ISTITUTO TECNICO LAPARELLI CORTONA AR

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ISTITUTO TECNICO LAPARELLI CORTONA AR"

Transcript

1 ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE Luca Signorelli Vicolo del Teatro, Cortona (AR) Tel Fax Liceo Classico Cortona IPSS Cortona ITC Cortona ITC Foiano ISTITUTO TECNICO LAPARELLI CORTONA AR DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE V A A.S. 2012/2013 1) Programmi dettagliati delle singole discipline

2 PROGRAMMA SVOLTO Classe: V A ITC Cortona Anno scolastico: Materia: RELIGIONE Docente: Lucia Panchini CONOSCENZE La vita come amore: significati del termine secondo Deus caritas est. Elementi fondamentali di Morale sessuale e familiare (Evangelium vitae; Familiaris consortio ). Una scienza per l uomo: rapporto tra fede e scienza. Elementi di bioetica cristiana: il valore della vita umana secondo Evangelium vitae. Gli interrogativi etici di fronte ad aborto, eutanasia, clonazione, eugenetica e le nuove frontiere dell ingegneria genetica. Una società per l uomo: la vita come relazione nella dottrina sociale della Chiesa. La dignità del lavoro: Laborem exercens. Principi di etica economica; la responsabilità sociale delle imprese (Caritas in veritate cap. 3). ABILITÀ Saper riconoscere le motivazioni delle scelte etiche dei cattolici nella vita affettiva e nella famiglia. Riconoscere l impegno della Chiesa a tutela della vita e dei diritti fondamentali dell uomo e a salvaguardia dell ambiente. Saper motivare le scelte dei cattolici nella vita sociale. COMPETENZE Saper riconoscere le linee di fondo della dottrina morale sessuale e familiare della Chiesa. Saper argomentare le scelte etiche dei cattolici nei confronti della vita umana dal concepimento alla morte naturale, in particolare relativamente ai nuovi problemi posti dalla bioetica. Conoscere e saper argomentare le linee fondamentali della dottrina sociale della Chiesa. Il/La docente Lucia Panchini gli alunni

3 CLASSE V A a. S PROGRAMMA DI ITALIANO Prof.ssa Serena Domenici Il Naturalismo francese e il Verismo Giovanni Verga Vita dei campi: La Lupa Cavalleria rusticana Novelle rusticane: I Malavoglia: Mastro don Gesualdo: Libertà la prefazione La famiglia Toscano L addio alla casa del nespolo la morte di don Gesualdo La Scapigliatura e il Simbolismo in Europa e in Italia Giovanni Pascoli Myricae: Novembre Lavandare Il lampo X Agosto Il tuono Canti di Castelvecchio: Il gelsomino notturno Il fanciullino: Il fanciullo che è in noi Gabriele D Annunzio Alcyone: La sera fiesolana La pioggia nel pineto Il piacere: l attesa di Elena ritratto d esteta Il futurismo e i crepuscolari Luigi Pirandello Il fu Mattia Pascal : Io sono il fu Mattia Pascal Uno, nessuno e centomila: Il naso di Moscarda Novelle per un anno: Il treno ha fischiato L umorismo: il sentimento del contrario Sei personaggi in cerca d autore: l ingresso dei sei personaggi Nel retrobottega di Madama Pace Italo Svevo Senilità: Un pranzo, una passeggiata. La coscienza di Zeno: La poesia nel Novecento Umberto Saba Canzoniere: Il fumo Il funerale mancato Psico-analisi Città vecchia Goal A mia moglie Ritratto della mia bambina

4 Amai Ulisse Giuseppe Ungaretti L allegria: Veglia In memoria I fiumi San Martino del Carso Fratelli Soldati Mattina Eugenio Montale Ossi di seppia: Non chiederci la parola Spesso il male di vivere Meriggiare pallido e assorto Cigola la carrucola Le occasioni: Non recidere, forbice, quel volto La bufera: La primavera hitleriana Satura : Ho sceso, dandoti il braccio. Il romanzo negli anni della seconda guerra mondiale: alcuni esempi, con letture antologiche F.to Gli alunni F.to Il docente

5 PROGRAMMA DI STORIA Prof.ssa Serena Domenici Cenni alla crisi di fine Ottocento La società di massa; razzismo, nazionalismo, imperialismo L età giolittiana Le cause della prima guerra mondiale Neutralismo e interventismo in Italia : il fronte italiano La svolta del 1917 I trattati di pace del primo dopoguerra La rivoluzione russa; la guerra civile; il totalitarismo Il biennio rosso e le elezioni del 1919 Dal biennio rosso alla marcia su Roma Il delitto Matteotti; le leggi fascistissime; i Patti Lateranensi La politica economica del fascismo La guerra d Etiopia L America del Big Crash e il New deal Il nazismo in Germania: origine, programma, antisemitismo Il Patto d acciaio e il patto von Ribbentrop Molotov La seconda guerra mondiale L Italia del secondo dopoguerra Cenni alla storia mondiale dal secondo dopoguerra alla caduta del muro di Berlino F.to Gli alunni F.to Il docente

6 LINGUA FRANCESE Prof. Livi Marcella Dal libro di testo Perspectives économiques, Zoratti, ed. Juvenilia Scuola: Dossier 5 Lancer un produit Découvrir les documents publicitaires Le courrier publicitaire Revue de presse: Renault invente le non lancement pour la Logan Connaissance de l entreprise: La mercatique (A Le concept de mercatique, B La démarche mercatique) La communication commerciale (La publicité) Dossier 6 Vendre, distribuer un produit Le courrier lié à l offre Connaissance de l entreprise: La distribution; les formes de commerce (la franchise); la force de vente (Agents commerciaux et VRP) Dossier 7 Passer commande Le courrier lié à la commande Connaissance de l entreprise: La commande et le contrat de vente; définition de facture; les réductions accordées au client; le règlement Dossier 8 Livrer, s assurer Le courrier lié à la réclamation Connaissance de l entreprise: Définition de logistique Les Incoterms Dal libro di testo Aujourd hui la France, Doveri/ Jeannine ed. Europass: Dossier B France, Europe, Monde 1.Politique et institutions 2. Les particularités du système économique.: l économie française (Une économie en difficulté, Capitalisme à la française); le défi de la compétitivité (Les pòles de compétitivité, la recherche des énergies renouvelables) ;l énergie nucléaire en France (photocopie) 5. La France et la mondialisation: Pour ou contre la mondialisation? Les Français face à la mondialisation Dossier C Parcours d histoire La seconde guerre mondiale: la rafle du Vel D Hiv La Quatrième République, la décolonisation La Cinquième République Dossier D Pages littéraires Charles Baudelaire: Spleen, Correspondances, Le Revenant Selezione di articoli da Le Monde : Presidentielle 2007 J hésite entre Ségo et Sarko Sarkozy à égalité avec Hollande si.mme Le Pen...

7 La vrai-fausse non-consigne de Marine Le Pen Mariage pour tous L Assemblée Nationale supprime le mot race.de la législation.. Preparazione e visione dello spettacolo Kabaret della compagnia France Théatre F.to Gli alunni F.to Il docente

8 PROGRAMMA DI INGLESE - ITC F. LAPARELLI - Classe V A a.s.2012/13 PROF.SSA MORETTI CARLA La TEORIA COMMERCIALE (Commercial Theory), di cui sono stati svolti e approfonditi i seguenti argomenti: 1 Production : Needs and wants / Goods and service/ Factors of production/sectors of production. 2 Commerce and trade : definition Home Trade international Trade the Balance of Trade and Payments (definition) Restriction on International Trade (Quotas Tariffs Subsidies Embargoes) Regulating international trade (WTO) Trading blocs (the EU) 3 Business organisations : Types of business units Expanding business: ( Sole trader Partnerships Limited Companies - Franchising Integration (acquisition or takeover, merger, joint venture) - Multinationals Cooperatives..La CIVILTA (Civilisation) di cui sono stati svolti i seguenti argomenti: CULTURAL CONTEXT 1 The European Union - The EU at a glance (member states) the Euro the main EU institutions (functions) Euroscepticism. 2 UK geography UK facts and figures the four nations London, a city of contrasts the British people Britain, a cultural kaleidoscope. 3 UK modern history the Industrial Revolution the workshop of the world transport working conditions the British Empire decolonisation loss of colonies the birth of the Commonwealth. Da materiale integrativo : a) Britain since 1930 :World War II b) Post War Britain; c) Contemporary Britain. Dal libro di testo: 4 UK politics : the system of government political structure the constitution legislative branch executive branch judiciary.

9 5 USA geography: American people (a pluralistic society). 6 USA modern history : America, a nation of immigrants (the Homestead Act changing patterns of immigration immigration laws change illegal immigration) Da materiale integrativo: a) the USA since World War II; b) Contemporary USA c) After the Cold War Dal libro di testo: 7 The USA politics : the system of government (Political structure main US political parties the president of the USA the American Constitution. F.to Gli alunni F.to Il docente

10 PROGRAMMA DI MATEMATICA Prof. Catia Ridolfi Modulo 1: Funzioni in due variabili Le disequazioni in due variabili lineari e non lineari. I sistemi di disequazioni in due variabili lineari e non lineari. Definizione di funzione reale in due variabili reali, ricerca e rappresentazione del dominio. Il sistema di riferimento nello spazio, i grafici delle funzioni. Linee di sezione e linee di livello. Una superficie particolare: il piano. Derivate parziali: definizione, significato geometrico e calcolo, enunciato del Teorema di Schwarz. Massimi e minimi relativi e assoluti: definizioni ed enunciato del teorema di Weierstrass. Ricerca dei massimi e minimi relativi liberi mediante le linee di livello o con l uso dell analisi (hessiano). Ricerca dei massimi e minimi relativi vincolati da un equazione: il metodo elementare, il metodo delle linee di livello, il metodo dei moltiplicatori di Lagrange (hessiano orlato). Ricerca dei massimi e minimi assoluti delle funzioni lineari in due variabili sottoposte a un sistema di vincoli lineari: il caso del poligono convesso e chiuso e il caso del troncone con l esame delle linee di livello. Modulo 2:Applicazioni dell analisi all economia Funzioni economiche in una variabile: La funzione della domanda e la funzione di vendita. Modelli matematici per la domanda: lineare, parabolico, esponenziale, iperbolico. La funzione dell offerta. L elasticità di una funzione economica, l elasticità della domanda, l elasticità puntuale. Domanda elastica, inelastica, rigida. Il prezzo di equilibrio tra domanda e offerta in regime di concorrenza perfetta, il cambiamento del prezzo di equilibrio. La funzione costo di produzione, costi fissi e costi variabili. Modelli matematici per la funzione costi totali, in particolare, il modello a S rovesciata. Le funzioni costo medio e costo marginale e i rispettivi grafici a partire da quello del costo totale. Calcolo del minimo costo medio. Relazioni tra costo medio e costo marginale. La funzione ricavo, le funzioni ricavo medio e ricavo marginale in regime di concorrenza perfetta e di monopolio. La funzione profitto. Calcolo del massimo profitto in concorrenza perfetta o in monopolio. Funzioni economiche in due variabili: Le funzioni marginali, l elasticità parziale delle funzioni in più variabili. La funzione di domanda in due o tre variabili, l elasticità parziale. L elasticità incrociata, beni complementari e beni succedanei.

11 Il problema del consumatore: la funzione di utilità e le curve di indifferenza, il saggio marginale di sostituzione, il vincolo di bilancio. Ricerca della massima utilità del consumatore: metodo elementare, metodo delle linee di livello, metodo di Lagrange, un metodo alternativo. Ricerca del massimo profitto di un impresa che produce due beni in regime di concorrenza perfetta o in regime di monopolio. Ricerca del massimo profitto di un impresa che produce un bene con due processi produttivi diversi. Modulo 3 : Ricerca operativa Generalità sulla ricerca operativa. Le fasi della R.O. e la classificazione dei problemi di R.O. Alcuni tipici problemi di R.O.: scelta tra più alternative, la gestione delle scorte ( modello di Wilson), la programmazione lineare in due variabili o riconducibili a due variabili ( metodo grafico). F.to Gli alunni F.to Il docente

12 PROGRAMMA DI ECONOMIA AZIENDALE Prof G. Cortonicchi LE CARATTESTICHE DELLE IMPRESE INDUSTRIALI - Il sistema produttivo; - Le imprese industriali; - La classificazione delle imprese industriali; - I soggetti aziendali e il controllo dell impresa; - La localizzazione e la delocalizzazione; - Il vantaggio competitivo. LA GESTIONE STRATEGICA DELLE IMPRESSE INDUSTRIALI - Le strategie dell impresa leadership di costo; - Le strategie dell impresa leadership di differenziazione; - La pianificazione strategica. L ORGANIZZAZIONE E IL SISTEMA INFORMATIVO - L organizzazione a rete: fornitura e subfornitura; - il sistema informativo contabile. IL PROCESSO GESTIONALE DELLE IMPRESE INDUSTRIALI - I fatti di gestione; - I cicli aziendali; - L analisi economica per funzioni aziendali; - Il patrimonio nell aspetto qualitativo e quantitativo; - La struttura del patrimonio. LA CONTABILITA GESTIONALE - Il sistema informativo direzionale; - La contabilità gestionale; - L oggetto di misurazione; - La classificazione dei costi; - La variabilità dei costi - Diagramma di redditività e break even analysis; - La contabilità gestionale a costi diretti; - La contabilità a costi pieni; - Il calcolo dei costi basato su volumi; - L imputazione su base aziendale; - La localizzazione dei costi; - I costi congiunti; - I costi standard; - La contabilità gestionale e le decisioni aziendali; - La contabilità gestionale e le valutazioni di magazzino; - L efficacia e l efficienza; - Il cost management. LA CONTABITA GENERALE - La contabilità generale; - Le immobilizzazioni; - Le immobilizzazioni immateriali; - Le immobilizzazioni materiali; - Le immobilizzazioni finanziarie; - Il personale dipendente; - Acquisti e vendite; - Outsourcing e subfornitura; - Il regolamento delle compravendite; - Lo smobilizzo dei crediti di regolamento; - Il sostegno pubblico alle imprese; - Le scritture di assestamento e le valutazioni di fine esercizio; - Le scritture di completamento; - Le scritture di integrazione;

13 - La valutazione dei crediti; - Le scritture di rettifica; - Le scritture di ammortamento; - La valutazione delle immobilizzazioni materiali e immateriali; - La valutazione delle immobilizzazioni finanziarie; - La rilevazione delle imposte dirette; - La situazione contabile finale; - Le scritture di epilogo e chiusura. PROGRAMMAZIONE, CONTROLLO E REPORTING - Pianificazione, programmazione e controllo; - La pianificazione aziendale; - Il business plan; - Il controllo di gestione; - Il budget; - La redazione del budget; - I budget settoriali; - Il budget degli investimenti fissi; - Il budget finanziario; - Il budget economico e il budget patrimoniale; - Budgetary control e controllo strategico; - L analisi degli scostamenti; - Il reporting. LA DETERMINAZIONE DELLE IMPOSTE DIRETTE - Le imposte dirette e indirette; - Il concetto tributario di reddito d impresa; - I principi su cui si fonda il reddito fiscale; - La svalutazione fiscale dei crediti; - La valutazione fiscale delle rimanenze; - Gli ammortamenti fiscali delle immobilizzazioni; - Le spese di manutenzione e riparazione; - La deducibilità fiscale dei canoni di leasing; - La deducibilità fiscale degli interessi passivi; - Il trattamento fiscale delle plusvalenze; - Il trattamento fiscale dei dividendi su partecipazioni; - La base imponibile IRAP; - Il reddito imponibile; - le dichiarazioni dei redditi annuali; - Il versamento delle imposte dirette; - La liquidazione delle imposte nei soggetti IRPEF; - La liquidazione delle imposte nei soggetti IRES. LA REDAZIONE E LA REVISIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO - Il bilancio d esercizio - La funzione informativa del bilancio d esercizio; - La normativa sul bilancio; - Le componenti del bilancio; - I criteri di valutazione; - La relazione sulla gestione; - Il controllo contabile. LA RIELABORAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO - L interpretazione del bilancio; - Le analisi di bilancio; - Lo Stato patrimoniale riclassificato; - I margini della struttura patrimoniale; - Il conto economico riclassificato. L ANALISI PER INDICI - Gli indici di bilancio; - L analisi della redditività;

14 - L analisi della produttività; - L analisi patrimoniale; - L analisi finanziaria. L ANALISI PER FLUSSI - I flussi finanziari e i flussi economici; - Le fonti e gli impieghi; - Il rendiconto finanziario; - Le variazioni del patrimonio circolante netto; - Il rendiconto finanziario delle variazioni del patrimonio circolante netto; - Le informazioni desumibili dal rendiconto del patrimonio circolante netto; - Il rendiconto finanziario delle variazioni della disponibilità monetaria netta. IL SISTEMA FINANZIARIO E LE BANCHE - Gli intermediari finanziari; - L attività bancaria; - Le funzioni dell impresa bancaria; - Il Sistema Europeo di Banche Centrali e la Banca Centrale Europea; - Le autorità creditizie nazionali; - La vigilanza della Banca d Italia; - Il Comitato di Basilea e i suoi accordi. L ORGANIZZAZIONE E LA GESTIONE STRATEGICA DELLE BANCHE - L evoluzione del sistema bancario; - Gli aspetti organizzativi delle banche: la banca universale e il gruppo plurifunzionale; - La gestione bancaria; - Le norme tecniche di gestione bancaria; - I rischi dell attività bancaria; - La banca virtuale. I CARATTERI GENERALI DELLE IMPRESE BANCARIE - Le fonti giuridiche delle operazioni bancarie; - La classificazione delle operazioni bancarie; - Il pricing dei prodotti bancari; - L aspetto computistico delle operazioni bancarie; - L aspetto fiscale delle operazioni bancarie; - La tutela del cliente; - La disciplina della trasparenza bancaria. LE OPERAZIONI DI RACCOLTA FONDI - Caratteri e classificazione dei depositi bancari; - Il deposito a risparmio libero; - I depositi bancari vincolati; - I conti correnti di corrispondenza; - I servizi collegati ai conti correnti. LE OPERAZIONI DI IMPIEGO FONDI - La concessione di fido; - Le aperture di credito: classificazione e credito al consumo; - Il portafoglio sconti; - Il portafoglio s.b.f.; - Gli anticipi su fatture; - Il factoring; - I mutui ipotecari. IL BILANCIO DELLE BANCHE - La struttura del conto economico.

15 PROGRAMMA DI DIRITTO PROF.SSA LORENA TANGANELLI IL DIRITTO INTERNAZIONALE E L UNIONE EUROPEA L'ordinamento internazionale 1. Le relazioni internazionali 2. Le fonti del diritto internazionale: consuetudini e trattati 3. Le organizzazioni internazionali 4. L'Organizzazione delle nazioni unite ( ONU) 5. La repubblica italiana e l'ordinamento internazionale : i principi costituzionali L'Unione europea 1. L'Unione europea : caratteri generali 2. Le tappe dell integrazione e europea 3. L'organizzazione 4. Le leggi europee LO STATO E GLI STATI LA COSTITUZIONE REPUBBLICANA Lo Stato 1. Le caratteristiche dello stato moderno 2. Lo stato apparato 3. Il potere politico 4. Le limitazioni della sovranità 5. Il territorio 6. Il popolo 7. Stato e nazione 8. Le forme di Stato Le vicende costituzionali dello Stato Italiano 1. L unificazione 2. Lo Statuto albertino 3. Il periodo liberale 4. Il periodo fascista 5. La caduta del fascismo e la resistenza 6. la proclamazione della Repubblica e l Assemblea Costituente 7. La Costituzione delle Repubblica Italiana Le forme di Governo 1. Le forme di governo nello stato democratico 2. La forma di governo presidenziale e semi-presidenziale 3. La forma di governo parlamentare 4. Confronti tra le varie forme di governo DAI CITTADINI ALLO STATO I diritti e i doveri dei cittadini 1. Libertà ed uguaglianza 2. I diritti inviolabili dell'uomo 3. Il principio di uguaglianza 4. La tutela delle libertà : riserva di legge e riserva di giurisdizione 5. La libertà personale 6. La libertà religiosa

16 7. I doveri dei cittadini Le elezioni e le altre forme di partecipazione democratica 1. La democrazia 2. La democrazia nel sistema costituzionale italiano 3. Il corpo elettorale, il voto, l'astensione 4. I sistemi elettorali 5. I sistemi elettorali in Italia 6. Il referendum abrogativo L'ORDINAMENTO DELLO STATO (1 PARTE) Il parlamento 1. La camera e il senato 2. Il parlamento in seduta comune 3. I parlamentari 4. Organizzazione e funzionamento 5. La durata delle camere e il loro scioglimento anticipato 6. Le funzioni del parlamento 7. Il procedimento legislativo 8. Le leggi costituzionali 9. Il governo 1. La composizione del governo 2. La formazione del governo 3. La crisi di governo 4. Le funzioni del governo 5. I decreti-legge 6. I decreti legislativi 7. I regolamenti Il Presidente della Repubblica 1. Il ruolo del presidente della repubblica 2. Elezione, carica e supplenza 3. I poteri 4. Le responsabilità L'ORDINAMENTO DELLO STATO (2 PARTE) La Corte Costituzionale 1. Natura e funzioni 2. Composizione 3. Il giudizio sulle leggi 4. Il giudizio sui conflitti 5. Il giudizio sulle accuse 6. Il giudizio sull'ammissibilità dei referendum 7. Centro e periferia 1. Il governo e il territorio 2. Stati unitari e Stati federali 3. Le vicende delle autonomie locali in Italia 4. Regioni, Province e Comuni

17 Le Regioni 1. Regioni sa statuto ordinario e regioni a statuto speciale 2. L'organizzazione delle regioni 3. Le ripartizioni delle competenze legislative tra stato e regioni 4. Le leggi regionali 5. La finanza delle regioni e degli enti locali I Comuni 1. I Comuni 2. Le elezioni nei comuni 3. L'organizzazione dei Comuni 4. Le Province La Magistratura 1. La funzione giurisdizionale e i suoi principi 2. L indipendenza della magistratura 3. Il consiglio superiore della magistratura 4. L organizzazione della magistratura ordinaria 5. La funzione della Corte di Cassazione F.to Gli alunni F.to Il docente

18 PROGRAMMA DI SCIENZA DELLE FINANZE PROF.SSA LORENA TANGANELLI TEORIA GENERALE DELLA FINANZA PUBBLICA 1. La finanza pubblica 2. Evoluzione storica della finanza pubblica SPESE E ENTRATE PUBBLICHE 1. Le Spese pubbliche 2. Le entrate pubbliche 3. L imposta e le sue classificazioni 4. I principi giuridici e amministrativi delle imposte 5. La ripartizione dell onere delle imposte 6. Gli effetti economici delle imposte:evasione, elisione e traslazione LA POLITICA DI BILANCIO 1. Concetti generali sul Bilancio 2. Il sistema italiano di Bilancio LA FINANZA STRAORDINARIA 1. La finanza straordinaria e il debito pubblico L ORDINAMENTO TRIBUTARIO ITALIANO 1. I Caratteri fondamentali del sistema tributario Italiano 2. L imposta sul reddito delle persone fisiche (Irpef) 3. l imposta sul reddito delle società(ires) LE IMPOSTE SUGLI SCAMBI, SUI CONSUMI E SUI TRASFERIMENTI L imposta sul valore aggiunto LE IMPOSTE REGIONALI E LOCALI Il sistema italiano di finanza locale L imposta regionale sulle attività produttive L imposta municipale unica F.to Gli alunni F.to Il docente

19 PROGRAMMA DI GEOGRAFIA ECONOMICA Docente: Gabriele Marconcini Libro di testo in adozione: C. LANZA, F. MANO, S. CONTI, Geografia economica generale, Milano, Bompiani per la scuola, CONTENUTI: - La Globalizzazione: processi e fattori che hanno contribuito a creare l attuale scenario economico mondiale (sviluppo di nuove tecniche comunicazione, miglioramento dei mezzi trasporto, caduta dell URSS, trasformazioni sociali e culturali); - Gli squilibri socio-economici: gli indicatori dello sviluppo: ISU (Indice di Sviluppo Umano), PIL procapite, speranza di vita, livello d istruzione, indice di povertà umana; - Il sottosviluppo: cause geografiche, storiche, economiche, demografiche e sociopolitiche; - Geosistema, ecosistema e sistema economico: lo spazio geografico (relazioni verticali e orizzontali) e il concetto di regione; - Inquinamento e problemi ambientali: il concetto di sviluppo sostenibile; - La popolazione mondiale: distribuzione, dinamiche demografiche e flussi migratori (approfondimento sulla transizione demografica e l aumento della popolazione); - Insediamenti e urbanizzazione: nascita, sviluppo ed evoluzione delle realtà urbane. Le aree maggiormente sviluppate nel mondo; - Risorse minerarie ed energetiche: il concetto di rinnovabilità, energie alternative, vantaggi, impatti ambientali e limiti; - I settori dell economia globale: sguardo d insieme dei tre settori economici (differenze regionali e modelli interpretativi); - Le attività del settore primario: occupazione, sistemi agrari, tecniche di lavorazione e gestione delle aziende; - Le attività del settore secondario: evoluzione storica del settore (dalla Rivoluzione Industriale ad oggi), aspetti occupazionali, tipologie di impresa e delocalizzazione industriale; - Le attività del settore terziario: evoluzione del settore, aspetti occupazionali, principali attività, il terziario tradizionale e il terziario avanzato ; - I servizi di trasporto (mezzi e reti di collegamento), il commercio (analisi dei flussi globali), il turismo (flussi e spazi che caratterizzano il fenomeno), i servizi finanziari (istituti di credito, organismi finanziari, speculazioni e crisi della finanza). F.to Gli alunni F.to Il docente

20 PROGRAMMA DI EDUCAZIONE FISICA Prof. Maria Rossi ARTICOLAZIONE DEI CONTENUTI - Esercizi a corpo libero a carico naturale - Esercizi generali di potenziamento fisiologico - Esercizi di allungamento muscolare - Esercizi di mobilità articolare - Esercizi per la coordinazione specifica e generale - Esercizi di equilibrio sia statico che dinamico - Esercizi di velocità - Esercizi di resistenza - Esercizi per la respirazione - Esercizi in circuito - Esercizi del gesto tecnico-sportivo - Esercizi con l ausilio di piccoli attrezzi - Alcune specialità atletiche - Fondamentali dei giochi di squadra ( calcetto, pallavolo, pallamano ) - Avviamento e consolidamento dei fondamentali del tennis PER LA PARTE TEORICA - Apparato scheletrico - Apparato articolare - Sistema nervoso - Apparato cardio-circolatorio - Sistema muscolare - Sostanze stupefacenti e doping - Definizione delle qualità motorie - AIDS e malattie sessualmente trasmissibili Per il progetto EDUCAZIONE ALLA SALUTE gli alunni hanno partecipato ad un incontro con la Dott.ssa Cocchi su Stile Libero : stili di vita e consumo liberi dalle dipendenze. F.to Gli alunni F.to Il docente

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC Il bilancio con dati a scelta Classe V ITC Il metodo da seguire Premesso che per la costruzione di un bilancio con dati a scelta si possono seguire diversi metodi, tutti ugualmente validi, negli esempi

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido Sommario: 1. Il rendiconto finanziario 2. L OIC 10 ed il suo contenuto 3. La costruzione del rendiconto finanziario: il metodo diretto

Dettagli

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio.

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio, recita un noto proverbio africano. Perché la famiglia

Dettagli

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014)

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 marzo 2015 GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) Il risultato beneficia del positivo contributo

Dettagli

Gli STRUMENTI della DEMOCRAZIA

Gli STRUMENTI della DEMOCRAZIA Fulco Lanchester Gli STRUMENTI della DEMOCRAZIA Lezioni di Diritto costituzionale comparato.-,->'j.*v-;.j.,,* Giuffre Editore INDICE SOMMARIO Premessa Capitolo I LA COMPARAZIONE GIUSPUBBLICISTICA 1. L'ambito

Dettagli

LE IMPOSTE SUL REDDITO

LE IMPOSTE SUL REDDITO LE IMPOSTE SUL REDDITO LE IMPOSTE SUL REDDITO Il risultato che scaturisce dal bilancio redatto in base alla normativa del codice civile rappresenta il valore di partenza a cui fa riferimento la disciplina

Dettagli

Liceo Don Lorenzo Milani Romano di Lombardia

Liceo Don Lorenzo Milani Romano di Lombardia Lo Stato Cos è lo Stato Definizione ed elementi Organizzazione politica Lo Stato è un ente, un organizzazione che si forma quando un popolo che vive entro un territorio determinato, si sottopone all autorità

Dettagli

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI Valore aggiunto Valore della produzione - Consumi di materie - Spese generali + Accantonamenti Mol (Valore

Dettagli

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte DOCUMENTI 2013 Premessa 1. Sul quadro istituzionale gravano rilevanti incertezze. Se una situazione di incertezza è preoccupante

Dettagli

Documento del Consiglio di Classe

Documento del Consiglio di Classe Istituto Stat. di Istruzione Secondaria Superiore Giovanni Maria Sforza Palagiano (TA) con sede aggregata di Palagianello Documento del Consiglio di Classe Classe 5 sez. A Palagiano COM GEO X Palagianello

Dettagli

LO STATO PATRIMONIALE. A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni

LO STATO PATRIMONIALE. A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni LO STATO PATRIMONIALE A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni LE MODIFICHE ALLO SCHEMA STATO PATRIMONIALE ATTIVO C.II.4.BIS CREDITI TRIBUTARI C.II.4.TER IMPOSTE ANTICIPATE STATO PATRIMONIALE

Dettagli

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2.

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. aziende collettive, quando il soggetto giuridico è costituito

Dettagli

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO I NUOVI PRINCIPI CONTABILI. LA DISCIPLINA GENERALE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO E CONSOLIDATO. OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO GABRIELE SANDRETTI MILANO, SALA

Dettagli

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE Dott. Elbano De Nuccio L analisi di bilancio si propone di formulare un giudizio sull EQUILIBRIO ECONOMICO e FINANZIARIO/PATRIMONIALE della

Dettagli

LICEO GINNASIO STATALE VIRGILIO SIMULAZIONE III PROVA ESAMI DI STATO

LICEO GINNASIO STATALE VIRGILIO SIMULAZIONE III PROVA ESAMI DI STATO SIMULAZIONE III PROVA ESAMI DI STATO Classe V F Liceo Internazionale Spagnolo Discipline: Francese/Inglese, Filosofia, Matematica, Scienze, Storia dell'arte Data 12 dicembre 2013 Tipologia A Durata ore

Dettagli

Senato della Repubblica. Costituzione

Senato della Repubblica. Costituzione Senato della Repubblica Incontro con la Costituzione giugno 2010 A cura dell'ufficio comunicazione istituzionale del Senato della Repubblica La presente pubblicazione è edita dal Senato della Repubblica.

Dettagli

3 PASSI NELL IMPRESA E NEL LAVORO AUONOMO. Appunti di Finanza Aziendale Dott. Vulpinari Gianluigi

3 PASSI NELL IMPRESA E NEL LAVORO AUONOMO. Appunti di Finanza Aziendale Dott. Vulpinari Gianluigi 3 PASSI NELL IMPRESA E NEL LAVORO AUONOMO Gli elementi utili per aprire un attività imprenditoriale Rovigo, 14 maggio 2008 Appunti di Finanza Aziendale Dott. Vulpinari Gianluigi La scelta di intraprendere

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI

INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI Rete Nazionale Gruppi di Acquisto Solidali www.retegas.org INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI Febbraio 2007 INTRODUZIONE I Gruppi di Acquisto Solidali (GAS) sono gruppi di persone

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

Lezione n. 3. Le determinanti della dinamica finanziaria

Lezione n. 3. Le determinanti della dinamica finanziaria FINANZA AZIENDALE Lezione n. 3 Le determinanti della dinamica finanziaria 1 SCOPO DELLA LEZIONE Comprendere i principali fenomeni in grado di influenzare la dinamica finanziaria aziendale Sviluppare un

