Mensile Manifestazioni Artistiche e Culturali

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Mensile Manifestazioni Artistiche e Culturali"

Transcript

1 Mensile Manifestazioni Artistiche e Culturali Anno XLVII - N. 9 Dicembre Diffusione gratuita senza impegno fisso di recapito mensile. I lettori che desiderano ricevere ARTECULTURA in modo continuativo al proprio domicilio possono abbonarsi ARTECULTURA 1

2 ... La simmetria riveste un ruolo fondamentale nel processo di rappresentazione che gli elementi assumono, la funzione geometrica prevale sulle rispettive peculiarità accomunando i diversi livelli iconografici composti essenzialmente da triangoli e dai loro derivati. Il dono del Fuoco, le porte del Cielo, con questo titolo De Filippi ha scelto di sviluppare per questa mostra l immagine della fiamma rivolta verso l alto, esperienza percettiva mutevole e infinita, processo d'interpretazione soggettiva della visione del mondo,metafora della conoscenza che non si appaga delle forme descrittive ma cerca di svelare le zone nascoste dell esistenza. L ardere del fuoco - ha dichiarato l artista- esprime il desiderio intenso, la gioia di librarsi nell aria proiettandosi verso nuove esperienze per superare i propri limiti. Il desiderio intenso è il fuoco interiore che libera le energie latenti e permette il raggiungimento dei propri sogni. Alla dimensione del sogno De Filippi ha sempre dedicato particolare attenzione, almeno da quando all inizio degli anni Ottanta e nei decenni successivi - ha raffigurato sulle tele sagomate i giardini dove il sogno danza fissando nelle finestre della memoria visioni naturali trasfigurate in mitologie celestiali, vampate di luce sospinte dal vento dei pensieri, enigmi metafisici congiunti a magiche costellazioni disseminate nel cosmo. L attuale fase di ricerca non è dunque disgiunta da queste avventure sospese tra luce e sogno, diverse sono le atmosfere iconografiche ma non muta il senso del viaggio tra terra e cielo, tra materia e spirito, continuo cambiamento di stato e di forma, perenne necessità di seguire la trasformazione fisica e mentale delle cose,senza mai rinunciare ai flussi emozionali della sensibilità.... Claudio Cerritelli (dal depliant della mostra Fernando De Filippi - Biblioteca dell'accademia di Brera 2013) 2 ARTECULTURA

3 Il repertorio fotografico La copertina: FIRESTAR tecnica mista, su forex, diam. cm. 200, 2013 Seguono dal basso di sinistra in senso orario: Ferdinando De Filippi nel suo studio GEOMETRIA DEL FUOCO tecnica mista su cartone cm.100x490, 2014 VEDUTA DELLO STUDIO IL FIORE DEL FUOCO tecnica mista su cartoncino, diam. cm. 180, 2013 PROMETEO tecnica mista su cartoncino cm. 100x70, 2012 IL MAESTRO DEL FUOCO tecnica mista su cartoncino, cm. 100x70, 2012 ARTECULTURA 3

4 La Geometria del Fuoco Il Fuoco tra i quattro elementi rappresenta per eccellenza il concetto di trasformazione, il cambiamento di stato, non solo dal punto di vista di fenomeni fisici e fisiologici, ma anche dal punto di vista emotivo. In sostanza, il Fuoco è l Elemento che, mediante la sua energia, il suo perenne movimento, rende possibile ogni trasformazione, ogni cambiamento di stato e di forma. La prerogativa principale del fuoco consiste nella sua capacità di trasformare il ponderabile in imponderabile, il materiale in immateriale. Il Fuoco è quindi è l'elemento più adatto a fungere da mediatore fra spirito e materia, fra cielo e terra Nelle pagine dell'"epifania del fuoco" D'annunzio rappresenta simbolicamente i poli, fuoco e acqua, luce e ombra, pieni e vuoti, come alternative metafore di vita e morte. I quattro elementi che caratterizzano il mondo, sono separabili e interdipendenti ma si completano a vicenda. Le strutture della loro rappresentazione sono di natura grafica più che letterale. La simmetria riveste un ruolo fondamentale nel processo di rappresentazione che gli elementi assumono. La funzione geometrica prevale sulle rispettive peculiarità accomunando i diversi livelli iconografici composti essenzialmente da triangoli e dai loro derivati. Il fuoco è rappresentato dal triangolo rivolto verso l alto, come la sua fiamma, mentre l aria, sempre a livello simbolico, è resa passiva dall'aggiunta di un tratto orizzontale. Spesso la funzione geometrica è più importante delle rispettive peculiarità e delle specifiche proprietà. I "Quattro elementi" costituiscono i vertici di un quadrato che spesso si trasforma in una croce dalle braccia uguali. Dal basso della pagina di sinistra in senso orario: IL DONO DEL FUOCO tecnica mista su cartoncino, cm. 100x2010, 2012 IL TEMPIO DEL MAESTRO DEL FUOCO tecnica mista su cartoncino, cm. 100x70, 2012 EPIFANIA DEL FUOCO tecnica mista su cartoncino, cm. 100x70, 2012 L INTERNO FIORE DEL FUOCO tecnica mista su cartoncino, diam. cm. 250, ARTECULTURA

5 I triangoli a loro volta costruiscono stelle costellazioni geometriche che richiamano all'essenza stessa dell'elemento "fuoco" e delle sue peculiarità, la luce e l'energia. La ricerca della conoscenza poggia, quasi universalmente, su due percorsi differenti e apparentemente conflittuali: soggetto e oggetto, che a loro volta possono rappresentare: - la soggettiva esperienza del mondo - le oggettive descrizioni del mondo Ho scelto di sviluppare, in questa fase di ricerca, l immagine della fiamma come esperienza percettiva mutevole e infinita, processo d interpretazione soggettiva della visione del mondo, metafora della conoscenza che non si appaga delle forme descrittive ma cerca di svelare le zone nascoste dell esistenza. La fiamma esprime il desiderio intenso, la gioia di librarsi nell aria proiettandosi verso nuove esperienze per superare i propri limiti. Il desiderio intenso è il fuoco interiore che libera le energie latenti e permette il raggiungimento dei propri sogni. Il Fuoco rappresenta il cuore, la coscienza e la volontà. L'ardere del fuoco esprime il desiderio intenso, la gioia di librarsi nell'aria proiettandosi verso nuove esperienze per superare i propri limiti. Il desiderio intenso è il fuoco interiore che libera le energie latenti e permette il raggiungimento dei propri sogni. La prerogativa principale del fuoco consiste nella sua capacità di trasformare il ponderabile in imponderabile, il materiale in immateriale. Quindi è l'elemento più adatto a fungere da mediatore fra spirito e materia, fra cielo e terra. Fuoco, dunque, come esercizio di intenzione e volontà, e anche sforzo, inteso come forzatura degli schemi, procedura a volte necessaria per scardinare e rompere quegli schemi abituali che ci limitano nelle opportunità di scelta e di movimento. Spirito e materia sono i due aspetti, le due polarità di un'unica realtà ripristinata dal collegamento del fuoco. Fernando De Filippi ARTECULTURA 5

6 Corrispondenza Culturale: Enti e Circoli segnalano Regione Lombardia il Consiglio vota documento di sostegno al processo referendario in Catalogna L appoggio arriva dal Consiglio regionale che in data 28 ottobre scorso approva a maggioranza una mozione presentata dal Vicepresidente Fabrizio Cecchetti (lega Nord) con la quale si evidenzia che la consultazione referendaria che riguarda la regione catalana, anche se bocciata dalla Corte Costituzionale spagnola e dunque non potrà essere organizzata direttamente dalla Generalitat, è da sostenere in ogni sede istituzionale. La mozione è stata votata dalla maggioranza di centrodestra, mentre PD, Patto Civico e Movimento 5 Stelle (con interventi di Fabio Pizzul, Umberto Ambrosoli ed Eugenio Casalino) hanno sostenuto che dibattere questioni di questo tipo è solo una perdita di tempo e che il Consiglio regionale non ha nessun titolo e diritto per intervenire su materie che vengono portate solo con l intento di strumentalizzare. Impegniamo meglio il tempo - hanno sostenuto le opposizioni - in un momento come questo dovremo essere qui a discutere di altre cose ben più urgenti. Info: Il Settore armiero della Regione Lombardia in data 29 ottobre 1914 sostiene che la troppa burocrazia nel settore penalizza fortemente capacità di impresa e sviluppo occupazionale. Questo allarme lanciato in occasione dell audizione in IV Commissione da parte di Anpam (Associazione nazionale produttori armi e munizioni) e Conarmi (Consorzio armaioli bresciani). Nel 2014 la produzione è calata a 800mila unità, contro il milione del Il tema al centro di una mozione presentata in Consiglio regionale da Fabio Rolfi (Lega Nord) e approvata dall Aula lo scorso gennaio. Info: tel PALAZZO MARINO. COMUNE E ARMANI INSIEME PER UN NUOVO SPAZIO ESPOSITIVO PER LA MODA, IL DESIGN E L ARTE A MILANO Nascerà dalla riqualificazione di un edificio industriale dismesso in via Bergognone, a costo zero per il Comune di Milano. Il progetto, che prevede anche il recupero dello spazio pubblico su cui si affaccia il futuro museo, vede impegnati insieme pubblico e privato. L Amministrazione comunale e Giorgio Armani Spa, infatti, collaboreranno nel campo delle attività culturali ed espositive per valorizzare il patrimonio di abiti, disegni ed esperienze che Giorgio Armani ha deciso di raccogliere e mettere a disposizione della città, a beneficio di milanesi e turisti. Un esempio, questo, di fattiva collaborazione tra Ente Pubblico e Privati. A MILANO IL PARCO DELLE SCUL- TURE. PREVISTE FINO A 20 OPERE SITE-SPECIFIC da tutto il MONDO. Varate le linee guida del progetto a costo zero per il Comune:saranno invitati a partecipare artisti di fama internazionale. Milano, sarà un luogo capace di accrescere ulteriormente il patrimonio artistico della città e il rango di Milano nello scenario internazionale culturale dell arte contemporanea : questo l obiettivo della realizzazione del Parco delle Sculture sull area pubblica di CityLife, secondo le linee guida decise nell ultima seduta di Giunta. La delibera di Palazzo Marino, a firma doppia del vicesindaco Ada Lucia De Cesaris e dell assessore alla Cultura Filippo Del Corno, fissa i punti del progetto che, sul modello delle 6 ARTECULTURA migliori esperienze del mondo, coniugherà la creazione di un nuovo parco con un percorso di opere site-specific di arte contemporanea : il tutto a costo zero per il Comune, in quanto finanziato interamente da risorse private nell ambito dell intervento di riqualificazione del quartiere storico della Fiera. Info: tel CULTURA. DAL 7 DICEMBRE DO- MENICA AL MUSEO GRATIS AN- CHE PER I CIVICI MUSEI MILANESI Del Corno ha annunciato al Ministro Franceschini l adesione di tutti i Musei Civici milanesi all iniziativa Domenica al Museo, che prevede l apertura gratuita ogni prima domenica del mese. Domenica al Museo è un modello che vogliamo adottare per realizzare sinergie fruttuose tra l ampia rete di istituti museali che contribuiscono ad arricchire quantitativamente e qualitativamente l offerta culturale di Milano - ha dichiarato l assessore alla Cultura Filippo Del Corno. Mi sto impegnando per rendere partecipi di questa iniziativa anche i musei privati per coinvolgere così tutta la città. Il Comune di Milano, già a partire dal mese di luglio, ha adottato una nuova politica tariffaria coerente con le linee d indirizzo del Ministero, adeguando il costo del biglietto di tutti i musei civici a 5 euro. Inoltre, deve essere sottolineato, è stata predisposta una card annuale, la MuseoCard, che al costo di 35 euro permette l ingresso libero per un anno, calcolato a partire dalla data di emissione, e il biglietto ridotto alle mostre promosse e organizzate nelle sedi espositive del Comune di Milano; Prevista anche l introduzione di un biglietto turistico, che al costo di 12 euro consente l ingresso a tutti i musei civici per tre giorni a partire da quello di emissione, dedicato principalmente ai turisti che, soprattutto durante il semestre di Expo, visiteranno la nostra città. Info: tel CULTURA. L ASSESSORE DEL CORNO PER IL NUOVO PORTALE GRAFICHE IN COMUNE Lo scorso 28 ottobre presso la Sala Weil Weiss nel Cortile della Rocchetta al Castello Sforzesco, l assessore alla Cultura Filippo Del Corno ha presentato il portale Grafiche in Comune, la biblioteca virtuale della grafica e dell illustrazione libraria del Comune di Milano e il progetto Dall originale alla copia digitale per una significativa valorizzazione dei manoscritti viscontei e sforzeschi della celebre Biblioteca Trivulziana. RRM-RESTAURATORI E RESTAU- RI IN MUSEO. UN MODO NUOVO DI RACCONTARE LE OPERE DI 5 MUSEI CITTADINI DAL 23 DICEM- BRE 2014 AL 10 MAGGIO 2015 L iniziativa, promossa dall Associazione Giovanni Secco Suardo, coinvolge importanti musei cittadini come la Pinacoteca di Brera, il Museo Poldi Pezzoli, il Museo Diocesano, il Museo del Novecento e le Raccolte di Arti Applicate del Castello Sforzesco che presenteranno alcune delle opere delle loro collezioni particolarmente significative dal punto di vista delle vicende del restauro che le hanno interessate nel corso della loro storia. Ciascun museo presenterà alcuni capolavori le cui storie conservative saranno narrate attraverso mezzi e linguaggio nuovi. Il progetto RRM - Restauratori e Restauri in Museo è stato introdotto dalle conferenze sui restauri di tre capolavori di Leonardo da Vinci:la Sant Anna del Musée du Louvre di Parigi, la Vergine delle Rocce della National Gallery di Londra e il Cenacolo di Milano. Info: LA COLLEZIONE PERUZZI A SO- STEGNO DELLE SCUOLE PRIMA- RIE DI MILANO Con il nuovo anno scolastico, la Collezione Peruzzi di grafica e multipli di arte italiana contemporanea, consapevole di come mancanza di fondi e l impossibilità di molte famiglie a sopperire con i propri mezzi impedisce la realizzazione di iniziative didattiche e divulgative, ha deciso di sostenere le attività dedicate all arte contemporanea delle scuole primarie di Milano. Premettendo che il budget a disposizione è limitato, i Direttori Didattici e gli insegnanti possono fare richiesta illustrando il loro progetto a Natale Schiffini diventa un laboratorio di creatività Schiffini gioca d anticipo sul Natale, trasformando il suo showroom di Milano in un laboratorio di creatività a tutto tondo, dove apprendere e sperimentare suggerimenti, tecniche e trucchi infallibili per la riuscita della festa più attesa, golosa e scintillante dell anno. Dal 24 novembre al 6 dicembre, infatti, lo spazio di via Visconti di Modrone 12, Milano è aperto al pubblico per una serie di appuntamenti, ognuno dedicato a quei momenti particolari che, come si sa, vedono la cucina scenario e protagonista insieme all evento festoso. Per conoscere il calendario e partecipare ai laboratori creativi offerti da Schiffini, ognuno della durata di circa un ora, è sufficiente registrarsi chiamando il numero L Università Cattolica del Sacro Cuore incrementa le iniziative legate all attività di avvicinamento tra le culture italiane e cinese. Presso tre Istituti Superiori di Brescia, Busto Arsizio e Montichiari verranno prossimamente inaugurate le Aule Confucio affiliate all Istituto Confucio dell Università Cattolica del Sacro Cuore. Per questo oltre a fornire corsi di lingua cinese a tutti i livelli, l Istituto organizza numerosi eventi, dai seminari sulla storia e letteratura a quelli sulla medicina o l architettura tradizionale cinese. Info. cell ADOTTA UN PROGETTO Scegli tra: The Blank Residency, The Blank Kitchen, The Blank Conversation, Open Factory, Artdate. Dal 29 novembre al 1 dicembre 2014 si terrà BAF, la Fiera dell arte contemporanea di Bergamo, giunta alla sua 11a edizione. La fiera cresciuta e migliorata negli anni, nonostante la crisi, occupa stabilmente, uno spazio di rilievo nel panorama delle fiere d arte italiane. A caratterizzare Bergamo Artefiera, un esposizione delle più interessanti gallerie provenienti da tutto il mondo comprese quelle affermate che operano attualmente in Italia. Le più di 80 Gallerie presenti, garantiscono un percorso di alta qualità dove accanto alle opere di artisti storicizzati saranno esposte nuove proposte attentamente selezionate. La mostra si presenta come un insieme armonico, mq che forniranno diverse opportunità di confronto sull arte del Novecento e della produzione attuale. Contatti tel:

7 Corrispondenza Culturale: Enti e Circoli segnalano Pompei, ricuperata dopo 50 anni una maschera in terracotta Pentita la scrittrice italo-canadese che l aveva tenuta come souvenir del viaggio di nozze in Italia. La notizia data alla XVII Borsa Mediterranea del Turismo Archeologico dal Capitano Carmine Elefante, Comandante del T.P.C. di Napoli: Questa mattina è stata riconsegnata a Pompei un antefissa in terracotta di fine I Sec. D.C., prelevata nel lontano 1964 da una donna italo-canadese. Un gesto frutto della crescente sensibilità nel mondo rispetto ad un Sito di cui si è parlato molto negli ultimi tempi e che ormai non è più percepito come patrimonio solo italiano, ma di tutto il mondo : a rivelarlo è stato il Capitano Carmine Elefante, Comandante del Nucleo Carabinieri per la tutela del patrimonio culturale di Napoli intervenuto alla XVII Borsa Mediterranea del Turismo Archeologico a Paestum (Salerno). Nel corso del convegno su Il traffico illegale dei Beni Culturali a cura del MiBACT, il Capitano ha raccontato in anteprima l episodio. La donna, una scrittrice che vive tra Canada e Pechino, all epoca si trovava in Italia in viaggio di nozze nel corso della sua visita agli Scavi di Pompei notò in terra, nei pressi del Teatro, la mascherina ornamentale, la raccolse e decise di tenerla per sé come souvenir. Tornata a Montreal, per anni l ha conservata gelosamente in casa fino a quando, un mese fa, pentita del suo gesto ha deciso di restituirla tramite la Soprintendenza Speciale per i Beni archeologici di Pompei, Ercolano e Stabia, segnalando il possesso del bene e l intenzione di riportarlo in Italia. Info CUSTODIRE IL CREATO COLTIVARE L UMANO : IL TEMA DEL FESTIVAL BIBLICO 2015 L undicesima edizione si terrà in molte città del Veneto dal 21 maggio al 2 giugno. Ben 5 percorsi, un inedito focus su scienza e fede e molta attenzione all ecologia dell altro. La ricerca del giusto equilibrio dell uomo con il mondo indagata non solo come tematica ecologica ma anche e soprattutto come paradigma in grado di schiudere inediti orizzonti di carattere antropologico e di rintracciare l autentico messaggio del testo biblico. E questa la sfida che il Festival Biblico, la più significativa manifestazione culturale italiana sulle Sacre Scritture promossa dalla Diocesi di Vicenza e dalla Società San Paolo, lancia per l edizione del 2015 scegliendo il tema di Custodire il Creato, coltivare l Umano. Un progetto che si potrebbe espandere anche in altre città - la potenza umile della Parola si offrirà come elemento di lettura della realtà aprendo nuovi sentieri per la Chiesa e nuove occasioni di conoscenza e partecipazione anche in chi non ha una diretta conoscenza della Bibbia. Le piazze, i chiostri, i palazzi, le chiese, i musei si apriranno a incontri, spettacoli, mostre, presentazioni, laboratori, meditazioni e eventi speciali. Info: Tel BULK PROJECT Patrizio Travagli & Wokdesign Angelo Basso -Leonardo Biagi - Marco Giachetti Installazione presso la Torre del Chianti. Con il patrocinio del Comune di San Casciano in Val di Pesa e il contributo di L.C.Relco S.p.A. e la partecipazione di Villa Mangiacane. Inaugurazione 15 novembre Frutto della simbiosi e della collaborazione tra l artista Patrizio Travagli e il gruppo di architetti WOKdesign ( Angelo Basso, Leonardo Biagi e Marco Giachetti), BULK Project consiste in una serie di sculture luminose che riflettono sulla materia, attraverso l utilizzo di solidi regolari o platonici, presenti nel De Divina Proportione di Luca Pacioli. Oltre che sulla matematica, l artista si interroga sulla percezione visiva. Parte da tre dimensioni per visualizzare, attraverso la luce, quelle nascoste. Tutti i solidi (tetraedro, esaedro, ottaedro, dodecaedro, icosaedro) rendono evidente, in una serie di riflessioni, un infinito numero di dimensioni. Lo spettatore percepisce così l impercettibile dentro ad un mondo ordinato e razionale: l infinito o il multi-dimensionale. Queste opere ad una prima osservazione richiamano alla mente le figure dei solidi platonici, aprendo in una seconda analisi la possibilità di intraprendere un percorso percettivo che proietta il visitatore in un altra dimensione, in una sorta di viaggio stellare. Info: M - W ACMA-DICAAR-AUSI / WORKSHOP Antonio Angelillo, Nicola Di Battista, Jordi Bellmunt, Sergi Carulla, Paolo Ceccon e Laura Zampieri, Pierpaolo Manca, Giorgio Masacci, Joao Nunes, Giorgio Peghin, Antonella Sanna PAE- SAGGI MINERARI. Progetti per il Parco Geominerario del Sulcis-Iglesiente. Iglesias, 2-6 dicembre Il laboratorio intende affrontare il problema delle trasformazioni dei paesaggi minerari del Parco Geominerario della Sardegna indotte dalle attuali condizioni ambientali e dal bisogno di prefigurare un nuovo orizzonte culturale e di sviluppo. E una questione che richiede una visione progettuale capace di mettere in stretta relazione le infrastrutture, il paesaggio, il contesto locale e i modelli socio-economici di riferimento. Un occasione per esplorare con il progetto soluzioni pluridisciplinari che facciano emergere nuovi scenari per interpretare le profonde trasformazioni del nostro ambiente. Il laboratorio di 50 ore è riconosciuto all interno del percorso formativo dell Università di Cagliari e del Master in Architettura del Paesaggio ACMA/UPC e prevede il rilascio di un attestato di partecipazione. Info: ALBERONI, DON MAZZI E SGARBI PER IL PREMIO MARGHERITA HACK IDEATO DAL MANAGER SALVO NUGNES E stato recentemente istituito il Premio Margherita Hack, ideato dal manager Salvo Nugnes, in ricordo della straordinaria amica scienziata e astrofisica, che ha lasciato un segno indelebile nella storia italiana. Il prestigioso riconoscimento è diviso in più categorie e verrà assegnato a chi si è particolarmente distinto nel campo della scienza, dei diritti civili, della cultura, del sociale, dell impegno animalista e dell arte. I vincitori saranno premiati da un comitato di esperti intellettuali italiani, presieduto dal sociologo Prof. Francesco Alberoni, durante una cerimonia di consegna d eccezione. In occasione del primo anniversario dalla scomparsa della stimata professoressa, Alberoni, Sgarbi, Don Mazzi e Nugnes hanno da poco tenuto un incontro in sua memoria, nel rinomato Spazio Culturale Milano Art Gallery, evento inserito nel Festival Artistico Letterario Cultura Milano. Info: Tel TEFAF 2015 AGGIUNGE NIGHT FISHING - UNA NUOVA SEZIONE D AUTORE. TEFAF Maastricht si terrà al MECC, dal 13 al 22 marzo Un nuovo progetto all interno della sezione TEFAF Modern - Night Fishing. Farà la sua comparsa a TEFAF 2015 Night Fishing, una mostra che si comporrà di opere di artisti postmoderni e contemporanei concepita per completare la sezione TEFAF Modern. Gli artisti saranno scelti sulla base di un corpus di lavori che fa riferimento storico ed artistico agli oggetti esposti in fiera che complessivamente, rappresentano oltre anni di storia dell arte. TEFAF ha invitato Sydney Picasso, scrittrice e collezionista a curare la prima edizione di questa nuova area. Si è scelto, per questo primo progetto, di focalizzarsi sulla scultura. La scultura infatti è oggi al centro di una ri-definizione e Sydney Picasso prevede di utilizzare canoni post-moderni e contemporanei per riesaminare la scultura tradizionale. La mostra sarà intitolata Night fishing (la pesca notturna), in riferimento all antica tecnica dei pescatori che usavano una lampada per attrarre i pesci in superficie durante la notte e al famoso dipinto di Picasso del 1939, Pesca notturna ad Antibes che si trova nella collezione del MOMA di New York. Il concept della mostra sottolinea la ricchezza di oggetti che si possono trovare nelle varie sezioni della Fiera, dall Archeologia all Arte medievale e le armi, e mira a stimolare la comprensione e visione dei visitatori sulla produzione contemporanea e viceversa. Info: Obiettivo Russia 2015 Diritto, economia e scambi commerciali sono i temi principali trattati nel Professional Diploma per operatori economici in Russia La Russia rappresenta per L Italia un partner commerciale ormai consolidato, soprattutto per il continuo interesse nei confronti del Made in Italy. In risposta alla tendenza da parte delle imprese italiane di approcciarsi al mercato della Federazione Russa, partirà Obiettivo Russia: business, leggi, politica e cultura, un corso di formazione organizzato dall Associazione Italia Russia e dall ISPI - con il coordinamento scientifico da Luca B. Fornaroli - rivolto a professionisti e a giovani che si apprestano ad entrare nel mondo del lavoro. L obiettivo del corso - per un totale di 80 ore - è fornire una visione complessiva della Federazione Russa e delle dinamiche economico-finanziarie, politico-istituzionali e storico-culturali. Temi essenziali, dunque, per chi si appresta a conoscere le logiche di mercato che governano gli scambi commerciali. E possibile anche l acquisto di singoli moduli, per chi intende approfondire nel dettaglio tematiche di sua competenza. Il corso si terrà in formula week-end - il venerdì pomeriggio e tutta la giornata del sabato - per consentire ai professionisti e agli studenti di seguire un percorso formativo, gestendo al meglio i propri impegni. I singoli moduli sono tenuti da esperti professionisti provenienti dal ramo accademico, dalle aziende con un business orientato in Russia e, nondimeno, da studi legali. Le lezioni si svolgeranno a Milano da venerdì 6 febbraio a sabato 21 marzo 2015, presso le aule dell Associazione Italia Russia ( Via Cadore, 16) e dell Ispi (via Clerici, 5). Le iscrizioni dovranno pervenire entro il 24 gennaio Informazioni: tel ARTECULTURA 7

8 C ERA UNA VOLTA IN ITALIA Il cinema di Sergio Leone Torino, Museo del Cinema Sino al 6 gennaio 2015 C'era una volta in Italia... Sergio Leone, cineasta visionario e innovativo, adorato all'epoca dal pubblico e ancora oggi amatissimo in tutto il mondo. La mostra intende rievocare la sua luminosa carriera d'inventore dell'epos europeo del Far West, la sua avventurosa biografia di figlio d'arte e la sua straordinaria eredità culturale. Immagini, documenti, costumi, pistole, frammenti, testimonianze, rarità d'ar- E stata inaugurata al Museo Nazionale Etrusco di Villa Giulia di Roma la mostra Apa, l etrusco sbarca a Roma contestualmente con la presentazione del film di animazione Ati, alla scoperta di Veio. L iniziativa nasce da un idea congiunta e da un gemellaggio tra il Museo Nazionale Etrusco di Villa Giulia di Roma e Genus Bononiae - Musei nella Città di Bologna, con un progetto scientifico e tecnologico. Contemporaneamente all esposizione romana nel Palazzo Pepoli-Museo della Storia di Bologna si apre al pubblico la mostra Il viaggio oltre la vita. Gli Etruschi e l aldilà tra capolavori e realtà virtuale. Il Museo Nazionale Etrusco di Villa Giulia con questo multiforme progetto apre le porte alle nuove tecnologie accogliendo all interno del suo percorso primo Museo Nazionale d Italia anche il nuovo film d animazione 3D che, sceneggiato e ARCHEOLOGIA e CINEMA L Etrusco a Roma chivio, selezionati da Sir Christopher Frayling (curatore della mostra in collaborazione con Lorenzo Codelli e massimo biografo di Leone) e conservati e restaurati dalla Cineteca di Bologna. Sergio Leone è stato uno dei più importanti registi della storia del cinema italiano e internazionale, particolarmente noto per i suoi film del genere spaghetti-western. Nonostante abbia diretto pochi film, la sua regia ha fatto scuola e ha contribuito alla rinascita del western negli anni sessanta, grazie a titoli come Per un pugno di dollari, Per qualche dollaro in più, Il buono, il brutto, il cattivo (che formano la cosiddetta "trilogia del dollaro"), C'era una volta il West e Giù la testa, mentre con C'era una volta in America ha profondamente rinnovato il lessico dei gangster movie (queste ultime tre pellicole compongono invece la "trilogia del tempo"). Nel 1972 con Giù la testa è stato vincitore del David di Donatello per il miglior regista mentre nel 1985 con C'era una volta in America è stato vincitore del Nastro d'argento al regista del miglior film. Leone nacque a Roma il 3 gennaio del 1929, figlio di uno dei pionieri del cinema 8 ARTECULTURA muto italiano, Roberto Roberti (nome d'arte di Vincenzo Leone), un regista e attore originario di Torella dei Lombardi (in provincia di Avellino), e di Bice Waleran (nome d'arte di Edvige Valcarenghi), un'attrice romana nata da una famiglia milanese di remote origini austriache. Leone iniziò a lavorare nell'ambiente cinematografico già a diciotto anni. Ebbe infatti una piccola parte, come comparsa, in Ladri di biciclette di Vittorio De Sica (è uno dei preti tedeschi sorpresi dalla pioggia). Successivamente Leone inizierà ad interessarsi del genere peplum basato su azioni eroiche ed epiche di soldati e imperatori sia greci che romani.nei primi anni sessanta, la richiesta di peplum si esaurì, e Leone fu fortunato a essere tra i primi pionieri del genere che prese il loro posto nelle preferenze del largo pubblico: il western, dando anzi vita a un proprio importante sottogenere di matrice italiana, noto con il nome di spaghetti-western, il cui modello di stile divenne il primo film del genere del regista: Per un pugno di dollari del 1964, uno dei più famosi della storia del genere. Il film ricalca in gran parte la trama de La sfida del samurai (in giapponese Yojimbo), film di Akira Kurosawa del I due film seguenti, Per qualche dollaro in più (1965) e Il buono, il brutto, il cattivo (1966), completano, come si è detto, quella che è conosciuta come la "trilogia del dollaro". Ciascuno di questi film ha potuto beneficiare di un budget sempre maggiore e di migliori mezzi tecnici del precedente, e le capacità del regista sono riuscite anche a produrre risultati via via superiori. Marpanoza Info diretto da Giosuè Boetto Cohen, si avvale della generosa partecipazione di Sabrina Ferilli. Nel cartoon, la protagonista Ati ci guiderà, con la voce dell attrice romana, nelle sale dedicate ai capolavori della scultura etrusca con il famosissimo Apollo di Veio, e ci condurrà nel cuore del santuario di Portonaccio alle porte di Roma, fin sul tetto del tempio, abilmente ricostruito grazie al lavoro congiunto di archeologi, tecnici, modellatori e informatici di CINECA. La mostra romana è un viaggio ideale verso la città di Bologna, l etrusca Felsina, richiamata nell esposizione da oggetti simbolo della sua cultura. Oltre la stele funeraria con le immagini a bassorilievo del cammino del defunto verso l oltretomba, verrà mostrata la Situla della Certosa, un vaso cinerario in bronzo dalle complesse ed emblematiche scene figurate, che dal Museo Civico di Bologna raggiungerà il Museo di Villa Giulia nella sua versione virtuale. Dalla Situla è nato anche il personaggio di Apa l etrusco al quale ha dato voce Lucio Dalla Sino al 22 febbraio Info

9 Giorgio De Chirico, Cavallo e cavaliere, 1939, olio, cm. 50x40. Lucio Fontana, Concetto spaziale,1966, idropittura su tela color rosso, cm. 61x50 ITALIA 900 da BALLA a MANZONI La Bella Italia, la suggestiva rassegna in programma alla Galleria Agnellini Arte Moderna di Brescia, sino al 21 febbraio 2015, a cura di Dominique Stella e Floriano De Santi presenta una selezionata esposizione di opere di importanti maestri dell arte contemporanea italiana che partendo dall inizio del secolo scorso giungono sino al Le più significative esperienze del periodo, dal Futurismo di Balla allo Spazialismo di Fontana, dalla Metafisica di De Chirico all Informale di Vedova, alla scultura di Umberto Mastroianni, delineano il ricco percorso culturale ed espressivo dell arte italiana del Novecento, difficile del resto da inquadrare all interno di schemi sicuri e consolidati. Ma questo accentua il fascino di una tensione visiva che mantiene inalterata la sua capacità di stimolare nuovi accostamenti e riflessioni sul tema. Notevole la sensibilità degli artisti nel porsi in un vivo confronto con quanto contestualmente avveniva sul piano artistico a livello europeo e oltreoceano. Tra le opere presenti nell esposizione da rilevare alcune di Balla realizzate negli anni e di Sironi che denotano già elementi che in un certo qual modo possono prefigurare la futura esperienza metafisica. Tendenza che diventa centrale nell opera di De Chirico, di Savinio e in un primo tempo anche di Morandi. Nel secondo dopoguerra l arte italiana riprende con slancio la sua ricerca accentuando l attenzione verso tecniche e concezioni più apertamente sperimentali come si avverte nelle opere di artisti quali Fontana, Burri, Manzoni, Tancredi, tutti parte della rassegna. E l epoca d oro dell arte italiana, quella chi si realizzata tra la seconda metà degli Cinquanta e il decennio successivo che coincide con gli anni del boom economico. Altri due artisti concludono questo percorso ricco di eterogeneità, Sanfilippo riconoscibile per il suo segno astratto quasi puntinista (Estensione arancio, 1962) e infine il sempre sorprendente Umberto Mastroianni che rappresenta una via indipendente. Le sue sculture, inizialmente di ispirazione post-cubista evolvono verso un vocabolario di forme dalle allusioni figurative (Maternità,1949), per poi riaccostarsi a un'astrazione costruttivista di cui testimonia l'opera Enigma Un esposizione, quella bresciana, che offre una stimolante panoramica sull arte italiana, in uno dei suoi periodi di maggior conflittualità e contrasto da cui però scaturiranno nel contempo ampie trasformazioni, delle quali, la rassegna alla Galleria Agnellini offre documentata e coinvolgente visione. Aoristias Info ARTECULTURA 9

10 - RISORGIMENTO POETICO - E tempo di autogoverno per dignità di vita e uguaglianza di lavoro, come? Nel difficile mestiere di vivere in cui decide la malvagia sociale del potere di sempre, che struttura la convivenza sul sadismo degli interessi, è impossibile intendersi serenamente come si vorrebbe, previo una diversa formazione culturale della persona. L uguaglianza è nella proporzionale pura e mai più nel voto maggioritario della sella del potere che rivendica la sua autoritaria governabilità. Questo per chiarire che il corpo della persona non ha solo lo stomaco di un ruminante dove basta buttarci qualcosa e tutto si aggiusta, ma anche il cervello delle emozioni e dei sentimenti che nessun decreto governativo può azzerare con la disoccupazione, la discriminazione di classe, la fame, la prigione, la guerra, perché i sentimenti che originano dalla radice poetica dell uomo, hanno davvero vita eterna e dureranno fintanto che esisterà il mondo. Quindi la burocrazia dei vari mestieranti, l indifferente parassitismo che non ha mai conosciuto lo sforzo fisico del lavoro, è meglio che si dia una calmata in quanto a conti fatti la discriminazione ed il razzismo non originano solo per fenomeno di sottosviluppo, ma essenzialmente da chi programma per calcolo di potere il linguaggio della povertà. La governabilità non è il vero problema ma lo diventa per chi struttura l ingovernabilità con il voto maggioritario che pone gli italiani gli uni contro gli altri. Si faccia crescere, opportunamente, l evoluzione culturale del costume, eliminando soprattutto con l uguaglianza innata dello stimolo poetico tutti gli intoppi dei pregiudizi e delle discriminazioni che sono nel decrepito impositivo del vigente costume. Conseguenze dirette delle quali per scontata rassegnazione, nemmeno ci rendiamo conto e poi si osserverà che la governabilità si risolve per lo più con l incidenza diretta dell autogoverno, col motu proprio delle persone in cui la 10 ARTECULTURA mercificazione barbarica dell attuale tessuto sociale della piramide oppressiva ostinatamente persiste a mortificare con prepotenza la condizione popolare. Ad imporre con regole abusate il repressivo astioso che divide la società tra il godimento dei pochi che devono comandare, senza conoscere la specifica armonia del lavoro, e la moltitudine condizionata dall inettitudine di tanta burocrazia. In modo da poter sostenere che chi non conosce il lavoro, com è congeniale dall ingegnere al manovale, dallo scienziato al minatore, dal geometra al muratore, dall artigiano al contadino, al bracciante, non dovrebbe governare per oggettiva s- conoscenza. Ed il nuovo positivismo operativo può avverarsi, essere una realtà di vita sociale indiscriminata, sensibilizzando nella formazione sociale delle persone quell equilibrato buon senso di autogoverno alimentato dallo stimolo poetico innato delle persone. Nella burocrazia di carriera, figure come il nostro Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano ovvero l attuale Presidente del Consiglio Matteo Renzi, non nascono di fibra autoritaria, ma lo diventano di potere impositivo quando per principio di carriera politica vogliono farsi credere quei redentori che non sono e la s-conoscenza positiva della fatica in ogni sua realtà di manifestazione induce ad essere quello che in effetti non si è. A comportarsi non con finalità di autogoverno, ma con rappresentanza politica mentale di ostinata pretesa. Per cui, l autogoverno, a specificare, non significa, per noi, incendiare i municipi, o azzerare il Parlamento costituzionalmente eletto e tant altre attività impiegatizie, ma solo liberare la persona da quelle persecuzioni burocratiche, fiscali, che per insolvenza inducono anche al suicidio. Le tasse debbono consistere nella possibilità del contributo democratico della persona o azienda e non nell imposizione dello stato fiscalista. L autogoverno, a cui si fa allusione, non è l azzeramento della responsabilità sociale della persona, ma il suo contrario. Esso si rivela nella consapevolezza ragionata, serena, che non si lascia coinvolgere nella dannazione burocratica di un patologico narcisismo di verticistico piazzamento. Con l autogoverno, lo ripetiamo ancora una volta, si potrebbe risparmiare sensibilizzando un efficiente servizio sociale, per lo meno il 70% delle spese sanitarie e, a dir poco, non meno dell 80% dei detenuti, quando si viene a conoscere che la carcerazione di un detenuto non avviene per effetti diretti di cause, ma per lo più di conseguenze. Invece le nostre istituzioni per l aumento dei reati si preoccupano di come costruire nuove carceri o come decidere nuove amnistie e condoni. Lo stimolo poetico dell autogoverno, se sensibilizzato nella spontaneità della sua naturale originalità, se conosciuto nella sua spinta istintiva che volge sempre all equilibrio della vita e mai al disordine dell arbitrio, risulterà il toccasana di molti nostri pesanti problemi. Perché si prende coscienza che nella normale attività psicoorganica, che si conosce e si forma nella diretta partecipazione della cultura del lavoro, attivizzata dalla normalità di un Costume poetico, vecchie lagnanze e dissapori non trovano più radice. Ma nella carenza di un appropriato Costume poetico, che dissocia la vita dall incidenza della famiglia e della scuola non al servizio di politiche o di religioni di vecchio stampo, non è possibile vivere. Tuttavia in una convivenza priva di coerenti sentimenti, non mirati alla mercificazione assoluta della società, non è consentito restare in equilibrio di se stessi, poiché il Costume poetico rimane seppellito sotto il potere dominante delle armi. Quel Costume poetico, a cui si allude, non ha maestri, ma solo lo schietto buon senso che orienta ed alimenta la coscienza determinata al Disarmo. Artecultura

11 In questo numero DICEMBRE 2014IN 6 CORRISPONDENZA CULTURALE 8 S. LEONE - L ETRUSCO A ROMA 9 ITALIA RISORGIMENTO POETICO 11 SOMMARIO - CARTA CANTA 12 INTERLUDI 16 VICINO MA NON QUI Coser 17 ARTE - NATURA - STORIA 18 SHANNON BOOL 19 POP STATES OF AMERICA 20 ARTE EROS RIVOLUZIONE 21 PAPIRO ARTEMIDORO-AZIMUT/H 22 IMMAGINI DELLA FANTASIA 23 IMMAGINI E LUOGHI 24 PACE E DISARMO A CANTALUPO 29 PAURA E POESIA 30 KING ARTHUR UNA BELLA REGIA 31 UMANITA POETICA 32 FELINI E SCEICCHI - LIBRI 33 CONCORSI 34 PROPOSTE ARTECULTURA 35 ASTE La copertina, Fernando De Filippi: FIRESTAR tecnica mista, su forex Inserto redazionale: -MOSTRE A MILANO -POSTACATALOGO ARTECULTURA Le idee che la impegnano - CORRISPONDENZA CULTURALE - COSTUME POETICO - 24 OTTOBRE GIORNATA MONDIALE DISARMO - INFORMAZIONE ARTISTICO CULTURALE - POESIA DELLA NATURA - POESIA PACE - PSICOPOESIA FERNANDO DE FILIPPI di Claudio Cerritelli - LETIZIA BELLAVITA - CESARE SCARNO di Teodosio Martucci; LEONILDE PERSEU - MICHELE GIANNATTASIO - SILVANA TESTA - MARCO PESSA - GIAMPIETRO MAGGI di Marpanoza. INSERZIONI: GALLERIA CORTINA - GALLERIA PONTE ROSSO - GIANFRANCO RONTANI. ARTECULTURA Mensile Manifestazioni Artistiche e Culturali Anno XLVI I N. 09 Dicembre 2014 Registrazione Tribunale di Milano n. 253 del 6/9/ Registro Nazionale della Stampa n Direttore responsabile: Giuseppe Martucci - ARTECULTURA Edizioni - Codice Fiscale MRT GPP 26M24 G616U -Partita IVA: Direzione: via Ciovasso Milano - Tel. 02/ Fax 02/ / Diffusione gratuita (10 numeri annui) senza impegno fisso di recapito mensile. I lettori che desiderano ricevere ARTECULTURA in modo continuativo al proprio domicilio sono invitati ad abbonarsi. Intestare: ARTECULTURA di Giuseppe Martucci C.C. Postale n Via Ciovasso Milano Non si restituisce la quota di abbonamento se esigenze di forza maggiore costringessero la sospensione o la cessazione della pubblicazione. Abbonamento annuo Euro 50,00 Non disdetto tramite raccomandata un mese prima della scadenza si ritiene tacitamente rinnovato con invio della nuova quota. Non valide le disdette effettuate per telefono. ARTECULTURA non riceve pubbliche sovvenzioni Finito di stampare il Fotolito e stampa Press Point Via L. Cagnola, 35 Abbiategrasso ARTECULTURA, liberamente consultabile e scaricabile al sito Sito che si suggerisce di visitare ad artisti, biblioteche, circoli culturali, gallerie, musei ed a tutti gli operatori artistici. ARTECULTURA edita dall ottobre un libero accesso PER IL MONDO! Sostienila con l abbonamento... da BRERA... ARTECULTURA GALLERIA PONTE ROSSO dal novembre gennaio 2015 Carta canta opere su carta di Trento Longaretti Mendicante con merlo Vasetto con fiori e presepe Oltre quaranta opere del Maestro Trento Longaretti documentano uno degli aspetti più suggestivi della ricerca dell artista: il suo costante confronto con l esperienza grafica. Musicanti, viandanti, famiglie, maternità sono i soggetti che maggiormente ispirano la vena lirica e realista della sua opera. Sorge così, con raffinato incanto, un mondo genuinamente popolare, ricco di umori, sensibilità, sogni. Particolarmente pertinenti le parole del critico Carlo Adelio Galimberti che a riguardo dell importante esposizione scrive: Una rassegna di opere grafiche scelte del Maestro Trento Longaretti che ci conduce nel segreto della sua creazione, quasi un dissetarsi alla fonte della sua poesia e, per dirla con Vasari, «per tentar l animo di quel che gli sovviene». Una maniera che il maestro conduce con quella levità che la grafite e l acquerello chiedono, con un tocco così sicuro ed avvertito da far risuonare il segno e cantar la carta. Longaretti seppe trasfigurare in immagini sobrie e coinvolgenti al tempo stesso la realtà quotidiana, infondendole un battito di viva spiritualità. Dopo i primi studi si trasferisce a Milano, dove frequenta il Liceo e poi l'accademia di Brera, dal 1931 al Suo maestro è Aldo Carpi, mentre ha come compagni di studi Cassinari, Morlotti e Ibrahim Kodra. Importante si rivelerà il dialogo con il mondo di Corrente, ponendo le premesse per i suoi successivi approfondimenti espressivi, ricondotti sempre ad un percorso di concreto ed interiore realismo. (Marpanoza) Info ARTECULTURA 11

12 THE MISUNDERSTOOD, 1938, Collection of the Man Ray Estate INTERLUDI D'ARTE MUSICISTA SPAGNOLO AL CAMPO CONCENTRAMENTO RIFUGIATI Francia 1939 Il Dio Mitra trafigge il toro Museo Louvre, bassorilievo MAN RAY Passariano, Codroipo -Ud. 13 settembre gennaio 2015 A cura di Guido Comis e Antonio Giusa in collaborazione Fondazione Marconi, Milano Con oltre 300 opere, fra fotografie, oggetti, dipinti, disegni e film sperimentali, l esposizione ripercorre la vita e l opera di uno degli artisti più significativi del Novecento, autore di vere e proprie icone del secolo scorso, come Le Violon d ingres, figura femminile con due intagli di violino sulla schiena e Cadeau, ferro da stiro con la piastra percorsa da una fila di chiodi. La straordinaria inventiva di un artista, allo stesso tempo fotografo, pittore, ideatore di oggetti e autore di cortometraggi cinematografici, viene raccontata attraverso un ricco percorso espositivo che permette così di scoprire, oltre all artista, anche Man Ray, le curiosità e le ossessioni che lo punteggiano. La mostra attraversa tutta la vita dell artista dagli anni d esordio fra New York e Ridgefield - New Jersey, sede di una vivace colonia di artisti - alle prime opere dadaiste; dall arrivo a Parigi nel 1921, alla fuga dalla Francia occupata dopo il ventennio di attività intensissima; dagli anni di Hollywood, dove Man Ray si stabilisce al ritorno in America, agli ultimi due decenni di vita trascorsi a Parigi. Non si tratta tuttavia di un iter semplicemente cronologico, ma di un percorso articolato in una successione di approfondimenti che hanno per tema la scoperta della vocazione dell arte, il rapporto con gli amici artisti e il contributo alla definizione dell estetica dadaista e surrealista, l elaborazione di tecniche fotografiche come il rayograph e la solarizzazione, l immagine della donna e altri ancora. Info: ARTECULTURA LA NASCITA DI MAGNUM. Robert Capa Henri Cartier-Bresson George Rodger David Seymour Cremona, Museo del Violino 31 ottobre febbraio 2015 a cura di Marco Minuz Un percorso ospitato all interno di questa nuova struttura museale che rimarca il legame antico e indissolubile fra Cremona e la liuteria. Il 22 maggio del 1947, dopo alcune riunioni presso il ristorante del Museum of Modern Art di New York, viene iscritta al registro delle attività americane la Magnum Photos Inc., nome che prendeva spunto dalla celebre bottiglia di champagne. A firmare erano Robert Capa, Henri Cartier- Bresson, George Rodger, David Seymour e William Vandivert. Nasceva così una realtà che era concretizzazione di una lunga riflessione avviata da Robert Capa durante la guerra civile spagnola e che, negli anni, era stata estesa anche ai fotografi che frequentava. Un progetto che si fondava sulla tutela del lavoro del fotografo e sul rispetto degli associati diritti fotografici. Attraverso la formula della cooperativa, i fotografi diventavano proprietari del loro lavoro, prendevano decisioni collettivamente, proponevano autonomamente alle testate i propri lavori per non rimanere assoggettati alle esigenze editoriali delle riviste, e rimanevano proprietari dei negativi, garantendo così un pieno controllo sulla diffusione delle immagini. Un controllo che si estendeva anche sulla diffusione delle immagini. Un controllo che si esercitava anche sui testi delle didascalie associate alle foto col perentorio divieto di manipolare le immagini. Con questi presupposti, Magnum un diventa ben presto un riferimento nel mondo del fotogiornalismo, conseguenza del grande sviluppo della stampa illustrata e delle agenzie fotogiornalistiche. LA SCONFITTA DELLA TAUROMACHIA Opere di José Molina, Goya e Picasso Istituto Cervantes, Milano fino al 19 dicembre 2014 Goya e Picasso ieri e José Molina oggi, si nutrono della cultura popolare che è una presenza costante nell arte contemporanea con le loro opere dedicate al territorio spagnolo quali la Tauromachia. Possiamo leggere l oscura intensità di Francesco Goya convinto che nella pittura si rischia come nella corrida e la corrida danzante e istintiva pregna di eleganza di Pablo Picasso. José Molina, pur nutrendo il massimo rispetto e la massima considerazione nei confronti di questi venerati maestri, la pensa in tutt altra maniera. E lo dimostra nei suoi disegni: l universo dei matadores, dei picadores e dei banderilleros ai suoi occhi è un universo macchiettistico e caricaturale. E non è che il toro, di contro, presenti chissà quali tratti epici: è semplicemente una povera bestia, vittima inconsapevole delle circostanze. Molina evita toni violenti privilegiando un linguaggio sobrio. A suo modo, una significativa lezione di civiltà. Nella civiltà minoica-micenea il toro è una presenza significativa, come testimoniano affreschi, bassorilievi e sigilli che offrono rappresentazioni della cerimonia chiamata taurocatapsia: in essa il sacerdote-acrobata si lanciava verso l animale in corsa, afferrandolo frontalmente per le corna ed eseguendo una capriola sul dorso del toro sfruttando il contraccolpo delle corna. E possibile che successivamente l animale venisse sacrificato. Questi esercizi erano sostanzialmente identici all attuale corrida de recortes, una forma incruenta di tauromachia spagnola. La prima scuola di tauromachia fu fondata a Siviglia nel 1670 anche se ufficializzata solo nel 1830 con regio decreto da Ferdinando VII. I Borbone di Francia però disprezzavano questo spettacolo cruento così lontano dall eleganza e dalle grazie della corte di Versailles. Info:

13 Hans Memling, TRITTICO DEL GIUDIZIO UNIVERSALE 1467 INTERLUDI D'ARTE Vincenzo Gemito, IL PESCATORELLO, Napoli, Museo Civico di Castel Nuovo REPERTORIO CERAMICO DA GUDNJA HANS MEMLING a cura di Till-Holger Borchert Roma, Scuderie del Quirinale 10 ottobre gennaio 2015 Al centro della grandiosa composizione San Michele intento a pesare le anime alla presenza della corte celeste. A sinistra i beati accolti da San Pietro si apprestano a varcare le porte del Paradiso. A destra, i dannati che precipitano nel fuoco dell inferno. Questo è ciò che viene rappresentato nel trittico del Giudizio Universale di Hans Memling, conservato al Museo di Danzica, destinato dal pittore fiammingo all Italia, più precisamente alla cappella dedicata a San Michele nella Badia Fiesolana a Firenze, ma che in Italia non arrivò mai. Commissionata dal banchiere fiorentino Angelo Tani e da sua moglie Caterina di Francesco Tanagli - entrambi raffigurati inginocchiati del retro degli sportelli del trittico - venne caricata sulla galea San Tommaso assalita dai pirati che trasportarono il carico nella città di Danzica, che si era dimostrata il migliore offerente per il prezioso bottino. Il trittico del Giudizio Universale venne ammirato a tal punto dagli abitanti della città che questi decisero di collocarlo nel Duomo della città. Inutile fu la causa intentata per riaverlo. Il Tani era particolarmente legato a quell opera in quanto per lui rappresentava un riscatto morale e al contempo un chiaro messaggio per un suo ex amico, il quale gli aveva slealmente sottratto un incarico prestigioso in una banca di Bruges. Angelo Tani, scegliendo Memling per realizzare l opera, si era rivolto al più famoso e caro artista del luogo, perché dipingesse il giudizio universale, come a dire che se la giustizia umana nulla aveva potuto nel suo caso, sarebbe stata la mano divina a punire un giorno i torti da lui subiti. Il Trittico non rimase sempre a Danzica ma sempre vi fece ritorno, sia quando venne depredato dalle truppe napoleoniche per essere portato a Louvre, sia quando i russi, come risarcimento delle perdite della seconda guerra mondiale, lo collocarono all Ermitage. Ma il Trittico, grazie alla capacità diplomatica della Polonia, tornò sempre a Danzica. Info: Un viaggio tra reale e digitale Napoli, Complesso Monumentale di San Domenico Maggiore. 30 ottobre gennaio 2015 La rassegna approfondisce con un taglio fortemente innovativo un periodo dell arte napoletana ancora poco studiato e tuttavia fondamentale, offrendo un contributo visivo e documentario sulla situazione della scultura partenopea tra il XIX e il XX secolo di straordinario valore e di grande rilevanza scientifica e culturale. Il Bello o il Vero nasce dall esigenza critica di riportare alla luce quel paesaggio artistico che andò formandosi tra secondo Ottocento e primo Novecento - spiega Isabella Valente - le cui tracce sono rimaste sepolte troppo a lungo, a margine della storiografia e tralasciate dalle occasioni espositive. Vogliamo riportare all attenzione della critica specializzata e del pubblico una storia ancora da scoprire, mettendo in primo piano la qualità della ricerca, coniugando progresso scientifico, divulgazione della conoscenza e godimento estetico. Con l ausilio di supporti tecnici specifici, sviluppati da Databenc e pensati per stimolare la curiosità e la conoscenza critica, il visitatore può muoversi attraverso un itinerario fruitivo dinamico, viaggiare nel tempo e nello spazio, tra i capolavori dei più importanti artisti fin de siècle (da Vincenzo Gemito ad Achille d Orsi, da Giovan Battista Amendola a Raffaele Belliazzi, da Francesco e Vincenzo Jerace a Costantino Barbella, da Filippo Cifariello a Giuseppe Renda) e ricostruzioni in 3D. A ogni opera in esposizione è dedicata una carta d identità multi-lingua, in grado di raccogliere descrizioni, dati e fili multimediali, archiviati all interno di una database strutturato. Info: ADRIATICO SENZA CONFINI Via di comunicazione e crocevia di popoli nel 6000 a.c. Udine, sino al 22 febbraio 2015 Il percorso espositivo intende far conoscere le più importanti acquisizioni di decenni di indagini archeologiche nell Adriatico orientale, compiute da parte degli archeologi di Italia, Slovenia e Croazia. La mostra è organizzata dal Museo Archeologico dei Civici Musei di Udine in collaborazione con il Museo Friulano di Storia Naturale e si apre sotto l Alto Patronato del Presidente della Repubblica. Il periodo che s intende trattare nella mostra è marcato da cambiamenti economici cruciali, quali l introduzione dell agricoltura e dell allevamento, che condussero alla creazione di un nuovo legame tra l uomo e l ambiente. L uomo diviene un fattore ecologico determinante, capace di lasciare ovunque traccia del suo passaggio: i paesaggi naturali divengono lentamente spazi abitati e coltivati, le comunità umane si radicano nel territorio ed esprimono la loro identità culturale essenzialmente attraverso i materiali, in particolare nell espressione decorativa dei manufatti ceramici. Ed è in base ai tratti decorativi di questi reperti che è possibile riconoscere ora i contatti tra le comunità e le loro differenze. Il progresso delle ricerche, il rinnovato contatto e scambio tra gli studiosi ed una distensione dei rapporti politici tra i Paesi, permette ora di disegnare un quadro più accurato, seppur non definitivo, del Neolitico dell Adriatico orientale. Questo può contare su ricostruzioni paleombientali, paleoeconomiche, cronologiche e naturalmente su una migliore comprensione degli aspetti culturali frutto di recenti scavi. Con successive e sempre più approfondite revisioni si è giunti ad un panorama articolato del neolitico di questa macro area, che mostra aspetti culturali comuni e tematiche interessanti ancora da sviluppare. La mostra ha come denominatore comune il proposito di rileggere la storia collettiva delle comunità neolitiche affacciate sulla costa orientale dell Adriatico. Info: ARTECULTURA 13

14 Leonilde Perseu Michele Giannattasio Cesare Scarnò Quale lirica della natura I lil sogno sognato Bagliori di cielo Nella perseveranza tonale che dipinge la natura pittorica di Leonilde Perseu si origina un atmosfera che nella diversità dei toni che realizzano il dipinto si diffonde una visione di silenzio che oltre a corrispondere allo stato d animo della pittrice, rileva nel contempo anche una metaforica natura in cui l eco del silenzio abbraccia anche l irregolare corpo della materia, la sua realtà osservata con acuto fascino attrattivo. Nei vari passaggi tonali che dispongono il dipinto si nota una finezza di spontaneità in cui il prodigio della tecnica diffonde una vena poetica che sa di espansione universale. Visione nella quale diventa difficile o - dicendo meglio - si rende impossibile avvertire dove inizia un azzurro terso che si collega ad un più denso verdino ovvero al forestale che si congiunge con un l azzurro del mare in una continuità misteriosa dove la vicinanza dei colori si armonizza non per contendersi lo spazio, bensì per unirlo in quella creatività poetica che non lascia spazio alla pura razionalità dimensionale. Le campiture non si differenziano nei relativi stacchi visivi ma presentano un complesso di omogeneità alla cui radice vi è l intervento operativo della pittrice che risulta mosso da un raffinato senso di convivenza che nel suo sottofondo raggiunge anche un diffusa musicalità. Marpanoza Il paesaggio urbano nelle arti visive e nelle sue più diversificate realizzazioni si potrebbe anche metaforizzare come il vestito della civiltà. Un campo nel quale, per poco o per tanto, per una ragione ovvero uno scopo, tutti i pittori specie nella fase iniziale si cimentano. E il fatto non sorprende quando nei suoi motivi di spinta di fondo innata è più che risaputo che il paesaggio, soprattutto urbano, esprime una necessaria difesa dell uomo dalle varie tensioni dell ambiente come il ripararsi l inverno dal freddo. Così per voce di chiarezza il paesaggio del pittore Michele Giannattasio si colloca integralmente in quella vocazione di necessità che il pittore dipinge con un linguaggio di tavolozza dettato per lo più da uno stimolo poetico di avanzato sogno espressionista che personalizza la carica espressiva di una non comune tensione. Giannattasio, di paesaggi, ne ha dipinti molti che, nel loro insieme, esteticamente, si differenziano sia per il riferimento diretto del luogo, sia per quella foga di getto espressivo in cui l artista fa conoscere la sua unicità pittorica. Quel peculiare nel quale il paesaggio diventa per davvero il vestito della civiltà in cui la spontaneità si collega al ricordo storico con invisibile carica di affettività che nell insieme riguarda il desiderio dell uomo. Così! Marpanoza Per Cesare Scarnò il confronto con la natura presenta un suo innegabile fascino. Il paesaggio è una dimensione della pittura nella quale l artista concretamente sperimenta la sua sensibilità. Anche questo bel dipinto TRA- MONTA ne è un eloquente conferma. Ispirato da una libera vena postimpressionista, anche con suggestioni fauve, esso è generato dalla forza primaria dell istinto che riscontra nella viva accensione del colore la sua naturale tensione espressiva. Scarnò si affida alla forza dell emozione più che alla realtà di un naturalismo descrittivo. La sua è una pittura evocativa, che coinvolge lo spettatore che si pone attentamente di fronte alle sue opere. Non tanto un articolazione plastica, quanto una vigorosa vis cromatica alimenta dall interno la genesi e lo sviluppo della composizione. Infatti, l artista ha compreso benissimo come il colore sia una sorta di stato d animo che si proietta con l immaginazione in una visione di natura che poeticamente trasfigura il dato di realtà. Pittura, quindi, come ricerca interiore dentro lo spazio della personale memoria, scavando nei ricordi che poi la luce, i riflessi cromatici, rendono concreta realtà di vita e di pensiero. Lo spirito, culturale ed estetico, che da tempo anima la sensibile e significativa ricerca dell artista. Aoristias Leonilde Perseu SILENZIO COLORATO Olio su tela. Michele Giannattasio SOGNO IRREALE Olio su tela. Cesare Scarnò TRAMONTANA Olio e acrilico su tela, cm. 50x70 14 ARTECULTURA

15 Gianfranco Rontani Cavaliere della Repubblica per meriti artistici e donatore istituzionale d importanti opere storiche tanto da collocarsi a buon diritto tra i personaggi che hanno segnato l arte del XX Secolo. *** Sul filo diretto della produzione artistica, a parte le grandi opere in cui l uomo e la natura ne sono il richiamo, Gianfranco Rontani ha dedicato non poco spazio ed interesse artistico alla femminilità tanto che in appellativo d orientamento pittorico viene anche considerato come il pittore delle donne. Ma è sempre la natura, quella umana e quella vegetale, che fanno principio nella tavolozza del Maestro Rontani. Le tonalità seducenti che dipingono il nucleo atmosferico attivano nella memoria simili effetti di festosa fantasia che si manifesta tra lo spontaneo della gioia e lo scontato della spontaneità. Il brio del colore esprime una virtualità che alimenta allegria dal fondo di se stesso. Tanto da farci ritenere la pittura di Rontani un continuo germoglio di primavera, poiché in effetti la sua ricerca non dipinge mai amarezze sia che raffiguri un Inferno di Dante, sia la bella singolarità di un fiore. Nella stabilità creativa dell opera persiste a meraviglia un distensivo equilibrio di principio. Marpanoza Segromigo di Piano (Lu) Cell Artecultura tel Gianfranco Rontani SENSIBILITA DICEMBRINA olio su tela, cm. 30x40 CORTINA A R T E Via MAC MAHON, 14 (Cortile int.7) MILANO -ITALIA Tel 02/ PERMANENZE DINO BUZZATI - GIANCARLO CAZZANIGA - GIANCARLO CERRI - GIOVANNI CERRI - ROBERTO CRIPPA - DADAMAINO - FORTUNATO DEPERO - LUCIANO MINGUZZI Inaugurazione della mostra ore 18, dicembre 2014 OFFERTA LIBERA! Saranno presentate opere uniche su tela, su tavola, su carta, opere seriali, sculture in bronzo, in legno, in ceramica, in materiali sintetici quali il perpex e giovani autori di allettanti quotazioni. Alle pareti riccamente allestite si potranno trovare opere di: Dadamaino, Dino Buzzati, Maurice Henry, Lucio Fontana, Marina Apollonio, Giancarlo Cazzaniga, Roberto Crippa, Fortunato Depero, Tino Vaglieri, Giuseppe Banchieri, Lanfranco, Guy Harloff, Bruno Cassinari, Luciano Minguzzi, Augusto Murer, Marcello Morandini, Jorrit Tornquist, Remo Brindisi, Maria Papa, Giuseppe Migneco, Eugenio Carmi, Max Ernst, Giulio Turcato, Giovanni Cerri, Aldo Carpi, Giuseppe Mignozzi, Bice Lazzari, Bepi Romagnoni, Sebastian Matta, Maria Mulas, Contenotte, Elvio Becheroni, Giuseppe Chiari, Carlo Guarienti, Umberto Mastroianni, Ernesto Treccani, Jesus Rafael Soto. GALLERIA PONTE GALLERIA ROSSO PONTE ROSSO Milano via Brera 2 Tel/Fax 02/ Corrisp. via Monte di Pietà1/A GALLERIA PONTE ROSSO dal 1973 Dal 13 novembre 2014 all 11 gennaio 2015 Carta canta opere su carta di TRENTO LONGARETTI Jorrit Tornquist, Composition 1970 Vecchio musicante con violone, 2007 presentazione di CARLO ADELIO GALIMBERTI in contemporanea Natale regala Arte piccoli quadri e sculture, acquerelli, tempere, disegni, grafica originale numerata, stampe, cartoline, libri d arte ASSOCIAZIONE CULTURALE R. CORTINA Via Mac Mahon, 14 (Cortile interno n. 7) MILANO - ITALIA Tel/Fax 02/ Cod.Fisc Orario di apertura:10-12,30 / 15,30-19 Chiusura: domenica e lunedì nel mese di dicembre aperto anche domenica dalle 15,30 alle 19 ARTECULTURA 15

