Quanto rende fare gli angeli

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Quanto rende fare gli angeli"

Transcript

1 Quanto rende fare gli angeli Scommettono sulle start up innovative, di cui non più del 20% si trasformerà in un grande business. Il ritorno è di circa il 27% annuo sull'intero capitale investito, flop compreso. Ecco come si può diventare un business angel (in Italia), per guadagnare e aiutare lo sviluppo del Paese di Max Malandrà Imprenditore (o manager), un patrimonio medio alto e tempo a disposizione. È questa la carta d'identità del business angel. E poi: voglia di rischiare, di spendere le proprie capacità e relazioni per far crescere società di cui si è comunque, insieme ad altri «angeli» (altrimenti detti investitori privati informali), socio di minoranza, e impegnarsi in business in cui statisticamente le probabilità che esplodano e si trasformino in un grande successo sono del 10 o 20% circa. Sì, perché gli «angeli del business» fanno proprio questo: prendono sotto le loro ali protettrici una o più società in fase di sviluppo, le cosiddette startup, e cercano di farle crescere e prosperare fornendo sia capitali sia consulenza. Come spiega Paolo Anselmo, presidente di Iban (acronimo di Italian business angels network, branch italiana dell'eban, European business angels network), costituita nel 1999: «Nell'arco di anni un business angel finanzierà da 10 a 15 progetti. Secondo le nostre rilevazioni, in media, su 10 business almeno la metà chiuderà dopo qualche anno, un altro terzo vivacchia e solamente uno, o al massimo due, decollerà diventando un caso di successo. Per questo motivo è necessario diversificare i investimenti, ripartendo le risorse, nel corso degli anni, su più progetti». Ma chi è e cosa fa nella pratica un business angel? CHI SONO I BUSINESS ANGEL Si tratta di privati, che operano con denaro proprio e che quindi rischiano in prima persona. Accanto a un'associazione come l'aifi (Associazione italiana private equity e venture capitai) che raggruppa solo operatori istituzionali, nel corso degli ultimi 20 anni sono nate diverse reti che associano questa tipologia di investitori e che hanno come obiettivo facilitare incontri, scambi di opinioni, occasioni di meeting e di screening di progetti industriali, ma anche momenti di formazione e di aggiornamento. Chi decide di investire in startup lo fa quindi per propria libera convinzione e soprattutto personalmente, anche se ovviamente, viste in genere le richieste finanziarie delle società, insieme ad altri business angel. Senza contare che la vicinanza territoriale, in genere, rappresenta un altro aspetto importante: per questo motivo i vari network si sono sviluppati o come coordinamento di realtà e associazioni locali o viceversa aprendo sedi territoriali per costruire un tessuto in cui finanziatori e finanziati possano condividere anche un medesimo retroterra culturale e interessi comuni, facilitando quindi gli incontri. SU 10 BUSINESS LA METÀ CHIUDERÀ E SOLAMENTE UNO O DUE DIVENTERANNO UN CASO DI SUCCESSO LE COMPETENZE RICHIESTE «I business angel sono in genere imprenditori, ex titolari di società, oppure anche ex manager che dispongono di mezzi finanziari, di una buona rete di conoscenze e di una solida capacità gestionale da impiegare in piccole e medie imprese», spiega Marco Villa, vicepresidente e managing director di 14_Patrimoni_Mog-g-io

2 Italian angels for growth, la rete che ha cofondato nel «Si tratta di una attività potenzialmente interessante, che tiene in contatto con quello che succede "di nuovo" nel mondo dell'innovazione, che non richiede solo un investimento finanziario ma anche in termini di tempo: in genere il business angel si spende in prima persona nell'attività che ha cofinanziato, aiutando e partecipando sia alla fase di gestione sia a quella strategica. A volte formalizzando l'intervento con una carica nel cda della partecipata, spesso figurando semplicemente come consulente esterno». «Xè competenze desiderate, tuttavia, non si fermano a quelle di manager e imprenditori», interviene Anselmo. «Sono gradite e richieste anche figure professionali quali avvocati e commercialisti per esempio: insomma capacità in grado di aiutare un'azienda appena nata a crescere e a svilupparsi in modo corretto e sano». Se invece l'idea fosse quella di puro e semplice investimento, allora la scelta migliore è puntare su intermediari e strumenti dedicati. IL PATRIMONIO NECESSARIO Quanto occorre avere a disposizione per intraprendere l'attività del business angel? A fare i conti in tasca al potenziale investitore ci pensa Anselmo. «Essendo una Marco Villa, vicepresidente e managing director di Italian angels for growth libera attività esercitata da un privato in teoria non esistono limiti minimi, tuttavia per operare in modo serio occorre un patrimonio medio alto», spiega il presidente di Iban. «Teniamo conto infatti che si tratta di investimenti che per loro natura hanno un profilo di rischio molto elevato e quindi mi sembra prudente non allocare più del 10-20% di un patrimonio mobiliare. Inoltre è necessaria un'elevata diversificazione, diciamo almeno una decina di partecipazioni nell'arco di un decennio. Ipotizzando quindi un impiego di 5-10mila euro in ogni startup, ecco che complessivamente si arriva a investire mila euro e quindi il patrimonio di base, in un'ottica prudenziale, non dovrebbe essere inferiore. Meglio se un po' più alto». I NETWORK II momento tipico in cui il business angel incontra le startup che chiedono finanziamenti è organizzato su base regolare dai vari network di cui fa parte. «Come Italian angels for growth noi organizziamo serate di incontri in genere una volta ogni due mesi per non sovraccari- II SETTORE TECNOLOGICO È QUELLO IN CUI SI CONCENTRA GRAN PARTE DELLE DOMANDE DI INVESTIMENTO care eccessivamente le agende dei nostri iscritti», spiega Villa. «Ma altri gruppi si incontrano magari una volta ogni tre o quattro settimane. La cadenza che ci siamo dati ci consente di portare, a ogni incontro, mediamente tre o quattro idee imprenditoriali. Startup che quando arrivano all'attenzione dei nostri associati sono già passate attraverso una tripla scrematura. Una prima da parte di un managing director e di un team interno dell'associazione che valuta i requisiti minimi del progetto, che vanno dalla sua effettiva innovazione al potenziale di crescita. In seguito un gruppetto di associati con esperienze nel settore industriale del progetto giudica il business pian e incontra personalmente l'imprenditore e il suo team. Infine, se il progetto supera i primi due step, passa al vaglio del Comitato screening che seleziona i 3-4 progetti migliori da presentare agli associati». E a questo punto cosa succede? «Ogni associato, al termine delle presentazioni, decide se e quanto investire nel progetto; questo, se raccoglie sufficienti adesioni, viene sottoposto a una due diligence approfondita che spazia dalla tecnologia proposta agli aspetti legali e che dura in genere un paio di mesi», continua Villa. «Al termine di questa, se l'esito è positivo, i soci sono invitati a confermare o ritirare l'intenzione di investirvi espressa all'incontro e quindi procederanno autonomamente a predisporre la contrattualistica e il veicolo societario da utilizzare per l'operazione». SETTORI E INVESTIMENTI II comparto tecnologico, in tutte le H 15_Pafr\moni_Maggio

3 sue ormai molteplici sfaccettature, rimane quello in cui si concentra gran parte delle domande di investimento. Il perché lo spiega il presidente di Iban: «II settore è quello che in questa fase storica ha più opportunità di crescita, di sviluppo e di innovazione: information technology, digitale, app per tablet e computer sono i filoni più gettonati. Molto meno invece, per esempio, il biotech, dato che richiede un time to market molto più lungo. Inoltre il tech è quello che può prospettare le possibilità di guadagno più elevate oltre che sbocchi di mercato internazionali». «Rileviamo anche un ritrovato interesse per i settori medicale, della diagnostica, del life science e dell'energia pulita», sostiene Villa. «Aggiungerei poi i settori del traveltech del food e del fintech», aggiun- gè Enrico Gasperini, presidente di Digital Magics, il venture incubator di aziende digitali quotato all'aim. «Sono diverse le proposte che riceviamo che hanno come ambito proprio i viaggi e la finanza. Del resto una delle ultime operazioni di exit effettuate ha riguardato proprio una startup italiana autorizzata come finanziaria da Banca d'italia, Prestiamoci». Insomma, non va dimenticato che si tratta di società che generalmente non hanno bisogno di investimenti enormi per partire. «Mediamente le richieste di capitale delle startup che vagliamo sono nell'ordine dei 3OO-5OOmila euro e quindi sono alla portata dei vari network», dice Anselmo. «Inoltre in Italia soffriamo del fatto che ben difficilmente queste società possono accedere a risorse pubbliche di appoggio come invece succede nei paesi anglosassoni, quindi occorre più capitale di rischio. Ed è anche il motivo per cui IL VALORE DEGLI INVESTIMENTI fonte: IBAH Associazione italiano degli investitoti informali in rete - Italioti Business Ungels Network fcsociation IL VALORE DEI SINGOLI INVESTIMENTI 24% *** r*^'* #> * * * * * * 15% #* «J&.ria.*0.««S^.«o.^ «p-^ is-^^v"- ^ ^ " ^ fame: IMH isstxiaiiane italiano degli investitori informali in tele - Itotion Business tngels network ksotiatian gli investimenti vengono effettuati in pool da più business angel, che mediamente investono tra i 10 e i 30mila euro ciascuno, mentre in passato, sull'onda dell'entusiasmo, si era arrivati anche a impegni da mila euro a testa». «In ogni caso i business angel rimangono quasi sempre come soci minoritari, e in genere entrano nel capitale della startup con il 30-33% del capitale», aggiunge Villa. EXIT STRATEGY Dopo qualche anno dall'investimento, 9% se si è fortunati e la startup è sopravvissuta alle tempeste dell'economia ed è riuscita a imporsi sul mercato, si arriva all'auspicato momento in cui si monetizza l'investimento effettuato, la cosiddetta «exit». Che può avvenire con la cessione del capitale a una società più grande (sia essa industriale o finanziaria, cioè un fondo di venture capitai o di private equity), attraverso un management buy out oppure con la quotazione in Borsa (Ipo, initial public offering). «Il riacquisto da parte di manager o soci è uno scenario abbastanza remoto >w 16_Patrimoni_Magg7o

4 I SETTORI D'INVESTIMENTO 35% 30% 25% 20% 15% 10% 5% 0% 30% 14% Fonte: IBAN associazione italiano degli investitoti informali in rete - ìtnlion Business Àngels Network Msodarion 8% 3% 3% UJL! 2% 2% 2% 0% 0% 0% 0% 0% _ _- L-_ML.JBL_. f così come Pipo», spazza subito il campo dalle ipotesi il vicepresidente di Italian angels for growth. «A memoria ricordo come questo sia successo solo per Mutui Online e Yoox. In tutti gli altri casi l'exit è avvenuta tramite un'acquisizione. Ma questo sta succedendo anche all'estero, non è un fenomeno solo italiano". Spesso, infatti, è un problema di dimensioni: guardando ai dati si scopre come delle circa aziende considerate innovative solamente l'uno per mille (meno di 40 quindi) ha un fatturato superiore a 1 milione di euro. Insomma, l'effervescenza di startup c'è, ma non sfocia in campioni di nicchia che abbiano la capacità di crescere e imporsi. E quelle che ce la fanno in questo contesto storico sono solo raramente aziende italiane. PROFITTI POTENZIALI Ma alla fine quanto si guadagna? La domanda, più che lecita è in realtà d'obbligo. -Su un periodo di investimento di tre anni, metà degli investimenti sono in II RIACQUISTO DA PARTE DI MANAGER 0 SOCI È UNO SCENARIO ABBASTANZA REMOTO COSÌ COME L'IPO & perdita, il 30% ha rendimenti che definirei accettabili, ovvero con un multiplo compreso tra 1,5 e 5 volte e infine l'ultimo 20% ha ritorni superiori a 5 volte su un periodo di investimento di 4-6 anni», illustra Villa. «Quindi mediamente un multiplo medio di 2,6 volte su un arco di tempo di 3,5 anni, cioè un tasso interno di rendimento del 27% circa all'anno sul totale investito». «Noi come Digital Magics abbiamo un tasso di successo superiore alla media, con circa quattro operazioni positive su 10», afferma però Gasperini. «Ma del resto è normale, visto che facciamo questo di mestiere. E con un Irr, vale a dire un tasso di rendimento, superiore al 30%». INCUBATORI E SOCIETÀ Le associazioni rappresentano il principale strumento e veicolo di conoscenza e incontri per i business angel. Tuttavia, accanto ai network, questa tipologia di investitori, operando come privati e quindi senza vincoli di alcun tipo, può trovare soluzioni alternative, per esempio associandosi o appoggiandosi a incubatori d'imprese con cui co-investire, oppure costituendo società che operano con una logica di acquisto di partecipazioni. Ecco alcuni esempi. LVENTURE racchiude in sé una doppia caratteristica, è una società quotata in Borsa («l'unico venture capitai quotato», spiega l'ad Luigi Capello) e al tempo stesso ha un acceleratore di startup al proprio interno, il Luiss Enlabs, costituito insieme all'università Luiss. Tanto che Cb Insights, società statunitense di riferimento del settore specializzata nell'analisi di dati relativi al mondo del venture capitai, ha inserito LVenture tra i 20 venture capitai più attivi in Europa nell'ambito dello European Tech Report. «LVenture si posiziona nei primi stadi della filiera del funding», spiega Luigi Capello. «La fase di pre-seed in cui, tramite Luiss Enlabs, selezioniamo le più promettenti startup sul mercato, poi quella di micro-seed in cui investiamo capitali limitati, fino a 60mila euro, LVENTURE È GIÀ QUOTATO IN BORSA E HA UN ACCELERATORE DI STARTUP AL SUO INTERNO in startup nelle fasi iniziali di sviluppo, supportandone il processo di lancio del prodotto attraverso un programma di accelerazione gestito dall'acceleratore; infine quella cosiddetta di seed, in cui gli investimenti più consistenti, fino a 250mila euro, vengono fatti nelle startup uscite con successo dal programma di accelerazione oltre che in altre startup in fase più matura selezionate sul mercato. Inoltre a febbraio abbiamo inaugurato, in collaborazione con big del calibro di Microsoft, Google, Samsung e Intel, un laboratorio attrezzato in cui gli sviluppatori potranno testare le loro app su tablet e smartphone, nonché su software e modelli non ancora presenti sul mercato». Nel nuovo piano industriale , intanto, la società avvierà un progetto denominato Angel Partner Group con l'obiettivo di sviluppare e consolidare relazioni con i business angel per accrescere la potenziale massa di capitali a disposizione e aumentare di conse- >H 19_Patrimoni_M<zg'g-zo

