, 10 giugno 2011 Realtà e problematiche

Dettagli

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità Introduzione AIAS Bologna onlus, in collaborazione con altre organizzazioni europee, sta realizzando un progetto che intende favorire lo sviluppo di un ambiente positivo nelle famiglie dei bambini con

Dettagli

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale SERVIZIO SANITARIO REGIONALE BASILICATA Azienda Sanitaria Locale di Potenza INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP Relazione Generale A cura degli Uffici URP

Dettagli

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico.

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire

Dettagli

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA Che cos è la degenerazione maculare? La degenerazione maculare è una malattia che interessa la regione centrale della retina (macula), deputata alla visione distinta necessaria per la lettura, la guida

Dettagli

ESSERE OPERATI ALLE VIE LACRIMALI OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI

ESSERE OPERATI ALLE VIE LACRIMALI OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI DIPARTIMENTO CHIRURGICO SPECIALISTICO Unità Operativa di Oculistica Direttore: Prof. Paolo Perri ESSERE OPERATI ALLE VIE LACRIMALI OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI Gentile Signora/e, questo opuscolo

Dettagli

AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE

AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE CENTRO ASSISTENZA PRIMARIA PRESSO IL DISTRETTO DI CIVIDALE Dicembre 2014 1 Indice Premessa 1) La progettualità

Dettagli

INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA

INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA FOGLIO INFORMATIVO PER IL PAZIENTE L angiografia retinica serve a studiare le malattie della retina; localizzare la

Dettagli

Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie

Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse In base al dato riportato dal Sole

Dettagli

Pronto Soccorso e Sistema 118

Pronto Soccorso e Sistema 118 PROGETTO PRONTO SOCCORSO E SISTEMA 118 Ministero della Salute Progetto Mattoni SSN Pronto Soccorso e Sistema 118 Ricognizione della normativa, delle esperienze, delle sperimentazioni, relativamente a emergenza

Dettagli

I Convegno di Neuroautoimmunità. Prato, Polo Universitario. 20-21 Febbraio 2015

I Convegno di Neuroautoimmunità. Prato, Polo Universitario. 20-21 Febbraio 2015 I Convegno di Neuroautoimmunità Prato, Polo Universitario 20-21 Febbraio 2015 PATROCINI RICHIESTI Patrocini richiesti Carissimi, Lettera dei Presidenti è con grande piacere che Vi invitiamo il 21 e 22

Dettagli

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO Il nucleo familiare è composto da : - Il richiedente l esenzione - il coniuge (non legalmente ed effettivamente separato) indipendentemente dalla sua situazione reddituale - dai familiari a carico fiscalmente

Dettagli

Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta

Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta Il CAS (Centro Assistenza Servizi): Aspetti organizzativi e criticità Dott. Vittorio Fusco ASO Alessandria La Rete Oncologica: obiettivi Rispondere all incremento

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott.

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott. C. I. D. I. M. U. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI Resp. Dott. Antonio Vercelli OSTEOPOROSI *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* *Cos è l osteoporosi?* L osteoporosi

Dettagli

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA Particolare dell incisione chirurgica Componenti di protesi d anca 2 Immagine di atrosi dell anca Sostituzione mediante artroprotesi La protesizzazione dell anca (PTA)

Dettagli

www.policlinico.mo.it A cura dell ufficio Comunicazione e accoglienza Ufficio stampa tel 059 4222213 poliurp@policlinico.mo.it

www.policlinico.mo.it A cura dell ufficio Comunicazione e accoglienza Ufficio stampa tel 059 4222213 poliurp@policlinico.mo.it A cura dell ufficio Comunicazione e accoglienza Ufficio stampa tel 059 4222213 poliurp@policlinico.mo.it Progetto grafico Avenida Stampa Artestampa srl Diffusione 50.000 copie Dicembre 2003 www.policlinico.mo.it

Dettagli

La disassuefazione dal fumo

La disassuefazione dal fumo Piano regionale del Veneto per la prevenzione delle malattie legate al fumo La disassuefazione dal fumo Obiettivi Nei paesi industrializzati occidentali gli interventi che riducono i danni da fumo sono

Dettagli

Croce Rossa Italiana Sala Operativa Nazionale. Legnano, li 02 dicembre 2014 Protocollo: 11033/2014. Oggetto: Ebola.

