Indice. 1. Introduzione Quadro normativo di riferimento Inquadramento del sistema da realizzare 5

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Indice. 1. Introduzione 2. 1.1 Quadro normativo di riferimento 4. 2. Inquadramento del sistema da realizzare 5"

Transcript

1 Indice 1. Introduzione Quadro normativo di riferimento 4 2. Inquadramento del sistema da realizzare Contesto di riferimento La visione architetturale generale di riferimento Lo schema dell infrastruttura di rete (lotto 1) Specifiche funzionali per la Piattaforma CulturaSmart! (lotto 2) Oggetto della fornitura Oggetto specifico per il lotto Specifiche per la fornitura dei beni e servizi HOTSPOT Specifiche per la fornitura di beni e servizi DEVICES Specifiche per la fornitura di beni e servizi INTERNET Specifiche per la fornitura di beni e servizi ACCESSO Documentazione di progetto Oggetto specifico per il lotto Servizi software per la piattaforma applicativa Servizi di manutenzione, assistenza tecnica e gestione Modalità di presentazione dell offerta Progetto di base per eventuale ripetizione di servizi analoghi Modalità di esecuzione della fornitura Precisazioni sulle attività previste nel cronoprogramma per il lotto Progettazione esecutiva Installazione apparati (1.2 e 1.3) Piano articolato delle attività Precisazioni sulle attività previste nel cronoprogramma per il lotto Progettazione esecutiva Direttore dell esecuzione e responsabile unico del procedimento Gestione della fornitura Collaudo della fornitura Obblighi dell impresa Utilizzo dei codici sorgenti Utilizzo delle risorse strumentali Norme di comportamento Riservatezza delle informazioni e trattamento dei dati Penalità 45 Indice delle figure Figura 1 Mappa delle tecnologie ICT nei musei... 6 Figura 2 Architettura della piattaforma tecnologica oggetto dell appalto... 8 Figura 3 Schema logico dell infrastruttura ICT oggetto del lotto Figura 4 Sintesi generale dei processi previsti e dei principali attori Figura 5 - Cronoprogramma di massina per la consegna dei servizi Regione Marche P.F. Sistemi Informativi e telematici, 2014 Pagina 1 / 47

2 1. Introduzione Negli ultimi anni l Assessorato alla Cultura della Regione Marche ha cercato di sostenere ed avviare alcuni progetti per trasformare i luoghi della cultura, come le biblioteche e i musei, da semplici contenitori culturali a veri e propri poli di aggregazione sociale, potenziando la loro funzione culturale, di promozione sociale e di educazione per una loro fruizione più dinamica ed interattiva a favore della comunità. Con deliberazione dell Assemblea legislativa n. 22 del 05/05/2011 è stato approvato il Piano per i beni e le attività culturali che, fra le funzioni e competenze regionali di cui al punto 4, individua alla lettera A.1: Qualificazione del sistema degli istituti e i luoghi della cultura, diverse linee di attività tra le quali: - sostegno alla realizzazione di progetti ed azioni in aree meno servite, al fine di una equilibrata distribuzione nel territorio regionale - attuazione di iniziative volte a caratterizzare gli istituti e i luoghi della cultura, come centri di azione culturale e sociale, anche al fine di valorizzare la memoria e di rafforzare l identità, la coesione civile, la creatività e le produzioni culturali; - interventi per lo sviluppo della funzione educativa e sociale del patrimonio culturale anche in collaborazione con le università, le Accademie di belle arti, i Conservatori di musica, gli Istituti di ricerca, studio e documentazione operanti in ambito regionale o extraregionale; - progetti di riqualificazione professionale e corsi di aggiornamento del personale dipendente di musei biblioteche, archivi, aree archeologiche, sistemi territoriali. In attuazione della DGR n dell 11/07/ Programma operativo per i Beni e le attività culturali - anno che prevede l attuazione di progetti di sviluppo negli Istituti e luoghi della cultura come le biblioteche, gli archivi, i musei, le aree e i parchi archeologici, i complessi monumentali, la Giunta regionale in una prima fase ha delineato con D.G.R. n del 13/10/2011 le linee guida per lo sviluppo di una infrastruttura a servizio delle comunità bibliotecarie denominata Biblionet. In un secondo tempo si è maturata la convinzione che non soltanto le biblioteche, ma tutti i luoghi della cultura nel loro complesso sono elementi attivi del sistema e possono condividere con la comunità i propri servizi, il proprio sapere, il proprio patrimonio digitale, rendendo accessibile la rete internet a larga banda, offrendo un servizio di connettività wi-fi gratuita a tutti coloro che si trovano in prossimità di un istituto culturale connesso. Con D.G.R. 673 del 14/05/2012 avente ad oggetto L.R. 9 febbraio 2010, n. 4 - Norme in materia di beni e attività culturali art. 8 programma operativo annuale 2012 è stato approvato il programma operativo annuale della cultura che prevede fra i progetti trasversali (punto 4.1) quello denominato Free Wi Fi per la cultura: internet gratuito nei luoghi della cultura, descritto come progetto di servizi avanzati al fine di fornire servizi a banda larga nei contenitori culturali anche nei centri posti nelle aree con maggiori criticità dal punto di vista infrastrutturale(località dell entroterra montano). Il progetto prevede di: 1. veicolare contenuti mirati attraverso una intranet dedicata, fornendo servizi avanzati al cittadino e agli operatori di questo settore; 2. consentire un ampia fruizione di internet nelle biblioteche,nei musei e negli istituti culturali; 3. accompagnare l uso di Internet e della intranet dedicata, erogando anche servizi di alfabetizzazione informatica, in luogo, quale quello della biblioteca, che si ripropone come centro di aggregazione, di servizio e di educazione; 4. Dotare lo spazio culturale di una infrastruttura di comunicazione utilizzabile anche a scopi sociali e di integrazione multiculturale; 5. Diffondere in tempo reale eventi di pregio artistico delocalizzandoli tramite l uso delle tecnologie avanzate; 6. Realizzare una comunità virtuale della cultura delle Marche rendendo disponibili Regione Marche P.F. Sistemi Informativi e telematici, 2014 Pagina 2 / 47

3 strumenti e servizi in modalità partecipativa al fine di condividere le best-practice, le eccellenze e le competenze diffuse nel territorio regionale; 7. Rendere disponibili tutti i servizi realizzati a livello regionale sia per la Cultura che per le altre discipline (Formazione, Lavoro, Industria, Ambiente) al fine di avviare un circolo virtuoso per la fruizione, l aggiornamento e l evoluzione mirata a rendere più efficaci gli interventi realizzati. In questo modo biblioteche e istituti culturali, che già si stanno muovendo in questa direzione, potranno diventare uno strumento capillare diffuso sul territorio anche per la formazione permanente, ovvero strutture atte a supportare azioni specifiche di alfabetizzazione e diffusione della cultura, a supporto della società dell informazione e della conoscenza. A tal fine, per individuare i primi luoghi della cultura da includere nel progetto, sono stati presi in considerazione i Musei pubblici aderenti alla campagna di autovalutazione promossa dalla Regione - annualità 2011 e le Biblioteche pubbliche inserite nel sistema informativo regionale BiblioMarche. Dal successivo e complesso confronto con i soggetti interessati si sono definite le linee guida di un progetto comprensivo di infrastrutture e servizi applicativi denominato CulturaSmart!, approvate successivamente con Delibera di Giunta Regionale n. 32 del 21/01/2013. Il progetto CulturaSmart! si propone di mettere a punto le piattaforme tecnologiche per sviluppare l innovazione nei luoghi della cultura, delle attività culturali e del patrimonio storico-artistico, promuovendo la partecipazione alla vita pubblica, la creatività, il multi e inter-culturalismo, il turismo, le culture locali in generale attraverso la rete. Il potenziamento, lo sviluppo e l adeguamento del sistema infrastrutturale (con particolare riferimento alle aree più critiche dell entroterra montano) è un presupposto indispensabile per la condivisione e diffusione delle informazioni, l interoperabilità dei sistemi, la geolocalizzazione delle informazioni e dei servizi, la digitalizzazione dei beni culturali materiali e/o immateriali, lo sviluppo di modelli utili a digitalizzare e rendere più competitiva la filiera produttiva culturale e adeguati servizi di informazione e comunicazione che utilizzino applicazioni specifiche ed adottino la rete di telecomunicazioni come vettore. CulturaSmart! è anche come social network di interesse, uno spazio virtuale dove in ambito culturale la comunità può condividere informazioni, scambiare opinioni, rappresentare problemi e bisogni, fruire dei servizi, stimolata dalla credibilità degli attori-promotori dell iniziativa. Il progetto si inquadra negli interventi previsti dall Agenda Digitale Europea che ha come obiettivo primario quello di ottenere vantaggi socioeconomici sostenibili grazie a un mercato digitale unico basato su internet veloce e superveloce e su applicazioni interoperabili e nel conseguente piano nazionale di sviluppo della Agenda Digitale Italiana per lo sviluppo di progetti finalizzati al miglioramento della vita dei cittadini nei contesti urbani e nelle comunità diffuse. Il programma di intervento è in linea con altre iniziative quali ad esempio la realizzazione del Piano Telematico Regionale per la diffusione della banda larga a tutta la popolazione del territorio con una disponibilità di accesso pari a 20 Mega bit/sec, che permette la fruibilità di servizi avanzati ed innovativi ed a supporto di iniziative o eventi mediatici. In particolare con il presente intervento la Regione Marche intende realizzare una rete in grado di fornire, attraverso la realizzazione nelle biblioteche e nei musei comunali presenti sul territorio delle aree adibite alla connettività wireless in standard IEEE b/g/n (HotSpot), la messa in esercizio di un sistema di connettività, di applicativi oltre ad un supporto per gli utenti di durata triennale. Per quanto attiene ai dettagli degli applicativi, successivamente alla DGR n. 32/2013, sono stati effettuati i seguenti approfondimenti che hanno consentito di comporre il presente capitolato: a) definizione delle priorità e condivisione delle specifiche di maggior dettaglio tramite diversi incontri con i rappresentanti degli istituti culturali. Tali specifiche lasciano Regione Marche P.F. Sistemi Informativi e telematici, 2014 Pagina 3 / 47

4 comunque notevoli margini di manovra progettuali da sviluppare ulteriormente seguendo un modello di business crowdsourcing e le moderne metodologie di analisi e progettazione open design che, proprio per la natura collaborativa del progetto devono includere gli stakeholders e l intera comunità virtuale, e quindi devono essere supportate dagli strumenti previsti nell attuale capitolato; b) aggiornamento del contesto tecnologico di riferimento rispetto a quanto evidenziato nelle linee guida, frutto di un analisi condotta all avvio del progetto nel 2011 e riferito ai dettagli sui prodotti/progetti, da considerare non vincolanti ma solo esemplificativi di un criterio più generale di riuso finalizzato all economicità ed efficacia dell intervento. In particolare: la sperimentazione gratuita della infrastruttura tecnica per la fornitura di servizi di video conferenza basata su LYNC 2010 è ormai conclusa e pertanto non va considerata come vincolante nella formulazione dell offerta; l attuale piattaforma di multi-videoconferenza/trasmissione streaming, è di tipo proprietario e specificatamente configurata per le esigenze della Regione Marche e pertanto non può essere considerata vincolante nella formulazione dell offerta. Entrambe le considerazioni precedenti non escludono comunque la possibilità di offrire, se economicamente sostenibile, in base alle linee guida di cui alla circolare AgID del 6 dicembre 2013 n.63 (Linee guida per la valutazione comparativa prevista dall art. 68 del D.Lgs. 7 marzo 2005, n. 82 Codice dell Amministrazione digitale ), soluzioni basate sui prodotti sopra indicati. Per quanto attiene l infrastruttura di rete ed i servizi correlati, la Regione Marche obbliga l aggiudicatario al massimo rispetto della conformità degli impianti e di tutte le normative vigenti in materia di sicurezza degli apparati e degli impianti, emissioni di campi elettromagnetici, norme sulla sicurezza informatica, norme sulla privacy e qualsiasi altra regolamentazione che imponga regole in materia che, a titolo di riferimento ma senza pretesa di esaustività, vengono riportate nel successivo paragrafo. Tutto il materiale fornito ed impiegato dovrà essere conforme alle direttive europee Marchio CE come da direttiva Decisione 93/465/CEE e dovrà avere come requisito la certificazione necessaria per l omologazione degli apparati in materia di emissioni elettromagnetiche. 1.1 Quadro normativo di riferimento 1) Decreto Ministeriale (Gasparri) 28 maggio 2003 Condizioni per il rilascio delle autorizzazioni generali per la fornitura al pubblico dell'accesso Radio-LAN alle reti e ai servizi di telecomunicazioni; 2) Decreto Legislativo 30 giugno 2003 n. 196 Codice in materia di protezione dei dati personali, e s.m.i.; 3) Decreto Legislativo 1 agosto 2003 n. 259/2003 Codice delle comunicazioni elettroniche, e s.m.i.; 4) Decreto Legge 27 luglio 2005 n.144 Misure urgenti per il contrasto del terrorismo internazionale; 5) Decreto Ministeriale (Landolfi) 4 ottobre 2005, Condizioni per il rilascio delle autorizzazioni generali per la fornitura al pubblico dell'accesso radio LAN alla rete e ai servizi di telecomunicazioni; 6) Legge 31 luglio 2005, n. 155, Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 27 luglio 2005, n. 144, recante misure urgenti per il contrasto del terrorismo internazionale, e s.m.i.; 7) Nota del 27 novembre 2007 del Ministero dell interno sulle misure relative all identificazione dell utente e sulle modalità di accesso Wi-Fi in ambito pubblico a seguito della quale per il riconoscimento sia sufficiente l utilizzo di una SIM/USIM, quale mezzo per attivare le procedure necessarie a ottenere le credenziali di accesso alla rete e che il dipartimento della pubblica sicurezza ha ritenuto sufficiente per soddisfare i requisiti della norma vigente (decreto legislativo n. 144/05 convertito con modificazioni con legge n. 155/05), in quanto consente l identificazione seppur indiretta dell utente; 8) Delibera AGCOM 26 novembre /08/CONS Regolamento per l organizzazione e Regione Marche P.F. Sistemi Informativi e telematici, 2014 Pagina 4 / 47

5 la tenuta del registro degli operatori di comunicazione; 9) Decreto Legislativo 30 maggio 2008 n. 109, "Attuazione della direttiva 2006/24/CE riguardante la conservazione dei dati generati o trattati nell'ambito della fornitura di servizi di comunicazione elettronica accessibili al pubblico o di reti pubbliche di comunicazione e che modifica la direttiva 2002/58/CE"; 10) È obbligo dell aggiudicatario rispettare tutte le disposizioni vigenti in materia di installazione di apparati Radio LAN su suolo pubblico, attivazione di apparati Radio LAN per connettività Internet al pubblico, identificazione degli utenti del servizio e conservazione dei dati generati o trattati nell ambito della fornitura del servizio di interconnessione; 11) Decreto Legge 29 dicembre 2010, n. 225 (cosiddetto Decreto Milleproroghe) Proroga di termini previsti da disposizioni legislative e di interventi urgenti in materia tributaria e di sostegno alle imprese e alle famiglie ; 12) Legge 9 agosto 2013, n. 98 Art. 10 Conversione, con modificazioni, del decreto-legge 21 giugno 2013, n. 69 Disposizioni urgenti per il rilancio dell'economia ; 13) D.lgs n 81/2008 Testo unico sulla sicurezza del lavoro nella realizzazione degli impianti. 2. Inquadramento del sistema da realizzare 2.1 Contesto di riferimento Dai risultati aggiornati al 14/04/2014 e relativi ad un questionario di rilevamento sottoposto ai 217 istituti cultuali coinvolti nel progetto ed elencati nell allegato 4C, la situazione delle tecnologie ICT, in tali istituti viene sommariamente riepilogata nella tabella seguente, suddivisa per provincia, dove sono state individuate le tre macro caratterizzazioni: Solo connessione Internet, Internet+rete locale, Nulla. Province Disponiblità ICT AN AP FM MC PU Totale % relativa Connessione Internet % Internet+rete locale % Nulla % #N/D Non risponde Totale Mappando tale situazione nel territorio, si ottiene la figura seguente Regione Marche P.F. Sistemi Informativi e telematici, 2014 Pagina 5 / 47

6 Figura 1 Mappa delle tecnologie ICT nei musei L analisi visiva della mappa non evidenzia correlazioni territoriali particolari per le strutture che non hanno ancora risposto e pertanto i dati disponibili possono essere considerati un campione sufficiente ad illustrare in maniera oggettiva il contesto attuale su cui intervenire. Fatta tale premessa, dalla tabella precedente si rileva che: a) circa il 19% delle strutture non dispone di nessuna tecnologia ICT; b) circa il 53% dispone già di una connessione Internet e di una rete locale. La tipologia di collegamenti disponibili per l 83% degli istituti culturali ed i relativi provider vengono riepilogati nella tabella seguente: Tipo Collegamento Altro Fastweb Telecom Totale ADSL 18% 1% 34% 53% altro 8% 1% 4% 13% HDSL 4% 4% WIFI 8% 4% 12% Totale 35% 2% 46% 83% Regione Marche P.F. Sistemi Informativi e telematici, 2014 Pagina 6 / 47

7 Tale situazione è coerente con uno degli obiettivi principali dell intervento, consistente nell adeguare il sistema infrastrutturale per l accesso alla rete a partire da un numero minimo di 165 istituti scelti tra i 217 elencati nella DGR n. 32/2013, avendo come priorità quella di coprire quelle aree attualmente più critiche sotto il profilo della connettività, circa il 30% (17% che non ha nulla e il 13% che dichiara come tipo di collegamento altro ); Gli istituti condividono la rete con gli utenti secondo i seguenti livelli: Livello condivisione Rete ADSL altro HDSL WIFI Totale Libera a tutti i visitatori 7% 2% 0% 3% 12% Limitata al tempo di visita/ticket 2% 3% 0% 0% 6% Limitata alle postazioni messe a disposizone 12% 4% 1% 0% 17% Pubblica previa registrazione 17% 3% 3% 5% 28% Totale 53% 13% 4% 13% 83% Per quanto riguarda l offerta esistente di servizi multimediali avanzati, si riscontra una consistente (il 35% degli istituti ovvero il 78% delle biblioteche) e diffusa presenza di servizi di prestito audiolibri, video, oggetti digitali, favorita dalle iniziative promosse dai poli bibliotecari provinciali e concentrata nei seguenti prodotti commerciali: 1) MediaLibraryOnLine della società Horizons Unlimited di Bologna 2) ReteIndaco della società Data Management S.p.A di Roma 3) Sebina OpenLibrary della società Data Management S.p.A di Roma La seguente tabella riepiloga tale scenario: Servizi prestito e-book AN AP FM MC PU Totale MediaLibraryOnLine 12% 14% 26% ReteIndaco 2% 3% 5% Sebina OpenLibrary 2% 2% 4% Totale 12% 2% 3% 2% 16% 35% Va rilevato che il prodotto ReteINDACO risulta tuttora in sperimentazione gratuita da parte del Sistema bibliotecario Interprovinciale Piceno (SIP) per cui i dati sopra riportati sono suscettibili ad aumentare progressivamente, con l evoluzione della sperimentazione, fino a coprire la gran parte delle biblioteche della provincia di Fermo e di Ascoli Piceno. La proposta progettuale dovrà quindi tenere presente l attuale situazione garantendo l integrazione dei servizi e dei contenuti esistenti ovvero soluzioni funzionalmente equivalenti di tipo Open Source che possano prelevare le necessarie informazioni dalle banche dati esistenti, come meglio dettagliato nel seguito. Regione Marche P.F. Sistemi Informativi e telematici, 2014 Pagina 7 / 47

8 2.2 La visione architetturale generale di riferimento La seguente è la visione complessiva dell architettura di riferimento prevista per il sistema da realizzare Livello dei dispositivi (CulturaSmart!Device) (Pc, Dispositivi Mobili, CulturaSmart!Devices,ecc.) CulturaSmart! Strato Applicativo (CulturaSmart!Services) Connettività internet Hotspot Wi-Fi Eventi Sharing Incontri con gli autori... Servizi intranet dedicati Strato di Middleware (CulturaSmart!Components!) Social Network Condivisione Contenuti Tele presenza Fonti dati culturali Livello trasporto (CulturaSmart!Network) Sistema di accesso Livello rete (CulturaSmart!Network) Livello fisico (CulturaSmart!Nodes) Figura 2 Architettura della piattaforma tecnologica oggetto dell appalto Ciascun livello assolve alle funzioni descritte sinteticamente nel seguito: il livello fisico (CulturaSmart!Nodes): definisce le caratteristiche peculiari (banda minima garantita, copertura aerica, ecc.) dei nodi collocati in almeno 165 istituti tra quelli elencati nell allegato 4C e rilevati dai sistemi informativi regionali (BiblioMarche, Autovalutazione Muse ), tenendo conto delle necessità di ampliamento/revisione/contribuzione/sostituzione delle strumentazioni esistenti per la partecipazione a CulturaSmart!. E previsto, in fase di offerta, aumentare tale numero di nodi, compatibilmente con gli importi a base di gara conseguendo un adeguato punteggio di merito. Tali access point dovranno rendere possibile l accesso ad internet sia all interno che all esterno del luogo della cultura su cui è installato. In ogni punto di accesso inoltre dovrà essere presente la segnaletica necessaria per informare la copertura con la rete WI-Fi, oltre al logo della Regione e al nome del progetto. il livello trasporto (CulturaSmart!Network) è costituito: Regione Marche P.F. Sistemi Informativi e telematici, 2014 Pagina 8 / 47

9 dal livello rete che definisce e implementa le tecnologie di connettività dipendentemente dai nodi di accesso e dai requisiti fisici e ambientali del luogo della cultura che partecipa al progetto; dal sistema di accesso che implementa un captive portal che offre servizi di connettività internet agli utenti e che abilita alla fruizione dei servizi della rete regionale in relazione ai ruoli e ai profili di appartenenza dell utente. Il livello applicativo (CulturaSmart!Services) si divide in due componenti primarie: il middleware dei servizi che offre un insieme di componenti che realizzano specifici servizi telematici; il livello applicativo vero e proprio che implementa gli CulturaSmart!Services! che servendosi delle funzionalità delle componenti di middleware realizza servizi evoluti di CulturaSmart! Il livello dei dispositivi (CulturaSmart!Device). L accesso a CulturaSmart! avviene direttamente con pc, mobile attraverso l uso della rete wi-fi sul territorio e sulle aree coperte da CulturaSmart!. Si prevede di realizzare 18 punti di accesso a servizi evoluti (monitor e palmari) ad alto valore aggiunto per la cultura e progetti particolari di teleformazione o eventi sharing (CulturaSmart!Device) Dall analisi funzionale di tale architettura è possibile individuare due tipologie omogenee e distinte di funzionalità: a) l insieme dei livelli che garantisce la connettività, l identificazione ed accesso alla rete e servizi ed i dispositivi ovvero: il livello fisico (CulturaSmart!Nodes): gli hot-spot distribuiti di accesso alla rete; il livello trasporto (CulturaSmart!Network): la rete privata il cui accesso è controllato e gestito da un captive portal e dai relativi profili di utenza; il livello dei dispositivi (CulturaSmart!Device): monitor pc e palmari da destinare ai 18 punti di accesso a servizi evoluti ad alto valore aggiunto per la cultura e progetti particolari di teleformazione o diffusione/condivisione di eventi; b) la piattaforma applicativa/middleware ed i servizi professionali di supporto alla Smart Community ed alla segreteria tecnica della Commissione, racchiusi nel riquadro a bordi spessi e fondo verde, identificati dal livello applicativo (CulturaSmart!Services). Tale livello si suddivide a sua volta in due componenti primarie: il middleware dei servizi che offre un insieme di componenti che realizzano specifici servizi telematici; il livello applicativo vero e proprio che implementa i CulturaSmart!Services! che servendosi delle funzionalità delle componenti di middleware realizza servizi evoluti di CulturaSmart! Per questo ed in coerenza con il comma 1-bis dell art. 2 del D.lgs. n. 163/2006, così come modificato dalla Legge n. 98/2013 di conversione del Decreto n. 69/2013 (c.d. Decreto del Fare), si è ritenuto opportuno suddividere la fornitura in due lotti funzionali, ciascuno relativo alle tipologie omogenee di funzionalità sopra descritte. Regione Marche P.F. Sistemi Informativi e telematici, 2014 Pagina 9 / 47

10 2.3 Lo schema dell infrastruttura di rete (lotto 1) Il concorrente dovrà presentare una proposta progettuale compatibile con lo schema logico seguente: Internet. CulturaSmart!Network.. Sistema di gestione. e controllo accessi Marche Cloud Servizi applicativi Figura 3 Schema logico dell infrastruttura ICT oggetto del lotto 1 Lo schema non pone vincoli alla topologia di rete ma evidenzia gli elementi essenziali da tenere in considerazione nella presentazione del progetto: 1) deve essere previsto un sistema centralizzato di gestione, controllo e registrazione degli accessi effettuati tramite hot-spot wifi; 2) si deve garantire un servizio di connettività ad alte prestazioni, sia per la navigazione in Internet che per la fruizione dei servizi multimediali previsti al lotto 2, soprattutto nei nodi a servizi evoluti; 3) deve essere prevista l autenticazione basata sul sistema regionale Fed-Cohesion per l accesso ai servizi che richiedono l identificazione forte dell utente. Regione Marche P.F. Sistemi Informativi e telematici, 2014 Pagina 10 / 47

11 2.4 Specifiche funzionali per la Piattaforma CulturaSmart! (lotto 2) Il seguente diagramma dei casi d uso sintetizza ad alto livello di dettaglio le specifiche funzionali previste dalla piattaforma. Consultazione Ricerca <<extend>> <<extend>> Deposito <<extend>> Esplora <<extend>> Aiuto Cittadino FruizioneOggettiDigitali <<extend>> Animatore SmartCollaboration Museo Amministratore ProfessionistaCulturale OperatoreCulturale Biblioteca Figura 4 Sintesi generale dei processi previsti e dei principali attori A titolo esemplificativo si riporta il dettaglio dei casi d uso di estensione del caso d uso di FruizioneOggettiDigitali, relativi alla Ricerca e Consultazione di oggetti digitali (ad esempio e-book) da parte di un Cittadino, che è un attore generalizzato di tutti gli altri indicati nello schema, ad eccezione degli attori strumentali museo e biblioteca. ID: 1 Nome Caso d uso: Ricerca Breve descrizione: Attori primari: Attori secondari: Precondizioni: Il cittadino accede alla rete e seleziona la funzionalità di ricerca secondo le diverse modalità possibili Cittadino Museo, Biblioteca Il Cittadino è un soggetto riconosciuto dalla rete Flusso Principale degli eventi 1 Il cittadino accede alla rete tramite hot-spot o tramite altra connessione Internet e viene riconosciuto dal sistema di accesso. 2 Dal cruscotto personale seleziona una tra le possibili opzioni di ricerca: 2.1 ricerca semplice ( Google-like ); 2.2 ricerca avanzata, per campi specifici come: autore, titolo, argomento, ecc.; 2.3 browsing di liste. 3 Il motore di ricerca effettua la ricerca negli indici delle risorse rese disponibili dai musei e biblioteche della rete CulturaSmart! 4 Dall elenco di ritorno, possono essere operate ulteriori raffinamenti tramite apposite icone 5 Selezionato l oggetto di interesse, si passa al caso d uso di Consultazione o si inizia una nuova ricerca. Regione Marche P.F. Sistemi Informativi e telematici, 2014 Pagina 11 / 47

12 Postcondizioni: Flussi Alternativi: Requisiti Speciali: Punti di estensione: si hanno due possibili condizioni in uscita: 1 indice dell oggetto selezionato 2 abbandono della funzione di ricerca nessuno nessuno nessuno ID: 2 Nome Caso d uso: Consultazione Breve descrizione: Attori primari: Attori secondari: Precondizioni: Il cittadino, dopo aver selezionato l oggetto digitale procede alla consultazione del contenuto Cittadino Museo, Biblioteca Il Cittadino ha selezionato un oggetto tramite la funzione di ricerca Flusso Principale degli eventi 1 Il Cittadino accede alla risorsa in modalità open o limitata dietro pagamento di una quota pay per view o di una sottoscrizione in base a quanto stabilito dal soggetto proprietario della risorsa. 2 Il cittadino seleziona, se disponibile la modalità di consultazione prescelta tra: 2.1 On-line (o streaming), tramite browser o plug-ins di pubblico dominio; 2.2 Off-line (download), potendolo quindi consultare fuori linea per il tempo previsto dall eventuale sistema DRM. 3 In caso di consultazione limitata, scaduti i termini previsti, il contenuto non sarà più disponibile. Postcondizioni: Flussi Alternativi: Requisiti Speciali: Punti di estensione: nessuna nessuno Nel caso di risorsa soggetta a limitazione di accesso, sarà necessario prevedere una delle seguenti possibilità: 1 identificazione in modalità certa per poter usufruire di una eventuale sottoscrizione. 2 Accesso ad un sistema di pagamento on-line in caso di pay per view 3 utilizzo del sistema di tariffazione messo a disposizione dall'infrastruttura predisposta con l fornitura del lotto 1; nessuno L'aggiudicatario del lotto 2 dovrà completare e perfezionare l'analisi dei requisiti funzionali sopra tracciata, tenuto conto dei raffinamenti presentati nell'offerta tecnica, in fase di stesura del progetto esecutivo e delle indicazioni che perverranno dagli stakeholders nell'ambio della smart communtity Regione Marche P.F. Sistemi Informativi e telematici, 2014 Pagina 12 / 47

13 3. Oggetto della fornitura L appalto è strutturato in due lotti funzionali distinti, coordinati da un unica direzione dell esecuzione. Per tale motivo il capitolato tecnico viene mantenuto unitario ma vengono delineati e separati accuratamente i beni e servizi afferenti a ciascun lotto, a partire dai due obiettivi fondamentali distinti: Lotto 1: adeguare il sistema infrastrutturale per l accesso alla rete Internet/intranet tramite hot-spot wifi, a partire da un numero minimo di 165 luoghi della cultura pubblici scelti tra quelli inseriti nei sistemi di autovalutazione regionali (musei e biblioteche) secondo i seguenti criteri: coprire quelle aree attualmente più critiche sotto il profilo della connettività; collocazione fisica del museo e della biblioteca (andranno privilegiate situazioni in cui il museo civico e la biblioteca civica non sono sufficientemente vicine per essere servite da un unico punto Wi-Fi). Lotto 2: offrire una piattaforma per lo sviluppo di servizi applicativi multimediali e di supporto per smart community e smart service a partire dai 217 istituti culturali pubblici che hanno aderito alle campagne di autovalutazione dei musei e Bibliomarche ed elencati nell allegato 4C. Per entrambi i lotti il concorrente dovrà presentare una proposta progettuale in cui viene esplicitato come si intende erogare la fornitura in accordo alle specifiche di questo capitolato. Dovrà anche essere presentato un progetto di massima relativa alla ripetizione di servizi analoghi da affidare, per ulteriori 24 mesi, ai sensi dell art. 57, comma 5, lett. b) del D.lgs. n.163/2006, finalizzati alla gestione in esercizio futura, coerente con le previsioni di evoluzione tecnologica. 3.1 Oggetto specifico per il lotto 1 L oggetto del lotto 1 è la fornitura dei beni e servizi come di seguito schematizzata: Sigla Descrizione Livello HOTSPOT DEVICES INTERNET Fornitura, installazione, manutenzione ed allestimento di hotspot WiFi (IEEE b/g/n) in almeno 165 istituti culturali dei 217 elencati in allegato 4C. Tutto il materiale fornito ed installato in tali sedi resterà di proprietà del committente e dovrà integrarsi opportunamente con quanto già disponibile e che l istituto intende mantenere. Fornitura, installazione, manutenzione ed allestimento in adeguati locali (internet corner) messi a disposizione da almeno 18 istituti dei 217 in allegato 4C, di un kit multimediale costituito dal seguente materiale: 1 SmartTV 46 ; 1 PC portatile e 4 tablet interconnessi con applicazioni allo smart tv. Tutto il materiale fornito ed installato in tali sedi resterà di proprietà del committente. Fornitura di connettività Internet per i nodi in cui è stato installato l hotspot WiFi per una durata non inferiore a 36 mesi, comprensivo delle configurazioni di apparati periferici e centrali Cultura Smart!N odes Cultura Smart!D evices Cultura Smart!N Regione Marche P.F. Sistemi Informativi e telematici, 2014 Pagina 13 / 47

14 ACCESSO ESERCIZIO che consentano un adeguato instradamento di rete basato su politiche e limitazioni di accesso dipendenti dal livello di confidenza con cui l utente (nodo) ha eseguito l accesso. Tale fornitura deve integrarsi con quanto già in essere presso gli istituti culturali, secondo le indicazione dei relativi responsabili. Per almeno 18 di questi nodi sono richieste le seguenti prestazioni minime: Banda nominale minima pari a7 Mbit/sec BMG pari a 512 kbit/sec bilanciata con possibilità di connessione wireless e wired in sede. Per gli altri nodi sono richieste le seguenti prestazioni minime: Banda nominale minima pari a 1 Mbit/s BMG (Banda Minima Garantita in upload e in download) pari a 128 Kbps Sistema di accesso, georeferenziazione ed autenticazione basato su diversi livello di confidenza: rilevazione del numero telefonico cellulare, accesso tramite user e password appositamente rilasciate previo riconoscimento dell utenza o con carta servizi CNS (Carta Raffaello), o federata con altre reti wireless (Federa, FreeItaliaWifi, etc.). Tale sistema dovrà essere fornito come servizio chiavi in mano ovvero comprensivo di gestione del controllo, management e monitoraggio degli apparati. Dovrà essere garantita l assistenza all utenza per tutta la piattaforma tecnologica attraverso un sistema help desk per la durata contrattuale pari a 36 mesi. Dovranno inoltre essere messe a disposizione del personale della Regione, nel formato digitale ritenuto più idoneo, i report periodici con riferimento ai dati aggregati degli accessi, dell utilizzo di banda, del rilevamento dei guasti e di tempo di ripristino. etwork Cultura Smart!N etwork Tutti Il progetto prevede la messa a disposizione gratuita della navigazione internet agli utenti autenticati attraverso gli hot-spot realizzati. L aggiudicatario avrà l obbligo di consentire l accesso alle applicazioni pubbliche e intranet secondo il modello operativo dettagliato nei paragrafi seguenti Specifiche per la fornitura dei beni e servizi HOTSPOT Funzioni previste dal sistema di connettività: Fornitura ed installazione dei device WiFi a/b/g/n; Il numero minimo complessivo degli apparati da fornire è di 165 corrispondente al numero di sedi da avviare. Poiché molte delle sedi, come indicato nella rilevazione riportata nella tabella al punto 2) contesto di riferimento, hanno installate delle infrastrutture già operanti, nella fase progettuale dovranno essere valutate tutte le condizioni necessarie per una integrazione del sistema in uso con la nuova rete da realizzare, salvo oggettiva incompatibilità tecnica, tale ottimizzazione è necessaria sia per razionalizzare le risorse che per facilitare l utenza nell utilizzo. Ove questa unificazione degli impianti per motivazioni oggettive o tecniche non potesse Regione Marche P.F. Sistemi Informativi e telematici, 2014 Pagina 14 / 47

15 essere realizzata dovrà essere permesso all utenza la possibilità di accedere separatamente alle due reti, cercando comunque di integrare il sistema di autenticazione presente qualora risulti in utilizzo un protocollo standard Radius. Propedeutica alla realizzazione è necessaria una fase progettuale con sopralluoghi e compilazione di schede di valutazione tecnica delle possibili attività presso la sede, analisi di fattibilità e presa d atto delle condizioni. Nelle sedi in cui è già presente un impianto per la connessione WiFi caso possono essere valutate le soluzioni di seguito indicate che dovranno essere approvate dal Direttore dei Lavori: 1. Migrazione della struttura esistente sulla nuova infrastruttura con integrazione degli apparati in essa presenti, nell appalto è prevista anche la riconfigurazione degli HotSpot esistenti adeguandoli ai nuovi standard; 2. Estensione e potenziamento della copertura WiFi della sede; 3. Realizzazione della nuova infrastruttura in aggiunta alla esistente con SSID separati; 4. La sede non necessita di interventi pertanto verrà sostituita con una sede alternativa; 5. Non possono essere installati gli apparati pertanto verranno scorporati sulla base dei prezzi singoli i relativi importi. Tali attività dovranno essere concordate con il Responsabile dei lavori e con il responsabile della sede. Tutte le attività dovranno avere il minimo impatto e durata dell intervento, sono a carico dell aggiudicatario anche tutte le opere necessarie per completare l installazione quali scavi, opere murarie, canalizzazioni, palificazioni etc, realizzate le opere è previsto il ripristino di tutti gli interventi effettuati durante i lavori (tracce, fori, scavi, etc.). Qualora in fase di esecuzione si evidenzino problematiche che pregiudichino la messa in esercizio degli impianti la ditta aggiudicataria è tenuta a segnalare tempestivamente le questioni emerse ai responsabili della stazione appaltante al fine trovare soluzioni idonee al superamento degli ostacoli. Per i passaggi dei cavi dovranno essere predisposte le canalizzazioni e le prese di collegamento, non potranno essere ritenute accettabili condizioni di installazione non stabili o con cavi esterni non canalizzati. Per tutte le installazioni è previsto a fine lavori un verbale sottoscritto dal responsabile della sede che attesti la avvenuta corretta installazione corredata di certificazioni di collaudo, autorizzazioni, foto e tutto il materiale relativo all impianto da consegnare ai responsabili regionali del progetto. Le installazioni sono prevalentemente realizzate nelle sedi all interno della struttura, in situazioni particolari possono essere previste installazioni esterne all edificio (fino ad un massimo di 10 punti), tutte le autorizzazioni, permessi, allacci e fissaggi sono a carico dell aggiudicatario che ne è responsabile. Nella installazione outdoor è prevista la fornitura di apparati già predisposti per il funzionamento con tutte le condizioni climatiche (invernali ed estive) in contenitori ermetici le cui caratteristiche dovranno essere descritte nell offerta tecnica. Per tutti gli apparati Wireless dovranno essere previste le certificazioni indicate in tabella, le certificazioni dovranno essere applicate all apparato assemblato e non ai singoli componenti. Nella realizzazione possono essere utilizzati Hot spot e router separati oppure integrati (router WiFi) per la connettività WAN alla rete geografica, gli apparati radio dovranno comunque avere le medesime certificazioni di sicurezza indicate nella tabella che segue. Le installazioni interne alle sedi dovranno essere realizzate a regola d arte prevedendo ove necessario l armadio o un contenitore a protezione di accessi non autorizzati e dovrà presentare meccanismi antieffrazione e antifurto di tipo meccanico. La qualità del prodotto offerto sarà oggetto di valutazione nell offerta tecnica da parte della commissione aggiudicatrice, le indicazioni che seguono sono di massima e non esaustive. Nella tabella sottostante vengono indicati i requisiti tecnici da rispettare per gli apparati Access Point: N connessioni 20 Regione Marche P.F. Sistemi Informativi e telematici, 2014 Pagina 15 / 47

16 contemporanee minimo Indoor Requisiti ambientali outdoor Requisiti ambientali Standard tecnologici Funzionalità specifiche della rete wireless Sicurezza alimentazione elettrica: 220 VAC. e tecnologia PoE (Power Over Ethernet); temperatura di esercizio da 0 C a +50 C; umidità relativa da 5% a 85% senza condensa; requisiti ambientali: temperatura di esercizio da -20 C a +55 C; umidità relativa da 5% a 95%, senza condensa; protezione dagli agenti atmosferici di classe International Protection IP 66. il contenitore o armadio in grado di proteggere gli apparati contenuti dalla salsedine e dall umidità. 10/100/1000BASE-T autosensing (RJ-45) IEEE 802.3af Ethernet Switch (PoE) IEEE p add wireless access in vehicular environments (WAVE) IEEE 802.1q support Virtual Lan (VLAN) Management console port (RJ45) Dual (a/n + b/g/n) IEEE dynamic frequency selection (DFS) 2,4 GHz, horizontal beamwidth 360, 5 GHz, horizontal beamwidth 360 copertura del segnale radio degli access point a 360 con irraggiamento omnidirezionale non inferiore a 100 metri in campo aperto, potenza effettiva irradiata all antenna non superiore a 100 mw EIRP; pubblicazione di ESSID multipli, con instradamento su una VLAN specifica per ogni ESSID pubblicato; IEEE i, Wi-Fi Protected Access 2 (WPA2), WPA IEEE 802.1X Advanced Encryption Standards (AES), Temporal Key Integrity Protocol (TKIP) EAP Type(s): Extensible Authentication Protocol-Transport Layer Security (EAP-TLS) EAP-Tunneled TLS (TTLS) or Microsoft Challenge Handshake Authentication Protocol Version 2 (MSCHAPv2) Protected EAP (PEAP) v0 or EAP-MSCHAPv2 Extensible Authentication Protocol-Flexible Authentication via Secure Tunneling (EAP-FAST) PEAPv1 or EAP-Generic Token Card (GTC) EAP-Subscriber Identity Module (SIM) ove necessario provvedere alla sicurezza fisica con armadio ventilato (dimensioni dell armadio o contenitore 60 x 45 x 30 cm) Regione Marche P.F. Sistemi Informativi e telematici, 2014 Pagina 16 / 47

17 Certificazioni Approvazioni radio Qualità del servizio Wi-Fi Alliance Certification a/b/g/n Wi-Fi Certified CE Sicurezza: UL UL 2043 IEC EN FCC Part , EN , EN (Europe) EMI and susceptibility (Class B) FCC Part and EN and -17 (Europe) EN EMC requirements for the Medical Directive 93/42/EEC IEEE Standard: IEEE a/b/g, IEEE n, IEEE h, IEEE d Wi-Fi Multimedia (WMM ) Quality of service (QoS) gestione del QoS e limitazione del traffic per utente VoIP call capacity Gestione e monitoraggio monitoraggio e gestione da remoto con protocollo SNMP accesso all interfaccia di management sia via LAN che mediante collegamento radio, con protezione dell accesso; aggiornamento firmware/software da remoto; polling http e/o management agent Tutti gli apparati dovranno essere monitorati rilevando attraverso il protocollo SNMP lo stato dei parametri monitorabili quali ad esempio banda occupata, n di connessioni contemporanee, pacchetti persi, rilevazione carico, temperature di lavoro etc. visualizzabili da una dashboard a disposizione del personale regionale incaricato. Non sono previsti apparati che non utilizzino protocolli standard ovvero sistemi proprietari Specifiche per la fornitura di beni e servizi DEVICES La realizzazione delle n 18 locazioni a servizi evoluti prescelte dalla Amministrazione prevede la messa a disposizione di una stanza o di uno spazio idoneo ad ospitare un sufficiente numero di partecipanti agli eventi. L indicazione della disponibilità della stanza deve essere concordata con i responsabili della sede da realizzare. I monitor dovranno essere dotati di supporto da fissare a muro e dovranno essere interfacciabili con la rete WiFi, quindi con la possibilità di connessione da utilizzare per le attività programmate. La fornitura comprende tutto il materiale accessorio necessario per la messa in esercizio di tutti gli apparati forniti (staffe, viti passacavi, supporti etc.). L installazione prevede anche l eventuale realizzazione dell impianto di alimentazione elettrica se non disponibile, tutti i cavi dovranno essere canalizzati, non possono essere effettuati collegamenti con prolunghe o impianti non fissati a muro. Il materiale da fornire previsto per le 18 sedi con servizi evoluti dovranno rispettare le seguenti caratteristiche tecniche minime: Descrizione N Caratteristiche tecniche Regione Marche P.F. Sistemi Informativi e telematici, 2014 Pagina 17 / 47

18 Smart TV Tablet 72 PC portatile 18 Sistemi microfonici ed audio, telecamere HD Led 3D 46" FullHD Hz CMR - Processore Dual Core - Wi-Fi Direct & Mirroring - Wi-Fi Integrato - AllShare Play - Tecnologia 3D Attivo - 4 HDMI / 3 USB video - Tuner HD (DVB- T2/C)/Slot CI+ - Certificazione Bollino Gold DGTVi Internet TV, navigazione Internet, riproduzione digitale Connettività WiFi, Lan Ethernet Classe consumo energetico A+ Tecnologia schermo LED Dimensione schermo-pollici 46 Ris. orizzontale-pixel 1920 Ris. verticale-pixel 1080 HD Full Risoluzione Ultra HD Stabilità immagine-hz 200 Specifiche stabilità immagine CMR Processore Core processore: Quad-Core Velocità processore (GHz): 2,3 Modello processore: Qualcomm MSM8974 Quad-Core Memoria Ram Memoria RAM: 3 GB Memoria Memoria interna: 16 GB Memory card slot: Slot microsd o microsdhc fino a 64 GB Display Dimensioni schermo: 10,1" Tipologia schermo: Display 10,1 " LCD Risoluzione: x pixel Formato schermo: 16:10 Touchscreen: Sì Sistema Operativo Mobile Sistema operativo: Android 4.3 Jelly Bean Famiglia processore Intel Core I7 i7-3537u o superiore Monitor 15,6 Risoluzione 1366x768 pixel Ram 4 GB o superiore DDR3-Sdram espandibile a 8 gb Disco 500 GB Sata Rpm Scheda video 2048 mb dedicata DVD Super multi DL S.o. Windows 8 / 7 Versione s.o. Professional 18 Videocamera esterna HD (tipo Logitech C929 HD PRO o similari) Sistema audio/microfonico con soppressore d eco (tipo Clear one chat 150 o similare) Al fine di migliorare la comunicazione verso l utenza è prevista da parte dell aggiudicatario l ideazione, progettazione e realizzazione di un logo Culturasmart!, che identifichi in maniera chiara la finalità dell intervento. La veste grafico-editoriale di un logo necessario per assicurare l uniformità, la coerenza visiva e la riconoscibilità, il progetto grafico dovrà essere Regione Marche P.F. Sistemi Informativi e telematici, 2014 Pagina 18 / 47

19 consegnato all Amministrazione che ne acquisirà i relativi diritti. E inoltre prevista la realizzazione di targhe da installare in prossimità degli hotspot, riproducenti il logo e la veste grafica prescelti per la campagna di informazione e riportanti le principali informazioni relative al progetto e al servizio Specifiche per la fornitura di beni e servizi INTERNET L operatore aggiudicatario dell appalto in possesso di tutti i requisiti di idoneità professionale, previsti nel disciplinare al paragrafo 6.1, ha l obbligo di fornire la connettività nelle modalità Wired o Wireless per tutte le 165 sedi da progetto nel rispetto di tutte le condizioni tecniche indicate. Il collegamento alla rete Internet può essere realizzato con le modalità e le tecnologie proposte dall operatore: ADSL/HDSL Hiperlan/Wimax UMTS/4G (a condizione di copertura ottimale per le sedi con particolari difficoltà di connessione) La velocità di connessione nominale comunque non potrà essere inferiore a 1 Mbit/sec e dovrà essere configurata con una banda garantita minima di: sede standard 128 kbit/sec bilanciata in up/downstream; sede a servizi evoluti 512 Kbit/sec bilanciata up/downstream; complessivamente la banda aggregata verso Internet dovrà essere superiore a 64 Mbit/sec. Per le sedi dovrà essere previsto un piano di indirizzamento sulla base della proposta tecnica presentata. Ove presente un collegamento maggiormente efficiente rispetto alla proposta da realizzare potrebbe essere mantenuta la condizione in esercizio. Il circuito non attuato, su autorizzazione del Direttore dei lavori, potrà essere messo in esercizio individuando una sede alternativa da realizzare. Nell apparato proposto per la connettività dovranno essere disponibili le funzionalità di sicurezza (Firewall, IDS/IPS) che verranno amministrate sulla base di policy stabilite con i referenti regionali ed applicate ed aggiornate dal sistema di gestione da remoto. Nella ipotesi di utilizzo di un unico apparato Router-Access point per quanto attiene alle caratteristiche ed alle certificazioni dell apparato wireless dovranno essere rispettate tutte le indicazioni di cui al punto Di seguito sono indicati i principali protocolli e standard di riferimento che l apparato di connessione alla rete Internet dovrà supportare. Riferimenti tecnici Router: Servizi IP e caratteristiche Versioni Routing Information Protocol 1 e 2 (RIPv1 e RIPv2) Generic Routing Encapsulation (GRE) e multipunto GRE (mgre) standard 802.1d Spanning Tree Protocol Layer 2 Tunneling Protocol (L2TP) Layer 2 Tunneling Protocol versione 3 (L2TPv3) Network Address Translation (NAT) Server Dynamic Host Configuration Protocol (DHCP), relay e client Dynamic Domain Name System (DNS) DNS Proxy DNS Spoofing elenchi di controllo di accesso (ACL) IPv4 e IPv6 multicast Regione Marche P.F. Sistemi Informativi e telematici, 2014 Pagina 19 / 47

20 Open Shortest Path First (OSPF) Border Gateway Protocol (BGP) xdsl Switch Sicurezza collegamento Firewall Caratteristiche QoS Multimode VDSL2/ADSL2+ over Annex A, B, J e M including traditional G.DMT and T1.413 interoperabilità con standard DSL Multiplexer (DSLAM) chipset Noise Protection over REIN/SHINE, Extended INP-Delay, G.INP, Physical Layer Retransmission, SRA, and Bitswap VDSL2 PSD Profili fino 17a / b con supporto per Shaping Spectral VDSL2 Vectoring to offer blazing fiber speeds over copper Supporto per 4 coppie multimodale G.SHDSL, ATM e EFM Gestione remota con TR069/CWMP Auto Media device in / Media Device Cross Over (MDI-MDX) 802.1Q VLANs filtraggio MAC 802.3af almeno quattro porte compatibile PoE o con power injector Switched Port Analyzer (SPAN) Internet Group Management Protocol versione 3 (IGMPv3) snooping 802.1x VPN SSL per l'accesso remoto sicuro DES, 3DES, AES 128, AES 192 e AES 256 Supporto infrastruttura a chiave pubblica (PKI) tunnel IPsec NAT Tunnel-less Group Encrypted Transport VPN IPsec failover stateful IPsec VRF-aware IPsec su IPv6 Session Initiation Protocol (SIP), Firewall Policy Zone-Based VRF-aware routing stateful inspection firewall stateful inspection firewall trasparente Ispezione avanzata delle applicazioni e controllo Secure HTTP (HTTPS), FTP e Telnet Authentication Proxy Dynamic and static port security Firewall stateful failover firewall VRF-aware ScanSafe Connector liste bianche e nere Controllo delle minacce integrato: IPS Control Plane Policing Flexible Packet Matching Network foundation protection Low-Latency Queuing (LLQ) Weighted Fair Queuing (WFQ) Class-Based WFQ (CBWFQ) Class-Based Traffic Shaping (CBTS) Class-Based Traffic Policing (CBTP) Policy-Based Routing (PBR) Class-Based QoS MIB Regione Marche P.F. Sistemi Informativi e telematici, 2014 Pagina 20 / 47

Firewall VPN Cisco RV120W Wireless-N

Firewall VPN Cisco RV120W Wireless-N Firewall VPN Cisco RV120W Wireless-N La connettività di base raggiunge nuovi livelli Il firewall VPN Cisco RV120W Wireless-N offre connettività a elevata sicurezza a Internet, anche da altre postazioni

Dettagli

CONVENZIONE CONSIP RETI LOCALI 5 - RICHIESTA PROGETTO PRELIMINARE

CONVENZIONE CONSIP RETI LOCALI 5 - RICHIESTA PROGETTO PRELIMINARE CONVENZIONE CONSIP RETI LOCALI 5 - RICHIESTA PROGETTO PRELIMINARE AMMINISTRAZIONE IC CF. 90008940612 CM ceic84000d Spett.le Telecom Italia S.p.A. ICT Solutions & Service Platforms Gestione Convenzioni

Dettagli

Firewall Cisco RV220W per la sicurezza della rete

Firewall Cisco RV220W per la sicurezza della rete Firewall Cisco RV220W per la sicurezza della rete Connettività ad alte prestazioni ed elevata sicurezza per i piccoli uffici Il firewall Cisco RV220W per la sicurezza della rete consente ai piccoli uffici

Dettagli

Centralino telefonico OfficeServ 7200

Centralino telefonico OfficeServ 7200 Centralino telefonico OfficeServ 7200 Samsung OfficeServ 7200 costituisce un unica soluzione per tutte le esigenze di comunicazione di aziende di medie dimensioni. OfficeServ 7200 è un sistema telefonico

Dettagli

ProCurve Radio Port 230

ProCurve Radio Port 230 La ProCurve Radio Port 230, con integrato il supporto per le funzioni wireless IEEE 802.11a e IEEE 802.11g, è in grado di lavorare congiuntamente ai moduli ProCurve Wireless Edge Services xl e zl, per

Dettagli

Centralino telefonico OfficeServ 7400

Centralino telefonico OfficeServ 7400 Centralino telefonico OfficeServ 7400 Samsung OfficeServ 7400 è il sistema di comunicazione all-in-one dedicato alle aziende di medie e grandi dimensioni che necessitano di soluzioni semplici ed integrate

Dettagli

DSL-G604T. Wireless ADSL Router 54Mbps con Switch 4 porte 10/100Mbps

DSL-G604T. Wireless ADSL Router 54Mbps con Switch 4 porte 10/100Mbps DSL-G604T Wireless ADSL Router 54Mbps con Switch 4 porte 10/100Mbps Il dispositivo DSL-G604T è un router ADSL con access point Wireless a 2.4 GHz e con switch a 4 porte Fast Ethernet incorporati. L'access

Dettagli

Cisco RV215W Wireless-N VPN Router

Cisco RV215W Wireless-N VPN Router Scheda tecnica Cisco RV215W Wireless-N VPN Router Connettività semplice e sicura per piccoli uffici e uffici domestici Figura 1. Cisco RV215W Wireless-N VPN Router Cisco RV215W Wireless-N VPN Router fornisce

Dettagli

Firewall VPN Cisco RV110W Wireless-N

Firewall VPN Cisco RV110W Wireless-N Scheda tecnica Firewall VPN Cisco RV110W Wireless-N Connettività semplice e sicura per piccoli uffici e uffici domestici Figura 1. Firewall VPN Cisco RV110W Wireless-N Il Firewall VPN Cisco RV110W Wireless-N

Dettagli

Panoramica sullo sviluppo di soluzioni wireless per il Sistema Informativo della Regione Piemonte fra il 2000 e il 2007

Panoramica sullo sviluppo di soluzioni wireless per il Sistema Informativo della Regione Piemonte fra il 2000 e il 2007 Le tecnologie wireless per il Sistema Informativo della Regione Piemonte Panoramica sullo sviluppo di soluzioni wireless per il Sistema Informativo della Regione Piemonte fra il 2000 e il 2007 1. I primi

Dettagli

la risposta che cerchi è qui!

la risposta che cerchi è qui! Ottobre 2013 Connessioni WIFI Come connetterti in totale libertà? la risposta che cerchi è qui! OFFERTA WIFI Business & mobile back up, WIFI Open e WIFI Welcome si inseriscono nel panorama di offerta FASTWEB

Dettagli

Router VPN Cisco RV180

Router VPN Cisco RV180 Data Sheet Router VPN Cisco RV180 Connettività sicura e ad alte prestazioni a un prezzo conveniente. Figura 1. Router VPN Cisco RV180 (pannello anteriore) Caratteristiche Le convenienti porte Gigabit Ethernet

Dettagli

Il progetto CulturaSmart! Servizi di rete per la comunità della Cultura

Il progetto CulturaSmart! Servizi di rete per la comunità della Cultura Il progetto CulturaSmart! Servizi di rete per la comunità della Cultura Ancona, 9 aprile 2015 Regione Marche - Palazzo Li Madou 1 Chi è FASTWEB La seconda rete fissa in Italia Leadership tecnologia Fondata

Dettagli

ALLEGATO T2 AL CAPITOLATO D ONERI TABELLE REQUISITI MINIMI

ALLEGATO T2 AL CAPITOLATO D ONERI TABELLE REQUISITI MINIMI ALLEGATO T2 AL CAPITOLATO D ONERI - TABELLE REQUITI MINIMI TABELLE REQUITI MINIMI REQUITI APPARATI TIPO A REQUITI GENERALI Apparato Modulare con backplane passivo, con CHASS montabile su rack standard

Dettagli

Piano Integrato Urbano di Sviluppo Sostenibile dell area metropolitana fiorentina

Piano Integrato Urbano di Sviluppo Sostenibile dell area metropolitana fiorentina Piano Integrato Urbano di Sviluppo Sostenibile dell area metropolitana fiorentina Sistema Informativo della Città dei Saperi. Piattaforma di gestione dell informazione turistica, informazione interattiva

Dettagli

Modulo ProCurve Wireless Edge Services xl

Modulo ProCurve Wireless Edge Services xl Operando congiuntamente alle ProCurve radio port, il modulo ProCurve Wireless Edge Services xl consente la configurazione centralizzata della LAN wireless e la gestione di servizi wireless avanzati, permettendo

Dettagli

Fornitura e gestione di un sistema Wireless cittadino in standard WI-FI Capitolato Tecnico

Fornitura e gestione di un sistema Wireless cittadino in standard WI-FI Capitolato Tecnico Fornitura e gestione di un sistema Wireless cittadino in standard WI-FI Capitolato Tecnico Comune di Prato Sistema Informativo e Statistica Versione 1.4 Obiettivo del progetto Il progetto ha come obiettivo

Dettagli

Centralino telefonico OfficeServ 7200

Centralino telefonico OfficeServ 7200 Centralino telefonico OfficeServ 7200 Samsung OfficeServ 7200 Lite è un sistema di comunicazione ideale per aziende di medie dimensioni. OfficeServ 7200 Lite introduce una soluzione All-in-One che realizza

Dettagli

INTEGRAZIONE ED ESPANSIONE DEL SISTEMA DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL COMUNE DI CASTELLAMMARE DI STABIA TITOLO ELABORATO: MODULO ISOLE WI-FI HOT SPOT

INTEGRAZIONE ED ESPANSIONE DEL SISTEMA DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL COMUNE DI CASTELLAMMARE DI STABIA TITOLO ELABORATO: MODULO ISOLE WI-FI HOT SPOT INTEGRAZIONE ED ESPANSIONE DEL SISTEMA DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL COMUNE DI CASTELLAMMARE DI STABIA TITOLO ELABORATO: MODULO ISOLE WI-FI HOT SPOT INDICE 1. PREMESSA 4 2. ARCHITETTURA RETI MESH 5 3. DISPOSITIVI

Dettagli

Schema Comparativo Bando REALIZZAZIONE RETE Wi-Fi E ADEGUAMENTO DELL INFRASTRUTTURA TECNOLOGICA D ISTITUTO

Schema Comparativo Bando REALIZZAZIONE RETE Wi-Fi E ADEGUAMENTO DELL INFRASTRUTTURA TECNOLOGICA D ISTITUTO ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE "CREMONA" Con sezioni associate L.S.S. "Luigi Cremona" e I.T.C. "Gino Zappa" V.le Marche, 71/73-20159 Milano Tel. 02606250 Fax 026883172 Sito Web: www.iiscremona.gov.it

Dettagli

GREEN SAT. Introduzione

GREEN SAT. Introduzione 1 GREEN SAT Introduzione Il mercato business nella richiesta di connettività a larga banda può individuare nella soluzione via satellite il compromesso ottimale fra costi, performance e tempi di realizzazione

Dettagli

WiFiBus. La soluzione low cost di WiFi a bordo sui Bus

WiFiBus. La soluzione low cost di WiFi a bordo sui Bus WiFiBus La soluzione low cost di WiFi a bordo sui Bus WiFiBus PRO è un router 3G/4G professionale che si collega ad internet, tramite la rete cellulare e ridistribuisce il segnale a bordo mediante WiFi.

Dettagli

Modulo Switch ProCurve xl Access Controller

Modulo Switch ProCurve xl Access Controller Aggiungendo il modulo ProCurve Switch xl Access Controller, lo switch serie 5300xl fornisce un approccio esclusivo all integrazione del controllo dell accesso degli utenti basato su identità, privacy dei

Dettagli

Allegato A al Capitolato tecnico

Allegato A al Capitolato tecnico Allegato A al Capitolato tecnico MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA ISTITUTO COMPRENSIVO CENTRO 1 VIALE PIAVE, 50 25123 BRESCIA TEL.030/361210 FAX. 030/3366974 E.Mail: bsic881002@istruzione.it

Dettagli

REGOLAMENTO TECNICO FEDERAZIONE FREEITALIAWIFI

REGOLAMENTO TECNICO FEDERAZIONE FREEITALIAWIFI REGOLAMENTO TECNICO FEDERAZIONE FREEITALIAWIFI Sommario PREMESSE& 3! COMITATO&TECNICO& 3! PREREQUISITI&PER&LA&FEDERAZIONE& 4! REGOLE&GENERALI& 5! REGOLE&TECNICHE&PER&L'INSTALLAZIONE&E&LA&CONFIGURAZIONE&

Dettagli

150 Piazze Wi-Fi. Unidata S.p.A. Una iniziativa Unidata e Wired

150 Piazze Wi-Fi. Unidata S.p.A. Una iniziativa Unidata e Wired Allegato 4 all Accordo di adesione alla fase sperimentale del progetto "150 Piazze Wi-Fi" relativo alla fornitura a titolo di comodato gratuito di apparecchiature hardware e correlato software di gestione

Dettagli

Manuale. di configurazione. Interfaccia di gestione. Configurazioni. Storage. Stampanti SOMMARIO

Manuale. di configurazione. Interfaccia di gestione. Configurazioni. Storage. Stampanti SOMMARIO Manuale di configurazione 2 Configurazioni 8 Storage 30 Stampanti 41 Manuale Interfaccia di gestione di configurazione SOMMARIO Interfaccia di gestione INTRODUZIONE La configurazione del modem può essere

Dettagli

WiFiGO è distribuito da MF s.r.l. ANCONA (AN) - VIA BRUNO BUOZZI 12 - CAP 60131 - Numero verde 800 544 445 E-mail: info.didaskalos@mf-srl.

WiFiGO è distribuito da MF s.r.l. ANCONA (AN) - VIA BRUNO BUOZZI 12 - CAP 60131 - Numero verde 800 544 445 E-mail: info.didaskalos@mf-srl. IL PRIMO HOT SPOT PENSATO PER LA SCUOLA DIGITALE WiFiGo è il sistema di gestione della rete scolastica appositamente studiato per quelle scuole che desiderano dotarsi di una infrastruttura di rete di ultima

Dettagli

Senza Fili - Tecnologie Wi-Fi per atenei con servizi più agili ed efficaci

Senza Fili - Tecnologie Wi-Fi per atenei con servizi più agili ed efficaci Senza Fili - Tecnologie Wi-Fi per atenei con servizi più agili ed efficaci 30 gennaio 2008 Fondazione CRUI Piazza Rondanini, 48 - Roma Rete wireless d Ateneo 30 Gennaio 2008 Luisella Sironi Università

Dettagli

Cisco Configuration Assistant

Cisco Configuration Assistant Cisco Configuration Assistant Panoramica Q. Cos'è Cisco Configuration Assistant? A. Cisco Configuration Assistant è uno strumento intuitivo basato su PC per la configurazione della GUI, progettato per

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA STATALE 2 CIRCOLO

DIREZIONE DIDATTICA STATALE 2 CIRCOLO Esigenze Didattiche DIREZIONE DIDATTICA STATALE CIRCOLO Cod. Fisc.: 900460845 Cod. Mecc. AGEE0400E - Tel. +390996830 Fax +39099658 CAPITOLATO TECNICO - ALLEGATO B PROGETTO: SCUOL@ONLINE Questo documento

Dettagli

La sicurezza delle reti

La sicurezza delle reti La sicurezza delle reti Inserimento dati falsi Cancellazione di dati Letture non autorizzate A quale livello di rete è meglio realizzare la sicurezza? Applicazione TCP IP Data Link Physical firewall? IPSEC?

Dettagli

1. Rete Wi-Fi Bachelet Abbiategrasso 4. 2. Requisiti tecnico funzionali richiesti ai sistemi WiFi 5. 3. Manutenzione e assistenza 11

1. Rete Wi-Fi Bachelet Abbiategrasso 4. 2. Requisiti tecnico funzionali richiesti ai sistemi WiFi 5. 3. Manutenzione e assistenza 11 CAPITOLATO TECNICO PROGETTO BACHELET WI-FI ABBIATEGRASSO ABBIATEGRASSO, MAGGIO 2013 Indice 1. Rete Wi-Fi Bachelet Abbiategrasso 4 2. Requisiti tecnico funzionali richiesti ai sistemi WiFi 5 3. Manutenzione

Dettagli

Obiettivi d esame HP ATA Networks

Obiettivi d esame HP ATA Networks Obiettivi d esame HP ATA Networks 1 Spiegare e riconoscere tecnologie di rete e le loro implicazioni per le esigenze del cliente. 1.1 Descrivere il modello OSI. 1.1.1 Identificare ogni livello e descrivere

Dettagli

ALLEGATO 1 - PROGETTO CAPITOLATO TECNICO CABLAGGIO SCUOLA WIRED E WIRELESS SU PIÙ PLESSI SCOLASTICI

ALLEGATO 1 - PROGETTO CAPITOLATO TECNICO CABLAGGIO SCUOLA WIRED E WIRELESS SU PIÙ PLESSI SCOLASTICI IC LEONARDO DA VINCI a Orientamento Musicale C.F. 80159230152 - COD. MECC. MIIC8EP007- CODICE IPA: UFES4K Sede legale Viale Risorgimento, 45-20030 Senago (MI) Tel e Fax 0299058520 - Tel. 0299480102 E-mail

Dettagli

ATTUAZIONE DEL PROGETTO WI-FI CGIL

ATTUAZIONE DEL PROGETTO WI-FI CGIL Seminario Nazionale ATTUAZIONE DEL PROGETTO WI-FI CGIL 10 luglio 2009 Sala Fernando Santi - CGIL nazionale - Corso d Italia 25 - Roma PRESENTAZIONE DEL PROGETTO Wi-Fi CGIL All interno del Progetto nazionale

Dettagli

Descrizione del servizio Requisiti minimi di accessibilità

Descrizione del servizio Requisiti minimi di accessibilità Descrizione del servizio Requisiti minimi di accessibilità Descrizione del servizio SkyMeeting TM è un servizio di videocomunicazione interattiva web-based che consente di comunicare ed interagire in tempo

Dettagli

Soluzione per reti WI FI

Soluzione per reti WI FI Soluzione per reti WI FI GREEN SAT HOT SPOT GATEWAY WI FI GATEWAY WI FI Multi WAN ACESS POINT Single e Dual band Outdoor Wired/Wireless Wall Switch. Le caratteristiche tecniche fondamentali che deve avere

Dettagli

Centro nazionale per l informatica nella pubblica amministrazione

Centro nazionale per l informatica nella pubblica amministrazione Centro nazionale per l informatica nella pubblica amministrazione SERVIZIO DI REALIZZAZIONE DELLA RETE INTERNAZIONALE DELLE P.A. Allegato H DEFINIZIONI E ACRONIMI 1 Note di carattere generale Il documento

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER I SISTEMI E LE TECNOLOGIE INFORMATICHE

TECNICO SUPERIORE PER I SISTEMI E LE TECNOLOGIE INFORMATICHE ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE I.C.T. Information and Communication Technology TECNICO SUPERIORE PER I SISTEMI E LE TECNOLOGIE INFORMATICHE STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI

Dettagli

Reti di computer. Agostino Lorenzi - Reti di computer - 2008

Reti di computer. Agostino Lorenzi - Reti di computer - 2008 Reti di computer Telematica : termine che evidenzia l integrazione tra tecnologie informatiche e tecnologie delle comunicazioni. Rete (network) : insieme di sistemi per l elaborazione delle informazioni

Dettagli

Banda 3.5 Mobile Accesso a internet tramite segnali 3.5G Mobile - Riconosce e configura automaticamente segnali 3G, 2.75G e 2.5G

Banda 3.5 Mobile Accesso a internet tramite segnali 3.5G Mobile - Riconosce e configura automaticamente segnali 3G, 2.75G e 2.5G Router Wireless 54 Mbps 802.11b/g ultra compatto Antenna e trasformatore integrati, con presa rimuovibile, facile da portare, settare e usare ovunque ed in ogni momento Banda 3.5 Mobile Accesso a internet

Dettagli

La soluzione economica ed autoinstallante per la creazione di Hot Spot Wi-Fi

La soluzione economica ed autoinstallante per la creazione di Hot Spot Wi-Fi WiSpot Prepagato Ricaricabile La soluzione economica ed autoinstallante per la creazione di Hot Spot Wi-Fi Lo Scenario Una maggiore diffusione di smartphone e apparati digitali Wi-Fi (telecamere, e-reader,

Dettagli

security Firewall UTM

security Firewall UTM security Firewall UTM Antispam Firewall UTM Antivirus Communication VPN IDS/IPS Security MultiWAN Hotspot MultiZona Aggiornamenti automatici Proxy Collaboration IP PBX Strumenti & Report Monitraggio Grafici

Dettagli

Centro Nazionale per l informatica nella Pubblica Amministrazione. Allegato A CAPITOLATO TECNICO. 1 di 23

Centro Nazionale per l informatica nella Pubblica Amministrazione. Allegato A CAPITOLATO TECNICO. 1 di 23 Centro Nazionale per l informatica nella Pubblica Amministrazione Allegato A CAPITOLATO TECNICO 1 di 23 INDICE PREMESSA... 4 RIFERIMENTI... 4 1. Servizi di Trasporto Always On Flat Accessi Asimmetrici

Dettagli

1.1 - Crittografia sulla infrastruttura trasmissiva tra le stazioni remote Rilheva il centro di telecontrollo

1.1 - Crittografia sulla infrastruttura trasmissiva tra le stazioni remote Rilheva il centro di telecontrollo SISTEMA DI TELECONTROLLO RILHEVA GPRS (CARATTERISTICHE DEL VETTORE GPRS E SICUREZZE ADOTTATE) Abstract: Sicurezza del Sistema di Telecontrollo Rilheva Xeo4 ha progettato e sviluppato il sistema di telecontrollo

Dettagli

Indice. Capitolo 1 Introduzione 1. Capitolo 2 Le reti Ethernet e IEEE 802.3 5. Capitolo 3 Ethernet ad alta velocità 33

Indice. Capitolo 1 Introduzione 1. Capitolo 2 Le reti Ethernet e IEEE 802.3 5. Capitolo 3 Ethernet ad alta velocità 33 .ind g/p.vii-xii 26-06-2002 12:18 Pagina VII Indice Capitolo 1 Introduzione 1 Capitolo 2 Le reti Ethernet e IEEE 802.3 5 2.1 Il progetto IEEE 802 6 2.2 Protocolli di livello MAC 7 2.3 Indirizzi 8 2.4 Ethernet

Dettagli

pod Guida all installazione di rete del Solstice Pod Introduzione Solstice Pod Collaborazione Visuale Wireless Solstice sulla vostra rete

pod Guida all installazione di rete del Solstice Pod Introduzione Solstice Pod Collaborazione Visuale Wireless Solstice sulla vostra rete Introduzione Solstice Pod Collaborazione Visuale Wireless Una volta installato, il Solstice Pod permette a più utenti di condividere simultaneamente il proprio schermo su un display tramite la rete Wi-Fi

Dettagli

Caratteristiche: Specifiche: Standard IEEE 802.1d (Spanning Tree Protocol) IEEE 802.11a (54 Mbps Wireless LAN) IEEE 802.11b (11 Mbps Wireless LAN)

Caratteristiche: Specifiche: Standard IEEE 802.1d (Spanning Tree Protocol) IEEE 802.11a (54 Mbps Wireless LAN) IEEE 802.11b (11 Mbps Wireless LAN) High-Power Wireless AC1750 Dual Band Gigabit PoE Access Point 450 Mbps Wireless N (2.4 GHz) + 1300 Mbps Wireless AC (5 GHz), WDS, Wireless client isolation, 27.5 dbm, wall-mount Part No.: 525787 Caratteristiche:

Dettagli

Router VPN multifunzione Cisco RV180W

Router VPN multifunzione Cisco RV180W Data Sheet Router multifunzione affidabile di livello aziendale che evolve contestualmente alle esigenze aziendali Figura 1. (pannello anteriore) Caratteristiche Le convenienti porte Gigabit Ethernet ad

Dettagli

ProCurve Manager Plus 2.2

ProCurve Manager Plus 2.2 ProCurve Manager Plus 2.2 ProCurve Manager Plus 2.2 è una piattaforma di gestione di rete basata su Windows sicura ed avanzata che consente agli amministratori di rete di configurare, aggiornare, monitorare

Dettagli

Access point serie HP V-M200 802.11n

Access point serie HP V-M200 802.11n Panoramica del prodotto L'access point HP V-M200 802.11n fornisce la connettività wireless per la vostra rete in costante espansione. Sfruttate tutti i vantaggi dello standard di nuova generazione 802.11n

Dettagli

Simulazione seconda prova Sistemi e reti Marzo 2016

Simulazione seconda prova Sistemi e reti Marzo 2016 Ipotesi progettuali Studio medico situato in un appartamento senza reti pre-esistenti con possibilità di cablaggio a muro in canalina. Le dimensioni in gioco possono far prevedere cavi non troppo lunghi

Dettagli

Reti di Calcolatori. Lezione 2

Reti di Calcolatori. Lezione 2 Reti di Calcolatori Lezione 2 Una definizione di Rete Una moderna rete di calcolatori può essere definita come: UN INSIEME INTERCONNESSO DI CALCOLATORI AUTONOMI Tipi di Rete Le reti vengono classificate

Dettagli

Materiali per il Modulo 1 E.C.D.L.

Materiali per il Modulo 1 E.C.D.L. Materiali per il Modulo 1 E.C.D.L. Queste due sigle indicano LAN Local Area Network Si tratta di un certo numero di Computer (decine centinaia) o periferici connessi fra loro mediante cavi UTP, coassiali

Dettagli

Nuovi modi per comunicare. Risparmiando.

Nuovi modi per comunicare. Risparmiando. Nuovi modi per comunicare. Risparmiando. Relatori: Fiorenzo Ottorini, CEO Attua S.r.l. Alessio Pennasilico, CSO Alba S.a.s. Verona, mercoledì 16 novembre 2005 VoIP Voice over xdsl Gateway GSM Fiorenzo

Dettagli

Capitolato tecnico per la realizzazione della rete wireless/lan di istituto e Collegamento Wi-Fi Palestra.

Capitolato tecnico per la realizzazione della rete wireless/lan di istituto e Collegamento Wi-Fi Palestra. Pubblicato all albo on-line il al n. LICEO STATALE ELIO VITTORINI SSCIENTIFICO, LINGUISTICO E SCIENZE APPL. Codice Fiscale 82002490850 Via Pitagora, s.n.c.93012 GELA Tel.0933/930594 Fax 0933/930002 Motore

Dettagli

AIEA Associazione Italiana Information Systems Auditors

AIEA Associazione Italiana Information Systems Auditors AIEA Associazione Italiana Information Systems Auditors UTILIZZARE I SERVIZI CORPORATE TRAMITE LA TECNOLOGIA WIRELESS Carlo Muzzì Torino, 26 febbraio 2009 UTILIZZARE I SERVIZI CORPORATE TRAMITE LA TECNOLOGIA

Dettagli

Access point Wireless-N Cisco WAP131 a doppia radio con PoE

Access point Wireless-N Cisco WAP131 a doppia radio con PoE Scheda tecnica Access point Wireless-N Cisco WAP131 a doppia radio con PoE Copertura migliorata, implementazione semplice, connettività Wireless-N sicura e di livello aziendale Caratteristiche principali

Dettagli

Hot Spot Total Solution

Hot Spot Total Solution RayTalk Hot Spot Total Solution Documento riservato RayTalk Industries Srl Repubblica di San Marino Riservati tutti i diritti. Ogni oggetto o processo descritto in questo documento è di proprietà p di

Dettagli

LOCALI ISTITUTO ACQUISIZIONE STRUTTURA DI RETE WIRELESS +TABLET /NETBOOK

LOCALI ISTITUTO ACQUISIZIONE STRUTTURA DI RETE WIRELESS +TABLET /NETBOOK Prot. n. 2886/C14i del 28/06/2013 LOCALI ISTITUTO ACQUISIZIONE STRUTTURA DI RETE WIRELESS +TABLET /NETBOOK CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO SPECIFICHE TECNICHE Pagina 1 di 6 1 - OGGETTO DELL'APPALTO L Istituto

Dettagli

Allegato 2: Prospetto informativo generale

Allegato 2: Prospetto informativo generale Gara a procedura ristretta accelerata per l affidamento, mediante l utilizzo dell Accordo Quadro di cui all art. 59 del D.Lgs. n. 163/2006, di Servizi di Supporto in ambito ICT a InnovaPuglia S.p.A. Allegato

Dettagli

Guida rapida all utilizzo di Sevio Step 7. Document ID: svb01_step_7_v3

Guida rapida all utilizzo di Sevio Step 7. Document ID: svb01_step_7_v3 Guida rapida all utilizzo di Sevio Step 7 Document ID: svb01_step_7_v3 2014 Sevio. Tutti i diritti riservati. Marchi commerciali Sevio è un marchio commerciale di Eurobica Corporate. Siemens, Step 7, sono

Dettagli

DIVISIONE TVCC GUIDA ALLA SCELTA E CONFIGURAZIONE DI BASE DEI MODEM-ROUTER ADSL PER IMPIANTI DI TVCC

DIVISIONE TVCC GUIDA ALLA SCELTA E CONFIGURAZIONE DI BASE DEI MODEM-ROUTER ADSL PER IMPIANTI DI TVCC DIVISIONE TVCC GUIDA ALLA SCELTA E CONFIGURAZIONE DI BASE DEI MODEM-ROUTER ADSL PER IMPIANTI DI TVCC MT111-002A MT111-002A/ Ultima revisione: 16/05/2006 Introduzione La crescente offerta di connessioni

Dettagli

Programmazione modulare 2014-2015

Programmazione modulare 2014-2015 Programmazione modulare 2014-2015 Indirizzo: Informatica Disciplina: SISTEMI E RETI Classe: 5 A e 5 B Docente: Buscemi Letizia Ore settimanali previste: 4 ore (2 teoria + 2 laboratorio) Totale ore previste:

Dettagli

LISTINO. - Speed. WiC Speed. 6M 8M Super 12M

LISTINO. - Speed. WiC Speed. 6M 8M Super 12M LISTINO - Speed WiC Speed è l offerta ideale per il Cliente che, nel tempo libero, vuole navigare, scaricare file e giocare alla massima velocità, senza limite o soglie, e con grandi performance garantite.

Dettagli

TP-LINK Modem Router Gigabit ADSL2+ Wireless N 300Mbps USB

TP-LINK Modem Router Gigabit ADSL2+ Wireless N 300Mbps USB GenerationTech Di Luigi Clemente VIA DELLE MARGHERITE, 7 San Ferdinando di Puglia (BT) P.IVA: 07371050720 Tel: 0883624266 Fax: 0883624266 Email: postmaster@generationtech.it Sito Web: www.generationtech.it

Dettagli

Configurazione router VoIP TeleTu P.RG A4101N

Configurazione router VoIP TeleTu P.RG A4101N Questo documento ti guiderà nella configurazione e nei collegamenti da effettuare, per iniziare da subito a navigare, telefonare e risparmiare con il nuovo router VoIP TeleTu! Contenuto della confezione

Dettagli

UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA

UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA TEL. 079/981638 - FAX 079/9730062 - www.istitutocomprensivo2alghero.it PROT. N. 3140 DEL 20/06/2013 CAPITOLATO DI GARA CIG N. 51773357FE Assessorato Pubblica Istruzione, Beni Culturali, Informazione, Spettacolo

Dettagli

Lo scopo del presente progetto è quello definire l architettura di una rete che consenta l accesso ai servizi

Lo scopo del presente progetto è quello definire l architettura di una rete che consenta l accesso ai servizi DESCRIZIONE DEL PROGETTO Lo scopo del presente progetto è quello definire l architettura di una rete che consenta l accesso ai servizi on-line, al materiale didattico ed a tutti i nuovi servizi per la

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA REGIONE AUTONOMA SARDEGNA ASSESSORATO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE, BENI CULTURALI, INFORMAZIONE, SPETTACOLO E SPORT

REPUBBLICA ITALIANA REGIONE AUTONOMA SARDEGNA ASSESSORATO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE, BENI CULTURALI, INFORMAZIONE, SPETTACOLO E SPORT (codice fiscale 91022610926 Tel. 070/9370295/ Fax 070/9307290) e-mail: cais02100t@istruzione.it PEC cais02100t@pec.istruzione.it www.itcvignarelli.it SARDEGNA ASSESSORATO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE, BENI

