L ISTRUZIONE E LA FORMAZIONE PROFESSIONALE. Le principali tappe della cooperazione a livello comunitario. Simona Baggiani

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L ISTRUZIONE E LA FORMAZIONE PROFESSIONALE. Le principali tappe della cooperazione a livello comunitario. Simona Baggiani"

Transcript

1 L ISTRUZIONE E LA FORMAZIONE PROFESSIONALE Le principali tappe della cooperazione a livello comunitario Simona Baggiani novembre 2006

2 2 L ISTRUZIONE E LA FORMAZIONE PROFESSIONALE Le principali tappe della cooperazione a livello comunitario : VERSO LA SOCIETÀ DELLA CONOSCENZA 1. L UNIONE DI FRONTE ALLE SFIDE DI UN ALLARGAMENTO STORICO E DELLA GLOBALIZZAZIONE 2. LE PRIME TAPPE DELLO SVILUPPO DELLA SOCIETÀ DELLA CONOSCENZA E DEL LIFELONG LEARNING 2.1 La scommessa del Lifelong Learning 2.2 Il libro bianco sulla società cognitiva 2.3 Alcune azioni concrete: verso nuovi modi di validazione delle competenze 3. LE PRIME TAPPE DEL RAFFORZAMENTO DELLA COOPERAZIONE POLITICA 3.1 Una cooperazione politica alla ricerca di una maggiore continuità 3.2 La strategia europea per l occupazione 3.3 La valutazione della qualità e lo sviluppo di indicatori : L ISTRUZIONE E LA FORMAZIONE AL CENTRO DELLA STRATEGIA ECONOMICA E SOCIALE DELL UNIONE PER IL L ISTRUZIONE E LA FORMAZIONE NELLA STRATEGIA DI LISBONA 1.1 La definizione di un quadro di cooperazione politica

3 3 1.2 La realizzazione degli obiettivi comuni fissati per il Lo sviluppo di indicatori e benchmarks 1.4 Quattro anni dopo Lisbona: la Commissione suona il campanello d allarme 2. IL LIFELONG LEARNING: PRINCIPIO GUIDA DI TUTTE LE AZIONI 3. IL RILANCIO DELLA COOPERAZIONE POLITICA IN MATERIA DI FORMAZIONE PROFESSIONALE 3.1 Rapporti sempre più stretti tra formazione professionale e istruzione 3.2 I ministri rilanciano la cooperazione a Copenaghen 4. IL QUADRO EUROPEO DELLE QUALIFICHE: UN NUOVO MODO DI COMPRENDERE LE QUALIFICHE IN TUTTA L EUROPA 5. EDUCAZIONE E FORMAZIONE DEGLI ADULTI: NON È MAI TROPPO TARDI PER IMPARARE N.B.: questa sintesi, che presenta le principali tappe della cooperazione comunitaria nell ambito dell istruzione e della formazione professionale, volutamente non comprende né la descrizione della nascita e degli sviluppi dei programmi comunitari in materia di istruzione e formazione professionale quali Socrates, Leonardo, Gioventù, ecc. né il processo di Bologna concernente l istruzione superiore. La trattazione di queste tappe meriterebbe, infatti, un contesto molto più ampio di quello previsto per questo sintetico excursus. Sui programmi comunitari e sul processo di Bologna è peraltro già disponibile molto materiale documentario e molti sono i siti di riferimento, non solo a livello europeo ma anche nazionale, nei quali attingere informazioni. In questa sede basti citare: per i programmi comunitari: per il processo di Bologna:

4 : VERSO LA SOCIETÀ DELLA CONOSCENZA 1. L UNIONE DI FRONTE ALLE SFIDE DI UN ALLARGAMENTO STORICO E DELLA GLOBALIZZAZIONE A partire dal 1993, la cooperazione in materia di istruzione e formazione entra in una nuova fase. Grazie al Trattato di Maastricht sull'unione europea dell anno precedente, 1 l'istruzione acquisisce un ruolo di rilievo, entrando a pieno titolo tra le competenze politiche comunitarie. 2 Si tratta, infatti, di una svolta storica nell ambito educativo, in quanto si riconosce formalmente l educazione come area di competenza della Comunità. Le Linee guida per l azione comunitaria nel campo dell educazione e della formazione adottate dalla Commissione il 5 maggio 1993 costituiscono il primo documento che sancisce la collaborazione europea in questi due settori. Tale documento rappresenta, dunque, il riconoscimento del ruolo chiave che l'istruzione e la formazione assumono non solo nella costruzione dell'europa, ma, soprattutto, nel profondo e rapido processo di trasformazione che attraversa la società europea. Nella "società conoscitiva", nella quale la divisione è sempre più tra "coloro che sanno interpretare, coloro che sanno soltanto utilizzare e coloro che sono emarginati in una società che li assiste", 3 è proprio l istruzione e la formazione che devono raccogliere la sfida per eliminare il divario fra questi gruppi e sviluppare appieno le risorse umane. Gli articoli 149 e 150 del Trattato dell Unione affidano, così, alla Comunità il compito di sostenere lo sviluppo di un istruzione di qualità, intervenendo per rafforzare quelli che sono considerati i punti cardine per la crescita della dimensione europea: cooperazione e mobilità. Per ogni stato membro la qualità dell istruzione costituisce una priorità politica perseguita a livello nazionale al cui sviluppo la Comunità può contribuire: si tratta del cosiddetto principio di sussidiarietà, secondo il quale l intervento della Comunità è autorizzato nella misura in cui un obiettivo non può essere sufficientemente realizzato dai singoli 1 Il Trattato di Maastricht, che ha istituito l'unione europea, è stato siglato dagli Stati membri della Comunità europea il 7 febbraio 1992 ed è entrato in vigore il 1 novembre Cfr. comma 1 dell'art.126: "La Comunità contribuisce allo sviluppo di un istruzione di qualità incentivando la cooperazione tra Stati membri e, se necessario, sostenendo ed integrando la loro azione nel pieno rispetto della responsabilità degli stati membri per quanto riguarda il contenuto dell insegnamento e l organizzazione del sistema d istruzione, nonché delle loro diversità culturali e linguistiche [ ]". 3 (Edith Cresson), Libro bianco su istruzione e formazione: Insegnare e apprendere: verso una società conoscitiva, COM (95) 590, Lussemburgo, 1995.

5 5 governi, tramite misure a livello nazionale. D'altro canto, intende garantire la competenza degli stati membri nei settori in cui una procedura comunitaria non può fornire una normativa migliore. All inizio degli anni 90, l Unione si trova già a doversi confrontare con nuove sfide che esigeranno cambiamenti profondi. La prima sfida è l allargamento, la seconda, non meno importane la globalizzazione. Con la liberazione nel 1989 dei paesi dell Europa centrale e orientale dai governi sovietici, l Unione intravede la possibilità di allargarsi a questi paesi (cosa che avverrà 15 anni dopo), passando da 375 milioni di abitanti a circa mezzo miliardo, superando così gli Stati Uniti, il Giappone, il Canada e l Australia insieme (450 milioni) e divenendo il più grande mercato interno al mondo. La seconda sfida è esterna al continente e ne condiziona ormai lo sviluppo. Si tratta della globalizzazione sempre più forte delle economie e degli scambi che ne esige un adattamento in profondità e rafforza il bisogno di un azione comune degli europei non solo per affrontare in maniera più adeguata una concorrenza internazionale sempre più forte, ma anche per difendere i valori e un modello di sviluppo europei. Nel corso degli anni 90 si assiste dunque a una presa di coscienza crescente della necessità di rafforzare la concertazione e l azione collettiva per far fronte a questioni che il livello nazionale non riesce più a gestire autonomamente. L aumento del numero degli incontri dei capi di Stato o di Governo e il tenore delle conclusioni che adottano attestano di questa evoluzione e di una più grande importanza accordata al livello europeo, come luogo di concertazione politica e di azione. Ma la portata di queste 2 principali sfide, quali l allargamento e la globalizzazione, non è solo economica. È anche culturale ed educativa. Si tratta, in effetti, di realizzare questa unione sempre più stretta dei popoli europei che non può trovare risposta nella sola integrazione economica dell Europa. La globalizzazione degli scambi e le nuove tecnologie di informazione e comunicazione hanno un impatto sempre più importante sui modi e luoghi di trasmissione dei saperi, al cui primo posto si trovano i sistemi di istruzione e formazione. 2. LE PRIME TAPPE DELLO SVILUPPO DELLA SOCIETÀ DELLA CONOSCENZA E DEL LIFELONG LEARNING Di fronte alle sfide che l Unione deve affrontare, il Consiglio europeo di Copenaghen (21 e 22 giugno 1993) richiede alla Commissione europea di presentare un libro bianco su una strategia a medio termine in favore della crescita, della competitività e dell occupazione. Jacques Delors presenta questo testo nel dicembre 1993 al Consiglio europeo di Bruxelles che stabilisce un piano di azione per gli anni avvenire.