16 Sopra, VANITAS I, 2014, acrilico su alluminio, 90 x 100 Sotto, VANITAS II, 2014, acrilico su alluminio, 90 x 100 A destra, UNA ROSA, 2014, t.m. su alluminio 190 x 190 VICINO MA NON QUI Il magico mondo percettivo di Luca Coser Il titolo della mostra, in programma alla Galleria Effearte di Milano, dal 20 novembre 2014 al 16 gennaio 2015, è tratto da una conversazione tra l artista e il critico Federico Mazzonelli che descrive così il suo lavoro: La ricerca di Luca Coser si realizza attraverso dipinti, disegni, collages, sculture e installazioni caratterizzati da una tensione verso quella che potremmo definire come una dimensione di lateralità, che diviene la cifra costante del suo lavoro, determinandone insieme la condizione psicologica e la scelta linguistica, la dichiarazione poetica e la riflessione formale. Lo sguardo di Coser si posiziona in tal senso a lato dell immagine, opera per dissolvenza, muovendosi tra simulazione e finzione nel tentativo di aprire tra opera e spettatore uno spazio tanto reale quanto indefinito, come fosse un luogo che porta in sé altri luoghi, come qualcosa che ci passa accanto ma è sempre da un altra parte, qualcosa che, per citare l'artista, è vicino ma non qui. Alla stratificazione delle im- 16 ARTECULTURA magini e degli elementi del reale, attraverso scarti prospettici, dettagli inattesi, leggeri strappi visivi, Coser affida un processo di riscoperta poetica, tra cancellazione, parziale occultamento e riemersione di un visibile inatteso e inattuale, di ciò che si muove dietro il teatro della realtà, di ciò che lentamente si muove, citando Ernst Bloch, sul dorso delle cose. Un esposizione, quella di Coser, che pone in suggestiva evidenza la raffinatezza della sua pittura, dai tratti espressivi particolari, in cui il dato naturale, a volte, sembra quietamente affogare in una silenziosa indeterminatezza. Le cose, in quanto tali, pare suggerire l artista, sembrano perdere la loro oggettiva consistenza, anche se visibilmente ciò non è constatabile. Ed allora se la realtà stessa, i suoi fantasmi (nel senso di apparizioni) non possono essere presi di petto, una via possibile è quella di porsi percettibilmente con un altro sguardo che colga la realtà non dall esterno, ma dall interno, dalla percezione vista non come puro problema ottico, ma di contatto e verifica esistenziale. L impressionismo, non a caso sorto quasi contestualmente all invenzione del cinema e della fotografia, credette di risolvere il problema di cosa e come percepire dissolvendo la natura nei suoi permenenti flussi atmosferici, cromatici e temporali. Oggi che ogni forma di natura sembra aver perso il suo ubi consistam anche questo non è più possibile. La pittura intelligentemente evocativa di Coser diventa anche nello stesso momento generativa di essa, di un altra eloquenza di natura, con tutto il suo carico di allusioni, stimoli, evidenze che inevitabilmente porta con sè. Alla pittura il compito di assistere questo processo, di farlo proprio nella lungimiranza delle sue espressioni, di cui la pittura di Coser offre ampio e non tedioso saggio. Aoristias Info

17 ARTE-NATURA-STORIA Lo stimolo intuitivo nell esperienza cosciente L arte costituisce o dovrebbe costituire un elemento primario della formazione umana. L arte nelle sue infinite espressioni rappresenta uno straordinario coinvolgimento psicologico della persona, e anche se questo confronto, rimane all interno di una pratica non professionale o puramente amatoriale, le ricadute sono tuttavia estremamente positive nello specifico campo professionale in cui ci si impegna direttamente. L arte stessa, inoltre, crea un mondo parallelo, fatto di immagini, evocazioni, idee, concetti che lungi dal risolversi in una mera evasione di circostanza, alimentano, invece, al meno nelle persone più sensibili, una vivace dialettica tra realtà e fantasia. E infatti un grave errore educativo, con tutte le sue ampie ripercussioni che questo comporta a livello sociale, separare artificiosamente in rigidi schemi realtà e fantasia. Esse sono davvero come due vasi intercomunicanti, uno alimenta l altro e contribuiscono alla formazione equilibrata della persona, aperta, disponibile, tendenzialmente meno suscettibile di esser preda di stereotipi, luoghi comuni. L arte, quindi, è ben lontana da essere un aspetto puramente decorativo, di intrattenimento o di sterile conoscenza. Essa al contrario è il miglior metodo inventato dall uomo per adattarsi all ambiente, in qualsiasi modo esso lo si voglia intendere. Senza l arte l umanità non sarebbe progredita. Infatti ancor prima della politica, della scrittura, dell agricoltura ha costituito il centro psicologico dell uomo, la sua reale essenza spirituale. Ed è su questa base che poi si sono sviluppati gli altri avanzamenti della società, pur tra inevitabili contrasti e problemi. Tuttavia qui si apre una fondamentale contraddizione: più in un certo senso la civiltà si sviluppa, perfeziona i suoi meccanismi sociali, politici, economici, istituzionali e maggiormente si allontana, divarica il suo percorso da quell inizio in cui l arte era il referente fondamentale dell esistenza. Da allora, sia pure lentamente, ma costantemente l arte si è andata progressivamente e- straniandosi dall insieme della civiltà, intesa sia come polis, che come realtà urbana nel suo complesso. Questo e non altro è il grave problema dell arte contemporanea: la sua progressiva separazione dalla realtà concreta, dal lavoro, dall insieme della vita, intesa nella totalità delle sue manifestazioni. Ora, forse, questa stessa divaricazione sembra essere giunta all indice massimo delle sue possibilità e pertanto divenire socialmente insostenibile. E da ricordare innanzi tutto che l arte contemporanea sempre più tende a realizzare configurazioni, metodi operativi di intervento, lontani dagli schemi classici della decorazione o del realismo più illustrativo. Anche le più recenti installazioni, mirano a limitare questo fossato sempre più vasto che si era creato tra arte e società. Lo stesso sviluppo di nuovi linguaggi visivi come la televisione, il cinema, i computer, you tube, ed altri, se opportunamente predisposti, sollecitando la loro tendenza all interattività sono un altro, importante passo verso una maggiore integrazione tra arte e società. Oggi questa integrazione diventa sempre più necessaria ed ineludibile. Di fronte al decadimento delle religioni, delle varie ideologie e della stessa politica, il mondo tende ad una sua governabilità sempre più difficile, gravida di latente violenza. Persino lo stesso sport stimola ad innescare fenomeni di incontrollata violenza. L arte, pertanto, si pone come naturale elemento di armonica convivenza, di integrazione tra persone, popoli e culture, una volta che quel fossato che la separa dalla sfera più concretamente sociale inizia a colmarsi. Da questo punto di vista, l ambiente-paesaggio, può divenire il fondamentale anello che ricollega l arte alla società, integrando positivamente l uomo nella sua casa, nel suo paesaggio. Per millenni l uomo ha convissuto, sia pure tra attriti e trasformazioni, con il paesaggio, lo ha mutato nel segno della sua esperienza estetica, della sua cultura. Dal passato ci vengono straordinari esempi di integrazione tra arte-natura e società. Si pensi al paesaggio toscano, a favolosi centri urbani come Alessandria, Bisanzio, Aquisgrana, con il loro positivo incontro di città e campagna. Ora questo equilibrio si è spezzato e tocca all arte ricostruirlo. La scienza può solo garantire le razionalità delle possibilità tecniche, ma il come configurarlo spetta al linguaggio dell arte, alla sfera della sua inventiva. Uno straordinario pensatore, in questo senso fu Leonardo da Vinci per il quale arte, architettura, paesaggio urbano, natura costituivano un insieme organico e coerente. Ponendoci all interno di questa particolare dialettica anche i problemi dell arte acquistano un altra luce, meno inclini a banali questioni di gusto, di mercato, di ascesa personale, e più in sintonia con il senso profondo dell esistenza. Tutto questo è possibile non tanto per un astratta volontà personale, ma perché l arte costituisce la vera identità di ognuno, che questi ne sia consapevole o meno. Quando in una qualsiasi opera si riversano i sentimenti, le emozioni, le passioni, i sogni, le paure di un individuo esse entrano nel corpo vivo dell opera e ne imprimono la loro fisionomia, che neanche le più raffinate tecniche operative possono occultare. Questo, naturalmente, per quando riguarda l autenticità dell opera, concepita appunto come il deposito di quelle misconosciute interiorità che naturalmente sono presenti in ogni uomo, anche nel più convinto razionalista. Si possono inventare le teorie, le discussioni, i sistemi filosofici o politici, le formule scientifiche, ma non si possono inventare i sentimenti, le emozioni, gli stati d animo: ecco la forza essenziale dell arte, la sua coerenza del tutto particolare. Che poi questi sentimenti hanno naturalmente bisogno per essere espressi di una loro razionalizzazione è un altro discorso. Ma essi o ci sono o non ci sono e con loro l autenticità, appunto, dell opera. Su queste premesse il discorso contemporaneo sull arte più modularsi su percorsi di più ampio respiro, di largo coinvolgimento. (Aoristias) ARTECULTURA 17

18 SHANNON BOOL Don't know what you ve got till it's gone Si è conclusa lo scorso 11 novembre al Lucca Pavillon Social Kunstverein la personale dell artista canadese Shannon Bool. L esposizione si compone di tre gruppi di opere. Il primo è costituito dai Photograms denominati Iman s (2014), dal titolo di una di esse, collage fotografici raccolti su plastica trasparente e poi riesposti direttamente su carta fotografica. La serie dei fotogrammi è nata da documentazioni di foto di case di moda anni Venti. I manichini disposti in pose sedute hanno richiamato all artista la dicotomia attivo-passivo (proiezione-introiezione) propria del ruolo dello psicanalista. Il secondo dei gruppi principali di opere è Carpet, il cui titolo, MEC III (2014), sta per Madonna Extraction Carpet. 18 ARTECULTURA Si tratta di un tappeto ripreso direttamente da quello rappresentato in un dipinto di Hans Memling, il Trittico di San Giovanni del Terzo e ultimo tra i principali gruppi di lavori in mostra è Perspective con Grey rock (2014), un opera di marmo che è la naturale continuazione della prospettiva imprecisa fiamminga, cioè la stessa spazialità sghemba del tappeto. Mediante queste opere, complesse ed al tempo stesso articolate, l artista predispone la sua coerente riflessione concettuale. Perno della sua proposta è il senso dello spazio, così come esso si è andato evolvendo a partire dal Rinascimento e basato sulla identità prospettica ed illusoria. Appunto, tale concezione logica e dimostrativa al tempo stesso dello spazio, tuttavia concerne lo spazio come realtà percettiva di superficie, quella che si staglia al di sopra di un ipotetico punto di fuga. Alla coscienza artistica occidentale sinora è mancata quell indagine sullo spazio visto come realtà del profondo, esplorazione dei recessi della mente. Un universo che si è spalancato tra la fine del XIX e XX secolo nella straordinaria tensione culturale della Vienna fien de siecle con il profilarsi della psicoanalisi di Sigmund Freud. Uno stimolante campo di possibilità e di indagine si apriva allora per l esperienza estetica, forse non adeguatamente percepita dalla stessa coscienza artistica, ancora, inconsciamente plasmata, da quella astratta razionalità, eredità della cultura rinascimentale. Di sicuro la risposta non è avvenuta dal Surrealismo storico che pure di quella fondamentale esperienza della cultura europea si considerava in un certo qual modo erede. Lo spazio, quindi, proposto da Bool, è una realtà pura dell immaginario, fatta di allusioni, assonanze, sintonie più che di prospettive o di marcati orientamenti. In questo contesto si inserisce la valorizzazione dell aspetto decorativo, che lungi dall essere banalmente valutato come sinonimo di superficialità, é, spesso, in verità, il cifrario misterioso della coscienza. Un interpretazione che in un certo senso alligna ancora in diversi aspetti dell arte orientale, una volta che la sua lettura, come si evince dai raffinati contesti creati da Bool, si libera dalle deformazioni di un facile fraintendimento di gusto esotico. Lo spazio, allora, diventa una dimensione psicologica ed introspettiva che continuamente risuona all interno del pensiero umano, collegando inconscio e razionalità, istinto e progetto. Shannon Bool, nata a Comox, in Canada, studia all Emily Carr Institute of Art and Design di Vancouver, al Cooper Union di New York e infine alla Städelschule di Francoforte sul Meno. Nel 2013 è tra i vincitori del Premio Villa Romana a Firenze. Il suo lavoro è stato esposto in musei e istituzioni internazionali. Esso è diventato parte delle collezioni del Museum fur Moderne Kunst di Francoforte sul Meno, del Lenbachhaus, di Monaco, ma anche di numerose collezioni private. Marpanoza

19 Steve Kaufman POP STATES OF AMERICA Sono passati esattamente 50anni da quando la Biennale di Venezia nel lontano 1964 celebrò la Pop Art come la nuova cultura artistica della seconda metà del XX secolo. Da quel momento le opere di Warhol, Lichtenstein, Dine, Rosenquist ed altri avranno un influsso fondamentale sull arte degli anni sessanta ed anche oltre. Una storia estetica e culturale che non si è estinta, come spesso succede per altre esperienze artistiche di più corto respiro, ma che prosegue con i suoi approfondimenti ed interpretazioni, come è il caso di Steve Kaufman ( ), della quale la Barbara Frigerio Contemporary Art di Milano presenta una significativa retrospettiva dal 15 gennaio al 15 marzo L artista, è stato allievo ed assistente di Andy Warhol, ed ha approfondito con un linguaggio personale quella che è stata l ispirazione di fondo della celebre tendenza, che seppe collegare in maniera profonda ed audace la società americana ad una particolare e- spressione artistica. I soggetti presentati in questa mostra raccontano il suo paese natale, gli Stati Uniti, attraverso simboli (dalla bandiera alla statua della libertà) e personaggi (da Marylin a Elvis), descritti, in un esplosione di colori, con lo sguardo di chi ha sempre guardato il mondo esterno con passione e curiosità, alla stregua di un giornalista artistico, come lui stesso amava definirsi. Da questo punto di vista, per leggere con accortezza il linguaggio visivo, plastico, di Kaufman occorre liberarsi da una concezione astratta dell originalità formale o stilistica, retaggio di epoche passate, quanto soffermarsi invece sullo spirito psicologico, culturale, che queste opere posseggono e di come esse si collochino con efficacia nella sensibilità odierna, mantenendo inalterata la loro pregnanza comunicativa e simbolica, la lucidità degli schemi e delle configurazioni e, cosa che non guasta, una dose di limpido ottimismo. Infatti a Kaufman si potrebbe benissimo applicare la bella definizione che Laymarie diede sull arte di Henri Matisse: Una simile vocazione alla felicità in un epoca in cui tutto porta all angoscia, è un esempio eroico di coraggio e di fede. Ed in effetti osservando le sue opere si percepisce benissimo come da esse non promani alcun senso di angoscia o di turbamento, ed anche in lavori più suggestivamente introspettivi, come il significativo ritratto di James Dean, si avverte un senso di interiore tranquillità, di calma attesa. Ma lo spirito espressivo dell artista è improntato ad una spiccata tensione comunicativa, priva di affettazioni, ma spontanea e stimolante. Rispetto ai canoni tradizionali più tipici della Pop Art d oltreoceano, Kaufman accentua la dimensione ludica, gioiosa, prendendo le distanze da certi moduli espressivi più distaccati e freddi. Steve Kaufman nacque a New York, Sopra: MICKEY ICON 2, cm. 46 x 46 a destra:marlyn 7 YEAR quartiere del Bronx, nel All età di 8 anni, sponsorizzato da una sinagoga, fece la sua prima mostra personale con opere che poi entreranno a far parte del Jewish Holocaust Memorial in Brooklyn. All inizio degli anni 80 frequenta la School of Visual Arts dove ebbe l opportunità di conoscere Jean-Michel Basquiat. Nel 1981 l incontro fondamentale con Andy Warhol e l impegno creativo all interno della Factory. A partire dal 1993 l artista si stabilì a Los Angeles dove iniziò a elaborare uno stile che definì comic Book pop art, servendosi di immagini di celebri eroi dei cartoons: Superman, Batman, Spider-Man ed altri. Instancabile fu la sua azione solidale nei confronti di molte associazioni di volontariato. Marpanoza Info: ARTECULTURA 19

