ELSA Italia. The European Law Students Association HUMAN RESOURCE STRATEGY HANDBOOK

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ELSA Italia. The European Law Students Association HUMAN RESOURCE STRATEGY HANDBOOK"

Transcript

1 ELSA Italia The European Law Students Association HUMAN RESOURCE STRATEGY HANDBOOK A just world in which there is respect for human dignity and cultural diversity ELSA Cagliari, ELSA Castellanza, ELSA Cosenza, ELSA Ferrara, ELSA Firenze, ELSA Messina, ELSA Milano, ELSA Napoli, ELSA Padova, ELSA Palermo, ELSA Reggio di Calabria, ELSA Roma, ELSA Santa Maria Capua Vetere, ELSA Sassari, ELSA Siena, ELSA Taranto, ELSA Torino, ELSA Trento, ELSA Trieste, ELSA Urbino, ELSA Verona

2 THE HUMAN RESOURCE STRATEGY HANDBOOK Qualsiasi organizzazione, grande o piccola che sia, non può fare a meno di riconoscere l importanza strategica dello Sviluppo delle Risorse Umane e della loro implementazione, quindi, di una vera e propria strategia di HRD (Human Resource Development). Questo Handbook si propone, quale obiettivo principale, quello di costituire una vera e propria Da inserire un immagine al centro guida che, a partire dalla definizione e descrizione della Human Resource Strategy e dei suoi fattori, arrivi a delineare differenti strategie in grado di rispondere alle specifiche istanze connesse alle molteplici e peculiari realtà associative, culturali e cittadine in cui i singoli Local Boards si trovano ad operare. 2

3 INDICE Che cos è la Human Resorce Strategy? Perché attuare la Human Resource Strategy all interno del Network ELSiano?...4 Quali sono i fattori della Human Resource Strategy?...5 La Human Resource Strategy come strumento per la realizzazione dei singoli eventi...8 La Human Resource Strategy come strumento per l implementazione e il consolidamento del Local Board e del relativo Network. 13 La Human Resource Strategy come strumento di trasmissione delle conoscenze ELSiane ai nuovi Officers del Local Board Definizioni delle singole macroaree

4 CHE COS E LA HUMAN RESOURCE STRATEGY? E quel processo che è presente in ogni area, come in ogni livello di attività nell Associazione. Ogni evento ELSA, che sia qualificato come internazionale nazionale o locale, deve essere legato ad una strategia strutturata così come descritta nel Decision Book (DB IM ELSA Italia HRS) 4

5 PERCHÉ ATTUARE LA HUMAN RESOURCE STRATEGY ALL INTERNO DEL NETWORK ELSIANO? La Human Resources Strategy si propone di raggiungere due obiettivi : Short Term Goal : incrementare il livello di preparazione e il numero di iscritti nelle Sezioni Locali di ELSA ; Long Term Goal: ottenere un più alto riconoscimento per ELSA come Associazione internazionale di Studenti. Nell implementazione della Strategia la responsabilità si articola su 3 Livelli: Internazionale: Il Segretario di ELSA International è responsabile dell implementazione della strategia all interno dell intero Network di ELSA; Nazionale: Il Segretario di ELSA Italia è responsabile dell implementazione della HRS in tutto in Network Nazionale, coordina e supervisiona l andamento delle varie HRS presenti nelle realtà locali; Locale: Voi Segretari dei Lbs siete i principali attuatori della HRS, ogni Local Board si deve dotare di una strategia di Reclutamento a partire dal mese di Agosto di ogni Anno che dovrà poi essere sottoposta a valutazione nell Assemblea Primaverile. Suggerimento: E importante che in ogni board l azione del Segretario Generale sia coadiuvata dal Director for Human Resource Strategy il quale non dovrà limitarsi a coadiuvare il Secgen, ma dovrà essere il vero motore della HRS ricerca e coinvolgimento dei nuovi soci, organizzazione di feste, aperitivi. E necessario che una persona del board si dedichi interamente al coinvolgimento dei soci : dovrà costituire il ponte tra il board e i soci, un canale diretto di collegamento tra le due diverse realtà. Esempi vincenti: La Polonia è il primo Paese del Network per livello e qualità di HRS, ogni suo Local Board è dotato di un Director for HRS che ha il compito di coinvolgere, capire le esigenze dei soci, organizzare eventi per i nuovi soci e suggerire al Secgen i periodi migliori per lo svolgimento dei trainings diretti ai Fresher. 5

6 QUALI SONO I FATTORI DELLA HUMAN RESOURCE STRATEGY? I fattori chiave della Human Resources Strategy di ELSA sono: RECRUITMENT Il Recruitment indica un processo senza soluzione di continuità, attivo a tutti i livelli di ELSA. ELSA Italia deve apprestare un attività preparatoria per il Recruitment all interno del Network durante i mesi di Giugno/Luglio. Questo include la preparazione di materiali promozionali utili al Recruitment ed input diretti alle Sezioni Locali affinché diffondano le strategie di Recruitment nelle sedi di loro pertinenza. NETWORK ACTIVITIES Al fine di favorire un lavoro sinergico all interno del network, ELSA Italia e le Sezioni Locali di ELSA Italia organizzano il loro lavoro ed i loro eventi seguendo la struttura descritta nel Decision Book. Il Network ELSA organizza le sue attività in aderenza al seguente ordine strutturale e periodico: Agosto-Settembre: Transition e training degli Officers, Agosto-Ottobre: primo periodo di Recruitment Ottobre-Novembre: periodo dell Assemblea Nazionale Autunnale. Ottobre-Gennaio: primo periodo di eventi accademici e Study Visits. Febbraio-Marzo: secondo periodo di Recruitment e di Trainings Regionali. Aprile-Maggio: periodo dell Assemblea Nazionale Primaverile Marzo- Giugno: Secondo periodo di eventi accademici e Study Visits. Giugno-Luglio: periodo STEP- Traineeship e Transition Questi periodi di strutturazione delle attività nel network devono essere considerate come guidelines. ELSA Italia è responsabile dell attuazione e supervisione sulla corretta strutturazione delle attività nel network. Le Sezioni Locali hanno il dovere di implementare la tabella periodica nella pianificazione delle loro attività. 6

7 TRAININGS Il Training degli Officers è da considerare una priorità in tutti e tre i livelli di ELSA, al fine di incrementare la qualità delle attività del network, al fine di riempire di valore lo status di membro/socio di ELSA, ed al fine di mantenere saldo il rapporto tra i membri ELSA e gli Alumni ELSA. L International Trainers Pool (ITP) e` il più importante organo deputato al Training body di ELSA. I Gruppi Nazionali possono istituire Trainer Pools a livello nazionale o regionale. Il Segretario Generale di ELSA Italia amministra il Gruppo Italiano Trainers. Questa responsabilità può essere anche delegata ad un Director, nominato per questo TRANSITION La Transition è quel processo che permette la trasmissione da parte dell Officer uscente a quello entrante, delle conoscenze legate alla gestione e organizzazione degli eventi ELSiani. Si tratta di un processo che, se eseguito correttamente, può evitare problemi connessi ad una scarsa trasmissione/comunicazione di informazioni se non addirittura connessi alla perdi dei tanti dati di natura eterogenea - che riguardano il Local Board. Una buona Transition contribuisce alla salvaguardia e al mantenimento in attività del Local Board in una prospettiva a lungo termine. 7

8 LA CALENDARIZZAZIONE DELLA HUMAN RESOURCE STRATEGY Al fine di favorire un lavoro sinergico all interno del Network ELSA Italia e le sue Sezioni Locali organizzano il loro lavoro ed i loro eventi seguendo la struttura descritta nel Decision Book. Il Network ELSA organizza le sue attività in aderenza al seguente ordine strutturale e periodico: Agosto-Settembre: Transition e Training degli Officers Agosto-Ottobre: primo periodo di Recruitment Ottobre-Novembre: periodo dell Assemblea Nazionale Autunnale. Ottobre-Gennaio: primo periodo di eventi accademici e Study Visits. Febbraio-Marzo: secondo periodo di Recruitment e di Trainings Locali Aprile-Maggio: periodo dell Assemblea Nazionale Primaverile Marzo-Giugno: Secondo periodo di eventi accademici e Study Visits. Giugno-Luglio: periodo STEP- Traineeship e Transition Questi periodi di strutturazione delle attività nel network devono essere considerate come guidelines. ELSA Italia è responsabile dell attuazione e supervisione sulla corretta strutturazione delle attività nel network. Le Sezioni Locali hanno il dovere di implementare la tabella periodica nella pianificazione delle loro attività. 8

