La prosecuzione volontaria (VV) per gli assicurati a Fondo Esclusivo

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La prosecuzione volontaria (VV) per gli assicurati a Fondo Esclusivo"

Transcript

1 La PROSECUZIONE VOLONTARIA per gli assicurati ai Fondi Esclusivi (INPDAP I.Post) 1 L art. 1, comma 39, della legge 8 agosto 1995, n. 335 ha delegato il Governo ad emanare norme intese a riordinare, armonizzare e razionalizzare le discipline dei diversi regimi previdenziali in materia di contribuzione figurativa, di ricongiunzione, di riscatto e di prosecuzione volontaria, nonché a conformarle al sistema contributivo di calcolo. In attuazione di questa delega è intervenuto l art. 5 del decreto legislativo 30 aprile 1997, n.184 che ha esteso le disposizioni in materia di prosecuzione volontaria già vigenti nell Assicurazione Generale Obbligatoria agli iscritti a questo Istituto. A partire dal 12 luglio 1997 anche per gli iscritti all INPDAP è stata concessa la facoltà, nelle ipotesi di interruzione o cessazione dal rapporto di lavoro ovvero di periodi di servizio resi a tempo parziale, di provvedere alla copertura assicurativa dei periodi scoperti da contribuzione al fine di conservare i diritti derivanti dal rapporto assicurativo precedentemente instaurato con questo Istituto, ovvero di raggiungere i requisiti per il diritto al trattamento pensionistico, ovvero, nel caso di servizio reso a tempo parziale, di integrare la parte di contribuzione mancante. N.B.: di norma... i requisiti richiesti per il diritto a pensione sono quelli previsti dalla normativa vigente alla data in cui gli interessati termineranno il versamento della contribuzione volontaria. IN QUALI IPOTESI E AMMESSA LA PROSECUZIONE VOLONTARIA? Nei casi di interruzione del servizio Ossia per tutti i periodi che non comportano l obbligo da parte del datore di lavoro di corrispondere una retribuzione e, quindi, di provvedere al versamento contributivo quali, ad esempio: le aspettative per motivi di famiglia; le aspettative per motivi di studio; i periodi di interruzione nei casi di lavori discontinui o stagionali; Nei casi di servizio prestato a tempo parziale i periodi intercorrenti nei lavori a tempo parziale di tipo verticale o ciclico; a completamento/integrazione della contribuzione ridotta conseguente a servizio reso a tempo parziale di tipo orrizzontale. A questo proposito il Ministero del lavoro e della previdenza sociale ha esteso la possibilità di riscattare ovvero di richiedere la prosecuzione volontaria di periodi non lavorati collocati nei confini temporali di una prestazione part-time, anche ai rapporti di lavoro a tempo parziale di tipo orizzontale, fornendo un interpretazione ampia dell art. 8 del decreto legislativo n. 564/1996, nel quale veniva fatto a tal fine riferimento esclusivamente ad attività di lavoro con contratto a tempo parziale di tipo verticale o ciclico. Nei casi di cessazione dal servizio La prosecuzione volontaria può essere esercitata quando l interessato abbia già maturato sia i requisiti anagrafici che quelli contributivi minimi previsti per l accesso alla pensione. Ciò per non limitare l esercizio della prosecuzione volontaria nell ordinamento pensionistico pubblico, consentendo, quindi, all assicurato il versamento dei contributi volontari oltre quelli minimi richiesti per il diritto alla pensione e, comunque, oltre la data di accesso programmata in base alle c.d. finestre (decorrenze...), (in alternativa è consentito il trasferimento dei

2 contributi all Assicurazione Generale Obbligatoria, ai sensi della legge 12 aprile 1958, n. 322, ovvero dell art. 1 della legge 7 febbraio 1979, n. 29). 2 N.B.: La prosecuzione volontaria non è ammessa qualora l interessato, per gli stessi periodi, risulti iscritto a forme di previdenza obbligatoria per lavoratori dipendenti, pubblici e privati, per lavoratori autonomi e per liberi professionisti, nonché per periodi successivi alla data di decorrenza della pensione diretta di vecchiaia, di anzianità o di inabilità liquidata a carico delle predette forme di previdenza (art. 6/2 c., Dlgs n.184/1997). Particolarità 1. Una fattispecie particolare è rappresentata dalla categoria dei medici che, come è noto, sono tenuti all iscrizione obbligatoria al Fondo di Previdenza Generale dell ENPAM, in virtù dell adesione all apposito Albo professionale. L iscrizione a tale Fondo Generale comporta l obbligo di un versamento contributivo, di natura meramente mutualistica, che darà titolo all erogazione di una prestazione che non deriva dall attività lavorativa prestata. Ne consegue che l iscrizione al Fondo di Previdenza Generale dell ENPAM non rappresenta una causa ostativa alla concessione dell autorizzazione alla prosecuzione volontaria. 2. La preclusione opera, viceversa, in presenza di attività libero professionale che comporti un versamento contributivo agli altri tre Fondi Speciali gestiti dall ENPAM e cioè: Fondo Speciale di Previdenza per i medici generici, i pediatri di libera scelta e gli addetti ai servizi di continuità assistenziale; Fondo Speciale di Previdenza per i medici specialisti ambulatoriali; Fondo Speciale di Previdenza per i medici specialisti convenzionati esterni. Nei casi di cui sopra le Sedi Inpdap potranno autorizzare l iscritto alla prosecuzione volontaria solo previa acquisizione di autocertificazione dell interessato dalla quale risulti che non esiste versamento contributivo ai Fondi Speciali per medici generi o specialisti dell ENPAM. 3. Nella medesima situazione derogatoria si trova il personale iscritto al Fondo Clero gestito dall Inps. Tale iscrizione, infatti, riveste natura meramente complementare rispetto a quella obbligatoria ed è legata allo status sacerdotale rivestito dal relativo personale. Ne consegue che in costanza di iscrizione al Fondo Clero, la competente Sede Inpdap può autorizzare i richiedenti al versamento volontario della contribuzione. QUALI SONO I REQUISITI CONTRIBUTIVI RICHIESTI PER ESSERE AMMESSI ALLA PROSECUZIONE VOLONTARIA? Almeno 36 contributi mensili di effettiva contribuzione, anche non continuativa, che l interessato deve far valere presso l Istituto pensionistico di riferimento nel quinquennio precedente la domanda di autorizzazione per la prosecuzione volontaria. Ovvero... in presenza dei requisiti di cui al terzo comma dell'art. 1 della legge 18 febbraio 1983, n.47..." e cioè in presenza del requisito di cinque anni di contribuzione effettiva in qualsiasi tempo versata (l'art. 69, comma 10, della legge 23 dicembre 2000, n. 388, inserisce il comma 2-bis all'art. 5 del DLgs 30 aprile 1997, n. 184).

3 E prevista una riduzione del requisito minimo contributivo da 36 a 12 mesi (artt. 7 e 8, decreto legislativo 16 settembre 1996, n. 564) per i periodi successivi al , non coperti da contribuzione, intercorrenti tra un rapporto di lavoro e l altro nel caso di lavori discontinui, stagionali o temporanei e quelli di non effettuazione della prestazione lavorativa nel caso di lavoro a tempo parziale di tipo orizzontale, verticale o ciclico. 3 Per contribuzione effettiva si deve intendere quella riferita a... periodi lavorativi che hanno dato luogo alla corresponsione di una retribuzione e quindi al versamento contributivo periodi ricongiunti periodi riscattati. Al fine di determinare i requisiti richiesti per l ammissione alla contribuzione volontaria non sono ammessi arrotondamenti. PERIODI NEUTRI Per delimitare il quinquennio nel quale ricercare i 36, ovvero i 12, contributi mensili richiesti per l ammissione alla prosecuzione volontaria, non sono da considerare: i periodi di servizio militare di leva, servizio militare "non armato", servizio civile sostitutivo ed equiparato a quello di leva, servizio di volontariato prestato, non in costanza di rapporto di impiego, nei Paesi in via di sviluppo; i periodi di interruzione obbligatoria o facoltativa del lavoro durante lo stato di gravidanza e puerperio di cui alla legge n. 1204/1971 sulla tutela delle lavoratrici madri. A tale proposito va precisato che per gli iscritti a questo Istituto non concorrono alla formazione del quinquennio i periodi corrispondenti a quelli di astensione obbligatoria al di fuori del rapporto di lavoro, quelli relativi all astensione facoltativa al di fuori del rapporto di lavoro (qualora non sia stata riscattata), ovvero i periodi corrispondenti a quelli che hanno dato luogo ad assenza facoltativa nell ambito del rapporto d impiego nei casi in cui manchi la corresponsione di retribuzione (Circolare Inpdap 14 febbraio 1997, n. 9); i periodi che hanno dato luogo a contribuzione figurativa prevista da specifiche disposizioni di legge. Si ricorda che, allo stato attuale, le uniche forme di contribuzione figurativa per gli assicurati di questo Istituto sono quelli indicati dal Dlgs n. 564/1996 e precisamente, periodi di maternità, aspettativa non retribuita per cariche sindacali o per funzioni pubbliche elettive di membri eletti al Parlamento Nazionale, Europeo e Consigli Regionali; i periodi durante i quali sono rimasti pendenti procedimenti giudiziari attinenti il rapporto assicurativo; i periodi durante i quali il richiedente ha goduto di pensione di inabilità, ai sensi dell art. 2, comma 12, legge n. 335/1995, poi revocata per cessazione dello stato invalidante. COME VIENE DETERMINATO L ONERE Si dovrà calcolare la media delle retribuzioni imponibili percepite dal richiedente negli ultimi dodici mesi di contribuzione effettiva antecedenti la data della domanda di autorizzazione. Nell ipotesi in cui si siano verificate interruzioni dal servizio si dovrà retrocedere fino a coprire i dodici mesi di contribuzione necessari per la determinazione della suddetta media. La retribuzione media contributiva annua, così individuata, dovrà essere trasformata in retribuzione contributiva settimanale (dividendo l importo per n. 52 settimane) e, successivamente, arrotondata alle cento lire superiori; su tale importo andrà applicata l aliquota di finanziamento al fine di determinare l ammontare del contributo volontario settimanale da versare.

4 Si ricorda che L aliquota di finanziamento è pari a quella prevista per la contribuzione obbligatoria.. L importo del contributo volontario verrà aggiornato sulla base delle retribuzioni rivalutate annualmente, con effetto dal 1 gennaio di ciascun anno, in base alla variazione dell indice del costo della vita determinato dall ISTAT nell anno precedente. 4 OBBLIGHI PER IL RICHIEDENTE Presentare apposita domanda di autorizzazione, alla sede periferica INPDAP territorialmente competente. Nel caso in cui venga respinta la domanda di pensione diretta, per carenza dei requisiti anagrafici e contributivi, questa può essere considerata come istanza di autorizzazione alla prosecuzione volontaria se presentata in data successiva al 12 luglio 1997, entrata in vigore del decreto legislativo in esame. Corredare la domanda con la certificazione attestante il servizio prestato e le retribuzioni contributive annue percepite che l ente datore di lavoro è tenuto a rilasciare anche a richiesta dell interessato. Versare l importo dei contributi volontari per periodi trimestrali solari mediante appositi bollettini di C/C postale n , intestati a "INPDAP - Direzione Centrale Entrate Contributive - contribuzione volontaria"; i versamenti dovranno essere effettuati entro il trimestre successivo a quello solare cui è riferita la contribuzione. I contributi relativi al periodo compreso fra la data di presentazione della domanda e la data del rilascio dell autorizzazione devono essere versati nel trimestre successivo a tale data. L interessato deve rispettare questi termini; le somme versate in ritardo vengono rimborsate senza maggiorazioni di interessi, salvo la loro imputazione, a richiesta, al trimestre immediatamente precedente la data del pagamento. Può essere utile sapere che La contribuzione volontaria può essere versata anche per i sei mesi precedenti la data di presentazione della domanda di autorizzazione. Qualora si verifichino eventi che comportino, in base alle vigenti disposizioni, l accreditamento di contributi figurativi l assicurato deve sospendere i versamenti volontari in corrispondenza dei periodi coperti dai contributi predetti. I versamenti devono essere sospesi anche durante i periodi di rioccupazione e possono essere ripresi dal sabato della settimana successiva alla cessazione del rapporto di lavoro. Se l assicurato intende ottenere la rideterminazione del contributo volontario assegnato all atto del rilascio dell autorizzazione, può presentare apposita domanda entro 180 giorni dalla data di cessazione del rapporto di lavoro, a pena di decadenza. PRESENTAZIONE DI DOMANDE VOLTE ALLA VALORIZZAZIONE DI PERIODI E/O SERVIZI DURANTE IL PERIODO DI PROSECUZIONE VOLONTARIA La posizione assicurativa di un iscritto, già esistente all atto dell autorizzazione, rimane, a seguito dei versamenti volontari, aperta presso l Inpdap, con la conseguenza che ai richiedenti può essere concessa la facoltà di valorizzare, riscattare e/o ricongiungere periodi e/o servizi al fine di incrementare l anzianità contributiva. Ciò in quanto l articolo 9, comma 1, del DPR n. 1432/1971, equipara i contributi volontari ai contributi obbligatori ai fini del diritto alle prestazioni, dell anzianità contributiva e della determinazione della retribuzione annua pensionabile. Le predette facoltà di computo, riscatto e/o ricongiunzione sono, peraltro, subordinate alle seguenti condizioni: sussistenza dell autorizzazione alla prosecuzione volontaria da parte dell INPDAP;