Croce Rossa Italiana Sala Operativa Nazionale. Legnano, li 02 dicembre 2014 Protocollo: 11033/2014. Oggetto: Ebola. Legnano, li 02 dicembre 2014 Protocollo: 11033/2014 protocollo elettronico n. CRI/CC/0084024/2014 Oggetto: Ebola. Ai DRAE, loro sedi Ai Presidenti, loro sedi Ai Comitati Regionali, loro sedi All Ispettorato

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port Cattedra e Divisione di Oncologia Medica Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Il Port Dott. Roberto Sabbatini Dipartimento Misto di Oncologia ed Ematologia Università degli Studi di Modena

Dettagli

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione Metodologie operative

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. Azienda Ospedaliera Sant Anna e e San Sebastiano di di Caserta. di di rilievo nazionale e di e di alta alta specializzazione

CARTA DEI SERVIZI. Azienda Ospedaliera Sant Anna e e San Sebastiano di di Caserta. di di rilievo nazionale e di e di alta alta specializzazione CARTA DEI SERVIZI azienda caserta azienda caserta ospedaliera Azienda Ospedaliera Sant Anna e e San Sebastiano di di Caserta di di rilievo nazionale e di e di alta alta specializzazione progetto e redazione:

Dettagli

Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia. Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia

Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia. Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia Pag. 1 di 6 Rev Data Redatto e elaborato Approvato Firma 0 04/03/2011 Coord.Infermieristico M.Renovi Dirigente Medico Resp. Dr. A. Stefanelli Direttore U.O.C. Medicina Generale Dott.ssa P. Lambelet Direttore

Dettagli

giuseppe.marziali@gmail.com giuseppe.marziali@sanita.marche.it 03/04/1956 Porto Sant Elpidio (FM) MRZGPP56D03G921O Febbraio 2010 ad oggi

giuseppe.marziali@gmail.com giuseppe.marziali@sanita.marche.it 03/04/1956 Porto Sant Elpidio (FM) MRZGPP56D03G921O Febbraio 2010 ad oggi F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Qualifica Professionale MARZIALI GIUSEPPE Medico Chirurgo, Specialista in Malattie dell Apparato Cardiovascolare,

Dettagli

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi.

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi. Pagina 1 di 14 SOMMARIO Sommario...1 Introduzione...2 1. Scopo...2 2. campo di applicazione...3 3 Riferimenti...3 3.1 Riferimenti esterni...3 3.2 Riferimenti interni...3 4. Abbreviazioni utilizzate...4

Dettagli

ELIMINARE LO STRESS La prevenzione dello stress nelle aziende

ELIMINARE LO STRESS La prevenzione dello stress nelle aziende ELIMINARE LO STRESS La prevenzione dello stress nelle aziende Formazione e informazione perla prevenzione nell hotellerie e nella Gastronomia 2 Traduzione e adattamento italiani a cura di: Gruppo di lavoro

Dettagli

LO PSICOLOGO NELLA RIANIMAZIONE APERTA

LO PSICOLOGO NELLA RIANIMAZIONE APERTA Sig.ra Gelsomina Barozzino - CPSE SC Rianimazione e Anestesia Cirié Dott. Marcello Giove Psicologo Servizio di Psicologia Ospedaliera sede di Chivasso e di Ivrea Dott. Bruno Scapino - Responsabile S.S.

