RISERVATEZZA E MARKETING IN FARMACIA facciamo il punto!

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "RISERVATEZZA E MARKETING IN FARMACIA facciamo il punto!"

Transcript

1 RISERVATEZZA E MARKETING IN FARMACIA 0 RISERVATEZZA E MARKETING IN FARMACIA facciamo il punto! Il rispetto del carattere confidenziale delle informazioni idonee a rivelare lo stato di salute costituisce un principio essenziale del sistema giuridico di tutti i Paesi europei aderenti alla Convenzione. Non soltanto al fine di proteggere la vita privata delle persone malate ma anche per salvaguardare la fiducia delle persone nei confronti del personale medico e dei servizi sanitari in generale. (Corte Europea Diritti dell Uomo CEDU, Z v. Finland, sentenza 25 febbraio 1997). A cura avv. Paola Maddalena Ferrari

2 1 SOMMARIO Rispettare la riservatezza è la prima regola di marketing... 2 La riservatezza è obbligo deontologico... 2 il farmacista deve acquisire un consenso scritto al trattamento dei dati?... 2 ci sono regole da seguire nella conservazione delle ricette e/o referti?... 2 scontrino parlante e necessario il consenso?... 2 In quali circostanze va data l informativa?... 3 Il farmacista titolare è responsabile del trattamento? cosa significa?... 4 formazione come regola... 4 Il personale non ha alcuna responsabilità?... 5 e necessario un esplicito consenso scritto del cliente per chiamare il medico in caso di dubbi sulla prescrizione del farmaco?... 5 i medici possono lasciare le ricette compilate in farmacia con il consenso del paziente?... 5 E possibile comunicare informazioni a persone della famiglia dell assistito o ad altro medico che ha in cura il paziente?... 6 Un cliente minorenne si presenta in farmacia per richiedere un contraccettivo o un esame per malattia sessualmente trasmissibile. il farmacista e obbligato ad informare la famiglia se la conosce?... 6 La farmacia vuole istituire il cup ci sono delle regole da rispettare?... 7 Vorrei mettere delle telecamere in farmacia e lecito?... 7 E lecito mettere in farmacia impianti antitaccheggio?... 7 Per le telecamere ci sono altre regole da rispettare?... 7 Ci sono regole da rispettare per l impianto di videosorveglianza se ci sono lavoratori?... 8 Vorrei fidelizzare la clientela attraverso una fidelity card e newsletter. e lecito?... 9 E possibile informare i clienti attraverso sms e/o mail di eventi promozionali?... 9 E obbligatorio mettere barriere che impongano la distanza con il banco di vendita?... 9 LETTERA INCARICO/RESPONSABILE telecamere INFORMATIVA DA ESPORRE esempio Distanza di cortesia

3 2 Rispettare la riservatezza è la prima regola di marketing La farmacia sta cambiando. La necessità di introdurre nuovi servizi, proteggere il patrimonio e gli strumenti di comunicazione massiva comportano vantaggi e qualche responsabilità. Molta e varia è la documentazione che contiene dati sensibili presente nelle farmacia: prescrizioni mediche, certificati, fatturazioni fatte al paziente, contabilizzazione dei presidi, elaborazione delle schede riferibili allo specifico paziente, gestione del servizio di noleggio, screening, referti medici ecc. Porre attenzione all uso dei dati dei clienti vuol dire da una parte salvaguardare il paziente ed il cliente, limitando gli errori che possono derivare da un errata o superficiale gestione della documentazione stessa, dall altra preservarlo dai rischi di un discriminato utilizzo e conoscenza delle informazioni che lo riguardano. Preservare la riservatezza è un atto di rispetto che, sicuramente, sarà premiata dalla fiducia del cliente. Questo lavoro non ha la presunzione della completezza ma riassume le molte domande che mi vendono rivolte dai farmacisti. La riservatezza è obbligo deontologico Per il farmacista l obbligo di riservatezza non deriva esclusivamente dal dovere di rispettare la normativa sulla protezione dei dati personali ( d.lgs196/2003), ma costituisce anche un obbligo deontologico che qualifica l agire del professionista. TITOLO XIII - RISERVATEZZA E SEGRETO PROFESSIONALE - Art. 36 La conservazione del segreto su fatti e circostanze dei quali il farmacista sia venuto a conoscenza per ragione della sua attività professionale, oltre che un obbligo giuridico è un imprescindibile dovere morale, che il farmacista deve esigere anche dagli incaricati del trattamento dei dati personali. il farmacista deve acquisire un consenso scritto al trattamento dei dati? No, per erogare un farmaco il farmacista non deve raccogliere alcun consenso. Si, nel caso di servizi diversi dalla dispensazione del farmaco che comportino trattamento di dati personali e sensibili soprattutto se comunicati ad altri professionisti non medici ( es. autoanalisi, noleggio ausili sanitari, forniture su misure ecc.) oppure nel caso di specifiche attività di marketing. ci sono regole da seguire nella conservazione delle ricette e/o referti? Devono essere seguite scrupolose regole di conservazione. In particolare le ricette non ripetibili che obbligano il medico ad individuare il paziente, nonché quelle che riguardano farmaci stupefacenti e/o che siano indicative di comportamenti sessuali e/o malattie sessualmente trasmissibili, devono essere conservate con maggiore attenzione in luoghi chiusi a chiave con accesso limitato solo a coloro che hanno ricevuto un espressa lettera di incarico al trattamento dei dati. scontrino parlante e necessario il consenso? No. 2

4 3 Dal 2010 lo scontrino parlante non deve contenere il nome del farmaco in quanto può essere emesso attraverso l'utilizzo del "numero di autorizzazione all'immissione in commercio" (Aic) presente sulla confezione del farmaco. Il codice alfanumerico, rilevabile anche mediante lettura ottica, consente infatti di identificare in modo univoco ogni singola confezione farmaceutica venduta. In quali circostanze va data l informativa? Al di fuori di quanto esplicitamente indicato sopra, il codice della privacy, decreto legislativo 196/2003, all art. 13, specifica che il paziente deve essere sempre informato sulle modalità e finalità del trattamento dei dati e sull uso che di questi dati ne viene fatto. In farmacia i dati vengono utilizzati e raccolti per finalità diverse: dispensazione del farmaco, sicurezza degli operatori, attività di marketing, prenotazione degli esami clinici attraverso il cup, screening ecc. Ogni tipo di trattamento richiede una specifica informativa. Art. 13. Informativa 1. L'interessato o la persona presso la quale sono raccolti i dati personali sono previamente informati oralmente o per iscritto circa: a) le finalità e le modalità del trattamento cui sono destinati i dati; b) la natura obbligatoria o facoltativa del conferimento dei dati; c) le conseguenze di un eventuale rifiuto di rispondere; d) i soggetti o le categorie di soggetti ai quali i dati personali possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualità di responsabili o incaricati, e l'ambito di diffusione dei dati medesimi; e) i diritti di cui all'articolo 7; f) gli estremi identificativi del titolare e, se designati, del rappresentante nel territorio dello Stato ai sensi dell'articolo 5 e del responsabile. Quando il titolare ha designato più responsabili è indicato almeno uno di essi, indicando il sito della rete di comunicazione o le modalità attraverso le quali è conoscibile in modo agevole l'elenco aggiornato dei responsabili. Quando è stato designato un responsabile per il riscontro all'interessato in caso di esercizio dei diritti di cui all'articolo 7, è indicato tale responsabile. 2. L'informativa di cui al comma 1 contiene anche gli elementi previsti da specifiche disposizioni del presente codice e può non comprendere gli elementi già noti alla persona che fornisce i dati o la cui conoscenza può ostacolare in concreto l'espletamento, da parte di un soggetto pubblico, di funzioni ispettive o di controllo svolte per finalità di difesa o sicurezza dello Stato oppure di prevenzione, accertamento o repressione di reati. 3. Il Garante può individuare con proprio provvedimento modalità semplificate per l'informativa fornita in particolare da servizi telefonici di assistenza e informazione al pubblico. 4. Se i dati personali non sono raccolti presso l'interessato, l'informativa di cui al comma 1, comprensiva delle categorie di dati trattati, è data al medesimo interessato all'atto della registrazione dei dati o, quando è prevista la loro comunicazione, non oltre la prima comunicazione. 5. La disposizione di cui al comma 4 non si applica quando: a) i dati sono trattati in base ad un obbligo previsto dalla legge, da un regolamento o dalla normativa comunitaria; b) i dati sono trattati ai fini dello svolgimento delle investigazioni difensive di cui alla legge 7 dicembre 2000, n. 397, o, comunque, per far valere o difendere un diritto in sede giudiziaria, sempre che i dati siano trattati esclusivamente per tali finalità e per il periodo strettamente necessario al loro perseguimento; 3