5 all atto della domanda di computo / riscatto / ricongiunzione l iscritto deve essere in costanza di versamento della contribuzione volontaria (ancorché il pagamento sia effettuato entro il trimestre successivo alla data della domanda stessa); 5 Nella fattispecie per la determinazione dell onere di ricongiunzione e/o riscatto si dovrà prendere a base la retribuzione di riferimento utilizzata per quantificare il contributo volontario riferito al trimestre in cui si colloca la domanda di riscatto/ricongiunzione. L eventuale onere risultante dall operazione di ricongiunzione e/o riscatto dovrà essere versato all Istituto: 1. in unica soluzione ovvero 2. ratealmente nell ipotesi in cui il provvedimento di riscatto e/o ricongiunzione venga emanato contestualmente a quello di pensione. DECORRENZA DELLA PENSIONE IN PRESENZA DI CONTRIBUZIONE VERSATA AI SENSI DELL ARTICOLO 6, COMMA 1, DEL DLGS. N. 184/1997 Secondo la previsione dell articolo 6, comma 1, del Dlgs n. 184/1997, i soggetti autorizzati alla prosecuzione volontaria possono effettuare versamenti contribuivi anche per i sei mesi precedenti la domanda, vale a dire per i periodi privi di copertura assicurativa collocati in tale arco temporale. In ogni caso il presupposto per il versamento è costituto dall autorizzazione alla prosecuzione volontaria, la cui decorrenza giuridica resta fissata al primo sabato successivo alla data di presentazione della domanda. Può accadere che alcuni soggetti acquisiscano il diritto a pensione sulla base della contribuzione volontaria versata per i sei mesi antecedenti la domanda di prosecuzione volontaria; in tali fattispecie la prestazione pensionistica dovrà, comunque, essere liquidata con decorrenza successiva a quella giuridica dell autorizzazione. Una liquidazione del trattamento con decorrenza anteriore a quest ultima data determinerebbe, infatti, una condizione ostativa al rilascio dell autorizzazione stessa, la cui revoca darebbe luogo all annullamento ed al rimborso dei contributi volontari pregressi, con conseguente perdita del requisito contributivo che aveva fatto sorgere il diritto alla prestazione stessa. EFFETTI DEI CONTRIBUTI VOLONTARI AI FINI PENSIONISTICI contribuzione volontaria = contribuzione obbligatoria Seguono: 1. INPDAP circolare 1 marzo 2000, n INPDAP circolare 10 aprile 1998, n INPDAP - circolare 17 dicembre 1998, n INPDAP nota 16 marzo 2005, prot INPDAP Circolare 17 maggio 2006, n. 11

6 Allegato 01 INPDAP DIREZIONE CENTRALE PRESTAZIONI PREVIDENZIALI UFF.1 NORMATIVA AA.GG. Circolare nr.13 Roma, 1 marzo AI Dirigenti Generali LORO SEDI Al Ministero della Pubblica Istruzione Viale Trastevere, 76/A ROMA Alla Corte dei Conti Via Baiamonti, ROMA Ai Direttori degli Uffici Centrali e Periferici LORO SEDI Ai Coordinatori delle Consulenze Professionali LORO SEDI Agli Enti di Patronato LORO SEDI OGGETTO: prosecuzione volontaria per il personale iscritto alla gestione separata Stato Ministero Pubblica Istruzione Personale comparto scuola. L INPDAP, con circolare n.23 del (G.U. del , serie generale, n. 93) ha illustrato le disposizioni recate dal decreto legislativo , n. 184, agli artt. 5, 6, 7 e 8, 1 in materia di prosecuzione volontaria. 1 Si riportano gli artt. 5, 6, 7 e 8 del Dlgs n. 184/1997: Art. 5. Estensione del regime della prosecuzione volontaria INPS alle altre forme di previdenza. 1. Le disposizioni di cui al decreto del Presidente della Repubblica 31 dicembre 1971, n. 1432, e alla legge 18 febbraio 1983, n. 47, e successive modificazioni ed integrazioni, come modificate dal presente capo, sono estese agli iscritti ai fondi sostitutivi ed esclusivi dell'assicurazione generale obbligatoria ed alla gestione di cui all'articolo 2, comma 26, della legge 8 agosto 1995, n L'autorizzazione alla prosecuzione volontaria è concessa se l'assicurato nel quinquennio precedente la domanda può far valere, nell'assicurazione generale obbligatoria ovvero nel fondo sostitutivo o esclusivo della medesima presso il quale chiede di effettuare i versamenti volontari, uno dei seguenti requisiti di effettiva contribuzione, anche non continuativa (1): a) 36 contributi mensili; b) 156 contributi settimanali; c) 279 contributi giornalieri agricoli per gli uomini; d) 186 contributi giornalieri agricoli per le donne e i giovani; e) 65 settimane per i lavoratori addetti esclusivamente alle lavorazioni di cui agli articoli 40, n. 9, e 76 del regio decretolegge 4 ottobre 1935, n. 1827, convertito, con modificazioni, dalla legge 6 aprile 1936, n Resta fermo il requisito di anzianità contributiva ridotta previsto dagli articoli 7 e 8 del decreto legislativo 16 settembre 1996, n. 564, che trova applicazione anche per i casi di assicurazione di cui all'articolo 2, comma 26, della citata legge n. 335 del Ai fini del computo del quinquennio di cui al comma 2, si applicano le disposizioni contenute nell'articolo 3 del decreto del Presidente della Repubblica 31 dicembre 1971, n. 1432, e successive modificazioni ed integrazioni. (1) Alinea così modificato dall'art. 2, d.lg. 29 giugno 1998, n.278. Art. 6. Presupposti di ammissione. 1. La contribuzione volontaria può essere versata anche per i sei mesi precedenti la data di presentazione della domanda. 2. La contribuzione volontaria non è ammessa per contestuali periodi di assicurazione ad una delle forme di previdenza obbligatoria per lavoratori dipendenti, pubblici e privati, per lavoratori autonomi e per liberi professionisti, nonché per periodi successivi alla data di decorrenza della pensione diretta liquidata a carico delle predette forme di previdenza. Art. 7. Modalità di determinazione della contribuzione.

7 Con successiva circolare n.53 del , inviata alle proprie sedi provinciali, sono stati forniti chiarimenti per gli adempimenti operativi precisando che per la contribuzione volontaria di pertinenza della gestione separata per i dipendenti dello Stato, di cui all art.2, comma 1, della legge , n. 335, 2 tali adempimenti sono a carico delle amministrazioni di appartenenza degli interessati. Tale precisazione si è resa necessaria in quanto, come è noto, in attesa che l INPDAP realizzi le condizioni per assolvere, in piena autonomia, i nuovi compiti demandati dalla richiamata legge 335/95, le Amministrazioni dello Stato continuano ad emettere provvedimenti in materia di trattamento pensionistico. Considerando, tuttavia, che la prosecuzione volontaria è un istituto giuridico di nuovo ingresso nei regimi esclusivi e che, quindi, richiede un aggiornamento professionale degli attuali operatori previdenziali, l Istituto intende avviare con tale nuova prestazione, l acquisizione diretta della trattazione dei trattamenti pensionistici ai dipendenti dello Stato. In via sperimentale, pertanto, acquisita la disponibilità del Ministero della Pubblica Istruzione, con la presente si forniscono, limitatamente al personale in oggetto, le indicazioni e le disposizioni in merito all autorizzazione per la contribuzione volontaria e per la determinazione del relativo importo. Si rende opportuno precisare che la presente procedura verrà progressivamente estesa a tutte le amministrazioni dello Stato. Si rappresenta, quindi, l opportunità di puntualizzare gli adempimenti operativi da svolgere rispettivamente a cura dei Provveditorati agli studi e delle sedi provinciali INPDAP. L iter per 7 1. L'importo del contributo volontario è pari all'aliquota di finanziamento, prevista per la contribuzione obbligatoria alla gestione pensionistica, applicata all'importo medio della retribuzione imponibile percepita nell'anno di contribuzione precedente la data della domanda. 2. L'importo minimo di retribuzione sulla quale sono commisurati i contributi volontari non può essere inferiore alla retribuzione settimanale, determinata ai sensi dell'articolo 7, comma 1, del decreto-legge 12 settembre 1983, n. 463, convertito, con modificazioni, dalla legge 11 novembre 1983, n. 638, e successive modificazioni ed integrazioni. 3. L'importo del contributo volontario minimo dovuto da tutte le categorie di prosecutori volontari non può essere inferiore a quello stabilito, con i criteri di cui al comma 2, per i lavoratori dipendenti comuni. Per le categorie tenute al versamento di contributi volontari mensili tale importo è ragguagliato a mese. Rimane ferma, se esistente, l'applicazione del minimale retributivo per gli iscritti ai fondi esclusivi o sostitutivi dell'assicurazione generale obbligatoria nel caso di minimi retributivi superiori a quelli indicati nel presente comma. 4. Per i prosecutori volontari autorizzati alla prosecuzione volontaria nelle gestioni speciali per gli artigiani, i commercianti ed i coltivatori diretti, mezzadri e coloni, restano ferme le disposizioni di cui agli articoli 3 e 10 della legge 2 agosto 1990, n Le retribuzioni sulle quali è calcolato l'importo del contributo volontario sono rivalutate annualmente con effetto dal 1º gennaio di ciascun anno, in base alla variazione dell'indice del costo della vita determinato dall'istat nell'anno precedente. 6. L'assicurato, il quale riprenda i versamenti volontari dopo un periodo di rioccupazione alle dipendenze di terzi, può ottenere, a domanda, la rideterminazione dell'importo del contributo volontario da lui dovuto. Tale importo è calcolato sulla base della media delle retribuzioni percepite nell'anno precedente la ripresa dei versamenti stessi. La domanda di cui sopra deve essere presentata, a pena di decadenza, entro 180 giorni dalla cessazione del rapporto di lavoro. 7. Per gli assicurati autorizzati alla prosecuzione volontaria anteriormente alla data di entrata in vigore del presente decreto, l'importo del contributo è commisurato alla retribuzione media della classe precedentemente assegnata. 8. Gli assicurati, ai quali è stata assegnata anteriormente alla data di cui al comma 7, l'ultima classe, vigente protempore, hanno facoltà di richiedere, entro un anno dalla medesima data, l'assegnazione della retribuzione corrispondente a quella media, percepita in costanza di rapporto di lavoro nell'anno precedente la data di decorrenza dell'autorizzazione alla prosecuzione volontaria. Art. 8. Modalità di versamento. 1. Il versamento deve effettuarsi entro il trimestre successivo a quello solare cui è riferita la contribuzione, secondo le modalità stabilite da ciascun ente interessato. 2. La contribuzione volontaria relativa al trimestre in corso alla data di rilascio dell'autorizzazione e quella riferita a periodi precedenti devono essere versate entro il trimestre successivo a tale data. 3. I termini di cui al presente articolo sono perentori e le somme versate in ritardo sono rimborsate senza maggiorazione di interessi, salva la loro imputazione a richiesta dell'interessato al trimestre immediatamente precedente la data del pagamento. 2 Legge , n. 331 Art. 2/1 comma Art. 2. Armonizzazione. 1. Con effetto dal 1º gennaio 1996 è istituita presso l'inpdap la gestione separata dei trattamenti pensionistici ai dipendenti dello Stato, nonché alle altre categorie di personale i cui trattamenti di pensione sono a carico del bilancio dello Stato di cui all'art. 4, comma 4, del decreto legislativo 30 giugno 1994, n. 479.

