Convegno AIDEA 2013 a Lecce: 200 anni verso il futuro internazionale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Convegno AIDEA 2013 a Lecce: 200 anni verso il futuro internazionale"

Transcript

1 settembre-ottobre 2013 Numero 5 ISSN: Banking&Finance Lab Newsletter Convegno AIDEA 2013 a Lecce: 200 anni verso il futuro internazionale di Daniele Previati IN QUESTO NUMERO Convegno AIDEA 4 Dal 19 al 21 di settembre, nella splendida cornice del barocco salentino di Lecce, si è svolto il trentaseiesimo convegno (www. aidea2013.it/) dell Accademia Italiana di Economia Aziendale (AIDEA), che ha festeggiato i duecento anni dell associazione (http://www.accademiaaidea.it/). E stata un occasione importante per fare il punto sugli studi economico-aziendali in Italia e proiettare la ricerca nei vari campi dell economia aziendale italiana verso un futuro di crescente internazionalizzazione. Come ha chiaramente illustrato Giorgio Invernizzi, Presidente del Comitato Scientifico,nella sua presentazione del convegno, esso ha avuto lo scopo primario, sin dalla sua progettazione, di rivolgersi innanzitutto ai giovani ricercatori italiani di economia Probability of Default Call for Paper - EFMA 2014 Islamic Finance in China B&F on the road Prossimi incontri

2 Convegno AIDEA La cattedrale di Santa Maria Assunta a Lecce aziendale, offrendo un ambiente aperto ricco di occasioni di confronto a livello internazionale. Il convegno ha quindi fatto perno sulle diverse società scientifiche create successivamente ad AIDEA da suoi soci (ADEIMF Associazione dei Docenti di Economia degli Intermediari e dei Mercati Finanziari; SIDREA - Società Italiana dei Docenti di Ragioneria e di Economia Aziendale; SIMA Società Italiana di Management; SIMkg Società Italiana di Marketing; SISR -Società Italiana di Storia della Ragioneria; WOA Workshop dei Docenti e dei Ricercatori di Organizzazione Aziendale) o sotto il suo patrocinio (AIDEA Giovani), nonché sulla rete delle riviste italiane accreditate da AIDEA e delle riviste estere con cui nel corso del tempo gli accademici italiani hanno sviluppato contatti. Ben 237 dei 289 paper che sono stati presentati (pari all 82%) sono scritti in inglese. Tale percentuale è segno di disponibilità ed impegno dei nostri ricercatori al confronto internazionale. Nel complesso, la comunità degli economisti aziendali italiani appare, alla luce del convegno, ben avviata verso il rafforzamento di un processo di internazionalizzazione che, iniziato da singoli gruppi e scuole (come appare chiaramente anche dalla recente valutazione della ricerca VQR ), si sta espandendo con risultati e prospettive incoraggianti. Per proseguire positivamente 2 in tal senso, appare necessario rispettare alcune condizioni, non sempre presenti in egual misura nei settori dell economia aziendale italiana, condizioni che sono state variamente ricordate durante il convegno da diversi docenti e ricercatori. Ad esempio, Giorgio Invernizzi nella presentazione del convegno ha giustamente ricordato che la pubblicazione su riviste internazionali non è condizione sufficiente per l internazionalizzazione della Economia Aziendale. Ma, ribadisco, la pubblicazione anche su riviste internazionali di fascia A non è condizione sufficiente perché l internazionalizzazione dell Economia Aziendale si dispieghi in modo soddisfacente continuando ad attingere linfa vitale dalle proprie radici. Non è condizione sufficiente per diffondere l approccio aziendalistico italiano. E solo una condizione necessaria, che addirittura espone a rischi di perdita di identità in assenza di una strategia di internazionalizzazione che coinvolga i nostri Istituti e i nostri Dipartimenti non solo sul fronte della ricerca, ma anche su quello della didattica. A parere di chi scrive, le principali condizioni di internazionalizzazione possono essere così riassunte: concepire la ricerca, e realizzarla, guardando ad uno scenario accademico e di impatto pratico (linee di policy, pratiche manageriali) prevalentemente internazionale, pur non perdendo la visione dei problemi domestici dei diversi tipi di aziende; operare in team il più possibile multinazionali, con persone provenienti

3 B&F Lab Newsletter da università differenti; far sì che, abbastanza ovviamente, l inglese o altre lingue europee ad elevata diffusione siano le lingue in cui concepire la ricerca e con cui comunicarne i risultati, mirando alle riviste internazionali più prestigiose ma anche a quelle emergenti, che potranno rientrare tra le più prestigiose in futuro; accettare il pluralismo degli orientamenti di ricerca, con una valorizzazione del patrimonio culturale dell economia aziendale italiana, da tempo aperto ai contributi internazionali, almeno nelle sue migliori espressioni. La lettura e la citazione di contributi anche italiani, a volte anche alcuni non recentissimi, può denotare il tentativo di tale valorizzazione; comunicare chiaramente l orientamento epistemologico delle ricerche intraprese, senza appiattirsi su un acritico mainstream seppur di successo su importanti riviste di fascia A che fa confondere spesso i metodi (per lo più quantitativi) con la metodologia. Si pensi al riguardo che molti contributi seminali dell economia (oltre che della stessa economia aziendale) non sono di natura induttiva, e che, molto più semplicemente, i contenuti e le conclusioni (i messaggi) di una ricerca debbono sempre prevalere sui metodi; contribuire alla costruzione di database originali, su base domestica ed internazionale, che consentano di approfondire lo studio delle aziende in modo più ravvicinato, per contrastare un orientamento from a distance che prevale in studi di origini non aziendalistiche (o di management, se vogliamo esprimerci in termini più up to date.). Non bisogna coltivare storici complessi di inferiorità verso altri colleghi del nostro ambito delle scienze sociali (tipicamente Il futuro verso cui si orienta l AIDEA deve essere di ampie riflessioni, oltre che di azioni volte a sfornare prodotti internazionali di ricerca gli economisti ), imitandone acriticamente approcci e metodi che non sempre si sono rivelati produttivi in termini di contributo previsivo e di susseguenti interventi di uscita dalle crisi e di risanamento delle situazioni da tali crisi generate. L utilità per gli attori presenti nel sistema socioeconomico è condizione da rispettare, e tipica degli studi di economia aziendale; confrontarsi criticamente con i risultati prodotti dalle riviste di classe elevata, scegliendo quelle più adeguate al proprio orientamento di ricerca, senza seguire opportunisticamente quelle di maggior successo, piegando la propria ricerca alla corrente principale (magari chiedendosi dove porta all atto pratico, e non solo accademico, tale corrente ). I tempi della ricerca non sono mai brevi, a meno di intraprendere percorsi frenetici (e un poco seriali) per aumentare la produttività in termini di quantità di paper ed articoli. Il futuro, verso cui si orienta l AIDEA con i suoi duecento anni di storia alle spalle, deve essere un futuro di ampie riflessioni, oltre che di azioni volte a sfornare prodotti internazionali di ricerca. In tal senso, l occasione del convegno e gli stimoli che ha prodotto non vanno dispersi, e debbono trovare sbocchi positivi nel prossimo futuro, sin dal prossimo convegno AIDEA, quello del duecentounesimo anno. Daniele Previati (Direttore Editoriale) Leggi l intervento integrale su 3

4 Convegno AIDEA Presentazione del Convegno AIDEA AD OPERA DI GIORGIO INVERNIZZI, PRESIDENTE DEL COMITATO SCIENTIFICO Dal 19 al 21 settembre si è svolto a Lecce, all Università del Salento, il Convegno del Bicentenario AI- DEA, dal tema Il ruolo dell azienda nell economia. Esiste un modello aziendale orientato alla crescita?. Numerosi i partecipanti, forte la presenza delle istituzioni e delle aziende, immenso il lavoro svolto dagli organizzatori. In poche parole, un grande successo. Qual è stata la formula vincente di questo bicentenario? Fin dall inizio erano chiari, a noi del Comitato, i tre elementi della formula imprenditoriale attorno ai quali avremmo dovuto svolgere il nostro compito: 1. il target: i clienti target erano i giovani ricercatori di economia aziendale italiani; 2. il sistema di prodotto: l offerta di un ambiente aperto in cui presentare occasioni di confronto a livello internazionale delle ricerche concepite nell alveo della tradizione di economia-aziendale. Tale offerta doveva avere un prezzo basso. Inoltre la manifestazione doveva avere il sapore di una festa. L offerta, infine, doveva coinvolger diverse riviste (italiane e straniere). 3. la struttura, si doveva perciò definire il contesto di un convegno aperto, articolato su diversi tipi di iniziative. Prendiamo spunto dal titolo del convegno (Il ruolo dell azienda nell economia. Esiste un modello aziendale orientato alla crescita?, ndr.) per chiederle: qual è stato il modello aziendale che vi ha orientato per celebrare il ruolo della ricerca nell economia? Oltre ad aver chiesto consigli e suggerimenti ai Presidenti delle 7 Società scientifiche che si collegano ad Aidea, abbiamo chiesto alle 27 riviste accreditate Aidea di proporci un paio di titoli di argomenti che declinassero il tema, volutamente generale, del nostro Convegno. Lo stesso abbiamo fatto con alcune riviste straniere, chiedendo loro anche la disponibilità a predisporre una special issue o una fast track. Abbiamo poi cercato di organizzare un convegno nel convegno, tre tavole rotonde e diverse opportunità d incontro. In tantissimi hanno aderito al call for paper, accademici e non, da ogni parte d Italia e del resto del mondo. So che ha un bel po di dati interessanti da snocciolare Abbiamo ricevuto 444 paper (65% da Università Italiane, 35% da Università straniere di 38 differenti nazioni). A seguito di una revisione anonima, ne abbiamo selezionati 289, con un tasso di accettazi- 4

5 B&F Lab Newsletter one del 65%. Ben 237 dei 289 paper che saranno presentati (pari all 82%) sono scritti in inglese. Tale percentuale è segno di disponibilità ed impegno dei nostri ricercatori al confronto internazionale. Inoltre, analizzando nel dettaglio i paper selezionati, si nota una tendenza a ricercare e pubblicare insieme ad altri studiosi (il numero medio di autori per paper è 2,25). Approfondendo la composizione degli autori degli articoli si segnala che i coautoraggi sono per lo più fra ricercatori di sedi universitarie differenti. Resta da fare ancora molta strada, invece, sulla via della integrazione dei nostri ricercatori nelle comunità scientifiche internazionali di riferimento: infatti, soltanto 14 articoli (il 5%) vedono la presenza di autori italiani e stranieri che hanno lavorato insieme. Ringraziamo per la collaborazione e la disponibilità Giorgio Invernizzi, Presidente del Comitato Scientifico di AIDEA e arrivederci ad AIDEA 2015! AIDEA Best Paper Awards I sei vincitori dei premi AIDEA (1.000 euro ciascuno, messi a disposizione dalla Fondazione Cariplo e dalla Fondazione Farmafactoring) per i migliori paper presentati al Convegno da giovani autori (con meno di 40 anni e non professori di ruolo in Università italiane) sono: Federico Cosenz Designing performance management systems in academic institutions: a dynamic performance management view Alessandra Cozzolino L agilità nella logistica delle emergenze. Come le imprese apprendono la gestione dell imprevedibile dalle organizzazioni umanitarie nelle operazioni di primo soccorso Francesco Mazzi Insight on CFOs perception of IAS reporting (con Giovanni Liberatore e Ioannis Tsalavoutas) Nikolaos Papanikolaou How changes in the market conditions affect screening activity and the lending behaviour of banks? Enzo Peruffo Ownership- monitoring or expropriation: evidence from divested European firms (con Raffaele Oriani e Maria Goranova) Paola Zocchi 5 Price setting anomalies and bank profitability concerns in the Italian residential mortgage market

6 Editoriale Il rischio di credito: i modelli di valutazione della probabilità di default ANISA AGO PHD CANDIDATE IN BANKING AND FINANCE L analisi e la quantificazione del rischio di credito rappresenta un tema di particolare importanza e di interesse in differenti ambiti. Il primo ambito può essere quello in cui una Banca si trova a concedere affidamenti alla propria clientela e deve valutare la capacità creditizia del cliente per poi definire le condizioni economiche da sottoporre alla clientela stessa. Un ulteriore contesto in cui è utile la valutazione del rischio di credito è quello della sottoscrizione dei titoli di debito di enti societari, bancari o sovrani. Si dovrebbe poter valutare la capacità dell ente emittente di rimborsare il prestito al fine di valutare l effettiva convenienza dell operazione di sottoscrizione. Le perdite generate dal rischio di credito sono sostanzialmente di due tipologie: perdite attese e perdite 6 inattese. La perdita attesa (expected loss EL) rappresenta il valore medio della distribuzione delle perdite di un portafoglio creditizio e può essere determinata moltiplicando i tre seguenti fattori: la probabilità attesa di insolvenza (PD), il tasso di perdita in caso di insolvenza (loss given default, LGD), indicato anche come complemento a 1 del tasso di recupero, recovery rate (RR, che rappresenta la quota del credito che verrà recuperato a seguito del default), e l esposizione attesa al momento dell insolvenza (expected exposure at default, EAD) che misura ad esempio la probabile quota di finanziamento effettivamente utilizzata dal cliente o il valore di mercato dell attività stimato al momento dell insolvenza. La variabilità della possibile perdita attorno al suo valore medio (la perdita inattesa) rappresenta il vero fattore di rischio, ossia il rischio che la perdita si dimostri, a posteriori, superiore a

7 B&F Lab Newsletter quella inizialmente stimata. E evidente come, al fine di quantificare il rischio di credito, si dovrà in primo luogo valutare la probabilità che alla fine del periodo il prenditore si possa trovare nella situazione di inadempienza. Solo successivamente si dovrà valutare, nel caso in cui si verifichi lo stato di insolvenza, quale potrà essere l entità della propria esposizione creditizia, ed infine si dovrà stimare quanta parte del credito concesso potrà essere recuperata. La probabilità di default è riferita al singolo debitore, può variare nel corso del tempo e può essere determinata ricorrendo a differenti metodologie. I due grandi approcci utilizzati per la valutazione del rischio di credito sono i modelli strutturali e i modelli in forma ridotta. I modelli strutturali si propongono di determinare il rischio di credito di un azienda in base alla sua struttura economica e finanziaria, invece i modelli in forma ridotta o intensity based models trattano l insolvenza come evento completamente esogeno, non dipendente dalla struttura patrimoniale della società o del Paese in esame. Nei modelli strutturali si ipotizza di disporre della stessa informazione del manager della società, invece, in quelli in forma ridotta si prescinde dalla conoscenza del valore di tutte le attività e passività della società: l informazione disponibile è la stessa del mercato. L approccio più remoto utilizzato per la valutazione quantitativa del rischio di credito è quello basato sull analisi effettuata da Merton (approccio strutturale). Il modello si fonda sui principi della Contingent Claim Analysis (Approccio delle opzioni reali). Successivamente sono nati nuovi modelli di valutazione basati sull approccio di Merton. Mentre, per quanto riguarda i modelli in forma ridotta la probabilità di default viene calcolata a partire dalle quotazioni di mercato di strumenti finanziari. I due grandi approcci utilizzati per la valutazione del rischio di credito sono i modelli strutturali e i modelli in forma ridotta Possiamo identificare tre differenti modi di ricavare tale probabilità: partendo dai prezzi dei Corporate Bond, basandosi sui rating creditizi, utilizzando gli spread dei CDS. Ci soffermiamo sull ultimo approccio, cioè sulla quantificazione della probabilità di default a partire dagli spread dei credit default swap quotati sui mercati finanziari. La peculiarità di tale modello, sviluppato da JP Morgan, risiede nella possibilità di quantificare una probabilità di default che rappresenta e sintetizza le aspettative degli operatori di mercato in merito al profilo di credito di uno specifico emittente. In questo modello vengono utilizzati i prezzi di mercato dei CDS per ricavare la probabilità di default (PD) implicita negli stessi prezzi. Il calcolo si può ritenere attendibile dato che il mercato finanziario, nel quale i CDS vengono quotati, si può considerare stabile e liquido e quindi è sempre possibile eseguire un ordine al prezzo desiderato. Il modello si basa sul fatto che a un determinato livello di spread del CDS corrisponde un certo valore di probabilità di default dell entità di riferimento dello stesso CDS. Cioè, l andamento dei livelli assunti da tali spread segue quello della probabilità di default, che si vuole quantificare. Per illustrare le caratteristiche del modello, abbiamo riprodotto lo stesso utilizzando le informazioni incorporate nelle quotazioni dei CDS di una specifica entità di riferimento, e confrontando successivamente le probabilità di default ricavate in differenti momenti. Poiché il modello sviluppato dalla JPM è un modello in forma ridotta e l evento insolvenza è modellato in modo tale che non dipenda dalla 7

8 Editoriale struttura patrimoniale dell ente oggetto di analisi, abbiamo ritenuto opportuno e interessante valutare la PD implicita dell emittente sovrana Repubblica Italiana. Un modello strutturale non si sarebbe rivelato adeguato in questo caso, dato che la struttura economico finanziaria di uno stato non è ben definita come quella di un emittente corporate. Dai risultati della nostra elaborazione è emerso che il livello della probabilità di default è variato significativamente nel corso dell arco temporale di riferimento. Ai vari livelli dei CDS registrati a giugno, settembre e dicembre 2011, nonché a marzo 2012, corrisponde una diversa probabilità di default (probabilità di default dinamica), diversamente dal caso in cui si valuta la probabilità basandosi sui dati storici e che per definizione ci danno una probabilità di default storica (probabilità di default statica). quota del 8,43%. E nei mesi precedenti il downgrading (nei nostri calcoli il 30/09/2011) il livello della probabilità di default era comunque molto più alto dello 0,42% (6,818%). Quindi, il modello basato sugli spread dei CDS permette di ricavare una probabilità di default utile per cogliere la reale rischiosità di un soggetto di nostro interesse, e anche per vedere in quale modo questa PD venga influenzata dalle circostanze economiche attuali. Il modello rivela la sua capacità di cogliere in modo immediato la rischiosità dell emittente e riflette la percezione dei mercati relativamente allo stesso emittente. Anisa Ago Confrontando la PD implicita con quella frequentista abbiamo notato come la prima colga la rischiosità effettivamente percepita dai mercati, invece la seconda dia una PD statica dato che vengono utilizzati dati storici. Nello specifico abbiamo analizzato il livello di rating BBB+ che è stato assegnato all emittente sovrana Italia il 13/01/2012 dall agenzia Standard and Poor s. A un tale livello di rating dovrebbe corrispondere mediamente, una probabilità di default dello 0,42%. Invece, in base ai nostri calcoli, nello stesso periodo (precisamente il 31/12/2011) la probabilità di default dell Italia raggiungeva la 8

9 B&F Lab Newsletter Piazza del Colosseo a Roma Call for Paper: EFMA 2014 THE EUROPEAN FINANCIAL MANAGEMENT ASSOCIATION WILL HOLD ITS 23TH ANNUAL MEETING IN ROME, (ITALY), TOR VERGATA UNIVERSITY, SCHOOL OF ECONOMICS, JUNE 25-28, KEYNOTE SPEAKER: PROFESSOR GARY B. GORTON - YALE SCHOOL OF MANAGEMENT. PROGRAM CO-CHAIRS: ALESSANDRO CARRETTA E GIANLUCA MATTAROCCI RESEARCH PAPERS: Members and friends of the association are invited to participate in the 2014 Annual Meeting. You are encouraged to submit research papers in all areas of finance. DEADLINE: The deadline for papers and proposals is January 15, 2014 Authors will be notified by March 4, AWARDS: The Association will present the EFMA Conference Award ($200), GARP Risk Management Award ($2,500), LANG Corporate Award ($2,000) & PhD Student Best Paper Award ($2,000). SPECIAL SESSIONS: In addition to the regular academic sessions, the program will include panel discussions, tutorial lectures, and invited presentations. The goals of these special sessions are to enhance the exchange of ideas between academicians and practitioners, to provide a forum for discussion of special topics and to offer educational opportunities for conference participants. Submit your proposal for a special session by writing to the Program Co-Chairs. PUBLICATION: A set of papers presented at the meeting will be invited by the 2014 Program Co-Chairs to be considered for publication in the European Financial Management journal, in cooperation with the Managing Editor. All selected papers with authors approval will be blind refereed. 9

10 Attualità dall estero Islamic Finance in Greater China Region: A brief intro ZHENGUO JIA PHD CANDIDATE IN MANAGEMENT AND ORGANIZATION Islamic finance develops significantly and rapidly under the global context of economic downturn. It expands to more than 70 countries and 300 Islamic institutions in operation worldwide, Greater China region is no exception. An increasingly and positively formulating Islamic financial system indicates the potential revolution of international financial service sector. This article aims to briefly introduce the development and status quo of Islamic finance in Greater China Region containing Hong Kong SAR, Mainland China as well as Taiwan. Indeed, the Islamic Finance development just phased in the beginning in Greater China Region, but hopefully there will be a prospective future for Islamic Finance in this area. 1. Hong Kong SAR Zeng Yinquan, chief executive of Hong Kong SAR (Spe- 10 cial Administrative Region) clearly stressed on conference in Saudi Arabia that Hong Kong equips complete Financial Service infrastructures and facilities as well as flexible and sound legal and regulatory systems in terms of establishing and developing an Islamic Financial centre in East Asia to support its economic growth. With the encouragement and authorization of Hong Kong SAR government and Hong Kong Monetary Authority, Hang Seng Bank that under control of HSBC group issued the first wholesaling Islamic Fund in Nov which is Heng Seng Islamic China Index primarily focuses on Hong Kong and Mainland China Market in order to invest Shariah-Compliant companies. Moreover, Hong Leong Bank Hong Kong was the first bank in Hong Kong recognized by Central Bank of Malaysia and the Hong Kong Monetary Authority to launch its Islamic Banking services on 18 th August 2008 which

11 B&F Lab Newsletter offers innovative Shariah-compliant wholesale and investment banking solutions to meet clients needs. In Oct 2011, Malaysia investment Khazanah Nasional succeeded in issuing 500 million RMB Islamic Bond (Sukuk) in Hong Kong and this was the first and pioneering Sukuk issue with currency of RMB. In fact, this creative and appealing Sukuk attract investors from Malaysia, Singapore, Hong Kong, Middle East and Europe. In particular, Hong Kong government has already launched consultation of legislative amendment to step towards the development of its Islamic bond Market. What Hong Kong emphasis the importance is the intermedium nature between Mainland China and rest world and the extremely market potential. However, in the light of current situation, certain amendments to law and tax regime in Hong Kong were needed to further promote and encourage the industry. In addition to the practical Islamic services lanching, Hong Kong initiated several projects in regards with training local Islamic Finance professionals accordingly in order to sustainably advance the Islamic finance industry as a prospective Islamic Financial hub, to ensure that all financial activities are conducted in line with Shariah Principle and related governance rules. One of this efforts features the collaboration with Hong Kong University and CIMA on lanching Certificate/Advanced certificate in Islamic Finance qualification in Hong Kong. 2. Mainland China From Mainland China s perspective, in Oct. 2009, the Ningxia Hui Autonomous Region supported and led Bank of Ningxia to pioneer Islamic Finance with the encouragement of China Banking Regulatory Commission. Referring to the 10th Hong Kong SAR, Mainlanfd China and Taiwan characterized by differing level of development in Islamic Finance census data and statistics by Chinese government, there are 10 minorities in China believing in Islam and the population exceeds 23 million. Accordingly, there is huge potential market for Shariah-compliant banking services. Bank of Ningxia became the first bank with Islamic Finance windows offering Islamic banking services in Mainland China. However, the Islamic Finance windows at Bank of Ningxia are just offering basic Islamic banking services containing safe custody current account, Restricted Investment Account(Mudarabah),costplus (Murabahah) currently. Further Islamic Finance popular products were in discussion and innovation with Mainland China Central bank. Additionally, developing Ningxia as a Islamic Finance Centre connecting mainland China with Arabian countries was always the willing of officials of Ningxia Hui Autonomous Region to open up its region for the development. This idea and plan were supported by a research project hosted by National Development and Reform Committee of China in 2012 regarding setting up trail finance cooperation zone with Arabian countries,constructing Ningxia to Mainland China s international hub for Islamic Finance as well as establishing and restructuring Islamic banks and further confirmed by China Banking Regulatory Commission. But this plan was unfortunately not ultimately agreed by Central Bank of China and Ministry of Finance. The primary challenges might be the difficulties to accommodate Islamic Finance transaction which are complying with Shariah principles to existing Chinese banking system and supervision. The further development of Islamic Finance might need quite a long time. 3. Taiwan Compared with Hong Kong s Islamic finance industry, Taiwan s development features relative 11

12 Attualità dall estero slower, but the Islamic Finance segment is growing recently. In the global context of significantly increasing of Islamic Finance, the Taiwan government and organizations commenced to research the viability and opportunities of developing Islamic Finance in Taiwan as well as holding several regional Islamic Finance Forums to foster its enlargement. In 2009, Taiwan s Stock Exchange(TAIEX) with efforts of Financial Times UK prepared Taiwan Islamic Index containing companies compliant with Shariah principles. Polaris Securities Investment Trust Co. was in talks with DBS Group Holdings Ltd., Southeast Asia s biggest bank, to establish a venture to develop Islamic finance in Southeast Asia in Polaris collaborated with DBS group to start an exchange traded fund that tracked the MSCI Taiwan Islamic Index. The index contains about 60 stocks listed on the Taiwan stock exchange, and includes companies such as Taiwan Semiconductor Manufacturing Co., Hon Hai Precision Industry Co. and Chunghwa Telecom Co. Polaris is the asset management unit of Polaris Financial Group, which owns Taiwan s largest online brokerage. However, the most challenging obstacle to further grow Islamic Finance in Taiwan appear to be lacking of experienced working professionals and Shariah Scholars in Islamic Finance industry. To sum up, Hong Kong SAR, Mainland China and Taiwan characterized by differing level of development in Islamic Finance. Nevertheless, Hong Kong among them has the most flexible and complete legislative and tax regime to better and further involve Shariah-Compliant Financial instrument and advance Islamic banking services toward the goal of Islamic Financial Hub. Mainland China faced the most difficult obstacle because of China s rigid and particular Financial system and supervision principles. Furthermore,Taiwan has more time and opportunities to work in partnership with Singapore and Malaysia to further develop its Islamic Finance services. Overall, The Islamic Finance development in greater China region actually needs a gradual long path but with a hopeful future prospect. Zhenguo Jia B&F Lab DICTIONARY La nuova rubrica con i nuovi termini della finanza e dell economia. TAPERING: il termine significa «assottigliamento» per indicare la progressiva riduzione degli acquisti di titoli da parte della Federal Reserve. Se i progressi nell espansione economica 12 Usa troveranno conferma, la Fed è pronta entro l anno a far scattare un graduale rallentamento del Quantitative easing. La frenata potrebbe portare a conclusione l intera manovra, oggi pari a 85 miliardi di dollari al mese in acquisti di bond, alla metà del prossimo anno. Negli ultimi mesi i mercati hanno reagito ad ogni indicazione, dai dati macroeconomici Usa alle esternazioni dei banchieri centrali, che facesse in qualche modo presagire i termpi e i modi con cui la banca centrale Usa avrebbe messo in atto il tapering. Fonte: Il Sole 24 Ore

13 Good News Banking&Finance Lab on the road Gianni Nicolini sta svolgendo un periodo di ricerca, quale visiting professor, all Università degli Studi di Athens, Georgia University of Athens, Georgia. Albana Nako sta svolgendo un periodo di ricerca, quale visiting scholar, presso l Università di Aveiro, in Portogallo. Aveiro University, Portogallo. Emerald Highly Commended Award! Gianluca Mattarocci, ricercatore di Economia degli Intermediari Finanziari, e Georgios Siligardos, dottore di ricerca in Banca e Finanza, sono stati premiati con l Highly Commended Award of the Emerald/EMRBI Business Research Award for Young Researchers per il contributo Income Return vs Capital Appraisal: a Test on the Italian Real Estate Funds presentato durante la 6a EuroMed Conference of the EuroMed Academy of Business tenutasi a Lisbona il 23 e 24 settembre L Emerald Group Publishing Limited è editore della più vasta raccolta di riviste su business internazionale e management, e l Euromed Research Business Institute (EMRBI) è un istituto di ricerca in rapida crescita che si occupa di attività accademiche e di ricerca. 13

14 B&F Lab Newsletter Prossimi incontri. Luptatur sumenecto eos molo! The Seminar is free of charge. Simultaneous translation is provided from Italian into English (withheadphones). For the registration (necessary for the translation), please send an to: Nel prossimo numero Italian Private Equity Industry During The Financial Crisis: An Overview La ricerca, il finanziamento e la creazione d impresa Rogue Trader: recensione del libro di Nick Leeson BANKING AND FINANCE LAB periodico bimestrale Proprietario ed editore Università di Roma Tor Vergata Via Orazio Raimondo, Roma Direttore responsabile Alessandro Caretta Direttore editoriale Daniele Previati 14 Prossime Conferenze Autorizzazione del Tribunale di Roma n.450/2007 del 20/09/2007

Evoluzione Risk Management in Intesa

Evoluzione Risk Management in Intesa RISCHIO DI CREDITO IN BANCA INTESA Marco Bee, Mauro Senati NEWFIN - FITD Rating interni e controllo del rischio di credito Milano, 31 Marzo 2004 Evoluzione Risk Management in Intesa 1994: focus iniziale

Dettagli

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Università degli Studi di Parma Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Prof.ssa Paola Schwizer Anno accademico

Dettagli

Presentazione societaria

Presentazione societaria Eurizon Capital Eurizon Capital Presentazione societaria Eurizon Capital e il Gruppo Intesa Sanpaolo Banca dei Territori Asset Management Corporate & Investment Banking Banche Estere 1/12 Eurizon Capital

Dettagli

1. Che cos è. 2. A che cosa serve

1. Che cos è. 2. A che cosa serve 1. Che cos è Il Supplemento al diploma è una certificazione integrativa del titolo ufficiale conseguito al termine di un corso di studi in una università o in un istituto di istruzione superiore corrisponde

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

La valutazione della ricerca nell area dell Economia Aziendale. Alcune proposte.

La valutazione della ricerca nell area dell Economia Aziendale. Alcune proposte. 1. Premessa. La valutazione della ricerca nell area dell Economia Aziendale. Alcune proposte. La comunità dei docenti e ricercatori dell area di Economia Aziendale, rappresentata dalle società scientifiche

Dettagli

Proposition for a case-study identification process. 6/7 May 2008 Helsinki

Proposition for a case-study identification process. 6/7 May 2008 Helsinki Conférence des Régions Périphériques Maritimes d Europe Conference of Peripheral Maritime Regions of Europe ANALYSIS PARTICIPATION TO THE FP THROUGH A TERRITORIAL AND REGIONAL PERSPECTIVE MEETING WITH

Dettagli

In breve Febbraio 2015

In breve Febbraio 2015 In breve In breve Febbraio 2015 La nostra principale responsabilità è rappresentata dagli interessi dei nostri clienti. Il principio per tutti i soci è essere disponibili ad incontrare i clienti, e farlo

Dettagli

Outlook 2014: il rischio più grande è non correre alcun rischio OUTLOOK

Outlook 2014: il rischio più grande è non correre alcun rischio OUTLOOK OUTLOOK Outlook 2014: il rischio più grande è non correre alcun rischio Non è facile assumersi rischi in modo intelligente e calcolato: la soluzione è Smart Risk AUTORE: STEFAN HOFRICHTER 16 Il 2013 è

Dettagli

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse?

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Your Global Investment Authority Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Gli

Dettagli

Narrare i gruppi. Rivista semestrale pubblicata on-line dal 2006 Indirizzo web: www.narrareigruppi.it - Direttore responsabile: Giuseppe Licari

Narrare i gruppi. Rivista semestrale pubblicata on-line dal 2006 Indirizzo web: www.narrareigruppi.it - Direttore responsabile: Giuseppe Licari Narrare i gruppi Etnografia dell interazione quotidiana Prospettive cliniche e sociali ISSN: 2281-8960 Narrare i gruppi. Etnografia dell'interazione quotidiana. Prospettive cliniche e sociali è una Rivista

Dettagli

Fabio Ciarapica Director PRAXI ALLIANCE Ltd

Fabio Ciarapica Director PRAXI ALLIANCE Ltd Workshop Career Management: essere protagonisti della propria storia professionale Torino, 27 febbraio 2013 L evoluzione del mercato del lavoro L evoluzione del ruolo del CFO e le competenze del futuro

Dettagli

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

Perché AIM Italia? (1/2)

Perché AIM Italia? (1/2) AIM Italia Perché AIM Italia? (1/2) AIM Italia si ispira ad un esperienza di successo già presente sul mercato londinese Numero di società quotate su AIM: 1,597 Di cui internazionali: 329 Quotazioni su

Dettagli

La nostra storia, il vostro futuro.

La nostra storia, il vostro futuro. La nostra storia, il vostro futuro. JPMorgan Funds - Corporate La nostra storia, il vostro futuro. W were e wer La nostra tradizione, la vostra sicurezza Go as far as you can see; when you get there, you

Dettagli

IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE

IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE ALCUNE CONSIDERAZIONI A MARGINE DELLA REVISIONE DELLE NORME SUGLI INVESTIMENTI A COPERTURA DELLE RISERVE TECNICHE CONVEGNO SOLVENCY II 1 PUNTI PRINCIPALI

Dettagli

INFORMATIVA EMITTENTI N. 22/2015

INFORMATIVA EMITTENTI N. 22/2015 INFORMATIVA EMITTENTI N. 22/2015 Data: 23/04/2015 Ora: 17:45 Mittente: UniCredit S.p.A. Oggetto: Pioneer Investments e Santander Asset Management: unite per creare un leader globale nell asset management

Dettagli

Nicola Romito. Esperienza. Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it

Nicola Romito. Esperienza. Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it Nicola Romito Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it Esperienza Presidente at Power Capital aprile 2013 - Presente (1 anno 4 mesi) * Consulenza per gli investimenti, gestione di portafoglio

Dettagli

Excellence Programs executive. Renaissance management

Excellence Programs executive. Renaissance management Excellence Programs executive Renaissance management Renaissance Management: Positive leaders in action! toscana 24.25.26 maggio 2012 Renaissance Management: positive leaders in action! Il mondo delle

Dettagli

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti L incontro annuale su: Mercati dei Titoli di Stato e gestione del Debito Pubblico nei Paesi Emergenti è organizzato con il patrocinio del Gruppo di lavoro sulla gestione del debito pubblico dell OECD,

Dettagli

Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process)

Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process) Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process) All data aquired from a scan position are refered to an intrinsic reference system (even if more than one scan has been performed) Data

Dettagli

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014 Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano Agosto 2014 Banca Generali in pillole Banca Generali è uno degli assetgathererdi maggior successo e in grande crescita nel mercato italiano, con oltre

Dettagli

Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana

Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana Versione 04 1/28 INTRODUZIONE La Guida ai Parametri contiene la disciplina relativa ai limiti di variazione

Dettagli

ETF Revolution: come orientarsi nel nuovo mondo degli investimenti

ETF Revolution: come orientarsi nel nuovo mondo degli investimenti ETF Revolution: come orientarsi nel nuovo mondo degli investimenti Emanuele Bellingeri Managing Director, Head of ishares Italy Ottobre 2014 La differenza di ishares La differenza di ishares Crescita del

Dettagli

Non solo benchmark: le prospettive nei modelli gestionali. Stefania Luzi Mefop Roma, 3 luglio 2013

Non solo benchmark: le prospettive nei modelli gestionali. Stefania Luzi Mefop Roma, 3 luglio 2013 Non solo benchmark: le prospettive nei modelli gestionali Stefania Luzi Mefop Roma, 3 luglio 2013 La cronistoria Pre 2009 Modello a benchmark basato su: Pesi delle asset class Benchmark costituito da indici

Dettagli

Gli Investitori Globali Ritengono che le Azioni Saranno La Migliore Asset Class Nei Prossimi 10 Anni

Gli Investitori Globali Ritengono che le Azioni Saranno La Migliore Asset Class Nei Prossimi 10 Anni é Tempo di BILANCI Gli Investitori Hanno Sentimenti Diversi Verso le Azioni In tutto il mondo c è ottimismo sul potenziale di lungo periodo delle azioni. In effetti, i risultati dell ultimo sondaggio di

Dettagli

NOTA DI SINTESI. relativa agli. ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES su un Indice di Riferimento in OICR calcolato da Abaxbank

NOTA DI SINTESI. relativa agli. ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES su un Indice di Riferimento in OICR calcolato da Abaxbank NOTA DI SINTESI relativa agli ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES su un Indice di Riferimento in OICR calcolato da Abaxbank di cui al Prospetto di Base ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES redatta

Dettagli

Osservazioni del sistema bancario italiano sul documento del Comitato di Basilea Second Working Paper on Securitisation

Osservazioni del sistema bancario italiano sul documento del Comitato di Basilea Second Working Paper on Securitisation ASSOCIAZIONE BANCARIA ITALIANA Osservazioni del sistema bancario italiano sul documento del Comitato di Basilea Second Working Paper on Securitisation 20 Dicembre 2002 1 L ABI ha esaminato con uno specifico

Dettagli

Normativa FATCA. Clienti Persone Fisiche

Normativa FATCA. Clienti Persone Fisiche Copia per il cliente Normativa FATCA L acronimo FATCA (Foreign Account Tax Compliance Act) individua una normativa statunitense, volta a contrastare l evasione fiscale di contribuenti statunitensi all

