Quanto rende fare gli angeli

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Quanto rende fare gli angeli"

Transcript

1 Quanto rende fare gli angeli Scommettono sulle start up innovative, di cui non più del 20% si trasformerà in un grande business. Il ritorno è di circa il 27% annuo sull'intero capitale investito, flop compreso. Ecco come si può diventare un business angel (in Italia), per guadagnare e aiutare lo sviluppo del Paese di Max Malandrà Imprenditore (o manager), un patrimonio medio alto e tempo a disposizione. È questa la carta d'identità del business angel. E poi: voglia di rischiare, di spendere le proprie capacità e relazioni per far crescere società di cui si è comunque, insieme ad altri «angeli» (altrimenti detti investitori privati informali), socio di minoranza, e impegnarsi in business in cui statisticamente le probabilità che esplodano e si trasformino in un grande successo sono del 10 o 20% circa. Sì, perché gli «angeli del business» fanno proprio questo: prendono sotto le loro ali protettrici una o più società in fase di sviluppo, le cosiddette startup, e cercano di farle crescere e prosperare fornendo sia capitali sia consulenza. Come spiega Paolo Anselmo, presidente di Iban (acronimo di Italian business angels network, branch italiana dell'eban, European business angels network), costituita nel 1999: «Nell'arco di anni un business angel finanzierà da 10 a 15 progetti. Secondo le nostre rilevazioni, in media, su 10 business almeno la metà chiuderà dopo qualche anno, un altro terzo vivacchia e solamente uno, o al massimo due, decollerà diventando un caso di successo. Per questo motivo è necessario diversificare i investimenti, ripartendo le risorse, nel corso degli anni, su più progetti». Ma chi è e cosa fa nella pratica un business angel? CHI SONO I BUSINESS ANGEL Si tratta di privati, che operano con denaro proprio e che quindi rischiano in prima persona. Accanto a un'associazione come l'aifi (Associazione italiana private equity e venture capitai) che raggruppa solo operatori istituzionali, nel corso degli ultimi 20 anni sono nate diverse reti che associano questa tipologia di investitori e che hanno come obiettivo facilitare incontri, scambi di opinioni, occasioni di meeting e di screening di progetti industriali, ma anche momenti di formazione e di aggiornamento. Chi decide di investire in startup lo fa quindi per propria libera convinzione e soprattutto personalmente, anche se ovviamente, viste in genere le richieste finanziarie delle società, insieme ad altri business angel. Senza contare che la vicinanza territoriale, in genere, rappresenta un altro aspetto importante: per questo motivo i vari network si sono sviluppati o come coordinamento di realtà e associazioni locali o viceversa aprendo sedi territoriali per costruire un tessuto in cui finanziatori e finanziati possano condividere anche un medesimo retroterra culturale e interessi comuni, facilitando quindi gli incontri. SU 10 BUSINESS LA METÀ CHIUDERÀ E SOLAMENTE UNO O DUE DIVENTERANNO UN CASO DI SUCCESSO LE COMPETENZE RICHIESTE «I business angel sono in genere imprenditori, ex titolari di società, oppure anche ex manager che dispongono di mezzi finanziari, di una buona rete di conoscenze e di una solida capacità gestionale da impiegare in piccole e medie imprese», spiega Marco Villa, vicepresidente e managing director di 14_Patrimoni_Mog-g-io

2 Italian angels for growth, la rete che ha cofondato nel «Si tratta di una attività potenzialmente interessante, che tiene in contatto con quello che succede "di nuovo" nel mondo dell'innovazione, che non richiede solo un investimento finanziario ma anche in termini di tempo: in genere il business angel si spende in prima persona nell'attività che ha cofinanziato, aiutando e partecipando sia alla fase di gestione sia a quella strategica. A volte formalizzando l'intervento con una carica nel cda della partecipata, spesso figurando semplicemente come consulente esterno». «Xè competenze desiderate, tuttavia, non si fermano a quelle di manager e imprenditori», interviene Anselmo. «Sono gradite e richieste anche figure professionali quali avvocati e commercialisti per esempio: insomma capacità in grado di aiutare un'azienda appena nata a crescere e a svilupparsi in modo corretto e sano». Se invece l'idea fosse quella di puro e semplice investimento, allora la scelta migliore è puntare su intermediari e strumenti dedicati. IL PATRIMONIO NECESSARIO Quanto occorre avere a disposizione per intraprendere l'attività del business angel? A fare i conti in tasca al potenziale investitore ci pensa Anselmo. «Essendo una Marco Villa, vicepresidente e managing director di Italian angels for growth libera attività esercitata da un privato in teoria non esistono limiti minimi, tuttavia per operare in modo serio occorre un patrimonio medio alto», spiega il presidente di Iban. «Teniamo conto infatti che si tratta di investimenti che per loro natura hanno un profilo di rischio molto elevato e quindi mi sembra prudente non allocare più del 10-20% di un patrimonio mobiliare. Inoltre è necessaria un'elevata diversificazione, diciamo almeno una decina di partecipazioni nell'arco di un decennio. Ipotizzando quindi un impiego di 5-10mila euro in ogni startup, ecco che complessivamente si arriva a investire mila euro e quindi il patrimonio di base, in un'ottica prudenziale, non dovrebbe essere inferiore. Meglio se un po' più alto». I NETWORK II momento tipico in cui il business angel incontra le startup che chiedono finanziamenti è organizzato su base regolare dai vari network di cui fa parte. «Come Italian angels for growth noi organizziamo serate di incontri in genere una volta ogni due mesi per non sovraccari- II SETTORE TECNOLOGICO È QUELLO IN CUI SI CONCENTRA GRAN PARTE DELLE DOMANDE DI INVESTIMENTO care eccessivamente le agende dei nostri iscritti», spiega Villa. «Ma altri gruppi si incontrano magari una volta ogni tre o quattro settimane. La cadenza che ci siamo dati ci consente di portare, a ogni incontro, mediamente tre o quattro idee imprenditoriali. Startup che quando arrivano all'attenzione dei nostri associati sono già passate attraverso una tripla scrematura. Una prima da parte di un managing director e di un team interno dell'associazione che valuta i requisiti minimi del progetto, che vanno dalla sua effettiva innovazione al potenziale di crescita. In seguito un gruppetto di associati con esperienze nel settore industriale del progetto giudica il business pian e incontra personalmente l'imprenditore e il suo team. Infine, se il progetto supera i primi due step, passa al vaglio del Comitato screening che seleziona i 3-4 progetti migliori da presentare agli associati». E a questo punto cosa succede? «Ogni associato, al termine delle presentazioni, decide se e quanto investire nel progetto; questo, se raccoglie sufficienti adesioni, viene sottoposto a una due diligence approfondita che spazia dalla tecnologia proposta agli aspetti legali e che dura in genere un paio di mesi», continua Villa. «Al termine di questa, se l'esito è positivo, i soci sono invitati a confermare o ritirare l'intenzione di investirvi espressa all'incontro e quindi procederanno autonomamente a predisporre la contrattualistica e il veicolo societario da utilizzare per l'operazione». SETTORI E INVESTIMENTI II comparto tecnologico, in tutte le H 15_Pafr\moni_Maggio

