ISTITUTO TECNICO LAPARELLI CORTONA AR

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ISTITUTO TECNICO LAPARELLI CORTONA AR"

Transcript

1 ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE Luca Signorelli Vicolo del Teatro, Cortona (AR) Tel Fax Liceo Classico Cortona IPSS Cortona ITC Cortona ITC Foiano ISTITUTO TECNICO LAPARELLI CORTONA AR DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE V A A.S. 2012/2013 1) Programmi dettagliati delle singole discipline

2 PROGRAMMA SVOLTO Classe: V A ITC Cortona Anno scolastico: Materia: RELIGIONE Docente: Lucia Panchini CONOSCENZE La vita come amore: significati del termine secondo Deus caritas est. Elementi fondamentali di Morale sessuale e familiare (Evangelium vitae; Familiaris consortio ). Una scienza per l uomo: rapporto tra fede e scienza. Elementi di bioetica cristiana: il valore della vita umana secondo Evangelium vitae. Gli interrogativi etici di fronte ad aborto, eutanasia, clonazione, eugenetica e le nuove frontiere dell ingegneria genetica. Una società per l uomo: la vita come relazione nella dottrina sociale della Chiesa. La dignità del lavoro: Laborem exercens. Principi di etica economica; la responsabilità sociale delle imprese (Caritas in veritate cap. 3). ABILITÀ Saper riconoscere le motivazioni delle scelte etiche dei cattolici nella vita affettiva e nella famiglia. Riconoscere l impegno della Chiesa a tutela della vita e dei diritti fondamentali dell uomo e a salvaguardia dell ambiente. Saper motivare le scelte dei cattolici nella vita sociale. COMPETENZE Saper riconoscere le linee di fondo della dottrina morale sessuale e familiare della Chiesa. Saper argomentare le scelte etiche dei cattolici nei confronti della vita umana dal concepimento alla morte naturale, in particolare relativamente ai nuovi problemi posti dalla bioetica. Conoscere e saper argomentare le linee fondamentali della dottrina sociale della Chiesa. Il/La docente Lucia Panchini gli alunni

3 CLASSE V A a. S PROGRAMMA DI ITALIANO Prof.ssa Serena Domenici Il Naturalismo francese e il Verismo Giovanni Verga Vita dei campi: La Lupa Cavalleria rusticana Novelle rusticane: I Malavoglia: Mastro don Gesualdo: Libertà la prefazione La famiglia Toscano L addio alla casa del nespolo la morte di don Gesualdo La Scapigliatura e il Simbolismo in Europa e in Italia Giovanni Pascoli Myricae: Novembre Lavandare Il lampo X Agosto Il tuono Canti di Castelvecchio: Il gelsomino notturno Il fanciullino: Il fanciullo che è in noi Gabriele D Annunzio Alcyone: La sera fiesolana La pioggia nel pineto Il piacere: l attesa di Elena ritratto d esteta Il futurismo e i crepuscolari Luigi Pirandello Il fu Mattia Pascal : Io sono il fu Mattia Pascal Uno, nessuno e centomila: Il naso di Moscarda Novelle per un anno: Il treno ha fischiato L umorismo: il sentimento del contrario Sei personaggi in cerca d autore: l ingresso dei sei personaggi Nel retrobottega di Madama Pace Italo Svevo Senilità: Un pranzo, una passeggiata. La coscienza di Zeno: La poesia nel Novecento Umberto Saba Canzoniere: Il fumo Il funerale mancato Psico-analisi Città vecchia Goal A mia moglie Ritratto della mia bambina

4 Amai Ulisse Giuseppe Ungaretti L allegria: Veglia In memoria I fiumi San Martino del Carso Fratelli Soldati Mattina Eugenio Montale Ossi di seppia: Non chiederci la parola Spesso il male di vivere Meriggiare pallido e assorto Cigola la carrucola Le occasioni: Non recidere, forbice, quel volto La bufera: La primavera hitleriana Satura : Ho sceso, dandoti il braccio. Il romanzo negli anni della seconda guerra mondiale: alcuni esempi, con letture antologiche F.to Gli alunni F.to Il docente

5 PROGRAMMA DI STORIA Prof.ssa Serena Domenici Cenni alla crisi di fine Ottocento La società di massa; razzismo, nazionalismo, imperialismo L età giolittiana Le cause della prima guerra mondiale Neutralismo e interventismo in Italia : il fronte italiano La svolta del 1917 I trattati di pace del primo dopoguerra La rivoluzione russa; la guerra civile; il totalitarismo Il biennio rosso e le elezioni del 1919 Dal biennio rosso alla marcia su Roma Il delitto Matteotti; le leggi fascistissime; i Patti Lateranensi La politica economica del fascismo La guerra d Etiopia L America del Big Crash e il New deal Il nazismo in Germania: origine, programma, antisemitismo Il Patto d acciaio e il patto von Ribbentrop Molotov La seconda guerra mondiale L Italia del secondo dopoguerra Cenni alla storia mondiale dal secondo dopoguerra alla caduta del muro di Berlino F.to Gli alunni F.to Il docente

6 LINGUA FRANCESE Prof. Livi Marcella Dal libro di testo Perspectives économiques, Zoratti, ed. Juvenilia Scuola: Dossier 5 Lancer un produit Découvrir les documents publicitaires Le courrier publicitaire Revue de presse: Renault invente le non lancement pour la Logan Connaissance de l entreprise: La mercatique (A Le concept de mercatique, B La démarche mercatique) La communication commerciale (La publicité) Dossier 6 Vendre, distribuer un produit Le courrier lié à l offre Connaissance de l entreprise: La distribution; les formes de commerce (la franchise); la force de vente (Agents commerciaux et VRP) Dossier 7 Passer commande Le courrier lié à la commande Connaissance de l entreprise: La commande et le contrat de vente; définition de facture; les réductions accordées au client; le règlement Dossier 8 Livrer, s assurer Le courrier lié à la réclamation Connaissance de l entreprise: Définition de logistique Les Incoterms Dal libro di testo Aujourd hui la France, Doveri/ Jeannine ed. Europass: Dossier B France, Europe, Monde 1.Politique et institutions 2. Les particularités du système économique.: l économie française (Une économie en difficulté, Capitalisme à la française); le défi de la compétitivité (Les pòles de compétitivité, la recherche des énergies renouvelables) ;l énergie nucléaire en France (photocopie) 5. La France et la mondialisation: Pour ou contre la mondialisation? Les Français face à la mondialisation Dossier C Parcours d histoire La seconde guerre mondiale: la rafle du Vel D Hiv La Quatrième République, la décolonisation La Cinquième République Dossier D Pages littéraires Charles Baudelaire: Spleen, Correspondances, Le Revenant Selezione di articoli da Le Monde : Presidentielle 2007 J hésite entre Ségo et Sarko Sarkozy à égalité avec Hollande si.mme Le Pen...

7 La vrai-fausse non-consigne de Marine Le Pen Mariage pour tous L Assemblée Nationale supprime le mot race.de la législation.. Preparazione e visione dello spettacolo Kabaret della compagnia France Théatre F.to Gli alunni F.to Il docente

8 PROGRAMMA DI INGLESE - ITC F. LAPARELLI - Classe V A a.s.2012/13 PROF.SSA MORETTI CARLA La TEORIA COMMERCIALE (Commercial Theory), di cui sono stati svolti e approfonditi i seguenti argomenti: 1 Production : Needs and wants / Goods and service/ Factors of production/sectors of production. 2 Commerce and trade : definition Home Trade international Trade the Balance of Trade and Payments (definition) Restriction on International Trade (Quotas Tariffs Subsidies Embargoes) Regulating international trade (WTO) Trading blocs (the EU) 3 Business organisations : Types of business units Expanding business: ( Sole trader Partnerships Limited Companies - Franchising Integration (acquisition or takeover, merger, joint venture) - Multinationals Cooperatives..La CIVILTA (Civilisation) di cui sono stati svolti i seguenti argomenti: CULTURAL CONTEXT 1 The European Union - The EU at a glance (member states) the Euro the main EU institutions (functions) Euroscepticism. 2 UK geography UK facts and figures the four nations London, a city of contrasts the British people Britain, a cultural kaleidoscope. 3 UK modern history the Industrial Revolution the workshop of the world transport working conditions the British Empire decolonisation loss of colonies the birth of the Commonwealth. Da materiale integrativo : a) Britain since 1930 :World War II b) Post War Britain; c) Contemporary Britain. Dal libro di testo: 4 UK politics : the system of government political structure the constitution legislative branch executive branch judiciary.

