EMOZIONI E COMPORTAMENTO DEGLI INVESTITORI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "EMOZIONI E COMPORTAMENTO DEGLI INVESTITORI"

Transcript

1 ENRICO RUBALTELLI EMOZIONI E COMPORTAMENTO DEGLI INVESTITORI 1. EMOZIONI, DECISIONI E INVESTIMENTI Uno degli ambiti dell economia in cui è più utile l integrazione dell analisi psicologica con i comportamenti degli agenti economici è certamente quello dei mercati finanziari. Il primo contributo di uno psicologo allo specifico studio dei mercati finanziari è stato quello di Slovic (1972) che pubblicò sul prestigioso «Journal of Finance» un articolo in cui descriveva i concetti di psicologia che avrebbero potuto essere utili all analisi dei comportamenti degli investitori. Non deve quindi sorprendere se l applicazione della psicologia all analisi dei mercati finanziari ha dato vita ad una vera e propria disciplina definita «finanza comportamentale» (Thaler 1993; Shefrin 2002; Shiller 2005; Rubaltelli 2006; Ferretti, Rubaltelli e Rumiati 2011). All interno del campo di indagine della finanza comportamentale si possono individuare diversi filoni di ricerca. In questo contributo mi concentrerò sui comportamenti individuali degli investitori ed in particolare sul modo in cui le emozioni influenzano le loro scelte. Recenti studi in psicologia cognitiva e sociale hanno dimostrato quanto le emozioni ed i comportamenti guidati dall intuito possano influenzare le scelte delle persone in diversi campi, finanza inclusa (Zweig 2007). Le persone sono solite pensare che i propri comportamenti dipendano da un attenta analisi delle informazioni a disposizione, tuttavia è stato dimostrato che in molti casi i ragionamenti consapevoli servono come giustificazioni di azioni messe in atto in modo intuitivo e guidate da reazioni di tipo emotivo (Tversky e Kahneman 1974; Loewenstein, Weber, Hsee e Welch 2001; Slovic, Finucane, Peters e MacGregor 2002). Le ricerche psicologiche hanno portato alla formulazione dei cosiddetti modelli del doppio processo nei quali viene ipotizzata l esistenza di processi di pensiero automatici e consapevoli che si integrano durante la presa di decisione (Epstein 1994; Chaiken e Trope 1999; Loewenstein et al. 2001; Slovic et al. 2002; Kahneman 2003; 2012; Evans 2009; Evans e Stanovich 2013). I processi automatici sono più veloci, richiedono meno risorse cognitive (essendo processi inconsapevoli non richiedono attenzione), e si basano SISTEMI INTELLIGENTI / a. XXVI, n. 2, agosto

2 su associazioni e reazioni emotive; al contrario, i processi consapevoli sono dispendiosi dal punto di vista cognitivo (richiedono molto sforzo in termini di attenzione e memoria), sono lenti e si basano sulla corretta applicazione di regole o procedure precise (Kahneman 2012). Il ragionamento di tipo consapevole dovrebbe monitorare e controllare le conclusioni raggiunte dai processi automatici e correggere le decisioni quando queste conclusioni si rivelano errate (Kahneman 2003). Tuttavia, questa attività di controllo, che richiede appunto sforzo cognitivo, avviene in modo piuttosto approssimativo. Il cervello fa costantemente un compromesso tra qualità (o precisione) della decisione e sforzo cognitivo con l intento di evitare di sprecare troppe energie in decisioni ritenute poco importanti. Di conseguenza, capita che delle conclusioni raggiunte dai processi automatici sfuggano al controllo dei processi consapevoli e arrivino ad influenzare i comportamenti delle persone. A causa della complessità dei mercati finanziari è molto facile che le conclusioni intuitive influenzino il comportamento degli investitori vista l incertezza e la quantità di informazioni che contraddistinguono questo tipo di decisioni. Quando una situazione è incerta le emozioni diventano un àncora da usare per dar senso a ciò che accade, inoltre l alto numero di informazioni crea un carico cognitivo che rende particolarmente difficile l elaborazione di ogni dato necessario a mettere in atto delle decisioni pienamente consapevoli (Simon 1978; Slovic et al. 2002). Ovviamente, i due processi di ragionamento interagiscono tra loro e difficilmente si riscontrano decisioni completamente guidate dall intuito, così come non si verificano quasi mai decisioni completamente guidate da un analisi «razionale» della situazione (cosa possibile solo se la situazione decisionale è estremamente semplice; Kahneman 2012). Ciò dipende soprattutto dal fatto che le emozioni e le conclusioni che emergono dalle valutazioni immediate influenzano il ragionamento consapevole, guidano l attenzione e, in definitiva, influenzano la selezione delle informazioni utilizzate per decidere. Partendo da questa introduzione ai modelli del doppio processo, i prossimi paragrafi descriveranno l impatto che l interazione tra i processi automatici e la complessità dei mercati finanziari ha sulle scelte di investimento. 2. EMOZIONI E PERCEZIONE DELLA RELAZIONE TRA RISCHIO E RENDIMENTO Una delle nozioni fondamentali quando si investe in borsa è quella della correlazione positiva tra rischio e rendimento, ovverosia il fatto che all aumentare del rischio di un investimento dovrebbe corrispondere un maggior rendimento (per lo meno su orizzonti temporali lunghi; Dimson, Marsh e Staunton 2002; Siegel 2002; Damodaran 2004; Shen 2005). In altre parole, il mercato dovrebbe ricompensare la decisione dell investitore di accettare un rischio offrendo un rendimento potenziale più elevato. 346

3 Tuttavia, le reazioni emotive delle persone rendono molto difficile per gli investitori riconoscere questa relazione. Infatti, la stragrande maggioranza degli investitori, inclusi quelli più esperti, ritiene che il rendimento sia correlato in modo negativo con il tasso di rischio di un investimento (Ganzach 2000; Shefrin e Statman 2001; Statman, Fisher e Anginer 2008). In altre parole, gli investitori si aspettano di ottenere un rendimento maggiore da titoli meno rischiosi, quando storicamente avviene il contrario. Ganzach (2000) è stato il primo a studiare in modo sperimentale questa percezione errata della relazione tra rischio e rendimento. A due gruppi di studenti di business school è stato chiesto di valutare trenta mercati finanziari mondiali. Il primo gruppo ha giudicato il rischio associato ad un investimento in ciascuno dei trenta mercati usando una scala da 1 (molto basso) a 9 (molto alto), mentre il secondo gruppo ha giudicato, sulla stessa scala, il rendimento atteso per ciascuno dei trenta mercati. I risultati hanno mostrato una correlazione negativa (r = 0,55) tra i giudizi forniti da coloro che facevano parte del primo gruppo (valutazione del rischio) e coloro che facevano parte del secondo gruppo (valutazione del rendimento atteso). Anche con un disegno sperimentale entro i soggetti in cui le stesse persone valutavano sia il rischio che il rendimento atteso, Ganzach ha replicato i risultati iniziali. Indipendentemente da quale domanda veniva chiesta per prima, la correlazione tra rischio e rendimento atteso era sempre negativa (r = 0,71 se veniva chiesto per prima cosa di valutare il rischio; r = 0,66 se veniva chiesto per prima cosa di valutare il rendimento atteso). In uno studio simile, Shefrin (2001) ha intervistato una serie di portfolio manager e analisti finanziari nel periodo Agli investitori è stata presentata una lista di otto diversi titoli azionari del settore tecnologico (es. Microsoft) e dovevano indicare, per ciascun titolo, il rendimento atteso (in percentuale) per l anno successivo e il rischio (su una scala da 0 a 10). Anche in questo caso, la correlazione tra le due misure è risultata negativa. È interessante constatare come la valutazione del rischio fosse piuttosto corretta, mentre era il rendimento atteso ad essere valutato in modo inesatto. Infatti, sostituendo il di ogni titolo alla valutazione del rischio fornita dai partecipanti la correlazione restava negativa. Shefrin ha spiegato questi risultati sulla base dell euristica della rappresentatività, un processo cognitivo attraverso il quale le persone si fidano eccessivamente degli stereotipi (Tversky e Kahneman 1974). Ad esempio, molti investitori fanno un equivalenza in base alla quale titoli di aziende famose sono rappresentativi di titoli più sicuri e con un rendimento superiore (Shefrin e Statman 2001). In realtà, i titoli di queste aziende sono più sicuri e spesso sopravvalutati, poiché scelti da molti investitori, di conseguenza ottengono rendimenti inferiori. Ancora una volta, il comportamento degli investitori è guidato da valutazioni di tipo intuitivo e da percezioni imperfette piuttosto che da una valutazione approfondita di ciò che succede nei mercati finanziari. 347

4 La tendenza degli investitori a percepire una correlazione negativa tra rischio e rendimento atteso è anche coerente con il ruolo che le reazioni emotive hanno nel guidare il comportamento. Slovic et al. (2002) hanno dimostrato che nel caso della valutazione di nuove tecnologie le persone percepiscono una correlazione negativa tra rischio e beneficio (ciò che in borsa sarebbe il rendimento di un investimento). Ad esempio, nel caso dei telefoni cellulari, coloro che ne apprezzano i vantaggi, come ad esempio la possibilità di comunicare da qualunque posto nel mondo, tenderanno a sottovalutare i danni dovuti ai campi elettromagnetici. Al contrario, persone preoccupate dai rischi associati ai telefoni cellulari finiranno col sottovalutare i benefici offerti da questa tecnologia. Gli investitori ragionano in modo simile, con la differenza che si trovano a decidere in un contesto più complesso. Quando un azienda è famosa questo induce gli investitori a provare sentimenti positivi, finendo per sopravvalutare i potenziali benefici e aspettarsi alti rendimenti da titoli a basso rischio. Inoltre, il termine rischio, che in finanza indica la variabilità degli esiti di un investimento, induce in molte persone delle reazioni emotive negative, dovute al fatto che induce a pensare al solo «rischio di perdere soldi». Di conseguenza, i processi automatici faticano a concepire come una dimensione etichettata come negativa (il rischio) possa produrre dei benefici in termini di superiore rendimento. Un interessante dimostrazione di quanto appena detto viene dal lavoro di Statman, Fisher e Anginer (2008), i quali hanno chiesto ad alcuni investitori con patrimoni elevati di giudicare alcune tra le aziende più ammirate e meno ammirate incluse nella lista «Most Admired Companies» della rivista «Fortune». Inizialmente, Statman e colleghi hanno presentato agli investitori una lista di 210 aziende presenti nella classifica di «Fortune» del 2007 e per ciascuna azienda hanno riportato il settore industriale. Agli intervistati è stato chiesto di giudicare le reazioni emotive indotte da ogni azienda su una scale da 0 («assolutamente negativa») a 10 («assolutamente positiva») e i risultati hanno correlato positivamente con la posizione che ogni azienda aveva nella classifica di «Fortune». Successivamente, a due distinti gruppi di investitori è stata presentata la stessa lista di aziende; il primo gruppo ha valutato il rendimento atteso di ogni azienda su una scala da 1 («basso») a 10 («alto»), mentre il secondo gruppo ha valutato il rischio usando una scala simile. Anche Statman e colleghi hanno trovato una relazione negativa tra rischio e rendimento atteso. Tuttavia, questa relazione sembra spiegata dalle reazioni emotive provate nei confronti di ciascuna azienda, dal momento che all aumentare della positività dell emozione diminuisce la percezione di rischiosità di un titolo ed aumenta il rendimento atteso. Questi risultati sono coerenti con le predizioni delle teorie del doppio processo (Epstein 1994; Loewenstein et al. 2001; Kahneman 2012). 348

5 3. CARICO COGNITIVO E EMOZIONI NELLE SCELTE DI INVESTIMENTO 3.1. «Attention grabbing» come strategia di selezione degli investimenti Come già accennato in precedenza, una delle caratteristiche principali dei mercati finanziari è quella di obbligare gli investitori ad elaborare un numero molto elevato di informazioni creando così un forte carico cognitivo. Quando le informazioni sono molto numerose e in costante aggiornamento è impossibile attendere a ciascuna di esse in modo preciso e l investitore è costretto ad elaborare una strategia per selezionare le informazioni più utili. Una delle capacità dei processi automatici è quella di orientare gli investitori verso informazioni che colpiscono in modo maggiore l attenzione, ad esempio perché suscitano reazioni emotive più intense (Slovic et al. 2002). Barber e Odean (2008) parlano di «attention grabbing», ovverosia del fatto che alcune informazioni attirano in modo automatico l attenzione e diventano particolarmente centrali nelle scelte degli investitori. L attention grabbing permette di ridurre sensibilmente il numero di titoli tra cui scegliere senza sovraccaricare il sistema cognitivo perché vengono selezionati solo i titoli che attirano l attenzione in modo automatico. Una strategia di questo tipo è profondamente influenzata dagli aspetti emotivi. È stato dimostrato che le reazioni emotive possono servire come una guida automatica dell attenzione (Öhman, Flykt e Esteves 2001; Anderson 2005; Vuilleumier 2005). Non a caso gli investitori sembrano particolarmente propensi a scegliere titoli e fondi azionari che investono in spazi pubblicitari sulle riviste specializzate e che hanno ottenuto risultati particolarmente positivi nel recente passato (Sirri e Tufano 1998; Jain e Wu 2000; Barber e Odean 2008). Non a caso le strategie pubblicitarie usate dai fondi sono volte ad aumentarne l attrattività piuttosto che a fornire informazioni rilevanti per una corretta scelta finanziaria (Huhmann e Bhattacharyya 2005). In linea con quanto proposto dalle teorie del doppio processo, l attenzione degli investitori viene rivolta verso titoli e fondi che inducono le reazioni emotive più intense (Loewenstein et al. 2001; Slovic et al. 2002). Quando queste reazioni sono positive il titolo verrà incluso tra quelli da considerare per un futuro investimento, mentre reazioni emotive negative indurranno l investitore ad evitare un certo titolo Pubblicità, emozioni e investimenti La pubblicità è chiaramente un importante mezzo attraverso il quale aziende e fondi di investimento possono attrarre l attenzione degli investitori, indurre reazioni emotive positive ed aumentare la probabilità di essere scelti. La pubblicità è un modo per ridurre il costo della ricerca del 349

6 fondo migliore e infatti gli investitori la utilizzano per ridurre il numero di alternative tra cui scegliere (Sirri e Tufano 1998). Jain e Wu (2000) hanno analizzato le performance ed i flussi dei fondi comuni aperti pubblicizzati su riviste come «Barron s» e «Money». Nonostante, un obiettivo delle pubblicità potrebbe essere quello di mostrare abilità gestionali superiori alla media questa conclusione viene smentita dal fatto che nel periodo successivo i fondi più pubblicizzati e quelli meno pubblicizzati ottengono, in media, gli stessi rendimenti. Jain e Wu (2000) suggeriscono invece che lo scopo della pubblicità sia quello di aumentare i flussi grazie alla tendenza degli investitori a pensare che i buoni rendimenti del recente passato si protrarranno anche nel futuro (DeBondt 1993). Il rendimento positivo registrato nel recente passato induce delle reazioni emotive più positive e attraverso il classico meccanismo psicologico della conferma di ipotesi (Wason 1968) porta gli investitori ad aspettarsi che il trend continui nella speranza di poterne approfittare. Mullainathan e Shleifer (2005) hanno invece studiato le pubblicità uscite sulle riviste «Money» e «Business Week» tra il 1994 ed il 2003, ovverosia prima, durante e dopo la bolla di internet. Secondo questi autori gli investitori avrebbero due principali credenze, che vengono applicate a fasi diverse del mercato. Una prima credenza, tipica di periodi di mercato «toro», riguarda la crescita e l obiettivo di investire per diventare ricchi. La seconda credenza, tipica di periodi di mercato «orso», riguarda la protezione ed ha l obiettivo di garantirsi un futuro tranquillo. Se fosse vero che la pubblicità di strumenti finanziari viene fatta con lo scopo di informare gli investitori non dovrebbero esserci differenze tra i messaggi prodotti durante periodi di mercato «toro» e periodi di mercato «orso». Se però l obiettivo non è tanto quello di informare l investitore per permettergli una decisione più consapevole ma di rendere attraente un certo fondo allora i messaggi pubblicitari dovrebbero essere adattati in base alle credenze che gli investitori hanno in diverse fasi del mercato. Mullainathan e Shleifer hanno effettivamente confermato che questa seconda possibilità è quella che si verifica nella realtà. Infatti, la scelta di presentare i rendimenti di un fondo e la scelta di quale strumento pubblicizzare sono entrambe influenzate dall andamento del mercato e dal tentativo di fornire messaggi che vengano interpretati in modo favorevole dagli investitori. Ancora una volta il target non sono tanto i processi di tipo consapevole e analitico, ma piuttosto i processi intuitivi ed emotivi dal momento che questi ultimi possono avere un grande impatto sul comportamento degli investitori. Questi effetti della pubblicità non si riscontrano solamente per i fondi ma anche per singoli titoli. Yan e Chemmanur (2009) hanno studiato le pubblicità di aziende quotate in borsa riconducendo i risultati al concetto di «attention grabbing» già descritto in precedenza. I dati hanno mostrato che il rendimento dei titoli di aziende che hanno avuto una maggiore esposizione pubblicitaria è superiore nell anno in cui è apparsa la pubbli- 350

7 cità rispetto all anno successivo. Fehele, Tsyplakov e Zdorovtsov (2005) hanno invece studiato l effetto che gli spot mandati in onda durante il Super Bowl, la finale del campionato di football americano, uno degli eventi sportivi più seguiti del mondo, ha sul rendimento dei titoli delle aziende apparse in video. Considerando il periodo , Fehele e colleghi hanno trovato che nel giorno successivo alla partita, il rendimento anomalo medio dei titoli delle aziende i cui prodotti sono apparsi negli spot è pari a 0,45% e raggiunge il 2% a due settimane dal Super Bowl. Questi autori sottolineano poi come questo fenomeno incida particolarmente sulle scelte dei piccoli investitori individuali. Questi investitori hanno una minore capacità di analizzare elevate quantità di dati e quindi hanno una maggiore probabilità di utilizzare strategie automatiche di selezione delle informazioni Cambiare il nome di aziende e fondi per renderli più attraenti In modo simile aziende e fondi possono influenzare le scelte degli investitori con semplici modifiche del nome o del ticker, ma senza modificare la sostanza del loro business. Ad esempio, Cooper, Dimitrov e Rau (2001) hanno mostrato che quando la bolla di internet era al suo massimo verso la fine degli anni 90, le aziende che cambiavano il proprio nome aggiungendo il suffisso «.com» ottenevano ritorni anomali rispetto alla performance registrata prima del cambio di nome. Negli Stati Uniti, la maggioranza di questi cambiamenti è avvenuta nel 1999, ad un ritmo medio di sette aziende al mese. Mediamente il prezzo di ogni azione quindici giorni prima del cambio di nome era di $2,79 e raggiungeva $4,20 quindici giorni dopo il cambio di nome. Allo stesso modo quindici giorni dopo il cambio di nome aumentava anche il volume medio degli scambi rispetto al volume registrato quindici giorni prima del cambio. Cooper e colleghi hanno trovato risultati simili anche modificando la finestra temporale e testando una finestra temporale più breve (due giorni dopo il cambio di nome rispetto a due giorni prima) ed una finestra temporale più lunga (trenta giorni dopo il cambio di nome rispetto a trenta giorni prima). La spiegazione fornita da Cooper e colleghi (2001) si fonda sul fatto che gli investitori sarebbero più propensi a scegliere ciò che va di moda in un determinato momento piuttosto che valutare per ogni singolo titolo se il suo rendimento atteso e il suo rischio sono compatibili con il loro portafoglio e con i loro obiettivi di investimento. Una simile spiegazione è compatibile con l effetto dell attention grabbing descritto in precedenza (Barber e Odean 2008) ed anche con le teorie del doppio processo (Epstein 1994; Loewenstein et al. 2001; Kahneman 2012). Ciò che va di moda è più familiare e quindi più piacevole, inoltre, nei mercati finanziari, le mode sono solitamente associate alla possibilità di 351

8 ottenere guadagni sopra alla media, così da suscitare reazioni emotive particolarmente positive negli investitori (Shiller 2005). In un successivo studio relativo ai fondi di investimento, Cooper, Gulen e Rau (2005) hanno mostrato che i fondi con maggiore probabilità di cambiare nome sono quelli più vecchi, che necessitano di riconquistare l attenzione degli investitori, e quelli con i rendimenti più negativi, che hanno bisogno di creare un associazione con una moda che susciti emozioni positive negli investitori. Come nel caso dei titoli, se il nome di un fondo cambia in modo coerente con una moda il flusso degli investimenti tende ad essere superiore sei mesi dopo il cambio rispetto a sei mesi prima. Un altro modo per quantificare l effetto che il cambio di nome, ma non di strategia di investimento, ha sui flussi diretti verso un fondo è quello di fare un confronto tra fondi che cambiano nome e fondi simili che non cambiano nome. Cooper e colleghi (2005) hanno mostrato che, nell anno successivo, i fondi che cambiano nome ottengono un aumento dei flussi superiore del 20,17%. Inoltre, sono più frequenti i cambi di nome «hot», ovverosia in direzione di una moda vincente (65%), piuttosto che i cambi «cold» che non hanno come target una particolare moda ma dipendono da scelte tecniche. Ciò conferma che l obiettivo è quello di attrarre l attenzione degli investitori e di creare un associazione tra il fondo e una moda che induce emozioni positive. Non a caso, l aumento dei flussi si registra solamente per i fondi che operano cambi di nome «hot». Infine, la maggioranza dei cambi di nome, siano essi «hot» o «cold», viene definita una modifica di tipo «cosmetico», ovverosia solo apparente. In altre parole, il nome cambia ma la strategia di investimento rimane quella precedente. I fondi che fanno modifiche di tipo «hot e cosmetico» sono quelli che ottengono gli aumenti dei flussi maggiori dopo il cambio di nome (Cooper et al. 2005). Questi risultati sono un ulteriore conferma del fatto che gli investitori sono più propensi a fare scelte intuitive, basate sulle reazioni emotive e sulle mode, piuttosto che ad analizzare a fondo le strategie di investimento ed i risultati passati dei diversi fondi. 4. ALTRE IMPLICAZIONI DELLE EMOZIONI SULLE SCELTE DI INVESTIMENTO 4.1. L effetto di disposizione Le emozioni influenzano anche numerosi altri comportamenti degli investitori che la finanza classica fatica a spiegare. Ad esempio, Shefrin e Statman (1985) hanno dimostrato, usando i dati di migliaia di transazioni, che nella maggior parte dei casi gli investitori vendono troppo presto i titoli che stanno guadagnando valore e tengono in portafoglio troppo a lungo i titoli che stanno perdendo valore. Questo fenomeno è 352

9 stato definito «effetto di disposizione» e, oltre ai dati raccolti grazie alle transazioni eseguite dagli investitori, è stato replicato in diversi paesi nel mondo (Odean 1998; Shefrin 2002) ed anche in ricerche sperimentali in laboratorio (Weber e Camerer 1998; Rubaltelli, Rubichi, Savadori, Ferretti e Tedeschi 2005). Tra le diverse spiegazioni che sono state proposte quella che ha ricevuto più credito è basata sulla teoria del prospetto (Kahneman e Tversky 1979; Kahneman, Knetsch e Thaler 1990; Grinblatt e Han 2002) ed in particolare sul diverso atteggiamento verso il rischio che le persone evidenziano a seconda che i risultati finali siano delle perdite o delle vincite. Nel caso delle perdite vi è una tendenza ad assumersi dei rischi maggiori pur di evitare di perdere, mentre nel caso dei guadagni vi è una preferenza per alternative sicure tali da garantire una vincita anche se questo significa rinunciare alla possibilità di ottenere un risultato migliore (Kahneman e Tversky 1979). Secondo questa interpretazione dell effetto di disposizione, gli investitori non sono disposti a vendere un titolo il cui valore sta diminuendo perché questo renderebbe la perdita definitiva, portando la persona a provare delle emozioni di tipo negativo. Al contrario, quando il valore di un titolo sta aumentando, gli investitori non perdono tempo e lo vendono rapidamente per rendere il guadagno definitivo e provare delle emozioni positive. In altre parole, viene anticipata l emozione suscitata dall evento conseguente alla decisione di vendere un titolo. Se il titolo sta guadagnando l investitore anticiperà il piacere di incassare la differenza tra prezzo di acquisto e prezzo di vendita ed anche l orgoglio di aver scelto correttamente l azienda su cui investire. Al contrario, se il titolo sta perdendo, l investitore anticiperà il dolore suscitato dal fatto di chiudere una posizione in perdita ed anche il fatto di dover ammettere un errore nella scelta dei propri investimenti. Proprio queste reazioni emotive negative aumenteranno la sua tendenza a scommettere su un futuro recupero. Tuttavia, la ricerca dimostra che il più delle volte questo recupero non avviene e gli investitori vendono il titolo quando oramai non vale più nulla (Shefrin e Statman 1985; Odean 1998) Quotazione in borsa, fluidità e scelte di investimento Una situazione in cui le emozioni hanno un impatto significativo sulle scelte degli investitori è quella della quotazione di nuove aziende in borsa. Decidere se investire o meno su un azienda che sta per essere quotata in borsa richiede una valutazione dell investimento molto complessa perché caratterizzata dalla mancanza di informazioni e da un elevata incertezza. Infatti, mentre le aziende quotate devono fornire in modo costante informazioni relative al proprio bilancio, questo non è obbligatorio per aziende che non sono quotate in borsa (lo devono fare solo nel periodo immediatamente precedente all ingresso in borsa). 353

10 Se è vero, come abbiamo visto nel caso dell attention grabbing, che le emozioni aiutano a dirigere l attenzione e a selezionare le informazioni quando il carico cognitivo è elevato, è altrettanto vero che in assenza di informazioni precise l emozione può diventare un indizio per guidare la decisione degli investitori (Slovic et al. 2002). Per esempio, MacGregor, Slovic, Dreman e Berry (2000) hanno dimostrato che nel caso delle aziende che vengono quotate in borsa la reazione emotiva nei confronti del settore industriale di cui fanno parte predice la decisione di investire o meno. Come già esposto in precedenza gli investitori che hanno una reazione intuitiva positiva verso un azienda o un settore industriale saranno più propensi a sopravvalutare i possibili benefici (rendimento) e meno pronti a riconoscere la possibilità che si tratti di un investimento poco conveniente (MacGregor et al. 2000). In assenza di informazioni precise l effetto delle emozioni sulla decisione di investire o meno è particolarmente marcato perché la scarsità di informazioni rende particolarmente difficile il lavoro di monitoraggio che i processi consapevoli dovrebbero esercitare sui processi di tipo automatico. Sempre relativamente alla quotazione di aziende in borsa, Alter e Oppenheimer (2006) hanno dimostrato che la fluidità cognitiva, ovverosia quanto un particolare stimolo è facile da elaborare, può fare la differenza. La fluidità cognitiva induce sentimenti di familiarità e reazioni emotive positive che inducono le persona a preferire stimoli facili da elaborare piuttosto che stimoli difficili da elaborare (Schwarz 2004). Sulla base di queste evidenze empiriche, Alter e Oppenheimer hanno testato l ipotesi che, al momento di essere quotate in borsa, aziende con un nome più facile da elaborare siano anche quelle sui cui gli investitori sono più disposti a puntare. I risultati hanno mostrato come questa ipotesi sia corretta anche se solamente su brevi periodi di tempo. Aziende con un nome più facile da pronunciare fanno registrare un rendimento significativamente superiore sia dopo un giorno dall ingresso in borsa sia dopo una settimana. Tuttavia, questo non è più vero quando si confrontano i rendimenti a sei mesi di distanza dalla quotazione in borsa Gli effetti dell umore sugli investimenti Fino ad ora è stato descritto l impatto che le reazioni emotive hanno sulle scelte di investimento. Tuttavia, anche l umore dell investitore al momento della decisione può avere un effetto dal momento che può influenzare il suo modo di elaborare le informazioni. A differenza delle reazioni emotive che sono una risposta affettiva a stimoli esterni (come, ad esempio, il nome di un azienda o il suo rendimento recente), l umore è un vissuto emotivo che ha origine dal decisore ed influenza il modo in cui viene percepita la realtà circostante. Diverse ricerche nel campo delle psicologia delle decisione e della psicologia sociale hanno 354

11 dimostrato che l umore ha un forte impatto sui comportamenti e può essere usato come un informazione per capire quale corso d azione sia più opportuno seguire (Lerner e Keltner 2000; Schwarz e Clore 2003; Peters 2006). Questi studi hanno mostrato, tra le altre cose, che persone in un umore negativo sono propense ad utilizzare processi analitici ed hanno meno fiducia nei messaggi che ricevono. Al contrario, persone in un umore positivo sono più propense ad usare processi intuitivi, euristiche e meno disposte a mettere in dubbio i messaggi che ricevono (Schwarz e Clore 2003). Nonostante sia difficile testare l umore degli investitori e metterlo in relazione con le loro scelte di portafoglio, diversi studiosi hanno cercato di verificare l impatto di questa variabile usando delle proxy dell umore, ovverosia altre variabili che però si sa avere un effetto sull umore delle persone. Per esempio, Hirshleifer e Shumway (2003) hanno dimostrato che il clima atmosferico nelle sedi di ventisei diverse borse valori ha una correlazione con i rendimenti ottenuti dai mercati nel periodo In particolare, è emerso che la presenza di tempo soleggiato correla in modo positivo con il rendimento di queste borse, tra le quali anche New York, Londra, Milano, Rio e Singapore (il clima piovoso e la presenza della neve non hanno invece effetto sui rendimenti). L interpretazione di questi risultati è quella che il bel tempo migliori l umore inducendo gli investitori ad essere più ottimisti riguardo alla possibilità di guadagnare (il tempo atmosferico viene quindi considerato una proxy dell umore, dal momento che non è possibile misurarlo direttamente). Altri studi hanno trovato risultati simili usando altre proxy dell umore. Yuan, Zheng e Zuh (2006) hanno mostrato che le fasi lunari influenzano il rendimento di quarantasette mercati mondiali, dove il rendimento è risultato migliore del 6,6% nei giorni di luna nuova rispetto a quelli di luna piena. Edmans, García e Norli (2007) hanno trovato che i mercati finanziari ottengono performance migliori subito dopo che la squadra nazionale ha vinto un torneo importante (come, ad esempio, mondiali di calcio, mondiali di basket ed olimpiadi). Anche le stagioni sembrano influenzare i risultati ottenuti dai mercati mondiali (Kamstra, Kramer e Levi 2000; 2003). In particolare, si registrano risultati meno positivi nel periodo in cui le ore di luce diminuiscono (durante l autunno in Italia). Questo risultato viene collegato ad un diffuso stato d umore negativo la cui esistenza è dimostrata da una forma di depressione stagionale (SAD, seasonal affective disorder), ovverosia una forma lieve di depressione indotta dalla riduzione di luce durante il giorno. I mercati finanziari hanno un rendimento inferiore proprio in questo periodo, più o meno a partire dalla fine di agosto (Kamstra et al. 2000; 2003). 355

12 5. CONCLUSIONI Questo contributo ha cercato di proporre una visione ragionata del modo in cui le emozioni influenzano il comportamento degli investitori. Nell introduzione sono stati chiariti i principali modelli usati per spiegare come le emozioni influenzano il ragionamento e la presa di decisione (modelli del doppio processo; Kahneman 2012), mentre nelle tre sezioni successive sono stati descritti alcuni studi relativi al ruolo che le emozioni hanno sulla percezione della relazione rischio e rendimento, sulla selezione delle informazioni e scelta degli investimenti (l attention grabbing) e su altri comportamenti come ad esempio la vendita di titoli già presenti in portafoglio (l effetto di disposizione). Naturalmente, molti altri esempi e ricerche avrebbero potuto trovare spazio in questo articolo, tuttavia sono stati scelti solamente temi che avessero un evidente connotato emotivo e un effettivo valore nello spiegare fenomeni che la finanza classica fatica ad integrare all interno dei modelli del comportamento razionale (Shiller 2005). Nonostante, siano stati descritti soprattutto casi in cui le emozioni inducono gli investitori in errore, va chiarito che esse hanno un valore adattivo e permettono di velocizzare i processi decisionali così da poter affrontare in modo flessibile contesti in costante cambiamento ed evoluzione (Kahneman 2012). Grazie al feedback proveniente dalle reazioni emotive le persone sono in grado di reagire più rapidamente e di risparmiare energie cognitive per prendere decisioni ritenute davvero importanti. Il sistema cognitivo si è quindi evoluto adottando un compromesso tra qualità della decisione e quantità di energie spese (Kahneman 2003). Queste caratteristiche del sistema cognitivo sono rilevanti in tutte le situazioni in cui le persone devono prendere una decisione, ma ancor di più in campi come quello finanziario in cui la capacità di reagire rapidamente e di gestire lo stress sono abilità che possono fare la differenza tra guadagnare o perdere ingenti somme di denaro. Di conseguenza, la grande influenza che i processi automatici, guidati dall intuito e dalle emozioni, hanno sul comportamento degli investitori non può essere sottovalutata e dovrebbe essere presa in maggiore considerazione non solo dagli investitori o dai consulenti finanziari, ma anche dai legislatori nel momento in cui si cerca di creare prospetti informativi più efficaci e di incentivare scelte più ragionate (De Marco, Ferretti e Rubaltelli 2014). RIFERIMENTI BIBLIOGRAFICI Alter, A.L., Oppenheimer, D.M. (2006). Predicting short-term stock fluctuations by using processing fluency. Proceedings of the National Academy of Science, 103, pp

13 Anderson, A.K. (2005), Affective influences on the attentional dynamics supporting awareness. Journal of Experimental Psychology: General, 134, pp Barber, B.M., Odean, T. (2008). All that glitters: The effect of attention and news on the buying behavior of individual and institutional investors. Review of Financial Studies, 21, pp Chaiken, S., Trope, Y. (1999). Dual-process theories in social psychology. New York: Guilford Press. Cooper, M.J., Dimitrov, O., Rau, R.P. (2001). A rose.com by any other name. Journal of Finance, 56, pp Cooper, M.J., Gulen, H., Rau, R.P. (2005). Changing names with style: Mutual fund name changes and their effects on fund flows. Journal of Finance, 60, pp Damodaran, A. (2004). Investment fables: Exposing the myths of «can t miss» investment strategies. New York: Prentice Hall. De Marco, D., Ferretti, R., Rubaltelli, E. (2014). Etichette affettive e processi decisionali negli investimenti: l effetto del nome sulla percezione soggettiva del rischio dei fondi comuni. Banca Impresa Società, 33, pp DeBondt, W.M.F. (1993). Betting on trends: Intuitive forecasts of financial risk and return. International Journal of Forecasting, 9, pp Dimson, E., Marsh, P., Staunton M. (2002). Triumpth of the optimists. Princeton, N.J.: Princeton University Press. Edmans, A., García, D., Norli, Ø. (2007). Sport sentiment and stock returns. Journal of Finance, 62, pp Epstein, S. (1994). Integration of the cognitive and the psychodynamic unconscious. American Psychologist, 49, pp Evans, J.S.B.T. (2009). How many dual process do we need? One, two, or many?, In J.B.S.T. Evans e K. Frankish (a cura di), In two minds: Dual process and beyond. New York: Oxford University Press, pp Evans, J.S.B.T., Stanovich, K.E. (2013). Dual-process theories of higher cognition. Perspective on Psychological Science, 8, pp Fehele, F., Tsyplakov, S., Zdorovtsov, V. (2005). Can companies influence investor behaviour through advertising? Super Bowl commercials and stock returns. European Financial Management, 11, pp Ferretti, R., Rubaltelli, E., Rumiati, R. (2011). La mente finanziaria. Economia e psicologia al servizio dell investitore. Bologna: Il Mulino. Ganzach, Y. (2000). Judging risk and return of financial assets. Organizational Behavior and Human Decision Processes, 83, pp Grinblatt, M., Han, B. (2002). The disposition effect and momentum. NBER Working Paper n Hirshleifer, D., Shumway T. (2003). Good day sunshine: Stock returns and the wheather. Journal of Finance, 58, pp Huhmann, B.A., Bhattacharyya, N. (2005). Does mutual fund advertising provide necessary investment information? International Journal of Bank Marketing, 23, pp Jain, P.C., Wu, S. (2000). Truth in mutual fund advertising. Evidence on future performance and fund flows. Journal of Finance, 55, pp Kahneman, D. (2003). A perspective on judgment and choice. American Psychologist, 58, pp

14 Kahneman, D. (2012). Pensieri lenti e veloci. Milano: Mondadori. Kahneman, D., Tversky, A. (1979). Prospect theory: An analysis of decision under risk. Econometrica, 47, pp Kahneman, D., Knetsch, J.L., Thaler, R.H. (1991). Anomalies: The endowment effect, loss aversion, and status quo bias. Journal of Economic Perspectives, 5, pp Kamstra, M.J., Kramer, L.A., Levi, M.D. (2000). Losing sleep at the market: The daylight saving anomaly. American Economic Review, 90, pp Kamstra, M.J., Kramer, L.A., Levi, M.D. (2003). Winter blues: A SA D stock market cycle. American Economic Review, 93, pp Lerner, J.S., Keltner, D. (2000). Fear, anger, and risk. Journal of Personality and Social Psychology, 8, pp Loewenstein, G.F., Weber, E.U., Hsee, C.K., Welch, N. (2001). Risk as feelings. Psychological Bulletin, 127, pp MacGregor, D.G., Slovic, P., Dreman, D., Berry, M. (2000). Imagery, affect and financial judgment. Journal of Psychology and Financial Markets, 1, pp Mullainathan, S., Shleifer, A. (2005). Persuasion in finance. NBER Working Paper n Odean, T. (1998). Volume, volatility, price, and profit when all traders are above average. Journal of Finance, 53, pp Öhman, A., Flykt, A., Esteves, F. (2001). Emotion drives attention: Detecting the snake in the grass. Journal of Experimental Psychology: General, 130, pp Peters, E. (2006). The functions of affect in the construction of preferences. In S. Lichtenstein e P. Slovic (a cura di), The construction of preference. Cambridge: Cambridge University Press, pp Rubaltelli, E. (2006). Psicologia dei mercati finanziari: Distorsioni cognitive, percezione del rischio e comportamenti collettivi. Giornale Italiano di Psicologia, 33, pp Rubaltelli, E., Rubichi, S., Savadori, L., Tedeschi, M., Ferretti, R. (2005). Numerical information format and investment decisions: Implications for the disposition effect and the status quo bias. Journal of Behavioral Finance, 6, pp Schwarz, N. (2004). Metacognitive experiences in consumer judgment and decision making. Journal of Consumer Psychology, 14, pp Schwarz, N., Clore, G.L. (2003). Mood as information: 20 years later. Psychological Inquiry: An International Journal for the Advancement of Psychological Theory, 14, pp Shefrin, H. (2001). Do investors expect higher returns from safer stocks than from riskier stocks? Journal of Psychology and Financial Markets, 2, pp Shefrin, H. (2002). Beyond greed and fear: Understanding behavioral finance and the psychology of investing. Boston, MA: Harvard Business School Press. Shefrin, H., Statman, M. (1985). The disposition to sell winners too early and ride losers too long: Theory and evidence. Journal of Finance, 40, pp Shefrin, H., Statman M. (2001). Expectations about stock returns. Working Paper, Santa Clara University. 358

15 Shen, P. (2005). How long is a long term investment? Federal Reserve Bank of Kansas, First Quarter. Shiller, R.J. (2005). Irrational exuberance (2 nd ed.). Princeton, N.J.: Princeton University Press. Siegel, J.J. (2002). Stocks for the long run (3 rd ed.). New York: McGraw-Hill. Simon, H.A. (1978). Rationality as process and product of thought. American Economic Review, 68, pp Sirri, E.R., Tufano, P. (1998). Costly search and mutual fund flows. Journal of Finance, 53, pp Slovic, P. (1972). Psychological study of human judgments: Implications for investment decision making. Journal of Finance, 27, pp Slovic, P., Finucane, M., Peters, E., MacGregor, D. (2002). The affect heuristic. In T. Gillovich, D. Griffin e D. Kahneman (a cura di), Intuitive judgment: Heuristic and biases. Cambridge: Cambridge University Press, pp Statman, M., Fisher, K.L., Anginer, D. (2008). Affect in a behavioral assetpricing model. Financial Analysts Journal, 64, pp Thaler, R.H. (1993). Advances in behavioral finance II. New York: Russell Sage Foundation. Tversky, A., Kahneman, D. (1974). Judgment under uncertainty: Heuristics and biases. Science, 185, pp Vuilleumier, P. (2005). How brains beware: Neutral mechanisms of emotional attention. Trends in Cognitive Sciences, 9, pp Wason, P.C. (1968). Reasoning about a rule. Quarterly Journal of Experimental Psychology, 20, pp Weber, M., Camerer, C.F. (1998). The disposition effect in securities trading: An experimental analysis. Journal of Economic Behavior and Organization, 33, pp Yan, A., Chemmanur, T. (2009). Advertising, attention, and stock returns. Working Paper. Yuan, K., Zheng, L., Zhu, Q. (2006). Are investors moonstruck? Lunar phases and stock returns. Journal of Empirical Finance, 13, pp Zweig, J. (2007). Your money and your brain: How the new science of neuroeconomics can help make you rich. New York: Simon & Schuster. Enrico Rubaltelli, Dipartimento di Psicologia dello Sviluppo e della Socializzazione, Università di Padova, Via Venezia 8, Padova

16

Media sentiment e mercati finanziari: analisi delle relazioni

Media sentiment e mercati finanziari: analisi delle relazioni Media sentiment e mercati finanziari: analisi delle relazioni Roma, 21 Gennaio 2014 Giuseppe Tripodi PhD Banking and Finance Università degli studi di Roma Tor Vergata giuseppe.tripodi@uniroma2.it 1 Indice

Dettagli

ESPERIMENTO PSICOLOGIA E INVESTIMENTI ETICI

ESPERIMENTO PSICOLOGIA E INVESTIMENTI ETICI - DPSS - Università degli Studi di Padova http://decision.psy.unipd.it/ ESPERIMENTO PSICOLOGIA E INVESTIMENTI ETICI Corso di Psicologia Cognitiva (Prof. Lorella Lotto) Facoltà di Lettere e Filosofia Corso

Dettagli

Testi del Syllabus. Docente INNOCENTI ALESSANDRO Matricola: 004615. Insegnamento: 101507 - ECONOMIA APPLICATA. Anno regolamento: 2011 CFU:

Testi del Syllabus. Docente INNOCENTI ALESSANDRO Matricola: 004615. Insegnamento: 101507 - ECONOMIA APPLICATA. Anno regolamento: 2011 CFU: Testi del Syllabus Docente INNOCENTI ALESSANDRO Matricola: 004615 Anno offerta: 2013/2014 Insegnamento: 101507 - ECONOMIA APPLICATA Corso di studio: PE002 - SCIENZE POLITICHE Anno regolamento: 2011 CFU:

Dettagli

RASSEGNA BIBLIOGRAFICA. Analisi d opera* SHILLER R.J., Irrational exuberance, Princeton (NJ), Princeton University

RASSEGNA BIBLIOGRAFICA. Analisi d opera* SHILLER R.J., Irrational exuberance, Princeton (NJ), Princeton University RASSEGNA BIBLIOGRAFICA Analisi d opera* SHILLER R.J., Irrational exuberance, Princeton (NJ), Princeton University Press, 2000. Fra i fenomeni che appaiono incomprensibili alla scienza economica, uno ha

Dettagli

LAUDATIO PRONUNCIATA IN OCCASIONE DEL CONFERIMENTO DELLA LAUREA AD HONOREM A DANIEL KAHNEMANN Trento, 14 ottobre 2002

LAUDATIO PRONUNCIATA IN OCCASIONE DEL CONFERIMENTO DELLA LAUREA AD HONOREM A DANIEL KAHNEMANN Trento, 14 ottobre 2002 LAUDATIO PRONUNCIATA IN OCCASIONE DEL CONFERIMENTO DELLA LAUREA AD HONOREM A DANIEL KAHNEMANN Trento, 14 ottobre 2002 RINO RUMIATI Il Prof. Daniel Kahneman è nato a Tel Aviv e si è laureato in Psicologia

Dettagli

Cognitive biases and heuristics. Lumsa 18 maggio 2015

Cognitive biases and heuristics. Lumsa 18 maggio 2015 Cognitive biases and heuristics Lumsa 18 maggio 2015 Homo oeconomicus Razionalità delle decisioni: massimizzazione dell utilità attesa, updating bayesiano, aspettative razionali. Psicologi (ed economisti

Dettagli

Teoria del Prospetto: avversione alle perdita, framing e status quo

Teoria del Prospetto: avversione alle perdita, framing e status quo - DPSS - Università degli Studi di Padova http://decision.psy.unipd.it/ Teoria del Prospetto: avversione alle perdita, framing e status quo Corso di Psicologia del Rischio e della Decisione Facoltà di

Dettagli

OLTRE LA CONSULENZA AGLI INVESTIMENTI

OLTRE LA CONSULENZA AGLI INVESTIMENTI OLTRE LA CONSULENZA AGLI INVESTIMENTI Immagine tratta da Freud, la finanza e la follia Economist 22 gennaio 2004 L intuizione umana è una pessima guida quando abbiamo a che fare con il rischio Ruggero

Dettagli

EMH E FINANZA COMPORTAMENTALE

EMH E FINANZA COMPORTAMENTALE EMH E FINANZA COMPORTAMENTALE Il materiale di questa ultima parte del corso è tratto da: Inefficient Markets. An Introduction to Behavioral Finance, Andrei Shleifer, Oxford University Press (2000), cap.

Dettagli

Testi del Syllabus. Docente INNOCENTI ALESSANDRO Matricola: 004615. Insegnamento: 2000655 - MARKETING. Anno regolamento: 2012 CFU:

Testi del Syllabus. Docente INNOCENTI ALESSANDRO Matricola: 004615. Insegnamento: 2000655 - MARKETING. Anno regolamento: 2012 CFU: Testi del Syllabus Docente INNOCENTI ALESSANDRO Matricola: 004615 Anno offerta: 2014/2015 Insegnamento: 2000655 - MARKETING Corso di studio: LE007 - COMUNICAZIONE, LINGUE E CULTURE Anno regolamento: 2012

Dettagli

Giudizio, decisione e violazione degli assiomi di razionalità

Giudizio, decisione e violazione degli assiomi di razionalità - DPSS - Università degli Studi di Padova http://decision.psy.unipd.it/ Giudizio, decisione e violazione degli assiomi di razionalità Corso di Psicologia del Rischio e della Decisione Facoltà di Scienze

Dettagli

La costruzione di un portafoglio ed il ruolo degli ETF

La costruzione di un portafoglio ed il ruolo degli ETF La costruzione di un portafoglio ed il ruolo degli ETF Prof. Elena Beccalli, Milano ETF DAY Milano, 24 ottobre 2013 Il problema dell'investitore Condizioni di incertezza: riferimento ai dati storici, ma

Dettagli

Università Ca Foscari Venezia. Consob - Luiss - 4 Giugno 2010

Università Ca Foscari Venezia. Consob - Luiss - 4 Giugno 2010 La percezione del rischio Ugo Rigoni Università Ca Foscari Venezia Il rischio nella prospettiva della finanza classica Prerequisiti Un ipotesi statistica: rendimenti distribuiti normalmente Un ipotesi

Dettagli

Agenda. Introduzione alla Finanza Comportamentale Il campione di riferimento Risultati ottenuti Stagionalità Conclusioni

Agenda. Introduzione alla Finanza Comportamentale Il campione di riferimento Risultati ottenuti Stagionalità Conclusioni Behavioral Funds Agenda Introduzione alla Finanza Comportamentale Il campione di riferimento Risultati ottenuti Stagionalità Conclusioni Introduzione alla Finanza Comportamentale La finanza comportamentale

Dettagli

Limitazioni cognitive e comportamento del consumatore (Frank, Capitolo 8)

Limitazioni cognitive e comportamento del consumatore (Frank, Capitolo 8) Limitazioni cognitive e comportamento del consumatore (Frank, Capitolo 8) RAZIONALITÀ LIMITATA Secondo Herbert Simon, gli individui non sono in grado di comportarsi come i soggetti perfettamente razionali

Dettagli

Classificazione delle riviste di interesse dell A.M.A.S.E.S.

Classificazione delle riviste di interesse dell A.M.A.S.E.S. Classificazione delle riviste di interesse dell A.M.A.S.E.S. Il Presidente ricorda che allo scopo di dare utili indicazioni ai soci Amases, e in particolare ai giovani, sulle riviste maggiormente interessate

Dettagli

GIOCHI E SCOMMESSE - DOCUMENTO DI DISCUSSIONE

GIOCHI E SCOMMESSE - DOCUMENTO DI DISCUSSIONE GIOCHI E SCOMMESSE - DOCUMENTO DI DISCUSSIONE il giocatore reale non è razionale la rilevanza delle euristiche l euristica della rappresentatività Nel corso del terzo incontro in tema di scienze cognitive

Dettagli

Introduzione agli investimenti finanziari

Introduzione agli investimenti finanziari FINANZAINPILLOLE Introduzione agli investimenti finanziari Carlo grannonio La prima regola: non perdere denaro. La seconda: non dimenticare mai la prima. (W. Buffett) Limitazione di responsabilità Il documento

Dettagli

L ipotesi dei mercati efficienti e le sue critiche

L ipotesi dei mercati efficienti e le sue critiche L ipotesi dei mercati efficienti e le sue critiche Burton G. Melkiel(2003), The efficientmarket hypothesis and its critics, Journal of Economic Perspectives, Vol.17, No. 1, Winter 2003, p.59-82 Working

Dettagli

SHORT NOTES SERIES N. 8. L attention grabbing non funziona la domenica? Riccardo Ferretti e Marco Vignudini

SHORT NOTES SERIES N. 8. L attention grabbing non funziona la domenica? Riccardo Ferretti e Marco Vignudini SHORT NOTES SERIES N. 8 L attention grabbing non funziona la domenica? Riccardo Ferretti e Marco Vignudini (Università di Modena e Reggio Emilia e Cefin) Marzo CEFIN Centro Studi di Banca e Finanza Dipartimento

Dettagli

della salute Dopo averci ragionato vi proponiamo qualche aggancio noi non produciamo sanità, noi produciamo salute.

della salute Dopo averci ragionato vi proponiamo qualche aggancio noi non produciamo sanità, noi produciamo salute. Lean thinking e prevenzione della salute Dopo averci ragionato vi proponiamo qualche aggancio con le attività del Dipartimento di Prevenzione: primo noi non produciamo sanità, noi produciamo salute. Dania

Dettagli

Teoria del Prospetto: avversione alle perdita, framing e status quo

Teoria del Prospetto: avversione alle perdita, framing e status quo - DPSS - Università degli Studi di Padova http://decision.psy.unipd.it/ Teoria del Prospetto: avversione alle perdita, framing e status quo Corso di Psicologia del Rischio e della Decisione Facoltà di

Dettagli

Studio di Eventi e Modifiche del MIB30

Studio di Eventi e Modifiche del MIB30 Marco Grazzi Studio di Eventi e Modifiche del MIB30 Sant Anna School of Advanced Studies, Pisa, Italy Seminari Giovani Ricercatori 1 luglio 2004, Facoltà di Economia, Pisa 1. Sommario Studio di Eventi

Dettagli

IL CONSUMO CONSAPEVOLE DI ENERGIA ELETTRICA IN ITALIA

IL CONSUMO CONSAPEVOLE DI ENERGIA ELETTRICA IN ITALIA PRESENTAZIONE DELLA RICERCA IL CONSUMO CONSAPEVOLE DI ENERGIA ELETTRICA IN ITALIA ROMA 23 OTTOBRE 2008 Vorrei ringraziare gli intervenuti, i relatori, le Istituzioni ed il GSE che con la sua collaborazione

Dettagli

Titolo del progetto di ricerca: L accesso al mercato borsistico come strumento di crescita delle PMI

Titolo del progetto di ricerca: L accesso al mercato borsistico come strumento di crescita delle PMI Titolo del progetto di ricerca: L accesso al mercato borsistico come strumento di crescita delle PMI Settore disciplinare: SECS-P09 (Finanza Aziendale) Professore Tutor: Dott.sa Barbara Petracci 1) Il

Dettagli

Le scelte di investimento degli investitori individuali: un analisi empirica

Le scelte di investimento degli investitori individuali: un analisi empirica Corso di Laurea magistrale in Economia e finanza Tesi di Laurea Le scelte di investimento degli investitori individuali: un analisi empirica Relatore Ch. Prof. Ugo Rigoni Laureando Luca Bozzato Matricola

Dettagli

Lezione 12 Applicazioni: Internet stock, fusioni ed acquisizioni

Lezione 12 Applicazioni: Internet stock, fusioni ed acquisizioni Lezione 12 Applicazioni: Internet stock, fusioni ed acquisizioni Analisi degli Investimenti 2014/15 Lorenzo Salieri Internet Stock In concomitanza alla crescente popolarità del settore Internet osservata

Dettagli

➍ Dalla produzione alla distribuzione: il ruolo dell'investment advice

➍ Dalla produzione alla distribuzione: il ruolo dell'investment advice Gli inserti di ➍ Dalla produzione alla distribuzione: il ruolo dell'investment advice ANNA MARIA D ARCANGELIS Professore Associato di Economia del Mercato Mobiliare e Investment Banking Università degli

Dettagli

La rappresentazione nella pubblicità. Università di Roma La Sapienza (Prof. Maria D Alessio) 1. Premessa. Le azioni della ricerca.

La rappresentazione nella pubblicità. Università di Roma La Sapienza (Prof. Maria D Alessio) 1. Premessa. Le azioni della ricerca. Università di Roma La Sapienza (Prof. Maria D Alessio) 1 La rappresentazione nella pubblicità Premessa La letteratura internazionale ha affrontato negli ultimi anni la pubblicità che utilizza i bambini

Dettagli

DAI MERCATI EFFICIENTI ALLA FINANZA COMPORTAMENTALE. Raffaella Barone

DAI MERCATI EFFICIENTI ALLA FINANZA COMPORTAMENTALE. Raffaella Barone DAI MERCATI EFFICIENTI ALLA FINANZA COMPORTAMENTALE Raffaella Barone Abstract. In questo lavoro si cerca di evidenziare il ruolo che la finanza comportamentale ha assunto nello spiegare l andamento dei

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CAGLIARI. Direzione per il Personale. La gestione del colloquio di valutazione

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CAGLIARI. Direzione per il Personale. La gestione del colloquio di valutazione UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CAGLIARI Direzione per il Personale - Settore Sviluppo Risorse Umane - SISTEMA DI VALUTAZIONE PERFORMANCE INDIVIDUALE La gestione del colloquio di valutazione INDICE INTRODUZIONE

Dettagli

La finanza comportamentale e le scelte di investimento dei risparmiatori. Implicazioni per la vigilanza

La finanza comportamentale e le scelte di investimento dei risparmiatori. Implicazioni per la vigilanza La finanza comportamentale e le scelte di investimento dei risparmiatori. Implicazioni per la vigilanza Nadia Linciano Roma, 4 giugno 2010 Il ruolo delle Autorità di vigilanza: la chiave di lettura comportamentale

Dettagli

gruppo skema consulenza d azienda skema investment srl progetti di investimento Responsabile: Franco Bulgarini

gruppo skema consulenza d azienda skema investment srl progetti di investimento Responsabile: Franco Bulgarini gruppo skema consulenza d azienda skema investment srl progetti di investimento Responsabile: Franco Bulgarini vers 17092013 Questo documento è stato utilizzato come supporto ad una presentazione orale.

Dettagli

*CRISI FINANZIARIA E SCELTE DI PORTAFOGLIO NEL MERCATO RETAIL: Rischio, rendimento e Financial capability.

*CRISI FINANZIARIA E SCELTE DI PORTAFOGLIO NEL MERCATO RETAIL: Rischio, rendimento e Financial capability. *CRISI FINANZIARIA E SCELTE DI PORTAFOGLIO NEL MERCATO RETAIL: Rischio, rendimento e Financial capability. *di Roberto Lombardi : Docente di Economia degli Intermediari Finanziari Alla luce dell attuale

Dettagli

Decisioni di finanziamento e mercati finanziari efficienti BMAS Capitolo 12

Decisioni di finanziamento e mercati finanziari efficienti BMAS Capitolo 12 Finanza Aziendale Decisioni di finanziamento e mercati finanziari efficienti BMAS Capitolo 12 Copyright 2003 - The McGraw-Hill Companies, srl 1 Argomenti Decisioni di finanziamento e VAN Informazioni e

Dettagli

2. Conoscenza del negoziatore e processi euristici

2. Conoscenza del negoziatore e processi euristici 2. Conoscenza del negoziatore e processi euristici Il processo di risoluzione delle situazioni di effettivo o potenziale conflitto basato sul metodo del negoziato prevede per le parti la possibilità di

Dettagli

Judgment. Ogni giorno prendiamo migliaia di decisoni, dalle più banali alle più importanti. Ma quante di queste sono giuste? hoganjudgement.

Judgment. Ogni giorno prendiamo migliaia di decisoni, dalle più banali alle più importanti. Ma quante di queste sono giuste? hoganjudgement. Judgment Ogni giorno prendiamo migliaia di decisoni, dalle più banali alle più importanti. Ma quante di queste sono giuste? hoganjudgement.com 2014 Hogan Assessment Systems PERSONALITÀ E DECISIONI I problemi

Dettagli

Variabili situazionali e differenze individuali nei processi decisionali

Variabili situazionali e differenze individuali nei processi decisionali Seconda Università di Napoli Facoltà di Economia - Dipartimento di Diritto ed Economia Facoltà di Psicologia - Dipartimento di Psicologia 20 e 21 maggio 2010 Economia cognitiva e sperimentale: decisioni

Dettagli

Capitolo 7 2 LE PRATICHE QUOTIDIANE DI VALUTAZIONE. Negli Stati Uniti si considera che ogni ragazzo abbia delle abilità diverse rispetto gli altri, e

Capitolo 7 2 LE PRATICHE QUOTIDIANE DI VALUTAZIONE. Negli Stati Uniti si considera che ogni ragazzo abbia delle abilità diverse rispetto gli altri, e Capitolo 7 2 LE PRATICHE QUOTIDIANE DI VALUTAZIONE. Negli Stati Uniti si considera che ogni ragazzo abbia delle abilità diverse rispetto gli altri, e siccome la valutazione si basa sulle abilità dimostrate

Dettagli

UNA NUOVA EQUAZIONE DEL VALORE

UNA NUOVA EQUAZIONE DEL VALORE UNA NUOVA EQUAZIONE DEL VALORE Studio Innovazione Ing. Renzo Rizzo ISTUD, Responsabile Area Business Innovation, Direttore Master di Marketing Studio Innovazione, Consulenza e Gestione per Progetti di

Dettagli

Le scelte di investimento in ambito previdenziale con la Finanza Comportamentale

Le scelte di investimento in ambito previdenziale con la Finanza Comportamentale Le scelte di investimento in ambito previdenziale con la Finanza Comportamentale R e l a t o r e : E n r i c o M a r i a C e r v e l l a t i P r o f e s s o r e d i F i n a n z a a l l U n i v e r s i

Dettagli

L elicitazione delle preferenze verso il rischio e il tempo: una opportunità per la nuova mifid

L elicitazione delle preferenze verso il rischio e il tempo: una opportunità per la nuova mifid L elicitazione delle preferenze verso il rischio e il tempo: una opportunità per la nuova mifid Federico Perali Dipartimento di Scienze Economiche Università degli studi di Verona Scelte di Investimento

Dettagli

relatore: Pietro Paciello 22 febbraio 2012 www.uptrend.it Email: pietro.paciello@gmail.com

relatore: Pietro Paciello 22 febbraio 2012 www.uptrend.it Email: pietro.paciello@gmail.com relatore: Pietro Paciello 22 febbraio 2012 www.uptrend.it Email: pietro.paciello@gmail.com COME OPERARE CON SUCCESSO SUL FOREX Sistemi automatizzati, regole comportamentali, analisi intermarket e money

Dettagli

LA STIMA DEL COST OF EQUITY (Ke) Valutazione d impresa aprile 2012 dott. Lanfranco Lodi

LA STIMA DEL COST OF EQUITY (Ke) Valutazione d impresa aprile 2012 dott. Lanfranco Lodi LA STIMA DEL COST OF EQUITY (Ke) 0 CAPM: si fonda sul presupposto che investitori realizzino diversificazione di portafoglio remunerazione solo del rischio non diversificabile R i =K el* = R f + β i x

Dettagli

DIFFERENZE INTERCULTURALI NELLA DEFINIZIONE DEL REATO DI STUPRO

DIFFERENZE INTERCULTURALI NELLA DEFINIZIONE DEL REATO DI STUPRO DIFFERENZE INTERCULTURALI NELLA DEFINIZIONE DEL REATO DI STUPRO PATRIZIA MILESI, ISABELLA ALBERICI Dipartimento di Psicologia, Università Cattolica di Milano Introduzione Varie ricerche hanno dimostrato

Dettagli

Dinamica negoziazioni su prodotti stranieri

Dinamica negoziazioni su prodotti stranieri Interactive Brokers presenta Dinamica negoziazioni su prodotti stranieri Alessandro Bartoli, Interactive Brokers Il webinar inizia alle 18:00 CET webinars@interactivebrokers.com www.ibkr.com/webinars Member

Dettagli

Lezione 14 Rendimenti dell analisi tecnica

Lezione 14 Rendimenti dell analisi tecnica Lezione 14 Rendimenti dell analisi tecnica Analisi degli Investimenti 2014/15 Lorenzo Salieri Introduzione L obiettivo principale dell analisi tecnica è quello di identificare i titoli mispriced (sottovalutati

Dettagli

LE POLITICHE DI COMUNICAZIONE

LE POLITICHE DI COMUNICAZIONE LE POLITICHE DI COMUNICAZIONE FINALITA far conoscere, differenziare e fare memorizzare il prodotto e la marca ad accrescerne il valore percepito (significati simbolici, segnali di valore) La differenziazione

Dettagli

Lezione 13 Rendimenti conseguibili con l analisi fondamentale

Lezione 13 Rendimenti conseguibili con l analisi fondamentale Lezione 13 Rendimenti conseguibili con l analisi fondamentale Analisi degli Investimenti 2014/15 Lorenzo Salieri Introduzione Il principale obiettivo dell analisi fondamentale è di determinare il valore

Dettagli

Conoscenze e competenze dei consulenti finanziari in tema di caratteristiche del cliente e valutazione di adeguatezza

Conoscenze e competenze dei consulenti finanziari in tema di caratteristiche del cliente e valutazione di adeguatezza Conoscenze e competenze dei consulenti finanziari in tema di caratteristiche del cliente e valutazione di adeguatezza Nadia Linciano Ufficio Studi Economici Outline I comportamenti degli investitori italiani

Dettagli

La rilevazione della tolleranza al rischio degli investitori

La rilevazione della tolleranza al rischio degli investitori La rilevazione della tolleranza al rischio degli investitori Nadia Linciano Ufficio Studi Economici Outline Il rischio è una grandezza soggettiva La tolleranza al rischio è una grandezza psicologica La

Dettagli

skema investment srl progetti di investimento responsabile: Franco Bulgarini www.skema.it

skema investment srl progetti di investimento responsabile: Franco Bulgarini www.skema.it skema investment srl progetti di investimento responsabile: Franco Bulgarini www.skema.it vers.20042012 Questo documento è stato utilizzato come supporto ad una presentazione orale. Il contenuto non è

Dettagli

IL CONTROLLO DEL RISCHIO NELLA VALUTAZIONE DEL PORTAFOGLIO

IL CONTROLLO DEL RISCHIO NELLA VALUTAZIONE DEL PORTAFOGLIO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO La congiuntura Economica IL CONTROLLO DEL RISCHIO NELLA VALUTAZIONE DEL PORTAFOGLIO ALESSANDRO BIANCHI 20 Novembre 2014 Indice Introduzione: cosa intendiamo

Dettagli

La Finanza Comportamentale

La Finanza Comportamentale La Finanza Comportamentale (Certo che sono disposto a rischiare. A patto che non si vedano mai delle perdite.) Gli stupidi esistono, sostiene Larry Summers, dell università di Harvard. Gli investitori

Dettagli

ottenere delle basi sulla quale poter sviluppare successivamente progetti di miglioramento organizzativo a partire dalle priorità individuate all

ottenere delle basi sulla quale poter sviluppare successivamente progetti di miglioramento organizzativo a partire dalle priorità individuate all Introduzione Il tema del benessere organizzativo è attualmente molto discusso all interno dei contesti lavorativi. Ciò perché tutti coloro che si occupano di organizzazione e di gestione delle risorse

Dettagli

Il processo decisionale di copertura del «cash flow interest rate risk» nelle imprese industriali

Il processo decisionale di copertura del «cash flow interest rate risk» nelle imprese industriali Il processo decisionale di copertura del «cash flow interest rate risk» nelle imprese industriali di Giuseppe Zillo e Elisabetta Cecchetto (*) La valutazione degli effetti delle variazioni dei tassi di

Dettagli

PSICOLOGIA GENERALE CFU:12. 3moduli: Percezione; Psicologia dell apprendimento e della memoria ; Psicologia Della personalità M-PSI/01

PSICOLOGIA GENERALE CFU:12. 3moduli: Percezione; Psicologia dell apprendimento e della memoria ; Psicologia Della personalità M-PSI/01 PSICOLOGIA GENERALE CFU:12 3moduli: Percezione; Psicologia dell apprendimento e della memoria ; Psicologia Della personalità M-PSI/01 Modulo:Percezione CFU:4 Wolfe J.M., Kluender K.R., Levi D.M., Bartoshuk

Dettagli

SHORT NOTES SERIES N. 1. Fondi pensione ed equity risk premium

SHORT NOTES SERIES N. 1. Fondi pensione ed equity risk premium SHORT NOTES SERIES N. 1 Fondi pensione ed equity risk premium Giuseppe Marotta (Università di Modena e Reggio Emilia e Cefin) Giugno 2007 CEFIN Centro Studi di Banca e Finanza Dipartimento di Economia

Dettagli

Le Performance del nostro portafoglio non le fanno i mercati le fanno i nostri comportamenti. RIFLESSIONI DI FINANZA COMPORTAMENTALE

Le Performance del nostro portafoglio non le fanno i mercati le fanno i nostri comportamenti. RIFLESSIONI DI FINANZA COMPORTAMENTALE Le Performance del nostro portafoglio non le fanno i mercati le fanno i nostri comportamenti. RIFLESSIONI DI FINANZA COMPORTAMENTALE Immagine tratta da Freud, la finanza e la follia Economist 22 gennaio

Dettagli

DANTON INVESTMENT SA. Equilibrium. Il futuro non si prevede SI COSTRUISCE

DANTON INVESTMENT SA. Equilibrium. Il futuro non si prevede SI COSTRUISCE Equilibrium Il futuro non si prevede SI COSTRUISCE 2 Gestioni Patrimoniali Computerizzate Grazie ai notevoli investimenti realizzati negli anni, la DANTON INVESTMENT SA può oggi vantare di possedere uno

Dettagli

Uso dei Social media per lo studio del Sentiment nella Statistica ufficiale

Uso dei Social media per lo studio del Sentiment nella Statistica ufficiale Uso dei Social media per lo studio del Sentiment nella Statistica ufficiale Alessandra Righi, Monica Scannapieco FORUM PA 28 Maggio 2015 Indice Il Sentiment Le Inchieste sul Sentiment Uso dei Social media

Dettagli

Azioni: la nuova opzione sicura

Azioni: la nuova opzione sicura 6 Azioni Update II/2014 Azioni: la nuova opzione sicura In un orizzonte d investimento di lungo periodo le azioni sono più sicure rispetto alle obbligazioni governative con rating elevati. Tutto dipende

Dettagli

LE POLITICHE DI COMUNICAZIONE. Prof. Giancarlo Ferrero 1

LE POLITICHE DI COMUNICAZIONE. Prof. Giancarlo Ferrero 1 LE POLITICHE DI COMUNICAZIONE Prof. Giancarlo Ferrero 1 FINALITA Le politiche di comunicazione sono principalmente rivolte a: far conoscere, differenziare e fare memorizzare il prodotto e la marca ad accrescerne

Dettagli

Il Sistema di Controllo Interno Indice del contenuto

Il Sistema di Controllo Interno Indice del contenuto Il Sistema di Controllo Interno Indice del contenuto 1. Definizione e Componenti Definizione del Controllo Interno Che cosa ci si può attendere dal Controllo Interno Che cosa non ci si può attendere dal

Dettagli

La rilevazione della tolleranza al rischio nei questionari MiFID Le indicazioni della finanza comportamentale

La rilevazione della tolleranza al rischio nei questionari MiFID Le indicazioni della finanza comportamentale La rilevazione della tolleranza al rischio nei questionari MiFID Le indicazioni della finanza comportamentale Paola Soccorso Consob, Ufficio Studi Economici Outline I doveri dell intermediario e le tutele

Dettagli

Marie Claire Cantone Università degli Studi di Milano Associazione Italiana Radioprotezione

Marie Claire Cantone Università degli Studi di Milano Associazione Italiana Radioprotezione La comunicazione dei rischi da radiazioni naturali Marie Claire Cantone Università degli Studi di Milano Associazione Italiana Radioprotezione Comunicazione del rischio Comunicazione del rischio processo

Dettagli

La finanza aziendale comportamentale nelle decisioni di M&A: il ruolo dell overconfidence

La finanza aziendale comportamentale nelle decisioni di M&A: il ruolo dell overconfidence Corso di Laurea magistrale in Amministrazione, finanza e controllo Tesi di Laurea La finanza aziendale comportamentale nelle decisioni di M&A: il ruolo dell overconfidence Relatore Prof.ssa Gloria Gardenal

Dettagli

Attenti al tasso... Introduzione alle trappole mentali e cognitive delle decisioni finanziarie. Matteo Ploner

Attenti al tasso... Introduzione alle trappole mentali e cognitive delle decisioni finanziarie. Matteo Ploner Attenti al tasso... Introduzione alle trappole mentali e cognitive delle decisioni finanziarie Matteo Ploner Mercoledi 12 Novembre Spiegare l economia e la finanza in modo semplice Sommario Indice 1 Risparmio

Dettagli

Capitolo 10. Il mercato valutario. La strategia di copertura della Volkswagen

Capitolo 10. Il mercato valutario. La strategia di copertura della Volkswagen EDITORE ULRICO HOEPLI MILANO Capitolo 10 Il mercato valutario La strategia di copertura della Volkswagen 10-3 La Volkswagen, il più grande produttore europeo di autovetture, ha comunicato una diminuzione

Dettagli

Biblioteca di. A cura della Biblioteca di Economia Università Ca Foscari Venezia Con la collaborazione degli Studenti Tutor della Facoltà di Economia

Biblioteca di. A cura della Biblioteca di Economia Università Ca Foscari Venezia Con la collaborazione degli Studenti Tutor della Facoltà di Economia Biblioteca di Economia BREVE GUIDA ALL USO DELLE BANCHE DATI BUSINESS SOURCE ELITE (BSE) e ECONLIT A cura della Biblioteca di Economia Università Ca Foscari Venezia Con la collaborazione degli Studenti

Dettagli

Dividendi e valore delle azioni

Dividendi e valore delle azioni Dividendi e valore delle azioni La teoria economica sostiene che in ultima analisi il valore delle azioni dipende esclusivamente dal flusso scontato di dividendi attesi. Formalmente: V = E t=0 1 ( ) t

Dettagli

Organizzazione come Cervello

Organizzazione come Cervello Organizzazione come Cervello Molte sono state le considerazioni fatte per descrivere la funzione del cervello: Una sofisticata banca dati Un sistema complesso di reazioni chimiche che danno vita ad azioni

Dettagli

Finanza, mercati e regole ma soprattutto persone

Finanza, mercati e regole ma soprattutto persone Umberto Morera e Emiliano Marchisio Finanza, mercati e regole ma soprattutto persone 1. LA FINANZA COMPORTAMENTALE La teoria dei mercati finanziari dominante si è sempre tradizionalmente fondata sul paradigma

Dettagli

Classificazione delle riviste di interesse dell A.M.A.S.E.S. (2014)

Classificazione delle riviste di interesse dell A.M.A.S.E.S. (2014) Classificazione delle riviste di interesse dell A.M.A.S.E.S. (2014) Allo scopo di dare utili indicazioni ai soci Amases, e in particolare ai giovani, sulle riviste maggiormente interessate alla pubblicazione

Dettagli

Lezione 8: Direct Marketing. Stella Romagnoli

Lezione 8: Direct Marketing. Stella Romagnoli Lezione 8: Direct Marketing Direct Marketing Definizione Obiettivi Misurazione dell efficacia 2 Obiettivo fondamentale del Direct Marketing (DM) è quello di realizzare un rapporto diretto ed interattivo

