LA DISCIPLINA DELLE PENSIONI E DELLE LIQUIDAZIONI NEL PUBBLICO IMPIEGO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LA DISCIPLINA DELLE PENSIONI E DELLE LIQUIDAZIONI NEL PUBBLICO IMPIEGO"

Transcript

1 Diffondilo tramite intranet ed affiggilo in bacheca NOVEMBRE formato elettronico NUMERO SPECIALE Questo numero è diffuso solo in formato elettronico LA DISCIPLINA DELLE PENSIONI E DELLE LIQUIDAZIONI NEL PUBBLICO IMPIEGO A cura di Dino Pusceddu Funzione Pubblica di Bergano 1

2 Iscrizione all INPDAP I dipendenti dei comparti contrattualizzati del Pubblico impiego hanno l obbligo di iscrizione all INPDAP, la cassa obbligatoria per i dipendenti pubblici. I dipendenti di enti pubblici o aziende municipalizzate o consortili che cambiano natura giuridica possono mantenere l iscrizione all INPDAP solo a seguito della presentazione di una domanda entro 90 giorni dalla trasformazione giuridica. Ritenute previdenziali e assistenziali Le ritenute previdenziali sono, per i dipendenti dello stato, del 8,80% a carico del lavoratore e del 23,80% a carico dell ente e per i dipendenti degli Enti locali, Sanità e Giustizia 8,85% a carico del lavoratore e del 23,80% a carico dell ente e sono operate sulla retribuzione mensile. Contribuzione volontaria E possibile, in caso di cessazione o interruzione del rapporto di lavoro, versare i contributi per i periodi che altrimenti risulterebbero scoperti dalla contribuzione. Come interruzione del servizio, ai fini dell autorizzazione alla prosecuzione volontaria, vanno considerati anche i periodi nei quali il datore di lavoro non è costretto a corrispondere una retribuzione. E possibile essere autorizzati ai versamenti volontari anche nel caso in cui la retribuzione venga ridotta. A titolo semplificativo ma non esaustivo possiamo indicare i casi di aspettativa per motivi di famiglia, le aspettativa per motivi di studio, i periodi di interruzione nei casi di lavori discontinui o stagionali, i periodi scoperti nei lavori a tempo parziale di tipo orizzontale, verticale o ciclico. La facoltà di versare la contribuzione volontaria è concessa qualora l'interessato possa far valere almeno 5 anni di contribuzione nell'intera vita lavorativa ovvero tre anni, nel quinquennio precedente l'istanza o un anno sempre nel quinquennio precedente nell'ipotesi di lavoro stagionale, part-time o temporaneo. Il costo dei versamenti è dato dalla media delle retribuzioni imponibili percepite dal richiedente negli ultimi dodici mesi di contribuzione effettiva antecedenti l interruzione della contribuzione. La percentuale da versare è del 32,35%, oltre eventualmente quella aggiuntiva dell'1% a carico del dipendente quando la retribuzione eccede il tetto pensionabile. La domanda va presentata all INPDAP (anche tramite il patronato INCA) con la certificazione attestante il servizio prestato e le retribuzioni contributive annue percepite (modello 98.2) che l'ente datore di lavoro è tenuto a rilasciare anche a richiesta dell'interessato. 2

3 CONTRIBUZIONE FIGURATIVA E CONTRIBUZIONE NEI PERIODI DI ASSENZA DAL LAVORO I contributi figurativi coprono i periodi in cui non si è lavorato e si è stati in assenza di contribuzione. Tali periodi sono utili sia per il conseguimento del diritto a pensione sia per il calcolo della pensione medesima. Per gli assunti successivamente al 1 gennaio 1993 i contributi figurativi non devono superare il limite massimo di cinque anni. Maternità I periodi di astensione obbligatoria e facoltativa, anche in assenza di retribuzione, sono coperti dalla contribuzione figurativa. Il diritto è stato esteso, per talune situazioni, anche al padre lavoratore. Qualora non sia già stato indicato dall Ente in sede di denuncia annuale dei contributi, per l accredito è sufficiente la semplice domanda all'ente datore di lavoro. I periodi di astensione dal lavoro per maternità sono coperti dai contributi sia nei casi in cui manchi la corresponsione della retribuzione, sia per la parte differenziale qualora spetti una retribuzione ridotta. Quindi, in caso di maternità, i contributi sono comunque riconosciuti in pieno. Anche in caso di maternità al di fuori del rapporto di lavoro è possibile avere l accredito dei contributi a seguito di una richiesta da parte del lavoratore, se questo può far valere almeno cinque anni di contribuzione. Se l'astensione obbligatoria inizia durante il rapporto di lavoro a termine e prosegue anche dopo la sua cessazione, tutta l'astensione obbligatoria è considerata in costanza di rapporto di lavoro. Permessi o periodi di congedo per l assistenza di portatori di handicap I lavoratori che usufruiscano di un congedo retribuito (massimo due anni) o dei permessi giornalieri per i portatori di handicap (tre giorni mensili) hanno diritto alla copertura della contribuzione figurativa per i periodi usufruiti. Malattia I periodi di malattia sono riconosciuti integralmente ai fini pensionistici, anche quanto le retribuzioni vengono ridotte. Disoccupazione I periodi di disoccupazione indennizzata sono coperti da contribuzione figurativa. Periodi di volontariato o di mandato amministrativo e sindacale I periodi di servizio civile, di mandato parlamentare, elezione a cariche presso Enti autonomi territoriali e per motivi sindacali sono coperti da contribuzione figurativa. 3

4 Il servizio militare Il servizio militare di leva è riconosciuto ai fini del diritto al raggiungimento dell età pensionabile, per i periodi effettivamente effettuati, a seguito di una domanda all ente previdenziale. Sono riconosciuti anche i periodi come obiettore di coscienza. RISCATTI E possibile riscattare ai fini pensionistici periodi scoperti da copertura contributiva, anche solo per la determinazione del futuro importo della pensione. La domanda di riscatto deve essere presentata dall iscritto, o dai suoi superstiti, e può riguardare tutto il periodo riscattabile o solo una parte di esso; sarà il lavoratore a valutare la convenienza ai fini del conseguimento del trattamento pensionistico. Possono essere riscattati anzitutto i periodi di studio e formazione. Tra questi: - GLI STUDI UNIVERSITARI Sono riscattabili i seguenti corsi universitari: - il diploma universitario o laurea breve, conseguibile con un corso non inferiore a 2 anni e non superiore a 3; - il diploma di laurea, che si consegue dopo un corso di studi di durata compresa tra 4 e 6 anni; - il diploma di specializzazione, che si consegue successivamente alla laurea ed al termine di un corso di durata non inferiore a 2 anni; - il dottorato di ricerca. E possibile riscattare anche i diplomi di laurea conseguiti all estero la cui validità è riconosciuta in Italia. Per poter ottenere il riscatto è necessario: - aver conseguito il titolo di studio; - che i periodi che ne sono oggetto non siano già coperti da altra contribuzione I periodi sono riscattabili limitatamente al periodo di durata legale stabilita per il conseguimento del titolo e a condizione che si sia conseguito lo stesso. Sono ammessi a riscatto anche i servizi resi in qualità di assistente volontario nelle università, per l intera durata del periodo di servizio prestato. - DIPLOMI SUCCESSIVI AGLI STUDI SUPERIODI I periodi di frequenza dei corsi di formazione riconosciuti dallo Stato, dalle Regioni o dalle province autonome di Trento e di Bolzano, sono riscattabili. 4

5 I corsi in esame, per poter essere riscattati, devono avere una durata minima di un anno e devono richiedere come pre-requisito il titolo di studio di scuola media secondaria. Il titolo conseguito, inoltre, deve essere prescritto per l ammissione al ruolo ricoperto. E riscattabile l intera durata legale del corso, ma è possibile anche il solo riscatto parziale. Tale possibilità di riscatto è consentita soltanto ai lavoratori pubblici, dipendenti degli enti locali e della sanità. Sono altresì riscattabili i periodi di congedo per motivi di studio finalizzati : - AL COMPLETAMENTO SCUOLA DELL OBBLIGO - ALL OTTENIMENTO DEL DIPLOMA DI 2 GRADO - AL CONSEGUIMENTO DELLA LAUREA - ALLA FREQUENZA A CORSI DI SPECIALIZZAZIONE E ALLA PARTECIPAZIONE AD ATTIVITÀ FORMATIVE DIVERSE DA QUELLE POSTE IN ESSERE O FINANZIATE DAL DATORE DI LAVORO. Periodi di lavoro all estero Anche i pubblici dipendenti hanno la possibilità di riscatto dei periodi di lavoro prestati in paesi esteri non convenzionati con l Italia e che altrimenti non sarebbero coperti da contribuzione. Aspettativa per servizio all estero del coniuge I periodi di aspettativa dei dipendenti dello Stato, nel caso in cui il coniuge sia chiamato a prestare servizio all estero, sono possibili oggetto di riscatto. I lavoratori iscritti alle CPDEL (Enti Locali, Regioni, etc.) non possono chiedere il riscatto della suddetta aspettativa, a meno che non abbiano servizi pregressi prestati alle dipendenze dello Stato. Interruzione o sospensione del rapporto di lavoro Sono ammessi a riscatto i periodi di interruzione o sospensione previsti da specifiche disposizioni di legge o contrattuali quali, ad esempio, le aspettative per motivi di famiglia, le sospensioni per motivi disciplinari. Tale periodi sono riscattabili fino ad un massimo di 3 anni nell intera vita lavorativa. In alternativa i lavoratori possono essere autorizzati a pagare i contributi durante i periodi di sospensione o interruzione del rapporto di lavoro. Lavoro a tempo parziale I periodi di interruzione della prestazione, nel caso di part-time di tipo verticale, orizzontale o ciclico, possono essere riscattati. Questa tipologia di riscatto, peraltro, è finalizzata solo all incremento dell importo della pensione, in quanto tali periodi di lavoro sono comunque utili per il conseguimento del diritto a pensione. 5

