REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE"

Transcript

1 FIPREM Fondo Integrativo di Previdenza Montedison Fondo Pensione REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE Testo approvato dal Consiglio di Amministrazione il 27 Marzo 2003 e coordinato con le modifiche ed integrazioni apportate nelle riunioni del 16 Dicembre 2003, 9 Dicembre 2004, 23 Marzo 2005.

2 DISPOSIZIONI GENERALI Pag. 3 TITOLO I - SOGGETTI Art. 1 - Società partecipanti Pag. 4 Art. 2 - Lavoratori associati Pag. 4 Art. 3 - Decorrenza dell'iscrizione Pag. 4 Art. 4 - Modalità per l'iscrizione Pag. 4 Art. 5 - Facoltà attribuite all'iscritto in caso di risoluzione del rapporto di Pag. 5 lavoro, di recesso della Società o di promozione alla dirigenza Art. 6 - Cessazione dell'iscrizione e della contribuzione Pag. 5 TITOLO II - CONTRIBUZIONI Art. 7 - Contribuzione ordinaria obbligatoria e volontaria modalità di Pag. 7 versamento dei contributi Art. 8 - Sospensione della contribuzione Pag. 9 Art. 9 - Quote di partecipazione al Fondo Pag. 10 Art Regime fiscale Pag. 10 Art Informazioni periodiche agli iscritti Pag. 11 TITOLO III - PRESTAZIONI Art Prestazioni Pag. 12 Art. 13 Decesso del socio Pag. 13 Art Trasferimento della posizione ad altri Fondi Pag. 13 Art Acquisizione di posizioni provenienti da altri Fondi Pag. 13 Art Riscatto Pag. 13 Art Anticipazioni Pag. 14 TITOLO IV - GESTIONE PATRIMONIO E SPESE Art Patrimonio Pag. 15 Art Spese Pag. 15 Art Scritture contabili e relazioni periodiche Pag. 16 TITOLO V - DISPOSIZIONI FINALI Art. 21 Modifiche del Regolamento di attuazione Pag. 17 TITOLO VI - ALLEGATI Allegato 1 - Inadempienze Pag. 18 Allegato 2 - Modulistica Pag. 19 Regolamento di attuazione Pag. 2

3 DISPOSIZIONI GENERALI Il presente Regolamento di attuazione contiene le norme per il funzionamento di FIPREM "Fondo Integrativo di Previdenza Montedison Fondo Pensione" in applicazione dell'accordo Sindacale istitutivo del 16 Aprile 1987, delle successive modificazioni ed integrazioni e dello Statuto del Fondo stesso. Per tutto quanto non espressamente previsto nel presente Regolamento di attuazione si fa rinvio alla normativa vigente in materia di fondi pensione. FIPREM è iscritto con il numero 1077 all Albo dei Fondi Pensione nella I Sezione Speciale Fondi Pensione Preesistenti tenuto dalla Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP come previsto dal D.Lgs. 124/93. Ha sede in Milano - Foro Buonaparte 31. La durata del Fondo è illimitata. Destinatari delle norme contenute nel presente Regolamento sono le Aziende iscritte al Fondo ed i lavoratori iscritti attivi, non attivi ovvero in quiescenza e percettori della rendita integrativa. Regolamento di attuazione Pag. 3

4 TITOLO I - SOGGETTI Art. 1 - Società partecipanti 1.1 Partecipano al Fondo le Società del Gruppo Edison S.p.A (già Montedison S.p.A) nonché sue controllate e collegate che hanno aderito all'accordo Sindacale del 16 Aprile 1987 e successive modificazioni e integrazioni nonché le Società già aderenti al momento dell entrata in vigore del D.Lgs. 124/ Nel caso di cessione di Azienda associata al Fondo, o di ramo di azienda, è prevista la facoltà, salvo recesso da parte dell'azienda con preavviso di almeno sei mesi, di conservare l'associazione al Fondo: il recesso acquista efficacia decorsi sei mesi dalla avvenuta comunicazione al Fondo. Art. 2 - Lavoratori associati 2.1 Possono iscriversi volontariamente al Fondo i lavoratori occupati con contratto a tempo indeterminato alle dipendenze delle Società di cui al punto 1.1 con qualifica di operaio, impiegato o quadro, nonché i lavoratori dipendenti delle Organizzazioni, dei datori di lavoro e dei lavoratori, stipulanti l Accordo istitutivo del Fondo o che vi hanno successivamente aderito, alle condizioni previste dal successivo art Possono altresì iscriversi, a partire dal 1 Luglio 2000, i dipendenti delle stesse Società con contratto di formazione lavoro, contratto di apprendistato e contratto a tempo determinato di durata continuativa superiore a sei mesi. 2.3 Sono inoltre associati al Fondo i lavoratori pensionati che percepiscono la rendita integrativa nonché i dipendenti in stato di quiescenza che, avendo cessato di contribuire, non hanno richiesto il riscatto della posizione. Art. 3 - Decorrenza dell'iscrizione 3.l Le iscrizioni volontarie presentate decorrono dal primo giorno del mese successivo all acquisizione della domanda di adesione da parte del Fondo. 3.2 Ferma restando la decorrenza della iscrizione volontaria stabilita al punto precedente, non sono previsti termini di decadenza. Art. 4 - Modalità per l iscrizione 4.l L'iscrizione volontaria al Fondo si perfeziona, e diviene operante, con la compilazione in ogni sua parte dell'apposito modulo e sua sottoscrizione, con il quale il lavoratore dichiara di aver preso visione della Scheda informativa, dello Statuto, del Regolamento di attuazione e delle finalità sociali/previdenziali del Fondo quali risultano dagli Accordi sottoscritti dalle Parti stipulanti. Regolamento di attuazione Pag. 4

5 4.2 La domanda di adesione è presentata al Fondo dal lavoratore tramite il proprio datore di lavoro. E sottoscritta da entrambi ed impegna il lavoratore e l Azienda nei confronti del Fondo. La domanda contiene la delega del lavoratore all Azienda per la trattenuta della contribuzione nei limiti previsti dal successivo art L Azienda provvede ad inviare al Fondo tutte le domande di iscrizione pervenute nel mese entro il giorno 15 del mese successivo. 4.4 L adesione dei lavoratori deve essere preceduta dalla consegna, da parte dell Azienda, di copia: a) della Scheda informativa b) dello Statuto c) del Regolamento di attuazione Art. 5 - Facoltà attribuite all'iscritto in caso di risoluzione del rapporto di lavoro, di recesso della Società o di promozione alla dirigenza. 5.1 Il lavoratore iscritto che abbia risolto il rapporto di lavoro con la Società, oppure in caso di recesso della stessa dal Fondo o di promozione a dirigente, può chiedere tramite l'apposito modulo in alternativa: a) il mantenimento della posizione individuale presso il Fondo, in assenza di contribuzione, ferma restando la possibilità di esercitare, successivamente, una delle opzioni di cui alle successive lettere b), e c); b) il trasferimento della posizione individuale ad altro Fondo pensione cui abbia aderito in relazione a nuova attività lavorativa o in seguito alla promozione a dirigente; c) il riscatto della propria posizione individuale a condizione che non abbia maturato il diritto alla pensione di vecchiaia o di anzianità. Il riscatto comporta la riscossione dell intero ammontare della propria posizione individuale. Il lavoratore socio può richiedere il trasferimento ad altro Fondo pensione o a forme pensionistiche individuali, anche in costanza dei requisiti di partecipazione a FIPREM, purchè siano trascorsi almeno 3 anni di iscrizione al Fondo. 5.2 Il Fondo determinerà il valore della posizione individuale il primo giorno di valorizzazione utile successivo a quello in cui il Fondo ha acquisito notizia certa del verificarsi delle condizioni previste al precedente punto 5.1 lettere b) e c). Gli adempimenti a carico del Fondo conseguenti all'esercizio delle opzioni di trasferimento o di riscatto devono essere effettuati entro 6 mesi dall'esercizio delle opzioni stesse. Art. 6 - Cessazione dell'iscrizione e della contribuzione. 6.1 L'iscrizione al Fondo cessa per risoluzione del rapporto di lavoro per qualunque causa, per promozione a dirigente, per trasferimento ad altro Fondo o per decesso del lavoratore. Regolamento di attuazione Pag. 5

