V News Vigodarzere 1

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "V News Vigodarzere 1"

Transcript

1 1

2 2

3 Cari Cittadini Il notiziario che arriva nella Vostre case è dedicato all ampio lavoro di trasformazione ed innovazione compiuto in questi mesi dagli amministratori e dai tecnici per il miglioramento dei servizi alla collettività, nell intento di fare della Casa comunale il luogo aperto alle esigenze dei cittadini e di rendere il loro rapporto con gli uici e le risposte alle esigenze quotidiane sempre più eicienti. Dopo la riorganizzazione dei servizi comunali, che ha riconsegnato alla collettività le strutture pubbliche di villa Zusto, riorganizzando nel contempo la sede della Biblioteca comunale, dei servizi tecnici e inanziari, e, prossimamente dell Istituto comprensivo statale, è di prossimo avvio lo Sportello Polifunzionale. E la scommessa dell Amministrazione su un nuovo rapporto più eiciente e dinamico nei confronti della collettività, capace di dare risposte adeguate in tempi certi, minimizzando gli intralci burocratici, in linea con le esigenze dei cittadini. Questo lavoro vede già attivi da tempo dipendenti ed uici, e porterà nei prossimi mesi ad una trasformazione radicale del rapporto tra cittadino ed amministrazione, per una comunicazione più rapida, aperta ed eicace. Non è il solo dei servizi assicurati alla cittadinanza. Il consuntivo del 2013 vede la realizzazione di importanti obiettivi sul fronte delle politiche sociali, culturali, della scuola, della tutela dell ambiente e della valorizzazione del territorio. Sono importanti passi che trovano documentazione dettagliata e puntuale nelle pagine di questo notiziario. Proprio dal punto di vista informativo va sottolineato il peso di questo servizio, che consente di portare il resoconto dell attività amministrativa nelle case di ciascun residente, senza alcun onere per la collettività. Il costo del notiziario è infatti interamente sostenuto dalla partecipazione degli inserzionisti pubblicitari. Purtroppo gli stretti tempi imposti dalla pubblicità non hanno consentito l inserimento del consueto spazio dedicato ai gruppi politici. Ce ne scusiamo con gli stessi gruppi e con i lettori. Colgo invece l occasione per esprimere a tutte le famiglie i migliori auguri di un Buon Il Sindaco Francesco Vezzaro 3

4 Servizi ai cittadini Inizia la rivoluzione con lo Sportello Polifunzionale Il comune cambia marcia. Niente più tempi morti per i cittadini nell attesa di completamento delle pratiche. Niente più ila allo sportello. E soprattutto niente più rimbalzi da un uicio all altro in attesa di trovare il funzionario competente e veder pazientemente ricostruito il procedimento in corso. La rivoluzione che sarà adottata e che avrà avvio entro il prossimo mese di marzo si chiama Sportello polifunzionale. E sarà un cambiamento radicale sia nel modo di lavorare del personale dell Amministrazione chiamato a svolgere un lavoro per lusso, cioè improntato a dare conclusione in tempi rapidi all intero procedimento evitando che sia smembrato fra uici diversi, con infruttuosi intervalli di tempo da un processo all altro. Un cambiamento altrettanto radicale anche per il pubblico, che vedrà sempliicato il suo accesso ai servizi. Ottenendo immediatamente le informazioni di cui ha bisogno, attraverso Il funzionamento di unico punto di contatto con il pubblico, grazie alla presenza con operatori preparati professionalmente in servizio presso lo sportello, così da rispondere a tutti gli argomenti di competenza; Il miglioramento del servizio oferto con ampliamento degli orari di apertura, facilità di accesso e cura per l accoglienza e la privacy degli utenti; La forte riduzione del numero di utenti costretti a cercare l uicio comunale di loro interesse; La ricerca continua dell eccellenza dei servizi oferti, attraverso l attivazione di strumenti di ascolto per comprendere le richieste dei cittadini e la realizzazione di servizi integrati, per rispondere sempre meglio alle esigenze di una comunità locale; Come funzionerà lo sportello Il contatto con fra il cittadino e la struttura comunale, avviene attraverso la disponibilità di un team di cinque operatori specializzati che costituiscono il front oice dello sportello. Saranno loro inizialmente ad intercettare i bisogni del cittadino, assiurando, per problematiche semplici ed immediata (es. carta di identità, certiicazione di vario tipo, iscrizione e partecipazione a servizi scolastici, richiesta di accesso ad agevolazioni sociali, ecc.) l immediata conclusione della pratica. Altri servizi, invece, saranno istruiti sul posto, con l acquisizione ed il controllo della documentazione che forma l istruttoria per essere successivamente indirizzata ai servizi operanti all interno dell Amministrazione (back oice). Che dovranno concludere il procedimento nei tempi previsti. In tal modo, ogni tipo di attività sarà costantemente monitorato nel suo lusso. E soprattutto saranno evitati gli inutili dispendi di tempo nel transito da un operatore all altro. Quando funzionerà lo sportello Lo strumento che si vuole porre a disposizione del cittadino è V Semestrale di informazione del territorio di Editore: Stargate S.r.l Testata: Shopping Registrazione al Tribunale di Rovigo n.2/07 del Edizione locale di: (PD) Pubblicazione: Dicembre 2013 n 1 Direttore Responsabile: Borella Alessandra Direzione, Redazione, Amministrazione: Via A.Mario, Adria (RO) Progetto Graico: Studio ISO100 Tutti i documenti sono reperibili e scaricabili gratuitamente sul sito: Stampa: Stampe Violato snc Bagnoli di Sopra (PD) Viale dell Industria, 6 Strada, 13 La riproduzione anche solo in parte dei contenuti presenti sul notiziario è vietata senza il consenso dell Amministrazione Comunale. Un ringraziamento a tutti gli Operatori Economici che hanno reso possibile questa pubblicazione. Per informazioni sui costi delle inserzioni pubblicitarie - cell Il QR Code memorizza al suo interno indirizzi e URL facilmente raggiungibili con una semplice fotogra a scattata dal proprio cellulare munito di apposito software. GUIDE AL TERRITORIO - SELEZIONA VENDITORI AMBOSESSI (vendita di spazi pubblicitari su Stradari, Guide Tematiche, Periodici e Notiziari Comunali). Aiancamento iniziale, rimborsi, ottime provvigioni, possibilità di carriera. Si richiede disponibilità full-time, auto propria, propensione alla vendita e capacità organizzativa. Inviare il proprio CV, con l'autorizzazione al trattamento dei dati personali, a: 4

