OBIETTIVI DEL INDAGINE FASI

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "OBIETTIVI DEL INDAGINE FASI"

Transcript

1 Iniziativa Comunitaria EQUAL PROGETTO T.R.E.N.O. Tradurre le Risorse Endogene delle aree rurali in Nuova Occupazione Il settore della fruizione dei beni culturali nel territorio Empolese - Valdelsa - Indagine conoscitiva a cura di Mecenate 90 - Montaione 7 novembre

2 OBIETTIVI DEL INDAGINE Fornire elementi conoscitivi per l individuazione di possibili ambiti d intervento professionale e/o imprenditoriale, nel settore della fruizione dei beni culturali e ambientali e del turismo culturale nel territorio Empolese-Valdelsa FASI Per ottenere un quadro aggiornato sulla condizione dei servizi turistici relativi alla fruizione culturale dell area, è stata condotta un indagine sui musei e sui beni culturali del territorio, articolata in 6 fasi: 1. Censimento dei musei attraverso guidistica turistica accreditata 2. Selezione dei beni culturali di maggiore interesse 3. Individuazione di un panel di testimoni privilegiati 4. Realizzazione di un questionario per la raccolta dati 5. Somministrazione del questionario ai testimoni privilegiati 6. Raccolta ed elaborazione dei dati per la stesura del rapporto finale. 2

3 METODOLOGIA IL QUESTIONARIO L indagine è stata effettuata attraverso un questionario composto da: - 8 domande per la conoscenza dello stato e del livello dei servizi per la fruizione dei musei e dei beni culturali -4 domande per la raccolta di valutazioni di carattere generale sul mercato turistico-culturale. I TESTIMONI PRIVILEGIATI I destinatari sono stati individuati tra i responsabili delle strutture museali attive e dei beni culturali aperti alla pubblica fruizione. A integrazione dell indagine tramite questionario, sono state realizzate anche alcune interviste telefoniche ad uffici ed operatori turistici locali. AMBITO TERRITORIALE L ambito geografico di osservazione ha riguardato gli 11 comuni che costituiscono il Circondario Empolese-Valdelsa, nel quale sono compresi i 4 3 comuni oggetto delle azioni di T.R.E.N.O.: Castelfiorentino, Certaldo, Gambassi Terme e Montaione.

4 BENI CULTURALI LA CONSISTENZA Nel circondario sono stati individuati 15 beni culturali di rilevante interesse, di cui 7 collocati nei comuni dell area T.R.E.N.O. Tra questi spicca la Gerusalemme di San Vivaldo, dichiarata monumento nazionale. LA FUNZIONALITA, GLI STANDARD DI GESTIONE E DI SERVIZIO La fruibilità dei beni è di buon livello, solo 2 strutture sono, al momento, chiuse. La funzionalità presenta forti disomogeneità tra i giorni e gli orari d apertura al pubblico, dei beni di proprietà pubblica e quelli di proprietà privata. 4

5 MUSEI LA CONSISTENZA L offerta museale è costituita da 19 musei ( case-museo, collezioni, ecc.), dei quali 8 collocati nei comuni dell area interessata al progetto T.R.E.N.O. La proprietà è principalmente pubblica, e solo in piccola parte ecclesiastica e privata. LA FRUIBILITA, LA FUNZIONALITA ED IL PERSONALE ADDETTO La fruibilità dei musei è molto buona, solo 2 sono momentaneamente chiusi. La funzionalità, anche in questo caso, risulta essere fortemente disomogenea, a causa di orari d apertura molto differenti tra loro. Quasi tutti i musei si avvalgono della collaborazione di personale esterno retribuito, o di volontari, o di entrambi contemporaneamente. 5

6 MUSEI GLI STRUMENTI DI SUPPORTO ALLA VISITA Sono presenti in maniera diffusa materiali di supporto: depliant, guide brevi e cataloghi. I SERVIZI DIDATTICI Tutti i musei sono in grado di fornire servizi di visita guidata su prenotazione, molti organizzano anche attività didattiche e d intrattenimento all interno, mentre solo una minoranza dispone di audioguide a noleggio. I SERVIZI AGGIUNTIVI Il servizio aggiuntivo più diffuso è il bookshop. L INTEGRAZIONE Le strutture museali hanno raggiunto un buon livello di integrazione con le realtà locali, testimoniato soprattutto dalla presenza di 2 reti museali: - Le Terre del Rinascimento - Il Sistema Museale della Valdelsa Fiorentina. 6

7 PUNTI DI FORZA DEL SISTEMA DOTAZIONI CULTURALI E AMBIENTALI 1. Presenza di un articolata gamma di risorse artistiche, architettoniche e archeologiche, alcune delle quali di rilevante potenziale attrattivo 2. Elevata qualità ambientale e presenza di un paesaggio attraente e ben conservato. POTENZIALITA E VANTAGGI COMPETITIVI 1. Posizionamento iniziale rispetto alle fasi del ciclo di vita della destinazione 2. Esistenza di esperienze già evolute nella gestione dei sistemi museali 3. Vicinanza di un grande attrattore come il Museo di VINCI 4. Presenza di progetti culturali in corso di realizzazione 5. Posizione geograficamente strategica rispetto al restante territorio toscano 6. Potenzialità di crescita delle componenti soft dell offerta turistica. 7

8 PUNTI DI DEBOLEZZA L INDAGINE HA MESSO IN EVIDENZA DELLE CRITICITA LEGATE ALL EROGAZIONE DI SERVIZI DI INTERESSE TURISTICO, RISPETTO ALLE QUALI E POSSIBILE FORMULARE ALCUNE IPOTESI SI INTERVENTO. SPERIMENTAZIONI LOCALI DEL PROGETTO T.R.E.N.O. 8

9 IPOTESI DI AMBITI DI INTERVENTO La possibilità di individuare nuovi spazi lavorativi direttamente collegati alla gestione dei servizi museali appare piuttosto remota, a causa di una situazione complessivamente satura. Risultano invece suscettibili di sviluppo le attività, in ambito privato, atte a rappresentare un supporto, un aiuto o uno stimolo al turismo culturale. In particolare, possono essere prese in considerazione figure professionali, con riferimento: all aggregazione di prodotti e servizi turistici; alla gestione di servizi per la mobilità; all animazione del territorio; alla valorizzazione e promozione dei prodotti tipici. Le ipotesi di intervento possono essere orientate: 1. all incremento delle figure professionali indipendenti; 2. alla costituzione di nuove aziende; 3. all aumento delle competenze di coloro che sono già inseriti nel mondo 9 del lavoro.