5 4 c) l'informativa all'interessato comporta un impiego di mezzi che il Garante, prescrivendo eventuali misure appropriate, dichiari manifestamente sproporzionati rispetto al diritto tutelato, ovvero si riveli, a giudizio del Garante, impossibile. 5-bis. L'informativa di cui al comma 1 non è dovuta in caso di ricezione di curricula spontaneamente trasmessi dagli interessati ai fini dell'eventuale instaurazione di un rapporto di lavoro. Al momento del primo contatto successivo all'invio del curriculum, il titolare è tenuto a fornire all'interessato, anche oralmente, una informativa breve contenente almeno gli elementi di cui al comma 1, lettere a), d) ed f). (1) Il farmacista titolare è responsabile del trattamento? cosa significa? Si. Il "titolare", secondo la definizione di legge è la persona fisica, la persona giuridica, la pubblica amministrazione e qualsiasi altro ente, associazione od organismo cui competono, anche unitamente ad altro titolare, competono le decisioni in ordine alle finalità, alle modalità del trattamento di dati personali e agli strumenti utilizzati, ivi compreso il profilo della sicurezza. In pratica: è il titolare della farmacia responsabile per il trattamento dei dati nel suo esercizio. Il trattamento dei dati, ai sensi del combinato dell art. 15 del dlgs 196/2003 e dell art del codice civile è considerata un attività pericolosa. Questo vuol dire che il danneggiato deve limitarsi a dimostrare il danno mentre il professionista deve dimostrare di avere fatto tutto il necessario per evitarlo. Art. 15. Danni cagionati per effetto del trattamento 1. Chiunque cagiona danno ad altri per effetto del trattamento di dati personali è tenuto al risarcimento ai sensi dell'articolo 2050 del codice civile. formazione come regola Non esiste consapevolezza senza formazione. Il farmacista è tenuto a formare ed obbligare il proprio personale e tutti coloro, anche lavoratori autonomi esterni alla struttura, dell obbligo di rispettare le misure di sicurezza e di rispettare il segreto professionale. La lettera d incarico e/o la nomina quale responsabile del trattamento, nel caso siano affidati dati ad una persona e/o ad un azienda una parte dei dati anche per finalità di conservazione, oltre ad essere obbligatoria, è anche un sistema per obbligare i terzi alla massima responsabilità. 4

6 5 Il personale non ha alcuna responsabilità? Si, attraverso la lettera d incarico e la formazione specifica, il farmacista potrà dimostrare di avere fatto tutto quanto necessario per proteggere il paziente. Per questo la lettera d incarico deve essere scritta e controfirmata. Naturalmente non basta scrivere le regole ma è necessario anche controllare le regole. Inutile scrivere lunghe lettere se poi le ricette vengono abbandonate in ogni angolo. e necessario un esplicito consenso scritto del cliente per chiamare il medico in caso di dubbi sulla prescrizione del farmaco? No, in quanto la dispensazione deve avvenire in modo sicuro, ma è sempre opportuno che il cliente sia informato della necessità di rivolgersi al medico per risolvere un dubbio che possa influire sulla sua sicurezza. i medici possono lasciare le ricette compilate in farmacia con il consenso del paziente? La consegna di documentazione clinica va fatta al paziente e/o ad un suo delegato con atto scritto. Con nota in data 14/11/2014 il garante ha chiarito che le procedure consentono ai medici di lasciare ai pazienti ricette e i certificati presso le sale d'attesa dei propri studi o presso le farmacie, senza doverglieli necessariamente consegnare di persona. Per impedire la conoscibilità da parte di estranei di dati delicati, come quelli sanitari, è però indispensabile che ricette e certificati vengano consegnati in busta chiusa. La busta chiusa è tanto più necessaria nel caso in cui non sia il paziente a ritirare i documenti, ma una persona da questi appositamente delegata. In ogni caso è necessario ricordare che la consegna al farmacista di documentazione del singolo paziente dovrà essere preceduta da esplicita richiesta dello stesso. La prassi di lasciare le ricette al farmacista, senza richiesta esplicita, non dovrà essere sistematizzata per evitare di sconfinare nell art. 15 del codice deontologico che vieta l accaparramento di ricette. In tal senso si è anche espressa Federfarma con circolarein data 20/11/2014 che ha chiarito con una prospettazione che ritengo corretta: La pratica di recapitare le ricette del medico direttamente in farmacia «dovrebbe essere circoscritta a quei casi, del tutto eccezionali, nei quali il paziente è obiettivamente impossibilitato a recarsi di persona in ambulatorio». 5

7 6 In una circolare diramata ieri, però, Federfarma ha ritenuto opportuno integrare le disposizioni dell Authority con una serie di indicazioni tratte dalle normi vigenti e dalla deontologia professionale, che ovviamente esula dai riferimenti del Garante. I titolari non devono, infatti, dimenticare l articolo 15 del Codice deontologico, dove si stabilisce che «il farmacista non deve promuovere, organizzare o aderire a iniziative di accaparramento di prescrizioni mediche comunque e dovunque poste in essere». Per accaparramento di ricette, in particolare, si intende ogni iniziativa diretta a convogliare le prescrizioni in una determinata farmacia senza preventiva ed esplicita autorizzazione dell interessato. Anche perché all articolo 15 della legge 475/1968 viene sancito il diritto del cittadino alla libera scelta della farmacia alla quale rivolgersi. Per tale motivo, le indicazioni del Garante non autorizzano il medico a decidere di propria volontà se e a quale farmacia recapitare le ricette di un paziente. Spetta soltanto a quest ultimo scegliere se avvalersi di tale opzione, nel qual caso deve delegare per iscritto un incaricato (che può anche essere il collaboratore della farmacia). A tale persona il medico deve consegnare le ricette in busta chiusa e in questa busta devono rimanere fino a quando il paziente la ritira, anche in farmacia. Art. 15 codice deontologico Divieto di accaparramento di ricette 1. Il farmacista non deve promuovere, organizzare o aderire a iniziative di accaparramento di prescrizioni mediche comunque e dovunque poste in essere. E possibile comunicare informazioni a persone della famiglia dell assistito o ad altro medico che ha in cura il paziente? No, qualunque passaggio di informazione deve essere autorizzato dal paziente/cliente. Nel caso di consegna di documentazione la stessa dovrà essere data al paziente e/o a persona dallo stesso delegato. Non è necessario raccogliere la delega ogni volta. Il paziente può delegare stabilmente una e/o due persone a tale procedura. In tal caso è opportuno farsi firmare un consenso generale. Esempio documentazione clinica cup : Io sottoscritto ( nome paziente) delego il signor..alla ritiro della documentazione clinica presso la farmacia da valersi da ora fino a revoca Per ritiro della farmacia della ricetta del paziente: Io sottoscritto.( nome paziente) delego il signor ( nome del farmacista)..quale mia persona di fiducia a ritirare presso il dott.mio medico curante, le ricette relative ai farmaci prescritti. Chiedo, inoltre, allo stesso che provveda appena ritirata alla prenotazione del farmaco in questione. La presente vale fino a revoca Data e firma del paziente. Un cliente minorenne si presenta in farmacia per richiedere un contraccettivo o un esame per malattia sessualmente trasmissibile. il farmacista e obbligato ad informare la famiglia se la conosce? No. 6

8 7 Il cliente minorenne che abbia comunque compiuto i 14 anni puo legittimamente praticare atti sessuali nei limiti di legge. Il Garante della Privacy, in data 17/11/2010, in risposta alla domanda di una struttura ha chiarito: Il motivo della norma è evidente: garantire l'anonimato al minore che non voglia o non possa mettere a parte i genitori dei suoi problemi e si rivolga alle strutture autorizzate per evitare che lo stesso possa rivolgersi clandestinamente a soggetti privi della necessarie garanzie di serietà e di professionalità, il cui intervento potrebbe provocare gravi danni alla salute fisiopsichica del minore". Ha proseguito: dalla ratio della norma dovrebbe desumersi che il genitore in questione non possa accedere alla documentazione richiesta; e ciò neppure con il consenso della figlia, per l'evidente probabilità che la volontà della minore venga coartata. "; La farmacia vuole istituire il cup ci sono delle regole da rispettare? Si, prima di tutto il farmacista deve organizzare il servizio seguendo alcune regole che sono contenute nel provvedimento generale n. 19 del 19 gennaio 2011, che qui si sintetizza: a) Obbligo di rendere l'informativa all'interessato ai sensi dell'articolo 13 del Codice secondo le indicazioni che dovrebbero essere fornite dalle singole asl. b) E' necessario prevedere che anche gli operatori della farmacia, individuati quali incaricati del trattamento dei dati nell'ambito del sistema CUP, non tenuti per legge al segreto professionale, siano sottoposti a regole di condotta analoghe al segreto professionale, in analogia a quanto previsto in ambito sanitario (art. 83, comma 2, lett. i), del Codice c) Le farmacie devono prevedere postazioni dedicate e prevedano distanze di rispetto; d) Il referto, anche digitale, deve essere consegnato all interessato cioè al cliente o ad un suo delegato munito di documento di riconoscimento e delega scritta. e) Non possono essere create banche dati di referti digitali presso la farmacia. f) Nel caso in cui il sistema CUP preveda l'invio di SMS o messaggi di posta elettronica all'utente concernenti i servizi resi, tali comunicazioni non debbano contenere indicazioni di dettaglio circa la tipologia di prestazione, l'esito e le credenziali di accesso. Vorrei mettere delle telecamere in farmacia e lecito? Si, nel rispetto della normativa per il trattamento dei dati personali ed in particolare l art. 13 che prevede l obbligo di informativa e del Provvedimento in materia di videosorveglianza - 8 aprile 2010 (Gazzetta Ufficiale n. 99 del 29 aprile 2010) Nel caso di dipendenti, vanno rispettate anche le regole imposte dell art. 4 della legge 300/70 ( statuto dei lavoratori). Non è invece necessario la notifica al Garante, fatto salvo che non siano muniti di riconoscimento biometrico. E lecito mettere in farmacia impianti antitaccheggio? Si, anche in questo caso gli impianti devono essere segnalati all ingresso della farmacia. Per le telecamere ci sono altre regole da rispettare? Si, queste sono le regole imposte dal Garante: B) IMPIANTO DI SORVEGLIANZA. il sistema informativo ed il relativo programma informatico deve essere conformati già in origine in modo da non utilizzare dati relativi a persone identificabili quando le finalità del trattamento possono essere realizzate impiegando solo dati anonimi (Lo impone il principio di necessità, il quale 7