5 Servizi ai cittadini assolutamente lessibile ed adatto alle necessità di chi lavora o non può avere un accesso agli uici comunali negli orari canonici. Ecco perché lo sportello, attraverso la turnazione degli operatori funzionerà tutti i giorni dal lunedi al sabato compreso, con estensione dell attività per tre pomeriggi la settimana (martedi, mercoledi e giovedi) sino alle 18 Dove funzionerà lo sportello Lo sportello sarà organizzato al pian terreno di villa Zusto. La linea organizzativa vedrà quattro operatori a disposizione del pubblico come specialisti ed un front desk, abilitato all indirizzo degli utenti, e alla risoluzione delle necessità ad immediata risposta (informazioni, consegna di modulistica, ecc.). Già progettato anche l arredamento degli spazi che consentirà al pubblico di interagire in modo riservato e funzionale. Quale il lavoro efettuato nel frattempo. L Amministrazione è partita da tempo per programmare e rendere efettiva questa rivoluzione dei servizi. Lo sportello è stato studiato mettendo a confronto esperienze positive raggiunte in altre realtà amministrative contermini. Ha quindi aidato ad esperti un percorso formativo che ha coinvolto l intero personale. Non si è trattato di una procedere semplice. Ciascuno dei tanti percorsi e procedimenti che formano il tessuto pratico dei rapporti Villa Zusto diventa la casa del comune Biblioteca ed Istituto comprensivo più visibili Se sarà lo Sportello Polifunzionale a costituire la novità per l immediato futuro, va considerata l intensa attività compiuta nei mesi scorsi dall Amministrazione comunale per riorganizzare uici ed ediici e porre in tal modo la basi per strutture più eicienti ed accoglienti alla comunità. Recupero villa Zusto. Lo scorso 2 giugno, con cerimonia pubblica, è stata uicialmente restituita alla collettività Villa Zusto che ridiventa la sede storica degli uici comunali. L ediicio, ristrutturato, adeguato alle misure di sicurezza, dotato di un ascensore e delle rampe per disabili è stato interamente rivisto sotto il proilo dell adeguatezza degli impianti e della sicurezza. Il rifacimento dei pavimenti e la ristrutturazione dei controsoitti, oltre al recupero in una delle stanze degli storici afreschi ofre ora una fra il cittadino e l ente comunale ha dovuto essere ricostruito e riproposto, tenendo conto innanzitutto della necessità di sempliicare ogni fase, nell interesse dell utente, soprattutto nelle vesti di contribuente ed imprenditore. L obiettivo, oltre a quello di contenere adeguatamente la risorsa tempo è anche quello di operare una divisione del lavoro tale da riservare spazi più ampi a funzionari e diretti responsabili a disposizione del pubblico, nel caso di procedimenti che richiedono mediazioni e articolazioni in fasi successive di attuazione. E il caso delle opere pubbliche, dei grossi insediamenti commerciali, delle necessità più rilevanti delle imprese, per le quali sono cosi riservate più ampie e rapide opportunità di accesso all ente comunale. Quali le aspettative Ogni rivoluzione conosce i tempi di adattamento e di sperimentazione. Se, inizialmente, sarà immancabile qualche piccola diicoltà di impatto con il nuovo servizio, successivamente gli utenti saranno enormemente avvantaggiati con la possibilità di veder risolte in tempo reale le richieste verso l ente e di ottenere la conclusione dei procedimenti attraverso un percorso rapido e lineare. La scommessa riguarda gli operatori ed il cittadino. Ancora una volta protagonista di ogni attività amministrativa. sede adeguata ad accogliere la cittadinanza anche in occasione di momenti rilevanti come i matrimoni civili. Una nuova sede per la Biblioteca nella ex barchessa. A esiste ora una delle biblioteche più funzionali di tutta la Provincia. Se ne sono accorti gli stessi utenti che il 6 ottobre scorso hanno partecipato alla Festa della Biblioteca e che hanno potuto prendere visione degli spazi più ampi e funzionali riservati alle raccolte ed al servizio di pubblica lettura nella ex barchessa di Villa Zusto. Sono stati infatti centinaia gli utenti che hanno preso conidenza e familiarizzato con una struttura nascosta ino a poco tempo fa nell ediicio di piazza Bachelet. Inserita nello splendido parco di villa Zusto, a contatto diretto dunque con mamme e bambini che nella buona stagione frequentano 5

6 Servizi ai cittadini V l area attrezzata, la biblioteca, ora, ha visto di gran lunga accresciuta la frequenza di giovani e giovanissimi. Strategica nella scelta dello spostamento della sede è stata la vicinanza con la sede dell Istituto comprensivo, che permette con più facilità visite guidate delle classi e l avvio di laboratori creativi con i bambini. Arriva a villa Zusto l Istituto comprensivo statale. Quasi per stringere ulteriormente il legale con fra scuola ed attività educative e culturali e completare quindi, sotto il proilo della funzionalità, il polo di servizio, è imminente l arrivo degli uici dell Istituto comprensivo statale al piano superiore della barchessa. L ubicazione è ideale anche per facilitare la comunicazione fra comune e scuole e rendere anche logisticamente più a contatto le due istituzioni. L ex barchessa ofrirà una collocazione più ampia agli uici che ora condividono, con qualche problema di spazio l attuale sede di piazza Bachelet. Polizia locale in piazza. Più spazi per uici inanziari e tecnici. Lo spostamento dell Istituto comprensivo a villa Zusto destinerà una sede più consona anche al distaccamento della polizia locale dell Unione del Medio Brenta, destinata a trasferirsi al primo piano della palazzina di piazza Bachelet. L ubicazione del comando accorcerà la strada fra e Cadoneghe, rendendo il comando agevole da raggiungere nei giorni del mercato settimanale. Anche gli uici tecnici e inanziari sfruttano il ripensamento logistico degli uici comunali, organizzando spazi più idonei nei quali accogliere il pubblico e sistemare gli uici, specialmente in concomitanza con i giorni di ricevimento degli assessori. Referendum per il nome alla Biblioteca Sede nuova. Ma nome ancora da trovare. Ecco il motivo per il quale è stato promosso un sondaggio informale fra i cittadini (ed in particolare gli utenti del centro di pubblica lettura) sul nome da dare alla biblioteca comunale. In occasione della festa della biblioteca del 6 ottobre scorso, è stata posta a disposizione del pubblico un urna per raccogliere le proposte da parte dei lettori. La consultazione continuerà sino alla ine del mese di marzo 2014, quando saranno rese note le scelte più gettonate dagli utenti. Per votare è suiciente compilare un apposito questionario, sottoscrivendolo con nome e cognome, a disposizione in biblioteca. SPORTELLO QUI DONNA Arriva anche a lo sportello Qui donna Un punto di ascolto, di consulenza. Ma soprattutto di informazione sulle tante problematiche sociali e famigliari del mondo femminile. Nasce anche a lo sportello Qui Donna, realizzato a compimento di un progetto che ha visto coinvolti, oltre ai Comuni di Padova e Cadoneghe, anche il Centro Veneto Progetti Donna. L avvio dello sportello è realizzata grazie ad un contributo ottenuto dalla Regione Veneto. Scopo del servizio è avviare e consolidare la presenza di servizi permanenti a sostegno delle pari opportunità. La consulenza di carattere informativo interesserà i numerosi ambiti nei quali possono manifestarsi particolari problematiche di genere: legale, occupazionale e d inserimento lavorativo, imprenditoriale, culturale e formativo, psicologico e sanitario, di conciliazione delle tematiche familiari e di lavoro. L attività di assistenza sarà completata, per i casi per cui si renda necessario, con l invio ai servizi specializzati presso lo sportello QUIDonna di Padova o presso il Centro Veneto Progetti Donna. Lo Sportello sarà aperto, a settimane alterne, il lunedì pomeriggio dalle 15,30 alle 17,30 presso l uicio sito al piano terra della barchessa di Villa Zusto. Le interessate potranno ovviamente rivolgersi anche a Cadoneghe dove il medesimo sportello sarà aperto il giovedì mattina, dalle 10 alle 12. I calendari di apertura del servizio per i primi mesi del 2014 nel comune di, saranno resi noti sul sito comunale. Progetti lavoro contro la crisi 6

7 Progetto lavori contro la crisi Non bastano le sovvenzioni che sioreranno quest anno in 40 mila euro per le famiglie in diicoltà a lenire i morsi della crisi. A fronte di un aumento di circa il 25% dei nuclei, prima sconosciuti ai servizi sociali, costretti a chiedere una mano alle Istituzioni, Comune di e Fondo di Solidarietà, propongono un ponte di emergenza con le imprese del territorio. Il salvagente destinato a lavoratori privi di ammortizzatori sociali e diventati più che mai vulnerabili dopo la perdita del posto si chiama Tirocini in azienda. E consiste in un percorso condiviso fra la realtà produttiva del territorio, l Amministrazione ed il Fondo di solidarietà, allo scopo di creare dei corridoi occupazionali a. Parte dunque dal Comune, grazie al Fondo di Solidarità, costituito dalla Diocesi di Padova, dalla Fondazione Cassa di Risparmio, Camera di Commercio, Provincia di Padova e Fondazione Antonvenventa. L intento è quello di costituire un fondo condiviso per inanziare il carico iscale delle aziende desiderose di sperimentare nuovi apporti professionali all interno del proprio organico. L operazione servirà, inizialmente a garantire introiti lavorativi a chi è Potenziata la squadra dei nonni vigili Scuole più sicure, grazie al potenziamento del numero dei vigilanti scolatici. Sale infatti a 10 efettivi, rispetto ai 7 in servizio l anno scorso, l organico dei nonni preposti alla vigilanza e sicurezza degli attraversamenti stradali. Davvero prezioso l apporto dei pensionati che oltre a presidiare gli ingressi e le uscite degli alunni innanzi alle sedi di ciascuna frazione, Servizi Sociali disoccupato. Ma a più lungo termine potrebbe formare e perfezionare proili professionali, opportunamente formati di cui gli imprenditori potrebbero usufruire. Il progetto costituisce una nuova proposta di solidarietà lavorativa che vede già attivo sia il Comune che il Fondo nella gestione di interventi per lavoratori privi di ammortizzatori sociali. Nel 2012, sono stati 15 infatti i lavoratori a beneiciare voucher lavorativo di 300 euro ciascuno da impiegare in attività socialmente utili. Da poco è stato varato un investimento di 10 mila euro per 10 persone disoccupate, che vedranno retribuite, sempre con i voucher, 100 ore di lavoro da spendere presso l Ente. Non mancano poi altri interventi contro la crisi, che vedono il Comune di in prima linea. E infatti in avvio un progetto che vede l azienda Etra, organizzare anche nel nostro territorio, attività socialmente utili, attraverso i fondi della Regione e delle stesse fondazioni. L investimento consentirà ad una decina di lavoratori del Comune, opportunamente selezionati dai servizi sociali, a fruire regolarmente di un salario per la durata dei sei mesi in attività di immediata ricaduta sul territorio. raforzeranno la vigilanza su via Cà Pisani, per rendere più sicuro l approdo degli studenti in arrivo con lo scolabus alle scuole medie. Un ulteriore presenza dei vigilanti è stata assicurata davanti all ingresso di villa Zusto, allo scopo di mettere in sicurezza gli studenti che usano le biciclette per andare a lezione. 7

