EVENTO ALLUVIONALE DEL NOVEMBRE 2012 IN VENETO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "EVENTO ALLUVIONALE DEL 10 11 NOVEMBRE 2012 IN VENETO"

Transcript

1 EVENTO ALLUVIONALE DEL NOVEMBRE 2012 IN VENETO POST-ANALISI SINOTTICA DELL EPISODIO E FOCUS SULL EST VERONESE di Francesco De Bon e Luca Bertolazzi INTRODUZIONE Durante i giorni Sabato 10 e Domenica 11 Novembre il Veneto è stato interessato da un intenso sistema perturbato legato a una onda baroclina in Oceano Atlantico. Le correnti, prevalentemente di libeccio sul Mediterraneo, ma in seguito ruotate ad ostro nei bassi strati specialmente sul Veneto hanno scaricato ingenti precipitazioni sulla fascia alpina, prealpina, e tutta la cintura delle medie-alte pianure. Sono intervenuti anche locali fenomeni di stau (sollevamento orografico) nelle zone ormai note per tale effetto, causati dal richiamo sciroccale al suolo e dall intenso afflusso dai quadranti sud-occidentali, con previsioni di scirocco moderato/forte anche in pianura. Tali ingenti precipitazioni concentrate in poco tempo hanno causato criticità idrogeologiche ed idrauliche in molte zone del Veneto, fra tutte, le aree interessate dal torrente Muson dei Sassi (Alta Padovana) e dal fiume Bacchiglione (città di Vicenza). MODELLI GLOBALI I modelli globali hanno individuato in maniera abbastanza soddisfacente sfacente la perturbazione con diversi giorni d anticipo, pur con delle incongruenze. Ad esempio, per cominciare questa analisi a posteriori si può prendere spunto dalla sinottica europea proposta dal modello ARPEGE, che ben individua la saccatura presente in Oceano Atlantico ed evidenzia le tese correnti sud-occidentali che andranno a investire il Veneto. E interessante notare inoltre la presenza di un rilevante abbassamento della quota isentropica di 2 PVU, dovuto all aumento del trasporto di vorticità di Ertel nel Mediterraneo operato dalla saccatura. Altro elemento importantissimo è stato l anticiclone di blocco presente sull Europa orientale che ha causato un rallentamento della traslazione della saccatura verso est. In generale, un rallentamento della struttura ciclonica fa presupporre che i fenomeni debbano consumarsi in loco e rimangano quindi persistenti nel ramo ascendente della saccatura. Questo comportamento si può vedere nelle sinottiche europee qui ALLUVIONE DEL NOVEMBRE 2012 IN VENETO Pag. 1

2 proposte che coprono l intervallo dalle 00z del 9 alle 00z del 12 Novembre. Nell ultima immagine è evidente il distacco quasi completo di una goccia fredda dalla struttura depressionaria giusto a nord del Marocco. Sinottiche di previsione dal modello ARPEGE 0.1 su analisi ARP 00Z dal 9/11/12 al 12/11/12. Non solo dai modelli deterministici si potevano cogliere preziose informazioni, ma anche da quelli ensamble, che sono assai utili in situazioni come queste, quando è necessario tener conto di tutte le configurazioni possibili. Ecco quindi che l EFI (Extreme Forecast Index) derivato dalle 51 corse probabilistiche di ECMWF è un grosso segnale in quanto ad importanza della situazione. Si vede come il Veneto sia in gran parte compreso nella zona rossa, ossia la zona con probabilità compresa tra il 90 e il 100% di precipitazioni ingenti. La prima mappa fa riferimento a sabato 10, la seconda a domenica 11. Extreme Forecast Index precipitation calcolato dalle ENS di ECMWF, dati ECMWF 00Z del 10/11/12. E opportuno anche dare uno sguardo anche ai cumulati massimi, ai quantili e alle probabilità di precipitazioni superiori ai 50 e 100 millimetri. Si ricorre quindi alle mappe di PEARP, le ENS di ARPEGE. Si nota quindi che la sinottica non presenta spread tale, nel campo dell altezza geopotenziale, da chiamare in ALLUVIONE DEL NOVEMBRE 2012 IN VENETO Pag. 2

3 causa incertezze in qualche modo salvifiche per il Veneto. Al contrario infatti, gli scenari proposti sono pesanti. Media dell altezza di geopotenziale a 500 hpa e spread (dam) dal modello PEARP 1.0 su analisi ARP 06Z DEL 10/11/12. Si può notaree la saccatura stretta a sinistra da una alta pressione delle Azzorre ed a destra dall alta dall pressione di blocco sui Balcani. Il colore viola rappresenta il differenziale di previsione dell altezza di geopotenziale. Non a caso infatti la carta che mostra la massima precipitazione possibile marca ulteriormente la gravità della situazione incombente. La pianura è diffusamente prevista accumulare circa millimetri, le medie-alte alte pianure dovrebbero raccogliere circa millimetri ed i rilievi tra i e i 200 millimetri, con picchi sul Friuli di millimetri. Massima precipitazione possibile in 24h dal modello PEARP 0.1 su analisi ARP 06Z DEL 10/11/ NOVEMBRE 2012 IN VENETO ALLUVIONE DEL Pag. 3

4 E da notare anche il quantile 25%, la carta successiva, che mette in risalto come le pianure siano già viste a milllimetri circa, segno dell importanza degli accumuli previsti. Purtroppo, nella grande maggioranza dei casi lo scenario estremo di massima sima precipitazione non viene mai raggiunto, stavolta invece è stato raggiunto e superato. Quantile 25% di precipitazione in 24 h dal modello PEARP 0.1 su analisi ARP 06Z DEL 10/11/12. In questa carta invece, sempre di PEARP, viene mostrata la probabilità ità che venga superata la soglia dei 50 millimetri nelle 24 ore. Per le medie-alte pianure i valori di probabilità sono medio - alti (superiori al 50-60%), per i rilievi la probabilità è del 100%. Probabilità di precipitazioni superiori a 50 mm dal modello PEARP 0.1 su analisi ARP 06Z DEL 10/11/12. ALLUVIONE DEL NOVEMBRE 2012 IN VENETO Pag. 4

5 MODELLI LOCALI Già da Mercoledì sera, con le prime uscite del modello LAMMA a 9 km di risoluzione si poteva capire quale sarebbe stata la probabile entità delle precipitazioni e la loro distribuzione, ovviamente variabile di corsa in corsa, ma sempre più realistica con l avvicinarsi dell evento. Precipitazioni accumulate in 24 h dal modello LAMMA ECMWF 9 km. Altre indicazioni importanti si coglievano negli stessi giorni anche da ARPEGE stesso con le mappe grezze di precipitazione che qui di seguito proposte. Precipitazioni previste in 24 ore dal modello ARPEGE 0.1 su analisi ARP 00Z del 09/11/12 e 10/11/12. ALLUVIONE DEL NOVEMBRE 2012 IN VENETO Pag. 5

6 Numerosi indizi si potevano cogliere dai modelli locali a griglia più fine. Si è riscontrato innanzitutto un trend all aumento delle precipitazioni man mano che ci si avvicinava all evento. Nelle immagini dei principali LAM si può vedere questa tendenza. Precipitazioni accumulate in 24 h dal modello LAMMA ECMWF 3 km dal 8/11/12 al 11/11/12. Inoltre, la presenza di sostenuti venti di ostro negli strati più bassi faceva pensare subito ad ingenti precipitazioni sui rilievi e le altre pianure. Sono stati proposti anche scenari estremi, come quelli del modello sperimentale MOLOCH 1.5 km su dati di GFS, che qui sotto è riportato. Si prevedono quasi 450 mm in 24 ore in Friuli e punte di 350 mm nelle Prealpi venete centrali. Tale scenario, almeno per le zone prealpine è stato purtroppo previsto abbastanza bene, molto meno bene sulla pianura, dove sono caduti circa 9-10 volte le precipitazioni calcolate. Precipitazioni accumulate in 24 h dal modello MOLOCH 1.5 km sperimentale, su dati BOLAM 00Z (GFS 18Z) del 10/11/12. ALLUVIONE DEL NOVEMBRE 2012 IN VENETO Pag. 6