9 8 comporta un obbligo di attenta configurazione di sistemi informativi e di programmi informatici per ridurre al minimo l'utilizzazione di dati personali (art. 3 del Codice); B ) NON INQUADRARE E ZUMARE SUI FARMACI EROGATI: l'attività di videosorveglianza deve essere effettuata nel rispetto del c.d. principio di proporzionalità nella scelta delle modalità di ripresa e dislocazione (es. tramite telecamere fisse o brandeggiabili, dotate o meno di zoom), nonché nelle varie fasi del trattamento che deve comportare, comunque, un trattamento di dati pertinenti e non eccedenti rispetto alle finalità perseguite (art. 11, comma 1, lett. d) del Codice). C) IL SUPPORTO CON L'INFORMATIVA: deve essere collocato prima del raggio di azione della telecamera, anche nelle sue immediate vicinanze e non necessariamente a contatto con gli impianti. D) INDIVIDUAZIONE RESPONSABILI ED INCARICATI : Il titolare o il responsabile devono designare per iscritto tutte le persone fisiche, incaricate del trattamento, autorizzate sia ad accedere ai locali dove sono situate le postazioni di controllo, sia ad utilizzare gli impianti e, nei casi in cui sia indispensabile per gli scopi perseguiti, a visionare le immagini (art. 30 del Codice). Deve trattarsi di un numero delimitato di soggetti, specie quando il titolare si avvale di collaboratori esterni. Occorre altresì individuare diversi livelli di accesso in corrispondenza delle specifiche mansioni attribuite ad ogni singolo operatore, distinguendo coloro che sono unicamente abilitati a visionare le immagini dai soggetti che possono effettuare, a determinate condizioni, ulteriori operazioni (es. registrare, copiare, cancellare, spostare l'angolo visuale, modificare lo zoom, ecc.) e) DURATA DELL'EVENTUALE CONSERVAZIONE: La conservazione deve essere limitata a poche ore o, al massimo, alle ventiquattro ore successive alla rilevazione, fatte salve speciali esigenze di ulteriore conservazione in relazione a festività o chiusura di uffici o esercizi, nonché nel caso in cui si deve aderire ad una specifica richiesta investigativa dell'autorità giudiziaria o di polizia giudiziaria. Ci sono regole da rispettare per l impianto di videosorveglianza se ci sono lavoratori? Si, le regole sono comuni anche ad altri sistemi di sorveglianza che permettono il controllo a distanza dell attività del lavoratore. Nelle attività di sorveglianza occorre rispettare il divieto di controllo a distanza dell'attività lavorativa, pertanto è vietata l'installazione di apparecchiature specificatamente preordinate alla predetta finalità: non devono quindi essere effettuate riprese al fine di verificare l'osservanza dei doveri di diligenza stabiliti per il rispetto dell'orario di lavoro e la correttezza nell'esecuzione della prestazione lavorativa (ad es. orientando la telecamera sul badge). Vanno poi osservate le garanzie previste in materia di lavoro quando la videosorveglianza è resa necessaria da esigenze organizzative o produttive, ovvero è richiesta per la sicurezza del lavoro: in tali casi, ai sensi dell'art. 4 della l. n. 300/1970, gli impianti e le apparecchiature, "dai quali può derivare anche la possibilità di controllo a distanza dell'attività dei lavoratori, possono essere installati soltanto previo accordo con le rappresentanze sindacali aziendali, oppure, in mancanza di queste, con la commissione interna. In difetto di accordo, su istanza del datore di lavoro, provvede l'ispettorato del lavoro, dettando, ove occorra, le modalità per l'uso di tali impianti" (v., altresì, artt. 113 e 114 del Codice; art. 8 l. n. 300/1970 cit.; art. 2 d.lg. n. 165/2001). Il mancato rispetto di quanto sopra prescritto comporta l'applicazione della sanzione amministrativa stabilita dall'art. 162, comma 2-ter, del Codice. L'utilizzo di sistemi di videosorveglianza preordinati al controllo a distanza dei lavoratori o ad effettuare indagini sulle loro opinioni integra la fattispecie di reato prevista dall'art. 171 del Codice. 8

10 9 Sotto un diverso profilo, eventuali riprese televisive sui luoghi di lavoro per documentare attività od operazioni solo per scopi divulgativi o di comunicazione istituzionale o aziendale, e che vedano coinvolto il personale dipendente, possono essere assimilati ai trattamenti temporanei finalizzati alla pubblicazione occasionale di articoli, saggi ed altre manifestazioni del pensiero. In tal caso, alle stesse si applicano le disposizioni sull'attività giornalistica contenute nel Codice (artt. 136 e ss.), fermi restando, comunque, i limiti al diritto di cronaca posti a tutela della riservatezza, nonché l'osservanza del codice deontologico per l'attività giornalistica ed il diritto del lavoratore a tutelare la propria immagine opponendosi, per motivi legittimi, alla sua diffusione (art. 7, comma 4, lett. a), del Codice). Vorrei fidelizzare la clientela attraverso una fidelity card e newsletter. e lecito? Si, ma con alcune regole. E opportuno implementare Card generiche e non riferite ad uno specifico prodotto che identifichi una patologia. E necessario rispettare quanto indicato dal garante nel provvedimento del 24 febbraio non è lecito utilizzare a fine di profilazione dati idonei a rivelare la stato di salute e la vita sessuale (cfr. autorizzazioni generali del Garante nn. 2 e 5/2004, in G.U. 14 agosto 2004, n. 190). L'utilizzazione di dati sensibili (art. 4, comma 1, lett. d), del Codice) non è di regola ammessa per alcuna delle finalità indicate, fatta salva l'ipotesi eccezionale nella quale il trattamento di dati sia realmente indispensabile in rapporto allo specifico bene o servizio richiesto e sia stato autorizzato dal Garante, oltre che acconsentito per iscritto dall'interessato. Ciò, vale anche per eventuali ricerche di mercato, sondaggi ed altre ricerche campionarie. E obbligatorio fornire informazione preventiva e raccogliere esplicito consenso scritto. E possibile informare i clienti attraverso sms e/o mail di eventi promozionali? Si, a patto si sia raccolto specifico consenso scritto preventivo e che sia garantita la possibilità di cancellazione. Naturalmente andranno rispettate le regole che vietano determinati comportamenti pubblicitari per gli esercenti le professioni sanitarie e/o per determinate categorie di prodotti. E obbligatorio mettere barriere che impongano la distanza con il banco di vendita? Si, la regola è contenuta nel dlgs 196/2003 all art. 83 Art. 83. Altre misure per il rispetto dei diritti degli interessati 1. I soggetti di cui agli articoli 78, 79 e 80 adottano idonee misure per garantire, nell'organizzazione delle prestazioni e dei servizi, il rispetto dei diritti, delle libertà fondamentali e della dignità degli interessati, nonché del segreto professionale, fermo restando quanto previsto dalle leggi e dai regolamenti in materia di modalità di trattamento dei dati sensibili e di misure minime di sicurezza. 2. Le misure di cui al comma 1 comprendono, in particolare: a) soluzioni volte a rispettare, in relazione a prestazioni sanitarie o ad adempimenti amministrativi preceduti da un periodo di attesa all'interno di strutture, un ordine di precedenza e di chiamata degli interessati prescindendo dalla loro individuazione nominativa; b) l'istituzione di appropriate distanze di cortesia, tenendo conto dell'eventuale uso di apparati vocali o di barriere; c) soluzioni tali da prevenire, durante colloqui, l'indebita conoscenza da parte di terzi di informazioni idonee a rivelare lo stato di salute; 9

11 10 d) cautele volte ad evitare che le prestazioni sanitarie, ivi compresa l'eventuale documentazione di anamnesi, avvenga in situazioni di promiscuità derivanti dalle modalità o dai locali prescelti; e) il rispetto della dignità dell'interessato in occasione della prestazione medica e in ogni operazione di trattamento dei dati; f) la previsione di opportuni accorgimenti volti ad assicurare che, ove necessario, possa essere data correttamente notizia o conferma anche telefonica, ai soli terzi legittimati, di una prestazione di pronto soccorso; g) la formale previsione, in conformità agli ordinamenti interni delle strutture ospedaliere e territoriali, di adeguate modalità per informare i terzi legittimati in occasione di visite sulla dislocazione degli interessati nell'ambito dei reparti, informandone previamente gli interessati e rispettando eventuali loro contrarie manifestazioni legittime di volontà; h) la messa in atto di procedure, anche di formazione del personale, dirette a prevenire nei confronti di estranei un'esplicita correlazione tra l'interessato e reparti o strutture, indicativa dell'esistenza di un particolare stato di salute; i) la sottoposizione degli incaricati che non sono tenuti per legge al segreto professionale a regole di condotta analoghe al segreto professionale. 2-bis. Le misure di cui al comma 2 non si applicano ai soggetti di cui all'articolo 78, che ottemperano alle disposizioni di cui al comma 1 secondo modalità adeguate a garantire un rapporto personale e fiduciario con gli assistiti, nel rispetto del codice di deontologia sottoscritto ai sensi dell'articolo 12. (1) 10

