LA DISCIPLINA DELLE PENSIONI E DELLE LIQUIDAZIONI NEL PUBBLICO IMPIEGO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LA DISCIPLINA DELLE PENSIONI E DELLE LIQUIDAZIONI NEL PUBBLICO IMPIEGO"

Transcript

1 Diffondilo tramite intranet ed affiggilo in bacheca NOVEMBRE formato elettronico NUMERO SPECIALE Questo numero è diffuso solo in formato elettronico LA DISCIPLINA DELLE PENSIONI E DELLE LIQUIDAZIONI NEL PUBBLICO IMPIEGO A cura di Dino Pusceddu Funzione Pubblica di Bergano 1

2 Iscrizione all INPDAP I dipendenti dei comparti contrattualizzati del Pubblico impiego hanno l obbligo di iscrizione all INPDAP, la cassa obbligatoria per i dipendenti pubblici. I dipendenti di enti pubblici o aziende municipalizzate o consortili che cambiano natura giuridica possono mantenere l iscrizione all INPDAP solo a seguito della presentazione di una domanda entro 90 giorni dalla trasformazione giuridica. Ritenute previdenziali e assistenziali Le ritenute previdenziali sono, per i dipendenti dello stato, del 8,80% a carico del lavoratore e del 23,80% a carico dell ente e per i dipendenti degli Enti locali, Sanità e Giustizia 8,85% a carico del lavoratore e del 23,80% a carico dell ente e sono operate sulla retribuzione mensile. Contribuzione volontaria E possibile, in caso di cessazione o interruzione del rapporto di lavoro, versare i contributi per i periodi che altrimenti risulterebbero scoperti dalla contribuzione. Come interruzione del servizio, ai fini dell autorizzazione alla prosecuzione volontaria, vanno considerati anche i periodi nei quali il datore di lavoro non è costretto a corrispondere una retribuzione. E possibile essere autorizzati ai versamenti volontari anche nel caso in cui la retribuzione venga ridotta. A titolo semplificativo ma non esaustivo possiamo indicare i casi di aspettativa per motivi di famiglia, le aspettativa per motivi di studio, i periodi di interruzione nei casi di lavori discontinui o stagionali, i periodi scoperti nei lavori a tempo parziale di tipo orizzontale, verticale o ciclico. La facoltà di versare la contribuzione volontaria è concessa qualora l'interessato possa far valere almeno 5 anni di contribuzione nell'intera vita lavorativa ovvero tre anni, nel quinquennio precedente l'istanza o un anno sempre nel quinquennio precedente nell'ipotesi di lavoro stagionale, part-time o temporaneo. Il costo dei versamenti è dato dalla media delle retribuzioni imponibili percepite dal richiedente negli ultimi dodici mesi di contribuzione effettiva antecedenti l interruzione della contribuzione. La percentuale da versare è del 32,35%, oltre eventualmente quella aggiuntiva dell'1% a carico del dipendente quando la retribuzione eccede il tetto pensionabile. La domanda va presentata all INPDAP (anche tramite il patronato INCA) con la certificazione attestante il servizio prestato e le retribuzioni contributive annue percepite (modello 98.2) che l'ente datore di lavoro è tenuto a rilasciare anche a richiesta dell'interessato. 2

3 CONTRIBUZIONE FIGURATIVA E CONTRIBUZIONE NEI PERIODI DI ASSENZA DAL LAVORO I contributi figurativi coprono i periodi in cui non si è lavorato e si è stati in assenza di contribuzione. Tali periodi sono utili sia per il conseguimento del diritto a pensione sia per il calcolo della pensione medesima. Per gli assunti successivamente al 1 gennaio 1993 i contributi figurativi non devono superare il limite massimo di cinque anni. Maternità I periodi di astensione obbligatoria e facoltativa, anche in assenza di retribuzione, sono coperti dalla contribuzione figurativa. Il diritto è stato esteso, per talune situazioni, anche al padre lavoratore. Qualora non sia già stato indicato dall Ente in sede di denuncia annuale dei contributi, per l accredito è sufficiente la semplice domanda all'ente datore di lavoro. I periodi di astensione dal lavoro per maternità sono coperti dai contributi sia nei casi in cui manchi la corresponsione della retribuzione, sia per la parte differenziale qualora spetti una retribuzione ridotta. Quindi, in caso di maternità, i contributi sono comunque riconosciuti in pieno. Anche in caso di maternità al di fuori del rapporto di lavoro è possibile avere l accredito dei contributi a seguito di una richiesta da parte del lavoratore, se questo può far valere almeno cinque anni di contribuzione. Se l'astensione obbligatoria inizia durante il rapporto di lavoro a termine e prosegue anche dopo la sua cessazione, tutta l'astensione obbligatoria è considerata in costanza di rapporto di lavoro. Permessi o periodi di congedo per l assistenza di portatori di handicap I lavoratori che usufruiscano di un congedo retribuito (massimo due anni) o dei permessi giornalieri per i portatori di handicap (tre giorni mensili) hanno diritto alla copertura della contribuzione figurativa per i periodi usufruiti. Malattia I periodi di malattia sono riconosciuti integralmente ai fini pensionistici, anche quanto le retribuzioni vengono ridotte. Disoccupazione I periodi di disoccupazione indennizzata sono coperti da contribuzione figurativa. Periodi di volontariato o di mandato amministrativo e sindacale I periodi di servizio civile, di mandato parlamentare, elezione a cariche presso Enti autonomi territoriali e per motivi sindacali sono coperti da contribuzione figurativa. 3

4 Il servizio militare Il servizio militare di leva è riconosciuto ai fini del diritto al raggiungimento dell età pensionabile, per i periodi effettivamente effettuati, a seguito di una domanda all ente previdenziale. Sono riconosciuti anche i periodi come obiettore di coscienza. RISCATTI E possibile riscattare ai fini pensionistici periodi scoperti da copertura contributiva, anche solo per la determinazione del futuro importo della pensione. La domanda di riscatto deve essere presentata dall iscritto, o dai suoi superstiti, e può riguardare tutto il periodo riscattabile o solo una parte di esso; sarà il lavoratore a valutare la convenienza ai fini del conseguimento del trattamento pensionistico. Possono essere riscattati anzitutto i periodi di studio e formazione. Tra questi: - GLI STUDI UNIVERSITARI Sono riscattabili i seguenti corsi universitari: - il diploma universitario o laurea breve, conseguibile con un corso non inferiore a 2 anni e non superiore a 3; - il diploma di laurea, che si consegue dopo un corso di studi di durata compresa tra 4 e 6 anni; - il diploma di specializzazione, che si consegue successivamente alla laurea ed al termine di un corso di durata non inferiore a 2 anni; - il dottorato di ricerca. E possibile riscattare anche i diplomi di laurea conseguiti all estero la cui validità è riconosciuta in Italia. Per poter ottenere il riscatto è necessario: - aver conseguito il titolo di studio; - che i periodi che ne sono oggetto non siano già coperti da altra contribuzione I periodi sono riscattabili limitatamente al periodo di durata legale stabilita per il conseguimento del titolo e a condizione che si sia conseguito lo stesso. Sono ammessi a riscatto anche i servizi resi in qualità di assistente volontario nelle università, per l intera durata del periodo di servizio prestato. - DIPLOMI SUCCESSIVI AGLI STUDI SUPERIODI I periodi di frequenza dei corsi di formazione riconosciuti dallo Stato, dalle Regioni o dalle province autonome di Trento e di Bolzano, sono riscattabili. 4

5 I corsi in esame, per poter essere riscattati, devono avere una durata minima di un anno e devono richiedere come pre-requisito il titolo di studio di scuola media secondaria. Il titolo conseguito, inoltre, deve essere prescritto per l ammissione al ruolo ricoperto. E riscattabile l intera durata legale del corso, ma è possibile anche il solo riscatto parziale. Tale possibilità di riscatto è consentita soltanto ai lavoratori pubblici, dipendenti degli enti locali e della sanità. Sono altresì riscattabili i periodi di congedo per motivi di studio finalizzati : - AL COMPLETAMENTO SCUOLA DELL OBBLIGO - ALL OTTENIMENTO DEL DIPLOMA DI 2 GRADO - AL CONSEGUIMENTO DELLA LAUREA - ALLA FREQUENZA A CORSI DI SPECIALIZZAZIONE E ALLA PARTECIPAZIONE AD ATTIVITÀ FORMATIVE DIVERSE DA QUELLE POSTE IN ESSERE O FINANZIATE DAL DATORE DI LAVORO. Periodi di lavoro all estero Anche i pubblici dipendenti hanno la possibilità di riscatto dei periodi di lavoro prestati in paesi esteri non convenzionati con l Italia e che altrimenti non sarebbero coperti da contribuzione. Aspettativa per servizio all estero del coniuge I periodi di aspettativa dei dipendenti dello Stato, nel caso in cui il coniuge sia chiamato a prestare servizio all estero, sono possibili oggetto di riscatto. I lavoratori iscritti alle CPDEL (Enti Locali, Regioni, etc.) non possono chiedere il riscatto della suddetta aspettativa, a meno che non abbiano servizi pregressi prestati alle dipendenze dello Stato. Interruzione o sospensione del rapporto di lavoro Sono ammessi a riscatto i periodi di interruzione o sospensione previsti da specifiche disposizioni di legge o contrattuali quali, ad esempio, le aspettative per motivi di famiglia, le sospensioni per motivi disciplinari. Tale periodi sono riscattabili fino ad un massimo di 3 anni nell intera vita lavorativa. In alternativa i lavoratori possono essere autorizzati a pagare i contributi durante i periodi di sospensione o interruzione del rapporto di lavoro. Lavoro a tempo parziale I periodi di interruzione della prestazione, nel caso di part-time di tipo verticale, orizzontale o ciclico, possono essere riscattati. Questa tipologia di riscatto, peraltro, è finalizzata solo all incremento dell importo della pensione, in quanto tali periodi di lavoro sono comunque utili per il conseguimento del diritto a pensione. 5