8 la definizione di una richiesta di prosecuzione volontaria si articola sulla base dei seguenti passi amministrativi. 1. domanda da parte dell interessato in duplice copia da inviare al Provveditorato agli studi e alla sede INPDAP territorialmente competente, secondo lo schema che si allega in copia. Le domande già presentate ai Provveditorati dovranno, invece, essere trasmesse alle sedi INPDAP corredate di tutti gli elementi necessari per la determinazione del contributo settimanale. 2. trasmissione da parte del Provveditorato di tutti gli elementi necessari all INPDAP per la verifica dei requisiti e per il calcolo dei contributi (servizi e periodi valutati e valutabili, periodi non valutabili, posizioni stipendiali). 3. gestione da parte dell INPDAP dell intera pratica (calcolo del contributo), gestione dei versamenti, determinazione ed attribuzione della pensione alla maturazione dei requisiti). 8 In dettaglio la trattazione di tali domande sarà svolta come elencato nei seguenti punti. Valutazione dei requisiti del richiedente Si rinvia ai contenuti della Circolare INPDAP n.23/1998, punto 2), che si intendono confermati anche successivamente all entrata in vigore del Dlgs 278/ In assenza dei requisiti di contribuzione gli uffici operativi di questo Istituto notificheranno agli interessati, e per conoscenza al Provveditorato competente, il provvedimento di rigetto della domanda di prosecuzione volontaria. Per la determinazione del contributo volontario le sedi provinciali INPDAP dovranno acquisire le informazioni riportate nella tabella seguente. Estremi anagrafici Tipologia Domanda di ammissione alla prosecuzione volontaria Domanda di cessazione Servizi militari ed equiparati Servizi di ruolo e non di ruolo presso istituzioni scolastiche Informazioni necessarie Cognome, nome, sesso, data e luogo di nascita, codice fiscale, domicilio Data e numero di protocollo della domanda, data inizio, eventuale data fine, tipologia periodo richiesto (se non c è contestuale cessazione dal servizio) Data della domanda, decorrenza, tipo cessazione, benefici art. 2 L.336/70 4 Data inizio e fine, tipologia servizio (servizio militare di leva, servizio civile sostitutivo ed equiparati, campagne di guerra, altre supervalutazioni) Data inizio, data fine, tipo di ritenuta previdenziale, supervalutazioni, eventuale riduzione di orario 3 Decreto legislativo 29 giugno 1998, n. 278 (in Gazz. Uff., 13 agosto, n. 188). - Disposizioni correttive dei decreti legislativi 16 settembre 1996, n. 564, 24 aprile 1997, n. 181, e 30 aprile 1997, numeri 157, 180 e 184, in materia pensionistica. 4 Legge , n. 336 Art.2 Art. 2. Ai dipendenti indicati all'art. 1, all'atto della cessazione dal servizio per qualsiasi causa, sono attribuiti, ai soli fini della liquidazione della pensione e della indennità di buonuscita e di previdenza, tre aumenti periodici di stipendio, paga o retribuzione o, se più favorevole, un aumento periodico per ogni anno o frazione superiore a sei mesi di servizio militare prestato in territorio dichiarato in stato di guerra, trascorso in prigionia e in internamento, in luoghi di cura e in licenza di convalescenza per ferite o infermità contratte presso reparti combattenti, in prigionia e in internamento. Ai dipendenti indicati nel precedente comma, a loro richiesta o a richiesta degli eredi aventi diritto a pensione di riversibilità, anziché l'attribuzione degli aumenti periodici di stipendio, previsti dallo stesso precedente comma, va conferita la qualifica o classe di stipendio paga o retribuzione immediatamente superiore a quella posseduta.

9 Tipologia Servizi prestati presso altre amministrazioni statali, Enti di diritto pubblico, Aziende autonome, Libere università Servizi resi in qualità di lavoratore autonomo, libero professionista o alle dipendenze di privati Assenze nell ambito del rapporto di lavoro non utili ai fini della quiescenza (aspettative, sanzioni disciplinari) Periodi già valutati in provvedimenti di computo, riscatto, sistemazione contributiva, ricongiunzione ex lege 29/79, ricongiunzione ex lege 45/90 Servizi che hanno già dato luogo ad un trattamento di quiescenza o costituzione della posizione assicurativa Posizioni retributive Partita debitoria Informazioni necessarie Data inizio, data fine, datore di lavoro, tipo di ritenuta previdenziale Data inizio, eventuale datore di lavoro, tipo di ritenuta previdenziale Data inizio, data fine, tipologia assenza Estremi dei provvedimenti già emessi e totale periodo valutato Data inizio, data fine, tipologia indicando se l interessato continua a percepire la pensione 5 Posizioni stipendiali e I.I.S. dall , retribuzioni accessorie, importi eventuali quote mensili (in caso di contestuale cessazione) Data inizio e fine ritenuta, tipologia ritenuta ed ente beneficiario 9 Determinazione della contribuzione Si richiamano i contenuti della citata Circolare n. 23/1998, punto 3), precisando quanto segue: dal 1 gennaio 1993, in base all art. 3 del T.U. 1092/73 e successive modifiche la retribuzione imponibile è costituita dallo stipendio lordo, dalla tredicesima mensilità, dall indennità integrativa speciale, compreso l importo corrisposto sulla tredicesima mensilità, ed eventuali assegni personali pensionabili; dal 1 gennaio 1995, in base all art. 15 della legge n.724/1994, 6 a tali voci si aggiunge la quota corrispondente alla maggiorazione del 18 per cento, prevista dall art.15 della legge 5 Qualora la pensione sia stata sospesa perché l interessato ha chiesto la riunione/ricongiunzione, è necessario accertare che all atto della nuova cessazione lo stesso abbia maturato i requisiti previsti dalla vigente normativa per il diritto a pensione 6 Legge , n Art. 15. Assoggettamento alla ritenuta in conto entrate del Ministero del tesoro, del bilancio e della programmazione economica della quota di maggiorazione della base pensionabile e omogeneizzazione dei trattamenti di pensione. 1. Con decorrenza dal 1º gennaio 1995, ai soli fini dell'assoggettamento a ritenuta in conto entrate del Ministero del tesoro, del bilancio e della programmazione economica, lo stipendio e gli altri assegni pensionabili con esclusione dell'indennità integrativa speciale di cui alla L. 27 maggio 1959, n. 324, e successive modificazioni ed integrazioni, e degli assegni e indennità corrisposti per lo svolgimento di particolari funzioni esclusi dalla base pensionabile, spettanti ai dipendenti aventi diritto al trattamento di quiescenza disciplinato dal testo unico approvato con D.P.R. 29 dicembre 1973, n. 1092, e successive modificazioni ed integrazioni, sono figurativamente aumentati della percentuale prevista dagli articoli 15, 16 e 22 della L. 29 aprile 1976, n La disposizione di cui al comma 1 si applica ai dipendenti iscritti a gestioni pensionistiche regolate da ordinamenti che rinviano alle norme contenute nel testo unico approvato con D.P.R. 29 dicembre 1973, n. 1092, e successive modificazioni ed integrazioni. 3. In attesa dell'armonizzazione delle basi contributive e pensionabili previste dalle diverse gestioni obbligatorie dei settori pubblico e privato, con decorrenza dal 1º gennaio 1995, per i dipendenti delle amministrazioni pubbliche di cui all'articolo 1 del decreto legislativo 3 febbraio 1993, n. 29, e successive modificazioni ed integrazioni, iscritti alle forme di previdenza esclusive dell'assicurazione generale obbligatoria, nonché per le altre categorie di dipendenti iscritti alle predette forme di previdenza, la pensione spettante viene determinata sulla base degli elementi retributivi assoggettati a

10 n. 177/76, 7 sullo stipendio e sugli assegni pensionabili, esclusa l indennità integrativa speciale; dal 1 gennaio 1996, per effetto dell art.2, commi 9 e 10, della legge n. 335/95, 8 alle forme previdenziali esclusive dell AGO è estesa l applicazione dell art.12 della legge n. 153/1969, e successive modificazioni. Pertanto, da quella data la retribuzione imponibile è costituita da tutto ciò che il lavoratore riceve dal datore di lavoro, in denaro o in natura, in dipendenza del rapporto di lavoro, tranne i compensi e le quote di questi esclusi e tassativamente elencati nello stesso art.12, come integrato dai commi 15, 16 e 18 dell art.2 della legge n.335/95. 9 Va tenuto presente che l estensione dell applicazione dell art contribuzione, ivi compresa l'indennità integrativa speciale, ovvero l'indennità di contingenza, ovvero l'assegno per il costo della vita spettante. 4. La pensione di cui al comma 3 è reversibile, con riferimento alle categorie di superstiti aventi diritto, in base all'aliquota in vigore nel regime dell'assicurazione generale obbligatoria per l'invalidità, la vecchiaia e i superstiti. 5. Le disposizioni relative alla corresponsione della indennità integrativa speciale sui trattamenti di pensione previste dall'articolo 2 della legge 27 maggio 1959, n. 324, e successive modificazioni ed integrazioni, sono applicabili limitatamente alle pensioni dirette liquidate fino al 31 dicembre 1994 e alle pensioni di reversibilità ad esse riferite. 6. Le disposizioni di cui ai commi 3, 4 e 5 si applicano anche ai dipendenti iscritti ai fondi integrativi di previdenza previsti dai regolamenti degli enti di cui alla L. 20 marzo 1975, n Legge , n. 177 Art.15 Art. 15. Base pensionabile personale civile. L'art. 43 del decreto del Presidente della Repubblica 29 dicembre 1973, n. 1092, è sostituito, per le cessazioni dal servizio aventi decorrenza non anteriore al 1º gennaio 1976, dal seguente: <<Ai fini della determinazione della misura del trattamento di quiescenza dei dipendenti civili, la base pensionabile, costituita dall'ultimo stipendio o dall'ultima paga o retribuzione e dagli assegni o indennità pensionabili sottoindicati, integralmente percepiti, è aumentata del 18%: a) indennità di funzione per i dirigenti superiori e per i primi dirigenti prevista dall'art. 47 del decreto del Presidente della Repubblica 30 giugno 1972, n. 748; b) assegno perequativo e assegno personale pensionabile previsti dalla legge 15 novembre 1973, n. 734, per gli impiegati civili, di ruolo e non di ruolo e per gli operai dello Stato; c) indennità ed assegno personale pensionabile previsti dall'art.1 della legge 16 novembre 1973, n. 728, per il personale di ruolo e non di ruolo, compreso quello operaio, dell'amministrazione delle poste e delle telecomunicazioni e dell'azienda di Stato per i servizi telefonici; d) assegno annuo previsto dall'art. 12 del decreto-legge 1º ottobre 1973, n. 580, convertito nella legge 30 novembre 1973, n.766, per il personale insegnante delle università e degli istituti di istruzione universitaria, fuori ruolo ed incaricato; e) assegno annuo previsto dall'art. 12 della legge 30 luglio 1973, numero 477, per il personale ispettivo, direttivo, docente e non docente della scuola materna, elementare, secondaria ed artistica; f) indennità e assegno personale pensionabili previsti dall'art.1 della legge 27 dicembre 1973, n. 851, per il personale di ruolo e non di ruolo e il personale operaio dell'amministrazione autonoma dei monopoli di Stato; g) assegno personale previsto dall'art. 202 del decreto del Presidente della Repubblica 10 gennaio 1957, n. 3. Agli stessi fini, nessun altro assegno o indennità, anche se pensionabile, possono essere considerati se la relativa disposizione di legge non ne preveda espressamente la valutazione nella base pensionabile>>. 8 Legge , n. 335 Art.2, commi 9 e Con effetto dal 1º gennaio 1996, per i dipendenti delle Amministrazioni pubbliche di cui all'articolo 1 del decreto legislativo 3 febbraio 1993, n. 29, iscritti alle forme di previdenza esclusive dell'assicurazione generale obbligatoria, nonché per le altre categorie di dipendenti iscritti alle predette forme di previdenza, si applica, ai fini della determinazione della base contributiva e pensionabile, l'articolo 12 della legge 30 aprile 1969, n. 153, e successive modificazioni ed integrazioni. Con decreto del Ministro del tesoro sono definiti i criteri per l'inclusione nelle predette basi delle indennità e assegni comunque denominati corrisposti ai dipendenti in servizio all'estero. 10. Nei casi di applicazione dei commi 1 e 2 dell'articolo 15 della legge 23 dicembre 1994, n. 724, in materia di assoggettamento alla ritenuta in conto entrate del Ministero del tesoro della quota di maggiorazione della base pensionabile, la disposizione di cui al comma 9 opera per la parte eccedente l'incremento della base pensionabile previsto dagli articoli 15, 16 e 22 della legge 29 aprile 1976, n. 177, rispettivamente, per il personale civile, militare, ferroviario e per quello previsto dall'articolo 15, comma 2, della citata legge n. 724 del Legge , n. 335 Art.2, commi 15, 16 e 18: 15. All'art. 12 della legge 30 aprile 1969, n. 153 e successive modificazioni e integrazioni, è aggiunto, in fine, il seguente comma: <<Sono altresì esclusi dalla retribuzione imponibile di cui al presente articolo: a) le spese sostenute dal datore di lavoro per le colonie climatiche in favore dei figli dei dipendenti; b) le borse di studio erogate dal datore di lavoro ai figli dei dipendenti che abbiano superato con profitto l'anno scolastico, compresi i figli maggiorenni qualora frequentino l'università e siano in regola con gli esami dell'anno accademico; c) le spese sostenute dal datore di lavoro per il funzionamento di asili nido aziendali;

