Codice di Condotta. Global Policy. Funzione Competente: Global Compliance Data: Settembre 2013

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Codice di Condotta. Global Policy. Funzione Competente: Global Compliance Data: Settembre 2013"

Transcript

1 Allegato n. 1 Codice di Condotta Global Policy Funzione Competente: Global Compliance Data: Settembre 2013 Unit: Global Compliance Policy Coordination Versione: 2 UniCredit Group Internal Use Only

2 Argomento: Funzione responsabile del documento: Codice di Condotta Global Compliance Policy Coordination Prima Versione: Gennaio 2011 Versione Corrente: Settembre 2013 Global Compliance Global Regulatory Counsel Global CAMP Global Compliance Staff Global Compliance Education Global AML Compliance Italy Corporate Law Global Legal Attori coinvolti nel processo di condivisione: Security Governance Audit & LC Organization Group ICS Initiatives Accounting HR Strategy Corporate Sustainability Group Risk Management Tax Affairs Società del Gruppo UniCredit Bank AG UniCredit Bank Austria AG Bank Pekao SA UniCredit Leasing SpA PGAM Approvato da: Destinata a: Consiglio di Amministrazione Tutte le Società del Gruppo 1 UniCredit Group - Internal Use Only

3 Indice 1 CODICE DI CONDOTTA DEL GRUPPO UNICREDIT FINALITA' E CONTENUTO DESTINATARI RISPETTO DEL CODICE E RESPONSABILITA DI COMPLIANCE CONTATTI REGOLE DI COMPORTAMENTO GENERALI CONFORMITÀ ALLA LEGGE TRATTARE GLI ALTRI CON DIGNITA E RISPETTO PROTEZIONE DELLE INFORMAZIONI, SEGRETO BANCARIO E PROTEZIONE DEI DATI TRASPARENZA E STANDARD DI COMUNICAZIONE GESTIONE DEI CONFLITTI DI INTERESSE SEGNALAZIONE DI COMPORTAMENTI ILLEGITTIMI (WHISTLEBLOWING) FORMAZIONE REGOLE DI COMPORTAMENTO NEI RAPPORTI INTERNI RESPONSABILITÀ DI SUPERVISIONE PROTEZIONE E UTILIZZO DEI BENI AZIENDALI TUTELA DELLA PROPRIETÀ INTELLETTUALE SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO DISCLOSURE DEGLI INTERESSI PERSONALI O DI ALTRE INFORMAZIONI SIGNIFICATIVE SICUREZZA PERSONALE NEI VIAGGI DI LAVORO REGOLE DI COMPORTAMENTO NEI RAPPORTI CON L'ESTERNO RAPPORTI CON IL PUBBLICO, CON LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE, CON LE AUTORITA E CON I MEDIA RAPPORTI CON I CLIENTI, I FORNITORI E I CONSULENTI RAPPORTI CON LE ORGANIZZAZIONI POLITICHE DIPENDENTI CHE RICOPRONO CARICHE PUBBLICHE O POLITICHE DELEGA DI POTERI DISCIPLINA ANTICORRUZIONE DONAZIONI OMAGGI ED INTRATTENIMENTI DISCIPLINA ANTIRICICLAGGIO E SANZIONI FINANZIARIE PREVENZIONE DEGLI ABUSI DI MERCATO PERSONAL TRADING TUTELA DELLA CONCORRENZA CONTABILITA' E CONTROLLO TASSAZIONE REVISIONE DEL CODICE DI CONDOTTA UniCredit Group - Internal Use Only

4 1 CODICE DI CONDOTTA DEL GRUPPO UNICREDIT 1.1 FINALITA' E CONTENUTO Il presente Codice, che sostituisce la precedente versione emessa nel 2011, integra la Carta d Integrità e declina i principi cui tutti i dipendenti devono uniformarsi per garantire i più elevati standard di comportamento nello svolgimento delle proprie attività lavorative. Il presente Codice deve essere letto congiuntamente alle altre policy e procedure, emanate dalla propria società, che forniscono maggiori dettagli sui principi delineati nello stesso. Il Codice, la Carta d Integrità nonché le menzionate policy e procedure costituiscono un elemento fondamentale per assicurare che i dipendenti siano a conoscenza delle aspettative che il Gruppo, la società di appartenenza nonché gli Stakeholder (clienti, investitori, regulator, ecc.) ripongono sui loro comportamenti. Il Codice non intende essere una guida esaustiva di tutti gli obblighi normativi vigenti, ma ha lo scopo di diffondere la cultura della compliance, offrendo una panoramica del contesto in cui opera. 1.2 DESTINATARI Il Codice si applica a tutte le società del Gruppo, a tutti coloro che hanno un rapporto di lavoro con il Gruppo o che siano legati contrattualmente allo stesso (ad esempio, fornitori, consulenti, agenti monomandatari, ecc.), nonché a tutti i membri degli organi di gestione, supervisione strategica e controllo (di seguito, congiuntamente i Dipendenti ). Una volta ricevuto il Codice, le società devono adottarlo adeguandolo, ove necessario, al contesto locale e, successivamente, sono tenute a portarlo a conoscenza dei Dipendenti e degli Stakeholder. Data l importanza di una forte e globale cultura della compliance, ciascuna società è tenuta a chiedere ai propri Dipendenti conferma di ricezione del Codice. 1.3 RISPETTO DEL CODICE E RESPONSABILITA DI COMPLIANCE L osservanza delle previsioni del Codice è parte integrante delle obbligazioni contrattuali di ciascun Dipendente; qualsiasi violazione dello stesso, delle normative interne o di qualsiasi altra disposizione normativa applicabile, può dar corso ad azioni disciplinari poste in essere da ciascuna società o a sanzioni poste in essere dai local regulator. Le azioni disciplinari interne intraprese dalle società sono gestite dalla funzione Risorse Umane locale, conformemente alla normativa giuslavoristica applicabile. L osservanza e la violazione del Codice costituiscono uno dei fattori da tenere in considerazione per la valutazione manageriale delle prestazioni individuali. Ciascun Dipendente deve essere consapevole delle responsabilità connesse alle proprie mansioni all interno del Gruppo e delle disposizioni normative interne ed esterne applicabili. Nei Dipendenti viene riposta l aspettativa che questi osservino i più elevati standard professionali di condotta, evitando qualsiasi azione che sia o che possa apparire poco corretta. I Dipendenti devono sempre tener presente che le loro azioni od omissioni potrebbero essere rese pubbliche e, pertanto, devono valutare con attenzione come queste potrebbero essere percepite. In caso di dubbio, i Dipendenti sono tenuti a rivolgersi ai propri responsabili e/o alle altre funzioni locali competenti. 1.4 CONTATTI Per chiarimenti sul contenuto del Codice e/o sulle disposizioni normative di volta in volta richiamate, si faccia riferimento alla funzione locale competente (ad esempio, la funzione di Compliance per le normative di compliance e per altre questioni generiche relative al Codice; la funzione Risorse Umane per questioni attinenti profili giuslavoristici ecc.). 3 UniCredit Group - Internal Use Only

5 2 REGOLE DI COMPORTAMENTO GENERALI 2.1 CONFORMITÀ ALLA LEGGE Il Gruppo opera in diversi Paesi e, conseguentemente, è soggetto a molti obblighi legali e regolamentari. Pertanto, anche i Dipendenti sono soggetti ai menzionati obblighi, che variano sulla base delle relative mansioni, responsabilità e dell area geografica in cui operano. 2.2 TRATTARE GLI ALTRI CON DIGNITA E RISPETTO Il Gruppo promuove un ambiente di lavoro accogliente e non discriminatorio, in cui tutti i suoi Dipendenti siano trattati con dignità e rispetto. Il Gruppo non accetta discriminazioni o molestie basate sulla razza, sul colore della pelle, sulla nazionalità, sullo stato di cittadinanza, sulle opinioni politiche, sulla religione, sull età, sullo stato civile, sul sesso, sull orientamento e/o identità sessuale, sulla diversa abilità e su qualsiasi altra condizione non specificamente citata. Il Gruppo non tollera altresì atti di bullismo e di mobbing. 2.3 PROTEZIONE DELLE INFORMAZIONI, SEGRETO BANCARIO E PROTEZIONE DEI DATI Il Gruppo tutela la riservatezza e la corretta gestione e conservazione delle informazioni relative o appartenenti al Gruppo, ai suoi Dipendenti e agli Stakeholder. I Dipendenti sono tenuti a garantire la riservatezza delle informazioni di cui vengano a conoscenza durante lo svolgimento dell attività lavorativa o comunque sul posto di lavoro e ad utilizzarle esclusivamente per lo svolgimento della stessa. I Dipendenti sono tenuti a gestire dette informazioni in conformità alle disposizioni di legge applicabili ed alle indicazioni che il Gruppo fornisce per la tutela o l utilizzo di tali informazioni. 2.4 TRASPARENZA E STANDARD DI COMUNICAZIONE Il Gruppo garantisce i più elevanti standard nelle comunicazioni, sia interne che nei confronti degli Stakeholder. Tutti i Dipendenti devono assicurare che le proprie comunicazioni interne ed esterne siano veritiere, accurate e corrette ed avvengano in conformità alle disposizioni di legge e regolamentari applicabili. In particolare i Dipendenti non devono: fornire informazioni poco precise in merito ad una richiesta di investimento oppure alle sue caratteristiche fondamentali; omettere da una comunicazione dati o elementi che la rendano potenzialmente ingannevole; fare affermazioni o dichiarazioni ingannevoli, esagerate, ingiustificate o false; fare promesse o dare garanzie su risultati o rendimenti futuri; diffondere all esterno (per esempio a concorrenti, tramite i social media, ai giornalisti ecc.) qualsiasi materiale o corrispondenza, contrassegnato per esclusivo uso interno o comunque da intendersi ad uso interno o destinato esclusivamente alla distribuzione interna; e fornire materiale che contenga informazioni statistiche, commenti o informazioni provenienti da terze parti senza rivelare la fonte dell informazione stessa e senza che vi sia un apposito disclaimer che assicuri che siano state tenute in debita considerazione problematiche relative al copyright. 2.5 GESTIONE DEI CONFLITTI DI INTERESSE Il Gruppo e i suoi Dipendenti sono esposti a numerosi casi di conflitti di interesse, reali e potenziali, in considerazione dell ampio spettro delle attività svolte dal Gruppo, delle diverse tipologie di rapporti in essere e dei differenti interessi degli Stakeholder. L'eventuale carenza nella gestione degli stessi può danneggiare la reputazione del Gruppo, esponendolo ad azioni legali o ad azioni da parte delle Autorità di Vigilanza ed a pubblicità negativa. I Dipendenti devo sempre prestare attenzione ai conflitti di interesse, reali o potenziali, i quali devono essere gestiti in conformità alle normative ed ai sistemi di Gruppo idonei ad identificarli, valutarli e gestirli. 4 UniCredit Group - Internal Use Only

