dalla Vanitas all Effimero

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "dalla Vanitas all Effimero"

Transcript

1 dalla Vanitas all Effimero

2

3 dalla Vanitas all Effimero di Sergio Inglese storia dell arte prof. Angela La Ciura

4

5 Introduzione: Vanitas letteraria Ahimè, povero Yorick! Io lo conobbi, Orazio; un tipo d un arguzia inesauribile e d una rara vivacità di fantasia. Mille volte mi portò a cavalluccio sulle spalle. E ora, che orrenda immagine offre al mio ricordo! Mi stringe lo stomaco e la gola. Qui erano quelle labbra che mi han baciato non so quante volte. Dove sono, ora, le tue beffe? Le tue capriole? Le tue canzoni? Le tue scariche d allegria che sollevavano tra le mense una mareggiata di risate? Nessuno più c è, oggi, a farsi spasso di questo ghigno? E così smascellato, sei? Va adesso in camera di madama e dille che può pur mettersi un palmo di belletto sulle guance, a questo dovrà sempre ridursi: e che ne rida, se può, Orazio, per favore, dimmi una cosa Amleto, V atto; William Shakespeare Dire quando l uomo ha cominciato a cercare di esorcizzare le paure è probabilmente un impresa impossibile. Ciononostante con una certa regolarità ci sono sempre stati riferimenti costanti in tutte le arti non solo all ignoto ma anche alla natura effimera della vita. Il termine che meglio rappresenta questa logica è una parola latina: Vanitas. Spesso è stata tradotta erroneamente col termine vanità ma questo è un errore storico proprio come l uso di un teschio nel primo monologo dell Amleto. Infatti con vanitas si intende più precisamente l evanescenza, la caducità delle cose e della vita; è un modo per dire che tutto anche se bellissimo e fiorente è destinato ad appassire e spegnersi; nulla è eterno e i grandi pensatori della storia da Platone a Goya ce lo hanno ricordato con quelle che sono state le loro arti. Il brano in apertura infatti è lo storico dialogo/monologo di Amleto con il teschio del suo caro vecchio amico Yorick, un giullare sagace e intelligente che però lo scrittore non esita a mostrare come cadavere se non meno. Yorick è stato, nel dramma, un personaggio decisamente interessante a sentir parlare il protagonista e proprio per questo la figura ideale per trasmettere il messaggio che meglio descrive la vanitas nella sua essenza: Va adesso in camera di madama e dille che può pur mettersi un palmo di belletto sulle guance, a questo dovrà sempre ridursi: e che ne rida, se può 5

6 L uso del teschio come simbolo della vanitas è probabilmente uno stereotipo, in arte infatti sono innumerevoli gli elementi che spesso vengono proposti; candele spente, frutta marcia e insetti sono solo alcuni esempi. Ciononostante in letteratura abbiamo degli esempi anche molto recenti e decisamente surreali. La fantascienza infatti da questo punto di vista pone degli esempi meravigliosi, mi limiterò ora a citarne tre con la speranza però di incuriosire l osservatore. Isaac Asimov grande esponente della fantascienza del 900 tra i suoi racconti di robot e di demoni alieni ha ipotizzato un universo in il ciclo delle fondazioni in cui l uomo, ormai padrone della galassia, può grazie a calcoli matematici prevedere gli eventi futuri. Questa grande scoperta però porta ad una effimera considerazione del fondatore di questa scuola di pensiero, tutto nasce vive e muore, dal più piccolo degli uomini fino al più grande impero. Fredrick Brown invece in la sentinella ci fa vivere le sensazioni di un soldato spaziale mandato a combattere una guerra non sua con la consapevolezza che il nemico sia una creatura orribile che mira solo alla distruzione del protagonista, come cambia la prospettiva quando descrive in coda al racconto descrive l alieno morto così umano con solo due gambe e due braccia, quella pelle di un bianco nauseante e senza squame. In ultimo vorrei parlare di Massimo Mongai, nostro connazionale, che pochi anni fa scrivendo un premio urania, Memorie di un cuoco d astronave, descrive la vita di un uomo esperto di cucina che, nonostante sulla terra abbia l affetto di due donne bisessuali bellissime che non gli fanno mancare proprio nulla grazie proprio alla sua cucina, decide di mollare tutto per inseguire il suo sogno di essere un vero cuoco e cucinare per gli alieni ricchi che si possono permettere il cibo vero; da tempo ormai l umanità vive sull orlo del collasso a causa della sovrappopolazione e tutta la produzione alimentare è incentrata sulle alghe e la soia. Come definire questa storia come l allegoria del carpe diem, la consapevolezza del fatto che anche le cose bellissime passano mentre bisogna vivere la vita a pieno godendo di ogni momento. 6

7 Vanitas classica Parlare di natura morta comunque non è semplice, è un argomento ricco di simboli spesso legati tra loro e la vanitas non fa eccezione, mi piace comunque pensare in un ottica puramente cartesiana di poter fare delle distinzioni all interno dell argomento ora trattato. Si potrebbe infatti parlare di vari stili di vanitas legati al loro metodo di rappresentazione. La prima di queste categorie potrebbe essere appunto chiamata Vanitas Classica in quanto legata al suo simbolo per eccellenza, il teschio. Di contro, quando parliamo di Vanitas spesso si fa una certa confusione con il così detto Memento Mori, i due concetti infatti sebbene trattino all origine qualche cosa di simile hanno due valenze totalmente diverse. Il Memento Mori, o ricordati che devi morire, è un monito molto forte che intima l osservatore ad un comportamento retto e onesto di carattere prettamente occidentale. Quando se ne parla spesso ci si ambienta in ambito medievale e quasi sempre con valenze religiose. La vanitas invece è quasi una visione più razionale della faccenda, è un modo per dire se vogliamo usare una frase ironica: beh si morirai tu come tutte le altre cose belle di cui ti circondi quindi sii morigerato. Questa visione forse meno tetra della vita ma ugualmente pessimistica non si scosta comunque dal simbolo del teschio umano che meglio di qualunque altra cosa mette in soggezione. La differenza tra questi due concetti è palese dall esame del dittico di Hans Memling (tav. 1) contrapposto all autoritratto del pittore David Bailly (tav. 2). Nel primo la scritta latina morieris (morirai) non lascia scampo a dubbi, se poi vogliamo prendere anche in considerazione il simbolo del calice con la serpe che sta sull altro lato del dittico, allora possiamo benissimo identificare l insieme come un classico memento mori. Il secondo invece è un autoritratto a tutto tondo, non vi è presente solo il viso dell artista ma la vita stessa che culmina con una riflessione sulla fugacità della vita, rappresentata non solo dal classico resto umano poggiato tra oggetti vari, ma anche dal ritratto di se stesso da anziano che il protagonista regge in mano. In questo secondo esempio la vanitas prende il suo posto nella scena non come minaccia ma come monito, e come parte della vita stessa. In vero in questa seconda opera i riferimenti alla vanitas sono molteplici ma fanno parte di una simbologia che affronterò nei paragrafi successivi. In ogni modo la figura del teschio umano si ripete più e più volte nell arte sia di genere che religiosa spesso in contesti quasi paradossali, non serve andare lontano 7

8 soprattutto per accorgersene, basta entrare in una qualsiasi chiesa con un minimo di storia per trovare stucchi e gessi in cui putti tengono in mano libri, teschi e quant altro. Parallelamente mi piace notare la vanitas del francese Simon Renard de Saint-André (tav. 3) dove tra bolle di sapone, di cui parleremo dopo, flauti e spartiti troviamo un teschio coronato d alloro simbolo della fama postuma e non attuale. Anche nel lavoro di Pieter Boel (tav. 4) troviamo un teschio incoronato d alloro ma in questo caso, dato che è disposto vicino a simboli regali, è più logico pensare che faccia riferimento alla vanità del potere terreno inteso come qualche cosa di caduco e passeggero. Da non dimenticare similmente gli svariati esempi di rappresentazione di Maria Maddalena insieme ad un teschio. In questo caso il simbolo vanitatum ha anche il significato di redenzione, sta ad indicare il percorso della peccatrice che riabbraccia la retta via, da non dimenticare in questo senso La Maddalena Penitente di Georges de la Tour (tav. 5) in cui una Maria pensierosa accarezza un cranio sdentato nella luce bassa ma ugualmente forte di una fiaccola. L artista marca il concetto col vestito rosso simbolo della passione ma anche con la luce che simbolo divino illumina il volto della protagonista lasciando il resto nell ombra. Un discorso interessante si può fare poi per autoritratto con la morte che suona il violino di Bocklin (tav. 6). Questo quadro infatti anche se non rientra nel concetto di natura morta ha comunque una certa valenza nell ambito vanitas. L artista infatti si ritrae con in mano i suoi strumenti quindi presumibilmente nell atto di creare, mentre alle sue spalle la morte sempre incombente suona un violino. Che tripudio simbolistico! Il quadro è pieno di antitesi e significati, proviamo ad esaminarne qualcuno: l artista è nell atto di creare ma alle sue spalle ha l essenza della distruzione; il violino come del resto gli strumenti a corda sono spesso identificati come strumenti ultraterreni e comunque portano spesso al concetto di tatto; non si può in ultimo non notare il contrasto tra l occhio vivo dell artista che guarda lo spettatore contro invece il vuoto quasi cosmico delle orbite della morte; entrambi illuminati ma l artista getta ombra con la sua testa sulla mano ossuta che tiene l archetto, quasi a voler aumentare ancora il contrasto tra il creare e il distruggere. Mi piace pensare che questo quadro sia un anti vanitas, un manifesto al lasciare un impronta nella storia o ancora il desiderio di sopravvivere in eterno. Potremmo anche paragonarlo al quadro di Dorian Gray, di cui spero gli appassionati di Wilde non me ne vorranno per non averne accennato prima. Un quadro destinato in modo opposto a lasciare una traccia del passato. 8

9 Vanitas vegetale Dopo la Classica mi piace pensare ad una Vanitas Vegetale, che prende spunto appunto dal genere di vita omonimo, per identificare il passaggio del tempo e il rischio di degenerazione. Forse più frequenti dei teschi sono proprio fiori e frutti coinvolti dal trascorrere del tempo che marciti o appassiti giacciono in malinconiche composizioni. Non è raro vedere composizioni floreali dove accanto a steli sodi e rigogliosi si vede una corolla cadente quasi sempre di colore rossastro (simbolo della passione). Il fiore peraltro non solo incarna perfettamente l appassirsi della bellezza, dato che nel momento in cui viene composto in una composizione ha ormai poche ore di splendore, ma rispecchia anche il concetto del fato che in un attimo può recidere la vita. Ma non si può nemmeno dimenticare la mela bacata della Canestra di Frutta del Merisi (tav. 7), classico esempio di vanitas in un contesto perfettamente equilibrato. Probabilmente infatti quel dipinto così magistralmente eseguito non significherebbe nulla senza quel buco in primo piano che immediatamente da a tutta l opera un significato profondo, lo rende quindi una metafora della vita. Eppure anche se i fiori si prestano meglio a tal proposito, per via forse del significa quasi ancestrale di purezza che noi gli abbiamo dato nel corso dei secoli, è inevitabile non guardare con una certa apprensione agli ortaggi del ortaggi di Cotan (tav. 8) che giacciono nella composizione in modo a dir poco teatrale, appesi tragicamente o deposti come assaliti dal caldo, di quel caldo che solo chi vive in area mediterranea può conoscere. I vegetali di Cotan riescono ad esprimere la vanitas nella loro integrità, non hanno bisogno dei segni del tempo per essere tragici, basta la luce che li tocca e la composizione che li ospita. Non si può dire lo stesso dei fiori di Bruegel, nel suo caso infatti il simbolismo legato all elemento è basilare, se non sapessimo cosa significano i garofani o i gigli i lavori del vecchio dei tessuti sarebbero solo splendide elaborazioni pittoriche prive di un vero valore, ciononostante come non notare nell opera del 1606 (tav. 9) i due fiorellini recisi accanto al gioiello, segni inconfondibili della decadenza; magistralmente deposti accanto ad un simbolo degli averi terreni. Discorso analogo si può fare anche in area Italiana per l opera di Cagnacci Fiori in una fiasca (tav. 10). Qui infatti i fiori anche se ancora rigogliosi sono costretti in un collo di bottiglia infranto, vicini in un destino comune ma desiderosi di percorrere diverse strade. La fiasca di contro è molto umile, ricoperta di paglia e sfilacciata, non c è nessuna traccia del collo che qualcuno avrà buttato via. Anche l area romana non esce incolume da questa ricerca di significato, il melograno la fa da padrone e come simbolo della passione di cristo campeggia in bella mostra aperto nelle opere di Michelangelo da Campidoglio (tav. 11) accanto comunque a pere un po ammaccate e pesce che di sicuro non si possono definire di prima scelta. 9

10 Vanitas animale Si potrebbe pensare che, a seguito di quello che ho detto parlando di Vanitas Vegetale, quella Animale tratti il decadimento omonimo ma non è così. Potrebbe essere così se prendiamo in considerazione la tragicità del Gallo Morto di Metsu (tav. 12), così abbandonato in quella posizione scomposta da sembrare quasi un martire. Difficile dire se questa immagine trasmetta tanta forza per via della composizione o per il dettaglio. Ciononostante quando parlo di Vanitas Animale preferisco riferirmi a tutto quel microcosmo che pittori di ogni area hanno inserito nelle loro nature. Insetti volanti e non, uccellini, roditori ma anche conigli bianchi e scimmie aggrediscono i cibi deposti su tavole imbandite o tra i banchi dei venditori. Non importa né il numero né la dimensione tutte queste creature assolvono alla stessa funzione, rappresentano le insidie della vita che tendono a deturpare ciò che è bello. Ognuna poi di queste figure ha il suo significato più specifico a seconda delle culture, gli uccelli quasi sempre rappresentano qualche accadimento naturale e difficilmente gestibile a differenza delle scimmie che invece incarnano la lussuria. I roditori poi proprio per il loro modo di mangiare rappresentano il lento consumarsi della vita mente gli insetti, soprattutto le mosche, hanno un significato negativo e alle volte malvagio. Non è raro vedere quindi scimmiette piluccare frutta totalmente ignorate da eventuali figure umane presenti nella scena o ancora insetti appollaiati su dolciumi e frutti. Mi riferisco per esempio sempre alle opere del da Campidoglio (tav. 13) o ancora alla natura morta con dessert di Flegel (tav.14) dove un topolino non ha che da contendersi dolciumi e frutta secca con un paio di scarafaggi. Similmente annovererei in questo campo anche tutte quelle scene di sottobosco in cui vige spietata la legge della giungla, come l opera di Ruysh Rachel (tav. 15) in cui, non solo una mosca insidia una pesca simbolo di purezza ma addirittura una lucertola bluastra divora avidamente il contenuto di un uovo considerato come simbolo del cosmo ordinato. La lucertola invece essendo un rettile rappresenta il male demoniaco se non lo si vuole collegare addirittura al serpente biblico. Comunque anche nelle composizioni più classiche della natura morta come quelle del Bruegel (tav. 16) lì tra i vasi si distingue qualche animaletto a sei zampe che avanza tra conchiglie e fiori recisi. Creature simbolo di corruzione delle carni difficilmente ricollegabili a significati positivi. 10

11 Vanitas artificiale In ultimo vorrei parlare di quegli elementi che esprimono il concetto di vanitas ma che non fanno parte dei due regni precedenti. Anche un occhio poco allenato non può non notare che in moltissime nature morte sono presenti elementi comuni come possono essere candele spente, oggetti da fumo o bicchieri rotti, beh questi sono solo alcuni dei riferimenti al decadimento che gli artisti hanno escogitato, ma esaminiamoli più nel dettaglio. La presenza di orologi e clessidre indica proprio il trascorrere del tempo, qualche cosa che proprio perché passa inesorabile non possiamo fermare. La scelta su tale simbologia non dovrebbe avere poi grande importanza anche se a parer mio il concetto di clessidra è sicuramente più forte a causa dell immagine iconografica propria della nostra cultura che mi richiama alle sabbie del tempo. Come non citare in questo caso la natura morta con libri di un anonimo spagnolo (tav. 17) in cui alla luce fresca di una finestra appaiono dei libri, una penna, un calamaio e una clessidra posta sul volume più grande accanto ad un altro aperto e scritto. La clessidra non ha ancora perso uno dei suoi granelli come se il tempo fosse immobilizzato dall artista per noi. Sembra quasi che voglia dirci, anche grazie al testo schiuso, siamo ancora in tempo la fine non è vicina ma stiamo ugualmente in guardia. Valenza totalmente opposta ha il lavoro di Antonio de Pereda (tav. 18): presenta un orologio e tre crani scomposti e logori disposti su un drappo rosso, la luce è calda e lascia lo sfondo in ombra. Lo strumento in primo piano sta lì spalancato a mostrarci il tempo che scorre mentre su un piano posteriore il primo dei teschi mostra tutta la sua decadenza. L artista oltre a questa composizione così teatrale ha anche posto particolare attenzione sulla texture degli oggetti, le ossa infatti presentano tutte quelle cavità e rugosità proprie della natura umana. In tal modo le ombre che si creano sono ancora più taglienti. Ma il trascorrere del tempo non è preso in considerazione solo dagli strumenti di misurazione più classici, parallelamente e forse in modo più evidente l uso di mozziconi di candele è stato forse il modo più comune per rappresentare la vanitas. La candela soprattutto se spenta e mezza consumata rappresenta quindi la fine di una vita, riportando lo spettatore alla considerazione che prima lì qualche cosa ha bruciato e adesso non c è più. Ho già parlato dell autoritratto di Bailly e non intendo riprenderlo ma basti pensare anche al teschio e candelabro di Cezanne (tav. 19) o alle candele di Beckamann (tav. 20) o ancora a libri e candela di Stosskopff (tav. 21) per avere un idea di come questo elemento abbia attraversato l arte. 11

12 Una categoria a parte è quella dei vetri e delle trasparenze, sia in Bailly che in Simon Renard de Saint-André troviamo bolle sapone come simbolo di qualche cosa di vuoto e delicatissimo che può infrangersi in un attimo ma forse il bicchiere rotto dell opera di Sebastian Stosskopff ha un carattere più carico di significato. In quest opera accanto ad una cesta di bicchieri e coppe, di palese richiamo caravaggesco troviamo un cristallo molto lavorato e infranto, un pezzo giace anche in primo piano ma della base nessuna traccia. Stessa cosa nel l opera di Simon Renard de Saint-André. Non è difficile quindi capire come il vetro infranto rappresenti la delicatezza della vita, identificata come trasparente facilmente frangibile. Mille potrebbero essere gli esempi che la storia dell arte ci propone ma invito il lettore ad una particolare riflessione sulla fiasca del Cagnacci di cui si è già parlato. Il Cagnacci avrebbe potuto mettere i fiori delicati in una bella fiasca nuova o quantomeno sana invece li incastra in un collo spezzato ed anche un po impolverato, dando così un senso metafisico a quella che altrimenti sarebbe solo una bella composizione floreale. Beh, che il tempo passa ormai gli artisti ce lo hanno detto ma ci ammoniscono anche su quelle che possono essere le gravi tentazioni del nostro animo. Lo fanno mostrandoci leccornie e dolciumi particolarmente curati aggredite da animali o anche semplicemente lasciati mezzi consumati dopo un pasto. Sempre Bruegel ci mostra in il Gusto (tav. 22) un satiro che tenta una nobildonna con delizie di ogni genere, mentre Claesz Heda (tav. 23) ci porta a guardare ciò che resta di un pasto dove il protagonista ha lasciato qualche buccia un limone sbucciato e una coppa riversa. Qui infatti non è difficile notare un certo disprezzo da parte della scena. Tutto è lasciato in modo apparentemente caotico per dare un senso di lussuria e degenerazione. La coppa di vino è vuota mentre quella di acqua è piena a metà, segno che il desinante ha preferito la lussuria alla purezza. Ma vorrei discutere sui vizzi. Infatti accanto a questa simbologia prettamente medievale del tempo che scorre si afferma anche la presenza della perdita delle virtù: gli strumenti da fumo e i giochi prendono anche loro un posto sulla scena nelle opere di Pieter Claesz e di altri. In natuta morta con boccale di birra, pipa e carte da gioco (tav. 24) vengono mostrati insieme tutti i simboli del vizio, al punto che anche il tabacco straripa dal suo contenitore sporcando il piano dell opera, le carte invece non solo sono scomposte ma escono dal tavolo sfuggendo all ordine. Anche in L estate e i cinque sensi sempre di Stosskopff (tav. 25) troviamo al centro dell opera l ammonimento vanitatum con una scacchiera e dei dadi tratti su essa. Mi piace vedere in quest opera una visione del futuro da parte dell artista, forse in un altra epoca lo avremmo chiamato metafisico o surrealista, ma questa è un altra storia. In ultimo rimangono gli strumenti musicali. Anche il suono per il suo concetto di brevità è simbolo di vanitas ma soprattutto tale carico è portato dagli strumenti a corda e dai liuti, a causa probabilmente di reminiscenze medievali. Il concetto è in fondo logico la corda tesa di un liuto tieni parecchi chili di tensione e la sua struttura viene quindi riferita alla vita umana, probabilmente radici ancora più antiche potrebbero riportarci al mito delle parche che recidono il filo della vita degli uomini. Ad esempio di tutto ciò ecco come in Estasi di santa Cecilia di Raffaello Sanzio (tav. 26) appaiono strumenti musicali infranti ai piedi della santa e tra essi una viola giace scheggiata e con le corde tutte spezzate e scomposte. Ma anche in cori angelici spesso e volentieri si vedono queste creature divine imbracciare liuti segno che questo tipo di strumento da sempre è stato visto come qualche cosa di metafisico e ultraterreno. 12

13 La mia Vanitas Fin da piccolissimo sono sempre stato affascinato dalle strutture logiche e intorno agli otto anni ho avuto modo grazie ai miei genitori di potere leggere e capire vari testi letterari. Ma soltanto con la mia entrata in accademia ho potuto dare libero sfogo alla creatività riprendendo anche alcuni di quei testi che ricordo omari a memoria come fosse filastrocche. In questo ambito vorrei proporre quattro miei lavori, due ad aerografo ed due totalmente digitali. Per iniziare ecco Yorick (tav. 28), un personaggio in animazione digitale 3d che ispirato al teschio Shaekspiriano. Lui, in una serie di video, parla alla gente del nostro tempo in modo decisamente altezzoso e accusatorio disprezzando tutta l entropia che la nostra società sta producendo. Lui rappresenta la vanitas ma non si limita a farsi guardare lasciando all osservatore la scelta di soffermarsi a pensare, Yorick sa che la maggior parte della gente non guarda ma vede soltanto e per questo motivo lo aggredisce imponendogli di ascoltare. Il secondo invece è un mio autoritratto (tav. 29) ispirato la dipinto di Bocklin di cui già abbiamo parlato. Nel mio caso ho ripreso la costruzione ma ho cambiato una serie di elementi. Gli strumenti dell artista sono cambiati trasformandosi dai pennelli alla penna dell aerografo e la figura della morte è stata sostituita dallo zio Sam americano. Ho realizzato questo lavoro con una doppia valenza, lo zio Sam infatti dal mio punto di vista ha la stessa valenza della morte, se non per certi versi peggiore considerando le stragi che ha incitato con il suo I Want You for U.S.A. army. Ecco che l aerografia da questo punto di vista ha un doppio significato sia quello della Vanitas interpretato da Bocklin sia di valenza politica e inevitabilmente sociale. Cascata di teschi (tav. 30) invece è un accozzaglia di teschi umani e non ammassati in modo apparentemente caotico. Il lavoro esiste come aerografie in due formati uno 50X70 cm ed un altro di 120X220 cm. Ho scelto di mischiare teschi di varie creature contemporanee e preistoriche con la precisa intenzione di mostrare un insieme coeso e indivisibile delle creature terrestri. Non c è quindi differenza tra il cranio di un uomo e quello di un cavallo, entrambi sono stati parte della vita ma adesso sono solo espressione dell effimero. 13