Dettagli

LINEE-GUIDA DEL MINISTRO DELLA SANITÀ PER LE ATTIVITA DI RIABILITAZIONE

LINEE-GUIDA DEL MINISTRO DELLA SANITÀ PER LE ATTIVITA DI RIABILITAZIONE LINEE-GUIDA DEL MINISTRO DELLA SANITÀ PER LE ATTIVITA DI RIABILITAZIONE Premessa Obiettivo delle presenti linee-guida è fornire indirizzi per la organizzazione della rete dei servizi di riabilitazione

Dettagli

Indice Indice... 1 Oggetto... 1 Referenti regionali del progetto... 1 Scopo... 2 Il progetto Rete CUP regionale... 2 Premessa... 2 La situazione regionale... 2 Azienda Ospedaliera di Cosenza... 2 ASP di

Dettagli

COMUNITA SOL LEVANTE Carta dei Servizi 2010/2012

COMUNITA SOL LEVANTE Carta dei Servizi 2010/2012 COMUNITA SOL LEVANTE Carta dei Servizi 2010/2012 La Sol Levante nasce nel 1998 per dare una risposta alle esigenze delle persone, di ogni fascia d età, affette da disagio psichico e con problematiche in

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA

REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA PREMESSA Il ricovero in ambiente ospedaliero rappresenta per la persona e la sua

Dettagli

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro Apparato scheletrico Le funzioni dello scheletro Lo scheletro ha la funzione molto importante di sostenere l organismo e di dargli una forma; con l aiuto dei muscoli, a cui offre un attacco, permette al

Dettagli

GUIDA OPERATIVA. Comparto Sanità (aree dirigenziali e personale dei livelli) Permessi retribuiti e non retribuiti

GUIDA OPERATIVA. Comparto Sanità (aree dirigenziali e personale dei livelli) Permessi retribuiti e non retribuiti GUIDA OPERATIVA Comparto Sanità (aree dirigenziali e personale dei livelli) Permessi retribuiti e non retribuiti Dicembre 2014 INDICE INTRODUZIONE... 2 PERMESSI PER CONCORSI, ESAMI, AGGIORNAMENTO... 3

Dettagli

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI GG. PRES./ GG.LAVORATIVI % CENTRO CONTROLLO DIREZIONALE 95,45 DIPARTIMENTO PREVENZIONE

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI GG. PRES./ GG.LAVORATIVI % CENTRO CONTROLLO DIREZIONALE 95,45 DIPARTIMENTO PREVENZIONE Tassi di assenza e di maggior presenza del personale in servizio presso nel mese /. Pag. di assenza ingiustificata, infortunio e permessi retribuiti vari (legge, avis, allattamento, matrimonio, lutto,

Dettagli

.. QUANDO?.. DOVE?... COME?

.. QUANDO?.. DOVE?... COME? S.S.V.D. ASSISTENZA INTEGRATIVA E PROTESCA CHI?.. QUANDO?.. DOVE?... COME? Rag. Coll. Amm. Rita Papagna Dott.ssa Laura Signorotti PRESIDI EROGABILI DAL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE D.M. n.332 del 27 agosto

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

Elenco provvidenze nuova mutualità

Elenco provvidenze nuova mutualità Elenco provvidenze nuova mutualità Tipologia sussidio Importo erogato Periodicità del sussidio Documentazione da allegare Ricovero 15,00 al giorno (per massimo 20 giorni all anno) Ogni anno Certificato

Dettagli

TRATTAMENTI. Elaborazione piani di trattamento in radioterapia con fasci esterni e 30

TRATTAMENTI. Elaborazione piani di trattamento in radioterapia con fasci esterni e 30 TRATTAMENTI 1 Accesso e custodia C/C DH 2 Accesso e custodia dati pazienti informatizzati 3 Accesso e custodia faldoni cartacei referti 4 Agenda prenotazione esami interni 5 Agenda prenotazione visite

Dettagli

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI GG. PRES./ GG.LAVORATIVI % CENTRO CONTROLLO DIREZIONALE 80,00 DIPARTIMENTO PREVENZIONE

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI GG. PRES./ GG.LAVORATIVI % CENTRO CONTROLLO DIREZIONALE 80,00 DIPARTIMENTO PREVENZIONE Tassi di assenza e di maggior presenza del personale in servizio presso nel mese /. Pag. di assenza ingiustificata, infortunio e permessi retribuiti vari (legge, avis, allattamento, matrimonio, lutto,

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI Che cos è la depressione? Tutti noi ci possiamo sentire tristi a volte, tuttavia la depressione è una cosa seria. La malattia della depressione a volte denominata Depressione

