SANCO/10098/2006 Rev. 1

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SANCO/10098/2006 Rev. 1"

Transcript

1 IT SANCO/10098/2006 Rev. 1 IT IT

2 COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE GUIDA ALL INTERPRETAZIONE DEL REGOLAMENTO 1774/2002/CE DOMANDE INERENTI ALLE ISPEZIONI DELL UFFICIO ALIMENTARE E VETERINARIO NEGLI STATI MEMBRI ( ) IT IT

3 INDICE 1. Campo d applicazione del regolamento SOA (D1-2) Categorizzazione dei materiali (D3-14) Pollame (D3-4) Pesci (D5) Rifiuti di ristorazione (D6-8) Latte (D9) Prodotti alimentari non più destinati al consumo umano (D 10-11) Pelli (D12) Riconoscimento degli stabilimenti (D13-19) Contrassegni e identificazione (D20) Trasformazione di materiali (D21-28) Rifiuti di ristorazione (D21-22) Prodotti alimentari non più destinati al consumo umano (D23-24) Latte (D25-26) Pelli (D27) Sego (D28) Domande generali (D29-32) Deroga per i materiali di categoria 2 (D29) Uso di farine di carne e di ossa come fertilizzanti (D30) Pulizia e disinfezione (D31) Importazioni, esportazioni o scambi di materiali a fini di ricerca(d32)...23 IT 2 IT

4 1. CAMPO D APPLICAZIONE DEL REGOLAMENTO SOA (D1-2) D1. In che fase i SOA (sottoprodotti di origine animale) trasformati non sono più soggetti al regolamento 1774/2002/CE ( il regolamento SOA )? In alcuni Stati membri i materiali trasformati, se sono soggetti ad un altra legislazione (concernente l ambiente, le sostanze chimiche, i dispositivi medici, i medicinali), non rientrano nel campo d applicazione del regolamento SOA. R1. Di norma i prodotti già soggetti ad un altra legislazione sono esclusi dal campo d applicazione del regolamento SOA, a meno che possano ancora comportare rischi per la salute pubblica o degli animali. Ad esempio cosmetici, medicinali o dispositivi medici finiti non rientrano nel campo d applicazione del regolamento perché sono soggetti ad altre specifiche legislazioni di settore, mentre vi rientrano espressamente le materie prime di origine animale utilizzate per la produzione di cosmetici o di dispositivi medici. Tutte le materie prime SOA utilizzate nella fabbricazione di medicinali vengono sottoposte ad un adeguata valutazione del rapporto rischi/benefici, in conformità della nota esplicativa relativa alla riduzione del rischio di trasmissione degli agenti delle encefalopatie spongiformi animali attraverso medicinali ad uso umano o veterinario (GU C 24 del , pag. 6). Il regolamento SOA ha lo scopo di garantire che la trasformazione o il trattamento dei SOA sia di un livello che minimizzi i rischi per la salute pubblica o degli animali. Dopo tale trattamento ulteriori controlli diventano superflui o meno essenziali. Si ritiene pertanto che il regolamento non sia più applicabile quando i SOA sono stati trasformati o trattati in un impianto riconosciuto. Sono comunque previste eccezioni per prodotti quali le proteine animali trasformate e i grassi fusi, per i quali non sono richiesti ulteriori trattamenti, ma occorre mantenere la rintracciabilità per garantire che se ne faccia solo un uso legittimo. Possono altresì esservi situazioni in cui, oltre al regolamento SOA, si applica anche la legislazione comunitaria in materia ambientale (ad esempio le operazioni di gestione dei rifiuti di cui alla direttiva 75/442/CEE relativa ai rifiuti (modificata), alla direttiva 1999/31/CEE relativa alle discariche o alla direttiva 2000/76/CEE sull incenerimento dei rifiuti). Anche se un altra legislazione non ha la capacità generale di escludere SOA o prodotti trasformati dal campo d applicazione del regolamento, se il trattamento dei SOA prescritto da tale legislazione è tale da conseguire lo scopo del regolamento SOA, è nello spirito di tale regolamento prevedere in alternativa un trattamento conforme all altra legislazione. IT 3 IT

5 D2. I sottoprodotti di origine animale che rientrano nel campo d applicazione del regolamento SOA possono essere usati a fini alimentari? Quali sono i modi consentiti di manipolare e produrre materiali che, in quanto prodotti alimentari, rientrano nella definizione di altri prodotti di origine animale? R2. Gli SOA non possono essere usati a fini alimentari. I criteri per decidere se applicare le norme del regolamento SOA o del regolamento n. 853/2004 sono la prevista destinazione del prodotto e la sua designazione da parte del gestore a fini alimentari o non alimentari. All articolo 2, paragrafo 1, lettera a) del regolamento SOA i sottoprodotti di origine animale vengono così definiti: corpi interi o parti di animali o prodotti di origine animale di cui agli articoli 4, 5, e 6, non destinati al consumo umano, ivi compresi gli ovuli, gli embrioni e lo sperma. Viceversa l allegato III, sezione VI del regolamento (CE) n. 853/2004 (fino al 31 dicembre 2005: direttiva 77/99/CEE del Consiglio, del 21 dicembre 1976, relativa a problemi sanitari in materia di scambi intracomunitari di prodotti a base di carne) fissa le condizioni sanitarie per la produzione e l immissione in commercio di prodotti a base di carne di origine animale destinati dopo essere stati trattati al consumo umano o alla preparazione di altri prodotti alimentari. Le disposizioni di cui al regolamento SOA si applicano ai prodotti costituiti da materiali di origine animale o che ne contengono, quando il gestore non intende più destinarli al consumo umano. Si tratta di una scelta irreversibile. Gli usi dei SOA consentiti a norma del pertinente regolamento sono elencati agli articoli 4, paragrafo 2, 5 paragrafo 2 e 6 paragrafo 2. L uso a fini alimentari non rientra tra quelli consentiti. I prodotti costituiti da materiali di origine animale o che ne contengono, che sono stati designati come non destinati al consumo umano, rientrano nel campo d applicazione del regolamento SOA, non possono ridiventare prodotti alimentari e devono essere inviati a stabilimenti SOA riconosciuti. È viceversa possibile retrocedere i prodotti alimentari a sottoprodotti di origine animale. Se un prodotto costituito da materiali di origine animale o che ne contiene è destinato al consumo umano, deve essere consegnato ad uno stabilimento di produzione alimentare o ad una struttura di magazzinaggio intermedio, che devono essere riconosciuti ed ottemperare alle pertinenti prescrizioni di igiene alimentare. IT 4 IT

6 Il diagramma che segue indica come i due flussi di materiali devono essere mantenuti separati: ALIMENTI SOA STABILIMENTI ALIMENTARI STABILIMENTI SOA Etichettatura I prodotti a base di carne e gli altri prodotti di origine animale destinati ad entrare nella catena alimentare non devono essere etichettati come SOA. I prodotti di origine animale costituiti da materiali di origine animale o che ne contengono diventano SOA quando non sono più destinati al consumo umano. L etichettatura SOA è una chiara conferma di questa intenzione. I SOA devono essere etichettati per indicarne la destinazione e se l etichettatura è conforme al regolamento SOA, si applicano tutte le norme relative alla destinazione dei sottoprodotti in questione. Compresenza di stabilimenti SOA e alimentari È possibile inviare materie prime di origine animale destinate al consumo umano ad un impianto alimentare che coesiste con un impianto SOA (ad esempio un impianto di transito o di magazzinaggio) al fine di fabbricare altri prodotti di origine animale, a condizione che vengano rispettate le seguenti rigorose prescrizioni di separazione tra i due flussi: (a) (b) (c) (d) l impianto SOA e l impianto alimentare compresenti devono essere chiaramente separati per prevenire contaminazioni incrociate; non si possono in nessun caso introdurre alimenti in un impianto di transito SOA e riportare SOA in un impianto alimentare; l impianto SOA deve essere riconosciuto a norma del regolamento 1774/2002 ed ottemperare alle altre prescrizioni del regolamento; l impianto alimentare deve essere riconosciuto a norma dei regolamenti sull igiene alimentare ed ottemperare alle prescrizioni di igiene alimentare. IT 5 IT

7 Il diagramma che segue indica la separazione prescritta: IMPIANTO SOA RICONOSCIUTO IMPIANTO ALIMENTARE RICONOSCIUTO A norma delle pertinenti prescrizioni di igiene, la produzione di sottoprodotti non destinati al consumo umano in stabilimenti alimentari è consentita solo alle seguente condizioni: (a) le materie prime inidonee al consumo umano devono essere immagazzinate in un locale separato o in uno spazio separato; (b) esse devono essere trasformate in locali separati usando installazioni e attrezzature separate, salvo nel caso in cui la trasformazione abbia luogo in installazioni completamente chiuse o con attrezzature esclusivamente adibite a trasformare sottoprodotti; (c) i sottoprodotti finali devono essere immagazzinati in un locale separato o in una struttura separata con etichettatura adeguata e non devono essere destinati al consumo umano. Magazzinaggio e trasporto Di norma non è vietato immagazzinare o trasportare SOA e materiali alimentari nelle stesse strutture di magazzinaggio o negli stessi veicoli. I SOA tuttavia devono restare separati e identificabili per tutta la durata del magazzinaggio o del trasporto. Devono essere immagazzinati o trasportati in imballaggi nuovi chiusi o in contenitori stagni coperti. I materiali alimentari devono essere immagazzinati o trasportati in condizioni igieniche soddisfacenti a norma della legislazione in materia di igiene alimentare. Grassi animali fusi, ciccioli e altri sottoprodotti (stomachi, vesciche e budella salati o essiccati e/o riscaldati) devono ottemperare a specifiche condizioni igieniche. IT 6 IT

