Le politiche del marketing mix nelle imprese del sistema agroalimentare

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Le politiche del marketing mix nelle imprese del sistema agroalimentare"

Transcript

1 Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Economia Corso di Marketing agroalimentare (Anno accademico ) 6 Modulo Le politiche del marketing mix nelle imprese del sistema agroalimentare 1

2 Le politiche di marketing (marketing mix) Il marketing mix rappresenta la realizzazione e la gestione coerente, creativa e permanente del posizionamento. Il marketing mix comprende 4 politiche o leve fondamentali: Politiche del prodotto (per le imprese agroalimentari, una delle problematiche fondamentali che sono chiamate ad affrontare nel quadro delle politiche del prodotto consiste nella differenziazione della propria offerta sul mercato; l offerta di un prodotto di più alta qualità rispetto ai concorrenti è una condizione necessaria per sottrarre l offerta dalla concorrenza basata sul prezzo, ma non sufficiente. Infatti, un valore percepito superiore rispetto alla concorrenza genera una maggiore disponibilità a pagare da parte del consumatore, determinando, quindi, la possibilità per il produttore di ottenere premium price. Pertanto, le politiche di prodotto vanno attuate in modo coerente e sinergico con le altre politiche di marketing e, in particolare, con quelle di comunicazione) Politiche di prezzo (in funzione della possibilità/capacità di differenziare il prodotto, del target di consumatori, delle strategie competitive seguite, dei canali distributivi, delle caratteristiche qualitative del prodotto, del grado di trasformazione, ecc.) Politiche di comunicazione (dipendono posizione occupata dall operatore sulla filiera, dalla natura dell offerta, dalla dimensione dell impresa e/o del sistema di offerta, dal forma giuridica del soggetto che l attua, dal numero e dalla natura dei segmenti di mercato ai quali è rivolta, dalle risorse finanziarie disponibili, dallo strumento utilizzato, ecc.) Politiche di distribuzione commerciale (dipendono dalla posizione dell operatore sulla filiera, dalla lunghezza della filiera, dalle caratteristiche merceologiche del prodotto, dalla dimensione geografica del mercato, ecc.) 2

3 Politiche del prodotto 3

4 Le politiche del prodotto Il prodotto si definisce come un insieme complesso di benefici o di attributi (materiali e immateriali) che soddisfano requisiti, esigenze e attese del consumatore. Strumenti analitici e problematiche dei prodotti agroalimentari: Il concetto di ciclo di vita del prodotto agroalimentare (vedi: L. Pilati, Marketing Agro-alimentare, Editrice UNI Service, Trento, 2004) Le problematiche connesse con la differenziazione del prodotto agroalimentare La differenziazione qualitativa e il problema della possibilità per il produttore di ottenere un premium price. 4

5 Il ciclo di vita del prodotto agroalimentare segue lo schema ciclo-riciclo Vendite Ciclo Riciclo: individuazione di nuovi usi; individuazione di nuovi punti vendita; riposizionamento del prodotto nella percezione del consumatore. Introduzione Sviluppo Maturità Declino Riciclo 5 Tempo

6 Ciclo di vita del vino e della birra Vendite Prodotti innovativi (es. soft drink, birra senza alcool, vino novello, ecc. birra Vini doc Vini da pasto 6 Tempo

7 Il concetto di ciclo di vita del prodotto e la sua estensione alle problematiche dei prodotti agroalimentari Grande possibilità di rilancio di prodotti maturi attraverso l introduzione di innovazioni nelle tecniche produttive (es. prodotti biologici), nelle nuove modalità di consumo (pasti fuori casa, snack bar, wine bar, agriturismi, ecc.), nelle funzioni (prodotti salutistici, dietetici, estetici) packaging (es. confezioni in tetra pack, contenitori in fibra vegetale, porzioni per single, ecc.), nell accrescere il contenuto di servizi incorporati nel prodotto (prodotti surgelati pronti per la cottura, come i cosiddetti prodotti di III gamma; prodotti freschi già puliti e tagliati e pronti per essere serviti direttamente, come i cosiddetti prodotti di IV gamma; piatti cucinati conservati a una temperatura di 0-3 C o surgelati o sottovuoto, come i cosiddetti prodotti di V gamma ), nella riproposizioni di prodotti che appartengono alla tradizione produttiva locale (es. prodotti tipici, locali, tradizionali), di nuove formule commerciali (farmers market, vendita diretta, vendita attraverso internet). Vincoli tecnico-produttivi. Il ciclo di vita dei prodotti agroalimentari è legato alle tradizioni alimentari,e, quindi, è tendenzialmente stabile nel tempo. Scarsa disponibilità del consumatore ad accettare prodotti fortemente innovativi, rispetto alla sua tradizione alimentare. 7

8 La differenziazione dei prodotti agroalimentari La differenziazione del prodotto si attua attraverso: Caratteristiche tangibili: proprietà chimico- fisiche e organolettiche; Caratteristiche intangibili *: sicurezza; legame con il territorio di origine con le sue caratteristiche climatiche, pedologiche e geografiche in senso lato, ma anche paesaggistiche, socio-economiche, storiche e culturali; competenze del produttore; tipo di processi produttivi utilizzati per ottenere il prodotto; L azione delle leve del marketing mix. * Queste caratteristiche sono molto importanti nel determinare la differenziazione dei prodotti che derivano le loro caratteristiche distintive dal legame con il territorio geografico di origine. Rientrano in questa categoria i prodotti con marchio a denominazione europea Dop e Igp, che il Italia sono già oltre 200, ma anche gli oltre 4000 prodotti tradizionali e gli oltre 300 prodotti Doc. 8

9 Attributi che concorrono a determinare la qualità di un prodotto agroalimentare: ad esempio, del vino Il paniere di attributi è costituito da: Prodotto di base (regione di origine e sua tradizione vitivinicola, annata, vitigno); attributi che conferiscono le proprietà intrinseche del prodotto. Prodotto accresciuto con attributi che segnalano le proprietà intrinseche (denominazione di origine controllata, marca, bottiglia, etichetta, controllo di qualità, ecc.) Prodotto totale (comunicazione al consumatore delle proprietà intrinseche per renderle tangibili attraverso le politiche di marketing) 9

10 Premium price come valore del prodotto percepito La differenziazione attuata attraverso i contenuti qualitativi del prodotto è rilevante solo se percepita dal consumatore e se determina la disponibilità del consumatore stesso a pagare un premium price Il problema, dal punto di vista teorico può essere ricondotto alle tematiche trattate dall economia dell informazione relative agli effetti sul mercato della presenza di asimmetria informativa, sviluppate da G. Akerlof (1970), The market of Lemons: Quality Uncertainty and the Market Mechanisms, in Quarterly Journal of Economics, 84. La grande varietà dell offerta fa si che il consumatore per orientarsi nella scelta di un prodotto si avvale di segnali di valore di facile accesso e di minore costo in termini di costo di opportunità per accedere alle informazioni e spesso, nel caso dei prodotti agroalimentari la qualità è data da attributi che il consumatore non riesce a verificare né prima dell acquisto (attributi di ricerca) e, spesso, né dopo l acquisto (attributi di esperienza) e, neanche, dopo un prolungato periodo di utilizzo (attributi di fiducia). Nel caso del vino, ma anche di altri prodotti agroalimentari, gli indicatori che maggiormente vengono utilizzato sono la marca, la denominazione di origine, il prezzo. 10

11 L informazione a disposizione del consumatore per valutare il prodotto Ai fini della valutazione delle caratteristiche del sistema di prodotto, assumono rilevanza le informazioni e i relativi costi e benefici (Stigler G. J. The economics of Information, The Journal of Political Economy, 69, 3, 1961). La letteratura economica ha messo in luce come nella valutazione delle caratteristiche del sistema di prodotto il consumatore basi il proprio giudizio su tre categorie di attributi: Attributi di ricerca (possono essere conosciuti prima dell acquisto quali la marca, il prezzo, la confezione, ecc.); Attributi di esperienza (la qualità può essere valutata dopo l acquisto attraverso una prova); Attributi di fiducia (neppure dopo l acquisto e il consumo è possibile verificare la qualità: salubrità, valore nutritivo, ecc.) 11