12 11 I FORMAT 11

13 12 LETTERA INCARICO/RESPONSABILE Il sottoscritto dott.. SOSTITUTO) in qualità di Titolare/Responsabile del trattamento dei dati ( ES. MEDICO INCARICA.. (inserire dati anagrafici: nato il a ) al trattamento dei dati sensibili, sanitari ed amministrativi nonché nell'ambito delle funzioni di.. A tal fine vengono fornite informazioni ed istruzioni per l'assolvimento del compito assegnato: - Il trattamento dei dati deve essere effettuato in modo lecito e corretto; - i dati personali e sensibili devono essere raccolti e registrati unicamente per finalità inerenti l'attività svolta e per la gestione della corretta manutenzione delle cartelle cliniche e dati conseguenti; - è necessaria la verifica costante dei dati ed il loro aggiornamento, non è ammessa cancellazione non autorizzata; - è necessaria la verifica costante della completezza e pertinenza dei dati trattati; - devono essere rispettate le misure di sicurezza predisposte dal Titolare/Responsabile ed i dati non devono essere mai lasciati incustoditi. - e vietato diffondere e/o acconsentire la visione dei documenti conservati in farmacia, siano essi contenenti dati sensibili e/o commerciali, ad altre persone senza autorizzazione del titolare. - Il collaboratore è tenuto al segreto professionale su qualunque informazione acquisisca direttamente e/o indiriettamente. Per ogni operazione del trattamento deve essere garantita la massima riservatezza ed in particolare: a) divieto di comunicazione o diffusione dei dati senza la preventiva autorizzazione del Titolare/Responsabile; b) Le informazioni cliniche già registrate non possono in alcun modo essere modificate. c) Il personale infermieristico deve annotare gli interventi assistenziali effettuati sul paziente. d) L accesso ai dati per funzioni amministrative devono essere limitate a quanto effettivamente necessario per la gestione dell agenda e per la corretta gestione delle attività finanziarie ed amministrative. Non può in alcun modo modificare i dati inseriti nella scheda clinica. e) La documentazione clinica e le ricette non possono essere lasciate abbandonate in farmacia ma consegnate, in busta chiusa, direttamente al paziente oppure ad un suo delegato e conservata in luogo non accessibile al pubblico o al personale di pulizia. f) l'accesso ai dati è autorizzato limitatamente all'espletamento delle proprie mansioni ed esclusivamente negli orari di lavoro e nessun dato può essere comunicato a terzi per alcuna ragione senza il consenso esplicito del titolare del trattamento. g) in caso di interruzione, anche temporanea, del lavoro verificare che i dati trattati non siano accessibili a terzi non autorizzati; h) le proprie credenziali di autenticazione sono strettamente personali e devono rimanere riservate. associazione e univocamente associate all incaricato al quale sono state fornite e gli strumenti informatici devono essere scrupolosamente controllati. i) Non è consentito l accesso ad internet per accedere a siti e-commerce e/o social network se non per finalità connesse all attività lavorativa e con autorizzazione del responsabile e/o titolare del trattamento. j) Nessun dato e/o file di dati può essere scaricato dai sistemi informatici senza autorizzazione. 12

14 13 k) Le chiavi di accesso ai locali riservati ed alle ricette o altri documenti sanitari dovrà essere custodita con cura e non potrà essere ceduta a terzi per nessuna ragione. Solo gli incaricati al trattamento possono accedere agli spazi riservati per ragioni strettamente connesse alla propria mansione. l) La documentazione sanitaria, a fine giornata, deve essere chiusa negli appositi spazi chiusi a chiave. m) E vietato scattare fotografie e fare filmati con cellulari all interno dei locali della farmacia. n) E vitato pubblicare su social network qualunque immagine, suoni e/o informazione relativa a fatti relativi all attività lavorativa e/o relativi ai pazienti o terze persone. Gli obblighi relativi alla riservatezza, alla comunicazione ed alla diffusione dei dati dovranno essere osservati anche in seguito a modifica dell'incarico e/o cessazione del rapporto di lavoro. Qualsiasi altra istruzione può essere fornita dal Titolare che provvede anche alla formazione degli incaricati. Per ogni altra misura qui non prevista si fa riferimento al documento programmatico sulla sicurezza adottato dall Associazione. TRATTAMENTO CONSENTITO a) raccogliere, registrare e conservare i dati presenti negli atti e documenti nei supporti informatici avendo cura che l'accesso ad essi sia possibile solo ai soggetti autorizzati; b) qualsiasi accesso e trattamento espressamente previsto dal profilo di autorizzazione associato alle sue mansioni e nei limiti dell indispensabilità. c) qualsiasi altra operazione di trattamento nei limiti delle proprie mansioni e nel rispetto delle norme di legge. TELECAMERE Per scaricare i format: INFORMATIVA DA ESPORRE ESEMPIO 13

15 14 FARMACIA dr... Indirizzo INFORMATIVA ART. 13 D.LGS. N.196/2003 PER IL TRATTAMENTO DI DATI SENSIBILI GENT.MO/A CLIENTE, DESIDERIAMO INFORMARLA DEI SUOI DIRITTI TRATTAMENTO DEI SUOI DATI I dati personali dall'utente forniti, ovvero altrimenti acquisiti, nell'ambito della nostra attività e potranno formare oggetto di trattamento, nel rispetto degli obblighi di riservatezza cui è ispirata l'attività della farmacia e solo per adempiere alle richieste che ci vorrà rivolgere solo per raggiungere lo scopo che Lei ci comunicherà di volta in volta (es. prenotazione farmaci, prescrizioni farmaceutiche, prenotazione esami ecc.). La informiamo, inoltre, che nel negozio è presente un impianto di videosorveglianza finalizzato alla tutela del patrimonio, dei prodotti esposti e dell incolumità del personale e dei clienti stessi ed un impianto antitaccheggio per evitare il furto dei prodotti. I dati saranno resi intelleggibili solo nel caso di evento delittuoso e/o su richiesta delle autorità di pubblica sicurezza e/o giudiziarie. CHI AVRA ACCESSO AI SUOI DATI Solo il personale della farmacia potrà avere accesso ai dati sanitari per finalità di diagnosi, cura, amministrativi, fiscali e statistico-epidemiologici e di formazione. I dati potranno essere trasmessi, se ciò fosse necessario per adempiere alla prestazione sanitaria, ad articolazioni del servizio sanitario nazionale al fine della contabilizzazione delle stesse. I suoi dati potranno essere condivisi con altri sanitari e/o personale che opera in farmacia per far fronte alle esigenze che Lei stesso richiederà e nei limiti dell indispensabilità della richiesta e per quanto indispensabile per fornirle i servizi che ci chiederà Nel caso di prenotazione di esami e/o prestazioni cliniche, i dati saranno condivisi per quanto utile e necessario per fornirle la prestazione richiesta. Il personale è obbligato alla massima riservatezza e non potrà utilizzare i dati per finalità diverse da quelle necessarie alla Sua cura. I Suoi dati potranno essere scambiati all interno del Servizio Sanitario Regionale, per le finalità di cura necessarie alla Sua salute nonché per finalità di rimborso del farmaco e gestione conseguente. SICUREZZA DEI SUOI DATI Il Farmacista custodirà i Suoi dati in archivi cartacei ed informatici ed ha adottato le misure di sicurezza tecniche e regolamentari imposte dalla legge per la protezione dei dati personali, così come previsto dal D.lgs 196/2003. I dati potranno essere conservati anche attraverso servizi di hosting esterni esplicitamente incaricati alla protezione dei dati e nominati responsabili del trattamento ai sensi dell art.29 del codice. QUALI SONO I SUOI DIRITTI 14

16 15 1. Conoscere i Suoi dati 2. Sapere come i dati vengono utilizzati e per quali finalità 3. Conoscere il nome della persona che ha il compito di conservarli e proteggerli 4. Sapere a chi vengono comunicati i dati 5. Chiedere la cancellazione o l aggiornamento o la rettifica dei suoi dati 6. Chiedere la cancellazione ( purchè non debbano essere conservati per legge), la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione alla legge, nonché opporsi per giusti motivi al loro utilizzo. 7. Potrà esercitare i Suoi diritti presentando una richiesta scritta al suo medico. DISTANZA DI CORTESIA PER IL RISPETTO DELLA TUA RISERVATEZZA E DI QUELLO DEGLI ALTRI CLIENTI E NECESSARIO ATTENDERE IL PROPRIO TURNO TENENDOSI A DISTANZA DAL BANCO DI VENDITA 15

TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI

TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI Ai sensi e nel rispetto dell art. 13 D.Lgs. n. 196 del 30 giugno 2003 recante il Codice in materia di protezione dei dati personali, ed in relazione ai dati personali di