7 Qui invece è proposta la sovrapposizione fatta dall utente del forum di Serenissimameteo Sergio Pianezzola con Google Earth: da notare l errata distribuzione pluviometrica in pianura mentre i valori possono considerarsi abbastanza corretti per i rilievi. Nelle ellissi rosse sono evidenziati i massimi accumuli previsti sul Recoarese e Piccole Dolomiti, le Prealpi centrali (Monte Grappa) e il Friuli più a destra nella zona del Piancavallo (PN). E utile spendere qualche parola anche sulla matrice umida del peggioramento, direttamente dal Mediterraneo meridionale. Si può vedere bene nella mappa di previsione di Theta-E (dove E sta per equivalent) del LAMMA ECMWF 3 km a 850 hpa, quindi nei bassi strati. Questo parametro è utile per valutare la stabilità di una massa d aria. In generale, maggiori sono i valori di Theta-E maggiore è l instabilità potenziale. E un parametro che dipende da due fattori: -quanto vapore acqueo contiene la massa d aria, -la temperatura della massa d aria. Infatti la temperatura potenziale equivalente è la temperatura che una massa d aria avrebbe se tutto il vapore acqueo che contiene fosse condensato e tale massa d aria poi portata al livello della pressione SLM. Trascurando i dettagli teorici, si fa riferimento al calore latente di condensazione, un parametro termodinamico assimilabile ad un ΔH (entalpia). Dati i valori di Theta-E, la massa d aria che s è portata sui rilievi veneti (e l ulteriore iniezione dello scirocco al suolo) ha generato tali precipitazioni. A fianco di questa, è riportata un immagine satellitare del canale infrarosso a 10.8 µm di radianza, della cosiddetta temperatura di brillanza delle nubi. Si evidenzia come proprio in corrispondenza del canale di alimentazione umido (warm conveyor belt) si generino gli imponenti sistemi nuvolosi carichi di pioggia che hanno poi raggiunto la nostra regione. I sistemi nuvolosi risultano sviluppati in altezza e riconoscibili dal colore bianco e viola nell immagine dal satellite. Le ultime tre immagini fanno sempre riferimento ai Theta- ALLUVIONE DEL NOVEMBRE 2012 IN VENETO Pag. 7

8 E ma tratti dal modello AROME WMED, a 925 e 950 hpa più le SST sul Mediterraneo alle ore 00z dell 11 Novembre. L immagine a fianco delle SST è una convection chart di ARPEGE, sempre dei Theta-E T a 925 hpa. Previsione di Theta-EE sul Mediterraneo di AROME WMED e ARPEGE del 10-11/11/ /11/12 su dati ARP e AROME. Qui di seguito vengono riportate le mappe di previsione di accumulo in 24 ore dei LAM usate per stendere le previsioni, per Youmeteo le mappe si riferiscono alla precipitazione in 12 ore dell 11 Novembre. 11 NOVEMBRE 2012 IN VENETO ALLUVIONE DEL Pag. 8

9 LAMMA WRF ECMWF 3 km: YOUMETEO.COM GFS 2.5 km: AROME ECMWF 2.5 km: 11 NOVEMBRE 2012 IN VENETO ALLUVIONE DEL Pag. 9

10 AROME FRANCE: Anche i modelli probabilistici ad alta risoluzione davano segnali non indifferenti in quanto ad accumuli. COSMO H2 EPS per esempio, forniva scenari abbastanza inquietanti. Probabilità di precipitazioni superiori a 50 e 100 mm in 24 dal modello COSMO H2 EPS su dati ECMWF 12z del 10/11/12. Nell immagine di sinistra è presente la probabilità di precipitazioni superiori ai 50 millimetri, in quella di destra la probabilità di precipitazioni superiori ai 100 millimetri. Sebbene diverga molto dal precedente ALLUVIONE DEL NOVEMBRE 2012 IN VENETO Pag. 10

11 modello PEARP per la pianura e non sia soddisfacente come previsione, è concorde per le ingenti precipitazioni sui rilievi. Nell immagine di destra si nota bene infatti il profilo dei rilievi prealpini dove sono presenti le macchie rosse del 100% di probabilità. Vediamo anche le correnti che interessano il Veneto. Si diceva all inizio della presenza di libeccio e ostro. Dapprima vediamo il modello globale ECMWF: queste due mappe si riferiscono alle altezze di geopotenziale di 700 e 850 hpa, campo dell umidità relativa e della velocità del vento alle ore 12z del 11/11/12. Si possono notare le intense correnti sud-occidentali che investono il Nord talia e la loro quasi completa saturazione di vapore acqueo, quel vapore che condensandosi andrà a causare le intense precipitazioni sui rilievi. Per visualizzare meglio le componenti del vento alle varie quote è riportato sotto il modello LAMMA ALLUVIONE DEL NOVEMBRE 2012 IN VENETO Pag. 11

12 ECMWF 3 km. Si fa riferimento nelle successive 3 immagini alla velocità del vento in nodi alle quote isopotenziali di 700, 850 e 925 hpa. A 700 hpa tese correnti da SW (libeccio) previste a 35 nodi investono le zone alpine e sono sature praticamente (RH>90%), a 850 hpa le correnti ruotano ad ostro e vanno a impattare perpendicolarmente la catena prealpina veneta, lo stesso si può dire a 925 hpa. Le correnti sono tutte sature di umidità, così come si può anche vedere dall integrated water vapour e dal CLWI (Cloud Liquid Water Index). Le mappe si riferiscono alle 10z (ore 11 locali) e alle 9z per quella del CLWI. ALLUVIONE DEL NOVEMBRE 2012 IN VENETO Pag. 12

13 Mappe di IWV (10z) e CLWI (09z) dell 11/11/12: LE PREVISIONI DI SERENISSIMA METEO Per comporre le previsioni di quei giorni sono stati usati i seguenti modelli locali: AROME WMED ECMWF 2.5 km, YOUMETEO.COM GFS 2.5 km e LAMMA ECMWF 3 km. Inoltre per il primo periodo ci si è orientati in via indicativa anche con Meteotitano, che aveva a disposizione la corsa fino a +84h dall inizializzazione del modello. Come LAM di supporto in fase di nowcasting è stato usato COSMO 2.8 km ed AROME FRANCE. Il primo è aggiornato ogni 3 ore ed assimila anche le immagini di 3 radar di Meteo Svizzera, il secondo è il fratello minore di AROME WMED, col quale condivide l inizializzazione dei dati (in sostanza la stessa analisi derivante da ECMWF più altri dati). Da notare anche la quota neve particolarmente elevata, con lo zero termico previsto a quasi 3000 metri sulle Prealpi e tale da far scendere pioggia fin sulla cima di svariati rilievi. Ecco quindi che in una situazione delicata come questa, le previsioni assumono un ruolo ALLUVIONE DEL NOVEMBRE 2012 IN VENETO Pag. 13

14 fondamentale. Queste sono quelle proposte da SerenissimaMeteo durante l evento, fanno riferimento ai giorni 10 e 11 di Novembre: ALLUVIONE DEL NOVEMBRE 2012 IN VENETO Pag. 14

15 Ben visibili le zone evidenziate dalle curve rosse e viola, che indicano rispettivamente accumuli abbondanti per le zone in rosso e molto abbondanti per quelle in viola: questo per dare ai nostri lettori subito l idea della situazione e metterli in allerta. Il colore viola è la prima volta che stato utilizzato per la prima volta. Viene data enfasi ai fenomeni abbondanti, previsti con svariate ore d anticipo ed evidenziando il pannello integrativo in rosso. In fase di nowcasting tuttavia è stato riscontrato un ritardo pari a circa 3 ore negli eventi durante la giornata di Sabato, e i primi fenomeni sul vicentino si sono registrati attorno alle 20:40 anziché al primo pomeriggio del 10 Novembre. Questo ritardo è attribuibile all anticiclone presente sui Balcani, detto di blocco, che ostacola il normale transito zonale delle perturbazioni. Tale anticiclone, evidentemente più forte del previsto, ha, come primo effetto tangibile, rallentato la perturbazione causando le 3 ore di ritardo. Sono state inoltre proposte varie ipotesi sugli effetti di questo fenomeno, le due più impellenti sono state se poteva cambiare la distribuzione pluviometrica e se poteva variare la stima dell accumulo previsto dai LAM. La mia ipotesi personale verteva su un maggior coinvolgimento delle Prealpi centrali rispetto alle occidentali e un aumento degli accumuli previsti. A posteriori posso dire che la mia idea è stata corretta. Infatti, i massimi di precipitazione, come si vede da immagine allegata qui sotto, sono stati proprio sulle Prealpi centrali e orientali. Forse, ma questa è una personale supposizione, questa distribuzione ha salvato la città di Vicenza. Infatti se il massimo di Valpore di Seren (BL) fosse stato a Turcati Recoaro (VI), il sistema idraulico non avrebbe più retto. L immagine successiva è la mappa di precipitazione registrata l 11 Novembre, con i valori numerici oltre i 100 millimetri registrati nella regione. In colore rosso sono messe in rilievo il massimo di Valpore di Seren (BL) e in grassetto nero i valori oltre i 100 millimetri di alcune zone di pianura o bassa collina. ALLUVIONE DEL NOVEMBRE 2012 IN VENETO Pag. 15

