associati Il mercato del Biotech italiano: quale interesse per gli investitori istituzionali

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "associati Il mercato del Biotech italiano: quale interesse per gli investitori istituzionali"

Transcript

1 COPERTINA :58 Pagina 1 Blossom Associati è un Independent Strategic Advisor specializzato in attività legate alla crescita e allo sviluppo su mercati internazionali di piccole e medie imprese, posizionandosi come riferimento per Aziende, Venture Capitalist e Istituzioni. Blossom Associati è il risultato dell unione di professionisti provenienti da alcune tra le più importanti società internazionali di consulenza di direzione e corporate finance. Tutti i professionisti hanno avuto l opportunità di lavorare sia per grandi gruppi internazionali, sia per piccole e medie imprese locali, sviluppando esperienze diversificate in molteplici settori. Il mercato del Biotech italiano: quale interesse per gli investitori istituzionali Blossom Associati svolge inoltre per il mercato italiano le attività di advisory strategica per conto di Moores Rowland Consulenti di Direzione, società facente parte del network internazionale Moores Rowland International, presente con oltre professionisti in 94 paesi al mondo nei settori auditing, fiscale-societario, management consulting, amministrativo-contabile, corporate finance. Tutti i dati e le informazioni contenute nella presente pubblicazione hanno carattere meramente informativo e divulgativo. Copertina e progetto grafico a cura di G. Pina Blossom Associati Aprile 2005 associati

2 COPERTINA :41 Pagina 2 Contatti Salvatore Bellomo Stefano Milani Blossom Associati Milano Via della Moscova, Milano Tel New York - Shangai - Hong Kong - Singapore - Bombai Altre pubblicazioni Blossom Associati di argomento correlato: associati Il biotech in Toscana Analisi di un distretto associati Blossom Private Equity Monitor 2005 I settori d interesse dei PE Europei associati La Realtà Biotecnologica Italiana 2005 Data Base Blossom Associati

3 INTERNO.qxp :41 Pagina 1 Contenuti Contenuti Premessa Introduzione Il mercato del Biotech in Italia La percezione dei Private Equity internazionali nei confronti del Biotech Italiano: i risultati dell indagine I fattori caratterizzanti il biotech in Italia e il ruolo dei Private Equity italiani nel processo di sviluppo Intervista al Dr. Francesco Micheli, Consigliere di Assobiotec e Presidente e Amministratore Delegato di Genextra Perché crediamo nel biotech italiano Intervista al Dr. Karim Bitar, Amministratore Delegato Eli Lilly Italia Quale futuro per l azienda e quale way out per l investitore: si può sperare nell IPO? Intervista all Ing. Massimo Capuano, Amministratore Delegato Borsa Italiana Diffidenza o Prudenza? Intervista al Dr. Rony Douek, Biotech Investment Director Merlin Biosciences-UK

4 INTERNO.qxp :41 Pagina 2

5 INTERNO.qxp :41 Pagina 3 Premessa Premessa L obiettivo degli studi di settore Blossom Associati è quello di valorizzare le potenzialità, evidenziare i fattori di miglioramento, indicare una linea guida di sviluppo specifica per ciascun settore attraverso la conoscenza del contesto economico locale e le interconnessioni con quelli internazionali. Infatti condizione essenziale per essere competitivi sulla scena internazionale è quella di saper valorizzare sia i fattori locali dello sviluppo sia le reali potenzialità delle singole realtà imprenditoriali. A tale riguardo riteniamo importante favorire, attraverso un incisiva azione di marketing territoriale, una sempre maggiore integrazione tra le aziende italiane e le aziende estere 1. Il territorio non può più essere inteso entro i confini della dimensione locale in cui i processi di sviluppo dei distretti industriali hanno preso forma nei decenni scorsi. C è un apertura del territorio di cui siamo obbligati a tener conto. Non si tratta solo della crescente importanza che assume oggi l interscambio commerciale tra i nostri sistemi produttivi locali con l economia internazionale nella forma classica delle esportazioni di prodotti, ma ciò che caratterizza l apertura dei sistemi produttivi locali è piuttosto la crescente interdipendenza fra sistemi territoriali dal punto di vista di catene del valore progressivamente più estese, articolate e complesse. In questo contesto ciò che caratterizza lo sviluppo è la crescente interdipendenza fra le aziende, i sistemi territoriali e il mondo finanziario. In particolare negli ultimi anni il sistema biotech italiano ha continuamente accusato gli investitori istituzionali italiani di non essere presenti e di non favorirne lo sviluppo, mentre i Private Equity italiani hanno più volte ribadito l elevata rischiosità del settore. L obiettivo della presente analisi, svolta in collaborazione con Assobiotec, è quello di valutare l effettivo livello di interesse del settore per gli investitori istituzionali, attraverso un indagine sulla percezione che i Private Equity esteri specializzati hanno del biotech italiano. 1 Blossom Associati: Marketing Territoriale. Metodologia per la valorizzazione del Territorio

6 INTERNO.qxp :41 Pagina 4

7 INTERNO.qxp :41 Pagina 5 Introduzione Introduzione L indagine, ideata e diretta da Blossom Associati in collaborazione con Assobiotec, include 96 società che rappresentano i Private Equity europei più fortemente interessati al settore delle biotecnologie e con maggior competenza a riguardo. Di questi 42 hanno collaborato all indagine, con un tasso di adesione del 44%. Il 42% degli intervistati si è dichiarato fortemente interessato a valutare opportunità di investimento sul mercato del biotech italiano. Soprattutto i Private Equity geograficamente più vicini all Italia, gli Svizzeri in special modo, hanno dimostrato un interesse particolare. Tuttavia il settore viene accusato di scarsa visibilità internazionale e oltre il 50% degli intervistati dichiara di averne scarsa conoscenza, probabilmente, come sottolinea nel corso dell intervista rilasciata a Blossom Associati, l Amministratore Delegato di Eli Lilly Italia Karim Bitar, a causa di una mancanza di esempi di successo del sistema scientifico accademico italiano, cioè di prodotti sviluppati in Italia e riconosciuti a livello mondiale come successi italiani. Il 63% degli intervistati si dichiara interessato soltanto a partecipazioni di minoranza in sindacato con Private Equity Italiani. Tuttavia, come sottolinea il Presidente e Amministratore Delegato di Genextra, Francesco Micheli, nel corso della nostra intervista, nonostante la crescita rapida e notevole degli attori operanti nel Private Equity italiano non si è assistito parallelamente alla creazione di operatori specifici per il settore. Le peculiarità del settore richiedono professionalità specifiche e l interazione tra queste e professionalità di mero tipo finanziario. L AIFI potrebbe essere promotore, assieme ad Assobiotec, della creazione di un legame tra i fondi specializzati internazionali e quelli italiani in modo che questi ultimi si possano agganciare all investimento effettuato dai fondi esteri su realtà italiane. L atteggiamento generale dei Private Equity è oggi quindi di attesa, con oltre il 70% degli intervistati che preferisce aspettare per valutare l evoluzione del contesto legislativo e fiscale nazionale. Questo atteggiamento non è comunque specifico esclusivamente del mercato italiano, ma caratterizza l intera Europa, in quanto il mercato della biotecnologia in generale ha deluso nelle aspettative di rendimento del capitale di rischio, come puntualizza Rony Douek, director del fondo inglese specializzato, Merlin Biosciences, al quale abbiamo chiesto un commento ai risultati in rapporto alla realtà Europea. Tale atteggiamento potrà essere superato facilmente qualora vi sia un impegno a livello governativo a favore delle aziende tecnologiche di piccolo taglio, con finanziamenti agevolati e con incentivi al technology transfer dalle università. Come infatti conclude Massimo Capuano, Amministratore Delegato di Borsa Italiana, al quale abbiamo chiesto di esprimere un proprio parere sulla reale potenzialità delle aziende italiane verso la quotazione in borsa, il basso stato di sviluppo del biotech italiano è in parte anche da imputarsi al nostro paese, che è sicuramente più indietro rispetto al resto d Europa. Alcuni Paesi - Germania, Regno Unito, Francia - hanno anticipato nei fatti la strategia per lo sviluppo dell UE, promuovendo piani nazionali specifici per incentivare la propria competitività. I Paesi del Nord (e.g. Danimarca) sono già prossimi all obiettivo del 3% del PIL per la spesa in R&S. L Italia deve attrezzarsi a sostenere una rinnovata e duratura competizione con gli altri Paesi membri dell UE. 5

8 INTERNO.qxp :41 Pagina 6 Il mercato del Biotech in Italia Il mercato del Biotech in Italia Il quadro complessivo nazionale In una recente indagine Blossom Associati 2 sono state identificate a livello nazionale oltre 100 aziende che operano in ambito biotecnologico. Le caratteristiche tipiche delle aziende biotecnologiche italiane dimostrano come la capacità di imprenditorialità unita all eccellenza delle risorse scientifiche sia un ingrediente vincente per avviare iniziative di sicuro successo, che però non sono in grado di svilupparsi e crescere per dimensione come normalmente avviene nelle realtà di altri paesi.. Tipologia di società biotech Spin off accademico 8% Spin off industriale 16% Multinazionale 9% Start up 67% ne impedisce una crescita equilibrata. Infatti le aziende del settore hanno, più di altre, l obbligo di essere gestite attraverso meccanismi di governance finalizzati alla diversificazione del rischio sia attraverso l adozione di accordi di licensing o partnership strategiche su scala globale sia attraverso una corretta gestione finanziaria. A dimostrazione di quanto sostenuto si evidenzia come le aziende nate da operazioni di spin off industriale (16% rispetto al totale delle aziende) o quelle nate come sedi di multinazionali (9% rispetto al totale delle aziende), siano in grado nell arco di pochi anni di introdurre meccanismi organizzativi e finanziari che possono generare fatturati interessanti e diversificazione del rischio. Proprio l esigenza di ridurre il rischio d impresa e di creare interconnessioni di conoscenza e competenze richiede la creazione di sistemi territoriali complessi e specificatamente studiati per il settore biotecnologico. Distribuzione società biotech in Italia 40% 37% 30% Fonte: Blossom Associati Infatti se il 75% delle aziende italiane nasce su solide basi scientifiche (Start up di ricercatori e Spin off accademici) il 59% anche dopo alcuni anni non è in grado di generare un fatturato superiore al milione di euro. Questo fattore deve fare riflettere, in quanto se da un lato è pur vero che l attivazione di meccanismi che consentano una crescita delle aziende biotecnologiche può e deve rilevarsi dopo parecchi anni (si calcola che la messa in produzione di un nuovo farmaco richieda non meno di anni), dall altro lato la carenza di risorse finanziarie e di risorse umane manageriali 20% 10% 0% 12% 11% Lombardia Toscana Friuli Piemonte Campania Sardegna Veneto Liguria Lazio Fonte: Blossom Associati 8% In questo contesto ad oggi solo poche aree dimostrano di avere il mix di elementi utili per potersi definire Cluster Biotech in grado di interagire e proporsi a livello internazionale. Tra queste includiamo certamente la Lombardia (39% di aziende) e 6% 4% 4% 3% 3% 6 2 La Realtà Biotecnologica Italiana Data Base Blossom Associati.

9 INTERNO.qxp :41 Pagina 7 Il mercato del Biotech in Italia la Toscana (12% di aziende). Viceversa talune regioni tra cui il Friuli Venezia Giulia (11% di aziende) e il Piemonte (8% di aziende) evidenziano livelli di crescita e orientamento allo sviluppo dei fattori abilitanti la creazione di distretti di eccellenza che potrebbero garantire nell arco di pochi anni l ingresso a pieno titolo nel mercato delle bioscienze internazionali. Si può quindi concludere che l Italia mediamente risponde ai requisiti di base per essere considerata un distretto biotecnologico, anche se la mancanza di una strategia comune ne rende ancora fragile lo sviluppo futuro. La mancanza inoltre di un coordinamento centrale che ne dia una caratterizzazione a livello internazionale, come avviene per altre nazioni, ne rende difficoltosa l attività di attrazione e visibilità nei confronti di Venture Capitalists internazionali. Trend investimenti di PE in società biotech (Euro MLN) , ,9 N.A Italia UK Germania Belgio Il biotech italiano è così per i Private Equity un industria marginale, con investimenti ben inferiori rispetto ad altri settori in Italia, e, se confrontato con gli investimenti effettuati all estero, paragonabile a nazioni ben più piccole come il Belgio 3. I presupposti per lo sviluppo di una realtà distrettuale italiana Rivestire il ruolo istituzionale di coordinatore e promotore di un unica realtà distrettuale italiana che abbia rilevanza nel panorama nazionale e con una credibilità e riconoscibilità in ambito internazionale è forse la sfida maggiore che il sistema Italia dovrà cogliere nei prossimi anni sia a livello centrale che locale. Infatti, ad oggi, il modello italiano delle bioscienze, manca di esempi di successo, cioè di prodotti sviluppati in Italia, ma soprattutto riconosciuti a livello mondiale come successi italiani. La strategia competitiva di aziende innovative 4 tende a far convergere verso una configurazione in cui unità crescentemente specializzate sono collegate mondialmente alla rete integrata delle bioscienze e dei capitali al fine di raggiungere obiettivi strategici di innovazione attraverso: - Limitazione del rischio; - Riduzione dei tempi di sviluppo di nuovi prodotti; - Minimizzazione degli investimenti; - Massimizzazione dell impatto e riconoscibilità sul mercato. La forza di tale configurazione deriva dalle sue caratteristiche fondamentali: distribuzione, specializzazione e interdipendenza. Fonte: Elaborazione Blossom Associati su dati AIFI, BVCA, BVK, BVA 3 Fonte: AIFI, BVCA, BVK, BVA 4 Fonte: Management Innovazione Gennaio Stefano Milani 7

10 INTERNO.qxp :41 Pagina 8 Il mercato del Biotech in Italia La configurazione a rete integrata non richiede come prerequisito quello di controllare e mantenere le risorse, quanto di accedere a esse e utilizzarle grazie a metodologie particolari per instaurare una collaborazione tra istituzioni, aziende, centri di ricerca, investitori istituzionali e fornitori di servizi professionali. Investors Venture Capitalists Banks Stock Market Business Angels Institutional Invenstors Institutions EU National Local Industrial Associations Capital Interest, dividends Legislative Support Cluster Biotechnologies Nanotechnologies Know How Investments Economic Development Companies Employment Foreign Subsidiaries National/Local Related Companies Applied Companies Services Providers Advisory Financial Legal Human Resources Fundamental Recearch Universities, Consortia Hospitals Science Park Bio Incubator L obiettivo di base sarà quindi quello di accedere alle risorse e influire sul modo in cui esse vengono investite esercitando una leadership intellettuale su tutta la rete. Ogni attore della rete collabora alla creazione del valore e compete nell acquisizione dello stesso. Il processo di sviluppo della strategia è caratterizzato da una tensione costante, soprattutto quando le diverse unità e gli individui che fanno parte della rete devono attuare congiuntamente la strategia basandosi su presupposti di governance riconosciuti e condivisi 5 : 1. Coerenza con gli obiettivi politici di sviluppo del territorio: coerenza verso un obiettivo univoco di sviluppo del territorio in questione. La riuscita del progetto dipende da come le strategie politiche locali e quelle nazionali sono coordinate e allineate a livello di stanziamento di fondi per lo sviluppo e la Fees Professional Services Human Resources Fonte: Blossom Associati Biotech Cluster Model Fees crescita di start-up, di incentivi fiscali, di semplificazioni di pratiche burocratiche, supporto finalizzato a brevettare le scoperte, ecc. Fattori critici di successo Coerenza con gli obiettivi politici di sviluppo del territorio Riconosciuta base scientifica Capacità di attrarre risorse chiave Cultura imprenditoriale Presenza di importanti società in grado di agire come punto di riferimento per nuove iniziative Un network efficiente Infrastrutture Fonte: Blossom Associati 2. Riconosciuta base scientifica: presenza sul territorio di riconosciuti centri accademici e di ricerca in grado di supportare sia l attività di ricerca e sviluppo che l attività di trasferimento tecnologico al fine di garantire validità e riconoscibilità a livello internazionale della ricerca in atto. 3. Capacità di attrarre risorse chiave: la ricerca è fatta soprattutto di ricercatori, e mai come in questi casi la figura del ricercatore manager è cruciale per il successo di una impresa biotech. Il ricercatore manager è purtroppo per motivi strutturali della realtà accademica italiana una figura rara e molto spesso è necessario cercarla all estero. 4. Cultura imprenditoriale: lo sviluppo di un distretto biotecnologico si basa fortemente sulle piccole società di ricerca. Queste trovano il proprio humus all interno delle università di cui spesso sono spin-off. 8 5 Fonte: Blossom Associati Il Biotech in Toscana, Analisi di un distretto Dicembre 2004

