Capitolato Speciale D appalto Norme Tecniche opere di allestimento 1 NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 5

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Capitolato Speciale D appalto Norme Tecniche opere di allestimento 1 NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 5"

Transcript

1 CO N SO R Z I O D I V A L OR I Z ZA Z I O N E C U L T U R A L E

2 SOMMARIO 1 NORMATIVA DI RIFERIMENTO MATERIALI MATERIALI PER NORME DI SICUREZZA ANTINCENDIO MULTISTRATO TRUCIOLARE ECC VETRI ELEMENTI IN ACCIAIO CARATTERISTICHE TECNICHE GENERALI INTERVENTI OGGETTO DI APPALTO CODICE APPALTO 1_ALLESTIMENTI DESCRIZIONE DEGLI INTERVENTI PREVISTI AL CODICE APPALTO 1A_ TIPO A BOOK-SHOP PIANO NOBILE DESCRIZIONE DEGLI INTERVENTI PREVISTI AL CODICE APPALTO 1B_ TIPO B STRUTTURE ESPOSITIVE VARIE CODICE APPALTO 1B.1 Espositore quadri a cavalletto CODICE APPALTO 1B.2 Cassonetti luminosi CODICE APPALTO 1B.3 Cassonetti luminosi con struttura in mdf CODICE APPALTO 1B.4 Portale in mdf CODICE APPALTO 1B.5 Pannellatura a parete in mdf laccato CODICE APPALTO 1B.6 Pannellatura a parete, in mdf laccato, con monitor incassati CODICE APPALTO 1B.7 Pannellatura a parete, in mdf laccato, con cassonetti luminosi CODICE APPALTO 1B.8 Basamento per statua - Tipologia A CODICE APPALTO 1B.9 Basamento per statua - Tipologia B CODICE APPALTO 1B.10 Basamento per statua - Tipologia C CODICE APPALTO 1B.11 Pedana DESCRIZIONE DEGLI INTERVENTI PREVISTI AL CODICE APPALTO 1C_ TIPO C STRUTTURE PER GRAFICA E SEGNALETICA PER INTERNI CODICE APPALTO 1C.1 Struttura autoportante direzionale - Tipologia A CODICE APPALTO 1C.2 Struttura autoportante direzionale - Tipologia B CODICE APPALTO 1C.3 Struttura autoportante con monitor DESCRIZIONE DEGLI INTERVENTI PREVISTI AL CODICE APPALTO 1D_ TIPO D STRUTTURE PER GRAFICA E SEGNALETICA PER ESTERNI CODICE APPALTO 1D.1 Struttura autoportante direzionale CODICE APPALTO 1D.2 Struttura autoportante bifacciale - Tipologia A CODICE APPALTO 1D.3 Strutture autoportanti bifacciale - Tipologia B CODICE APPALTO 1D.4 Strutture autoportanti bifacciale - Tipologia C CODICE APPALTO 1D.5 Struttura con piano inclinato - Tipologia A CODICE APPALTO 1D.6 Struttura con piano inclinato - Tipologia B

3 5.4.7 CODICE APPALTO 1D.7 Struttura per grafica a parete - Tipologia A CODICE APPALTO 1D.8 Struttura per grafica a parete- Tipologia B CODICE APPALTO 1D.9 Struttura per stendardi bifacciali CODICE APPALTO 1D.10 Struttura per grafica a forma di cubo CODICE APPALTO 1D.11 Targhe in policarbonato - Tipologia A CODICE APPALTO 1D.12 Targhe in policarbonato - Tipologia B DESCRIZIONE DEGLI INTERVENTI PREVISTI AL CODICE APPALTO 1E_ TIPO E SEDUTE PER INTERNI CODICE APPALTO 1E.1 Seduta tipo "taboretto" CODICE APPALTO 1E.2 Seduta tipo sedia CODICE APPALTO 1E.3 Seduta tipo panca CODICE APPALTO 1E.4 Seduta alta livello operativo DESCRIZIONE DEGLI INTERVENTI PREVISTI AL CODICE APPALTO 1F_ TIPO F TECA PER MODELLO VENARIA CODICE APPALTO 1F.1 Teca modello Venaria con corpi illuminanti e predisposizione monitor 34 6 CODICE APPALTO 2_OPERE PROVVISIONALI DESCRIZIONE DEGLI INTERVENTI PREVISTI AL CODICE APPALTO 2_OPERE PROVVISIONALI CODICE APPALTO 2.1_ Sala 8_ Rimozione e adeguamento di allestimenti esistenti CODICE APPALTO 2.2_ Sala 13_ Rimozione, spostamento e adeguamento di allestimenti esistenti CODICE APPALTO 2.3_ Sale 14-15_ Rimozione e spostamento allestimenti esistenti CODICE APPALTO 2.4_ Sala 47 Rimozione, spostamento e adeguamento degli allestimenti esistenti CODICE APPALTO 2.5_ Sale 49 e 50. Rimozione, spostamento e adeguamento degli allestimenti esistenti CODICE APPALTO 2.6_ Smontaggio, spostamento e rimontaggio dei pannelli in vetro autoportanti e appesi CODICE APPALTO 2.7_ Riposizionamento delle strutture di grafica esistenti in piazza della repubblica CODICE APPALTO 2.8_ Rimozione pellicole vetri CODICE APPALTO 2.9_ Montaggio binari halfen CODICE APPALTO 2.10_ Adeguamento regia per video CODICE APPALTO 2.11_ Porta interna CODICE APPALTO 2.12_ Ombrelloni CODICE APPALTO 2.13_ Prova di carico statica CODICE APPALTO 2.14_ Predisposizione edile per appendimento lampadario CODICE APPALTO 2.15_ Copripozzetto in acciaio e cocciopesto CODICE APPALTO 2.16_ Elementi per appendimento CODICE APPALTO 2.17_ redazione progetto grafico CODICE APPALTO 2.18_ Acrochage CODICE APPALTO 3_TENDE E TAPPEZZERIE DESCRIZIONE DEGLI INTERVENTI PREVISTI AL CODICE APPALTO 3_TENDE E TAPPEZZERIE CODICE APPALTO 3.1_Tende - Tipologia A CODICE APPALTO 3.2_Tende - Tipologia B CODICE APPALTO 3.3_Tende - Tipologia C

4 7.1.4 CODICE APPALTO 3.4_Tende - Tipologia D CODICE APPALTO 3.5_Tende - Tipologia E CODICE APPALTO 3.6_ Tappezzeria tesata a parete CODICE APPALTO 3.7_Smontaggio e/o spostamento di tende esistenti CODICE APPALTO 3.8_Sistema di appendimento CODICE APPALTO 4_GRAFICA DESCRIZIONE DEGLI INTERVENTI PREVISTI AL CODICE APPALTO 4_GRAFICA CODICE APPALTO 4.1_ Stampa su pellicola adesiva per interni ed esterni CODICE APPALTO 4.2_ Stampa in speculare su pellicola adesiva per interni e esterni CODICE APPALTO 4.3_ Stampa di testi prespaziati per interni ed esterni CODICE APPALTO 4.4_ Stampa di testi prespaziati calpestebili per interni CODICE APPALTO 4.5_ Elementi testuali in rilievo CODICE APPALTO 4.6_ Stampa diretta su tessuto per interni ed esterni CODICE APPALTO 4.7_ Stampa su pannelli in forex CODICE APPALTO 4.8_ Stampa in speculare su pannelli in policarbonato CODICE APPALTO 4.9 Supporti per grafica in vetro spessore 10mm a filo lucido CODICE APPALTO 4.10_ Supporti per grafica in policarbonato spessore 5mm a filo lucido CODICE APPALTO 4.11_ Supporto per grafica in policarbonato spessore 8mm a filo lucido CODICE APPALTO 4.12_ Supporto per grafica in policarbonato spessore 10mm a filo lucido CODICE APPALTO 4.13_ Supporto per grafica in forex - spessore 5mm CODICE APPALTO 4.14_ Supporto per grafica in dibond - spessore 3mm CODICE APPALTO 4.15_ Supporto per grafica in dibond - spessore 6mm CODICE APPALTO 4.16_ Cornice in alluminio per pannelli in dibond - spessore 3mm CODICE APPALTO 4.17_ Cornice in alluminio per pannelli in dibond - spessore 6mm CODICE APPALTO 4.18_ Supporto per grafica in leger - spessore 20mm CODICE APPALTO 5_TECNOLOGIE DESCRIZIONE DEGLI INTERVENTI PREVISTI AL CODICE APPALTO CODICE APPALTO 5_TECNOLOGIE CODICE APPALTO 5.1_ Monitor led 70 pollici CODICE APPALTO 5.2_ Monitor led 50 pollici CODICE APPALTO 5.3_ Lampade proiettori. KIT DOPPIA LAMPADA - PT - D5100W PANASONIC Mod. ET-LAD57W CODICE APPALTO 5.4_ Lampade proiettori. LAMPADA - PT-D3500 PANASONIC Mod. ET-LAD35W CODICE APPALTO 5.5_ Lampade proiettori. LAMPADA - F20 SXGA + PROJECTIONDESIGN Mod. PLP CODICE APPALTO 5.6_ Proiettore tipo Casio XJ-A CODICE APPALTO 5.7_ Umidificatore CODICE APPALTO 6_FORNITURA DI CORPI ILLUMINANTI DESCRIZIONE DEGLI INTERVENTI PREVISTI AL CODICE APPALTO 6_FORNITURA DI CORPI ILLUMINANTI CODICE APPALTO 6.1_ Binario elettrificato trifase L COL. BIANCO CODICE APPALTO 6.2_ Binario elettrificato trifase L COL. BIANCO CODICE APPALTO 6.3_ Binario elettrificato trifase L COL. BIANCO

5 CODICE APPALTO 6.4_ Testata alimentazione binario trifase elettrificato dx - col. bianco CODICE APPALTO 6.5_ Testata alimentazione binario trifase elettrificato sx - col. bianco CODICE APPALTO 6.6_ Giunto alimentazione a scomparsa per binario trifase elettrificato - col. bianco CODICE APPALTO 6.7_ Giunto multiflex trifase binario elettrificato trifase - col. bianco CODICE APPALTO 6.8_ Binario elettrificato trifase L col. nero CODICE APPALTO 6.9_ Testata alimentazione per binario elettrificato trifase dx - col. nero CODICE APPALTO 6.10_ Testata alimentazione per binario elettrificato trifase sx - col. nero CODICE APPALTO 6.11_ Faretto led 6w CODICE APPALTO 7_ADEGUAMENTI IMPIANTISTICI DESCRIZIONE DEGLI INTERVENTI PREVISTI AL CODICE APPALTO 7_ADEGUAMENTI IMPIANTISTICI CODICE APPALTO 7.1_ adeguamenti impianti elettrici e speciali e relativi adeguamenti edili 62 4