3 sue ormai molteplici sfaccettature, rimane quello in cui si concentra gran parte delle domande di investimento. Il perché lo spiega il presidente di Iban: «II settore è quello che in questa fase storica ha più opportunità di crescita, di sviluppo e di innovazione: information technology, digitale, app per tablet e computer sono i filoni più gettonati. Molto meno invece, per esempio, il biotech, dato che richiede un time to market molto più lungo. Inoltre il tech è quello che può prospettare le possibilità di guadagno più elevate oltre che sbocchi di mercato internazionali». «Rileviamo anche un ritrovato interesse per i settori medicale, della diagnostica, del life science e dell'energia pulita», sostiene Villa. «Aggiungerei poi i settori del traveltech del food e del fintech», aggiun- gè Enrico Gasperini, presidente di Digital Magics, il venture incubator di aziende digitali quotato all'aim. «Sono diverse le proposte che riceviamo che hanno come ambito proprio i viaggi e la finanza. Del resto una delle ultime operazioni di exit effettuate ha riguardato proprio una startup italiana autorizzata come finanziaria da Banca d'italia, Prestiamoci». Insomma, non va dimenticato che si tratta di società che generalmente non hanno bisogno di investimenti enormi per partire. «Mediamente le richieste di capitale delle startup che vagliamo sono nell'ordine dei 3OO-5OOmila euro e quindi sono alla portata dei vari network», dice Anselmo. «Inoltre in Italia soffriamo del fatto che ben difficilmente queste società possono accedere a risorse pubbliche di appoggio come invece succede nei paesi anglosassoni, quindi occorre più capitale di rischio. Ed è anche il motivo per cui IL VALORE DEGLI INVESTIMENTI fonte: IBAH Associazione italiano degli investitoti informali in rete - Italioti Business Ungels Network fcsociation IL VALORE DEI SINGOLI INVESTIMENTI 24% *** r*^'* #> * * * * * * 15% #* «J&.ria.*0.««S^.«o.^ «p-^ is-^^v"- ^ ^ " ^ fame: IMH isstxiaiiane italiano degli investitori informali in tele - Itotion Business tngels network ksotiatian gli investimenti vengono effettuati in pool da più business angel, che mediamente investono tra i 10 e i 30mila euro ciascuno, mentre in passato, sull'onda dell'entusiasmo, si era arrivati anche a impegni da mila euro a testa». «In ogni caso i business angel rimangono quasi sempre come soci minoritari, e in genere entrano nel capitale della startup con il 30-33% del capitale», aggiunge Villa. EXIT STRATEGY Dopo qualche anno dall'investimento, 9% se si è fortunati e la startup è sopravvissuta alle tempeste dell'economia ed è riuscita a imporsi sul mercato, si arriva all'auspicato momento in cui si monetizza l'investimento effettuato, la cosiddetta «exit». Che può avvenire con la cessione del capitale a una società più grande (sia essa industriale o finanziaria, cioè un fondo di venture capitai o di private equity), attraverso un management buy out oppure con la quotazione in Borsa (Ipo, initial public offering). «Il riacquisto da parte di manager o soci è uno scenario abbastanza remoto >w 16_Patrimoni_Magg7o

4 I SETTORI D'INVESTIMENTO 35% 30% 25% 20% 15% 10% 5% 0% 30% 14% Fonte: IBAN associazione italiano degli investitoti informali in rete - ìtnlion Business Àngels Network Msodarion 8% 3% 3% UJL! 2% 2% 2% 0% 0% 0% 0% 0% _ _- L-_ML.JBL_. f così come Pipo», spazza subito il campo dalle ipotesi il vicepresidente di Italian angels for growth. «A memoria ricordo come questo sia successo solo per Mutui Online e Yoox. In tutti gli altri casi l'exit è avvenuta tramite un'acquisizione. Ma questo sta succedendo anche all'estero, non è un fenomeno solo italiano". Spesso, infatti, è un problema di dimensioni: guardando ai dati si scopre come delle circa aziende considerate innovative solamente l'uno per mille (meno di 40 quindi) ha un fatturato superiore a 1 milione di euro. Insomma, l'effervescenza di startup c'è, ma non sfocia in campioni di nicchia che abbiano la capacità di crescere e imporsi. E quelle che ce la fanno in questo contesto storico sono solo raramente aziende italiane. PROFITTI POTENZIALI Ma alla fine quanto si guadagna? La domanda, più che lecita è in realtà d'obbligo. -Su un periodo di investimento di tre anni, metà degli investimenti sono in II RIACQUISTO DA PARTE DI MANAGER 0 SOCI È UNO SCENARIO ABBASTANZA REMOTO COSÌ COME L'IPO & perdita, il 30% ha rendimenti che definirei accettabili, ovvero con un multiplo compreso tra 1,5 e 5 volte e infine l'ultimo 20% ha ritorni superiori a 5 volte su un periodo di investimento di 4-6 anni», illustra Villa. «Quindi mediamente un multiplo medio di 2,6 volte su un arco di tempo di 3,5 anni, cioè un tasso interno di rendimento del 27% circa all'anno sul totale investito». «Noi come Digital Magics abbiamo un tasso di successo superiore alla media, con circa quattro operazioni positive su 10», afferma però Gasperini. «Ma del resto è normale, visto che facciamo questo di mestiere. E con un Irr, vale a dire un tasso di rendimento, superiore al 30%». INCUBATORI E SOCIETÀ Le associazioni rappresentano il principale strumento e veicolo di conoscenza e incontri per i business angel. Tuttavia, accanto ai network, questa tipologia di investitori, operando come privati e quindi senza vincoli di alcun tipo, può trovare soluzioni alternative, per esempio associandosi o appoggiandosi a incubatori d'imprese con cui co-investire, oppure costituendo società che operano con una logica di acquisto di partecipazioni. Ecco alcuni esempi. LVENTURE racchiude in sé una doppia caratteristica, è una società quotata in Borsa («l'unico venture capitai quotato», spiega l'ad Luigi Capello) e al tempo stesso ha un acceleratore di startup al proprio interno, il Luiss Enlabs, costituito insieme all'università Luiss. Tanto che Cb Insights, società statunitense di riferimento del settore specializzata nell'analisi di dati relativi al mondo del venture capitai, ha inserito LVenture tra i 20 venture capitai più attivi in Europa nell'ambito dello European Tech Report. «LVenture si posiziona nei primi stadi della filiera del funding», spiega Luigi Capello. «La fase di pre-seed in cui, tramite Luiss Enlabs, selezioniamo le più promettenti startup sul mercato, poi quella di micro-seed in cui investiamo capitali limitati, fino a 60mila euro, LVENTURE È GIÀ QUOTATO IN BORSA E HA UN ACCELERATORE DI STARTUP AL SUO INTERNO in startup nelle fasi iniziali di sviluppo, supportandone il processo di lancio del prodotto attraverso un programma di accelerazione gestito dall'acceleratore; infine quella cosiddetta di seed, in cui gli investimenti più consistenti, fino a 250mila euro, vengono fatti nelle startup uscite con successo dal programma di accelerazione oltre che in altre startup in fase più matura selezionate sul mercato. Inoltre a febbraio abbiamo inaugurato, in collaborazione con big del calibro di Microsoft, Google, Samsung e Intel, un laboratorio attrezzato in cui gli sviluppatori potranno testare le loro app su tablet e smartphone, nonché su software e modelli non ancora presenti sul mercato». Nel nuovo piano industriale , intanto, la società avvierà un progetto denominato Angel Partner Group con l'obiettivo di sviluppare e consolidare relazioni con i business angel per accrescere la potenziale massa di capitali a disposizione e aumentare di conse- >H 19_Patrimoni_M<zg'g-zo