9 5 USA geography: American people (a pluralistic society). 6 USA modern history : America, a nation of immigrants (the Homestead Act changing patterns of immigration immigration laws change illegal immigration) Da materiale integrativo: a) the USA since World War II; b) Contemporary USA c) After the Cold War Dal libro di testo: 7 The USA politics : the system of government (Political structure main US political parties the president of the USA the American Constitution. F.to Gli alunni F.to Il docente

10 PROGRAMMA DI MATEMATICA Prof. Catia Ridolfi Modulo 1: Funzioni in due variabili Le disequazioni in due variabili lineari e non lineari. I sistemi di disequazioni in due variabili lineari e non lineari. Definizione di funzione reale in due variabili reali, ricerca e rappresentazione del dominio. Il sistema di riferimento nello spazio, i grafici delle funzioni. Linee di sezione e linee di livello. Una superficie particolare: il piano. Derivate parziali: definizione, significato geometrico e calcolo, enunciato del Teorema di Schwarz. Massimi e minimi relativi e assoluti: definizioni ed enunciato del teorema di Weierstrass. Ricerca dei massimi e minimi relativi liberi mediante le linee di livello o con l uso dell analisi (hessiano). Ricerca dei massimi e minimi relativi vincolati da un equazione: il metodo elementare, il metodo delle linee di livello, il metodo dei moltiplicatori di Lagrange (hessiano orlato). Ricerca dei massimi e minimi assoluti delle funzioni lineari in due variabili sottoposte a un sistema di vincoli lineari: il caso del poligono convesso e chiuso e il caso del troncone con l esame delle linee di livello. Modulo 2:Applicazioni dell analisi all economia Funzioni economiche in una variabile: La funzione della domanda e la funzione di vendita. Modelli matematici per la domanda: lineare, parabolico, esponenziale, iperbolico. La funzione dell offerta. L elasticità di una funzione economica, l elasticità della domanda, l elasticità puntuale. Domanda elastica, inelastica, rigida. Il prezzo di equilibrio tra domanda e offerta in regime di concorrenza perfetta, il cambiamento del prezzo di equilibrio. La funzione costo di produzione, costi fissi e costi variabili. Modelli matematici per la funzione costi totali, in particolare, il modello a S rovesciata. Le funzioni costo medio e costo marginale e i rispettivi grafici a partire da quello del costo totale. Calcolo del minimo costo medio. Relazioni tra costo medio e costo marginale. La funzione ricavo, le funzioni ricavo medio e ricavo marginale in regime di concorrenza perfetta e di monopolio. La funzione profitto. Calcolo del massimo profitto in concorrenza perfetta o in monopolio. Funzioni economiche in due variabili: Le funzioni marginali, l elasticità parziale delle funzioni in più variabili. La funzione di domanda in due o tre variabili, l elasticità parziale. L elasticità incrociata, beni complementari e beni succedanei.

11 Il problema del consumatore: la funzione di utilità e le curve di indifferenza, il saggio marginale di sostituzione, il vincolo di bilancio. Ricerca della massima utilità del consumatore: metodo elementare, metodo delle linee di livello, metodo di Lagrange, un metodo alternativo. Ricerca del massimo profitto di un impresa che produce due beni in regime di concorrenza perfetta o in regime di monopolio. Ricerca del massimo profitto di un impresa che produce un bene con due processi produttivi diversi. Modulo 3 : Ricerca operativa Generalità sulla ricerca operativa. Le fasi della R.O. e la classificazione dei problemi di R.O. Alcuni tipici problemi di R.O.: scelta tra più alternative, la gestione delle scorte ( modello di Wilson), la programmazione lineare in due variabili o riconducibili a due variabili ( metodo grafico). F.to Gli alunni F.to Il docente

12 PROGRAMMA DI ECONOMIA AZIENDALE Prof G. Cortonicchi LE CARATTESTICHE DELLE IMPRESE INDUSTRIALI - Il sistema produttivo; - Le imprese industriali; - La classificazione delle imprese industriali; - I soggetti aziendali e il controllo dell impresa; - La localizzazione e la delocalizzazione; - Il vantaggio competitivo. LA GESTIONE STRATEGICA DELLE IMPRESSE INDUSTRIALI - Le strategie dell impresa leadership di costo; - Le strategie dell impresa leadership di differenziazione; - La pianificazione strategica. L ORGANIZZAZIONE E IL SISTEMA INFORMATIVO - L organizzazione a rete: fornitura e subfornitura; - il sistema informativo contabile. IL PROCESSO GESTIONALE DELLE IMPRESE INDUSTRIALI - I fatti di gestione; - I cicli aziendali; - L analisi economica per funzioni aziendali; - Il patrimonio nell aspetto qualitativo e quantitativo; - La struttura del patrimonio. LA CONTABILITA GESTIONALE - Il sistema informativo direzionale; - La contabilità gestionale; - L oggetto di misurazione; - La classificazione dei costi; - La variabilità dei costi - Diagramma di redditività e break even analysis; - La contabilità gestionale a costi diretti; - La contabilità a costi pieni; - Il calcolo dei costi basato su volumi; - L imputazione su base aziendale; - La localizzazione dei costi; - I costi congiunti; - I costi standard; - La contabilità gestionale e le decisioni aziendali; - La contabilità gestionale e le valutazioni di magazzino; - L efficacia e l efficienza; - Il cost management. LA CONTABITA GENERALE - La contabilità generale; - Le immobilizzazioni; - Le immobilizzazioni immateriali; - Le immobilizzazioni materiali; - Le immobilizzazioni finanziarie; - Il personale dipendente; - Acquisti e vendite; - Outsourcing e subfornitura; - Il regolamento delle compravendite; - Lo smobilizzo dei crediti di regolamento; - Il sostegno pubblico alle imprese; - Le scritture di assestamento e le valutazioni di fine esercizio; - Le scritture di completamento; - Le scritture di integrazione;

13 - La valutazione dei crediti; - Le scritture di rettifica; - Le scritture di ammortamento; - La valutazione delle immobilizzazioni materiali e immateriali; - La valutazione delle immobilizzazioni finanziarie; - La rilevazione delle imposte dirette; - La situazione contabile finale; - Le scritture di epilogo e chiusura. PROGRAMMAZIONE, CONTROLLO E REPORTING - Pianificazione, programmazione e controllo; - La pianificazione aziendale; - Il business plan; - Il controllo di gestione; - Il budget; - La redazione del budget; - I budget settoriali; - Il budget degli investimenti fissi; - Il budget finanziario; - Il budget economico e il budget patrimoniale; - Budgetary control e controllo strategico; - L analisi degli scostamenti; - Il reporting. LA DETERMINAZIONE DELLE IMPOSTE DIRETTE - Le imposte dirette e indirette; - Il concetto tributario di reddito d impresa; - I principi su cui si fonda il reddito fiscale; - La svalutazione fiscale dei crediti; - La valutazione fiscale delle rimanenze; - Gli ammortamenti fiscali delle immobilizzazioni; - Le spese di manutenzione e riparazione; - La deducibilità fiscale dei canoni di leasing; - La deducibilità fiscale degli interessi passivi; - Il trattamento fiscale delle plusvalenze; - Il trattamento fiscale dei dividendi su partecipazioni; - La base imponibile IRAP; - Il reddito imponibile; - le dichiarazioni dei redditi annuali; - Il versamento delle imposte dirette; - La liquidazione delle imposte nei soggetti IRPEF; - La liquidazione delle imposte nei soggetti IRES. LA REDAZIONE E LA REVISIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO - Il bilancio d esercizio - La funzione informativa del bilancio d esercizio; - La normativa sul bilancio; - Le componenti del bilancio; - I criteri di valutazione; - La relazione sulla gestione; - Il controllo contabile. LA RIELABORAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO - L interpretazione del bilancio; - Le analisi di bilancio; - Lo Stato patrimoniale riclassificato; - I margini della struttura patrimoniale; - Il conto economico riclassificato. L ANALISI PER INDICI - Gli indici di bilancio; - L analisi della redditività;

14 - L analisi della produttività; - L analisi patrimoniale; - L analisi finanziaria. L ANALISI PER FLUSSI - I flussi finanziari e i flussi economici; - Le fonti e gli impieghi; - Il rendiconto finanziario; - Le variazioni del patrimonio circolante netto; - Il rendiconto finanziario delle variazioni del patrimonio circolante netto; - Le informazioni desumibili dal rendiconto del patrimonio circolante netto; - Il rendiconto finanziario delle variazioni della disponibilità monetaria netta. IL SISTEMA FINANZIARIO E LE BANCHE - Gli intermediari finanziari; - L attività bancaria; - Le funzioni dell impresa bancaria; - Il Sistema Europeo di Banche Centrali e la Banca Centrale Europea; - Le autorità creditizie nazionali; - La vigilanza della Banca d Italia; - Il Comitato di Basilea e i suoi accordi. L ORGANIZZAZIONE E LA GESTIONE STRATEGICA DELLE BANCHE - L evoluzione del sistema bancario; - Gli aspetti organizzativi delle banche: la banca universale e il gruppo plurifunzionale; - La gestione bancaria; - Le norme tecniche di gestione bancaria; - I rischi dell attività bancaria; - La banca virtuale. I CARATTERI GENERALI DELLE IMPRESE BANCARIE - Le fonti giuridiche delle operazioni bancarie; - La classificazione delle operazioni bancarie; - Il pricing dei prodotti bancari; - L aspetto computistico delle operazioni bancarie; - L aspetto fiscale delle operazioni bancarie; - La tutela del cliente; - La disciplina della trasparenza bancaria. LE OPERAZIONI DI RACCOLTA FONDI - Caratteri e classificazione dei depositi bancari; - Il deposito a risparmio libero; - I depositi bancari vincolati; - I conti correnti di corrispondenza; - I servizi collegati ai conti correnti. LE OPERAZIONI DI IMPIEGO FONDI - La concessione di fido; - Le aperture di credito: classificazione e credito al consumo; - Il portafoglio sconti; - Il portafoglio s.b.f.; - Gli anticipi su fatture; - Il factoring; - I mutui ipotecari. IL BILANCIO DELLE BANCHE - La struttura del conto economico.