Dettagli

Le origini della società moderna in Occidente

Le origini della società moderna in Occidente Le origini della società moderna in Occidente 1 Tra il XVI e il XIX secolo le società occidentali sono oggetto di un processo di trasformazione, che investe la sfera: - economica - politica - giuridica

Dettagli

Grafici di redditività BREAK-EVEN ANALYSIS

Grafici di redditività BREAK-EVEN ANALYSIS Grafici di redditività BREAK-EVEN ANALYSIS 1 Analisi del punto di equilibrio o di pareggio Consiste nella determinazione grafica o matematica del quantitativo di vendita al quale i costi totali e i ricavi

Dettagli

LA SPESA DELLO STATO DALL UNITÀ D ITALIA

LA SPESA DELLO STATO DALL UNITÀ D ITALIA MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE DIPARTIMENTO DELLA RAGIONERIA GENERALE DELLO STATO Servizio Studi Dipartimentale LA SPESA DELLO STATO DALL UNITÀ D ITALIA Anni 1862-2009 Gennaio 2011 INDICE PREMESSA...

Dettagli

Rendiconto finanziario

Rendiconto finanziario OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Rendiconto finanziario Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione 8.2.4 La gestione finanziaria La gestione finanziaria non dev essere confusa con la contabilità: quest ultima, infatti, ha come contenuto proprio le rilevazioni contabili e il reperimento dei dati finanziari,

Dettagli

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione COMUNICATO STAMPA AMPLIFON S.p.A.: L Assemblea degli azionisti approva il Bilancio al 31.12.2005 e delibera la distribuzione di un dividendo pari a Euro 0,30 per azione (+25% rispetto al 2004) con pagamento

Dettagli

FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande

FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande 1. Quali sono le caratteristiche distintive dell impresa cooperativa? L impresa cooperativa è un impresa costituita da almeno 3 soci e può avere la forma della

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Prima lezione di Alberto Bertoni 1 IMMOBILIZZAZIONI Definizione Cod. Civ. art. 2424-bis, 1 c. Le immobilizzazioni sono

Dettagli

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE Le immobilizzazioni immateriali sono caratterizzate dalla mancanza di tangibilità

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI UMANI. Preambolo

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI UMANI. Preambolo Il 10 dicembre 1948, l'assemblea Generale delle Nazioni Unite approvò e proclamò la Dichiarazione Universale dei Diritti Umani, il cui testo completo è stampato nelle pagine seguenti. Dopo questa solenne

Dettagli

StarRock S.r.l. Bilancio 2014

StarRock S.r.l. Bilancio 2014 StarRock S.r.l. Bilancio 2014 Pagina 1 StarRock S.r.l. Sede legale in Milano 20135, Viale Sabotino 22 Capitale sociale sottoscritto Euro 35.910,84 i.v. Registro Imprese di Milano, Codice Fiscale, P.IVA

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tor Vergata

Università degli Studi di Roma Tor Vergata Università degli Studi di Roma Tor Vergata DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E FINANZA MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ECONOMIA DELLA CULTURA: POLITICHE, GOVERNO E GESTIONE modalità didattica mista presenza/distanza

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative 1 aspetti economici * gestione assicurativa * gestione

Dettagli

MASTER MAGPA Argomenti Project Work

MASTER MAGPA Argomenti Project Work MASTER MAGPA Argomenti Project Work MODULO I LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE: PROFILO STORICO E SFIDE FUTURE Nome Relatore: Dott.ssa Ricciardelli (ricciardelli@lum.it) 1. Dal modello burocratico al New Public

Dettagli

La ricerca operativa

La ricerca operativa S.S.I.S. PUGLIA Anno Accademico 2003/2004 Laboratorio di didattica della matematica per l economia e la finanza La ricerca operativa Prof. Palmira Ronchi (palmira.ronchi@ssis.uniba.it) Gli esercizi presenti

Dettagli

CL Produzioni Animali. Anno Accademico 2013-134. Schemi sintetici per analisi patrimoniale e del reddito. Approfondimenti

CL Produzioni Animali. Anno Accademico 2013-134. Schemi sintetici per analisi patrimoniale e del reddito. Approfondimenti CL Produzioni Animali Anno Accademico 2013-134 Schemi sintetici per analisi patrimoniale e del reddito Approfondimenti Analisi efficienza Approfondimenti 1 2 La formazione degli indici di bilancio! gli

Dettagli

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO IL BILANCIO D ESERCIZIO E UN DOCUMENTO AZIENDALE DI SINTESI, DI DERIVAZIONE CONTABILE, RIVOLTO A VARI DESTINATARI, CHE RAPPRESENTA IN TERMINI CONSUNTIVI E

Dettagli

Gli indici per l analisi di bilancio. Relazione di

Gli indici per l analisi di bilancio. Relazione di Gli indici per l analisi di bilancio Relazione di Giorgio Caprioli Gli indici di solidità Gli indici di solidità studiano il rapporto tra le parti alte dello Stato Patrimoniale, ossia tra Capitale proprio

Dettagli

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 Disposizioni integrative e correttive del decreto legislativo 23 giugno 2011, n. 118, recante disposizioni in

Dettagli

Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina

Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina Traduzione 1 Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina (Convenzione sui diritti dell uomo e la biomedicina)

Dettagli

e p.c. Ai Docenti referenti per le Politiche Giovanili e la Partecipazione Studentesca LORO SEDI

e p.c. Ai Docenti referenti per le Politiche Giovanili e la Partecipazione Studentesca LORO SEDI Prot. Nr 11636 Vicenza, 25 settembre 2013 Cat.E8 Ai Sigg. Dirigenti Scolastici degli Istituti Superiori di II grado Statali e Paritari della Provincia di Vicenza e p.c. Ai Docenti referenti per le Politiche

Dettagli

LA TRASFORMAZIONE DEI SISTEMI AMMINISTRATIVI E CONTABILI: IL PASSAGGIO DALLA CONTABILITÀ FINANZIARIA AI NUOVI SISTEMI CONTABILI (CO.GE.

LA TRASFORMAZIONE DEI SISTEMI AMMINISTRATIVI E CONTABILI: IL PASSAGGIO DALLA CONTABILITÀ FINANZIARIA AI NUOVI SISTEMI CONTABILI (CO.GE. LA TRASFORMAZIONE DEI SISTEMI AMMINISTRATIVI E CONTABILI: IL PASSAGGIO DALLA CONTABILITÀ FINANZIARIA AI NUOVI SISTEMI CONTABILI (CO.GE. E COAN) Prof.ssa Claudia SALVATORE Università degli Studi del Molise

Dettagli

Convenzione delle Nazioni Unite sull eliminazione di tutte le forme di discriminazione contro le donne (CEDAW)

Convenzione delle Nazioni Unite sull eliminazione di tutte le forme di discriminazione contro le donne (CEDAW) Convenzione delle Nazioni Unite sull eliminazione di tutte le forme di discriminazione contro le donne (CEDAW) Adottata dall Assemblea generale delle NU il 18.12.1979, in vigore internazionale dal 3.9.1981.

Dettagli

Analisi di bilancio per indici e per flussi

Analisi di bilancio per indici e per flussi Prof. Marco Tutino, Dipartimento di Studi Aziendali Analisi di bilancio per indici e per flussi Dispensa per il corso di Bilancio, Corso Avanzato Prof. Marco Tutino 1 INDICE 1... INTRODUZIONE... 5 2...

Dettagli

Humana comoedia. Una riflessione sulla condizione umana oggi

Humana comoedia. Una riflessione sulla condizione umana oggi Humana comoedia Una riflessione sulla condizione umana oggi Biagio Pittaro HUMANA COMOEDIA Una riflessione sulla condizione umana oggi saggio www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Biagio Pittaro Tutti

Dettagli

Policy. Le nostre persone

Policy. Le nostre persone Policy Le nostre persone Approvato dal Consiglio di Amministrazione di eni spa il 28 luglio 2010 LE NOSTRE PERSONE 1. L importanza del fattore umano 3 2. La cultura della pluralità 4 3. La valorizzazione

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi dott. Gianluca Odetto Eutekne Tutti i diritti riservati Interessi passivi soggetti a monitoraggio AMBITO OGGETTIVO Tutti gli interessi passivi sostenuti

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA 2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA Discorso del Prefetto Angelo Tranfaglia Piazza Maggiore Bologna, 2 giugno 2013 Autorità, cittadini tutti di Bologna e della sua provincia, un cordiale saluto a tutti.

Dettagli

ED.FISICA Il doping. STORIA Gli anni 20 negli Usa

ED.FISICA Il doping. STORIA Gli anni 20 negli Usa SCIENZE La genetica ED.FISICA Il doping TECNOLOGIA L automobile e la Ford ED.ARTIST. Il cubismo e Braque STORIA Gli anni 20 negli Usa GEOGRAFIA Gli Usa ITALIANO Il Decadentis mo e Svevo INGLESE ED.MUSICA

Dettagli

LA RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO ECONOMICO: IL REPORT FORM

LA RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO ECONOMICO: IL REPORT FORM LA RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO ECONOMICO: IL REPORT FORM Il conto economico che abbiamo esaminato fino ad ora si presenta a sezioni contrapposte: nella sezione del DARE vengono rilevati i costi, e nella

Dettagli

Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco?

Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco? Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco? Le elezioni per il prossimo Parlamento europeo sono state fissate per il 22-25 maggio 2014. Fra pochi mesi quindi i popoli europei

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO DEL 1948

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO DEL 1948 DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO DEL 1948 PREAMBOLO Considerato che il riconoscimento della dignità inerente a tutti i membri della famiglia umana, e dei loro diritti, uguali ed inalienabili,

Dettagli

MASTER di I livello in Banking and Financial Services Management

MASTER di I livello in Banking and Financial Services Management MASTER di I livello in Banking and Financial Services Management Il Master universitario di 1 livello Banking and Financial Services Management è nato dall accordo tra la Scuola di Amministrazione Aziendale

Dettagli

ALLAN LAPORTE Staff - Tax Compliance. certified public accountants tax & financial advisors. allan.laporte @funaro.com. www.funaro.

ALLAN LAPORTE Staff - Tax Compliance. certified public accountants tax & financial advisors. allan.laporte @funaro.com. www.funaro. certified public accountants tax & financial advisors www.funaro.com certified public accountants tax & financial advisors CHI SIAMO Funaro & Co. è uno studio di Certified Public Accountants e Dottori

Dettagli

Convenzione sulla protezione e la promozione della diversità delle espressioni culturali

Convenzione sulla protezione e la promozione della diversità delle espressioni culturali Traduzione 1 Convenzione sulla protezione e la promozione della diversità delle espressioni culturali Conclusa a Parigi il 20 ottobre 2005 La Conferenza generale dell Organizzazione delle Nazioni Unite

Dettagli

Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI. Indice

Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI. Indice Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI Prefazione Autori XIII XVII Capitolo 1 Sistemi informativi aziendali 1 1.1 Introduzione 1 1.2 Modello organizzativo 3 1.2.1 Sistemi informativi

Dettagli

Capitolo 12 Il monopolio. Robert H. Frank Microeconomia - 5 a Edizione Copyright 2010 - The McGraw-Hill Companies, srl

Capitolo 12 Il monopolio. Robert H. Frank Microeconomia - 5 a Edizione Copyright 2010 - The McGraw-Hill Companies, srl Capitolo 12 Il monopolio IL MONOPOLIO Il monopolio è una forma di mercato in cui un unico venditore offre un bene che non ha stretti sostituti, ad una moltitudine di consumatori La differenza fondamentale

Dettagli

Prima di parlare di Bilancio consolidato è importante sapere.

Prima di parlare di Bilancio consolidato è importante sapere. Prima di parlare di Bilancio consolidato è importante sapere. Cos è un gruppoaziendale L evoluzione del processo di armonizzazione contabile Le principali caratteristiche del bilancio IAS/IFRS a seguito

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

LA DECOLONIZZAZIONE. Nel 1947 l India diventa indipendente

LA DECOLONIZZAZIONE. Nel 1947 l India diventa indipendente LA DECOLONIZZAZIONE Nel 1939 quasi 4.000.000 km quadrati di terre e 710 milioni di persone (meno di un terzo del totale) erano sottoposti al dominio coloniale di una potenza europea. Nel 1941, in piena

Dettagli

English as a Second Language

English as a Second Language 1. sviluppo della capacità di usare l inglese per comunicare 2. fornire le competenze di base richieste per gli studi successivi 3. sviluppo della consapevolezza della natura del linguaggio e dei mezzi

Dettagli

6963 Lugano-Cureggia Telefono/Fax 091 966 03 35. L originale. Sterchi I Mattle I Helbling Piano dei conti svizzero per PMI