20 ARTE, EROS, RIVOLUZIONE Il mondo infinito di Frida Kahlo e Diego Rivera Ge nova, Palazzo Ducale Sino all 8 febbraio 2015 Tormentata, passionale, infedele. Una storia d'amore che ha assunto ben presto i contorni della leggenda.frida Kahlo e Diego Rivera si videro per la prima volta nel 1922 sotto i ponteggi della Scuola Nazionale Preparatoria. Lui era il pittore più famoso del Messico rivoluzionario, chiamato a dipingere un murale nell'anfiteatro dell'istituto. Lei una ragazzina irriverente. Sette anni dopo, Frida Kahlo e Diego Rivera erano moglie e marito. Fu l'inizio di un amore lungo e tormentato, costellato di tradimenti e colpi di scena (anche di pistola). Le gelosie e i tradimenti reciproci, il divorzio e i due matrimoni, il destino opposto delle loro parabole: ogni evento della loro vita, ha reso la loro unione qualcosa di più di un semplice legame sentimentale. "Ho avuto due gravi incidenti nella mia vita. Il primo fu quando un tram mi mise al tappeto, l'altro fu Diego". Frida incarna il senso stesso della lotta, simbolo universale del riscatto femminile. Frida risponde all'infedeltà di Die- go coltivando le sue relazioni extra-coniugali con estrema libertà, con uomini come con donne, personaggi perlopiù famosi, artisti, fotografi, politici, da Tina Modotti, a Giorgia O - Keeffe, da Nickolas Muray a Lev Trotsky. Il suo spirito di ribellione, la sua sessualità libera e ostentata, ne fanno ben presto il simbolo dell'emancipazione femminile e ogni aspetto concorre ad alimentare il suo personaggio: il lungo sopracciglio, i baffi pronunciati, gli abiti pre-colombiani, la Casa Azul.I murales di Diego sugli edifici pubblici del Messico narravano la storia del suo paese, di un popolo unito nella lotta per un futuro comune. I dipinti di Frida, invece, rappresentavano soltanto la sua battaglia personale contro la malattia e un costante senso di solitudine. La sua rivoluzione consisteva nel rendere pubblico il privato.diego Rivera era celebre nel suo paese e nel suo tempo perché vi appartenne totalmente, dando un volto a urgenze sociali, scioperi, manifestazioni, rivoluzioni tecnologiche. I suoi murales sono la vera e propria storiografia di un epoca. Ma oggi la celebrità è Frida, perché solitudine e vulnerabilità sono temi universali e in lei trovano un espressione così sincera da toccare qualsiasi essere umano. Frida rappresenta l inconciliabile riuscendo perfino a trovare una conciliazione. La pittura, che fu la sua terapia, salva almeno una speranza: la fantasia riuscirà comunque a trionfare. E, ovviamente, la sua Arte, anche questa agli antipodi di quella di Diego, intima e introspettiva, carica di emozione, in cui si mescolano fragilità e durezza.in Messico, durante il periodo post-rivoluzionario, le donne della generazione di Frida Kahlo arrivavano all emancipazione principalmente per il tramite della politica; probabilmente anche per la stessa ragione la pittrice si iscrisse al Partito Comunista Messicano. Inoltre, come Sarah M. Lowe afferma, il partito presentava anche un altra attrattiva: la presenza e la militanza di numerose donne dinamiche la cui indipendenza e autodeterminazione possono aver incoraggiato la pittrice a unirsi a loro. Info a destra OMAGGIO A FRIDA KAHLO segue una COMPOZIONE RIVOLUZIONARIA di Rivera 20 ARTECULTURA

Allegato 1 - Linee di Indirizzo a.s.2015/2016

Allegato 1 - Linee di Indirizzo a.s.2015/2016 Allegato 1 - Linee di Indirizzo a.s.2015/2016 La valigia delle idee Progetti e percorsi formativi per gli studenti delle scuole dell infanzia, primarie e secondarie di primo grado di Sesto Fiorentino 1

Dettagli

PROPOSTA SCUOLE PRIMARIE

PROPOSTA SCUOLE PRIMARIE PROPOSTA SCUOLE PRIMARIE La Macchina del Tempo Il progetto ideato e realizzato da L Asino d Oro Associazione Culturale per le scuole primarie, dal titolo La Macchina del Tempo, si propone come uno strumento

Dettagli

TECNOLOGIC@MENTE LABORATORIO-MUSEO SCHEDA TECNICA. 52 km www.museotecnologicamente.it Tel: 0125/1961160 e-mail: scuole@museotecnologicamente.

TECNOLOGIC@MENTE LABORATORIO-MUSEO SCHEDA TECNICA. 52 km www.museotecnologicamente.it Tel: 0125/1961160 e-mail: scuole@museotecnologicamente. LABORATORIO-MUSEO TECNOLOGIC@MENTE Tecnologic@mente, coordinato e gestito dalla Fondazione Natale Capellaro, in questi anni ha svolto un importante e fondamentale lavoro volto per la conservazione e, soprattutto,

Dettagli

Genus Bononiae per le Scuole. - Servizi educativi - Genus Bononiae. Musei nella Città

Genus Bononiae per le Scuole. - Servizi educativi - Genus Bononiae. Musei nella Città Genus Bononiae per le Scuole - Servizi educativi - Genus Bononiae. Musei nella Città I Sevizi educativi di Genus Bononiae. Musei nella Città hanno elaborato per l anno scolastico 2015-2016 una nuova offerta

Dettagli

Percorso di visita e laboratorio Dentro la pittura

Percorso di visita e laboratorio Dentro la pittura GALLERIA SABAUDA Percorso di visita e laboratorio Dentro la pittura Si propone un'esperienza introduttiva alla realtà del museo e un approccio alle opere d arte come immagini e come prodotti materiali.

Dettagli

Turisti a Milano con AVIS

Turisti a Milano con AVIS Turisti a Milano con AVIS Programma visite guidate febbraio-maggio 2014 Continua l iniziativa AVIS di scoperta e valorizzazione del patrimonio artistico e culturale della città di Milano con le visite

Dettagli

CLASSE PRIMA - SCUOLA PRIMARIA

CLASSE PRIMA - SCUOLA PRIMARIA Ricavare da fonti di tipo diverso informazioni e conoscenze su aspetti del passato. CLASSE PRIMA - SCUOLA PRIMARIA Individuazione delle parole del tempo (prima, dopo, poi, infine, mentre ). Individuazione

Dettagli

Dal 2011 Cinecittà ha strutturato un progetto specifico di Attività educative destinato alle scuole.

Dal 2011 Cinecittà ha strutturato un progetto specifico di Attività educative destinato alle scuole. Alla scoperta di Cinecittà e del cinema. Dal 2011 Cinecittà ha strutturato un progetto specifico di Attività educative destinato alle scuole. Il nostro obiettivo è quello di offrire proposte didattiche

Dettagli

MALEVIČ PER LA SCUOLA

MALEVIČ PER LA SCUOLA MALEVIČ PER LA SCUOLA KazimirMalevič nasce a Kiev nel 1878, e nel 1915 il suo Quadrato nero su fondo bianco che vede quest anno il centenario - è stato identificato come l icona del nostro tempo dal suo

Dettagli

Omaggio a Luciano Minguzzi. Fondazione del Monte Via delle Donzelle 2, Bologna

Omaggio a Luciano Minguzzi. Fondazione del Monte Via delle Donzelle 2, Bologna Omaggio a Luciano Minguzzi Via delle Donzelle 2, Bologna Dal 26 gennaio al 29 aprile 2012 Inaugurazione mercoledì 25 gennaio 2012, ore 18.30 Comunicato stampa Bologna, 24 Gennaio 2012 - La rinnova, a partire

Dettagli

Percorsi didattico-museali e formazione agli insegnanti gratuiti per le scuole dell infanzia, primarie e secondarie

Percorsi didattico-museali e formazione agli insegnanti gratuiti per le scuole dell infanzia, primarie e secondarie Percorsi didattico-museali e formazione agli insegnanti gratuiti per le scuole dell infanzia, primarie e secondarie ANNO SCOLASTICO 2015 - In collaborazione con È un iniziativa proposta alle scuole da

Dettagli

MUSEI DI PALAZZO DEI PIO Piazza dei Martiri 68 41012 Carpi MO tel. 059 649973 fax 059 649361 www.palazzodeipio.it/imusei musei@carpidiem.

MUSEI DI PALAZZO DEI PIO Piazza dei Martiri 68 41012 Carpi MO tel. 059 649973 fax 059 649361 www.palazzodeipio.it/imusei musei@carpidiem. MUSEI DI PALAZZO DEI PIO Piazza dei Martiri 68 41012 Carpi MO tel. 059 649973 fax 059 649361 www.palazzodeipio.it/imusei musei@carpidiem.it I Musei di Palazzo dei Pio si compongono di due percorsi, il

Dettagli

Percorsi didattico-museali gratuiti per le scuole dell infanzia, primarie e secondarie

Percorsi didattico-museali gratuiti per le scuole dell infanzia, primarie e secondarie Percorsi didattico-museali gratuiti per le scuole dell infanzia, primarie e secondarie A cura di Donata Ariot e Agata Keran Sezione didattica Gallerie d Italia - Palazzo Leoni Montanari, Vicenza ANNO SCOLASTICO

Dettagli

MALEVIČ PER LA SCUOLA

MALEVIČ PER LA SCUOLA MALEVIČ PER LA SCUOLA Kazimir Malevič nasce a Kiev nel 1878, e nel 1915 il suo Quadrato nero su fondo bianco che vede quest anno il centenario - è stato identificato come l icona del nostro tempo dal suo

Dettagli

Percorsi didattico-museali e formazione agli insegnanti gratuiti per le scuole dell infanzia, primarie e secondarie

Percorsi didattico-museali e formazione agli insegnanti gratuiti per le scuole dell infanzia, primarie e secondarie Percorsi didattico-museali e formazione agli insegnanti gratuiti per le scuole dell infanzia, primarie e secondarie ANNO SCOLASTICO 2013-2014 A cura di Un iniziativa proposta alle scuole da Intesa Sanpaolo

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO

RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE Il bambino osserva con meraviglia ed esplora con curiosità il mondo, come dono di Dio Creatore. RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO PRIMARIA

Dettagli

PRESENTAZIONE DELLE ATTIVITÀ EDUCATIVE PER LE SCUOLE Anno scolastico 2015-2016 ALLA SCOPERTA DI CINECITTÀ E DEL CINEMA.

PRESENTAZIONE DELLE ATTIVITÀ EDUCATIVE PER LE SCUOLE Anno scolastico 2015-2016 ALLA SCOPERTA DI CINECITTÀ E DEL CINEMA. Cari insegnanti, PRESENTAZIONE DELLE ATTIVITÀ EDUCATIVE PER LE SCUOLE Anno scolastico 2015-2016 ALLA SCOPERTA DI CINECITTÀ E DEL CINEMA. dal 2011 Cinecittà si Mostra ha avviato un progetto specifico di

Dettagli

NUTRIRE IL PIANETA ENERGIA PER LA VITA

NUTRIRE IL PIANETA ENERGIA PER LA VITA NUTRIRE IL PIANETA ENERGIA PER LA VITA LA TOSCANA VERSO EXPO 2015 Viaggio in Toscana: alla scoperta del Buon Vivere www.expotuscany.com www.facebook.com/toscanaexpo expo2015@toscanapromozione.it Gusto

Dettagli

Una Milano da abbracciare

Una Milano da abbracciare MUNLAB SPAZIO PERMANENTE BRUNO MUNARI LABORATORI SECONDO IL METODO BRUNO MUNARI PER LE SCUOLE Per stimolare la memoria visiva e la ricerca delle intenzioni creative prima regola da osservare è l osservazione

Dettagli

La sede storica della Banca Commerciale Italiana diventa uno spazio espositivo e culturale a completamento delle Gallerie di Piazza Scala.

La sede storica della Banca Commerciale Italiana diventa uno spazio espositivo e culturale a completamento delle Gallerie di Piazza Scala. COMUNICATO STAMPA Intesa Sanpaolo inaugura in piazza della Scala a Milano CANTIERE DEL 900 Opere dalle collezioni Intesa Sanpaolo La sede storica della Banca Commerciale Italiana diventa uno spazio espositivo

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA

SCUOLA DELL INFANZIA IL SE E L ALTRO IL CORPO IN MOVIMENTO Prendere coscienza della propria identità Scoprire le diversità Apprendere le prime regole di vita sociale Osservare l ambiente che lo circonda Ascoltare le narrazioni

Dettagli

PROGETTI DI ALTERNANZA SCUOLA / LAVORO. Anno scolastico 2015/2016

PROGETTI DI ALTERNANZA SCUOLA / LAVORO. Anno scolastico 2015/2016 PROGETTI DI ALTERNANZA SCUOLA / LAVORO Anno scolastico 2015/2016 Le recenti disposizioni in materia di alternanza scuola / lavoro sono state una preziosa opportunità per sviluppare nuovi progetti di collaborazione

Dettagli

ARTE ED IMMAGINE MODULI OPERATIVI:

ARTE ED IMMAGINE MODULI OPERATIVI: ARTE ED IMMAGINE INDICATORE DISCIPLINARE Promuovere l alfabetizzazione dei linguaggi visivi per la costruzione e la lettura dei messaggi iconici e per la conoscenza delle opere d arte con particolare riferimento

Dettagli

UNITA DI APPRENDIMENTO n 2 Natale in fiore di Petrillo Roberta (bambini di 4 anni) Anno Scolastico 2013-2014 Dal 2 al 20 dicembre 2013

UNITA DI APPRENDIMENTO n 2 Natale in fiore di Petrillo Roberta (bambini di 4 anni) Anno Scolastico 2013-2014 Dal 2 al 20 dicembre 2013 UNITA DI APPRENDIMENTO n 2 Natale in fiore di Petrillo Roberta (bambini di 4 anni) Anno Scolastico 2013-2014 Dal 2 al 20 dicembre 2013 1. TIPOLOGIA DELL UNITA APPRENDIMENTO Il Natale è una festività molto

Dettagli

Venezia: dal presente al passato. Da Giorgione e Cima da Conegliano alle novità dell arte contemporanea. Dal 19 al 21 marzo 2010