11 INTERNO.qxp :36 Pagina 9 Il mercato del Biotech in Italia 5. Presenza di importanti società in grado di agire come punto di riferimento per nuove iniziative: pur essendo le piccole società di ricerca la base dello sviluppo di un distretto biotecnologico, la presenza di grandi realtà industriali internazionali è tuttavia un fattore non trascurabile per il successo del distretto stesso. Le grandi società hanno infatti i fondi per sostenere la ricerca delle piccole mediante accordi di partnership e possono agire da incentivo alla creazione di nuove società tramite spin off industriali, ma soprattutto agiscono da catalizzatore per tutte le realtà che gravitano nel distretto garantendo una maggiore visibilità e facilità di accesso al mondo delle bioscienze e dei capitali. 6. Network efficiente: in nessun settore come nelle biotecnologie si può parlare di globalizzazione. Non ha senso infatti parlare di ricerca locale, ma è necessario che tutti i distretti nazionali e internazionali siano collegati, che ci sia scambio di conoscenza e di esperienza. In questo caso è necessario un network efficace che metta in collegamento il distretto con i diversi centri di eccellenza mondiali e soprattutto che lo faccia conoscere alla comunità finanziaria internazionale. Senza una collaborazione attiva la rete è destinata infatti a lacerarsi. 7. Infrastrutture: per fare ricerca sono necessarie strutture all avanguardia, questo elemento è soprattutto valido per la ricerca biotecnologica. All interno del distretto devono esistere importanti laboratori, strutture di supporto, parchi scientifici e possibilmente bioincubatori. Sono inoltre necessarie le infrastrutture logistiche, come strade e aeroporti per rendere lo scambio e i contatti più agevoli. 9

12 INTERNO.qxp :41 Pagina 10 I Risultati dell Indagine I Risultati dell Indagine L interesse da parte di Venture Capitalist esteri verso il biotech in Italia. I Venture Capitalist internazionali mostrano interesse verso il Biotech in Italia. Il 42% dei Venture Capitalist esteri si è dichiarato fortemente interessato a valutare opportunità di investimento sul mercato del biotech italiano. Infatti viene riconosciuta, come punto di forza, la presenza di un ottima base scientifica, sia accademica sia industriale. Il dinamico mondo degli spin-off universitari unito alla presenza di singole aziende con elevate potenzialità e competenze si dimostra ad oggi l ingrediente vincente per l attrazione di investimenti esteri. Interessato al biotech in Italia? maggiormente conoscono e dove vedono storicamente consolidata la propria presenza, dall altro lato non viene ancora riconosciuto un commitment da parte delle istituzioni pubbliche attuabile attraverso una chiara strategia di lungo termine. In questo contesto il primo segnale di inversione di tendenza dovrà essere attuato attraverso l adozione di un adeguato supporto legislativo e fiscale specificatamente indirizzato alle piccole aziende dei settori fortemente innovativi. Soltanto il 7% dei Venture Capitalist internazionali, pur avendo investito in passato nel settore ovvero avendo mostrato interesse, ha rilevato di non voler investire nel settore in futuro. No perchè investimenti solo locali 51% Fonte: Blossom Associati No perchè abbandonato il biotech 7% Sì 42% La distribuzione geografica dei Venture Capitalist interessati all investimento nel settore biotech italiano. La Svizzera dimostra il maggiore interesse nei confronti del biotech italiano. La presenza sul territorio nazionale di un settore biotech maturo unito ad un commitment di lungo termine da parte delle istituzioni pubbliche determina conseguentemente anche una maggiore presenza di Venture Capitalist specializzati nel settore. Ma tutto ciò non basta infatti il 51% dei Venture Capitalist internazionali non prende in considerazione, ad oggi, possibili investimenti nel biotech italiano. Le motivazioni di tale decisione vanno ricercate in due fattori principali: da un lato i Venture Capitalist focalizzano il proprio portafoglio verso le aree geografiche che 10

13 INTERNO.qxp :41 Pagina 11 I Risultati dell Indagine Regioni di appartenenza Germania 24% Francia 11% Irlanda 4% Fonte: Blossom Associati Spagna 3% Regno Unito 19% Paesi Scandinavi 14% Benelux 11% Austria 6% Svizzera 7% La Svizzera, dove lo sviluppo iniziale del settore ha beneficiato di interessanti politiche pubbliche di sostegno 6 e vanta la presenza di uno dei più importanti cluster europei, la BioValley, oltre ad altri due cluster (uno nella zona di Ginevra l altro nell area di Zurigo), rappresenta il 7% dei Venture Capitalist europei specializzati. Di questi il 71% ha partecipato all indagine, e il 43% si è dichiarato interessato al biotech italiano. Tasso di risposta per paese 75% 50% 25% 0% 38% 15% Paesi Scandinavi 27% 18% 67% 17% Il Regno Unito, con la presenza di importanti cluster quali Cambridge-East Anglia, Oxfordshire, Scozia, è certamente la più importante area europea e la seconda a livello mondiale dopo gli Stati Uniti. Lo sviluppo del settore risale agli anni settanta grazie alla presenza di una base scientifica di eccellenza, un contesto legislativo culturale e politico favorevole oltre alla presenza di un mercato privato dei capitali particolarmente propenso ad investire nel settore. Oggi il Regno Unito vanta uno dei mercati più dinamici del venture capital in Europa, con circa il 20% dei Venture Capitalist europei specializzati. Di questi il 56% ha partecipato all indagine, e il 17% si è dichiarato interessato al biotech italiano. Tra questi sono inoltre presenti alcuni dei Private Equity specializzati più importanti a livello mondiale per numero di investimenti e capitale investito. 71% 43% 56% 17% Benelux Austria Svizzera Regno Unito Tasso di partecipazione Interesse per l'italia Fonte: Blossom Associati 30% 13% Germania 64% Francia 27% 6 La Bioindustria: Strategie competitive e organizzazione industriale nel settore delle biotecnologie farmaceutiche. Vittorio Chiesa 11

14 INTERNO.qxp :41 Pagina 12 I Risultati dell Indagine In Germania il supporto finanziario garantito dal governo federale ha consentito un azione integrata di tutti gli attori locali garantendo lo sviluppo di numerose aree di eccellenza quali Monaco di Baviera, Colonia, Heidelberg oltre all area Berlino- Brandeburgo. La Germania, anche grazie alla presenza di una piazza finanziaria interessante nel contesto europeo vede la presenza del 24% dei Venture Capitalist europei specializzati nel biotech. Di questi appena il 30% ha partecipato all indagine, e solo il 13% si è dichiarato interessato al biotech italiano, preferendo concentrare la propria attenzione verso investimenti locali. La Francia attraverso la costituzione di un nuovo quadro normativo, il rinnovamento del contesto accademico e l iniezione di ingenti capitali pubblici nel settore ha consentito una straordinaria evoluzione nell ultimo decennio attraverso lo sviluppo di un importante cluster di rilevanza mondiale quale Evry-Ile de France. Oggi in Francia è presente l 11% dei Venture Capitalist europei specializzati nel biotech. Di questi il 64% ha partecipato all indagine, e il 27% si è dichiarato interessato al biotech italiano. Nei Paesi Scandinavi risiede uno dei principali cluster europei quale Medicon Valley oltre alla presenza del 14% dei Venture Capitalist europei specializzati nel biotech. Di questi il 38% ha partecipato all indagine, e il 15% si è dichiarato interessato al biotech italiano. Analizzando quindi il tasso di interesse verso le bioscienze italiane, si può notare come i Venture Capitalist presenti nelle regioni confinanti, Svizzera in particolare, abbiano mostrato maggiore predisposizione nei confronti del biotech Italiano. La visibilità del settore biotech italiano all estero. Il segnale è chiaro: strutturare una politica coordinata ed efficace di comunicazione che possa dare il messaggio che effettivamente in Italia si fa ricerca di alto livello con elevate potenzialità di sviluppo economico. Fare ricerca di alto livello non significa essere riconosciuti per la presenza di singoli ricercatori di comprovata esperienza e visibilità internazionale, ma significa soprattutto creare un sistema coordinato e organizzato che consenta la riconoscibilità dei successi italiani a livello mondiale. Conoscete il mercato italiano del biotech? No 53% Fonte: Blossom Associati Sì 47% Il 53% degli intervistati, pur operando all interno del settore del biotech, denuncia una scarsa conoscenza del mercato del biotech italiano, delle aziende italiane e delle opportunità di investimento in Italia. Si rileva la mancanza di casi di successo italiani che rappresentino la ricerca scientifica del nostro paese a livello internazionale e che consentano una migliore conoscenza del mercato italiano. Non è tuttavia solo necessario aumentare il numero di casi di successo, bisogna brevettare le scoperte e investire in 12