Dettagli

INFORMATIVA SUL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI DI PAZIENTI ED UTENTI

INFORMATIVA SUL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI DI PAZIENTI ED UTENTI INFORMATIVA SUL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI DI PAZIENTI ED UTENTI (Ai sensi dell'art. 13 del Codice della Privacy - D. Lgs.30 Giugno 2003, n. 196 "Testo Unico delle norme in materia di tutela delle

Dettagli

ISTRUZIONI PER IL TRATTAMENTO DI DATI PERSONALI

ISTRUZIONI PER IL TRATTAMENTO DI DATI PERSONALI ISTRUZIONI PER IL TRATTAMENTO DI DATI PERSONALI (a norma dell art. 29, comma 4, del Codice in materia di protezione dei dati personali, emanato con decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196, più oltre

Dettagli

Il Documento Programmatico sulla Sicurezza in base Normativa sulla privacy applicabile agli studi professionali (D. Lgs 196/03)

Il Documento Programmatico sulla Sicurezza in base Normativa sulla privacy applicabile agli studi professionali (D. Lgs 196/03) Il Documento Programmatico sulla Sicurezza in base Normativa sulla privacy applicabile agli studi professionali (D. Lgs 196/03) A cura di Gianfranco Gargani A seguito delle diverse richieste degli iscritti

Dettagli

COMUNE DI CASAZZA. Regolamento per l installazione e l utilizzo di impianti di videosorveglianza del territorio comunale

COMUNE DI CASAZZA. Regolamento per l installazione e l utilizzo di impianti di videosorveglianza del territorio comunale COMUNE DI CASAZZA Comune di Casazza Regolamento per l installazione e l utilizzo di impianti di videosorveglianza del territorio comunale in ottemperanza del D.Lgs. 196/2003 e s.m. Adottato con DCC n.

Dettagli

Allegato 9) Modello informativa clienti e fornitori

Allegato 9) Modello informativa clienti e fornitori Allegato 9) Modello informativa clienti e fornitori Autorizzazione ai sensi del D.Lgs. n.196/2003 sulla Privacy. APEA S.R.L.- PRIVACY POLICY / REV. Del 07/08/2008 Apea s.r.l.. ha come obiettivo la tutela

Dettagli

Codice. in materia di. Protezione dei Dati Personali

Codice. in materia di. Protezione dei Dati Personali Codice in materia di Protezione dei Dati Personali (D.Lgs. 196/2003) ====================== Incontri Formativi con il Personale della Direzione Didattica del 7 Circolo Didattico G. Carducci di Livorno

Dettagli

TRATTAMENTO DATI PERSONALI

TRATTAMENTO DATI PERSONALI INFORMATIVA EX ART.13 D.LGS. 196/2003 Gentile signore/a, desideriamo informarla che il d.lgs. n. 196 del 30 giugno 2003 ("Codice in materia di protezione dei dati personali") prevede la tutela delle persone

Dettagli

Regolamento per il trattamento dei dati mediante sistema di videosorveglianza ai sensi e per gli effetti del Decreto Legislativo n. 196/2003.

Regolamento per il trattamento dei dati mediante sistema di videosorveglianza ai sensi e per gli effetti del Decreto Legislativo n. 196/2003. Regolamento per il trattamento dei dati mediante sistema di videosorveglianza ai sensi e per gli effetti del Decreto Legislativo n. 196/2003. Adottato con deliberazione n. 706 del 30/12/2014 Articolo 1

Dettagli

COMUNE DI MANERBIO (Provincia di Brescia) REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO DI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL TERRITORIO

COMUNE DI MANERBIO (Provincia di Brescia) REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO DI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL TERRITORIO COMUNE DI MANERBIO (Provincia di Brescia) REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO DI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL TERRITORIO Approvato con deliberazione C.C. n. 17 del 07.06.2007 Comune

Dettagli

Glossario minimo della protezione dei dati

Glossario minimo della protezione dei dati minimo della protezione dei dati www.garanteprivacy.it Glossario minimo della protezione dei dati N.B. Il glossario e le principali domande in tema di dati personali sono schematizzati e hanno una finalità

Dettagli

REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DELLE OPERAZIONI DI VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO DEL COMUNE DI CARONNO VARESINO

REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DELLE OPERAZIONI DI VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO DEL COMUNE DI CARONNO VARESINO REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DELLE OPERAZIONI DI VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO DEL COMUNE DI CARONNO VARESINO RELATIVO TRATTAMENTO DATI PERSONALI. Approvato con delibera consiliare n. 22 del 09.05.2011

Dettagli

TABELLA SINOTTICA DEI PRINCIPALI ADEMPIMENTI. D.LGS. 30 giugno 2003, n. 196

TABELLA SINOTTICA DEI PRINCIPALI ADEMPIMENTI. D.LGS. 30 giugno 2003, n. 196 TABELLA SINOTTICA DEI PRINCIPALI ADEMPIMENTI D.LGS. 30 giugno 2003, n. 196 TABELLA SINOTTICA DEI PRINCIPALI ADEMPIMENTI PREVISTI DAL D.LGS. 30 giugno 2003, n. 196 (il "Codice") ART. ADEMPIMENTO (destinatari

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NEL COMUNE DI ARCO

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NEL COMUNE DI ARCO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NEL COMUNE DI ARCO Approvato con deliberazione del consiglio comunale n. 69 del 7 agosto 2012 IL SEGRETARIO COMUNALE Rolando Mora IL PRESIDENTE DEL

Dettagli

REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO DI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL TERRITORIO

REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO DI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL TERRITORIO REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO DI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL TERRITORIO SOMMARIO: CAPO I PRINCIPI GENERALI Art. 1 - Finalità e definizioni Art. 2 - Ambito di applicazione Art. 3 -

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE SULLA GESTIONE DEL SISTEMA DI VIDEOSORVEGLIANZA NEL TERRITORIO COMUNALE

REGOLAMENTO COMUNALE SULLA GESTIONE DEL SISTEMA DI VIDEOSORVEGLIANZA NEL TERRITORIO COMUNALE REGOLAMENTO COMUNALE SULLA GESTIONE DEL SISTEMA DI VIDEOSORVEGLIANZA NEL TERRITORIO COMUNALE 1 Indice Art. 1 Premessa Art. 2 Principi generali Art. 3 Definizioni Art. 4 Ambito di applicazione Art. 5 Informativa

Dettagli

IL GARANTE PER LA PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI

IL GARANTE PER LA PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI Garante per la protezione dei dati personali AUTORIZZAZIONE 13 dicembre 2012 Autorizzazione al trattamento dei dati sensibili da parte dei liberi professionisti. (Autorizzazione n. 4/2012). (GU n.3 del

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEL SISTEMA DI VIDEOSORVEGLIANZA NEL COMUNE DI MONTECORVINO PUGLIANO

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEL SISTEMA DI VIDEOSORVEGLIANZA NEL COMUNE DI MONTECORVINO PUGLIANO REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEL SISTEMA DI VIDEOSORVEGLIANZA NEL COMUNE DI MONTECORVINO PUGLIANO Approvato dal Consiglio Comunale con delibera n. 11 in data 16 aprile 2007 REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEL

Dettagli

COMUNE DI PINASCA Città Metropolitana di Torino REGOLAMENTO SUI SISTEMI DI VIDEOSORVEGLIANZA

COMUNE DI PINASCA Città Metropolitana di Torino REGOLAMENTO SUI SISTEMI DI VIDEOSORVEGLIANZA COMUNE DI PINASCA Città Metropolitana di Torino REGOLAMENTO SUI SISTEMI DI VIDEOSORVEGLIANZA Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 25 in data 11.06.2015 Indice Capo I - Principi generali

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEGLI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL COMUNE

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEGLI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL COMUNE REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEGLI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL COMUNE APPROVATO CON DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE NR. 23 DD. 23.08.2011 Allegato alla delibera consigliare n. 23 dd.23.08.2011

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE SULLA VIDEOSORVEGLIANZA ADOTTATO CON DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE N.125 DEL 26.05.2005

REGOLAMENTO COMUNALE SULLA VIDEOSORVEGLIANZA ADOTTATO CON DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE N.125 DEL 26.05.2005 REGOLAMENTO COMUNALE SULLA VIDEOSORVEGLIANZA ADOTTATO CON DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE N.125 DEL 26.05.2005 Modificato con delibera di C.C. 138 del 09 giugno 2006 Indice Art. 1 - Premessa Art. 2 - Principi

Dettagli

CONSULENZA-LEGALE-ONLINE.IT. Informativa sulla privacy ai sensi del D.L.gs. 30 giugno 2003, n. 196 1. INTRODUZIONE

CONSULENZA-LEGALE-ONLINE.IT. Informativa sulla privacy ai sensi del D.L.gs. 30 giugno 2003, n. 196 1. INTRODUZIONE CONSULENZA-LEGALE-ONLINE.IT Informativa sulla privacy ai sensi del D.L.gs. 30 giugno 2003, n. 196 1. INTRODUZIONE Il servizio che il sito Consulenze-legali-online.com offre ad ogni iscritto soggiace alle

Dettagli

Comune di Casatenovo Provincia di Lecco REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEL SISTEMA DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL COMUNE DI CASATENOVO