6 I lavoratori possono essere autorizzati, in alternativa, ad effettuare i versamenti volontari durante lo svolgimento del rapporto di lavoro a tempo parziale. Iscrizione agli albi professionali Sono ammessi a riscatto i periodi di iscrizione ad albi professionali; tale facoltà è ammessa per il solo numero di anni esplicitamente richiesti per l ammissione all albo. IL CALCOLO DELL ONERE DEL RISCATTO Il calcolo dell onere viene effettuato in maniera differente a seconda che ci si trovi nel sistema retributivo o in quello contributivo. IL COSTO DEL RISCATTO NEL SISTEMA RETRIBUTIVO. Per determinare l onere del riscattato è necessario determinare la quota di pensione, essa dovrà esse capitalizzata in relazione all età, al sesso e alla quantità di anni di servizio che l interessato potrà far valere alla data della domanda. I criteri attuariali applicati tengono conto di quanto tempo intercorre tra la domanda e la maturazione del diritto a pensione e per quanto tempo l interessato percepirà la pensione stessa. L ONERE NEL SISTEMA CONTRIBUTIVO Per la determinazione dell onere di riscatto nel sistema contributivo vengono considerati i suddetti elementi: - la retribuzione media dei 12 mesi precedenti la domanda di riscatto; - l aliquota contributiva vigente alla data della domanda; - il numero di anni da riscattare. L onere sarà pari all importo dei contributi che, sulla base della retribuzione media, il lavoratore avrebbe versato se avesse lavorato per il numero di anni oggetto del riscatto. RICONGIUNZIONI La ricongiunzione è il procedimento attraverso il quale vengono trasferiti contributi tra diverse Casse Previdenziali. Ricongiunzione contributi versati all'inps (art. 2 Legge 29/1979) Possono essere ricongiunti all'inpdap i contributi versati all'inps, sia da lavoro dipendente che da lavoro autonomo (coltivatori diretti, gestione artigiani e gestione commercianti). 6

7 La domanda deve essere presentata dall'iscritto prima della cessazione dal servizio (o dagli eredi aventi diritto alla pensione indiretta, entro 90 giorni). Nel caso di contributi versati nelle gestioni dei lavoratori autonomi, l'interessato può chiedere la ricongiunzione a condizione che alla data della domanda sia in possesso di almeno 5 anni di contribuzione da lavoro dipendente. La ricongiunzione non può essere parziale e la domanda può essere presentata una sola volta. Una seconda domanda di ricongiunzione può essere presentata solo in casi particolari. La ricongiunzione può essere gratuita o onerosa, a seconda che l'importo dei contributi da ricongiungere risulti superiore o inferiore all' importo della riserva matematica, calcolata sulla base dello stipendio, dell'età anagrafica e dell'anzianità di servizio alla data della domanda di ricongiunzione. L'eventuale onere di ricongiunzione può essere versato in unica soluzione o in forma rateale senza interessi, in un numero di rate mensili pari al numero di mesi ricongiunti, ed è deducibile fiscalmente. Una volta iniziato il pagamento, non si può rinunciare alla ricongiunzione. Ricongiunzione contributi versati alle Casse dei Liberi Professionisti (Legge 45/1990) Possono essere ricongiunti presso l'inpdap i contributi versati presso le Casse dei Liberi Professionisti, in qualsiasi momento dell'attività lavorativa prima della cessazione dal servizio (o dagli eredi aventi diritto alla pensione indiretta, entro 2 anni). La ricongiunzione non può essere parziale e la domanda può essere presentata una sola volta. Una seconda domanda di ricongiunzione può essere presentata solo in casi particolari. La ricongiunzione può essere gratuita o onerosa, a seconda che l'importo dei contributi da ricongiungere risulti superiore o inferiore all' importo della riserva matematica, calcolata sulla base dello stipendio, dell'età anagrafica e dell'anzianità di servizio alla data della domanda di ricongiunzione. L'eventuale onere di ricongiunzione può essere versato in unica soluzione o in forma rateale, in un numero di rate mensili non superiore alla metà dei mesi ricongiunti, ed è deducibile fiscalmente Viene applicato un interesse annuo composto pari al tasso di variazione medio annuo dell'indice dei prezzi al consumo per le famiglie di operai e impiegati accertato dall'istat con riferimento al periodo di dodici mesi che termina al 31 dicembre dell'anno precedente la data della domanda. Una volta iniziato il pagamento, non si può rinunciare alla ricongiunzione. Ricongiunzione servizi resi allo Stato (art. 113 TU 1092/73) 7

8 Possono essere ricongiunti gratuitamente i servizi prestati alle dipendenze dello Stato o di Enti Pubblici per i quali è stata versata contribuzione alle diverse Casse amministrate dall'inpdap: - Cassa Pensioni Dipendenti Enti Locali - CPDEL - Cassa Pensioni Sanitari - CPS - Cassa Pensioni Insegnanti Asilo e Scuole Elementari Parificate - CPIAEP - Cassa Pensioni Ufficiali Giudiziari e Coadiutori CPUGC Computo servizi presso Pubbliche Amministrazioni con contribuzione INPS (art. 12 TU 1092/73) I servizi pre-ruolo prestati alle dipendenze dello Stato o di Enti Pubblici, per i quali sono stati versati contributi all'inps possono essere computati gratuitamente. La domanda deve essere presentata almeno due anni prima della cessazione dal servizio per limiti di età o, entro 90 giorni negli altri casi. Ricongiunzione presso l'inps (art. 1 Legge 29/1979 come modificato dal D.L. 31 maggio 2010, n. 78) Possono essere trasferiti all'inps i contributi versati per i periodi di iscrizione all'inpdap. Tale ricongiunzione può, se richiesta dopo il 1 luglio 2010, essere onerosa e la sua richiesta si può effettuare anche in costanza di servizio, dai lavoratori che abbiano accreditato presso l'inps almeno un contributo settimanale. La ricongiunzione, come detto, può essere gratuita o onerosa, a seconda che l'importo dei contributi da ricongiungere risulti superiore o inferiore all' importo della riserva matematica (art.2, commi dal 3 al 5 del D.Lgs n. 184), calcolata sulla base dello stipendio, dell'età anagrafica e dell'anzianità di servizio alla data della domanda di ricongiunzione. L'eventuale onere di ricongiunzione può essere versato in unica soluzione o in forma rateale senza interessi, in un numero di rate mensili pari al numero di mesi ricongiunti, ed è deducibile fiscalmente. Una volta iniziato il pagamento, non si può rinunciare alla ricongiunzione. La domanda va presentata all'inps e deve riguardare la totalità dei contributi e/o periodi; non sono ammesse ricongiunzioni parziali. La ricongiunzione di ulteriori periodi di contribuzione successivi alla prima domanda può essere richiesta solo all'atto del pensionamento, oppure ancora in servizio se l'interessato può far valere almeno dieci anni di ulteriore contribuzione. Totalizzazione dei periodi assicurativi E possibile inoltre sommare la contribuzione maturata nelle varie gestioni per il raggiungimento del requisito del diritto alla maturazione del trattamento di vecchiaia, 8

9 anzianità o inabilità, ma le quote pensionistiche non si sommano. Ogni gestione calcola la quota a proprio carico con il sistema retributivo. A decorrere dal 1 gennaio 2011 il D.L. 31 maggio 2010, n. 78 ha previsto che ai trattamenti pensionistici derivanti da totalizzazione si applichi la decorrenza della pensione per i lavoratori autonomi (18 mesi). I PERIODI UTILI PER IL RICONOSCIMENTO DEL DIRITTO ALLA PENSIONE I periodi utili per il riconoscimento del diritto alla pensione sono tutti quelli di iscrizione all INPDAP, i periodi di contribuzione figurativa, i periodi riscattati o ricongiunti, le maggiorazioni previste in caso di handicap (cecità, invalidità grave riconosciuta), il servizio militare. Alcuni di questi periodi (servizio militare, servizio civile, maternità al di fuori dai periodi di servizio) sono computabili solo a seguito di una richiesta all INPDAP. Altri sono computati direttamente all atto della domanda di pensionamento. Servizi simultanei I servizi simultanei sono quelli resi contemporaneamente in due o più Enti iscrivibili alla Cassa. Tali servizi non aumentano la durata complessiva del servizio e quindi non possono essere considerati due volte per il raggiungimento del requisito contributivo richiesto, ma sono considerati ai fini del calcolo della pensione. LA PENSIONE DI VECCHIAIA Un lavoratore del Pubblico Impiego raggiunge il requisito, sia esso uomo o donna (così come modificato dall art. 12-sexies del D.L n. 78), al raggiungimento dell età di 65 anni se in possesso di almeno 20 anni di contributi. Per le donne il requisito anagrafico scatterà a partire dal 1 gennaio Solo nel 2011 le donne potranno accedere alla pensione di vecchiaia col requisito anagrafico dei 61 anni di età. Per avere diritto alla pensione di vecchiaia resta confermato il requisito di 15 anni minimi di contribuzione per coloro che avevano maturato tale requisito entro il La pensione viene erogata dopo 12 mesi, il primo giorno del mese successivo a quello di maturazione (es. 65 anni compiuti il 23 marzo 2012 la pensione verrà erogata a partire dal 1 aprile 2013). E necessario cessare di lavorare almeno il giorno precedente alla data di erogazione della pensione. Età inferiori sono previste per i non vedenti e per gli invalidi con percentuale superiore all 80%. LA PENSIONE DI ANZIANITÀ 9