Dettagli

INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE

INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE CORREZIONE DELL ALLUCE VALGO 5 METATARSO VARO CON OSTEOTOMIA PERCUTANEA DISTALE Intervento Si ottiene eseguendo una osteotomia (taglio) del primo metatarso o del 5 metatarso

Dettagli

Un anno di Open AIFA

Un anno di Open AIFA Il dialogo con i pazienti. Bilancio dell Agenzia Un anno di Open AIFA Un anno di Open AIFA. 85 colloqui, 250 persone incontrate, oltre un centinaio tra documenti e dossier presentati e consultati in undici

Dettagli

Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può!

Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può! Pag. 1/3 Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può! (Articolo tratto da ALCER n 153 edizione 2010) Conoscere posti nuovi, nuove culture e relazionarsi con persone di altri paesi, di altre città

Dettagli

LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA. Obiettivi della giornata. Obiettivi del progetto

LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA. Obiettivi della giornata. Obiettivi del progetto LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA Obiettivi della giornata Conoscere i presupposti normativi, professionali e deontologici della documentazione del nursing Conoscere gli strumenti di documentazione infermieristica

Dettagli

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 Il processo infermieristico espresso con un linguaggio comune: sviluppo delle competenze professionali attraverso la capacità di formulare diagnosi infermieristiche

Dettagli

PROGETTO SORRISI IN ATTESA

PROGETTO SORRISI IN ATTESA PROGETTO SORRISI IN ATTESA IL DOTTOR SORRISO e l OSPEDALE BUZZI IN COLLABORAZIONE CON OBM ONLUS - Ospedale dei bambini di Milano CHI È DOTTOR SORRISO 1. La Fondazione La Fondazione Aldo Garavaglia Dottor

Dettagli

Prof. Giuseppe Scotti OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI CHE DEVONO SOTTOPORSI A UN ESAME DI RISONANZA MAGNETICA

Prof. Giuseppe Scotti OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI CHE DEVONO SOTTOPORSI A UN ESAME DI RISONANZA MAGNETICA Prof. Giuseppe Scotti OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI CHE DEVONO SOTTOPORSI A UN ESAME DI RISONANZA MAGNETICA Gentili Pazienti, desideriamo fornirvi alcune informazioni utili per affrontare in modo

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959 INFORMAZIONI PERSONALI Nome Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio I Fascia AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE DI REGGIO CALABRIA

Dettagli

DOMANDA DI ESENZIONE DALL OBBLIGO ASSICURATIVO DELLE CURE MEDICO-SANITARIE Studenti / stagiaires (DI PROVENIENZA DA UN PAESE NON CE/AELS)

DOMANDA DI ESENZIONE DALL OBBLIGO ASSICURATIVO DELLE CURE MEDICO-SANITARIE Studenti / stagiaires (DI PROVENIENZA DA UN PAESE NON CE/AELS) CANTONE TICINO DIPARTIMENTO DELLA SANITÀ E DELLA SOCIALITÀ Istituto delle assicurazioni sociali TEL: 0041 / (0)91 821 92 92 FAX: 0041 / (0)91 821 93 99 DOMANDA DI ESENZIONE DALL OBBLIGO ASSICURATIVO DELLE

Dettagli

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani Comune di Ragusa Regolamento assistenza domiciliare agli anziani REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI approvato con delib. C.C. n.9 del del 24/02/84 modificato con delib. C.C.

Dettagli

Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva.

Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva. Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva. Mario Saia CIO: Normativa Italiana Circolare Ministeriale 52/1985 Lotta contro

Dettagli

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE un indagine demoscopica svolta da Astra Ricerche per Telefono Amico Italia con il contributo di Nokia Qui di seguito vengono presentati i principali risultati

Dettagli

UPDATE E SECOND OPINION IN CHIRURGIA VASCOLARE

UPDATE E SECOND OPINION IN CHIRURGIA VASCOLARE L EVENTO ASSEGNERÀ CREDITI ECM Sabato 16 giugno 2012 ore 8,30 UPDATE E SECOND OPINION IN CHIRURGIA VASCOLARE SEDE DEL CORSO Via Masaccio, 19 MILANO PER ISCRIZIONI www.chirurgiavascolaremilano.it Il Convegno

Dettagli

D.A.I. NEUROSCIENZE CLINICHE, ANESTESIOLOGIA E FARMACOUTILIZZAZIONE

D.A.I. NEUROSCIENZE CLINICHE, ANESTESIOLOGIA E FARMACOUTILIZZAZIONE Pag. 51 D.A.I. NEUROSCIENZE CLINICHE, ANESTESIOLOGIA E FARMACOUTILIZZAZIONE Responsabile: Prof. Lucio SANTORO Sedi: Edifici 17 16-11G - 20 Direzione 4645 Segreteria 2788 Fax 2657 Portineria 2355 U.O.C.

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

AVVISO VOLONTARI AGRONOMI E FORESTALI WAA FOR EXPO

AVVISO VOLONTARI AGRONOMI E FORESTALI WAA FOR EXPO AVVISO VOLONTARI AGRONOMI E FORESTALI WAA FOR EXPO AL VIA LA CAMPAGNA AGRONOMI E FORESTALI WAA FOR EXPO 1. ESSERE UN AGRONOMO E FORESTALE WAA for EXPO2015 Il grande appuntamento dell EXPO MILANO 2015 dal

Dettagli

Parte II specifica Edificio RM022 - Villino A Via degli Apuli, 1-00185 Roma. Il Responsabile dell Uspp Arch. Simonetta Petrone

Parte II specifica Edificio RM022 - Villino A Via degli Apuli, 1-00185 Roma. Il Responsabile dell Uspp Arch. Simonetta Petrone PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE (ai sensi del D.Lgs. 81/08 artt.18, 43, 46 e del D.M. 10/03/98 art. 5) Il presente documento è parte integrante del Documento di Valutazione dei Rischi di cui all art.

Dettagli

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura INTRODUZIONE L obiettivo è fornire la migliore cura per i pazienti con il coinvolgimento di tutto il personale

Dettagli

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna Principali attività e medico presso la Medicina e Chirurgia di Accettazione ed Urgenza (MCAU) del Pronto Soccorso Generale P.O. Garibaldi Centro. Attività svolta presso gli ambulatori di Medicina del Pronto

Dettagli

MODALITA DI PRENOTAZIONE

MODALITA DI PRENOTAZIONE DIPARTIMENTO DI SANITA PUBBLICA MEDICINA DELLO SPORT MODALITA DI PRENOTAZIONE U.O.C.- CENTRO DI MEDICINA DELLO SPORT DI 2 LIVELL O CASALECCHIO DI RENO AMBULATORI DI 1 LIVELLO Per prenotare le visite di

Dettagli

LEGISLAZIONE DEI LIVELLI ASSISTENZIALI DEI PUNTI NASCITA E RIORGANIZZAZIONE SANITARIA IN PIEMONTE. Tortona 6 ottobre 2012 dott. A.

LEGISLAZIONE DEI LIVELLI ASSISTENZIALI DEI PUNTI NASCITA E RIORGANIZZAZIONE SANITARIA IN PIEMONTE. Tortona 6 ottobre 2012 dott. A. LEGISLAZIONE DEI LIVELLI ASSISTENZIALI DEI PUNTI NASCITA E RIORGANIZZAZIONE SANITARIA IN PIEMONTE Tortona 6 ottobre 2012 dott. A. Marra PROGETTO OBIETTIVO MATERNO INFANTILE ( POMI) DM 24 APRILE 2000 TRE

Dettagli

che serve Corso base sui Disturbi Specifici dell Apprendimento Direttore: Dr. Marco Leonardi 26 ottobre 2013 CEFPAS Caltanissetta 6 CREDITI E.C.

che serve Corso base sui Disturbi Specifici dell Apprendimento Direttore: Dr. Marco Leonardi 26 ottobre 2013 CEFPAS Caltanissetta 6 CREDITI E.C. laformazione che serve Corso base sui Disturbi Specifici dell Apprendimento Direttore: Dr. Marco Leonardi 26 ottobre 2013 CEFPAS Caltanissetta 6 CREDITI E.C.M Premessa Di recente i disturbi specifici dell

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA

IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA Il settore dell assistenza e dell aiuto domiciliare in Italia L assistenza domiciliare. Che cos è In Italia l assistenza domiciliare (A.D.)