14 In ultimo ecco Stilleben mit Edi (tav. 31), un lavoro di modellazione 3d stampato su forex 30X30 cm. La modellazione 3d è uno strumento molto divertente che avrebbe divertito soprattutto i surrealisti, con questo mezzo nulla ci impedisce di provare a mettere un elefante in bilico su un bicchiere di cristallo e vedere nel giro di pochi secondi se è un idea valida oppure no. In questo caso ho modellato vari elementi che ricordano il 900, dal protagonista Edi, il piccolo aiutante Disney, seduto come il pensatore su un teschio alla Luna, ma vediamoli insieme. Sullo sfondo a sinistra vediamo da un lato Canto d amore, penso che questo dipinto sia caratteristico delle avanguardie e quindi del modo di pensare contemporaneo del 900; a destra invece ecco la Luna ultima frontiera dell umanità nel secolo appena trascorso. Avanzando verso l osservatore troviamo una radio antica, non nego che ho pensato a questo elemento vedendo il film Il grande Dittatore di Chaplin e più precisamente quando nel discorso finale afferma: L aviazione e la radio hanno riavvicinato le genti, la natura stessa di queste invenzioni richiama la fratellanza universale Immediatamente davanti alla radio ecco i 5 cerchi olimpici scomposti ma incatenati l uno con l altro. Le olimpiadi dovrebbero rappresentare la pace o almeno questo erano nell antichità mentre nel corso del 900 sono state veicolo di competizione o come abbiamo visto di recente organizzate in piena crisi politica. MacDonald s divide con i cerchi olimpici il piano mediano dell opera col suo logo rosso e giallo; porta il consumismo e la globalizzazione un big mac è uguale qui come in qualunque altra parte del mondo : ho sempre pensato che questa affermazione sia inquietante. In primo piano ecco tre elementi o strutture, sulla sinistra c è Edi pensante seduto su un teschio, ho inserito questo elemento per bilanciare il logo sarcastico di MacDonald s, Il robottino infatti è un fumetto ma anche l avatar di uno scienziato e trae ispirazione da Edison. Insieme al De Chirico rappresenta la cultura. Al centro ecco il vizio rappresentato da un bicchiere di superalcolico con i suoi cubetti di ghiaccio. La nostra società è corrotta e viziata da un benessere effimero che insieme alle griff tende a massificare l umanità. Infine in basso a destra ecco due proiettili Full Metal Jackets, simbolo della scienza bellica, questi proiettili sono stati creati e sperimentati nel Vietnam, la loro peculiarità è che, essendo rinforzati con un doppio rivestimento, passano attraverso i giubbotti antiproiettili rendendo inutile qualunque protezione personale nelle guerre. 14

15 Tavole 1. Hans Memling - Dittico di San Giovanni Battista, fine 1400e Santa Veronica (sportello destro) 2. David Baily - Autoritratto con natura morta,

16 3. Simon Renard de Saint-André - Vanitas, Pieter Boel - Vanitas, Georges de la Tour - La Maddalena penitente,

17 7. Michelangelo Merisi - Canestra di frutta, Arnold Bocklin - Autoritratto con la morte che suona il violino, Juan Sanchez Cotan - Natura morta con ortaggi e frutta, Jan Bruegel il vecchio - Vaso di fiori con gioiello,

18 11. Michelangelo da Campidoglio - Zucche, melograni e fichi con figura femminile 10. Guido Cagnacci - Fiori in una fiasca, Gabriel Metzu - Gallo morto 13. Michelangelo da Campidoglio - Zucche, pesci e fichi con bassorielievo e scimmia 18

19 14. Georg Flegel - Natura morta con dessert 16. Jan Bruegel il vecchio - Fiori in un vaso 15. Ruysh Rachel - Frutta, fiori e insetti ai margini di un bosco, anonimo spagnolo - Natura morta con libri, Antonio de Pereda - Allegoria della caducità 19

20 19. Paul Cezanne - Teschio e candelabro, Sebastian Stosskopff - Libri e candela, Max Beckmann - Natura morta con candela rovesciata, Sebastian Stosskopff - Natura morta con cesto di oggetti di vetro,

21 23. Jan Bruegel il vecchio - Il gusto 26. Sebastian Stosskopff - L estate e i cinque sensi 24. Willem Claesz Heda - Natura morta, Pieter Claesz - Natuta morta con boccale di birra, pipa e carte da gioco, Raffaello Sanzio - Estasi di santa Cecilia,

22 28. Yorick, Cascata di teschi, Stilleben mit Edi, Autoritratto con lo zio Sam che suona il violino,

23 Bibliografia S. Zuffi, La Natura morta, Milano 1999 A. Veca, Natura morta, Art Dossier, Prato 1990 M. Volpi, Bocklin, Art Dossier, Firenze 2001 J. Burmeister, L Arcadia di Arnolf Bocklin, Città di Catsello 2001 W. Shakespeare, Amleto, Indice Introduzione: Vanitas letteraria pag. 5 Vanitas classica pag. 7 Vanitas vegetale pag. 9 Vanitas animale pag. 10 Vanitas Artificiale pag. 11 La mia Vanitas pag. 13 Tavole pag. 15 Bibliografia pag. 23 Indice pag

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

Attimi d amore. Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza

Attimi d amore. Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza Attimi d amore Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza Distesa davanti alla collina Occhi verdi come il prato distesa e non pensi a nulla. Ricordo

Dettagli

LE SFIDE SULLE SPALLE!

LE SFIDE SULLE SPALLE! LE SFIDE Questo quarto incontro vuole aiutare a riflettere sulle sfide che l animatore si trova a vivere, sia in rapporto all educazione dei ragazzi, sia in riferimento alla propria crescita. Le attività

Dettagli

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013 per Bambini dai 7 ai 10 anni DIOCESI DI FOSSANO Commissione Diocesana Pastorale Ragazzi Ehi!!

Dettagli

Contro i miei occhi. È la carezza che ognuno di noi vorrebbe fare al proprio nemico, ma non ci riesce, perché il nemico sfugge sempre.

Contro i miei occhi. È la carezza che ognuno di noi vorrebbe fare al proprio nemico, ma non ci riesce, perché il nemico sfugge sempre. Contro i miei occhi È la carezza che ognuno di noi vorrebbe fare al proprio nemico, ma non ci riesce, perché il nemico sfugge sempre. Ogni riferimento a fatti realmente accaduti o luoghi e/o a persone

Dettagli

La spiaggia di fiori

La spiaggia di fiori 37 La spiaggia di fiori U na nuova alba stava nascendo e qualcosa di nuovo anche in me. Remai per un po in direzione di quella luce all orizzonte, fino a che l oceano di acqua iniziò pian piano a ritirarsi

Dettagli

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27 MESSA VIGILIARE 18.00 In questa festa della Sacra Famiglia vorrei soffermarmi su un aspetto del brano di vangelo che abbiamo appena ascoltato. Maria e Giuseppe, insieme, cercano angosciati Gesù. Cosa può

Dettagli

Progetto Guggenheim: Arte segni e parole. I.C. Spinea 1 Scuola Vivaldi classe seconda a.s. 2012-2013 ins. N.Paterno S. Salici

Progetto Guggenheim: Arte segni e parole. I.C. Spinea 1 Scuola Vivaldi classe seconda a.s. 2012-2013 ins. N.Paterno S. Salici Progetto Guggenheim: Arte segni e parole I.C. Spinea 1 Scuola Vivaldi classe seconda a.s. 2012-2013 ins. N.Paterno S. Salici Composizione di segni Prove di scrittura Disegnare parole e frasi Coltivare

Dettagli

Livello CILS A2 Modulo bambini

Livello CILS A2 Modulo bambini Livello CILS A2 Modulo bambini MAGGIO 2012 Test di ascolto numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI

Dettagli

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci CAPITOLO 1 La donna della mia vita Oggi a un matrimonio ho conosciuto una donna fantastica, speciale. Vive a Palermo, ma appena se ne sente la cadenza, adora gli animali, cani e cavalli soprattutto, ma

Dettagli

Racconti di me. Un regalo

Racconti di me. Un regalo 1 Racconti di me di Cetta De Luca Un regalo Io non regalo oggetti. Magari un sogno, un emozione qualcosa che rimanga nella vita di valore. A volte solo un ricordo, a volte me stessa. 2 Apparenza Tu che

Dettagli

Giorgio De Chirico 1888-1978

Giorgio De Chirico 1888-1978 Giorgio De Chirico 1888-1978 De Chirico e la Metafisica La Metafisica è quella verità nuova che si cela in ogni oggetto se solo si riesce a vederlo o immaginarlo al di fuori del suo solito contesto La

Dettagli

RECENSIONE DEL DOCUMENTARIO HOME

RECENSIONE DEL DOCUMENTARIO HOME RECENSIONE DEL DOCUMENTARIO HOME Il giorno 12 dicembre 2013, insieme alla mia classe, mi sono recato nell aula della 3 E per la visione del documentario Home. Inizialmente credevo che fosse uno di quei

Dettagli

Secondo incontro: La mia esperienza d amore

Secondo incontro: La mia esperienza d amore Secondo incontro: La mia esperienza d amore Prima di addentrarci nel tema dell incontro sondiamo la motivazione dei ragazzi. Propongo loro un diagramma G/T. Tutti i ragazzi pensavano ad un esercizio di

Dettagli

SLOWEAR A SLOW TALE CONTEST GIULIA MENICONZI UN AMORE IMPOSSIBILE PARTNER

SLOWEAR A SLOW TALE CONTEST GIULIA MENICONZI UN AMORE IMPOSSIBILE PARTNER SLOWEAR A SLOW TALE CONTEST GIULIA MENICONZI UN AMORE IMPOSSIBILE PARTNER Idea Una ragazza è innamorata della sua istruttrice, ma è spaventata da questo sentimento, non avendo mai provato nulla per una

Dettagli

IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro ***

IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro *** IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro *** Dormi. Lo ricordavo bene il tuo sonno: fragile e immobile di notte, inquieto e sfuggente al mattino. Ho messo su il disco

Dettagli

CULTO DELLA SCUOLA DOMENICALE: FACCIAMO FESTA!

CULTO DELLA SCUOLA DOMENICALE: FACCIAMO FESTA! CULTO DELLA SCUOLA DOMENICALE: FACCIAMO FESTA! PREPARATIVI - Preparare un grande cerchio di cartoncino marrone (la torta ) e tanti spicchi di diversi colori vivaci (le fette ), in modo che ci sia uno spicchio

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

IL POTERE DELLA MENTE

IL POTERE DELLA MENTE PARTE PRIMA IL POTERE DELLA MENTE Dimagrisci senza dieta_ testo.indd 1 28/02/13 09.28 Aspettati di farcela Ci sono cose che vi posso insegnare, altre che potete imparare dai libri. Ma ci sono cose che,

Dettagli

INTERVISTA ALLA SCRITTRICE

INTERVISTA ALLA SCRITTRICE Tratto da: M. Cecconi, La morte raccontata ai bambini: il ciclo della vita. Intervista ad Angela Nanetti, Il Pepeverde n. 10, 2001, pp. 10 11. Copyright INTERVISTA ALLA SCRITTRICE ANGELA NANETTI LA MORTE

Dettagli

Libretto di aforismi di Dario Amadei

Libretto di aforismi di Dario Amadei Libretto di aforismi di a cura di La scrittura è uno strumento importante perché ci permette di esternare dei concetti che altrimenti non avremmo il coraggio di esprimere chiaramente, ammantandoli di una

Dettagli

Un sondaggio rivela che il 70% delle donne detesta questa ricorrenza Marte & Venere a confronto il 14 Febbraio

Un sondaggio rivela che il 70% delle donne detesta questa ricorrenza Marte & Venere a confronto il 14 Febbraio Un sondaggio rivela che il 70% delle donne detesta questa ricorrenza Marte & Venere a confronto il 14 Febbraio Sapevate che sia le donne single che quelle in coppia hanno gli incubi pensando alla Festa

Dettagli

Giochi polisensi fra colore, soggettività e arte.

Giochi polisensi fra colore, soggettività e arte. Giochi polisensi fra colore, soggettività e arte. Piergiorgio Trotto Finalità: Sviluppare le capacità espressive con esercizi attinenti al colore e all immagine. Ricercare la propria identità. Sperimentare

Dettagli

Anno pastorale 2011-2012. Suggerimenti per l animazione in oratorio

Anno pastorale 2011-2012. Suggerimenti per l animazione in oratorio Anno pastorale 2011-2012 Suggerimenti per l animazione in oratorio Premessa: GIOCO E VANGELO Relazione Don Marco Mori, presidente Forum Oratori Italiani Il gioco può essere vangelo? Giocare può diventare

Dettagli

GESU E UN DONO PER TUTTI

GESU E UN DONO PER TUTTI GESU E UN DONO PER TUTTI OGGI VIENE ANCHE DA TE LA CREAZIONE IN PRINCIPIO TUTTO ERA VUOTO E BUIO NON VI ERANO NE UOMINI NE ALBERI NE ANIMALI E NEMMENO CASE VI ERA SOLTANTO DIO NON SI VEDEVA NIENTE PERCHE

Dettagli

Ti racconto attraverso i colori

Ti racconto attraverso i colori Ti racconto attraverso i colori Report del viaggio a Valcea Ocnele Mari Copacelu INVERNO 2013 "Reale beatitudine Libero vuol dire vivere desiderando casa protetta Libertà è tenere persone accanto libere

Dettagli

LABORATORIO TEATRALE PER LA SCUOLA ELEMENTARE E SCUOLA DELL INFANZIA PROGETTO: LA FIABA

LABORATORIO TEATRALE PER LA SCUOLA ELEMENTARE E SCUOLA DELL INFANZIA PROGETTO: LA FIABA LABORATORIO TEATRALE PER LA SCUOLA ELEMENTARE E SCUOLA DELL INFANZIA PROGETTO: LA FIABA L obbiettivo di questo laboratorio è quello di rielaborare ed interpretare un antica fiaba usando i significati profondi

Dettagli

Roberta Santi AZ200. poesie

Roberta Santi AZ200. poesie AZ200 Roberta Santi AZ200 poesie www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Roberta Santi Tutti i diritti riservati T amo senza sapere come, né quando né da dove, t amo direttamente, senza problemi né orgoglio:

Dettagli

Logopedia in musica e. canzoni

Logopedia in musica e. canzoni Logopedia in musica e canzoni Un Lavoro di Gruppo, Giugno 2013 INTRODUZIONE Siamo un gruppo di persone, chi ricoverato in Degenza e chi in Day Hospital, del Presidio Ausiliatrice-don Gnocchi di Torino

Dettagli

BENESSERE SUL LAVORO E QUALITA DELLE RELAZIONI Intervista a Christian Boiron. Di Enrico Cheli

BENESSERE SUL LAVORO E QUALITA DELLE RELAZIONI Intervista a Christian Boiron. Di Enrico Cheli BENESSERE SUL LAVORO E QUALITA DELLE RELAZIONI Intervista a Christian Boiron Di Enrico Cheli Cheli: Dott. Boiron, lei è presidente del gruppo Boiron, leader mondiale nel campo dell omeopatia, e da anni

Dettagli

LA MIA VENEZIA Reportage di un viaggio con la mia classe

LA MIA VENEZIA Reportage di un viaggio con la mia classe LA MIA VENEZIA Reportage di un viaggio con la mia classe Nei giorni 11 e 12 aprile sono andata in gita scolastica a Venezia. Prima di questo viaggio, nel mio immaginario, Venezia era una città triste,

Dettagli

LA CHIESA I SUOI SIMBOLI ED I SUOI SIGNIFICATI. Maggio-Giugno

LA CHIESA I SUOI SIMBOLI ED I SUOI SIGNIFICATI. Maggio-Giugno LA CHIESA I SUOI SIMBOLI ED I SUOI SIGNIFICATI Maggio-Giugno Le campane nel campanile suonano a festa. E risorto Gesù E Pasqua senti come suonano allegre! ascoltiamole Queste suonano forte! Maestra perchè

Dettagli

ANGELA RAINONE POESIE

ANGELA RAINONE POESIE 1 ANGELA RAINONE POESIE EDIZIONE GAZZETTA DIE MORRESI EMIGRATI Famiglia Rainone Angela Lugano Svizzera 2 3 PREFAZIONE Tra i giovani che hanno sporadicamente inviato delle poesie per pubblicarle sulla Gazzetta

Dettagli

1 Premio sez. Poesia. C era una volta.

1 Premio sez. Poesia. C era una volta. 1 Premio sez. Poesia C era una volta. C era una volta una bimba adorabile ben educata e un sorriso invidiabile. Nulla le mancava, tutto poteva, una vita da sogno conduceva. C era una volta un bimbo adorabile

Dettagli

BENVENUTI ALLA SCUOLA T OSCANA!!!

BENVENUTI ALLA SCUOLA T OSCANA!!! Test your Italian This is the entrance test. Please copy and paste it in a mail and send it to info@scuola-toscana.com Thank you! BENVENUTI ALLA SCUOLA T OSCANA!!! TEST DI INGRESSO Data di inizio del corso...

