LAVORO OCCASIONALE ACCESSORIO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LAVORO OCCASIONALE ACCESSORIO"

Transcript

1 LAVORO OCCASIONALE ACCESSORIO Le domande più frequenti sulle procedure Procedura cartacea 1. I voucher cartacei si possono acquistare in blocchetti o separatamente? E possibile acquistare i voucher separatamente oppure in carnet da 25 voucher ciascuno, presso le sedi INPS. 2. I voucher cartacei possono essere riscossi anche da un delegato? I voucher cartacei possono essere riscossi da un delegato se interviene uno dei seguenti motivi relativi al prestatore: Decesso; Malattia; Ricovero ospedaliero; Lungo soggiorno all estero. La documentazione che il delegato dovrà esibire presso la Sede INPS sarà la seguente: delega al ritiro (dovrà esplicitare il motivo dell impossibilità a riscuotere, contenere i dati anagrafici del delegante e del delegato e fornire l indicazione dell ufficio postale presso il quale dovrà essere autorizzata la riscossione); voucher; documenti di identità del delegante e del delegato. Dopo l istruttoria la Sede trasmetterà tutta la documentazione, via mail alla casella di posta dedicata che provvederà ad inoltrare l autorizzazione al pagamento tramite Poste Centrale. 3. A chi bisogna rivolgersi in caso di smarrimento o furto dei voucher cartacei? In caso di smarrimento o furto di voucher cartacei, l utente dovrà presentare denuncia alla competente autorità. In particolare, in caso di furto o smarrimento occorso ad un prestatore, si procede nel seguente modo: 1. Il prestatore comunica alla Sede INPS operativa il furto o lo smarrimento dei voucher, consegnando copia della denuncia alle autorità competenti; 2. la sede effettua richiesta di annullamento dei voucher in questione alla competente sede regionale (che invierà tale segnalazione alla casella di posta dedicata allegando la denuncia del prestatore; 1

2 3. i voucher - su richiesta effettuata a livello centrale - vengono annullati nella procedura di gestione e in quella di Poste, che riaccredita l'importo relativo nel conto corrente postale previsto per il lavoro occasionale accessorio; 4. la sede attende la comunicazione relativa allo storno dell importo; 5. la sede emette un bonifico domiciliato a favore del prestatore, utilizzando la collezione nella procedura dei Pagamenti vari, e provvede a trasferire il relativo importo alla Direzione generale con mod. SC10/R nel quale deve essere riportata la seguente causale: pagamento per voucher smarriti o rubati ; 6. la sede comunica alla sede regionale l emissione del bonifico e l esito della riscossione (la sede regionale inoltrerà tale comunicazione alla casella di posta dedicata Attenzione: se, invece, si tratta di un caso di furto o smarrimento occorso ad un committente si procede secondo le operazioni indicate fino al punto 4. Quindi, a seguito dello storno da parte di Poste, la sede consegna al committente dei nuovi voucher, registrandoli in procedura di gestione in sostituzione di quelli non più disponibili, in relazione al versamento originario. In tal caso, infatti, non è previsto il riaccredito dell importo da parte di Poste. 4. Il committente che ritira i buoni cartacei presso lo sportello INPS deve essere anche registrato nella procedura telematica come datore di lavoro? Si. E' importante che l operatore di sede registri i dati del committente/datore di lavoro acquirente e del bollettino di c/c postale utilizzando l apposita procedura informatica Registrazioni datori di lavoro/lavoratori, reperibile sul sito Intranet (Intranet/processi/soggetto contribuente/lavoro occasionale accessorio/procedure). 5. Il committente, al momento della consegna del buono al prestatore, deve trattenerne una copia? Il committente dovrà conservare la matrice del buono cartaceo - in cui è indicato il periodo della prestazione ed i codici fiscali del prestatore e del committente - firmata dal prestatore. In caso di voucher acquistato presso punti PEA (tabaccai e banche) il committente conserverà la matrice del voucher, con l indicazione, per eventuali riscontri, del codice fiscale del prestatore. 6. Come comportarsi se, al momento della riscossione, il voucher cartaceo non viene letto dal lettore ottico dell ufficio postale? Se il voucher non viene letto dal lettore ottico dell uff. postale, si può chiedere che venga effettuato il controllo manuale, ossia che venga digitato il numero del voucher - preceduto da uno 0 - al computer dell'uff. postale. Se anche questo tentativo fallisce, è necessario rivolgersi alla Sede operativa INPS (che invierà una alla competente Sede Regionale), per il relativo riscontro, precisando l'ufficio postale prescelto per la riscossione. 7. E possibile ritirare i voucher presso la Sede INPS nella cui provincia si effettueranno le prestazioni di lavoro occasionale accessorio, anche se il committente risiede in una provincia diversa? 2

3 Si. Come regola generale è preferibile, per motivi gestionali e statistici, la prenotazione ed il ritiro dei voucher cartacei presso la Sede nel cui territorio si effettuerà la prestazione di lavoro occasionale accessorio. 8. Una associazione di categoria si presenta ai nostri sportelli con un bollettino postale pagato e intestato all azienda Tizio e delega per ritirare i voucher in nome e per conto di Tizio. Domanda: in procedura nel riquadro Gestione voucher cartacei, debbo scegliere l opzione datore di lavoro e indicare il codice fiscale di Tizio oppure scegliere l opzione delegato e mettere il cod. fiscale della associazione di categoria? Se l Associazione di categoria presenta un bollettino intestato ad un committente delegante, nell opzione datore di lavoro va indicato il codice fiscale del committente (Tizio). Invece, se l Associazione procede a suo nome ad un acquisto cumulativo di voucher che poi distribuirà a vari committenti, va inserito nell opzione delegato il codice fiscale dell Associazione, la quale comunicherà successivamente il codice fiscale dei singoli committenti tramite il file excel appositamente predisposto (presente in Intranet/Processi/Soggetto contribuente Lavoro Occasionale accessorio/utilità). Procedura telematica 9. Cosa succede quando il committente/datore di lavoro utilizza i voucher telematici ed il prestatore/lavoratore, dopo aver ricevuto la INPSCard (c.d. Postepay virtual), non provvede ad attivarla? Se il prestatore non ha attivato la INPSCard (Postepay virtual), riceverà da Poste, presso il suo domicilio, una lettera con la comunicazione della disponibilità del bonifico a suo favore. Una volta ricevuta la lettera, potrà recarsi presso qualsiasi ufficio postale per la riscossione (entro la scadenza specificata nella lettera di bonifico domiciliato). 10. Come deve comportarsi il prestatore che ha ricevuto due o più INPSCard (c.d. Postepay virtual)? Se il prestatore riceve, per errore, due o più INPSCard (Postepay virtual), deve recarsi presso un Ufficio postale ed attivarne solamente una. Attenzione: l attivazione di più Postepay virtual da parte dello stesso prestatore titolare renderebbe inutilizzabili dette card. 11. A chi bisogna rivolgersi in caso di smarrimento, furto o smagnetizzazione della INPSCard (c.d. Postepay virtual)? In caso di smarrimento o furto della INPSCard (Postepay virtual INPS), il prestatore titolare dovrà bloccare la carta telefonando al numero verde di Poste ed effettuare relativa denuncia alle Autorità competenti. Detta denuncia andrà, quindi, presentata alla sede operativa INPS, al fine di richiedere una nuova INPSCard. 3

4 Non appena il prestatore avrà ricevuto la nuova INPSCard, dovrà recarsi presso un Ufficio Postale per la relativa attivazione e per la richiesta di trasferimento dell eventuale credito residuo dalla vecchia alla nuova carta. In caso di smagnetizzazione della card, il titolare dovrà, comunque, estinguere la carta smagnetizzata presso un ufficio postale, farsi liquidare gli importi in essa caricati e richiedere alla Sede INPS l invio di una nuova INPSCard (Postepay). 12. La Postepay Virtual INPS può essere utilizzata come una normale Postepay? Si, può essere utilizzata come una normale Postepay;la commissione di ricarica potrà essere la seguente: Ufficio postale: 1,00 (uno/00) Euro; ATM: 1,00 (uno/00) Euro; BPOL: 1,00 (uno/00) Euro; ATM con Carta di Credito: 3,00 (tre/00) Euro; SIM Poste Mobile: 1,00 (uno/00) Euro. 13. Qual è il plafond di accredito della Postepay virtual? Il plafond della Postepay virtual è pari ad ,00, pertanto, una volta raggiunto tale limite, la procedura inibisce l ulteriore accredito di successivi importi (dovuti a seguito delle prestazioni svolte), generando in automatico, per il pagamento, un bonifico domiciliato che viene trasmesso, direttamente, presso il recapito del prestatore. 14. A chi deve rivolgersi il prestatore che ha smarrito il codice pin relativo alla Postepay virtual INPS? Il prestatore può, rivolgersi, direttamente, presso la sede INPS di competenza che acquisita la richiesta ( su cui oltre i dati del prestatore, deve essere specificato il numero indentificativo della Postepay Virtual INPS) provvederà ad inoltrarla alla casella lavorooccasionale.dg - che a sua volta attiverà Poste Centrale al fine di spedire presso il domicilio del prestatore il duplicato del codice pin. 15. Cosa succede se il prestatore perde la lettera con cui Poste comunica la disponibilità del bonifico a suo favore? Come può, in tal caso, riscuotere il/i voucher telematici? Se il prestatore perde la lettera di bonifico domiciliato inviatagli da Poste, dovrà recarsi presso la Sede INPS di riferimento, che rilascerà all interessato una lettera sostitutiva in cui conferma il suo diritto a ricevere l importo previsto ed autorizza Poste al pagamento. Il prestatore potrà, quindi, presentarsi presso l Ufficio Postale per la riscossione, consegnando la lettera sostitutiva dell INPS e copia di un documento d identità valido e del codice fiscale. Attenzione: nella sezione Utilità a destra dell Home page di Intranet Lavoro occasionale accessorio, è pubblicato il fac-simile di lettera sostitutiva e le relative indicazioni. 16. In caso di procedura telematica per i prestatori di lavoro occasionale accessorio minorenni, come avviene la riscossione dei voucher? 4