8 Servizi Sociali V Risorse comunali contro il caro bolletta Via al bando per i contributi sulle spese di riscaldamento Inverno ancora più rigido per i nuclei a basso reddito e per le famiglie che hanno perso il lavoro. E per loro che l Amministrazione comunale ha riservato un plafond di euro con i quali afrontare il caro bollette per il consumo del gas. Il ricorso all iniziativa trova diretta giustiicazione nelle sempre più continue richieste di aiuto inoltrate da molte famiglie non solo agli sportelli del Servizio Sociale, ma a numerose altre Associazioni impegnate in attività di prevenzione del disagio economico sul territorio. Il bando che il Comune ha appositamente pubblicato per concedere contributi sulle spese di riscaldamento riguarda due precise categorie sociali. La prima è quella dei nuclei composti di soli anziani di età superiore ai 65 anni. La seconda invece comprende le famiglie a basso reddito, con particolare attenzione a recenti situazioni di perdita del lavoro. Per accedere ai contributi inalizzati al sostegno delle spese di riscaldamento con gas metano distribuito a rete è necessario documentare un Isee non superiore a euro (riferito ai redditi 2012), elevati a per i disoccupati senza ammortizzatori sociali. Le domande che saranno accolte in base a due apposite graduatorie (anziani e famiglie), prevedono per ciascun nucleo un contributo di 200 euro, elevate a 300 euro per le famiglie con igli minori. Il termine per la presentazione delle istanze è issato al 15 gennaio Gli schemi delle domande e bando sono disponibili sul sito comunale. Servizi Sociali Niente taglio ai servizi scolastici e alle scuole materne paritarie. La crisi non imporrà alcun sacriicio ai servizi scolastici. Né la dotazione didattica delle sedi, né la qualità del Piano di oferta formativa, risentiranno insomma dei tagli che hanno condizionato il bilancio del Comune di, oltre a quello di tutti i comuni italiani. La giunta infatti ha confermato per l anno scolastico in corso gli stanziamenti a favore dell Istituto comprensivo, approvando una convenzione che assegna all istituzione scolastica gli stessi fondi dell anno scorso. Lo stanziamento è cosi confermato in 35 mila euro, che potranno liberamente essere investiti, oltre che per il funzionamento degli uici scolastici, nell acquisto di materiale didattico, nelle attività di mediazione linguistica, nel potenziamento delle attività didattiche. L istituto comprensivo inoltre ha facoltà di destinare parte del fondo al personale per attività di assistenza ed accoglienza degli alunni. Puntuale anche il riconoscimento del Comune per i libri di testi. Oltre ai 9 mila euro investiti quest anno per i testi ordinari degli alunni delle scuole primarie, sono stati previsti altri 12 mila euro per provvedere 8

9 Due sistemi automatici inseriti su due radici naturali o su due impianti, possono abbottonare defiinitivamente la protesi mobile evitando il disagio tipico di questi apparecchi che tendono a muoversi parlando, interrompendo l utilizzo di colle adesive e ridando alla masticazione la possibilità di mordere cibi che prima si evitavano. DUE ATTACCHI CHE MIGLIORANO LA VITA Due attacchi su denti naturali Due bottoni su impianti Protesi mobile con inseriti i due bottoni Tecnica con quattro impianti con protesi a SORRIDIAMO AL FUTURO Il computer è entrato nella cavità orale Lo studio Destro ha presentato, il nuovo sistema compiuterizzato per la realizzazione dei denti in ceramica. Niente più impronte fastidiose ma semplicemente, una telecamera rileva tutte le neccessità del caso; individuato il dente da ricostruire il programma, elabora i dati e crea il manofatto copiandolo dai denti vicini. Una forma perfetta, una lucentezza impareggiabile, i costi dimezzati perchè la ceramica integrale è priva di qualsiasi metallo perciò si evita anche ogni problematica di intolleranza. ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI, MALATI E DISABILI ASSISTENZA DOMICILIARE ASSISTENZA DISABILI ASSISTENZA OSPEDALIERA SOSTITUZIONE INTEGRAZIONE BADANTE SERVIZI INFERMIERISTICI FISIOTERAPIA A DOMICILIO Reperibilità telefonica h gg l anno Reperibilità telefonica h gg l anno Reperibilità telefonica h gg l anno CAMPOSAMPIERO (PD) Riviera San Marco, 4 CITTADELLA (PD) Via Borgo Padova, 88 PADOVA EST Via Oltrebrenta 31/33 Noventa Padovana 9

10 Servizi Scolastici V ai testi alternativi. Anche questa parte del fondo è stata conferita all Istituto comprensivo statale. Non è venuto meno l impegno dell Amministrazione nel garantire alle famiglie che hanno fatto richiesta i servizi di accoglienza pre scuola. Per favorire il regolare accesso al lavoro dei genitori, infatti è stato aidato alla Cooperativa Nuovi spazi l attività di accoglienza ed animazione, prima della campanella di inizio lezione, dei bambini di tutti i plessi delle scuole primarie. L investimento in parte compensato dalle famiglie sarà di euro per il corrente anno scolatico. Da lusinghieri risultati, invece l operazione avviata lo scorso anno nella scuola primaria di Terraglione, dove gli scarsi numeri di iscrizione dei bambini alle prime classi facevano temere per il futuro della sede. L avvio dell attività didattica a tempo lungo per i bambini delle prime e delle seconde classi, integrato da un servizio di doposcuola per due giorni la settimane e da un attività ludico motoria per un altro pomeriggio, ha ripopolato la sede, per la soddisfazione delle famiglie. Facendo cosi anche della scuola un luogo di incontro, di condivisione e di vita oltre il normale tempo didattico. Notevole anche in questo caso lo sforzo economico dell Amministrazione che sostiene il progetto integrativo per circa 10 mila euro l anno, in parte corrisposti dalle famigle. Non viene meno ovviamente l attenzione del Comune verso le scuole paritarie delle parrocchie di, Tavo, Terraglione e Saletto. E stata infatti approvata la convenzione che destinerà per i prossimi tre anni una sovvenzione complessiva di circa 140 mila euro alle scuole parrocchiali, alle quali andrà anche un supplemento di 14 mila euro a sostegno degli oneri per il personale addetto ai bambini portatori di handicap. SPORT Società ed impianti in ottima salute. Lo sport a compie il salto di qualità Gode di ottima salute la realtà sportiva di. A confermarlo è stato l esito della manifestazione Sport Insieme che ha visto lo scorso settembre a Tavo, tutte le società sportive impegnate in una no stop di un intera giornata. L iniziativa ha visto centinaia di giovani e giovanissimi cimentarsi nelle più disparate attività sportive, anche in quelle inedite. Regina delle attività è stata quest anno la scherma, che ha visto impartire i primi rudimenti dell arte del ioretto e della sciabola nientemeno che l olimpionico Mauro Numa. La manifestazione, realizzata proprio all avvio dell anno sportivo ha confermato la varietà dell oferta sportiva di. Ma anche la passione con la quale i sodalizi seguono oltre alle attività anche gli impianti in convenzione. Se la palestra comunale di via Certosa, aidata in gestione all ASD Pallacanestro è ormai da anni un consolidato polo di incontro delle famiglie e dei giovani accomunati dalla passione sportiva, anche i quattro campi di gioco sono stati 10

11 Sport oggetto di particolari attenzione da parte dell amministrazione. Notevoli sono stati infatti gli investimenti compiuti, per adeguare i rettangoli di gioco alle necessità di un numero di praticanti sempre più alto. A confermarlo sono infatti le squadre della neo nata società sportiva ASD Vigolimenese, aggiudicataria della gara per la gestione dei campi sportivi. La società, oltre a promuovere sin dai primi calci la prima passione sportiva in Italia, ha avviato un programma di investimento nelle strutture, rendendole, in più occasione, luoghi di accoglienza e di crescita. Pur aidando in campi in gestione a un organismo sportivo locale, l amministrazione ha voluto ofrire possibilità di accesso alla pratica sportiva anche agli altri soggetti impegnati nelle attività a diverso livello, sorti a variegare la famiglia sportiva di. Ultima nata, in ordine di tempo, nel settore calcio è la società dilettantistica Real Tavo iscritta da quest anno al campionato di Terza Categoria. Palestra rinnovata alla scuola Andrea Moroni Un investimento pesante. Ma alla ine la vecchia palestra della scuola Moroni ha letteralmente cambiato faccia. Diventando una struttura di avanguardia sotto il proilo della sicurezza e delle qualità dei materiali. Rifatto il pavimento, adeguata l illuminazione e rimessi a nuovi gli spogliatoi. Per la gioia degli alunni ai quali la palestra è stata riconsegnata lo scorso giugno, in occasione della festa di chiusura dell anno scolastico. Contente ovviamente anche le società sportive, che svolgono attività a conclusione delle lezioni. A conferma di come l inavestimento trovi l ampio riscontro nella collettività 11

12 Servizi Sanitari Aperta la farmacia comunale di Tavo Il cammino non è stato facile. Ma si è concluso con la soddisfazione dell Amministrazione e della comunità di Tavo, dove è stata inaugurata lo scorso settembre la nuova sede della farmacia comunale. Si tratta di un servizio atteso da tutta la collettività territoriale, che potrà ora contare su un altro presidio sanitario in aggiunta a quelli già esistenti a e a Saletto. L iter per giungere all apertura della farmacia è stato avviato nel 2011, da quando la Regione Veneto aveva concesso al Comune di la possibilità di ampliare la pianta organica delle farmacie del territorio, con l istituzione di una nuova sede di riferimento per le popolazione delle frazioni di Tavo e di Terraglione. Dopo l approvazione e la pubblicazione del bando e la formalizzazione della gara pubblica per la concessione della gestione, la nuova farmacia ha trovato il proprio gestore nel dottor Sebastiano Calabria, giovane professionista, che ha già saputo trasformare la struttura in un punto di riferimento non solo per la comunità di ma anche per i residenti dei comuni limitroi. Ubicata lungo la provinciale Brentana, alle spalle dell antico capitello di Tavo, la farmacia comunale vanta una sede accogliente, in grado di assicurare agli utenti, in forma gratuita servizi di prima utilità come la misurazione ed il controllo del peso e della pressione, la consegna di farmaci a domicilio e, su richiesta, anche alcune prestazioni infermieristiche. Oltre ad un proprio laboratorio farmaceutico autorizzato per la preparazione di specialità mediche, la farmacia è provvista anche di un angolo del consiglio per fornire in modo appropriato tutte le informazioni e l assistenza necessaria ai propri utenti.la concessione della gestione ha una durata di trent anni la durata di trent anni, in cambio di un canone di 630 mila euro che verranno introitati in diversi ratei annuali nelle casse del Comune. Come funziona la nuova farmacia Operativa dal 16 settembre la terza sede della farmacia comunale a Tavo, in via Villabozza 37 (accanto al capitello). L orario di servizio è alle mattina ( ) e al pomeriggio ( ) compresa la giornata del sabato. V 12

13

14 Ambiente Primato dei cittadini di. Sono i più ricicloni di tutta la Provincia. I cittadini di sono sempre più bravi nella raccolta diferenziata dei riiuti e Legambiente premia il Comune con la qualiica di Comune Riciclone. Al concorso di quest anno si è classiicato al 13 posto assoluto nella sezione Comuni sopra i abitanti Area nord. però si laurea come il primo comune padovano ad ottenere l ambito riconoscimento, oltre che primo comune della gestione Etra. La classiica, stilata da Legambiente, considera i Comuni che risultano avere una percentuale di raccolta diferenziata uguale o superiore al 65%, tenendo in considerazione anche l indice di buona gestione, il quale tiene conto di numerosi altri parametri, quali la produzione di riiuti pro-capite, la tipologia di raccolta e molti altri ancora. A conti fatti, insomma, il comune risulta avere una percentuale di raccolta diferenziata con compostaggio pari al 77,6%, migliore rispetto alla media dei Comuni Etra che è del 70,8%. Un bel traguardo se si pensa che obiettivo issato dal D.Lgs. 152/2006 di raggiungere il 65% di raccolta diferenziata è stato ampiamente raggiunto e superato, e che la percentuale del 77,6% permette al nostro Comune di anticipare di ben 8 anni un altro traguardo, issato dalla Regione Veneto: raggiungere quota 70% entro il Buone notizie sono arrivate anche per quanto riguarda lo smaltimento dell umido: dalle analisi eseguite e comunicate dall Etra sulla frazione organica, è emerso che la percentuale di materiale non compostabile è scesa dal 5,7% del 2011 al 2% del La qualità della frazione umida organica è un fattore chiave nella gestione dei riiuti e basse percentuali di materiale non compostabile assicurano migliore qualità del compost inale. Questi dati confermano che a la raccolta diferenziata viene correttamente eseguita. Un ringraziamento va quindi a tutti cittadini per il raggiungimento per la loro sensibilità nei confronti dell ambiente e del loro territorio. CONTROLLO AMBIENTALE DEL TERRITORIO. Anche il volontariato in campo Anche i volontari scendono in campo per la tutela del territorio. E stata infatti conclusa una convenzione con l Associazione Guardie volonarie d Italia che assumerà l incarico di vigilare sulla corretta conservazione degli spazi verdi, prevenendo casi di degrado o mancata osservanza delle ordinanze del sindaco in materia di occupazione abusiva, scarico improprio di riiuti, ecc. I volontari avranno un ruolo particolare anche nell introdurre alla conoscenza e all educazione ambientale i ragazzi delle scuole V 14

15 15

16 Bilancio BILANCIO 2013 Il 2013 è stato un anno straordinariamente diicile per la gestione contabile del Comune, caratterizzato dall assoluta incertezza sulle caratteristiche dei diversi tributi da applicare. Se e quanto si deve pagare? Chi deve pagare? A quanto ammonta il gettito? Le perdite saranno compensate e in che termini? Dal Governo, preso dal dilemma le prime case pagano l IMU o no?, quando arrivavano indicazioni erano spesso contraddittorie e altro non facevano che generare ulteriore instabilità nelle scelte che il Comune doveva compiere. In questo quadro desolante il Comune di è riuscito a tenere una politica contabile prudente e avveduta. In particolare la scelta di efettuare nel 2012 una manovra di bilancio che ha messo in sicurezza strutturale i conti incrementando, malvolentieri, la pressione tributaria diretta sui redditi e non utilizzando i proventi da oneri di urbanizzazione per la spesa per investimenti, ha consentito di gestire il caos del 2013 solo attivando le leve di gestione inanziaria dell ente, senza dover chiedere ulteriore sacriici ai cittadini. Rispetto a tanti altri Comuni più cicale, anche a noi vicini, l Amministrazione di : ha approvato il bilancio di previsione l otto luglio 2013, nonostante la norma consentisse l approvazione ino al 30 novembre: ha mantenuto l aliquota base dell IMU sulla prima casa, evitando ai cittadini di pagare nel prossimo gennaio la cosiddetta mini IMU ; non ha ulteriormente incrementato l aliquota dell IMU sulle seconde case e sugli immobili commerciali, nonostante potesse salire dall 8,6 al 10,6 per mille; non ha aumentato a 0,40 / mq per la maggiorazione TARES, anzi si è fatta carico di una parte dei costi amministrativi che ETRA ha dovuto sostenere per inviare a casa il mod. F24; si fa presente che tutto il gettito di tale versamento va direttamente all erario; è stata introdotta l esenzione totale dall addizionale comune IRPEF per redditi inferiori a ; non ha aumentato le tarife dei servizi a domanda individuale ad eccezione di un piccolo di 0,10 incremento per chi non paga con RID la mensa scolastica. non sono stati rialzati gli oneri pervisti per il rilascio di autorizzazioni edilizie. Una politica quindi di attenzione, in un periodo di fortissima crisi economica alle situazione di molte famiglie contribuenti ed in particolare degli imprenditori, già gravati dalla pesante contingenza occupazionale. V Nessun taglio in bilancio per i servizi scolastici 16

17 Urbanistica Un piano condiviso condiviso degli interventi per programmare assieme il futuro del territorio Ci siamo. al via il primo piano degli interventi. L amministrazione del comune di come previsto dalla legge 11/2004 mette in atto la concertazione tra cittadini, categorie economiche, portatori di interessi, chiedendo di farsi partecipe per lo sviluppo e la pianiicazione del territorio. Sono partiti già dal degli avvisi pubblici distribuiti capillarmente nel territorio che invitano la cittadinanza ad osservare e chiedere tutte le varianti al piano regolatore datato In questa fase dopo l approvazione del P.A,.T.I. della citta metropolitana 2010, del P.A.T.I. intercomunale Cadoneghe 2011, si chiede come da legittime aspettative di partecipare alle modiiche urbanistiche del territorio. In questa inestra di tempo 60 giorni non perentori, l amministrazione e in particolare il settore urbanistica ed edilizia privata, recepiranno tutte le richieste, da compilare in appositi moduli da scaricare dal sito internet del comune oppure da ritirare presso U.T.C.. Al termine l uicio di piano preposto si riserverà in un tempo di altri 60 giorni per rispondere alle tutte le istanze. In questo momento determinante per lo sviluppo e la crescita il più possibile armoniosa urbanistica, l amministrazione vaglierà con attenzione tutte quelle istanze tese al recupero urbanistico del patrimonio esistente, nonchè tutte quelle istanze che vedranno forte interesse nella riqualiicazione urbanistica in particolare nel centro del capoluogo, e di tutti quei progetti che vedranno applicate le tecniche di riqualiicazione energetica nella costruzione e nell applicazione di energie derivate da fonti rinnovabili utilizzando una premialità edilizia per quanti si adopereranno all utilizzo di questi sistemi innovativi. L auspicio da parte dell assessore Callegaro è quello di trovare sempre più soggetti seriamente innovativi nel presentare le proprie richieste. E di costruire insieme una nuova politica per il territorio. previsti altri 12 mila euro per provvedere ai testi alternativi. Anche questa parte del fondo è stata conferita all Istituto comprensivo statale. Non è venuto meno l impegno dell Amministrazione nel garantire alle famiglie che hanno fatto richiesta i servizi di accoglienza pre scuola. Per favorire il regolare accesso al lavoro dei genitori, infatti è stato aidato alla Cooperativa Nuovi spazi l attività di accoglienza ed animazione, prima della campanella di inizio lezione, dei bambini di tutti i plessi delle scuole primarie. L investimento in parte compensato dalle famiglie sarà di euro per il corrente anno scolatico. Da lusinghieri risultati, invece l operazione avviata lo scorso anno nella scuola primaria di Terraglione, dove gli scarsi numeri di iscrizione dei bambini alle prime classi facevano temere per il futuro della sede. L avvio dell attività didattica a tempo lungo per i bambini delle prime e delle seconde classi, integrato da un servizio di doposcuola per due giorni la settimane e da un attività ludico motoria per un altro pomeriggio, ha ripopolato la sede, per la soddisfazione delle famiglie. Facendo cosi anche della scuola un luogo di incontro, di condivisione e di vita oltre il normale tempo didattico. Notevole anche in 17

18 Urbanistica V questo caso lo sforzo economico dell Amministrazione che sostiene il progetto integrativo per circa 10 mila euro l anno, in parte corrisposti dalle famigle. Non viene meno ovviamente l attenzione del Comune verso le scuole paritarie delle parrocchie di, Tavo, Terraglione e Saletto. E stata infatti approvata la convenzione che destinerà per i prossimi tre anni una sovvenzione complessiva di circa 140 mila euro alle scuole parrocchiali, alle quali andrà anche un supplemento di 14 mila euro a sostegno degli oneri per il personale addetto ai bambini portatori di handicap. Volontariato La carica dei 120 calciatori di L Indomita palestra dello sport che forma Nuova squadra e nuova gestione.- Sarà infatti l Indomità a gestire per i prossimi tre anni gli impianti sportivi di, Terraglione e Tavo. E consentire di praticare attività sportiva ad un foltissimo settore giovanile, in gran parte composto da giovani e giovanissimi residenti. La società ha ereditato il ruolo di promotore del calcio giovanile dall Unione Sportiva, che si è fusa, la scorsa estate con la società Limenese, del vicino comune di Limena, dando vita ad un nuovo soggetto sportivo, denominato Vigolimenese. Oltre alle squadre giovanili di Limena, la fusione ha consentito il mantenimento del titolo sportivo consistente nella militanza nel campionato federale di Promozione, cui si fregiava ino all anno scorso il team di. L Indomita, invece concentra la propria attività sportiva sul fronte giovanile, sposando gli intendimenti dell Amministrazione comunale, intenzionata a favorire nello sport un veicolo di crescita sociale e una palestra di socializzazione. Il vivaio dell Indomita, che ha nel frattempo rinnovato il proprio direttivo, comprende una squadra di piccoli amici (7-8 anni) due squadre pulcini (8 anni) una squadra esordienti (9 10 anni), una squadra giovanissimi (11-12 anni) e una squadra allievi. Sono quindi 120 i giovani atleti che gravitano intorno alla nuova società sportiva, che raccoglie oltre una 50 di famiglie direttamente impegnate nello sforzo di promuovere il volontariato sportivo ed educativo. La società ha inteso, oltre a volersi prendere cura dei giovani, anche di fare altrettanto con gli impianti sportivi comunali. Aggiudicandosi la gara bandita dal Comune per aidare in gestione i terreni di, Tavo e Terraglione, il sodalizio, che gestirà senza alcun costo le strutture, ha formalizzato anche la volontà di investire nella qualità dei campi, facendoli diventare, oltre a terreni di gioco e di allenamento, anche luoghi di incontro fra i ragazzi e le rispettive famiglie. Ottimo quindi l esito delle diverse attività di animazione, come meeting, feste, raduni, promosse nei mesi scorsi dalla società Indomita per i propri ragazzi e per quelli delle società dei centri vicini. A testimonianza che i risultati che contano maggiormente per chi svolge educazione attraverso lo sport, non sono quelli garantiti dalla classiica, ma dalla voglia di stare insieme e di investire tempo e passione per gli uomini di domani. 18

19

20

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI

REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI Art. 1 Oggetto. Il Comune di Varedo, nell ottica di garantire una sempre maggiore attenzione alle politiche sportive e ricordando i principi ispiratori del

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani Comune di Ragusa Regolamento assistenza domiciliare agli anziani REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI approvato con delib. C.C. n.9 del del 24/02/84 modificato con delib. C.C.

Dettagli

LA NAZIONE LIVORNO mer, 8 apr 2015 ROSIGNANO LE DOMANDE DOVRANNO ESSER PRESENTATE ENTRO IL 14 APRILE Bollette dell'acqua: un contributo dal Comuneper

LA NAZIONE LIVORNO mer, 8 apr 2015 ROSIGNANO LE DOMANDE DOVRANNO ESSER PRESENTATE ENTRO IL 14 APRILE Bollette dell'acqua: un contributo dal Comuneper LA NAZIONE LIVORNO mer, 8 apr 2015 ROSIGNANO LE DOMANDE DOVRANNO ESSER PRESENTATE ENTRO IL 14 APRILE Bollette dell'acqua: un contributo dal Comuneper le famiglie in condizioni economiche precarie ROSIGNANO

Dettagli

PIANO A.S. 2015/2016

PIANO A.S. 2015/2016 Direzione Didattica Statale 1 Circolo De Amicis Acquaviva delle Fonti (BA) BAEE03600L@ISTRUZIONE.IT - BAEE03600L@PEC.ISTRUZIONE.IT www.deamicis.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 Prendete

Dettagli

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente)

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) TU Per San Lazzaro Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) Territorio: Urbanistica: Cosa: Agevolazioni per la riqualificazione dell esistente:

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME ART. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le procedure per la trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo pieno a tempo parziale dei dipendenti

Dettagli

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Cagliari 4 dicembre 2012 Centro di ricerca FO.CU.S. Progetto di ricerca a supporto dei territori per l individuazione

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE I Progetti Personalizzati sono rivolti a minori e adulti con disabilità, residenti nel territorio dell Azienda ULSS n.

Dettagli

CORSO ANTINCENDIO BASE

CORSO ANTINCENDIO BASE Evento formativo Corso di addestramento CORSO ANTINCENDIO BASE 1. Premessa Il D.Lgs. 81/2008 e D.M. 10.03.98 stabiliscono, tra l altro, i criteri per la valutazione dei rischi incendio nei luoghi di lavoro

Dettagli

procedura conforme all art. 34 del D.I. n.44 del 01/02/01

procedura conforme all art. 34 del D.I. n.44 del 01/02/01 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE 3 SAN BERNARDINO BORGO TRENTO Scuola dell Infanzia Scuola Primaria Scuola Secondaria di Primo Grado Centro Territoriale Permanente Via G. Camozzini, 5 37126 Verona (VR) Tel.

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Degl Innocenti Alessandro Data di nascita 4/10/1951 Qualifica Dirigente Amministrazione Comune di Pontassieve Incarico attuale Dirigente Area Governo del Territorio

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

Federazione Italiana Canottaggio Ufficio Comunicazione & Marketing QUESTIONARIO CENSIMENTO C.A.S.

Federazione Italiana Canottaggio Ufficio Comunicazione & Marketing QUESTIONARIO CENSIMENTO C.A.S. Federazione Italiana Canottaggio Ufficio Comunicazione & Marketing QUESTIONARIO CENMENTO C.A.S. Ringraziamo per aver prontamente risposto al nostro questionario relativo ai Centri di Avviamento al Canottaggio

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 SETTORE SEGRETARIO GENERALE SERVIZIO ELABORAZIONE DATI OGGETTO: 97.404,80 I.C. SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INTEGRALE E FORNITURA DI MATERIALE CONSUMABILE

Dettagli

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 TITOLO DEL PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 Settore e Area di Intervento: Settore: ASSISTENZA

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia

Comune di Grado Provincia di Gorizia Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI LAVORI PUBBLICI, AI SENSI DELL ART.11 DELLA LEGGE REGIONALE 31 MAGGIO 2002,

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO Settore Giovanile e Scolastico GUIDA AI REGOLAMENTI DEI TORNEI GIOVANILI ORGANIZZATI DA SOCIETÀ

FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO Settore Giovanile e Scolastico GUIDA AI REGOLAMENTI DEI TORNEI GIOVANILI ORGANIZZATI DA SOCIETÀ FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO Settore Giovanile e Scolastico GUIDA AI REGOLAMENTI DEI TORNEI GIOVANILI ORGANIZZATI DA SOCIETÀ Stagione Sportiva 2014/2015 Tornei organizzati da società Norme, disposizioni

Dettagli

Comune di Fusignano ATTIVITA' ORDINARIE 2013 - 100 Miglioramento e razionalizzazione delle attività ordinarie Area Amministrativa. Sottoreport Comune

Comune di Fusignano ATTIVITA' ORDINARIE 2013 - 100 Miglioramento e razionalizzazione delle attività ordinarie Area Amministrativa. Sottoreport Comune CdC CDR009 RESP. SEGRETERIA GENERALE PROGETTO RPP: AREA AMMINISTRATIVA RESPONSABILE: GIANGRANDI TIZIANA 100 Miglioramento e razionalizzazione delle attività ordinarie Area Amministrativa 1 UFFICIO SEGRETERIA

Dettagli

non posso permettermi la casa che vorrei... se solo quell appartamento costasse un pò meno..

non posso permettermi la casa che vorrei... se solo quell appartamento costasse un pò meno.. Comune di Modena ASSESSORATO ALLE POLITICHE SOCIALI SANITARIE E ABITATIVE non posso permettermi la casa che vorrei... se solo quell appartamento costasse un pò meno.. Cerchi casa e stai vivendo un momento

Dettagli

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni generali di amministrazione, di gestione e di controllo - Organi istituzionali, partecipazione e decentramento - Segreteria generale, Personale e Organizzazione - Gestione economica, Finanziaria, Programmazione,

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

Comune di Sant'Agata sul Santerno

Comune di Sant'Agata sul Santerno CdC CDR009 RESP. SEGRETERIA GENERALE PROGETTO RPP: AREA SERVIZI GENERALI RESPONSABILE: RAMBELLI STEFANO 100 Miglioramento e razionalizzazione attività ordinarie Area Servizi Generali 1 UFFICIO SEGRETERIA

Dettagli

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI INDICE CAPO I - NORME GENERALI ART: 1 - FINALITA ART.

Dettagli

Bando speciale BORSE LAVORO 2015

Bando speciale BORSE LAVORO 2015 Bando speciale BORSE LAVORO 2015 PREMESSA La Fondazione Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia considera la mancanza di occasioni di lavoro per i giovani, in misura non più conosciuta da decenni, come

Dettagli

Comune di Massa Lombarda

Comune di Massa Lombarda CdC CDR009 RESP. SEGRETERIA GENERALE PROGETTO RPP: AREA AFFARI GENERALI RESPONSABILE: CANTAGALLI PAOLO 100 Miglioramento e razionalizzazione delle attività ordinarie Area Affari Generali 1 UFFICIO SEGRETERIA

Dettagli

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Art. 1 Personale avente diritto I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati nei confronti dei dipendenti comunali a tempo

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio Croce Rossa Italiana Campagna Soci Ordinari CAMPAGNA SOCI ORDINARI Pagina 1 di 12 SOMMARIO 1. Premessa... 3 2. Quali sono gli obiettivi della Campagna Soci Ordinari... 4 3. Cosa vuol dire essere Soci Ordinari

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF)

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) I TRIBUTI 89 APPROFONDIMENTI IL CODICE TRIBUTO Ogni pagamento effettuato con i modelli F23 o F24 deve essere identificato in modo preciso, abbinando a ogni versamento un codice di tributo. Nella tabella

Dettagli

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015 CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 26 marzo 2015 OGGETTO: Articolo 1, comma 154, legge 23 dicembre 2014, n. 190 (Legge stabilità 2015) Contributo del cinque per mille dell

Dettagli

Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991

Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991 C 1 I V I T A S E M P L I T Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991 SCUOLA CIVICA DI MUSICA DI TEMPIO PAUSANIA In collaborazione con i comuni

Dettagli

e p.c. Ai Docenti referenti per le Politiche Giovanili e la Partecipazione Studentesca LORO SEDI

e p.c. Ai Docenti referenti per le Politiche Giovanili e la Partecipazione Studentesca LORO SEDI Prot. Nr 11636 Vicenza, 25 settembre 2013 Cat.E8 Ai Sigg. Dirigenti Scolastici degli Istituti Superiori di II grado Statali e Paritari della Provincia di Vicenza e p.c. Ai Docenti referenti per le Politiche

Dettagli

Tesi per il Master Superformatori CNA

Tesi per il Master Superformatori CNA COME DAR VITA E FAR CRESCERE PICCOLE SOCIETA SPORTIVE di GIACOMO LEONETTI Scorrendo il titolo, due sono le parole chiave che saltano agli occhi: dar vita e far crescere. In questo mio intervento, voglio

Dettagli

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 SEZIONE I 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI LEGGE REGIONALE 3 aprile 2006, n. 12 Norme in materia di polizia comunale. IL CONSIGLIO REGIONALE

Dettagli

BANDO EDUCARE ALLE DIFFERENZE

BANDO EDUCARE ALLE DIFFERENZE Servizio Politiche Giovanili Sociali e Sportive. Politiche di Genere Approvato con Delibera di G.P: n 39/2015 del 19/03/2015 BANDO EDUCARE ALLE DIFFERENZE Allegato A) Il progetto Educare alle differenze-

Dettagli

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo:

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo: SCHEDA 1/B SCHEDA PROGETTO PER L IMPEGNO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN EMILIA-ROMAGNA ENTE 1)Ente proponente il progetto: CARITAS DIOCESANA DI REGGIO EMILIA GUASTALLA (legata da vincoli associativi

Dettagli

Comune di Isola del Liri

Comune di Isola del Liri SERVIZIO 1 - SEGRETERIA DEL SINDACO U.R.P. AFFARI GENERALI E PERSONALE AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA PER L ASSUNZIONE A TEMPO DETERMINATO, AI SENSI DELL ART. 110, COMMA 1, DEL D. LGS. 267/2000, DI N. 1

Dettagli

A) COMPETENZE DI BASE

A) COMPETENZE DI BASE AVVISO DI PROCEDURA SELETTIVA PER LA COSTITUZIONE DI UN ELENCO DI FORMATORI NELL' AMBITO DEI PERCORSI TRIENNALI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE (FORMAZIONE INIZIALE 14-18 ANNI) CUI CONFERIRE,

Dettagli

Progetto: Dai colore ai tuoi sogni

Progetto: Dai colore ai tuoi sogni Progetto: Dai colore ai tuoi sogni Un po di storia Il seme dell affido è germogliato in casa Tagliapietra nel lontano 1984 su un esigenza di affido consensuale in ambito parrocchiale. Questo seme ha cominciato

Dettagli

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA?

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? La scuola è obbligatoria dai 6 ai 16 anni e comprende: 5 anni di scuola primaria (chiamata anche elementare), che accoglie i bambini da 6 a 10 anni 3 anni di scuola secondaria

Dettagli

REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI

REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI Agevolazioni all acquisto L acquisto di un montascale a poltroncina, a piattaforma e di una piattaforma elevatrice per l utilizzo in abitazioni

Dettagli

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU INTRODUZIONE ALLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE IN QUALSIASI FORMA COSTITUITE

Dettagli

GUIDA ALLE ISCRIZIONI ALLE SCUOLE DELL INFANZIA COMUNALI ANNO SCOLASTICO 2015-2016 ISCRIZIONI

GUIDA ALLE ISCRIZIONI ALLE SCUOLE DELL INFANZIA COMUNALI ANNO SCOLASTICO 2015-2016 ISCRIZIONI 1 All. 2) GUIDA ALLE ISCRIZIONI ALLE SCUOLE DELL INFANZIA COMUNALI ANNO SCOLASTICO 2015-2016 La Scuola Comunale dell Infanzia assume e valorizza le differenze individuali dei bambini nell ambito del processo

Dettagli

SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE

SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE DATI ASSISTITO Cognome Nome Data di nascita Cod. fiscale INDICATORE ADEGUATEZZA CONDIZIONE AMBIENTALE (Valutazione rete assistenziale + valutazione economica di base + valutazione

Dettagli

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Gruppo di Lavoro ITACA Regioni/Presidenza del Consiglio dei Ministri Aggiornamento 14 novembre 2011 Dipartimento

Dettagli

Al Comune di Padova Settore Servizi Sportivi Ufficio Impianti Sportivi Viale N. Rocco, 60 35135 PADOVA

Al Comune di Padova Settore Servizi Sportivi Ufficio Impianti Sportivi Viale N. Rocco, 60 35135 PADOVA Spazio Marca da bollo Al Comune di Padova Settore Servizi Sportivi Ufficio Impianti Sportivi Viale N. Rocco, 60 35135 PADOVA Spazio Protocollo Oggetto: Richiesta concessione temporanea Impianto Sportivo

Dettagli

Comune di Bagnara di Romagna

Comune di Bagnara di Romagna CdC ATTIVITA' ORDINARIE 2013 - CDR009 PROGETTO RPP: RESPONSABILE: RESP. SEGRETERIA GENERALE AREA AMMINISTRATIVA (URP E SERVIZI DEMOGRAFICI - UFFICIO SEGRETERIA) CANTAGALLI PAOLO 100 Miglioramento e razionalizzazione

Dettagli

17/04/2015 IL RETTORE

17/04/2015 IL RETTORE Protocollo 7882 VII/1 Data 26/03/2015 Rep. D.R n. 377-2015 Area Didattica Servizi agli Studenti e Alta Formazione Responsabile Dott. Antonio Formato Settore Alta Formazione Responsabile Dott. Tommaso Vasco

Dettagli

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI Dall anno 2003 l Unione Province Piemontesi raccoglie, con la collaborazione

Dettagli

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO Premessa L estate per i bambini è il tempo delle vacanze, il momento in cui è possibile esprimersi liberamente, lontano dalle scadenze, dagli impegni, dai compiti, dalle

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE E LA CONSEGNA DELLE DOMANDE DI ISCRIZIONE ANNO SCOLASTICO 2015/2016

ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE E LA CONSEGNA DELLE DOMANDE DI ISCRIZIONE ANNO SCOLASTICO 2015/2016 ISTITUTO COMPRENSIVO DI PASIAN DI PRATO Pasian di Prato (UD) - Via Leonardo da Vinci, 23 - C.A.P. 33037 tel/fax: 0432 699954 e-mail: ddpasian@tin.it udic856004@istruzione.it udic856004@pec.istruzione.it

Dettagli

Comune di Cotignola ATTIVITA' ORDINARIE 2013 - PROGETTO RPP: RESPONSABILE: UFFICIO URP - SPORTELLO POLIFUNZIONALE BARBERINI GIOVANNI

Comune di Cotignola ATTIVITA' ORDINARIE 2013 - PROGETTO RPP: RESPONSABILE: UFFICIO URP - SPORTELLO POLIFUNZIONALE BARBERINI GIOVANNI CdC ATTIVITA' ORDINARIE 2013 - CDR005 PROGETTO RPP: RESPONSABILE: RESP. COMUNICAZIONE UFFICIO URP - SPORTELLO POLIFUNZIONALE BARBERINI GIOVANNI 100 Miglioramento e razionalizzazione attività ordinarie

Dettagli

COMUNE DI MULAZZO PROVINCIA DI MASSA CARRARA

COMUNE DI MULAZZO PROVINCIA DI MASSA CARRARA COMUNE DI MULAZZO PROVINCIA DI MASSA CARRARA REGOLAMENTO COMUNALE per la disciplina della concessione di sovvenzioni, contributi, sussidi ed ausili finanziari e l attribuzione di vantaggi economici 1 CAPO

Dettagli

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it)

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) Oggetto:Richiesta di ammissione alla Consulta delle Organizzazioni che operano nel settore delle

Dettagli

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE VISTO l art. 1, comma 639 della Legge 27 dicembre 2013, n. 147, che ha istituito, a decorrere dal 1 gennaio 2014, l imposta

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano

COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano REGOLAMENTO PER IL DIRITTO ALL INFORMAZIONE E ALL ACCESSO AGLI ATTI E DOCUMENTI AMMINISTRATIVI Approvato dal Consiglio Comunale con atto n. 8 in data 9/2/1995 Annullato

Dettagli

LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE

LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE 6 PARTE PRIMA LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE Sezione I LEGGI REGIONALI LEGGE REGIONALE 17 settembre 2013, n. 16. Norme in materia di prevenzione delle cadute dall alto. Il Consiglio

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006)

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) Articolo 1 - Ente gestore, denominazione, natura e sede della scuola 1. L Ente Ispettoria Salesiana Lombardo Emiliana, Ente Ecclesiastico

Dettagli

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale Protocollo N. del. Deliberazione N. del ASSESSORATO SERVIZI SOCIALI Proposta N. 66 del 24/03/2015 SERVIZIO SERVIZI SOCIALI Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Dettagli

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II.

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. In esecuzione della deliberazione del Direttore generale n. 765 del 30.04.2013,

Dettagli

Autonomia e parità in altri paesi: alcuni esempi

Autonomia e parità in altri paesi: alcuni esempi Autonomia e parità in altri paesi: alcuni esempi 1 FRANCIA Le Scuole sous contrat d association In Francia il sistema è centralistico con un Ministero forte che regola ogni aspetto. Ci sono tre tipologie

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E DI FUNZIONAMENTO DELLO SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA S U E Settore URBANISTICA ED EDILIZIA PRIVATA Febbraio 2013 TITOLO I PRINCIPI GENERALI... 3 Art. 1 Definizioni... 3

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

A tu per tu con il Mister del Pavia Massimo Morgia: l allenamento di rifinitura del sabato pomeriggio.

A tu per tu con il Mister del Pavia Massimo Morgia: l allenamento di rifinitura del sabato pomeriggio. articolo N.40 MARZO 2007 RIVISTA ELETTRONICA DELLA CASA EDITRICE WWW.ALLENATORE.NET REG. TRIBUNALE DI LUCCA N 785 DEL 15/07/03 DIRETTORE RESPONSABILE: FERRARI FABRIZIO COORDINATORE TECNICO: LUCCHESI MASSIMO

Dettagli

Area Vigilanza AVVISA

Area Vigilanza AVVISA COMUNE DI VILLASOR Provincia di Cagliari Area Vigilanza P.zza Matteotti, 1 - C.A.P. 09034 Part. IVA 00530500925 Tel 070 9648023 - Fax 070 9647331 www.comune.villasor.ca.it C.F: 82002160925 MANIFESTAZIONE

Dettagli

Condizioni generali di fornitura

Condizioni generali di fornitura Condizioni generali di fornitura 1) Responsabilità di trasporto Resa e imballo a ns. carico. 2) Custodia dopo consegna in cantiere Dopo la posa da parte ns. del materiale / macchine in cantiere la responsabilità

Dettagli

Guida alle prestazioni ambulatoriali

Guida alle prestazioni ambulatoriali Az i e n d a O s p e d a l i e r a O s p e d a l i Riuniti Papardo-Piemonte M e s s i n a P r e s i d i o O s p e d a l i e r o P AP AR D O Guida alle prestazioni ambulatoriali Gentile Signore/a, l Azienda,

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

A chi mi rivolgo? Cos è il diritto di accesso? Qual è la normativa di riferimento?

A chi mi rivolgo? Cos è il diritto di accesso? Qual è la normativa di riferimento? IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI A chi mi rivolgo? L' dell garantisce a tutti i soggetti interessati l'esercizio dei diritti d informazione e di accesso ai documenti amministrativi, e favorisce la conoscenza

Dettagli

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici SOMMARIO SERVIZI ALLE AZIENDE E AGLI ENTI PUBBLICI - accoglienza; - consulenza relativa alle comunicazioni obbligatorie; - servizio

Dettagli

Decreto di attribuzione di posizioni organizzative ai responsabili di settore IL SINDACO

Decreto di attribuzione di posizioni organizzative ai responsabili di settore IL SINDACO Taviano Città dei Fiori (Lecce Italy) Decreto sindacale 02 lì 22 gennaio 2014 Decreto di attribuzione di posizioni organizzative ai responsabili di settore IL SINDACO VISTA la legge 191/98, recante modifiche

Dettagli

COMUNE DI ALTISSIMO Provincia di Vicenza

COMUNE DI ALTISSIMO Provincia di Vicenza COPIA COMUNE DI ALTISSIMO Provincia di Vicenza N. 64 del Reg. Delib. N. 6258 di Prot. Verbale letto approvato e sottoscritto. IL PRESIDENTE f.to Antecini IL SEGRETARIO COMUNALE f.to Scarpari N. 433 REP.

Dettagli

CONTO DEL BILANCIO 2013

CONTO DEL BILANCIO 2013 CONTO DEL BILANCIO 03 IMPEGNI PER SPESE CORRENTI I N T E R V E N T I C O R R E N T I Personale Acquisto di beni di Consumo e/o di Materie Prime Prestazioni di servizi Utilizzo di Beni di terzi Trasferimenti

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA Città di Medicina Via Libertà 103 40059 Medicina (BO) Partita I.V.A. 00508891207 Cod. Fisc.00421580374 Tel 0516979111 Fax 0516979222 personale@comune.medicina.bo.it DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO

Dettagli

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna PREVIDENZA COMPLEMENTARE E TFR Guida al Lavoro Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna 14 Confronto di convenienza, anche fiscale,

Dettagli

Invalido dal 33% al 73%

Invalido dal 33% al 73% Invalido dal 33% al 73% Definizione presente nel verbale: "Invalido con riduzione permanente della capacità lavorativa in misura superiore ad 1/3 (art. 2, L. 118/1971)". Nel certificato può essere precisata

Dettagli

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO DIREZIONE GENERALE Riva di Biasio Santa Croce, 1299-30135 VENEZIA Ufficio III Personale della Scuola

Dettagli

Attività e tempi Individuazione dei parametri di accesso SI Pubblicazione bando Acquisizione /verifica /accettazione domande

Attività e tempi Individuazione dei parametri di accesso SI Pubblicazione bando Acquisizione /verifica /accettazione domande NARDÒ SOCIALE Nel 2012 si sono dettate le linee guida per l attivazione della social card da attuarsi nel 2013 con lo scopo di andare incontro alle famiglie meno abbienti fornendo generi di prima necessità

Dettagli

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO Il disegno di legge 1212 Disposizioni sulle Città metropolitane, sulle Province, sulle unioni e fusioni di Comuni approvato dal Senato ha

Dettagli

Regione Marche ERSU di Camerino (MC)

Regione Marche ERSU di Camerino (MC) DELIBERA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELL ERSU DI CAMERINO N. 261 DEL 29/03/2011: OGGETTO: APPROVAZIONE DEL BANDO DI SELEZIONE PER IL CONCORSO PUBBLICO PER ESAMI PER L ASSUNZIONE A TEMPO DETERMINATO

Dettagli

CIRCOLARE N. 7/E Roma 20 marzo 2014. Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti. OGGETTO: Cinque per mille per l esercizio finanziario 2014

CIRCOLARE N. 7/E Roma 20 marzo 2014. Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti. OGGETTO: Cinque per mille per l esercizio finanziario 2014 CIRCOLARE N. 7/E Roma 20 marzo 2014 Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti OGGETTO: Cinque per mille per l esercizio finanziario 2014 2 INDICE PREMESSA 1. ADEMPIMENTI 1.1 Enti del volontariato 1.2

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Referenti: Coordinatore Scuole dott. Romano Santoro Coordinatrice progetto dott.ssa Cecilia Stajano c.stajano@gioventudigitale.net Via Umbria

Dettagli

COMUNE DI ROVELLASCA

COMUNE DI ROVELLASCA COMUNE DI ROVELLASCA Provincia di COMO REGOLAMENTO SERVIZIO DI VOLONTARIATO CIVICO COMUNALE Approvato con deliberazione C.C. n. 5 del 13.04.2015 Ripubblicato all Albo pretorio dal 13.05.2015 al 28.05.2015

Dettagli

COMUNE DI GALLIATE Provincia di Novara REGOLAMENTO DI ACCESSO AGLI ARCHIVI COMUNALI

COMUNE DI GALLIATE Provincia di Novara REGOLAMENTO DI ACCESSO AGLI ARCHIVI COMUNALI COMUNE DI GALLIATE Provincia di Novara REGOLAMENTO DI ACCESSO AGLI ARCHIVI COMUNALI Approvato con deliberazione G.C. n. 45 del 27/11/2008 esecutiva il 10/01/2009 Depositato in Segreteria Generale con avviso

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO Anno Accademico 2014 2015 X Edizione MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI In collaborazione con Federazione Relazioni Pubbliche Italiana DIRETTORE: Prof. Gennaro Iasevoli

Dettagli

Divisione Studenti Divisione Studenti ciale Luigi Bocconi Università Commer Guida alla borsa di studio ISU Bocconi

Divisione Studenti Divisione Studenti ciale Luigi Bocconi Università Commer Guida alla borsa di studio ISU Bocconi Divisione Studenti Servizi agli Studenti Divisione Studenti ISU BOCCONI Università Commerciale Luigi Bocconi Guida alla borsa di studio ISU Bocconi Questo documento riassume le caratteristiche principali

Dettagli

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD -

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - REGOLAMENTO DI CONTABILITÀ SOMMARIO: Capo I - Le competenze del servizio economico-finanziario Capo II - La programmazione

Dettagli

Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde

Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde Articolo 1 Oggetto 1. Il presente disciplinare regolamenta la concessione e l utilizzo del Marchio La Sardegna Compra Verde.

Dettagli

La privacy a scuola DAI TABLET ALLA PAGELLA ELETTRONICA. LE REGOLE DA RICORDARE

La privacy a scuola DAI TABLET ALLA PAGELLA ELETTRONICA. LE REGOLE DA RICORDARE La privacy DAI TABLET ALLA PAGELLA ELETTRONICA. LE REGOLE DA RICORDARE Temi in classe Non lede la privacy l insegnante che assegna ai propri alunni lo svolgimento di temi in classe riguardanti il loro

Dettagli

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi Redditi diversi Redditi diversi - art. 67 Sono redditi diversi se non costituiscono redditi di capitale, ovvero se non sono conseguiti nell esercizio di arti e professioni o di imprese commerciali, o da

Dettagli

Parrocchia di S. Maria Maggiore in Codroipo

Parrocchia di S. Maria Maggiore in Codroipo Parrocchia di S. Maria Maggiore in Codroipo Anche quest anno il tema di E state insieme si pone in continuità con gli anni precedenti! Vi ricordate come si chiamavano e qual era il tema? Velocemente li

Dettagli