5 guenza le operazioni di co-investimento nelle startup. DIGITAL MAGICS invece ha già intrapreso la strada degli investimenti in tandem con i business angel è Digital Magics, fondata da Enrico Gasperini, che dal 2008 opera come venture incubator di startup innovative digitali e che nel 2013 si è quotato all'aim Italia. Ogni anno il Digital Magics Lab identifica una decina di progetti che la quotata poi sostiene utilizzando i fondi derivanti dagli exit ALLA DIGITAL MAGICS RIUSCIAMO AD AVERE UN TASSO DI RENDIMENTO, SUPERIORE AL 3 0% e collaborando con gli operatori della filiera. La società investe sia in proprio sia aprendo al proprio Digital magics angel network: «Si tratta di una rete di partner che investono con noi in club deal a supporto delle startup e scaleup digitali incubate», spiega Gasperini. «Sono investitori privati, fondi istituzionali e partner industriali. Il network collabora anche alle attività di selezione e mentorship delle partecipate in corso di sviluppo o già sviluppate, fornendo il proprio know-how o partecipando a piani industriali. A ottobre poi abbiamo lanciato anche il Business angel club, per sostenere le startup e l'innovazione nel Sud Italia, creando uno scambio di relazioni e competenze fra il mondo della finanza locale e quello digitale: l'obiettivo è quello di favorire i rapporti fra manager, business angel, imprenditori del territorio e neoimprese innovative, organizzando incontri ogni due mesi in tutte le regioni del Sud Italia». Infine, di due mesi fa è l'accordo con Talent Garden, leader italiano fra i digitai coworking network, che aggrega i diversi attori del mondo dell'innovazione e ha costruito una community online di circa 40mila persone tra freelance, developer, startup digitali, investitori e grandi aziende. Digital Magics, che è ora nel capitale della società e potrà salire fino al 28%, ne sosterrà l'espansione puntando all'apertura di 50 nuovi spazi in Europa entro il 2018, che si affiancheranno così ai 10 campus già presenti in Europa. 1 PRIVATE EQUITY^ 1 AZIONI 3i Group Biadatone Tamburi Investment Partners Onex Kkr American Capital Strategies The Carlyle Group Digital Magics Apollo Global Management Iventure Etf a Piazza Affari Emittente Lyxor Db-x-Trackers Powershares Fondi Gestione Duemme Sicav SebAm Doti aggiornati al 14/04/2015 Paese / Valuta Regno Unito/sterline Usa/dollari Usa Italia/euro Canada dollari canai Usa/dollari Usa Usa/dollari Usa Usa /dollari Usa Italia /euro Usa /dollari Usa Italia /euro Etf Privex Lpx Mm Private Equity Gì Listed Priv.Eq Fondo Private Equty Strotegy " Listed Private Equity Fund WITHFOUNDERS è una società di investimento che opera come seed accelerator e che in circa due anni di attività ha selezionato oltre 200 progetti e finanziato 13 startup per un valore totale di circa 1 milione di euro, che danno lavoro a oltre 200 persone, con un fatturato complessivo superiore ai 15 milioni. Un esempio di come alcuni business angel si sono associati per investire insieme. «Abbiamo raggiunto il break even con tre partecipate e ottenuto una prima exit, con un multiplo di 10 volte», sottolinea Giulio Vallante, fondatore e ad della società, tecnicamente una srl. «Abbiamo optato per questa forma INVESTIAMO SOLO IN SETTORI IN cui L'ITALIA PUÒ FARE LA DIFFERENZA, COME FOOD E RETAIL societaria in quanto rappresentava la soluzione migliore per noi cinque fondatori. Lavoriamo solamente con capitale proprio e abbiamo deciso di investire in settori in cui l'italia può fare la differenza, per esempio e-commerce, food e retail. Entriamo nel capitale delle market cap (min) Isin FR LU IEOOB23D3Z06 Isin LU LU Var.% 12m 43% 43% 31% 23 /. 12% 5% -9% 10% 11% -29% Var.% 12m 36% 34% 31% Var.% 12m 35% 28% startup con un apporto compreso tra 30mila e loomila euro e con una quota che va dal 5 al 15%, ma senza chiedere posti in cda: preferiamo mantenere un ruolo da osservatori e controllare l'andamento delle società senza obblighi e vincoli di governo». Withfounders si è creata già un'ottima fama, tanto che tra i partner che hanno investito nelle società partecipate si annoverano investitori istituzionali quali Principia Sgr, D Pixel, Innogest Capital, Vertis Sgr e Digital Magics. «Le società da noi finanziate hanno successivamente raccolto nuovo capitale per quasi 20 milioni, con un valore stimato che è passato da 5 a oltre 46 milioni, a seguito degli aumenti di capitale sottoscritti dai nuovi investitori», conclude Valiante. STRUMENTI FINANZIARI L'attività di business angel, per sua natura, è prevalentemente effettuata da privati e generalmente in modo comunque poco strutturato, apportando non solo capitali ma anche competenze personali e dedicandovi tempo in prima persona. Tuttavia, per chi volesse operare solo come investitore finanziario sono a disposizione azioni, >M 20_Patrimoni_Magg!o

6 fondi ed Etf. Il panorama finanziario per investire indirettamente su startup e società in via di affermazione, quindi, per quanto meno vasto di altri settori, è ricco di strumenti. Anche se occorre tener presente la necessità di un profilo di rischio più elevato rispetto a quello che è per esempio l'investimento su titoli azionari classici, a causa della forte volatilità cui può essere soggetto il comparto. Molto poi dipende dall'andamento dei tassi di interesse, dell'economia nazionale e internazionale e anche delle Borse azionarie. «Possiamo affermare che l'economia italiana sia in una fase di rilancio e anche il settore degli investimenti alternativi ha ripreso coraggio», ha detto di recente Innocenzo Cipolletta, presidente di Aifi, l'associazione italiana del private equity e venture capitai. «Questo 2015 vede l'insieme di tutta una serie di condizioni favorevoli per poter finalmente affermare che siamo in una fase di ri- GLI STRUMENTI PER INVESTIRE INDIRETTAMENTE SU STARTUP SONO MOLTI. MA OCCORRE UN PROFILO DI RISCHIO ELEVATO partenza, di crescita e di uscita dalla crisi che ha bloccato, negli ultimi anni, risorse economiche e capacità imprenditoriali. Ora non resta che utilizzare tutti gli strumenti a nostra disposizione per raccogliere, investire e creare occupazione e crescita economica». Ma se in Italia la ripresa sembra in fase embrionale, nel resto dell'europa e soprattutto negli Stati Uniti il ciclo economico è decisamente più avanti, senza contare che il lungo periodo di tassi di interesse prossimi allo zero ha permesso una prolungata attività di M&A che ha potuto svolgersi con costi limitati in termini di onere del debito. Ecco quindi che anche l'attività dei private equity internazionali, che operano in leva, anche se a livelli più contenuti rispetto a una decina di anni fa, ha trovato giovamento da questo clima economico favorevole. A disposizione di chi voglia investire denaro affidandolo però a professionisti terzi del settore sono così una serie di strumenti finanziari, selezionati e riassunti nella tabella nella pagina a finaco. GLI ETF Alla portata di un investitore italiano vi sono tre Etf quotati all'etfplus di Borsa Italiana. Db X-Trackers Lpx Mm Private equity, ha un costo annuo dello 0,7% e per sottostante un indice calcolato in euro, ha come obiettivo la copertura di massimo 25 società internazionali di private equity quotate: la selezione avviene partendo da un database di tutti i principali private equity dei paesi sviluppati e utilizzato come base per la costituzione dell'indice. Lyxor Privex, con lo 0,7% di Ter annuo, replica invece le performance delle 25 azioni delle società più importanti e più liquide che operano nel private equity negoziate sulle borse mondiali. L'indice sottostante, Privex total return in dollari Usa, riflette le varie tipologie di investimento ricomprese nel private equity (venture e development capitai, buy-out, restructuring ecc). Il paniere è bilanciato in base alla capitalizzazione di mercato aggiustata per il flottante, con revisioni semestrali dei componenti. Powershares Global listed private equity ha un costo annuo dello 0,75%: segue l'indice calcolato da S&P in dollari che seleziona le migliori società o fondi, quotati nei principali mercati mondiali, che svolgano la loro attività nell'ambito del private equity. I FONDI Morningstar ha creato un apposito comparto di riferimento per i fondi che investono in questo settore, ma per ora le possibilità di investimento sono solamente due. Private Equity Strategy di Duemme Sicav offre il proprio ad accumulo, tre stelle Morningstar e spese correnti del 2,16%. L'esposizione al comparto può avvenire investendo prevalentemente in azioni emesse da società costituite nei paesi dell'ocse e in obbligazioni emesse da enti sovranazionali, governativi o quasi-governativi e in obbligazioni societarie oltre che in strumenti derivati (opzioni, warrant, futures). Premiato con tre stelle Morningstar è anche il secondo fondo, di Seb Asset Management, il Listed private equity fund (1,59% le spese correnti). Investe in società di private equity quotate a livello internazionale, senza geografici ma su un numero ridotto di partecipazioni: ciò significa rendimenti attesi più elevati ma rischi maggiori. LE AZIONI A Piazza Affari sono quotati tre titoli. Lventure è tra i primi operatori di seed venture capitai quotati al mondo, con una capitalizzazione di mercato tuttavia ridotta, poco più di 15 milioni di euro. Su livelli di market cap leggermente più elevati, circa 22 milioni, è Digital Magics, quotata all'aim Italia e fondata e diretta da Enrico Gasperini. Si tratta di un venture incubator di startup innovative digitali, con contenuti e prodotti ad alto contenuto tecnologico, che fonda e costruisce investendo anche capitale proprio. Infine, Tamburi Investment Partners: con una market cap di circa 500 milioni di euro, il gruppo guidato da Giovanni Tamburi investe sia in società quotate sia in non quotate con l'obiettivo di portarle in Borsa. Gli esempi? Da Moncler a Intercos, da Eataly a Roche Bobois e iguzzini. I PRIVATE EQUITY ESTERI I big del comparto, anche in questo caso, sono all'estero, quindi quotati in valuta diversa dall'euro: accanto a quello dell'investimento in capitale di rischio occorre quindi tener conto che si aggiunge anche il rischio cambio. Negli Usa sono quotati i tre private tra i più grandi al mondo, Blackstone (che capitalizza oltre 45 miliardi di dollari), Kkr (quasi 20 miliardi) e Carlyle Group (poco meno di 10 miliardi). Altri esempi sono la canadese Onex (circa 8 miliardi di dollari di market cap) e la britannica 3i Group (quasi 5 miliardi di sterline). 23_Patrimoni_Maggzo

Spero di farle cosa gradita nell inviarle in anteprima una versione ridotta di questo articolo.

Spero di farle cosa gradita nell inviarle in anteprima una versione ridotta di questo articolo. 26/09/2013 In questo Diario di Bordo parliamo di Private equity Gentile Cliente, nella mia professione di consulente finanziario indipendente mi viene richiesto anche di scrivere per alcuni giornali di

Dettagli

AIM Investor Day Aprile 2014

AIM Investor Day Aprile 2014 AIM Investor Day Aprile 2014 Enrico Gasperini, Fondatore e Presidente contact us: facebook.com/digitalmagics twitter.com/digital_magics Via Quaranta 40, 20139, Milano, Italy - Digital Magics - Company

Dettagli

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 Nel 2013 ingresso in 11 startup, di cui 6 startup innovative, una cessione, una

Dettagli

LUGANO SMALL & MID CAP INVESTOR DAY

LUGANO SMALL & MID CAP INVESTOR DAY LUGANO SMALL & MID CAP INVESTOR DAY VI Edizione Hotel Splendide Royal 25 settembre 2015 «Con la reputazione che la finanza si è guadagnata negli ultimi anni dovremmo solo vergognarci, tutti. Ma se riesci

Dettagli

CARTELLA STAMPA. LVenture Group Responsabile Relazioni Esterne bianca.santillo@lventuregroup.com Via G. Giolitti, 34 00185 Roma, Tel.

CARTELLA STAMPA. LVenture Group Responsabile Relazioni Esterne bianca.santillo@lventuregroup.com Via G. Giolitti, 34 00185 Roma, Tel. CARTELLA STAMPA IR Top Consulting Media Relations Via C. Cantù, 1 Milano Luca Macario, Domenico Gentile, Maria Antonietta Pireddu Tel. +39 (02) 45.47.38.84/3 ufficiostampa@irtop.com LVenture Group Responsabile

Dettagli

Nuovi servizi di informazione, consulenza strategica e formazione per l innovazione destinati ai vertici delle aziende

Nuovi servizi di informazione, consulenza strategica e formazione per l innovazione destinati ai vertici delle aziende DIGITAL MAGICS LANCIA NUOVI SERVIZI DI OPEN INNOVATION PER LE IMPRESE ECCELLENTI GRAZIE ALLA PARTNERSHIP CON TALENT GARDEN E TAMBURI INVESTMENT PARTNERS Potenziata la piattaforma di Open Innovation DIGITAL

Dettagli

LVENTURE GROUP: IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEFINISCE LE CONDIZIONI DELL AUMENTO DI CAPITALE E APPROVA IL NUOVO PIANO INDUSTRIALE

LVENTURE GROUP: IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEFINISCE LE CONDIZIONI DELL AUMENTO DI CAPITALE E APPROVA IL NUOVO PIANO INDUSTRIALE COMUNICATO STAMPA * * * * * LVENTURE GROUP: IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEFINISCE LE CONDIZIONI DELL AUMENTO DI CAPITALE E APPROVA IL NUOVO PIANO INDUSTRIALE Fissato in 0,052 euro il prezzo unitario

Dettagli

CARTELLA STAMPA. LVenture Group Responsabile relazioni esterne bianca.santillo@lventuregroup.com Via G. Giolitti, 34 00185 Roma, Tel.

CARTELLA STAMPA. LVenture Group Responsabile relazioni esterne bianca.santillo@lventuregroup.com Via G. Giolitti, 34 00185 Roma, Tel. CARTELLA STAMPA IR Top Consulting Media Relations Via C. Cantù, 1 Milano Luca Macario, Domenico Gentile, Maria Antonietta Pireddu Tel. +39 (02) 45.47.38.84/3 ufficiostampa@irtop.com LVenture Group Responsabile

Dettagli

UNICREDIT START LAB. Country Development Plans Territorial & Sectorial Development Plans

UNICREDIT START LAB. Country Development Plans Territorial & Sectorial Development Plans UNICREDIT START LAB Country Development Plans Territorial & Sectorial Development Plans UNICREDIT e L'INNOVAZIONE: UN APPROCCIO STRUTTURATO VERSO LE STARTUP 6 Exit 1 Concepimento Idee STARTUP 2 Sviluppo

Dettagli

LETTERA AGLI AZIONISTI E AI PARTNER DI DIGITAL MAGICS

LETTERA AGLI AZIONISTI E AI PARTNER DI DIGITAL MAGICS Milano, 29 gennaio 2014 LETTERA AGLI AZIONISTI E AI PARTNER DI DIGITAL MAGICS Carissimi Azionisti e Partner, Il 2013 per noi è stato un anno entusiasmante. Abbiamo completato con successo il nostro progetto

Dettagli

COMPANY PROFILE. U-Start pag. 2. U-Start Ventures: un overview sul fondo pag. 2. Modalità e focus d investimento pag. 3

COMPANY PROFILE. U-Start pag. 2. U-Start Ventures: un overview sul fondo pag. 2. Modalità e focus d investimento pag. 3 COMPANY PROFILE U-Start pag. 2 U-Start Ventures: un overview sul fondo pag. 2 Modalità e focus d investimento pag. 3 Guida all investimento: dal deal scouting al follow up pag. 4 U-Start Club pag. 4 I

Dettagli

POLITICA DI INVESTIMENTO

POLITICA DI INVESTIMENTO POLITICA DI INVESTIMENTO Il presente documento è stato predisposto in osservanza al disposto di cui all'art. 8 del Regolamento Emittenti AIM / Mercato Alternativo del Capitale approvato da Borsa Italiana

Dettagli

L attività d investimento nel capitale di rischio

L attività d investimento nel capitale di rischio Ciclo di seminari sulla finanza d impresa L attività d investimento nel capitale di rischio Finalità e strategie operative Massimo Leone INVESTIMENTO ISTITUZIONALE NEL CAPITALE DI RISCHIO Apporto di risorse

Dettagli

UNICREDIT START LAB. Country Development Plans Territorial & Sectorial Development Plans

UNICREDIT START LAB. Country Development Plans Territorial & Sectorial Development Plans UNICREDIT START LAB Country Development Plans Territorial & Sectorial Development Plans UNICREDIT e L'INNOVAZIONE: UN APPROCCIO STRUTTURATO VERSO LE STARTUP 6 Exit 1 Concepimento Idee STARTUP 2 Sviluppo

Dettagli

Angels e gruppi di angels: ruolo e peculiarità Finanziare l innovazione 09 Settembre 2011. Lorenzo Franchini www.italianangels.net

Angels e gruppi di angels: ruolo e peculiarità Finanziare l innovazione 09 Settembre 2011. Lorenzo Franchini www.italianangels.net Angels e gruppi di angels: ruolo e peculiarità Finanziare l innovazione 09 Settembre 2011 Lorenzo Franchini www.italianangels.net Tipologia di finanziamenti Friends & Family: 30k-100k; Seed Capital Angel

Dettagli

UNICREDIT START LAB. Country Development Plans Territorial & Sectorial Development Plans

UNICREDIT START LAB. Country Development Plans Territorial & Sectorial Development Plans UNICREDIT START LAB Country Development Plans Territorial & Sectorial Development Plans UNICREDIT e L'INNOVAZIONE: UN APPROCCIO STRUTTURATO VERSO LE STARTUP 6 Exit 1 Concepimento Idee STARTUP 2 Sviluppo

Dettagli

Startup: nasce società' di consulenza Ban-Up

Startup: nasce società' di consulenza Ban-Up Startup: nasce società' di consulenza Ban-Up MILANO (MF-DJ)--E' nata ufficialmente Ban-Up Spa, prima società' di consulenza interamente dedicata alle startup frutto dell'iniziativa dei fondatori Paolo

Dettagli

Private Equity: Management and investment opportunity. Michel Cohen, Milano, 6 Giugno 2007

Private Equity: Management and investment opportunity. Michel Cohen, Milano, 6 Giugno 2007 Private Equity: Management and investment opportunity Michel Cohen, Milano, 6 Giugno 2007 Obiettivo Realizzare un ritorno sul capitale significativamente maggiore rispetto ad altri strumenti: 25-30% IRR

Dettagli

Startup: dall equity al crowdfunding

Startup: dall equity al crowdfunding Startup: dall equity al crowdfunding FINANZIAMENTI CON GARANZIE STATALI O GOVERNATIVE, PROGRAMMI DI FORMAZIONE E ACCELERAZIONE DEL BUSINESS, MA ANCHE PARTECIPAZIONI IN ATTIVITÀ DI PRIVATE EQUITY E PIATTAFORME

Dettagli

Le tue idee prendono il volo

Le tue idee prendono il volo Start Lab Le tue idee prendono il volo Mentorship Co-finanziamenti Statup Academy Networking Grant Hai una startup ad alto contenuto tecnologico? Hai un'idea innovativa che vorresti realizzare? Iscriviti

Dettagli

COMPANY PROFILE APRILE 2015

COMPANY PROFILE APRILE 2015 COMPANY PROFILE APRILE 2015 Executive Summary p. 2 Company Description p. 4 Market Overview p. 9 Business Model p. 13 Key Success Factors p. 29 1 EXECUTIVE SUMMARY EXECUTIV E SUMMARY Holding di partecipazioni

Dettagli

Business Angels Network della Sardegna

Business Angels Network della Sardegna Business Angels Network della Sardegna SHORT REPORT SEMINARIO BAN SARDEGNA Cagliari 22 aprile 2002 RELATORE Massimo Meneghini Responsabile del BAN Nordest b-angel.it A cura del BIC Sardegna Seminario BAN

Dettagli

RASSEGNA STAMPA ON-LINE

RASSEGNA STAMPA ON-LINE RASSEGNA STAMPA ON-LINE 17 giugno 2014 DIGITAL MAGICS SCEGLIE IR TOP COME PARTNER PER SVILUPPARE IL PROPRIO ANGEL NETWORK E NUOVE RELAZIONI DI INVESTIMENTO CON LA FINANZA FAMILIARE E IMPRENDITORIALE ITALIANA

Dettagli

CARTELLA STAMPA. LVenture Group Cristina Marchegiani Responsabile relazioni esterne cristina.marchegiani@lventuregroup.com mob.

CARTELLA STAMPA. LVenture Group Cristina Marchegiani Responsabile relazioni esterne cristina.marchegiani@lventuregroup.com mob. CARTELLA STAMPA IR Top Consulting Media Relations Via C. Cantù, 1 Milano Luca Macario, Domenico Gentile, Maria Antonietta Pireddu Tel. +39 (02) 45.47.38.84/3 ufficiostampa@irtop.com LVenture Group Cristina

Dettagli

1) IL MERCATO ITALIANO DEL CAPITALE DI RISCHIO INFORMALE:

1) IL MERCATO ITALIANO DEL CAPITALE DI RISCHIO INFORMALE: NOTA STAMPA DELL ASSOCIAZIONE IBAN L ASSOCIAZIONE ITALIANA DEI BUSINESS ANGELS, CHE RAPPRESENTA IN ITALIA IL CAPITALE DI RISCHIO INFORMALE DI PICCOLE DIMENSIONI WWW.IBAN.IT Lunedì 30 aprile si è riunito

Dettagli

Create new Connections, Improve, Grow

Create new Connections, Improve, Grow Consulting Strategy Business Requirement Investment MILANO VENTURE COMPANY Group Create new Connections, Improve, Grow We are Milano Venture Company Agenda Chi siamo I nostri servizi Servizio di Funding

Dettagli

SPIN-OFF, STARTUP, NEWCO? CREARE IMPRESA NELLA PROVINCIA DI PESARO E URBINO. Università degli studi di Urbino Facoltà di Economia 23 ottobre 2013

SPIN-OFF, STARTUP, NEWCO? CREARE IMPRESA NELLA PROVINCIA DI PESARO E URBINO. Università degli studi di Urbino Facoltà di Economia 23 ottobre 2013 SPIN-OFF, STARTUP, NEWCO? CREARE IMPRESA NELLA PROVINCIA DI PESARO E URBINO Università degli studi di Urbino Facoltà di Economia 23 ottobre 2013 Dott. Ing. Alessandro Paolini Dott. Ing. Enrico Battistelli

Dettagli

Processo che consente di identificare la ripartizione ottimale di medio-lungo periodo delle risorse finanziarie tra le diverse classi di attività.

Processo che consente di identificare la ripartizione ottimale di medio-lungo periodo delle risorse finanziarie tra le diverse classi di attività. Glossario finanziario Asset Allocation Consiste nell'individuare classi di attività da inserire in portafoglio al fine di allocare in maniera ottimale le risorse finanziarie, dati l'orizzonte temporale

Dettagli

Il ciclo di vita della startup e gli attori della filiera del venture capital

Il ciclo di vita della startup e gli attori della filiera del venture capital Il ciclo di vita della startup e gli attori della filiera del venture capital Quando ricorrere al capitale di rischio Sostegno alla crescita Ricambio generazionale Internazionalizzazione Riorganizzazione

Dettagli

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA LA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2014

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA LA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2014 COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA LA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2014 NEL PRIMO SEMESTRE 2014 INGRESSO IN 4 NUOVE STARTUP, DI CUI 3 STARTUP INNOVATIVE, CON

Dettagli

Piano di Azione 2015. Rita Alù Settore Pubblico e Sviluppo del Territorio UniCredit-Region Sicilia

Piano di Azione 2015. Rita Alù Settore Pubblico e Sviluppo del Territorio UniCredit-Region Sicilia Piano di Azione 2015 Rita Alù Settore Pubblico e Sviluppo del Territorio UniCredit-Region Sicilia Catania, 31 marzo 2015 INDICE INNOVAZIONE E STARTUP: UniCredit Start Lab 2015 e Growth for Sicily Innovation

Dettagli

DIGITAL MADE IN ITALY THE LEADING INNOVATION HUB

DIGITAL MADE IN ITALY THE LEADING INNOVATION HUB DIGITAL MADE IN ITALY THE LEADING INNOVATION HUB AIM RETAIL INVESTOR ROADSHOW Professional & Private Investors Torino, 27 gennaio 2016 Alessandro Malacart Amministratore Delegato Corporate & Finance UNA

Dettagli

Mercato Alternativo del Capitale e private equity

Mercato Alternativo del Capitale e private equity Confindustria Palermo Mercato Alternativo del Capitale e private equity interventi di AMEDEO GIURAZZA Amministratore Delegato - Vertis SGR SpA Palermo, 15 novembre 2007 1 Presentazione di Vertis SGR e

Dettagli

ETF MONETARI CONTRO CONTI DEPOSITO. THE WINNER IS (17/12/2010)

ETF MONETARI CONTRO CONTI DEPOSITO. THE WINNER IS (17/12/2010) ETF MONETARI CONTRO CONTI DEPOSITO. THE WINNER IS (17/12/2010) D a quando ha visto la luce Money Report 21 mesi fa continuiamo a proporre i conti di deposito come strumento per parcheggiare la liquidità.

Dettagli

RAFFORZARE L'ECOSISTEMA DEL CAPITALE DI RISCHIO: COSA HA FATTO IL FONDO ITALIANO

RAFFORZARE L'ECOSISTEMA DEL CAPITALE DI RISCHIO: COSA HA FATTO IL FONDO ITALIANO RAFFORZARE L'ECOSISTEMA DEL CAPITALE DI RISCHIO: COSA HA FATTO IL FONDO ITALIANO Roma, 28 giugno 2013 Luigi Tommasini Senior Partner Funds-of-Funds CONTENUTO Il Fondo Italiano di Investimento: fatti e

Dettagli

Gestione Finanziaria delle Imprese. private equity e venture capital

Gestione Finanziaria delle Imprese. private equity e venture capital GESTIONE FINANZIARIA DELLE IMPRESE Private Equity e Venture Capital Il private equity e il venture capital Anni 80 Con venture capital si definiva l apporto di capitale azionario, da parte di operatori

Dettagli

INNOGEST S.G.R. Claudio Giuliano VENTURE CAPITAL: RISCHI ED OPPORTUNITÀ

INNOGEST S.G.R. Claudio Giuliano VENTURE CAPITAL: RISCHI ED OPPORTUNITÀ INNOGEST S.G.R. Claudio Giuliano VENTURE CAPITAL: RISCHI ED OPPORTUNITÀ Aprile 2006 Il seed & early stage capital Definizione: il seed & early stage capital rappresenta l investimento effettuato nella

Dettagli

IL MERCATO ITALIANO DEL CAPITALE DI RISCHIO INFORMALE

IL MERCATO ITALIANO DEL CAPITALE DI RISCHIO INFORMALE IL MERCATO ITALIANO DEL CAPITALE DI RISCHIO INFORMALE (Sintesi dei dati raccolti da IBAN, con questionario on line, nel periodo 13 gennaio/25 marzo 2010) Variazione % Anno 2009 su 2008 Campione (di cui

Dettagli

Montefeltro Start-up Urbino, 23 Gennaio 2014

Montefeltro Start-up Urbino, 23 Gennaio 2014 Montefeltro Start-up Urbino, 23 Gennaio 2014 La rete dei Business Angels per l alto potenziale di sviluppo e la creazione di nuova occupazione Luca V. Canepa Consigliere Delegato Associazione IBAN www.iban.it

