REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE"

Transcript

1 FIPREM Fondo Integrativo di Previdenza Montedison Fondo Pensione REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE Testo approvato dal Consiglio di Amministrazione il 27 Marzo 2003 e coordinato con le modifiche ed integrazioni apportate nelle riunioni del 16 Dicembre 2003, 9 Dicembre 2004, 23 Marzo 2005.

2 DISPOSIZIONI GENERALI Pag. 3 TITOLO I - SOGGETTI Art. 1 - Società partecipanti Pag. 4 Art. 2 - Lavoratori associati Pag. 4 Art. 3 - Decorrenza dell'iscrizione Pag. 4 Art. 4 - Modalità per l'iscrizione Pag. 4 Art. 5 - Facoltà attribuite all'iscritto in caso di risoluzione del rapporto di Pag. 5 lavoro, di recesso della Società o di promozione alla dirigenza Art. 6 - Cessazione dell'iscrizione e della contribuzione Pag. 5 TITOLO II - CONTRIBUZIONI Art. 7 - Contribuzione ordinaria obbligatoria e volontaria modalità di Pag. 7 versamento dei contributi Art. 8 - Sospensione della contribuzione Pag. 9 Art. 9 - Quote di partecipazione al Fondo Pag. 10 Art Regime fiscale Pag. 10 Art Informazioni periodiche agli iscritti Pag. 11 TITOLO III - PRESTAZIONI Art Prestazioni Pag. 12 Art. 13 Decesso del socio Pag. 13 Art Trasferimento della posizione ad altri Fondi Pag. 13 Art Acquisizione di posizioni provenienti da altri Fondi Pag. 13 Art Riscatto Pag. 13 Art Anticipazioni Pag. 14 TITOLO IV - GESTIONE PATRIMONIO E SPESE Art Patrimonio Pag. 15 Art Spese Pag. 15 Art Scritture contabili e relazioni periodiche Pag. 16 TITOLO V - DISPOSIZIONI FINALI Art. 21 Modifiche del Regolamento di attuazione Pag. 17 TITOLO VI - ALLEGATI Allegato 1 - Inadempienze Pag. 18 Allegato 2 - Modulistica Pag. 19 Regolamento di attuazione Pag. 2

3 DISPOSIZIONI GENERALI Il presente Regolamento di attuazione contiene le norme per il funzionamento di FIPREM "Fondo Integrativo di Previdenza Montedison Fondo Pensione" in applicazione dell'accordo Sindacale istitutivo del 16 Aprile 1987, delle successive modificazioni ed integrazioni e dello Statuto del Fondo stesso. Per tutto quanto non espressamente previsto nel presente Regolamento di attuazione si fa rinvio alla normativa vigente in materia di fondi pensione. FIPREM è iscritto con il numero 1077 all Albo dei Fondi Pensione nella I Sezione Speciale Fondi Pensione Preesistenti tenuto dalla Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP come previsto dal D.Lgs. 124/93. Ha sede in Milano - Foro Buonaparte 31. La durata del Fondo è illimitata. Destinatari delle norme contenute nel presente Regolamento sono le Aziende iscritte al Fondo ed i lavoratori iscritti attivi, non attivi ovvero in quiescenza e percettori della rendita integrativa. Regolamento di attuazione Pag. 3

4 TITOLO I - SOGGETTI Art. 1 - Società partecipanti 1.1 Partecipano al Fondo le Società del Gruppo Edison S.p.A (già Montedison S.p.A) nonché sue controllate e collegate che hanno aderito all'accordo Sindacale del 16 Aprile 1987 e successive modificazioni e integrazioni nonché le Società già aderenti al momento dell entrata in vigore del D.Lgs. 124/ Nel caso di cessione di Azienda associata al Fondo, o di ramo di azienda, è prevista la facoltà, salvo recesso da parte dell'azienda con preavviso di almeno sei mesi, di conservare l'associazione al Fondo: il recesso acquista efficacia decorsi sei mesi dalla avvenuta comunicazione al Fondo. Art. 2 - Lavoratori associati 2.1 Possono iscriversi volontariamente al Fondo i lavoratori occupati con contratto a tempo indeterminato alle dipendenze delle Società di cui al punto 1.1 con qualifica di operaio, impiegato o quadro, nonché i lavoratori dipendenti delle Organizzazioni, dei datori di lavoro e dei lavoratori, stipulanti l Accordo istitutivo del Fondo o che vi hanno successivamente aderito, alle condizioni previste dal successivo art Possono altresì iscriversi, a partire dal 1 Luglio 2000, i dipendenti delle stesse Società con contratto di formazione lavoro, contratto di apprendistato e contratto a tempo determinato di durata continuativa superiore a sei mesi. 2.3 Sono inoltre associati al Fondo i lavoratori pensionati che percepiscono la rendita integrativa nonché i dipendenti in stato di quiescenza che, avendo cessato di contribuire, non hanno richiesto il riscatto della posizione. Art. 3 - Decorrenza dell'iscrizione 3.l Le iscrizioni volontarie presentate decorrono dal primo giorno del mese successivo all acquisizione della domanda di adesione da parte del Fondo. 3.2 Ferma restando la decorrenza della iscrizione volontaria stabilita al punto precedente, non sono previsti termini di decadenza. Art. 4 - Modalità per l iscrizione 4.l L'iscrizione volontaria al Fondo si perfeziona, e diviene operante, con la compilazione in ogni sua parte dell'apposito modulo e sua sottoscrizione, con il quale il lavoratore dichiara di aver preso visione della Scheda informativa, dello Statuto, del Regolamento di attuazione e delle finalità sociali/previdenziali del Fondo quali risultano dagli Accordi sottoscritti dalle Parti stipulanti. Regolamento di attuazione Pag. 4

5 4.2 La domanda di adesione è presentata al Fondo dal lavoratore tramite il proprio datore di lavoro. E sottoscritta da entrambi ed impegna il lavoratore e l Azienda nei confronti del Fondo. La domanda contiene la delega del lavoratore all Azienda per la trattenuta della contribuzione nei limiti previsti dal successivo art L Azienda provvede ad inviare al Fondo tutte le domande di iscrizione pervenute nel mese entro il giorno 15 del mese successivo. 4.4 L adesione dei lavoratori deve essere preceduta dalla consegna, da parte dell Azienda, di copia: a) della Scheda informativa b) dello Statuto c) del Regolamento di attuazione Art. 5 - Facoltà attribuite all'iscritto in caso di risoluzione del rapporto di lavoro, di recesso della Società o di promozione alla dirigenza. 5.1 Il lavoratore iscritto che abbia risolto il rapporto di lavoro con la Società, oppure in caso di recesso della stessa dal Fondo o di promozione a dirigente, può chiedere tramite l'apposito modulo in alternativa: a) il mantenimento della posizione individuale presso il Fondo, in assenza di contribuzione, ferma restando la possibilità di esercitare, successivamente, una delle opzioni di cui alle successive lettere b), e c); b) il trasferimento della posizione individuale ad altro Fondo pensione cui abbia aderito in relazione a nuova attività lavorativa o in seguito alla promozione a dirigente; c) il riscatto della propria posizione individuale a condizione che non abbia maturato il diritto alla pensione di vecchiaia o di anzianità. Il riscatto comporta la riscossione dell intero ammontare della propria posizione individuale. Il lavoratore socio può richiedere il trasferimento ad altro Fondo pensione o a forme pensionistiche individuali, anche in costanza dei requisiti di partecipazione a FIPREM, purchè siano trascorsi almeno 3 anni di iscrizione al Fondo. 5.2 Il Fondo determinerà il valore della posizione individuale il primo giorno di valorizzazione utile successivo a quello in cui il Fondo ha acquisito notizia certa del verificarsi delle condizioni previste al precedente punto 5.1 lettere b) e c). Gli adempimenti a carico del Fondo conseguenti all'esercizio delle opzioni di trasferimento o di riscatto devono essere effettuati entro 6 mesi dall'esercizio delle opzioni stesse. Art. 6 - Cessazione dell'iscrizione e della contribuzione. 6.1 L'iscrizione al Fondo cessa per risoluzione del rapporto di lavoro per qualunque causa, per promozione a dirigente, per trasferimento ad altro Fondo o per decesso del lavoratore. Regolamento di attuazione Pag. 5

6 6.2 Nei casi sopra richiamati la cessazione delle contribuzioni decorrerà dalla data di risoluzione del rapporto di lavoro, della promozione a dirigente o del decesso, oppure dal primo giorno del mese successivo alla comunicazione di trasferimento della propria posizione da parte del lavoratore. 6.3 Conservano la qualità di soci del Fondo i dipendenti che avranno risolto il rapporto di lavoro per pensionamento con diritto alla rendita integrativa nonché i dipendenti in stato di quiescenza che, avendo cessato di contribuire, non hanno richiesto il riscatto della posizione o il trasferimento. Regolamento di attuazione Pag. 6

