Le politiche del marketing mix nelle imprese del sistema agroalimentare

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Le politiche del marketing mix nelle imprese del sistema agroalimentare"

Transcript

1 Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Economia Corso di Marketing agroalimentare (Anno accademico ) 6 Modulo Le politiche del marketing mix nelle imprese del sistema agroalimentare 1

2 Le politiche di marketing (marketing mix) Il marketing mix rappresenta la realizzazione e la gestione coerente, creativa e permanente del posizionamento. Il marketing mix comprende 4 politiche o leve fondamentali: Politiche del prodotto (per le imprese agroalimentari, una delle problematiche fondamentali che sono chiamate ad affrontare nel quadro delle politiche del prodotto consiste nella differenziazione della propria offerta sul mercato; l offerta di un prodotto di più alta qualità rispetto ai concorrenti è una condizione necessaria per sottrarre l offerta dalla concorrenza basata sul prezzo, ma non sufficiente. Infatti, un valore percepito superiore rispetto alla concorrenza genera una maggiore disponibilità a pagare da parte del consumatore, determinando, quindi, la possibilità per il produttore di ottenere premium price. Pertanto, le politiche di prodotto vanno attuate in modo coerente e sinergico con le altre politiche di marketing e, in particolare, con quelle di comunicazione) Politiche di prezzo (in funzione della possibilità/capacità di differenziare il prodotto, del target di consumatori, delle strategie competitive seguite, dei canali distributivi, delle caratteristiche qualitative del prodotto, del grado di trasformazione, ecc.) Politiche di comunicazione (dipendono posizione occupata dall operatore sulla filiera, dalla natura dell offerta, dalla dimensione dell impresa e/o del sistema di offerta, dal forma giuridica del soggetto che l attua, dal numero e dalla natura dei segmenti di mercato ai quali è rivolta, dalle risorse finanziarie disponibili, dallo strumento utilizzato, ecc.) Politiche di distribuzione commerciale (dipendono dalla posizione dell operatore sulla filiera, dalla lunghezza della filiera, dalle caratteristiche merceologiche del prodotto, dalla dimensione geografica del mercato, ecc.) 2

3 Politiche del prodotto 3

4 Le politiche del prodotto Il prodotto si definisce come un insieme complesso di benefici o di attributi (materiali e immateriali) che soddisfano requisiti, esigenze e attese del consumatore. Strumenti analitici e problematiche dei prodotti agroalimentari: Il concetto di ciclo di vita del prodotto agroalimentare (vedi: L. Pilati, Marketing Agro-alimentare, Editrice UNI Service, Trento, 2004) Le problematiche connesse con la differenziazione del prodotto agroalimentare La differenziazione qualitativa e il problema della possibilità per il produttore di ottenere un premium price. 4

5 Il ciclo di vita del prodotto agroalimentare segue lo schema ciclo-riciclo Vendite Ciclo Riciclo: individuazione di nuovi usi; individuazione di nuovi punti vendita; riposizionamento del prodotto nella percezione del consumatore. Introduzione Sviluppo Maturità Declino Riciclo 5 Tempo

6 Ciclo di vita del vino e della birra Vendite Prodotti innovativi (es. soft drink, birra senza alcool, vino novello, ecc. birra Vini doc Vini da pasto 6 Tempo

7 Il concetto di ciclo di vita del prodotto e la sua estensione alle problematiche dei prodotti agroalimentari Grande possibilità di rilancio di prodotti maturi attraverso l introduzione di innovazioni nelle tecniche produttive (es. prodotti biologici), nelle nuove modalità di consumo (pasti fuori casa, snack bar, wine bar, agriturismi, ecc.), nelle funzioni (prodotti salutistici, dietetici, estetici) packaging (es. confezioni in tetra pack, contenitori in fibra vegetale, porzioni per single, ecc.), nell accrescere il contenuto di servizi incorporati nel prodotto (prodotti surgelati pronti per la cottura, come i cosiddetti prodotti di III gamma; prodotti freschi già puliti e tagliati e pronti per essere serviti direttamente, come i cosiddetti prodotti di IV gamma; piatti cucinati conservati a una temperatura di 0-3 C o surgelati o sottovuoto, come i cosiddetti prodotti di V gamma ), nella riproposizioni di prodotti che appartengono alla tradizione produttiva locale (es. prodotti tipici, locali, tradizionali), di nuove formule commerciali (farmers market, vendita diretta, vendita attraverso internet). Vincoli tecnico-produttivi. Il ciclo di vita dei prodotti agroalimentari è legato alle tradizioni alimentari,e, quindi, è tendenzialmente stabile nel tempo. Scarsa disponibilità del consumatore ad accettare prodotti fortemente innovativi, rispetto alla sua tradizione alimentare. 7

8 La differenziazione dei prodotti agroalimentari La differenziazione del prodotto si attua attraverso: Caratteristiche tangibili: proprietà chimico- fisiche e organolettiche; Caratteristiche intangibili *: sicurezza; legame con il territorio di origine con le sue caratteristiche climatiche, pedologiche e geografiche in senso lato, ma anche paesaggistiche, socio-economiche, storiche e culturali; competenze del produttore; tipo di processi produttivi utilizzati per ottenere il prodotto; L azione delle leve del marketing mix. * Queste caratteristiche sono molto importanti nel determinare la differenziazione dei prodotti che derivano le loro caratteristiche distintive dal legame con il territorio geografico di origine. Rientrano in questa categoria i prodotti con marchio a denominazione europea Dop e Igp, che il Italia sono già oltre 200, ma anche gli oltre 4000 prodotti tradizionali e gli oltre 300 prodotti Doc. 8

9 Attributi che concorrono a determinare la qualità di un prodotto agroalimentare: ad esempio, del vino Il paniere di attributi è costituito da: Prodotto di base (regione di origine e sua tradizione vitivinicola, annata, vitigno); attributi che conferiscono le proprietà intrinseche del prodotto. Prodotto accresciuto con attributi che segnalano le proprietà intrinseche (denominazione di origine controllata, marca, bottiglia, etichetta, controllo di qualità, ecc.) Prodotto totale (comunicazione al consumatore delle proprietà intrinseche per renderle tangibili attraverso le politiche di marketing) 9

10 Premium price come valore del prodotto percepito La differenziazione attuata attraverso i contenuti qualitativi del prodotto è rilevante solo se percepita dal consumatore e se determina la disponibilità del consumatore stesso a pagare un premium price Il problema, dal punto di vista teorico può essere ricondotto alle tematiche trattate dall economia dell informazione relative agli effetti sul mercato della presenza di asimmetria informativa, sviluppate da G. Akerlof (1970), The market of Lemons: Quality Uncertainty and the Market Mechanisms, in Quarterly Journal of Economics, 84. La grande varietà dell offerta fa si che il consumatore per orientarsi nella scelta di un prodotto si avvale di segnali di valore di facile accesso e di minore costo in termini di costo di opportunità per accedere alle informazioni e spesso, nel caso dei prodotti agroalimentari la qualità è data da attributi che il consumatore non riesce a verificare né prima dell acquisto (attributi di ricerca) e, spesso, né dopo l acquisto (attributi di esperienza) e, neanche, dopo un prolungato periodo di utilizzo (attributi di fiducia). Nel caso del vino, ma anche di altri prodotti agroalimentari, gli indicatori che maggiormente vengono utilizzato sono la marca, la denominazione di origine, il prezzo. 10

11 L informazione a disposizione del consumatore per valutare il prodotto Ai fini della valutazione delle caratteristiche del sistema di prodotto, assumono rilevanza le informazioni e i relativi costi e benefici (Stigler G. J. The economics of Information, The Journal of Political Economy, 69, 3, 1961). La letteratura economica ha messo in luce come nella valutazione delle caratteristiche del sistema di prodotto il consumatore basi il proprio giudizio su tre categorie di attributi: Attributi di ricerca (possono essere conosciuti prima dell acquisto quali la marca, il prezzo, la confezione, ecc.); Attributi di esperienza (la qualità può essere valutata dopo l acquisto attraverso una prova); Attributi di fiducia (neppure dopo l acquisto e il consumo è possibile verificare la qualità: salubrità, valore nutritivo, ecc.) 11

12 Condizioni di equilibrio di mercato di prodotti differenziati sulla base dei livelli di qualità: esempio olio extravergine di oliva di qualità diversa Prodotto di qualità standard Prodotto di alta qualità C M C m C M C m C m C M P P p P m (mercato) dove P p = premium price Quantità 12 Quantità

13 Sistema di prodotto Un concetto utile per la differenziazione del prodotto è quello di sistema di prodotto (Cfr. Cozzi G., Ferrero, G (2004), Principi ed aspetti evolutivi del marketing aziendale, Giappichelli, Torino). Il concetto di sistema di prodotto richiama l attenzione sulla molteplicità e complessità dei fattori che contribuiscono a creare valore per il consumatore. Il concetto di sistema di prodotto implica che il produttore sappia/possa definire la propria offerta agendo su un insieme di componenti tangibili e intangibili che concorrono, sebbene in modo diverso, alla soddisfazione delle attese del cliente/consumatore. 13

14 Elementi che concorrono alla differenziazione dei prodotti agroalimentari Sicurezza igienico-sanitaria Requisiti nutrizionali, salutistici e sensoriali Requisiti di garanzia (informazioni, certificazione, ecc.) Metodi di produzione Servizi annessi Canale di distribuzione Prezzo Marchio privato e/o collettivo Caratteristiche storiche, culturali, paesaggistiche, istituzionali e cultura produttiva del territorio di provenienza Valori etici 14

15 Esempio: sistema di prodotto olio extravergine di oliva Genuinità e caratteristiche di naturalità Proprietà nutrizionali, salutistiche e sensoriali Tipo di spremitura delle olive Garanzia (informazioni, certificazione di prodotto e/o di sistema) Forma, formato e colore della bottiglia Aspetto del prodotto (densità, acidità e colore) Contenuto informativo veicolato dell etichetta Immagine della zona di provenienza geografica Marchio Tipologia del canale commerciale Prezzo Etica e competenze del produttore 15

16 Politiche di prezzo 16

17 Le determinanti delle politiche di prezzo La politica di prezzo deve tenere conto degli obiettivi dell organizzazione di conseguire un profitto dalle vendite da un lato e delle aspettative dei consumatori e della loro disponibilità a pagare per il prodotto che viene loro offerto. Quindi, è un fattore decisivo della redditività a lungo termine dell attività dell impresa. In questo quadro, le determinanti che entrano in gioco sono: la forma di mercato in cui opera l impresa le strategie competitive basate su price o non price competition la necessità di conseguire un premium price l elasticità della domanda al prezzo (presenza di prodotti sostitutivi) l ambiente competitivo i segmenti di mercato ai quali viene rivolta l offerta 17

18 Fattori che entrano in gioco nella determinazione del prezzo Ambiente competitivo Attitudine del cliente/consumatore Comportamento intermediari Strategia dell impresa PREZZO Comportamento concorrenti Attitudine dell imprenditore/ manager 18 Comportamento fornitori

19 Le principali strategie di prezzo Prezzo di penetrazione, che consiste nel praticare prezzi più bassi della concorrenza per attrarre il maggior numero possibile di consumatori e acquisire, così, una maggiore quota di mercato (condizioni: domanda elastica; presenza di economie di scala; vantaggi di costo) Strategia di scrematura o skimming pricing, che consiste nell entrare nel mercato con un prezzo più elevato con l obiettivo di "scremare" il mercato, cioè eliminare gli acquirenti che non sono disposti ad acquistare a quel prezzo. Strategia è utilizzata principalmente per i beni alimentari di prestigio e di alta qualità (condizioni: prezzo forte segnale di valore; basse economie di scala e barriere) Premium price, che rappresenta una strategia per ottenere dal consumatore un prezzo superiore come premio per un prodotto unico, che si differenzia dai concorrenti, ossia un prodotto che abbia valore per i suoi acquirenti al di là della semplice offerta di un prezzo basso" (Porter, 1985). È da notare che la possibilità di ottenere un premium price rispetto ai concorrenti è legata alla differenziazione del prodotto, ossia un prodotto che abbia caratteristiche reali o percepite non riscontrabili negli altri prodotti presenti sul mercato e che tali caratteri abbiano un qualche valore per il consumatore per il quale sia disposto a pagare un premium price (condizioni: differenziazione percepita; domanda inelastica) Le strategie di prezzo devono essere fissate in funzione: del target e del posizionamento della struttura dei costi di produzione e del loro andamento dei prezzi, i prodotti e le strategie dei concorrenti della relazione tra prezzo e domanda (elasticità della domanda rispetto al prezzo) 19

20 Le politiche di comunicazione e di differenziazione del prodotto 20

21 Informazioni interne promozionali sistema produttivo) Corso di Marketing Agroalimentare Fasi del processo di acquisto e fonti informative Percezione del bisogno Ricerca delle informazioni Valutazione delle informazioni Decisione di acquisto Valutazione post-acquisto Informazioni esterne (ad es. attività 21

22 Principali effetti economici delle politiche di comunicazione Le politiche di comunicazione consentono di: Incrementare le vendite (attraverso la messa in atto di interventi pubblicitari o di altre forme di comunicazione si determina uno spostamento della curva di domanda verso destra). Rendere la curva domanda più rigida nell ipotesi di aumento del prezzo e più elastica nel caso di diminuzione del prezzo. In sostanza, si riduce la sostituibilità tra il prodotto di un impresa e quelli della concorrenza. Passare da una situazione di mercato perfettamente concorrenziale, ad una struttura di concorrenza monopolistica. Le diverse politiche del mix comunicazionale contribuiscono, infatti, a generare la differenziazione percepita dal consumatore, ossia a determinare una condizione di mercato nella quale i consumatori percepiscono come differenti per qualche caratteristica i prodotti offerti da imprese concorrenti. L effetto è il passaggio del produttore da price taker, propria di una situazione di mercato perfettamente concorrenziale, a price maker, ossia ad una condizione di mercato in cui è possibile esercitare sui segmenti di riferimento un certo controllo sui prezzi dei prodotti offerti. Contribuisce a fidelizzazione il cliente/consumatore Consente di accrescere le barriere all entrata sul mercato di eventuali concorrenti 22

23 Le componenti del mix promozionale La pubblicità La pubblicità collettiva (in particolare da parte dei consorzi di tutela Dop e Igp) La promozione delle vendite Il direct marketing o la comunicazione diretta Il passaparola Le pubbliche relazioni Le sponsorizzazioni La comunicazione personale La comunicazione interna 23

24 La pubblicità Il ruolo della pubblicità può essere ricondotto ai seguenti obiettivi: influenzare le attitudini dei consumatori verso il prodotto creare la fedeltà alla marca informare i consumatori sui benefici connessi al consumo di un prodotto informare i consumatori sulla esistenza di un prodotto influenzare le scelte di consumo per obiettivi sociali, ecc.) Gli effetti economici della pubblicità possono essere considerati sia dal lato della domanda, sia da quello dell offerta. Gli effetti dal lato della domanda sono dati da: uno spostamento della curva di domanda verso destra una riduzione dell elasticità della domanda rispetto al prezzo di aumento dello stesso e un aumento dell elastica nel caso di diminuzione del prezzo. Gli effetti dal lato dell offerta vanno ricondotti alla possibilità di differenziare il prodotto anche nella mente del consumatore, condizione per il passaggio dalla forma di mercato perfettamente concorrenziale a quella della concorrenza monopolistica) 24

25 Un esempio di pubblicità collettiva La campagna del Ministero per le politiche agricole alimentari e forestali per la valorizzazione dell olio extravergine di oliva. L obiettivo dell iniziativa è sottolineare la qualità, le caratteristiche nutrizionali, il valore culturale e il legame territoriale e storico di un prodotto conosciuto in tutto il mondo. L iniziativa ha anche lo scopo di porre l attenzione sulle nuove normative europee che dettano l obbligo di indicare in etichetta la provenienza delle materie prime e delle zone di estrazione. Lo spot dura 30 secondi ed è stato ideato e realizzato dalla Lowe Pirella Fronzoni, la regia è di Franco Bernini, la fotografia di Roberto Romei, la musica di Paride Odierna: il brano intitolato Dedicato a Nino Rota, è stato ispirato da Ennio Morricone (in: C:\Documents and Settings\Administrator\Desktop\watch.htm 25

26 Criteri che devono essere seguiti per sviluppare una strategia pubblicitaria Il piano di marketing viene prima di ogni scelta riguardante l azione pubblicitaria Il messaggio che deve fare leva sui punti di forza dell impresa o del prodotto Il messaggio deve essere credibile (occorre comunicare e non semplicemente informare) L investimento deve dare un beneficio entro un tempo definito 26

27 Promozione delle vendite, relazioni pubbliche e sponsorizzazioni La promozione delle vendite nel settore agroalimentare è molto diffusa e viene attuata per incentivare il consumatore ad aumentare l ammontare medio della spesa (a breve), per far conoscere un nuovo prodotto, per smaltire le scorte di prodotti invenduti durante i periodi di picco della domanda, ecc. Relazioni pubbliche consentono di stimolare la domanda attraverso rapporti pubblici pianificati con importanti influenzatori del processo di acquisto. I pubblici di riferimento sono i clienti, i fornitori, le istituzioni pubbliche, le comunità locali, ecc. Sponsorizzazioni vengono fatte associando il nome /marchio di un impresa a dei suoi prodotti a eventi, a un personaggio, ad una situazione. Le sponsorizzazioni più frequenti nel mondo agroalimentare riguardano situazioni/interventi su attività sportive e culturali. 27

28 Marketing diretto Il marketing diretto (direct marketing) utilizza la posta (direct mail e ) o il telefono (telemarketing). Il direct marketing cerca di realizzare una comunicazione di impatto simile alla vendita personale, ma con costi inferiori. La personalizzazione del contatto attraverso la posta o la presuppone una preventiva segmentazione del mercato e la individuazione di target specifici e abbastanza ristretti, al fine di accrescerne l efficacia. Aspetti caratterizzati: comunicazione indirizzata in forma personalizzata a soggetti in genere identificati; il soggetto che riceve l informazione ha la possibilità di rispondere e la risposta o la sua assenza sono visibili e misurabili. Va considerato che questa forma di comunicazione presenta anche una serie di svantaggi. L applicazione delle logiche del marketing diretto alla rete ha portato al marketing virale. L idea è quella di sfruttare il contagio di virus amichevoli, ossia sfrutta la capacità comunicativa di pochi soggetti interessati per trasmettere il messaggio ad un numero elevato di utenti finali. La modalità di diffusione del messaggio segue un profilo tipico che presenta un andamento esponenziale. 28

29 Il processo di valorizzazione economica attraverso l approccio esperenziale 29

30 Il cibo non solo come alimento, ma come elemento sociale, segno, simbolo, portatore di valori e tradizioni CIOÉ, DAL PRODOTTO ALL ESPERIENZA Il processo di valorizzazione economica implica il passaggio da un bene indifferenziato a un bene differenziato e personalizzato che enfatizza la componente esperienziale del processo di percezione del valore ECONOMIA DELLE ESPERIENZE 30

31 Strategia per la valorizzazione commerciale dei prodotti tipici e locali utilizzare tutte le politiche di marketing per accrescere il valore per il consumatore e orientarne la percezione adottare una strategia ispirata ad un ottica esperenziale (B. J. Pine, J. H. Gilmore, L economia delle esperienze, Etas, 2000) far leva sull immagine del territorio (come luogo di storia, cultura, tradizione, tipicità della produzione, ambiente, paesaggio, strutture ricettive) per la valorizzazione dei prodotti agroalimentari tipici (integrazione tra marketing territoriale e marketing del prodotto) 31

32 Il concetto di progressione economica del valore secondo l approccio dell economia delle esperienze (Pine e Gilmore, 2000) Differenziata Esperienze Rilevante per POSIZIONE COMPETITIVA Servizi ESIGENZE CONSUMATORE Prodotti Indifferenziata Irrilevante Commodity Mercato FISSAZIONE Premium DEL PREZZZO 32 Price

33 Percorso promozionale secondo un impostazione della progressione del valore economico: vino, turismo, territorio (R. Pastore, Il marketing del vino e del territorio: istruzioni per l uso, FrancoAngeli, 2003, p. 225) Offerta vitivinicola e agroalimentare locale Con quali processi produttivi: musei della cultura materiale (ieri), cantine e altri luoghi della attuale produzione agricola (oggi) Ambiente ed ecosistema locali di particolare interesse estetico a naturalistico Le valenze storico-artistiche del territorio Le strutture dell ospitalità 33

34 Dal prodotto e dal territorio all evento come forme di comunicazione COMUNICARE con il prodotto (degustazioni guidate, sagre, ecc.) COMUNICARE con i processi produttivi di ieri (musei della cultura agricola e delle produzioni tipiche locali, seminari, ecc.) COMUNICARE con le tecniche di produzione (visite guidate ad aziende agricole, cantine, frantoi, impianti e ad altri soggetti della filiera) COMUNICARE con il territorio (offerta di pacchetti prodotto che prevedano la possibilità di effettuare soggiorni ed esperienze/apprendimento, organizzazione di percorsi per la scoperta delle bellezze culturali e paesaggistiche del territorio, ecc.) COMUNICARE con gli eventi culturali (organizzazione di mostre, seminari, manifestazioni folcloristiche, manifestazioni teatrali e musicali,costruiti intorno alla cultura del/dei prodotti) COMUNICARE con il gioco e l entertainment (creazione di parchi multimediali in grado di suscitare esperienze e creare apprendimento, ecc.) 34

35 Le componenti dell esperienza ESSERE SORPRESO Il visitatore deve trovarsi in universi extraordinari e esserne coinvolto IL CONSUMATORE/ VISITATORE DEVE DIVERTIRSI Ritrovarsi in spazi interattivi; porre l accento su dimensioni ludiche APPRENDERE Vedersi proporre informazioni didattiche e pedagogiche che aggiungono tasselli alle sue conoscenze 35

36 La distribuzione e le nuove formule distributive dei prodotti agroalimentari 36

37 La distribuzione Classificazione dei canali distributivi: Lunghezza del canale (cortissimo, costo, lungo:oltre 4 operatori) Forma distributiva adottata dal punto vendita finale (tradizionale, moderna o libero servizio, Ho.Re.Ca) Organizzazione dei rapporti economici fra gli operatori del canale (canali classici, canali contrattuali, canali elettronici) 37

38 La vendita diretta e indiretta Vendita diretta Assicura un controllo diretto sulla vendita dei prodotti. Tra i vantaggi vi è quello di contenere la variabilità della domanda. Permette alle imprese di curare la vendita nei modi e nelle forme volute, in modo da armonizzare così le politiche distributive con le altre politiche del marketing mix. Assicura un contatto diretto con il mercato e il circuito distributivo consentendo, alle imprese di reperire le informazioni strategiche necessarie. Può avvenire all interno dell azienda, mediante una propria organizzazione, il commercio elettronico, la vendita per corrispondenza, presso fiere, ecc. Vendita indiretta e intermediari commerciali (grossisti, GDO, Ho.Re.Ca.) 38

39 Le vendite in una prospettiva di marketing relazionale Punti vendita aziendali Il sito internet Lo stand (aziendale o collettivo) organizzato nell ambito delle manifestazioni fieristiche Museo aziendale Eventi progettati e gestiti dall impresa o dal consorzio o da associazioni di produttori 39

40 Vendita diretta La vendita diretta consente l interazione comunicativa tra venditore e compratore La formula trova sviluppo in una logica di marketing relazionale in quanto è può portare alla instaurazione di relazioni durature e basate sulla fiducia con i clienti 40

41 Lo sviluppo della GDO e della marca commerciale (private label) L ingresso nelle referenze della GDO comporta una serie di oneri supplementari per i produttori connessi principalmente ai seguenti aspetti: prezzo di ingresso (garantire i margini al distributore) garantire la qualità dei prodotti e i volumi richiesti logistica (tempi, modalità, frequenza delle consegne, ecc.) promozione nei punti vendita rischio prodotti invenduti Sviluppo delle marche commerciali (private label) e implicazioni per le imprese agroalimentari 41

La Strategia di Marketing. Il Marketing operativo. Piano di Marketing scelte di lungo periodo per uno specifico prodotto (o settore)

La Strategia di Marketing. Il Marketing operativo. Piano di Marketing scelte di lungo periodo per uno specifico prodotto (o settore) 6 La Strategia di Marketing Piano di Marketing scelte di lungo periodo per uno specifico prodotto (o settore) Il Marketing operativo Gli adeguamenti di breve periodo 1 La strategia di marketing (o MKTG

Dettagli

Marketing Agroalimentare Marketing mix

Marketing Agroalimentare Marketing mix Corso di Laurea in Scienze e Tecnologie Alimentari Corso di Valutazione qualitativa e promozione dei prodotti agroalimentari Marketing Agroalimentare Marketing mix Prof.ssa Agata Nicolosi Dott. Marco Strazzulla

Dettagli

La strategia aziendale (il Piano Strategico aziendale) scelte di lungo periodo di complessivo adeguamento strutturale dell azienda

La strategia aziendale (il Piano Strategico aziendale) scelte di lungo periodo di complessivo adeguamento strutturale dell azienda La strategia aziendale (il Piano Strategico aziendale) scelte di lungo periodo di complessivo adeguamento strutturale dell azienda Il Marketing strategico (il Piano di Marketing) scelte di lungo periodo

Dettagli

Approcci di marketing per la valorizzazione della carne e dei suoi derivati

Approcci di marketing per la valorizzazione della carne e dei suoi derivati La nuova qualità nel settore delle carni Approcci di marketing per la valorizzazione della carne e dei suoi derivati Roberta Moruzzo Dipartimento di Produzioni Animali, Università di Pisa robemoru@vet.unipi.it

Dettagli

Il concetto di Qualità La Qualità nel caso dell olio extra vergine di oliva

Il concetto di Qualità La Qualità nel caso dell olio extra vergine di oliva Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Economia Corso di Marketing agroalimentare (Anno accademico 2010-2011) 9 Modulo Il concetto di Qualità La Qualità nel caso dell olio extra vergine di

Dettagli

Il Marketing Internazionale per le PMI Come affondare con successo i mercati internazionali

Il Marketing Internazionale per le PMI Come affondare con successo i mercati internazionali Il Marketing Internazionale per le PMI Come affondare con successo i mercati internazionali Obiettivi : l obiettivo del corso è con rifornire alla piccola e media impresa un insieme di strumenti teorici

Dettagli

1. Orientamento al prodotto 2. Orientamento alle vendite 3. Orientamento al mercato 4. Orientamento al marketing

1. Orientamento al prodotto 2. Orientamento alle vendite 3. Orientamento al mercato 4. Orientamento al marketing L ATTIVITA COMMERCIALE DELL AZIENDA: MARKETING Attività e processi mediante i quali l azienda è presente sul mercato reale su cui colloca i propri prodotti. Solitamente il marketing segue un preciso percorso,

Dettagli

Pricing & Costing Soluzioni Caso One-O-One

Pricing & Costing Soluzioni Caso One-O-One Pricing & Costing Soluzioni Caso One-O-One G.TOSCANO e A.VINCI Corso: Pricing & Costing LIUC Università di Castellanza Ottobre 2010 Anno accademico 2010/11 Lucidi di Giuseppe Toscano 1 Domande guida per

Dettagli

I PRODOTTI AGROALIMENTARI TIPICI. Prof. Franco Di Giacomo

I PRODOTTI AGROALIMENTARI TIPICI. Prof. Franco Di Giacomo I PRODOTTI AGROALIMENTARI TIPICI Prof. Franco Di Giacomo I diversi aspetti della qualita Qualità definita: Insieme delle caratteristiche di un bene/servizio/prodotto, che soddisfa le esigenze implicite

Dettagli

Comunicazione commerciale

Comunicazione commerciale Comunicazione commerciale Università di Urbino La comunicazione commerciale Definizione Marca Pubblicità Direct marketing Promozione delle vendite Sponsorizzazioni Fiere e mostre Relazioni pubbliche di

Dettagli

La funzione Marketing e Vendite

La funzione Marketing e Vendite Lezione 14 La funzione Marketing e Vendite prof. ssa Clara Bassano Corso di Economia e Gestione delle Imprese A.A. 2005-2006 .. una traiettoria evolutiva fase dell orientamento alla produzione D > O (artigianalità

Dettagli

Alessandro De Nisco. Università del Sannio. Corso di Marketing ANALIZZARE LA STRUTTURA E LE COMPONENTI DELLA COMUNICAZIONE INTEGRATA DI MARKETING

Alessandro De Nisco. Università del Sannio. Corso di Marketing ANALIZZARE LA STRUTTURA E LE COMPONENTI DELLA COMUNICAZIONE INTEGRATA DI MARKETING LEZIONI N. 15 e 16 La Integrata di Marketing Alessandro De Nisco Università del Sannio Corso OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO DELLA LEZIONE ANALIZZARE LA STRUTTURA E LE COMPONENTI DELLA COMUNICAZIONE INTEGRATA

Dettagli

INDICAZIONI PER LA VALUTAZIONE DEI CAPITOLATI D APPALTO PER LA RISTORAZIONE COLLETTIVA A SOSTEGNO DI MENÙ CORRETTI

INDICAZIONI PER LA VALUTAZIONE DEI CAPITOLATI D APPALTO PER LA RISTORAZIONE COLLETTIVA A SOSTEGNO DI MENÙ CORRETTI INDICAZIONI PER LA VALUTAZIONE DEI CAPITOLATI D APPALTO PER LA RISTORAZIONE COLLETTIVA A SOSTEGNO DI MENÙ CORRETTI OTTOBRE 2011 1 PREMESSA Un alimentazione equilibrata e corretta, gradevole ed accettabile,

Dettagli

Tecniche avanzate di vendita Livello avanzato. OBIETTIVI: Padroneggiare le tecniche di vendita e migliorarle con metodi di negoziazione affermati

Tecniche avanzate di vendita Livello avanzato. OBIETTIVI: Padroneggiare le tecniche di vendita e migliorarle con metodi di negoziazione affermati Tecniche avanzate di vendita Livello avanzato Padroneggiare le tecniche di vendita e migliorarle con metodi di negoziazione affermati Direttori e Commerciali; Tutti coloro che devono gestire un gruppo

Dettagli

Servizi per i distributori. Servizi per i produttori

Servizi per i distributori. Servizi per i produttori Servizi per i distributori Servizi per i produttori THINK QUALITY S.r.l. Innovazione e valore nell agroalimentare PRESENTAZIONE STORIA Think Quality nasce nel 2001 quando, Fabrizio Stecca e Paolo Masoero,

Dettagli

Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Economia. Corso di Marketing agroalimentare. Gervasio Antonelli

Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Economia. Corso di Marketing agroalimentare. Gervasio Antonelli Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Economia Corso di Marketing agroalimentare Gervasio Antonelli Marketing dei prodotti agroalimentari tipici e di qualità Dispense per gli studenti del

Dettagli

Promuovere il territorio per promuovere il turismo

Promuovere il territorio per promuovere il turismo Promuovere il territorio per promuovere il turismo Da territorio a destinazione turistica Dare risposte alla domanda di sviluppo di un territorio A livello nazionale A livello locale Per uno sviluppo a

Dettagli

Lezione 19: Comunicazione di Marketing Stella Romagnoli

Lezione 19: Comunicazione di Marketing Stella Romagnoli Lezione 19: Comunicazione di Marketing Definizione Target e contenuto della comunicazione di marketing Gli obiettivi Il processo di apprendimento I principali strumenti di comunicazione La promozione delle

Dettagli

LA STESURA DEL PIANO DI MARKETING: IL PRODOTTO, IL PREZZO, LA DISTRIBUZIONE E LA PROMOZIONE Dott.sa Martina Pertile

LA STESURA DEL PIANO DI MARKETING: IL PRODOTTO, IL PREZZO, LA DISTRIBUZIONE E LA PROMOZIONE Dott.sa Martina Pertile LA STESURA DEL PIANO DI MARKETING: IL PRODOTTO, IL PREZZO, LA DISTRIBUZIONE E LA PROMOZIONE Dott.sa Martina Pertile Obiettivi dell incontro Oggi cercheremo di rispondere ad alcune domande: Che cosa andiamo

Dettagli

La Comunicazione Integrata di Marketing

La Comunicazione Integrata di Marketing La Integrata di Marketing Alessandro De Nisco Università del Sannio Corso OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO DELLA LEZIONE ANALIZZARE LA STRUTTURA E LE COMPONENTI DELLA COMUNICAZIONE INTEGRATA DI MARKETING COMPRENDERE

Dettagli

Alcune osservazioni in merito alla promozione all estero dei prodotti alimentari di qualità della Regione.

Alcune osservazioni in merito alla promozione all estero dei prodotti alimentari di qualità della Regione. Alcune osservazioni in merito alla promozione all estero dei prodotti alimentari di qualità della Regione. Scegliere i settori su cui sia opportuno investire fondi pubblici a fini promozionali, non è sempre

Dettagli

POLITICA DI PREZZO. Prof. Giancarlo Ferrero - Università di Urbino

POLITICA DI PREZZO. Prof. Giancarlo Ferrero - Università di Urbino POLITICA DI PREZZO 1 Definizione: il prezzo è la somma di denaro pagata dal compratore al venditore in cambio di ciò che riceve come prestazione (corrispettivo del valore ricevuto). Le politiche di prezzo:

Dettagli

SALONE EUROMEDITERRANEO DEL BUON CIBO E DEL BUON VINO

SALONE EUROMEDITERRANEO DEL BUON CIBO E DEL BUON VINO SALONE EUROMEDITERRANEO DEL BUON CIBO E DEL BUON VINO 29-30 NOVEMBRE - 1 DICEMBRE 2014 CENTRO LE CIMINIERE - CATANIA www.expofoodandwine.com LE STRADE LA STRADA DEL VINO Area dedicata alle aziende vitivinicole,

Dettagli

OSPITALITA ITALIANA ITALIAN QUALITY EXPERIENCE Il Bel paese, la sua storia, le sue produzioni in mostra all Expo 2015

OSPITALITA ITALIANA ITALIAN QUALITY EXPERIENCE Il Bel paese, la sua storia, le sue produzioni in mostra all Expo 2015 OSPITALITA ITALIANA ITALIAN QUALITY EXPERIENCE Il Bel paese, la sua storia, le sue produzioni in mostra all Expo 2015 Agenda Italia 2015 - Master Plan del Governo per Expo Milano 2015 INIZIATIVA N. 17

Dettagli

Pricing & Costing: I fattori che impattano sul prezzo

Pricing & Costing: I fattori che impattano sul prezzo Pricing & Costing: I fattori che impattano sul prezzo G. TOSCANO e A. VINCI Corso: Pricing & Costing LIUC Università Cattaneo 19 Settembre 2012 Anno accademico 2012/13 1 Processo di Pricing 1. Definizione

Dettagli

Trasporto di Qualità per Alimenti Sicuri

Trasporto di Qualità per Alimenti Sicuri 25/26/27 Settembre 2015 Con il Patrocinio di Food n Motion è il primo evento nel panorama nazionale delle manifestazioni legate al food&beverage che parla di cibo trattando uno degli anelli vitali della

Dettagli

Il ruolo della comunicazione

Il ruolo della comunicazione IL RUOLO DELLA COMUNICAZIONE Affinché si realizzi lo scambio tra domanda e offerta non è sufficiente il verificarsi della concomitanza delle condizioni materiali dello scambio; è altrettanto necessario

Dettagli

Alessandro De Nisco. Università del Sannio. Corso di Marketing ANALIZZARE LA STRUTTURA E IL FUNZIONAMENTO DEI CANALI DI MARKETING

Alessandro De Nisco. Università del Sannio. Corso di Marketing ANALIZZARE LA STRUTTURA E IL FUNZIONAMENTO DEI CANALI DI MARKETING LEZIONI N. 13 e 14 La Gestione dei Canali di Marketing Alessandro De Nisco Università del Sannio Corso OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO DELLA LEZIONE ANALIZZARE LA STRUTTURA E IL FUNZIONAMENTO DEI CANALI DI

Dettagli

28/02/2011. Renato Agati IL MARKETING. Cos'è il marketing? MARKETING =

28/02/2011. Renato Agati IL MARKETING. Cos'è il marketing? MARKETING = Renato Agati IL MARKETING Cos'è il marketing? MARKETING = tutto ciò che fa mercato 1 IL MARKETING Il Marketing è l'attività che costruisce e regola il rapporto tra l'impresa e il mercato La funzione del

Dettagli

Presentazione La filiera corta

Presentazione La filiera corta Presentazione La filiera corta Un progetto di marketing agroalimentare Prof. Gervasio Antonelli a cura di: Riccardo Piras, Giulia Santi, Luca Mosciatti Facoltà di Economia, Università di Urbino Carlo Bo

Dettagli

COME GESTIRE E VALORIZZARE IL MARCHIO DI IMPRESA

COME GESTIRE E VALORIZZARE IL MARCHIO DI IMPRESA COME GESTIRE E VALORIZZARE IL MARCHIO DI IMPRESA In collaborazione con Milano, 17 aprile 2008 Questo materiale è di proprietà intellettuale di VVA-Valdani Vicari & Associati S.r.l. Non può essere utilizzato

Dettagli

di Antonio Ferrandina

di Antonio Ferrandina COME SI SCRIVE IL MARKETING PLAN (PARTE IV) di Antonio Ferrandina Marketing e vendite >> Marketing e management Sommario Il product - mix...3 La politica di prodotto on line...5 La marca...6 La politica

Dettagli

Advertising Sinonimo di "Pubblicità". Altri sinonimi, non più utilizzati attualmente, sono: reclame e propaganda.

Advertising Sinonimo di Pubblicità. Altri sinonimi, non più utilizzati attualmente, sono: reclame e propaganda. Above the line Espressione inglese che definisce tutte le attività di comunicazione veicolate attraverso i media classici, ad esempio TV, radio, stampa, affissioni. Advertising Sinonimo di "Pubblicità".

Dettagli

4.1.4 Il marketing mix nella pubblica amministrazione

4.1.4 Il marketing mix nella pubblica amministrazione 4.1.4 Il marketing mix nella pubblica amministrazione La pianificazione strategica si sviluppa su più piani e individua gli strumenti in grado di soddisfare i bisogni dei segmenti obiettivo Nell ambito

Dettagli

LE POLITICHE DI COMUNICAZIONE. Prof. Giancarlo Ferrero 1

LE POLITICHE DI COMUNICAZIONE. Prof. Giancarlo Ferrero 1 LE POLITICHE DI COMUNICAZIONE Prof. Giancarlo Ferrero 1 FINALITA Le politiche di comunicazione sono principalmente rivolte a: far conoscere, differenziare e fare memorizzare il prodotto e la marca ad accrescerne

Dettagli

Proposta per una strategia di promozione dei prodotti agricoli lucani

Proposta per una strategia di promozione dei prodotti agricoli lucani DIPARTIMENTO POLITICHE AGRICOLE E FORESTALI Viale Vincenzo Verrastro, 10-85100 Potenza ass_agricoltura@regione.basilicata.it tel. 0971668710 fax 0971668731 L ASSESSORE Potenza lì 05/05/2014 MATERA 2019

Dettagli

Il Marketing del Vino : Il mercato, le strategie commerciali, la distribuzione. Come entrare nel mercato nazionale ed estero

Il Marketing del Vino : Il mercato, le strategie commerciali, la distribuzione. Come entrare nel mercato nazionale ed estero MA.VE.CO. Consulting www.maveco-consulting.it Viale Stazione,43-02013 Antrodoco (Rieti) Tel. 0746-578699 e-mail : info@maveco-consulting.it Il Marketing del Vino : Il mercato, le strategie commerciali,

Dettagli

I processi di vendita

I processi di vendita circuiti sempre aperti: flussi fisico-tecnici (in uscita) flussi monetari-finanziari (in entrata) azienda/clienti I processi di vendita settore fisico-tecnico settore economico settore finanziario prodotti/servizi

Dettagli

Strategie di impresa, Tattiche operative e Piano di Marketing. Come essere competitivi, affrontare i mercati e i concorrenti

Strategie di impresa, Tattiche operative e Piano di Marketing. Come essere competitivi, affrontare i mercati e i concorrenti MA.VE.CO. Consulting www.maveco-consulting.it Viale Stazione,43-02013 Antrodoco (Rieti) Tel. 0746-578699 e-mail : info@maveco-consulting.it Strategie di impresa, Tattiche operative e Piano di Marketing

Dettagli

Comunicazione d impresa

Comunicazione d impresa Comunicazione d impresa Lorenza Rossini Anno 2005-2006 Programma I concetti fondamentali Le aree della comunicazione d impresa Gli strumenti e i mezzi della comunicazione Il piano di comunicazione Alcuni

Dettagli

I processi di orientamento delle attività commerciali e di vendita dei prodotti finiti (beni o servizi)

I processi di orientamento delle attività commerciali e di vendita dei prodotti finiti (beni o servizi) I processi di orientamento delle attività commerciali e di vendita dei prodotti finiti (beni o servizi) azienda/clienti circuiti sempre aperti: flussi fisico-tecnici (in uscita) flussi monetari-finanziari

Dettagli

LE SCELTE STRATEGICHE DI MKTG

LE SCELTE STRATEGICHE DI MKTG LE SCELTE STRATEGICHE DI MKTG IL PROCESSO DI PIANIFICAZIONE STRATEGICA LA PIANIFICAZIONE STRATEGICA DI MTKG È LA SEQUENZA LOGICA DI ATTIVITÀ CHE CONSENTE DI: Stabilire gli obiettivi di mtkg, Formulare

Dettagli

CRESCITA DELLA DISTRIBUZIONE COMMERCIALE E NASCITA DI NUOVE TIPOLOGIE DI MARKETING

CRESCITA DELLA DISTRIBUZIONE COMMERCIALE E NASCITA DI NUOVE TIPOLOGIE DI MARKETING CRESCITA DELLA DISTRIBUZIONE COMMERCIALE E NASCITA DI NUOVE TIPOLOGIE DI MARKETING Dalla fine degli anni 70 la distribuzione commerciale italiana è stata protagonista di un imponente processo di cambiamento

Dettagli

WINEBRAND il valore parte da qui

WINEBRAND il valore parte da qui BUILDING & ARCHITECTURE CONSULTANTS WINEBRAND il valore parte da qui TM Architettura / Branding / Contaminazione Ogni cantina ha una storia da raccontare, ogni vino ha un carattere unico da trasmettere

