ISTITUTO COMPRENSIVO TERRALBA Corso Galileo Galilei, GENOVA Tel Tel/Fax C.F C.M.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ISTITUTO COMPRENSIVO TERRALBA Corso Galileo Galilei, 7-16142 GENOVA Tel. 010511085 Tel/Fax 010506902 C.F. 95160080107 - C.M."

Transcript

1 ISTITUTO COMPRENSIVO TERRALBA Corso Galileo Galilei, GENOVA Tel Tel/Fax Pec C.F C.M. GEIC85500T CONTO CONSUNTIVO ESERCIZIO FINANZIARIO 2013 PERIODO 01/01/ /12/2013 ISTITUTO COMPRENSIVO TERRALBA Corso Galileo Galilei, GENOVA Tel Tel/Fax

2 - Pec C.F C.M. GEIC85500T Prot. n. 1185/C14 Genova,10/03/2014 Al Dirigente Scolastico OGGETTO: Predisposizione c/consuntivo es. fin Il Direttore dei Servizi Generali e Amministrativi Visto l art. 18 D.I. 1 febbraio 2001, n. 44; VISTO il Programma annuale dell esercizio finanziario 2013 approvato con delibera n. 16 del dal Consiglio d Istituto e successive modifiche; VISTE le scritture contabili risultanti dal giornale di cassa, dai registri dei partitari delle entrate e delle spese, dal registro del c/c postale, dagli inventari, dal registro delle minute spese, dal registro dei contratti; VISTO il riassunto delle scritture contabili dell Istituto Cassiere alla data del e accertato che lo stesso concorda con il giornale di cassa chiuso alla stessa data P R E D I S P O N E il Conto Consuntivo dell e.f periodo 1/1/ /12/2013 come risulta dall allegata modulistica 1. Modello H (conto finanziario) 2. Modello I (rendiconti di attività, progetti) 3. Modello L (elenco dei residui attivi e passivi) 4. Modello J (situazione amministrativa definitiva al ) 5. Modello M (prospetto delle spese per il personale e per i contratti d opera) 6. Modello N (riepilogo per tipologia di entrata e di spesa) 7. Modello K (conto del patrimonio) Il Direttore S.G.A Germana Gullace ISTITUTO COMPRENSIVO TERRALBA Corso Galileo Galilei, GENOVA Tel Tel/Fax Pec 2

3 C.F C.M. GEIC85500T RELAZIONE ILLUSTRATIVA CONTO CONSUNTIVO E.F (periodo 1/1/ /12/2013) Visto l art. 18 del D.I. 01/02/2001 n. 44; Visto il D.M. 21 del 1/3/2007; Vista l approvazione del Programma Annuale dell e.f del Consiglio d Istituto del 31/01/2013 delibera n. 16; Viste le variazioni in aumento e in diminuzione verificatesi in corso di esercizio ( Mod.F) Vista la concordanza contabile tra le poste iscritte nel rendiconto con quelle della previsione e della consistenza delle variazioni, delle entrate accertate e delle uscite impegnate e dell ammontare dei beni patrimoniali a fine esercizio come sinteticamente di seguito esposta. Considerati i principi di efficienza ed economicità che hanno ispirato la gestione finanziaria in un ottica di partecipata trasparenza, si dettagliano i risultati conseguiti in relazione agli obiettivi programmati. ENTRATE USCITE Programm. Iniziale Variazioni Programm. definitiva Somme accertate Programm. Iniziale Variazioni Programm. definitiva Somme impegnate Totale , , , , , , , ,71 di Amministr. Disponibil. da programmar e , , , ,46 TOTALE , , , , , , , ,71 Disavanzo di competenza TOTALE A PAREGGIO , , , , , , , , ,71 AMMONTARE BENI PATRIMONIALI AL 31/12/2013 IMPIANTI E MACCHINARI ,72 ATTREZZATURE ,17 LIBRI E MATERIALE BIBLIOGRAFICO 3.185,61 TOTALE ,50 3

4 Dati Generali Scuola Infanzia - Data di riferimento: 15 marzo 2013 La struttura delle classi per l anno scolastico 2012/13 è la seguente: Numero sezioni con orario ridotto (a) Numero sezioni con orario normale (b) Totale sezioni (c=a+b) Bambini iscritti al 1 settembre Bambini frequentanti sezioni con orario ridotto (d) Bambini frequentanti sezioni con orario normale (e) Totale bambini frequentanti (f=d+e) Di cui diversamente abili Media bambini per sezione (f/c) ,30 Dati Generali Scuola Primaria e Secondaria di I Grado - Data di riferimento: 15 marzo 2013 La struttura delle classi per l anno scolastico 2012/13 è la seguente: Numero classi funzionan ti con 24 ore (a) Numero classi funzionan ti a tempo normale (da 27 a 30/34 ore) (b) Numero classi funzionan ti a tempo pieno/prol ungato (40/36 ore) (c) Totale classi (d=a+b+c ) Alunni iscritti al 1 settem bre (e) Alunni frequenta nti classi funziona nti con 24 ore (f ) Alunni frequenta nti classi funzionan ti a tempo normale (da 27 a 30/34 ore) (g) Alunni frequenta nti classi funziona nti a tempo pieno/pro lungato (40/36 ore)(h) Totale alunni frequen tanti (i=f+g+ h) Di cui diversa mente abili Differenz a tra alunni iscritti al 1 settembr e e alunni frequenta nti (l=e-i) Media alunni per classe (i/d) Prime ,60 Second e ,80 Terze ,00 4

5 Quarte ,40 Quinte ,86 Pluri classi Totale ,00 Prime ,67 Second e ,62 Terze ,78 Pluri classi Totale ,38 QUADRO RIASSUNTIVO DELLE FONTI DI FINANZIAMENTO A DISPOSIZIONE DELLA SCUOLA Anno finanziario 2013 (periodo 1/1/ /12/2013) L istituto Comprensivo Terralba si è costituito in data 01/09/2012 a seguito del Piano di dimensionamento della rete scolastica della Regione Liguria (delibera n 1 del 31/01/2012) Nell Istituto sono confluite la Direzione Didattica Statale Terralba e la Scuola Secondaria Statale di 1 grado Parini/Merello che hanno cessato la loro attività il 31/08/2012. Si precisa che entrambe le scuole avevano provveduto in base alle istruzioni impartite dal Miur ad iscrivere nell aggregato Z disponibilità da programmare una somma pari all ammontare dei residui attivi di competenza dello Stato. Nella stesura del programma annuale di questo Istituto per l esercizio finanziario 2013, si è provveduto ad aumentare l ammontare dell aggregato Z disponibilità da programmare sino all esatto ammontare dei residui attivi delle due scuole cessate pari ad ,46, non programmando inizialmente anche la cifra di 1.428,80 pari all ammontare dei residui attivi costituitisi nell esercizio finanziario 2012, fintanto che la stessa non sia effettivamente riscossa. 5

6 Il quadro che segue mette in evidenza, a consuntivo, le più significative poste di bilancio riguardanti i mezzi di finanziamento sui quali l istituzione scolastica ha basato la propria azione nell e.f. 2013, disaggregate per provenienza e vincoli di destinazione. Entrate accertate Finanziamento dello Stato ,40 - Finanziamento Funzionamento Amm.vo e didattico ,51 - Finanziamento incremento offerta formativa inclusa la Formazione in materia di sicurezza 5.173,73 - Finanziamento per corso formazione docenti neoassunti 1.400,00 - Finanziamento Sezione Primavera 5.350,00 - Finanziamento per progetto a sostegno integrazione alunni con disabilità 4.373,16 Finanziamenti dalla Regione 4.688,00 - Finanziamento regione Liguria per Sezione Primavera 4.688,00 Finanziamenti di Enti Locali o Altre Istituzioni ,45 - Finanziamento Comune di Genova per spese fonia 4.604,86 - Finanziamento Comune di Genova per il funzionamento segreterie 3.335,29 - Finanziamento Comune di Genova per progetto cogestione 3.072,30 - Finanziamento ex INDIRE per spese corsi LIM 204,00 Contributi da Privati ,70 - versamenti volontari alunni ( materiale per didattica,libretti e stampati, assicurazione,foto di classe, libri in comodato, diario scolastico etc) ,80 - versamenti volontari alunni laboratorio musicale 8.335,00 - versamenti volontari alunni attività sportive 435,00 - versamenti volontari alunni potenziamento lingue 1.635,00 - versamenti volontari alunni potenziamento matematica 4.552,00 - versamenti quote Sezione Primavera ,00 - versamenti personale docente e ATA per assicurazione infortuni 1.742,10 - versamenti volontari alunni per ampliamento offerta formativa ,00 - versamenti volontari alunni per viaggi e visite d istruzione 2.312,80 - versamenti volontari alunni per spettacoli teatrali 7.125,00 - contributi sponsor 700,00 - contributi I.C, Foce per Auditorium 15,00 Altre entrate 20,26 - Interessi c/c bancario 18,75 - Interessi c/c postale 1,51 6

