Carbomark: un nuovo strumento per lo scambio di crediti di carbonio

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Carbomark: un nuovo strumento per lo scambio di crediti di carbonio"

Transcript

1 Carbomark: un nuovo strumento per lo scambio di crediti di carbonio

2 Regione del Veneto Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia Università degli Studi di Padova Università degli Studi di Udine Unità di progetto foreste e parchi Direzione centrale risorse rurali, agroalimentari e forestali Servizio gestione forestale e produzione legnosa Dipartimento territorio e sistemi agroforestali (TESAF) Dipartimento di scienze agrarie e ambientali (DISA) Coordinatore del progetto Life+ Maurizio Dissegna - Unità di Progetto Foreste e Parchi (Regione del Veneto) Assistenza alla gestione del progetto Life+ Giovanni Carraro - Unità di Progetto Foreste e Parchi (Regione del Veneto Lisa Causin - Unità di Progetto Foreste e Parchi (Regione del Veneto) Rinaldo Comino - Servizio gestione forestale e produzione legnosa (Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia) Giuseppe Vanone - Servizio gestione forestale e produzione legnosa (Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia) Silvia Stefanelli - Servizio energia (Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia) Tommaso Anfodillo - TESAF (Università degli Studi di Padova) Francesca Pierobon - TESAF (Università degli Studi di Padova) Alessandro Peressotti - DISA (Università degli Studi di Udine) Giorgio Alberti - DISA (Università degli Studi di Udine) Coordinamento editoriale e traduzioni - Padova Assistenza tecnica e rapporti con le imprese - Venezia Marghera Editing, grafica e stampa Chinchio Industria Grafica S.p.A. - Padova Venezia, 2011 Non è consentita la riproduzione del testo o delle figure senza il consenso dell Unita di Progetto Foreste e Parchi della Regione del Veneto. Questo documento fa parte dei materiali prodotti con il cofinanziamento del programma comunitario LIFE+ nell ambito del progetto CARBOMARK - Improvement of policies towards local voluntary carbon markets for climate change mitigation (LIFE07 ENV/IT/000388)

3 Carbomark: un nuovo strumento per lo scambio di crediti di carbonio

4

5 Indice Introduzione (Dissegna M., Carraro G.) p. 9 Capitolo 1 I mercati del carbonio come strumenti per ridurre le emissioni: efficacia e prospettive future (Stefanelli S.) 1.1 Cosa sono i mercati del carbonio p Il mercato europeo Emission Trading System: prospettive di evoluzione al 2020 p I mercati volontari p Gli attori internazionali nel mercato dei crediti di carbonio p Prospettive future dei mercati p. 19 Capitolo 2 Il ruolo delle attività agroforestali nella riduzione delle emissioni 2.1 Opportunità dai crediti di gestione forestale e prodotti legnosi nel mercato Carbomark (Anfodillo T., Pierobon F.) 2.2 La forestazione urbana: sequestro di carbonio e servizi ambientali (Alberti G., Peressotti A.) 2.3 Una nuova strategia per il sequestro del carbonio nei sistemi agricoli: il biochar (Zavalloni C., Peressotti A.) p. 23 p. 26 p. 32 5

6 Capitolo 3 Potenzialità dei crediti di carbonio agro-forestali Carbomark in Veneto e Friuli Venezia Giulia 3.1 Potenzialità della gestione forestale per il sequestro di carbonio nel Friuli Venezia Giulia (Alberti G., Stefanelli S.) p Potenzialità della gestione forestale per il sequestro di carbonio nel Veneto (Pierobon F., Anfodillo T., Carraro G., p. 47 Causin L.) 3.3 Potenzialità dei prodotti legnosi per il sequestro di carbonio nel Veneto e Friuli Venezia Giulia (Alberti G., Stefanelli S., p. 55 Pierobon F., Anfodillo T.) 3.4 Potenzialità del biochar (Zavalloni C., Peressotti A.) p. 62 Capitolo 4 Il ruolo delle aziende e dei piani di gestione del carbonio: oltre il carbon offsetting 4.1 La filosofia aziendale nei mercati volontari: dal carbon offsetting al carbon in-setting aziendale (Stefanelli S.) 4.2 Il Piano di gestione del carbonio secondo la metodologia LCA (Balzan F., Pierobon F.) p. 71 p. 79 Capitolo 5 Attività realizzate dal progetto (Carraro G., Dissegna M., Volpi G.) 5. Studi preliminari p Lo studio economico p Lo studio legislativo p La definizione del modello di mercato p La prima fase del monitoraggio ambientale p Conclusioni p. 121 Capitolo 6 Conclusioni (Carraro G., Dissegna M., Causin L., Volpi G.) p

7 Introduzione

8

9 Introduzione Dissegna M., Carraro G. La scelta strategica del Protocollo di Kyoto di considerare alcune misure di mitigazione forestale ha fortemente incrementato l interesse per i crediti di carbonio forestali su scala globale e la nascita di mercati del carbonio paralleli ed indipendenti che vengono comunemente definiti come Mercati Volontari del Carbonio (MVC) (Hamilton et al 2009). Tali mercati prevedono che industrie, governi, organizzazioni o singoli cittadini possano acquistare volontariamente dei crediti per compensare emissioni generate da attività diverse (un viaggio, l organizzazione di un congresso o di un evento musicale ecc); essi sono, infatti, volutamente flessibili, ma sono spesso anche privi di regole chiare e trasparenti in grado di garantirne l efficacia in termini compensativi. Un problema rilevante nell organizzazione di mercati volontari, in particolare per gli aspetti legati agli interventi di compensazione, riguarda infatti il regime di garanzie relativo alla reale capacità di fissazione di carbonio generata dagli investimenti (Pettenella 2007). Negli standard proposti devono quindi essere prese in considerazione e comunicate in modo trasparente sia le criticità tipiche dei mercati dei crediti di carbonio, sia quelle specifiche del settore forestale. Tra quest ultime, è possibile ricordare le seguenti criticità principali: addizionalità: gli investimenti effettuati per migliorare le condizioni climatiche devono essere addizionali rispetto ad uno scenario di normale gestione (il cosiddetto business as usual); tali attività devono quindi essere esplicitamente finalizzate all assorbimento di CO 2 e non rappresentare investimenti che si sarebbero comunque realizzati (per es. piantagioni realizzate con contribuzione pubblica); permanenza: in particolare per i crediti di origine forestale è necessario considerare la possibilità che si verifichino fenomeni che portino alla riemissione, totale o parziale, del carbonio fissato in atmosfera (es. incendi, attacchi parassitari, schianti da vento); double-accounting: ovvero non destinare alla vendita crediti di carbonio già contabilizzati nei report nazionali. 9

10 Dissegna M., Carraro G. La discussione sul dopo Kyoto, ovvero sul secondo periodo di impegno che inizierà dopo il 2012, è attualmente in corso ed è opinione diffusa che in futuro saranno incentivate tutte le forme possibili di assorbimento del carbonio, in attesa dello sviluppo di nuove tecnologie che limitino le emissioni. Di conseguenza anche il coinvolgimento dei proprietari dei terreni agro-forestali e il loro orientamento verso forme di gestione indirizzate allo stoccaggio della sostanza organica sono destinati a diventare una strategia rilevante per la riduzione della concentrazione dei gas ad effetto serra. E quindi importante in questa fase dimostrare l efficacia di nuove forme di accordi volontari tra emettitori e gestori dei terreni agricoli e forestali finalizzate allo stoccaggio del carbonio anche per evidenziare che l obbligo primario è sempre quello di contenere o evitare le emissioni e che l assorbimento è pur sempre un meccanismo secondario di mitigazione. Il Progetto Carbomark Improvement of policies toward local voluntary carbon markets for climate change mitigation (www.carbomark.org/), cofinanziato dalla Commissione Europea attraverso il programma LIFE+ (LIFE07 ENV/IT ) ha voluto dimostrare la possibilità di istituire mercati locali di carbonio, ai quali possono partecipare soggetti industriali (emettitori), in particolare le piccole e medie imprese attualmente escluse dal mercato internazionale del carbonio, e proprietari di aree agricole e forestali (assorbitori) allo scopo di favorire l assorbimento della CO 2 atmosferica e la gestione forestale sostenibile. In particolare l obiettivo del progetto è stato dimostrare che tali mercati possono essere creati operando su un area geografica di ampiezza sub-nazionale e che la loro realizzazione si giustifica sia dal punto di vista della riduzione dei gas ad effetto serra sia per una serie di altri effetti positivi indotti sul territorio: gestione attiva e sostenibile delle foreste, gestione conservativa dei suoli agricoli, sensibilizzazione dei cittadini, promozione dello sviluppo sostenibile e controllo diretto delle attività di assorbimento. Per quanto attiene alla gestione forestale in particolare, il progetto vuole dimostrare la possibilità di monetizzare le esternalità generate dalla foresta in termini di miglioramento della qualità dell aria, che in futuro potrà essere estesa anche per valutare il contributo delle foreste al miglioramento della qualità dell acqua e del suolo. Il progetto inoltre si prefigge di rispondere ad alcune problematiche descritte in precedenza riguardo alle criticità degli interventi basati sull utilizzo di risorse forestali dovute, come già ricordato, al fatto che la fissazione di carbonio in biomasse forestali risulta reversibile e di difficile monitoraggio nel tempo. Nell ambito del progetto è stata proposta una metodologia rigorosa, credibile e tra- 10

11 Introduzione sparente per il calcolo dei crediti di carbonio unitamente ai relativi criteri di contabilizzazione che si sono basati anche su metodologie già approvate da altri standard internazionali di certificazione dei crediti forestali, tra cui il Voluntary Carbon Standard (www.v-c-s.org). In tale ambito sono stati presi in considerazione anche nuovi approcci tra cui l introduzione di piani di monitoraggio delle attività di assorbimento e di quelle che comportano l emissione di carbonio in atmosfera oltre al coinvolgimento attivo della sfera politica locale. Il progetto Carbomark considera i seguenti quattro ambiti di riferimento: Gestione forestale sostenibile Verde urbano Prodotti legnosi Biochar Per quanto attiene, in particolare i crediti generati dalla gestione forestale sostenibile l attenzione metodologica del progetto è stata rivolta a garantire: il principio di addizionalità, agendo su criteri di gestione forestale ispirati a best practice rispetto agli standard normativi o applicativi pregressi; la permanenza delle quote di CO 2 cedibili che viene fissata almeno a livello trentennale al netto di un buffer di sicurezza introdotto per prevenire eventuali disturbi esterni ed, infine, l esigenza di evitare il double-accounting ovvero doppio conteggio delle quote senza alcuna sovrapposizione con il PK e con il relativo reporting nazionale. Il carattere sperimentale dell iniziativa mira in sostanza a dimostrare la fattibilità del mercato che volutamente si caratterizza per i piccolissimi volumi di scambio che sono di ordini di grandezza percepibili solo a livello locale e non a livello inventariale. L impegno assunto nel definire le metodologie di conteggio e monitoraggio dei crediti di carbonio nel mercato locale di Carbomark è quello di creare un mercato credibile non solo nella generazione di crediti effettivi e reali ma anche di indurre comportamenti virtuosi attraverso l implementazione di politiche di riduzione delle emissioni nei soggetti acquirenti i crediti, che potranno accedere al mercato previa la sottoscrizioni di impegni rivolti a controbilanciare azioni di compensazione e azioni di riduzione delle emissioni. In pratica chi acquista crediti di carbonio nel mercato locale Carbomark, che si caratterizza per essere un mercato chiuso a cui possono accedere solo i soggetti che si impegnano a rispettare le regole rigide del mercato medesimo, non acquista il diritto di inquinare, bensì l impegno a ridurre, nel tempo, le proprie emissioni; impegno che sarà verificato periodicamente. 11

12

13 CAPITOLO 1 I mercati del carbonio come strumenti per ridurre le emissioni: efficacia e prospettive future

14

15 I mercati del carbonio come strumenti per ridurre le emissioni: efficacia e prospettive future Stefanelli S Cosa sono i mercati del carbonio I mercati del carbonio sono strumenti di politica economica per ridurre le emissioni di gas serra, utilizzati spesso in combinazione ad altre politiche come la tassazione dei gas serra o carbon tax e i regolamenti che disciplinano l adozione di tecnologie a bassa produzione e consumo di gas serra. Il termine mercati del carbonio si riferisce generalmente all acquisto e alla vendita di permessi di emissione o di crediti di carbonio che possono essere distribuiti da un soggetto terzo o generati da progetti di sequestro o abbattimento dei gas serra. La riduzione delle emissioni di gas serra è scambiata sotto forma di crediti di carbonio unità generalmente espresse in tonnellate di CO 2. Ci sono due tipi di mercati del carbonio: i mercati regolamentati e i mercati volontari. Mentre nei primi viene definito un cap o tetto massimo di emissioni assegnate agli emettitori che costituisce anche l obiettivo di riduzione complessivo di abbattimento da raggiungere, nel mercato volontario non ci sono obiettivi prefissati e pressoché tutti i crediti di carbonio sono generati da transazioni eseguite come risultato di progetti di mitigazione. All attualità la quasi totalità dei crediti sono scambiati nel mercato regolamentato dove nel 2011 sono stati scambiati milioni di tonnellate di CO 2, mentre sul mercato vo- 15

16 Stefanelli S. lontario solo 131 milioni di tonnellate di CO 2. Se i volumi scambiati nel mercato volontario costituiscono meramente lo 0,2% di tutti i crediti scambiati globalmente, tuttavia essi compensano la scarsità di volumi con altre caratteristiche come la flessibilità, la spinta verso tipologie di azioni mitiganti innovative e metodologie di conteggio e monitoraggio che spesso costituiscono la base per un loro successivo sviluppo nei mercati regolamentati. 1.2 Il mercato europeo Emission Trading System: prospettive di evoluzione al 2020 Il principale mercato dei crediti di carbonio è l Emission Trading System, uno degli strumenti previsti dal Protocollo di Kyoto per ridurre le emissioni di gas serra ed entrato in vigore dal gennaio Nell ETS nel 2010 sono stati scambiati l 83% dei crediti di carbonio ed è tuttora la principale piattaforma mondiale di scambio di crediti di carbonio (Hamilton et al.2011). L ETS funziona con il principio del cap and trade secondo il quale ciascun governo definisce il tetto massimo di emissioni per tutti i grossi emettitori che sono inclusi nel mercato ETS, sulla base di obiettivi da raggiungere a livello nazionale, delle emissioni storiche e di quelle future. Nell ambito di questo mercato gli emettitori ricevono un numero massimo di permessi di emissione. Se al termine di ogni anno l industria in oggetto emette di più di quanto assegnato, può acquistare crediti sul mercato, se invece è riuscita a ridurre le emissioni più del cap assegnato acquista diritto a vendere i crediti. Tale flessibilità nelle modalità di riduzione permette all azienda di abbattere le emissioni nel modo economicamente più efficace. Il numero di permessi assegnati si riduce ogni anno e nel 2020 le emissioni complessive saranno più basse del 21% rispetto all anno di lancio, il Il mercato ETS opera in trenta paesi tra cui 27 europei in aggiunta a Islanda, Norvegia e Liechtenstein e include le emissioni di CO 2 di settori come le raffinerie, le centrali elettriche e di produzione termica, i cementifici, le cartiere, le acciaierie e le industrie del vetro e del mattone. Nel complesso il totale di questi comparti produce il 40% del totale dei gas serra in Europa. Dal 2012 anche il settore dell aviazione sarà incluso nel mercato e dal 2013, quando si entrerà nella terza fase operativa del mercato importati cambiamenti saranno introdotti tra cui la previsione di un sistema di aste dei permessi di emissioni che dovrebbe rendere più efficace il mercato. In particolare l allocazione gratuita dei permessi di emissione o grandfathering, che è stata molto criticata nella prima e seconda fase 16

17 I mercati del carbonio come strumenti per ridurre le emissioni: efficacia e prospettive future dell ETS, sarà sostituita gradualmente da una quantità sempre maggiore di permessi messi all asta in modo da riflettere il reale prezzo di mercato assegnato a ciascuna tonnellata di CO 2 dagli acquirenti emettitori. Le novità più rilevanti della III fase dell ETS sono pertanto rappresentate dall introduzione di un sistema di aste dei permessi e dall inclusione dell aviazione. In particolare le emissioni di tutti i voli domestici e internazionali in arrivo e in partenza in Europa saranno incluse nell ETS. Come per gli altri grossi emettitori, le compagnie aeree riceveranno una quota di permessi e un cap massimo di emissioni. 1.3 I mercati volontari Nel 2010 il mercato volontario è cresciuto del 34% rispetto al Nel complesso benché le transazioni rappresentino meno dell 1% dei volumi scambiati sul mercato globale regolamentato e non, i mercati volontari sono importanti perché introducono misure di mitigazione innovative come i crediti da progetti REDDS (Reduced Emissions from Deforestation and Degradation), aumentano la consapevolezza e responsabilità delle imprese, coinvolgono piccoli e medi emettitori che non avrebbero obblighi nei mercati regolamentati e consentono di ridurre le emissioni ad un costo basso rispetto al mercato regolamentato. Infatti in media i crediti sono scambiati a e 4 t/ CO 2 eq. contro e 16 t/co 2 eq del mercato EU ETS. Un dato interessante del mercato volontario nel 2010 è che ben il 46% dei crediti scambiati è costituito da progetti agro-forestali di mitigazione e sequestro di carbonio seguiti dai progetti sulle energie rinnovabili (Hamilton et al. 2011). Tale dato segna il successo e l interesse degli investitori del mercato volontario verso tipologie di azioni e progetti come l evitata deforestazione, il miglioramento della gestione forestale, l afforestazione che oltre a svolgere l azione di sequestro del carbonio svolgono anche molti altri servizi ambientali. Tra i crediti forestali più scambiati c è l evitata deforestazione (REDDs) anche per il crescente interesse sul mercato dopo il suo inserimento tra le azioni chiave di un futuro accordo sul clima ma soprattutto per l avvio di iniziative bilaterali a suo sostegno come la Norway Forest Climate Initiative. Oltre ai REDDs ricoprono un ruolo importante anche afforestazione e riforestazione (6% degli scambi) il miglioramento della gestione forestale (5%) e la gestione dei suoli agricoli (3%). Il ruolo degli standard di certificazione dei crediti agroforestali si è ormai consolidato 17

18 Stefanelli S. come prassi tra gli acquirenti e i protocolli VCS (Voluntary Carbon Standard) si sono affermati con il 34% di volumi di crediti scambiati certificati. Il VCS è seguito dal Climate Community and Biodiversity standard, spesso in tandem con il VCS in quanto CCB non quantifica i crediti ma certifica il contributo etico dei progetti di mitigazione come i benefici ambientali e sociali. L approccio degli standard di certificazione dei crediti all impatto etico e sociale tiene conto sempre di più non solo del semplice offsetting ma anche degli aspetti legati alla biodiversità, all equa distribuzione finanziaria, agli impatti umani e sociali dei progetti di mitigazione in particolare di quelli agroforestali. Tra gli standard che piú si sono distinti per tenere in considerazione questi benefici supplementari vi sono oltre al CCB, il Social Carbon, il Brasil Mata Viva, il Plan Vivo e altri. Questo è particolarmente importante per lo sviluppo di progetti di mitigazione volontaria agroforestale in paesi con una governance ambientale molto lacunosa come nei paesi in via di sviluppo dove gli aspetti etico sociali sono spesso altrettanto se non più importanti dell azione di compensazione. 1.4 Gli attori internazionali nel mercato dei crediti di carbonio Numerosi sono gli attori dei mercati internazionali dei crediti di carbonio, volontari e regolamentati. Tra questi la Banca Mondiale si conferma con l istituzione che attraverso la Carbon Finance Unit ha maggiormente contribuito a sviluppare progetti di mitigazione nel mercato regolamentato del protocollo di Kyoto previsti dal Clean Development Mechanism e dal Joint Implementation. La Banca ha intrapreso numerose iniziative per la lotta ai cambiamenti climatici, tra cui l istituzione di fondi dedicati allo sviluppo di progetti di mitigazione a supporto degli impegni di riduzione di ciascun paese nei confronti del Protocollo di Kyoto. Tra questi alcuni si sono specializzati in specifiche attivitá di mitigazione come il BioCarbon Fund che investe in progetti di mitigazione agro-forestale nelle economie emergenti e in paesi in via di sviluppo o l Italian Carbon Fund, a supporto degli impegni dell Italia di riduzione delle emissioni e altri. In aggiunta la Banca Mondiale ha sviluppato altre iniziative come la Forest Carbon Partnership Initiative tese ad esplorare nuove modalità di mitigazione e adattamento ai cambiamenti climatici nei paesi in via di sviluppo piú vulnerabili ed esposti agli impatti del clima La FCPF in particolare ha lo scopo di assistere alcuni paesi dove la deforestazione procede a ritmi sostenuti a sviluppare attivitá e misure con le comunità locali per sostenere misure di evitata deforestazione, di 18

19 I mercati del carbonio come strumenti per ridurre le emissioni: efficacia e prospettive future miglioramento degli stock di carbonio e della gestione forestale sostenibile. Al momento 37 paesi tropicali hanno aderito al piano finanziario di sostegno all iniziativa supportata da paesi sviluppati, industrie, agenzie di sviluppo per un totale di $ 447 milioni. Se la Banca Mondiale si configura come uno dei principali operatori del mercato mondiale di crediti e di progetti di mitigazione, altri soggetti hanno assunto il ruolo non solo di sviluppatore ma anche di broker di crediti acquistando e rivendendo crediti. Tra questi vi sono società come Ecosecurities, Camco International che svolgono molteplici attivitá, altre come CarboNeutralCompany che agiscono principalmente come intermediarie tra venditori e acquirenti di crediti garantendo oltre ai crediti di carbonio altri servizi correlati come la misurazione del carbon footprint o un piano di gestione del carbonio, la certificazione dei crediti e altri servizi. In alcuni casi quando l ente ha intrapreso non solo une strategia di compensazione delle emissioni ma una vera e propria strategia di lotta ai cambiamenti climatici sono sorte alleanze e fondazioni che agiscono non solo con progetti di mitigazione ma sviluppando programmi di adattamento al clima nelle regioni piú vulnerabili. E il caso per esempio della HSBC Climate Partnership dove il colosso bancario HSBC ha istituito un alleanza con The Climate Group, il WWF, l Earthwatch, lo Smithsonian Tropical Research Institute e un programma di investimenti correlato su misure volte a ridurre l impatto del clima nelle regioni più vulnerabili, sulle foreste e gli ecosistemi acquatici e sulle popolazioni a rischio. 1.5 Prospettive future dei mercati Il mercato volontario rimane un mercato piccolo ma una componente importante dei mercati globali del carbonio. Le azioni volontarie guidate da individui e organizzazioni consapevoli dell importanza di azioni sul clima rappresentano un importante messaggio della necessità di agire e la crescita rapida dei mercati volontari è un chiaro indicatore di questa tendenza. Contemporaneamente l incertezza su un futuro accordo sul clima tra i principali paesi emettitori condiziona lo sviluppo di un mercato globale dei crediti di carbonio ed in particolare dei crediti generati dai progetti CDM o CERs in una fase post Infatti allo scadere del Protocollo di Kyoto, solo l Europa che si è fissata un obiettivo vincolante di riduzione delle emissioni del 20% al 2020 continuerà ad operare sui mercati. Come conseguenza il mercato ETS e dei crediti CERs vedrà come principali operatori solamente paesi ed emettitori europei. 19

20 Stefanelli S. In questo contesto di incertezza sul futuro dei mercati regolamentati, i prezzi di lungo periodo del carbonio saranno fondamentali per lo sviluppo di tecnologie innovative che supportino la trasformazione verso un economia a basso contenuto di carbonio. In questo contesto politiche e regolamentazioni che indirizzino il prezzo del carbonio insieme a meccanismi finanziari a loro supporto e all utilizzo di capitale privato e non solo pubblico per lo sviluppo di tecnologie indirizzeranno modelli di sviluppo a bassa intensità energetica e ridotto impatto di CO 2. Tuttavia nonostante le incertezze che regnano sui futuri mercati del carbonio, i mercati del carbonio rimangono uno strumento efficiente per mobilizzare il capitale privato per efficaci azioni sul clima. Riferimenti blibliograici R.Bayon, A.Hawn, K,Hamilton (2007) Voluntary Carbon Markets. An international business guide to what they are and how they work. Earthscan. A. Brohé, N.Eyre, N.Howarth (2009). Carbon Markets. An International Business Guide. Earthscan. EEA (2011). Greenhouse gas emission trends in Europe and projections in Europe Tracking progress towards Kyoto and 2020 targets. European Environment Agency. K. Hamilton et al. (2011). Back to the Future. State of the Voluntary Carbon Markets Ecosystem Marketplace, Bloomberg N. Linacre, A.Kossoy, P.Ambrosi (2011). State and trend of the carbon market World Bank Carbon Finance, Environment Department. A.J. Weaver (2011). Toward the Second Commitment Period of the Kyoto Protocol. Science vol May

21 CAPITOLO 2 Il ruolo delle attività agroforestali nella riduzione delle emissioni

22

23 Il ruolo delle attività agroforestali nella riduzione delle emissioni 2.1 Opportunità dai crediti di gestione forestale e prodotti legnosi nel mercato Carbomark Anfodillo T., Pierobon F. Il mercato Carbomark offre interessanti opportunità per la commercializzazione di crediti di carbonio per mezzo della gestione forestale sostenibile. L elezione di questa attività per la generazione dei crediti è subordinata al rispetto di alcune regole fondamentali per assicurare che i crediti generati siano reali, ovvero rispettino i principi di addizionalità, permanenza, unicità, trasparenza. Il primo requisito necessario per accedere al mercato è che le particelle forestali siano produttive e correttamente gestite, per mezzo di un Piano di Assestamento o di altro strumento equivalente. La presenza del Piano infatti garantisce che ogni azione di gestione forestale intrapresa sia registrata e possa essere tenuta sotto controllo per mezzo del Piano di monitoraggio. Si considerano solo le particelle con funzione produttiva in quanto le altre particelle, con funzioni protettiva, turistico-ricreativa, ambientale, paesaggistica non sono soggette a tagli e pertanto non è per esse dimostrabile l addizionalità. Il secondo requisito di fondamentale importanza è costituito dal fatto che il serbatoio o sink di carbonio che genera i crediti non sia già stato conteggiato per il Protocollo di Kyoto, ovvero particolare attenzione deve essere posta al problema del doppio conteggio. La gestione forestale, infatti, rientra nel Protocollo di Kyoto per mezzo dell art L art. 3.3 invece riguarda il settore forestale per le attività di Land-Use, Land-Use Change and Forestry (LULUCF), ovvero Afforestazione, Riforestazione e Deforestazione, che vengono interamente conteggiate dal Protocollo di Kyoto e pertanto non sono eleggibili per la generazione di crediti nel mercato volontario. L art. 3.4 invece riguarda la gestione forestale e stabilisce delle soglie massime per ciascun 23

24 Anfodillo T., Pierobon F. Paese per l utilizzo dei sink di carbonio al fine del raggiungimento degli obiettivi di Kyoto, per l Italia ad esempio la soglia fissata è pari a 2.78 MtC all anno pari a 10.2 MtCO 2 eq all anno. Questa soglia corrisponde alla frazione di sink considerata human-induced, ovvero direttamente causata dall intervento dell uomo. Sulla base di questo principio il mercato Carbomark è fondato su una metodologia che permette di vendere nel mercato volontario una parte di crediti generati da un sink di carbonio che si dimostra addizionale rispetto alla situazione business-as-usual (BAU), che costituisce la baseline per il mercato. Questa quota di sink risulta da azioni di gestione forestale quali il risparmio dell incremento legnoso rispetto ad uno standard consolidato, regionale o locale, o per mezzo di una riduzione della ripresa oppure attraverso la riqualificazione di aree boschive a bassa densità di copertura. Al fine di garantire il principio della permanenza, la quota venduta nel mercato Carbomark deve essere mantenuta almeno per trent anni sia per la gestione forestale che per i prodotti legnosi e non può essere destinata ad altro scopo. Il credito generato è addizionale in quanto deriva da un azione volontaria del proprietario forestale che si impegna a risparmiare di più di quanto avrebbe fatto se non avesse aderito al mercato. La permanenza è la caratteristica dei crediti di carbonio di perdurare nel tempo; la foresta può infatti essere soggetta a diversi disturbi quali incendi, attacchi parassitari, schianti, ecc. che possono compromettere la stabilità nel tempo della funzione climatica svolta. Per questo motivo alla quota di crediti che può essere commercializzata deve essere sottratta di una quota definita buffer corrispondente alla frazione di biomassa che, sulla base di dati storici, si presume possa essere imputabile a disturbi di origine biotica e abiotica. Il tempo di permanenza per i crediti di carbonio scambiati nel mercato Carbomark è stato definito pari a trent anni, periodo in cui il proprietario forestale si deve impegnare a conservarli. Per garantire che non sia effettuato un doppio conteggio dei crediti di carbonio rispetto al Protocollo di Kyoto è prevista una verifica preliminare per l eleggibilità della proprietà nel mercato, che è consentita solo a quelle particelle che nella situazione business-as-usual hanno un sink di carbonio almeno pari al contributo medio attribuibile a quella proprietà conteggiato per il Protocollo di Kyoto. In questo modo vi è la sicurezza che tutto quello che viene risparmiato in più rispetto alla business-as-usual non viene conteggiato per il Protocollo di Kyoto superando così il problema del doppio conteggio. Certamente tutta la metodologia descritta è estremamente cautelativa in quanto permette di commercializzare una quantità di crediti molto limitata rispetto al totale ma un 24

CarboMark as an opportunity for exploitation of forests and wood products to offset CO2 emissions

CarboMark as an opportunity for exploitation of forests and wood products to offset CO2 emissions Carbomark LIFE07 ENV/IT/000388 CarboMark as an opportunity for exploitation of forests and wood products to offset CO2 emissions Alessandro Peressotti Centro Congressi Torino Incontra 15/16 Novembre 2011

Dettagli

Contenuti della presentazione

Contenuti della presentazione Progetto Carbo Mark Opportunità per il settore forestale dal mercato volontario dei crediti di carbonio Silvia Stefanelli Regione Friuli Venezia Giulia Servizio gestione forestale e antincendio boschivo

Dettagli

Miglioramento delle politiche verso i mercati locali e volontari del carbonio per la mitigazione del cambiamento climatico Improvement of policies

Miglioramento delle politiche verso i mercati locali e volontari del carbonio per la mitigazione del cambiamento climatico Improvement of policies www.carbomark.org Miglioramento delle politiche verso i mercati locali e volontari del carbonio per la mitigazione del cambiamento climatico Improvement of policies toward local voluntary carbon markets

Dettagli

Miglioramento delle politiche verso i mercati locali e volontari del carbonio per la mitigazione del cambiamento climatico Improvement of policies

Miglioramento delle politiche verso i mercati locali e volontari del carbonio per la mitigazione del cambiamento climatico Improvement of policies www.carbomark.org Miglioramento delle politiche verso i mercati locali e volontari del carbonio per la mitigazione del cambiamento climatico Improvement of policies toward local voluntary carbon markets

Dettagli

Guida alla partecipazione a Carbomark

Guida alla partecipazione a Carbomark Guida alla partecipazione a Carbomark Guida alla partecipazione a Carbomark Regione del Veneto Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia Università degli Studi di Padova Università degli Studi di Udine Unità

Dettagli

Progetto di riforestazione TERRA TERZO MONDO ETHIOPIA

Progetto di riforestazione TERRA TERZO MONDO ETHIOPIA Progetto di riforestazione TERRA TERZO MONDO ETHIOPIA Perché riforestazione? Il Protocollo di kyoto Accordo internazionale firmato a Rio de Janeiro nel 1992 durante lo storico Summit sulla Terra. Entato

Dettagli

Il protocollo di Kyoto: dalla scala globale a quella locale

Il protocollo di Kyoto: dalla scala globale a quella locale Il protocollo di Kyoto: dalla scala globale a quella locale * Il cambiamento climatico: il problema a scala globale *Antonio Ballarin Denti è Ordinario di Fisica ambientale all Università Cattolica di

Dettagli

MANUALE DI GESTIONE DEI MERCATI LOCALI DEL CARBONIO PROGETTO CARBOMARK PARTE GENERALE

MANUALE DI GESTIONE DEI MERCATI LOCALI DEL CARBONIO PROGETTO CARBOMARK PARTE GENERALE MANUALE DI GESTIONE DEI MERCATI LOCALI DEL CARBONIO PROGETTO CARBOMARK PARTE GENERALE Sviluppo di politiche per la realizzazione di mercati volontari locali del carbonio per la mitigazione dei cambiamenti

Dettagli

Carbon Neutrality Federchimica Workshop 2015

Carbon Neutrality Federchimica Workshop 2015 Carbon Neutrality Federchimica Workshop 2015 Andrea Ronchi Business Development Manager Milano, 6 Maggio 2015 www.ecoway.it Member of: EcoWay S.p.a. L Azienda Anno di costituzione: 2003 Prima società italiana

Dettagli

Il problema CAMBIAMENTI CLIMATICI E PROTOCOLLO DI KYOTO: UNA SFIDA CHE INTERESSA TUTTI ORGANIZZAZIONE DELLA LEZIONE IL CAMBIAMENTO CLIMATICO

Il problema CAMBIAMENTI CLIMATICI E PROTOCOLLO DI KYOTO: UNA SFIDA CHE INTERESSA TUTTI ORGANIZZAZIONE DELLA LEZIONE IL CAMBIAMENTO CLIMATICO ORGANIZZAZIONE DELLA LEZIONE CAMBIAMENTI CLIMATICI E PROTOCOLLO DI KYOTO: UNA SFIDA CHE INTERESSA TUTTI Il problema; La Convenzione Quadro per i Cambiamenti Climatici e il Protocollo di Kyoto; Cosa si

Dettagli

Le biomasse rappresentano oltre

Le biomasse rappresentano oltre Il futuro della bioenergia: rischi e prospettive Franco Donatini Le biomasse rappresentano oltre al sole la fonte energetica più anticamente utilizzata dall uomo per sopperire ai suoi bisogni. Il suo utilizzo

Dettagli

PIANO FORESTALE TERRITORIALE DI INDIRIZZO AMBITO ALTA VALLE ARROSCIA SINTESI RELAZIONE DI PIANO

PIANO FORESTALE TERRITORIALE DI INDIRIZZO AMBITO ALTA VALLE ARROSCIA SINTESI RELAZIONE DI PIANO PIANO FORESTALE TERRITORIALE DI INDIRIZZO AMBITO ALTA VALLE ARROSCIA SINTESI RELAZIONE DI PIANO APPENDICE 12 IL MERCATO DEL CARBONIO FORESTALE IL CONTESTO INTERNAZIONALE E NAZIONALE L United Nations Framework

Dettagli

www.eambiente.it www.eenergia.info

www.eambiente.it www.eenergia.info www.eambiente.it www.eenergia.info Progetto CARBOMARK Monitoraggio delle emissioni e metodi di approccio al mercato Dr. Federico Balzan eambiente srl Castellavazzo, 21 marzo 2011 LCA Come si crea l eccellenza

Dettagli

OMBREGGIATURA CON LE PIANTE PER IL CONTROLLO SOLARE DEGLI EDIFICI

OMBREGGIATURA CON LE PIANTE PER IL CONTROLLO SOLARE DEGLI EDIFICI OMBREGGIATURA CON LE PIANTE PER IL CONTROLLO SOLARE DEGLI EDIFICI G. Papadakis, P. Tsamis, S. Kyritsis Department of Agricultural Engineering, Agricultural University of Athens, Greece Data: 13 gennaio

Dettagli

L Azienda. Corporate Climate Responsibilty Obiettivi, Costi e Benefici. Fatturato: 2010: 120 Mio 2011: 135 Mio 2012: 27 Mio 2013: 300 Mio.

L Azienda. Corporate Climate Responsibilty Obiettivi, Costi e Benefici. Fatturato: 2010: 120 Mio 2011: 135 Mio 2012: 27 Mio 2013: 300 Mio. Corporate Climate Responsibilty Obiettivi, Costi e Benefici Andrea Ronchi Business Development Manager Torino, 4 Dicembre 2013 www.ecoway.it Member of: EcoWay L Azienda Anno di costituzione: 2003 Prima

Dettagli

1. Calcolo delle emissioni climalteranti nel settore trattamento rifiuti

1. Calcolo delle emissioni climalteranti nel settore trattamento rifiuti ALLEGATO B PAES Rosignano M.mo NB. I valori riportati nel presente documento sono espressi in termini di CO 2eq Il Covenant of Mayors tiene conto delle emissioni di CO 2 legate ai consumi energetici dei

Dettagli

Codice Forestale del Carbonio Requisiti per progetti volontari di sequestro del carbonio

Codice Forestale del Carbonio Requisiti per progetti volontari di sequestro del carbonio 16 Novembre 2012, INEA Padova Codice Forestale del Carbonio Requisiti per progetti volontari di sequestro del carbonio Raoul Romano 1.Perché un Codice 2.Il Codice, una proposta operativa 3.Prossimi passi

Dettagli

Il Protocollo di Kyoto: origini, stato dell arte e prospettive

Il Protocollo di Kyoto: origini, stato dell arte e prospettive Il Protocollo di Kyoto: origini, stato dell arte e prospettive Castellavazzo 06/07/2010 Elena Dalla Valle Tommaso Anfodillo INQUADRAMENTO GENERALE I Conferenza mondiale sul Clima Ginevra Protocollo di

Dettagli

Protocollo di Kyoto 1988 IPCC 1992 UN Framework Convention on Climate Change (UNFCCC) http://unfccc.int protocollo di Kyoto

Protocollo di Kyoto 1988 IPCC 1992 UN Framework Convention on Climate Change (UNFCCC) http://unfccc.int protocollo di Kyoto Protocollo di Kyoto Nel 1988 Intergovernmental Panel on Climate Change (IPCC) gruppo intergovernativo indipendente, informa l opinione pubblica e i politici sui progressi della ricerca sul cambiamento

Dettagli

Sistemi filtro ed arborei di pianura per l immobilizzazione della CO2

Sistemi filtro ed arborei di pianura per l immobilizzazione della CO2 Sistemi filtro ed arborei di pianura per l immobilizzazione della CO2 Dott.ssa Elisa Scanzi ERSAF Prof. Maurizio Borin UNIPD - Patto di collaborazione Dipartimento di Agronomia Ambientale e Produzioni

Dettagli

Protocollo di Kyoto 1988 IPCC 1992 UN Framework Convention on Climate Change http://unfccc.int protocollo di Kyoto

Protocollo di Kyoto 1988 IPCC 1992 UN Framework Convention on Climate Change http://unfccc.int protocollo di Kyoto Protocollo di Kyoto Nel 1988 Intergovernmental Panel on Climate Change (IPCC) gruppo intergovernativo indipendente, informa l opinione pubblica e i politici sui progressi della ricerca sul cambiamento

Dettagli

CONTATTI: LEZIONE 2 LEZIONE 2 costanti@uniroma3.it

CONTATTI: LEZIONE 2 LEZIONE 2 costanti@uniroma3.it CRESCITA ECONOMICA, COMMERCIO INTERNAZIONALE E AMBIENTE NATURALE: DINAMICHE E INTERAZIONI Valeria Costantini CONTATTI: LEZIONE 2 LEZIONE 2 costanti@uniroma3.it 1 CAMBIAMENTO CLIMATICO E PROTOCOLLO DI KYOTO

Dettagli

Progetto CARBOMARK. Ruolo delle imprese nel mercato volontario del carbonio

Progetto CARBOMARK. Ruolo delle imprese nel mercato volontario del carbonio Progetto Dr. Federico Balzan Divisione Ricerca & Sviluppo Asiago, 29 settembre 2010 COGENTE: La direttiva europea 2003/87/CE istituisce il sistema europeo di scambio delle quote di emissione dei gas-serra

Dettagli

VER: VOLUNTARY EMISSION REDUCTION

VER: VOLUNTARY EMISSION REDUCTION VER: VOLUNTARY EMISSION REDUCTION La VER è un azione volontaria che ha lo scopo di ridurre la propria impronta di carbonio (CO2), principale causa dell effetto serra. La VER viene attivata da Aziende sensibili

Dettagli

Imprese, forestazione e crediti di emissioni di CO 2

Imprese, forestazione e crediti di emissioni di CO 2 Imprese, forestazione e crediti di emissioni di CO 2 di Danilo Devigili Verbania,19 gennaio 2008 impatto energetico i consumi di energia elettrica in Italia sono ca 317.000 mln di Kwh, di questi il 50%

Dettagli

I meccanismi flessibili per la riduzione dei gas serra: il progetto Desair

I meccanismi flessibili per la riduzione dei gas serra: il progetto Desair I meccanismi flessibili per la riduzione dei gas serra: il progetto Desair Edoardo Croci IEFE - Università Bocconi FUTURO SOSTENIBILE: AZIONI E STRUMENTI Conferenza programmatica DG Qualità dell ambiente

Dettagli

Il Cambiamento Climatico: quali accordi a Copenhagen?

Il Cambiamento Climatico: quali accordi a Copenhagen? TERRITORI 09, COP15: Il clima che verrà 4 Dicembre 2009, RidottoRemondini Contenuti! Cambiamento Climatico: basi scientifiche Il Cambiamento Climatico: quali accordi a Copenhagen?! Iniziative Internazionali:

Dettagli

Nel 2050, secondo l Ipcc (1999), il

Nel 2050, secondo l Ipcc (1999), il Effetto serra ad alta quota di Leonardo Massai* altri inquinanti dei trasporti aerei nazionali e internazionali. Inoltre, secondo quanto deciso dal comitato esecutivo per il Clean Development Mechanism

Dettagli

1.! Creazione mercato volontario del carbonio! attori! best practices. 2.! Integrazione con le politiche agro-forestali

1.! Creazione mercato volontario del carbonio! attori! best practices. 2.! Integrazione con le politiche agro-forestali Cambiamento climatico, Opere infrastrutturali e Pianificazione territoriale: ruolo delle foreste e della rivegetazione nella compensazione ecologica Cinema Teatro Pascutto, S.Stino di Livenza 29 Ottobre

Dettagli

IL CONTRIBUTO DELLA TERMOVALORIZZAZIONE DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI ALLA RIDUZIONE DELLE EMISSIONI DI GAS CLIMALTERANTI

IL CONTRIBUTO DELLA TERMOVALORIZZAZIONE DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI ALLA RIDUZIONE DELLE EMISSIONI DI GAS CLIMALTERANTI IL CONTRIBUTO DELLA TERMOVALORIZZAZIONE DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI ALLA RIDUZIONE DELLE EMISSIONI DI GAS CLIMALTERANTI F.Cotana, F.Asdrubali, L.Frezzini Dipartimento di Ingegneria Industriale, Università

Dettagli

Difendiamo il nostro bene più prezioso: la Terra

Difendiamo il nostro bene più prezioso: la Terra Difendiamo il nostro bene più prezioso: la Terra Schema di documento di posizione del sistema rurale italiano rispetto alle politiche internazionali sul clima La situazione italiana Complessivamente l

Dettagli

L applicazione del Protocollo di Kyoto: bilancio e verifica dei gas serra nelle pubbliche amministrazioni

L applicazione del Protocollo di Kyoto: bilancio e verifica dei gas serra nelle pubbliche amministrazioni L applicazione del Protocollo di Kyoto: bilancio e verifica dei gas serra nelle pubbliche amministrazioni Michela Gallo Bologna, 26 novembre 2007 1 Primati del RINA Il RINA, da sempre promotore di schemi

Dettagli

Microclima, indicatori di vivibilità e sostenibilità ambientale. Lunedì 16 marzo 2015, Firenze

Microclima, indicatori di vivibilità e sostenibilità ambientale. Lunedì 16 marzo 2015, Firenze Microclima, indicatori di vivibilità e sostenibilità ambientale Lunedì 16 marzo 2015, Firenze IL DIPARTIMENTO DIpartimento di Scienze delle Produzioni Agroalimentari e dell'ambiente (DISPAA) Dipartimento

Dettagli

E.T.A. Energie Tecnologie Ambiente - Fuelco Uno. sistema integrato di produzione di energia elettrica rinnovabile. Cutro - Crotone MARCEGAGLIA.

E.T.A. Energie Tecnologie Ambiente - Fuelco Uno. sistema integrato di produzione di energia elettrica rinnovabile. Cutro - Crotone MARCEGAGLIA. E.T.A. Energie Tecnologie Ambiente - Fuelco Uno sistema integrato di produzione di energia elettrica rinnovabile. Cutro - Crotone MARCEGAGLIA energy La nostra missione: Produrre energia rinnovabile Ridurre

Dettagli

Potenzialità dei Rifiuti per la riduzione dei gas climalteranti

Potenzialità dei Rifiuti per la riduzione dei gas climalteranti Con il Protocollo di Kyoto, l'ue-15 si è data come obiettivo di ridurre, entro il 2012, le loro emissioni collettive di gas ad effetto serra dell'8% rispetto ai livelli del 1990. Nel dicembre 2008 gli

Dettagli

Tematica Argomento Docente. Elementi di diritto ambientale: quadro normativo internazionale, comunitario, nazionale legislativi inquadramento generale

Tematica Argomento Docente. Elementi di diritto ambientale: quadro normativo internazionale, comunitario, nazionale legislativi inquadramento generale Tematica Argomento Docente Parte prima: Elementi di diritto ambientale: quadro normativo internazionale, comunitario, nazionale Avv. Alessandra inquadramento generale Emissioni in atmosfera: quadro normativo

Dettagli

GREEN TOOLS Armando Romaniello Direttore Marketing Industry Management e Certificazione di prodotto

GREEN TOOLS Armando Romaniello Direttore Marketing Industry Management e Certificazione di prodotto GREEN TOOLS Armando Romaniello Direttore Marketing Industry Management e Certificazione di prodotto Mantova, 25 novembre 2015 Consumatore e mercato globale: ogni giorno più esigenti - Sicurezza (conditio

Dettagli

Congresso sulle Biotecnologie Roma 27/06/2015 Palazzo delle Esposizioni.

Congresso sulle Biotecnologie Roma 27/06/2015 Palazzo delle Esposizioni. Congresso sulle Biotecnologie Roma 27/06/2015 Palazzo delle Esposizioni. Relatore Prof. Roberto Matutini - Capo Divisione Ricerche CNREUROPE. Un ammendante particolare, una risposta immediata per fare

Dettagli

2. Gli impegni dell Italia per la riduzione delle emissioni

2. Gli impegni dell Italia per la riduzione delle emissioni 2. Gli impegni dell Italia per la riduzione delle emissioni Nel quadro delle disposizioni stabilite dalla Conferenza di Kyoto, riconoscendo la coerenza e la validità degli orientamenti programmatici comunitari

Dettagli

PRESENTAZIONE DIDATTICA

PRESENTAZIONE DIDATTICA EDUCATIONAL BOX TEMA ENERGIA PRESENTAZIONE DIDATTICA Scuola primaria 2 ciclo Che cos è l'energia? Quali sono i diversi tipi di energia? Luce & Calore Cinetica & Elettrica Potenziale Rumore Chimica Che

Dettagli

Il protocollo di Kyoto

Il protocollo di Kyoto Protocollo di Kyoto Il protocollo di Kyoto E' il primo tentativo globale di coordinamento delle politiche economiche di singoli stati sovrani. Il protocollo di Kyoto è lo storico accordo internazionale

Dettagli

Conferenza finale Bologna, 15/12/2015

Conferenza finale Bologna, 15/12/2015 Conferenza finale Bologna, 15/12/2015 BoCaM Il contesto dal quale nasce il progetto Le iniziative pregresse Il percorso Kyoto meccanismi di mercato: il sistema ETS International Emissions Trading I paesi

Dettagli

Associazione Umanitaria Terra del Terzo Mondo ONLUS RIFORESTAZIONE A GASSA CHARE ETIOPIA

Associazione Umanitaria Terra del Terzo Mondo ONLUS RIFORESTAZIONE A GASSA CHARE ETIOPIA Associazione Umanitaria Terra del Terzo Mondo ONLUS RIFORESTAZIONE A GASSA CHARE ETIOPIA LA POVERTÀ CONDUCE DIRETTAMENTE AL DEGRADO AMBIENTALE, PERCHÉ I POVERI NON PENSANO AL FUTURO E TAGLIERANNO ANCHE

Dettagli

Rischi e opportunità per il settore finanziario correlati all Emission Trading nell ambito del protocollo di Kyoto

Rischi e opportunità per il settore finanziario correlati all Emission Trading nell ambito del protocollo di Kyoto SUSTAINABILITY SERVICES Rischi e opportunità per il settore finanziario correlati all Emission Trading nell ambito del protocollo di Kyoto Massimiliano Rigo 24 ottobre 2006 ADVISORY 2006 KPMG Advisory

Dettagli

La terra è un sistema a risorse finite

La terra è un sistema a risorse finite Energia: istruzioni per l uso Trento 13 dicembre 2005 Romano GIGLIOLI Professore ordinario di Sistemi Elettrici per l Energia UNIVERSITA DI PISA La terra è un sistema a risorse finite Per raggiungere l

Dettagli

Outline. Chi siamo?! tre istituti di ricerca indipendenti! tre partners per raccolta e diffusione dati 12/17/13

Outline. Chi siamo?! tre istituti di ricerca indipendenti! tre partners per raccolta e diffusione dati 12/17/13 IL MERCATO FORESTALE DEL CARBONIO IN ITALIA NEL 2013: VERSO UNA FASE DI MATURITÀ? Lunedì! 16 Dicembre 2013, PADOVA - BANCA ETICA Presentazione Indagine: Stato del mercato forestale del carbonio in Italia

Dettagli

Cosa è il protocollo di Kyoto?

Cosa è il protocollo di Kyoto? Cosa è il protocollo di Kyoto? (in vigore dal 16 febbraio 2005) Paolo Baggio OBIETTIVO del protocollo Lottare contro i cambiamenti climatici con un'azione internazionale mirante a ridurre le emissioni

Dettagli

Presentazione Indagine: Stato del mercato forestale del carbonio in Italia 2013

Presentazione Indagine: Stato del mercato forestale del carbonio in Italia 2013 IL MERCATO FORESTALE DEL CARBONIO IN ITALIA NEL 2013: VERSO UNA FASE DI MATURITÀ? Lunedì 16 Dicembre 2013, PADOVA - BANCA ETICA Presentazione Indagine: Stato del mercato forestale del carbonio in Italia

Dettagli

Emissioni in impianti civili per il riscaldamento domestico

Emissioni in impianti civili per il riscaldamento domestico UNIVERSITA DEGLI STUDI DI UDINE DIPARTIMENTO DI SCIENZE AGRARIE E AMBIENTALI Emissioni in impianti civili per il riscaldamento domestico R. Gubiani, G.Pergher, D. Dell Antonia, D. Maroncelli Convegno Nazionale

Dettagli

PIANO ISS INSEGNARE SCIENZE SPERIMENTALI 4 PRESIDIO TERRITORIALE- BR

PIANO ISS INSEGNARE SCIENZE SPERIMENTALI 4 PRESIDIO TERRITORIALE- BR PIANO ISS INSEGNARE SCIENZE SPERIMENTALI 4 PRESIDIO TERRITORIALE- BR Tema: La combustione Attività: Combustione e... dintorni Istituto Tecnico Commerciale Statale G:Calò Francavilla Fontana (BR) www.itccalo.it

Dettagli

ANALISI DELL APPLICAZIONE DEL CLEAN DEVELOPMENT MECHANISM ED APPROFONDIMENTO SU PROGETTI DESTINATI A PAESI AFRICANI CON CASO STUDIO

ANALISI DELL APPLICAZIONE DEL CLEAN DEVELOPMENT MECHANISM ED APPROFONDIMENTO SU PROGETTI DESTINATI A PAESI AFRICANI CON CASO STUDIO ANALISI DELL APPLICAZIONE DEL CLEAN DEVELOPMENT MECHANISM ED APPROFONDIMENTO SU PROGETTI DESTINATI A PAESI AFRICANI CON CASO STUDIO Giovanni Maiocchi UNIVERSITÀ DI PAVIA FACOLTÀ DI INGEGNERIA 2008-4- 2

Dettagli

CASO-STUDIO 1 Coltivazione di mais NON-IRRIGUO su cover-crop di leguminosa (VECCIA)

CASO-STUDIO 1 Coltivazione di mais NON-IRRIGUO su cover-crop di leguminosa (VECCIA) SEMINA su SODO CASO-STUDIO 1 Coltivazione di mais NON-IRRIGUO su cover-crop di leguminosa (VECCIA) Il presente caso studio è stato sviluppato da AIPAS nell ambito di un progetto europeo di educazione ambientale

Dettagli

I nostri impegni per l ambiente

I nostri impegni per l ambiente I nostri impegni per l ambiente Il Sole e la Luna ha scelto di impegnarsi quotidianamente per l ambiente, puntando sull eccellenza ambientale del marchio Ecolabel europeo per ridurre gli impatti generati

Dettagli

Direttiva 2003/87/CE EMISSION TRADING. che istituisce un sistema per lo scambio di quote di emissioni dei gas a effetto serra nella Comunità

Direttiva 2003/87/CE EMISSION TRADING. che istituisce un sistema per lo scambio di quote di emissioni dei gas a effetto serra nella Comunità Direttiva 2003/87/CE EMISSION TRADING che istituisce un sistema per lo scambio di quote di emissioni dei gas a effetto serra nella Comunità Il Protocollo di Kyoto: obiettivi per l Europa e per l Italia

Dettagli

H 2. Ecoplan. progetto per un area produttiva industriale a bassa emissione di gas serra

H 2. Ecoplan. progetto per un area produttiva industriale a bassa emissione di gas serra progetto per un area produttiva industriale a bassa emissione di gas serra H 2 Info: Consorzio Zona Industriale e Porto Fluviale di Padova galleria Spagna, 35 35127 Padova tel 049 8991811 fax 049 761156

Dettagli

Il convenant of Mayors e le azioni locali per il clima: dalla pianificazione all attuazione Il mercato dei crediti volontari di CO2

Il convenant of Mayors e le azioni locali per il clima: dalla pianificazione all attuazione Il mercato dei crediti volontari di CO2 Il convenant of Mayors e le azioni locali per il clima: dalla pianificazione all attuazione Il mercato dei crediti volontari di CO2 25 settembre 2013 Kyoto meccanismi flessibili Il protocollo di Kyoto

Dettagli

Piani forestali aziendali per la valorizzazione dei crediti di carbonio (FORCREDIT) PROPOSTA PROGETTUALE

Piani forestali aziendali per la valorizzazione dei crediti di carbonio (FORCREDIT) PROPOSTA PROGETTUALE Piani forestali aziendali per la valorizzazione dei crediti di carbonio (FORCREDIT) PROPOSTA PROGETTUALE Dicembre 2011 FC Sintesi Nella prospettiva dello sviluppo di una domanda volontaria di crediti forestali

Dettagli

Emissioni di gas serra, mutamenti climatici, futuro dell agricoltura

Emissioni di gas serra, mutamenti climatici, futuro dell agricoltura Emissioni di gas serra, mutamenti climatici, futuro dell agricoltura Il dibattito scientifico sui mutamenti del clima è stato caratterizzato, soprattutto a partire dagli Anni Settanta del secolo scorso,

Dettagli

Ottobre 2008. La Commissione Europea fa il punto sugli obiettivi di Kyoto

Ottobre 2008. La Commissione Europea fa il punto sugli obiettivi di Kyoto Ottobre 2008. La Commissione Europea fa il punto sugli obiettivi di Kyoto La Commissione ha pubblicato a metà ottobre un documento dove, con un occhio al passato e uno al futuro, passando per il momento

Dettagli

Liceo Scientifico Palli Classe II B Analisi ambiente e gestione del territorio. Monitoraggio della qualità dell aria dell ARPA 22 ottobre 2013

Liceo Scientifico Palli Classe II B Analisi ambiente e gestione del territorio. Monitoraggio della qualità dell aria dell ARPA 22 ottobre 2013 Liceo Scientifico Palli Classe II B Analisi ambiente e gestione del territorio. Monitoraggio della qualità dell aria dell ARPA 22 ottobre 2013 Torgnon si trova nel nord-est della Valle d Aosta a 2070 metri

Dettagli

Caso studio: Comune di Padova Inventario LAKS e Piano di Mitigazione e Adattamento Focus sul risparmio di energia e sulle energie rinnovabili

Caso studio: Comune di Padova Inventario LAKS e Piano di Mitigazione e Adattamento Focus sul risparmio di energia e sulle energie rinnovabili Caso studio: Comune di Padova Inventario LAKS e Piano di Mitigazione e Adattamento Focus sul risparmio di energia e sulle energie rinnovabili Introduzione Nome dell ente Comune di Padova, Italia Logo del

Dettagli

Le Energy Saving Companies (ESCO) e la produzione di energia da fonti rinnovabili

Le Energy Saving Companies (ESCO) e la produzione di energia da fonti rinnovabili LA MULTIFUNZIONALITÀ DELLE AZIENDE AGRICOLE: LE AZIENDE AGRIENERGETICHE NEI PICCOLI COMUNI Convegno nazionale Rocchetta Sant Antonio 28 maggio 2005 Le Energy Saving Companies (ESCO) e la produzione di

Dettagli

SINTESI DEI RISULTATI ED INDICAZIONI PER LE POLITICHE DI SOSTEGNO ALLA DIFFUSIONE DELLE COLTURE ENERGETICHE POLIENNALI

SINTESI DEI RISULTATI ED INDICAZIONI PER LE POLITICHE DI SOSTEGNO ALLA DIFFUSIONE DELLE COLTURE ENERGETICHE POLIENNALI SINTESI DEI RISULTATI ED INDICAZIONI PER LE POLITICHE DI SOSTEGNO ALLA DIFFUSIONE DELLE COLTURE ENERGETICHE POLIENNALI 8. SINTESI DEI RISULTATI ED INDICAZIONI PER LE POLITICHE DI SOSTEGNO ALLA DIFFUSIONE

Dettagli

Il Ruolo degli Enti locali nel quadro degli obiettivi del Protocollo di Kyoto. Giuseppe (Beppe) Gamba Kyoto Club - GdL Enti Locali

Il Ruolo degli Enti locali nel quadro degli obiettivi del Protocollo di Kyoto. Giuseppe (Beppe) Gamba Kyoto Club - GdL Enti Locali Il Ruolo degli Enti locali nel quadro degli obiettivi del Protocollo di Kyoto Giuseppe (Beppe) Gamba Kyoto Club - GdL Enti Locali PROBLEMATICHE ENERGETICHE ECONOMICHE ED AMBIENTALI SCENARI INTERNAZIONALI

Dettagli

L agricoltura e la riduzione delle emissioni di gas serra

L agricoltura e la riduzione delle emissioni di gas serra L agricoltura e la riduzione delle emissioni di gas serra Franco Miglietta Istituto di Biometeorologia CONSIGLIO NAZIONALE DELLE RICERCHE Firenze Energia, Industria Trasporti Mitigazione Riduzione delle

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELLA TUSCIA Facoltà di Agraria. MASTER di II Livello

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELLA TUSCIA Facoltà di Agraria. MASTER di II Livello UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELLA TUSCIA Facoltà di Agraria MASTER di II Livello NUOVE PROFESSIONI: L AMBIENTE COME OPPORTUNITÀ Direttore: Prof. Riccardo Valentini, DISAFRI, Facoltà di Agraria Coordinatore:

Dettagli

Emissions trading: funzionamento, aspetti normativi e contrattuali 22/04/2010

Emissions trading: funzionamento, aspetti normativi e contrattuali 22/04/2010 Emissions trading: funzionamento, aspetti normativi e contrattuali 22/04/2010 1 Quadro normativo di riferimento (i) Convenzione quadro delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici adottata a New York

Dettagli

Urbanistica ed Adattamento: le prime esperienze Italiane

Urbanistica ed Adattamento: le prime esperienze Italiane La Rete che vogliamo Agende 21 Locali Italiane Comune di Padova 20 Settembre 2013 Urbanistica ed Adattamento: le prime esperienze Italiane Francesco Musco, Iuav Venezia climatechange@iuav.it Insediamenti

Dettagli

Emission Trading Scheme (ETS) a livello locale

Emission Trading Scheme (ETS) a livello locale Emission Trading Scheme (ETS) a livello locale Tokyo Cap and Trade Program (TCTP) Progetto LAIKA Mid-term Conference Bologna, 3 Maggio 2012 Andrea Accorigi Dottorato IAPR andrea.accorigi@gmail.com 1 Indice

Dettagli

DOCUMENTI: LA RIFORESTAZIONE DEL TERRITORIO E LA FORESTAZIONE URBANA

DOCUMENTI: LA RIFORESTAZIONE DEL TERRITORIO E LA FORESTAZIONE URBANA piano strutturale dell area pisana DOCUMENTI: LA RIFORESTAZIONE DEL TERRITORIO E LA FORESTAZIONE URBANA LA RIFORESTAZIONE DEL TERRITORIO E LA FORESTAZIONE URBANA Il tema della riforestazione è intimamente

Dettagli

King County, Washington

King County, Washington CITTA' E CAMBIAMENTI CLIMATICI : Misure, Politiche, Strumenti King County, Washington Climate Change Plan Alessandro Penzo n mat: 272307 Inquadramento geografico Evoluzione delle politiche climatiche...

Dettagli

il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare il Comune di Bastia Umbra

il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare il Comune di Bastia Umbra ACCORDO VOLONTARIO tra il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare e il Comune di Bastia Umbra (di seguito denominate Parti Firmatarie ) in materia di Promozione di progetti comuni

Dettagli

ALLEGATO A Dgr n. 268 del 15/03/2011 pag. 1/3

ALLEGATO A Dgr n. 268 del 15/03/2011 pag. 1/3 giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATO A Dgr n. 268 del 15/03/2011 pag. 1/3 1. MODIFICHE ED INTEGRAZIONI ALLE NORME DI PIANIFICAZIONE FORESTALE DI CUI ALL DGR 158 del 21 gennaio 1997. Le Direttive e

Dettagli

La politica regionale di sviluppo rurale per il periodo 2014-2020 sarà improntata a quattro parole chiave:

La politica regionale di sviluppo rurale per il periodo 2014-2020 sarà improntata a quattro parole chiave: 4 5 scheda SEZIONE C: SCHEDA La strategia di sviluppo rurale del Friuli Venezia Giulia 2014-2020 in breve La politica regionale di sviluppo rurale per il periodo 2014-2020 sarà improntata a quattro parole

Dettagli

BIOGAS: UN OPPORTUNITÀ PER LA GESTIONE SOSTENIBILE IN AGRICOLTURA Merigo Giambattista Dipartimento agricoltura, sviluppo sostenibile ed energie rinnovabili CONAF Giorgio Provolo Dipartimento di Scienze

Dettagli

IL FOTOVOLTAICO E L ARCHITETTURA

IL FOTOVOLTAICO E L ARCHITETTURA IL FOTOVOLTAICO E L ARCHITETTURA Prof. Paolo ZAZZINI Ing. Nicola SIMIONATO LA QUESTIONE ENERGETICA Riduzione dei consumi energetici Adozione di strategie e tecnologie più efficienti di produzione, distribuzione

Dettagli

Policy La sostenibilità

Policy La sostenibilità Policy La sostenibilità Approvato dal Consiglio di Amministrazione di eni spa il 27 aprile 2011. 1. Il modello di sostenibilità di eni 3 2. La relazione con gli Stakeholder 4 3. I Diritti Umani 5 4. La

Dettagli

Quantificazione e rendicontazione delle emissioni di gas ad effetto serra relativi alla 3ª CONFERENZA INTERNAZIONALE SU DECRESCITA, SOSTENIBILITA ED

Quantificazione e rendicontazione delle emissioni di gas ad effetto serra relativi alla 3ª CONFERENZA INTERNAZIONALE SU DECRESCITA, SOSTENIBILITA ED Quantificazione e rendicontazione delle emissioni di gas ad effetto serra relativi alla 3ª CONFERENZA INTERNAZIONALE SU DECRESCITA, SOSTENIBILITA ED EQUITA SOCIALE Introduzione La Carbon Footprint misura

Dettagli

GHERL. GreenHouse Effect Reduction from Landfill

GHERL. GreenHouse Effect Reduction from Landfill LIFE ENVIRONMENT PROJECT LIFE05-ENV/IT/000874 GreenHouse Effect Reduction from Landfill Dipartimento di Energetica "Sergio Stecco", Università degli Studi di Firenze Dipartimento di Scienze e Tecnologie

Dettagli

4.4 Energia. 4.4.1 Indicatori

4.4 Energia. 4.4.1 Indicatori 1 Rapporto sullo Stato dell Ambiente nel Comune di Padova - 2002 91 4.4 Energia Negli ultimi 10 anni le politiche energetiche italiane ed europee si sono indirizzate verso scenari legati alle diffusioni

Dettagli

Il Ruolo degli Enti locali nel quadro degli obiettivi del Protocollo di Kyoto. Giuseppe (Beppe) Gamba Kyoto Club - GdL Enti Locali

Il Ruolo degli Enti locali nel quadro degli obiettivi del Protocollo di Kyoto. Giuseppe (Beppe) Gamba Kyoto Club - GdL Enti Locali Il Ruolo degli Enti locali nel quadro degli obiettivi del Protocollo di Kyoto Giuseppe (Beppe) Gamba Kyoto Club - GdL Enti Locali PROBLEMATICHE ENERGETICHE ECONOMICHE ED AMBIENTALI SCENARI INTERNAZIONALI

Dettagli

Contenimento del Consumo di Suolo: la tutela del suolo agricolo, risorsa non rinnovabile

Contenimento del Consumo di Suolo: la tutela del suolo agricolo, risorsa non rinnovabile Dipartimento Paesaggio, pianificazione territoriale e protezione civile Contenimento del Consumo di Suolo: la tutela del suolo agricolo, risorsa non rinnovabile Gianpietro Bara Presidente FODAF Lombardia

Dettagli

Sviluppo rurale e cambiamenti climatici: la posizione italiana. Paolo Ammassari - Cosvir III Roma, 23 Giugno 2010

Sviluppo rurale e cambiamenti climatici: la posizione italiana. Paolo Ammassari - Cosvir III Roma, 23 Giugno 2010 Sviluppo rurale e cambiamenti climatici: la posizione italiana Paolo Ammassari - Cosvir III Roma, 23 Giugno 2010 Schema dell intervento 1 dati sul contributo dell agricoltura alle emissioni di gas serra;

Dettagli

Progetto CARBOMARK Il ruolo delle aziende interessate all acquisto delle quote di CO2

Progetto CARBOMARK Il ruolo delle aziende interessate all acquisto delle quote di CO2 Progetto Il ruolo delle aziende interessate all acquisto delle quote di CO2 Dr. Federico Balzan Divisione Ricerca & Sviluppo Castellavazzo, 6 luglio 2010 La certificazione volontaria dei sistemi di gestione

Dettagli

BIOMASSA: Conversione energetica della biomassa: opportunità e prospettive. Paolo Silva

BIOMASSA: Conversione energetica della biomassa: opportunità e prospettive. Paolo Silva BIOMASSA: OPPORTUNITA PER LO SVILUPPO SOSTENIBILE? VENERDI 5 GIUGNO 2015 TAIO (TN), SALA CONVEGNI C.O.CE.A. Conversione energetica della biomassa: opportunità e prospettive Paolo Silva Professore associato

Dettagli

Proteggere il clima conviene L AZIONE. Vincenzo Ferrara ENEA

Proteggere il clima conviene L AZIONE. Vincenzo Ferrara ENEA Proteggere il clima conviene L AZIONE Vincenzo Ferrara ENEA COSA FARE L obiettivo della azioni L obiettivo è la stabilizzazione delle concentrazioni atmosferiche dei gas serra ad un livello tale da prevenire

Dettagli

Aziende Florovivaistiche sulla strada della sostenibilità

Aziende Florovivaistiche sulla strada della sostenibilità Aziende Florovivaistiche sulla strada della sostenibilità Milano, 27 Febbraio 2015 b y INGEGNERIA E SOLUZIONI PER EFFICIENZA E RISPARMIO ENERGETICO ISO 50001 Il sistema di gestione dell energia ISO 50001

Dettagli

Aziende italiane: emissioni di CO 2 in forte calo nel 2013

Aziende italiane: emissioni di CO 2 in forte calo nel 2013 AZIENDE ED EMISSIONI DI C0 2 EcoWay - primo operatore italiano attivo nella gestione e nel trading dei certificati di CO 2 - presenta il Report emissioni 2013 1 di gas serra delle aziende italiane sottoposte

Dettagli

carbon balance drafting and new resources management tools according to kyoto protocol

carbon balance drafting and new resources management tools according to kyoto protocol info@carbonpro.org www.carbonpro.org carbon balance drafting and new resources management tools according to kyoto protocol bilancio del carbonio e nuovi strumenti per la gestione delle risorse in accordo

Dettagli

PROGETTO KYOTO Ricerca sui cambiamenti climatici e il controllo dei gas-serra. serra in Lombardia

PROGETTO KYOTO Ricerca sui cambiamenti climatici e il controllo dei gas-serra. serra in Lombardia Milano, 9 giugno 2008 PROGETTO KYOTO Ricerca sui cambiamenti climatici e il controllo dei gas-serra serra in Lombardia Antonio Ballarin Denti Project leader 0 Progetto Kyoto Lombardia: storia Studio di

Dettagli

Lo schema del C.D.M e l interazione positiva con l industria chimica.

Lo schema del C.D.M e l interazione positiva con l industria chimica. Lo schema del C.D.M e l interazione positiva con l industria chimica. Giuseppe Astarita FEDERCHIMICA Milano, 19 aprile 2012 CDM Inquadramento nelle politiche climatiche La risposta internazionale al problema

Dettagli

Colora tu l avventura Alla scoperta dell energia

Colora tu l avventura Alla scoperta dell energia Colora tu l avventura Alla scoperta dell energia Energia deriva dalla parola greca energheia che significa attività. Nei tempi antichi il termine energia venne usato per indicare forza, vigore, potenza

Dettagli

Effetto serra e il Patto dei Sindaci. [k]people

Effetto serra e il Patto dei Sindaci. [k]people Effetto serra e il Patto dei Sindaci L effetto serra Fenomeno naturale che intrappola il calore del sole nell atmosfera per via di alcuni gas. Riscalda la superficie del pianeta Terra rendendo possibile

Dettagli

Piccole comunità sostenibili per l energia: best practices e modelli di sviluppo locali

Piccole comunità sostenibili per l energia: best practices e modelli di sviluppo locali Piccole comunità sostenibili per l energia: best practices e modelli di sviluppo locali Workshop rivolto ai Comuni beneficiari del progetto Alterenergy Udine, 30 maggio 2013 Sala Pasolini Silvia Stefanelli,

Dettagli

IL PROJECT LEASING. per. IMPIANTI di COGENERAZIONI ALIMENTATI DA BIOMASSA

IL PROJECT LEASING. per. IMPIANTI di COGENERAZIONI ALIMENTATI DA BIOMASSA IL PROJECT LEASING per IMPIANTI di COGENERAZIONI ALIMENTATI DA BIOMASSA NUOVE opportunità di sviluppo PER LA TUA IMPRESA nel settore dell Energia 1 GLI IMPIANTI DI COGENERAZIONE La cogenerazione, CHP (Combined

Dettagli

ENERGIA AMBIENTE E MACCHINE

ENERGIA AMBIENTE E MACCHINE ENERGIA AMBIENTE E MACCHINE SVILUPPO SOSTENIBILE Lo sviluppo sostenibile è quello sviluppo che consente di soddisfare le necessità della presente generazione senza compromettere la capacità delle generazioni

Dettagli

carbonews 3_maggio 2011

carbonews 3_maggio 2011 PROGETTO CARBOMARK _Terra Futura 2011: Il Progetto Carbomark presente con un proprio stand. _Mercato Carbomark: al via l attivazione del Mercato locale volontario! _Italia e gli obiettivi sul clima del

Dettagli

TRONCHETTI E PELLET DI LEGNO

TRONCHETTI E PELLET DI LEGNO TRONCHETTI E PELLET DI LEGNO UNI EN ISO 14001:2004 CERTIQUALITY È MEMBRO DELLA FEDERAZIONE CISQ SISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE CERTIFICATO produttore di pellet dal 1994 Fondata nel 1969, La TiEsse di Cimadolmo

Dettagli

Stato e prospettive dell efficienza energetica in Italia Alessandro Costa Fondazione Centro Studi Enel

Stato e prospettive dell efficienza energetica in Italia Alessandro Costa Fondazione Centro Studi Enel Stato e prospettive dell efficienza energetica in Italia Alessandro Costa Fondazione Centro Studi Enel «La ripresa vuole efficienza» Roma, 27 novembre 2013 Fondazione Centro Studi Enel Istituzione, senza

Dettagli

Contenimento del Consumo di Suolo: la tutela del suolo agricolo, risorsa non rinnovabile

Contenimento del Consumo di Suolo: la tutela del suolo agricolo, risorsa non rinnovabile Dipartimento Paesaggio, pianificazione territoriale e protezione civile Contenimento del Consumo di Suolo: la tutela del suolo agricolo, risorsa non rinnovabile Gianpietro Bara Presidente FODAF Lombardia

Dettagli