Dettagli

Per far sviluppare appieno la

Per far sviluppare appieno la 2008;25 (4): 30-32 30 Maria Benetton, Gian Domenico Giusti, Comitato Direttivo Aniarti Scrivere per una rivista. Suggerimenti per presentare un articolo scientifico Riassunto Obiettivo: il principale obiettivo

Dettagli

UNIVERSITÀ CATTOLICA DEL SACRO CUORE FACOLTÀ DI ECONOMIA REGOLAMENTO SUI REQUISITI E SULLA PROCEDURA DI (IL REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO )

UNIVERSITÀ CATTOLICA DEL SACRO CUORE FACOLTÀ DI ECONOMIA REGOLAMENTO SUI REQUISITI E SULLA PROCEDURA DI (IL REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO ) UNIVERSITÀ CATTOLICA DEL SACRO CUORE FACOLTÀ DI ECONOMIA ESTRATTO DA REGOLAMENTO SUI REQUISITI E SULLA PROCEDURA DI RECLUTAMENTO DI RICERCATORI E DOCENTI (IL REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO ) 1 Requisiti

Dettagli

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Il Framework ITIL e gli Standard di PMI : : possibili sinergie Milano, Venerdì, 11 Luglio 2008 IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Maxime Sottini Slide 1 Agenda Introduzione

Dettagli

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL Care Colleghe, Cari Colleghi, prosegue la nuova serie di Newsletter legata agli Schemi di Certificazione di AICQ SICEV. Questa volta la pillola formativa si riferisce alle novità dell edizione 2011 dello

Dettagli

4 to 7 funds 8 to 15 funds. 16 to 25 funds 26 to 40 funds. 41 to 70 funds

4 to 7 funds 8 to 15 funds. 16 to 25 funds 26 to 40 funds. 41 to 70 funds 4 to 7 funds 8 to 15 funds 16 to 25 funds 26 to 40 funds 41 to 70 funds 53 Chi siamo Epsilon SGR è una società di gestione del risparmio del gruppo Intesa Sanpaolo specializzata nella gestione di portafoglio

Dettagli

Pronti per la Voluntary Disclosure?

Pronti per la Voluntary Disclosure? Best Vision GROUP The Swiss hub in the financial business network Pronti per la Voluntary Disclosure? Hotel de la Paix, 21 aprile 2015, ore 18:00 Hotel Lugano Dante, 22 aprile 2015, ore 17:00 Best Vision

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano www.pwc.com/it Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano giugno 2013 Sommario Il contesto di riferimento 4 Un modello di evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il

Dettagli

Ministero della Salute Direzione Generale della Ricerca Scientifica e Tecnologica Bando Giovani Ricercatori - 2007 FULL PROJECT FORM

Ministero della Salute Direzione Generale della Ricerca Scientifica e Tecnologica Bando Giovani Ricercatori - 2007 FULL PROJECT FORM ALLEGATO 2 FULL PROJECT FORM FORM 1 FORM 1 General information about the project PROJECT SCIENTIFIC COORDINATOR TITLE OF THE PROJECT (max 90 characters) TOTAL BUDGET OF THE PROJECT FUNDING REQUIRED TO

Dettagli

AIM Italia. Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani

AIM Italia. Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani AIM Italia Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani Perché AIM Italia I mercati di Borsa Italiana AIM Italia si aggiunge all offerta di mercati regolamentati di Borsa Italiana MTA MTF 3 Perché

Dettagli

Nuova finanza per la green industry

Nuova finanza per la green industry Nuova finanza per la green industry Green Investor Day / Milano, 9 maggio 2013 Barriere di contesto a una nuova stagione di crescita OSTACOLI PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE Fine degli incentivi e dello sviluppo

Dettagli

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT Dr. Gabriele Cappellini Amministratore Delegato Fondo Italiano

Dettagli

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras 2 Introduzione Le architetture basate sui servizi (SOA) stanno rapidamente diventando lo standard de facto per lo sviluppo delle applicazioni aziendali.

Dettagli

Qual è il fine dell azienda?

Qual è il fine dell azienda? CORSO DI FINANZA AZIENDALE SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE Testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani) - McGraw-Hill - 2001 Cap. 9 1 Qual è il fine dell azienda? Massimizzare

Dettagli

IT Service Management: il Framework ITIL. Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy

IT Service Management: il Framework ITIL. Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy IT Service Management: il Framework ITIL Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy Quint Wellington Redwood 2007 Agenda Quint Wellington Redwood Italia IT Service Management

Dettagli

SEB Asset Management. Il processo di investimento e la selezione degli asset: come creare un percorso ottimale

SEB Asset Management. Il processo di investimento e la selezione degli asset: come creare un percorso ottimale SEB Asset Management Il processo di investimento e la selezione degli asset: come creare un percorso ottimale Fabio Agosta, Responsabile Commerciale Europa Meridionale & Medio Oriente SEB Stockholm Enskilda

Dettagli

BNY MELLON INVESTMENT MANAGEMENT

BNY MELLON INVESTMENT MANAGEMENT BNY MELLON INVESTMENT MANAGEMENT COMPETENZE SPECIALIZZATE E SOLIDITÀ DI UN GRANDE LEADER MONDIALE RISERVATO A INVESTITORI PROFESSIONALI 2 UN GRANDE GRUPPO AL VOSTRO SERVIZIO BNY Mellon Investment Management

Dettagli

Facciamo emergere i vostri valori.

Facciamo emergere i vostri valori. Facciamo emergere i vostri valori. www.arnerbank.ch BANCA ARNER SA Piazza Manzoni 8 6901 Lugano Switzerland P. +41 (0)91 912 62 22 F. +41 (0)91 912 61 20 www.arnerbank.ch Indice Banca: gli obiettivi Clienti:

Dettagli

Risparmiatori italiani combattuti tra ricerca del rendimento e protezione del capitale.

Risparmiatori italiani combattuti tra ricerca del rendimento e protezione del capitale. Risparmiatori italiani combattuti tra ricerca del rendimento e protezione del capitale. Questo il risultato di una ricerca di Natixis Global Asset Management, secondo cui di fronte a questo dilemma si

Dettagli

Principi di stewardship degli investitori istituzionali

Principi di stewardship degli investitori istituzionali Corso di diritto commerciale avanzato a/ a/a2014 20152015 Fabio Bonomo (fabio.bonomo@enel.com fabio.bonomo@enel.com) 1 Indice Principi di stewardship degli investitori istituzionali La disciplina dei proxy

Dettagli

Informazioni su questo libro

Informazioni su questo libro Informazioni su questo libro Si tratta della copia digitale di un libro che per generazioni è stato conservata negli scaffali di una biblioteca prima di essere digitalizzato da Google nell ambito del progetto

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tor Vergata

Università degli Studi di Roma Tor Vergata Università degli Studi di Roma Tor Vergata DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E FINANZA MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ECONOMIA DELLA CULTURA: POLITICHE, GOVERNO E GESTIONE modalità didattica mista presenza/distanza

Dettagli

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO PERCORSO DI INSEGNAMENTO/APPRENDIMENTO TIPO DI UdP: SEMPLICE (monodisciplinare) ARTICOLATO (pluridisciplinare) Progetto didattico N. 1 Titolo : Let s investigate the world with our touch! Durata: Annuale

Dettagli

APPLICATION FORM 1. YOUR MOTIVATION/ LA TUA MOTIVAZIONE

APPLICATION FORM 1. YOUR MOTIVATION/ LA TUA MOTIVAZIONE APPLICATION FORM Thank you for your interest in our project. We would like to understand better your motivation in taking part in this specific project. So please, read carefully the form, answer the questions