10 Per poter accedere alla pensione di anzianità è necessario possedere almeno 40 anni di contributi senza tenere conto dell età anagrafica oppure raggiungere le quote come da tabella: Lavoratori dipendenti Anno di raggiungimento del requisito Somma tra età anagrafica e anzianità contributiva Età minima per il raggiungimento del requisito La pensione viene erogata dopo 12 mesi, il primo giorno del mese successivo a quello di maturazione (es. 40 anni raggiunti il 18 aprile 2011 la pensione verrà erogata a partire dal 1 maggio 2012). E necessario cessare di lavorare almeno il giorno precedente alla data di erogazione della pensione. Per i lavoratori del Pubblico Impiego la domanda di pensionamento di anzianità non deve essere presentata prima di 12 mesi dalla data indicata per il pensionamento; entro quella data il rapporto di lavoro deve risultare terminato, altrimenti la domanda decade. COME SI CALCOLA LA PENSIONE? ANNI DI CONTRIBUTI AL 31/12/1995 almeno 18 anni meno di 18 anni assunti dal 01/01/96 SISTEMA DI CALCOLO retributivo misto: retributivo fino al 31/12/95 contributivo dal 01/01/96 contributivo Coloro che hanno 15 anni di contributi di cui almeno 5 dal 1996 possono optare per il sistema contributivo. Sistema retributivo Il sistema retributivo lega l importo della pensione alle retribuzioni annue percepite dal lavoratore negli ultimi anni di servizio. Il calcolo avviene sulla base dell età dell interessato, anzianità contributiva, retribuzione lorda pensionabile. La pensione si compone di due quote: 10

11 ultima retribuzione per la quota A (anzianità fino al 1992) media retributiva ultimi 10 anni per quota B (anzianità dal 1993) Le retribuzioni Dall esame delle retribuzioni degli ultimi anni di servizio devono essere ricercate ed individuate due basi pensionabili : la prima da utilizzare per i rendimenti maturati fino al 31 dicembre1992 (quota A di pensione); la seconda da utilizzare per i rendimenti maturati dal 1 gennaio 1993 alla cessazione (quota B di pensione). QUOTA A DI PENSIONE Per i dipendenti dello stato si fa riferimento al trattamento economico spettante alla cessazione dal servizio, considerato per 12 mensilità. Gli elementi da considerare sono quelli risultanti nell ultima busta paga. In particolare lo stipendio tabellare, gli scatti di anzianità (se previsti), gli assegni ad personam, ecc. Altri assegni o indennità non sono considerati salvo diversa disposizione di legge che ne preveda espressamente l inserimento nella base pensionabile. Per questa ragione dal calcolo sono esclusi tutti i componenti della retribuzione definiti accessori, quali gli straordinari, gli incentivi alla produttività ecc. Per i dipendenti degli enti locali si fa riferimento al trattamento economico spettante alla cessazione dal servizio risultante dall ultima busta paga che ha le caratteristiche di fissità e continuità. Fanno parte di tale retribuzione: stipendio tabellare, scatti di anzianità (se previsti), assegni ad personam, tredicesima mensilità; tutte le indennità o assegni fissi corrisposti per l'attività svolta e previsti dal contratto collettivo di comparto. Tutti gli altri componenti della retribuzione che non hanno le caratteristiche sopra richiamate, definiti accessori, quali gli straordinari, gli incentivi alla produttività etc. sono esclusi dal calcolo. QUOTA B DI PENSIONE La seconda base pensionabile è costituita dalla media delle retribuzioni annue a) per 12 mensilità ( Stato) b) per 13 mensilità (EE.LL., sanità) percepite negli ultimi dieci anni precedenti la decorrenza della pensione, e debitamente rivalutate. 11

12 Dal 1 gennaio 1996, la retribuzione imponibile è costituita da tutto ciò che il lavoratore riceve in dipendenza del rapporto di lavoro. Da tale data, pertanto, sono considerati anche gli elementi accessori corrisposti. COEFFICIENTI DI RIVALUTAZIONE Le retribuzioni, oggetto della media, sono attualizzate alla data della decorrenza della pensione, cioè sono incrementate in misura corrispondente alla variazione, tra l'anno solare di riferimento e quello precedente la decorrenza della pensione, dell'indice annuo dei prezzi al consumo per famiglie di operai ed impiegati calcolato dall'istat. Ad esse si applica altresì l aumento di un punto percentuale per ogni anno solare preso in considerazione. I RENDIMENTI Il coefficiente di rendimento rappresenta la percentuale della base pensionabile che determina la pensione nel sistema retributivo. Dall esame degli anni utili a pensione sono ricercati e individuati due rendimenti: il primo relativo agli anni posseduti al 31 dicembre 1992 (da utilizzare per la quota A ); il secondo relativo agli anni posseduti dal 1 gennaio 1993 alla cessazione (da utilizzare per la quota B ). Ogni anno di anzianità contributiva, o per meglio dire ogni mese, determina un aumento percentuale tale da raggiungere: l 80% complessivo della retribuzione con 40 anni di servizio (dipendenti dello Stato) ; il 100% complessivo della retribuzione con 40 anni di servizio (dipendenti Enti locali) fino al 31 dicembre Dal 1 gennaio 1995 gli anni di servizio sono considerati al 2% all anno nei casi in cui i precedenti rendimenti risultassero più elevati del 2%. Alla fine si somma la quota A e la quota B e questa viene divisa per 12 per il dipendenti dello stato e per 13 per i dipendenti degli enti locali in modo da individuare la quota mensile di pensione da erogarsi in 13 mensilità. Sistema contributivo E il calcolo della pensione basato sull importo dei contributi accantonati durante tutta la vita lavorativa (montante contributivo) e restituiti all interessato sotto forma di pensione, mediante l utilizzo di un coefficiente detto di trasformazione legato all età che ha il lavoratore alla data del pensionamento. 12

13 Si applica a coloro che sono privi di anzianità contributiva al 31 dicembre 1995 o che optino per tale sistema, avendo meno di 18 anni di contributi entro l anno 1995 e almeno 15, di cui almeno cinque riferiti a periodi successivi all anno Sistema misto Il sistema misto risulta dall'applicazione congiunta del criterio retributivo e di quello contributivo. Si applica a coloro che al 31 dicembre 1995 hanno maturato un'anzianità contributiva inferiore a 18 anni. La pensione è composta da due parti: - la prima determinata secondo il sistema retributivo e relativa al periodo di servizio maturato al 31 dicembre 1995; - la seconda determinata con il sistema contributivo, relativamente alle anzianità maturate dal 1 gennaio 1996 in poi. I requisiti d accesso alle pensioni di vecchiaia e d anzianità sono i medesimi previsti nel sistema retributivo. LA PENSIONE PRIVILEGIATA La pensione privilegiata spetta al dipendente pubblico se dalla infermità o dalla lesione contratta per fatti di servizio deriva l'inabilità assoluta o permanente. Tale pensione, pertanto, è assolutamente svincolata da ogni requisito minimo di durata del servizio stesso: anche un solo giorno di servizio dà diritto alla pensione privilegiata se si verifica la condizione richiesta. Per aver diritto alla pensione privilegiata è necessario: essere inabile assoluto o alla mansione e cessare dall'impiego; che tale inabilità si sia prodotta senza colpa dell'interessato e sia dovuta a causa o cancausa di servizio. La domanda, in carta semplice, va presentata all'inpdap; per i dipendenti dello Stato è consigliabile presentare la domanda anche al Ministero di appartenenza. La domanda deve contenere tutti i riferimenti relativi alle infermità o lesioni per i quali il trattamento privilegiato è richiesto, ai fatti di servizio che le hanno determinate e la documentazione sanitaria necessaria. La domanda va presentata entro 5 anni (o 10 anni in caso di parkinsonismo) dalla cessazione dal servizio. Successivamente alla presentazione della domanda la sede INPDAP competente chiede alla Prefettura competente di avviare la speciale istruttoria per l accertamento del diritto. La Prefettura consegna la documentazione redatta dalla commissione medica militare e la documentazione sanitaria all INPDAP che è competente all esame della domanda 13

14 (tramite il proprio comitato tecnico per le commissioni di privilegio) e alla liquidazione della pensione di privilegio. La pensione privilegiata non è cumulabile con la rendita Inail, tuttavia, i titolari possono fruire di assegni accessori. LA CAUSA DI SERVIZIO La causa di servizio è il riconoscimento di un danno fisico o di una malattia contratta dovuta alle condizioni di lavoro. La concausa esiste quando una predisposizione all'infermità degenera per cause "preponderanti" da addebitarsi alle condizioni di lavoro. La domanda deve essere presentata all'ente di appartenenza dall'interessato o dai superstiti entro sei mesi dalla data in cui si è verificato l'evento dannoso o da quella in cui l'interessato ha avuto conoscenza dell'infermità. Il lavoratore cui sia stata riconosciuta la dipendenza da causa di servizio di lesioni o infermità ed equo indennizzo, ha diritto: alla retribuzione integrale per tutti i periodi di aspettativa fruiti a causa delle infermità riconosciute; al rimborso delle spese di cura; all'abbreviazione dello scatto di anzianità ove previsto di due anni per le infermità ascrivibili dalla prima alla sesta categoria, di un anno per quelle ascrivibili alla settimana ed ottava categoria. L EQUO INDENNIZZO Il dipendente che subisce una menomazione permanente a causa di una infermità contratta per causa di servizio ha diritto ad un equo indennizzo. La domanda di concessione dell'equo indennizzo deve essere presentata all'amministrazione di appartenenza contestualmente alla domanda di riconoscimento della dipendenza da causa di servizio. La stessa può essere presentata anche dagli eredi. In caso di aggravamento dell'infermità è prevista la possibilità di revisione dell'equo indennizzo. Poiché tale revisione può essere richiesta per una sola volta, ed entro 5 anni dal decreto di concessione, è opportuno, in caso di malattia tendente all'aggravamento, utilizzare tale possibilità verso la fine del quinquennio. Il termine di 5 anni dalla data della notifica del provvedimento di concessione dell'equo indennizzo (per la richiesta di revisione) deve essere tassativamente rispettato per non perdere i relativi diritti. LA PENSIONE DI INABILITÀ 14