10 IPOTESI DI AMBITO D INTERVENTOD 1 ESERCIZIO DI ATTIVITA INDIVIDUALI ACCOMPAGNATORE TURISTICO 10

11 IPOTESI DI AMBITO D INTERVENTOD 2 NOLEGGIO MEZZI DI TRASPORTO COSTITUZIONE DI NUOVE AZIENDE AGENZIA DI SERVIZI TURISTICI 11

12 IPOTESI DI AMBITO D INTERVENTOD 3 STRUTTURE RICETTIVE AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE DEGLI ADDETTI ANIMAZIONE DEL TERRITORIO 12

ANALISI E MAPPATURA DEL TERRITORIO: PRINCIPALI RISULTATI

ANALISI E MAPPATURA DEL TERRITORIO: PRINCIPALI RISULTATI ANALISI E MAPPATURA DEL TERRITORIO: PRINCIPALI RISULTATI ATTIVITA DI CONSULENZA PER LA DETERMINAZIONE DI AZIONI RIVOLTE ALLO SVILUPPO DI POLITICHE GESTIONALI DEI BENI CULTURALI, NELL AMBITO DEL PROGETTO

Dettagli

Ricerca di marketing sull attrattività turistica della Sicilia

Ricerca di marketing sull attrattività turistica della Sicilia Ricerca di marketing sull attrattività turistica della Sicilia www.attrattivitasicilia.com Presentazione dei risultati della ricerca Palermo, 31 maggio 2012 Obiettivi dello studio individuare e analizzare

Dettagli

Scheda PASL Azioni di valorizzazione dei Centri Commerciali Naturali

Scheda PASL Azioni di valorizzazione dei Centri Commerciali Naturali Scheda PASL 1.2.3.1 - Azioni di valorizzazione dei Centri Commerciali Naturali ASSE STRATEGICO DI INTERVENTO DEL PROTOCOLLO D INTESA Asse 1 Sistema delle imprese, dell'innovazione e dei beni culturali;

Dettagli

Gli obiettivi e le strategie di EQUAL TRENO

Gli obiettivi e le strategie di EQUAL TRENO Iniziativa Comunitaria EQUAL PROGETTO T.R.E.N.O. Tradurre le Risorse Endogene delle aree rurali in Nuova Occupazione Il Piano di lavoro locale 1 Dr. Piero Garavelli (C.I.O.F.S. F.P. TOSCANA) Gli obiettivi

Dettagli

#2 di 8. Novese, Gaviese, Tortonese e Valli del Giarolo

#2 di 8. Novese, Gaviese, Tortonese e Valli del Giarolo STATI GENERALI del TURISMO per il PIEMONTE verso la stesura di un piano strategico #2 di 8. Novese, Gaviese, Tortonese e Valli del Giarolo Novi Ligure Museo dei Campionissimi Martedì 20 e mercoledì e 21

Dettagli

CONVENZIONE PER LO SVOLGIMENTO IN FORMA UNIFICATA DELLA FORMAZIONE DEL PERSONALE DIPENDENTE DEI COMUNI DEL CIRCONDARIO EMPOLESE VALDELSA

CONVENZIONE PER LO SVOLGIMENTO IN FORMA UNIFICATA DELLA FORMAZIONE DEL PERSONALE DIPENDENTE DEI COMUNI DEL CIRCONDARIO EMPOLESE VALDELSA CONVENZIONE PER LO SVOLGIMENTO IN FORMA UNIFICATA DELLA FORMAZIONE DEL PERSONALE DIPENDENTE DEI COMUNI DEL CIRCONDARIO EMPOLESE VALDELSA L'anno., il giorno del mese di., nella sede del Circondario Empolese

Dettagli

VERSO UNA NUOVA FASE DEL RICONOSCIMENTO REGIONALE DEI MUSEI DI QUALITÀ

VERSO UNA NUOVA FASE DEL RICONOSCIMENTO REGIONALE DEI MUSEI DI QUALITÀ VERSO UNA NUOVA FASE DEL RICONOSCIMENTO REGIONALE DEI MUSEI DI QUALITÀ IBC X IL SISTEMA MUSEI DELL'EMILIA- ROMAGNA Margherita Sani Bologna, 2 dicembre 2016 Atto di indirizzo 2001 2000 Standard per i musei

Dettagli

Servizio Civile - bando ordinario 2017 Progetti di servizio civile nazionale

Servizio Civile - bando ordinario 2017 Progetti di servizio civile nazionale Servizio Civile - bando ordinario 207 Progetti di servizio civile nazionale ENTE AREA DI INTERVENTO AMBITO TERRITORIALE DI REALIZZAZIONE Ambientale Assistenziale x Promozione culturale FAENZA - RIOLO TERME

Dettagli

Interreg IV Italia Austria Progetto n TransMuseum Rete museale transfrontaliera per la promozione dello sviluppo sostenibile

Interreg IV Italia Austria Progetto n TransMuseum Rete museale transfrontaliera per la promozione dello sviluppo sostenibile Interreg IV Italia Austria 2007-2013 Progetto n. 3741 TransMuseum Rete museale transfrontaliera per la promozione dello sviluppo sostenibile I PARTNER LP Comunità Montana Centro Cadore P1 - Regione del

Dettagli

RICERCA E IDEE PER LA RIGENERAZIONE URBANA

RICERCA E IDEE PER LA RIGENERAZIONE URBANA 24 marzo 2014 RICERCA E IDEE PER LA RIGENERAZIONE URBANA LE EX AREE MILITARI TRA VALORIZZAZIONE CULTURALE E PIANIFICAZIONE STRATEGICA Silvia Mirandola S T R U T T U R A D E L L A R I C E R C A B A C K

Dettagli

MATERA - 19 LUGLIO 2016

MATERA - 19 LUGLIO 2016 Incentivi per la nascita e la crescita di MPMI, anche del terzo settore, della filiera culturale. MATERA - 19 LUGLIO 2016 Museo Nazionale d Arte Medievale e Moderna della Basilicata Palazzo Lanfranchi

Dettagli

REPORT ANALITICO SUL PUBBLICO DELLA MOSTRA

REPORT ANALITICO SUL PUBBLICO DELLA MOSTRA REPORT ANALITICO SUL PUBBLICO DELLA MOSTRA Indagine realizzata da Alfredo Valeri con Nilde Marchitto per il Centro Studi G. Imperatori Luglio 2013 1. Obiettivi e metodologia La rilevazione è stata svolta