6 6 Questo libro bianco è probabilmente uno dei testi di riflessione più completi e più ambiziosi che la Commissione abbia mai prodotto. Attribuisce notevole importanza ai sistemi di istruzione e di formazione nel suo capitolo relativo al lavoro, sottolineando la loro duplice missione di promozione dello sviluppo personale e dei valori di cittadinanza, ma anche di sostegno alla crescita economica. Debolezze e sfide sono chiaramente identificate: un livello insufficiente di formazione iniziale e continua, un deficit di qualifiche in certi settori, troppi giovani che lasciano i sistemi scolastici senza qualifica, un perdurante insuccesso scolastico, ecc. In una società fondata sempre più sulla produzione, la trasmissione e la condivisione delle conoscenze, l accesso al sapere occupa un posto sempre più determinante, e i saperi e i saper fare acquisiti dovranno, inoltre, essere regolarmente aggiornati. I sistemi devono dunque adattarsi a questa nuova realtà. Secondo il libro bianco la scommessa di un istruzione lungo tutto l arco della vita diviene il grande disegno in base al quale dovranno essere modellate le comunità educative nazionali. Tutto ciò mette l accento sulla necessità di creare un vero spazio e mercato europeo delle qualifiche e delle professioni e di rimediare alla mancanza di trasparenza reciproca così come al troppo debole riconoscimento dei titoli e delle competenze a livello comunitario. Questo problema non è nuovo ma si fa più pressante in seguito all attuazione del mercato interno. Si dovrà attendere il 2004 per un impegno concreto nello sviluppo di un quadro europeo per le qualifiche e le competenze. È del 5 settembre 2006 l adozione di una proposta di raccomandazione del Parlamento europeo e del Consiglio relativa al Quadro Europeo delle qualifiche per l apprendimento permanente (vd più avanti). Già nel 1993, dunque, la Commissione aveva analizzato le sfide legate allo sviluppo della società della conoscenza e mostrato il cammino dell istruzione e della formazione lungo tutto l arco della vita come quadro concettuale in cui la futura azione comunitaria e nazionale avrebbero dovuto iscriversi. È questo stesso libro bianco che propone che sia organizzato un Anno europeo dell istruzione che diventerà, nel 1996, l Anno europeo dell istruzione e della formazione lungo tutto l arco della vita. 2.1 La scommessa del Lifelong Learning Nel corso degli anni 90, l azione comunitaria contribuisce a sensibilizzare gli Stati membri alle problematiche del rapporto tra Europa della conoscenza e apprendimento permanente. Le società europee, come già sottolineato, devono far fronte allo sviluppo della globalizzazione degli scambi, della società dell informazione e all accelerazione dei progressi scientifici e tecnologici. Tutto ciò contribuisce ad accrescere le

