LAVORO OCCASIONALE ACCESSORIO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LAVORO OCCASIONALE ACCESSORIO"

Transcript

1 LAVORO OCCASIONALE ACCESSORIO Le domande più frequenti sulle procedure Procedura cartacea 1. I voucher cartacei si possono acquistare in blocchetti o separatamente? E possibile acquistare i voucher separatamente oppure in carnet da 25 voucher ciascuno, presso le sedi INPS. 2. I voucher cartacei possono essere riscossi anche da un delegato? I voucher cartacei possono essere riscossi da un delegato se interviene uno dei seguenti motivi relativi al prestatore: Decesso; Malattia; Ricovero ospedaliero; Lungo soggiorno all estero. La documentazione che il delegato dovrà esibire presso la Sede INPS sarà la seguente: delega al ritiro (dovrà esplicitare il motivo dell impossibilità a riscuotere, contenere i dati anagrafici del delegante e del delegato e fornire l indicazione dell ufficio postale presso il quale dovrà essere autorizzata la riscossione); voucher; documenti di identità del delegante e del delegato. Dopo l istruttoria la Sede trasmetterà tutta la documentazione, via mail alla casella di posta dedicata che provvederà ad inoltrare l autorizzazione al pagamento tramite Poste Centrale. 3. A chi bisogna rivolgersi in caso di smarrimento o furto dei voucher cartacei? In caso di smarrimento o furto di voucher cartacei, l utente dovrà presentare denuncia alla competente autorità. In particolare, in caso di furto o smarrimento occorso ad un prestatore, si procede nel seguente modo: 1. Il prestatore comunica alla Sede INPS operativa il furto o lo smarrimento dei voucher, consegnando copia della denuncia alle autorità competenti; 2. la sede effettua richiesta di annullamento dei voucher in questione alla competente sede regionale (che invierà tale segnalazione alla casella di posta dedicata allegando la denuncia del prestatore; 1

2 3. i voucher - su richiesta effettuata a livello centrale - vengono annullati nella procedura di gestione e in quella di Poste, che riaccredita l'importo relativo nel conto corrente postale previsto per il lavoro occasionale accessorio; 4. la sede attende la comunicazione relativa allo storno dell importo; 5. la sede emette un bonifico domiciliato a favore del prestatore, utilizzando la collezione nella procedura dei Pagamenti vari, e provvede a trasferire il relativo importo alla Direzione generale con mod. SC10/R nel quale deve essere riportata la seguente causale: pagamento per voucher smarriti o rubati ; 6. la sede comunica alla sede regionale l emissione del bonifico e l esito della riscossione (la sede regionale inoltrerà tale comunicazione alla casella di posta dedicata Attenzione: se, invece, si tratta di un caso di furto o smarrimento occorso ad un committente si procede secondo le operazioni indicate fino al punto 4. Quindi, a seguito dello storno da parte di Poste, la sede consegna al committente dei nuovi voucher, registrandoli in procedura di gestione in sostituzione di quelli non più disponibili, in relazione al versamento originario. In tal caso, infatti, non è previsto il riaccredito dell importo da parte di Poste. 4. Il committente che ritira i buoni cartacei presso lo sportello INPS deve essere anche registrato nella procedura telematica come datore di lavoro? Si. E' importante che l operatore di sede registri i dati del committente/datore di lavoro acquirente e del bollettino di c/c postale utilizzando l apposita procedura informatica Registrazioni datori di lavoro/lavoratori, reperibile sul sito Intranet (Intranet/processi/soggetto contribuente/lavoro occasionale accessorio/procedure). 5. Il committente, al momento della consegna del buono al prestatore, deve trattenerne una copia? Il committente dovrà conservare la matrice del buono cartaceo - in cui è indicato il periodo della prestazione ed i codici fiscali del prestatore e del committente - firmata dal prestatore. In caso di voucher acquistato presso punti PEA (tabaccai e banche) il committente conserverà la matrice del voucher, con l indicazione, per eventuali riscontri, del codice fiscale del prestatore. 6. Come comportarsi se, al momento della riscossione, il voucher cartaceo non viene letto dal lettore ottico dell ufficio postale? Se il voucher non viene letto dal lettore ottico dell uff. postale, si può chiedere che venga effettuato il controllo manuale, ossia che venga digitato il numero del voucher - preceduto da uno 0 - al computer dell'uff. postale. Se anche questo tentativo fallisce, è necessario rivolgersi alla Sede operativa INPS (che invierà una alla competente Sede Regionale), per il relativo riscontro, precisando l'ufficio postale prescelto per la riscossione. 7. E possibile ritirare i voucher presso la Sede INPS nella cui provincia si effettueranno le prestazioni di lavoro occasionale accessorio, anche se il committente risiede in una provincia diversa? 2

3 Si. Come regola generale è preferibile, per motivi gestionali e statistici, la prenotazione ed il ritiro dei voucher cartacei presso la Sede nel cui territorio si effettuerà la prestazione di lavoro occasionale accessorio. 8. Una associazione di categoria si presenta ai nostri sportelli con un bollettino postale pagato e intestato all azienda Tizio e delega per ritirare i voucher in nome e per conto di Tizio. Domanda: in procedura nel riquadro Gestione voucher cartacei, debbo scegliere l opzione datore di lavoro e indicare il codice fiscale di Tizio oppure scegliere l opzione delegato e mettere il cod. fiscale della associazione di categoria? Se l Associazione di categoria presenta un bollettino intestato ad un committente delegante, nell opzione datore di lavoro va indicato il codice fiscale del committente (Tizio). Invece, se l Associazione procede a suo nome ad un acquisto cumulativo di voucher che poi distribuirà a vari committenti, va inserito nell opzione delegato il codice fiscale dell Associazione, la quale comunicherà successivamente il codice fiscale dei singoli committenti tramite il file excel appositamente predisposto (presente in Intranet/Processi/Soggetto contribuente Lavoro Occasionale accessorio/utilità). Procedura telematica 9. Cosa succede quando il committente/datore di lavoro utilizza i voucher telematici ed il prestatore/lavoratore, dopo aver ricevuto la INPSCard (c.d. Postepay virtual), non provvede ad attivarla? Se il prestatore non ha attivato la INPSCard (Postepay virtual), riceverà da Poste, presso il suo domicilio, una lettera con la comunicazione della disponibilità del bonifico a suo favore. Una volta ricevuta la lettera, potrà recarsi presso qualsiasi ufficio postale per la riscossione (entro la scadenza specificata nella lettera di bonifico domiciliato). 10. Come deve comportarsi il prestatore che ha ricevuto due o più INPSCard (c.d. Postepay virtual)? Se il prestatore riceve, per errore, due o più INPSCard (Postepay virtual), deve recarsi presso un Ufficio postale ed attivarne solamente una. Attenzione: l attivazione di più Postepay virtual da parte dello stesso prestatore titolare renderebbe inutilizzabili dette card. 11. A chi bisogna rivolgersi in caso di smarrimento, furto o smagnetizzazione della INPSCard (c.d. Postepay virtual)? In caso di smarrimento o furto della INPSCard (Postepay virtual INPS), il prestatore titolare dovrà bloccare la carta telefonando al numero verde di Poste ed effettuare relativa denuncia alle Autorità competenti. Detta denuncia andrà, quindi, presentata alla sede operativa INPS, al fine di richiedere una nuova INPSCard. 3

4 Non appena il prestatore avrà ricevuto la nuova INPSCard, dovrà recarsi presso un Ufficio Postale per la relativa attivazione e per la richiesta di trasferimento dell eventuale credito residuo dalla vecchia alla nuova carta. In caso di smagnetizzazione della card, il titolare dovrà, comunque, estinguere la carta smagnetizzata presso un ufficio postale, farsi liquidare gli importi in essa caricati e richiedere alla Sede INPS l invio di una nuova INPSCard (Postepay). 12. La Postepay Virtual INPS può essere utilizzata come una normale Postepay? Si, può essere utilizzata come una normale Postepay;la commissione di ricarica potrà essere la seguente: Ufficio postale: 1,00 (uno/00) Euro; ATM: 1,00 (uno/00) Euro; BPOL: 1,00 (uno/00) Euro; ATM con Carta di Credito: 3,00 (tre/00) Euro; SIM Poste Mobile: 1,00 (uno/00) Euro. 13. Qual è il plafond di accredito della Postepay virtual? Il plafond della Postepay virtual è pari ad ,00, pertanto, una volta raggiunto tale limite, la procedura inibisce l ulteriore accredito di successivi importi (dovuti a seguito delle prestazioni svolte), generando in automatico, per il pagamento, un bonifico domiciliato che viene trasmesso, direttamente, presso il recapito del prestatore. 14. A chi deve rivolgersi il prestatore che ha smarrito il codice pin relativo alla Postepay virtual INPS? Il prestatore può, rivolgersi, direttamente, presso la sede INPS di competenza che acquisita la richiesta ( su cui oltre i dati del prestatore, deve essere specificato il numero indentificativo della Postepay Virtual INPS) provvederà ad inoltrarla alla casella lavorooccasionale.dg - che a sua volta attiverà Poste Centrale al fine di spedire presso il domicilio del prestatore il duplicato del codice pin. 15. Cosa succede se il prestatore perde la lettera con cui Poste comunica la disponibilità del bonifico a suo favore? Come può, in tal caso, riscuotere il/i voucher telematici? Se il prestatore perde la lettera di bonifico domiciliato inviatagli da Poste, dovrà recarsi presso la Sede INPS di riferimento, che rilascerà all interessato una lettera sostitutiva in cui conferma il suo diritto a ricevere l importo previsto ed autorizza Poste al pagamento. Il prestatore potrà, quindi, presentarsi presso l Ufficio Postale per la riscossione, consegnando la lettera sostitutiva dell INPS e copia di un documento d identità valido e del codice fiscale. Attenzione: nella sezione Utilità a destra dell Home page di Intranet Lavoro occasionale accessorio, è pubblicato il fac-simile di lettera sostitutiva e le relative indicazioni. 16. In caso di procedura telematica per i prestatori di lavoro occasionale accessorio minorenni, come avviene la riscossione dei voucher? 4