5 I prestatori minorenni, in quanto tali, non possono ricevere INPSCard. Riceveranno, invece, una lettera da parte di Poste per la riscossione dei buoni lavoro tramite bonifico domiciliato. 17. Quali dati vanno inseriti nel campo matricola INPS se si utilizza il modello F24 per l acquisizione dei voucher tramite procedura telematica? In caso di committente persona giuridica, nel campo matricola INPS del mod. F24 vanno riportati - in base alle indicazioni dell Agenzia delle Entrate - o il cap dell azienda o il codice della sede INPS, dopo aver premesso gli 0 (zero) necessari a completare i 17 caratteri numerici previsti dal campo. Le istruzioni di compilazione sono disponibili sul sito dell Agenzia delle Entrate modulistica modelli di versamento (f24 f23) modello F24 - Tabelle codici tributo : Modello di versamento F24: i codici da utilizzare tabella codici altri enti previdenziali e assicurativi INPS : tabella causali contributo/ tabella formati matricola e codici. In alternativa, si consiglia di inserire il codice fiscale (del committente) o, se non dovesse andare a buon fine, il seguente codice: Il bonifico domiciliato è pagabile da qualsiasi ufficio postale, oppure da uffici del territorio nel quale si è svolta la prestazione? I bonifici domiciliati per il lavoro occasionale inviati per la riscossione dei voucher telematici sono gestiti in 'circolarità', cioè pagabili presso qualsiasi ufficio postale. 19. L'amministratore unico di una società in possesso del PIN On Line può acquistare vouchers con F24 utilizzando la partita iva dell'azienda? Si, può utilizzare la partita IVA dell'azienda, ma deve richiedere l'abbinamento tra il suo codice fiscale (con il quale effettuerà l'f24 in quanto rappresentante legale) e la partita IVA, tramite la sede Inps provinciale, utilizzando l apposito mod. SC53 scaricabile dal sito internet Inps. 20. Il comune di XXYY è intenzionato ad accedere alla procedura telematica per i voucherbuoni lavoro. Il comune ha la necessità di essere abilitato alla procedura. Per poter accedere alla procedura telematica il comune deve: richiedere il pin per l'accesso alle procedure on line; chiedere l'abbinamento tra il codice fiscale del comune e il codice fiscale del funzionario abilitato ad operare sulla procedura, tramite apposito mod.sc53 scaricabile on-line, da inviare alla Sede operativa di riferimento. Procedura generale 21. Che cosa si intende per prestazioni occasionali di tipo accessorio? Per qualificare le prestazioni occasionali di tipo accessorio si deve fare esclusivo riferimento a quanto previsto dal legislatore nel decreto leg.vo n.276/2003, che le 5

6 distingue in due tipologie: quelle previste dall'articolo 61, comma 2, dette prestazioni di lavoro autonomo occasionale e quelle di "tipo accessorio" previste dall'articolo 70. In particolare, il comma 1 dell'articolo 70 qualifica come prestazioni accessorie solo quelle rese nell'ambito di ben determinate tipologie di attività e da parte di determinate tipologie di prestatori. Inoltre il comma 2 dell'articolo 70 specifica che "si configurano come rapporti di natura meramente occasionale e accessoria le attività che non danno luogo complessivamente con riferimento al medesimo committente, nel corso di un anno solare, a compensi non superiori a euro netti per il prestatore pari a euro lordi per il committente. In via sperimentale - per gli anni 2009, 2010,2011 e si prevede che prestazioni accessorie possono essere rese, in tutti i settori produttivi, compresi gli enti locali, anche dai percettori di prestazioni integrative del salario nel limite massimo di 3000 euro netti complessivi per anno solare, corrispondenti per i committenti a euro lordi Per prestazioni di lavoro occasionale accessorio debbono intendersi attività lavorative di natura meramente occasionale e accessoria, non riconducibili a tipologie contrattuali tipiche di lavoro subordinato o di lavoro autonomo, ma mere prestazioni di lavoro definite con la sola finalità di assicurare le tutele minime previdenziali e assicurative in funzione di contrasto a forme di lavoro nero e irregolare. La natura di accessorietà comporta, inoltre, che le attività disciplinate dall articolo 70 debbano essere svolte direttamente a favore dell utilizzatore della prestazione, senza il tramite di intermediari. Il ricorso ai buoni lavoro è dunque limitato al rapporto diretto tra prestatore e utilizzatore finale, mentre è escluso che una impresa, sia essa una cooperativa o una agenzia del lavoro, possa reclutare e retribuire lavoratori per svolgere prestazioni a favore di terzi come nel caso dell appalto o della somministrazione. 22. In caso di decesso del prestatore prima dell'avvenuta riscossione del/dei voucher, come si deve procedere? In caso di decesso del prestatore titolare del/dei voucher, alla Sede INPS operativa dovrà pervenire la seguente documentazione: da parte del committente (facoltativa): nota informativa del decesso del prestatore; da parte dell'erede/i: da parte dell erede/i: certificato di morte del prestatore; documentazione attestante lo stato di erede; documento di identità; dichiarazione sostitutiva di atto notorio integrata della richiesta di riscossione dei voucher (modulo scaricabile dal sito intranet/internet cod. AP17); codice fiscale del deceduto; numero di serie del/dei voucher da riscuotere; 6

7 indicazione dell'ufficio postale presso il quale l erede/i intende riscuotere. La documentazione così acquisita dovrà essere trasmessa alla Sede Regionale, che provvederà ad inoltrarla via mail alla casella Lavoro al fine di richiedere l'autorizzazione al pagamento direttamente a Posteitaliane. Ricevuta conferma da parte di Poste, il gruppo di lavoro ne darà tempestiva comunicazione alla Sede Regionale, che avviserà la Sede interessata per far contattare l erede/i, il quale potrà recarsi presso l'ufficio postale indicato per la riscossione, esibendo oltre ad un documento di identità anche il certificato di morte del prestatore. 23. Quando e con quali modalità è previsto il rimborso dei buoni lavoro? Il rimborso dei buoni lavoro è consentito quando il datore di lavoro: a) abbia acquistato e non utilizzato i buoni cartacei; b) abbia effettuato il versamento per l acquisto di buoni cartacei senza aver poi provveduto al ritiro degli stessi; c) abbia effettuato il versamento per l acquisto dei buoni tramite procedura telematica, senza utilizzare o utilizzando solo in parte l importo versato. Il datore di lavoro deve presentare la richiesta di rimborso alla sede di competenza utilizzando l apposito modulo SC52, scaricabile dal sito conseguentemente la sede attiva la procedura di rimborso indicata nei messaggi INPS n /2010 e n /2011. Rispetto al punto a) si evidenzia che il rimborso è consentito soltanto se i buoni, che non devono essere compilati, vengono restituiti presso la Sede INPS integri. Per richiedere il rimborso dei buoni lavoro emessi attraverso la rete dei tabaccai abilitati, il committente può scaricare l apposito modulo disponibile sul sito pubblico di Banca ITB, nella sezione INPS presente nell area Moduli nel seguente indirizzo: ( Modulo Rimborso ) ed inviarlo debitamente compilato a Banca ITB a mezzo raccomandata con ricevuta di ritorno, completo di copia della ricevuta di emissione e dei voucher per i quali si richiede il rimborso. Il Committente riceverà il bonifico relativo all importo dei voucher da rimborsare sul conto corrente indicato nella richiesta di rimborso Il Committente può chiedere il rimborso dei buoni lavoro acquistati presso gli sportelli bancari e non utilizzati presso tutte le banche abilitate. 24. In che modo l INPS verifica se c è stato l effettivo pagamento, da parte del committente, per le prestazioni effettuate? La verifica avviene in base al confronto tra il numero dei buoni acquistati dal committente per ciascun prestatore e il numero dei buoni dichiarati come compenso, sempre per ciascun prestatore, nella fase di rendicontazione. 25. Si ha diritto ad un buono lavoro per ogni ora di lavoro effettuata? 7

8 Il valore del buono lavoro rappresenta il compenso per una certa quantità di lavoro che, rapportata alla retribuzione media nazionale in agricoltura (ISTAT), equivale a circa un ora di lavoro. Trattandosi del riferimento ad una media nazionale, nelle diverse regioni e province possono determinarsi valori diversi, maggiori o minori. In tutti i settori, comunque, il compenso per le prestazioni di lavoro occasionale accessorio deriva da un accordo tra le parti. Pertanto, il committente e il prestatore adotteranno un criterio di corrispondenza tra prestazione e retribuzione attraverso i buoni, di tipo orario, giornaliero o a forfait per l intera prestazione. 26. E possibile l'utilizzo dei buoni lavoro tra coniugi e parenti entro il 3 grado o affini entro il 2? Si, è possibile l utilizzo dei buoni lavoro tra coniugi e parenti entro il 3 grado o affini entro il 2, salvo in caso di imprese familiari (a tal proposito si rinvia alle Circolari Inps n. 76/2009 e n. 17/2010). 27. In prossimità della fine dell'anno ci si chiede se il calcolo del limite massimo annuale dei o dei euro netti viene effettuato secondo il principio di cassa o secondo quello di competenza? Il limite economico viene calcolato facendo riferimento alla data di fine periodo di lavoro, che viene considerata come momento del pagamento (principio di cassa); anche ai fini dell'accredito dei contributi si applica lo stesso principio, quindi, indipendentemente dal momento dell incasso, l accredito va sull anno solare del pagamento. I calcoli vengono effettuati automaticamente dalla procedura e sia il committente sia il prestatore (sia l'operatore di sede) possono verificarli direttamente accedendo alla funzionalità 'estratto conto committente' ed 'estratto conto prestatore'. 28. E possibile svolgere prestazioni di lavoro occasionale accessorio se si effettuano versamenti volontari? Si. Le prestazioni di lavoro occasionale di tipo accessorio, non essendo riconducibili a contratti di lavoro in quanto svolte in modo saltuario, sono compatibili sia con i versamenti volontari che con i versamenti contributivi in altre gestioni. 29. Un' azienda con sede in Italia chiede se può retribuire con i voucher un pensionato che si recherà a svolgere un lavoro all'estero e un lavoratore assunto per 15 giorni da un'azienda italiana ma che, ugualmente, andrà a lavorare all'estero. Con riferimento ai casi in esame, si precisa che il ricorso al lavoro occasionale accessorio di cui al d.lgs. 276/03 e successive modifiche, si riferisce alle attività previste svolte nel territorio nazionale. Nel caso in cui tali attività siano svolte all'estero, saranno sottoposte alla normativa lavoristica vigente nel Paese in cui si svolgono. 30. Un' azienda con sede all estero può beneficiare dei buoni lavoro per prestazioni svolte da prestatori residenti in Italia? Si, se l azienda in questione ha un c.f. o una p.iva registrata in Italia (e fermo restando il rispetto dei limiti economici e del rapporto diretto tra prestatore e utilizzatore finale). 8