6 I lavoratori possono essere autorizzati, in alternativa, ad effettuare i versamenti volontari durante lo svolgimento del rapporto di lavoro a tempo parziale. Iscrizione agli albi professionali Sono ammessi a riscatto i periodi di iscrizione ad albi professionali; tale facoltà è ammessa per il solo numero di anni esplicitamente richiesti per l ammissione all albo. IL CALCOLO DELL ONERE DEL RISCATTO Il calcolo dell onere viene effettuato in maniera differente a seconda che ci si trovi nel sistema retributivo o in quello contributivo. IL COSTO DEL RISCATTO NEL SISTEMA RETRIBUTIVO. Per determinare l onere del riscattato è necessario determinare la quota di pensione, essa dovrà esse capitalizzata in relazione all età, al sesso e alla quantità di anni di servizio che l interessato potrà far valere alla data della domanda. I criteri attuariali applicati tengono conto di quanto tempo intercorre tra la domanda e la maturazione del diritto a pensione e per quanto tempo l interessato percepirà la pensione stessa. L ONERE NEL SISTEMA CONTRIBUTIVO Per la determinazione dell onere di riscatto nel sistema contributivo vengono considerati i suddetti elementi: - la retribuzione media dei 12 mesi precedenti la domanda di riscatto; - l aliquota contributiva vigente alla data della domanda; - il numero di anni da riscattare. L onere sarà pari all importo dei contributi che, sulla base della retribuzione media, il lavoratore avrebbe versato se avesse lavorato per il numero di anni oggetto del riscatto. RICONGIUNZIONI La ricongiunzione è il procedimento attraverso il quale vengono trasferiti contributi tra diverse Casse Previdenziali. Ricongiunzione contributi versati all'inps (art. 2 Legge 29/1979) Possono essere ricongiunti all'inpdap i contributi versati all'inps, sia da lavoro dipendente che da lavoro autonomo (coltivatori diretti, gestione artigiani e gestione commercianti). 6

7 La domanda deve essere presentata dall'iscritto prima della cessazione dal servizio (o dagli eredi aventi diritto alla pensione indiretta, entro 90 giorni). Nel caso di contributi versati nelle gestioni dei lavoratori autonomi, l'interessato può chiedere la ricongiunzione a condizione che alla data della domanda sia in possesso di almeno 5 anni di contribuzione da lavoro dipendente. La ricongiunzione non può essere parziale e la domanda può essere presentata una sola volta. Una seconda domanda di ricongiunzione può essere presentata solo in casi particolari. La ricongiunzione può essere gratuita o onerosa, a seconda che l'importo dei contributi da ricongiungere risulti superiore o inferiore all' importo della riserva matematica, calcolata sulla base dello stipendio, dell'età anagrafica e dell'anzianità di servizio alla data della domanda di ricongiunzione. L'eventuale onere di ricongiunzione può essere versato in unica soluzione o in forma rateale senza interessi, in un numero di rate mensili pari al numero di mesi ricongiunti, ed è deducibile fiscalmente. Una volta iniziato il pagamento, non si può rinunciare alla ricongiunzione. Ricongiunzione contributi versati alle Casse dei Liberi Professionisti (Legge 45/1990) Possono essere ricongiunti presso l'inpdap i contributi versati presso le Casse dei Liberi Professionisti, in qualsiasi momento dell'attività lavorativa prima della cessazione dal servizio (o dagli eredi aventi diritto alla pensione indiretta, entro 2 anni). La ricongiunzione non può essere parziale e la domanda può essere presentata una sola volta. Una seconda domanda di ricongiunzione può essere presentata solo in casi particolari. La ricongiunzione può essere gratuita o onerosa, a seconda che l'importo dei contributi da ricongiungere risulti superiore o inferiore all' importo della riserva matematica, calcolata sulla base dello stipendio, dell'età anagrafica e dell'anzianità di servizio alla data della domanda di ricongiunzione. L'eventuale onere di ricongiunzione può essere versato in unica soluzione o in forma rateale, in un numero di rate mensili non superiore alla metà dei mesi ricongiunti, ed è deducibile fiscalmente Viene applicato un interesse annuo composto pari al tasso di variazione medio annuo dell'indice dei prezzi al consumo per le famiglie di operai e impiegati accertato dall'istat con riferimento al periodo di dodici mesi che termina al 31 dicembre dell'anno precedente la data della domanda. Una volta iniziato il pagamento, non si può rinunciare alla ricongiunzione. Ricongiunzione servizi resi allo Stato (art. 113 TU 1092/73) 7

8 Possono essere ricongiunti gratuitamente i servizi prestati alle dipendenze dello Stato o di Enti Pubblici per i quali è stata versata contribuzione alle diverse Casse amministrate dall'inpdap: - Cassa Pensioni Dipendenti Enti Locali - CPDEL - Cassa Pensioni Sanitari - CPS - Cassa Pensioni Insegnanti Asilo e Scuole Elementari Parificate - CPIAEP - Cassa Pensioni Ufficiali Giudiziari e Coadiutori CPUGC Computo servizi presso Pubbliche Amministrazioni con contribuzione INPS (art. 12 TU 1092/73) I servizi pre-ruolo prestati alle dipendenze dello Stato o di Enti Pubblici, per i quali sono stati versati contributi all'inps possono essere computati gratuitamente. La domanda deve essere presentata almeno due anni prima della cessazione dal servizio per limiti di età o, entro 90 giorni negli altri casi. Ricongiunzione presso l'inps (art. 1 Legge 29/1979 come modificato dal D.L. 31 maggio 2010, n. 78) Possono essere trasferiti all'inps i contributi versati per i periodi di iscrizione all'inpdap. Tale ricongiunzione può, se richiesta dopo il 1 luglio 2010, essere onerosa e la sua richiesta si può effettuare anche in costanza di servizio, dai lavoratori che abbiano accreditato presso l'inps almeno un contributo settimanale. La ricongiunzione, come detto, può essere gratuita o onerosa, a seconda che l'importo dei contributi da ricongiungere risulti superiore o inferiore all' importo della riserva matematica (art.2, commi dal 3 al 5 del D.Lgs n. 184), calcolata sulla base dello stipendio, dell'età anagrafica e dell'anzianità di servizio alla data della domanda di ricongiunzione. L'eventuale onere di ricongiunzione può essere versato in unica soluzione o in forma rateale senza interessi, in un numero di rate mensili pari al numero di mesi ricongiunti, ed è deducibile fiscalmente. Una volta iniziato il pagamento, non si può rinunciare alla ricongiunzione. La domanda va presentata all'inps e deve riguardare la totalità dei contributi e/o periodi; non sono ammesse ricongiunzioni parziali. La ricongiunzione di ulteriori periodi di contribuzione successivi alla prima domanda può essere richiesta solo all'atto del pensionamento, oppure ancora in servizio se l'interessato può far valere almeno dieci anni di ulteriore contribuzione. Totalizzazione dei periodi assicurativi E possibile inoltre sommare la contribuzione maturata nelle varie gestioni per il raggiungimento del requisito del diritto alla maturazione del trattamento di vecchiaia, 8

9 anzianità o inabilità, ma le quote pensionistiche non si sommano. Ogni gestione calcola la quota a proprio carico con il sistema retributivo. A decorrere dal 1 gennaio 2011 il D.L. 31 maggio 2010, n. 78 ha previsto che ai trattamenti pensionistici derivanti da totalizzazione si applichi la decorrenza della pensione per i lavoratori autonomi (18 mesi). I PERIODI UTILI PER IL RICONOSCIMENTO DEL DIRITTO ALLA PENSIONE I periodi utili per il riconoscimento del diritto alla pensione sono tutti quelli di iscrizione all INPDAP, i periodi di contribuzione figurativa, i periodi riscattati o ricongiunti, le maggiorazioni previste in caso di handicap (cecità, invalidità grave riconosciuta), il servizio militare. Alcuni di questi periodi (servizio militare, servizio civile, maternità al di fuori dai periodi di servizio) sono computabili solo a seguito di una richiesta all INPDAP. Altri sono computati direttamente all atto della domanda di pensionamento. Servizi simultanei I servizi simultanei sono quelli resi contemporaneamente in due o più Enti iscrivibili alla Cassa. Tali servizi non aumentano la durata complessiva del servizio e quindi non possono essere considerati due volte per il raggiungimento del requisito contributivo richiesto, ma sono considerati ai fini del calcolo della pensione. LA PENSIONE DI VECCHIAIA Un lavoratore del Pubblico Impiego raggiunge il requisito, sia esso uomo o donna (così come modificato dall art. 12-sexies del D.L n. 78), al raggiungimento dell età di 65 anni se in possesso di almeno 20 anni di contributi. Per le donne il requisito anagrafico scatterà a partire dal 1 gennaio Solo nel 2011 le donne potranno accedere alla pensione di vecchiaia col requisito anagrafico dei 61 anni di età. Per avere diritto alla pensione di vecchiaia resta confermato il requisito di 15 anni minimi di contribuzione per coloro che avevano maturato tale requisito entro il La pensione viene erogata dopo 12 mesi, il primo giorno del mese successivo a quello di maturazione (es. 65 anni compiuti il 23 marzo 2012 la pensione verrà erogata a partire dal 1 aprile 2013). E necessario cessare di lavorare almeno il giorno precedente alla data di erogazione della pensione. Età inferiori sono previste per i non vedenti e per gli invalidi con percentuale superiore all 80%. LA PENSIONE DI ANZIANITÀ 9

10 Per poter accedere alla pensione di anzianità è necessario possedere almeno 40 anni di contributi senza tenere conto dell età anagrafica oppure raggiungere le quote come da tabella: Lavoratori dipendenti Anno di raggiungimento del requisito Somma tra età anagrafica e anzianità contributiva Età minima per il raggiungimento del requisito La pensione viene erogata dopo 12 mesi, il primo giorno del mese successivo a quello di maturazione (es. 40 anni raggiunti il 18 aprile 2011 la pensione verrà erogata a partire dal 1 maggio 2012). E necessario cessare di lavorare almeno il giorno precedente alla data di erogazione della pensione. Per i lavoratori del Pubblico Impiego la domanda di pensionamento di anzianità non deve essere presentata prima di 12 mesi dalla data indicata per il pensionamento; entro quella data il rapporto di lavoro deve risultare terminato, altrimenti la domanda decade. COME SI CALCOLA LA PENSIONE? ANNI DI CONTRIBUTI AL 31/12/1995 almeno 18 anni meno di 18 anni assunti dal 01/01/96 SISTEMA DI CALCOLO retributivo misto: retributivo fino al 31/12/95 contributivo dal 01/01/96 contributivo Coloro che hanno 15 anni di contributi di cui almeno 5 dal 1996 possono optare per il sistema contributivo. Sistema retributivo Il sistema retributivo lega l importo della pensione alle retribuzioni annue percepite dal lavoratore negli ultimi anni di servizio. Il calcolo avviene sulla base dell età dell interessato, anzianità contributiva, retribuzione lorda pensionabile. La pensione si compone di due quote: 10

11 ultima retribuzione per la quota A (anzianità fino al 1992) media retributiva ultimi 10 anni per quota B (anzianità dal 1993) Le retribuzioni Dall esame delle retribuzioni degli ultimi anni di servizio devono essere ricercate ed individuate due basi pensionabili : la prima da utilizzare per i rendimenti maturati fino al 31 dicembre1992 (quota A di pensione); la seconda da utilizzare per i rendimenti maturati dal 1 gennaio 1993 alla cessazione (quota B di pensione). QUOTA A DI PENSIONE Per i dipendenti dello stato si fa riferimento al trattamento economico spettante alla cessazione dal servizio, considerato per 12 mensilità. Gli elementi da considerare sono quelli risultanti nell ultima busta paga. In particolare lo stipendio tabellare, gli scatti di anzianità (se previsti), gli assegni ad personam, ecc. Altri assegni o indennità non sono considerati salvo diversa disposizione di legge che ne preveda espressamente l inserimento nella base pensionabile. Per questa ragione dal calcolo sono esclusi tutti i componenti della retribuzione definiti accessori, quali gli straordinari, gli incentivi alla produttività ecc. Per i dipendenti degli enti locali si fa riferimento al trattamento economico spettante alla cessazione dal servizio risultante dall ultima busta paga che ha le caratteristiche di fissità e continuità. Fanno parte di tale retribuzione: stipendio tabellare, scatti di anzianità (se previsti), assegni ad personam, tredicesima mensilità; tutte le indennità o assegni fissi corrisposti per l'attività svolta e previsti dal contratto collettivo di comparto. Tutti gli altri componenti della retribuzione che non hanno le caratteristiche sopra richiamate, definiti accessori, quali gli straordinari, gli incentivi alla produttività etc. sono esclusi dal calcolo. QUOTA B DI PENSIONE La seconda base pensionabile è costituita dalla media delle retribuzioni annue a) per 12 mensilità ( Stato) b) per 13 mensilità (EE.LL., sanità) percepite negli ultimi dieci anni precedenti la decorrenza della pensione, e debitamente rivalutate. 11

12 Dal 1 gennaio 1996, la retribuzione imponibile è costituita da tutto ciò che il lavoratore riceve in dipendenza del rapporto di lavoro. Da tale data, pertanto, sono considerati anche gli elementi accessori corrisposti. COEFFICIENTI DI RIVALUTAZIONE Le retribuzioni, oggetto della media, sono attualizzate alla data della decorrenza della pensione, cioè sono incrementate in misura corrispondente alla variazione, tra l'anno solare di riferimento e quello precedente la decorrenza della pensione, dell'indice annuo dei prezzi al consumo per famiglie di operai ed impiegati calcolato dall'istat. Ad esse si applica altresì l aumento di un punto percentuale per ogni anno solare preso in considerazione. I RENDIMENTI Il coefficiente di rendimento rappresenta la percentuale della base pensionabile che determina la pensione nel sistema retributivo. Dall esame degli anni utili a pensione sono ricercati e individuati due rendimenti: il primo relativo agli anni posseduti al 31 dicembre 1992 (da utilizzare per la quota A ); il secondo relativo agli anni posseduti dal 1 gennaio 1993 alla cessazione (da utilizzare per la quota B ). Ogni anno di anzianità contributiva, o per meglio dire ogni mese, determina un aumento percentuale tale da raggiungere: l 80% complessivo della retribuzione con 40 anni di servizio (dipendenti dello Stato) ; il 100% complessivo della retribuzione con 40 anni di servizio (dipendenti Enti locali) fino al 31 dicembre Dal 1 gennaio 1995 gli anni di servizio sono considerati al 2% all anno nei casi in cui i precedenti rendimenti risultassero più elevati del 2%. Alla fine si somma la quota A e la quota B e questa viene divisa per 12 per il dipendenti dello stato e per 13 per i dipendenti degli enti locali in modo da individuare la quota mensile di pensione da erogarsi in 13 mensilità. Sistema contributivo E il calcolo della pensione basato sull importo dei contributi accantonati durante tutta la vita lavorativa (montante contributivo) e restituiti all interessato sotto forma di pensione, mediante l utilizzo di un coefficiente detto di trasformazione legato all età che ha il lavoratore alla data del pensionamento. 12

13 Si applica a coloro che sono privi di anzianità contributiva al 31 dicembre 1995 o che optino per tale sistema, avendo meno di 18 anni di contributi entro l anno 1995 e almeno 15, di cui almeno cinque riferiti a periodi successivi all anno Sistema misto Il sistema misto risulta dall'applicazione congiunta del criterio retributivo e di quello contributivo. Si applica a coloro che al 31 dicembre 1995 hanno maturato un'anzianità contributiva inferiore a 18 anni. La pensione è composta da due parti: - la prima determinata secondo il sistema retributivo e relativa al periodo di servizio maturato al 31 dicembre 1995; - la seconda determinata con il sistema contributivo, relativamente alle anzianità maturate dal 1 gennaio 1996 in poi. I requisiti d accesso alle pensioni di vecchiaia e d anzianità sono i medesimi previsti nel sistema retributivo. LA PENSIONE PRIVILEGIATA La pensione privilegiata spetta al dipendente pubblico se dalla infermità o dalla lesione contratta per fatti di servizio deriva l'inabilità assoluta o permanente. Tale pensione, pertanto, è assolutamente svincolata da ogni requisito minimo di durata del servizio stesso: anche un solo giorno di servizio dà diritto alla pensione privilegiata se si verifica la condizione richiesta. Per aver diritto alla pensione privilegiata è necessario: essere inabile assoluto o alla mansione e cessare dall'impiego; che tale inabilità si sia prodotta senza colpa dell'interessato e sia dovuta a causa o cancausa di servizio. La domanda, in carta semplice, va presentata all'inpdap; per i dipendenti dello Stato è consigliabile presentare la domanda anche al Ministero di appartenenza. La domanda deve contenere tutti i riferimenti relativi alle infermità o lesioni per i quali il trattamento privilegiato è richiesto, ai fatti di servizio che le hanno determinate e la documentazione sanitaria necessaria. La domanda va presentata entro 5 anni (o 10 anni in caso di parkinsonismo) dalla cessazione dal servizio. Successivamente alla presentazione della domanda la sede INPDAP competente chiede alla Prefettura competente di avviare la speciale istruttoria per l accertamento del diritto. La Prefettura consegna la documentazione redatta dalla commissione medica militare e la documentazione sanitaria all INPDAP che è competente all esame della domanda 13