6 6.2 Nei casi sopra richiamati la cessazione delle contribuzioni decorrerà dalla data di risoluzione del rapporto di lavoro, della promozione a dirigente o del decesso, oppure dal primo giorno del mese successivo alla comunicazione di trasferimento della propria posizione da parte del lavoratore. 6.3 Conservano la qualità di soci del Fondo i dipendenti che avranno risolto il rapporto di lavoro per pensionamento con diritto alla rendita integrativa nonché i dipendenti in stato di quiescenza che, avendo cessato di contribuire, non hanno richiesto il riscatto della posizione o il trasferimento. Regolamento di attuazione Pag. 6

7 TITOLO II - CONTRIBUZIONI Art. 7 - Contribuzione ordinaria obbligatoria e volontaria modalità di versamento dei contributi 7.1 La contribuzione dovuta al Fondo è stabilita nelle seguenti misure: ISCRITTI A FIPREM DAL AL SETTORE CHIMICO E SETTORE ELETTRICO SETTORE PETROLIO ALTRI Azienda 1,24% 1,35% 2% Retribuzione imponibile INPS (*) Dipendente 1,14% contributo ordinario 1,25% contributo ordinario 2% contributo ordinario Retribuzione imponibile INPS (*) 1% - 2% contr. aggiuntivo 1% - 2% contr. aggiuntivo 1% - 2% contr. aggiuntivo T.F.R. 33% del T.F.R. maturato nell anno - Facoltativo 33% del T.F.R. maturato nell anno - Facoltativo 36% del T.F.R. maturato nell anno - Facoltativo Retribuzione utile per la determinazione del T.F.R. (*) Nel momento in cui l iscritto sceglie di versare al Fondo anche il contributo T.F.R., l imponibile su cui vengono calcolate le percentuali di contribuzione dipendente e contribuzione società è la retribuzione utile per la determinazione del T.F.R. (imponibile T.F.R.). ADESIONE DI 1^ OCCUPAZIONE ANTE SETTORE CHIMICO E SETTORE ELETTRICO SETTORE PETROLIO ALTRI Azienda 1,24% 1,35% 2% Retribuzione utile per la determinazione del T.F.R. Dipendente 1,14% contributo ordinario 1,25% contributo ordinario 2% contributo ordinario Retribuzione utile per la determinazione del T.F.R. T.F.R. 33% del T.F.R. maturato 33% del T.F.R. maturato 36% del T.F.R. maturato Retribuzione utile per la nell anno - Obbligatorio nell anno - Obbligatorio nell anno - Obbligatorio determinazione del T.F.R. In aggiunta alla contribuzione obbligatoria di cui sopra l'iscritto ha la facoltà di destinare contributi volontari ed aggiuntivi, a proprio carico, nei limiti della deducibilità fiscale prevista dalla vigente normativa fiscale, secondo modalità che saranno stabilite dal Consiglio di Amministrazione. ADESIONE DI 1^ OCCUPAZIONE POST SETTORE CHIMICO E SETTORE ELETTRICO SETTORE PETROLIO ALTRI Azienda 1,24% 1,35% 2% Retribuzione utile per la determinazione del T.F.R. Dipendente 1,14% contributo ordinario 1,25% contributo ordinario 2% contributo ordinario Retribuzione utile per la determinazione del T.F.R. T.F.R. 100% del T.F.R. maturato 100% del T.F.R. maturato 100% del T.F.R. maturato Retribuzione utile per la nell anno - Obbligatorio nell anno - Obbligatorio nell anno - Obbligatorio determinazione del T.F.R. In aggiunta alla contribuzione obbligatoria di cui sopra l'iscritto ha la facoltà di destinare contributi volontari ed aggiuntivi, a proprio carico, nei limiti della deducibilità fiscale prevista dalla vigente normativa fiscale, secondo modalità che saranno stabilite dal Consiglio di Amministrazione. Regolamento di attuazione Pag. 7

8 7.2 Possono essere previste da singole Aziende con appositi Accordi aziendali da depositare presso il Fondo, ovvero da Accordi tra le Associazioni Sindacali Nazionali datoriali e dei lavoratori stipulanti i C.C.N.L. per le categorie alle quali appartengono le Aziende, quote di contribuzione a carico Azienda e a carico lavoratore più elevate di quelle sopra previste. La contribuzione al Fondo potrà variare anche a seguito di quanto previsto in sede di rinnovo dei C.C.N.L. di appartenenza delle Aziende associate. 7.3 Relativamente agli iscritti a FIPREM dal al ("vecchi iscritti") che non abbiano richiesto di utilizzare la quota di T.F.R. da maturare nell'anno, per retribuzione imponibile si intende la retribuzione soggetta a contribuzione per l'assicurazione generale obbligatoria dei lavoratori dipendenti INPS: nel caso utilizzino il T.F.R., e per tutti gli altri iscritti successivamente, la contribuzione è riferita alla retribuzione utile per la determinazione del T.F.R. 7.4 Contribuzione volontaria Per contribuzione volontaria si intende il versamento che il lavoratore effettua, in aggiunta alla contribuzione ordinaria obbligatoria, nei limiti della deducibilità fiscale prevista. Il versamento complessivo del lavoratore (quota ordinaria obbligatoria più quota volontaria) deve rimanere nei limiti della deducibilità fiscale. Per i lavoratori, già iscritti al ("vecchi iscritti") resta ferma la possibilitá di aumentare la contribuzione aggiuntiva a loro carico sino al limite del 2% conservando il trattamento fiscale acquisito. La contribuzione volontaria è versata dal lavoratore tramite l Azienda. Il lavoratore dovrà compilare e consegnare all Azienda l apposito modulo predisposto dal Fondo e quantificare l ammontare del contributo volontario. Tale scelta ha validità a partire dal primo giorno del mese successivo alla presentazione della domanda e potrà essere modificata o sospesa con un preavviso di 6 mesi all Azienda. 7.5 Modalità di versamento dei contributi Ogni Azienda è tenuta a versare le contribuzioni nelle misure di cui ai punti 7.1, 7.2 e 7.4. I contributi, che inizieranno ad essere trattenuti dal primo giorno del mese successivo a quello di acquisizione della domanda di adesione, devono essere versati dall Azienda alla Banca Depositaria secondo le modalità e le procedure previste dal Fondo. Con riferimento alla data di versamento i contributi dovranno pervenire alla Banca Depositaria con disponibilità e valuta per il beneficiario entro il 18 del mese successivo a quello di competenza delle retribuzioni, sulle quali viene operata la trattenuta. Regolamento di attuazione Pag. 8