8 Nuovi regolamenti sull igiene Dal 1 gennaio 2006 le precedenti norme sanitarie comunitarie sui prodotti a base di carne e "altri prodotti di origine animale (cfr. sopra) sono state sostituite dalle norme dettagliate di cui al regolamento 853/2004/CE. Molte norme nuove sono simili alle precedenti (sezioni XII XV dell allegato III al regolamento CE). Due sono i cambiamenti significativi: gli stabilimenti che trattano tali prodotti devono essere ufficialmente riconosciuti (articolo 4, paragrafo2) e i prodotti devono essere contrassegnati da un marchio di identificazione (articolo 5, paragrafo 1, lettera b) e allegato II, sezione I). Il regolamento 853/2004 prevede anche obblighi per i centri di raccolta di materie prime utilizzate per produrre grassi animali fusi e ciccioli. 2. CATEGORIZZAZIONE DEI MATERIALI (D3-14) 2.1. Pollame (D3-4) D3. A quale categoria appartengono i pulcini di un giorno? Devono essere considerati sottoprodotti dei centri d incubazione (categoria 3) o animali morti (categoria 2)? Necessitano dell autorizzazione / del controllo delle autorità competenti per essere utilizzati per pratiche locali di alimentazione animale in conformità dell articolo 23? R3. I pulcini di un giorno sono considerati materiali di categoria 2 (articolo 5, paragrafo 1, lettera e)). In considerazione dei rischi sanitari che comportano, anche i pulcini morti nel guscio devono essere considerati materiali di categoria2. Tuttavia, in assenza di rischi sanitari, i pulcini di un giorno abbattuti per motivi commerciali (ad esempio nella riproduzione selettiva con abbattimento di pulcini di un giorno maschi o femmine) possono essere considerati materiali di categoria 3 (articolo 6, paragrafo 1, lettera j)), e usati nei mangimi. Inoltre i pulcini di un giorno morti possono essere utilizzati per pratiche locali di alimentazione animale (ad esempio come un mangime per rettili, uccelli da preda, etc.) conformemente alle prescrizioni di cui all articolo 23. D4. A quale categoria appartiene il pollame sottoposto ad ispezioni ante mortem e post mortem, ma scartato per motivi non riguardanti la salute (ad esempio qualitativi e/o commerciali)? IT 7 IT

9 R4. Il pollame che dopo aver superato un ispezione post mortem viene scartato per motivi qualitativi e/o commerciali è considerato materiale di categoria 3 (articolo 6, paragrafo 1, lettera b)) purché sia stato adeguatamente macellato, conformemente alle prescrizioni igieniche in materia di macellazione Pesci (D5) D5. I pesci uccisi a fini di controllo di malattie (ad esempio IHN (necrosi ematopoietica infettiva), VHS (setticemia emorragica virale) o ISA (anemia infettiva del salmone)) devono essere considerati materiali di categoria 2? R5. Innanzitutto i pesci morti nell allevamento (spesso denominati mortalità ) sono considerati materiali di categoria 2. Di norma i pesci uccisi a fini di controllo di malattie (conformemente alla legislazione comunitaria in materia di acquicoltura) sono considerati materiali di categoria 2, ai sensi dell articolo 5, paragrafo 1, lettera e). La deroga di cui all articolo 23, paragrafo 2, lettera b), punto (i) per l alimentazione di alcuni animali con materiali di categoria 2 non è applicabile agli animali uccisi a fini di controllo di malattie. In pratica, conformemente alla legislazione comunitaria, nel corso di operazioni di controllo di malattie tali pesci possono essere catturati per il consumo umano, poiché gli IHN, VHS e ISA sono malattie inoffensive per l uomo. I sottoprodotti freschi provenienti da impianti che fabbricano prodotti a base di pesce destinati al consumo umano sono considerati materiali di categoria 3 conformemente all articolo 6, paragrafo 1, lettera i). Tuttavia, anche se per finalità igieniche i sottoprodotti di pesci catturati per il consumo umano affetti da IHN, VHS o ISA devono essere considerati materiale di categoria 3, tali pesci e i loro sottoprodotti possono comportare rischi per la salute di altre specie ittiche e non devono essere usati nei mangimi per pesci Rifiuti di ristorazione (D6-8) D6. I rifiuti di ristorazione provenienti da mezzi di trasporto che effettuano tragitti internazionali comprendono anche quelli di aerei provenienti da paesi terzi, inclusi quelli che rientrano nell UE e quelli che fanno un primo scalo nell UE prima di giungere alla destinazione finale? IT 8 IT

10 R6. Questo è chiaramente lo scopo e l effetto della legislazione, alla luce dei suoi obiettivi. I rifiuti alimentari provenienti da mezzi di trasporto partiti da un paese terzo per uno Stato membro sono considerati rifiuti di ristorazione della categoria 1. Analogamente i rifiuti alimentari provenienti da mezzi di trasporto partiti da uno Stato membro per un paese terzo, che rientrano in uno Stato membro sia direttamente che attraverso un altro Stato membro dopo aver scaricato e caricato merci in un paese terzo, devono essere considerati rifiuti di ristorazione della categoria 1. L impresa di ristorazione responsabile dello smaltimento dei rifiuti deve sapere da dove è partito l aereo e se sono coinvolti paesi terzi. Solo i rifiuti alimentari provenienti da mezzi di trasporto che operano esclusivamente nell ambito degli Stati membri dell Unione europea (in ambito nazionale o tra Stati membri) possono essere considerati di categoria 3. D7. Al di fuori delle zone costiere i fornitori di navi possono rifornire l equipaggio e i passeggeri di prodotti non conformi alle prescrizioni dell UE (articolo 13, paragrafo 3 della direttiva 97/78/CE). Se la nave effettua tragitti tra Stati membri o in ambito nazionale attraversando acque internazionali, quelli di sua provenienza devono essere considerati rifiuti di ristorazione internazionali? R7. Soprattutto per motivi di salute degli animali, i rifiuti di ristorazione provenienti da tale nave devono essere considerati rifiuti di ristorazione internazionali della categoria 1. Sotto l aspetto dei rischi sanitari tali rifiuti provenienti da alimenti non conformi non possono essere considerati equivalenti ai rifiuti di ristorazione provenienti da alimenti conformi alle prescrizioni dell UE. Nel caso di regime di transito, gli operatori devono effettuare le consegne direttamente a bordo dei mezzi di trasporto marittimo o in un deposito appositamente riconosciuto situato nel porto di destinazione, restando inteso che occorre prendere misure affinché i prodotti di cui trattasi non possano in alcun caso lasciare la zona portuale per un altra destinazione. Il trasporto dal deposito d origine fino al porto di destinazione deve essere effettuato sotto la sorveglianza doganale secondo la procedura T1 di cui al regolamento (CEE) n. 2913/92 ed essere accompagnato da un certificato veterinario conforme alla procedura stabilita (si veda anche la Guida all applicazione del nuovo regolamento relativo ai sottoprodotti di origine animale, paragrafo 35). IT 9 IT

11 D8. Quanto ai rifiuti di ristorazione provenienti da mezzi di trasporto internazionale, è consentita una selezione tra prodotti di origine animale e di origine vegetale? Tra i prodotti provenienti da tali mezzi si possono ad esempio selezionare marmellate e biscotti per destinarli a fini assistenziali? R8. Evidentemente un prodotto che resta destinato al consumo umano conformemente alla pertinente legislazione dell UE non è ancora un sottoprodotto ai sensi del regolamento SOA, almeno fino al momento in cui non si decide che non è più destinato al consumo umano. In teoria i rifiuti alimentari non animali, che non sono venuti a contatto con prodotti animali, dovrebbero essere esclusi dal campo d'applicazione del regolamento SOA. In pratica tuttavia occorrerebbero sistemi di separazione affidabili, che si sono dimostrato difficili da realizzare Latte (D9) D9. Il latte contenente antibiotici in misura superiore agli LMR (livelli massimi di residui) autorizzati deve essere considerato materiale di categoria 2? In alcuni Stati membri questo latte crudo viene abitualmente diluito con siero al fine di ridurne i livelli di residui al di sotto del limite di rilevazione prima dell invio per somministrazione agli animali d allevamento. Si tratta di una pratica consentita? R9. Il latte contenente residui di antibiotici in misura superiore agli LMR autorizzati a norma della legislazione comunitaria è classificato come materiale di categoria 2 (cfr. articolo 5, paragrafo 1, lettera c). Diluire un prodotto destinato all alimentazione umana o animale per ridurne il livello di residui o di contaminazione al di sotto degli LMR autorizzati è contrario alle finalità del regolamento Prodotti alimentari non più destinati al consumo umano (D 10-11) D10. A livello di commercio al dettaglio i prodotti alimentari non più destinati al consumo umano contengono talvolta materie prime (soprattutto ossa e ritagli). A meno che le materie prime vengano raccolte separatamente, per lo smaltimento non si possono utilizzare le discariche. I ritagli di carne e le ossa di dettaglianti come i supermercati o i macellai devono essere considerati prodotti alimentari non più destinati al consumo oppure parti di animali macellati idonee al consumo umano? IT 10 IT

12 R10. Il regolamento vieta lo smaltimento diretto in discarica di materiali non trasformati. La carne/i ritagli crudi, il pesce crudo, etc. non possono essere considerati prodotti alimentari non più destinati al consumo ai fini della deroga. Occorre pertanto impegnarsi affinché i prodotti alimentari non più destinati al consumo umano non si confondano con carne e pesce crudi, etc., e i ritagli di carne e le ossa vengano separati dai prodotti alimentari non più destinati al consumo umano che devono essere inviati alla discarica. D11. A quale categoria appartengono i campioni di alimenti di origine animale prelevati per controlli materiali ai posti d ispezione frontalieri? Possono essere considerati prodotti alimentari non più destinati al consumo umano? R11. Di norma i campioni di alimenti non sono destinati al consumo umano e rientrano quindi nel campo d applicazione del regolamento SOA Pelli (D12) La loro situazione dipende dalle circostanze specifiche. Se sono stati prelevati da alimenti idonei al consumo umano a norma della legislazione dell UE, possono essere considerati di categoria 3 e rientrare nelle sottocategorie di cui all articolo 6 del regolamento SOA. Se sono stati prelevati da carne cruda, dovrebbero essere considerati analogamente ai sottoprodotti di origine animale, fatta salva la deroga di cui all articolo 23. Ma se non ottemperano alle prescrizioni veterinarie in materia di importazioni dell UE, possono essere considerati di categoria 2 (articolo 5, paragrafo 1, lettera d) o g)) o di categoria 1, a seconda dei risultati del campionamento e della natura del rischio che comportano. I laboratori e i posti d ispezione frontalieri che eseguono i test devono disporre di protocolli per lo smaltimento di tutti i materiali che manipolano. D12. Le pelli asportate dagli animali morti, diverse dalle pelli di animali sospettati di essere affetti da una EST (encefalopatia spongiforme trasmissibile) o in cui la presenza di una EST è stata confermata (nonché diverse dalle pelli di altri animali abbattuti nel quadro di misure di eradicazione delle EST), sono considerate di categoria 3 (articolo 6, paragrafo 1, lettera k)), ma non possono essere usate nei mangimi. Tuttavia, dopo il trattamento con sale, è difficile distinguerle dalle pelli idonee al consumo umano o dalle pelli destinate ai mangimi. L allegato II del regolamento SOA non richiede ulteriori informazioni sull origine di tali pelli e spesso la persona responsabile dell invio non è al corrente dell uso previsto nel luogo di destinazione. Tali circostanze comportano rischi? IT 11 IT

