SANCO/10098/2006 Rev. 1

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SANCO/10098/2006 Rev. 1"

Transcript

1 IT SANCO/10098/2006 Rev. 1 IT IT

2 COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE GUIDA ALL INTERPRETAZIONE DEL REGOLAMENTO 1774/2002/CE DOMANDE INERENTI ALLE ISPEZIONI DELL UFFICIO ALIMENTARE E VETERINARIO NEGLI STATI MEMBRI ( ) IT IT

3 INDICE 1. Campo d applicazione del regolamento SOA (D1-2) Categorizzazione dei materiali (D3-14) Pollame (D3-4) Pesci (D5) Rifiuti di ristorazione (D6-8) Latte (D9) Prodotti alimentari non più destinati al consumo umano (D 10-11) Pelli (D12) Riconoscimento degli stabilimenti (D13-19) Contrassegni e identificazione (D20) Trasformazione di materiali (D21-28) Rifiuti di ristorazione (D21-22) Prodotti alimentari non più destinati al consumo umano (D23-24) Latte (D25-26) Pelli (D27) Sego (D28) Domande generali (D29-32) Deroga per i materiali di categoria 2 (D29) Uso di farine di carne e di ossa come fertilizzanti (D30) Pulizia e disinfezione (D31) Importazioni, esportazioni o scambi di materiali a fini di ricerca(d32)...23 IT 2 IT

4 1. CAMPO D APPLICAZIONE DEL REGOLAMENTO SOA (D1-2) D1. In che fase i SOA (sottoprodotti di origine animale) trasformati non sono più soggetti al regolamento 1774/2002/CE ( il regolamento SOA )? In alcuni Stati membri i materiali trasformati, se sono soggetti ad un altra legislazione (concernente l ambiente, le sostanze chimiche, i dispositivi medici, i medicinali), non rientrano nel campo d applicazione del regolamento SOA. R1. Di norma i prodotti già soggetti ad un altra legislazione sono esclusi dal campo d applicazione del regolamento SOA, a meno che possano ancora comportare rischi per la salute pubblica o degli animali. Ad esempio cosmetici, medicinali o dispositivi medici finiti non rientrano nel campo d applicazione del regolamento perché sono soggetti ad altre specifiche legislazioni di settore, mentre vi rientrano espressamente le materie prime di origine animale utilizzate per la produzione di cosmetici o di dispositivi medici. Tutte le materie prime SOA utilizzate nella fabbricazione di medicinali vengono sottoposte ad un adeguata valutazione del rapporto rischi/benefici, in conformità della nota esplicativa relativa alla riduzione del rischio di trasmissione degli agenti delle encefalopatie spongiformi animali attraverso medicinali ad uso umano o veterinario (GU C 24 del , pag. 6). Il regolamento SOA ha lo scopo di garantire che la trasformazione o il trattamento dei SOA sia di un livello che minimizzi i rischi per la salute pubblica o degli animali. Dopo tale trattamento ulteriori controlli diventano superflui o meno essenziali. Si ritiene pertanto che il regolamento non sia più applicabile quando i SOA sono stati trasformati o trattati in un impianto riconosciuto. Sono comunque previste eccezioni per prodotti quali le proteine animali trasformate e i grassi fusi, per i quali non sono richiesti ulteriori trattamenti, ma occorre mantenere la rintracciabilità per garantire che se ne faccia solo un uso legittimo. Possono altresì esservi situazioni in cui, oltre al regolamento SOA, si applica anche la legislazione comunitaria in materia ambientale (ad esempio le operazioni di gestione dei rifiuti di cui alla direttiva 75/442/CEE relativa ai rifiuti (modificata), alla direttiva 1999/31/CEE relativa alle discariche o alla direttiva 2000/76/CEE sull incenerimento dei rifiuti). Anche se un altra legislazione non ha la capacità generale di escludere SOA o prodotti trasformati dal campo d applicazione del regolamento, se il trattamento dei SOA prescritto da tale legislazione è tale da conseguire lo scopo del regolamento SOA, è nello spirito di tale regolamento prevedere in alternativa un trattamento conforme all altra legislazione. IT 3 IT

5 D2. I sottoprodotti di origine animale che rientrano nel campo d applicazione del regolamento SOA possono essere usati a fini alimentari? Quali sono i modi consentiti di manipolare e produrre materiali che, in quanto prodotti alimentari, rientrano nella definizione di altri prodotti di origine animale? R2. Gli SOA non possono essere usati a fini alimentari. I criteri per decidere se applicare le norme del regolamento SOA o del regolamento n. 853/2004 sono la prevista destinazione del prodotto e la sua designazione da parte del gestore a fini alimentari o non alimentari. All articolo 2, paragrafo 1, lettera a) del regolamento SOA i sottoprodotti di origine animale vengono così definiti: corpi interi o parti di animali o prodotti di origine animale di cui agli articoli 4, 5, e 6, non destinati al consumo umano, ivi compresi gli ovuli, gli embrioni e lo sperma. Viceversa l allegato III, sezione VI del regolamento (CE) n. 853/2004 (fino al 31 dicembre 2005: direttiva 77/99/CEE del Consiglio, del 21 dicembre 1976, relativa a problemi sanitari in materia di scambi intracomunitari di prodotti a base di carne) fissa le condizioni sanitarie per la produzione e l immissione in commercio di prodotti a base di carne di origine animale destinati dopo essere stati trattati al consumo umano o alla preparazione di altri prodotti alimentari. Le disposizioni di cui al regolamento SOA si applicano ai prodotti costituiti da materiali di origine animale o che ne contengono, quando il gestore non intende più destinarli al consumo umano. Si tratta di una scelta irreversibile. Gli usi dei SOA consentiti a norma del pertinente regolamento sono elencati agli articoli 4, paragrafo 2, 5 paragrafo 2 e 6 paragrafo 2. L uso a fini alimentari non rientra tra quelli consentiti. I prodotti costituiti da materiali di origine animale o che ne contengono, che sono stati designati come non destinati al consumo umano, rientrano nel campo d applicazione del regolamento SOA, non possono ridiventare prodotti alimentari e devono essere inviati a stabilimenti SOA riconosciuti. È viceversa possibile retrocedere i prodotti alimentari a sottoprodotti di origine animale. Se un prodotto costituito da materiali di origine animale o che ne contiene è destinato al consumo umano, deve essere consegnato ad uno stabilimento di produzione alimentare o ad una struttura di magazzinaggio intermedio, che devono essere riconosciuti ed ottemperare alle pertinenti prescrizioni di igiene alimentare. IT 4 IT

6 Il diagramma che segue indica come i due flussi di materiali devono essere mantenuti separati: ALIMENTI SOA STABILIMENTI ALIMENTARI STABILIMENTI SOA Etichettatura I prodotti a base di carne e gli altri prodotti di origine animale destinati ad entrare nella catena alimentare non devono essere etichettati come SOA. I prodotti di origine animale costituiti da materiali di origine animale o che ne contengono diventano SOA quando non sono più destinati al consumo umano. L etichettatura SOA è una chiara conferma di questa intenzione. I SOA devono essere etichettati per indicarne la destinazione e se l etichettatura è conforme al regolamento SOA, si applicano tutte le norme relative alla destinazione dei sottoprodotti in questione. Compresenza di stabilimenti SOA e alimentari È possibile inviare materie prime di origine animale destinate al consumo umano ad un impianto alimentare che coesiste con un impianto SOA (ad esempio un impianto di transito o di magazzinaggio) al fine di fabbricare altri prodotti di origine animale, a condizione che vengano rispettate le seguenti rigorose prescrizioni di separazione tra i due flussi: (a) (b) (c) (d) l impianto SOA e l impianto alimentare compresenti devono essere chiaramente separati per prevenire contaminazioni incrociate; non si possono in nessun caso introdurre alimenti in un impianto di transito SOA e riportare SOA in un impianto alimentare; l impianto SOA deve essere riconosciuto a norma del regolamento 1774/2002 ed ottemperare alle altre prescrizioni del regolamento; l impianto alimentare deve essere riconosciuto a norma dei regolamenti sull igiene alimentare ed ottemperare alle prescrizioni di igiene alimentare. IT 5 IT

7 Il diagramma che segue indica la separazione prescritta: IMPIANTO SOA RICONOSCIUTO IMPIANTO ALIMENTARE RICONOSCIUTO A norma delle pertinenti prescrizioni di igiene, la produzione di sottoprodotti non destinati al consumo umano in stabilimenti alimentari è consentita solo alle seguente condizioni: (a) le materie prime inidonee al consumo umano devono essere immagazzinate in un locale separato o in uno spazio separato; (b) esse devono essere trasformate in locali separati usando installazioni e attrezzature separate, salvo nel caso in cui la trasformazione abbia luogo in installazioni completamente chiuse o con attrezzature esclusivamente adibite a trasformare sottoprodotti; (c) i sottoprodotti finali devono essere immagazzinati in un locale separato o in una struttura separata con etichettatura adeguata e non devono essere destinati al consumo umano. Magazzinaggio e trasporto Di norma non è vietato immagazzinare o trasportare SOA e materiali alimentari nelle stesse strutture di magazzinaggio o negli stessi veicoli. I SOA tuttavia devono restare separati e identificabili per tutta la durata del magazzinaggio o del trasporto. Devono essere immagazzinati o trasportati in imballaggi nuovi chiusi o in contenitori stagni coperti. I materiali alimentari devono essere immagazzinati o trasportati in condizioni igieniche soddisfacenti a norma della legislazione in materia di igiene alimentare. Grassi animali fusi, ciccioli e altri sottoprodotti (stomachi, vesciche e budella salati o essiccati e/o riscaldati) devono ottemperare a specifiche condizioni igieniche. IT 6 IT

8 Nuovi regolamenti sull igiene Dal 1 gennaio 2006 le precedenti norme sanitarie comunitarie sui prodotti a base di carne e "altri prodotti di origine animale (cfr. sopra) sono state sostituite dalle norme dettagliate di cui al regolamento 853/2004/CE. Molte norme nuove sono simili alle precedenti (sezioni XII XV dell allegato III al regolamento CE). Due sono i cambiamenti significativi: gli stabilimenti che trattano tali prodotti devono essere ufficialmente riconosciuti (articolo 4, paragrafo2) e i prodotti devono essere contrassegnati da un marchio di identificazione (articolo 5, paragrafo 1, lettera b) e allegato II, sezione I). Il regolamento 853/2004 prevede anche obblighi per i centri di raccolta di materie prime utilizzate per produrre grassi animali fusi e ciccioli. 2. CATEGORIZZAZIONE DEI MATERIALI (D3-14) 2.1. Pollame (D3-4) D3. A quale categoria appartengono i pulcini di un giorno? Devono essere considerati sottoprodotti dei centri d incubazione (categoria 3) o animali morti (categoria 2)? Necessitano dell autorizzazione / del controllo delle autorità competenti per essere utilizzati per pratiche locali di alimentazione animale in conformità dell articolo 23? R3. I pulcini di un giorno sono considerati materiali di categoria 2 (articolo 5, paragrafo 1, lettera e)). In considerazione dei rischi sanitari che comportano, anche i pulcini morti nel guscio devono essere considerati materiali di categoria2. Tuttavia, in assenza di rischi sanitari, i pulcini di un giorno abbattuti per motivi commerciali (ad esempio nella riproduzione selettiva con abbattimento di pulcini di un giorno maschi o femmine) possono essere considerati materiali di categoria 3 (articolo 6, paragrafo 1, lettera j)), e usati nei mangimi. Inoltre i pulcini di un giorno morti possono essere utilizzati per pratiche locali di alimentazione animale (ad esempio come un mangime per rettili, uccelli da preda, etc.) conformemente alle prescrizioni di cui all articolo 23. D4. A quale categoria appartiene il pollame sottoposto ad ispezioni ante mortem e post mortem, ma scartato per motivi non riguardanti la salute (ad esempio qualitativi e/o commerciali)? IT 7 IT