9 LA REALIZZAZIONE DEI SINGOLI EVENTI COME STRUMENTO PER LA L IMPLEMENTAZIONE DELLA HUMAN RESOURCE STRATEGY Ricordate che non è soltanto ELSA ad aver bisogno di professori e/o professionisti che collaborino con l Associazione per la realizzazione degli eventi, ma sono soprattutto quest ultimi ad aver bisogno di ELSA come canale attraverso il quale poter entrare in contatto con studenti e neolaureati in modo semplice, immediato ed efficace, insomma attraverso una modalità diversa rispetto al classico rapporto cattedratico che si instaura nelle Università nel corso di una qualsivoglia lezione! ELSA non è solo un Associazione di studenti, ELSA è un Network attivo ed operante in grado di offrire ai soci, agli studenti e ai neolaureati una serie di attività capaci di contribuire alla crescita Professionale e Personale di ognuno di loro. Professionale perché, avvalendosi del supporto e della collaborazione di emeriti professionisti dei più disparati settori, contribuisce alla crescita culturale e alla formazione dei futuri giuristi. Personale perché gli eventi, visti sotto il profilo organizzativo, permettono a chi opera in ELSA e a chi collabora attivamente con il Local Board, di imparare a relazionarsi e a interagire con i relatori, ad attuare un marketing efficace in grado di garantire la massima diffusione e pubblicità dell evento, a individuare quali strumenti utilizzare per coordinare le risorse umane del team tenendo conto dei tempi a disposizione per la realizzazione dell evento. 9

10 La padronanza dei mezzi e del know how ELSiano è il principale strumento per garantire il raggiungimento di tutto questo : un professionista migliore e con un bagaglio umano di rilievo questo e molto altro è un ELSiano ed è su questo che dovreste far leva nel pubblicizzare l Associazione. Gli Study Visit, le Conferenze, le Moot Court, i COP, gli S.T.E.P e gli LRG rappresentano lo strumento per pubblicizzare l Associazione, il tutto senza scordare il messaggio che deve essere trasmesso: cosa ELSA può dare al singolo non soltanto a breve, ma anche a lungo termine. Ogni singolo evento realizzato all interno del vostro Local Board è la chiave per fare nuovi soci, coinvolgere i soci già esistenti e implementare le conoscenze e la preparazione di quanti già fanno parte del Consiglio Direttivo nonché per coinvolgere quanti negli anni passati hanno fatto parte di ELSA e possono essere una risorsa di conoscenze e contatti. Quando si pianifica l organizzazione di un evento una delle prime domande che ci si deve porre è: A quale uditorio è rivolto l evento? Chi saranno i partecipanti? A seconda del target a cui ci riferiamo saranno diversi sia i canali di pubblicizzazione che i contenuti della stessa, ecco perché è importante dividere in categorie i soggetti a cui ELSA si riferisce. 10

11 ELSA si rivolge principalmente a 5 categorie di soggetti: SOCI POTENZIALI: i soci potenziali sono coloro che ancora non fanno parte dell Associazione e rappresentano il maggiore bacino da cui attingere risorse umane. Al loro interno i soci potenziali devono essere distinti in ulteriori categorie : Matricole Studenti degli anni successivi Come coinvolgerle: attraverso l organizzazione di : welcome day, aperitivi e feste, banchetti di presentazione dell Associazione, Study Visit, Training for freshers. Come coinvolgerli: essendo ormai più maturi e avendo più conoscenze giuridiche gli eventi formativi quali Conferenze, LRG, ISV, COP, Panel e Discussion, Essay Competition, Moot Court sono i principali strumenti. Sono i maggiori destinatari degli SV: i viaggi sono la parte più piacevole di ELSA, magari coinvolgete nell organizzazione di un SV anche un Professore questo vi permetterà di far partecipare studenti della sua cattedra e acquisire un utile contatto in Studenti dell ultimo Anno Post-graduate Come coinvolgerli: COP, Delegazioni, S.T.E.P, P.I.T, Moot ed LRG sono i principali mezzi di coinvolgimento. Hanno necessità di conoscere il post-lauream quindi incontri con i professionisti, visite guidate di carceri, tribunali, studi legali e COP sono particolarmente indicati. Coinvolgete anche qua i Professori di cattedra dell ultimo anno che magari di offriranno anche utili spunti per l organizzazione di conferenze che possano attirare l attenzione di questi studenti. Come coinvolgerli: S.T.E.P, P.I.T convenzioni con Master, Corsi d Inglese giuridico, Delegazioni. 11

12 SOCI L obiettivo principale nella gestione dei soci è mantenere vivo l interesse per l Associazione, coinvolgerli e farli diventare soci attivi. In che modo? E importante che capiscano che ELSA è ben più di uno Sv, o di un seminario, ma dietro c è un Organizzazione, un Direttivo etc. Cercate di invitarli alle riunioni, fate riunioni aperte ai soci che si concludano con aperitivi, coinvolgeteli anche in quelle cose che per voi appaiono come le più noiose, come appendere locandine, per loro potrebbe significare sentirsi parte di un gruppo. I soci vanno motivati, coinvolti e interessati, proponete loro SV, Conferenze ed eventi di portata nazionale come le AN, i NPM, la NMCC etc. SOCI ATTIVI I soci attivi costituiscono la principale fonte per la formazione del prossimo direttivo è perciò necessario focalizzare l attenzione sulla formazione dei soci attivi come futuri officers del board: organizzate almeno due training all anno, invitateli a tutte le riunioni del direttivo, rendeteli Directors, coinvolgeteli nella realizzazione degli eventi, date loro responsabilità soltanto in questo modo potrete capire a quale area sono più adatti. Incentivate la loro partecipazione all AN, agli eventi training, e fateli inserire nelle mailing list d area e partecipare ai web meeting il tutto li renderà maggiormente coinvolti nella macchina ELSiana. 12

13 BOARD MEMBERS Il principale problema dei Local Board è rendere ogni responsabile d area più responsabile! Un ruolo fondamentale è quello del Secgen ponte e collegamento tra le varie aree del board: il Secgen deve incentivare e responsabilizzare i membri d area, seguire il loro operato in qualità di mastino del board: accertatevi che i membri del vostro board tengano comunicazioni con i referenti d area, partecipino ai web meeting e conoscano tutto della loro area. Incentrate l attenzione sulla formazione e l aggiornamento degli officers è essenziale la partecipazione alle AN, ma anche aumentare il numero di training che dovranno essere non più generali, ma specifici. ACCADEMICI Gli accademici sono un vero e proprio tesoro per il Local Board, ogni contatto, ogni professore in più è bacino di ricchi spunti per collaborazioni nella realizzazione di eventi quali ad esempio Conferenze, SV, Law School, Panel Discussion etc. Coinvolgeteli mostrando loro il lato più accademico e formativo dell Associazione: magari proponete loro di coinvolgere gli studenti delle loro classi per la partecipazione a Moot Court, o ISV, o di collaborare per la realizzazione di Conferenze su temi che stanno loro particolarmente a cuore. 13

14 LA HUMAN RESOURCE STRATEGY COME STRUMENTO PER L IMPLEMENTAZIONE E IL CONSOLIDAMENTO DEL LOCAL BOARD E DEL RELATIVO NETWORK Il Recruitment è un momento essenziale per l implementazione e il consolidamento della realtà associativa locale: trovare nuovi soci, infatti, garantisce sia un ricambio generazionale all interno dei soci attivi sia l ingresso di quelli che potranno essere i futuri Officers della sezione. In questa fase, il Segretario Generale è il centro delle operazioni, ma non è al contempo l unico responsabile del Recruitment; il suo ruolo è di tipo propulsivo in questa fase, propone, organizza e predispone un piano di gestione del Recruitment al Consiglio Direttivo. Spesso, soprattutto nelle piccole sezioni locali, il reclutamento e' un problema, per vari motivi: scarsa esperienza nella gestione dello stesso; mancanza di una tradizione consolidata in materia; timidezza; scarsa idea di come si possano approcciare le matricole o i nuovi soci in generale. 14

15 Come fare un buon Recruitment Come detto, alla base è opportuna una buona organizzazione preliminare! Inizio dell Anno Accademico: in concomitanza con l inizio delle lezioni, è opportuno che il Consiglio Direttivo Locale si riunisca e pianifichi nei dettagli il Recruitment iniziale è consigliabile prevedere nel corso dell anno almeno due periodi in cui attuare il Recruitment (inizio dell Anno Accademico e del Secondo Semestre) Quando: in che momento fare la presentazione alle matricole, se durante il Welcome Day organizzato dall Università o organizzando un welcome Day tutto ELSiano, oppure parlando agli studenti tra una lezione e l altra. Si consiglia di unire la presentazione dell Associazione all interno dell Ateneo a un evento meno formale quale ad esempio un aperitivo, questo vi consentirà di conoscere più da vicino gli studenti interessati all Associazione e colpire la loro attenzione. Dove: in che luogo svolgere le attività pianificate; Pubblicità: è importante capire come fare una buona presentazione - volantini, sms, mailing list di Facoltà, video presentazione dell Associazione, banchetti, gadget nonché i social network, ad oggi strumenti sempre più accattivanti e di immediato impatto utilissimi per un efficace marketing a costo zero. ricordatevi di sfruttate la mente creativa del vostro VP Marketing Chi: distribuire i compiti e decidere chi fa cosa delle precedenti attività. Sarebbe utile pianificare incontri almeno settimanali per verificare la progressione delle singole attività a ciascuno affidate. Come ben si può immaginare, il primo incontro è la parte più importante perché è quel momento in cui i vostri interlocutori si fanno da subito un idea di cosa sia ELSA, di quanto essa possa offrire nella formazione personale e professionale di ciascuno di loro. E importante che la presentazione venga fatta agli studenti sin dal primo anno di Università! NB: ciò che costituisce un divario tra il nostro Network nazionale dagli altri Network presenti in ELSA è che la nostra Associazione non è ancora diventata in toto parte integrante delle nostre realtà universitarie, non è per così dire - quello step obbligatorio per ogni studente che si accinge a frequentare una Facoltà di Giurisprudenza. 15

16 Nelle altre realtà europee, invece, ELSA cammina di pari passo con l Università legandosi inscindibilmente alla struttura accademica e organizzativa di quest ultima, diventando parte dell Università pur mantenendo la propria autonomia quale associazione studentesca no profit. Se anche in Italia si riuscisse a creare questo legale indissolubile e stabile tra ELSA e l Università, quest ultima inizierebbe a vedere in ELSA una valida alleata garante della formazione dei propri studenti e svolgente quindi un attività parallela, ma non certo estranea, a quella svolta dal corpo docenti. Tornando all implementazione del piano di Recruitment, un altro passo importante è individuare un professore amico a cui poter chiedere di intervenire alla fine di una sua pausa tra un'ora e l'altra e che vi faccia fare un introduzione di pochi minuti nel quale è possibile riscontrare una maggiore affluenza di studenti. In questo caso sarà quanto mai opportuno tenere un discorso breve - non più di due minuti- in cui ci si presenta, si spiega rapidissimamente e in modo generalissimo che cos è ELSA e si invitano tutti alla presentazione che avverrà massimo nei 3 giorni successivi. Quanto alla presentazione ufficiale dell Associazione, è opportuno individuare un luogo in facoltà (es. aula dove si svolgono le lezioni) e prenotarlo, mentre per quanto riguarda la data sarebbe meglio un giorno della settimana, nel quale è possibile riscontrare più affluenza di studenti. La presentazione non dovrà essere troppo lunga (massimo 30 min)! NB: ricordatevi di affiggere sulle pareti manifesti delle passate attività, poster di ELSA e di mettere sui tavoli e sui banchetti, previamente predisposti, materiale informativo sull Associazione. Tenete libera una parete per il proiettore che avrete preso in prestito - se l'aula non ce l ha - e proiettate foto e/o video di eventi ELSA. 16

17 La presentazione in generale sarebbe meglio farla in PowerpPoint (trovate un modello da modificare nell'arkhive) della durata di massimo 10 minuti in cui si presenta ELSA in generale, cosa ha fatto la sezione e quali sono le attività che quest ultima ha intenzione di realizzare nel breve - medio tempo. Sul banchetto che avrete allestito in aula, mettete moduli, tessere, penne e materiale pubblicitario degli sponsor da dare ai partecipanti: sarà un modo per attrarre maggiormente la loro attenzione e al contempo far conoscere ai potenziali nuovi soci, quali sono i partner istituzionali e commerciali della sezione (senza doversi mettere a fare una lezione cattedratica lunga e noiosa sul punto!). Anche la fine della presentazione è un momento importante: rappresenta, infatti, quella fase nella quale gli officers locali interagiscono direttamente con gli studenti, li conoscono sia sotto il profilo ELSiano sia sotto il profilo personale, aspetto quest ultimo fondamentale e alla base della costruzione di un futuro rapporto di natura professionale. NB: l approfondita conoscenza delle persone che vi circondano, delle loro aspirazioni, dei loro pregi e dei loro difetti permette di capire come rapportarsi a quest ultimi e come strutturare un rapporto costruttivo! Il lavoro in ELSA è un lavoro da svolgersi necessariamente in team, può esistere nel gruppo una guida, ma mai un capo. E essenziale che all interno del Consiglio Direttivo in senso lato si costruisca un rapporto fondato sulla leale collaborazione, sul sano confronto - che non può che aiutare a crescere sotto il profilo personale e professionale e sulla fiducia!!!! Per realizzare dunque questo importante momento di aggregazione e di contatto con gli studenti potrebbe essere proficuo organizzare un piccolo rinfresco, ma non solo, si potrebbe anche organizzare un aperitivo, se possibile, offerto a spese della Sezione Locale, ad ingresso libero in un locale. Ricordatevi, infine, che il momento conviviale non può essere solo quello successivo alla presentazione, ma la Sezione Locale deve creare molte occasioni di questo tipo lungo tutto il corso dell anno affinché si possano consolidare appieno i rapporti tra i soci. 17

18 E dopo aver reclutato nuovi soci? Come reclutiamo nuovi Officers? Una volta reclutati i nuovi soci è essenziale individuare tra essi quelli interessati a diventare soci attivi. Essenziale è dunque una fase di formazione sommaria dei nuovi soci sulla struttura di ELSA, sulle aree sul funzionamento etc.. La durata di questa presentazione dovrà essere di non più 2 ore, in un'aula dotata di proiettore per PowerPoint (presentazione disponibile nell Arkhive), fatta ad opera del SecGen o di un socio esperto in ELSA. Come organizzare un training? Consultando il file "Elenco GIT" (che troverete nell Arkhive) potrete cercare il trainer geograficamente più vicino alla vostra sezione e che, di conseguenza, potrebbe più facilmente rendersi disponibile per partecipare all'incontro che intendete organizzare. Al training è opportuno che partecipino non soltanto gli Officers locali, ma anche i soci: infatti, come abbiamo detto poc anzi, è bene ricordare che proprio tra loro si possono "nascondere" futuri Officers o comunque persone interessate a partecipare attivamente, con il Direttivo Locale, all'organizzazione di eventi all'interno del vostro Local Board e che però necessitano di un'adeguata formazione. A livello procedurale, il board contatta direttamente il GIT che ritiene più idoneo in base al tipo di training da realizzare ( consultate il file "come richiedere un GIT" contenuto nell Arkhive). Organizzato il tutto si comunicano, con il modulo di comunicazione training GIT (sempre scaricabile dall Arkhive), le informazioni relative al training sia al Segretario Generale di ELSA Italia sia al Director GIT di ELSA Italia. 18

19 LA HUMAN RESOURCE STRATEGY COME STRUMENTO DI TRASMISSIONE DELLE CONOSCENZE ELSIANI AI NUOVI OFFICERS DEL LOCAL BOARD Uno degli obiettivi più importanti della Transition è il passaggio delle conoscenze dal vecchio al nuovo board, assicurando così che il lavoro del board uscente non si perda negli archivi informatici o in armadi polverosi! Se il nuovo board può iniziare laddove il direttivo uscente si è fermato, lo sviluppo di ELSA sarà sicuramente prospettato in un ottica di continuazione, piuttosto che un partenza ex novo - ove accadrà, invece di dover scoprire ma soprattutto ricostruire tutto sin dall inizio, ostacolando inevitabilmente lo sviluppo della sezione -. Con la Transition potete formare in modo stabile il nuovo Local Board e, al contempo, trasmetterete a quest ultimo un metodo di lavoro assicurandovi un costante miglioramento della sezione. Oltre alle informazioni e ai dati acquisiti dal board negli anni, con la transition sarà quanto mai opportuno trasferire un'altra cosa molto importante ovvero la motivation, la c.d. passione che il Direttivo uscente ha messo nell organizzazione delle attività ma anche nell ideazione dei progetti, ancora in fase di sviluppo, e sui quali sarà magari proprio il nuovo board a dover porre tutto il proprio impegno per garantirne l attuazione. Il Direttivo uscente dovrà assicurarsi che i nuovi membri siano motivati quando cominciano! Le attività sono infatti il risultato dell interesse, della passione nonché dell effettiva volontà di realizzazione delle stesse da parte del Direttivo. 19

20 Obiettivi della Transition trasmettere le conoscenze ELSiane dare continuità allo sviluppo del board locale realizzare risultati positivi per l'intero Network, non solo a livello locale ma, di riflesso, anche a livello nazionale formazione del nuovo board preparato e ben organizzato già a partire dal primo giorno di assunzione della carica garantire una continuità nei rapporti instaurati con gli externals 20

21 Perché la Transition è necessaria? Come precisato sopra, l'intera rete trarrà giovamento da una buona Transition. Basti pensare al National Board che, nel vedere il nuovo direttivo della Sezione Locale fortemente motivato nell implementazione del proprio Network locale e nell organizzazione di nuovi eventi, nutrirà grande fiducia nel team di recente formazione e sosterrà fortemente i progetti che hanno intenzione di realizzare. Lo stesso Direttivo Nazionale potrà aiutare la Sezione Locale non soltanto attraverso un supporto di natura materiale, ma anche proseguendo in quell attività di Transition iniziata dal Direttivo uscente e che potrà arricchirsi ancor di più proprio grazie allo scambio di informazioni e conoscenze nonché grazie al confronto tra il nuovo board locale e il Consiglio Direttivo Nazionale. Quali sono i risultati di una buona Transition? Un board attivo; Un board motivato e ben integrato nel Network nazionale; Un board con una buona formazione legale ed ELSiana. Il nuovo board, a sua volta, deve pensare alla Transition futura a partire dal primo giorno di acquisizione dell incarico! È molto importante pensare, sin dall'inizio, agli argomenti principali da trattare e al come si vogliono trasmettere le informazioni e le conoscenze acquisite ai successori. A volte la Transition fallisce perché il direttivo uscente non ha, a suo tempo, ricevuto un adeguata formazione sul punto e non è quindi in grado di trasmettere nel modo corretto quanto è stato in grado di acquisire lungo tutto il periodo di esercizio dell incarico. Altro aspetto importante è il tempo: quest ultimo è sempre una chiave di volta nella Transition. Più tempo passate per la Transition (preparazione e processo), migliore sarà il risultato. E importante scegliere un momento in cui tutti - sia i membri anziani che i nuovi - possano presenziare alla riunione e agli incontri di formazione. Se, infatti, manca qualcuno, soprattutto del board uscente, la Transition non potrà mai ritenersi completa ed il nuovo direttivo non avrà una visione completa di ELSA e della sua realtà in senso lato. 21

22 Nella Transition sia il board uscente sia quello entrante hanno un compito fondamentale: il primo deve prendere atto della propria responsabilità nel preparare correttamente i nuovi officers, quest ultimi, a loro volta, devono utilizzare gli strumenti che hanno ricevuto nel modo corretto, conformemente alla realizzazione dei goals associativi e nel rispetto dei principi che sono a fondamento della nostra Associazione. Quali sono gli effetti di una fallimentare Transition? il nuovo board è deludente e non motivato a dare il proprio meglio nel periodo di svolgimento del proprio incarico; il nuovo direttivo non ha le conoscenze necessarie tali da affrontare i problemi legati alla gestione del board stesso e che si sarebbero potuti evitati se ci fosse stata una transition adeguata; il nuovo direttivo non ha scritto uno specifico programma e gli Officers non sono spronati quindi a raggiungere obiettivi bene definiti. Naturalmente, questi sono i sintomi di una Transition inadeguata. Le conseguenze non necessariamente emergeranno nel primo anno immediatamente successivo all ingresso del nuovo board, ma potranno rilevarsi forse persino un paio di anni dopo. Se la Transition viene a mancare, il Network stesso ne risentirà, non soltanto il board. 22

23 I contenuti della Transition La Transition ha differenti contenuti: come abbiamo detto all inizio della sezione dedicata a questo specifico fattore della Human Resource, non è sufficiente, perché una Transition sia completa, che vengano trasmessi dati e informazioni. Il nuovo board necessita molto di più che semplici informazioni per realizzare il proprio mandato annuo, i nuovi Officers hanno bisogno di capire come muoversi in team, come affrontare i problemi interni ed esterni ad esso, come motivare i nuovi soci ad essere membri attivi o ad aspirare a diventare futuri Officers. I contenuti della transition sono: la conoscenza, la motivazione e la redazione di un piano operativo annuale. IMMAGINI KNOWLEDGE POA.JPG La conoscenza, quale contenuto della Transition, è a sua volta divisibile in tre tipologie: conoscenza pratica, conoscenza di carattere generale e specifica per area. La prima forma di sapere pratico è basilare e fa riferimento, ad esempio, a dove reperire i documenti dell Associazione, come utilizzare la mailing list locale e nazionale, quali sono le specifiche responsabilità degli officers e come questi debbano relazionarsi con il proprio network locale e con quello nazionale. Il sapere c.d. generico riguarda la conoscenza in generale dell associazione, delle sue finalità, dei suoi principi e del tipo di attività che la contraddistinguono dalle altre realtà associative. Questo tipo di sapere annovera anche la conoscenza dello statuto locale, nazionale, del relativo regolamento d attuazione nonché del Decision book. Il sapere c.d. specifico è quello invece che riguarda i mezzi e le specifiche attività connesse ad ogni singola area dell Associazione (sia essa una supporting o una keys area). 23

ITALIA P O A. Piano Operativo Annuale ELSA Italia 2003. M età tempo, doppia velocità!!!

ITALIA P O A. Piano Operativo Annuale ELSA Italia 2003. M età tempo, doppia velocità!!! P O A Piano Operativo Annuale ELSA Italia 2003 M età tempo, doppia velocità!!! Consiglio Direttivo Nazionale di ELSA Italia Anno Sociale 2003: 21 Gennaio 31 Luglio 2003 *** BEE *** * Board Managment: -

Dettagli

Indice. BEST in Europa 3. BEST Rome Tor Vergata 4. ibec 7. Le Giornate 8. Contatti 9

Indice. BEST in Europa 3. BEST Rome Tor Vergata 4. ibec 7. Le Giornate 8. Contatti 9 Indice BEST in Europa 3 BEST Rome Tor Vergata 4 ibec 7 Le Giornate 8 Contatti 9 Chi Siamo BEST è un network studentesco europeo senza fini di lucro, di stampo volontario ed apolitico. Gli obiettivi dell

Dettagli

26-29 Aprile 2012 DECISION BOOK DECISION BOOK. aggiornato alla XLVII Assemblea Nazionale di ELSA Italia 26-29 Aprile 2012 Roma

26-29 Aprile 2012 DECISION BOOK DECISION BOOK. aggiornato alla XLVII Assemblea Nazionale di ELSA Italia 26-29 Aprile 2012 Roma DECISION BOOK aggiornato alla XLVII Assemblea Nazionale di ELSA Italia 26-29 Aprile 2012 Roma In osservanza della decisione ICM IM 01/99II e successivi emendamenti Each National Board should have its decision

Dettagli

PROPOSTA DI PROGRAMMA QUADRIENNIO 2014-2018

PROPOSTA DI PROGRAMMA QUADRIENNIO 2014-2018 PROPOSTA DI PROGRAMMA QUADRIENNIO 2014-2018 Il comitato di condotta ha individuato gli obiettivi principali da raggiungere nei prossimi quattro anni in relazione alle indicazioni dei programmi portati

Dettagli

Linee Guida. La concretezza dell oggetto di lavoro

Linee Guida. La concretezza dell oggetto di lavoro Linee Guida A partire dalle esperienze sviluppate dai singoli partner in relazione al coinvolgimento attivo dei giovani all interno delle specifiche realtà locali, il team di lavoro ha elaborato le seguenti

Dettagli

L IMPORTANZA DELLA FORMAZIONE CONTINUA ALL INTERNO DI ELSA

L IMPORTANZA DELLA FORMAZIONE CONTINUA ALL INTERNO DI ELSA Carissimi SecGens, il manuale che vi accingete a leggere è frutto della traduzione dell Handbook for Training diffuso da ELSA International nel 2006/2007. Le ragioni che mi hanno spinto a volere una traduzione

Dettagli

AD COMUNICATIONS COMPANY PROFILE AD COMUNICATIONS

AD COMUNICATIONS COMPANY PROFILE AD COMUNICATIONS COMPANY PROFILE SCHEDA TECNICA Campagne mirate di e-mail marketing. L e-mail marketing è un mezzo che consente di ottenere in modo continuo nuovi flussi di contatti commerciali qualificati e mirati (ovvero

Dettagli

Unità Formativa 12.1: Pianificare la disseminazione: obiettivi e processo

Unità Formativa 12.1: Pianificare la disseminazione: obiettivi e processo Unità Formativa 12.1: Pianificare la disseminazione: obiettivi e processo Come tutti i progetti finanziati nell ambito del LLP, anche le azioni di mobilità transnazionale debbono prevedere attività di

Dettagli

Polo formativo per l IFTS Economia del Mare FORMARE. Azione di sistema numero 2. Piano di promozione comunicazione e sensibilizzazione.

Polo formativo per l IFTS Economia del Mare FORMARE. Azione di sistema numero 2. Piano di promozione comunicazione e sensibilizzazione. Polo formativo per l IFTS Economia del Mare FORMARE Azione di sistema numero 2 Piano di promozione comunicazione e sensibilizzazione dell utenza 1 INDICE 1. Premessa...3 2. Obiettivi comunicativi...4 3.

Dettagli

Comer Academy. La sede

Comer Academy. La sede Comer Academy Nata nel 2008 per sostenere il processo di cambiamento dell azienda, Comer Academy è il centro per la diffusione della cultura dell eccellenza alla base del modello di business di Comer Industries.

Dettagli

PROGETTO QUALITA PIANO FINANZIARIO

PROGETTO QUALITA PIANO FINANZIARIO PROGETTO QUALITA PIANO FINANZIARIO Progetto Qualità INTESA-CCA 2014-2016 Pagina 1 PROGETTO QUALITA 2014-2016 PREMESSA: Il progetto dopo il periodo di avvio e consolidamento, in base alle osservazioni poste

Dettagli

''I 5 Passi per Dupplicare il modo di fare Network Marketing'' ---> 5) lezione: ''Come Ottimizzare la tua Presenza in facebook e nei Gruppi''

''I 5 Passi per Dupplicare il modo di fare Network Marketing'' ---> 5) lezione: ''Come Ottimizzare la tua Presenza in facebook e nei Gruppi'' J.AThePowerOfSponsorship Di Giuseppe Angioletti http://www.segretidei7uero.altervista.org ''I 5 Passi per Dupplicare il modo di fare Network Marketing'' ---> 5) lezione: ''Come Ottimizzare la tua Presenza

Dettagli

You need the blue way to grow your business

You need the blue way to grow your business You need the blue way to grow your business COMUNICAZIONE GRAFICA ORGANIZZAZIONE EVENTI A SCOPO BENEFICO Un team di professionisti, a disposizione delle organizzazioni NO PROFIT, in grado di farsi carico

Dettagli

Successo A Foreignerslife

Successo A Foreignerslife Guida per il Successo A Foreignerslife Informazioni chiave per un esposizione di successo La lista delle cose da fare Prima, Durante, e Dopo Foreignerslife SOMMARIO I. Prima Dell esposizione: Fa I Compiti

Dettagli

IL PORTALE A SUPPORTO DELLA DIDATTICA E DELLA GESTIONE

IL PORTALE A SUPPORTO DELLA DIDATTICA E DELLA GESTIONE IL PORTALE A SUPPORTO DELLA DIDATTICA E DELLA GESTIONE Di Antonella Della Rovere (luglio 2003) L ambiente accademico sta attraversando un momento di profonda trasformazione: la riforma dei corsi di studio

Dettagli

www.blitzcomunicazione.it

www.blitzcomunicazione.it www.blitzcomunicazione.it SERVIZI Quotidianamente siamo sottoposti a dinamiche di comunicazione pubblicitaria in continuo fermento e rapida mutazione. Nasce in noi l esigenza d interpretare il messaggio

Dettagli

Il Piano di comunicazione

Il Piano di comunicazione Il Piano di comunicazione 23 lezione 11 novembre 2011 Cosa è un piano di comunicazione Il piano di comunicazione è uno strumento utilizzato da un organizzazione per programmare le proprie azioni di comunicazione

Dettagli

ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. SETTORE e Area di Intervento: Educazione e promozione culturale - Sportelli informa

ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. SETTORE e Area di Intervento: Educazione e promozione culturale - Sportelli informa ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO TITOLO DEL PROGETTO: GIOVANI INFORMATI 7 SETTORE e Area di Intervento: Educazione e promozione culturale - Sportelli informa OBIETTIVI DEL PROGETTO Obiettivo

Dettagli

Si ricorda che: PROGETTO PUNTI DI RIFERIMENTO CENTRO DI ORIENTAMENTO E FORMAZIONE

Si ricorda che: PROGETTO PUNTI DI RIFERIMENTO CENTRO DI ORIENTAMENTO E FORMAZIONE (Allegato 1) Si ricorda che: - LA DOMANDA DI SERVIZIO CIVILE VA INVIATA A : ALLE SINGOLE SEDI DI ATTUAZIONE PROGETTO - LE DOMANDE VANNO INVIATE ENTRO IL 27 LUGLIO 2009 ENTRO LE ORE 14.00 (NON FA FEDE IL

Dettagli

Piano annuale della comunicazione

Piano annuale della comunicazione Agenzia Formazione Orientamento Lavoro di Monza e Brianza Piano annuale della comunicazione 2014 Approvato con verbale di determinazione dell amministratore unico n. 30 del 15/11/2013 SOMMARIO Premessa

Dettagli

Guida all uso di Innovatori PA

Guida all uso di Innovatori PA Guida all uso di Innovatori PA Innovatori PA La rete per l innovazione nella Pubblica Amministrazione Italiana Sommario Sommario... 2 Cos è una comunità di pratica... 3 Creazione della comunità... 3 Gestione

Dettagli

Una nuova generazione per l albergo di domani

Una nuova generazione per l albergo di domani I Una nuova generazione per l albergo di domani Indagine su come i giovanni vedono il proprio futuro professionale. Lettura assai utile anche ai senior Il Gruppo Giovani Albergatori sta vivendo una stagione

Dettagli

Progetto Regionale Salvaprecari ABSTRACT

Progetto Regionale Salvaprecari ABSTRACT Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Liguria Direzione Generale Attuazione Protocollo di Intesa Regione Liguria - MIUR del 4/11/2010 per la realizzazione

Dettagli

IL COACHING delle Ambasciatrici

IL COACHING delle Ambasciatrici IL COACHING delle Ambasciatrici European Commission Enterprise and Industry Coaching ambasciatrici WAI-Women Ambassadors in Italy, Ravenna, 20/05/2010 2 FASE 1 Le motivazioni e gli scopi FASE 2 L analisi

Dettagli

ELSA Italia. The European Law Students Association. IL DIZIONARIO ELSIANO La guida alle sigle di ELSA

ELSA Italia. The European Law Students Association. IL DIZIONARIO ELSIANO La guida alle sigle di ELSA ELSA Italia The European Law Students Association IL DIZIONARIO ELSIANO La La guida alle sigle di ELSA A just world in which there the is respect for human dignity and cultural diversity Premessa alla

Dettagli

Oggetto: Differenti modalità di copertura dei posti di Professore universitario di ruolo di Prima e Seconda fascia

Oggetto: Differenti modalità di copertura dei posti di Professore universitario di ruolo di Prima e Seconda fascia Perugia, 17 febbraio 2013 Ai Soci CIPUR Oggetto: Differenti modalità di copertura dei posti di Professore universitario di ruolo di Prima e Seconda fascia Cari colleghi, la progressiva implementazione

Dettagli

Comunicazione e valutazione Leader, verso la prospettiva 2020

Comunicazione e valutazione Leader, verso la prospettiva 2020 REPORT Comunicazione e valutazione Leader, verso la prospettiva 2020 Mestre, 28 giugno 2012 Regione del Veneto - Direzione Piani e Programmi Settore Primario Autorità di Gestione PSR Veneto 2007-2013 Il

Dettagli

DON T FORGET TO LOOK AROUND YOU

DON T FORGET TO LOOK AROUND YOU DON T FORGET TO LOOK AROUND YOU PROFILO AGENZIA Maste Eventi è un agenzia di servizi dinamica ed innovativa che si propone come partner ideale nella realizzazione di soluzioni personalizzate per tutte

Dettagli

Commissione Comunicazione della CRUI: Riunione del 07/04/03

Commissione Comunicazione della CRUI: Riunione del 07/04/03 Commissione Comunicazione della CRUI: Riunione del 07/04/03 Presenti: Sebastiano Bagnara, Politecnico Milano; Giovanni Bechelloni, Università di Firenze; Alessandro Bianchi, Rettore Università Mediterranea

Dettagli

PROGETTO DI EDUCAZIONE AMBIENTALE UNEBA EDUCAZIONE AL RISPARMIO ENERGETICO E AL RICICLO DEI RIFIUTI

PROGETTO DI EDUCAZIONE AMBIENTALE UNEBA EDUCAZIONE AL RISPARMIO ENERGETICO E AL RICICLO DEI RIFIUTI PROGETTO DI EDUCAZIONE AMBIENTALE UNEBA EDUCAZIONE AL RISPARMIO ENERGETICO E AL RICICLO DEI RIFIUTI L UNEBA vuole sottolineare che l ambiente è sempre più al centro delle strategie di sviluppo della comunità

Dettagli

Materiali: business kit, fornito da IGS, contenente le linee guida per la creazione del laboratorio d impresa

Materiali: business kit, fornito da IGS, contenente le linee guida per la creazione del laboratorio d impresa Destinatari: studenti degli istituti superiori del terzo, quarto e quinto anno: protagonisti indiscussi del programma che, grazie al confronto con il Trainer IGS, saranno guidati nella realizzazione e

Dettagli

Dalla ricerca, i professionisti della crescita

Dalla ricerca, i professionisti della crescita AL Dalla ricerca, i professionisti della crescita Agrisystem Scuola di Dottorato per il Sistema Agroalimentare Piacenza scuoledidottorato.unicatt.it/agrisystem INTERNATIO MULTI SECTO 8 RESEARCH AR L Università

Dettagli

Bozza,NV 20 Settembre DOCUMENTO INTRODUTTIVO

Bozza,NV 20 Settembre DOCUMENTO INTRODUTTIVO Bozza,NV 20 Settembre DOCUMENTO INTRODUTTIVO Comitato per lo Sviluppo della Cultura Scientifica e Tecnologica Roma, 8 Ottobre 2010 Premessa Il problema dello sviluppo della cultura Scientifica e Tecnologica

Dettagli

Regolamento del Network ICT Life Sciences (NILS)

Regolamento del Network ICT Life Sciences (NILS) Regolamento del Network ICT Life Sciences (NILS) Art. 1 Costituzione del Network Viene costituito, su iniziativa del Gruppo di Lavoro ICT operante all interno del Distretto Toscano Scienze della Vita,

Dettagli

Eraldo Sanna Passino Delegato per il personale Guido Croci Direttore amministrativo. Organizzazione dei servizi di supporto alla didattica

Eraldo Sanna Passino Delegato per il personale Guido Croci Direttore amministrativo. Organizzazione dei servizi di supporto alla didattica Eraldo Sanna Passino Delegato per il personale Guido Croci Direttore amministrativo Organizzazione dei servizi di supporto alla didattica Premessa: il contesto di riferimento Il decreto ministeriale 270/2004

Dettagli

Lara, Alessio, Alessandro, Federica, Simone, Federico, Silvia & SecGy ELSA Italia IM Team 2013/2014

Lara, Alessio, Alessandro, Federica, Simone, Federico, Silvia & SecGy ELSA Italia IM Team 2013/2014 ELSAI t a l i a Di z i ona r i oelsi a no 20132014 Premessa alla III edizione Carissimi, il naturale decorso del tempo richiede periodicamente un aggiornamento dei principali manuali ELSiani, tra cui questo

Dettagli

Mi Piace! LE NUOVE FRONTIERE DEL MARKETING

Mi Piace! LE NUOVE FRONTIERE DEL MARKETING Mi Piace! Tutti i segreti del web marketing che le aziende devono conoscere per non perdere terreno nel complesso mondo di internet 2.0 Dario Dossena Che cosa c è dietro un mi piace? Qualsiasi cosa sia,

Dettagli

Amministrazioni insieme. Guida alla creazione e manutenzione di sportelli e servizi multiente I passi da seguire Comunicare la rete

Amministrazioni insieme. Guida alla creazione e manutenzione di sportelli e servizi multiente I passi da seguire Comunicare la rete Comunicare la rete Dall analisi realizzata emerge che l attenzione alla comunicazione degli sportelli multiente è molto alta nella fase iniziale, di creazione e lancio dell iniziativa. La comunicazione

Dettagli

ACCORDO CONFINDUSTRIA CRUI

ACCORDO CONFINDUSTRIA CRUI ACCORDO CONFINDUSTRIA CRUI OTTO AZIONI MISURABILI PER L UNIVERSITA, LA RICERCA E L INNOVAZIONE Premessa Nella comune convinzione che Università, Ricerca e Innovazione costituiscano una priorità per il

Dettagli

Oggetto: Comparazione costi - benefici tra modalità alternative di diffusione delle acquisizioni dei progetti

Oggetto: Comparazione costi - benefici tra modalità alternative di diffusione delle acquisizioni dei progetti allegato alla deliberazione n.04/070 del Consiglio Direttivo n.04/2008 del 28 maggio 2008 Oggetto: Comparazione costi - benefici tra modalità alternative di diffusione delle acquisizioni dei progetti Il

Dettagli

Master di II livello in Ingegneria del Petrolio

Master di II livello in Ingegneria del Petrolio Master di II livello in Ingegneria del Petrolio Politecnico di Torino Prof. F. Verga Background - Industria petrolifera Peculiarità dell industria petrolifera: è altamente tecnologica impiega personale

Dettagli

VERBALE DEL CONSIGLIO DIRETTIVO USIENA ALUMNI. Riunione del 27 settembre 2014

VERBALE DEL CONSIGLIO DIRETTIVO USIENA ALUMNI. Riunione del 27 settembre 2014 VERBALE DEL CONSIGLIO DIRETTIVO USIENA ALUMNI Riunione del 27 settembre 2014 Il giorno 27 settembre 2014, alle ore 9:00, si è riunito, presso l'aula 2 del Presidio San Francesco dell Università di Siena,

Dettagli

LA RISOLUZIONE DI GÖTEBORG

LA RISOLUZIONE DI GÖTEBORG TERZA CONFERENZA AMBIENTALE DEI MINISTRI E DEI LEADER POLITICI REGIONALI DELL'UNIONE EUROPEA LA RISOLUZIONE DI GÖTEBORG Dopo l incontro di preparazione tenuto nella regione Rhône-Alpes, Francia, il 28

Dettagli

ITS, OLTRE LA META DEI DIPLOMATI TROVA LAVORO: LO RILEVA INDAGINE CENSIS/CNOS-FAP

ITS, OLTRE LA META DEI DIPLOMATI TROVA LAVORO: LO RILEVA INDAGINE CENSIS/CNOS-FAP ITS, OLTRE LA META DEI DIPLOMATI TROVA LAVORO: LO RILEVA INDAGINE CENSIS/CNOS-FAP A pochi anni dalla loro creazione, è possibile analizzare i primi risultati sugli Istituti Tecnici Superiori. Ad oggi si

Dettagli

[Studio fd ] Aprire il proprio mercato estero - RETE Commerciale per l Internazionalizzazione

[Studio fd ] Aprire il proprio mercato estero - RETE Commerciale per l Internazionalizzazione 2014 Aprire il proprio mercato estero - RETE Commerciale per l Internazionalizzazione F. De Sanzuane http://avvfrancescodesanzuane.info https://www.linkedin.com/pub/francesco-de-sanzuane/37/988/589 https://twitter.com/desanzuane

Dettagli

Laboratorio Efficienza Energetica

Laboratorio Efficienza Energetica Laboratorio Efficienza Energetica Incentiviamo le soluzioni vincenti Presentazione del Progetto 1 Laboratorio Efficienza Energetica Incentiviamo le soluzioni vincenti La crisi economica e la modifica strutturale

Dettagli

comunic@re a 360 xsign / COMUNICAZIONE 2

comunic@re a 360 xsign / COMUNICAZIONE 2 COMUNICAZIONE 2 comunic@re a 360 La comunicazione moderna nasce dall incontro tra linguaggi eterogenei, in grado di fondere diversi elementi, diverse sensibilità ed esperienze, in un messaggio capace di

Dettagli

IL SISTEMA MUSEALE DELLA PROVINCIA DI PARMA

IL SISTEMA MUSEALE DELLA PROVINCIA DI PARMA IL SISTEMA MUSEALE DELLA PROVINCIA DI PARMA Analisi su base economico gestionale delle realtà museali provinciali, per una progettazione consapevole di sviluppo futuro del Sistema museale provinciale.

Dettagli

Ut Occat ora et eaquam esed modisit.

Ut Occat ora et eaquam esed modisit. Ut Occat ora et eaquam esed modisit. Go International! The UniCredit Learning Experience L offerta formativa UniCredit al servizio delle Imprese Catalogo 2014 Company Profile 2013 Benvenuto in Go International!

Dettagli

La comunicazione come risorsa per l impresa innovativa: come preparare un elevator pitch

La comunicazione come risorsa per l impresa innovativa: come preparare un elevator pitch La comunicazione come risorsa per l impresa innovativa: come preparare un elevator pitch Roberta Bartoletti Discum, Università di Urbino Carlo Bo Montefeltro Start up Urbino 23 gennaio 2014 la comunicazione

Dettagli

Sezione: 9. MODELLO OPERATIVO VINCENTE

Sezione: 9. MODELLO OPERATIVO VINCENTE Scopri come Creare e Vendere viaggi online! Sezione: 9. MODELLO OPERATIVO VINCENTE La 5 cose che devi fare per avere successo in questa attività! Sai cosa fa la differenza tra una formula di successo e

Dettagli

ELSA The European Law Students Association. Event Organisation Guide - La tua Guida per un ELSA Event Portfolio di successo

ELSA The European Law Students Association. Event Organisation Guide - La tua Guida per un ELSA Event Portfolio di successo ELSA The European Law Students Association Event Organisation Guide - La tua Guida per un ELSA Event Portfolio di successo Indice 2 Indice...2 Introduzione...3 Panoramica...4 Moot Court/Simulazione Processuale...5

Dettagli

Fondamenti di sviluppo Audiovisivo e Multimediale

Fondamenti di sviluppo Audiovisivo e Multimediale CONTESTO "siamo immersi in una tempesta di segni" (M. Corti) La comunicazione pervade in maniera totalizzante la vita degli esseri umani; è solo la densità comunicativa che distingue l'uomo dagli animali.