Dettagli

L analisi dei villi coriali

L analisi dei villi coriali 12 L analisi dei villi coriali Testo modificato dagli opuscoli prodotti dal Royal College of Obstetricians and Gynaecologists dell Ospedale Guy s and St Thomas di Londra. www.rcog.org.uk/index.asp?pageid=625

Dettagli

DIPARTIMENTO TUTELA DELLA SALUTE E POLITICHE SANITARIE Allegato 8.6 8.6. Requisiti Specifici per l accreditamento delle Strutture di Genetica Medica

DIPARTIMENTO TUTELA DELLA SALUTE E POLITICHE SANITARIE Allegato 8.6 8.6. Requisiti Specifici per l accreditamento delle Strutture di Genetica Medica 8.6 Requisiti Specifici per l accreditamento delle Strutture di Genetica Medica 1 Premessa Qualità e sostenibilità economica sono le principali esigenze cui cerca di rispondere la concentrazione delle

Dettagli

Carta Servizi. Poliambulatorio Sani.Med. 98 S.r.l. Medicina dello sport Medicina del lavoro 4 revisione- Gennaio 2015.

Carta Servizi. Poliambulatorio Sani.Med. 98 S.r.l. Medicina dello sport Medicina del lavoro 4 revisione- Gennaio 2015. Sani.Med. S.r.l. Via Palombarese km. 19,0 Marcosimone di Guidonia 00010 Roma Carta Servizi Prestazioni di: Fisioterapia Cardiologia Dermatologia Ginecologia Endocrinologia Oculistica Neurologia Reumatologia

Dettagli

SALUTE E BENESSERE MASEC LA CLINICA DEL SALE CENTRI FISIOTERAPICI OTTICA DANILO CROTTI PARRUCCHIERI CENTRI ESTETICI

SALUTE E BENESSERE MASEC LA CLINICA DEL SALE CENTRI FISIOTERAPICI OTTICA DANILO CROTTI PARRUCCHIERI CENTRI ESTETICI MASEC LA CLINICA DEL SALE CENTRI FISIOTERAPICI OTTICA DANILO CROTTI PARRUCCHIERI CENTRI ESTETICI SALUTE E BENESSERE MASEC COS E È la mutua assistenza volontaria dei piccoli imprenditori e delle loro famiglie,

Dettagli

RESIDENZA LE ROSE SCHEDA SERVIZIO DATI ANAGRAFICI STRUTTURA. Residenza LE ROSE. Via delle Rose, 7 35034 Lozzo Atestino PD. info@residenzalerose.

RESIDENZA LE ROSE SCHEDA SERVIZIO DATI ANAGRAFICI STRUTTURA. Residenza LE ROSE. Via delle Rose, 7 35034 Lozzo Atestino PD. info@residenzalerose. RESIDENZA LE ROSE DATI ANAGRAFICI STRUTTURA SCHEDA SERVIZIO Residenza LE ROSE DENOMINAZIONE Via delle Rose, 7 35034 Lozzo Atestino PD INDIRIZZO CAP CITTÀ PROVINCIA 0429 644544 TELEFONO info@residenzalerose.net

Dettagli

CONTRATTO FORMATIVO DI TIROCINIO Studenti II anno A.A. 2013-2014

CONTRATTO FORMATIVO DI TIROCINIO Studenti II anno A.A. 2013-2014 Università Politecnica delle Marche Corso di Laurea in Infermieristica Ancona CONTRATTO FORMATIVO DI TIROCINIO Studenti II anno A.A. 2013-2014 U.O. : BLOCCO OPERATORIO I.N.R.C.A. Studente Guida di Tirocinio:

Dettagli

Cosa succede in un laboratorio di genetica?

