I Fantasmi di Scano Boa

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I Fantasmi di Scano Boa"

Transcript

1

2

3 I Fantasmi di Scano Boa Pubblicazione realizzata dal Comune di Por to Tolle - Assessorato alla Cultura, in collaborazione con: Accademia di Belle Arti di Firenze Gruppo Arte Sentimentale con il patrocinio di: Regione del Veneto Provincia di Rovigo Ente Parco Delta del Po Accademia dei Concordi di Rovigo Crediti fotografici: Deltagrafik, Luciano Scarpante, Alessandro Orlandin, Gruppo allievi Accademia di Belle Ar ti di Firenze. In copertina: Scano Boa 16 maggio Impaginazione grafica e stampa: Deltagrafik - Via Matteotti, Por to Tolle (Ro) 2009 Copyright by: Comune di Por to Tolle - P.zza Ciceruacchio, Por to Tolle (Ro) Arte Sentimentale - Via del Corso, Fir enze (Fi) Tutti i diritti riservati. 2

4 a cura di GIANNI CERIOLI testi di GIANNI CERIOLI SILVANA MANTOVANI RAFFAELE PERETTO Comune di Porto Tolle 2009

5 4

6 Esistono i fantasmi? Sono esser e buoni o maligni? Quand è che li possiamo incontrare? La quotidianità che viviamo con sempre maggior ed intensa frenesia, ci ha disabituati a por ci queste domande: è l'era di inter net, della r ealtà vir tuale, della comunicazione globale che ci ha resi sudditi di noi stessi. Questa vorticosa frenesia virtuale non ci lascia più il tempo per pensar e a noi e porci come uomini al centro del mondo. Scano Boa, una delle tante isole del Delta del Po, rappr esenta il luogo più suggestivo dove il tempo si è fer mato, dove la natura che li r egna, dà modo a chi la visita di pensar e e rievocar e i sentimenti che da tempo si sono persi o forse trascurati. Sono questi i fantasmi di Scano Boa: nulla di paur oso, niente di terrificante ma solo il pensiero, solo la poesia ed il sentimento che è dentr o di noi e che ora ha la possibilità di cavalcar e le onde dell'adriatico e volar e sulla calda laguna per ritornare e farci sentire che siamo preziosi esseri di questo universo, con un cuore ed un'anima. E dover oso ringraziar e l Accademia di Belle Ar ti di Fir enze ed il Gruppo Ar te Sentimentale per questo pr ezioso lavoro che hanno saputo elaborar e e consegnarci. Il supporto che la Regione Veneto, la Provincia di Rovigo, l Ente Par co Delta del Po e l Accademia dei Concor di di Rovigo hanno dato col lor o patrocinio è testimonianza dell'importanza di questa opera e della qualità del suo contenuto. Fondamentale il sostegno che la Fondazione della Cassa di Risparmio di Padova e Rovigo ha voluto dare per la realizzazione di questa pubblicazione evidenziando ancora una volta quanto sia radicata e pr esente sul territorio, ma soprattutto attenta osservatrice ed accompagnatrice dei movimenti culturali che interessano e parlano di questa meravigliosa terra. Da ultimo mi è dover oso ringraziare l Assessore alla cultura Silvana Mantovani e tutti i colleghi amministratori che hanno creduto nel progetto, nonché tutti coloro che hanno permesso la realizzazione di questo volume. Dott. Silvano Finotti Sindaco Comune di Porto Tolle

7 6

8 La Direzione dell'accademia di Belle Arti di Firenze ringrazia dell'impegno e della passione con i quali l'assessor e alla Cultura del Comune di Por to Tolle, dott.ssa Silvana Mantovani, ha seguito e incoraggiato il pr ogetto artistico ideato e posto in esser e dal collega e docente pr of. Amedeo Lanci, in modo da concludersi felicemente ai più alti livelli espr essivi. Con grande soddisfazione la Dir ezione pr ende atto che i giovani studenti dell'accademia sono stati resi partecipi di una attività che ha avuto tra l'altr o per protagonisti professionisti facenti par te del gruppo dell'ar te Sentimentale per la realizzazione di oper e in xilografia e in pittura ispirate al magico quanto af fascinante territorio dell'estr emo Delta del Po, oasi non solo naturalistica ma di for te impatto creativo. In questo percorso culturale gli allievi impegnati nel pr ogetto hanno avuto modo di visitare l'isola di Scano Boa, nonché di visionar e il film Scano Boa tratto dal romanzo di Giannantonio Cibotto, dal quale il r egista Renato Dall'Ara, nel 1961, ha tratto l'omonima pr oduzione cinematografica con l'interpr etazione della nota famosa attrice Carla Gravina. La Direzione ringrazia sentitamente l'assessore alla Cultura di Porto Tolle per aver offerto un'occasione di crescita culturale ed artistica ai giovani allievi dell'accademia di Belle Ar ti di Firenze, guidati dal pr of. Lanci, nella convinzione che tali iniziative rappresentino momenti di confronto significativi per la ricerca e la produzione espressiva dei giovani che intendono fare dell'arte obiettivo di vita. Prof. Giuseppe Andreani Direttore Accademia di Belle Ar ti di Firenze

9 8

10 Silvana Mantovani Scano Boa: solo il nome fa immaginare chissà quale luogo...

11 10

12 Scano Boa: solo il nome fa immaginar e chissà quale luogo... Silvana Mantovani...Anche il tempo pare fermarsi, annullarsi in questi momenti di antico idillio, pare almeno rallentare il suo corso. La fretta perversa del mondo moder no che ci acceca è lontano, quasi un ricordo assurdo. Qui vigono altre leggi, altri ritmi ancestrali. Questi paesaggi sono esistiti da sempre e tutto pare avere un respiro, un messaggio segreto che non è mai urlato, ma solo sussurrato... Mario Stefani Ogni buon amministratore vorrebbe fare conoscere la propria terra d appartenenza, il luogo in cui vive e per il quale lavora. Si sono creati importanti nuovi settori come marketing territoriale, politiche per il turismo, termini questi molto tecnici, che indicano come primo obiettivo l aumento di economia grazie ad un sistema di lavor o basato sulla pubblicità, sull accoglienza strutturata questo è il metodo oggettivo con il quale si è impegnati quotidianamente Ma con il pr ogetto I fantasmi di Scano Boa mi sono staccata da questi rigidi parametri per far mi coinvolger e, o meglio travolger e da questa meravigliosa esperienza. La prima par te del pr ogetto è stata esplorativa : visitar e Scano Boa, che solo il nome per chi non lo conosce, fa immaginar e chissà quale luogo 1. Con una imbar cazione abbiamo raggiunto lo scan no insieme agli alliev i dell Accademia di Belle Ar ti di Firenze, gli ar tisti di Ar te Sentimentale, l associazione MagnaCharta e il musicista che si è incaricato di realizzare un dvd ispirato agli ambienti dell estr emo Delta. Nessuno degli studenti conosceva il Delta del Po e tantomeno i suoi paesaggi come le golene, le lagune e le diverse ramificazioni del grande fiume. Ed ecco Scano Boa che ci accoglie nella tipica casa dei pescatori di una volta. Lì tr oviamo il signor Ilido Zerbin e la signora Giuliana Tessarin che ci ospitano come se fossimo di famiglia. La magia del luogo inizia a fare effetto, ormai non eravamo più nel mondo reale, il pensiero della vita quotidiana era sparito dalle nostre menti. Pochi passi in una distesa di sabbia intercalata da bassa vegetazione e arriviamo sul lato della spiaggia dalla parte del mare. 11

13 Io, che conosco questi posti fantastici, guar davo i ragazzi pr ovenienti da tutta Italia che prendevano appunti sulle loro sensazioni, immortalavano immagini con disegni e con macchine fotografiche. Per poche ore hanno fatto parte anche loro di quel paesaggio incantato, caratterizzato dal profumo della salsedine, dai suoni di onde e gabbiani, abbracciati dai raggi del sole e accarezzati dalla brezza leggera proveniente dal mar e. Rapiti da quello stato di benesser e come er emiti in meditazione, siamo tornati sulla terra ferma e durante il rientro pochissime parole hanno interrotto quel silenzio riflessivo. Ed ecco la seconda parte del progetto: la visione del film Scano Boa, gli scritti di Mario Stefani e l incontr o con il pr of. Per etto. In poche or e il gruppo ha conosciuto miti, leggende e la dura vita dei pescatori che vivevano nella pr ecarietà aspettando un sogno. I maestri di Arte Sentimentale, insieme al prof. Peretto, hanno condotto i ragazzi alla scoper ta culturale del territorio, alla storia, alle cr e- denze, ai sogni, che lo hanno contraddistinto. Terza par te: la r ealizzazione sia degli studenti che dei maestri di Ar te Sentimentale di opere di pittura e matrici per xilografie ispirate dall incontro con il Delta del Po, non solo, ma anche un dvd che richiama i suoni e i rumori di questi luoghi che sarà utilizzato durante la mostra per dare un maggior effetto e coinvolgimento. 12

14 13

15 Dalla fruizione, dalla esperienza al momento cr eativo, alla rielaborazione in espressioni artistiche del proprio vissuto emotivo e sentimentale. Ecco il risultato di chi si è lasciato rapir e da una terra senza tempo, che suggerisce dolci e pr o- fonde sensazioni a chi la vive e l ascolta con il cuor e. Qualcuno potrebbe dire che questo viaggio si è concluso con la visitazione di questa mostra a Porto Tolle. Ma non è così, è pr oprio da qui che inizia il viaggio, quello vero, quello che porterà Scano Boa ad essere conosciuto in paesi lontani. Grazie queste oper e il Delta del Po terra incantata tra cielo e acqua, viaggerà attraverso i lor o occhi, alle immagini e ai suoni da lor o interiorizzati e rigenerati attraverso l atto creativo. 1 In realtà scano non è altr o che il ter mine dialettale di scanno: lingua di sabbia tra mar e e fiume, o tra mar e e laguna, mentre boa è un galleggiante che un tempo indicava l esatta posizione dello stesso. 14

16 15

17 16

18 Raffaele Peretto Lacrime d ambra per il figlio del sole

19 18

20 Lacrime d'ambra per il figlio del sole Miti nell'antico Delta Raffaele Peretto Eventi antichi sfumano nel sipario di isole strappate all acqua per portare le Naiadi a cercare rifugio oltre il meandro Ancora storie recenti del fiume lievitano sensazioni remote quando appaiono affranti gli ultimi Argonauti come ombre sospese a rimuovere strati di nebbia Quando nell ora che anticipa il crepuscolo i salici e più oltre i pioppi della sponda rispecchiano tra le Elettridi tremori di gocce d ambra. Chi percorre l'argine del nostr o grande fiume o si por ta ad entrare nel suggestivo paesaggio di valli e lagune del suo Delta può facilmente trovarsi di fronte a tramonti di fuoco, con esplosioni di colori nelle intense tonalità delle gamme degli azzurri, dei blu, dei gialli, dei r ossi, sfumanti tra loro nel cielo e nelle nubi e di riflesso nell' acqua, dove il sole sembra spegnersi. Uno spettacolo che assume più forza ed emozione se avviene dopo un temporale e quando l' aria è tersa e fresca. Per la gente del luogo questi momenti sono usuali, quasi scontati, ma certamente lasciano impr esse più for ti sensazioni negli estranei, in chi per la prima volta visita questi spazi di terre ed acque che insieme si portano verso il mare sfumando attraverso il Delta. Portiamoci in un lontano passato, quando a par tire da 3000 anni fa per oltr e cinque secoli in questi luoghi giungevano dall'area egea navi cariche di vino e di olio con nelle stive anche raf finati vasi micenei e in seguito pr eziose ceramiche uscite da botteghe ateniesi, dipinte a figur e nere e r osse. Non poteva passar e inosservato a mer canti e marinai questo paesaggio, unico tra quelli incontrati durante il cabotaggio, sia lungo le coste italiane sia lungo quelle albanesi, dalmate e croate. E chissà in quante occasioni furono testimoni di quei suggestivi tramonti che un nostro caro poeta rodigino, Livio Rizzi ( ), così descrive: quando el sol se colga / par che se impissa un pajar o ( quando il sole si corica / sembra prendere fuoco un pagliaio). Se le navi giungevano cariche di merci ai lidi dell' antico Delta ed entravano anche in bocche lagunari per appr odare a scali fluviali, tornavano ai loro porti altrettanto cariche di prodotti che la fertile campagna dell'antico Polesine offriva, in particolare cereali e cavalli (erano rinomati quelli dei V eneti ed utilizzati anche nelle prime Olimpiadi), non mancavano inoltre altri prodotti e tra questi anche magiche e misteriose ambr e. 19

21 Possiamo immaginar e che nella via del ritor no mer canti e marinai, rivedendo dalla nave le coste e le spiagge per corse nell'andata, pensassero intensamente alle suggestive ed uniche atmosfer e offerte dai variegati paesaggi del Po e del suo Delta. «Nelle isole Elettridi, che sono situate nell'intimo golfo dell'adriatico, dicono che ci siano due statue con dedica, una di stagno e una di bronzo, lavorate secondo lo stile arcaico. Si dice che siano opera di Dedalo, ricordato dagli antichi tempi in cui, sfuggendo a Minosse dalla Sicilia e da Cr eta, si avventurò in questi luoghi. Dicono che sia il fiume Eridano ad aver for mato con i suoi depositi alluvionali queste isole...c'è anche un lago Le genti del luogo raccontano di Fetonte che cadde in questo lago colpito dal fulmine, e che ci sono intor no molti pioppi dai quali stilla il cosiddetto elettro. Dicono che sia simile alla gomma arabica, e che si indurisca come una pietra, e che venga raccolto dalla gente del luogo per essere portato ai Greci». Così un passo del De mirabilibus auscultatianibus (I racconti mirabili, err oneamente attribuiti ad Aristotele) richiama l'ambiente lagunare dell'antico Delta padano, con isole emergenti da quelle aree vallive che qualche secolo più tardi Plinio il Vecchio chiamerà Septem Maria (Sette Mari). Il suggestivo appellativo di isole Elettridi trae origine dall'ambra, in quanto i Greci chiamavano questa resina di pino fossilizzata con il ter mine élektron, che significa frammento di sole. Se il Po non è cer tamente il fiume presso cui si raccoglieva l'ambra, il suo Delta era una zona nevralgica nei traf fici commerciali della r esina fossile, pr oveniente dalle coste del Baltico, e qui i Gr eci venivano a prelevarla, come é ben attestato alla luce dei materiali pr ovenienti da Frattesina. Questo è il nome dato dagli archeologi ad un villaggio dell' età del Bronzo finale (XII-IX sec.a.c.) presso Fratta Polesine. La fior ente attività ar tigianale, documentata dai materiali ar cheologici recuperati nelle ricerche, permette di definire l' insediamento come uno dei maggiori crocevia della protostoria europea, in una posizione strategica nei collegamenti commerciali tra l' Oltralpe e l'ar ea mediterranea. 20

22 Qualche secolo dopo l' er edità di Frattesina passa ad Adria che fu, come pur e Spina, impor tante centr o por tuale etrusco nell' ambito dei commer ci con la Grecia, tanto da passare il suo nome al mare su cui si affacciava, l'adriatico. Il luogo dell'ambra si riflette ed entra anche nella trama di storie e leggende legate all`esteso apparato deltizio del grande fiume. Secondo la mitologia classica all'eridano (nome con il quale i Gr eci identificavano il Po) è legata, come già detto, la tragica avventura di Fetonte e lo stesso fiume, con il suo ambiente, è richiamato in altre narrazioni fantastiche che vedono partecipi eroi e ninfe. Nella descrizione di vicende mitologiche gli antichi autori, spesso ripor tano elaborazioni e varianti, in par te contraddittorie e non ben chiar e, soprattutto in riferimento alla collocazione geografica dei luoghi. Inoltre le interpretazioni date dagli studiosi il più delle volte sono tra lor o discordi. Un dato comunque è cer to; l'ambra veniva prelevata nell'alto Adriatico e l'apparato deltizio padano, con le sue distese di acqua, indefinite, in simbiosi tra lidi e terre, rappr esentava uno scenario tanto singolar e che non poteva passar e inosservato agli occhi di mer canti, viaggiatori, cr onisti, e quanto gli stessi in seguito raccontavano, rinvigorito magari dalla fantasia, destava ulteriori inter essi ed anche ispirazioni per la trama di avventure, che venivano collocate nel mondo inaccessibile ai mortali. Il Delta era molto lontano per i Gr eci e già per questo fatto poteva esser e immaginato avvolto nel mister o, dif ficilmente identificabile e confr ontabile con altr e realtà ambientali. Il Delta era una zona lontana dell'italia, che i Greci chiamavano Esperia, cioè terra del tramonto. E proprio all'estremità occidentale della Terra era ubicato il giar dino delle ninfe Esperidi, dove cr escevano meli con frutti d'or o. In questo luogo, dopo aver sostato pr esso l'eridano, giunse anche Er cole in occasione della sua penultima impresa. 21

23 Era il luogo dove il dio Sole (detto anche Elio) concludeva quotidianamente la corsa del suo carro di fuoco trainato da irr equieti cavalli. Qui trovò il suo tragico epilogo l'impresa del figlio, che riportiamo nella descrizione tratta da antichi commenti ai passi dell'odissea di Omer o. «Il Sole, dall'unione con Roda, figlia di Asopo, generò i figli Fetonte, Lampetia, Egle e Faetusa. Divenuto adulto Fetonte chiese a sua madre chi fosse suo padre e, saputo di esser e figlio del dio Sole, si r ecò dove questi si leva. Fattosi riconoscere, pregò il padre di cedergli per un gior no il carro e le redini, in modo da poter osservar e il mondo; il Sole lo ascoltò e al momento si oppose, ben sapendo quello che sarebbe accaduto, ma poi, alle sue insistenze, acconsentì e gli insegnò il percorso. Salito sul carro, egli lo guidava in modo scombinato, tanto da incendiare ogni cosa ci fosse sulla terra e così Zeus, con un fulmine, pose fine al suo gesto folle. Fetonte, con una divina fiammata, cadde nel fiume Eridano e morì, e le sorelle, recatesi presso questa località del mare celtico, lo piangevano incessantemente giorno e notte. Zeus misericordioso le trasformò in pioppi, facendone il ricordo perpetuo di quella sventura. A quanto si dice, proprio da essi scaturisce l'ambra, il frutto di questo antico pianto che stilla dall'alber o». Dove era stata posta la lapide sepolcrale con la scritta: «Qui giace Fetonte, auriga del carro paterno. Male egli lo resse, ma fallì in una grande impresa» giunse anche la nave Argo con gli eroi guidati da Giasone, durante il tormentato viaggio per la conquista del vello d'oro. L'impresa degli Argonauti, a cui parteciparono, tra gli altri, Or feo, Er cole (non si sa se prima o dopo la penultima impr esa!), Castore con l'inseparabile Polluce è descritta da Apollonio Rodio. Riportiamo i brani che ci riguardano. 22

24 «La nave era trascinata avanti, lontano, dalle vele e gli Argonauti penetrar ono ben addentro nell'alveo dell'eridano; qui una volta, colpito al cuore da ardenti fulmini, semiarso, Fetonte era caduto dal carro del Sole, proprio all'entrata di questo ampio fiume, il quale ancora adesso esala dalla ferita bruciante un tr emendo vapore: nessun uccello può sorvolar e quelle acque dispiegando le sue ali leggere; ma spezza il suo volo e piomba in mezzo alle fiamme. Intor no, le giovani Eliadi, infelici, mutate negli alti pioppi, ef fondano tristi lamenti, e dai lor o occhi versano al suolo le gocce d'ambra splendente. Le gocce si asciugano sopra la sabbia ai raggi del sole e quando le acque della nera palude trascinano a riva, sotto il soffio sonoro del vento, rotolano tutte insieme verso l'eridano e i suoi flutti agitati... Gli eroi non avevano voglia di ber e nè di mangiare; la loro mente non andava ai piaceri. Durante il gior no giacevano af franti, sfiniti dall'odor e cattivo che mandavano le corr enti dell'eridano dal corpo riarso di Fetonte, intollerabile; e poi la notte sentivano i gemiti acuti, il triste lamento delle Eliadi». dai rami novelli stillano, rassodandosi al sole, gocce di ambra, che il pur fiume accoglie (Ovidio) o Anche il giovane Cigno, figlio del r e dei Liguri e par ente di Fetonte, si por tò nel luogo della tragedia. Pianse amaramente e riempì di profondi, cupi suoni le rive del fiume. La compassione degli dei riservò per lui un trattamento diverso da quello adottato per le Eliadi: fu trasformato in candido e maestoso uccello palmipede dal lungo collo, che da allora abitò i fiumi e le valli del Delta. Rivivendo oggi i miti cari agli antichi, potremmo ancora incontrarlo, con più fr equenza oggi rispetto agli ultimi cinquant'anni, specialmente d'inverno. 23

25 Immaginiamo anche che l' equipaggio di navi gr eche giungesse nel Delta in autunno o in primavera (escludiamo per nostra convinzione viaggi poco confortevoli durante l' inverno) e, cosa piuttosto frequente, si trovasse nel bel mezzo di una nebbia (anche se non di quelle toste di qualche anno fa). Uno scenario certamente dell' altro mondo. Non si vedono che for me indefinite di oggetti vicini; sfumano, anzi sono ombr e, tutte le figur e; sei disorientato ; devi aspettar e spiragli di luce ; le voci e i richiami ti consolano ma sembrano tanto lontani ; una schiarita e ti appaiono, quasi minacciosi, vapori che salgono dalle acque In quell' intimo golfo dell'adriatico oltre alle isole Elettridi ci sono anche i luoghi del Tartaro, gli inferi dei Greci. Forse c'è un motivato riscontro se un altro fiume polesano, terzo per impor tanza dopo il Po e l'adige, por tava lo stesso nome del mondo delle anime greche fino a qualche secolo fa, in seguito nel tratto terminale mutato in Canalbianco. Sono anche queste atmosfere a fare lievitare i gemiti delle figlie del sole tra canneti accar ezzati dal vento e a lasciar ci intraveder e ombr e indefinite di velieri approdare agli esili scani per far scendere e lasciare vagare tra fruscii di acque immortali eroi assieme ai nostri sogni. ERA APPREZZATA PER LA BELLEZZA E PER IL PROFUMO La magica resina del Nord L'ambra fu molto apprezzata nell'antichità, era considerata simbolo solar e, che possiamo motivare in quanto i suoi colori caldi e la sua trasparenza opaca richiama il nostro grande astro. Inoltre, era ricercata, oltre che per la sua bellezza e il suo fasc ino, anche quale medicamento per le malattie della gola e per le sue supposte pr oprietà magiche in quanto, se str ofinata o riscaldata, emanava un gradevole sapore aromatico e assumeva le capacità di attrarre piccole particelle. Questo fenomeno incuriosì molto i Gr eci che senza r endersene conto, compir ono i primor diali esperimenti che por teranno Coulomb, nel 1785, alla definizione delle leggi sulle attrazioni tra corpi elettrizzati (parole come elettroni, elettricità derivano appunto da élektron) In Europa la maggior fonte dell'ambra si trova lungo le coste sud-orientali del Baltico e nel Mar e del Nord. Può presentarsi con superficie liscia e traspar ente quando, dagli strati in cui si tr ova sotto il livello del mar e, viene strappata dalla onde e ge ttata sulla riva; può essere in altri casi inglobata in terra o sabbia, oppur e rivestita di incrostazioni. La distribuzione dei rinvenimenti conferma che già nel Mesolitico e dal Neolitico ci fosse un impor tante commercio dell'ambra attraverso l'europa fino al Passo del Brennero. Nodo nevralgico del flusso commer ciale fu il Delta del Po. Da qui la via pr oseguiva lungo le coste dell'adriatico fino alla Grecia e ai centri dell' area egea. La via dell'ambra deve intendersi come un grande flusso economico e commer ciale, lungo il quale viaggiavano molti altri manufatti, materie prime e soprattutto idee e cultur e. Ciò rappresentò un importante fattore per l'europa preistorica. Il commercio continuò nell'età del Bronzo, potenziandosi sensibilmente per gli interessi dei Micenei. Successivamente l'ambra fu molto ricercata tra le popolazioni dell'età del Ferro e durante l'epoca romana. Al riguardo Plinio dice: «... ancor oggi le donne traspadane di campagna portano ambre come monili, soprattutto per or namento ma pure quale medicamento...». 24

26 25

27 26

28 Gianni Cerioli Presenze fantasmatiche dell arte a Scano Boa

29 28

30 Presenze fantasmatiche dell'arte a Scano Boa Gianni Cerioli Alla foce dei grandi fiumi si vede in embrione come si raccolgano le acque ed apparisca l' asciutto: il che è una buona cosa, pur ché la signoria dell'uomo su di esso si mantenga nell'or dine della divina somiglianza. Il Po, che porta via dalla montagna e dalla pianura, prima di farsi mare restituisce, più di quanto non rubi, in terra da paradiso terrestre. Don Primo Mazzolari, O' visto il Delta Hanno una memoria sottile l'acqua e la terra e l'aria e il fuoco e tutti gli elementi che fondano delle cosmogonie. Pure lontani, nella separazione della differenza, vivono sempre il ricordo dell'atto creativo che li ha generati. Negli elementi primari ricerchiamo le cose che danno ragione della vita, nostra, degli altri e del mondo. Eppure, a osservarli, essi non si trovano mai nettamente divisi, perché il fuoco sta sotto la terra e i vulcani sono lì a dimostrarlo, l'aria è fin dentro le montagne e la terra leggera si fa por tare dalla corrente del fiume più impalpabile di una tela di ragno. Colti nella r ealtà del lor o essere, questi áitia evidenziano dei punti di tensione, delle fratture e degli improvvisi cedimenti. Si organizzano spesso in non luoghi ; si dispongono in giochi di porosità che confondono ogni volta le struttur e delle cose. Non ancora altro, niente o nessuno resta completamente se stesso. La terra è nella memoria dell'acqua, ma l'acqua non cede. Attimo per attimo si unisce ad altre acque. La sinfonia deltizia può, come a Scano Boa, costruire infinite serie di nuovi universi di acque e di terr e. Ha un senso compiuto allora por tare dei giovani artisti fuori dalle r egioni della realtà univoca, massiccia, pervasiva e invadente della civiltà di massa, per cogliere il sapore e l'anima di un luogo che sta perennemente in bilico tra il mare e la terra, in tempi e spazi che non sono per nulla allineati ai nostri. Non vi sono qui rituali obbligati e quotidiani. Lo stesso senso ha per i pittori del gruppo <<Arte sentimentale>> che affiancano gli allievi dell'accademia di Belle Arti di Firenze in questa ricerca sui misteri di un luogo in cui tutti i significati stabiliti si spogliano delle parvenze del r eale per acquistare uno statuto nuovo, fantasmagorico, quasi onirico. In questa esperienza non si ricer ca tanto la rivelazione di un senso nascosto, totalmente segreto ai più, quanto il gusto dell'esplorazione in comune, insistita, ripetuta dei costituenti segnici letterari, ipotetico - deduttivi, filmici, ar chetipici, geologici, antropici, affabulatori, tanto per ricordarne qualcuno, di cui Scano Boa si ammanta. 29

31 Anche il tempo si fa liquido a Scano Boa nel senso che assume le for me più strane. Certamente scorre come sempre ma secondo le modalità di un contenitore semanticamente differente ogni volta. Tutto è in movimento: nel vento dell'aria, nelle onde del mar e, nel lento depositarsi delle sabbie. Eppur e tutto è soggetto ad un assordante silenzio creativo. Le categorie dello spazio e del tempo sono qui del tutto specifiche ed in continua variazione. L'ordine del mondo che vi si incontra è di volta in volta satur o e deserto, dilatato e coeso, semplice e complesso. Da un estr emo all'altro gli elementi raccolti tendono ora alla ragione ora al sogno. Sono sempr e comunque riferibili ad una modalità di intervento che è una sor ta di de-r ealizzazione del soggetto e dei suoi referenti abituali. 30

32 Le opere che sono state pr odotte per questa esposizione mettono alla pr ova la dimensione spazio-temporale, culturale e generazionale dei singoli pittori. La letteratura e la scienza possono costituir e un corr elativo alla figurazione con la quale tutti i nostri ar tisti realizzano il lor o percorso visivo. Anzi esso diventa più ricco e complesso pr oprio per le fascinazioni delle narrazioni di G. A. Cibotto e delle evocative geologie di Raf faele Peretto. La pittura, è evidente, adopera altri codici rispetto alla parola per la rappresentazione di un fatto, di un avvenimento, di una percezione. È proprio la messa in atto di mezzi grafici, pittorici, plastici a rendere sensibile alla vista la creazione di un mondo che supera la mimesi e genera intrusioni continue con la r ealtà. In questo <<far e mondi>> l'artista impone spesso statuti perturbatori ai dati per cettivi, fa sussultar e le categorizzazioni tradizionali, mette in discussione i codici della rappr esentazione o li confer ma, sviando appena di quel tanto che serve per uscire dal codice e subito ritor narvi. L'occhio dell'artista realizza il mondo, il <<suo>> mondo. Lo ripor ta alle origini, ne esplora per cezioni e segni. Li rifor mula anzi attraverso i segni della tecnica dell'arte grafico-pittorica. In questo modo il linguaggio visivo entra in circolazione dialogica con la parola, la narrazione, il discorso argomentativo. Mi sembra che con giusta ragione sia stato proposto per tutti gli artisti di confrontarsi con l'uso della xilografia. La più antica tra le tecniche incisorie si dimostra anche la più adatta a riportare allo sguardo le condizioni della produzione tecnica e, in un qualche modo, ad assicurar e le primizie stesse della figurazione. Alla xilografia dobbiamo la grande diffusione dell'immagine stampata e la cir colazione di infinite figure sacre e profane, umoristiche o satiriche, archeologiche e monumentali. La storia dell'immagine accompagna l'umanità fin dagli inizi e la xilografia è stato un motor e impor tante per la cr eazione del nostr o modo di vedere. Nella sua Grammaire des Art du Dessin, M. Charles Blanc sintetizza con questa massima la specificità dell'incisione su legno: <<la gravur e en bois, n'étant pas susceptible de produire les nouances délicates de la taille-douce, doit s'attacher de préfèrence à des travaux sobr es, qui, par le laconisme de leur expr ession, prêtent de la grandeur même aux plus petits ouvrages>> 1. Tra tutte le tecniche incisorie la xilografia è quella appunto che per mette un rapporto ravvicinato tra l'operatività dell'intagliator e e il linguaggio espr essivo dell'artista. Dopo aver conosciuto fortune alterne, ritorna oggi negli studi degli artisti a garantirne le intenzioni poetiche attraverso le scelte di molti materiali disponibili ben oltre al legno di filo o al legno di testa della tradizione. Tutto si gioca insomma tra la pr esenza della linea nera, lasciata sul foglio dalla matrice inchiostrata in corrispondenza del disegno iniziale rispar miato dal taglio e contro taglio delle lame, e quella della linea bianca, là dove l'incisor e segue con punta metallica il filo del disegno e crea un vuoto tra gli spazi inchiostrati. In quest'ultimo caso l'immagine <<non è più la risultante dell'accostamento di segni neri sulla superficie bianca del foglio, bensì, al contrario, è frutto degli squarci di luce (corrispondenti ai segni tracciati dall'incisor e) che illuminano una superficie nera>> 2. 1 M. Charles Blanc, Grammaire des Arts du Dessein, Paris, V e Jules Renouard, Libreraire-Editeur, 1867; p G. Zacchè, La Xilografia, in La Xilografia a Mantova nel '900, Quistello (Mantova), Stampa Officina grafica Ceschi, 2001; p. 4 31

Le scuole dell infanzia del 1 Circolo di ABBIATEGRASSO

Le scuole dell infanzia del 1 Circolo di ABBIATEGRASSO Le scuole dell infanzia del 1 Circolo di ABBIATEGRASSO Scuola dell infanzia di v.le Papa Giovanni XXIII Scuola dell infanzia di Ozzero Scuola dell infanzia di Morimondo propongono ampliamento del progetto

Dettagli

<< La mia vita si consuma nel dolore; dammi forza secondo la tua Parola.>>

<< La mia vita si consuma nel dolore; dammi forza secondo la tua Parola.>> Salmo 119:28 > Cari fratelli e care sorelle in Cristo, Il grido di sofferenza del Salmista giunge fino a noi! Il grido di sofferenza

Dettagli

PROPOSTA DI CORSI DI FORMAZIONE PER DOCENTI

PROPOSTA DI CORSI DI FORMAZIONE PER DOCENTI BARBARA PISCINA Animatrice pedagogica cell. 3286766227 e-mail barbara.piscina@fastwebnet.it PROPOSTA DI CORSI DI FORMAZIONE PER DOCENTI Il percorso di formazione vuole essere l occasione per riflettere

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

Istituto Comprensivo "L.Pirandello" Scuola dell'infanzia PROGETTO DI LABORATORIO EXTRACURRICULARE MEDITERRANEO: STORIE DI MITI ED EROI

Istituto Comprensivo L.Pirandello Scuola dell'infanzia PROGETTO DI LABORATORIO EXTRACURRICULARE MEDITERRANEO: STORIE DI MITI ED EROI Istituto Comprensivo "L.Pirandello" Scuola dell'infanzia PROGETTO DI LABORATORIO EXTRACURRICULARE MEDITERRANEO: STORIE DI MITI ED EROI ANNO SCOLASTICO 2011/2012 Progetto di laboratorio extracurriculare

Dettagli

La spiaggia di fiori

La spiaggia di fiori 37 La spiaggia di fiori U na nuova alba stava nascendo e qualcosa di nuovo anche in me. Remai per un po in direzione di quella luce all orizzonte, fino a che l oceano di acqua iniziò pian piano a ritirarsi

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA A.S. 2014/2015 IL SALE DELLA TERRA MANGIOCANDO

PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA A.S. 2014/2015 IL SALE DELLA TERRA MANGIOCANDO PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA A.S. 2014/2015 IL SALE DELLA TERRA MANGIOCANDO Premessa NOI SIAMO PARTE DELLA TERRA ED ESSA È PARTE DI NOI INSEGNATE AI VOSTRI BAMBINI CHE LA TERRA È NOSTRA

Dettagli

01. Una domanda d'obbligo: quando hai cominciato ad avvertire sollecitazioni artistiche?

01. Una domanda d'obbligo: quando hai cominciato ad avvertire sollecitazioni artistiche? {oziogallery 463} 01. Una domanda d'obbligo: quando hai cominciato ad avvertire sollecitazioni artistiche? Da sempre! Fin da piccola ho avuto una grande passione per l arte, mi soffermavo spesso a contemplare

Dettagli

Come imparare a disegnare

Come imparare a disegnare Utilizzare la stupidità come potenza creativa 1 Come imparare a disegnare Se ti stai domandando ciò che hai letto in copertina è vero, devo darti due notizie. Come sempre una buona e una cattiva. E possibile

Dettagli

FACELESS VOICEOVER (Manu Luksch & Mukul Patel 2007) (Un Nuovo Tempo la Nuova Macchina tra cui continua un sogno singolare.)

FACELESS VOICEOVER (Manu Luksch & Mukul Patel 2007) (Un Nuovo Tempo la Nuova Macchina tra cui continua un sogno singolare.) FACELESS VOICEOVER (Manu Luksch & Mukul Patel 2007) (Un Nuovo Tempo la Nuova Macchina tra cui continua un sogno singolare.) Questa è la storia di una donna perseguitata da un eco di una memoria, un sogno

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

Gianpiero Andreatta IL BOSCO RACCONTA. Storie di uomini, alberi e animali. Dieci racconti e una riflessione. Disegni di Ernesto Roversi

Gianpiero Andreatta IL BOSCO RACCONTA. Storie di uomini, alberi e animali. Dieci racconti e una riflessione. Disegni di Ernesto Roversi Gianpiero Andreatta IL BOSCO RACCONTA Storie di uomini, alberi e animali Dieci racconti e una riflessione Disegni di Ernesto Roversi Gianpiero Andreatta, Il bosco racconta Copyright 2014 Edizioni del Faro

Dettagli

Logopedia in musica e. canzoni

Logopedia in musica e. canzoni Logopedia in musica e canzoni Un Lavoro di Gruppo, Giugno 2013 INTRODUZIONE Siamo un gruppo di persone, chi ricoverato in Degenza e chi in Day Hospital, del Presidio Ausiliatrice-don Gnocchi di Torino

Dettagli

Il Quotidiano in Classe

Il Quotidiano in Classe Il Quotidiano in Classe Classe III sez. B Report degli articoli pubblicati dagli studenti sul HYPERLINK "../Downloads/ ilquotidiano.it"ilquotidianoinclasse.it Allestimento di Laura Torelli Supervisione

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

In questo articolo l autrice, partendo da una considerazione sull importanza

In questo articolo l autrice, partendo da una considerazione sull importanza La forza dei simboli Elisabeth Löh Manna In questo articolo l autrice, partendo da una considerazione sull importanza che i simboli ricoprono nella nostra vita, ci aiuta a discernere quando se ne abusa

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA Campo d esperienza IMMAGINI,SUONI E COLORI. Disciplina: ARTE E IMMAGINE

SCUOLA DELL INFANZIA Campo d esperienza IMMAGINI,SUONI E COLORI. Disciplina: ARTE E IMMAGINE SCUOLA DELL INFANZIA Campo d esperienza IMMAGINI,SUONI E COLORI. Disciplina: ARTE E IMMAGINE TRAGUARDI ABILITA COMPETENZE FINE SCUOLA DELL INFANZIA 3 ANNI 4 ANNI 5 ANNI CONOSCENZE NUCLEO: ESPRIMERE E COMUNICARE

Dettagli

ARTE IN STERPAIA OPERE DI MONICA BORCA DEBORA CIOLLI COMUNE DI PIOMBINO

ARTE IN STERPAIA OPERE DI MONICA BORCA DEBORA CIOLLI COMUNE DI PIOMBINO 2009 ARTE IN STERPAIA OPERE DI MONICA BORCA DEBORA CIOLLI COMUNE DI PIOMBINO 2009 La manifestazione Arte in Sterpaia 2009 è stata realizzata con il contributo del Comune di Piombino e della Fondazione

Dettagli

SCUOLA DELL'INFANZIA " MADRE LINDA LUCOTTI" ISTITUTO MARIA AUSILIATRICE R.C. A.S. 2011 \ 2012

SCUOLA DELL'INFANZIA  MADRE LINDA LUCOTTI ISTITUTO MARIA AUSILIATRICE R.C. A.S. 2011 \ 2012 ISTITUTO MARIA AUSILIATRICE PREMESSA L incontro con la fiaba è molto stimolante perché sollecita nei bambini esperienze altamente educative, sul piano cognitivo, affettivo, linguistico e creativo. La fiaba

Dettagli

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA Il ciclo di Arcabas Arcabas è lo pseudonimo dell artista francese Jean Marie Pirot, nato nel 1926. Nella chiesa della Risurrezione a Torre de Roveri (BG) negli anni 1993-1994 ha realizzato un ciclo di

Dettagli

Presentazione. di Donatella Spinelli*

Presentazione. di Donatella Spinelli* Presentazione di Donatella Spinelli* Parole in corso è un libro e allo stesso tempo un gioco, pieno di consigli e di strumenti preziosi per chi vuole aiutare i bambini con difficoltà di lettura a progredire

Dettagli

Gaia. Il viaggio continua

Gaia. Il viaggio continua Gaia Il viaggio continua Laura Virgini GAIA Il viaggio continua Romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2014 Laura Virgini Tutti i diritti riservati A Te che Hai reso possibile l impossibile. A Te

Dettagli

COLLANA VITAE. A Maria per quel dieci che ha portato a qualcosa di buono

COLLANA VITAE. A Maria per quel dieci che ha portato a qualcosa di buono COLLANA VITAE A Maria per quel dieci che ha portato a qualcosa di buono Serena Milano HO SCELTO DI GUARIRE Un viaggio dal Cancro alla Rinascita attraverso le chiavi della Metamedicina, della Psicologia,

Dettagli

Io sono una porta semplice, aperta a metà ma capisco che sono fatta per essere spalancata

Io sono una porta semplice, aperta a metà ma capisco che sono fatta per essere spalancata Accogliente, aperta: magari un po a volte mi chiudo ma solo se sono stata distratta a cedere alla routine del quotidiano, non pecco di presunzione solo mi piace avere la disponibilità ad aprire la mia

Dettagli

Al gawsit, sulle tracce dell acqua. classi 3 a, 4 a, 5 a elementare e 1 a media

Al gawsit, sulle tracce dell acqua. classi 3 a, 4 a, 5 a elementare e 1 a media Al gawsit, sulle tracce dell acqua classi 3 a, 4 a, 5 a elementare e 1 a media Non si tratta di una visita guidata della riserva ma un viaggio coinvolgente e divertente lungo il ciclo dell acqua, di tappa

Dettagli

Ideazione, realizzazione e cura di Irene Di Ruscio (storico dell arte)

Ideazione, realizzazione e cura di Irene Di Ruscio (storico dell arte) MUSEO CIVICO BASILIO CASCELLA PESCARA LABORATORI DIDATTICI DI APPRENDIMENTO ANNO SCOLASTICO 2006/07 Ideazione, realizzazione e cura di Irene Di Ruscio (storico dell arte) Una genealogia di artisti e le

Dettagli

Il canale protettivo del Kundalini Yoga

Il canale protettivo del Kundalini Yoga Il canale protettivo del Kundalini Yoga PER COMINCIARE E consigliabile avere un ora ed un luogo determinati dedicati allo yoga. Tempo e spazio sono le coordinate della relatività della nostra esistenza

Dettagli

Scuola dell Infanzia M.Montessori. Progetto Educativo-Didattico A.S.2011-12

Scuola dell Infanzia M.Montessori. Progetto Educativo-Didattico A.S.2011-12 Scuola dell Infanzia M.Montessori Progetto Educativo-Didattico A.S.2011-12 Premessa Ogni bambino-a giunge alla Scuola dell Infanzia con un bagaglio di esperienze e conoscenze legate alla propria storia

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO

RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE Il bambino osserva con meraviglia ed esplora con curiosità il mondo, come dono di Dio Creatore. RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO PRIMARIA

Dettagli

Lontana è la primavera

Lontana è la primavera Lontana è la primavera Immagine in copertina: Amorosi innevata (Foto di Gianna Sanfelice) Antonio Pellegrino LONTANA È LA PRIMAVERA silloge www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Antonio Pellegrino Tutti

Dettagli

RINNOVAMENTO CARISMATICO CATTOLICO

RINNOVAMENTO CARISMATICO CATTOLICO INSEGNAMENTO IL MIO CUORE CANTA LE TUE LODI a cura di Carlo Arditi, Responsabile del Servizio Musica e Canto Nel preparare questa condivisione mi sono accorto che, pur non avendolo fatto apposta, anche

Dettagli

Senza tanti perchè, bevo caffè e annaffio le piante

Senza tanti perchè, bevo caffè e annaffio le piante Senza tanti perchè, bevo caffè e annaffio le piante Francesco Chiarini SENZA TANTI PERCHÈ, BEVO CAFFÈ E ANNAFFIO LE PIANTE poesie www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Francesco Chiarini Tutti i diritti

Dettagli

Citazioni & Frasi I. Analìa Scarpone. L'amore è la forza che ha permesso la creazione, non è mai troppo quel che si da con amore.

Citazioni & Frasi I. Analìa Scarpone. L'amore è la forza che ha permesso la creazione, non è mai troppo quel che si da con amore. Citazioni & Frasi I Analìa Scarpone L'amore è la forza che ha permesso la creazione, non è mai troppo quel che si da con amore. Prova per un attimo ad essere semplicemente felice, sciogli il passato, vivi

Dettagli

WORKSHOP BEST PRACTICE E INNOVAZIONE NELLE RSA: ESPERIENZE A CONFRONTO 3 Edizione

WORKSHOP BEST PRACTICE E INNOVAZIONE NELLE RSA: ESPERIENZE A CONFRONTO 3 Edizione WORKSHOP BEST PRACTICE E INNOVAZIONE NELLE RSA: ESPERIENZE A CONFRONTO 3 Edizione STORIE DI DONNE : IL LAVORO DI AUTO NARRAZIONE IN RSA Castellanza, 24 marzo 2015 a cura di CRISTIANO CASTELNOVO Direttore

Dettagli

Carissimi amici. Bellissima Primavera a voi! N 2 Gennaio-Marzo 2012

Carissimi amici. Bellissima Primavera a voi! N 2 Gennaio-Marzo 2012 Newsletter Essena N 2 Gennaio-Marzo 2012 Carissimi amici Bellissima Primavera a voi! Siamo molto felici di ritrovarvi in occasione di questa nuova stagione che sta per fiorire fra qualche tempo e che abbiamo

Dettagli

Un incontro significativo con l autore: motivazioni e obiettivi fondamentali per la realizzazione di un progetto di lettura per le scuole

Un incontro significativo con l autore: motivazioni e obiettivi fondamentali per la realizzazione di un progetto di lettura per le scuole Un incontro significativo con l autore: motivazioni e obiettivi fondamentali per la realizzazione di un progetto di lettura per le scuole Mi presento Mi chiamo Lisa Cappellazzo, ho 35 anni e son un insegnante

Dettagli

IL CREATO DONO DI DIO. Dio Padre ha pensato a me come dono per gli altri

IL CREATO DONO DI DIO. Dio Padre ha pensato a me come dono per gli altri IL CREATO DONO DI DIO I bambini sono abituati a vedere gli elementi del creato come oggetti usuali in quanto facenti parte del loro universo percettivo, per questo è importante che possano scoprire il

Dettagli

Scuole dell'infanzia Istituto Comprensivo Romeo Fusari Castiglione d'adda. Progettazione educativo- didattica di Religione Cattolica

Scuole dell'infanzia Istituto Comprensivo Romeo Fusari Castiglione d'adda. Progettazione educativo- didattica di Religione Cattolica Scuole dell'infanzia Istituto Comprensivo Romeo Fusari Castiglione d'adda Progettazione educativo- didattica di Religione Cattolica Anno scolastico 2013-2014 Premessa Insegnare religione cattolica nella

Dettagli

PROGETTI SEZIONE VIOLA VIOLA 3 ANNI ANNI. Ins.:Imma Esposito Maria Carlotta

PROGETTI SEZIONE VIOLA VIOLA 3 ANNI ANNI. Ins.:Imma Esposito Maria Carlotta PROGETTI SEZIONE VIOLA VIOLA 3 ANNI ANNI Ins.:Imma Esposito Maria Carlotta LE STAGIONI CI ACCOMPAGNANO NEL MONDO DEI COLORI Questo progetto è rivolto ai bambini di 3 anni, che pur non essendo ancora del

Dettagli

Esperienze tattili nella scuola e nell'editoria

Esperienze tattili nella scuola e nell'editoria Mauro L. Evangelista Esperienze tattili nella scuola e nell'editoria Contributo in occasione della manifestazione Libri che prendono forma (Roma 17 marzo 2010, MiBAC - FNIPC) Il mio interesse nei confronti

Dettagli

IL RIMARIO IL RICALCO

IL RIMARIO IL RICALCO Preparare un rimario: IL RIMARIO - gli alunni, a coppie o singolarmente, scrivono su un foglio alcune parole con una determinata rima; - singolarmente, scelgono uno dei fogli preparati e compongono nonsense

Dettagli

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte)

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte) La canzone dei colori Rosso rosso il cane che salta il fosso giallo giallo il gallo che va a cavallo blu blu la barca che va su e giù blu blu la barca che va su e giù Arancio arancio il grosso cappello

Dettagli

Istituto Comprensivo Monte Rosello Alto CURRICOLO SCUOLA DELL'INFANZIA

Istituto Comprensivo Monte Rosello Alto CURRICOLO SCUOLA DELL'INFANZIA Istituto Comprensivo Monte Rosello Alto CURRICOLO SCUOLA DELL'INFANZIA IL CURRICOLO DELLA SCUOLA DELL'INFANZIA PREMESSA La formula dell'istituto comprensivo, in cui si articola oggi la nostra scuola, prevede

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA. IC Borgaro Torinese

CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA. IC Borgaro Torinese via Ciriè 52 10071 BORGARO (TO) Tel. 0114702428-0114703011 Fax 0114510084 Cod. Fiscale 92045820013 TOIC89100P@istruzione.it http://www.icborgaro.it Marchio SAPERI certificato n. 14 CURRICOLO VERTICALE

Dettagli

ANNA PEIRETTI BRUNO FERRERO SINDONE BAMBINI RACCONTATA. Disegni di César

ANNA PEIRETTI BRUNO FERRERO SINDONE BAMBINI RACCONTATA. Disegni di César BRUNO FERRERO ANNA PEIRETTI La SINDONE RACCONTATA ai BAMBINI Disegni di César INSERTO REDAZIONALE DE L ORA DI RELIGIONE L OGGETTO più MISTERIOSO del MONDO G «uarda, è qui! C è scritto MUSEO!», grida Paolo.

Dettagli

playing // jeanne isabelle cornière e meri iacchi_a cura di silvia petronici museo primo conti fiesole - fi

playing // jeanne isabelle cornière e meri iacchi_a cura di silvia petronici museo primo conti fiesole - fi playing // jeanne isabelle cornière e meri iacchi_a cura di silvia petronici museo primo conti fiesole - fi Jeanne Isabelle Cornière Ricordi al vento Scultura in resina, vetro soffiato, fili da pesca,

Dettagli

Testata: Il Mattino Data: 22 Settembre 2013 Pag.: 39-43

Testata: Il Mattino Data: 22 Settembre 2013 Pag.: 39-43 Testata: Il Mattino Data: 22 Settembre 2013 Pag.: 39-43 Testata: Il Mattino Data: 22 Settembre 2013 Pag.: 49 Testata: Corriere dell Irpinia Data: 22 Settembre 2013 Pag.: 12 Testata: Ottopagine Data: 22

Dettagli

In tutte le SEI installazioni, il terzo Mood sarà sempre dedicato alla DONNA, affrontando aspetti sempre diversi dell'affascinante mondo femminile.

In tutte le SEI installazioni, il terzo Mood sarà sempre dedicato alla DONNA, affrontando aspetti sempre diversi dell'affascinante mondo femminile. Da una idea di Diverso Event Design, con la collaborazione di Banca Nuova, all'interno degli spazi del Metropole Hotel di Taormina, è nato il progetto Arts Club, con SEI installazioni che ci raccontano

Dettagli

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore Sac. Don Giuseppe Pignataro L oratorio: centro del suo cuore L'anima del suo apostolato di sacerdote fu l'oratorio: soprattutto negli anni di Resina, a Villa Favorita per circa un decennio, dal 1957 al

Dettagli

Mimmo Jodice, perdersi a guardare

Mimmo Jodice, perdersi a guardare Professione Mimmo Jodice, perdersi a guardare Riflessioni sulla fotografia: cos è la fotografia? Cos è la luce? Perché la scelta del bianconero? Cosa cambia con la fotografia digitale? Come avvicinarsi

Dettagli

Curricolo di Istituto Scuola Infanzia Piano formativo: costruzione del sé Competenze di scuola Traguardi Campi di esperienza

Curricolo di Istituto Scuola Infanzia Piano formativo: costruzione del sé Competenze di scuola Traguardi Campi di esperienza Competenze chiave di cittadinanza europee Imparare ad imparare Spirito di iniziativa ed imprenditorialità Curricolo di Istituto Scuola Infanzia Piano formativo: costruzione del sé Competenze di scuola

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA CAMPO DI : I DISCORSI E LE PAROLE E il campo che permette ai bambini, opportunamente guidati, di estendere il patrimonio lessicale, le competenze

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

IL CURRICOLO DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

IL CURRICOLO DELLA SCUOLA DELL INFANZIA IL CURRICOLO DELLA SCUOLA DELL INFANZIA I CAMPI DI ESPERIENZA Gli insegnanti accolgono, valorizzano ed estendono le curiosità, le esplorazioni, le proposte dei bambini e creano occasioni di apprendimento

Dettagli

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Obiettivi: - informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara - dare alcune indicazioni pratiche - suggerire alcuni

Dettagli

Esperienza d arte presso l asilo nido comunale Collodi Piossasco

Esperienza d arte presso l asilo nido comunale Collodi Piossasco Esperienza d arte presso l asilo nido comunale Collodi Piossasco. L asilo nido Collodi, gestito dalla Cooperativa Accomazzi per conto della Città di Piossasco, accoglie 45 bambini dai 6 ai 36 mesi. Aspetto

Dettagli

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C era una volta un album di foto scolorite. Un vecchio album di nome Sansone. Sansone era stato acquistato nel 1973 in un mercatino di Parigi da una certa signora Loudville.

Dettagli

PORCHIPINO. Periodo attuazione: ottobre/dicembre 2007

PORCHIPINO. Periodo attuazione: ottobre/dicembre 2007 PORCHIPINO Temi: L incontro, lo stare e il partire. La narrazione della storia di Porchipino, un piccolo riccio rimasto solo nel bosco, introduce i bambini al tema dell incontro, dell accoglienza del diverso

Dettagli

Curricolo Scuola Infanzia

Curricolo Scuola Infanzia Curricolo Scuola Infanzia CHIAVE COMPETENZA SOCIALE E CIVICA Riconosce ed esprime le proprie emozioni, è consapevole di desideri e paure, avverte gli stati d animo propri e altrui. Acquisire consapevolezza

Dettagli

Chiara e Findarfin SMS ROMANTICI. per tutte le occasioni. Simonelli electronic Book

Chiara e Findarfin SMS ROMANTICI. per tutte le occasioni. Simonelli electronic Book Chiara e Findarfin SMS ROMANTICI per tutte le occasioni SeBook Simonelli electronic Book Tre pensieri prima dei sogni: il primo per i tuoi occhi dolci, il secondo per il tuo viso delicato, il terzo per

Dettagli

Dimmi che è solo un sogno!

Dimmi che è solo un sogno! Mariuccia FADDA Istituto Tecnico Commerciale G. Dessì, classe 4 a E Dimmi che è solo un sogno! Tutto è iniziato con uno stupido intervento alla gamba, in quello stupido ospedale, con quello stupido errore

Dettagli

Sono state ideate e condotte 4 letture animate per la scuola Infanzia e Primaria ed altrettanti 4 incontri per l'utenza libera.

Sono state ideate e condotte 4 letture animate per la scuola Infanzia e Primaria ed altrettanti 4 incontri per l'utenza libera. Cristina Sedioli V. Marconi, 15 Montiano (FC) Tel: 0547-314074; 347-7354539 E-mail: cristina.sedioli@alice.it Al Sindaco Fabio Molari Resoconto del progetto Che avventura la lettura Percorsi narrativi

Dettagli

Scrivere o digitare? Questo è il problema

Scrivere o digitare? Questo è il problema Scrivere o digitare? Questo è il problema Alla carta stampata si è affiancato un fedele compagno: il web. Libro ed E-Book, lettera ed e-mail: la loro sarà convivenza o antagonismo? 1 / 6 Tempo addietro,

Dettagli

Valigie d artista: la valigia di Mirò

Valigie d artista: la valigia di Mirò Scuola dell Infanzia Maria Zoccatelli Dossobuono Unità di apprendimento grandi Valigie d artista: la valigia di Mirò ANNO SCOLASTICO 2013-2014 PREMESSA La volontà di proporre, nel gruppo d intersezione

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA IL SÉ E L ALTRO L ambiente sociale, il vivere insieme, le domande dei bambini

SCUOLA DELL INFANZIA IL SÉ E L ALTRO L ambiente sociale, il vivere insieme, le domande dei bambini Nella scuola dell'infanzia non si può parlare di vere e proprie "discipline", bensì di CAMPI DI ESPERIENZA educativa. Con questo termine si indicano i diversi ambiti del fare e dell'agire e quindi i settori

Dettagli

L EMPATIA E LA RELAZIONE EMPATICA

L EMPATIA E LA RELAZIONE EMPATICA L EMPATIA E LA RELAZIONE EMPATICA (a cura di Sandra Camuffo) MODULO I: COACHING ESSENTIALS Roma, 7-8 Marzo, 5 Aprile 2014 DEFINIRE L EMPATIA Le definizioni dell empatia coniate dagli studiosi e dai ricercatori

Dettagli

Briciola e la pulce: recensioni V B scuola Quasimodo

Briciola e la pulce: recensioni V B scuola Quasimodo Briciola e la pulce: recensioni V B scuola Quasimodo Apro gli occhi e mi accorgo si essere sdraiata su un letto. [ ] La prima cosa che mi viene in mente di chiedere è come mi chiamo e quanti anni ho. È

Dettagli

LA STORIA pagine per l insegnante Per far capire agli alunni il concetto di Storia, mostriamo loro un immagine allegorica e guidiamoli a comprenderne

LA STORIA pagine per l insegnante Per far capire agli alunni il concetto di Storia, mostriamo loro un immagine allegorica e guidiamoli a comprenderne LA STORIA pagine per l insegnante Per far capire agli alunni il concetto di Storia, mostriamo loro un immagine allegorica e guidiamoli a comprenderne la simbologia con domande stimolo: - Perché la Storia

Dettagli

Questa è la nostra vita un figlio a tutti i costi.

Questa è la nostra vita un figlio a tutti i costi. Questa è la nostra vita un figlio a tutti i costi. Una sera, dopo aver messo a letto mio figlio, stanca dopo una giornata molto impegnata, ho deciso di andare a letto presto, ma non riuscivo ad addormentarmi,

Dettagli

Lucia Baldini immagini

Lucia Baldini immagini Lucia Baldini immagini www.luciabaldini.it MUSEI FIORENTINI Questo lavoro fotografico ha come soggetto uno sguardo in bianco e nero ai Musei Fiorentini. E stato un lavoro molto coinvolgente e appassionante

Dettagli

PERCORSI PER LA SCUOLA PRIMARIA

PERCORSI PER LA SCUOLA PRIMARIA I percorsi proposti dalla Sezione Didattica dell Associazione Amici di Brera e dei Musei Milanesi all interno della Pinacoteca di Brera sono condotti grazie all ausilio di materiale didattico, appositamente

Dettagli

La biblioteca si accinge a riproporre una serie di attività rivolta alle. scolaresche; lo fa dopo un periodo intenso dedicato all allestimento di una

La biblioteca si accinge a riproporre una serie di attività rivolta alle. scolaresche; lo fa dopo un periodo intenso dedicato all allestimento di una La biblioteca si accinge a riproporre una serie di attività rivolta alle scolaresche; lo fa dopo un periodo intenso dedicato all allestimento di una nuova sede destinata ai bambini e ai ragazzi e che ha

Dettagli

Possa tu costruire la scala che conduce alle stelle e percorrerne ogni gradino (Bob Dylan)

Possa tu costruire la scala che conduce alle stelle e percorrerne ogni gradino (Bob Dylan) PROGETTO: Una vita, tante storie Possa tu costruire la scala che conduce alle stelle e percorrerne ogni gradino (Bob Dylan) Introduzione: Il racconto della propria vita è il racconto di ciò che si pensa

Dettagli

I bassifondi del Barocco

I bassifondi del Barocco I bassifondi del Barocco mostra 7 ottobre 2014-18 gennaio 2015 LIBRETTO RAGAZZI 7-12 anni CHE COS É IL BAROCCO? Ciao, io sono il Piccolo Ferdinando e conosco Villa Medici come le mie tasche. Se vuoi ti

Dettagli

Curricolo Scuola dell'infanzia

Curricolo Scuola dell'infanzia Curricolo Scuola dell'infanzia I Campi d'esperienza sviluppati sono destinati a confluire nei nuclei tematici che le diverse discipline svilupperanno già a partire dal primo anno della Scuola Primaria

Dettagli

Cerimonia di conferimento della Laurea magistrale honoris causa in Storia e critica delle arti e dello spettacolo a Bernardo Bertolucci

Cerimonia di conferimento della Laurea magistrale honoris causa in Storia e critica delle arti e dello spettacolo a Bernardo Bertolucci Cerimonia di conferimento della Laurea magistrale honoris causa in Storia e critica delle arti e dello spettacolo a Bernardo Bertolucci Intervento del Rettore Prof. Loris Borghi Parma, 16 dicembre 2014

Dettagli

presentazione di SILVIA MUNARI

presentazione di SILVIA MUNARI presentazione di SILVIA MUNARI Silvia Munari è nata a Rovigo il 29 aprile 1980, vive a Polesella in provincia di Rovigo. Diplomata Maestro d'arte applicata all'istituto d'arte "Dosso Dossi" di Ferrara

Dettagli

Giovedì 15 Marzo 2012

Giovedì 15 Marzo 2012 Giovedì 15 Marzo 2012 L ESPERIENZA DEL MORIRE COME AIUTARE I BAMBINI AD AFFRONTARE LA PERDITA DI UNA PERSONA CARA SILVIA VARANI Psicoterapeuta Fondazione ANT Italia Onlus Fratelli, a un tempo stesso, Amore

Dettagli

Il prossimo progetto

Il prossimo progetto Il prossimo progetto Probabilmente avrei dovuto usare una pietra più chiara per il pavimento. Avrebbe sottolineato la dimensione naturale della hall di ingresso, o forse è sbagliato il legno, anche se

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO G. CURIONI ROMAGNANO SESIA SCUOLE DELL INFANZIA STATALI DI GHEMME E ROMAGNANO SESIA ANNO SCOLASTICO 2013-14

ISTITUTO COMPRENSIVO G. CURIONI ROMAGNANO SESIA SCUOLE DELL INFANZIA STATALI DI GHEMME E ROMAGNANO SESIA ANNO SCOLASTICO 2013-14 ISTITUTO COMPRENSIVO G. CURIONI ROMAGNANO SESIA SCUOLE DELL INFANZIA STATALI DI GHEMME E ROMAGNANO SESIA ANNO SCOLASTICO 2013-14 INDICAZIONI NAZIONALI PER IL CURRICOLO DELLA SCUOLA DELL INFANZIA E DEL

Dettagli

L ERBOLARIO. Fiori scuri

L ERBOLARIO. Fiori scuri L ERBOLARIO Fiori scuri FIORICHIARI. FIORISCURI. FIORI PER LA PELLE. I profumi, le fragranze, rappresentano per tutti noi un intero universo di sensazioni. È facile infatti che ci capiti di associare e

Dettagli

Progettazione annuale

Progettazione annuale Scuola dell Infanzia PORRANEO Paritaria di ispirazione Salesiana dal 1899 Progettazione annuale Anno scolastico 2013/2014 TITOLO DELLA PROGETTAZIONE MARILU E I 5 SENSI Alla scoperta dei cinque sensi: Gustare

Dettagli

COMMENTO. infatti, prima è questa, poi è quella (Anna).

COMMENTO. infatti, prima è questa, poi è quella (Anna). RIASSUNTO Il poeta è seduto su un colle, con una siepe che gli impedisce di vedere l'orizzonte. Seduto e immerso nei suoi pensieri, si immagina spazi sterminati, silenzi sovrumani e una quiete profonda

Dettagli

PIANO PROGETTUALE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

PIANO PROGETTUALE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA PIANO PROGETTUALE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA PREMESSA La Scuola dell Infanzia offre a ciascun bambino un ambiente di vita e di cultura, un luogo di apprendimento e di crescita dalle forti connotazioni

Dettagli

Ma che musica maestre 2!!!

Ma che musica maestre 2!!! Istituto Comprensivo Nicola D Apolito Cagnano Varano Scuola dell infanzia Progetto di educazione musicale Ma che musica maestre 2!!! Educare, insegnare o lasciarsi andare alle proprie sensazioni? Ognuno

Dettagli

IL PRESEPE DEL TRENTINO IN PIAZZA SAN PIETRO

IL PRESEPE DEL TRENTINO IN PIAZZA SAN PIETRO IL PRESEPE DEL TRENTINO IN PIAZZA SAN PIETRO La gioia del dono ono emozioni di grande intensità e gioia quelle rimaste nel cuore dei Trentini all indomani della sciata memorabile di Papa Giovanni Paolo

Dettagli

Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è

Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è I fogli bianchi Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è frutto di immaginazione e non ha nessuna

Dettagli

I docenti della scuola dell'infanzia del 1 Circolo didattico di Qualiano, dopo aver consultato il P.O.F., concordano che le loro scelte progettuali

I docenti della scuola dell'infanzia del 1 Circolo didattico di Qualiano, dopo aver consultato il P.O.F., concordano che le loro scelte progettuali I docenti della scuola dell'infanzia del 1 Circolo didattico di Qualiano, dopo aver consultato il P.O.F., concordano che le loro scelte progettuali debbano essere attuate in virtù del fatto che al bambino

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA SCUOLA DELL INFANZIA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA SCUOLA DELL INFANZIA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA SCUOLA DELL INFANZIA ISTITUTO COMPRENSIVO VERBICARO PLESSI : Molinelli, Pantano e Orsomarso INSEGNANTI :Biondi Beatrice - D Aprile Carmelina - Di Santo Tiziana

Dettagli

PREMESSA. Inseg Chi è che piange? Bamb. E Francesca! Inseg. Perché piangi? Bamb. C è una mosca.! Sigh sigh

PREMESSA. Inseg Chi è che piange? Bamb. E Francesca! Inseg. Perché piangi? Bamb. C è una mosca.! Sigh sigh PREMESSA Le occasioni che i bambini hanno di vivere il contatto con la natura sono poche, soprattutto vivendo in città. Tuttavia, se lasciati liberi di muoversi anche in un piccolo giardino come quello

Dettagli

Casa Cosmica del Sangha di Antonello Ruggieri

Casa Cosmica del Sangha di Antonello Ruggieri Per l aula di meditazione che ha sede in via Piranesi 14 a Milano abbiamo commissionato all artista Antonello Ruggieri una installazione che favorisca gli stati meditativi che intendiamo coltivare; tale

Dettagli

Istituto Comprensivo n.6 Verona a.s. 2013-2014 Scuola Secondaria di I Grado Fainelli

Istituto Comprensivo n.6 Verona a.s. 2013-2014 Scuola Secondaria di I Grado Fainelli Istituto Comprensivo n.6 Verona a.s. 2013-2014 Scuola Secondaria di I Grado Fainelli Unità d apprendimento Il viaggio: alla scoperta di sé e dell altro Comprende: schema di unità d apprendimento scheda

Dettagli

SCHEDA DI LETTURA DI UN DIPINTO. Autore Pieter Bruegel il Vecchio (1525/1530 1569. Titolo. Datazione circa 1568-1569 Dimensioni 114x164 cm Tecnica

SCHEDA DI LETTURA DI UN DIPINTO. Autore Pieter Bruegel il Vecchio (1525/1530 1569. Titolo. Datazione circa 1568-1569 Dimensioni 114x164 cm Tecnica SCHEDA DI LETTURA DI UN DIPINTO A - DATI PRELIMINARI Autore Pieter Bruegel il Vecchio (1525/1530 1569 Titolo Nozze di contadini Datazione circa 1568-1569 Dimensioni 114x164 cm Tecnica Olio su tavola Materiali

Dettagli

luglio 24, 2011 &contesto arte

luglio 24, 2011 &contesto arte a OBIETTIVI 1 Indicare dove e quando è nata la Pop Art 2 Descrivere e confrontare opere Pop 3 Spiegare il significato di accusa alla società attribuito alla Pop Art COLLEGAMENTI INTERDISCIPLINARI Storia

Dettagli

Le nove opere esposte a Matera sono ispirate all equilibrio che nell essere umano si stabilisce

Le nove opere esposte a Matera sono ispirate all equilibrio che nell essere umano si stabilisce Venerdì 18 luglio 2014 dalle ore 19 alle ore 20 nella sala meeting di Palazzo Gattini a Matera l artista Smerakda Giannini presenta Entità. Una personale di opere che ritraggono il lavoro di una fotografa

Dettagli

Discussione e confronti

Discussione e confronti farescuola Elena Troglia Discussione e confronti I bambini imparano proponendo problemi, discutendone, cercando soluzioni argomentative. La discussione diviene un importante strumento didattico: i ragazzi

Dettagli

Tanti doni bellissimi!

Tanti doni bellissimi! Tanti doni bellissimi! Io sono dono di Dio e sono chiamato per nome. Progetto Educativo Didattico Religioso Anno Scolastico 2015 2016 Premessa Il titolo scelto per la programmazione religiosa 2015 2016

Dettagli

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci CAPITOLO 1 La donna della mia vita Oggi a un matrimonio ho conosciuto una donna fantastica, speciale. Vive a Palermo, ma appena se ne sente la cadenza, adora gli animali, cani e cavalli soprattutto, ma

Dettagli

narrazione percorso Espressivo creativo Scuola Primaria M.S. Tiozzo Classi quarte

narrazione percorso Espressivo creativo Scuola Primaria M.S. Tiozzo Classi quarte QUANDO LE ARTI SI INCONTRANO INCONTRANO Musica, arte, Musica arte narrazione sii intrecciano i t i i un in p percorso Espressivo creativo Scuola Primaria M.S. Tiozzo Classi quarte Senti, senti.. le note

Dettagli