7 di Amministrazione ,65 TOTALE GENERALE DELLE FONTI FINANZIAMENTO ANNO ,46 F) Entrate per partite di giro (Fondo anticipaz.minute spese) 500,00 Rispetto allo schema riassuntivo elaborato in occasione della predisposizione del Programma Annuale previsionale si notano incrementi a vario titolo in quasi tutte le aree di entrata. Tra le voci di entrata, il contributo dello Stato, che ormai non costituisce più l'entrata più cospicua, costituisce la dotazione ordinaria annuale di istituto. Si rammenta che normalmente la dotazione ordinaria annuale ha un ammontare commisurato ad alcuni fattori di complessità organizzativa e gestionale, quali l articolazione edilizia, il tempo scuola, la consistenza di organico, il numero delle classi e quello degli indirizzi didattici. Le entrate, come indicato nel modello H, sono state accertate per ,81 rispetto ad una previsione definitiva di ,46. Sono stati riscossi ,81 mentre restano da riscuotere 204,00 che risultano indicati nel modello L elenco dei residui attivi. Il modello L elenco dei residui attivi al 31/12/2013 ha importo complessivo pari ad ,46 in quanto include anche i residui delle due scuole cessate al 31/08/2012 che risultano complessivamente pari ad ,46 e sono relativi agli anni e I residui attivi relativi all attività dell Istituto Comprensivo, per l'anno 2013 sono pari a complessivi 204,00. Analisi della situazione definitiva al 31/12/2013 L avanzo di amministrazione definitivo dell esercizio 2013 ammonta ad ,75. Si può rilevare che a fronte di un avanzo di amministrazione 2012 di ,65 per l'esercizio 2013 l'avanzo complessivo è di ,75 con un disavanzo di competenza di 5.767,90. E' questo un primo dato che definisce una situazione che mette in evidenza una diminuzione delle economie rispetto all'esercizio precedente. Inoltre è un avanzo di amministrazione del tutto virtuale, in quanto come già si è ricordato nel Programma di Bilancio 2013, costituito per larga misura dai residui attivi delle due scuole cessate al 31/08/2012, che ammontano a complessivi ,46 e che lo stesso ammontare è stato, come indicato dal Ministero opportunamente accantonato nella Disponibilità da programmare. Si sono inoltre contabilizzati, nel 2013, residui attivi per finanziamento Indire per spese per corso di formazione LIM per 204,00. Nel corso dell'esercizio finanziario 2013, si è proceduto, con decreto del Dirigente Scolastico Prot. n. 1338/C14 del 20/03/2014,approvato dal Consiglio di Istituto con delibera n. 25 del 26/03/2013, a radiare per la cifra di ,77, i residui attivi e passivi relativi agli accertamenti di entrate e agli impegni di spesa per il pagamento degli stipendi dovuti ai supplenti brevi per il mese di dicembre 2012, come indicato dallo stesso Miur con nota prot. n del 18/02/2013, in quanto già gli stipendi dei supplenti brevi del mese di dicembre 2012 sono stati pagati dal MEF tramite cedolino unico. Pertanto l ammontare dell avanzo di amministrazione che può essere utilizzato nell esercizio finanziario 2014 è pari ad ,29. L di amministrazione al 31/12/2013 è così costituito: Voce 01 non vincolato 153,907,92 Aggregato 01 di amministrazione In questa voce confluisce tutto l avanzo non vincolato che è dato dal risparmio ottenuto sui 7

8 capitoli senza vincolo di destinazione e dalla somma non prelevata nell e.f. precedente Attività/Progetto Descrizione Attività /Progetto Importo avanzo Provenienza avanzo A01 Funzionamento amministrativo generale ,30 A02 Funzionamento didattico generale 2.835,16 A04 d investimento 2.948,40 P02 Laboratorio musicale 100,00 P23 Progetto potenziamento di matematica 126,00 R98 Fondo di riserva 300,00 Z01 Av. Non vincolato ee. pp. 134,625,06 Voce 02 Vincolato ,83 Questa somma comprende tutti gli avanzi degli esercizi finanziari precedenti relativi alle Attività e/o ai Progetti finanziati attraverso fondi con vincolo di destinazione. Attività/Progetto Provenienza Descrizione Attività /Progetto Importo avanzo avanzo A01 Funzionamento amministrativo generale 1.251,26 A02 Funzionamento didattico generale ,40 A04 d investimento 6.764,69 P01 Integrazione alunni stranieri 8,45 P02 Laboratorio musicale 5.305,28 P03 Attività sportive e uscite didattiche 162,00 P04 Corsi di latino 15,13 P05 Potenziamento lingua straniera 85,14 P06 Formazione e aggiornamento 3.363,49 P07 Sezione Primavera ,63 P10 Studio guidato trasversale 6.212,44 P23 Progetto potenziamento di matematica 2.982,52 Z01 Av. Vincolato ee. pp. 28,049,34 Z01 Provincia CSS ee.pp ,77 8

9 Z01 Sicurezza ee.pp 1.544,53 Z01 Aggiornamento e formaz. ee.pp 1.910,00 Z01 Patentino ed educazione stradale ee.pp 2.830,26 Z01 Comune di Ge arredi e libri ee.pp 1.511,17 Z01 Ore eccdenti ee.pp 6,94 Z01 Progetto Gold e scuola aperta ee.pp 1.027,97 Z01 Curricolo e alunni H ee.pp 2.127,42 Per l a.s. 2013/14 è stata assegnata dal Ministero a questa Istituzione Scolastica la dotazione finanziaria finalizzata al pagamento degli istituti contrattuali per il periodo sett/ dic 2013 e gen/ ago Questa somma, come indicato nella Circolare Ministeriale, in applicazione dell art. 2 comma 197 della Legge n.191/2009 (Legge Finanziaria 2010 ) concernente il c.d. Cedolino Unico non doveva essere prevista in bilancio, né accertata, ma doveva essere invece gestita come " Cedolino Unico Essa comprende: Il fondo dell istituzione scolastica Le funzioni strumentali al piano dell offerta formativa Gli incarichi specifici del personale ATA Le ore eccedenti per la sostituzione dei colleghi assenti Le ore eccedenti per attività complementari di educazione fisica B) Risultati conseguiti in relazione agli obiettivi programmati La programmazione delle attività e dei progetti da parte dell istituto ha dovuto tenere necessariamente conto dei seguenti dati fattuali: Esigenze avanzate dell utenza e considerate prioritarie dall istituto; Disponibilità del personale ad elaborare e condurre i progetti in orario eccedente a quello di servizio; Mezzi finanziari a disposizione della scuola, condizione indispensabile per rispondere ai fabbisogni dell utenza e della formazione Sono stati avviati per la scuola secondaria di 1 grado corsi di potenziamento di matematica, di lingua straniera che prevedono partecipazioni a concorsi e certificazioni di enti esterni (Trinity e Delf) entro la fine dell a.s. Inoltre a richiesta dell utenza sono stati organizzati laboratori musicali e corsi di latino. Ottimi risultati sono stati raggiunti per i progetti educativi realizzati nell'istituto con il concorso di soggetti esterni- Progetto legalità con la Polizia di Stato. I progetti attuati nella scuola dell infanzia, da personale interno all Istituto, si sono sviluppati su due versanti: attività del Progetto Accoglienza volte a favorire l inserimento dei nuovi alunni nell ambiente scolastico e tutte le altre attività previste dai Laboratori di educazione all espressività. I bambini sono stati impegnati in attività di educazione corporea, grafico- 9