5 I prestatori minorenni, in quanto tali, non possono ricevere INPSCard. Riceveranno, invece, una lettera da parte di Poste per la riscossione dei buoni lavoro tramite bonifico domiciliato. 17. Quali dati vanno inseriti nel campo matricola INPS se si utilizza il modello F24 per l acquisizione dei voucher tramite procedura telematica? In caso di committente persona giuridica, nel campo matricola INPS del mod. F24 vanno riportati - in base alle indicazioni dell Agenzia delle Entrate - o il cap dell azienda o il codice della sede INPS, dopo aver premesso gli 0 (zero) necessari a completare i 17 caratteri numerici previsti dal campo. Le istruzioni di compilazione sono disponibili sul sito dell Agenzia delle Entrate modulistica modelli di versamento (f24 f23) modello F24 - Tabelle codici tributo : Modello di versamento F24: i codici da utilizzare tabella codici altri enti previdenziali e assicurativi INPS : tabella causali contributo/ tabella formati matricola e codici. In alternativa, si consiglia di inserire il codice fiscale (del committente) o, se non dovesse andare a buon fine, il seguente codice: Il bonifico domiciliato è pagabile da qualsiasi ufficio postale, oppure da uffici del territorio nel quale si è svolta la prestazione? I bonifici domiciliati per il lavoro occasionale inviati per la riscossione dei voucher telematici sono gestiti in 'circolarità', cioè pagabili presso qualsiasi ufficio postale. 19. L'amministratore unico di una società in possesso del PIN On Line può acquistare vouchers con F24 utilizzando la partita iva dell'azienda? Si, può utilizzare la partita IVA dell'azienda, ma deve richiedere l'abbinamento tra il suo codice fiscale (con il quale effettuerà l'f24 in quanto rappresentante legale) e la partita IVA, tramite la sede Inps provinciale, utilizzando l apposito mod. SC53 scaricabile dal sito internet Inps. 20. Il comune di XXYY è intenzionato ad accedere alla procedura telematica per i voucherbuoni lavoro. Il comune ha la necessità di essere abilitato alla procedura. Per poter accedere alla procedura telematica il comune deve: richiedere il pin per l'accesso alle procedure on line; chiedere l'abbinamento tra il codice fiscale del comune e il codice fiscale del funzionario abilitato ad operare sulla procedura, tramite apposito mod.sc53 scaricabile on-line, da inviare alla Sede operativa di riferimento. Procedura generale 21. Che cosa si intende per prestazioni occasionali di tipo accessorio? Per qualificare le prestazioni occasionali di tipo accessorio si deve fare esclusivo riferimento a quanto previsto dal legislatore nel decreto leg.vo n.276/2003, che le 5

6 distingue in due tipologie: quelle previste dall'articolo 61, comma 2, dette prestazioni di lavoro autonomo occasionale e quelle di "tipo accessorio" previste dall'articolo 70. In particolare, il comma 1 dell'articolo 70 qualifica come prestazioni accessorie solo quelle rese nell'ambito di ben determinate tipologie di attività e da parte di determinate tipologie di prestatori. Inoltre il comma 2 dell'articolo 70 specifica che "si configurano come rapporti di natura meramente occasionale e accessoria le attività che non danno luogo complessivamente con riferimento al medesimo committente, nel corso di un anno solare, a compensi non superiori a euro netti per il prestatore pari a euro lordi per il committente. In via sperimentale - per gli anni 2009, 2010,2011 e si prevede che prestazioni accessorie possono essere rese, in tutti i settori produttivi, compresi gli enti locali, anche dai percettori di prestazioni integrative del salario nel limite massimo di 3000 euro netti complessivi per anno solare, corrispondenti per i committenti a euro lordi Per prestazioni di lavoro occasionale accessorio debbono intendersi attività lavorative di natura meramente occasionale e accessoria, non riconducibili a tipologie contrattuali tipiche di lavoro subordinato o di lavoro autonomo, ma mere prestazioni di lavoro definite con la sola finalità di assicurare le tutele minime previdenziali e assicurative in funzione di contrasto a forme di lavoro nero e irregolare. La natura di accessorietà comporta, inoltre, che le attività disciplinate dall articolo 70 debbano essere svolte direttamente a favore dell utilizzatore della prestazione, senza il tramite di intermediari. Il ricorso ai buoni lavoro è dunque limitato al rapporto diretto tra prestatore e utilizzatore finale, mentre è escluso che una impresa, sia essa una cooperativa o una agenzia del lavoro, possa reclutare e retribuire lavoratori per svolgere prestazioni a favore di terzi come nel caso dell appalto o della somministrazione. 22. In caso di decesso del prestatore prima dell'avvenuta riscossione del/dei voucher, come si deve procedere? In caso di decesso del prestatore titolare del/dei voucher, alla Sede INPS operativa dovrà pervenire la seguente documentazione: da parte del committente (facoltativa): nota informativa del decesso del prestatore; da parte dell'erede/i: da parte dell erede/i: certificato di morte del prestatore; documentazione attestante lo stato di erede; documento di identità; dichiarazione sostitutiva di atto notorio integrata della richiesta di riscossione dei voucher (modulo scaricabile dal sito intranet/internet cod. AP17); codice fiscale del deceduto; numero di serie del/dei voucher da riscuotere; 6

7 indicazione dell'ufficio postale presso il quale l erede/i intende riscuotere. La documentazione così acquisita dovrà essere trasmessa alla Sede Regionale, che provvederà ad inoltrarla via mail alla casella Lavoro al fine di richiedere l'autorizzazione al pagamento direttamente a Posteitaliane. Ricevuta conferma da parte di Poste, il gruppo di lavoro ne darà tempestiva comunicazione alla Sede Regionale, che avviserà la Sede interessata per far contattare l erede/i, il quale potrà recarsi presso l'ufficio postale indicato per la riscossione, esibendo oltre ad un documento di identità anche il certificato di morte del prestatore. 23. Quando e con quali modalità è previsto il rimborso dei buoni lavoro? Il rimborso dei buoni lavoro è consentito quando il datore di lavoro: a) abbia acquistato e non utilizzato i buoni cartacei; b) abbia effettuato il versamento per l acquisto di buoni cartacei senza aver poi provveduto al ritiro degli stessi; c) abbia effettuato il versamento per l acquisto dei buoni tramite procedura telematica, senza utilizzare o utilizzando solo in parte l importo versato. Il datore di lavoro deve presentare la richiesta di rimborso alla sede di competenza utilizzando l apposito modulo SC52, scaricabile dal sito conseguentemente la sede attiva la procedura di rimborso indicata nei messaggi INPS n /2010 e n /2011. Rispetto al punto a) si evidenzia che il rimborso è consentito soltanto se i buoni, che non devono essere compilati, vengono restituiti presso la Sede INPS integri. Per richiedere il rimborso dei buoni lavoro emessi attraverso la rete dei tabaccai abilitati, il committente può scaricare l apposito modulo disponibile sul sito pubblico di Banca ITB, nella sezione INPS presente nell area Moduli nel seguente indirizzo: ( Modulo Rimborso ) ed inviarlo debitamente compilato a Banca ITB a mezzo raccomandata con ricevuta di ritorno, completo di copia della ricevuta di emissione e dei voucher per i quali si richiede il rimborso. Il Committente riceverà il bonifico relativo all importo dei voucher da rimborsare sul conto corrente indicato nella richiesta di rimborso Il Committente può chiedere il rimborso dei buoni lavoro acquistati presso gli sportelli bancari e non utilizzati presso tutte le banche abilitate. 24. In che modo l INPS verifica se c è stato l effettivo pagamento, da parte del committente, per le prestazioni effettuate? La verifica avviene in base al confronto tra il numero dei buoni acquistati dal committente per ciascun prestatore e il numero dei buoni dichiarati come compenso, sempre per ciascun prestatore, nella fase di rendicontazione. 25. Si ha diritto ad un buono lavoro per ogni ora di lavoro effettuata? 7

8 Il valore del buono lavoro rappresenta il compenso per una certa quantità di lavoro che, rapportata alla retribuzione media nazionale in agricoltura (ISTAT), equivale a circa un ora di lavoro. Trattandosi del riferimento ad una media nazionale, nelle diverse regioni e province possono determinarsi valori diversi, maggiori o minori. In tutti i settori, comunque, il compenso per le prestazioni di lavoro occasionale accessorio deriva da un accordo tra le parti. Pertanto, il committente e il prestatore adotteranno un criterio di corrispondenza tra prestazione e retribuzione attraverso i buoni, di tipo orario, giornaliero o a forfait per l intera prestazione. 26. E possibile l'utilizzo dei buoni lavoro tra coniugi e parenti entro il 3 grado o affini entro il 2? Si, è possibile l utilizzo dei buoni lavoro tra coniugi e parenti entro il 3 grado o affini entro il 2, salvo in caso di imprese familiari (a tal proposito si rinvia alle Circolari Inps n. 76/2009 e n. 17/2010). 27. In prossimità della fine dell'anno ci si chiede se il calcolo del limite massimo annuale dei o dei euro netti viene effettuato secondo il principio di cassa o secondo quello di competenza? Il limite economico viene calcolato facendo riferimento alla data di fine periodo di lavoro, che viene considerata come momento del pagamento (principio di cassa); anche ai fini dell'accredito dei contributi si applica lo stesso principio, quindi, indipendentemente dal momento dell incasso, l accredito va sull anno solare del pagamento. I calcoli vengono effettuati automaticamente dalla procedura e sia il committente sia il prestatore (sia l'operatore di sede) possono verificarli direttamente accedendo alla funzionalità 'estratto conto committente' ed 'estratto conto prestatore'. 28. E possibile svolgere prestazioni di lavoro occasionale accessorio se si effettuano versamenti volontari? Si. Le prestazioni di lavoro occasionale di tipo accessorio, non essendo riconducibili a contratti di lavoro in quanto svolte in modo saltuario, sono compatibili sia con i versamenti volontari che con i versamenti contributivi in altre gestioni. 29. Un' azienda con sede in Italia chiede se può retribuire con i voucher un pensionato che si recherà a svolgere un lavoro all'estero e un lavoratore assunto per 15 giorni da un'azienda italiana ma che, ugualmente, andrà a lavorare all'estero. Con riferimento ai casi in esame, si precisa che il ricorso al lavoro occasionale accessorio di cui al d.lgs. 276/03 e successive modifiche, si riferisce alle attività previste svolte nel territorio nazionale. Nel caso in cui tali attività siano svolte all'estero, saranno sottoposte alla normativa lavoristica vigente nel Paese in cui si svolgono. 30. Un' azienda con sede all estero può beneficiare dei buoni lavoro per prestazioni svolte da prestatori residenti in Italia? Si, se l azienda in questione ha un c.f. o una p.iva registrata in Italia (e fermo restando il rispetto dei limiti economici e del rapporto diretto tra prestatore e utilizzatore finale). 8

9 31. Un lavoratore assunto con contratto a chiamata può prestare lavoro occasionale di tipo accessorio? Si. Un lavoratore già occupato con contratto a chiamata può svolgere prestazioni di lavoro occasionale accessorio, purché le prestazioni occasionali di tipo accessorio (che non prevedono contratto in quanto appunto occasionali), non si svolgano nell arco di tempo giornaliero dei periodi in cui l interessato riceve eventualmente l indennità di disponibilità relativa al contratto a chiamata : in questo caso, infatti, si verificherebbe una sovrapposizione oraria di prestazioni di lavoro e di copertura retributiva. Nota: il contratto di lavoro intermittente o a chiamata può coesistere con altre tipologie contrattuali a patto che tra le varie tipologie non sussistano incompatibilità (Rif. Circolare Inps n. 17 dell 8 febbraio 2006). Certificazione fiscale 32. La retribuzione percepita in seguito allo svolgimento di lavoro accessorio deve essere dichiarata? Inoltre, è cumulabile con la pensione? La retribuzione percepita in seguito allo svolgimento di lavoro accessorio non produce reddito ai fini fiscali. Pertanto, non deve essere dichiarata ed è cumulabile con un eventuale pensione. Attenzione: il reddito deve invece essere preso in considerazione ai fini del diritto per le prestazioni per le quali assumono rilevanza anche i redditi esenti, come ad esempio le maggiorazioni sociali, l assegno sociale e la pensione di reversibilità (vedi faq seguenti). 33. Il compenso da lavoro occasionale accessorio pur essendo fiscalmente esente, deve essere considerato per il reddito rilevante ai fini dell Assegno Sociale? Si. Il compenso da lavoro occasionale accessorio, ai sensi del messaggio Inps n del 29 marzo 2010, viene considerato esclusivamente per le prestazioni per le quali assumono rilevanza anche i redditi esenti (come assegno sociale, maggiorazione sociale). 34. Il compenso da lavoro occasionale accessorio pur essendo fiscalmente esente, deve essere considerato per il reddito rilevante ai fini dell Assegno per il nucleo familiare? Ai fini della determinazione del reddito familiare concorrono anche i redditi esenti da imposizioni fiscali se superiori ad. 1032,91; pertanto, anche i compensi derivanti da prestazioni di lavoro occasionale accessorio dovranno essere specificatamente indicati nella domanda di ANF, come previsto dalla disciplina vigente dell ANF. 35. Premesso che gli importi percepiti attraverso il lavoro occasionale accessorio non costituiscono reddito e non vanno indicati nel mod. Unico 730, ma è fatto obbligo per i pensionati indicarli sul modello RED, l importo da riportare è al netto oppure al lordo? Ai fini del diritto alle prestazioni collegate al reddito su pensione, i redditi da lavoro devono essere dichiarati al netto dei contributi obbligatori a carico del lavoratore. 9