14 (tramite il proprio comitato tecnico per le commissioni di privilegio) e alla liquidazione della pensione di privilegio. La pensione privilegiata non è cumulabile con la rendita Inail, tuttavia, i titolari possono fruire di assegni accessori. LA CAUSA DI SERVIZIO La causa di servizio è il riconoscimento di un danno fisico o di una malattia contratta dovuta alle condizioni di lavoro. La concausa esiste quando una predisposizione all'infermità degenera per cause "preponderanti" da addebitarsi alle condizioni di lavoro. La domanda deve essere presentata all'ente di appartenenza dall'interessato o dai superstiti entro sei mesi dalla data in cui si è verificato l'evento dannoso o da quella in cui l'interessato ha avuto conoscenza dell'infermità. Il lavoratore cui sia stata riconosciuta la dipendenza da causa di servizio di lesioni o infermità ed equo indennizzo, ha diritto: alla retribuzione integrale per tutti i periodi di aspettativa fruiti a causa delle infermità riconosciute; al rimborso delle spese di cura; all'abbreviazione dello scatto di anzianità ove previsto di due anni per le infermità ascrivibili dalla prima alla sesta categoria, di un anno per quelle ascrivibili alla settimana ed ottava categoria. L EQUO INDENNIZZO Il dipendente che subisce una menomazione permanente a causa di una infermità contratta per causa di servizio ha diritto ad un equo indennizzo. La domanda di concessione dell'equo indennizzo deve essere presentata all'amministrazione di appartenenza contestualmente alla domanda di riconoscimento della dipendenza da causa di servizio. La stessa può essere presentata anche dagli eredi. In caso di aggravamento dell'infermità è prevista la possibilità di revisione dell'equo indennizzo. Poiché tale revisione può essere richiesta per una sola volta, ed entro 5 anni dal decreto di concessione, è opportuno, in caso di malattia tendente all'aggravamento, utilizzare tale possibilità verso la fine del quinquennio. Il termine di 5 anni dalla data della notifica del provvedimento di concessione dell'equo indennizzo (per la richiesta di revisione) deve essere tassativamente rispettato per non perdere i relativi diritti. LA PENSIONE DI INABILITÀ 14

15 I pubblici dipendenti possono fare domanda di pensione in presenza di un inabilità assoluta e permanente a qualsiasi attività lavorativa non derivante da cause di servizio. La domanda di pensione deve essere presentata dall interessato, sia in costanza di rapporto di lavoro, che dopo il collocamento a riposo, (per tramite di un apposito schema predisposto dall INPDAP) all amministrazione presso la quale il dipendente presta o ha prestato servizio, purché in presenza di almeno 5 anni di contributi di cui 3 negli ultimi cinque. Se dal verbale della Commissione medica risulta lo stato di inabilità assoluta e permanente a qualsiasi attività lavorativa, l amministrazione di appartenenza provvede alla risoluzione del rapporto di lavoro e la sede provinciale dell Inpdap alla liquidazione della pensione. Se dagli accertamenti sanitari scaturisce, invece, un giudizio di inabilità al solo svolgimento delle mansioni proprie del profilo professionale ricoperto, non si dà luogo ad ulteriori accertamenti, e l ente datore di lavoro attiva le procedure contrattuali finalizzate alla collocazione del dipendente in altra mansione qualora esista il posto disponibile in organico. Se non viene trovata un altra mansione idonea, il lavoratore viene dispensato dal servizio o collocato a riposo. La relativa pensione viene erogata solo se sussistono determinati requisiti contributivi. I dipendenti degli enti locali devono contare su contributi almeno pari a 19 anni, 11 mesi e 16 giorni di contribuzione. I dipendenti delle amministrazioni statali devono contare su contributi almeno pari a 14 anni, 11 mesi e 16 giorni. In entrambi i casi si prescinde dall età anagrafica. LA LIQUIDAZIONE Il lavoratore subordinato ha diritto, all'atto della cessazione dal servizio, ad un trattamento di fine servizio/rapporto. Nel settore pubblico, dal 1 gennaio 2011, chi è collocato a riposo vedrà calcolata la propria indennità, per i periodi maturati successivamente a quella data, con il sistema di calcolo del TFR. Per i periodi precedenti la liquidazione è calcolata secondo le regole precedenti. I trattamenti di fine servizio si differenziano dal TFR sia per le modalità di calcolo della prestazione (calcolo sull ultima retribuzione), sia per il suo finanziamento che è caratterizzato anche da una contribuzione del lavoratore alla quale si aggiunge quella dell amministrazione statale o dell ente locale. Il trattamento di fine rapporto, invece, è costituito da accantonamenti annuali di quote della retribuzione percepita dal lavoratore, rivalutati annualmente secondo la disciplina prevista dall art del cod. civ. ed erogati in forma di capitale al momento della cessazione dal servizio. 15

16 Prestazione Calcolo Contribuzione Contribuzione lavoratore datore di lavoro INPDAP (Stato) Indennità di buona uscita INPDAP (Enti locali, Asl, ecc.) Indennità premio di fine servizio INPDAP TFR 1/12 dell ultima 2,50% 7,10% retribuzione + 48% IIS per anni utili 1/15 dell 80% 2,50% 3,60% ultima retribuzione annua compresa IIS Somma degli 6,91% accantonamenti annui, pari al 6,91% della retribuzione annua utile rivalutata annualmente ad un tasso costituito dall 1,5% + 75% dell indice Istat dei prezzi al consumo IL TRATTAMENTO DI FINE SERVIZIO I dipendenti degli enti locali e del servizio sanitario nazionale assunti con contratto a tempo indeterminato hanno diritto, all atto del collocamento a riposo, alla indennità premio di fine servizio. Hanno diritto alla liquidazione dell indennità premio di fine servizio i lavoratori che abbiano risolto, per qualsiasi causa, il loro rapporto di lavoro e quello previdenziale (non ha diritto alla prestazione il dipendente che, cessato dal servizio presso un Ente la cui cassa previdenziale sia l INPDAP, venga immediatamente riassunto, senza soluzione di continuità, presso un altro Ente pubblico con la stessa cassa); Le amministrazioni datrici di lavoro sono tenute a versare all INPDAP un contributo pari al 6,10% degli emolumenti utili al calcolo della prestazione, di cui il 3,60 % a loro carico e il restante 2,5% a carico del lavoratore. La prestazione è pari ad 1/15 dell 80% della retribuzione soggetta a contribuzione degli ultimi 12 mesi comprensiva della tredicesima per ogni anno di servizio maturato, considerando anno intero la frazione di anno superiore a sei mesi. 16

17 L indennità premio di fine servizio è una prestazione liquidata d ufficio, quindi non occorre domanda degli interessati. Viene erogata per intero nel caso in cui l indennità sia inferiore ai novantamila euro. La normativa vigente in materia di indennità premio servizio non consente di corrispondere per alcun motivo anticipazioni sulla prestazione. L INDENNITÀ DI BUONA USCITA I dipendenti statali assunti con contratto a tempo indeterminato hanno diritto all atto del collocamento a riposo all indennità di buonuscita. Hanno diritto alla liquidazione dell indennità di buonuscita i lavoratori che abbiano risolto, per qualsiasi causa, il loro rapporto di lavoro e quello previdenziale (non ha diritto alla prestazione il dipendente che, cessato dal servizio presso un Ente la cui cassa previdenziale sia l INPDAP, venga immediatamente riassunto, senza soluzione di continuità, presso un altro Ente pubblico con la stessa cassa); Durante il periodo di lavoro le amministrazioni datrici di lavoro sono tenute a versare all INPDAP un contributo pari al 9,60% degli emolumenti utili al calcolo della prestazione, di cui il 7,10 % a loro carico e il restante 2,50% a carico del lavoratore. L indennità di buonuscita è pari a tanti dodicesimi dell 80% della retribuzione annua lorda percepita al momento del collocamento a riposo, comprensiva della tredicesima mensilità, per ogni anno di servizio maturato, considerando anno intero la frazione di anno superiore a sei mesi. Gli iscritti, inoltre, hanno la facoltà di chiedere, agli effetti della liquidazione della buonuscita, la valutazione dei servizi statali civili e militari prestati, valutabili, riscattabili o comunque riconoscibili ai fini del trattamento di pensione a carico dello Stato, non coperti dal contributo previdenziale obbligatorio. IL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO I dipendenti pubblici, assunti a tempo indeterminato dopo il 31 dicembre 2000 e quelli assunti con contratto a tempo determinato dal 30 maggio 2000 hanno diritto al TFR, istituto disciplinato dall art del codice civile. Inoltre anche ai dipendenti assunti prima delle date sopra indicate, dal 1 gennaio 2011 verrà applicato il calcolo della liquidazione secondo le regole del TFR (è escluso il personale militare, i docenti e ricercatori universitari, ecc.). Il diritto al TFR sorge alla risoluzione di un contratto di lavoro della durata minima di 15 giorni continuativi nell arco di un mese. 17