12 Condizioni di equilibrio di mercato di prodotti differenziati sulla base dei livelli di qualità: esempio olio extravergine di oliva di qualità diversa Prodotto di qualità standard Prodotto di alta qualità C M C m C M C m C m C M P P p P m (mercato) dove P p = premium price Quantità 12 Quantità

13 Sistema di prodotto Un concetto utile per la differenziazione del prodotto è quello di sistema di prodotto (Cfr. Cozzi G., Ferrero, G (2004), Principi ed aspetti evolutivi del marketing aziendale, Giappichelli, Torino). Il concetto di sistema di prodotto richiama l attenzione sulla molteplicità e complessità dei fattori che contribuiscono a creare valore per il consumatore. Il concetto di sistema di prodotto implica che il produttore sappia/possa definire la propria offerta agendo su un insieme di componenti tangibili e intangibili che concorrono, sebbene in modo diverso, alla soddisfazione delle attese del cliente/consumatore. 13

14 Elementi che concorrono alla differenziazione dei prodotti agroalimentari Sicurezza igienico-sanitaria Requisiti nutrizionali, salutistici e sensoriali Requisiti di garanzia (informazioni, certificazione, ecc.) Metodi di produzione Servizi annessi Canale di distribuzione Prezzo Marchio privato e/o collettivo Caratteristiche storiche, culturali, paesaggistiche, istituzionali e cultura produttiva del territorio di provenienza Valori etici 14

15 Esempio: sistema di prodotto olio extravergine di oliva Genuinità e caratteristiche di naturalità Proprietà nutrizionali, salutistiche e sensoriali Tipo di spremitura delle olive Garanzia (informazioni, certificazione di prodotto e/o di sistema) Forma, formato e colore della bottiglia Aspetto del prodotto (densità, acidità e colore) Contenuto informativo veicolato dell etichetta Immagine della zona di provenienza geografica Marchio Tipologia del canale commerciale Prezzo Etica e competenze del produttore 15

16 Politiche di prezzo 16

17 Le determinanti delle politiche di prezzo La politica di prezzo deve tenere conto degli obiettivi dell organizzazione di conseguire un profitto dalle vendite da un lato e delle aspettative dei consumatori e della loro disponibilità a pagare per il prodotto che viene loro offerto. Quindi, è un fattore decisivo della redditività a lungo termine dell attività dell impresa. In questo quadro, le determinanti che entrano in gioco sono: la forma di mercato in cui opera l impresa le strategie competitive basate su price o non price competition la necessità di conseguire un premium price l elasticità della domanda al prezzo (presenza di prodotti sostitutivi) l ambiente competitivo i segmenti di mercato ai quali viene rivolta l offerta 17

18 Fattori che entrano in gioco nella determinazione del prezzo Ambiente competitivo Attitudine del cliente/consumatore Comportamento intermediari Strategia dell impresa PREZZO Comportamento concorrenti Attitudine dell imprenditore/ manager 18 Comportamento fornitori

19 Le principali strategie di prezzo Prezzo di penetrazione, che consiste nel praticare prezzi più bassi della concorrenza per attrarre il maggior numero possibile di consumatori e acquisire, così, una maggiore quota di mercato (condizioni: domanda elastica; presenza di economie di scala; vantaggi di costo) Strategia di scrematura o skimming pricing, che consiste nell entrare nel mercato con un prezzo più elevato con l obiettivo di "scremare" il mercato, cioè eliminare gli acquirenti che non sono disposti ad acquistare a quel prezzo. Strategia è utilizzata principalmente per i beni alimentari di prestigio e di alta qualità (condizioni: prezzo forte segnale di valore; basse economie di scala e barriere) Premium price, che rappresenta una strategia per ottenere dal consumatore un prezzo superiore come premio per un prodotto unico, che si differenzia dai concorrenti, ossia un prodotto che abbia valore per i suoi acquirenti al di là della semplice offerta di un prezzo basso" (Porter, 1985). È da notare che la possibilità di ottenere un premium price rispetto ai concorrenti è legata alla differenziazione del prodotto, ossia un prodotto che abbia caratteristiche reali o percepite non riscontrabili negli altri prodotti presenti sul mercato e che tali caratteri abbiano un qualche valore per il consumatore per il quale sia disposto a pagare un premium price (condizioni: differenziazione percepita; domanda inelastica) Le strategie di prezzo devono essere fissate in funzione: del target e del posizionamento della struttura dei costi di produzione e del loro andamento dei prezzi, i prodotti e le strategie dei concorrenti della relazione tra prezzo e domanda (elasticità della domanda rispetto al prezzo) 19

20 Le politiche di comunicazione e di differenziazione del prodotto 20

21 Informazioni interne promozionali sistema produttivo) Corso di Marketing Agroalimentare Fasi del processo di acquisto e fonti informative Percezione del bisogno Ricerca delle informazioni Valutazione delle informazioni Decisione di acquisto Valutazione post-acquisto Informazioni esterne (ad es. attività 21

22 Principali effetti economici delle politiche di comunicazione Le politiche di comunicazione consentono di: Incrementare le vendite (attraverso la messa in atto di interventi pubblicitari o di altre forme di comunicazione si determina uno spostamento della curva di domanda verso destra). Rendere la curva domanda più rigida nell ipotesi di aumento del prezzo e più elastica nel caso di diminuzione del prezzo. In sostanza, si riduce la sostituibilità tra il prodotto di un impresa e quelli della concorrenza. Passare da una situazione di mercato perfettamente concorrenziale, ad una struttura di concorrenza monopolistica. Le diverse politiche del mix comunicazionale contribuiscono, infatti, a generare la differenziazione percepita dal consumatore, ossia a determinare una condizione di mercato nella quale i consumatori percepiscono come differenti per qualche caratteristica i prodotti offerti da imprese concorrenti. L effetto è il passaggio del produttore da price taker, propria di una situazione di mercato perfettamente concorrenziale, a price maker, ossia ad una condizione di mercato in cui è possibile esercitare sui segmenti di riferimento un certo controllo sui prezzi dei prodotti offerti. Contribuisce a fidelizzazione il cliente/consumatore Consente di accrescere le barriere all entrata sul mercato di eventuali concorrenti 22

23 Le componenti del mix promozionale La pubblicità La pubblicità collettiva (in particolare da parte dei consorzi di tutela Dop e Igp) La promozione delle vendite Il direct marketing o la comunicazione diretta Il passaparola Le pubbliche relazioni Le sponsorizzazioni La comunicazione personale La comunicazione interna 23

24 La pubblicità Il ruolo della pubblicità può essere ricondotto ai seguenti obiettivi: influenzare le attitudini dei consumatori verso il prodotto creare la fedeltà alla marca informare i consumatori sui benefici connessi al consumo di un prodotto informare i consumatori sulla esistenza di un prodotto influenzare le scelte di consumo per obiettivi sociali, ecc.) Gli effetti economici della pubblicità possono essere considerati sia dal lato della domanda, sia da quello dell offerta. Gli effetti dal lato della domanda sono dati da: uno spostamento della curva di domanda verso destra una riduzione dell elasticità della domanda rispetto al prezzo di aumento dello stesso e un aumento dell elastica nel caso di diminuzione del prezzo. Gli effetti dal lato dell offerta vanno ricondotti alla possibilità di differenziare il prodotto anche nella mente del consumatore, condizione per il passaggio dalla forma di mercato perfettamente concorrenziale a quella della concorrenza monopolistica) 24

25 Un esempio di pubblicità collettiva La campagna del Ministero per le politiche agricole alimentari e forestali per la valorizzazione dell olio extravergine di oliva. L obiettivo dell iniziativa è sottolineare la qualità, le caratteristiche nutrizionali, il valore culturale e il legame territoriale e storico di un prodotto conosciuto in tutto il mondo. L iniziativa ha anche lo scopo di porre l attenzione sulle nuove normative europee che dettano l obbligo di indicare in etichetta la provenienza delle materie prime e delle zone di estrazione. Lo spot dura 30 secondi ed è stato ideato e realizzato dalla Lowe Pirella Fronzoni, la regia è di Franco Bernini, la fotografia di Roberto Romei, la musica di Paride Odierna: il brano intitolato Dedicato a Nino Rota, è stato ispirato da Ennio Morricone (in: C:\Documents and Settings\Administrator\Desktop\watch.htm 25