10 La regola si applica quindi anche al reddito per lavoro occasionale accessorio. Comunicazione obbligatoria all INAIL/INPS 36. Un committente che necessita improvvisamente di prestazioni di lavoro occasionale accessorio - ad esempio di una baby-sitter - può inoltrare la relativa comunicazione all INAIL/INPS lo stesso giorno in cui le prestazioni sono svolte? Sì. In caso di prestazioni di lavoro occasionale di tipo accessorio, la comunicazione all INAIL non va inoltrata obbligatoriamente il giorno precedente alla prestazione ma preventivamente, quindi anche qualche ora prima dell inizio dell attività lavorativa. 37. Se un prestatore svolge attività di lavoro accessorio nello stesso giorno per due diversi committenti, è necessario inviare due comunicazioni all INAIL/INPS? Sì. In tal caso le comunicazioni all INAIL devono essere due, una per ciascun committente, precisando oltre ai dati relativi a committente e prestatore il tipo di attività svolta, il luogo di lavoro e l ora. 38. E se un prestatore svolge due diverse attività di lavoro accessorio - ad esempio la mattina di giardinaggio ed il pomeriggio come dog-sitter per lo stesso committente, le comunicazioni all INAIL/INPS devono comunque essere due? Sì. E necessario inviare due diverse comunicazioni all INAIL nel caso in cui il prestatore svolga per lo stesso committente due diverse attività lavorative o la stessa attività ma in due luoghi di lavoro differenti. 39. Quale luogo di lavoro si deve indicare nella dichiarazione all INAIL/INPS in caso di prestazioni in itinere? In caso di prestazioni in itinere (ad es. autisti o accompagnatori), nella dichiarazione INPS/INAIL va indicato, come luogo di lavoro, la sede dell azienda committente o nel caso di servizi prestati alla persona o alla famiglia l abitazione della persona o della famiglia. Insegnamento supplementare 40. Una scuola pubblica vorrebbe reclutare col sistema dei voucher delle insegnanti pensionate per lo svolgimento di attività occasionali didattiche di recupero. Lo può fare? I committenti pubblici, tra cui rientrano le scuole, possono utilizzare il lavoro occasionale accessorio solo per le attività della lett. d),comma 1 dell'art. 70 del d.lgs. n. 276/2003 e successive modifiche (manifestazioni sportive, culturali, fieristiche o 10

11 caritatevoli o lavori di emergenza e di solidarietà); quindi, non per le attività di insegnamento, didattiche o di recupero. 41. Un privato vorrebbe utilizzare i voucher per insegnamento privato supplementare per il figlio (per un periodo limitato). E possibile? L'attività di insegnamento privato supplementare può essere regolamentata con i buoni lavoro, infatti: è consentito l'impiego dei buoni lavoro in caso di privati per l'attività di 'ripetizioni' e di istituti o scuole private per svolgere corsi di formazione. Pertanto, nel caso in esame è possibile il ricorso ai buoni lavoro. 42. E possibile beneficiare del lavoro occasionale accessorio per sostituire temporaneamente insegnanti delle scuole materne private? Si. Il Ministero del Lavoro con Interpello n. 40 del 5 novembre 2010 ha confermato la possibilità di utilizzare il lavoro occasionale accessorio anche da parte di scuole materne private, per la temporanea sostituzione del personale insegnante. In particolare, le categorie di prestatori ammesse sono quelle c.d. trasversali (studenti; pensionati; percettori di prestazioni integrative del salario e di sostegno al reddito; lavoratori part-time). Resta fermo l obbligo del possesso di eventuali titoli abilitativi previsti dalla disciplina di settore. Settore Agricolo 43. Si chiede di conoscere se in agricoltura, fermi restando tutti gli altri requisiti, può un pensionato, che sia anche mezzadro, svolgere attività di prestatore di lavoro occasionale accessorio retribuito col sistema dei voucher. Si, il pensionato che sia coltivatore diretto o mezzadro può essere impiegato per attività di lavoro occasionale accessorio, sia in agricoltura che in altri settori. 44. Come viene accertata la dimensione delle aziende agricole, che in base alle Legge n. 133 del 6 agosto 2008 possono usufruire del lavoro occasionale accessorio solo se hanno un volume d affari annuo che non supera i euro? La dimensione delle aziende agricole viene accertata tramite autocertificazione relativa al fatturato dell anno precedente. 45. Un azienda che effettua lavorazioni meccanico agricole in conto terzi, inquadrata con numero matricola come prestazione di servizi, può assumere per il periodo della mietitrebbiatura (per esempio dal 20/6 al 15/7 per 10/15 giorni) un soggetto universitario/pensionato/disoccupato, come operaio specializzato alla guida della mietitrebbia utilizzando i voucher e in caso, l'azienda deve richiederli secondo il suo inquadramento (servizi) oppure agricoltura? Il Ministero del Lavoro, in occasione della campagna informativa sul lavoro occasionale iniziata il 28 giugno 2009, ha chiarito che il ricorso ai 'buoni lavoro è limitato al rapporto diretto tra prestatore e utilizzatore finale, mentre è escluso che una 11

12 impresa possa reclutare o retribuire lavoratori per svolgere prestazioni a favore di terzi, come nel caso dell'appalto o della somministrazione.' Quindi nel caso prospettato di lavoro agricolo per conto terzi il ricorso al lavoro occasionale accessorio non è consentito. 46. Per quali attività in ambito agricolo i lavoratori iscritti alle liste di mobilità ed i disoccupati che non percepiscono alcuna indennità possono essere impiegati con i voucher? In merito alla richiesta, i lavoratori iscritti nelle liste di mobilità e disoccupati che non percepiscono o abbiamo terminato il periodo della prestazione di sostegno al reddito, possono essere impiegati nel settore agricolo come i soggetti rientranti nelle 'altre categorie': nelle attività di cui alle lettere A), B), D) e H) del comma 1 dell'art. 70 del D. Lgs n. 276/2003; per le attività agricole stagionali e non stagionali nelle aziende con un fatturato inferiore ai 7mila l'anno (lettera F;) nelle aziende familiari con il regime contributivo ordinario come indicato nella tabella riepilogativa LOA pubblicata in Intranet, Lavoro occasionale accessorio, sezione Utilità. 47. Un privato, che ha un appezzamento di terreno con un oliveto senza posizione INPS, può utilizzare i buoni di lavoro per la raccolta delle olive? Per datori di lavoro agricoli - indicati nella tabella allegata alla circ. n. 88/ si intendono non solo le aziende agricole, i coltivatori diretti, ecc. ma anche i privati produttori agricoli o possessori di terreni agricoli. 48. Un giovane non studente e non disoccupato (non iscritto al Centro per l'impiego) che sta in casa e, pertanto, potrebbe essere considerato casalingo visto che non sono poste altre condizioni, può essere impiegato nel lavoro agricolo, utilizzando la modalità dei voucher? Nella circ. n. 88/2009 è precisato - con una nota antidiscriminazione - che il criterio di 'casalinga' per l'impiego in agricoltura prescinde dal genere del prestatore; quindi il casalingo/inoccupato che non abbia prestato lavoro subordinato in agricoltura nell'anno in corso e in quello precedente può tranquillamente essere impiegato con i buoni lavoro. Pensionato 49. Può svolgere lavoro occasionale accessorio solo il pensionato che percepisce una pensione di vecchiaia o di anzianità? No. La definizione di pensionato deve intendersi in modo estensivo. Pertanto, possono beneficiare del lavoro accessorio anche coloro che percepiscono una delle seguenti prestazioni, presso qualunque gestione: pensione di reversibilità; assegno sociale (ex pensione sociale); assegno ordinario di invalidità e pensione agli invalidi civili. 12

13 Si precisa, ovviamente, la non compatibilità con le prestazioni di lavoro occasionale accessorio di chi percepisce pensione di inabilità poiché, quest ultima è una prestazione economica in favore dei lavoratori per i quali è accertata l assoluta e permanente impossibilità di svolgere qualsiasi attività lavorativa. 50. Nell ambito del lavoro occasionale accessorio ai fini dell impiego, il pensionato titolare di rendita vitalizia INAIL può essere equiparato ad un pensionato vero e proprio? Assolutamente no, infatti il pensionato titolare di rendita vitalizia INAIL rientra nella categoria dei prestatori generici, che possono essere impiegati soltanto per prestazioni connesse ad attività esplicitamente citate dalla norma. 51. Un pensionato che ancora lavora come coltivatore diretto, può svolgere lavoro accessorio? Sì. Nel caso in cui il pensionato continui ad essere iscritto come coltivatore diretto e ad esercitare la relativa attività, può essere iscritto nell elenco dei lavoratori per attività di lavoro occasionale accessorio. 52. In una s.a.s. il socio accomandante, pensionato, può svolgere lavoro occasionale accessorio per una sostituzione temporanea di circa giorni, del titolare socio accomandatario? In base alla normativa attuale - considerando la condizione di socio accomandante, la condizione di pensionato (che come categoria 'trasversale' può svolgere qualsiasi attività) e l'occasionalità delle prestazioni è possibile l'impiego con i voucher per prestazioni di lavoro occasionale accessorio. Studente 53. Possono svolgere lavoro accessorio anche gli studenti iscritti a corsi professionali, corsi organizzati a livello locale - in ambito pubblico o convenzionato - e ai corsi di primo inserimento per i lavoratori stranieri regolarmente presenti in Italia? Sì. La definizione di 'studente' deve intendersi in modo estensivo. In ogni caso l interessato deve autocertificare l'iscrizione al corso frequentato. 54. Il limite dei 25 anni di età anagrafica previsto per gli studenti consente l accesso al lavoro occasionale accessorio a chi ha già compiuto il 25 anno? Sì. Sono esclusi gli studenti a partire dal compimento del 26 anno in poi. 55. Può essere equiparato alla categoria di studente chi frequenta i Master? L estensione della categoria di studente universitario è limitata a quei Master universitari o comunque che risultano equiparati a quelli universitari ai fini del rilascio dei crediti formativi, ivi compresi i titoli rilasciati da Conservatori e istituti musicali ed inseriti in un 13