11 della legge n.153/1969 alle forme esclusive, relativamente alla retribuzione accessoria, opera non per l intero importo delle voci che la costituiscono, ma per la parte eventualmente eccedente l incremento della base pensionabile scaturente dalla quota corrispondente alla maggiorazione del 18 per cento di cui all art.15 della legge n.177/1976; dal 1 gennaio 1998, occorre tenere conto del testo dell art.12 della legge n.153/1969, come sostituito dall art.6 del Dlgs n.314/1997, fermo restando che la retribuzione accessoria, in base all art.2, commi 9 e 10, della legge n.335/1995, va considerata per la parte eccedente l importo della maggiorazione del 18 per cento di cui all art.15 della legge n. 177/1976. L aliquota di finanziamento da applicare sulla retribuzione contributiva settimanale, al fine di determinare l ammontare del contributo volontario, è pari a quella prevista per la contribuzione obbligatoria; attualmente per gli iscritti alla gestione separata dei dipendenti dello Stato corrisponde al 32,95 per cento, oltre eventualmente a quella aggiuntiva dell 1 per cento a carico del dipendente. 11 Si precisa, inoltre, che per questi ultimi, non esistendo uno specifico minimale di retribuzione settimanale, l importo minimo di retribuzione sulla quale andranno commisurati i contributi volontari non può essere inferiore al 40 per cento del trattamento minimo mensile di pensione a carico del Fondo pensioni lavoratori dipendenti (INPS), secondo la tabella di seguito riportata. Settimanale Rapportato ad Anno Importo Percentuale sul anno intero trattamento economico d) le spese sostenute dal datore di lavoro per il finanziamento di circoli aziendali con finalità sportive, ricreative e culturali, nonché quelle per il funzionamento di spacci e bar aziendali; e) la differenza fra il prezzo di mercato e quello agevolato praticato per l'assegnazione ai dipendenti, secondo le vigenti disposizioni, di azioni della società datrice di lavoro ovvero di società controllanti o controllate; f) il valore dei generi in natura prodotti dall'azienda e ceduti ai dipendenti, limitatamente all'importo eccedente il 50 per cento del prezzo praticato al grossista>>. 16. L'indennità di servizio all'estero corrisposta al personale dell'istituto nazionale per il commercio estero è esclusa dalla contribuzione di previdenza ed assistenza sociale ai sensi dall'articolo 12 della legge 30 aprile 1969, n. 153, e successive modificazioni ed integrazioni, per la parte eccedente la misura dell'indennità integrativa speciale. 18. A decorrere dal periodo di paga in corso alla data di entrata in vigore della presente legge rientra nella retribuzione imponibile ai sensi dell'articolo 12 della legge 30 aprile 1969, n. 153, e successive modificazioni e integrazioni, il 50 per cento della differenza tra il costo aziendale della provvista relativa ai mutui e prestiti concessi dal datore del lavoro ai dipendenti ed il tasso agevolato, se inferiore al predetto costo, applicato ai dipendenti stessi. Per i lavoratori, privi di anzianità contributiva, che si iscrivono a far data dal 1º gennaio 1996 a forme pensionistiche obbligatorie e per coloro che esercitano l'opzione per il sistema contributivo, ai sensi del comma 23 dell'articolo 1, è stabilito un massimale annuo della base contributiva e pensionabile di lire 132 milioni, con effetto sui periodi contributivi e sulle quote di pensione successivi alla data di prima assunzione, ovvero successivi alla data di esercizio dell'opzione. Detta misura è annualmente rivalutata sulla base dell'indice dei prezzi al consumo per le famiglie di operai e impiegati, così come calcolato dall'istat. Il Governo della Repubblica è delegato ad emanare, entro centoventi giorni dalla data di entrata in vigore della presente legge, norme relative al trattamento fiscale e contributivo della parte di reddito eccedente l'importo del tetto in vigore, ove destinata al finanziamento dei Fondi pensione di cui al decreto legislativo 21 aprile 1993, n. 124, e successive modificazioni ed integrazioni, seguendo criteri di coerenza rispetto ai princìpi già previsti nel predetto decreto e successive modificazioni ed integrazioni.

12 Settimanale Rapportato ad Anno Importo Percentuale sul anno intero trattamento economico In caso di richiesta di prosecuzione volontaria senza contestuale cessazione dal servizio, il Provveditorato agli studi dovrà trasmettere all INPDAP tutte le informazioni inerenti ogni variazione dello stato del dipendente. Nei casi dell applicazione dell art. 8 del Dlgsv n.564/1996, 10 l importo della contribuzione settimanale è commisurato ai periodi non lavorati (rapporti a tempo parziale verticale o ciclico) o al minor orario di lavoro (rapporti a tempo parziale orizzontale). Determinazione e liquidazione del trattamento di quiescenza Al termine del periodo di prosecuzione volontaria dei contributi, qualora l iscritto abbia raggiunto i requisiti prescritti dalla vigente normativa per il diritto al trattamento di quiescenza e non abbia ripreso servizio presso l amministrazione di appartenenza, la sede provinciale INPDAP competente provvederà, previa presentazione di apposita istanza da parte dell interessato, a determinare e liquidare il relativo trattamento pensionistico sulla base dei dati, già in suo possesso, inerenti la posizione previdenziale del dipendente stesso. Per contro, qualora l iscritto dopo aver effettuato i versamenti volontari riprenda servizio preso l amministrazione di appartenenza, la sede provinciale INPDAP dovrà provvedere ad inviare alla stessa la certificazione degli avvenuti versamenti, al fine di aggiornare il fascicolo personale dell interessato. A rettifica di quanto indicato al punto 3 della circolare INPDAP n.23 del , nell ipotesi di contribuzione volontaria versata in misura inferiore a quella dovuta, ferma restando la contrazione del periodo da accreditare sia i fini della misura che del diritto a pensione, i relativi contributi volontari devono essere accreditati a decorrere dal primo sabato compreso nel periodo di versamento e non in corrispondenza dei sabati immediatamente precedenti la data di scadenza del periodo stesso (art.8, comma 13 DPR 1432/71, come sostituito dall art. 21 Legge n.843/78) 11 ; tale disposizione deve essere applicata nei confronti di tutti gli iscritti INPDAP che si trovino nella suddetta posizione. 10 Dlgsv , n Art. 8. Periodi intercorrenti nel lavoro a tempo parziale di tipo verticale, orizzontale(*) o ciclico. 1. In favore degli iscritti all'assicurazione generale obbligatoria per l'invalidità, la vecchiaia e i superstiti e alle forme di essa sostitutive ed esclusive, che svolgono attività di lavoro dipendente con contratti di lavoro a tempo parziale di tipo verticale, orizzontale(*) o ciclico, i periodi, successivi al 31 dicembre 1996, di non effettuazione della prestazione lavorativa, non coperti da contribuzione obbligatoria, possono essere riscattati, a domanda, mediante il versamento della riserva matematica secondo le modalità di cui all'art. 13 della legge 12 agosto 1962, n. 1338, e successive modificazioni ed integrazioni. 2. Per i periodi di cui al comma 1, i soggetti indicati nel comma medesimo possono essere autorizzati, in alternativa, alla prosecuzione volontaria del versamento dei contributi nel fondo pensionistico di appartenenza ai sensi della legge 18 febbraio 1983, n. 47. Per tale autorizzazione è richiesto il possesso di almeno un anno di contribuzione nell'ultimo quinquennio ad uno dei regimi assicurativi di cui al comma Ai fini dell'esercizio della facoltà di cui ai commi 1 e 2, i soggetti interessati devono provare lo stato di occupazione a tempo parziale di cui al comma 1 per tutto il periodo per cui si chiede la copertura mediante riscatto o contribuzione volontaria. (*)Come modificato dall art. 3/4 comma lettera d) del Decreto Legislativo , n Legge , n. 843 DISPOSIZIONI IN MATERIA PREVIDENZIALE

13 La presente Circolare viene diramata d intesa con il Ministero della Pubblica Istruzione, il quale provvederà a divulgarla a tutti i Provveditorati agli studi. 13 IL DIRETTORE GENERALE F.to Dr. Andrea Simi Allegato 02 INPDAP DIREZIONE CENTRALE PRESTAZIONI PREVIDENZIALI UFFICIO I NORMATIVA E AFFARI GENERALI (Pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 93 del 22 aprile 1998) Roma lì 10 aprile 1998 CIRCOLARE N. 23 OGGETTO: Decreto Legislativo 30 aprile 1997, n 184. Prosecuzione volontaria ai fini pensionistici. Premessa Il Decreto Legislativo 30 aprile 1997, n emanato in attuazione della delega conferita dall art. 1, comma 39, della Legge n disciplina gli istituti della ricongiunzione, del riscatto e della prosecuzione volontaria ai fini pensionistici. Il predetto Decreto è stato pubblicato nella G.U. della Repubblica italiana - serie generale - n. 148 del 27/6/1997. Con la presente Circolare si intende fornire chiarimenti sulle disposizioni in materia di prosecuzione volontaria. 1) Estensione del regime della prosecuzione volontaria INPS alle altre forme di previdenza. Art. 21. Per l'anno 1979 e con effetto dal 1º gennaio 1979 l'importo minimo della retribuzione settimanale sulla quale sono commisurati i contributi volontari non può essere inferiore a quello della retribuzione media della quinta classe di contribuzione obbligatoria. L'importo del contributo volontario minimo dovuto da tutte le categorie di prosecutori volontari dell'assicurazione generale obbligatoria per l'invalidità, la vecchiaia ed i superstiti dei lavoratori dipendenti non può essere inferiore a quello stabilito, con i criteri di cui al precedente comma, per i lavoratori dipendenti comuni. Per la contribuzione volontaria relativa a periodi successivi al 1º gennaio 1979 i commi dodicesimo e tredicesimo dell'art. 8 del decreto del Presidente della Repubblica 31 dicembre 1971, n. 1432, sono rispettivamente sostituiti dai seguenti: <<Qualora l'assicurato, per il trimestre considerato, abbia versato una somma inferiore a quella determinata secondo le modalità di cui al comma precedente la somma corrisposta viene ripartita in tanti contributi quanti se ne ottengono dalla divisione della somma versata per l'importo del contributo assegnato. I contributi determinati ai sensi del precedente comma, da considerare ai fini sia del diritto che della misura delle prestazioni, sono accreditati a decorrere dal primo sabato compreso nel periodo di versamento>>.

14 L art. 5 del D.L.vo n 184 ha esteso le disposizioni in materia di prosecuzione volontaria, così come disciplinate dal D.P.R n e dalla Legge n 47 e successive modificazioni ed integrazioni, e come modificate dal decreto legislativo in esame, agli iscritti ai fondi sostitutivi ed esclusivi dell Assicurazione Generale Obbligatoria. Con tale estensione viene offerta agli iscritti all INPDAP la possibilità, nelle ipotesi di interruzione o cessazione dal rapporto di lavoro, di provvedere alla copertura assicurativa dei periodi scoperti da contribuzione al fine di conservare i diritti derivanti dal rapporto assicurativo precedentemente instaurato con questo Istituto ovvero di raggiungere i requisiti per il diritto al trattamento pensionistico; a tale proposito si evidenzia che tali requisiti saranno quelli richiesti dalla normativa vigente alla data in cui gli interessati termineranno il versamento della contribuzione volontaria. 14 Si evidenzia che tra le ipotesi di interruzione del servizio vanno ricompresi tutti i periodi che non comportano l obbligo da parte del datore di lavoro di corrispondere una retribuzione e, quindi, di provvedere al versamento contributivo. Si citano ad esempio: le aspettative per motivi di famiglia, le aspettative per motivi di studio, i periodi di interruzione nei casi di lavori discontinui o stagionali, i periodi intercorrenti nei lavori a tempo parziale di tipo orizzontale, verticale o ciclico. Al riguardo si precisa, come chiarito con Circolare n. 61 del 27 novembre 1997, che il Ministero del lavoro e della previdenza sociale, con nota n. 7/ D.L.vo 564/1996 del 14 luglio 1997, ha esteso la possibilità di riscattare ovvero di richiedere la prosecuzione volontaria di periodi non lavorati collocati nei confini temporali di una prestazione part-time, anche ai rapporti di lavoro a tempo parziale di tipo orizzontale, fornendo un interpretazione ampia dell art. 8 del D.L.vo n. 564/96, nel quale veniva fatto a tal fine riferimento esclusivamente ad attività di lavoro con contratto a tempo parziale di tipo verticale o ciclico. La prosecuzione volontaria, nei casi di cessazione dal servizio, è ammessa solo qualora l iscritto non abbia maturato i requisiti contributivi minimi congiuntamente a quelli anagrafici richiesti per il pensionamento di vecchiaia o di anzianità, e comunque fino al raggiungimento della data prescritta per la liquidazione del trattamento pensionistico. In alternativa è comunque consentito il trasferimento dei contributi all AGO ai sensi della Legge n. 322 del ovvero dell art. 1 della n. 29 del La prosecuzione volontaria non è ammessa qualora per gli stessi periodi l interessato risulti iscritto a forme di previdenza obbligatoria per lavoratori dipendenti, pubblici e privati, per lavoratori autonomi e per liberi professionisti, nonché per periodi successivi alla data di decorrenza della pensione diretta di vecchiaia, di anzianità o di inabilità liquidata a carico delle predette forme di previdenza (art. 6, comma 2 D.L.vo 184/97). 2) Requisiti contributivi L autorizzazione alla prosecuzione volontaria è concessa qualora l interessato possa far valere, nel quinquennio precedente l istanza, almeno 36 contributi mensili di effettiva contribuzione, anche non continuativa, presso questo Istituto. Si precisa che è da considerare contribuzione effettiva quella attinente a periodi lavorativi che hanno dato luogo alla corresponsione di una retribuzione e quindi a versamento contributivo, a periodi ricongiunti nonché a periodi riscattati. Al fine della determinazione di tale requisito non sono ammessi arrotondamenti. Esempio

