Carbomark: un nuovo strumento per lo scambio di crediti di carbonio

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Carbomark: un nuovo strumento per lo scambio di crediti di carbonio"

Transcript

1 Carbomark: un nuovo strumento per lo scambio di crediti di carbonio

2 Regione del Veneto Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia Università degli Studi di Padova Università degli Studi di Udine Unità di progetto foreste e parchi Direzione centrale risorse rurali, agroalimentari e forestali Servizio gestione forestale e produzione legnosa Dipartimento territorio e sistemi agroforestali (TESAF) Dipartimento di scienze agrarie e ambientali (DISA) Coordinatore del progetto Life+ Maurizio Dissegna - Unità di Progetto Foreste e Parchi (Regione del Veneto) Assistenza alla gestione del progetto Life+ Giovanni Carraro - Unità di Progetto Foreste e Parchi (Regione del Veneto Lisa Causin - Unità di Progetto Foreste e Parchi (Regione del Veneto) Rinaldo Comino - Servizio gestione forestale e produzione legnosa (Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia) Giuseppe Vanone - Servizio gestione forestale e produzione legnosa (Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia) Silvia Stefanelli - Servizio energia (Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia) Tommaso Anfodillo - TESAF (Università degli Studi di Padova) Francesca Pierobon - TESAF (Università degli Studi di Padova) Alessandro Peressotti - DISA (Università degli Studi di Udine) Giorgio Alberti - DISA (Università degli Studi di Udine) Coordinamento editoriale e traduzioni - Padova Assistenza tecnica e rapporti con le imprese - Venezia Marghera Editing, grafica e stampa Chinchio Industria Grafica S.p.A. - Padova Venezia, 2011 Non è consentita la riproduzione del testo o delle figure senza il consenso dell Unita di Progetto Foreste e Parchi della Regione del Veneto. Questo documento fa parte dei materiali prodotti con il cofinanziamento del programma comunitario LIFE+ nell ambito del progetto CARBOMARK - Improvement of policies towards local voluntary carbon markets for climate change mitigation (LIFE07 ENV/IT/000388)

3 Carbomark: un nuovo strumento per lo scambio di crediti di carbonio

4

5 Indice Introduzione (Dissegna M., Carraro G.) p. 9 Capitolo 1 I mercati del carbonio come strumenti per ridurre le emissioni: efficacia e prospettive future (Stefanelli S.) 1.1 Cosa sono i mercati del carbonio p Il mercato europeo Emission Trading System: prospettive di evoluzione al 2020 p I mercati volontari p Gli attori internazionali nel mercato dei crediti di carbonio p Prospettive future dei mercati p. 19 Capitolo 2 Il ruolo delle attività agroforestali nella riduzione delle emissioni 2.1 Opportunità dai crediti di gestione forestale e prodotti legnosi nel mercato Carbomark (Anfodillo T., Pierobon F.) 2.2 La forestazione urbana: sequestro di carbonio e servizi ambientali (Alberti G., Peressotti A.) 2.3 Una nuova strategia per il sequestro del carbonio nei sistemi agricoli: il biochar (Zavalloni C., Peressotti A.) p. 23 p. 26 p. 32 5

6 Capitolo 3 Potenzialità dei crediti di carbonio agro-forestali Carbomark in Veneto e Friuli Venezia Giulia 3.1 Potenzialità della gestione forestale per il sequestro di carbonio nel Friuli Venezia Giulia (Alberti G., Stefanelli S.) p Potenzialità della gestione forestale per il sequestro di carbonio nel Veneto (Pierobon F., Anfodillo T., Carraro G., p. 47 Causin L.) 3.3 Potenzialità dei prodotti legnosi per il sequestro di carbonio nel Veneto e Friuli Venezia Giulia (Alberti G., Stefanelli S., p. 55 Pierobon F., Anfodillo T.) 3.4 Potenzialità del biochar (Zavalloni C., Peressotti A.) p. 62 Capitolo 4 Il ruolo delle aziende e dei piani di gestione del carbonio: oltre il carbon offsetting 4.1 La filosofia aziendale nei mercati volontari: dal carbon offsetting al carbon in-setting aziendale (Stefanelli S.) 4.2 Il Piano di gestione del carbonio secondo la metodologia LCA (Balzan F., Pierobon F.) p. 71 p. 79 Capitolo 5 Attività realizzate dal progetto (Carraro G., Dissegna M., Volpi G.) 5. Studi preliminari p Lo studio economico p Lo studio legislativo p La definizione del modello di mercato p La prima fase del monitoraggio ambientale p Conclusioni p. 121 Capitolo 6 Conclusioni (Carraro G., Dissegna M., Causin L., Volpi G.) p

7 Introduzione

8

9 Introduzione Dissegna M., Carraro G. La scelta strategica del Protocollo di Kyoto di considerare alcune misure di mitigazione forestale ha fortemente incrementato l interesse per i crediti di carbonio forestali su scala globale e la nascita di mercati del carbonio paralleli ed indipendenti che vengono comunemente definiti come Mercati Volontari del Carbonio (MVC) (Hamilton et al 2009). Tali mercati prevedono che industrie, governi, organizzazioni o singoli cittadini possano acquistare volontariamente dei crediti per compensare emissioni generate da attività diverse (un viaggio, l organizzazione di un congresso o di un evento musicale ecc); essi sono, infatti, volutamente flessibili, ma sono spesso anche privi di regole chiare e trasparenti in grado di garantirne l efficacia in termini compensativi. Un problema rilevante nell organizzazione di mercati volontari, in particolare per gli aspetti legati agli interventi di compensazione, riguarda infatti il regime di garanzie relativo alla reale capacità di fissazione di carbonio generata dagli investimenti (Pettenella 2007). Negli standard proposti devono quindi essere prese in considerazione e comunicate in modo trasparente sia le criticità tipiche dei mercati dei crediti di carbonio, sia quelle specifiche del settore forestale. Tra quest ultime, è possibile ricordare le seguenti criticità principali: addizionalità: gli investimenti effettuati per migliorare le condizioni climatiche devono essere addizionali rispetto ad uno scenario di normale gestione (il cosiddetto business as usual); tali attività devono quindi essere esplicitamente finalizzate all assorbimento di CO 2 e non rappresentare investimenti che si sarebbero comunque realizzati (per es. piantagioni realizzate con contribuzione pubblica); permanenza: in particolare per i crediti di origine forestale è necessario considerare la possibilità che si verifichino fenomeni che portino alla riemissione, totale o parziale, del carbonio fissato in atmosfera (es. incendi, attacchi parassitari, schianti da vento); double-accounting: ovvero non destinare alla vendita crediti di carbonio già contabilizzati nei report nazionali. 9

10 Dissegna M., Carraro G. La discussione sul dopo Kyoto, ovvero sul secondo periodo di impegno che inizierà dopo il 2012, è attualmente in corso ed è opinione diffusa che in futuro saranno incentivate tutte le forme possibili di assorbimento del carbonio, in attesa dello sviluppo di nuove tecnologie che limitino le emissioni. Di conseguenza anche il coinvolgimento dei proprietari dei terreni agro-forestali e il loro orientamento verso forme di gestione indirizzate allo stoccaggio della sostanza organica sono destinati a diventare una strategia rilevante per la riduzione della concentrazione dei gas ad effetto serra. E quindi importante in questa fase dimostrare l efficacia di nuove forme di accordi volontari tra emettitori e gestori dei terreni agricoli e forestali finalizzate allo stoccaggio del carbonio anche per evidenziare che l obbligo primario è sempre quello di contenere o evitare le emissioni e che l assorbimento è pur sempre un meccanismo secondario di mitigazione. Il Progetto Carbomark Improvement of policies toward local voluntary carbon markets for climate change mitigation (www.carbomark.org/), cofinanziato dalla Commissione Europea attraverso il programma LIFE+ (LIFE07 ENV/IT ) ha voluto dimostrare la possibilità di istituire mercati locali di carbonio, ai quali possono partecipare soggetti industriali (emettitori), in particolare le piccole e medie imprese attualmente escluse dal mercato internazionale del carbonio, e proprietari di aree agricole e forestali (assorbitori) allo scopo di favorire l assorbimento della CO 2 atmosferica e la gestione forestale sostenibile. In particolare l obiettivo del progetto è stato dimostrare che tali mercati possono essere creati operando su un area geografica di ampiezza sub-nazionale e che la loro realizzazione si giustifica sia dal punto di vista della riduzione dei gas ad effetto serra sia per una serie di altri effetti positivi indotti sul territorio: gestione attiva e sostenibile delle foreste, gestione conservativa dei suoli agricoli, sensibilizzazione dei cittadini, promozione dello sviluppo sostenibile e controllo diretto delle attività di assorbimento. Per quanto attiene alla gestione forestale in particolare, il progetto vuole dimostrare la possibilità di monetizzare le esternalità generate dalla foresta in termini di miglioramento della qualità dell aria, che in futuro potrà essere estesa anche per valutare il contributo delle foreste al miglioramento della qualità dell acqua e del suolo. Il progetto inoltre si prefigge di rispondere ad alcune problematiche descritte in precedenza riguardo alle criticità degli interventi basati sull utilizzo di risorse forestali dovute, come già ricordato, al fatto che la fissazione di carbonio in biomasse forestali risulta reversibile e di difficile monitoraggio nel tempo. Nell ambito del progetto è stata proposta una metodologia rigorosa, credibile e tra- 10

11 Introduzione sparente per il calcolo dei crediti di carbonio unitamente ai relativi criteri di contabilizzazione che si sono basati anche su metodologie già approvate da altri standard internazionali di certificazione dei crediti forestali, tra cui il Voluntary Carbon Standard (www.v-c-s.org). In tale ambito sono stati presi in considerazione anche nuovi approcci tra cui l introduzione di piani di monitoraggio delle attività di assorbimento e di quelle che comportano l emissione di carbonio in atmosfera oltre al coinvolgimento attivo della sfera politica locale. Il progetto Carbomark considera i seguenti quattro ambiti di riferimento: Gestione forestale sostenibile Verde urbano Prodotti legnosi Biochar Per quanto attiene, in particolare i crediti generati dalla gestione forestale sostenibile l attenzione metodologica del progetto è stata rivolta a garantire: il principio di addizionalità, agendo su criteri di gestione forestale ispirati a best practice rispetto agli standard normativi o applicativi pregressi; la permanenza delle quote di CO 2 cedibili che viene fissata almeno a livello trentennale al netto di un buffer di sicurezza introdotto per prevenire eventuali disturbi esterni ed, infine, l esigenza di evitare il double-accounting ovvero doppio conteggio delle quote senza alcuna sovrapposizione con il PK e con il relativo reporting nazionale. Il carattere sperimentale dell iniziativa mira in sostanza a dimostrare la fattibilità del mercato che volutamente si caratterizza per i piccolissimi volumi di scambio che sono di ordini di grandezza percepibili solo a livello locale e non a livello inventariale. L impegno assunto nel definire le metodologie di conteggio e monitoraggio dei crediti di carbonio nel mercato locale di Carbomark è quello di creare un mercato credibile non solo nella generazione di crediti effettivi e reali ma anche di indurre comportamenti virtuosi attraverso l implementazione di politiche di riduzione delle emissioni nei soggetti acquirenti i crediti, che potranno accedere al mercato previa la sottoscrizioni di impegni rivolti a controbilanciare azioni di compensazione e azioni di riduzione delle emissioni. In pratica chi acquista crediti di carbonio nel mercato locale Carbomark, che si caratterizza per essere un mercato chiuso a cui possono accedere solo i soggetti che si impegnano a rispettare le regole rigide del mercato medesimo, non acquista il diritto di inquinare, bensì l impegno a ridurre, nel tempo, le proprie emissioni; impegno che sarà verificato periodicamente. 11

12

13 CAPITOLO 1 I mercati del carbonio come strumenti per ridurre le emissioni: efficacia e prospettive future

14

15 I mercati del carbonio come strumenti per ridurre le emissioni: efficacia e prospettive future Stefanelli S Cosa sono i mercati del carbonio I mercati del carbonio sono strumenti di politica economica per ridurre le emissioni di gas serra, utilizzati spesso in combinazione ad altre politiche come la tassazione dei gas serra o carbon tax e i regolamenti che disciplinano l adozione di tecnologie a bassa produzione e consumo di gas serra. Il termine mercati del carbonio si riferisce generalmente all acquisto e alla vendita di permessi di emissione o di crediti di carbonio che possono essere distribuiti da un soggetto terzo o generati da progetti di sequestro o abbattimento dei gas serra. La riduzione delle emissioni di gas serra è scambiata sotto forma di crediti di carbonio unità generalmente espresse in tonnellate di CO 2. Ci sono due tipi di mercati del carbonio: i mercati regolamentati e i mercati volontari. Mentre nei primi viene definito un cap o tetto massimo di emissioni assegnate agli emettitori che costituisce anche l obiettivo di riduzione complessivo di abbattimento da raggiungere, nel mercato volontario non ci sono obiettivi prefissati e pressoché tutti i crediti di carbonio sono generati da transazioni eseguite come risultato di progetti di mitigazione. All attualità la quasi totalità dei crediti sono scambiati nel mercato regolamentato dove nel 2011 sono stati scambiati milioni di tonnellate di CO 2, mentre sul mercato vo- 15

16 Stefanelli S. lontario solo 131 milioni di tonnellate di CO 2. Se i volumi scambiati nel mercato volontario costituiscono meramente lo 0,2% di tutti i crediti scambiati globalmente, tuttavia essi compensano la scarsità di volumi con altre caratteristiche come la flessibilità, la spinta verso tipologie di azioni mitiganti innovative e metodologie di conteggio e monitoraggio che spesso costituiscono la base per un loro successivo sviluppo nei mercati regolamentati. 1.2 Il mercato europeo Emission Trading System: prospettive di evoluzione al 2020 Il principale mercato dei crediti di carbonio è l Emission Trading System, uno degli strumenti previsti dal Protocollo di Kyoto per ridurre le emissioni di gas serra ed entrato in vigore dal gennaio Nell ETS nel 2010 sono stati scambiati l 83% dei crediti di carbonio ed è tuttora la principale piattaforma mondiale di scambio di crediti di carbonio (Hamilton et al.2011). L ETS funziona con il principio del cap and trade secondo il quale ciascun governo definisce il tetto massimo di emissioni per tutti i grossi emettitori che sono inclusi nel mercato ETS, sulla base di obiettivi da raggiungere a livello nazionale, delle emissioni storiche e di quelle future. Nell ambito di questo mercato gli emettitori ricevono un numero massimo di permessi di emissione. Se al termine di ogni anno l industria in oggetto emette di più di quanto assegnato, può acquistare crediti sul mercato, se invece è riuscita a ridurre le emissioni più del cap assegnato acquista diritto a vendere i crediti. Tale flessibilità nelle modalità di riduzione permette all azienda di abbattere le emissioni nel modo economicamente più efficace. Il numero di permessi assegnati si riduce ogni anno e nel 2020 le emissioni complessive saranno più basse del 21% rispetto all anno di lancio, il Il mercato ETS opera in trenta paesi tra cui 27 europei in aggiunta a Islanda, Norvegia e Liechtenstein e include le emissioni di CO 2 di settori come le raffinerie, le centrali elettriche e di produzione termica, i cementifici, le cartiere, le acciaierie e le industrie del vetro e del mattone. Nel complesso il totale di questi comparti produce il 40% del totale dei gas serra in Europa. Dal 2012 anche il settore dell aviazione sarà incluso nel mercato e dal 2013, quando si entrerà nella terza fase operativa del mercato importati cambiamenti saranno introdotti tra cui la previsione di un sistema di aste dei permessi di emissioni che dovrebbe rendere più efficace il mercato. In particolare l allocazione gratuita dei permessi di emissione o grandfathering, che è stata molto criticata nella prima e seconda fase 16

17 I mercati del carbonio come strumenti per ridurre le emissioni: efficacia e prospettive future dell ETS, sarà sostituita gradualmente da una quantità sempre maggiore di permessi messi all asta in modo da riflettere il reale prezzo di mercato assegnato a ciascuna tonnellata di CO 2 dagli acquirenti emettitori. Le novità più rilevanti della III fase dell ETS sono pertanto rappresentate dall introduzione di un sistema di aste dei permessi e dall inclusione dell aviazione. In particolare le emissioni di tutti i voli domestici e internazionali in arrivo e in partenza in Europa saranno incluse nell ETS. Come per gli altri grossi emettitori, le compagnie aeree riceveranno una quota di permessi e un cap massimo di emissioni. 1.3 I mercati volontari Nel 2010 il mercato volontario è cresciuto del 34% rispetto al Nel complesso benché le transazioni rappresentino meno dell 1% dei volumi scambiati sul mercato globale regolamentato e non, i mercati volontari sono importanti perché introducono misure di mitigazione innovative come i crediti da progetti REDDS (Reduced Emissions from Deforestation and Degradation), aumentano la consapevolezza e responsabilità delle imprese, coinvolgono piccoli e medi emettitori che non avrebbero obblighi nei mercati regolamentati e consentono di ridurre le emissioni ad un costo basso rispetto al mercato regolamentato. Infatti in media i crediti sono scambiati a e 4 t/ CO 2 eq. contro e 16 t/co 2 eq del mercato EU ETS. Un dato interessante del mercato volontario nel 2010 è che ben il 46% dei crediti scambiati è costituito da progetti agro-forestali di mitigazione e sequestro di carbonio seguiti dai progetti sulle energie rinnovabili (Hamilton et al. 2011). Tale dato segna il successo e l interesse degli investitori del mercato volontario verso tipologie di azioni e progetti come l evitata deforestazione, il miglioramento della gestione forestale, l afforestazione che oltre a svolgere l azione di sequestro del carbonio svolgono anche molti altri servizi ambientali. Tra i crediti forestali più scambiati c è l evitata deforestazione (REDDs) anche per il crescente interesse sul mercato dopo il suo inserimento tra le azioni chiave di un futuro accordo sul clima ma soprattutto per l avvio di iniziative bilaterali a suo sostegno come la Norway Forest Climate Initiative. Oltre ai REDDs ricoprono un ruolo importante anche afforestazione e riforestazione (6% degli scambi) il miglioramento della gestione forestale (5%) e la gestione dei suoli agricoli (3%). Il ruolo degli standard di certificazione dei crediti agroforestali si è ormai consolidato 17

18 Stefanelli S. come prassi tra gli acquirenti e i protocolli VCS (Voluntary Carbon Standard) si sono affermati con il 34% di volumi di crediti scambiati certificati. Il VCS è seguito dal Climate Community and Biodiversity standard, spesso in tandem con il VCS in quanto CCB non quantifica i crediti ma certifica il contributo etico dei progetti di mitigazione come i benefici ambientali e sociali. L approccio degli standard di certificazione dei crediti all impatto etico e sociale tiene conto sempre di più non solo del semplice offsetting ma anche degli aspetti legati alla biodiversità, all equa distribuzione finanziaria, agli impatti umani e sociali dei progetti di mitigazione in particolare di quelli agroforestali. Tra gli standard che piú si sono distinti per tenere in considerazione questi benefici supplementari vi sono oltre al CCB, il Social Carbon, il Brasil Mata Viva, il Plan Vivo e altri. Questo è particolarmente importante per lo sviluppo di progetti di mitigazione volontaria agroforestale in paesi con una governance ambientale molto lacunosa come nei paesi in via di sviluppo dove gli aspetti etico sociali sono spesso altrettanto se non più importanti dell azione di compensazione. 1.4 Gli attori internazionali nel mercato dei crediti di carbonio Numerosi sono gli attori dei mercati internazionali dei crediti di carbonio, volontari e regolamentati. Tra questi la Banca Mondiale si conferma con l istituzione che attraverso la Carbon Finance Unit ha maggiormente contribuito a sviluppare progetti di mitigazione nel mercato regolamentato del protocollo di Kyoto previsti dal Clean Development Mechanism e dal Joint Implementation. La Banca ha intrapreso numerose iniziative per la lotta ai cambiamenti climatici, tra cui l istituzione di fondi dedicati allo sviluppo di progetti di mitigazione a supporto degli impegni di riduzione di ciascun paese nei confronti del Protocollo di Kyoto. Tra questi alcuni si sono specializzati in specifiche attivitá di mitigazione come il BioCarbon Fund che investe in progetti di mitigazione agro-forestale nelle economie emergenti e in paesi in via di sviluppo o l Italian Carbon Fund, a supporto degli impegni dell Italia di riduzione delle emissioni e altri. In aggiunta la Banca Mondiale ha sviluppato altre iniziative come la Forest Carbon Partnership Initiative tese ad esplorare nuove modalità di mitigazione e adattamento ai cambiamenti climatici nei paesi in via di sviluppo piú vulnerabili ed esposti agli impatti del clima La FCPF in particolare ha lo scopo di assistere alcuni paesi dove la deforestazione procede a ritmi sostenuti a sviluppare attivitá e misure con le comunità locali per sostenere misure di evitata deforestazione, di 18

19 I mercati del carbonio come strumenti per ridurre le emissioni: efficacia e prospettive future miglioramento degli stock di carbonio e della gestione forestale sostenibile. Al momento 37 paesi tropicali hanno aderito al piano finanziario di sostegno all iniziativa supportata da paesi sviluppati, industrie, agenzie di sviluppo per un totale di $ 447 milioni. Se la Banca Mondiale si configura come uno dei principali operatori del mercato mondiale di crediti e di progetti di mitigazione, altri soggetti hanno assunto il ruolo non solo di sviluppatore ma anche di broker di crediti acquistando e rivendendo crediti. Tra questi vi sono società come Ecosecurities, Camco International che svolgono molteplici attivitá, altre come CarboNeutralCompany che agiscono principalmente come intermediarie tra venditori e acquirenti di crediti garantendo oltre ai crediti di carbonio altri servizi correlati come la misurazione del carbon footprint o un piano di gestione del carbonio, la certificazione dei crediti e altri servizi. In alcuni casi quando l ente ha intrapreso non solo une strategia di compensazione delle emissioni ma una vera e propria strategia di lotta ai cambiamenti climatici sono sorte alleanze e fondazioni che agiscono non solo con progetti di mitigazione ma sviluppando programmi di adattamento al clima nelle regioni piú vulnerabili. E il caso per esempio della HSBC Climate Partnership dove il colosso bancario HSBC ha istituito un alleanza con The Climate Group, il WWF, l Earthwatch, lo Smithsonian Tropical Research Institute e un programma di investimenti correlato su misure volte a ridurre l impatto del clima nelle regioni più vulnerabili, sulle foreste e gli ecosistemi acquatici e sulle popolazioni a rischio. 1.5 Prospettive future dei mercati Il mercato volontario rimane un mercato piccolo ma una componente importante dei mercati globali del carbonio. Le azioni volontarie guidate da individui e organizzazioni consapevoli dell importanza di azioni sul clima rappresentano un importante messaggio della necessità di agire e la crescita rapida dei mercati volontari è un chiaro indicatore di questa tendenza. Contemporaneamente l incertezza su un futuro accordo sul clima tra i principali paesi emettitori condiziona lo sviluppo di un mercato globale dei crediti di carbonio ed in particolare dei crediti generati dai progetti CDM o CERs in una fase post Infatti allo scadere del Protocollo di Kyoto, solo l Europa che si è fissata un obiettivo vincolante di riduzione delle emissioni del 20% al 2020 continuerà ad operare sui mercati. Come conseguenza il mercato ETS e dei crediti CERs vedrà come principali operatori solamente paesi ed emettitori europei. 19

20 Stefanelli S. In questo contesto di incertezza sul futuro dei mercati regolamentati, i prezzi di lungo periodo del carbonio saranno fondamentali per lo sviluppo di tecnologie innovative che supportino la trasformazione verso un economia a basso contenuto di carbonio. In questo contesto politiche e regolamentazioni che indirizzino il prezzo del carbonio insieme a meccanismi finanziari a loro supporto e all utilizzo di capitale privato e non solo pubblico per lo sviluppo di tecnologie indirizzeranno modelli di sviluppo a bassa intensità energetica e ridotto impatto di CO 2. Tuttavia nonostante le incertezze che regnano sui futuri mercati del carbonio, i mercati del carbonio rimangono uno strumento efficiente per mobilizzare il capitale privato per efficaci azioni sul clima. Riferimenti blibliograici R.Bayon, A.Hawn, K,Hamilton (2007) Voluntary Carbon Markets. An international business guide to what they are and how they work. Earthscan. A. Brohé, N.Eyre, N.Howarth (2009). Carbon Markets. An International Business Guide. Earthscan. EEA (2011). Greenhouse gas emission trends in Europe and projections in Europe Tracking progress towards Kyoto and 2020 targets. European Environment Agency. K. Hamilton et al. (2011). Back to the Future. State of the Voluntary Carbon Markets Ecosystem Marketplace, Bloomberg N. Linacre, A.Kossoy, P.Ambrosi (2011). State and trend of the carbon market World Bank Carbon Finance, Environment Department. A.J. Weaver (2011). Toward the Second Commitment Period of the Kyoto Protocol. Science vol May

21 CAPITOLO 2 Il ruolo delle attività agroforestali nella riduzione delle emissioni

22

23 Il ruolo delle attività agroforestali nella riduzione delle emissioni 2.1 Opportunità dai crediti di gestione forestale e prodotti legnosi nel mercato Carbomark Anfodillo T., Pierobon F. Il mercato Carbomark offre interessanti opportunità per la commercializzazione di crediti di carbonio per mezzo della gestione forestale sostenibile. L elezione di questa attività per la generazione dei crediti è subordinata al rispetto di alcune regole fondamentali per assicurare che i crediti generati siano reali, ovvero rispettino i principi di addizionalità, permanenza, unicità, trasparenza. Il primo requisito necessario per accedere al mercato è che le particelle forestali siano produttive e correttamente gestite, per mezzo di un Piano di Assestamento o di altro strumento equivalente. La presenza del Piano infatti garantisce che ogni azione di gestione forestale intrapresa sia registrata e possa essere tenuta sotto controllo per mezzo del Piano di monitoraggio. Si considerano solo le particelle con funzione produttiva in quanto le altre particelle, con funzioni protettiva, turistico-ricreativa, ambientale, paesaggistica non sono soggette a tagli e pertanto non è per esse dimostrabile l addizionalità. Il secondo requisito di fondamentale importanza è costituito dal fatto che il serbatoio o sink di carbonio che genera i crediti non sia già stato conteggiato per il Protocollo di Kyoto, ovvero particolare attenzione deve essere posta al problema del doppio conteggio. La gestione forestale, infatti, rientra nel Protocollo di Kyoto per mezzo dell art L art. 3.3 invece riguarda il settore forestale per le attività di Land-Use, Land-Use Change and Forestry (LULUCF), ovvero Afforestazione, Riforestazione e Deforestazione, che vengono interamente conteggiate dal Protocollo di Kyoto e pertanto non sono eleggibili per la generazione di crediti nel mercato volontario. L art. 3.4 invece riguarda la gestione forestale e stabilisce delle soglie massime per ciascun 23

24 Anfodillo T., Pierobon F. Paese per l utilizzo dei sink di carbonio al fine del raggiungimento degli obiettivi di Kyoto, per l Italia ad esempio la soglia fissata è pari a 2.78 MtC all anno pari a 10.2 MtCO 2 eq all anno. Questa soglia corrisponde alla frazione di sink considerata human-induced, ovvero direttamente causata dall intervento dell uomo. Sulla base di questo principio il mercato Carbomark è fondato su una metodologia che permette di vendere nel mercato volontario una parte di crediti generati da un sink di carbonio che si dimostra addizionale rispetto alla situazione business-as-usual (BAU), che costituisce la baseline per il mercato. Questa quota di sink risulta da azioni di gestione forestale quali il risparmio dell incremento legnoso rispetto ad uno standard consolidato, regionale o locale, o per mezzo di una riduzione della ripresa oppure attraverso la riqualificazione di aree boschive a bassa densità di copertura. Al fine di garantire il principio della permanenza, la quota venduta nel mercato Carbomark deve essere mantenuta almeno per trent anni sia per la gestione forestale che per i prodotti legnosi e non può essere destinata ad altro scopo. Il credito generato è addizionale in quanto deriva da un azione volontaria del proprietario forestale che si impegna a risparmiare di più di quanto avrebbe fatto se non avesse aderito al mercato. La permanenza è la caratteristica dei crediti di carbonio di perdurare nel tempo; la foresta può infatti essere soggetta a diversi disturbi quali incendi, attacchi parassitari, schianti, ecc. che possono compromettere la stabilità nel tempo della funzione climatica svolta. Per questo motivo alla quota di crediti che può essere commercializzata deve essere sottratta di una quota definita buffer corrispondente alla frazione di biomassa che, sulla base di dati storici, si presume possa essere imputabile a disturbi di origine biotica e abiotica. Il tempo di permanenza per i crediti di carbonio scambiati nel mercato Carbomark è stato definito pari a trent anni, periodo in cui il proprietario forestale si deve impegnare a conservarli. Per garantire che non sia effettuato un doppio conteggio dei crediti di carbonio rispetto al Protocollo di Kyoto è prevista una verifica preliminare per l eleggibilità della proprietà nel mercato, che è consentita solo a quelle particelle che nella situazione business-as-usual hanno un sink di carbonio almeno pari al contributo medio attribuibile a quella proprietà conteggiato per il Protocollo di Kyoto. In questo modo vi è la sicurezza che tutto quello che viene risparmiato in più rispetto alla business-as-usual non viene conteggiato per il Protocollo di Kyoto superando così il problema del doppio conteggio. Certamente tutta la metodologia descritta è estremamente cautelativa in quanto permette di commercializzare una quantità di crediti molto limitata rispetto al totale ma un 24

Guida alla partecipazione a Carbomark

Guida alla partecipazione a Carbomark Guida alla partecipazione a Carbomark Guida alla partecipazione a Carbomark Regione del Veneto Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia Università degli Studi di Padova Università degli Studi di Udine Unità

Dettagli

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio 1 lezione: risorse energetiche e consumi Rubiera novembre 2006 1.1 LE FONTI FOSSILI Oltre l'80 per cento dell'energia totale consumata oggi nel mondo è costituita

Dettagli

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti L EUROPA E LE RISORSE AMBIENTALI, ENERGETICHE E ALIMENTARI BOLOGNA, 16 MARZO 2015 LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA Silva Marzetti Scuola di Economia, Management e Statistica Università

Dettagli

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI MANIFESTO PER L ENERGIA SOSTENIBILE DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI COSTRUISCI CON NOI UN SISTEMA ENERGETICO SOSTENIBILE PER L ITALIA Organizzazione Non Lucrativa di Utilità Sociale. FINALITà Favorire la

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER)

Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER) Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER) Maurizio Gualtieri ENEA UTTS 0161-483370 Informazioni: eventienea_ispra@enea.it 14 maggio 2014 - ISPRA Sommario

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

Biochar, fattori che influenzano la sua qualità ammendante

Biochar, fattori che influenzano la sua qualità ammendante ANALISI DELL UNIVERSITÀ DI TORINO SU BIOCHAR OTTENUTO DA DIVERSE MATRICI Biochar, fattori che influenzano la sua qualità ammendante di L. Petruzzelli, R. Subedi, C. Bertora, E. Remogna, C. Grignani Dal

Dettagli

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali ENERGIA 269 ENERGIA Il ricorso all utilizzo di fonti rinnovabili sovvenzionate comporta dei potenziali impatti ambientali. Fra questi, vi sono l alterazione dei corsi d acqua a causa delle derivazioni

Dettagli

La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020

La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020 La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020 Giuseppe Gargano Rete Rurale Nazionale - INEA Varzi, 18 giugno 2014 Priorità dell'unione in materia

Dettagli

Effetti dell incendio sull ambiente

Effetti dell incendio sull ambiente Effetti dell incendio sull ambiente Dott. For. Antonio Brunori Effetti del fuoco Il fuoco danneggia e spesso distrugge il bosco, per valutare le effettive conseguenze di un incendio su un ecosistema forestale

Dettagli

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Come ottenere energia rinnovabile e compost dai rifiuti organici Un percorso di educazione ambientale alla scoperta dell impianto di compostaggio

Dettagli

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC?

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC? La PAC che verrà: Smart change or business as usual? La posizione ufficiale IFOAM EU sulla prossima riforma PAC 2014 2020 Alessandro Triantafyllidis, IFOAM EU Group Siamo a metà dell attuale periodo di

Dettagli

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante.

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante. Ozono (O 3 ) Che cos è Danni causati Evoluzione Metodo di misura Che cos è L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

www.ipaper.com/europe Questa brochure è stata stampata su carta IP Pro-Design, certificata PEFC

www.ipaper.com/europe Questa brochure è stata stampata su carta IP Pro-Design, certificata PEFC www.ipaper.com/europe Questa brochure è stata stampata su carta IP Pro-Design, certificata PEFC Gestione forestale sostenibile Tutto quello che bisogna sapere Sommario 1. Che cosa si intende per gestione

Dettagli

L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale

L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale Prof. Gianni Comini Direttore del Dipartimento di Energia e Ambiente CISM - UDINE AMGA - Iniziative per la Sostenibilità EOS 2013

Dettagli

USO DELLE RISORSE E FLUSSI DI MATERIA

USO DELLE RISORSE E FLUSSI DI MATERIA CAPITOLO 11 USO DELLE RISORSE E FLUSSI DI MATERIA Introduzione La conoscenza delle quantità di risorse utilizzate in un dato sistema socio-economico e più in generale di quelle necessarie al suo funzionamento

Dettagli

Le parti si impegnano a ridurre le loro emissioni di gas ad effetto serra di almeno il 5% rispetto ai livelli del 1990 nel periodo 2008-2012.

Le parti si impegnano a ridurre le loro emissioni di gas ad effetto serra di almeno il 5% rispetto ai livelli del 1990 nel periodo 2008-2012. Il testo del protocollo di Kyoto (Protocollo Nazioni Unite in vigore dal 16.2.2005) Il protocollo di Kyoto è stato ratificato dall'italia con la legge 120 del 2002. Il protocollo entra in vigore il 16

Dettagli

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica Alessandro Clerici Presidente FAST e Presidente Onorario WEC Italia Premessa La popolazione mondiale è ora di 6,7 miliardi

Dettagli

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO COMUNE DI CANZO COMUNE DI CASTELMARTE COMUNE DI EUPILIO COMUNE DI LONONE AL SERINO COMUNE DI PROSERPIO COMUNE DI PUSIANO L AUDIT ENERETICO DELI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERETICO Una politica energetica

Dettagli

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Enzo De Sanctis Società Italiana di Fisica - Bologna Con questo titolo, all inizio del 2008, la Società Italiana di Fisica (SIF) ha pubblicato un libro

Dettagli

L ECO-UFFICIO. Buone pratiche per l efficienza energetica in ufficio

L ECO-UFFICIO. Buone pratiche per l efficienza energetica in ufficio Comune di Udine L ECO-UFFICIO Buone pratiche per l efficienza energetica in ufficio Efficienza energetica: di necessità virtù L efficienza energetica non è semplice risparmio: è riduzione del consumo di

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

Valdigrano: quando l ambiente è un valore!

Valdigrano: quando l ambiente è un valore! Valdigrano: quando l ambiente è un valore! Valutazione di impatto ambientale delle linee Valdigrano, Valbio e La Pasta di Franciacorta Programma per la valutazione dell impronta ambientale Progetto co-finanziato

Dettagli

Urban Sprawl e Adattamento al Cambiamento Climatico: il caso di Dar es Salaam

Urban Sprawl e Adattamento al Cambiamento Climatico: il caso di Dar es Salaam XVI CONFERENZA NAZIONALE SOCIETÀ ITALIANA DEGLI URBANISTI 9 Maggio 2013 Luca Congedo 1, Silvia Macchi 1, Liana Ricci 1, Giuseppe Faldi 2 1 DICEA - Dipartimento di Ingegneria Civile, Edile e Ambientale,

Dettagli

Cave 2020 Sustainable Energy Action Plan

Cave 2020 Sustainable Energy Action Plan Cave 2020 Sustainable Energy Action Plan Piano d azione per l energia sostenibile (immagine di copertina) Bozza in consultazione 1 Documento approvato con Delibera del Consiglio Comunale n del /12/2012.

Dettagli

E=mc 2 : l innovazione tecnologica per la tutela dell ambiente e la produzione di energia dalle fonti rinnovabili

E=mc 2 : l innovazione tecnologica per la tutela dell ambiente e la produzione di energia dalle fonti rinnovabili E=mc 2 : l innovazione tecnologica per la tutela dell ambiente e la produzione di energia dalle fonti rinnovabili «Pas du pétrole mais des idées..» Lucio IPPOLITO Fisciano, 12 maggio 2011 L. IPPOLITO 2011

Dettagli

Segni 2020 Sustainable Energy Action Plan

Segni 2020 Sustainable Energy Action Plan Segni 2020 Sustainable Energy Action Plan Piano d azione per l energia sostenibile (immagine di copertina) Bozza 1 Documento approvato con Delibera del Consiglio Comunale n del del : /12/2012. Il documento

Dettagli

L=F x s lavoro motore massimo

L=F x s lavoro motore massimo 1 IL LAVORO Nel linguaggio scientifico la parola lavoro indica una grandezza fisica ben determinata. Un uomo che sposta un libro da uno scaffale basso ad uno più alto è un fenomeno in cui c è una forza

Dettagli

Recuperare energia dai

Recuperare energia dai Recuperare energia dai rifiuti del tabacco Riduzione dell impatto ambientale e sanitario delle cicche di sigaretta e produzione di energia mediante pirogassificazione Raffaella Uccelli- Ricercatore ENEA

Dettagli

C M Y K C M Y K. 5. La normativa

C M Y K C M Y K. 5. La normativa 5. La normativa 5.1 Il quadro normativo Numerose sono le norme di riferimento per la pianificazione e la progettazione delle strade. Vengono sinteticamente enunciate quelle che riguardano la regolazione

Dettagli

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 Il Master MEA Management dell Energia e dell Ambiente è organizzato dall Università degli Studi Guglielmo Marconi

Dettagli

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO Forum Internazionale Green City Energy MED LO SVILUPPO DELLE SMART CITIES E DEI GREEN PORTS NELL AREA MEDITERANEA Convegno La produzione di energia rinnovabile nella Smart City Sessione Integrazione dei

Dettagli

www.integrateddesign.eu IDP Integrated Design Process Processo di progettazione integrata

www.integrateddesign.eu IDP Integrated Design Process Processo di progettazione integrata www.integrateddesign.eu IDP Integrated Design Process Processo di progettazione integrata Cosa può fare l Istituto per le Energie Rinnovabili dell EURAC? E quando? Il team di EURAC è in grado di: gestire

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Direzione generale per il mercato elettrico, le rinnovabili e l efficienza energetica, il nucleare CIRCOLARE Alla Conferenza delle regioni e delle province autonome All

Dettagli

2. L INQUINAMENTO ATMOSFERICO

2. L INQUINAMENTO ATMOSFERICO 2. L INQUINAMENTO ATMOSFERICO L aria è una miscela eterogenea formata da gas e particelle di varia natura e dimensioni. La sua composizione si modifica nello spazio e nel tempo per cause naturali e non,

Dettagli

Alle nostre latitudini la domanda di

Alle nostre latitudini la domanda di minergie Protezioni solari con lamelle, in parte fisse, e gronde Benessere ter edifici ed effi Nella società contemporanea trascorriamo la maggior parte del nostro tempo in spazi confinati, in particolare

Dettagli

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Roma, 29 maggio 2012 Indice Il Gestore dei Servizi Energetici GSE S.p.A. I nostri servizi Nuove attività 2012-2013 Evoluzione delle attività

Dettagli

.3Modulo 3 di 4 Come è successo Le cause

.3Modulo 3 di 4 Come è successo Le cause .3Modulo 3 di 4 Come è successo Le cause Progetto RACES Kit didattico sul cambiamento climatico http://www.liferaces.eu/a_scuola 3Le cause e le origini del cambiamento climatico Il cambiamento climatico

Dettagli

Se spengo, non spreco e non spendo! Relazione finale

Se spengo, non spreco e non spendo! Relazione finale Se spengo, non spreco e non spendo! Relazione finale La Settimana dell Educazione all Energia Sostenibile Dal 6 al 12 novembre si è celebrata la Settimana Nazionale dell Educazione all Energia Sostenibile,

Dettagli

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro.

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro. C Caldaia L'unità centrale scambiatore termico-bruciatore destinata a trasmettere all'acqua il calore prodotto dalla combustione. v. Camera di combustione, Centrali termiche, Efficienza di un impianto

Dettagli

COS E CRES: CLIMA RESILIENTI

COS E CRES: CLIMA RESILIENTI COS E CRES: CLIMA RESILIENTI PROGETTO DI KYOTO CLUB VINCITORE DI UN BANDO DEL MINISTERO DELL AMBIENTE SUI PROGETTI IN MATERIA DI EDUCAZIONE AMBIENTALE E SVILUPPO SOSTENIBILE OBIETTIVI DEL PROGETTO CRES

Dettagli

Nuova finanza per la green industry

Nuova finanza per la green industry Nuova finanza per la green industry Green Investor Day / Milano, 9 maggio 2013 Barriere di contesto a una nuova stagione di crescita OSTACOLI PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE Fine degli incentivi e dello sviluppo

Dettagli

Le opportunità economiche dell efficienza energetica

Le opportunità economiche dell efficienza energetica Le opportunità economiche dell efficienza energetica i problemi non possono essere risolti dallo stesso atteggiamento mentale che li ha creati Albert Einstein 2 SOMMARIO 1. Cosa è una ESCO 2. Esco Italia

Dettagli

LO SVILUPPO SOSTENIBILE Il quadro generale di riferimento LA QUESTIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE La questione ambientale: i limiti imposti dall ambiente allo sviluppo economico Lo sviluppo sostenibile:

Dettagli

RELAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO. La situazione del mercato europeo del carbonio nel 2012

RELAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO. La situazione del mercato europeo del carbonio nel 2012 COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 14.11.2012 COM(2012) 652 final RELAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO La situazione del mercato europeo del carbonio nel 2012 (Testo rilevante ai

Dettagli

Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi

Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi Carlo Zaghi Dirigente Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Direzione Generale per le Valutazioni e le Autorizzazioni Ambientali

Dettagli

POLITICHE ED AZIONI INTERNAZIONALI SULL AMBIENTE

POLITICHE ED AZIONI INTERNAZIONALI SULL AMBIENTE Corso di PRODUZIONE DI MERCI E INNOVAZIONE a.a. 2012-2013 POLITICHE ED AZIONI INTERNAZIONALI SULL AMBIENTE Valeria Spada Università degli Studi di Foggia v.spada@unifg.it ! " #$ %%&'! Se nei tempi % passati

Dettagli

IDROGENO E FONTI RINNOVABILI: UNA POSSIBILE SOLUZIONE AI PROBLEMI ENERGETICI

IDROGENO E FONTI RINNOVABILI: UNA POSSIBILE SOLUZIONE AI PROBLEMI ENERGETICI IDROGENO E FONTI RINNOVABILI: UNA POSSIBILE SOLUZIONE AI PROBLEMI ENERGETICI di Gaetano Cacciola 1 Secondo il World Energy Outlook (WEO) 2007, dell Agenzia Internazionale dell Energia, l aumento dei consumi

Dettagli

REGOLAMENTO REGIONALE 14 luglio 2008, n. 12. Regolamento per la realizzazione degli impianti di produzione di energia alimentata a biomasse.

REGOLAMENTO REGIONALE 14 luglio 2008, n. 12. Regolamento per la realizzazione degli impianti di produzione di energia alimentata a biomasse. 13464 PARTE PRIMA Leggi e regolamenti regionali REGOLAMENTO REGIONALE 14 luglio 2008, n. 12 Regolamento per la realizzazione degli impianti di produzione di energia alimentata a biomasse. IL PRESIDENTE

Dettagli

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse CERVED RATING AGENCY Politica in materia di conflitti di interesse maggio 2014 1 Cerved Rating Agency S.p.A. è specializzata nella valutazione del merito creditizio di imprese non finanziarie di grandi,

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI Presentazione per le scuole primarie A cura di Enrico Forcucci, Paola Di Giacomo e Alessandra Santini ni Promuovere la conoscenza e la diffusione delle energie provenienti

Dettagli

Strategia dell UE per la biodiversità fino al 2020

Strategia dell UE per la biodiversità fino al 2020 Dicembre 2011 IT Strategia dell UE per la biodiversità fino al 2020 Biodiversità In Europa quasi un quarto delle specie selvatiche è attualmente minacciato di estinzione. La biodiversità, ossia la straordinaria

Dettagli

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO LA NOSTRA VISIONE COMUNE Noi, governi locali europei, sostenitori della Campagna delle Città Europee Sostenibili, riuniti alla conferenza di Aalborg+10, confermiamo la nostra

Dettagli

Senato della Repubblica

Senato della Repubblica Senato della Repubblica Commissioni riunite 10 a (Industria, commercio, turismo) e 13 a (Territorio, ambiente, beni ambientali) Audizione nell'ambito dell'esame congiunto degli Atti comunitari nn. 60,

Dettagli

OLIO EXTRA VERGINE D OLIVA D.O.P. UMBRIA prodotto da Monini S.P.A. CFP EXTERNAL COMMUNICATION REPORT in conformità alla ISO/TS 14067:13

OLIO EXTRA VERGINE D OLIVA D.O.P. UMBRIA prodotto da Monini S.P.A. CFP EXTERNAL COMMUNICATION REPORT in conformità alla ISO/TS 14067:13 MONINI S.p.A. S.S 3 Flaminia Km. 129-06049 Spoleto (PG) Tel. 0743.2326.1 (r.a.) Partita IVA 02625300542- Cap.Soc. EURO 6.000.000,00 I.V. www.monini.com e-mail: info@monini.com Posta Certificata: monini@legalmail.it

Dettagli

L EQUILIBRIO CHIMICO

L EQUILIBRIO CHIMICO EQUIIBRIO CHIMICO Molte reazioni chimiche possono avvenire in entrambe i sensi: reagenti e prodotti possono cioè scambiarsi fra di loro; le reazioni di questo tipo vengono qualificate come reazioni reversibili.

Dettagli

In collaborazione con. Sistema FAR Echo. Sistema FAR ECHO

In collaborazione con. Sistema FAR Echo. Sistema FAR ECHO In collaborazione con Sistema FAR ECHO 1 Sistema FAR ECHO Gestione intelligente delle informazioni energetiche di un edificio Tecnologie innovative e metodi di misura, contabilizzazione, monitoraggio e

Dettagli

USI ENERGETICI DELL IDROGENO E DELL IDROMETANO: L ESPERIENZA DEL GRUPPO SOL

USI ENERGETICI DELL IDROGENO E DELL IDROMETANO: L ESPERIENZA DEL GRUPPO SOL USI ENERGETICI DELL IDROGENO E DELL IDROMETANO: L ESPERIENZA DEL GRUPPO SOL Ing. Maurizio Rea (Gruppo SOL) ECOMONDO - Sessione Tecnologie di Produzione Rimini, 3 Novembre 2010 IL GRUPPO SOL Profilo aziendale

Dettagli

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE?

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE? RISORSE ENERGETICHE ENERGIA 2 AREA 9 FONTI DI ENERGIA E INDISPENSABILE ALLA VITA SULLA TERRA ELEMENTO INDISPENSABILE PER SVILUPPO SOCIALE ED ECONOMICO FINO AD ORA: CONTINUO INCREMENTO DI PRODUZIONE E CONSUMO

Dettagli

ELENA. European Local Energy Assistance

ELENA. European Local Energy Assistance ELENA European Local Energy Assistance SOMMARIO 1. Obiettivo 2. Budget 3. Beneficiari 4. Azioni finanziabili 5. Come partecipare 6. Criteri di selezione 7. Contatti OBIETTIVI La Commissione europea e la

Dettagli

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI Risorse energetiche e struttura del mercato L Italia produce piccoli volumi di gas naturale

Dettagli

Le nuove fonti di energia

Le nuove fonti di energia Le nuove fonti di energia Da questo numero della Newsletter verranno proposti alcuni approfondimenti sui temi dell energia e dell ambiente e sul loro impatto sul commercio mondiale osservandone, in particolare,

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 2525 Seduta del 17/10/2014

DELIBERAZIONE N X / 2525 Seduta del 17/10/2014 DELIBERAZIONE N X / 2525 Seduta del 17/10/2014 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI PAOLA BULBARELLI MARIA CRISTINA

Dettagli

2013-2018 ROMA CAPITALE

2013-2018 ROMA CAPITALE 2013-2018 ROMA CAPITALE Proposte per il governo della città Sintesi stampa IL VINCOLO DELLE RISORSE ECONOMICO-FINANZIARIE Il debito del Comune di Roma al 31/12/2011 ammonta a 12,1 miliardi di euro; di

Dettagli

Jointly for our common future

Jointly for our common future Newsletter del progetto GeoSEE nr.1 Gennaio 2013 1. Avvio del progetto 2. Il progetto 3. Il programma SEE 4. Il partenariato 5. Obiettivi del progetto Jointly for our common future 1 AVVIO DEL PROGETTO

Dettagli

UNIVERSITA DI PALERMO

UNIVERSITA DI PALERMO PILLAR OBIETTIVO SPECIFICO MASTER CALL CALL INDUSTRIAL LEADERSHIP LEADERSHIP IN ENABLING AND INDUSTRIAL TECHNOLOGIES (LEIT) H2020-SPIRE-2014-2015 - CALL FOR SPIRE - SUSTAINABLE PROCESS INDUSTRIES H2020-SPIRE-2014

Dettagli

La L a c c o o m mb b u u st s i t o i n o ne ne 1

La L a c c o o m mb b u u st s i t o i n o ne ne 1 1 La sostanza combustibile può essere: Solida Liquida o Gassosa. I combustibili utilizzati negli impianti di riscaldamento sono quelli visti precedentemente cioè: Biomasse Oli Combustibili di vario tipo

Dettagli

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO Comune di CORI (Lt) Assessorato all RACCOLTA DIFFERENZIATA PORTA A PORTA GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO pagina 1 SOMMARIO Premessa... 3 1 Principi generali: Cos è il Compostaggio... 4 2 Cosa mettere nella

Dettagli

Vetro e risparmio energetico Controllo solare. Bollettino tecnico

Vetro e risparmio energetico Controllo solare. Bollettino tecnico Vetro e risparmio energetico Controllo solare Bollettino tecnico Introduzione Oltre a consentire l ingresso di luce e a permettere la visione verso l esterno, le finestre lasciano entrare anche la radiazione

Dettagli

I testi sono così divisi: HOME. PRODUZIONE DI ENERGIA VERDE o Energia eolica o Energia fotovoltaica o Energia a biomassa

I testi sono così divisi: HOME. PRODUZIONE DI ENERGIA VERDE o Energia eolica o Energia fotovoltaica o Energia a biomassa Testi informativi sugli interventi e gli incentivi statali in materia di eco-efficienza industriale per la pubblicazione sul sito web di Unioncamere Campania. I testi sono così divisi: HOME EFFICIENTAMENTO

Dettagli

Metodologie per la misura, il campionamento delle emissioni di ossidi di azoto prodotte dagli impianti termici civili.

Metodologie per la misura, il campionamento delle emissioni di ossidi di azoto prodotte dagli impianti termici civili. REGIONE PIEMONTE BU12 20/03/2014 Codice DB1013 D.D. 12 marzo 2014, n. 52 Metodologie per la misura, il campionamento delle emissioni di ossidi di azoto prodotte dagli impianti termici civili. Con D.C.R.

Dettagli

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras 2 Introduzione Le architetture basate sui servizi (SOA) stanno rapidamente diventando lo standard de facto per lo sviluppo delle applicazioni aziendali.

Dettagli

Produzione di energia elettrica ed emissioni di gas serra

Produzione di energia elettrica ed emissioni di gas serra Produzione di energia elettrica ed emissioni di gas serra (Strategie di mitigazione delle emissioni) Antonio Caputo, APAT APAT Presentazione Gli accordi di Kyoto prevedono, per le nazioni firmatarie, la

Dettagli

AMBIENTE SIA PER IL COLLEGAMENTO A23-A28 IN FRIULI

AMBIENTE SIA PER IL COLLEGAMENTO A23-A28 IN FRIULI DESCRIZIONE DEL PROGETTO Data: Agosto 2010 Oggetto: Affidamento concessione avente con ad procedura oggetto la aperta della progettazione, costruzione e gestione del raccordo Autostradale A23-A28 Cimpello

Dettagli

Il trattamento dell acqua per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici

Il trattamento dell acqua per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici Il trattamento dell acqua per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici 12 Giugno 2014 Stefano Bonfanti Product Manager - Cillichemie Italiana S.r.l. L azienda n.2 Sedi n.47 Agenti

Dettagli

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012 anno 2 - numero 3 - marzo/aprile 2012 MADE IN ITALY PAVANELLOMAGAZINE l intervista Certificazione energetica obbligatoria Finestra Qualità CasaClima Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre

Dettagli

LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA ED AMBIENTALE

LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA ED AMBIENTALE LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA ED AMBIENTALE Ing. Leonardo Maffia Maffia@studiolce.it Formato del Certificato (aggiornabile) Certificato Energetico-Ambientale Prestazione energetica dell edificio EPi come

Dettagli

I vantaggi dell efficienza energetica

I vantaggi dell efficienza energetica Introduzione Migliorare l efficienza energetica (EE) può produrre vantaggi a tutti i livelli dell economia e della società: individuale (persone fisiche, famiglie e imprese); settoriale (nei singoli settori

Dettagli

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA Noi, i Ministri dell Energia di Canada, Francia, Germania, Italia,

Dettagli

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli

Il sistema energetico italiano e gli obiettivi ambientali al 2020

Il sistema energetico italiano e gli obiettivi ambientali al 2020 6 luglio 2010 Il sistema energetico italiano e gli obiettivi ambientali al 2020 L Istat presenta un quadro sintetico del sistema energetico italiano nel 2009 e con riferimento all ultimo decennio. L analisi

Dettagli

Sintesi. Una nuova strategia per l ambiente. Introduzione

Sintesi. Una nuova strategia per l ambiente. Introduzione 1 Sintesi Una nuova strategia per l ambiente Introduzione Nel corso di questi ultimi anni, l ambiente ha subito forti pressioni nei Paesi dell OCSE e nel mondo. Alcune pressioni tenderanno sicuramente

Dettagli

ENERGIA INDICATORI OBIETTIVI. Emissioni di gas serra da processi energetici. Favorire l avvicinamento agli obiettivi fissati dal Protocollo di Kyoto

ENERGIA INDICATORI OBIETTIVI. Emissioni di gas serra da processi energetici. Favorire l avvicinamento agli obiettivi fissati dal Protocollo di Kyoto OBIETTIVI Favorire l avvicinamento agli obiettivi fissati dal Protocollo di Kyoto Valutare l andamento della domanda di energia del sistema economico lombardo Valutare l andamento settoriale e territoriale

Dettagli

.4Modulo 4 di 4 Affrontare il Cambiamento climatico Le soluzioni

.4Modulo 4 di 4 Affrontare il Cambiamento climatico Le soluzioni .4Modulo 4 di 4 Affrontare il Cambiamento climatico Le soluzioni Progetto RACES Kit didattico sul cambiamento climatico http://www.liferaces.eu/a_scuola 4Affrontare il Cambiamento climatico Spesso sentiamo

Dettagli

Rassegna OCSE Sviluppo sostenibile: Interazione tra Economia, Società, Ambiente

Rassegna OCSE Sviluppo sostenibile: Interazione tra Economia, Società, Ambiente OECD Insights Sustainable Development: Linking Economy, Society, environment Summary in Italian Rassegna OCSE Sviluppo sostenibile: Interazione tra Economia, Società, Ambiente Sintesi in italiano L espressione

Dettagli

Il sistema energetico. Introduzione. L uomo e l energia. Il sistema energetico

Il sistema energetico. Introduzione. L uomo e l energia. Il sistema energetico Il sistema energetico Introduzione Con il termine "sistema energetico" si è soliti indicare l'insieme dei processi di produzione, trasformazione, trasporto e distribuzione di fonti di energia. I sistemi

Dettagli

Antonio Motisi. Dipartimento di Colture Arboree Università degli Studi di Palermo

Antonio Motisi. Dipartimento di Colture Arboree Università degli Studi di Palermo Giornate di Studio: Un approccio integrato allo studio dei flussi di massa e di energia nel sistema suolo pianta atmosfera: esperienze e prospettive di applicazione in Sicilia Tecniche di misura dei flussi

Dettagli

Cos'è e come funziona una discarica.

Cos'è e come funziona una discarica. Cos'è e come funziona una discarica. La discarica di rifiuti è un luogo dove vengono depositati in modo non differenziato i rifiuti solidi urbani e tutti i rifiuti provenienti dalle attività umane. La

Dettagli

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo L IFAD in breve Lo scopo dell IFAD La finalità del Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD) è mettere le popolazioni rurali povere in condizione di raggiungere una maggiore sicurezza alimentare,

Dettagli

I CONTROLLI, pertanto, sono OBBLIGATORI, così come le procedure secondo le quali devono essere svolti.

I CONTROLLI, pertanto, sono OBBLIGATORI, così come le procedure secondo le quali devono essere svolti. INDICE Informazioni per i cittadini - 3 Campagna di controllo degli impianti termici - 3 Responsabile dell impianto termico - 4 La manutenzione degli impianti: frequenze temporali delle operazioni - 4

Dettagli

Acqua. Calda. Gratis. La nuova generazione di sistemi solari compatti con un design unico

Acqua. Calda. Gratis. La nuova generazione di sistemi solari compatti con un design unico Acqua. Calda. Gratis. La nuova generazione di sistemi solari compatti con un design unico Acqua. Calda. Gratis. Questa è la visione di Solcrafte per il futuro. La tendenza in aumento ininterrotto, dei

Dettagli

ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01. Ecoenergia. I d e e d a i n s t a l l a r e

ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01. Ecoenergia. I d e e d a i n s t a l l a r e ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01 Ecoenergia I d e e d a i n s t a l l a r e Lo sviluppo sostenibile Per uno sviluppo energetico sostenibile, compatibile

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA

IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA Un impianto solare fotovoltaico consente di trasformare l energia solare in energia elettrica. Non va confuso con un impianto solare termico, che è sostanzialmente

Dettagli

Impianti fotovoltaici

Impianti fotovoltaici saeg Impianti fotovoltaici che manda calore e luce che giungono ai nostri sensi e ne risplendono le terre - Inno al SOLE FONTE DI TUTTA L ENERGIA SULLA TERRA calor lumenque profusum perveniunt nostros

Dettagli

Sintesi dei risultati ottenuti nel primo anno di sperimentazione

Sintesi dei risultati ottenuti nel primo anno di sperimentazione Sintesi dei risultati ottenuti nel primo anno di sperimentazione Linea 1 Nella linea 1 sono state impiantate due prove di confronto parcellare nei due siti sperimentali di Antria e Marciano. Il materiale

Dettagli

STORIA DELL USO DELL ENERGIA IN ITALIA Cesare Silvi Presidente GSES

STORIA DELL USO DELL ENERGIA IN ITALIA Cesare Silvi Presidente GSES STORIA DELL USO DELL ENERGIA IN ITALIA Cesare Silvi Presidente GSES NEW LIGHT ON ROME, ROMA, MERCATI DI TRAIANO, 2000 ARTISTA PETER ERSKINE Gruppo per la storia dell'energia solare (GSES) www.gses.it

Dettagli

Annuario dei dati ambientali

Annuario dei dati ambientali Annuario dei dati ambientali CAPITOLO IV RADIAZIONI NON IONIZZANTI Autori: Giovanni FINOCCHIARO Coordinatore: ha fornito contributi: Patrizia VALENTINI ISPRA 2 IV. LA PERCEZIONE DEI CITTADINI EUROPEI E

Dettagli