10 pittorica, di manipolazione, di recitazione e canto. Insieme all integrazione sociale sono stati conseguiti pregevoli risultati nello sviluppo psico-sociale, affettivo, espressivo. I Progetti attuati nella scuola primaria hanno riguardato attività di recupero per alunni con difficoltà di apprendimento e per alunni di recente immigrazione; attività di drammatizzazione; iniziative per favorire la lettura. Il laboratorio di ceramica e quello musicale hanno permesso agli alunni dei due plessi di scuola primaria di continuare attività iniziate negli anni scorsi e di migliorare le diverse competenze richieste dai due ambiti espressivi. Anche il giudizio sulle attività prodotte dall Istituto facendo ricorso alle figure professionali intermedie, collaboratori della presidenza, commissioni permanenti di insegnanti e A.T.A. nominati per attività funzionali all insegnamento e di supporto, potrà essere oggetto delle seguenti verifiche: a) Delibere del Collegio Docenti; b) Relazioni delle Funzioni Obiettivo; c) Verifica del Dirigente in ordine ai risultati acquisiti, che sono poi evidenti e fattuali in relazione ai progetti e attività condotti a termine e in gran parte coordinati dai docenti responsabili ANALISI DELLE SPESE Durante l esercizio finanziario 2013 sono state apportate variazioni e modifiche al Programma Annuale a norma dell art.6 del D.I. 44/01. Alcune variazioni sono state disposte con decreto del Dirigente Scolastico a norma dell art. 6 c. 4 del D.I. 44/2001 per nuove entrate finalizzate che sono state trasmesse per conoscenza al Consiglio d Istituto, altre sono state effettuate con delibera del Consiglio d Istituto. Il totale di dette variazioni è pari ad ,97 ed è riepilogato nell elenco variazioni al Programma Annuale, elaborato dal programma ministeriale. Pertanto il Programma Annuale per l e.f. 2013, che presentava una previsione pari ad ,49 è stato variato complessivamente nel corso dell esercizio per ,97 ed a fine esercizio, come risulta dal modello F di modifica del programma annuale, presenta una programmazione definitiva di ,46 che concorda con i dati indicati nel modello H. Nel corso dell esercizio finanziario in esame le uscite impegnate ammontano complessivamente ad ,71,quelle pagate ammontano ad ,88 rispetto ad una previsione definitiva di ,00, restano da pagare ,83. L ammontare dei residui passivi, con l indicazione del nome del creditore o del debitore, della causale del debito o del credito è indicato nello specifico elenco che accompagna il conto consuntivo in esame. Si precisa che rimangono da pagare 227,78 residui passivi della ex D.D Terralba, relativi all ind.ta di amm.ne al sostituto del DSGA Gen/Ago La gestione di competenza si chiude con un disavanzo di 5.767,90 derivante dalla somma algebrica fra le entrate accertate e le uscite impegnate. Per quanto attiene alle spese, si precisa che l ammontare dei mandati, per ogni aggregato e voce, è contenuto nei limiti degli stanziamenti della previsione definitiva; che i mandati risultano emessi a favore dei diretti beneficiari e sono regolarmente documentati e quietanzati; che i giustificativi di spese sono regolari ai fini dell osservanza delle norme sull applicazione dell IVA ed eventualmente delle ritenute assistenziali, previdenziali, Irpef; che sulle fatture risultano apposti gli estremi della presa in carico e, ove previsto, il numero d inventario. Si dichiara altresì che non si sono tenute gestioni fuori bilancio. Inoltre il fondo minute spese è stato reintegrato in bilancio entro il 31/12/2013. Alla data odierna non è stato presentato il modello 770 dell anno 10

11 2013 in quanto i termini non sono ancora scaduti. Si allegano di seguito sintesi argomentate delle spese effettuate per progetti e attività, facendo comunque riferimento ai modelli I ATTIVITA 11

12 A 01 Funzionamento Amministrativo Generale Descrizione Tipo 07 - Oneri Finanziari finanziamento: (Stato/Enti locali, ecc) Stato 1.979,74 Banca 18,75 Posta 1, Altre Indire 14,73 Stato 1.650, generali Beni di consumo 03 Prestazioni servizi da terzi Comune 3.335,29 Indire 111,27 Stato ,11 Stato ,91 Indire 54,00 Comune 4.604, ,00 413, , , ,93 608, , , , , , ,46 Progetto , , ,56 Analisi delle spese maggiormente rilevanti Tipo 02 Beni di consumo Le spese di questo aggregato hanno riguardato il funzionamento amministrativo dell'istituto. Nel corso dell'esercizio si è principalmente fatto fronte all'acquisto di materiali di pulizia, cancelleria, carta, registri docenti, pagelle, materiale di piccola manutenzione, abbonamenti, materiale sanitario, toner, materiale informatico, materiale per igiene e sicurezza. Si è cercato di limitare le spese con la produzione interna di registri, modelli vari, ecc, acquisti normalmente gravanti sul presente allegato. Le economie realizzate saranno interamente utilizzate nell'esercizio finanziario Tipo 03 Prestazione servizi da terzi Si è provveduto al pagamento delle utenze intestate all'istituto e all'esigenza di manutenzione dei macchinari e delle apparecchiature degli uffici. Inoltre sono state pagate le fatture delle Aziende U.S.L. e il personale esterno RSPP. Tipo 04 Altre spese postali, rimborsi spese ai revisori Tipo 07 Oneri finanziari di tenuta conto corrente bancario e stampati 12

13 A 02 Funzionamento Didattico Generale Descrizione 02 Beni di consumo 03 Prestazione servizi da terzi (foto di classe e assicurazione alunni comprese) finanziamento: (Stato/Enti locali, ecc) sponsor 450,00 I.C.Foce 15,00 Stato 2.448,25 Privati ,18 Personale 1.742,10 Privati ,07 Stato 2.635, , , , , , ,96 04 Altre spese Stato 300,00 300,00 300,00 0,00 08 Rimborsi e poste Privati 150,00 150,00 150,00 0,00 correttive Progetto , , ,56 Analisi delle spese maggiormente rilevanti Tipo 02 : Le spese sono afferenti a beni di consumo non gravanti sui diversi progetti ed effettuate per fornire supporto didattico agli allievi e docenti dell istituto per l ordinaria attività quali spese per carta, cancelleria e stampati (fra cui il diario scolastico), libri in comodato, materiale informatico, toner. L avanzo di gestione sarà reimpiegato nel 2014 per garantire il supporto alle attività didattiche in una logica di attenzione e oculata spesa. Altre spese sono gravate su diversi progetti. Tipo 03 Sono state pagate l assicurazione infortuni ed RCT alunni e personale, la partecipazione degli alunni a spettacoli teatrali, le spese relative ai viaggi e visite d'istruzione, la spesa relativa alle foto scolastiche, le spese di manutenzione software con attivazione della rete wi-fi negli ambienti dell'istituto Tipo 04 Sono state erogate nell'ambito del progetto educazione all'impegno borse di studio a n. 3 alunni Tipo 08 Sono state restituite quote ad alunni trasferiti 13