26 Criteri che devono essere seguiti per sviluppare una strategia pubblicitaria Il piano di marketing viene prima di ogni scelta riguardante l azione pubblicitaria Il messaggio che deve fare leva sui punti di forza dell impresa o del prodotto Il messaggio deve essere credibile (occorre comunicare e non semplicemente informare) L investimento deve dare un beneficio entro un tempo definito 26

27 Promozione delle vendite, relazioni pubbliche e sponsorizzazioni La promozione delle vendite nel settore agroalimentare è molto diffusa e viene attuata per incentivare il consumatore ad aumentare l ammontare medio della spesa (a breve), per far conoscere un nuovo prodotto, per smaltire le scorte di prodotti invenduti durante i periodi di picco della domanda, ecc. Relazioni pubbliche consentono di stimolare la domanda attraverso rapporti pubblici pianificati con importanti influenzatori del processo di acquisto. I pubblici di riferimento sono i clienti, i fornitori, le istituzioni pubbliche, le comunità locali, ecc. Sponsorizzazioni vengono fatte associando il nome /marchio di un impresa a dei suoi prodotti a eventi, a un personaggio, ad una situazione. Le sponsorizzazioni più frequenti nel mondo agroalimentare riguardano situazioni/interventi su attività sportive e culturali. 27

28 Marketing diretto Il marketing diretto (direct marketing) utilizza la posta (direct mail e ) o il telefono (telemarketing). Il direct marketing cerca di realizzare una comunicazione di impatto simile alla vendita personale, ma con costi inferiori. La personalizzazione del contatto attraverso la posta o la presuppone una preventiva segmentazione del mercato e la individuazione di target specifici e abbastanza ristretti, al fine di accrescerne l efficacia. Aspetti caratterizzati: comunicazione indirizzata in forma personalizzata a soggetti in genere identificati; il soggetto che riceve l informazione ha la possibilità di rispondere e la risposta o la sua assenza sono visibili e misurabili. Va considerato che questa forma di comunicazione presenta anche una serie di svantaggi. L applicazione delle logiche del marketing diretto alla rete ha portato al marketing virale. L idea è quella di sfruttare il contagio di virus amichevoli, ossia sfrutta la capacità comunicativa di pochi soggetti interessati per trasmettere il messaggio ad un numero elevato di utenti finali. La modalità di diffusione del messaggio segue un profilo tipico che presenta un andamento esponenziale. 28

29 Il processo di valorizzazione economica attraverso l approccio esperenziale 29

30 Il cibo non solo come alimento, ma come elemento sociale, segno, simbolo, portatore di valori e tradizioni CIOÉ, DAL PRODOTTO ALL ESPERIENZA Il processo di valorizzazione economica implica il passaggio da un bene indifferenziato a un bene differenziato e personalizzato che enfatizza la componente esperienziale del processo di percezione del valore ECONOMIA DELLE ESPERIENZE 30

31 Strategia per la valorizzazione commerciale dei prodotti tipici e locali utilizzare tutte le politiche di marketing per accrescere il valore per il consumatore e orientarne la percezione adottare una strategia ispirata ad un ottica esperenziale (B. J. Pine, J. H. Gilmore, L economia delle esperienze, Etas, 2000) far leva sull immagine del territorio (come luogo di storia, cultura, tradizione, tipicità della produzione, ambiente, paesaggio, strutture ricettive) per la valorizzazione dei prodotti agroalimentari tipici (integrazione tra marketing territoriale e marketing del prodotto) 31

32 Il concetto di progressione economica del valore secondo l approccio dell economia delle esperienze (Pine e Gilmore, 2000) Differenziata Esperienze Rilevante per POSIZIONE COMPETITIVA Servizi ESIGENZE CONSUMATORE Prodotti Indifferenziata Irrilevante Commodity Mercato FISSAZIONE Premium DEL PREZZZO 32 Price

33 Percorso promozionale secondo un impostazione della progressione del valore economico: vino, turismo, territorio (R. Pastore, Il marketing del vino e del territorio: istruzioni per l uso, FrancoAngeli, 2003, p. 225) Offerta vitivinicola e agroalimentare locale Con quali processi produttivi: musei della cultura materiale (ieri), cantine e altri luoghi della attuale produzione agricola (oggi) Ambiente ed ecosistema locali di particolare interesse estetico a naturalistico Le valenze storico-artistiche del territorio Le strutture dell ospitalità 33

34 Dal prodotto e dal territorio all evento come forme di comunicazione COMUNICARE con il prodotto (degustazioni guidate, sagre, ecc.) COMUNICARE con i processi produttivi di ieri (musei della cultura agricola e delle produzioni tipiche locali, seminari, ecc.) COMUNICARE con le tecniche di produzione (visite guidate ad aziende agricole, cantine, frantoi, impianti e ad altri soggetti della filiera) COMUNICARE con il territorio (offerta di pacchetti prodotto che prevedano la possibilità di effettuare soggiorni ed esperienze/apprendimento, organizzazione di percorsi per la scoperta delle bellezze culturali e paesaggistiche del territorio, ecc.) COMUNICARE con gli eventi culturali (organizzazione di mostre, seminari, manifestazioni folcloristiche, manifestazioni teatrali e musicali,costruiti intorno alla cultura del/dei prodotti) COMUNICARE con il gioco e l entertainment (creazione di parchi multimediali in grado di suscitare esperienze e creare apprendimento, ecc.) 34

35 Le componenti dell esperienza ESSERE SORPRESO Il visitatore deve trovarsi in universi extraordinari e esserne coinvolto IL CONSUMATORE/ VISITATORE DEVE DIVERTIRSI Ritrovarsi in spazi interattivi; porre l accento su dimensioni ludiche APPRENDERE Vedersi proporre informazioni didattiche e pedagogiche che aggiungono tasselli alle sue conoscenze 35

36 La distribuzione e le nuove formule distributive dei prodotti agroalimentari 36

37 La distribuzione Classificazione dei canali distributivi: Lunghezza del canale (cortissimo, costo, lungo:oltre 4 operatori) Forma distributiva adottata dal punto vendita finale (tradizionale, moderna o libero servizio, Ho.Re.Ca) Organizzazione dei rapporti economici fra gli operatori del canale (canali classici, canali contrattuali, canali elettronici) 37

38 La vendita diretta e indiretta Vendita diretta Assicura un controllo diretto sulla vendita dei prodotti. Tra i vantaggi vi è quello di contenere la variabilità della domanda. Permette alle imprese di curare la vendita nei modi e nelle forme volute, in modo da armonizzare così le politiche distributive con le altre politiche del marketing mix. Assicura un contatto diretto con il mercato e il circuito distributivo consentendo, alle imprese di reperire le informazioni strategiche necessarie. Può avvenire all interno dell azienda, mediante una propria organizzazione, il commercio elettronico, la vendita per corrispondenza, presso fiere, ecc. Vendita indiretta e intermediari commerciali (grossisti, GDO, Ho.Re.Ca.) 38

39 Le vendite in una prospettiva di marketing relazionale Punti vendita aziendali Il sito internet Lo stand (aziendale o collettivo) organizzato nell ambito delle manifestazioni fieristiche Museo aziendale Eventi progettati e gestiti dall impresa o dal consorzio o da associazioni di produttori 39

40 Vendita diretta La vendita diretta consente l interazione comunicativa tra venditore e compratore La formula trova sviluppo in una logica di marketing relazionale in quanto è può portare alla instaurazione di relazioni durature e basate sulla fiducia con i clienti 40

41 Lo sviluppo della GDO e della marca commerciale (private label) L ingresso nelle referenze della GDO comporta una serie di oneri supplementari per i produttori connessi principalmente ai seguenti aspetti: prezzo di ingresso (garantire i margini al distributore) garantire la qualità dei prodotti e i volumi richiesti logistica (tempi, modalità, frequenza delle consegne, ecc.) promozione nei punti vendita rischio prodotti invenduti Sviluppo delle marche commerciali (private label) e implicazioni per le imprese agroalimentari 41

La Strategia di Marketing. Il Marketing operativo. Piano di Marketing scelte di lungo periodo per uno specifico prodotto (o settore)

La Strategia di Marketing. Il Marketing operativo. Piano di Marketing scelte di lungo periodo per uno specifico prodotto (o settore) 6 La Strategia di Marketing Piano di Marketing scelte di lungo periodo per uno specifico prodotto (o settore) Il Marketing operativo Gli adeguamenti di breve periodo 1 La strategia di marketing (o MKTG