6 2.6 SEGNALAZIONE DI COMPORTAMENTI ILLEGITTIMI (WHISTLEBLOWING) Il Gruppo garantisce un ambiente di lavoro caratterizzato da comportamenti etici, conformi ed improntati alla dignità ed al rispetto. Laddove un Dipendente abbia il ragionevole sospetto che si sia verificato, o che possa verificarsi, un comportamento illegittimo, è tenuto a segnalarlo, in conformità alle procedure locali. Ciò al fine di consentire di effettuare le opportune verifiche e di adottare i necessari rimedi per fermarne la commissione ed evitarne la reiterazione. Per comportamento illegittimo si intende qualsiasi azione od omissione, commessa nello svolgimento dell attività lavorativa o che abbia un impatto sulla stessa, che arrechi o che possa arrecare danno al Gruppo o ai suoi Dipendenti, e che sia: illecita, scorretta o immorale; violi disposizioni normative e regolamentari; o non sia conforme alle normative interne. Il Gruppo tratta le segnalazioni in maniera appropriata e corretta ed in conformità alla normativa locale. 2.7 FORMAZIONE Il Gruppo promuove, attraverso piani di formazione, la crescita professionale e una sempre maggiore comprensione, da parte dei Dipendenti, delle normative interne ed esterne a questi applicabili. Ai Dipendenti viene richiesto di partecipare attivamente e di completare i programmi di formazione a loro offerti, nel rispetto delle tempistiche indicate. 3 REGOLE DI COMPORTAMENTO NEI RAPPORTI INTERNI 3.1 RESPONSABILITÀ DI SUPERVISIONE I Dipendenti che rivestono la posizione di responsabili sono tenuti ad adottare misure appropriate per assicurare che le attività sotto la loro supervisione siano svolte in conformità alle disposizioni di legge, alle normative interne ed al presente Codice. Essi devono altresì assicurare che i Dipendenti sottoposti alla loro supervisione adempiano ai propri obblighi. Inoltre essi devono avere la sensibilità di identificare i rischi legali, regolamentari e reputazionali e devono gestire in maniera risoluta ed appropriata qualsiasi problematica ad essi relativa. 3.2 PROTEZIONE E UTILIZZO DEI BENI AZIENDALI I Dipendenti possono utilizzare i beni del Gruppo (ad esempio, il capitale, le strutture, l equipaggiamento, le informazioni societarie, la tecnologia, i business plan, i segreti industriali, le invenzioni, le liste dei clienti ecc.) esclusivamente per legittime finalità lavorative. E pertanto vietato l'utilizzo degli stessi per inviare o archiviare materiale illegale, discriminatorio, molesto, diffamatorio o inappropriato. Nel caso in cui, per l archiviazione o la trasmissione di informazioni sensibili e confidenziali, fosse necessario l uso della crittografia, dovranno essere rispettate le normative locali, interne ed esterne. Le caselle di posta elettronica, sia di tipo nominativo sia di servizio, sono strumenti di lavoro; pertanto, le comunicazioni elettroniche a scopo personale, non inerenti l attività lavorativa, devono essere limitate al minimo indispensabile e non devono in alcun modo pregiudicare lo svolgimento dell'attività lavorativa stessa. I Dipendenti non possono accedere, senza le previste autorizzazioni, a luoghi o a sistemi protetti che non siano correlati alle proprie attività lavorative e responsabilità e sono tenuti a segnalare ogni sospetto di utilizzo improprio o di furto dei beni aziendali. 5 UniCredit Group - Internal Use Only

7 3.3 TUTELA DELLA PROPRIETÀ INTELLETTUALE Molti paesi tutelano giuridicamente la proprietà intellettuale, inclusi i diritti d autore, le licenze, i marchi e i segreti industriali. Tale tutela si estende alle terze parti ed al materiale che i Dipendenti possono sviluppare o creare nel periodo lavorativo. I Dipendenti sono tenuti a rispettare gli obblighi in materia di proprietà intellettuale. 3.4 SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO Il Gruppo intende promuovere una cultura della salute e della sicurezza sul luogo di lavoro, ed intende svolgere le proprie attività in conformità alle relative disposizioni normative. Anche i Dipendenti sono tenuti al rispetto di dette disposizioni. 3.5 DISCLOSURE DEGLI INTERESSI PERSONALI O DI ALTRE INFORMAZIONI SIGNIFICATIVE Ai Dipendenti viene richiesto di informare la propria società, attraverso i relativi responsabili, la funzione HR, la funzione di Compliance o la funzione locale ritenuta più idonea (in conformità alle disposizioni locali), in merito a qualsivoglia interesse personale o in merito ad altre informazioni che possano essere significative per il Gruppo, ai fini della gestione dei conflitti di interesse e del rispetto degli obblighi derivanti dalle disposizioni di legge locali (ad esempio, la nomina quale membro di un organo aziendale presso una società non appartenente al Gruppo potrebbe comportare un conflitto di interessi). Ciascuna società assicura che tali informazioni siano conservate ed utilizzate esclusivamente per le finalità per cui siano state richieste. 3.6 SICUREZZA PERSONALE NEI VIAGGI DI LAVORO I Dipendenti temporaneamente ubicati all estero, così come quelli che viaggiano per lavoro, devono rispettare le disposizioni di legge e regolamentari, nonché le procedure e le raccomandazioni legate ai viaggi stabilite dal Gruppo. 4 REGOLE DI COMPORTAMENTO NEI RAPPORTI CON L'ESTERNO 4.1 RAPPORTI CON IL PUBBLICO, CON LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE, CON LE AUTORITA E CON I MEDIA Il Gruppo garantisce che i rapporti e le comunicazioni con il pubblico, la pubblica amministrazione, le autorità e i media siano gestiti in conformità alle disposizioni normative interne ed esterne. Tali rapporti e comunicazioni devono essere improntati al rispetto dei principi di veridicità, accuratezza, correttezza e trasparenza. 4.2 RAPPORTI CON I CLIENTI, I FORNITORI E I CONSULENTI Nell ottica del costante orientamento ai clienti, il Gruppo intende fermamente garantire che i relativi rapporti siano gestiti, oltre che in conformità alle normative interne ed esterne, nel rispetto dei principi di professionalità, trasparenza, disponibilità e riservatezza. Gli stessi principi guidano il Gruppo nelle proprie relazioni con i fornitori e con i consulenti, che devono essere selezionati sulla base di regole e processi finalizzati a valutazioni obiettive di professionalità, competenza, economicità, correttezza e trasparenza. A tal proposito, i Dipendenti che fanno ricorso a soggetti terzi devono conoscere e rispettare le indicazioni di Gruppo in materia. 6 UniCredit Group - Internal Use Only