15 I pubblici dipendenti possono fare domanda di pensione in presenza di un inabilità assoluta e permanente a qualsiasi attività lavorativa non derivante da cause di servizio. La domanda di pensione deve essere presentata dall interessato, sia in costanza di rapporto di lavoro, che dopo il collocamento a riposo, (per tramite di un apposito schema predisposto dall INPDAP) all amministrazione presso la quale il dipendente presta o ha prestato servizio, purché in presenza di almeno 5 anni di contributi di cui 3 negli ultimi cinque. Se dal verbale della Commissione medica risulta lo stato di inabilità assoluta e permanente a qualsiasi attività lavorativa, l amministrazione di appartenenza provvede alla risoluzione del rapporto di lavoro e la sede provinciale dell Inpdap alla liquidazione della pensione. Se dagli accertamenti sanitari scaturisce, invece, un giudizio di inabilità al solo svolgimento delle mansioni proprie del profilo professionale ricoperto, non si dà luogo ad ulteriori accertamenti, e l ente datore di lavoro attiva le procedure contrattuali finalizzate alla collocazione del dipendente in altra mansione qualora esista il posto disponibile in organico. Se non viene trovata un altra mansione idonea, il lavoratore viene dispensato dal servizio o collocato a riposo. La relativa pensione viene erogata solo se sussistono determinati requisiti contributivi. I dipendenti degli enti locali devono contare su contributi almeno pari a 19 anni, 11 mesi e 16 giorni di contribuzione. I dipendenti delle amministrazioni statali devono contare su contributi almeno pari a 14 anni, 11 mesi e 16 giorni. In entrambi i casi si prescinde dall età anagrafica. LA LIQUIDAZIONE Il lavoratore subordinato ha diritto, all'atto della cessazione dal servizio, ad un trattamento di fine servizio/rapporto. Nel settore pubblico, dal 1 gennaio 2011, chi è collocato a riposo vedrà calcolata la propria indennità, per i periodi maturati successivamente a quella data, con il sistema di calcolo del TFR. Per i periodi precedenti la liquidazione è calcolata secondo le regole precedenti. I trattamenti di fine servizio si differenziano dal TFR sia per le modalità di calcolo della prestazione (calcolo sull ultima retribuzione), sia per il suo finanziamento che è caratterizzato anche da una contribuzione del lavoratore alla quale si aggiunge quella dell amministrazione statale o dell ente locale. Il trattamento di fine rapporto, invece, è costituito da accantonamenti annuali di quote della retribuzione percepita dal lavoratore, rivalutati annualmente secondo la disciplina prevista dall art del cod. civ. ed erogati in forma di capitale al momento della cessazione dal servizio. 15

16 Prestazione Calcolo Contribuzione Contribuzione lavoratore datore di lavoro INPDAP (Stato) Indennità di buona uscita INPDAP (Enti locali, Asl, ecc.) Indennità premio di fine servizio INPDAP TFR 1/12 dell ultima 2,50% 7,10% retribuzione + 48% IIS per anni utili 1/15 dell 80% 2,50% 3,60% ultima retribuzione annua compresa IIS Somma degli 6,91% accantonamenti annui, pari al 6,91% della retribuzione annua utile rivalutata annualmente ad un tasso costituito dall 1,5% + 75% dell indice Istat dei prezzi al consumo IL TRATTAMENTO DI FINE SERVIZIO I dipendenti degli enti locali e del servizio sanitario nazionale assunti con contratto a tempo indeterminato hanno diritto, all atto del collocamento a riposo, alla indennità premio di fine servizio. Hanno diritto alla liquidazione dell indennità premio di fine servizio i lavoratori che abbiano risolto, per qualsiasi causa, il loro rapporto di lavoro e quello previdenziale (non ha diritto alla prestazione il dipendente che, cessato dal servizio presso un Ente la cui cassa previdenziale sia l INPDAP, venga immediatamente riassunto, senza soluzione di continuità, presso un altro Ente pubblico con la stessa cassa); Le amministrazioni datrici di lavoro sono tenute a versare all INPDAP un contributo pari al 6,10% degli emolumenti utili al calcolo della prestazione, di cui il 3,60 % a loro carico e il restante 2,5% a carico del lavoratore. La prestazione è pari ad 1/15 dell 80% della retribuzione soggetta a contribuzione degli ultimi 12 mesi comprensiva della tredicesima per ogni anno di servizio maturato, considerando anno intero la frazione di anno superiore a sei mesi. 16

17 L indennità premio di fine servizio è una prestazione liquidata d ufficio, quindi non occorre domanda degli interessati. Viene erogata per intero nel caso in cui l indennità sia inferiore ai novantamila euro. La normativa vigente in materia di indennità premio servizio non consente di corrispondere per alcun motivo anticipazioni sulla prestazione. L INDENNITÀ DI BUONA USCITA I dipendenti statali assunti con contratto a tempo indeterminato hanno diritto all atto del collocamento a riposo all indennità di buonuscita. Hanno diritto alla liquidazione dell indennità di buonuscita i lavoratori che abbiano risolto, per qualsiasi causa, il loro rapporto di lavoro e quello previdenziale (non ha diritto alla prestazione il dipendente che, cessato dal servizio presso un Ente la cui cassa previdenziale sia l INPDAP, venga immediatamente riassunto, senza soluzione di continuità, presso un altro Ente pubblico con la stessa cassa); Durante il periodo di lavoro le amministrazioni datrici di lavoro sono tenute a versare all INPDAP un contributo pari al 9,60% degli emolumenti utili al calcolo della prestazione, di cui il 7,10 % a loro carico e il restante 2,50% a carico del lavoratore. L indennità di buonuscita è pari a tanti dodicesimi dell 80% della retribuzione annua lorda percepita al momento del collocamento a riposo, comprensiva della tredicesima mensilità, per ogni anno di servizio maturato, considerando anno intero la frazione di anno superiore a sei mesi. Gli iscritti, inoltre, hanno la facoltà di chiedere, agli effetti della liquidazione della buonuscita, la valutazione dei servizi statali civili e militari prestati, valutabili, riscattabili o comunque riconoscibili ai fini del trattamento di pensione a carico dello Stato, non coperti dal contributo previdenziale obbligatorio. IL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO I dipendenti pubblici, assunti a tempo indeterminato dopo il 31 dicembre 2000 e quelli assunti con contratto a tempo determinato dal 30 maggio 2000 hanno diritto al TFR, istituto disciplinato dall art del codice civile. Inoltre anche ai dipendenti assunti prima delle date sopra indicate, dal 1 gennaio 2011 verrà applicato il calcolo della liquidazione secondo le regole del TFR (è escluso il personale militare, i docenti e ricercatori universitari, ecc.). Il diritto al TFR sorge alla risoluzione di un contratto di lavoro della durata minima di 15 giorni continuativi nell arco di un mese. 17

18 Il trattamento di fine rapporto è costituito da accantonamenti annuali di quote della retribuzione percepita dal lavoratore: per ciascun anno di servizio si accantona una quota pari al 6,91% della retribuzione annua utile ai fini del trattamento di fine rapporto. L accantonamento è realizzato per ogni anno di servizio o frazione di anno. In quest ultimo caso la quota è proporzionalmente ridotta, computandosi, come mese intero, la frazione di mese uguale o superiore ai 15 giorni. Le quote accantonate, come sopra determinate, con esclusione della quota maturata nell anno, sono rivalutate al 31 dicembre di ogni anno attraverso l applicazione di un tasso costituito dall 1,5% e dal 75% dell aumento dell indice dei prezzi al consumo per le famiglie di operai e impiegati accertato dall ISTAT e riferito al dicembre dell anno precedente. La retribuzione utile per il calcolo degli accantonamenti contiene le seguenti voci: l intero stipendio tabellare; la retribuzione individuale di anzianità; gli altri emolumenti con carattere di fissità e continuità della contribuzione. Ulteriori voci retributive potranno essere considerate nella contrattazione di comparto. Il Trattamento di Fine Rapporto è erogato d ufficio ed è sufficiente sottoscrivere la dichiarazione riportata nel quadro G del nuovo modello TFR/1 che viene compilato a cura dell ente o amministrazione di appartenenza 18

Servizi e periodi utili, computabili, riscattabili, ricongiungibili, totalizzabili, riunibili

Servizi e periodi utili, computabili, riscattabili, ricongiungibili, totalizzabili, riunibili Servizi e periodi utili, computabili, riscattabili, ricongiungibili, totalizzabili, riunibili Servizi Utili (ex se) i servizi di ruolo e a tempo indeterminato prestati nelle amministrazioni statali, con

Dettagli

COME COSTRUIRE LA PENSIONE

COME COSTRUIRE LA PENSIONE COME COSTRUIRE LA PENSIONE INPDAP informa PENSIONE: RISCATTI E RICONGIUNZIONI Riscatto Ricongiunzione Totalizzazione periodi assicurativi esteri Totalizzazione Contribuzione figurativa Prosecuzione volontaria

Dettagli

I Dipendenti dello Stato

I Dipendenti dello Stato I Dipendenti dello Stato In Servizio Presso le scuole Pescara 13-14 Marzo 2006 1 Lo Stato e i suoi dipendenti Fino al 31/12/1995 Con i propri dipendenti lo Stato non instaurava solo un rapporto di lavoro

Dettagli

La previdenza dei medici dipendenti dal Servizio Sanitario Nazionale (ex Cassa Pensioni Sanitari = CPS)

La previdenza dei medici dipendenti dal Servizio Sanitario Nazionale (ex Cassa Pensioni Sanitari = CPS) La tutela previdenziale del medico dipendente La tutela previdenziale del lavoro dipendente fa capo, in linea generale, al sistema di Assicurazione Generale Obbligatoria (AGO) per l invalidità, la vecchiaia

Dettagli

" Il Futuro Previdenziale Dei Giovani Medici E Degli Ospedalieri: La Necessità Della Previdenza Integrativa "

 Il Futuro Previdenziale Dei Giovani Medici E Degli Ospedalieri: La Necessità Della Previdenza Integrativa Ordine dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri della Provincia di Monza Brianza " Il Futuro Previdenziale Dei Giovani Medici E Degli Ospedalieri: La Necessità Della Previdenza Integrativa " I redditi

Dettagli

IL TRATTAMENTO DI QUIESCENZA. A cura di: Alessandra Carta

IL TRATTAMENTO DI QUIESCENZA. A cura di: Alessandra Carta IL TRATTAMENTO DI QUIESCENZA A cura di: Alessandra Carta Cassa Pensione dei Dipendenti degli Enti Locali Cassa Pensione Insegnanti di di asilo e di di scuole elementari parificate Cassa Pensione Ufficiali

