La nuova regolamentazione dei SOA e il loro utilizzo come fonte energetica. Laura Gemma Brenzoni

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La nuova regolamentazione dei SOA e il loro utilizzo come fonte energetica. Laura Gemma Brenzoni"

Transcript

1 La nuova regolamentazione dei SOA e il loro utilizzo come fonte energetica Laura Gemma Brenzoni

2 La nuova regolamentazione dei SOA Reg. (CE) n.1069/2009 del Parlamento europeo e del Consiglio del 21 ottobre 2009 recante norme sanitarie relative ai sottoprodotti di origine animale e ai prodotti derivati non destinati al consumo umano e che abroga il Reg. (CE) n.1774/2002 Reg. (CE) n.142/2011 della Commissione del 25 febbraio 2011 in applicazione del precedente

3 Articolo 3 - Definizioni Ai fini del presente regolamento, si intende per: «sottoprodotti di origine animale», corpi interi o parti di animali, prodotti di origine animale o altri prodotti ottenuti da animali, non destinati al consumo umano,.

4 L'infinito mondo dei SOA

5 PRESUPPOSTI DEL REG. CE/1069/2009 lo smaltimento di tutti i sottoprodotti di origine animale non è un opzione realistica, dato che comporterebbe costi insostenibili e rischi eccessivi per l ambiente l utilizzo sicuro di un ampia gamma di sottoprodotti di origine animale, a condizione che siano ridotti al minimo i rischi sanitari, costituisce un chiaro interesse per tutti i cittadini

6 PRESUPPOSTI DEL REG. CE/1069/2009 le nuove tecnologie hanno esteso le possibilità d impiego dei sottoprodotti di origine animale o dei prodotti derivati ad un ampio numero di settori produttivi, in particolare per la produzione di energia l applicazione di tali nuove tecnologie potrebbe implicare rischi sanitari che vanno ridotti al minimo rivedere le regole generali in modo che siano proporzionate al rischio per la salute pubblica e degli animali

7 Chiarezza su finalità Finalità del Regolamento SOA SOA «per legge» SOA «per scelta» Trattamento, lavorazione trasformazione Trattamento, lavorazione trasformazione Prodotti derivati Prodotti di origine animale o materiale non trasformato idoneo per consumo umano Pacchetto igiene Decisione dell operatore Irreversibile

8 Tra i sottoprodotti per scelta ricadono anche i motivi commerciali: - prodotti di origine animale che possono essere destinati al consumo umano a norma della legislazione comunitaria; - materie prime per la produzione di prodotti di origine animale. in ogni caso, la decisione di un operatore, è irreversibile e devono essere destinati a fini diversi dall alimentazione umana

9 La responsabilità primaria per lo svolgimento di operazioni nel rispetto del Regolamento deve spettare agli operatori l interesse pubblico a prevenire i rischi per la salute pubblica e degli animali impone che venga istituito un sistema di raccolta e smaltimento al fine di garantire l impiego sicuro o lo smaltimento sicuro dei sottoprodotti che non possono essere utilizzati o che non sono utilizzati per motivi economici

10 SMALTIMENTO O UTILIZZO SICURO Rendering Incenerimento Compostaggio Petfood Bio-gas

11 Chiarezza della responsabilità di operatori e Stati Membri Obblighi degli operatori: soddisfare quei requisiti del Regolamento che sono pertinenti alla loro attività Tracciabilità Registrazione o riconoscimento Own checks e, quando applicabile, HACCP Obblighi degli Stati membri: Controlli ufficiali Assicurare un adeguato sistema in atto Controllo delle attività Controllo dell invio dei SOA e prodotti derivati verso gli altri Stati Membri

12 Un inizio...una fine Punto di partenza (Starting point) (art.4 (1) art.21)- il momento in cui nasce un SOA e quindi da quel momento ricade nel Regolamento Il punto di partenza viene dettato dalla normativa ( by law) oppure è una decisione dell'osa (by choice), da quel momento irreversibile. Punto finale (End point) (art.5) il momento in cui un P.D. può essere commercializzato senza più alcun rischio significativo per la salute pubblica e quindi non ricade più nel Reg. (artt.35 e 36) oppure ricade in normativa specifica (art.33) es. cosmetici, medicinali ecc.

13 La condizione è che gli operatori garantiscano il controllo dei rischi per la salute pubblica e degli animali attraverso: - la provenienza sicura (art. 37) -il trattamento sicuro (art 38), qualora la provenienza sicura non garantisca un contenimento sufficiente; oppure - verificando che i prodotti siano impiegati esclusivamente per usi finali sicuri (art 39), qualora il trattamento sicuro non garantisca un sufficiente contenimento dei rischi

14 RICONOSCIMENTO Le operazioni relative a sottoprodotti di origine animale che presentano un livello di rischio considerevole per la salute pubblica e degli animali devono essere svolte solo negli stabilimenti o negli impianti preventivamente riconosciuti per tali operazioni dall autorità competente Tale condizione si applica in particolare a stabilimenti di trasformazione e ad altri stabilimenti di manipolazione o magazzinaggio di sottoprodotti direttamente o indirettamente pertinenti per la sicurezza della catena dei mangimi

15 Regolamento (CE) 1069/2009 Articolo 24 Riconoscimento di stabilimenti o impianti g) Attività di trasformazione di sottoprodotti di origine animali e/o di prodotti derivati in biogas o compost;

16 DIREZIONE GENERALE SANITA RICONOSCIMENTO Procedura domanda : ISTANZA ISPEZIONE PREVENTIVA ASL o REGIONE REQUISITI relativi all infrastruttura e alle attrezzature necessarie ad assicurare le procedure operative previste (art.27, a)) RICONOSCIMENTO CONDIZIONATO Max 3 mesi ISPEZIONE ASL o REGIONE Max 3 mesi (3 +3) TUTTI I REQUISITI pertinenti fissati a norma art.27 (es. convalida trattamento, se imp.trasformazione) RICONOSCIMENTO DEFINITIVO

17 Trasformazione in impianti di compost e biogas Nell'interesse della coerenza della legislazione europea, i processi volti a trasformare sottoprodotti di origine animale e prodotti derivati in biogas o in compost devono essere conformi alle norme sanitarie del Regolamento 1069/2009, nonché alle misure di tutela ambientale di cui alla Dir. 2008/98/CE.

18 Trasformazione in impianti di compost e biogas D.L.vo 3 aprile 2006, n. 152 e s.m.i. (recante «Norme in materia ambientale») Parte Prima disposizioni comuni e principi generali; Parte seconda le norme sulla VAS, la VIA e l'ippc; Parte terza la disciplina relativa alla difesa del suolo e alla tutela delle acque; Parte quarta la disciplina relativa alla gestione dei rifiuti; Parte quinta le norme sulla tutela dell'aria; Parte sesta, la tutela risarcitoria contro i danni all'ambiente L. 75/10: Nuove norme per la disciplina dei fertilizzanti D.lgs. 29 dicembre 2003, n.387 Attuazione della direttiva 2001/77/CE relativa alla promozione dell energia elettrica prodotta da fonti energetiche rinnovabili nel mercato interno dell elettricità DGR n del 18 aprile 2012 Linee guida regionali per l autorizzazione degli impianti per la produzione di energia elettrica da fonti energetiche rinnovabili (FER) mediante recepimento della normativa nazionale in materia

19 D.lgs. 29 dicembre 2003, n.387 Attuazione della direttiva 2001/77/CE relativa alla promozione dell energia elettrica prodotta da fonti energetiche rinnovabili nel mercato interno dell elettricità Fonti energetiche rinnovabili o fonti rinnovabili: le fonti energetiche rinnovabili non fossili (eolica, solare, geotermica, del moto ondoso, maremotrice, idraulica, biomasse, gas di discarica, gas residuati dai processi di depurazione e biogas). In particolare, per biomasse si intende: la parte biodegradabile dei prodotti, rifiuti e residui provenienti dall'agricoltura (comprendente sostanze vegetali e animali) e dalla silvicoltura e dalle industrie connesse, nonché la parte biodegradabile dei rifiuti industriali e urbani;