6 1 NORMATIVA DI RIFERIMENTO Ogni parte della fornitura dovrà essere realizzata secondo le specifiche tecnico-prestazionali previste dalle norme UNI e UNI EN in vigore; conformi alle vigenti norme in materia di antinfortunistica, con particolare riferimento al D.P.R. 547/55 e alle norme in materia di sicurezza e salute nei luoghi di lavoro (D.Lgs. 626/94 e successive modifiche e integrazioni); in possesso del requisito di sicurezza Classe E1 relativo all'emissione di formaldeide. D.Lgs. 494/96 del 14 agosto 1996 s.m.i. Attuazione della Direttiva 92/57/CEE concernente le prescrizioni minime di sicurezza e di salute da attuare nei cantieri temporanei e mobili e s.m.i.; D.L. n. 115 del 17 marzo 1995 s.m.i.- Attuazione della direttiva CEE relativa alla Sicurezza Generale dei prodotti; D.P.R. n. 503 del s.m.i. - Regolamento recante norme per l eliminazione delle barriere architettoniche negli edifici, spazi e servizi pubblici; D.M. n. 569 del 20/05/ Regolamento contenente norme di sicurezza antincendio per gli edifici storici e artistici destinati a musei, gallerie, esposizioni e mostre; Qualsiasi altra normativa vigente e aggiornamento alle normative elencate riferite a qualsiasi opera oggetto del presente appalto. 5

7 2 MATERIALI 2.1 MATERIALI PER NORME DI SICUREZZA ANTINCENDIO Tutti i materiali utilizzati nella realizzazione degli allestimenti (ad esclusione degli oggetti esposti al pubblico), dovranno essere conformi a quanto previsto dall art. 5 del D.M. n. 569 del 20/05/1992 (Regolamento contenente norme di sicurezza antincendio per gli edifici storici e artistici destinati a musei, gallerie, esposizioni e mostre) e in particolare: a) i materiali di rivestimento dei pavimenti devono essere di classe non superiore a 2; b) i materiali suscettibili di prendere fuoco su entrambe i lati e gli altri materiali di rivestimento devono essere di classe 1; c) i mobili imbottiti devono essere di classe 1 IM. I materiali citati saranno certificati nella prescritta classe di reazione al fuoco secondo le specificazioni del decreto ministeriale 26 giugno 1984 o decreto ministeriale 6 marzo 1992 e del decreto ministeriale 15 marzo 2005 e s.m.i. come da tabella di seguito indicata. Tabella art. 4 - Prodotti installati lungo le vie di esodo Impiego Classi europee (al posto della classe 1) a) Pavimento (A2 FL -s1),(b FL -s1),(c FL -s1) b) Parete (A2-s1,d0), (A2-s2,d0), (A2-s1,d1), (B-s1,d0), (B-s2,d0), (Bs1,d1) c) Soffitto (A2-s1,d0),(A2-s2,d0), (B-s1,d0),(B-s2,d0) Tabella 1 - Prodotti installati in altri ambienti (impiego a pavimento) Classe italiana Classi europee I Classe 1 (A2 FL -s1),(a2 FL -s2),(b FL -s1),(b FL -s2),(c FL -s1) II Classe 2 (C FL -s2),(d FL -s1) Tabella 2 - Prodotti installati in altri ambienti (impiego a parete) Classe italiana Classi europee (A2-s1,d0),(A2-s2,d0), (A2-s3,d0), (A2-s1,d1), (A2-s2,d1), I Classe 1 (A2-s3,d1),(B-s1,d0),(B-s2,d0), (B-s1,d1),(B-s2,d1) Tabella 3 - Prodotti installati in altri ambienti (impiego a soffitto) Classe italiana Classi europee (A2-s1,d0),(A2-s2,d0), (A2-s3,d0), (A2-s1,d1), (A2-s2,d1), I Classe 1 (A2-s3,d1),(B-s1,d0), (B-s2,d0), (B-s3,d0)(A2-s3,d1), (B-s1,d0), (B-s2,d0),(B-s1,d1), (B-s2,d1) I materiali citati dovranno essere certificati nella prescritta classe di reazione al fuoco secondo le specificazioni del D.M. 26 giugno 1984 (Classificazione di reazione al fuoco ed omologazione dei materiali ai fini della prevenzione incendi), del D.M. 15 marzo 2005 (Requisiti di reazione al fuoco dei prodotti da costruzione installati in attività disciplinate da specifiche disposizioni tecniche di prevenzione incendi in base al sistema di classificazione europeo) e successive modifiche e integrazioni, mentre per i materiali legnosi oltre ai suddetti decreti si può 6

8 far riferimento al D.M. 6 Marzo 1992 ( Norme tecniche e procedurali per la classificazione di reazione al fuoco ed omologazione dei prodotti vernicianti ignifughi applicati su materiali legnosi). Il carico d'incendio relativo alle diverse parti del presente appalto e al materiale da esporre, di tipo combustibile, con esclusione delle strutture e degli infissi combustibili esistenti, non potrà superare i dieci chili di quantità equivalente di legno per metro quadrato in ogni singolo ambiente. Per il calcolo del carico di incendio dovrà essere fatto riferimento alla seguenti norme tecniche di prevenzione incendi: Decreto del Ministero dell Interno del 09 Marzo 2007 Prestazioni di resistenza al fuoco delle costruzioni nelle attività soggette al controllo del Corpo nazionale dei vigili del fuoco. Decreto del Ministro dell interno 16 Febbraio 2007 Classificazione di resistenza al fuoco di prodotti ed elementi costruttivi di opere di costruzione ; Lettera Circolare del Ministero dell Interno prot del 15 febbraio 2008 Pareti di muratura portanti resistenti al fuoco ; Lettera Circolare del Ministero dell Interno prot. 414/4122 sott.55 recante il titolo DM 9 marzo 2007 Prestazioni di resistenza al fuoco delle costruzioni nelle attività soggette al controllo del CNVVF. Chiarimenti ed indirizzi applicativi. Qualsiasi elemento facente parte del presente appalto deve essere ignifugato secondo normativa di riferimento e trattato in officina, non è consentito alcun trattamento in loco, ma esclusivamente il montaggio di elementi già finiti a regola d arte. 2.2 MULTISTRATO TRUCIOLARE ECC Per la costruzioni dei pannelli di multistrato, listellare, truciolare, ecc.. (durante l intero ciclo di produzione del pannello base, dell impiallacciatura e della bordatura) devono essere utilizzate esclusivamente colle di tipo ureico (non termoplastiche) di cui la Ditta Appaltatrice dovrà fornire specifiche schede tecniche. I pannelli una volta assemblati devono essere sottoposti a cicli di verniciatura ignifuga che portano il manufatto in Classe 1 di Reazione al Fuoco. La Ditta Appaltatrice ha l onere di identificare e presentare i campioni dei prodotti presenti in commercio che soddisfano le esigenze progettuali: - Certificati di ignifugazione: secondo la normativa di riferimento. - Caratteristiche tecniche ed estetiche: per parti a vista, alta resistenza meccanica e chimica mantenendo la finitura e colorazione definita durante i lavori (laccature, ecc ); - Manutenzione degli elementi verniciati: con acqua e normali detersivi. 7

9 2.3 VETRI Il vetro deve essere lavorato in modo completo e definitivo prima del trattamento termico. Non è ammessa alcuna ripresa delle lavorazioni dopo la tempra. Le tolleranze sul prodotto monolitico finito devono essere: Lunghezza/larghezza 2 mm Planarità 2 mm/m Diametro dei fori - 0,2+0,8 mm Interasse dei fori 1,5 mm Tutto il processo di fabbricazione deve essere eseguito con particolare accuratezza. Le lastre dovranno essere temprate termicamente e presentare il bordo molato a filo lucido Il trattamento termico di rinforzo meccanico deve essere seguito dal test termico di Heat Soak Test (HST) su tutte le lastre in modo da ottenere un prodotto di sicurezza ai sensi della norma EN Per assicurare la tenuta meccanica dell opera, la parte in vetro temprata deve soddisfare le seguenti prescrizioni di fabbricazione: Sollecitazione di compressione superficiale: Vetro temprato σ 90MPa Ove la stratifica rimane a vista deve essere perfetta e priva di irregolarità. La posa in opera e la movimentazione delle lastre di vetro deve avvenire con cinghie, pinze e ventose in buono stato, conformi ed adatte al tipo di prodotto, alla sua forma e al suo peso. Nella posa dovrà essere sempre evitato il contatto diretto tra l acciaio e il vetro, interponendo uno spessore di neoprene pari a circa 5 mm sulla base di appoggio. Nei tratti di contatto e sovrapposizione di diverse lastre di vetro è necessario interporre, a giudizio del R.E.C., una guarnizione trasparente larga 21mm spessore 5mm o velcro per vetri incollato a scomparsa sul bordo delle lastre (tipo 3M) nell eventualità di assestamento dei vetri stessi. Quanto rimane a vista deve essere rifinito a perfetta regola d arte, con l attenzione al dettaglio. 2.4 ELEMENTI IN ACCIAIO Tutte le parti a vista dovranno essere saldate molate e stuccate in modo da avere un risultato estetico eccellente. Le eventuali saldature a vista dei supporti in ferro dovranno essere di tipo continuo e non per punti e a sezione costante prive di irregolarità e difetti. Particolare cura viene richiesta nella realizzazione delle eventuali linee di giunzione dei profili, nella realizzazione dei dettagli e nella scelta e applicazione di viterie (possibilmente a testa piatta). Tutti gli spigoli delle parti metalliche dovranno presentare regolare bisellatura (secondo normativa vigente) al fine di ridurre il rischio per gli utenti. La profondità e la tipologia delle bisellature verranno definite 8

10 dal R.E.C. in fase di esecuzione. Tutte le lavorazioni meccaniche dovranno essere eseguite prima della finitura finale. La finitura sarà a scelta del REC previa campionatura tra: - Finitura con verniciatura a polveri - Finitura a smalto con doppia mano di antiruggine - Ceratura con cera microcristallina per esterni con effetto ferro nero calaminato o ferro bianco decappato o ferro acidato a scelta del R.E.C. previa campionatura, protettivo finale ad alta resistenza. I profili estrusi già neri per la presenza della "calamina" dopo averli saldati, sono da curare con discatura limitata ai punti coinvolti e, previa pulitura, si devono trattare le superfici abrase con brunitore a freddo. In caso o se necessario riscaldare con fiamma la parte abrasa. 9