Comune di Casatenovo Provincia di Lecco REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEL SISTEMA DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL COMUNE DI CASATENOVO Comune di Casatenovo Provincia di Lecco REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEL SISTEMA DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL COMUNE DI CASATENOVO Approvato con Deliberazione Consiliare N 18 del 17/03/2008 SOMMARIO : CAPO I

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEGLI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEGLI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA COMUNE DI MEANA SARDO PROVINCIA DI NUORO Piazza IV Novembre, 4 08030 Meana Sardo - tel. 0784/64362 - fax 0784/64203 REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEGLI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA Approvato con delibera

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NEL TERRITORIO COMUNALE DI TREPPO GRANDE

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NEL TERRITORIO COMUNALE DI TREPPO GRANDE REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NEL TERRITORIO COMUNALE DI TREPPO GRANDE Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 51 del 28.12.2011 INDICE CAPO I PRINCIPI GENERALI

Dettagli

COMUNE DI MARCIGNAGO

COMUNE DI MARCIGNAGO COMUNE DI MARCIGNAGO PROVINCIA DI PAVIA REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEL SISTEMA DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL COMUNE DI MARCIGNAGO Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 31 del 27.09.2011 SOMMARIO:

Dettagli

COMUNE DI PIANORO REGOLAMENTO COMUNALE SULLA VIDEOSORVEGLIANZA

COMUNE DI PIANORO REGOLAMENTO COMUNALE SULLA VIDEOSORVEGLIANZA COMUNE DI PIANORO REGOLAMENTO COMUNALE SULLA VIDEOSORVEGLIANZA Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 4 del 6.2.2008 INDICE Art. 1 - Premessa Art. 2 - Principi generali Art. 3 - Definizioni

Dettagli

COMUNE DI SAN VENDEMIANO Provincia di Treviso REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO DI VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE

COMUNE DI SAN VENDEMIANO Provincia di Treviso REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO DI VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE COMUNE DI SAN VENDEMIANO Provincia di Treviso REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO DI VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 8 in data 26

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE SULLA VIDEOSORVEGLIANZA

REGOLAMENTO COMUNALE SULLA VIDEOSORVEGLIANZA COMUNE DI VIGNALE MONFERRATO Provincia di Alessandria REGOLAMENTO COMUNALE SULLA VIDEOSORVEGLIANZA Approvato con deliberazione Consiglio Comunale n. 46 del 16.11.2010 INDICE: Art. 1 - Premessa Art. 2 Principi

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE IMPIANTO DI VIDEOSORVEGLIANZA

REGOLAMENTO COMUNALE IMPIANTO DI VIDEOSORVEGLIANZA COMUNE DI VEDANO OLONA (Provincia di Varese) REGOLAMENTO COMUNALE IMPIANTO DI VIDEOSORVEGLIANZA (Approvato con delibera di C.C. n. 14 del 31/03/2008) INDICE CAPO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto Art.

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ATTIVITA DI VIDEOSORVEGLIANZA CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ATTIVITA DI VIDEOSORVEGLIANZA CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ATTIVITA DI VIDEOSORVEGLIANZA CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI ART. 1 OGGETTO Oggetto del presente regolamento è la disciplina del trattamento dei dati personali effettuato

Dettagli

REGOLAMENTO AZIENDALE SULLA TUTELA DELLA PRIVACY

REGOLAMENTO AZIENDALE SULLA TUTELA DELLA PRIVACY REGOLAMENTO AZIENDALE SULLA TUTELA DELLA PRIVACY Art. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina gli interventi diretti alla tutela della privacy in ambito sanitario. Esso si attiene alle disposizioni

Dettagli

Parliamo di privacy per la farmacia. Dott.ssa Priscilla Dusi Consulente Aziendale

Parliamo di privacy per la farmacia. Dott.ssa Priscilla Dusi Consulente Aziendale Parliamo di privacy per la farmacia Dott.ssa Priscilla Dusi Consulente Aziendale Le farmacie italiane, tutte convenzionate con il Servizio Sanitario Nazionale, hanno l importante compito di collaborare

Dettagli

Privacy e lavoro, le indicazioni del Garante della Privacy per una corretta gestione del lavoro pubblico e privato

Privacy e lavoro, le indicazioni del Garante della Privacy per una corretta gestione del lavoro pubblico e privato SUPPLEMENTO N. 17 25 maggio 2015 Reg. Tribunale di Milano n. 51 del 1 marzo 2013 IN QUESTO NUMERO Privacy e lavoro, le indicazioni del Garante della Privacy per una corretta gestione del lavoro pubblico

Dettagli

(Emanato con D.R. n. 320 del 6 Dicembre 2007, pubblicato nel B.U. n. 72)

(Emanato con D.R. n. 320 del 6 Dicembre 2007, pubblicato nel B.U. n. 72) (Emanato con D.R. n. 320 del 6 Dicembre 2007, pubblicato nel B.U. n. 72) Sommario Art. 1 - Ambito di applicazione e finalità...3 Art. 2 - Definizioni...3 Art. 3 - Principi generali...4 Art. 4 - Conservazione

Dettagli

COMUNE DI MOTTA VISCONTI (Prov. di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA

COMUNE DI MOTTA VISCONTI (Prov. di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA COMUNE DI MOTTA VISCONTI (Prov. di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 48 del 07/10/2014 Revisioni Note SOMMARIO Art.

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA COMUNE DI CALLIANO Provincia Autonoma di Trento REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 32 di data 28 novembre 2013 CAPO I Principi Generali

Dettagli

GARANTE PER LA PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI

GARANTE PER LA PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI GARANTE PER LA PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI AUTORIZZAZIONE 11 dicembre 2014 Autorizzazione al trattamento dei dati sensibili da parte degli investigatori privati. (Autorizzazione n. 6/2014). (14A09916)

Dettagli

MODULO DI ISCRIZIONE CORSO PER ASCENSORISTA (SOGGETTO A NORMATIVA)

MODULO DI ISCRIZIONE CORSO PER ASCENSORISTA (SOGGETTO A NORMATIVA) MODULO DI ISCRIZIONE CORSO PER ASCENSORISTA (SOGGETTO A NORMATIVA) DATI ALLIEVO La/il sottoscritta/o Sesso F M Codice Fiscale Nata/o a Provincia il Nazionalità Residente a CAP Provincia Via/C.so/P.zza

Dettagli

Art.1 (Oggetto) Art.2 (Definizioni)

Art.1 (Oggetto) Art.2 (Definizioni) REGOLAMENTO SULLA TUTELA DELLE PERSONE E DI ALTRI SOGGETTI RISPETTO AL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI emanato con decreto direttoriale n.220 dell'8 giugno 2000 pubblicato all'albo Ufficiale della Scuola

Dettagli

Codice Privacy Codice Privacy

Codice Privacy Codice Privacy AZIENDA USL DI TERAMO ISTRUZIONI PER IL TRATTAMENTO DEI DATI IN AMBITO SANITARIO TRATTAMENTO DEI DATI IN AMBITO SANITARIO Il trattamento dei dati in ambito sanitario deve essere ispirato alle direttive

Dettagli

REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO DI IMPIANTO DI VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO DELL UNIONE DEI MIRACOLI

REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO DI IMPIANTO DI VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO DELL UNIONE DEI MIRACOLI REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO DI IMPIANTO DI VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO DELL UNIONE DEI MIRACOLI approvato con delibera di Consiglio n. del SOMMARIO ART. 1 ART. 2 ART. 3 ART. 4 ART.

Dettagli

COMUNE DI SAN LAZZARO DI SAVENA

COMUNE DI SAN LAZZARO DI SAVENA COMUNE DI SAN LAZZARO DI SAVENA (Provincia di Bologna) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 19 del 20 marzo 2007 Revisioni Note

Dettagli

COMUNE DI NERVIANO REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO DI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL TERRITORIO

COMUNE DI NERVIANO REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO DI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL TERRITORIO COMUNE DI NERVIANO REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO DI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL TERRITORIO 1 INDICE CAPO I PRINCIPI GENERALI SOGGETTI RESPONSABILI Art. 1 Finalità e definizioni P.