20 I materiali di Categoria 2 (art. 9) sono: Morti (malattie diverse da TSE) sottoprodotti non idonei al consumo umano presenza residui medicinali e agenti contaminanti letame + contenuto gastro intestinale fanghi e residui

21 I materiali di Categoria 2 (art. 9) sono: Prodotti di o.a. contenenti residui di farmaci o contaminanti (gruppo B, punti 1) e 2), all.i, Dir. 96/23/CE); Gli animali e le parti di animali diversi da quelli di Categoria 1, morti non in seguito a macellazione, ivi compresi gli animali abbattuti nel quadro dell'eradicazione di una malattia epizootica; Letame e contenuto del tubo digerente; Materiali di o.a. provenienti dal trattamento delle acque reflue degli macelli (diversi dalla cat.1) o degli impianti di trasformazione di cat.2; Prodotti di o.a., diversi dai materiali di cat.1, importati da Paesi Terzi non conformi ai requisiti veterinari per le importazioni nella CE; Sottoprodotti di o.a. diversi da quelli di cat. 1 e 3. feti, ovociti, embrioni e sperma, pollame morto nell uovo;

22 Smaltimento dei materiali di Categoria 2 (art. 13). Essi possono essere: compostati o trasformati in biogas: dopo la sterilizzazione sotto pressione e la marcatura permanente del materiale risultante; se si tratta di stallatico, del tubo digerente e del suo contenuto, di latte, prodotti a base di latte, di colostro, di uova e ovoprodotti qualora l autorità competente ritenga che non presentino rischi di diffusione di malattie trasmissibili gravi, dopo la trasformazione preliminare o senza trasformazione preliminare;

23 I materiali di Categoria 3 (art. 10) sono: a. parti di animali macellati, idonee, ma non destinate al consumo umano b. le carcasse e le parti seguenti derivanti da animali macellati in un macello e ritenuti atti al macello per il consumo umano dopo un esame ante mortem: - respinti in quanto non idonei al consumo umano in virtù della legislazione comunitaria, ma che non mostrano segni di malattie trasmissibili all uomo o agli animali; - teste di pollame - pelli, inclusi ritagli e frammenti, corna e zampe, incluse le falangi e le ossa carpiche e metacarpiche e le ossa tarsiche e metatarsiche; - setole di suini, piume; c. sottoprodotti di pollame e lagomorfi macellati in un azienda agricola ai sensi dell articolo 1, paragrafo 3, lettera d), del Regolamento (CE) n. 853/2004 (deroghe)

24 I materiali di Categoria 3 (art. 10) sono: d. sangue di animali che non presentavano sintomi clinici di malattie trasmissibili all uomo o agli animali attraverso il sangue, dopo essere stati ritenuti atti alla macellazione per il consumo umano dopo un esame ante mortem e. sottoprodotti di o.a. ottenuti dalla fabbricazione di prodotti destinati al consumo umano (compresi i ciccioli e le ossa sgrassate) f. alimenti di o.a. o contenenti prodotti di o.a. o mangimi di o. a. non più destinati al consumo umano per motivi commerciali o qualsiasi altro difetto che non presenti rischi per la salute umana e animale i,j pesci per la produzione di farina, sottoprodotti freschi dei pesci k. gusci, uova incrinate e sottoprodotti dai centri di incubazione j. sangue, pelli, zoccoli, corna, setole, piume, lana, peli, latte crudo da animali che non presentano segni di malattie trasmissibilia uomo o ad animali k. pelli, zoccoli, corna, setole, piume, da animali idonei alla macellazione l. rifiuti della ristorazione diversi da quelli di cat.1 (vettori internazionali) m.

25 Smaltimento dei materiali di Categoria 3 (art. 14). Essi possono essere: compostati o trasformati in biogas;

26 Trasformazione in impianti di compost e biogas Materiale categoria 2 (metodo 1 + colorazione) Materiale categoria 3 Impianto di trasformazione di categoria 2 Stallatico Contenuto t.d. Latte/colostro/pbl Uova/ovoprodotti Impianto Biogas/compostaggio riconosciuto

27 Trasformazione in impianti di compost e biogas UNITA DI PASTORIZZAZIONE/IGIENIZZAZIONE

28 Trasformazione in impianti di biogas NORME DI TRASFORMAZIONE Requisiti minimi (per i materiali di categoria 3): Dimensione massima pezzi: 12 mm Temperatura minima: 70 C Durata minima di permanenza nell unità di p/i: 60 minuti

29 Trasformazione in impianti di biogas A. UNITA OBBLIGATORIA DI PASTORIZZAZIONE/IGIENIZZAZIONE Controllo andamento T nel tempo Registrazione continua dei risultati Sistema di sicurezza per impedire T insufficiente B. ATTREZZATURE PER LA PULIZIA E DISINFEZIONE DI VEICOLI/CONTENITORI IN USCITA

30 DEROGA: Trasformazione in impianti di biogas L unità di PASTORIZZAZIONE/IGIENIZZAZIONE non è obbligatoria se: SOA di cat.2 sono stati sottoposti a metodo di trasformazione 1 (o da 1 a 5 o 7, se di categoria 3) SOA di categoria 3 sottoposti a pastorizzazione/igienizzazione in altro impianto riconosciuto SOA che possono essere usati senza trasformazione (stallatico,contenuto t.d., latte/colostro, uova/ovoprodotti, se escluso rischio di trasmissione di malattie gravi) SOA da idrolisi alcalina Altri SOA (all.v, capo I, sez. I), se autorizzati da AC

31 Impianto annesso allevamento distanza adeguata tra l impianto e la zona dove sono tenuti gli animali (a meno che non impieghi solo stallatico proprio) totale separazione fisica tra l impianto e : animali, mangime, lettiere, se necessario, con recinzioni biogas Compostaggio

32 Trasformazione in impianti di biogas L autorità competente può autorizzare l impiego di altri parametri di trasformazione standardizzati, purché il richiedente dimostri la riduzione al minimo dei rischi biologici CONVALIDA all.v, capo III, sez. 2

33 Residui i Digestione e Compost Escherichia coli oppure Enterococaceae (n=5,c=1,m=1000,m=5000 in 1 g) e Campioni prelevati nel corso o al termine della trasformazione e Salmonella assente in 25 g (n=5,c=0,m=0,m=0) Campioni prelevati nel corso o al termine del magazzinaggio

34 Esclusioni registrazione/riconoscimento Impianti di biogas e compostaggio annessi all azienda agricola (allevamento) che, in conformità al DM 7 aprile 2006, introducono come unico ed esclusivo sottoprodotto di origine animale lo stallatico, comprendente anche gli effluenti di allevamento così come definiti dal DM 7 aprile 2006, alle seguenti condizioni: lo stallatico deve essere prodotto dalla stessa azienda cui è annesso l impianto di biogas, oppure lo stallatico può provenire anche da altre aziende, purché appartenenti allo stesso consorzio interaziendale (dell azienda cui è annesso l impianto di biogas), oppure da aziende con le quali è stato stipulato un contratto di valorizzazione dell effluente aziendale di durata pluriennale, previsto dalla DGR 2208/2011, in quanto equiparabili ai consorzi interaziendali (DGR n del 18 aprile 2012 al punto ).

35 Esclusioni registrazione/riconoscimento Impianti di biogas e compostaggio Qualora tali impianti siano situati all interno o accanto a siti in cui si detengono animali d allevamento, devono essere rispettati i requisiti di cui all All. V, Capo I, sezione 1, punto 3 del Regolamento (UE) n. 142/2011 e cioè: l impianto di biogas deve essere fisicamente separato, se necessario mediante recinzioni, e a distanza appropriata dall allevamento. L esclusione dall obbligo di riconoscimento deve essere specificatamente verificata dalla Conferenza dei servizi che valuta le richieste di autorizzazione per la produzione di energia degli impianti di digestione anerobica o compostaggio. Qualora tali impianti siano situati all interno o accanto a siti in cui si tengono animali d allevamento, la Conferenza verifica che la disposizione di cui all All. V Capo I sezione 1 punto 3 del regolamento (UE) n. 142/2011 sia rispettata in sede di progetto.