Dettagli

RITORNO ALLA CAVA. LA SI (per 3 volte) LA2 SIb7 LA2

RITORNO ALLA CAVA. LA SI (per 3 volte) LA2 SIb7 LA2 Volto che sfugge, nebbia di idee, 9 tu sei solo una grossa bugia! SIb7+ Ti dicono tutti che hai dei talenti, LA9 in fondo ci speri che così sia! RITORNO ALLA CAVA RAP Questo è il mio mondo, qui sono il

Dettagli

PAUL KLEE E L ITALIA

PAUL KLEE E L ITALIA PAUL KLEE E L ITALIA Componi un Diario di forme e colori! Per bambini dai 7 ai 10 anni Paul Klee, viaggiatore appassionato, ha visitato più volte l Italia e ci ha raccontato avventure, emozioni e sogni

Dettagli

nel nel giardino del gigante...

nel nel giardino del gigante... nel nel giardino del del gigante... Scuola dell infanzia Scuola dell infanzia - Scuola primaria classi 1^ 2^ 3^ Scuola primaria classi 4^ 5^ - Scuola secondaria di I grado Visita autogestita al Giardino

Dettagli

TITOLO: IO SONO IO 1. LA LETTURA ANIMATA DI STORIE SULLA DIVERSITÀ: La cosa più importante A. Abbatiello

TITOLO: IO SONO IO 1. LA LETTURA ANIMATA DI STORIE SULLA DIVERSITÀ: La cosa più importante A. Abbatiello TITOLO: IO SONO IO Il presupposto da cui siamo partite non è tanto quello di considerare gli alunni tutti uguali, ma di affrontare la classe considerando gli alunni come essere unici, ponendosi nell ottica

Dettagli

Canti per i funerali. Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese

Canti per i funerali. Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese Canti per i funerali Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese SYMBOLUM 77 (84) 1. Tu sei la mia vita, altro io non ho Tu sei la mia strada, la mia verità Nella tua parola io camminerò

Dettagli

Discussione e confronti

Discussione e confronti farescuola Elena Troglia Discussione e confronti I bambini imparano proponendo problemi, discutendone, cercando soluzioni argomentative. La discussione diviene un importante strumento didattico: i ragazzi

Dettagli

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 CLAUDIO BELOTTI LA VITA COME TU LA VUOI La belotti1.indd vita come tu 2 la vuoi_testo intero.indd 3 23/05/11 10/06/11 14.02 15:35 la vita come tu la vuoi Proprietà Letteraria

Dettagli

Quando eravamo scimmie

Quando eravamo scimmie Quando eravamo scimmie Zio, è vero che tu insegni antro... non mi ricordo più come si chiama. Antropologia, sì è vero Chiara. Mi spieghi cos è? Che non è mica tanto chiaro. Sedetevi qui, anche tu, Elena.

Dettagli

Luigi Giulio Bonisoli GIGISLAND

Luigi Giulio Bonisoli GIGISLAND Luigi Giulio Bonisoli GIGISLAND Gigisland I edizione 2011 Luigi Giulio Bonisoli Responsabile della pubblicazione: Luigi Giulio Bonisoli Riferimenti web: www.melacattiva.com www.scribd.com/luigi Giulio

Dettagli

Poesia segnalata al premio Silvano Ceccherelli della Banca di Credito Cooperativo di Cascia

Poesia segnalata al premio Silvano Ceccherelli della Banca di Credito Cooperativo di Cascia I COLORI Poesia segnalata al premio Silvano Ceccherelli della Banca di Credito Cooperativo di Cascia I colori sono tanti almeno cento: marrone come il legno, bianco come la nebbia, rosso come il sangue,

Dettagli

UNITÀ DIDATTICA: Il viandante sul mare di?

UNITÀ DIDATTICA: Il viandante sul mare di? UNITÀ DIDATTICA: Il viandante sul mare di? Scuola: secondaria di primo grado di Sappada e di Candide Classi: III OBIETTIVO: Individuare le attitudini degli alunni che sceglieranno la futura scuola superiore.

Dettagli

INTERVISTA LICIA TROISI ASTROFISICA CON UNA MARCIA IN PIÙ

INTERVISTA LICIA TROISI ASTROFISICA CON UNA MARCIA IN PIÙ INTERVISTA LICIA TROISI ASTROFISICA CON UNA MARCIA IN PIÙ Licia Troisi ASTROFISICA CON UNA MARCIA IN PIÙ Licia Troisi, di professione astrofisica, è senza dubbio l autrice fantasy italiana più amata. All

Dettagli

ROMANZO «DI» O «CON» IMMAGINI?

ROMANZO «DI» O «CON» IMMAGINI? ROMANZO «DI» O «CON» IMMAGINI? Lui. Tempo fa ho scritto un libro tutto parole niente immagini. Lei. Bravo. Ma non mi sembra una grande impresa. Lui. Adesso vedrai: ho appena finito un libro tutto immagini

Dettagli

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Obiettivi: - informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara - dare alcune indicazioni pratiche - suggerire alcuni

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE B. LORENZI DI FUMANE

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE B. LORENZI DI FUMANE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE B. LORENZI DI FUMANE SCUOLE PRIMARIE DI BREONIO, FUMANE, MARANO,S.ANNA D ALFAEDO,VALGATARA a.s.2014-15 Nelle scuole dell Infanzia e nelle scuole primarie dell Istituto Comprensivo

Dettagli

Opere di misericordia 1

Opere di misericordia 1 Percorso di riscoperta delle Opere di misericordia 1 DAR DA MANGIARE AGLI AFFAMATI INSEGNARE AGLI IGNORANTI Spunti di riflessione per un dibattito sull Opera di misericordia corporale Dar da mangiare agli

Dettagli

- 1 reference coded [3,14% Coverage]

<Documents\bo_min_11_M_16_ita_stu> - 1 reference coded [3,14% Coverage] - 1 reference coded [3,14% Coverage] Reference 1-3,14% Coverage quindi ti informi sulle cose che ti interessano? sì, sui blog dei miei amici ah, i tuoi amici hanno dei

Dettagli

E ora inventiamo una vita.

E ora inventiamo una vita. E ora inventiamo una vita. - Venga Cristina, facciamo due chiacchiere. Il ragioniere dell'ufficio personale si accomoda e con un respiro inizia il suo discorso. Lei sa vero che ha maturato l'età per il

Dettagli

TEST DI GRAMMATICA 1 NOME e COGNOME INIZIO CORSO. COMPLETARE CON GLI ARTICOLI DETERMINATIVI O INDETERMINATIVI Esempio: Il mio amico è un architetto.

TEST DI GRAMMATICA 1 NOME e COGNOME INIZIO CORSO. COMPLETARE CON GLI ARTICOLI DETERMINATIVI O INDETERMINATIVI Esempio: Il mio amico è un architetto. TEST DI GRAMMATICA 1 NOME e COGNOME INIZIO CORSO COMPLETARE CON GLI ARTICOLI DETERMINATIVI O INDETERMINATIVI Esempio: Il mio amico è un architetto. 1) studente abita a Firenze. 3) Io conosco città italiane.

Dettagli

Intervista ad Anke Merzbach

Intervista ad Anke Merzbach Intervista ad Anke Merzbach a cura di Giorgio Tani Seravezza Fotografia, iniziata da alcuni anni, si è affermata, per le proposte che vengono fatte, come una delle più interessanti manifestazioni nazionali.

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

LE RAGIONI DEL CUORE concorso per la scuola primaria e secondaria di I grado

LE RAGIONI DEL CUORE concorso per la scuola primaria e secondaria di I grado LE RAGIONI DEL CUORE concorso per la scuola primaria e secondaria di I grado Esplorare e abitare il territorio con il cuore: esercizi di training sensoriale Siamo veramente «presenti» ai luoghi che abitiamo

Dettagli

RINNOVAMENTO CARISMATICO CATTOLICO

RINNOVAMENTO CARISMATICO CATTOLICO INSEGNAMENTO IL MIO CUORE CANTA LE TUE LODI a cura di Carlo Arditi, Responsabile del Servizio Musica e Canto Nel preparare questa condivisione mi sono accorto che, pur non avendolo fatto apposta, anche

Dettagli

Educazione di genere: impossibile non farla

Educazione di genere: impossibile non farla Educazione di genere: impossibile non farla Inizia prima della nascita Riguarda loro, ma innanzitutto noi Riguarda la soggettività individuale ma anche la struttura sociale E la struttura sociale a sua

Dettagli

ATTIVITA ASSISTITE CON ANIMALI

ATTIVITA ASSISTITE CON ANIMALI ATTIVITA ASSISTITE CON ANIMALI Quelli che seguono sono i primi di una serie di corsi che attiveremo per offrire a bambini, ragazzi e famiglie contesti in cui lavorare sulle emozioni, sulle relazioni, sull

Dettagli

Illustrazioni, ideazione grafica e impaginazione realizzate da MoaiStudio di Canovi Christian e Roggerone Maurizio www.moaistudio.