9 7.6 Distinte contributive Entro il giorno 5 del mese successivo a quello di pagamento delle retribuzioni, le Aziende comunicheranno al Fondo, in apposite distinte, redatte secondo le modalità previste dallo stesso, i nomi, cognomi e codici fiscali dei lavoratori soci, unitamente alle quote versate per ciascuno di loro, suddivise nelle quattro tipologie previste dalla legge: quota a carico del lavoratore, quota a carico dell Azienda, eventuale quota volontaria del lavoratore, quota del T.F.R. I bonifici delle Aziende sono accreditati nel conto generale di liquidità che non produce interessi attribuibili al singolo aderente. Solo successivamente alla riconciliazione i contributi sono attribuiti all aderente ed investiti finanziariamente. 7.7 Soggetti inadempienti Per inadempienze dei soggetti tenuti alla contribuzione si intendono: a) tardivo o mancato versamento delle contribuzioni b) insufficiente contribuzione rispetto a quella dovuta c) tardivo o mancato invio ovvero l errata compilazione della distinta contributiva. In questi casi si attua la procedura di cui all allegato 1. Art. 8 Sospensione della contribuzione. 8.1 Nel caso di riduzione o sospensione temporanea della retribuzione per qualunque causa (C.I.G., aspettativa, permessi ed altre assenze, ecc.) l associazione al Fondo permane e la relativa contribuzione a carico dell Azienda e del lavoratore sarà commisurata al trattamento economico corrisposto dall Azienda, anche in anticipazione di quanto dovuto dagli enti previdenziali preposti, così come previsto dalle vigenti disposizioni di legge e/o di contratto. Il versamento della quota T.F.R., in questi casi, segue l andamento della maturazione del T.F.R. 8.2 Il lavoratore in costanza di rapporto di lavoro può richiedere la sospensione dell obbligo contributivo mantenendo la propria associazione al Fondo, purchè abbia maturato almeno 1 anno di iscrizione al Fondo. Tale sospensione si applica anche alla quota a carico dell Azienda ed agli accantonamenti del T.F.R. 8.3 La sospensione decorre dal primo giorno del terzo mese successivo alla presentazione all Azienda della richiesta. Il lavoratore può richiedere di riavviare la contribuzione a partire dal primo giorno del mese successivo alla presentazione della richiesta all Azienda. 8.4 Successive sospensioni della contribuzione potranno intervenire decorsi almeno 3 anni dalla riattivazione. Regolamento di attuazione Pag. 9

10 8.5 Per qualsiasi rinuncia alla contribuzione al Fondo, senza che vi sia una variazione del rapporto di lavoro con l Azienda, non sarà possibile richiedere il riscatto delle quote. Esse continueranno ad essere gestite dal Fondo e potranno essere riscattate solo alla maturazione del diritto all'erogazione di una rendita o di un capitale di cui all art. 5 dello Statuto o, comunque, nei casi contemplati nello Statuto all art. 17. Art. 9 Quote di partecipazione al Fondo. 9.1 La partecipazione al Fondo si realizza mediante la sottoscrizione di quote, o frazioni di quote, acquistabili tramite le contribuzioni di cui ai punti 7.1, 7.2 e 7.4 del Regolamento. 9.2 Il valore di assegnazione delle quote è il primo valore elaborato successivamente alla riconciliazione dei contributi. 9.3 A partire dal 1 Gennaio 2003 il valore della quota è calcolato ogni ultimo giorno lavorativo di ogni mese. Il valore convenzionale della prima quota è pari a 10, La quota rappresenta una frazione del patrimonio del Fondo di pertinenza del singolo socio. 9.5 La posizione individuale di ogni lavoratore iscritto è rappresentata dall insieme delle quote sottoscritte moltiplicato per il valore della singola quota. La posizione individuale è registrata e tenuta, sotto forma di numero di quote, in un conto della gestione amministrativa del Fondo. 9.6 All atto dell uscita dal Fondo al sottoscrittore sarà attribuito un importo in denaro pari al numero di quote a lui intestate moltiplicato per il valore della quota elaborato al netto della relativa tassazione. Art. 10 Regime fiscale 10.1 Imposte relative al Fondo Il Fondo è soggetto, nella fase di accumulo, alla tassazione prevista dalla normativa vigente Imposte relative ai lavoratori associati a) Contribuzioni Tutti i contributi versati al Fondo, sia quelli ordinari obbligatori che quelli volontari, sono deducibili dal reddito imponibile e quindi esenti da imposta nei limiti indicati dalla vigente normativa fiscale. Regolamento di attuazione Pag. 10

11 b) Prestazioni Le prestazioni, sia quelle erogate in capitale che in rendita, sono soggette all'imposizione di cui alla normativa vigente. Art. 11 Informazioni periodiche agli iscritti 11.1 Entro un mese dall approvazione del bilancio annuale da parte dell Assemblea, viene trasmessa al socio una comunicazione contenente il rendiconto della sua posizione alla data del 31 dicembre dell anno precedente. Il lavoratore potrà conoscere in ogni momento tramite il Service amministrativocontabile la propria posizione individuale. Regolamento di attuazione Pag. 11

12 TITOLO III - PRESTAZIONI Art Prestazioni 12.1 Il Fondo opera in regime di contribuzione definita. L entità delle prestazioni è commisurata ai contributi versati, ai rendimenti realizzati attraverso la gestione del patrimonio, all età ed al sesso del lavoratore beneficiario Il Fondo garantirà l erogazione di una rendita o di un capitale sulla base degli accantonamenti progressivamente cumulati e gestiti con il sistema della capitalizzazione individuale Le prestazioni del Fondo sono erogate al conseguimento dei requisiti previsti all art. 5 dello Statuto, e sono commisurate al valore delle quote possedute dal socio al primo giorno utile di valorizzazione successivo a quello in cui il Fondo ha acquisito notizia certa del verificarsi delle condizioni che danno diritto alla prestazione stessa Per giorno di valorizzazione si intende il giorno nel quale viene stabilito il valore dell attivo netto destinato alle prestazioni e, conseguentemente, il valore unitario della quota Il Fondo eroga le proprie prestazioni in seguito a specifica richiesta del socio o degli aventi diritto, su apposito modulo predisposto dal Fondo. La condizione di avente diritto va documentata in sede di richiesta Le prestazioni avvengono sotto forma di rendita e/o di capitale. La ripartizione fra i due tipi di prestazioni viene effettuata in base a quanto previsto all art. 5 dello Statuto e dalla vigente normativa Alla erogazione della rendita il Fondo provvede mediante apposita convenzione con una compagnia assicurativa in base a quanto previsto dall'art. 6, comma 2 del D.Lgs. 124/93. La decorrenza, la misura, l'eventuale reversibilità e le modalità di pagamento della rendita diretta verranno definite dalla convenzione Agli iscritti che al momento della risoluzione del rapporto di lavoro non hanno maturato il diritto alla pensione complementare viene liquidato il capitale accantonato Il Fondo, in base alla richiesta di cui al sopra citato punto 12.5, provvede all erogazione delle prestazioni non oltre sei mesi dalla data di ricevimento della domanda. Regolamento di attuazione Pag. 12

13 Art. 13 Decesso del socio 13.1 In caso di decesso del socio sono beneficiari delle prestazioni previste il coniuge, i figli ovvero, se a carico dell iscritto, i genitori. In mancanza di tali soggetti valgono le disposizioni del lavoratore. In assenza di disposizioni del socio la posizione rimane acquisita dal Fondo La domanda presentata dagli aventi diritto su apposito modulo predisposto dal Fondo, dovrà essere corredata dalla documentazione in originale espressamente indicata nello stesso La liquidazione in capitale della posizione maturata dal socio deceduto è effettuata entro i tre mesi successivi alla presentazione della domanda completa di ogni documento necessario. Art Trasferimento della posizione ad altri Fondi 14.1 In caso di trasferimento della propria posizione ad altri Fondi la richiesta va effettuata utilizzando l apposito modulo predisposto dal Fondo. La posizione individuale, di cui al punto 9.5 del Regolamento, viene valorizzata e trasferita in base a quanto previsto all'art dello Statuto Il Fondo darà comunicazione del trasferimento della posizione all interessato ed al nuovo Fondo. Art Acquisizione di posizioni provenienti da altri Fondi Il lavoratore precedentemente iscritto ad altro Fondo pensione può trasferire a FIPREM la posizione maturata presso il Fondo di provenienza Qualora le norme di legge lo consentano, il lavoratore mantiene i precedenti diritti fiscali e normativi. Art Riscatto 16.1 L'intera posizione può essere riscattata, da parte del lavoratore o degli aventi diritto, in caso di cessazione del rapporto di lavoro, promozione a dirigente La richiesta va effettuata utilizzando l apposito modulo predisposto dal Fondo. La posizione individuale, di cui al punto 9.5 del Regolamento, viene valorizzata e liquidata in base a quanto previsto al punto 17.3 dello Statuto Il socio, anche al fine di raggiungere i requisiti minimi per ottenere il diritto alla rendita, può rinunciare al diritto di riscatto e rimanere socio quiescente del Fondo. Regolamento di attuazione Pag. 13