14 A 03 di Personale Descrizione -compensi accessori non a carico fis pers. A.T.A. finanziamento.: (Stato/Enti locali, ecc) Comune 3.072, , ,30 0,00 Progetto 3.072, ,30 0,00 Analisi delle spese maggiormente rilevanti Le spese più significative che riguardavano l erogazione di somme per supplenze brevi e saltuarie ora sono gestite dal MEF tramite cedolino unico. Sono stati erogati compensi al personale di segretaria nell'ambito del progetto cogestione del Comune di Genova per l'a.s. 2011/12 La spesa a questo fine è stata pari a 3.072,30 comprensiva degli Oneri a carico dello Stato La dimostrazione degli specifici interventi finanziari di spesa come sopra indicati mette in evidenza il seguente quadro: Spesa netta: 1.500,48 IRPEF e addizionali regionali e comunali 602,86 Contrib.c/ dipendenti 211,88 per contrib. c/co Stato 757,08 Spesa complessiva ,30. 14

15 A 04 d Investimento Tipo 6 Conto 3 Sottoconti finanziamento: (Stato/Enti locali, ecc) 11 - Hardware Sponsor 250,00 Privati ,60 Stato 1.876, , , ,57 9- Mobili ed arredi per locali ad uso specifico Stato 500,00 500,00 325,83 174,17 6 Macchinari per ufficio Stato 7.052, , , ,35 Progetto , , ,09 Analisi delle spese maggiormente rilevanti Si è provveduto parzialmente ad impegnare quanto inserito nella programmazione. E stata data priorità all acquisto di LIM, computer per il registro elettronico degli alunni, videoproiettore per l'auditorium. Inoltre si è provveduto alla sostituzione del fax del plesso Solari e di un computer e stampante per gli uffici. Si completeranno le spese nell e.f cercando di implementare i fondi disponibili. PROGETTI 15

16 REALIZZAZIONE DELL AUTONOMIA SCOLASTICA PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA P.O.F. L ammontare delle somme impegnate a questo fine è stata complessivamente pari a ,60. Il mix delle fonti di finanziamento e la flessibilità prevista dalla nuova organizzazione del bilancio, che consente lo svolgimento delle attività sulla base di una programmazione integrata sul piano didattico e su quello finanziario, hanno permesso l effettuazione di spese connesse alla realizzazione dei progetti del piano dell offerta formativa, da quelle per il personale, alunni, funzionamento e gestione a quelle di progettazione,valutazione e documentazione. Si è data preminenza alle spese realmente necessarie per garantire il funzionamento dell istituzione scolastica, da quelle per beni di consumo che permettessero lo svolgimento dell attività didattica e dei laboratori a quelle per i compensi dei docenti impegnati in ore di insegnamento nei corsi extracurricolari. Nell'ottica dell'ampio processo di cambiamento culturale ed organizzativo, il POF diventa, infatti, una programmazione integrata, didattica e finanziaria, a cui concorrono diverse competenze professionali e comunione di esperienze. RENDICONTO DEI PROGETTI P 01 INTEGRAZIONE ALUNNI STRANIERI Descrizione finanziamento: (Stato/Enti locali, ecc) 16

17 docenti interni Stato 380, ,01 371,56 8,45 Progetto 380,01 371,56 8,45 Descrizione Sintetica del Progetto a) Obiettivi Inserimento ed integrazione degli alunni stranieri attraverso l insegnamento della lingua italiana b) Modalità Effettuazione di corsi con gruppi di alunni della stessa classe o classi diverse. Interventi individualizzati. c) Personale Interno (Istituti retributivi secondo i parametri di legge) impiegato d) Descrizione dei risultati didattici verificati Miglioramento dell accoglienza degli alunni e delle loro famiglie. Alfabetizzazione della lingua italiana. Miglioramento dell andamento scolastico. Contrasto alla dispersione scolastica. P 02 LABORATORIO MUSICALE Descrizione finanziamento: (Stato/Enti locali, ecc) docenti interni Privati , , , ,86 e servizi da terzi esterni manutenzione Stato 100,00 270,00 0,00 270,00 strumenti musicali Privati 170,00 - Beni consumo Privati 347,42 347,42 0,00 347,42 Progetto , , ,28 Note: L avanzo sarà riutilizzato nello stesso progetto che sarà inserito nel Programma dell I.C. Terralba per l e.f Descrizione Sintetica del Progetto a) Obiettivi Introduzione degli studenti allo studio degli strumenti musicali, sviluppo della musicalità, nonché lettura della musica. Attività curriculare/extracurriculare interdisciplinare. b) Modalità Concerti dei corsi ad indirizzo musicale Attività di preparazione e coordinamento. c) Personale impiegato Le spese per docenti interni ed esterni sono state così ripartite: a) Attività concertistiche con i corsi ad indirizzo musicale attuate nell istituto e in provincia laboratori musicali d) Descrizione dei risultati didattici Riconoscimenti lusinghieri per le attività svolte. 17

18 verificati P 03 ATTIVITA SPORTIVE e USCITE DIDATTICHE Descrizione finanziamento: (Stato/Enti locali, ecc) Beni di consumo Privati 845,00 845,00 683,00 162,00 Progetto 845,00 683,00 162,00 Note: L avanzo sarà riutilizzato sullo stesso progetto nel 2014 per acquisti di materiale di palestra di facile consumo Descrizione Sintetica del Progetto a) Obiettivi b) Modalità Avviamento alla pratica sportiva e partecipazione ai Giochi della Gioventù. In orario extracurriculare, con partecipazione alle gare e attività di sorveglianza/accompagnamento dei docenti in straordinario c) Personale impiegato Interno (Istituti retributivi secondo i parametri di legge dal MEF tramite cedolino unico) P 04 CORSI DI LATINO Descrizione finanziamento: (Stato/Enti locali, ecc) docenti interni Privati 1.315, , ,46 15,13 Progetto 1.315, ,46 15,13 18

19 Descrizione Sintetica del Progetto a) Obiettivi Introduzione allo studio della lingua latina b) Modalità Attività extracurricolare con lezioni frontali esercitazioni singole e di gruppo c) Personale Interno (Istituti retributivi secondo i parametri di legge) impiegato d) Descrizione dei risultati didattici Si prevedono schede per verificare il raggiungimento degli obbiettivi programmati verificati P 05 POTENZIAMENTO LINGUA STRANIERA Descrizione finanziamento: (Stato/Enti locali, ecc) docenti interni Privati 1.561, , ,24 75,14 Prestazioni servizi da terzi Privati 2.475, , ,00 10,00 Progetto 4.036, ,24 85,14 Note: Le spese programmate per prestazioni da terzi e del personale interno sono relative al contributo delle famiglie per i corsi di preparazione agli esami esterni per ottenere la certificazione europea di competenze in lingua inglese e francese (Trinity e Delf). Descrizione Sintetica del Progetto a) Obiettivi Potenziare le conoscenze in lingua straniera per gli alunni che dimostrano interesse e attitudini. b) Modalità Orario extracurriculare. c) Personale Interno (Istituti retributivi secondo i parametri di legge) impiegato d) Descrizione dei risultati didattici verificati Esterno x Nei precedenti anni scolastici sono stati raggiunti ottimi risultati certificati anche da verifiche esterne. Le certificazioni degli esiti sono convincenti e confortanti, provengono da Istituti Certificatori e rappresentano una conferma didattica non autoreferenziale. P 06 FORMAZIONE, AGGIORNAMENTO 19

20 Descrizione finanziamento: (Stato/Enti locali, ecc) di personale Stato 2.144, , ,77 911,40 Servizi di terzi Stato 3.340, ,00 914, ,04 Indire 24,00 Beni di consuno Stato 3,05 3,05 0,00 3,05 Progetto 5.511, , ,49 Note: In questo anno scolastico si è iniziata la formazione del personale D.Lgs. 81/08 e per addetti al Pronto soccorso aziendale D.M. 388/2003. Inoltre i docenti hanno partecipato ad un corso sul sito web e trasparenza. L Istituto è stato sede di corso per i docenti neoassunti e per un corso sull uso delle LIM. L avanzo sarà riutilizzato nell e.f per corsi di formazione sulla sicurezza. P 07 PRIMAVERA NELL ARIA Descrizione Altre spese di personale finanziamento (Stato/Enti locali,ecc) Regione 4.688,00 Privati , , , ,63 Stato 5.350,00 Beni di consumo Privati 900,00 900,00 456,00 444,00 Mobili ed arredi Privati 480,00 480,00 0,00 480,00 Progetto , , ,63 Note: L avanzo sarà riutilizzato nello stesso progetto con personale esterno nell a.f

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione.