36 Esclusioni registrazione/riconoscimento Impianti di biogas e compostaggio che introducono rifiuti di cucina e ristorazione di categoria 3 o miscele di tali rifiuti con: stallatico, contenuto del tubo digerente separato da quest ultimo, latte, prodotti a base di latte, prodotti derivati dal latte, sottoprodotti derivanti dal processo di trattamento e trasformazione del latte, colostro, prodotti a base di colostro, uova, prodotti a base di uova e sottoprodotti di origine animale di cui all articolo 10, lett,. f) del regolamento 1069/2009 trasformati conformemente all articolo 2, paragrafo 1, lett. m) del Regolamento (CE) 852/2004, non annessi ad allevamento di animali annessi alle aziende lattiero-casearie nel caso se introducono SOA derivanti da processi di trattamento e trasformazione del latte proveniente dal medesimo impianto

37 Linee guida regionali Documentazione e registri Tutti gli Operatori coinvolti nella filiera dei SOA/PD devono: - Tenere le registrazioni di ogni movimentazione e relativi documenti commerciali/certificati sanitari - Assicurare che durante il trasporto i SOA/PD siano scortati da documento di trasporto e quando necessario dal certificato sanitario

38 Documentazione e registri Linee guida regionali 8 - Documento commerciale Durante il trasporto sul territorio nazionale, i SOA ed i prodotti derivati devono essere accompagnati dal documento commerciale di cui all Allegato VIII, capo III del Regolamento (UE) 142/2011. E consentito, nell ambito del territorio regionale, l utilizzo di un documento commerciale semplificato per i materiali di categoria 1, 2 e 3 (Allegato). Il documento commerciale deve essere firmato dal produttore (speditore) e dal trasportatore e conservato per almeno 2 anni; il colore della firma deve essere diverso da quello del testo stampato

39 Documento commerciale semplificato per il trasporto di sottoprodotti di origine animale e di prodotti derivati di CATEGORIA. ai sensi del Regolamento 1069/2009

40 9 Rintracciabilità/Registri Le persone che spediscono, trasportano e ricevono SOA e/o prodotti derivati devono tenere il registro delle partite di cui all'articolo 22 del Regolamento (CE) 1069/2009 ed i relativi documenti commerciali e certificati sanitari, ove presenti.

41 Grazie per l attenzione!

Liguria e Valle d Aosta

Liguria e Valle d Aosta Liguria e Valle d Aosta Rapporti, confini normativi e competenze Sanità-Ambiente: SOTTOPRODOTTI O RIFIUTI? Castelnuovo Rangone, 22 novembre 2011. Francesco Bonicelli Servizio Veterinario ed Igiene degli

Dettagli

TRACCIABILITA DEI SOTTOPRODOTTI DI ORIGINE ANIMALE. Rita Marcianò

TRACCIABILITA DEI SOTTOPRODOTTI DI ORIGINE ANIMALE. Rita Marcianò TRACCIABILITA DEI SOTTOPRODOTTI DI ORIGINE ANIMALE Rita Marcianò Introduzione Regolamento CE no.178/2002 definisce la tracciabilità (art.3) ed alcuni suoi requisiti (art.18(1)) La tracciabilità serve a

Dettagli

I sottoprodotti nell allevamento ovi-caprino

I sottoprodotti nell allevamento ovi-caprino Servizio di Igiene degli Allevamenti e delle Produzioni Zootecniche I sottoprodotti nell allevamento ovi-caprino Dott. Agostino Trogu Produzione primaria di prodotti di origine animale 1. Carni Equini

Dettagli

SOTTOPRODOTTI DI ORIGINE ANIMALE

SOTTOPRODOTTI DI ORIGINE ANIMALE DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE S.C. IGIENE DEGLI ALIMENTI DI ORIGINE ANIMALE Direttore Dott. Valter Dini Piazzale Amburgo, 1 17100 SAVONA Tel.: 019/862303 fax: 019/861265 e-mail: veterinaria.sv@asl2.liguria.it

Dettagli

REGOLAMENTO (CE) N. 1774/2002 DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO

REGOLAMENTO (CE) N. 1774/2002 DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO REGOLAMENTO (CE) N. 1774/2002 DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 3 ottobre 2002 recante norme sanitarie relative ai sottoprodotti di origine animale non destinati al consumo umano IL PARLAMENTO

Dettagli

SANCO/10098/2006 Rev. 1

SANCO/10098/2006 Rev. 1 IT SANCO/10098/2006 Rev. 1 IT IT COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE GUIDA ALL INTERPRETAZIONE DEL REGOLAMENTO 1774/2002/CE DOMANDE INERENTI ALLE ISPEZIONI DELL UFFICIO ALIMENTARE E VETERINARIO NEGLI STATI

Dettagli

Il Regolamento CE 1774 /2002. I rapporti con la normativa ambientale

Il Regolamento CE 1774 /2002. I rapporti con la normativa ambientale Il Regolamento CE 1774 /2002 I rapporti con la normativa ambientale Gli obiettivi del Regolamento 1774 Nel documento preliminare COM/2000/0574 definitivo: Collegamento con la normativa ambientale Creazione

Dettagli

La gestione dei sottoprodotti di origine animale non destinati al consumo umano

La gestione dei sottoprodotti di origine animale non destinati al consumo umano La gestione dei sottoprodotti di origine animale non destinati al consumo umano Gaetano Manzone 1.- Il regolamento 1774/2002/CE sui sottoprodotti di origine animale Il Regolamento 1774/2002/CE (d ora innanzi

Dettagli

Farine animali. Comprendono tutti i sottoprodotti derivanti dalla lavorazione di carne, pesce e latte.

Farine animali. Comprendono tutti i sottoprodotti derivanti dalla lavorazione di carne, pesce e latte. Farine animali Comprendono tutti i sottoprodotti derivanti dalla lavorazione di carne, pesce e latte. Vengono impiegate in virtù per il loro elevato livello di aminoacidi e minerali ma sono anche ricche

Dettagli

Digestato da rifiuti e da matrici agricole

Digestato da rifiuti e da matrici agricole Ravenna 2012 Workshop I CIC Consorzio Italiano Compostatori Ravenna, 27 settembre 2012 Digestato da rifiuti e da matrici agricole Lorella ROSSI C.R.P.A. - Reggio Emilia, Comitato Tecnico CIC DIGESTIONE

Dettagli

Trattandosi di un semplice strumento di documentazione, esso non impegna la responsabilità delle istituzioni

Trattandosi di un semplice strumento di documentazione, esso non impegna la responsabilità delle istituzioni 2011R0142 IT 14.12.2012 002.001 1 Trattandosi di un semplice strumento di documentazione, esso non impegna la responsabilità delle istituzioni B REGOLAMENTO (UE) N. 142/2011 DELLA COMMISSIONE del 25 febbraio

Dettagli

Controllo ufficiale nei sottoprodotti di O.A. Attività di vigilanza ed etichettatura

Controllo ufficiale nei sottoprodotti di O.A. Attività di vigilanza ed etichettatura Controllo ufficiale nei sottoprodotti di O.A. Attività di vigilanza ed etichettatura Genova 02/07/2014 1 L' obiettivo: Semplificazione o complicazione...? 2 PRESUPPOSTI DEL REG. CE/ 1069/ 2009 Lo smaltimento

Dettagli

MINISTERO SVILUPPO ECONOMICO CONTRATTI DI PROGRAMMA

MINISTERO SVILUPPO ECONOMICO CONTRATTI DI PROGRAMMA Eurocrea Consulting MINISTERO SVILUPPO ECONOMICO CONTRATTI DI PROGRAMMA Ministero Sviluppo Economico La proposta di contratto di programma per la realizzazione di un programma di investimenti industriali

Dettagli

(Testo rilevante ai fini del SEE) (2001/190/CE)