7 7 chances di ciascuno di accedere all informazione e al sapere, ma rende anche più necessaria di sempre la padronanza di nuove competenze e un aggiornamento regolare delle qualifiche e delle conoscenze a tutti i livelli. La sfida per tutti i paesi è dunque quella di preparare giovani e adulti, grazie ai sistemi di istruzione e formazione, ad adattarsi a questa nuova realtà, in modo da evitare che questa non accentui i fenomeni di esclusione e frattura sociale. Nel 1991, attraverso i memorandum sull istruzione superiore, sulla formazione professionale e sull istruzione a distanza, la Commissione aveva già posto l accento sul contributo di questi settori al Lifelong Learning. Le proposte della primavera del 1993 in vista del rinnovo e della razionalizzazione della prima generazione di programmi comunitari in materia di istruzione e di formazione ne rafforzano l importanza. L analisi si spinge allora più avanti anticipando gli sviluppi dei 10 anni successivi: Il vantaggio del concetto di educazione permanente è che potrebbe creare nuove prospettive e un quadro di riferimento più adeguato per fondere in un azione integrata le diversi disposizioni in materia di istruzione e di formazione, spesso organizzate separatamente, creando così sistemi di istruzione e formazione più dinamici e più flessibili per il futuro. 4 Dal 1993 al 2000, vengono, dunque, conquistate diverse tappe che permettono alla cooperazione comunitaria di integrare nella riflessione e nell analisi comune le questioni legate allo sviluppo della società della conoscenza e del lifelong learning e di prepararsi alla loro implementazione, in particolare in seguito al Consiglio europeo di Lisbona del marzo I CONCETTI DI LIFELONG LEARNING E DI SOCIETÀ DELLA CONOSCENZA ACQUISTANO SEMPRE PIÙ IMPORTANZA Le tappe più significative: Dicembre 1993: il Libro bianco Crescita, competitività, occupazione (Jacques Delors) attribuisce una grande importanza all istruzione e alla formazione lungo tutto l arco della vita. 1995: Libro bianco Insegnare e apprendere Verso la società conoscitiva (Edith Cresson). 1996: Anno europeo dell istruzione e della formazione lungo tutto l arco della vita. 4 Documento di lavoro della Commissione Linee guida dell azione comunitaria nell ambito dell istruzione e della formazione, Bruxelles, 5 maggio 1993, COM (93) 183 finale.

8 8 Ottobre 1997: il preambolo del Trattato di Amsterdam sottolinea la necessità di promuovere lo sviluppo del livello di conoscenza più elevato possibile per i popoli europei attraverso un largo accesso all istruzione e all aggiornamento permanente delle conoscenze. Novembre 1997: comunicazione della Commissione Per un Europa della conoscenza orientamenti ( ) per le future azioni comunitarie in materia di istruzione, di formazione e di gioventù. Novembre 1997: il Consiglio straordinario del Lussemburgo sull occupazione fissa le prime linee guida per le politiche nazionali del lavoro. Il lifelong learning diviene un obiettivo orizzontale della strategia europea per l occupazione. 1999: nuovo quadro finanziario per gli anni Agenda Dà la priorità alla conoscenza. Accorda una maggiore importanza alle politiche interne, di cui l istruzione, la formazione e la gioventù fanno parte. 2000: Consiglio europeo di Lisbona (marzo): l investimento nella conoscenza è posto al cuore della nuova strategia economica e sociale dell Unione. Il Consiglio europeo di Santa Maria da Feira, nel giugno dello stesso anno, richiede lo sviluppo di strategie e di azioni concrete per attuare il lifelong learning. Novembre: il memorandum della Commissione lancia un ampia consultazione sul tema Il libro bianco sulla società cognitiva Il libro bianco della Commissione sulla società cognitiva, redatto da Edith Cresson, svolge indubbiamente un ruolo fondamentale tra le tappe che precedono la dichiarazione di Lisbona. Nel precedente libro bianco di Delors, Crescita, competitività, occupazione, del 1993, viene data la priorità alla riflessione sulle sfide a cui devono far fronte i sistemi di istruzione e formazione europei. Tale riflessione, per lo specifico settore dell istruzione e della formazione, è condotta, in seguito, attraverso due strumenti: un gruppo di riflessione creato nel settembre del 1995 per raccogliere il parere di esperti indipendenti 5 e un libro bianco che permetta di approfondire la questione e presenti proposte concrete di azione per il futuro. Questo libro bianco intitolato Insegnare e apprendere Verso la società conoscitiva è discusso e diffuso nel 1996, durante l anno europeo dell istruzione e 5 Questo gruppo ha prodotto un rapporto intitolato Compiere l Europa attraverso l istruzione e la formazione che sintetizza le riflessioni del gruppo e pone quattro obiettivi prioritari per i sistemi di istruzione e formazione: 1) costruire la cittadinanza europea; 2) rafforzare la competitività europea, 3) mantenere la coesione sociale; 4) utilizzare appieno le possibilità offerte dalla società dell informazione.