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione. RELAZIONE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO AL CONTO CONSUNTIVO 2013 La presente relazione illustra l andamento della gestione dell istituzione scolastica e i risultati conseguiti in relazione agli obiettivi programmati

Dettagli

Ministero dell'istruzione, dell'universita' e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale LAZIO ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. CADUTI DI NASSIRIYA

Ministero dell'istruzione, dell'universita' e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale LAZIO ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. CADUTI DI NASSIRIYA A A01 Funzionamento amministrativo generale Aggr. Voce Sotto voce ENTRATE 01 Avanzo di amministrazione presunto 15.000,00 01 Non vincolato 11.602,54 02 Vincolato 3.397,46 02 Finanziamenti dello Stato 1.500,00

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA SULL ANDAMENTO DELLA GESTIONE E SUI RISULTATI CONSEGUITI IN RIFERIMENTO AGLI OBIETTIVI PROGRAMMATI. Esercizio Finanziario 2010

RELAZIONE ILLUSTRATIVA SULL ANDAMENTO DELLA GESTIONE E SUI RISULTATI CONSEGUITI IN RIFERIMENTO AGLI OBIETTIVI PROGRAMMATI. Esercizio Finanziario 2010 Liceo Tecnico Chimica Industriale Meccanica Elettrotecnica e Automazione Elettronica e Telecomunicazioni Istituto Tecnico Industriale Statale Alessandro Volta Via Assisana, 40/E - loc. Piscille - 06087

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA Via Albergati 30 40069 Zola Predosa (BO) Tel. 051/755355 755455 - Fax 051/753754 E-mail: BOIC86400N@istruzione.it - C.F. 80072450374 Pec : boic86400n@pec.istruzione.it

Dettagli

Mod B (art. 2 c. 6) SCHEDA ILLUSTRATIVA FINANZIARIA Esercizio finanziario 2015. Progetto/attività A A01 Funzionamento amministrativo generale ENTRATE

Mod B (art. 2 c. 6) SCHEDA ILLUSTRATIVA FINANZIARIA Esercizio finanziario 2015. Progetto/attività A A01 Funzionamento amministrativo generale ENTRATE A A01 Funzionamento amministrativo generale Aggr. Voce Sotto voce ENTRATE 01 Avanzo di amministrazione presunto 2.572,26 02 Vincolato 2.572,26 01 Funzionamento amministrativo e didattico - Dematerializzazione

Dettagli

Mod B (art. 2 c. 6) SCHEDA ILLUSTRATIVA FINANZIARIA Esercizio finanziario 2015. Progetto/attività A A01 Funzionamento amministrativo generale ENTRATE

Mod B (art. 2 c. 6) SCHEDA ILLUSTRATIVA FINANZIARIA Esercizio finanziario 2015. Progetto/attività A A01 Funzionamento amministrativo generale ENTRATE A A01 Funzionamento amministrativo generale Aggr. Voce Sotto voce ENTRATE 01 Avanzo di amministrazione presunto 31.551,42 01 Non vincolato 30.426,92 02 Vincolato 1.124,50 02 Finanziamenti dello Stato 52.872,58

Dettagli

COMUNE DI DIGNANO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

COMUNE DI DIGNANO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNE DI DIGNANO Provincia di UDINE REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO *** Testo coordinato Allegato alla deliberazione C.C. n 10 del 21-02-2011 SOMMARIO Art. 1 - Istituzione del servizio Art. 2

Dettagli

LEZIONE 2 L ORDINAMENTO COMUNALE RIPORTATO NEL T.U.E.L. (D.LGS N. 267/2000 E SUCC. MODIFICHE)

LEZIONE 2 L ORDINAMENTO COMUNALE RIPORTATO NEL T.U.E.L. (D.LGS N. 267/2000 E SUCC. MODIFICHE) Scuola Superiore della Pubblica Amministrazione Locale LEZIONE 2 L ORDINAMENTO COMUNALE RIPORTATO NEL T.U.E.L. (D.LGS N. 267/2000 E SUCC. MODIFICHE) ELEMENTI DI CONTABILITA RIFERITI ALLA FASE DELLA SPESA

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI Allegato 1 COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI REGOLAMENTO PER LA DOTAZIONE FINANZIARIA COMUNALE PER INTERVENTI DI MANUTENZIONE ORDINARIA E DI FUNZIONAMENTO IN FAVORE DEGLI ISTITUTI DI ISTRUZIONE PRIMARIA

Dettagli

Prot. N. 931 /E7 Volterra, 14 aprile 2014 INTESA CONTRATTO INTEGRATIVO D ISTITUTO

Prot. N. 931 /E7 Volterra, 14 aprile 2014 INTESA CONTRATTO INTEGRATIVO D ISTITUTO ISTITUTO d ISTRUZIONE SUPERIORE GIOSUÈ CARDUCCI LICEO CLASSICO, SCIENTIFICO, SOCIO-PSICO-PEDAGOGICO V.le Trento e Trieste n 26-56048 - Volterra (PI) - tel. 0588 86055 - fax 0588 90203 ISTITUTO STATALE

Dettagli

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 CRITERI GENERALI PER LA FORMAZIONE DELLE CLASSI La formazione delle classi e l assegnazione delle risorse di organico deve essere coerente: - con gli interventi

Dettagli

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO DIREZIONE GENERALE Riva di Biasio Santa Croce, 1299-30135 VENEZIA Ufficio III Personale della Scuola

Dettagli

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD -

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - REGOLAMENTO DI CONTABILITÀ SOMMARIO: Capo I - Le competenze del servizio economico-finanziario Capo II - La programmazione

Dettagli

Oggetto: presentazione disponibilità per lo svolgimento delle attività connesse alla realizzazione del POF - Anno Scolastico 2011/2012.

Oggetto: presentazione disponibilità per lo svolgimento delle attività connesse alla realizzazione del POF - Anno Scolastico 2011/2012. Circolare interna n. 25 Ai docenti Al DSGA Alla segreteria alunni Alla segreteria docenti E, p.c. ai collaboratori scolastici Ve Mestre, 15 settembre 2011 Oggetto: presentazione disponibilità per lo svolgimento

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE Ten. R. RIGHETTI 85025 M E L F I (Potenza) Via Galileo Galilei, 11 C.M.: PZIS007006 C.F.: 85000490764. Verbale n.

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE Ten. R. RIGHETTI 85025 M E L F I (Potenza) Via Galileo Galilei, 11 C.M.: PZIS007006 C.F.: 85000490764. Verbale n. ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE Ten. R. RIGHETTI 85025 M E L F I (Potenza) Via Galileo Galilei, 11 C.M.: PZIS007006 C.F.: 85000490764 Tel. 0972/24479-24480 Fax 0972/24424 e-mail:pzis007006@istruzione.it

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO Report Progetto ERGO VALUTO SUM PON Valutazione e miglioramento (Codice 1-3-FSE-2009-3) Anno Scolastico 2012-2013 Relatore

Dettagli

Organici scuola personale ATA A.S. 2013-2014 Scheda di approfondimento

Organici scuola personale ATA A.S. 2013-2014 Scheda di approfondimento Organici scuola personale ATA A.S. 2013-2014 Scheda di approfondimento Indice (cliccabile) Premessa Terziarizzazione Regole per la definizione degli organici di ciascun profilo o DSGA o Assistenti Tecnici

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I grado. SCHEDA DI MONITORAGGIO PROGETTO P.O.F. a.s.