Dettagli

comunicato stampa RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE CONSOLIDATO AL 31 MARZO 2015

comunicato stampa RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE CONSOLIDATO AL 31 MARZO 2015 comunicato stampa RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE CONSOLIDATO AL 31 MARZO 2015 Patrimonio netto oltre 458 milioni di euro (354 milioni al 31 dicembre 2014) Utile consolidato ante imposte trimestrale di

Dettagli

INTEGRAZIONE ALLA NOTA INFORMATIVA PREMESSO

INTEGRAZIONE ALLA NOTA INFORMATIVA PREMESSO INTEGRAZIONE ALLA NOTA INFORMATIVA PREMESSO 1) che in data 6 dicembre 2012 le Buone Società Spa (la Società) ha reso disponibile presso la sede sociale, nonché sul sito internet della società www.lebuonesocieta.it

Dettagli

Il ruolo del Private Equity e del Venture Capital quali propulsori della valorizzazione e del rilancio delle imprese

Il ruolo del Private Equity e del Venture Capital quali propulsori della valorizzazione e del rilancio delle imprese Il ruolo del Private Equity e del Venture Capital quali propulsori della valorizzazione e del rilancio delle imprese Villa Serra di Comago Comago Sant Olcese (GE), 3 Ottobre 2006 Agenda 1. Storia e sviluppo

Dettagli

MEDIA KIT K FINANCE DOCUMENTAZIONE CONTENUTA NEL MEDIA KIT: COMPANY PROFILE

MEDIA KIT K FINANCE DOCUMENTAZIONE CONTENUTA NEL MEDIA KIT: COMPANY PROFILE MEDIA KIT K FINANCE DOCUMENTAZIONE CONTENUTA NEL MEDIA KIT: COMPANY PROFILE La società, i soci, la mission pag. 2 Come operiamo, dove siamo, Clairfield International pag. 3 La partnership, le Associazioni,

Dettagli

L impresa high-tech e la crescita: finanziare il business. Carlo Michero F.A.S.T., Milano, 29 gennaio 2008 www.3i.com

L impresa high-tech e la crescita: finanziare il business. Carlo Michero F.A.S.T., Milano, 29 gennaio 2008 www.3i.com L impresa high-tech e la crescita: finanziare il business Carlo Michero F.A.S.T., Milano, 29 gennaio 2008 www.3i.com Le esperienze fatte finora da 3i in Italia 1. Finanza e ciclo di vita dell impresa 2.

Dettagli

PMI e mercato dei capitali:

PMI e mercato dei capitali: PMI e mercato dei capitali: Focus su AIM Italia e programma ELITE Barbara Lunghi Head of Mid & Small Caps - Primary Markets Borsa Italiana London Stock Exchange Group L offerta di Borsa Italiana per le

Dettagli

IL FONDO ITALIANO D INVESTIMENTO

IL FONDO ITALIANO D INVESTIMENTO IL FONDO ITALIANO D INVESTIMENTO Roberto Del Giudice Firenze, 10 febbraio 2014 Il progetto Si tratta del più grande fondo italiano di capitale per lo sviluppo, costituito per dare impulso alla crescita

Dettagli

Gruppo Banca Sella e Digital Magics, accordo per il finanziamento di 1 milione di euro per l incubazione di startup innovative

Gruppo Banca Sella e Digital Magics, accordo per il finanziamento di 1 milione di euro per l incubazione di startup innovative Gruppo Banca Sella e Digital Magics, accordo per il finanziamento di 1 milione di euro per l incubazione di startup innovative La partnership fra l incubatore e il gruppo bancario è finalizzata all accelerazione

Dettagli

Leading the Intelligent ETF Revolution

Leading the Intelligent ETF Revolution Gli ETF Intelligent Access di Invesco PowerShares Libero accesso ai mercati Leading the Intelligent ETF Revolution Il presente documento è destinato esclusivamente agli investitori professionali e non

Dettagli

IL PROCESSO DI QUOTAZIONE DI BORSA: UN PERCORSO AD OSTACOLI MERCATI, ATTORI, TEMPISTICA, COMUNICAZIONE di Giovanni Pelonghini

IL PROCESSO DI QUOTAZIONE DI BORSA: UN PERCORSO AD OSTACOLI MERCATI, ATTORI, TEMPISTICA, COMUNICAZIONE di Giovanni Pelonghini IL PROCESSO DI QUOTAZIONE DI BORSA: UN PERCORSO AD OSTACOLI MERCATI, ATTORI, TEMPISTICA, COMUNICAZIONE di Giovanni Pelonghini 1 DECIDERE DI QUOTARSI LA DECISIONE DI QUOTARSI RAPPRESENTA UNA SCELTTA STRATEGICA

Dettagli

FONTI E STRUMENTI PRIVATI PER LO SVILUPPO DELL INNOVAZIONE TECNOLOGICA

FONTI E STRUMENTI PRIVATI PER LO SVILUPPO DELL INNOVAZIONE TECNOLOGICA FONTI E STRUMENTI PRIVATI PER LO SVILUPPO DELL INNOVAZIONE TECNOLOGICA Il ruolo dei Venture Capital (VC) nel finanziamento dello sviluppo industriale e economico è esemplificato da alcuni dati. Nel 2006,

Dettagli

FORMAZIONE*PROFESSIONALE*E*STARTUP0

FORMAZIONE*PROFESSIONALE*E*STARTUP0 Scuola di Formazione Politica - III a Ed. FORMAZIONE*PROFESSIONALE*E*STARTUP0 Prof. Stefano Pighini Roma, 28 Aprile 2014 TRADIZIONE*VS*INNOVAZIONE0 La situazione a cui oggi assistiamo non è solo a una

Dettagli

DESCRIZIONE SINTETICA DELLA STRUTTURA DEL FONDO CHIUSO MC 2 IMPRESA.

DESCRIZIONE SINTETICA DELLA STRUTTURA DEL FONDO CHIUSO MC 2 IMPRESA. DESCRIZIONE SINTETICA DELLA STRUTTURA DEL FONDO CHIUSO MC 2 IMPRESA. MC2 Impresa è un Fondo Comune d Investimento Mobiliare chiuso e riservato (ex testo unico D.Lgs 58/98) costituito per iniziativa di

Dettagli

Finanziare l innovazione in Italia. Relatore: Prof. Ing. Carlo Mammola

Finanziare l innovazione in Italia. Relatore: Prof. Ing. Carlo Mammola Finanziare l innovazione in Italia Relatore: Prof. Ing. Carlo Mammola 25 settembre 2015 Innovazione in Italia IUS 2015 L Italia è definito come innovatore moderato dal report dell Innovation Union Scoreboard

Dettagli

utile netto nei nove mesi: 19 milioni di euro circa patrimonio netto oltre 480 milioni di euro attività totali oltre 720 milioni di euro

utile netto nei nove mesi: 19 milioni di euro circa patrimonio netto oltre 480 milioni di euro attività totali oltre 720 milioni di euro RESOCONTO AL 30 SETTEMBRE 2015 utile netto nei nove mesi: 19 milioni di euro circa patrimonio netto oltre 480 milioni di euro attività totali oltre 720 milioni di euro Il Consiglio di Amministrazione di

Dettagli

Un approccio aggregante agli investimenti seed in start-up del travel e-commerce. Documento per Fondo Italiano Milano, Gennaio 2015

Un approccio aggregante agli investimenti seed in start-up del travel e-commerce. Documento per Fondo Italiano Milano, Gennaio 2015 Un approccio aggregante agli investimenti seed in start-up del travel e-commerce Documento per Fondo Italiano Milano, Gennaio 2015 0 I proponenti hanno un esperienza comune e competenze complementari Andrea

Dettagli

Fondo pensione aperto ZURICH CONTRIBUTION

Fondo pensione aperto ZURICH CONTRIBUTION Zurich Investments Life S.p.A. Fondo pensione aperto ZURICH CONTRIBUTION INFORMAZIONI SULL ANDAMENTO DELLA GESTIONE (Dati aggiornati al 31.12.2007) Alla gestione delle risorse provvede la Zurich Investments

Dettagli

Azimut Global Counseling. Iacopo Corradi

Azimut Global Counseling. Iacopo Corradi Azimut Global Counseling Iacopo Corradi IL GRUPPO AZIMUT Azimut è la più grande realtà finanziaria indipendente attiva da oltre 20 anni nel mercato del risparmio gestito in Italia e quotata alla Borsa