Cosa succede in un laboratorio di genetica? 12 laboratori potrebbero utilizzare campioni anonimi di DNA per lo sviluppo di nuovi test, o condividerli con altri in quanto parte dei programmi di Controllo di Qualità, a meno che si chieda specificatamente

Dettagli

PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo

PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo Malattia Renale Cronica Stadiazione Stadio Descrizione VFG (ml/min/1.73

Dettagli

Misurazione e monitoraggio della complessità assistenziale Monitoraggio dei livelli ottimali di staffing Strumenti disponibili e tendenze

Misurazione e monitoraggio della complessità assistenziale Monitoraggio dei livelli ottimali di staffing Strumenti disponibili e tendenze Misurazione e monitoraggio della complessità assistenziale Monitoraggio dei livelli ottimali di staffing Strumenti disponibili e tendenze Filippo Festini Università di Firenze, Dipartimento di Pediatria,

Dettagli

REaD REtina and Diabetes

REaD REtina and Diabetes Progetto ECM di formazione scientifico-pratico sulla retinopatia diabetica REaD REtina and Diabetes S.p.A. Via G. Spadolini 7 Iscrizione al Registro delle 20141 Milano - Italia Imprese di Milano n. 2000629

Dettagli

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Fabrizio Muscas Firenze, 1 Luglio 2011 ANCoM chi rappresenta? 8 Consorzi regionali 98 Cooperative di MMG 5000 Medici di Medicina Generale (MMG)

Dettagli

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME Gli Orari Visite Fiscali 2014 2015 INPS lavoratori assenti per malattia dipendenti pubblici, insegnanti, privati,

Dettagli

In questo servizio si svolgeranno le seguenti attività:

In questo servizio si svolgeranno le seguenti attività: Insieme si può Arcigay Pistoia La Fenice dopo le varie attività svolte sul territorio pistoiese e zone limitrofe, ha valutato l opportunità di realizzare un progetto con la collaborazione di personale

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

Giorni e orari A Torino: Lunedì e Venerdì dalle 9,20 alle 13,20 e dalle 16,00 alle 20,00 Mercoledì dalle 9,20 alle 13,20.

Giorni e orari A Torino: Lunedì e Venerdì dalle 9,20 alle 13,20 e dalle 16,00 alle 20,00 Mercoledì dalle 9,20 alle 13,20. Lo Studio Lo StudioFisiocenter del Dottor Marco Giudice è un team di professionisti che offre supporto e assistenza per la risoluzione di un ampia gamma di problemi fisici. Operano in ambito preventivo,

Dettagli

V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E

V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E Assistenza sanitaria e sociale a domicilio Servizio medico specialistico: Cardiologi, Chirurghi, Dermatologi Ematologi, Nefrologi, Neurologi Pneumologi, Ortopedici,

Dettagli

Al Direttore Generale per l Università, lo Studente ed il Diritto allo studio universitario del Ministero Istruzione, Università e Ricerca

Al Direttore Generale per l Università, lo Studente ed il Diritto allo studio universitario del Ministero Istruzione, Università e Ricerca Parere n. 5 del 22/6/2011 Al Direttore Generale per l Università, lo Studente ed il Diritto allo studio universitario del Ministero Istruzione, Università e Ricerca Oggetto: Programmazione nazionale dei

Dettagli

IDI IRCCS Roma. CRESCERE con l EB. Elisabetta Andreoli. Servizio di Psicologia Clinica e Psicoterapia Psicosomatica

IDI IRCCS Roma. CRESCERE con l EB. Elisabetta Andreoli. Servizio di Psicologia Clinica e Psicoterapia Psicosomatica IDI IRCCS Roma CRESCERE con l EB Elisabetta Andreoli Servizio di Psicologia Clinica e Psicoterapia Psicosomatica EB: patologia organica che interessa l ambito fisico e solo indirettamente quello psicologico

Dettagli

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI PREMESSO CHE Nel 2001 è stata adottata in Italia la prima Carta dei diritti dei bambini in ospedale. Tale Carta era già ispirata alle norme

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli