Le politiche del marketing mix nelle imprese del sistema agroalimentare

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Le politiche del marketing mix nelle imprese del sistema agroalimentare"

Transcript

1 Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Economia Corso di Marketing agroalimentare (Anno accademico ) 6 Modulo Le politiche del marketing mix nelle imprese del sistema agroalimentare 1

2 Le politiche di marketing (marketing mix) Il marketing mix rappresenta la realizzazione e la gestione coerente, creativa e permanente del posizionamento. Il marketing mix comprende 4 politiche o leve fondamentali: Politiche del prodotto (per le imprese agroalimentari, una delle problematiche fondamentali che sono chiamate ad affrontare nel quadro delle politiche del prodotto consiste nella differenziazione della propria offerta sul mercato; l offerta di un prodotto di più alta qualità rispetto ai concorrenti è una condizione necessaria per sottrarre l offerta dalla concorrenza basata sul prezzo, ma non sufficiente. Infatti, un valore percepito superiore rispetto alla concorrenza genera una maggiore disponibilità a pagare da parte del consumatore, determinando, quindi, la possibilità per il produttore di ottenere premium price. Pertanto, le politiche di prodotto vanno attuate in modo coerente e sinergico con le altre politiche di marketing e, in particolare, con quelle di comunicazione) Politiche di prezzo (in funzione della possibilità/capacità di differenziare il prodotto, del target di consumatori, delle strategie competitive seguite, dei canali distributivi, delle caratteristiche qualitative del prodotto, del grado di trasformazione, ecc.) Politiche di comunicazione (dipendono posizione occupata dall operatore sulla filiera, dalla natura dell offerta, dalla dimensione dell impresa e/o del sistema di offerta, dal forma giuridica del soggetto che l attua, dal numero e dalla natura dei segmenti di mercato ai quali è rivolta, dalle risorse finanziarie disponibili, dallo strumento utilizzato, ecc.) Politiche di distribuzione commerciale (dipendono dalla posizione dell operatore sulla filiera, dalla lunghezza della filiera, dalle caratteristiche merceologiche del prodotto, dalla dimensione geografica del mercato, ecc.) 2

3 Politiche del prodotto 3

4 Le politiche del prodotto Il prodotto si definisce come un insieme complesso di benefici o di attributi (materiali e immateriali) che soddisfano requisiti, esigenze e attese del consumatore. Strumenti analitici e problematiche dei prodotti agroalimentari: Il concetto di ciclo di vita del prodotto agroalimentare (vedi: L. Pilati, Marketing Agro-alimentare, Editrice UNI Service, Trento, 2004) Le problematiche connesse con la differenziazione del prodotto agroalimentare La differenziazione qualitativa e il problema della possibilità per il produttore di ottenere un premium price. 4

5 Il ciclo di vita del prodotto agroalimentare segue lo schema ciclo-riciclo Vendite Ciclo Riciclo: individuazione di nuovi usi; individuazione di nuovi punti vendita; riposizionamento del prodotto nella percezione del consumatore. Introduzione Sviluppo Maturità Declino Riciclo 5 Tempo

6 Ciclo di vita del vino e della birra Vendite Prodotti innovativi (es. soft drink, birra senza alcool, vino novello, ecc. birra Vini doc Vini da pasto 6 Tempo

7 Il concetto di ciclo di vita del prodotto e la sua estensione alle problematiche dei prodotti agroalimentari Grande possibilità di rilancio di prodotti maturi attraverso l introduzione di innovazioni nelle tecniche produttive (es. prodotti biologici), nelle nuove modalità di consumo (pasti fuori casa, snack bar, wine bar, agriturismi, ecc.), nelle funzioni (prodotti salutistici, dietetici, estetici) packaging (es. confezioni in tetra pack, contenitori in fibra vegetale, porzioni per single, ecc.), nell accrescere il contenuto di servizi incorporati nel prodotto (prodotti surgelati pronti per la cottura, come i cosiddetti prodotti di III gamma; prodotti freschi già puliti e tagliati e pronti per essere serviti direttamente, come i cosiddetti prodotti di IV gamma; piatti cucinati conservati a una temperatura di 0-3 C o surgelati o sottovuoto, come i cosiddetti prodotti di V gamma ), nella riproposizioni di prodotti che appartengono alla tradizione produttiva locale (es. prodotti tipici, locali, tradizionali), di nuove formule commerciali (farmers market, vendita diretta, vendita attraverso internet). Vincoli tecnico-produttivi. Il ciclo di vita dei prodotti agroalimentari è legato alle tradizioni alimentari,e, quindi, è tendenzialmente stabile nel tempo. Scarsa disponibilità del consumatore ad accettare prodotti fortemente innovativi, rispetto alla sua tradizione alimentare. 7

8 La differenziazione dei prodotti agroalimentari La differenziazione del prodotto si attua attraverso: Caratteristiche tangibili: proprietà chimico- fisiche e organolettiche; Caratteristiche intangibili *: sicurezza; legame con il territorio di origine con le sue caratteristiche climatiche, pedologiche e geografiche in senso lato, ma anche paesaggistiche, socio-economiche, storiche e culturali; competenze del produttore; tipo di processi produttivi utilizzati per ottenere il prodotto; L azione delle leve del marketing mix. * Queste caratteristiche sono molto importanti nel determinare la differenziazione dei prodotti che derivano le loro caratteristiche distintive dal legame con il territorio geografico di origine. Rientrano in questa categoria i prodotti con marchio a denominazione europea Dop e Igp, che il Italia sono già oltre 200, ma anche gli oltre 4000 prodotti tradizionali e gli oltre 300 prodotti Doc. 8

9 Attributi che concorrono a determinare la qualità di un prodotto agroalimentare: ad esempio, del vino Il paniere di attributi è costituito da: Prodotto di base (regione di origine e sua tradizione vitivinicola, annata, vitigno); attributi che conferiscono le proprietà intrinseche del prodotto. Prodotto accresciuto con attributi che segnalano le proprietà intrinseche (denominazione di origine controllata, marca, bottiglia, etichetta, controllo di qualità, ecc.) Prodotto totale (comunicazione al consumatore delle proprietà intrinseche per renderle tangibili attraverso le politiche di marketing) 9

10 Premium price come valore del prodotto percepito La differenziazione attuata attraverso i contenuti qualitativi del prodotto è rilevante solo se percepita dal consumatore e se determina la disponibilità del consumatore stesso a pagare un premium price Il problema, dal punto di vista teorico può essere ricondotto alle tematiche trattate dall economia dell informazione relative agli effetti sul mercato della presenza di asimmetria informativa, sviluppate da G. Akerlof (1970), The market of Lemons: Quality Uncertainty and the Market Mechanisms, in Quarterly Journal of Economics, 84. La grande varietà dell offerta fa si che il consumatore per orientarsi nella scelta di un prodotto si avvale di segnali di valore di facile accesso e di minore costo in termini di costo di opportunità per accedere alle informazioni e spesso, nel caso dei prodotti agroalimentari la qualità è data da attributi che il consumatore non riesce a verificare né prima dell acquisto (attributi di ricerca) e, spesso, né dopo l acquisto (attributi di esperienza) e, neanche, dopo un prolungato periodo di utilizzo (attributi di fiducia). Nel caso del vino, ma anche di altri prodotti agroalimentari, gli indicatori che maggiormente vengono utilizzato sono la marca, la denominazione di origine, il prezzo. 10

11 L informazione a disposizione del consumatore per valutare il prodotto Ai fini della valutazione delle caratteristiche del sistema di prodotto, assumono rilevanza le informazioni e i relativi costi e benefici (Stigler G. J. The economics of Information, The Journal of Political Economy, 69, 3, 1961). La letteratura economica ha messo in luce come nella valutazione delle caratteristiche del sistema di prodotto il consumatore basi il proprio giudizio su tre categorie di attributi: Attributi di ricerca (possono essere conosciuti prima dell acquisto quali la marca, il prezzo, la confezione, ecc.); Attributi di esperienza (la qualità può essere valutata dopo l acquisto attraverso una prova); Attributi di fiducia (neppure dopo l acquisto e il consumo è possibile verificare la qualità: salubrità, valore nutritivo, ecc.) 11

12 Condizioni di equilibrio di mercato di prodotti differenziati sulla base dei livelli di qualità: esempio olio extravergine di oliva di qualità diversa Prodotto di qualità standard Prodotto di alta qualità C M C m C M C m C m C M P P p P m (mercato) dove P p = premium price Quantità 12 Quantità

13 Sistema di prodotto Un concetto utile per la differenziazione del prodotto è quello di sistema di prodotto (Cfr. Cozzi G., Ferrero, G (2004), Principi ed aspetti evolutivi del marketing aziendale, Giappichelli, Torino). Il concetto di sistema di prodotto richiama l attenzione sulla molteplicità e complessità dei fattori che contribuiscono a creare valore per il consumatore. Il concetto di sistema di prodotto implica che il produttore sappia/possa definire la propria offerta agendo su un insieme di componenti tangibili e intangibili che concorrono, sebbene in modo diverso, alla soddisfazione delle attese del cliente/consumatore. 13

14 Elementi che concorrono alla differenziazione dei prodotti agroalimentari Sicurezza igienico-sanitaria Requisiti nutrizionali, salutistici e sensoriali Requisiti di garanzia (informazioni, certificazione, ecc.) Metodi di produzione Servizi annessi Canale di distribuzione Prezzo Marchio privato e/o collettivo Caratteristiche storiche, culturali, paesaggistiche, istituzionali e cultura produttiva del territorio di provenienza Valori etici 14

15 Esempio: sistema di prodotto olio extravergine di oliva Genuinità e caratteristiche di naturalità Proprietà nutrizionali, salutistiche e sensoriali Tipo di spremitura delle olive Garanzia (informazioni, certificazione di prodotto e/o di sistema) Forma, formato e colore della bottiglia Aspetto del prodotto (densità, acidità e colore) Contenuto informativo veicolato dell etichetta Immagine della zona di provenienza geografica Marchio Tipologia del canale commerciale Prezzo Etica e competenze del produttore 15

16 Politiche di prezzo 16

17 Le determinanti delle politiche di prezzo La politica di prezzo deve tenere conto degli obiettivi dell organizzazione di conseguire un profitto dalle vendite da un lato e delle aspettative dei consumatori e della loro disponibilità a pagare per il prodotto che viene loro offerto. Quindi, è un fattore decisivo della redditività a lungo termine dell attività dell impresa. In questo quadro, le determinanti che entrano in gioco sono: la forma di mercato in cui opera l impresa le strategie competitive basate su price o non price competition la necessità di conseguire un premium price l elasticità della domanda al prezzo (presenza di prodotti sostitutivi) l ambiente competitivo i segmenti di mercato ai quali viene rivolta l offerta 17

18 Fattori che entrano in gioco nella determinazione del prezzo Ambiente competitivo Attitudine del cliente/consumatore Comportamento intermediari Strategia dell impresa PREZZO Comportamento concorrenti Attitudine dell imprenditore/ manager 18 Comportamento fornitori

19 Le principali strategie di prezzo Prezzo di penetrazione, che consiste nel praticare prezzi più bassi della concorrenza per attrarre il maggior numero possibile di consumatori e acquisire, così, una maggiore quota di mercato (condizioni: domanda elastica; presenza di economie di scala; vantaggi di costo) Strategia di scrematura o skimming pricing, che consiste nell entrare nel mercato con un prezzo più elevato con l obiettivo di "scremare" il mercato, cioè eliminare gli acquirenti che non sono disposti ad acquistare a quel prezzo. Strategia è utilizzata principalmente per i beni alimentari di prestigio e di alta qualità (condizioni: prezzo forte segnale di valore; basse economie di scala e barriere) Premium price, che rappresenta una strategia per ottenere dal consumatore un prezzo superiore come premio per un prodotto unico, che si differenzia dai concorrenti, ossia un prodotto che abbia valore per i suoi acquirenti al di là della semplice offerta di un prezzo basso" (Porter, 1985). È da notare che la possibilità di ottenere un premium price rispetto ai concorrenti è legata alla differenziazione del prodotto, ossia un prodotto che abbia caratteristiche reali o percepite non riscontrabili negli altri prodotti presenti sul mercato e che tali caratteri abbiano un qualche valore per il consumatore per il quale sia disposto a pagare un premium price (condizioni: differenziazione percepita; domanda inelastica) Le strategie di prezzo devono essere fissate in funzione: del target e del posizionamento della struttura dei costi di produzione e del loro andamento dei prezzi, i prodotti e le strategie dei concorrenti della relazione tra prezzo e domanda (elasticità della domanda rispetto al prezzo) 19

20 Le politiche di comunicazione e di differenziazione del prodotto 20

21 Informazioni interne promozionali sistema produttivo) Corso di Marketing Agroalimentare Fasi del processo di acquisto e fonti informative Percezione del bisogno Ricerca delle informazioni Valutazione delle informazioni Decisione di acquisto Valutazione post-acquisto Informazioni esterne (ad es. attività 21

22 Principali effetti economici delle politiche di comunicazione Le politiche di comunicazione consentono di: Incrementare le vendite (attraverso la messa in atto di interventi pubblicitari o di altre forme di comunicazione si determina uno spostamento della curva di domanda verso destra). Rendere la curva domanda più rigida nell ipotesi di aumento del prezzo e più elastica nel caso di diminuzione del prezzo. In sostanza, si riduce la sostituibilità tra il prodotto di un impresa e quelli della concorrenza. Passare da una situazione di mercato perfettamente concorrenziale, ad una struttura di concorrenza monopolistica. Le diverse politiche del mix comunicazionale contribuiscono, infatti, a generare la differenziazione percepita dal consumatore, ossia a determinare una condizione di mercato nella quale i consumatori percepiscono come differenti per qualche caratteristica i prodotti offerti da imprese concorrenti. L effetto è il passaggio del produttore da price taker, propria di una situazione di mercato perfettamente concorrenziale, a price maker, ossia ad una condizione di mercato in cui è possibile esercitare sui segmenti di riferimento un certo controllo sui prezzi dei prodotti offerti. Contribuisce a fidelizzazione il cliente/consumatore Consente di accrescere le barriere all entrata sul mercato di eventuali concorrenti 22

23 Le componenti del mix promozionale La pubblicità La pubblicità collettiva (in particolare da parte dei consorzi di tutela Dop e Igp) La promozione delle vendite Il direct marketing o la comunicazione diretta Il passaparola Le pubbliche relazioni Le sponsorizzazioni La comunicazione personale La comunicazione interna 23

24 La pubblicità Il ruolo della pubblicità può essere ricondotto ai seguenti obiettivi: influenzare le attitudini dei consumatori verso il prodotto creare la fedeltà alla marca informare i consumatori sui benefici connessi al consumo di un prodotto informare i consumatori sulla esistenza di un prodotto influenzare le scelte di consumo per obiettivi sociali, ecc.) Gli effetti economici della pubblicità possono essere considerati sia dal lato della domanda, sia da quello dell offerta. Gli effetti dal lato della domanda sono dati da: uno spostamento della curva di domanda verso destra una riduzione dell elasticità della domanda rispetto al prezzo di aumento dello stesso e un aumento dell elastica nel caso di diminuzione del prezzo. Gli effetti dal lato dell offerta vanno ricondotti alla possibilità di differenziare il prodotto anche nella mente del consumatore, condizione per il passaggio dalla forma di mercato perfettamente concorrenziale a quella della concorrenza monopolistica) 24

25 Un esempio di pubblicità collettiva La campagna del Ministero per le politiche agricole alimentari e forestali per la valorizzazione dell olio extravergine di oliva. L obiettivo dell iniziativa è sottolineare la qualità, le caratteristiche nutrizionali, il valore culturale e il legame territoriale e storico di un prodotto conosciuto in tutto il mondo. L iniziativa ha anche lo scopo di porre l attenzione sulle nuove normative europee che dettano l obbligo di indicare in etichetta la provenienza delle materie prime e delle zone di estrazione. Lo spot dura 30 secondi ed è stato ideato e realizzato dalla Lowe Pirella Fronzoni, la regia è di Franco Bernini, la fotografia di Roberto Romei, la musica di Paride Odierna: il brano intitolato Dedicato a Nino Rota, è stato ispirato da Ennio Morricone (in: C:\Documents and Settings\Administrator\Desktop\watch.htm 25

26 Criteri che devono essere seguiti per sviluppare una strategia pubblicitaria Il piano di marketing viene prima di ogni scelta riguardante l azione pubblicitaria Il messaggio che deve fare leva sui punti di forza dell impresa o del prodotto Il messaggio deve essere credibile (occorre comunicare e non semplicemente informare) L investimento deve dare un beneficio entro un tempo definito 26

27 Promozione delle vendite, relazioni pubbliche e sponsorizzazioni La promozione delle vendite nel settore agroalimentare è molto diffusa e viene attuata per incentivare il consumatore ad aumentare l ammontare medio della spesa (a breve), per far conoscere un nuovo prodotto, per smaltire le scorte di prodotti invenduti durante i periodi di picco della domanda, ecc. Relazioni pubbliche consentono di stimolare la domanda attraverso rapporti pubblici pianificati con importanti influenzatori del processo di acquisto. I pubblici di riferimento sono i clienti, i fornitori, le istituzioni pubbliche, le comunità locali, ecc. Sponsorizzazioni vengono fatte associando il nome /marchio di un impresa a dei suoi prodotti a eventi, a un personaggio, ad una situazione. Le sponsorizzazioni più frequenti nel mondo agroalimentare riguardano situazioni/interventi su attività sportive e culturali. 27

28 Marketing diretto Il marketing diretto (direct marketing) utilizza la posta (direct mail e ) o il telefono (telemarketing). Il direct marketing cerca di realizzare una comunicazione di impatto simile alla vendita personale, ma con costi inferiori. La personalizzazione del contatto attraverso la posta o la presuppone una preventiva segmentazione del mercato e la individuazione di target specifici e abbastanza ristretti, al fine di accrescerne l efficacia. Aspetti caratterizzati: comunicazione indirizzata in forma personalizzata a soggetti in genere identificati; il soggetto che riceve l informazione ha la possibilità di rispondere e la risposta o la sua assenza sono visibili e misurabili. Va considerato che questa forma di comunicazione presenta anche una serie di svantaggi. L applicazione delle logiche del marketing diretto alla rete ha portato al marketing virale. L idea è quella di sfruttare il contagio di virus amichevoli, ossia sfrutta la capacità comunicativa di pochi soggetti interessati per trasmettere il messaggio ad un numero elevato di utenti finali. La modalità di diffusione del messaggio segue un profilo tipico che presenta un andamento esponenziale. 28

29 Il processo di valorizzazione economica attraverso l approccio esperenziale 29

30 Il cibo non solo come alimento, ma come elemento sociale, segno, simbolo, portatore di valori e tradizioni CIOÉ, DAL PRODOTTO ALL ESPERIENZA Il processo di valorizzazione economica implica il passaggio da un bene indifferenziato a un bene differenziato e personalizzato che enfatizza la componente esperienziale del processo di percezione del valore ECONOMIA DELLE ESPERIENZE 30

31 Strategia per la valorizzazione commerciale dei prodotti tipici e locali utilizzare tutte le politiche di marketing per accrescere il valore per il consumatore e orientarne la percezione adottare una strategia ispirata ad un ottica esperenziale (B. J. Pine, J. H. Gilmore, L economia delle esperienze, Etas, 2000) far leva sull immagine del territorio (come luogo di storia, cultura, tradizione, tipicità della produzione, ambiente, paesaggio, strutture ricettive) per la valorizzazione dei prodotti agroalimentari tipici (integrazione tra marketing territoriale e marketing del prodotto) 31

32 Il concetto di progressione economica del valore secondo l approccio dell economia delle esperienze (Pine e Gilmore, 2000) Differenziata Esperienze Rilevante per POSIZIONE COMPETITIVA Servizi ESIGENZE CONSUMATORE Prodotti Indifferenziata Irrilevante Commodity Mercato FISSAZIONE Premium DEL PREZZZO 32 Price

33 Percorso promozionale secondo un impostazione della progressione del valore economico: vino, turismo, territorio (R. Pastore, Il marketing del vino e del territorio: istruzioni per l uso, FrancoAngeli, 2003, p. 225) Offerta vitivinicola e agroalimentare locale Con quali processi produttivi: musei della cultura materiale (ieri), cantine e altri luoghi della attuale produzione agricola (oggi) Ambiente ed ecosistema locali di particolare interesse estetico a naturalistico Le valenze storico-artistiche del territorio Le strutture dell ospitalità 33

34 Dal prodotto e dal territorio all evento come forme di comunicazione COMUNICARE con il prodotto (degustazioni guidate, sagre, ecc.) COMUNICARE con i processi produttivi di ieri (musei della cultura agricola e delle produzioni tipiche locali, seminari, ecc.) COMUNICARE con le tecniche di produzione (visite guidate ad aziende agricole, cantine, frantoi, impianti e ad altri soggetti della filiera) COMUNICARE con il territorio (offerta di pacchetti prodotto che prevedano la possibilità di effettuare soggiorni ed esperienze/apprendimento, organizzazione di percorsi per la scoperta delle bellezze culturali e paesaggistiche del territorio, ecc.) COMUNICARE con gli eventi culturali (organizzazione di mostre, seminari, manifestazioni folcloristiche, manifestazioni teatrali e musicali,costruiti intorno alla cultura del/dei prodotti) COMUNICARE con il gioco e l entertainment (creazione di parchi multimediali in grado di suscitare esperienze e creare apprendimento, ecc.) 34

35 Le componenti dell esperienza ESSERE SORPRESO Il visitatore deve trovarsi in universi extraordinari e esserne coinvolto IL CONSUMATORE/ VISITATORE DEVE DIVERTIRSI Ritrovarsi in spazi interattivi; porre l accento su dimensioni ludiche APPRENDERE Vedersi proporre informazioni didattiche e pedagogiche che aggiungono tasselli alle sue conoscenze 35

36 La distribuzione e le nuove formule distributive dei prodotti agroalimentari 36

37 La distribuzione Classificazione dei canali distributivi: Lunghezza del canale (cortissimo, costo, lungo:oltre 4 operatori) Forma distributiva adottata dal punto vendita finale (tradizionale, moderna o libero servizio, Ho.Re.Ca) Organizzazione dei rapporti economici fra gli operatori del canale (canali classici, canali contrattuali, canali elettronici) 37

38 La vendita diretta e indiretta Vendita diretta Assicura un controllo diretto sulla vendita dei prodotti. Tra i vantaggi vi è quello di contenere la variabilità della domanda. Permette alle imprese di curare la vendita nei modi e nelle forme volute, in modo da armonizzare così le politiche distributive con le altre politiche del marketing mix. Assicura un contatto diretto con il mercato e il circuito distributivo consentendo, alle imprese di reperire le informazioni strategiche necessarie. Può avvenire all interno dell azienda, mediante una propria organizzazione, il commercio elettronico, la vendita per corrispondenza, presso fiere, ecc. Vendita indiretta e intermediari commerciali (grossisti, GDO, Ho.Re.Ca.) 38

39 Le vendite in una prospettiva di marketing relazionale Punti vendita aziendali Il sito internet Lo stand (aziendale o collettivo) organizzato nell ambito delle manifestazioni fieristiche Museo aziendale Eventi progettati e gestiti dall impresa o dal consorzio o da associazioni di produttori 39

40 Vendita diretta La vendita diretta consente l interazione comunicativa tra venditore e compratore La formula trova sviluppo in una logica di marketing relazionale in quanto è può portare alla instaurazione di relazioni durature e basate sulla fiducia con i clienti 40

41 Lo sviluppo della GDO e della marca commerciale (private label) L ingresso nelle referenze della GDO comporta una serie di oneri supplementari per i produttori connessi principalmente ai seguenti aspetti: prezzo di ingresso (garantire i margini al distributore) garantire la qualità dei prodotti e i volumi richiesti logistica (tempi, modalità, frequenza delle consegne, ecc.) promozione nei punti vendita rischio prodotti invenduti Sviluppo delle marche commerciali (private label) e implicazioni per le imprese agroalimentari 41

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni CONTESTO Dal punto di vista della DOMANDA... Consumatore postmoderno: attivo, esigente,

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 5. La catena del valore IN SINTESI La catena del valore elaborata dall Ismea ha il fine di quantificare la suddivisione del valore dei beni prodotti dal settore

Dettagli

La valutazione della formula imprenditoriale

La valutazione della formula imprenditoriale La valutazione della formula imprenditoriale Come si apprezza e si analizza il grado di successo di un impresa A cura di : Ddr Fabio Forlani Premessa Nel governo strategico delle imprese la valutazione

Dettagli

Criteri per la definizione e valutazione di un nuovo prodotto Aspetti di base ed elementi di discussione a cura di Michele Tamma

Criteri per la definizione e valutazione di un nuovo prodotto Aspetti di base ed elementi di discussione a cura di Michele Tamma Criteri per la definizione e valutazione di un nuovo prodotto Aspetti di base ed elementi di discussione a cura di Michele Tamma Aprile 2005 Definire un nuovo prodotto: Metterne a fuoco il concept, ovvero

Dettagli

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE TITOLO RELAZIONE I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità A partire dal 3 gennaio 2013 è entrato in vigore il regolamento (UE)

Dettagli

Cap.12 Le relazioni pubbliche. Corso di Comunicazione d Impresa - A.A. 2011-2012 Prof. Fabio Forlani - fabio.forlani@uniurb.it

Cap.12 Le relazioni pubbliche. Corso di Comunicazione d Impresa - A.A. 2011-2012 Prof. Fabio Forlani - fabio.forlani@uniurb.it Cap.12 Le relazioni pubbliche Corso di Comunicazione d Impresa - A.A. 2011-2012 Prof. Fabio Forlani - fabio.forlani@uniurb.it Capitolo 12 Le relazioni pubbliche Le relazioni pubbliche (PR) Insieme di attività

Dettagli

IL CONCETTO DI PRODOTTO

IL CONCETTO DI PRODOTTO Definizione IL CONCETTO DI PRODOTTO Un prodotto è tutto ciò che può essere offerto a un mercato a fini di attenzione, acquisizione, uso e consumo, in grado di soddisfare un desiderio o un bisogno. Esso

Dettagli

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi Tra Il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, con sede in Via Cristoforo Colombo, 44, 00187

Dettagli

LA POLITICA DI PRODOTTO

LA POLITICA DI PRODOTTO LA POLITICA DI PRODOTTO COS E UN PRODOTTO? LE FASI PER LA DEFINIZIONE DELLA POLITICA DI PRODOTTO CLASSIFICAZIONE EVENTUALE LANCIO DI NUOVI PRODOTTI DEFINIZIONE DELLA POLITICA DI MARCA DEFINIZIONE DELLA

Dettagli

DOP&IGP_Guida. Il documento informativo necessario per conoscere e proteggere la qualità dei prodotti a livello comunitario INDICE INTERATTIVO

DOP&IGP_Guida. Il documento informativo necessario per conoscere e proteggere la qualità dei prodotti a livello comunitario INDICE INTERATTIVO +39.06.97602592 DOP&IGP_Guida Il documento informativo necessario per conoscere e proteggere la qualità dei prodotti a livello comunitario INDICE INTERATTIVO Pag. 2 Intro e Fonti Pag. 3 DOP o IGP? Differenze

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

Risk management come opportunità per un nuovo welfare

Risk management come opportunità per un nuovo welfare Risk management come opportunità per un nuovo welfare Il contesto economico e sociale in cui operano i comitati Uisp condiziona la loro attività mettendoli di fronte a criticità di natura organizzativa,

Dettagli

VADECUM PER IL CORSISTA

VADECUM PER IL CORSISTA VADECUM PER IL CORSISTA L organismo Formativo Dante Alighieri, con sede in Fasano alla Via F.lli Trisciuzzi, C.da Sant Angelo s.n. - Zona Industriale Sud, nel quadro del P.O. Puglia 2007-2013 AVVISO PR.BR

Dettagli

MARKETING INTELLIGENCE SUL WEB:

MARKETING INTELLIGENCE SUL WEB: Via Durini, 23-20122 Milano (MI) Tel.+39.02.77.88.931 Fax +39.02.76.31.33.84 Piazza Marconi,15-00144 Roma Tel.+39.06.32.80.37.33 Fax +39.06.32.80.36.00 www.valuelab.it valuelab@valuelab.it MARKETING INTELLIGENCE

Dettagli

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco n. 2-2011 La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco Mariangela Franch, Umberto Martini, Maria Della Lucia Sommario: 1. Premessa - 2. L approccio

Dettagli

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo Valutazione Crediti e proposte Progetti Area Turismo a cura di Bruno Turra Questo documento intende affrontare l analisi delle priorità di valutazione nell area turismo individuandone le principali componenti

Dettagli

INTERACTIVE ADVERTISING New media per nuove strategie

INTERACTIVE ADVERTISING New media per nuove strategie INTERACTIVE ADVERTISING New media per nuove strategie Mobile Marketing Interattivo QR Code Inside Active Mailing Interattivo Interattivo Chi Siamo Interactive Advertising si avvale di un network di manager

Dettagli

Il marketing dei prodotti tipici nella prospettiva dell economia delle esperienze 1

Il marketing dei prodotti tipici nella prospettiva dell economia delle esperienze 1 Tonino Pencarelli, Prof. Ordinario Economia e gestione delle imprese Università degli studi di Urbino Carlo Bo pencarelli@uniurb.it Fabio Forlani, Assegnista di ricerca Università degli studi di Urbino

Dettagli

[La catena del valore]

[La catena del valore] [La catena del valore] a cura di Antonio Tresca La catena del valore lo strumento principale per comprendere a fondo la natura del vantaggio competitivo è la catena del valore. Il vantaggio competitivo

Dettagli

GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006

GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006 GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006 PROGRAMMA: Area Management e Marketing dei Beni Culturali INTRODUZIONE AL MARKETING Introduzione ed Obiettivi Il marketing nell

Dettagli

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF www.progettoverde.info - pv@ progettover de.i nfo 1 COS E IL PROGETTO INTEGRATO DI FILIERA (PIF) Il progetto integrato

Dettagli

Il fenomeno della globalizzazione nell era di internet: molti i vantaggi ma anche gli svantaggi

Il fenomeno della globalizzazione nell era di internet: molti i vantaggi ma anche gli svantaggi Il fenomeno della globalizzazione nell era di internet: molti i vantaggi ma anche gli svantaggi La globalizzazione indica un fenomeno di progressivo allargamento della sfera delle relazioni sociali sino

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

Le decisioni relative al prodotto: Cap. 6

Le decisioni relative al prodotto: Cap. 6 Le decisioni relative al prodotto: Cap. 6 Il prodotto Tre punti fondamentali 1. Elementi di base nella gestione del prodotto 2. Sviluppo di nuovi prodotti 3. L organizzazione per il prodotto 1.Elementi

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTÀ DI SCIENZE STATISTICHE CORSO DI LAUREA IN STATISTICA E GESTIONE DELLE IMPRESE TESI DI LAUREA LA PUBBLICITA E LA SUA EFFICACIA: UNA RASSEGNA. RELATORE: PROF.SSA

Dettagli

Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune

Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune 1 Il Progetto di Filiera Dalla liquirizia di Calabria DOP Il Progetto di Filiera Dalla liquirizia di Calabria

Dettagli

STORIA E TRADIZIONE. Da allora Tradizione e Qualità sono rimasti il fiore all occhiello della Pasticceria Orlandi.

STORIA E TRADIZIONE. Da allora Tradizione e Qualità sono rimasti il fiore all occhiello della Pasticceria Orlandi. STORIA E TRADIZIONE La Pasticceria Orlandi nasce per volontà di Romano Orlandi che dopo una lunga gavetta nelle più famose pasticcerie milanesi, nel 1952 decide di mettersi in proprio aprendo il suo negozio

Dettagli

CORSO PER SOMMELIER. Diventare. Sommelier

CORSO PER SOMMELIER. Diventare. Sommelier Sommelier, nella prestigiosa realtà della Sommellerie di Roma e del Lazio, significa Professionismo nel vino. Chiediamo agli appassionati di essere professionisti del buon bere in maniera concreta, nella

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

Costruire nuovi prodotti turistici in provincia di Palermo: l Enogastronomia. Il disciplinare della rete Enogastronomia

Costruire nuovi prodotti turistici in provincia di Palermo: l Enogastronomia. Il disciplinare della rete Enogastronomia Costruire nuovi prodotti turistici in provincia di Palermo: l Enogastronomia Il disciplinare della rete Enogastronomia marzo 2004 A. Le premesse L Azienda di Promozione Turistica della Provincia di Palermo

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

COME CERCARE CLIENTI E VENDERE MEGLIO ALL ESTERO

COME CERCARE CLIENTI E VENDERE MEGLIO ALL ESTERO COME CERCARE CLIENTI E VENDERE MEGLIO ALL ESTERO Tutte le aziende ed attività economiche hanno bisogno di nuovi clienti, sia per sviluppare il proprio business sia per integrare tutti quei clienti, che

Dettagli

PENSA CHE MENSA SCOLASTICA!

PENSA CHE MENSA SCOLASTICA! PENSA CHE MENSA SCOLASTICA! Buona, pulita e giusta Linee guida per una mensa scolastica di qualità 1 A cura di: Valeria Cometti, Annalisa D Onorio, Livia Ferrara, Paolo Gramigni In collaborazione con:

Dettagli

Il master è in collaborazione con

Il master è in collaborazione con Il Master in Turismo Sostenibile e Responsabile - Imprenditorialità e Management ideato dal Centro Studi CTS, giunto alla XII edizione, in collaborazione con Scuola di Comunicazione IULM e AITR - Associazione

Dettagli

Il canale distributivo Prima e dopo Internet. Corso di Laurea in Informatica per il management Università di Bologna Andrea De Marco

Il canale distributivo Prima e dopo Internet. Corso di Laurea in Informatica per il management Università di Bologna Andrea De Marco Il canale distributivo Prima e dopo Internet Corso di Laurea in Informatica per il management Università di Bologna Andrea De Marco La distribuzione commerciale Il canale distributivo è un gruppo di imprese

Dettagli

Content marketing per acquisire e fi delizzare i clienti

Content marketing per acquisire e fi delizzare i clienti Alessandra Cimatti*, Paolo Saibene Marketing Content marketing per acquisire e fi delizzare i clienti Nelle fasi iniziali del processo d acquisto, oggigiorno, i compratori sono dei fai da te e - sempre

Dettagli

Logistica digitale delle Operazioni a premio

Logistica digitale delle Operazioni a premio Logistica digitale delle Operazioni a premio La piattaforma logistica delle operazioni a premio digitali BITGIFT è la nuova piattaforma dedicata alla logistica digitale delle vostre operazioni a premio.

Dettagli

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15 Istituto «San Giuseppe» Scuole Primaria e dell Infanzia Paritarie 71121 Foggia, via C. Marchesi, 48-tel. 0881/743467 fax 744842 pec: istitutosangiuseppefg@pec.it e-mail:g.vignozzi@virgilio.it sito web:

Dettagli

CARNE BOVINA Analisi della filiera

CARNE BOVINA Analisi della filiera CARNE BOVINA Analisi della filiera Gennaio 2006 STRUTTURA DELLA FILIERA CARNE Flussi, attività e nodi critici La zootecnia è un settore chiave per l agricoltura italiana VALORE DELLA PRODUZIONE AGRICOLA

Dettagli

Che cos è la Qualità?

Che cos è la Qualità? Che cos è la Qualità? Politecnico di Milano Dipartimento di Elettrotecnica 1 La Qualità - Cos è - La qualità del prodotto e del servizio - L evoluzione del concetto di qualità - La misura della qualità

Dettagli

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali GUIDA ALLA RIFORMA degli istituti tecnici e professionali Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali Il futuro è la nostra

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

ASSOVINI SICILIA, L ASSOCIAZIONE CHE FA IMPRESA

ASSOVINI SICILIA, L ASSOCIAZIONE CHE FA IMPRESA ASSOVINI SICILIA, L ASSOCIAZIONE CHE FA IMPRESA Promuovere la Sicilia del vino di qualità come se fosse una grande azienda, dotata di obiettivi, strategia e know-how specifico. Ecco il segreto dell associazione

Dettagli

1. AGROALIMENTARE, PROMOZIONE TERRITORIALE E TURISMO

1. AGROALIMENTARE, PROMOZIONE TERRITORIALE E TURISMO CHI SIAMO Sagitter One é la compagnia specializzata nel fornire soluzioni all avanguardia nel mercato dell ospitalità, della promozione agroalimentare, del marketing territoriale e dell organizzazione

Dettagli

PRESENTAZIONE AGLI ANALISTI

PRESENTAZIONE AGLI ANALISTI PRESENTAZIONE AGLI ANALISTI Milano, 17 Marzo 2010 AGENDA 1. Il Gruppo 2. Il mercato 3. Dati economico-finanziari 4. Il titolo Pag. 2 RELATORI LUIGI LUZZATI Presidente del CDA di Centrale del Latte di Torino

Dettagli

Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione

Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione BNPP L1 Equity Best Selection Euro/Europe: il tuo passaporto per il mondo 2 EUROPEAN LARGE CAP EQUITY SELECT - UNA

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

Resellers Kit 2003/01

Resellers Kit 2003/01 Resellers Kit 2003/01 Copyright 2002 2003 Mother Technologies Mother Technologies Via Manzoni, 18 95123 Catania 095 25000.24 p. 1 Perché SMS Kit? Sebbene la maggior parte degli utenti siano convinti che

Dettagli

IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI

IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI Con decreto direttoriale del 7 ottobre 2013, il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare ha adottato il Programma Nazionale di

Dettagli

IL COST CONTROL. Il controllo dei Costi nella Ristorazione. a cura di Marco Comensoli

IL COST CONTROL. Il controllo dei Costi nella Ristorazione. a cura di Marco Comensoli IL COST CONTROL Il controllo dei Costi nella Ristorazione a cura di Marco Comensoli 1 La Ristorazione I Costi I Costi I principali costi delle attività di ristorazione sono: Le risorse umane; Gli alimenti;

Dettagli

FORMAZIONE SUL CAMPO IN FARMACIA

FORMAZIONE SUL CAMPO IN FARMACIA FORMAZIONE SUL CAMPO IN FARMACIA Proposte formative 2011 Novità accreditamento ECM FINALITA Per soddisfare l esigenza di aggiornamento professionale continuo, grazie all esperienza maturata da Vega nelle

Dettagli

DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT

DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT SAINT-MARCEL MARCEL Storia di un idea CONVEGNO INTERNAZIONALE Esperienze di turismo in ambiente alpino:

Dettagli

GUIDA DI APPROFONDIMENTO IL MARKETING

GUIDA DI APPROFONDIMENTO IL MARKETING WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO IL MARKETING A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA SOMMARIO PREMESSA... 5 PRINCIPI E FASI DEL MARKETING... 6 BISOGNI, DESIDERI, DOMANDA... 6 VALORE, COSTO E SODDISFAZIONE...

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE. Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO. relativa ad orientamenti strategici comunitari per lo sviluppo rurale

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE. Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO. relativa ad orientamenti strategici comunitari per lo sviluppo rurale COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxelles, 5.7.2005 COM(2005) 304 definitivo 2005/0129 (CNS) Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO relativa ad orientamenti strategici comunitari per lo sviluppo rurale

Dettagli

CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese

CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese l unione fa la forza per restituire valore aggiunto alla produzione 1 Il Consorzio Il Consorzio CO.PA.VIT. è nato nel 2008 a partire da un iniziativa

Dettagli

Prosegue il percorso di riflessione

Prosegue il percorso di riflessione strategie WEB MARKETING. Strategie di Customer Journey per la creazione di valore Il viaggio del consumatore in rete Come le aziende possono calarsi nell esperienza multicanale del cliente per costruire

Dettagli

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia la gestione dei processi di comunicazione in quale scenario deve identificarsi un progetto di miglioramento, nella gestione dei beni digitali per

Dettagli

I presupposti giuridici della valutazione degli intangibles.

I presupposti giuridici della valutazione degli intangibles. Ufficio di Modena: Via M. Vellani Marchi, 20 Tel: 059 2916511 Fax: 059 2921132 Email: masetti@bugnion.it www.bugnion.it Avv. Rossella Masetti Email: masetti@bugnion.it LA GESTIONE E LA VALORIZZAZIONE DI

Dettagli

www.mt-consulting.it Inserire un disegno BANDO DAT DAT MORBEGNO: Mo.Ma Tel 0342-615355 e-mail dottirinzoni@mt-consulting.it

www.mt-consulting.it Inserire un disegno BANDO DAT DAT MORBEGNO: Mo.Ma Tel 0342-615355 e-mail dottirinzoni@mt-consulting.it Inserire un disegno BANDO DAT DAT MORBEGNO: Mo.Ma I PROMOTORI I promotori del progetto DAT COMUNE DI MORBEGNO ENTE CAPOFILA TRAONA DAZIO- CIVO MELLO CERCINO COSIO VALTELLINO - MANTELLO ROGOLO - VALMASINO

Dettagli

Scegli il Totem. La forza di Tòco sta nella continuità.

Scegli il Totem. La forza di Tòco sta nella continuità. Studio Le tue aspettative, il nostro Totem. Nella tradizione indigena il tucano rappresenta la guida per la comunicazione tra la realtà ed il mondo dei sogni. Per Tòco è il simbolo della comunicazione

Dettagli

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 36 1. ZUCCHERI E SAPORE DOLCE Tutti gli zuccheri sono fonti di energia e non

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

DOP E IGP: I NUMERI DELLA QUALITA. Lo strumento Dop e Igp: utilità, punti di forza e principali criticità

DOP E IGP: I NUMERI DELLA QUALITA. Lo strumento Dop e Igp: utilità, punti di forza e principali criticità DOP E IGP: I NUMERI DELLA QUALITA Bologna, 12 settembre 2008 Lo strumento Dop e Igp: utilità, punti di forza e principali criticità Denis Pantini Coordinatore di Area Agricoltura e Industria alimentare

Dettagli

Quando imprenditorialità e management si sposano: il caso Moment

Quando imprenditorialità e management si sposano: il caso Moment Esperienze di successo per un vantaggio competitivo 27 ottobre 2011 Quando imprenditorialità e management si sposano: il caso Moment Raffaella Graziosi Project & Portfolio Manager ACRAF SpA Gruppo Angelini

Dettagli

Tiziano Bettati, Maria Teresa Pacchioli Centro Ricerche Produzioni Animali

Tiziano Bettati, Maria Teresa Pacchioli Centro Ricerche Produzioni Animali Il Divulgatore n.10/2002 Sicurezza alimentare PARTENDO DALLA DOP Tr@ce.pig è un progetto di tracciabilità della filiera del suino pesante utilizzato come materia prima per i Prosciutti di Parma a Denominazione

Dettagli

PROCESSO ALLE PROMOZIONI IL GIOCO VALE LA CANDELA?

PROCESSO ALLE PROMOZIONI IL GIOCO VALE LA CANDELA? PROCESSO ALLE PROMOZIONI IL GIOCO VALE LA CANDELA? La maggior parte dei Retailer effettua notevoli investimenti in attività promozionali. Non è raro che un Retailer decida di rinunciare al 5-10% dei ricavi

Dettagli

Il mobile e lo shopping on demand. Come il performance marketing aiuta a ridisegnare i percorsi d acquisto. tradedoubler.com

Il mobile e lo shopping on demand. Come il performance marketing aiuta a ridisegnare i percorsi d acquisto. tradedoubler.com Il mobile e lo shopping on demand Come il performance marketing aiuta a ridisegnare i percorsi d acquisto tradedoubler.com I canali di performance marketing mobile stanno trasformando l esperienza di acquisto

Dettagli

IL GUSTO SENZA MACCHIA

IL GUSTO SENZA MACCHIA REGOLAMENTO DEL CONCORSO A PREMI DENOMINATO: IL GUSTO SENZA MACCHIA 15/028 Promosso da HENKEL ITALIA S.r.l. Divisione Detersivi Soggetto Promotore HENKEL ITALIA S.r.l. Divisione Detersivi con sede legale

Dettagli

PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AL MERCATO ALLA TAVOLA. Per saperne di più

PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AL MERCATO ALLA TAVOLA. Per saperne di più PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AGRICOLTURA BIOLOGICA LA FILIERA (dal campo alla tavola) AL MERCATO L ETICHETTA PRODOTTI A KM ZERO MERCATI CONTADINI, VENDITA DIRETTA, GAS ALLA TAVOLA LA PIRAMIDE ALIMENTARE

Dettagli

GE.NE Srl - MERCATOPESCA Srl - GEM Srl

GE.NE Srl - MERCATOPESCA Srl - GEM Srl 1 Ge.Ne S.r.l è un'azienda che opera con successo da 20 anni nel commercio di prodotti ittici freschi e congelati, carne fresca confezionata di alta qualità, verdure e primi piatti surgelati. I moderni

Dettagli

PIANO DI CONTROLLO DI CONFORMITÀ DELLA D.O.P. OLIO EXTRAVERGINE DI OLIVA TERRE TARENTINE

PIANO DI CONTROLLO DI CONFORMITÀ DELLA D.O.P. OLIO EXTRAVERGINE DI OLIVA TERRE TARENTINE PIANO DI CONTROLLO DI CONFORMITÀ DELLA D.O.P. OLIO EXTRAVERGINE DI OLIVA TERRE TARENTINE REV. DATA REDATTO Il Responsabile Tecnico VERIFICATO Responsabile di Certificazioni di prodotti Agroalimentari 00

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Università degli studi di Bergamo Anno accademico 2005 2006 IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Docente: Prof. Massimo Merlino Introduzione Il tema della gestione dell innovazione tecnologica è più che mai

Dettagli

FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA

FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA novembre 2004 FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA CICLO DI FORMAZIONE SUL RUOLO E SULLA VALORIZZAZIONE DELLA MARCA NELLA VITA AZIENDALE 3, rue Henry Monnier F-75009 Paris www.arkema.com TEL (+33)

Dettagli

REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE

REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE Premessa Impresa in azione è il programma didattico dedicato agli studenti degli ultimi anni della Scuola Superiore e pensato per valorizzare la creatività e lo spirito imprenditoriale