Dettagli

LE STRADE DEL VINO. Corso di Marketing delle imprese agroalimentari. La Strada dei Sapori del Medio Tirreno Cosentino. Prof. Gervasio Antonelli

LE STRADE DEL VINO. Corso di Marketing delle imprese agroalimentari. La Strada dei Sapori del Medio Tirreno Cosentino. Prof. Gervasio Antonelli Corso di Marketing delle imprese agroalimentari Prof. Gervasio Antonelli LE STRADE DEL VINO La Strada dei Sapori del Medio Tirreno Cosentino A cura di: Mario Motolese Erika Venturini Indice Cos è una strada

Dettagli

Il Marketing Internazionale per le PMI Come affondare con successo i mercati internazionali

Il Marketing Internazionale per le PMI Come affondare con successo i mercati internazionali Il Marketing Internazionale per le PMI Come affondare con successo i mercati internazionali Obiettivi : l obiettivo del corso è con rifornire alla piccola e media impresa un insieme di strumenti teorici

Dettagli

Pricing & Costing Soluzioni Caso One-O-One

Pricing & Costing Soluzioni Caso One-O-One Pricing & Costing Soluzioni Caso One-O-One G.TOSCANO e A.VINCI Corso: Pricing & Costing LIUC Università di Castellanza Ottobre 2010 Anno accademico 2010/11 Lucidi di Giuseppe Toscano 1 Domande guida per

Dettagli

Pricing & Costing: Soluzioni del Caso One-O-One

Pricing & Costing: Soluzioni del Caso One-O-One Pricing & Costing: Soluzioni del Caso One-O-One G.TOSCANO e A.VINCI Corso: Pricing & Costing LIUC Università di Ottobre 2012 Anno accademico 2012/13 1 Domande guida per la discussione 1. Si presentino

Dettagli

Corso di Marketing Industriale

Corso di Marketing Industriale U N I V E R S I T A' D E G L I S T U D I D I B E R G A M O Corso di Prof Ferruccio Piazzoni ferruccio.piazzoni@unibg.it LE LEVE OPERATIVE di MARKETING: il MARKETING MIX, DOMANDA e QUOTA di MERCATO I Mktg-L08

Dettagli

La funzione Marketing e Vendite

La funzione Marketing e Vendite Lezione 14 La funzione Marketing e Vendite prof. ssa Clara Bassano Corso di Economia e Gestione delle Imprese A.A. 2005-2006 .. una traiettoria evolutiva fase dell orientamento alla produzione D > O (artigianalità

Dettagli

Corso di GESTIONE DEL MARKETING NELLE IMPRESE AGROINDUSTRIALI. Marketing Mix - PREZZO

Corso di GESTIONE DEL MARKETING NELLE IMPRESE AGROINDUSTRIALI. Marketing Mix - PREZZO Corso di GESTIONE DEL MARKETING NELLE IMPRESE AGROINDUSTRIALI Marketing Mix - PREZZO Erika Pignatti Dipartimento di Economia e Ingegneria Agrarie A.A. 2007-2008 30/11/2007 1 Le decisioni di prezzo Per

Dettagli

Pricing & Costing: I fattori che impattano sul prezzo

Pricing & Costing: I fattori che impattano sul prezzo Pricing & Costing: I fattori che impattano sul prezzo G. TOSCANO e A. VINCI Corso: Pricing & Costing LIUC Università Cattaneo 19 Settembre 2012 Anno accademico 2012/13 1 Processo di Pricing 1. Definizione

Dettagli

IL MARKETING FONTI DEI DATI

IL MARKETING FONTI DEI DATI IL MARKETING Il Marketing è l insieme delle attività e delle politiche poste in essere dall impresa per soddisfare le esigenze dei consumatori e per crearne la domanda. Il SOTTOSISTEMA di Marketing è costituito

Dettagli

Comunicazione d impresa

Comunicazione d impresa Comunicazione d impresa Lorenza Rossini Anno 2005-2006 Programma I concetti fondamentali Le aree della comunicazione d impresa Gli strumenti e i mezzi della comunicazione Il piano di comunicazione Alcuni

Dettagli

Alessandro De Nisco. Università del Sannio. Corso di Marketing SPIEGARE I FATTORI CHE INFLUENZANO LA DETERMINAZIONE DEL PREZZO

Alessandro De Nisco. Università del Sannio. Corso di Marketing SPIEGARE I FATTORI CHE INFLUENZANO LA DETERMINAZIONE DEL PREZZO LEZIONI N. e Le Politiche di Alessandro De Nisco Università del Sannio Corso OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO DELLA LEZIONE SPIEGARE I FATTORI CHE INFLUENZANO LA DETERMINAZIONE DEL PREZZO COMPRENDERE GLI OBIETTIVI

Dettagli

Strategie di impresa, Tattiche operative e Piano di Marketing. Come essere competitivi, affrontare i mercati e i concorrenti

Strategie di impresa, Tattiche operative e Piano di Marketing. Come essere competitivi, affrontare i mercati e i concorrenti MA.VE.CO. Consulting www.maveco-consulting.it Viale Stazione,43-02013 Antrodoco (Rieti) Tel. 0746-578699 e-mail : info@maveco-consulting.it Strategie di impresa, Tattiche operative e Piano di Marketing

Dettagli

La pubblicità 1. Le strategie di comunicazione 1. Le strategie di comunicazione 2

La pubblicità 1. Le strategie di comunicazione 1. Le strategie di comunicazione 2 Le strategie di comunicazione 1 Pubblicità Promozione delle vendite Forza vendita Azioni x notorietà marca (advertising) (promotion) (sale force) (publicity) Ricerca del promotion mix per garantire immediata

Dettagli

Presentazione dell edizione italiana

Presentazione dell edizione italiana GR_00.qxd:GR_00 19-10-2009 11:59 Pagina v Indice IX XIX Presentazione dell edizione italiana Introduzione 3 1 L imperativo dei servizi e dei rapporti: il management nella concorrenza dei servizi Il ruolo

Dettagli

28/02/2011. Renato Agati IL MARKETING. Cos'è il marketing? MARKETING =

28/02/2011. Renato Agati IL MARKETING. Cos'è il marketing? MARKETING = Renato Agati IL MARKETING Cos'è il marketing? MARKETING = tutto ciò che fa mercato 1 IL MARKETING Il Marketing è l'attività che costruisce e regola il rapporto tra l'impresa e il mercato La funzione del

Dettagli

La scelta dei canali di entrata. Michela Floris micfloris@unica.it

La scelta dei canali di entrata. Michela Floris micfloris@unica.it La scelta dei canali di entrata Michela Floris micfloris@unica.it Una premessa Individuare il canale che, meglio degli altri può essere efficace per la propria attività nei mercati esteri non è semplice

Dettagli

Il valore del marchio territoriale: il caso Fior d Arancio Colli Euganei

Il valore del marchio territoriale: il caso Fior d Arancio Colli Euganei Abbazia di Praglia, 28 Settembre 2013 Il valore del marchio territoriale: il caso Fior d Arancio Colli Euganei Dott. Gianpaolo Borin Prof. Davide Gaeta Il valore del marchio territoriale: il caso Fior

Dettagli

Il Piano Industriale

Il Piano Industriale LE CARATTERISTICHE DEL PIANO INDUSTRIALE 1.1. Definizione e obiettivi del piano industriale 1.2. Requisiti del piano industriale 1.3. I contenuti del piano industriale 1.3.1. La strategia realizzata e

Dettagli

LE SCELTE STRATEGICHE DI MKTG

LE SCELTE STRATEGICHE DI MKTG LE SCELTE STRATEGICHE DI MKTG IL PROCESSO DI PIANIFICAZIONE STRATEGICA LA PIANIFICAZIONE STRATEGICA DI MTKG È LA SEQUENZA LOGICA DI ATTIVITÀ CHE CONSENTE DI: Stabilire gli obiettivi di mtkg, Formulare

Dettagli

Il Marketing Definizione di marketing cinque fasi

Il Marketing Definizione di marketing cinque fasi 1 2 3 Definizione di marketing: il marketing è l arte e la scienza di conquistare, fidelizzare e far crescere clienti che diano profitto. Il processo di marketing può essere sintetizzato in cinque fasi:

Dettagli

LE STRATEGIE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE

LE STRATEGIE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE LE STRATEGIE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE Prof. Fabio Musso Università degli Studi di Urbino Facoltà di Economia fabio.musso@uniurb.it pagina 1 Fasi del processo di sviluppo della strategia di internazionalizzazione

Dettagli

LAUREA SPECIALISTICA IN SCIENZE, TECNOLOGIE E GESTIONE DEL SISTEMA AGRO-ALIMENTARE

LAUREA SPECIALISTICA IN SCIENZE, TECNOLOGIE E GESTIONE DEL SISTEMA AGRO-ALIMENTARE LAUREA SPECIALISTICA IN SCIENZE, TECNOLOGIE E GESTIONE DEL SISTEMA AGRO-ALIMENTARE Classe 78/S - Scienze e Tecnologie agroalimentari Coordinatore: prof. Marco Gobbetti Tel. 0805442949; e-mail: gobbetti@ateneo.uniba.it

Dettagli

1.2 Il concetto di settore nella teoria economica: criteri economici e regole empiriche di definizione dei confini settoriali

1.2 Il concetto di settore nella teoria economica: criteri economici e regole empiriche di definizione dei confini settoriali 1.2 Il concetto di settore nella teoria economica: criteri economici e regole empiriche di definizione dei confini settoriali OBIETTIVI SPECIFICI COMPRENDERE L INCERTEZZA INTRINSECA NELLA DEFINIZIONE DEI

Dettagli

Le funzioni di gestione dell impresa: il marketing (1) Gli argomenti del corso. Gli obiettivi del corso. Economia e gestione delle imprese

Le funzioni di gestione dell impresa: il marketing (1) Gli argomenti del corso. Gli obiettivi del corso. Economia e gestione delle imprese Economia e gestione delle imprese Le funzioni di gestione dell impresa: il marketing (1) dott. Matteo Rossi Benevento, 7 gennaio 2008 Gli argomenti del corso ANALISI DELLE FUNZIONI PRIMARIE DELL IMPRESA

Dettagli

Promuovere il territorio per promuovere il turismo

Promuovere il territorio per promuovere il turismo Promuovere il territorio per promuovere il turismo Da territorio a destinazione turistica Dare risposte alla domanda di sviluppo di un territorio A livello nazionale A livello locale Per uno sviluppo a

Dettagli

Chi Siamo 1.1 Una realtà in crescita 1.2 Holidaytravelpass 1.2.1 Mission Holidaytravelpass 1.2.2 Vision

Chi Siamo 1.1 Una realtà in crescita 1.2 Holidaytravelpass 1.2.1 Mission Holidaytravelpass 1.2.2 Vision Chi Siamo 1.1 Una realtà in crescita In costante sviluppo, sempre pronta a cogliere le migliori opportunità offerte dal mercato, Holidaytravelpass si è presto consolidata anche come tour operator initalia

Dettagli

Marketing Agroalimentare Marketing mix

Marketing Agroalimentare Marketing mix Corso di Laurea in Scienze e Tecnologie Alimentari Corso di Valutazione qualitativa e promozione dei prodotti agroalimentari Marketing Agroalimentare Marketing mix Prof.ssa Agata Nicolosi Dott. Marco Strazzulla

Dettagli

1. Orientamento al prodotto 2. Orientamento alle vendite 3. Orientamento al mercato 4. Orientamento al marketing

1. Orientamento al prodotto 2. Orientamento alle vendite 3. Orientamento al mercato 4. Orientamento al marketing L ATTIVITA COMMERCIALE DELL AZIENDA: MARKETING Attività e processi mediante i quali l azienda è presente sul mercato reale su cui colloca i propri prodotti. Solitamente il marketing segue un preciso percorso,

Dettagli

Il Marketing Strategico

Il Marketing Strategico Il Marketing Strategico La mente del mercato aspetta solo di essere esplorata Definizione di Marketing Marketing: un processo attuo a definire, prevedere, soddisfare, creare, distribuire, promuovere beni

Dettagli

IL MARKETING STRATEGICO

IL MARKETING STRATEGICO IL MARKETING STRATEGICO Definizione di Marketing Marketing: un processo attuo a definire, prevedere, soddisfare, creare, distribuire, promuovere beni e/o servizi, bisogni e esigenze dei clienti consumatori

Dettagli

Marketing- Unità Didattica 4 L analisi delle forze conìcorrenziali

Marketing- Unità Didattica 4 L analisi delle forze conìcorrenziali ANALISI DELLE FORZE CONCORRENZIALI Un impresa detiene un vantaggio competitivo sui concorrenti quando ha una redditività più elevata (o, a seconda dei casi, quando può conseguire una maggiore quota di

Dettagli

Corso di Marketing Industriale

Corso di Marketing Industriale U N I V E R S I T A' D E G L I S T U D I D I B E R G A M O Corso di Marketing Industriale Prof. Ferruccio Piazzoni L analisi di competitività dei segmenti I Mktg-L06 SISTEMA DI SORVEGLIANZA DELLA CONCORRENZA

Dettagli

Servizi per i distributori. Servizi per i produttori

Servizi per i distributori. Servizi per i produttori Servizi per i distributori Servizi per i produttori THINK QUALITY S.r.l. Innovazione e valore nell agroalimentare PRESENTAZIONE STORIA Think Quality nasce nel 2001 quando, Fabrizio Stecca e Paolo Masoero,

Dettagli

IL CICLO DI VITA DEL PRODOTTO

IL CICLO DI VITA DEL PRODOTTO PROGRAMMAZIONE + COMPETENZE TEORICHE IL CICLO DI VITA DEL PRODOTTO StudiAssociati 2013 PARLEREMO DI: Il ciclo di vita del prodotto I modelli esplicativi Strategie di marketing legate al ciclo di vita del

Dettagli

Indice. Autori Prefazione Ringraziamenti dell Editore XIII XV XIX

Indice. Autori Prefazione Ringraziamenti dell Editore XIII XV XIX Autori Prefazione Ringraziamenti dell Editore XIII XV XIX Capitolo 1 Il marketing nell economia e nella gestione d impresa 1 1.1 Il concetto e le caratteristiche del marketing 2 1.2 L evoluzione del pensiero

Dettagli

Il Marketing Strategico

Il Marketing Strategico Corso di Laurea in Viticoltura ed Enologia Marketing Vitivinicolo A.A. 2014/2015 Il Marketing Strategico Nicola Marinelli nicola.marinelli@unifi.it Cosa vuol dire strategia aziendale? Determinazione dei

Dettagli

Fasi di crescita. Chiara Casadio

Fasi di crescita. Chiara Casadio Fasi di crescita Chiara Casadio condizioni interne ed esterne Le strategie di crescita possono essere influenzate da condizioni interne ed esterne all impresa. Le condizioni esogene principali possono

Dettagli

Capitolo 13. La distribuzione al dettaglio e all ingrosso. Capitolo 13- slide 1

Capitolo 13. La distribuzione al dettaglio e all ingrosso. Capitolo 13- slide 1 Capitolo 13 La distribuzione al dettaglio e all ingrosso Capitolo 13- slide 1 e all ingrosso Obiettivi di di apprendimento La distribuzione al dettaglio. Le decisioni di marketing dell impresa al dettaglio.

Dettagli

I processi di vendita

I processi di vendita circuiti sempre aperti: flussi fisico-tecnici (in uscita) flussi monetari-finanziari (in entrata) azienda/clienti I processi di vendita settore fisico-tecnico settore economico settore finanziario prodotti/servizi

Dettagli

[moduli operativi di formazione] Strategia del prezzo. Il prezzo come leva di marketing: strategie e definizioni.