5 guenza le operazioni di co-investimento nelle startup. DIGITAL MAGICS invece ha già intrapreso la strada degli investimenti in tandem con i business angel è Digital Magics, fondata da Enrico Gasperini, che dal 2008 opera come venture incubator di startup innovative digitali e che nel 2013 si è quotato all'aim Italia. Ogni anno il Digital Magics Lab identifica una decina di progetti che la quotata poi sostiene utilizzando i fondi derivanti dagli exit ALLA DIGITAL MAGICS RIUSCIAMO AD AVERE UN TASSO DI RENDIMENTO, SUPERIORE AL 3 0% e collaborando con gli operatori della filiera. La società investe sia in proprio sia aprendo al proprio Digital magics angel network: «Si tratta di una rete di partner che investono con noi in club deal a supporto delle startup e scaleup digitali incubate», spiega Gasperini. «Sono investitori privati, fondi istituzionali e partner industriali. Il network collabora anche alle attività di selezione e mentorship delle partecipate in corso di sviluppo o già sviluppate, fornendo il proprio know-how o partecipando a piani industriali. A ottobre poi abbiamo lanciato anche il Business angel club, per sostenere le startup e l'innovazione nel Sud Italia, creando uno scambio di relazioni e competenze fra il mondo della finanza locale e quello digitale: l'obiettivo è quello di favorire i rapporti fra manager, business angel, imprenditori del territorio e neoimprese innovative, organizzando incontri ogni due mesi in tutte le regioni del Sud Italia». Infine, di due mesi fa è l'accordo con Talent Garden, leader italiano fra i digitai coworking network, che aggrega i diversi attori del mondo dell'innovazione e ha costruito una community online di circa 40mila persone tra freelance, developer, startup digitali, investitori e grandi aziende. Digital Magics, che è ora nel capitale della società e potrà salire fino al 28%, ne sosterrà l'espansione puntando all'apertura di 50 nuovi spazi in Europa entro il 2018, che si affiancheranno così ai 10 campus già presenti in Europa. 1 PRIVATE EQUITY^ 1 AZIONI 3i Group Biadatone Tamburi Investment Partners Onex Kkr American Capital Strategies The Carlyle Group Digital Magics Apollo Global Management Iventure Etf a Piazza Affari Emittente Lyxor Db-x-Trackers Powershares Fondi Gestione Duemme Sicav SebAm Doti aggiornati al 14/04/2015 Paese / Valuta Regno Unito/sterline Usa/dollari Usa Italia/euro Canada dollari canai Usa/dollari Usa Usa/dollari Usa Usa /dollari Usa Italia /euro Usa /dollari Usa Italia /euro Etf Privex Lpx Mm Private Equity Gì Listed Priv.Eq Fondo Private Equty Strotegy " Listed Private Equity Fund WITHFOUNDERS è una società di investimento che opera come seed accelerator e che in circa due anni di attività ha selezionato oltre 200 progetti e finanziato 13 startup per un valore totale di circa 1 milione di euro, che danno lavoro a oltre 200 persone, con un fatturato complessivo superiore ai 15 milioni. Un esempio di come alcuni business angel si sono associati per investire insieme. «Abbiamo raggiunto il break even con tre partecipate e ottenuto una prima exit, con un multiplo di 10 volte», sottolinea Giulio Vallante, fondatore e ad della società, tecnicamente una srl. «Abbiamo optato per questa forma INVESTIAMO SOLO IN SETTORI IN cui L'ITALIA PUÒ FARE LA DIFFERENZA, COME FOOD E RETAIL societaria in quanto rappresentava la soluzione migliore per noi cinque fondatori. Lavoriamo solamente con capitale proprio e abbiamo deciso di investire in settori in cui l'italia può fare la differenza, per esempio e-commerce, food e retail. Entriamo nel capitale delle market cap (min) Isin FR LU IEOOB23D3Z06 Isin LU LU Var.% 12m 43% 43% 31% 23 /. 12% 5% -9% 10% 11% -29% Var.% 12m 36% 34% 31% Var.% 12m 35% 28% startup con un apporto compreso tra 30mila e loomila euro e con una quota che va dal 5 al 15%, ma senza chiedere posti in cda: preferiamo mantenere un ruolo da osservatori e controllare l'andamento delle società senza obblighi e vincoli di governo». Withfounders si è creata già un'ottima fama, tanto che tra i partner che hanno investito nelle società partecipate si annoverano investitori istituzionali quali Principia Sgr, D Pixel, Innogest Capital, Vertis Sgr e Digital Magics. «Le società da noi finanziate hanno successivamente raccolto nuovo capitale per quasi 20 milioni, con un valore stimato che è passato da 5 a oltre 46 milioni, a seguito degli aumenti di capitale sottoscritti dai nuovi investitori», conclude Valiante. STRUMENTI FINANZIARI L'attività di business angel, per sua natura, è prevalentemente effettuata da privati e generalmente in modo comunque poco strutturato, apportando non solo capitali ma anche competenze personali e dedicandovi tempo in prima persona. Tuttavia, per chi volesse operare solo come investitore finanziario sono a disposizione azioni, >M 20_Patrimoni_Magg!o

