Codice di Condotta. Global Policy. Funzione Competente: Global Compliance Data: Settembre 2013

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Codice di Condotta. Global Policy. Funzione Competente: Global Compliance Data: Settembre 2013"

Transcript

1 Allegato n. 1 Codice di Condotta Global Policy Funzione Competente: Global Compliance Data: Settembre 2013 Unit: Global Compliance Policy Coordination Versione: 2 UniCredit Group Internal Use Only

2 Argomento: Funzione responsabile del documento: Codice di Condotta Global Compliance Policy Coordination Prima Versione: Gennaio 2011 Versione Corrente: Settembre 2013 Global Compliance Global Regulatory Counsel Global CAMP Global Compliance Staff Global Compliance Education Global AML Compliance Italy Corporate Law Global Legal Attori coinvolti nel processo di condivisione: Security Governance Audit & LC Organization Group ICS Initiatives Accounting HR Strategy Corporate Sustainability Group Risk Management Tax Affairs Società del Gruppo UniCredit Bank AG UniCredit Bank Austria AG Bank Pekao SA UniCredit Leasing SpA PGAM Approvato da: Destinata a: Consiglio di Amministrazione Tutte le Società del Gruppo 1 UniCredit Group - Internal Use Only

3 Indice 1 CODICE DI CONDOTTA DEL GRUPPO UNICREDIT FINALITA' E CONTENUTO DESTINATARI RISPETTO DEL CODICE E RESPONSABILITA DI COMPLIANCE CONTATTI REGOLE DI COMPORTAMENTO GENERALI CONFORMITÀ ALLA LEGGE TRATTARE GLI ALTRI CON DIGNITA E RISPETTO PROTEZIONE DELLE INFORMAZIONI, SEGRETO BANCARIO E PROTEZIONE DEI DATI TRASPARENZA E STANDARD DI COMUNICAZIONE GESTIONE DEI CONFLITTI DI INTERESSE SEGNALAZIONE DI COMPORTAMENTI ILLEGITTIMI (WHISTLEBLOWING) FORMAZIONE REGOLE DI COMPORTAMENTO NEI RAPPORTI INTERNI RESPONSABILITÀ DI SUPERVISIONE PROTEZIONE E UTILIZZO DEI BENI AZIENDALI TUTELA DELLA PROPRIETÀ INTELLETTUALE SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO DISCLOSURE DEGLI INTERESSI PERSONALI O DI ALTRE INFORMAZIONI SIGNIFICATIVE SICUREZZA PERSONALE NEI VIAGGI DI LAVORO REGOLE DI COMPORTAMENTO NEI RAPPORTI CON L'ESTERNO RAPPORTI CON IL PUBBLICO, CON LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE, CON LE AUTORITA E CON I MEDIA RAPPORTI CON I CLIENTI, I FORNITORI E I CONSULENTI RAPPORTI CON LE ORGANIZZAZIONI POLITICHE DIPENDENTI CHE RICOPRONO CARICHE PUBBLICHE O POLITICHE DELEGA DI POTERI DISCIPLINA ANTICORRUZIONE DONAZIONI OMAGGI ED INTRATTENIMENTI DISCIPLINA ANTIRICICLAGGIO E SANZIONI FINANZIARIE PREVENZIONE DEGLI ABUSI DI MERCATO PERSONAL TRADING TUTELA DELLA CONCORRENZA CONTABILITA' E CONTROLLO TASSAZIONE REVISIONE DEL CODICE DI CONDOTTA UniCredit Group - Internal Use Only

4 1 CODICE DI CONDOTTA DEL GRUPPO UNICREDIT 1.1 FINALITA' E CONTENUTO Il presente Codice, che sostituisce la precedente versione emessa nel 2011, integra la Carta d Integrità e declina i principi cui tutti i dipendenti devono uniformarsi per garantire i più elevati standard di comportamento nello svolgimento delle proprie attività lavorative. Il presente Codice deve essere letto congiuntamente alle altre policy e procedure, emanate dalla propria società, che forniscono maggiori dettagli sui principi delineati nello stesso. Il Codice, la Carta d Integrità nonché le menzionate policy e procedure costituiscono un elemento fondamentale per assicurare che i dipendenti siano a conoscenza delle aspettative che il Gruppo, la società di appartenenza nonché gli Stakeholder (clienti, investitori, regulator, ecc.) ripongono sui loro comportamenti. Il Codice non intende essere una guida esaustiva di tutti gli obblighi normativi vigenti, ma ha lo scopo di diffondere la cultura della compliance, offrendo una panoramica del contesto in cui opera. 1.2 DESTINATARI Il Codice si applica a tutte le società del Gruppo, a tutti coloro che hanno un rapporto di lavoro con il Gruppo o che siano legati contrattualmente allo stesso (ad esempio, fornitori, consulenti, agenti monomandatari, ecc.), nonché a tutti i membri degli organi di gestione, supervisione strategica e controllo (di seguito, congiuntamente i Dipendenti ). Una volta ricevuto il Codice, le società devono adottarlo adeguandolo, ove necessario, al contesto locale e, successivamente, sono tenute a portarlo a conoscenza dei Dipendenti e degli Stakeholder. Data l importanza di una forte e globale cultura della compliance, ciascuna società è tenuta a chiedere ai propri Dipendenti conferma di ricezione del Codice. 1.3 RISPETTO DEL CODICE E RESPONSABILITA DI COMPLIANCE L osservanza delle previsioni del Codice è parte integrante delle obbligazioni contrattuali di ciascun Dipendente; qualsiasi violazione dello stesso, delle normative interne o di qualsiasi altra disposizione normativa applicabile, può dar corso ad azioni disciplinari poste in essere da ciascuna società o a sanzioni poste in essere dai local regulator. Le azioni disciplinari interne intraprese dalle società sono gestite dalla funzione Risorse Umane locale, conformemente alla normativa giuslavoristica applicabile. L osservanza e la violazione del Codice costituiscono uno dei fattori da tenere in considerazione per la valutazione manageriale delle prestazioni individuali. Ciascun Dipendente deve essere consapevole delle responsabilità connesse alle proprie mansioni all interno del Gruppo e delle disposizioni normative interne ed esterne applicabili. Nei Dipendenti viene riposta l aspettativa che questi osservino i più elevati standard professionali di condotta, evitando qualsiasi azione che sia o che possa apparire poco corretta. I Dipendenti devono sempre tener presente che le loro azioni od omissioni potrebbero essere rese pubbliche e, pertanto, devono valutare con attenzione come queste potrebbero essere percepite. In caso di dubbio, i Dipendenti sono tenuti a rivolgersi ai propri responsabili e/o alle altre funzioni locali competenti. 1.4 CONTATTI Per chiarimenti sul contenuto del Codice e/o sulle disposizioni normative di volta in volta richiamate, si faccia riferimento alla funzione locale competente (ad esempio, la funzione di Compliance per le normative di compliance e per altre questioni generiche relative al Codice; la funzione Risorse Umane per questioni attinenti profili giuslavoristici ecc.). 3 UniCredit Group - Internal Use Only