9 R4. Il pollame che dopo aver superato un ispezione post mortem viene scartato per motivi qualitativi e/o commerciali è considerato materiale di categoria 3 (articolo 6, paragrafo 1, lettera b)) purché sia stato adeguatamente macellato, conformemente alle prescrizioni igieniche in materia di macellazione Pesci (D5) D5. I pesci uccisi a fini di controllo di malattie (ad esempio IHN (necrosi ematopoietica infettiva), VHS (setticemia emorragica virale) o ISA (anemia infettiva del salmone)) devono essere considerati materiali di categoria 2? R5. Innanzitutto i pesci morti nell allevamento (spesso denominati mortalità ) sono considerati materiali di categoria 2. Di norma i pesci uccisi a fini di controllo di malattie (conformemente alla legislazione comunitaria in materia di acquicoltura) sono considerati materiali di categoria 2, ai sensi dell articolo 5, paragrafo 1, lettera e). La deroga di cui all articolo 23, paragrafo 2, lettera b), punto (i) per l alimentazione di alcuni animali con materiali di categoria 2 non è applicabile agli animali uccisi a fini di controllo di malattie. In pratica, conformemente alla legislazione comunitaria, nel corso di operazioni di controllo di malattie tali pesci possono essere catturati per il consumo umano, poiché gli IHN, VHS e ISA sono malattie inoffensive per l uomo. I sottoprodotti freschi provenienti da impianti che fabbricano prodotti a base di pesce destinati al consumo umano sono considerati materiali di categoria 3 conformemente all articolo 6, paragrafo 1, lettera i). Tuttavia, anche se per finalità igieniche i sottoprodotti di pesci catturati per il consumo umano affetti da IHN, VHS o ISA devono essere considerati materiale di categoria 3, tali pesci e i loro sottoprodotti possono comportare rischi per la salute di altre specie ittiche e non devono essere usati nei mangimi per pesci Rifiuti di ristorazione (D6-8) D6. I rifiuti di ristorazione provenienti da mezzi di trasporto che effettuano tragitti internazionali comprendono anche quelli di aerei provenienti da paesi terzi, inclusi quelli che rientrano nell UE e quelli che fanno un primo scalo nell UE prima di giungere alla destinazione finale? IT 8 IT

10 R6. Questo è chiaramente lo scopo e l effetto della legislazione, alla luce dei suoi obiettivi. I rifiuti alimentari provenienti da mezzi di trasporto partiti da un paese terzo per uno Stato membro sono considerati rifiuti di ristorazione della categoria 1. Analogamente i rifiuti alimentari provenienti da mezzi di trasporto partiti da uno Stato membro per un paese terzo, che rientrano in uno Stato membro sia direttamente che attraverso un altro Stato membro dopo aver scaricato e caricato merci in un paese terzo, devono essere considerati rifiuti di ristorazione della categoria 1. L impresa di ristorazione responsabile dello smaltimento dei rifiuti deve sapere da dove è partito l aereo e se sono coinvolti paesi terzi. Solo i rifiuti alimentari provenienti da mezzi di trasporto che operano esclusivamente nell ambito degli Stati membri dell Unione europea (in ambito nazionale o tra Stati membri) possono essere considerati di categoria 3. D7. Al di fuori delle zone costiere i fornitori di navi possono rifornire l equipaggio e i passeggeri di prodotti non conformi alle prescrizioni dell UE (articolo 13, paragrafo 3 della direttiva 97/78/CE). Se la nave effettua tragitti tra Stati membri o in ambito nazionale attraversando acque internazionali, quelli di sua provenienza devono essere considerati rifiuti di ristorazione internazionali? R7. Soprattutto per motivi di salute degli animali, i rifiuti di ristorazione provenienti da tale nave devono essere considerati rifiuti di ristorazione internazionali della categoria 1. Sotto l aspetto dei rischi sanitari tali rifiuti provenienti da alimenti non conformi non possono essere considerati equivalenti ai rifiuti di ristorazione provenienti da alimenti conformi alle prescrizioni dell UE. Nel caso di regime di transito, gli operatori devono effettuare le consegne direttamente a bordo dei mezzi di trasporto marittimo o in un deposito appositamente riconosciuto situato nel porto di destinazione, restando inteso che occorre prendere misure affinché i prodotti di cui trattasi non possano in alcun caso lasciare la zona portuale per un altra destinazione. Il trasporto dal deposito d origine fino al porto di destinazione deve essere effettuato sotto la sorveglianza doganale secondo la procedura T1 di cui al regolamento (CEE) n. 2913/92 ed essere accompagnato da un certificato veterinario conforme alla procedura stabilita (si veda anche la Guida all applicazione del nuovo regolamento relativo ai sottoprodotti di origine animale, paragrafo 35). IT 9 IT

11 D8. Quanto ai rifiuti di ristorazione provenienti da mezzi di trasporto internazionale, è consentita una selezione tra prodotti di origine animale e di origine vegetale? Tra i prodotti provenienti da tali mezzi si possono ad esempio selezionare marmellate e biscotti per destinarli a fini assistenziali? R8. Evidentemente un prodotto che resta destinato al consumo umano conformemente alla pertinente legislazione dell UE non è ancora un sottoprodotto ai sensi del regolamento SOA, almeno fino al momento in cui non si decide che non è più destinato al consumo umano. In teoria i rifiuti alimentari non animali, che non sono venuti a contatto con prodotti animali, dovrebbero essere esclusi dal campo d'applicazione del regolamento SOA. In pratica tuttavia occorrerebbero sistemi di separazione affidabili, che si sono dimostrato difficili da realizzare Latte (D9) D9. Il latte contenente antibiotici in misura superiore agli LMR (livelli massimi di residui) autorizzati deve essere considerato materiale di categoria 2? In alcuni Stati membri questo latte crudo viene abitualmente diluito con siero al fine di ridurne i livelli di residui al di sotto del limite di rilevazione prima dell invio per somministrazione agli animali d allevamento. Si tratta di una pratica consentita? R9. Il latte contenente residui di antibiotici in misura superiore agli LMR autorizzati a norma della legislazione comunitaria è classificato come materiale di categoria 2 (cfr. articolo 5, paragrafo 1, lettera c). Diluire un prodotto destinato all alimentazione umana o animale per ridurne il livello di residui o di contaminazione al di sotto degli LMR autorizzati è contrario alle finalità del regolamento Prodotti alimentari non più destinati al consumo umano (D 10-11) D10. A livello di commercio al dettaglio i prodotti alimentari non più destinati al consumo umano contengono talvolta materie prime (soprattutto ossa e ritagli). A meno che le materie prime vengano raccolte separatamente, per lo smaltimento non si possono utilizzare le discariche. I ritagli di carne e le ossa di dettaglianti come i supermercati o i macellai devono essere considerati prodotti alimentari non più destinati al consumo oppure parti di animali macellati idonee al consumo umano? IT 10 IT

12 R10. Il regolamento vieta lo smaltimento diretto in discarica di materiali non trasformati. La carne/i ritagli crudi, il pesce crudo, etc. non possono essere considerati prodotti alimentari non più destinati al consumo ai fini della deroga. Occorre pertanto impegnarsi affinché i prodotti alimentari non più destinati al consumo umano non si confondano con carne e pesce crudi, etc., e i ritagli di carne e le ossa vengano separati dai prodotti alimentari non più destinati al consumo umano che devono essere inviati alla discarica. D11. A quale categoria appartengono i campioni di alimenti di origine animale prelevati per controlli materiali ai posti d ispezione frontalieri? Possono essere considerati prodotti alimentari non più destinati al consumo umano? R11. Di norma i campioni di alimenti non sono destinati al consumo umano e rientrano quindi nel campo d applicazione del regolamento SOA Pelli (D12) La loro situazione dipende dalle circostanze specifiche. Se sono stati prelevati da alimenti idonei al consumo umano a norma della legislazione dell UE, possono essere considerati di categoria 3 e rientrare nelle sottocategorie di cui all articolo 6 del regolamento SOA. Se sono stati prelevati da carne cruda, dovrebbero essere considerati analogamente ai sottoprodotti di origine animale, fatta salva la deroga di cui all articolo 23. Ma se non ottemperano alle prescrizioni veterinarie in materia di importazioni dell UE, possono essere considerati di categoria 2 (articolo 5, paragrafo 1, lettera d) o g)) o di categoria 1, a seconda dei risultati del campionamento e della natura del rischio che comportano. I laboratori e i posti d ispezione frontalieri che eseguono i test devono disporre di protocolli per lo smaltimento di tutti i materiali che manipolano. D12. Le pelli asportate dagli animali morti, diverse dalle pelli di animali sospettati di essere affetti da una EST (encefalopatia spongiforme trasmissibile) o in cui la presenza di una EST è stata confermata (nonché diverse dalle pelli di altri animali abbattuti nel quadro di misure di eradicazione delle EST), sono considerate di categoria 3 (articolo 6, paragrafo 1, lettera k)), ma non possono essere usate nei mangimi. Tuttavia, dopo il trattamento con sale, è difficile distinguerle dalle pelli idonee al consumo umano o dalle pelli destinate ai mangimi. L allegato II del regolamento SOA non richiede ulteriori informazioni sull origine di tali pelli e spesso la persona responsabile dell invio non è al corrente dell uso previsto nel luogo di destinazione. Tali circostanze comportano rischi? IT 11 IT