15 PROGRAMMA DI DIRITTO PROF.SSA LORENA TANGANELLI IL DIRITTO INTERNAZIONALE E L UNIONE EUROPEA L'ordinamento internazionale 1. Le relazioni internazionali 2. Le fonti del diritto internazionale: consuetudini e trattati 3. Le organizzazioni internazionali 4. L'Organizzazione delle nazioni unite ( ONU) 5. La repubblica italiana e l'ordinamento internazionale : i principi costituzionali L'Unione europea 1. L'Unione europea : caratteri generali 2. Le tappe dell integrazione e europea 3. L'organizzazione 4. Le leggi europee LO STATO E GLI STATI LA COSTITUZIONE REPUBBLICANA Lo Stato 1. Le caratteristiche dello stato moderno 2. Lo stato apparato 3. Il potere politico 4. Le limitazioni della sovranità 5. Il territorio 6. Il popolo 7. Stato e nazione 8. Le forme di Stato Le vicende costituzionali dello Stato Italiano 1. L unificazione 2. Lo Statuto albertino 3. Il periodo liberale 4. Il periodo fascista 5. La caduta del fascismo e la resistenza 6. la proclamazione della Repubblica e l Assemblea Costituente 7. La Costituzione delle Repubblica Italiana Le forme di Governo 1. Le forme di governo nello stato democratico 2. La forma di governo presidenziale e semi-presidenziale 3. La forma di governo parlamentare 4. Confronti tra le varie forme di governo DAI CITTADINI ALLO STATO I diritti e i doveri dei cittadini 1. Libertà ed uguaglianza 2. I diritti inviolabili dell'uomo 3. Il principio di uguaglianza 4. La tutela delle libertà : riserva di legge e riserva di giurisdizione 5. La libertà personale 6. La libertà religiosa

16 7. I doveri dei cittadini Le elezioni e le altre forme di partecipazione democratica 1. La democrazia 2. La democrazia nel sistema costituzionale italiano 3. Il corpo elettorale, il voto, l'astensione 4. I sistemi elettorali 5. I sistemi elettorali in Italia 6. Il referendum abrogativo L'ORDINAMENTO DELLO STATO (1 PARTE) Il parlamento 1. La camera e il senato 2. Il parlamento in seduta comune 3. I parlamentari 4. Organizzazione e funzionamento 5. La durata delle camere e il loro scioglimento anticipato 6. Le funzioni del parlamento 7. Il procedimento legislativo 8. Le leggi costituzionali 9. Il governo 1. La composizione del governo 2. La formazione del governo 3. La crisi di governo 4. Le funzioni del governo 5. I decreti-legge 6. I decreti legislativi 7. I regolamenti Il Presidente della Repubblica 1. Il ruolo del presidente della repubblica 2. Elezione, carica e supplenza 3. I poteri 4. Le responsabilità L'ORDINAMENTO DELLO STATO (2 PARTE) La Corte Costituzionale 1. Natura e funzioni 2. Composizione 3. Il giudizio sulle leggi 4. Il giudizio sui conflitti 5. Il giudizio sulle accuse 6. Il giudizio sull'ammissibilità dei referendum 7. Centro e periferia 1. Il governo e il territorio 2. Stati unitari e Stati federali 3. Le vicende delle autonomie locali in Italia 4. Regioni, Province e Comuni

17 Le Regioni 1. Regioni sa statuto ordinario e regioni a statuto speciale 2. L'organizzazione delle regioni 3. Le ripartizioni delle competenze legislative tra stato e regioni 4. Le leggi regionali 5. La finanza delle regioni e degli enti locali I Comuni 1. I Comuni 2. Le elezioni nei comuni 3. L'organizzazione dei Comuni 4. Le Province La Magistratura 1. La funzione giurisdizionale e i suoi principi 2. L indipendenza della magistratura 3. Il consiglio superiore della magistratura 4. L organizzazione della magistratura ordinaria 5. La funzione della Corte di Cassazione F.to Gli alunni F.to Il docente

18 PROGRAMMA DI SCIENZA DELLE FINANZE PROF.SSA LORENA TANGANELLI TEORIA GENERALE DELLA FINANZA PUBBLICA 1. La finanza pubblica 2. Evoluzione storica della finanza pubblica SPESE E ENTRATE PUBBLICHE 1. Le Spese pubbliche 2. Le entrate pubbliche 3. L imposta e le sue classificazioni 4. I principi giuridici e amministrativi delle imposte 5. La ripartizione dell onere delle imposte 6. Gli effetti economici delle imposte:evasione, elisione e traslazione LA POLITICA DI BILANCIO 1. Concetti generali sul Bilancio 2. Il sistema italiano di Bilancio LA FINANZA STRAORDINARIA 1. La finanza straordinaria e il debito pubblico L ORDINAMENTO TRIBUTARIO ITALIANO 1. I Caratteri fondamentali del sistema tributario Italiano 2. L imposta sul reddito delle persone fisiche (Irpef) 3. l imposta sul reddito delle società(ires) LE IMPOSTE SUGLI SCAMBI, SUI CONSUMI E SUI TRASFERIMENTI L imposta sul valore aggiunto LE IMPOSTE REGIONALI E LOCALI Il sistema italiano di finanza locale L imposta regionale sulle attività produttive L imposta municipale unica F.to Gli alunni F.to Il docente

19 PROGRAMMA DI GEOGRAFIA ECONOMICA Docente: Gabriele Marconcini Libro di testo in adozione: C. LANZA, F. MANO, S. CONTI, Geografia economica generale, Milano, Bompiani per la scuola, CONTENUTI: - La Globalizzazione: processi e fattori che hanno contribuito a creare l attuale scenario economico mondiale (sviluppo di nuove tecniche comunicazione, miglioramento dei mezzi trasporto, caduta dell URSS, trasformazioni sociali e culturali); - Gli squilibri socio-economici: gli indicatori dello sviluppo: ISU (Indice di Sviluppo Umano), PIL procapite, speranza di vita, livello d istruzione, indice di povertà umana; - Il sottosviluppo: cause geografiche, storiche, economiche, demografiche e sociopolitiche; - Geosistema, ecosistema e sistema economico: lo spazio geografico (relazioni verticali e orizzontali) e il concetto di regione; - Inquinamento e problemi ambientali: il concetto di sviluppo sostenibile; - La popolazione mondiale: distribuzione, dinamiche demografiche e flussi migratori (approfondimento sulla transizione demografica e l aumento della popolazione); - Insediamenti e urbanizzazione: nascita, sviluppo ed evoluzione delle realtà urbane. Le aree maggiormente sviluppate nel mondo; - Risorse minerarie ed energetiche: il concetto di rinnovabilità, energie alternative, vantaggi, impatti ambientali e limiti; - I settori dell economia globale: sguardo d insieme dei tre settori economici (differenze regionali e modelli interpretativi); - Le attività del settore primario: occupazione, sistemi agrari, tecniche di lavorazione e gestione delle aziende; - Le attività del settore secondario: evoluzione storica del settore (dalla Rivoluzione Industriale ad oggi), aspetti occupazionali, tipologie di impresa e delocalizzazione industriale; - Le attività del settore terziario: evoluzione del settore, aspetti occupazionali, principali attività, il terziario tradizionale e il terziario avanzato ; - I servizi di trasporto (mezzi e reti di collegamento), il commercio (analisi dei flussi globali), il turismo (flussi e spazi che caratterizzano il fenomeno), i servizi finanziari (istituti di credito, organismi finanziari, speculazioni e crisi della finanza). F.to Gli alunni F.to Il docente

20 PROGRAMMA DI EDUCAZIONE FISICA Prof. Maria Rossi ARTICOLAZIONE DEI CONTENUTI - Esercizi a corpo libero a carico naturale - Esercizi generali di potenziamento fisiologico - Esercizi di allungamento muscolare - Esercizi di mobilità articolare - Esercizi per la coordinazione specifica e generale - Esercizi di equilibrio sia statico che dinamico - Esercizi di velocità - Esercizi di resistenza - Esercizi per la respirazione - Esercizi in circuito - Esercizi del gesto tecnico-sportivo - Esercizi con l ausilio di piccoli attrezzi - Alcune specialità atletiche - Fondamentali dei giochi di squadra ( calcetto, pallavolo, pallamano ) - Avviamento e consolidamento dei fondamentali del tennis PER LA PARTE TEORICA - Apparato scheletrico - Apparato articolare - Sistema nervoso - Apparato cardio-circolatorio - Sistema muscolare - Sostanze stupefacenti e doping - Definizione delle qualità motorie - AIDS e malattie sessualmente trasmissibili Per il progetto EDUCAZIONE ALLA SALUTE gli alunni hanno partecipato ad un incontro con la Dott.ssa Cocchi su Stile Libero : stili di vita e consumo liberi dalle dipendenze. F.to Gli alunni F.to Il docente

PROGRAMMA DI ECONOMIA AZIENDALE Anno scolastico 2011/12 Classe 5^BM

PROGRAMMA DI ECONOMIA AZIENDALE Anno scolastico 2011/12 Classe 5^BM PROGRAMMA DI ECONOMIA AZIENDALE Anno scolastico 2011/12 Classe 5^BM TOMO 1 MODULO 1: LA GESTIONE DELLE IMPRESE INDUSTRIALI CAPITOLO 1: Le caratteristiche delle imprese industriali 1. Il sistema produttivo

Dettagli

PROGRAMMA SVOLTO Sede di Bardolino

PROGRAMMA SVOLTO Sede di Bardolino Anno Scolastico PROGRAMMA SVOLTO Sede di Bardolino 2012-2013 Classe: V D Sezione TURISTIC O Docente: Disciplina: Pericolosi Walter Italiano e storia Descrizione: PROGRAMMA DI ITALIANO Modulo 1 L età del

Dettagli

MOD.1 L ETÀ DEL SIMBOLISMO E DEL DECADENTISMO

MOD.1 L ETÀ DEL SIMBOLISMO E DEL DECADENTISMO PROGRAMMA DI ITALIANO CLASSE 5 PASTICCERIA MOD.1 L ETÀ DEL SIMBOLISMO E DEL DECADENTISMO Inquadramento storico culturale: la crisi del Positivismo La poesia simbolista in Francia. C. Baudelaire Da I Fiori

Dettagli

PIANO DI LAVORO DEL DOCENTE anno scolastico 2015/2016. classe e indirizzo 5^ SAFT n. ore settimanali: 7 monte orario annuale: 210

PIANO DI LAVORO DEL DOCENTE anno scolastico 2015/2016. classe e indirizzo 5^ SAFT n. ore settimanali: 7 monte orario annuale: 210 PIANO DI LAVORO DEL DOCENTE anno scolastico 2015/2016 Prof Giuseppe Santagata MATERIA Economia aziendale classe e indirizzo 5^ SAFT n. ore settimanali: 7 monte orario annuale: 210 CONOSCENZE 1 Le fasi

Dettagli

TAVOLA DI PROGRAMMAZIONE CLASSE QUINTA articolazione AFM ECONOMIA AZIENDALE TOMO 1 MODULO 1 Comunicazione economico-finanziaria e socio-ambientale

TAVOLA DI PROGRAMMAZIONE CLASSE QUINTA articolazione AFM ECONOMIA AZIENDALE TOMO 1 MODULO 1 Comunicazione economico-finanziaria e socio-ambientale TAVOLA DI PROGRAMMAZIONE CLASSE QUINTA articolazione AFM ECONOMIA AZIENDALE TOMO 1 MODULO 1 Comunicazione economico-finanziaria e socio-ambientale Unità Competenze professionali Conoscenze Abilità Strumenti

Dettagli

Modulo A : ASPETTI STRUTTURALI, GESTIONALI E CONTABILI DELLE IMPRESE INDUSTRIALI

Modulo A : ASPETTI STRUTTURALI, GESTIONALI E CONTABILI DELLE IMPRESE INDUSTRIALI Anno scolastico 2013/2014 Programma di Economia Aziendale Classe: 5^ F Mercurio Insegnante: Lino Bartolini Modulo A : ASPETTI STRUTTURALI, GESTIONALI E CONTABILI DELLE IMPRESE INDUSTRIALI Le caratteristiche

Dettagli

PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE

PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE IRIS VERSARI - Cesano Maderno (M PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE Indirizzo: LICEO SCIENTIFICO LICEO SCIENTIFICO Scienze Applicate LICEO TECNICO ISTITUTO TECNICO

Dettagli

A.S. 2014/2015 CLASSE 5 F SIA DISCIPLINA

A.S. 2014/2015 CLASSE 5 F SIA DISCIPLINA PROGRAMMA SVOLTO A.S. 2014/2015 CLASSE 5 F SIA DISCIPLINA Economia Aziendale DOCENTE Rezzonico Isabella MODULO E/O UNITA DIDATTICA CONTABILITÀ GENERALE BILANCI AZIENDALI E REVISIONE LEGALE DEI CONTI CONTENUTI

Dettagli

PROGRAMMA CONSUNTIVO

PROGRAMMA CONSUNTIVO PROGRAMMA CONSUNTIVO Anno scolastico 2014-2015 MATERIA ITALIANO CLASSE 5 SEZIONE A Liceo scientifico opzione scienze applicate DOCENTE DOSSO BARBARA ORE DI LEZIONE 4 SETTIMANALI **************** OBIETTIVI

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE "G.B.QUADRI" VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015

LICEO SCIENTIFICO STATALE G.B.QUADRI VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015 LICEO SCIENTIFICO STATALE "G.B.QUADRI" VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015 RELAZIONE FINALE DEL DOCENTE All. A Classe: 5FSC Indirizzo:

Dettagli

Entriamo in azienda oggi 3 Tomo 1

Entriamo in azienda oggi 3 Tomo 1 RiViSTA PIANO DI LAVORO Eugenio Astolfi, Lucia Barale & Giovanna Ricci Entriamo in azienda oggi 3 Tomo 1 Tramontana Di seguito presentiamo il Piano di lavoro tratto dai materiali digitali per il docente

Dettagli

PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE

PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE IRIS VERSARI - Cesano Maderno (MB) PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE Indirizzo: LICEO SCIENTIFICO LICEO SCIENTIFICO Scienze Applicate LICEO TECNICO ISTITUTO TECNICO

Dettagli

LICEO GINNASIO STATALE FRANCESCO PETRARCA 34139 TRIESTE 74 XVII

LICEO GINNASIO STATALE FRANCESCO PETRARCA 34139 TRIESTE 74 XVII LICEO GINNASIO STATALE FRANCESCO PETRARCA 34139 TRIESTE Via Domenico Rossetti, 74 XVII Distretto Tel.: 040390202 Fax: 0409383360 e-mail: scrivici@liceopetrarcats.it Anno Scolastico 2010-2011 RELAZIONE

Dettagli

I.T.G.C. Salvemini-Duca D'Aosta

I.T.G.C. Salvemini-Duca D'Aosta I.T.G.C. Salvemini-Duca D'Aosta Anno scolastico 2013-14 classe V sez..a Prof. A. Rogai Programma di Italiano Modulo I: Tra Positivismo e Naturalismo Il Positivismo: un nuovo indirizzo di pensiero Il Naturalismo:

Dettagli

Entriamo in azienda oggi 3 Tomo 2

Entriamo in azienda oggi 3 Tomo 2 RiViSTA PIANO DI LAVORO Eugenio Astolfi, Lucia Barale & Giovanna Ricci Entriamo in azienda oggi 3 Tomo 2 Tramontana Di seguito presentiamo il Piano di lavoro tratto dai materiali digitali per il docente

Dettagli

PROGRAMMA. MATERIA: ITALIANO DOCENTE: RAIMONDO Carlo

PROGRAMMA. MATERIA: ITALIANO DOCENTE: RAIMONDO Carlo PROGRAMMA MATERIA: ITALIANO DOCENTE: RAIMONDO Carlo LIBRI DI TESTO ADOTTATI: G. Baldi, S Giusso, Il piacere dei testi, vol. 5 R, Luperini, P. Cataldi, Il nuovo la scrittura e l interpretazione - Volume

Dettagli

PERCORSO FORMATIVO DISCIPLINARE

PERCORSO FORMATIVO DISCIPLINARE PERCORSO FORMATIVO DISCIPLINARE A.S. 2012/2013 Classe: 5C Logistica Disciplina: Economia Aziendale e dei Trasporti Prof. Gianna Righi CONTENUTI DISCIPLINARI SVILUPPATI (descrivere dettagliatamente specificando

Dettagli

CLASSE QUINTA PROGRAMMAZIONE DI DIRITTO PUBBLICO. La Costituzione: nascita, caratteri, struttura. La nascita della Costituzione.

CLASSE QUINTA PROGRAMMAZIONE DI DIRITTO PUBBLICO. La Costituzione: nascita, caratteri, struttura. La nascita della Costituzione. CLASSE QUINTA PROGRAMMAZIONE DI DIRITTO PUBBLICO. La Costituzione: nascita, caratteri, struttura. La nascita della Costituzione. La struttura della Costituzione. I principi fondamentali della Costituzione.

Dettagli

I titoli di credito. Caratteristiche. Le cambiali, Cambiale tratta e pagherò. Compilazione di tratte e pagherò.

I titoli di credito. Caratteristiche. Le cambiali, Cambiale tratta e pagherò. Compilazione di tratte e pagherò. Istituto tecnico economico statale Roberto Valturio A.s. 2014/15 Programma consuntivo di Economia aziendale Classe 2^ E Prof. Paolo Fabrizio Correggioli ARGOMENTI I CALCOLI FINANZIARI I rapporti di credito.

Dettagli

Istituto Professionale Alberghiero

Istituto Professionale Alberghiero Collegio Arcivescovile A. Castelli - Saronno Anno scolastico 2009/2010 Istituto Professionale Alberghiero Classe QUINTA Programmazione didattica iniziale RELIGIONE prof. Brambilla Andrea La vita in Cristo:

Dettagli

ITALIANO. Il neorealismo. Moravia: la vita e la produzione poetica. Da Gli Indifferenti : Un uomo inetto.

ITALIANO. Il neorealismo. Moravia: la vita e la produzione poetica. Da Gli Indifferenti : Un uomo inetto. ITALIANO Origini e caratteristiche del Romanticismo. Il romanticismo italiano. Leopardi: vita, opere, lettura e commento di Il sabato del villaggio, A Silvia, L infinito e Alla Luna. Alessandro Manzoni:

Dettagli

PROGRAMMA SVOLTO ITALIANO CLASSE V SEZ. F

PROGRAMMA SVOLTO ITALIANO CLASSE V SEZ. F LICEO SCIENTIFICO STATALE G. CASTELNUOVO ANNO SCOLASTICO 2014-2015 PROGRAMMA SVOLTO ITALIANO CLASSE V SEZ. F Testi adottati: Corrado Bologna, Paola Rocchi, Rosa fresca aulentissima, ed.loescher (vol.4-5-6)

Dettagli

I. T. C. " S. BANDINI " - SIENA Anno Scolastico 2014/2015 CLASSE 1^ Sez. A AFM PROGRAMMA di ECONOMIA D AZIENDA

I. T. C.  S. BANDINI  - SIENA Anno Scolastico 2014/2015 CLASSE 1^ Sez. A AFM PROGRAMMA di ECONOMIA D AZIENDA I. T. C. " S. BANDINI " - SIENA Anno Scolastico 2014/2015 CLASSE 1^ Sez. A AFM PROGRAMMA di ECONOMIA D AZIENDA I SISTEMI DI MISURA E GLI ARROTONDAMENTI. I sistemi di misurazione. Il sistema metrico decimale.

Dettagli

PROGRAMMA DI ECONOMIA AZIENDALE CLASSE: 1 A AFM A.S 2014/2015

PROGRAMMA DI ECONOMIA AZIENDALE CLASSE: 1 A AFM A.S 2014/2015 DOCENTE: Prof.ssa MARISA SARTORIO PROGRAMMA DI ECONOMIA AZIENDALE CLASSE: 1 A AFM A.S 2014/2015 Strumenti matematici utilizzabili in Economia Aziendale Le principali relazioni tra grandezze Le proporzioni

Dettagli

MODULO a LE IMPRESE INDUSTRIALI: ASPETTI STRUTTURALI, GESTIONALI E CONTABILI Le imprese industriali: concetti introduttivi Aspetti caratteristici della moderna produzione industriale Le principali classificazioni

Dettagli

PROGRAMMA DI ITALIANO

PROGRAMMA DI ITALIANO LICEO SCIENTIFICO "A. EINSTEIN" ANNO SCOLASTICO 2012/2013 CLASSE V C Prof. Paolo Albergati PROGRAMMA DI ITALIANO Testo in adozione: G. Baldi, S. Giusso, M. Razetti, G. Zaccaria, La letteratura, Paravia,

Dettagli

PROGRAMMA. MATERIA: ITALIANO DOCENTE: RAIMONDO Carlo

PROGRAMMA. MATERIA: ITALIANO DOCENTE: RAIMONDO Carlo PROGRAMMA MATERIA: ITALIANO DOCENTE: RAIMONDO Carlo LIBRI DI TESTO ADOTTATI: G. Baldi, S Giusso, La letteratura, vol. 4 R, Luperini, P. Cataldi, Il nuovo la scrittura e l interpretazione - Volumi 5 e 6

Dettagli

Le relazioni esistenti fra i soggetti dell attività economica. RIF. MODULO CONOSCENZE COMPETENZE Il concetto di azienda e le

Le relazioni esistenti fra i soggetti dell attività economica. RIF. MODULO CONOSCENZE COMPETENZE Il concetto di azienda e le Gruppo di Insegnanti di Economia Aziendale e di Informatica Coordinatore: prof. Pellegrini Claudio Contenuti e obiettivi minimi previsti per il percorso didattico relativo alle discipline di economia a

Dettagli

Programma di Diritto Economia Anno scolastico 2014/15 classe 1BU. Prof. Maria Cicala. La società e le regole. Gruppi e società

Programma di Diritto Economia Anno scolastico 2014/15 classe 1BU. Prof. Maria Cicala. La società e le regole. Gruppi e società Programma di Diritto Economia Anno scolastico 2014/15 classe 1BU La società e le regole Gruppi e società Dalla vita quotidiana al Diritto e all Economia Il Diritto e l Economia: scienze sociali Origini

Dettagli

Allegato A ABILITÀ: UNITA DIDATTICA B: Le analisi di bilancio per indici e per flussi

Allegato A ABILITÀ: UNITA DIDATTICA B: Le analisi di bilancio per indici e per flussi PROGRAMMAZIONE COMUNE DEL DIPARTIMENTO DI ECONOMIA AZIENDALE INDIRIZZO: CLASSE: DISCIPLINA: COMUNE 5 AFM ECONOMIA AZIENDALE COMPETENZE: Riconoscere e interpretare i macrofenomeni economici che influenzano

Dettagli

... a.s. 2014/2015 PROGRAMMA SVOLTO DI LINGUA E LETTERATURA ITALIANA

... a.s. 2014/2015 PROGRAMMA SVOLTO DI LINGUA E LETTERATURA ITALIANA a.s. 2014/2015 PROGRAMMA SVOLTO DI LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Docente: Nicoletta Antolini MODULO N. 1 (ritratto d autore) - ALESSANDRO MANZONI 1. ALESSANDRO MANZONI La vita Le opere: caratteri generali

Dettagli

TAVOLA DI PROGRAMMAZIONE

TAVOLA DI PROGRAMMAZIONE Ministero della Pubblica Istruzione Istituto d Istruzione Superiore Statale E. De Nicola Via Saint Denis 200 20099 Sesto San Giovanni Tel.: 02.26224610/16/10 Fax 02.2480991 Sito: www.iisdenicola.it - e_mail

Dettagli

SUPERIORE DI SAN DANIELE DEL FRIULI VINCENZO MANZINI CORSI DI STUDIO:

SUPERIORE DI SAN DANIELE DEL FRIULI VINCENZO MANZINI CORSI DI STUDIO: ISTITUTO STATALE di ISTRUZIONE SUPERIORE DI SAN DANIELE DEL FRIULI VINCENZO MANZINI CORSI DI STUDIO: Amministrazione, Finanza e Marketing Costruzioni, Ambiente e Territorio Liceo Linguistico Liceo Scientifico.

Dettagli

DISCIPLINE GIURIDICHE ED ECONOMICHE CONTENUTI DISCIPLINARI

DISCIPLINE GIURIDICHE ED ECONOMICHE CONTENUTI DISCIPLINARI DISCIPLINE GIURIDICHE ED ECONOMICHE CONTENUTI DISCIPLINARI CLASSE 5A DIRITTO Mese Argomento Libro di testo Diritto Pubblico Lo Stato e la Costituzione Settembre Dicembre Introduzione allo Stato: gli elementi

Dettagli

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE I.T.C. GEOMETRI L. EINAUDI - MURAVERA - CLASSE 4A AFM

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE I.T.C. GEOMETRI L. EINAUDI - MURAVERA - CLASSE 4A AFM ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE I.T.C. GEOMETRI L. EINAUDI - MURAVERA - CLASSE 4A AFM MATEMATICA DOCENTI Marina Pilia Enrico Sedda PROGRAMMA A.S. 2014/2015 PROGRAMMA DI MATEMATICA CLASSE 4A AFM ANNO SCOLASTICO

Dettagli

PROGRAMMA di INGLESE. Prof. Stefania Gorga

PROGRAMMA di INGLESE. Prof. Stefania Gorga ESAMI DI STATO SESSIONE ORDINARIA 2014/2015 CLASSE V SEZIONE C PROGRAMMA di INGLESE Prof. Stefania Gorga Libro di testo in adozione: Online for business Autori: Flavia Bentini, Michael Delmont Editore:

Dettagli

CONTENUTI MINIMI CLASSI PRIME A.S. 2014/2015

CONTENUTI MINIMI CLASSI PRIME A.S. 2014/2015 CONTENUTI MINIMI CLASSI PRIME A.S. 2014/2015 CLASSI PRIME AFM/SIA(tranne sportivo)/ri Calcoli percentuali, riparti semplici e composti diretti Concetto di azienda, soggetto economico e giuridico Caratteri

Dettagli

Istituto Comprensivo di Bellano a.s 2012/2013

Istituto Comprensivo di Bellano a.s 2012/2013 Istituto Comprensivo di Bellano a.s 2012/2013 Prof.ssa Genoveffa Caliò Classe III B Piano delle Unità di Apprendimento di Italiano Ascoltare in modo attivo e partecipe. L alunno comprende testi orali di

Dettagli

sviluppare la capacità di comprensione della composizione del capitale delle mprese.

sviluppare la capacità di comprensione della composizione del capitale delle mprese. Modulo N: 01 TECNICA TURISTICA classe V L serale Prof. Franco Denominazione: Il Capitale Argomento: Teoria e pratica inerenti al capitale di un impresa in generale. sviluppare la capacità di comprensione

Dettagli

Programmi svolti nell anno scolastico 2014/15

Programmi svolti nell anno scolastico 2014/15 Disciplina d insegnamento/apprendimento EDUCAZIONE FISICA PEZZULLO GIOVANNI 1 Le prestazioni fisiche di resistenza, forza e velocità Metodologie semplici per l allenamento delle capacità condizionali di

Dettagli

PIANO DI LAVORO PERSONALE

PIANO DI LAVORO PERSONALE ISTITUTO STATALE di ISTRUZIONE SUPERIORE DI SAN DANIELE DEL FRIULI VINCENZO MANZINI CORSI DI STUDIO: Amministrazione, Finanza e Marketing/IGEA Costruzioni, Ambiente e Territorio/Geometri Liceo Linguistico/Linguistico

Dettagli

ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE STATALE PAOLO DAGOMARI

ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE STATALE PAOLO DAGOMARI ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE STATALE PAOLO DAGOMARI Via di Reggiana, 86 59100 - Prato Tel. **39 (0)574 639705 - Fax **39 (0)574 639704 Internet: http://www.dagomari.prato.it E-mail: info@dagomari.prato.it

Dettagli

I.S.I.S.S. Carrara - Nottolini Busdraghi Viale Marconi, 69-55100 Lucca ANNO SCOLASTICO 2014-2015

I.S.I.S.S. Carrara - Nottolini Busdraghi Viale Marconi, 69-55100 Lucca ANNO SCOLASTICO 2014-2015 I.S.I.S.S. Carrara - Nottolini Busdraghi Viale Marconi, 69-55100 Lucca C.F. 92056500462 - C.M. LUIS01700T PEC: luis01700t@pec.istruzione.it e- mail: luis01700t@istruzione.it itclucca@itclucca.lu.it itgalucca@itgalucca.it

Dettagli

Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi) PIANO DI LAVORO ECONOMIA AZIENDALE CLASSE 5 B SI

Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi) PIANO DI LAVORO ECONOMIA AZIENDALE CLASSE 5 B SI Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi) Via Firenze, 51 - Tel. 0587/213400 - Fax 0587/52742 http://www.itcgfermi.it E-MAIL: MAIL@ITCGFERMI.IT PIANO DI LAVORO ECONOMIA

Dettagli

Corso AFM/IGEA. Classe prima. Disciplina Competenze da recuperare Contenuti di studio MODULO 1: STRUMENTI OPERATIVI ECONOMIA AZIENDALE

Corso AFM/IGEA. Classe prima. Disciplina Competenze da recuperare Contenuti di studio MODULO 1: STRUMENTI OPERATIVI ECONOMIA AZIENDALE Corso AFM/IGEA Classe prima MODULO 1: STRUMENTI OPERATIVI Eseguire equivalenze Impostare e risolvere proporzioni Eseguire calcoli percentuali Risolvere problemi di calcolo percentuale su base cento, sopra

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA A.S. 2013/2014. I.P.S.A.0.R. di SASSARI

PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA A.S. 2013/2014. I.P.S.A.0.R. di SASSARI PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA A.S. 2013/2014 DIRITTO E TECNICHE AMMINISTRATIVE DELLA STRUTTURA RICETTIVA I.P.S.A.0.R. di SASSARI Il docente di Diritto e Tecniche amministrative della struttura ricettiva

Dettagli

1. STRUTTURA, CLASSIFICAZIONI E CONFIGURAZIONI DEI COSTI

1. STRUTTURA, CLASSIFICAZIONI E CONFIGURAZIONI DEI COSTI INTRODUZIONE 1. La visione d impresa e il ruolo del management...17 2. Il management imprenditoriale e l imprenditore manager...19 3. Il management: gestione delle risorse, leadership e stile di direzione...21

Dettagli

I.T.C. Abba Ballini BS a.s. 2014 2015 cl 4^

I.T.C. Abba Ballini BS a.s. 2014 2015 cl 4^ MODULO 1: LE FUNZIONI- GRAFICI APPROSSIMATI UD 1.1 Saper analizzare le proprietà caratteristiche di una funzione razionale in una variabile Saper ipotizzare il grafico di una funzione razionale Dominio,

Dettagli

I.I.S. "PAOLO FRISI"

I.I.S. PAOLO FRISI I.I.S. "PAOLO FRISI" Via Otranto angolo Cittadini, 1-20157 - MILANO www.ipsfrisi.it PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE DI INGLESE/FRANCESE Anno Scolastico: 2014-2015 SECONDO BIENNIO SERVIZI COMMERCIALI

Dettagli

LICEO GINNASIO JACOPO STELLINI

LICEO GINNASIO JACOPO STELLINI LICEO GINNASIO JACOPO STELLINI Piazza I Maggio, 26-33100 Udine Tel. 0432 504577 Fax. 0432 511490 Codice fiscale 80023240304 e-mail: info@liceostellini.it - Indirizzo Internet: www.stelliniudine.gov.it

Dettagli

LETTERATURA ITALIANA OTTOCENTO e NOVECENTO per le scuole secondarie superiori per l Esame di Stato

LETTERATURA ITALIANA OTTOCENTO e NOVECENTO per le scuole secondarie superiori per l Esame di Stato LETTERATURA ITALIANA OTTOCENTO e NOVECENTO Con test di verifica del grado di preparazione raggiunto STORIA del NOVECENTO Con test di verifica del grado di preparazione raggiunto LETTERATURA ITALIANA OTTOCENTO

Dettagli

Classificazione dei costi e break even analisys

Classificazione dei costi e break even analisys Classificazione dei costi e break even analisys Il sistema informativo direzionale complessità globalizzazione competitività Informazioni sempre più ampie e razionali IMPRESA Il sistema informativo direzionale

Dettagli

COMPETENZE Istituto Tecnico Economico Indirizzo: Sistemi Informativi Aziendali CLASSE: QUINTA

COMPETENZE Istituto Tecnico Economico Indirizzo: Sistemi Informativi Aziendali CLASSE: QUINTA COMPETENZE Istituto Tecnico Economico Indirizzo: Sistemi Informativi Aziendali CLASSE: QUINTA SOMMARIO Lingua e letteratura italiana... 2 Lingua inglese... 3 Storia... 4 Matematica... 5 Scienze Motorie

Dettagli

RELAZIONE ECONOMICO - FINANZIARIA

RELAZIONE ECONOMICO - FINANZIARIA aggiornato al 24/10/2011 L.P. 13 dicembre 1999, n. 6, articolo 5 RICERCA APPLICATA PROCEDURA VALUTATIVA RELAZIONE ECONOMICO - FINANZIARIA per domande di agevolazione di importo fino a 1,5 milioni di euro

Dettagli

PIANO DI LAVORO INDIVIDUALE a.s. 2014-15 Disciplina: RELIGIONE Prof. Sergio Garavaglia Classe 2 A

PIANO DI LAVORO INDIVIDUALE a.s. 2014-15 Disciplina: RELIGIONE Prof. Sergio Garavaglia Classe 2 A LICEO SCIENTIFICO STATALE "Donato Bramante" Via Trieste, 70-20013 MAGENTA (MI) MPI: MIPS25000Q - Tel.: +39 02 97290563/4/5 Fax: 02 97290566 Sito: www.liceobramante.gov.it - E-mail: mips25000qistruzione.it

Dettagli

PROGRAMMA ITALIANO CLASSE V B a.s. 2014/2015 DOCENTE: G. Borrelli

PROGRAMMA ITALIANO CLASSE V B a.s. 2014/2015 DOCENTE: G. Borrelli PROGRAMMA ITALIANO CLASSE V B a.s. 2014/2015 DOCENTE: G. Borrelli CONTESTO STORICO CULTURALE TRA 800 e 900 Storia Idee Poetiche Il Positivismo Naturalismo e Verismo La Scapigliatura Il Decadentismo e la

Dettagli

Programmazione delle UU.DD. da svolgere in QUARTA B O.d.R. con indirizzo servizi di sala e bar

Programmazione delle UU.DD. da svolgere in QUARTA B O.d.R. con indirizzo servizi di sala e bar 1 Programmazione delle UU.DD. da svolgere in QUARTA B O.d.R. con indirizzo servizi di sala e bar Unità di apprendimento A PATRIMONIO, REDDITO E RISULTATI DI GESTIONE (4) Comprendere le differenze fra gli

Dettagli

INDIRIZZO :RELAZIONI INTERNAZIONALI A.S. 2014/2015 Prof. Moretto Giampiero

INDIRIZZO :RELAZIONI INTERNAZIONALI A.S. 2014/2015 Prof. Moretto Giampiero Programma di Economia Aziendale Classe IV /D INDIRIZZO :RELAZIONI INTERNAZIONALI A.S. 2014/2015 Prof. Moretto Giampiero Unità 1 Le società di capitali nel sistema economico mondiale Lezione 1 Società di

Dettagli

COMPETENZE PRIMO BIENNIO I.P.S Settore Industria ed Artigianato Indirizzo: Manutenzione e Assistenza Tecnica CLASSE: QUINTA

COMPETENZE PRIMO BIENNIO I.P.S Settore Industria ed Artigianato Indirizzo: Manutenzione e Assistenza Tecnica CLASSE: QUINTA COMPETENZE PRIMO BIENNIO I.P.S Settore Industria ed Artigianato Indirizzo: Manutenzione e Assistenza Tecnica CLASSE: QUINTA SOMMARIO Laboratori Tecnologici ed Esercitazioni... 2 Lingua e Letteratura Italiana...