15 INTERNO.qxp :41 Pagina 13 I Risultati dell Indagine comunicazione, affinché i successi italiani esistenti vengano riconosciuti come tali dal mondo intero. I Venture Capitalist sono pronti ad investire nel settore Biotech italiano? Serve un commitment a lungo termine per il settore da parte del governo. Si evidenzia un atteggiamento d attesa, in cui i Venture Capitalist internazionali vogliono essere rassicurati sul reale commitment di lungo termine per il settore da parte del governo. Tale commitment richiede da un lato l attuazione di misure normative e fiscali di supporto e dall altro una chiara e univoca strategia di sviluppo del biotech italiano. Soltanto l attuazione di questi due fattori può accelerare l interesse dei Private Equity internazionali specializzati. Vi è inoltre una naturale diffidenza nei confronti del biotech italiano dovuta anche alla debolezza del mercato azionario che non viene riconosciuto come una possibile via d uscita. Quando investirebbe nel biotech italiano? Si può quindi comprendere perché il 73% del campione preferisca non attuare una strategia strutturata di investimento nell immediato, ma prediliga un atteggiamento prudenziale, legato alla valutazione di singole opportunità. In quali fasi di sviluppo del prodotto i Venture Capitalist sono più propensi ad investire? I fondi pubblici giocano un ruolo fondamentale nella fase di start up, gli investitori nazionali e internazionali intervengono nelle fasi successive. Secondo una logica tipica degli investimenti di Private Equity nel campo delle biotecnologie, le fasi di ricerca più avanzate in cui l investimento assume un rischio minore, sono preferite rispetto agli investimenti early stage. In quale fase investirebbe? 90% 60% 73% 80% 47% Subito 27% 30% 33% In futuro 73% 0% Start up Phase 1 Phase 2 Phase 3 Fonte: Blossom Associati Fonte: Blossom Associati 13

16 INTERNO.qxp :38 Pagina 14 I Risultati dell Indagine Solo il 33% degli intervistati sarebbe disposto ad investire in fase di start up, dove le probabilità di successo sono limitate e quindi è necessario aumentarle ampliando il portafoglio di investimenti. In quale ambito investirebbe? 90% 80% Tale fase della ricerca dovrebbe essere sostenuta da fondi pubblici, mentre gli investitori privati potrebbero subentrare nelle fasi successive, che interessano infatti rispettivamente il 73% e l 80% del campione. 60% 30% 20% 20% 60% Il 47% sarebbe infine disposto a investire in aziende con un interessante portafoglio prodotti in Fase 3. In quali ambiti i Venture Capitalist internazionali riconoscono l eccellenza del Biotech italiano? In Italia ci sono ricercatori di altissimo spessore sia in ambito diagnostico sia terapeutico. Le potenzialità di sviluppo imprenditoriale sono tangibili. Gli ambiti di maggior interesse risultano essere quelli legati alla medicina, cioè il terapeutico e il diagnostico, probabilmente anche a causa di una riconosciuta qualità della ricerca medica italiana. La visibilità mondiale della ricerca medica italiana, grazie a nomi conosciuti a livello mondiale come il prof. Dulbecco e il prof. Veronesi, per riportare i nomi citati dagli intervistati, aiuta sicuramente a posizionare la preferenza degli investitori esteri nei rispettivi campi di ricerca. Si nota ancora una volta il ruolo fondamentale di una comunicazione strutturata e di alto livello nell attrazione di investimenti diretti esteri. 0% Ambientale Agro alimentare Terapeutico Diagnostico Fonte: Blossom Associati L 80% del campione dichiara di voler investire in terapeutico, e il 60% nel diagnostico, mentre soltanto il 20% dimostra un certo interesse anche per l ambientale o l agroalimentare. Il valore medio di investimento. Si denota una disponibilità ad effettuare anche micro investimenti in realtà piccole ma interessanti. L elevato rischio caratteristico del settore e l imprevedibilità della ricerca rende difficile pianificare il ritorno degli investimenti. L investimento da parte di Venture Capitalist consente di traghettare le aziende nell arco di un periodo che varia tra i 18 e i 24 mesi fino ad arrivare al compimento di una milestone ben definita. Si tratta quindi di investimenti relativamente piccoli, ma ripetuti nel tempo. Il settore del biotech è infatti caratterizzato da continui round di investimento mediante continui aumenti di capitale, spesso con apertura ad altri fondi. La parcellizzazione degli investimenti permette ai singoli investitori di suddividere il rischio. 14

17 INTERNO.qxp :41 Pagina 15 I Risultati dell Indagine Tuttavia ci sono alcuni fondi disposti a investire capitali in società con una pipeline avanzata. Quanto investirebbe? Massimo ,5 accertare che ci sia un sindacato che includa sia investitori internazionali sia locali finalizzato alla creazione di un pool di fondi elevato. Che tipo di investimento preferisce? 90% 80% 4 60% 60% Medio 1 9, % Minimo 0,2 3,25 20% 7% 7% 13% Fonte: Blossom Associati 0% Equity Financing Minority Equity Majority Equity Mezzanine Loans Senior Debt L investimento minimo è mediamente di 2 milioni di euro, anche se alcuni investitori si sono detti disposti ad investire anche fino ad un minimo di duecentomila euro. L investimento massimo è mediamente di 10 milioni di euro, anche se alcuni investitori dedicati esclusivamente al biotech sarebbero disposti ad investire anche oltre i 30 milioni di euro in un unica azienda. Tipo di investimento preferito dai Venture Capitalist internazionali nei confronti del biotech italiano. L acquisto di una minoranza, possibilmente in sindacato con altri fondi, si dimostra l investimento preferito. Fonte: Blossom Associati L 80% del campione si è dichiarato propenso verso un finanziamento diretto dell equity, ma solo il 20% con una quota di maggioranza, mentre il 60% preferirebbe una quota di minoranza, possibilmente in sindacato con altri Venture Capitalists. Alcuni intervistati, prevalentemente di provenienza bancaria, si sono detti disposti anche ad altre forme di finanziamento, tra cui il debito a lungo, prestiti e mezzanino. Quest ultima forma di finanziamento per alcuni intervistati è soprattutto vista come ponte pre-ipo. L investimento classico che verrebbe utilizzato è il finanziamento dell equity, con una forte preferenza verso una partecipazione di minoranza, possibilmente in sindacato con altri investitori istituzionali. L obiettivo degli investitori e anche quello di 15