13 R12. Le pelli destinate alla produzione di gelatina o collagene per consumo umano non sono SOA a norma del regolamento e devono essere trattate conformemente alla pertinente legislazione in materia di alimenti. Le decisioni 1999/724/CE e 2003/721/CE della Commissione [(a decorrere dal 1 gennaio 2006: allegato III sezioni XIV e XV del regolamento (CE) n. 853/2004)] prescrivono che i materiali destinati alla produzione di gelatina e collagene per consumo umano vengano manipolati, immagazzinati e trasformati in modo da garantirne la separazione dai materiali non destinati al consumo umano. Inoltre, per accompagnare le materie prime dalla fonte all impianto di produzione della gelatina o del collagene è previsto un documento commerciale, che deve dichiarare che i materiali sono destinati alla produzione di gelatina o collagene per consumo umano (cfr. D 2 in riferimento a altri prodotti di origine animale ). La legislazione comunitaria in materia di igiene alimentare recentemente adottata fornisce ulteriori chiarimenti. Inoltre il documento commerciale recentemente adottato a norma del regolamento SOA ha contribuito a risolvere il problema (cfr. paragrafo 5, allegato II, capitolo X del regolamento SOA). Si ritiene che se le pelli sono destinate all'uso in mangimi o alimenti per animali da compagnia, spetti al fabbricante di mangimi o alimenti per animali da compagnia garantire sia che esse provengano solo da fonti autorizzate, sia che il macello e il trasportatore identifichino adeguatamente le pelli. 3. RICONOSCIMENTO DEGLI STABILIMENTI (D13-19) D13. Ogni stabilimento che genera SOA non trasformati, quando separa e immagazzina i SOA fino alla spedizione (ad esempio macello, impianto di trasformazione del latte, impianto di ristorazione in un aeroporto che raccoglie rifiuti di ristorazione internazionali) deve essere riconosciuto come impianto di transito? IT 12 IT

14 R13. No, uno stabilimento alimentare riconosciuto (ad esempio macello, laboratorio di sezionamento, deposito frigorifero, impianto di trasformazione del latte o struttura di ristorazione) non deve essere riconosciuto a norma del regolamento SOA perché genera, separa e immagazzina temporaneamente SOA, perché si tratta del risultato inevitabile delle sue attività alimentari. Ma se lo stabilimento si impegna in una serie di attività comprendenti l importazione, la raccolta, la cernita, il sezionamento, la refrigerazione, il congelamento sotto forma di blocchi, il magazzinaggio intermedio e la spedizione di SOA, allora deve essere riconosciuto come impianto di transito ai sensi dell articolo 10 del regolamento SOA. Un riconoscimento SOA ha lo scopo di attestare che l impianto è autorizzato a ricevere SOA della categoria interessata e che li immagazzinerà, manipolerà o tratterà secondo gli standard prescritti. Richiedere il riconoscimento per tutti gli stabilimenti di origine vorrebbe dire ad esempio che avrebbero bisogno del riconoscimento tutte le aziende in cui è morto un animale, nonché tutti i fabbricanti e i dettaglianti di prodotti alimentari. Sarebbe una soluzione estremamente costosa, che non comporterebbe necessariamente ulteriori vantaggi per la salute pubblica o degli animali. Le compagnie aeree che recuperano a bordo i rifiuti di ristorazione e li consegnano per il trattamento come materiali di categoria 1 (se provenienti da mezzi di trasporto che effettuano tragitti internazionali) non hanno bisogno di riconoscimento a norma del regolamento se non eseguono esse stesse il trattamento. Ai sensi dell articolo 4, paragrafo 1, lettera e), solo i rifiuti di ristorazione provenienti da tali mezzi di trasporto sono considerati materiali di categoria 1; pertanto secondo le finalità della disposizione, per la semplice raccolta a bordo non è richiesto il riconoscimento. D14. In alcuni Stati membri viene utilizzato lo stesso numero di riconoscimento sia a titolo della legislazione in materia di alimenti dell UE, sia a titolo del regolamento SOA. Un laboratorio di sezionamento ad esempio, che in un locale manipola anche materiali di categoria 3, o un impianto di trasformazione dei grassi, con linee separate per i grassi idonei al consumo umano e per i mangimi. Si tratta di situazioni conformi all articolo 26, paragrafo 4 del regolamento SOA? IT 13 IT

15 R14. L articolo 26, paragrafo 4 del regolamento SOA prevede che a ciascun impianto venga assegnato un numero ufficiale di identificazione connesso alla natura delle sue attività. Di norma agli impianti alimentari che fabbricano prodotti quali grassi fusi, ovoprodotti, etc. che sono già conformi agli standard operativi, igienici e della trasformazione alimentare non dovrebbe essere richiesto un nuovo riconoscimento a norma del regolamento SOA. Recenti modifiche hanno chiarito i problemi relativi agli impianti per i grassi fusi e gli ovoprodotti. I problemi relativi ad altri prodotti (gelatina, etc) verranno chiariti. L impostazione generale prevede che alle prescrizioni ai fini del riconoscimento a norma del regolamento SOA si possa anche ottemperare attenendosi agli standard fissati dalla legislazione in materia di igiene. Un riconoscimento a norma della legislazione SOA può ancora essere necessario per motivi di rintracciabilità, senza che vengano imposti oneri aggiuntivi agli operatori, perché si tratta in sostanza di qualcosa di simile ad una registrazione. Non è comunque necessario un numero di riconoscimento separato, in quanto l attribuzione dello stesso numero per attività sia alimentari che SOA non ostacola la rintracciabilità. D15. I documenti che accompagnano i SOA devono specificare i numeri di riconoscimento del destinatario e ove del caso dell impianto di origine. Che cosa comporta l espressione ove del caso? R15. Ove del caso" significa che se all impianto d origine è stato assegnato un numero di riconoscimento a norma delle disposizioni della legislazione comunitaria, tale numero deve essere indicato per rafforzare la rintracciabilità degli SOA. Tale numero di riconoscimento può essere rilasciato a norma del regolamento SOA, se l impianto di origine è soggetto al regolamento SOA, a norma del regolamento 853/2004, se manipola prodotti alimentari di origine animale, o a norma del regolamento 183/2005, se manipola mangimi (in questo caso può anche essere un numero di registrazione). Se il riconoscimento di un impianto di produzione alimentare non è richiesto e l impianto non dispone di numero, può inviare i suoi SOA senza indicare tale numero sui documenti di accompagnamento. Quindi ove del caso va interpretato come se pertinente D16. Un impianto di trattamento delle carcasse riconosciuto come impianto di trasformazione di categoria 1 o 2 deve anche essere riconosciuto come impianto di transito per poter asportare le pelli dagli animali morti e immagazzinarle/inviarle ad un altro impianto? Pare sia un attività abituale negli impianti di trattamento delle carcasse. IT 14 IT

16 R16. Sì, un impianto di trattamento delle carcasse che svolge anche le attività di cui al capitolo II, lettera B dell allegato III deve anche essere riconosciuto come impianto di transito. Trasformazione e attività intermedie sono due operazioni distinte ed anche se si svolgono sullo stesso sito necessitano di due riconoscimenti. Tali attività tuttavia (di asportazione, etc. delle pelli da animali morti) possono essere effettuate solo in un impianto di transito di categoria 2 (cfr. Guida all applicazione del nuovo regolamento relativo ai sottoprodotti di origine animale, paragrafo 20). D17. Uno stabilimento di trasformazione del latte (prodotto alimentare) può anche essere riconosciuto come stabilimento di trasformazione di SOA? In tal caso le linee di trasformazione del latte in polvere per consumo umano non dovrebbero quanto meno essere separate dalla trasformazione di mangimi da allattamento per animali di allevamento (contenenti latte in polvere e premiscele)? R17. Se uno stabilimento trasforma latte in conformità degli standard alimentari (a norma della direttiva 92/46/CE [a decorrere dal 1 gennaio 2006 del regolamento (CE) n. 852/2004 in combinato disposto con l allegato III, sezione IX del regolamento (CE) n. 853/2004]), ha già ottemperato agli standard operativi di cui al capitolo V, paragrafo 2 dell allegato VII del regolamento SOA e può ottenere il corrispondente riconoscimento (se non è riconosciuto a norma del regolamento (CE) n. 183/2005 sull igiene dei mangimi) senza che occorra un numero di riconoscimento SOA separato. In tal caso non è necessario separare le linee di trasformazione. Disposizioni analoghe sono già in vigore per gli ovoprodotti (cfr. allegato VII, capitolo 10) e per i grassi fusi (cfr. allegato VII, capitolo IV, paragrafo 1). Tuttavia se uno stabilimento trasforma sia latte conformemente a standard alimentari, sia ingredienti inidonei al consumo umano, necessita di riconoscimenti separati e di linee di trasformazione separate. D18. Dall articolo 23, paragrafo 4 del regolamento SOA non si evince chiaramente se ad un centro di raccolta o ad un utente occorrano sia un autorizzazione che una registrazione. R18. La lettera della disposizione sta ad indicare che occorrono sia un autorizzazione che una registrazione. D19. Gli stabilimenti autorizzati a norma del regolamento (CE) n. 999/2001 (regolamento EST) ad utilizzare in deroga prodotti di origine animale per la produzione di mangimi (ad esempio farina di pesce, fosfato bicalcico e tricalcico, proteine idrolizzate) devono essere autorizzati a norma del regolamento SOA? IT 15 IT

17 R19. Solo gli stabilimenti che trasformano SOA per fabbricare in deroga tali prodotti devono essere riconosciuti ai sensi dell articolo 17 del regolamento SOA. Agli stabilimenti a valle diversi dagli impianti d immagazzinaggio, come le fabbriche di mangimi o i preparatori a domicilio che usano tali prodotti per produrre mangimi, occorre solo l autorizzazione o la registrazione, rispettivamente a norma dell allegato IV del regolamento EST. 4. CONTRASSEGNI E IDENTIFICAZIONE (D20) D20. Gli articoli 4 e 5 del regolamento SOA prescrivono che dopo la trasformazione di materiali di categoria 1 e 2 i materiali risultanti siano contrassegnati in modo permanente con tintura, ove tecnicamente possibile con una sostanza odorante. Poiché la convalida dei contrassegni è in corso, occorre ritenere che nell intervallo siano prescritti solo i contrassegni di MSR (materiale specificamente a rischio) a norma del regolamento EST? R20. L allegato XI, lettera A, paragrafo 11 del regolamento EST prescrive che agli MSR sia applicata una tintura o se del caso un contrassegno. Il regolamento SOA stabilisce disposizioni generali per contrassegnare i SOA (materiali di categoria 1 inclusi gli MSR, di categoria 2 e di categoria 3) che sono destinati allo smaltimento (incenerimento, discarica, etc). In tutti questi casi pertanto il contrassegno è obbligatorio. Tuttavia attualmente il regolamento SOA non specifica ancora che tipo di tintura o di contrassegno usare. [Sono tuttora in corso indagini che nel prossimo futuro saranno oggetto di convalida del Centro comune di ricerca (CCR). In attesa dei risultati della convalida del CCR, spetta agli Stati membri decidere quali siano la tintura o il contrassegno adeguati (la decisione riguarda le modalità, non l obbligo).] 5. TRASFORMAZIONE DI MATERIALI (D21-28) 5.1. Rifiuti di ristorazione (D21-22) D21. In alcuni Stati membri i rifiuti di ristorazione e i SOA provenienti da piccole macellerie ed altri piccoli stabilimenti alimentari vengono raccolti insieme ai rifiuti domestici ed inviati alle discariche e agli impianti di biogas o di compostaggio. Per i materiali di categoria 3 lo smaltimento diretto in discarica non è consentito. Quanto al trattamento in impianti di biogas e di compostaggio, la temperatura può abbassarsi fino a 40 gradi e le particelle possono avere dimensioni 10 volte maggiori di quanto specificato nel regolamento? È ammissibile a norma delle disposizioni dell allegato VI, capitolo II, lettera D del regolamento SOA? IT 16 IT