14 ciclo di studi sempre limitatamente agli studenti infraventicinquenni in virtù della lettera dell articolo 70 D.Lgs.276/03 e successive modificazioni. Dunque, i Master universitari di durata di almeno un anno e che attribuiscono almeno 60 crediti formativi universitari sono parte integrante del sistema universitario. Il titolo di Master rilasciato dalle Università è riconosciuto ufficialmente come titolo di studio. 56. Qual è la modalità per l impiego di minori? La normativa vigente sul lavoro minorile richiede il certificato medico di idoneità al lavoro per i minori tra i 16 e i 18 anni. Inoltre, l iscrizione dei lavoratori minorenni può essere effettuata solo presso le Sedi INPS, presentando, tra l altro, la dichiarazione di disponibilità controfirmata dal genitore o da chi ne esercita la potestà genitoriale. Cittadino comunitario ed extracomunitario 57. Un cittadino extracomunitario, regolarmente presente in Italia, può svolgere lavoro occasionale accessorio? Sì. Un cittadino extracomunitario ha accesso al lavoro occasionale accessorio se in possesso di un permesso di soggiorno che consenta lo svolgimento di attività lavorativa (es. permesso per lavoro subordinato, per motivi familiari, per studio, per rifugiati politici, per motivi di protezione sussidiaria, ecc.) oppure - nei periodi di disoccupazione - se in possesso di un permesso di soggiorno per attesa occupazione, e anche nei periodi di attesa di rinnovo del permesso di soggiorno. 58. E previsto un limite massimo di ore di lavoro per lo studente extracomunitario che svolge attività di lavoro occasionale accessorio? Sì. Sono previste per il cittadino extracomunitario, titolare del permesso di soggiorno per studio e formazione, non più di 20 ore settimanali di lavoro, anche cumulabili per 52 settimane, fino ad un massimo di 1040 ore annuali. Per prestazioni lavorative superiori è necessario convertire il permesso di soggiorno per studio in permesso di soggiorno per lavoro come precisato nella Circolare del Ministero dell Interno del 30 gennaio Un cittadino comunitario o neocomunitario può svolgere prestazioni di lavoro occasionale accessorio se non ha la residenza in Italia? Sì, se il prestatore (neo)comunitario è impiegato per un periodo limitato non superiore a tre mesi, che decorrono a partire dal suo ingresso in Italia. Attenzione: la normativa vigente prevede, infatti, per i cittadini dell UE e per quelli provenienti dagli Stati dell'area Schengen, con il solo possesso di un documento di identità valido, la possibilità di soggiornare in Italia fino a 90 giorni, salvo l obbligo di recarsi entro 8 giorni dall ingresso in Italia presso l ufficio di polizia o la stazione dei carabinieri più vicina, per compilare la dichiarazione di presenza attraverso il formulario apposito, ove si certifica tra l altro il luogo scelto come domicilio per il periodo di permanenza. 14

15 Quando il soggiorno nel territorio nazionale è, invece, superiore ai tre mesi, i cittadini in questione devono essere in possesso del certificato di iscrizione anagrafica, per ottenere il quale è necessario presentare all Ufficio Anagrafe il documento di identità, il codice fiscale, il possesso di mezzi di sussistenza, il possesso di un'assicurazione sanitaria. Percettore di prestazione integrative 60. I percettori di disoccupazione con requisiti ridotti possono accedere al lavoro occasionale di tipo accessorio? Sì. Possono accedere al lavoro occasionale accessorio i titolari di disoccupazione a requisiti ridotti come gli insegnanti precari o di disoccupazione speciale per l agricoltura, svolgendo le attività esplicitamente previste dalla norma. 61. Una lavoratrice che percepisce la disoccupazione ed è assunta con contratto a chiamata presso una ditta può accedere anche al lavoro occasionale accessorio? La titolare della prestazione DS, se è occupata con contratto a chiamata senza il pagamento dell'indennità di disponibilità, può percepire la prestazione economica nei giorni in cui non è occupata, ma con il limite previsto di non lavorare più di cinque giorni consecutivi altrimenti decade dal beneficio. Quindi, la stessa può essere occupata anche in prestazioni di lavoro accessorio, nel limite di netti per anno solare per tutti i committenti. 62. Gli inoccupati NON titolari di trattamento di disoccupazione possono o no accedere ai vouchers? I lavoratori iscritti nelle liste di mobilità che NON percepiscono nessuna prestazione dall'inps possono o no accedere ai vouchers? Gli inoccupati e i lavoratori iscritti nelle liste di mobilità senza percepire prestazioni a sostegno del reddito possono svolgere solo le attività regolamentate espressamente dal D.Lgs. n. 276/2003 alle lettere a), b),c),d),f) (in parte), h e h ter) del comma 1 art. 70 (si veda la tabella riepilogativa LOA pubblicata in Intranet, Lavoro occasionale accessorio, sezione Utilità). 63. E' possibile impiegare con i voucher soggetti percettori di prestazioni a sostegno del reddito da parte della stessa azienda che li ha sospesi dall'attività lavorativa? Nel caso di stesso datore di lavoro, non è consentito il ricorso al lavoro occasionale accessorio per lo svolgimento delle attività eseguite in precedenza, dal personale già licenziato a causa dell attivazione di procedure di mobilità o sospensione dell attività lavorativa (cassa integrazione straordinaria e/o in deroga) e percettore di prestazioni a sostegno del reddito. I percettore di prestazioni a sostegno del reddito possono essere impiegati con i voucher dallo stesso datore di lavoro per mansioni diverse da quelle precedentemente svolte, (manutenzione macchinari, magazzinaggio ecc; attività espressamente indicate dalla norma.) Le prestazioni a sostegno del reddito e integrative del salario sono concesse a fronte di oggettive situazioni di ristrutturazione/riorganizzazione o crisi aziendali, la cui 15

16 risoluzione - anche temporanea - dovrebbe comportare la riassunzione del personale sospeso e non l'impiego degli stessi lavoratori tramite buoni lavoro. L'intento della norma - peraltro sperimentale - è infatti quello di consentire ai lavoratori sospesi o licenziati di integrare il reddito presso altre aziende. Questa preclusione è confermata anche, per estensione, da quanto prescritto dalla L. n. 191/2009 a proposito dei lavoratori part time, di cui è previsto l'impiego 'con esclusione della possibilità di utilizzare i buoni lavoro presso il datore di lavoro titolare del contratto a tempo parziale'. 64. In caso di lavoratore percettore di disoccupazione ordinaria è possibile l impiego da parte della stessa azienda? Nel caso di percettore di disoccupazione ordinaria a seguito di licenziamento/interruzione del rapporto di lavoro o dimissioni per giusta causa, poiché il rapporto di lavoro è definitivamente cessato, è possibile, da parte della stessa azienda, l impiego con i voucher per prestazioni occasionali impreviste e/o non connesse al rapporto di lavoro precedente. 65. Nel caso di percettori di prestazioni integrative o di sostegno del reddito il limite economico per attività di lavoro occasionale è di. 3000,00 netti complessivi per anno solare e non per singolo committente. Si tratta di importo che va inteso come netto al prestatore di lavoro e pertanto il lordo a carico del committente da corrispondere può essere più elevato? In ogni caso i contributi accreditati come lavoro accessorio presso l INPS gestione separata danno diritto alla pensione o ci sono dei requisiti minimi di durata del versamento e di importo per non perdere i contributi versati? Il limite economico di complessivi per anno solare per prestatori percettori di misure di sostegno al reddito va inteso come netto per il prestatore, corrispondente a lordi per il/i committente/i. Riguardo al secondo quesito la normativa non prevede, al momento, differenti modalità per i prestatori di lavoro accessorio che, pertanto, devono sottostare alle regole vigenti nella Gestione Separata: pensione autonoma dopo 5 anni di copertura contributiva dei 12 mesi; pensione supplementare con qualsiasi contributo, ma dopo che il soggetto ha già conseguito una pensione in altra gestione; raggiungimento del minimale annuo per avere 12 mesi coperti da contribuzione, ogni importo inferiore a detto minimale determina la contrazione dei mesi accreditati. 66. Come ci si comporta in caso di compensi superiori a 3000,00 euro a favore di percettori di prestazioni integrative o di sostegno del reddito? Per eventuali compensi superiori a 3000 euro, il prestatore ha l'obbligo di presentare preventiva comunicazione alle Sedi provinciali dell'istituto. Nel caso di più contratti di lavoro accessorio stipulati nel corso dell'anno e retribuiti singolarmente per meno di euro per anno solare, la comunicazione andrà resa prima che il compenso determini il superamento del predetto limite dei euro se sommato agli altri redditi per lavoro accessorio. (Rif. Circolare INPS n. 130/2010). 16

17 Lavoratore domestico 67. Un imprenditore titolare di un impresa di servizi di pulizia può accedere al lavoro occasionale accessorio, per attività di lavoro domestico? No. Nel settore domestico il lavoro occasionale di tipo accessorio è riservato alla collaborazione attivata dai privati per le esigenze familiari. 68. La circolare n. 44/2009 dell INPS sembra escludere che possa essere utilizzato il voucher per le sostituzioni per esempio a causa di ferie della propria badante in quanto questa attività, pur rimanendo sotto i euro, è riconducibile ad un rapporto di lavoro già disciplinato per legge ed ha una regolamentazione contrattuale afferente ad un preciso ambito lavorativo. Quali sono gli ambiti di applicazione di questa tipologia lavorativa? In merito alla richiesta di chiarimenti pervenuta si precisa preliminarmente che il riferimento della circolare n. 44 /2009 a rapporti di lavoro già disciplinati per legge attiene ai rapporti di lavoro domestici o di assistenza alla persona 'principali', strutturati e continuativi e ha la finalità di evitare che vengano trasformati in prestazioni occasionali. La sostituzione in caso di ferie o di assenza temporanea della badante è, invece, una tipica situazione occasionale, saltuaria, non abituale, che può essere gestita con il ricorso ai buoni lavoro, poiché altrimenti con molta probabilità verrebbe resa 'in nero'. Lavoratore dipendente 69. Un dipendente pubblico può svolgere lavoro occasionale di tipo accessorio? Si, purchè in possesso della preventiva autorizzazione da parte dell amministrazione di appartenenza (ai sensi dell art. 53 del d.lgs. n. 165/2001). Attenzione: Non devono effettuare richiesta di autorizzazione i dipendenti con rapporto di lavoro a tempo parziale con prestazione lavorativa non superiore al cinquanta per cento, i docenti universitari a tempo definito e le altre categorie di dipendenti pubblici ai quali è consentito da disposizioni speciali lo svolgimento di attività liberoprofessionali. In generale, la prestazione di lavoro occasionale accessorio può essere resa anche nei giorni in cui il prestatore è stato occupato ad altro titolo, non trattandosi di un rapporto di lavoro, ovviamente, per 'datori di lavoro' diversi. 70. Un lavoratore dipendente (nel privato), può svolgere attività occasionali di pulizia ed essere pagato con i voucher? Come indicato nella tabella allegata alla circ. n. 88/2009, le attività 'tipizzate' dall'art. 70 del D. lgs. n. 276/2003 possono essere svolte da tutti i prestatori, inclusi i lavoratori dipendenti privati e pubblici (in questo caso previa richiesta di autorizzazione nei casi previsti), in quanto il lavoro occasionale accessorio non costituisce un vero e proprio rapporto di lavoro e non incide a livello fiscale. 17