ISTITUTO COMPRENSIVO di Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I grado. SCHEDA DI MONITORAGGIO PROGETTO P.O.F. a.s. ISTITUTO COMPRENSIVO di Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I grado Sede Centrale: Scuola Media Statale "San Francesco d'assisi" Via Jonghi, 3-28877 ORNAVASSO (VB) - cod. fiscale 84009240031

Dettagli

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Area 1 Gestione P.O.F. Prof.ssa Casertano Brigida Area 1 Monitoraggio e Valutazione del P.O.F. Prof. Spalice Giovanni Area 2 Sostegno alla funzione Docenti Prof. Rocco

Dettagli

Carta dei Servizi. Dirigente Scolastico M.Augusta Mozzetti

Carta dei Servizi. Dirigente Scolastico M.Augusta Mozzetti M.I.U.R. - Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Istituto Comprensivo Via Casalotti n. 259-00166 Roma tel. 06 61560257 fax 06 61566568 - C.F. 97714450588 Cod. mecc. RMIC8GM00D Plesso scuola primaria:

Dettagli

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F.

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. ISTITUTO ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE Giovanni Caboto GAETA CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. A.S. 2013-2014 1. Richiesta per accedere alle Funzioni strumentali al P.O.F.

Dettagli

Codice univoco Ufficio per fatturazione elettronica: UFNGS6

Codice univoco Ufficio per fatturazione elettronica: UFNGS6 54 Distretto Scolastico ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE AD INDIRIZZO MUSICALE De Amicis Baccelli di Sarno (Sa) Sede Legale: Corso G. Amendola, 82 - C.M.: SAIC8BB008 - C.F.:94065840657 E mail:saic8bb008@istruzione.it

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNE DI CISTERNA DI LATINA Medaglia d argento al Valor Civile REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 52 del 11.05.2009 a cura di : Dott. Bruno Lorello

Dettagli

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni generali di amministrazione, di gestione e di controllo - Organi istituzionali, partecipazione e decentramento - Segreteria generale, Personale e Organizzazione - Gestione economica, Finanziaria, Programmazione,

Dettagli

REGOLAMENTO PER L AMMINISTRAZIONE E LA CONTABILITÀ DEGLI ENTI PUBBLICI DI CUI ALLA LEGGE 20 MARZO 1975, N. 70

REGOLAMENTO PER L AMMINISTRAZIONE E LA CONTABILITÀ DEGLI ENTI PUBBLICI DI CUI ALLA LEGGE 20 MARZO 1975, N. 70 REGOLAMENTO PER L AMMINISTRAZIONE E LA CONTABILITÀ DEGLI ENTI PUBBLICI DI CUI ALLA LEGGE 20 MARZO 1975, N. 70 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 - Definizioni e denominazioni 3 Art. 2 - Ambito

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO P. CARMINE. Regolamento. del gruppo di lavoro sull handicap. Regolamento GLHI. Ai sensi dell art. 15 c.

ISTITUTO COMPRENSIVO P. CARMINE. Regolamento. del gruppo di lavoro sull handicap. Regolamento GLHI. Ai sensi dell art. 15 c. ISTITUTO COMPRENSIVO P. CARMINE Regolamento Regolamento GLHI del gruppo di lavoro sull handicap Ai sensi dell art. 15 c. L 104/92 Approvato dal Consiglio di stituto in data 08/07/2013 1 Gruppo di Lavoro

Dettagli

AUTOVALUTAZIONE: RISULTATI DEI QUESTIONARI GENITORI-ALUNNI ALUNNI- DOCENTI. COMMISSIONE AUTOVALUTAZIONE Catalani-Ginesi

AUTOVALUTAZIONE: RISULTATI DEI QUESTIONARI GENITORI-ALUNNI ALUNNI- DOCENTI. COMMISSIONE AUTOVALUTAZIONE Catalani-Ginesi Ministero della Pubblica Istruzione Istituto Comprensivo Statale C. Carminati Via Dante, 4-2115 Lonate Pozzolo (Va) AUTOVALUTAZIONE: RISULTATI DEI QUESTIONARI GENITORI-ALUNNI ALUNNI- DOCENTI COMMISSIONE

Dettagli

Unione Europea Fondo Sociale Europeo

Unione Europea Fondo Sociale Europeo Unione Europea Fondo Sociale Europeo M.P.I. LICEO SCIENTIFICO STATALE G. D Alessandro Via S.Ignazio di Loyola - BAGHERIA www.lsdalessandro.it e-mail liceodalessandro@istruzione.it PEC paps09000v@postacertificata.org

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca di concerto con il Ministro dell Economia e delle Finanze

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca di concerto con il Ministro dell Economia e delle Finanze Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca di concerto con il Ministro dell Economia e delle Finanze VISTO il decreto legislativo 16 aprile 1994, n. 297, recante approvazione del testo

Dettagli

(annessa quale Allegato A al Regolamento adottato con D.M. 13 giugno 2007)

(annessa quale Allegato A al Regolamento adottato con D.M. 13 giugno 2007) TABELLA 1 (annessa quale Allegato A al Regolamento adottato con D.M. 13 giugno 2007) TABELLA DI VALUTAZIONE DEI TITOLI PER L INCLUSIONE NELLE GRADUATORIE DI CIRCOLO E DI ISTITUTO DI III FASCIA (ivi compreso

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

Utilizzazioni e assegnazioni provvisorie del personale docente, educativo e Ata della scuola

Utilizzazioni e assegnazioni provvisorie del personale docente, educativo e Ata della scuola Utilizzazioni e assegnazioni provvisorie del personale docente, educativo e Ata della scuola Scheda di lettura del contratto annuale integrativo del 15 luglio 2010. Di cosa si tratta Si tratta della possibilità

Dettagli

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 Disposizioni integrative e correttive del decreto legislativo 23 giugno 2011, n. 118, recante disposizioni in

Dettagli

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La sezione relativa all esposizione sintetica e analitica dei dati relativi al Tfr, alle indennità equipollenti e alle altre indennità e somme,

Dettagli

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI. Art. 1 - Fonti

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI. Art. 1 - Fonti REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI Art. 1 - Fonti 1. Il presente Regolamento disciplina la composizione, la durata e le modalità di funzionamento del Collegio dei Revisori

Dettagli

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Che cos è il Bisogno Educativo Speciale? Il Bisogno Educativo Speciale rappresenta

Dettagli

TABELLA B A) TITOLI DI STUDIO D ACCESSO

TABELLA B A) TITOLI DI STUDIO D ACCESSO TABELLA B TABELLA DI VALUTAZIONE DEI TITOLI PER L INCLUSIONE NELLE GRADUATORIE DI CIRCOLO E DI ISTITUTO DI III FASCIA (ivi compreso l insegnamento di strumento musicale nella scuola media), VALIDE PER

Dettagli

Ministero dell'istruzione, dell'universita' e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale PUGLIA ISTITUTO COMPRENSIVO RESTA - DE DONATO GIANNINI

Ministero dell'istruzione, dell'universita' e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale PUGLIA ISTITUTO COMPRENSIVO RESTA - DE DONATO GIANNINI A A01 Funzionamento amministrativo generale Aggr. Voce Sotto voce ENTRATE 01 Avanzo di amministrazione presunto 17.715,12 01 Non vincolato 17.162,78 01 Ecc da FF non vincolati 2.697,58 02 CC famm alunni

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI SCOLASTICI

CARTA DEI SERVIZI SCOLASTICI ISTITUTO COMPRENSIVO SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO v. Marconi, 62 15058 VIGUZZOLO (AL) Tel. 0131/898035 Fax 0131/899322 Voip 0131974289 Mobile 3454738373 E_mail: info@comprensivoviguzzolo.it

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Istituto Comprensivo 1 F. GRAVA CONEGLIANO PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Anno scolastico 2012/ 2013 A pagina 2 PIANO OFFERTA FORMATIVA PER LA SCUOLA MEDIA A pagina 9 PIANO OFFERTA FORMATIVA PER LA SCUOLA

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO UGO FOSCOLO VESCOVATO SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO PIANO ANNUALE DELLE ATTIVITA' A.S. 2013/14

ISTITUTO COMPRENSIVO UGO FOSCOLO VESCOVATO SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO PIANO ANNUALE DELLE ATTIVITA' A.S. 2013/14 STTUTO COMPRENSVO UGO FOSCOLO SCUOLA SECONDARA D 1 GRADO PANO ANNUALE DELLE ATTVTA' A.S. 2013/14 PROT. N. 5991 /A-19 Vescovato, 19/09/2013 Data Giorno Sedi scolastiche Classi Orario Durata ATTVTA' COLLEGO