18 INTERNO.qxp :41 Pagina 16 I Risultati dell Indagine Verso quali altri settori del mercato italiano i Venture Capitalist dimostrano interesse ad investire? Oltre alle biotecnologie c è interesse a investire in Italia anche in settori ad esse limitrofi, quali le Nanotecnologie e l Health Care. In quali settori investirebbe in Italia? Wood and Wooden Products Transportation Services Textile and Clothing Telecommunication and Media Retail Refined Oil Products Products in Rubber and Plastic Material Paper and Paper Products, Printing and Publishing 8% 8% 8% 8% 8% 8% 15% 38% Nanotecnologie, Health Care e Medical Equipment risultano essere i settori di maggior interesse per possibili investimenti in Italia, a conferma della specializzazione settoriale del campione intervistato. Seguono per interesse le Telecomunicazioni, Internet e i settori relativi all elettronica, dimostrando un interesse maggiore per i settori in forte crescita e ad elevato contenuto tecnologico e di R&S. Seguono infine quei settori per cui l Italia è maggiormente apprezzata all estero, quali l industria meccanica ed elettronica. Non Metalliferous Mineral Finished Products 8% Nanotechnology 69% Maining and Quarry Products Metal and Metal Products 8% 8% Medical Equipment 69% Means of Transport 15% Machine and Mechanical Equipment 31% Leather and Leather Products 8% Health care 69% Furniture (accesories included) Fashion (accesories included) Food, Beverage and Tobacco Environment related companies 8% 8% 23% 23% Electricity, gas and other utilities Electrical Equipment and Precision Instruments 15% 38% Computer and Internet related companies 31% Chemical Products and Synthetic Fibre Building and Cunstraction Automotive and Components 8% 15% 38% Fonte: Blossom Associati 0% 10% 20% 30% 40% 50% 60% 70% 80% 16

19 INTERNO.qxp :53 Pagina 17 Genextra I fattori caratterizzanti il biotech in Italia e il ruolo dei PE italiani nel processo di sviluppo Intervista al dr. Francesco Micheli, consigliere di Assobiotec e Presidente e Amministratore Delegato di Genextra. Il 53% dei PE internazionali contattati denuncia una scarsa conoscenza del mercato del biotech italiano e delle opportunità di investimento in Italia. Quale ritiene poter essere la strategia ottimale per consentire una reale riconoscibilità del mercato biotech italiano nei confronti dei PE internazionali? E in particolare quali ritiene essere gli attori che maggiormente debbano attivare tale processo? Assobiotec ha assunto un ruolo notevole nella promozione di investimenti e di realtà scientifiche di primo livello esistenti in Italia. In tal senso hanno rilevanza l organizzazione, assieme a istituti finanziari, di road show all estero per agevolare la visibilità di società biotech selezionate di fronte alla comunità finanziaria internazionale, e l organizzazione di seminari destinati ad analisti finanziari dei principali istituti finanziari italiani su come valutare le società biotech. Il 60% degli intervistati si dichiara interessato soltanto a partecipazioni di minoranza in sindacato con PE italiani. Tuttavia il PE italiano, secondo fonti AIFI, investe solo marginalmente nel biotech. Ritiene che il PE italiano sia pronto e interessato a supportare un reale sviluppo del settore locale? Nonostante la crescita rapida e notevole degli attori operanti nel PE italiano, non si è assistito parallelamente né alla creazione di PE specifici per il settore, né, se non marginalmente, all investimento degli stessi in realtà imprenditoriali del biotech che, per la loro natura presentano un livello di rischio considerato non accettabile dai private equity italiani. Le peculiarità del settore richiedono professionalità specifiche e l interazione tra queste e professionalità di mero tipo finanziario. Processo che è già avvenuto a livello di PE internazionali, dove operano fondi come MPM che sono specializzati nel biotech e nel cui team di gestione coesistono competenze molto forti sia nel campo biotech/farmaceutico sia in campo finanziario. L AIFI potrebbe essere promotore, assieme ad Assobiotec, della creazione di un legame tra i fondi specializzati internazionali e quelli italiani in modo che questi ultimi si possano agganciare all investimento in realtà italiane effettuate dai fondi esteri. Genextra è una holding che investe in start up in ambito farmacogenomico e biotecnologico. Quali sono i fattori caratterizzanti il mercato italiano che l hanno indotta a fondare Genextra e che dovrebbero essere valorizzati al fine di garantire una maggiore attrattività degli investimenti di Private Equity. Il livello di preparazione dei ricercatori e scienziati italiani non è secondo a quello di nessun altro paese; lo dimostrano i numerosi centri di eccellenza presenti nelle principali sedi accademiche italiane, la partecipazione di nostri ricercatori a progetti di rilevanza mondiale o ancora il ruolo chiave occupato dai nostri ricercatori in aziende 17

20 INTERNO.qxp :41 Pagina 18 Genextra internazionali leader nei loro settori. Alla qualità della ricerca si aggiunge un vantaggio in termini di costi; i compensi per chi fa ricerca in Italia sono mediamente più bassi rispetto a quelli di altri paesi europei o agli Stati Uniti. Questo rende sicuramente il nostro Paese ricco di opportunità, a condizione di saper individuare le iniziative valide e di saperle portare avanti con un team che sappia coniugare al meglio le esigenze della ricerca con quelle di un azienda che deve stare sul mercato. Quello che spesso manca in Italia è, infatti, il passaggio di idee o ricercatori dalle università alle imprese. La tendenza di molti ricercatori accademici è per lo più quella di pubblicare i risultati della loro attività piuttosto che brevettare. Sarebbe necessario invece trasformare le idee e le scoperte in progetti, in business plan e quindi in un impresa come avviene negli Stati Uniti. Si è molto parlato sulla stampa nazionale del fondo chiuso promosso da Assobiotec e specializzato in Pmi biotecnologiche italiane, ma che dovrebbe investire anche all'estero. A che punto si trova la realizzazione di tale fondo e come interagirà con gli investitori istituzionali? L idea di un fondo chiuso promosso dall Associazione non mi trova favorevole per diverse ragioni, prima fra tutte che esso non rientra negli scopi sociali. Peraltro la promozione, da parte dell Associazione, di una generazione di analisti finanziari specializzati nel settore delle biotecnologie, potrebbe rappresentare il miglior intervento in grado di sostenere lo sviluppo di iniziative valide. 18

Venture Capitalist: chi sono, cosa fanno e a cosa servono

Venture Capitalist: chi sono, cosa fanno e a cosa servono Venture Capitalist: chi sono, cosa fanno e a cosa servono Ing. Stefano Molino Investment Manager Innogest SGR SpA Torino, 31 Marzo 2011 Venture Capital: che cos è? L attività di investimento istituzionale

Dettagli

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT Dr. Gabriele Cappellini Amministratore Delegato Fondo Italiano

Dettagli

MTA. Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni

MTA. Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni MTA Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni L accesso ai mercati dei capitali ha permesso a Campari di percorrere una strategia di successo per l espansione e lo sviluppo del proprio

Dettagli

AIM Italia. Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani

AIM Italia. Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani AIM Italia Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani Perché AIM Italia I mercati di Borsa Italiana AIM Italia si aggiunge all offerta di mercati regolamentati di Borsa Italiana MTA MTF 3 Perché

Dettagli

Caratteristiche del Fondo

Caratteristiche del Fondo Caratteristiche del Fondo EQUI MEDITERRANEO FUND e un fondo costituito sotto forma di SICAV SIF ed è un comparto dedicato della piattaforma EQUI SICAV - SIF, una Società a capitale Variabile Lussemburghese

Dettagli

Circolare N.175 del 27 Novembre 2013

Circolare N.175 del 27 Novembre 2013 Circolare N.175 del 27 Novembre 2013 PMI. Tutte le informazioni per la quotazione in borsa online Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che ABI, AIFI, ASSIREVI, ASSOGESTIONI, ASSOSIM,

Dettagli

Perché AIM Italia? (1/2)

Perché AIM Italia? (1/2) AIM Italia Perché AIM Italia? (1/2) AIM Italia si ispira ad un esperienza di successo già presente sul mercato londinese Numero di società quotate su AIM: 1,597 Di cui internazionali: 329 Quotazioni su

Dettagli

I ricavi del calcio in Europa sfiorano i 20 miliardi di Euro (+5%) La Serie A arriva a quota 1,7 miliardi di Euro (+6%)

I ricavi del calcio in Europa sfiorano i 20 miliardi di Euro (+5%) La Serie A arriva a quota 1,7 miliardi di Euro (+6%) Deloitte Italy Spa Via Tortona 25 20144 Milano Tel: +39 02 83326111 www.deloitte.it Contatti Barbara Tagliaferri Ufficio Stampa Deloitte Tel: +39 02 83326141 Email: btagliaferri@deloitte.it Marco Lastrico

Dettagli

. T. I. P. O. TIP - PRE IPO S.P.A.

. T. I. P. O. TIP - PRE IPO S.P.A. Milano, 4 giugno 2014 Perché TIPO? 1. Esiste un mercato potenziale interessante 2. Le imprese italiane hanno bisogno di equity 3. Attuale disponibilità di liquidità UNA CHIUSURA PROATTIVA DEL CIRCUITO

Dettagli

Nicola Romito. Esperienza. Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it

Nicola Romito. Esperienza. Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it Nicola Romito Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it Esperienza Presidente at Power Capital aprile 2013 - Presente (1 anno 4 mesi) * Consulenza per gli investimenti, gestione di portafoglio

Dettagli

La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana

La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana Convegno Associazione Italiana di Economia Sanitaria La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana Giampaolo Vitali Ceris-CNR, Moncalieri Torino, 30 Settembre 2010 1 Agenda Caratteristiche

Dettagli

Costruire uno Spin-Off di Successo. Non fidarsi mai dei professori

Costruire uno Spin-Off di Successo. Non fidarsi mai dei professori Costruire uno Spin-Off di Successo Non fidarsi mai dei professori Spin-Off da Università: Definizione Lo Spin-Off da Università è in generale un processo che, partendo da una tecnologia disruptiva sviluppata

Dettagli

Il CIO del futuro Report sulla ricerca

Il CIO del futuro Report sulla ricerca Il CIO del futuro Report sulla ricerca Diventare un promotore di cambiamento Condividi questo report Il CIO del futuro: Diventare un promotore di cambiamento Secondo un nuovo studio realizzato da Emerson

Dettagli

Governance e performance nei servizi pubblici locali

Governance e performance nei servizi pubblici locali Governance e performance nei servizi pubblici locali Anna Menozzi Lecce, 26 aprile 2007 Università degli studi del Salento Master PIT 9.4 in Analisi dei mercati e sviluppo locale Modulo M7 Economia dei

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

Sfide strategiche nell Asset Management

Sfide strategiche nell Asset Management Financial Services Banking Sfide strategiche nell Asset Management Enrico Trevisan, Alberto Laratta 1 Introduzione L'attuale crisi finanziaria (ed economica) ha significativamente inciso sui profitti dell'industria

Dettagli

GAM. I nostri servizi di società di gestione

GAM. I nostri servizi di società di gestione GAM I nostri servizi di società di gestione Una partnership con GAM assicura i seguenti vantaggi: Forniamo sostanza e servizi di società di gestione in Lussemburgo Offriamo servizi di alta qualità abbinati

Dettagli

Lettera agli azionisti

Lettera agli azionisti Lettera agli azionisti Esercizio 24 2 Messaggio dei dirigenti del gruppo Gentili signore e signori Rolf Dörig e Patrick Frost Il 24 è stato un anno molto positivo per Swiss Life. Anche quest anno la performance

Dettagli

Studio di retribuzione 2014

Studio di retribuzione 2014 Studio di retribuzione 2014 SALES & MARKETING Temporary & permanent recruitment www.pagepersonnel.it EDITORIALE Grazie ad una struttura costituita da 100 consulenti e 4 uffici in Italia, Page Personnel

Dettagli

AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale

AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale Agenda I II III AIM Italia Il ruolo di Banca Finnat Track record di Banca Finnat 2 2 Mercati non regolamentati Mercati regolamentati AIM Italia Mercati di

Dettagli

Modelli organizzativi dei General Partner nel Private Equity

Modelli organizzativi dei General Partner nel Private Equity Con il patrocinio di: Modelli organizzativi dei General Partner nel Private Equity O.M.Baione, V.Conca, V. Riccardi 5 luglio 2012 Sponsor: Tipologia d indagine Interviste dirette e questionari inviati

Dettagli

In breve Febbraio 2015

In breve Febbraio 2015 In breve In breve Febbraio 2015 La nostra principale responsabilità è rappresentata dagli interessi dei nostri clienti. Il principio per tutti i soci è essere disponibili ad incontrare i clienti, e farlo

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

LA QUOTAZIONE IN BORSA

LA QUOTAZIONE IN BORSA LA QUOTAZIONE IN BORSA Facoltà di Economia dell'università di Parma 20 febbraio 2012 Martino De Ambroggi L attività del broker Equity Sales & Trading Equity Research Francesco Perilli (CEO) Investment

Dettagli

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali 1 Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali CRISTIANA D AGOSTINI Milano, 17 maggio 2012 Il Gruppo Generali nel mondo 2 Oltre 60 paesi nel mondo in 5 continenti 65

Dettagli

R E A L E S T A T E G R U P P O R I G A M O N T I. C O M

R E A L E S T A T E G R U P P O R I G A M O N T I. C O M REAL ESTATE GRUPPORIGAMONTI.COM 2 Rigamonti Real Estate La scelta giusta è l inizio di un buon risultato Rigamonti Founders Rigamonti REAL ESTATE Società consolidata nel mercato immobiliare, con più di

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A.

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A. COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA Ufficio Mercati Alla cortese attenzione del dott. Salini Telefax n. 06 8477 757 Ufficio OPA Alla cortese attenzione della dott.sa Mazzarella Telefax n. 06

Dettagli

Come evitare i rischi di una due diligence tradizionale

Come evitare i rischi di una due diligence tradizionale Mergers & Acquisitions Come evitare i rischi di una due diligence tradizionale Di Michael May, Patricia Anslinger e Justin Jenk Un controllo troppo affrettato e una focalizzazione troppo rigida sono la

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Enzo De Sanctis Società Italiana di Fisica - Bologna Con questo titolo, all inizio del 2008, la Società Italiana di Fisica (SIF) ha pubblicato un libro

Dettagli

Gli immobili sono nel nostro DNA.

Gli immobili sono nel nostro DNA. Gli immobili sono nel nostro DNA. FBS Real Estate. Valutare gli immobili per rivalutarli. FBS Real Estate nasce nel 2006 a Milano, dove tuttora conserva la sede legale e direzionale. Nelle prime fasi,

Dettagli

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014 Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano Agosto 2014 Banca Generali in pillole Banca Generali è uno degli assetgathererdi maggior successo e in grande crescita nel mercato italiano, con oltre

Dettagli

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere ...... Le partecipate...... Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere le partecipate comunali in perdita, i Comuni italiani dispongono ancora di un portafoglio di partecipazioni molto rilevante,

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

Presentazione societaria

Presentazione societaria Eurizon Capital Eurizon Capital Presentazione societaria Eurizon Capital e il Gruppo Intesa Sanpaolo Banca dei Territori Asset Management Corporate & Investment Banking Banche Estere 1/12 Eurizon Capital

Dettagli

Repower guarda al futuro con fiducia

Repower guarda al futuro con fiducia Repower guarda al futuro con fiducia Giovanni Jochum Quale membro della Direzione di Repower, società con sede a Poschiavo, desidero presentare il mio punto di vista sui fattori che stanno cambiando radicalmente

Dettagli

Facciamo emergere i vostri valori.

Facciamo emergere i vostri valori. Facciamo emergere i vostri valori. www.arnerbank.ch BANCA ARNER SA Piazza Manzoni 8 6901 Lugano Switzerland P. +41 (0)91 912 62 22 F. +41 (0)91 912 61 20 www.arnerbank.ch Indice Banca: gli obiettivi Clienti:

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

Risparmiatori italiani combattuti tra ricerca del rendimento e protezione del capitale.

Risparmiatori italiani combattuti tra ricerca del rendimento e protezione del capitale. Risparmiatori italiani combattuti tra ricerca del rendimento e protezione del capitale. Questo il risultato di una ricerca di Natixis Global Asset Management, secondo cui di fronte a questo dilemma si

Dettagli

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI Il presente documento (di seguito Policy ) descrive le modalità con le quali vengono trattati gli ordini, aventi ad oggetto strumenti finanziari,

Dettagli

IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE

IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE ALCUNE CONSIDERAZIONI A MARGINE DELLA REVISIONE DELLE NORME SUGLI INVESTIMENTI A COPERTURA DELLE RISERVE TECNICHE CONVEGNO SOLVENCY II 1 PUNTI PRINCIPALI

Dettagli

GUIDA PRATICA ALLA COSTITUZIONE DI UNO SPIN OFF DA RICERCA

GUIDA PRATICA ALLA COSTITUZIONE DI UNO SPIN OFF DA RICERCA GUIDA PRATICA ALLA COSTITUZIONE DI UNO SPIN OFF DA RICERCA Progetto SPIN OVER Decreto del Ministero dello Sviluppo Economico del 27 gennaio 2005 progetto Spin Over, a cura del Gruppo iella Nasini e Sandra

Dettagli

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa L ITALIA E IL TURISMO INTERNAZIONALE NEL Risultati e tendenze per incoming e outgoing Venezia, 11 aprile 2006 I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE Caratteristiche e comportamento di spesa Valeria Minghetti CISET

Dettagli

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA Axpo Italia AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA UN GRUPPO A DIMENSIONE EUROPEA Axpo opera direttamente in oltre 20 paesi europei L Italia è uno dei mercati principali del gruppo Axpo in Italia Alla presenza

Dettagli

Ottimizzazione del portafoglio di liquidità nell ottica dell LCR: la prospettiva di un asset manager

Ottimizzazione del portafoglio di liquidità nell ottica dell LCR: la prospettiva di un asset manager Featured Solution Marzo 2015 Your Global Investment Authority Ottimizzazione del portafoglio di liquidità nell ottica dell LCR: la prospettiva di un asset manager Lo scorso ottobre la Commissione europea

Dettagli

11/11. Anthilia Capital Partners SGR. Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia. Maggio 2011.

11/11. Anthilia Capital Partners SGR. Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia. Maggio 2011. 11/11 Anthilia Capital Partners SGR Maggio 2011 Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia Eugenio Namor Anthilia Capital Partners Lugano Fund Forum 22 novembre 2011 Industria

Dettagli

PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE

PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE LINEE GUIDA PER UNA EFFICACE PRESENTAZIONE DI UN BUSINESS PLAN INTRODUZIONE ALLA GUIDA Questa breve guida vuole indicare in maniera chiara ed efficiente gli elementi salienti

Dettagli

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano www.pwc.com/it Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano giugno 2013 Sommario Il contesto di riferimento 4 Un modello di evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il

Dettagli

Nuova finanza per la green industry

Nuova finanza per la green industry Nuova finanza per la green industry Green Investor Day / Milano, 9 maggio 2013 Barriere di contesto a una nuova stagione di crescita OSTACOLI PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE Fine degli incentivi e dello sviluppo

Dettagli

L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO

L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO DISPENSA 1 Economia ed Organizzazione Aziendale L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO - Parte I - Indice Impresa: definizioni e tipologie Proprietà e controllo Impresa: natura giuridica Sistema economico: consumatori,

Dettagli

Garnell Garnell Garnell

Garnell Garnell Garnell Il veliero Garnell è un grande esempio di capacità di uscire dagli schemi, saper valutare il cambio di rotta per arrivare serenamente a destinazione, anche nei contesti più turbolenti Il 14 agosto 1919

Dettagli

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 Nel 2013 ingresso in 11 startup, di cui 6 startup innovative, una cessione, una

Dettagli

TIP e le principali società partecipate hanno comunque avuto un buon anno e i dati di fine settembre lo testimoniano con chiarezza.

TIP e le principali società partecipate hanno comunque avuto un buon anno e i dati di fine settembre lo testimoniano con chiarezza. Carissimi azionisti, il 2014 ci ha riservato molte sorprese: petrolio e materie prime che crollano, dollaro che sale, tassi di interesse sempre più bassi, bond che vanno a ruba, spread dell Europa periferica

Dettagli

Principi di stewardship degli investitori istituzionali

Principi di stewardship degli investitori istituzionali Corso di diritto commerciale avanzato a/ a/a2014 20152015 Fabio Bonomo (fabio.bonomo@enel.com fabio.bonomo@enel.com) 1 Indice Principi di stewardship degli investitori istituzionali La disciplina dei proxy

Dettagli

PREMIO LE FONTI - CEO SUMMIT & AWARDS 2015: TRA I VINCITORI BNP PARIBAS IP, GENERALI, INTESA SANPAOLO, VERSACE E RAI

PREMIO LE FONTI - CEO SUMMIT & AWARDS 2015: TRA I VINCITORI BNP PARIBAS IP, GENERALI, INTESA SANPAOLO, VERSACE E RAI Rassegna Stampa PREMIO LE FONTI - CEO SUMMIT & AWARDS 2015: TRA I VINCITORI BNP PARIBAS IP, GENERALI, INTESA SANPAOLO, VERSACE E RAI 12 Giugno 2015 Scritto da: Redazione Grande successo per la prima serata

Dettagli

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying by Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying di Alberto Cattaneo Partner, Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying Ormai è diventato un

Dettagli

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n. Iccrea Banca S.p.A. Istituto Centrale del Credito Cooperativo STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48

Dettagli

General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1

General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1 General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1 Centralized control with decentralized responsibility (Johnson and Kaplan, 1987) 1. Dalla nascita fino al 1920 La General Motors,

Dettagli

Evoluzione Risk Management in Intesa

Evoluzione Risk Management in Intesa RISCHIO DI CREDITO IN BANCA INTESA Marco Bee, Mauro Senati NEWFIN - FITD Rating interni e controllo del rischio di credito Milano, 31 Marzo 2004 Evoluzione Risk Management in Intesa 1994: focus iniziale

Dettagli

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO L USO DEI NOMI A DOMINIO di Maurizio Martinelli Responsabile dell Unità sistemi del Registro del cctld.it e Michela Serrecchia assegnista di ricerca

Dettagli

LA META PER LA MODA, LO SPORT E LO SVAGO, IN CINA

LA META PER LA MODA, LO SPORT E LO SVAGO, IN CINA LA META PER LA MODA, LO SPORT E LO SVAGO, IN CINA I DESTINATION CENTER I Destination Center COS è UN DESTINATION CENTER? SHOPPING SPORT DIVERTIMENTO Un Destination Center e una combinazione di aree tematiche,

Dettagli

Qual è il fine dell azienda?

Qual è il fine dell azienda? CORSO DI FINANZA AZIENDALE SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE Testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani) - McGraw-Hill - 2001 Cap. 9 1 Qual è il fine dell azienda? Massimizzare

Dettagli

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A.

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A. Comunicato Stampa Methorios Capital S.p.A. Approvata la Relazione Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013 Acquistato un ulteriore 16,2% del capitale di Astrim S.p.A. Costituzione della controllata Methorios

Dettagli

Dr. Maurizio Apicella

Dr. Maurizio Apicella Dr. Maurizio Apicella Nato a Campagna (SA) il 2.2.1962 Residente in Roma Coniugato con 2 figli FORMAZIONE 1985 Laurea in Giurisprudenza, Università di Salerno 1987 Master Formez per Consulenti di Direzione

Dettagli

INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI E SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DI CENTROSIM S.p.A.

INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI E SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DI CENTROSIM S.p.A. Decorrenza 3 Gennaio 2011 INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI E SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DI CENTROSIM S.p.A. 1. Obiettivo Nel rispetto della direttiva 2004/39/CE

Dettagli

voce dei cittadini in tempo reale OpinionMeter Chieda la sua prova personalizzata senza impegno entro il 15 ottobre 2010

voce dei cittadini in tempo reale OpinionMeter Chieda la sua prova personalizzata senza impegno entro il 15 ottobre 2010 Grazie per il suo interesse alla nuova tecnologia voce dei cittadini in tempo reale OpinionMeter Chieda la sua prova personalizzata senza impegno entro il 15 ottobre 2010 Cristina Brambilla Telefono 348.9897.337,

Dettagli

IT Service Management: il Framework ITIL. Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy

IT Service Management: il Framework ITIL. Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy IT Service Management: il Framework ITIL Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy Quint Wellington Redwood 2007 Agenda Quint Wellington Redwood Italia IT Service Management

Dettagli

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale CAPITOLO PRIMO L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale SOMMARIO * : 1. Il ruolo dell innovazione tecnologica 2. L attività di ricerca e sviluppo: contenuti 3. L area funzionale della

Dettagli

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori ABC degli investimenti Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori I vantaggi di investire con Fidelity Worldwide Investment Specializzazione Fidelity è una società indipendente e si

Dettagli

Fabio Ciarapica Director PRAXI ALLIANCE Ltd

Fabio Ciarapica Director PRAXI ALLIANCE Ltd Workshop Career Management: essere protagonisti della propria storia professionale Torino, 27 febbraio 2013 L evoluzione del mercato del lavoro L evoluzione del ruolo del CFO e le competenze del futuro

Dettagli

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE Le piccole imprese sono la spina dorsale dell'economia europea. Esse sono una fonte primaria di posti di lavoro e un settore in cui fioriscono le idee commerciali.