8 4.3 RAPPORTI CON LE ORGANIZZAZIONI POLITICHE E vietato erogare, in nome e/o per conto del Gruppo, contributi, diretti o indiretti, sotto qualsiasi forma, a partiti politici, movimenti, comitati od organizzazioni politiche ed ai loro rappresentanti e candidati. Da tale divieto sono esclusi eventuali contributi dovuti in base alla legge locale. 4.4 DIPENDENTI CHE RICOPRONO CARICHE PUBBLICHE O POLITICHE I Dipendenti che ricoprono cariche pubbliche o politiche, che possano incidere sull'attività lavorativa, sono tenuti ad informare la propria società e a concordare con la stessa le modalità più opportune per la gestione di detta carica, affinché la stessa non interferisca o sia in conflitto con l'attività prestata a favore del Gruppo in termini di tempo, impegno ed uso dei beni e delle informazioni aziendali. 4.5 DELEGA DI POTERI I Dipendenti possono agire per conto del Gruppo nei limiti consentiti dalla legge, dalle disposizioni statutarie, dalle decisioni degli organi di supervisione strategica e di gestione (ad esempio, tramite la delega di poteri) e dalle normative interne a ciascuna società. I Dipendenti sono tenuti a conoscere i limiti delle proprie facoltà di rappresentanza e non possono intraprendere azioni che eccedano tali limiti. La delega di poteri deve essere chiara, specifica, nonché autorizzata dagli organi competenti della società e soggetta ad un periodico controllo e a supervisione. 4.6 DISCIPLINA ANTICORRUZIONE Il Gruppo non tollera atti di corruzione e, pertanto, non è consentito dare, offrire, promettere, ricevere, accettare, richiedere o sollecitare denaro o altre utilità al fine di ottenere o mantenere un indebito vantaggio nello svolgimento delle attività lavorative; ciò indipendentemente dal fatto che il destinatario di tale atto sia un pubblico ufficiale o un privato cittadino e a prescindere dalla sua nazionalità, dal luogo in cui tale atto è compiuto o dal fatto che il risultato di tale atto comporti un effettivo indebito vantaggio o una prestazione impropria da parte di una funzione o di un attività. I Dipendenti possono segnalare gli atti di corruzione anche attraverso i canali istituiti per la segnalazione dei comportamenti illegittimi o attraverso gli altri canali istituiti dalla propria Società. 4.7 DONAZIONI Le disposizioni di legge applicabili spesso vietano o limitano i contributi aziendali diretti in moneta o in natura. Qualsiasi donazione aziendale deve, pertanto, essere conforme alle disposizioni normative interne ed esterne. 4.8 OMAGGI ED INTRATTENIMENTI Gli omaggi e gli intrattenimenti, pur essendo tesi a promuovere, mantenere e rafforzare relazioni d'affari, potrebbero essere percepiti come atti di corruzione specialmente qualora il valore o la natura degli stessi non siano proporzionati o ragionevoli rispetto alle circostanze in cui sono elargiti. I Dipendenti sono tenuti a prestare attenzione sia quando ricevono sia quando offrono omaggi e intrattenimenti nonché a rispettare le procedure locali per la relativa approvazione e registrazione. 4.9 DISCIPLINA ANTIRICICLAGGIO E SANZIONI FINANZIARIE Il riciclaggio di denaro è il processo con il quale persone o società mirano a nascondere l origine e la titolarità di proventi di attività illegali, in modo da far apparire la loro origine come lecita. Il finanziamento del terrorismo può altresì implicare il riciclaggio di denaro. Il rischio di incorrere in attività di riciclaggio può essere presente non solo nei rapporti con nuovi clienti ma anche nei rapporti con quelli già acquisiti. Costituiscono reato sia il concorso in attività di riciclaggio che il fornire informazioni a persone sospettate di riciclaggio. In alcuni paesi, costituisce altresì reato la 7 UniCredit Group - Internal Use Only

9 mancata segnalazione del ragionevole sospetto di riciclaggio di denaro. Il Gruppo è impegnato nella lotta al riciclaggio ed al crimine finanziario e, attraverso un programma antiriciclaggio, intende gestire i potenziali rischi legali e reputazionali ad esso connessi. In aggiunta ai Dipendenti vengono richiesti la conoscenza ed il rispetto dei programmi in materia di sanzioni finanziarie applicabili. Il Gruppo intente rispettare le disposizioni di legge in materia di sanzioni finanziarie applicando, laddove appropriato, le restrizioni definite per le attività di business che coinvolgano determinati paesi, organizzazioni, individui, società o beni. I Dipendenti sono altresì tenuti a rispettare le procedure in materia Know Your Customer della propria società e le altre indicazioni di Gruppo in materia di antiriciclaggio e di sanzioni finanziarie, emanate per soddisfare i requisiti normativi e per ridurre al minimo il rischio per il sistema finanziario globale, per il Gruppo e per i Dipendenti PREVENZIONE DEGLI ABUSI DI MERCATO Generalmente l abuso di mercato si configura come qualsiasi comportamento posto in essere in relazione a strumenti finanziari ammessi alla negoziazione su un mercato (o la cui richiesta di ammissione alla negoziazione sia già stata avanzata) e che prevede l abuso di informazione privilegiata (insider trading), l impropria diffusione di informazione privilegiata, l uso improprio di informazioni, la manipolazione del mercato attraverso operazioni simulate, la manipolazione del mercato attraverso altri artifizi, la diffusione di informazioni false o fuorvianti o qualsiasi comportamento fuorviante o distorsione del mercato. L abuso di mercato può costituire sia reato sia illecito amministrativo. Il Gruppo proibisce la commissione di abusi di mercato e si impegna a prevenirli; a tal fine, si è dotato di sistemi volti alla loro identificazione PERSONAL TRADING Il Gruppo raccomanda ai Dipendenti di evitare investimenti personali che possano comportare rischi reputazionali o confliggere con un interesse del Gruppo o che implicano l uso, l abuso o la divulgazione scorretta delle informazioni confidenziali riguardanti clienti o loro operazioni. Il Gruppo, inoltre, ricorda ai Dipendenti di svolgere, entro i limiti imposti dalle disposizioni di legge locali e dalla normativa interna di Gruppo, attività di negoziazione in maniera responsabile e ragionevole, secondo le proprie disponibilità finanziarie, incoraggiando investimenti di lungo termine e disincentivando negoziazioni di carattere speculativo TUTELA DELLA CONCORRENZA La normativa in materia di concorrenza disciplina l esercizio del potere di mercato, nel rispetto del principio di un economia di mercato aperta e di libera concorrenza, incoraggiandone altresì efficienza e innovazione. Sono proibite le attività commerciali tra società, governi o altre entità economiche e/o gli accordi volti a prevenire, restringere o distorcere la concorrenza. La normativa in questione disciplina, inter alia, gli accordi che violano la concorrenza, l abuso di posizione dominante, le concentrazioni e gli aiuti di stato. Gli accordi che violano la normativa in materia di concorrenza sono nulli e non tutelabili in giudizio e, in alcune circostanze, costituiscono reato. Detti accordi possono altresì comportare responsabilità nei confronti dei soggetti che abbiano subito perdite e comportare l applicazione di pesanti ammende. Il Gruppo, pertanto, proibisce quelle attività che violano la normativa in materia di concorrenza e richiede ai Dipendenti di conoscere e rispettare dette normative; pertanto, è fatto loro divieto di: negoziare accordi su prezzi, prodotti o servizi o spartizioni di quote di mercato con i concorrenti; divulgare, al di fuori del Gruppo, l identità dei clienti effettivi o potenziali, i loro dati di business o qualsiasi altra informazione trattata dal Gruppo relativa ai clienti stessi; 8 UniCredit Group - Internal Use Only

10 stringere accordi che costringano un cliente/controparte ad avere una relazione con il Gruppo in forma esclusiva o che limitino la sua possibilità di fare operazioni con la concorrenza; stringere accordi con terze parti che implichino limitazioni di prezzo; oppure partecipare a incontri con i concorrenti in cui vengano scambiate informazioni che potrebbero rivelare condotte o strategie future o in cui potrebbero acquisire, in maniera illegale o impropria, informazioni in relazione al mercato o alla concorrenza. 5 CONTABILITA' E CONTROLLO La presenza di libri e registri accurati e completi è fondamentale per l integrità e il funzionamento dell attività di Gruppo. Il Gruppo si è dotato di regolamenti interni e procedure per i controlli contabili interni e per la conservazione dei registri, al fine di adempiere ai requisiti legali e di business per mantenere libri e registri accurati e completi per il periodo di tempo stabilito dalla legge. Tale principio si applica a qualsiasi registrazione richiesta dalla normativa fiscale. E proibita la falsificazione di libri, registri o dati contabili inerenti il business del Gruppo, i suoi clienti o i suoi fornitori (compresa la presentazione di qualsiasi falsa richiesta di rimborso spese fatte a titolo personale). Errori, omissioni e falsificazioni devono essere tempestivamente riportati al proprio responsabile, al CFO della propria società e, se appropriato, alla funzione Compliance della propria società. I documenti o i registri che possono essere di rilievo per procedimenti legali, fiscali o regolamentari (in corso o minacciati), devono essere accuratamente conservati; la loro distruzione infatti può comportare sanzioni penali e civili. E importante che l archiviazione della documentazione inerente le Autorità di Vigilanza, da parte del Gruppo, avvenga in maniera accurata e tempestiva. Le informazioni fornite ai soggetti coinvolti nella predisposizione delle comunicazioni di Gruppo alle Autorità di Vigilanza e agli investitori devono essere complete, accurate e puntuali. 6 TASSAZIONE Il Gruppo non può intraprendere operazioni, investimenti, prodotti e altre iniziative con l intento di evitare e/o di eludere le tasse, oppure di ottenere vantaggi fiscali indebiti in violazione della legge. Le attività intraprese dal Gruppo devono essere fondate su motivazioni economiche significanti (scopi di business leali). E severamente vietato intraprendere operazioni aventi come fine quello di aggirare le previsioni fiscali, oppure di ottenere una riduzione o un reintegro delle tasse, altrimenti non dovuto. I Dipendenti non posso acquistare o offrire, sia in forma scritta che verbale, investimenti, prodotti e altre operazioni che abbiano quale fondamento un mero beneficio fiscale per i clienti e per altre controparti. Le informazioni fornite alle autorità fiscali e agli altri organi rilevanti devono essere complete, corrette e veritiere. E vietato ritardare e ostacolare le attività poste in essere da dette autorità nel corso di attività di audit in materia fiscale o durante le ispezioni. Le dichiarazioni dei redditi e qualsiasi altro modulo richiesto dalla normativa fiscale devono essere presentati entro le scadenze al fine di evitare multe. 7 REVISIONE DEL CODICE DI CONDOTTA Il Codice è gestito ed aggiornato con regolarità dalla Funzione Global Compliance Policy Coordination di Capogruppo relativamente ad eventuali mutate circostanze e sottoposto a revisione con cadenza biennale. 9 UniCredit Group - Internal Use Only

Segnalazione di Comportamenti Illegittimi

Segnalazione di Comportamenti Illegittimi Segnalazione di Comportamenti Illegittimi (Whistleblowing) Global Policy Competence Line Responsabile: Legal & Compliance Data: agosto 2013 Unit: Global Compliance Policy Coordination Versione: 2 Global