Dettagli

General Taxonomy of Planology [Tassonomia generale della Planologia] (TAXOCODE) Reduced form [Forma ridotta] Classification Code for all sectors of

General Taxonomy of Planology [Tassonomia generale della Planologia] (TAXOCODE) Reduced form [Forma ridotta] Classification Code for all sectors of General Taxonomy of Planology [Tassonomia generale della Planologia] (TAXOCODE) Reduced form [Forma ridotta] Classification Code for all sectors of study and research according the Information System for

Dettagli

Managed Services e Unified Communication & Collaboration: verso il paradigma del Cloud Computing

Managed Services e Unified Communication & Collaboration: verso il paradigma del Cloud Computing Managed Services e Unified Communication & Collaboration: verso il paradigma del Cloud Computing Claudio Chiarenza (General Manager and Chief Strategy Officer) Italtel, Italtel logo and imss (Italtel Multi-Service

Dettagli

Aggiornamenti CIO Rivista ufficiale del Club Italiano Osteosintesi

Aggiornamenti CIO Rivista ufficiale del Club Italiano Osteosintesi Aggiornamenti CIO Rivista ufficiale del Club Italiano Osteosintesi Istruzioni per gli Autori Informazioni generali Aggiornamenti CIO è la rivista ufficiale del Club Italiano Osteosintesi e pubblica articoli

Dettagli

Rilascio dei Permessi Volo

Rilascio dei Permessi Volo R E P U B L I C O F S A N M A R I N O C I V I L A V I A T I O N A U T H O R I T Y SAN MARINO CIVIL AVIATION REGULATION Rilascio dei Permessi Volo SM-CAR PART 5 Approvazione: Ing. Marco Conti official of

Dettagli

IL PROGETTO MINDSH@RE

IL PROGETTO MINDSH@RE IL PROGETTO MINDSH@RE Gruppo Finmeccanica Attilio Di Giovanni V.P.Technology Innovation & IP Mngt L'innovazione e la Ricerca sono due dei punti di eccellenza di Finmeccanica. Lo scorso anno il Gruppo ha

Dettagli

Le piattaforme di investimento alternativo nel quadro regolatorio italiano ed europeo: il caso di Epic

Le piattaforme di investimento alternativo nel quadro regolatorio italiano ed europeo: il caso di Epic XVI Convention IBAN Dall Entrepreneurship al Capitale di Rischio dei Business Angels Le piattaforme di investimento alternativo nel quadro regolatorio italiano ed europeo: il caso di Epic Guido Ferrarini

Dettagli

Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso

Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso doc.4.12-06/03 Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso A belaying plate that can be used in many different conditions Una piastrina d'assicurazione che può essere utilizzata in condizioni diverse.

Dettagli

Qual è l errore più comune tra i Trader sul Forex e come possiamo evitarlo? David Rodriguez, Quantitative Strategist drodriguez@dailyfx.

Qual è l errore più comune tra i Trader sul Forex e come possiamo evitarlo? David Rodriguez, Quantitative Strategist drodriguez@dailyfx. Qual è l errore più comune tra i Trader sul Forex e come possiamo evitarlo? David Rodriguez, Quantitative Strategist drodriguez@dailyfx.com Avvertenza di Rischio: Il Margin Trading su forex e/o CFD comporta

Dettagli

MASTER di I livello in Banking and Financial Services Management

MASTER di I livello in Banking and Financial Services Management MASTER di I livello in Banking and Financial Services Management Il Master universitario di 1 livello Banking and Financial Services Management è nato dall accordo tra la Scuola di Amministrazione Aziendale

Dettagli

Costruire uno Spin-Off di Successo. Non fidarsi mai dei professori

Costruire uno Spin-Off di Successo. Non fidarsi mai dei professori Costruire uno Spin-Off di Successo Non fidarsi mai dei professori Spin-Off da Università: Definizione Lo Spin-Off da Università è in generale un processo che, partendo da una tecnologia disruptiva sviluppata

Dettagli

MS OFFICE COMMUNICATIONS SERVER 2007 IMPLEMENTING AND MAINTAINING AUDIO/VISUAL CONFERENCING AND WEB CONFERENCING

MS OFFICE COMMUNICATIONS SERVER 2007 IMPLEMENTING AND MAINTAINING AUDIO/VISUAL CONFERENCING AND WEB CONFERENCING MS OFFICE COMMUNICATIONS SERVER 2007 IMPLEMENTING AND MAINTAINING AUDIO/VISUAL CONFERENCING AND WEB CONFERENCING UN BUON MOTIVO PER [cod. E603] L obiettivo del corso è fornire le competenze e conoscenze

Dettagli

R E A L E S T A T E G R U P P O R I G A M O N T I. C O M

R E A L E S T A T E G R U P P O R I G A M O N T I. C O M REAL ESTATE GRUPPORIGAMONTI.COM 2 Rigamonti Real Estate La scelta giusta è l inizio di un buon risultato Rigamonti Founders Rigamonti REAL ESTATE Società consolidata nel mercato immobiliare, con più di

Dettagli

CURRICULUM VITAE MARIA CRISTINA ARCURI

CURRICULUM VITAE MARIA CRISTINA ARCURI CURRICULUM VITAE MARIA CRISTINA ARCURI DATI PERSONALI Luogo e data di nascita: Catanzaro 29/03/1984 Residenza/Domicilio: Viale G. Rustici, 52 43123 Parma (PR) Stato civile: Nubile POSIZIONE ATTUALE Assegnista

Dettagli

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI Il presente documento (di seguito Policy ) descrive le modalità con le quali vengono trattati gli ordini, aventi ad oggetto strumenti finanziari,

Dettagli

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it ISO 9001: 2008 Profilo Aziendale METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it Sede legale: * Viale Brodolini, 117-60044 - Fabriano (AN) - Tel. 0732.251856 Sede amministrativa:

Dettagli

Unità di ricerca Business Intelligence, Finance& Knowledge

Unità di ricerca Business Intelligence, Finance& Knowledge Unità di ricerca Business Intelligence, Finance& Knowledge ( www.economia.unimi.it/lda/adamss ) Facoltàdi Scienze, Università degli Studi di Milano 10 febbraio 2006 Coordinatore: Davide La Torre (Professore

Dettagli

UNO SGUARDO DA QUALE MENTE? LA PROSPETTIVA NEUROETICA Incontri su Neuroscienze e Società, VI Edizione

UNO SGUARDO DA QUALE MENTE? LA PROSPETTIVA NEUROETICA Incontri su Neuroscienze e Società, VI Edizione Convegno Scientifico Internazionale di Neuroetica e I Congresso della Società Italiana di Neuroetica - SINe UNO SGUARDO DA QUALE MENTE? LA PROSPETTIVA NEUROETICA Incontri su Neuroscienze e Società, VI

Dettagli

The Supervisory Review Process

The Supervisory Review Process Studi e Note di Economia Anno XII, n. 2-2007, pagg. 283-303 The Supervisory Review Process EPIFANIO TOMMASO ZARBO* The new rules on Supervisory Review Process (SRP) are included into the title III of the

Dettagli

AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale

AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale Agenda I II III AIM Italia Il ruolo di Banca Finnat Track record di Banca Finnat 2 2 Mercati non regolamentati Mercati regolamentati AIM Italia Mercati di

Dettagli

Stop press Disposizioni di vigilanza sulle partecipazioni detenibili dalle banche e dai gruppi bancari

Stop press Disposizioni di vigilanza sulle partecipazioni detenibili dalle banche e dai gruppi bancari Gennaio 2010 Stop press Disposizioni di vigilanza sulle partecipazioni detenibili dalle banche e dai gruppi bancari Introduzione In data 10 dicembre 2009, la Banca d'italia ha pubblicato un documento per