Venezia: dal presente al passato. Da Giorgione e Cima da Conegliano alle novità dell arte contemporanea. Dal 19 al 21 marzo 2010 Venezia: dal presente al passato. Da Giorgione e Cima da Conegliano alle novità dell arte contemporanea. PROGRAMMA (soggetto a modifiche per gli orari di apertura dei siti da visitare) Direzione culturale:

Dettagli

I BAMBINI DISEGNANO PER RACCONTARSI E RACCONTARE

I BAMBINI DISEGNANO PER RACCONTARSI E RACCONTARE Scuola materna comunale G.CARDUCCI - Alessandria Ermanno Morello I BAMBINI DISEGNANO PER RACCONTARSI E RACCONTARE PER COMPRENDERLI OCCORRE SAPER ASCOLTARE E DIALOGARE CON LORO E CON I LORO DISEGNI Alessandria

Dettagli

DOMENICA 19 APRILE 2015 PRIMO EDUCATIONAL DAY PROMOSSO DA AMACI ASSOCIAZIONE DEI MUSEI D ARTE CONTEMPORANEA ITALIANI

DOMENICA 19 APRILE 2015 PRIMO EDUCATIONAL DAY PROMOSSO DA AMACI ASSOCIAZIONE DEI MUSEI D ARTE CONTEMPORANEA ITALIANI DOMENICA 19 APRILE 2015 PRIMO EDUCATIONAL DAY PROMOSSO DA AMACI ASSOCIAZIONE DEI MUSEI D ARTE CONTEMPORANEA ITALIANI Botto & Bruno per l Educational Day, Silent walk, fotocollage, 2014 Laboratori, workshop,

Dettagli

E VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO ARTISTICO. Brera per chi non disegna COMUNICAZIONE. Comunicazione e Valorizzazione del Patrimonio Artistico

E VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO ARTISTICO. Brera per chi non disegna COMUNICAZIONE. Comunicazione e Valorizzazione del Patrimonio Artistico Brera per chi non disegna COMUNICAZIONE E VALORIZZAZIONE Comunicazione e Valorizzazione del Patrimonio Artistico DEL PATRIMONIO ARTISTICO Accademia di Belle Arti di Brera - Milano Discipline della Valorizzazione

Dettagli

SERIE FOTOGRAFIA ITALIANA

SERIE FOTOGRAFIA ITALIANA SERIE FOTOGRAFIA ITALIANA Produzione: Giart Visioni d arte Regia: Giampiero D Angeli Durata e formato: 5X52 HD 16/9 Con il patrocinio della Cineteca di Bologna In collaborazione con Contrasto FOTOGRAFIA

Dettagli

Proposte per le scuole a.s. 2015-2016

Proposte per le scuole a.s. 2015-2016 Proposte per le scuole a.s. 2015-2016 Se ascolto dimentico, se vedo ricordo, se faccio capisco Bruno Munari, grande artista e designer, usava ripetere questa frase citando un antico proverbio cinese. La

Dettagli

a MILANO Palazzo della Ragione Fotografia Italia Inside Out a cura di Giovanna Calvenzi

a MILANO Palazzo della Ragione Fotografia Italia Inside Out a cura di Giovanna Calvenzi a MILANO Palazzo della Ragione Fotografia a cura di Giovanna Calvenzi La più grande mostra di fotografia mai dedicata all Italia in due momenti distinti ma collegati: INSIDE 21 marzo 21 giugno 2015: i

Dettagli

#TOLERANCE #TOLLERANZA

#TOLERANCE #TOLLERANZA #TOLERANCE #TOLLERANZA UN INSTALLAZIONE METAMEDIALE DI STORIA COLLETTIVA PER LA MOSTRA: Milano, Palazzo Reale (11.III.2013 24.III.2013) #TOLERANCE È UN OPERA D ARTE COLLETTIVA, DIGITALE, MULTICULTURALE

Dettagli

L'Accademia Russa di Belle Arti / Zurab Tsereteli

L'Accademia Russa di Belle Arti / Zurab Tsereteli UNDO.NET 4/3/2011 L'Accademia Russa di Belle Arti / Zurab Tsereteli PIO SODALIZIO DEI PICENI, ROMA La mostra ''L'Accademia Russa di Belle Arti'' svela al pubblico fatti, personaggi ed eventi in 3 secoli

Dettagli

LE NOSTRE ULTIME INIZIATIVE RISERVATE AI SOCI

LE NOSTRE ULTIME INIZIATIVE RISERVATE AI SOCI LE NOSTRE ULTIME INIZIATIVE RISERVATE AI SOCI 25/10/14 Il Memoriale della Shoah Guidati dal suo progettista, l architetto Guido Morpurgo, i soci hanno potuto visitare il luogo dal quale sono stati deportati

Dettagli

c o n t e m p o r a n e i

c o n t e m p o r a n e i P e r c o r s i c o n t e m p o r a n e i PROGETTO SCUOLE CHI SIAMO Rovescio è un associazione culturale non profit e una comunità con l obiettivo di coinvolgere chiunque desideri intraprendere a Roma

Dettagli

Foto di Giovanni Francescon

Foto di Giovanni Francescon PRO LOCO ZUMELLESE COMUNE DI MEL Foto di Giovanni Francescon Era il febbraio del 1981 quando un gruppo di volenterosi da vita alla Pro Loco Zumellese; lo scopo, è fin dall inizio, quello di dare visibilità

Dettagli

La mostra: Se la forma scompare

La mostra: Se la forma scompare Progetto: Passi nel tempo. Archeologia Anno Scolastico 2009-2010 La mostra: Se la forma scompare 11 12 13 Dicembre 2009. Inaugurazione della mostra: Venerdì 11 Dicembre, ore 17 Sotterranei della Pinacoteca

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE di EDUCAZIONE RELIGIOSA anno scolastico 2009-2010

PROGRAMMAZIONE ANNUALE di EDUCAZIONE RELIGIOSA anno scolastico 2009-2010 PROGRAMMAZIONE ANNUALE di EDUCAZIONE RELIGIOSA anno scolastico 2009-2010 DIO DIPINGE I COLORI DELLA VITA CHE DONO LA FESTA... HO UN AMICO DI NOME GESU A CHIESA COME SEGNO VIVENTE D 但 MORE Insegnanti: Cambareri

Dettagli

Istituto Maria Consolatrice

Istituto Maria Consolatrice ISTITUTO PARITARIO MARIA CONSOLATRICE Via Melchiorre Gioia, 51 20 124 MILANO Tel. 02/66.98.16.48 - Fax 02/66.98.43.64 - Cod.Fiscale: 01798650154 e-mail:direzioneprimaria@ismc.it sito internet: www.consolatricemilano.it

Dettagli

Programma eventi Musei in Musica. Sapienza Università di Roma. Piazzale Aldo Moro 5. Sabato, 21 novembre 2015

Programma eventi Musei in Musica. Sapienza Università di Roma. Piazzale Aldo Moro 5. Sabato, 21 novembre 2015 Programma eventi Musei in Musica Sapienza Università di Roma Piazzale Aldo Moro 5 Sabato, 21 novembre 2015 INGRESSO LIBERO PARCHEGGIO GRATUITO INFO: Sapienza Università di Roma Settore eventi celebrativi

Dettagli

Le scuole dell infanzia del 1 Circolo di ABBIATEGRASSO

Le scuole dell infanzia del 1 Circolo di ABBIATEGRASSO Le scuole dell infanzia del 1 Circolo di ABBIATEGRASSO Scuola dell infanzia di v.le Papa Giovanni XXIII Scuola dell infanzia di Ozzero Scuola dell infanzia di Morimondo propongono ampliamento del progetto

Dettagli

DMC Destination Management Company Tele-fax: 0931.5977OO Mobile: 338.8081010 dmceventi@gmail.com

DMC Destination Management Company Tele-fax: 0931.5977OO Mobile: 338.8081010 dmceventi@gmail.com Pachino, 10/06/2013 Oggetto: proposta di partecipazione Isola del Gusto presso Festival del Cinema di Frontiera Caro Produttore, desideriamo inviarvi la proposta di partecipazione all isola del gusto che

Dettagli

GUIDA ALL ATTIVITÀ DIDATTICA PER SCUOLE 2015-2016 PINACOTECA DI BRERA

GUIDA ALL ATTIVITÀ DIDATTICA PER SCUOLE 2015-2016 PINACOTECA DI BRERA GUIDA ALL ATTIVITÀ DIDATTICA PER SCUOLE 2015-2016 PINACOTECA DI BRERA ASTER Via Cadamosto 7 20122 Milano Tel 02 20404175 Fax 02 20421469 info@spazioaster.it www.spazioaster.it Tutte le attività didattiche

Dettagli

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO P. F. Fumagalli, 31.10.2104 Il Dialogo è una componente essenziale dell essere umano nel mondo, in qualsiasi cultura alla quale si voglia fare riferimento: si

Dettagli

Leonardo Bazzaro Un protagonista dell Ottocento Lombardo

Leonardo Bazzaro Un protagonista dell Ottocento Lombardo Un protagonista dell Ottocento Lombardo 21 ottobre 23 dicembre 2011 Galleria Bottegantica, Via Manzoni, 45 20121 Milano Galleria d Arte Ambrosiana, Via V. Monti, 2 20123 Milano (Milano 1853-1937) Cannaregio

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA Campo d esperienza IMMAGINI,SUONI E COLORI. Disciplina: ARTE E IMMAGINE

SCUOLA DELL INFANZIA Campo d esperienza IMMAGINI,SUONI E COLORI. Disciplina: ARTE E IMMAGINE SCUOLA DELL INFANZIA Campo d esperienza IMMAGINI,SUONI E COLORI. Disciplina: ARTE E IMMAGINE TRAGUARDI ABILITA COMPETENZE FINE SCUOLA DELL INFANZIA 3 ANNI 4 ANNI 5 ANNI CONOSCENZE NUCLEO: ESPRIMERE E COMUNICARE

Dettagli

Museo archeologico. Sezione preistoria/protostoria

Museo archeologico. Sezione preistoria/protostoria Museo archeologico Sezione preistoria/protostoria VIAGGIO NELLA PREISTORIA E PROTOSTORIA DAL PALEOLITICO ALL ETÁ DEL FERRO Contenuti: Visita alle sale preistoriche del Paleolitico, Mesolitico e Neolitico,

Dettagli

S cuele A tive V ierte E ducative PROPOSTE EDUCATIVE DEL LUDOBUS - LUDOTECA. per l anno scolastico 2013/2014

S cuele A tive V ierte E ducative PROPOSTE EDUCATIVE DEL LUDOBUS - LUDOTECA. per l anno scolastico 2013/2014 S cuele A tive V ierte E ducative IMPARARE GIOCANDO PROPOSTE EDUCATIVE DEL LUDOBUS - LUDOTECA per l anno scolastico 2013/2014 IMPARARE GIOCANDO L U.O. Ludobus propone per l anno scolastico 2013-2014 percorsi

Dettagli

PER INFORMAZIONI: ASSOCIAZIONE SPAZIO CULTURA VIA GREGORIO XII RECANATI (MC) TEL. 071.7575698 071.75704

PER INFORMAZIONI: ASSOCIAZIONE SPAZIO CULTURA VIA GREGORIO XII RECANATI (MC) TEL. 071.7575698 071.75704 LABORATORI DIDATTICI Anno scolastico 2010/2011 Museo Civico Villa Colloredo Mels Museo Beniamino Gigli PER INFORMAZIONI: ASSOCIAZIONE SPAZIO CULTURA VIA GREGORIO XII RECANATI (MC) TEL. 071.7575698 071.75704

Dettagli

Proposte per le scuole a.s. 2015-2016 LE ATTIVITA DIDATTICHE

Proposte per le scuole a.s. 2015-2016 LE ATTIVITA DIDATTICHE Proposte per le scuole a.s. 2015-2016 LE ATTIVITA DIDATTICHE GIOCA AL MUSEO L attività prevede, a conclusione della visita guidata del Museo, un attività ispirata al classico gioco dell oca. Gli studenti,

Dettagli

Prof. Renato Belvedere Presentazione per utilizzo didattico

Prof. Renato Belvedere Presentazione per utilizzo didattico LICEO SOCIO-PSICOPEDAGOGICO REGINA MARGHERITA PALERMO Lezioni di Storia dell Arte A.S. 2014/2015 - Classi 5e Presentazione per utilizzo didattico 2 Di là del faro. Paesaggi e pittori siciliani dell'ottocento

Dettagli

Calendario delle visite guidate Pavia, da febbraio a dicembre 2014

Calendario delle visite guidate Pavia, da febbraio a dicembre 2014 Calendario delle visite guidate Pavia, da febbraio a dicembre 2014 FEBBRAIO Sabato 15, ore 16 - Ponte coperto (lato città) MARZO Sabato 8, ore 16 - piazza S. Michele (basilica) PAVIA, CAPITALE DI REGNO

Dettagli

RELIGIONE SCUOLA PRIMARIA

RELIGIONE SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CLASSE PRIMA SCUOLA PRIMARIA 1 - IO NELLA CLASSE 1. Presentarsi nella propria particolarità 2. Capire che ognuno ha un posto 3. Comprendere che in classe non si è soli Presentazione degli insegnanti

Dettagli

COMUNE di STAZZEMA Medaglia d Oro al Valor Militare Provincia di Lucca

COMUNE di STAZZEMA Medaglia d Oro al Valor Militare Provincia di Lucca MUSEO STORICO DELLA RESISTENZA Sant Anna di Stazzema COMUNE di STAZZEMA Medaglia d Oro al Valor Militare Provincia di Lucca PARCO NAZIONALE DELL A PACE Parco nazion Alla cortese attenzione di: Dirigenti

Dettagli

I PROTAGONOSTI DI ARTEPASSANTE

I PROTAGONOSTI DI ARTEPASSANTE I PROTAGONOSTI DI ARTEPASSANTE Partecipano al progetto Artepassante numerose realtà artistiche, culturali e civiche di Milano. Capofila del Progetto è l'associazione le Belle Arti del Liceo Artistico di

Dettagli

SINTESI DEL PROGETTO

SINTESI DEL PROGETTO Ministero dell Economia e delle Finanze Ministero per i Beni e le Attività Culturali Società di Cultura La Biennale di Venezia ALLEGATO I PROGETTO PER LA PROMOZIONE E DIFFUSIONE DELL ARTE CONTEMPORANEA

Dettagli

MUSEO DIOCESANO D ARTE SACRA DI CHIOGGIA

MUSEO DIOCESANO D ARTE SACRA DI CHIOGGIA Comitato Regionale per le Celebrazioni del 1 Centenario della morte di Aristide Naccari Fondazione Santi Felice e Fortunato Diocesi di Chioggia (VE) MUSEO DIOCESANO D ARTE SACRA DI CHIOGGIA (2014-2015)

Dettagli

POESIA NELLA CITTÀ. foto di Andrea Ulivi

POESIA NELLA CITTÀ. foto di Andrea Ulivi POESIA NELLA CITTÀ VERSILIADANZA EDIZIONI DELLA MERIDIANA in collaborazione con COMITATO del CENTENARIO MARIO LUZI 1914-2014 con il sostegno del COMUNE DI FIRENZE - ESTATE FIORENTINA 2014 foto di Andrea

Dettagli

Modena e i suoi fotografi 1870 1945 13 settembre 2013 2 febbraio 2014 Modena, Ex Ospedale Sant Agostino

Modena e i suoi fotografi 1870 1945 13 settembre 2013 2 febbraio 2014 Modena, Ex Ospedale Sant Agostino Via Emilia Centro 283, I-41121 Modena, Italy T +39 059 239888 F +39 059 4270357 press@fondazionefotografia.it www.fondazionefotografia.it Comunicato stampa Giugno 2013 Modena e i suoi fotografi 1870 1945

Dettagli

nel nel giardino del gigante...

nel nel giardino del gigante... nel nel giardino del del gigante... Scuola dell infanzia Scuola dell infanzia - Scuola primaria classi 1^ 2^ 3^ Scuola primaria classi 4^ 5^ - Scuola secondaria di I grado Visita autogestita al Giardino

Dettagli

LABORATORIO TEATRALE PER LA SCUOLA ELEMENTARE E SCUOLA DELL INFANZIA PROGETTO: LA FIABA

LABORATORIO TEATRALE PER LA SCUOLA ELEMENTARE E SCUOLA DELL INFANZIA PROGETTO: LA FIABA LABORATORIO TEATRALE PER LA SCUOLA ELEMENTARE E SCUOLA DELL INFANZIA PROGETTO: LA FIABA L obbiettivo di questo laboratorio è quello di rielaborare ed interpretare un antica fiaba usando i significati profondi

Dettagli

GUIDA ALL ATTIVITÀ DIDATTICA PER SCUOLE 2015-2016 PINACOTECA DI BRERA

GUIDA ALL ATTIVITÀ DIDATTICA PER SCUOLE 2015-2016 PINACOTECA DI BRERA GUIDA ALL ATTIVITÀ DIDATTICA PER SCUOLE 2015-2016 PINACOTECA DI BRERA ASTER Via Cadamosto 7 20122 Milano Tel 02 20404175 Fax 02 20421469 info@spazioaster.it www.spazioaster.it Tutte le attività didattiche

Dettagli

MUSEI DI CLASSE. Premessa

MUSEI DI CLASSE. Premessa MUSEI DI CLASSE Attività didattica per la scuola primaria e secondaria Premessa 1 La didattica museale acquista sempre maggiore importanza all interno delle attività ordinarie dei musei per la sua valenza

Dettagli

TITOLO. memoria collettiva, tramite la stampa del volume Ulisse es toccheddande. intensi e caratterizzanti dell intera terra di Sardegna.