18 R21. Quanto ai SOA provenienti da macellerie ed altri piccoli stabilimenti alimentari, i regolamenti (CE) n. 809/2003 e 810/2003, modificati dal regolamento (CE) n. 12/2005, dispongono che alle vecchie installazioni e strutture già operative il 1 novembre 2002 si possono applicare fino al 31 dicembre 2005 le disposizioni nazionali per le attività di compostaggio e di biogas, a condizione che tra l altro tali norme nazionali garantiscano una riduzione globale degli agenti patogeni e siano conformi alle prescrizioni in materia di igiene di cui all allegato VI, capitolo II, lettera B del regolamento SOA. Se le norme nazionali garantiscono il conseguimento di tale riduzione globale degli agenti patogeni con una temperatura di 40 gradi ed una dimensione delle particelle di 120 mm, a norma del suddetto regolamento ciò è ammissibile. L articolo 6, paragrafo 2, lettera g) del regolamento SOA consente l applicazione delle norme nazionali per la trasformazione dei rifiuti di ristorazione in un impianto di biogas o di compostaggio finché non siano state adottate norme armonizzate. Poiché queste ultime non sono ancora state definite, sotto la propria responsabilità gli Stati membri possono consentire parametri di trattamento quali temperature di 40 gradi e dimensione delle particelle di 120 mm. Sulla base di un parere adottato dall Autorità europea per la sicurezza alimentare nel settembre 2005, il allegato VI, capitolo II è stato modificato (regolamento (CE) no 208/2006, GU L 36, , p. 25). Essa prevede l autorizzazione di altri parametri di trasformazione a seguito di un procedimento di convalida per il trattamento di SOA in impianti di biogas o di compostaggio. Quando il testo si applica, gli Stati membri potranno autorizzare parametri di trattamento quali 40 gradi/ 120 mm, se saranno stati convalidati. D22. È consentito utilizzare rifiuti di ristorazione non provenienti da mezzi di trasporto che effettuano tragitti internazionali come materie prime per la produzione di proteine animali trasformate o di grassi fusi da utilizzare per l alimentazione degli animali? R22. No, a norma dell allegato VII, capitolo I, lettera B, paragrafo 4 solo i materiali di categoria 3 di cui all articolo 6, paragrafo 1, lettere da a) a j) possono essere utilizzati come materie prime. Pertanto i rifiuti di ristorazione non provenienti da mezzi di trasporto internazionali, di cui all articolo 6, paragrafo 1, lettera l),non possono essere utilizzati. (NB: In Germania e Austria misure transitorie che verranno a scadenza il 31 ottobre 2006 consentono ancora l uso di rifiuti di ristorazione per la produzione di mangimi per maiali in condizioni controllate). IT 17 IT

19 5.2. Prodotti alimentari non più destinati al consumo umano (D23-24) D23. Pare che di solito alcuni prodotti alimentari non più destinati al consumo umano (yogurt, latte UHT, etc.) vengano direttamente inviati alla discarica nella loro confezione di origine. Si possono considerare come già trasformati, oppure prima dello smaltimento in discarica devono essere comunque inviati ad un impianto di trasformazione di SOA? R23. Le attuali misure transitorie a norma del regolamento 813/2003 (articolo 1, paragrafo 3) consentono agli Stati membri il ricorso a norme nazionali per la raccolta, il trasporto e lo smaltimento in discarica di questi prodotti alimentari non più destinati al consumo umano, a condizione che essi non vengano miscelati con i materiali non trasformati di origine animale di cui agli articoli 4 e 5 e all articolo 6, paragrafo 1, lettera da a) a e) e da g) a k) (carne cruda, pesci, etc.), che prima dello smaltimento in discarica devono essere trasformati (cfr. Guida all applicazione del nuovo regolamento relativo ai sottoprodotti di origine animale dell aprile 2004, paragrafo 37 e anche il regolamento (CE) no 197/2006, GU L 32, , p. 13). Il problema della possibilità di inviare in discarica materiali di confezionamento di origine non animale insieme ai prodotti alimentari non più destinati al consumo umano non è oggetto del regolamento SOA, bensì della legislazione ambientale. D24. L articolo 23, paragrafo 2, lettera b), punto (ii) consente di usare rifiuti di ristorazione per i mangimi o per la produzione di proteine animali trasformate o di grassi fusi a partire da prodotti alimentari non più destinati al consumo umano se i materiali di confezionamento non sono stati asportati? R24. No, i materiali di confezionamento devono essere asportati (cfr. decisione 2004/217/CE della Commissione del 1 marzo 2004 relativa all adozione di un elenco di materie prime di cui è vietata la circolazione o l impiego nei mangimi) Latte (D25-26) D25. La deroga al principio che le materie prime devono essere trasformate in un impianto riconosciuto di trasformazione di SOA prima di essere usate come mangimi per animali d allevamento adottata a norma del regolamento n. 79/2005 che attua il regolamento SOA si applica anche al latte non trasformato rinviato da un impianto lattiero caseario ad un allevamento? IT 18 IT

20 R25. Sì, la deroga si applica al latte crudo rinviato da un impianto lattierocaseario riconosciuto ai sensi dell articolo 10 della direttiva 92/46 ad un allevamento. Essa tuttavia non si applica al latte ed al colostro in forma liquida smaltiti o utilizzati nell azienda di origine. D26. Quali sono le restrizioni all utilizzazione sui terreni di latte contenente residui di antibiotici in misura superiore agli LMR autorizzati? R26. A norma dell articolo 22, paragrafo 1, lettera c), è vietata l utilizzazione sui pascoli di fertilizzanti organici e ammendanti diversi dallo stallatico. L autorità competente può autorizzare l utilizzazione di stallatico sui terreni e l utilizzazione del contenuto del tubo digerente, di latte e di colostro su terreni diversi dai pascoli, in particolare se ritiene che non presentino rischi di diffusioni di malattie trasmissibili gravi (cfr. articolo 5, paragrafo 2, lettera e)). Le modalità di applicazione del divieto di utilizzare sui terreni fertilizzanti organici e ammendanti verranno definite in conformità dell articolo 22, paragrafo Pelli (D27) D27. Le pelli destinate alla produzione di gelatina per consumo umano, le pelli destinate alla produzione di alimenti per animali da compagnia e le pelli provenienti da animali morti e destinate alla fabbricazione del cuoio possono essere immagazzinate e trasformate negli stessi locali? In tal caso quali sono le prescrizioni in vigore? R27. Se si immagazzinano e/o trasformano negli stessi locali pelli non conformi alla legislazione in materia di alimenti e pelli conformi, i due flussi di materiali devono essere mantenuti isolati durante le fasi di ricevimento, magazzinaggio, trasformazione ed invio. (Per il periodo precedente si veda l allegato II, capitolo 4, parte A II, paragrafo 8, lettera d) della direttiva 92/118/CEE, modificata dalla decisione 1999/724/CE della Commissione per quanto attiene alla gelatina; a decorrere dal 1 gennaio 2006: allegato III, sezione XIV, capitolo I, paragrafo 5, lettera c) del regolamento 853/2004). Disposizioni analoghe valgono per il collagene (per il periodo precedente si veda l allegato II, capitolo 4, parte B III, paragrafo 4, modificato per il collagene dalla decisione 2003/721/CE; a decorrere dal 1 gennaio 2006: allegato III, sezione XV, capitolo I, paragrafo 5, lettera c) del regolamento 853/2004). Lo stesso impianto pertanto deve essere riconosciuto sia a norma della legislazione in materia di alimenti, sia a norma della legislazione SOA; in tal caso è necessario un solo numero di riconoscimento. IT 19 IT

REGOLAMENTO (CE) N. 1774/2002 DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO

REGOLAMENTO (CE) N. 1774/2002 DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO REGOLAMENTO (CE) N. 1774/2002 DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 3 ottobre 2002 recante norme sanitarie relative ai sottoprodotti di origine animale non destinati al consumo umano IL PARLAMENTO

Dettagli

SOTTOPRODOTTI DI ORIGINE ANIMALE

SOTTOPRODOTTI DI ORIGINE ANIMALE DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE S.C. IGIENE DEGLI ALIMENTI DI ORIGINE ANIMALE Direttore Dott. Valter Dini Piazzale Amburgo, 1 17100 SAVONA Tel.: 019/862303 fax: 019/861265 e-mail: veterinaria.sv@asl2.liguria.it

Dettagli

DECISIONI COMMISSIONE

DECISIONI COMMISSIONE L 206/10 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 7.8.2007 II (Atti adottati a norma dei trattati CE/Euratom la cui pubblicazione non è obbligatoria) DECISIONI COMMISSIONE DECISIONE DELLA COMMISSIONE del

Dettagli

La nuova regolamentazione dei SOA e il loro utilizzo come fonte energetica. Laura Gemma Brenzoni

La nuova regolamentazione dei SOA e il loro utilizzo come fonte energetica. Laura Gemma Brenzoni La nuova regolamentazione dei SOA e il loro utilizzo come fonte energetica Laura Gemma Brenzoni La nuova regolamentazione dei SOA Reg. (CE) n.1069/2009 del Parlamento europeo e del Consiglio del 21 ottobre

Dettagli

TRACCIABILITA DEI SOTTOPRODOTTI DI ORIGINE ANIMALE. Rita Marcianò

TRACCIABILITA DEI SOTTOPRODOTTI DI ORIGINE ANIMALE. Rita Marcianò TRACCIABILITA DEI SOTTOPRODOTTI DI ORIGINE ANIMALE Rita Marcianò Introduzione Regolamento CE no.178/2002 definisce la tracciabilità (art.3) ed alcuni suoi requisiti (art.18(1)) La tracciabilità serve a

Dettagli

Liguria e Valle d Aosta

Liguria e Valle d Aosta Liguria e Valle d Aosta Rapporti, confini normativi e competenze Sanità-Ambiente: SOTTOPRODOTTI O RIFIUTI? Castelnuovo Rangone, 22 novembre 2011. Francesco Bonicelli Servizio Veterinario ed Igiene degli

Dettagli

La gestione dei sottoprodotti di origine animale non destinati al consumo umano

La gestione dei sottoprodotti di origine animale non destinati al consumo umano La gestione dei sottoprodotti di origine animale non destinati al consumo umano Gaetano Manzone 1.- Il regolamento 1774/2002/CE sui sottoprodotti di origine animale Il Regolamento 1774/2002/CE (d ora innanzi

Dettagli

(Testo rilevante ai fini del SEE) (2001/190/CE)

(Testo rilevante ai fini del SEE) (2001/190/CE) L 67/88 DECISIONE DELLA COMMISSIONE dell'8 marzo 2001 che modifica la decisione 2001/172/CE recante misure di protezione contro l'afta epizootica nel Regno Unito [notificata con il numero C(2001) 720]