14 Disposizione transitoria L'opzione di riscatto per recesso in costanza dei requisiti individuali di partecipazione può essere esercitata entro il termine improrogabile del a condizione che entro tale data il lavoratore abbia maturato una anzianità di iscrizione a Fiprem superiore a 5 anni. In ogni caso verrà liquidata dal Fondo la sola quota a carico del dipendente della capitalizzazione complessiva della posizione individuale. Il contributo capitalizzato fornito dall'azienda, qualora l'iscritto lasci la disponibilità del maturato al Fondo, potrà essere corrisposto nella misura del 20% annuo fino al compimento del 5^ anno successivo al recesso. Art. 17 Anticipazioni Nei casi previsti al punto 17.4 dello Statuto, trascorsi 8 anni di iscrizione al Fondo, il socio può conseguire un anticipazione di capitale a valere anche sull intera posizione individuale maturata effettuando richiesta scritta tramite l apposito modulo predisposto dal Fondo. Il lavoratore socio potrà reintegrare la propria posizione secondo le modalità che saranno stabilite dal Consiglio di Amministrazione. Non sono ammesse altre forme di anticipazione L'anticipazione viene erogata entro i tre mesi successivi alla presentazione della domanda completa di ogni documento necessario. Regolamento di attuazione Pag. 14

15 TITOLO IV GESTIONE PATRIMONIO E SPESE Art. 18 Patrimonio 18.1 Il patrimonio del Fondo viene gestito secondo criteri stabiliti dal Consiglio di Amministrazione, nel rispetto delle norme statutarie, e resi noti ai soci attraverso la Scheda informativa di cui al punto 4.4 lettera a) del Regolamento e la comunicazione periodica di cui al punto 11.1 del Regolamento Il Fondo, per realizzare al meglio le finalità previdenziali a favore dei lavoratori iscritti, ha stipulato apposite convenzioni con i gestori di cui all art. 6 del D.Lgs. 124/ Il patrimonio del Fondo è depositato presso un'unica Banca depositaria distinta dai gestori, ai sensi dell'art. 6 bis del D.Lgs. 124/ La partecipazione al Fondo comporta, in via generale, il rischio della possibile variazione negativa del valore del patrimonio del Fondo a seguito delle oscillazioni di prezzo dei titoli nei quali il Fondo investe. Art Spese 19.1 Il Fondo provvede al finanziamento delle spese necessarie alla realizzazione del suo scopo attuando criteri e procedure di massima trasparenza Tutte le spese vengono regolarmente documentate e sottoposte al controllo del Collegio dei Revisori contabili Sono totalmente a carico delle Aziende aderenti tutte le spese, fatta eccezione per le spese della gestione finanziaria, banca depositaria e imposta sostitutiva Tali spese sono sostenute dalle Aziende in funzione del numero dei rispettivi dipendenti iscritti attivi al 31 Dicembre di ciascun anno nonché di ogni lavoratore receduto dal Fondo nel corso del 2 semestre di ciascun anno, sia liquidato che non liquidato. L'ammontare a carico delle Aziende è fissato annualmente con apposita delibera del Consiglio di Amministrazione Le commissioni della gestione finanziaria sono commisurate al patrimonio del Fondo e ad esso direttamente addebitate Le spese relative alle commissioni della Banca depositaria sono calcolate sul patrimonio del Fondo e ad esso addebitate Il valore della quota è espresso al netto delle spese finanziarie di cui ai sopra citati punti 19.5 e Regolamento di attuazione Pag. 15

16 Art Scritture contabili e relazioni periodiche La tenuta dei libri contabili del Fondo nonché la valorizzazione del patrimonio e delle posizioni individuali sono effettuate sulla base delle disposizioni emanate dalla Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione. Di conseguenza viene abrogato il "Regolamento dei criteri per la gestione degli investimenti", che costituiva parte integrante del precedente Regolamento di attuazione approvato dal Consiglio di Amministrazione del Fondo il Il Fondo conferisce, con delibera della Assemblea, ad una Società di Revisione iscritta all Albo di cui all art. 161 del D.Lgs. n 58/98 l incarico di sottoporre a revisione contabile il proprio bilancio, determinandone modalità e condizioni La gestione amministrativa e contabile del Fondo, ivi compresa la tenuta delle posizioni individuali degli iscritti, può essere delegata ad un soggetto esterno, ferma restando la responsabilità del Consiglio di Amministrazione del Fondo per l operato del soggetto delegato a svolgere l attività di gestore amministrativo del Fondo. La responsabilità dei dati amministrativi rimane in capo al Consiglio di Amministrazione del Fondo. Regolamento di attuazione Pag. 16

17 TITOLO V DISPOSIZIONI FINALI Art. 21 Modifiche del Regolamento di attuazione 21.1 Le modifiche del presente Regolamento di attuazione sono deliberate dal Consiglio di Amministrazione del Fondo e portate a conoscenza dell Assemblea. Regolamento di attuazione Pag. 17

18 TITOLO VI - ALLEGATI Allegato 1 INADEMPIENZE Nei casi richiamati al punto 7.7 lettere a), b) e c) del Regolamento viene attivata la seguente procedura: 1) Entro 10 giorni dalla prevista data di pagamento senza che il bonifico sia giunto presso la Banca depositaria, il Fondo trasmette un sollecito scritto alla Azienda inadempiente. 2) Nel caso in cui, nei 15 giorni successivi alla data del primo sollecito di versamento dei contributi, i contributi stessi non siano ancora pervenuti presso la Banca depositaria, il Fondo provvede ad inviare ulteriore sollecito all Azienda ed informa la R.S.U. 3) Entro 40 giorni dal mancato ricevimento dei contributi il Fondo provvede ad inviare raccomandata all Azienda ed R.S.U. 4) Nel caso in cui la procedura arrivi al punto 3), l Azienda è tenuta a versare al Fondo un importo pari alla contribuzione oggetto di regolarizzazione maggiorato dell'eventuale incremento percentuale della quota del Fondo registrato nel periodo di mancato o tardivo versamento nonché un ulteriore importo pari agli interessi di mora nella misura del tasso legale. 5) La tardiva o mancata trasmissione della distinta è assimilata, ai fini della presente procedura, alla inadempienza per tardivo o mancato versamento dei contributi. 6) La responsabilità della verifica della correttezza delle contribuzioni spetta al singolo lavoratore iscritto che si farà parte attiva verso l Azienda. Regolamento di attuazione Pag. 18

19 Allegato 2 - Mod. Fiprem.1 Scheda per nuove adesioni (con 1^ occupazione ante ) - Mod. Fiprem.2 Scheda per nuove adesioni (con 1^ occupazione post ) - Mod. Fiprem.3 Scheda per il versamento del contributo supplementare e del T.F.R. (iscritti a Fiprem dal al e a forme di previdenza complementare preesistenti al ) - Mod. Fiprem.4 Scheda per la richiesta di anticipazione e allegato - Mod. Fiprem.5 Richiesta di riscatto/trasferimento/quiescenza della posizione individuale - Mod. Fiprem.6 Comunicazione di decesso e allegato - Mod. Fiprem.7 Dati di identificazione dell'azienda - Mod. Fiprem.8 Scheda di versamento del contributo volontario (iscritti ante e post ) - Mod. Fiprem.9 Comunicazione di sospensione volontaria della contribuzione - Mod. Fiprem.10 Comunicazione di variazione indirizzo - Mod. Fiprem.11 Designazione dei beneficiari - Mod. Fiprem.12 Comunicazione di assunzione di lavoratore già iscritto a Fiprem - Mod. Fiprem.13 Comunicazione di riavvio della contribuzione - Mod. Fiprem.14 Comunicazione contributi non dedotti Regolamento di attuazione Pag. 19

FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR. Le risposte alle domande più frequenti

FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR. Le risposte alle domande più frequenti FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR Le risposte alle domande più frequenti Scelta sulla 1. destinazione del Tfr Linee di investimento 2. dedicate al Tfr 3. Prestazioni Regime fiscale delle 4. prestazioni previdenziali

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA Approvato il 3 agosto 2011 Indice Disposizioni generali Art. 1 Oggetto del Regolamento Art. 2 Requisiti, obbligatorietà e modalità di iscrizione Art. 3 Casi particolari di prosecuzione

Dettagli

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna PREVIDENZA COMPLEMENTARE E TFR Guida al Lavoro Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna 14 Confronto di convenienza, anche fiscale,

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Decreto Legislativo 5 dicembre 2005, n. 252 Documento aggiornato 28 maggio 2015 Via Savoia, 82-00198 Roma,

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 DICEMBRE 1999

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 DICEMBRE 1999 DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 DICEMBRE 1999 «Trattamento di fine rapporto e istituzione dei fondi pensione dei pubblici dipendenti». (Gazzetta Ufficiale n. 111 del 15 maggio 2000

Dettagli

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La sezione relativa all esposizione sintetica e analitica dei dati relativi al Tfr, alle indennità equipollenti e alle altre indennità e somme,

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

PER AZIENDE AVENTI ALLE PROPRIE DIPENDENZE SOLO IMPIEGATI (VERSIONE AGGIORNATA AL 23 GENNAIO 2015)

PER AZIENDE AVENTI ALLE PROPRIE DIPENDENZE SOLO IMPIEGATI (VERSIONE AGGIORNATA AL 23 GENNAIO 2015) Procedura relativa alla gestione delle adesioni contrattuali e delle contribuzioni contrattuali a Prevedi ex art. 97 del CCNL edili-industria del 1 luglio 2014 e ex art. 92 del CCNL edili-artigianato del

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

Il Ministro del Lavoro e della Previdenza Sociale

Il Ministro del Lavoro e della Previdenza Sociale Visto l articolo 2120 del codice civile; Visto l articolo 3 della legge 29 maggio 1982, n. 297; Visto il decreto legislativo 5 dicembre 2005, n. 252; Visto l articolo 1, comma 755, della legge 27 dicembre

Dettagli

COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE

COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE Deliberazione del 15 luglio 2010, modificata ed integrata con deliberazione del 7 maggio 2014 (Testo consolidato) 1. Regolamento sulle procedure relative all

Dettagli

GENERALI GLOBAL Fondo Pensione Aperto a contribuzione definita Documento sul regime fiscale (ed. 03/15)

GENERALI GLOBAL Fondo Pensione Aperto a contribuzione definita Documento sul regime fiscale (ed. 03/15) GENERALI GLOBAL Fondo Pensione Aperto a contribuzione definita Documento sul regime fiscale (ed. 03/15) Allegato alla Nota Informativa Pagina 2 di 8 - Pagina bianca Edizione 03.2015 Documento sul regime

Dettagli

Regolamento per il riscatto degli anni di laurea ex art. 22 Regolamento dell Ente

Regolamento per il riscatto degli anni di laurea ex art. 22 Regolamento dell Ente E.P.A.P. Ente di Previdenza ed Assistenza Pluricategoriale Via Vicenza, 7-00185 Roma Tel: 06 69.64.51 - Fax: 06 69.64.555 E-mail: info@epap.it - Sito web: www.epap.it Codice fiscale: 97149120582 Regolamento

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Art. 1 - Finalità e ambito di applicazione Il presente Regolamento, emanato ai sensi della legge 9 maggio 1989, n. 168, disciplina, in armonia con i principi generali stabiliti dalla Carta Europea dei

Dettagli

Compensi agli amministratori

Compensi agli amministratori Università Politecnica delle Marche Idee imprenditoriali innovative Focus group 23 ottobre 2009 Le società ed il bilancio Dividendi e compensi agli amministratori aspetti fiscali e contributivi Compensi

Dettagli

.. OMISSIS. Art. 2. (Armonizzazione)

.. OMISSIS. Art. 2. (Armonizzazione) Legge 8 agosto 1995, n. 335. Riforma del sistema pensionistico obbligatorio e complementare... OMISSIS Art. 2. (Armonizzazione).. OMISSIS 26. A decorrere dal 1 gennaio 1996, sono tenuti all'iscrizione

Dettagli

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego Il decreto spiega tutte le possibilità e i limiti dell'eventuale cumulo Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego (Dm Funzione pubblica 331 del 29.7.1997) da CittadinoLex del 12/9/2002

Dettagli

Per il Fondo Mario Negri, dopo

Per il Fondo Mario Negri, dopo FONDO MARIO NEGRI/1 Cambia il sistem delfondo M Alessandro Baldi 6 Per il Fondo Mario Negri, dopo un lungo e ponderato studio avviato dal proprio Consiglio di gestione con il concorso di esperti qualificati,

Dettagli

Esempio basato sullo Schema di Comunicazione periodica. Iris

Esempio basato sullo Schema di Comunicazione periodica. Iris Uno Assicurazioni S.p.A. (Gruppo Lungavita) Iris PIANO INDIVIDUALE PENSIONISTICO DI TIPO ASSICURATIVO - FONDO PENSIONE Iscritto all Albo tenuto dalla COVIP con il n. **** Comunicazione periodica agli iscritti

Dettagli

I Trattamenti di Fine Servizio nel pubblico impiego (TFS-TFR): TEMPI LIQUIDAZIONE

I Trattamenti di Fine Servizio nel pubblico impiego (TFS-TFR): TEMPI LIQUIDAZIONE Giugno 2014 I Trattamenti di Fine Servizio nel pubblico impiego (TFS-TFR): TEMPI LIQUIDAZIONE a cura di G. Marcante Da 24 a 48 mesi di attesa! come è possibile? Premessa L art. 1, commi 484 e 485 della

Dettagli

PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA.

PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA. PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA. LA PENSIONE DI VECCHIAIA è il trattamento pensionistico corrisposto dall Istituto previdenziale al raggiungimento di una determinata età

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME ART. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le procedure per la trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo pieno a tempo parziale dei dipendenti

Dettagli

Differenze tra il trattamento di mobilità in deroga annualità 2012 e annualità 2013

Differenze tra il trattamento di mobilità in deroga annualità 2012 e annualità 2013 Vademecum per la gestione del trattamento di mobilità in deroga Annualità 2013 Istruzioni per la compilazione della domanda di mobilità in deroga e informazioni generali sul trattamento. Differenze tra

Dettagli

Pensione di vecchiaia con 15 anni di contributi: ok dall'inps Ipsoa.it

Pensione di vecchiaia con 15 anni di contributi: ok dall'inps Ipsoa.it Pensione di vecchiaia con 15 anni di contributi: ok dall'inps Ipsoa.it di Aldo Forte Pubblicista Esperto in materia previdenziale L'Inps, con la circolare n. 16/2013, chiarisce che per i soggetti con un'anzianita'

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297)

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) 1) Beneficiari Hanno titolo a richiedere l anticipazione i lavoratori che abbiano maturato almeno

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Codice identificativo n. [numero progressivo da sistema] CONTRATTO per il riconoscimento degli incentivi per

Dettagli

DECRETO RENZI IL BONUS DI 80 AL MESE E I VANTAGGI PER I FONDI PENSIONE

DECRETO RENZI IL BONUS DI 80 AL MESE E I VANTAGGI PER I FONDI PENSIONE DECRETO RENZI IL BONUS DI 80 AL MESE E I VANTAGGI PER I FONDI PENSIONE RIFERIMENTI NORMATIVI: Decreto legge n. 66 del 24 aprile 2014 Circolare Agenzia delle Entrate, 8/E/2014 ASPETTI GENERALI: Il DL 66/2014

Dettagli

Fondo Nazionale Pensione a favore dei lavoratori del settore dell igiene ambientale e dei settori affini

Fondo Nazionale Pensione a favore dei lavoratori del settore dell igiene ambientale e dei settori affini Fondo Nazionale Pensione a favore dei lavoratori del settore dell igiene ambientale e dei settori affini LE REGOLE DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE E LE DOMANDE PIU IMPORTANTI SUL FUNZIONAMENTO DI PREVIAMBIENTE

Dettagli

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015 INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015 Di seguito, riepiloghiamo i principali campi della Certificazione Unica (CU) che DEVONO essere inseriti

Dettagli

POPOLARE VITA S.p.A.

POPOLARE VITA S.p.A. CONTRATTO DI ASSICURAZIONE SULLA VITA IN FORMA MISTA, A PREMIO UNICO CON RIVALUTAZIONE ANNUALE DEL CAPITALE (TARIFFA N. 560) Orizzonte Sicuro Il presente Fascicolo Informativo, contenente: la Scheda Sintetica;

Dettagli

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE.

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE. Trattamento delle somme corrisposte da una società di persone al socio nel caso di recesso, esclusione, riduzione del capitale, e liquidazione, ed aspetti fiscali per la società. Questo convegno ci offre

Dettagli

TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA

TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA punto 94: ammontare corrisposto nel 2007: - al netto di quanto corrisposto in anni precedenti casella 95; - ridotto

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

Uno Assicurazioni SpA Gruppo Lungavita

Uno Assicurazioni SpA Gruppo Lungavita Uno Assicurazioni SpA Gruppo Lungavita PIANO INDIVIDUALE PENSIONISTICO DI TIPO ASSICURATIVO - FONDO PENSIONE Iscritto all Albo tenuto dalla Covip con il n. *** Nota informativa per i potenziali aderenti

Dettagli

MODULO DI DESIGNAZIONE/REVOCA DEI BENEFICIARI

MODULO DI DESIGNAZIONE/REVOCA DEI BENEFICIARI MODULO DI DESIGNAZIONE/REVOCA DEI BENEFICIARI (Da inviare ad Arca SGR S.p.A. in originale, per posta, unitamente a copia dei documenti di identità dell Iscritto e dei beneficiari) Spett.le ARCA SGR S.p.A.

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA Città di Medicina Via Libertà 103 40059 Medicina (BO) Partita I.V.A. 00508891207 Cod. Fisc.00421580374 Tel 0516979111 Fax 0516979222 personale@comune.medicina.bo.it DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO

Dettagli

DIREZIONE REGIONALE PIEMONTE VALLE D AOSTA. EDIZIONE Novembre 2010 1.0

DIREZIONE REGIONALE PIEMONTE VALLE D AOSTA. EDIZIONE Novembre 2010 1.0 DIREZIONE REGIONALE PIEMONTE VALLE D AOSTA MODELLO PA04 EDIZIONE AGGIORNATA AL TRIENNIO 2010 2012 SEMPLIFICATO PER LE SCUOLE EDIZIONE Novembre 2010 1.0 1 COMPILAZIONE MOD. PA04 SEMPLIFICATO INDICAZIONI

Dettagli

postafuturo partecipa special Ed. ottobre 2013

postafuturo partecipa special Ed. ottobre 2013 postafuturo partecipa special Ed. ottobre 2013 Contratto di assicurazione sulla vita con partecipazione agli utili Il presente Fascicolo Informativo contenente la Scheda Sintetica, la Nota Informativa,

Dettagli

riduzioni di disagio L Associazione

riduzioni di disagio L Associazione ASSOCIAZIONE ITALIANA PER LAA PREVIDENZA E ASSISTENZAA COMPLEMENTARE Studio per un PROGETTO di WELFARE integrato - Primi risultati Ipotesi di intervento tramite un fondoo pensione per fronteggiare eventuali

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. VISTI gli articoli 76, 87, quinto comma, e 117, terzo comma, della Costituzione;

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. VISTI gli articoli 76, 87, quinto comma, e 117, terzo comma, della Costituzione; SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI PER IL RIORDINO DELLA NORMATIVA IN MATERIA DI AMMORTIZZATORI SOCIALI IN CASO DI DISOCCUPAZIONE INVOLONTARIA E DI RICOLLOCAZIONE DEI LAVORATORI DISOCCUPATI,

Dettagli

ACCORDI EXPO PER IL LAVORO

ACCORDI EXPO PER IL LAVORO ACCORDI EXPO PER IL LAVORO Milano, 27 aprile 2015 Il 26 marzo scorso tra Unione Confcommercio Milano e le organizzazioni sindacali di categoria Filcams-CGIL, Fisascat-CISL e Uiltucs-UIL di Milano e di

Dettagli

IN PENSIONE Come si calcola, quando se ne ha diritto, a quanto ammonta

IN PENSIONE Come si calcola, quando se ne ha diritto, a quanto ammonta a cura di Enzo Mologni e dell Uffi cio Comunicazione CGIL di Bergamo 4 Ottobre 2013 IN PENSIONE Come si calcola, quando se ne ha diritto, a quanto ammonta Presentiamo in questo numero alcune informazioni

Dettagli

Circolare n. 1 del 20/01/2015

Circolare n. 1 del 20/01/2015 Circolare n. 1 del 20/01/2015 Inviato da adminweb il 19 Gennaio 2015 SERVIZIO ENTRATE CONTRIBUTIVE Circolare n. 1 del 20/01/2015 e p.c. A TUTTE LE AZIENDE E LE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI ISCRITTE Loro Sedi

Dettagli

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA L'Università degli Studi di Parma con sede in Parma, via Università n. 12 codice fiscale n. 00308780345 rappresentata dal

Dettagli

Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015

Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015 Ai gentili clienti Loro sedi Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che, in assenza di provvedimenti sul punto da parte della L.

Dettagli

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2013 IN BASE AL MOD. CUD 2013

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2013 IN BASE AL MOD. CUD 2013 INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2013 IN BASE AL MOD. CUD 2013 Di seguito, riepiloghiamo i principali campi del CUD che DEVONO essere inseriti nel 730: Reddito lavoro dipendente Punto

Dettagli

MODULARE. Chi non prova a crearsi il futuro che desidera deve accontentarsi del futuro che gli capita Draper L. Kaufman.

MODULARE. Chi non prova a crearsi il futuro che desidera deve accontentarsi del futuro che gli capita Draper L. Kaufman. La nuova PENSIONE MODULARE per gli Avvocati Chi non prova a crearsi il futuro che desidera deve accontentarsi del futuro che gli capita Draper L. Kaufman Edizione 2012 1 LA NUOVA PENSIONE MODULARE PER

Dettagli

LINEE DI INDIRIZZO PERSONALE COMPARTO RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. ART. 1 ( Definizione)

LINEE DI INDIRIZZO PERSONALE COMPARTO RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. ART. 1 ( Definizione) 1 REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana Assessorato Regionale della Sanità Dipartimento regionale per la pianificazione strategica ********** Servizio 1 Personale dipendente S.S.R. LINEE DI INDIRIZZO PERSONALE

Dettagli

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo DECRETO N. 12 (Disposizioni regolamentari per la costituzione dei consorzi obbligatori ai sensi dell art. 7 dell ordinanza

Dettagli

Aviva Top Valor Contratto di Assicurazione a Vita Intera a Premio Unico a Prestazioni Rivalutabili

Aviva Top Valor Contratto di Assicurazione a Vita Intera a Premio Unico a Prestazioni Rivalutabili Aviva Top Valor Contratto di Assicurazione a Vita Intera a Premio Unico a Prestazioni Rivalutabili IL PRESENTE FASCICOLO INFORMATIVO CONTENENTE: Scheda Sintetica; Nota Informativa; Condizioni di Assicurazione

Dettagli

Riflettori su... La disciplina del trattamento di fine rapporto di Pietro DE FELICE SOMMARIO

Riflettori su... La disciplina del trattamento di fine rapporto di Pietro DE FELICE SOMMARIO Riflettori su... La disciplina del trattamento di fine rapporto di Pietro DE FELICE SOMMARIO - Aspetti civilistici dell istituto introdotto, per i dipendenti del comparto privato, nel 1982; - Le circostanze

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Comune di Castel San Pietro Terme Provincia di Bologna SERVIZIO RISORSE UMANE DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE APPROVATO CON DELIBERAZIONE GC. N. 159 IN DATA 4/11/2008 ART. 1 Oggetto Dipendenti

Dettagli

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015 CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 26 marzo 2015 OGGETTO: Articolo 1, comma 154, legge 23 dicembre 2014, n. 190 (Legge stabilità 2015) Contributo del cinque per mille dell

Dettagli

Le pensioni nel 2004

Le pensioni nel 2004 Le pensioni nel 2004 Con la presente si trasmette il consueto aggiornamento annuale sugli aspetti di maggiore interesse per i nostri associati concernenti la normativa previdenziale INPS, ad eccezione

Dettagli

Riscatto anni di studio e servizio militare. ENPAM-INPS( Ex-INPDAP)

Riscatto anni di studio e servizio militare. ENPAM-INPS( Ex-INPDAP) Riscatto anni di studio e servizio militare ENPAM-INPS( Ex-INPDAP) ENPAM Riscatto di Laurea, Specializzazione, Servizio militare o civile Requisiti generali Età inferiore a quella di pensionamento di vecchiaia

Dettagli

IL COSTO DEL LAVORO DIPENDENTE

IL COSTO DEL LAVORO DIPENDENTE CICLO DI LEZIONI SPERIMENTALI PER GLI STUDENTI DEGLI ITC IL COSTO DEL LAVORO DIPENDENTE A cura del prof. Santino Furlan Castellanza, 2 marzo 2001 Il costo del lavoro dipendente Le voci che compongono il

Dettagli

LA PENSIONE DI VECCHIAIA

LA PENSIONE DI VECCHIAIA Le pensioni di vecchiaia e di invalidità specifica per i lavoratori dello spettacolo (Categorie elencate nei numeri da 1 a 14 dell art. 3 del Dlgs CPS n.708/1947) Questa scheda vuole essere un primo contributo

Dettagli

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea straordinaria, recante: Attribuzione al Consiglio di Amministrazione

Dettagli

La guida del pensionato

La guida del pensionato La guida del pensionato Vuole sapere in che giorno del mese le viene pagata la pensione? Se ci sono aumenti periodici? Se le viene inviato un avviso di pagamento mensile? Cosa deve fare se ha persone a

Dettagli

l inabilità temporanea, l invalidità permanente

l inabilità temporanea, l invalidità permanente Inabilità temporanea e invalidità permanente Quali sono le tutele che intervengono in questi casi? Ecco il primo articolo di approfondimento sul tema degli eventi da esorcizzare Con questo primo articolo

Dettagli

FIN+A Vita. Aviva S.p.A. Gruppo Aviva

FIN+A Vita. Aviva S.p.A. Gruppo Aviva Aviva S.p.A. Gruppo Aviva FIN+A Vita Creditor Protection a Premio Unico ed a Premio Annuo Limitato abbinata a Finanziamenti - Contratto di Assicurazione in forma Collettiva ad Adesione Facoltativa. Il

Dettagli

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA NOTE ILLUSTRATIVE PER LA DETERMINAZIONE DEI CONTRIBUTI DOVUTI IN AUTOLIQUIDAZIONE - MOD. 5/2015 (Comunicazione obbligatoria ex artt. 17 e 18 della Legge n. 576/1980, artt. 9 e 10 della legge n. 141/1992

Dettagli

Come si calcolano,nel 2013, le pensioni dei lavoratori iscritti all INPS

Come si calcolano,nel 2013, le pensioni dei lavoratori iscritti all INPS Come si calcolano,nel 2013, le pensioni dei lavoratori iscritti all INPS Salvatore Martorelli 0 Le regole e il sistema di calcolo delle pensioni INPS I vertiginosi cambiamenti nella normativa sulle pensioni

Dettagli

NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR

NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR Nell'ambito degli interventi sul prelievo fiscale, la finanziaria 2008 (legge 24 dicembre 2007, n. 244),

Dettagli

PROTEZIONE E CRESCITA PIÙ

PROTEZIONE E CRESCITA PIÙ Società del Gruppo ALLIANZ S.p.A. CONTRATTO DI ASSICURAZIONE A VITA INTERA A PREMIO UNICO E PRESTAZIONI RIVALUTABILI PROTEZIONE E CRESCITA PIÙ IL PRESENTE FASCICOLO INFORMATIVO CONTENENTE: SCHEDA SINTETICA

Dettagli

DOCUMENTO SULL EROGAZIONE DELLE RENDITE

DOCUMENTO SULL EROGAZIONE DELLE RENDITE DOCUMENTO SULL EROGAZIONE DELLE RENDITE Il presente documento costituisce parte integrante della nota informativa della forma pensionistica individuale denominata Piano Individuale Pensionistico di tipo

Dettagli

Eurovita Forza 15 Coupon Contratto di assicurazione mista a prestazioni rivalutabili a premio unico con erogazione di cedole annuali

Eurovita Forza 15 Coupon Contratto di assicurazione mista a prestazioni rivalutabili a premio unico con erogazione di cedole annuali ED. LUGLIO 2013 Eurovita Forza 15 Coupon Contratto di assicurazione mista a prestazioni rivalutabili a premio unico con erogazione di cedole annuali Il presente Fascicolo Informativo, contenente la Scheda

Dettagli

APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE NEL CCNL TERZIARIO

APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE NEL CCNL TERZIARIO APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE NEL CCNL TERZIARIO L apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato finalizzato alla formazione e all occupazione dei giovani. Possono essere assunti in

Dettagli

Prot. 6/cp Vercelli, 11 febbraio 2011

Prot. 6/cp Vercelli, 11 febbraio 2011 Prot. 6/cp Vercelli, 11 febbraio 2011 A TUTTE LE IMPRESE ISCRITTE - LORO SEDI- Oggetto: Lavoro part-time. In seguito alle comunicazioni CNCE n. 433 del 27 luglio 2010, n. 436 del 29 settembre 2010, n.

Dettagli

Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali. pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966. con le modifiche della

Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali. pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966. con le modifiche della Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966 con le modifiche della legge 4 novembre 2010, n. 183 (c.d. Collegato Lavoro) Legge 28 giugno

Dettagli

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO FOGLIO INFORMATIVO NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO INFORMAZIONI SULLA BANCA UNIPOL BANCA S.p.A. SEDE LEGALE

Dettagli

Direttive per il collocamento e l avviamento al lavoro

Direttive per il collocamento e l avviamento al lavoro Provincia Autonoma di Trento Direttive per il collocamento e l avviamento al lavoro Testo adottato dalla Giunta Provinciale con deliberazione n. xxxx del xx/xx/xxxx ART. 1. ELENCO ANAGRAFICO DEI LAVORATORI

Dettagli

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 MINIMI RETRIBUTIVI FISSATI DALLA COMMISSIONE NAZIONALE DECORRENZA 1 GENNAIO 2014 CONVIVENTI DI CUI ART. 15-2

Dettagli

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 10/04/2015

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 10/04/2015 Direzione Centrale Pensioni Roma, 10/04/2015 Circolare n. 74 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore

Dettagli

ASpI, Mini ASpI, Una Tantum per cocopro Tutte le novità sul sostegno al reddito dei lavoratori

ASpI, Mini ASpI, Una Tantum per cocopro Tutte le novità sul sostegno al reddito dei lavoratori ASpI, Mini ASpI, Una Tantum per cocopro Tutte le novità sul sostegno al reddito dei lavoratori Giugno 2014 La legge di riforma del mercato del lavoro approvata il 28 Giugno 2012 (L.92/2012) ha introdotto

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 20/03/2015

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 20/03/2015 Direzione Centrale Pensioni Roma, 20/03/2015 Circolare n. 63 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18

Dettagli

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI Si esamina il trattamento dei benefici concessi a dipendenti, collaboratori e amministratori - collaboratori. I fringe benefits costituiscono la parte della

Dettagli

I VERSAMENTI VOLONTARI

I VERSAMENTI VOLONTARI I VERSAMENTI VOLONTARI Le Guide Inps Direttore Annalisa Guidotti Capo Redattore Iride di Palma Testi Daniela Cerrocchi Fulvio Maiella Antonio Silvestri Progetto grafico Peliti Associati Impaginazione Aldo

Dettagli

Il lavoro subordinato

Il lavoro subordinato Il lavoro subordinato Aggiornato a luglio 2012 1 CHE COS È? Il contratto di lavoro subordinato è un contratto con il quale un lavoratore si impegna a svolgere una determinata attività lavorativa alle dipendenze

Dettagli

Il Part-Time in Poste Italiane

Il Part-Time in Poste Italiane Il Part-Time in Poste Italiane Vademecum Che cos è? Il contratto a tempo parziale è un contratto di lavoro subordinato che prevede una prestazione di lavoro di durata inferiore rispetto alle 36 ore settimanali

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

Allegato "A" al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE "In Atto" Art. 1) Ai sensi della Legge 7

Allegato A al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE In Atto Art. 1) Ai sensi della Legge 7 Allegato "A" al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE "In Atto" Art. 1) Ai sensi della Legge 7 dicembre 2000, n. 383 e delle norme del codice civile in tema

Dettagli

2. 1. Il datore di lavoro, imprenditore o non imprenditore, deve comunicare per iscritto il licenziamento al prestatore di lavoro.

2. 1. Il datore di lavoro, imprenditore o non imprenditore, deve comunicare per iscritto il licenziamento al prestatore di lavoro. L. 15 luglio 1966, n. 604 (1). Norme sui licenziamenti individuali (2). (1) Pubblicata nella Gazz. Uff. 6 agosto 1966, n. 195. (2) Il comma 1 dell art. 1, D.Lgs. 1 dicembre 2009, n. 179, in combinato 1.

Dettagli

VALORE 2.0. Contratto di assicurazione sulla vita con partecipazione agli utili e a premio annuo indicizzato

VALORE 2.0. Contratto di assicurazione sulla vita con partecipazione agli utili e a premio annuo indicizzato VALORE 2.0 Contratto di assicurazione sulla vita con partecipazione agli utili e a premio annuo indicizzato Il presente Fascicolo informativo, contenente: Scheda sintetica Nota informativa Condizioni di

Dettagli

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO Patrizia Clementi IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO La legge Biagi 1 ha disciplinato sotto il profilo civilistico le collaborazioni coordinate e continuative, già presenti nel nostro

Dettagli

GUIDE Il lavoro part time

GUIDE Il lavoro part time Collana Le Guide Direttore: Raffaello Marchi Coordinatore: Annalisa Guidotti Testi: Iride Di Palma, Adolfo De Maltia Reporting: Gianni Boccia Progetto grafico: Peliti Associati Illustrazioni: Paolo Cardoni

Dettagli

Regolamento sulla formazione professionale continua degli iscritti all'ordine dei giornalisti

Regolamento sulla formazione professionale continua degli iscritti all'ordine dei giornalisti Documento Regolamento sulla formazione professionale continua degli iscritti all'ordine dei giornalisti Art.1 Scopo del Regolamento 1) Scopo di questo Regolamento e disciplinare l attivita di formazione

Dettagli

Per saperne di più. L evoluzione del sistema pensionistico in Italia

Per saperne di più. L evoluzione del sistema pensionistico in Italia Nel corso degli ultimi trent anni il sistema previdenziale italiano è stato interessato da riforme strutturali finalizzate: al progressivo controllo della spesa pubblica per pensioni, che stava assumendo

Dettagli

postaprevidenza valore

postaprevidenza valore postaprevidenza valore Fondo Pensione Piano individuale pensionistico di tipo assicurativo (PIP) Iscritto all Albo tenuto dalla COVIP con il n. 5003 Nota Informativa per i potenziali Aderenti (depositata

Dettagli

Riscatto degli anni di laurea

Riscatto degli anni di laurea Riscatto degli anni di laurea Riscatto degli anni di laurea scuola Chi è giovane e fresco di laurea, di regola, non vede l ora di mettersi a lavorare e, certamente, per prima cosa non pensa alla pensione.

Dettagli

CERTIFICAZIONE DI CUI ALL'ART. 4, COMMI 6-ter e 6-quater DEL D.P.R. 22 LUGLIO 1998, N. 322 RELATIVA ALL'ANNO 2012

CERTIFICAZIONE DI CUI ALL'ART. 4, COMMI 6-ter e 6-quater DEL D.P.R. 22 LUGLIO 1998, N. 322 RELATIVA ALL'ANNO 2012 CERTIFICAZIONE DI CUI ALL'ART. 4, COMMI 6-ter e 6-quater DEL D.P.R. LUGLIO 998, N. 3 RELATIVA ALL'ANNO 0 Pagina AL DATORE DI LAVORO, ENTE PENSIONISTICO O ALTRO SOSTITUTO D'IMPOSTA Codice fiscale Cognome

Dettagli

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U)

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Il presente prodotto è distribuito dalle Agenzie Vittoria Assicurazioni

Dettagli

STATUTO DELL'ASSOCIAZIONE Amici della Pedagogia Waldorf Emil Molt. Art. 1 (Costituzione, denominazione e sede)

STATUTO DELL'ASSOCIAZIONE Amici della Pedagogia Waldorf Emil Molt. Art. 1 (Costituzione, denominazione e sede) STATUTO DELL'ASSOCIAZIONE Amici della Pedagogia Waldorf Emil Molt Art. 1 (Costituzione, denominazione e sede) 1) E costituita, nel rispetto del Codice Civile, della Legge 383/2000 e della normativa in

Dettagli

Richiamoallearmi. Fonti normative. Conservazione del posto. Periodo di prova. Indennità economica

Richiamoallearmi. Fonti normative. Conservazione del posto. Periodo di prova. Indennità economica Richiamoallearmi Fonti normative Conservazione del posto Periodo di prova Indennità economica Il richiamo alle armi era regolato, per i dipendenti dallo Stato, dalla legge 3.5.1955, n. 370, recante norme

Dettagli

Prot. N. 931 /E7 Volterra, 14 aprile 2014 INTESA CONTRATTO INTEGRATIVO D ISTITUTO

Prot. N. 931 /E7 Volterra, 14 aprile 2014 INTESA CONTRATTO INTEGRATIVO D ISTITUTO ISTITUTO d ISTRUZIONE SUPERIORE GIOSUÈ CARDUCCI LICEO CLASSICO, SCIENTIFICO, SOCIO-PSICO-PEDAGOGICO V.le Trento e Trieste n 26-56048 - Volterra (PI) - tel. 0588 86055 - fax 0588 90203 ISTITUTO STATALE

Dettagli

COLF E BADANTI. Via Abruzzi, 3-00187 Roma tel. 06/8440761 - fax 06/42085830 caaf.nazionale@cisl.it www.caafcisl.it

COLF E BADANTI. Via Abruzzi, 3-00187 Roma tel. 06/8440761 - fax 06/42085830 caaf.nazionale@cisl.it www.caafcisl.it COLF E BADANTI Lo sportello Colf e Badanti del Caf Cisl nasce per fornire alle famiglie tutta l assistenza necessaria per la gestione del rapporto di lavoro di colf, assistenti familiari, baby sitter,

Dettagli

GUIDA PRATICA. La trasmissione degli esposti alla COVIP. Cosa c'è in questa guida. www.covip.it

GUIDA PRATICA. La trasmissione degli esposti alla COVIP. Cosa c'è in questa guida. www.covip.it GUIDA PRATICA La trasmissione degli esposti alla COVIP Cosa c'è in questa guida Le domande di base Cosa fare prima di inviare un esposto Come si prepara un esposto Come la COVIP esamina gli esposti Memo

Dettagli