Dettagli

LA PREVIDENZA PER I DIPENDENTI DEL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE

LA PREVIDENZA PER I DIPENDENTI DEL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE LA PREVIDENZA PER I DIPENDENTI DEL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE Premessa Il sistema previdenziale per gli operatori del Servizio Sanitario Nazionale, come quello dei pubblici dipendenti, risulta notevolmente

Dettagli

Università degli Studi di Parma

Università degli Studi di Parma Università degli Studi di Parma -Settore Previdenza- Guida al sistema previdenziale del personale docente e tecnico-amministrativo Redazione a cura del personale del Settore Previdenza (aggiornata all

Dettagli

Locali. Dipendenti Dello Stato

Locali. Dipendenti Dello Stato IL TRATTAMENTO DI QUIESCENZA A cura di: Alessandra Carta Cassa Pensione dei Dipendenti degli Enti Locali Cassa Pensione Insegnanti di asilo e di scuole elementari parificate Cassa Pensione Ufficiali Giudiziari

Dettagli

E DI FINE RAPPORTO. INPDAP informa I TRATTAMENTI DI FINE SERVIZIO E DI FINE RAPPORTO

E DI FINE RAPPORTO. INPDAP informa I TRATTAMENTI DI FINE SERVIZIO E DI FINE RAPPORTO I TRATTAMENTI DI FINE SERVIZIO E DI FINE RAPPORTO INPDAP informa I TRATTAMENTI DI FINE SERVIZIO E DI FINE RAPPORTO Indennità premio di fine servizio Indennità di buonuscita Trattamento di fine rapporto

Dettagli

Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco. Il calcolo di pensione del Personale Operativo

Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco. Il calcolo di pensione del Personale Operativo Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco Il calcolo di pensione del Personale Operativo Castiglione delle Stiviere 19 20 settembre 2011 PATRONATO INCA CGIL Lombardia - Viale Marelli 497 20099 Sesto S. Giovanni

Dettagli

Glossario Dei Termini Previdenziali: La Previdenza Obbligatoria

Glossario Dei Termini Previdenziali: La Previdenza Obbligatoria Glossario Dei Termini Previdenziali: La Previdenza Obbligatoria www.logicaprevidenziale.it A Adeguamento della pensione: Rivalutazione annuale delle pensioni in essere in base all aumento del costo della

Dettagli

Ufficio I Normativa e AA.GG. DECRETO LEGISLATIVO 30 APRILE 1997, N. 184. PROSECUZIONE VOLONTARIA AI FINI PENSIONISTICI

Ufficio I Normativa e AA.GG. DECRETO LEGISLATIVO 30 APRILE 1997, N. 184. PROSECUZIONE VOLONTARIA AI FINI PENSIONISTICI ISTITUTO NAZIONALE DI PREVIDENZA PER I DIPENDENTI DELL'AMMINISTRAZIONE PUBBLICA Direzione Centrale Prestazioni Previdenziali Ufficio I Normativa e AA.GG. Roma li 10/4/1998 CIRCOLARE N. 23 OGGETTO: DECRETO

Dettagli

A cura di Claudio Testuzza. aggiornato a Dicembre 2013

A cura di Claudio Testuzza. aggiornato a Dicembre 2013 g A cura di Claudio Testuzza aggiornato a Dicembre 2013 RETRIBUTIVO : Da retributivo a contributivo pensione viene calcolata riferendosi allo stipendio: QUOTA A ) Dipendenti pubblici : ultimo percepito,

Dettagli

Circolare N.86 del 8 Giugno 2011. Contributi volontari 2011. La prima scadenza è al 30 giugno

Circolare N.86 del 8 Giugno 2011. Contributi volontari 2011. La prima scadenza è al 30 giugno Circolare N.86 del 8 Giugno 2011 Contributi volontari 2011. La prima scadenza è al 30 giugno Contributi volontari 2011: la prima scadenza è al 30 giugno Gentile cliente, con la presente desideriamo ricordarle

Dettagli

- Alla Presidenza del Consiglio dei Ministri. - Al Consiglio di Stato. - Alla Corte dei Conti. - All Avvocatura dello Stato

- Alla Presidenza del Consiglio dei Ministri. - Al Consiglio di Stato. - Alla Corte dei Conti. - All Avvocatura dello Stato Roma, lì 01/08/2002 DIREZIONE CENTRALE DELLE PRESTAZIONI DI FINE SERVIZIO E PREVIDENZA COMPLEMENTARE UFFICIO I PRESTAZIONI DI FINE SERVIZIO DIREZIONE CENTRALE ENTRATE - Alla Presidenza del Consiglio dei

Dettagli

Riforma delle pensioni, l'inps chiarisce i dubbi-ipsoa.it

Riforma delle pensioni, l'inps chiarisce i dubbi-ipsoa.it Riforma delle pensioni, l'inps chiarisce i dubbi-ipsoa.it L' INPS pubblica un articolato messaggio per fornire chiarimenti in ordine alla applicazione dei principi contenuti nella riforma delle pensioni,

Dettagli

La Previdenza del Pediatra di libera scelta

La Previdenza del Pediatra di libera scelta ENTE NAZIONALE PREVIDENZA ED ASSISTENZA ENTE NAZIONALE MEDICI PREVIDENZA ED ODONTOIATRI ED ASSISTENZA DEI MEDICI E DEGLI ODONTOIATRI La Previdenza del Pediatra di libera scelta Pietro Fusilli Responsabile

Dettagli

Università degli Studi di Parma

Università degli Studi di Parma Università degli Studi di Parma -Settore Previdenza- -Guida al sistema previdenziale del personale docente e tecnico-amministrativo- Redazione a cura del personale del Settore Previdenza (aggiornata con

Dettagli

REGOLAMENTO PER LE PRESTAZIONI PREVIDENZIALI. Art. 1 PRESTAZIONI

REGOLAMENTO PER LE PRESTAZIONI PREVIDENZIALI. Art. 1 PRESTAZIONI REGOLAMENTO PER LE PRESTAZIONI PREVIDENZIALI Art. 1 PRESTAZIONI 1. La Cassa corrisponde le seguenti prestazioni previdenziali: a) Pensione di vecchiaia; b) Pensione di anzianità; c) Pensione di invalidità;

Dettagli

NORMATIVA PENSIONISTICA PERSONALE APPARTENENTE ALLA POLIZIA DI STATO

NORMATIVA PENSIONISTICA PERSONALE APPARTENENTE ALLA POLIZIA DI STATO NORMATIVA PENSIONISTICA PERSONALE APPARTENENTE ALLA POLIZIA DI STATO Facciamo il punto sulla normativa pensionistica di cui sono destinatari i lavoratori delle forze di polizia attualmente vigente, a seguito

Dettagli

A cura di Claudio Testuzza aggiornato ad aprile 2010

A cura di Claudio Testuzza aggiornato ad aprile 2010 g A cura di Claudio Testuzza aggiornato ad aprile 2010 RETRIBUTIVO : Da retributivo a contributivo La pensione viene calcolata riferendosi allo stipendio: QUOTA A ) Dipendenti pubblici : ultimo percepito,

Dettagli

REGOLAMENTO DEL FONDO DEI MEDICI DI MEDICINA GENERALE

REGOLAMENTO DEL FONDO DEI MEDICI DI MEDICINA GENERALE REGOLAMENTO DEL FONDO DEI MEDICI DI MEDICINA GENERALE ALLEGATO B Testo in vigore Art. 1 Testo emendato Art. 1 Il Fondo di Previdenza a favore dei Medici di Medicina Generale, Pediatri di libera scelta,

Dettagli

Le pensioni in CUMULO ART.1 COMMI 239-246 LEGGE 24.12.2012, N 228 LEGGE DI STABILITA 2013

Le pensioni in CUMULO ART.1 COMMI 239-246 LEGGE 24.12.2012, N 228 LEGGE DI STABILITA 2013 Le pensioni in CUMULO ART.1 COMMI 239-246 LEGGE 24.12.2012, N 228 LEGGE DI STABILITA 2013 RICONGIUNZIONE Lavoratori iscritti a due o più forme di assicurazione: AGO INPS - IVS dipendenti e autonomi TOTALIZZAZIONE

Dettagli

NUOVA RIFORMA PENSIONISTICA Istruzioni INPS

NUOVA RIFORMA PENSIONISTICA Istruzioni INPS NUOVA RIFORMA PENSIONISTICA Istruzioni INPS L' INPS ha fornito chiarimenti in merito alla nuova riforma pensionistica, introdotta con il cosiddetto decreto-legge salva Italia e modificata dal Milleproroghe,

Dettagli

REGOLAMENTO PER LE PRESTAZIONI PREVIDENZIALI

REGOLAMENTO PER LE PRESTAZIONI PREVIDENZIALI REGOLAMENTO PER LE PRESTAZIONI PREVIDENZIALI (Testo approvato dal Comitato dei Delegati nella seduta del 5 settembre 2012) ART. 1 PRESTAZIONI 1. La Cassa corrisponde le seguenti prestazioni previdenziali:

Dettagli

PER FACILITA DI CONSULTAZIONE LA RISPOSTA ESATTA E SEMPRE INDICATA CON A) AREA B 2011

PER FACILITA DI CONSULTAZIONE LA RISPOSTA ESATTA E SEMPRE INDICATA CON A) AREA B 2011 AREA B 2011 001. La pensione diretta di privilegio consiste in un trattamento di natura economica che spetta al dipendente pubblico divenuto inabile per patologie derivanti da causa di servizio. La concessione

Dettagli

Almeno due anni di assicurazione Requisito Contributivo LA DOMANDA esclusivamente in via telematica

Almeno due anni di assicurazione Requisito Contributivo LA DOMANDA esclusivamente in via telematica INDENNITA DI DISOCCUPAZIONE AL PERSONALE DELLA SCUOLA La legge di riforma del lavoro (la n. 92 del 28 giugno 2012 - riforma Fornero) ha introdotto a partire dal 1.1.2013 il nuovo sussidio di disoccupazione

Dettagli

Legge 228/2012 Disposizioni in materia di cumulo

Legge 228/2012 Disposizioni in materia di cumulo Legge 228/2012 Disposizioni in materia di cumulo Abrogazione legge 322/58 in particolari situazioni Cumulo periodi contributivi per pensione Vecchiaia Reversibilità Inabilità Corso agenti sociali FNP CISL

Dettagli

SPECIALE PREVIDENZA, a cura di Giancarlo Valent

SPECIALE PREVIDENZA, a cura di Giancarlo Valent SPECIALE PREVIDENZA, a cura di Giancarlo Valent Indice Tipi di pensione e requisiti pag. 2 Ricongiunzioni e riscatti pag. 6 Causa di servizio, equo indennizzo, pensioni privilegiate pag. 7 La previdenza

Dettagli

RISCATTARE LA LAUREA:CONVIENE O NON CONVIENE?