Illustrazioni, ideazione grafica e impaginazione realizzate da MoaiStudio di Canovi Christian e Roggerone Maurizio www.moaistudio. Illustrazioni, ideazione grafica e impaginazione realizzate da MoaiStudio di Canovi Christian e Roggerone Maurizio www.moaistudio.com Storia di Milena Lanzetta SE C È UN GIORNO DELLA SETTIMANA CHE FILIPPO

Dettagli

Racconti visioni e libri per rospi da baciare

Racconti visioni e libri per rospi da baciare febbraio 2008 Cari bambini e ragazzi che verrete al festival chiamato AIUTO, STO CAMBIANDO! Racconti visioni e libri per rospi da baciare a Cagliari dall 8 all 11 ottobre 2009 NOTA: questa la lettera originale,

Dettagli

Padre del ciel dopo i perduti giorni

Padre del ciel dopo i perduti giorni Il secondo esempio riguarda una serie di analisi strutturali di alcuni sonetti di Petrarca. Padre del ciel dopo i perduti giorni Padre del cielo, dopo i giorni persi inutilmente, dopo le notti spese in

Dettagli

Il gabbiano Jonathan Livingston

Il gabbiano Jonathan Livingston Il gabbiano Jonathan Livingston Il gabbiano Jonathan Livingston è un gabbiano fuori dal comune: non segue mai lo stormo e va ad esercitarsi da solo per migliorare la tecnica del volo ad alta quota. Questo

Dettagli

CHI SI CURA DI NOI? Sviluppare atteggiamenti di attenzione e cura nei confronti degli altri.

CHI SI CURA DI NOI? Sviluppare atteggiamenti di attenzione e cura nei confronti degli altri. CHI SI CURA DI NOI? Nel libro della Bibbia si narra come da sempre Dio si prende cura dell uomo. Con l aiuto di alcune immagini riflettiamo su chi si preoccupa di noi e in che modo. Proviamo anche noi

Dettagli

CUBISMO. Principali esponenti: - PABLO PICASSO (1881-1973) - GEORGES BRAQUE (1882-1963) - JUAN GRIS (1887-1927- si aggiunge più tardi)

CUBISMO. Principali esponenti: - PABLO PICASSO (1881-1973) - GEORGES BRAQUE (1882-1963) - JUAN GRIS (1887-1927- si aggiunge più tardi) Il primo Novecento CUBISMO Principali esponenti: - PABLO PICASSO (1881-1973) - GEORGES BRAQUE (1882-1963) - JUAN GRIS (1887-1927- si aggiunge più tardi) ALLA BASE DELLA LORO RICERCA: Osservazione pittura

Dettagli

La Sagrada Famiglia 2015

La Sagrada Famiglia 2015 La Sagrada Famiglia 2015 La forza che ti danno i figli è senza limite e per fortuna loro non sanno mai fino in fondo quanto sono gli artefici di tutto questo. Sono tiranni per il loro ruolo di bambini,

Dettagli

CAP I. Note. Parte prima KATE

CAP I. Note. Parte prima KATE 7 Parte prima KATE CAP I - Mi chiamo Kate Maxwell. Nell ufficio dell investigatore Antonio Esposito sono le nove e mezza di una fredda mattina d ottobre. La donna è venuta senza appuntamento. Ha circa

Dettagli

La lunga strada per tornare a casa

La lunga strada per tornare a casa Saroo Brierley con Larry Buttrose La lunga strada per tornare a casa Traduzione di Anita Taroni Proprietà letteraria riservata Copyright Saroo Brierley 2013 2014 RCS Libri S.p.A., Milano Titolo originale

Dettagli

22 febbraio 2013. Nel periodo della purificazione si assume un maggiordomo, che ha il compito di sorvegliare la casa.

22 febbraio 2013. Nel periodo della purificazione si assume un maggiordomo, che ha il compito di sorvegliare la casa. 1 22 febbraio 2013 Sesto incontro Introduzione Nella Teologia Spirituale troviamo tre tappe per la crescita dello spirito. Nella Religione Cattolica le tre dimensioni sono: la purificazione, l illuminazione,

Dettagli

L attimo fuggente. Charlot soldato. Charlot soldato

L attimo fuggente. Charlot soldato. Charlot soldato L attimo fuggente Charlot soldato L attimo fuggente Charlot soldato Due sequenze tratte da due film assai diversi e lontani nel tempo: Charlot soldato di Charlie Chaplin (1918) e L attimo fuggente di Peter

Dettagli

Riflessioni della classe IV^A dopo l'incontro con Padre Fabrizio

Riflessioni della classe IV^A dopo l'incontro con Padre Fabrizio Riflessioni della classe IV^A dopo l'incontro con Padre Fabrizio L incontro con padre Fabrizio è stato molto importante per capire che noi siamo fortunatissimi rispetto a tante altre persone e l anno prossimo

Dettagli

L ATTO CREATIVO DELLA SCRITTURA

L ATTO CREATIVO DELLA SCRITTURA L ATTO CREATIVO DELLA SCRITTURA QUADRI D AUTORE Gianna Campigli, Anna Castellacci, Seminario nazionale, Cidi Firenze, 8 maggio 2011 Dal percorso per la terza classe L autobiografia Il percorso sull autobiografia

Dettagli

MAURICIO SILVA DAL CIELO CI GUARDA SORRIDENTE

MAURICIO SILVA DAL CIELO CI GUARDA SORRIDENTE MAURICIO SILVA DAL CIELO CI GUARDA SORRIDENTE Dalle lunghe meditazioni solitarie di fratel Carlo de Foucauld, ora beatificato dalla Chiesa, era nata l idea della Fraternità. Gesù si era fatto chiamare

Dettagli

ENGLISH FRANCAIS ITALIANO

ENGLISH FRANCAIS ITALIANO ENGLISH FRANCAIS ITALIANO 1 ITALIAN L idea L idea nasce in seno al segretariato del Consiglio delle Conferenze Episcopali d Europa (CCEE). All indomani dell elezione di Papa Francesco, del Papa venuto

Dettagli

IL RITMO ROVINOSO CHE PORTA ALLA FOLLIA

IL RITMO ROVINOSO CHE PORTA ALLA FOLLIA Associazione culturale per la promozione del Teatro Musicale contemporaneo P.Iva 04677120265 via Aldo Moro 6, 31055 Quinto di Treviso - Tv IL RITMO ROVINOSO CHE PORTA ALLA FOLLIA TERZA VERSIONE autore:

Dettagli

LA NATURA E LA SCIENZA

LA NATURA E LA SCIENZA LA NATURA E LA SCIENZA La NATURA è tutto quello che sta intorno a noi: le persone, gli animali, le piante, le montagne, il cielo, le stelle. e tante altre cose non costruite dall uomo. Lo studio di tutte

Dettagli

Mafia, amore & polizia

Mafia, amore & polizia 20 Mafia, amore & polizia -Ah sì, ora ricordo... Lei è la signorina... -Francesca Affatato. -Sì... Sì... Francesca Affatato... Certo... Mi ricordo... Lei è italiana, non è vero? -No, mio padre è italiano.

Dettagli

Pinguini nel deserto Concorso a tema per le scuole di ogni ordine e grado sul tema della disabilità intellettiva: I Edizione 2009

Pinguini nel deserto Concorso a tema per le scuole di ogni ordine e grado sul tema della disabilità intellettiva: I Edizione 2009 Concorso a tema per le scuole di ogni ordine e grado sul tema della disabilità intellettiva: I Edizione 2009 Iscritto per: Scuola Secondaria Primo Grado Motto di iscrizione: Raccontami e dimenticherò-mostrami

Dettagli

Lezione 9. Tema: La comunicazione interculturale. Parte I. 1ª parte:

Lezione 9. Tema: La comunicazione interculturale. Parte I. 1ª parte: Lezione 9 Intervista con la professoressa Elisabetta Pavan, docente di lingua inglese, traduzione e comunicazione interculturale dell Università Ca Foscari Venezia e dell Università di Padova. Tema: La

Dettagli

- 1 reference coded [0,86% Coverage]

<Documents\bo_min_9_M_18_ita_stu> - 1 reference coded [0,86% Coverage] - 1 reference coded [0,86% Coverage] Reference 1-0,86% Coverage E le altre funzioni, le fotografie, o, non so le altre cose che può offrire il cellulare sono cose che

Dettagli

stelle, perle e mistero

stelle, perle e mistero C A P I T O L O 01 In questo capitolo si parla di un piccolo paese sul mare. Elenca una serie di parole che hanno relazione con il mare. Elencate una serie di parole che hanno relazione con il mare. Poi,

Dettagli

Giulia Loscocco. Hao Zhaou

Giulia Loscocco. Hao Zhaou Giulia Loscocco dolce e morbida è piccina piccina e ha il cappello rosso. È sempre triste e certe volte felice. è fatta per essere abitata. La cosa che mi piace di più è il materasso della mia camera.