6 fondi ed Etf. Il panorama finanziario per investire indirettamente su startup e società in via di affermazione, quindi, per quanto meno vasto di altri settori, è ricco di strumenti. Anche se occorre tener presente la necessità di un profilo di rischio più elevato rispetto a quello che è per esempio l'investimento su titoli azionari classici, a causa della forte volatilità cui può essere soggetto il comparto. Molto poi dipende dall'andamento dei tassi di interesse, dell'economia nazionale e internazionale e anche delle Borse azionarie. «Possiamo affermare che l'economia italiana sia in una fase di rilancio e anche il settore degli investimenti alternativi ha ripreso coraggio», ha detto di recente Innocenzo Cipolletta, presidente di Aifi, l'associazione italiana del private equity e venture capitai. «Questo 2015 vede l'insieme di tutta una serie di condizioni favorevoli per poter finalmente affermare che siamo in una fase di ri- GLI STRUMENTI PER INVESTIRE INDIRETTAMENTE SU STARTUP SONO MOLTI. MA OCCORRE UN PROFILO DI RISCHIO ELEVATO partenza, di crescita e di uscita dalla crisi che ha bloccato, negli ultimi anni, risorse economiche e capacità imprenditoriali. Ora non resta che utilizzare tutti gli strumenti a nostra disposizione per raccogliere, investire e creare occupazione e crescita economica». Ma se in Italia la ripresa sembra in fase embrionale, nel resto dell'europa e soprattutto negli Stati Uniti il ciclo economico è decisamente più avanti, senza contare che il lungo periodo di tassi di interesse prossimi allo zero ha permesso una prolungata attività di M&A che ha potuto svolgersi con costi limitati in termini di onere del debito. Ecco quindi che anche l'attività dei private equity internazionali, che operano in leva, anche se a livelli più contenuti rispetto a una decina di anni fa, ha trovato giovamento da questo clima economico favorevole. A disposizione di chi voglia investire denaro affidandolo però a professionisti terzi del settore sono così una serie di strumenti finanziari, selezionati e riassunti nella tabella nella pagina a finaco. GLI ETF Alla portata di un investitore italiano vi sono tre Etf quotati all'etfplus di Borsa Italiana. Db X-Trackers Lpx Mm Private equity, ha un costo annuo dello 0,7% e per sottostante un indice calcolato in euro, ha come obiettivo la copertura di massimo 25 società internazionali di private equity quotate: la selezione avviene partendo da un database di tutti i principali private equity dei paesi sviluppati e utilizzato come base per la costituzione dell'indice. Lyxor Privex, con lo 0,7% di Ter annuo, replica invece le performance delle 25 azioni delle società più importanti e più liquide che operano nel private equity negoziate sulle borse mondiali. L'indice sottostante, Privex total return in dollari Usa, riflette le varie tipologie di investimento ricomprese nel private equity (venture e development capitai, buy-out, restructuring ecc). Il paniere è bilanciato in base alla capitalizzazione di mercato aggiustata per il flottante, con revisioni semestrali dei componenti. Powershares Global listed private equity ha un costo annuo dello 0,75%: segue l'indice calcolato da S&P in dollari che seleziona le migliori società o fondi, quotati nei principali mercati mondiali, che svolgano la loro attività nell'ambito del private equity. I FONDI Morningstar ha creato un apposito comparto di riferimento per i fondi che investono in questo settore, ma per ora le possibilità di investimento sono solamente due. Private Equity Strategy di Duemme Sicav offre il proprio ad accumulo, tre stelle Morningstar e spese correnti del 2,16%. L'esposizione al comparto può avvenire investendo prevalentemente in azioni emesse da società costituite nei paesi dell'ocse e in obbligazioni emesse da enti sovranazionali, governativi o quasi-governativi e in obbligazioni societarie oltre che in strumenti derivati (opzioni, warrant, futures). Premiato con tre stelle Morningstar è anche il secondo fondo, di Seb Asset Management, il Listed private equity fund (1,59% le spese correnti). Investe in società di private equity quotate a livello internazionale, senza geografici ma su un numero ridotto di partecipazioni: ciò significa rendimenti attesi più elevati ma rischi maggiori. LE AZIONI A Piazza Affari sono quotati tre titoli. Lventure è tra i primi operatori di seed venture capitai quotati al mondo, con una capitalizzazione di mercato tuttavia ridotta, poco più di 15 milioni di euro. Su livelli di market cap leggermente più elevati, circa 22 milioni, è Digital Magics, quotata all'aim Italia e fondata e diretta da Enrico Gasperini. Si tratta di un venture incubator di startup innovative digitali, con contenuti e prodotti ad alto contenuto tecnologico, che fonda e costruisce investendo anche capitale proprio. Infine, Tamburi Investment Partners: con una market cap di circa 500 milioni di euro, il gruppo guidato da Giovanni Tamburi investe sia in società quotate sia in non quotate con l'obiettivo di portarle in Borsa. Gli esempi? Da Moncler a Intercos, da Eataly a Roche Bobois e iguzzini. I PRIVATE EQUITY ESTERI I big del comparto, anche in questo caso, sono all'estero, quindi quotati in valuta diversa dall'euro: accanto a quello dell'investimento in capitale di rischio occorre quindi tener conto che si aggiunge anche il rischio cambio. Negli Usa sono quotati i tre private tra i più grandi al mondo, Blackstone (che capitalizza oltre 45 miliardi di dollari), Kkr (quasi 20 miliardi) e Carlyle Group (poco meno di 10 miliardi). Altri esempi sono la canadese Onex (circa 8 miliardi di dollari di market cap) e la britannica 3i Group (quasi 5 miliardi di sterline). 23_Patrimoni_Maggzo

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 Nel 2013 ingresso in 11 startup, di cui 6 startup innovative, una cessione, una

Dettagli

LETTERA AGLI AZIONISTI E AI PARTNER DI DIGITAL MAGICS

LETTERA AGLI AZIONISTI E AI PARTNER DI DIGITAL MAGICS Milano, 29 gennaio 2014 LETTERA AGLI AZIONISTI E AI PARTNER DI DIGITAL MAGICS Carissimi Azionisti e Partner, Il 2013 per noi è stato un anno entusiasmante. Abbiamo completato con successo il nostro progetto

Dettagli

Caratteristiche del Fondo

Caratteristiche del Fondo Caratteristiche del Fondo EQUI MEDITERRANEO FUND e un fondo costituito sotto forma di SICAV SIF ed è un comparto dedicato della piattaforma EQUI SICAV - SIF, una Società a capitale Variabile Lussemburghese

Dettagli

. T. I. P. O. TIP - PRE IPO S.P.A.

. T. I. P. O. TIP - PRE IPO S.P.A. Milano, 4 giugno 2014 Perché TIPO? 1. Esiste un mercato potenziale interessante 2. Le imprese italiane hanno bisogno di equity 3. Attuale disponibilità di liquidità UNA CHIUSURA PROATTIVA DEL CIRCUITO

Dettagli

Venture Capitalist: chi sono, cosa fanno e a cosa servono

Venture Capitalist: chi sono, cosa fanno e a cosa servono Venture Capitalist: chi sono, cosa fanno e a cosa servono Ing. Stefano Molino Investment Manager Innogest SGR SpA Torino, 31 Marzo 2011 Venture Capital: che cos è? L attività di investimento istituzionale

Dettagli

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT Dr. Gabriele Cappellini Amministratore Delegato Fondo Italiano

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

Capital Group. Intervista a Richard Carlyle, Investment Specialist

Capital Group. Intervista a Richard Carlyle, Investment Specialist Capital Group Intervista a Richard Carlyle, Investment Specialist Evento Citywire Montreux, maggio 2015 La tesi a favore delle azioni europee Richard Carlyle, Investment Specialist, Capital Group La ripresa

Dettagli

Architettura aperta come strumento di diversificazione nel controllo di rischio di portafoglio

Architettura aperta come strumento di diversificazione nel controllo di rischio di portafoglio S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO La Congiuntura Economica Architettura aperta come strumento di diversificazione nel controllo di rischio di portafoglio Luca Martina Private Banker Banca

Dettagli

TIP e le principali società partecipate hanno comunque avuto un buon anno e i dati di fine settembre lo testimoniano con chiarezza.

TIP e le principali società partecipate hanno comunque avuto un buon anno e i dati di fine settembre lo testimoniano con chiarezza. Carissimi azionisti, il 2014 ci ha riservato molte sorprese: petrolio e materie prime che crollano, dollaro che sale, tassi di interesse sempre più bassi, bond che vanno a ruba, spread dell Europa periferica

Dettagli

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori ABC degli investimenti Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori I vantaggi di investire con Fidelity Worldwide Investment Specializzazione Fidelity è una società indipendente e si

Dettagli

Circolare N.175 del 27 Novembre 2013

Circolare N.175 del 27 Novembre 2013 Circolare N.175 del 27 Novembre 2013 PMI. Tutte le informazioni per la quotazione in borsa online Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che ABI, AIFI, ASSIREVI, ASSOGESTIONI, ASSOSIM,

Dettagli

MTA. Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni

MTA. Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni MTA Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni L accesso ai mercati dei capitali ha permesso a Campari di percorrere una strategia di successo per l espansione e lo sviluppo del proprio

Dettagli

AIM Italia. Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani

AIM Italia. Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani AIM Italia Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani Perché AIM Italia I mercati di Borsa Italiana AIM Italia si aggiunge all offerta di mercati regolamentati di Borsa Italiana MTA MTF 3 Perché

Dettagli

Perché AIM Italia? (1/2)

Perché AIM Italia? (1/2) AIM Italia Perché AIM Italia? (1/2) AIM Italia si ispira ad un esperienza di successo già presente sul mercato londinese Numero di società quotate su AIM: 1,597 Di cui internazionali: 329 Quotazioni su

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

Nuova finanza per la green industry

Nuova finanza per la green industry Nuova finanza per la green industry Green Investor Day / Milano, 9 maggio 2013 Barriere di contesto a una nuova stagione di crescita OSTACOLI PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE Fine degli incentivi e dello sviluppo

Dettagli

Risparmiatori italiani combattuti tra ricerca del rendimento e protezione del capitale.

Risparmiatori italiani combattuti tra ricerca del rendimento e protezione del capitale. Risparmiatori italiani combattuti tra ricerca del rendimento e protezione del capitale. Questo il risultato di una ricerca di Natixis Global Asset Management, secondo cui di fronte a questo dilemma si

Dettagli

AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale

AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale Agenda I II III AIM Italia Il ruolo di Banca Finnat Track record di Banca Finnat 2 2 Mercati non regolamentati Mercati regolamentati AIM Italia Mercati di

Dettagli

Comunicazione ai titolari di Azioni dei seguenti comparti di GO UCITS ETF Solutions Plc (già ETFX Fund Company Plc) (la "Società"):

Comunicazione ai titolari di Azioni dei seguenti comparti di GO UCITS ETF Solutions Plc (già ETFX Fund Company Plc) (la Società): 24 luglio 2014 Comunicazione ai titolari di Azioni dei seguenti comparti di GO UCITS ETF Solutions Plc (già ETFX Fund Company Plc) (la "Società"): ETFS WNA Global Nuclear Energy GO UCITS ETF (ISIN: IE00B3C94706)

Dettagli

GUIDA PRATICA AL CAPITALE DI RISCHIO

GUIDA PRATICA AL CAPITALE DI RISCHIO GUIDA PRATICA AL CAPITALE DI RISCHIO Avviare e sviluppare un impresa con il venture capital e il private equity GUIDA PRATICA AL CAPITALE DI RISCHIO Indice 1. Perché una guida...4 2. L investimento nel

Dettagli

Lussemburgo Lo strumento della cartolarizzazione e il suo regime fiscale

Lussemburgo Lo strumento della cartolarizzazione e il suo regime fiscale Lussemburgo Lo strumento della cartolarizzazione e il suo regime fiscale www.bsp.lu Dicembre 2013 1 Con la Legge 22 marzo 2004, il Lussemburgo si è dotato, di uno strumento legislativo completo che ha

Dettagli

LA QUOTAZIONE IN BORSA

LA QUOTAZIONE IN BORSA LA QUOTAZIONE IN BORSA Facoltà di Economia dell'università di Parma 20 febbraio 2012 Martino De Ambroggi L attività del broker Equity Sales & Trading Equity Research Francesco Perilli (CEO) Investment

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense

Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense Chi siamo Siamo una delle più consolidate realtà di Internet Marketing in Italia: siamo sul mercato dal 1995, e

Dettagli

Qual è il fine dell azienda?

Qual è il fine dell azienda? CORSO DI FINANZA AZIENDALE SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE Testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani) - McGraw-Hill - 2001 Cap. 9 1 Qual è il fine dell azienda? Massimizzare

Dettagli

Garnell Garnell Garnell

Garnell Garnell Garnell Il veliero Garnell è un grande esempio di capacità di uscire dagli schemi, saper valutare il cambio di rotta per arrivare serenamente a destinazione, anche nei contesti più turbolenti Il 14 agosto 1919

Dettagli

GUIDA PRATICA ALLA COSTITUZIONE DI UNO SPIN OFF DA RICERCA

GUIDA PRATICA ALLA COSTITUZIONE DI UNO SPIN OFF DA RICERCA GUIDA PRATICA ALLA COSTITUZIONE DI UNO SPIN OFF DA RICERCA Progetto SPIN OVER Decreto del Ministero dello Sviluppo Economico del 27 gennaio 2005 progetto Spin Over, a cura del Gruppo iella Nasini e Sandra

Dettagli

Facciamo emergere i vostri valori.

Facciamo emergere i vostri valori. Facciamo emergere i vostri valori. www.arnerbank.ch BANCA ARNER SA Piazza Manzoni 8 6901 Lugano Switzerland P. +41 (0)91 912 62 22 F. +41 (0)91 912 61 20 www.arnerbank.ch Indice Banca: gli obiettivi Clienti:

Dettagli

Fortune. Strategia per l esercizio dei diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti. Unifortune Asset Management SGR SpA

Fortune. Strategia per l esercizio dei diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti. Unifortune Asset Management SGR SpA Unifortune Asset Management SGR SpA diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti Approvata dal Consiglio di Amministrazione del 26 maggio 2009 1 Premessa In attuazione dell art. 40, comma

Dettagli

SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling. settembre dicembre 2014 OBIETTIVI

SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling. settembre dicembre 2014 OBIETTIVI Organizzato da Impact Hub Rovereto in collaborazione con TrentunoTre con la supervisione scientifica di ISIPM SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling settembre dicembre

Dettagli

PREMIO GAETANO MARZOTTO Regolamento Quinta Edizione 2015

PREMIO GAETANO MARZOTTO Regolamento Quinta Edizione 2015 PREMIO GAETANO MARZOTTO Regolamento Quinta Edizione 2015 Premio Gaetano Marzotto cerca nuovi imprenditori e costruttori di futuro che siano in grado di far convivere innovazione, impresa e società. Il

Dettagli

GLOSSARIO. AZIONE Titolo rappresentato di una frazione del capitale di una società per azioni.