Dettagli

REGOLAMENTO (UE) N. 722/2012 DELLA COMMISSIONE

REGOLAMENTO (UE) N. 722/2012 DELLA COMMISSIONE 9.8.2012 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 212/3 REGOLAMENTO (UE) N. 722/2012 DELLA COMMISSIONE dell 8 agosto 2012 relativo ai requisiti particolari per quanto riguarda i requisiti di cui alle direttive

Dettagli

I sottoprodotti nell allevamento ovi-caprino

I sottoprodotti nell allevamento ovi-caprino Servizio di Igiene degli Allevamenti e delle Produzioni Zootecniche I sottoprodotti nell allevamento ovi-caprino Dott. Agostino Trogu Produzione primaria di prodotti di origine animale 1. Carni Equini

Dettagli

Trattandosi di un semplice strumento di documentazione, esso non impegna la responsabilità delle istituzioni

Trattandosi di un semplice strumento di documentazione, esso non impegna la responsabilità delle istituzioni 2011R0142 IT 14.12.2012 002.001 1 Trattandosi di un semplice strumento di documentazione, esso non impegna la responsabilità delle istituzioni B REGOLAMENTO (UE) N. 142/2011 DELLA COMMISSIONE del 25 febbraio

Dettagli

Obblighi ed Adempimenti dei Produttori Primari. Relatore: Dr. Pierluigi Conte

Obblighi ed Adempimenti dei Produttori Primari. Relatore: Dr. Pierluigi Conte Obblighi ed Adempimenti dei Produttori Primari Relatore: Dr. Pierluigi Conte Concetto di produzione a Tutte le operazioni effettuate sui prodotti a condizione che questi non subiscano alterazioni sostanziali

Dettagli

Gazzetta ufficiale dell'unione europea COMMISSIONE

Gazzetta ufficiale dell'unione europea COMMISSIONE L 52/70 COMMISSIONE RACCOMANDAZIONE DELLA COMMISSIONE del 17 febbraio 2004 sul programma coordinato d'ispezione nel settore dell'alimentazione animale per l'anno 2004, in conformità della direttiva 95/53/CE

Dettagli

Gazzetta ufficiale delle Comunità europee

Gazzetta ufficiale delle Comunità europee L 53/25 DECISIONE DELLA COMMISSIONE del 21 febbraio 2001 recante Unito [notificata con il numero C(2001) 474] (Testo rilevante ai fini del SEE) (2001/145/CE) LA COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE, visto

Dettagli

Farine animali. Comprendono tutti i sottoprodotti derivanti dalla lavorazione di carne, pesce e latte.

Farine animali. Comprendono tutti i sottoprodotti derivanti dalla lavorazione di carne, pesce e latte. Farine animali Comprendono tutti i sottoprodotti derivanti dalla lavorazione di carne, pesce e latte. Vengono impiegate in virtù per il loro elevato livello di aminoacidi e minerali ma sono anche ricche

Dettagli

Modello di domanda di variazione produttiva ( Sezione e/o Attività e/o Prodotto) comportante modifica dell'atto di Riconoscimento dello stabilimento

Modello di domanda di variazione produttiva ( Sezione e/o Attività e/o Prodotto) comportante modifica dell'atto di Riconoscimento dello stabilimento La presente istanza, comprensiva degli allegati, è presentata in tre copie. (1 copia per Suap, 1 copia per AUSL e 1 copia viene restituita per ricevuta). Marca da Bollo Modello B.4 Modello di domanda di

Dettagli

Il Regolamento CE 1774 /2002. I rapporti con la normativa ambientale

Il Regolamento CE 1774 /2002. I rapporti con la normativa ambientale Il Regolamento CE 1774 /2002 I rapporti con la normativa ambientale Gli obiettivi del Regolamento 1774 Nel documento preliminare COM/2000/0574 definitivo: Collegamento con la normativa ambientale Creazione

Dettagli

Ordinanza del DFE sul controllo dell importazione e del transito di animali e prodotti animali

Ordinanza del DFE sul controllo dell importazione e del transito di animali e prodotti animali Ordinanza del DFE sul controllo dell importazione e del transito di animali e prodotti animali (Ordinanza sui controlli OITE) 916.443.106 del 16 maggio 2007 (Stato 1 novembre 2008) Il Dipartimento federale

Dettagli

CONTROLLO UFFICIALE NEI SOTTOPRODOTTI DI ORIGINE ANIMALE

CONTROLLO UFFICIALE NEI SOTTOPRODOTTI DI ORIGINE ANIMALE CONTROLLO UFFICIALE NEI SOTTOPRODOTTI DI ORIGINE ANIMALE Genova, 2 luglio 2014 Fare clic per modificare lo stile del sottotitolo dello schema Le vostre domande e le nostre risposte Per alcune di esse,

Dettagli

IL CONTROLLO UFFICIALE: EVIDENZE DI DUE ANNI DI AUDIT. Roberto Moschi ASL1 imperiese S.C.Igiene Alimenti Origine Animale Bussana 12 giugno 2009

IL CONTROLLO UFFICIALE: EVIDENZE DI DUE ANNI DI AUDIT. Roberto Moschi ASL1 imperiese S.C.Igiene Alimenti Origine Animale Bussana 12 giugno 2009 IL CONTROLLO UFFICIALE: EVIDENZE DI DUE ANNI DI AUDIT Roberto Moschi ASL1 imperiese S.C.Igiene Alimenti Origine Animale Bussana 12 giugno 2009 REG. 854 /04 CE stabilisce norme specifiche per l'organizzazione

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute DIREZIONE GENERALE DELLA SANITA ANIMALE E DEI FARMACI VETERINARI Ufficio VIII DGSAF-Coordinamento PIF-UVAC LINEE GUIDA SUL REGOLAMENTO DI ESECUZIONE (UE) 2015/329 RECANTE DEROGA

Dettagli

Decisione n. 2000/418/CE

Decisione n. 2000/418/CE Decisione n. 2000/418/CE della Commissione, del 29 giugno 2000, che disciplina l'impiego di materiale a rischio per quanto concerne le encefalopatie spongiformi trasmissibili e modifica la decisione 94/474/CE.

Dettagli

(OITE-CUE) del... Requisiti formali per i certificati sanitari I requisiti formali per i certificati sanitari sono elencati nellʼallegato 2.

(OITE-CUE) del... Requisiti formali per i certificati sanitari I requisiti formali per i certificati sanitari sono elencati nellʼallegato 2. Ordinanza del DFI sul controllo dellʼimportazione, del transito e dellʼesportazione di animali e prodotti animali nel traffico con Stati membri dellʼue, Islanda e Norvegia (OITE-CUE) del... Il Dipartimento

Dettagli

PIANO DI CONTROLLO DELLE TEMPERATURE DEGLI ALIMENTI DA MANTENERE IN REGIME DI TEMPERATURA CONTROLLATA IN FASE DI VENDITA AL DETTAGLIO Anno 2012

PIANO DI CONTROLLO DELLE TEMPERATURE DEGLI ALIMENTI DA MANTENERE IN REGIME DI TEMPERATURA CONTROLLATA IN FASE DI VENDITA AL DETTAGLIO Anno 2012 PIANO DI CONTROLLO DELLE TEMPERATURE DEGLI ALIMENTI DA MANTENERE IN REGIME DI TEMPERATURA CONTROLLATA IN FASE DI VENDITA AL DETTAGLIO Anno 2012 PREMESSA La U.O. Veterinaria ha disposto nel 2011 il piano

Dettagli

DIRETTIVA 2014/33/UE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO

DIRETTIVA 2014/33/UE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO 29.3.2014 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 96/251 DIRETTIVA 2014/33/UE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 26 febbraio 2014 per l armonizzazione delle legislazioni degli Stati membri relative

Dettagli

ALLEGATO «ALLEGATO I GLOSSARIO

ALLEGATO «ALLEGATO I GLOSSARIO ALLEGATO «ALLEGATO I GLOSSARIO NA Numero di assegnazione (un numero assegnato arbitrariamente ad una particolare merce che figurerà in quanto tale sul certificato). Controllo fino a destinazione Capitolo

Dettagli

RICHIESTA DI REGISTRAZIONE

RICHIESTA DI REGISTRAZIONE Al Ministero della Sanità Ufficio Veterinario per gli Adempimenti Comunitari Compartimento: VENETO RICHIESTA DI REGISTRAZIONE In data odierna, presso l'ufficio per gli Adempimenti Comunitari del Compartimento

Dettagli

Direttiva CE del Parlamento Europeo e del Consiglio n. 41/2004 del 21/4/2004

Direttiva CE del Parlamento Europeo e del Consiglio n. 41/2004 del 21/4/2004 Direttiva CE del Parlamento Europeo e del Consiglio n. 41/2004 del 21/4/2004 che abroga alcune direttive recanti norme sull'igiene dei prodotti alimentari e le disposizioni sanitarie per la produzione

Dettagli

dr.ssa Francesca Di Prisco Dir. Medico Veterinario Sez. Avellino IZSM

dr.ssa Francesca Di Prisco Dir. Medico Veterinario Sez. Avellino IZSM dr.ssa Francesca Di Prisco Dir. Medico Veterinario Sez. Avellino IZSM Normativa comunitaria in materia di sicurezza alimentare Fin dalla sua costituzione l UE ha attribuito molta importanza all attività

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute DIPARTIMENTO PER LA SANITA PUBBLICA VETERINARIA, LA NUTRIZIONE E LA SICUREZZA DEGLI ALIMENTI DIREZIONE GENERALE DELLA SICUREZZA DEGLI ALIMENTI E DELLA NUTRIZIONE Ufficio IX Regioni

Dettagli

Indicazioni per la manipolazione e lo stoccaggio dei prodotti fitosanitari e trattamento dei relativi imballaggi e delle rimanenze

Indicazioni per la manipolazione e lo stoccaggio dei prodotti fitosanitari e trattamento dei relativi imballaggi e delle rimanenze ALLEGATO VI Indicazioni per la manipolazione e lo stoccaggio dei prodotti fitosanitari e trattamento dei relativi imballaggi e delle rimanenze VI.1 - Stoccaggio dei prodotti fitosanitari Fatte salve le

Dettagli

REGOLAMENTI COMUNITARI RIGUARDANTI LA SICUREZZA ALIMENTARE

REGOLAMENTI COMUNITARI RIGUARDANTI LA SICUREZZA ALIMENTARE REGOLAMENTI COMUNITARI RIGUARDANTI LA SICUREZZA ALIMENTARE Con la nascita della Comunità Europea, uno dei problemi derivanti dal libero scambio e dal transito delle merci, anche alimentari, su tutto il

Dettagli

MODULO 2A Alla REGIONE ABRUZZO Direzione Politiche della Salute Servizio Sanità veterinaria e sicurezza alimentare Via Conte di Ruvo, 74-65127 PESCARA

MODULO 2A Alla REGIONE ABRUZZO Direzione Politiche della Salute Servizio Sanità veterinaria e sicurezza alimentare Via Conte di Ruvo, 74-65127 PESCARA MODULO 2A Servizio Sanità veterinaria e sicurezza alimentare OGGETTO: Istanza di riconoscimento ai sensi del Regolamento (CE) n. 852/2004 n. 853/2004 ALTRO Il sottoscritto. Cod. Fiscale I I I I I I I I