Dettagli

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying by Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying di Alberto Cattaneo Partner, Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying Ormai è diventato un

Dettagli

Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette

Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette Sede: Dipartimento di Scienze Ambientali, sez. Botanica ed Ecologia - Via Pontoni, 5

Dettagli

LA SALUTE VIEN MANGIANDO

LA SALUTE VIEN MANGIANDO Comune di Trino Assessorato Istruzione e Cultura Settore Extrascolastico-Culturale Istituto Comprensivo di Trino Scuola dell Infanzia e Scuola Primaria Asl 21 di Casale Dipartimento di Prevenzione Servizio

Dettagli

Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi

Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi Carlo Zaghi Dirigente Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Direzione Generale per le Valutazioni e le Autorizzazioni Ambientali

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

Nel regno degli esseri viventi non esistono cose, ma solo relazioni Gregory Bateson

Nel regno degli esseri viventi non esistono cose, ma solo relazioni Gregory Bateson Le Tecnologie della Relationship Management e l interazione con le funzioni ed i processi aziendali Angelo Caruso, 2001 Relationship Management Nel regno degli esseri viventi non esistono cose, ma solo

Dettagli

I prodotti a Denominazione di Origine Protetta (DOP), ad Indicazione Geografica Protetta (IGP), e le Specialità Tradizionali Garantite (STG)

I prodotti a Denominazione di Origine Protetta (DOP), ad Indicazione Geografica Protetta (IGP), e le Specialità Tradizionali Garantite (STG) I prodotti a Denominazione di Origine Protetta (DOP), ad Indicazione Geografica Protetta (IGP), e le Specialità Tradizionali Garantite (STG) EMAA 13/14 XII / 1 DO e IG protette da cosa? Il Regolamento

Dettagli

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Edizione italiana a cura di G. Soda Capitolo 6 La progettazione della struttura organizzativa: specializzazione e coordinamento Jones, Organizzazione

Dettagli

PASSEPARTOUT PLAN PLANNING E AGENDA I PLANNING LA MAPPA INTERATTIVA LA GESTIONE DEI SERVIZI LA PRENOTAZIONE

PASSEPARTOUT PLAN PLANNING E AGENDA I PLANNING LA MAPPA INTERATTIVA LA GESTIONE DEI SERVIZI LA PRENOTAZIONE PASSEPARTOUT PLAN Passepartout Plan è l innovativo software Passepartout per la gestione dei servizi. Strumento indispensabile per una conduzione organizzata e precisa dell attività, Passepartout Plan

Dettagli

SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL?

SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL? archiviazione ottica, conservazione e il protocollo dei SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL? Il software Facile! BUSINESS Organizza l informazione

Dettagli

DISPENSA N. 18 MARKETING

DISPENSA N. 18 MARKETING 1 E PIANIFICAZIONE Per marketing si intende l'insieme di attività che servono per individuare a chi vendere, che cosa vendere e come vendere, con l'obiettivo di soddisfare í bisogni e i desideri del consumatore,

Dettagli

UN CASO CONCRETO DI VALUTAZIONE DELLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE

UN CASO CONCRETO DI VALUTAZIONE DELLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE Tratto dal corso Ifoa UN CASO CONCRETO DI VALUTAZIONE DELLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE Recentemente, si sono sviluppati numerosi modelli finalizzati a valutare e a controllare il livello di soddisfazione

Dettagli

www.ipaper.com/europe Questa brochure è stata stampata su carta IP Pro-Design, certificata PEFC

www.ipaper.com/europe Questa brochure è stata stampata su carta IP Pro-Design, certificata PEFC www.ipaper.com/europe Questa brochure è stata stampata su carta IP Pro-Design, certificata PEFC Gestione forestale sostenibile Tutto quello che bisogna sapere Sommario 1. Che cosa si intende per gestione

Dettagli

Sono secoli che viviamo del futuro

Sono secoli che viviamo del futuro Sono secoli che viviamo del futuro La Toscana a Expo Milano 2015 LA TOSCANA A EXPO 2015 (1-28 MAGGIO) "Sono secoli che viviamo nel futuro" è questo il claim scelto dalla Toscana per presentarsi ad Expo

Dettagli

L.R. 12/2006, art. 6, commi da 82 a 89 B.U.R. 3/1/2007, n. 1. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 12 dicembre 2006, n. 0381/Pres.

L.R. 12/2006, art. 6, commi da 82 a 89 B.U.R. 3/1/2007, n. 1. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 12 dicembre 2006, n. 0381/Pres. L.R. 12/2006, art. 6, commi da 82 a 89 B.U.R. 3/1/2007, n. 1 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 12 dicembre 2006, n. 0381/Pres. LR 12/2006, articolo 6, commi da 82 a 89. Regolamento concernente i criteri

Dettagli

INDAGINE CONFCOMMERCIO-FORMAT SUL NEGOZIO NELL ERA DI INTERNET

INDAGINE CONFCOMMERCIO-FORMAT SUL NEGOZIO NELL ERA DI INTERNET INDAGINE CONFCOMMERCIO-FORMAT SUL NEGOZIO NELL ERA DI INTERNET Per circa il 70% dei consumatori e degli imprenditori i negozi tradizionali tra dieci anni avranno ancora un ruolo importante, ma solo se

Dettagli

R E A L E S T A T E G R U P P O R I G A M O N T I. C O M

R E A L E S T A T E G R U P P O R I G A M O N T I. C O M REAL ESTATE GRUPPORIGAMONTI.COM 2 Rigamonti Real Estate La scelta giusta è l inizio di un buon risultato Rigamonti Founders Rigamonti REAL ESTATE Società consolidata nel mercato immobiliare, con più di

Dettagli

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano www.pwc.com/it Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano giugno 2013 Sommario Il contesto di riferimento 4 Un modello di evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il

Dettagli

Progetto Mappa CET Versione 1.0 del 08-12-2010

Progetto Mappa CET Versione 1.0 del 08-12-2010 Progetto Mappa CET Versione 1.0 del 08-12-2010 La capacità di godere richiede cultura, e la cultura equivale poi sempre alla capacità di godere. Thomas Mann 1 Oggetto Il progetto consiste nella creazione

Dettagli

Spiegami e dimenticherò, mostrami e

Spiegami e dimenticherò, mostrami e PROGETTO Siracusa e Noto anche in lingua dei segni Spiegami e dimenticherò, mostrami e ricorderò, coinvolgimi e comprenderò. (Proverbio cinese) Relatrice: Prof.ssa Bernadette LO BIANCO Project Manager

Dettagli

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Preambolo La Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale è il documento che definisce i valori e i princìpi condivisi da tutte le organizzazioni

Dettagli