16 11 Nov 2012 Total Precipitation (mm) Station Valpore (Valle di Seren) Cansiglio (Tramedere) Rifugio Bocchette Valstagna Tambre (Col Indes) Longarone (Soffranco) Feltre (Villaga) Trichiana (Sant'Antonio di Tortal) Quero Follina Rifugio Citta' di Fiume Pove del Grappa (Camposolagna) Arsiero (Castana) San Nazario (Lepre) Crespano del Grappa Solagna (Villaggio del Sole) Agno a Recoaro Terme Conco (Val Lastaro) Gosaldo (Sant'Andrea) Recoaro Terme (Turcati) Vittorio Veneto Farra di Soligo Pieve d'alpago (Torch) Rifugio Monte Corno Conegliano Posina (Contra' Doppio) Passo Xomo Valdobbiadene (Bigolino) Velo d'astico (Brustole') Longarone Recoaro Terme (Recoaro Mille) Forno di Zoldo (Campo di Zoldo) Ponte nelle Alpi (La Secca) San Nazario (Finestron) Pieve di Soligo (Solighetto) Valli del Pasubio Santa Giustina Rifugio la Guardia Taibon (Col di Pra') Valle di Cadore Belluno (Cirvoi) Vidor Chies d'alpago (San Martino d'alpago) Laghi (Molini) Gosaldo (Saesin) Lusiana Monte Avena Montecchio Maggiore Marcesina Gallio Chies d'alpago (Roncadin) Passo Santa Caterina Gaiarine La Valle Agordina Agordo Ponte di Mondeval Fonzaso Brenta a Cismon del Grappa Schio (Monte Magre') Pove del Grappa (Pra' Gollin) Bassano del Grappa (ovest) Volpago del Montello Crespadoro Valdagno Funes-Bovolenta Selva di Cadore (Pescul) Sappada Zane' Rossano Veneto Bassano del Grappa (nord) Castelfranco Veneto Crespano del Grappa Crep di Pecol Velo d'astico (Meda) Santa Giustina Selva di Progno (San Bortolo) Tonezza del Cimone San Giovanni Ilarione Vazzola Bassano del Grappa Arzignano (Tezze) Nove (quartiere Brenta) Bassano del Grappa (San Vito) Villorba Astico a Pedescala Asiago (aeroporto) Mareno di Piave Belluno (aeroporto) Maser Perarolo di Cadore Borso del Grappa (Semonzo) Musone a Castelfranco Veneto Malo Vidor (Bosco) Canale d'agordo (Gares) Auronzo Rosa' Trissino Tombolo Montecchio Precalcino Podestagno Santo Stefano di Cadore Passo Monte Croce di Comelico Marostica Salcedo Monticano a Fontanelle Borca di Cadore (Villanova) Cortina (Gilardon) Rifugio Campogrosso Agno a Ponte Brogliano Nove (osservatorio astronomico) Breganze Lamon Faloria ALLUVIONE DEL NOVEMBRE 2012 IN VENETO Pag. 16

17 Spiccano poi i valori orari alluvionali di precipitazione registrati tra le 9 e le 10 dell 11 Novembre a Feltre (BL), quando in un ora caddero ben 36 millimetri di precipitazione. Le due cartine qui sotto sono molto esplicative della potenza del sistema perturbato e dello stau sulle Prealpi. Altro elemento di cui tener considerazione è il vento di scirocco. Famoso per l acqua alta, (infatti s è registrata una punta di 149 centimetri sullo zero mareometrico a Venezia) è responsabile dello stau nelle zone esposte ai venti da sud-est. L intenso richiamo previsto dai modelli locali si è reso concreto ed ha sfondato fino in pianura, come da previsione dei modelli locali LAMMA ECMWF 3 km e Youmeteo.com che sono riportati qui sotto: Previsione del vento a 10 m dei modelli LAMMA ECMWF 3 km e YOUMETEO GFS 3 km su dati ECMWF e GFS del 10/11/12. ALLUVIONE DEL NOVEMBRE 2012 IN VENETO Pag. 17

18 Qui nelle due immagini sottostanti i valori registrati di scirocco in questa occasione alle ore 7 e 10 locali. Nelle mappe successive infatti si può vedere la previsione di pioggia accumulata in 6 ore contro l osservazione al suolo, dalle 00z alle 24z del l 11/11/12 del modello AROME FRANCE, questo a mo di verifica di uno dei modelli presi in esame. ALLUVIONE DEL NOVEMBRE 2012 IN VENETO Pag. 18

19 Anche il modello Youmeteo proponeva accumuli di rilievo per la pianura ma ben lontani dal centinaio di millimetri registrati da numerose stazioni. Resta inoltre il fatto che ancora una volta solo AROME e Youmeteo hanno individuato la corretta distribuzione di pluviometria (Youmeteo non proprio del tutto ma è abbastanza soddisfacente) sul Veneto ma ad evento praticamente in corso. 11 NOVEMBRE 2012: FOCUS MALTEMPO EST VERONESE a cura di Luca Bertolazzi L'ondata di maltempo del Novembre ha causato gravi problemi di natura idraulica sull'est veronese, sul nodo critico Alpone-Chiampo. Si tratta dell'ennesima situazione di emergenza dal 2008 a questa parte, con vari episodi che, con cadenza praticamente annuale, hanno mandato in crisi la rete idraulica. Fare confronti con gli episodi precedenti è difficile per due ragioni. Il primo motivo è che sulla media pianura, (parte medio - bassa del bacino) sono cadute ingenti precipitazioni con cumulati da record se messi in relazione con le ore di precipitazione. I rain rate sulla media pianura hanno sorpassato di molto quelli registrati durante i giorni dell'alluvione del La seconda è che rispetto al 2010, è stata modificata la conformazione del bacino, con una paratia costruita tra i fiumi Tramigna e Alpone. Venendo abbassata questa paratia, è stato impedito all'alpone di scaricare parte della sua portata verso l'abitato di Soave, con la conseguenza che a valle il volume d'acqua è stato di molto superiore. Innanzitutto bisogna premettere che per il Veneto occidentale, le precipitazioni serie sono iniziate nella serata del giorno 10 Novembre, per ALLUVIONE DEL NOVEMBRE 2012 IN VENETO Pag. 19

20 concludersi all'incirca verso le del giorno 11 Novembre. Gli accumuli totale del peggioramento riportati sotto, riferiti al bacino Chiampo-Alpone, si sono registrati dunque in un lasso di tempo di circa 15 ore: Crespadoro 149,6 mm San Bortolo 148 mm San Giovanni Ilarione 137,8 mm Chiampo 105,2 mm Monteforte D'Alpone 75,4 mm Brognoligo 72 mm Montecchia 66,2 mm Se i valori dell'intensità precipitativa a monte (Crespadoro e San Bortolo) sono sovrapponibili se non inferiori a quelli dell'alluvione del 2010, lo stesso non si può dire per la media pianura. Già a San Giovanni Ilarione (stazione posta circa a 300 metri di quota) l'intensità di precipitazione media, prendendo in esame le 15 ore di precipitazione, è stata di 9,2 mm orari. Tali valori sono superiori a quelli del 2010 dove nelle 12 ore di massima intensità precipitativa, l'intensità media era stata di 7,1 mm orari (fonte Arpav). Analoghe considerazioni si possono fare per Chiampo, dove intensità media dell'evento è stata di 7 mm orari rispetto ai 4,6 mm orari nelle 12 ore di massima intensità precipitativa del L'eccezionalità dell'evento balza ancora più all'occhio esaminando i cumulati registrati sulla bassa pianura. I 70 mm caduti in 15 ore equivalgono circa alle precipitazioni totali cadute fra i giorni 31 Ottobre e 1 Novembre Ad esempio a Monteforte d'alpone l'accumulo complessivo dei giorni 31 Ottobre e 1 Novembre 2010 è stato di "soli" 59 mm, valore molto notevole in 48 ore, ma ridicolizzato dai 75,4 mm del Novembre. Entriamo ora nello specifico con l'aiuto di alcuni grafici, per vedere come la pioggia caduta ha influito sulla crescita del fiume. La situazione nel 2010, prendendo in considerazione l'idrometro di San Bonifacio era questa: ALLUVIONE DEL NOVEMBRE 2012 IN VENETO Pag. 20

21 Dall'immagine si vede poco, tuttavia dal momento indicato dal cerchio rosso, le circa del 31 Ottobre 2010, quando le precipitazioni sono da qualche ora divenute pesanti a monte (le barre verticali rappresentato i rain rate), il fiume che si trova poco sopra i 2 metri inizia a crescere velocemente e raggiunge il livello di 6 metri (limite esondazione) non prima delle ore circa del giorno 1 Novembre. Il fiume dunque fa registrare una crescita di 4 metri in 9-10 ore. Vediamo cosa invece è successo il giorno 11 Novembre: Il fiume parta da una condizione molto tranquilla in nottata (-0,07 metri alle 03.30) e alle fa registrare il picco assoluto di 6 metri. Nello specifico del confronto col 2010, per passare da 2 a 6 metri, il fiume ci impiega solamente 5 ore a dispetto delle 9-10 dei giorni dell'alluvione. In particolare la situazione diviene assai critica in mattinata, dopo le 9.30, col fiume in crescita quasi verticale su tutti gli idrometri. Cosa ha provocato una crescita talmente sconsiderata? Sicuramente i rain rate a monte hanno influito. Nello specifico, vediamo la progressione degli accumuli di San Bortolo nella parte clou del peggioramento: Ore 7.00: 49,8 mm Ore 8.00: 55,4 mm Ore 9.00: 75,8 mm Ore 10.00: 90,2 mm Ore 11.00: 102,2 mm Ore 12.00: 107,4 mm Dalle ore 8.00 alle la media oraria è di 15,6 mm. E questo è proprio il lasso di tempo in cui la situazione si è manifestata in tutta la sua criticità quasi improvvisamente prima a Monteforte d'alpone e poi a San Bonifacio. Rain rate superiori ai 15 mm orari, costanti per più ore, erano presenti anche nella notte dell'1 Novembre 2010, e sono rain rate che l'alpone non regge. Tuttavia in questa situazione l'alpone ALLUVIONE DEL NOVEMBRE 2012 IN VENETO Pag. 21