Dettagli

Controllo ufficiale nei sottoprodotti di O.A. Attività di vigilanza ed etichettatura

Controllo ufficiale nei sottoprodotti di O.A. Attività di vigilanza ed etichettatura Controllo ufficiale nei sottoprodotti di O.A. Attività di vigilanza ed etichettatura Genova 02/07/2014 1 L' obiettivo: Semplificazione o complicazione...? 2 PRESUPPOSTI DEL REG. CE/ 1069/ 2009 Lo smaltimento

Dettagli

Orientamenti per i controlli all importazione riguardanti la sicurezza e la conformità dei prodotti. Parte generale

Orientamenti per i controlli all importazione riguardanti la sicurezza e la conformità dei prodotti. Parte generale COMMISSIONE EUROPEA DIREZIONE GENERALE FISCALITÀ E UNIONE DOGANALE Sicurezza, agevolazione degli scambi e coordinamento internazionale Protezione dei cittadini e applicazione dei diritti di proprietà intellettuale

Dettagli

Il controllo dei prodotti di origine animale. Possibili scenari introdotti dalla nuova normativa europea

Il controllo dei prodotti di origine animale. Possibili scenari introdotti dalla nuova normativa europea Il controllo dei prodotti di origine animale. Possibili scenari introdotti dalla nuova normativa europea Igino Andrighetto Direttore Generale Istituto Zooprofilattico Sperimentale delle Venezie. Professore

Dettagli

REGOLE PARTICOLARI PER LA CERTIFICAZIONE DI PRODOTTO ALIMENTAZIONE VEGETALE. revisione data verifica approvazione Pagina 0 20/10/05 RQ LTM 1 di 9

REGOLE PARTICOLARI PER LA CERTIFICAZIONE DI PRODOTTO ALIMENTAZIONE VEGETALE. revisione data verifica approvazione Pagina 0 20/10/05 RQ LTM 1 di 9 PROCEDURA OPERATIVA REGOLE PARTICOLARI PER LA PRODOTTO 0 20/10/05 RQ LTM 1 di 9 1.INTRODUZIONE 3 2.TERMINOLOGIA 3 2.1 PRODUTTORE 3 2.2 FAMIGLIA DI PRODOTTO 3 2.3 CAMPIONATURA 3 2.4 PIANO PER LA QUALITÀ

Dettagli

Definizione di tracciabilità

Definizione di tracciabilità Definizione di tracciabilità Spegnere il Telefonino!! Tracciabilità Reg.(CE) ) 178/2002 Programma per 8 e 16 ore Decreto Regione Liguria 793/2012 e Regolamento CE 852/2004 Ente Ligure di Formazione divisione

Dettagli

RUOLO DEL VETERINARIO NEL MINISTERO DELLA SALUTE

RUOLO DEL VETERINARIO NEL MINISTERO DELLA SALUTE RUOLO DEL VETERINARIO NEL MINISTERO DELLA SALUTE CASISTICA SULLE IMPORTAZIONI INTRODOTTE PRESSO IL PIF DI LIVORNO DR. SSA ROSELLINA SBRANA MIN. DELLA SALUTE PIF LIVORNO PERUGIA, 24 APRILE 2015 PIF: POSTO

Dettagli

Pacchetto igiene. Schede di orientamento della normativa comunitaria per l igiene e la sicurezza alimentare nelle aziende agricole

Pacchetto igiene. Schede di orientamento della normativa comunitaria per l igiene e la sicurezza alimentare nelle aziende agricole Pacchetto igiene Schede di orientamento della normativa comunitaria per l igiene e la sicurezza alimentare nelle aziende agricole INDICE L evoluzione della normativa comunitaria in materia di sicurezza

Dettagli

REGOLAMENTO (CE) N. 1005/2009 DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 16 settembre 2009 sulle sostanze che riducono lo strato di ozono

REGOLAMENTO (CE) N. 1005/2009 DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 16 settembre 2009 sulle sostanze che riducono lo strato di ozono 2009R1005 IT 08.09.2010 001.001 1 Trattandosi di un semplice strumento di documentazione, esso non impegna la responsabilità delle istituzioni B REGOLAMENTO (CE) N. 1005/2009 DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL

Dettagli

VADEMECUM HACCP CO MMERCIO ALIMENTI.

VADEMECUM HACCP CO MMERCIO ALIMENTI. VADEMECUM HACCP COMMERCIO ALIMENTI. GUIDA NORMATIVA PER CONSULENTI, TECNICI E RESPONSABILI AZIENDALI di G. Manzone e G. Ventaloro M&M ASSOCIATI Consulenti Aziendali srl edizioni Prezzo 25,00 - Pagg. 320

Dettagli

SCIA Segnalazione Certificata di Inizio Attività - Notifica Registrazione Sanitaria (ai sensi del Regolamento CE n. 852/853/854 del 2004)

SCIA Segnalazione Certificata di Inizio Attività - Notifica Registrazione Sanitaria (ai sensi del Regolamento CE n. 852/853/854 del 2004) Al Dipartimento di Prevenzione Azienda USL di Frosinone S.S Ispezione degli alimenti di o.a Distretto per il tramite dello SUAP in forma Associata della XIV Comunità Montana Valle di Comino SCIA Segnalazione

Dettagli

Decreto Legislativo 6 novembre 2007, n. 193

Decreto Legislativo 6 novembre 2007, n. 193 Decreto Legislativo 6 novembre 2007, n. 193 "Attuazione della direttiva 2004/41/CE relativa ai controlli in materia di sicurezza alimentare e applicazione dei regolamenti comunitari nel medesimo settore"

Dettagli

Luogo di nascita: Comune.. Provincia (..) Stato... Residenza: Via/Piazza N... C.A.P. Comune Provincia (..)

Luogo di nascita: Comune.. Provincia (..) Stato... Residenza: Via/Piazza N... C.A.P. Comune Provincia (..) ALLEGATO 1 Spazio per apporre il timbro di protocollo Data Prot. Al Dipartimento di Prevenzione ASL 1 Imperiese I - Oggetto: Notifica di inizio attività ai fini della registrazione (art. 6 Reg. CE 852/2004)

Dettagli

LA PRODUZIONE PRIMARIA NEL COMPARTO AGRO-ALIMENTARE

LA PRODUZIONE PRIMARIA NEL COMPARTO AGRO-ALIMENTARE LA PRODUZIONE PRIMARIA NEL COMPARTO AGRO-ALIMENTARE Fabio Grillo Spina Dipartimento dell Ispettorato centrale della tutela della qualità e repressione frodi dei prodotti agroalimentari Via Quintino Sella,

Dettagli

Allegato A LINEE DI INDIRIZZO RELATIVE ALL ATTIVITA DI MACELLAZIONE DI ANIMALI EFFETTUATA PER IL CONSUMO DOMESTICO PRIVATO DELLE CARNI

Allegato A LINEE DI INDIRIZZO RELATIVE ALL ATTIVITA DI MACELLAZIONE DI ANIMALI EFFETTUATA PER IL CONSUMO DOMESTICO PRIVATO DELLE CARNI Allegato A LINEE DI INDIRIZZO RELATIVE ALL ATTIVITA DI MACELLAZIONE DI ANIMALI EFFETTUATA PER IL CONSUMO DOMESTICO PRIVATO DELLE CARNI INDICE Capo 1. Macellazione di ovini secondo rito religioso presso

Dettagli

Dott. Alessandro Bonadonna per SEMI ONLUS L ETICHETTATURA DEI PRODOTTI: LEGGERE PER RI-CONOSCERE

Dott. Alessandro Bonadonna per SEMI ONLUS L ETICHETTATURA DEI PRODOTTI: LEGGERE PER RI-CONOSCERE L ETICHETTATURA DEI PRODOTTI: LEGGERE PER RI-CONOSCERE 1. Assicurare una corretta e trasparente informazione al consumatore 2. Permettere la libera circolazione delle merci all interno dell Unione Europea

Dettagli

Convegno Accredia ISS EURLP

Convegno Accredia ISS EURLP Convegno Accredia ISS EURLP I laboratori che effettuano prove per individuare la presenza di Trichinella nelle carni in conformità alla norma UNI CEI EN ISO/IEC 17025 Aspetti normativi in tema di controllo

Dettagli

Norme de buona fabbricazione

Norme de buona fabbricazione La disciplina relativa ai medicinali nell Unione europea Volume 4 Norme de buona fabbricazione Medicinali per uso umano e medicinali veterinari Edizione 1999 COMMISSIONE EUROPEA Direzzione generale III

Dettagli

La macellazione, la trasformazione e la sanità degli alimenti: la normativa e gli adempimenti di legge. Progetto INFO(PAC)K: la PAC informa

La macellazione, la trasformazione e la sanità degli alimenti: la normativa e gli adempimenti di legge. Progetto INFO(PAC)K: la PAC informa Progetto INFO(PAC)K: la PAC informa La macellazione, la trasformazione e la sanità degli alimenti: la normativa e gli adempimenti di legge A cura di Raffaella Branciari Sommario La sicurezza delle carni

Dettagli

MANUALE OPERATIVO PER LO SVILUPPO DI UN SISTEMA DI SICUREZZA IGIENICO SANITARIA NEL SETTORE DELLA TRASFORMAZIONE

MANUALE OPERATIVO PER LO SVILUPPO DI UN SISTEMA DI SICUREZZA IGIENICO SANITARIA NEL SETTORE DELLA TRASFORMAZIONE MANUALE OPERATIVO PER LO SVILUPPO DI UN SISTEMA DI SICUREZZA IGIENICO SANITARIA NEL SETTORE DELLA TRASFORMAZIONE DICEMBRE 2006 INDICE 1. PRESENTAZIONE... 3 2. TERMINI E DEFINIZIONI... 3 3. PARTE I LA SICUREZZA

Dettagli

CHECK LIST CONTROLLO UFFICIALE IN CENTRI DI MAGAZZINAGGIO SPERMA BOVINO

CHECK LIST CONTROLLO UFFICIALE IN CENTRI DI MAGAZZINAGGIO SPERMA BOVINO Pag. 1 di 7 DENOMINAZIONE SEDE LEGALE AMMINISTRATIVA INDIRIZZO N. COMUNE DI TELEFONO FAX E-MAIL SEDE OPERATIVA INDIRIZZO N. COMUNE DI TELEFONO FAX E-MAIL NUMERO DI REGISTRAZIONE DEL RILASCIATO DA NUMERO

Dettagli

DOMANDE FREQUENTI RIGUARDO ALLA TARIFFA DI FOGNATURA E DEPURAZIONE

DOMANDE FREQUENTI RIGUARDO ALLA TARIFFA DI FOGNATURA E DEPURAZIONE DOMANDE FREQUENTI RIGUARDO ALLA TARIFFA DI FOGNATURA E DEPURAZIONE 1. Per gli scarichi che vengono immessi in un pozzo perdente può essere richiesta la tariffa di fognatura e depurazione? L art. 34 comma

Dettagli

Effetti del nuovo sistema di classificazione CLP sulla gestione operativa degli agrofarmaci

Effetti del nuovo sistema di classificazione CLP sulla gestione operativa degli agrofarmaci Il Regolamento CE n. 1272/2008 (CLP) relativo alla classificazione, all'etichettatura e all'imballaggio delle sostanze e delle miscele. Effetti del nuovo sistema di classificazione CLP sulla gestione operativa

Dettagli

Indirizzo c.a.p Località. Prov... Telefono:..Fax: e-mail:... Legale Rappresentante:... Codice fiscale / partita I.V.A.:...