5 2 REGOLE DI COMPORTAMENTO GENERALI 2.1 CONFORMITÀ ALLA LEGGE Il Gruppo opera in diversi Paesi e, conseguentemente, è soggetto a molti obblighi legali e regolamentari. Pertanto, anche i Dipendenti sono soggetti ai menzionati obblighi, che variano sulla base delle relative mansioni, responsabilità e dell area geografica in cui operano. 2.2 TRATTARE GLI ALTRI CON DIGNITA E RISPETTO Il Gruppo promuove un ambiente di lavoro accogliente e non discriminatorio, in cui tutti i suoi Dipendenti siano trattati con dignità e rispetto. Il Gruppo non accetta discriminazioni o molestie basate sulla razza, sul colore della pelle, sulla nazionalità, sullo stato di cittadinanza, sulle opinioni politiche, sulla religione, sull età, sullo stato civile, sul sesso, sull orientamento e/o identità sessuale, sulla diversa abilità e su qualsiasi altra condizione non specificamente citata. Il Gruppo non tollera altresì atti di bullismo e di mobbing. 2.3 PROTEZIONE DELLE INFORMAZIONI, SEGRETO BANCARIO E PROTEZIONE DEI DATI Il Gruppo tutela la riservatezza e la corretta gestione e conservazione delle informazioni relative o appartenenti al Gruppo, ai suoi Dipendenti e agli Stakeholder. I Dipendenti sono tenuti a garantire la riservatezza delle informazioni di cui vengano a conoscenza durante lo svolgimento dell attività lavorativa o comunque sul posto di lavoro e ad utilizzarle esclusivamente per lo svolgimento della stessa. I Dipendenti sono tenuti a gestire dette informazioni in conformità alle disposizioni di legge applicabili ed alle indicazioni che il Gruppo fornisce per la tutela o l utilizzo di tali informazioni. 2.4 TRASPARENZA E STANDARD DI COMUNICAZIONE Il Gruppo garantisce i più elevanti standard nelle comunicazioni, sia interne che nei confronti degli Stakeholder. Tutti i Dipendenti devono assicurare che le proprie comunicazioni interne ed esterne siano veritiere, accurate e corrette ed avvengano in conformità alle disposizioni di legge e regolamentari applicabili. In particolare i Dipendenti non devono: fornire informazioni poco precise in merito ad una richiesta di investimento oppure alle sue caratteristiche fondamentali; omettere da una comunicazione dati o elementi che la rendano potenzialmente ingannevole; fare affermazioni o dichiarazioni ingannevoli, esagerate, ingiustificate o false; fare promesse o dare garanzie su risultati o rendimenti futuri; diffondere all esterno (per esempio a concorrenti, tramite i social media, ai giornalisti ecc.) qualsiasi materiale o corrispondenza, contrassegnato per esclusivo uso interno o comunque da intendersi ad uso interno o destinato esclusivamente alla distribuzione interna; e fornire materiale che contenga informazioni statistiche, commenti o informazioni provenienti da terze parti senza rivelare la fonte dell informazione stessa e senza che vi sia un apposito disclaimer che assicuri che siano state tenute in debita considerazione problematiche relative al copyright. 2.5 GESTIONE DEI CONFLITTI DI INTERESSE Il Gruppo e i suoi Dipendenti sono esposti a numerosi casi di conflitti di interesse, reali e potenziali, in considerazione dell ampio spettro delle attività svolte dal Gruppo, delle diverse tipologie di rapporti in essere e dei differenti interessi degli Stakeholder. L'eventuale carenza nella gestione degli stessi può danneggiare la reputazione del Gruppo, esponendolo ad azioni legali o ad azioni da parte delle Autorità di Vigilanza ed a pubblicità negativa. I Dipendenti devo sempre prestare attenzione ai conflitti di interesse, reali o potenziali, i quali devono essere gestiti in conformità alle normative ed ai sistemi di Gruppo idonei ad identificarli, valutarli e gestirli. 4 UniCredit Group - Internal Use Only

6 2.6 SEGNALAZIONE DI COMPORTAMENTI ILLEGITTIMI (WHISTLEBLOWING) Il Gruppo garantisce un ambiente di lavoro caratterizzato da comportamenti etici, conformi ed improntati alla dignità ed al rispetto. Laddove un Dipendente abbia il ragionevole sospetto che si sia verificato, o che possa verificarsi, un comportamento illegittimo, è tenuto a segnalarlo, in conformità alle procedure locali. Ciò al fine di consentire di effettuare le opportune verifiche e di adottare i necessari rimedi per fermarne la commissione ed evitarne la reiterazione. Per comportamento illegittimo si intende qualsiasi azione od omissione, commessa nello svolgimento dell attività lavorativa o che abbia un impatto sulla stessa, che arrechi o che possa arrecare danno al Gruppo o ai suoi Dipendenti, e che sia: illecita, scorretta o immorale; violi disposizioni normative e regolamentari; o non sia conforme alle normative interne. Il Gruppo tratta le segnalazioni in maniera appropriata e corretta ed in conformità alla normativa locale. 2.7 FORMAZIONE Il Gruppo promuove, attraverso piani di formazione, la crescita professionale e una sempre maggiore comprensione, da parte dei Dipendenti, delle normative interne ed esterne a questi applicabili. Ai Dipendenti viene richiesto di partecipare attivamente e di completare i programmi di formazione a loro offerti, nel rispetto delle tempistiche indicate. 3 REGOLE DI COMPORTAMENTO NEI RAPPORTI INTERNI 3.1 RESPONSABILITÀ DI SUPERVISIONE I Dipendenti che rivestono la posizione di responsabili sono tenuti ad adottare misure appropriate per assicurare che le attività sotto la loro supervisione siano svolte in conformità alle disposizioni di legge, alle normative interne ed al presente Codice. Essi devono altresì assicurare che i Dipendenti sottoposti alla loro supervisione adempiano ai propri obblighi. Inoltre essi devono avere la sensibilità di identificare i rischi legali, regolamentari e reputazionali e devono gestire in maniera risoluta ed appropriata qualsiasi problematica ad essi relativa. 3.2 PROTEZIONE E UTILIZZO DEI BENI AZIENDALI I Dipendenti possono utilizzare i beni del Gruppo (ad esempio, il capitale, le strutture, l equipaggiamento, le informazioni societarie, la tecnologia, i business plan, i segreti industriali, le invenzioni, le liste dei clienti ecc.) esclusivamente per legittime finalità lavorative. E pertanto vietato l'utilizzo degli stessi per inviare o archiviare materiale illegale, discriminatorio, molesto, diffamatorio o inappropriato. Nel caso in cui, per l archiviazione o la trasmissione di informazioni sensibili e confidenziali, fosse necessario l uso della crittografia, dovranno essere rispettate le normative locali, interne ed esterne. Le caselle di posta elettronica, sia di tipo nominativo sia di servizio, sono strumenti di lavoro; pertanto, le comunicazioni elettroniche a scopo personale, non inerenti l attività lavorativa, devono essere limitate al minimo indispensabile e non devono in alcun modo pregiudicare lo svolgimento dell'attività lavorativa stessa. I Dipendenti non possono accedere, senza le previste autorizzazioni, a luoghi o a sistemi protetti che non siano correlati alle proprie attività lavorative e responsabilità e sono tenuti a segnalare ogni sospetto di utilizzo improprio o di furto dei beni aziendali. 5 UniCredit Group - Internal Use Only

7 3.3 TUTELA DELLA PROPRIETÀ INTELLETTUALE Molti paesi tutelano giuridicamente la proprietà intellettuale, inclusi i diritti d autore, le licenze, i marchi e i segreti industriali. Tale tutela si estende alle terze parti ed al materiale che i Dipendenti possono sviluppare o creare nel periodo lavorativo. I Dipendenti sono tenuti a rispettare gli obblighi in materia di proprietà intellettuale. 3.4 SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO Il Gruppo intende promuovere una cultura della salute e della sicurezza sul luogo di lavoro, ed intende svolgere le proprie attività in conformità alle relative disposizioni normative. Anche i Dipendenti sono tenuti al rispetto di dette disposizioni. 3.5 DISCLOSURE DEGLI INTERESSI PERSONALI O DI ALTRE INFORMAZIONI SIGNIFICATIVE Ai Dipendenti viene richiesto di informare la propria società, attraverso i relativi responsabili, la funzione HR, la funzione di Compliance o la funzione locale ritenuta più idonea (in conformità alle disposizioni locali), in merito a qualsivoglia interesse personale o in merito ad altre informazioni che possano essere significative per il Gruppo, ai fini della gestione dei conflitti di interesse e del rispetto degli obblighi derivanti dalle disposizioni di legge locali (ad esempio, la nomina quale membro di un organo aziendale presso una società non appartenente al Gruppo potrebbe comportare un conflitto di interessi). Ciascuna società assicura che tali informazioni siano conservate ed utilizzate esclusivamente per le finalità per cui siano state richieste. 3.6 SICUREZZA PERSONALE NEI VIAGGI DI LAVORO I Dipendenti temporaneamente ubicati all estero, così come quelli che viaggiano per lavoro, devono rispettare le disposizioni di legge e regolamentari, nonché le procedure e le raccomandazioni legate ai viaggi stabilite dal Gruppo. 4 REGOLE DI COMPORTAMENTO NEI RAPPORTI CON L'ESTERNO 4.1 RAPPORTI CON IL PUBBLICO, CON LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE, CON LE AUTORITA E CON I MEDIA Il Gruppo garantisce che i rapporti e le comunicazioni con il pubblico, la pubblica amministrazione, le autorità e i media siano gestiti in conformità alle disposizioni normative interne ed esterne. Tali rapporti e comunicazioni devono essere improntati al rispetto dei principi di veridicità, accuratezza, correttezza e trasparenza. 4.2 RAPPORTI CON I CLIENTI, I FORNITORI E I CONSULENTI Nell ottica del costante orientamento ai clienti, il Gruppo intende fermamente garantire che i relativi rapporti siano gestiti, oltre che in conformità alle normative interne ed esterne, nel rispetto dei principi di professionalità, trasparenza, disponibilità e riservatezza. Gli stessi principi guidano il Gruppo nelle proprie relazioni con i fornitori e con i consulenti, che devono essere selezionati sulla base di regole e processi finalizzati a valutazioni obiettive di professionalità, competenza, economicità, correttezza e trasparenza. A tal proposito, i Dipendenti che fanno ricorso a soggetti terzi devono conoscere e rispettare le indicazioni di Gruppo in materia. 6 UniCredit Group - Internal Use Only

8 4.3 RAPPORTI CON LE ORGANIZZAZIONI POLITICHE E vietato erogare, in nome e/o per conto del Gruppo, contributi, diretti o indiretti, sotto qualsiasi forma, a partiti politici, movimenti, comitati od organizzazioni politiche ed ai loro rappresentanti e candidati. Da tale divieto sono esclusi eventuali contributi dovuti in base alla legge locale. 4.4 DIPENDENTI CHE RICOPRONO CARICHE PUBBLICHE O POLITICHE I Dipendenti che ricoprono cariche pubbliche o politiche, che possano incidere sull'attività lavorativa, sono tenuti ad informare la propria società e a concordare con la stessa le modalità più opportune per la gestione di detta carica, affinché la stessa non interferisca o sia in conflitto con l'attività prestata a favore del Gruppo in termini di tempo, impegno ed uso dei beni e delle informazioni aziendali. 4.5 DELEGA DI POTERI I Dipendenti possono agire per conto del Gruppo nei limiti consentiti dalla legge, dalle disposizioni statutarie, dalle decisioni degli organi di supervisione strategica e di gestione (ad esempio, tramite la delega di poteri) e dalle normative interne a ciascuna società. I Dipendenti sono tenuti a conoscere i limiti delle proprie facoltà di rappresentanza e non possono intraprendere azioni che eccedano tali limiti. La delega di poteri deve essere chiara, specifica, nonché autorizzata dagli organi competenti della società e soggetta ad un periodico controllo e a supervisione. 4.6 DISCIPLINA ANTICORRUZIONE Il Gruppo non tollera atti di corruzione e, pertanto, non è consentito dare, offrire, promettere, ricevere, accettare, richiedere o sollecitare denaro o altre utilità al fine di ottenere o mantenere un indebito vantaggio nello svolgimento delle attività lavorative; ciò indipendentemente dal fatto che il destinatario di tale atto sia un pubblico ufficiale o un privato cittadino e a prescindere dalla sua nazionalità, dal luogo in cui tale atto è compiuto o dal fatto che il risultato di tale atto comporti un effettivo indebito vantaggio o una prestazione impropria da parte di una funzione o di un attività. I Dipendenti possono segnalare gli atti di corruzione anche attraverso i canali istituiti per la segnalazione dei comportamenti illegittimi o attraverso gli altri canali istituiti dalla propria Società. 4.7 DONAZIONI Le disposizioni di legge applicabili spesso vietano o limitano i contributi aziendali diretti in moneta o in natura. Qualsiasi donazione aziendale deve, pertanto, essere conforme alle disposizioni normative interne ed esterne. 4.8 OMAGGI ED INTRATTENIMENTI Gli omaggi e gli intrattenimenti, pur essendo tesi a promuovere, mantenere e rafforzare relazioni d'affari, potrebbero essere percepiti come atti di corruzione specialmente qualora il valore o la natura degli stessi non siano proporzionati o ragionevoli rispetto alle circostanze in cui sono elargiti. I Dipendenti sono tenuti a prestare attenzione sia quando ricevono sia quando offrono omaggi e intrattenimenti nonché a rispettare le procedure locali per la relativa approvazione e registrazione. 4.9 DISCIPLINA ANTIRICICLAGGIO E SANZIONI FINANZIARIE Il riciclaggio di denaro è il processo con il quale persone o società mirano a nascondere l origine e la titolarità di proventi di attività illegali, in modo da far apparire la loro origine come lecita. Il finanziamento del terrorismo può altresì implicare il riciclaggio di denaro. Il rischio di incorrere in attività di riciclaggio può essere presente non solo nei rapporti con nuovi clienti ma anche nei rapporti con quelli già acquisiti. Costituiscono reato sia il concorso in attività di riciclaggio che il fornire informazioni a persone sospettate di riciclaggio. In alcuni paesi, costituisce altresì reato la 7 UniCredit Group - Internal Use Only

9 mancata segnalazione del ragionevole sospetto di riciclaggio di denaro. Il Gruppo è impegnato nella lotta al riciclaggio ed al crimine finanziario e, attraverso un programma antiriciclaggio, intende gestire i potenziali rischi legali e reputazionali ad esso connessi. In aggiunta ai Dipendenti vengono richiesti la conoscenza ed il rispetto dei programmi in materia di sanzioni finanziarie applicabili. Il Gruppo intente rispettare le disposizioni di legge in materia di sanzioni finanziarie applicando, laddove appropriato, le restrizioni definite per le attività di business che coinvolgano determinati paesi, organizzazioni, individui, società o beni. I Dipendenti sono altresì tenuti a rispettare le procedure in materia Know Your Customer della propria società e le altre indicazioni di Gruppo in materia di antiriciclaggio e di sanzioni finanziarie, emanate per soddisfare i requisiti normativi e per ridurre al minimo il rischio per il sistema finanziario globale, per il Gruppo e per i Dipendenti PREVENZIONE DEGLI ABUSI DI MERCATO Generalmente l abuso di mercato si configura come qualsiasi comportamento posto in essere in relazione a strumenti finanziari ammessi alla negoziazione su un mercato (o la cui richiesta di ammissione alla negoziazione sia già stata avanzata) e che prevede l abuso di informazione privilegiata (insider trading), l impropria diffusione di informazione privilegiata, l uso improprio di informazioni, la manipolazione del mercato attraverso operazioni simulate, la manipolazione del mercato attraverso altri artifizi, la diffusione di informazioni false o fuorvianti o qualsiasi comportamento fuorviante o distorsione del mercato. L abuso di mercato può costituire sia reato sia illecito amministrativo. Il Gruppo proibisce la commissione di abusi di mercato e si impegna a prevenirli; a tal fine, si è dotato di sistemi volti alla loro identificazione PERSONAL TRADING Il Gruppo raccomanda ai Dipendenti di evitare investimenti personali che possano comportare rischi reputazionali o confliggere con un interesse del Gruppo o che implicano l uso, l abuso o la divulgazione scorretta delle informazioni confidenziali riguardanti clienti o loro operazioni. Il Gruppo, inoltre, ricorda ai Dipendenti di svolgere, entro i limiti imposti dalle disposizioni di legge locali e dalla normativa interna di Gruppo, attività di negoziazione in maniera responsabile e ragionevole, secondo le proprie disponibilità finanziarie, incoraggiando investimenti di lungo termine e disincentivando negoziazioni di carattere speculativo TUTELA DELLA CONCORRENZA La normativa in materia di concorrenza disciplina l esercizio del potere di mercato, nel rispetto del principio di un economia di mercato aperta e di libera concorrenza, incoraggiandone altresì efficienza e innovazione. Sono proibite le attività commerciali tra società, governi o altre entità economiche e/o gli accordi volti a prevenire, restringere o distorcere la concorrenza. La normativa in questione disciplina, inter alia, gli accordi che violano la concorrenza, l abuso di posizione dominante, le concentrazioni e gli aiuti di stato. Gli accordi che violano la normativa in materia di concorrenza sono nulli e non tutelabili in giudizio e, in alcune circostanze, costituiscono reato. Detti accordi possono altresì comportare responsabilità nei confronti dei soggetti che abbiano subito perdite e comportare l applicazione di pesanti ammende. Il Gruppo, pertanto, proibisce quelle attività che violano la normativa in materia di concorrenza e richiede ai Dipendenti di conoscere e rispettare dette normative; pertanto, è fatto loro divieto di: negoziare accordi su prezzi, prodotti o servizi o spartizioni di quote di mercato con i concorrenti; divulgare, al di fuori del Gruppo, l identità dei clienti effettivi o potenziali, i loro dati di business o qualsiasi altra informazione trattata dal Gruppo relativa ai clienti stessi; 8 UniCredit Group - Internal Use Only