GLOSSARIO. AZIONE Titolo rappresentato di una frazione del capitale di una società per azioni. GLOSSARIO ACCUMULAZIONE DEI PROVENTI Ammontare dei dividendi che sono stati accumulati a favore dei possessori dei titoli ma che non sono stati ancora distribuiti. ARBITRAGGIO Operazione finanziaria consistente

Dettagli

TREND E STRATEGIE DI INVESTIMENTO Settimana del 31 agosto 2009

TREND E STRATEGIE DI INVESTIMENTO Settimana del 31 agosto 2009 1 Trend e Strategie di Investimento http://www.educazionefinanziaria.com/ TREND E STRATEGIE DI INVESTIMENTO Mercato Azionario Semaforo Verde Situazione Fondamentale: Neutrale (basata sul differenziale

Dettagli

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL GESTIONALE DEL FUTURO L evoluzione del software per l azienda moderna Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL MERCATO ITALIANO L Italia è rappresentata da un numero elevato di piccole e medie aziende che

Dettagli

Real Consultant Srl Company Profile

Real Consultant Srl Company Profile Ooooo Real Consultant Srl Company Profile a company Regulated by RICS (The Royal Institution of Chartered Surveyors) Aprile, 2013 Indice REAL CONSULTANT - COMPANY PROFILE REAL CONSULTANT IL NOSTRO PROFILO

Dettagli

appartenente al Gruppo Poste Italiane

appartenente al Gruppo Poste Italiane appartenente al Gruppo Poste Italiane Offerta al pubblico di quote dei fondi comuni di investimento mobiliare aperti di diritto italiano armonizzati alla Direttiva 2009/65/CE, denominati: Bancoposta Obbligazionario

Dettagli

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi ONDI OMUNI: AI A CELTA IUSTA Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi CONOSCERE I FONDI D INVESTIMENTO, PER FARE SCELTE CONSAPEVOLI I fondi comuni sono

Dettagli

L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO

L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO DISPENSA 1 Economia ed Organizzazione Aziendale L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO - Parte I - Indice Impresa: definizioni e tipologie Proprietà e controllo Impresa: natura giuridica Sistema economico: consumatori,

Dettagli

. T. I. P. O. TIP - PRE IPO S.P.A.

. T. I. P. O. TIP - PRE IPO S.P.A. Milano, Marzo 2014 Premessa Il presente documento (il «Documento») è stato predisposto da Tamburi Investment Partners S.p.A. («TIP») con l obiettivo di fornire una descrizione il più possibile esaustiva

Dettagli

www.unicreditprivate.it 800.710.710

www.unicreditprivate.it 800.710.710 www.unicreditprivate.it 800.710.710 Portfolio Life TM è la nuova soluzione finanziario-assicurativa Unit Linked a vita intera, realizzata da CreditRas Vita S.p.A. in esclusiva per UniCredit Private Banking.

Dettagli

Costruire uno Spin-Off di Successo. Non fidarsi mai dei professori

Costruire uno Spin-Off di Successo. Non fidarsi mai dei professori Costruire uno Spin-Off di Successo Non fidarsi mai dei professori Spin-Off da Università: Definizione Lo Spin-Off da Università è in generale un processo che, partendo da una tecnologia disruptiva sviluppata

Dettagli

La Borsa delle idee Innovare: il reale valore dei social network

La Borsa delle idee Innovare: il reale valore dei social network La Borsa delle idee Innovare: il reale valore dei social network Di cosa parliamo? La Borsa delle Idee è la soluzione per consentire alle aziende di coinvolgere attivamente le persone (dipendenti, clienti,

Dettagli

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere ...... Le partecipate...... Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere le partecipate comunali in perdita, i Comuni italiani dispongono ancora di un portafoglio di partecipazioni molto rilevante,

Dettagli

Presentazione societaria

Presentazione societaria Eurizon Capital Eurizon Capital Presentazione societaria Eurizon Capital e il Gruppo Intesa Sanpaolo Banca dei Territori Asset Management Corporate & Investment Banking Banche Estere 1/12 Eurizon Capital

Dettagli

Nicola Romito. Esperienza. Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it

Nicola Romito. Esperienza. Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it Nicola Romito Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it Esperienza Presidente at Power Capital aprile 2013 - Presente (1 anno 4 mesi) * Consulenza per gli investimenti, gestione di portafoglio

Dettagli

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi il risparmio, dove lo ora? metto le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi Vademecum del risparmiatore le principali domande emerse da una recente ricerca di mercato 1

Dettagli

IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE

IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE ALCUNE CONSIDERAZIONI A MARGINE DELLA REVISIONE DELLE NORME SUGLI INVESTIMENTI A COPERTURA DELLE RISERVE TECNICHE CONVEGNO SOLVENCY II 1 PUNTI PRINCIPALI

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

In breve Febbraio 2015

In breve Febbraio 2015 In breve In breve Febbraio 2015 La nostra principale responsabilità è rappresentata dagli interessi dei nostri clienti. Il principio per tutti i soci è essere disponibili ad incontrare i clienti, e farlo

Dettagli

4. Introduzione ai prodotti derivati. Stefano Di Colli

4. Introduzione ai prodotti derivati. Stefano Di Colli 4. Introduzione ai prodotti derivati Metodi Statistici per il Credito e la Finanza Stefano Di Colli Che cos è un derivato? I derivati sono strumenti il cui valore dipende dal valore di altre più fondamentali

Dettagli

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo.

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. impostazioni di sistema postazione clinica studio privato sterilizzazione magazzino segreteria amministrazione sala di attesa caratteristiche UNO tiene

Dettagli

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI 1 INTRODUZIONE Il Consiglio di Amministrazione di Kairos Julius Baer Sim (di seguito la KJBSIM ) ha approvato il presente documento al fine di formalizzare

Dettagli

INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI

INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI 1) GENERALITA In conformità a quanto previsto dalla Direttiva 2004/39/CE (cd Direttiva Mifid), la Banca ha adottato tutte le misure

Dettagli

GAM. I nostri servizi di società di gestione

GAM. I nostri servizi di società di gestione GAM I nostri servizi di società di gestione Una partnership con GAM assicura i seguenti vantaggi: Forniamo sostanza e servizi di società di gestione in Lussemburgo Offriamo servizi di alta qualità abbinati

Dettagli

L asset management di Banca Fideuram

L asset management di Banca Fideuram L asset management di Banca Fideuram 1 LA SOCIETA 2 La struttura societaria Banca Fideuram 3 Italia 99.5% Irlanda 100% Lussemburgo 99.94% Fideuram Investimenti SGR Gestioni Patrimoniali Fondi Comuni di

Dettagli

La partecipazione finanziaria per una nuova Europa sociale

La partecipazione finanziaria per una nuova Europa sociale La partecipazione finanziaria per una nuova Europa sociale Il Cammino verso una Regolamentazione Europea: L Approccio Modulare Employee Stock Ownership Plans (ESOP): Un veicolo per garantire la successione

Dettagli

Dov è andata a finire l inflazione?