9 31. Un lavoratore assunto con contratto a chiamata può prestare lavoro occasionale di tipo accessorio? Si. Un lavoratore già occupato con contratto a chiamata può svolgere prestazioni di lavoro occasionale accessorio, purché le prestazioni occasionali di tipo accessorio (che non prevedono contratto in quanto appunto occasionali), non si svolgano nell arco di tempo giornaliero dei periodi in cui l interessato riceve eventualmente l indennità di disponibilità relativa al contratto a chiamata : in questo caso, infatti, si verificherebbe una sovrapposizione oraria di prestazioni di lavoro e di copertura retributiva. Nota: il contratto di lavoro intermittente o a chiamata può coesistere con altre tipologie contrattuali a patto che tra le varie tipologie non sussistano incompatibilità (Rif. Circolare Inps n. 17 dell 8 febbraio 2006). Certificazione fiscale 32. La retribuzione percepita in seguito allo svolgimento di lavoro accessorio deve essere dichiarata? Inoltre, è cumulabile con la pensione? La retribuzione percepita in seguito allo svolgimento di lavoro accessorio non produce reddito ai fini fiscali. Pertanto, non deve essere dichiarata ed è cumulabile con un eventuale pensione. Attenzione: il reddito deve invece essere preso in considerazione ai fini del diritto per le prestazioni per le quali assumono rilevanza anche i redditi esenti, come ad esempio le maggiorazioni sociali, l assegno sociale e la pensione di reversibilità (vedi faq seguenti). 33. Il compenso da lavoro occasionale accessorio pur essendo fiscalmente esente, deve essere considerato per il reddito rilevante ai fini dell Assegno Sociale? Si. Il compenso da lavoro occasionale accessorio, ai sensi del messaggio Inps n del 29 marzo 2010, viene considerato esclusivamente per le prestazioni per le quali assumono rilevanza anche i redditi esenti (come assegno sociale, maggiorazione sociale). 34. Il compenso da lavoro occasionale accessorio pur essendo fiscalmente esente, deve essere considerato per il reddito rilevante ai fini dell Assegno per il nucleo familiare? Ai fini della determinazione del reddito familiare concorrono anche i redditi esenti da imposizioni fiscali se superiori ad. 1032,91; pertanto, anche i compensi derivanti da prestazioni di lavoro occasionale accessorio dovranno essere specificatamente indicati nella domanda di ANF, come previsto dalla disciplina vigente dell ANF. 35. Premesso che gli importi percepiti attraverso il lavoro occasionale accessorio non costituiscono reddito e non vanno indicati nel mod. Unico 730, ma è fatto obbligo per i pensionati indicarli sul modello RED, l importo da riportare è al netto oppure al lordo? Ai fini del diritto alle prestazioni collegate al reddito su pensione, i redditi da lavoro devono essere dichiarati al netto dei contributi obbligatori a carico del lavoratore. 9

10 La regola si applica quindi anche al reddito per lavoro occasionale accessorio. Comunicazione obbligatoria all INAIL/INPS 36. Un committente che necessita improvvisamente di prestazioni di lavoro occasionale accessorio - ad esempio di una baby-sitter - può inoltrare la relativa comunicazione all INAIL/INPS lo stesso giorno in cui le prestazioni sono svolte? Sì. In caso di prestazioni di lavoro occasionale di tipo accessorio, la comunicazione all INAIL non va inoltrata obbligatoriamente il giorno precedente alla prestazione ma preventivamente, quindi anche qualche ora prima dell inizio dell attività lavorativa. 37. Se un prestatore svolge attività di lavoro accessorio nello stesso giorno per due diversi committenti, è necessario inviare due comunicazioni all INAIL/INPS? Sì. In tal caso le comunicazioni all INAIL devono essere due, una per ciascun committente, precisando oltre ai dati relativi a committente e prestatore il tipo di attività svolta, il luogo di lavoro e l ora. 38. E se un prestatore svolge due diverse attività di lavoro accessorio - ad esempio la mattina di giardinaggio ed il pomeriggio come dog-sitter per lo stesso committente, le comunicazioni all INAIL/INPS devono comunque essere due? Sì. E necessario inviare due diverse comunicazioni all INAIL nel caso in cui il prestatore svolga per lo stesso committente due diverse attività lavorative o la stessa attività ma in due luoghi di lavoro differenti. 39. Quale luogo di lavoro si deve indicare nella dichiarazione all INAIL/INPS in caso di prestazioni in itinere? In caso di prestazioni in itinere (ad es. autisti o accompagnatori), nella dichiarazione INPS/INAIL va indicato, come luogo di lavoro, la sede dell azienda committente o nel caso di servizi prestati alla persona o alla famiglia l abitazione della persona o della famiglia. Insegnamento supplementare 40. Una scuola pubblica vorrebbe reclutare col sistema dei voucher delle insegnanti pensionate per lo svolgimento di attività occasionali didattiche di recupero. Lo può fare? I committenti pubblici, tra cui rientrano le scuole, possono utilizzare il lavoro occasionale accessorio solo per le attività della lett. d),comma 1 dell'art. 70 del d.lgs. n. 276/2003 e successive modifiche (manifestazioni sportive, culturali, fieristiche o 10

11 caritatevoli o lavori di emergenza e di solidarietà); quindi, non per le attività di insegnamento, didattiche o di recupero. 41. Un privato vorrebbe utilizzare i voucher per insegnamento privato supplementare per il figlio (per un periodo limitato). E possibile? L'attività di insegnamento privato supplementare può essere regolamentata con i buoni lavoro, infatti: è consentito l'impiego dei buoni lavoro in caso di privati per l'attività di 'ripetizioni' e di istituti o scuole private per svolgere corsi di formazione. Pertanto, nel caso in esame è possibile il ricorso ai buoni lavoro. 42. E possibile beneficiare del lavoro occasionale accessorio per sostituire temporaneamente insegnanti delle scuole materne private? Si. Il Ministero del Lavoro con Interpello n. 40 del 5 novembre 2010 ha confermato la possibilità di utilizzare il lavoro occasionale accessorio anche da parte di scuole materne private, per la temporanea sostituzione del personale insegnante. In particolare, le categorie di prestatori ammesse sono quelle c.d. trasversali (studenti; pensionati; percettori di prestazioni integrative del salario e di sostegno al reddito; lavoratori part-time). Resta fermo l obbligo del possesso di eventuali titoli abilitativi previsti dalla disciplina di settore. Settore Agricolo 43. Si chiede di conoscere se in agricoltura, fermi restando tutti gli altri requisiti, può un pensionato, che sia anche mezzadro, svolgere attività di prestatore di lavoro occasionale accessorio retribuito col sistema dei voucher. Si, il pensionato che sia coltivatore diretto o mezzadro può essere impiegato per attività di lavoro occasionale accessorio, sia in agricoltura che in altri settori. 44. Come viene accertata la dimensione delle aziende agricole, che in base alle Legge n. 133 del 6 agosto 2008 possono usufruire del lavoro occasionale accessorio solo se hanno un volume d affari annuo che non supera i euro? La dimensione delle aziende agricole viene accertata tramite autocertificazione relativa al fatturato dell anno precedente. 45. Un azienda che effettua lavorazioni meccanico agricole in conto terzi, inquadrata con numero matricola come prestazione di servizi, può assumere per il periodo della mietitrebbiatura (per esempio dal 20/6 al 15/7 per 10/15 giorni) un soggetto universitario/pensionato/disoccupato, come operaio specializzato alla guida della mietitrebbia utilizzando i voucher e in caso, l'azienda deve richiederli secondo il suo inquadramento (servizi) oppure agricoltura? Il Ministero del Lavoro, in occasione della campagna informativa sul lavoro occasionale iniziata il 28 giugno 2009, ha chiarito che il ricorso ai 'buoni lavoro è limitato al rapporto diretto tra prestatore e utilizzatore finale, mentre è escluso che una 11