Dettagli

Visioni per Vercelli 2020

Visioni per Vercelli 2020 Visioni per Vercelli 2020 Premessa. Presentazione e metodologia Le Visioni per Vercelli2020 derivano da un elaborazione di dati e risultanze a partire da: - analisi dei lavori dei 5 tavoli tematici e del

Dettagli

Il ruolo della ricerca nel progetto TRENO. Roberto Polidori

Il ruolo della ricerca nel progetto TRENO. Roberto Polidori Il ruolo della ricerca nel progetto TRENO Roberto Polidori Borgo Iano (Montaione), 7 novembre 2003 L obiettivo della ricerca nel progetto TRENO è: Sperimentare una metodologia capace di mettere in evidenza

Dettagli

Sommario del questionario

Sommario del questionario Sommario del questionario NOTE ALLA COMPILAZIONE... 1 1. Il bene culturale/sito oggetto di intervento... 2 1.1 Accessibilità al bene culturale/sito... 2 1.2 Accoglienza e Servizi ai visitatori... 3 1.3

Dettagli

Webinar. Una ipotesi di Piano di sviluppo culturale: la segmentazione della domanda dei visitatori

Webinar. Una ipotesi di Piano di sviluppo culturale: la segmentazione della domanda dei visitatori PON GOVERNANCE E AZIONI DI SISTEMA 2007-2013 ASSE E - PIANO FORMEZ 2013 Progetto pilota Revisione dei processi e riorganizzazione di una struttura territoriale del ministero dei beni e delle attività culturali

Dettagli

OBIETTIVO OPERATIVO: a.1. A. Realizzare attività di studio e ricerca per la valorizzazione della realtà museale catanese

OBIETTIVO OPERATIVO: a.1. A. Realizzare attività di studio e ricerca per la valorizzazione della realtà museale catanese OBIETTIVO OPERATIVO: a.1 A. Realizzare attività di studio e ricerca per la valorizzazione della realtà museale catanese C OCOD D 2005 2 Obiettivo operatico a.1. Studio e proposte di intervento per la valorizzazione

Dettagli

TECNICO NEI SERVIZI DI ANIMAZIONE DEL TEMPO LIBERO

TECNICO NEI SERVIZI DI ANIMAZIONE DEL TEMPO LIBERO TECNICO NEI SERVIZI DI ANIMAZIONE DEL 19 TECNICO NEI SERVIZI DI ANIMAZIONE DEL DESCRIZIONE SINTETICA Il Tecnico dei servizi di animazione e del tempo libero è in grado di organizzare attività di svago

Dettagli

Presentazione dei risultati del questionario online Partecipo anche io

Presentazione dei risultati del questionario online Partecipo anche io Processo Partecipativo per il Piano Strategico della Città Metropolitana di Firenze Presentazione dei risultati del questionario online Partecipo anche io 11 ottobre 2016 Palazzo Medici Riccardi Firenze

Dettagli

GAL GIAROLO LEADER. Animazione degli attori locali per la programmazione PSR 2007/13 MISURA 431 2b

GAL GIAROLO LEADER. Animazione degli attori locali per la programmazione PSR 2007/13 MISURA 431 2b GAL GIAROLO LEADER Animazione degli attori locali per la programmazione 2014-2020 PSR 2007/13 MISURA 431 2b L attività svolta dal GAL Giarolo nel periodo di programmazione 2007/2013 Piano Finanziario Rispetto

Dettagli

Città Metropolitana di Firenze

Città Metropolitana di Firenze CONVENZIONE PER LA GESTIONE DEL SISTEMA MUSEALE UNICO DELL EMPOLESE VALDELSA DENOMINATO MUSEO DIFFUSO EMPOLESE VALDELSA In data della Vittoria, 54. presso l'unione dei Comuni del Circondario Empolese Valdelsa,

Dettagli

Valorizzare il patrimonio culturale: verso la creazione di sistemi culturali locali

Valorizzare il patrimonio culturale: verso la creazione di sistemi culturali locali Piano d azione: I beni culturali come volano della crescita economica e sociale del territorio Area ARTE E CULTURA Bando senza scadenza: Valorizzare il patrimonio culturale: verso la creazione di sistemi

Dettagli

LE TERRE DEL RINASCIMENTO

LE TERRE DEL RINASCIMENTO LE TERRE DEL RINASCIMENTO [CRISTINA BORGIOLI] Il sistema è istituito in maniera informale nel dicembre del 1994, quando viene creato il biglietto unico per il Museo della Collegiata di Empoli, il Museo

Dettagli

PROGETTO EDEN 3 DESTINAZIONI EUROPEE DI ECCELLENZA TURISMO E AREE PROTETTE SCHEDA PER LA PRESENTAZIONE DELLA CANDIDATURA SOGGETTO PROPONENTE

PROGETTO EDEN 3 DESTINAZIONI EUROPEE DI ECCELLENZA TURISMO E AREE PROTETTE SCHEDA PER LA PRESENTAZIONE DELLA CANDIDATURA SOGGETTO PROPONENTE PROGETTO EDEN 3 DESTINAZIONI EUROPEE DI ECCELLENZA TURISMO E AREE PROTETTE SCHEDA PER LA PRESENTAZIONE DELLA CANDIDATURA SOGGETTO PROPONENTE.......... CONTATTO: TEL. FAX MAIL:.. SITO INTERNET. La destinazione

Dettagli

Report sullo stato dell accessibilità ai musei delle Marche

Report sullo stato dell accessibilità ai musei delle Marche IL MUSEO DI TUTTI E PER TUTTI Riflessioni per rendere i musei marchigiani accessibili e accoglienti ANCONA, Mercoledì 5 Novembre 2014 ore 15 Report sullo stato dell accessibilità ai musei delle Marche

Dettagli

Il contesto della presentazione odierna

Il contesto della presentazione odierna Indagine sulla potenzialità delle ville come fattori di attrattiva turistica i Prof. Francesco di Cesare Villa Contarini, Piazzola sul Brenta 29 ottobre 2009 PROGETTO STL INTERREGIONALE Valorizzazione

Dettagli

Legacoop NuorOgliastra

Legacoop NuorOgliastra Legacoop NuorOgliastra Sviluppo Rurale Alessandro Dadea Sviluppo rurale Meno del 10% degli occupati, nelle aree rurali, opera in agricoltura. Nell Europa a 25, il 13% dell occupazione è agricola. In molte

Dettagli

Primi risultati del IX Censimento dell industria e servizi anno 2011

Primi risultati del IX Censimento dell industria e servizi anno 2011 COMUNE DI FAENZA SETTORE SVILUPPO ECONOMICO E POLITICHE EUROPEE Servizio Aziende comunali, Servizi pubblici e Statistica Primi risultati del IX Censimento dell industria e servizi anno 2011 Edizione 1/ST/st/07.10.2013