10 stringere accordi che costringano un cliente/controparte ad avere una relazione con il Gruppo in forma esclusiva o che limitino la sua possibilità di fare operazioni con la concorrenza; stringere accordi con terze parti che implichino limitazioni di prezzo; oppure partecipare a incontri con i concorrenti in cui vengano scambiate informazioni che potrebbero rivelare condotte o strategie future o in cui potrebbero acquisire, in maniera illegale o impropria, informazioni in relazione al mercato o alla concorrenza. 5 CONTABILITA' E CONTROLLO La presenza di libri e registri accurati e completi è fondamentale per l integrità e il funzionamento dell attività di Gruppo. Il Gruppo si è dotato di regolamenti interni e procedure per i controlli contabili interni e per la conservazione dei registri, al fine di adempiere ai requisiti legali e di business per mantenere libri e registri accurati e completi per il periodo di tempo stabilito dalla legge. Tale principio si applica a qualsiasi registrazione richiesta dalla normativa fiscale. E proibita la falsificazione di libri, registri o dati contabili inerenti il business del Gruppo, i suoi clienti o i suoi fornitori (compresa la presentazione di qualsiasi falsa richiesta di rimborso spese fatte a titolo personale). Errori, omissioni e falsificazioni devono essere tempestivamente riportati al proprio responsabile, al CFO della propria società e, se appropriato, alla funzione Compliance della propria società. I documenti o i registri che possono essere di rilievo per procedimenti legali, fiscali o regolamentari (in corso o minacciati), devono essere accuratamente conservati; la loro distruzione infatti può comportare sanzioni penali e civili. E importante che l archiviazione della documentazione inerente le Autorità di Vigilanza, da parte del Gruppo, avvenga in maniera accurata e tempestiva. Le informazioni fornite ai soggetti coinvolti nella predisposizione delle comunicazioni di Gruppo alle Autorità di Vigilanza e agli investitori devono essere complete, accurate e puntuali. 6 TASSAZIONE Il Gruppo non può intraprendere operazioni, investimenti, prodotti e altre iniziative con l intento di evitare e/o di eludere le tasse, oppure di ottenere vantaggi fiscali indebiti in violazione della legge. Le attività intraprese dal Gruppo devono essere fondate su motivazioni economiche significanti (scopi di business leali). E severamente vietato intraprendere operazioni aventi come fine quello di aggirare le previsioni fiscali, oppure di ottenere una riduzione o un reintegro delle tasse, altrimenti non dovuto. I Dipendenti non posso acquistare o offrire, sia in forma scritta che verbale, investimenti, prodotti e altre operazioni che abbiano quale fondamento un mero beneficio fiscale per i clienti e per altre controparti. Le informazioni fornite alle autorità fiscali e agli altri organi rilevanti devono essere complete, corrette e veritiere. E vietato ritardare e ostacolare le attività poste in essere da dette autorità nel corso di attività di audit in materia fiscale o durante le ispezioni. Le dichiarazioni dei redditi e qualsiasi altro modulo richiesto dalla normativa fiscale devono essere presentati entro le scadenze al fine di evitare multe. 7 REVISIONE DEL CODICE DI CONDOTTA Il Codice è gestito ed aggiornato con regolarità dalla Funzione Global Compliance Policy Coordination di Capogruppo relativamente ad eventuali mutate circostanze e sottoposto a revisione con cadenza biennale. 9 UniCredit Group - Internal Use Only

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Codice di Comportamento Genesi Uno Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Caro Collaboratore, vorrei sollecitare la tua attenzione sulle linee guida ed i valori di integrità e trasparenza che

Dettagli

Gruppo PRADA. Codice etico

Gruppo PRADA. Codice etico Gruppo PRADA Codice etico Indice Introduzione 2 1. Ambito di applicazione e destinatari 3 2. Principi etici 3 2.1 Applicazione dei Principi etici: obblighi dei Destinatari 4 2.2 Valore della persona e

Dettagli

CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L.

CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L. CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L. Il presente codice etico (di seguito il Codice Etico ) è stato redatto al fine di assicurare che i principi etici in base ai quali opera Cedam Italia S.r.l. (di seguito

Dettagli

CODICE ETICO SOMMARIO. Premessa Principi generali. pag. 2 pag. 2 pag. 3 pag. 3 pag. 4 pag. 4 pag. 5 pag. 7 pag. 7 pag. 7 pag. 8 pag. 8 pag.

CODICE ETICO SOMMARIO. Premessa Principi generali. pag. 2 pag. 2 pag. 3 pag. 3 pag. 4 pag. 4 pag. 5 pag. 7 pag. 7 pag. 7 pag. 8 pag. 8 pag. CODICE ETICO SOMMARIO Premessa Principi generali Art. I Responsabilità Art. II Lealtà aziendale Art. III Segretezza Art. IV Ambiente di Lavoro, sicurezza Art. V Rapporti commerciali Art. VI Rapporti con

Dettagli

Associazione Italiana Brokers di Assicurazioni e Riassicurazioni

Associazione Italiana Brokers di Assicurazioni e Riassicurazioni Associazione Italiana Brokers di Assicurazioni e Riassicurazioni Codice Etico Rev. 03 Versione del 21/01/2013 Approvato della Giunta Esecutiva del 18/02/2013 Ratificato del Consiglio Direttivo entro il

Dettagli

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 2.1 Principi generali Pag. 2 2.2. Principi di condotta Pag. 2 2.3 Comportamenti non etici Pag. 3 2.3. Principi di trasparenza Pag. 4 3 Relazioni can il personale

Dettagli

Divieto di percepire o dare indebitamente denaro o altre utilità

Divieto di percepire o dare indebitamente denaro o altre utilità Divieto di percepire o dare indebitamente denaro o altre utilità Global Policy Funzione Competente: Compliance Data: Dicembre 2014 Unit: Global AML Versione: 3 Indice 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE...

Dettagli

Approvato dal CdA del 27.06.12

Approvato dal CdA del 27.06.12 CODICE ETICO Approvato dal CdA del 27.06.12 1 1. INTRODUZIONE...4 1.1 La Missione di BIC Lazio SpA...4 1.2 Principi generali...4 1.3 Struttura e adeguamento del Codice Etico...5 2. DESTINATARI DEL CODICE...5

Dettagli

:-) Fare la cosa giusta! Inizia con il leggere la cosa giusta. Philips General Business Principles, La tua guida per agire con integrità

:-) Fare la cosa giusta! Inizia con il leggere la cosa giusta. Philips General Business Principles, La tua guida per agire con integrità General Business Principles Fare la cosa giusta! Inizia con il leggere la cosa giusta :-) Philips General Business Principles, La tua guida per agire con integrità pww.gbp.philips.com June 2014 Abbiamo

Dettagli

«Ogni società, grande o piccola che sia, ha bisogno di una serie di standard di guida che ne regolino i comportamenti interni ed esterni.

«Ogni società, grande o piccola che sia, ha bisogno di una serie di standard di guida che ne regolino i comportamenti interni ed esterni. «Ogni società, grande o piccola che sia, ha bisogno di una serie di standard di guida che ne regolino i comportamenti interni ed esterni.» Code of Conduct Comunicazione del CEO «Ogni società, grande o

Dettagli

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse CERVED RATING AGENCY Politica in materia di conflitti di interesse maggio 2014 1 Cerved Rating Agency S.p.A. è specializzata nella valutazione del merito creditizio di imprese non finanziarie di grandi,

Dettagli

SER 1 S.p.A. CODICE ETICO ex D. Lgs. 231/2001

SER 1 S.p.A. CODICE ETICO ex D. Lgs. 231/2001 SER 1 S.p.A. CODICE ETICO ex D. Lgs. 231/2001 PREMESSA... 4 DISPOSIZIONI GENERALI... 5 Articolo 1... 5 Ambito di applicazione e Destinatari... 5 Articolo 2... 5 Comunicazione... 5 Articolo 3... 6 Responsabilità...

Dettagli

8 ottobre 2013 LA PONTIFICIA COMMISSIONE PER LO STATO DELLA CITTA DEL VATICANO

8 ottobre 2013 LA PONTIFICIA COMMISSIONE PER LO STATO DELLA CITTA DEL VATICANO N. XVIII LEGGE DI CONFERMA DEL DECRETO N. XI DEL PRESIDENTE DEL GOVERNATORATO, RECANTE NORME IN MATERIA DI TRASPARENZA, VIGILANZA ED INFORMAZIONE FINANZIARIA, DELL 8 AGOSTO 2013 8 ottobre 2013 LA PONTIFICIA

Dettagli

Programma di Compliance Antitrust. Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001

Programma di Compliance Antitrust. Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001 Programma di Compliance Antitrust Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001 Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 19 febbraio 2015 Rev 0 del 19 febbraio

Dettagli

CODICE DI CONDOTTA AGIRE CON INTEGRITÀ

CODICE DI CONDOTTA AGIRE CON INTEGRITÀ CODICE DI CONDOTTA AGIRE CON INTEGRITÀ PREMESSA GTECH S.p.A. è un'azienda che opera a livello mondiale in un ambiente commerciale complesso e altamente regolamentato. I propri dipendenti vivono e lavorano

Dettagli

Principi d Azione. www.airliquide.it

Principi d Azione. www.airliquide.it Principi d Azione Codice Etico www.airliquide.it Il bene scaturisce dall'onestà; l'onestà ha in sè la sua origine: quello che è un bene avrebbe potuto essere un male, ciò che è onesto, non potrebbe essere

Dettagli

CODICE ETICO. Valori. Visione etica dell impresa-valore aggiunto. Orientamento al cliente. Sviluppo delle persone. Qualità.

CODICE ETICO. Valori. Visione etica dell impresa-valore aggiunto. Orientamento al cliente. Sviluppo delle persone. Qualità. CODICE ETICO Premessa Il presente Codice Etico (di seguito, anche il Codice ) definisce un modello comportamentale i cui principi ispirano ogni attività posta in essere da e nei confronti di Starhotels

Dettagli

Consorzio per le AUTOSTRADE SICILIANE

Consorzio per le AUTOSTRADE SICILIANE Consorzio per le AUTOSTRADE SICILIANE CODICE ETICO E COMPORTAMENTALE PREMESSA Il Consorzio Autostrade Siciliane (CAS), costruisce e gestisce le tratte autostradali nell'ambito regionale siciliano, svolgendo

Dettagli

Note e informazioni legali

Note e informazioni legali Note e informazioni legali Proprietà del sito; accettazione delle condizioni d uso I presenti termini e condizioni di utilizzo ( Condizioni d uso ) si applicano al sito web di Italiana Audion pubblicato

Dettagli

Linee guida di condotta aziendale

Linee guida di condotta aziendale Linee guida di condotta aziendale INTEGRITÀ RISPETTO FIDUCIA RICERCA DELL ECCELLENZA CLIENTI DIPENDENTI PARTNER COMMERCIALI FORNITORI AZIONISTI COMMUNITÀ AMBIENTE SOMMARIO Linee guida di condotta aziendale

Dettagli

Codice Etico e di Condotta Aziendale. Noi. ci impegnamo

Codice Etico e di Condotta Aziendale. Noi. ci impegnamo Codice Etico e di Condotta Aziendale Noi ci impegnamo La Missione di Bombardier La nostra missione è essere leader mondiali nella produzione di aerei e treni. Ci impegniamo a fornire ai nostri clienti

Dettagli

POLITICA ANTI-CORRUZIONE DI DANAHER CORPORATION

POLITICA ANTI-CORRUZIONE DI DANAHER CORPORATION I. SCOPO POLITICA ANTI-CORRUZIONE DI DANAHER CORPORATION La corruzione è proibita dalle leggi di quasi tutte le giurisdizioni al mondo. Danaher Corporation ( Danaher ) si impegna a rispettare le leggi

Dettagli

Preambolo. (La Sotto-Commissione*,)

Preambolo. (La Sotto-Commissione*,) Norme sulle Responsabilità delle Compagnie Transnazionali ed Altre Imprese Riguardo ai Diritti Umani, Doc. Nazioni Unite E/CN.4/Sub.2/2003/12/Rev. 2 (2003).* Preambolo (La Sotto-Commissione*,) Tenendo

Dettagli

TERMINI E CONDIZIONI DI UTILIZZO

TERMINI E CONDIZIONI DI UTILIZZO Informazioni Societarie Fondazione Prada Largo Isarco 2 20139 Milano, Italia P.IVA e codice fiscale 08963760965 telefono +39.02.56662611 fax +39.02.56662601 email: amministrazione@fondazioneprada.org TERMINI

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO

CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO 1. CAMPO DI APPLICAZIONE 1.1 Le presenti Condizioni Generali di Acquisto ("GPC") si applicano all acquisto di materiali, articoli, prodotti, componenti, software ed i relativi

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO 1. Il presente Codice di Comportamento integrativo definisce, in applicazione dell'art. 54 del DLgs. n. 165/2001 come riformulato dall'art.1, comma

Dettagli

Gruppo Roche. Policy sull Occupazione

Gruppo Roche. Policy sull Occupazione Gruppo Roche Policy sull Occupazione 2 I Principi Aziendali di Roche esprimono la nostra convinzione che il successo del Gruppo dipenda dal talento e dai risultati di persone coscienziose e impegnate nel

Dettagli

Se avete domande in merito al Codice IDEX di condotta ed etica aziendale o se avete episodi da segnalare, seguite le procedure indicate nel Codice.

Se avete domande in merito al Codice IDEX di condotta ed etica aziendale o se avete episodi da segnalare, seguite le procedure indicate nel Codice. A tutti i dipendenti, dirigenti e direttori IDEX: Al fine di soddisfare e superare le esigenze dei nostri clienti, fornitori, dipendenti e azionisti sono essenziali criteri di comportamento elevati e coerenti,

Dettagli

Gli Standard hanno lo scopo di:

Gli Standard hanno lo scopo di: STANDARD INTERNAZIONALI PER LA PRATICA PROFESSIONALE DELL INTERNAL AUDITING (STANDARD) Introduzione agli Standard L attività di Internal audit è svolta in contesti giuridici e culturali diversi, all interno

Dettagli

DICHIARAZIONE ANTICONCUSSIONE E CORRUZIONE RIEPILOGO DELLA POLITICA ANTICONCUSSIONE E CORRUZIONE DI JOHNSON MATTHEY

DICHIARAZIONE ANTICONCUSSIONE E CORRUZIONE RIEPILOGO DELLA POLITICA ANTICONCUSSIONE E CORRUZIONE DI JOHNSON MATTHEY DICHIARAZIONE ANTICONCUSSIONE E CORRUZIONE E RIEPILOGO DELLA POLITICA ANTICONCUSSIONE E CORRUZIONE DI JOHNSON MATTHEY Johnson Matthey ha assunto alcuni impegni contro la concussione e la corruzione che

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi terzi il cui soggiorno è irregolare Adozione con delibera