15 servizio effettivo 1 anno 11 mesi 10 giorni + ricong. L.29/79 8 mesi 16 giorni + riscatto 5 mesi 1 giorno = Totale 3 anni 27 giorni che corrispondono a 36 mesi 15 Per i periodi successivi al , non coperti da contribuzione, intercorrenti tra un rapporto di lavoro e l altro nel caso di lavori discontinui, stagionali o temporanei e quelli di non effettuazione della prestazione lavorativa nel caso di lavoro a tempo parziale di tipo orizzontale, verticale o ciclico, è confermato il requisito minimo contributivo ridotto a 12 mesi, già previsto dagli artt. 7 e 8 del D.L.vo n.564. I requisiti di contribuzione di cui sopra si intendono verificati anche quando i contributi non siano stati ancora materialmente versati a questo Istituto, ma risulti in modo inconfutabile l obbligo di iscrizione dell assicurato all INPDAP. Il comma 3 dell art. 5 prevede che, ai fini della delimitazione del quinquennio nel quale ricercare i 36 ovvero i 12 contributi mensili, richiesti per l ammissione alla prosecuzione volontaria, si applicano le disposizioni di cui all art. 3 del DPR n e successive modificazioni ed integrazioni. A tale fine non sono, pertanto, da considerare: i periodi di servizio militare di leva, servizio militare "non armato" (Legge 772/72), servizio civile sostitutivo ed equiparato a quello di leva, servizio di volontariato prestato, non in costanza di rapporto di impiego, nei Paesi in via di sviluppo (Legge n. 1222/71, Legge 49/87 e Legge 288/91); i periodi di interruzione obbligatoria o facoltativa del lavoro durante lo stato di gravidanza e puerperio di cui alla Legge 1204/71 sulla tutela delle lavoratrici madri. A tale proposito va precisato che per gli iscritti a questo Istituto non concorrono alla formazione del quinquennio i periodi corrispondenti a quelli di astensione obbligatoria al di fuori del rapporto di lavoro, quelli relativi all astensione facoltativa al di fuori del rapporto di lavoro (qualora non sia stata riscattata), ovvero i periodi corrispondenti a quelli che hanno dato luogo ad assenza facoltativa nell ambito del rapporto d impiego nei casi in cui manchi la corresponsione di retribuzione (per approfondimento della materia si rinvia a quanto specificato con Circolare Inpdap n. 9 del ); i periodi che hanno dato luogo a contribuzione figurativa prevista da specifiche disposizioni di legge. Si rammenta che, allo stato attuale, le uniche forme di contribuzione figurativa per gli assicurati di questo Istituto sono quelli indicati dal D.L.vo 564/96 e precisamente, periodi di maternità, aspettativa non retribuita per cariche sindacali o per funzioni pubbliche elettive di membri eletti al Parlamento Nazionale, Europeo e Consigli Regionali; i periodi durante i quali sono rimasti pendenti procedimenti giudiziari attinenti il rapporto assicurativo; i periodi durante i quali il richiedente ha goduto di pensione di inabilità, ai sensi dell art. 2 comma 12 L. 335/95, poi revocata per cessazione dello stato invalidante. 3) Modalità di determinazione della contribuzione Per la determinazione dell importo del contributo volontario settimanale da versare, in virtù di quanto disposto dall art. 7 del D.L.vo 184/97, si dovrà calcolare la media delle retribuzioni imponibili percepite dal richiedente negli ultimi dodici mesi di contribuzione effettiva antecedenti la data della domanda di autorizzazione. Nell ipotesi in cui si siano verificate interruzioni dal servizio si dovrà retrocedere fino a coprire i dodici mesi di contribuzione necessari per la determinazione della suddetta media.

16 La retribuzione media contributiva annua, così individuata, dovrà essere trasformata in retribuzione contributiva settimanale (dividendo l importo per n. 52 settimane) e, successivamente, arrotondata alle cento lire superiori; su tale importo andrà applicata l aliquota di finanziamento al fine di determinare l ammontare del contributo volontario settimanale da versare. 16 L aliquota di finanziamento è pari a quella prevista per la contribuzione obbligatoria; essa corrisponde, pertanto, al 32,35% a decorrere dall , come stabilito dall art. 1 commi 238 e seguenti della Legge n Si ricorda, a tale proposito, che l art. 1 comma 241 della citata legge prevede che agli iscritti alle ex Casse pensionistiche gestite dall INPDAP continui ad applicarsi l aliquota aggiuntiva dell 1% sulle quote di retribuzioni eccedenti "il limite della prima fascia pensionabile" che, per l anno 1997, è pari a L Qualora intervengano aumenti o diminuzioni delle aliquote di finanziamento dei contributi obbligatori, tali modifiche determineranno corrispondenti variazioni dei contributi volontari con la stessa decorrenza stabilita per la contribuzione obbligatoria. Per ciascun trimestre solare l assicurato dovrà versare un importo pari a quello del contributo settimanale, come sopra determinato, moltiplicato per il numero dei sabati compresi nel trimestre stesso. L importo minimo di retribuzione sulla quale sono commisurati i contributi volontari non può essere inferiore alla retribuzione settimanale di L Tale importo, valido per l anno 1997, rappresenta il 40% del trattamento minimo mensile di pensione a carico del Fondo Pensioni Lavoratori Dipendenti (INPS), secondo quanto disposto dall art. 7, comma 1 del decreto - legge n. 463, convertito, con modificazioni, dalla Legge n. 638 e successive modificazioni ed integrazioni (D.L. n. 338/89 convertito nella Legge n art. 1 comma 2). Per esplicita previsione normativa (art. 7 comma 3 D.L.vo 184/97), rimane ferma, se esistente, l applicazione del minimale retributivo per gli iscritti ai fondi esclusivi o sostitutivi dell AGO nel caso di minimi retributivi superiori a quelli sopra indicati. In particolare per gli iscritti a questo Istituto, il minimale retributivo previsto per l anno 1997 è di L , mentre quello INPS, rapportato ad anno, è pari a L ; pertanto, per l anno in corso la retribuzione imponibile settimanale non potrà essere inferiore al minimale INPS di L , ferma restando la necessità di raffronto per gli anni successivi. Per quanto concerne la determinazione della retribuzione base imponibile, occorre fare riferimento a quella considerata ai fini pensionistici. L importo del contributo volontario verrà aggiornato sulla base delle retribuzioni rivalutate annualmente, con effetto dal 1 gennaio di ciascun anno, in base alla variazione dell indice del costo della vita determinato dall ISTAT nell anno precedente (art. 7 comma 5). Nell ipotesi di una contribuzione volontaria versata in misura inferiore a quella dovuta, si deve operare la contrazione del periodo da accreditare sia ai fini della misura che del diritto alla pensione. In tal caso si dovrà dividere la somma versata in misura ridotta per l importo del contributo settimanale che il prosecutore volontario avrebbe dovuto versare e si

17 considererà coperto da contribuzione volontaria un numero di settimane pari al quoziente così ricavato. 17 I contributi volontari si collocheranno temporalmente in corrispondenza dei sabati immediatamente precedenti la data di scadenza del periodo di versamento. L assicurato, il quale riprenda i versamenti volontari dopo un periodo di rioccupazione alle dipendenze di terzi, può ottenere, a domanda, la rideterminazione del contributo volontario da lui dovuto. Tale importo è calcolato sulla media delle retribuzioni percepite nell anno precedente la ripresa dei versamenti stessi. La domanda di cui sopra dovrà essere presentata, a pena di decadenza, entro 180 giorni dalla cessazione del rapporto di lavoro (art. 7 comma 6 D.Lvo 184/97). 4. Modalità di versamento Per la prosecuzione volontaria, l assicurato deve presentare apposita domanda di autorizzazione, alla sede periferica INPDAP territorialmente competente. E bene precisare che nel caso in cui venga respinta la domanda di pensione diretta per carenza dei requisiti anagrafici e contributivi, questa può essere considerata come istanza di autorizzazione alla prosecuzione volontaria se presentata in data successiva all entrata in vigore del decreto legislativo in esame ( ). Tale ipotesi alternativa dovrà essere espressamente prevista nell apposito modello di pensione. La domanda di autorizzazione va corredata da certificazione attestante il servizio prestato e le retribuzioni contributive annue percepite (modello 98.2) che l ente datore di lavoro è tenuto a rilasciare anche a richiesta dell interessato. Questo Istituto provvederà a concedere la relativa autorizzazione al versamento, con l indicazione dell importo dei contributi volontari dovuti. La facoltà di contribuire volontariamente può essere esercitata a decorrere dal primo sabato successivo alla data di presentazione della domanda di autorizzazione. I contributi volontari sono versati per periodi trimestrali solari in numero corrispondente a quello dei sabati compresi nei periodi stessi, mediante appositi bollettini di C/C postale rilasciati da questo Istituto e i versamenti dovranno essere effettuati entro il trimestre successivo a quello solare cui è riferita la contribuzione (art.8 comma 1). I contributi relativi al periodo compreso fra la data di presentazione della domanda e la data del rilascio dell autorizzazione devono essere versati nel trimestre successivo a tale data. Ad esempio, in caso di domanda presentata il e di autorizzazione rilasciata il , il versamento del contributi volontari relativi al periodo (primo sabato successivo alla presentazione della domanda) ed al periodo (inizio del trimestre in corso alla data del rilascio dell autorizzazione) e , dovrà essere effettuato entro il Il versamento dei contributi volontari relativo al periodo / , dovrà essere effettuato entro il Ai sensi dell art.6, comma 1 D.L.vo 184/97, la contribuzione volontaria, ove l interessato ne faccia richiesta, può essere versata anche per i sei mesi precedenti la data di presentazione della domanda. Fermo restando i motivi ostativi indicati nel successivo comma 2 dello stesso art. 6, anche in questa ipotesi, il contributo volontario riferito a periodi precedenti la domanda dovrà essere versato entro il trimestre solare successivo a quello relativo alla data di rilascio dell autorizzazione (art. 8 comma 2).

18 I termini sopra indicati sono perentori e le somme versate in ritardo vengono rimborsate senza maggiorazioni di interessi, salvo la loro imputazione, a richiesta dell interessato, al trimestre immediatamente precedente la data del pagamento (art. 8 comma 3). 18 Qualora si verifichino eventi che comportino, in base alle vigenti disposizioni, l accreditamento di contributi figurativi l assicurato deve sospendere i versamenti volontari in corrispondenza dei periodi coperti dai contributi predetti. I versamenti devono essere, altresì, sospesi durante i periodi di rioccupazione e possono essere ripresi dal sabato della settimana successiva alla cessazione del rapporto di lavoro. Soltanto qualora l assicurato intenda ottenere la rideterminazione del contributo volontario assegnato all atto del rilascio dell autorizzazione, può presentare, come già detto, domanda, a tal fine, entro 180 giorni dalla data di cessazione del rapporto di lavoro, a pena di decadenza. 5. Effetti dei contributi volontari ai fini pensionistici Si precisa che i contributi volontari sono parificati, a tutti gli effetti, ai contributi obbligatori. Inoltre si fa presente che per le pensioni liquidate esclusivamente con il sistema contributivo, l art. 1 comma 7 Legge n. 335 prevede che i periodi corrispondenti alla prosecuzione volontaria non concorrono al raggiungimento dell anzianità contributiva pari o superiore a 40 anni, ferma restando la loro valutazione nella determinazione del montante contributivo. Per completezza di informazione, si rinvia a quanto indicato da questo Istituto con circolare n. 61 del 27 novembre 1997 pubblicata su G.U n. 283 del 4 dicembre 1997, in merito alla possibilità di effettuare versamenti volontari, per i periodi non coperti da contribuzione, nel caso di lavoro prestato a tempo parziale. IL PRESIDENTE On. le Mauro SEPPIA Allegato 03 INPDAP DIREZIONE CENTRALE PRESTAZIONI PREVIDENZIALI DIREZIONE CENTRALE ENTRATE CONTRIBUTIVE Roma lì 17 dicembre 1998 Circolare n. 53 Ai Direttori degli Uffici Provinciali LORO SEDI Ai Direttori Centrali LORO SEDI Ai Coordinatori delle Consulenze Professionali LORO SEDI