22 ha fatto registrare una crescita ben più veloce di quella del 2010, ed ha raggiunto il livello eccezionale di 6 metri, livello che dopo l'alluvione ci si augurava tornasse a raggiungere in un futuro più lontano possibile. I numeri del peggioramento a monte sono stati notevoli, ma come intensità dei rain rate perfettamente paragonabili a quelli del E ovviamente inferiori per quanto riguarda i cumulati totali. Una crescita così rapida dal fiume è imputabile ai rain rate pesanti anche sulla media pianura, e probabilmente, alla chiusura della paratia effettuata in mattinata del giorno 11 Novembre quando il fiume Alpone in piena ha iniziato a risalire verso l'abitato di Soave. Teniamo presente, guardando il grafico dell'idrometro di San Bonifacio riguardo i giorni dell'alluvione, che il fiume raggiungeva i 6 metri nonostante stesse scaricando parte della sua portata nell'abitato di Soave dopo aver fatto implodere il Tramigna. CONCLUSIONI Il lavoro analitico post evento illustrato in questa pubblicazione si proponeva appunto di individuare quanto le risorse disponibili in materia predittiva avessero inquadrato quello che poi è stato l'evento meteorologico nei fatti e nelle conseguenze reali sul territorio. Si sono analizzate e confrontate mappe predittivemodellistiche, frutto di elaborazioni fisico-matematiche che si prefissano di individuare, nel loro progressivo affinamento (avvicinandosi quindi all'immediatezza dell'evento perturbato) una approssimazione quanto più vicina possibile alla realtà. Sempre di approssimazione si tratta, con i dovuti limiti e quindi necessitando di una opportuna osservazione critica frutto di abilità ed esperienza dell'analista/previsore che ne prende lettura. In conclusione appare necessario ribadire come la corretta localizzazione degli accumuli e la loro quantificazione più vicina alla realtà si sia realizzata, nei prodotti indicati nel documento, solo al mattino dell 11 Novembre, tempistiche in questa occasione davvero ristrette, non solo a ridosso dell'evento, ma ad evento in corso. Purtroppo si è trattato in questo caso di uno svantaggio in sede previsionale per la mancanza di un corretto quadro che, tuttavia, presentandosi ugualmente pesante e meritevole di attenzione ha, in ogni caso, giustificato in maniera assoluta ogni attività preventiva messa in opera dalle autorità preposte. Gli accumuli pluviometrici calcolati dai modelli fisico-matematici di previsione, seppur non del tutto corretti, hanno ben giustificato l'attivazione delle procedure da adottare in casi di rischio idrogeologico e idraulico, nonché delle allerte da parte della Protezione Civile e dei Comuni per le sole precipitazioni previste sui rilievi e pedemontane annesse. Come avrà potuto osservare il lettore, i prodotti sopra presentati hanno individuato con correttezza i cumulati pluviometrici che sarebbero caduti nell'area prealpina e pedemontana. Come sopra anticipato, è opportuno inoltre sottolineare come gli ingenti accumuli registrati in pianura, sottostimati dalla modellistica (ecco l'errore principale imputabile), sono stati fonte di problematiche di vario genere che, se non affrontate correttamente e con le opportune tempistiche cosi come è stato fatto, avrebbero con solide probabilità portato a problematiche e criticità ben peggiori. Stante un quadro previsionale simile, indicativo di precipitazioni abbondanti frutto di sollevamento orografico (stau) sulle zone pedemontane e prealpine, nonché tenuto conto delle tempistiche di realizzazione di tali accumuli, dal punto di vista meteorologico appariva ben chiaro al previsore come la situazione meteorologica in divenire era di quelle da monitorare con estrema attenzione, tenuto anche dovutamente conto di eventuali (come poi in parte accaduto) sottostime dovute a imperfezioni nelle elaborazioni modellistiche. ALLUVIONE DEL NOVEMBRE 2012 IN VENETO Pag. 22

ANALISI DEL PEGGIORAMENTO AVVENUTO SUL VENETO DAL 7 AL 10 SETTEMBRE 2010 A cura di Alessandro Buoso Una pubblicazione di SERENISSIMAMETEO.

ANALISI DEL PEGGIORAMENTO AVVENUTO SUL VENETO DAL 7 AL 10 SETTEMBRE 2010 A cura di Alessandro Buoso Una pubblicazione di SERENISSIMAMETEO. AVVENUTO SUL VENETO DAL 7 AL 10 SETTEMBRE 2010 A cura di Alessandro Buoso Una pubblicazione di SERENISSIMAMETEO.EU Tra le giornate di martedì 7 e venerdì 10 Settembre 2010, il Veneto è stato interessato

Dettagli

Le precipitazioni sul Veneto - Valori stagionali

Le precipitazioni sul Veneto - Valori stagionali Le precipitazioni sul Veneto - Valori stagionali Adriano Barbi, Federica Checchetto, Irene Delillo, Francesco Rech Servizio Meteorologico Teolo (PD) ARPAV, Dipartimento Regionale Sicurezza del Territorio

Dettagli

Il clima degli ultimi 50 anni in Veneto

Il clima degli ultimi 50 anni in Veneto Abano Terme, 27 29 Aprile 2007 Il clima degli ultimi 50 anni in Veneto Adriano Barbi, Alessandro Chiaudani, Irene Delillo ARPAV Centro Meteorologico di Teolo Sabato 28 Aprile 2007 In collaborazione con

Dettagli

Meteo Varese Moti verticali dell aria

Meteo Varese Moti verticali dell aria Movimento verticale dell aria Le masse d aria si spostano prevalentemente lungo direzioni orizzontali a seguito delle variazioni della pressione atmosferica. I movimenti più importanti sono però quelli

Dettagli

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Le correnti marine sono masse d acqua che si spostano in superficie o in profondità negli oceani: sono paragonabili a enormi fiumi che scorrono lentamente (in media

Dettagli

MODENA E IL SUO CLIMA

MODENA E IL SUO CLIMA Comune di Modena - SERVIZIO STATISTICA: note divulgative Pagina 1 di 2 MODENA E IL SUO CLIMA Modena, pur non essendo estranea al fenomeno del riscaldamento generalizzato, continua ad essere caratterizzata

Dettagli

IL TEMPO METEOROLOGICO

IL TEMPO METEOROLOGICO VOLUME 1 CAPITOLO 4 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE IL TEMPO METEOROLOGICO 1. Parole per capire A. Conosci già queste parole? Scrivi il loro significato o fai un disegno: tempo... Sole... luce... caldo...

Dettagli

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni.

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. 8 regioni settentrionali: il Piemonte (Torino), la Val d Aosta (Aosta),

Dettagli

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano (Fabio Musmeci, Angelo Correnti - ENEA) Il lago di Bracciano è un importante elemento del comprensorio della Tuscia Romana che non può non

Dettagli

Verbale 2/14 Altri Comuni

Verbale 2/14 Altri Comuni Tavolo Tecnico Zonale Piano Regionale di Tutela e Risanamento dell Atmosfera Verbale 2/14 Altri Comuni L'anno duemilaquattordici, il giorno 3 del mese di dicembre, alle ore 11.30 presso la sede della Provincia

Dettagli

PROVINCIA DI BELLUNO PROGRAMMA ANNUALE PROGETTAZIONE PROGRAMMA ANNUALE ESECUZIONE IMPORTO DI PROGETTO LIVELLO PROGETT.NE PTR NUM.

PROVINCIA DI BELLUNO PROGRAMMA ANNUALE PROGETTAZIONE PROGRAMMA ANNUALE ESECUZIONE IMPORTO DI PROGETTO LIVELLO PROGETT.NE PTR NUM. PROVINCIA DI BELLUNO 2002/2004 34 Realizzazione intervento SR 50 - Belluno - Mas - 1 stralcio. Viabilità di accesso nuova caserma Vigili dei Fuoco di Belluno Esecutivo 4.400.000,00 In corso di appalto

Dettagli

UN ANNO DI MONITORAGGIO CLIMATICO A PERUGIA IN 100 ANNI DI CONFRONTO

UN ANNO DI MONITORAGGIO CLIMATICO A PERUGIA IN 100 ANNI DI CONFRONTO Con il patrocinio di energia UN ANNO DI MONITORAGGIO CLIMATICO A PERUGIA IN 100 ANNI DI CONFRONTO Dopo un anno di monitoraggio climatico nella città di Perugia, effettuato grazie alla rete meteo installata

Dettagli

Programma di Sviluppo Rurale per il Veneto 2007-2013 Asse 4 LEADER. 2. GAL Prealpi e Dolomiti

Programma di Sviluppo Rurale per il Veneto 2007-2013 Asse 4 LEADER. 2. GAL Prealpi e Dolomiti FEASR REGIONE DEL VENETO Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale: l Europa investe nelle zone rurali SCHEDA INTERVENTO A REGIA GAL Approvata con Deliberazione del Consiglio Direttivo del GAL n. 16

Dettagli

Allegato A al Decreto n. 2 del 23 gennaio 2012 pag. 1/22

Allegato A al Decreto n. 2 del 23 gennaio 2012 pag. 1/22 giunta regionale Allegato A al Decreto n. 2 del 23 gennaio 2012 pag. 1/22 Allegato 1 Bacini viticoli omogenei veneti Elenco n descrizione 1 della pianura veneziana del Veneto orientale 2 della pianura

Dettagli

Il CLIMA del Friuli-Venezia Giulia

Il CLIMA del Friuli-Venezia Giulia Il CLIMA del Friuli-Venezia Giulia Estratto: B) SUDDIVISIONE CLIMATICA DEL FRIULI-VENEZIA GIULIA pag.2 C) VALORI MEDI pag. Livio Stefanuto OSMER Osservatorio Meteorologico Regionale ARPA Friuli-Venezia

Dettagli

Valutazione modellistica ricaduta al suolo delle emissioni dell impianto Rena Energia srl

Valutazione modellistica ricaduta al suolo delle emissioni dell impianto Rena Energia srl Valutazione modellistica ricaduta al suolo delle emissioni dell impianto Rena Energia srl Studio Settembre 2014 1 Pag / indice 3 / Premessa 4 / Descrizione della catena modellistica 6 / Lo scenario simulato

Dettagli

n 6 di mercoledì 20/05/2015 Sommario settimana dal 20/05/2015 al 26/05/2015 Riassunto

n 6 di mercoledì 20/05/2015 Sommario settimana dal 20/05/2015 al 26/05/2015 Riassunto Fattori comprensoriali comuni Fonti di approvvigionamento idriche Sommario settimana dal 20/05/2015 al 26/05/2015 Riassunto Fiume PO portata presso località Pontelagoscuro - Fiume PO livello presso opera

Dettagli

n 9 di mercoledì 10/06/2015 Sommario settimana dal 10/06/2015 al 16/06/2015 Riassunto

n 9 di mercoledì 10/06/2015 Sommario settimana dal 10/06/2015 al 16/06/2015 Riassunto Fattori comprensoriali comuni Fonti di approvvigionamento idriche Sommario settimana dal 10/06/2015 al 16/06/2015 Riassunto Fiume PO portata presso località Pontelagoscuro - Fiume PO livello presso opera

Dettagli

COMITATO REGIONALE VENETO

COMITATO REGIONALE VENETO COMITATO REGIONALE VENETO STAGIONE SPORTIVA 2014-2015 CALENDARIO GARE ESORDIENTI 2 ANNO 9C9 PRIM.VI - GIRONE A A: 7/02/2015 ore 15:30 1^ GIORNATA R: ore ALTAVILLA CALCIO BRENDOLA CALCIO TEZZE SAN VITALE

Dettagli

MODELLI DI VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL'ARIA IMPIANTO DISCARICA DI COLLE FAGIOLARA (COLLEFERRO)

MODELLI DI VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL'ARIA IMPIANTO DISCARICA DI COLLE FAGIOLARA (COLLEFERRO) MODELLI DI VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL'ARIA IMPIANTO DISCARICA DI COLLE FAGIOLARA (COLLEFERRO) 1. INQUADRAMENTO TERRITORIALE E METEOROLOGICO Colleferro è un comune di oltre 22.000 abitanti che si trova

Dettagli

Istituto per l Energia Rinnovabile. Autori: David Moser, PhD; Daniele Vettorato, PhD. Bolzano, Gennaio 2013

Istituto per l Energia Rinnovabile. Autori: David Moser, PhD; Daniele Vettorato, PhD. Bolzano, Gennaio 2013 Istituto per l Energia Rinnovabile Catasto Solare Alta Val di Non Relazione Versione: 2.0 Autori: David Moser, PhD; Daniele Vettorato, PhD. Coordinamento e Revisione: dott. Daniele Vettorato, PhD (daniele.vettorato@eurac.edu)

Dettagli

APPLICAZIONE MODELLISTICA PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AREA DI INSEDIAMENTO DEL CENTRO AGRO ALIMENTARE TORINESE

APPLICAZIONE MODELLISTICA PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AREA DI INSEDIAMENTO DEL CENTRO AGRO ALIMENTARE TORINESE APPLICAZIONE MODELLISTICA PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AREA DI INSEDIAMENTO DEL CENTRO AGRO ALIMENTARE TORINESE Introduzione La porzione di territorio situata a sud-ovest dell Area Metropolitana

Dettagli

CENTO ANNI FA: LA GRANDE GUERRA

CENTO ANNI FA: LA GRANDE GUERRA Collegno, 17 novembre 2014 CENTO ANNI FA: LA GRANDE GUERRA PROPOSTA DI TRENO STORICO RIEVOCATIVO DA TORINO A UDINE progetto per la realizzazione di una tradotta militare rievocativa, da Torino a Udine

Dettagli

MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE VOLUME 1 CAPITOLO 2 ... ... ... ... ... ...

MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE VOLUME 1 CAPITOLO 2 ... ... ... ... ... ... VOLUME 1 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE ACQUE INTERNE 1. Parole per capire A. Conosci già queste parole? Scrivi il loro significato o fai un disegno: valle... ghiacciaio... vulcano... cratere...

Dettagli

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI Capitolo 9: PROPAGAZIOE DEGLI ERRORI 9.1 Propagazione degli errori massimi ella maggior parte dei casi le grandezze fisiche vengono misurate per via indiretta. Il valore della grandezza viene cioè dedotto

Dettagli

Il progetto MED APICE ovvero valutazione e mitigazione delle emissioni inquinanti delle attività portuali: il caso di Genova

Il progetto MED APICE ovvero valutazione e mitigazione delle emissioni inquinanti delle attività portuali: il caso di Genova Il progetto MED APICE ovvero valutazione e mitigazione delle emissioni inquinanti delle attività portuali: il caso di Genova Paolo Prati Dipartimento di Fisica Università di Genova Modelli a RECETTORE

Dettagli

Che tempo fa? Unità 1. Pioggia, freddo e vento: al Nord è maltempo. Tromba d aria in Valtellina

Che tempo fa? Unità 1. Pioggia, freddo e vento: al Nord è maltempo. Tromba d aria in Valtellina Unità 1 Che tempo fa? Com è il tempo oggi? Sei un tipo meteoropatico? Quanto influisce il tempo sul tuo umore? Come ti senti in una giornata luminosa e soleggiata? E in una giornata umida e piovosa? Pioggia,

Dettagli

Convegno ARPAER-OGER-Provincia Piacenza CAMBIAMENTO CLIMATICO, ACQUE E DISSESTO IDROGEOLOGICO. GEOFLUID, Piacenza - 1 ottobre 2014

Convegno ARPAER-OGER-Provincia Piacenza CAMBIAMENTO CLIMATICO, ACQUE E DISSESTO IDROGEOLOGICO. GEOFLUID, Piacenza - 1 ottobre 2014 CAMBIAMENTO CLIMATICO, ACQUE E DISSESTO IDROGEOLOGICO Il cambiamento climatico ed il suo impatto ambientale-territoriale su risorsa idrica e rischio Idrogeologico Carlo Cacciamani Direttore Arpa, Servizio

Dettagli

I BOLLETTINI VALANGHE AINEVA e LA SCALA DI PERICOLO

I BOLLETTINI VALANGHE AINEVA e LA SCALA DI PERICOLO CENTRO NIVO METEOROLOGICO ARPA BORMIO I BOLLETTINI VALANGHE AINEVA e LA SCALA DI PERICOLO Corso 2 A- AINEVA Guide Alpine della Lombardia Bormio 25-29 gennaio 2010 A cura di Flavio Berbenni MARCATO FORTE

Dettagli

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni)

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni) ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Gli immobili in Italia - 2015 ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Nel presente capitolo è analizzata la distribuzione territoriale

Dettagli

Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di "second life" Francesco D'Annibale, Francesco Vellucci. Report RdS/PAR2013/191

Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di second life Francesco D'Annibale, Francesco Vellucci. Report RdS/PAR2013/191 Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l energia e lo sviluppo economico sostenibile MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di "second

Dettagli

Il vapor saturo e la sua pressione

Il vapor saturo e la sua pressione Il vapor saturo e la sua pressione Evaporazione = fuga di molecole veloci dalla superficie di un liquido Alla temperatura T, energia cinetica di traslazione media 3/2 K B T Le molecole più veloci sfuggono

Dettagli

Consigli per una guida in sicurezza

Consigli per una guida in sicurezza Consigli per una guida in sicurezza cosa fare prima di mettersi in viaggio cosa fare durante il viaggio Stagione invernale 2014-2015 In caso di neve INDICE Prima di mettersi in viaggio 1 2 3 4 5 PAG 4-

Dettagli

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la Sistema scaldante resistivo per la protezione antighiaccio ed antineve di superfici esterne Il sistema scaldante ha lo scopo di evitare la formazione di ghiaccio e l accumulo di neve su superfici esterne

Dettagli

Le perdite d'acqua si definiscono con riferimento al deflusso superficiale (opportunamente definito) alla sezione di chiusura del bacino.

