Capitolato Speciale D appalto Norme Tecniche opere di allestimento 1 NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 5

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Capitolato Speciale D appalto Norme Tecniche opere di allestimento 1 NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 5"

Transcript

1 CO N SO R Z I O D I V A L OR I Z ZA Z I O N E C U L T U R A L E

2 SOMMARIO 1 NORMATIVA DI RIFERIMENTO MATERIALI MATERIALI PER NORME DI SICUREZZA ANTINCENDIO MULTISTRATO TRUCIOLARE ECC VETRI ELEMENTI IN ACCIAIO CARATTERISTICHE TECNICHE GENERALI INTERVENTI OGGETTO DI APPALTO CODICE APPALTO 1_ALLESTIMENTI DESCRIZIONE DEGLI INTERVENTI PREVISTI AL CODICE APPALTO 1A_ TIPO A BOOK-SHOP PIANO NOBILE DESCRIZIONE DEGLI INTERVENTI PREVISTI AL CODICE APPALTO 1B_ TIPO B STRUTTURE ESPOSITIVE VARIE CODICE APPALTO 1B.1 Espositore quadri a cavalletto CODICE APPALTO 1B.2 Cassonetti luminosi CODICE APPALTO 1B.3 Cassonetti luminosi con struttura in mdf CODICE APPALTO 1B.4 Portale in mdf CODICE APPALTO 1B.5 Pannellatura a parete in mdf laccato CODICE APPALTO 1B.6 Pannellatura a parete, in mdf laccato, con monitor incassati CODICE APPALTO 1B.7 Pannellatura a parete, in mdf laccato, con cassonetti luminosi CODICE APPALTO 1B.8 Basamento per statua - Tipologia A CODICE APPALTO 1B.9 Basamento per statua - Tipologia B CODICE APPALTO 1B.10 Basamento per statua - Tipologia C CODICE APPALTO 1B.11 Pedana DESCRIZIONE DEGLI INTERVENTI PREVISTI AL CODICE APPALTO 1C_ TIPO C STRUTTURE PER GRAFICA E SEGNALETICA PER INTERNI CODICE APPALTO 1C.1 Struttura autoportante direzionale - Tipologia A CODICE APPALTO 1C.2 Struttura autoportante direzionale - Tipologia B CODICE APPALTO 1C.3 Struttura autoportante con monitor DESCRIZIONE DEGLI INTERVENTI PREVISTI AL CODICE APPALTO 1D_ TIPO D STRUTTURE PER GRAFICA E SEGNALETICA PER ESTERNI CODICE APPALTO 1D.1 Struttura autoportante direzionale CODICE APPALTO 1D.2 Struttura autoportante bifacciale - Tipologia A CODICE APPALTO 1D.3 Strutture autoportanti bifacciale - Tipologia B CODICE APPALTO 1D.4 Strutture autoportanti bifacciale - Tipologia C CODICE APPALTO 1D.5 Struttura con piano inclinato - Tipologia A CODICE APPALTO 1D.6 Struttura con piano inclinato - Tipologia B

3 5.4.7 CODICE APPALTO 1D.7 Struttura per grafica a parete - Tipologia A CODICE APPALTO 1D.8 Struttura per grafica a parete- Tipologia B CODICE APPALTO 1D.9 Struttura per stendardi bifacciali CODICE APPALTO 1D.10 Struttura per grafica a forma di cubo CODICE APPALTO 1D.11 Targhe in policarbonato - Tipologia A CODICE APPALTO 1D.12 Targhe in policarbonato - Tipologia B DESCRIZIONE DEGLI INTERVENTI PREVISTI AL CODICE APPALTO 1E_ TIPO E SEDUTE PER INTERNI CODICE APPALTO 1E.1 Seduta tipo "taboretto" CODICE APPALTO 1E.2 Seduta tipo sedia CODICE APPALTO 1E.3 Seduta tipo panca CODICE APPALTO 1E.4 Seduta alta livello operativo DESCRIZIONE DEGLI INTERVENTI PREVISTI AL CODICE APPALTO 1F_ TIPO F TECA PER MODELLO VENARIA CODICE APPALTO 1F.1 Teca modello Venaria con corpi illuminanti e predisposizione monitor 34 6 CODICE APPALTO 2_OPERE PROVVISIONALI DESCRIZIONE DEGLI INTERVENTI PREVISTI AL CODICE APPALTO 2_OPERE PROVVISIONALI CODICE APPALTO 2.1_ Sala 8_ Rimozione e adeguamento di allestimenti esistenti CODICE APPALTO 2.2_ Sala 13_ Rimozione, spostamento e adeguamento di allestimenti esistenti CODICE APPALTO 2.3_ Sale 14-15_ Rimozione e spostamento allestimenti esistenti CODICE APPALTO 2.4_ Sala 47 Rimozione, spostamento e adeguamento degli allestimenti esistenti CODICE APPALTO 2.5_ Sale 49 e 50. Rimozione, spostamento e adeguamento degli allestimenti esistenti CODICE APPALTO 2.6_ Smontaggio, spostamento e rimontaggio dei pannelli in vetro autoportanti e appesi CODICE APPALTO 2.7_ Riposizionamento delle strutture di grafica esistenti in piazza della repubblica CODICE APPALTO 2.8_ Rimozione pellicole vetri CODICE APPALTO 2.9_ Montaggio binari halfen CODICE APPALTO 2.10_ Adeguamento regia per video CODICE APPALTO 2.11_ Porta interna CODICE APPALTO 2.12_ Ombrelloni CODICE APPALTO 2.13_ Prova di carico statica CODICE APPALTO 2.14_ Predisposizione edile per appendimento lampadario CODICE APPALTO 2.15_ Copripozzetto in acciaio e cocciopesto CODICE APPALTO 2.16_ Elementi per appendimento CODICE APPALTO 2.17_ redazione progetto grafico CODICE APPALTO 2.18_ Acrochage CODICE APPALTO 3_TENDE E TAPPEZZERIE DESCRIZIONE DEGLI INTERVENTI PREVISTI AL CODICE APPALTO 3_TENDE E TAPPEZZERIE CODICE APPALTO 3.1_Tende - Tipologia A CODICE APPALTO 3.2_Tende - Tipologia B CODICE APPALTO 3.3_Tende - Tipologia C

4 7.1.4 CODICE APPALTO 3.4_Tende - Tipologia D CODICE APPALTO 3.5_Tende - Tipologia E CODICE APPALTO 3.6_ Tappezzeria tesata a parete CODICE APPALTO 3.7_Smontaggio e/o spostamento di tende esistenti CODICE APPALTO 3.8_Sistema di appendimento CODICE APPALTO 4_GRAFICA DESCRIZIONE DEGLI INTERVENTI PREVISTI AL CODICE APPALTO 4_GRAFICA CODICE APPALTO 4.1_ Stampa su pellicola adesiva per interni ed esterni CODICE APPALTO 4.2_ Stampa in speculare su pellicola adesiva per interni e esterni CODICE APPALTO 4.3_ Stampa di testi prespaziati per interni ed esterni CODICE APPALTO 4.4_ Stampa di testi prespaziati calpestebili per interni CODICE APPALTO 4.5_ Elementi testuali in rilievo CODICE APPALTO 4.6_ Stampa diretta su tessuto per interni ed esterni CODICE APPALTO 4.7_ Stampa su pannelli in forex CODICE APPALTO 4.8_ Stampa in speculare su pannelli in policarbonato CODICE APPALTO 4.9 Supporti per grafica in vetro spessore 10mm a filo lucido CODICE APPALTO 4.10_ Supporti per grafica in policarbonato spessore 5mm a filo lucido CODICE APPALTO 4.11_ Supporto per grafica in policarbonato spessore 8mm a filo lucido CODICE APPALTO 4.12_ Supporto per grafica in policarbonato spessore 10mm a filo lucido CODICE APPALTO 4.13_ Supporto per grafica in forex - spessore 5mm CODICE APPALTO 4.14_ Supporto per grafica in dibond - spessore 3mm CODICE APPALTO 4.15_ Supporto per grafica in dibond - spessore 6mm CODICE APPALTO 4.16_ Cornice in alluminio per pannelli in dibond - spessore 3mm CODICE APPALTO 4.17_ Cornice in alluminio per pannelli in dibond - spessore 6mm CODICE APPALTO 4.18_ Supporto per grafica in leger - spessore 20mm CODICE APPALTO 5_TECNOLOGIE DESCRIZIONE DEGLI INTERVENTI PREVISTI AL CODICE APPALTO CODICE APPALTO 5_TECNOLOGIE CODICE APPALTO 5.1_ Monitor led 70 pollici CODICE APPALTO 5.2_ Monitor led 50 pollici CODICE APPALTO 5.3_ Lampade proiettori. KIT DOPPIA LAMPADA - PT - D5100W PANASONIC Mod. ET-LAD57W CODICE APPALTO 5.4_ Lampade proiettori. LAMPADA - PT-D3500 PANASONIC Mod. ET-LAD35W CODICE APPALTO 5.5_ Lampade proiettori. LAMPADA - F20 SXGA + PROJECTIONDESIGN Mod. PLP CODICE APPALTO 5.6_ Proiettore tipo Casio XJ-A CODICE APPALTO 5.7_ Umidificatore CODICE APPALTO 6_FORNITURA DI CORPI ILLUMINANTI DESCRIZIONE DEGLI INTERVENTI PREVISTI AL CODICE APPALTO 6_FORNITURA DI CORPI ILLUMINANTI CODICE APPALTO 6.1_ Binario elettrificato trifase L COL. BIANCO CODICE APPALTO 6.2_ Binario elettrificato trifase L COL. BIANCO CODICE APPALTO 6.3_ Binario elettrificato trifase L COL. BIANCO

5 CODICE APPALTO 6.4_ Testata alimentazione binario trifase elettrificato dx - col. bianco CODICE APPALTO 6.5_ Testata alimentazione binario trifase elettrificato sx - col. bianco CODICE APPALTO 6.6_ Giunto alimentazione a scomparsa per binario trifase elettrificato - col. bianco CODICE APPALTO 6.7_ Giunto multiflex trifase binario elettrificato trifase - col. bianco CODICE APPALTO 6.8_ Binario elettrificato trifase L col. nero CODICE APPALTO 6.9_ Testata alimentazione per binario elettrificato trifase dx - col. nero CODICE APPALTO 6.10_ Testata alimentazione per binario elettrificato trifase sx - col. nero CODICE APPALTO 6.11_ Faretto led 6w CODICE APPALTO 7_ADEGUAMENTI IMPIANTISTICI DESCRIZIONE DEGLI INTERVENTI PREVISTI AL CODICE APPALTO 7_ADEGUAMENTI IMPIANTISTICI CODICE APPALTO 7.1_ adeguamenti impianti elettrici e speciali e relativi adeguamenti edili 62 4

6 1 NORMATIVA DI RIFERIMENTO Ogni parte della fornitura dovrà essere realizzata secondo le specifiche tecnico-prestazionali previste dalle norme UNI e UNI EN in vigore; conformi alle vigenti norme in materia di antinfortunistica, con particolare riferimento al D.P.R. 547/55 e alle norme in materia di sicurezza e salute nei luoghi di lavoro (D.Lgs. 626/94 e successive modifiche e integrazioni); in possesso del requisito di sicurezza Classe E1 relativo all'emissione di formaldeide. D.Lgs. 494/96 del 14 agosto 1996 s.m.i. Attuazione della Direttiva 92/57/CEE concernente le prescrizioni minime di sicurezza e di salute da attuare nei cantieri temporanei e mobili e s.m.i.; D.L. n. 115 del 17 marzo 1995 s.m.i.- Attuazione della direttiva CEE relativa alla Sicurezza Generale dei prodotti; D.P.R. n. 503 del s.m.i. - Regolamento recante norme per l eliminazione delle barriere architettoniche negli edifici, spazi e servizi pubblici; D.M. n. 569 del 20/05/ Regolamento contenente norme di sicurezza antincendio per gli edifici storici e artistici destinati a musei, gallerie, esposizioni e mostre; Qualsiasi altra normativa vigente e aggiornamento alle normative elencate riferite a qualsiasi opera oggetto del presente appalto. 5

7 2 MATERIALI 2.1 MATERIALI PER NORME DI SICUREZZA ANTINCENDIO Tutti i materiali utilizzati nella realizzazione degli allestimenti (ad esclusione degli oggetti esposti al pubblico), dovranno essere conformi a quanto previsto dall art. 5 del D.M. n. 569 del 20/05/1992 (Regolamento contenente norme di sicurezza antincendio per gli edifici storici e artistici destinati a musei, gallerie, esposizioni e mostre) e in particolare: a) i materiali di rivestimento dei pavimenti devono essere di classe non superiore a 2; b) i materiali suscettibili di prendere fuoco su entrambe i lati e gli altri materiali di rivestimento devono essere di classe 1; c) i mobili imbottiti devono essere di classe 1 IM. I materiali citati saranno certificati nella prescritta classe di reazione al fuoco secondo le specificazioni del decreto ministeriale 26 giugno 1984 o decreto ministeriale 6 marzo 1992 e del decreto ministeriale 15 marzo 2005 e s.m.i. come da tabella di seguito indicata. Tabella art. 4 - Prodotti installati lungo le vie di esodo Impiego Classi europee (al posto della classe 1) a) Pavimento (A2 FL -s1),(b FL -s1),(c FL -s1) b) Parete (A2-s1,d0), (A2-s2,d0), (A2-s1,d1), (B-s1,d0), (B-s2,d0), (Bs1,d1) c) Soffitto (A2-s1,d0),(A2-s2,d0), (B-s1,d0),(B-s2,d0) Tabella 1 - Prodotti installati in altri ambienti (impiego a pavimento) Classe italiana Classi europee I Classe 1 (A2 FL -s1),(a2 FL -s2),(b FL -s1),(b FL -s2),(c FL -s1) II Classe 2 (C FL -s2),(d FL -s1) Tabella 2 - Prodotti installati in altri ambienti (impiego a parete) Classe italiana Classi europee (A2-s1,d0),(A2-s2,d0), (A2-s3,d0), (A2-s1,d1), (A2-s2,d1), I Classe 1 (A2-s3,d1),(B-s1,d0),(B-s2,d0), (B-s1,d1),(B-s2,d1) Tabella 3 - Prodotti installati in altri ambienti (impiego a soffitto) Classe italiana Classi europee (A2-s1,d0),(A2-s2,d0), (A2-s3,d0), (A2-s1,d1), (A2-s2,d1), I Classe 1 (A2-s3,d1),(B-s1,d0), (B-s2,d0), (B-s3,d0)(A2-s3,d1), (B-s1,d0), (B-s2,d0),(B-s1,d1), (B-s2,d1) I materiali citati dovranno essere certificati nella prescritta classe di reazione al fuoco secondo le specificazioni del D.M. 26 giugno 1984 (Classificazione di reazione al fuoco ed omologazione dei materiali ai fini della prevenzione incendi), del D.M. 15 marzo 2005 (Requisiti di reazione al fuoco dei prodotti da costruzione installati in attività disciplinate da specifiche disposizioni tecniche di prevenzione incendi in base al sistema di classificazione europeo) e successive modifiche e integrazioni, mentre per i materiali legnosi oltre ai suddetti decreti si può 6

8 far riferimento al D.M. 6 Marzo 1992 ( Norme tecniche e procedurali per la classificazione di reazione al fuoco ed omologazione dei prodotti vernicianti ignifughi applicati su materiali legnosi). Il carico d'incendio relativo alle diverse parti del presente appalto e al materiale da esporre, di tipo combustibile, con esclusione delle strutture e degli infissi combustibili esistenti, non potrà superare i dieci chili di quantità equivalente di legno per metro quadrato in ogni singolo ambiente. Per il calcolo del carico di incendio dovrà essere fatto riferimento alla seguenti norme tecniche di prevenzione incendi: Decreto del Ministero dell Interno del 09 Marzo 2007 Prestazioni di resistenza al fuoco delle costruzioni nelle attività soggette al controllo del Corpo nazionale dei vigili del fuoco. Decreto del Ministro dell interno 16 Febbraio 2007 Classificazione di resistenza al fuoco di prodotti ed elementi costruttivi di opere di costruzione ; Lettera Circolare del Ministero dell Interno prot del 15 febbraio 2008 Pareti di muratura portanti resistenti al fuoco ; Lettera Circolare del Ministero dell Interno prot. 414/4122 sott.55 recante il titolo DM 9 marzo 2007 Prestazioni di resistenza al fuoco delle costruzioni nelle attività soggette al controllo del CNVVF. Chiarimenti ed indirizzi applicativi. Qualsiasi elemento facente parte del presente appalto deve essere ignifugato secondo normativa di riferimento e trattato in officina, non è consentito alcun trattamento in loco, ma esclusivamente il montaggio di elementi già finiti a regola d arte. 2.2 MULTISTRATO TRUCIOLARE ECC Per la costruzioni dei pannelli di multistrato, listellare, truciolare, ecc.. (durante l intero ciclo di produzione del pannello base, dell impiallacciatura e della bordatura) devono essere utilizzate esclusivamente colle di tipo ureico (non termoplastiche) di cui la Ditta Appaltatrice dovrà fornire specifiche schede tecniche. I pannelli una volta assemblati devono essere sottoposti a cicli di verniciatura ignifuga che portano il manufatto in Classe 1 di Reazione al Fuoco. La Ditta Appaltatrice ha l onere di identificare e presentare i campioni dei prodotti presenti in commercio che soddisfano le esigenze progettuali: - Certificati di ignifugazione: secondo la normativa di riferimento. - Caratteristiche tecniche ed estetiche: per parti a vista, alta resistenza meccanica e chimica mantenendo la finitura e colorazione definita durante i lavori (laccature, ecc ); - Manutenzione degli elementi verniciati: con acqua e normali detersivi. 7

9 2.3 VETRI Il vetro deve essere lavorato in modo completo e definitivo prima del trattamento termico. Non è ammessa alcuna ripresa delle lavorazioni dopo la tempra. Le tolleranze sul prodotto monolitico finito devono essere: Lunghezza/larghezza 2 mm Planarità 2 mm/m Diametro dei fori - 0,2+0,8 mm Interasse dei fori 1,5 mm Tutto il processo di fabbricazione deve essere eseguito con particolare accuratezza. Le lastre dovranno essere temprate termicamente e presentare il bordo molato a filo lucido Il trattamento termico di rinforzo meccanico deve essere seguito dal test termico di Heat Soak Test (HST) su tutte le lastre in modo da ottenere un prodotto di sicurezza ai sensi della norma EN Per assicurare la tenuta meccanica dell opera, la parte in vetro temprata deve soddisfare le seguenti prescrizioni di fabbricazione: Sollecitazione di compressione superficiale: Vetro temprato σ 90MPa Ove la stratifica rimane a vista deve essere perfetta e priva di irregolarità. La posa in opera e la movimentazione delle lastre di vetro deve avvenire con cinghie, pinze e ventose in buono stato, conformi ed adatte al tipo di prodotto, alla sua forma e al suo peso. Nella posa dovrà essere sempre evitato il contatto diretto tra l acciaio e il vetro, interponendo uno spessore di neoprene pari a circa 5 mm sulla base di appoggio. Nei tratti di contatto e sovrapposizione di diverse lastre di vetro è necessario interporre, a giudizio del R.E.C., una guarnizione trasparente larga 21mm spessore 5mm o velcro per vetri incollato a scomparsa sul bordo delle lastre (tipo 3M) nell eventualità di assestamento dei vetri stessi. Quanto rimane a vista deve essere rifinito a perfetta regola d arte, con l attenzione al dettaglio. 2.4 ELEMENTI IN ACCIAIO Tutte le parti a vista dovranno essere saldate molate e stuccate in modo da avere un risultato estetico eccellente. Le eventuali saldature a vista dei supporti in ferro dovranno essere di tipo continuo e non per punti e a sezione costante prive di irregolarità e difetti. Particolare cura viene richiesta nella realizzazione delle eventuali linee di giunzione dei profili, nella realizzazione dei dettagli e nella scelta e applicazione di viterie (possibilmente a testa piatta). Tutti gli spigoli delle parti metalliche dovranno presentare regolare bisellatura (secondo normativa vigente) al fine di ridurre il rischio per gli utenti. La profondità e la tipologia delle bisellature verranno definite 8

10 dal R.E.C. in fase di esecuzione. Tutte le lavorazioni meccaniche dovranno essere eseguite prima della finitura finale. La finitura sarà a scelta del REC previa campionatura tra: - Finitura con verniciatura a polveri - Finitura a smalto con doppia mano di antiruggine - Ceratura con cera microcristallina per esterni con effetto ferro nero calaminato o ferro bianco decappato o ferro acidato a scelta del R.E.C. previa campionatura, protettivo finale ad alta resistenza. I profili estrusi già neri per la presenza della "calamina" dopo averli saldati, sono da curare con discatura limitata ai punti coinvolti e, previa pulitura, si devono trattare le superfici abrase con brunitore a freddo. In caso o se necessario riscaldare con fiamma la parte abrasa. 9

11 3 CARATTERISTICHE TECNICHE GENERALI Tutti gli elementi rientranti nel presente appalto dovranno essere di nuova fabbricazione e conformi alle vigenti norme nazionali e comunitarie relative alla produzione, importazione e immissione in commercio e dovranno rispondere ai requisiti previsti dalle disposizioni vigenti in materia al momento dell offerta e sino al collaudo della fornitura. In particolare, anche per quanto attiene a eventuali attrezzature accessorie, la fornitura dovrà essere accompagnata dalle dichiarazioni di conformità previste dalla legislazione vigente sia nazionale che comunitaria. Ogni elemento della fornitura deve essere realizzato con materiali di prima qualità a perfetta regola d arte e deve corrispondere a quanto previsto dalla normativa vigente per quanto riguarda composizione, materiali, dimensionamento e caratteristiche prestazionali, rispettando le norme in materia di controllo dell emissione di sostanze tossiche e nocive. E pertanto vietato l uso di tutti i materiali suscettibili di emettere o cedere sostanze nocive sotto ogni forma (es. gas, vapori, fibre, polveri). La posa in opera è comprensiva di tutta l attrezzatura necessaria e gli oneri relativi a dispositivi, quali trabattelli e scale a norma secondo le vigenti leggi sulla sicurezza del lavoro. Inoltre è compreso il sopralluogo per le misurazioni necessarie alle confezioni richieste e l assistenza amministrativa per le pratiche della corretta posa in opera. I materiali offerti, compresa la parte impiantistica, devono essere conformi alla normativa in relazione all uso al quale sono adibiti e resistenti a urti e abrasioni. I materiali devono altresì soddisfare le caratteristiche di prevenzione degli incendi. Ferme restando le prescrizioni costruttive richieste, la Stazione Appaltante si riserva di richiedere tutte le certificazioni occorrenti a dimostrare la rispondenza dei prodotti ai requisiti specificati nei presenti documenti di appalto e secondo le normative vigenti in materia. Ogni elemento di arredo e allestimento della fornitura dovrà rispettare i requisiti di carattere generale di seguito riportati. - Materiali: tutti i materiali utilizzati nella realizzazione degli allestimenti (a esclusione degli oggetti esposti al pubblico), dovranno essere conformi a quanto previsto dall art. 5 del D.M. n. 569 del 20/05/1992 (Regolamento contenente norme di sicurezza antincendio per gli edifici storici e artistici destinati a musei, gallerie, esposizioni e mostre). Per un maggiore dettaglio si rimanda al C.S.A. Parte I Norme contrattuali. - Caratteristiche di sicurezza: idonee a evitare qualsiasi tipo di danno agli utenti sia alla persona che alle cose (es. abbigliamento, ecc...). - Piani: dovranno essere in materiale antigraffio e antiriflesso. - Vernici: utilizzate dovranno esser di tipo atossico per ogni tipologia di materiale utilizzato. - Bordi: degli arredi non dovranno presentare superfici taglienti. - Bordatura: qualsiasi pannellatura utilizzata per la realizzazione degli arredi e allestimenti del presente appalto (MDF, multistrato, ecc ) deve essere bordata 10

12 completamente su tutti i lati in legno ignifugato e/o abs ignifugo (dea conordare con il REC). - Profili metallici o plastici: dovranno essere chiusi nelle parti terminali con appositi tappi e non presentare alcuna sbavatura. - Pannellature dei mobili: i rivestimenti che compongono le pannellature di uno stesso allestimento o arredo, dovranno essere selezionati e montati, in modo da evitare qualsiasi difformità sia cromatica che nella laccatura, tra le diverse parti a vista. - Spigoli vivi: non dovranno presentare alcuna discontinuità, dovuta a difetti di incollaggio o a tecniche di assemblaggio non appropriate. - Fissaggi: qualsiasi tipo di fissaggio, dovrà essere realizzato in modo tale da risultare invisibile dall'esterno. - Dimensioni: devono essere verificate in loco, nel rispetto degli ordini architettonici esistenti, e possono subire variazioni, a insindacabile giudizio del R.E.C. senza aumenti di costi. - Finiture: tutte le parti a vista devono essere realizzate in modo da ottenere un risultato visivo estetico eccellente di prima qualità e ove necessario in conformità con quanto già esistente. - Ferramenta: tutta la ferramenta impiegata dovrà essere in acciaio inox, finitura spazzolata o lucida; viti da legno zincate, colla ureica e quant altro necessario al completamento a regola d arte. Ove richiesto la ferramenta impiegata dovrà essere tipo anticata a scelta della D.L. previa campionatura. - Elementi di irrigidimento all interno dei mobili: ogni mobile deve essere costruito in modo da garantirne la portata e perfetta stabilità, gli elementi di irrigidimento devono essere posizionati a scomparsa all interno dello scafo con elementi in multistrato di pioppo nazionale ignifugato spessore 20 mm, in ferro e quant altro necessario a garantire la portata dell intero mobile. - Piedi di livellamento: i piedi di regolazione in altezza dovranno garantire la perfetta stabilità dell arredo e delle opere ivi esposte, in relazione alle diverse pavimentazioni esistenti irregolari (mattonelle di cotto o coccio pesto). Qualsiasi parte dell arredo deve rimanere sollevato da terra dai 5 ai 10mm. È onere dell Appaltatore proporre alla D.L. previa campionature, le tipologie, in riferimento ai diversi arredi/allestimenti, che rispondono al meglio ai requisiti di: resistenza, facilità di regolazione, poca visibilità dall esterno ( a scomparsa ). - Sistema di chiusura a serratura: tutte le serrature a chiave presenti nei diversi elementi oggetto di appalto, devono essere DI SICUREZZA, PER LA MASSIMA TUTELA DELLE OPERE IVI ESPOSTE. Saranno complanari al piano di installazione e con chiave unica o a più chiavi a esclusiva discrezione del R.E.C. - Rivestimenti in tessuto: dovranno essere utilizzati solo tessuti di primissima qualità e, in relazione all arredo, dovranno essere perfettamente aderenti al supporto e privi di irregolarità (pieghe ecc ), secondo campionatura da sottoporre all approvazione del 11

13 REC. - Policarbonato: dovrà essere utilizzato unicamente policarbonato colato con bordatura a filo lucido delle parti a vista. I supporti in policarbonato dovranno avere superfici lucide e levigate, dovranno essere piegati a caldo o assemblati con collanti a freddo e dotati di tutti quei particolari atti a sostenere le presentare gli oggetti esposti. 12

14 4 INTERVENTI OGGETTO DI APPALTO Le forniture e opere in appalto sono di seguito descritte in modo analitico, facendo riferimento ai documento d appalto della Sezione II Elaborati grafici. Oltre a quanto contenuto nei diversi documenti in appalto, il R.E.C. si riserva di fornire in durante la fase di redazione dei disegni costruttivi (a carico dell Appaltatore) e/o in corso d'opera i dettagli costruttivi e i particolari esecutivi che riterrà necessari per la realizzazione delle opere in ogni parte. I componenti della fornitura dovranno essere rispondenti e conformi ai requisiti e alle caratteristiche tecniche minime di seguito illustrate, salvo diverse indicazioni fornite dal R.E.C., è altresì compreso qualsiasi altro elemento, lavorazione, ecc necessario per dare l oggetto in appalto finito in ogni parte e funzionante a perfetta regola d arte. Tutte le parti a vista devono essere trattate con finiture estetiche eccellenti. Gli elementi oggetto del presente appalto sono di seguito elencati: CODICE APPALTO DESCRIZIONE DELL'ARTICOLO 1 ALLESTIMENTI 1A TIPO A Book-shop Piano Nobile 1A.1 Scaffalature espositive con sistema integrato di illuminazione 1A.2 Appoggi 1A.3 Banco cassa 1B TIPO B Strutture espositive varie 1B.1 Espositore quadri a cavalletto 1B.2 Cassonetti luminosi 1B.3 Cassonetti luminosi con struttura in MDF 1B.4 Portale in mdf 1B.5 Pannellatura a parete in mdf laccato 1B.6 Pannellatura a parete, in mdf laccato, con monitor incassati 1B.7 Pannellatura a parete, in mdf laccato, con cassonetti luminosi 13

15 1B.8 Basamento per statua - Tipologia A 1B.9 Basamento per statua - Tipologia B 1B.10 Basamento per statua - Tipologia C 1B.11 Pedana 1C TIPO C Strutture per grafica e segnaletica per interni 1C.1 Struttura autoportante direzionale - Tipologia A 1C.2 Struttura autoportante direzionale - Tipologia B 1C.3 Struttura autoportante con monitor 1D TIPO D Strutture per grafica e segnaletica per esterni 1D.1 Struttura autoportante direzionale 1D.2 Struttura autoportante bifacciale - Tipologia A 1D.3 Strutture autoportanti bifacciale - Tipologia B 1D.4 Strutture autoportanti bifacciale bifacciale - Tipologia C 1D.5 Struttura con piano inclinato - Tipologia A 1D.6 Struttura con piano inclinato - Tipologia B 1D.7 Struttura per grafica a parete - Tipologia A 1D.8 Struttura per grafica a parete- Tipologia B 1D.9 Struttura per stendardi bifacciali 1D.10 Struttura per grafica a forma di cubo 1D.11 Targhe in policarbonato - Tipologia A 1D.12 Targhe in policarbonato - Tipologia B 1E TIPO E Sedute per interni 1E.1 Seduta tipo "taboretto" 14

16 1E.2 Seduta tipo sedia 1E.3 Seduta tipo panca 1E.4 Seduta alta livello operativo 1F TIPO F Teca per modello Venaria 1F.1 Teca modello venaria con corpi illuminanti e predisposizione per monitor 2 OPERE PROVVISIONALI 2.1 Sala 8_ Rimozione e adeguamento di allestimenti esistenti 2.2 Sala 13_ Rimozione, spostamento e adeguamento di allestimenti esistenti 2.3 Sale 14-15_ Rimozione e spostamento allestimenti esistenti 2.4 Sala 47 Rimozione, spostamento e adeguamento degli allestimenti esistenti 2.5 Sale 49 e 50. Rimozione, spostamento e adeguamento degli allestimenti esistenti 2.6 Smontaggio, spostamento e rimontaggio dei pannelli in vetro autoportanti e appesi 2.7 Riposizionamento delle strutture di grafica esistenti in Piazza della Repubblica 2.8 Rimozione pellicole vetri 2.9 Montaggio binari halfen 2.10 Adeguamento regia per video 2.11 Porta interna 2.12 Ombrelloni 2.13 Prova di carico statica 2.14 Predisposizione edile per appendimento lampadario 15

17 2.15 Copripozzetto in acciaio e cocciopesto 2.16 Elementi per appendimento 2.17 Redazione progetto grafico 2.18 Acrochage 3 TENDE E TAPPEZZERIE 3.1 Tende - Tipologia A 3.2 Tende - Tipologia B 3.3 Tende - Tipologia C 3.4 Tende - Tipologia D 3.5 Tende - Tipologia E 3.6 Tappezzeria tesata a parete 3.7 Smontaggio e/o spostamento di tende esistenti 3.8 Sistema di appendimento 4 GRAFICA 4.1 Stampa su pellicola adesiva per interni ed esterni 4.2 Stampa in speculare su pellicola adesiva per interni e esterni 4.3 Stampa di testi prespaziati per interni ed esterni 4.4 Stampa di testi prespaziati calpestebili per interni 4.5 Elementi testuali in rilievo 4.6 Stampa diretta su tessuto per interni ed esterni 4.7 Stampa su pannelli in Forex 16

18 4.8 Stampa in speculare su pannelli in policarbonato 4.9 Supporti per grafica in vetro spessore 10mm a filo lucido 4.10 Supporti per grafica in policarbonato spessore 5mm a filo lucido 4.11 Supporto per grafica in policarbonato spessore 8mm a filo lucido 4.12 Supporto per grafica in policarbonato spessore 10mm a filo lucido 4.13 Supporto per grafica in Forex - spessore 5mm 4.14 Supporto per grafica in Dibond - spessore 3mm 4.15 Supporto per grafica in Dibond - spessore 6mm 4.16 Cornice in alluminio per pannelli in Dibond - spessore 3mm 4.17 Cornice in alluminio per pannelli in Dibond - spessore 6mm 4.18 Supporto per grafica in leger - spessore 20mm 5 TECNOLOGIE 5.1 Monitor Led 70 pollici 5.2 Monitor Led 50 pollici 5.3 Lampade proiettori. KIT DOPPIA LAMPADA - PT - D5100W PANASONIC Mod. ET-LAD57W 5.4 Lampade proiettori. LAMPADA - PT-D3500 PANASONIC Mod. ET-LAD35W 5.5 Lampade proiettori. LAMPADA - F20 SXGA + PROJECTIONDESIGN Mod. PLP Proiettore tipo Casio XJ-A Umidificatore 6 FORNITURA DI CORPI ILLUMINANTI 6.1 Binario elettrificato trifase L COL. BIANCO 6.2 Binario elettrificato trifase L COL. BIANCO 17

19 6.3 Binario trifase elettrificato L COL. BIANCO 6.4 Testata alimentazione binario trifase elettrificato dx - COL. BIANCO 6.5 Testata alimentazione binario trifase elettrificato sx - COL. BIANCO 6.6 Giunto alimentazione a scomparsa per binario trifase elettrificato - COL. BIANCO 6.7 Giunto multiflex trifase binario elettrificato trifase - COL. BIANCO 6.8 Binario elettrificato trifase L COL. NERO 6.9 Testata alimentazione per binario elettrificato trifase dx - COL. NERO 6.10 Testata alimentazione per binario elettrificato trifase sx - COL. NERO 6.11 Faretto LED 6W 7 ADEGUAMENTI IMPIANTISTICI 7.1 Adeguamenti impianti elettrici e speciali e relativi adeguamenti edili Nella descrizione che segue dei diversi elementi in appalto, si deve tener conto che, anche dove non espressamente detto, tutti i materiali devono essere ignifughi nel rispetto delle normative vigenti in materia, anche all interno degli arredi. 18

20 5 CODICE APPALTO 1_ALLESTIMENTI 5.1 DESCRIZIONE DEGLI INTERVENTI PREVISTI AL CODICE APPALTO 1A_ TIPO A BOOK-SHOP PIANO NOBILE L allestimento prevede la creazione di un nuovo bookshop al Piano Nobile di accesso alle Sale delle Arti. Vista la complessità descrittiva di ogni parte dell allestimento si rimanda all elaborato grafico II DESCRIZIONE DEGLI INTERVENTI PREVISTI AL CODICE APPALTO 1B_ TIPO B STRUTTURE ESPOSITIVE VARIE CODICE APPALTO 1B.1 Espositore quadri a cavalletto Espositore di quadri a cavalletto, realizzato in acciaio, con doppia mano di antiruggine e verniciatura a polveri (RAL come esistenti). Gli espositori oggetto del presente articolo sono già esistenti nella Sala 2. Pertanto i disegni allegati sono puramente indicativi e i nuovi espositori dovranno essere realizzati come quelli esistenti CODICE APPALTO 1B.2 Cassonetti luminosi Fornitura, posa in opera e installazione di cassonetti luminosi monofacciali (Sistema Tipo MATRIX FRAME), di misure varie completi, completi di: - cornice in alluminio anodizzato poco profonda, ma comunque di profondità tale da garantire il perfetto, diffuso e uniforme illuminamento delle stampe retroilluminate; - illuminazione con strisce led continue su tutto il fondo in modo del cassonetto in modo da garantire un illuminazione diffusa e uniforme; - tessuto in poliestere con ai quattro lati cucito un bordo in silicone per garantire la perfetta tesatura delle tele; - cablaggio e collegamento elettrico al punto più vicino di alimentazione indicato dal R.E.C.. Tali collegamenti dovranno essere fatti all interno delle strutture allestitive (ad esempio cod.app. 1B.7) e/o dietro alle tappezzerie tesate (cod.app.3.6) a scomparsa totale. - stampa digitale su tessuto in classe 1 di esecutivi da voi forniti (vedi cod.app.2.17) ad almeno 100/150DPI in scala 1:1 del formato finale del pannello ; 19

PROGETTO DI ALLESTIMENTO DELLA SEZIONE "RESTAURO" ALL'INTERNO DEL MUSEO PERMANENTE DELLA REGGIA DI VENARIA REALE

PROGETTO DI ALLESTIMENTO DELLA SEZIONE RESTAURO ALL'INTERNO DEL MUSEO PERMANENTE DELLA REGGIA DI VENARIA REALE ALL'INTERNO DEL MUSEO PERMANENTE DELLA REGGIA DI VENARIA REALE INDICE Art.1 NORMATIVA DI RIFERIMENTO Art.2 MATERIALI Art.3 CARATTERISTICHE TECNICHE GENERALI Art.4 DESCRIZIONE TECNICA DI DETTAGLIO Pagina

Dettagli

Modulo Offerta Economica

Modulo Offerta Economica Modulo Offerta Economica Marca da bollo da 16,00 INTERVENTI DI AMMODERNAMENTO E ADEGUAMENTO DI ALLESTIMENTI, SUPPORTI INFORMATICI, IMPIANTI E TECNOLOGIE PER IL MIGLIORAMENTO DELLA FRUIZIONE DELLA REGGIA,

Dettagli

C O N S O R Z I O D I V A L O R I Z ZA Z I O N E C U L T U R A L E Computo metrico

C O N S O R Z I O D I V A L O R I Z ZA Z I O N E C U L T U R A L E Computo metrico CONSOR Z I O D I V A L OR I Z ZA Z I O NE C U L T U R A L E Computo metrico Il presente documento riporta le descrizioni sintetiche. Le caratteristiche tecniche e quanto previsto in ciascun articolo sono

Dettagli

n Rif. INDICAZIONE DEI LAVORI U.M Prezzo unitario 1 AN1 Fornitura e posa in opera, secondo i disegni

n Rif. INDICAZIONE DEI LAVORI U.M Prezzo unitario 1 AN1 Fornitura e posa in opera, secondo i disegni n Rif. INDICAZIONE DEI LAVORI U.M Prezzo unitario 1 AN1 Fornitura e posa in opera, secondo i disegni, di arredo artigianale su misura composto - Panca in lamiera nera 10/10, con struttura in ferro a sezione

Dettagli

ALLESTIMENTO DESCRIZIONE DEI LAVORI

ALLESTIMENTO DESCRIZIONE DEI LAVORI ALLESTIMENTO DESCRIZIONE DEI LAVORI 00A INGRESSO - Fornitura e posa di n. 1 pedana mq 11. (vd Disegni Allegati) Finitura laccata lucida con stampe di giornali dell epoca e h dal pavimento 20 cm Ogni Struttura

Dettagli

DISCIPLINARE TECNICO

DISCIPLINARE TECNICO ALLEGATO B Oggetto: FORNITURA DI ARREDI PER L ALLESTIMENTO DEL MUSEO ASTRONOMICO E COPERNICANO PRESSO L ISTITUTO NAZIONALE DI ASTROFISICA IN ROMA, VIALE DEL PARCO MELLINI, 84. Progetto: Arch. Francesca

Dettagli

Fornitura e Posa in Opera di segnaletica nel Complesso Didattico e di ricerca di via Laura 48 a Firenze DESCRIZIONE DELLA FORNITURA PREMESSA

Fornitura e Posa in Opera di segnaletica nel Complesso Didattico e di ricerca di via Laura 48 a Firenze DESCRIZIONE DELLA FORNITURA PREMESSA PREMESSA Le opere oggetto dell appalto consistono nella fornitura e posa in opera di segnaletica interna ed esterna, di tipo murale a sospensione, o su gambe, nelle varie dimensioni secondo le caratteristiche

Dettagli

SCHEDA TECNICA DESCRITTIVA Allegato: A 1 - Rif. Sedia per aula informatica. Caratteristiche costruttive e di fornitura:

SCHEDA TECNICA DESCRITTIVA Allegato: A 1 - Rif. Sedia per aula informatica. Caratteristiche costruttive e di fornitura: Sedia per aula informatica SI / 09 Sedia ergonomica per aula informatica con ruote basamento = Ø compreso tra 55 e 62 cm. larghezza sedile = 40 cm. - largh. schienale = 36 cm profondità sedile = minima

Dettagli

Finitura: Le strutture in ferro dovranno essere finite in ogni parte con verniciatura micacea su fondo protettivo [vedi ALLEGATO 1 - TAVOLA 8.01].

Finitura: Le strutture in ferro dovranno essere finite in ogni parte con verniciatura micacea su fondo protettivo [vedi ALLEGATO 1 - TAVOLA 8.01]. FORNITURE Fornitura, realizzazione e montaggio nei luoghi indicati nelle schede di TRANSENNE IN FERRO [rif. ALLEGATO 1 - TAVOLE 1.01, 1.02, 1.03, 1.04, 1.05] da realizzare con elementi piatti e scatolari

Dettagli

Relazione. Domenico De Gaetano

Relazione. Domenico De Gaetano CONSOR Z I O D I V A L OR I Z ZA Z I O NE C U L T U R A L E Domenico De Gaetano La presente relazione fa parte integrante dell appalto che ha per oggetto la fornitura e posa in opera di allestimenti, arredi

Dettagli

Capitolato Tecnico (Allegato B) CONTROMARCHE. Prezzo stimato a base d'asta (IVA esclusa) Tempi di realizzazione. Descrizione

Capitolato Tecnico (Allegato B) CONTROMARCHE. Prezzo stimato a base d'asta (IVA esclusa) Tempi di realizzazione. Descrizione CONTROMARCHE Fornitura, posa in opera di contromarche su supporto in metacrilato neutro o colorato 5 mm con numeri serigrafati, di dimensioni in cm 3 di diametro, compresa la ideazione grafica come da

Dettagli

MICAM Marzo - Milano 06/09 marzo 2011. Responsabile scientifico: prof. arch. Carine Gambardella. Progettista: prof. arch. Claudio Gambardella

MICAM Marzo - Milano 06/09 marzo 2011. Responsabile scientifico: prof. arch. Carine Gambardella. Progettista: prof. arch. Claudio Gambardella MICAM Marzo - Milano 06/09 marzo 2011 Responsabile scientifico: prof. arch. Carine Gambardella Progettista: prof. arch. Claudio Gambardella Oggetto: Capitolato per Allestimento

Dettagli

F.A.Q. COMUNICAZIONI E CHIARIMENTI IN MERITO AL BANDO ED ALLEGATA DOCUMENTAZIONE

F.A.Q. COMUNICAZIONI E CHIARIMENTI IN MERITO AL BANDO ED ALLEGATA DOCUMENTAZIONE F.A.Q. Fornitura di arredi per l allestimento delle aule e dei laboratori nel nuovo Complesso di Biologia e Biomedicina dell Università degli Studi di Padova - Codice C.I.G.: 5268020B9E COMUNICAZIONI E

Dettagli

S.P.T. spa via A. Moro n 23 - Como -

S.P.T. spa via A. Moro n 23 - Como - S.P.T. spa via A. Moro n 23 - Como - PROGETTO PER REALIZZAZIONE NUOVI UFFICI in via ANZANI n 37 - COMO COMPUTO METRICO ESTIMATIVO OPERE EDILI ed AFFINI Il progettista Agosto 2011 Demolizioni Demolizione

Dettagli

viene offerto. n.42 s.m.i. Codice dei Beni Culturali e del Paesaggio ai sensi dell Art. 10 della Legge 6 luglio 2002 n.137.

viene offerto. n.42 s.m.i. Codice dei Beni Culturali e del Paesaggio ai sensi dell Art. 10 della Legge 6 luglio 2002 n.137. La presente relazione fa parte integrante dell appalto che ha per oggetto la fornitura e posa in opera di allestimenti e arredi a disegno per il Bookshop/Emporio, nel Complesso della Reggia di Venaria

Dettagli

New Dedalo parete divisoria

New Dedalo parete divisoria New Dedalo parete divisoria Modulo standard cieco L 100 P 10 da 104 al mq. (esclusa posa) PRONTA CONSEGNA Finiture arredi e pareti CARATTERISTICHE TECNICHE Struttura portante La struttura interna della

Dettagli

Descrizione tecnica pareti divisorie ed attrezzate di ns. produzione

Descrizione tecnica pareti divisorie ed attrezzate di ns. produzione Descrizione tecnica pareti divisorie ed attrezzate di ns. produzione Modulart Steel 2000, parete divisoria mobile attrezzabile a doppio pannello in acciaio zincato plastificato, irrigidito con lastre di

Dettagli

AGENZIA REGIONALE DI PROTEZIONE CIVILE

AGENZIA REGIONALE DI PROTEZIONE CIVILE SOMMARIO 1 1.1 1.2 1.3 1.4 MARCHIO Costruzione tecnica Esempi di leggibilità e riduzione Versione a colori Versione in bianco e nero pag. 3 pag. 4 pag. 5 pag. 5 2 2.1.1.2.3.4.5.6 2.3 2.3.1 2.3.2 2.4 2.4.1

Dettagli

Preinsegna - Art. 6.1 del PGIP. scheda tecnica. Comune di Bruino PROVINCIA DI TORINO. Comune di BRUINO

Preinsegna - Art. 6.1 del PGIP. scheda tecnica. Comune di Bruino PROVINCIA DI TORINO. Comune di BRUINO L impianto è' costituito da due pali di sostegno realizzati con profilo tubolare in estruso di alluminio avente dimensioni di mm. 80x3500x80. Alle estremità i pali sono completati da un tappo di chiusura

Dettagli

NUOVI ELEMENTI DI ARREDO PER STANZE AGH LATO MONTE TIPOLOGIA ARREDO STANZA 1 (LETTO ALLA FRANCESE) 1.1. pianta scala 1:50

NUOVI ELEMENTI DI ARREDO PER STANZE AGH LATO MONTE TIPOLOGIA ARREDO STANZA 1 (LETTO ALLA FRANCESE) 1.1. pianta scala 1:50 TIPOLOGIA ARREDO STANZA 1 (LETTO ALLA FRANCESE) 1* 4 3 2 pianta scala 1:50 nota: l elemento 1* è previsto in due versioni (scheda 1.2-1.3) per adattarsi alla presenza nel piano primo dei fancoil e nei

Dettagli

CAPITOLATO TECNICO PER LA FORNITURA DI ARREDI PER AULE

CAPITOLATO TECNICO PER LA FORNITURA DI ARREDI PER AULE ALLEGATO AL CONTRATTO PER LA FORNITURA DI ARREDI PER AULE CAPITOLATO TECNICO PER LA FORNITURA DI ARREDI PER AULE Il presente capitolato ha per oggetto la fornitura dei seguenti arredi per aule per gli

Dettagli

COMPUTO METRICO RIQUALIFICAZIONE CASA VOLTA - P.1

COMPUTO METRICO RIQUALIFICAZIONE CASA VOLTA - P.1 COMPUTO METRICO RIQUALIFICAZIONE CASA VOLTA - P.1 A 1 LAVORI EDILI DI ADEGUAMENTO LOCALI P.1 "CASA VOLTA" PER SPAZIO ESPOSITIVO DI DOCUMENTI ED OGGETTI Pavimenti in parquet di mm. 15 in opera con sistema

Dettagli

LOTTO 6 RIF. 82 SUB LOTTO 6.1.A DESCRIZIONE: N. 1725 SEDUTA FISSA SENZA BRACCIOLI PER VISITATORE IMBOTTITA

LOTTO 6 RIF. 82 SUB LOTTO 6.1.A DESCRIZIONE: N. 1725 SEDUTA FISSA SENZA BRACCIOLI PER VISITATORE IMBOTTITA LOTTO 6 RIF. 82 SUB LOTTO 6.1.A DESCRIZIONE: N. 1725 SEDUTA FISSA SENZA BRACCIOLI PER VISITATORE IMBOTTITA Produzione JDS denominazione del prodotto KETTY Fissa; su telaio metallico a quattro gambe; Sedile

Dettagli

TAO 10. Design: MAURO LIPPARINI

TAO 10. Design: MAURO LIPPARINI TAO 10 Design: MAURO LIPPARINI Derivato da TAO DAY, sistema trainante per la zona giorno di MisuraEmme, il sistema TAO10 è una nuova proposta che ne esalta i contenuti estetici, funzionali e di attualità.

Dettagli

Allegato B. Schede tecnico-costruttive degli impianti di Pubblicità esterna

Allegato B. Schede tecnico-costruttive degli impianti di Pubblicità esterna ACCORDO DI COLLABORAZIONE EX ART. 43 DELLA LEGGE 449/1997 E ART. 119 DEL D.LGS N. 267/2000 tra la Società HI-COM s.r.l. in qualità di Collaborante ed il Comune di Tortoreto in qualità di Collaboratore

Dettagli

Porta battente: presentazione prodotto. Caratteristiche e particolari tecnici. Dimensioni e versioni disponibili

Porta battente: presentazione prodotto. Caratteristiche e particolari tecnici. Dimensioni e versioni disponibili MDE IN ITLY Porta battente: presentazione prodotto La porta invisibile PannelloFilomuro rappresenta il prodotto ideale per una soluzione di perfetta continuità tra parete e porta, grazie all uso di un

Dettagli

Elenco di verifica del capitolato secondo CPN. Alba top rivestimento di soffitti CD-A 27 / 40

Elenco di verifica del capitolato secondo CPN. Alba top rivestimento di soffitti CD-A 27 / 40 Elenco di verifica del capitolato secondo CPN Alba top rivestimento di soffitti CD-A 27 / 40 Oggetto: 0707105B I Planerheft Alba CD-A-27/40 EI90 Pagina 1 000 Condizioni 090 Prescrizioni.. Posizioni di

Dettagli

GESU UN CORPO UN VOLTO PER L ARTE

GESU UN CORPO UN VOLTO PER L ARTE La Venaria Reale Consorzio di Valorizzazione Culturale La Venaria Reale Area Fruizione e Valorizzazione Allestimento mostra temporanea GESU UN CORPO UN VOLTO PER L ARTE Scuderia Grande del Palazzo di Venaria

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO NORME TECNICHE

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO NORME TECNICHE CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO NORME TECNICHE Procedura ristretta accelerata per l affidamento dell allestimento della mostra temporanea dal titolo Moda in Italia. 150 anni di eleganza presso il Complesso

Dettagli

Dai luce ai tuoi sogni

Dai luce ai tuoi sogni IL MODULO VETRATO NEL CARTONGESSO IL MODULO VETRATO Dai luce ai tuoi sogni IL MODULO VETRATO PER PARETI IN CARTONGESSO È il modulo vetrato per creare visibilità e luce nelle pareti in cartongesso. VETROFACILE,

Dettagli

ALLEGATO TECNICO A1 al Capitolato Speciale d Appalto Prescrizioni tecniche

ALLEGATO TECNICO A1 al Capitolato Speciale d Appalto Prescrizioni tecniche Procedura aperta per la fornitura di contenitori per la raccolta differenziata dei rifiuti, con capacità pari a 120, 240, 1100 litri. ALLEGATO TECNICO A1 al Capitolato Speciale d Appalto Prescrizioni tecniche

Dettagli

2. INTERVENTI DI ADEGUAMENTO DEGLI EDIFICI ESISTENTI PROPEDEUTICI ALLA REALIZZAZIONE DELL IMPIANTO FOTOVOLTAICO... 4

2. INTERVENTI DI ADEGUAMENTO DEGLI EDIFICI ESISTENTI PROPEDEUTICI ALLA REALIZZAZIONE DELL IMPIANTO FOTOVOLTAICO... 4 SOMMARIO 1. PREMESSA... 2 2. INTERVENTI DI ADEGUAMENTO DEGLI EDIFICI ESISTENTI PROPEDEUTICI ALLA REALIZZAZIONE DELL IMPIANTO FOTOVOLTAICO... 4 3. INTERVENTI DI ADEGUAMENTO DELL AREA PARCHEGGI PER LA POSA

Dettagli

PIEMONTE FORNITURA ARREDI PER L ALLESTIMENTO DEL RISTORANTE UNIVERSITARIO PRINCIPE AMEDEO [01634367A5] CAPITOLATO TECNICO

PIEMONTE FORNITURA ARREDI PER L ALLESTIMENTO DEL RISTORANTE UNIVERSITARIO PRINCIPE AMEDEO [01634367A5] CAPITOLATO TECNICO PIEMONTE FORNITURA ARREDI PER L ALLESTIMENTO DEL RISTORANTE UNIVERSITARIO PRINCIPE AMEDEO CIG [01634367A5] CAPITOLATO TECNICO PREMESSA Per il Ristorante Universitario Mensana di via Principe Amedeo sono

Dettagli

CAPITOLATO TECNICO LOTTO N. 6

CAPITOLATO TECNICO LOTTO N. 6 - 38010 San Michele all Adige (TN), Via E. Mach 1- Tel. 0461/615111 Fax 0461/615218 - www.iasma.it www.fondazioneedmundmach.it - iscritta al registro provinciale delle persone giuridiche private n. 231

Dettagli

Elenco di verifica del capitolato secondo CPN. Rigitop Rivestimenti per soffitti - sospesi -CD-DAJ 27 + 27 / 18 RB

Elenco di verifica del capitolato secondo CPN. Rigitop Rivestimenti per soffitti - sospesi -CD-DAJ 27 + 27 / 18 RB Elenco di verifica del capitolato secondo CPN Rigitop Rivestimenti per soffitti - sospesi -CD-DAJ 27 + 27 / 18 RB Oggetto: 0813047BR I Planerheft Rigips-CD-DAJ 27 + 27 / 18 RB Pagina 1 000 Condizioni.

Dettagli

LAVORI PER LA REALIZZAZIONE DI STRUTTURE DI ACCOGLIENZA PER L UTENZA PORTUALE

LAVORI PER LA REALIZZAZIONE DI STRUTTURE DI ACCOGLIENZA PER L UTENZA PORTUALE AUTORITA PORTUALE DI MESSINA Sistema Portuale di Messina e Milazzo DISCIPLINARE TECNICO LAVORI PER LA REALIZZAZIONE DI STRUTTURE DI ACCOGLIENZA PER L UTENZA PORTUALE Il Redattore Ing. Domenico F. Ciricosta

Dettagli

Proget tagliafuoco. l eccellenza tagliafuoco, flessibilità su misura. www.ninz.it

Proget tagliafuoco. l eccellenza tagliafuoco, flessibilità su misura. www.ninz.it Proget l eccellenza, flessibilità su misura www.ninz.it Caratteristiche Qualità fuori ogni discussione Porta particolarmente robusta per una sicura funzionalità nel tempo Ideale per applicazioni su pareti

Dettagli

ALLEGATO TECNICO A5 al Capitolato Speciale d Appalto

ALLEGATO TECNICO A5 al Capitolato Speciale d Appalto Procedura aperta per la fornitura di contenitori per la raccolta differenziata dei rifiuti. ALLEGATO TECNICO A5 al Capitolato Speciale d Appalto CONTENITORE 360 LITRI PER LA RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI

Dettagli

Elementi di arredo urbano per le fermate dell autobus della Provincia di Cuneo. Proposta Progettuale Marzo 2007

Elementi di arredo urbano per le fermate dell autobus della Provincia di Cuneo. Proposta Progettuale Marzo 2007 M OVIL INEA Elementi di arredo urbano per le fermate dell autobus della Provincia di Cuneo Proposta Progettuale Marzo 2007 Vista in Pianta 4040 1989 Ca r ter Anterior e predisposto per Kit illumin a zione

Dettagli

Gara per la fornitura di segnaletica per uffici dell INPS in Roma

Gara per la fornitura di segnaletica per uffici dell INPS in Roma Istituto Nazionale Previdenza Sociale Direzione Centrale Approvvigionamenti Logistica e Gestione Patrimonio Coordinamento Generale Tecnico Edilizio Gara per la fornitura di segnaletica per uffici dell

Dettagli

Aelle-S 190 STH Capitolato

Aelle-S 190 STH Capitolato 77 136 190 1/5 AELLE-S 190 STH Descrizione del sistema I serramenti dovranno essere realizzati con il sistema METRA AELLE-S190STH. I profilati saranno in lega di alluminio UNI EN AW 6060 (UNI EN 573-3

Dettagli

ELENCO PREZZI ARREDI E ACCESSORI

ELENCO PREZZI ARREDI E ACCESSORI Ragione sociale dell'impresa: ELENCO PREZZI ARREDI E ACCESSORI Intervento num Descrizione del lavoro Quantità Prezzo unità Prezzo totale Intervento 3 (pag. 4 degli elaborati Intervento 2 (pag. 4 degli

Dettagli

COMUNE DI CIVATE PROVINCIA DI LECCO

COMUNE DI CIVATE PROVINCIA DI LECCO COMUNE DI CIVATE PROVINCIA DI LECCO PROGETTO PER LA RIQUALIFICAZIONE ED ADEGUAMENTO PALESTRA COMUNALE DI VIA A. LONGONI. CAPITOLATO OFFERTA STRUTTURE IN ACCIAIO IL PROGETTISTA Dr. Ing. Daniele Colombo

Dettagli

SIDERURGICO PORTE TAGLIAFUOCO

SIDERURGICO PORTE TAGLIAFUOCO PORTE TAGLIAFUOCO >> 118 Qualità innanzitutto - Porta interamente zincata, comprese le parti nascoste - Costruita con lamiera zincata a caldo, sistema Sendzimir - Protezione dalla corrosione anche nei

Dettagli

Modulo Offerta Economica. ALLESTIMENTO DELLA MOSTRA Splendori delle Corti Italiane: gli Este - CIG. 5547903263. Il sottoscritto.

Modulo Offerta Economica. ALLESTIMENTO DELLA MOSTRA Splendori delle Corti Italiane: gli Este - CIG. 5547903263. Il sottoscritto. Marca da bollo da 14,62 Modulo Offerta Economica ALLESTIMENTO DELLA MOSTRA Splendori delle Corti Italiane: gli Este - CIG. 5547903263 Il sottoscritto nato a il Titolare (o legale rappresentante) dell'impresa

Dettagli

PROGETTO ESECUTIVO SOSTITUZIONE SERRAMENTI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO SUISIO CUP E64H15000140004 COMUNE DI SUISIO

PROGETTO ESECUTIVO SOSTITUZIONE SERRAMENTI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO SUISIO CUP E64H15000140004 COMUNE DI SUISIO PROGETTO ESECUTIVO SOSTITUZIONE SERRAMENTI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO SUISIO CUP E64H15000140004 COMUNE DI SUISIO SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO Via E. De Amicis n. 4-6 Suisio (BG) Allegato C COMPUTO

Dettagli

PROGETTO ESECUTIVO ADEGUAMENTO ALLE NORME DI PREVENZIONE INCENDI DELL ISTITUTO COMPRENSIVO DI CARAGLIO

PROGETTO ESECUTIVO ADEGUAMENTO ALLE NORME DI PREVENZIONE INCENDI DELL ISTITUTO COMPRENSIVO DI CARAGLIO COMUNE DI CARAGLIO Provincia di Cuneo SETTORE LAVORI PUBBLICI PROGETTO ESECUTIVO Artt. 33 e segg. D.P.R. 7/0 ADEGUAMENTO ALLE NORME DI PREVENZIONE INCENDI DELL ISTITUTO COMPRENSIVO DI CARAGLIO COD. CUP:

Dettagli

Varie in vetroresina. OEC Catalogo Prodotti

Varie in vetroresina. OEC Catalogo Prodotti Colonnina Serie LTE/TX COLONNINA TAXI in VETRORESINA Codice Articolo: T0PL0037 Ricevitore Serratura Altezza (mm) Diametro (mm) Dimensioni d ingombro 1950 320 Vetroresina centrifugata di colore Giallo.

Dettagli

Porta filomuro spingere e tirare pronta consegna. Porta filomuro ad angolo 35. Porta scorrevole con binario a parete 87

Porta filomuro spingere e tirare pronta consegna. Porta filomuro ad angolo 35. Porta scorrevole con binario a parete 87 Index Porta filomuro spingere e tirare pronta consegna 3 Porta filomuro ad angolo 35 Porta102 filomuro 47 Sportello filomuro 69 Porta scorrevole con binario a parete 87 Porta scorrevole con binario incassato

Dettagli

ELENCO VOCI ELEMENTI D'ARREDO SCUOLA DELL'INFANZIA DI FOSSALUNGA. Voce computo. Descrizione. Descrizione Dove Note

ELENCO VOCI ELEMENTI D'ARREDO SCUOLA DELL'INFANZIA DI FOSSALUNGA. Voce computo. Descrizione. Descrizione Dove Note ELENCO VOCI ELEMENTI D'ARREDO SCUOLA DELL'INFANZIA DI FOSSALUNGA Descrizione Pareti attrezzate AR.03.001 Fornitura e posa di pareti divisorie attrezzate costituite da telaio in pannelli di truciolare ignifugo

Dettagli

FORNITURA ARREDI PER L'ALLESTIMENTO DEL RISTORANTE UNIVERSITARIO PRINCIPE AMEDEO CAPITOLATO TECNICO - PARTE C ELENCO ARREDI E ACCESSORI RICHIESTI

FORNITURA ARREDI PER L'ALLESTIMENTO DEL RISTORANTE UNIVERSITARIO PRINCIPE AMEDEO CAPITOLATO TECNICO - PARTE C ELENCO ARREDI E ACCESSORI RICHIESTI FORNITURA ARREDI PER L'ALLESTIMENTO DEL RISTORANTE UNIVERSITARIO PRINCIPE AMEDEO CAPITOLATO TECNICO - PARTE C ELENCO ARREDI E ACCESSORI RICHIESTI Intervento num Descrizione del lavoro Quantità Intervento

Dettagli

------PARETI DIVISORIE ED ATTREZZATE------

------PARETI DIVISORIE ED ATTREZZATE------ DESCRIZIONE: PARETI INTERNE MOBILE FOTO DEL PRODOTTO: FOTO DETTAGLI: PROFILO VETRO DOPPIO PROFILO VETRO SINGOLO PROFILO PORTA PROFILO VETRO DOPPIO CON TENDINA 1.1 Caratteristiche dimensionali Nel sistema

Dettagli

PORTE TAGLIAFUOCO PORTE SU MISURA CON PARETI IN CARTONGESSO

PORTE TAGLIAFUOCO PORTE SU MISURA CON PARETI IN CARTONGESSO METALLICA TAGLIAFUOCO CARTONGESSO con telaio abbracciante ad angolo arrotondato ed altri vantaggi aggiuntivi: Resistenza REI 120 Una e due ante Formati standard ed a misura fino a 2545 x 2500 H Senza o

Dettagli

CHIUSURE VER VER ICALI PORTATE

CHIUSURE VER VER ICALI PORTATE CHIUSURE VERTICALI PORTATE CHIUSURE VERTICALI PORTATE Hanno funzione portante t secondaria cioè non garantiscono la sicurezza statica complessiva dell edificio ma devono assicurare la protezione e l incolumità

Dettagli

PARETE MONO E DOPPIO VETRO DNAX

PARETE MONO E DOPPIO VETRO DNAX SCHEDE TECNICHE PARETE MONO E DOPPIO VETRO DNAX DnaX si caratterizza per la massima pulizia del linguaggio architettonico e dalla estrema flessibilità di impiego e versatilità nell utilizzo di diverse

Dettagli

CATALOGO. Cabine Secondarie BASIC - MAXI

CATALOGO. Cabine Secondarie BASIC - MAXI CATALOGO Cabine Secondarie BASIC - MAXI Zanette Prefabbricati Srl 33074 Vigonovo di Fontanfredda (PN) - Via Brigata Osoppo, 190 Tel +39.0434.565026 - Fax +39.0434.565350 - E-mail: info@zanette.com Pagina

Dettagli

Univer tagliafuoco tecnologia d avanguardia per la protezione dal fuoco

Univer tagliafuoco tecnologia d avanguardia per la protezione dal fuoco Univer tecnologia d avanguardia per la protezione dal fuoco www.ninz.it Caratteristiche CHE COSA LA RENDE SPECIALE? Qualità innanzitutto Porta interamente zincata, comprese le parti nascoste Costruita

Dettagli

Linea Eko. Leggii, Info Menu, Menu Stand per negozi, ristoranti, fiere. Top Logo a richiesta

Linea Eko. Leggii, Info Menu, Menu Stand per negozi, ristoranti, fiere. Top Logo a richiesta Cornici a scatto Linea Eko Leggii, Info Menu, Menu Stand per negozi, ristoranti, fiere. 1003254 1106010 1106013 1106012 Top Logo a richiesta 146 Cornici a scatto > Menu Stand > A pavimento Strutture con

Dettagli

ALLESTIMENTO TEMPORANEO MOSTRA LA VENARIA TRA NAPOLEONE E RESTAURAZIONE Relazione generale Reggia di Venaria Reale 8 maggio 2009

ALLESTIMENTO TEMPORANEO MOSTRA LA VENARIA TRA NAPOLEONE E RESTAURAZIONE Relazione generale Reggia di Venaria Reale 8 maggio 2009 Reggia di Venaria Reale 8 maggio 2009 INDICE I DESCRIZIONE DELL EVENTO 2 II CONCEPT DELL ALLESTIMENTO 5 III STATO DEI LUOGHI E INDICAZIONI OPERATIVE 6 IV ELENCO ELABORATI PROGETTO ESECUTIVO 7 V ESPOSITORI

Dettagli

TECHNICAL DOCUMENTATION

TECHNICAL DOCUMENTATION TECHNICAL DOCUMENTATION NOTE GENERALI GENERAL NOTES NOTES GÉNÉRALES I prodotti illustrati nel presente catalogo sono da ritenersi a puro titolo esplicativo. Richiedere la fattibilità in sede. Il presente

Dettagli

La messa in opera delle strutture metalliche: dall accettazione delle opere in cantiere al montaggio delle strutture. Ing. Igor SOLUSTRI ICIC SPA

La messa in opera delle strutture metalliche: dall accettazione delle opere in cantiere al montaggio delle strutture. Ing. Igor SOLUSTRI ICIC SPA REGOLAMENTO (UE) N.305/11 E NORME DEL GRUPPO EN1090 LA MARCATURA CE DELLE STRUTTURE METALLICHE ALLA LUCE DELLE NORME TECNICHE PER LE COSTRUZIONI FIRENZE, 30/10/2014 La messa in opera delle strutture metalliche:

Dettagli

Interventi di manutenzione ordinaria dello stabile di proprietà comunale sito in piazzale zaccari. Progetto Esecutivo. Capitolato tecnico impianti

Interventi di manutenzione ordinaria dello stabile di proprietà comunale sito in piazzale zaccari. Progetto Esecutivo. Capitolato tecnico impianti Ing. Fabio Gramagna Via V. Emanuele, 131-18012 Bordighera (IM) - Tel./Fax. 0184/26.32.01 fgramagna@gmail.com - fabio.gramagna@ingpec.eu Comune di Bordighera Provincia di Imperia Interventi di manutenzione

Dettagli

GUIDA ALLA CONSULTAZIONE DEL CATALOGO SISTEMI DI CHIUSURA

GUIDA ALLA CONSULTAZIONE DEL CATALOGO SISTEMI DI CHIUSURA INDICE GENERALE 5 GUIDA ALLA CONSULTAZIONE DEL CATALOGO SISTEMI DI CHIUSURA 6 7 MONO 33 47 65 69 77 95 99 101 PROFILI 106 110 ELEMENTI E ACCESSORI INDICE TIPOLOGIA PRODOTTO TIPOLOGIA PAG. 8131 EASY A FRONTALI

Dettagli

Vetrate fisse in acciaio la semplicità che fa risparmiare

Vetrate fisse in acciaio la semplicità che fa risparmiare in la semplicità che fa risparmiare www.ninz.it Caratteristiche in EI 30 o EI 60 con telaio in vista Telaio costruito con profilo portante in tubolare d dello spessore di 15/10 mm formato a freddo, isolato

Dettagli

Indice GUIDA ALLA PROGETTAZIONE Scopo della ''Guida Alla Progettazione...2 Organizzazione della Guida...2 Campo di Applicazione della Guida...3 Riferimenti Legislativi...3 Elenco Schede Tecniche...4 Sezione

Dettagli

Modulo Offerta Economica

Modulo Offerta Economica Marca da bollo da 16,00 Modulo Offerta Economica ALLESTIMENTO DELLA MOSTRA ALTA MODA GRANDE TEATRO - CIG. 5595514C37 Il sottoscritto nato a il Titolare (o legale rappresentante) dell'impresa numero di

Dettagli

PARETE DIVISORIA KARMA

PARETE DIVISORIA KARMA NOTE INTRODUTTIVE PARETE DIVISORIA KARMA Sistema di arredamento che in funzione della versatilità delle composizioni si presta per risolvere infi nite esigenze di divisione degli spazi lavoro. Le parti

Dettagli

4 Mobili prodotto SCALA

4 Mobili prodotto SCALA Il nostro sistema di arredo da laboratorio SCALA offre una vasta scelta di varianti per lo stoccaggio con facile accesso e conservazione sicura. Tutti i mobili prodotti sono equipaggiabili in modo variabile

Dettagli

ESPOSITORI E TOTEM. Aggiungere al codice la lettera L per la versione del totem luminoso. CCIAA (Rc) Realizzato da Publidis, altezza mt 2,00

ESPOSITORI E TOTEM. Aggiungere al codice la lettera L per la versione del totem luminoso. CCIAA (Rc) Realizzato da Publidis, altezza mt 2,00 TOTEM BIFACCIALI DI TIPO PIATTO CON MISURE STANDARD Totem realizzato con profili laterali in alluminio anodizzato e struttura portante interni in ferro, completo di piastre di base e tirafondi per il fissaggio

Dettagli

VITTORIA ASSICURAZIONI MILANO

VITTORIA ASSICURAZIONI MILANO Certificato n. 4858 Tecnologie edili per l ambiente facciate continue serramenti - pareti mobili Nuove facciate dell edificio Proprietà Vittoria Assicurazioni nell ambito del progetto Portello (in progress)

Dettagli

SHELTERS CABINE STAZIONE MOBILI SISTEMI PER RADIO E TELEDIFFUSIONE. Progettati per custodire al meglio qualsiasi apparato

SHELTERS CABINE STAZIONE MOBILI SISTEMI PER RADIO E TELEDIFFUSIONE. Progettati per custodire al meglio qualsiasi apparato SISTEMI PER RADIO E TELEDIFFUSIONE SHELTERS CABINE STAZIONE MOBILI Progettati per custodire al meglio qualsiasi apparato è predisposta per l installazione di una struttura interna o esterna a sostegno

Dettagli

OGGETTO PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO. (D.Lgs 9 aprile 2008 n. 81, Art. 100 e Allegato XV) Allegato C: Stima dei costi della sicurezza

OGGETTO PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO. (D.Lgs 9 aprile 2008 n. 81, Art. 100 e Allegato XV) Allegato C: Stima dei costi della sicurezza OGGETTO PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO (D.Lgs 9 aprile 2008 n. 81, Art. 100 e Allegato XV) Allegato C: Stima dei costi della sicurezza pag. 2 R I P O R T O LAVORI A CORPO 1 Recinzione provvisionale

Dettagli

installati in attività disciplinate da specifiche disposizioni tecniche di prevenzione incendi in base al sistema di classificazione europeo

installati in attività disciplinate da specifiche disposizioni tecniche di prevenzione incendi in base al sistema di classificazione europeo DECRETO MINISTERIALE 15 marzo 2005 Requisiti di reazione al fuoco dei prodotti da costruzione installati in attività disciplinate da specifiche disposizioni tecniche di prevenzione incendi in base al sistema

Dettagli

DIMENSIONI: 350 x 800 x 2250 H mm 488 x 1250 x 4300 H mm 600 x 1650 x 6300 H mm PENSILINE

DIMENSIONI: 350 x 800 x 2250 H mm 488 x 1250 x 4300 H mm 600 x 1650 x 6300 H mm PENSILINE PENSILINE ACCESSORI 182 TIMPANO PENSILINA DESCRIZIONE DIMENSIONI 3 MODULI 4 MODULI Policarbonato alveolare trasparente con telaio in alluminio Policarbonato alveolare trasparente con telaio in alluminio

Dettagli

Planimetria dei giardini della Reggia con individuazione del rettangolo in cui verrà collocato il Fantacasino.

Planimetria dei giardini della Reggia con individuazione del rettangolo in cui verrà collocato il Fantacasino. OGGETTO DELL INTERVENTO: DESCRIZIONE L intervento consiste nella costruzione di un padiglione prevalentemente in legno, dalle forme barocche, la cui funzione ludica è esplicitata tanto nell estetica quanto

Dettagli

STRUTTURE PER FIERE B67587785( ),(5(B,7$B! LQGG

STRUTTURE PER FIERE B67587785( ),(5(B,7$B! LQGG STRUTTURE PER FIERE SPRING ROLL E PROMOBAND > p. 322 PIANTANE ESPOSITIVE > p. 326 TOTEM > p. 328 PARETINA TELESCOPICA > p. 330 PORTA BROCHURE ESTENSIBILE > p. 331 STRUTTURE PER VETRINE > p. 332 DISTANZIALI

Dettagli

Martin Design. Fioriere. Tavoli. Pareti verticali. Pavimenti. Arredamento esterno ed interno in ferro, acciaio inox e cor-ten

Martin Design. Fioriere. Tavoli. Pareti verticali. Pavimenti. Arredamento esterno ed interno in ferro, acciaio inox e cor-ten Fioriere Tavoli Pareti verticali Pavimenti Arredamento esterno ed interno in ferro, acciaio inox e cor-ten Rivestimenti in Cover-art Via S. Agata, 65 22066 Mariano Comense (CO) Tel. 031 748768 Fax 031

Dettagli

CAPITOLATO TECNICO PER SEDUTE PER UFFICIO

CAPITOLATO TECNICO PER SEDUTE PER UFFICIO ALLEGATO 1 CAPITOLATO TECNICO PER SEDUTE PER UFFICIO Il presente capitolato è composto dalla descrizione dei requisiti di base delle sedute e dalla tabella riepilogativa dei livelli minimi di prova in

Dettagli

DESCRIZIONE TECNICA: SOPPALCO MULTISPAZIO

DESCRIZIONE TECNICA: SOPPALCO MULTISPAZIO DESCRIZIONE TECNICA: SOPPALCO MULTISPAZIO INTRODUZIONE La logistica ha oggi una rilevanza particolare nelle aziende produttive e di distribuzione, e la sua ottimizzazione comporta notevoli vantaggi all

Dettagli

IBSA 3 Institute Biochimique Prà Alpirolo (Svizzera) ampliamento uffici

IBSA 3 Institute Biochimique Prà Alpirolo (Svizzera) ampliamento uffici Certificato n. 4858 Tecnologie edili per l ambiente facciate continue serramenti - pareti mobili Facciate strutturali, facciata in copertura, pareti divisorie, pavimento in vetro, rivestimenti in Alucobond,

Dettagli

EPU E.P.U. RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DELL'INVOLUCRO DELLA SCUOLA PRIMARIA

EPU E.P.U. RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DELL'INVOLUCRO DELLA SCUOLA PRIMARIA E.P.U. RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DELL'INVOLUCRO DELLA SCUOLA PRIMARIA descrizione u.m. prezzo N.B. Per quanto riguarda la tipologia dei materiali ed in particolare le tipologie di apertura e manovra

Dettagli

INDICE Art.1 DESCRIZIONE DELLE OPERE Art.2 ONERI E FORNITURE A CARICO DELL APPALTATORE Art.3 QUALITÀ E PROVENIENZA DEI MATERIALI Art.

INDICE Art.1 DESCRIZIONE DELLE OPERE Art.2 ONERI E FORNITURE A CARICO DELL APPALTATORE Art.3 QUALITÀ E PROVENIENZA DEI MATERIALI Art. INDICE Art.1 DESCRIZIONE DELLE OPERE Art.2 ONERI E FORNITURE A CARICO DELL APPALTATORE Art.3 QUALITÀ E PROVENIENZA DEI MATERIALI Art.4 ESAME PRELIMINARE DELLE FORNITURE Art.5 NORMATIVA DI RIFERIMENTO Art.6

Dettagli

Funzione Commessa Tipo Rev. 00 Numero Progressivo

Funzione Commessa Tipo Rev. 00 Numero Progressivo Il sistema informatico prevede la firma elettronica pertanto l'indicazione delle strutture e dei nominativi delle persone associate certifica l'avvenuto controllo. Elaborato del 24/06/2015 Pag. 1 di 11

Dettagli

RELAZIONE GENERALE. 1. Descrizione dell intervento da realizzare

RELAZIONE GENERALE. 1. Descrizione dell intervento da realizzare RELAZIONE GENERALE 1. Descrizione dell intervento da realizzare 1.1 Ubicazione dell intervento L intervento prevede la realizzazione di laboratori scientifici eterogenei: laboratorio di chimica ambientale,

Dettagli

GIACOMAZZO AGOSTINO SRL

GIACOMAZZO AGOSTINO SRL GIACOMAZZO AGOSTINO SRL BARRIERE FONOASSORBENTI FONOISOLANTI SOLUZIONI INNOVATIVE E BIOCOMPATIBILI PER L ISOLAMENTO ACUSTICO AMBIENTALE L AZIENDA Giacomazzo Agostino Srl nasce nel 1964 come carpenteria

Dettagli

GUIDA ALLA PROGETTAZIONE Indice GUIDA ALLA PROGETTAZIONE Scopo della ''Guida Alla Progettazione...2 Organizzazione della Guida...2 Campo di Applicazione della Guida...3 Riferimenti Legislativi...3 Elenco

Dettagli

OPEN WALL. P o r t a f i l o m u r o. attraversare i muri...non sarà più impossibile

OPEN WALL. P o r t a f i l o m u r o. attraversare i muri...non sarà più impossibile OPEN WALL P o r t a f i l o m u r o Porta complanare filo muro reversibile costituita da: telaio perimetrale in alluminio estruso ed ossidato, trattabile con pitture murali, predisposto per l ancoraggio

Dettagli

RIFERIMENTI NORMATIVI

RIFERIMENTI NORMATIVI RELAZIONE TECNICA IMPIANTO TERMICO RIFERIMENTI NORMATIVI Tutti gli impianti dovranno essere forniti completi in ogni loro singola parte e perfettamente funzionanti, con tutte le apparecchiature ed accessori

Dettagli

PORTE UNIVER REI 60 REI 120

PORTE UNIVER REI 60 REI 120 PORTE UNIVER REI 60 REI 10 04 INDICE PORTE UNIVER PAGINA INDICE PORTE UNIVER 05 TIPOLOGIE/CERTIFICATI PORTE UNIVER REI 60 E REI 10 AD UNA ANTA 06 ILLUSTRAZIONI PORTE UNIVER 07 08 DESCRIZIONI/SEZIONI PORTE

Dettagli

SPECIFICHE TECNICHE AUTOMEZZO COSTIPATORE DA 5 MC

SPECIFICHE TECNICHE AUTOMEZZO COSTIPATORE DA 5 MC Pagina 1 di 5 SPECIFICHE TECNICHE AUTOMEZZO COSTIPATORE DA 5 MC Pagina 2 di 5 1) DESCRIZIONE GENERALE L attrezzatura è costituita di massima dalle seguenti parti: a) Cassone a vasca dal volume minimo di

Dettagli

Il brico dalle mille idee... CUCINE IN MURATURA. Costruire una cucina in muratura senza muratura...oggi è possibile. www.mybricoshop.

Il brico dalle mille idee... CUCINE IN MURATURA. Costruire una cucina in muratura senza muratura...oggi è possibile. www.mybricoshop. Il brico dalle mille idee... CUCINE IN MURATURA Costruire una cucina in muratura senza muratura...oggi è possibile. Direttamente dalla nostra falegnameria La bottega di Mastro Geppetto presentiamo un utilissimo

Dettagli

MONOBLOCCO serramento con persiana.

MONOBLOCCO serramento con persiana. MONOBLOCCO serramento con persiana. Il Monoblocco unico ed esclusivo. Per soddisfare le molteplici richieste dei clienti e dei progettisti, la società Nexus Progetti (produttore di serramenti in legno)

Dettagli

Settore SUAP Comune di CESENA

Settore SUAP Comune di CESENA Riservato al protocollo Settore SUAP Comune di CESENA Bollo Riservato all ufficio R I C H I E S T A D I A U T O R I Z Z A Z I O N E P E R I N S T A L L A Z I O N E D I M E Z Z I P U B B L I C I T A R I

Dettagli

UTILIZZO DI BRACHE IN FIBRE SINTETICHE PER SOLLEVAMENTO CARICHI

UTILIZZO DI BRACHE IN FIBRE SINTETICHE PER SOLLEVAMENTO CARICHI UTILIZZO DI BRACHE IN FIBRE SINTETICHE PER SOLLEVAMENTO CARICHI Nel settore lapideo vengono utilizzate brache in fibre sintetiche per sollevamento e movimentazione di lastre lucidate e manufatti quando

Dettagli

Battiscopa Cornici Boiserie Rivestimenti. Listino prezzi 2015. Boiserie Classico. Moderno. Natura

Battiscopa Cornici Boiserie Rivestimenti. Listino prezzi 2015. Boiserie Classico. Moderno. Natura Battiscopa Cornici Boiserie Rivestimenti Listino prezzi 2015 Boiserie Classico Moderno Natura www.atelierdecorlegno.com Prodotti unici per ambienti esclusivi realizzati in maniera artigianale. Rigorosamente

Dettagli

COMPONENTI E ACCESSORI PER FURGONI E CONTAINERS

COMPONENTI E ACCESSORI PER FURGONI E CONTAINERS Cerniere per furgoni e containers E 55010 E 55015 CERNIERA ZINCATA CERNIERA ACCIAIO INOX AISI 304 E 55030 E 55031 BASC ANGOLARE ZINCATA CON BOCCOLE IN OTTONE BASC ANGOLARE ACCIAIO INOX AISI 304 CON BOCCOLE

Dettagli

CATALOGO 2014 arredamento negozi

CATALOGO 2014 arredamento negozi CATALOGO 2014 arredamento negozi SISTEMA PARETI A PANNELLI DOGATI Produciamo pannelli dogati conformi alla Norma UNI EN 622-5 con classe di reazione al fuoco D-s2, d0 classificazione decisionale della

Dettagli

ANALISI DEI PREZZI. Nei prezzi relativi ai lavori da compensarsi a misura o a corpo sono sempre

ANALISI DEI PREZZI. Nei prezzi relativi ai lavori da compensarsi a misura o a corpo sono sempre ANALISI DEI PREZZI Nei prezzi relativi ai lavori da compensarsi a misura o a corpo sono sempre comprese tutte le spese per la fornitura, carico, trasporto, scarico manipolazione e posa in opera dei vari

Dettagli

Interventi di manutenzione straordinaria Strade Provinciali

Interventi di manutenzione straordinaria Strade Provinciali Provincia dell Ogliastra via Pietro Pistis - 08045 LANUSEI tel. 0782 473600 fax 0782 41053 Gestione Commissariale (L.R. n. 15 /2013) Servizio Viabilità Trasporti Infrastrutture via Mameli 08048 TORTOLÌ

Dettagli

Istruzioni per la posa di mflorcontact

Istruzioni per la posa di mflorcontact Istruzioni per la posa di mflorcontact Ispezione e pre-trattamento del sottofondo Verifiche Il sottofondo deve essere mantenuto asciutto, in piano e pulito, come stabilito dalla norma DIN 18365. Deve essere

Dettagli