18 Il trattamento di fine rapporto è costituito da accantonamenti annuali di quote della retribuzione percepita dal lavoratore: per ciascun anno di servizio si accantona una quota pari al 6,91% della retribuzione annua utile ai fini del trattamento di fine rapporto. L accantonamento è realizzato per ogni anno di servizio o frazione di anno. In quest ultimo caso la quota è proporzionalmente ridotta, computandosi, come mese intero, la frazione di mese uguale o superiore ai 15 giorni. Le quote accantonate, come sopra determinate, con esclusione della quota maturata nell anno, sono rivalutate al 31 dicembre di ogni anno attraverso l applicazione di un tasso costituito dall 1,5% e dal 75% dell aumento dell indice dei prezzi al consumo per le famiglie di operai e impiegati accertato dall ISTAT e riferito al dicembre dell anno precedente. La retribuzione utile per il calcolo degli accantonamenti contiene le seguenti voci: l intero stipendio tabellare; la retribuzione individuale di anzianità; gli altri emolumenti con carattere di fissità e continuità della contribuzione. Ulteriori voci retributive potranno essere considerate nella contrattazione di comparto. Il Trattamento di Fine Rapporto è erogato d ufficio ed è sufficiente sottoscrivere la dichiarazione riportata nel quadro G del nuovo modello TFR/1 che viene compilato a cura dell ente o amministrazione di appartenenza 18

Come si calcolano,nel 2013, le pensioni dei lavoratori iscritti all INPS

Come si calcolano,nel 2013, le pensioni dei lavoratori iscritti all INPS Come si calcolano,nel 2013, le pensioni dei lavoratori iscritti all INPS Salvatore Martorelli 0 Le regole e il sistema di calcolo delle pensioni INPS I vertiginosi cambiamenti nella normativa sulle pensioni

Dettagli

Riscatto anni di studio e servizio militare. ENPAM-INPS( Ex-INPDAP)

Riscatto anni di studio e servizio militare. ENPAM-INPS( Ex-INPDAP) Riscatto anni di studio e servizio militare ENPAM-INPS( Ex-INPDAP) ENPAM Riscatto di Laurea, Specializzazione, Servizio militare o civile Requisiti generali Età inferiore a quella di pensionamento di vecchiaia

Dettagli

I VERSAMENTI VOLONTARI

I VERSAMENTI VOLONTARI I VERSAMENTI VOLONTARI Le Guide Inps Direttore Annalisa Guidotti Capo Redattore Iride di Palma Testi Daniela Cerrocchi Fulvio Maiella Antonio Silvestri Progetto grafico Peliti Associati Impaginazione Aldo

Dettagli

Previdenza e Assistenza nel Pubblico impiego

Previdenza e Assistenza nel Pubblico impiego Previdenza e Assistenza nel Pubblico impiego Le schede di approfondimento della Federazione Confsal-Unsa A cura dell Avv. Pasquale Lattari n. 2 Il sistema previdenziale per i pubblici dipendenti. Le competenze.

Dettagli

PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA.

PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA. PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA. LA PENSIONE DI VECCHIAIA è il trattamento pensionistico corrisposto dall Istituto previdenziale al raggiungimento di una determinata età

Dettagli

CONTRIBUTI FIGURATIVI

CONTRIBUTI FIGURATIVI I CONTRIBUTI COSA SONO: I contributi determinano il diritto e l'importo della pensione. SI SUDDIVIDONO IN: - mensili - settimanali - giornalieri Un anno, composto di 12 mesi, comporterà 12 contributi mensili

Dettagli

IN PENSIONE Come si calcola, quando se ne ha diritto, a quanto ammonta

IN PENSIONE Come si calcola, quando se ne ha diritto, a quanto ammonta a cura di Enzo Mologni e dell Uffi cio Comunicazione CGIL di Bergamo 4 Ottobre 2013 IN PENSIONE Come si calcola, quando se ne ha diritto, a quanto ammonta Presentiamo in questo numero alcune informazioni

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 DICEMBRE 1999

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 DICEMBRE 1999 DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 DICEMBRE 1999 «Trattamento di fine rapporto e istituzione dei fondi pensione dei pubblici dipendenti». (Gazzetta Ufficiale n. 111 del 15 maggio 2000

Dettagli

ASpI, Mini ASpI, Una Tantum per cocopro Tutte le novità sul sostegno al reddito dei lavoratori

ASpI, Mini ASpI, Una Tantum per cocopro Tutte le novità sul sostegno al reddito dei lavoratori ASpI, Mini ASpI, Una Tantum per cocopro Tutte le novità sul sostegno al reddito dei lavoratori Giugno 2014 La legge di riforma del mercato del lavoro approvata il 28 Giugno 2012 (L.92/2012) ha introdotto

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME ART. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le procedure per la trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo pieno a tempo parziale dei dipendenti

Dettagli

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego Il decreto spiega tutte le possibilità e i limiti dell'eventuale cumulo Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego (Dm Funzione pubblica 331 del 29.7.1997) da CittadinoLex del 12/9/2002

Dettagli

DIREZIONE REGIONALE PIEMONTE VALLE D AOSTA. EDIZIONE Novembre 2010 1.0

DIREZIONE REGIONALE PIEMONTE VALLE D AOSTA. EDIZIONE Novembre 2010 1.0 DIREZIONE REGIONALE PIEMONTE VALLE D AOSTA MODELLO PA04 EDIZIONE AGGIORNATA AL TRIENNIO 2010 2012 SEMPLIFICATO PER LE SCUOLE EDIZIONE Novembre 2010 1.0 1 COMPILAZIONE MOD. PA04 SEMPLIFICATO INDICAZIONI

Dettagli

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 MINIMI RETRIBUTIVI FISSATI DALLA COMMISSIONE NAZIONALE DECORRENZA 1 GENNAIO 2014 CONVIVENTI DI CUI ART. 15-2

Dettagli

I Trattamenti di Fine Servizio nel pubblico impiego (TFS-TFR): TEMPI LIQUIDAZIONE

I Trattamenti di Fine Servizio nel pubblico impiego (TFS-TFR): TEMPI LIQUIDAZIONE Giugno 2014 I Trattamenti di Fine Servizio nel pubblico impiego (TFS-TFR): TEMPI LIQUIDAZIONE a cura di G. Marcante Da 24 a 48 mesi di attesa! come è possibile? Premessa L art. 1, commi 484 e 485 della

Dettagli

Regolamento per il riscatto degli anni di laurea ex art. 22 Regolamento dell Ente

Regolamento per il riscatto degli anni di laurea ex art. 22 Regolamento dell Ente E.P.A.P. Ente di Previdenza ed Assistenza Pluricategoriale Via Vicenza, 7-00185 Roma Tel: 06 69.64.51 - Fax: 06 69.64.555 E-mail: info@epap.it - Sito web: www.epap.it Codice fiscale: 97149120582 Regolamento

Dettagli

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO Patrizia Clementi IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO La legge Biagi 1 ha disciplinato sotto il profilo civilistico le collaborazioni coordinate e continuative, già presenti nel nostro

Dettagli

MATERNITA E CONGEDI PARENTALI. Indice

MATERNITA E CONGEDI PARENTALI. Indice MATERNITA E CONGEDI PARENTALI Indice Interdizione.pag. 2 Interruzione della gravidanza.pag. 3 Astensione obbligatoria..pag. 4 Astensione obbligatoria della madre....pag. 4 Astensione obbligatoria del padre....pag.

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. VISTI gli articoli 76, 87, quinto comma, e 117, terzo comma, della Costituzione;

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. VISTI gli articoli 76, 87, quinto comma, e 117, terzo comma, della Costituzione; SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI PER IL RIORDINO DELLA NORMATIVA IN MATERIA DI AMMORTIZZATORI SOCIALI IN CASO DI DISOCCUPAZIONE INVOLONTARIA E DI RICOLLOCAZIONE DEI LAVORATORI DISOCCUPATI,

Dettagli

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 10/04/2015

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 10/04/2015 Direzione Centrale Pensioni Roma, 10/04/2015 Circolare n. 74 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore

Dettagli

CAPO I Aspettative, congedi, ferie

CAPO I Aspettative, congedi, ferie CAPO I Aspettative, congedi, ferie ART. 1 ASPETTATIVA PER DOTTORATO DI RICERCA O BORSA DI STUDIO 1) ASPETTATIVA SENZA ASSEGNI I dipendenti con rapporto a tempo indeterminato ammessi ai corsi di dottorato

Dettagli

Quando il tempo non è galantuomo. A cura di S. Martorelli & P. Zani Corso aggiornamento Agenti sociali FNP CISL Milano Aggiornato al giugno 2014

Quando il tempo non è galantuomo. A cura di S. Martorelli & P. Zani Corso aggiornamento Agenti sociali FNP CISL Milano Aggiornato al giugno 2014 Prescrizione e decadenza in materia di contributi e prestazioni INPS Quando il tempo non è galantuomo. A cura di S. Martorelli & P. Zani Corso aggiornamento Agenti sociali FNP CISL Milano Aggiornato al

Dettagli

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La sezione relativa all esposizione sintetica e analitica dei dati relativi al Tfr, alle indennità equipollenti e alle altre indennità e somme,

Dettagli

Pensione di vecchiaia con 15 anni di contributi: ok dall'inps Ipsoa.it

Pensione di vecchiaia con 15 anni di contributi: ok dall'inps Ipsoa.it Pensione di vecchiaia con 15 anni di contributi: ok dall'inps Ipsoa.it di Aldo Forte Pubblicista Esperto in materia previdenziale L'Inps, con la circolare n. 16/2013, chiarisce che per i soggetti con un'anzianita'

Dettagli

LA PENSIONE DI VECCHIAIA

LA PENSIONE DI VECCHIAIA Le pensioni di vecchiaia e di invalidità specifica per i lavoratori dello spettacolo (Categorie elencate nei numeri da 1 a 14 dell art. 3 del Dlgs CPS n.708/1947) Questa scheda vuole essere un primo contributo

Dettagli

Domanda di congedo straordinario per assistere il coniuge disabile in situazione di gravità

Domanda di congedo straordinario per assistere il coniuge disabile in situazione di gravità Hand 6 - COD.SR64 coniuge disabile in situazione di gravità (art. 42 comma 5 T.U. sulla maternità e paternità - decreto legislativo n. 151/2001, come modificato dalla legge n. 350/2003) Per ottenere i

Dettagli

l inabilità temporanea, l invalidità permanente

l inabilità temporanea, l invalidità permanente Inabilità temporanea e invalidità permanente Quali sono le tutele che intervengono in questi casi? Ecco il primo articolo di approfondimento sul tema degli eventi da esorcizzare Con questo primo articolo

Dettagli

FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR. Le risposte alle domande più frequenti

FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR. Le risposte alle domande più frequenti FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR Le risposte alle domande più frequenti Scelta sulla 1. destinazione del Tfr Linee di investimento 2. dedicate al Tfr 3. Prestazioni Regime fiscale delle 4. prestazioni previdenziali

Dettagli

Manuale Utente. Programma Pensioni S7. Amministrazioni Statali

Manuale Utente. Programma Pensioni S7. Amministrazioni Statali DIREZIONE CENTRALE SISTEMA INFORMATIVO E TELECOMUNICAZIONI DIREZIONE CENTRALE TRATTAMENTI PENSIONISTICI INPDAP PENSIONI S7 Manuale Utente Programma Pensioni S7 Amministrazioni Statali Versione database

Dettagli

Premessa. Sede Centrale Dipartimento Pubblico Impiego. Roma lì, 23 ottobre 2008. Prot. n 186

Premessa. Sede Centrale Dipartimento Pubblico Impiego. Roma lì, 23 ottobre 2008. Prot. n 186 Sede Centrale Dipartimento Pubblico Impiego 00198 Roma - Via Giovanni Paisiello 43 Telefono 06-855631 - Fax 06-85352749 Internet : http: //www.inca.it Roma lì, 23 ottobre 2008 Prot. n 186 Ai Coordinatori

Dettagli

TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa

TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa Le parti, nel ritenere che il rapporto di lavoro a tempo parziale possa essere mezzo idoneo ad agevolare l incontro fra domanda e offerta di lavoro, ne confermano

Dettagli

MODULARE. Chi non prova a crearsi il futuro che desidera deve accontentarsi del futuro che gli capita Draper L. Kaufman.

MODULARE. Chi non prova a crearsi il futuro che desidera deve accontentarsi del futuro che gli capita Draper L. Kaufman. La nuova PENSIONE MODULARE per gli Avvocati Chi non prova a crearsi il futuro che desidera deve accontentarsi del futuro che gli capita Draper L. Kaufman Edizione 2012 1 LA NUOVA PENSIONE MODULARE PER

Dettagli

Le pensioni nel 2004

Le pensioni nel 2004 Le pensioni nel 2004 Con la presente si trasmette il consueto aggiornamento annuale sugli aspetti di maggiore interesse per i nostri associati concernenti la normativa previdenziale INPS, ad eccezione

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Decreto Legislativo 5 dicembre 2005, n. 252 Documento aggiornato 28 maggio 2015 Via Savoia, 82-00198 Roma,

Dettagli

Le pensioni: quali novità?

Le pensioni: quali novità? Le pensioni: quali novità? di Giovanni Muttillo, Francesco Fanari e Laura Aletto Riportiamo di seguito una selezione di informazioni dalla pubblicazione di Domenico Comegna Come cambiano le pensioni guida

Dettagli

GUIDA SUL PART TIME. Requisiti e modalità per inoltrare la domanda

GUIDA SUL PART TIME. Requisiti e modalità per inoltrare la domanda GUIDA SUL PART TIME Il termine per la presentazione della domanda per la richiesta di part time è generalmente fissata al 15 marzo di ogni anno. I docenti interessati devono inoltrare la domanda, per il

Dettagli

L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF

L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF A cura di Adelmo Mattioli Direttore regionale Inca-Cgil Emilia Romagna Silverio Ghetti Segretario regionale Spi-Cgil Romagna L ASSEGNO

Dettagli

OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 1 CARTA DEI SERVIZI

OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 1 CARTA DEI SERVIZI OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 1 CARTA DEI SERVIZI OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 19 OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 2 Prefazione IL CAMMINO DELLA QUALITÀ Inps, come le altre pubbliche Amministrazioni

Dettagli

DIREZIONE CENTRALE Roma, 19-5-2003 ENTRATE Uff. IV Pos. Ass. Agli Enti iscritti alla CPDEL, CPS, CPI (tramite gli Uffici Provinciali INPDAP)

DIREZIONE CENTRALE Roma, 19-5-2003 ENTRATE Uff. IV Pos. Ass. Agli Enti iscritti alla CPDEL, CPS, CPI (tramite gli Uffici Provinciali INPDAP) DIREZIONE CENTRALE Roma, 19-5-2003 ENTRATE Uff. IV Pos. Ass. istituto nazionale di previdenza per i dipendenti dell amministrazione pubblica 1 Agli Enti iscritti alla CPDEL, CPS, CPI (tramite gli Uffici

Dettagli

VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE)

VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE) Normativa VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE) a cura di Libero Tassella da Scuola&Scuola, 8/9/2003 Riferimenti normativi: artt. 7,8 legge 29.12.1988, N. 554; artt. 7,8 Dpcm 17.3.1989,

Dettagli

Le ferie del lavoratore, normativa e giurisprudenza

Le ferie del lavoratore, normativa e giurisprudenza Le ferie del lavoratore, normativa e giurisprudenza di Pietro Gremigni Consulente aziendale in Milano in breve Argomento Il mese di agosto è considerato di solito il periodo classico di utilizzazione delle

Dettagli

I CONTRIBUTI FIGURATIVI

I CONTRIBUTI FIGURATIVI I CONTRIBUTI FIGURATIVI Le Guide Inps Direttore Annalisa Guidotti Capo Redattore Iride di Palma Testi Olindo Daliana Giuseppe Manzi Simone Parola Progetto grafico Peliti Associati Impaginazione Aldo Rizzuti

Dettagli

Circolare n. 1 del 20/01/2015

Circolare n. 1 del 20/01/2015 Circolare n. 1 del 20/01/2015 Inviato da adminweb il 19 Gennaio 2015 SERVIZIO ENTRATE CONTRIBUTIVE Circolare n. 1 del 20/01/2015 e p.c. A TUTTE LE AZIENDE E LE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI ISCRITTE Loro Sedi

Dettagli

La perequazione automatica delle pensioni dal 1 gennaio 2015

La perequazione automatica delle pensioni dal 1 gennaio 2015 La perequazione automatica delle pensioni dal 1 gennaio 2015 All'interno: Importo pensioni base; Bonus di 154,94; Quattordicesima sulle pensioni basse; Integrazione al trattamento minimo e integrazione

Dettagli

La riforma delle pensioni. Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee

La riforma delle pensioni. Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee La riforma delle pensioni Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee Obiettivi Strumenti 2 Obiettivi e strumenti della riforma sostenibilità I REQUISITI DI PENSIONAMENTO SONO LEGATI ALLA LONGEVITA'

Dettagli

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time Decreto Part-time Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time ARTICOLO 1 Definizioni 1.Nel rapporto di lavoro subordinato l assunzione

Dettagli

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna PREVIDENZA COMPLEMENTARE E TFR Guida al Lavoro Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna 14 Confronto di convenienza, anche fiscale,

Dettagli

Gestionedellamaternità ealtriistituti delrapportodilavoro

Gestionedellamaternità ealtriistituti delrapportodilavoro Gestionedellamaternità ealtriistituti delrapportodilavoro RAPPORTO DELLA MALATTIA CON GLI ALTRI ISTITUTI L insorgere dell evento maternità influenza anche le modalità di gestione collegate ad altri istituti

Dettagli

Riscatto degli anni di laurea

Riscatto degli anni di laurea Riscatto degli anni di laurea Riscatto degli anni di laurea scuola Chi è giovane e fresco di laurea, di regola, non vede l ora di mettersi a lavorare e, certamente, per prima cosa non pensa alla pensione.

Dettagli

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO PART-TIME INDICE Art. 1 Finalità Art. 2 Campo di applicazione Art. 3 Contingente che può essere destinato al tempo

Dettagli

LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI)

LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI) LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI) La pensione di reversibilità (introdotta in Italia nel 1939 con il Rdl. n. 636) spetta ai: Superstiti del pensionato per invalidità, vecchiaia o anzianità,

Dettagli

La guida del pensionato

La guida del pensionato La guida del pensionato Vuole sapere in che giorno del mese le viene pagata la pensione? Se ci sono aumenti periodici? Se le viene inviato un avviso di pagamento mensile? Cosa deve fare se ha persone a

Dettagli

REGOLAMENTO AZIENDALE SULLA DISCIPLINA DEI RAPPORTI DI LAVORO A TEMPO PARZIALE (ai sensi dell art. 73 della L. n. 133/2008)

REGOLAMENTO AZIENDALE SULLA DISCIPLINA DEI RAPPORTI DI LAVORO A TEMPO PARZIALE (ai sensi dell art. 73 della L. n. 133/2008) REGOLAMENTO AZIENDALE SULLA DISCIPLINA DEI RAPPORTI DI LAVORO A TEMPO PARZIALE (ai sensi dell art. 73 della L. n. 133/2008) Art. 1 Percentuale generale dei rapporti a tempo parziale 1. Le trasformazioni

Dettagli

La legge Fornero e la tutela dei lavoratori sospesi o cessati dal rapporto di lavoro. Antonino Sgroi Andrea Rossi

La legge Fornero e la tutela dei lavoratori sospesi o cessati dal rapporto di lavoro. Antonino Sgroi Andrea Rossi La legge Fornero e la tutela dei lavoratori sospesi o cessati dal rapporto di lavoro. Antonino Sgroi Andrea Rossi La legge n. 92 del 2012 è intervenuta nella materia previdenziale laddove la stessa appresta

Dettagli

Il Ministro del Lavoro e della Previdenza Sociale

Il Ministro del Lavoro e della Previdenza Sociale Visto l articolo 2120 del codice civile; Visto l articolo 3 della legge 29 maggio 1982, n. 297; Visto il decreto legislativo 5 dicembre 2005, n. 252; Visto l articolo 1, comma 755, della legge 27 dicembre

Dettagli

Congedo parentale Domanda per i lavoratori dipendenti

Congedo parentale Domanda per i lavoratori dipendenti Domanda per i lavoratori dipendenti Per ottenere il congedo parentale, oltre a possedere i requisiti di legge, è necessario compilare il modulo in tutte le sue parti e consegnarlo sia al datore di lavoro

Dettagli

Roma, 12/05/2015. e, per conoscenza, Circolare n. 94

Roma, 12/05/2015. e, per conoscenza, Circolare n. 94 Direzione Centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito Direzione Centrale Entrate Direzione Centrale Pensioni Direzione Centrale Bilanci e Servizi Fiscali Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici

Dettagli

Speciale rinnovo 2014 pensioni erogate dall'inps

Speciale rinnovo 2014 pensioni erogate dall'inps Numero 75 Gennaio 2014 Testi a cura di Salvatore Martorelli e Paolo Zani Speciale rinnovo 2014 pensioni erogate dall'inps L'INPS ha pubblicato, con propria circolare n^7 del 17/01/2014, le tabelle per

Dettagli

Differenze tra il trattamento di mobilità in deroga annualità 2012 e annualità 2013

Differenze tra il trattamento di mobilità in deroga annualità 2012 e annualità 2013 Vademecum per la gestione del trattamento di mobilità in deroga Annualità 2013 Istruzioni per la compilazione della domanda di mobilità in deroga e informazioni generali sul trattamento. Differenze tra

Dettagli

GUIDA AI CONGEDI PARENTALI

GUIDA AI CONGEDI PARENTALI L anticipazione del congedo di maternità si applica anche alle LAVORATRICI A DO- MICILIO E ALLE LAVORATRICI ADDETTE AI SERVIZI DOMESTICI E FAMILIARI (COLF). Prolungamento del congedo di maternità Il congedo

Dettagli

Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015

Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015 Ai gentili clienti Loro sedi Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che, in assenza di provvedimenti sul punto da parte della L.

Dettagli

ARROTONDAMENTO DELL ANZIANITA PENSIONISTICA

ARROTONDAMENTO DELL ANZIANITA PENSIONISTICA ARROTONDAMENTO DELL ANZIANITA PENSIONISTICA Fino al 31/12/97 l arrotondamento veniva fatto ai sensi del comma 2 dell art. 40 del DPR 1092/73 (vedi allegato 1). L anzianità complessiva era arrotondata in

Dettagli

Norme per la costituzione dei rapporti di lavoro a tempo parziale

Norme per la costituzione dei rapporti di lavoro a tempo parziale Norme per la costituzione dei rapporti di lavoro a tempo parziale 1 - Individuazione qualifiche e numero di rapporti di lavoro a tempo parziale Il rapporto di lavoro a tempo parziale, anche se a tempo

Dettagli

2009: il cumulo pensioni + altri redditi

2009: il cumulo pensioni + altri redditi Febbraio 2009 2009: il cumulo pensioni + altri redditi A cura di G. Marcante PREMESSA L art. 19 del decreto-legge 25 giugno 2008, n. 112 convertito, con modificazioni, nella legge 6 agosto 2008, n. 133,

Dettagli

GUIDE Il lavoro part time

GUIDE Il lavoro part time Collana Le Guide Direttore: Raffaello Marchi Coordinatore: Annalisa Guidotti Testi: Iride Di Palma, Adolfo De Maltia Reporting: Gianni Boccia Progetto grafico: Peliti Associati Illustrazioni: Paolo Cardoni

Dettagli

Guida sul part time personale di ruolo (trasformazione del contratto da tempo pieno a tempo parziale). Presentazione domande entro il 15 marzo

Guida sul part time personale di ruolo (trasformazione del contratto da tempo pieno a tempo parziale). Presentazione domande entro il 15 marzo Liceo Primo Levi _- S. Donato Milanese Guida sul part time personale di ruolo (trasformazione del contratto da tempo pieno a tempo parziale). Presentazione domande entro il 15 marzo Scade il 15 marzo la

Dettagli

R E G O L A M E N T O. per l attuazione delle attività statutarie dell'ente di Previdenza ed Assistenza Pluricategoriale E P A P

R E G O L A M E N T O. per l attuazione delle attività statutarie dell'ente di Previdenza ed Assistenza Pluricategoriale E P A P E.P.A.P. Ente di Previdenza e Assistenza Pluricategoriale Via Vicenza,7,9,11-00185 Roma Tel: 06 69.64.51 - Fax: 06 69.64.555 E-mail: info@epap.it - Sito web: www.epap.it Codice fiscale: 97149120582 R E

Dettagli

L'EVOLUZIONE DEL PART-TIME NEL CONTRATTO DEL COMPARTO NAZIONALE DELLA SANITA' PUBBLICA

L'EVOLUZIONE DEL PART-TIME NEL CONTRATTO DEL COMPARTO NAZIONALE DELLA SANITA' PUBBLICA L'EVOLUZIONE DEL PART-TIME NEL CONTRATTO DEL COMPARTO NAZIONALE DELLA SANITA' PUBBLICA a cura del Nucleo Promozione e Sviluppo Responsabile: Cesare Hoffer Il presente documento non ha la pretesa di essere

Dettagli

Sommario. Definizione 3

Sommario. Definizione 3 Sommario Definizione 3 1. Contratto di solidarietà difensivo 4 1.1 Contenuto del contratto 7 1.2 Riflessi sul rapporto di lavoro 15 1.3 codici autorizzazione Inps 17 2. Contratto di solidarietà espansivo

Dettagli

Regolamento per la gestione dei contratti di lavoro part-time (approvato con determinazione n 172 del 15.4.2013) Art. 1 - Oggetto

Regolamento per la gestione dei contratti di lavoro part-time (approvato con determinazione n 172 del 15.4.2013) Art. 1 - Oggetto Regolamento per la gestione dei contratti di lavoro part-time (approvato con determinazione n 172 del 15.4.2013) Art. 1 - Oggetto Il presente Regolamento disciplina le procedure per la trasformazione del

Dettagli

.. OMISSIS. Art. 2. (Armonizzazione)

.. OMISSIS. Art. 2. (Armonizzazione) Legge 8 agosto 1995, n. 335. Riforma del sistema pensionistico obbligatorio e complementare... OMISSIS Art. 2. (Armonizzazione).. OMISSIS 26. A decorrere dal 1 gennaio 1996, sono tenuti all'iscrizione

Dettagli

La ricostruzione della carriera del personale della scuola

La ricostruzione della carriera del personale della scuola La ricostruzione della carriera del personale della scuola Se guardiamo gli ultimi 50 anni, l evoluzione della progressione di carriera aveva subito parecchie variazioni, ma sostanzialmente un principio

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA Città di Medicina Via Libertà 103 40059 Medicina (BO) Partita I.V.A. 00508891207 Cod. Fisc.00421580374 Tel 0516979111 Fax 0516979222 personale@comune.medicina.bo.it DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO

Dettagli

INPDAP - Mod. PP (Piccolo Prestito) Protocollo distinta: anno... n... All' INPDAP Direzione Centrale Credito e Welfare

INPDAP - Mod. PP (Piccolo Prestito) Protocollo distinta: anno... n... All' INPDAP Direzione Centrale Credito e Welfare INPDAP - Mod. PP (Piccolo Prestito) Protocollo distinta: anno...... n... All' INPDAP Direzione Centrale Credito e Welfare Ufficio ex Enam Area Piccolo Credito Lista: settore.. n.... Largo Josemaria Escriva

Dettagli

Per saperne di più. L evoluzione del sistema pensionistico in Italia

Per saperne di più. L evoluzione del sistema pensionistico in Italia Nel corso degli ultimi trent anni il sistema previdenziale italiano è stato interessato da riforme strutturali finalizzate: al progressivo controllo della spesa pubblica per pensioni, che stava assumendo

Dettagli

COLF E BADANTI. Via Abruzzi, 3-00187 Roma tel. 06/8440761 - fax 06/42085830 caaf.nazionale@cisl.it www.caafcisl.it

COLF E BADANTI. Via Abruzzi, 3-00187 Roma tel. 06/8440761 - fax 06/42085830 caaf.nazionale@cisl.it www.caafcisl.it COLF E BADANTI Lo sportello Colf e Badanti del Caf Cisl nasce per fornire alle famiglie tutta l assistenza necessaria per la gestione del rapporto di lavoro di colf, assistenti familiari, baby sitter,

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Art. 1 Personale avente diritto I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati nei confronti dei dipendenti comunali a tempo

Dettagli

TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA

TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA punto 94: ammontare corrisposto nel 2007: - al netto di quanto corrisposto in anni precedenti casella 95; - ridotto

Dettagli

Paghe. Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro

Paghe. Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro Obblighi contributivi Calcolo dei contributi Con l instaurazione del rapporto di lavoro, sorge anche l obbligazione

Dettagli

APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE NEL CCNL TERZIARIO

APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE NEL CCNL TERZIARIO APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE NEL CCNL TERZIARIO L apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato finalizzato alla formazione e all occupazione dei giovani. Possono essere assunti in

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

REGOLAMENTO SUL PART TIME PER IL PERSONALE DEL COMPARTO DEL S.S.N.

REGOLAMENTO SUL PART TIME PER IL PERSONALE DEL COMPARTO DEL S.S.N. REGOLAMENTO SUL PART TIME PER IL PERSONALE DEL COMPARTO DEL S.S.N. ART.1 Finalità L Azienda U.L.S.S. 20, alla luce delle nuove disposizioni legislative e contrattuali, con il presente regolamento supera

Dettagli

L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA

L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA L INAIL, IL DATORE DI LAVORO, IL LAVORATORE, COSA DEVONO FARE COSA DEVE SAPERE IL LAVORATORE QUANDO SUBISCE UN INFORTUNIO O

Dettagli

FLC Cgil Nazionale Febbraio 2008

FLC Cgil Nazionale Febbraio 2008 FLC Cgil Nazionale Febbraio 2008 INSERIMENTO/AGGIORNAMENTO GRADUATORIE ATA DI 1^ FASCIA GUIDA ANALITICA ALLA COMPILAZIONE DELLA DOMANDA (modelli di domanda - allegati B1, B2, F, G, H) 0) La modulistica

Dettagli

Principali tipi di assenza docenti con contratto di lavoro a tempo indeterminato

Principali tipi di assenza docenti con contratto di lavoro a tempo indeterminato Tipo di assenza e fonti A) Ferie Art. 13 CCNL 2007. B) Festività soppr. artt.14 ccnl 2007 e art.1, lett.b, L.937/77 Principali tipi di assenza docenti con contratto di lavoro a tempo indeterminato Durata

Dettagli

LA BUSTA PAGA FISAC CGIL

LA BUSTA PAGA FISAC CGIL La tua Busta Paga INDICE Ad Personam 8 Ad Personam Ex Art. 66 8 Ad Personam Inquadramento Superiore 8 Anzianità: Assegno Mensile 6 Anzianità: Premio 14 Apprendisti 21 Arretrati 14 Assistenza Sanitaria:

Dettagli

Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE.

Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. IL SEGRETARIO GENERALE con la capacità e con i poteri del privato

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO 4 marzo 2015, n. 22. (GU n.54 del 6-3-2015) Titolo I

DECRETO LEGISLATIVO 4 marzo 2015, n. 22. (GU n.54 del 6-3-2015) Titolo I DECRETO LEGISLATIVO 4 marzo 2015, n. 22 Disposizioni per il riordino della normativa in materia di ammortizzatori sociali in caso di disoccupazione involontaria e di ricollocazione dei lavoratori disoccupati,

Dettagli

GENERALI GLOBAL Fondo Pensione Aperto a contribuzione definita Documento sul regime fiscale (ed. 03/15)

GENERALI GLOBAL Fondo Pensione Aperto a contribuzione definita Documento sul regime fiscale (ed. 03/15) GENERALI GLOBAL Fondo Pensione Aperto a contribuzione definita Documento sul regime fiscale (ed. 03/15) Allegato alla Nota Informativa Pagina 2 di 8 - Pagina bianca Edizione 03.2015 Documento sul regime

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA Approvato il 3 agosto 2011 Indice Disposizioni generali Art. 1 Oggetto del Regolamento Art. 2 Requisiti, obbligatorietà e modalità di iscrizione Art. 3 Casi particolari di prosecuzione

Dettagli

LINEE DI INDIRIZZO PERSONALE COMPARTO RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. ART. 1 ( Definizione)

LINEE DI INDIRIZZO PERSONALE COMPARTO RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. ART. 1 ( Definizione) 1 REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana Assessorato Regionale della Sanità Dipartimento regionale per la pianificazione strategica ********** Servizio 1 Personale dipendente S.S.R. LINEE DI INDIRIZZO PERSONALE

Dettagli

CONSIGLIO DELL ORDINE DI TORINO Domande frequenti sul tirocinio forense

CONSIGLIO DELL ORDINE DI TORINO Domande frequenti sul tirocinio forense Sezione generale 1. Il Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Torino ha adottato un regolamento specifico per i praticanti avvocati? Il Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Torino ha approvato con

Dettagli

Riflettori su... La disciplina del trattamento di fine rapporto di Pietro DE FELICE SOMMARIO

Riflettori su... La disciplina del trattamento di fine rapporto di Pietro DE FELICE SOMMARIO Riflettori su... La disciplina del trattamento di fine rapporto di Pietro DE FELICE SOMMARIO - Aspetti civilistici dell istituto introdotto, per i dipendenti del comparto privato, nel 1982; - Le circostanze

Dettagli

PART TIME DOCENTI DI RUOLO. GUIDA E MODELLO DI DOMANDA. SCADENZA 15 MARZO 2015

PART TIME DOCENTI DI RUOLO. GUIDA E MODELLO DI DOMANDA. SCADENZA 15 MARZO 2015 PART TIME DOCENTI DI RUOLO. GUIDA E MODELLO DI DOMANDA. SCADENZA 15 MARZO 2015 di Lalla, Orizzonte scuola 23.2.2015 Scade il 15 marzo la domanda per la richiesta di part time. I requisiti e le modalità

Dettagli

GUIDA LE NUOVE PENSIONI DAL 2012

GUIDA LE NUOVE PENSIONI DAL 2012 GUIDA LE NUOVE PENSIONI DAL 2012 (Aggiornata con le novità contenute nella Legge 24 febbraio 2012, n. 14 recante Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 29 dicembre 2011, n. 216, recante

Dettagli

Il Part-Time in Poste Italiane

Il Part-Time in Poste Italiane Il Part-Time in Poste Italiane Vademecum Che cos è? Il contratto a tempo parziale è un contratto di lavoro subordinato che prevede una prestazione di lavoro di durata inferiore rispetto alle 36 ore settimanali

Dettagli

CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO AD INTEGRAZIONE DEL CCNL PER IL PERSONALE NON DIRIGENTE DEGLI ENTI PUBBLICI NON ECONOMICI STIPULATO IL

CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO AD INTEGRAZIONE DEL CCNL PER IL PERSONALE NON DIRIGENTE DEGLI ENTI PUBBLICI NON ECONOMICI STIPULATO IL CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO AD INTEGRAZIONE DEL CCNL PER IL PERSONALE NON DIRIGENTE DEGLI ENTI PUBBLICI NON ECONOMICI STIPULATO IL 16.2.1999 A seguito del parere favorevole espresso in data

Dettagli

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA NOTE ILLUSTRATIVE PER LA DETERMINAZIONE DEI CONTRIBUTI DOVUTI IN AUTOLIQUIDAZIONE - MOD. 5/2015 (Comunicazione obbligatoria ex artt. 17 e 18 della Legge n. 576/1980, artt. 9 e 10 della legge n. 141/1992

Dettagli

5 Contributo Autonoma Sistemazione

5 Contributo Autonoma Sistemazione 5 Contributo Autonoma Sistemazione CAS A valere sulle risorse finanziarie di cui all articolo 3 dell Ordinanza del Capo del Dipartimento della protezione civile (OCDPC) n. 232 del 30 marzo 2015 viene stimata

Dettagli

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it 1 OGGETTO PART TIME PER RICONGIUNGIMENTO FAMILIARE QUESITO (posto in data 23 marzo 2014) Sono una dipendente a tempo indeterminato dal 2010, trasferita in mobilità nel luglio 2011 presso un Azienda Sanitaria

Dettagli