12 impresa possa reclutare o retribuire lavoratori per svolgere prestazioni a favore di terzi, come nel caso dell'appalto o della somministrazione.' Quindi nel caso prospettato di lavoro agricolo per conto terzi il ricorso al lavoro occasionale accessorio non è consentito. 46. Per quali attività in ambito agricolo i lavoratori iscritti alle liste di mobilità ed i disoccupati che non percepiscono alcuna indennità possono essere impiegati con i voucher? In merito alla richiesta, i lavoratori iscritti nelle liste di mobilità e disoccupati che non percepiscono o abbiamo terminato il periodo della prestazione di sostegno al reddito, possono essere impiegati nel settore agricolo come i soggetti rientranti nelle 'altre categorie': nelle attività di cui alle lettere A), B), D) e H) del comma 1 dell'art. 70 del D. Lgs n. 276/2003; per le attività agricole stagionali e non stagionali nelle aziende con un fatturato inferiore ai 7mila l'anno (lettera F;) nelle aziende familiari con il regime contributivo ordinario come indicato nella tabella riepilogativa LOA pubblicata in Intranet, Lavoro occasionale accessorio, sezione Utilità. 47. Un privato, che ha un appezzamento di terreno con un oliveto senza posizione INPS, può utilizzare i buoni di lavoro per la raccolta delle olive? Per datori di lavoro agricoli - indicati nella tabella allegata alla circ. n. 88/ si intendono non solo le aziende agricole, i coltivatori diretti, ecc. ma anche i privati produttori agricoli o possessori di terreni agricoli. 48. Un giovane non studente e non disoccupato (non iscritto al Centro per l'impiego) che sta in casa e, pertanto, potrebbe essere considerato casalingo visto che non sono poste altre condizioni, può essere impiegato nel lavoro agricolo, utilizzando la modalità dei voucher? Nella circ. n. 88/2009 è precisato - con una nota antidiscriminazione - che il criterio di 'casalinga' per l'impiego in agricoltura prescinde dal genere del prestatore; quindi il casalingo/inoccupato che non abbia prestato lavoro subordinato in agricoltura nell'anno in corso e in quello precedente può tranquillamente essere impiegato con i buoni lavoro. Pensionato 49. Può svolgere lavoro occasionale accessorio solo il pensionato che percepisce una pensione di vecchiaia o di anzianità? No. La definizione di pensionato deve intendersi in modo estensivo. Pertanto, possono beneficiare del lavoro accessorio anche coloro che percepiscono una delle seguenti prestazioni, presso qualunque gestione: pensione di reversibilità; assegno sociale (ex pensione sociale); assegno ordinario di invalidità e pensione agli invalidi civili. 12

13 Si precisa, ovviamente, la non compatibilità con le prestazioni di lavoro occasionale accessorio di chi percepisce pensione di inabilità poiché, quest ultima è una prestazione economica in favore dei lavoratori per i quali è accertata l assoluta e permanente impossibilità di svolgere qualsiasi attività lavorativa. 50. Nell ambito del lavoro occasionale accessorio ai fini dell impiego, il pensionato titolare di rendita vitalizia INAIL può essere equiparato ad un pensionato vero e proprio? Assolutamente no, infatti il pensionato titolare di rendita vitalizia INAIL rientra nella categoria dei prestatori generici, che possono essere impiegati soltanto per prestazioni connesse ad attività esplicitamente citate dalla norma. 51. Un pensionato che ancora lavora come coltivatore diretto, può svolgere lavoro accessorio? Sì. Nel caso in cui il pensionato continui ad essere iscritto come coltivatore diretto e ad esercitare la relativa attività, può essere iscritto nell elenco dei lavoratori per attività di lavoro occasionale accessorio. 52. In una s.a.s. il socio accomandante, pensionato, può svolgere lavoro occasionale accessorio per una sostituzione temporanea di circa giorni, del titolare socio accomandatario? In base alla normativa attuale - considerando la condizione di socio accomandante, la condizione di pensionato (che come categoria 'trasversale' può svolgere qualsiasi attività) e l'occasionalità delle prestazioni è possibile l'impiego con i voucher per prestazioni di lavoro occasionale accessorio. Studente 53. Possono svolgere lavoro accessorio anche gli studenti iscritti a corsi professionali, corsi organizzati a livello locale - in ambito pubblico o convenzionato - e ai corsi di primo inserimento per i lavoratori stranieri regolarmente presenti in Italia? Sì. La definizione di 'studente' deve intendersi in modo estensivo. In ogni caso l interessato deve autocertificare l'iscrizione al corso frequentato. 54. Il limite dei 25 anni di età anagrafica previsto per gli studenti consente l accesso al lavoro occasionale accessorio a chi ha già compiuto il 25 anno? Sì. Sono esclusi gli studenti a partire dal compimento del 26 anno in poi. 55. Può essere equiparato alla categoria di studente chi frequenta i Master? L estensione della categoria di studente universitario è limitata a quei Master universitari o comunque che risultano equiparati a quelli universitari ai fini del rilascio dei crediti formativi, ivi compresi i titoli rilasciati da Conservatori e istituti musicali ed inseriti in un 13

14 ciclo di studi sempre limitatamente agli studenti infraventicinquenni in virtù della lettera dell articolo 70 D.Lgs.276/03 e successive modificazioni. Dunque, i Master universitari di durata di almeno un anno e che attribuiscono almeno 60 crediti formativi universitari sono parte integrante del sistema universitario. Il titolo di Master rilasciato dalle Università è riconosciuto ufficialmente come titolo di studio. 56. Qual è la modalità per l impiego di minori? La normativa vigente sul lavoro minorile richiede il certificato medico di idoneità al lavoro per i minori tra i 16 e i 18 anni. Inoltre, l iscrizione dei lavoratori minorenni può essere effettuata solo presso le Sedi INPS, presentando, tra l altro, la dichiarazione di disponibilità controfirmata dal genitore o da chi ne esercita la potestà genitoriale. Cittadino comunitario ed extracomunitario 57. Un cittadino extracomunitario, regolarmente presente in Italia, può svolgere lavoro occasionale accessorio? Sì. Un cittadino extracomunitario ha accesso al lavoro occasionale accessorio se in possesso di un permesso di soggiorno che consenta lo svolgimento di attività lavorativa (es. permesso per lavoro subordinato, per motivi familiari, per studio, per rifugiati politici, per motivi di protezione sussidiaria, ecc.) oppure - nei periodi di disoccupazione - se in possesso di un permesso di soggiorno per attesa occupazione, e anche nei periodi di attesa di rinnovo del permesso di soggiorno. 58. E previsto un limite massimo di ore di lavoro per lo studente extracomunitario che svolge attività di lavoro occasionale accessorio? Sì. Sono previste per il cittadino extracomunitario, titolare del permesso di soggiorno per studio e formazione, non più di 20 ore settimanali di lavoro, anche cumulabili per 52 settimane, fino ad un massimo di 1040 ore annuali. Per prestazioni lavorative superiori è necessario convertire il permesso di soggiorno per studio in permesso di soggiorno per lavoro come precisato nella Circolare del Ministero dell Interno del 30 gennaio Un cittadino comunitario o neocomunitario può svolgere prestazioni di lavoro occasionale accessorio se non ha la residenza in Italia? Sì, se il prestatore (neo)comunitario è impiegato per un periodo limitato non superiore a tre mesi, che decorrono a partire dal suo ingresso in Italia. Attenzione: la normativa vigente prevede, infatti, per i cittadini dell UE e per quelli provenienti dagli Stati dell'area Schengen, con il solo possesso di un documento di identità valido, la possibilità di soggiornare in Italia fino a 90 giorni, salvo l obbligo di recarsi entro 8 giorni dall ingresso in Italia presso l ufficio di polizia o la stazione dei carabinieri più vicina, per compilare la dichiarazione di presenza attraverso il formulario apposito, ove si certifica tra l altro il luogo scelto come domicilio per il periodo di permanenza. 14

15 Quando il soggiorno nel territorio nazionale è, invece, superiore ai tre mesi, i cittadini in questione devono essere in possesso del certificato di iscrizione anagrafica, per ottenere il quale è necessario presentare all Ufficio Anagrafe il documento di identità, il codice fiscale, il possesso di mezzi di sussistenza, il possesso di un'assicurazione sanitaria. Percettore di prestazione integrative 60. I percettori di disoccupazione con requisiti ridotti possono accedere al lavoro occasionale di tipo accessorio? Sì. Possono accedere al lavoro occasionale accessorio i titolari di disoccupazione a requisiti ridotti come gli insegnanti precari o di disoccupazione speciale per l agricoltura, svolgendo le attività esplicitamente previste dalla norma. 61. Una lavoratrice che percepisce la disoccupazione ed è assunta con contratto a chiamata presso una ditta può accedere anche al lavoro occasionale accessorio? La titolare della prestazione DS, se è occupata con contratto a chiamata senza il pagamento dell'indennità di disponibilità, può percepire la prestazione economica nei giorni in cui non è occupata, ma con il limite previsto di non lavorare più di cinque giorni consecutivi altrimenti decade dal beneficio. Quindi, la stessa può essere occupata anche in prestazioni di lavoro accessorio, nel limite di netti per anno solare per tutti i committenti. 62. Gli inoccupati NON titolari di trattamento di disoccupazione possono o no accedere ai vouchers? I lavoratori iscritti nelle liste di mobilità che NON percepiscono nessuna prestazione dall'inps possono o no accedere ai vouchers? Gli inoccupati e i lavoratori iscritti nelle liste di mobilità senza percepire prestazioni a sostegno del reddito possono svolgere solo le attività regolamentate espressamente dal D.Lgs. n. 276/2003 alle lettere a), b),c),d),f) (in parte), h e h ter) del comma 1 art. 70 (si veda la tabella riepilogativa LOA pubblicata in Intranet, Lavoro occasionale accessorio, sezione Utilità). 63. E' possibile impiegare con i voucher soggetti percettori di prestazioni a sostegno del reddito da parte della stessa azienda che li ha sospesi dall'attività lavorativa? Nel caso di stesso datore di lavoro, non è consentito il ricorso al lavoro occasionale accessorio per lo svolgimento delle attività eseguite in precedenza, dal personale già licenziato a causa dell attivazione di procedure di mobilità o sospensione dell attività lavorativa (cassa integrazione straordinaria e/o in deroga) e percettore di prestazioni a sostegno del reddito. I percettore di prestazioni a sostegno del reddito possono essere impiegati con i voucher dallo stesso datore di lavoro per mansioni diverse da quelle precedentemente svolte, (manutenzione macchinari, magazzinaggio ecc; attività espressamente indicate dalla norma.) Le prestazioni a sostegno del reddito e integrative del salario sono concesse a fronte di oggettive situazioni di ristrutturazione/riorganizzazione o crisi aziendali, la cui 15