Dettagli

Codice deontologico dell Assistente Sociale

Codice deontologico dell Assistente Sociale Codice deontologico dell Assistente Sociale Approvato dal Consiglio Nazionale dell Ordine Roma, 6 aprile 2002 TITOLO I Definizione e potestà disciplinare 1. Il presente Codice è costituito dai principi

Dettagli

Dichiarazione dei diritti dell uomo

Dichiarazione dei diritti dell uomo Dichiarazione dei diritti dell uomo Politica dei diritti sul posto di lavoro Per noi è importante il rapporto che abbiamo con i nostri dipendenti. Il successo della nostra azienda dipende da ogni singolo

Dettagli

Codice Deontologico degli psicologi italiani

Codice Deontologico degli psicologi italiani Codice Deontologico degli psicologi italiani Testo approvato dal Consiglio Nazionale dell Ordine nell adunanza del 27-28 giugno 1997 Capo I - Principi generali Articolo 1 Le regole del presente Codice

Dettagli

COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari

COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari UFFICIO DEL SEGRETARIO GENERALE Responsabile Settore Affari del Personale-Anticorruzione-Trasparenza CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO Il

Dettagli

Accordo d Uso (settembre 2014)

Accordo d Uso (settembre 2014) Accordo d Uso (settembre 2014) Il seguente Accordo d uso, di seguito Accordo, disciplina l utilizzo del Servizio on line 4GUEST, di seguito Servizio, che prevede, la creazione di Viaggi, Itinerari, Percorsi,

Dettagli

LO STANDARD SA8000 ALPHAITALIA GENERALITA. S.p.A.

LO STANDARD SA8000 ALPHAITALIA GENERALITA. S.p.A. GENERALITA ALPHAITALIA Spa ha deciso di adottare, integrare nel proprio sistema di gestione (insieme agli aspetti dell assicurazione qualità, della gestione ambientale e della sicurezza sul luogo di lavoro)

Dettagli

LA CORRUZIONE TRA PRIVATI:

LA CORRUZIONE TRA PRIVATI: LA CORRUZIONE TRA PRIVATI: APPROFONDIMENTI In data 18 ottobre 2012, dopo un lungo iter parlamentare, il Senato ha approvato il maxi-emendamento al Disegno di Legge recante Disposizioni per la prevenzione

Dettagli

Non è compresa nel presente contratto l assistenza tecnica sui sistemi hardware e software dell UTENTE.

Non è compresa nel presente contratto l assistenza tecnica sui sistemi hardware e software dell UTENTE. CONDIZIONI GENERALI DI UTILIZZO DEL PROGRAMMA ONEMINUTESITE 1. PREMESSA L allegato tecnico contenuto nella pagina web relativa al programma ONEMINUTESITE(d ora in avanti: PROGRAMMA, o SERVIZIO O SERVIZI)

Dettagli

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 NORME GENERALI Art. 1 Validità del regolamento interno Il presente regolamento, derivante dai principi espressi dallo Statuto da cui discende, rappresenta le regole e le concrete

Dettagli

LINEE GUIDA PER IL CONTRASTO AI FENOMENI DI RICICLAGGIO E DI FINANZIAMENTO DEL TERRORISMO E PER LA GESTIONE DEGLI EMBARGHI

LINEE GUIDA PER IL CONTRASTO AI FENOMENI DI RICICLAGGIO E DI FINANZIAMENTO DEL TERRORISMO E PER LA GESTIONE DEGLI EMBARGHI LINEE GUIDA PER IL CONTRASTO AI FENOMENI DI RICICLAGGIO E DI FINANZIAMENTO DEL TERRORISMO E PER LA GESTIONE DEGLI EMBARGHI Normativa attinente ad aree sensibili relative al D.Lgs. 231/01 Area di rischio:

Dettagli

CONTRATTO DI CERTIFICAZIONE

CONTRATTO DI CERTIFICAZIONE CONTRATTO DI CERTIFICAZIONE tra FLO-CERT GMBH E RAGIONE SOCIALE DEL CLIENTE PARTI (1) FLO-CERT GmbH, società legalmente costituita e registrata a Bonn, Germania con il numero 12937, con sede legale in

Dettagli

Dir.P.C.M. 27 gennaio 1994 Princìpi sull erogazione dei servizi pubblici

Dir.P.C.M. 27 gennaio 1994 Princìpi sull erogazione dei servizi pubblici Dir.P.C.M. 27 gennaio 1994 Princìpi sull erogazione dei servizi pubblici IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Visto l art. 5, comma 2, lettere b), e) ed f), della legge 23 agosto 1988, n. 400; Ritenuta

Dettagli

L attività di Internal Audit nella nuova configurazione organizzativa

L attività di Internal Audit nella nuova configurazione organizzativa L attività di Internal Audit nella nuova configurazione organizzativa Massimo Bozeglav Responsabile Direzione Internal Audit Banca Popolare di Vicenza Indice 1. I fattori di cambiamento 2. L architettura

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo D.Lgs. 231/01 e norme correlate di Nuova Orli S.r.l. CODICE ETICO. Versione n. 1 del 31 maggio 2013

Modello di organizzazione, gestione e controllo D.Lgs. 231/01 e norme correlate di Nuova Orli S.r.l. CODICE ETICO. Versione n. 1 del 31 maggio 2013 Modello di organizzazione, gestione e controllo D.Lgs. 231/01 e norme correlate di Nuova Orli S.r.l. Versione n. 1 del 31 maggio 2013 A tutti i dipendenti e collaboratori Oggetto: diffusione del Codice

Dettagli

Codice di Condotta Professionale per i Gestori Patrimoniali

Codice di Condotta Professionale per i Gestori Patrimoniali Codice di Condotta Professionale per i Gestori Patrimoniali Etica: valore e concretezza L Etica non è valore astratto ma un modo concreto per proteggere l integrità dei mercati finanziari e rafforzare

Dettagli

REGISTRO DELLE PERSONE CHE HANNO ACCESSO A INFORMAZIONI PRIVILEGIATE

REGISTRO DELLE PERSONE CHE HANNO ACCESSO A INFORMAZIONI PRIVILEGIATE REGISTRO DELLE PERSONE CHE HANNO ACCESSO A INFORMAZIONI PRIVILEGIATE OVS S.P.A. Approvato dal Consiglio di Amministrazione di OVS S.p.A. in data 23 luglio 2014, in vigore dal 2 marzo 2015 1 1. PREMESSA

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

DISPOSIZIONI DISCIPLINARI CONTRATTUALI PERSONALE NON DIRIGENTE DEL COMPARTO REGIONI E AUTONOMIE LOCALI (estratto C.C.N.L. del 11.04.

DISPOSIZIONI DISCIPLINARI CONTRATTUALI PERSONALE NON DIRIGENTE DEL COMPARTO REGIONI E AUTONOMIE LOCALI (estratto C.C.N.L. del 11.04. ISTITUTO AUTONOMO CASE POPOLARI DELLA PROVINCIA DI FOGGIA DISPOSIZIONI DISCIPLINARI CONTRATTUALI PERSONALE NON DIRIGENTE DEL COMPARTO REGIONI E AUTONOMIE LOCALI (estratto C.C.N.L. del 11.04.2008) TITOLO

Dettagli

DIRITTI DEI CONSUMATORI

DIRITTI DEI CONSUMATORI DIRITTI DEI CONSUMATORI 1. Quali sono i diritti dei consumatori stabiliti dal Codice del Consumo 2. Qual è la portata della disposizione? 3. Qual è l origine dell elencazione? 4. In che cosa consiste il

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA BANCA D ITALIA E DELLA CONSOB AI SENSI DELL ARTICOLO 6, COMMA 2-BIS, DEL TESTO UNICO DELLA FINANZA

REGOLAMENTO DELLA BANCA D ITALIA E DELLA CONSOB AI SENSI DELL ARTICOLO 6, COMMA 2-BIS, DEL TESTO UNICO DELLA FINANZA REGOLAMENTO DELLA BANCA D ITALIA E DELLA CONSOB AI SENSI DELL ARTICOLO 6, COMMA 2-BIS, DEL TESTO UNICO DELLA FINANZA LA BANCA D ITALIA E LA CONSOB VISTO il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n.