TITOLO. memoria collettiva, tramite la stampa del volume Ulisse es toccheddande. intensi e caratterizzanti dell intera terra di Sardegna. Roma, 13 dicembre 2011 TITOLO Ulisse es toccheddande Le porte del vento Pietro Sotgia poeta dorgalese ESIGENZE CHE SI INTENDE AFFRONTARE: Rendere omaggio e consegnare alla memoria collettiva, tramite la

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA STATALE PROGETTAZIONE ANNUALE

SCUOLA DELL INFANZIA STATALE PROGETTAZIONE ANNUALE SCUOLA DELL INFANZIA STATALE PROGETTAZIONE ANNUALE PROGETTAZIONE PERIODO: Settembre - Ottobre COMPETENZE CHIAVE EUROPEE: competenze sociali e civiche comunicazione nella madrelingua imparare ad imparare

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE SEZIONE 4 ANNI BLU

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE SEZIONE 4 ANNI BLU Istituto Comprensivo di Soliera Scuola dell infanzia Muratori Anno scolastico 2013/2014 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE SEZIONE 4 ANNI BLU Insegnanti: Reggiani Simona, Drago Maria Concetta, Ciambellini

Dettagli

IL MUSEO E LA SCUOLA Visita al Museo e Laboratori

IL MUSEO E LA SCUOLA Visita al Museo e Laboratori Toni Benetton Treviso, Italia 1910-1996, è considerato uno dei maggiori scultori contemporanei, particolarmente autorevole nel campo delle Macrosculture. Nel 1938 frequenta il corso di scultura all Accademia

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO ARTE E IMMAGINE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO ARTE E IMMAGINE ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO ARTE E IMMAGINE ARTE E IMMAGINE Competenze 1, 2, 3, 4, 5 al termine del primo biennio Riconoscere gli elementi fondamentali del linguaggio visuale e utilizzarli

Dettagli

NOVARA. citta per la cultura. La cultura e una risposta all umana ricerca di conoscenza

NOVARA. citta per la cultura. La cultura e una risposta all umana ricerca di conoscenza NOVARA la La e una risposta all umana ricerca di conoscenza PER VALORIZZARE IL PATRIMONIO E INVESTIRE NELLA CONOSCENZA E NEL RISPETTO DELLA PROPRIA STORIA: Nuovo Spazio la Cultura PICCOLO COCCIA Nella

Dettagli

PIANO PROGETTUALE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

PIANO PROGETTUALE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA PIANO PROGETTUALE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA PREMESSA La Scuola dell Infanzia offre a ciascun bambino un ambiente di vita e di cultura, un luogo di apprendimento e di crescita dalle forti connotazioni

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA

CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA L I.R.C., come ogni altra materia curricolare, contribuisce allo sviluppo delle competenze per l apprendimento

Dettagli

LE COMPETENZE ESSENZIALI DI DISEGNO E STORIA DELL ARTE

LE COMPETENZE ESSENZIALI DI DISEGNO E STORIA DELL ARTE LE ESSENZIALI DI DISEGNO E classe prima Liceo scientifico utilizzare regole e tecniche grafiche progettare un minimo percorso grafico costruire un disegno geometrico, impiegando in maniera appropriata

Dettagli

Fondazione Pirelli Educational. Scuola secondaria di I grado

Fondazione Pirelli Educational. Scuola secondaria di I grado Fondazione Pirelli Educational 2015 2016 Laboratori Fondazione Pirelli Per l anno scolastico 2015-2016 la Fondazione organizza un programma gratuito di percorsi didattici e creativi rivolto alle scuole

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE DI ARTE E IMMAGINE SCUOLA DELL INFANZIA

CURRICOLO VERTICALE DI ARTE E IMMAGINE SCUOLA DELL INFANZIA CURRICOLO VERTICALE DI ARTE E IMMAGINE SCUOLA DELL INFANZIA OBIETTIVI FORMATIVI TRAGUARDI Educare al piacere del bello e del sentire estetico Stimolare la creatività attraverso lì esplorazione di materiali

Dettagli

Terme di Montecatini OFFERTA DIDATTICA PER LE SCUOLE

Terme di Montecatini OFFERTA DIDATTICA PER LE SCUOLE Terme di Montecatini OFFERTA DIDATTICA PER LE SCUOLE Anno scolastico 2015-2016 I PERCORSI IL BAGNO DI UGOLINO --------------------------------------- SCUOLA DELL INFANZIA 3-5 ANNI LA FORESTA DEI COCCODRILLI

Dettagli

Il viaggio oltre la vita. Gli Etruschi e l aldilà tra capolavori e realtà virtuale

Il viaggio oltre la vita. Gli Etruschi e l aldilà tra capolavori e realtà virtuale Comunicato stampa Venerdì 24 ottobre 2014 alle ore 17.30 presso Palazzo Pepoli. Museo della Storia di Bologna (via Castiglione, 8 Bologna) inaugura la mostra Il viaggio oltre la vita. Gli Etruschi e l

Dettagli

GRAVEDONA ED UNITI Harmony FestivaLake 2 EDIZIONE

GRAVEDONA ED UNITI Harmony FestivaLake 2 EDIZIONE GRAVEDONA ED UNITI Harmony FestivaLake 2 EDIZIONE Pro Loco Gravedona in collaborazione con Associazione Culturale So ham e Movimenti di coscienza, Comune Gravedona ed Uniti, Comunità Montana Valli del

Dettagli

Liceo Artistico Statale Aldo Passoni

Liceo Artistico Statale Aldo Passoni Liceo Artistico Statale Liceo Artistico Statale Aldo Passoni Via della Rocca,7-10123 Torino - Tel.: 011.8177377 - Fax: 011.8127290 Mail: istpassoni@tin.it - sito web: http://www.lapassoni.it 1 2 Liceo

Dettagli

Spettacoli, attività didattiche e laboratori, percorsi, formazione docenti. per i bambini

Spettacoli, attività didattiche e laboratori, percorsi, formazione docenti. per i bambini 20 15 16 Spettacoli, attività didattiche e laboratori, percorsi, formazione docenti per i bambini Gentili Insegnanti, per la seconda volta il nostro programma si presenta in una veste grafica snella e

Dettagli

Iniziative Culturali. Proposte in esclusiva per gli Associati Agoal 2014 Marzo / Giugno

Iniziative Culturali. Proposte in esclusiva per gli Associati Agoal 2014 Marzo / Giugno Proposte in esclusiva per gli Associati Agoal 2014 Marzo / Giugno Ciclo Milano Futura Il nuovo Palazzo della Regione, le torri Unicredit e la stecca residenziale delle Varesine Milano sta modificando il

Dettagli

Io sono dono di Dio. Progetto educativo Di Religione Cattolica. Servizio Educativo San Michele Arcangelo Villanova del Ghebbo

Io sono dono di Dio. Progetto educativo Di Religione Cattolica. Servizio Educativo San Michele Arcangelo Villanova del Ghebbo Io sono dono di Dio Progetto educativo Di Religione Cattolica Servizio Educativo San Michele Arcangelo Villanova del Ghebbo Anno scolastico 2014 2015 PREMESSA L insegnamento della Religione Cattolica nella

Dettagli

La Fondazione Pirelli a Milano

La Fondazione Pirelli a Milano La Fondazione Pirelli a Milano La storia di Pirelli è contraddistinta da una cultura d impresa capace di coniugare innovazione tecnologica e cultura umanistica, ricerca scientifica e sperimentazione artistica,

Dettagli

Mantova Museo Diocesano Francesco Gonzaga

Mantova Museo Diocesano Francesco Gonzaga Mantova Museo Diocesano Francesco Gonzaga Mantova Museo Diocesano Francesco Gonzaga La Sede espositiva è divisa in diverse sezioni: la prima ripercorre, attraverso sculture e dipinti 2000 anni di storia

Dettagli

Leopoldo Metlicovitz ANNIVERSARIO. Pittore, cartellonista, illustratore e scenografo teatrale. Con il patrocinio e il contributo di:

Leopoldo Metlicovitz ANNIVERSARIO. Pittore, cartellonista, illustratore e scenografo teatrale. Con il patrocinio e il contributo di: Con il patrocinio e il contributo di: PROVINCIA DI COMO COMUNE DI PONTE LAMBRO in collaborazione con il Comitato Organizzatore per il 140 ANNIVERSARIO della nascita di Leopoldo Metlicovitz Leopoldo Metlicovitz

Dettagli

RITORNO A SANTA MARTA. Un pittore, una santa e un drago, alla ricerca del luogo perduto MOSTRA CON SPAZIO CREATIVO

RITORNO A SANTA MARTA. Un pittore, una santa e un drago, alla ricerca del luogo perduto MOSTRA CON SPAZIO CREATIVO RITORNO A SANTA MARTA Un pittore, una santa e un drago, alla ricerca del luogo perduto MOSTRA CON SPAZIO CREATIVO 2 30 ottobre 2015 Bergamo sede di Banca Popolare di Bergamo (Piazza Vittorio Veneto) libero

Dettagli

TREASURE ROOMS. ARTISTA E PRODUZIONE Mauro Fiorese In collaborazione con Boxart, Verona (IT)

TREASURE ROOMS. ARTISTA E PRODUZIONE Mauro Fiorese In collaborazione con Boxart, Verona (IT) TREASURE ROOMS ARTISTA E PRODUZIONE In collaborazione con Boxart, Verona (IT) INDICE 1. OPERE 2. Mission 3. Sedi e poli museali coinvolti 4. CV OPERE Depositi del Museo di Castelvecchio - Verona, 2014

Dettagli

Augurando una positiva conclusione dell anno scolastico, porgiamo distinti saluti. Per l Associazione Euro Diracca

Augurando una positiva conclusione dell anno scolastico, porgiamo distinti saluti. Per l Associazione Euro Diracca Spett. DIRIGENTI SCOLASTICI COLLEGI DOCENTI della SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO SCUOLA SECONDARIA DI SECONDO GRADO di San Daniele del Friuli OGGETTO: proposta di attività di didattica

Dettagli

LE BANCHE PER LA CULTURA

LE BANCHE PER LA CULTURA LE BANCHE PER LA CULTURA PIANO D AZIONE 2014-2015 II AGGIORNAMENTO L OBIETTVO: VALORIZZARE L IMPEGNO NELLA CULTURA DELLE IMPRESE BANCARIE ABI, con la collaborazione degli Associati, promuove un azione

Dettagli

LA SCUOLA IN CAMERA. Programma didattico per le scuole, a.s. 2015-16

LA SCUOLA IN CAMERA. Programma didattico per le scuole, a.s. 2015-16 LA SCUOLA IN CAMERA CAMERA - centro italiano per la fotografia Programma didattico per le scuole, a.s. 2015-16 Camera - Centro Italiano per la Fotografia aprirà al pubblico nell autunno del 2015, istituendo

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO

ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO 1 programmazionescinfdonmandirc14.15 ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO 2 GIORNATA SCOLASTICA

Dettagli

Con il Patrocinio del Comune di Reggio Calabria Assessorato alla Pubblica Istruzione. percorsi didattici per le scuole

Con il Patrocinio del Comune di Reggio Calabria Assessorato alla Pubblica Istruzione. percorsi didattici per le scuole Con il Patrocinio del Comune di Reggio Calabria Assessorato alla Pubblica Istruzione percorsi didattici per le scuole I Percorsi didattici che i Servizi educativi del Museo diocesano rivolgono alle scuole

Dettagli

Presentazione dell Istituto Culturale e di Documentazione Lazzerini del Comune di Prato

Presentazione dell Istituto Culturale e di Documentazione Lazzerini del Comune di Prato Presentazione dell Istituto Culturale e di Documentazione Lazzerini del Comune di Prato La nuova biblioteca pubblica della città di Prato, l Istituto Culturale e di Documentazione Lazzerini, è situata

Dettagli

Viaggio tra musei di Milano. Ariodante Serena V D Liceo Classico L. Costa La Spezia

Viaggio tra musei di Milano. Ariodante Serena V D Liceo Classico L. Costa La Spezia Viaggio tra musei di Milano Ariodante Serena V D Liceo Classico L. Costa La Spezia Chiesa di Santa Maria delle Grazie L'edificio rappresenta una tra le più importanti realizzazioni del Rinascimento ed

Dettagli

L' amico del cuore. I testi base. Nuova edizione. 1 a -2 a -3 a. 4 a -5 a. M.I.O.BOOK Studente. M.I.O.BOOK Studente

L' amico del cuore. I testi base. Nuova edizione. 1 a -2 a -3 a. 4 a -5 a. M.I.O.BOOK Studente. M.I.O.BOOK Studente L' amico del cuore Nuova edizione I testi base Studente Studente 1 a -2 a -3 a Cultura ed educazione insieme Nell elaborazione del testo si è voluto coniugare l aspetto culturale con l aspetto educativo,

Dettagli

ARTE E IMMAGINE DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: ARTE E IMMAGINE DISCIPLINE CONCORRENTI:TUTTE

ARTE E IMMAGINE DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: ARTE E IMMAGINE DISCIPLINE CONCORRENTI:TUTTE ARTE E IMMAGINE DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: ARTE E IMMAGINE DISCIPLINE CONCORRENTI:TUTTE TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE FISSATI DALLE INDICAZIONI PER IL CURRICOLO 2012 TRAGUARDI ALLA FINE DELLA

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA. IC Borgaro Torinese

CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA. IC Borgaro Torinese via Ciriè 52 10071 BORGARO (TO) Tel. 0114702428-0114703011 Fax 0114510084 Cod. Fiscale 92045820013 TOIC89100P@istruzione.it http://www.icborgaro.it Marchio SAPERI certificato n. 14 CURRICOLO VERTICALE

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE CATTOLICA

PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE CATTOLICA PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE CATTOLICA DIREZIONE DIDATTICA II CIRCOLO - MONDOVI Insegnanti: CRAVERO ELENA FIORENTINO STEFANIA SALVAGNO MARIA ANNO SCOLASTICO 20-20 Traguardi per lo sviluppo delle competenze

Dettagli

Scheda N. 347. museo DEFINIZIONE : Deposito Museale. Comune Oppeano Frazione Localita Via Roma 13

Scheda N. 347. museo DEFINIZIONE : Deposito Museale. Comune Oppeano Frazione Localita Via Roma 13 Scheda N. 347 Deposito Museale archeologico Destinazione Attuale : Deposito Museale di Oppeano Comune Oppeano Localita Via Roma 13 Datazione Unico ambiente ubicato all'interno della Biblioteca comunale

Dettagli