16 risoluzione - anche temporanea - dovrebbe comportare la riassunzione del personale sospeso e non l'impiego degli stessi lavoratori tramite buoni lavoro. L'intento della norma - peraltro sperimentale - è infatti quello di consentire ai lavoratori sospesi o licenziati di integrare il reddito presso altre aziende. Questa preclusione è confermata anche, per estensione, da quanto prescritto dalla L. n. 191/2009 a proposito dei lavoratori part time, di cui è previsto l'impiego 'con esclusione della possibilità di utilizzare i buoni lavoro presso il datore di lavoro titolare del contratto a tempo parziale'. 64. In caso di lavoratore percettore di disoccupazione ordinaria è possibile l impiego da parte della stessa azienda? Nel caso di percettore di disoccupazione ordinaria a seguito di licenziamento/interruzione del rapporto di lavoro o dimissioni per giusta causa, poiché il rapporto di lavoro è definitivamente cessato, è possibile, da parte della stessa azienda, l impiego con i voucher per prestazioni occasionali impreviste e/o non connesse al rapporto di lavoro precedente. 65. Nel caso di percettori di prestazioni integrative o di sostegno del reddito il limite economico per attività di lavoro occasionale è di. 3000,00 netti complessivi per anno solare e non per singolo committente. Si tratta di importo che va inteso come netto al prestatore di lavoro e pertanto il lordo a carico del committente da corrispondere può essere più elevato? In ogni caso i contributi accreditati come lavoro accessorio presso l INPS gestione separata danno diritto alla pensione o ci sono dei requisiti minimi di durata del versamento e di importo per non perdere i contributi versati? Il limite economico di complessivi per anno solare per prestatori percettori di misure di sostegno al reddito va inteso come netto per il prestatore, corrispondente a lordi per il/i committente/i. Riguardo al secondo quesito la normativa non prevede, al momento, differenti modalità per i prestatori di lavoro accessorio che, pertanto, devono sottostare alle regole vigenti nella Gestione Separata: pensione autonoma dopo 5 anni di copertura contributiva dei 12 mesi; pensione supplementare con qualsiasi contributo, ma dopo che il soggetto ha già conseguito una pensione in altra gestione; raggiungimento del minimale annuo per avere 12 mesi coperti da contribuzione, ogni importo inferiore a detto minimale determina la contrazione dei mesi accreditati. 66. Come ci si comporta in caso di compensi superiori a 3000,00 euro a favore di percettori di prestazioni integrative o di sostegno del reddito? Per eventuali compensi superiori a 3000 euro, il prestatore ha l'obbligo di presentare preventiva comunicazione alle Sedi provinciali dell'istituto. Nel caso di più contratti di lavoro accessorio stipulati nel corso dell'anno e retribuiti singolarmente per meno di euro per anno solare, la comunicazione andrà resa prima che il compenso determini il superamento del predetto limite dei euro se sommato agli altri redditi per lavoro accessorio. (Rif. Circolare INPS n. 130/2010). 16

17 Lavoratore domestico 67. Un imprenditore titolare di un impresa di servizi di pulizia può accedere al lavoro occasionale accessorio, per attività di lavoro domestico? No. Nel settore domestico il lavoro occasionale di tipo accessorio è riservato alla collaborazione attivata dai privati per le esigenze familiari. 68. La circolare n. 44/2009 dell INPS sembra escludere che possa essere utilizzato il voucher per le sostituzioni per esempio a causa di ferie della propria badante in quanto questa attività, pur rimanendo sotto i euro, è riconducibile ad un rapporto di lavoro già disciplinato per legge ed ha una regolamentazione contrattuale afferente ad un preciso ambito lavorativo. Quali sono gli ambiti di applicazione di questa tipologia lavorativa? In merito alla richiesta di chiarimenti pervenuta si precisa preliminarmente che il riferimento della circolare n. 44 /2009 a rapporti di lavoro già disciplinati per legge attiene ai rapporti di lavoro domestici o di assistenza alla persona 'principali', strutturati e continuativi e ha la finalità di evitare che vengano trasformati in prestazioni occasionali. La sostituzione in caso di ferie o di assenza temporanea della badante è, invece, una tipica situazione occasionale, saltuaria, non abituale, che può essere gestita con il ricorso ai buoni lavoro, poiché altrimenti con molta probabilità verrebbe resa 'in nero'. Lavoratore dipendente 69. Un dipendente pubblico può svolgere lavoro occasionale di tipo accessorio? Si, purchè in possesso della preventiva autorizzazione da parte dell amministrazione di appartenenza (ai sensi dell art. 53 del d.lgs. n. 165/2001). Attenzione: Non devono effettuare richiesta di autorizzazione i dipendenti con rapporto di lavoro a tempo parziale con prestazione lavorativa non superiore al cinquanta per cento, i docenti universitari a tempo definito e le altre categorie di dipendenti pubblici ai quali è consentito da disposizioni speciali lo svolgimento di attività liberoprofessionali. In generale, la prestazione di lavoro occasionale accessorio può essere resa anche nei giorni in cui il prestatore è stato occupato ad altro titolo, non trattandosi di un rapporto di lavoro, ovviamente, per 'datori di lavoro' diversi. 70. Un lavoratore dipendente (nel privato), può svolgere attività occasionali di pulizia ed essere pagato con i voucher? Come indicato nella tabella allegata alla circ. n. 88/2009, le attività 'tipizzate' dall'art. 70 del D. lgs. n. 276/2003 possono essere svolte da tutti i prestatori, inclusi i lavoratori dipendenti privati e pubblici (in questo caso previa richiesta di autorizzazione nei casi previsti), in quanto il lavoro occasionale accessorio non costituisce un vero e proprio rapporto di lavoro e non incide a livello fiscale. 17

18 Lavoratore part-time 71. Nella circ. 17/2010, al punto 3, si citano i titolari di contratto di lavoro a tempo parziale quale "categoria trasversale" utilizzabile anche dagli enti locali per attività di lavoro accessorio, senza particolari limitazioni. Nell'allegato 1 alla circolare non si ritrova la stessa citazione relativa agli enti locali (punto h-ter) per lavoratori part-time. Si trova in altra parte (della legge)? Il Ministero del Lavoro ritiene che - per estensione - anche i lavoratori part time possano essere impiegati per prestazioni occasionali negli enti locali 18

Buoni lavoro per lavoro occasionale accessorio

Buoni lavoro per lavoro occasionale accessorio Buoni lavoro per lavoro occasionale accessorio Cosa sono I buoni lavoro (o voucher) rappresentano un sistema di pagamento del lavoro occasionale accessorio, cioè di quelle prestazioni di lavoro svolte

Dettagli

Voucher: il sistema dei buoni lavoro

Voucher: il sistema dei buoni lavoro Voucher: il sistema dei buoni lavoro Cosa sono I buoni lavoro (o voucher) rappresentano un sistema di pagamento che i datori di lavoro (committenti) possono utilizzare per remunerare prestazioni di lavoro

Dettagli

LAVORO OCCASIONALE DI TIPO ACCESSORIO PROCEDURA CON VOUCHER TELEMATICO

LAVORO OCCASIONALE DI TIPO ACCESSORIO PROCEDURA CON VOUCHER TELEMATICO Istituto Nazionale Previdenza Sociale Aggiornato al 05 novembre 2012 LAVORO OCCASIONALE DI TIPO ACCESSORIO PROCEDURA CON VOUCHER TELEMATICO Registrazione committente Il committente si registra presso l

Dettagli

Lavoro Occasionale Accessorio. Manuale Utente Internet

Lavoro Occasionale Accessorio. Manuale Utente Internet Lavoro Occasionale Accessorio Internet 1. Introduzione... 3 1.1 Obiettivo del documento... 3 1.2 Normativa... 3 1.3 Attori del Processo... 4 1.4 Accesso Internet... 5 1.4.1 Accesso Internet da Informazioni...

Dettagli

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO Patrizia Clementi IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO La legge Biagi 1 ha disciplinato sotto il profilo civilistico le collaborazioni coordinate e continuative, già presenti nel nostro

Dettagli

La guida del pensionato

La guida del pensionato La guida del pensionato Vuole sapere in che giorno del mese le viene pagata la pensione? Se ci sono aumenti periodici? Se le viene inviato un avviso di pagamento mensile? Cosa deve fare se ha persone a

Dettagli

Domanda di congedo straordinario per assistere il coniuge disabile in situazione di gravità

Domanda di congedo straordinario per assistere il coniuge disabile in situazione di gravità Hand 6 - COD.SR64 coniuge disabile in situazione di gravità (art. 42 comma 5 T.U. sulla maternità e paternità - decreto legislativo n. 151/2001, come modificato dalla legge n. 350/2003) Per ottenere i

Dettagli

CONTRIBUTI FIGURATIVI

CONTRIBUTI FIGURATIVI I CONTRIBUTI COSA SONO: I contributi determinano il diritto e l'importo della pensione. SI SUDDIVIDONO IN: - mensili - settimanali - giornalieri Un anno, composto di 12 mesi, comporterà 12 contributi mensili

Dettagli

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 MINIMI RETRIBUTIVI FISSATI DALLA COMMISSIONE NAZIONALE DECORRENZA 1 GENNAIO 2014 CONVIVENTI DI CUI ART. 15-2

Dettagli

Differenze tra il trattamento di mobilità in deroga annualità 2012 e annualità 2013