(Testo rilevante ai fini del SEE) (2001/190/CE) L 67/88 DECISIONE DELLA COMMISSIONE dell'8 marzo 2001 che modifica la decisione 2001/172/CE recante misure di protezione contro l'afta epizootica nel Regno Unito [notificata con il numero C(2001) 720]

Dettagli

Obblighi ed Adempimenti dei Produttori Primari. Relatore: Dr. Pierluigi Conte

Obblighi ed Adempimenti dei Produttori Primari. Relatore: Dr. Pierluigi Conte Obblighi ed Adempimenti dei Produttori Primari Relatore: Dr. Pierluigi Conte Concetto di produzione a Tutte le operazioni effettuate sui prodotti a condizione che questi non subiscano alterazioni sostanziali

Dettagli

ANCORA ENERGIE RINNOVABILI : BIOMASSA E BIOGAS

ANCORA ENERGIE RINNOVABILI : BIOMASSA E BIOGAS ANCORA ENERGIE RINNOVABILI : BIOMASSA E BIOGAS di Avv. Rosa Bertuzzi Quando si affronta l istituto delle energie rinnovabili riguardanti l utilizzazione delle risorse dell'agricoltura spesso di genera

Dettagli

DECISIONI COMMISSIONE

DECISIONI COMMISSIONE L 206/10 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 7.8.2007 II (Atti adottati a norma dei trattati CE/Euratom la cui pubblicazione non è obbligatoria) DECISIONI COMMISSIONE DECISIONE DELLA COMMISSIONE del

Dettagli

ALLEGATO «ALLEGATO I GLOSSARIO

ALLEGATO «ALLEGATO I GLOSSARIO ALLEGATO «ALLEGATO I GLOSSARIO NA Numero di assegnazione (un numero assegnato arbitrariamente ad una particolare merce che figurerà in quanto tale sul certificato). Controllo fino a destinazione Capitolo

Dettagli

dr.ssa Francesca Di Prisco Dir. Medico Veterinario Sez. Avellino IZSM

dr.ssa Francesca Di Prisco Dir. Medico Veterinario Sez. Avellino IZSM dr.ssa Francesca Di Prisco Dir. Medico Veterinario Sez. Avellino IZSM Normativa comunitaria in materia di sicurezza alimentare Fin dalla sua costituzione l UE ha attribuito molta importanza all attività

Dettagli

RICHIESTA DI REGISTRAZIONE

RICHIESTA DI REGISTRAZIONE Al Ministero della Sanità Ufficio Veterinario per gli Adempimenti Comunitari Compartimento: VENETO RICHIESTA DI REGISTRAZIONE In data odierna, presso l'ufficio per gli Adempimenti Comunitari del Compartimento

Dettagli

IL CONTROLLO UFFICIALE: EVIDENZE DI DUE ANNI DI AUDIT. Roberto Moschi ASL1 imperiese S.C.Igiene Alimenti Origine Animale Bussana 12 giugno 2009

IL CONTROLLO UFFICIALE: EVIDENZE DI DUE ANNI DI AUDIT. Roberto Moschi ASL1 imperiese S.C.Igiene Alimenti Origine Animale Bussana 12 giugno 2009 IL CONTROLLO UFFICIALE: EVIDENZE DI DUE ANNI DI AUDIT Roberto Moschi ASL1 imperiese S.C.Igiene Alimenti Origine Animale Bussana 12 giugno 2009 REG. 854 /04 CE stabilisce norme specifiche per l'organizzazione

Dettagli

Gazzetta ufficiale delle Comunità europee

Gazzetta ufficiale delle Comunità europee L 53/25 DECISIONE DELLA COMMISSIONE del 21 febbraio 2001 recante Unito [notificata con il numero C(2001) 474] (Testo rilevante ai fini del SEE) (2001/145/CE) LA COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE, visto

Dettagli

L impresa al servizio dell ambiente

L impresa al servizio dell ambiente L impresa al servizio dell ambiente www.novatech-srl.it Chi è Novatech S.r.l. Novatech S.r.l. è una società di servizi alle aziende che opera dall anno 2000 nei settori della raccolta, trasporto, recupero

Dettagli

La macellazione, la trasformazione e la sanità degli alimenti: la normativa e gli adempimenti di legge. Progetto INFO(PAC)K: la PAC informa

La macellazione, la trasformazione e la sanità degli alimenti: la normativa e gli adempimenti di legge. Progetto INFO(PAC)K: la PAC informa Progetto INFO(PAC)K: la PAC informa La macellazione, la trasformazione e la sanità degli alimenti: la normativa e gli adempimenti di legge A cura di Raffaella Branciari Sommario La sicurezza delle carni

Dettagli

CONTROLLO UFFICIALE NEI SOTTOPRODOTTI DI ORIGINE ANIMALE

CONTROLLO UFFICIALE NEI SOTTOPRODOTTI DI ORIGINE ANIMALE CONTROLLO UFFICIALE NEI SOTTOPRODOTTI DI ORIGINE ANIMALE Genova, 2 luglio 2014 Fare clic per modificare lo stile del sottotitolo dello schema Le vostre domande e le nostre risposte Per alcune di esse,

Dettagli

Incentivi e uso dei sottoprodotti: Presente e futuro del quadro normativo italiano

Incentivi e uso dei sottoprodotti: Presente e futuro del quadro normativo italiano CIBO ED ENERGIA L USO SOSTENIBILE DI SOTTOPRODOTTI E COLTURE DEDICATE Incentivi e uso dei sottoprodotti: Presente e futuro del quadro normativo italiano Sofia Mannelli Presidente Chimica Verde Bionet 1

Dettagli

Università degli Studi di Perugia Facoltà di Ingegneria Corso di laurea specialistica in Ingegneria Meccanica

Università degli Studi di Perugia Facoltà di Ingegneria Corso di laurea specialistica in Ingegneria Meccanica Università degli Studi di Perugia Facoltà di Ingegneria Corso di laurea specialistica in Ingegneria Meccanica Corso di Impatto ambientale Modulo Pianificazione Energetica a.a. 2012/13 Prof. Ing. Francesco

Dettagli

Il controllo dei prodotti di origine animale. Possibili scenari introdotti dalla nuova normativa europea

Il controllo dei prodotti di origine animale. Possibili scenari introdotti dalla nuova normativa europea Il controllo dei prodotti di origine animale. Possibili scenari introdotti dalla nuova normativa europea Igino Andrighetto Direttore Generale Istituto Zooprofilattico Sperimentale delle Venezie. Professore

Dettagli

Il Percorso al Biometano

Il Percorso al Biometano www.biogasmax.eu Biogasmax Training 1 Il Percorso al Biometano STEFANO PROIETTI ISTITUTO DI STUDI PER L INTEGRAZIONE DEI SISTEMI Biogasmax Training 2 Struttura della presentazione Raccolta dei rifiuti;

Dettagli

Giornate seminariali in materia AMBIENTALE Il DLGS 152/2006 e le altre norme ambientali Approfondimenti

Giornate seminariali in materia AMBIENTALE Il DLGS 152/2006 e le altre norme ambientali Approfondimenti Giornate seminariali in materia AMBIENTALE Il DLGS 152/2006 e le altre norme ambientali Approfondimenti A cure dal Dott. Bernardino Albertazzi Giurista Ambientale ORGANIZZAZIONE E COORDINAMENTO A cura

Dettagli

BIOGAS: CENNI NORMATIVI

BIOGAS: CENNI NORMATIVI BIOGAS: CENNI NORMATIVI RELATORE: avv. Federico Manzalini DEFINIZIONE DI BIOGAS E una miscela di vari tipi di gas prodotti dalla fermentazione batterica di residui organici provenienti da rifiuti vegetali

Dettagli

REGOLAMENTO (UE) N. 722/2012 DELLA COMMISSIONE

REGOLAMENTO (UE) N. 722/2012 DELLA COMMISSIONE 9.8.2012 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 212/3 REGOLAMENTO (UE) N. 722/2012 DELLA COMMISSIONE dell 8 agosto 2012 relativo ai requisiti particolari per quanto riguarda i requisiti di cui alle direttive