Dettagli

LA PICCOLA CASA DEL RIFUGIO Ente Morale R. D. 13 Ottobre 1885 Via Antonini 3, 20141, Milano

LA PICCOLA CASA DEL RIFUGIO Ente Morale R. D. 13 Ottobre 1885 Via Antonini 3, 20141, Milano Residenza Sanitario - assistenziale per Anziani (RSA) Residenza Sanitario - assistenziale per Disabili (RSD) Centro Diurno Integrato per Anziani (CDI) CODICE ETICO Approvato il 1 dicembre 2014 LA PICCOLA

Dettagli

Telecom Italia S.p.A. Piazza degli Affari, 2 20123 - Milano www.telecomitalia.com

Telecom Italia S.p.A. Piazza degli Affari, 2 20123 - Milano www.telecomitalia.com CODICE ETICO E DI CONDOTTA DEL GRUPPO TELECOM ITALIA 3 Ottobre 2013 Telecom Italia S.p.A. Piazza degli Affari, 2 20123 - Milano www.telecomitalia.com SOMMARIO Principi Generali 6 I nostri Valori 7 I nostri

Dettagli

VICINI S.p.A. CODICE ETICO

VICINI S.p.A. CODICE ETICO VICINI S.p.A. CODICE ETICO INDICE 1. PREMESSA 2. AMBITO DI APPLICAZIONE 3. PRINCIPI DI RIFERIMENTO E NORME DI COMPORTAMENTO 4. EFFICACIA DEL CODICE ETICO E SUE VIOLAZIONI 1. PREMESSA Il presente Codice

Dettagli

C.R.P. S.R.L. CENTRO RADIOLOGICO POLISPECIALISTICO CODICE ETICO

C.R.P. S.R.L. CENTRO RADIOLOGICO POLISPECIALISTICO CODICE ETICO C.R.P. S.R.L. CENTRO RADIOLOGICO POLISPECIALISTICO CODICE ETICO Sommario PREMESSA... 1 1 - MISSIONE DEL CENTRO... 2 2 - VALORI ETICI - SOCIALI... 3 3 - CONDUZIONE DEGLI AFFARI... 4 3.1 Principi generali...

Dettagli

WHISTLEBLOWING POLICY DI STP BARI Procedura per le segnalazioni d illeciti e irregolarità

WHISTLEBLOWING POLICY DI STP BARI Procedura per le segnalazioni d illeciti e irregolarità WHISTLEBLOWING POLICY DI STP BARI Procedura per le segnalazioni d illeciti e irregolarità 1. FONTE NORMATIVA E NATURA DELL ISTITUTO L art. 1, comma 51, della legge 190/2012 (cd. legge anticorruzione) ha

Dettagli

MEDIOLANUM S.p.A. Codice Etico

MEDIOLANUM S.p.A. Codice Etico MEDIOLANUM S.p.A. Codice Etico INDICE PREMESSA... 5 CAPO I... 6 DISPOSIZIONI GENERALI... 6 Art. 1...6 Ambito di applicazione e Destinatari...6 Art. 2...6 Principi generali...6 Art. 3...7 Comunicazione...7

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE DEL CODICE ETICO

REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE DEL CODICE ETICO REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE DEL CODICE ETICO Testo licenziato dalla Commissione Amministrativa nella riunione del 26 settembre 2013 ed approvato dal Consiglio di Amministrazione nella riunione del 4 ottobre

Dettagli

D.Lgs. 231/01 Normativa e Modello di organizzazione Sispi Codice Etico

D.Lgs. 231/01 Normativa e Modello di organizzazione Sispi Codice Etico 1. Principi generali La Sispi S.p.A., persegue la sua missione aziendale attraverso lo svolgimento di attività che hanno impatto sulla vita della collettività oltreché dei singoli. In tale percorso l esigenza

Dettagli

SECONDO REGOLE DI COMPORTAMENTO NELLE RELAZIONI ESTERNE SEZIONE I

SECONDO REGOLE DI COMPORTAMENTO NELLE RELAZIONI ESTERNE SEZIONE I CODICE ETICO CODICE ETICO SOMMARIO CAPO PRIMO Valori Aziendali Principi Etici CAPO SECONDO REGOLE DI COMPORTAMENTO NELLE RELAZIONI ESTERNE SEZIONE I - Rapporti con i clienti SEZIONE II - Rapporti con i

Dettagli

1/2 (e non può comunque essere superiore ad Euro 103.291,38)

1/2 (e non può comunque essere superiore ad Euro 103.291,38) FAQ sul MOG 1. Che cos è il D. Lgs. 231/2001? Il D. Lgs. 231/2001 entrato in vigore il 4 luglio 2001, individua le disposizioni normative concernenti la disciplina della responsabilità amministrativa delle

Dettagli

CODICE ETICO. Emissione 01 : G2008-050R01E01-JAC/MAZ/rc Milano, 3 Giugno 2008. Emissione 02 : G2015-032R01E01-JAC/MAZ/sc Milano, 30 Aprile 2015

CODICE ETICO. Emissione 01 : G2008-050R01E01-JAC/MAZ/rc Milano, 3 Giugno 2008. Emissione 02 : G2015-032R01E01-JAC/MAZ/sc Milano, 30 Aprile 2015 CODICE ETICO Emissione 01 : G2008-050R01E01-JAC/MAZ/rc Milano, 3 Giugno 2008 Emissione 02 : G2015-032R01E01-JAC/MAZ/sc Milano, 30 Aprile 2015 (revisione approvata con delibera del Consiglio di Amministrazione

Dettagli

CODICEETICO EDICONDOTTA

CODICEETICO EDICONDOTTA CODICEETICO EDICONDOTTA Dicembre2013 CODICE ETICO E DI CONDOTTA DEL GRUPPO ALMAVIVA ARTICOLO 1 - PREMESSA Il presente Codice Etico e di Condotta (Codice) definisce i principi etici di riferimento e le

Dettagli

CODICE ETICO. DI ANTHILIA CAPITAL PARTNERS SGR S.p.A.

CODICE ETICO. DI ANTHILIA CAPITAL PARTNERS SGR S.p.A. CODICE ETICO DI ANTHILIA CAPITAL PARTNERS SGR S.p.A. Versione valida dal 1 gennaio 2015 INDICE Parte I PREMESSA ED OBIETTIVI Art. 1 Destinatari Art. 2 Principi Generali Art. 3 Riservatezza Art. 4 Imparzialità

Dettagli

GRUPPO EDITORIALE L'ESPRESSO S.p.A. Procedura per Ia gestione e Ia comunicazione al pubblico delle informazioni privilegiate

GRUPPO EDITORIALE L'ESPRESSO S.p.A. Procedura per Ia gestione e Ia comunicazione al pubblico delle informazioni privilegiate GRUPPO EDITORIALE L'ESPRESSO S.p.A. Procedura per Ia gestione e Ia comunicazione al pubblico delle informazioni privilegiate aggiornamento gennaio 2013 Indice Pag. 1. Premessa....3 2. Informazioni da fornire

Dettagli

MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO ex D.Lgs. 231/2001 CODICE ETICO. Revisione 11.12.2014 Pag. 1/8 Codice Etico

MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO ex D.Lgs. 231/2001 CODICE ETICO. Revisione 11.12.2014 Pag. 1/8 Codice Etico CODICE ETICO Revisione 11.12.2014 Pag. 1/8 Codice Etico Revisionato e approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 11.12.2014 INDICE PREMESSA pag. 04 1. Ambito di applicazione pag. 05 2. Valore contrattuale

Dettagli

Codice Etico del Gruppo Poste Italiane

Codice Etico del Gruppo Poste Italiane Codice Etico del Gruppo Poste Italiane 28 settembre 2009 Approvato nell adunanza del 28 settembre 2009 del Consiglio di Amministrazione Indice 1. PREMESSA E OBIETTIVI............................. 2 2.

Dettagli

CAPO V... 5. SISTEMA SANZIONATORIO... 5 Art. 13 Applicazione dei provvedimenti... 5

CAPO V... 5. SISTEMA SANZIONATORIO... 5 Art. 13 Applicazione dei provvedimenti... 5 Sommario PREMESSA... 2 CAPO I... 3 DISPOSIZIONI GENERALI... 3 Art. 1 - Ambito di applicazione e Destinatari 3 Art. 2 - Principi generali... 3 Art. 3 - Comunicazione... 3 Art. 4 - Responsabilità... 3 Art.

Dettagli

Premessa. STIMA S.p.A. si impegna a diffondere il contenuto di questo Codice a quanti entreranno in relazione con l azienda.

Premessa. STIMA S.p.A. si impegna a diffondere il contenuto di questo Codice a quanti entreranno in relazione con l azienda. Codice Etico Premessa Il Codice Etico STIMA S.p.A. individua i valori aziendali, evidenziando l insieme dei diritti, dei doveri e delle responsabilità di tutti coloro che, a qualsiasi titolo, operano nella

Dettagli

CODICE ETICO DI BROTHER ITALIA S.P.A. (Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 20/03/2012)

CODICE ETICO DI BROTHER ITALIA S.P.A. (Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 20/03/2012) CODICE ETICO DI BROTHER ITALIA S.P.A. (Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 20/03/2012) INDICE - PREMESSA -... 2 CAPO I... 3 - DISPOSIZIONI GENERALI -... 3 1. I Destinatari... 3 CAPO II...