Dov è andata a finire l inflazione? 24 novembre 2001 Dov è andata a finire l inflazione? Sono oramai parecchi anni (dai primi anni 90) che la massa monetaria mondiale cresce ininterrottamente dell 8% all anno nel mondo occidentale con punte

Dettagli

IMPARA IL MERCATO IN 10 MINUTI

IMPARA IL MERCATO IN 10 MINUTI IMPARA IL MERCATO IN 10 MINUTI AVVERTENZA SUGLI INVESTIMENTI AD ALTO RISCHIO: Il Trading sulle valute estere (Forex) ed i Contratti per Differenza (CFD) sono altamente speculativi, comportano un alto livello

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

11/11. Anthilia Capital Partners SGR. Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia. Maggio 2011.

11/11. Anthilia Capital Partners SGR. Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia. Maggio 2011. 11/11 Anthilia Capital Partners SGR Maggio 2011 Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia Eugenio Namor Anthilia Capital Partners Lugano Fund Forum 22 novembre 2011 Industria

Dettagli

Il mandato di gestione patrimoniale. La sua soluzione individuale con un mandato LGT a fascia di oscillazione

Il mandato di gestione patrimoniale. La sua soluzione individuale con un mandato LGT a fascia di oscillazione Il mandato di gestione patrimoniale La sua soluzione individuale con un mandato LGT a fascia di oscillazione Il mandato di gestione patrimoniale LGT l assistenza professionale per i suoi investimenti Le

Dettagli

Studio di retribuzione 2014

Studio di retribuzione 2014 Studio di retribuzione 2014 SALES & MARKETING Temporary & permanent recruitment www.pagepersonnel.it EDITORIALE Grazie ad una struttura costituita da 100 consulenti e 4 uffici in Italia, Page Personnel

Dettagli

Lettera agli azionisti

Lettera agli azionisti Lettera agli azionisti Esercizio 24 2 Messaggio dei dirigenti del gruppo Gentili signore e signori Rolf Dörig e Patrick Frost Il 24 è stato un anno molto positivo per Swiss Life. Anche quest anno la performance

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

Sfide strategiche nell Asset Management

Sfide strategiche nell Asset Management Financial Services Banking Sfide strategiche nell Asset Management Enrico Trevisan, Alberto Laratta 1 Introduzione L'attuale crisi finanziaria (ed economica) ha significativamente inciso sui profitti dell'industria

Dettagli

GUARDIAN asset management software. Solutions. The safe partner for your business

GUARDIAN asset management software. Solutions. The safe partner for your business Portfolio Management GUARDIAN Solutions The safe partner for your business Swiss-Rev si pone come società con un alto grado di specializzazione e flessibilità nell ambito di soluzioni software per il settore

Dettagli

BANDO VALORE ASSOLUTO 3.0

BANDO VALORE ASSOLUTO 3.0 BANDO VALORE ASSOLUTO 3.0 Concorso di idee per iniziative imprenditoriali innovative Che cosa è Valore Assoluto è un iniziativa della Camera di Commercio di Bari, giunta al terzo anno di attività e finalizzata

Dettagli

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE)

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) 71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) di TIZIANA LANG * Finalmente è partita: dal 1 maggio i giovani italiani possono iscriversi on line al programma della Garanzia

Dettagli

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI Versione 9.0 del 9/03/2015 Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 Policy conflitti di interesse Pag. 1 di 14 INDICE 1. PREMESSA... 3 1.1 Definizioni... 4 2. OBIETTIVI...

Dettagli

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo CAPITOLO 8 Tecnologie dell informazione e controllo Agenda Evoluzione dell IT IT, processo decisionale e controllo Sistemi di supporto al processo decisionale Sistemi di controllo a feedback IT e coordinamento

Dettagli

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia la gestione dei processi di comunicazione in quale scenario deve identificarsi un progetto di miglioramento, nella gestione dei beni digitali per

Dettagli

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A.

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A. COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA Ufficio Mercati Alla cortese attenzione del dott. Salini Telefax n. 06 8477 757 Ufficio OPA Alla cortese attenzione della dott.sa Mazzarella Telefax n. 06

Dettagli

Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini

Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini Edizione 20141015 Pagina 1 di 16 INDICE 1 PREMESSE... 3 1.1 INTRODUZIONE... 3 1.2 CURA DELL'INTERESSE DEL CLIENTE... 3 1.2.1 Determinazione del

Dettagli

IL PROGETTO MINDSH@RE

IL PROGETTO MINDSH@RE IL PROGETTO MINDSH@RE Gruppo Finmeccanica Attilio Di Giovanni V.P.Technology Innovation & IP Mngt L'innovazione e la Ricerca sono due dei punti di eccellenza di Finmeccanica. Lo scorso anno il Gruppo ha

Dettagli

THE FUND RAISING SCHOOL. www.fundraisingschool.it. Calendario Corsi 2015

THE FUND RAISING SCHOOL. www.fundraisingschool.it. Calendario Corsi 2015 THE FUND RAISING SCHOOL Calendario Corsi 2015 www.fundraisingschool.it LA PRIMA SCUOLA ITALIANA DI RACCOLTA FONDI Nata nel 1999 The Fund Raising School è la prima scuola di formazione italiana dedicata

Dettagli

Capitale raccomandato

Capitale raccomandato Aggiornato in data 1/9/212 Advanced 1-212 Capitale raccomandato da 43.8 a 6.298 Descrizioni e specifiche: 1. E' una combinazione composta da 3 Trading System automatici 2. Viene consigliata per diversificare

Dettagli

Acquisizione Palazzo cielo/terra, Lipsia (Germania)

Acquisizione Palazzo cielo/terra, Lipsia (Germania) Acquisizione Palazzo cielo/terra, Lipsia (Germania) Business Plan KIG RE - DIOMA Valore acquisizioni immobiliari, gestione, sviluppo e ricollocazione assets immobiliari della società veicolo di investimento

Dettagli

Quotazione in borsa e minibond: quali concrete opportunità per le PMI Sebastiano Di Diego e Fabrizio Micozzi

Quotazione in borsa e minibond: quali concrete opportunità per le PMI Sebastiano Di Diego e Fabrizio Micozzi Quotazione in borsa e minibond: quali concrete opportunità per le PMI Sebastiano Di Diego e Fabrizio Micozzi Corporate finance advisory and strategy consulting 1. Le priorità delle PMI italiane Quali sono

Dettagli

Manuale del Trader. Benvenuti nel fantastico mondo del trading binario!