Differenze tra il trattamento di mobilità in deroga annualità 2012 e annualità 2013 Vademecum per la gestione del trattamento di mobilità in deroga Annualità 2013 Istruzioni per la compilazione della domanda di mobilità in deroga e informazioni generali sul trattamento. Differenze tra

Dettagli

ASpI, Mini ASpI, Una Tantum per cocopro Tutte le novità sul sostegno al reddito dei lavoratori

ASpI, Mini ASpI, Una Tantum per cocopro Tutte le novità sul sostegno al reddito dei lavoratori ASpI, Mini ASpI, Una Tantum per cocopro Tutte le novità sul sostegno al reddito dei lavoratori Giugno 2014 La legge di riforma del mercato del lavoro approvata il 28 Giugno 2012 (L.92/2012) ha introdotto

Dettagli

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA NOTE ILLUSTRATIVE PER LA DETERMINAZIONE DEI CONTRIBUTI DOVUTI IN AUTOLIQUIDAZIONE - MOD. 5/2015 (Comunicazione obbligatoria ex artt. 17 e 18 della Legge n. 576/1980, artt. 9 e 10 della legge n. 141/1992

Dettagli

I VERSAMENTI VOLONTARI

I VERSAMENTI VOLONTARI I VERSAMENTI VOLONTARI Le Guide Inps Direttore Annalisa Guidotti Capo Redattore Iride di Palma Testi Daniela Cerrocchi Fulvio Maiella Antonio Silvestri Progetto grafico Peliti Associati Impaginazione Aldo

Dettagli

> IL RIMBORSO PARTE VI DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI

> IL RIMBORSO PARTE VI DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI PARTE VI > IL RIMBORSO DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI Rimborsi risultanti dal modello Unico Rimborsi eseguiti su richiesta 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI Accredito su conto corrente

Dettagli

COLF E BADANTI. Via Abruzzi, 3-00187 Roma tel. 06/8440761 - fax 06/42085830 caaf.nazionale@cisl.it www.caafcisl.it

COLF E BADANTI. Via Abruzzi, 3-00187 Roma tel. 06/8440761 - fax 06/42085830 caaf.nazionale@cisl.it www.caafcisl.it COLF E BADANTI Lo sportello Colf e Badanti del Caf Cisl nasce per fornire alle famiglie tutta l assistenza necessaria per la gestione del rapporto di lavoro di colf, assistenti familiari, baby sitter,

Dettagli

OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 1 CARTA DEI SERVIZI

OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 1 CARTA DEI SERVIZI OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 1 CARTA DEI SERVIZI OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 19 OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 2 Prefazione IL CAMMINO DELLA QUALITÀ Inps, come le altre pubbliche Amministrazioni

Dettagli

Il lavoro dei minori che hanno abbandonato la scuola

Il lavoro dei minori che hanno abbandonato la scuola Il punto di pratica professionale Il lavoro dei minori che hanno abbandonato la scuola a cura di Eufranio Massi Direttore della Direzione provinciale del Lavoro di Modena Per una disamina, sia pur breve,

Dettagli

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU INTRODUZIONE ALLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE IN QUALSIASI FORMA COSTITUITE

Dettagli

LE DOMANDE. (per leggere la risposta cliccare sul testo della domanda)

LE DOMANDE. (per leggere la risposta cliccare sul testo della domanda) LE DOMANDE (per leggere la risposta cliccare sul testo della domanda) 1. LA NUOVA MODALITÀ 1.1 Qual è in sintesi la nuova modalità per ottenere l esenzione ticket in base al reddito? 1.2 Da quando, per

Dettagli

Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015

Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015 Ai gentili clienti Loro sedi Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che, in assenza di provvedimenti sul punto da parte della L.

Dettagli

DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA

DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA PER CHI E PREDISPOSTA COSA OCCORRE PER VISUALIZZARLA QUANDO E ONLINE I DATI PRESENTI NELLA DICHIARAZIONE MODIFICA E PRESENTAZIONE I VANTAGGI DEL MODELLO PRECOMPILATO Direzione

Dettagli

L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF

L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF A cura di Adelmo Mattioli Direttore regionale Inca-Cgil Emilia Romagna Silverio Ghetti Segretario regionale Spi-Cgil Romagna L ASSEGNO

Dettagli

Direttive per il collocamento e l avviamento al lavoro

Direttive per il collocamento e l avviamento al lavoro Provincia Autonoma di Trento Direttive per il collocamento e l avviamento al lavoro Testo adottato dalla Giunta Provinciale con deliberazione n. xxxx del xx/xx/xxxx ART. 1. ELENCO ANAGRAFICO DEI LAVORATORI

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. VISTI gli articoli 76, 87, quinto comma, e 117, terzo comma, della Costituzione;

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. VISTI gli articoli 76, 87, quinto comma, e 117, terzo comma, della Costituzione; SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI PER IL RIORDINO DELLA NORMATIVA IN MATERIA DI AMMORTIZZATORI SOCIALI IN CASO DI DISOCCUPAZIONE INVOLONTARIA E DI RICOLLOCAZIONE DEI LAVORATORI DISOCCUPATI,

Dettagli

Congedo parentale Domanda per i lavoratori dipendenti

Congedo parentale Domanda per i lavoratori dipendenti Domanda per i lavoratori dipendenti Per ottenere il congedo parentale, oltre a possedere i requisiti di legge, è necessario compilare il modulo in tutte le sue parti e consegnarlo sia al datore di lavoro

Dettagli

GUIDE Il lavoro part time

GUIDE Il lavoro part time Collana Le Guide Direttore: Raffaello Marchi Coordinatore: Annalisa Guidotti Testi: Iride Di Palma, Adolfo De Maltia Reporting: Gianni Boccia Progetto grafico: Peliti Associati Illustrazioni: Paolo Cardoni

Dettagli

DENUNCIA/COMUNICAZIONE DI INFORTUNIO (art. 53, d.p.r. 30/06/1965 n. 1124 - art. 18, comma 1, lettera r, d.lgs. 09/04/2008 n. 81)

DENUNCIA/COMUNICAZIONE DI INFORTUNIO (art. 53, d.p.r. 30/06/1965 n. 1124 - art. 18, comma 1, lettera r, d.lgs. 09/04/2008 n. 81) Mod. 4 bis - Prest. DENUNCIA/COMUNICAZIONE DI INFORTUNIO (art. 53 d.p.r. 30/06/1965 n. 1124 - art. 18 comma 1 lettera r d.lgs. 09/04/2008 n. 81) Alla Sede INAIL INAIL TIMBRO DI ARRIVO Data di spedizione

Dettagli

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti CIRCOLARE 11/E Roma, 23 marzo 2015 OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti 2 INDICE 1 DESTINATARI DELLA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA... 5

Dettagli

I RAPPORTI DI LAVORO IN AMBITO SPORTIVO DILETTANTISTICO

I RAPPORTI DI LAVORO IN AMBITO SPORTIVO DILETTANTISTICO SERVIZIO DECENTRAMENTO E ASSISTENZA AMMINISTRATIVA AI PICCOLI COMUNI SERVIZIO PROGRAMMAZIONE E GESTIONE ATTIVITA TURISTICHE E SPORTIVE www.provincia.torino.gov.it FORUM IN MATERIA DI ENTI SPORTIVI DILETTANTISTICI

Dettagli

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME Gli Orari Visite Fiscali 2014 2015 INPS lavoratori assenti per malattia dipendenti pubblici, insegnanti, privati,

Dettagli

Dal 1 ottobre 2014 nuove regole per i pagamenti con modello F24

Dal 1 ottobre 2014 nuove regole per i pagamenti con modello F24 A cura di Raffaella Pompei, dottore commercialista, funzionario dell Ufficio fiscale Dal 1 ottobre 2014 nuove regole per i pagamenti con modello F24 Il Decreto Renzi ha ampliato i casi in cui è necessario

Dettagli

COLLABORATORI DOMESTICI STRANIERI

COLLABORATORI DOMESTICI STRANIERI Istituto Nazionale Previdenza Sociale COLLABORATORI DOMESTICI STRANIERI Regolazione del rapporto di lavoro A cura di Coordinamento e Supporto alle attività connesse al Fenomeno Migratorio Marzo 2007 INDICE

Dettagli

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego Il decreto spiega tutte le possibilità e i limiti dell'eventuale cumulo Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego (Dm Funzione pubblica 331 del 29.7.1997) da CittadinoLex del 12/9/2002

Dettagli

Modulo BPS : Art. 23 Lavoro subordinato: assunzione di lavoratori inseriti nei progetti speciali. Informazioni generali

Modulo BPS : Art. 23 Lavoro subordinato: assunzione di lavoratori inseriti nei progetti speciali. Informazioni generali Modulo BPS : Art. 23 Lavoro subordinato: assunzione di lavoratori inseriti nei progetti speciali Informazioni generali Il Ministero dell'interno, Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione, ha

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Art. 1 - Finalità e ambito di applicazione Il presente Regolamento, emanato ai sensi della legge 9 maggio 1989, n. 168, disciplina, in armonia con i principi generali stabiliti dalla Carta Europea dei

Dettagli

TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa

TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa Le parti, nel ritenere che il rapporto di lavoro a tempo parziale possa essere mezzo idoneo ad agevolare l incontro fra domanda e offerta di lavoro, ne confermano

Dettagli

NUOVE REGOLE IN MATERIA DI STATO DI DISOCCUPAZIONE DAL 1 GENNAIO 2014

NUOVE REGOLE IN MATERIA DI STATO DI DISOCCUPAZIONE DAL 1 GENNAIO 2014 NUOVE REGOLE IN MATERIA DI STATO DI DISOCCUPAZIONE DAL 1 GENNAIO 2014 COME ACQUISIRE LO STATO DI DISOCCUPAZIONE Lo stato di disoccupazione si compone di un elemento oggettivo (lo stato di privo di lavoro),

Dettagli

.. OMISSIS. Art. 2. (Armonizzazione)