9 9 la formazione lungo tutto l arco della vita. Identifica tre motori shock (la società dell informazione, la globalizzazione e la civiltà scientifica e tecnica) che attraversano la società europea, le nuove opportunità di cui sono portatori e i nuovi rischi che essi inducono per le società. Risultato di un lavoro condotto in comune dai servizi del commissario in carica per l educazione, la formazione e la gioventù, Cresson, e quelli dei commissari responsabili per l occupazione, le relazioni industriali e gli affari sociali, questo libro bianco invita a mettere in atto delle politiche per far fronte alla globalizzazione e alle sue conseguenze. Le risposte che i sistemi di istruzione e formazione possono apportare sono di due ordini: la rivalorizzazione della cultura generale e lo sviluppo dell attitudine al lavoro. CINQUE OBIETTIVI DEL LIBRO BIANCO SULLA SOCIETÀ COGNITIVA E PROPOSTE CONCRETE DI AZIONE 1. Innalzare il livello generale delle conoscenze incoraggiando l acquisizione di conoscenze nuove e di nuovi modi più flessibili di riconoscimento delle competenze, compreso quelle non formali (per esempio attraverso la creazione di carte personali delle competenze, la generalizzazione dell ECTS ). 2. Avvicinare la scuola e il lavoro sviluppando l apprendimento in tutte le sue forme (per esempio attraverso la creazione di reti di centri di tirocinio/apprendistato, attraverso la mobilità degli apprendisti/tirocinanti, la realizzazione di uno statuto europeo dell apprendista ). 3. Lottare contro l esclusione (per esempio attraverso la creazione di scuole della seconda chance per i giovani usciti senza qualifica dal sistema educativo e lo sviluppo del servizio volontario europeo). 4. Padroneggiare almeno tre lingue comunitarie (per esempio attraverso la creazione di un bollino europeo di qualità classi europee ). 5. Trattare sullo stesso piano l investimento di capitale e quello destinato alla formazione. Le proposte di questo libro bianco vanno ad interpellare direttamente i sistemi nel loro funzionamento, suscitano dibattiti di fondo e contribuiscono a sensibilizzare l opinione pubblica sull emergenza dell economia del sapere. Suscitano tuttavia delle reticenze. Se non contestano i cinque obiettivi identificati, gli Stati membri giudicano comunque le azioni proposte complesse e difficili da realizzare e invitano a una maggiore flessibilità. Si prosegue la consultazione e la Commissione, al fine di convincere della pertinenza delle sue proposte, dà vita ad esperienze pilota per ciascuno dei cinque obiettivi. Adotta poi, nel maggio 1997, una