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE COMUNE DI CASALETTO LODIGIANO (Prov. di Lodi) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE (Approvato con deliberazione di C.C. N 25 del 26.06.2008) INDICE CAPO I - PRINCIPI

Dettagli

Regolamento per l installazione e l utilizzo degli impianti di videosorveglianza del Comune di Lavis

Regolamento per l installazione e l utilizzo degli impianti di videosorveglianza del Comune di Lavis Comune di PROVINCIA DI TRENTO REGOLAMENTI COMUNALI Regolamento per l installazione e l utilizzo degli impianti di videosorveglianza del Comune di Approvato con deliberazione del Consiglio comunale n. 13

Dettagli

AVIS COMUNALE MILAZZO

AVIS COMUNALE MILAZZO Con l introduzione del D.Lgs. 196/2003 sul trattamento dei dati personali, che dal lontano 2004 è diventato operativo sostituendo la L. 675/1996, molte sono le domande sulla necessità di una nuova legge

Dettagli

MÜRNICH REGOLAMENTO VIDEOSORVEGLIANZA

MÜRNICH REGOLAMENTO VIDEOSORVEGLIANZA Comune di Mornico Al Serio MÜRNICH REGOLAMENTO VIDEOSORVEGLIANZA APPROVATO CON DELIBERAZIONE N. 24 DEL 23/09/2008 INDICE CAPO I PRINCIPI GENERALI Art. 1 Art. 2 Art. 3 Art. 4 Art. 5 Premessa Principi generali

Dettagli

Piacenza, 8 giugno 2015 Alle Cooperative in indirizzo

Piacenza, 8 giugno 2015 Alle Cooperative in indirizzo SERVIZIO SINDACALE Piacenza, 8 giugno 2015 Alle Cooperative in indirizzo Prot. n. 78 Oggetto: Vademecum privacy Il Garante per la protezione dei dati personali ha diffuso un breve vademecum sul trattamento

Dettagli

Regolamento Comunale per l'utilizzo dei sistemi di. videosorveglianza

Regolamento Comunale per l'utilizzo dei sistemi di. videosorveglianza COMUNE DI SIRMIONE PROVINCIA di BRESCIA Regolamento Comunale per l'utilizzo dei sistemi di videosorveglianza approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 46 del 4 ottobre 2007 INDICE Art. 1 -

Dettagli

COMUNE DI CIGLIANO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE

COMUNE DI CIGLIANO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO Giugno 2007 INDICE CAPO I -PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto Art. 2 - Definizioni Art. 3 Finalità Art. 4 - Trattamento dei dati personali

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA. INDICE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA. INDICE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA. INDICE Art. 1 - Oggetto Art. 2 - Definizioni Art. 3 - Finalità Art. 4 - Trattamento dei dati personali CAPO I PRINCIPI GENERALI CAPO II OBBLIGHI PER

Dettagli

Spett.le. Via. Egregi Signori, facciamo seguito alle intese intercorse per confermarvi quanto segue. Premesso che:

Spett.le. Via. Egregi Signori, facciamo seguito alle intese intercorse per confermarvi quanto segue. Premesso che: Spett.le. Via Oggetto: Designazione a Responsabile Esterno del trattamento dei Dati Personali ai sensi dell art. 29 D. Lgs. 30 giugno 2003 n. 196 (di seguito Codice Privacy ) Egregi Signori, facciamo seguito

Dettagli

Azienda Sanitaria di Cagliari

Azienda Sanitaria di Cagliari Azienda Sanitaria di Cagliari Regolamento per la protezione dei dati personali in attuazione del D.lgs. n. 196/2003 e ss. mm. ed ii. Codice in materia di protezione dei dati personali INDICE TITOLO I Articolo

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE. approvato con delibera di C.C. N 52 del 28 giugno 2006 INDICE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE. approvato con delibera di C.C. N 52 del 28 giugno 2006 INDICE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE approvato con delibera di C.C. N 52 del 28 giugno 2006 CAPO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto Art. 2 - Definizioni Art.

Dettagli

Associazione Italiana Albergatori Rimini

Associazione Italiana Albergatori Rimini Associazione Italiana Albergatori Rimini VIDEOSORVEGLIANZA Per quanto riguarda la videosorveglianza, oltre alla verifica di conformità con le disposizioni dello statuto dei lavoratori, serve l informativa,

Dettagli

COMUNE DI COLLEFERRO Provincia di Roma DISCIPLINARE PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI VIDEOSORVEGLIANZA

COMUNE DI COLLEFERRO Provincia di Roma DISCIPLINARE PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI VIDEOSORVEGLIANZA COMUNE DI COLLEFERRO Provincia di Roma DISCIPLINARE PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI VIDEOSORVEGLIANZA approvato con delibera G.C. n. 291 del 18 ottobre 2007 1 Indice Art. 1 - Premessa Art. 2 - Principi

Dettagli

Comune di San Martino Buon Albergo Provincia di Verona

Comune di San Martino Buon Albergo Provincia di Verona Comune di San Martino Buon Albergo Provincia di Verona REGOLAMENTO IN MATERIA DI PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI (Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 32 del 12/05/2009) Sommario Art. 1.

Dettagli

Autorizzazione n. 6/2007 al trattamento dei dati sensibili da parte degli investigatori privati

Autorizzazione n. 6/2007 al trattamento dei dati sensibili da parte degli investigatori privati Autorizzazione n. 6/2007 al trattamento dei dati sensibili da parte degli investigatori privati (Pubblicata sulla G.U. n. 196 del 24 agosto 2007 - supp. ord. n. 186) Registro delle Deliberazioni Del. n.

Dettagli

Regolamento per l utilizzo degli impianti di videosorveglianza del Comune di Molveno

Regolamento per l utilizzo degli impianti di videosorveglianza del Comune di Molveno Regolamento per l utilizzo degli impianti di videosorveglianza del Comune di Molveno Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 34 dd. 05.06.2013 Indice Art. 1 - Premessa Art. 2 - Principi generali

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n. 37 del 29 novembre 2005 1 CAPO I PRINCIPI GENERALI Art. 1 OGGETTO 1. Il presente

Dettagli

COMUNE DI ORZINUOVI Provincia di Brescia

COMUNE DI ORZINUOVI Provincia di Brescia COMUNE DI ORZINUOVI Provincia di Brescia REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 76 del 04.11.2005 Inviato al Garante per la protezione

Dettagli

a) le finalità e le modalità del trattamento cui sono destinati i dati;

a) le finalità e le modalità del trattamento cui sono destinati i dati; Art. 13. Informativa 1. L'interessato o la persona presso la quale sono raccolti i dati personali sono previamente informati oralmente o per iscritto circa: a) le finalità e le modalità del trattamento

Dettagli

federfarma federazione nazionale unitaria dei titolari di farmacia italiani

federfarma federazione nazionale unitaria dei titolari di farmacia italiani federfarma federazione nazionale unitaria dei titolari di farmacia italiani Videosorveglianza Vademecum per i titolari di Farmacia Ottobre 2015 A cura di B.Foresti, ufficio legale Federfarma Fonti normative

Dettagli

COMUNE DI ALBISOLA SUPERIORE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA

COMUNE DI ALBISOLA SUPERIORE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA CITTA DI ALBISOLA SUPERIORE Provincia di SAVONA COMUNE DI ALBISOLA SUPERIORE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 6 del 25/3/2013

Dettagli

REGOLAMENTO VIDEOSORVEGLIANZA

REGOLAMENTO VIDEOSORVEGLIANZA C O M U N E D I AL B AR E D O P E R S AN M AR C O (Provincia di Sondrio) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE Approvato con deliberazione C.C. n. 5 del 31.1.2011

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA C O M U N E D I R O M AN O D E Z Z E L I N O D E C O R A T O A L V A L O R M I L I T A R E Via G. Giardino, 1-36060 Romano d Ezzelino (VI) Part. IVA e Cod. Fisc. 00258950245 REGOLAMENTO PER L UTILIZZO

Dettagli

COMUNE DI MALEO Provincia di Lodi REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO DI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE

COMUNE DI MALEO Provincia di Lodi REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO DI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO DI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE Approvato con Deliberazione Consiglio Comunale n. 62 del 6.11.2008 INDICE CAPO I - PRINCIPI

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE SULLA VIDEOSORVEGLIANZA

REGOLAMENTO COMUNALE SULLA VIDEOSORVEGLIANZA REGOLAMENTO COMUNALE SULLA VIDEOSORVEGLIANZA Indice CAPO I Art. 1 - Premessa Art. 2 - Principi generali Art. 3 - Ambito di applicazione Art. 4 - Informativa Art. 5 - Accertamenti di illeciti e indagini

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NEL TERRITORIO DELL UNIONE DI COMUNI MONTANA LUNIGIANA

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NEL TERRITORIO DELL UNIONE DI COMUNI MONTANA LUNIGIANA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NEL TERRITORIO DELL UNIONE DI COMUNI MONTANA LUNIGIANA Approvato con deliberazione di Consiglio N 7 del 2013 INDICE 1 CAPO I PRINCIPI GENERALI Art.

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'UTILIZZO DEL SISTEMA DI VIDEOSORVEGLIANZA NEL COMUNE DI PALAIA (approvato con deliberazione di C.C. n. 45 del 30/11/2012)

REGOLAMENTO PER L'UTILIZZO DEL SISTEMA DI VIDEOSORVEGLIANZA NEL COMUNE DI PALAIA (approvato con deliberazione di C.C. n. 45 del 30/11/2012) . COMUNE DI PALAIA Provincia di Pisa 56036 Palaia Piazza della Repubblica n. 56 C.F. 00373580505 Tel. 0587 621424 Fax 0587 622539 UFFICIO TECNICO COMUNALE " Servizio LL.PP. Ambiente, Protezione Civile,

Dettagli

COMUNE DI AGLIANA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE

COMUNE DI AGLIANA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE COMUNE DI AGLIANA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE (approvato con delibera di C.C. 44 del 30 ottobre 2007 ) INDICE CAPO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto

Dettagli

Privacy. D. Lgs. 196/03 e regolamentazione interna. Dr. Mauro Vitacca

Privacy. D. Lgs. 196/03 e regolamentazione interna. Dr. Mauro Vitacca Privacy D. Lgs. 196/03 e regolamentazione interna Dr. Mauro Vitacca Disposizioni interne Regolamento aziendale di applicazione della normativa di cui al Decreto Legislativo 196/03 (normativa Privacy) e

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NEL COMUNE DI BARDONECCHIA

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NEL COMUNE DI BARDONECCHIA C O M U N E D I B A R D O N E C C H I A Provincia di Torino CAP. 10052 COMANDO POLIZIA LOCALE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NEL COMUNE DI BARDONECCHIA Approvato con deliberazione

Dettagli

[approvato con deliberazione di C.C. n.142 del 21.12.2010]

[approvato con deliberazione di C.C. n.142 del 21.12.2010] REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE [approvato con deliberazione di C.C. n.142 del 21.12.2010] INDICE CAPO I PRINCIPI GENERALI Art.1 - Oggetto Art. 2 - Definizioni

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NEL MUSEO CIVICO

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NEL MUSEO CIVICO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NEL MUSEO CIVICO INDICE CAPO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 - Oggetto Art. 2 - Definizioni Art. 3 - Finalità del trattamento dei dati personali Art.