Indirizzo c.a.p Località. Prov... Telefono:..Fax: e-mail:... Legale Rappresentante:... Codice fiscale / partita I.V.A.:... Verbale di Ispezione Operatore del Settore dei Mangimi/Laboratorio In data...alle ore... il/i sottoscritto/i : Nome. n del.. ALLEGATO 2 Qualifica/Ente di appartenenza............. Ha/Hanno effettuato un

Dettagli

AZIENDA UNITÀ SANITARIA 20. Marina Speri VERONA

AZIENDA UNITÀ SANITARIA 20. Marina Speri VERONA AZIENDA UNITÀ SANITARIA 20 Marina Speri VERONA LE FRODI ALIMENTARI IN UOVA E OVOPRODOTTI Rovigo, 5 giugno 2009 Alcuni dati del comparto PRODUZIONE 2008: 12 miliardi e 952 milioni di uova CONSUMO 2008 :

Dettagli

DATA 27/11/2007 N 01 DATA 27/11/2007 N 00 Pag. 1 di 77

DATA 27/11/2007 N 01 DATA 27/11/2007 N 00 Pag. 1 di 77 DATA 27/11/2007 N 01 DATA 27/11/2007 N 00 Pag. 1 di 77 Piano di Autocontrollo Alimentare secondo il Sistema HACCP con Indicazioni di Corretta Prassi Igienica, Rintracciabilità degli alimenti, Ritiro e

Dettagli

F.E.D.I.A.F. MANUALE DI BUONE PRATICHE PER LA PRODUZIONE DI PET FOOD SICURO

F.E.D.I.A.F. MANUALE DI BUONE PRATICHE PER LA PRODUZIONE DI PET FOOD SICURO F.E.D.I.A.F. MANUALE DI BUONE PRATICHE PER LA PRODUZIONE DI PET FOOD SICURO Dicembre 2001 (REVISIONE 1 OTTOBRE 2003) (REVISIONE 2 FEBBRAIO 2004) (REVISIONE 3 DICEMBRE 2004) (REVISIONE 4 MAGGIO 2005) (REVISIONE

Dettagli

Ordinanza concernente la dichiarazione di prodotti agricoli ottenuti mediante metodi vietati in Svizzera

Ordinanza concernente la dichiarazione di prodotti agricoli ottenuti mediante metodi vietati in Svizzera Ordinanza concernente la dichiarazione di prodotti agricoli ottenuti mediante metodi vietati in Svizzera (Ordinanza sulle dichiarazioni agricole, ODAgr) Modifica del 20 maggio 2015 Il Consiglio federale

Dettagli

Servizi di Consulenza Alimentare. (la risposta ritenuta giusta va indicata ponendo una crocetta in parentesi)

Servizi di Consulenza Alimentare. (la risposta ritenuta giusta va indicata ponendo una crocetta in parentesi) Servizi di Consulenza Alimentare DOMANDE A RISPOSTA MULTIPLA QUESTIONARIO N 2 (la risposta ritenuta giusta va indicata ponendo una crocetta in parentesi) Cognome: Mansione: Nome: Data: 1. A quali fasi

Dettagli

REPUBBLICA DI SAN MARINO

REPUBBLICA DI SAN MARINO REPUBBLICA DI SAN MARINO DECRETO DELEGATO 29 giugno 2012 n.68 Noi Capitani Reggenti la Serenissima Repubblica di San Marino Visto l articolo 1 della Legge 17 marzo 1993 n.41; Visto l articolo 23, paragrafo

Dettagli

.~U.~k1c_g~A7M.dtfj,:%',%d8 6.r:k~'.f!J!dt:c4.ijIf;iad

.~U.~k1c_g~A7M.dtfj,:%',%d8 6.r:k~'.f!J!dt:c4.ijIf;iad ,'- - -~~_._,--~ -_... ~-------;~-----'--'-'~-~_._' --- - - - -), Minislero della Salule 0009028-P-30/03/2009 ( DGSAN, " " \....... _--_._---._.~" '._-"-'.., I -.~U.~k1c_g~A7M.dtfj,:%',%d8 6.r:k~'.f!J!dt:c4.ijIf;iad

Dettagli

MISURE ECCEZIONALI DI SOSTEGNO NEI SETTORI: UOVA E CARNI DI POLLAME IN ITALIA

MISURE ECCEZIONALI DI SOSTEGNO NEI SETTORI: UOVA E CARNI DI POLLAME IN ITALIA MISURE ECCEZIONALI DI SOSTEGNO NEI SETTORI: UOVA E CARNI DI POLLAME IN ALIA A fronte dell emergenza aviaria che ha interessato alcuni territori del nostro Paese nel periodo 14 agosto e 5 settembre 2013,

Dettagli

NORMATIVA DI RIFERIMENTO

NORMATIVA DI RIFERIMENTO LINEE GUIDA PER LA L ESECUZIONE DEI CONTROLLI TESI A GARANTIRE LA SICUREZZA ALIMENTARE NELL AMBITO DELLA PRODUZIONE E IMMISSIONE SUL MERCATO DEL LATTE DESTINATO AL TRATTAMENTO TERMICO E ALLA TRASFORMAZIONE

Dettagli

DIRETTIVA 2007/43/CE DEL CONSIGLIO

DIRETTIVA 2007/43/CE DEL CONSIGLIO 12.7.2007 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 182/19 DIRETTIVE DIRETTIVA 2007/43/CE DEL CONSIGLIO del 28 giugno 2007 che stabilisce norme minime per la protezione dei polli allevati per la produzione

Dettagli

D.I.A. Dichiarazione Inizio attività (Registrazione Attività Produttive)

D.I.A. Dichiarazione Inizio attività (Registrazione Attività Produttive) D.I.A. Dichiarazione Inizio attività (Registrazione Attività Produttive) CON DECRETO Assessorato Regionale Sanità del 27/02/2008 sono state emanate le linee di indirizzo attuative del Regolamento CE n.

Dettagli

DIRETTIVA 2014/35/UE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO

DIRETTIVA 2014/35/UE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO 29.3.2014 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 96/357 DIRETTIVA 2014/35/UE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 26 febbraio 2014 concernente l armonizzazione delle legislazioni degli Stati membri

Dettagli

MANUALE DI CORRETTA PRASSI OPERATIVA PER LA RINTRACCIABILITA E L IGIENE DEI PRODOTTI ALIMENTARI E DEI MANGIMI

MANUALE DI CORRETTA PRASSI OPERATIVA PER LA RINTRACCIABILITA E L IGIENE DEI PRODOTTI ALIMENTARI E DEI MANGIMI CONFEDERAZIONE NAZIONALE COLDIRETTI MANUALE DI CORRETTA PRASSI OPERATIVA MANUALE DI CORRETTA PRASSI OPERATIVA PER LA RINTRACCIABILITA E L IGIENE DEI PRODOTTI ALIMENTARI E DEI MANGIMI REGOLAMENTI CE N.

Dettagli

Lucia Decastelli. Area Igiene e Sicurezza Alimentare e Ambientale lucia.decastelli

Lucia Decastelli. Area Igiene e Sicurezza Alimentare e Ambientale lucia.decastelli Lucia Decastelli Area Igiene e Sicurezza Alimentare e Ambientale lucia.decastelli decastelli@izsto.itit ! " # $%%& '())) *"+$&,+())( -./ /0 1 2333...4 !"# $% $&$ " $' $() $*++" $+ (((,$ (- 5 6 ' 7 8

Dettagli

GUIDA PRATICA PER I PREPARATORI CERTIFICATI SECONDO IL REG. CE 834/07

GUIDA PRATICA PER I PREPARATORI CERTIFICATI SECONDO IL REG. CE 834/07 GUIDA PRATICA PER I PREPARATORI CERTIFICATI SECONDO IL REG. CE 834/07 NORMATIVA DI RIFERIMENTO: Reg. CE 834/07 Reg. CE 889/08 DOCUMENTAZIONE Scheda materie prime Scheda di preparazione prodotti Registro

Dettagli

Impianti a combustione alimentati a grassi animali e oli vegetali. Quadro generale Angela Soriani U.O. Attività Veterinarie Azienda USL di Ferrara

Impianti a combustione alimentati a grassi animali e oli vegetali. Quadro generale Angela Soriani U.O. Attività Veterinarie Azienda USL di Ferrara Impianti a combustione alimentati a grassi animali e oli vegetali Quadro generale Angela Soriani U.O. Attività Veterinarie Azienda USL di Ferrara Oli vegetali energia da fonte rinnovabile Oli vegetali

Dettagli

Trasformazione, Commercializzazione, Conservazione e Trasporto Animali del Dipartimento di Prevenzione dell Azienda U.S.L. della Valle d Aosta;

Trasformazione, Commercializzazione, Conservazione e Trasporto Animali del Dipartimento di Prevenzione dell Azienda U.S.L. della Valle d Aosta; LA GIUNTA REGIONALE - richiamata legge 30 aprile 1962, n. 283 recante Disciplina igienica della produzione e della vendita delle sostanze alimentari e delle bevande e successive modifiche ed integrazioni;

Dettagli

Luogo di nascita: Comune Provincia Stato

Luogo di nascita: Comune Provincia Stato 1 Al Dipartimento di Prevenzione della ZT n dell ASUR Al Comune di DENUNCIA INIZIO ATTIVITA SETTORE ALIMENTARE AI FINI DELLA REGISTRAZIONE (ART. 6 DEL REGOLAMENTO CE N. 852/2004 E DELLA D.G.R. N. 339 DEL

Dettagli

Etichettatura: quadro normativo generale a tutela del consumatore

Etichettatura: quadro normativo generale a tutela del consumatore Giornate della Prevenzione Etichettatura: quadro normativo generale a tutela del consumatore Stefano Ferrarini Az. Ulss n. 6 Vicenza Dipartimento di Prevenzione Servizio Igiene degli Alimenti di Origine

Dettagli

L impresa al servizio dell ambiente

L impresa al servizio dell ambiente L impresa al servizio dell ambiente www.novatech-srl.it Chi è Novatech S.r.l. Novatech S.r.l. è una società di servizi alle aziende che opera dall anno 2000 nei settori della raccolta, trasporto, recupero

Dettagli

PRODUZIONE PRIMARIA E SICUREZZA ALIMENTARE

PRODUZIONE PRIMARIA E SICUREZZA ALIMENTARE PRODUZIONE PRIMARIA E SICUREZZA ALIMENTARE Tecnico Della Prevenzione Lazzaro Dott. Alessandro (Servizio Igiene degli alimenti e della Nutrizione Aulss n 13 Mirano-VE) Verona 03/02/2012 Quadro normativo