Dettagli

Annologio di. Definisci le tue mete, permettiti di manifestarle. lascia che l Universo ti porti ai tuoi obiettivi. 1 www.annologio.it - v14.

Annologio di. Definisci le tue mete, permettiti di manifestarle. lascia che l Universo ti porti ai tuoi obiettivi. 1 www.annologio.it - v14. Annologio di. Definisci le tue mete, permettiti di manifestarle e. lascia che l Universo ti porti ai tuoi obiettivi 1 www.annologio.it - v14.1 L annologio è... Pittoresco Creativo Colorato Sorprendente

Dettagli

Arrietty SCHEDA DEL FILM SINOSSI. Regia: Hiromasa Yonebayashi Nazione: Giappone, 2010 Durata: 94'

Arrietty SCHEDA DEL FILM SINOSSI. Regia: Hiromasa Yonebayashi Nazione: Giappone, 2010 Durata: 94' SCHEDA DEL FILM Regia: Hiromasa Yonebayashi Nazione: Giappone, 2010 Durata: 94' Arrietty Soggetto: ispirato alla saga di Mary Norton dedicata agli Sgraffignoli, in particolare a Sotto il pavimento (The

Dettagli

МИНИСТЕРСТВО НА ОБРАЗОВАНИЕТО, МЛАДЕЖТА И НАУКАТА ЦЕНТЪР ЗА КОНТРОЛ И ОЦЕНКА НА КАЧЕСТВОТО НА УЧИЛИЩНОТО ОБРАЗОВАНИЕ

МИНИСТЕРСТВО НА ОБРАЗОВАНИЕТО, МЛАДЕЖТА И НАУКАТА ЦЕНТЪР ЗА КОНТРОЛ И ОЦЕНКА НА КАЧЕСТВОТО НА УЧИЛИЩНОТО ОБРАЗОВАНИЕ МИНИСТЕРСТВО НА ОБРАЗОВАНИЕТО, МЛАДЕЖТА И НАУКАТА ЦЕНТЪР ЗА КОНТРОЛ И ОЦЕНКА НА КАЧЕСТВОТО НА УЧИЛИЩНОТО ОБРАЗОВАНИЕ ТЕСТ ПО ИТАЛИАНСКИ ЕЗИК ЗА VII КЛАС I. PROVA DI COMPRENSIONE DI TESTI ORALI Testo 1

Dettagli

dalla Messa alla vita

dalla Messa alla vita dalla Messa alla vita 12 RITI DI INTRODUZIONE 8 IL SIGNORE CI INVITA ALLA SUA MENSA. Dio non si stanca mai di invitarci a far festa con Lui, e gli ospiti non si fanno aspettare, arrivano puntuali. Entriamo,

Dettagli

Fondazione Cassa di Risparmio di Jesi

Fondazione Cassa di Risparmio di Jesi Vorrei ora sfogliare con voi alcune pagine di questo simpatico quaderno degli appunti. Per iniziare i ragazzi hanno voluto annotarvi alcune frasi e aforismi che hanno colpito il loro cuore. E poi hanno

Dettagli

Una guida per avviare il tuo business e guadagnare online. chi non ha un lavoro, è precario, è in condizioni economiche difficili

Una guida per avviare il tuo business e guadagnare online. chi non ha un lavoro, è precario, è in condizioni economiche difficili COME PARTIRE Una guida per avviare il tuo business e guadagnare online Questo report si pone l obiettivo di dare una concreta speranza a chi non ha un lavoro, è precario, è in condizioni economiche difficili

Dettagli

Un pinguino in seconda A o forse più di uno?

Un pinguino in seconda A o forse più di uno? Un pinguino in seconda A o forse più di uno? Immaginiamo, per un momento, che una cicogna un po distratta voli con un fagotto tra le zampe. Nel fagotto c è un pinguino. Un delizioso, buffo e tenero pinguino.

Dettagli

Reference 1-0,73% Coverage

Reference 1-0,73% Coverage - 1 reference coded [0,73% Coverage] Reference 1-0,73% Coverage Dove ti piacerebbe andare ma anche vivere sì, sì. All interno dell Europa, sicuramente. Però mi piacerebbe vedere anche

Dettagli

DOCUMENTAZIONE PROGRAMMAZZIONE ANNUALE SCUOLA DELL INFANZIA PONTE DELLA VENTURINA A.S. 2014/2015

DOCUMENTAZIONE PROGRAMMAZZIONE ANNUALE SCUOLA DELL INFANZIA PONTE DELLA VENTURINA A.S. 2014/2015 . DOCUMENTAZIONE PROGRAMMAZZIONE ANNUALE SCUOLA DELL INFANZIA PONTE DELLA VENTURINA A.S. 2014/2015 MOTIVAZIONI La consapevolezza che nei bambini della scuola dell infanzia sia necessario diffondere la

Dettagli

I primi passi con un cucciolo

I primi passi con un cucciolo I primi passi con un cucciolo 15 I primi passi con un cucciolo Abbiamo preso Metchley dal canile quando aveva nove settimane. Già durante il suo primo giorno da noi ho iniziato l addestramento con il tocco

Dettagli

IL CREATO DONO DI DIO. Dio Padre ha pensato a me come dono per gli altri

IL CREATO DONO DI DIO. Dio Padre ha pensato a me come dono per gli altri IL CREATO DONO DI DIO I bambini sono abituati a vedere gli elementi del creato come oggetti usuali in quanto facenti parte del loro universo percettivo, per questo è importante che possano scoprire il

Dettagli

SCHEDA DI LETTURA DI UN DIPINTO. Autore. Titolo. Datazione 1597-1598 Dimensioni 47 x 62 cm Tecnica

SCHEDA DI LETTURA DI UN DIPINTO. Autore. Titolo. Datazione 1597-1598 Dimensioni 47 x 62 cm Tecnica SCHEDA DI LETTURA DI UN DIPINTO A - DATI PRELIMINARI Autore Michelangelo Merisi detto il Caravaggio (ca 1571-1610) Titolo Canestra di frutta Datazione 1597-1598 Dimensioni 47 x 62 cm Tecnica Olio su tela

Dettagli

MONDO ALLA ROVESCIA. Ilya

MONDO ALLA ROVESCIA. Ilya MONDO ALLA ROVESCIA Nel mio disegno c'è una faccia con degli strani capelli, un uccello con tanti colori come Arlecchino. Al centro una palla rappresenta la Terra, accanto uno strano boomerang. Vicino

Dettagli

Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone

Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone 1 ANNO CATECHISMO 2014-2015 Alla Scoperta di Gesù SUSSIDIO SCHEDE RISCOPERTA DEL BATTESIMO 1 NOME COGNOME Le mie catechiste NOME COGNOME Telefono NOME COGNOME Telefono

Dettagli

Le scuole dell infanzia del 1 Circolo di ABBIATEGRASSO

Le scuole dell infanzia del 1 Circolo di ABBIATEGRASSO Le scuole dell infanzia del 1 Circolo di ABBIATEGRASSO Scuola dell infanzia di v.le Papa Giovanni XXIII Scuola dell infanzia di Ozzero Scuola dell infanzia di Morimondo propongono ampliamento del progetto

Dettagli

Come va? I N O C C H I P E L L E C O P A N C I A R P O D E N T I R E S O R E C C H I E A T E S T A N P I E D I O

Come va? I N O C C H I P E L L E C O P A N C I A R P O D E N T I R E S O R E C C H I E A T E S T A N P I E D I O Come va? 1 Trova nello schema le parti del corpo scritte di seguito e in orizzontale a cui si riferiscono le seguenti frasi. Le lettere rimaste completano l espressione indicata sotto. 1. Proteggila col

Dettagli

Il Libro Fondativo per incontrare l umano. Paolo Molinari Fiorenza Farina Maria De Nigris

Il Libro Fondativo per incontrare l umano. Paolo Molinari Fiorenza Farina Maria De Nigris Il Libro Fondativo per incontrare l umano Paolo Molinari Fiorenza Farina Maria De Nigris Il libro E composto di tre parti. Nella prima è presentata l intuizione che regge il libro, frutto di un lavoro

Dettagli