[moduli operativi di formazione] Strategia del prezzo. Il prezzo come leva di marketing: strategie e definizioni. [moduli operativi di formazione] Strategia del prezzo Il prezzo come leva di marketing: strategie e definizioni. LA STRATEGIA DEL PREZZO Stupisce il fatto che, molti manager ritengano che non si possa

Dettagli

4.1.4 Il marketing mix nella pubblica amministrazione

4.1.4 Il marketing mix nella pubblica amministrazione 4.1.4 Il marketing mix nella pubblica amministrazione La pianificazione strategica si sviluppa su più piani e individua gli strumenti in grado di soddisfare i bisogni dei segmenti obiettivo Nell ambito

Dettagli

CORSO DI MARKETING STRATEGICO. Alessandro De Nisco

CORSO DI MARKETING STRATEGICO. Alessandro De Nisco CORSO DI MARKETING STRATEGICO Alessandro De Nisco Il Corso GLI OBIETTIVI Fornire conoscenze e competenze su: i concetti fondamentali del marketing strategico e il suo ruolo nella gestione aziendale; il

Dettagli

Obiettivi della lezione

Obiettivi della lezione Prezzo Obiettivi della lezione Analisi del prezzo come variabile marketing Il prezzo e la redditività aziendale Euro/kilo Oro 15000! Kg "! F22 Raptor 6500! Kg!! Branded Notebook 1000! Kg "! Fashion dress

Dettagli

Le politiche di marketing nell industria turistica. Marketing mix e marketing relazionale totale

Le politiche di marketing nell industria turistica. Marketing mix e marketing relazionale totale Le politiche di marketing nell industria turistica. Marketing mix e marketing relazionale totale Lingue e Cultura per l Impresa Economia e Gestione delle Imprese Turistiche A.A. 2007-2008 Ddr Fabio Forlani

Dettagli

Lezione 1 Impresa e scelte strategiche

Lezione 1 Impresa e scelte strategiche Lezione 1 Impresa e scelte strategiche Economia e Organizzazione Aziendale Modulo 3 - La strategia aziendale Unità didattica 1 - Strategia: contenuti, oggetti, finalità Antonio Dallara Caratteristiche

Dettagli

OLTRE LA BIRRA C E DI PIU : DAL MARKETING AL PACKAGING DI UN BIRRIFICIO ARTIGIANALE

OLTRE LA BIRRA C E DI PIU : DAL MARKETING AL PACKAGING DI UN BIRRIFICIO ARTIGIANALE OLTRE LA BIRRA C E DI PIU : DAL MARKETING AL PACKAGING DI UN BIRRIFICIO ARTIGIANALE Fermo, 31 Gennaio 2015 CHE COS E IL MARKETING? Il marketing può intendersi come il complesso di attività che un azienda

Dettagli

Qualità e asimmetria informativa. Ogni scarafone è bello a mama sua (Pino Daniele)

Qualità e asimmetria informativa. Ogni scarafone è bello a mama sua (Pino Daniele) Qualità e asimmetria informativa Ogni scarafone è bello a mama sua (Pino Daniele) Economia dei Network Agroalimentari AA 2015-2016 Qualità di un prodotto alimentare È costituita da un insieme di caratteristiche

Dettagli

Page 1 COMUNICAZIONE INTEGRATA, PUBBLICITÀ, PROMOZIONE E RELAZIONI PUBBLICHE, SALES MANAGEMENT, MARKETING ON LINE (CAP.

Page 1 COMUNICAZIONE INTEGRATA, PUBBLICITÀ, PROMOZIONE E RELAZIONI PUBBLICHE, SALES MANAGEMENT, MARKETING ON LINE (CAP. COMUNICAZIONE D IMPRESA Anno Accademico 2015/2016 COMUNICAZIONE INTEGRATA, PUBBLICITÀ, PROMOZIONE E RELAZIONI PUBBLICHE, SALES MANAGEMENT, MARKETING ON LINE (CAP. 19, 20, 21, 22) Unit 12 Slide 12.2.1 SODDISFARE

Dettagli

Concetti di marketing turistico

Concetti di marketing turistico Concetti di marketing turistico Introduzione Un impresa, per individuare la linea d azione che ha la maggior probabilità di portare al successo il proprio prodotto, cerca di anticipare i bisogni dei consumatori,

Dettagli

CAP 11: La gestione dei canali distributivi

CAP 11: La gestione dei canali distributivi CAP 11: La gestione dei canali distributivi La gestione dei canali distributivi 1. I canali distributivi 2. I rapporti con gli intermediari La gestione dei canali distributivi 1. I canali distributivi

Dettagli

CERTIFICAZIONE NEL SETTORE AGROALIMENTARE -Qualita - - Sicurezza - - Tracciabilita -

CERTIFICAZIONE NEL SETTORE AGROALIMENTARE -Qualita - - Sicurezza - - Tracciabilita - CERTIFICAZIONE NEL SETTORE AGROALIMENTARE -Qualita - - Sicurezza - - Tracciabilita - LA FIDUCIA DEL CONSUMATORE NEI CONFRONTI DEL COMPARTO PRODUTTIVO SI E NOTEVOLMENTE RIDOTTA NEGLI ULTIMI ANNI Industrializzazione

Dettagli

L analisi Competitiva

L analisi Competitiva L analisi Alessandro De Nisco Università del Sannio COSA E L ANALISI COMPETITIVA? Affinchè l impresa possa svolgere con successo la propria attività, è fondamentale che essa svolga un monitoraggio costante

Dettagli

SODDISFARE LE OPPORTUNITÀ DI MARKETING Capitolo 19 Comunicazione integrata di marketing e direct marketing

SODDISFARE LE OPPORTUNITÀ DI MARKETING Capitolo 19 Comunicazione integrata di marketing e direct marketing SODDISFARE LE OPPORTUNITÀ DI MARKETING Capitolo 19 Comunicazione integrata di marketing e direct marketing Il processo di comunicazione (1) Fonte: chi emette il messaggio nei confronti di un altro soggetto

Dettagli

TECNICO SUPERIORE DELLA COMMERCIALIZZAZIONE DEI PRODOTTI AGRICOLI ED AGROINDUSTRIALI

TECNICO SUPERIORE DELLA COMMERCIALIZZAZIONE DEI PRODOTTI AGRICOLI ED AGROINDUSTRIALI SETTORE AGRICOLTURA TECNICO SUPERIORE DELLA COMMERCIALIZZAZIONE DEI PRODOTTI AGRICOLI ED AGROINDUSTRIALI STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI TECNICO SUPERIORE DELLA COMMERCIALIZZAZIONE

Dettagli

CORSO IN MARKETING E TECNICHE DI COMMERCIALIZZAZIONE DEL VINO. Marketing e tecniche di commercializzazione del vino

CORSO IN MARKETING E TECNICHE DI COMMERCIALIZZAZIONE DEL VINO. Marketing e tecniche di commercializzazione del vino CORSO IN MARKETING E TECNICHE DI COMMERCIALIZZAZIONE DEL VINO La STRIVE Marketing e Comunicazione, in collaborazione con la F.I.S.A.R. (Federazione Italiana Sommelier Albergatori e Ristoratori), organizza

Dettagli

2. APPROCCI TEORICI AL MARKETING DELLE IMPRESE DEL SISTEMA AGROALIMENTARE

2. APPROCCI TEORICI AL MARKETING DELLE IMPRESE DEL SISTEMA AGROALIMENTARE INTRODUZIONE AL CORSO 1. SISTEMA 1. 1. Il sistema agroalimentare (2 ore di lezione) 1. 2. Il concetto di filiera (2 ore di lezione) 2. APPROCCI TEORICI AL MARKETING DELLE IMPRESE DEL SISTEMA 2.1. Richiami

Dettagli

Indice. pagina 2 di 8

Indice. pagina 2 di 8 LEZIONE SOURCING, PROCUREMENT E METODOLOGIE PER L'OTTIMIZZAZIONE DELLA CATENA DEL VALORE DOTT.SSA ROSAMARIA D AMORE Indice 1 Catena del valore e creazione del valore --------------------------------------------------------------

Dettagli

I processi di vendita

I processi di vendita circuiti sempre aperti: flussi fisico-tecnici (in uscita) flussi monetari-finanziari (in entrata) azienda/clienti I processi di vendita settore fisico-tecnico settore economico settore finanziario prodotti/servizi

Dettagli

Belowthebiz idee in rete

Belowthebiz idee in rete Le 5 forze di Porter Nella formulazione di una strategia un passo fondamentale è la definizione e lo studio delle principali caratteristiche del settore in cui si opera. Lo schema di riferimento più utilizzato

Dettagli

OSPITALITA ITALIANA ITALIAN QUALITY EXPERIENCE Il Bel paese, la sua storia, le sue produzioni in mostra all Expo 2015

OSPITALITA ITALIANA ITALIAN QUALITY EXPERIENCE Il Bel paese, la sua storia, le sue produzioni in mostra all Expo 2015 OSPITALITA ITALIANA ITALIAN QUALITY EXPERIENCE Il Bel paese, la sua storia, le sue produzioni in mostra all Expo 2015 Agenda Italia 2015 - Master Plan del Governo per Expo Milano 2015 INIZIATIVA N. 17

Dettagli

La Catena del Valore. Un sistema di classificazione delle risorse e delle competenze. Attività di supporto. Margine.