Dettagli

REGOLAMENTO (CEE) N. 2092/91 DEL CONSIGLIO. del 24 giugno 1991

REGOLAMENTO (CEE) N. 2092/91 DEL CONSIGLIO. del 24 giugno 1991 REGOLAMENTO (CEE) N. 2092/91 DEL CONSIGLIO del 24 giugno 1991 relativo al metodo di produzione biologico di prodotti agricoli e alla indicazione di tale metodo sui prodotti agricoli e sulle derrate alimentari

Dettagli

Lista riscontro requisiti strutturali/gestionali stabilimenti riconosciuti

Lista riscontro requisiti strutturali/gestionali stabilimenti riconosciuti All.3 a Regione Liguria Dipartimento di Prevenzione ASL. U.O. igiene alimenti o.a. data protocollo atto ispettivo Lista riscontro requisiti strutturali/gestionali stabilimenti riconosciuti MOTIVO DELLA

Dettagli

ULSS 2 INCONTRA I mercoledì della Salute

ULSS 2 INCONTRA I mercoledì della Salute ULSS 2 INCONTRA I mercoledì della Salute La sicurezza degli alimenti Luigi Cazzola Dip. Prevenzione ULSS 2 LINEE GUIDA PER MANIFESTAZIONI POPOLARI SICURE Feltre, 11 giugno 2014 LINEE GUIDA PER MANIFESTAZIONI

Dettagli

SANCO/1955/2005 Rev. 3 (PLSPV/2005/1955/1955R3-EN.doc)

SANCO/1955/2005 Rev. 3 (PLSPV/2005/1955/1955R3-EN.doc) IT SANCO/1955/2005 Rev. 3 (PLSPV/2005/1955/1955R3-EN.doc) IT IT COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxelles, C(2005) def. PROGETTO DI Guida all applicazione delle procedure basate sui principi del sistema

Dettagli

REGOLAMENTI REGOLAMENTO (CE) N. 834/2007 DEL CONSIGLIO. del 28 giugno 2007

REGOLAMENTI REGOLAMENTO (CE) N. 834/2007 DEL CONSIGLIO. del 28 giugno 2007 20.7.2007 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 189/1 I (Atti adottati a norma dei trattati CE/Euratom la cui pubblicazione è obbligatoria) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (CE) N. 834/2007 DEL CONSIGLIO

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 29.3.2014 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 95/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO DI ESECUZIONE (UE) N. 322/2014 DELLA COMMISSIONE del 28 marzo 2014 che impone condizioni speciali

Dettagli

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?»

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?» 1 a STRATEGIA EVITARE LA CONTAMINAZIONE conoscere «DOVE SI TROVANO I BATTERI?» I batteri si trovano ovunque nell ambiente (aria, acqua, suolo ed esseri viventi): Sono presenti sulle materie prime, ad es.

Dettagli

SICUREZZA DEGLI ALIMENTI:CONTROLLI, PROCEDURE,FORMAZIONE 11/12/2009 POZZUOLI

SICUREZZA DEGLI ALIMENTI:CONTROLLI, PROCEDURE,FORMAZIONE 11/12/2009 POZZUOLI SICUREZZA DEGLI ALIMENTI:CONTROLLI, PROCEDURE,FORMAZIONE 11/12/2009 POZZUOLI Maria, Grazia Cerulo Medico veterinario, Responsabile UO Veterinaria filiera lattiero casearia ASL Napoli 2 Nord EVOLUZIONE

Dettagli

Ispezione degli alimenti di origine animale. Possibili scenari introdotti dalla nuova normativa europea

Ispezione degli alimenti di origine animale. Possibili scenari introdotti dalla nuova normativa europea Ispezione degli alimenti di origine animale Possibili scenari introdotti dalla nuova normativa europea Procedure HACCP (Decreto legislativo 155/1997) Tali misure interessavano tutte le fasi successive

Dettagli

Cittadinanza Sesso M F Codice Fiscale _. Residenza: Comune Provincia. Via/Piazza N C.A.P. Tel. Cell

Cittadinanza Sesso M F Codice Fiscale _. Residenza: Comune Provincia. Via/Piazza N C.A.P. Tel. Cell ATTIVITA DI PRODUZIONE TRASFORMAZIONE, SOMMINISTRAZIONE, VENDITA DI ALIMENTI SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA ai sensi dell art. 6 del Reg. Europeo 852/2004 AL SERVIZIO IGIENE ALIMENTI E NUTRIZIONE

Dettagli

1. Operatore del settore alimentare

1. Operatore del settore alimentare Spazio per apporre il timbro di protocollo Allegato 2 alla D.G.R. 79-7605 del 26/11/2007 Data Prot. Al Comune di.. Oggetto: Denuncia di inizio attività (D.I.A.) ai sensi art. 6 Reg. CE 852/2004 (da presentare

Dettagli

Roma, 23 maggio 2011. Alle Direzioni Regionali, Interregionali e Provinciali. Agli Uffici delle Dogane Loro Sedi

Roma, 23 maggio 2011. Alle Direzioni Regionali, Interregionali e Provinciali. Agli Uffici delle Dogane Loro Sedi Roma, 23 maggio 2011 Alle Direzioni Regionali, Interregionali e Provinciali Protocollo: 59658/RU Rif.: Allegati: 2 Agli Uffici delle Dogane Loro Sedi All Ufficio centrale antifrode Sede e, p.c. Al Ministero

Dettagli

visto il trattato che istituisce la Comunità europea,

visto il trattato che istituisce la Comunità europea, L 45/4 IT Gazzetta ufficiale delle Comunità europee 15.2.2002 REGOLAMENTO (CE) N. 270/2002 DELLA COMMISSIONE del 14 febbraio 2002 che modifica il regolamento (CE) n. 999/2001 del Parlamento europeo e del

Dettagli

Regolamento CLP e la Scheda di Dati di Sicurezza

Regolamento CLP e la Scheda di Dati di Sicurezza Dipinto inizio 900 artista sconosciuto Regolamento CLP e la Scheda di Dati di Sicurezza Seminario regionale Firenze venerdì 9 novembre 2012 1 NORMATIVA SPECIFICA D.Lgs.194/95 che recepiva la direttiva

Dettagli

www.laboratoriolarian.it

www.laboratoriolarian.it LA.RI.AN. Norme in materia ambientale RIFIUTI Dr. ssa Elena Rizzo www.laboratoriolarian.it Decreto Legislativo n. 152 Principi La gestione dei rifiuti è effettuata conformemente ai principi di precauzione,

Dettagli

LA CLASSIFICAZIONE DEI RIFIUTI

LA CLASSIFICAZIONE DEI RIFIUTI LA CLASSIFICAZIONE DEI RIFIUTI L applicazione della Decisione 16 gennaio 2001(2001/118/CE) modificata ed integrata dalle Decisioni 2001/119/CE e 2001/573/CE e dalla Legge 21 dicembre 2001 n. 443 (art.

Dettagli

La sicurezza alimentare in Cina Normativa di riferimento. Guangxi University Prof. Xiaoling LIU

La sicurezza alimentare in Cina Normativa di riferimento. Guangxi University Prof. Xiaoling LIU La sicurezza alimentare in Cina Normativa di riferimento Guangxi University Prof. Xiaoling LIU Utilizzo illegale di pesticidi, antibiotici ed ormoni Problematiche emergenti di sicurezza alimentare Utilizzo

Dettagli

DIPARTIMENTO PREVENZIONE VETERINARIO U.O.C. IGIENE DEGLI ALIMENTI DI ORIGINE ANIMALE REQUISITI NECESSARI PER STRUTTURE DA ADIBIRE A:

DIPARTIMENTO PREVENZIONE VETERINARIO U.O.C. IGIENE DEGLI ALIMENTI DI ORIGINE ANIMALE REQUISITI NECESSARI PER STRUTTURE DA ADIBIRE A: DIPARTIMENTO PREVENZIONE VETERINARIO U.O.C. IGIENE DEGLI ALIMENTI DI ORIGINE ANIMALE REQUISITI NECESSARI PER STRUTTURE DA ADIBIRE A: LABORATORIO PRODUZIONE SALUMI PER LA VENDITA AL CONSUMATORE FINALE PREMESSA

Dettagli

REGOLAMENTO (CE) N. 282/2008 DELLA COMMISSIONE

REGOLAMENTO (CE) N. 282/2008 DELLA COMMISSIONE 28.3.2008 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 86/9 REGOLAMENTO (CE) N. 282/2008 DELLA COMMISSIONE del 27 marzo 2008 relativo ai materiali e agli oggetti di plastica riciclata destinati al contatto

Dettagli

Piano di autocontrollo alimentare secondo il sistema HACCP con indicazioni di corretta prassi igienica ESEMPIO STAMPA. Edizione Descrizione Data

Piano di autocontrollo alimentare secondo il sistema HACCP con indicazioni di corretta prassi igienica ESEMPIO STAMPA. Edizione Descrizione Data Manuale H.A.C.C.P (ai sensi del Reg. CE 852/2004) Piano di autocontrollo alimentare secondo il sistema HACCP con indicazioni di corretta prassi igienica LOGO AZIENDALE AZIENDA ESEMPIO Indirizzo: Via, 8

Dettagli

Servizi di Consulenza Alimentare. (la risposta ritenuta giusta va indicata ponendo una crocetta in parentesi)

Servizi di Consulenza Alimentare. (la risposta ritenuta giusta va indicata ponendo una crocetta in parentesi) Servizi di Consulenza Alimentare DOMANDE A RISPOSTA MULTIPLA QUESTIONARIO N 3 (la risposta ritenuta giusta va indicata ponendo una crocetta in parentesi) Cognome: Mansione: Nome: Data: 1. Che cosa è necessario

Dettagli

DIRETTIVA 94/74/CE DEL CONSIGLIO del 22 dicembre 1994 che modifica la direttiva 92/12/CEE relativa al regime generale, alla detenzione, alla

DIRETTIVA 94/74/CE DEL CONSIGLIO del 22 dicembre 1994 che modifica la direttiva 92/12/CEE relativa al regime generale, alla detenzione, alla DIRETTIVA 94/74/CE DEL CONSIGLIO del 22 dicembre 1994 che modifica la direttiva 92/12/CEE relativa al regime generale, alla detenzione, alla circolazione ed ai controlli dei prodotti soggetti ad accisa,

Dettagli

PRINCIPI DELL'HACCP. 3. Stabilire i limiti critici che devono essere affrontati per assicurare che i CCP siano sotto controllo.

PRINCIPI DELL'HACCP. 3. Stabilire i limiti critici che devono essere affrontati per assicurare che i CCP siano sotto controllo. PRINCIPI DELL'HACCP HACCP è un sistema che identifica specifici rischi e le misure specifiche per il loro controllo. Ogni settore di preparazione alimentare deve, nell ambito delle proprie lavorazioni,

Dettagli