11 3 CARATTERISTICHE TECNICHE GENERALI Tutti gli elementi rientranti nel presente appalto dovranno essere di nuova fabbricazione e conformi alle vigenti norme nazionali e comunitarie relative alla produzione, importazione e immissione in commercio e dovranno rispondere ai requisiti previsti dalle disposizioni vigenti in materia al momento dell offerta e sino al collaudo della fornitura. In particolare, anche per quanto attiene a eventuali attrezzature accessorie, la fornitura dovrà essere accompagnata dalle dichiarazioni di conformità previste dalla legislazione vigente sia nazionale che comunitaria. Ogni elemento della fornitura deve essere realizzato con materiali di prima qualità a perfetta regola d arte e deve corrispondere a quanto previsto dalla normativa vigente per quanto riguarda composizione, materiali, dimensionamento e caratteristiche prestazionali, rispettando le norme in materia di controllo dell emissione di sostanze tossiche e nocive. E pertanto vietato l uso di tutti i materiali suscettibili di emettere o cedere sostanze nocive sotto ogni forma (es. gas, vapori, fibre, polveri). La posa in opera è comprensiva di tutta l attrezzatura necessaria e gli oneri relativi a dispositivi, quali trabattelli e scale a norma secondo le vigenti leggi sulla sicurezza del lavoro. Inoltre è compreso il sopralluogo per le misurazioni necessarie alle confezioni richieste e l assistenza amministrativa per le pratiche della corretta posa in opera. I materiali offerti, compresa la parte impiantistica, devono essere conformi alla normativa in relazione all uso al quale sono adibiti e resistenti a urti e abrasioni. I materiali devono altresì soddisfare le caratteristiche di prevenzione degli incendi. Ferme restando le prescrizioni costruttive richieste, la Stazione Appaltante si riserva di richiedere tutte le certificazioni occorrenti a dimostrare la rispondenza dei prodotti ai requisiti specificati nei presenti documenti di appalto e secondo le normative vigenti in materia. Ogni elemento di arredo e allestimento della fornitura dovrà rispettare i requisiti di carattere generale di seguito riportati. - Materiali: tutti i materiali utilizzati nella realizzazione degli allestimenti (a esclusione degli oggetti esposti al pubblico), dovranno essere conformi a quanto previsto dall art. 5 del D.M. n. 569 del 20/05/1992 (Regolamento contenente norme di sicurezza antincendio per gli edifici storici e artistici destinati a musei, gallerie, esposizioni e mostre). Per un maggiore dettaglio si rimanda al C.S.A. Parte I Norme contrattuali. - Caratteristiche di sicurezza: idonee a evitare qualsiasi tipo di danno agli utenti sia alla persona che alle cose (es. abbigliamento, ecc...). - Piani: dovranno essere in materiale antigraffio e antiriflesso. - Vernici: utilizzate dovranno esser di tipo atossico per ogni tipologia di materiale utilizzato. - Bordi: degli arredi non dovranno presentare superfici taglienti. - Bordatura: qualsiasi pannellatura utilizzata per la realizzazione degli arredi e allestimenti del presente appalto (MDF, multistrato, ecc ) deve essere bordata 10

12 completamente su tutti i lati in legno ignifugato e/o abs ignifugo (dea conordare con il REC). - Profili metallici o plastici: dovranno essere chiusi nelle parti terminali con appositi tappi e non presentare alcuna sbavatura. - Pannellature dei mobili: i rivestimenti che compongono le pannellature di uno stesso allestimento o arredo, dovranno essere selezionati e montati, in modo da evitare qualsiasi difformità sia cromatica che nella laccatura, tra le diverse parti a vista. - Spigoli vivi: non dovranno presentare alcuna discontinuità, dovuta a difetti di incollaggio o a tecniche di assemblaggio non appropriate. - Fissaggi: qualsiasi tipo di fissaggio, dovrà essere realizzato in modo tale da risultare invisibile dall'esterno. - Dimensioni: devono essere verificate in loco, nel rispetto degli ordini architettonici esistenti, e possono subire variazioni, a insindacabile giudizio del R.E.C. senza aumenti di costi. - Finiture: tutte le parti a vista devono essere realizzate in modo da ottenere un risultato visivo estetico eccellente di prima qualità e ove necessario in conformità con quanto già esistente. - Ferramenta: tutta la ferramenta impiegata dovrà essere in acciaio inox, finitura spazzolata o lucida; viti da legno zincate, colla ureica e quant altro necessario al completamento a regola d arte. Ove richiesto la ferramenta impiegata dovrà essere tipo anticata a scelta della D.L. previa campionatura. - Elementi di irrigidimento all interno dei mobili: ogni mobile deve essere costruito in modo da garantirne la portata e perfetta stabilità, gli elementi di irrigidimento devono essere posizionati a scomparsa all interno dello scafo con elementi in multistrato di pioppo nazionale ignifugato spessore 20 mm, in ferro e quant altro necessario a garantire la portata dell intero mobile. - Piedi di livellamento: i piedi di regolazione in altezza dovranno garantire la perfetta stabilità dell arredo e delle opere ivi esposte, in relazione alle diverse pavimentazioni esistenti irregolari (mattonelle di cotto o coccio pesto). Qualsiasi parte dell arredo deve rimanere sollevato da terra dai 5 ai 10mm. È onere dell Appaltatore proporre alla D.L. previa campionature, le tipologie, in riferimento ai diversi arredi/allestimenti, che rispondono al meglio ai requisiti di: resistenza, facilità di regolazione, poca visibilità dall esterno ( a scomparsa ). - Sistema di chiusura a serratura: tutte le serrature a chiave presenti nei diversi elementi oggetto di appalto, devono essere DI SICUREZZA, PER LA MASSIMA TUTELA DELLE OPERE IVI ESPOSTE. Saranno complanari al piano di installazione e con chiave unica o a più chiavi a esclusiva discrezione del R.E.C. - Rivestimenti in tessuto: dovranno essere utilizzati solo tessuti di primissima qualità e, in relazione all arredo, dovranno essere perfettamente aderenti al supporto e privi di irregolarità (pieghe ecc ), secondo campionatura da sottoporre all approvazione del 11

13 REC. - Policarbonato: dovrà essere utilizzato unicamente policarbonato colato con bordatura a filo lucido delle parti a vista. I supporti in policarbonato dovranno avere superfici lucide e levigate, dovranno essere piegati a caldo o assemblati con collanti a freddo e dotati di tutti quei particolari atti a sostenere le presentare gli oggetti esposti. 12

14 4 INTERVENTI OGGETTO DI APPALTO Le forniture e opere in appalto sono di seguito descritte in modo analitico, facendo riferimento ai documento d appalto della Sezione II Elaborati grafici. Oltre a quanto contenuto nei diversi documenti in appalto, il R.E.C. si riserva di fornire in durante la fase di redazione dei disegni costruttivi (a carico dell Appaltatore) e/o in corso d'opera i dettagli costruttivi e i particolari esecutivi che riterrà necessari per la realizzazione delle opere in ogni parte. I componenti della fornitura dovranno essere rispondenti e conformi ai requisiti e alle caratteristiche tecniche minime di seguito illustrate, salvo diverse indicazioni fornite dal R.E.C., è altresì compreso qualsiasi altro elemento, lavorazione, ecc necessario per dare l oggetto in appalto finito in ogni parte e funzionante a perfetta regola d arte. Tutte le parti a vista devono essere trattate con finiture estetiche eccellenti. Gli elementi oggetto del presente appalto sono di seguito elencati: CODICE APPALTO DESCRIZIONE DELL'ARTICOLO 1 ALLESTIMENTI 1A TIPO A Book-shop Piano Nobile 1A.1 Scaffalature espositive con sistema integrato di illuminazione 1A.2 Appoggi 1A.3 Banco cassa 1B TIPO B Strutture espositive varie 1B.1 Espositore quadri a cavalletto 1B.2 Cassonetti luminosi 1B.3 Cassonetti luminosi con struttura in MDF 1B.4 Portale in mdf 1B.5 Pannellatura a parete in mdf laccato 1B.6 Pannellatura a parete, in mdf laccato, con monitor incassati 1B.7 Pannellatura a parete, in mdf laccato, con cassonetti luminosi 13

15 1B.8 Basamento per statua - Tipologia A 1B.9 Basamento per statua - Tipologia B 1B.10 Basamento per statua - Tipologia C 1B.11 Pedana 1C TIPO C Strutture per grafica e segnaletica per interni 1C.1 Struttura autoportante direzionale - Tipologia A 1C.2 Struttura autoportante direzionale - Tipologia B 1C.3 Struttura autoportante con monitor 1D TIPO D Strutture per grafica e segnaletica per esterni 1D.1 Struttura autoportante direzionale 1D.2 Struttura autoportante bifacciale - Tipologia A 1D.3 Strutture autoportanti bifacciale - Tipologia B 1D.4 Strutture autoportanti bifacciale bifacciale - Tipologia C 1D.5 Struttura con piano inclinato - Tipologia A 1D.6 Struttura con piano inclinato - Tipologia B 1D.7 Struttura per grafica a parete - Tipologia A 1D.8 Struttura per grafica a parete- Tipologia B 1D.9 Struttura per stendardi bifacciali 1D.10 Struttura per grafica a forma di cubo 1D.11 Targhe in policarbonato - Tipologia A 1D.12 Targhe in policarbonato - Tipologia B 1E TIPO E Sedute per interni 1E.1 Seduta tipo "taboretto" 14

16 1E.2 Seduta tipo sedia 1E.3 Seduta tipo panca 1E.4 Seduta alta livello operativo 1F TIPO F Teca per modello Venaria 1F.1 Teca modello venaria con corpi illuminanti e predisposizione per monitor 2 OPERE PROVVISIONALI 2.1 Sala 8_ Rimozione e adeguamento di allestimenti esistenti 2.2 Sala 13_ Rimozione, spostamento e adeguamento di allestimenti esistenti 2.3 Sale 14-15_ Rimozione e spostamento allestimenti esistenti 2.4 Sala 47 Rimozione, spostamento e adeguamento degli allestimenti esistenti 2.5 Sale 49 e 50. Rimozione, spostamento e adeguamento degli allestimenti esistenti 2.6 Smontaggio, spostamento e rimontaggio dei pannelli in vetro autoportanti e appesi 2.7 Riposizionamento delle strutture di grafica esistenti in Piazza della Repubblica 2.8 Rimozione pellicole vetri 2.9 Montaggio binari halfen 2.10 Adeguamento regia per video 2.11 Porta interna 2.12 Ombrelloni 2.13 Prova di carico statica 2.14 Predisposizione edile per appendimento lampadario 15