Le perdite d'acqua si definiscono con riferimento al deflusso superficiale (opportunamente definito) alla sezione di chiusura del bacino. Il bacino può essere inteso come volume di controllo che appoggia sulla superficie del suolo oppure sullo strato impermeabile sottostante agli acquiferi. I fenomeni di trasporto di acqua attraverso il

Dettagli

Introduzione alla Teoria degli Errori

Introduzione alla Teoria degli Errori Introduzione alla Teoria degli Errori 1 Gli errori di misura sono inevitabili Una misura non ha significato se non viene accompagnata da una ragionevole stima dell errore ( Una scienza si dice esatta non

Dettagli

Accuratezza di uno strumento

Accuratezza di uno strumento Accuratezza di uno strumento Come abbiamo già accennato la volta scora, il risultato della misurazione di una grandezza fisica, qualsiasi sia lo strumento utilizzato, non è mai un valore numerico X univocamente

Dettagli

IL CLIMA DEL FRIULI VENEZIA GIULIA

IL CLIMA DEL FRIULI VENEZIA GIULIA IL CLIMA DEL FRIULI VENEZIA GIULIA a cura di Il clima del Friuli Venezia Giulia Il clima viene definito come l'insieme delle condizioni atmosferiche medie (temperatura, umidità, pressione, venti...) e

Dettagli

Presentazione ed utilizzo di VitiMeteo-Plasmopara

Presentazione ed utilizzo di VitiMeteo-Plasmopara Presentazione ed utilizzo di VitiMeteo-Plasmopara VitiMeteo-Plasmopara consente di affinare la lotta contro la peronospora, senza tralasciare gli episodi d infezioni importanti e permette di evitare dei

Dettagli

Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda

Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda Figura 1: Foto dell apparato sperimentale. 1 Premessa 1.1 Velocità delle onde trasversali in una corda E esperienza comune che quando

Dettagli

Nelle immediate vicinanze dell impianto, secondo la simulazione sul dominio 4x4km, i risultati sono quelli di figura 3.36.

Nelle immediate vicinanze dell impianto, secondo la simulazione sul dominio 4x4km, i risultati sono quelli di figura 3.36. Capitolo 3 Caratterizzazione delle sorgenti pag. 75 Nelle immediate vicinanze dell impianto, secondo la simulazione sul dominio 4x4km, i risultati sono quelli di figura 3.36. Figura 3.36. Superamenti di

Dettagli

STRUTTURA COMPLESSA 05 AREA PREVISIONE E MONITORAGGIO AMBIENTALE. Struttura Semplice 06 Sistemi elaborativi e modellistica

STRUTTURA COMPLESSA 05 AREA PREVISIONE E MONITORAGGIO AMBIENTALE. Struttura Semplice 06 Sistemi elaborativi e modellistica STRUTTURA COMPLESSA 05 AREA PREVISIONE E MONITORAGGIO AMBIENTALE Struttura Semplice 06 Sistemi elaborativi e modellistica OGGETTO: STUDIO DI CARATTERIZZAZIONE DEL BIANCO AMBIENTALE CONNESSO ALLA REALIZZAZIONE

Dettagli

MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE VOLUME 1 CAPITOLO 10. Golfo di Venezia. Rimini. Mare Adriatico Corsica. Mar Tirreno.

MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE VOLUME 1 CAPITOLO 10. Golfo di Venezia. Rimini. Mare Adriatico Corsica. Mar Tirreno. ITALIA FISICA Cose da sapere VOLUME 1 CAPITOLO 10 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE A. Le idee importanti l L Italia è una penisola al centro del Mar Mediterraneo, con due grandi isole l In Europa, l

Dettagli

ELABORAZIONE DEL VALORE MEDIO NELLE MISURE ELETTRONICHE

ELABORAZIONE DEL VALORE MEDIO NELLE MISURE ELETTRONICHE NOTE PER IL TECNICO ELABORAZIONE DEL VALORE MEDIO NELLE MISURE ELETTRONICHE da BRUEL & KJAER Le cosiddette «application notes» pubblicate a cura della Bruel & Kjaer, nota Fabbrica danese specializzata

Dettagli

Misure di base su una carta. Calcoli di distanze

Misure di base su una carta. Calcoli di distanze Misure di base su una carta Calcoli di distanze Per calcolare la distanza tra due punti su una carta disegnata si opera nel modo seguente: 1. Occorre identificare la scala della carta o ricorrendo alle

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

VALUTAZIONE QUALITA ARIA

VALUTAZIONE QUALITA ARIA COMUNE di CASTELLARANO (loc. Roteglia) Provincia di REGGIO EMILIA VALUTAZIONE QUALITA ARIA STUDIO DI RICADUTA INQUINANTI riferito all attività svolta da COTTO PETRUS S.r.l. Roteglia Castellarano (RE) Luglio

Dettagli

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica).

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica). 3.4. I LIVELLI I livelli sono strumenti a cannocchiale orizzontale, con i quali si realizza una linea di mira orizzontale. Vengono utilizzati per misurare dislivelli con la tecnica di livellazione geometrica

Dettagli

Dai cristalli di neve alle valanghe. Elisabetta Ceaglio Fondazione Montagna sicura Ufficio neve e valanghe VdA

Dai cristalli di neve alle valanghe. Elisabetta Ceaglio Fondazione Montagna sicura Ufficio neve e valanghe VdA Dai cristalli di neve alle valanghe Elisabetta Ceaglio Fondazione Montagna sicura Ufficio neve e valanghe VdA www.fondazionemontagnasicura.org We are on facebook: Blog VdA mon amour: www.aineva.it Corso

Dettagli

UN CRITERIO PER LA DEFINIZIONE DI GIORNO CON NEVE AL SUOLO

UN CRITERIO PER LA DEFINIZIONE DI GIORNO CON NEVE AL SUOLO UN CRITERIO PER LA DEFINIZIONE DI GIORNO CON NEVE AL SUOLO Cosa si intende per giorno con neve al suolo? Se può essere relativamente semplice definirlo per un territorio pianeggiante ampio e distante da

Dettagli

Present-day Vertical kinematic. Northern Italy form permanent GPS stations

Present-day Vertical kinematic. Northern Italy form permanent GPS stations Present-day Vertical kinematic pattern in the Central and Northern Italy form permanent GPS stations N. Cenni 12, P. Baldi 2, F. Loddo 3, G. Casula 3, M. Bacchetti 2 (1) Dipartimento Scienze Biologiche,

Dettagli

63- Nel Sistema Internazionale SI, l unità di misura del calore latente di fusione è A) J / kg B) kcal / m 2 C) kcal / ( C) D) kcal * ( C) E) kj

63- Nel Sistema Internazionale SI, l unità di misura del calore latente di fusione è A) J / kg B) kcal / m 2 C) kcal / ( C) D) kcal * ( C) E) kj 61- Quand è che volumi uguali di gas perfetti diversi possono contenere lo stesso numero di molecole? A) Quando hanno uguale pressione e temperatura diversa B) Quando hanno uguale temperatura e pressione

Dettagli

OGRA R FIA I I N AMBI B TO ED E I D LE E E

OGRA R FIA I I N AMBI B TO ED E I D LE E E LA TERMOGRAFIA TERMOGRAFIA IN AMBITO EDILE E ARCHITETTONICO LA TERMOGRAFIA IN ABITO EDILE ED ARCHITETTONICO INDICE: LA TEORIA DELL INFRAROSSO LA TERMOGRAFIA PASSIVA LA TERMOGRAFIA ATTIVA ESEMPI DI INDAGINI

Dettagli

(accuratezza) ovvero (esattezza)

(accuratezza) ovvero (esattezza) Capitolo n 2 2.1 - Misure ed errori In un analisi chimica si misurano dei valori chimico-fisici di svariate grandezze; tuttavia ogni misura comporta sempre una incertezza, dovuta alla presenza non eliminabile

Dettagli

Cenni di Elettronica non Lineare

Cenni di Elettronica non Lineare 1 Cenni di Elettronica non Lineare RUOLO DELL ELETTRONICA NON LINEARE La differenza principale tra l elettronica lineare e quella non-lineare risiede nel tipo di informazione che viene elaborata. L elettronica

Dettagli

pianeti terrestri pianeti gioviani migliaia di asteroidi (nella fascia degli asteroidi tra Marte e Giove)

pianeti terrestri pianeti gioviani migliaia di asteroidi (nella fascia degli asteroidi tra Marte e Giove) mappa 3. Il sistema solare IL SISTEMA SOLARE il Sole Mercurio pianeti terrestri Venere Terra Marte 8 pianeti Giove Il Sistema solare 69 satelliti principali pianeti gioviani Saturno Urano Nettuno migliaia

Dettagli

Il cambiamento climatico degli ultimi 50 anni

Il cambiamento climatico degli ultimi 50 anni Il cambiamento climatico degli ultimi 50 anni Ho voluto scrivere su questo argomento poiché in base ai dati in nostro possesso si può ben vedere come il clima sia cambiato negli ultimi 50 anni ma resta

Dettagli

Le problematiche del turismo: uno sguardo interdisciplinare. Roberto Furlani WWF Italia Ufficio Turismo

Le problematiche del turismo: uno sguardo interdisciplinare. Roberto Furlani WWF Italia Ufficio Turismo Roberto Furlani WWF Italia Ufficio Turismo Secondo l Organizzazione Mondiale per il Turismo, le Alpi accolgono ogni anno il 12% circa del turismo mondiale. Parallelamente le Alpi rappresentano anche uno

Dettagli

Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015.

Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015. Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015. Giorni favorevoli per il taglio di legname da costruzione e uso falegnameria. Gli alberi dai quali si ricava legname da costruzione e per la fabbricazione

Dettagli

Itinerario ciclopedonale lungo il fiume Brenta

Itinerario ciclopedonale lungo il fiume Brenta PREMESSA L itinerario lungo il corso del fiume Brenta è motivato dalla presenza di un area di notevole interesse ambientale che merita una sua specifica valorizzazione anche a livello di turismo minore

Dettagli

Appendice III. Criteri per l utilizzo dei metodi di valutazione diversi dalle misurazioni in siti fissi

Appendice III. Criteri per l utilizzo dei metodi di valutazione diversi dalle misurazioni in siti fissi Appendice III (articolo 5, comma 1 e art. 22 commi 5 e 7) Criteri per l utilizzo dei metodi di valutazione diversi dalle misurazioni in siti fissi 1. Tecniche di modellizzazione 1.1 Introduzione. In generale,

Dettagli

Utilizzo della vegetazione ripariale in Alto Adige: biomassa presente, produttività ed aspetti ambientali

Utilizzo della vegetazione ripariale in Alto Adige: biomassa presente, produttività ed aspetti ambientali Utilizzo della vegetazione ripariale in Alto Adige: biomassa presente, produttività ed aspetti ambientali Francesco Comiti, Daniela Campana Libera Università di Bolzano Sustainable use of biomass in South

Dettagli

Istruzioni rapide per l esercizio di pompe idrauliche tipo LP azionate con aria compressa secondo D 7280 e D 7280 H

Istruzioni rapide per l esercizio di pompe idrauliche tipo LP azionate con aria compressa secondo D 7280 e D 7280 H Istruzioni rapide per l esercizio di pompe idrauliche tipo LP azionate con aria compressa secondo D 7280 e D 7280 H 1. Aria compressa e attacco idraulico Fluido in pressione Azionamento Aria compressa,

Dettagli

DPS-Promatic Telecom Control Systems. Famiglia TCS-AWS. Stazioni Metereologiche Autonome. connesse alla rete GSM. Guida rapida all'uso versione 1.

DPS-Promatic Telecom Control Systems. Famiglia TCS-AWS. Stazioni Metereologiche Autonome. connesse alla rete GSM. Guida rapida all'uso versione 1. DPS-Promatic Telecom Control Systems Famiglia TCS-AWS di Stazioni Metereologiche Autonome connesse alla rete GSM (www.dpspro.com) Guida rapida all'uso versione 1.0 Modelli che compongono a famiglia TCS-AWS:

Dettagli

Orientamenti ABE in materia di. valore a rischio in condizioni di stress (VaR in condizioni di stress) EBA/GL/2012/2

Orientamenti ABE in materia di. valore a rischio in condizioni di stress (VaR in condizioni di stress) EBA/GL/2012/2 Orientamenti ABE in materia di valore a rischio in condizioni di stress (VaR in condizioni di stress) EBA/GL/2012/2 Londra, 16.05.2012 1 Oggetto degli orientamenti 1. Il presente documento contiene una

Dettagli

Monitoraggio quantitativo della risorsa idrica superficiale Anno 2012

Monitoraggio quantitativo della risorsa idrica superficiale Anno 2012 Regione Toscana Giunta Regionale Direzione Generale Politiche mbientali, nergia e Cambiamenti Climatici Settore Servizio Idrologico Regionale Centro Funzionale della Regione Toscana M Monitoraggio quantitativo

Dettagli

SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO

SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Rete di Treviso Integrazione Alunni Stranieri LABORATORIO SUL TRATTAMENTO DEI TESTI DISCIPLINARI SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO TITOLO: IL SISTEMA SOLARE AMBITO DISCIPLINARE: SCIENZE AUTORE: GIANCARLA VOLPATO

Dettagli

Relazione specialistica

Relazione specialistica Relazione specialistica Dipl.-Ing. Hardy Ernst Dipl.-Wirtschaftsing. (FH), Dipl.-Informationswirt (FH) Markus Tuffner, Bosch Industriekessel GmbH Basi di progettazione per una generazione ottimale di vapore

Dettagli

Pannelli Solari Termici. Parete esterna verticale. Tipologia di. inserimento. I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale

Pannelli Solari Termici. Parete esterna verticale. Tipologia di. inserimento. I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale Pannelli Solari Termici Parete esterna verticale I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale dell edificio. Pannelli Solari Termici Parete esterna verticale e parapetti Legenda

Dettagli

di questi il SECONDO PRINCIPIO ΔU sistema isolato= 0

di questi il SECONDO PRINCIPIO ΔU sistema isolato= 0 L entropia e il secondo principio della termodinamica La maggior parte delle reazioni esotermiche risulta spontanea ma esistono numerose eccezioni. In laboratorio, ad esempio, si osserva come la dissoluzione

Dettagli

Stazione Meteorologica PCE-FWS 20

Stazione Meteorologica PCE-FWS 20 www.pce-italia.it Istruzioni d uso Stazione Meteorologica PCE-FWS 20 1 Istruzioni d uso www.pce-italia.it Indice dei contenuti Titolo 1. Visione generale... 3 2. Contenuto della spedizione... 3 3. Informazione

Dettagli

Valori di fondo di metalli e metalloidi nei suoli del Veneto

Valori di fondo di metalli e metalloidi nei suoli del Veneto AMBIENTE Valori di fondo di metalli e metalloidi nei suoli del Veneto Paolo Giandon, Adriano Garlato, Francesca Ragazzi ARPAV, Servizio Suoli, Dipartimento Provinciale di Treviso, via S. Barbara 5/A, 31100

Dettagli

La sicurezza dell LHC Il Large Hadron Collider (LHC) può raggiungere un energia che nessun altro acceleratore di particelle ha mai ottenuto finora,

La sicurezza dell LHC Il Large Hadron Collider (LHC) può raggiungere un energia che nessun altro acceleratore di particelle ha mai ottenuto finora, La sicurezza dell LHC Il Large Hadron Collider (LHC) può raggiungere un energia che nessun altro acceleratore di particelle ha mai ottenuto finora, ma la natura produce di continuo energie superiori nelle

Dettagli

Problema n. 1: CURVA NORD

Problema n. 1: CURVA NORD Problema n. 1: CURVA NORD Sei il responsabile della gestione del settore Curva Nord dell impianto sportivo della tua città e devi organizzare tutti i servizi relativi all ingresso e all uscita degli spettatori,

Dettagli

I redditi 2011 dichiarati dai cittadini di Trieste

I redditi 2011 dichiarati dai cittadini di Trieste I redditi 2011 dichiarati dai cittadini di Trieste N.B. Tutti i dati presentati in questo studio sono stati elaborati dall ufficio statistica del Comune (dott.ssa Antonella Primi) per esigenze di conoscenza

Dettagli

08.037. Messaggio sui contributi della Confederazione per far fronte ai danni causati dal maltempo del 2005 nel Cantone di Obvaldo. del 14 maggio 2008

08.037. Messaggio sui contributi della Confederazione per far fronte ai danni causati dal maltempo del 2005 nel Cantone di Obvaldo. del 14 maggio 2008 08.037 Messaggio sui contributi della Confederazione per far fronte ai danni causati dal maltempo del 2005 nel Cantone di Obvaldo del 14 maggio 2008 Onorevoli presidenti e consiglieri, con il presente

Dettagli

NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO

NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO Mariano Paganelli Expert System Solutions S.r.l. L'Expert System Solutions ha recentemente sviluppato nuove tecniche di laboratorio

Dettagli

dai vita alla tua casa

dai vita alla tua casa dai vita alla tua casa SEMPLICE MENTE ENERGIA bioedilizia Una STRUTTURA INNOVATIVA PARETE MEGA PLUS N 10 01 struttura in legno 60/60 mm - 60/40 mm 02 tubazione impianto elettrico ø 21 mm 03 struttura portante

Dettagli

SLAM: UN PROGETTO PER LA MAPPATURA E IL MONITORAGGIO DELLE FRANE

SLAM: UN PROGETTO PER LA MAPPATURA E IL MONITORAGGIO DELLE FRANE ORDINE REGIONALE DEI GEOLOGI PUGLIA SLAM: UN PROGETTO PER LA MAPPATURA E IL MONITORAGGIO DELLE FRANE Antonio Buonavoglia & Vincenzo Barbieri Planetek Italia s.r.l. n 2/2004 pagg. 32-36 PREMESSA Il progetto

Dettagli

GLERA E PINOT GRIGIO: NUOVE PREOCCUPAZIONI SANITARIE?