19 (Non pubblicata nella Gazzetta Ufficiale) OGGETTO: Modalità applicative per il versamento della contribuzione volontaria. 19 Facendo seguito alle disposizioni impartite con Circolare INPDAP n. 23 del 10 aprile 1998, pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale n. 93 del 22 aprile 1998, si forniscono le istruzioni per la concreta attuazione delle modalità operative inerenti la determinazione della contribuzione volontaria nonché il relativo versamento ed accreditamento sulla posizione assicurativa dell iscritto alle Casse pensioni gestite dall INPDAP. Per la prosecuzione volontaria l assicurato deve presentare apposita domanda di autorizzazione alla sede provinciale INPDAP territorialmente competente. Tale istanza va corredata da certificazione attestante il servizio prestato e le retribuzioni contributive annue percepite (modello 98.2) che l ente datore di lavoro è tenuto a rilasciare anche a richiesta dell interessato. Si rammenta che nel caso in cui venga respinta la domanda di pensione diretta per carenza dei requisiti anagrafici e contributivi, questa può essere considerata come istanza di autorizzazione alla prosecuzione volontaria se presentata in data successiva al (entrata in vigore del decreto legislativo 30 aprile 1997, n.184). Una volta acquisita la documentazione necessaria, il funzionario addetto alla liquidazione dei trattamenti pensionistici sarà tenuto a determinare l importo del contributo volontario, in base alle modalità indicate ai punti 3) e 4) della citata circolare INPDAP n. 23; l interessato riceverà apposito provvedimento di autorizzazione alla prosecuzione volontaria con contestuale indicazione dell importo dovuto e provvederà al relativo pagamento tramite bollettino di C/C postale n , intestato a "INPDAP - DIREZIONE CENTRALE ENTRATE CONTRIBUTIVE - CONTRIBUZIONE VOLONTARIA". Gli adempimenti contabili relativi alla prosecuzione volontaria restano a carico degli Uffici centrali, in relazione alle vigenti modalità di riscossione. I singoli versamenti sono riscontrabili dagli Uffici in indirizzo chiamati all erogazione della pensione sulla procedura amministrativa di riferimento. Si precisa che i versamenti dovranno essere effettuati entro il trimestre successivo a quello solare cui è riferita la contribuzione e che i contributi relativi al periodo compreso fra la data di presentazione della domanda e la data del rilascio dell autorizzazione devono essere versati nel trimestre successivo a tale data. In ordine alla contribuzione volontaria di pertinenza della Cassa per le pensioni ai dipendenti statali, i relativi adempimenti continuano ad essere curati dalle singole amministrazioni di appartenenza. IL DIRETTORE GENERALE f.f. Dr. Antonino Grasso

20 Roma, 16 Marzo 2005 Prot Allegato Rif. Fax del 31/05/2004 P.N. Alla Sede Provinciale Ufficio Liquidazione Pensioni Via Duca degli Abruzzi 18/ BERGAMO Alla c.a. della Sig.ra... Oggetto: Ammissibilità della domanda di ricongiunzione ex art. 2 della Legge n. 29/79 presentata durante la prosecuzione volontaria. Codesta Sede Inpdap ha richiesto parere circa l accoglimento o meno della domanda di ricongiunzione ai sensi della Legge n. 29/79, presentata da un ex dipendente in data 2/12/2002, già cessato dal servizio in data 16/04/2001 ed autorizzato, ai sensi del Decreto Legislativo n. 184/97, al versamento dei contributi volontari. Sull argomento, si precisa, in via generale che, i soggetti destinatari della ricongiunzione ex art. 2, della Legge 29/79 sono i lavoratori dipendenti iscritti alla Casse Pensioni, attualmente gestite dall Inpdap. Tuttavia, è da precisare che, ai sensi del Decreto Legislativo n. 184/97, coloro i quali sono autorizzati al versamento della contribuzione volontaria, la quale come è noto, è parificata a tutti gli effetti a quella obbligatoria, versata dall Ente datore di lavoro, mantengono lo status di iscritto assicurato. La posizione assicurativa all atto dell autorizzazione, rimane, a seguito dei versamenti volontari, comunque aperta presso l Inpdap e pertanto in costanza di tali versamenti può essere concessa, a coloro che ne facciano espressa richiesta, la facoltà di riscattare e/o ricongiungere periodi al fine di incrementare la posizione assicurativa. La domanda di ricongiunzione ai sensi dell art. 2 della Legge n. 29/79, può essere prodotta alle seguenti condizioni: - all atto della domanda l iscritto deve essere in costanza di effettivo versamento della contribuzione volontaria; - per la determinazione dell onere di ricongiunzione si dovrà prendere a base la retribuzione di riferimento già utilizzata per quantificare il contributo volontario; - l eventuale onere risultante dall operazione di ricongiunzione dovrà essere versato all Istituto in unica soluzione. IL DIRETTORE Dr. Vincenzo Caridi

I VERSAMENTI VOLONTARI

I VERSAMENTI VOLONTARI I VERSAMENTI VOLONTARI Le Guide Inps Direttore Annalisa Guidotti Capo Redattore Iride di Palma Testi Daniela Cerrocchi Fulvio Maiella Antonio Silvestri Progetto grafico Peliti Associati Impaginazione Aldo

Dettagli

.. OMISSIS. Art. 2. (Armonizzazione)

.. OMISSIS. Art. 2. (Armonizzazione) Legge 8 agosto 1995, n. 335. Riforma del sistema pensionistico obbligatorio e complementare... OMISSIS Art. 2. (Armonizzazione).. OMISSIS 26. A decorrere dal 1 gennaio 1996, sono tenuti all'iscrizione

Dettagli

PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA.

PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA. PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA. LA PENSIONE DI VECCHIAIA è il trattamento pensionistico corrisposto dall Istituto previdenziale al raggiungimento di una determinata età

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 DICEMBRE 1999

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 DICEMBRE 1999 DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 DICEMBRE 1999 «Trattamento di fine rapporto e istituzione dei fondi pensione dei pubblici dipendenti». (Gazzetta Ufficiale n. 111 del 15 maggio 2000

Dettagli

Pensione di vecchiaia con 15 anni di contributi: ok dall'inps Ipsoa.it

Pensione di vecchiaia con 15 anni di contributi: ok dall'inps Ipsoa.it Pensione di vecchiaia con 15 anni di contributi: ok dall'inps Ipsoa.it di Aldo Forte Pubblicista Esperto in materia previdenziale L'Inps, con la circolare n. 16/2013, chiarisce che per i soggetti con un'anzianita'

Dettagli

I Trattamenti di Fine Servizio nel pubblico impiego (TFS-TFR): TEMPI LIQUIDAZIONE

I Trattamenti di Fine Servizio nel pubblico impiego (TFS-TFR): TEMPI LIQUIDAZIONE Giugno 2014 I Trattamenti di Fine Servizio nel pubblico impiego (TFS-TFR): TEMPI LIQUIDAZIONE a cura di G. Marcante Da 24 a 48 mesi di attesa! come è possibile? Premessa L art. 1, commi 484 e 485 della

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. VISTI gli articoli 76, 87, quinto comma, e 117, terzo comma, della Costituzione;

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. VISTI gli articoli 76, 87, quinto comma, e 117, terzo comma, della Costituzione; SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI PER IL RIORDINO DELLA NORMATIVA IN MATERIA DI AMMORTIZZATORI SOCIALI IN CASO DI DISOCCUPAZIONE INVOLONTARIA E DI RICOLLOCAZIONE DEI LAVORATORI DISOCCUPATI,

Dettagli

CONTRIBUTI FIGURATIVI

CONTRIBUTI FIGURATIVI I CONTRIBUTI COSA SONO: I contributi determinano il diritto e l'importo della pensione. SI SUDDIVIDONO IN: - mensili - settimanali - giornalieri Un anno, composto di 12 mesi, comporterà 12 contributi mensili

Dettagli

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La sezione relativa all esposizione sintetica e analitica dei dati relativi al Tfr, alle indennità equipollenti e alle altre indennità e somme,

Dettagli

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 10/04/2015

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 10/04/2015 Direzione Centrale Pensioni Roma, 10/04/2015 Circolare n. 74 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore

Dettagli

Regolamento per il riscatto degli anni di laurea ex art. 22 Regolamento dell Ente

Regolamento per il riscatto degli anni di laurea ex art. 22 Regolamento dell Ente E.P.A.P. Ente di Previdenza ed Assistenza Pluricategoriale Via Vicenza, 7-00185 Roma Tel: 06 69.64.51 - Fax: 06 69.64.555 E-mail: info@epap.it - Sito web: www.epap.it Codice fiscale: 97149120582 Regolamento

Dettagli

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 20/03/2015

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 20/03/2015 Direzione Centrale Pensioni Roma, 20/03/2015 Circolare n. 63 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore

Dettagli

VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE)

VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE) Normativa VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE) a cura di Libero Tassella da Scuola&Scuola, 8/9/2003 Riferimenti normativi: artt. 7,8 legge 29.12.1988, N. 554; artt. 7,8 Dpcm 17.3.1989,

Dettagli

Come si calcolano,nel 2013, le pensioni dei lavoratori iscritti all INPS

Come si calcolano,nel 2013, le pensioni dei lavoratori iscritti all INPS Come si calcolano,nel 2013, le pensioni dei lavoratori iscritti all INPS Salvatore Martorelli 0 Le regole e il sistema di calcolo delle pensioni INPS I vertiginosi cambiamenti nella normativa sulle pensioni

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME ART. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le procedure per la trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo pieno a tempo parziale dei dipendenti

Dettagli

Le pensioni nel 2004

Le pensioni nel 2004 Le pensioni nel 2004 Con la presente si trasmette il consueto aggiornamento annuale sugli aspetti di maggiore interesse per i nostri associati concernenti la normativa previdenziale INPS, ad eccezione

Dettagli

ARROTONDAMENTO DELL ANZIANITA PENSIONISTICA

ARROTONDAMENTO DELL ANZIANITA PENSIONISTICA ARROTONDAMENTO DELL ANZIANITA PENSIONISTICA Fino al 31/12/97 l arrotondamento veniva fatto ai sensi del comma 2 dell art. 40 del DPR 1092/73 (vedi allegato 1). L anzianità complessiva era arrotondata in

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Decreto Legislativo 5 dicembre 2005, n. 252 Documento aggiornato 28 maggio 2015 Via Savoia, 82-00198 Roma,

Dettagli

L'EVOLUZIONE DEL PART-TIME NEL CONTRATTO DEL COMPARTO NAZIONALE DELLA SANITA' PUBBLICA

L'EVOLUZIONE DEL PART-TIME NEL CONTRATTO DEL COMPARTO NAZIONALE DELLA SANITA' PUBBLICA L'EVOLUZIONE DEL PART-TIME NEL CONTRATTO DEL COMPARTO NAZIONALE DELLA SANITA' PUBBLICA a cura del Nucleo Promozione e Sviluppo Responsabile: Cesare Hoffer Il presente documento non ha la pretesa di essere

Dettagli

2009: il cumulo pensioni + altri redditi

2009: il cumulo pensioni + altri redditi Febbraio 2009 2009: il cumulo pensioni + altri redditi A cura di G. Marcante PREMESSA L art. 19 del decreto-legge 25 giugno 2008, n. 112 convertito, con modificazioni, nella legge 6 agosto 2008, n. 133,

Dettagli

ASpI, Mini ASpI, Una Tantum per cocopro Tutte le novità sul sostegno al reddito dei lavoratori

ASpI, Mini ASpI, Una Tantum per cocopro Tutte le novità sul sostegno al reddito dei lavoratori ASpI, Mini ASpI, Una Tantum per cocopro Tutte le novità sul sostegno al reddito dei lavoratori Giugno 2014 La legge di riforma del mercato del lavoro approvata il 28 Giugno 2012 (L.92/2012) ha introdotto

Dettagli

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego Il decreto spiega tutte le possibilità e i limiti dell'eventuale cumulo Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego (Dm Funzione pubblica 331 del 29.7.1997) da CittadinoLex del 12/9/2002

Dettagli

Differenze tra il trattamento di mobilità in deroga annualità 2012 e annualità 2013

Differenze tra il trattamento di mobilità in deroga annualità 2012 e annualità 2013 Vademecum per la gestione del trattamento di mobilità in deroga Annualità 2013 Istruzioni per la compilazione della domanda di mobilità in deroga e informazioni generali sul trattamento. Differenze tra

Dettagli

DIREZIONE REGIONALE PIEMONTE VALLE D AOSTA. EDIZIONE Novembre 2010 1.0

DIREZIONE REGIONALE PIEMONTE VALLE D AOSTA. EDIZIONE Novembre 2010 1.0 DIREZIONE REGIONALE PIEMONTE VALLE D AOSTA MODELLO PA04 EDIZIONE AGGIORNATA AL TRIENNIO 2010 2012 SEMPLIFICATO PER LE SCUOLE EDIZIONE Novembre 2010 1.0 1 COMPILAZIONE MOD. PA04 SEMPLIFICATO INDICAZIONI

Dettagli

Riscatto anni di studio e servizio militare. ENPAM-INPS( Ex-INPDAP)

Riscatto anni di studio e servizio militare. ENPAM-INPS( Ex-INPDAP) Riscatto anni di studio e servizio militare ENPAM-INPS( Ex-INPDAP) ENPAM Riscatto di Laurea, Specializzazione, Servizio militare o civile Requisiti generali Età inferiore a quella di pensionamento di vecchiaia

Dettagli

La perequazione automatica delle pensioni dal 1 gennaio 2015

La perequazione automatica delle pensioni dal 1 gennaio 2015 La perequazione automatica delle pensioni dal 1 gennaio 2015 All'interno: Importo pensioni base; Bonus di 154,94; Quattordicesima sulle pensioni basse; Integrazione al trattamento minimo e integrazione