17 2.15 Copripozzetto in acciaio e cocciopesto 2.16 Elementi per appendimento 2.17 Redazione progetto grafico 2.18 Acrochage 3 TENDE E TAPPEZZERIE 3.1 Tende - Tipologia A 3.2 Tende - Tipologia B 3.3 Tende - Tipologia C 3.4 Tende - Tipologia D 3.5 Tende - Tipologia E 3.6 Tappezzeria tesata a parete 3.7 Smontaggio e/o spostamento di tende esistenti 3.8 Sistema di appendimento 4 GRAFICA 4.1 Stampa su pellicola adesiva per interni ed esterni 4.2 Stampa in speculare su pellicola adesiva per interni e esterni 4.3 Stampa di testi prespaziati per interni ed esterni 4.4 Stampa di testi prespaziati calpestebili per interni 4.5 Elementi testuali in rilievo 4.6 Stampa diretta su tessuto per interni ed esterni 4.7 Stampa su pannelli in Forex 16

18 4.8 Stampa in speculare su pannelli in policarbonato 4.9 Supporti per grafica in vetro spessore 10mm a filo lucido 4.10 Supporti per grafica in policarbonato spessore 5mm a filo lucido 4.11 Supporto per grafica in policarbonato spessore 8mm a filo lucido 4.12 Supporto per grafica in policarbonato spessore 10mm a filo lucido 4.13 Supporto per grafica in Forex - spessore 5mm 4.14 Supporto per grafica in Dibond - spessore 3mm 4.15 Supporto per grafica in Dibond - spessore 6mm 4.16 Cornice in alluminio per pannelli in Dibond - spessore 3mm 4.17 Cornice in alluminio per pannelli in Dibond - spessore 6mm 4.18 Supporto per grafica in leger - spessore 20mm 5 TECNOLOGIE 5.1 Monitor Led 70 pollici 5.2 Monitor Led 50 pollici 5.3 Lampade proiettori. KIT DOPPIA LAMPADA - PT - D5100W PANASONIC Mod. ET-LAD57W 5.4 Lampade proiettori. LAMPADA - PT-D3500 PANASONIC Mod. ET-LAD35W 5.5 Lampade proiettori. LAMPADA - F20 SXGA + PROJECTIONDESIGN Mod. PLP Proiettore tipo Casio XJ-A Umidificatore 6 FORNITURA DI CORPI ILLUMINANTI 6.1 Binario elettrificato trifase L COL. BIANCO 6.2 Binario elettrificato trifase L COL. BIANCO 17

19 6.3 Binario trifase elettrificato L COL. BIANCO 6.4 Testata alimentazione binario trifase elettrificato dx - COL. BIANCO 6.5 Testata alimentazione binario trifase elettrificato sx - COL. BIANCO 6.6 Giunto alimentazione a scomparsa per binario trifase elettrificato - COL. BIANCO 6.7 Giunto multiflex trifase binario elettrificato trifase - COL. BIANCO 6.8 Binario elettrificato trifase L COL. NERO 6.9 Testata alimentazione per binario elettrificato trifase dx - COL. NERO 6.10 Testata alimentazione per binario elettrificato trifase sx - COL. NERO 6.11 Faretto LED 6W 7 ADEGUAMENTI IMPIANTISTICI 7.1 Adeguamenti impianti elettrici e speciali e relativi adeguamenti edili Nella descrizione che segue dei diversi elementi in appalto, si deve tener conto che, anche dove non espressamente detto, tutti i materiali devono essere ignifughi nel rispetto delle normative vigenti in materia, anche all interno degli arredi. 18

20 5 CODICE APPALTO 1_ALLESTIMENTI 5.1 DESCRIZIONE DEGLI INTERVENTI PREVISTI AL CODICE APPALTO 1A_ TIPO A BOOK-SHOP PIANO NOBILE L allestimento prevede la creazione di un nuovo bookshop al Piano Nobile di accesso alle Sale delle Arti. Vista la complessità descrittiva di ogni parte dell allestimento si rimanda all elaborato grafico II DESCRIZIONE DEGLI INTERVENTI PREVISTI AL CODICE APPALTO 1B_ TIPO B STRUTTURE ESPOSITIVE VARIE CODICE APPALTO 1B.1 Espositore quadri a cavalletto Espositore di quadri a cavalletto, realizzato in acciaio, con doppia mano di antiruggine e verniciatura a polveri (RAL come esistenti). Gli espositori oggetto del presente articolo sono già esistenti nella Sala 2. Pertanto i disegni allegati sono puramente indicativi e i nuovi espositori dovranno essere realizzati come quelli esistenti CODICE APPALTO 1B.2 Cassonetti luminosi Fornitura, posa in opera e installazione di cassonetti luminosi monofacciali (Sistema Tipo MATRIX FRAME), di misure varie completi, completi di: - cornice in alluminio anodizzato poco profonda, ma comunque di profondità tale da garantire il perfetto, diffuso e uniforme illuminamento delle stampe retroilluminate; - illuminazione con strisce led continue su tutto il fondo in modo del cassonetto in modo da garantire un illuminazione diffusa e uniforme; - tessuto in poliestere con ai quattro lati cucito un bordo in silicone per garantire la perfetta tesatura delle tele; - cablaggio e collegamento elettrico al punto più vicino di alimentazione indicato dal R.E.C.. Tali collegamenti dovranno essere fatti all interno delle strutture allestitive (ad esempio cod.app. 1B.7) e/o dietro alle tappezzerie tesate (cod.app.3.6) a scomparsa totale. - stampa digitale su tessuto in classe 1 di esecutivi da voi forniti (vedi cod.app.2.17) ad almeno 100/150DPI in scala 1:1 del formato finale del pannello ; 19

PIEMONTE FORNITURA ARREDI PER L ALLESTIMENTO DEL RISTORANTE UNIVERSITARIO PRINCIPE AMEDEO [01634367A5] CAPITOLATO TECNICO

PIEMONTE FORNITURA ARREDI PER L ALLESTIMENTO DEL RISTORANTE UNIVERSITARIO PRINCIPE AMEDEO [01634367A5] CAPITOLATO TECNICO PIEMONTE FORNITURA ARREDI PER L ALLESTIMENTO DEL RISTORANTE UNIVERSITARIO PRINCIPE AMEDEO CIG [01634367A5] CAPITOLATO TECNICO PREMESSA Per il Ristorante Universitario Mensana di via Principe Amedeo sono

Dettagli

S.P.T. spa via A. Moro n 23 - Como -

S.P.T. spa via A. Moro n 23 - Como - S.P.T. spa via A. Moro n 23 - Como - PROGETTO PER REALIZZAZIONE NUOVI UFFICI in via ANZANI n 37 - COMO COMPUTO METRICO ESTIMATIVO OPERE EDILI ed AFFINI Il progettista Agosto 2011 Demolizioni Demolizione

Dettagli

TAO 10. Design: MAURO LIPPARINI

TAO 10. Design: MAURO LIPPARINI TAO 10 Design: MAURO LIPPARINI Derivato da TAO DAY, sistema trainante per la zona giorno di MisuraEmme, il sistema TAO10 è una nuova proposta che ne esalta i contenuti estetici, funzionali e di attualità.

Dettagli

DESCRIZIONE DELLE DOTAZIONI PREVISTE PER CIASCUN AMBIENTE

DESCRIZIONE DELLE DOTAZIONI PREVISTE PER CIASCUN AMBIENTE PROGETTO ESECUTIVO RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA Il presente progetto comprende forniture, attrezzature e opere complementari per l allestimento del punto informativo centrale dell Ecomuseo della Montagna

Dettagli

Dai luce ai tuoi sogni

Dai luce ai tuoi sogni IL MODULO VETRATO NEL CARTONGESSO IL MODULO VETRATO Dai luce ai tuoi sogni IL MODULO VETRATO PER PARETI IN CARTONGESSO È il modulo vetrato per creare visibilità e luce nelle pareti in cartongesso. VETROFACILE,

Dettagli

Allegato B. Schede tecnico-costruttive degli impianti di Pubblicità esterna

Allegato B. Schede tecnico-costruttive degli impianti di Pubblicità esterna ACCORDO DI COLLABORAZIONE EX ART. 43 DELLA LEGGE 449/1997 E ART. 119 DEL D.LGS N. 267/2000 tra la Società HI-COM s.r.l. in qualità di Collaborante ed il Comune di Tortoreto in qualità di Collaboratore

Dettagli

GUIDA ALLA CONSULTAZIONE DEL CATALOGO SISTEMI DI CHIUSURA

GUIDA ALLA CONSULTAZIONE DEL CATALOGO SISTEMI DI CHIUSURA INDICE GENERALE 5 GUIDA ALLA CONSULTAZIONE DEL CATALOGO SISTEMI DI CHIUSURA 6 7 MONO 33 47 65 69 77 95 99 101 PROFILI 106 110 ELEMENTI E ACCESSORI INDICE TIPOLOGIA PRODOTTO TIPOLOGIA PAG. 8131 EASY A FRONTALI

Dettagli

Preinsegna - Art. 6.1 del PGIP. scheda tecnica. Comune di Bruino PROVINCIA DI TORINO. Comune di BRUINO

Preinsegna - Art. 6.1 del PGIP. scheda tecnica. Comune di Bruino PROVINCIA DI TORINO. Comune di BRUINO L impianto è' costituito da due pali di sostegno realizzati con profilo tubolare in estruso di alluminio avente dimensioni di mm. 80x3500x80. Alle estremità i pali sono completati da un tappo di chiusura

Dettagli

AGENZIA REGIONALE DI PROTEZIONE CIVILE

AGENZIA REGIONALE DI PROTEZIONE CIVILE SOMMARIO 1 1.1 1.2 1.3 1.4 MARCHIO Costruzione tecnica Esempi di leggibilità e riduzione Versione a colori Versione in bianco e nero pag. 3 pag. 4 pag. 5 pag. 5 2 2.1.1.2.3.4.5.6 2.3 2.3.1 2.3.2 2.4 2.4.1

Dettagli

ISTITUTO NAZIONALE DELLA PREVIDENZA SOCIALE SEDE REGIONALE PER LA SICILIA

ISTITUTO NAZIONALE DELLA PREVIDENZA SOCIALE SEDE REGIONALE PER LA SICILIA ISTITUTO NAZIONALE DELLA PREVIDENZA SOCIALE SEDE REGIONALE PER LA SICILIA UFFICIO TECNICO - EDILIZIO SEDE INPS DI ENNA. Viale Diaz,23 TAVOLA B CAPITOLATO TECNICO. OGGETTO: LAVORI DI FORNITURA E COLLOCAZIONE

Dettagli

ATTREZZATURE IN LEGA DI ALLUMINIO ANODIZZATO PER MACELLERIE - SUPERMERCATI - NEGOZI ALIMENTARI

ATTREZZATURE IN LEGA DI ALLUMINIO ANODIZZATO PER MACELLERIE - SUPERMERCATI - NEGOZI ALIMENTARI CATALOGO GENERALE ATTREZZATURE IN LEGA DI ALLUMINIO ANODIZZATO PER MACELLERIE - SUPERMERCATI - NEGOZI ALIMENTARI La GIMAR ITALIA s.r.l. opera nel settore della refrigerazione e dell arredamento negozi

Dettagli

Elementi di arredo urbano per le fermate dell autobus della Provincia di Cuneo. Proposta Progettuale Marzo 2007

Elementi di arredo urbano per le fermate dell autobus della Provincia di Cuneo. Proposta Progettuale Marzo 2007 M OVIL INEA Elementi di arredo urbano per le fermate dell autobus della Provincia di Cuneo Proposta Progettuale Marzo 2007 Vista in Pianta 4040 1989 Ca r ter Anterior e predisposto per Kit illumin a zione

Dettagli

Modulo Offerta Economica. ALLESTIMENTO DELLA MOSTRA Splendori delle Corti Italiane: gli Este - CIG. 5547903263. Il sottoscritto.