Dettagli

POLIS FONDI IMMOBILIARI DI BANCHE POPOLARI SGR.p.A. CODICE ETICO E DI CONDOTTA. Novembre 2012

POLIS FONDI IMMOBILIARI DI BANCHE POPOLARI SGR.p.A. CODICE ETICO E DI CONDOTTA. Novembre 2012 POLIS FONDI IMMOBILIARI DI BANCHE POPOLARI SGR.p.A. CODICE ETICO E DI CONDOTTA Novembre 2012 Premessa 1. Il Codice etico aziendale contiene i principi di comportamento per la conduzione dell attività di

Dettagli

WHISTLEBLOWING POLICY

WHISTLEBLOWING POLICY WHISTLEBLOWING POLICY Allegato C Procedura per le segnalazioni di illeciti e irregolarità 1. FONTE NORMATIVA E NATURA DELL ISTITUTO L art. 1, comma 51, della legge 190/2012 (cd. legge anticorruzione) ha

Dettagli

Procedura per le segnalazioni di illeciti e irregolarità

Procedura per le segnalazioni di illeciti e irregolarità CITTA DI CASTENASO Provincia di Bologna Procedura per le segnalazioni di illeciti e irregolarità 1. FONTE NORMATIVA E NATURA DELL ISTITUTO L art. 1, comma 51, della legge 190/2012 (cd. legge anticorruzione)

Dettagli

Policy segnalazioni anomalie (Whistleblowing)

Policy segnalazioni anomalie (Whistleblowing) Policy segnalazioni anomalie Versione: 1.0 Data: Tipo documento: Policy Pagina 1 di 12 Titolo documento: Policy Segnalazioni anomalie Indice 1 INTRODUZIONE... 3 1.1 EXECUTIVE SUMMARY... 3 1.2 GLOSSARIO...

Dettagli

Procedura per la segnalazione di illeciti e irregolarità (whistleblowing)

Procedura per la segnalazione di illeciti e irregolarità (whistleblowing) Procedura per la segnalazione di illeciti e irregolarità (whistleblowing) 1. FONTE NORMATIVA E NATURA DELL ISTITUTO L art. 1, comma 51, della legge 190/2012 (cd. legge anticorruzione) ha inserito un nuovo

Dettagli

QUICKTOP S.r.l. Modello Organizzativo, di Gestione e Controllo ai sensi del D.Lgs 231/2001 INDICE CODICE ETICO

QUICKTOP S.r.l. Modello Organizzativo, di Gestione e Controllo ai sensi del D.Lgs 231/2001 INDICE CODICE ETICO QUICKTOP S.r.l. Modello Organizzativo, di Gestione e Controllo ai sensi del D.Lgs 231/2001 INDICE CODICE ETICO 1 PREMESSE 2 OBIETTIVO 3 STRUTTURA DEL CODICE ETICO E AMBITO DI APPLICAZIONE 4 I PRINCIPI

Dettagli

CODICE DI CONDOTTA FORNITORI

CODICE DI CONDOTTA FORNITORI Data: 1/08/2013 Edizione n 1 rev. 0 Destinatario: Copia n Direzione HR REDAZIONE E VERIFICA APPROVAZIONE Rappresentante della Direzione COPIA ELETTRONICA CONTROLLATA, COPIA CARTACEA NON CONTROLLATA CODICE

Dettagli

POLICY SEGNALAZIONI ANOMALIE (WHISTLEBLOWING)

POLICY SEGNALAZIONI ANOMALIE (WHISTLEBLOWING) POLICY SEGNALAZIONI ANOMALIE (WHISTLEBLOWING) INDICE 1. Premessa 2. Scopo e ambito di applicazione 3. Definizioni 4. Riferimenti normativi 5. Governo della policy 6. Segnalazioni relative a presunte violazioni

Dettagli

CODICE ETICO DI OPEN SERVICE S.r.l.

CODICE ETICO DI OPEN SERVICE S.r.l. CODICE ETICO DI OPEN SERVICE S.r.l. INDICE Soggetti destinatari (art. 1) Oggetto (art. 2) Comportamento della Società (art. 3) Principi base nel comportamento (art. 4) 4.1 Responsabilità 4.2 Utilizzo dei

Dettagli

Codice Nestlé di Condotta Aziendale

Codice Nestlé di Condotta Aziendale Codice Nestlé di Condotta Aziendale Introduzione Dalla sua fondazione, Nestlé ha adottato prassi aziendali rette da integrità, onestà, correttezza e dal rispetto di tutte le leggi applicabili. I dipendenti

Dettagli

RAPPORTI IN CONCESSIONE P. 4 PUBBLICA AMMINISTRAZIONE P. 5 AZIONISTI E COMUNITÀ FINANZIARIA P. 5 COMPORTAMENTO NELLA GESTIONE AMMINISTRATIVA P.

RAPPORTI IN CONCESSIONE P. 4 PUBBLICA AMMINISTRAZIONE P. 5 AZIONISTI E COMUNITÀ FINANZIARIA P. 5 COMPORTAMENTO NELLA GESTIONE AMMINISTRATIVA P. CODICE ETICO SOMMARIO PRINCIPI GENERALI P. 3 RAPPORTI CON I TERZI P. 3 RISORSE UMANE P. 3 CLIENTI P. 4 FORNITORI P. 4 RAPPORTI IN CONCESSIONE P. 4 PUBBLICA AMMINISTRAZIONE P. 5 AZIONISTI E COMUNITÀ FINANZIARIA

Dettagli

PROCEDURA PER LE SEGNALAZIONI DI ILLECITI E IRREGOLARITÀ (WHISTLEBLOWING)

PROCEDURA PER LE SEGNALAZIONI DI ILLECITI E IRREGOLARITÀ (WHISTLEBLOWING) PROCEDURA PER LE SEGNALAZIONI DI ILLECITI E IRREGOLARITÀ (WHISTLEBLOWING) 1. FONTE NORMATIVA E NATURA DELL ISTITUTO L art. 1, comma 51, della legge n. 190/2012 (cd. legge anticorruzione) ha inserito un

Dettagli

PARTE SPECIALE D REATI SOCIETARI

PARTE SPECIALE D REATI SOCIETARI PARTE SPECIALE D REATI SOCIETARI INDICE D.1. DESTINATARI DELLA PARTE SPECIALE E PRINCIPI GENERALI DI COMPORTAMENTO... 3 D.2. AREE POTENZIALMENTE A RISCHIO E PRINCIPI DI CONTROLLO PREVENTIVO... 5 D.3. COMPITI

Dettagli

CODICE ETICO CEMENTIROSSI S.P.A.

CODICE ETICO CEMENTIROSSI S.P.A. CODICE ETICO CEMENTIROSSI S.P.A. Cementirossi INDICE 1. Introduzione 2. Principi etici generali 2.1 Legalità 2.2 Correttezza 2.3 Trasparenza 3. Relazioni con il personale 4. Relazioni con i fornitori 5.

Dettagli

A. Principi di Condotta

A. Principi di Condotta Introduzione Il Gruppo Oerlikon (di seguito denominato Oerlikon ) detiene una posizione unica di leader mondiale nella fornitura di tecnologie, prodotti e servizi all avanguardia. I nostri prodotti e le

Dettagli

CODICE ETICO DI AMBIENTE ITALIA SRL

CODICE ETICO DI AMBIENTE ITALIA SRL DI AMBIENTE ITALIA SRL Q-D-02-03 SISTEMA GESTIONE QUALITA Gennaio 2013 Sistema di gestione per la qualità certificato da DNV UNI EN ISO 9001:2008 CERT-12313-2003-AQ-MIL-SINCERT Sistema di gestione ambientale

Dettagli

REGOLE DI COMPORTAMENTO

REGOLE DI COMPORTAMENTO REGOLE DI COMPORTAMENTO Missione e valori La Finprest Srl, agente in attività finanziaria con iscrizione BANCA D ITALIA nr. A7739, opera nel settore del credito al consumo mediante concessione di finanziamenti

Dettagli

Codice Etico Ducati. I rapporti di Ducati con le istituzioni pubbliche sono basati sulla trasparenza, la correttezza e la collaborazione.

Codice Etico Ducati. I rapporti di Ducati con le istituzioni pubbliche sono basati sulla trasparenza, la correttezza e la collaborazione. Codice Etico Ducati Premessa Ducati 1 è una realtà a vocazione internazionale che opera all insegna della costante ricerca del primato, nelle piste e nell innovazione tecnologica, così come nel rispetto

Dettagli

PROTOCOLLO. Revisione 00. 1 settembre 2015. Pagine 1 di 6. REVISIONE REDAZIONE VERIFICA e CONTROLLO APPROVAZIONE. Data della revisione

PROTOCOLLO. Revisione 00. 1 settembre 2015. Pagine 1 di 6. REVISIONE REDAZIONE VERIFICA e CONTROLLO APPROVAZIONE. Data della revisione Pagine 1 di 6 PER LA SEGNALAZIONE DI ILLECITI E IRREGOLARITA (WHISTLEBLOWING) REVISIONE REDAZIONE VERIFICA e CONTROLLO APPROVAZIONE Data della revisione Causale della revisione RAQ Bolgia Cristina RPC

Dettagli

FONDAZIONE PIEMONTESE PER LA RICERCA SUL CANCRO - ONLUS. Modello di organizzazione, gestione e controllo ai sensi del D. Lgs.

FONDAZIONE PIEMONTESE PER LA RICERCA SUL CANCRO - ONLUS. Modello di organizzazione, gestione e controllo ai sensi del D. Lgs. FONDAZIONE PIEMONTESE PER LA RICERCA SUL CANCRO - ONLUS Modello di organizzazione, gestione e controllo ai sensi del D. Lgs. 231/2001 MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO AI SENSI DEL D. LGS.

Dettagli

KEY SOLUTION S.R.L. IL CODICE ETICO E DISCIPLINARE DI COMPORTAMENTO SOMMARIO: 1. Premessa. 2. I principi generali. 3. Il Sistema di controllo interno.

KEY SOLUTION S.R.L. IL CODICE ETICO E DISCIPLINARE DI COMPORTAMENTO SOMMARIO: 1. Premessa. 2. I principi generali. 3. Il Sistema di controllo interno. KEY SOLUTION S.R.L. IL CODICE ETICO E DISCIPLINARE DI COMPORTAMENTO SOMMARIO: 1. Premessa. 2. I principi generali. 3. Il Sistema di controllo interno. 4. I rapporti con i Dipendenti e con i Collaboratori.

Dettagli

Codice di Condotta dei Fornitori della Colgate-Palmolive Company

Codice di Condotta dei Fornitori della Colgate-Palmolive Company Codice di Condotta dei Fornitori della Colgate-Palmolive Company Stimato fornitore di Colgate, nel corso degli anni Colgate-Palmolive Company ha costruito la sua reputazione fondata su processi aziendali

Dettagli

Principi Guida per i Fornitori

Principi Guida per i Fornitori Principi Guida per i Fornitori Coca-Cola HBC SA e le sue controllate e partecipate (qui di seguito Coca-Cola Hellenic o collettivamente la Società ), quale organizzazione molto attenta al rispetto dell

Dettagli

CODICE ETICO. LA CASCINA Soc. Coop. p.a. D. Lgs. 231/01

CODICE ETICO. LA CASCINA Soc. Coop. p.a. D. Lgs. 231/01 CODICE ETICO LA CASCINA Soc. Coop. p.a. D. Lgs. 231/01 INDICE INTRODUZIONE 3 1. PRINCIPI GENERALI 3 2. GESTIONE DEGLI AFFARI 4 3. AMMINISTRAZIONE DELLA SOCIETÀ 5 4. RAPPORTI CON I TERZI 6 5. TUTELA DELLA

Dettagli

Castenaso, 15/10/2014 CODICE ETICO

Castenaso, 15/10/2014 CODICE ETICO 1 CODICE ETICO INDICE 2 - INTRODUZIONE E DESTINATARI. - VALORI. - PRINCIPI FONDAMENTALI. - RAPPORTI CON: Personale e collaboratori; Terzi. - SANZIONI DISCIPLINARI. INTRODUZIONE E DESTINATARI. TEMA RICERCA

Dettagli

Modello di organizzazione ex D.Lgs. n. 231/01. Codice etico e di comportamento

Modello di organizzazione ex D.Lgs. n. 231/01. Codice etico e di comportamento Modello di organizzazione ex D.Lgs. n. 231/01 Codice etico e di comportamento Sommario 1. Principi generali 3 1.1 1.2 1.3 Preambolo Destinatario Gli obblighi e doveri dei destinatari 3 3 3 2. Politiche

Dettagli

IL SEGRETARIO GENERALE. OGGETTO: procedura di segnalazione degli illeciti da parte del dipendente (cd. Whistleblower)

IL SEGRETARIO GENERALE. OGGETTO: procedura di segnalazione degli illeciti da parte del dipendente (cd. Whistleblower) IL SEGRETARIO GENERALE a tutto il personale dipendente p.c. Presidente della Provincia OGGETTO: procedura di segnalazione degli illeciti da parte del dipendente (cd. Whistleblower) L art. 1, comma 51,

Dettagli

NORME COMPORTAMENTALI E CODICE ETICO PER DIPENDENTI, FUNZIONARI E DIRETTORI DI MOHAWK INDUSTRIES, INC.

NORME COMPORTAMENTALI E CODICE ETICO PER DIPENDENTI, FUNZIONARI E DIRETTORI DI MOHAWK INDUSTRIES, INC. NORME COMPORTAMENTALI E CODICE ETICO PER DIPENDENTI, FUNZIONARI E DIRETTORI DI MOHAWK INDUSTRIES, INC. Enti in Europa e in Asia OBIETTIVO Gentili dipendenti della Società, funzionari e dirigenti: Il presente

Dettagli

Comunicazione del nostro CEO

Comunicazione del nostro CEO Comunicazione del nostro CEO Coltivare e conservare la fiducia nei nostri rapporti professionali e perseguire i massimi standard etici rimangono due aspetti fondamentali dei valori chiave della nostra

Dettagli

Il presente testo è la traduzione di un documento in lingua inglese e viene fornito esclusivamente per agevolare la consultazione. Diritti e obblighi

Il presente testo è la traduzione di un documento in lingua inglese e viene fornito esclusivamente per agevolare la consultazione. Diritti e obblighi Il presente testo è la traduzione di un documento in lingua inglese e viene fornito esclusivamente per agevolare la consultazione. Diritti e obblighi dovranno conformarsi sotto tutti gli aspetti al testo

Dettagli

Modello di ORGANIZZAZIONE GESTIONE e CONTROLLO

Modello di ORGANIZZAZIONE GESTIONE e CONTROLLO Pag. 1 di 8 Consorzio Train Modello di ORGANIZZAZIONE GESTIONE e CONTROLLO conforme ai requisiti del D.lgs. 8 giugno 2001, n. 231, e smi Codice Etico Pag. 2 di 8 CAPITOLO 1 INTRODUZIONE 1.1 FINALITA, CONTENUTI

Dettagli

CODICE ETICO AI SENSI DEL D.LGS. 231/2001

CODICE ETICO AI SENSI DEL D.LGS. 231/2001 CODICE ETICO AI SENSI DEL D.LGS. 231/2001 Approvato dal CdA 15 dicembre 2010 INDICE 1. I PRINCIPI DI TORRICELLI S.R.L.... 5 1.1 Principi generali... 5 1.2 Selezione, gestione e formazione delle risorse

Dettagli

CODICE ETICO GRUPPO ESPRESSO

CODICE ETICO GRUPPO ESPRESSO CODICE ETICO GRUPPO ESPRESSO 1 1. PREMESSA 3 2. MISSIONE E VISIONE ETICA 3 3. AMBITO DI APPLICAZIONE DEL CODICE 3 4. PRINCIPI E NORME DI RIFERIMENTO 5 4.1 Rispetto della Legge 5 4.2 Onestà e correttezza

Dettagli

Codice Etico Ducati. I rapporti di Ducati con le istituzioni pubbliche sono basati sulla trasparenza, la correttezza e la collaborazione.

Codice Etico Ducati. I rapporti di Ducati con le istituzioni pubbliche sono basati sulla trasparenza, la correttezza e la collaborazione. Codice Etico Ducati Premessa Ducati 1 è una realtà a vocazione internazionale che opera all insegna della costante ricerca del primato, nelle piste e nell innovazione tecnologica, così come nel rispetto

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO. Per il Personale Coinvolto nelle Attività di Trasporto, Stoccaggio e Distribuzione del Gas Naturale

CODICE DI COMPORTAMENTO. Per il Personale Coinvolto nelle Attività di Trasporto, Stoccaggio e Distribuzione del Gas Naturale 1111 CODICE DI COMPORTAMENTO Per il Personale Coinvolto nelle Attività di Trasporto, Stoccaggio e Distribuzione del Gas Naturale INDICE 1 INTRODUZIONE...4 La separazione funzionale nel settore energetico...

Dettagli

Comunicazione informativa sul Modello 231 e Codice Etico. MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO AI SENSI DEL D.Lgs. 8 GIUGNO 2001 N.

Comunicazione informativa sul Modello 231 e Codice Etico. MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO AI SENSI DEL D.Lgs. 8 GIUGNO 2001 N. Comunicazione informativa sul Modello 231 e Codice Etico MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO AI SENSI DEL D.Lgs. 8 GIUGNO 2001 N. 231 MODELLO DI ORGANIZZAZIONE Con la disciplina dettata dal

Dettagli

Allegato A. Ruolo degli organi aziendali, sistemi informativi e sistema dei controlli interni. 1. RUOLO DEGLI ORGANI AZIENDALI

Allegato A. Ruolo degli organi aziendali, sistemi informativi e sistema dei controlli interni. 1. RUOLO DEGLI ORGANI AZIENDALI 66 Allegato A Ruolo degli organi aziendali, sistemi informativi e sistema dei controlli interni. 1. RUOLO DEGLI ORGANI AZIENDALI Gli organi aziendali assumono un ruolo fondamentale per la definizione di

Dettagli

PENTAIR WATER ITALY S.R.L.

PENTAIR WATER ITALY S.R.L. . CODICE ETICO AI SENSI DEL D.LGS. 8 GIUGNO 2001 N. 231 Prima Edizione 19 marzo 2015 Pagina 1 Pagina 2 INDICE - PREMESSA -... 4 CAPO I - DISPOSIZIONI GENERALI -... 7 1. Ambito di applicazione e destinatari...