18 Lavoratore part-time 71. Nella circ. 17/2010, al punto 3, si citano i titolari di contratto di lavoro a tempo parziale quale "categoria trasversale" utilizzabile anche dagli enti locali per attività di lavoro accessorio, senza particolari limitazioni. Nell'allegato 1 alla circolare non si ritrova la stessa citazione relativa agli enti locali (punto h-ter) per lavoratori part-time. Si trova in altra parte (della legge)? Il Ministero del Lavoro ritiene che - per estensione - anche i lavoratori part time possano essere impiegati per prestazioni occasionali negli enti locali 18

Le domande più frequenti

Le domande più frequenti Le domande più frequenti ACQUISTO E RISCOSSIONE VOUCHER: 1. Che cosa si intende per prestazioni occasionali di tipo accessorio? Per qualificare le prestazioni occasionali di tipo accessorio si deve fare

Dettagli

BUONI AVORO VADEMECUM. per il lavoro occasionale accessorio

BUONI AVORO VADEMECUM. per il lavoro occasionale accessorio vademecum orizzontale_layout 1 08/03/12 15:32 Pagina 1 VADEMECUM Prodotto a cura di Italia Lavoro in collaborazione con Inps nell ambito del progetto Diffusione del Buono Lavoro per il lavoro occasionale

Dettagli

Vademecum_VERS_def_Layout 1 17/10/12 16:53 Pagina 1. Buono Lavoro sempre più vantaggi per il lavoro occasionale accessorio

Vademecum_VERS_def_Layout 1 17/10/12 16:53 Pagina 1. Buono Lavoro sempre più vantaggi per il lavoro occasionale accessorio Vademecum_VERS_def_Layout 1 17/10/12 16:53 Pagina 1 Buono Lavoro sempre più vantaggi per il lavoro occasionale accessorio Vademecum_VERS_def_Layout 1 17/10/12 16:53 Pagina 2 COSA SONO I Buoni Lavoro (o

Dettagli

Buoni lavoro per lavoro occasionale accessorio

Buoni lavoro per lavoro occasionale accessorio Buoni lavoro per lavoro occasionale accessorio Cosa sono I buoni lavoro (o voucher) rappresentano un sistema di pagamento del lavoro occasionale accessorio, cioè di quelle prestazioni di lavoro svolte

Dettagli

IL LAVORO OCCASIONALE DI TIPO ACCESSORIO (VOUCHER) Rag.Roberto Ciotti

IL LAVORO OCCASIONALE DI TIPO ACCESSORIO (VOUCHER) Rag.Roberto Ciotti IL LAVORO OCCASIONALE DI TIPO ACCESSORIO (VOUCHER) Rag.Roberto Ciotti CHE COS'È IL LAVORO OCCASIONALE DI TIPO ACCESSORIO E' una particolare modalità di prestazione lavorativa, che regolamenta tutte quelle

Dettagli

BUONI LAVORO PER LAVORO OCCASIONALE ACCESSORIO VADEMECUM

BUONI LAVORO PER LAVORO OCCASIONALE ACCESSORIO VADEMECUM BUONI LAVORO PER LAVORO OCCASIONALE ACCESSORIO VADEMECUM COSA SONO I buoni lavoro (o voucher) rappresentano un sistema di pagamento del lavoro occasionale accessorio, cioè di quelle prestazioni di lavoro

Dettagli

Voucher: il sistema dei buoni lavoro

Voucher: il sistema dei buoni lavoro Voucher: il sistema dei buoni lavoro Cosa sono I buoni lavoro (o voucher) rappresentano un sistema di pagamento che i datori di lavoro (committenti) possono utilizzare per remunerare prestazioni di lavoro

Dettagli

Oggetto: LAVORO ACCESSORIO: REGOLE APPLICATIVE E ADEMPIMENTI CONTABILI

Oggetto: LAVORO ACCESSORIO: REGOLE APPLICATIVE E ADEMPIMENTI CONTABILI Ai gentili Clienti Loro sedi Oggetto: LAVORO ACCESSORIO: REGOLE APPLICATIVE E ADEMPIMENTI CONTABILI La Manovra d estate 2008 (D.L. n.112/08, convertito in L. n.133/08) ha disciplinato la regolamentazione

Dettagli

Voucher: il sistema dei buoni lavoro

Voucher: il sistema dei buoni lavoro Voucher: il sistema dei buoni lavoro Cosa sono I buoni lavoro (o voucher) rappresentano un sistema di pagamento che i datori di lavoro (committenti) possono utilizzare per remunerare prestazioni di lavoro

Dettagli

Inoltre sono stati previsti nuovi canali di distribuzione dei voucher: presso il circuito delle Banche Popolari e presso gli uffici postali.

Inoltre sono stati previsti nuovi canali di distribuzione dei voucher: presso il circuito delle Banche Popolari e presso gli uffici postali. Messaggio INPS N. 003846/12 Oggetto: Lavoro occasionale accessorio: 1. Piano di efficientamento servizio di Poste Italiane pagamento voucher distribuiti dalle sedi 2. Distribuzione voucher presso gli uffici

Dettagli

Voucher: il sistema dei buoni lavoro

Voucher: il sistema dei buoni lavoro Voucher: il sistema dei buoni lavoro Cosa sono I buoni lavoro (o voucher) rappresentano un sistema di pagamento che i datori di lavoro (committenti) possono utilizzare per remunerare prestazioni di lavoro

Dettagli

Il lavoro accessorio. a cura di Patrizia Clementi. Supplemento a ex Lege 1/2009 Aggiornata con la Finanziara 2010 ( L. 23 dicembre 2009, n.

Il lavoro accessorio. a cura di Patrizia Clementi. Supplemento a ex Lege 1/2009 Aggiornata con la Finanziara 2010 ( L. 23 dicembre 2009, n. Il lavoro accessorio a cura di Patrizia Clementi Supplemento a ex Lege 1/2009 Aggiornata con la Finanziara 2010 ( L. 23 dicembre 2009, n. 191) Fonti normative: L. 14 febbraio 2003, n. 30 (legge delega)

Dettagli

Voucher: il sistema dei buoni lavoro

Voucher: il sistema dei buoni lavoro Voucher: il sistema dei buoni lavoro Cosa sono I buoni lavoro (o voucher) rappresentano un sistema di pagamento che i datori di lavoro (committenti) posso utilizzare per remunerare prestazioni di lavoro

Dettagli

/DYRURRFFDVLRQDOHGLWLSRDFFHVVRULR

/DYRURRFFDVLRQDOHGLWLSRDFFHVVRULR /DYRURRFFDVLRQDOHGLWLSRDFFHVVRULR Il lavoro occasionale di tipo accessorio è una particolare modalità di prestazione lavorativa prevista dalla Legge Biagi. La sua finalità è regolamentare quei rapporti

Dettagli

Finalità: Far valere a fini previdenziali piccole attività lavorative che altrimenti andrebbero disperse.

Finalità: Far valere a fini previdenziali piccole attività lavorative che altrimenti andrebbero disperse. Si tratta di prestazioni di lavoro di natura meramente occasionale, e accessoria', non riconducibili a contratti di lavoro in quanto svolte in modo saltuario e discontinuo. Si offrono, così occasioni di

Dettagli

IL LAVORO OCCASIONALE DI TIPO ACCESSORIO ED IL SISTEMA DEI VOUCHER

IL LAVORO OCCASIONALE DI TIPO ACCESSORIO ED IL SISTEMA DEI VOUCHER Numero 63 Settembre 2013 IL LAVORO OCCASIONALE DI TIPO ACCESSORIO ED IL SISTEMA DEI VOUCHER Lavoro a cottimo, lavoro a domicilio, lavoro nero, lavoro interinale, lavoro precario: sembra davvero che di

Dettagli

Un occasione in più per l occupazione: Il lavoro accessorio. Promozione e Utilizzo dei Voucher per il Lavoro Accessorio (LOA)

Un occasione in più per l occupazione: Il lavoro accessorio. Promozione e Utilizzo dei Voucher per il Lavoro Accessorio (LOA) Un occasione in più per l occupazione: Il lavoro accessorio Promozione e Utilizzo dei Voucher per il Lavoro Accessorio (LOA) Lavoro Accessorio COSA E è un attività lavorativa di natura puramente occasionale

Dettagli

Voucher Lavoro: I compensi aumentano

Voucher Lavoro: I compensi aumentano Voucher Lavoro: I compensi aumentano È stato pubblicato nella Gazzetta Ufficiale (G.U. Serie Generale n.144 del 24-6-2015 Supplemento Ordinario n. 34) il decreto legislativo n. 81 del 15 giugno 2015 che

Dettagli

La legge n. 33 del 9 aprile 2009 ha modificato profondamente il decreto iniziale del 2003 di seguito si riportano gli articoli modificati

La legge n. 33 del 9 aprile 2009 ha modificato profondamente il decreto iniziale del 2003 di seguito si riportano gli articoli modificati LAVORO OCCASIONALE ED ACCESSORIO D.LGS N. 276/2003 E SUCCESSIVE MODIFICHE COMUNEMENTE DETTO LAVORO CON I VOUCHERS O BUONI LAVORO" ULTIME MODIFICHE LEGISLATIVE La legge n. 33 del 9 aprile 2009 ha modificato

Dettagli

Direzione Centrale Entrate. Roma, 12/08/2015

Direzione Centrale Entrate. Roma, 12/08/2015 Direzione Centrale Entrate Roma, 12/08/2015 Circolare n. 149 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore

Dettagli

BUONI LAVORO: un vademecum per i professionisti

BUONI LAVORO: un vademecum per i professionisti BUONI LAVORO: un vademecum per i professionisti Rivisitata da molteplici interventi normativi ed assoggettata ad altrettanti chiarimenti ministeriali, nonché di carattere previdenziale, sembra che ad oggi

Dettagli

INPS messaggio 14 maggio 2010, n. 13211

INPS messaggio 14 maggio 2010, n. 13211 INPS messaggio 14 maggio 2010, n. 13211 Premessa Il sistema di regolazione dei "Voucher" per il lavoro occasionale di tipo accessorio ha fatto registrare un notevole sviluppo, raggiungendo il numero di

Dettagli

Studio Corno Elaborato per Federazione Opere Educative. Manuale. Buoni Lavoro. Realizzato da: Studio Corno. www.cornoconsulting.it.

Studio Corno Elaborato per Federazione Opere Educative. Manuale. Buoni Lavoro. Realizzato da: Studio Corno. www.cornoconsulting.it. Manuale Buoni Lavoro Realizzato da: Studio Corno www.cornoconsulting.it Ottobre 2010 1 INDICE: Che cosa sono?...3 Perché dovrei utilizzarli?...3 Quali tipologie esistono?...4 Chi può essere il prestatore?...4

Dettagli

Prestazioni di tipo accessorio BUONI LAVORO VOUCHER

Prestazioni di tipo accessorio BUONI LAVORO VOUCHER Prestazioni di tipo accessorio BUONI LAVORO VOUCHER A cura della Commissione Lavoro Dott. Leonello Fontana Ordine Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili di Viterbo Viterbo, 16 Aprile 2014 Disciplina

Dettagli

LAVORO ACCESSORIO PROCEDURA CON VOUCHER TELEMATICO. La procedura per l utilizzo telematico dei buoni lavoro si compone delle seguenti fasi.