.. OMISSIS. Art. 2. (Armonizzazione) Legge 8 agosto 1995, n. 335. Riforma del sistema pensionistico obbligatorio e complementare... OMISSIS Art. 2. (Armonizzazione).. OMISSIS 26. A decorrere dal 1 gennaio 1996, sono tenuti all'iscrizione

Dettagli

LA NUOVA MODALITA PER OTTENERE L ESENZIONE DAL TICKET PER LE PRESTAZIONI SPECIALISTICHE IN BASE AL REDDITO

LA NUOVA MODALITA PER OTTENERE L ESENZIONE DAL TICKET PER LE PRESTAZIONI SPECIALISTICHE IN BASE AL REDDITO LA NUOVA MODALITA PER OTTENERE L ESENZIONE DAL TICKET PER LE PRESTAZIONI SPECIALISTICHE IN BASE AL REDDITO A. LA NUOVA MODALITA 3 B. RILASCIO DELL ATTESTATO DI ESENZIONE 5 C. REQUISITI PER L ESENZIONE

Dettagli

Allegato Mod. Q Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente

Allegato Mod. Q Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente Allegato Mod. Q Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente CONTRATTO DI SOGGIORNO (Art. 5 bis del D.lvo n. 286/98 e successive modifiche)

Dettagli

FAQ 2015 I) CHI DEVE INVIARE LA COMUNICAZIONE... 3

FAQ 2015 I) CHI DEVE INVIARE LA COMUNICAZIONE... 3 FAQ 2015 Flusso telematico dei modelli 730-4 D.M. 31 maggio 1999, n. 164 Comunicazione dei sostituti d imposta per la ricezione telematica, tramite l Agenzia delle entrate, dei dati dei 730-4 relativi

Dettagli

5 Contributo Autonoma Sistemazione

5 Contributo Autonoma Sistemazione 5 Contributo Autonoma Sistemazione CAS A valere sulle risorse finanziarie di cui all articolo 3 dell Ordinanza del Capo del Dipartimento della protezione civile (OCDPC) n. 232 del 30 marzo 2015 viene stimata

Dettagli

2009: il cumulo pensioni + altri redditi

2009: il cumulo pensioni + altri redditi Febbraio 2009 2009: il cumulo pensioni + altri redditi A cura di G. Marcante PREMESSA L art. 19 del decreto-legge 25 giugno 2008, n. 112 convertito, con modificazioni, nella legge 6 agosto 2008, n. 133,

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Testo approvato definitivamente dal Senato Accademico e dal Consiglio di Amministrazione rispettivamente

Dettagli

Procedure del personale. Il lavoro durante la Cassa integrazione guadagni Roberto Zaltieri - Consulente del lavoro

Procedure del personale. Il lavoro durante la Cassa integrazione guadagni Roberto Zaltieri - Consulente del lavoro Il lavoro durante la Cassa integrazione guadagni Roberto Zaltieri - Consulente del lavoro In quali casi è possibile lavorare durante la Cassa integrazione e con che limiti? Si possono cumulare trattamento

Dettagli

PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA.

PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA. PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA. LA PENSIONE DI VECCHIAIA è il trattamento pensionistico corrisposto dall Istituto previdenziale al raggiungimento di una determinata età

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Decreto Legislativo 5 dicembre 2005, n. 252 Documento aggiornato 28 maggio 2015 Via Savoia, 82-00198 Roma,

Dettagli

INPDAP - Mod. PP (Piccolo Prestito) Protocollo distinta: anno... n... All' INPDAP Direzione Centrale Credito e Welfare

INPDAP - Mod. PP (Piccolo Prestito) Protocollo distinta: anno... n... All' INPDAP Direzione Centrale Credito e Welfare INPDAP - Mod. PP (Piccolo Prestito) Protocollo distinta: anno...... n... All' INPDAP Direzione Centrale Credito e Welfare Ufficio ex Enam Area Piccolo Credito Lista: settore.. n.... Largo Josemaria Escriva

Dettagli

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La sezione relativa all esposizione sintetica e analitica dei dati relativi al Tfr, alle indennità equipollenti e alle altre indennità e somme,

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli

L'EVOLUZIONE DEL PART-TIME NEL CONTRATTO DEL COMPARTO NAZIONALE DELLA SANITA' PUBBLICA

L'EVOLUZIONE DEL PART-TIME NEL CONTRATTO DEL COMPARTO NAZIONALE DELLA SANITA' PUBBLICA L'EVOLUZIONE DEL PART-TIME NEL CONTRATTO DEL COMPARTO NAZIONALE DELLA SANITA' PUBBLICA a cura del Nucleo Promozione e Sviluppo Responsabile: Cesare Hoffer Il presente documento non ha la pretesa di essere

Dettagli

REGOLAMENTO CONCERNENTE INCOMPATIBILITA, CUMULO DI IMPIEGHI ED INCARICHI AL PERSONALE DIPENDENTE

REGOLAMENTO CONCERNENTE INCOMPATIBILITA, CUMULO DI IMPIEGHI ED INCARICHI AL PERSONALE DIPENDENTE REGOLAMENTO CONCERNENTE INCOMPATIBILITA, CUMULO DI IMPIEGHI ED INCARICHI AL PERSONALE DIPENDENTE Art. 1 Disciplina 1. Il presente regolamento concerne le incompatibilità derivanti dall'assunzione e dal

Dettagli

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015 CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 26 marzo 2015 OGGETTO: Articolo 1, comma 154, legge 23 dicembre 2014, n. 190 (Legge stabilità 2015) Contributo del cinque per mille dell

Dettagli

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio 1989, n. 39, in attuazione degli articoli 73 e 80 del decreto

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

5)- COME VIENE DEFINITA LA FORMALITÀ PRESSO IL P.R.A. RELATIVA AD UN IPOTECA? A - Annotazione B - Iscrizione C Trascrizione

5)- COME VIENE DEFINITA LA FORMALITÀ PRESSO IL P.R.A. RELATIVA AD UN IPOTECA? A - Annotazione B - Iscrizione C Trascrizione 1)- PER UN VEICOLO ESPORTATO ALL'ESTERO E SUCCESSIVAMENTE REISCRITTO IN ITALIA DALLO STESSO INTESTATARIO QUALE IPT PAGA?: A - L'IPT si paga in misura proporzionale B - Non si paga IPT C - L'IPT si paga

Dettagli

Titoli di soggiorno che consentono l esercizio di attività lavorativa

Titoli di soggiorno che consentono l esercizio di attività lavorativa Titoli di soggiorno che consentono l esercizio di attività lavorativa Per poter lavorare in Italia il cittadino straniero non comunitario deve essere in possesso del permesso di soggiorno rilasciato per

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

Scadenza 26/05/2015 Domanda n

Scadenza 26/05/2015 Domanda n Scadenza 26/05/2015 Domanda n Spazio riservato al Protocollo AL COMUNE DI PESCARA Settore Manutenzioni Servizio Politiche della Casa Il/La sottoscritto/a (Cognome) (Nome) nato/a a prov. il / / cittadinanza

Dettagli

LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI)

LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI) LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI) La pensione di reversibilità (introdotta in Italia nel 1939 con il Rdl. n. 636) spetta ai: Superstiti del pensionato per invalidità, vecchiaia o anzianità,

Dettagli

Circolare n. 1 del 20/01/2015

Circolare n. 1 del 20/01/2015 Circolare n. 1 del 20/01/2015 Inviato da adminweb il 19 Gennaio 2015 SERVIZIO ENTRATE CONTRIBUTIVE Circolare n. 1 del 20/01/2015 e p.c. A TUTTE LE AZIENDE E LE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI ISCRITTE Loro Sedi

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

Gestore Comunicazioni Obbligatorie. Progetto SINTESI. Comunicazioni Obbligatorie. Modulo Applicativo COB. - Versione Giugno 2013 -

Gestore Comunicazioni Obbligatorie. Progetto SINTESI. Comunicazioni Obbligatorie. Modulo Applicativo COB. - Versione Giugno 2013 - Progetto SINTESI Comunicazioni Obbligatorie Modulo Applicativo COB - Versione Giugno 2013-1 Versione Giugno 2013 INDICE 1 Introduzione 3 1.1 Generalità 3 1.2 Descrizione e struttura del manuale 3 1.3 Requisiti

Dettagli

TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34

TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34 Pagina 1 di 7 TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34 Testo del decreto-legge 20 marzo 2014, n. 34 (in Gazzetta Ufficiale - serie generale - n. 66 del 20 marzo 2014), coordinato con la

Dettagli

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014 ALLEGATO "A" Dipartimento politiche Abitative Direzione Interventi Alloggiativi AVVISO PUBBLICO Concessione del contributo integrativo di cui all art. 11 della legge 9 dicembre 1998, n. 431 e successive

Dettagli

Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente

Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente Allegato Mod. R CONTRATTO DI SOGGIORNO (Art. 5 bis del D.lvo n. 286/98 e successive modifiche)

Dettagli

DIRITTI ED OPPORTUNITà PER I GENITORI CHE LAVORANO

DIRITTI ED OPPORTUNITà PER I GENITORI CHE LAVORANO DIRITTI ED OPPORTUNITà PER I GENITORI CHE LAVORANO DIRITTI ED OPPORTUNITà PER I GENITORI CHE LAVORANO 1 premessa La tutela della lavoratrice madre è un principio fondamentale sancito dall articolo 37 della

Dettagli

Come si calcolano,nel 2013, le pensioni dei lavoratori iscritti all INPS

Come si calcolano,nel 2013, le pensioni dei lavoratori iscritti all INPS Come si calcolano,nel 2013, le pensioni dei lavoratori iscritti all INPS Salvatore Martorelli 0 Le regole e il sistema di calcolo delle pensioni INPS I vertiginosi cambiamenti nella normativa sulle pensioni

Dettagli

Il sottoscritto... nato il.. a... in qualità di... dell impresa... con sede in... via. n. telefono...n. fax... indirizzo e-mail...pec...