Dettagli

PROCEDURA INTERNA IN MATERIA DI INFORMAZIONI PRIVILEGIATE

PROCEDURA INTERNA IN MATERIA DI INFORMAZIONI PRIVILEGIATE PROCEDURA INTERNA IN MATERIA DI INFORMAZIONI PRIVILEGIATE 23 Ottobre 2012 SOCIETA PER AZIONI - CAPITALE SOCIALE EURO 60.711.763,84 REGISTRO DELLE IMPRESE DI MANTOVA E CODICE FISCALE N. 00607460201 SOCIETA'

Dettagli

Codice di condotta ed etica aziendale di Rotair SpA

Codice di condotta ed etica aziendale di Rotair SpA Codice di condotta ed etica aziendale di Rotair SpA ROTAIR SPA - Società con socio unico Direzione e coordinamento di Elgi Equipments Limited La politica mostrata da Rotair SpA consiste nello svolgere

Dettagli

Codice Etico. per le società del gruppo Liebherr e rispettivi collaboratori

Codice Etico. per le società del gruppo Liebherr e rispettivi collaboratori Codice Etico per le società del gruppo Liebherr e rispettivi collaboratori Indice I. Oggetto e Campo di Applicazione 4 II. Osservanza del Diritto Vigente 5 III. Collaboratori 6 IV. Concorrenza Sleale 6

Dettagli

Rev. 1 del 10.09.2014 CODICE ETICO

Rev. 1 del 10.09.2014 CODICE ETICO Rev. 1 del 10.09.2014 CODICE ETICO INDICE INTRODUZIONE... 1 I. PRINCIPI GENERALI... 2 II. COMPORTAMENTO nella GESTIONE degli AFFARI... 3 A) Rapporti con i clienti.... 3 B) Rapporti con i fornitori....

Dettagli

MILLENIUM SISTEMA AMBIENTE srl. Via Tiberina 98/N 06053 Deruta - PG. Codice Etico

MILLENIUM SISTEMA AMBIENTE srl. Via Tiberina 98/N 06053 Deruta - PG. Codice Etico MILLENIUM SISTEMA AMBIENTE srl Via Tiberina 98/N 06053 Deruta - PG Codice Etico Millenium Sistema Ambiente Srl Codice Etico Introduzione Il presente codice etico rappresenta l enunciazione dei valori aziendali,

Dettagli

GESTIONE DEI FINANZIAMENTI

GESTIONE DEI FINANZIAMENTI 1 GESTIONE DEI FINANZIAMENTI Documento redatto da: Reparto Funzione Nome Firma Data Organismo di Vigilanza Organismo di Vigilanza Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 13 maggio 2010 2 INDICE

Dettagli

INFORMATICA TRENTINA SpA Codice Etico e di comportamento interno

INFORMATICA TRENTINA SpA Codice Etico e di comportamento interno INFORMATICA TRENTINA SpA Codice Etico Approvato dal Consiglio di Amministrazione con delibera del 29/03/2010 PRINCIPALI MODIFICHE RISPETTO ALLA VERSIONE PRECEDENTE Data Versione Modifiche apportate 06/07/2009

Dettagli

Approvato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 3 luglio 2008

Approvato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 3 luglio 2008 Approvato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 3 luglio 2008 1 INDICE Premessa 1. Principi generali 1.1 Correttezza ed onestà 1.2 Imparzialità 1.3 Professionalità e valorizzazione delle risorse

Dettagli

PROCEDURA TUTELA DEL DIPENDENTE Che denuncia illeciti WHISTLEBLOWER- l informatore (NOVEMBRE 2014)

PROCEDURA TUTELA DEL DIPENDENTE Che denuncia illeciti WHISTLEBLOWER- l informatore (NOVEMBRE 2014) SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE - REGIONE LIGURIA Azienda Sanitaria Locale n. 5 Spezzino Dipartimento di Prevenzione S.C. Attività giuridico- amministrative del Dipartimento di Prevenzione e Trasparenza dei

Dettagli

Codice Etico. ai sensi del D.Lgs. 231/01e s.m.i. Porto Antico di Genova S.p.A. Edizione 11 novembre 2013

Codice Etico. ai sensi del D.Lgs. 231/01e s.m.i. Porto Antico di Genova S.p.A. Edizione 11 novembre 2013 ai sensi del D.Lgs. 231/01e s.m.i. Porto Antico di Genova S.p.A. Edizione 11 novembre 2013 INTRODUZIONE... 2 1.1. Il Codice Etico di Porto Antico di Genova S.p.A.... 2 1.2 Destinatari del Codice Etico...

Dettagli

POLICY PER LA GESTIONE DELLE OPERAZIONI PERSONALI

POLICY PER LA GESTIONE DELLE OPERAZIONI PERSONALI POLICY PER LA GESTIONE DELLE OPERAZIONI PERSONALI PROCESSO FINANZA Data approvazione Versione 26 dicembre 2007 v.0.1 19 novembre 2009 v.0.2 16 settembre 2010 v.0.3 26 aprile 2012 v.0.4 INDICE I. PREMESSA...

Dettagli

Codice di Condotta dei Fornitori della Colgate-Palmolive Company

Codice di Condotta dei Fornitori della Colgate-Palmolive Company Codice di Condotta dei Fornitori della Colgate-Palmolive Company Stimato fornitore di Colgate, nel corso degli anni, Colgate-Palmolive Company ha costruito la sua reputazione di organizzazione che ha utilizzato

Dettagli

MEDIOBANCA BANCA DI CREDITO FINANZIARIO S.p.A. CODICE ETICO DEL GRUPPO MEDIOBANCA

MEDIOBANCA BANCA DI CREDITO FINANZIARIO S.p.A. CODICE ETICO DEL GRUPPO MEDIOBANCA MEDIOBANCA BANCA DI CREDITO FINANZIARIO S.p.A. CODICE ETICO DEL GRUPPO MEDIOBANCA Versione: 2 Stato: Approvato dal Consiglio di Amministrazione del 20/06/2013 Data emissione: 20/06/2013 Sommario 1. INTRODUZIONE

Dettagli

CODICE DI CONDOTTA DE VELLIS TRASLOCHI E TRASPORTI SRL

CODICE DI CONDOTTA DE VELLIS TRASLOCHI E TRASPORTI SRL CODICE DI CONDOTTA DE VELLIS TRASLOCHI E TRASPORTI SRL DE VELLIS TRASLOCHI E TRASPORTI SRL E NOTA PER GLI ELEVATI PRINCIPI ETICI CUI SI ATTIENE NELLA GESTIONE DELLA SUA ATTIVITA. E IMPORTANTE CHE TUTTI

Dettagli

SOMMARIO PREMESSA DESTINATARI PRINCIPI GENERALI - DI LEGALITÀ; - DI CORRETTEZZA; - DI LEALTÀ; - DI TRASPARENZA;

SOMMARIO PREMESSA DESTINATARI PRINCIPI GENERALI - DI LEGALITÀ; - DI CORRETTEZZA; - DI LEALTÀ; - DI TRASPARENZA; SOMMARIO PREMESSA DESTINATARI PRINCIPI GENERALI - DI LEGALITÀ; - DI CORRETTEZZA; - DI LEALTÀ; - DI TRASPARENZA; - RISPETTO DELLA DIGNITÀ DELLE PERSONE; RESPONSABILITÀ DIFFUSIONE DEL CODICE RAPPORTI CON

Dettagli

Servizio Premium 899. Carta di Autodisciplina di WIND Telecomunicazioni S.p.A

Servizio Premium 899. Carta di Autodisciplina di WIND Telecomunicazioni S.p.A 899 Carta di Autodisciplina di WIND Telecomunicazioni S.p.A Carta di Autodisciplina di WIND Telecomunicazioni S.p.A. per l assegnazione delle numerazioni 899 e l offerta dei relativi servizi Ex art. 18

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO PER IL PERSONALE COINVOLTO NELL ATTIVITA DI DISTRIBUZIONE E MISURA DEL GAS NATURALE. ACSM-AGAM Reti Gas Acqua S.r.l.

CODICE DI COMPORTAMENTO PER IL PERSONALE COINVOLTO NELL ATTIVITA DI DISTRIBUZIONE E MISURA DEL GAS NATURALE. ACSM-AGAM Reti Gas Acqua S.r.l. CODICE DI COMPORTAMENTO PER IL PERSONALE COINVOLTO NELL ATTIVITA DI DISTRIBUZIONE E MISURA DEL GAS NATURALE ACSM-AGAM Reti Gas Acqua S.r.l. Approvato dal CdA del 15 ottobre 2010 2 INDICE Preambolo...4

Dettagli

Codice Etico. Release 1.2

Codice Etico. Release 1.2 Codice Etico Release 1.2 1 Consiglio di Amministrazione 25.7.2007 Approvazione 2 Consiglio di Amministrazione 8.7.2010 Aggiornamento 3 Consiglio di Amministrazione 21.11.2013 Aggiornamento INDICE 1 Premessa...

Dettagli

TUTELA DEL DIPENDENTE PUBBLICO CHE SEGNALA ILLECITI

TUTELA DEL DIPENDENTE PUBBLICO CHE SEGNALA ILLECITI TUTELA DEL DIPENDENTE PUBBLICO CHE SEGNALA ILLECITI PROPOSTA DI AGGIORNAMENTO PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE 2015-2017 E CODICE DI COMPORTAMENTO DELLA CAMERA DI COMMERCIO DI PRATO 1. Contesto

Dettagli

Codice di Comportamento

Codice di Comportamento Codice di Comportamento Copertina 1. Introduzione Codice di Comportamento Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza I Contenuti del Codice si applicano al personale dipendente, ai collaboratori,

Dettagli

Responsabilità della societá

Responsabilità della societá Responsabilità della societá I.B.P., Slu è una societá legalmente costituita in Spagna, soggetta alla normativa legale e fiscale di questo paese. Si include anche quella referente alla protezione dei dati

Dettagli

PROCEDURA PER LA COMUNICAZIONE DELLE INFORMAZIONI PRIVILEGIATE E OPERAZIONI SUL CAPITALE DELLA LEONE FILM GROUP S.P.A.