Dettagli

PREMESSA QUADRO NORMATIVO

PREMESSA QUADRO NORMATIVO RACCORDI TRA I PERCORSI DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI E I PERCORSI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE: L ACCORDO IN SEDE DI CONFERENZA UNIFICATA DEL 16 DICEMBRE 2010 PREMESSA Il 16 dicembre scorso

Dettagli

CONVENZIONE. Tra. Istituto Comprensivo 22 Alberto Mario

CONVENZIONE. Tra. Istituto Comprensivo 22 Alberto Mario ISTITUTO COMPRENSIVO 22 ALBERTO MARIO Piazza Sant Eframo Vecchio, 130-80137 NAPOLITel. 0817519375FAX: 0817512716 C.M. NAIC8BT00NCodice fiscale 80022520631 e-mail: naic8bt00n@istruzione.it naic8bt00n@pec.istruzione.it

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALEPER LA TRASPARENZA E INTEGRITÀ 2013 / 2014 / 2015

PROGRAMMA TRIENNALEPER LA TRASPARENZA E INTEGRITÀ 2013 / 2014 / 2015 Istituto Comprensivo Statale Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I Grado Piazzale della Civiltà Tel. 0828/941197 fax. 0828/941197 84069 ROCCADASPIDE (Salerno) C.M. SAIC8AH00L Email-dirdirocca@tiscali.it

Dettagli

VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE)

VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE) Normativa VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE) a cura di Libero Tassella da Scuola&Scuola, 8/9/2003 Riferimenti normativi: artt. 7,8 legge 29.12.1988, N. 554; artt. 7,8 Dpcm 17.3.1989,

Dettagli

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI 1. Aspetti fiscali generali Gli enti di tipo associativo, di cui fanno parte anche le associazioni sportive dilettantistiche, sono assoggettate

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL MODULO ISCRIZIONE

ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL MODULO ISCRIZIONE Gentili genitori entro il 28 febbraio dovete provvedere alla iscrizione dei Vostri figli alla classe successiva. Al momento della iscrizione le famiglie sono chiamate a versare alcune tasse ministeriali

Dettagli

SINTESI NORMATIVA EFFETTUAZIONE E LIQUIDAZIONE ORE ECCEDENTI ED ATTIVITA AGGIUNTIVE DI INSEGNAMENTO

SINTESI NORMATIVA EFFETTUAZIONE E LIQUIDAZIONE ORE ECCEDENTI ED ATTIVITA AGGIUNTIVE DI INSEGNAMENTO Ufficio VI -Area amministrazione e gestione delle risorse finanziarie Corso Ferrucci n. 3 10138 Torino SINTESI NORMATIVA EFFETTUAZIONE E LIQUIDAZIONE ORE ECCEDENTI ED ATTIVITA AGGIUNTIVE DI INSEGNAMENTO

Dettagli

RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1

RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1 UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA ISTITUTO COMPRENSIVO C. LEVI MANIACE RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1 AUTOANALISI D ISTITUTO Anno scolastico 2012/2013 RELAZIONE In data

Dettagli

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Indicazioni ai fini della stesura del PDP 1. Informazioni

Dettagli

Bando regionale per il sostegno di:

Bando regionale per il sostegno di: Bando regionale per il sostegno di: Programma Operativo Regionale Competitività regionale e occupazione F.E.S.R. 2007/2013 Asse 1 Innovazione e transizione produttiva Attività I.3.2 Adozione delle tecnologie

Dettagli

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO Patrizia Clementi IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO La legge Biagi 1 ha disciplinato sotto il profilo civilistico le collaborazioni coordinate e continuative, già presenti nel nostro

Dettagli

L ORDINAMENTO FINANZIARIO E CONTABILE DEGLI ENTI LOCALI. Slides a cura del dott. Paolo Longoni

L ORDINAMENTO FINANZIARIO E CONTABILE DEGLI ENTI LOCALI. Slides a cura del dott. Paolo Longoni L ORDINAMENTO FINANZIARIO E CONTABILE DEGLI ENTI LOCALI 1 Slides a cura del dott. Paolo Longoni!1 PARLARE DI CONTABILITÀ NEGLI ENTI LOCALI.. Significa adottare un punto di vista diverso da quello in uso

Dettagli

Verbale del Consiglio di Istituto del 2 ottobre 2013

Verbale del Consiglio di Istituto del 2 ottobre 2013 Anno scolastico 2013-2014 Verbale n. 1 Verbale del Consiglio di Istituto del 2 ottobre 2013 Il 2 Ottobre 2013, alle ore 16.30, si riunisce il Consiglio di Istituto del Comprensivo 1 di Frosinone nell aula

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA

PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA L Amministrazione Città metropolitana di Roma Capitale, con sede in Roma,

Dettagli

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~(c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i(' qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('!11~",fi:j:/lé'i7(?:/l(?/u~/(v,',f7t:{(jn~/lrt//lé':/iu kyjlf?jtf..ét:'é' h l/m f /tf7.. ~t:;'j/i'é' (~/;àk//lrt /IUXr(;/lrT~

Dettagli

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI ALCUNI DATI L Istituto Trento 5 comprende 3 scuole primarie e 2 scuole secondarie di I grado. Il numero totale di alunni

Dettagli

Principio contabile della contabilità finanziaria. 9.3 Il riaccertamento straordinario dei residui

Principio contabile della contabilità finanziaria. 9.3 Il riaccertamento straordinario dei residui Principio contabile della contabilità finanziaria 9.3 Il riaccertamento straordinario dei residui Il riaccertamento straordinario dei residui è l attività prevista dall articolo 3 comma 7, del presente

Dettagli

COMUNICATO N. 400. In allegato alla medesima nota è reperibile la modulistica da utilizzare per le istanze relative all a.s. 2014/15.

COMUNICATO N. 400. In allegato alla medesima nota è reperibile la modulistica da utilizzare per le istanze relative all a.s. 2014/15. Istituto Tecnico Statale Settore Tecnologico Via Tronconi, 22-31100 Treviso tel. 0422.430310 fax 0422.432545 mail: pallad@tin.it dirigente@palladio-tv.it pec: itspalladio@pec.palladio-tv.it url: www.palladio-tv.it

Dettagli

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 Bonus IRPEF 80 euro Nel nuovo modello 730/2015 trova spazio il bonus IRPEF 80 euro ricevuto nel 2014, essendo previsto l obbligo di

Dettagli

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri MPI - USP di Padova Comune di Padova Settore Servizi Scolastici Centro D.A.R.I. Una scuola per tutti Percorso di formazione per docenti Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri I parte a cura

Dettagli

l'?~/?: /;/UI,"lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ";1

l'?~/?: /;/UI,lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ;1 MIUR - Ministero dell'istruzione dell'untversùà e della Ricerca AOODGPER - Direzione Generale Personale della Scuola REGISTRO UFFICIALE Prot. n. 0006768-27/0212015 - USCITA g/~)/rir. (" J7rti///Nt4Ik0"i

Dettagli

Relazione del collegio

Relazione del collegio Relazione del collegio revisori i dei conti RELAZIONE DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI SUL RENDICONTO DELL'ESERCIZIO 2013 DEL PARTITO "IL POPOLO DELLA L1BERTA'" Il Collegio dei revisori composto dai

Dettagli

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento Servizio di Economato

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento Servizio di Economato PROVINCIA DI ROMA Regolamento Servizio di Economato Adottato con delibera del Consiglio Provinciale: n. 1111 dell 1 marzo 1995 Aggiornato con delibera del Consiglio Provinciale n. 34 del 12 luglio 2010

Dettagli

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore IL CONTESTO L approvazione del Bilancio di previsione quest anno si pone esattamente a metà del mio mandato rettorale, iniziato tre anni fa,