LAVORO ACCESSORIO PROCEDURA CON VOUCHER TELEMATICO. La procedura per l utilizzo telematico dei buoni lavoro si compone delle seguenti fasi. Istituto Nazionale Previdenza Sociale LAVORO ACCESSORIO PROCEDURA CON VOUCHER TELEMATICO La procedura per l utilizzo telematico dei buoni lavoro si compone delle seguenti fasi. 1. Registrazione committente

Dettagli

F.A.Q. (RISPOSTE A QUESITI FORNITI DALLA SEDE CENTRALE DELL INPS)

F.A.Q. (RISPOSTE A QUESITI FORNITI DALLA SEDE CENTRALE DELL INPS) F.A.Q. (RISPOSTE A QUESITI FORNITI DALLA SEDE CENTRALE DELL INPS) Le domande più frequenti al 15.02.2010 ACQUISTO E RISCOSSIONE VOUCHER: 1. I voucher si possono acquistare in blocchetti o separatamente?

Dettagli

IL LAVORO OCCASIONALE O ACCESSORIO

IL LAVORO OCCASIONALE O ACCESSORIO IL LAVORO OCCASIONALE O ACCESSORIO Il lavoro accessorio consiste nella prestazione di attività lavorative di natura occasionale, rese per lo svolgimento di determinate attività, che non diano complessivamente

Dettagli

STUDIO DE ALEXANDRIS Commercialisti Revisori Contabili Avvocati

STUDIO DE ALEXANDRIS Commercialisti Revisori Contabili Avvocati Circolare Studio Prot. N 14/09 del 27/02/09 MD/lb Monza, lì 27.02.2009 A Tutti i C l i e n t i Loro Sedi Oggetto: Voucher INPS per lavoro occasionale accessorio nei settori commercio, turismo, servizi

Dettagli

Modalità operative per l acquisto dei voucher

Modalità operative per l acquisto dei voucher ALLEGATO N. 3 PROGETTO RECIPROCA SOLIDARIETA E LAVORO ACCESSORIO ANNO 2014 VADEMECUM Modalità operative per l acquisto dei voucher Il contributo del Comune, attraverso il finanziamento di Compagnia di

Dettagli

Città di Brienza REGOLAMENTO RELATIVO A PRESTAZIONI DI LAVORO ACCESSORIO DI NATURA MERAMENTE OCCASIONALE I N D I C E

Città di Brienza REGOLAMENTO RELATIVO A PRESTAZIONI DI LAVORO ACCESSORIO DI NATURA MERAMENTE OCCASIONALE I N D I C E Città di Brienza (Prov. di Potenza) (D.p.r. del 7/11/2005) Piazza dell Unità d Italia 85050 Brienza tel. 0975381003 - fax 0975381988 comune.brienza@cert.ruparbasilicata.it www.comune.brienza.pz.it REGOLAMENTO

Dettagli

Circolare N.86 del 8 Giugno 2011. Contributi volontari 2011. La prima scadenza è al 30 giugno

Circolare N.86 del 8 Giugno 2011. Contributi volontari 2011. La prima scadenza è al 30 giugno Circolare N.86 del 8 Giugno 2011 Contributi volontari 2011. La prima scadenza è al 30 giugno Contributi volontari 2011: la prima scadenza è al 30 giugno Gentile cliente, con la presente desideriamo ricordarle

Dettagli

LAVORO OCCASIONALE DI TIPO ACCESSORIO PROCEDURA CON VOUCHER TELEMATICO

LAVORO OCCASIONALE DI TIPO ACCESSORIO PROCEDURA CON VOUCHER TELEMATICO Istituto Nazionale Previdenza Sociale Aggiornato al 05 novembre 2012 LAVORO OCCASIONALE DI TIPO ACCESSORIO PROCEDURA CON VOUCHER TELEMATICO Registrazione committente Il committente si registra presso l

Dettagli

LAVORO OCCASIONALE DI TIPO ACCESSORIO PROCEDURA CON VOUCHER TELEMATICO

LAVORO OCCASIONALE DI TIPO ACCESSORIO PROCEDURA CON VOUCHER TELEMATICO Istituto Nazionale Previdenza Sociale LAVORO OCCASIONALE DI TIPO ACCESSORIO PROCEDURA CON VOUCHER TELEMATICO Registrazione committente Il committente si registra presso l INPS (direttamente o per il tramite

Dettagli

Nuove rigidità e limiti operativi per l utilizzo dei voucher per il lavoro occasionale accessorio

Nuove rigidità e limiti operativi per l utilizzo dei voucher per il lavoro occasionale accessorio Articolo 1, commi 32-33 Lavoro accessorio Nuove rigidità e limiti operativi per l utilizzo dei voucher per il lavoro occasionale accessorio di Pierluigi Rausei * L art. 1, comma 32, lett. a), del d.d.l.

Dettagli

Progetto VESPRO Valutazione dell Efficacia delle Strutture e delle Politiche Rivolte all Occupabilità nelle autonomie locali. Focus Monotematici

Progetto VESPRO Valutazione dell Efficacia delle Strutture e delle Politiche Rivolte all Occupabilità nelle autonomie locali. Focus Monotematici PON Governance e Azioni di Sistema Obiettivo Convergenza 2007-2013 (FSE) [IT051PO006] Asse B Occupabilità Progetto VESPRO Valutazione dell Efficacia delle Strutture e delle Politiche Rivolte all Occupabilità

Dettagli

LAVORO OCCASIONALE DI TIPO ACCESSORIO PROCEDURA CON VOUCHER TELEMATICO

LAVORO OCCASIONALE DI TIPO ACCESSORIO PROCEDURA CON VOUCHER TELEMATICO Istituto Nazionale Previdenza Sociale LAVORO OCCASIONALE DI TIPO ACCESSORIO PROCEDURA CON VOUCHER TELEMATICO Registrazione committente Il committente si registra presso l INPS (direttamente o per il tramite

Dettagli

OGGETTO: Decreto legislativo 10.9.2003, n. 276, articoli 70 e 72 - Lavoro

OGGETTO: Decreto legislativo 10.9.2003, n. 276, articoli 70 e 72 - Lavoro Ufficio Legislativo Direzione centrale Entrate Direzione Centrale Pensioni Direzione Centrale Organizzazione Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Direzione centrale Bilanci e Servizi fiscali

Dettagli

I BUONI LAVORO: modalità di utilizzo e funzionamento

I BUONI LAVORO: modalità di utilizzo e funzionamento I BUONI LAVORO: modalità di utilizzo e funzionamento Giornata nazionale della Previdenza Ufficio Legislativo Milano, 4 maggio 2011 Buoni lavoro e modalità operative > i buoni lavoro > la procedura cartacea

Dettagli

Lavoro Occasionale Accessorio PEA

Lavoro Occasionale Accessorio PEA Lavoro Occasionale Accessorio PEA Internet 1. PEA 3 1.1 Punto Emissione Autorizzato (PEA) 3 1.1.1 PEA - Servizi per il Committente 6 1.1.2 PEA - Dichiarazione prestazioni 7 1.1.3 PEA Modifica - Cancellazione

Dettagli

Iniziativa Reciproca solidarietà e lavoro accessorio promossa dalla Compagnia di San Paolo

Iniziativa Reciproca solidarietà e lavoro accessorio promossa dalla Compagnia di San Paolo Città di Orbassano Iniziativa Reciproca solidarietà e lavoro accessorio promossa dalla Compagnia di San Paolo AVVISO La Città di Orbassano, anche per l anno 2015, intende partecipere all iniziativa Reciproca

Dettagli

Il lavoro occasionale di tipo accessorio nelle vendemmie: precisazioni Inps e Inail

Il lavoro occasionale di tipo accessorio nelle vendemmie: precisazioni Inps e Inail Il lavoro occasionale di tipo accessorio nelle vendemmie: precisazioni Inps e Inail La sperimentazione del lavoro occasionale di tipo accessorio sarà effettuata, per l anno 2008, con riferimento a prestazioni

Dettagli

COLLOCAMENTO OBBLIGATORIO: ESCLUSIONE AZIENDE CON TASSO INAIL MAGGIORE DEL 60 X 1000

COLLOCAMENTO OBBLIGATORIO: ESCLUSIONE AZIENDE CON TASSO INAIL MAGGIORE DEL 60 X 1000 Viale Berlinguer, 8 48124 Ravenna RA - Tel. 0544.516111 Fax 0544.407733 Reg. Imprese/RA, C.F. e P. IVA 00431550391 Albo Società Cooperative Sez. Mutualità prevalente n. A116117 Sito web: www.confartigianato.ra.it

Dettagli

IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO

IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO AVVISO PER ACQUISIZIONE DISPONIBILITA A SVOLGERE LAVORO DI NATURA OCCASIONALE PRESSO IL COMUNE DI MERATE CON PAGAMENTO MEDIANTE BUONO LAVORO (VOUCHER) PER ATTIVITÀ RESE NELL AMBITO DI LAVORI DI GIARDINAGGIO,

Dettagli

In atti deliberazione della Giunta Comunale n. 155 del 03.10.2013

In atti deliberazione della Giunta Comunale n. 155 del 03.10.2013 In atti deliberazione della Giunta Comunale n. 155 del 03.10.2013 AVVISO PUBBLICO PER LA FORMAZIONE DI UNA GRADUATORIA DI PERSONALE DISPONIBILE A SVOLGERE LAVORO OCCASIONALE DI TIPO ACCESSORIO PRESSO I

Dettagli

COMUNE DI LA LOGGIA PROVINCIA DI TORINO

COMUNE DI LA LOGGIA PROVINCIA DI TORINO COMUNE DI LA LOGGIA PROVINCIA DI TORINO ------------------------------------------------------------------------------------------------------- PROGETTO RECIPROCA SOLIDARIETÀ E LAVORO ACCESSORIO 2011 Dichiarazione

Dettagli

Spett.le Società XENIA - SRL VIALE 1' MAGGIO N. 22 24030 PRESEZZO BG Codice Fiscale 04953370964

Spett.le Società XENIA - SRL VIALE 1' MAGGIO N. 22 24030 PRESEZZO BG Codice Fiscale 04953370964 Consulenza Fiscale Società Vendita Diretta Agenti di Commercio e Incaricati alle Vendite Largo Giorgio La Pira n. 10 - Massa e Cozzile (PT) Iscrizione CCIAA PT Codice Fiscale 01002000477 Call Center Clienti

Dettagli

Direzione centrale Entrate contributive. Direzione centrale Organizzazione. Coordinamento e supporto attività connesse al fenomeno migratorio

Direzione centrale Entrate contributive. Direzione centrale Organizzazione. Coordinamento e supporto attività connesse al fenomeno migratorio Direzione centrale Entrate contributive Direzione centrale Organizzazione Coordinamento e supporto attività connesse al fenomeno migratorio Direzione centrale Sistemi informativi e Telecomunicazioni Direzione

Dettagli

Almeno due anni di assicurazione Requisito Contributivo LA DOMANDA esclusivamente in via telematica

Almeno due anni di assicurazione Requisito Contributivo LA DOMANDA esclusivamente in via telematica INDENNITA DI DISOCCUPAZIONE AL PERSONALE DELLA SCUOLA La legge di riforma del lavoro (la n. 92 del 28 giugno 2012 - riforma Fornero) ha introdotto a partire dal 1.1.2013 il nuovo sussidio di disoccupazione

Dettagli

ASSEGNO AL NUCLEO FAMILIARE

ASSEGNO AL NUCLEO FAMILIARE ASSEGNO AL NUCLEO FAMILIARE L assegno per il nucleo familiare e' una prestazione a sostegno delle famiglie dei lavoratori dipendenti e dei titolari di prestazione a carico dell'assicurazione generale obbligatoria,