10 10 comunicazione 6 che sintetizza i principali messaggi politici generati dai dibattiti che hanno seguito la pubblicazione del libro bianco. Presenta anche le diverse sperimentazioni intraprese sui cinque obiettivi enunciati nel libro bianco. 2.3 Alcune azioni concrete: verso nuovi modi di validazione delle competenze Oltre alle azioni quali l istituzione del servizio volontario europeo, della scuola della seconda chance per i giovani che hanno abbandonato prematuramente il sistema scolastico, di una task-force software didattici e multimedia e la promozione dell insegnamento delle lingue, si comincia a cercare una soluzione concreta alla complessa e dibattuta questione del riconoscimento dell esperienza e delle competenze acquisite in maniera non formale o informale. Le proposte fatte dal libro bianco sullo sviluppo di nuovi modi di validazione delle competenze (carte personali delle competenze, modalità europea di accreditamento delle competenze) suscitano numerosi e ampi dibattiti. Tutto ciò permette una forte sensibilizzazione degli attori in questione su questa problematica indissociabile dalla questione più generale della trasparenza delle qualifiche che figura da tempo nell agenda comunitaria, e che riacquisterà ulteriore importanza nel quadro dei dibattiti sull implementazione dell istruzione e della formazione lungo tutto l arco della vita. Di fatto, la valorizzazione sul mercato europeo di saperi e competenze acquisiti dall individuo durante la propria vita esige che siano attuati nuovi modi di riconoscimento delle competenze. Il libro bianco, inoltre, richiama, per la formazione professionale, a metodi di riconoscimento reciproci equivalenti a quello applicato a livello di istruzione superiore (ECTS). Il Consiglio europeo di Barcellona formula la stessa aspettativa 7 anni più tardi, nel marzo 2002, dimostrando così che i progressi in tale ambito non sono stati sufficienti. Tuttavia, alcuni passi in questo senso sono stati fatti nella seconda metà degli anni 90. Vengono infatti sviluppati diversi strumenti europei che permettono di attestare competenze e qualifiche acquisite attraverso formazioni effettuate nell ambito dell Unione. Si tratta del: Supplemento al certificato per le qualifiche professionali (strumento analogo al supplemento al diploma nell ambito dell istruzione superiore 7 ), 6 Comunicazione della Commissione adottata il 29 maggio 1997, COM (97) 256 finale. 7 Il supplemento al Diploma è un documento allegato a un diploma di studi superiori che ha come obiettivo una migliore trasparenza internazionale e il riconoscimento accademico e professionale delle qualifiche. È stato sviluppato congiuntamente nel periodo dalla Commissione europea, il Consiglio d Europa e l UNESCO-CEPES (Centro europeo per l istruzione superiore). Questo documento deve descrivere la natura, il livello, il contesto, il contenuto e lo status degli studi compiuti dalla persona in questione attraverso la qualifica originale alla quale tale supplemento è allegato. Deve essere privo di qualsiasi giudizio di valore, dichiarazione di equivalenza o suggerimento di riconoscimento. È uno strumento flessibile e non normativo che può essere adattato ai bisogni locali. La sua diffusione gratuita e sistematica a tutti gli studenti è una delle priorità perseguite dal processo di Bologna (vd

11 11 modello europeo del Curriculum Vitae per una presentazione semplice ed efficace delle qualifiche e competenze individuali; Europass- Formazione, 8 concepito come un passaporto europeo che precisa le conoscenze e le esperienze acquisite in contesti formali e non formali. Un nuovo Europass, che integra questi diversi strumenti verrà poi adottato nel LE PRIME TAPPE DEL RAFFORZAMENTO DELLA COOPERAZIONE POLITICA 3.1 Una cooperazione politica alla ricerca di una maggiore continuità Le priorità politiche della cooperazione sono tradizionalmente discusse a livello del comitato dell istruzione e stabilite a livello ministeriale dal Consiglio dei ministri dell istruzione che si riunisce minimo una volta a semestre. Sono frutto di spinte diverse che possono provenire dalla Commissione, dal Consiglio Istruzione stesso, ma anche dal Parlamento europeo o, sempre più spesso, dai capi di Stato o di Governo riuniti in seno al Consiglio europeo. Le successive presidenze dell Unione hanno anche, per lungo tempo, influenzato l agenda politica in base alle loro priorità nazionali, non facilitando sempre lo sviluppo di una continuità nei lavori comunitari. Bisognerà aspettare la fine degli anni 90 perché si esprima con più forza la volontà di andare verso una maggiore coerenza. La prima tappa è superata nel 1999 con l adozione da parte del Consiglio dei ministri dell istruzione di una risoluzione che propone nuovi metodi di lavoro per la cooperazione negli ambiti dell istruzione e della formazione professionale. L importanza ormai accordata all istruzione e alla formazione a livello comunitario esige che la cooperazione politica a livello europeo sia rafforzata e che, per fare ciò, siano definiti nuovi metodi di lavoro per migliorarne la continuità, il funzionamento e l efficacia. Tale approccio, pur costituendo un progresso, resta tuttavia ancora abbozzato in rapporto ad approcci più importanti di coordinamento delle politiche nazionali in altri ambiti, come per esempio quello dell occupazione (vd. paragrafo successivo). I ministri propongono che i futuri lavori si articolino attorno a una programmazione continua, la cosiddetta Rolling Agenda e a temi prioritari. In un primo tempo, i temi ritenuti prioritari sono il ruolo dell istruzione e della formazione nelle politiche dell occupazione, la realizzazione di un istruzione e una formazione di qualità a tutti i livelli e la promozione della mobilità (per progredire nella realizzazione di uno spazio europeo di istruzione e formazione). La Rolling 8 Decisione 51/99/CE del Consiglio, del 21 dicembre 1998, relativa alla promozione di percorsi europei di formazione in alternanza, ivi compreso l'apprendistato. Nel 2003, la Commissione presenterà un rapporto positivo sulla sua attuazione, COM(2002) 214.