Il sottoscritto... nato il.. a... in qualità di... dell impresa... con sede in... via. n. telefono...n. fax... indirizzo e-mail...pec... ALLEGATO A Istanza di inserimento nell Elenco operatori economici consultabile dall AGC 14 Trasporti e Viabilità Settore Demanio Marittimo Opere Marittime nelle procedure negoziate di cui all art. 125

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Comune di Castel San Pietro Terme Provincia di Bologna SERVIZIO RISORSE UMANE DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE APPROVATO CON DELIBERAZIONE GC. N. 159 IN DATA 4/11/2008 ART. 1 Oggetto Dipendenti

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 maggio 2013 OGGETTO: Imposta di bollo applicabile agli estratti di conto corrente, ai rendiconti dei libretti di risparmio ed alle comunicazioni

Dettagli

IN PENSIONE Come si calcola, quando se ne ha diritto, a quanto ammonta

IN PENSIONE Come si calcola, quando se ne ha diritto, a quanto ammonta a cura di Enzo Mologni e dell Uffi cio Comunicazione CGIL di Bergamo 4 Ottobre 2013 IN PENSIONE Come si calcola, quando se ne ha diritto, a quanto ammonta Presentiamo in questo numero alcune informazioni

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME ART. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le procedure per la trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo pieno a tempo parziale dei dipendenti

Dettagli

Richiamoallearmi. Fonti normative. Conservazione del posto. Periodo di prova. Indennità economica

Richiamoallearmi. Fonti normative. Conservazione del posto. Periodo di prova. Indennità economica Richiamoallearmi Fonti normative Conservazione del posto Periodo di prova Indennità economica Il richiamo alle armi era regolato, per i dipendenti dallo Stato, dalla legge 3.5.1955, n. 370, recante norme

Dettagli

UNICO 02 FASCICOLO 2. Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 1. ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014. genzia ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE MODELLO GRATUITO

UNICO 02 FASCICOLO 2. Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 1. ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014. genzia ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE MODELLO GRATUITO PERIODO D IMPOSTA 2014 genzia ntrate UNICO Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 1 ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE 01 FASCICOLO 1 02 FASCICOLO 2 03 FASCICOLO 3 MODELLO GRATUITO I SERVIZI PER L ASSISTENZA FISCALE

Dettagli

Richiesta nominativa di nulla osta per ricongiungimento familiare (art. 29,D.Lgs.286/98) (art.6 DPR.n.394/99 e succ.mod.)

Richiesta nominativa di nulla osta per ricongiungimento familiare (art. 29,D.Lgs.286/98) (art.6 DPR.n.394/99 e succ.mod.) Richiesta nominativa di nulla osta per ricongiungimento familiare (art. 29,D.Lgs.286/98) (art.6 DPR.n.394/99 e succ.mod.) Familiari per i quali può essere richiesto il ricongiungimento: 1. Coniuge non

Dettagli

Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A.

Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A. Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A. 2011/2012 Art. 1 Oggetto del bando 1. L Università degli Studi di Siena

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO

FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO BANDO PUBBLICO N. 2 PER IL FINANZIAMENTO DI PERCORSI FORMATIVI INDIVIDUALI MEDIANTE ASSEGNAZIONE

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LE POLITICHE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE E LA PROMOZIONE DEGLI SCAMBI IL DIRETTORE GENERALE Visto l articolo 30 del Decreto Legge 12 settembre 2014,

Dettagli

D.P.R. 30 maggio 1955, n. 797. Testo unico delle norme concernenti gli assegni familiari (G.U. 7-9-1955, n. 206 - S.O.) STRALCIO

D.P.R. 30 maggio 1955, n. 797. Testo unico delle norme concernenti gli assegni familiari (G.U. 7-9-1955, n. 206 - S.O.) STRALCIO D.P.R. 30 maggio 1955, n. 797. Testo unico delle norme concernenti gli assegni familiari (G.U. 7-9-1955, n. 206 - S.O.) STRALCIO TITOLO I DISCIPLINA GENERALE DELLE PRESTAZIONI E DEI CONTRIBUTI CAPO I -

Dettagli

Le ferie del lavoratore, normativa e giurisprudenza

Le ferie del lavoratore, normativa e giurisprudenza Le ferie del lavoratore, normativa e giurisprudenza di Pietro Gremigni Consulente aziendale in Milano in breve Argomento Il mese di agosto è considerato di solito il periodo classico di utilizzazione delle

Dettagli

Quando il tempo non è galantuomo. A cura di S. Martorelli & P. Zani Corso aggiornamento Agenti sociali FNP CISL Milano Aggiornato al giugno 2014

Quando il tempo non è galantuomo. A cura di S. Martorelli & P. Zani Corso aggiornamento Agenti sociali FNP CISL Milano Aggiornato al giugno 2014 Prescrizione e decadenza in materia di contributi e prestazioni INPS Quando il tempo non è galantuomo. A cura di S. Martorelli & P. Zani Corso aggiornamento Agenti sociali FNP CISL Milano Aggiornato al

Dettagli

Domanda di concessione dell assegno integrativo

Domanda di concessione dell assegno integrativo mod. Ass. integrativo COD. SR91 Domanda di concessione dell assegno integrativo (Art. 9, comma 5, della legge n. 223/1991) La presente domanda deve essere presentata per la concessione dell assegno integrativo.

Dettagli

Il lavoro subordinato

Il lavoro subordinato Il lavoro subordinato Aggiornato a luglio 2012 1 CHE COS È? Il contratto di lavoro subordinato è un contratto con il quale un lavoratore si impegna a svolgere una determinata attività lavorativa alle dipendenze

Dettagli

LA PENSIONE DI VECCHIAIA

LA PENSIONE DI VECCHIAIA Le pensioni di vecchiaia e di invalidità specifica per i lavoratori dello spettacolo (Categorie elencate nei numeri da 1 a 14 dell art. 3 del Dlgs CPS n.708/1947) Questa scheda vuole essere un primo contributo

Dettagli

PER AZIENDE AVENTI ALLE PROPRIE DIPENDENZE SOLO IMPIEGATI (VERSIONE AGGIORNATA AL 23 GENNAIO 2015)

PER AZIENDE AVENTI ALLE PROPRIE DIPENDENZE SOLO IMPIEGATI (VERSIONE AGGIORNATA AL 23 GENNAIO 2015) Procedura relativa alla gestione delle adesioni contrattuali e delle contribuzioni contrattuali a Prevedi ex art. 97 del CCNL edili-industria del 1 luglio 2014 e ex art. 92 del CCNL edili-artigianato del

Dettagli

GUIDA PRATICA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI

GUIDA PRATICA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI GUIDA PRATICA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI (CON PARTICOLARE RIFERIMENTO ALLA PROCEDURA TELEMATICA) Versione 1.3 del 26/11/2012 Sommario Premessa... 3 1 Introduzione... 4 1.1 Il contesto normativo...

Dettagli

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Art. 1 Personale avente diritto I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati nei confronti dei dipendenti comunali a tempo

Dettagli

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 Bonus IRPEF 80 euro Nel nuovo modello 730/2015 trova spazio il bonus IRPEF 80 euro ricevuto nel 2014, essendo previsto l obbligo di

Dettagli

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE VISTO l art. 1, comma 639 della Legge 27 dicembre 2013, n. 147, che ha istituito, a decorrere dal 1 gennaio 2014, l imposta

Dettagli

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 10/04/2015

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 10/04/2015 Direzione Centrale Pensioni Roma, 10/04/2015 Circolare n. 74 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore

Dettagli

MODULARE. Chi non prova a crearsi il futuro che desidera deve accontentarsi del futuro che gli capita Draper L. Kaufman.

MODULARE. Chi non prova a crearsi il futuro che desidera deve accontentarsi del futuro che gli capita Draper L. Kaufman. La nuova PENSIONE MODULARE per gli Avvocati Chi non prova a crearsi il futuro che desidera deve accontentarsi del futuro che gli capita Draper L. Kaufman Edizione 2012 1 LA NUOVA PENSIONE MODULARE PER

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA Approvato il 3 agosto 2011 Indice Disposizioni generali Art. 1 Oggetto del Regolamento Art. 2 Requisiti, obbligatorietà e modalità di iscrizione Art. 3 Casi particolari di prosecuzione

Dettagli

CODICE DELLE LEGGI ANTIMAFIA

CODICE DELLE LEGGI ANTIMAFIA CODICE DELLE LEGGI ANTIMAFIA [D.Lgs. 6 settembre 2011, n. 159 e ss.mm.ii. (di seguito Codice)] Entrata in vigore delle ultime modifiche (D.Lgs. n. 153/2014): 26 novembre 2014 D.P.C.M. n. 193/2014 Regolamento

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART-TIME, DELLE INCOMPATIBILITA' E DEI SERVIZI ISPETTIVI

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART-TIME, DELLE INCOMPATIBILITA' E DEI SERVIZI ISPETTIVI REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART-TIME, DELLE INCOMPATIBILITA' E DEI SERVIZI ISPETTIVI Approvato con D.G. N.40 DEL 10.04.2000 Modificato con D.G. N.79 DEL 04.11.2002 Modificato con D.G. N.70 DEL 13.11.2006

Dettagli

Paghe. Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro

Paghe. Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro Obblighi contributivi Calcolo dei contributi Con l instaurazione del rapporto di lavoro, sorge anche l obbligazione

Dettagli

HELP 03 RIMBORSI SPESE

HELP 03 RIMBORSI SPESE a cura di Flavio Chistè RIMBORSI SPESE RIMBORSI SPESE Nella gestione ordinaria degli enti non commerciali accade spesso che vengano erogate delle somme ai collaboratori, ai professionisti e ai dipendenti

Dettagli