RISCATTARE LA LAUREA:CONVIENE O NON CONVIENE? RISCATTARE LA LAUREA:CONVIENE O NON CONVIENE? La possibilità, per i lavoratori dipendenti ed autonomi, di riscattare, ai fini pensionistici, il periodo di studi universitari necessario al conseguimento

Dettagli

REGOLAMENTO DI PREVIDENZA E ASSISTENZA DELLA GESTIONE SEPARATA ENPAPI

REGOLAMENTO DI PREVIDENZA E ASSISTENZA DELLA GESTIONE SEPARATA ENPAPI Approvato dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali di concerto con il Ministero dell Economia e delle Finanze in data 29 marzo 2013 REGOLAMENTO DI PREVIDENZA E ASSISTENZA DELLA GESTIONE SEPARATA

Dettagli

Speciale PENSIONI 1 PREMESSA 2 IL SISTEMA PREVIDENZIALE

Speciale PENSIONI 1 PREMESSA 2 IL SISTEMA PREVIDENZIALE Speciale PENSIONI 1 PREMESSA In ITALIA, il sistema pensionistico pubblico, è fondato sul principio della ripartizione e della solidarietà intergenerazionale: i contributi che i lavoratori e le aziende

Dettagli

REGOLAMENTO RISCATTI E RICONGIUNZIONI. Art. 1 - Soggetti, modalità e termini per i riscatti

REGOLAMENTO RISCATTI E RICONGIUNZIONI. Art. 1 - Soggetti, modalità e termini per i riscatti REGOLAMENTO RISCATTI E RICONGIUNZIONI Art. 1 - Soggetti, modalità e termini per i riscatti 1.1 - Gli iscritti ad Inarcassa possono riscattare: a) il periodo legale dei corsi di laurea d ingegneria e di

Dettagli

La normativa delle Casse di previdenza dei liberi professionisti

La normativa delle Casse di previdenza dei liberi professionisti La normativa delle Casse di previdenza dei liberi professionisti Analisi degli Enti del decreto 509/1994 LA PENSIONE DELL AVVOCATO CASSA FORENSE Indice Considerazioni di carattere generale La contribuzione

Dettagli

Le pensioni di tutti. by Salvatore Martorelli per Previdenza Flash. Fonte - Giornata nazionale della Previdenza" Milano 4-5 maggio 2011

Le pensioni di tutti. by Salvatore Martorelli per Previdenza Flash. Fonte - Giornata nazionale della Previdenza Milano 4-5 maggio 2011 Le pensioni di tutti Fonte - Giornata nazionale della Previdenza" Milano 4-5 maggio 2011 Rielaborazione di Salvatore Martorelli Aggiornato al 09/05/2011 SOMMARIO SOMMARIO... 2 DIPENDENTI DEL SETTORE PRIVATO...

Dettagli

NUOVA PRESTAZIONE DI ASSICURAZIONE SOCIALE PER L IMPIEGO (NASPI) CIRCOLARE INPS

NUOVA PRESTAZIONE DI ASSICURAZIONE SOCIALE PER L IMPIEGO (NASPI) CIRCOLARE INPS NUOVA PRESTAZIONE DI ASSICURAZIONE SOCIALE PER L IMPIEGO (NASPI) CIRCOLARE INPS Come è noto, il decreto legislativo 4 marzo 2015 n. 22, pubblicato nella G.U. n. 54 del 6/3/2015, ha dettato nuove norme

Dettagli

Requisiti Ammontare del contributo

Requisiti Ammontare del contributo 1 Requisiti Rapporto professionale con il Servizio Sanitario Nazionale (o altri Istituti) in qualità di Medici di Medicina Generale, Pediatri di libera scelta ed addetti ai servizi di continuità assistenziale

Dettagli

La contribuzione da riscatto

La contribuzione da riscatto La contribuzione da riscatto Legge 12 agosto 1962, n. 1338 - Disposizioni per il miglioramento dei trattamenti di pensione dell'assicurazione obbligatoria per l'invalidità, la vecchiaia e i superstiti.

Dettagli

IL SISTEMA CONTRIBUTIVO

IL SISTEMA CONTRIBUTIVO IL SISTEMA CONTRIBUTIVO M I L A N O, 1 8 M A G G I O 2 0 1 3 D O T T. F I L I P P O B O N A N N I I N P S - D I R E Z I O N E C E N T R A L E P E N S I O N I 1 SISTEMA CONTRIBUTIVO Nell Ordinamento previdenziale

Dettagli

Indennità di disoccupazione Mini-ASpI

Indennità di disoccupazione Mini-ASpI Indennità di disoccupazione Mini-ASpI COSA E E una prestazione economica istituita dal 1 gennaio 2013 e che sostituisce l indennità di disoccupazione ordinaria non agricola con requisiti ridotti. E una

Dettagli

Il sistema previdenziale di categoria. Fondi di Previdenza ENPAM

Il sistema previdenziale di categoria. Fondi di Previdenza ENPAM Il sistema previdenziale di categoria Fondi di Previdenza ENPAM Obbligatorietà dei Fondi I Fondi di Previdenza ENPAM sono tutti ad iscrizione obbligatoria ed automatica: 1) FONDO DI PREVIDENZA GENERALE

Dettagli

OGGETTO: Modello 770/2005 Semplificato Istruzioni per la compilazione.

OGGETTO: Modello 770/2005 Semplificato Istruzioni per la compilazione. DIREZIONE CENTRALE DELLE ENTRATE Roma, 4-7-2005 Ai Direttori delle Sedi Provinciali e Territoriali e per loro tramite: - Alle Amministrazioni Statali - Agli Enti con Personale Iscritto alle Casse CPDEL,

Dettagli

NURSIND SEGRETERIA NAZIONALE. Oggetto: Servizio previdenziale: pensionamento dei pubblici dipendenti nel 2014.

NURSIND SEGRETERIA NAZIONALE. Oggetto: Servizio previdenziale: pensionamento dei pubblici dipendenti nel 2014. Prot. SN-06 del 04/02/2014 Alla Cortese attenzione del Segretari provinciali Oggetto: Servizio previdenziale: pensionamento dei pubblici dipendenti nel 2014. La riforma Fornero (legge n. 204 del 22.12.2011)

Dettagli

Cassa Nazionale di Previdenza ed Assistenza per gli REGOLAMENTO GENERALE PREVIDENZA 2012

Cassa Nazionale di Previdenza ed Assistenza per gli REGOLAMENTO GENERALE PREVIDENZA 2012 Cassa Nazionale di Previdenza ed Assistenza per gli REGOLAMENTO GENERALE PREVIDENZA 2012 1 Art. 4 Art. 5 Art. 7 Contributo soggettivo c.2 Contributo facoltativo c.4 Contributo figurativo Contributo integrativo

Dettagli

OBBLIGO DI ISCRIZIONE FACOLTA DI ISCRIZIONE

OBBLIGO DI ISCRIZIONE FACOLTA DI ISCRIZIONE LE FINALITÀ DI PREVIDENZA OBBLIGATORIA PREVIDENZA COMPLEMENTARE Collegio Provinciale IPASVI di Gorizia L ENTE NAZIONALE DI PREVIDENZA E ASSISTENZA DELLA PROFESSIONE INFERMIERISTICA ISTITUITA IL 24/3/1998

Dettagli

VADEMECUM SULLE PENSIONI

VADEMECUM SULLE PENSIONI VADEMECUM SULLE PENSIONI Si è cercato, con questo vademecum, di fornire alcune fondamentali informazioni ai lavoratori in merito alla materia pensionistica. Ovviamente non si sono potute affrontare tecnicamente

Dettagli

ALLEGATO 1 IPOST PARTE C

ALLEGATO 1 IPOST PARTE C ALLEGATO 1 PARTE C Dati previdenziali IPOST I dati previdenziali devono essere certificati dalla Società Poste Italiane S.p.A., dalle società ad essa collegate e dall IPOST per il personale iscritto al

Dettagli

Disposizioni in materia di contribuzione figurativa

Disposizioni in materia di contribuzione figurativa DLgs 16 settembre 1996, n. 564 (nel testo modificato dal Decreto Legislativo 29 giugno 1998, n. 278). Attuazione della delega conferita dall art. 1, comma 39, della legge 8 agosto 1995, n. 335, in materia

Dettagli

Università degli Studi di Parma

Università degli Studi di Parma Università degli Studi di Parma -Settore Previdenza- Guida al sistema previdenziale del personale docente e tecnico-amministrativo Redazione a cura del personale del Settore Previdenza (aggiornata al novembre

Dettagli

PENSIONI PERIODI UTILI ALLA PENSIONE LA CONTRIBUZIONE OBBLIGATORIA

PENSIONI PERIODI UTILI ALLA PENSIONE LA CONTRIBUZIONE OBBLIGATORIA PENSIONI PERIODI UTILI ALLA PENSIONE I periodi utili alla pensione sono quelli durante i quali sono stati versati i contributi obbligatori a cui si aggiungono altri tipi di contribuzione che possono essere

Dettagli

I VERSAMENTI VOLONTARI

I VERSAMENTI VOLONTARI I VERSAMENTI VOLONTARI Le Guide Inps Direttore Annalisa Guidotti Capo Redattore Iride di Palma Testi Daniela Cerrocchi Fulvio Maiella Antonio Silvestri Progetto grafico Peliti Associati Impaginazione Aldo

Dettagli

CIRCOLARE L.114 ISTRUZIONI OPERATIVE DELLA NUOVA NASPI.