Dettagli

Circolare N. 124 del 15 Settembre 2015

Circolare N. 124 del 15 Settembre 2015 Circolare N. 124 del 15 Settembre 2015 Lavoro accessorio: nuove modalità di acquisto voucher Gentile cliente con la presente intendiamo informarla che con circ. 12.8.2015 n. 149, l'inps ha fornito le prime

Dettagli

Indennità di disoccupazione Mini-ASpI

Indennità di disoccupazione Mini-ASpI Indennità di disoccupazione Mini-ASpI COSA E E una prestazione economica istituita dal 1 gennaio 2013 e che sostituisce l indennità di disoccupazione ordinaria non agricola con requisiti ridotti. E una

Dettagli

L'ASSICURAZIONE PER LE COLF

L'ASSICURAZIONE PER LE COLF L'ASSICURAZIONE PER LE COLF Sono lavoratori domestici coloro che prestano la loro opera esclusivamente per le necessità della vita familiare del datore di lavoro (tuttofare, camerieri, cuochi, bambinaie,

Dettagli

Il lavoratore Mario Rossi ha percepito nel corso dell anno 2.020 1 netti di voucher dalla Alfa S.r.l., 2.020 1 netti

Il lavoratore Mario Rossi ha percepito nel corso dell anno 2.020 1 netti di voucher dalla Alfa S.r.l., 2.020 1 netti Prospetto riepilogativo sull utilizzo dei voucher Valore Minimo di ogni Voucher 10,00 Valore Incassato dal lavoratore 7,50 Somma totale erogabile in un anno solare (quindi dal 01/01 al 31/12) ad ogni lavoratore

Dettagli

Confprofessionilavoro pubblica una tabella con gli incentivi - attualmente in vigore - in materia di assunzione.

Confprofessionilavoro pubblica una tabella con gli incentivi - attualmente in vigore - in materia di assunzione. Confprofessionilavoro pubblica una tabella con gli incentivi - attualmente in vigore - in materia di assunzione. INCENTIVO DESTINATARI Giovani (l.99/2013) L incentivo è pari: -ad 1/3 della retribuzione

Dettagli

NOTA INFORMATIVA N. 04/2010. Legge Finanziaria 2010 (L. 23.12.2009 n. 191) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza.

NOTA INFORMATIVA N. 04/2010. Legge Finanziaria 2010 (L. 23.12.2009 n. 191) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza. Dottori Commercialisti Associati ASSOCIATI: GIOVANNI ALBERTI Professore Ordinario di Economia Aziendale all Università di Verona CLAUDIO UBINI ALBERTO CASTAGNETTI COLLABORATORI: ELISABETTA UBINI RITA MAGGI

Dettagli

COMUNE DI FRASSINORO PROVINCIA DI MODENA Piazza Miani 16-41044 Frassinoro tel. 0536/971811 fax 0536/971002

COMUNE DI FRASSINORO PROVINCIA DI MODENA Piazza Miani 16-41044 Frassinoro tel. 0536/971811 fax 0536/971002 COMUNE DI FRASSINORO PROVINCIA DI MODENA Piazza Miani 16-41044 Frassinoro tel. 0536/971811 fax 0536/971002 AVVISO PER ACQUISIZIONE DISPONIBILITA A SVOLGERE LAVORO OCCASIONALE DI TIPO ACCESSORIO PER PRESTAZIONI

Dettagli

Quadro di sintesi normativa

Quadro di sintesi normativa Allegato n.1 Quadro di sintesi normativa Articolo 19 del decreto-legge 29 novembre 2008, n. 185, convertito dalla legge 28 gennaio 2009, n. 2 Articolo 7 ter del decreto legge 10 febbraio 2009, n. 5, convertito

Dettagli

GUIDA ALLE PRESTAZIONI A SOSTEGNO DEL REDDITO

GUIDA ALLE PRESTAZIONI A SOSTEGNO DEL REDDITO GUIDA ALLE PRESTAZIONI A SOSTEGNO DEL REDDITO Comprensiva delle novità introdotte dalla L. 2/2009 c.d. manovra anticrisi come modificata dalla L.33/2009 e Decreto Interministeriale n. 46441 del 19/05/2009)

Dettagli

Lavoro Occasionale Accessorio. Manuale Utente Internet

Lavoro Occasionale Accessorio. Manuale Utente Internet Lavoro Occasionale Accessorio Internet 1. Introduzione... 3 1.1 Obiettivo del documento... 3 1.2 Normativa... 3 1.3 Attori del Processo... 4 1.4 Accesso Internet... 5 1.4.1 Accesso Internet da Informazioni...

Dettagli

AMMORTIZZATORI SOCIALI

AMMORTIZZATORI SOCIALI AMMORTIZZATORI SOCIALI Ammortizzatori Sociali Cosa Sono? Ammortizzatori Sociali Art. 38 I lavoratori hanno diritto che siano preveduti ed assicurati mezzi adeguati alle loro esigenze di vita in caso di

Dettagli

Art. 70. Definizione e campo di applicazione (Testo in vigore dal 28 giugno 2013)

Art. 70. Definizione e campo di applicazione (Testo in vigore dal 28 giugno 2013) Circ. 01/P/140204 San Fior, 04/02/2014 Ai gentili Clienti Loro sedi Oggetto: Lavoro accessorio VOUCHER In relazione ad alcune richieste di chiarimenti pervenuteci, riteniamo far cosa utile riassumere sinteticamente

Dettagli

Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132 e-mail

Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132 e-mail Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132 e-mail info@studiocampasso.it www.studiocampasso.it Informativa n. 5 del 12 gennaio 2010 Legge Finanziaria 2010

Dettagli

I diritti previdenziali dei lavoratori stranieri: mutua, malattia, congedi parentali, maternità, ecc..

I diritti previdenziali dei lavoratori stranieri: mutua, malattia, congedi parentali, maternità, ecc.. I diritti previdenziali dei lavoratori stranieri: mutua, malattia, congedi parentali, maternità, ecc.. A cura di Simonetta Zini Servizio Previdenza Che cos è? L assicurazione obbligatoria è la forma con

Dettagli

Sommario 1. Definizione 2. Campo di applicazione 3. Trattamento economico, previdenziale e fiscale 4. Modalità operative 5.

Sommario 1. Definizione 2. Campo di applicazione 3. Trattamento economico, previdenziale e fiscale 4. Modalità operative 5. LAVORO ACCESSORIO Sommario 1. Definizione 2. Campo di applicazione 3. Trattamento economico, previdenziale e fiscale 4. Modalità operative 5. Sanzioni 1. Definizione Gli artt. 48-50 del D.Lgs. n. 81/2015

Dettagli

Attuazione dell articolo 1 comma 2 legge 183/2014. Titolo I Disciplina della Nuova prestazione di Assicurazione Sociale per l Impiego (NASpI)

Attuazione dell articolo 1 comma 2 legge 183/2014. Titolo I Disciplina della Nuova prestazione di Assicurazione Sociale per l Impiego (NASpI) Attuazione dell articolo 1 comma 2 legge 183/2014 Titolo I Disciplina della Nuova prestazione di Assicurazione Sociale per l Impiego (NASpI) Art. 1 Nuova prestazione di Assicurazione Sociale per l Impiego

Dettagli

durc settore edile: sperimentazione indici di congruità Analisi del nuovo accordo

durc settore edile: sperimentazione indici di congruità Analisi del nuovo accordo NEWSLETTER 42 - N. 02 ANNO 2012 lavoro accessorio: nuova modalità per l acquisto dei buoni Vendita dei voucher presso la Banca Popolare dell Emilia Romagna durc settore edile: sperimentazione indici di

Dettagli

AVVISO PUBBLICO GAIA SERVIZI SRL RENDE NOTO

AVVISO PUBBLICO GAIA SERVIZI SRL RENDE NOTO AVVISO PUBBLICO PER L ACQUISIZIONE DELLA DISPONIBILITA A SVOLGERE LAVORO ACCESSORIO OCCASIONALE CON PAGAMENTO MEDIANTE BUONO LAVORO (VOUCHER). DI N. 20 PERSONE GAIA SERVIZI SRL Visto il D.lgs. 10 settembre

Dettagli

ASSICURAZIONE CONTRO GLI INFORTUNI DOMESTICI (L.493/99)

ASSICURAZIONE CONTRO GLI INFORTUNI DOMESTICI (L.493/99) ASSICURAZIONE CONTRO GLI INFORTUNI DOMESTICI (L.493/99) Chi si deve assicurare Sono obbligati ad assicurarsi coloro, in, che svolgono in via non occasionale, gratuitamente e senza vincolo di subordinazione,

Dettagli

LA FINANZIARIA 2010 IN SINTESI

LA FINANZIARIA 2010 IN SINTESI LA FINANZIARIA 2010 IN SINTESI Con la pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale n.302 del 30 dicembre 2009, entra in vigore, dal 1 gennaio, la Legge Finanziaria per il 2010 (Legge 23 dicembre 2009, n.191).

Dettagli

NUOVA PRESTAZIONE DI ASSICURAZIONE SOCIALE PER L IMPIEGO (NASPI) CIRCOLARE INPS

NUOVA PRESTAZIONE DI ASSICURAZIONE SOCIALE PER L IMPIEGO (NASPI) CIRCOLARE INPS NUOVA PRESTAZIONE DI ASSICURAZIONE SOCIALE PER L IMPIEGO (NASPI) CIRCOLARE INPS Come è noto, il decreto legislativo 4 marzo 2015 n. 22, pubblicato nella G.U. n. 54 del 6/3/2015, ha dettato nuove norme

Dettagli

Proroghe a termini in scadenza per il Ministero del lavoro

Proroghe a termini in scadenza per il Ministero del lavoro N. 157 del 13.04.2011 La Memory A cura di Roberto Camera Funzionario della DPL Modena (1) Proroghe a termini in scadenza per il Ministero del lavoro Il Governo, al fine di sostenere il reddito delle famiglie

Dettagli

ASSEGNO AL NUCLEO FAMILIARE. Istruzioni e appunti per l uso

ASSEGNO AL NUCLEO FAMILIARE. Istruzioni e appunti per l uso ASSEGNO AL NUCLEO FAMILIARE Istruzioni e appunti per l uso L ASSEGNO AL NUCLEO FAMILIARE : ANF L assegno al nucleo familiare è una prestazione a sostegno del reddito istituita per sostenere le famiglie

Dettagli

LAVORO E VENDEMMIA LE REGOLE PER ESSERE IN REGOLA CENTRO STUDI

LAVORO E VENDEMMIA LE REGOLE PER ESSERE IN REGOLA CENTRO STUDI CENTRO STUDI 2015 LE REGOLE PER ESSERE IN REGOLA Con l'avvio della campagna vendemmiale molte aziende agricole si trovano nella necessità di fare ricorso a manodopera extra-aziendale. Riteniamo quindi

Dettagli

Gli emolumenti del personale della scuola

Gli emolumenti del personale della scuola Gli emolumenti del personale della scuola Di salvatore buonandi La retribuzione complessiva dei dipendenti della scuola è costituita da indennità di varia natura, di cui alcune concorrono con lo stipendio