7 TITOLO II - CONTRIBUZIONI Art. 7 - Contribuzione ordinaria obbligatoria e volontaria modalità di versamento dei contributi 7.1 La contribuzione dovuta al Fondo è stabilita nelle seguenti misure: ISCRITTI A FIPREM DAL AL SETTORE CHIMICO E SETTORE ELETTRICO SETTORE PETROLIO ALTRI Azienda 1,24% 1,35% 2% Retribuzione imponibile INPS (*) Dipendente 1,14% contributo ordinario 1,25% contributo ordinario 2% contributo ordinario Retribuzione imponibile INPS (*) 1% - 2% contr. aggiuntivo 1% - 2% contr. aggiuntivo 1% - 2% contr. aggiuntivo T.F.R. 33% del T.F.R. maturato nell anno - Facoltativo 33% del T.F.R. maturato nell anno - Facoltativo 36% del T.F.R. maturato nell anno - Facoltativo Retribuzione utile per la determinazione del T.F.R. (*) Nel momento in cui l iscritto sceglie di versare al Fondo anche il contributo T.F.R., l imponibile su cui vengono calcolate le percentuali di contribuzione dipendente e contribuzione società è la retribuzione utile per la determinazione del T.F.R. (imponibile T.F.R.). ADESIONE DI 1^ OCCUPAZIONE ANTE SETTORE CHIMICO E SETTORE ELETTRICO SETTORE PETROLIO ALTRI Azienda 1,24% 1,35% 2% Retribuzione utile per la determinazione del T.F.R. Dipendente 1,14% contributo ordinario 1,25% contributo ordinario 2% contributo ordinario Retribuzione utile per la determinazione del T.F.R. T.F.R. 33% del T.F.R. maturato 33% del T.F.R. maturato 36% del T.F.R. maturato Retribuzione utile per la nell anno - Obbligatorio nell anno - Obbligatorio nell anno - Obbligatorio determinazione del T.F.R. In aggiunta alla contribuzione obbligatoria di cui sopra l'iscritto ha la facoltà di destinare contributi volontari ed aggiuntivi, a proprio carico, nei limiti della deducibilità fiscale prevista dalla vigente normativa fiscale, secondo modalità che saranno stabilite dal Consiglio di Amministrazione. ADESIONE DI 1^ OCCUPAZIONE POST SETTORE CHIMICO E SETTORE ELETTRICO SETTORE PETROLIO ALTRI Azienda 1,24% 1,35% 2% Retribuzione utile per la determinazione del T.F.R. Dipendente 1,14% contributo ordinario 1,25% contributo ordinario 2% contributo ordinario Retribuzione utile per la determinazione del T.F.R. T.F.R. 100% del T.F.R. maturato 100% del T.F.R. maturato 100% del T.F.R. maturato Retribuzione utile per la nell anno - Obbligatorio nell anno - Obbligatorio nell anno - Obbligatorio determinazione del T.F.R. In aggiunta alla contribuzione obbligatoria di cui sopra l'iscritto ha la facoltà di destinare contributi volontari ed aggiuntivi, a proprio carico, nei limiti della deducibilità fiscale prevista dalla vigente normativa fiscale, secondo modalità che saranno stabilite dal Consiglio di Amministrazione. Regolamento di attuazione Pag. 7

8 7.2 Possono essere previste da singole Aziende con appositi Accordi aziendali da depositare presso il Fondo, ovvero da Accordi tra le Associazioni Sindacali Nazionali datoriali e dei lavoratori stipulanti i C.C.N.L. per le categorie alle quali appartengono le Aziende, quote di contribuzione a carico Azienda e a carico lavoratore più elevate di quelle sopra previste. La contribuzione al Fondo potrà variare anche a seguito di quanto previsto in sede di rinnovo dei C.C.N.L. di appartenenza delle Aziende associate. 7.3 Relativamente agli iscritti a FIPREM dal al ("vecchi iscritti") che non abbiano richiesto di utilizzare la quota di T.F.R. da maturare nell'anno, per retribuzione imponibile si intende la retribuzione soggetta a contribuzione per l'assicurazione generale obbligatoria dei lavoratori dipendenti INPS: nel caso utilizzino il T.F.R., e per tutti gli altri iscritti successivamente, la contribuzione è riferita alla retribuzione utile per la determinazione del T.F.R. 7.4 Contribuzione volontaria Per contribuzione volontaria si intende il versamento che il lavoratore effettua, in aggiunta alla contribuzione ordinaria obbligatoria, nei limiti della deducibilità fiscale prevista. Il versamento complessivo del lavoratore (quota ordinaria obbligatoria più quota volontaria) deve rimanere nei limiti della deducibilità fiscale. Per i lavoratori, già iscritti al ("vecchi iscritti") resta ferma la possibilitá di aumentare la contribuzione aggiuntiva a loro carico sino al limite del 2% conservando il trattamento fiscale acquisito. La contribuzione volontaria è versata dal lavoratore tramite l Azienda. Il lavoratore dovrà compilare e consegnare all Azienda l apposito modulo predisposto dal Fondo e quantificare l ammontare del contributo volontario. Tale scelta ha validità a partire dal primo giorno del mese successivo alla presentazione della domanda e potrà essere modificata o sospesa con un preavviso di 6 mesi all Azienda. 7.5 Modalità di versamento dei contributi Ogni Azienda è tenuta a versare le contribuzioni nelle misure di cui ai punti 7.1, 7.2 e 7.4. I contributi, che inizieranno ad essere trattenuti dal primo giorno del mese successivo a quello di acquisizione della domanda di adesione, devono essere versati dall Azienda alla Banca Depositaria secondo le modalità e le procedure previste dal Fondo. Con riferimento alla data di versamento i contributi dovranno pervenire alla Banca Depositaria con disponibilità e valuta per il beneficiario entro il 18 del mese successivo a quello di competenza delle retribuzioni, sulle quali viene operata la trattenuta. Regolamento di attuazione Pag. 8

9 7.6 Distinte contributive Entro il giorno 5 del mese successivo a quello di pagamento delle retribuzioni, le Aziende comunicheranno al Fondo, in apposite distinte, redatte secondo le modalità previste dallo stesso, i nomi, cognomi e codici fiscali dei lavoratori soci, unitamente alle quote versate per ciascuno di loro, suddivise nelle quattro tipologie previste dalla legge: quota a carico del lavoratore, quota a carico dell Azienda, eventuale quota volontaria del lavoratore, quota del T.F.R. I bonifici delle Aziende sono accreditati nel conto generale di liquidità che non produce interessi attribuibili al singolo aderente. Solo successivamente alla riconciliazione i contributi sono attribuiti all aderente ed investiti finanziariamente. 7.7 Soggetti inadempienti Per inadempienze dei soggetti tenuti alla contribuzione si intendono: a) tardivo o mancato versamento delle contribuzioni b) insufficiente contribuzione rispetto a quella dovuta c) tardivo o mancato invio ovvero l errata compilazione della distinta contributiva. In questi casi si attua la procedura di cui all allegato 1. Art. 8 Sospensione della contribuzione. 8.1 Nel caso di riduzione o sospensione temporanea della retribuzione per qualunque causa (C.I.G., aspettativa, permessi ed altre assenze, ecc.) l associazione al Fondo permane e la relativa contribuzione a carico dell Azienda e del lavoratore sarà commisurata al trattamento economico corrisposto dall Azienda, anche in anticipazione di quanto dovuto dagli enti previdenziali preposti, così come previsto dalle vigenti disposizioni di legge e/o di contratto. Il versamento della quota T.F.R., in questi casi, segue l andamento della maturazione del T.F.R. 8.2 Il lavoratore in costanza di rapporto di lavoro può richiedere la sospensione dell obbligo contributivo mantenendo la propria associazione al Fondo, purchè abbia maturato almeno 1 anno di iscrizione al Fondo. Tale sospensione si applica anche alla quota a carico dell Azienda ed agli accantonamenti del T.F.R. 8.3 La sospensione decorre dal primo giorno del terzo mese successivo alla presentazione all Azienda della richiesta. Il lavoratore può richiedere di riavviare la contribuzione a partire dal primo giorno del mese successivo alla presentazione della richiesta all Azienda. 8.4 Successive sospensioni della contribuzione potranno intervenire decorsi almeno 3 anni dalla riattivazione. Regolamento di attuazione Pag. 9

10 8.5 Per qualsiasi rinuncia alla contribuzione al Fondo, senza che vi sia una variazione del rapporto di lavoro con l Azienda, non sarà possibile richiedere il riscatto delle quote. Esse continueranno ad essere gestite dal Fondo e potranno essere riscattate solo alla maturazione del diritto all'erogazione di una rendita o di un capitale di cui all art. 5 dello Statuto o, comunque, nei casi contemplati nello Statuto all art. 17. Art. 9 Quote di partecipazione al Fondo. 9.1 La partecipazione al Fondo si realizza mediante la sottoscrizione di quote, o frazioni di quote, acquistabili tramite le contribuzioni di cui ai punti 7.1, 7.2 e 7.4 del Regolamento. 9.2 Il valore di assegnazione delle quote è il primo valore elaborato successivamente alla riconciliazione dei contributi. 9.3 A partire dal 1 Gennaio 2003 il valore della quota è calcolato ogni ultimo giorno lavorativo di ogni mese. Il valore convenzionale della prima quota è pari a 10, La quota rappresenta una frazione del patrimonio del Fondo di pertinenza del singolo socio. 9.5 La posizione individuale di ogni lavoratore iscritto è rappresentata dall insieme delle quote sottoscritte moltiplicato per il valore della singola quota. La posizione individuale è registrata e tenuta, sotto forma di numero di quote, in un conto della gestione amministrativa del Fondo. 9.6 All atto dell uscita dal Fondo al sottoscrittore sarà attribuito un importo in denaro pari al numero di quote a lui intestate moltiplicato per il valore della quota elaborato al netto della relativa tassazione. Art. 10 Regime fiscale 10.1 Imposte relative al Fondo Il Fondo è soggetto, nella fase di accumulo, alla tassazione prevista dalla normativa vigente Imposte relative ai lavoratori associati a) Contribuzioni Tutti i contributi versati al Fondo, sia quelli ordinari obbligatori che quelli volontari, sono deducibili dal reddito imponibile e quindi esenti da imposta nei limiti indicati dalla vigente normativa fiscale. Regolamento di attuazione Pag. 10

11 b) Prestazioni Le prestazioni, sia quelle erogate in capitale che in rendita, sono soggette all'imposizione di cui alla normativa vigente. Art. 11 Informazioni periodiche agli iscritti 11.1 Entro un mese dall approvazione del bilancio annuale da parte dell Assemblea, viene trasmessa al socio una comunicazione contenente il rendiconto della sua posizione alla data del 31 dicembre dell anno precedente. Il lavoratore potrà conoscere in ogni momento tramite il Service amministrativocontabile la propria posizione individuale. Regolamento di attuazione Pag. 11

12 TITOLO III - PRESTAZIONI Art Prestazioni 12.1 Il Fondo opera in regime di contribuzione definita. L entità delle prestazioni è commisurata ai contributi versati, ai rendimenti realizzati attraverso la gestione del patrimonio, all età ed al sesso del lavoratore beneficiario Il Fondo garantirà l erogazione di una rendita o di un capitale sulla base degli accantonamenti progressivamente cumulati e gestiti con il sistema della capitalizzazione individuale Le prestazioni del Fondo sono erogate al conseguimento dei requisiti previsti all art. 5 dello Statuto, e sono commisurate al valore delle quote possedute dal socio al primo giorno utile di valorizzazione successivo a quello in cui il Fondo ha acquisito notizia certa del verificarsi delle condizioni che danno diritto alla prestazione stessa Per giorno di valorizzazione si intende il giorno nel quale viene stabilito il valore dell attivo netto destinato alle prestazioni e, conseguentemente, il valore unitario della quota Il Fondo eroga le proprie prestazioni in seguito a specifica richiesta del socio o degli aventi diritto, su apposito modulo predisposto dal Fondo. La condizione di avente diritto va documentata in sede di richiesta Le prestazioni avvengono sotto forma di rendita e/o di capitale. La ripartizione fra i due tipi di prestazioni viene effettuata in base a quanto previsto all art. 5 dello Statuto e dalla vigente normativa Alla erogazione della rendita il Fondo provvede mediante apposita convenzione con una compagnia assicurativa in base a quanto previsto dall'art. 6, comma 2 del D.Lgs. 124/93. La decorrenza, la misura, l'eventuale reversibilità e le modalità di pagamento della rendita diretta verranno definite dalla convenzione Agli iscritti che al momento della risoluzione del rapporto di lavoro non hanno maturato il diritto alla pensione complementare viene liquidato il capitale accantonato Il Fondo, in base alla richiesta di cui al sopra citato punto 12.5, provvede all erogazione delle prestazioni non oltre sei mesi dalla data di ricevimento della domanda. Regolamento di attuazione Pag. 12

13 Art. 13 Decesso del socio 13.1 In caso di decesso del socio sono beneficiari delle prestazioni previste il coniuge, i figli ovvero, se a carico dell iscritto, i genitori. In mancanza di tali soggetti valgono le disposizioni del lavoratore. In assenza di disposizioni del socio la posizione rimane acquisita dal Fondo La domanda presentata dagli aventi diritto su apposito modulo predisposto dal Fondo, dovrà essere corredata dalla documentazione in originale espressamente indicata nello stesso La liquidazione in capitale della posizione maturata dal socio deceduto è effettuata entro i tre mesi successivi alla presentazione della domanda completa di ogni documento necessario. Art Trasferimento della posizione ad altri Fondi 14.1 In caso di trasferimento della propria posizione ad altri Fondi la richiesta va effettuata utilizzando l apposito modulo predisposto dal Fondo. La posizione individuale, di cui al punto 9.5 del Regolamento, viene valorizzata e trasferita in base a quanto previsto all'art dello Statuto Il Fondo darà comunicazione del trasferimento della posizione all interessato ed al nuovo Fondo. Art Acquisizione di posizioni provenienti da altri Fondi Il lavoratore precedentemente iscritto ad altro Fondo pensione può trasferire a FIPREM la posizione maturata presso il Fondo di provenienza Qualora le norme di legge lo consentano, il lavoratore mantiene i precedenti diritti fiscali e normativi. Art Riscatto 16.1 L'intera posizione può essere riscattata, da parte del lavoratore o degli aventi diritto, in caso di cessazione del rapporto di lavoro, promozione a dirigente La richiesta va effettuata utilizzando l apposito modulo predisposto dal Fondo. La posizione individuale, di cui al punto 9.5 del Regolamento, viene valorizzata e liquidata in base a quanto previsto al punto 17.3 dello Statuto Il socio, anche al fine di raggiungere i requisiti minimi per ottenere il diritto alla rendita, può rinunciare al diritto di riscatto e rimanere socio quiescente del Fondo. Regolamento di attuazione Pag. 13

14 Disposizione transitoria L'opzione di riscatto per recesso in costanza dei requisiti individuali di partecipazione può essere esercitata entro il termine improrogabile del a condizione che entro tale data il lavoratore abbia maturato una anzianità di iscrizione a Fiprem superiore a 5 anni. In ogni caso verrà liquidata dal Fondo la sola quota a carico del dipendente della capitalizzazione complessiva della posizione individuale. Il contributo capitalizzato fornito dall'azienda, qualora l'iscritto lasci la disponibilità del maturato al Fondo, potrà essere corrisposto nella misura del 20% annuo fino al compimento del 5^ anno successivo al recesso. Art. 17 Anticipazioni Nei casi previsti al punto 17.4 dello Statuto, trascorsi 8 anni di iscrizione al Fondo, il socio può conseguire un anticipazione di capitale a valere anche sull intera posizione individuale maturata effettuando richiesta scritta tramite l apposito modulo predisposto dal Fondo. Il lavoratore socio potrà reintegrare la propria posizione secondo le modalità che saranno stabilite dal Consiglio di Amministrazione. Non sono ammesse altre forme di anticipazione L'anticipazione viene erogata entro i tre mesi successivi alla presentazione della domanda completa di ogni documento necessario. Regolamento di attuazione Pag. 14

15 TITOLO IV GESTIONE PATRIMONIO E SPESE Art. 18 Patrimonio 18.1 Il patrimonio del Fondo viene gestito secondo criteri stabiliti dal Consiglio di Amministrazione, nel rispetto delle norme statutarie, e resi noti ai soci attraverso la Scheda informativa di cui al punto 4.4 lettera a) del Regolamento e la comunicazione periodica di cui al punto 11.1 del Regolamento Il Fondo, per realizzare al meglio le finalità previdenziali a favore dei lavoratori iscritti, ha stipulato apposite convenzioni con i gestori di cui all art. 6 del D.Lgs. 124/ Il patrimonio del Fondo è depositato presso un'unica Banca depositaria distinta dai gestori, ai sensi dell'art. 6 bis del D.Lgs. 124/ La partecipazione al Fondo comporta, in via generale, il rischio della possibile variazione negativa del valore del patrimonio del Fondo a seguito delle oscillazioni di prezzo dei titoli nei quali il Fondo investe. Art Spese 19.1 Il Fondo provvede al finanziamento delle spese necessarie alla realizzazione del suo scopo attuando criteri e procedure di massima trasparenza Tutte le spese vengono regolarmente documentate e sottoposte al controllo del Collegio dei Revisori contabili Sono totalmente a carico delle Aziende aderenti tutte le spese, fatta eccezione per le spese della gestione finanziaria, banca depositaria e imposta sostitutiva Tali spese sono sostenute dalle Aziende in funzione del numero dei rispettivi dipendenti iscritti attivi al 31 Dicembre di ciascun anno nonché di ogni lavoratore receduto dal Fondo nel corso del 2 semestre di ciascun anno, sia liquidato che non liquidato. L'ammontare a carico delle Aziende è fissato annualmente con apposita delibera del Consiglio di Amministrazione Le commissioni della gestione finanziaria sono commisurate al patrimonio del Fondo e ad esso direttamente addebitate Le spese relative alle commissioni della Banca depositaria sono calcolate sul patrimonio del Fondo e ad esso addebitate Il valore della quota è espresso al netto delle spese finanziarie di cui ai sopra citati punti 19.5 e Regolamento di attuazione Pag. 15

16 Art Scritture contabili e relazioni periodiche La tenuta dei libri contabili del Fondo nonché la valorizzazione del patrimonio e delle posizioni individuali sono effettuate sulla base delle disposizioni emanate dalla Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione. Di conseguenza viene abrogato il "Regolamento dei criteri per la gestione degli investimenti", che costituiva parte integrante del precedente Regolamento di attuazione approvato dal Consiglio di Amministrazione del Fondo il Il Fondo conferisce, con delibera della Assemblea, ad una Società di Revisione iscritta all Albo di cui all art. 161 del D.Lgs. n 58/98 l incarico di sottoporre a revisione contabile il proprio bilancio, determinandone modalità e condizioni La gestione amministrativa e contabile del Fondo, ivi compresa la tenuta delle posizioni individuali degli iscritti, può essere delegata ad un soggetto esterno, ferma restando la responsabilità del Consiglio di Amministrazione del Fondo per l operato del soggetto delegato a svolgere l attività di gestore amministrativo del Fondo. La responsabilità dei dati amministrativi rimane in capo al Consiglio di Amministrazione del Fondo. Regolamento di attuazione Pag. 16

17 TITOLO V DISPOSIZIONI FINALI Art. 21 Modifiche del Regolamento di attuazione 21.1 Le modifiche del presente Regolamento di attuazione sono deliberate dal Consiglio di Amministrazione del Fondo e portate a conoscenza dell Assemblea. Regolamento di attuazione Pag. 17

18 TITOLO VI - ALLEGATI Allegato 1 INADEMPIENZE Nei casi richiamati al punto 7.7 lettere a), b) e c) del Regolamento viene attivata la seguente procedura: 1) Entro 10 giorni dalla prevista data di pagamento senza che il bonifico sia giunto presso la Banca depositaria, il Fondo trasmette un sollecito scritto alla Azienda inadempiente. 2) Nel caso in cui, nei 15 giorni successivi alla data del primo sollecito di versamento dei contributi, i contributi stessi non siano ancora pervenuti presso la Banca depositaria, il Fondo provvede ad inviare ulteriore sollecito all Azienda ed informa la R.S.U. 3) Entro 40 giorni dal mancato ricevimento dei contributi il Fondo provvede ad inviare raccomandata all Azienda ed R.S.U. 4) Nel caso in cui la procedura arrivi al punto 3), l Azienda è tenuta a versare al Fondo un importo pari alla contribuzione oggetto di regolarizzazione maggiorato dell'eventuale incremento percentuale della quota del Fondo registrato nel periodo di mancato o tardivo versamento nonché un ulteriore importo pari agli interessi di mora nella misura del tasso legale. 5) La tardiva o mancata trasmissione della distinta è assimilata, ai fini della presente procedura, alla inadempienza per tardivo o mancato versamento dei contributi. 6) La responsabilità della verifica della correttezza delle contribuzioni spetta al singolo lavoratore iscritto che si farà parte attiva verso l Azienda. Regolamento di attuazione Pag. 18

19 Allegato 2 - Mod. Fiprem.1 Scheda per nuove adesioni (con 1^ occupazione ante ) - Mod. Fiprem.2 Scheda per nuove adesioni (con 1^ occupazione post ) - Mod. Fiprem.3 Scheda per il versamento del contributo supplementare e del T.F.R. (iscritti a Fiprem dal al e a forme di previdenza complementare preesistenti al ) - Mod. Fiprem.4 Scheda per la richiesta di anticipazione e allegato - Mod. Fiprem.5 Richiesta di riscatto/trasferimento/quiescenza della posizione individuale - Mod. Fiprem.6 Comunicazione di decesso e allegato - Mod. Fiprem.7 Dati di identificazione dell'azienda - Mod. Fiprem.8 Scheda di versamento del contributo volontario (iscritti ante e post ) - Mod. Fiprem.9 Comunicazione di sospensione volontaria della contribuzione - Mod. Fiprem.10 Comunicazione di variazione indirizzo - Mod. Fiprem.11 Designazione dei beneficiari - Mod. Fiprem.12 Comunicazione di assunzione di lavoratore già iscritto a Fiprem - Mod. Fiprem.13 Comunicazione di riavvio della contribuzione - Mod. Fiprem.14 Comunicazione contributi non dedotti Regolamento di attuazione Pag. 19

SCHEDA INFORMATIVA PER I POTENZIALI ADERENTI AL FONDO PENSIONE FIPREM

SCHEDA INFORMATIVA PER I POTENZIALI ADERENTI AL FONDO PENSIONE FIPREM FIPREM Fondo Integrativo di Previdenza Montedison Fondo Pensione SCHEDA INFORMATIVA PER I POTENZIALI ADERENTI AL FONDO PENSIONE FIPREM Fondo Integrativo di Previdenza Montedison Fondo Pensione Iscritto

Dettagli

Il funzionamento del fondo è disciplinato dallo statuto La presente scheda fornisce un quadro sintetico dei dati e delle norme utili per l adesione.

Il funzionamento del fondo è disciplinato dallo statuto La presente scheda fornisce un quadro sintetico dei dati e delle norme utili per l adesione. SCHEDA INFORMATIVA PER I POTENZIALI ADERENTI A MARCO POLO-FONDO PENSIONE COMPLEMENTARE A CAPITALIZZAZIONE DEI DIPENDENTI DA AZIENDE TURISTICHE, TERMALI, DELLA DISTRIBUZIONE E SETTORI AFFINI La scheda informativa

Dettagli

Allegato O C.C.N.L. Accordo attuativo sulla previdenza complementare

Allegato O C.C.N.L. Accordo attuativo sulla previdenza complementare In data 29 gennaio 2000 Allegato O C.C.N.L. Accordo attuativo sulla previdenza complementare ANCE FENEAL UIL FILCA CISL FILLEA - CGIL tra e quali Parti unitariamente intese come Parti istitutive rispettivamente

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA PER I POTENZIALI ADERENTI AL FONDO "PREVEDI"

SCHEDA INFORMATIVA PER I POTENZIALI ADERENTI AL FONDO PREVEDI SCHEDA INFORMATIVA PER I POTENZIALI ADERENTI AL FONDO "PREVEDI" (autorizzato in data 8 agosto 2002 e iscritto all Albo dei fondi pensione con il n 136) Sede legale: via Nomentana, 126 00161 Roma tel. e

Dettagli

Fondo pensione aperto UNIPOL FUTURO. Guida per l adesione AZIENDALE. Unità Sviluppo vita

Fondo pensione aperto UNIPOL FUTURO. Guida per l adesione AZIENDALE. Unità Sviluppo vita Fondo pensione aperto UNIPOL FUTURO Guida per l adesione AZIENDALE Unità Sviluppo vita Indice Cos è Unipol FUTURO Pag. 3 Perché aderire Pag. 3 Il percorso di adesione Pag. 4 I contributi Pag. 4 I flussi

Dettagli

tra ANIEM - ASSOCIAZIONE NAZIONALE IMPRESE EDILI e FeNEAL-UIL FILCA-CISL FILLEA-CGIL

tra ANIEM - ASSOCIAZIONE NAZIONALE IMPRESE EDILI e FeNEAL-UIL FILCA-CISL FILLEA-CGIL Roma, 7 Novembre 2001 tra ANIEM - ASSOCIAZIONE NAZIONALE IMPRESE EDILI e FeNEAL-UIL FILCA-CISL FILLEA-CGIL quali Parti unitariamente intese come Parti istitutive rispettivamente per le imprese e per i

Dettagli

FONDO PENSIONE ARTIFOND DOMANDE E RISPOSTE

FONDO PENSIONE ARTIFOND DOMANDE E RISPOSTE Via di S. Croce in Gerusalemme, 63 00185 Roma Tel. +039 06 77205055 Fax 06 77591946 www.artifond.it FONDO PENSIONE ARTIFOND DOMANDE E RISPOSTE a) GENERALITÀ SUL FONDO CHE COS È UN FONDO PENSIONE COMPLEMENTARE?

Dettagli

ACCORDO PER L ISTITUZIONE DEL FONDO NAZIONALE PENSIONE COMPLEMENTARE PER I LAVORATORI DELLA SCUOLA. Per l Aran Avv. Guido Fantoni, Presidente f.f..

ACCORDO PER L ISTITUZIONE DEL FONDO NAZIONALE PENSIONE COMPLEMENTARE PER I LAVORATORI DELLA SCUOLA. Per l Aran Avv. Guido Fantoni, Presidente f.f.. ACCORDO PER L ISTITUZIONE DEL FONDO NAZIONALE PENSIONE COMPLEMENTARE PER I LAVORATORI DELLA SCUOLA A seguito del parere favorevole espresso dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri in data 7 febbraio

Dettagli

Fondo Pensione Complementare per i lavoratori delle Imprese Industriali ed Artigiane Edili ed Affini

Fondo Pensione Complementare per i lavoratori delle Imprese Industriali ed Artigiane Edili ed Affini Fondo Pensione Complementare per i lavoratori delle Imprese Industriali ed Artigiane Edili ed Affini Prevedi: lo stato dell arte Adesioni al 31/01/2005: 15.000 Valore quota 01/01/2004: 10,00 Valore quota

Dettagli

I Fondi pensione nel pubblico impiego

I Fondi pensione nel pubblico impiego 38 I Fondi pensione destinati ai lavoratori dipendenti delle pubbliche amministrazioni dello Stato, il cui rapporto di lavoro è disciplinato tramite contrattazione collettiva, possono essere istituiti

Dettagli

Per saperne di più su alcune parole della previdenza

Per saperne di più su alcune parole della previdenza Adesione individuale: Forma di adesione al fondo pensione aperto, che si perfeziona mediante un contratto stipulato direttamente tra il singolo aderente ed il fondo. Adesione Volontaria: Forma di adesione

Dettagli

LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE: UTILIZZO E FINALITA

LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE: UTILIZZO E FINALITA LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE: UTILIZZO E FINALITA Il decreto legislativo n. 252 del 5 dicembre 2005 ha rinviato al 1 gennaio 2007 esclusivamente l obbligo della destinazione del TFR maturando alla previdenza

Dettagli

ACCORDO ISTITUTIVO FONDOPOSTE ACCORDO PER LA ISTITUZIONE DEL FONDO NAZIONALE PENSIONE COMPLEMENTARE PER IL PERSONALE DI POSTE ITALIANE S.P.

ACCORDO ISTITUTIVO FONDOPOSTE ACCORDO PER LA ISTITUZIONE DEL FONDO NAZIONALE PENSIONE COMPLEMENTARE PER IL PERSONALE DI POSTE ITALIANE S.P. ACCORDO ISTITUTIVO FONDOPOSTE ACCORDO PER LA ISTITUZIONE DEL FONDO NAZIONALE PENSIONE COMPLEMENTARE PER IL PERSONALE DI POSTE ITALIANE S.P.A il giorno 26 luglio 2002, in Roma tra Poste Italiane S.p.A.

Dettagli

FONTEMP il Fondo di previdenza per i lavoratori in somministrazione

FONTEMP il Fondo di previdenza per i lavoratori in somministrazione FONTEMP il Fondo di previdenza per i lavoratori in somministrazione 1 L ADESIONE L adesione alle forme pensionistiche complementari è libera e volontaria 2 L ADESIONE SI PUO ADERIRE A FONTEMP: IN MANIERA

Dettagli

PREVIDENZA COMPLEMENTARE IL FONDO PERSEO

PREVIDENZA COMPLEMENTARE IL FONDO PERSEO PREVIDENZA COMPLEMENTARE IL FONDO PERSEO PERSEO, il Fondo pensione complementare dei dipendenti delle Regioni, Autonomie locali e della Sanità Chi può aderire PERSEO può contare su una platea di potenziali

Dettagli

FAQ FONDO PENSIONE AZIMUT PREVIDENZA

FAQ FONDO PENSIONE AZIMUT PREVIDENZA FAQ FONDO PENSIONE AZIMUT PREVIDENZA MI MANCANO POCHI ANNI DI LAVORO AL PENSIONAMENTO. MI CONVIENE ISCRIVERMI AD UNA FORMA PENSIONSITICA COMPLEMENTARE? Non esistono reali controindicazioni all'adesione

Dettagli

Fondoposte. Scheda informativa del FONDO NAZIONALE DI PENSIONE COMPLEMENTARE PER IL PERSONALE NON DIRIGENTE DI POSTE ITALIANE S.P.A.

Fondoposte. Scheda informativa del FONDO NAZIONALE DI PENSIONE COMPLEMENTARE PER IL PERSONALE NON DIRIGENTE DI POSTE ITALIANE S.P.A. Fondoposte Scheda informativa del FONDO NAZIONALE DI PENSIONE COMPLEMENTARE PER IL PERSONALE NON DIRIGENTE DI POSTE ITALIANE S.P.A. - FONDOPOSTE Autorizzato all esercizio dell attività con Delibera Covip

Dettagli

Mb!sjgpsnb!efm!UGS! Forme Pensionistiche Complementari

Mb!sjgpsnb!efm!UGS! Forme Pensionistiche Complementari Mb!sjgpsnb!efm!UGS! Forme Pensionistiche Complementari Introduzione Le forme pensionistiche complementari sono forme di previdenza finalizzate alla costituzione di una prestazione pensionistica integrativa,

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA PER I POTENZIALI ADERENTI AL FONDO PENSIONE EUROFER

SCHEDA INFORMATIVA PER I POTENZIALI ADERENTI AL FONDO PENSIONE EUROFER SCHEDA INFORMATIVA PER I POTENZIALI ADERENTI AL FONDO PENSIONE EUROFER Autorizzazione all esercizio dell attività:12 Marzo 2002. Iscritto all albo dei fondi pensione con il numero 129. Il funzionamento

Dettagli

ACCORDO PER L ISTITUZIONE DEL FONDO PENSIONE NAZIONALE PER I LAVORATORI. delle aziende esercenti l industria della Carta e del Cartone,

ACCORDO PER L ISTITUZIONE DEL FONDO PENSIONE NAZIONALE PER I LAVORATORI. delle aziende esercenti l industria della Carta e del Cartone, ACCORDO PER L ISTITUZIONE DEL FONDO PENSIONE NAZIONALE PER I LAVORATORI delle aziende esercenti l industria della Carta e del Cartone, delle aziende Grafiche ed Affini e delle aziende Editoriali In data

Dettagli

La previdenza complementare. I lavoratori interessati. La scelta della destinazione del trattamento di fine rapporto (Tfr o liquidazione)

La previdenza complementare. I lavoratori interessati. La scelta della destinazione del trattamento di fine rapporto (Tfr o liquidazione) La previdenza complementare La previdenza complementare ha lo scopo di pagare pensioni che si aggiungono a quelle del sistema obbligatorio, in modo da assicurare migliori condizioni di vita ai pensionati.

Dettagli

FONDO PENSIONE FUTURA

FONDO PENSIONE FUTURA FONDO PENSIONE FUTURA REGOLAMENTO INDICE PARTE I - IDENTIFICAZIONE E SCOPO DEL FONDO Art. 1 - Denominazione, fonte istitutiva, durata, sede Art. 2 - Istituzione del Fondo ed esercizio dell attività Art.

Dettagli

Previcooper, il fondo pensione della distribuzione cooperativa

Previcooper, il fondo pensione della distribuzione cooperativa Fondo Pensione per i lavoratori dipendenti dalle imprese della distribuzione cooperativa Iscritto all Albo dei Fondi Pensione con il numero d ordine 102 Previcooper, il fondo pensione della distribuzione

Dettagli

Previgest Fund Mediolanum

Previgest Fund Mediolanum Fondo Pensione aperto Previgest Fund Mediolanum Regolamento Società di Gestione Collocatore Unico Retro di copertina 2 INDICE PARTE I IDENTIFICAZIONE E SCOPO DEL FONDO...................................

Dettagli

I Fondi pensione nel pubblico impiego

I Fondi pensione nel pubblico impiego I Fondi pensione nel pubblico impiego I scheda Fondi pensione destinati ai lavoratori dipendenti delle pubbliche amministrazioni dello Stato, il cui rapporto di lavoro è disciplinato tramite contrattazione

Dettagli

FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR. Le risposte alle domande più frequenti

FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR. Le risposte alle domande più frequenti FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR Le risposte alle domande più frequenti Scelta sulla 1. destinazione del Tfr Linee di investimento 2. dedicate al Tfr 3. Prestazioni Regime fiscale delle 4. prestazioni previdenziali

Dettagli

SCHEDA SINTETICA CARATTERISTICHE DELLA FORMA PENSIONISTICA COMPLEMENTARE

SCHEDA SINTETICA CARATTERISTICHE DELLA FORMA PENSIONISTICA COMPLEMENTARE CARATTERISTICHE DELLA FORMA PENSIONISTICA COMPLEMENTARE Informazioni generali Lo scopo La costruzione della pensione complementare Il modello di governance La contribuzione Il TFR La quota a carico dell

Dettagli

Ccnl Dirigenti aziende industriali: il Fondo Previndai Potito di Nunzio Consulente del lavoro in Milano e Paola Salazar Avvocato in Milano

Ccnl Dirigenti aziende industriali: il Fondo Previndai Potito di Nunzio Consulente del lavoro in Milano e Paola Salazar Avvocato in Milano Guida al Lavoro PREVIDENZA COMPLEMENTARE E TFR Ccnl Dirigenti aziende industriali: il Fondo Previndai Potito di Nunzio Consulente del lavoro in Milano e Paola Salazar Avvocato in Milano Previndai è il

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA per i potenziali aderenti al Fondo pensione

SCHEDA INFORMATIVA per i potenziali aderenti al Fondo pensione ESPERO FONDO NAZIONALE PENSIONE COMPLEMENTARE PER I LAVORATORI DELLA SCUOLA FONDO SCUOLA ESPERO - Sede legale: via Carcani, 61 00153 - Roma Tel. 06/5849 5090- fax 06/5849 5094, e-mail: info.aderenti@fondoespero.it

Dettagli

FONDO PENSIONE COMPLEMENTARE PER IL PERSONALE DELLA CASSA DI RISPARMIO DI ASTI S.P.A.

FONDO PENSIONE COMPLEMENTARE PER IL PERSONALE DELLA CASSA DI RISPARMIO DI ASTI S.P.A. FONDO PENSIONE COMPLEMENTARE PER IL PERSONALE DELLA CASSA DI RISPARMIO DI ASTI S.P.A. ISCRITTO ALL'ALBO DEI FONDI PENSIONE - I SEZIONE SPECIALE - FONDI PENSIONE PREESISTENTI CON SOGGETTIVITA' GIURIDICA

Dettagli

Gli Organismi di Previdenza Complementare

Gli Organismi di Previdenza Complementare Gli Organismi di Previdenza Complementare Gli organismi di previdenza complementare, o fondi pensione, sono stati introdotti nell ordinamento italiano attraverso le disposizioni del Decreto legislativo

Dettagli

Glossario Dei Termini Previdenziali: La Previdenza Complementare

Glossario Dei Termini Previdenziali: La Previdenza Complementare Glossario Dei Termini Previdenziali: La Previdenza Complementare www.logicaprevidenziale.it A Albo (delle forme pensionistiche complementari): Elenco ufficiale tenuto dalla COVIP cui le forme pensionistiche

Dettagli

F O N D A P I FONDO NAZIONALE PENSIONE COMPLEMENTARE A CAPITALIZZAZIONE PER I LAVORATORI DIPENDENTI DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

F O N D A P I FONDO NAZIONALE PENSIONE COMPLEMENTARE A CAPITALIZZAZIONE PER I LAVORATORI DIPENDENTI DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE F O N D A P I FONDO NAZIONALE PENSIONE COMPLEMENTARE A CAPITALIZZAZIONE PER I LAVORATORI DIPENDENTI DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE Codice Fiscale 97151420581 Tel.: 06 36006135 Fax: 06 3214994 Sito internet:

Dettagli

ACCORDO RELATIVO AI LAVORATORI DIPENDENTI PER L ISTITUZIONE DEL FONDO PENSIONE DEI LAVORATORI, SOCI E DIPENDENTI, DELLE COOPERATIVE DI LAVORO

ACCORDO RELATIVO AI LAVORATORI DIPENDENTI PER L ISTITUZIONE DEL FONDO PENSIONE DEI LAVORATORI, SOCI E DIPENDENTI, DELLE COOPERATIVE DI LAVORO Page 1 of 8 ACCORDO RELATIVO AI LAVORATORI DIPENDENTI PER L ISTITUZIONE DEL FONDO PENSIONE DEI LAVORATORI, SOCI E DIPENDENTI, DELLE COOPERATIVE DI LAVORO Addì 6 maggio 1998, in Roma LEGA NAZIONALE DELLE

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA DEL FONDO PENSIONE PER GLI ESERCENTI DEL COMMERCIO, DEL TURISMO E DEL TERZIARIO

SCHEDA INFORMATIVA DEL FONDO PENSIONE PER GLI ESERCENTI DEL COMMERCIO, DEL TURISMO E DEL TERZIARIO SCHEDA INFORMATIVA DEL FONDO PENSIONE PER GLI ESERCENTI DEL COMMERCIO, DEL TURISMO E DEL TERZIARIO SCHEDA INFORMATIVA PER I POTENZIALI ADERENTI AL FONDO PENSIONE PER GLI ESERCENTI DEL COMMERCIO, DEL TURISMO

Dettagli

tra quali parti unitariamente intese quali fonti istitutive rispettivamente per le imprese e per i lavoratori

tra quali parti unitariamente intese quali fonti istitutive rispettivamente per le imprese e per i lavoratori FEDERLEGNO-ARREDO UNITAL 1 FENEAL UIL FILCA CISL FILLEA CGIL tra e quali parti unitariamente intese quali fonti istitutive rispettivamente per le imprese e per i lavoratori vista la legge 8 Agosto 1995

Dettagli

FATA Futuro Attivo. Piano individuale pensionistico attuato mediante contratto di assicurazione sulla vita Fondo Pensione

FATA Futuro Attivo. Piano individuale pensionistico attuato mediante contratto di assicurazione sulla vita Fondo Pensione Piano individuale pensionistico attuato mediante contratto di assicurazione sulla vita Fondo Pensione (art. 13 del decreto legislativo n. 252 del 5 dicembre 2005) REGOLAMENTO Regolamento Pagina 1 di 18

Dettagli

Analizziamo quali possibilità di scelta, in concreto, hanno ciascuna delle citate tipologie di medici dipendenti.

Analizziamo quali possibilità di scelta, in concreto, hanno ciascuna delle citate tipologie di medici dipendenti. Fondo Pensione CAIMOP Via C.Pavese 360 00144 Roma Tel.065022185 Fax 065022190 www.caimop.it A seguito dell entrata in vigore del Dlgs. 5 dicembre 2005 n.252, dal 1 gennaio 2007 ciascun lavoratore dipendente

Dettagli

NORMATIVA PENSIONISTICA PERSONALE APPARTENENTE ALLA POLIZIA DI STATO

NORMATIVA PENSIONISTICA PERSONALE APPARTENENTE ALLA POLIZIA DI STATO NORMATIVA PENSIONISTICA PERSONALE APPARTENENTE ALLA POLIZIA DI STATO Facciamo il punto sulla normativa pensionistica di cui sono destinatari i lavoratori delle forze di polizia attualmente vigente, a seguito

Dettagli

SCHEMA DI SINTESI SULLA NORMATIVA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE *

SCHEMA DI SINTESI SULLA NORMATIVA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE * SCHEMA DI SINTESI SULLA NORMATIVA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE * Chi è interessato dalla Riforma Sono interessati alla riforma della previdenza complementare attuata con il decreto legislativo n. 252/2005

Dettagli

Progetto 105x210 19-02-2007 15:07 Pagina 2 TFR. Scegliere oggi pensando al domani

Progetto 105x210 19-02-2007 15:07 Pagina 2 TFR. Scegliere oggi pensando al domani Progetto 105x210 19-02-2007 15:07 Pagina 2 TFR Scegliere oggi pensando al domani Progetto 105x210 19-02-2007 15:07 Pagina 4 Cara lavoratrice, caro lavoratore come certamente saprai, dal primo gennaio è

Dettagli

È operativo il nuovo Fondo complementare «Perseo» Giuseppe Argentino Caposervizio Studi del Patronato Acli

È operativo il nuovo Fondo complementare «Perseo» Giuseppe Argentino Caposervizio Studi del Patronato Acli PREVIDENZA COMPLEMENTARE Guida alle Pensioni È operativo il nuovo Fondo complementare «Perseo» Giuseppe Argentino Caposervizio Studi del Patronato Acli Dallo scorso 15 settembre è operativo «Perseo», il

Dettagli

postaprevidenza valore

postaprevidenza valore postaprevidenza valore Fondo Pensione Piano Individuale Pensionistico di tipo assicurativo (PIP) (art. 13 del D. Lgs. N. 252 del 5 dicembre 2005) Regolamento Conforme allo schema deliberato dalla COVIP

Dettagli

Faschim e Fonchim: dall assunzione alla contribuzione Dimitri Cerioli - Consulente del lavoro

Faschim e Fonchim: dall assunzione alla contribuzione Dimitri Cerioli - Consulente del lavoro Faschim e Fonchim: dall assunzione alla contribuzione Dimitri Cerioli - Consulente del lavoro Dichiarazione di adesione Periodo di prova Il Ccnl per gli addetti all industria chimica, chimico-farmaceutica,

Dettagli

I contenuti del presente Accordo vengono recepiti nello Statuto dell istituendo Fondo.

I contenuti del presente Accordo vengono recepiti nello Statuto dell istituendo Fondo. Fondo di Previdenza Complementare "ASTRI" Accordo Istitutivo del Fondo Nazionale di previdenza complementare del settore autostradale e affini Statuto Fondo Nazionale Previdenza ASTRI Informazioni utili

Dettagli

CASSA DI PREVIDENZA DEL PERSONALE

CASSA DI PREVIDENZA DEL PERSONALE CASSA DI PREVIDENZA DEL PERSONALE DELLA CASSA DI RISPARMIO DI PADOVA E ROVIGO S T A T U T O DELLA CASSA DI PREVIDENZA DEL PERSONALE DELLA CASSA DI RISPARMIO DI PADOVA E ROVIGO testo raffrontato STATUTO

Dettagli

OBIETTIVO PENSIONE REGOLAMENTO. Piano Individuale Pensionistico di tipo assicurativo - fondo pensione

OBIETTIVO PENSIONE REGOLAMENTO. Piano Individuale Pensionistico di tipo assicurativo - fondo pensione OBIETTIVO PENSIONE Piano Individuale Pensionistico di tipo assicurativo - fondo pensione Iscritto all Albo dei fondi pensione tenuto dalla COVIP con il n 5035 REGOLAMENTO 1 INDICE Parte I) Identificazione

Dettagli

Il nuovo TFS. Scegli la tua convenienza

Il nuovo TFS. Scegli la tua convenienza FONDO NAZIONALE PENSIONE COMPLEMENTARE PER I LAVORATORI DELLA SCUOLA Il nuovo TFS Scegli la tua convenienza FONDO SCUOLA ESPERO via Fiume Giallo, 3-00144 Roma Tel. 06.52279155 - Fax 06.52272348 numero

Dettagli

PATRONATO INCA CGIL Lombardia. Patronato INCA CGIL Lombardia

PATRONATO INCA CGIL Lombardia. Patronato INCA CGIL Lombardia PATRONATO INCA CGIL Lombardia Il Fondo Complementare Sirio I tre pilastri della Previdenza Previdenza Obbligatoria Previdenza Complementare Forme di risparmio a finalità previdenziale (P.I.P.) I tre pilastri

Dettagli

Accordi Istitutivi del Fondo Pensione Telemaco

Accordi Istitutivi del Fondo Pensione Telemaco Accordi Istitutivi del Fondo Pensione Telemaco Il giorno 30 marzo 1998, in Roma tra l'associazione Sindacale Intersind con la partecipazione delle Aziende associate Telecom Italia, Telecom Italia Mobile,

Dettagli

CIRCOLARE N 13 DEL 23 SET. 2013

CIRCOLARE N 13 DEL 23 SET. 2013 AREA RISORSE E SISTEMI Settore Personale e Sviluppo Organizzativo Unità Organizzativa Sitpendi e altri Compensi Unità Organizzativa Personale Tecnico ed Amministrativo e Dirigenti A tutto il Personale

Dettagli

Sono, al momento, esclusi dal campo di applicazione della riforma i pubblici dipendenti ai quali continua ad applicarsi la disciplina previgente.

Sono, al momento, esclusi dal campo di applicazione della riforma i pubblici dipendenti ai quali continua ad applicarsi la disciplina previgente. DOCUMENTI REPERITI NEL SITO DELLA RIFORMA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE PREDISPOSTO DAL MINISTERO DEL LAVORO E DELLA PREVIDENZA SOCIALE www.tfr.gov.it Chi è interessato dalla Riforma Sono interessati

Dettagli

Il futuro della bilateralità. Relatrice: Giovanna Petrasso La Spezia, 19 novembre 2014

Il futuro della bilateralità. Relatrice: Giovanna Petrasso La Spezia, 19 novembre 2014 Il futuro della bilateralità Relatrice: Giovanna Petrasso La Spezia, 19 novembre 2014 Bilateralità come sottosistema del sistema delle relazioni industriali. Sede stabile e specializzata di confronto tra

Dettagli

Pur aumentando le aliquote contributive e l età pensionabile, la previdenza obbligatoria, tutta, avrà una enorme diminuzione dei rendimenti.

Pur aumentando le aliquote contributive e l età pensionabile, la previdenza obbligatoria, tutta, avrà una enorme diminuzione dei rendimenti. Pur aumentando le aliquote contributive e l età pensionabile, la previdenza obbligatoria, tutta, avrà una enorme diminuzione dei rendimenti. Per quanto necessari, anche i riscatti, in particolare per i

Dettagli

TESTO COORDINATO DELL ACCORDO DI DATA 19.01.98 E DELL INTEGRAZIONE DI DATA 20.11.98 PER L ISTITUZIONE DI UN FONDO PENSIONE COMPLEMENTARE PER I

TESTO COORDINATO DELL ACCORDO DI DATA 19.01.98 E DELL INTEGRAZIONE DI DATA 20.11.98 PER L ISTITUZIONE DI UN FONDO PENSIONE COMPLEMENTARE PER I TESTO COORDINATO DELL ACCORDO DI DATA 19.01.98 E DELL INTEGRAZIONE DI DATA 20.11.98 PER L ISTITUZIONE DI UN FONDO PENSIONE COMPLEMENTARE PER I LAVORATORI DIPENDENTI DEL TERRITORIO DEL TRENTINO-ALTO ADIGE

Dettagli

La nuova previdenza complementare

La nuova previdenza complementare Concreto Fondo Pensione Complementare Nazionale La nuova previdenza complementare La nuova previdenza complementare 1 Agenda Adesione esplicita e tacita Fonti di finanziamento e regole per la deducibilità

Dettagli

Consulenza Amministrativa del Lavoro 80122 Napoli Viale A. Gramsci,15 Tel. 081/2461068 - Fax 081/2404414 Email info@cafassoefigli.

Consulenza Amministrativa del Lavoro 80122 Napoli Viale A. Gramsci,15 Tel. 081/2461068 - Fax 081/2404414 Email info@cafassoefigli. Centro Studi Cafasso Consulenza Amministrativa del Lavoro 80122 Napoli Viale A. Gramsci,15 Tel. 081/2461068 - Fax 081/2404414 Email info@cafassoefigli.it Circolare informativa n 5/2007 Napoli, lì 9 marzo

Dettagli

(fonti : sito internet www.tfr.gov.it curato Ministero del lavoro e della previdenza sociale e dalla Commissione di vigilanza sui fondi pensione)

(fonti : sito internet www.tfr.gov.it curato Ministero del lavoro e della previdenza sociale e dalla Commissione di vigilanza sui fondi pensione) INFORMATIVA SULLA DESTINAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO RESA AI SENSI DELL ARTICOLO 8, COMMA 8, DEL DECRETO LEGISLATIVO 5 DICEMBRE 2005, N. 252 (fonti : sito internet www.tfr.gov.it curato Ministero

Dettagli

È nato Fondo Pensione Perseo

È nato Fondo Pensione Perseo È nato Fondo Pensione Perseo / Il futuro in cassaforte è nato Perseo Da oggi puoi pensare più serenamente al tuo futuro. Perseo è il Fondo pensione complementare destinato ai lavoratori delle Regioni

Dettagli

Legge n. 296/2006 art. 1, comma 749

Legge n. 296/2006 art. 1, comma 749 Legge n. 296/2006 art. 1, comma 749 A decorrere dal 1 gennaio 2007 il lavoratore dipendente è tenuto ad operare una scelta circa la destinazione del proprio tfr maturando: se destinarlo a una previdenza

Dettagli

DISPOSIZIONI ATTUATIVE DELL ACCORDO DEL 2 OTTOBRE 2010. 1) Personale che fruirà dal 1 gennaio 2011 delle prestazioni di cui al Regolamento

DISPOSIZIONI ATTUATIVE DELL ACCORDO DEL 2 OTTOBRE 2010. 1) Personale che fruirà dal 1 gennaio 2011 delle prestazioni di cui al Regolamento DISPOSIZIONI ATTUATIVE DELL ACCORDO DEL 2 OTTOBRE 2010 A. BENEFICIARI 1) Personale che fruirà dal 1 gennaio 2011 delle prestazioni di cui al Regolamento Personale in servizio In coerenza con quanto stabilito

Dettagli

Orizzonte Previdenza Piano individuale pensionistico di tipo assicurativo Fondo Pensione. Regolamento

Orizzonte Previdenza Piano individuale pensionistico di tipo assicurativo Fondo Pensione. Regolamento Orizzonte Previdenza Piano individuale pensionistico di tipo assicurativo Fondo Pensione Regolamento RV 8048 Regolamento 04/2014 INDICE Parte I) Identificazione e scopo del PIP Art.1 - Denominazione Art.2

Dettagli

VALORE PENSIONE Piano individuale pensionistico di tipo assicurativo Fondo Pensione

VALORE PENSIONE Piano individuale pensionistico di tipo assicurativo Fondo Pensione Generali Italia S.p.A. VALORE PENSIONE Piano individuale pensionistico di tipo assicurativo Fondo Pensione (Art. 13 del Decreto Legislativo n. 252 del 5 dicembre 2005) Regolamento Pagina 2 di 14 - Pagina

Dettagli

Aspetti fiscali sulla previdenza complementare

Aspetti fiscali sulla previdenza complementare Stampa Aspetti fiscali sulla previdenza complementare admin in LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE: ASPETTI FISCALI Come è noto, la riforma, attuata con il Decreto legislativo 5 dicembre 2005, n. 252, in vigore

Dettagli

Capo I Programma di Previdenza Complementare

Capo I Programma di Previdenza Complementare Regolamento disciplinante il trattamento pensionistico complementare del personale CONSOB assunto a far data dal 28 aprile 1993. Capo I Programma di Previdenza Complementare Sezione I Definizioni e finalità

Dettagli

INAS CISL - NUMERO VERDE 800 249 307 - WWW.INAS.IT

INAS CISL - NUMERO VERDE 800 249 307 - WWW.INAS.IT quotidiano della Cisl Anno 66 n. 187 - Lunedì 25 Agosto 2014 utela IISN 0010-6348 Sped. in abb. postale 45% Roma - art. 2 comma 20 b legge 662/96 Previdenza complementare: Cos è e perché conviene averla

Dettagli

LA SCELTA SULLA DESTINAZIONE DEL TFR

LA SCELTA SULLA DESTINAZIONE DEL TFR Ai lavoratori dipendenti della Cooperativa Sociale Terr.A. Idee e servizi di animazione nel territorio Prot. Padova, MODULISTICA ED INFORMATIVA PER L INDICAZIONE ALLA COOPERATIVA DELLA SCELTA SULLA DESTINAZIONE

Dettagli

IL FONDOGOMMAPLASTICA: la nuova normativa dal 1 gennaio 2007. a cura di antonino guarino - antonino.guarino@gunis.it

IL FONDOGOMMAPLASTICA: la nuova normativa dal 1 gennaio 2007. a cura di antonino guarino - antonino.guarino@gunis.it IL FONDOGOMMAPLASTICA: la nuova normativa dal 1 gennaio 2007 a cura di antonino guarino - antonino.guarino@gunis.it Entro il 30 giugno 2007 dovremo fare una scelta importante, che si ripercuoterà sul futuro

Dettagli

TFR E PREVIDENZA COMPLEMENTARE

TFR E PREVIDENZA COMPLEMENTARE TFR E PREVIDENZA COMPLEMENTARE E il momento di scegliere A cura della Struttura di Comparto Scuola non statale DESTINARE IL TFR COS E IL TFR? Il trattamento di fine rapporto (anche conosciuto come liquidazione

Dettagli

Scheda Informativa per i potenziali aderenti al Fondo Pensione PREVIAMBIENTE

Scheda Informativa per i potenziali aderenti al Fondo Pensione PREVIAMBIENTE Fondo Nazionale Pensione a favore dei lavoratori del settore dell igiene ambientale e dei settori affini Scheda Informativa per i potenziali aderenti al Fondo Pensione PREVIAMBIENTE Autorizzato all esercizio

Dettagli

Forme pensionistiche complementari Introduzione Le forme pensionistiche complementari sono forme di previdenza finalizzate alla costituzione di una

Forme pensionistiche complementari Introduzione Le forme pensionistiche complementari sono forme di previdenza finalizzate alla costituzione di una Forme pensionistiche complementari Introduzione Le forme pensionistiche complementari sono forme di previdenza finalizzate alla costituzione di una prestazione pensionistica integrativa, autorizzate e

Dettagli

LA NUOVA PENSIONE INTEGRATIVA PER I DIPENDENTI DEL SETTORE ARTIGIANO

LA NUOVA PENSIONE INTEGRATIVA PER I DIPENDENTI DEL SETTORE ARTIGIANO LA NUOVA PENSIONE INTEGRATIVA PER I DIPENDENTI DEL SETTORE ARTIGIANO Fondo pensione ARTIFOND iscritto all'albo dei Fondi Pensione n. 156 Via di Santa Croce in Gerusalemme, 63-00185 Roma Tel. 06 77205055

Dettagli

tra la Deutsche Bank S.p.A. (in seguito la Banca ) rappresentata dai Sigg. P. P. Cellerino, F. Zambruno, P. R. Ferrarini e F.

tra la Deutsche Bank S.p.A. (in seguito la Banca ) rappresentata dai Sigg. P. P. Cellerino, F. Zambruno, P. R. Ferrarini e F. ACCORDO SINDACALE AZIENDALE IN MATERIA DI PREVIDENZA COMPLEMENTARE PER L ATTUAZIONE DELLE PREVISIONI DELL ART. 4 E DELL ART. 6 DELL ACCORDO 17 OTTOBRE 1997 E PER LA DEFINIZIONE DI ULTERIORI PROPOSTE DI

Dettagli

IL TUO FUTURO CHIEDE, ESPERO RISPONDE.

IL TUO FUTURO CHIEDE, ESPERO RISPONDE. GUIDA AL FONDO ESPERO IL TUO FUTURO PREVIDENZIALE: MEGLIO SOFFERMARSI ORA. Per maggiori informazioni 848.800.270 dal lunedì al venerdì 09:00-13:00/14:30-17:00 al costo di una telefonata urbana IL TUO FUTURO

Dettagli

Previdenza Attiva. Regolamento. Linea Previdenza Complementare

Previdenza Attiva. Regolamento. Linea Previdenza Complementare Linea Previdenza Complementare BG Previdenza Attiva Piano individuale pensionistico di tipo assicurativo - Fondo pensione Iscritto all Albo tenuto dalla COVIP con il n. 5016 (art. 13 del decreto legislativo

Dettagli

Regolamento per i versamenti contributivi aggiuntivi SOMMARIO ARTICOLO 1 OGGETTO... 3 ARTICOLO 2 VERSAMENTI CONTRIBUTIVI AGGIUNTIVI...