PROCEDURA PER LA COMUNICAZIONE DELLE INFORMAZIONI PRIVILEGIATE E OPERAZIONI SUL CAPITALE DELLA LEONE FILM GROUP S.P.A. PROCEDURA PER LA COMUNICAZIONE DELLE INFORMAZIONI PRIVILEGIATE E OPERAZIONI SUL CAPITALE DELLA LEONE FILM GROUP S.P.A. In applicazione del combinato disposto degli articoli 11, 17 e 31 del Regolamento

Dettagli

Politica anticorruzione

Politica anticorruzione Politica anticorruzione Introduzione RPC Group Plc (l'"azienda") dispone di una politica a tolleranza zero nei confronti degli atti di corruzione nelle operazioni commerciali a livello globale, sia nel

Dettagli

CODICE ETICO AXUS ITALIANA S.R.L.

CODICE ETICO AXUS ITALIANA S.R.L. CODICE ETICO AXUS ITALIANA S.R.L. SOMMARIO 1. Scopo e rispetto del Codice Etico 2. Omaggi, regali ed eventi della Clientela, Fornitori e Prestatori di servizi 3. Investimenti presso i Fornitori/Acquisti

Dettagli

SAEET S.p.A. CODICE ETICO. SAEET S.p.A. Codice Etico e Responsabilità Sociale Rev. 0 del 2 luglio 2006 Pag.1 di 9

SAEET S.p.A. CODICE ETICO. SAEET S.p.A. Codice Etico e Responsabilità Sociale Rev. 0 del 2 luglio 2006 Pag.1 di 9 SAEET S.p.A. CODICE ETICO SAEET S.p.A. Codice Etico e Responsabilità Sociale Rev. 0 del 2 luglio 2006 Pag.1 di 9 Introduzione SAEET S.p.A. è consapevole che comportamenti non etici nella condotta degli

Dettagli

VINTAGE S.p.A. Allegato 4: Codice Etico. Modello Organizzativo ex D.Lgs. 231/01 VINTAGE SPA. ORGANISMO DI VIGILANZA E CONTROLLO O. d. V.

VINTAGE S.p.A. Allegato 4: Codice Etico. Modello Organizzativo ex D.Lgs. 231/01 VINTAGE SPA. ORGANISMO DI VIGILANZA E CONTROLLO O. d. V. VINTAGE S.p.A. Allegato 4: Codice Etico ORGANISMO DI VIGILANZA E CONTROLLO O. d. V. Presidente Giovanni Catellani MOG-231 Pagina 1 di 8 INDICE Introduzione 3 Destinatari 3 Principi e regole di condotta

Dettagli

Gruppo Helvetia. Codice di Compliance

Gruppo Helvetia. Codice di Compliance Gruppo Helvetia Codice di Compliance Care collaboratrici, cari collaboratori Helvetia vuole essere considerata un fornitore di servizi assicurativi e previdenziali affidabile e consapevole dell importanza

Dettagli

CODICE ETICO Codice Etico Associazione Culturale Le Dissonanze La Mission Associazione Culturale Le Dissonanze Associazione Culturale Le Dissonanze

CODICE ETICO Codice Etico Associazione Culturale Le Dissonanze La Mission Associazione Culturale Le Dissonanze Associazione Culturale Le Dissonanze CODICE ETICO Il presente Codice Etico esprime gli impegni e le responsabilità etiche nella conduzione delle attività dell assunte dai suoi Rappresentanti, dagli Insegnanti, Musicisti nonché, in genere,

Dettagli

CIRCOLO RICREATIVO AZIENDALE LAVORATORI DI POSTE ITALIANE. CRALPoste CODICE DI COMPORTAMENTO

CIRCOLO RICREATIVO AZIENDALE LAVORATORI DI POSTE ITALIANE. CRALPoste CODICE DI COMPORTAMENTO CIRCOLO RICREATIVO AZIENDALE LAVORATORI DI POSTE ITALIANE CRALPoste CODICE DI COMPORTAMENTO Roma, 31 Marzo 2005 INDICE Premessa pag. 3 Destinatari ed Ambito di applicazione pag. 4 Principi generali pag.

Dettagli

OPAS CONSULTING - MANIFESTO ETICO

OPAS CONSULTING - MANIFESTO ETICO OPAS CONSULTING - MANIFESTO ETICO Questo Manifesto Etico è stato redatto per garantire che i valori etici fondamentali di OPAS CONSULTING siano definiti in modo chiaro e costituiscano i punti basilari

Dettagli

TURISMO TORINO E PROVINCIA CODICE ETICO

TURISMO TORINO E PROVINCIA CODICE ETICO TURISMO TORINO E PROVINCIA CODICE ETICO INDICE INTRODUZIONE AL CODICE ETICO E AMBITO DI APPLICAZIONE... 3 PRINCIPI E NORME DI RIFERIMENTO... 4 ART. 1 PRINCIPI GENERALI... 4 ART. 2 PRINCIPIO DI LEGALITA

Dettagli

Procedura per la gestione interna e la comunicazione all'esterno delle informazioni privilegiate

Procedura per la gestione interna e la comunicazione all'esterno delle informazioni privilegiate Procedura per la gestione interna e la comunicazione all'esterno delle informazioni privilegiate 1. FINALITA' DELLA PROCEDURA 1.1 La presente procedura contiene le disposizioni relative sia alla gestione

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ai sensi del D. Lgs. 231/01. Parte 5 Codice Etico

Modello di organizzazione, gestione e controllo ai sensi del D. Lgs. 231/01. Parte 5 Codice Etico Modello di organizzazione, gestione e controllo ai sensi del D. Lgs. 231/01 Parte 5 Codice Etico PREMESSA La EstCapital SGR S.p.A. (di seguito indicata anche la Società ) è una Società di Gestione del

Dettagli

CODICE ETICO AZIENDALE

CODICE ETICO AZIENDALE CODICE ETICO AZIENDALE INDICE PREMESSA...3 1. PRINCIPI GENERALI...3 2. APPLICAZIONE DEL CODICE NEI CONFRONTI DI TERZI...4 3. IMPEGNI DELL AZIENDA...4 4. DOVERI DEI DIPENDENTI...5 5. DOVERI SPECIFICI DEI

Dettagli

Codice deontologia professionale AXA Assistance Italia

Codice deontologia professionale AXA Assistance Italia Codice deontologia professionale Italia Il Gruppo AXA s impegna ad esercitare le proprie funzioni in base a rigorose norme deontologiche ed etiche. Una di queste norme è stata la diffusione di un codice

Dettagli

Programma anticorruzione

Programma anticorruzione Programma anticorruzione Questo Programma è nato e si è sviluppato anche grazie alla preziosa collaborazione di Pierluigi Vigna scomparso a Firenze nel settembre 2012 - che ha messo a disposizione la sua

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO

CODICE DI COMPORTAMENTO CODICE DI COMPORTAMENTO Per il personale coinvolto nelle attività di distribuzione e misura del gas naturale Rev. 01 del 10.06.2015 Il presente Codice di Comportamento è stato elaborato per assicurare

Dettagli

PROCEDURA PER LA SEGNALAZIONE DI ILLECITI E IRREGOLARITA WHISTLEBLOWING POLICY

PROCEDURA PER LA SEGNALAZIONE DI ILLECITI E IRREGOLARITA WHISTLEBLOWING POLICY PROCEDURA PER LA SEGNALAZIONE DI ILLECITI E IRREGOLARITA OGGETTO E SCOPO Oggetto della presente procedura è la segnalazione da parte dei dipendenti dell'azienda Ospedaliera della Provincia di Lodi di illeciti

Dettagli

Codice Etico di Pietro Signorini e Figli S.p.A. Codice Etico. di Pietro Signorini e Figli S.p.A. Pagina 1

Codice Etico di Pietro Signorini e Figli S.p.A. Codice Etico. di Pietro Signorini e Figli S.p.A. Pagina 1 Codice Etico di Pietro Signorini e Figli S.p.A. Codice Etico di Pietro Signorini e Figli S.p.A. 2012 Pagina 1 INDICE Sommario MISSION... 3 1. FINALITA E AMBITO DI APPLICAZIONE... 3 2. PRINCIPI DEL CODICE

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO

CODICE DI COMPORTAMENTO CODICE DI COMPORTAMENTO LINEE GUIDA E NORMATIVE DI INTEGRITA E TRASPARENZA Codice di Comportamento Approvato C.d.A. del 15.09.2015 Pag. 1 INDICE 1. INTRODUZIONE... 3 2. APPLICAZIONE DEL CODICE DI COMPORTAMENTO...

Dettagli

G. TONIOLO Impianti e Lavori Edili Soc. Coop. Via Siria n 57 58100 Grosseto

G. TONIOLO Impianti e Lavori Edili Soc. Coop. Via Siria n 57 58100 Grosseto G T O N I O L O I m p i a n t i e L a v o r i E d i l i S o c. C o o p C o d i c e E t i c o P a g i n a 1 G. TONIOLO Impianti e Lavori Edili Soc. Coop. Via Siria n 57 58100 Grosseto 00 02/04/2010 Prima

Dettagli

LINEE DI CONDOTTA DEL MODELLO DI ORGANIZZAZIONE DI GESTIONE E DI CONTROLLO

LINEE DI CONDOTTA DEL MODELLO DI ORGANIZZAZIONE DI GESTIONE E DI CONTROLLO MONDADORI EDUCATION S.p.A. LINEE DI CONDOTTA DEL MODELLO DI ORGANIZZAZIONE DI GESTIONE E DI CONTROLLO Rev. n. 5 del 5 ottobre 2015 INDICE 1.0 PREMESSA... 3 2.0 OBIETTIVI... 3 3.0 LINEE DI CONDOTTA... 3

Dettagli