13 R12. Le pelli destinate alla produzione di gelatina o collagene per consumo umano non sono SOA a norma del regolamento e devono essere trattate conformemente alla pertinente legislazione in materia di alimenti. Le decisioni 1999/724/CE e 2003/721/CE della Commissione [(a decorrere dal 1 gennaio 2006: allegato III sezioni XIV e XV del regolamento (CE) n. 853/2004)] prescrivono che i materiali destinati alla produzione di gelatina e collagene per consumo umano vengano manipolati, immagazzinati e trasformati in modo da garantirne la separazione dai materiali non destinati al consumo umano. Inoltre, per accompagnare le materie prime dalla fonte all impianto di produzione della gelatina o del collagene è previsto un documento commerciale, che deve dichiarare che i materiali sono destinati alla produzione di gelatina o collagene per consumo umano (cfr. D 2 in riferimento a altri prodotti di origine animale ). La legislazione comunitaria in materia di igiene alimentare recentemente adottata fornisce ulteriori chiarimenti. Inoltre il documento commerciale recentemente adottato a norma del regolamento SOA ha contribuito a risolvere il problema (cfr. paragrafo 5, allegato II, capitolo X del regolamento SOA). Si ritiene che se le pelli sono destinate all'uso in mangimi o alimenti per animali da compagnia, spetti al fabbricante di mangimi o alimenti per animali da compagnia garantire sia che esse provengano solo da fonti autorizzate, sia che il macello e il trasportatore identifichino adeguatamente le pelli. 3. RICONOSCIMENTO DEGLI STABILIMENTI (D13-19) D13. Ogni stabilimento che genera SOA non trasformati, quando separa e immagazzina i SOA fino alla spedizione (ad esempio macello, impianto di trasformazione del latte, impianto di ristorazione in un aeroporto che raccoglie rifiuti di ristorazione internazionali) deve essere riconosciuto come impianto di transito? IT 12 IT

14 R13. No, uno stabilimento alimentare riconosciuto (ad esempio macello, laboratorio di sezionamento, deposito frigorifero, impianto di trasformazione del latte o struttura di ristorazione) non deve essere riconosciuto a norma del regolamento SOA perché genera, separa e immagazzina temporaneamente SOA, perché si tratta del risultato inevitabile delle sue attività alimentari. Ma se lo stabilimento si impegna in una serie di attività comprendenti l importazione, la raccolta, la cernita, il sezionamento, la refrigerazione, il congelamento sotto forma di blocchi, il magazzinaggio intermedio e la spedizione di SOA, allora deve essere riconosciuto come impianto di transito ai sensi dell articolo 10 del regolamento SOA. Un riconoscimento SOA ha lo scopo di attestare che l impianto è autorizzato a ricevere SOA della categoria interessata e che li immagazzinerà, manipolerà o tratterà secondo gli standard prescritti. Richiedere il riconoscimento per tutti gli stabilimenti di origine vorrebbe dire ad esempio che avrebbero bisogno del riconoscimento tutte le aziende in cui è morto un animale, nonché tutti i fabbricanti e i dettaglianti di prodotti alimentari. Sarebbe una soluzione estremamente costosa, che non comporterebbe necessariamente ulteriori vantaggi per la salute pubblica o degli animali. Le compagnie aeree che recuperano a bordo i rifiuti di ristorazione e li consegnano per il trattamento come materiali di categoria 1 (se provenienti da mezzi di trasporto che effettuano tragitti internazionali) non hanno bisogno di riconoscimento a norma del regolamento se non eseguono esse stesse il trattamento. Ai sensi dell articolo 4, paragrafo 1, lettera e), solo i rifiuti di ristorazione provenienti da tali mezzi di trasporto sono considerati materiali di categoria 1; pertanto secondo le finalità della disposizione, per la semplice raccolta a bordo non è richiesto il riconoscimento. D14. In alcuni Stati membri viene utilizzato lo stesso numero di riconoscimento sia a titolo della legislazione in materia di alimenti dell UE, sia a titolo del regolamento SOA. Un laboratorio di sezionamento ad esempio, che in un locale manipola anche materiali di categoria 3, o un impianto di trasformazione dei grassi, con linee separate per i grassi idonei al consumo umano e per i mangimi. Si tratta di situazioni conformi all articolo 26, paragrafo 4 del regolamento SOA? IT 13 IT

15 R14. L articolo 26, paragrafo 4 del regolamento SOA prevede che a ciascun impianto venga assegnato un numero ufficiale di identificazione connesso alla natura delle sue attività. Di norma agli impianti alimentari che fabbricano prodotti quali grassi fusi, ovoprodotti, etc. che sono già conformi agli standard operativi, igienici e della trasformazione alimentare non dovrebbe essere richiesto un nuovo riconoscimento a norma del regolamento SOA. Recenti modifiche hanno chiarito i problemi relativi agli impianti per i grassi fusi e gli ovoprodotti. I problemi relativi ad altri prodotti (gelatina, etc) verranno chiariti. L impostazione generale prevede che alle prescrizioni ai fini del riconoscimento a norma del regolamento SOA si possa anche ottemperare attenendosi agli standard fissati dalla legislazione in materia di igiene. Un riconoscimento a norma della legislazione SOA può ancora essere necessario per motivi di rintracciabilità, senza che vengano imposti oneri aggiuntivi agli operatori, perché si tratta in sostanza di qualcosa di simile ad una registrazione. Non è comunque necessario un numero di riconoscimento separato, in quanto l attribuzione dello stesso numero per attività sia alimentari che SOA non ostacola la rintracciabilità. D15. I documenti che accompagnano i SOA devono specificare i numeri di riconoscimento del destinatario e ove del caso dell impianto di origine. Che cosa comporta l espressione ove del caso? R15. Ove del caso" significa che se all impianto d origine è stato assegnato un numero di riconoscimento a norma delle disposizioni della legislazione comunitaria, tale numero deve essere indicato per rafforzare la rintracciabilità degli SOA. Tale numero di riconoscimento può essere rilasciato a norma del regolamento SOA, se l impianto di origine è soggetto al regolamento SOA, a norma del regolamento 853/2004, se manipola prodotti alimentari di origine animale, o a norma del regolamento 183/2005, se manipola mangimi (in questo caso può anche essere un numero di registrazione). Se il riconoscimento di un impianto di produzione alimentare non è richiesto e l impianto non dispone di numero, può inviare i suoi SOA senza indicare tale numero sui documenti di accompagnamento. Quindi ove del caso va interpretato come se pertinente D16. Un impianto di trattamento delle carcasse riconosciuto come impianto di trasformazione di categoria 1 o 2 deve anche essere riconosciuto come impianto di transito per poter asportare le pelli dagli animali morti e immagazzinarle/inviarle ad un altro impianto? Pare sia un attività abituale negli impianti di trattamento delle carcasse. IT 14 IT

16 R16. Sì, un impianto di trattamento delle carcasse che svolge anche le attività di cui al capitolo II, lettera B dell allegato III deve anche essere riconosciuto come impianto di transito. Trasformazione e attività intermedie sono due operazioni distinte ed anche se si svolgono sullo stesso sito necessitano di due riconoscimenti. Tali attività tuttavia (di asportazione, etc. delle pelli da animali morti) possono essere effettuate solo in un impianto di transito di categoria 2 (cfr. Guida all applicazione del nuovo regolamento relativo ai sottoprodotti di origine animale, paragrafo 20). D17. Uno stabilimento di trasformazione del latte (prodotto alimentare) può anche essere riconosciuto come stabilimento di trasformazione di SOA? In tal caso le linee di trasformazione del latte in polvere per consumo umano non dovrebbero quanto meno essere separate dalla trasformazione di mangimi da allattamento per animali di allevamento (contenenti latte in polvere e premiscele)? R17. Se uno stabilimento trasforma latte in conformità degli standard alimentari (a norma della direttiva 92/46/CE [a decorrere dal 1 gennaio 2006 del regolamento (CE) n. 852/2004 in combinato disposto con l allegato III, sezione IX del regolamento (CE) n. 853/2004]), ha già ottemperato agli standard operativi di cui al capitolo V, paragrafo 2 dell allegato VII del regolamento SOA e può ottenere il corrispondente riconoscimento (se non è riconosciuto a norma del regolamento (CE) n. 183/2005 sull igiene dei mangimi) senza che occorra un numero di riconoscimento SOA separato. In tal caso non è necessario separare le linee di trasformazione. Disposizioni analoghe sono già in vigore per gli ovoprodotti (cfr. allegato VII, capitolo 10) e per i grassi fusi (cfr. allegato VII, capitolo IV, paragrafo 1). Tuttavia se uno stabilimento trasforma sia latte conformemente a standard alimentari, sia ingredienti inidonei al consumo umano, necessita di riconoscimenti separati e di linee di trasformazione separate. D18. Dall articolo 23, paragrafo 4 del regolamento SOA non si evince chiaramente se ad un centro di raccolta o ad un utente occorrano sia un autorizzazione che una registrazione. R18. La lettera della disposizione sta ad indicare che occorrono sia un autorizzazione che una registrazione. D19. Gli stabilimenti autorizzati a norma del regolamento (CE) n. 999/2001 (regolamento EST) ad utilizzare in deroga prodotti di origine animale per la produzione di mangimi (ad esempio farina di pesce, fosfato bicalcico e tricalcico, proteine idrolizzate) devono essere autorizzati a norma del regolamento SOA? IT 15 IT