Dettagli

LO SVILUPPO DEL CERVELLO MUSICALE

LO SVILUPPO DEL CERVELLO MUSICALE MUSICA, CORPO E CERVELLO (PARTE SECONDA) PROF. MAURIZIO PISCITELLI Indice 1 LO SVILUPPO DEL CERVELLO MUSICALE ------------------------------------------------------------------------ 3 2 NEUROLOGIA DELLA

Dettagli

ECONOMIA POLITICA. R.H. Frank, B.S. Bernanke, M. McDowell e R. Thom, Principi di Economia, McGraw-Hill, Milano, Terza Edizione, 2010

ECONOMIA POLITICA. R.H. Frank, B.S. Bernanke, M. McDowell e R. Thom, Principi di Economia, McGraw-Hill, Milano, Terza Edizione, 2010 ECONOMIA POLITICA TESTO R.H. Frank, B.S. Bernanke, M. McDowell e R. Thom, Principi di Economia, McGraw-Hill, Milano, Terza Edizione, 2010 (capp. 2,3,4,5,6,7,8,9,12,13,14,16,17,20,23) introduzione alla

Dettagli

La finanza comportamentale e la crisi post-pensionamento

La finanza comportamentale e la crisi post-pensionamento Applicazioni della finanza comportamentale La finanza comportamentale e la crisi post-pensionamento Prof. Shlomo Benartzi Documento di approfondimento che non costituisce offerta al pubblico di prodotti

Dettagli

M A R I O M E N E G A T T I

M A R I O M E N E G A T T I M A R I O M E N E G A T T I CURRICULUM VITAE Dati Personali Nato a Parma il 6 Maggio 1975. Indirizzo: Via L.A. Muratori 3, 43123 Parma Email: mario.menegatti@unipr.it Posizione attuale Dal 1 novembre 2013

Dettagli

Un caso lampante è quello che i

Un caso lampante è quello che i PSICOLOGIA DEi consumi Le trappole I processi cognitivi che influenzano L insieme delle attività che mirano ad influenzare una scelta del consumatore : è questa la definizione di marketing che ha dato

Dettagli

Comprendere il margine

Comprendere il margine Interactive Brokers presenta Comprendere il margine presso IB Alessandro Bartoli, Interactive Brokers abartoli@interactivebrokers.ch Il webinar inizia alle 18:00 webinars@interactivebrokers.com www.ibkr.com/webinars

Dettagli

Abstract. Paolo Rocca Comite Mascambruno 1

Abstract. Paolo Rocca Comite Mascambruno 1 Paolo Rocca Comite Mascambruno 1 Abstract La progressiva diffusione dei social network, sia generalisti (quali Twitter, Facebook o Google+, la recente piattaforma messa a punto da Google) sia specializzati

Dettagli

EFFICIENZA DEI MERCATI FINANZIARI

EFFICIENZA DEI MERCATI FINANZIARI EFFICIENZA DEI MERCATI FINANZIARI A.A. 2015/2016 Prof. Alberto Dreassi adreassi@units.it DEAMS Università di Trieste ARGOMENTI L ipotesi di mercato efficiente Evidenze empiriche pro e contro l EMH Altre

Dettagli

I sondaggi consentono la realizzazione di strategie di marketing, promozione e PR, consapevoli e mirate. LORENZA MIGLIORATO - CONSULENTE

I sondaggi consentono la realizzazione di strategie di marketing, promozione e PR, consapevoli e mirate. LORENZA MIGLIORATO - CONSULENTE La comunicazione efficace - cioè quella qualità nella comunicazione che produce il risultato desiderato nell interlocutore prescelto - è il prodotto di un perfetto ed equilibrato mix di scientificità,

Dettagli

Consulenza finanziaria 2.0: l importanza dell emotività nella gestione del cliente

Consulenza finanziaria 2.0: l importanza dell emotività nella gestione del cliente w w w. P F A c a d e m y. i t Pianificazione e contabilità mentale del cliente Consulenza finanziaria 2.0: l importanza dell emotività nella gestione del cliente R e l a t o r e : Giacomo Camisa H e a

Dettagli

COMUNE DI BRESCIA SETTORE SERVIZI SOCIALI E POLITICHE PER LA FAMIGLIA Servizio Minori

COMUNE DI BRESCIA SETTORE SERVIZI SOCIALI E POLITICHE PER LA FAMIGLIA Servizio Minori COMUNE DI BRESCIA SETTORE SERVIZI SOCIALI E POLITICHE PER LA FAMIGLIA Servizio Minori Nel biennio 2012/2014 il progetto Principio Attivo di titolarità del Comune di Brescia - Settore servizi sociali e

Dettagli

AZIMUT PENSIERO - 8 PREVISIONI O EMOZIONI? Documento ad esclusivo uso interno

AZIMUT PENSIERO - 8 PREVISIONI O EMOZIONI? Documento ad esclusivo uso interno AZIMUT PENSIERO - 8 Giugno 2008 PREVISIONI O EMOZIONI? Indice Quanto contano psicologia e metodo nella gestione del risparmio? 2 Quali sono le scelte in condizioni di incertezza? 4 Ecco i risultati frutto

Dettagli

07/01/2015 Department of Studi aziendali e giusprivatistici

07/01/2015 Department of Studi aziendali e giusprivatistici Fabio Pizzutilo PhD 07/01/2015 Department of Studi aziendali e giusprivatistici University of Bari Aldo Moro Largo Abbazia S. Scolastica, 53, 70124 Bari +39 080 5049285 fabio.pizzutilo@uniba.it http://www.uniba.it/ricerca/dipartimenti/disag/dipartimento/personale/docentidella-facolta/pagine-docenti/pizzutilo-fabio/pizzutilo-fabio

Dettagli

Capacità decisionali e working memory nei bambini con ADHD

Capacità decisionali e working memory nei bambini con ADHD Capacità decisionali e working memory nei bambini con ADHD Rosa Angela Fabio, Patrizia Oliva Università degli Studi di Messina Nei processi di scelta, le conseguenze, positive o negative, immediatamente

Dettagli

tra la pubblicità online e il ROI

tra la pubblicità online e il ROI Una chiara tra la pubblicità online e il ROI Analisi dell impatto della pubblicità online nel media mix delle società di telecomunicazioni Greg Forbes, Research Manager, Microsoft Advertising Una chiara

Dettagli

3 MONITOR SUL MERCATO DEGLI EVENTI IN ITALIA TENDENZE, PROSPETTIVE E OPERATORI

3 MONITOR SUL MERCATO DEGLI EVENTI IN ITALIA TENDENZE, PROSPETTIVE E OPERATORI 3 MONITOR SUL MERCATO DEGLI EVENTI IN ITALIA TENDENZE, PROSPETTIVE E OPERATORI Sintesi dell indagine campionaria su 300 aziende/organizzazioni utenti di comunicazione e con esperienza di Eventi realizzata

Dettagli

ESERCITAZIONI MACROECONOMIA 2

ESERCITAZIONI MACROECONOMIA 2 ESERCITAZIONI MACROECONOMIA 2 CAPITOLO 10 Crescita: i fatti principali 1) Spiegate cosa si intende per convergenza nella teoria della crescita e mostrate il grafico con cui si rappresenta. 2) Spiegate

Dettagli

Il perimetro della consulenza: fabbisogno e processi di erogazione

Il perimetro della consulenza: fabbisogno e processi di erogazione LA CONSULENZA FINANZIARIA Il perimetro della consulenza: fabbisogno e processi di erogazione Prof. Marco Oriani 11 maggio 2012 - Milano S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO I primordi della consulenza

Dettagli

FATTORI DI RISCHIO ORGANIZZATIVO E STRESS LAVORO CORRELATO. ALCUNI ESEMPI DI RICERCA FRANCO FRACCAROLI UNIVERSITA DI TRENTO

FATTORI DI RISCHIO ORGANIZZATIVO E STRESS LAVORO CORRELATO. ALCUNI ESEMPI DI RICERCA FRANCO FRACCAROLI UNIVERSITA DI TRENTO FATTORI DI RISCHIO ORGANIZZATIVO E STRESS LAVORO CORRELATO. ALCUNI ESEMPI DI RICERCA FRANCO FRACCAROLI UNIVERSITA DI TRENTO 1. EFFETTI NEGATIVI DEL LAVORO ORGANIZZATO E' il 23esimo dipendente che si

Dettagli

Media sentiment e mercati finanziari: analisi delle relazioni

Media sentiment e mercati finanziari: analisi delle relazioni Media sentiment e mercati finanziari: analisi delle relazioni Abstract Questo lavoro indaga l esistenza di una relazione tra il media sentiment e l andamento del mercato azionario. Su un campione di 7132

Dettagli

LA VARIABILE CHE NON TI ASPETTI: LA DINAMICA DEI FLUSSI

LA VARIABILE CHE NON TI ASPETTI: LA DINAMICA DEI FLUSSI LA VARIABILE CHE NON TI ASPETTI: LA DINAMICA DEI FLUSSI In questa seconda parte affronteremo il vero problema che attanaglia tutti quei professionisti che fanno della raccolta e della relazione il loro

Dettagli

UNIVERSITA DI BOLOGNA CLAMFIM- EPELM 2012/2013 CORPORATE GOVERNANCE

UNIVERSITA DI BOLOGNA CLAMFIM- EPELM 2012/2013 CORPORATE GOVERNANCE UNIVERSITA DI BOLOGNA CLAMFIM- EPELM 2012/2013 CORPORATE GOVERNANCE Esame a libri chiusi. Si può usare una calcolatrice.tempo a disposizione: 1 ora Nome: ID: Data: 9 Aprile 2013 MULTIPLE CHOICES (1 Punto

Dettagli

1. Orientamento al prodotto 2. Orientamento alle vendite 3. Orientamento al mercato 4. Orientamento al marketing

1. Orientamento al prodotto 2. Orientamento alle vendite 3. Orientamento al mercato 4. Orientamento al marketing L ATTIVITA COMMERCIALE DELL AZIENDA: MARKETING Attività e processi mediante i quali l azienda è presente sul mercato reale su cui colloca i propri prodotti. Solitamente il marketing segue un preciso percorso,

Dettagli

IL VOTO NELLE IMPRESE. Oliver Hart Festival dell Economia, Trento 1 giugno 2008

IL VOTO NELLE IMPRESE. Oliver Hart Festival dell Economia, Trento 1 giugno 2008 IL VOTO NELLE IMPRESE Oliver Hart Festival dell Economia, Trento 1 giugno 2008 Chi dovrebbe avere diritto di voto in un impresa? Diversi possibili candidati: azionisti/investitori, lavoratori, consumatori,

Dettagli