Dettagli

BORGHI E TURISMO IL CASO BANDIERE ARANCIONI TOURING

BORGHI E TURISMO IL CASO BANDIERE ARANCIONI TOURING BORGHI E TURISMO IL CASO BANDIERE ARANCIONI TOURING 18 Ottobre 2012 Isabella Andrighetti Area Campagne e Programmi Territoriali Touring Club Italiano bandiere.arancioni@touringclub.it Tel. 02.8526828 Il

Dettagli

Presentazione dello studio: Turismo Accessibile e Piemonte for All. Indagine sulla percezione di Tour Operator Nazionali e Internazionali

Presentazione dello studio: Turismo Accessibile e Piemonte for All. Indagine sulla percezione di Tour Operator Nazionali e Internazionali Convegno Internazionale Dal Piemonte all Europa: potenzialità e opportunità del mercato del turismo accessibile Presentazione dello studio: Turismo Accessibile e Piemonte for All. Indagine sulla percezione

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA (Allegato 1) SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE 1) Ente proponente il progetto: COMUNE DI SCORRANO 2) Codice di accreditamento: NZ03235 3) Albo e classe di iscrizione:

Dettagli

SportTurismo Toscana GLI STAKEHOLDER DEL TURISMO SPORTIVO: ALCUNE EVIDENZE EMPIRICHE IN TOSCANA DOTT.SSA ANNA ROMITI

SportTurismo Toscana GLI STAKEHOLDER DEL TURISMO SPORTIVO: ALCUNE EVIDENZE EMPIRICHE IN TOSCANA DOTT.SSA ANNA ROMITI SportTurismo Toscana GLI STAKEHOLDER DEL TURISMO SPORTIVO: ALCUNE EVIDENZE EMPIRICHE IN TOSCANA DOTT.SSA ANNA ROMITI 16 DICEMBRE 2015 CONI TOSCANA - FIRENZE OBIETTIVO DEL PROGETTO IDENTIFICARE LE CATEGORIE

Dettagli

Marketing territoriale Valtiberina: sintesi risultati della seconda parte. febbraio 2009

Marketing territoriale Valtiberina: sintesi risultati della seconda parte. febbraio 2009 Marketing territoriale Valtiberina: sintesi risultati della seconda parte febbraio 2009 OBIETTIVI Analizzare i flussi turistici; Approfondire il mercato turismo di Valtiberina; Determinare le variabili

Dettagli

Capitolo I La definizione del problema e il quadro di riferimento teorico: il territorio sistema vitale

Capitolo I La definizione del problema e il quadro di riferimento teorico: il territorio sistema vitale Indice Introduzione 11 Gli autori 17 Parte Prima - IL PROBLEMA DI RICERCA Capitolo I La definizione del problema e il quadro di riferimento teorico: il territorio sistema vitale 1. Ricognizione del concetto

Dettagli

Carta della qualità dei servizi

Carta della qualità dei servizi MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO Museo della Certosa di Pavia Certosa di Pavia (Pavia) Carta della qualità dei servizi 2016 CHE COS È LA CARTA DELLA QUALITÀ DEI SERVIZI I. PRESENTAZIONE

Dettagli

MISURA 2.1 PROMOZIONE E VALORIZZAZIONE INTEGRATA DEL SISTEMA DEI

MISURA 2.1 PROMOZIONE E VALORIZZAZIONE INTEGRATA DEL SISTEMA DEI MISURA 2.1 PROMOZIONE E VALORIZZAZIONE INTEGRATA DEL SISTEMA DEI BENI CULTURALI Asse prioritario di riferimento: Risorse Culturali Fondo strutturale interessato: FESR Settore di intervento: Risorse culturali

Dettagli

IL FEDERALISMO DEMANIALE APPLICATO AL PATRIMONIO CULTURALE

IL FEDERALISMO DEMANIALE APPLICATO AL PATRIMONIO CULTURALE La valorizzazione degli immobili pubblici: opportunità per il territorio venerdì 6 marzo 2015 Palazzo Medici Riccardi Firenze Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo Dott.ssa Vera Valitutto,

Dettagli

CIEFFE SERVIZI IMPRESE SRL

CIEFFE SERVIZI IMPRESE SRL CIEFFE SERVIZI IMPRESE SRL I FABBISOGNI FORMATIVI NELLA PROVINCIA DI GROSSETO Analisi sulle esigenze formative delle imprese e dei lavoratori della Provincia di Grosseto Premessa La presente indagine,

Dettagli

Allegato C Richiesta di contributo per musei ed ecomusei di rilevanza regionale Anno 2018

Allegato C Richiesta di contributo per musei ed ecomusei di rilevanza regionale Anno 2018 Allegato C Richiesta di contributo per musei ed ecomusei di rilevanza regionale Anno 2018 Domanda per l assegnazione del contributo annuale (anno 2018) ai musei ed ecomusei di rilevanza regionale che abbiano

Dettagli

Campania, Basilicata, Calabria, Puglia e Sicilia conservazione dei beni culturali potenziamento del sistema delle attività legate alla fruizione

Campania, Basilicata, Calabria, Puglia e Sicilia conservazione dei beni culturali potenziamento del sistema delle attività legate alla fruizione Il Programma Operativo Nazionale (PON) Cultura e Sviluppo (FESR) 2014-2020 è un programma di interventi finalizzato alla tutela, alla valorizzazione e allo sviluppo delle aree di attrazione culturale delle

Dettagli

REANET PROGETTO DI SERVIZIO DI CATALOGAZIONE CENTRALIZZATA PER LE BIBLIOTECHE COMUNALI ADERENTI ALLA RETE INTERBIBLIOTECARIA REANET

REANET PROGETTO DI SERVIZIO DI CATALOGAZIONE CENTRALIZZATA PER LE BIBLIOTECHE COMUNALI ADERENTI ALLA RETE INTERBIBLIOTECARIA REANET REANET PROGETTO DI SERVIZIO DI CATALOGAZIONE CENTRALIZZATA PER LE BIBLIOTECHE COMUNALI ADERENTI ALLA RETE INTERBIBLIOTECARIA REANET La rete REA.net, nata nel 1996 per la condivisione delle informazioni