Modulo Offerta Economica. ALLESTIMENTO DELLA MOSTRA Splendori delle Corti Italiane: gli Este - CIG. 5547903263. Il sottoscritto. Marca da bollo da 14,62 Modulo Offerta Economica ALLESTIMENTO DELLA MOSTRA Splendori delle Corti Italiane: gli Este - CIG. 5547903263 Il sottoscritto nato a il Titolare (o legale rappresentante) dell'impresa

Dettagli

ERRATA CORRIGE All Elenco Prezzi registrato a Milano il 18 giugno 2014 al n 2654 Serie 3 edizione 2014

ERRATA CORRIGE All Elenco Prezzi registrato a Milano il 18 giugno 2014 al n 2654 Serie 3 edizione 2014 ERRATA CORRIGE All Elenco Prezzi registrato a Milano il 18 giugno 2014 al n 2654 Serie 3 edizione 2014 Le pagine da 115 sino a 119 compresa e la pagina 196 si intendono sostituite da quelle di seguito

Dettagli

COMUNE DI CIVATE PROVINCIA DI LECCO

COMUNE DI CIVATE PROVINCIA DI LECCO COMUNE DI CIVATE PROVINCIA DI LECCO PROGETTO PER LA RIQUALIFICAZIONE ED ADEGUAMENTO PALESTRA COMUNALE DI VIA A. LONGONI. CAPITOLATO OFFERTA STRUTTURE IN ACCIAIO IL PROGETTISTA Dr. Ing. Daniele Colombo

Dettagli

PARAPETTI SISTEMI ANTICADUTA DISPOSITIVI DI ANCORAGGIO LINEE VITA PARAPETTI DISTRIBUTORE AUTORIZZATO

PARAPETTI SISTEMI ANTICADUTA DISPOSITIVI DI ANCORAGGIO LINEE VITA PARAPETTI DISTRIBUTORE AUTORIZZATO PARAPETTI SISTEMI ANTICADUTA DISPOSITIVI DI ANCORAGGIO LINEE VITA PARAPETTI DISTRIBUTORE AUTORIZZATO 2 indice INTRODUZIONE PARAPETTI NORMATIVE DI RIFERIMENTO PARAPETTO P - STOP ORIZZONTALE configurazioni

Dettagli

2. INTERVENTI DI ADEGUAMENTO DEGLI EDIFICI ESISTENTI PROPEDEUTICI ALLA REALIZZAZIONE DELL IMPIANTO FOTOVOLTAICO... 4

2. INTERVENTI DI ADEGUAMENTO DEGLI EDIFICI ESISTENTI PROPEDEUTICI ALLA REALIZZAZIONE DELL IMPIANTO FOTOVOLTAICO... 4 SOMMARIO 1. PREMESSA... 2 2. INTERVENTI DI ADEGUAMENTO DEGLI EDIFICI ESISTENTI PROPEDEUTICI ALLA REALIZZAZIONE DELL IMPIANTO FOTOVOLTAICO... 4 3. INTERVENTI DI ADEGUAMENTO DELL AREA PARCHEGGI PER LA POSA

Dettagli

10a - Chiusure e partizioni interne

10a - Chiusure e partizioni interne 10a - Chiusure e partizioni interne, infissi esterni verticali. Requisiti ed elementi. Modelli funzionali ed alternative tecniche. La chiusura di un edificio è quella parte dell organismo edilizio che

Dettagli

INSIEL S.p.A. OGGETTO. LIVELLO PROGETTUALE: Specifica Tecnica. Minishelter. Data: 28 marzo 2007

INSIEL S.p.A. OGGETTO. LIVELLO PROGETTUALE: Specifica Tecnica. Minishelter. Data: 28 marzo 2007 LIVELLO PROGETTUALE: Specifica Tecnica Data: 28 marzo 2007 OGGETTO GGETTO: Minishelter Integrazioni: 27 marzo 2009 Riferimento: INSIEL_ ST_MINISHELTER_09 INDICE Indice... 2 Indice delle figure... 2 1 Generalità...

Dettagli

Analisi dei Nuovi Prezzi Aggiunti

Analisi dei Nuovi Prezzi Aggiunti Analisi dei Nuovi Prezzi Aggiunti Premessa Per le forniture e le opere compiute di cui non è stato individuato un articolo specifico nell Elenco Prezzi di riferimento (Elenco Prezzi di riferimento per

Dettagli

IBA Strutture, situata alle porte di Milano, nasce nel 1995 dall unione di esperti professionisti nel settore della posa di mosaici e di

IBA Strutture, situata alle porte di Milano, nasce nel 1995 dall unione di esperti professionisti nel settore della posa di mosaici e di IBA Strutture, situata alle porte di Milano, nasce nel 1995 dall unione di esperti professionisti nel settore della posa di mosaici e di ristrutturazioni complete chiavi in mano. La società è specializzata

Dettagli

PARETE MONO E DOPPIO VETRO DNAX

PARETE MONO E DOPPIO VETRO DNAX SCHEDE TECNICHE PARETE MONO E DOPPIO VETRO DNAX DnaX si caratterizza per la massima pulizia del linguaggio architettonico e dalla estrema flessibilità di impiego e versatilità nell utilizzo di diverse

Dettagli

Woodcastle. biblio. Struttura in legno finger joint a sezione rettangolare

Woodcastle. biblio. Struttura in legno finger joint a sezione rettangolare biblio Woodcastle Woodcastle Struttura in legno finger joint a sezione rettangolare impiallacciato in essenza, unito ad un telaio a cremagliera in acciaio 20/10 di spessore per una sezione rettangolare

Dettagli

Policlinico San Matteo di Pavia - Fondazione IRCCS Il filo di Arianna. Progetto della segnaletica per il pubblico per il nuovo DEA.

Policlinico San Matteo di Pavia - Fondazione IRCCS Il filo di Arianna. Progetto della segnaletica per il pubblico per il nuovo DEA. Il presente Capitolato con Computo metrico estimativo, così come il Manuale della segnaletica, le Tavole di applicazione della segnaletica, si riferiscono agli elementi di segnaletica (interna ed esterna)

Dettagli

L INVISIBILE SCORREVOLE CENTRO PARETE SISTEMA VETRO

L INVISIBILE SCORREVOLE CENTRO PARETE SISTEMA VETRO SCORREVOLE CENTRO PARETE SISTEMA VETRO - Scheda di montaggio - pag. 1 di 12 L INVISIBILE SCORREVOLE CENTRO PARETE SISTEMA VETRO Scheda di montaggio Situazione cantiere Materiale in dotazione SISTEMA VETRO

Dettagli

Modulo Offerta Economica

Modulo Offerta Economica Modulo Offerta Economica REALIZZAZIONE DELLE OPERE DI, GRAFICA E APPARATI MULTIMEDIALI PER LA MOSTRA TEMPORANEA DAL TITOLO I QUADRI DEL RE (I) CIG 39112544E7 Il sottoscritto nato a il Titolare (o legale

Dettagli

ESPOSITORI E TOTEM. Aggiungere al codice la lettera L per la versione del totem luminoso. CCIAA (Rc) Realizzato da Publidis, altezza mt 2,00

ESPOSITORI E TOTEM. Aggiungere al codice la lettera L per la versione del totem luminoso. CCIAA (Rc) Realizzato da Publidis, altezza mt 2,00 TOTEM BIFACCIALI DI TIPO PIATTO CON MISURE STANDARD Totem realizzato con profili laterali in alluminio anodizzato e struttura portante interni in ferro, completo di piastre di base e tirafondi per il fissaggio

Dettagli

STRUTTURE PER FIERE B67587785( ),(5(B,7$B! LQGG

STRUTTURE PER FIERE B67587785( ),(5(B,7$B! LQGG STRUTTURE PER FIERE SPRING ROLL E PROMOBAND > p. 322 PIANTANE ESPOSITIVE > p. 326 TOTEM > p. 328 PARETINA TELESCOPICA > p. 330 PORTA BROCHURE ESTENSIBILE > p. 331 STRUTTURE PER VETRINE > p. 332 DISTANZIALI

Dettagli

AREA EDILIZIA COMUNE DI FIRENZE PROGETTO ESECUTIVO PROGETTO DEGLI ARREDI PIANO DI MANUTENZIONE 01/07/2015

AREA EDILIZIA COMUNE DI FIRENZE PROGETTO ESECUTIVO PROGETTO DEGLI ARREDI PIANO DI MANUTENZIONE 01/07/2015 AREA EDILIZIA COMUNE DI FIRENZE PROGETTO ESECUTIVO PROGETTO DEGLI ARREDI PIANO DI MANUTENZIONE PM 01072015 Piano di manutenzione degli arredi: Fornitura e posa in opera degli arredi di serie e personalizzati

Dettagli

VITTORIA ASSICURAZIONI MILANO

VITTORIA ASSICURAZIONI MILANO Certificato n. 4858 Tecnologie edili per l ambiente facciate continue serramenti - pareti mobili Nuove facciate dell edificio Proprietà Vittoria Assicurazioni nell ambito del progetto Portello (in progress)

Dettagli

CITTÀ DI BARI Ripartizione Contratti ed Appalti P.O.S. Forniture

CITTÀ DI BARI Ripartizione Contratti ed Appalti P.O.S. Forniture CITTÀ DI BARI Ripartizione Contratti ed Appalti P.O.S. Forniture OGGETTO: Fornitura di mobili, sedute e complementi di arredo per alcuni uffici Comunali. SPECIFICHE TECNICHE DELLE FORNITURE Il presente

Dettagli

OGGETTO PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO. (D.Lgs 9 aprile 2008 n. 81, Art. 100 e Allegato XV) Allegato C: Stima dei costi della sicurezza

OGGETTO PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO. (D.Lgs 9 aprile 2008 n. 81, Art. 100 e Allegato XV) Allegato C: Stima dei costi della sicurezza OGGETTO PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO (D.Lgs 9 aprile 2008 n. 81, Art. 100 e Allegato XV) Allegato C: Stima dei costi della sicurezza pag. 2 R I P O R T O LAVORI A CORPO 1 Recinzione provvisionale

Dettagli

SHELTERS CABINE STAZIONE MOBILI SISTEMI PER RADIO E TELEDIFFUSIONE. Progettati per custodire al meglio qualsiasi apparato

SHELTERS CABINE STAZIONE MOBILI SISTEMI PER RADIO E TELEDIFFUSIONE. Progettati per custodire al meglio qualsiasi apparato SISTEMI PER RADIO E TELEDIFFUSIONE SHELTERS CABINE STAZIONE MOBILI Progettati per custodire al meglio qualsiasi apparato è predisposta per l installazione di una struttura interna o esterna a sostegno

Dettagli

Specifica tecnica di capitolato

Specifica tecnica di capitolato Specifica tecnica di capitolato La seguente specifica di capitolato fa riferimento ad un impianto standard; per ottenere una descrizione personalizzata di particolari opzioni e/o configurazioni Vi preghiamo

Dettagli

Modelli e finiture MATERIA SETA. Finiture e colori. anta sp. 20 mm ANTA IN FINITURA LAMINATO SETA CON BORDO ABS 4 LATI IN TINTA

Modelli e finiture MATERIA SETA. Finiture e colori. anta sp. 20 mm ANTA IN FINITURA LAMINATO SETA CON BORDO ABS 4 LATI IN TINTA MATERIA SETA 00 ANTA IN FINITURA LAMINATO SETA CON BORDO ABS 4 LATI IN TINTA 2 3 2. Frontale e lato interno in Laminato Seta sp. 0,4 mm 3. Bordo ABS in tinta su 4 Lati, sp.,2 mm Bianco Canapa Tortora Antracite

Dettagli

GARA D APPALTO MEDIANTE COTTIMO FIDUCIARIO PER L AFFIDAMENTO DELLA FORNITURA E POSA IN OPERA DI ELEMENTI DI ARREDO

GARA D APPALTO MEDIANTE COTTIMO FIDUCIARIO PER L AFFIDAMENTO DELLA FORNITURA E POSA IN OPERA DI ELEMENTI DI ARREDO GARA D APPALTO MEDIANTE COTTIMO FIDUCIARIO PER L AFFIDAMENTO DELLA FORNITURA E POSA IN OPERA DI ELEMENTI DI ARREDO DELLA NUOVA SEDE DELL AGENZIA ITALIANA DEL FARMACO SITA IN ROMA VIA DEL TRITONE N. 8 CAPITOLATO

Dettagli

Estratto. ANAS S.p.A. Condirezione Generale Tecnica Direzione Centrale Progettazione

Estratto. ANAS S.p.A. Condirezione Generale Tecnica Direzione Centrale Progettazione ANAS S.p.A. Condirezione Generale Tecnica Direzione Centrale Progettazione Linee Guida per la progettazione della sicurezza nelle Gallerie Stradali secondo la normativa vigente Ottobre 2009 Pag. 71 di

Dettagli

PROGRAMMI INTEGRATI DI RIQUALIFICAZIONE DELLE PERIFERIE FONDO PER LO SVILUPPO E COESIONE 2007-2014

PROGRAMMI INTEGRATI DI RIQUALIFICAZIONE DELLE PERIFERIE FONDO PER LO SVILUPPO E COESIONE 2007-2014 PROGRAMMI INTEGRATI DI RIQUALIFICAZIONE DELLE PERIFERIE FONDO PER LO SVILUPPO E COESIONE 2007-2014 PROGETTO ESECUTIVO PER LAVORI DI COSTRUZIONE DI UN FABBRICATI DI E.R.P. COMPOSTO DA N. 8 ALLOGGI SITO

Dettagli

TECHNICAL DOCUMENTATION

TECHNICAL DOCUMENTATION TECHNICAL DOCUMENTATION NOTE GENERALI GENERAL NOTES NOTES GÉNÉRALES I prodotti illustrati nel presente catalogo sono da ritenersi a puro titolo esplicativo. Richiedere la fattibilità in sede. Il presente

Dettagli

Capitolato speciale Oneri

Capitolato speciale Oneri Capitolato speciale Oneri LOTTO n. 12 INFISSI IMPORTO COMPLESSIVO DELLA FORNITURA : 30.000,00 ART. 1 Questa Società intende approvvigionarsi mediante somministrazione, del materiale sottoelencato: Cod.

Dettagli

CHIUSURE VER VER ICALI PORTATE

CHIUSURE VER VER ICALI PORTATE CHIUSURE VERTICALI PORTATE CHIUSURE VERTICALI PORTATE Hanno funzione portante t secondaria cioè non garantiscono la sicurezza statica complessiva dell edificio ma devono assicurare la protezione e l incolumità

Dettagli

CARTELLO-CANTIERE BANNER

CARTELLO-CANTIERE BANNER Service CARTELLO-CANTIERE BANNER Banner 600 gr. alta qualità per la produzione di striscioni bifacciali senza alcun limite di dimensioni. Ottimo per la comunicazione in fiere, convegni e s p a z i s p

Dettagli

PROGETTO ESECUTIVO ADEGUAMENTO ALLE NORME DI PREVENZIONE INCENDI DELL ISTITUTO COMPRENSIVO DI CARAGLIO

PROGETTO ESECUTIVO ADEGUAMENTO ALLE NORME DI PREVENZIONE INCENDI DELL ISTITUTO COMPRENSIVO DI CARAGLIO COMUNE DI CARAGLIO Provincia di Cuneo SETTORE LAVORI PUBBLICI PROGETTO ESECUTIVO Artt. 33 e segg. D.P.R. 7/0 ADEGUAMENTO ALLE NORME DI PREVENZIONE INCENDI DELL ISTITUTO COMPRENSIVO DI CARAGLIO COD. CUP:

Dettagli

Laurea in Scienze dell Ingegneria Edile Corso di Architettura Tecnica a.a. 2010/2011. 3 Maggio 2011 Ing. Aurora Valori

Laurea in Scienze dell Ingegneria Edile Corso di Architettura Tecnica a.a. 2010/2011. 3 Maggio 2011 Ing. Aurora Valori CONTROSOFFITTI Laurea in Scienze dell Ingegneria Edile Corso di Architettura Tecnica a.a. 2010/2011 Prof. Arch. Frida Bazzocchi 3 Maggio 2011 Ing. Aurora Valori UNI EN 13964:2007 Controsoffitti. e metodi

Dettagli

Direzione Generale Organizzazione, risorse umane e tecniche

Direzione Generale Organizzazione, risorse umane e tecniche ALLEGATO A CARATTERISTICHE TECNICHE DEI LOCALI DA ADIBIRE AD ARCHIVIO DI DEPOSITO Sommario 1. Caratteristiche generali... 2 2. Ubicazione... 2 3. Strutture esterne e dimensioni... 2 4. Diapositivi di sicurezza...

Dettagli

Fresia Alluminio. Porte interne

Fresia Alluminio. Porte interne Fresia Alluminio Porte interne SERIE BREVETTATA PLANET 45 Porte Interne CAPITOLATO Traccia di capitolato per fornitura e posa in opera di infissi realizzati con la gamma per serramenti Planet 45 Porte

Dettagli

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO COMPUTO METRICO ESTIMATIVO Provincia di Milano RISTRUTTURAZIONE VILLA BESOZZI Piazza Manzoni, 2 Proprietà: ASF & Servizi alla Persona - Carugate Rif. COMPUTO METRICO Unità di misura Quantità Prezzo Un.

Dettagli

PORTE UNIVER REI 60 REI 120

PORTE UNIVER REI 60 REI 120 PORTE UNIVER REI 60 REI 10 04 INDICE PORTE UNIVER PAGINA INDICE PORTE UNIVER 05 TIPOLOGIE/CERTIFICATI PORTE UNIVER REI 60 E REI 10 AD UNA ANTA 06 ILLUSTRAZIONI PORTE UNIVER 07 08 DESCRIZIONI/SEZIONI PORTE

Dettagli

Porte interne e pareti divisorie METRA-Flex Porte interne

Porte interne e pareti divisorie METRA-Flex Porte interne Porte interne e pareti divisorie METRA-Flex Porte interne METRA-Flex Porte interne Sintesi e qualità strutturale sono caratteristiche distintive delle porte interne Metra. Possono essere utilizzate sia

Dettagli

RISTRUTTURAZIONE EDIFICIO VIA TONALE 26 MILANO FACCIATE CONTINUE E SERRAMENTI

RISTRUTTURAZIONE EDIFICIO VIA TONALE 26 MILANO FACCIATE CONTINUE E SERRAMENTI Certificato n. 4858 Tecnologie edili per l ambiente facciate continue serramenti - pareti mobili RISTRUTTURAZIONE EDIFICIO VIA TONALE 26 MILANO FACCIATE CONTINUE E SERRAMENTI Ristrutturazione fabbricato

Dettagli

NUOVE TECNOLOGIE APPLICATE AI PAVIMENTI SOPRAELEVATI. www.rftsrl.eu

NUOVE TECNOLOGIE APPLICATE AI PAVIMENTI SOPRAELEVATI. www.rftsrl.eu NUOVE TECNOLOGIE APPLICATE AI PAVIMENTI SOPRAELEVATI www.rftsrl.eu RFT - FOUR x FOUR AUTOCENTRANTE Pavimento sopraelevato STANDARD Pavimento sopraelevato ANTISISMICO L innovazione di FOUR x FOUR consiste

Dettagli

ALLEGATO TECNICO A5 al Capitolato Speciale d Appalto

ALLEGATO TECNICO A5 al Capitolato Speciale d Appalto Procedura aperta per la fornitura di contenitori per la raccolta differenziata dei rifiuti. ALLEGATO TECNICO A5 al Capitolato Speciale d Appalto CONTENITORE 360 LITRI PER LA RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI

Dettagli

ALLEGATO TECNICO A1 al Capitolato Speciale d Appalto Prescrizioni tecniche

ALLEGATO TECNICO A1 al Capitolato Speciale d Appalto Prescrizioni tecniche Procedura aperta per la fornitura di contenitori per la raccolta differenziata dei rifiuti, con capacità pari a 120, 240, 1100 litri. ALLEGATO TECNICO A1 al Capitolato Speciale d Appalto Prescrizioni tecniche

Dettagli

COMUNE DI CUNEO Settore Gestione del Territorio PROGETTO ESECUTIVO. (Ai sensi dell'art. 93 comma 4 della D. L.vo 163/2006 e s.m.i.

COMUNE DI CUNEO Settore Gestione del Territorio PROGETTO ESECUTIVO. (Ai sensi dell'art. 93 comma 4 della D. L.vo 163/2006 e s.m.i. allegato n. 1 COMUNE DI CUNEO Settore Gestione del Territorio PROGETTO ESECUTIVO (Ai sensi dell'art. 93 comma 4 della D. L.vo 163/2006 e s.m.i.) Lavori: RISTRUTTURAZIONE FABBRICATO SCOLASTICO DI VIA Q.

Dettagli

n. 1,00 x 861,28=... 861,28

n. 1,00 x 861,28=... 861,28 S.02.10.30 Passerella per attraversamenti di scavi o spazi affaccianti sul vuoto fornite di parapetti su entrambi i lati, in conformità alla normativa vigente. Montaggio e nolo per il 1 mese. Pedonale

Dettagli

PANNELLI IN MDF PER RIVESTIMENTI

PANNELLI IN MDF PER RIVESTIMENTI PANNELLI IN MDF PER RIVESTIMENTI DOLCE VITA - Bianco brillante NUOVE SUPERFICI PER LA CASA Pircher presenta una nuova soluzione per il rivestimento di pareti e controsoffitti: pannelli con supporto in

Dettagli

Capitolato per appalto

Capitolato per appalto Capitolato per appalto SISTEMA A DUE GUARNIZIONI DI TENUTA - 70 mm FORNITURA E POSA IN OPERA DI SERRAMENTI IN PVC BIANCO RINFORZATO CON STRUTTURA IN ACCIAIO TRASMITTANZA TERMICA Uf = 1,4 W/m 2 K (1) ABBATTIMENTO

Dettagli

CAPITOLATO COMMERCIALE

CAPITOLATO COMMERCIALE CAPITOLATO COMMERCIALE Condominio via Menabrea 9 Torino (TO) MENABREA@BELLONIA.COM www.bellonia.com 1 Indice 1. GENERALITÀ... 3 1.1 PREMESSA... 3 2. DESCRIZIONE DELLE OPERE ARCHITETTONICHE IN PROGETTO...

Dettagli

Porte in Alluminio e PVC

Porte in Alluminio e PVC Porte in Alluminio e PVC Porte strutturali in alluminio SERIE 2002 Porta ad una o due ante con fascetta SERIE 2005 Porta ad una o due ante con o senza fascia NC50 Porta ad una o due ante con o senza fascia

Dettagli

ELENCO PREZZI SICILIA VITTORIA. Ragusa MANUTENZIONE COPERTURA SCUOLA CHE GUEVARA. OGGETTO:

ELENCO PREZZI SICILIA VITTORIA. Ragusa MANUTENZIONE COPERTURA SCUOLA CHE GUEVARA. OGGETTO: SICILIA VITTORIA Ragusa ELENCO PREZZI OGGETTO: MANUTENZIONE COPERTURA SCUOLA CHE GUEVARA. COMMITTENTE: Comune di Vittoria - Ufficio Tecnico - Direzione Manutenzioni Ecologia e Tutela Ambientale Il Tecnico

Dettagli

Art. 256 PENSILINA GABRY

Art. 256 PENSILINA GABRY Scheda Tecnica Art. 256_Pag. 1 di 5 Art. 256 PENSILINA GABRY Struttura: n 05 montanti verticali in tubo tondo di acciaio zincato da mm. 89 x 2 completi di flangia alla base. Ogni singolo montante è sormontato,

Dettagli

SERRAMENTI ED INFISSI IN LEGNO E P.V.C.

SERRAMENTI ED INFISSI IN LEGNO E P.V.C. Cap. VI SERRAMENTI ED INFISSI IN LEGNO E P.V.C. PAG. 1 6.2 OPERE COMPIUTE Prezzi medi praticati dalle ditte del ramo per ordinazioni dirette (di media entità) da parte del committente. I prezzi esposti

Dettagli

IL LEGNO: REAZIONE AL FUOCO

IL LEGNO: REAZIONE AL FUOCO PREMESSA Il legno è un materiale che, impiegato nelle costruzioni con diverse finalità (ad es. strutturali, decorativi o di arredamento ecc.), ha sempre posto il problema della sua combustibilità, intesa

Dettagli

DESCRIZIONE TECNICA PORTA PALLET : SERIE PN

DESCRIZIONE TECNICA PORTA PALLET : SERIE PN INTRODUZIONE Dallo scaffale all automazione DESCRIZIONE TECNICA PORTA PALLET : SERIE PN La logistica ha oggi una rilevanza particolare nelle aziende produttive e di distribuzione, e la sua ottimizzazione

Dettagli

segnali modulari catalogo tecnico

segnali modulari catalogo tecnico segnali modulari catalogo tecnico tra estetica e funzione equilibrio al servizio dell efficienza comunicativa Vela Qualità. grafica e stampa gestibile in autonomia dal proprio pc immagine. segnaletica

Dettagli

Art. 272 PENSILINA OLIMPO

Art. 272 PENSILINA OLIMPO Scheda Tecnica Art. 272_Pag. 1 di 6 Art. 272 PENSILINA OLIMPO Struttura: n 05 montanti verticali in profilato decagonale di acciaio zincato spessore 15 / 10 (inscritto in una circonferenza di diametro

Dettagli

DESIGNAZIONE DEI LAVORI R I P O R T O

DESIGNAZIONE DEI LAVORI R I P O R T O R I P O R T O pag. 2 LAVORI A CORPO Protezione (SpCat 1) 1 / 1 Dispositivi di protezione individuale, dotati di 005 marchio di conformita' CE ai sensi del DLgs 475/92: 01/07/2010 Occhiali di sicurezza

Dettagli

NOVEMBRE 2011 INDICE

NOVEMBRE 2011 INDICE NOVEMBRE 2011 INDICE PROFILI IN ALLUMINIO Pag 1 / 1 SC PROFILO MARTINA Pag 2 / 1 SC PROFILI IN PVC - SISTEMA 4 - Pag 3 / 1 SC PROFILI IN PVC - SISTEMA L - Pag 4 / 1 SC PROFILO TOTEM - TM 100 - Pag 5 /

Dettagli

SYNTESIS LINE. battente

SYNTESIS LINE. battente battente SYNTESIS LINE battente Syntesis Line battente è la soluzione che permette di installare una porta a battente raso muro, priva cioè di qualsiasi elemento quali stipiti e cornici coprifili. A seconda

Dettagli

In riferimento alla Vostra gradita richiesta, siamo lieti di sottoporvi la nostra migliore offerta relativa alla seguente struttura in legno:

In riferimento alla Vostra gradita richiesta, siamo lieti di sottoporvi la nostra migliore offerta relativa alla seguente struttura in legno: In riferimento alla Vostra gradita richiesta, siamo lieti di sottoporvi la nostra migliore offerta relativa alla seguente struttura in legno: Proposta per la fornitura parziale di elementi in legno e complementi

Dettagli

DIREZIONE INGEGNERIA SICUREZZA E QUALITA DI SISTEMA

DIREZIONE INGEGNERIA SICUREZZA E QUALITA DI SISTEMA DIREZIONE INGEGNERIA SICUREZZA E QUALITA DI SISTEMA Viale Spartaco Lavagnini, 58 50129 FIRENZE Identificazione n 307974 Esp. 04 Pagina 1 di 16 Fornitura di marchi, etichette, pittogrammi, iscrizioni prespaziate,

Dettagli

DETTAGLIO TECNICO/QUALITATIVO DELLE ATTREZZATURE E DEGLI ARREDI OCCORRENTI PER IL CENTRO DI COTTURA PERTINI VIA BENEDETTO CROCE, 51 - FIRENZE PREMESSA

DETTAGLIO TECNICO/QUALITATIVO DELLE ATTREZZATURE E DEGLI ARREDI OCCORRENTI PER IL CENTRO DI COTTURA PERTINI VIA BENEDETTO CROCE, 51 - FIRENZE PREMESSA DETTAGLIO TECNICO/QUALITATIVO DELLE ATTREZZATURE E DEGLI ARREDI OCCORRENTI PER IL CENTRO DI COTTURA PERTINI VIA BENEDETTO CROCE, 51 - FIRENZE PREMESSA Le misure degli arredi e delle attrezzature riportate

Dettagli

Prefabbricati Favero Srl

Prefabbricati Favero Srl Prefabbricati Favero Srl SOLUZIONI PER L ALLEVAMENTO E PER L INDUSTRIA Industriali Tunnel Rimozione Amianto Strutture Agricole At Strutture Agricole Attrezzature Strutture Industriali Tunnel Rimozion Attrezzature

Dettagli

IMPIANTO BACHECA COD BAC 001

IMPIANTO BACHECA COD BAC 001 Impianto disponibile in misure 100x140 e 70x100. Grande eleganza e gestibile autonomamente dal cliente a cui viene fornita apposita chiave per apertura anta. BACHECA COD BAC 001 Pali tubolari in profilato

Dettagli

Prog. 17029/2013 CIMITERI COMUNALI: Fornitura e posa in opera di ossarini prefabbricati

Prog. 17029/2013 CIMITERI COMUNALI: Fornitura e posa in opera di ossarini prefabbricati 1 Capitolo 1 PIANO DI MANUTENZIONE DEFINIZIONE E SCOPI Il presente dell Opera, redatto in conformità all Art.38 del DPR 207/2010, contiene i seguenti documenti operativi: 1. il manuale d uso 2. il manuale

Dettagli

UE, GRIGIO PERLA, ROVERE, NOCE, SUCUPIRA.

UE, GRIGIO PERLA, ROVERE, NOCE, SUCUPIRA. Descrizione Tecnica degli Arredi Allegato A FRONT OFFICE Scrivania operativa. Realizzata con piano in pannelli di particelle di legno spessore 18 mm, nobilitato melaminico, antimacchia, antigraffio e antiriflesso,

Dettagli

Porte Antincendio ed Accessori

Porte Antincendio ed Accessori ed Accessori Porte Antincendio UNI9723 a Norma UNI EN1634 in Acciaio EI2 60 EI2 120 Mis. foro muro 800 x 2050 h RV Cod. 0501 Mis. foro muro 800 x 2050 h RV Cod. 0509 Mis. foro muro 900 x 2050 h RV Cod.

Dettagli

PROGETTO PRELIMINARE PER L ADEGUAMENTO ALLE NORME DI SICUREZZA ANTINCENDIO DI EDIFICIO COMUNALE ADIBITO AD ASILO NIDO

PROGETTO PRELIMINARE PER L ADEGUAMENTO ALLE NORME DI SICUREZZA ANTINCENDIO DI EDIFICIO COMUNALE ADIBITO AD ASILO NIDO STUDIO TECNICO ING. MERIZZI PAOLO PROGETTAZIONI E CONSULENZE IN MATERIA TERMOTECNICA E ANTINCENDIO Via Roncari, 39a 21023 BESOZZO (VA) Tel. - Fax 0332/970477 - e-mail: pmerizzi@gmail.com PROGETTO PRELIMINARE

Dettagli

Art. 282 PENSILINA BAROCCO

Art. 282 PENSILINA BAROCCO Scheda Tecnica Art. 282_Pag. 1 di 5 Art. 282 PENSILINA BAROCCO Struttura: n 02 montanti posteriori laterali in profilato di acciaio zincato da mm. 80 x 80 x 2 con un angolo stondato; ogni singolo montante

Dettagli

PARTE B1 ELENCO LAVORAZIONI: PERCORSO PANORAMICO E STORICO... 3 B1 1 PANNELLI (vedere tav. E3)... 3 1.1 PANNELLO TIPO A pannello piano corto... 3 1.

PARTE B1 ELENCO LAVORAZIONI: PERCORSO PANORAMICO E STORICO... 3 B1 1 PANNELLI (vedere tav. E3)... 3 1.1 PANNELLO TIPO A pannello piano corto... 3 1. PARTE B1 ELENCO LAVORAZIONI: PERCORSO PANORAMICO E STORICO... 3 B1 1 PANNELLI (vedere tav. E3)... 3 1.1 PANNELLO TIPO A pannello piano corto... 3 1.2 PANNELLO TIPO B pannello piano lungo... 3 1.3 PANNELLO

Dettagli

s o l u z i o n i p o r t a n t i

s o l u z i o n i p o r t a n t i s o l u z i o n i p o r t a n t i Fornire soluzioni economicamente valide, capaci di risolvere gli specifici problemi di ogni Cliente, minimizzando i limiti ed i vincoli delle classiche soluzioni standard.

Dettagli

CATALOGO ESPOSITORI 2013

CATALOGO ESPOSITORI 2013 CATALOGO ESPOSITORI 2013 PIEDISTALLI.DUPLEX.BASIC.JOLLY.NERONE Materiale: coppia di triangoli in plexiglas trasparente, dimensioni 30x20x1cm. Stampa: su pannelli rigidi 10mm (escl.), intercambiabile, varie

Dettagli

Settore SUAP Comune di CESENA

Settore SUAP Comune di CESENA Riservato al protocollo Settore SUAP Comune di CESENA Bollo Riservato all ufficio R I C H I E S T A D I A U T O R I Z Z A Z I O N E P E R I N S T A L L A Z I O N E D I M E Z Z I P U B B L I C I T A R I

Dettagli

Portoni saliscendi NINZ tagliafuoco

Portoni saliscendi NINZ tagliafuoco la protezione al fuoco arriva dall alto Portoni NINZ tagliafuoco Caratteristiche 190 PORTONE SALISCENDI REI 120 191 OPTIONAL - Accessori obbligatori 192 Verniciatura 193 Tutte le misure indicate si intendono

Dettagli

Marcatura laser dei metalli

Marcatura laser dei metalli 62 ColorARE Marcatura laser dei metalli TherMark Il prodotto è a base di acqua ed asciuga rapidamente. Si applica sul metallo da incidere con il laser e la quantità in eccesso è facilmente rimovibile lasciando

Dettagli

CE.01 Computo metrico arredi e attrezzature ( Voce a corpo)

CE.01 Computo metrico arredi e attrezzature ( Voce a corpo) COMUNE DI EMPOLI CE.01 Computo metrico arredi e attrezzature ( Voce a corpo) VOCI DI CAPITOLATO INFISSI ESTERNI USCITE DI SICUREZZA A DUE ANTE FERRO E LEGNO Fornitura e posa in opera di porta a due ante

Dettagli

canne fumarie in ceramica refrattaria per caminetti e stufe per caldaie a gas Massima resistenza alle alte temperature

canne fumarie in ceramica refrattaria per caminetti e stufe per caldaie a gas Massima resistenza alle alte temperature canne fumarie in ceramica refrattaria per caminetti e stufe Massima resistenza alle alte temperature per caldaie a gas Massima resistenza alle condense acide Sistema fumario ceramico LINEA Ultra Per caldaie

Dettagli

COMUNE DI MANZIANA PROVINCIA DI ROMA RIFACIMENTO RETE IDRICA VIA STRADA CROCE DAL CIV. 44 AL CIV. 80

COMUNE DI MANZIANA PROVINCIA DI ROMA RIFACIMENTO RETE IDRICA VIA STRADA CROCE DAL CIV. 44 AL CIV. 80 COMUNE DI MANZIANA PROVINCIA DI ROMA RIFACIMENTO RETE IDRICA VIA STRADA CROCE DAL CIV. 44 AL CIV. 80 (TRATTO CHE INCROCIA VIA BRACCIANO E VIA CHIESETTA DELLE GRAZIE) PROGETTO ESECUTIVO ALL. C.04 22 S..0.

Dettagli

PORTE ANTINCENDIO PORTE MULTIUSO

PORTE ANTINCENDIO PORTE MULTIUSO PORTE ANTINCENDIO PORTE MULTIUSO porta antincendio PORTA AD UN BATTENTE REI 60-120 1 ANTA reversibile standard conforme UNI 9723 Anta reversibile tamburata in lamiera zincata, coibentazione con materiali

Dettagli

LINEEVITASYSTEM SRL. Opere per edilizia civile industriale e agricola Chiavi in mano COPERTURE E SMALTIMENTO AMIANTO CAPPOTTI TERMICI

LINEEVITASYSTEM SRL. Opere per edilizia civile industriale e agricola Chiavi in mano COPERTURE E SMALTIMENTO AMIANTO CAPPOTTI TERMICI lineavita IMP rifo_layout 1 18/11/13 11:48 Pagina 1 LINEE VITA E SISTEMI ANTICADUTA COPERTURE E SMALTIMENTO AMIANTO CAPPOTTI TERMICI Opere per edilizia civile industriale e agricola Chiavi in mano LINEEVITASYSTEM

Dettagli

Resistenza al fuoco di tetti a falda in legno

Resistenza al fuoco di tetti a falda in legno Resistenza al fuoco di tetti a falda in legno Prove di comportamento al fuoco di strutture edilizia isolate con schiume poliuretaniche Protezione passiva dal rischio incendi Come è noto per la valutazione

Dettagli

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO IMPIANTO ANTINCENDIO

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO IMPIANTO ANTINCENDIO Comune di Offida Lavori di: Legge 27 dicembre 2002 n. 289, art. 21 comma 80 PIANO STRAORDINARIO PER LA MESSA IN SICUREZZA DEGLI EDIFICI SCOLASTICI Delibera CIPE n. 143/2006 di approvazione del II programma

Dettagli

TIPO D IMPIANTO STRISCIONE 1. TIPOLOGIA D USO Pubblicità Esterna PE. DURATA Temporaneo T

TIPO D IMPIANTO STRISCIONE 1. TIPOLOGIA D USO Pubblicità Esterna PE. DURATA Temporaneo T TIPO D IMPIANTO STRISCIONE 1 TIPOLOGIA D USO Pubblicità Esterna PE DURATA Temporaneo T DESCRIZIONE E CARATTERI DIMENSIONALI Elemento bidimensionale, situato trasversalmente su vie o piazze, sostenuto unicamente

Dettagli

Le verifiche per valutare una canna fumaria in

Le verifiche per valutare una canna fumaria in Le verifiche per valutare una canna fumaria in appoggio alla, UNI TS 11278, UNI EN 1443. German Puntscher 1 Le problematiche dei camini I camini/canne fumarie sono dei componenti degli impianti termici

Dettagli

Vendita Espositori e sistemi segnaletici

Vendita Espositori e sistemi segnaletici Espositori e sistemi segnaletici Wing b. 35cm b. 50cm Design semplice edessenziale, Wing è un pratico portapannelli in alluminio e metallo verniciato grigio. Il fulcro, posto al centro dei due piedi, ha

Dettagli

Monoblocco integrale multifunzione. Tecnologie per innovare la tradizione

Monoblocco integrale multifunzione. Tecnologie per innovare la tradizione Monoblocco integrale multifunzione Tecnologie per innovare la tradizione Tecnologie per innovare la tradizione Attenzione al dettaglio, ingegno e indiscusse capacità realizzative in un componente tecnologico

Dettagli

LAVORI PER L INSTALLAZIONE DI UN NUOVO ASCENSORE SCUOLA PRIMARIA E DELL INFANZIA BAODO

LAVORI PER L INSTALLAZIONE DI UN NUOVO ASCENSORE SCUOLA PRIMARIA E DELL INFANZIA BAODO progetto committente LAVORI PER L INSTALLAZIONE DI UN NUOVO ASCENSORE SCUOLA PRIMARIA E DELL INFANZIA BAODO COMUNE DI CELLE LIGURE Via Boagno 11-17015 Celle Ligure (SV) SAVONA Piazza Rebagliati, 1 17100

Dettagli

TOTEM E MINITOTEM. 174 Per informazioni: info@lampoestampo.com - www.lampoestampo.com

TOTEM E MINITOTEM. 174 Per informazioni: info@lampoestampo.com - www.lampoestampo.com TOTEM E MINITOTEM 174 Per informazioni: info@lampoestampo.com - www.lampoestampo.com 175 CUBO CUB2/9 montante a due vie montante a 2 vie CUBO a 2 vie con scanalatura da 9 mm CUB2/9 TAP/C ALUCLIP TRAV1C/9

Dettagli

SEGNALETICA MESSAGGIO VARIABILE

SEGNALETICA MESSAGGIO VARIABILE SEGNALETICA MESSAGGIO VARIABILE Indice dettagliato 4.a.1 4.a.2 Introduzione Norme generali 4.b Regole di composizione dei caratteri (vedi anche Allegato B / appendice C) 4.b.1 4.b.2 Tecnologia LED Tecnologia

Dettagli