Dettagli

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO Patrizia Clementi IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO La legge Biagi 1 ha disciplinato sotto il profilo civilistico le collaborazioni coordinate e continuative, già presenti nel nostro

Dettagli

D.P.R. 30 maggio 1955, n. 797. Testo unico delle norme concernenti gli assegni familiari (G.U. 7-9-1955, n. 206 - S.O.) STRALCIO

D.P.R. 30 maggio 1955, n. 797. Testo unico delle norme concernenti gli assegni familiari (G.U. 7-9-1955, n. 206 - S.O.) STRALCIO D.P.R. 30 maggio 1955, n. 797. Testo unico delle norme concernenti gli assegni familiari (G.U. 7-9-1955, n. 206 - S.O.) STRALCIO TITOLO I DISCIPLINA GENERALE DELLE PRESTAZIONI E DEI CONTRIBUTI CAPO I -

Dettagli

Il Ministro del Lavoro e della Previdenza Sociale

Il Ministro del Lavoro e della Previdenza Sociale Visto l articolo 2120 del codice civile; Visto l articolo 3 della legge 29 maggio 1982, n. 297; Visto il decreto legislativo 5 dicembre 2005, n. 252; Visto l articolo 1, comma 755, della legge 27 dicembre

Dettagli

Premessa. Sede Centrale Dipartimento Pubblico Impiego. Roma lì, 23 ottobre 2008. Prot. n 186

Premessa. Sede Centrale Dipartimento Pubblico Impiego. Roma lì, 23 ottobre 2008. Prot. n 186 Sede Centrale Dipartimento Pubblico Impiego 00198 Roma - Via Giovanni Paisiello 43 Telefono 06-855631 - Fax 06-85352749 Internet : http: //www.inca.it Roma lì, 23 ottobre 2008 Prot. n 186 Ai Coordinatori

Dettagli

LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI)

LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI) LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI) La pensione di reversibilità (introdotta in Italia nel 1939 con il Rdl. n. 636) spetta ai: Superstiti del pensionato per invalidità, vecchiaia o anzianità,

Dettagli

Circolare n. 1 del 20/01/2015

Circolare n. 1 del 20/01/2015 Circolare n. 1 del 20/01/2015 Inviato da adminweb il 19 Gennaio 2015 SERVIZIO ENTRATE CONTRIBUTIVE Circolare n. 1 del 20/01/2015 e p.c. A TUTTE LE AZIENDE E LE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI ISCRITTE Loro Sedi

Dettagli

Speciale rinnovo 2014 pensioni erogate dall'inps

Speciale rinnovo 2014 pensioni erogate dall'inps Numero 75 Gennaio 2014 Testi a cura di Salvatore Martorelli e Paolo Zani Speciale rinnovo 2014 pensioni erogate dall'inps L'INPS ha pubblicato, con propria circolare n^7 del 17/01/2014, le tabelle per

Dettagli

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA NOTE ILLUSTRATIVE PER LA DETERMINAZIONE DEI CONTRIBUTI DOVUTI IN AUTOLIQUIDAZIONE - MOD. 5/2015 (Comunicazione obbligatoria ex artt. 17 e 18 della Legge n. 576/1980, artt. 9 e 10 della legge n. 141/1992

Dettagli

Previdenza e Assistenza nel Pubblico impiego

Previdenza e Assistenza nel Pubblico impiego Previdenza e Assistenza nel Pubblico impiego Le schede di approfondimento della Federazione Confsal-Unsa A cura dell Avv. Pasquale Lattari n. 2 Il sistema previdenziale per i pubblici dipendenti. Le competenze.

Dettagli

Norme per la costituzione dei rapporti di lavoro a tempo parziale

Norme per la costituzione dei rapporti di lavoro a tempo parziale Norme per la costituzione dei rapporti di lavoro a tempo parziale 1 - Individuazione qualifiche e numero di rapporti di lavoro a tempo parziale Il rapporto di lavoro a tempo parziale, anche se a tempo

Dettagli

La ricostruzione della carriera del personale della scuola

La ricostruzione della carriera del personale della scuola La ricostruzione della carriera del personale della scuola Se guardiamo gli ultimi 50 anni, l evoluzione della progressione di carriera aveva subito parecchie variazioni, ma sostanzialmente un principio

Dettagli

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it 1 OGGETTO ANZIANITÀ DI SERVIZIO QUESITO (posto in data 11 luglio 2013) Sono Dirigente Medico di primo livello dal marzo del 2006 e di ruolo, senza interruzioni di servizio, dal luglio 2007. Mi hanno già

Dettagli

Paghe. Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro

Paghe. Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro Obblighi contributivi Calcolo dei contributi Con l instaurazione del rapporto di lavoro, sorge anche l obbligazione

Dettagli

IN PENSIONE Come si calcola, quando se ne ha diritto, a quanto ammonta

IN PENSIONE Come si calcola, quando se ne ha diritto, a quanto ammonta a cura di Enzo Mologni e dell Uffi cio Comunicazione CGIL di Bergamo 4 Ottobre 2013 IN PENSIONE Come si calcola, quando se ne ha diritto, a quanto ammonta Presentiamo in questo numero alcune informazioni

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO 15 giugno 2015, n. 80. (GU n.144 del 24-6-2015 - Suppl. Ordinario n. 34)

DECRETO LEGISLATIVO 15 giugno 2015, n. 80. (GU n.144 del 24-6-2015 - Suppl. Ordinario n. 34) 1 di 10 24/06/2015 21:30 DECRETO LEGISLATIVO 15 giugno 2015, n. 80 Misure per la conciliazione delle esigenze di cura, di vita e di lavoro, in attuazione dell'articolo 1, commi 8 e 9, della legge 10 dicembre

Dettagli

Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015

Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015 Ai gentili clienti Loro sedi Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che, in assenza di provvedimenti sul punto da parte della L.

Dettagli

PER AZIENDE AVENTI ALLE PROPRIE DIPENDENZE SOLO IMPIEGATI (VERSIONE AGGIORNATA AL 23 GENNAIO 2015)

PER AZIENDE AVENTI ALLE PROPRIE DIPENDENZE SOLO IMPIEGATI (VERSIONE AGGIORNATA AL 23 GENNAIO 2015) Procedura relativa alla gestione delle adesioni contrattuali e delle contribuzioni contrattuali a Prevedi ex art. 97 del CCNL edili-industria del 1 luglio 2014 e ex art. 92 del CCNL edili-artigianato del

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18

Dettagli

CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO 1998-2001 DELL'AREA RELATIVA ALLA DIRIGENZA MEDICA E VETERINARIA Parte economica biennio 2000-2001

CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO 1998-2001 DELL'AREA RELATIVA ALLA DIRIGENZA MEDICA E VETERINARIA Parte economica biennio 2000-2001 CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO 1998-21 DELL'AREA RELATIVA ALLA DIRIGENZA MEDICA E VETERINARIA Parte economica biennio 2-21 A seguito del parere favorevole espresso in data 5 maggio 2 dal Comitato

Dettagli

Domanda di congedo straordinario per assistere il coniuge disabile in situazione di gravità

Domanda di congedo straordinario per assistere il coniuge disabile in situazione di gravità Hand 6 - COD.SR64 coniuge disabile in situazione di gravità (art. 42 comma 5 T.U. sulla maternità e paternità - decreto legislativo n. 151/2001, come modificato dalla legge n. 350/2003) Per ottenere i

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

http://www.gazzettaufficiale.it/atto/stampa/serie_generale/originario

http://www.gazzettaufficiale.it/atto/stampa/serie_generale/originario Pagina 1 di 6 DECRETO LEGISLATIVO 4 marzo 2015, n. 23 Disposizioni in materia di contratto di lavoro a tempo indeterminato a tutele crescenti, in attuazione della legge 10 dicembre 2014, n. 183. (15G00037)

Dettagli

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna PREVIDENZA COMPLEMENTARE E TFR Guida al Lavoro Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna 14 Confronto di convenienza, anche fiscale,

Dettagli

OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 1 CARTA DEI SERVIZI

OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 1 CARTA DEI SERVIZI OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 1 CARTA DEI SERVIZI OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 19 OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 2 Prefazione IL CAMMINO DELLA QUALITÀ Inps, come le altre pubbliche Amministrazioni

Dettagli

Quando il tempo non è galantuomo. A cura di S. Martorelli & P. Zani Corso aggiornamento Agenti sociali FNP CISL Milano Aggiornato al giugno 2014

Quando il tempo non è galantuomo. A cura di S. Martorelli & P. Zani Corso aggiornamento Agenti sociali FNP CISL Milano Aggiornato al giugno 2014 Prescrizione e decadenza in materia di contributi e prestazioni INPS Quando il tempo non è galantuomo. A cura di S. Martorelli & P. Zani Corso aggiornamento Agenti sociali FNP CISL Milano Aggiornato al

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO 4 marzo 2015, n. 22. (GU n.54 del 6-3-2015) Titolo I

DECRETO LEGISLATIVO 4 marzo 2015, n. 22. (GU n.54 del 6-3-2015) Titolo I DECRETO LEGISLATIVO 4 marzo 2015, n. 22 Disposizioni per il riordino della normativa in materia di ammortizzatori sociali in caso di disoccupazione involontaria e di ricollocazione dei lavoratori disoccupati,

Dettagli

LINEE DI INDIRIZZO PERSONALE COMPARTO RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. ART. 1 ( Definizione)

LINEE DI INDIRIZZO PERSONALE COMPARTO RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. ART. 1 ( Definizione) 1 REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana Assessorato Regionale della Sanità Dipartimento regionale per la pianificazione strategica ********** Servizio 1 Personale dipendente S.S.R. LINEE DI INDIRIZZO PERSONALE

Dettagli

FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR. Le risposte alle domande più frequenti

FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR. Le risposte alle domande più frequenti FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR Le risposte alle domande più frequenti Scelta sulla 1. destinazione del Tfr Linee di investimento 2. dedicate al Tfr 3. Prestazioni Regime fiscale delle 4. prestazioni previdenziali

Dettagli

Manuale Utente. Programma Pensioni S7. Amministrazioni Statali

Manuale Utente. Programma Pensioni S7. Amministrazioni Statali DIREZIONE CENTRALE SISTEMA INFORMATIVO E TELECOMUNICAZIONI DIREZIONE CENTRALE TRATTAMENTI PENSIONISTICI INPDAP PENSIONI S7 Manuale Utente Programma Pensioni S7 Amministrazioni Statali Versione database

Dettagli

INPDAP - Mod. PP (Piccolo Prestito) Protocollo distinta: anno... n... All' INPDAP Direzione Centrale Credito e Welfare

INPDAP - Mod. PP (Piccolo Prestito) Protocollo distinta: anno... n... All' INPDAP Direzione Centrale Credito e Welfare INPDAP - Mod. PP (Piccolo Prestito) Protocollo distinta: anno...... n... All' INPDAP Direzione Centrale Credito e Welfare Ufficio ex Enam Area Piccolo Credito Lista: settore.. n.... Largo Josemaria Escriva

Dettagli

L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF

L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF A cura di Adelmo Mattioli Direttore regionale Inca-Cgil Emilia Romagna Silverio Ghetti Segretario regionale Spi-Cgil Romagna L ASSEGNO

Dettagli

.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo e della criminalità organizzata

.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo e della criminalità organizzata STRALCIO DI ALTRE LEGGI IN CUI, SEMPRE INGRASSETTO, SONO EVIDENZIATI ALTRI BENEFICI VIGENTI A FAVORE DELLE VITTIME DEL TERRORISMO.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo

Dettagli

GUIDE Il lavoro part time

GUIDE Il lavoro part time Collana Le Guide Direttore: Raffaello Marchi Coordinatore: Annalisa Guidotti Testi: Iride Di Palma, Adolfo De Maltia Reporting: Gianni Boccia Progetto grafico: Peliti Associati Illustrazioni: Paolo Cardoni

Dettagli

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time Decreto Part-time Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time ARTICOLO 1 Definizioni 1.Nel rapporto di lavoro subordinato l assunzione

Dettagli

R E G O L A M E N T O. per l attuazione delle attività statutarie dell'ente di Previdenza ed Assistenza Pluricategoriale E P A P

R E G O L A M E N T O. per l attuazione delle attività statutarie dell'ente di Previdenza ed Assistenza Pluricategoriale E P A P E.P.A.P. Ente di Previdenza e Assistenza Pluricategoriale Via Vicenza,7,9,11-00185 Roma Tel: 06 69.64.51 - Fax: 06 69.64.555 E-mail: info@epap.it - Sito web: www.epap.it Codice fiscale: 97149120582 R E

Dettagli

INPS - Messaggio 12 febbraio 2015, n. 1094

INPS - Messaggio 12 febbraio 2015, n. 1094 INPS - Messaggio 12 febbraio 2015, n. 1094 Decreto n. 85708 del 24 ottobre 2014 del Ministro del lavoro e delle politiche sociali di concerto con il Ministro dell'economia e delle finanze per il prolungamento

Dettagli

2. 1. Il datore di lavoro, imprenditore o non imprenditore, deve comunicare per iscritto il licenziamento al prestatore di lavoro.