Dettagli

Fertilizzazione con digestato da effluenti suini: aspetti agronomici ed igienico sanitari

Fertilizzazione con digestato da effluenti suini: aspetti agronomici ed igienico sanitari Seminario tecnico Fertilizzazione con digestato da effluenti suini: aspetti agronomici ed igienico sanitari Allevamento suinicolo sostenibile Monticelli Terme (PR), 9 settembre 2015 Lorella Rossi, Centro

Dettagli

Università degli Studi di Perugia. Ing. Andrea Nicolini La situazione energetica italiana

Università degli Studi di Perugia. Ing. Andrea Nicolini La situazione energetica italiana Università degli Studi di Perugia Ing. Andrea Nicolini La situazione energetica italiana 2 La situazione energetica italiana Domanda e offerta di energia Consumi di energia Fonti Energetiche Rinnovabili

Dettagli

Le energie rinnovabili nel contesto agro-zootecnico: analisi normativa e d investimento per impianti fotovoltaici e a biomasse/biogas

Le energie rinnovabili nel contesto agro-zootecnico: analisi normativa e d investimento per impianti fotovoltaici e a biomasse/biogas Centro per lo sviluppo del polo di Cremona Le energie rinnovabili nel contesto agro-zootecnico: analisi normativa e d investimento per impianti fotovoltaici e a biomasse/biogas Centro per lo sviluppo del

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute DIREZIONE GENERALE DELLA SANITA ANIMALE E DEI FARMACI VETERINARI Ufficio VIII DGSAF-Coordinamento PIF-UVAC LINEE GUIDA SUL REGOLAMENTO DI ESECUZIONE (UE) 2015/329 RECANTE DEROGA

Dettagli

Le fonti rinnovabili nel panorama energetico italiano

Le fonti rinnovabili nel panorama energetico italiano Sansepolcro,, 24 Ottobre 2009 Le fonti rinnovabili nel panorama energetico italiano Iacopo Magrini Università degli Studi di Firenze Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni iacopo.magrini@unifi.it

Dettagli

PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA IMPIANTI ALIMENTATI DA FONTI ENERGETICHE RINNOVABILI

PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA IMPIANTI ALIMENTATI DA FONTI ENERGETICHE RINNOVABILI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA IMPIANTI ALIMENTATI DA FONTI ENERGETICHE RINNOVABILI Registro Imprese Camera di commercio di Torino 1 PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA IMPIANTI ALIMENTATI DA FONTI

Dettagli

PNAA biennio 2006-2007- Esami condotti nella Regione Lazio sui mangimi per animali destinati alla produzione di derrate alimentari Bovini da latte

PNAA biennio 2006-2007- Esami condotti nella Regione Lazio sui mangimi per animali destinati alla produzione di derrate alimentari Bovini da latte CONTROLLI NELLA FILIERA ALIMENTARE PER LA RICERCA DI RESIDUI DI SOSTANZE INDESIDERATE DA PARTE DEI SERVIZI DI SANITA PUBBLICA VETERINARIA DELLA REGIONE LAZIO Le diossine sono un gruppo di 210 sostanze

Dettagli

Decreto Legislativo 6 novembre 2007, n. 193

Decreto Legislativo 6 novembre 2007, n. 193 Decreto Legislativo 6 novembre 2007, n. 193 "Attuazione della direttiva 2004/41/CE relativa ai controlli in materia di sicurezza alimentare e applicazione dei regolamenti comunitari nel medesimo settore"

Dettagli

PRODUZIONE DI BIOGAS DA BIOMASSE DI SCARTO

PRODUZIONE DI BIOGAS DA BIOMASSE DI SCARTO PRODUZIONE DI BIOGAS DA BIOMASSE DI SCARTO CLAUDIO COCOZZA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BARI La digestione anaerobica è un processo biologico per mezzo del quale, in assenza di ossigeno, la sostanza organica

Dettagli

Modello di domanda di variazione produttiva ( Sezione e/o Attività e/o Prodotto) comportante modifica dell'atto di Riconoscimento dello stabilimento

Modello di domanda di variazione produttiva ( Sezione e/o Attività e/o Prodotto) comportante modifica dell'atto di Riconoscimento dello stabilimento La presente istanza, comprensiva degli allegati, è presentata in tre copie. (1 copia per Suap, 1 copia per AUSL e 1 copia viene restituita per ricevuta). Marca da Bollo Modello B.4 Modello di domanda di

Dettagli

c. la nozione di sottoprodotto e i suoi requisiti (tra cui sottoprodotti di origine animale destinati ad impianti a biogas)

c. la nozione di sottoprodotto e i suoi requisiti (tra cui sottoprodotti di origine animale destinati ad impianti a biogas) Le criticità della normativa per la raccolta e la gestione dei rifiuti in agricoltura:dal deposito temporaneo alla combustione controllata dei residui agricoli a cura MATTEO MILANESI peragrinsieme Reggio

Dettagli

A LA FORMAZIONE DEGLI ALIMENTARISTI IN REGIONE TOSCANA

A LA FORMAZIONE DEGLI ALIMENTARISTI IN REGIONE TOSCANA Allegato A LA FORMAZIONE DEGLI ALIMENTARISTI IN REGIONE TOSCANA (in attuazione della L.R. n. 24/2003, art. 2 e dei Regolamenti (CE) N. 852/2004 e 853/2004) 1 1. Premessa La formazione degli alimentaristi

Dettagli

LA STRUTTURA DEL BUSINESS PLAN IMPIANTO BIOMASSA

LA STRUTTURA DEL BUSINESS PLAN IMPIANTO BIOMASSA IMPIANTO BIOMASSA Decreto Legislativo 28/2011 ed in particolare l art. 2 definisce in dettaglio la biomassa come: "la parte biodegradabile dei prodotti, rifiuti e residui di origine biologica provenienti

Dettagli

Il recupero della frazione organica della raccolta differenziata. I numeri del sistema. Valeria Frittelloni Andrea M. Lanz

Il recupero della frazione organica della raccolta differenziata. I numeri del sistema. Valeria Frittelloni Andrea M. Lanz Il recupero della frazione organica della raccolta differenziata. I numeri del sistema Valeria Frittelloni Andrea M. Lanz Comunicazioni della Commissione Europea Comunicazione della Commissione al Consiglio

Dettagli

Il quadro normativo per gli impianti di biogas da effluenti zootecnici

Il quadro normativo per gli impianti di biogas da effluenti zootecnici CORSO: IL BIOGAS DA EFFLUENTI ZOOTECNICI Reggio Emilia, 15 Dicembre 2011 Il quadro normativo per gli impianti di biogas da effluenti zootecnici Lorella ROSSI Centro Ricerche Produzioni Animali - Reggio

Dettagli

IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI. Note informative ed operative

IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI. Note informative ed operative IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI Note informative ed operative aprile 2013 INDICE pag. - PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA IMPIANTI FOTOVOLTAICI.. 1 - Impianti installati

Dettagli

Convegno Accredia ISS EURLP

Convegno Accredia ISS EURLP Convegno Accredia ISS EURLP I laboratori che effettuano prove per individuare la presenza di Trichinella nelle carni in conformità alla norma UNI CEI EN ISO/IEC 17025 Aspetti normativi in tema di controllo

Dettagli

Marco Caliceti. 24/01/2011 - ENEA Roma BIOCARBURANTI: RECEPIMENTO DELLA DIRETTIVA 28/2009 E SVILUPPO DEL SETTORE

Marco Caliceti. 24/01/2011 - ENEA Roma BIOCARBURANTI: RECEPIMENTO DELLA DIRETTIVA 28/2009 E SVILUPPO DEL SETTORE Marco Caliceti Ottobre 2010. Ampia convergenza sul documento: Indicazioni per lo sviluppo della Filiera Biogas biometano, Italia 2020 CRPA Centro Ricerche Produzioni Animali Confagricoltura ITABIA CIA

Dettagli

Gli Interventi di forestazione e crediti di CO2 sul mercato volontario

Gli Interventi di forestazione e crediti di CO2 sul mercato volontario Gli Interventi di forestazione e crediti di CO2 sul mercato volontario FORLENER 2011 Biella Piero Pelizzaro Responsabile Cooperazione Internazionale Kyoto Club Biomassa Comprende la legna contabilizzata

Dettagli

Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER)

Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER) Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER) Maurizio Gualtieri ENEA UTTS 0161-483370 Informazioni: eventienea_ispra@enea.it 14 maggio 2014 - ISPRA Sommario

Dettagli

Decisione n. 2000/418/CE

Decisione n. 2000/418/CE Decisione n. 2000/418/CE della Commissione, del 29 giugno 2000, che disciplina l'impiego di materiale a rischio per quanto concerne le encefalopatie spongiformi trasmissibili e modifica la decisione 94/474/CE.

Dettagli

PARAMETRI IGIENICO-SANITARI DEL LATTE BOVINO: PROBLEMATICHE CONNESSE CON IL IL CONTROLLO E L AUTOCONTROLLO

PARAMETRI IGIENICO-SANITARI DEL LATTE BOVINO: PROBLEMATICHE CONNESSE CON IL IL CONTROLLO E L AUTOCONTROLLO PARAMETRI IGIENICO-SANITARI DEL LATTE BOVINO: PROBLEMATICHE CONNESSE CON IL IL CONTROLLO E L AUTOCONTROLLO Reggio Emilia, 21-22 aprile 2010 Bologna, 19-20 maggio 2010 Dr.ssa Lucia Nocera Servizio Veterinario

Dettagli

Impianti a combustione alimentati a grassi animali e oli vegetali. Quadro generale Angela Soriani U.O. Attività Veterinarie Azienda USL di Ferrara

Impianti a combustione alimentati a grassi animali e oli vegetali. Quadro generale Angela Soriani U.O. Attività Veterinarie Azienda USL di Ferrara Impianti a combustione alimentati a grassi animali e oli vegetali Quadro generale Angela Soriani U.O. Attività Veterinarie Azienda USL di Ferrara Oli vegetali energia da fonte rinnovabile Oli vegetali

Dettagli

ESPERIENZE E PROSPETTIVE PER IL MERCATO DEGLI AMMENDANTI COMPOSTATI NELLA PROVINCIA DI ROMA LE NORMATIVE SUI COMPOST

ESPERIENZE E PROSPETTIVE PER IL MERCATO DEGLI AMMENDANTI COMPOSTATI NELLA PROVINCIA DI ROMA LE NORMATIVE SUI COMPOST ESPERIENZE E PROSPETTIVE PER IL MERCATO DEGLI AMMENDANTI COMPOSTATI NELLA PROVINCIA DI ROMA LE NORMATIVE SUI COMPOST Ordine dei Dottori Agronomi e dei Dottori Forestali della Provincia di Roma Roma, 20.09.2011

Dettagli

Allegato A LINEE DI INDIRIZZO RELATIVE ALL ATTIVITA DI MACELLAZIONE DI ANIMALI EFFETTUATA PER IL CONSUMO DOMESTICO PRIVATO DELLE CARNI

Allegato A LINEE DI INDIRIZZO RELATIVE ALL ATTIVITA DI MACELLAZIONE DI ANIMALI EFFETTUATA PER IL CONSUMO DOMESTICO PRIVATO DELLE CARNI Allegato A LINEE DI INDIRIZZO RELATIVE ALL ATTIVITA DI MACELLAZIONE DI ANIMALI EFFETTUATA PER IL CONSUMO DOMESTICO PRIVATO DELLE CARNI INDICE Capo 1. Macellazione di ovini secondo rito religioso presso

Dettagli

Progetto Formativo MACROAREA AGROAMBIENTALE

Progetto Formativo MACROAREA AGROAMBIENTALE Progetto: MISURA 111 Azione 1 Formazione- Pacchetto Formativo Misto Ambito: Programma di Sviluppo Rurale Regione Sicilia 2007-2013 Sede: GANGI Corso di formazione per ESPERTO AGROAMBIENTALE Progetto Formativo

Dettagli

Piano Energetico Cantonale. Schede settoriali. Produzione di energia termica P.8. Biomassa scarti organici P.8

Piano Energetico Cantonale. Schede settoriali. Produzione di energia termica P.8. Biomassa scarti organici P.8 Biomassa scarti organici 97 Situazione attuale Con il termine «scarti organici» ci si riferisce a sostanze di origine organica, animale o vegetale. È possibile classificare tali sostanze in funzione delle

Dettagli

NOTIFICA - SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA (SCIA) ART. 6 REG. CE 852/2004 PER IMPRESE ALIMENTARI CHE OPERANO IN SEDE FISSA

NOTIFICA - SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA (SCIA) ART. 6 REG. CE 852/2004 PER IMPRESE ALIMENTARI CHE OPERANO IN SEDE FISSA NOTIFICA - SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA (SCIA) ART. 6 REG. CE 852/2004 PER IMPRESE ALIMENTARI CHE OPERANO IN SEDE FISSA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 23.12.2010 N. 21-1278 PER I SEGUENTI

Dettagli

INFORMATIVA 01/2009. Incentivazione della produzione di energia elettrica da biomasse e biogas

INFORMATIVA 01/2009. Incentivazione della produzione di energia elettrica da biomasse e biogas INFORMATIVA 01/2009 Incentivazione della produzione di energia elettrica da biomasse e biogas Realizzato da: TIS Area Energia & Ambiente Data: Bolzano, 06/08/2009 Indice 1 Introduzione... 3 2 Incentivazione

Dettagli

Norme per la disciplina dei fertilizzanti 10ª edizione

Norme per la disciplina dei fertilizzanti 10ª edizione Marino Perelli Norme per la disciplina dei fertilizzanti 10ª edizione giugno 2010 ARVAN Mira-Venezia Copyright 1994 1998 by Marino Perelli (1ª 4ª edizione) Copyright 2000 2009 by Arvan s.r.l. (5ª 9ª edizione)

Dettagli

Attività di produzione primaria: (Riquadro 2)

Attività di produzione primaria: (Riquadro 2) Denuncia di inizio attività ai fini della registrazione ai sensi dell art. 6 del Regolamento CE n. 852/2004 e dell art. 10 della Delibera del Presidente della Giunta Regionale Toscana n. 40/R del 01/ agosto

Dettagli

1. Operatore del settore alimentare

1. Operatore del settore alimentare Spazio per apporre il timbro di protocollo Allegato 2 alla D.G.R. 79-7605 del 26/11/2007 Data Prot. Al Comune di.. Oggetto: Denuncia di inizio attività (D.I.A.) ai sensi art. 6 Reg. CE 852/2004 (da presentare

Dettagli

Le potenzialità energetiche della filiera del biometano nella Provincia di Treviso. 7 febbraio 2014

Le potenzialità energetiche della filiera del biometano nella Provincia di Treviso. 7 febbraio 2014 Le potenzialità energetiche della filiera del biometano nella Provincia di Treviso 7 febbraio 2014 Indice Principali aspetti del decreto biometano Le potenzialità della filiera della provincia di Treviso

Dettagli

Buone pratiche di produzione di insaccati e prodotti lavorati pronti al consumo

Buone pratiche di produzione di insaccati e prodotti lavorati pronti al consumo Buone pratiche di produzione di insaccati e prodotti lavorati pronti al consumo Prevenire la listeriosi Potenza, 31 ottobre 2013 Dr.ssa Carla Brienza Dr.ssa Nunzia Damiani Nel 2012 sono state 3436 le notifiche

Dettagli

Pacchetto igiene. Schede di orientamento della normativa comunitaria per l igiene e la sicurezza alimentare nelle aziende agricole

Pacchetto igiene. Schede di orientamento della normativa comunitaria per l igiene e la sicurezza alimentare nelle aziende agricole Pacchetto igiene Schede di orientamento della normativa comunitaria per l igiene e la sicurezza alimentare nelle aziende agricole INDICE L evoluzione della normativa comunitaria in materia di sicurezza

Dettagli

LE POSSIBILI FILIERE DEL BIOGAS

LE POSSIBILI FILIERE DEL BIOGAS 10 marzo 2009 Università degli Studi di Teramo Facoltà di Agraria - Mosciano Sant Angelo Regione Abruzzo ARAEN LE POSSIBILI FILIERE DEL BIOGAS Diego Gallo AIEL - ASSOCIAZIONE ITALIANA ENERGIE AGROFORESTALI

Dettagli

Rilascio autorizzazioni per l'importazione di animali, prodotti di origine animale e mangimi

Rilascio autorizzazioni per l'importazione di animali, prodotti di origine animale e mangimi Standard qualitativi dei servizi erogati Allegato al DM 13/02/2014 del Rilascio autorizzazioni per l'importazione di animali, prodotti di origine animale e mangimi DIPARTIMENTO DELLA SANITA PUBBLICA VETERINARIA,

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute Dipartimento per la Sanità Pubblica Veterinaria, la Nutrizione e la Sicurezza degli Alimenti (ex Uff. XI bis DGSVA) N. Risposta al Foglio del N e p.c. Roma prot. n.45950-p-i8da9/1

Dettagli

DISCIPLINARE. Uova di gallina ovaiola con accesso all'aperto

DISCIPLINARE. Uova di gallina ovaiola con accesso all'aperto Qualità con indicazione di origine "Marchio di qualità Südtirol/Alto Adige" DISCIPLINARE per il settore Uova di gallina ovaiola con accesso all'aperto Decreto Presidente della Provincia n. 55 del 04.02.2014

Dettagli

Ispezione degli alimenti di origine animale. Possibili scenari introdotti dalla nuova normativa europea

Ispezione degli alimenti di origine animale. Possibili scenari introdotti dalla nuova normativa europea Ispezione degli alimenti di origine animale Possibili scenari introdotti dalla nuova normativa europea Procedure HACCP (Decreto legislativo 155/1997) Tali misure interessavano tutte le fasi successive

Dettagli

Cittadinanza Sesso M F Codice Fiscale _. Residenza: Comune Provincia. Via/Piazza N C.A.P. Tel. Cell

Cittadinanza Sesso M F Codice Fiscale _. Residenza: Comune Provincia. Via/Piazza N C.A.P. Tel. Cell ATTIVITA DI PRODUZIONE TRASFORMAZIONE, SOMMINISTRAZIONE, VENDITA DI ALIMENTI SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA ai sensi dell art. 6 del Reg. Europeo 852/2004 AL SERVIZIO IGIENE ALIMENTI E NUTRIZIONE

Dettagli

Oggetto: Denuncia di Inizio attività (D.I.A.) ai sensi dell art. 6 del Reg. (CE) 852/2004 (Allegato B DDR n. 140 del 5.3.2008)

Oggetto: Denuncia di Inizio attività (D.I.A.) ai sensi dell art. 6 del Reg. (CE) 852/2004 (Allegato B DDR n. 140 del 5.3.2008) Pag. 1 di 7 Al Sig. Direttore UOC Veterinaria Area B (Igiene degli Alimenti di Origine Animale) Az.ULSS n.12 Dipartimento di Prevenzione P.le San Lorenzo Giustiniani, 11/d 30174 Zelarino Venezia (VE) Modello

Dettagli

MODULO 2A Alla REGIONE ABRUZZO Direzione Politiche della Salute Servizio Sanità veterinaria e sicurezza alimentare Via Conte di Ruvo, 74-65127 PESCARA

MODULO 2A Alla REGIONE ABRUZZO Direzione Politiche della Salute Servizio Sanità veterinaria e sicurezza alimentare Via Conte di Ruvo, 74-65127 PESCARA MODULO 2A Servizio Sanità veterinaria e sicurezza alimentare OGGETTO: Istanza di riconoscimento ai sensi del Regolamento (CE) n. 852/2004 n. 853/2004 ALTRO Il sottoscritto. Cod. Fiscale I I I I I I I I

Dettagli

PIANO DI CONTROLLO DELLE TEMPERATURE DEGLI ALIMENTI DA MANTENERE IN REGIME DI TEMPERATURA CONTROLLATA IN FASE DI VENDITA AL DETTAGLIO Anno 2012

PIANO DI CONTROLLO DELLE TEMPERATURE DEGLI ALIMENTI DA MANTENERE IN REGIME DI TEMPERATURA CONTROLLATA IN FASE DI VENDITA AL DETTAGLIO Anno 2012 PIANO DI CONTROLLO DELLE TEMPERATURE DEGLI ALIMENTI DA MANTENERE IN REGIME DI TEMPERATURA CONTROLLATA IN FASE DI VENDITA AL DETTAGLIO Anno 2012 PREMESSA La U.O. Veterinaria ha disposto nel 2011 il piano

Dettagli

ALLEGATOB alla Dgr n. 478 del 07 aprile 2015 pag. 1/10

ALLEGATOB alla Dgr n. 478 del 07 aprile 2015 pag. 1/10 giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATOB alla Dgr n. 478 del 07 aprile 2015 pag. 1/10 RICOGNIZIONE DELL OPERATIVITÀ DELLO SPORTELLO UNICO ATTIVITÀ PRODUTTIVE (SUAP) NELL AMBITO DEGLI ADEMPIMENTI DEI DIPARTIMENTI

Dettagli

Ordinanza del DFE sul controllo dell importazione e del transito di animali e prodotti animali

Ordinanza del DFE sul controllo dell importazione e del transito di animali e prodotti animali Ordinanza del DFE sul controllo dell importazione e del transito di animali e prodotti animali (Ordinanza sui controlli OITE) 916.443.106 del 16 maggio 2007 (Stato 1 novembre 2008) Il Dipartimento federale

Dettagli

ELENCO DELLE PRESTAZIONI

ELENCO DELLE PRESTAZIONI TARIFFARIO PER LE PRESTAZIONI DI IGIENE E SANITA' PUBBLICA VETERINARIA RELATIVE ALLE FUNZIONI ELENCATE DALLA L.R. 23 AGOSTO 1983 N 25, ESPLETATI, A FAVORE DI ENTI E PRIVATI DALL'AREA DI SANITA' PUBBLICA

Dettagli

IL SISTEMA DI CONTROLLO E L ITER DI CERTIFICAZIONE IN AGRICOLTURA BIOLOGICA Camera di Commercio di Pisa 30/09/2011

IL SISTEMA DI CONTROLLO E L ITER DI CERTIFICAZIONE IN AGRICOLTURA BIOLOGICA Camera di Commercio di Pisa 30/09/2011 IL SISTEMA DI CONTROLLO E L ITER DI CERTIFICAZIONE IN AGRICOLTURA BIOLOGICA Camera di Commercio di Pisa 30/09/2011 RIFERIMENTI NORMATIVI REGOLAMENTO (CE) N. 834/2007 DEL CONSIGLIO del 28 giugno 2007 RELATIVO

Dettagli

NORMATIVA DI RIFERIMENTO

NORMATIVA DI RIFERIMENTO LINEE GUIDA PER LA L ESECUZIONE DEI CONTROLLI TESI A GARANTIRE LA SICUREZZA ALIMENTARE NELL AMBITO DELLA PRODUZIONE E IMMISSIONE SUL MERCATO DEL LATTE DESTINATO AL TRATTAMENTO TERMICO E ALLA TRASFORMAZIONE

Dettagli

Società Agricola F.lli Piva. Lavoriamo per aggiungere qualità alla perfezione della natura

Società Agricola F.lli Piva. Lavoriamo per aggiungere qualità alla perfezione della natura Società Agricola F.lli Piva Lavoriamo per aggiungere qualità alla perfezione della natura L Azienda La Società Agricola F.lli Piva S.S., conosciuta con il proprio marchio commerciale UOVA DI FATTORIA è

Dettagli

MECCANISMO DI CONTROLLO DELLA VENDITA AI CLIENTI FINALI DI

MECCANISMO DI CONTROLLO DELLA VENDITA AI CLIENTI FINALI DI DCO 26/09 MECCANISMO DI CONTROLLO DELLA VENDITA AI CLIENTI FINALI DI ENERGIA ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI Documento per la consultazione Mercato di incidenza: energia elettrica 27 luglio 2009 Premessa

Dettagli

POSSIBILITA DI SEMPLIFICAZIONE NELL APPLICAZIONE DEL METODO HACCP E PROBLEMI APPLICATIVI

POSSIBILITA DI SEMPLIFICAZIONE NELL APPLICAZIONE DEL METODO HACCP E PROBLEMI APPLICATIVI Alberto Mancuso POSSIBILITA DI SEMPLIFICAZIONE NELL APPLICAZIONE DEL METODO HACCP E PROBLEMI APPLICATIVI Modena, 30 settembre 2004 Alberto Mancuso Le possibilità di semplificazione nell applicazione del

Dettagli

ORDINANZA CONTINGIBILE ED URGENTE RIGUARDANTE LO SMALTIMENTO DELLE CARCASSE DI ANIMALI MORTI NELLE AZIENDE ZOOTECNICHE. IL SINDACO

ORDINANZA CONTINGIBILE ED URGENTE RIGUARDANTE LO SMALTIMENTO DELLE CARCASSE DI ANIMALI MORTI NELLE AZIENDE ZOOTECNICHE. IL SINDACO COMUNE DI BALLAO Piazza E. Lussu n.3 ~ 09040 Ballao (Cagliari) ~ Tel.070/957319 ~ Fax 070/957187 C.F. n.80001950924 ~ P.IVA n.00540180924 ~ c/c p. n.16649097 Ordinanza n.18 del 27/08/2013 OGGETTO: ORDINANZA

Dettagli

La Regione Piemonte e la politica europea: gli indirizzi locali per il rispetto delle direttive comunitarie

La Regione Piemonte e la politica europea: gli indirizzi locali per il rispetto delle direttive comunitarie Il trattamento della frazione organica dei rifiuti urbani: sfide locali e globali - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - La Regione Piemonte e la politica europea:

Dettagli

Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili

Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili Beneficiari Riferimenti normativi Finalità dello strumento Regime transitorio Impianti, alimentati da fonti rinnovabili diverse da quella

Dettagli

Indirizzo c.a.p Località. Prov... Telefono:..Fax: e-mail:... Legale Rappresentante:... Codice fiscale / partita I.V.A.:...

Indirizzo c.a.p Località. Prov... Telefono:..Fax: e-mail:... Legale Rappresentante:... Codice fiscale / partita I.V.A.:... Verbale di Ispezione Operatore del Settore dei Mangimi/Laboratorio In data...alle ore... il/i sottoscritto/i : Nome. n del.. ALLEGATO 2 Qualifica/Ente di appartenenza............. Ha/Hanno effettuato un

Dettagli

Piano di autocontrollo alimentare secondo il sistema HACCP con indicazioni di corretta prassi igienica ESEMPIO STAMPA. Edizione Descrizione Data

Piano di autocontrollo alimentare secondo il sistema HACCP con indicazioni di corretta prassi igienica ESEMPIO STAMPA. Edizione Descrizione Data Manuale H.A.C.C.P (ai sensi del Reg. CE 852/2004) Piano di autocontrollo alimentare secondo il sistema HACCP con indicazioni di corretta prassi igienica LOGO AZIENDALE AZIENDA ESEMPIO Indirizzo: Via, 8

Dettagli

(OITE-CUE) del... Requisiti formali per i certificati sanitari I requisiti formali per i certificati sanitari sono elencati nellʼallegato 2.

(OITE-CUE) del... Requisiti formali per i certificati sanitari I requisiti formali per i certificati sanitari sono elencati nellʼallegato 2. Ordinanza del DFI sul controllo dellʼimportazione, del transito e dellʼesportazione di animali e prodotti animali nel traffico con Stati membri dellʼue, Islanda e Norvegia (OITE-CUE) del... Il Dipartimento

Dettagli

MANUALE DI GESTIONE GOVERNO QUOTIDIANO DEGLI ANIMALI

MANUALE DI GESTIONE GOVERNO QUOTIDIANO DEGLI ANIMALI MANUALE DI GESTIONE Breve descrizione del canile (fabbricati: box, locali accessori). Modalità di approvvigionamento idrico e smaltimento reflui animali. Individuazione responsabile generale (titolare)

Dettagli

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2014-20

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2014-20 PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2014-20 Misura 4 Investimenti in immobilizzazioni materiali Sottomisura 4.1. Sostegno a investimenti nelle aziende agricole Tipo di operazione 4.1.2 Investimenti in aziende

Dettagli

Osservazioni sull atto comunitario n. 180

Osservazioni sull atto comunitario n. 180 Osservazioni sull atto comunitario n. 180 1. CONTESTO DELLA PROPOSTA Cap. 1.4 Coerenza con altre politiche Si segnala in positivo come la norma di settore si inquadri nel contesto più generale di politiche

Dettagli

Impianto di compostaggio anaerobico

Impianto di compostaggio anaerobico Impianto di compostaggio anaerobico la valorizzazione dei rifiuti organici, ecologicamente ed economicamente affidabile, permette di produrre compost di qualità e biogas a CO 2 neutrale per la generazione

Dettagli

RUOLO DEL VETERINARIO NEL MINISTERO DELLA SALUTE

RUOLO DEL VETERINARIO NEL MINISTERO DELLA SALUTE RUOLO DEL VETERINARIO NEL MINISTERO DELLA SALUTE CASISTICA SULLE IMPORTAZIONI INTRODOTTE PRESSO IL PIF DI LIVORNO DR. SSA ROSELLINA SBRANA MIN. DELLA SALUTE PIF LIVORNO PERUGIA, 24 APRILE 2015 PIF: POSTO

Dettagli

VETERINARIA, LA NUTRIZIONE E LA SICUREZZA DEGLI ALIMENTI

VETERINARIA, LA NUTRIZIONE E LA SICUREZZA DEGLI ALIMENTI Ministero della Salute DIPARTIMENTO PER LA SANITÀ PUBBLICA VETERINARIA, LA NUTRIZIONE E LA SICUREZZA DEGLI ALIMENTI DIREZIONE GENERALE DELLA SICUREZZA ALIMENTARE E NUTRIZIONE Uff. VII IL REGOLAMENTO (CE)

Dettagli

Data inizio : 2014-01-01 Prezzo per partecipante : 60 EUR Località : Da definire

Data inizio : 2014-01-01 Prezzo per partecipante : 60 EUR Località : Da definire Data inizio : 2014-01-01 Prezzo per partecipante : 60 EUR Località : Da definire DATE, ORARI E SEDI Il corso sarà attivato al raggiungimento del numero minimo di partecipanti con date, orari e sedi DA

Dettagli

Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico

Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico Marco Glisoni Maria Lisa Procopio Incontro formativo Progetto APE settembre 2014 Il Piano d Azione Nazionale per il GPP Piano d azione per la

Dettagli

PRODUZIONE PRIMARIA E SICUREZZA ALIMENTARE

PRODUZIONE PRIMARIA E SICUREZZA ALIMENTARE PRODUZIONE PRIMARIA E SICUREZZA ALIMENTARE Tecnico Della Prevenzione Lazzaro Dott. Alessandro (Servizio Igiene degli alimenti e della Nutrizione Aulss n 13 Mirano-VE) Verona 03/02/2012 Quadro normativo

Dettagli

IMPIANTI DI DISTRIBUZIONE DEI GAS MEDICINALI E DEL VUOTO

IMPIANTI DI DISTRIBUZIONE DEI GAS MEDICINALI E DEL VUOTO IV Conferenza Nazionale sui Dispositivi Medici IMPIANTI DI DISTRIBUZIONE DEI GAS MEDICINALI E DEL VUOTO La Norma UNI EN ISO 7396-1 Ing. Carlo M. Giaretta Commissione Tecnica U4204 dell UNI Apparecchi per

Dettagli