GLERA E PINOT GRIGIO: NUOVE PREOCCUPAZIONI SANITARIE? GLERA E PINOT GRIGIO: NUOVE PREOCCUPAZIONI SANITARIE? Elisa Angelini elisa.angelini@entecra.it C.R.A. Centro di Ricerca per la Viticoltura Conegliano (TV) Foto P. Marcuzzo Foto G. Rama UN PO DI

Dettagli

POTATURA DELLA VITE QUANTE GEMME LASCIARE NEL 2014

POTATURA DELLA VITE QUANTE GEMME LASCIARE NEL 2014 C.E.C.A.T. Castelfranco V.to COMUNICATO TECNICO n 1/2014 (9-01-2014) PROGETTO VITE POTATURA DELLA VITE QUANTE GEMME LASCIARE NEL 2014 Per ottenere dal vigneto il risultato migliore intermini di qualità

Dettagli

La risorsa idrica sotterranea tra pressione antropica e salvaguardia ambientale

La risorsa idrica sotterranea tra pressione antropica e salvaguardia ambientale La risorsa idrica sotterranea tra pressione Marco Petitta Società Geologica Italiana Dipartimento di Scienze della Terra Università di Roma La Sapienza Compiti del geologo (idrogeologo) sul tema acqua

Dettagli

Circuiti Elettrici. Schema riassuntivo. Assumendo positive le correnti uscenti da un nodo e negative quelle entranti si formula l importante

Circuiti Elettrici. Schema riassuntivo. Assumendo positive le correnti uscenti da un nodo e negative quelle entranti si formula l importante Circuiti Elettrici Schema riassuntivo Leggi fondamentali dei circuiti elettrici lineari Assumendo positive le correnti uscenti da un nodo e negative quelle entranti si formula l importante La conseguenza

Dettagli

Radioastronomia. Come costruirsi un radiotelescopio

Radioastronomia. Come costruirsi un radiotelescopio Radioastronomia Come costruirsi un radiotelescopio Come posso costruire un radiotelescopio? Non esiste un unica risposta a tale domanda, molti sono i progetti che si possono fare in base al tipo di ricerca

Dettagli

allargarsi, andare da a Si dice anche: la pianura si estende; i confini si estendono... Scrivi tu una frase con il verbo estendersi...

allargarsi, andare da a Si dice anche: la pianura si estende; i confini si estendono... Scrivi tu una frase con il verbo estendersi... GLI APPENNINI Gli Appennini sono una catena montuosa che si estende da Nord a Sud per circa 1400 chilometri lungo la penisola italiana. Le montagne degli Appennini sono montagne meno alte di quelle delle

Dettagli

GLI IMPIANTI IDROELETTRICI IN VALLE ORCO, VAL DI SUSA e SUL FIUME PO

GLI IMPIANTI IDROELETTRICI IN VALLE ORCO, VAL DI SUSA e SUL FIUME PO GLI IMPIANTI IDROELETTRICI IN VALLE ORCO, VAL DI SUSA e SUL FIUME PO Gli impianti idroelettrici Iren Energia è la società del Gruppo Iren che opera nei settori della produzione e distribuzione di energia

Dettagli

SOLARE AEROVOLTAICO. R-Volt. L energia fronte-retro. www.systovi.com FABBRICATO IN FRANCIA

SOLARE AEROVOLTAICO. R-Volt. L energia fronte-retro. www.systovi.com FABBRICATO IN FRANCIA SOLARE AEROVOLTAICO L energia fronte-retro www.systovi.com FABBRICATO IN FRANCIA SISTEMA BREVETTATO IL PUNTO DI RIFERIMENTO PER IL RISPARMIO ENERGETICO E IL COMFORT TERMICO Effetto fronte-retro Recupero

Dettagli

Verifica sismica di dighe a gravità in calcestruzzo

Verifica sismica di dighe a gravità in calcestruzzo Verifica sismica di dighe a gravità in calcestruzzo Keywords: dighe a gravità in calcestruzzo, verifica sismica, metodi semplificati, programmi di calcolo. Autore: L. Furgoni, Relatore: Prof. C. Nuti,

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014 14 luglio 2014 Anno 2013 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2013, il 12,6% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 3 milioni 230 mila) e il 7,9% lo è in termini assoluti (2 milioni 28

Dettagli

DIRETTIVE SUL SISTEMA DI ALLERTAMENTO PER IL RISCHIO IDROGEOLOGICO ED IDRAULICO AI FINI DI PROTEZIONE CIVILE DELLA REGIONE LAZIO

DIRETTIVE SUL SISTEMA DI ALLERTAMENTO PER IL RISCHIO IDROGEOLOGICO ED IDRAULICO AI FINI DI PROTEZIONE CIVILE DELLA REGIONE LAZIO DIPARTIMENTO ISTITUZIONALE E TERRITORIO Direzione Regionale Protezione Civile Area Centro Funzionale Regionale DIRETTIVE SUL SISTEMA DI ALLERTAMENTO PER IL RISCHIO IDROGEOLOGICO ED IDRAULICO AI FINI DI

Dettagli

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica Alessandro Clerici Presidente FAST e Presidente Onorario WEC Italia Premessa La popolazione mondiale è ora di 6,7 miliardi

Dettagli

L=F x s lavoro motore massimo

L=F x s lavoro motore massimo 1 IL LAVORO Nel linguaggio scientifico la parola lavoro indica una grandezza fisica ben determinata. Un uomo che sposta un libro da uno scaffale basso ad uno più alto è un fenomeno in cui c è una forza

Dettagli

FONDO MUTUALISTICO ALTRI SEMINATIVI

FONDO MUTUALISTICO ALTRI SEMINATIVI PREMESSA Si assiste sempre più spesso ad andamenti meteorologici imprevedibili e come tali differenti dall ordinario: periodi particolarmente asciutti alternati ad altri particolarmente piovosi. Allo stesso

Dettagli

Il paracadute di Leonardo

Il paracadute di Leonardo Davide Russo Il paracadute di Leonardo Il sogno del volo dell'uomo si perde nella notte dei tempi. La storia è piena di miti e leggende di uomini che hanno sognato di librarsi nel cielo imitando il volo

Dettagli

Roma, 4 novembre 2013. Sergio Bovenga - Presidente Co.Ge.A.P.S.

Roma, 4 novembre 2013. Sergio Bovenga - Presidente Co.Ge.A.P.S. Roma, 4 novembre 2013 Sergio Bovenga - Presidente Co.Ge.A.P.S. Attori della governance del sistema ECM Commissione Nazionale per la Formazione Continua Supporto amministrativo regionale Osservatorio Consulta

Dettagli

Esercitazione N. 1 Misurazione di resistenza con metodo volt-amperometrico

Esercitazione N. 1 Misurazione di resistenza con metodo volt-amperometrico Esercitazione N. 1 Misurazione di resistenza con metodo volt-amperometrico 1.1 Lo schema di misurazione Le principali grandezze elettriche che caratterizzano un bipolo in corrente continua, quali per esempio

Dettagli

NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009

NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009 NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009 Arrivi 2.016.536 Presenze 8.464.905 PROVINCIA IN COMPLESSO Arrivi: superata

Dettagli

Andiamo più a fondo nella conoscenza del Sistema Solare

Andiamo più a fondo nella conoscenza del Sistema Solare Andiamo più a fondo nella conoscenza del Sistema Solare Come abbiamo visto nelle pagine precedenti il Sistema Solare è un insieme di molti corpi celesti, diversi fra loro. La sua forma complessiva è quella

Dettagli

/ * " 6 7 -" 1< " *,Ê ½, /, "6, /, Ê, 9Ê -" 1/ " - ÜÜÜ Ìi «V Ì

/ *  6 7 - 1<  *,Ê ½, /, 6, /, Ê, 9Ê - 1/  - ÜÜÜ Ìi «V Ì LA TRASMISSIONE DEL CALORE GENERALITÀ 16a Allorché si abbiano due corpi a differenti temperature, la temperatura del corpo più caldo diminuisce, mentre la temperatura di quello più freddo aumenta. La progressiva

Dettagli

< 3-4 metri/secondo. 3-4 metri/secondo. 4-5 metri/secondo. 5-6 metri/secondo. 6-7 metri/secondo. 7-8 metri/secondo.

< 3-4 metri/secondo. 3-4 metri/secondo. 4-5 metri/secondo. 5-6 metri/secondo. 6-7 metri/secondo. 7-8 metri/secondo. Chi abita in una zona ventosa può decidere di sfruttare il vento per produrre energia elettrica per gli usi domestici. In modo simile al fotovoltaico godrà di incentivi per la realizzazione, ma prima è

Dettagli