Manuale del Trader. Benvenuti nel fantastico mondo del trading binario! Manuale del Trader Benvenuti nel fantastico mondo del trading binario! Questo manuale spiega esattamente cosa sono le opzioni binarie, come investire e familiarizzare con il nostro sito web. Se avete delle

Dettagli

IL FINANZIAMENTO ALLE IMPRESE INNOVATIVE Quale ruolo per il sistema bancario?

IL FINANZIAMENTO ALLE IMPRESE INNOVATIVE Quale ruolo per il sistema bancario? IL FINANZIAMENTO ALLE IMPRESE INNOVATIVE Quale ruolo per il sistema bancario? Anna Florio Dipartimento di Ingegneria Gestionale Politecnico di Milano anna.florio@polimi.it Maggio 2003 1 IL FINANZIAMENTO

Dettagli

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI Il presente documento (di seguito Policy ) descrive le modalità con le quali vengono trattati gli ordini, aventi ad oggetto strumenti finanziari,

Dettagli

GUIDA ALLE OPZIONI BINARIE

GUIDA ALLE OPZIONI BINARIE Titolo GUIDA ALLE OPZIONI BINARIE Comprende strategie operative Autore Dove Investire Sito internet http://www.doveinvestire.com Broker consigliato http://www.anyoption.it ATTENZIONE: tutti i diritti sono

Dettagli

GUIDA OPZIONI BINARIE

GUIDA OPZIONI BINARIE GUIDA OPZIONI BINARIE Cosa sono le opzioni binarie e come funziona il trading binario. Breve guida pratica: conviene fare trading online con le opzioni binarie o è una truffa? Quali sono i guadagni e quali

Dettagli

Smart ICT Solutions nel Real Estate: conoscere e gestire il patrimonio per creare valore

Smart ICT Solutions nel Real Estate: conoscere e gestire il patrimonio per creare valore Smart ICT Solutions nel Real Estate: conoscere e gestire il patrimonio per creare valore Osservatorio ICT nel Real Estate Presentazione dei Risultati 2013 21 Maggio 2013 CON IL PATROCINIO DI PARTNER IN

Dettagli

Le piattaforme di investimento alternativo nel quadro regolatorio italiano ed europeo: il caso di Epic

Le piattaforme di investimento alternativo nel quadro regolatorio italiano ed europeo: il caso di Epic XVI Convention IBAN Dall Entrepreneurship al Capitale di Rischio dei Business Angels Le piattaforme di investimento alternativo nel quadro regolatorio italiano ed europeo: il caso di Epic Guido Ferrarini

Dettagli

Quotarsi in Borsa. La nuova segmentazione dei Mercati di Borsa Italiana. www.borsaitalia.it

Quotarsi in Borsa. La nuova segmentazione dei Mercati di Borsa Italiana. www.borsaitalia.it Quotarsi in Borsa La nuova segmentazione dei Mercati di Borsa Italiana www.borsaitalia.it Indice 1. Introduzione 3 2. La decisione di quotarsi 5 3. La scelta del mercato di quotazione 9 4. I requisiti

Dettagli

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse?

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Your Global Investment Authority Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Gli

Dettagli

Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione

Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione BNPP L1 Equity Best Selection Euro/Europe: il tuo passaporto per il mondo 2 EUROPEAN LARGE CAP EQUITY SELECT - UNA

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

IDEE & SOLUZIONI PER L'OCCUPAZIONE E LA RIPRESA IN EUROPA MERIDIONALE

IDEE & SOLUZIONI PER L'OCCUPAZIONE E LA RIPRESA IN EUROPA MERIDIONALE IDEE & SOLUZIONI PER L'OCCUPAZIONE E LA RIPRESA IN EUROPA MERIDIONALE L INIZIATIVA COLLABORA CON NOI! Offriamo varie opportunità per prendere parte a questa grande iniziativa per il cambiamento. Solo col

Dettagli

Tipologie di strumenti finanziari

Tipologie di strumenti finanziari Tipologie di strumenti finanziari PRINCIPALI TIPOLOGIE DI STRUMENTI FINANZIARI: Azioni Obbligazioni ETF Opzioni 1 Azioni: definizione L azione è un titolo nominativo rappresentativo di una quota della

Dettagli

La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo una regolamentazione

La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo una regolamentazione Economia > News > Italia - mercoledì 16 aprile 2014, 12:00 www.lindro.it Sulla fame non si spreca La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo

Dettagli

Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02

Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02 Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02 Approvata con delibera CdA del 04/09/ 09 Fornite ai sensi dell art. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob 16190/2007. LA NORMATIVA MIFID

Dettagli

Non solo benchmark: le prospettive nei modelli gestionali. Stefania Luzi Mefop Roma, 3 luglio 2013

Non solo benchmark: le prospettive nei modelli gestionali. Stefania Luzi Mefop Roma, 3 luglio 2013 Non solo benchmark: le prospettive nei modelli gestionali Stefania Luzi Mefop Roma, 3 luglio 2013 La cronistoria Pre 2009 Modello a benchmark basato su: Pesi delle asset class Benchmark costituito da indici

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

NOTA DI SINTESI. relativa agli. ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES su un Indice di Riferimento in OICR calcolato da Abaxbank

NOTA DI SINTESI. relativa agli. ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES su un Indice di Riferimento in OICR calcolato da Abaxbank NOTA DI SINTESI relativa agli ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES su un Indice di Riferimento in OICR calcolato da Abaxbank di cui al Prospetto di Base ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES redatta

Dettagli

I FONDI IMMOBILIARI IN ITALIA E ALL ESTERO RAPPORTO 2010 I RELATORI

I FONDI IMMOBILIARI IN ITALIA E ALL ESTERO RAPPORTO 2010 I RELATORI I FONDI IMMOBILIARI IN ITALIA E ALL ESTERO RAPPORTO 2010 I RELATORI ALBERTO AGAZZI GENERALI IMMOBILIARE ITALIA Alberto Agazzi è nato a Milano il 18/06/1977 ed laureato in Ingegneria Edile presso il Politecnico

Dettagli

Una holding per sviluppare sinergie Pag. 1. Il Gruppo e le sue attività Pag. 2. La filosofia della holding Pag. 4

Una holding per sviluppare sinergie Pag. 1. Il Gruppo e le sue attività Pag. 2. La filosofia della holding Pag. 4 DOCUMENTAZIONE CONTENUTA NELLA CARTELLA Una holding per sviluppare sinergie Pag. 1 Il Gruppo e le sue attività Pag. 2 La filosofia della holding Pag. 4 Contact: Barabino & Partners Claudio Cosetti c.cosetti@barabino.it

Dettagli