2. 1. Il datore di lavoro, imprenditore o non imprenditore, deve comunicare per iscritto il licenziamento al prestatore di lavoro. L. 15 luglio 1966, n. 604 (1). Norme sui licenziamenti individuali (2). (1) Pubblicata nella Gazz. Uff. 6 agosto 1966, n. 195. (2) Il comma 1 dell art. 1, D.Lgs. 1 dicembre 2009, n. 179, in combinato 1.

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297)

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) 1) Beneficiari Hanno titolo a richiedere l anticipazione i lavoratori che abbiano maturato almeno

Dettagli

TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34

TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34 Pagina 1 di 7 TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34 Testo del decreto-legge 20 marzo 2014, n. 34 (in Gazzetta Ufficiale - serie generale - n. 66 del 20 marzo 2014), coordinato con la

Dettagli

Roma, 12/05/2015. e, per conoscenza, Circolare n. 94

Roma, 12/05/2015. e, per conoscenza, Circolare n. 94 Direzione Centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito Direzione Centrale Entrate Direzione Centrale Pensioni Direzione Centrale Bilanci e Servizi Fiscali Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici

Dettagli

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Art. 1 Personale avente diritto I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati nei confronti dei dipendenti comunali a tempo

Dettagli

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 MINIMI RETRIBUTIVI FISSATI DALLA COMMISSIONE NAZIONALE DECORRENZA 1 GENNAIO 2014 CONVIVENTI DI CUI ART. 15-2

Dettagli

Le ferie del lavoratore, normativa e giurisprudenza

Le ferie del lavoratore, normativa e giurisprudenza Le ferie del lavoratore, normativa e giurisprudenza di Pietro Gremigni Consulente aziendale in Milano in breve Argomento Il mese di agosto è considerato di solito il periodo classico di utilizzazione delle

Dettagli

COLF E BADANTI. Via Abruzzi, 3-00187 Roma tel. 06/8440761 - fax 06/42085830 caaf.nazionale@cisl.it www.caafcisl.it

COLF E BADANTI. Via Abruzzi, 3-00187 Roma tel. 06/8440761 - fax 06/42085830 caaf.nazionale@cisl.it www.caafcisl.it COLF E BADANTI Lo sportello Colf e Badanti del Caf Cisl nasce per fornire alle famiglie tutta l assistenza necessaria per la gestione del rapporto di lavoro di colf, assistenti familiari, baby sitter,

Dettagli

TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA

TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA punto 94: ammontare corrisposto nel 2007: - al netto di quanto corrisposto in anni precedenti casella 95; - ridotto

Dettagli

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 INDICE Presupposti... 2 Modalità di fruizione... 4 Particolari tipologie di rapporto di

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA Città di Medicina Via Libertà 103 40059 Medicina (BO) Partita I.V.A. 00508891207 Cod. Fisc.00421580374 Tel 0516979111 Fax 0516979222 personale@comune.medicina.bo.it DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO

Dettagli

CAPO I Aspettative, congedi, ferie

CAPO I Aspettative, congedi, ferie CAPO I Aspettative, congedi, ferie ART. 1 ASPETTATIVA PER DOTTORATO DI RICERCA O BORSA DI STUDIO 1) ASPETTATIVA SENZA ASSEGNI I dipendenti con rapporto a tempo indeterminato ammessi ai corsi di dottorato

Dettagli

GUIDA ALLA PENSIONE di Antonio Catino

GUIDA ALLA PENSIONE di Antonio Catino GUIDA ALLA PENSIONE di Antonio Catino I Pilastri della Previdenza pag. 01 Legge 23 agosto 2004, n. 243 pag. 04 Legge 24 dicembre 2007, n. 247 pag. 14 Legge 06 agosto 2008, n. 133 art. 72 pag. 20 Circolare

Dettagli

http://www.gazzettaufficiale.it/atto/stampa/serie_generale/originario

http://www.gazzettaufficiale.it/atto/stampa/serie_generale/originario Pagina 1 di 5 LEGGE 10 ottobre 2014, n. 147 Modifiche alla disciplina dei requisiti per la fruizione delle deroghe riguardanti l'accesso al trattamento pensionistico. (14G00161) (GU n.246 del 22-10-2014)

Dettagli

ACCORDO PER L'UTILIZZAZIONE DELLE RISORSE PREVISTE DAL FONDO UNICO PER L'EFFICIENZA DEI SERVIZI ISTITUZIONALI. ART. 1 (Risorse)

ACCORDO PER L'UTILIZZAZIONE DELLE RISORSE PREVISTE DAL FONDO UNICO PER L'EFFICIENZA DEI SERVIZI ISTITUZIONALI. ART. 1 (Risorse) ACCORDO PER L'UTILIZZAZIONE DELLE RISORSE PREVISTE DAL FONDO UNICO PER L'EFFICIENZA DEI SERVIZI ISTITUZIONALI ART. 1 (Risorse) 1) Al finanziamento del Fondo costituito ai sensi dell'art. 14 del DPR 16

Dettagli

MATERNITA E CONGEDI PARENTALI. Indice

MATERNITA E CONGEDI PARENTALI. Indice MATERNITA E CONGEDI PARENTALI Indice Interdizione.pag. 2 Interruzione della gravidanza.pag. 3 Astensione obbligatoria..pag. 4 Astensione obbligatoria della madre....pag. 4 Astensione obbligatoria del padre....pag.

Dettagli

Oggetto Limiti minimi di retribuzione imponibile giornaliera per il calcolo dei premi assicurativi. Determinazione per l anno 2015.

Oggetto Limiti minimi di retribuzione imponibile giornaliera per il calcolo dei premi assicurativi. Determinazione per l anno 2015. Direzione generale Direzione centrale rischi Circolare n. 38 Roma, 10 marzo 2015 Al Direttore generale vicario Ai Responsabili di tutte le Strutture centrali e territoriali e p.c. a: Organi istituzionali

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Art. 1 - Finalità e ambito di applicazione Il presente Regolamento, emanato ai sensi della legge 9 maggio 1989, n. 168, disciplina, in armonia con i principi generali stabiliti dalla Carta Europea dei

Dettagli

SINTESI NORMATIVA EFFETTUAZIONE E LIQUIDAZIONE ORE ECCEDENTI ED ATTIVITA AGGIUNTIVE DI INSEGNAMENTO

SINTESI NORMATIVA EFFETTUAZIONE E LIQUIDAZIONE ORE ECCEDENTI ED ATTIVITA AGGIUNTIVE DI INSEGNAMENTO Ufficio VI -Area amministrazione e gestione delle risorse finanziarie Corso Ferrucci n. 3 10138 Torino SINTESI NORMATIVA EFFETTUAZIONE E LIQUIDAZIONE ORE ECCEDENTI ED ATTIVITA AGGIUNTIVE DI INSEGNAMENTO

Dettagli

REGOLAMENTO AZIENDALE SULLA DISCIPLINA DEI RAPPORTI DI LAVORO A TEMPO PARZIALE (ai sensi dell art. 73 della L. n. 133/2008)

REGOLAMENTO AZIENDALE SULLA DISCIPLINA DEI RAPPORTI DI LAVORO A TEMPO PARZIALE (ai sensi dell art. 73 della L. n. 133/2008) REGOLAMENTO AZIENDALE SULLA DISCIPLINA DEI RAPPORTI DI LAVORO A TEMPO PARZIALE (ai sensi dell art. 73 della L. n. 133/2008) Art. 1 Percentuale generale dei rapporti a tempo parziale 1. Le trasformazioni

Dettagli

MODULARE. Chi non prova a crearsi il futuro che desidera deve accontentarsi del futuro che gli capita Draper L. Kaufman.

MODULARE. Chi non prova a crearsi il futuro che desidera deve accontentarsi del futuro che gli capita Draper L. Kaufman. La nuova PENSIONE MODULARE per gli Avvocati Chi non prova a crearsi il futuro che desidera deve accontentarsi del futuro che gli capita Draper L. Kaufman Edizione 2012 1 LA NUOVA PENSIONE MODULARE PER

Dettagli

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012 CIRCOLARE N.3/E Direzione Centrale Normativa Roma, 28 febbraio 2012 OGGETTO: Articolo 24, comma 31, del decreto-legge 6 dicembre 2011 n. 201, convertito, con modificazioni, dalla legge 22 dicembre 2011,

Dettagli

La legge Fornero e la tutela dei lavoratori sospesi o cessati dal rapporto di lavoro. Antonino Sgroi Andrea Rossi

La legge Fornero e la tutela dei lavoratori sospesi o cessati dal rapporto di lavoro. Antonino Sgroi Andrea Rossi La legge Fornero e la tutela dei lavoratori sospesi o cessati dal rapporto di lavoro. Antonino Sgroi Andrea Rossi La legge n. 92 del 2012 è intervenuta nella materia previdenziale laddove la stessa appresta

Dettagli

TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa

TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa Le parti, nel ritenere che il rapporto di lavoro a tempo parziale possa essere mezzo idoneo ad agevolare l incontro fra domanda e offerta di lavoro, ne confermano

Dettagli

La riforma delle pensioni. Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee

La riforma delle pensioni. Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee La riforma delle pensioni Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee Obiettivi Strumenti 2 Obiettivi e strumenti della riforma sostenibilità I REQUISITI DI PENSIONAMENTO SONO LEGATI ALLA LONGEVITA'

Dettagli

REGOLAMENTO SUL PART TIME PER IL PERSONALE DEL COMPARTO DEL S.S.N.

REGOLAMENTO SUL PART TIME PER IL PERSONALE DEL COMPARTO DEL S.S.N. REGOLAMENTO SUL PART TIME PER IL PERSONALE DEL COMPARTO DEL S.S.N. ART.1 Finalità L Azienda U.L.S.S. 20, alla luce delle nuove disposizioni legislative e contrattuali, con il presente regolamento supera

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera Cap. 75010 Via Sandro Pertini, 11 Tel. 0835672016 Fax 0835672039 Cod. fiscale 80001220773 REGOLAMENTO COMUNALE RECANTE NORME PER LA RIPARTIZIONE DELL INCENTIVO DI

Dettagli

Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE.

Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. IL SEGRETARIO GENERALE con la capacità e con i poteri del privato

Dettagli

(1). IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI. Visto l'articolo 2120 del Codice civile, recante la disciplina del trattamento di fine rapporto;

(1). IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI. Visto l'articolo 2120 del Codice civile, recante la disciplina del trattamento di fine rapporto; D.P.C.M. 20 febbraio 2015, n. 29 (1). Regolamento recante norme attuative delle disposizioni in materia di liquidazione del TFR come parte integrante della retribuzione per il periodo di paga decorrente

Dettagli

Gestionedellamaternità ealtriistituti delrapportodilavoro

Gestionedellamaternità ealtriistituti delrapportodilavoro Gestionedellamaternità ealtriistituti delrapportodilavoro RAPPORTO DELLA MALATTIA CON GLI ALTRI ISTITUTI L insorgere dell evento maternità influenza anche le modalità di gestione collegate ad altri istituti

Dettagli

5 Contributo Autonoma Sistemazione

5 Contributo Autonoma Sistemazione 5 Contributo Autonoma Sistemazione CAS A valere sulle risorse finanziarie di cui all articolo 3 dell Ordinanza del Capo del Dipartimento della protezione civile (OCDPC) n. 232 del 30 marzo 2015 viene stimata

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA Approvato il 3 agosto 2011 Indice Disposizioni generali Art. 1 Oggetto del Regolamento Art. 2 Requisiti, obbligatorietà e modalità di iscrizione Art. 3 Casi particolari di prosecuzione

Dettagli

Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni

Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni di Pierluigi Rausei * La Sezione II, del Capo III (Disciplina

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Comune di Castel San Pietro Terme Provincia di Bologna SERVIZIO RISORSE UMANE DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE APPROVATO CON DELIBERAZIONE GC. N. 159 IN DATA 4/11/2008 ART. 1 Oggetto Dipendenti

Dettagli

La vigenza dell articolo è poi stata confermata dal CCNL 24/7/2003, all art. 142, e dall art.146 CCNL - 2007.

La vigenza dell articolo è poi stata confermata dal CCNL 24/7/2003, all art. 142, e dall art.146 CCNL - 2007. INDENNITÀ DI FUNZIONI SUPERIORI, DI REGGENZA e di DIREZIONE Riferimenti normativi: art. 69 del scuola 94-97 - tutt'ora in vigore in quanto richiamato esplicitamente dall'art. 146 del scuola 29/11/07 art.

Dettagli

La guida del pensionato

La guida del pensionato La guida del pensionato Vuole sapere in che giorno del mese le viene pagata la pensione? Se ci sono aumenti periodici? Se le viene inviato un avviso di pagamento mensile? Cosa deve fare se ha persone a

Dettagli

Il Part-Time in Poste Italiane

Il Part-Time in Poste Italiane Il Part-Time in Poste Italiane Vademecum Che cos è? Il contratto a tempo parziale è un contratto di lavoro subordinato che prevede una prestazione di lavoro di durata inferiore rispetto alle 36 ore settimanali

Dettagli