6963 Lugano-Cureggia Telefono/Fax 091 966 03 35. L originale. Sterchi I Mattle I Helbling Piano dei conti svizzero per PMI Associazione dei contabilicontroller diplomati federali 6963 Lugano-Cureggia Telefono/Fax 091 966 03 35 L originale Sterchi I Mattle I Helbling Piano dei conti svizzero per PMI Piano dei conti svizzero

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 Nel 2013 ingresso in 11 startup, di cui 6 startup innovative, una cessione, una

Dettagli

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control Asset sotto controllo... in un TAC Latitudo Total Asset Control Le organizzazioni che hanno implementato e sviluppato sistemi e processi di Asset Management hanno dimostrato un significativo risparmio

Dettagli

LA GESTIONE DEI PATRIMONI IMMOBILIARI. Asset, Property e facility management

LA GESTIONE DEI PATRIMONI IMMOBILIARI. Asset, Property e facility management LA GESTIONE DEI PATRIMONI IMMOBILIARI Asset, Property e facility management Roma 28 febbraio 2015 Relatore: Ing. Juan Pedro Grammaldo Argomenti trattati nei precedenti incontri Principi di Due Diligence

Dettagli

COMPETENZE IN USCITA DAI NUOVI ISTITUTI TECNICI RACCOLTA DELLE RUBRICHE DI COMPETENZA formulate secondo i livelli e.q.f.

COMPETENZE IN USCITA DAI NUOVI ISTITUTI TECNICI RACCOLTA DELLE RUBRICHE DI COMPETENZA formulate secondo i livelli e.q.f. AG RO AM BI EN TA LE ANI CA CC ME ELETT ROTEC NICA ELETT RONIC A LE IENDA Z A O MIC ECONO MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO UFFICIO SCOLASTICO

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

I contributi pubblici nello IAS 20

I contributi pubblici nello IAS 20 I contributi pubblici nello IAS 20 di Paolo Moretti Il principio contabile internazionale IAS 20 fornisce le indicazioni in merito alle modalità di contabilizzazione ed informativa dei contributi pubblici,

Dettagli

La geopolitica della crisi. Passate esperienze e attuali scenari

La geopolitica della crisi. Passate esperienze e attuali scenari La geopolitica della crisi. Passate esperienze e attuali scenari Appunti del seminario tenuto presso l'università di Trieste - Scienze Internazionali e Diplomatiche di Gorizia - insegnamento di Geografia

Dettagli

Il consolidamento negli anni successivi al primo

Il consolidamento negli anni successivi al primo Il consolidamento negli anni successivi al primo Il rispetto del principio della continuità dei valori richiede necessariamente che il bilancio consolidato degli esercizi successivi sia strettamente dipendente

Dettagli

ASPETTI FISCALI, AMMINISTRATIVI ED ACCERTAMENTO NELLE A.S.D.

ASPETTI FISCALI, AMMINISTRATIVI ED ACCERTAMENTO NELLE A.S.D. ASPETTI FISCALI, AMMINISTRATIVI ED ACCERTAMENTO NELLE A.S.D. Convegno del 7 dicembre 2010 Dott. ssa Mariangela Brunero Il rendiconto: criteri e modalità di redazione ed approvazione Introduzione Attività

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE D.R. n.1035/2015 Università degli Studi Internazionali di Roma - UNINT In collaborazione con CONFAPI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 Il Master MEA Management dell Energia e dell Ambiente è organizzato dall Università degli Studi Guglielmo Marconi

Dettagli

Tra reale e ideale: come gestire e far crescere un organizzazione non profit.

Tra reale e ideale: come gestire e far crescere un organizzazione non profit. Tra reale e ideale: come gestire e far crescere un organizzazione non profit. NID Non profit Innovation Day Università Bocconi Milano, 12 novembre 2014 18/11/2014 1 Mi presento, da dove vengo? E perché

Dettagli

Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica

Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica Ufficio XVI - Ambito territoriale per la provincia di Reggio Emilia Ufficio Educazione Fisica e Sportiva Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica Prof. CRONISTORIA DELLA DISCIPLINA DAL 1979

Dettagli

I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS

I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS IAS-IFRS E NON PERFORMING LOANS Verona, 9 giugno 2006 I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS Andrea Lionzo Università degli Studi di Verona andrea.lionzo@univr.it 1 Indice 1. I fondamenti

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

STATISTICA (A-K) a.a. 2007-08 Prof.ssa Mary Fraire Test di STATISTICA DESCRITTIVA Esonero del 2007

STATISTICA (A-K) a.a. 2007-08 Prof.ssa Mary Fraire Test di STATISTICA DESCRITTIVA Esonero del 2007 A STATISTICA (A-K) a.a. 007-08 Prof.ssa Mary Fraire Test di STATISTICA DESCRITTIVA Esonero del 007 STESS N.O. RD 00 GORU N.O. RD 006 ) La distribuzione del numero degli occupati (valori x 000) in una provincia

Dettagli

LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI

LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI LEGGE 11 agosto 2014, n. 125. Disciplina generale sulla cooperazione internazionale per lo sviluppo. La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno approvato;

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 5. La catena del valore IN SINTESI La catena del valore elaborata dall Ismea ha il fine di quantificare la suddivisione del valore dei beni prodotti dal settore

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

Valutazione di intangibili e impairment

Valutazione di intangibili e impairment IMPAIRMENT EVIDENZE DAI MEDIA ITALIANI Valutazione di intangibili e impairment -Valutazione di attività immateriali in aziende editoriali -Valutazioni per impairment test 1 La valutazione di asset si ha

Dettagli

BILANCIO AL 31/12/2012

BILANCIO AL 31/12/2012 BILANCIO AL 31/12/2012 S T A T O P A T R I M O N I A L E - A T T I V O - B IMMOBILIZZAZIONI I IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI 1 COSTI DI IMPIANTO E DI AMPLIAMENTO 12201 Spese pluriennali da amm.re 480,00

Dettagli

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano www.pwc.com/it Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano giugno 2013 Sommario Il contesto di riferimento 4 Un modello di evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il

Dettagli

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE In fase di formazione del bilancio di esercizio spesso accade che l effetto economico delle operazioni e degli altri eventi posti in essere dall impresa, non si manifesti

Dettagli

(da I Malavoglia, cap. XV)

(da I Malavoglia, cap. XV) 4. GIOVANNI VERGA (ANALISI DEL TESTO) L addio di Ntoni Una sera, tardi, il cane si mise ad abbaiare dietro l uscio del cortile, e lo stesso Alessi, che andò ad aprire, non riconobbe Ntoni il quale tornava

Dettagli