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA A.S. 2014/2015. I.P.S.A.0.R. di SASSARI

PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA A.S. 2014/2015. I.P.S.A.0.R. di SASSARI PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA A.S. 2014/2015 DIRITTO E TECNICHE AMMINISTRATIVE DELLA STRUTTURA RICETTIVA I.P.S.A.0.R. di SASSARI Il docente di Diritto e Tecniche amministrative della struttura ricettiva

Dettagli

PROGRAMMA DI ITALIANO SVOLTO DALLA CLASSE 5ª B

PROGRAMMA DI ITALIANO SVOLTO DALLA CLASSE 5ª B LICEO SCIENTIFICO STATALE PIETRO SETTE SANTERAMO IN COLLE A.S. 2011/12 PROGRAMMA DI ITALIANO SVOLTO DALLA CLASSE 5ª B Libri di testo adottati: R. Luperini - P. Cataldi - L. Marchiani - F. Marchese, La

Dettagli

Programma svolto di Economia Aziendale

Programma svolto di Economia Aziendale Classe 1 E SISTEMA AZIENDA L azienda come sistema Le varie categorie di aziende I soggetti che operano nelle imprese CALCOLI AZIENDALI I calcoli percentuali I calcoli sopracento e sottocento L euro e il

Dettagli

I.I.S. "PAOLO FRISI"

I.I.S. PAOLO FRISI I.I.S. "PAOLO FRISI" Via Otranto angolo Cittadini, 1-20157 - MILANO www.ipsfrisi.it PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE DI DIRITTO E TECNICHE AMMINISTRATIVE Anno Scolastico: 2014-2015 CLASSE : QUINTA

Dettagli

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca MATERIA DIRITTO CLASSE 3 INDIRIZZO RIM DESCRIZIONE Unità di Apprendimento UdA n. 1 Titolo: STATO E ORGANIZZAZIONI INTERNAZIONALI VALUTARE FATTI E ORIENTARE I PROPRI COMPORTAMENTI IN BASE AD UN SISTEMA

Dettagli

PROGRAMMA DELLE PROVE ORALI DEL CONCORSO PER L AMMISSIONE AL 113 CORSO ALLIEVI UFFICIALI STORIA ED EDUCAZIONE CIVICA

PROGRAMMA DELLE PROVE ORALI DEL CONCORSO PER L AMMISSIONE AL 113 CORSO ALLIEVI UFFICIALI STORIA ED EDUCAZIONE CIVICA ALLEGATO 6 PROGRAMMA DELLE PROVE ORALI DEL CONCORSO PER L AMMISSIONE AL 113 CORSO ALLIEVI UFFICIALI STORIA ED EDUCAZIONE CIVICA Storia d Italia e d Europa dal 1860 ai giorni nostri Tendenze e problemi

Dettagli

Programma svolto Storia, Geografia, Cittadinanza e Costituzione Anno scolastico 2013-2014 Classe 3E. Prof.ssa Fulvia Spatafora

Programma svolto Storia, Geografia, Cittadinanza e Costituzione Anno scolastico 2013-2014 Classe 3E. Prof.ssa Fulvia Spatafora !1 Programma svolto Storia, Geografia, Cittadinanza e Costituzione Anno scolastico 2013-2014 Classe 3E Storia L Italia dopo l unificazione Prof.ssa Fulvia Spatafora I problemi del Regno d Italia I grandi

Dettagli

PROGRAMMAZIONE D AREA DI ECONOMIA AZIENDALE

PROGRAMMAZIONE D AREA DI ECONOMIA AZIENDALE ALLEGATO N 2 AL VERBALE N. 1 PROGRAMMAZIONE D AREA DI ECONOMIA AZIENDALE SECONDO BIENNIO E QUINTO ANNO AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING A.F.M. RELAZIONI INTERNAZIONALI TURISMO ANNO SCOLASTICO 2015/2016

Dettagli

TRANSIZIONE AI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI (IFRS)

TRANSIZIONE AI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI (IFRS) TRANSIZIONE AI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI (IFRS) (DOCUMENTO SOGGETTO A VERIFICA, IN CORSO, DA PARTE DELLA SOCIETA DI REVISIONE) Nel 2002 l Unione europea ha adottato il regolamento n. 1606 in base

Dettagli

IL BUSINESS PLAN PER TUTTI. 25 giugno 2014

IL BUSINESS PLAN PER TUTTI. 25 giugno 2014 IL BUSINESS PLAN PER TUTTI 25 giugno 2014 Elaborazione del Modello di Greitner Esempio di Mappa strategica Massimizzazione del profitto Remunerazione adeguata dei soci Economico Finanziaria Aumento della

Dettagli

Il fido bancario quale forma di finanziamento delle imprese industriali

Il fido bancario quale forma di finanziamento delle imprese industriali Il fido bancario quale forma di finanziamento delle imprese industriali Traccia di Economia aziendale di Emanuele Perucci Il candidato, dopo aver sinteticamente illustrato le varie forme di finanziamento

Dettagli

Capitolo I - Lineamenti di storia costituzionale francese. Dalla fine dell Ancien Régime alla costruzione europea

Capitolo I - Lineamenti di storia costituzionale francese. Dalla fine dell Ancien Régime alla costruzione europea Premessa Capitolo I - Lineamenti di storia costituzionale francese. Dalla fine dell Ancien Régime alla costruzione europea Sezione Prima: L instabilità istituzionale 1. Cinque secoli in cinque anni 2.

Dettagli

TESTO ADOTTATO: Con noi in azienda plus - Tomo C e D Autori: Fortuna, Ramponi e Scucchia Editore: Le Monnier Scuola COMPETENZE

TESTO ADOTTATO: Con noi in azienda plus - Tomo C e D Autori: Fortuna, Ramponi e Scucchia Editore: Le Monnier Scuola COMPETENZE Anno scolastico 2013/2014 TRIENNIO Corso Diurno Classe : 4 AF RELAZIONE FINALE DEL DOCENTE di: ECONOMIA AZIENDALE PROF. ALESSANDRO RESENTE TESTO ADOTTATO: Con noi in azienda plus Tomo C e D Autori: Fortuna,

Dettagli

Commento al tema di Economia aziendale

Commento al tema di Economia aziendale Commento al tema di Economia aziendale Il tema di Economia aziendale proposto negli Istituti Tecnici è incentrato sulla crisi finanziaria ed è articolato in una parte obbligatoria e tre percorsi alternativi

Dettagli

Classe 3^ Tecnico Amministrazione Finanza e Marketing

Classe 3^ Tecnico Amministrazione Finanza e Marketing Classe 3^ Tecnico Amministrazione Finanza e Marketing Lo studio dell'economia Aziendale per la classe Terza degli Istituti Tecnici ad indirizzo Amministrazione Finanza Marketing concorre a far perseguire

Dettagli

Materiali EIF. Le banche. Università degli Studi Roma Tre

Materiali EIF. Le banche. Università degli Studi Roma Tre Le banche La banca - definizioni Definizione minima: raccolta risparmio dal pubblico + concessione credito (art. 10 D.lgs. 385/1993) Molteplicità delle attività possibili (ammesse al mutuo riconoscimento):

Dettagli

CLASSE IF a. s. 2014/2015 PROGRAMMA SVOLTO

CLASSE IF a. s. 2014/2015 PROGRAMMA SVOLTO CLASSE IF a. s. 2014/2015 Materia: ECONOMIA AZIENDALE Docente: Angela Antoniazzi PROGRAMMA SVOLTO Al termine dell anno gli studenti dovranno possedere le seguenti conoscenze e competenze/abilità: Conoscenze

Dettagli

OBIETTIVI FORMATIVI GENERALI DELLE DISCIPLINE LETTERARIE

OBIETTIVI FORMATIVI GENERALI DELLE DISCIPLINE LETTERARIE ISTITUTO PROFESSIONALE STATALE PER I SERVIZI ALBERGHIERI E DELLA RISTORAZIONE PREMESSA GENERALE AI PROGRAMMI DI MATERIE LETTERARIE BIENNIO POST-QUALIFICA OBIETTIVI FORMATIVI GENERALI DELLE DISCIPLINE LETTERARIE

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DANTE ALIGHIERI Opera GRAMMATICA

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DANTE ALIGHIERI Opera GRAMMATICA Anno Scolastico 2014 / 2015 GRAMMATICA SINTASSI DELLA FRASE - Completamento della classificazione dei complementi indiretti: complemento di limitazione, di paragone, di età, vantaggio e svantaggio, colpa,

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO TECNICO AMM FIN E MARKETING

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO TECNICO AMM FIN E MARKETING http://suite.sogiscuola.com/documenti_web/vris017001/documenti/9.. 1 di 7 04/12/2013 118 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO TECNICO AMM FIN E MARKETING ANNO SCOLASTICO2013/2014

Dettagli

ECONOMIA POLITICA. Modulo 1. Modulo 3. Modulo 4. Modulo 2. Il sistema economico. Il mercato. La moneta, le banche e i titoli di credito