CIRCOLARE L.114 ISTRUZIONI OPERATIVE DELLA NUOVA NASPI. CIRCOLARE L.114 ISTRUZIONI OPERATIVE DELLA NUOVA NASPI. Con la Circolare 94/2015, pubblicata lo scorso 12 Maggio 2015, l INPS, dopo una lunga attesa ha reso note le istruzioni definitive per la presentazione

Dettagli

LA PENSIONE LA PENSIONE. INPDAP informa

LA PENSIONE LA PENSIONE. INPDAP informa LA PENSIONE INPDAP informa LA PENSIONE Pensione ordinaria di vecchiaia Pensione ordinaria di anzianità Cumulo tra prestazione pensionistica diretta e redditi da lavoro Pensione di inabilità Altre tipologie

Dettagli

Come avviene ogni anno, l Inps ha adeguato

Come avviene ogni anno, l Inps ha adeguato Previdenza LE Pensioni Gli ultimi aggiornamenti sugli aspetti di maggiore interesse della normativa previdenziale Inps Daniela Fiorino Come avviene ogni anno, l Inps ha adeguato il tetto di retribuzione

Dettagli

SENZA DOMANDA DELL INTERESSATO (D UFFICIO)

SENZA DOMANDA DELL INTERESSATO (D UFFICIO) SENZA DOMANDA DELL INTERESSATO (D UFFICIO) 1. Tutti i periodi di servizio pre-ruolo prestati fino al 31/12/1995 con ritenuta in conto entrate del tesoro e dal 01/01/1996 con ritenuta C.T.P.S.; Nota: Dal

Dettagli

Vademecum sulle pensioni

Vademecum sulle pensioni Vademecum sulle pensioni Dalla riforma Amato a quella Berlusconi A cura dei Cobas Comitati di base della scuola Sede Nazionale: V.le Manzoni 55, 00185 Roma tel.: 0670452452; fax: 0677206060. e-mail: mail@cobas-scuola.org

Dettagli

BREVE VADEMECUM IN MATERIA DI - PREVIDENZA FORENSE -

BREVE VADEMECUM IN MATERIA DI - PREVIDENZA FORENSE - BREVE VADEMECUM IN MATERIA DI - PREVIDENZA FORENSE - Premessa La Previdenza Forense è materia complessa, che riguarda tutti gli Avvocati. Oggi è argomento di dibattito, spesso anche acceso, date le novità

Dettagli

Pensione di inabilità assoluta e permanente ENPAM - INPS( ex-inpdap)

Pensione di inabilità assoluta e permanente ENPAM - INPS( ex-inpdap) Pensione di inabilità assoluta e permanente ENPAM - INPS( ex-inpdap) ENPAM La pensione di inabilità assoluta e permanente è una prestazione economica che viene erogata da ENPAM ai medici e odontoiatri

Dettagli

Riscatto anni di studio e servizio militare. ENPAM-INPS( Ex-INPDAP)

Riscatto anni di studio e servizio militare. ENPAM-INPS( Ex-INPDAP) Riscatto anni di studio e servizio militare ENPAM-INPS( Ex-INPDAP) ENPAM Riscatto di Laurea, Specializzazione, Servizio militare o civile Requisiti generali Età inferiore a quella di pensionamento di vecchiaia

Dettagli

ASSICURAZIONE SOCIALE PER L IMPIEGO (ASPI)

ASSICURAZIONE SOCIALE PER L IMPIEGO (ASPI) ASSICURAZIONE SOCIALE PER L IMPIEGO (ASPI) L Assicurazione Sociale per l Impiego (ASPI) costituisce il nuovo trattamento contro la disoccupazione ed entrerà in vigore il 1 gennaio 2013, sostituendo quindi:

Dettagli

Le parole della previdenza.

Le parole della previdenza. Le parole della previdenza. Aliquota contributiva percentuale della retribuzione imponibile utilizzata per determinare l importo della contribuzione previdenziale dovuta in parte dal datore di lavoro e

Dettagli

I VERSAMENTI VOLONTARI

I VERSAMENTI VOLONTARI I VERSAMENTI VOLONTARI I VERSAMENTI VOLONTARI PER I LAVORATORI DIPENDENTI COSA SONO I versamenti volontari hanno lo scopo di consentire ai lavoratori che hanno cessato l'attività di aumentare il numero

Dettagli

ASPETTATIVE/CONGEDI/ASSENZECHE RIDUCONO IL TRATTAMENTO ECONOMICO

ASPETTATIVE/CONGEDI/ASSENZECHE RIDUCONO IL TRATTAMENTO ECONOMICO ASPETTATIVE/CONGEDI/ASSENZECHE RIDUCONO IL TRATTAMENTO ECONOMICO CONGEDO PER MATERNITA - D. LGS. N. 151/2001 Congedo parentale (ex astensione facoltativa) senza retribuzione ----------------------- non

Dettagli

PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA.

PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA. PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA. LA PENSIONE DI VECCHIAIA è il trattamento pensionistico corrisposto dall Istituto previdenziale al raggiungimento di una determinata età

Dettagli

LEGGE 5 MARZO 1990, n. 45

LEGGE 5 MARZO 1990, n. 45 LEGGE 5 MARZO 1990, n. 45 Norme per la ricongiunzione dei periodi assicurativi ai fini previdenziali per i liberi professionisti Art. 1 - Facoltà di ricongiunzione 1.1 - Al lavoratore dipendente, pubblico

Dettagli

Capo I - Collegamento delle pensioni alla dinamica delle retribuzioni

Capo I - Collegamento delle pensioni alla dinamica delle retribuzioni Legge 29 aprile 1976 n. 177 Collegamento delle pensioni del settore pubblico alla dinamica delle retribuzioni. Miglioramento del trattamento di quiescenza del personale statale e degli iscritti alle casse

Dettagli

Riscatto anni di studio e servizio militare. ENPAM-INPS( Ex-INPDAP)

Riscatto anni di studio e servizio militare. ENPAM-INPS( Ex-INPDAP) Riscatto anni di studio e servizio militare ENPAM-INPS( Ex-INPDAP) ENPAM Riscatto di Laurea, Specializzazione, Servizio militare o civile Fondo di Previdenza Generale Requisiti Età inferiore a quella di

Dettagli

Totalizzazione-Ricongiunzione Totalizzazione retributiva

Totalizzazione-Ricongiunzione Totalizzazione retributiva Totalizzazione-Ricongiunzione Totalizzazione retributiva INPS- ex INPDAP ENPAM Vantaggi e svantaggi di una scelta difficile L attività lavorativa dei medici e degli odontoiatri dà luogo a rapporti giuridici

Dettagli

DIREZIONE PRESTAZIONI

DIREZIONE PRESTAZIONI DIREZIONE PRESTAZIONI Regolamento di disciplina del Regime Previdenziale (Deliberazione dell AdD del 27-28/11/2003) (D.I. 14 luglio 2004) La svolta del sistema previdenziale: come cambiano le prestazioni

Dettagli

PREVIDENZA DELLA FONDAZIONE ENPAM. Marzo 2003

PREVIDENZA DELLA FONDAZIONE ENPAM. Marzo 2003 LA PREVIDENZA DELLA FONDAZIONE Marzo 2003 ENPAM LA PREVIDENZA DELLA FONDAZIONE ENPAM A cura della Direzione dei Servizi del Dipartimento della Previdenza Marzo 2003 I INDICE Contributi FONDO DI PREVIDENZA

Dettagli

by Salvatore Martorelli per Previdenza Flash Riscattare la laurea: conviene o non conviene? Salvatore Martorelli

by Salvatore Martorelli per Previdenza Flash Riscattare la laurea: conviene o non conviene? Salvatore Martorelli 1 Riscattare la laurea: conviene o non conviene Riscattare la laurea: conviene o non conviene? Salvatore Martorelli 2 Riscattare la laurea: conviene o non conviene RISCATTARE LA LAUREA:CONVIENE O NON CONVIENE?

Dettagli

SCHEDA TECNICA IL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO NEL PUBBLICO IMPIEGO - TFR

SCHEDA TECNICA IL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO NEL PUBBLICO IMPIEGO - TFR SCHEDA TECNICA IL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO NEL PUBBLICO IMPIEGO - TFR COSA È Il trattamento di fine rapporto (Tfr) è una somma che viene corrisposta al lavoratore dipendente al termine del rapporto

Dettagli

Gli emolumenti del personale della scuola

Gli emolumenti del personale della scuola Gli emolumenti del personale della scuola Di salvatore buonandi La retribuzione complessiva dei dipendenti della scuola è costituita da indennità di varia natura, di cui alcune concorrono con lo stipendio

Dettagli

I CONTRIBUTI DA RISCATTO

I CONTRIBUTI DA RISCATTO I CONTRIBUTI DA RISCATTO COSA SONO I contributi da riscatto coprono alcuni periodi, espressamente previsti dalla legge, per i quali esiste un "vuoto" assicurativo. Il lavoratore versando la somma dovuta

Dettagli

INAS - Istituto Nazionale Assistenza Sociale. Indice

INAS - Istituto Nazionale Assistenza Sociale. Indice La previdenza del settore privato e del settore pubblico INAS - Istituto Nazionale Assistenza Sociale Indice Presentazione Pag. 3 Introduzione 4 La posizione contributiva dei lavoratori dipendenti iscritti

Dettagli

VADEMECUM SULLE PENSIONI PER I VIGILI DEL FUOCO

VADEMECUM SULLE PENSIONI PER I VIGILI DEL FUOCO COORDINAMENTO NAZIONALE VIGILI DEL FUOCO VADEMECUM SULLE PENSIONI PER I VIGILI DEL FUOCO A distanza di dieci anni dalla stesura del primo vademecum sulle pensioni per il personale del Corpo Nazionale dei