Dettagli

Dall idea all impresa

Dall idea all impresa Dall idea all impresa Gli ingredienti per il successo di una start up innovativa Bologna, 27 gennaio 2010 Agenda del pomeriggio Impresa innovativa e gli ingredienti per il successo di mercato. Il Team

Dettagli

Giuseppe Campanella: da Fondamenta SGR a Futura Invest spa

Giuseppe Campanella: da Fondamenta SGR a Futura Invest spa Giuseppe Campanella: da Fondamenta SGR a Futura Invest spa stampa chiudi 12 Luglio 2010 Scritto da: Redazione L azionista di Fondamenta SGR ha scambiato il 51% delle azioni di Fondamenta SGR con il 7,7%

Dettagli

LA SOCIETÀ DI GESTIONE DEL RISPARMIO

LA SOCIETÀ DI GESTIONE DEL RISPARMIO LA SOCIETÀ DI GESTIONE DEL RISPARMIO Oggetto sociale, capitale e soci La SGR esercita, nell interesse dei sottoscrittori del Fondo (partecipanti) e nel rispetto delle vigenti disposizioni normative e regolamentari

Dettagli

Caratteristiche del Fondo

Caratteristiche del Fondo Caratteristiche del Fondo EQUI MEDITERRANEO FUND e un fondo costituito sotto forma di SICAV SIF ed è un comparto dedicato della piattaforma EQUI SICAV - SIF, una Società a capitale Variabile Lussemburghese

Dettagli

Il mercato italiano del Private Equity e Venture Capital

Il mercato italiano del Private Equity e Venture Capital Il mercato italiano del Private Equity e Venture Capital Focus sul settore high tech 5 Dicembre 2007 Indice Overview generale Il mercato italiano del Private equity e Venture capital Focus sul settore

Dettagli

Venture Capitalist: chi sono, cosa fanno e a cosa servono

Venture Capitalist: chi sono, cosa fanno e a cosa servono Venture Capitalist: chi sono, cosa fanno e a cosa servono Ing. Stefano Molino Investment Manager Innogest SGR SpA Torino, 31 Marzo 2011 Venture Capital: che cos è? L attività di investimento istituzionale

Dettagli

OPPORTUNITÀ E FUTURO. Glossario

OPPORTUNITÀ E FUTURO. Glossario OPPORTUNITÀ E FUTURO Glossario A Acceleratore d impresa L acceleratore d impresa è una struttura di supporto alle start-up. Simile all incubatore, l acceleratore supporta le imprese nel passaggio dalla

Dettagli

. T. I. P. O. TIP - PRE IPO S.P.A.

. T. I. P. O. TIP - PRE IPO S.P.A. Milano, 4 giugno 2014 Perché TIPO? 1. Esiste un mercato potenziale interessante 2. Le imprese italiane hanno bisogno di equity 3. Attuale disponibilità di liquidità UNA CHIUSURA PROATTIVA DEL CIRCUITO

Dettagli

Il processo di Business Planning e il Business Plan. Vincenzo Corvello

Il processo di Business Planning e il Business Plan. Vincenzo Corvello Il processo di Business Planning e il Business Plan Il problema del finanziamento Le fonti di finanziamento Fonti interne: Riserve di utile Capitale proprio Fonti esterne: Debito Prestiti Obbligazioni

Dettagli

Loan Capital Union Merger & Acquisition

Loan Capital Union Merger & Acquisition Regulated by UIC n 37740 M&A L.BO M.BO FAMILY.BO VENTURE CAPITAL FIN.POOL-MUTUI-LEASING FAMILY OFFICE IPO-PRIVATE EQUITY APF-FINANZIAMENTI DESTINATI CASH & RISK MANGEMENT TRUST PRIVATE EQUITY START UP

Dettagli

Le iniziative del settore bancario a favore della patrimonializzazione delle imprese

Le iniziative del settore bancario a favore della patrimonializzazione delle imprese II Conferenza regionale sul credito e la finanza per lo sviluppo Le iniziative del settore bancario a favore della patrimonializzazione delle imprese David Sabatini Resp. Ufficio Finanza Il sistema industriale

Dettagli

Ing. Luca Canepa - Consigliere Delegato IBAN

Ing. Luca Canepa - Consigliere Delegato IBAN Ing. Luca Canepa - Consigliere Delegato IBAN Nato a Milano nel Novembre 1957, Luca è un business leader, executive e advisor con vasta esperienza internazionale. Luca ha supportato con successo varie Aziende

Dettagli

Bilancio consolidato semestrale al 30 giugno 2014

Bilancio consolidato semestrale al 30 giugno 2014 Bilancio consolidato semestrale al 30 giugno 2014 Utile netto consolidato 22,7 milioni di euro Patrimonio netto consolidato 347 milioni di euro Liquidita' disponibile oltre 136 milioni di euro Il Consiglio

Dettagli

. T. I. P. O. TIP - PRE IPO S.P.A.

. T. I. P. O. TIP - PRE IPO S.P.A. LE IMPRESE ITALIANE HANNO BISOGNO DI EQUITY Struttura di finanziamento delle imprese in Italia, Francia, Germania e UK. STRUTTURA FINANZIARIA DELLE IMPRESE 4% 10% 4% 12% 1) ABBIAMO UN SISTEMA 18% 11% 17%

Dettagli

dall idea alla startup

dall idea alla startup dall idea alla startup Vademecum sul mondo del Venture Capital IL VENTURE CAPITAL Il venture capital è l attività di investimento in capitale di rischio effettuata da operatori professionali e finalizzata

Dettagli

Bilancio consolidato semestrale al 30 giugno 2015

Bilancio consolidato semestrale al 30 giugno 2015 Bilancio consolidato semestrale al 30 giugno 2015 Utile consolidato ante imposte di 20,3 milioni di euro Patrimonio netto consolidato a 476,6 milioni di euro Il Consiglio di Amministrazione di Tamburi

Dettagli

Leading the Intelligent ETF Revolution

Leading the Intelligent ETF Revolution Gli ETF Intelligent Index di Invesco PowerShares Il valore della selezione Leading the Intelligent ETF Revolution Il presente documento è destinato esclusivamente agli investitori professionali e non può

Dettagli

APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2015

APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2015 DIGITAL MAGICS LANCIA NUOVI SERVIZI DI OPEN INNOVATION PER LE IMPRESE ECCELLENTI GRAZIE ALLA PARTNERSHIP CON TALENT GARDEN E TAMBURI INVESTMENT PARTNERS Potenziata la piattaforma di Open Innovation DIGITAL

Dettagli

Confindustria Genova

Confindustria Genova Confindustria Genova La levadel Private Equity nelleacquisizionie nelle cessioni: minoranze e maggioranze Genova, 14 maggio 2015 Raffaele de Courten 1 ARGOMENTI TRATTATI Cosa fanno gli operatori di Private

Dettagli

Il finanziamento delle start-up

Il finanziamento delle start-up Il finanziamento delle start-up Ing. Diego Viviani MIP - Politecnico di Milano Dipartimento di Ingegneria Gestionale diego.viviani@polimi.it Indice Introduzione Le fonti di finanziamento dell impresa I

Dettagli

La gestione delle risorse immateriali: l'esperienza del Liaison Office dell Area Ricerca dell'università di Verona

La gestione delle risorse immateriali: l'esperienza del Liaison Office dell Area Ricerca dell'università di Verona La gestione delle risorse immateriali: l'esperienza del Liaison Office dell Area Ricerca dell'università di Verona Dott. Luca Guarnieri Responsabile Liaison Office Area Ricerca Università degli Studi di

Dettagli

ESTRATTO CAPITALI & TURISMO (BUSINESS TOGETHER)

ESTRATTO CAPITALI & TURISMO (BUSINESS TOGETHER) CAPITALI & TURISMO (BUSINESS TOGETHER) UNIMIB SEMINAR Turism & Travel Relatore LUIGI MOLERI MILANO 25/10/2011 CONTATTI: lm@mercurionmerchant.com AGENDA DEGLI ARGOMENTI TRATTATI 1--Presentazioni e ringraziamenti..

Dettagli

Il private equity come asset class strategica per gli investitori previdenziali. Walter Ricciotti Amm. Del. Quadrivio SGR

Il private equity come asset class strategica per gli investitori previdenziali. Walter Ricciotti Amm. Del. Quadrivio SGR Il private equity come asset class strategica per gli investitori previdenziali Walter Ricciotti Amm. Del. Quadrivio SGR PERCHÉ INVESTIRE NEL PRIVATE EQUITY DEDICATO ALLE PMI ITALIANE NEL 2012 / 2013?