Dettagli

CODICE ETICO E DI COMPORTAMENTO

CODICE ETICO E DI COMPORTAMENTO CODICE ETICO E DI COMPORTAMENTO 2ª Edizione - Approvato dal Consiglio di Amministrazione di Calzedonia Holding S.p.A - il 17 marzo 2014 ENG INTRODU- ZIONE ALLA SECONDA EDIZIONE DEL CODICE ETICO Un Azienda

Dettagli

Policy. Le nostre persone

Policy. Le nostre persone Policy Le nostre persone Approvato dal Consiglio di Amministrazione di eni spa il 28 luglio 2010 LE NOSTRE PERSONE 1. L importanza del fattore umano 3 2. La cultura della pluralità 4 3. La valorizzazione

Dettagli

Lottare contro la discriminazione sul posto di lavoro è nell interesse di tutti

Lottare contro la discriminazione sul posto di lavoro è nell interesse di tutti Lottare contro la discriminazione sul posto di lavoro è nell interesse di tutti Discriminazione sul posto di lavoro Quando una persona viene esclusa o trattata peggio delle altre a causa del sesso, della

Dettagli

Note legali. Termini e condizioni di utilizzo. Modifiche dei Termini e Condizioni di Utilizzo. Accettazione dei Termini e Condizioni

Note legali. Termini e condizioni di utilizzo. Modifiche dei Termini e Condizioni di Utilizzo. Accettazione dei Termini e Condizioni Note legali Termini e condizioni di utilizzo Accettazione dei Termini e Condizioni L'accettazione puntuale dei termini, delle condizioni e delle avvertenze contenute in questo sito Web e negli altri siti

Dettagli

Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) 1)

Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) 1) 1.6.1.1 Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) (del 9 marzo 1987) IL GRAN CONSIGLIO DELLA REPUBBLICA E CANTONE TICINO visto il messaggio 2 ottobre 1985 n. 2975 del Consiglio di Stato, decreta:

Dettagli

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI Versione 9.0 del 9/03/2015 Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 Policy conflitti di interesse Pag. 1 di 14 INDICE 1. PREMESSA... 3 1.1 Definizioni... 4 2. OBIETTIVI...

Dettagli

ANTIRICICLAGGIO: LE NOVITÀ DELLA IV DIRETTIVA E LA POSSIBILE EVOLUZIONE DELLA NORMATIVA NAZIONALE.

ANTIRICICLAGGIO: LE NOVITÀ DELLA IV DIRETTIVA E LA POSSIBILE EVOLUZIONE DELLA NORMATIVA NAZIONALE. ANTIRICICLAGGIO: LE NOVITÀ DELLA IV DIRETTIVA E LA POSSIBILE EVOLUZIONE DELLA NORMATIVA NAZIONALE. Casi pratici sulla corretta registrazione delle operazioni attinenti la gestione collettiva del risparmio

Dettagli

Il Comitato dei Ministri, ai sensi dell'articolo 15.b dello Statuto del Consiglio d'europa,

Il Comitato dei Ministri, ai sensi dell'articolo 15.b dello Statuto del Consiglio d'europa, CONSIGLIO D EUROPA Raccomandazione CM/REC(2014) 3 del Comitato dei Ministri agli Stati Membri relativa ai delinquenti pericolosi (adottata dal Comitato dei Ministri il 19 febbraio 2014 nel corso della

Dettagli

Rapporti con la P.A. I reati di cui agli artt. 24 e 25 del Decreto 231. Possibili modalità di commissione

Rapporti con la P.A. I reati di cui agli artt. 24 e 25 del Decreto 231. Possibili modalità di commissione ALLEGATO 15 Rapporti con la P.A. I reati di cui agli artt. 24 e 25 del Decreto 231. Possibili modalità di commissione Per una sintetica descrizione dei reati richiamati negli artt. 24 e 25 del Decreto

Dettagli

DICHIARAZIONE DELLA FRANCIA

DICHIARAZIONE DELLA FRANCIA Consiglio dell'unione europea Bruxelles, 17 aprile 2015 (OR. fr) Fascicolo interistituzionale: 2013/0025 (COD) 7768/15 ADD 1 REV 1 NOTA PUNTO "I/A" Origine: Destinatario: Oggetto: Segretariato generale

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

VimpelCom Ltd. Group. Codice di Condotta

VimpelCom Ltd. Group. Codice di Condotta Group Codice di Condotta Il di VimpelCom delinea le regole di condotta aziendali di VimpelCom unitamente a linee-guida per spiegare come esse si applichino nella pratica a ciascun dipendente VimpelCom.

Dettagli

2) Assenza di discriminazione e parità di trattamento nell ambito professionale

2) Assenza di discriminazione e parità di trattamento nell ambito professionale 2) Assenza di discriminazione e parità di trattamento nell ambito professionale a. Direttiva 2011/98/UE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 13 dicembre 2011, relativa a una procedura unica di domanda

Dettagli

ALLEGATO D. Roma lì, / / Equitalia S.p.A. il Titolare

ALLEGATO D. Roma lì, / / Equitalia S.p.A. il Titolare 1 Premessa e quadro normativo Il Contratto sottoscritto da Equitalia S.p.A. e ha ad oggetto l affidamento dei servizi di implementazione e manutenzione del nuovo Sistema Informativo Corporate - Sistema

Dettagli

MODELLO DI ORGANIZZAZIONE E GESTIONE DI UNICREDIT S.P.A. AI SENSI DEL D.LGS. 231/01

MODELLO DI ORGANIZZAZIONE E GESTIONE DI UNICREDIT S.P.A. AI SENSI DEL D.LGS. 231/01 MODELLO DI ORGANIZZAZIONE E GESTIONE DI UNICREDIT S.P.A. AI SENSI DEL D.LGS. 231/01 UniCredit Group INDICE CAPITOLO 1: Ambito e finalità del Modello di Organizzazione e Gestione... 2 1.1 Premessa... 2

Dettagli

Value Partners Group Communication Office Aprile 2010 Value Partners Group

Value Partners Group Communication Office Aprile 2010 Value Partners Group Value Partners Group Communication Office Aprile 2010 Value Partners Group Contenuti Introduzione 3 I valori del gruppo Value Partners 4 Le linee guida della nostra condotta verso gli stakeholder 5 Verso

Dettagli

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Firmato digitalmente da Sede legale Via Nazionale, 91 - Casella Postale 2484-00100 Roma - Capitale versato Euro

Dettagli

OMAGGI, PRANZI, INTRATTENIMENTO, VIAGGI SPONSORIZZATI E ALTRI ATTI DI CORTESIA

OMAGGI, PRANZI, INTRATTENIMENTO, VIAGGI SPONSORIZZATI E ALTRI ATTI DI CORTESIA OMAGGI, PRANZI, INTRATTENIMENTO, VIAGGI SPONSORIZZATI E ALTRI ATTI DI CORTESIA Le presenti Linee Guida si applicano ad ogni amministratore, direttore, dipendente a tempo pieno o parziale, docente, esterno

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI COMMISSIONE PARITETICA PER I PRINCIPI DI REVISIONE LA COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI

Dettagli

PARTE SPECIALE 3 Altri reati

PARTE SPECIALE 3 Altri reati MODELLO ORGANIZZATIVO ai sensi del D.Lgs. 231/2001 PAGINA 1 DI 13 - SOMMARIO 1. TIPOLOGIA DI REATI... 3 1.1 DELITTI CONTRO LA PERSONALITA INDIVIDUALE... 3 1.2 SICUREZZA SUL LAVORO... 3 1.3 RICETTAZIONE,

Dettagli

Il trattamento dei dati personali e l utilizzo degli strumenti informatici in ambito lavorativo

Il trattamento dei dati personali e l utilizzo degli strumenti informatici in ambito lavorativo Il trattamento dei dati personali e l utilizzo degli strumenti informatici in ambito lavorativo Argomenti 1) Trattamento dei dati personali. Cenno ai principi generali per il trattamento e la protezione

Dettagli

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 210 ACCORDI RELATIVI AI TERMINI DEGLI INCARICHI DI REVISIONE

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 210 ACCORDI RELATIVI AI TERMINI DEGLI INCARICHI DI REVISIONE PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 210 ACCORDI RELATIVI AI TERMINI DEGLI INCARICHI DI REVISIONE (In vigore per le revisioni contabili dei bilanci relativi ai periodi amministrativi che iniziano

Dettagli

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli

Termini e condizioni generali di acquisto

Termini e condizioni generali di acquisto TERMINI E CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO 1. CONDIZIONI DEL CONTRATTO L ordine di acquisto o il contratto, insieme con questi Termini e Condizioni Generali ( TCG ) e gli eventuali documenti allegati e

Dettagli

Smartphone Innovations S.r.l. gestisce il sito www.stonexone.com ( Sito ). Smartphone Innovations S.r.l.