Dettagli

Possono esercitare la facoltà prevista e totalizzare i periodi assicurativi, per ottenere un unica pensione, i lavoratori iscritti:

Possono esercitare la facoltà prevista e totalizzare i periodi assicurativi, per ottenere un unica pensione, i lavoratori iscritti: Totalizzazione dei contributi È stata prevista da recenti disposizioni legislative per consentire l acquisizione del diritto ad un unica pensione di vecchiaia, di anzianità o ai superstiti a quei lavoratori

Dettagli

REGOLAMENTO DEL FONDO DEGLI SPECIALISTI AMBULATORIALI

REGOLAMENTO DEL FONDO DEGLI SPECIALISTI AMBULATORIALI REGOLAMENTO DEL FONDO DEGLI SPECIALISTI AMBULATORIALI Testo in vigore Art. 1 Testo emendato Art. 1 Il Fondo di Previdenza a favore degli iscritti aventi rapporto professionale con gli Istituti del Servizio

Dettagli

1. Il meccanismo di adeguamento alla speranza di vita

1. Il meccanismo di adeguamento alla speranza di vita 379 Contributi obbligatori Contributi da riscatto Contributi figurativi Contributi volontari Schema della contribuzione sono imposti dalla legge ai fini del diritto e della misura dei trattamenti pensionistici

Dettagli

I sistemi previdenziali INPDAP ed ENPAM dopo le riforme

I sistemi previdenziali INPDAP ed ENPAM dopo le riforme I sistemi previdenziali INPDAP ed ENPAM dopo le riforme - quando si può andare in pensione - come si calcola la pensione 1 Tutele previdenziali per i medici attività libero professionale attività lavoro

Dettagli

La pensione di anzianità per i lavoratori dipendenti

La pensione di anzianità per i lavoratori dipendenti Istituto Nazionale della Previdenza Sociale Pensioni La pensione di anzianità per i lavoratori dipendenti Aggiornato al Febbraio 2006 La pensione di anzianità si può ottenere prima di aver compiuto l'età

Dettagli

Cumulo contributivo. ( Totalizzazione retributiva)

Cumulo contributivo. ( Totalizzazione retributiva) Cumulo contributivo ( Totalizzazione retributiva) Cumulo contributivo o Totalizzazione retributiva La legge di stabilità 2013 -Legge 24/12/ 2012 n. 228- introduce una nuova istituzione : il cumulo contributivo,

Dettagli

Docenti universitari: Ricalcolo delle pensioni determinate con il solo metodo contributivo.

Docenti universitari: Ricalcolo delle pensioni determinate con il solo metodo contributivo. Docenti universitari: Ricalcolo delle pensioni determinate con il solo metodo contributivo. 1) Generalità I professori universitari, in quanto dipendenti civili dello Stato, sono iscritti alla Cassa per

Dettagli

Circolare INPDAP 1 agosto 2002, n. 30

Circolare INPDAP 1 agosto 2002, n. 30 Circolare INPDAP 1 agosto 2002, n. 30 Trattamento di fine rapporto Sommario: 1. PERSONALE IN REGIME DI TFR 2. DIRITTO AL TFR - Incidenza delle assenze non retribuite sul diritto al TFR - Contratto a part-time

Dettagli

Studio Nicco. Nicco Dott. William - Nicco Dott. Saverio Lomazzo Dott.ssa Elisabetta. Consulenti del Lavoro DESTINATARI

Studio Nicco. Nicco Dott. William - Nicco Dott. Saverio Lomazzo Dott.ssa Elisabetta. Consulenti del Lavoro DESTINATARI Studio Nicco Nicco Dott. William - Nicco Dott. Saverio Lomazzo Dott.ssa Elisabetta Consulenti del Lavoro Carcare, 26.05.2015 A tutti i Clienti Loro sedi Oggetto: NASpI Circolare Inps 94/2015 Il 1 maggio

Dettagli

Manovra Finanziaria 2010:

Manovra Finanziaria 2010: Manovra Finanziaria 2010: Confermati i tagli agli enti locali. Blocco degli stipendi per gli statali. Dal 2015 si alza l età per la pensione. Pensioni Dal 2015 i requisiti di età e la somma tra età e contributi

Dettagli

NOTA OPERATIVA N. 18 DEL 22 DICEMBRE 2009

NOTA OPERATIVA N. 18 DEL 22 DICEMBRE 2009 DIREZIONE CENTRALE ENTRATE Istituto Nazionale di Previdenza per i Dipendenti dell Amministrazione Pubblica UFFICIO I Gestione del rapporto contributivo e contenzioso Roma, 22 dicembre 2009 Ai Alle Agli

Dettagli

REPUBBLICA DI SAN MARINO

REPUBBLICA DI SAN MARINO REPUBBLICA DI SAN MARINO Noi Capitani Reggenti la Serenissima Repubblica di San Marino Visto l articolo 4 della Legge Costituzionale n.185/2005 e l articolo 6 della Legge Qualificata n.186/2005; Promulghiamo

Dettagli

Piacenza, 10 giugno 2015 Alle Cooperative in indirizzo

Piacenza, 10 giugno 2015 Alle Cooperative in indirizzo SERVIZIO SINDACALE Piacenza, 10 giugno 2015 Alle Cooperative in indirizzo Prot. n. 80 Oggetto: Istruzioni Inps su nuova Aspi La circolare Inps sulla nuova Aspi è uscita: è la n. 94 del 12-5-2015. Si tratta

Dettagli

MINIGUIDA PER UNA RAPIDA CONSULTAZIONE ALLA PENSIONE DEL FONDO GENERALE ENPAM. a cura di Marco Perelli Ercolini

MINIGUIDA PER UNA RAPIDA CONSULTAZIONE ALLA PENSIONE DEL FONDO GENERALE ENPAM. a cura di Marco Perelli Ercolini MINIGUIDA PER UNA RAPIDA CONSULTAZIONE ALLA PENSIONE DEL FONDO GENERALE ENPAM a cura di Marco Perelli Ercolini 2005 LA PREVIDENZA DEI MEDICI CON ATTIVITA PROFESSIONALE A RAPPORTO DI LAVORO IN DIPENDENZA

Dettagli

LA PENSIONE DI VECCHIAIA E DI ANZIANITA' PRIMA E DOPO LA RIFORMA FORNERO

LA PENSIONE DI VECCHIAIA E DI ANZIANITA' PRIMA E DOPO LA RIFORMA FORNERO LA PENSIONE DI VECCHIAIA E DI ANZIANITA' PRIMA E DOPO LA RIFORMA FORNERO Negli ultimi anni nel nostro Paese si sono susseguite varie riforme che già soddisfacevano le richieste dell'unione Europea di avere

Dettagli

LA PREVIDENZA DELLA FONDAZIONE E.N.P.A.M. Vademecum

LA PREVIDENZA DELLA FONDAZIONE E.N.P.A.M. Vademecum LA PREVIDENZA DELLA FONDAZIONE E.N.P.A.M. Vademecum Gennaio 2014 1 FONDO DI PREVIDENZA GENERALE Contributi Obbligatorietà della contribuzione pag. 4 Contributi fissi Quota A pag. 5 Contributi di riscatto

Dettagli

GUIDA FISAC. PrevidenzaGenerale CGIL FISAC

GUIDA FISAC. PrevidenzaGenerale CGIL FISAC GUIDA FISAC PrevidenzaGenerale 2014 CGIL FISAC FISAC CGIL - Dipartimento Comunicazione - www.fisac-cgil.it - Guida alla Previdenza 2014 Guida alla Previdenza Generale 2014 A cura di Giampiero Reccagni

Dettagli

L INDENNITÀ ORDINARIA DI DISOCCUPAZIONE CON I REQUISITI NORMALI

L INDENNITÀ ORDINARIA DI DISOCCUPAZIONE CON I REQUISITI NORMALI L INDENNITÀ ORDINARIA DI DISOCCUPAZIONE CON I REQUISITI NORMALI Che cos è È una prestazione a sostegno del reddito concessa a quei lavoratori che vengono a trovarsi senza lavoro, quindi senza retribuzione,

Dettagli

Il Trattamento di Fine Rapporto

Il Trattamento di Fine Rapporto Il Trattamento di Fine Rapporto Principi generali La Tassazione 1 Nozione di T.f.r. Riferimenti normativi Soggetti beneficiari Base imponibile Retribuzione Utile Periodi Utili Accantonamento Rivalutazione

Dettagli

Gli aumenti provvisori per il costo della vita da applicare alle pensioni dall 1/1/2007 vengono, quindi, determinati come segue:

Gli aumenti provvisori per il costo della vita da applicare alle pensioni dall 1/1/2007 vengono, quindi, determinati come segue: Le pensioni nel 2007 Gli aspetti di maggiore interesse della normativa previdenziale Inps, con particolare riferimento al fondo pensioni lavoratori dipendenti Tetto di retribuzione pensionabile Il tetto

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI GENOVA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI GENOVA Prot. n VII 8 n 12643 del 16.05.2012 Circolare n 12 del 16.05.2012 Allegati n A A Tutti i Professori e ricercatori Tutto il personale tecnico amministrativo LORO SEDI OGGETTO: Circolare informativa in

Dettagli

LA PREVIDENZA DELLA FONDAZIONE E.N.P.A.M. Vademecum

LA PREVIDENZA DELLA FONDAZIONE E.N.P.A.M. Vademecum LA PREVIDENZA DELLA FONDAZIONE E.N.P.A.M. Vademecum 2015 FONDO DI PREVIDENZA GENERALE Contributi Obbligatorietà della contribuzione pag. 4 Contributi fissi Quota A pag. 5 Contributi di riscatto Quota A

Dettagli

Come si calcolano,nel 2013, le pensioni dei lavoratori iscritti all INPS

Come si calcolano,nel 2013, le pensioni dei lavoratori iscritti all INPS Come si calcolano,nel 2013, le pensioni dei lavoratori iscritti all INPS Salvatore Martorelli 0 Le regole e il sistema di calcolo delle pensioni INPS I vertiginosi cambiamenti nella normativa sulle pensioni

Dettagli