Dettagli

Oggetto: PROGETTO DI RETE FREE WIFI. APPROVAZIONE CONVENZIONE CON LA PROVINCIA DI FROSINONE. LA GIUNTA COMUNALE

Oggetto: PROGETTO DI RETE FREE WIFI. APPROVAZIONE CONVENZIONE CON LA PROVINCIA DI FROSINONE. LA GIUNTA COMUNALE Oggetto: PROGETTO DI RETE FREE WIFI. APPROVAZIONE CONVENZIONE CON LA PROVINCIA DI FROSINONE. LA GIUNTA COMUNALE PREMESSO che la Provincia di Frosinone ha avviato un percorso per la realizzazione di un

Dettagli

Guida alla valutazione

Guida alla valutazione Guida alla valutazione FRITZ!Box Fon WLAN 7140 Gentile utente, siamo di annunciare la disponibilità del prodotto FRITZ!Box Fon WLAN 7140. La presente guida alla valutazione è stata creata per offrire una

Dettagli

Glossario ADSL Asymmetric Digital Subscriber Line ADSL2+ Asymmetric Digital Subscriber Line ADSL ADSL2+ Browser Un browser Client Un client

Glossario ADSL Asymmetric Digital Subscriber Line ADSL2+ Asymmetric Digital Subscriber Line ADSL ADSL2+ Browser Un browser Client Un client Glossario ADSL Asymmetric Digital Subscriber Line ADSL2+ Asymmetric Digital Subscriber Line ADSL è una tecnica di trasmissione dati che permette l accesso a Internet fino a 8 Mbps in downstream ed 1 Mbps

Dettagli

Sistemi di Video Sorveglianza

Sistemi di Video Sorveglianza Sistemi di Video Sorveglianza WEB Based Technology Il sistema di video-sorveglianza è basato su un sistema di visualizzazione-registrazione costituito da un Camera Server e da una o più telecamere Digitali

Dettagli

Simulazione prova scritta di sistemi Abacus per l Esame di Stato. Traccia n 1

Simulazione prova scritta di sistemi Abacus per l Esame di Stato. Traccia n 1 Simulazione prova scritta di sistemi Abacus per l Esame di Stato Traccia n 1 La condivisione delle informazioni e lo sviluppo delle risorse informatiche tramite cui esse possono venire memorizzate e scambiate

Dettagli

Progetto NAC (Network Access Control) MARCO FAGIOLO

Progetto NAC (Network Access Control) MARCO FAGIOLO Progetto NAC (Network Access Control) MARCO FAGIOLO Introduzione Per sicurezza in ambito ICT si intende: Disponibilità dei servizi Prevenire la perdita delle informazioni Evitare il furto delle informazioni

Dettagli

Indice. Prefazione. Capitolo 1 Introduzione 1. Capitolo 2 Livello applicazione 30

Indice. Prefazione. Capitolo 1 Introduzione 1. Capitolo 2 Livello applicazione 30 Prefazione XI Capitolo 1 Introduzione 1 1.1 Internet: una panoramica 2 1.1.1 Le reti 2 1.1.2 Commutazione (switching) 4 1.1.3 Internet 6 1.1.4 L accesso a Internet 6 1.1.5 Capacità e prestazioni delle

Dettagli

2 DESCRIZIONE DEI SERVIZI

2 DESCRIZIONE DEI SERVIZI Premessa In generale i servizi di un Full Service Provider sono più o meno paragonabili. Qui di seguito viene descritto il servizio di Firewalling specifico di un fornitore ma di contenuto assolutamente

Dettagli

Access point Cisco WAP321 Wireless-N con banda selezionabile e PoE (Power over Ethernet)

Access point Cisco WAP321 Wireless-N con banda selezionabile e PoE (Power over Ethernet) Data Sheet Access point Cisco WAP321 Wireless-N con banda selezionabile e PoE (Power over Ethernet) Networking Wireless-N sicuro con connettività Gigabit Ethernet Caratteristiche Offre connettività wireless

Dettagli

HiPath 2000 www.siemens.it/enterprisenetworks

HiPath 2000 www.siemens.it/enterprisenetworks Full-IP per le piccole e medie imprese HiPath 2000 www.siemens.it/enterprisenetworks s hipath 2000-20x20 10-05-2006 9:57 Pagina 3 La comunicazione IP Interagire rapidamente e in modo efficace con i propri

Dettagli

Access point Cisco WAP121 Wireless-N con PoE (Power over Ethernet)

Access point Cisco WAP121 Wireless-N con PoE (Power over Ethernet) Data Sheet Access point Cisco WAP121 Wireless-N con PoE (Power over Ethernet) Connettività Wireless-N sicura e conveniente Caratteristiche Offre connettività wireless 802.11n a elevata larghezza di banda

Dettagli

Firewall e Abilitazioni porte (Port Forwarding)

Firewall e Abilitazioni porte (Port Forwarding) Firewall e Abilitazioni porte (Port Forwarding) 1 Introduzione In questa mini-guida mostreremo come creare le regole sul Firewall integrato del FRITZ!Box per consentire l accesso da Internet a dispositivi

Dettagli

C) supponendo che la scuola voglia collegarsi in modo sicuro con una sede remota, valutare le possibili soluzioni (non risolto)

C) supponendo che la scuola voglia collegarsi in modo sicuro con una sede remota, valutare le possibili soluzioni (non risolto) PROGETTO DI UNA SEMPLICE RETE Testo In una scuola media si vuole realizzare un laboratorio informatico con 12 stazioni di lavoro. Per tale scopo si decide di creare un unica rete locale che colleghi fra

Dettagli

Soluzione per la VIDEOCONFERENZA EW2

Soluzione per la VIDEOCONFERENZA EW2 Soluzione per la VIDEOCONFERENZA EW2 1.Descrizione della Soluzione La soluzione per la audio/videoconferenza EW2 proposta da Gruppo SIGLA consente di comunicare e collaborare a distanza, senza muoversi

Dettagli

Il sistema OpenWiFi Bologna 20 Novembre 2013

Il sistema OpenWiFi Bologna 20 Novembre 2013 Il sistema OpenWiFi Bologna 20 Novembre 2013 L inizio 2005 - WiFi gratuito nelle aree pubbliche di Roma Ville Storiche Centro Città Circa 50 AP installati, autoregistrazione utenti Cineca consorziato ruolo

Dettagli

INFORMAZIONE ALL UTENZA. Microdata MICRO-TPL. HYPERSPOT FEDERATED SEARCH NAVIGAZIONE E SERVIZI INTERNET A BORDO BUS

INFORMAZIONE ALL UTENZA. Microdata MICRO-TPL. HYPERSPOT FEDERATED SEARCH NAVIGAZIONE E SERVIZI INTERNET A BORDO BUS INFORMAZIONE ALL UTENZA MICRO-TPL.HYPERSPOT FEDERATED SEARCH Microdata MICRO-TPL. HYPERSPOT NAVIGAZIONE E SERVIZI INTERNET A BORDO BUS Microdata S.r.l. Software, Servizi & Soluzioni Società soggetta a

Dettagli

WiFi in Mobilità. leonardo.giusti@telcomms.it giugno 2012. www.telcomms.it

WiFi in Mobilità. leonardo.giusti@telcomms.it giugno 2012. www.telcomms.it WiFi in Mobilità leonardo.giusti@telcomms.it giugno 2012 www.telcomms.it Wi-Fi on the Move Connessione a larga banda su: Bus Treni Pullman Camper Taxi I passeggeri possono beneficiare del servizio HotSpot

Dettagli

Rete a Larga Banda GRANDE MANTOVA Il progetto GRANDE MANTOVA Obbiettivi : affrontare insieme problematiche comuni per il bene del territorio e dei cittadini Temi : viabilità e mobilità, sicurezza, piani

Dettagli

L amministratore deve infine poter decidere di inibire sulle postazioni utente programmi considerati a rischio o non graditi.

L amministratore deve infine poter decidere di inibire sulle postazioni utente programmi considerati a rischio o non graditi. Progetto Internet 1 - Premessa La predisposizione e la gestione delle postazioni internet per gli utenti è un servizio fondamentale per le biblioteche di pubblica lettura. È necessario elaborare uno strumento

Dettagli

NB4 SRL VIA DELLA MADONNINA 4 20881 BERNAREGGIO (MB) Tel: +390396884207 Fax: +390396884248 e-mail: info@nb4.it

NB4 SRL VIA DELLA MADONNINA 4 20881 BERNAREGGIO (MB) Tel: +390396884207 Fax: +390396884248 e-mail: info@nb4.it NB4 SRL VIA DELLA MADONNINA 4 20881 BERNAREGGIO (MB) Tel: +390396884207 Fax: +390396884248 e-mail: info@nb4.it DGS-1210 Codice: DGS-1210-28 DGS-1210-28 24-port Gigabit Smart Switch, including 4 SFP ports

Dettagli

PROGETTO SISTEMA DI GESTIONE UNIFICATA DELLE CHIAMATE DI EMERGENZA - NUMERO UNICO DELLE EMERGENZE ( NUE )

PROGETTO SISTEMA DI GESTIONE UNIFICATA DELLE CHIAMATE DI EMERGENZA - NUMERO UNICO DELLE EMERGENZE ( NUE ) ALLEGATO 4 PROGETTO SISTEMA DI GESTIONE UNIFICATA DELLE CHIAMATE DI EMERGENZA - NUMERO UNICO DELLE EMERGENZE ( NUE ) INTERCONNESSIONE TRA IL CED INTERFORZE E GLI OPERATORI DI TELEFONIA PER LA FORNITURA

Dettagli

UNIDATA S.P.A. Per la Pubblica Amministrazione. Compatibile con. giovedì 23 febbraio 12

UNIDATA S.P.A. Per la Pubblica Amministrazione. Compatibile con. giovedì 23 febbraio 12 Compatibile con UNIDATA S.P.A. Per la Pubblica Amministrazione CHI È UNIDATA Operatore di Telecomunicazioni e Information Technology con molti anni di esperienza, a vocazione regionale, con proprie infrastrutture

Dettagli

Wi-Fi, la libertà di navigare in rete senza fili. Introduzione.

Wi-Fi, la libertà di navigare in rete senza fili. Introduzione. Wi-Fi, la libertà di navigare in rete senza fili. Introduzione. L evoluzione delle tecnologie informatiche negli ultimi decenni ha contribuito in maniera decisiva allo sviluppo del mondo aziendale, facendo

Dettagli

Architettura di un sistema informatico 1 CONCETTI GENERALI

Architettura di un sistema informatico 1 CONCETTI GENERALI Architettura di un sistema informatico Realizzata dal Dott. Dino Feragalli 1 CONCETTI GENERALI 1.1 Obiettivi Il seguente progetto vuole descrivere l amministrazione dell ITC (Information Tecnology end

Dettagli

UNA RETE SENZA FILI. C O N L E A Z I E N D E V E R S O N U O V E I M P R E S E

UNA RETE SENZA FILI. C O N L E A Z I E N D E V E R S O N U O V E I M P R E S E UNA RETE SENZA FILI. C O N L E A Z I E N D E V E R S O N U O V E I M P R E S E LA MOBILITÀ WLAN La mobilità aziendale non è più una frontiera tecnologica, ma una concreta necessità per competere ed essere

Dettagli

Reiss Romoli 2014 CISCO CERTIFIED NETWORK ASSOCIATE (CCNA) CCNA

Reiss Romoli 2014 CISCO CERTIFIED NETWORK ASSOCIATE (CCNA) CCNA CCNA CISCO CERTIFIED NETWORK ASSOCIATE (CCNA) La certificazione Cisco CCNA prevede il superamento di un singolo esame: 200-120 CCNA o di due esami: 100-101 ICND1 200-101 ICND2 Reiss Romoli propone, in

Dettagli

Sistemi Di Elaborazione Dell informazione

Sistemi Di Elaborazione Dell informazione Sistemi Di Elaborazione Dell informazione Dott. Antonio Calanducci Lezione III: Reti di calcolatori Corso di Laurea in Scienze della Comunicazione Anno accademico 2009/2010 Reti di calcolatori Una rete

Dettagli