ECONOMIA POLITICA. Modulo 1. Modulo 3. Modulo 4. Modulo 2. Il sistema economico. Il mercato. La moneta, le banche e i titoli di credito Indice IV ECONOMIA POLITICA Il sistema economico Le basi dell economia 1 La scienza economica 3 2 Evoluzione del pensiero economico 4 U.D. 2 Gli elementi del sistema economico 1 Lo scambio 11 2 I beni

Dettagli

PROGRAMMA DI ECONOMIA AZIENDALE CLASSE 2 B SIA ANNO SCOLASTICO 2014/2015

PROGRAMMA DI ECONOMIA AZIENDALE CLASSE 2 B SIA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 DOCENTE: Prof. Agnese Maria Pancino RIPASSO FATTURA I CALCOLI FINANZIARI L interesse e i problemi diretti L interesse e i problemi inversi Il montante e i problemi diretti Il montante e i problemi inversi

Dettagli

Relazione sulla gestione al bilancio chiuso al 31.12.2013

Relazione sulla gestione al bilancio chiuso al 31.12.2013 AZIENDA SERVIZI STRUMENTALI S.r.l. Sede in Via della Resistenza n. 4-45100 ROVIGO Capitale sociale Euro 215.600 i.v. Codice Fiscale 01396160291 Reg.Imp. 01396160291 Rea 152660 RO Relazione sulla gestione

Dettagli

Istituto Tecnico AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING. Profilo di uscita

Istituto Tecnico AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING. Profilo di uscita Istituto Tecnico AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING Profilo di uscita Il Perito in Amministrazione, finanza e marketing ha competenze specifiche nel campo dei macrofenomeni economico aziendali nazionali

Dettagli

Indirizzo: AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING. Classe: 5. Disciplina: Economia Aziendale. Ultimo anno

Indirizzo: AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING. Classe: 5. Disciplina: Economia Aziendale. Ultimo anno Indirizzo: AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING Classe: 5 Disciplina: Economia Aziendale prof. Competenze disciplinari: Ultimo anno COMPETENZE DESCRITTORI DI ABILITA / PRESTAZIONI 7. Inquadrare l attività

Dettagli

Istituto Comprensivo di Bellano a.s 2014/2015. Piano delle Unità di Apprendimento di Italiano

Istituto Comprensivo di Bellano a.s 2014/2015. Piano delle Unità di Apprendimento di Italiano Istituto Comprensivo di Bellano a.s 2014/2015 Prof.ssa Roberta Tadini Classe III B Piano delle Unità di Apprendimento di Italiano ASCOLTARE IN MODO ATTIVO E PARTECIPE. L alunno comprende testi orali di

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE Anno Scolastico: 2014 2015 Dipartimento (1) : DIRITTO ED ECONOMIA Coordinatore (1) : Prof.ssa ALESSANDRA CALDARA Classe: 2 Indirizzo: SERVIZI SOCIO- SANITARI Ore di insegnamento

Dettagli

TECNICO SPECIALIZZATO IN BUDGET E CONTROLLO DI GESTIONE. Percorso formativo

TECNICO SPECIALIZZATO IN BUDGET E CONTROLLO DI GESTIONE. Percorso formativo Corso di specializzazione TECNICO SPECIALIZZATO IN BUDGET E CONTROLLO DI GESTIONE Percorso formativo Moduli propedeutici ELEMENTI DI OFFICE AUTOMATION Foglio elettronico Presentazione multimediale Servizi

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Tecniche Professionali Classe:5 B A.S. 2015/16 Docente: Mazzotta Antonietta

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Tecniche Professionali Classe:5 B A.S. 2015/16 Docente: Mazzotta Antonietta SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE Disciplina: Tecniche Professionali Classe:5 B A.S. 2015/16 Docente: Mazzotta Antonietta ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE. Indirizzo: TECNICO_ AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE. Indirizzo: TECNICO_ AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE Indirizzo: TECNICO_ AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING Anno scolastico Materia Classi 2013 / 14 Economia Aziendale 3^- 4^ Lo studio dell'economia Aziendale per il

Dettagli

Basilea 2: Assistenza per il Credito e la Finanza. Vincere la sfida del RATING

Basilea 2: Assistenza per il Credito e la Finanza. Vincere la sfida del RATING Basilea 2: Assistenza per il Credito e la Finanza. Vincere la sfida del RATING Il Comitato di Basilea Il Comitato di Basilea viene istituito nel 1974 dai Governatori delle Banche Centrali dei 10 paesi

Dettagli

FONDAMENTI DI ECONOMIA AZIENDALE E IMPIANTISTICA INDUSTRIALE

FONDAMENTI DI ECONOMIA AZIENDALE E IMPIANTISTICA INDUSTRIALE FONDAMENTI DI ECONOMIA AZIENDALE E IMPIANTISTICA INDUSTRIALE Proff.. Alberto Baggini Marco Melacini A.A. 2008/2009 La contabilità esterna Il conto economico La redazione del documento finale di bilancio

Dettagli

Disciplina: LINGUA INGLESE Classe 5^B IGEA A. S. 2013-2014

Disciplina: LINGUA INGLESE Classe 5^B IGEA A. S. 2013-2014 RELAZIONE FINALE DEL DOCENTE All. A Docente: OTTOBONI MIRELLA Disciplina: LINGUA INGLESE Classe 5^B IGEA A. S. 2013-2014 1. LIBRO DI TESTO UTILIZZATO: Flavia Bentini, IN BUSINESS, Pearson-Longman Sono

Dettagli

CLASSE III SEZ. A INDIRIZZO AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING PROF. ANGELO BITORZOLI

CLASSE III SEZ. A INDIRIZZO AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING PROF. ANGELO BITORZOLI PROGRAMMA DI ECONOMIA AZIENDALE A.S. 2014-2015 CLASSE III SEZ. A INDIRIZZO AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING PROF. ANGELO BITORZOLI MODULO 1. L azienda e la sua organizzazione Unità 1 L azienda, il contesto

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER L AMMINISTRAZIONE ECONOMICO FINANZIARIA ED IL CONTROLLO DI GESTIONE

TECNICO SUPERIORE PER L AMMINISTRAZIONE ECONOMICO FINANZIARIA ED IL CONTROLLO DI GESTIONE ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO TECNICO SUPERIORE PER L AMMINISTRAZIONE ECONOMICO FINANZIARIA ED IL CONTROLLO DI GESTIONE STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO

Dettagli

CONTABILITÀ, BILANCIO E FISCALITÀ D IMPRESA

CONTABILITÀ, BILANCIO E FISCALITÀ D IMPRESA CONTABILITÀ, BILANCIO E FISCALITÀ D IMPRESA 2015 Amministrazione finanza e controllo Z6053 IV Edizione / Formula weekend 8 MAGGIO 19 SETTEMBRE 2015 REFERENTE SCIENTIFICO DELL'INIZIATIVA Giovanni Fiori,

Dettagli

Liceo Scientifico Galileo Galilei - Siena A.S. 2015-2016. Classi III B III E Docente Chiara Agostini Materia Filosofia. Piano di lavoro.

Liceo Scientifico Galileo Galilei - Siena A.S. 2015-2016. Classi III B III E Docente Chiara Agostini Materia Filosofia. Piano di lavoro. Liceo Scientifico Galileo Galilei - Siena A.S. 2015-2016 Classi III B III E Docente Chiara Agostini Materia Filosofia Piano di lavoro Settembre La nascita della filosofia : il contesto storico-culturale

Dettagli

Biblioteca di Economia aziendale. per il secondo biennio e il quinto anno. Istituti tecnici del settore economico

Biblioteca di Economia aziendale. per il secondo biennio e il quinto anno. Istituti tecnici del settore economico Biblioteca di Economia aziendale PIANO DEI CONTI DI UN IMPRESA INDUSTRIALE IN FORMA DI SOCIETÀ PER AZIONI Documento Piano dei conti BILANCIO DI UN IMPRESA INDUSTRIALE IN FORMA DI SOCIETÀ PER AZIONI STATO

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO ALBERT EINSTEIN Cervignano del Friuli CLASSE 5^ A PERCORSI DIDATTICI

LICEO SCIENTIFICO ALBERT EINSTEIN Cervignano del Friuli CLASSE 5^ A PERCORSI DIDATTICI LICEO SCIENTIFICO ALBERT EINSTEIN Cervignano del Friuli CLASSE 5^ A PERCORSI DIDATTICI Disciplina: LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Prof.ssa Giuseppina Gambin Anno Scolastico 2008/2009 PERCORSI FORMATIVI

Dettagli

SOLUZIONE ESAME DI ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE

SOLUZIONE ESAME DI ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE SOLUZIONE ESAME DI ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE Indirizzo Giuridico Economico Aziendale (Testo valevole per i corsi di ordinamento e per i corsi sperimentali del progetto Sirio ) Tema di economia aziendale

Dettagli

PROGRAMMAZIONI E OBIETTIVI DISCIPLINARI A.S. 2014-15

PROGRAMMAZIONI E OBIETTIVI DISCIPLINARI A.S. 2014-15 PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO DISCIPLINE: ECONOMIA AZIENDALE E GEOGRAFIA FINALITA GENERALI Le finalità generali della disciplina economia aziendale sono: far acquisire agli studenti competenze specifiche

Dettagli