Dettagli

IL LAVORO ACCESSORIO NEL TURISMO

IL LAVORO ACCESSORIO NEL TURISMO IL LAVORO ACCESSORIO NEL TURISMO Federalberghi - Il lavoro accessorio nel turismo Il lavoro accessorio nel turismo quarta edizione di Andrea Giovanni Serra. Il testo costituisce un aggiornamento del volume

Dettagli

Esonero contributivo triennale. Nuova Assicurazione Sociale per l Impiego - NASPI

Esonero contributivo triennale. Nuova Assicurazione Sociale per l Impiego - NASPI Esonero contributivo triennale Nuova Assicurazione Sociale per l Impiego - NASPI API Torino 5 marzo 2015 Beniamino Gallo Esonero triennale per le assunzioni a tempo indeterminato Il legislatore si è posto

Dettagli

DIRITTI SOCIALI IN CARCERE

DIRITTI SOCIALI IN CARCERE DIRITTI SOCIALI IN CARCERE Guida pratica per l accesso alle misure a sostegno del reddito A cura dei volontari dell associazione l altro diritto Realizzata nell ambito del progetto diritti in azione, rete

Dettagli

COLLABORAZIONE A PROGETTO

COLLABORAZIONE A PROGETTO COLLABORAZIONE A PROGETTO Il contratto di collaborazione a progetto può essere sottoscritto nei casi in cui sia manifesta e reale la volontà: da parte del datore di lavoro di assumere personale da impiegare

Dettagli

PROGRAMMA ITACA Bando di concorso per l assegnazione di borse di studio per soggiorni scolastici all estero

PROGRAMMA ITACA Bando di concorso per l assegnazione di borse di studio per soggiorni scolastici all estero PROGRAMMA ITACA Bando di concorso per l assegnazione di borse di studio per soggiorni scolastici all estero in favore dei figli o orfani ed equiparati - dei dipendenti e dei pensionati della pubblica amministrazione

Dettagli

I rapporti di lavoro. Tamara Capradossi. capradossi@esplora.biz

I rapporti di lavoro. Tamara Capradossi. capradossi@esplora.biz I rapporti di lavoro Tamara Capradossi capradossi@esplora.biz TIPOLOGIE DEI RAPPORTI DI LAVORO LAVORO AUTONOMO (OCCASIONALE) LAVORO ACCESSORIO (VOUCHER) LAVORO PARASUBORDINATO (CO.CO.PRO., MINI CO.CO.CO,

Dettagli

Studio Consulenza del Lavoro Bonet Lepschy & Associati

Studio Consulenza del Lavoro Bonet Lepschy & Associati Mestre, 30 giugno 2015 Ai Sig.ri Clienti Loro Sedi Circolare n. 8/2015 1. LEGGE DI STABILITA 2015 Assunzioni a tempo indeterminato; 2. RIFORMA DEI CONTRATTI DI LAVORO co.co.pro/co.co.co tempo determinato

Dettagli

Strumenti di sostegno in caso di disoccupazione involontaria

Strumenti di sostegno in caso di disoccupazione involontaria I decreti attuativi del jobs act Il Governo, alla vigilia di Natale, ha approvato due schemi di D.Lgs, il primo sul contratto a tutele crescenti e il secondo sulla nuova prestazione sociale per l impiego

Dettagli

Istituto Nazionale Previdenza Sociale

Istituto Nazionale Previdenza Sociale Istituto Nazionale Previdenza Sociale Prestazioni Occasionali di tipo Accessorio Normativa di riferimento comma d) dell articolo 4 della Legge n. 30 del 14 febbraio 2003 articoli da 70 a 73 del Decreto

Dettagli

Piacenza, 10 giugno 2015 Alle Cooperative in indirizzo

Piacenza, 10 giugno 2015 Alle Cooperative in indirizzo SERVIZIO SINDACALE Piacenza, 10 giugno 2015 Alle Cooperative in indirizzo Prot. n. 80 Oggetto: Istruzioni Inps su nuova Aspi La circolare Inps sulla nuova Aspi è uscita: è la n. 94 del 12-5-2015. Si tratta

Dettagli

Scopo di questo opuscolo è quello di fornire informazioni di carattere generale sull assicurazione relativamente a:

Scopo di questo opuscolo è quello di fornire informazioni di carattere generale sull assicurazione relativamente a: Ai Lettori La Legge 3 dicembre 1999, n. 493 (*) ha istituito una polizza contro gli infortuni domestici che riconosce e valorizza chiunque, donna o uomo, impieghi le proprie energie in maniera abituale,

Dettagli

I CONTRATTI FLESSIBILI NEL TURISMO

I CONTRATTI FLESSIBILI NEL TURISMO Le pillole di Notizie, commenti, istruzioni ed altro Direttore responsabile: Edi Sommariva Numero 10-2010 I CONTRATTI FLESSIBILI NEL TURISMO Area Lavoro a cura di : Area Lavoro Silvio Moretti con la collaborazione

Dettagli

AVVISO PUBBLICO DELLA CITTA DI COLLEGNO IN COLLABORAZIONE CON LA COMPAGNIA SAN PAOLO RECIPROCA SOLIDARIETA E LAVORO ACCESSORIO ANNO 2014

AVVISO PUBBLICO DELLA CITTA DI COLLEGNO IN COLLABORAZIONE CON LA COMPAGNIA SAN PAOLO RECIPROCA SOLIDARIETA E LAVORO ACCESSORIO ANNO 2014 AVVISO PUBBLICO DELLA CITTA DI COLLEGNO IN COLLABORAZIONE CON LA COMPAGNIA SAN PAOLO RECIPROCA SOLIDARIETA E LAVORO ACCESSORIO ANNO 2014 INDICE: Premessa 1. Risorse disponibili e limiti di finanziamento

Dettagli

L INDENNITÀ ORDINARIA DI DISOCCUPAZIONE CON I REQUISITI NORMALI

L INDENNITÀ ORDINARIA DI DISOCCUPAZIONE CON I REQUISITI NORMALI L INDENNITÀ ORDINARIA DI DISOCCUPAZIONE CON I REQUISITI NORMALI Che cos è È una prestazione a sostegno del reddito concessa a quei lavoratori che vengono a trovarsi senza lavoro, quindi senza retribuzione,

Dettagli

AVVISO PUBBLICO RENDE NOTO

AVVISO PUBBLICO RENDE NOTO AVVISO PUBBLICO PER LA CREAZIONE DI UN ELENCO DI PERSONE DISPONIBILI A PRESTARE ATTIVITA OCCASIONALE DI TIPO ACCESSORIO NELL AMBITO DEL PROGETTO RECIPROCA SOLIDARIETA E LAVORO ACCESSORIO FINANZIATO DALLA

Dettagli

Data news: 18/12/2012 Titolo: Indennità di disoccupazione mini ASpI 2012

Data news: 18/12/2012 Titolo: Indennità di disoccupazione mini ASpI 2012 Data news: 18/12/2012 Titolo: Indennità di disoccupazione mini ASpI 2012 Dal 1 gennaio 2013, l indennità di disoccupazione ordinaria con requisiti ridotti non sarà più erogata. Per coloro che nel 2012

Dettagli

Possono esercitare la facoltà prevista e totalizzare i periodi assicurativi, per ottenere un unica pensione, i lavoratori iscritti:

Possono esercitare la facoltà prevista e totalizzare i periodi assicurativi, per ottenere un unica pensione, i lavoratori iscritti: Totalizzazione dei contributi È stata prevista da recenti disposizioni legislative per consentire l acquisizione del diritto ad un unica pensione di vecchiaia, di anzianità o ai superstiti a quei lavoratori

Dettagli

ASPI assicurazione sociale per impiego

ASPI assicurazione sociale per impiego ASPI assicurazione sociale per impiego Riforma del mercato del lavoro Legge 92/2012 Enzo Mologni 01-10-2013 ASPI Assicurazione sociale per impiego dal 01-01-2013 In vigore dal 1/1/2013 è un indennità mensile

Dettagli

10 GIUGNO 2015 PRESSO ENFAP PIEMONTE

10 GIUGNO 2015 PRESSO ENFAP PIEMONTE Seminario Jobs Act PRESSO ENFAP PIEMONTE Jobs Act FLESSIBILITA IN ENTRATA E IN USCITA POLITICHE SOSTEGNO AL REDDITO POLITICHE ATTIVE PER IL LAVORO Jobs Act LEGGE 10 DICEMBRE 2014, N.183 (legge delega)

Dettagli

aiga Associazione Italiana Giovani Avvocati

aiga Associazione Italiana Giovani Avvocati aiga Associazione Italiana Giovani Avvocati VADEMECUM CASSA FORENSE 1 ISCRIZIONE ALLA CASSA L Iscrizione alla Cassa Forense è obbligatoria al raggiungimento e/o al superamento di uno dei due limiti reddituali

Dettagli

La tutela contro la disoccupazione

La tutela contro la disoccupazione La tutela contro la disoccupazione La nuova Assicurazione Sociale per l Impiego Enrico Barraco Premessa Art. 2, comma 1, riforma A decorrere dal 1 gennaio 2013 e in relazione ai nuovi eventi di disoccupazione

Dettagli

Le prestazioni per gli iscritti alla gestione separata dei lavoratori parasubordinati

Le prestazioni per gli iscritti alla gestione separata dei lavoratori parasubordinati Le prestazioni per gli iscritti alla gestione separata dei lavoratori parasubordinati Pensione di vecchiaia Con almeno 57 anni, sia uomini che donne possono conseguire la pensione di vecchiaia. Si prescinde

Dettagli

Breve guida alle assunzioni e agli incentivi.

Breve guida alle assunzioni e agli incentivi. Breve guida alle assunzioni e agli incentivi. Giovani Under 30 svantaggiati L. 99/13 Aziende Interessate Possono accedere al beneficio tutti i datori di lavoro che : -Risultano in regola con obblighi contributivi

Dettagli

MANUALE SOFTWARE RED ISTRUZIONI PER L UTENTE

MANUALE SOFTWARE RED ISTRUZIONI PER L UTENTE MANUALE SOFTWARE RED ISTRUZIONI PER L UTENTE PAGINA 2 MODELLO RED Indice Capitolo 1: Premessa 3 1.1 Emissione modulistica redd. 2012 per l anno 2011 3 1.2 Red 2012: le principali novità 3 1.3 Redditi obbligatori

Dettagli

Ammortizzatori sociali NASPI INDICE Art 1 - NASpI Art 15 Indennità per Lavoratori in Co. Co. Co. e a progetto (DIS-COLL)

Ammortizzatori sociali NASPI INDICE Art 1 - NASpI Art 15 Indennità per Lavoratori in Co. Co. Co. e a progetto (DIS-COLL) Ammortizzatori sociali NASPI SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI PER IL RIORDINO DELLA NORMATIVA IN MATERIA DI AMMORTIZZATORI SOCIALI IN CASO DI DISOCCUPAZIONE INVOLONTARIA E DI RICOLLOCAZIONE

Dettagli

Faschim e Fonchim: dall assunzione alla contribuzione Dimitri Cerioli - Consulente del lavoro

Faschim e Fonchim: dall assunzione alla contribuzione Dimitri Cerioli - Consulente del lavoro Faschim e Fonchim: dall assunzione alla contribuzione Dimitri Cerioli - Consulente del lavoro Dichiarazione di adesione Periodo di prova Il Ccnl per gli addetti all industria chimica, chimico-farmaceutica,

Dettagli