Dettagli

La disclosure e il monitoraggio della corporate governance in Italia

La disclosure e il monitoraggio della corporate governance in Italia Comitato per la Corporate Governance La disclosure e il monitoraggio della corporate governance in Italia Gabriele Galateri di Genola e Carmine Di Noia Milano, 16 aprile 2014 1 La disclosure della corporate

Dettagli

IL PROGETTO MINDSH@RE

IL PROGETTO MINDSH@RE IL PROGETTO MINDSH@RE Gruppo Finmeccanica Attilio Di Giovanni V.P.Technology Innovation & IP Mngt L'innovazione e la Ricerca sono due dei punti di eccellenza di Finmeccanica. Lo scorso anno il Gruppo ha

Dettagli

La valutazione della ricerca nell area dell Economia Aziendale. Alcune proposte.

La valutazione della ricerca nell area dell Economia Aziendale. Alcune proposte. 1. Premessa. La valutazione della ricerca nell area dell Economia Aziendale. Alcune proposte. La comunità dei docenti e ricercatori dell area di Economia Aziendale, rappresentata dalle società scientifiche

Dettagli

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia la gestione dei processi di comunicazione in quale scenario deve identificarsi un progetto di miglioramento, nella gestione dei beni digitali per

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO DI SINTESI SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE E DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI

DOCUMENTO INFORMATIVO DI SINTESI SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE E DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI DOCUMENTO INFORMATIVO DI SINTESI SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE E DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI INFORMAZIONI GENERALI La Direttiva MIFID (2004/39/CE), relativa ai mercati degli strumenti finanziari, introduce

Dettagli

INTRODUZIONE ALLA BORSA

INTRODUZIONE ALLA BORSA INTRODUZIONE ALLA BORSA Informazioni guida per gli insegnanti delle scuole superiori CHE COSA È LA BORSA? Una piazza, dove avviene la compravvendita di titoli. La determinazione delle quotazioni è di solito

Dettagli

L opera italiana. Paola Dubini Alberto Monti ASK Research Center, Università Bocconi Venezia, 23 Maggio 2014. Scala.

L opera italiana. Paola Dubini Alberto Monti ASK Research Center, Università Bocconi Venezia, 23 Maggio 2014. Scala. Fo oto Erio Piccaglian ni Teatro alla S Scala L opera italiana nel panorama mondiale Paola Dubini Alberto Monti ASK Research Center, Università Bocconi Venezia, 23 Maggio 2014 ASK: CHI, PERCHE, COSA Siamo

Dettagli

Pronti per la Voluntary Disclosure?

Pronti per la Voluntary Disclosure? Best Vision GROUP The Swiss hub in the financial business network Pronti per la Voluntary Disclosure? Hotel de la Paix, 21 aprile 2015, ore 18:00 Hotel Lugano Dante, 22 aprile 2015, ore 17:00 Best Vision

Dettagli

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE)

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) 71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) di TIZIANA LANG * Finalmente è partita: dal 1 maggio i giovani italiani possono iscriversi on line al programma della Garanzia

Dettagli

CHE FINE HA FATTO IL FEDERALISMO IN SANITÀ? E CHI SE NE STA OCCUPANDO? Fabio Pammolli (Direttore CeRM)

CHE FINE HA FATTO IL FEDERALISMO IN SANITÀ? E CHI SE NE STA OCCUPANDO? Fabio Pammolli (Direttore CeRM) Fabio Pammolli (Direttore CeRM) CHE FINE HA FATTO IL FEDERALISMO IN SANITÀ? E CHI SE NE STA OCCUPANDO? 1 CeRM Competitività, Regole, Mercati Dopo anni di dibattito e anche qualche tentativo non riuscito,

Dettagli

Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense

Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense Chi siamo Siamo una delle più consolidate realtà di Internet Marketing in Italia: siamo sul mercato dal 1995, e

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

ALCUNI NASCONO GIÀ GRANDI.

ALCUNI NASCONO GIÀ GRANDI. ALCUNI NASCONO GIÀ GRANDI. ALTRI LO DIVENTANO CON SACRIFICIO, IMPEGNO, CORAGGIO E DETERMINAZIONE. ALTRI, ANCORA, LA GRANDEZZA L HANNO NEL PROPRIO DNA. BUSINESS INTELLIGENCE GROUP LA NOSTRA PIATTAFORMA

Dettagli

SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI.

SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI. SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI. Come gruppo industriale tecnologico leader nel settore del vetro e dei materiali

Dettagli

Diversificato, profittevole, senza rischi. Diamond investment asset.

Diversificato, profittevole, senza rischi. Diamond investment asset. Diversificato, profittevole, senza rischi. Diamond investment asset. Indice Chi Siamo Azienda Conte Diamonds 2 Investire in Diamanti 3 Vantaggi dell investimento in Diamanti 5 Il Diamante. Un investimento

Dettagli

Metadati e Modellazione. standard P_META

Metadati e Modellazione. standard P_META Metadati e Modellazione Lo standard Parte I ing. Laurent Boch, ing. Roberto Del Pero Rai Centro Ricerche e Innovazione Tecnologica Torino 1. Introduzione 1.1 Scopo dell articolo Questo articolo prosegue

Dettagli

Il ruolo delle università nell Europa della conoscenza

Il ruolo delle università nell Europa della conoscenza COMMISSIONE DELLE COMUNITA EUROPEE Il ruolo delle università nell Europa della conoscenza Presentazione Con questa comunicazione (Bruxelles 05.02.2003 COM(203) 58 def.) la Commissione si propone di dare

Dettagli

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse?

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Your Global Investment Authority Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Gli

Dettagli

Italia e Romania allo specchio: la percezione reciproca d immagine tra italiani e romeni

Italia e Romania allo specchio: la percezione reciproca d immagine tra italiani e romeni Convegno Romeni emergenti o emergenza Romania? Italia e Romania allo specchio: la percezione reciproca d immagine tra italiani e romeni Prof. Stefano Rolando Segretario generale delle e Direttore scientifico

Dettagli

Modelli di consumo e di risparmio del futuro. Nicola Ronchetti GfK Eurisko

Modelli di consumo e di risparmio del futuro. Nicola Ronchetti GfK Eurisko Modelli di consumo e di risparmio del futuro Nicola Ronchetti GfK Eurisko Le fonti di ricerca Multifinanziaria Retail Market: universo di riferimento famiglie italiane con capofamiglia di età compresa

Dettagli

Il mandato di gestione patrimoniale. La sua soluzione individuale con un mandato LGT a fascia di oscillazione

Il mandato di gestione patrimoniale. La sua soluzione individuale con un mandato LGT a fascia di oscillazione Il mandato di gestione patrimoniale La sua soluzione individuale con un mandato LGT a fascia di oscillazione Il mandato di gestione patrimoniale LGT l assistenza professionale per i suoi investimenti Le

Dettagli

PLM Software. Answers for industry. Siemens PLM Software

PLM Software. Answers for industry. Siemens PLM Software Siemens PLM Software Monitoraggio e reporting delle prestazioni di prodotti e programmi Sfruttare le funzionalità di reporting e analisi delle soluzioni PLM per gestire in modo più efficace i complessi

Dettagli

Decisioni di finanziamento e mercati finanziari efficienti BMAS Capitolo 12

Decisioni di finanziamento e mercati finanziari efficienti BMAS Capitolo 12 Finanza Aziendale Decisioni di finanziamento e mercati finanziari efficienti BMAS Capitolo 12 Copyright 2003 - The McGraw-Hill Companies, srl 1 Argomenti Decisioni di finanziamento e VAN Informazioni e

Dettagli

La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro

La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro La sicurezza non è negoziabile Nestlé è convinta che il successo a lungo termine possa essere raggiunto soltanto grazie alle sue persone. Nessun

Dettagli