Dettagli

Consiglio Regionale della Puglia LEGGE REGIONALE 11 GIUGNO 2018, N. 24

Consiglio Regionale della Puglia LEGGE REGIONALE 11 GIUGNO 2018, N. 24 LEGGE REGIONALE 11 GIUGNO 2018, N. 24 Interventi per la promozione del turismo culturale sul territorio regionale in occasione dell'evento 'Matera capitale europea della cultura 2019 2 LEGGE REGIONALE

Dettagli

REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA

REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA SETTORE ECONOMICO PROFESSIONALE 1 SERVIZI CULTURALI E DI SPETTACOLO Processo Tutela, valorizzazione, conservazione e gestione dei beni

Dettagli

P.S.R REGIONE PUGLIA

P.S.R REGIONE PUGLIA P.S.R. 2014 2020 REGIONE PUGLIA VERSO il PAL PIANO di AZIONE LOCALE 2014 2020 PAL 2014 2020 1 Dott. Pasquale Lorusso Direttore Gal Terre di Murgia GAL PSR 2014 2020 Il PSR prevede che per la definizione

Dettagli

UNIONE DEI COMUNI CIRCONDARIO EMPOLESE VALDELSA - FONDO AFFITTI ANNO 2017 GRADUATORIA PROVVISORIA - ESCLUSI

UNIONE DEI COMUNI CIRCONDARIO EMPOLESE VALDELSA - FONDO AFFITTI ANNO 2017 GRADUATORIA PROVVISORIA - ESCLUSI Allegato D UNIONE DEI COMUNI CIRCONDARIO EMPOLESE VALDELSA - FONDO AFFITTI ANNO 2017 GRADUATORIA PROVVISORIA - ESCLUSI N. prog. Comune N. Protocollo Motivo di esclusione 1 CAPRAIA E LIMITE 20730/2017 incidenza

Dettagli

LA RIFORMA DEGLI ORDINAMENTI SCOLASTICI IN EMILIA-ROMAGNA Piano Regionale

LA RIFORMA DEGLI ORDINAMENTI SCOLASTICI IN EMILIA-ROMAGNA Piano Regionale 1 LA RIFORMA DEGLI ORDINAMENTI SCOLASTICI IN EMILIA-ROMAGNA Piano Regionale di COMUNICAZIONE, FORMAZIONE, RICERCA, MONITORAGGIO Anno scolastico 2004/2005 2 GRUPPO REGIONALE DI REGIA MONITORAGGIO OSSERVATORIO

Dettagli

RISULTATI DELL INDAGINE CONOSCITIVA SULLA DIDATTICA MUSEALE NELLA REGIONE PIEMONTE

RISULTATI DELL INDAGINE CONOSCITIVA SULLA DIDATTICA MUSEALE NELLA REGIONE PIEMONTE RISULTATI DELL INDAGINE CONOSCITIVA SULLA DIDATTICA MUSEALE NELLA REGIONE PIEMONTE A cura di Anna Maria Quagliato Direzione Regionale Beni Culturali Settore Musei e Patrimonio culturale Presento oggi i

Dettagli

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA. (Artt. 46 e 47 del D.P.R. 445 del 28 dicembre 2000) Il sottoscritto, nato a il residente a (Prov.

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA. (Artt. 46 e 47 del D.P.R. 445 del 28 dicembre 2000) Il sottoscritto, nato a il residente a (Prov. Mod.1-2014-Musei DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA (Artt. 46 e 47 del D.P.R. 445 del 28 dicembre 2000) Il sottoscritto, nato a il residente a (Prov. di ) Via/Piazza nella sua qualità di in riferimento alla richiesta

Dettagli

Museo/Area Archeologica. Questionario

Museo/Area Archeologica. Questionario Museo/Area Archeologica Questionario Gentile utente, Le chiediamo di dedicare alcuni minuti del Suo tempo per rispondere alle domande proposte e per formulare, se lo ritiene opportuno, suggerimenti e osservazioni.

Dettagli

costituendo GalMolise Rurale

costituendo GalMolise Rurale costituendo GalMolise Rurale MISURA 19 APPROCCIO LEADER - SSL STRATEGIA DI SVILUPPO LOCALE Burm n.19 del 24/05/2016 ISERNIA 21.costituendo Gal Molise Rurale 1 M19 Aree rurali M19 - BASE GIURIDICA Schema

Dettagli

Il Centro di Alta Formazione del DTC

Il Centro di Alta Formazione del DTC Il Centro di Alta Formazione del DTC Giovanni Fiorentino Università degli studi della Tuscia Marilena Maniaci Università degli studi di Cassino e del Lazio meridionale La rete A partire dal 2014 2015 cinque

Dettagli

PRIMO COLLOQUIO SULLA VALORIZZAZIONE Esperienza, partecipazione, gestione

PRIMO COLLOQUIO SULLA VALORIZZAZIONE Esperienza, partecipazione, gestione Il sistema informativo sul pubblico dei luoghi della cultura statali Primi risultati dell indagine Sara Parca sara.parca@beniculturali.it Il sistema informativo sul pubblico dei luoghi della cultura statali

Dettagli

REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA

REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA QUALIFICAZIONE PROFESSIONALE Denominazione qualificazione Tecnico della valorizzazione e promozione dei beni e delle attività culturali

Dettagli

Governare il tempo per uno sviluppo sostenibile del territorio

Governare il tempo per uno sviluppo sostenibile del territorio Governare il tempo per uno sviluppo sostenibile del territorio PRESENTAZIONE DELLA RICERCA 24 Marzo 2007 1 1. Il progetto L intervento Governare il tempo per uno sviluppo sostenibile del territorio ha

Dettagli

23/05/ :56:05 Pagina 1 di 5

23/05/ :56:05 Pagina 1 di 5 Denominazione Figura / Profilo / Obiettivo Tecnico di accoglienza turistica Edizione 2016 Professioni NUP/ISTAT correlate 3.4.1.4.0 - Agenti di viaggio 3.4.1.1.0 - Tecnici delle attività ricettive e professioni

Dettagli

IL TURISMO IN LOMBARDIA

IL TURISMO IN LOMBARDIA IL TURISMO IN LOMBARDIA 1 Polit iche r egionali in m at er ia di t ur ism o e at t r at t ivit à del t er r it or io lom bar do IL TURISMO TRASVERSALE A MOLTI SETTORI 2 Polit iche r egionali in m at er