Dettagli

Un team di professionisti esperti a fianco dell imprenditore nelle molteplici sfide dei mercati

Un team di professionisti esperti a fianco dell imprenditore nelle molteplici sfide dei mercati Un team di professionisti esperti a fianco dell imprenditore nelle molteplici sfide dei mercati MECCANICA FINANZIARIA è una società ben strutturata, composta da un team altamente qualificato e dalla pluriennale

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEGLI AMMINISTRATORI PER LA DELEGA EX ART. 2443, C.C. AD AUMENTARE IL CAPITALE SOCIALE

RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEGLI AMMINISTRATORI PER LA DELEGA EX ART. 2443, C.C. AD AUMENTARE IL CAPITALE SOCIALE RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEGLI AMMINISTRATORI PER LA DELEGA EX ART. 2443, C.C. AD AUMENTARE IL CAPITALE SOCIALE predisposta ai sensi dell art. 72 e secondo lo schema n. 2 dell Allegato 3A del Regolamento

Dettagli

APPENDICI B. GLOSSARIO SULLA QUOTAZIONE: I 50 TERMINI PIÙ USATI

APPENDICI B. GLOSSARIO SULLA QUOTAZIONE: I 50 TERMINI PIÙ USATI APPENDICI B. GLOSSARIO SULLA QUOTAZIONE: I 50 TERMINI PIÙ USATI B. Glossario sulla quotazione: i 50 termini più utilizzati Termine Aftermarket performance Best practice Blue chip Bookbuilding Capitalizzazione

Dettagli

CENA INTERGRUPPO INNOVAZIONE 11.06.14

CENA INTERGRUPPO INNOVAZIONE 11.06.14 CENA INTERGRUPPO INNOVAZIONE 11.06.14 PARLAMENTARI PRESENTI ANNA ASCANI CAMERA PD LORENZO BASSO CAMERA PD ANNA CINZIA BONFRISCO SENATO FI FRANCESCA BONOMO CAMERA PD IVAN CATALANO CAMERA MISTO PAOLO COPPOLA

Dettagli

Introduzione alla figura del Business Angel. Ing. Paolo Anselmo - Presidente IBAN Milano, 8 Ottobre 2015

Introduzione alla figura del Business Angel. Ing. Paolo Anselmo - Presidente IBAN Milano, 8 Ottobre 2015 Introduzione alla figura del Business Angel Ing. Paolo Anselmo - Presidente IBAN Milano, 8 Ottobre 2015 Introduzione Imprenditorialità: definizione

Dettagli

Aspetti finanziari del passaggio generazionale

Aspetti finanziari del passaggio generazionale Seminario Il passaggio generazionale delle PMI. Come facilitare il passaggio delle imprese alle nuove generazioni Bari, dicembre 2002 Aspetti finanziari del passaggio generazionale A cura di Massimo Leone

Dettagli

BVA&PARTNERS Crescere nel tuo Business, insieme &PARTNERS

BVA&PARTNERS Crescere nel tuo Business, insieme &PARTNERS BVA&PARTNERS Crescere nel tuo Business, insieme VA &PARTNERS L attività di investimento istituzionale nel capitale di rischio Con il termine investimento istituzionale nel capitale di rischio si intende

Dettagli

LE ECCELLENZE DEL MADE IN ITALY. 13-14 marzo 2014 1. 13-14 marzo 2014

LE ECCELLENZE DEL MADE IN ITALY. 13-14 marzo 2014 1. 13-14 marzo 2014 LE ECCELLENZE DEL MADE IN ITALY 1 Investireste in un Gruppo che: Ha quote attive in 9 leader mondiali* dei rispettivi settori? Negli ultimi 10 anni ha avuto plusvalenze nell 80% circa delle cessioni? Capitalizza

Dettagli

TIMEO NEUTRAL SICAV. Société d'investissement à capital variable Sede legale: 5, Allée Scheffer L-2520 Lussemburgo R.C.S. Luxembourg B 94351

TIMEO NEUTRAL SICAV. Société d'investissement à capital variable Sede legale: 5, Allée Scheffer L-2520 Lussemburgo R.C.S. Luxembourg B 94351 TIMEO NEUTRAL SICAV Société d'investissement à capital variable Sede legale: 5, Allée Scheffer L-2520 Lussemburgo R.C.S. Luxembourg B 94351 Avviso agli azionisti dei Comparti sotto riportati: 1. Modifica

Dettagli

Il MAC, dunque, costituisce un opportunità nuova pe rché fino ad oggi il capitale di rischio poteva essere accessibile ai terzi solo attraverso: 1.

Il MAC, dunque, costituisce un opportunità nuova pe rché fino ad oggi il capitale di rischio poteva essere accessibile ai terzi solo attraverso: 1. In Italia, nel settembre 2007, è nato un nuovo mercato dedicato alla piccola e media impresa: il MAC, Mercato Alternativo del Capitale.Come è noto il sistema economico italiano è composto da un numero

Dettagli

Oltre i soliti strumenti Per uno spettacolo fuori dall ordinario

Oltre i soliti strumenti Per uno spettacolo fuori dall ordinario Per Consulenti E Investitori Qualificati Strategic Solutions Schroder Global Diversified Growth Fund Oltre i soliti strumenti Per uno spettacolo fuori dall ordinario Quando gli strumenti classici non bastano

Dettagli

Fondo di investimento nel capitale di rischio D.M. 11.03.2011 n.206 Finalità e Obiettivi Supportare gli investimenti delle Piccole e Medie Imprese (PMI), operanti nel settore agricolo, agroalimentare di

Dettagli

Finanziare la crescita Confindustria Cuneo - 12 Luglio 2012

Finanziare la crescita Confindustria Cuneo - 12 Luglio 2012 Corporate Advisory Group Strettamente confidenziale Finanziare la crescita Confindustria Cuneo - 12 Luglio 2012 Indice Sezione 1 Perché un'azienda deve crescere 2 Perché un'azienda deve crescere? 3 Sezione

Dettagli

BAN Bologna: un Servizio Innovativo per le Start-up

BAN Bologna: un Servizio Innovativo per le Start-up BAN Bologna: un Servizio Innovativo per le Start-up 1 La Regione Emilia Romagna è: un territorio ricco di iniziative imprenditoriali e un buon vivaio di idee innovative che incontrano spesso difficoltà

Dettagli

L OUTLOOK DEL SETTORE ETF/ETP SECONDO BLACKROCK:

L OUTLOOK DEL SETTORE ETF/ETP SECONDO BLACKROCK: L OUTLOOK DEL SETTORE ETF/ETP SECONDO BLACKROCK: IL PATRIMONIO GESTITO IN ETF/ETP A LIVELLO INTERNAZIONALE POTREBBE SUPERARE LA SOGLIA DEI 2.000 MILIARDI DI DOLLARI ENTRO L INIZIO DEL 2012 Gli ETF si impongono

Dettagli

Fondo pensione aperto ZURICH CONTRIBUTION

Fondo pensione aperto ZURICH CONTRIBUTION Zurich Investments Life S.p.A. Fondo pensione aperto ZURICH CONTRIBUTION INFORMAZIONI SULL ANDAMENTO DELLA GESTIONE (Dati aggiornati al 31.12.2009) Alla gestione delle risorse provvede la Zurich Investments

Dettagli

PhD+ PISA - 24/4/2012

PhD+ PISA - 24/4/2012 PhD+ PISA - 24/4/2012 Gli investimenti di capitale di rischio informale dei Business Angels le caratteristiche del mercato italiano e le modalità operative Tomaso Marzotto Caotorta Segretario Generale

Dettagli

ELITE Thinking Long Term

ELITE Thinking Long Term ELITE Thinking Long Term ELITE ELITE è una piattaforma internazionale di servizi integrati creata per supportare le Imprese nella realizzazione dei loro progetti di CRESCITA Supporto/stimolo ai cambiamenti

Dettagli

Linee Guida del Piano Strategico 2016-2019 Conferenza Stampa

Linee Guida del Piano Strategico 2016-2019 Conferenza Stampa Linee Guida del Piano Strategico 2016-2019 Conferenza Stampa Milano, 30 marzo 2016 ore 11,30 Mittel oggi IL GRUPPO MITTEL CONFERMA UNA FORTE SOLIDITÀ PATRIMONIALE REGISTRANDO UN PATRIMONIO NETTO DI CA.

Dettagli

ELITE Thinking Long Term

ELITE Thinking Long Term ELITE Thinking Long Term ELITE ELITE è una piattaforma internazionale di servizi integrati creata per supportare le Imprese nella realizzazione dei loro progetti di CRESCITA Supporto/stimolo ai cambiamenti

Dettagli