Dettagli

FOTO. Corso di laurea Economia XXXXX aziendale. Facoltà di. Laurea triennale. Servizio orientamento. Facoltà di Economia e Giurisprudenza

FOTO. Corso di laurea Economia XXXXX aziendale. Facoltà di. Laurea triennale. Servizio orientamento. Facoltà di Economia e Giurisprudenza Percorsi Formativi Facoltà di Corso di laurea Economia XXXXX aziendale Facoltà di Economia e Giurisprudenza Servizio orientamento Piacenza - Via Emilia Parmense, 84 Scrivi a servizio.orientamento-pc@unicatt.it

Dettagli

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno Indice 01. 02. 03. I tipi di house organ Dall idea al progetto I contenuti A

Dettagli

RACCOLTA ABSTRACT E PUBBLICAZIONI

RACCOLTA ABSTRACT E PUBBLICAZIONI Indice PREFAZIONE INTRODUZIONE La Consulta dei Medici in Formazione Specialistica SItI L attività della Consulta Normativa MATERIALI E METODI Studi inclusi RISULTATI Competenze teoriche - Attività didattica

Dettagli

PartecipAttivo. Organismi proponenti. in partenariato con

PartecipAttivo. Organismi proponenti. in partenariato con Relazione illustrativa del progetto PartecipAttivo Organismi proponenti in partenariato con le Amministrazioni Provinciali di Brescia, Cosenza, Mantova, Pesaro-Urbino, Rieti e Verbano Cusio Ossola le Amministrazioni

Dettagli

PROGETTO CLUB DEGLI ESPORTATORI

PROGETTO CLUB DEGLI ESPORTATORI ACCORDO DI PROGRAMMA PER LO SVILUPPO ECONOMICO E LA COMPETITIVITÀ DEL SISTEMA LOMBARDO Asse 2 Internazionalizzazione misura D PROGETTO CLUB DEGLI ESPORTATORI AVVISO PER LA SELEZIONE DI IMPRESE ANNO 2010

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II SEGRETERIA DIREZIONE GENERALE DR/2015/3387 del 02/10/2015 Firmatari: MANFREDI Gaetano

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II SEGRETERIA DIREZIONE GENERALE DR/2015/3387 del 02/10/2015 Firmatari: MANFREDI Gaetano DR/2015/3387 del 02/10/2015 Firmatari: MANFREDI Gaetano REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DELLA SCUOLA DI MEDICINA E CHIRURGIA DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II TITOLO I ART.

Dettagli

ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. TITOLO DEL PROGETTO: Giovani e Europa: rete a sostegno della mobilità internazionale

ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. TITOLO DEL PROGETTO: Giovani e Europa: rete a sostegno della mobilità internazionale ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO TITOLO DEL PROGETTO: Giovani e Europa: rete a sostegno della mobilità internazionale SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e promozione culturale

Dettagli

FOCUS. www.wikabu.com

FOCUS. www.wikabu.com FOCUS WIKABU: l innovativa app mobile che consente agli utenti di scoprire dove acquistare i prodotti visti in pubblicità (cartacea, cartellonistica e digitale). Il servizio mira a soddisfare sia il bisogno

Dettagli

Deliberazione del Consiglio di Gestione

Deliberazione del Consiglio di Gestione Deliberazione del Consiglio di Gestione Numero 19 del 27-03-2012 Oggetto: PROGRAMMA DELLA COMUNICAZIONE ISTITUZIONALE - ANNO 2012 L'anno duemiladodici il giorno ventisette del mese di marzo alle ore 17:00,

Dettagli

FORMAPI S.r.l. CARTA DI QUALITA DELL OFFERTA FORMATIVA. Rev 0 del 21/10/2011 Firma

FORMAPI S.r.l. CARTA DI QUALITA DELL OFFERTA FORMATIVA. Rev 0 del 21/10/2011 Firma FORMAPI S.r.l. CARTA DI QUALITA DELL OFFERTA FORMATIVA Rev 0 del 21/10/2011 Firma PREMESSA FORMAPI S.r.l. è l Ente di formazione della Confimi Impresa Abruzzo (Confederazione dell Industria Manifatturiera

Dettagli

Questionario Modello di Maturità di Project Management (V.1.5.0)

Questionario Modello di Maturità di Project Management (V.1.5.0) Questionario Modello di Maturità di Project Management (V.1.5.0) E necessario rispondere a tutte le domande riportate di seguito, selezionando la risposta ritenuta migliore o quella che meglio descrive

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA CREAZIONE DI UN GRUPPO TERRITORIALE

LINEE GUIDA PER LA CREAZIONE DI UN GRUPPO TERRITORIALE DI UN GRUPPO TERRITORIALE Associazione a sostegno dell'economia del Bene Comune Questa guida deve servire come aiuto iniziale alle persone, che vogliono costruire un gruppo territoriale nella propria regione.

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: ABITARE INFORMATI 2.0 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO SETTORE e Area di Intervento: EDUCAZIONE E PROMOZIONE CULTURALE E 11 SPORTELLI INFORMA OBIETTIVI DEL PROGETTO Comune

Dettagli

LIONS, BAMBINI AL CENTRO. Guida alla pianificazione

LIONS, BAMBINI AL CENTRO. Guida alla pianificazione LIONS, BAMBINI AL CENTRO Guida alla pianificazione INTRODUZIONE I Lions di tutto il mondo sono coinvolti attivamente per aiutare i bambini e i giovani a crescere bene, specialmente quelli che vivono in

Dettagli

SCHEDA INTERVENTO n.10.3.1.4 - Promozione del Parco fluviale

SCHEDA INTERVENTO n.10.3.1.4 - Promozione del Parco fluviale SCHEDA INTERVENTO n.10.3.1.4 - Promozione del Parco fluviale QUADRO CONOSCITIVO Breve descrizione dell intervento Il parco fluviale di Cuneo trova origine in una proposta avanzata dai cittadini nel lontano

Dettagli

Torno Subito Estero TSE- Diversity management, Gender Equality and Social Innovation

Torno Subito Estero TSE- Diversity management, Gender Equality and Social Innovation Torno Subito Estero TSE- Diversity management, Gender Equality and Social Innovation Percorso formativo/internship Il percorso formativo/ internship in Diversity Management, Gender Equality and Social

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l Istruzione Direzione Generale per gli Ordinamenti Scolastici e per l Autonomia Scolastica Ufficio II MIURAOODGOS prot. n. 10140

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

I protagonisti PROTAGONISTI della settimana saranno le stesse aziende aderenti.

I protagonisti PROTAGONISTI della settimana saranno le stesse aziende aderenti. 11 15 Giugno 2012 T&CW La mission La settimana della formazione e della consulenza è un evento collettivo, con cadenza annuale, diffuso su tutto il territorio di Roma e del Lazio. L idea nasce dall esigenza

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI E DELLE OPPORTUNITà PER IL VOLONTARIATO

CARTA DEI SERVIZI E DELLE OPPORTUNITà PER IL VOLONTARIATO CARTA DEI SERVIZI E DELLE OPPORTUNITà PER IL VOLONTARIATO Identità DarVoce è un associazione di volontariato di secondo livello in quanto i suoi soci sono associazioni di volontariato; ha personalità giuridica;

Dettagli

La città e gli studenti

La città e gli studenti La città e gli studenti S E S S I O N E T E M A T I C A 4 CO- C H A I R S P R O F. M I C H E L E B U G L I E S I R E T T O R E U N I V E R S I T À C À F O S C A R I, V E N E Z I A M A R Z I A F O R O N

Dettagli

Services- Research - Planning S.r.l. Società di servizi, ricerca e progettazione

Services- Research - Planning S.r.l. Società di servizi, ricerca e progettazione Services- Research - Planning S.r.l. Società di servizi, ricerca e progettazione Face to Face Marketing Comunicazione Eventi - Fundraising Ricerchiamo Location per la promozione della Vostra Causa Vi aiutiamo

Dettagli

Indagine sulle Pari Opportunità rivolta agli studenti e alle studentesse dell Università di Roma Tre (Nota Integrativa)

Indagine sulle Pari Opportunità rivolta agli studenti e alle studentesse dell Università di Roma Tre (Nota Integrativa) Indagine sulle Pari Opportunità rivolta agli studenti e alle studentesse dell Università di Roma Tre (Nota Integrativa) 1. Introduzione Questa indagine nasce per fare luce su come il tema delle pari opportunità

Dettagli

RINNOVO DELLA CONSULTA DEGLI STUDENTI DELL ISIA DI FIRENZE TRIENNIO 2010/2013. Elenco e Programmi dei candidati

RINNOVO DELLA CONSULTA DEGLI STUDENTI DELL ISIA DI FIRENZE TRIENNIO 2010/2013. Elenco e Programmi dei candidati RINNOVO DELLA CONSULTA DEGLI STUDENTI DELL ISIA DI FIRENZE TRIENNIO 2010/2013 Elenco e Programmi dei candidati ISIA Firenze, aprile 2010 ELENCO DEI CANDIDATI PER LA CONSULTA DEGLI STUDENTI TRIENNIO 2010-2013

Dettagli

Università degli Studi di Ferrara

Università degli Studi di Ferrara Seduta del 23 maggio 2011 Verbale n. 1 Pag. 1 Verbale della riunione della COMMISSIONE AREA INTERNAZIONALE Il giorno lunedì 23 maggio 2011 alle ore 17,30, presso la Sala Riunioni del Rettorato, si è riunita

Dettagli

Comunicazione e Marketing Organizzazione Aziendale. Industria & ICT Energia Consumer Hi-Tech Cosmesi Turismo & Benessere

Comunicazione e Marketing Organizzazione Aziendale. Industria & ICT Energia Consumer Hi-Tech Cosmesi Turismo & Benessere Comunicazione e Marketing Organizzazione Aziendale Industria & ICT Energia Consumer Hi-Tech Cosmesi Turismo & Benessere MultiPiani si occupa dal 1994 di Comunicazione e Marketing strategico, rivolgendosi

Dettagli

Le risposte alle domande più frequenti Analisi e Gestione dei Fenomeni Sociali, Organizzativi e Territoriali 1. Si trova facilmente lavoro?