Smartphone Innovations S.r.l. gestisce il sito www.stonexone.com ( Sito ). Smartphone Innovations S.r.l. TERMINI E CONDIZIONI Smartphone Innovations S.r.l. gestisce il sito www.stonexone.com ( Sito ). Smartphone Innovations S.r.l. ha predisposto le seguenti Condizioni generali per l utilizzo del Servizio

Dettagli

- - - - - - - - - - - - 1 - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AFM S.p.A. Sede Legale in Bologna, Via del Commercio Associato n. 22/28 MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di Sintesi - Documento adottato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 07/07/ 2009 Ai sensi degli artt, 45-46-47-48 del Regolamento

Dettagli

REGOLAMENTO N. 20 DEL 26 MARZO 2008 L ISVAP. (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo)

REGOLAMENTO N. 20 DEL 26 MARZO 2008 L ISVAP. (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo) REGOLAMENTO N. 20 DEL 26 MARZO 2008 REGOLAMENTO RECANTE DISPOSIZIONI IN MATERIA DI CONTROLLI INTERNI, GESTIONE DEI RISCHI, COMPLIANCE ED ESTERNALIZZAZIONE DELLE ATTIVITÀ DELLE IMPRESE DI ASSICURAZIONE,

Dettagli

DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO

DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO INTERNAZIONALE, CONCERNENTI LE RELAZIONI AMICHEVOLI E LA COOPERAZIONE FRA GLI STATI, IN CONFORMITÀ CON LA CARTA DELLE NAZIONI UNITE Risoluzione dell Assemblea

Dettagli

CONTRATTO DI SERVIZIO CIVILE REGIONALE TRA

CONTRATTO DI SERVIZIO CIVILE REGIONALE TRA ALLEGATO E) CONTRATTO DI SERVIZIO CIVILE REGIONALE TRA Regione Toscana DG Diritti di Cittadinanza e Coesione Sociale Settore Politiche di Welfare regionale, per la famiglia e cultura della legalità, C.F.

Dettagli

PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE

PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE (2001) PARTE I L ATTO INTERNAZIONALMENTE ILLECITO DI UNO STATO CAPITOLO I PRINCIPI GENERALI Articolo 1

Dettagli

ai sensi del D.Lgs 231/2001

ai sensi del D.Lgs 231/2001 MODELLO DI ORGANIZZAZIONE GESTIONE E CONTROLLO GASPARINA DI SOPRA Società Cooperativa Sociale Modello di organizzazione gestione e controllo ai sensi del D.Lgs 231/2001 Sistema Disciplinare 1 ELENCO DELLE

Dettagli

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 9306 LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 Norme per la sicurezza, la qualità e il benessere sul lavoro. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Dettagli

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello STATO DELLE REVISIONI rev. n SINTESI DELLA MODIFICA DATA 0 05-05-2015 VERIFICA Direttore Qualità & Industrializzazione Maria Anzilotta APPROVAZIONE Direttore Generale Giampiero Belcredi rev. 0 del 2015-05-05

Dettagli

Modulo di assunzione di responsabilità per l'acquisizionee il mantenimentodi uno spazio Web presso il Centro Servizi Informatici

Modulo di assunzione di responsabilità per l'acquisizionee il mantenimentodi uno spazio Web presso il Centro Servizi Informatici Modulo di assunzione di responsabilità per l'acquisizionee il mantenimentodi uno spazio Web presso il Centro Servizi Informatici Art. 1 Oggetto Il presente modulo di assunzione di responsabilità (di seguito

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

LINEE GUIDA in materia di discriminazioni sul lavoro

LINEE GUIDA in materia di discriminazioni sul lavoro LINEE GUIDA in materia di discriminazioni sul lavoro (adottate dall Ente in data 10/06/2014) La Provincia di Cuneo intende promuovere un ambiente di lavoro scevro da qualsiasi tipologia di discriminazione.

Dettagli

Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA. Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE

Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA. Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE C.C.N.L. per il personale dipendente da imprese esercenti servizi di pulizia e servizi integrati / multi servizi. Ai

Dettagli

Allegato 8 MISURE MINIME ED IDONEE

Allegato 8 MISURE MINIME ED IDONEE Allegato 8 MISURE MINIME ED IDONEE SOMMARIO 1 POLITICHE DELLA SICUREZZA INFORMATICA...3 2 ORGANIZZAZIONE PER LA SICUREZZA...3 3 SICUREZZA DEL PERSONALE...3 4 SICUREZZA MATERIALE E AMBIENTALE...4 5 GESTIONE

Dettagli

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO IL BILANCIO D ESERCIZIO E UN DOCUMENTO AZIENDALE DI SINTESI, DI DERIVAZIONE CONTABILE, RIVOLTO A VARI DESTINATARI, CHE RAPPRESENTA IN TERMINI CONSUNTIVI E

Dettagli

Vivere nel rispetto dei nostri valori. Il nostro Codice di condotta. Il nostro Codice di condotta 1

Vivere nel rispetto dei nostri valori. Il nostro Codice di condotta. Il nostro Codice di condotta 1 Vivere nel rispetto dei nostri valori Il nostro Codice di condotta Il nostro Codice di condotta 1 La promessa di GSK Mettere i nostri valori al centro di ogni decisione che prendiamo Tutti insieme, noi

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI E AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI E AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI E AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI Premessa L accesso agli atti ed ai documenti amministrativi, introdotto nel nostro ordinamento dalla Legge 7 agosto 1990, n. 241, costituisce

Dettagli

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI Indice 1 Introduzione 2 2 Come ERA collabora con i fornitori 3 Se siete il fornitore attualmente utilizzato dal cliente Se siete dei fornitori potenziali Se vi aggiudicate

Dettagli

Consorzio Stradale Lido dei Pini Lupetta Il Consiglio di Amministrazione

Consorzio Stradale Lido dei Pini Lupetta Il Consiglio di Amministrazione Consorzio Stradale Lido dei Pini Lupetta Il Consiglio di Amministrazione REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL SITO WEB Art. 1 (Finalità) Il Sito Web del Consorzio è concepito e utilizzato quale strumento istituzionale

Dettagli

ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000

ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000 ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000 (N.B. la presente dichiarazione deve essere prodotta unitamente a copia fotostatica non autenticata

Dettagli

Segnalazioni, anche anonime, ricevute da eni spa e da società controllate in Italia e all estero ]

Segnalazioni, anche anonime, ricevute da eni spa e da società controllate in Italia e all estero ] Management System Guideline Anti - Corruzione TITOLO PROCEDURA TITOLO PRPOCEDURA TITOLO PROCEDURA Segnalazioni, anche anonime, ricevute da eni spa e da società controllate in Italia e all estero ] Allegato

Dettagli

Rischio impresa. Rischio di revisione

Rischio impresa. Rischio di revisione Guida alla revisione legale PIANIFICAZIONE del LAVORO di REVISIONE LEGALE dei CONTI Formalizzazione delle attività da svolgere nelle carte di lavoro: determinazione del rischio di revisione, calcolo della

Dettagli

Art. 3. Codice disciplinare

Art. 3. Codice disciplinare Art. 3 Codice disciplinare 1. Nel rispetto del principio di gradualità e proporzionalità delle sanzioni in relazione alla gravità della mancanza, e in conformità a quanto previsto dall art. 55 del D.Lgs.n.165

Dettagli