La Catena del Valore. Un sistema di classificazione delle risorse e delle competenze. Attività di supporto. Margine. La Catena del Valore Un sistema di classificazione delle risorse e delle competenze Attività di supporto Infrastrutture, Finanza, Approvvigionamenti Ricerca e Sviluppo Gestione e sviluppo risorse umane

Dettagli

Il servizio nel marketing del turismo e il comportamento del consumatore

Il servizio nel marketing del turismo e il comportamento del consumatore Lezione n. 2 Il servizio nel marketing del turismo e il comportamento del consumatore Prof.ssa Clara Bassano Corso di Principi di Marketing A.A. 2006-2007 Il fine del marketing è di rendere superflua la

Dettagli

Lingue e culture per il turismo e il commercio internazionale PRINCIPI DI MARKETING TURISTICO 9 CFU. Lezioni 13-14 4 e 8 aprile 2013

Lingue e culture per il turismo e il commercio internazionale PRINCIPI DI MARKETING TURISTICO 9 CFU. Lezioni 13-14 4 e 8 aprile 2013 Lingue e culture per il turismo e il commercio internazionale PRINCIPI DI MARKETING TURISTICO 9 CFU Lezioni 13-14 4 e 8 aprile 2013 Ambiente di marketing: diversi livelli Micro ambiente (immediato) Macro

Dettagli

Come ottenere un nuovo prodotto

Come ottenere un nuovo prodotto Capitolo 9 Lo sviluppo dei nuovi prodotti e le strategie del ciclo di vita del prodotto Capitolo 9- slide 1 Come ottenere un nuovo prodotto Acquisizione ossia acquisto di imprese, brevetti o licenze per

Dettagli

Introduzione al Marketing Mix

Introduzione al Marketing Mix Introduzione al Marketing Mix Relatore: Andrea Baioni (abaioni@andreabaioni.it) Il Marketing Mix Le 4 P Product Price Promotion Place È la combinazione delle variabili controllabili di marketing che l

Dettagli

I PROCESSI GESTITI DALLA FUNZIONE DI MARKETING. Prof. Giancarlo Ferrero Corso di marketing Università di Urbino

I PROCESSI GESTITI DALLA FUNZIONE DI MARKETING. Prof. Giancarlo Ferrero Corso di marketing Università di Urbino 2 I PROCESSI GESTITI DALLA FUNZIONE DI MARKETING 1 IL PROCESSO DI CREAZIONE DEL VALORE Finalità del marketing: la creazione di valore per il cliente e per l impresa. Le fasi del processo di creazione del

Dettagli

I Corsi T. T. LAB 2.0 0 Social Media Marketing per la promozione e la gestione della Brand Reputation del prodotto turistico Il seminario é pensato per un target di gestori di aziende (strutture ricettive,

Dettagli

Schema di Certificazione della Ristorazione Tipica Italiana Categoria: Romana

Schema di Certificazione della Ristorazione Tipica Italiana Categoria: Romana Schema di Certificazione della Ristorazione Tipica Italiana Categoria: Romana Documenti dello Schema Rev. 02 Committente: FIPE CONFCOMMERCIO Piazza G. C. Belli, 2 00153 ROMA Tel. 06/588.10.12 Fax 06/581.86.82

Dettagli

La valorizzazione dell offerta agricola tra territorio e mercato: un approccio di marketing territoriale

La valorizzazione dell offerta agricola tra territorio e mercato: un approccio di marketing territoriale A.A. 2013/2014 Corso di Economia e Politica Agroalimentare prof.ssa Agata Nicolosi anicolosi@unirc.it La valorizzazione dell offerta agricola tra territorio e mercato: un approccio di marketing territoriale

Dettagli

Marketing Il marketing operativo Introduzione al marketing mix

Marketing Il marketing operativo Introduzione al marketing mix Marketing Il marketing operativo Introduzione al marketing mix Ing Stefano Ferrari Sferrari@liuc.it Il marketing operativo Il marketing mix: Il Modello delle 4P Le altre P di marketing Modelli analitici

Dettagli

IL CIRCUITO DIRETTO DELL AGROALIMENTARE SICILIANO

IL CIRCUITO DIRETTO DELL AGROALIMENTARE SICILIANO CORERAS IL CIRCUITO DIRETTO DELL AGROALIMENTARE SICILIANO La Sicilia sulle tavole italiane Legge Regionale N 25 del 2011, Art. 10 VETRINE PROMOZIONALI E PUNTI MERCATALI Allarghiamo gli orizzonti, accorciamo

Dettagli

SERVIZI PER L ENOGASTRONOMIA E L OSPITALITÀ ALBERGHIERA

SERVIZI PER L ENOGASTRONOMIA E L OSPITALITÀ ALBERGHIERA Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Professionale Servizi per l Enogastronomia e l Ospitalità Alberghiera A. Vespucci Via Valvassori Peroni 8-20133 Milano - Tel. 02.7610162

Dettagli

Le forme di promozione nei mercati esteri. Michela Floris micfloris@unica.it

Le forme di promozione nei mercati esteri. Michela Floris micfloris@unica.it Le forme di promozione nei mercati esteri Michela Floris micfloris@unica.it Cos è la promozione La promozione riguarda tutto quanto può informare il potenziale compratore circa il prodotto e può indurlo

Dettagli

Competere con la logistica Esperienze innovative nella Supply Chain alimentare

Competere con la logistica Esperienze innovative nella Supply Chain alimentare Competere con la logistica Esperienze innovative nella Supply Chain alimentare M. Bettucci R. Secchi V. Veronesi Unit Produzione e Tecnologia Il libro è frutto del lavoro di ricerca svolto con il Gruppo

Dettagli

Analisi economica della sicurezza degli alimenti

Analisi economica della sicurezza degli alimenti Analisi economica della sicurezza degli alimenti Maria Sassi Dipartimento di Ricerche Aziendali Facoltà di Economia Università di Pavia E-mail msassi@eco.unipv.it Definizione di sicurezza degli alimenti

Dettagli

I processi di orientamento delle attività commerciali e di vendita dei prodotti finiti (beni o servizi)

I processi di orientamento delle attività commerciali e di vendita dei prodotti finiti (beni o servizi) I processi di orientamento delle attività commerciali e di vendita dei prodotti finiti (beni o servizi) azienda/clienti circuiti sempre aperti: flussi fisico-tecnici (in uscita) flussi monetari-finanziari

Dettagli

il mercato dei prodotti agroalimentari in B R A S I L E

il mercato dei prodotti agroalimentari in B R A S I L E (in gestione transitoria - ex Lege 214/2011) il mercato dei prodotti agroalimentari in B R A S I L E 1 B r a s i l e G i a p p o n e A u s t r a l i a S t a t i U n i t i S v i z z e r a F r a n c i a

Dettagli

MARKETING DEI PRODOTTI VITIVINICOLI

MARKETING DEI PRODOTTI VITIVINICOLI Anno Accademico 2008/09 MARKETING DEI PRODOTTI VITIVINICOLI Appunti dalle lezioni del Prof. Diego Begalli 7. LA POLITICA DI PREZZO Può essere che un impresa progetti la propria strategia di marketing mix

Dettagli

Sommario 1 L MARKETING CONCEPT 3 2 IL MARKETING MANAGER 27. Parte 1: Il marketing management e l orientamento al cliente

Sommario 1 L MARKETING CONCEPT 3 2 IL MARKETING MANAGER 27. Parte 1: Il marketing management e l orientamento al cliente Sommario Presentazione dell edizione italiana xix Prefazione xxi Parte 1: Il marketing management e l orientamento al cliente 1 L MARKETING CONCEPT 3 Che cos è il Marketing concept 8 IL CASO DELLA AT&T