Dettagli

LE POLITICHE DI COMUNICAZIONE

LE POLITICHE DI COMUNICAZIONE LE POLITICHE DI COMUNICAZIONE FINALITA far conoscere, differenziare e fare memorizzare il prodotto e la marca ad accrescerne il valore percepito (significati simbolici, segnali di valore) La differenziazione

Dettagli

Marketing globale e R & S

Marketing globale e R & S EDITORE ULRICO HOEPLI MILANO Capitolo sedici Marketing globale e R & S 16-3 Caso di apertura Kodak entrò in Russia agli inizi degli anni Novanta - Il paese stava attraversando una turbolenta transizione

Dettagli

Alessandro De Nisco. Università del Sannio. Corso di Marketing SPIEGARE I FATTORI CHE INFLUENZANO LA DETERMINAZIONE DEL PREZZO

Alessandro De Nisco. Università del Sannio. Corso di Marketing SPIEGARE I FATTORI CHE INFLUENZANO LA DETERMINAZIONE DEL PREZZO LEZIONI N. e Le Politiche di Alessandro De Nisco Università del Sannio Corso OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO DELLA LEZIONE SPIEGARE I FATTORI CHE INFLUENZANO LA DETERMINAZIONE DEL PREZZO COMPRENDERE GLI OBIETTIVI

Dettagli

Cap.5 La comunicazione di marketing. Corso di Comunicazione d impresa - A.A. 2011-2012 Prof. Fabio Forlani - fabio.forlani@uniurb.

Cap.5 La comunicazione di marketing. Corso di Comunicazione d impresa - A.A. 2011-2012 Prof. Fabio Forlani - fabio.forlani@uniurb. Cap.5 La comunicazione di marketing Corso di Comunicazione d impresa - A.A. 2011-2012 Prof. Fabio Forlani - fabio.forlani@uniurb.it La comunicazione di marketing: definizione Strumento di governo delle

Dettagli

IL PROGETTO PArC. Premessa I principi ispiratori: campagna-città andata e ritorno L idea Il modello Target Comunicazione Soggetti coinvolti

IL PROGETTO PArC. Premessa I principi ispiratori: campagna-città andata e ritorno L idea Il modello Target Comunicazione Soggetti coinvolti IL PROGETTO PArC Premessa I principi ispiratori: campagna-città andata e ritorno L idea Il modello Target Comunicazione Soggetti coinvolti PREMESSA L incontro tra produttori e consumatori sta acquisendo

Dettagli

APPLICAZIONI DI MARKETING CFU 10 Coordinatore: Prof. GIANNI COZZI. (ModuloTECNICA DELLA COMUNICAZIONE) CFU 5 Prof. Bruno Buzzo

APPLICAZIONI DI MARKETING CFU 10 Coordinatore: Prof. GIANNI COZZI. (ModuloTECNICA DELLA COMUNICAZIONE) CFU 5 Prof. Bruno Buzzo APPLICAZIONI DI MARKETING CFU 10 Coordinatore: Prof. GIANNI COZZI Gli studenti della laurea specialistica in General Management dovranno scegliere due moduli tra i cinque moduli (da 5 CFU ciascuno) sotto

Dettagli

Sviluppare il piano di internet marketing:

Sviluppare il piano di internet marketing: Sviluppare il piano di internet marketing: concretizzare gli obiettivi ponderando i costi e Academy Milano, 20 Ottobre 2005 d.ssa Barbara Bonaventura barbara.bonaventura@mentis.it Mentis innovazione e

Dettagli

CAP 11: La gestione dei canali distributivi

CAP 11: La gestione dei canali distributivi CAP 11: La gestione dei canali distributivi La gestione dei canali distributivi 1. I canali distributivi 2. I rapporti con gli intermediari La gestione dei canali distributivi 1. I canali distributivi

Dettagli

Alessandro De Nisco. Università del Sannio. Corso di Marketing DESCRIVERE IL PROCESSO DI ANALISI COMPETITIVA

Alessandro De Nisco. Università del Sannio. Corso di Marketing DESCRIVERE IL PROCESSO DI ANALISI COMPETITIVA LEZIONI N. 5 e 6 L analisi Alessandro De Nisco Università del Sannio Corso OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO DELLA LEZIONE DESCRIVERE IL PROCESSO DI ANALISI COMPETITIVA IDENTIFICARE E ANALIZZARE LE VARIABILI

Dettagli

LA QUALITA : una via obbligata per i prodotti agro-alimentari italiani

LA QUALITA : una via obbligata per i prodotti agro-alimentari italiani LA QUALITA : una via obbligata per i prodotti agro-alimentari italiani Fattori: Impossibile competere sul prezzo Diversa scelta del target dei consumatori Conosciamo gli alimenti che consumiamo? Vincenzo

Dettagli

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni CONTESTO Dal punto di vista della DOMANDA... Consumatore postmoderno: attivo, esigente,

Dettagli

Marketing dei Prodotti Tipici

Marketing dei Prodotti Tipici Marketing dei Prodotti Tipici A cura di: Greta Cancellieri Giulia Fabbri Alessandra Pretelli Carlo Bo Corso di Marketing agroalimentare Prof. Gervasio Antonelli Sommario Introduzione ai concetti di marketing

Dettagli

CERTIFICAZIONE NEL SETTORE AGROALIMENTARE -Qualita - - Sicurezza - - Tracciabilita -

CERTIFICAZIONE NEL SETTORE AGROALIMENTARE -Qualita - - Sicurezza - - Tracciabilita - CERTIFICAZIONE NEL SETTORE AGROALIMENTARE -Qualita - - Sicurezza - - Tracciabilita - LA FIDUCIA DEL CONSUMATORE NEI CONFRONTI DEL COMPARTO PRODUTTIVO SI E NOTEVOLMENTE RIDOTTA NEGLI ULTIMI ANNI Industrializzazione

Dettagli

IL CICLO DI VITA DEL PRODOTTO

IL CICLO DI VITA DEL PRODOTTO PROGRAMMAZIONE + COMPETENZE TEORICHE IL CICLO DI VITA DEL PRODOTTO StudiAssociati 2013 PARLEREMO DI: Il ciclo di vita del prodotto I modelli esplicativi Strategie di marketing legate al ciclo di vita del

Dettagli

Indice. Autori Prefazione Ringraziamenti dell Editore XIII XV XIX

Indice. Autori Prefazione Ringraziamenti dell Editore XIII XV XIX Autori Prefazione Ringraziamenti dell Editore XIII XV XIX Capitolo 1 Il marketing nell economia e nella gestione d impresa 1 1.1 Il concetto e le caratteristiche del marketing 2 1.2 L evoluzione del pensiero

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 5. La catena del valore IN SINTESI La catena del valore elaborata dall Ismea ha il fine di quantificare la suddivisione del valore dei beni prodotti dal settore

Dettagli

Benito Campana. Strumenti per la qualità dell impresa agricola e agroalimentare

Benito Campana. Strumenti per la qualità dell impresa agricola e agroalimentare Benito Campana Strumenti per la qualità dell impresa agricola e agroalimentare Itinerario Programmare le politiche aziendali per la qualità in relazione alla normativa, alle esigenze dei mercati e alle

Dettagli

CAPITOLATO TECNICO PREMESSA

CAPITOLATO TECNICO PREMESSA RICHIESTA DI OFFERTA PER SERVIZI RELATIVI ALLA PER PER L IDEAZIONE DI UN IMMAGINE COORDINATA E PER LA REALIZZAZIONE DELLA CAMPAGNA DI COMUNICAZIONE E PROMOZIONE PIEMONTE AGRIQUALITA PREMESSA CAPITOLATO

Dettagli

Marketing Il modello del ciclo di vita del prodotto

Marketing Il modello del ciclo di vita del prodotto Marketing Il modello del ciclo di vita del prodotto Michele Gorgoglione m.gorgoglione@poliba.it Perché alcuni personaggi di film per ragazzi crescono? Perché nel 2009 Disney decide di realizzare un nuovo

Dettagli

CORSO IN MARKETING E TECNICHE DI COMMERCIALIZZAZIONE DEL VINO. Marketing e tecniche di commercializzazione del vino

CORSO IN MARKETING E TECNICHE DI COMMERCIALIZZAZIONE DEL VINO. Marketing e tecniche di commercializzazione del vino CORSO IN MARKETING E TECNICHE DI COMMERCIALIZZAZIONE DEL VINO La STRIVE Marketing e Comunicazione, in collaborazione con la F.I.S.A.R. (Federazione Italiana Sommelier Albergatori e Ristoratori), organizza

Dettagli

TECNICO SUPERIORE DELLA COMMERCIALIZZAZIONE DEI PRODOTTI AGRICOLI ED AGROINDUSTRIALI

TECNICO SUPERIORE DELLA COMMERCIALIZZAZIONE DEI PRODOTTI AGRICOLI ED AGROINDUSTRIALI SETTORE AGRICOLTURA TECNICO SUPERIORE DELLA COMMERCIALIZZAZIONE DEI PRODOTTI AGRICOLI ED AGROINDUSTRIALI STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI TECNICO SUPERIORE DELLA COMMERCIALIZZAZIONE

Dettagli

Il marketing nella ristorazione. Libro in forma mista cartacea e digitale secondo le più recenti disposizioni di Legge, con integrazioni on line

Il marketing nella ristorazione. Libro in forma mista cartacea e digitale secondo le più recenti disposizioni di Legge, con integrazioni on line Il marketing nella ristorazione Libro in forma mista cartacea e digitale secondo le più recenti disposizioni di Legge, con integrazioni on line Il marketing nella ristorazione Il marketing nella ristorazione

Dettagli

Tipologia X Impresa. Cantina di Calasetta Via Roma, 134 09011 Calasetta. Tel. 0781 88413 Fax 0781 88876- e-mail info@cantinacalasetta.

Tipologia X Impresa. Cantina di Calasetta Via Roma, 134 09011 Calasetta. Tel. 0781 88413 Fax 0781 88876- e-mail info@cantinacalasetta. Soggetto Proponente Ragione Sociale: Società Cooperativa Agricola Cantina Sociale di Calasetta Indirizzo: Via Roma, 134 09011 Calasetta Telefono 0781/88413 Fax 0781/88871 E-mail info@cantinacalasetta.com

Dettagli

CAPITOLO 1 CREARE RELAZIONI CON I CLIENTI E VALORE CON IL MARKETING

CAPITOLO 1 CREARE RELAZIONI CON I CLIENTI E VALORE CON IL MARKETING CAPITOLO 1 CREARE RELAZIONI CON I CLIENTI E VALORE CON IL MARKETING 1. Che cos è il marketing? 2. L obiettivo del marketing è e i bisogni dei consumatori. 3. Quali sono le quattro condizioni necessarie

Dettagli

Corso di Marketing Industriale

Corso di Marketing Industriale U N I V E R S I T A' D E G L I S T U D I D I B E R G A M O Corso di Prof Ferruccio Piazzoni ferruccio.piazzoni@unibg.it LE LEVE OPERATIVE di MARKETING: il MARKETING MIX, DOMANDA e QUOTA di MERCATO I Mktg-L08

Dettagli

ANTONIO PANELLA RUOLO DELLA COOPERAZIONE COME ELEMENTO QUALIFICANTE DEL PROCESSO DI SVILUPPO DEL SISTEMA AGROALIMENTARE

ANTONIO PANELLA RUOLO DELLA COOPERAZIONE COME ELEMENTO QUALIFICANTE DEL PROCESSO DI SVILUPPO DEL SISTEMA AGROALIMENTARE ANTONIO PANELLA RUOLO DELLA COOPERAZIONE COME ELEMENTO QUALIFICANTE DEL PROCESSO DI SVILUPPO DEL SISTEMA AGROALIMENTARE Il sistema agroalimentare italiano è inserito in un contesto di mercato altamente

Dettagli

I N D I C E 1 [ PRODUTTORI E DISTRIBUTORI AL BIVIO ] 2 [ LA SFIDA SI VINCE IN DUE ] 3 [ UN APPROCCIO SINERGICO ] 4 [ INSIEME PER INNOVARE ]

I N D I C E 1 [ PRODUTTORI E DISTRIBUTORI AL BIVIO ] 2 [ LA SFIDA SI VINCE IN DUE ] 3 [ UN APPROCCIO SINERGICO ] 4 [ INSIEME PER INNOVARE ] PRODUTTORE CHIAMA DISTRIBUTORE L UNIONE FA LA FORZA I N D I C E 1 [ PRODUTTORI E DISTRIBUTORI AL BIVIO ] 2 [ LA SFIDA SI VINCE IN DUE ] 3 [ UN APPROCCIO SINERGICO ] 4 [ INSIEME PER INNOVARE ] 1. [PRODUTTORI

Dettagli

Marketing e web. Fac Economia - mktg Internazionale. Unicità della tecnologia digitale è dovuto principalmente a:

Marketing e web. Fac Economia - mktg Internazionale. Unicità della tecnologia digitale è dovuto principalmente a: Marketing e web Fac Economia - mktg Internazionale 1 1 Unicità della tecnologia digitale è dovuto principalmente a: 2 2 3 3 Legge di Moore Ogni 18 mesi i transistor inseriti in un chip raddoppiano = La

Dettagli

A cura di: Giorgia Grifoni Beatrice Renzi

A cura di: Giorgia Grifoni Beatrice Renzi Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Scuola di Economia Corso di Strategie d impresa (a.a. 2013-2014) Prof. Tonino Pencarelli Dott. Mauro Dini A cura di: Giorgia Grifoni Beatrice Renzi Obiettivo Introdurre

Dettagli

PERCORSI FORMATIVI PER LE IMPRESE TURISTICHE CATALOGO FORMATIVO 2014/15

PERCORSI FORMATIVI PER LE IMPRESE TURISTICHE CATALOGO FORMATIVO 2014/15 PERCORSI FORMATIVI PER LE IMPRESE TURISTICHE CATALOGO FORMATIVO 2014/15 Sommario Presentazione generale...3 1. LA QUALITA e IL MARCHIO OSPITALITA ITALIANA...4 1.1 Elementi base della qualità totale nelle

Dettagli

CULTURA DEL CIBO E DEL VINO PER LA VALORIZZAZIONE E LA PROMOZIONE DELLE RISORSE ENOGASTRONOMICHE LIVELLO I - EDIZIONE X A.A.

CULTURA DEL CIBO E DEL VINO PER LA VALORIZZAZIONE E LA PROMOZIONE DELLE RISORSE ENOGASTRONOMICHE LIVELLO I - EDIZIONE X A.A. CULTURA DEL CIBO E DEL VINO PER LA VALORIZZAZIONE E LA PROMOZIONE DELLE RISORSE ENOGASTRONOMICHE LIVELLO I - EDIZIONE X A.A. 2015-2016 Presentazione Il percorso formativo è strutturato, attraverso un approccio

Dettagli

Roma Città del gusto 09.11.2009-08.04.2010 VIII EDIZIONE

Roma Città del gusto 09.11.2009-08.04.2010 VIII EDIZIONE [ MASTER IN COMUNICAZIONE E GIORNALISMO ENOGASTRONOMICO Roma Città del gusto 09.11.2009-08.04.2010 VIII EDIZIONE [ [ Una full immersion nel mondo del cibo e del vino per cogliere tutte le sfumature del

Dettagli

TURISMO ENOGASTRONOMICO IN BASILICATA. Angelo Bencivenga, FEEM Milano, 9 ottobre 2015

TURISMO ENOGASTRONOMICO IN BASILICATA. Angelo Bencivenga, FEEM Milano, 9 ottobre 2015 TURISMO ENOGASTRONOMICO IN BASILICATA Angelo Bencivenga, FEEM Milano, 9 ottobre 2015 TURISMO ENOGASTRONOMICO IN BASILICATA: introduzione La ricerca nasce da una proposta condivisa con il Dipartimento Agricoltura,

Dettagli

La stesura del piano di marketing: il prodotto, il prezzo, la distribuzione e la promozione. Dott.ssa Marina Pertile (Università di Padova)

La stesura del piano di marketing: il prodotto, il prezzo, la distribuzione e la promozione. Dott.ssa Marina Pertile (Università di Padova) La stesura del piano di marketing: il prodotto, il prezzo, la distribuzione e la promozione. Dott.ssa Marina Pertile () Obiettivi dell incontro Oggi risponderemo a queste domande operative Che cosa andiamo

Dettagli

Il prodotto percepito è il risultato di un processo dinamico d identificazione del prodotto nelle sue componenti e prestazioni valutato in base:

Il prodotto percepito è il risultato di un processo dinamico d identificazione del prodotto nelle sue componenti e prestazioni valutato in base: Capitolo 9 Il prodotto Il prodotto Il prodotto Per il consumatore è la soluzione a un problema specifico Per il produttore è un insieme i di attributi ti tangibili e intangibili che caratterizzano l offerta