Dettagli

C O M U N E D I C L E S Provincia di Trento

C O M U N E D I C L E S Provincia di Trento C O M U N E D I C L E S Provincia di Trento REGOLAMENTO SULLA VIDEOSORVEGLIANZA INDICE Art. 1 - Premessa Art. 2 - Principi generali Art. 3 - Definizioni Art. 4 - Ambito di applicazione Art. 5 - Informativa

Dettagli

COMUNE DI MORSANO AL TAGLIAMENTO

COMUNE DI MORSANO AL TAGLIAMENTO COMUNE DI MORSANO AL TAGLIAMENTO (PROVINCIA DI PORDENONE) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA CITTADINA A TUTELA DELLA SICUREZZA URBANA. Adottato con delibera del Consiglio Comunale

Dettagli

Spettabile LIBRA BROKER di Giovanni B. Liberato Via Napoli, 37 20066 Melzo (MI) P.IVA 11234220157

Spettabile LIBRA BROKER di Giovanni B. Liberato Via Napoli, 37 20066 Melzo (MI) P.IVA 11234220157 Spettabile LIBRA BROKER di Giovanni B. Liberato Via Napoli, 37 20066 Melzo (MI) P.IVA 11234220157 Oggetto: Incarico di intermediazione assicurativa (brokeraggio assicurativo) Premesso che la Libra Broker

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NEL COMUNE DI NAGO TORBOLE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NEL COMUNE DI NAGO TORBOLE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NEL COMUNE DI NAGO TORBOLE Approvato con deliberazione del Consiglio comunale n. 43/2012 di data 22/11/2012 1 INDICE PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto

Dettagli

SCHEDA CANDIDATO- IMPIEGATI. DATA COLLOQUIO SELEZIONATORE INSERIMENTO IN RISORSE UMANE SI NO AREA FUNZIONALE aziendale MANSIONE INDIVIDUATA SINTETICA

SCHEDA CANDIDATO- IMPIEGATI. DATA COLLOQUIO SELEZIONATORE INSERIMENTO IN RISORSE UMANE SI NO AREA FUNZIONALE aziendale MANSIONE INDIVIDUATA SINTETICA SCHEDA CANDIDATO- IMPIEGATI RISERVATO ALLA SELEZIONE DATA COLLOQUIO SELEZIONATORE INSERIMENTO IN RISORSE UMANE SI NO AREA FUNZIONALE aziendale MANSIONE INDIVIDUATA SINTETICA Spazio foto DATI ANAGRAFICI

Dettagli

COMUNE DI GAETA (Provincia di Latina) REGOLAMENTO

COMUNE DI GAETA (Provincia di Latina) REGOLAMENTO COMUNE DI GAETA (Provincia di Latina) * * * * * REGOLAMENTO del sistema di videosorveglianza per la sicurezza cittadina e disciplina del trattamento dei dati personali * * * * * (Approvato con deliberazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L'UTILIZZO DI SISTEMI DI VIDEOSORVEGLIANZA NEL TERRITORIO COMUNALE

REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L'UTILIZZO DI SISTEMI DI VIDEOSORVEGLIANZA NEL TERRITORIO COMUNALE Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 43 del 26 aprile 2007 Indice REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L'UTILIZZO DI SISTEMI DI VIDEOSORVEGLIANZA NEL TERRITORIO COMUNALE art. 1 - finalità

Dettagli

COMUNE DI TELVE DI SOPRA (Provincia di Trento)

COMUNE DI TELVE DI SOPRA (Provincia di Trento) COMUNE DI TELVE DI SOPRA (Provincia di Trento) Regolamento per l installazione e l utilizzo degli impianti di videosorveglianza del Comune di Telve di Sopra Approvato con deliberazione del Consiglio comunale

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA COMUNE DI SANT EGIDIO ALLA VIBRATA (Provincia di Teramo) Tel. 0861/846511 Fax 0861/840203 Part. IVA: 00196900674 e-mail: info@comune.santegidioallavibrata.te.it REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLA

Dettagli

Privacy. Vademecum per il titolare di farmacia. Riepilogo adempimenti - modulistica

Privacy. Vademecum per il titolare di farmacia. Riepilogo adempimenti - modulistica Privacy Vademecum per il titolare di farmacia Riepilogo adempimenti - modulistica A cura dell ufficio legale della Federfarma INDICE RIEPILOGO ADEMPIMENTI adempimenti già in vigore p.1 adempimenti da attuare

Dettagli

LAVENA PONTE TRESA Provincia Di VARESE Approvato con deliberazione di C.C. N. del.

LAVENA PONTE TRESA Provincia Di VARESE Approvato con deliberazione di C.C. N. del. REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NEL TERRITORIO COMUNALE DI LAVENA PONTE TRESA Provincia Di VARESE Approvato con deliberazione di C.C. N. del. INDICE CAPO I PRINCIPI GENERALI Art.

Dettagli

COMUNE DI SAN COLOMBANO AL LAMBRO Provincia di Milano

COMUNE DI SAN COLOMBANO AL LAMBRO Provincia di Milano COMUNE DI SAN COLOMBANO AL LAMBRO Provincia di Milano REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO DI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE INDICE CAPO I - PRINCIPI GENERALI Articolo

Dettagli

C O M U N E DI P O R T O S C U S O REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NEL TERRITORIO COMUNALE

C O M U N E DI P O R T O S C U S O REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NEL TERRITORIO COMUNALE C O M U N E DI P O R T O S C U S O REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NEL TERRITORIO COMUNALE Approvato con Delibera del Consiglio Comunale n. del pubblicata all Albo Pretorio in data

Dettagli

COMUNE DI ROÈ VOLCIANO REGOLAMENTO SUL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI MEDIANTE SISTEMI DI VIDEOSORVEGLIANZA

COMUNE DI ROÈ VOLCIANO REGOLAMENTO SUL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI MEDIANTE SISTEMI DI VIDEOSORVEGLIANZA COMUNE DI ROÈ VOLCIANO Provincia di Brescia REGOLAMENTO SUL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI MEDIANTE SISTEMI DI VIDEOSORVEGLIANZA (approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 15 del 22.04.2009)

Dettagli

Consulenza sul Documento Programmatico sulla Sicurezza in ottemperanza al nuovo Testo Unico sulla Privacy

Consulenza sul Documento Programmatico sulla Sicurezza in ottemperanza al nuovo Testo Unico sulla Privacy GP&A Srl Via Seprio, 2 20149 Milano Phone: 02/45.49.53.73 Fax: 02/45.49.53.74 Email: info@gpa.it Consulenza sul Documento Programmatico sulla Sicurezza in ottemperanza al nuovo Testo Unico sulla Privacy

Dettagli

Regolamento per la videosorveglianza

Regolamento per la videosorveglianza Pag.1 www.ictramonti.org Autonomia Scolastica n. 24 Istituto Comprensivo Statale G. Pascoli Via Orsini - 84010 Polvica - Tramonti (SA)Tel e Fax. 089876220 - C.M. SAIC81100T - C.F. 80025250657 Email :saic81100t@istruzione.it-

Dettagli

PRIVACY 2015 LAVORATORI : I PUNTI PRINCIPALI DEL VADEMECUM DEL GARANTE

PRIVACY 2015 LAVORATORI : I PUNTI PRINCIPALI DEL VADEMECUM DEL GARANTE PRIVACY 2015 LAVORATORI : I PUNTI PRINCIPALI DEL VADEMECUM DEL GARANTE a cura di Celeste Vivenzi Premessa generale Il Codice della Privacy ( Decreto legislativo 30 giugno 2003 n.196) contiene i principi

Dettagli

REGOLAMENTO SULLA VIDEOSORVEGLIANZA

REGOLAMENTO SULLA VIDEOSORVEGLIANZA Allegato A alla deliberazione C.C. n. 38 del 3.8.2010. COMUNE DI BORGIO VEREZZI (Prov. di Savona) REGOLAMENTO SULLA VIDEOSORVEGLIANZA CAPO I PRINCIPI GENERALI ART. 1 OGGETTO. Il presente Regolamento disciplina

Dettagli

Provincia di Lucca ****************** REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE

Provincia di Lucca ****************** REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE COMUNE FOSCIANDORA Provincia di Lucca ****************** REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE Approvato dal Consiglio Comunale con deliberazione n. 25 in data 13/07/2010

Dettagli