Dettagli

NUOVE MODALITÀ DI INTERNAZIONALIZZAZIONE il fattore strategico della conoscenza dei mercati

NUOVE MODALITÀ DI INTERNAZIONALIZZAZIONE il fattore strategico della conoscenza dei mercati NUOVE MODALITÀ DI INTERNAZIONALIZZAZIONE il fattore strategico della conoscenza dei mercati FABIO PICCOLI Esperto Internazionalizzazione Wine Monitor Bologna, 3 aprile 2013 L internazionalizzazione non

Dettagli

Luci e ombre della cooperazione vitivinicola in Abruzzo

Luci e ombre della cooperazione vitivinicola in Abruzzo CASE STUDY Luci e ombre della cooperazione vitivinicola in Abruzzo Emilio Chiodo Il settore vitivinicolo in Abruzzo Il settore vitivinicolo riveste un importanza rilevante nell economia Abruzzese, così

Dettagli

Economia e Gestione delle Imprese Editoriali

Economia e Gestione delle Imprese Editoriali LIBERA UNIVERSITÀ MARIA SS. ASSUNTA Economia e Gestione delle Imprese Editoriali A.A. 2012 2013 Docente: Prof. Gennaro Iasevoli I giornali sono in una posizione poco invidiabile, ma non estrema: un aumento

Dettagli

FIGURA PROFESSIONALE SBOCCHI OCCUPAZIONALI

FIGURA PROFESSIONALE SBOCCHI OCCUPAZIONALI L Italia è una delle 5 maggiori destinazioni al mondo per turismo culturale e ambientale. Vanta, inoltre, una varietà e una ricchezza di produzioni e tipicità enogastronomiche difficilmente riscontrabile

Dettagli

Pricing & Costing: I fattori che impattano sul prezzo

Pricing & Costing: I fattori che impattano sul prezzo Pricing & Costing: I fattori che impattano sul prezzo G. TOSCANO e A. VINCI Corso: Pricing & Costing LIUC Università di Castellanza Ottobre 2010 Anno accademico 2010/11 1 Il pricing: i presupposti strategici

Dettagli

Corso di Analisi Strategiche. Analisi di Settore. Prof. V.Maggioni Facoltà di Economia S.U.N.

Corso di Analisi Strategiche. Analisi di Settore. Prof. V.Maggioni Facoltà di Economia S.U.N. Analisi di Settore Prof. V.Maggioni Facoltà di Economia S.U.N. Il settore è il luogo economico delle imprese che esercitano reciprocamente la concorrenza (Guido, 2000). Il confine settoriale è definito

Dettagli

SOMMARIO LINEE GUIDA FILIERA CORTA

SOMMARIO LINEE GUIDA FILIERA CORTA Pagina 1 di 5 SOMMARIO 1. SCOPO... 2 2. VANTAGGI DELLA... 2 3. ORGANIZZAZIONE DELLA... 2 4. BIOLOGICA... 2 5. MATERIALI DI CONFEZIONAMENTO... 3 6. I LUOGHI DELLA... 3 6.1. VENDITA DIRETTA... 3 6.2. MERCATI

Dettagli

Natura ed evoluzione dei canali di marketing tradizionali e digitali. Marco Roccabianca

Natura ed evoluzione dei canali di marketing tradizionali e digitali. Marco Roccabianca Natura ed evoluzione dei canali di marketing tradizionali e digitali Marco Roccabianca pagina 1 di 10 La scelta del canale di marketing Uno dei fattori critici di successo per la realizzazione ottimale

Dettagli

nuove dimensioni della performance aziendale: la Balanced Scorecard

nuove dimensioni della performance aziendale: la Balanced Scorecard nuove dimensioni della performance aziendale: la Balanced Scorecard Prospettiva conoscenza e competenze Prospettiva dei processi Prospettiva dei clienti Prospettiva economico finanziaria le relazioni causa-effetto

Dettagli

Alimentazione naturale

Alimentazione naturale B Alimentazione naturale Secondo i dati dell ISMEA (Osservatorio del mercato dei prodotti biologici), in un anno di crisi come il 2010 i consumi di prodotti ortofrutticoli biologici hanno avuto un andamento

Dettagli

Marketing dei servizi. Alessandro Danovi

Marketing dei servizi. Alessandro Danovi Alessandro Danovi Concetto di servizi Servizi = effetti economicamente utili di beni materiali o attività umane di cui beneficiano altri beni o gli uomini Classificazioni Servizi reali -Servizi personali

Dettagli

Le funzioni di gestione dell impresa: il marketing (1)

Le funzioni di gestione dell impresa: il marketing (1) Economia e gestione delle imprese Le funzioni di gestione dell impresa: il marketing (1) dott. Matteo Rossi Benevento, 18 aprile 2007 Gli argomenti del primo corso PROPRIETA GOVERNO GESTIONE LE TEORIE

Dettagli

MISSIONE IMPRESA. capaci di farsi grandi CORSI DI FORMAZIONE PER GIOVANI IMPRENDITORI AGRICOLI REALIZZATI DA: FINANZIATI

MISSIONE IMPRESA. capaci di farsi grandi CORSI DI FORMAZIONE PER GIOVANI IMPRENDITORI AGRICOLI REALIZZATI DA: FINANZIATI MISSIONE IMPRESA capaci di farsi grandi CORSI DI FORMAZIONE PER GIOVANI IMPRENDITORI AGRICOLI REALIZZATI DA: FINANZIATI con le risorse del fondo per lo sviluppo dell imprenditoria giovanile in agricoltura

Dettagli

Marketing relazionale. Eleonora Ploncher 27 febbraio 2006

Marketing relazionale. Eleonora Ploncher 27 febbraio 2006 Marketing relazionale Eleonora Ploncher 27 febbraio 2006 1. Gli obiettivi Gli obiettivi della presentazione sono volti a definire: 1. I presupposti del marketing relazionale 2. Le caratteristiche principali

Dettagli

Percorso di formazione continua nell ambito del progetto La strada per domani 2 Modulo qualità e sviluppo

Percorso di formazione continua nell ambito del progetto La strada per domani 2 Modulo qualità e sviluppo 2009-1-FR1-LEO05-0303 Percorso di formazione continua nell ambito del progetto La strada per domani 2 Modulo qualità e sviluppo 1 6 Strategia di sviluppo aziendale OBIETTIVO: verifica della fattibilità

Dettagli

Introduzione al Retail

Introduzione al Retail Introduzione al Retail Lezione 14.03.13 Pio Zito MARKETING RELAZIONALE FACOLTA DI SCIENZE MANAGERIALI Il Retail etailè un sistema di vendita evoluto composto da una rete di punti caratterizzati da: SPECIALIZZAZIONE

Dettagli

LE DECISIONI DI DISTRIBUZIONE. (cap. 15)

LE DECISIONI DI DISTRIBUZIONE. (cap. 15) LE DECISIONI DI DISTRIBUZIONE (cap. 15) IL RUOLO ECONOMICO DEI CANALI DI DISTRIBUZIONE Un canale di distribuzione può essere definito come una struttura formata da partner interdipendenti che mettono beni

Dettagli

IL LABORATORIO SULLA RSI PER LA VAL D AGRI: IL CONTESTO, GLI OBIETTIVI, I TEMPI

IL LABORATORIO SULLA RSI PER LA VAL D AGRI: IL CONTESTO, GLI OBIETTIVI, I TEMPI LA RESPONSABILITÀ SOCIALE UN VOLANO PER LO SVILUPPO SOSTENIBILE DEL TERRITORIO IL LABORATORIO SULLA RSI PER LA VAL D AGRI: IL CONTESTO, GLI OBIETTIVI, I TEMPI Lucia Briamonte M. Assunta D Oronzio Villa

Dettagli

Communication mix - Advertising

Communication mix - Advertising Economia e Tecnica della Comunicazione Aziendale Communication mix - Advertising Lezione 11 Pubblicità Qualunque forma di presentazione e promozione non personale di idee, beni o servizi svolta dietro

Dettagli

LABORATORIO DI BUSINESS PLAN

LABORATORIO DI BUSINESS PLAN Facoltà di Scienze Manageriali Corso di Laurea Specialistica 64/S in Management e sviluppo socioeconomico LABORATORIO DI BUSINESS PLAN L analisi della domanda ed il Piano di Marketing Dr.ssa Emanuela d

Dettagli