Le risposte alle domande più frequenti Analisi e Gestione dei Fenomeni Sociali, Organizzativi e Territoriali 1. Si trova facilmente lavoro? Le risposte alle domande più frequenti sul Corso di Laurea triennale in Analisi e Gestione dei Fenomeni Sociali, Organizzativi e Territoriali Facoltà di Scienze Politiche Università del Piemonte Orientale,

Dettagli

CATALOGO SERVIZI REALI EXPORT

CATALOGO SERVIZI REALI EXPORT CATALOGO SERVIZI REALI EXPORT Legge Regionale 2007, n. 2, articolo 24, comma 13 1/18 Indice Introduzione 3 Piano di marketing strategico per l estero.4 Organizzazione funzione commerciale/ufficio export..5

Dettagli

Catalogo formativo Anno 2012-2013

Catalogo formativo Anno 2012-2013 Catalogo formativo Anno 2012-2013 www.kaleidoscomunicazione.it marketing & innovazione >> Email Marketing >> L email è ad oggi lo strumento di comunicazione più diffuso tra azienda e cliente e dunque anche

Dettagli

Corsi di aggiornamento, congressi, meeting, workshop ECM

Corsi di aggiornamento, congressi, meeting, workshop ECM Corsi di aggiornamento, congressi, meeting, workshop ECM La formazione AB La veloce evoluzione delle conoscenze e delle tecniche che si registra in ambito medico-sanitario richiede un aggiornamento continuo

Dettagli

Scheda progettuale DGR 1098 del 28/6/2013 (Ambito Provincia di Rovigo)

Scheda progettuale DGR 1098 del 28/6/2013 (Ambito Provincia di Rovigo) Allegato B SOS. Dpt Consultorio Familiare, Tutela Minori ed Adolescenza Tel. 0425/393752 Fax 0425/393739 La Responsabile: Dott.ssa Silvana Milanese fam.inf.ado@azisanrovigo.it Scheda progettuale DGR 1098

Dettagli

Università degli Studi di SIENA

Università degli Studi di SIENA Page 1 of 6 Università degli Studi di SIENA Relazione del NdV Indicazioni e raccomandazioni home Appendice degli Allegati 4. Descrizione e valutazione delle modalità e dei risultati della rilevazione dell'opinione

Dettagli

Finalità, strumenti, tappe e organizzazione del progetto

Finalità, strumenti, tappe e organizzazione del progetto Finalità, strumenti, tappe e organizzazione del progetto Info www.ascuoladiopencoesione.it ascuoladiopencoesione@dps.gov.it Pag. 1 1. Cos è A Scuola di OpenCoesione A Scuola di OpenCoesione [ASOC] è il

Dettagli

RELAZIONE SULLA RILEVAZIONE DELLE OPINIONI DEGLI STUDENTI FREQUENTANTI SULLE ATTIVITÀ DIDATTICHE A.A. 2007/08

RELAZIONE SULLA RILEVAZIONE DELLE OPINIONI DEGLI STUDENTI FREQUENTANTI SULLE ATTIVITÀ DIDATTICHE A.A. 2007/08 RELAZIONE SULLA RILEVAZIONE DELLE OPINIONI DEGLI STUDENTI FREQUENTANTI SULLE ATTIVITÀ DIDATTICHE A.A. 2007/08 Indice 1. Premessa... 2 2. Caratteristiche della rilevazione... 3 2.1. Lo strumento di rilevazione:

Dettagli

LAUREA DI PRIMO LIVELLO: GUIDA ALLA PREPARAZIONE DELL ELABORATO FINALE

LAUREA DI PRIMO LIVELLO: GUIDA ALLA PREPARAZIONE DELL ELABORATO FINALE SCUOLA DI ECONOMIA E STATISTICA CORSI DI LAUREA IN ECONOMIA DOCUMENTO DI INDIRIZZO PER LA PREPARAZIONE DELL ELABORATO FINALE LAUREA TRIENNALE - LAUREA SPECIALISTICA - LAUREA MAGISTRALE La Scuola di Economia

Dettagli

ORGANIZZAZIONE DI NUOVI CLUB GUIDA RAPIDA. UNIRSI AI LEADER: www.rotary.org 808-IT (316)

ORGANIZZAZIONE DI NUOVI CLUB GUIDA RAPIDA. UNIRSI AI LEADER: www.rotary.org 808-IT (316) ORGANIZZAZIONE DI NUOVI CLUB GUIDA RAPIDA UNIRSI AI LEADER: www.rotary.org 808-IT (316) LE NOVE FASI PER AVVIARE UN NUOVO ROTARY CLUB Identificazione dell area idonea a ospitare il nuovo club Sviluppo

Dettagli

Un modello organizzativo per la gestione dei volontari. Mimma De Gasperi Servizio programmazione e sviluppo progetti e-mail: mimma.degasperi@unipd.

Un modello organizzativo per la gestione dei volontari. Mimma De Gasperi Servizio programmazione e sviluppo progetti e-mail: mimma.degasperi@unipd. Un modello organizzativo per la gestione dei volontari Mimma De Gasperi Servizio programmazione e sviluppo progetti e-mail: mimma.degasperi@unipd.it Decidere di avere volontari. Implica necessariamente:

Dettagli

CARTA D'INTESA versione finale 13 luglio 2009 aggiornamento su status di osservatore 18 gennaio 2010

CARTA D'INTESA versione finale 13 luglio 2009 aggiornamento su status di osservatore 18 gennaio 2010 CARTA D'INTESA versione finale 13 luglio 2009 aggiornamento su status di osservatore 18 gennaio 2010 Premessa Social Watch è una rete internazionale di organizzazioni della società civile con membri in

Dettagli

INAUGURAZIONE ANNO ACCADEMICO 2014/15 INTERVENTO DEL RAPPRESENTANTE DEGLI STUDENTI NEL CDA SIMONE MAGNANO

INAUGURAZIONE ANNO ACCADEMICO 2014/15 INTERVENTO DEL RAPPRESENTANTE DEGLI STUDENTI NEL CDA SIMONE MAGNANO INAUGURAZIONE ANNO ACCADEMICO 2014/15 INTERVENTO DEL RAPPRESENTANTE DEGLI STUDENTI NEL CDA SIMONE MAGNANO Castellanza, 10 novembre 2014 Signor Presidente, Magnifico Rettore, colleghi Studenti, Autorità

Dettagli

I principi per INGEGNERIA SENZA FRONTIERE si articolano su tre livelli: principi fondamentali principi di quotidianità principi di operatività

I principi per INGEGNERIA SENZA FRONTIERE si articolano su tre livelli: principi fondamentali principi di quotidianità principi di operatività I principi per INGEGNERIA SENZA FRONTIERE si articolano su tre livelli: principi fondamentali principi di quotidianità principi di operatività I principi fondamentali sono quelli che definiscono il senso

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA DIREZIONE AMMINISTRATIVA Servizio programmazione e sviluppo progetti Un modello organizzativo per la gestione dei volontari Dott.ssa Mimma De Gasperi Servizio programmazione

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca DIPARTIMENTO PER L UNIVERSITA, L ALTA FORMAZIONE ARTISTICA E MUSICALE E PER LA RICERCA Direzione Generale per l Università, lo Studente ed il Diritto allo Studio Ufficio IV Il Processo di Bologna Lo Spazio

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA DIPARTIMENTO DI SCIENZE POLITICHE Corso di Laurea Magistrale in Scienze della Politica e del Governo TESI DI LAUREA in Management Pubblico FORMAZIONE E RECLUTAMENTO DEI

Dettagli

ORGANIZZAZIONE FORMAZIONE PROFESSIONALE

ORGANIZZAZIONE FORMAZIONE PROFESSIONALE ORGANIZZAZIONE FORMAZIONE PROFESSIONALE RAPPORTO TECNICO INTERNO n.1 del 17 giugno 2013 Modello di organizzazione della formazione professionale di Monica Bianco, LeMa Consulting S.r.l. Abstract Nel presente

Dettagli

Sindaco BERGAGNA Stefano Passiamo al successivo punto all ordine del. giorno. Cedo un attimo la presidenza al Vice Sindaco perché devo un

Sindaco BERGAGNA Stefano Passiamo al successivo punto all ordine del. giorno. Cedo un attimo la presidenza al Vice Sindaco perché devo un 1 Sindaco BERGAGNA Stefano Passiamo al successivo punto all ordine del giorno. Cedo un attimo la presidenza al Vice Sindaco perché devo un attimo assentarmi, ma è una questione di cinque minuti. Devo uscire,

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Credit Suisse Invest La nuova consulenza d investimento

Credit Suisse Invest La nuova consulenza d investimento Credit Suisse Invest La nuova consulenza d investimento Le vostre esigenze prima di tutto Credit Suisse Invest Mandate Expert Partner Compact 2 / 20 4 Tante buone ragioni Per ottenere ciò che vi aspettate

Dettagli