Regolamento per i versamenti contributivi aggiuntivi SOMMARIO ARTICOLO 1 OGGETTO... 3 ARTICOLO 2 VERSAMENTI CONTRIBUTIVI AGGIUNTIVI... SOMMARIO ARTICOLO 1 OGGETTO... 3 ARTICOLO 2 VERSAMENTI CONTRIBUTIVI AGGIUNTIVI... 3 PARTE PRIMA: CONTRIBUZIONE AGGIUNTIVA PER IL TRAMITE DEL DATORE DI LAVORO CON PRELIEVI DALLA RETRIBUZIONE... 3 ARTICOLO

Dettagli

Piano Individuale Pensionistico

Piano Individuale Pensionistico Piano Individuale Pensionistico Indice 2 Piano Individuale Pensionistico Cos è? Come funziona? 3 e documenti per le liquidazioni 7 Fiscalità 9 Domande 1 Cos è? Come funziona? Cos è? Il Piano Individuale

Dettagli

Ogni dipendente pubblico decide volontariamente la propria adesione al fondo..

Ogni dipendente pubblico decide volontariamente la propria adesione al fondo.. Il fondo Espero ESPERO è il Fondo nazionale pensione complementare per i lavoratori della scuola. Il Fondo Pensione è nato a seguito dell accordo istitutivo del 14/03/2001 fra le Organizzazioni Sindacali

Dettagli

Sono, al momento, esclusi dal campo di applicazione della riforma i pubblici dipendenti ai quali continua ad applicarsi la disciplina previgente.

Sono, al momento, esclusi dal campo di applicazione della riforma i pubblici dipendenti ai quali continua ad applicarsi la disciplina previgente. Dal sito: www.tfr.gov.it. 1. Chi è interessato dalla Riforma 2. Forme Pensionistiche Complementari 3. La scelta sulla destinazione del Tfr 4. Il finanziamento delle Forme Pensionistiche Complementari e

Dettagli

Fondoposte: il fondo pensione per il Personale del gruppo Poste Italiane S.p.A.

Fondoposte: il fondo pensione per il Personale del gruppo Poste Italiane S.p.A. Fondoposte: il fondo pensione per il Personale del gruppo Poste Italiane S.p.A. Cos è Fondoposte Fondoposte è il Fondo Nazionale di Pensione Complementare per il Personale di Poste Italiane S.p.A. e delle

Dettagli

EDIZIONE GENNAIO 2013 ISTRUZIONI PER IL VERSAMENTO DELLA CONTRIBUZIONE

EDIZIONE GENNAIO 2013 ISTRUZIONI PER IL VERSAMENTO DELLA CONTRIBUZIONE EDIZIONE GENNAIO 2013 ISTRUZIONI PER IL VERSAMENTO DELLA CONTRIBUZIONE INTRODUZIONE La gestione dei Fondi Pensione è oggetto di controlli da parte della COVIP che ha come obiettivo quello di garantire

Dettagli

perché conviene aderire a telemaco

perché conviene aderire a telemaco perché conviene aderire a telemaco Chi è Telemaco TELEMACO è il Fondo Pensione Complementare del settore delle Telecomunicazioni costituito nel 1998, in forma di associazione riconosciuta senza fine di

Dettagli

REGOLAMENTO PER I VERSAMENTI CONTRIBUTIVI AGGIUNTIVI

REGOLAMENTO PER I VERSAMENTI CONTRIBUTIVI AGGIUNTIVI PREVICOOPER Fondo Pensione Complementare Nazionale a capitalizzazione dei dipendenti delle imprese della distribuzione cooperativa VIA C. B. PIAZZA, 8 00161 ROMA Associazione r iconosciuta con D. M. lavoro

Dettagli

Fondo pensione per i dipendenti di Regioni, Autonomie locali e Sanità

Fondo pensione per i dipendenti di Regioni, Autonomie locali e Sanità Fondo pensione per i dipendenti di Regioni, Autonomie locali e Sanità È un fondo pensione complementare 1. Nazionale e di natura negoziale 2. senza scopo di lucro 3. ad adesione volontaria 4. capitalizzazione

Dettagli

Alle AZIENDE ASSOCIATE Loro sedi. c.a. Amministrazione del Personale c.a. RSU

Alle AZIENDE ASSOCIATE Loro sedi. c.a. Amministrazione del Personale c.a. RSU Associazione Fondo pensione Complementare a Capitalizzazione per i lavoratori dell industria della gomma e cavi elettrici ed affini e delle materie plastiche Associazione con personalità giuridica iscritta

Dettagli

Il quadro d insieme del sistema di previdenza complementare

Il quadro d insieme del sistema di previdenza complementare Il quadro d insieme del sistema di previdenza complementare Agenda La funzione della previdenza complementare Caratteristiche e modalità di funzionamento Tipologia di forme pensionistiche complementari

Dettagli

Pensa oggi guardando al domani! Inizia a progettare il tuo futuro.

Pensa oggi guardando al domani! Inizia a progettare il tuo futuro. Pensa oggi guardando al domani! Inizia a progettare il tuo futuro. GUIDA AI PRODOTTI GUIDA AI PRODOTTI La linea previdenza Inizia a progettare il tuo futuro. Le forme pensionistiche complementari servono

Dettagli

Nota informativa per i potenziali aderenti

Nota informativa per i potenziali aderenti Iscritto all Albo tenuto dalla Covip con il n. 1241 Nota informativa per i potenziali aderenti La presente Nota informativa si compone delle seguenti quattro sezioni: Scheda sintetica Caratteristiche della

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Iscritto all Albo dei Fondi Pensione 1^ Sez. Speciale - Fondi Pensione Preesistenti - numero 1146 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE - Documento approvato dal Consiglio di amministrazione del 1 aprile 2015 -

Dettagli

PERCHÉ CONVIENE ADERIRE A TELEMACO

PERCHÉ CONVIENE ADERIRE A TELEMACO PERCHÉ CONVIENE ADERIRE A TELEMACO CHI È TELEMACO TELEMACO è il Fondo Pensione Complementare del settore delle Telecomunicazioni costituito nel 1998, in forma di associazione riconosciuta senza fine di

Dettagli

S T A T U T O " FONDO PENSIONE PER I DIRIGENTI DI AXA ASSICURAZIONI S.p.A. " INDICE PARTE I IDENTIFICAZIONE E SCOPO DEL FONDO Art.

S T A T U T O  FONDO PENSIONE PER I DIRIGENTI DI AXA ASSICURAZIONI S.p.A.  INDICE PARTE I IDENTIFICAZIONE E SCOPO DEL FONDO Art. S T A T U T O " FONDO PENSIONE PER I DIRIGENTI DI AXA ASSICURAZIONI S.p.A. " INDICE PARTE I IDENTIFICAZIONE E SCOPO DEL FONDO Art. 1 Denominazione, fonte istitutiva, durata, sede Art. 2 - Forma giuridica

Dettagli

Domande e Risposte SI PUO VERSARE IL PROPRIO TFR A PREVILABOR SECONDO LA NUOVCA NORMATIVA?

Domande e Risposte SI PUO VERSARE IL PROPRIO TFR A PREVILABOR SECONDO LA NUOVCA NORMATIVA? Domande e Risposte CHI PUO' ADERIRE A PREVILABOR? Possono aderire tutti i dipendenti esclusi quelli a tempo determinato con contratto di durata inferiore a 3 mesi- delle Aziende che hanno reso operativo

Dettagli

RISERVATA ALLE AZIENDE CHE APPLICANO IL CCNL EDIL-INDUSTRIA ED EDIL-ARTIGIANATO

RISERVATA ALLE AZIENDE CHE APPLICANO IL CCNL EDIL-INDUSTRIA ED EDIL-ARTIGIANATO Gestione ed amministrazione del personale RISERVATA ALLE AZIENDE CHE APPLICANO IL CCNL EDIL-INDUSTRIA ED EDIL-ARTIGIANATO Milano, 16 maggio 2007 Che cos'è Prevedi Prevedi è il Fondo Pensione Complementare

Dettagli

STATUTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 8 NOVEMBRE 2012

STATUTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 8 NOVEMBRE 2012 STATUTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 8 NOVEMBRE 2012 INDICE PARTE I IDENTIFICAZIONE E SCOPO DEL FONDO Art. 1 - Denominazione, fonte istitutiva, durata, sede Art. 2 - Forma giuridica Art.

Dettagli

REGOLAMENTO. Fondo mètasalute

REGOLAMENTO. Fondo mètasalute REGOLAMENTO Fondo mètasalute Anno 2016 DISPOSIZIONI GENERALI Il presente regolamento disciplina il funzionamento di mètasalute, il Fondo di assistenza sanitaria integrativa per i lavoratori dell industria

Dettagli

Misure urgenti in materia di previdenza complementare

Misure urgenti in materia di previdenza complementare Misure urgenti in materia di previdenza complementare Il Consiglio dei Ministri di venerdì 10 novembre 2006 ha approvato il decreto legge in materia di previdenza complementare in coerenza con l anticipo

Dettagli

LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE

LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE INDICE INTRODUZIONE IL TFR LA PREVVIDENZA COMPLEMENTARE IL FINANZIAMENTO DELLE FORME PENSIONISTICHE FORME DI ADESIONE AGEVOLAZIONI FISCALI TASSAZIONE DELLE PRESTAZIONI TRASFERIMENTO

Dettagli

Piano individuale pensionistico di tipo assicurativo - Fondo Pensione

Piano individuale pensionistico di tipo assicurativo - Fondo Pensione PREVIDENZA Alleanza Assicurazioni S.p.A. ALLEATA PREVIDENZA Regolamento Piano individuale pensionistico di tipo assicurativo - Fondo Pensione Previdenza Complementare REGOLAMENTO ALLEATA PREVIDENZA Piano

Dettagli