Dettagli

PERCORSI PER LE COMPETENZE TRASVERSALI E L ORIENTAMENTO (PCTO) INDIRIZZO TURISMO RUTELLI A.S. 2018/2019

PERCORSI PER LE COMPETENZE TRASVERSALI E L ORIENTAMENTO (PCTO) INDIRIZZO TURISMO RUTELLI A.S. 2018/2019 PERCORSI PER LE COMPETENZE TRASVERSALI E L ORIENTAMENTO (PCTO) INDIRIZZO TURISMO RUTELLI A.S. 2018/2019 Finalità dei PCTO (L.107/2015 - L.145/2018) Rafforzare il raccordo tra scuola e mondo del lavoro,

Dettagli

Allegato C Richiesta di contributo per musei ed ecomusei di rilevanza regionale Anno 2019

Allegato C Richiesta di contributo per musei ed ecomusei di rilevanza regionale Anno 2019 Allegato C Richiesta di contributo per musei ed ecomusei di rilevanza regionale Anno 2019 Domanda per l assegnazione del contributo annuale (anno 2019) ai musei ed ecomusei di rilevanza regionale che abbiano

Dettagli

Processo partecipativo per il Piano Strategico della Città Metropolitana di Firenze. Avventura Urbana, 29 ottobre 2015

Processo partecipativo per il Piano Strategico della Città Metropolitana di Firenze. Avventura Urbana, 29 ottobre 2015 Processo partecipativo per il Piano Strategico della Città Metropolitana di Firenze Avventura Urbana, 29 ottobre 2015 Durata e fasi del processo il percorso di partecipazione dura 6-9 mesi, da oggi alla

Dettagli

I FABBISOGNI DEL TURISMO PUGLIESE. Sintesi del sondaggio. Novembre 2006

I FABBISOGNI DEL TURISMO PUGLIESE. Sintesi del sondaggio. Novembre 2006 I FABBISOGNI DEL TURISMO PUGLIESE Sintesi del sondaggio Novembre 0 REGIONE PUGLIA Assessorato al Turismo e Industria Alberghiera I fabbisogni del Turismo pugliese Sintesi dei risultati della ricerca REGIONE

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO TITOLO DEL PROGETTO: MUSEI PER TUTTI : VALORIZZARE LE COLLEZIONI DEI MUSEI CIVICI

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO TITOLO DEL PROGETTO: MUSEI PER TUTTI : VALORIZZARE LE COLLEZIONI DEI MUSEI CIVICI Allegato 2 Italia ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO TITOLO DEL PROGETTO: MUSEI PER TUTTI : VALORIZZARE LE COLLEZIONI DEI MUSEI CIVICI SETTORE e Area di Intervento: Settore Patrimonio Artistico e Culturale

Dettagli

5 anni di Programmazione Leader BILANCIO SOCIALE DEL GAL OGLIASTRA. Ulassai 26 febbraio 2016

5 anni di Programmazione Leader BILANCIO SOCIALE DEL GAL OGLIASTRA. Ulassai 26 febbraio 2016 5 anni di Programmazione Leader BILANCIO SOCIALE DEL GAL OGLIASTRA Ulassai 26 febbraio 2016 1 VISION Guidare il territorio Leader nello sviluppo di 4 settori chiave PRODUTTIVITA SOSTENIBILE TURISMO CULTURA

Dettagli

MATERIA: Studi economici, sociali e territoriali del turismo PROGRAMMA DIDATTICO 2017/2018

MATERIA: Studi economici, sociali e territoriali del turismo PROGRAMMA DIDATTICO 2017/2018 MATERIA: Studi economici, sociali e territoriali del turismo PROGRAMMA DIDATTICO 2017/2018 DOCENTI: Prof. Marchesoni Paolo Prof. Pascotto Sabrina CLASSI: Terze STUDI ECONOMICI, SOCIALI E TERRITORIALI DEL

Dettagli

REGOLAMENTO DEL MUSEO DELLA STORIA DEL GENOA

REGOLAMENTO DEL MUSEO DELLA STORIA DEL GENOA REGOLAMENTO DEL MUSEO DELLA STORIA DEL GENOA PREMESSA Il presente regolamento disciplina l organizzazione e il funzionamento del Museo denominato Museo della Storia del Genoa. Art. 1 DENOMINAZIONE E SEDE

Dettagli

Promozione del turismo ecologico e naturalistico

Promozione del turismo ecologico e naturalistico Attività di Ricerca a cura dell A.P.S. Celebrità nel Salento Promozione del turismo ecologico e naturalistico il valore del turismo e dell accoglienza L ascolto del territorio sulla cultura dell accoglienza

Dettagli

L anno il giorno del mese di presso la sede del.

L anno il giorno del mese di presso la sede del. CONVENZIONE TRA L UNIONE DEI COMUNI CIRCONDARIO DELL EMPOLESE VALDELDA E I COMUNI DI CAPRAIA E LIMITE, CASTELFIORENTINO, CERRETO GUIDI, CERTALDO, EMPOLI, FUCECCHIO, MONTELUPO FIORENTINO, MONTAIONE, GAMBASSI

Dettagli

Governare il tempo IV Bando l.r. 28/2004 Comune di Melzo Progetto: Melzo user friendly

Governare il tempo IV Bando l.r. 28/2004 Comune di Melzo Progetto: Melzo user friendly Governare il tempo IV Bando l.r. 28/2004 Comune di Melzo Progetto: Melzo user friendly Percorso formativo di accompagnamento III seminario Milano, 25 settembre 2013 Dalla Manifestazione d interesse al

Dettagli

: dieci anni di Piccoli Grandi Musei

: dieci anni di Piccoli Grandi Musei 2005-2014: dieci anni di Piccoli Grandi Musei Un programma di lungo periodo per la razionalizzazione, la valorizzazione e gestione in rete dell offerta culturale dei sistemi locali Network Sviluppo progetti

Dettagli

PIANO DEI SERVIZI STATO DI FATTO. Categoria Piano dei Servizi SP2.1. Funzione secondaria. Funzione accessoria. Giudizio CLASSE C (4)

PIANO DEI SERVIZI STATO DI FATTO. Categoria Piano dei Servizi SP2.1. Funzione secondaria. Funzione accessoria. Giudizio CLASSE C (4) C Localizzazione 07 Museo Precasaglio Oratorio Ex Indirizzo Via Valle delle Messi Categoria Piano dei Servizi SP2. PROPRIETA' Pubblico ente comunale VINCOLI PAESAGGISTICI VINCOLI AMMINISTRATIVI Privato

Dettagli

PROFESSIONE PSICOLOGICA E FORMAZIONE DEGLI PSICOLOGI

PROFESSIONE PSICOLOGICA E FORMAZIONE DEGLI PSICOLOGI PROFESSIONE PSICOLOGICA E FORMAZIONE DEGLI PSICOLOGI a cura di S. Di Nuovo s.dinuovo@unict.it LEGGE n.56 del 18 febbraio 1989. Ordinamento della professione di psicologo Articolo 1. Definizione della professione

Dettagli

PIANO ESECUTIVO DI GESTIONE

PIANO ESECUTIVO DI GESTIONE Direzione SERVIZI TECNICI Direttore MAZZONI MICHELE Classificazione PROPOSTA PROGETTO Art.15 c.5 CCNL 01/04/1999 Servizio Descrizione dettagliata dell'obiettivo BELLE ARTI E FABBRICA DI PALAZZO VECCHIO

Dettagli

LA RISORSA SOCIALE: COME ORGANIZZARCI PER ESSERE ATTRATTIVI? 24 gennaio 2019, Tuenno, Ville d Anaunia

LA RISORSA SOCIALE: COME ORGANIZZARCI PER ESSERE ATTRATTIVI? 24 gennaio 2019, Tuenno, Ville d Anaunia LA RISORSA SOCIALE: COME ORGANIZZARCI PER ESSERE ATTRATTIVI? 24 gennaio 2019, Tuenno, Ville d Anaunia Punto della situazione Negli incontri precedenti si è via via delineato un quadro di riferimento relativamente

Dettagli

Progetto Integrato Strategico La via delle Terme

Progetto Integrato Strategico La via delle Terme Amministrazione Provinciale di Cosenza Progetto Integrato Strategico La via delle Terme Riunione Partenariato Economico e Sociale Del 18 novembre 2009 Punti di forza e di debolezza del sistema termale

Dettagli

Promozione turistica. Coordinatore: IREALP

Promozione turistica. Coordinatore: IREALP Promozione turistica Coordinatore: IREALP Questionario (offerta turistica nelle aree pilota) Quali sono le principali attrattive turistiche del territorio? (es. sci, mare, terme, paesaggio, altro ) Dati

Dettagli

Dagli interventi sui sistemi tematici del patrimonio all implementazione dei sistemi territoriali della cultura

Dagli interventi sui sistemi tematici del patrimonio all implementazione dei sistemi territoriali della cultura Una nuova stagione per i Beni Culturali in Puglia: Interventi e risultati Dagli interventi sui sistemi tematici del patrimonio all implementazione dei sistemi territoriali della cultura Francesco Palumbo

Dettagli

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA. (Artt. 46 e 47 del D.P.R. 445 del 28 dicembre 2000) Il sottoscritto, nato a il residente a (Prov.

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA. (Artt. 46 e 47 del D.P.R. 445 del 28 dicembre 2000) Il sottoscritto, nato a il residente a (Prov. Mod.1/2013 DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA (Artt. 46 e 47 del D.P.R. 445 del 28 dicembre 2000) Il sottoscritto, nato a il residente a (Prov. di ) Via/Piazza nella sua qualità di in riferimento alla richiesta

Dettagli

Consorzio degli operatori turistici del Monte Amiata

Consorzio degli operatori turistici del Monte Amiata Consorzio degli operatori turistici del Monte Amiata ORGANIZZAZIONE DI: VIAGGI D ISTRUZIONE E PROPOSTE DIDATTICHE EVENTI E CONVEGNI SOGGIORNI PER GRUPPI ORGANIZZATI TOUR PERSONALIZZATI E SU MISURA RITIRI

Dettagli

Il turismo culturale urbano: orientamenti comunitari per un processo di sviluppo integrato

Il turismo culturale urbano: orientamenti comunitari per un processo di sviluppo integrato Lecce 23 marzo 2004 Convegno nazionale Lecce Città d arte Turismo Culturale e Nuova Imprenditorialità Assessorato al Turismo Il turismo culturale urbano: orientamenti comunitari per un processo di sviluppo

Dettagli

Linee di intervento - PON cultura e sviluppo Asse II

Linee di intervento - PON cultura e sviluppo Asse II Linee di intervento - PON cultura e sviluppo 2014-2020 Asse II Nuove Imprese dell industria culturale Per la nascita di nuove imprese di micro, piccola e media dimensione della filiera culturale e creativa

Dettagli

Interventi per la valorizzazione della murgia e della gravina che abbracciano MATERA, capitale della cultura.

Interventi per la valorizzazione della murgia e della gravina che abbracciano MATERA, capitale della cultura. Interventi per la valorizzazione della murgia e della gravina che abbracciano MATERA, capitale della cultura. L.R. 40/2016 (art. 20-21), L.R. 67/2017 (artt. 42 e 78), L.R. 68/2017. Delibera di Giunta Regionale

Dettagli

Progetto CREA Costruire reti e azioni

Progetto CREA Costruire reti e azioni LA RETE di sostegno al progetto Comune di Montelupo (Capofila) Soggetti Parteners Comuni del Circondario Empolese Valdelsa: Empoli, Fucecchio, Gambassi Terme, Cerreto Guidi, Certaldo, Castelfiorentino,

Dettagli

VERSO il WELFARE della CULTURA nella REGIONE LAZIO

VERSO il WELFARE della CULTURA nella REGIONE LAZIO VERSO il WELFARE della CULTURA nella REGIONE LAZIO Promuovere l accesso e la fruizione del patrimonio culturale costituisce un obiettivo, non solo settoriale, ma di indirizzo generale nelle scelte politiche

Dettagli

Il POR FESR dell Emilia-Romagna Paola Castellini

Il POR FESR dell Emilia-Romagna Paola Castellini Il POR FESR dell Emilia-Romagna 2014-2020 Paola Castellini La filiera della programmazione La filiera della programmazione Regolamento generale sui fondi che introduce gli obiettivi tematici Regolamento

Dettagli

I borghi più belli d Italia

I borghi più belli d Italia I borghi più belli d Italia Castelsardo, 16 giugno 2017 Fabrizio Arosio Istat Direzione centrale statistiche ambientali e territoriali I numeri dei borghi 268 Comuni 13.451 km² 4% dei Comuni non superiori

Dettagli

P.S.R REGIONE PUGLIA MISURA 19 APPROCCIO LEADER SSL STRATEGIA DI SVILUPPO LOCALE PARTECIPATA

P.S.R REGIONE PUGLIA MISURA 19 APPROCCIO LEADER SSL STRATEGIA DI SVILUPPO LOCALE PARTECIPATA P.S.R. 2014-2020 REGIONE PUGLIA MISURA 19 APPROCCIO LEADER SSL STRATEGIA DI SVILUPPO LOCALE PARTECIPATA LE AREE RURALI PUGLIESI PSR PUGLIA 2014-2020 IL COMMUNITY-LED LOCAL DEVELOPMENT : Il Community-led

Dettagli

I l n uovo c ontesto.

I l n uovo c ontesto. Fabbisogni formativi, competenze e figure professionali nella filiera beni culturali tecnologie turismo Il nuovo contesto Il settore dei beni culturali, è stato negli ultimi anni oggetto di un costante

Dettagli

UNITA DI APPRENDIMENTO N. 1

UNITA DI APPRENDIMENTO N. 1 UNITA DI APPRENDIMENTO N. 1 TITOLO U.A. ALLA SCOPERTA DEI BENI CULTURALI DEL TERRITORIO COMUNALE DI RUVO DI PUGLIA: centro storico, Museo Jatta e Cattedrale. DESTINATARI APPROCCIO METODO COMPITO PRODOTTO

Dettagli

PUNTO 6.4 ALL ORDINE DEL GIORNO:

PUNTO 6.4 ALL ORDINE DEL GIORNO: PUNTO 6.4 ALL ORDINE DEL GIORNO: ALLEGATO DGR N.357 DEL 30/04/2017 IPOTESI DI INTRODUZIONE ASSE PREVENZIONE E SOSTEGNO ALLA RIPRESA DEI TERRITORI COLPITI DAL SISMA DEL 2016 NEL POR FESR UMBRIA 2014-2020

Dettagli

RELAZIONE TECNICA. Variante all art. 23 delle Norme Tecniche di Attuazione del Piano dei Servizi del Comune di Lonato del Garda

RELAZIONE TECNICA. Variante all art. 23 delle Norme Tecniche di Attuazione del Piano dei Servizi del Comune di Lonato del Garda RELAZIONE TECNICA Variante all art. 23 delle Norme Tecniche di Attuazione del Piano dei Servizi del Comune di Lonato del Garda In riferimento all avviso di avvio del procedimento per la redazione di una

Dettagli

Presentazione dei dati

Presentazione dei dati PROGETTO INDUSTRIA E/E CULTURA IL MECENATISMO D IMPRESA NEL VENETO. CENSIMENTO DELLE INIZIATIVE Attività di censimento svolta da: Impact srl, spin-off dell Università di Padova - Il questionario è stato

Dettagli

L'enogastronomia: un volano per la crescita economica dei territori. 19 Settembre 2011

L'enogastronomia: un volano per la crescita economica dei territori. 19 Settembre 2011 L'enogastronomia: un volano per la crescita economica dei territori a cura di Flavia Maria Coccia Responsabile della direzione operativa di IS.NA.R.T. 19 Settembre 2011 ISNART S.c.p.A Chi è Clienti Istituto

Dettagli

Indice delle tavole statistiche

Indice delle tavole statistiche STATISTICHE CULTURALI. ANNI -2017 1 Indice delle tavole statistiche 1 Musei, mostre e altri luoghi della cultura Tavola 1.1 - Istituti statali di antichità e d arte, visitatori paganti e non paganti e

Dettagli

MUSEI, AREE ARCHEOLOGICHE E MONUMENTI IN PIEMONTE NEL 2015

MUSEI, AREE ARCHEOLOGICHE E MONUMENTI IN PIEMONTE NEL 2015 MUSEI, AREE ARCHEOLOGICHE E MONUMENTI IN PIEMONTE NEL 2015 I MUSEI, LE AREE ARCHEOLOGICHE E I MONUMENTI IN PIEMONTE NEL 2015 In questo documento vengono presentati in forma sintetica dati e informazioni

Dettagli

Valutazione e monitoraggio della qualità delle imprese alberghiere

Valutazione e monitoraggio della qualità delle imprese alberghiere Valutazione e monitoraggio della qualità delle imprese alberghiere Il progetto, gli obiettivi e le finalità Villa San Remigio Il progetto Ambito del progetto: il progetto prevede lo studio, l elaborazione

Dettagli

Come supportare gli utilizzatori a valle per le SDS: Indagine pilota tra imprese in Italia

Come supportare gli utilizzatori a valle per le SDS: Indagine pilota tra imprese in Italia Milano 18 maggio 2017 Stefano Signorini - Inail Come supportare gli utilizzatori a valle per le SDS: Indagine pilota tra imprese in Italia 16a Conferenza Sicurezza Prodotti: Le ispezioni sull implementazione

Dettagli

Patrimonio culturale: identità del Paese e inestimabile opportunità di crescita Giorgio Alleva Presidente ISTAT

Patrimonio culturale: identità del Paese e inestimabile opportunità di crescita Giorgio Alleva Presidente ISTAT Patrimonio culturale: identità del Paese e inestimabile opportunità di crescita Giorgio Alleva Presidente ISTAT Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo Roma, 14 luglio 2015 È LA DIVERSITÀ

Dettagli

ATTENZIONE: la domanda di partecipazione a questo progetto va indirizzata direttamente all Ente ROMA CAPITALE esclusivamente all indirizzo:

ATTENZIONE: la domanda di partecipazione a questo progetto va indirizzata direttamente all Ente ROMA CAPITALE esclusivamente all indirizzo: ATTENZIONE: la domanda di partecipazione a questo progetto va indirizzata direttamente all Ente ROMA CAPITALE esclusivamente all indirizzo: Roma Capitale Dipartimento Sport e Politiche Giovanili - Ufficio

Dettagli

Regione Emilia Romagna Servizio Pianificazione Urbanistica, Paesaggio e Uso sostenibile del territorio. Materia paesaggio

Regione Emilia Romagna Servizio Pianificazione Urbanistica, Paesaggio e Uso sostenibile del territorio. Materia paesaggio Regione Emilia Romagna Servizio Pianificazione Urbanistica, Paesaggio e Uso sostenibile del territorio Materia paesaggio Strumenti per una strategia di valorizzazione del territorio rurale a cura di Franca

Dettagli

Linee di intervento, azioni e stato di attuazione

Linee di intervento, azioni e stato di attuazione Newsletter n.70 Dicembre 2009 Approfondimento_11 FESR PUGLIA 2007-2013 ASSE IV - VALORIZZAZIONE DELLE RISORSE NATURALI E CULTURALI PER L ATTRATTIVITÀ E LO SVILUPPO Linee di intervento, azioni e stato di

Dettagli

Re-tour nei Campi Flegrei.

Re-tour nei Campi Flegrei. nei Campi Flegrei. un Itinerario in cantiere IDEA FORZA: 1) Strutturazione di un itinerario di visita architettonico - archeologico - paesistico di valenza internazionale, costituito da alcuni grandi poli

Dettagli