Dettagli

StarRock S.r.l. Bilancio 2014

StarRock S.r.l. Bilancio 2014 StarRock S.r.l. Bilancio 2014 Pagina 1 StarRock S.r.l. Sede legale in Milano 20135, Viale Sabotino 22 Capitale sociale sottoscritto Euro 35.910,84 i.v. Registro Imprese di Milano, Codice Fiscale, P.IVA

Dettagli

IL PROCESSO DI ARMONIZZAZIONE CONTABILE DEGLI ENTI TERRITORIALI EX D.LGS. 118/2011. Elementi innovativi e principali impatti

IL PROCESSO DI ARMONIZZAZIONE CONTABILE DEGLI ENTI TERRITORIALI EX D.LGS. 118/2011. Elementi innovativi e principali impatti IL PROCESSO DI ARMONIZZAZIONE CONTABILE DEGLI ENTI TERRITORIALI EX D.LGS. 118/2011 Elementi innovativi e principali impatti Agenda 1. Il modello contabile previsto dal D.lgs 118/2011 Contesto normativo

Dettagli

Fattura elettronica: esenzioni

Fattura elettronica: esenzioni Fattura elettronica: esenzioni Con l entrata in vigore del sistema della fatturazione elettronica, istituita dall articolo 1, commi da 209 a 213 della legge 24 dicembre 2007, n. 244 e regolamentata dal

Dettagli

Il Consiglio di Istituto

Il Consiglio di Istituto Prot. n. 442/C10a del 03/02/2015 Regolamento per la Disciplina degli incarichi agli Esperti Esterni approvato con delibera n.7 del 9 ottobre 2013- verbale n.2 Visti gli artt.8 e 9 del DPR n275 del 8/3/99

Dettagli

COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA

COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA REGOLAMENTO PER LA EROGAZIONE DI CONTRIBUTI, SOVVENZIONI ED ALTRE AGEVOLAZIONI ART. 1 FINALITA 1. Con il presente Regolamento la Comunità della Valle di Cembra, nell esercizio

Dettagli

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU INTRODUZIONE ALLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE IN QUALSIASI FORMA COSTITUITE

Dettagli

Linee guida per la predisposizione del rendiconto circa la destinazione delle quote del 5 per mille dell Irpef

Linee guida per la predisposizione del rendiconto circa la destinazione delle quote del 5 per mille dell Irpef Direzione Generale per il terzo settore e le formazioni sociali Linee guida per la predisposizione del rendiconto circa la destinazione delle quote del 5 per mille dell Irpef PREMESSA Fonti normative dell

Dettagli

Utilizzazioni e assegnazioni provvisorie del personale docente, educativo ed ATA per il 2011/2012

Utilizzazioni e assegnazioni provvisorie del personale docente, educativo ed ATA per il 2011/2012 Di cosa si tratta Si tratta della possibilità che ha il personale della scuola di poter partecipare alla "mobilità annuale", e cioè di poter prestare servizio, per un anno, in una scuola diversa da quella

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO PORDENONE CENTRO PORDENONE 33170 PORDENONE - Via Gaspare Gozzi, 4 SEGRETERIA - PRESIDENZA: 0434520104 0434520089

ISTITUTO COMPRENSIVO PORDENONE CENTRO PORDENONE 33170 PORDENONE - Via Gaspare Gozzi, 4 SEGRETERIA - PRESIDENZA: 0434520104 0434520089 ISTITUTO COMPRENSIVO PORDENONE CENTRO PORDENONE 33170 PORDENONE - Via Gaspare Gozzi, 4 SEGRETERIA - PRESIDENZA: 04345204 0434520089 PROT. n. 199/B19 Pordenone, 15 gennaio 2014 Ai Sigg. Genitori Oggetto:

Dettagli

Avviso prot. n. AOODGAI/11666 del 31.07.2012 conferenze informative territoriali

Avviso prot. n. AOODGAI/11666 del 31.07.2012 conferenze informative territoriali Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Puglia Direzione Generale UFFICIO III - Politiche formative e rete scolastica U.O. 2: Fondi Strutturali dell

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

procedura conforme all art. 34 del D.I. n.44 del 01/02/01

procedura conforme all art. 34 del D.I. n.44 del 01/02/01 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE 3 SAN BERNARDINO BORGO TRENTO Scuola dell Infanzia Scuola Primaria Scuola Secondaria di Primo Grado Centro Territoriale Permanente Via G. Camozzini, 5 37126 Verona (VR) Tel.

Dettagli

Ministero dell Interno

Ministero dell Interno Ministero dell Economia e delle Finanze DIPARTIMENTO DELLA RAGIONERIA GENERALE DELLO STATO di concerto con il Ministero dell Interno DIPARTIMENTO PER GLI AFFARI INTERNI E TERRITORIALI VISTO il decreto

Dettagli

RILEVAZIONE COMPETENZE LINGUISTICHE ITALIANO L2 ALUNNI STRANIERI I.C. Leonardo da Vinci

RILEVAZIONE COMPETENZE LINGUISTICHE ITALIANO L2 ALUNNI STRANIERI I.C. Leonardo da Vinci RILEVAZIONE COMPETENZE LINGUISTICHE ITALIANO L2 ALUNNI STRANIERI I.C. Leonardo da Vinci di Sorbolo-Mezzani a.s. 2013-2014 PREMESSA Essere alfabetizzati nella nostra lingua costituisce un buon indicatore,

Dettagli

Progetto Formazione e informazione dei rappresentanti di classe

Progetto Formazione e informazione dei rappresentanti di classe Progetto Formazione e informazione dei rappresentanti di classe Guida pratica del rappresentante dei genitori a cura dell Associazione Per maggiori informazioni consultare il sito www.genitoriescuola.it

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

TARIFFA PROFESSIONALE CONSULENTI DEL LAVORO MINISTERO DI GRAZIA E GIUSTIZIA. DECRETO 15 LUGLIO 1992, n. 430 (G.U. n. 265 10/11/92)

TARIFFA PROFESSIONALE CONSULENTI DEL LAVORO MINISTERO DI GRAZIA E GIUSTIZIA. DECRETO 15 LUGLIO 1992, n. 430 (G.U. n. 265 10/11/92) TARIFFA PROFESSIONALE CONSULENTI DEL LAVORO MINISTERO DI GRAZIA E GIUSTIZIA DECRETO 15 LUGLIO 1992, n. 430 (G.U. n. 265 10/11/92) REGOLAMENTO RECANTE APPROVAZIONE DELLE DELIBERAZIONI IN DATA 16 MAGGIO

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

GUIDA PRATICA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI

GUIDA PRATICA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI GUIDA PRATICA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI (CON PARTICOLARE RIFERIMENTO ALLA PROCEDURA TELEMATICA) Versione 1.3 del 26/11/2012 Sommario Premessa... 3 1 Introduzione... 4 1.1 Il contesto normativo...

Dettagli

La Legge di Iniziativa Popolare per una Buona Scuola per la Repubblica (LIP) e la "Buona Scuola" di Matteo Renzi Confronto sintetico per punti

La Legge di Iniziativa Popolare per una Buona Scuola per la Repubblica (LIP) e la Buona Scuola di Matteo Renzi Confronto sintetico per punti La Legge di Iniziativa Popolare per una Buona Scuola per la Repubblica (LIP) e la "Buona Scuola" di Matteo Renzi Confronto sintetico per punti Genesi Principi Finalità Metodologia e didattica Apertura

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

Prot. N. 3156/B33 Crema, 24 Novembre 2014

Prot. N. 3156/B33 Crema, 24 Novembre 2014 MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA Istituto Comprensivo Crema Uno Via Borgo S.Pietro 8-26013 Crema (CR) Tel. 0373-256238 Fax 0373-250556 E-mail ufficio: segreteriacircolo1@libero.it

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria SCHEDA PROGETTO (ex art. 9 CCNL 2006-2009) Dati identificativi dell'istituto Nome scuola/tipologia Scuola

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Gruppo di Lavoro ITACA Regioni/Presidenza del Consiglio dei Ministri Aggiornamento 14 novembre 2011 Dipartimento

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli