Invasione di strisce blu ai Castelli

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Invasione di strisce blu ai Castelli"

Transcript

1 n dall 11 al 24 aprile tel GRATUITO dei CASTELLI Invasione di strisce blu ai Castelli Boom di parcheggi a pagamento dal centro alla zone meno affollate delle città Buche stradali, c è chi ci guadagna Strade fatte male apposta per farci poi altri lavori. I cittadini vanno dal giudice Castelli in primavera da pag. 2 Da Ciampino a Velletri, da Frascati a Rocca di Papa, sono rimasti davvero pochi i parcheggi liberi. Le tariffe dei parcheggi blu sono sempre più salate: nella zona delle fraschette di Ariccia si paga 2 euro l ora, come a Frascati; in centro ad Albano la sosta costa 1,03 euro l ora; a Genzano la tariffa è sostenibile, 65 centesimi all ora. Più cara è invece la quota da pagare per sostare in piazza Don Morosini a Castel Gandolfo: 90 centesimi l ora per gli avventori, 1,20 euro al giorno per operatori commerciali e residenti. Quasi ovunque le strisce blu sono affidate a privati, che dovrebbero pagarci sopra le tasse Tosap e Tarsu (ora Tares). Ma gli amministratori locali non gliele fanno pagare. Si sveglino. O vogliamo continuare a tollerare l evasione? a pag. 8 ANCORA IN STRADA CONTRO L INCENERITORE ANTENNOPOLI I cittadini misurano l elettrosmog A Pavona l apparecchio: «È a disposizione di tutti. Gratis» a pag. 6 CIAMPINO Rifiuti a La Barbuta: Lupi bacchetta Striscia Per il tg satirico la discarica abusiva è a Ciampino, invece è di a pag. 22 TESORI Siti comunitari da proteggere ai Castelli POSTE ITALIANE S.p.A. - Spedizione in abbonamento postale 70% - tassa pagata - DCB Latina Tutto pronto per escursioni e gite culturali a pag. 11 Albano: grande affluenza al corteo del 6 aprile contro l impianto di Roncigliano. Intanto il Tar respinge la richiesta del Comune di sospensiva cautelare del cronoprogramma a pag. 29 Scambio di informazioni online Cittadini e Sindaci, dialogo su Facebook Le amministrazioni comunali usano i social network per lanciare proposte politiche a pag consiglieri sollecitano l amministrazione Frascati, Comune sull orlo di una crisi Di Tommaso porti a termine il programma di governo, rilanci l attività amministrativa a pag. 20 STEFANO DI TOMMASO a pag. 12 LANUVIO IL CASO MONTEBOVI SBARCA IN PARLAMENTO a pag. 32 ALBANO LA BIBLIOTECA SI DIFENDE DAI VANDALI a pag. 28

2 2 IN-SICUREZZA STRADALE n dall 11 al 24 aprile 2013 I cittadini fanno un inchiesta sul giro politico-affaristico dell asfalto che si rompe subito e la presentano al Autorità giudiziaria Stop a chi fa male o ripara male le strade Chiedono di punire i responsabili della scientifica sciatteria con cui si fanno e si collaudano le strade Francesco Buda Nel Paese delle emergenze è all'ordine del giorno l'allarme buche, con l aggravante delle manutenzioni alla meno peggio. Affrontare le scandalose e rischiose condizioni in cui siamo costretti a muoverci è possibile. Arriva dal Lazio la risposta al circolo vizioso delle strade fatte male e riparate peggio: chi progetta, costruisce, appalta, collauda, aggiusta strade che non sono a regola d'arte va scovato e sanzionato secondo la legge. Perciò l'associazione Quartieri Connessi a Latina ha deciso di osservare il fenomeno e di riferire poi alla Magistratura. Hanno insomma scelto la via SALVATORE ANTOCI Presidente associaz. Quartieri Connessi 4 5 I 2 CICLI DELL ASFALTO PERICOLOSO E MANGIASOLDI NO BUCHE stop incidenti Il circuito a tappe delineato dall'associazione Quartieri Connessi. L'importante è che ci siano guasti da riparare. 1. La Pubblica Amministrazione progetta la costruzione di o la manutenzione di una strada 2. Si dà lʼappalto alla ditta privata 3. La ditta costruisce la strada, o effettua la manutenzione straordinaria, con scientifica sciatteria 4. I tecnici della Pubblica Ammin. collaudano lʼopera e la ditta viene pagata 5. Dopo poco si creano avvallamenti, fessure e buche 6. La pioggia si infiltra e rammollisce la terra sottostante, passano i camion ed il gioco è fatto: la strada è una mulattiera della partecipazione e dell'impegno in prima persona, per non subire più. Hanno avviato un lungo monitoraggio nella loro città, «per contrastare lo sperpero sistematico di denaro pubblico nella realizzazione di manufatti mal costruiti e destinati a deteriorarsi in tempi rapidissimi». Individuano le opere da tenere sott'occhio, verificano come vengono fatte e quanto durano. E raccolgono le prove. Nei giorni scorsi, questi cittadini hanno inviato un esposto alla Procura della Repubblica di Latina, con tanto di foto su un paio di vie costruite da poco e già rotte, con gravissimi segni di deterioramento che, a detta loro, può derivare solo da una realizzazione non a regola d arte. Chiedono «che i colpevoli vengano individuati e puniti». In questa che potremmo definire un inchiesta civica, hanno rilevato ciò che ovunque vediamo: «Dopo anni di attenta osservazione affermano abbiamo visto emergere una tendenza consolidata che si può riassumere in due cicli, uno breve che di solito si ripete varie volte nel corso di un anno, e uno lungo, che si ripete ogni 4 o 5 anni». In sostanza, quel circolo per niente virtuoso che macina soldi pubblici attraverso la sistematica costruzione non a regola d'arte e poi la manutenzione fasulla delle strade. Una «scientifica sciatteria», afferma l'associazione Quartieri Connessi: le strade nuove o le riparazioni lasciano in breve il posto a crepe, avvallamenti e voragini sull'asfalto. Tutti interventi in più da appaltare. E ricomincia il giro: nuovo affidamento dei lavori, nuovo lifting superficiale e dopo poco ancora rischi e ammaloramenti che ci costringono a rally e gimcane. E magari si dà colpa alla pioggia. «La differenza tra l'enorme quantità di soldi immessi in questi due cicli e il valore infimo delle strade che i cittadini sono costretti ad usare ogni giorno, sospettiamo possa rappresentare la colossale truffa ai danni dello Stato (e di noi cittadini tutti) che da vari decenni sarebbe perpetrata dalla potente associazione a delinquere tra politici, dirigenti e tecnici della Pubblica Amministrazione e ditte private».un degrado a suon di appalti che produce una selva di pericoli che hanno responsabili ben precisi. Complici di fregature multiple: la viabilità sempre più spesso fa pietà; i soldi dei cittadini vengono spesi inutilmente; cala la sicurezza stradale e con essa la serenità del nostro muoverci a piedi o motorizzati; i contribuenti sono costretti a riparare i propri mezzi che si usurano e si rompono. «Tra gli enormi guasti prodotti dal malaffare dell'asfalto spiega Salvatore Antoci, presidente dell'associazione Quartieri Connessi c'è anche l'asuefazione al degrado, tanto che ormai la maggior parte dei cittadini crede che è normale avere strade piene di buche e non si scandalizza se l'asfalto appena steso si rompe e si sgretola». È bene, invece, non lasciarsi assuefare e anestetizzare dai fabbricanti di insicurezza stradale e sperpero di danaro pubblico. L inchiesta civica scattata a Latina può essere replicata praticamente da tutti i cittadini in qualunque città. Basta osservare e non tacere. 7. I cittadini protestano, parte la campagna di disinformazione che annuncia: La pioggia provoca le buche sulle strade 8. Ci scappa qualche incidente, meglio se grave e col morto 9. Si stanziano dʼurgenza soldi per tamponare lʼemergenza e si dà lʼincarico di tappare le buche ad una ditta (magari la stessa che ha provocato il disastro!) con procedura a chiamata diretta (senza gara dʼappalto) 10. La ditta ripara le buche con palate dʼasfalto alla meno peggio. I detriti vengono abbandonati sulla strada o di lato 11. Le riparazioni durano poco. Torna la pioggia e la strada ridiventa mulattiera. A questo punto, o si torna al punto 7 (ciclo breve ripetuto più volte in un anno) o si va al punto 1 (ciclo lungo, ogni 4-5 anni).

3 n dall 11 al 24 aprile 2013 CAMPAGNA IL CAFFÈ PER LA SICUREZZA STRADALE 3 Se il gestore non interviene, finisce in tribunale Denunciate le strade pericolose Ripubblichiamo il modulo per segnalare agli enti gestori delle strade i pericoli, magari con foto. Se l insidia avrà un ruolo in incidenti, ferimenti e decessi, i gestori che non hanno provveduto a rimuovere il pericolo ne risponderanno. Le insidie DA SEGNALARE Condizioni della strada Asfalto o pavimentazione dissestati, cunette non segnalate, pietrisco, dosso pericoloso, solchi, buca, frana, fondo sdrucciolevole, illuminazione e/o pubblicità confondente, effetto aquaplaning, liquidi scivolosi o oggetti abbandonati sulla sede stradale. Dissuasori Troppo alti, troppo ripidi, deformati, mal segnalati, illuminazione confondente, pubblicità laterale confondente. Cordoli Deformati, mal segnalati, poco visibili, sdrucciolevoli, illuminazione confondente, pubblicità confondente. Segnaletica stradale orizzontale Poco visibile e percepibile, fatta con materiale sdrucciolevole, sporgente per oltre 3cm. dal piano della pavimentazione stradale, troppo spessa, confondente, non prevista dal Codice della Strada, in zona con illuminazione assente, scarsa o confondente, in zona con pubblicità confondente. Segnaletica stradale verticale Poco visibile, coperta da vegetazione, con supporto inadeguato, in posizione errata, confondente, priva sul retro dei dati previsti all art. 77 del Regolamento di esecuzione del Codice della Strada e degli estremi dell ordinanza istitutiva, non prevista dal CdS, con illuminazione confondente, in zona con pubblicità confondente. Barriere stradali di sicurezza Inesistente, danneggiata, pericolante, inutile, in zona non o poco illuminata, con illuminazione ai lati o pubblicità confondente. Curva Poco visibile e percepibile, non segnalata, in zona non o poco illuminata, con illuminazione confondente, con sede stradale con poca aderenza, in zona con pubblicità confondente. Incrocio Difficile da percepire, con segnaletica confondente, con scarsa visibilità, in zona con illuminazione scarsa e/o confondente, in zona con pubblicità confondente. Tombino Deformato, sprofondato, scivoloso, sdrucciolevole, con illuminazione confondente, in zona con pubblicità confondente. Spartitraffico Poco visibile e percepibile, con catarifrangenti poco visibili, con vegetazione invadente, segnaletica scarsamente visibile, in zona con illuminazione scarsa o confondente, con pubblicità confondente. Lavori in corso Poco visibili e percepibili, sospesi ma con limitazioni in atto, mal segnalati, con illuminazione e/o pubblicità confondente, con indicatori di velocità non previsti dal CdS, cunette non segnalate, pietrisco, dosso pericoloso, solchi, buca, frana. Rotatoria Mal segnalati, con illuminazione laterale confondente, con pubblicità laterale confondente, con dimensioni tali da impedire la corretta immissione del veicolo. Al Sindaco del Comune di (per strade comunali) Al Presidente della Provincia di (per strade provinciali) Al Presidente della Regione (per strade regionali) Al Direttore Centrale ANAS SpA (per strade statali) Via Monzambano, o fax al n All Amministratore Delegato Autostrade per l'italia SpA Via Bergamini, o fax al n Io sottoscritto nato/a a il e residente in via Tel. / DICHIARO che in data alle ore percorrevo la strada proveniente da e diretto a all altezza del km RISCONTRAVO quanto segue... Per tutto quanto qui indicato CHIEDO di intervenire tempestivamente al fine di: Accertare l esistenza dell insidia stradale segnalata - Ripristinare tempestivamente le condizioni di sicurezza - Adottare i provvedimenti previsti dall art. 45 del Codice della Strada affinché l ente proprietario della strada e/o il concessionario provveda alla tempestiva eliminazione dell insidia segnalata Si avvisa che, mancando i tempestivi accertamenti e interventi di ripristino, saranno informate le competenti autorità giudiziarie con aggravio di responsabilità a Vostro esclusivo carico essendo a conoscenza dello stato di fatto con la presente reso noto e avendo trascurato gli obblighi di intervento a Vostro carico. Luogo, data e firma Allego n fotografie - n disegni - n pagine relazione tecnica

4 4 TASSE n dall 11 al 24 aprile 2013 La nuova tassa sui rifiuti si pagherà in 3 rate, la più pesante a fine anno con l aumento da 30 a 40 centesimi a metro quadro Arriva la Tares, prepararsi alla salassata Peserà meno nelle città amministrate da politici capaci e dove c è il porta a porta Francesco Buda Arriva Tares. Non è un mostro mitologico. Peggio: è la nuova tassa sui rifiuti e sui servizi comunali indivisibili. Istituita con l'articolo 14 del decreto salva Italia a dicembre 2011, formalmente è entrata in vigore il primo gennaio scorso. Inizierà a pesare sulle tasche dei contribuenti dal prossimo maggio, come ha stabilito il governo uscente dei salvatori il 6 aprile. Un peso che sarà in media del 35% in più rispetto alle vecchie bollette della spazzatura, secondo l'associazione artigiani e piccole imprese Cgia di Mestre. Secondo il sindacato Uil saranno 80 euro in più a famiglia, portando la bolletta media a 305 euro. Addirittura per la Confcommercio un ristorante di 200 metri quadrati potrebbe arrivare a pagare, ad esempio, due rate da 267,6 euro e una super-salassata di euro a dicembre. Sono queste solo stime, tutte da prendere con cautela. Ma di certo la mazzata ci sarà. E sarà più grave dove i politici-amministratori locali non hanno saputo amministrare e in particolare laddove sono stati incapaci di adottare una sana gestione dei rifiuti. Praticamente quasi ovunque, basti pensare che la raccolta differenziata porta a porta è ancora una chimera in quasi tutti i Comuni e che nessun Comune ha raggiunto gli obiettivi di legge (differenziata al 65% entro il 31/12/2012). CASA: PIÙ PERSONE PIÙ TASSE Con la Tares dovremo pagarci anche i servizi indivisibili, che sono quelli rivolti al bene dell'intera comunità, con Si paga in base ai metri quadri e al numero di occupanti: perciò le famiglie numerose pagano di più costi che è impossibile ripartire sui singoli individui: illuminazione, marciapiedi, manutenzione delle strade, polizia locale, verde pubblico. Invece sulla nettezza urbana si può vedere o almeno presumere quanto effettivamente gli utenti usufruiscano del servizio. Lo spirito della legge sarebbe quello di far pagare in misura maggiore chi inquina di più, cioè chi produce più immondizia. A tale scopo, oltre alla dimensione dell'immobile occupato, la Tares prende di mira il numero di persone che vi abitano. Ecco perché le famiglie più numerose pagheranno di più. Mentre pagheranno molto meno quelli che vivono da soli o le famiglie di due persone. Ma nel Lazio come nelle altre regioni centro-meridionali la misurazione avviene non sui consumi effettivi, ma sulla base di parametri presuntivi: in sostanza, in base a complicati algoritmi e calcoli e non in base ai chilogrammi di spazzatura che effettivamente il cittadino butta nei secchi e cassonetti. La solita applicazione bruttina e rabberciata di princìpi belli e sani. BATOSTA DOVE C'ERA LA TARSU La Tares in sostanza prende il posto della vecchia Tarsu, tassa finora presente in molti Comuni, e della Tia, la Tariffa introdotta dopo la Tarsu, laddove adottata. Anche se in modo molto discutibile, come detto sopra, manterrà il principio ispiratore della Tia: più rifiuti si producono e più si paga. Parliamo in particolare della cosiddetta Tia 1, la Tariffa d'igiene ambientale da non confondere con la cosiddetta Tia 2, la Tariffa integrata ambientale. La prima è un tributo e quindi senza Iva, a differenza della seconda che invece è un corrispettivo di un servizio su cui grava l'iva, come per le bollette di luce e gas. Se non altro, almeno sulla Tares non pagheremo l'iva. Ma la mazzata ci sarà e peserà specialmente dove le amministrazioni comunali non avevano ancora introdotto la Tia, come hanno invece fatto ad Anzio e Latina. Infatti di solito la Tarsu copriva solo una parte dei costi del servizio rifiuti, mentre per i costi residui i Comuni attingevano anche ad altre entrate. Al contrario la Tia doveva coprire tutti i costi del servizio di nettezza urbana. Perciò chi aveva la Tarsu, dovrà per forza di cose applicare aumenti più salati. Tutti i Comuni della provincia di Latina erano sotto Tarsu, esclusi il capoluogo e Terracina, dove d'altro canto la gestione dei rifiuti e delle bollette Tia hanno già fatto abbondanti scandalosi disatri. Brutte NIENTE MAZZATA SULLE AREE SCOPERTE Con decreto legge 35/2013, pubblicato lʼ8 aprile in Gazzetta Ufficiale, il Governo ha finalmente colmato la gravissima lacuna delle aree scoperte. Il Consiglio dei ministri infatti chiarito quali aree scoperte delle utenze domestiche saranno tassabili ai fini Tares. Infatti, l'articolo 10 ha precisato che sono escluse dalla tassazione, ad eccezione delle aree scoperte operative, le aree scoperte pertinenziali o accessorie a locali tassabili e le aree comuni condominiali di cui all'articolo 1117 del codice civile che non siano detenute o occupate in via esclusiva". Ciò significa che, come avveniva per la Tarsu e per la Tia, anche con la Tares saranno da ritenere imponibili solo le superfici esterne operative, cioè quelle sulle quali si svolge l'attività imprenditoriale (ad esempio zona di carico/scarico dei legnami in una segheria, o dove il carrozziere lascia le auto in riparazione. Quindi la Tares non va pagata su aree verdi, non utilizzate, parcheggi gratuiti per clienti e dipendenti, spazi di passaggio ecc... Èstato così chiarito uno dei punti più oscuri e potenzialmente più gravosi per i contribuenti, che rischiavano di pagare assurde salassate.

5 TASSE n dall 11 al 24 aprile Le nuove bollette, ancora una volta, saranno determinate in base a complicati calcoli presuntivi fatti a tavolino Neanche la Tares si basa su calcoli reali Nei Comuni si stanno spremendo le meningi per determinare i nuovi importi da mettere sulle bollette Tares. Per le utenze domestiche verranno distinte 6 categorie, in base al numero di occupanti. Per ogni casa si pagherà una quota fissa in base ai metri quadrati (più grande è la casa e più si paga) ed una quota variabile in base appunto a quante persone ci vivono. Anche per le utenze non domestiche vi sono quota fissa e quota variabile. Solo che quest'ultima viene determinata in base a degli algoritmi con coefficienti predeterminati dal Ministero dell'ambiente. Si tratta di coefficienti presuntivi, cioè delle stime sulla Non hanno attuato il principio di legge di far pagare in base ai rifiuti realmente prodotti sorprese perciò anche a Velletri, Pomezia, Ardea, Nettuno, Albano, Marino, Frascati e molti altri. Tutti Comuni dove finora vigeva la vecchia Tarsu. quantità immondizia producono le varie utenze suddivise in categorie merceologiche (bar, ristoranti, negozi, uffici, fabbriche e così via). Ma anche SALASSO DI FINE ANNO Sulle modalità di pagamento, in via di principio è lasciata piena discrezionalità al regolamento comunale. Ma in questa fase transitoria si pagherà la prima rata a maggio e la seconda in acconto a settembre, in base alle tariffe vigenti nel A dicembre la botta più pesante: scatteranno le nuove tariffe, nel frattempo approvate, più la parte per i servizi indivisibili, cioè 30 centesimi (almeno) a metro quadrato, che poi i Comuni dovranno girare allo Stato. Questa parte del tributo gli amministratori comunali possono aumentarla fino a 40 centesimi al mq. Come pagare? Anche qui, al momento in cui scriviamo, non si hanno notizie sicure. Il sottosegretario alla presidenza del consiglio Antono Catricalà ha spiegato che «il bollettino sarà inviato dalle amministrazioni. Sull'ultima rata ci potrà essere un conguaglio». A maggio, oltre alla prima rata Tares, vari Comuni avranno un'altra importante scadenza: il voto Servirà anche per mantenere strade, marciapiedi, giardini, pubblica illuminazione, vigili urbani nel caso delle abitazioni, la misura tariffaria è frutto di presunzioni, visto che nessun Comune ha applicato sul serio il principio chi più inquina più per rinnovare l'amministrazione comunale. Sarà il caso di tenere ben presente la mazzata sui rifiuti, colpa soprattuto di politici locali ignoranti e/o inadeguati. Basta verificare se c'è il porta a porta e che percentuale ha raggiunto (i dati di qualche mese fa sono sul numero 250 de Il Caffè su wwwilcaffe.tv). Giova ricordare che sui rifiuti portati in discarica (anziché riciclati) scatta la sovrattassa del 20% in più ogni anno. paga. Principio in virtù del quale si dovrebbe calcolare la tassa sulla base dell effettivo quantitativo di rifiuti conferito dal contribuente. Ad esempio, in Trentino Alto Adige il cittadino pesa l'immondizia quando la deposita, i dati vengono salvati su un microchip elettronico e paga così solo per quanti rifiuti ha davvero conferito e paga per quanto utilizza il servizio. E invece qui continueremo ad essere tassati sulla base di stime. Con le due quote Tares, fissa e variabile, resterà il tributo provinciale del 5%. Per i morosi saranno applicabili sanzioni simili a quelle previste per la Tarsu e non previste per la TIA (100% nel caso di omessa denuncia, 50 per l'infedele denuncia e 30% per omesso versamento). F.B. TARES ANCHE SULLE STRISCE BLU Come ormai da tempo spiega Il Caffè, anche chi è concessionario del servizio dei parcheggi a pagamento deve pagare sia la Tosap, la tassa sull'occupazione di suolo pubblico, che la bolletta dell'immondizia (Tarsu, Tia e ora Tares). Questo pare che nessuno lo sappia o che faccia finta di non saperlo, tra dirigenti e politici-amministratori comunali. A seguito di una nostra inchiesta possiamo dimostrarlo: o non rispondono, oppure rispondono a vanvera. E dopo che glielo abbiamo fatto spiegare da un esperto di rango nazionale, consulente di varie Prefetture ed Enti, continuiamo a registrare una certa opaca vaghezza dai palazzi comunali. «Se gli facciamo pagare la Tarsu ci aveva spiegato un assessore al bilancio, significa dover aumentare le tariffe sui parcheggi». Dunque che faranno Sindaci, assessori e consiglieri comunali: seguiteranno ad accettare questa evasione fiscale da parte di chi gestisce i parcheggi blu, mentre a tutti gli atri contribuenti vengono chiesti sempre più sacrifici? È ormai non più rimandabile la chiarezza: devono far pagare Tosap e Tares a chi guadagna sui parcheggi. Da qui possono ricavare qualche gruzzoletto utile alla collettività che li ha votati per governare le città. Non possono solo lamentarsi che lo Stato ha tagliato fondi ai Comuni.

6 6 ANTENNOPOLI n dall 11 al 24 aprile 2013 L Associazione Pavona per la difesa della salute compra lo strumento per rilevare l elettrosmog e lo mette a disposizione di tutti Antenne, parte il monitoraggio dei cittadini «Basta chiamarci al numero e veniamo a fare il rilievo» Quanto spari un'antenna è cosa difficile da stabilire: da un momento all'altro e da un punto all'altro può cambiare ed anche di molto il livello di emissione elettromagnetica. Ce ne rendiamo conto con il nostro cellulare: se in salotto non funziona, magari nell'angoletto sul balcone riceve bene. Sono comunque emissioni che si possono misurare. In attesa di conoscere, come promesso e previsto ufficialmente 20 mesi fa, i dati del nuovo monitoraggio avviato dal Comune, ad Albano i cittadini hanno deciso di muoversi loro stessi: il livello di elettrosmog se lo misurano da sé. Più volte, proprio su queste pagine hanno espresso preoccupazione ed invocato il tanto atteso monitoraggio. La scorsa estate, come ricorderete, era esploso ad Albano, grazie all inchiesta de Il Caffè dei Castelli, il caso antennopoli : tralicci e antenne non previste dall'apposito Piano comunale realizzato nel 2007, sparse qua e là. Prima l antenna di via della Vignetta, nel centro storico, proprio davanti la sede del Comune. Poi i due tralicci di Monte Savello. A seguire il traliccio A Pavona la prima uscita registra prima un valore sotto il limite di legge, ma poi sopra fantasma al confine tra il quartiere Musicisti e quello Miramare. E poi le antenne di via e via dei Piani di Monte Savello, a Pavona. E ancora il traliccio di via della Selvotta, al confine col popoloso quartiere di Villa Ferrajoli, in Via della Selvotta, vicino la Chiesa dei Cappuccini. Sono accesi o spenti quegli impianti? Sono abusivi o no? Quanto sparano? Questo domandavano e continuano a domandare i cittadini. Domande rimaste, ancora oggi, senza risposta. Certo è che il Consiglio Comunale di Albano Laziale, con PAVONA DI CASTEL GANDOLFO, VIA ROMA L antenna (che sembra un altissimo comignolo) vicino alla quale i cittadini hanno fatto il primo rilevamento voltmetrico MARCO MORESCO E ADRIANA SALARI I due membri di Pavona per la difesa della salute, con il misuratore di radiofrequenza. Sullo sfondo, l antennona sul palazzo in via che hanno misurato la delibera n. 61 del 4 agosto 2011, aveva richiesto all amministrazione comunale un impegno straordinario proprio sul tema elettrosmog. Uno degli impegni assunti più importanti era l'affidamento con urgenza dell'incarico all Arpa Lazio (Agenzia Regionale di Protezione Ambientale) di portare avanti una campagna di monitoraggio dell elettrosmog con centraline su ciascuna antenna presente nell intero territorio comunale. Ma ancora oggi sul sito internet comunale, sulla stampa locale e sui manifesti affissi per il paese, non vi sono notizie al riguardo. È così che, come si suole dire, necessità fa virtù. L Associazione Pavona per la difesa della salute ha infatti pensato bene di utilizzare i soldi raccolti con le tessere di iscrizione annuali del 2012, per comprare Ecco la prima misurazione, aspettando i Comuni di Albano e Castel Gandolfo LʼAssociazione Pavona per la difesa della salute ha proceduto, giovedì 4 aprile, alle ore 18 circa, alla prima rilevazione fai da te. Questo dato, ovviamente, non ha un valore ufficiale, ma è solo un indicatore, in ogni caso molto affidabile, della presenza di elettrosmog a Pavona, in via del mare incrocio con via. Valore medio rilevato, dopo sei minuti di esposizione: 1,52 Volt/Metro. Una buona notizia visto che il limite di legge è pari ad un massimo di 6 Volt/Metro. Ma, nel corso della stessa misurazione, è stato registrato, anche se solo per un istante, un valore di 9,62 Volt/Metro. L'antenna è sopra un palazzo che ricade nel Comune di Castel Gandolfo, ma punta sul territorio di Pavona di Albano. Due Comuni e zero informazioni, finora. Ai cittadini, in pubblica assemblea, nel marzo 2011 l'assessore all'ambiente di Albano, Fiorani Claudio, e l'allora sindaco di Castel Gandolfo, Colacchi Maurizio, avevano promesso di monitorare quella come tutte le altre antenne e di pubblicare poi i risultati. Chi vuole farsi misurare lʼelettrosmog vicino casa, scuola ecc. (gratis), può rivolgersi allʼassociazione di Pavona ( ). L APPARECCHIO E I RISULTATI DEL PRIMO RILEVAMENTO Mostra un picco di quasi 9,63 Volt/Metri presso l antenna di via a Pavona un apparecchio molto sofisticato, che è in grado di rilevare in tempo reale, seppure solo ed esclusivamente ad uso privato, il livello di elettrosmog. Uno strumento con certificazione U.E. e relativa taratura, quindi di documentata affidabilità. Ferme restando le oscillazioni che i segnali radio possono avere. «Può essere considerato, certo, solo un indicatore, ma meglio di niente -, esordisce Adriana Salari, nota sarta di Pavona, consigliere dell Associazione -. Non conosco la qualità dell acqua che esce dai rubinetti di casa. Non conosco il livello di inquinamento dell aria che respiro a due passi da una grossa arteria di comunicazione provinciale qual è la via Nettunense, dove vivo. Né, tantomeno, il livello di elettrosmog a cui sono esposta, visto che la mia casa si trova esattamente davanti una grossa antenna per telefonia mobile, posta proprio al confine tra Albano e Castel Gandolfo». L Assessore all Ambiente di Albano, Fiorani, aveva dichiarato alla stampa, a dicembre 2011: «A lavoro sul nuovo piano antenne. La salute dei cittadini al primo posto». Ma, ad oggi, ancora i cittadini attendono notizie al riguardo. Con la signora Salari è presente anche Marco Moresco, segretario dell Associazione pavonese: «Nella nostra popolosa frazione, ci sono molte antenne per cellulari e radio. Sono inserite all interno di un contesto di forte urbanizzazione: scuole, case, centri anziani e sportivi, parchi giochi, centri d aggregazione. Ma, nonostante siano trascorsi ben 20 mesi dalla delibera comunale votata all unanimità per far fare il monitoraggio all'arpa 24 ore al giorno con centraline presso ogni antenna, ancora non sappiamo quali sono i reali livelli di elettrosmog a cui i cittadini sono esposti. I limiti di legge sono rispettati? Per rispondere a questa semplice domanda, abbiamo pensato di comprare un apparecchio molto sofisticato, che ci permette di conoscere in tempo reale il livello di emissioni elettromagnetiche a cui siamo esposti. Però non vogliamo tenerlo solo per noi, ma metterlo a disposizione, gratuitamente, dell intera comunità». E il passaparola è cominciato. C è già la lista delle richieste. Chiosa infine la signora Salari: «Risponderemo a tutti. Potete chiamarmi tutti i giorni, in orario d ufficio, nel mio laboratorio di sartoria, al numero di lavoro: , e fissare direttamente con me un appuntamento. Verremo gratuitamente a casa vostra, o dove preferite, fuori dalle scuole e strutture sportive, ospedaliere o dove riteniate vi sia un'esigenza di questo tipo, per procedere alla verifica dei livelli di elettrosmog». Non è il caso, è bene tenerlo presente, di farsi prednere da inutili allarmismi o psicosi. Le antenne servono: basti pensare al telefonino che tutti abbiamo. Ma altrettanto necessari sono i controlli e le informazioni (oneste) sulle onde che si muovono per le vie delle nostre città e sopra le nostre teste. In attesa di conoscere i risultati ufficiali dei rilievi commissionati dal Comune di Albano, ma anche negli altri territori, ci sono i dati acquisiti dai cittadini. L INCHIESTA SU ANTENNOPOLI Su tutte le puntate dell inchiesta sulle antenne sospette ad Albano. Sul n. 249 pag. 12, n. 250 pag. 33, n. 251 pag. 34.

7 il Caffè n dall 11 al 24 aprile pag. 7

8 8 PARCHEGGI CASTELLI n dall 11 al 24 aprile 2013 Boom di parcheggi a pagamento: tariffe stellari ad Ariccia, ad Albano sono internazionali, accessibili quelli di Genzano Sulle strisce blu ne succedono di tutti i colori Parcheggi salati anche a Castel Gandolfo dove si toccano i 90 centesimi l ora Marco Montini Strisce blu, strisce bianche, strisce gialle, strisce rosa, niente strisce. Ai Castelli ni sul fronte parcheggi ne succedono di tutti i colori. Da Ciampino a Velletri, da Frascati a Rocca di Papa, uno spazio vuoto ai margini di una strada è per l automobilista come il colore rosso per il toro infuriato. Parcheggiare ormai è un must, farlo in maniera regolare un opzione: non bisogna fare di tutta l erba un fascio, ma i divieti di sosta segnalati sono tanti e spesso la multa è un deterrente relativo. Come in tutte le migliori famiglie anche i Comuni cercano di regimentare la sosta delle auto e negli ultimi anni si è dato vita al fenomeno delle strisce blu, posteggi a pagamento che danno respiro alle casse comunali. Spesso a danno di quelli gratuiti, più carenti o localizzati in zone meno centrali della città. Ci siamo fatti un giretto in sei centri storici castellani per conoscere le tariffe della sosta a tempo e le sorprese non sono mancate. Dove le strisce blu divengono un vero e proprio salasso è ad Ariccia, nel piazzale antistante le famose fraschette: qui dalle 20 alle 24 nei giorni feriali, e dalle 8 alle 24 nei festivi, si paga un ticket di due euro l ora. Facile, dunque, che la cena possa andare di traverso. Tariffe più contenute ad Albano: a piazza Mazzini, ad esempio, la sosta tariffata è di un euro all ora. O meglio 1,03. Una curiosità che suona di errore di stampa. A piazza Garibaldi in quel di Marino, invece, il parcheggio è internazionale: le informazioni sulle strisce blu sono anche in inglese, francese e tedesco. Dunque l horaire è di appena 70 centesimi l ora. Stessa tariffa per le aree blu di Ciampino, quelle tra la stazione ferroviaria e piazza della Pace. Ancora più basso il prezzo tariffato a Genzano di, dove sul corso principale che conduce a piazza Frasconi, gli automobilisti pagano 65 centesimi ogni 60 minuti per posteggiare l auto. Leggermente più alta la tariffa a Castel Gandolfo, dove a piazza Don Morosini si toccano i 90 centesimi l ora: i residenti e operatori economici pagano, però, 1.20 euro al giorno. I residenti infuriati per le numerose multe emesse per divieto di sosta Fontana Sala, regna il vero caos su via Primo Maggio Ècaos parcheggi su via Primo Maggio a Fontana Sala. I residenti della piccola frazione marinese sono andati recentemente in escandescenza per il raid della Polizia Locale, che ha portato a numerose contravvenzioni per divieto di sosta. La strada incriminata, infatti, è assai stretta e su ambo i lati della carreggiata, nel corso degli anni (dal post guerra, ndr), si sono forse concesse troppe licenze edilizie: questo costringe giornalmente alcuni privati a parcheggiare l autovettura lungo la via a doppio senso, creando ingorghi soprattutto nelle ore mattutine. La fiamma della discordia è scoppiata dopo le multe della Municipale, ed è stato organizzato un apposito incontro alla presenza dei residenti, del comitato di quartiere e del presidente del Consiglio comunale Stefano Cecchi. «Questo problema c è da moltissimi anni, da quando cioè si è data la possibilità di costruire sul fosso Rio Petroso e su via Primo Maggio esordisce Cecchi -. È una zona molto compromessa, stiamo riprendendo le fila con il Comune di Castel Gandolfo, vicesindaco e assessore ai lavori pubblici, per il progetto di realizzazione di una tangenziale parallela a via Primo Maggio, che possa poi permettere su quest ultima la viabilità a senso unico e creare parcheggi sulla nuova infrastruttura. È STEFANO CECCHI Presidente del Consiglio comunale di Marino Installati posti riservati alle donne in gravidanza Velletri: il parcheggio è rosa Nel Comune di Velletri il parcheggio è rosa. Da ora in poi le donne in stato di gravidanza e le mamme con prole fino a tre anni di età, avranno a disposizione un parcheggio apposito nelle area principali della città e nelle immediate vicinanze di importanti edifici pubblici. Da alcuni giorni - conferma il presidente della commissione Romina Trenta - in alcuni parcheggi centrali della nostra cittadina sono stati affissi dei cartelli con una cicogna rosa e sono stati rispettivamente contraddistinti i parcheggi orizzontali con delle virgole rosa proprio a richiamare l attenzione su questi parcheggi. Impegno all attenzione che adesso spetterà agli automobilisti, che dovranno lasciare il passo alle neomamme. Altra attenzione: la legge non prevede di poter riservare posteggi a favore delle donne in gravidanza. Questo sta a significare che il tutto si basa sulla responsabilità sociale e sul senso civico collettivo, avverte la Trenta. Al momento i nuovi parcheggi sono 5: due nel parcheggio di Piazza Cairoli, due in piazza Donatori del sangue e uno vicino all ospedale. l unica soluzione praticabile». E nel frattempo bisognerà fare di necessità virtù, continuando a percorrere la strada del buonsenso collettivo, utilizzata sinora: «Chi può potrebbe parcheggiare nel nuovo piazzale e andare a piedi; altri potrebbero posteggiare nel posto auto interno (quello della casa di proprietà). Per chi, invece, ha difficoltà motorie o abita lì da 40 anni senza avere un posto auto ci si potrebbe venire incontro in attesa che sia applicata l operazione prima descritta». Urge, dunque, mediare le esigenze di automobilisti e residenti: «Da un lato è giusto far rispettare la legge visto che la strada è a doppio senso, dall altra può succedere che chi riceve una multa potrebbe essere una persona con grosse difficoltà economiche», chiosa Cecchi. GENZANO/ROCCA DI PAPA Al via il restyling Autoparco comunale: arrivano buone notizie Anche i mezzi comunali come le auto della Polizia Locale o i camion della raccolta rifiuti vengono parcheggiati in appositi siti. In questo senso positive novità paiono giungere da alcune città, dove si sta cercando di rendere più decorosi gli autoparchi comunali. A Genzano sono state rimosse le lastre in amianto: i lavori hanno previsto la realizzazione di un nuovo tetto in alluminio. A Rocca di Papa è stata individuata l area per la creazione di un sito, che ospiterà gli automezzi in un area lungo la via dei Laghi. Rifate il marciapiede sulla Nettunense 49 Sos parcheggio selvaggio Non finirò mai di stupirmi di fronte a fatti che accadono solo nel nostro piccolo paese. Le persone che ci gestiscono sono a dir poco indifferenti di fronte alle aspettative della cittadinanza questo è il Comune di Marino. Tutti noi conosciamo la situazione della cementificazione nelle nostre zone, ma francamente neanche la mente più contorta era mai arrivata a pensare di cancellare un marciapiede per costruirci sopra un parcheggio. Siamo in via Nettunense 49: a seguito della costruzione di due palazzine si è ben pensato di togliere ai cittadini circa 40 metri lineari di marciapiede per creare unʼarea parcheggio privato. A seguito di esposti presentati, si è realizzato uno stretto passaggio per i pedoni che non risolve assolutamente il danno creato ai residenti. Chiediamo il ripristino del marciapiede nella sua totalità, vietando il parcheggio su tutta lʼarea, vogliamo ricordare che la sicurezza dei cittadini dovrebbe essere al primo posto nella lista delle priorità di chi ci governa, che non si può togliere un bene cosi importante come un marciapiede per destinarlo a parcheggio privato. E che gli spazi, per creare i parcheggi vanno lasciati dai costruttori e non dobbiamo metterceli noi cittadini. Giuseppe di Giamberardino Scrivi al Caffè:

9 il Caffè n dall 11 al 24 aprile pag. 9

10 10 LE AZIENDE INFORMANO n dall 11 al 24 aprile 2013 La superiorità tecnologica dei led comporterà che presto le insegne saranno tutte di questo tipo TUTTO IL BELLO DELLE INSEGNE A LED INFORMAZIONE PUBBLICITARIA è il primo mezzo con cui chi crede nelle proprie risorse parla di sé. Oggi i nuovi L insegna progressi nel campo della tecnologia LED permettono un alta efficienza energetica e le INSEGNE A LED sono caratterizzate da un elevata luminosità che le rende visibili anche nelle ore diurne con una notevole riduzione del consumo elettrico. Oltre alla vasta gamma d insegne che comunemente vengono realizzate, ciò che rende la PUBLI3 unica nel suo settore è la progettazione e realizzazione di un insegna a led costituita da un particolare pannello realizzato attraverso un sistema assolutamente innovativo di illuminazione. La particolarità di questo pannello consiste nella straordinaria capacità d illuminazione e rendimento delle immagini stampate in UV ad alta risoluzione e, soprattutto, nella realizzazione dell insegna in uno spessore totale di soli 14 mm. L'innovazione consiste in uno speciale sistema di lastre trasparenti che, attraverso una particolare lavorazione delle stesse, permette di diffondere la luce puntiforme dei LED su tutta la superficie della lastra, garantendo una perfetta omogeneità di illuminazione e rendendo al massimo l effetto visivo che si vuole ottenere. I LED rappresentano un cambiamento tecnologico epocale destinato a sostituire completamente, e in pochi anni, le altre tecnologie per illuminazione oggi obsolete. A differenza del tradizionale Neon, i moduli a LED sono in grado di convertire la massima parte dell energia elettrica assorbita in luce visibile, anziché dispenderla in calore. Un inestimabile vantaggio del Led, rispetto alle altre tecnologie di illuminazione, sta nella DURATA MEDIA che supera le ore di effettivo funzionamento (fino a 50 volte di più delle lampade tradizionali) mantenendo, anche dopo tanto tempo, il 70-80% dell emissione luminosa iniziale. Essi, inoltre, non soffrono delle continue accensione e spegnimenti e sono molto più resistenti agli sbalzi di tensione e a fenomeni quali l umidità, la temperatura rigida o le vibrazioni e, soprattutto, non necessitano di alcuna manutenzione. INSEGNE A LED Alcuni lavori realizzati Altra notevole differenza rispetto al Neon consiste nella qualità nettamente superiore della luce, risultando priva di componenti infrarosse e ultraviolette che determinano conseguenze negative per l organismo umano in caso di lunghe esposizioni e rivelandosi estremamente sicura operando a bassissima tensione. La luce a Led, inoltre, contribuisce a valorizzare la qualità delle immagini con colori vivaci e saturi, conservandone la nitidezza per un effetto visivo eccellente. Un ulteriore e rilevante particolarità delle insegne a led è rappresentata dall enorme RISPARMIO ENERGE- PUBLI3 L azienda Tutti i vantaggi di una insegna a led ore di effettivo funzionamento Riduzione fino al 70% dei costi di gestione dellʼ insegna Maggiore luminosità Uniformità della luminosità Anche solo 14 millimetri di spessore Maggiore resistenza a sbalzi di tensione, umidità, vibrazioni Zero manutenzione Minore impatto ambientale TICO dovuto all utilizzo dei LED che permette di risparmiare fino al 70% dei costi di gestione delle insegne pubblicitarie. Essendo caratterizzati da una lunga durata nel tempo, a differenza del neon, si ha una decisiva diminuzione delle sostituzione dei led stessi e una conseguente riduzione dello smaltimento dei rifiuti. L utilizzo di tale tecnologia, dunque, oltre a generare un rilevante risparmio energetico per chi la utilizza, consente una notevole riduzione dell impatto ambientale, anche grazie all assenza di gas nocivi e sostanze tossiche. Presente da diversi anni nel campo della comunicazione e dellʼadvertising, la Publi3Srl è oggi unʼazienda specializzata nella gestione di campagne pubblicitarie e nella realizzazione di allestimenti interni ed esterni per negozi di ogni tipo, ponendosi lʼobiettivo di offrire ai clienti le migliori soluzioni con servizi di qualità completamente personalizzabili. Operando nelle zone di Aprilia,, Latina, Castelli ni, Nettuno e le principali città italiane, progetta e realizza una vasta tipologia di insegne quali: insegne mono e bifacciali, lettere scatolate, lettere retroilluminate, logo in 3D, pannellature in forex illuminate con fari, insegne a totem, ecc.

11 n dall 11 al 24 aprile 2013 TURISMO 11 Dal parco Sforza Cesarini di Genzano al Museo delle Navi di Nemi, i siti di interesse storico pronti ad accogliere i turisti I Castelli si preparano alle gite di primavera Presto tornerà fruibile anche la Fortezza degli Annibaldi a Rocca di Papa Michela Emili Dalle antiche ville frascatane al complesso monumentale chigiano di Ariccia, dalle distese verdi del Vivaro ai sentieri boschivi di Rocca di Papa, che si inerpicano tra archeologia e vedute panoramiche su e i due laghi di Nemi e Castel Gandolfo, ai borghi, parchi, santuari e piazze dalle grandi firme: è sempre forte il richiamo esercitato dai Castelli ni, soprattutto col sopraggiungere della bella stagione, mete di un turismo spontaneo fatto di gite fuori porta, di appassionati di sport a contatto con la natura e di qualche straniero che, visitando, si concede qualche momento di svago in provincia. Un nuovo progetto per far conoscere e valorizzare il territorio castellano Nasce CastelliExperience Si chiama CastelliExperience il nuovo progetto imprenditoriale che mira a far conoscere e valorizzare i Castelli ni, rendendoli una meta turistica ambita e ricercata. CastelliExperience (www.castelliexperience.it) punta a far emergere in modo chiaro tutto quello che di bello c è da fare e da vedere nei Comuni castellani, organizzando esperienze di vacanza originali e accattivanti. Come? Attraverso la promozione di pacchetti a tema (Sport e Avventura, Gusto, Famiglia, Arte e Cultura, ntico) che racchiudono in sé esperienze differenti, realizzate grazie alla collaborazione di aziende e realtà operanti sul territorio. «Oggi il turismo deve emozionare spiega Luca Cotichini, uno dei soci fondatori - quindi i Castelli vanno promossi con tecniche di LUCA COTICHINI Uno dei soci fondatori di CastelliExperience marketing esperienziale, puntando cioè sulle emozioni. Pensiamo alla famiglia felice in agriturismo, agli appassionati di mountain bike mentre scendono da un sentiero o un gruppo di amici sorridenti in un tavolo di ristorante. Tutto questo deve girare sul web, nei social network e ad ogni immagine va collegato il marchio dei Castelli ni». Quali sono le potenzialità su cui puntate maggiormente? «I Castelli sono un territorio complesso e vario, ma l enogastronomia è sicuramente una delle caratteristiche comuni. Cercheremo di valorizzare questo aspetto partendo dai vini e da tutte quelle aziende che stanno crescendo in questo settore, poi i vari prodotti gastronomici, dalla conosciutissima porchetta, alle fragoline di Nemi, le ciambelline al vino, i prodotti del sottobosco e tutte le varie ricette tipiche. Vogliamo inoltre promuovere le bellezze archeologiche e museali con visite e tour guidati e valorizzare il territorio tramite le discipline sportive a carattere turistico come il kayak, il nordic walking, le passeggiate a cavallo, il parapendio e la mountain bike». Chi sono i protagonisti di questa nuova immagine? «I Castelli devono crescere come marchio, a quel punto tutto l indotto ne trarrà benefici. Per farlo c è bisogno d integrazione tra le varie realtà, dall associazionismo alle strutture ricettive; tutte contribuiscono alla costruzione del prodotto turistico e quindi del marchio. Non ci deve essere competizione ma collaborazione per il fine comune. Dopo poche settimane dalla pubblicazione di CastelliExperience.it abbiamo avuto oltre 10 mila utenti sul sito, quasi 2000 fan su Facebook e centinaia di commenti e condivisioni sul video promozionale. Questo è sinonimo di interesse. Anche le Amministrazioni potrebbero fare molto. Non solo sostenere tali iniziative spontanee che nascono dalla creatività imprenditoriale del territorio, ma anche migliorare le infrastrutture, i trasporti e il decoro delle città». MUSEO DELLE NAVI DI NEMI A giugno sarà possibile ammirare la statua di Caligola ritrovata nel 2011 GENZANO PARCO SFORZA CESARINI Da qualche giorno è possibile accedere liberamente al parco Sforza Cesarini, patrimonio verde a ridosso dell omonimo palazzo genzanese, prima fruibile solo attraverso visite guidate al prezzo di tre euro a persona. Il consiglio comunale dello scorso 29 marzo ha approvato all unanimità il nuovo regolamento, che ne disciplina l accesso e l utilizzo, mediante il quale la superficie del parco viene suddivisa in tre zone: l area del Giardino storico (che va dal confine con il monastero delle Suore Agostiniane fino alla finta rovina della Bifora ), l area boscata (quella a prevalente copertura boschiva) e l area ripariale (situata al livello più basso e caratterizzata dalla presenza di terrazzamenti). Di queste, il Giardino storico, o meglio una parte di esso nelle vicinanze del Casino del giardiniere con ingresso da piazza Dante, è a libera fruizione, colmando le richieste dei cittadini che più volte in passato avevano chiesto di poter godere quotidianamente del parco, un bene monumentale di notevole valore storico, culturale e paesaggistico. NEMI CALIGOLA AL MUSEO DELLE NAVI Con la riapertura della strada panoramica Nemi-Lago, che collega direttamente il borgo con le rive del lago, è a due passi per i visitatori il Museo delle Navi, dove a giugno si potrà ammirare anche la statua di Caligola, ritrovata in extremis dalla Guardia di Finanza nell'estate del 2011, quando era sul punto di essere spedita all estero dai tombaroli: il colosso marmoreo dell imperatore Caio Cesare Germanico questo il suo vero nome sarà esposto, dopo un lavoro di restauro e assemblaggio dei pezzi, in un allestimento tutto nuovo e suggestivo, insieme a numerosi nuovi reperti provenienti sia dalle navi di Caligola sia dal Santuario di Diana, restituiti da. ROCCA DI PAPA FORTEZZA DEGLI ANNIBALDI Presto tornerà nuovamente fruibile la Fortezza degli Annibaldi, il complesso monumentale risalente alla fine del XII sec., riportato alla luce e inaugurato a maggio 2012 dopo una lunga campagna di scavi finanziati dalla Regione Lazio, con la supervisione scientifica della Soprintendenza ai Beni Archeologici del Lazio. Il sito, ora chiuso al pubblico in assenza di adeguate misure di controllo e gestione, sarà la punta di diamante, insieme alla via Sacra, dell attività del costituendo Gal (Gruppo archeologico latino): appassionati e volontari che, formati e affiancati da esperti del settore, gestiranno e cureranno il patrimonio archeologico di Rocca di Papa. FORTEZZA DEGLI ANNIBALDI Per ora il sito è ancora chiuso per motivi di sicurezza CASTEL GANDOLFO COSTONI E ARENILI Sulle sponde del lago Albano, una delle maggiori attrazioni naturalistiche del territorio, sono partiti i lavori di consolidamento dei costoni sul versante ovest - intervento da tempo atteso per mettere in sicurezza tutta l area soggetta a frane e smottamenti -, che dovrebbero terminare entro il 30 ottobre. Ma l interrogativo maggiore rimangono gli arenili e quel Piano di utilizzazione che attende ancora l approvazione degli uffici competenti. Il Comune ha recentemente inviato alla Regione Lazio la Vas (valutazione ambientale strategica) e nell arco di 60 giorni si attende la risposta, che vale la possibilità di riaprire gli stabilimenti balneari. «Abbiamo prodotto tutti gli atti richiesti commenta il sindaco Milvia Monachesi e speriamo di essere pronti in tempo per l arrivo dell estate».

12 12 SITI COMUNITARI n dall 11 al 24 aprile 2013 Nella lista dei siti di importanza comunitaria del Ministero dell Ambiente anche 4 luoghi di pregio del territorio castellano I siti comunitari dei Castelli da proteggere Il Maschio dell Artemisio, il Cerquone - Doganella, il lago Albano e loc. Miralago Clemente Pistilli Laghi, spiagge, coste, boschi, fiumi, grotte, canali, monti, isole e anche fondali marini: il territorio tra e Latina custodisce ecosistemi delicati da proteggere e nel decreto emesso di recente il ministro dell ambiente Corrado Clini, nell elenco dei siti di importanza comunitaria per la regione biogeografica mediterranea in Italia, ha inserito ben 7 siti sul litorale tra Po- Sette i sic sul litorale e quattro ai Castelli. Tra le aree da tutelare spunta l antica Lavinium, a Pratica di Mare, il luogo mitologico indicato come quello in cui sbarcò Enea e dove l eroe virgiliano fondò il primo insediamento in Italia. Andando verso Anzio, tra i siti di interesse comunitario sono inseriti la macchia della Spadellata e fosso Sant Anastasio, il lido dei Gigli, area compresa il Lido dei Pini e Lavinio, un tempo possedimento della famiglia Borghese, e la zona delle solfatare e dei fossi a Tor Caldara, area naturale dove vengono portate avanti numerose iniziative di educazione ambientale. Per quanto riguarda invece Nettuno i siti di interesse sono il bosco di Foglino, lembo delle foreste che un tempo coprivano l area costiera e habitat dove vivono le testuggini palustri, il litorale di Torre Astura e le zone umide a ovest del fiume Astura. Nei Castelli ni, infine, inseriti nell elenco delle zone da proteggere il Maschio dell Artemisio, che domina Velletri, il Cerquone-Doganella, inserito nel Parco dei Castelli, a Rocca Priora, il lago di Albano e, sempre ad Albano, località Miralago. I GIARDINI DI LADY D I giardini di Ninfa incantarono anche Lady D e sono stati inseriti tra i 10 giardini più belli del mondo (dal The Telegraph) mezia e Nettuno, quattro ai Castelli ni e 38 siti pontini. In Italia, a dicembre 2012 risultano censiti siti d'interesse comunitario: aree ritenute di grande valenza ambientale, da tutelare il più possibile. Un elenco di tesori in gran parte sconosciuti. A LATINA REGINA è NINFA Sono siti di importanza comunitaria gli ambienti acquatici interni ai giardini di Ninfa, il parco che incantò Lady D e che di recente è stato inserito da The Telegraph tra i dieci giardini più belli del mondo, le sugherete di San Vito e Valle Marina a Monte San Biagio, e molti degli angoli più noti e affascinanti del Parco del Circeo, come i laghi di Fogliano, dei Monaci, di Caprolace e di Sabaudia, i Pantani d Inferno, la foresta demaniale del Circeo, Quarto Caldo e Quarto Freddo sul promontorio del Circeo, e le dune tanto amate dai vip. Inseriti poi nell elenco dei sic le isole di Palmarola e Zannone, la prima considerata una delle più belle isole del Mediterraneo e la seconda parte del Parco Tra i siti anche le isole di Zannone e Palmarola, il lago di Fondi e la costa di Sperlonga Nazionale del Circeo, il lago di Fondi, lago Lungo, la costa rocciosa tra Sperlonga e Gaeta e il promontorio di Gianola e Monte di Scauri. Tra le aree inquadrate di rilevanza europea spuntano però anche ambienti meno noti e lontani dal turismo di massa. Nell elenco dei cosiddetti sic compaiono così la grotta degli Ausi, a Prossedi, che ospita ben sette diverse specie di pipistrelli, i laghi Gricilli a Pontinia, il bosco Polverino a Priverno, i canali in disuso della bonifica pontina, lodati da Antonio Pennacchi nel suo «Canale Mussolini», Monte Leano e Monte Sant Angelo a Terracina e gli Ausoni meridionali. E ancora: la duna di Capratica a Fondi, il Rio Santa Croce a Formia, l ultimo tratto del fiume Garigliano, la sommità del monte Petrella, la cima più elevata degli Aurunci, il versante sud del Monte Redentore, da cui c è chi sostiene che è possibile ammirare il panorama più bello degli Appennini, spaziando con la vista dall entroterra al mare, Forcelle di Campello e di Friale a Formia, l alto corso del fiume Amaseno a Prossedi, Monte Calvo e Monte Calvilli a Lenola e Parete del Monte Fammera a Spigno Saturnia. Per quanto riguarda poi i fondali, individuati come siti di importanza comunitaria non solo i fondali circostanti le isole di Palmarola, Ponza, Zannone, Ventotene e Santo Stefano, «gettonatissimi» dai sub. Tra i sic compaiono infatti anche i fondali tra Torre Astura e Capoportiere, tra Capoportiere e il lago di Caprolace, tra Capo Circeo e Terracina, e tra Terracina e lago Lungo. IL LAGO DI PAOLA A SABAUDIA Tra i Sic insieme ai laghi di Fogliano, dei Monaci, di Caprolace, i Pantani d Inferno, Quarto Caldo, Quarto Freddo sul promontorio del Circeo TORRE ASTURA Tra i siti di interesse comunitario nel territorio di Nettuno c è anche il bosco di Fogliano 7 TRA LITORALE E CASTELLI Tra i siti di importanza comunitaria inseriti nel recente decreto firmato dal ministro dell ambiente Corrado Clini, compaiono anche diverse zone di pregio del litorale romano, tra Nettuno e Pomezia, e dei Castelli ni. CASTELLO BORGHESE A PRATICA DI MARE Un borgo rimasto intatto. Nel suo cimitero è sepolto il regista Sergio Leone

13 n dall 11 al 24 aprile 2013 LE AZIENDE INFORMANO 13 Intervista alla consulente e titolare dell agenzia matrimoniale di Frascati del grande gruppo Meeting attivo dal 1990 Un agenzia dove si punta tutto sulla serietà e dove si possono incontrare persone selezionate sulla base delle proprie preferenze Sig.ra Spridon, perché le persone vengono da voi? Perché sono esigenti, vogliono trovare un partner adatto a loro senza accontentarsi per forza di qualcuno della solita ristretta cerchia di amicizie. Non è bello stare da soli e spesso chi viene in agenzia è una persona motivata, non si sente sconfitta, non sta lì a colpevolizzarsi o a far finta che il problema non esista, ma si muove e lo risolve. La crisi ha ridotto il numero delle richieste alla vs. agenzia? E in che percentuale? Fate promozioni, sconti, organizzate eventi a margine? Non parlerei di riduzione, piuttosto osserviamo alcuni fenomeni: diminuiscono i giovani ed anziani, aumentano i separati ed i divorziati. Le richieste hanno più a che fare con i requisiti caratteriali, meno con l aspetto fisico. In generale, la crisi PER NON ESSERE MAI PIÙ SINGLE CORINA SPRIDON Consulente titolare dell agenzia Meeting di Frascati sta producendo un bisogno inedito di concretizzare relazioni stabili. E un altro nuovo fenomeno: fino a qualche tempo fa il cliente-tipo arrivava da noi carico di aspettative, a volte un po campate in aria, del tipo La voglio bella come Barbie o Lo voglio ricco come Onassis. Oggi questo atteggiamento sembra del tutto estinto, a favore di una più realistica visione di sé e della persona che si desidera al proprio fianco. Per quanto riguarda la nostra offerta, ormai da anni abbiamo scelto di investire nei nuovi media, e dal 2012 abbiamo sviluppato la piattaforma Meeting.it che oggi è parte integrante dell offerta delle agenzie della rete. Perché questa scelta? Perché il percorso di scelta del cliente finale si è destrutturato, e nel caso dei servizi per single si è fortemente spostato sul web; pertanto, era ed è necessario essere presenti in rete, ed ancora occorre esserci in modo innovativo ed originale rispetto ai concorrenti, ma soprattutto attento al servizio, attento e serio che i nuovi single chiedono oggi. Il nostro obiettivo strada ideale o meglio una mappa mediante la quale il single possa in ogni caso arrivare a noi (al nostro sito, al social network, all agenzia Meeting). Ma le persone non potrebbero trovarselo da sole un partner? Perché dovrebbero venire proprio nell agenzia Meeting? Oggi trovare l anima gemella è paradossalmente più difficile di prima. Non c è mai abbastanza tempo da dedicare a sé. Poi una volta c erano tanti parenti e amici che aiutavano e si adoperavano per procurare occasioni di incontro propizie. Oggi non c è piùquesta complicità, tutti vanno di corsa e nessuno più dà una mano. Noi possiamo presentare migliaia di persone. Poi non ci limitiamo a proporre incontri, ma possiamo dare un supporto a molte persone, facendo percorsi di gruppo con esperti nel settore,perché spesso ci accorgiamo che sbagliano atteggiamento. Quindi date anche dei consigli per non fallire? Capita che molte persone cerchino un compagno o una compagna in maniera completamente sbagliata. Noi con dei semplici colloqui siamo in grado di far comprendere quanto spesso si fanno degli errori banali. Non c è il rischio di incontrare persone inaffidabili? Noi di Meeting, a differenza delle altre agenzie, siamo molto attenti a questo aspetto. Addirittura chiediamo il certificato di stato civile per essere sicuri che la persona non sia già sposata. Poi ovviamente ognuno deve saper scegliere. Qual è l identikit che si rivolge Una agenzia competente e riconosciuta Le agenzie Meeting offrono varie tipologie di iscrizione. Il consulente che incontrerai ti presenterà le varie opzioni, indicandoti quella che si adatta meglio alle tue aspettative. Ti chiederà di costruire un quadro conoscitivo dettagliato. La conoscenza delle tue caratteristiche e, soprattutto, dei tuoi desideri, sarà la base sulla quale definire il servizio personalizzato per la ricerca del tuo partner. In questi anni la stampa e la televisione ci hanno interpellato spesso per la nostra competenza in maniera di servizi ai single. Di seguito alcuni servizi che fanno riferimento a Meeting: Super Quark, TG1 Economia, TG2 Costume, La vita in diretta. I video dei servizi si trovano sul sito a voi? Uomini e donne di ogni età. Le nostre agenzie raccolgono davvero tipi di persone molto diverse ma, volendo generalizzare, potremmo dire che il profilo tipico del nostro cliente corrisponde ad una persona tra i 35 ed i 60 anni, che lavora, con esperienze significative alle spalle che gli hanno lasciato dentro un impronta tutto sommato positiva della vita di coppia. E questo è il motivo per il quale si rivolge a noi: ha vissuto in coppia e poi da single, ed alla fine ha deciso che è meglio vivere all insegna dell amore e della condivisione. Da dove vengono le persone iscritte? Da tutta Italia: possiamo far incontrare persone sia di Frascati sia della provincia, sia di tutta Italia. Ovviamente sempre in accordo con la persona. Poi abbiamo accesso alla banca dati nazionale di Meeting, per cui le possibilità sono veramente infinite. Incontri illimitati Tutte le agenzie Meeting sono collegate in rete. Ciò permette di incrociare i tuoi dati a quelli di migliaia di iscritti dell intero circuito Meeting. L importante è concederti la possibilità di scegliere. Ed è proprio questa la nostra forza: il nostro servizio non si basa su un numero stabilito di incontri promessi, ma sulla garanzia che ogni cliente ha di poter fare incontri illimitati per tutta la durata dell iscrizione. Vuoi fare gli incontri solo in agenzia? Vuoi, al contrario, incontrare le persone che ti proporremo solo per un caffè? Preferisci fare gli incontri solo il sabato? Desideri conoscere solo gente della tua città? Ogni desiderio è un ordine per la tua Addetta alla Gestione Incontri. È la persona che si occupa a 360 di organizzare i tuoi incontri, sulla base delle tue specifiche esigenze. INFORMAZIONE PUBBLICITARIA

14 14 POLITICA n dall 11 al 24 aprile 2013 Ha rivoluzionato il mondo della politica, ma i meccanismi della rete non possono ad oggi ancora dirsi democratici Grillo: la lunga strada della trasparenza Emergono grossi dubbi sui criteri adottati nella scelta dei candidati Roberto Lessio Movimento 5 stelle: è vera democrazia? È vera trasparenza? Sono le domande che probabilmente tutti si stanno ponendo in questa intricata e delicata fase politica del nostro Paese, a seguito dello scoppio del fenomeno Movimento 5 Stelle. Di sicuro se le sta ponendo anche gran parte del panorama politico intenazionale, perché situazioni del genere (vedi Partito dei Pirati in Svezia e in Germania) stanno sbucando fuori ormai un po' ovunque in Europa. Nuove forze politiche che, senza passare attraverso i classici meccanismi della rappresentanza delegata (tessere, partiti, congressi, coalizioni, ecc.) si auto-organizzano in rete, si presentano alle elezioni ed ottengono un clamoroso successo elettorale. Alla fine di maggio si tornerà a votare comunque, a prescindere dall esito della situazione a livello nazionale, per il rinnovo di molte Amministrazioni locali anche dalle nostre parti Dove si vota a maggio Provincia di Anzio, Nettuno, Pomezia*, Velletri Provincia di Latina Aprilia**, Bassiano*, Sabaudia*, Sonnino*, Priverno (*) Elezioni anticipate a causa della sfiducia o dimissioni del Sindaco (**) Elezioni anticipate a causa della morte del Sindaco Domenico DʼAlessio dove il Movimento di Beppe Grillo potrebbe avere un peso decisivo; di conseguenza l argomento è di estremo interesse. E allora: come sono stati scelti i cinquestellati che oggi siedono in Parlamento? Chi ha stabilito le liste, visto che anche le loro erano bloccate dall attuale legge elettorale, il cosiddetto Porcellum? Ma soprattutto: come funziona il meccanismo decisionale interno al Movimento? In sostanza, posto che (com è ormai evidente a chiunque) il decisore finale è Beppe Grillo, c è da capire come si è organizzato e come si sta organizzando il Movimento stesso per stabilire la propria linea politica e per scegliere i suoi rappresentanti nelle istituzioni in modo trasparente e comprensibile da tutti. Sorprese e contraddizioni non mancano. Una strana norma introdotta dopo il voto delle parlamentarie ha svantaggiato i candidati romani RAPPRESENTATIVITÀ IN BILICO? Gli attuali deputati e senatori a 5 Stelle sono stati selezionati attraverso le cosiddette parlamentarie interne, vale a dire la scelta dei candidati via Internet, all inizio dello scorso dicembre. Potevano votare gli iscritti al M5S entro la data del 30 settembre 2012, escluso però chi era iscritto e non aveva caricato anche la propria carta d identità. Non è chiaro quanti fossero iscritti, dati pubblici non ce ne sono. Nei comunicati ufficiali si parlava di 95 mila voti a disposizione, ma siccome ogni votante poteva esprimere tre preferenze, molti commentatori hanno dedotto che la base elettorale interna fosse di poco più di 30 mila unità. I candidati erano in tutto circa Anche questo è un numero alquanto esiguo. Se si calcola che i seggi, tra deputati e senatori, sono in tutto 950 (630 alla Camera e 320 al Senato), il rapporto tra i candidati alle parlamentarie M5S con i potenziali posti disponibili era altissimo; pochi nomi cioè per il numero di poltrone disponibili e con conseguente elevata probabilità di essere eletto: infatti oggi quasi il 12% di chi si è candidato a quelle votazioni interne al M5S siede in Parlamento. Inoltre, molti di quei candidati erano parenti tra di loro. PARLAMENTARIE SCONFESSATE I primi due ed inizialmente unici criteri nella determinazione delle liste per le due Camere, erano i seguenti: 1) la graduatoria doveva essere stabilita in base alle preferenze ottenute in ogni singola circoscrizione elettorale della Camera (27 in tutta Italia) dove risiedevano i candidati; 2) coloro che alla data del 28 febbraio 2013 non avevano già compiuto l età di 40 anni, a prescindere dalla posizione in classifica, sarebbero stati candidati alla Camera, mentre tutti coloro che avevano superato questa soglia anagrafica, senza alcun diritto di opzione e a loro volta a prescindere dalla posizione in classifica, sono stati automaticamente candidati al Senato. Questo secondo criterio ha determinato un discutibile risultato: tantissimi di coloro che avevano già compiuto 40 anni, pur avendo ottenuto più preferenze di altri, proprio perché candidati d ufficio al Senato (dove tra l altro i posti disponibili sono quasi la metà di quelli spettanti alla Camera), sono rimasti fuori dal Parlamento, mentre chi aveva ottenuto meno preferenze di loro alle parlamentarie si è ritrovato con una poltrona in Parlamento. È il caso, clamoroso, di una ragazza di Taranto che, pur essendo arrivata diciottesima alle parlamentarie in Puglia, è stata inserita all ottavo posto nella lista alla Camera di quella regione ed è così stata eletta. Alle parlamentarie pugliesi, infatti, c'erano 10 persone ultraquarantenni con più consensi di lei (6 delle quali non sono state elette al Senato), attraverso quella votazione su Internet. A qualche ultraquarantenne è però andata meglio: è il caso di Ivana Simeoni di Latina, risultata al nono posto nelle parlamentarie (quindi in posizione che non le consentiva di entrare a Montecitorio), ma poi automaticamente salita al sesto posto nella lista per il Senato, dove è stata eletta. Aveva preso 55 preferenze alle parlamentarie. Pertanto sono risultate elette persone che alle parlamentarie stesse hanno preso una manciata di preferenze in tutto, rispetto ad altre che ne hanno prese molte di più. LA CURIOSA DETERMINAZIONE DEI SEGGI In quella votazione interna, inoltre, ogni candidato poteva controllare l esito delle votazioni solo ed esclusivamente nella propria circoscrizione alla Camera. Com'è stato possibile questo? Dipende dal metodo meccanico di ripartizione dei posti in lista per il Senato. Il Lazio, come altre TSUNAMI: LO ANNUNCIÒ SU ACQUA & SAPONE «Politici e giornalisti saranno sommersi. Èuno tsunami», ci disse Grillo nell aprile Leggi l intervista su Comunicato politico N. 53 «Signori stiamo per affrontare qualche cosa di straordinario, delle elezioni in Parlamento, un Movimento, elezioni via Web, non è mai stato fatto nulla di così straordinario. Facciamo quello che possiamo, le regole sono molte, poi stanno molto attenti se sbagliamo, bisogna non sbagliare nulla. Sarà un cambiamento epocale, duro, sbaglieremo, sbaglierò, mi accuserete di qualsiasi cosa, non lo so. Io credo che dovremmo affrontare insieme una grande cosa che stiamo facendo, ce ne renderemo conto tra qualche anno, quindi dateci una mano piuttosto che martellarci, a me e a Casaleggio, di darci delle martellate in testa, dateci consigli, una mano, abbiamo bisogno tutti uno dellʼaltro. Grazie.» Beppe Grillo Nessuna voglia di martellare da parte de Il Caffè, ma per dare consigli bisogna capire cosa ha funzionato e cosa no. Una critica, dunque, per costruire, come abbiamo fatto sempre con tutti gli altri, nessuno escluso. regioni, ha due circoscrizioni per la Camera anziché una sola: la prima comprende tutta la provincia di, mentre la seconda, è costituita dalle altre 4 province. Invece al Senato le circoscrizioni sono 20 in tutta Italia, una per ogni singola Regione. Quindi è sorto il problema di trovare un criterio per compilare un unica lista regionale per gli aspiranti senatori, partendo dalle preferenze ottenute nelle due circoscrizioni alla Camera. Così è stato stabilito, non si sa bene da chi, ma a parlamentarie già avvenute, un criterio alfanumerico: per prima in lista al Senato ci sarebbe finita la persona ultraquarantenne che, sempre a prescindere dalla posizione nella graduatoria di quella votazione interna, risiedeva nella circoscrizione Lazio 1 (nello specifico Su 357 comuni nel Lazio solo una decina di città hanno potuto presentare propri candidati RISCHI PER I NON ALLINEATI Pubblicato sul sito del Movimento 5 stelle prima delle parlamentarie Fabiola Anitori, arrivata quinta alle parlamentarie romane ); al secondo posto ci sarebbe finito l'ultraquarantenne più votato, ma residente nell altra circoscrizione laziale, Giuseppe Vacciano di Latina, arrivato a sua volta quinto nella circoscrizione Lazio 2. Seguivano poi l ultraquarantenne arrivato secondo in Lazio 1, il secondo di Lazio 2, il terzo di Lazio 1, il terzo di Lazio 2 e così via. Vale a dire che sono stati promossi candidati senza alcun criterio di rappresentatività proporzionale, a prescindere dalla popolazione e dal numero di elettori; così le due circoscrizioni laziali alla Camera, pur avendo Lazio 1 circa il 75% degli elettori e Lazio 2 il restante 25%, hanno oggi lo stesso numero di Senatori cinquestellati (tre a tre). Un territorio come quello di e provincia si trova così notevolmente sottorappresentato. Questa regola, tra l altro, come ha sottolieato a suo tempo in rete l attuale senatore siciliano 5stelle Michele Garruso, è stata introdotta dopo lo svolgimento delle parlamentarie ed è stata applicata in tutte quelle regioni che hanno più di una circoscrizione alla Camera: Piemonte, Lombardia, Veneto, Lazio, Campania e Sicilia. TUTTI DALLE STESSE CITTÀ: ECCO PERCHÉ Altro aspetto curioso: i neo parlamentari di 5 Stelle provengono tutti dalle stesse città, mentre non ce n è nessuno in rappresentanza di intere aree del Paese. Nel Lazio, sempre ad esempio, tolta la provincia di che una certa distribuzione territoriale ce l ha comunque avuta, alle parlamentarie M5S e di conseguenza alle elezioni politiche in rappresentanza di quella lista, non c era alcun rappresentante della provincia di Rieti, mentre per la provincia di Latina (tranne uno) c erano solo residenti nella città capoluogo. Come mai? La ragione sta nel fatto che hanno potuto candidarsi solo le liste (o singole persone) già certificate dallo staff di Grillo nelle precedenti elezioni amministrative: una decina in tutto rispetto ai 357 Comuni che ci sono nel Lazio. E a candidarsi potevano essere solo le persone non elette. Chi in quelle stesse votazioni era diventato consigliere comunale o regionale (il M5S non si presenta alle elezioni provinciali ed europee), non ha potuto candidarsi al Parlamento. Non a caso molti attivisti stanno segnalando il fatto che, se non corrette per tempo e in corso d opera tutte queste contraddizioni, una così interessante realtà (per tutti, a prescindere dalla propria appartenenza e credenza politica), rischia di far buttar via, insieme all acqua sporca, anche il bambino. Insieme ad una generica dichiarazione dʼimpegno, tutti i candidati alle parlamentarie hanno dovuto sottoscrivere ed accettare il cosiddetto Non Statuto del Movimento 5 Stelle. Tra le prescrizioni, definite non-regole (ma allora perché mai tutti le debbono rispettare? verrebbe da Alcuni neoeletti senatori del MoVimento 5 Stelle chiedersi), cʼè anche quella che impone al Movimento stesso e di conseguenza ai suoi rappresentanti di non allearsi mai con alcun partito. Ed essendo il M5S un marchio registrato, ci potrebbero essere anche rischi di carattere extra-politico per i suoi trasgressori.

15 TRASPARENZA Le Province di e Latina e i Comuni ancora non in regola: su internet pubblicano informazioni scarse e poco accessibili n dall 11 al 24 aprile La casta locale lascia gli enti poco trasparenti Come sono gestiti gli enti, come spendono? Risultati raggiunti? E gli stipendi di dirigenti e politici? Francesco Buda Trasparenza, questa sconosciuta. Quasi nessuna amministrazione locale è in regola con la legge in materia di trasparenza degli enti locali. Sebbene strombazzata dall'allora ministro per la pubblica amministrazione, invocata dalla Costituzione repubblicana ed obbligatoria per legge, l'accesso totale agli atti degli enti locali è ancora una chimera. In virtù del decreto legislativo 150 del 2009 (articolo 11, per il quale era richiesta immediata applicazione), Comuni e Province devono diventare una casa di vetro, pubblicando sui propri siti internet tutti gli atti, dalle delibere di giunta e consiglio comunale alle ordinanze, dai bilanci alle determine dei dirigenti. Insomma, qualunque cittadino dovrebbe poter conoscere per filo e per segno le carte del palazzo e come vengono spesi i suoi soldi. Invece siamo ancora in alto mare, altro che navigare su internet! Una opacità degli enti certificata da un esperto come Antonio Costanzo dell'associazione Rinascita Civile di Latina, che da tempo sta monitorando attentamente e con cognizione di causa i siti istituzionali della zona de Il Caffè. Un'analisi meticolosa che rileva un dato preoccupante, soprattutto in tempi di corruttela e marciume politico-burocratico come quelli attuali: i Comuni e le Province di e Latina lasciano molto, spesso moltissimo, a desiderare. Presentano siti istituzionali senza tutte le dovute informazioni previste dalla legge e necessarie a far conoscere ai cittadini la vita e le attività degli enti, se, come, quando e quanto vengono Per legge devono garantire accesso totale ai cittadini. Questo aiuterebbe contro sperperi e corruzione mantenuti gli impegni presi. Nessun Comune della Provincia di Latina, né quest'ultima, sono completamente in regola con la legge sulla trasparenza. Al massimo, secondo le ricerche di Costanzo, si arriva a circa la metà delle informazioni da pubblicare. Quasi ovunque mancano importanti documenti come il Piano triennale per la trasparenza e l'integrità, spesso non sono esaustive le relazioni su gestioni e risultati dei servizi rispetto agli obiettivi indicati nel Piano delle performance. Carenti pure le informazioni sulle iniziative per la soddisfazione degli utenti (customer satisfaction), sui procedimenti e in alcuni casi anche sugli stipendi (non di rado generosissimi) di dirigenti e consulenti, mentre pochissimi comuni pubblicano le indennità dei politici e degli amministratori dei carrozzoni delle società municipalizzate e così via. Tutte cose che dovrebbero essere non solo pubblicate, ma anche facilmente accessibili, utili senz'altro anche a contrastare la corruzione. Non va meglio tra i Castelli ni e il litorale: qui soltanto 4 Comuni centrano l'obiettivo di fornire il 100% delle informazioni richieste dalla normativa. Questa individua 42 parametri da soddisfare. «Tra i Comuni de Il Caffè nella provincia di, risulterebbero in regola con la pubblicazione degli atti sulla trasparenza solamente Ardea, Ariccia, Castel Gandolfo e Frascati ci spiega il dottor Costanzo -, cioè come enti che offrono accesso totale ad atti e informazioni. Nel sito del Comune di Velletri risulta pubblicato circa il 60% delle informazioni previste dalla legge, mentre per i restanti Comuni esaminati (Albano, Ciampino, Genzano, Marino, ANTONIO COSTANZO Già direttore dell Inps di Latina Nemi, Pomezia, Rocca di Papa) le percentuali non raggiungono il 20% (con un minimo di sole 3 informazioni pubblicate e un massimo di 8 informazioni). Una bassa percentuale (attorno al 25%) si registra anche per le informazioni pubblicate nel sito dell'amministrazione provinciale di. Però avverte Costanzo, che se ne intende, essendo stato direttore generale dell'inps provinciale di Latina e dirigente generale del servizio organizzazione, studi e ricerche dello stesso Istituto va detto che questo appare in base alle rilevazioni del sito Magellano del ministero della funzione pubblica, che considera anche informazioni che vanno soggette a verifica nei casi in cui Non viene riportata esattamente l indicazione fornita dalle linee guida. Situazioni che possono dar vita ad una pagella più generosa». Ma speriamo anche meno ricca di quanto appare. «Si tratta inoltre di verificare se le informazioni pubblicate sono complete, tempestive, aggiornate e comprensibili, cosa che la graduatoria Magellano non considera. E poi, a dirla tutta, quei 42 parametri non sono esaustivi, per un giudizio più completo sul grado di trasparenza espresso dalle singole amministrazioni, è richiesta la pubblicazione di altre informazioni, in quanto il concetto di accessibilità totale, cui è ispirato il decreto legislativo 150/2009 è ampio e va al di là delle specifiche prescrizioni di trasparenza poste dalla legge. Pertanto, ogni amministrazione, nell esercizio della propria discrezionalità, dovrebbe selezionare e pubblicare anche dati ulteriori rispetto a quelli previsti dalla legge, sulla base delle esigenze di informazioni espresse dalla collettività». Perciò il dottor Costanzo esaminerà per Il Caffè anche i siti isituzionali della zona dei nostri lettori, dopo aver effettuato con Rinascita Civile la verifica sugli enti locali pontini, entrando in tutti i siti comunali e in quello della Provincia di Latina. Quasi tutti i Comuni hanno rischiato il commissariamento Moltissimi Comuni con oltre residenti hanno rischiato, ed altri continuano a rischiare, di essere commissariati per la mancanza dell'obbligatorio regolamento sui controlli interni, previsto da ben due leggi del La 190 (legge anticorruzione) e la 213. Andava approvato entro il 10 gennaio, prorogabili di 60 giorni, quindi massimo entro il 10 marzo. Altrimenti dice la legge - il Prefetto inizia la procedura di scioglimento del Consiglio ai sensi dell'articolo 141 del TUEL. Ebbene, tutti si sono ridotti ad adempiere fuori termine, anche fuori il tempo massimo della proroga. Qualcuno addirittura, stando ai losro siti ufficili, non ha ancora provveduto. Nella zona de Il Caffè l'unico che ha provveduto in tempo è Ariccia, il giorno della scadenza (10 gennaio). Questi regolamenti devono essere pubblicati tempestivamente, dice la legge, sui siti internet ufficiali degli enti. E al 2 aprile il dottor Antonio Costanzo, esperto di burocrazia e uffici pubblici, ha rilevato che a Ciampino, Frascati, Genzano, Nettuno, Velletri, Latina e Cisterna non vi è questo importante documento. Latina ora ci sta Lavorando, e Cisterna ha provveduto lʼ8 aprile. Dalla Provincia di, guidata da un commissario prefettizio a seguito delle dimissioni di Zingaretti, lʼufficio Albo ci fa sapere che il Commissario ha provveduto in data 8 e 20 marzo. Quindi dopo il termine del 10 gennaio. Ha rischiato grosso invece l'amministrazione provinciale di Latina: al 10 marzo ancora non si era dotata di questo regolamento. Quindi il Consiglio andava sciolto. Guarda caso, proprio mentre è scoppiato lo scandalo delle assunzioni clientelari in quellʼente (45 indagati), hanno poi adempiuto i primi di aprile.

16 NOTIZIE DALLA REGIONE n dall 11 al 24 aprile 2013 POLITICA Movimento 5 Stelle critica le scelte della Regione Lazio e annuncia il ricorso al Tar sulla mancanza di donne Fuori i grillini dall Ufficio di Presidenza Il primo smacco al Movimento 5 Stelle è arrivato. I grillini sono rimasti fuori dall'ufficio di Presidenza della Regione Lazio, organismo che esercita funzioni inerenti all'autonomia organizzativa, amministrativa, finanziaria e contabile del Consiglio regionale e che ne predispone il bilancio preventivo e il conto consuntivo. E oltre il danno ecco la beffa con una sola donna nominata nell'udp a fronte di ben cinque uomini. Oltre a Maria Teresa Petrangolini (Lista per il Lazio), eletta consigliere segretario con 14 voti, entrano il presidente del Consiglio Daniele Leodori (Pd), i due vicepresidenti Massimiliano Valeriani (Pd) con 29 voti e in rappresentanza della minoranza Francesco Storace (Lazio 2013) con 15 preferenze. La composizione dell'ufficio di presidenza si è poi completata con l'elezione degli altri due consiglieri segretari: Gianluca Quadrana (Lista Zingaretti) con Con M5S fuori si è scelto di non dare rappresentanza ad una grande fetta dell elettorato laziale DAVIDE BARILLARI Consigliere del M5S dalla consigliera Valentina Corrado sul blog del gruppo stellato: «Tenendo i Consiglieri del M5S fuori dall'ufficio di presidenza, si è deliberatamente scelto di non dare rappresentanza ad una grande fetta dell'elettorato laziale, che in esso ha riposto la propria fiducia. La maggioranza, nelle quattro cariche a propria disposizione, ha espresso una sola donna, mentre il centrodestra, come da copione, ha espresso due uomini, tra l'altro ultracinquantenni». PDL: NESSUN ACCORDO CAL- COLATO TRA CONSIGLIERI Totalmente in disaccordo con le dichiarazioni del Movimento 5 Stelle, l'opposizione targata Pdl. Ed è il consigliere regionale Adriano Palozzi a voler mettere i puntini sulle i: «Personalmente non credo nell'accordo tacito tra consiglieri di maggioranza e opposizione. Noi, come Pdl, abbiamo scelto due personalità importanti che potranno ben rappresentarci nell'ufficio di Presidenza, come Francesco Storace alla vicepresidenza del Consiglio e Giuseppe Simeone membro. Si tratta - specifica il sindaco uscente di Marino - di una assegnazione equilibrata a garanzia della rappresentatività delle coalizioni. La teoria del sospetto e della congiura è l'unico metodo che i grillini riconoscono senza rendersi conto di scadere nel ridicolo e di scoprirsi sempre meno credibili anche agli occhi del loro stesso elettorato». Marco Montini ADRIANO PALOZZI Consigliere regionale del Pdl 15 voti, e Giuseppe Simeone (Pdl) per l'opposizione. M5S: ESCLUSI PER ACCORDO TRA PARTITI DELLA VECCHIA POLITICA Chiaramente non si sono fatte attendere le reazioni dei grillini. Tra i primi a criticare quanto uscito fuori dal Consiglio regionale è stata la consigliera Pernarella. Emblematico per brevità e concretezza, il secco sì dato alla nostra domanda Secondo lei si è trattato di una vera e propria spartizione per lasciare voi senza rappresentanti nell'ufficio di presidenza?. Concetto ampliato in Consiglio regionale dal collega Barillari: «Siamo stati esclusi dall'ufficio di presidenza con un accordo di spartizione fra i partiti della vecchia politica». Stessa reazione VALENTINA CORRADO Consigliere del Movimento 5 Stelle Una sola donna, i grillini faranno ricorso Quello che brilla nell'ufficio di Presidenza è un rosa pallido, ma così pallido che a momenti nemmeno si vede: una sola donna, infatti, tra i sei eletti. Cosi proprio non va e lo ha capito anche e soprattutto il Cinque Stelle, che ha già annunciato che ricorrerà al Tribunale amministrativo in merito alla scarsezza di signorine nell'importante organismo regionale: «Purtroppo ci duole sottolineare - ha detto Pernarella - al presidente Zingaretti che ai buoni propositi della campagna elettorale non sono seguiti fatti concreti: ci riferiamo alla formazione dell'ufficio di Presidenza. Secondo noi è stato violato il principio statutario sulla equilibrata rappresentanza femminile. È nostra intenzione presentare ricorso al Tar Lazio». Come ha specificato poi la Corrado «è stato palesemente violato il comma 2 dell'articolo 20 dello Statuto della Regione, il quale dispone che Nell'Ufficio di Presidenza è garantita un'equilibrata presenza delle donne. Sul concetto di equilibrata rappresentanza di genere si è già espresso il Tar Lazio una prima volta con sentenza 6673/2011 e, recentemente, con sentenza 633/2013. Pertanto, coerentemente a quello che è il nostro ruolo in Consiglio, cioè quello di garanzia del rispetto di norme e regolamenti, è nostra intenzione presentare ricorso presso i giudici amministrativi». Marco Montini

17 LE AZIENDE INFORMANO n dall 11 al 24 aprile XXVIII Mostra Agricola Campoverde: dal 24 aprile al 1 maggio mostra mercato, enogastronomia, animali e tanto divertimento L AGRICOLTURA DIVENTA SPETTACOLO diventa spettacolo. La 28esima edizione della Mostra Agricola Campoverde, in L agricoltura programma dal 24 aprile al 1 maggio nella struttura Aprilia Fiere di Campoverde, via Pontina km 54 ad Aprilia, mira proprio a sdoganare l'agricoltura, settore cardine dell'economia pontina, e renderla cultura, spettacolo e informazione, avvicinare un pubblico eterogeneo, proporsi alle nuove generazioni e soprattutto offrire una vetrina commerciale per le attività produttive locali. Nei quattro ettari di area espositiva (e 16 saranno dedicati a parcheggio) saranno rappresentati tutti i settori commerciali inerenti il mondo agricolo, con 360 stand totali: dai costruttori di trattori ai macchinari per la raccolta kiwi, uva e olive, sistemi innovativi per l'irrigazione, costruttori di serre, depurazione acque, produzione di energia alternativa. Grande sarà anche la rappresentanza della floricoltura, gli animali con l'esposizione bovina, ovicaprina, bufalina ed equina. Gli spettacoli. Anche quest'anno, nell'area spettacoli si esibiranno i Butteri delle Paludi Pontine ed il Western Show. Torna anche Daniel Berquiny, il noto addestratore del cinema, che porterà in fiera una selezione di rettili star della tv. Inoltre, voleranno sull'area fiere di Campoverde le aquile di Fabio Rossi. Per gli amanti dei cani, la scuola di addestramento cinofilo Tobyas Popovici proporrà lezioni gratuite per migliorare il rapporto con gli amici a quattro zampe. Spazio sarà dedicato all'enogastronomia locale, nazionale ed internazionale, grazie alla collaborazione con la Camera di Commercio Italo- Orientale. I prodotti principe di questa edizione 2013 saranno il vino, il miele, il cioccolato e, grande novità, la liquirizia. Torna il Premio Giardino d'oro, il concorso per il miglior allestimento dei giardini che sarà votato dal pubblico in fiera, e la fattoria didattica con la visita gratuita delle scolaresche in Fiera. Completeranno la Mostra gli attrezzi agricoli d'epoca ed i convegni per l'approfondimento di tematiche legate all'agricoltura. L'inaugurazione è prevista per il 24 aprile alle ore 17,00. Per informazioni La Mostra Agricola Campoverde si terrà dal 24 aprile al 1 maggio presso l'aprilia Fiere, via Pontina km 54 (uscita Campoverde sud). 16 ettari di parcheggio a disposizione. Informazioni: 06/ INFORMAZIONE PUBBLICITARIA TUTTE LE NOVITÀ PER LA CASA DA COMEDIL Innovazione. Passione. Continuo aggiornamento Renato Mastrella Organizziamo eventi e corsi di formazione per addetti ai lavori per portare innovazioni a livello locale FRANCESCO TOMASI 45 anni, titolare della Comedil, da 25 anni nel settore C è una continua ed entusiasmante evoluzione nel settore della casa con nuovi materiali, nuovi prodotti e nuovi sistemi frutto della ricerca dei migliori produttori italiani che il mondo ci invidia. Perciò in collaborazione con queste aziende Comedil organizza durante l anno molti eventi e corsi di formazione per addetti ai lavori per portare immediatamente tutte queste novità disponibili anche a livello locale. Perché ristrutturare la propria casa è una esperienza che può essere molto appassionante, specie con tutte queste innovazioni. Ma anche impegnativa, perché in poco tempo occorre prendere tante decisioni il più possibile armoniche. Oggi il mercato offre tantissime possibilità ed è inevitabile trovarsi ad un certo punto confusi e dubbiosi. In quel momento è importante potersi fidare di chi ti consiglia, perché non vuole 'venderti' quello che vuole lui, ma ciò che è più adatto a te. Ed è importante che senza pressarti troppo ti accompagni con naturale gentilezza, pazienza e competenza nella scelta dei materiali e dei colori del pavimento, dei rivestimenti, dei sanitari, della cucina o dell'idromassaggio. Comedil, azienda storica dal 1981 nel territorio di Aprilia, si è sempre distinta per la cura del cliente, per lo showroom su due piani da non perdere e per la vasta gamma di prodotti in pronta consegna, grazie ad un magazzino ben fornito. La Comedil ha la giusta dimensione per trattare ogni cliente con tutta l attenzione che merita e con la professionalità necessaria per un servizio al top, oltre che un assortimento davvero importante. Ed è per questo che collabora con le aziende più rappresentative del settore: Lea ceramiche, Emilceramica, Fap, Naxos, Teuco, Gessi, Pozzi Ginori, ecc... Comedil si rinnova continuamente ed è attenta alle novità in evoluzione nel mercato sempre più selettivo ed esigente. COMEDIL - APRILIA Via Pontina, Km 47,100 tel INFORMAZIONE PUBBLICITARIA

18 18 SALUTE n dall 11 al 24 aprile 2013 Neo Drenaven, alimentazione e movimento possono risolvere un problema che oltre che di salute è anche estetico GAMBE GONFIE? NON PIÙ IN TRE PASSI INFORMAZIONE PUBBLICITARIA Ecco come drenare i liquidi in eccesso in modo naturale... Eliminando in molti casi gli inestetismi derivati da capillari tendenti ad accentuarsi Molte persone, in maggioranza donne lamentano un appesantimento delle gambe e in generale un gonfiore diffuso. Pur non avendo ancora maturato una patologia circolatoria specifica, rischiano una flebopatia o un angiopatia che si manifesta agli esordi, con una ritenzione liquida riferita agli arti inferiori. Lamentano cioè gambe pesanti e dolenti, facilmente stancabili. Questi sono pazienti che hanno una alimentazione squilibrata, associata a mancanza totale di attività fisica rispettosa delle funzioni muscolari, circolatorie e linfatiche. In queste persone si apprezza anche un aumento ponderale dovuto ad un eccesso di liquidi che non sono adeguatamente drenati e quindi smaltiti. Il soggetto osserva con sconcerto la sua silhouette che cambia e le sue gambe spesso arrossate, con presenza di gonfiori alle caviglie. IL CONSIGLIO DELL ESPERTO DOTT.SSA MARIANA IULIAN Medico Chirurgo, MMG-Omeopata Neo Drenaven, naturale, in farmacia Neo Drenaven è un drenante naturale che protegge il microcircolo periferico Il mio consiglio è di risolvere il problema in tre passi: 1. seguire una dieta appropriata, diversa per età e per attività lavorativa 2. iniziare una sana attività fisica senza esagerazione: corsa leggera all'aria aperta o bicicletta sono ideali 3. avvalersi di rimedi naturali ad azione protettiva e drenante che possono risolvere queste problematiche. e i vasi, evitando la formazione di edemi e/o gonfiori. Stimola la diuresi e si oppone alla infiltrazione di liquidi nei tessuti, in special modo a livello delle gambe. Riduce le antiestetiche microangiopatie cutanee. Migliora il tono tissutale, rendendo gli arti e le muscolature associate più elastiche e meno pesanti. Agisce sul dolore deambulatorio. Composizione: Ananas, Centella Asiatica, Troxerutina, Meliloto, Orthosiphon, Vitamina C, Vitamina E. Fra i rimedi naturali i principi attivi oggi più usati e conosciuti che danno risultati sono ad esempio: la Centella Asiatica, gli estratti di Ananas, l'orthosiphon, il Meliloto o i derivati della Rutina, coniugati con sostanze antinvecchiamento come le Vitamine A, E, C.Tali sostanze oltre a proteggere i vasi sanguigni hanno un effetto drenante, favorendo lo smaltimento dei liquidi in eccesso, rendendo più tonica la muscolatura e la cute, eliminando in molti casi gli inestetismi derivati dalla formazione di piccoli capillari che tendono ad accentuarsi. Tutto ciò fa di questi rimedi una scelta consapevole, in linea con il benessere psicofisico. Negli interventi di chirurgia odontoiatrica è fondamentale che personale qualificato garantisca strumentario sterile DOPO LE CURE DAL DENTISTA, CHI PULISCE? INFORMAZIONE PUBBLICITARIA Non bisogna mai sottovalutare un intervento chirurgico dal dentista. Si tratta pur sempre di un intervento che ha bisogno di essere eseguito nella massima sicurezza, garantita innanzitutto dalla professionalità dell odontoiatra, ma anche da un ambiente perfettamente pulito e strumentario sterile. COME SI ATTUA UNA CHIRURGIA STERILE? Sicuramente indispensabile è il personale che deve essere preparato ad affrontare questo tipo di prestazione. All interno della sala operativa, dove c è la poltrona del dentista, immaginiamo di distinguere un campo operatorio sterile vicino al paziente e un campo esterno lontano dal paziente. Nel campo sterile ci sono il paziente, l operatore e almeno un assistente, mentre nel campo esterno ci deve essere almeno un altra assistente che si occupa di rifornire il campo operatorio di tutto il necessario già preventivamente preparato. Inoltre è importante che un altra persona al di fuori della sala operativa, di solito una segretaria, possa ricevere le telefonate dello studio per non disturbare chi è coinvolto nel delicato intervento. COME DEVE ESSERE AFFRON- TATO UN INTERVENTO? Facciamo un esempio: paragoniamo gli interventi di implantologia, gli interventi di chirurgia dei denti del giudizio o dei denti inclusi, gli interventi di rigenerazione ossea e gli interventi sulle gengive, come se fossero un bel pranzo complesso ed elaborato in un ristorante di alto livello. UNO STAFF COMPLETO, GIOVANE E PROFESSIONALE Da sin., Simona Giorgi, Francesca Ferrazza, Andrea Pandolfi, Tiziana Gangemi, Alessia Lorenzoni Se dobbiamo fare un bel pranzo complesso ed elaborato ci deve essere l esperto cuoco che cucina e poi ci devono essere altri collaboratori che puliscono le posate dopo che si è consumato il pasto. Il paziente per poter mangiare un ottimo pasto deve innanzi tutto stare comodo, seduto a tavola, mentre il cuoco prepara sapientemente e minuziosamente il pasto. Per consumare il tutto al meglio ci deve essere il personale, camerieri e aiuti cuochi che poi provvederanno a pulire bene, a lucidare e a riordinare perfettamente la cucina. Solo dopo che la cucina è stata pulita e detersa a fondo con i giusti tempi lasciati a chi dovrà effettuare l operazione si potrà procedere ad un nuovo pasto, ovvero ad un nuovo intervento di chirurgia in ambiente sterile. La competenza non s improvvisa Dr. ANDREA PANDOLFI Laureato in Odontoiatria e Protesi Dentaria cum laude presso lʼuniversità degli Studi di Siena. Iscritto allʼordine dei Medici Chirurghi e Odontoiatri della provincia di Latina al n In Italia la Laurea per diventare Dottori Odontoiatri esiste dal Per approfondire: Tel DENTISTI FRONTE STRADA COME NEGOZI Le cure dentarie self service come al supermercato e il preventivo come la lista della spesa L a domanda che viene spesso fatta ad dentista è: quanto costa curare una carie? La domanda che invece dovrebbe essere fatta è: perché è venuta una carie, ovvero una malattia dei denti, e quali sono le alternative di cura?. Le 'aziende del dentale', i 'negozi' e i 'franchising dei denti' si concentrano sulle promozioni, rischiando di perdere di vista la salute del paziente, trattando le persone come clienti da far entrare nel negozio a 'comprare le cure' o peggio a 'comprare dei denti nuovi'. Già è realtà la comparsa di network e di franchising del dentale con testimonial pubblicitari, famosi e non, con offerte promozionali sul sorriso. L'obiettivo della pubblicità è indurre i clienti a frequentare la loro struttura con la promessa di sorrisi smaglianti a costi convenienti. Ma le cure e i pazienti che fine hanno fatto? La bocca dei pazienti non merita di essere trattata come un discount, né tanto meno come un modello in gesso dove poter applicare un qualsiasi manufatto protesico. Informarsi sulle possibilità di cura da seri professionisti Odontoiatri, dottori laureati e iscritti all'ordine dei Medici e Chirughi e degli Odontoiatri è fondamentale per non incorrere in un 'falso e illusorio risparmio' a danno solo della salute della propria bocca. L'unico vero risparmio in termini di salute è la prevenzione. Da sempre prevenire è meglio che curare e, se oltre che alle persone adulte lo insegnassimo anche ai bambini, la prevenzione funzionerebbe ancora di più!

19 IL CAFFÈ DEGLI ARTISTI n dall 11 al 24 aprile L originale spy story sulla quarta metro di è stata selezionata per l importante Los Angeles Web Film Festival Next Stop: dai Castelli ni all America web serie Next Stop, una spy comedy nata L originale nei sotterranei della metro di, nel cui cast emerge anche Matteo Davide, giovane attore dei Castelli ni, è sbarcata in America a marzo. Selezionata al Los Angeles Web Film Festival, una delle più importanti rassegne cinematografiche del mondo, Next Stop è stata definita una delle dieci migliori web serie italiane Giunta in America, Next Stop è stata considerata una delle dieci migliori web serie italiane dell'anno. La web serie romana racconta le disavventure di un gruppo di agenti segreti alle prese con un progetto impossibile: costruire la quarta linea metropolitana di, la linea D. Con la trama innovativa e i dialoghi disarmanti, la web serie realizzata e prodotta da InMediaRec, giovane casa di produzione romana, sta mietendo successi e consensi in tutto il mondo. Fin dalla puntata pilota, la serie ha subito conquistato uno spazio importante nel mondo delle web serie, meriti riconosciuti anche al Fiction Fest 2012 e al Festival Immaginario di Perugia e adesso anche al Los Angeles Web Film Festival. Primi trofei, questi, di una seria partita dalla metro Anagnina che promette di arrivare davvero molto lontano. Allora in bocca al lupo, ragazzi! I cantanti di Aprilia, Anzio e Nettuno a The Voice SILVIA CAPASSO 31enne di Anzio nel team di Noemi VALENTINA TRAMACERE 28enne di Aprilia, è stata però eliminata FLAVIO CAPASSO Nettunese di adozione, nel team di Noemi The voice of Italy, il programma campione di ascolti di Rai2 in onda tutti i giovedì sera, consacra Anzio, Nettuno ed Aprilia. Nelle squadre dei coach Riccardo Cocciante, Raffaella Carrà, Noemi e Piero Pelù ci sono infatti Valentina Tramacere, 28 anni di Aprilia (eliminata giovedì scorso), scelta dall'ex leader dei Litfiba, mentre nel team di Noemi ci sono Silvia Capasso 31enne di Anzio e Flavio Capasso nettunense di adozione. Tre voci meravigliose che hanno incantato i giudici: la strada per il successo sarà lunga, ma i nostri tre artisti sapranno dare battaglia. Il gruppo rock ha una nuova cantante, Ania, che ha già stupito il pubblico Nuova voce per i Diapausa di Pomezia Ottimo inizio per la nuova formazione del gruppo rock di Pomezia Diapausa, un coinvolgente e molto interessante progetto musicale che riesce ad amalgamare sonorità dure e potenti, a vocalizzi puliti e suadenti con ritmiche a volte elettroniche. Il gruppo ha una nuova cantante, Ania: la sua prima esibizione ha lasciato favorevolmente stupiti i seguaci del gruppo; ottima personalità e una perfomance vocale impeccabile sia nei momenti rabbiosi, sia nei momenti più dolci e atmosferici, passaggi che ben sottolineano le frenetiche dinamiche firmate da Salvatore Picci (chitarra e cori), Valerio Petriachi (batteria e synth) e Si Lo (basso e cori). Gianluca Pagliuso, direttore d orchestra di Aprilia che gira il mondo Un musicista di Aprilia sta rappresentando lʼitalia allʼestero con la sua esperienza musicale di alto livello: si tratta del direttore dʼorchestra Gianluca Pagliuso. Lo scorso 8 marzo ha diretto lʼorchestra filarmonica di Plovdiv (Bulgaria) in uno spettacolare concerto in cui sono state eseguite musiche di Bruckner e Schostakovitch, riscuotendo un ampio successo di pubblico e di critica. Diplomato in pianoforte, direzione di coro e Direzione dʼ orchestra, svolge unʼintensa attività direttoriale con orchestre come I Pomeriggi Musicali di Milano, la Nuova Scarlatti di Napoli, lʼorchestra Regionale di e del Lazio, La filarmonica di Ankara (Turchia), La Nova Amadeus Orchestra, la World Youth Orchestra, lʼorchestra da camera di S. Pietroburgo e tante altre. Ha inoltre collaborato con artisti importanti della lirica come Elisabetta Fiorillo e Gianluca Terranova. Ha partecipato in vari programmi televisivi sulla lirica presso la RAI e Mediaset ed è Docente presso il Conservatorio di Latina. Il 19 aprile dirigerà "La serva padrona", operetta-capolavoro di Pergolesi messa in scena dall'associazione Diapason, nell'aula Magna della Scuola Pascoli di Aprilia alle 21, ad ingresso libero. Tesi luterane sul partito di classe parla della sinistra anticapitalista Bianchi, il pontino che scrive di politica Alberto Bianchi, scrittore di Latina, è autore di Tesi luterane sul partito di classe, edito da Delfino. Il libro vuole indagare sulla crisi della rappresentanza dei partiti della sinistra anticapitalista e sulle loro contraddizioni. Fenomeni come lo spostamento dei fini, i processi di omologazione, doppiezze politiche, le continue scissioni, il ruolo dei quadri intermedi, la vocazione governista sono tra gli indicatori ricorrenti. L'emergere di paradigmi organizzativi alternativi ai partiti crea inevitabilmente nuovi attori sociali e nuovi conflitti: i cambi di paradigma non sono un pranzo di gala. Bianchi ha un percorso comune a molti della sinistra e dei movimenti, una militanza in Lotta Continua, Democrazia Proletaria, per poi confluire in Rifondazione Comunista. Dal 2004 nel movimento per l Acqua Pubblica. Laureato in Sociologia con una tesi sul Destino dell automobile; diplomato all Accademia di Belle Arti con una tesi su George Grosz. Stringimi prima che arrivi la notte del 23enne Volpe Da Latina di nuovo al Premio Strega Dopo l'esordio ( Il vuoto intorno, uscito nel 2012 per Il Foglio Letterario e poi riproposto da Edizioni Anordest), il giovane Claudio Volpe, 23 anni di Latina, torna con un nuovo romanzo, Stringimi prima che venga la notte (in libreria per Edizioni Anordest), e punta di nuovo al Premio Strega. Il suo precedente romanzo era stato presentato nell'ambito della prestigiosa manifestazione da Dacia Maraini. Quest'anno, il romanzo di Volpe sarà presentato dai due Amici della Domenica Renato Minore e Cesare Milanese. Un bel traguardo per lo scrittore pontino, che vanta un curriculum invidiabile nonostante la giovanissima età. Stringimi prima che venga la notte è un romanzo sull anoressia. La protagonista è una ragazza poco più che ventenne, Alice, e dentro di sé conserva la storia di un breve ma intenso vissuto: l essere una figlia adottata, platonicamente innamorata di un padre buono ma disorientato come Raimondo e in continua competizione con una madre dominante, Delia, cardiochirurgo ossessionato dalla morte e dal fermarsi dei cuori. Alla ricerca di un baluardo dove arrestarsi per riprendere fiato, Alice si ritrova imprigionata nelle parole di Ana e dei suoi seguaci. Ana è la dea dell'anoressia. "Stringimi prima che arrivi la notte" è la storia di un'apparente disgregazione familiare vicina alla vita di ognuno di noi più di quanto siamo disposti ad ammettere. È la storia dell'abbandono progressivo e progettato del proprio corpo, ma è anche il racconto di un amore universale che insegna il senso del dolore e del perdono. Claudio Volpe, residente a Pontinia dopo aver trascorso l'infanzia a Catania e l'adolescenza a Salerno, si è innamorato della letteratura dopo aver letto Il Piccolo Principe, ma soprattutto Piccolo Lord. Ama le parole, scrive da sempre. Cosa? Poesie, racconti, romanzi: «quello che mi fa paura e quello che mi rende felice, quello che odio e quello che amo. Scrivo per non soccombere. Scrivo per vivere». Al Premio Strega sa bene, avendolo già vissuto nel 2012, che non vince solo chi è bravo, ma anche chi ha una casa editrice influente alle spalle. Ma lui c'è ed anche questo è un grande traguardo. E dire che sta studiando per diventare Magistrato, recita e balla l'hip hop: in fondo i più grandi autori del novecento non erano scrittori di professione.

20 I COLLABORATORI: Marco Montini, Luciano Sciurba, Maristella Bettelli, Michela Emili, Emanuele Chiti, Francesca Ragno, Elisa Pellegrini FRASCATI 6 consiglieri sollecitano il Sindaco a portare a termine il programma di governo: «Bisogna rilanciare l attività amministrativa» Amministrazione comunale sull orlo della crisi La maggioranza che amministra Frascati è sull orlo della crisi di nervi. Dopo la durissima presa di posizione del capogruppo del Pd Francesco Paolo Posa, che nell ultima seduta di Consiglio comunale ha lanciato strali contro l amministrazione senza collegialità nelle decisioni da assumere per il bene della Città e caratterizzata da 4 anni di inedia con una politica di rinvio delle decisioni che non produce nulla di buono, il clima che si respira a Palazzo Marconi è incandescente e tutti si chiedono: riuscirà il sindaco Di Tommaso a concludere il suo mandato? I 5 consiglieri di maggioranza Carlini, Marziale, Gori, Di Cicco e Gulisano, insieme allo stesso Posa hanno presentato all attenzione dell attuale Primo Cittadino un documento, richiamandolo a portare a termine quel programma di governo sottoscritto il 17 dicembre scorso, dopo la definitiva uscita dalla maggioranza dei tre consiglieri del Pd Peduto, Caggiano e Paoletti e l ingresso di Mario Gori. «A tre mesi di distanza - denunciano ancora non si riesce a dare seguito all impegno di conseguire un rilancio dell attività amministrativa e chiedono - che siano assunte irrevocabili decisioni circa il rilancio della collegialità con incontri settimanali dei capigruppo; condivisione dei punti da sottoporre al Consiglio comunale per garantire la loro approvazione; la ridefinizione delle deleghe di assessori e consiglieri e immediate riunioni sul bilancio 2013, situazione della STS, le cessioni delle case comunali». Con una dura presa di posizione il Pd «non intende avallare gli atteggiamenti egoisti e miopi di chi, in questi mesi e fino a questi ultimi giorni utilizza il partito per meri scopi individuali e non nell interesse collettivo e di squadra. Il Pd non ha intenzione di consentire che l attività politica e amministrativa a Frascati continuino ad essere condizionate da atteggiamenti di singoli che mirano alla destabilizzazione e al caos, dal quale poter poi emergere come salvatori della Patria». Riconfermando fede all impegno preso con i cittadini nel 2009, il Pd frascatano guarda alle prossime amministrative: «Crediamo doveroso iniziare un confronto interno e con altre forze politiche che porti alla costruzione di un percorso nuovo che consenta di dare a Frascati un buon governo di centrosinistra». Di amministrazione allo sbando e giunta ormai al capolinea parlano i consiglieri del gruppo Pdl, recentemente rinnovato con l ingresso di Marco Boldrini, subentrato come primo degli eletti al dimissionario Vincenzo Conte. Sulla stessa linea anche Progetto Frascati e Lista D Orazio. Insomma, la campagna elettorale a Frascati è già cominciata. Maristella Bettelli GROTTAFERRATA Giornata sull autoproduzione Il 21 aprile la Festa della Decrescita Felice Domenica 21 aprile a Grottaferrata, presso la Cooperativa sociale Capodarco, ritorna la festa delle Decrescita Felice dei Castelli ni, una giornata dedicata all'autoproduzione, al cibo a km zero. La giornata si aprirà con una colazione conviviale, per poi lascia spazio a dimostrazioni di panificazione, cosmesi naturale, detersivi ecologici e a laboratori di riconoscimento erbe spontanee e tecniche per la riduzione degli sprechi. Nel pomeriggio, sul palco, conferenza di Maurizio Pallante, fondatore del Movimento della Decrescita Felice in Italia e a seguire lo spettacolo Fanculo il Pil, di Sandro Torella. Chiuderanno la serata gli Irish Spinners, al ritmo di danze folkloristiche irlandesi. GROTTAFERRATA L area verde sarà accessibile dal lunedì al venerdì Riapre il Parco di Borghetto Da marzo ha riaperto il parco di Borghetto, l area verde di Grottaferrata chiusa nei mesi invernali che diventa di nuovo fruibile. Il parco sarà accessibile tutti i giorni dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 18. La riapertura del parco sarà garantita da personale comunale, una soluzione temporanea nell'attesa che l amministrazione ridefinisca le modalità organizzative e gestionali dell area parco e dell edificio a destinazione sociale, che potranno essere operative già dal prossimo periodo primaverile estivo. GROTTAFERRATA Furto da 40mila euro in gioielleria Un bottino da quasi 40mila euro è stato il frutto di una rapina effettuata ai danni di una gioielleria di Grottaferrata. I ladri si sono introdotti nel negozio di notte, forzando una serranda e hanno preso gli oggetti in oro. Quando il proprietario si è accorto del furto, di mattina, ha chiamato la Polizia di Frascati che è intervenuta insieme alla Scientifica per i rilievi del caso. GROTTAFERRATA La coppia cingalese lavorava in casa del calciatore Domestici in causa contro Panucci: Noi, pagati poco Idomestici hanno fatto causa all ex calciatore Christian Panucci. Sostenendo di avere lavorato tanto nella villa dello sportivo a Grottaferrata e di essere stati pagati poco, una coppia di cingalesi, marito e moglie, ha bussato alla porta del Tribunale di Velletri, per una vertenza di lavoro nei confronti dell ex difensore della. I due stranieri, assistiti dall avvocato Antonella Fabi, sostengono di aver badato alle faccende domestiche nella villa dell ex calciatore tra il 2008 e il 2010, di aver lavorato in media dalle sei del mattino alla mezzanotte, senza godere di ferie o permessi, e di essere stati retribuiti male. Si tratta della stessa villa dove, mentre rientrava a casa, alla fine del 2011 Panucci venne minacciato da due malviventi, che gli puntarono una pistola alla tempia, e rapinato. La coppia originaria dello Sri Lanka, ma residente a Faleria, in provincia di, con la vertenza aperta ha chiesto all ex terzino, diventato poi commentatore televisivo e dirigente sportivo, settemila euro, sostenendo che tale somma è la differenza tra quanto percepito e quanto avrebbero avuto diritto a percepire. Una grana per lo sportivo, con alle spalle una lunga carriera in Italia e all estero, indossando le maglie del Genoa, del Milan, del Real Madrid, dell Inter, del Chelsea, del Monaco, della, del Parma e della Nazionale prima di dire, nel 2010, addio al calcio attivo e iniziare l impegno come dirigente, nel Belpaese e anche in Russia. Un caso su cui è chiamata a pronunciarsi il giudice del Tribunale di Velletri Ramona Bruognolo. La prima udienza era fissata per il 21 marzo scorso, ma Panucci non è comparso in aula. Non essendosi costituito l ex calciatore, l udienza è stata quindi rinviata. Settemila euro non sono sicuramente una cifra imponente, ma per la coppia di domestici sicuramente importante. Clemente Pistilli Grottaferrata Ruba in un ristorante e fugge su un fuoristrada Un albanese di 46 anni è stato arrestato con l'accusa di furto, ricettazione, resistenza e lesioni a Pubblico Ufficiale. Il ladro è stato colto in flagrante mentre rubava provviste alimentari da un ristorante di Grottaferrata. I Carabinieri hanno subito intercettato l auto: il malvivente ha tentato la fuga, ma dopo un folle inseguimento e un tentativo di fuga a piedi è stato raggiunto dai Carabinieri che lo hanno arrestato. Tutta la merce rubata, del valore di 2mila euro, è stata restituita al proprietario del locale. Grottaferrata Iscrizioni all asilo nido Il Comune di Grottaferrata comunica che da aprile sono aperte le iscrizioni all'asilo Nido Comunale "L'isola che c'è". La presentazione della domanda è possibile entro il 22 aprile alle ore Info:

Make Roads Safe, ce lo dice anche l ONU

Make Roads Safe, ce lo dice anche l ONU Make Roads Safe, ce lo dice anche l ONU documento aggiornato al 11 luglio 2011 10 maggio 2008 al TG1 delle 13,30: a seguito di una ricerca promossa dalla Fondazione ANIA che ha monitorato la rischiosità

Dettagli

E un idea nata per caso

E un idea nata per caso Che cos è? E un idea nata per caso E possibile realizzare ciclabili vicine, parallele o immediatamente affiancate alle grandi vie presenti nel Paese? Collegamenti sostenibili ed ecologici che permetterebbero

Dettagli

RAPPORTO SULLE DICHIARAZIONI DEI REDDITI DEI PENSIONATI A CURA DELLA UIL PENSIONATI DI LATINA

RAPPORTO SULLE DICHIARAZIONI DEI REDDITI DEI PENSIONATI A CURA DELLA UIL PENSIONATI DI LATINA UNIONE ITALIANA LAVORATORI PENSIONATI SEGRETERIA TERRITORIALE 04100 LATINA VIA Romagnoli snc TEL. e Fax 0773691937 e-mail latina@uilpensionati.it IL SINDACATO DEI CITTADINI RAPPORTO SULLE DICHIARAZIONI

Dettagli

PRIMA PAGINA Edilizia e Territorio - 2013-01-19 - Pag. 1 Vedi ritaglio giornale» RIFORMA FORNERO «Fine lavori» più cara dal 2016

PRIMA PAGINA Edilizia e Territorio - 2013-01-19 - Pag. 1 Vedi ritaglio giornale» RIFORMA FORNERO «Fine lavori» più cara dal 2016 PRIMA PAGINA Edilizia e Territorio - 2013-01-19 - Pag. 1 Vedi ritaglio giornale» RIFORMA FORNERO «Fine lavori» più cara dal 2016 Contributi di licenziamento, nuova Aspi, «decantierizzazione». La macchina

Dettagli

INFORMATIVA TARES 2013 COMUNE DI SANSEPOLCRO PROV. DI AREZZO

INFORMATIVA TARES 2013 COMUNE DI SANSEPOLCRO PROV. DI AREZZO INFORMATIVA TARES 2013 COMUNE DI SANSEPOLCRO PROV. DI AREZZO Tributo Comunale sui Rifiuti e sui Servizi (testo aggiornato al Decreto Legge n.35/2013) N.B. ESCLUSIVAMENTE PER L ANNO 2013 la TARES viene

Dettagli

Breve corso di educazione stradale per i ragazzi

Breve corso di educazione stradale per i ragazzi Breve corso di educazione stradale per i ragazzi L importanza delle regole Perché esistono le regole? Perché se non esistessero regnerebbe il caos totale. Le regole sono necessarie perché senza esse nulla

Dettagli

SOMMARIO DEGLI INTERVENTI

SOMMARIO DEGLI INTERVENTI L azione della Regione Lazio per la riqualificazione turistica del litorale SOMMARIO DEGLI INTERVENTI La Regione interviene sulla riqualificazione del litorale mediante tre strumenti principali: la Legge

Dettagli

Che arriva a Venezia in macchina deve cercare un parcheggio in Piazzale Roma e poi andare in città con il vaporetto o a piedi.

Che arriva a Venezia in macchina deve cercare un parcheggio in Piazzale Roma e poi andare in città con il vaporetto o a piedi. 1.Introduzione Venezia nasce nel 452 e poco dopo la fondazione della città i commercianti veneziani cominciano a portare dall Oriente prodotti che gli Europei non conoscono: le spezie, il cotone, i profumi

Dettagli

L infrastruttura a supporto del cicloturismo

L infrastruttura a supporto del cicloturismo L infrastruttura a supporto del cicloturismo fare sistema tra rete ferroviaria e piste ciclabili La crisi del turismo in Italia 1 Il cicloturismo Cicloturisti e altri 2 Le strutture Le strutture La rete

Dettagli

Tavolo: VERDE URBANO

Tavolo: VERDE URBANO Contributi dai cittadini Tavolo: VERDE URBANO 24 0 5 Più verde in città a) Preservare e Aumentare il Verde comune in città. b) Se un albero va tagliato per qualunque motivo automaticamente se ne pianta

Dettagli

5 modi. Boeri. per cambiare città restando a Milano. I Milanesi si riprendono la città. Scopri come. www.stefanoboeri.it. Stefano

5 modi. Boeri. per cambiare città restando a Milano. I Milanesi si riprendono la città. Scopri come. www.stefanoboeri.it. Stefano www.stefanoboeri.it 5 modi per cambiare città restando a Milano. I Milanesi si riprendono la città. Scopri come. Stefano Boeri Cambiamo città. Restiamo a Milano. 5 PROPOSTE. Un altra Milano comincia da

Dettagli

LISTA N. 3 "SI PUO' FARE DI PIU'" candidato alla carica di Sindaco BERTI GIANPIERO. candidati alla carica di Consiglieri Comunali

LISTA N. 3 SI PUO' FARE DI PIU' candidato alla carica di Sindaco BERTI GIANPIERO. candidati alla carica di Consiglieri Comunali LISTA N. 3 "SI PUO' FARE DI PIU'" candidato alla carica di Sindaco BERTI GIANPIERO candidati alla carica di Consiglieri Comunali LOMBARDI GIULIANO CRESPIANI ROMANO FRANCINI GIUSEPPE MICHELI FRANCESCO MOSTI

Dettagli

Violazioni al Codice della Strada e/o al relativo Regolamento di esecuzione e di attuazione

Violazioni al Codice della Strada e/o al relativo Regolamento di esecuzione e di attuazione Ai sensi dell articolo 82, comma 1, Regolamento di esecuzione e di attuazione del Codice della Strada: I sostegni ed i supporti dei segnali stradali devono essere generalmente di metallo con le caratteristiche

Dettagli

Presentazione Programma Amministrativo. Valle Talloria 23 marzo 2010 Ricca 25 marzo 2010 Diano Capoluogo 26 marzo 2010

Presentazione Programma Amministrativo. Valle Talloria 23 marzo 2010 Ricca 25 marzo 2010 Diano Capoluogo 26 marzo 2010 Presentazione Programma Amministrativo Valle Talloria 23 marzo 2010 Ricca 25 marzo 2010 Diano Capoluogo 26 marzo 2010 FILOSOFIA E PRINCIPI ISPIRATORI DELLA LISTA N.1 INSIEME PER DIANO - al servizio della

Dettagli

MOBILITA. Più di ottanta le presenze, purtroppo nessun dialogo. n. 279 Anno 2013

MOBILITA. Più di ottanta le presenze, purtroppo nessun dialogo. n. 279 Anno 2013 n. 279 Anno 2013 MOBILITA Più di ottanta le presenze, purtroppo nessun dialogo Si è svolto Venerdì 13 Maggio l incontro sulla mobilità. Il Sindaco ha aperto i lavori seguito dagli interventi: di Franco

Dettagli

Le opere pubbliche. Scala mobile o altro dal parcheggio da Docciola al centro tipo piazza XX Settembre.

Le opere pubbliche. Scala mobile o altro dal parcheggio da Docciola al centro tipo piazza XX Settembre. Le opere pubbliche Complessivamente la rotatoria in via Pisana risulta l opera pubblica maggiormente indicata come priorità. Seguono l adeguamento degli impianti sportivi, il nuovo museo dell alabastro,

Dettagli

COMPARTO C4 DI VIA VERGA OPERE DI URBANIZZAZIONE PRIMARIA STUDIO DI PREFATTIBILITA AMBIENTALE

COMPARTO C4 DI VIA VERGA OPERE DI URBANIZZAZIONE PRIMARIA STUDIO DI PREFATTIBILITA AMBIENTALE COMUNE DI TRIGGIANO COMPARTO C4 DI VIA VERGA OPERE DI URBANIZZAZIONE PRIMARIA STUDIO DI PREFATTIBILITA AMBIENTALE 1 - PREMESSA Il progetto proposto all Amministrazione Comunale di Triggiano prevede la

Dettagli

Violazioni al Codice della Strada e/o al relativo Regolamento di esecuzione e di attuazione

Violazioni al Codice della Strada e/o al relativo Regolamento di esecuzione e di attuazione Articolo 24, comma 3, Codice della Strada: I cassonetti per la raccolta dei rifiuti solidi urbani di qualsiasi tipo e natura devono essere collocati in modo da non arrecare pericolo od intralcio alla circolazione.

Dettagli

COMUNE DI CAMPOLONGO MAGGIORE (VE)

COMUNE DI CAMPOLONGO MAGGIORE (VE) COMUNE DI CAMPOLONGO MAGGIORE (VE) Tributo Comunale sui Rifiuti e sui Servizi Art.14 del Decreto Legge 6 dicembre 2011, n. 201 (convertito con Legge 22 dicembre 2011, n. 214) ANNO 2013 1 PREMESSA Dal 1

Dettagli

LA STRATEGIA DEL COLIBRÌ Di Giuliano Marrucci. GIULIANO MARRUCCI Qui bisogna dimostrare che è facile questa faccenda qua, eh?

LA STRATEGIA DEL COLIBRÌ Di Giuliano Marrucci. GIULIANO MARRUCCI Qui bisogna dimostrare che è facile questa faccenda qua, eh? LA STRATEGIA DEL COLIBRÌ Di Giuliano Marrucci Qui bisogna dimostrare che è facile questa faccenda qua, eh? Se lo faccio pure io.. Se ci riesci pure te siamo a cavallo! Giusta? Sì. Ci siamo? Guarda com'è

Dettagli

La notte è ormai prossima e, a metà percorso, occorre accendere le luci.

La notte è ormai prossima e, a metà percorso, occorre accendere le luci. Tempo splendido e una temperatura eccezionale hanno caratterizzato questo weekend autunnale in una valle sconosciuta ai più. Da Torino e provincia partiamo in tre (Marina, Piero ed io) per questa nuova

Dettagli

Ora puoi studiare ed insegnare musica. nella comodità di casa tua!

Ora puoi studiare ed insegnare musica. nella comodità di casa tua! Ora puoi studiare ed insegnare musica nella comodità di casa tua! Se stai leggendo questo report vuol dire che ti sei iscritto alla mia lista di utenti interessati a questo nuovo progetto. Mille grazie

Dettagli

Riporta un recente comportamento della tua famiglia rappresentativo della sua irresponsabilità sociale.

Riporta un recente comportamento della tua famiglia rappresentativo della sua irresponsabilità sociale. VC Ginnasio Riporta un tuo recente comportamento individuale, rappresentativo della tua responsabilità sociale. - Rispettare la raccolta differenziata a scuola e in famiglia. Muovermi a piedi. - Attraversare

Dettagli

PRIMA TAPPA: Case FIAT

PRIMA TAPPA: Case FIAT PRIMA TAPPA: Case FIAT Ritrovo presso la Casa nel parco, sede della Fondazione della Comunità di Mirafiori, all'interno del Parco Colonnetti (Via Panetti, 1 Incrocio con Via Artom). La Casa nel Parco è

Dettagli

Mantova e dintorni. Equipaggio: Daniela, Stefano e Arturo ( piccolo cane bolognese) Da lunedi' 1 a domenica 7 giugno 2015

Mantova e dintorni. Equipaggio: Daniela, Stefano e Arturo ( piccolo cane bolognese) Da lunedi' 1 a domenica 7 giugno 2015 Mantova e dintorni Equipaggio: Daniela, Stefano e Arturo ( piccolo cane bolognese) Da lunedi' 1 a domenica 7 giugno 2015 Lunedi' 1 giugno - Firenze - Dozza - Maranello Partiamo da Firenze in tarda mattinata.

Dettagli

CONFESERCENTI Giovedì, 01 ottobre 2015

CONFESERCENTI Giovedì, 01 ottobre 2015 CONFESERCENTI Giovedì, 01 ottobre 2015 CONFESERCENTI Giovedì, 01 ottobre 2015 01/10/2015 Gazzetta di Modena Pagina 15 Da oggi fermi anche gli Euro 3 E i vigili fanno i "dissuasori" 1 01/10/2015 Il Resto

Dettagli

CAPISTRELLO AMMINISTRATIVE 2015 PROGRAMMA ELETTORALE MOVIMENTO 5 STELLE CANDIDATO SINDACO ANGELO BISEGNA

CAPISTRELLO AMMINISTRATIVE 2015 PROGRAMMA ELETTORALE MOVIMENTO 5 STELLE CANDIDATO SINDACO ANGELO BISEGNA CAPISTRELLO AMMINISTRATIVE 2015 PROGRAMMA ELETTORALE MOVIMENTO 5 STELLE CANDIDATO SINDACO ANGELO BISEGNA Sommario PREMESSA... 3 1. GIOVANI... 3 2. TERRITORIO E DECORO URBANO... 3 3. TRASPERENZA E PARTECIPAZIONE

Dettagli

È ALLARME NAZIONALE!!

È ALLARME NAZIONALE!! Il contesto La sicurezza delle persone, nella circolazione stradale, rientra tra le finalità primarie di ordine sociale ed economico perseguite dallo Stato. Questo è quanto afferma l articolo n.1 del Codice

Dettagli

Mobilità urbana e sharing mobility Indagine a cura di Cittadinanzattiva

Mobilità urbana e sharing mobility Indagine a cura di Cittadinanzattiva Mobilità urbana e sharing mobility Indagine a cura di Cittadinanzattiva Premessa Entro il 2050, la percentuale di cittadini europei residenti nelle aree urbane arriverà all 82%. La migrazione dalle città

Dettagli

Scheda n. 1. 1 Giorno: MODULO B SEGNALETICA - SEGNALI DI PERICOLO

Scheda n. 1. 1 Giorno: MODULO B SEGNALETICA - SEGNALI DI PERICOLO 1 Giorno: MODULO B SEGNALETICA - SEGNALI DI PERICOLO Scheda n. 1 Il segnale n. 1 1) preavvisa una doppia curva VF 2) preavvisa un tratto di strada in cattivo stato V F 3) preavvisa una discesa pericolosa

Dettagli

RESOCONTO ALLEGATO ALLA DELIBERA DI C.C. N. 20 DEL 2.3.2015

RESOCONTO ALLEGATO ALLA DELIBERA DI C.C. N. 20 DEL 2.3.2015 RESOCONTO ALLEGATO ALLA DELIBERA DI C.C. N. 20 DEL 2.3.2015 Quarto punto all O.d.G. Proposta del Consigliere Cieri di modifiche al Regolamento IUC (regolamento TARI) Illustra il Consigliere Cieri. Grazie

Dettagli

COMUNITA MONTANA DELL APPENNINO MODENA EST Via M. Tesi, 1209 41059 ZOCCA (MO) Tel. 059/987270 Fax 059/986432

COMUNITA MONTANA DELL APPENNINO MODENA EST Via M. Tesi, 1209 41059 ZOCCA (MO) Tel. 059/987270 Fax 059/986432 COMUNITA MONTANA DELL APPENNINO MODENA EST Via M. Tesi, 1209 41059 ZOCCA (MO) Tel. 059/987270 Fax 059/986432 SCHEDA RILEVAMENTO PROGETTO (in attuazione della Legge regionale del 20 gennaio 2004 n. 2 Legge

Dettagli

Sono presenti i ragazzi della Scuola Primaria, della Scuola Secondaria di 1 grado e del Collegio S. Antonio di Busnago.

Sono presenti i ragazzi della Scuola Primaria, della Scuola Secondaria di 1 grado e del Collegio S. Antonio di Busnago. 31 gennaio 2009 Consiglio comunale ragazzi Verbale Consiglio Comunale dei di sabato 31 gennaio 2009 La riunione si apre alle ore 11.05 con il seguente Ordine del Giorno: 1. Elezione del Sindaco 2. Varie

Dettagli

INDICE 1.PREMESSE 2 2.QUADRO DELLE ESIGENZE DA SODDISFARE 2 3.DESCRIZIONE DELL INTERVENTO 3

INDICE 1.PREMESSE 2 2.QUADRO DELLE ESIGENZE DA SODDISFARE 2 3.DESCRIZIONE DELL INTERVENTO 3 INDICE 1.PREMESSE 2 2.QUADRO DELLE ESIGENZE DA SODDISFARE 2 3.DESCRIZIONE DELL INTERVENTO 3 Pagina 1 di 7 1.PREMESSE La presente relazione illustra i lavori previsti nel progetto definitivo per la Ristrutturazione

Dettagli

Dal monte alla valle... nella nostra storia la velocità di un fiume e l energia di una cascata.

Dal monte alla valle... nella nostra storia la velocità di un fiume e l energia di una cascata. LUCE E BELLEZZA LUCE E BELLEZZA Dal monte alla valle... nella nostra storia la velocità di un fiume e l energia di una cascata. La storia di Kartel System parte da lontano. A monte di tutto l unione delle

Dettagli

CAPITOLO 3 - Pannelli integrativi, segnali di indicazione, segnali luminosi, segnali orizzontali

CAPITOLO 3 - Pannelli integrativi, segnali di indicazione, segnali luminosi, segnali orizzontali CAPITOLO 3 - Pannelli integrativi, segnali di indicazione, segnali luminosi, segnali orizzontali 03001) Ciascuno dei pannelli integrativi n. 121 V01) indica la distanza tra il segnale di pericolo sotto

Dettagli

REGOLAMENTO PER L USO E LA GESTIONE DEI PARCHEGGI COMUNALI A PAGAMENTO

REGOLAMENTO PER L USO E LA GESTIONE DEI PARCHEGGI COMUNALI A PAGAMENTO Comune di Desenzano del Garda REGOLAMENTO PER L USO E LA GESTIONE DEI PARCHEGGI COMUNALI A PAGAMENTO Approvato con deliberazione di C.C. n. 108 del 28/12/2012 I N D I C E TITOLO I PRINCIPI GENERALI...

Dettagli

TUTTO SOTTO CONTROLLO! IL PIANO DI EMERGENZA esterno SPIEGATO AI BAMBINI. CM 62476D Edizione fuori commercio

TUTTO SOTTO CONTROLLO! IL PIANO DI EMERGENZA esterno SPIEGATO AI BAMBINI. CM 62476D Edizione fuori commercio TUTTO SOTTO CONTROLLO! IL PIANO DI EMERGENZA esterno SPIEGATO AI BAMBINI CM 62476D Edizione fuori commercio TUTTO SOTTO CONTROLLO! IL PIANO DI EMERGENZA esterno SPIEGATO AI BAMBINI Progettazione editoriale:

Dettagli

RELAZIONE ( Febbraio 2011)

RELAZIONE ( Febbraio 2011) RELAZIONE ( Febbraio 2011) Care donatrici, cari donatori, graditissimi ospiti, benvenuti all annuale Assemblea dell A.V.I.S. comunale di Cervia. Ogni anno quando mi accingo a scrivere questa relazione

Dettagli

La Città dei Bambini di F. Tonucci

La Città dei Bambini di F. Tonucci La Città dei Bambini di F. Tonucci Il progetto "La città dei bambini" nasce a Fano nel maggio 1991. Rifiutando una interpretazione di tipo educativo o semplicemente di supporto ai bambini, il progetto

Dettagli

COMPOSTAGGIO DOMESTICO E MONITORAGGIO CITTÀ METROPOLITANA DI ROMA CAPITALE Osservatorio Provinciale Rifiuti Vincenza Di Malta

COMPOSTAGGIO DOMESTICO E MONITORAGGIO CITTÀ METROPOLITANA DI ROMA CAPITALE Osservatorio Provinciale Rifiuti Vincenza Di Malta COMPOSTAGGIO DOMESTICO E MONITORAGGIO CITTÀ METROPOLITANA DI ROMA CAPITALE Osservatorio Provinciale Rifiuti Vincenza Di Malta IL COMPOSTAGGIO NELLA REGIONE LAZIO COMUNE DI SANT ANGELO ROMANO,17 APRILE

Dettagli

TARES, LA NUOVA TASSA SUI RIFIUTI DAL 2013

TARES, LA NUOVA TASSA SUI RIFIUTI DAL 2013 [NEWS 04.05.2013] TARES, LA NUOVA TASSA SUI RIFIUTI DAL 2013 La finanziaria 2012 (dl 201/2011) ha introdotto una nuova tassa comunale sui rifiuti e sui servizi, denominata TARES, che dal 2013 sostituisce,

Dettagli

Istituto Comprensivo Giovanni XXIII Terrasini V.le G. Consiglio, 1-90049 Terrasini (PA) UNA PISTA CICLABILE A TERRASINI

Istituto Comprensivo Giovanni XXIII Terrasini V.le G. Consiglio, 1-90049 Terrasini (PA) UNA PISTA CICLABILE A TERRASINI Istituto Comprensivo Giovanni XXIII Terrasini V.le G. Consiglio, 1-90049 Terrasini (PA) Settimana Unesco di Educazione allo Sviluppo Sostenibile 2010 LA MOBILITA 8 14 novembre 2010 UNA PISTA CICLABILE

Dettagli

«COMPOST TI AMO!» Campagna di assistenza tecnica al compostaggio domestico della Città metropolitana di Roma Capitale. a cura Vincenza Di Malta

«COMPOST TI AMO!» Campagna di assistenza tecnica al compostaggio domestico della Città metropolitana di Roma Capitale. a cura Vincenza Di Malta «COMPOST TI AMO!» Campagna di assistenza tecnica al compostaggio domestico della Città metropolitana di Roma Capitale a cura Vincenza Di Malta La frazione organica rappresenta il 30-35% della produzione

Dettagli

PUBBLICITA' E DECORO URBANO. stampa chiudi

PUBBLICITA' E DECORO URBANO. stampa chiudi stampa chiudi PUBBLICITA' E DECORO URBANO Cartelloni abusivi mai rimossi: i comitati per il decoro denunciano sindaco e assessore «Omissione d'atti d'ufficio» e «collocamento pericoloso di cose» i reati

Dettagli

Un meccanismo grazie al quale i cittadini decidono COME SPENDERE una parte delle risorse pubbliche

Un meccanismo grazie al quale i cittadini decidono COME SPENDERE una parte delle risorse pubbliche Un meccanismo grazie al quale i cittadini decidono COME SPENDERE una parte delle risorse pubbliche Un nuovo canale per il DIALOGO tra cittadini e amministrazione Le RISORSE da destinare Ai cittadini è

Dettagli

MoVimento 5 Stelle Castelfranco Emilia INTERPELLANZA

MoVimento 5 Stelle Castelfranco Emilia INTERPELLANZA Al Sindaco Stefano Reggianini Al Presidente del Consiglio Comunale Renzo Vincenzo Alla Giunta Comunale All Assessore competente Castelfranco Emilia, 08/05/2015 INTERPELLANZA Oggetto Disagio frazione di

Dettagli

LE POLITICHE PER LA MOBILITÀ CICLABILE DEL COMUNE DI TORINO

LE POLITICHE PER LA MOBILITÀ CICLABILE DEL COMUNE DI TORINO LE POLITICHE PER LA MOBILITÀ CICLABILE DEL COMUNE DI TORINO Torino, settembre 2006 Torino 25 26 Febbraio 2009 Gabriella BIANCIARDI Percorsi europei per la mobilità sostenibile 1 TORINO ALCUNI DATI N ABITANTI:

Dettagli

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DELLA RISERVA NATURALE DI MONTE MARIO

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DELLA RISERVA NATURALE DI MONTE MARIO PRESENTATO DALL ON. FEDERICO GUIDI ALLA PRESENZA DEL SINDACO ALEMANNO E DEL COMMISSARIO DI ROMA NATURA LIVIO PROIETTI IL PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DELLA RISERVA NATURALE CON LA FINALITA DI ELIMINARE

Dettagli

La Ciclabile Adriatica

La Ciclabile Adriatica a Porto S.Giorgio un percorso ad ostacoli o un opportunità per il territorio? AP 10/2015 L associazione FIAB Ascoli Piceno ha realizzato questo dossier per sollecitare le istituzioni (Regione Marche, Provincia

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA REALIZZAZIONE DELLA CARTELLONISTICA NEI SITI DELLA RETE NATURA

LINEE GUIDA PER LA REALIZZAZIONE DELLA CARTELLONISTICA NEI SITI DELLA RETE NATURA LINEE GUIDA PER LA REALIZZAZIONE DELLA CARTELLONISTICA NEI SITI DELLA RETE NATURA 2000 Pagina 1 di 10 1 CAMPO DI APPLICAZIONE Le presenti direttive trovano applicazione nelle aree SIC della rete Natura

Dettagli

23 24 25 26 27 settembre 2016

23 24 25 26 27 settembre 2016 Associazione culturale Bareggese Via Don Biella 2 Bareggio (MI) P. IVA : 07178300963 www.numtuccinsema.it Castelli Romani e Speciale Roma TOUR DI CINQUE GIORNI 23 24 25 26 27 settembre 2016 Venerdì 23

Dettagli

Roma I NUMERI DEL TERRITORIO. Abitanti al 9.10.2011 2.617.175 3.997.465. Superficie (km 2 ) 1.307,7 5.381,0 Densità (ab. per km 2 ) 2.

Roma I NUMERI DEL TERRITORIO. Abitanti al 9.10.2011 2.617.175 3.997.465. Superficie (km 2 ) 1.307,7 5.381,0 Densità (ab. per km 2 ) 2. I NUMERI DEL TERRITORIO Capoluogo Provincia Abitanti al 9.1.211 2.617.175 3.997.465 Superficie (km 2 ) 1.37,7 5.381, Densità (ab. per km 2 ) 2.1,3 742,9 a cura dell Ufficio di Statistica e Censimento Marketing

Dettagli

Cose da sapere IL BOLLINO BLU

Cose da sapere IL BOLLINO BLU Cose da sapere IL BOLLINO BLU Il Bollino Blu è un certificato che dimostra l avvenuto controllo dei gas di scarico di un automobile, per i Comuni e le aree a traffico limitato delle città in cui questo

Dettagli

UNIONE EUROPEA Fondo europeo di sviluppo regionale

UNIONE EUROPEA Fondo europeo di sviluppo regionale UNIONE EUROPEA Fondo europeo di sviluppo regionale BENVENUTO! In questo viaggio attraverso la Lombardia che si prepara ad Expo, potrai scoprire molte cose che forse ancora non sai della tua regione e della

Dettagli

TURISMO ON LINE: COME MUOVERE I PRIMI PASSI?

TURISMO ON LINE: COME MUOVERE I PRIMI PASSI? Registro 4 TURISMO ON LINE: COME MUOVERE I PRIMI PASSI? Guida pratica per avviare con successo la propria attività turistica online TIPS&TRICKS DI MIRKO LALLI INDEX 3 5 7 11 15 Introduzione Registra il

Dettagli

01. COLTI IN FLAGRANZA DI RISPARMIO ENERGETICO. GIACOMO 46 anni, impiegato ore 17.38 Torino - piazza Carlo Felice

01. COLTI IN FLAGRANZA DI RISPARMIO ENERGETICO. GIACOMO 46 anni, impiegato ore 17.38 Torino - piazza Carlo Felice 01. GIACOMO 46 anni, impiegato ore 17.38 Torino - piazza Carlo Felice Lo faccio perché meno prendo l auto e meglio è. Per andare a lavoro prendo il treno e il bus. Mi è comodo e risparmio. Colto nell atto

Dettagli

Azienda U.S.L. ROMA H

Azienda U.S.L. ROMA H DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE SERVIZIO PREVENZIONE E SICUREZZA AMBIENTI DI LAVORO Piazza della Rotonda 4 00041 ALBANO (RM) Tel. 06/93275330 Fax 06/93275317 NOTA INFORMATIVA PER L UTENTE AUTORIZZAZIONE ex

Dettagli

ASOLA IMPEGNO COMUNE PROGRAMMA PER LE ELEZIONI AMMINISTRATIVE 2014

ASOLA IMPEGNO COMUNE PROGRAMMA PER LE ELEZIONI AMMINISTRATIVE 2014 ASOLA IMPEGNO COMUNE PROGRAMMA PER LE ELEZIONI AMMINISTRATIVE 2014 La situazione economico e sociale dalla quale partiamo per la elaborazione del nostro programma elettorale è completamente variata rispetto

Dettagli

Giuseppe Iosa. Documento programmatico per la candidatura alla segreteria del Circolo Moro-Berlinguer di Peschiera Borromeo

Giuseppe Iosa. Documento programmatico per la candidatura alla segreteria del Circolo Moro-Berlinguer di Peschiera Borromeo Giuseppe Iosa Documento programmatico per la candidatura alla segreteria del Circolo Moro-Berlinguer di Peschiera Borromeo Domenica, 19 aprile 2015 Premessa Il Partito Democratico di Peschiera Borromeo,

Dettagli

Agli stranieri che guidano un veicolo in Giappone

Agli stranieri che guidano un veicolo in Giappone 7.1.2011 Divisione Patenti Agli stranieri che guidano un veicolo in Giappone Introduzione Questo opuscolo è stato predisposto per spiegarvi le regole principali del Codice della Strada giapponese. Tenete

Dettagli

Domus De Maria Chia Sardegna

Domus De Maria Chia Sardegna Domus De Maria Chia Sardegna Inserimento nel territorio Il progetto Le tipologie I lavori Come raggiungerci Perché Chia Domus De Maria - Chia Qui accadono cose sorprendenti. Si raccolgono conchiglie e

Dettagli

PARLANDO DI TELEFONIA MOBILE VOGLIONO METTERE UN ANTENNA SUL MIO TETTO!

PARLANDO DI TELEFONIA MOBILE VOGLIONO METTERE UN ANTENNA SUL MIO TETTO! PARLANDO DI TELEFONIA MOBILE VOGLIONO METTERE UN ANTENNA SUL MIO TETTO! Al telefono si sente la voce contrariata di un giovane. Pronto, pronto, buongiorno signorina, parlo con Supertel?. Si, buongiorno,

Dettagli

Progetti in votazione suddivisi per zona di attinenza

Progetti in votazione suddivisi per zona di attinenza Progetti in votazione suddivisi per zona di attinenza ALBERESE E RISPESCIA Maremma cultura Creazione di un programma di attività culturali a livello locale quali: cinema sotto le stelle, mostre fotografiche,

Dettagli

Progetto Rubiera Centro

Progetto Rubiera Centro LE POLITICHE DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA PER LA QUALIFICAZIONE DEI CENTRI COMMERCIALI NATURALI Progetti anno 2013 (D.G.R. n. 1822/2013) Bologna, 1 luglio 2014 Progetto Rubiera Centro Il progetto del comune

Dettagli

BEPPE GRILLO IL 1 MAGGIO A CASELLE TORINESE AL PRATO FIERA DALLE ORE 17.00 ALLE ORE 19.00

BEPPE GRILLO IL 1 MAGGIO A CASELLE TORINESE AL PRATO FIERA DALLE ORE 17.00 ALLE ORE 19.00 BEPPE GRILLO IL 1 MAGGIO A CASELLE TORINESE AL PRATO FIERA DALLE ORE 17.00 ALLE ORE 19.00 PROGRAMMA ELETTORALE AMMINISTRATIVE 2012 Siamo cittadini qualunque; la nostra partecipazione a queste elezioni

Dettagli

SCHEDATURA DEL PERCORSO PARTECIPATO PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NELLE AREE LIMITROFE AI PLESSI SCOLASTICI

SCHEDATURA DEL PERCORSO PARTECIPATO PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NELLE AREE LIMITROFE AI PLESSI SCOLASTICI PROVINCIA DI TORINO TAVOLO AGENDA 21 Qualità della vita e mobilità sostenibile intorno ai plessi scolastici SCHEDATURA DEL PERCORSO PARTECIPATO PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NELLE

Dettagli

Isola Pedonale Navigli

Isola Pedonale Navigli Isola Pedonale Navigli Come Lega Nord stiamo studiando una soluzione condivisa, che concili i desideri e le esigenze di residenti, gestori di locali serali e le varie attività diurne, affinché la realizzazione

Dettagli

COSA DEVI SAPERE LA SOSTA ALL OSPEDALE

COSA DEVI SAPERE LA SOSTA ALL OSPEDALE LA SOSTA ALL OSPEDALE COSA DEVI SAPERE Diamo risposta alle domande più frequenti ed offriamo informazioni utili ad inquadrare meglio quanto è stato affrontato anche nell ambito del Tavolo tecnico istituito

Dettagli

Come sta il comparto delle costruzioni oggi in Italia?

Come sta il comparto delle costruzioni oggi in Italia? Come sta il comparto delle costruzioni oggi in Italia? Quello che sta accadendo nel nostro comparto è drammatico: siamo di fronte a una vera e propria deindustrializzazione del settore, con un calo vertiginoso

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia di Olbia - Tempio

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia di Olbia - Tempio COPIA COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia di Olbia - Tempio VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Numero 28 Del 14-04-15 Oggetto: ISTITUZIONE DI AREA DI SOSTA E PARCHEGGIO A PAGAMENTO. INDIVIDUAZIONE

Dettagli

Comune di Eupilio PROVINCIA DI COMO

Comune di Eupilio PROVINCIA DI COMO Comune di Eupilio PROVINCIA DI COMO COPIA VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N 31 OGGETTO: ART. 18 DELLO STATUTO COMUNALE - PRESENTAZIONE ISTANZE, PETIZIONI E PROPOSTE DEI CITTADINI DIRETTE

Dettagli

Sezione: 9. MODELLO OPERATIVO VINCENTE

Sezione: 9. MODELLO OPERATIVO VINCENTE Scopri come Creare e Vendere viaggi online! Sezione: 9. MODELLO OPERATIVO VINCENTE La 5 cose che devi fare per avere successo in questa attività! Sai cosa fa la differenza tra una formula di successo e

Dettagli

RICORDO DI TRENTO. 1Fc - Piero Zin L HOMO SAPIENS SCOPRE TRENTO

RICORDO DI TRENTO. 1Fc - Piero Zin L HOMO SAPIENS SCOPRE TRENTO RICORDO DI TRENTO Ricordo che, più o meno, siamo arrivati a Trento sulle 11 e alle 11.45 eravamo dentro in museo per vedere la mostra sull homo sapiens, che si è rivelata molto bella e interessante. Ricordo

Dettagli

alla scoperta del binario 9¾

alla scoperta del binario 9¾ campania onlus 2013 Metropolitana di Salerno alla scoperta del binario 9¾ al binario invisibile il viaggio della metro pronta, inaugurata, ma mai entrata in funzione marzo 2013 Il viaggio immaginifico

Dettagli

Ecco come (non) lavorano i dipendenti municipali della Polizia Locale ed all' AMIU di Taranto...

Ecco come (non) lavorano i dipendenti municipali della Polizia Locale ed all' AMIU di Taranto... Ecco come (non) lavorano i dipendenti municipali della Polizia Locale ed all' AMIU di Taranto... Continuano ad arrivarci in redazione fotografie, documenti, storie di ordinaria follia nella vita (in)civile

Dettagli

Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale.

Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale. Istituto di Scienze e Tecnologie della Cognizione - CNR progetto internazionale "La città dei bambini" Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale. Non mi mancava la memoria o l intelligenza,

Dettagli

PROGRAMMA DI INTERVENTO PER L ABBATTIMENTO DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE ED URBANISTICHE

PROGRAMMA DI INTERVENTO PER L ABBATTIMENTO DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE ED URBANISTICHE COMUNE DI ROSIGNANO MARITTIMO (Provincia di Livorno) PROGRAMMA DI INTERVENTO PER L ABBATTIMENTO DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE ED URBANISTICHE Relazione generale PROGRAMMA DI INTERVENTO PER L ABBATTIMENTO

Dettagli

Giacomo Bruno I 5 SEGRETI DEI BLOG

Giacomo Bruno I 5 SEGRETI DEI BLOG Giacomo Bruno I 5 SEGRETI DEI BLOG Report tratto da: Fare Soldi Online con Blog e MiniSiti Puoi distribuire gratuitamente questo ebook a chiunque. Puoi inserire i tuoi link affiliato. I segreti dei Blog

Dettagli

Sintesi degli incontri di ascolto pubblici IV Incontro di ascolto in Zona 1 CAM Falcone e Borsellino - corso Garibaldi, 27 24 settembre 2015

Sintesi degli incontri di ascolto pubblici IV Incontro di ascolto in Zona 1 CAM Falcone e Borsellino - corso Garibaldi, 27 24 settembre 2015 Sintesi degli incontri di ascolto pubblici IV Incontro di ascolto in Zona 1 CAM Falcone e Borsellino - corso Garibaldi, 27 24 settembre 2015 All incontro hanno preso parte 34 persone, di cui 19 donne e

Dettagli

- 1 reference coded [3,14% Coverage]

<Documents\bo_min_11_M_16_ita_stu> - 1 reference coded [3,14% Coverage] - 1 reference coded [3,14% Coverage] Reference 1-3,14% Coverage quindi ti informi sulle cose che ti interessano? sì, sui blog dei miei amici ah, i tuoi amici hanno dei

Dettagli

Comune di CASTAGNETO PO (Prov. TORINO)

Comune di CASTAGNETO PO (Prov. TORINO) ELEZIONE DEL SINDACO E DEL CONSIGLIO COMUNALE (Art. 71, comma 2, D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267) (Comuni sino a 15.000 abitanti) Comune di CASTAGNETO PO (Prov. TORINO) Votazioni del giorno 25/05/2014 P

Dettagli

Genoni è un Comune di 854 abitanti inserito nella regione del Sarcidano, in Provincia di

Genoni è un Comune di 854 abitanti inserito nella regione del Sarcidano, in Provincia di RELAZIONE GENERALE E TECNICA Generalità Breve inquadramento geografico e storico Genoni è un Comune di 854 abitanti inserito nella regione del Sarcidano, in Provincia di Oristano. Il suo territorio occupa

Dettagli

COMUNE DI MONTIANO. Relazione di Giunta al Rendiconto 2013

COMUNE DI MONTIANO. Relazione di Giunta al Rendiconto 2013 COMUNE DI MONTIANO Relazione di Giunta al Rendiconto 2013 PARTE 1 Aprile 2014 - Introduzione 2 - Quadro previsioni definitive B. P. 2013.....6 - Quadro confronto entrate correnti 2012-2013..7 - Quadro

Dettagli

C O M U N E DI T I R I O L O Provincia di Catanzaro

C O M U N E DI T I R I O L O Provincia di Catanzaro C O M U N E DI T I R I O L O Provincia di Catanzaro Regolamento per l installazione, la modifica e l adeguamento delle stazioni radio base per la telefonia cellulare e servizi similari. Antenne emittenti

Dettagli

Dal 9 giugno al 10 luglio

Dal 9 giugno al 10 luglio Dal 9 giugno al 10 luglio SI REPLICA ORATORIO APERTO TUTTI I GIORNI SI TRIPLICA educatore laico d oratorio a completamento dell equipe educativa DOMENICA 14 GIUGNO IN VISITA ALL EXPO (RAGAZZI E FAMIGLIE

Dettagli

Viaggio effettuato dal 30-03-14 al 01-04.14 da due persone con semintegrale Adria del 2004

Viaggio effettuato dal 30-03-14 al 01-04.14 da due persone con semintegrale Adria del 2004 Due giorni tra le province di Roma e Viterbo Viaggio effettuato dal 30-03-14 al 01-04.14 da due persone con semintegrale Adria del 2004 Partenza da Telese Terme (BN) Km percorsi 682 Finalmente riusciamo

Dettagli

Valorizzazione-conservazione di Lucardo e del suo territorio 1. Valorizzazione di Poggio Pagano: Parco urbano archeologico L'idea del parco, promossa dall associazione Italia Nostra, è stata da tempo discussa

Dettagli

L intervento del sindaco sullo strumento di programmazione finanziaria. di Leopoldo Di Girolamo

L intervento del sindaco sullo strumento di programmazione finanziaria. di Leopoldo Di Girolamo Nelle difficoltà un bilancio di attenzione alla città L intervento del sindaco sullo strumento di programmazione finanziaria di Leopoldo Di Girolamo Approvato il bilancio preventivo 2010 dal Consiglio

Dettagli

Comune di Valentano Provincia (VT) Scheda riepilogativa dei Lavori Pubblici per Categoria

Comune di Valentano Provincia (VT) Scheda riepilogativa dei Lavori Pubblici per Categoria per Categoria Altra edilizia pubblica 5 - Completamento museo 420.000,00 0,00 0,00 8 - Museo, messa a norma e antincendio 0,00 103.550,00 0,00 22 - Museo, riscaldamento 0,00 0,00 60.000,00 37 - Ristrutturazione

Dettagli

Comune di Castelfranco Emilia RASSEGNA STAMPA

Comune di Castelfranco Emilia RASSEGNA STAMPA Comune di Castelfranco Emilia RASSEGNA STAMPA 6 aprile 2013 Indice rassegna - Gazzetta di Modena pag. / - Il Resto del Carlino pag. 2, 23 - Prima Pagina pag. / - Modena Qui pag. 15 Sezione: Pianura Data:

Dettagli

Tempi di percorrenza 5:00 ore se si va all attacco del sentiero in auto. Aggiungere 40 minuti se si usa il treno

Tempi di percorrenza 5:00 ore se si va all attacco del sentiero in auto. Aggiungere 40 minuti se si usa il treno Il Cornizzolo da Civate Zona Prealpi Lombarde Triangolo Lariano Corni di Canzo Tipo itinerario Ad anello Difficoltà E (per Escursionisti) Tempi di percorrenza 5:00 ore se si va all attacco del sentiero

Dettagli

Racconti visioni e libri per rospi da baciare

Racconti visioni e libri per rospi da baciare febbraio 2008 Cari bambini e ragazzi che verrete al festival chiamato AIUTO, STO CAMBIANDO! Racconti visioni e libri per rospi da baciare a Cagliari dall 8 all 11 ottobre 2009 NOTA: questa la lettera originale,

Dettagli

Apocalittico. 1 Metapontino: la zona pianeggiante della Basilicata che si affaccia sul Mar Ionio

Apocalittico. 1 Metapontino: la zona pianeggiante della Basilicata che si affaccia sul Mar Ionio Intervistato: Angelo Cotugno, Segretario Generale della CGIL della Provincia di Matera Soggetto: Matera (sviluppo urbanistico, condizioni di vita fino agli anni 50, sua storia personale di vita nei Sassi,

Dettagli

REGOLAMENTO SULL USO E LA GESTIONE DEI PARCHEGGI COMUNALI A PAGAMENTO IN CONCESSIONE A TERZI

REGOLAMENTO SULL USO E LA GESTIONE DEI PARCHEGGI COMUNALI A PAGAMENTO IN CONCESSIONE A TERZI REGOLAMENTO SULL USO E LA GESTIONE DEI PARCHEGGI COMUNALI A PAGAMENTO IN CONCESSIONE A TERZI Settore Finanziario Dr.ssa Stefania Cufaro Approvato con D.C.C. n. 21 del 26/02/2009 Modificato con D.C.C. n.

Dettagli

L ADOZIONE DI AREE VERDI

L ADOZIONE DI AREE VERDI Presentazione del REGOLAMENTO PER L ADOZIONE DI AREE VERDI DA PARTE DI SOGGETTI PRIVATI O PUBBLICI NEL COMUNE DI ANZIO studio realizzato in collaborazione tra Aprile 2015 1 di 10 REGOLAMENTO PER L ADOZIONE

Dettagli

PROGRAMMA ELETTORALE AMMINISTRATIVE 2014

PROGRAMMA ELETTORALE AMMINISTRATIVE 2014 PROGRAMMA ELETTORALE AMMINISTRATIVE 2014 Linee guida, criteri e principi ispiratori della lista N. 2 per le elezioni amministrative 25.05.2014 SOMMARIO: PREMESSA LINEE PROGRAMMATICHE CONCLUSIONI PREMESSA

Dettagli

SCHEDATURA DEL PERCORSO PARTECIPATO PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NELLE AREE LIMITROFE AI PLESSI SCOLASTICI

SCHEDATURA DEL PERCORSO PARTECIPATO PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NELLE AREE LIMITROFE AI PLESSI SCOLASTICI PROVINCIA DI TORINO TAVOLO AGENDA 21 Qualità della vita e mobilità sostenibile intorno ai plessi scolastici SCHEDATURA DEL PERCORSO PARTECIPATO PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NELLE

Dettagli

Sintesi degli incontri di ascolto pubblici. Terzo incontro di ascolto in Zona 2. Casa delle Associazioni, via Miramare 9.

Sintesi degli incontri di ascolto pubblici. Terzo incontro di ascolto in Zona 2. Casa delle Associazioni, via Miramare 9. Sintesi degli incontri di ascolto pubblici Terzo incontro di ascolto in Zona 2 Casa delle Associazioni, via Miramare 9 16 Settembre 2015 Il terzo incontro di ascolto con i cittadini della zona 2 ha avuto

Dettagli