17 R19. Solo gli stabilimenti che trasformano SOA per fabbricare in deroga tali prodotti devono essere riconosciuti ai sensi dell articolo 17 del regolamento SOA. Agli stabilimenti a valle diversi dagli impianti d immagazzinaggio, come le fabbriche di mangimi o i preparatori a domicilio che usano tali prodotti per produrre mangimi, occorre solo l autorizzazione o la registrazione, rispettivamente a norma dell allegato IV del regolamento EST. 4. CONTRASSEGNI E IDENTIFICAZIONE (D20) D20. Gli articoli 4 e 5 del regolamento SOA prescrivono che dopo la trasformazione di materiali di categoria 1 e 2 i materiali risultanti siano contrassegnati in modo permanente con tintura, ove tecnicamente possibile con una sostanza odorante. Poiché la convalida dei contrassegni è in corso, occorre ritenere che nell intervallo siano prescritti solo i contrassegni di MSR (materiale specificamente a rischio) a norma del regolamento EST? R20. L allegato XI, lettera A, paragrafo 11 del regolamento EST prescrive che agli MSR sia applicata una tintura o se del caso un contrassegno. Il regolamento SOA stabilisce disposizioni generali per contrassegnare i SOA (materiali di categoria 1 inclusi gli MSR, di categoria 2 e di categoria 3) che sono destinati allo smaltimento (incenerimento, discarica, etc). In tutti questi casi pertanto il contrassegno è obbligatorio. Tuttavia attualmente il regolamento SOA non specifica ancora che tipo di tintura o di contrassegno usare. [Sono tuttora in corso indagini che nel prossimo futuro saranno oggetto di convalida del Centro comune di ricerca (CCR). In attesa dei risultati della convalida del CCR, spetta agli Stati membri decidere quali siano la tintura o il contrassegno adeguati (la decisione riguarda le modalità, non l obbligo).] 5. TRASFORMAZIONE DI MATERIALI (D21-28) 5.1. Rifiuti di ristorazione (D21-22) D21. In alcuni Stati membri i rifiuti di ristorazione e i SOA provenienti da piccole macellerie ed altri piccoli stabilimenti alimentari vengono raccolti insieme ai rifiuti domestici ed inviati alle discariche e agli impianti di biogas o di compostaggio. Per i materiali di categoria 3 lo smaltimento diretto in discarica non è consentito. Quanto al trattamento in impianti di biogas e di compostaggio, la temperatura può abbassarsi fino a 40 gradi e le particelle possono avere dimensioni 10 volte maggiori di quanto specificato nel regolamento? È ammissibile a norma delle disposizioni dell allegato VI, capitolo II, lettera D del regolamento SOA? IT 16 IT

18 R21. Quanto ai SOA provenienti da macellerie ed altri piccoli stabilimenti alimentari, i regolamenti (CE) n. 809/2003 e 810/2003, modificati dal regolamento (CE) n. 12/2005, dispongono che alle vecchie installazioni e strutture già operative il 1 novembre 2002 si possono applicare fino al 31 dicembre 2005 le disposizioni nazionali per le attività di compostaggio e di biogas, a condizione che tra l altro tali norme nazionali garantiscano una riduzione globale degli agenti patogeni e siano conformi alle prescrizioni in materia di igiene di cui all allegato VI, capitolo II, lettera B del regolamento SOA. Se le norme nazionali garantiscono il conseguimento di tale riduzione globale degli agenti patogeni con una temperatura di 40 gradi ed una dimensione delle particelle di 120 mm, a norma del suddetto regolamento ciò è ammissibile. L articolo 6, paragrafo 2, lettera g) del regolamento SOA consente l applicazione delle norme nazionali per la trasformazione dei rifiuti di ristorazione in un impianto di biogas o di compostaggio finché non siano state adottate norme armonizzate. Poiché queste ultime non sono ancora state definite, sotto la propria responsabilità gli Stati membri possono consentire parametri di trattamento quali temperature di 40 gradi e dimensione delle particelle di 120 mm. Sulla base di un parere adottato dall Autorità europea per la sicurezza alimentare nel settembre 2005, il allegato VI, capitolo II è stato modificato (regolamento (CE) no 208/2006, GU L 36, , p. 25). Essa prevede l autorizzazione di altri parametri di trasformazione a seguito di un procedimento di convalida per il trattamento di SOA in impianti di biogas o di compostaggio. Quando il testo si applica, gli Stati membri potranno autorizzare parametri di trattamento quali 40 gradi/ 120 mm, se saranno stati convalidati. D22. È consentito utilizzare rifiuti di ristorazione non provenienti da mezzi di trasporto che effettuano tragitti internazionali come materie prime per la produzione di proteine animali trasformate o di grassi fusi da utilizzare per l alimentazione degli animali? R22. No, a norma dell allegato VII, capitolo I, lettera B, paragrafo 4 solo i materiali di categoria 3 di cui all articolo 6, paragrafo 1, lettere da a) a j) possono essere utilizzati come materie prime. Pertanto i rifiuti di ristorazione non provenienti da mezzi di trasporto internazionali, di cui all articolo 6, paragrafo 1, lettera l),non possono essere utilizzati. (NB: In Germania e Austria misure transitorie che verranno a scadenza il 31 ottobre 2006 consentono ancora l uso di rifiuti di ristorazione per la produzione di mangimi per maiali in condizioni controllate). IT 17 IT

19 5.2. Prodotti alimentari non più destinati al consumo umano (D23-24) D23. Pare che di solito alcuni prodotti alimentari non più destinati al consumo umano (yogurt, latte UHT, etc.) vengano direttamente inviati alla discarica nella loro confezione di origine. Si possono considerare come già trasformati, oppure prima dello smaltimento in discarica devono essere comunque inviati ad un impianto di trasformazione di SOA? R23. Le attuali misure transitorie a norma del regolamento 813/2003 (articolo 1, paragrafo 3) consentono agli Stati membri il ricorso a norme nazionali per la raccolta, il trasporto e lo smaltimento in discarica di questi prodotti alimentari non più destinati al consumo umano, a condizione che essi non vengano miscelati con i materiali non trasformati di origine animale di cui agli articoli 4 e 5 e all articolo 6, paragrafo 1, lettera da a) a e) e da g) a k) (carne cruda, pesci, etc.), che prima dello smaltimento in discarica devono essere trasformati (cfr. Guida all applicazione del nuovo regolamento relativo ai sottoprodotti di origine animale dell aprile 2004, paragrafo 37 e anche il regolamento (CE) no 197/2006, GU L 32, , p. 13). Il problema della possibilità di inviare in discarica materiali di confezionamento di origine non animale insieme ai prodotti alimentari non più destinati al consumo umano non è oggetto del regolamento SOA, bensì della legislazione ambientale. D24. L articolo 23, paragrafo 2, lettera b), punto (ii) consente di usare rifiuti di ristorazione per i mangimi o per la produzione di proteine animali trasformate o di grassi fusi a partire da prodotti alimentari non più destinati al consumo umano se i materiali di confezionamento non sono stati asportati? R24. No, i materiali di confezionamento devono essere asportati (cfr. decisione 2004/217/CE della Commissione del 1 marzo 2004 relativa all adozione di un elenco di materie prime di cui è vietata la circolazione o l impiego nei mangimi) Latte (D25-26) D25. La deroga al principio che le materie prime devono essere trasformate in un impianto riconosciuto di trasformazione di SOA prima di essere usate come mangimi per animali d allevamento adottata a norma del regolamento n. 79/2005 che attua il regolamento SOA si applica anche al latte non trasformato rinviato da un impianto lattiero caseario ad un allevamento? IT 18 IT

20 R25. Sì, la deroga si applica al latte crudo rinviato da un impianto lattierocaseario riconosciuto ai sensi dell articolo 10 della direttiva 92/46 ad un allevamento. Essa tuttavia non si applica al latte ed al colostro in forma liquida smaltiti o utilizzati nell azienda di origine. D26. Quali sono le restrizioni all utilizzazione sui terreni di latte contenente residui di antibiotici in misura superiore agli LMR autorizzati? R26. A norma dell articolo 22, paragrafo 1, lettera c), è vietata l utilizzazione sui pascoli di fertilizzanti organici e ammendanti diversi dallo stallatico. L autorità competente può autorizzare l utilizzazione di stallatico sui terreni e l utilizzazione del contenuto del tubo digerente, di latte e di colostro su terreni diversi dai pascoli, in particolare se ritiene che non presentino rischi di diffusioni di malattie trasmissibili gravi (cfr. articolo 5, paragrafo 2, lettera e)). Le modalità di applicazione del divieto di utilizzare sui terreni fertilizzanti organici e ammendanti verranno definite in conformità dell articolo 22, paragrafo Pelli (D27) D27. Le pelli destinate alla produzione di gelatina per consumo umano, le pelli destinate alla produzione di alimenti per animali da compagnia e le pelli provenienti da animali morti e destinate alla fabbricazione del cuoio possono essere immagazzinate e trasformate negli stessi locali? In tal caso quali sono le prescrizioni in vigore? R27. Se si immagazzinano e/o trasformano negli stessi locali pelli non conformi alla legislazione in materia di alimenti e pelli conformi, i due flussi di materiali devono essere mantenuti isolati durante le fasi di ricevimento, magazzinaggio, trasformazione ed invio. (Per il periodo precedente si veda l allegato II, capitolo 4, parte A II, paragrafo 8, lettera d) della direttiva 92/118/CEE, modificata dalla decisione 1999/724/CE della Commissione per quanto attiene alla gelatina; a decorrere dal 1 gennaio 2006: allegato III, sezione XIV, capitolo I, paragrafo 5, lettera c) del regolamento 853/2004). Disposizioni analoghe valgono per il collagene (per il periodo precedente si veda l allegato II, capitolo 4, parte B III, paragrafo 4, modificato per il collagene dalla decisione 2003/721/CE; a decorrere dal 1 gennaio 2006: allegato III, sezione XV, capitolo I, paragrafo 5, lettera c) del regolamento 853/2004). Lo stesso impianto pertanto deve essere riconosciuto sia a norma della legislazione in materia di alimenti, sia a norma della legislazione SOA; in tal caso è necessario un solo numero di riconoscimento. IT 19 IT

MANUALE DI CORRETTA PRASSI OPERATIVA PER LA RINTRACCIABILITA E L IGIENE DEI PRODOTTI ALIMENTARI E DEI MANGIMI

MANUALE DI CORRETTA PRASSI OPERATIVA PER LA RINTRACCIABILITA E L IGIENE DEI PRODOTTI ALIMENTARI E DEI MANGIMI CONFEDERAZIONE NAZIONALE COLDIRETTI MANUALE DI CORRETTA PRASSI OPERATIVA MANUALE DI CORRETTA PRASSI OPERATIVA PER LA RINTRACCIABILITA E L IGIENE DEI PRODOTTI ALIMENTARI E DEI MANGIMI REGOLAMENTI CE N.

Dettagli

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?»

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?» 1 a STRATEGIA EVITARE LA CONTAMINAZIONE conoscere «DOVE SI TROVANO I BATTERI?» I batteri si trovano ovunque nell ambiente (aria, acqua, suolo ed esseri viventi): Sono presenti sulle materie prime, ad es.

Dettagli

REGOLAMENTI REGOLAMENTO (CE) N. 834/2007 DEL CONSIGLIO. del 28 giugno 2007

REGOLAMENTI REGOLAMENTO (CE) N. 834/2007 DEL CONSIGLIO. del 28 giugno 2007 20.7.2007 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 189/1 I (Atti adottati a norma dei trattati CE/Euratom la cui pubblicazione è obbligatoria) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (CE) N. 834/2007 DEL CONSIGLIO

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 29.3.2014 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 95/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO DI ESECUZIONE (UE) N. 322/2014 DELLA COMMISSIONE del 28 marzo 2014 che impone condizioni speciali

Dettagli

GUIDA PER ORIENTARE I RICHIEDENTI NELLA COMPILAZIONE DEL DOCUMENTO UNICO

GUIDA PER ORIENTARE I RICHIEDENTI NELLA COMPILAZIONE DEL DOCUMENTO UNICO GUIDA PER ORIENTARE I RICHIEDENTI NELLA COMPILAZIONE DEL DOCUMENTO UNICO Si prega di prestare particolare attenzione ai "PUNTI ESSENZIALI" Nota bene: la presente guida ha lo scopo di aiutare i richiedenti

Dettagli

La Temperatura degli Alimenti

La Temperatura degli Alimenti La Temperatura degli Alimenti L'ATP è la regolamentazione per i trasporti frigoriferi refrigerati a temperatura controllata di alimenti deperibili destinati all'alimentazione umana. A.T.P. = Accord Transport

Dettagli

Verifica della corretta applicazione del Regolamento Import-Export

Verifica della corretta applicazione del Regolamento Import-Export Verifica della corretta applicazione del Regolamento Import-Export Dott.ssa Luigia Scimonelli ISS - Min. del lavoro, della salute e delle politiche sociali Roma, 26 novembre 2008 Indice Convenzione di

Dettagli

REGOLAMENTO (CE) N. 852/2004 DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 29 aprile 2004. sull'igiene dei prodotti alimentari

REGOLAMENTO (CE) N. 852/2004 DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 29 aprile 2004. sull'igiene dei prodotti alimentari 30.4.2004 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 139/1 I (Atti per i quali la pubblicazione è una condizione di applicabilità) REGOLAMENTO (CE) N. 852/2004 DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del

Dettagli

S.C. Igiene degli alimenti di origine animale. Requisiti igienico-sanitari applicati al settore della pesca

S.C. Igiene degli alimenti di origine animale. Requisiti igienico-sanitari applicati al settore della pesca Requisiti igienico-sanitari applicati al settore della pesca La Spezia 20 ottobre 2009 Requisiti : Strutturali (Strutture ed attrezzature) Funzionali Requisiti strutturali : n Applicabili a tutte le imbarcazioni

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 15.1.2011 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 12/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 10/2011 DELLA COMMISSIONE del 14 gennaio 2011 riguardante i materiali e gli oggetti

Dettagli

Guida alla registrazione

Guida alla registrazione GUIDA Maggio 2012 Versione 2.0 Guida per l attuazione del regolamento REACH 2 Versione 2.0 Maggio 2012 Versione Modifiche Data Versione 0 Prima edizione giugno 2007 Versione 1 Prima revisione 18/02/2008

Dettagli

malattie del bestiame. Informazione&Zootecnia

malattie del bestiame. Informazione&Zootecnia UMBRIA INFORMAZIONE&ZOOTECNIA Corretta prassi e biosicurezza nell allevamento bovino A.R.A. Associazione Regionale Allevatori dell SEDE LEGALE ED OPERATIVA di Perugia: Via O.P. Baldeschi, 59 06073 Taverne

Dettagli

Misure restrittive dell'ue

Misure restrittive dell'ue SCHEDA INFORMATIVA Bruxelles, 29 aprile 2014 Misure restrittive dell'ue Le sanzioni sono uno degli strumenti dell'ue per promuovere gli obiettivi della politica estera e di sicurezza comune (PESC): pace,

Dettagli

INDIVIDUAZIONE E GESTIONE DELLE NON CONFORMITA RILEVATE IN OCCASIONE DELLE ATTIVITA DI CONTROLLO UFFICIALE

INDIVIDUAZIONE E GESTIONE DELLE NON CONFORMITA RILEVATE IN OCCASIONE DELLE ATTIVITA DI CONTROLLO UFFICIALE INDIVIDUAZIONE E GESTIONE DELLE RILEVATE IN OCCASIONE DELLE ATTIVITA DI CONTROLLO UFFICIALE CRITERIO OPERATIVO N 3 CRO 03 CRITERI OPERATIVI Revisione 01 del 15.02.13 Pagina 1 di 12 CRITERI OPERATIVI PER

Dettagli

S T U D I O L E G A L E M I S U R A C A - A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i L a w F i r m i n I t a l y

S T U D I O L E G A L E M I S U R A C A - A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i L a w F i r m i n I t a l y QATAR DISCIPLINA IMPORT EXPORT IN QATAR di Avv. Francesco Misuraca Regole dell import-export in Qatar Licenza d importazione, iscrizione nel Registro Importatori, altre regole La legge doganale del Qatar,

Dettagli

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE TITOLO RELAZIONE I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità A partire dal 3 gennaio 2013 è entrato in vigore il regolamento (UE)

Dettagli

Manuale informativo sull H.A.C.C.P.

Manuale informativo sull H.A.C.C.P. Manuale informativo sull H.A.C.C.P. per il controllo dell igiene degli alimenti (con particolare riferimento al controllo della temperatura) Manuale redatto dalla GIORGIO BORMAC S.r.l. Le informazioni

Dettagli

14.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 335/3

14.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 335/3 14.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 335/3 REGOLAMENTO (UE) N. 1332/2013 DEL CONSIGLIO del 13 dicembre 2013 che modifica il regolamento (UE) n. 36/2012 concernente misure restrittive in

Dettagli

ORIGINE NON PREFERENZIALE COME INDIVIDUARE L ESATTO MADE IN DEL PRODOTTO

ORIGINE NON PREFERENZIALE COME INDIVIDUARE L ESATTO MADE IN DEL PRODOTTO ORIGINE NON PREFERENZIALE COME INDIVIDUARE L ESATTO MADE IN DEL PRODOTTO LA NORMATIVA COMUNITARIA E I CRITERI PER L INDIVIDUAZIONE DEL MADE IN Merci interamente ottenute o sostanzialmente trasformate La

Dettagli

DIRETTIVE COMUNITARIE INTERESSATE DAL REGOLAMENTO

DIRETTIVE COMUNITARIE INTERESSATE DAL REGOLAMENTO DIRETTIVE COMUNITARIE INTERESSATE DAL REGOLAMENTO 1. Direttiva 66/401/CEE: commercializzazione sementi di piante foraggere 2. Direttiva 66/402/CEE: commercializzazione di sementi di cereali 3. Direttiva

Dettagli

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio cloruro cloruro Data Revisione Redazione Approvazione Autorizzazione N archiviazione 00/00/2010 e Risk management Produzione Qualità e Risk management Direttore Sanitario 1 cloruro INDICE: 1. Premessa

Dettagli

FAQ: Condizionalità. Cosa si intende per condizionalità?

FAQ: Condizionalità. Cosa si intende per condizionalità? FAQ: Condizionalità Cosa si intende per condizionalità? La condizionalità è una delle maggiori novità introdotte dalla Politica Agricola Comune (PAC) approvata nel 2003. Rappresenta l insieme delle norme

Dettagli

Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi

Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi Carlo Zaghi Dirigente Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Direzione Generale per le Valutazioni e le Autorizzazioni Ambientali

Dettagli

Corso di formazione Servizio sanitario regionale Regione Emilia romagna

Corso di formazione Servizio sanitario regionale Regione Emilia romagna Corso di formazione Servizio sanitario regionale Regione Emilia romagna AGGIORNAMENTI SUL CONTROLLO IGIENICO-SANITARIO DELL APICOLTURA Brisighella (RA) 13 settembre 2013 Evoluzione del controllo dell apicoltura

Dettagli

Orientamenti sulla compilazione delle schede di dati di sicurezza

Orientamenti sulla compilazione delle schede di dati di sicurezza ORIENTAMENTI Orientamenti sulla compilazione delle schede di dati di sicurezza Versione 2.0 Dicembre 2013 2 Orientamenti sulla compilazione delle schede di dati di sicurezza Versione 2.0 Dicembre 2013

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO M.G.

RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO M.G. Ministero della Salute RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO M.G. ANNO 2014 2 Il presente rapporto è stato realizzato dalla Direzione Generale per l Igiene e la Sicurezza degli Alimenti e la Nutrizione

Dettagli

Perché i nostri bambini siano protetti il meglio possibile. Commissione europea Imprese e industria

Perché i nostri bambini siano protetti il meglio possibile. Commissione europea Imprese e industria LA SICUREZZA DEI GIOCATTOLI Perché i nostri bambini siano protetti il meglio possibile Commissione europea Imprese e industria Fotolia Orange Tuesday L Unione europea (UE) conta circa 80 milioni di bambini

Dettagli

COMUNE DI TERRALBA. (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957

COMUNE DI TERRALBA. (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957 COMUNE DI TERRALBA (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957 Ordinanza Sindacale n. 41/2012 Prot. n. 12292 ORDINANZA SINDACALE (Adozione misure

Dettagli

Progetto Realizzato con il Finanziamento del Mipaaf Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali www.politicheagricole.

Progetto Realizzato con il Finanziamento del Mipaaf Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali www.politicheagricole. TIMBRO AZIENDA Progetto Realizzato con il Finanziamento del Mipaaf Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali www.politicheagricole.it Indice 1. Introduzione al manuale 1.1 Definizioni 1.2

Dettagli

REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE

REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE 28.12.2006 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 379/5 REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE del 15 dicembre 2006 relativo all applicazione degli articoli 87 e 88 del trattato agli aiuti d

Dettagli

REGIONE PIEMONTE BU49 06/12/2012

REGIONE PIEMONTE BU49 06/12/2012 REGIONE PIEMONTE BU49 06/12/2012 Codice DB2017 D.D. 15 novembre 2012, n. 799 Applicazione art. 6 Regolamento (CE) n. 852/2004 e D.G.R. n. 16-4910 del 14.11.2012. Definizione della modulistica per la notifica

Dettagli

VADEMECUM SUI CIRCOLI PRIVATI La disciplina della somministrazione nei circoli privati. Le garanzie costituzionali

VADEMECUM SUI CIRCOLI PRIVATI La disciplina della somministrazione nei circoli privati. Le garanzie costituzionali VADEMECUM SUI CIRCOLI PRIVATI La disciplina della somministrazione nei circoli privati I circoli privati rappresentano, da sempre, un problema nella gestione delle attività di controllo sul territorio

Dettagli

Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico

Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico Marco Glisoni Maria Lisa Procopio Incontro formativo Progetto APE settembre 2014 Il Piano d Azione Nazionale per il GPP Piano d azione per la

Dettagli

LA CONFERENZA PERMANENTE PER I RAPPORTITRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO

LA CONFERENZA PERMANENTE PER I RAPPORTITRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO SCHEMA DI ACCORDO STATO- REGIONI CONCERNENTE LINEE GUIDA AI FINI DELLA RINTRACCIABILITA DEGLI ALIMENTI E MANGIMI PER FINI DI SANITA PUBBLICA AI SENSI DEL REGOLAMENTO 178/2002 LA CONFERENZA PERMANENTE PER

Dettagli

Guida introduttiva al regolamento CLP

Guida introduttiva al regolamento CLP Guida introduttiva al regolamento CLP Il regolamento CLP è il regolamento (CE) n. 1272/2008 relativo alla classificazione, all etichettatura e all imballaggio delle AVVISO LEGALE Il presente documento

Dettagli

Digestato da rifiuti e da matrici agricole

Digestato da rifiuti e da matrici agricole Ravenna 2012 Workshop I CIC Consorzio Italiano Compostatori Ravenna, 27 settembre 2012 Digestato da rifiuti e da matrici agricole Lorella ROSSI C.R.P.A. - Reggio Emilia, Comitato Tecnico CIC DIGESTIONE

Dettagli

I METALLI PESANTI NEL LATTE

I METALLI PESANTI NEL LATTE I METALLI PESANTI NEL LATTE di Serraino Andrea Dipartimento di Sanità Pubblica Veterinaria e Patologia Animale - Facoltà Medicina Veterinaria - Università di Bologna - Alma Mater Studiorum. I metalli sono

Dettagli

Attuazione di buone prassi nel quadro della direttiva sull utilizzo sostenibile dei prodotti fitosanitari: il punto di vista degli agricoltori

Attuazione di buone prassi nel quadro della direttiva sull utilizzo sostenibile dei prodotti fitosanitari: il punto di vista degli agricoltori Marzo 2011 Attuazione di buone prassi nel quadro della direttiva sull utilizzo sostenibile dei prodotti fitosanitari: il punto di vista degli agricoltori Attuazione di buone prassi nel quadro della direttiva

Dettagli

REGOLAMENTO (CE) N. 834/2007 DEL CONSIGLIO

REGOLAMENTO (CE) N. 834/2007 DEL CONSIGLIO REGOLAMENTO (CE) N. 834/2007 DEL CONSIGLIO del 28 giugno 2007 RELATIVO ALLA PRODUZIONE BIOLOGICA E ALL ETICHETTATURA DEI PRODOTTI BIOLOGICI E CHE ABROGA IL REGOLAMENTO (CEE) N. 2092/91 TESTO COORDINATO

Dettagli

GESTIONE DEL RISCHIO NEI DISPOSITIVI MEDICI: DALLA CLASSIFICAZIONE ALLA COMMERCIALIZZAZIONE

GESTIONE DEL RISCHIO NEI DISPOSITIVI MEDICI: DALLA CLASSIFICAZIONE ALLA COMMERCIALIZZAZIONE 1 GESTIONE DEL RISCHIO NEI DISPOSITIVI MEDICI: DALLA CLASSIFICAZIONE ALLA COMMERCIALIZZAZIONE Ing. Enrico Perfler Eudax s.r.l. Milano, 23 Gennaio 2014 Indice 2 Il concetto di rischio nei dispositivi medici

Dettagli

LAMPADE A VAPORI DI MERCURIO AD ALTA PRESSIONE

LAMPADE A VAPORI DI MERCURIO AD ALTA PRESSIONE Pag. 1 di 20 LAMPADE A VAPORI DI MERCURIO AD ALTA PRESSIONE Funzione Responsabile Supporto Tecnico Descrizione delle revisioni 0: Prima emissione FI 00 SU 0002 0 1: Revisione Generale IN 01 SU 0002 1 2:

Dettagli

La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche

La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche istruzioni per l uso Raccolta Differenziata Una soluzione alla portata di tutti La produzione di rifiuti è in continuo aumento e deve essere gestita in modo

Dettagli

Scheda di sicurezza ai sensi della direttiva comunitaria 91/155

Scheda di sicurezza ai sensi della direttiva comunitaria 91/155 1 1 Elementi identificativi della sostanza o del preparato e della società/impresa produttrice. - Dati del prodotto Denominazione commerciale: mega-trim Polvere Produttore/fornitore: Megadental Vertrieb

Dettagli

ALIMENTARI TAL QUALI E NEI PRODOTTI AlimentARI 2015-2018

ALIMENTARI TAL QUALI E NEI PRODOTTI AlimentARI 2015-2018 Piano Nazionale riguardante il Controllo Ufficiale DeGLI ADDITIVI ALIMENTARI TAL QUALI E NEI PRODOTTI AlimentARI 2015-2018 Paolo Stacchini Dipartimento di Sanità Pubblica veterinaria e Sicurezza Alimentare

Dettagli

Ricerca, Qualità, Sicurezza e Salute

Ricerca, Qualità, Sicurezza e Salute Ricerca, Qualità, Sicurezza e Salute Chi Siamo Hygeia Lab S.r.l. nasce nel 2011 dalla passione e dal desiderio di giovani laureati di continuare la crescita e la formazione scientifica. E una Start-Up

Dettagli

Note inerenti chiarimenti in materia di prevenzione incendi - Trasmissione per via informatica.

Note inerenti chiarimenti in materia di prevenzione incendi - Trasmissione per via informatica. DIREZIONE CENTRALE PER LA PREVENZIONE E LA SICUREZZA TECNICA Prot. n P 810 / 4101 sott. 72/C.1 (21).4 Roma, 2 LUGLIO 2003 Allegati: n 1 -AI SIGG. ISPETTORI REGIONALI DEI VIGILI DEL FUOCO LORO SEDI -AI

Dettagli

Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina

Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina Traduzione 1 Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina (Convenzione sui diritti dell uomo e la biomedicina)

Dettagli

PROTOCOLLO DI BIOSICUREZZA. Sperma Scarti Morti Disinfezioni Personale Aghi e strumentario Derattizzazione

PROTOCOLLO DI BIOSICUREZZA. Sperma Scarti Morti Disinfezioni Personale Aghi e strumentario Derattizzazione PROTOCOLLO DI BIOSICUREZZA Sperma Scarti Morti Disinfezioni Personale Aghi e strumentario Derattizzazione Disinfezione Il ricorso a disinfettanti e disinfestanti, se unito ad altre misure tese a minimizzare

Dettagli

E-MAIL: mail@studiotosato.it Avv. DEBORAH NASTI Avv. NICOLA LUCIFERO

E-MAIL: mail@studiotosato.it Avv. DEBORAH NASTI Avv. NICOLA LUCIFERO Prof. Avv. GIAN LUIGI TOSATO 00187 ROMA Avv. GIULIO R. IPPOLITO VIA SALLUSTIANA, 26 Prof. Avv. ANDREA NERVI TEL. 064819419 Avv. MARIA CARMELA MACRI FAX: 064885330 Avv. NATALIA DEL OLMO GUARIDO E-MAIL:

Dettagli

ALLEGATO IV SCHEDA DI INDAGINE EPIDEMIOLOGICA PER BLUE TONGUE

ALLEGATO IV SCHEDA DI INDAGINE EPIDEMIOLOGICA PER BLUE TONGUE ALLEGATO IV SCHEDA DI INDAGINE EPIDEMIOLOGICA PER BLUE TONGUE BLUE TONGUE INDAGINE EPIDEMIOLOGICA PARTE 1 DATA DI COMPILAZIONE / / CODICE IDENTIFICATIVO DEL FOCOLAIO NOME E COGNOME DEL VETERINARIO (STAMPATELLO)

Dettagli

Dipartimento di Prevenzione U.O.C. HACCP- RSO

Dipartimento di Prevenzione U.O.C. HACCP- RSO La presente istruzione operativa dettaglia una specifica attività/fase di un processo descritto dalla procedura Piano Interno di Intervento Emergenza Migranti. La sanificazione ambientale viene intesa

Dettagli

Guida alla compilazione delle schede di sicurezza Versione 1.1 Dicembre 2011. Guida alla compilazione delle schede di dati di sicurezza

Guida alla compilazione delle schede di sicurezza Versione 1.1 Dicembre 2011. Guida alla compilazione delle schede di dati di sicurezza Guida alla compilazione delle schede di dati di sicurezza Versione 1.1 Dicembre 2011 AVVISO LEGALE Il presente documento contiene una serie di orientamenti sul regolamento REACH, che spiegano gli obblighi

Dettagli

REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI

REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI REGIONE VENETO REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI (DPR 23 aprile 2001 n 290 art. 42) 24 NOTE GENERALI Il registro completo dei trattamenti, è composto da: - scheda A - Dati anagrafici azienda/ente

Dettagli

Il quadro normativo per gli impianti di biogas da effluenti zootecnici

Il quadro normativo per gli impianti di biogas da effluenti zootecnici CORSO: IL BIOGAS DA EFFLUENTI ZOOTECNICI Reggio Emilia, 15 Dicembre 2011 Il quadro normativo per gli impianti di biogas da effluenti zootecnici Lorella ROSSI Centro Ricerche Produzioni Animali - Reggio

Dettagli

Prodotti di cui ti puoi fidare

Prodotti di cui ti puoi fidare Prodotti di cui ti puoi fidare Vogliamo offrirti alimenti di buona qualità a prezzi bassi, prodotti in modo responsabile. Stiamo lavorando in tutte le parti della catena alimentare, dalla fattoria al negozio

Dettagli

DECRETO N. 20 del 09.07.2013

DECRETO N. 20 del 09.07.2013 L Assessore DECRETO N. 20 del 09.07.2013 Oggetto: Modifiche al Decreto attuativo del Piano straordinario di eradicazione della Peste Suina Africana. Anni 2012 e 2013. VISTO lo Statuto Speciale della Regione

Dettagli

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Come ottenere energia rinnovabile e compost dai rifiuti organici Un percorso di educazione ambientale alla scoperta dell impianto di compostaggio

Dettagli

APPLICAZIONE DEL (D.L.1937/07) SISTEMA DI AUTOCONTROLLO HACCP. DOTT. ANDREA STORTI 24-ottobre 2014

APPLICAZIONE DEL (D.L.1937/07) SISTEMA DI AUTOCONTROLLO HACCP. DOTT. ANDREA STORTI 24-ottobre 2014 APPLICAZIONE DEL SISTEMA DI AUTOCONTROLLO HACCP (D.L.1937/07) DOTT. ANDREA STORTI 24-ottobre 2014 DEFINIZIONE HACCP ( HAZARD ANALYSIS AND CRITICAL POINT) Analisi dei Rischi e Controllo dei Punti Critici

Dettagli

Scheda di sicurezza FULCRON CASA RIMUOVI MUFFA ML500

Scheda di sicurezza FULCRON CASA RIMUOVI MUFFA ML500 Scheda di sicurezza del 4/12/2009, revisione 2 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETÀ/IMPRESA Nome commerciale: Codice commerciale: 2544 Tipo di prodotto ed impiego: Agente antimuffa

Dettagli

Etichettatura del miele e dei prodotti dell alveare per il consumo diretto

Etichettatura del miele e dei prodotti dell alveare per il consumo diretto Etichettatura del miele e dei prodotti dell alveare per il consumo diretto Reg. CE 1234/07 Assessorato Agricoltura Centro Agrochimico Regionale G.L. Marcazzan CRA-API di Bologna M. Stefàno A.S.S.A.M. Regione

Dettagli

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122 MINISTERO DELLA SALUTE UFFICIO GENERALE DELLE RISORSE DELL ORGANIZZAZIONE E DEL BILANCIO UFFICIO VIII EX DGPOB LOTTO 2. AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DELLA SEDE DEL COMANDO CARABINIERI PER LA TUTELA

Dettagli

Decreto 10 ottobre 2008 (G.U. Serie Generale n. 288 del 10 dicembre 2008)

Decreto 10 ottobre 2008 (G.U. Serie Generale n. 288 del 10 dicembre 2008) Decreto 10 ottobre 2008 (G.U. Serie Generale n. 288 del 10 dicembre 2008) Disposizioni atte a regolamentare l'emissione di aldeide formica da pannelli a base di legno e manufatti con essi realizzati in

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA DEL PRODOTTO In conformità con il D.L.65/03 e i suoi relativi emendamenti.

SCHEDA DI SICUREZZA DEL PRODOTTO In conformità con il D.L.65/03 e i suoi relativi emendamenti. 1. ELEMENTI IDENTIFICATIVI DELLA SOSTANZA O DEL PREPARATO E DELLA SOCIETÀ/IMPRESA PRODUTTRICE Nome commerciale : Società : Dow Corning S.A. rue Jules Bordet - Parc Industriel - Zone C B-7180 Seneffe Belgio

Dettagli

Valore in dogana e valore ai fini IVA da dichiarare sulla bolletta doganale (di Ubaldo Palma)

Valore in dogana e valore ai fini IVA da dichiarare sulla bolletta doganale (di Ubaldo Palma) Valore in dogana e valore ai fini IVA da dichiarare sulla bolletta doganale (di Ubaldo Palma) Il valore imponibile a fronte di bollette doganali è oggetto di numerose liti fiscali a causa della poca chiarezza

Dettagli

GARANZIA LEGALE DEL VENDITORE

GARANZIA LEGALE DEL VENDITORE GARANZIA LEGALE DEL VENDITORE Tutti i prodotti che compri da Apple, anche quelli non a marchio Apple, sono coperti dalla garanzia legale di due anni del venditore prevista dal Codice del Consumo (Decreto

Dettagli

(Atti legislativi) DIRETTIVE

(Atti legislativi) DIRETTIVE 29.4.2014 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 127/1 I (Atti legislativi) DIRETTIVE DIRETTIVA 2014/40/UE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 3 aprile 2014 sul ravvicinamento delle disposizioni

Dettagli

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa Partenariato transatlantico su commercio e investimenti Parte normativa settembre 2013 2 I presidenti Barroso, Van Rompuy e Obama hanno chiarito che la riduzione delle barriere normative al commercio costituisce

Dettagli

Informazione agli impianti di trattamento

Informazione agli impianti di trattamento dell'articolo 11, comma 1, o di conferimento gratuito senza alcun obbligo di acquisto per i RAEE di piccolissime dimensioni ai sensi dell'articolo 11, comma 3; c) gli effetti potenziali sull'ambiente e

Dettagli

Istruzioni per l uso sicuro delle batterie al piombo-acido

Istruzioni per l uso sicuro delle batterie al piombo-acido Istruzioni per l uso sicuro delle batterie al piombo-acido Questo documento è stato redatto in collaborazione con la Commissione per gli Affari Ambientali di EUROBAT (maggio 2003) ed esaminato dai membri

Dettagli

Gestione Servizi Doganali

Gestione Servizi Doganali Gestione Servizi Doganali GESTIONE SERVIZI DOGANALI Background La gestione delle attività dogali di import/export o transito richiede da sempre figure specializzate all interno delle aziende in grado di

Dettagli

Dai campi alla tavola Prodotti alimentari sicuri per i consumatori europei

Dai campi alla tavola Prodotti alimentari sicuri per i consumatori europei Europa in movimento Dai campi alla tavola Prodotti alimentari sicuri per i consumatori europei Unione europea Potete trovare il testo del presente opuscolo e altre spiegazioni chiare e concise sull UE

Dettagli

Scheda Dati di Sicurezza

Scheda Dati di Sicurezza Scheda Dati di Sicurezza Pagina n. 1 / 5 1. Identificazione della sostanza / del preparato e della Società 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Codice: 190683 Denominazione 1.2 Uso della

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE DI IGIENE IN MATERIA DI ALIMENTI E BEVANDE ALLEGATO A REQUISITI DELLE ATTIVITA

REGOLAMENTO COMUNALE DI IGIENE IN MATERIA DI ALIMENTI E BEVANDE ALLEGATO A REQUISITI DELLE ATTIVITA REGOLAMENTO COMUNALE DI IGIENE IN MATERIA DI ALIMENTI E BEVANDE TITOLO I - DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 Principi Art. 2 - Definizioni Art. 3 - Ambito di applicazione Art. 4 - Igiene del personale ed autocontrollo

Dettagli

La Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano

La Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano La Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano VISTO gli articoli 2, comma 2, lett. b) e 4, comma 1 del decreto legislativo 28 agosto 1997,

Dettagli

Divieto di commercializzazione dei sacchetti non biodegradabili e compostabili

Divieto di commercializzazione dei sacchetti non biodegradabili e compostabili Divieto di commercializzazione dei sacchetti non biodegradabili e compostabili Vademecum operativo Con la pubblicazione in Gazzetta ufficiale della legge 11 agosto 2014, n. 116 che converte il Dl 91/2014,

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/01/09 Denominazione commerciale: SILIFIM ROSSO ALTE TEMPERATURE

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/01/09 Denominazione commerciale: SILIFIM ROSSO ALTE TEMPERATURE Pagina: 1/ 5 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA Denominazione commerciale: SILIFIM ALTE TEMPERATURE Articolo numero: art.01004/01004a Utilizzazione della Sostanza / del

Dettagli

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Denominazione: Mercurio II Solfato soluzione 200 g/lin acido solforico diluito 1.2

Dettagli

CIMSA SUD CHIMICA INDUSTRIALE MERIDIONALE SRL SCHEDA DI SICUREZZA PROCESS OIL Conforme al regolamento CE n 1907/2006 del 18.12.

CIMSA SUD CHIMICA INDUSTRIALE MERIDIONALE SRL SCHEDA DI SICUREZZA PROCESS OIL Conforme al regolamento CE n 1907/2006 del 18.12. 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/MISCELA E DELL IMPRESA 1.1 Identificazione della sostanza o preparato -Tipologia Reach : Miscela -Nome commerciale : PROCESS OIL 32-46-68 1.2 Utilizzo : Olio per usi generali

Dettagli

CONSORZIO PER LA TUTELA DEL FORMAGGIO ASIAGO VICENZA. DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DOP ASIAGO (D.M.03/08/2006 Gazzetta.Ufficiale n.

CONSORZIO PER LA TUTELA DEL FORMAGGIO ASIAGO VICENZA. DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DOP ASIAGO (D.M.03/08/2006 Gazzetta.Ufficiale n. CONSORZIO PER LA TUTELA DEL FORMAGGIO ASIAGO VICENZA DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DOP ASIAGO (D.M.03/08/2006 Gazzetta.Ufficiale n. 190 del 17/08/06) Art. 1 Denominazione La denominazione di origine protetta

Dettagli

REQUISITI FORMALI DELLA RICETTA NON RIPETIBILE Alla luce del D.LGS. 219 DEL 2006 Codice di recepimento normativa europea farmaci ad uso umano

REQUISITI FORMALI DELLA RICETTA NON RIPETIBILE Alla luce del D.LGS. 219 DEL 2006 Codice di recepimento normativa europea farmaci ad uso umano REQUISITI FORMALI DELLA RICETTA NON RIPETIBILE [STUDIO avv. Paola Ferrari ] info@studiolegaleferrari.it per Pronto Soccorso fimmg lombardia QUESITO: Mi è arrivata una notifica di violazione amministrativa

Dettagli

DOPO UN CASO DI PESTE AMERICANA CHE FARE? Dr.ssa Rosanna Rossi USL7 di Siena Dr.ssa Giuliana Bondi USL7 di Siena

DOPO UN CASO DI PESTE AMERICANA CHE FARE? Dr.ssa Rosanna Rossi USL7 di Siena Dr.ssa Giuliana Bondi USL7 di Siena DOPO UN CASO DI PESTE AMERICANA CHE FARE? Dr.ssa Rosanna Rossi USL7 di Siena Dr.ssa Giuliana Bondi USL7 di Siena TUTTO IL MATERIALE CHE È ENTRATO IN CONTATTO CON LE COLONIE AMMALATE DEVE ESSER DISTRUTTO

Dettagli

REFRASET SCHEDA DI SICUREZZA. Revisione n 02 del 21/05/2012 Sostituisce 23/05/2002

REFRASET SCHEDA DI SICUREZZA. Revisione n 02 del 21/05/2012 Sostituisce 23/05/2002 Pag. 1 di 5 REFRASET SCHEDA DI SICUREZZA Revisione n 02 del 21/05/2012 Sostituisce 23/05/2002 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO, DEL PRODOTTO E DELLA SOCIETA 1.1 Identificazione della sostanza

Dettagli

(Comunicazioni) COMUNICAZIONI PROVENIENTI DALLE ISTITUZIONI, DAGLI ORGANI E DAGLI ORGANISMI DELL'UNIONE EUROPEA ALTRI ATTI

(Comunicazioni) COMUNICAZIONI PROVENIENTI DALLE ISTITUZIONI, DAGLI ORGANI E DAGLI ORGANISMI DELL'UNIONE EUROPEA ALTRI ATTI 8.3.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea C 68/1 II (Comunicazioni) COMUNICAZIONI PROVENIENTI DALLE ISTITUZIONI, DAGLI ORGANI E DAGLI ORGANISMI DELL'UNIONE EUROPEA ALTRI ATTI Linee guida del 7 marzo

Dettagli

ASSOCIAZIONE ITALIANA DI GROSSISTI DI ENERGIA E TRADER

ASSOCIAZIONE ITALIANA DI GROSSISTI DI ENERGIA E TRADER Milano, 31 Gennaio 2014 Spett.le Autorità per l'energia elettrica, il gas ed il sistema idrico Direzione Mercati Unità Mercati Elettrici all'ingrosso Piazza Cavour 5 20121 Milano Osservazioni al DCO 587/2013/R/eel

Dettagli

Differenze tra le attività di certificazione di prodotto (PRD) e le attività di ispezione (ISP) ed altri schemi di valutazione della conformità

Differenze tra le attività di certificazione di prodotto (PRD) e le attività di ispezione (ISP) ed altri schemi di valutazione della conformità Differenze tra le attività di certificazione di prodotto (PRD) e le attività di ispezione (ISP) ed altri schemi di valutazione della conformità In alcuni casi, le somiglianze apparenti tra le attività

Dettagli

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO Comune di CORI (Lt) Assessorato all RACCOLTA DIFFERENZIATA PORTA A PORTA GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO pagina 1 SOMMARIO Premessa... 3 1 Principi generali: Cos è il Compostaggio... 4 2 Cosa mettere nella

Dettagli

Rifiuti di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche RAEE

Rifiuti di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche RAEE Rifiuti di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche RAEE Istruzioni operative per la gestione e lo smaltimento dei pannelli fotovoltaici incentivati (ai sensi dell art. 40 del D.Lgs. 49/2014) Premessa

Dettagli

Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine

Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine INDICE 1. Premessa 2. Scopo della procedura e campo di applicazione 3. Definizioni 4. indicazioni

Dettagli

ORARIO DI LAVORO DEI LAVORATORI MOBILI NEL SETTORE TRASPORTI

ORARIO DI LAVORO DEI LAVORATORI MOBILI NEL SETTORE TRASPORTI ORARIO DI LAVORO DEI LAVORATORI MOBILI NEL SETTORE TRASPORTI Sommario: 5064.0 QUADRO GENERALE 5064.1 ORARIO DI LAVORO 5064.1.1 Durata dell'orario di lavoro settimanale 5064.1.2 Riposi intermedi 5064.1.3

Dettagli

NORMATIVA INTERNAZIONALE PER LE MISURE FITOSANITARIE. Revisione dell'ispm 15

NORMATIVA INTERNAZIONALE PER LE MISURE FITOSANITARIE. Revisione dell'ispm 15 Consultazione tra i membri (procedura regolare) - giugno 2008 Bozza 1/7 NORMATIVA INTERNAZIONALE PER LE MISURE FITOSANITARIE Revisione dell'ispm 15 [PARAGRAFO 1] REGOLAMENTAZIONE DEL MATERIALE DA IMBALLAGGIO

Dettagli

Slowfood. aprile 2010 ACQUA ALLE CORDE - PROFESSIONE HAPPYCOLTORE - DOVE OSANO LE VIGNE. Slowine. Acqua alle corde. Slowfood. Azioni sostenibili

Slowfood. aprile 2010 ACQUA ALLE CORDE - PROFESSIONE HAPPYCOLTORE - DOVE OSANO LE VIGNE. Slowine. Acqua alle corde. Slowfood. Azioni sostenibili 45 aprile 2010 ACQUA ALLE CORDE - PROFESSIONE HAPPYCOLTORE - DOVE OSANO LE VIGNE Slowfood aprile 2010 www.slowfood.it Acqua alle corde Azioni sostenibili Professione happycoltore La rete delle comunità

Dettagli

COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA

COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA E composta dalla sigla CE e, nel caso un Organismo Notificato debba intervenire nella fase del controllo della produzione, contiene anche il numero d identificazione

Dettagli

MANUALE DI GESTIONE GOVERNO QUOTIDIANO DEGLI ANIMALI

MANUALE DI GESTIONE GOVERNO QUOTIDIANO DEGLI ANIMALI MANUALE DI GESTIONE Breve descrizione del canile (fabbricati: box, locali accessori). Modalità di approvvigionamento idrico e smaltimento reflui animali. Individuazione responsabile generale (titolare)

Dettagli

Etichettatura degli alimenti

Etichettatura degli alimenti Ministero della Salute Direzione generale per l igiene e la sicurezza degli alimenti e la nutrizione Etichettatura degli alimenti Cosa dobbiamo sapere La scelta di alimenti e bevande condiziona la nostra

Dettagli

Imballaggio primario. Imballaggio secondario. Imballaggio terziario. Funzioni primarie dell imballaggio

Imballaggio primario. Imballaggio secondario. Imballaggio terziario. Funzioni primarie dell imballaggio ALTO BELICE AMBIENTE S.p.A. Cos'è l'imballaggio L uomo ha sempre fatto uso di contenitori e già 3500 anni fa le popolazioni egizie immagazzinavano e trasportavano unguenti, oli e vino in contenitori di

Dettagli

NOTIFICA ATTIVITA' CON METODO BIOLOGICO ( * )

NOTIFICA ATTIVITA' CON METODO BIOLOGICO ( * ) REGIONE: Ministero per le Politiche Agricole e Forestali ( MiPAF) A cura dell'ufficio ricevente Prot. del NOTIFICA ATTIVITA' CON METODO BIOLOGICO ( * ) INFORMAZIONI RELATIVE ALLA POSIZIONE NEL SISTEMA

Dettagli

CARNE BOVINA Analisi della filiera

CARNE BOVINA Analisi della filiera CARNE BOVINA Analisi della filiera Gennaio 2006 STRUTTURA DELLA FILIERA CARNE Flussi, attività e nodi critici La zootecnia è un settore chiave per l agricoltura italiana VALORE DELLA PRODUZIONE AGRICOLA

Dettagli

UNIVERSITÀ DI BOLOGNA

UNIVERSITÀ DI BOLOGNA ALMA MATER STUDIORUM UNIVERSITÀ DI BOLOGNA LA VALUTAZIONE DELLA SICUREZZA DEL PRODOTTO COSMETICO FINITO Andrea Tarozzi Dipartimento di Farmacologia - Facoltà di Farmacia Seminario PER FARE DELLA BELLEZZA

Dettagli