Dettagli

PIANO STRATEGICO MARKETING

PIANO STRATEGICO MARKETING PIANO STRATEGICO di MARKETING a che serve il Piano strategico? ad individuare ed esprimere in modo chiaro e sistematico le SCELTE aziendali a MEDIO e LUNGO TERMINE DECISIONI E PROGRAMMI DI AZIONE per giungere,

Dettagli

L analisi Competitiva

L analisi Competitiva L analisi Alessandro De Nisco Università del Sannio COSA E L ANALISI COMPETITIVA? Affinchè l impresa possa svolgere con successo la propria attività, è fondamentale che essa svolga un monitoraggio costante

Dettagli

LE STRATEGIE DI MARKETING. Prof. Giancarlo Ferrero 1

LE STRATEGIE DI MARKETING. Prof. Giancarlo Ferrero 1 LE STRATEGIE DI MARKETING Prof. Giancarlo Ferrero 1 STRUTTURA DEL PIANO DI MARKETING SOMMARIO ANALISI SCELTE STRATEGICHE PROGRAMMI OPERATIVI CONTO ECONOMICO CONTROLLI Prof. Giancarlo Ferrero 2 LA SEGMENTAZIONE

Dettagli

Fidelizzazione della clientela e customer care

Fidelizzazione della clientela e customer care Fidelizzazione della clientela e customer care La fidelizzazione è costituita da un insieme di operazioni ritenute utili per conservare a lungo la clientela. La fidelizzazione si attua impiegando tecniche

Dettagli

Portale Regionale del Prodotto Tipico e Biologico

Portale Regionale del Prodotto Tipico e Biologico Portale Regionale del Prodotto Tipico e Biologico Legge Regione Umbria n. 21 del 20/08/2001 Disposizioni in materia di coltivazione, allevamento, sperimentazione, commercializzazione e consumo di organismi

Dettagli

La fidelizzazione della clientela nei punti vendita della GDA

La fidelizzazione della clientela nei punti vendita della GDA Panel agroalimentari Indagini monografiche Panel Agroalimentare Ismea La fidelizzazione della clientela nei punti vendita della GDA Dicembre 2007 Introduzione La presente indagine monografica è stata condotta

Dettagli

Marketing Mix. Marketing Mix. La politica di prodotto

Marketing Mix. Marketing Mix. La politica di prodotto fase analiticoconoscitiv a fase decisionale e operativa Concorrenz a e settore Analisi quantitativa della domanda Strategie concorrenziali Politica di prodotto Consumo e domanda Sviluppo aziendale Comport.

Dettagli

Il marketing. fornitori. clienti. Acquisti e supply chain. Marketing. Processi decisionali. Organizzazione

Il marketing. fornitori. clienti. Acquisti e supply chain. Marketing. Processi decisionali. Organizzazione Il marketing Organizzazione fornitori Acquisti e supply chain Marketing clienti Processi decisionali Definizione di Marketing È quella funzione/processo aziendale volto a prevedere (anticipare), ampliare

Dettagli

Indice. 1. Il marketing -----------------------------------------------------------------------------------------------3

Indice. 1. Il marketing -----------------------------------------------------------------------------------------------3 LEZIONE GESTIONE STRATEGICA DEGLI ACQUISTI DOTT.SSA ROSAMARIA D AMORE Indice 1. Il marketing -----------------------------------------------------------------------------------------------3 1.1. Prima

Dettagli

LE STRATEGIE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE

LE STRATEGIE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE LE STRATEGIE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE Prof. Fabio Musso Università degli Studi di Urbino Facoltà di Economia fabio.musso@uniurb.it pagina 1 Fasi del processo di sviluppo della strategia di internazionalizzazione

Dettagli

Turismolio: dall Olivo all Olio. L Olio Extravergine di Oliva dalla A alla Z

Turismolio: dall Olivo all Olio. L Olio Extravergine di Oliva dalla A alla Z REGIONE PUGLIA Assessorato alle Risorse Agroalimentari COMUNE DI OSTUNI Assessorato alle Attività Produttive Turismolio: dall Olivo all Olio L Olio Extravergine di Oliva dalla A alla Z L Oleificio Cooperativo

Dettagli

OLTRE LA BIRRA C E DI PIU : DAL MARKETING AL PACKAGING DI UN BIRRIFICIO ARTIGIANALE

OLTRE LA BIRRA C E DI PIU : DAL MARKETING AL PACKAGING DI UN BIRRIFICIO ARTIGIANALE OLTRE LA BIRRA C E DI PIU : DAL MARKETING AL PACKAGING DI UN BIRRIFICIO ARTIGIANALE Fermo, 31 Gennaio 2015 CHE COS E IL MARKETING? Il marketing può intendersi come il complesso di attività che un azienda

Dettagli

IL MARKETING FONTI DEI DATI

IL MARKETING FONTI DEI DATI IL MARKETING Il Marketing è l insieme delle attività e delle politiche poste in essere dall impresa per soddisfare le esigenze dei consumatori e per crearne la domanda. Il SOTTOSISTEMA di Marketing è costituito

Dettagli

di Paolo Mariano Marketing e vendite>> Marketing e management

di Paolo Mariano Marketing e vendite>> Marketing e management SETTORE AGROALIMENTARE: ANALISI SWOT PER I PRODOTTI DI QUALITA di Paolo Mariano Marketing e vendite>> Marketing e management Nei Paesi sviluppati l alimentazione ha perso, in parte, il suo significato

Dettagli

IL CIRCUITO DIRETTO DELL AGROALIMENTARE SICILIANO

IL CIRCUITO DIRETTO DELL AGROALIMENTARE SICILIANO CORERAS IL CIRCUITO DIRETTO DELL AGROALIMENTARE SICILIANO La Sicilia sulle tavole italiane Legge Regionale N 25 del 2011, Art. 10 VETRINE PROMOZIONALI E PUNTI MERCATALI Allarghiamo gli orizzonti, accorciamo

Dettagli

COME SVILUPPARE IL PIANO E LE STRATEGIE DI MARKETING E MIGLIORARE I RISULTATI DI VENDITA

COME SVILUPPARE IL PIANO E LE STRATEGIE DI MARKETING E MIGLIORARE I RISULTATI DI VENDITA MARKETING E VENDITE COME SVILUPPARE IL PIANO E LE STRATEGIE DI MARKETING E MIGLIORARE I RISULTATI DI VENDITA PREMESSA Per sviluppare un piano di marketing bisogna tenere in considerazione alcuni fattori

Dettagli

Chi Siamo 1.1 Una realtà in crescita 1.2 Holidaytravelpass 1.2.1 Mission Holidaytravelpass 1.2.2 Vision

Chi Siamo 1.1 Una realtà in crescita 1.2 Holidaytravelpass 1.2.1 Mission Holidaytravelpass 1.2.2 Vision Chi Siamo 1.1 Una realtà in crescita In costante sviluppo, sempre pronta a cogliere le migliori opportunità offerte dal mercato, Holidaytravelpass si è presto consolidata anche come tour operator initalia

Dettagli

Le funzioni di gestione dell impresa: il marketing (1) Gli argomenti del corso. Gli obiettivi del corso. Economia e gestione delle imprese

Le funzioni di gestione dell impresa: il marketing (1) Gli argomenti del corso. Gli obiettivi del corso. Economia e gestione delle imprese Economia e gestione delle imprese Le funzioni di gestione dell impresa: il marketing (1) dott. Matteo Rossi Benevento, 7 gennaio 2008 Gli argomenti del corso ANALISI DELLE FUNZIONI PRIMARIE DELL IMPRESA

Dettagli

OBIETTIVI DEL MASTER

OBIETTIVI DEL MASTER L Italia è una delle 5 maggiori destinazioni al mondo per turismo culturale e ambientale. 2 turisti stranieri su 3 considerano la cultura e il cibo come principale motivazione di un viaggio in Italia e

Dettagli

LE POLITICHE DI COMUNICAZIONE. Prof. Giancarlo Ferrero Corso di Marketing Università di Urbino

LE POLITICHE DI COMUNICAZIONE. Prof. Giancarlo Ferrero Corso di Marketing Università di Urbino LE POLITICHE DI COMUNICAZIONE 1 FINALITA Le politiche di comunicazione sono principalmente rivolte a: far conoscere, differenziare e fare memorizzare il prodotto e la marca ad accrescerne il valore percepito

Dettagli

CORSO DI MARKETING STRATEGICO. Alessandro De Nisco

CORSO DI MARKETING STRATEGICO. Alessandro De Nisco CORSO DI MARKETING STRATEGICO Alessandro De Nisco Il Corso GLI OBIETTIVI Fornire conoscenze e competenze su: i concetti fondamentali del marketing strategico e il suo ruolo nella gestione aziendale; il

Dettagli