Dettagli

Aspetti salienti delle statistiche internazionali BRI 1

Aspetti salienti delle statistiche internazionali BRI 1 Aspetti salienti delle statistiche internazionali BRI 1 La BRI, in collaborazione con le banche centrali e le autorità monetarie di tutto il mondo, raccoglie e diffonde varie serie di dati sull attività

Dettagli

MODULO DI ISCRIZIONE - ENROLMENT FORM

MODULO DI ISCRIZIONE - ENROLMENT FORM Under the Patronage of Comune di Portofino Regione Liguria 1ST INTERNATIONAL OPERA SINGING COMPETITION OF PORTOFINO from 27th to 31st July 2015 MODULO DI ISCRIZIONE - ENROLMENT FORM Direzione artistica

Dettagli

BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT

BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO Anno Accademico 2014 2015 X Edizione MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI In collaborazione con Federazione Relazioni Pubbliche Italiana DIRETTORE: Prof. Gennaro Iasevoli

Dettagli

Ninja Master Online STRATEGIE DI MARKETING & E-COMMERCE GENNAIO-MARZO

Ninja Master Online STRATEGIE DI MARKETING & E-COMMERCE GENNAIO-MARZO Ninja Master Online STRATEGIE DI MARKETING & 2013 GENNAIO-MARZO 9 CORSI: MARKETING STRATEGY BRANDING & VIRAL-DNA CONTENT STRATEGY DESIGN & USABILITY WEB MARKETING CUSTOMER RELATIONSHIP MANAGEMENT SOCIAL

Dettagli

PMI. Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008

PMI. Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008 Nuovi standard PMI, certificazioni professionali e non solo Milano, 20 marzo 2009 PMI Organizational Project Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008 Andrea Caccamese, PMP Prince2 Practitioner

Dettagli

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Newsletter n.1 / presentazione ravenna 2013 / in distribuzione febbraio 2013 Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Info: Web: www.ravenna2013.it Mail: ravenna2013@labelab.it / Telefono: 366.3805000

Dettagli

THE FUND RAISING SCHOOL. www.fundraisingschool.it. Calendario Corsi 2015

THE FUND RAISING SCHOOL. www.fundraisingschool.it. Calendario Corsi 2015 THE FUND RAISING SCHOOL Calendario Corsi 2015 www.fundraisingschool.it LA PRIMA SCUOLA ITALIANA DI RACCOLTA FONDI Nata nel 1999 The Fund Raising School è la prima scuola di formazione italiana dedicata

Dettagli

KBC KBC: accelerato il piano di rimborso degli aiuti pubblici Discreti i conti trimestrali, l Irlanda resta una criticità

KBC KBC: accelerato il piano di rimborso degli aiuti pubblici Discreti i conti trimestrali, l Irlanda resta una criticità KBC: accelerato il piano di rimborso degli aiuti pubblici Discreti i conti trimestrali, l Irlanda resta una criticità Il gruppo finanziario belga KBC ha chiuso i primi 9 mesi del 2012 con un utile netto

Dettagli

CMMI-Dev V1.3. Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3. Roma, 2012 Ercole Colonese

CMMI-Dev V1.3. Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3. Roma, 2012 Ercole Colonese CMMI-Dev V1.3 Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3 Roma, 2012 Agenda Che cos è il CMMI Costellazione di modelli Approccio staged e continuous Aree di processo Goals

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Business Process Management Come si organizza un progetto di BPM 1 INDICE Organizzazione di un progetto di Business Process Management Tipo di intervento Struttura del progetto BPM Process Performance

Dettagli

11/11. Anthilia Capital Partners SGR. Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia. Maggio 2011.

11/11. Anthilia Capital Partners SGR. Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia. Maggio 2011. 11/11 Anthilia Capital Partners SGR Maggio 2011 Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia Eugenio Namor Anthilia Capital Partners Lugano Fund Forum 22 novembre 2011 Industria

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

PREMIO LE FONTI - CEO SUMMIT & AWARDS 2015: TRA I VINCITORI BNP PARIBAS IP, GENERALI, INTESA SANPAOLO, VERSACE E RAI

PREMIO LE FONTI - CEO SUMMIT & AWARDS 2015: TRA I VINCITORI BNP PARIBAS IP, GENERALI, INTESA SANPAOLO, VERSACE E RAI Rassegna Stampa PREMIO LE FONTI - CEO SUMMIT & AWARDS 2015: TRA I VINCITORI BNP PARIBAS IP, GENERALI, INTESA SANPAOLO, VERSACE E RAI 12 Giugno 2015 Scritto da: Redazione Grande successo per la prima serata

Dettagli

Il tuo partner ideale per le soluzioni applicative e l informativa finanziaria

Il tuo partner ideale per le soluzioni applicative e l informativa finanziaria Il tuo partner ideale per le soluzioni applicative e l informativa finanziaria Il nostro gruppo in sintesi vwd group è da oltre 60 anni uno dei più importanti provider in Europa per la fornitura di soluzioni

Dettagli

Prima di parlare di Bilancio consolidato è importante sapere.

Prima di parlare di Bilancio consolidato è importante sapere. Prima di parlare di Bilancio consolidato è importante sapere. Cos è un gruppoaziendale L evoluzione del processo di armonizzazione contabile Le principali caratteristiche del bilancio IAS/IFRS a seguito

Dettagli

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 Presentazione L'Università Ca' Foscari Venezia e l'escp Europe hanno ideato il Doppio Master universitario in Management

Dettagli

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 Nel 2013 ingresso in 11 startup, di cui 6 startup innovative, una cessione, una

Dettagli

Solo un leader della Gestione Alternativa può offrirvi una tale scelta. insieme fino all essenza

Solo un leader della Gestione Alternativa può offrirvi una tale scelta. insieme fino all essenza Solo un leader della Gestione Alternativa può offrirvi una tale scelta insieme fino all essenza Dexia Asset Management, un leader europeo nell ambito della Gestione Alternativa n Una presenza storica fin

Dettagli

Castello di San Donato in Perano Matrimoni nel Chianti Weddings in Chianti

Castello di San Donato in Perano Matrimoni nel Chianti Weddings in Chianti Castello di San Donato in Perano Matrimoni nel Chianti Weddings in Chianti Sede di Rappresentanza: Castello di San Donato in Perano 53013 Gaiole in Chianti (Si) Tel. 0577-744121 Fax 0577-745024 www.castellosandonato.it

Dettagli

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AREA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE, SANITÀ E NON

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE D.R. n.1035/2015 Università degli Studi Internazionali di Roma - UNINT In collaborazione con CONFAPI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

Dettagli

Venture Capitalist: chi sono, cosa fanno e a cosa servono

Venture Capitalist: chi sono, cosa fanno e a cosa servono Venture Capitalist: chi sono, cosa fanno e a cosa servono Ing. Stefano Molino Investment Manager Innogest SGR SpA Torino, 31 Marzo 2011 Venture Capital: che cos è? L attività di investimento istituzionale

Dettagli

INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI

INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI 1) GENERALITA In conformità a quanto previsto dalla Direttiva 2004/39/CE (cd Direttiva Mifid), la Banca ha adottato tutte le misure

Dettagli

Gentili clienti, abbiamo il piacere di presentarvi i nuovi studi di retribuzione relativi all anno 2012.

Gentili clienti, abbiamo il piacere di presentarvi i nuovi studi di retribuzione relativi all anno 2012. 3 Michael Page Salary Survey 2012 - Banking 4 Gentili clienti, abbiamo il piacere di presentarvi i nuovi studi di retribuzione relativi all anno 2012. Michael Page, quale leader nella ricerca e selezione

Dettagli