12 12 Agenda viene tuttavia molto velocemente sostituita dal nuovo metodo introdotto dal Consiglio europeo di Lisbona nel marzo 2000, il metodo aperto di coordinamento, come strumento per favorire la convergenza delle politiche nazionali verso obiettivi comuni, tramite la condivisione di azioni, esperienze e buone pratiche. 3.2 La strategia europea per l occupazione In seguito al libro bianco Crescita, competitività, occupazione del 1993 che richiamava a una strategia globale comune in materia di occupazione, sono stati presi impegni politici forti in questo senso dai consigli europei successivi (in particolare quello di Essen del dicembre 1994). Nel 1996 viene creato un comitato permanente per l occupazione e il mercato del lavoro. Una sezione specifica (titolo VIII) viene per la prima volta dedicata all occupazione nel trattato di Amsterdam firmato nell ottobre del 1997, sezione che stabilisce una strategia coordinata per l occupazione. Un vertice straordinario sull occupazione si tiene a Lussemburgo nel novembre 1997 e viene lanciata su questa base la strategia europea per l occupazione (SEO), appoggiata fermamente l anno successivo dal Consiglio europeo di Cardiff e da quelli che seguiranno, in particolare il Consiglio europeo di Lisbona del Le politiche nazionali sono, a partire dal 1998, esaminate annualmente sulla base di un rapporto congiunto sull occupazione emanato dalla Commissione europea e dal Consiglio. La pietra angolare di questa nuova strategia è un dispositivo di sorveglianza multilaterale annuale delle politiche nazionali e dei loro risultati sulla base di linee guida e piani di azione nazionali per l occupazione (cfr. Il Consiglio europeo di Lisbona invita il Consiglio Istruzione a contribuire attivamente al processo di Lussemburgo e di Cardiff. Così, a partire dal 2001, il parere dei ministri dell istruzione è tenuto in conto dalla Commissione nell elaborazione delle linee guida annuali per l occupazione che accordano, a partire da questa data, una priorità al lifelong learning. A partire dal 2005, in seguito all esame intermedio della strategia di Lisbona, viene presa la decisione di integrare in un solo documento i grandi orientamenti delle politiche economiche e le linee guida per l occupazione. 3.3 La valutazione della qualità e lo sviluppo di indicatori Segno di una cooperazione che evolve, gli Stati membri accettano poco a poco di affrontare questioni giudicate sensibili. Si tratta principalmente della valutazione della qualità dei sistemi e dello sviluppo di indicatori, questioni fino a quel momento principalmente affrontate da altre istanze, l OCSE in particolare. Bisogna tuttavia attendere i primi anni del 2000 e l impulso dato dal Consiglio europeo di

13 13 Lisbona perché queste questioni, e in particolare quella degli indicatori, acquistino realmente importanza. Per quello che concerne in particolare la formazione professionale, si avverte anche in questo settore sempre più l esigenza di qualità in rapporto alla realizzazione del mercato interno ma anche alle difficoltà persistenti riscontrate dalla maggioranza degli Stati membri in materia di occupazione giovanile. Questa preoccupazione comune traspare specificamente negli anni 90 attraverso 2 testi che il Consiglio adotta rispettivamente nel 1993 e nel 1994 e che insistono sulla necessità di accrescere non solo la qualità ma anche l attrattiva dell istruzione e della formazione professionale. Nel 1995, le sfide per la qualità della formazione professionale sono di nuovo oggetto di dibattito, in seguito all impulso dato dal Consiglio europeo di Essen del dicembre 1994 che insiste sulla promozione degli investimenti nell ambito della formazione professionale per migliorare la situazione dell occupazione. Con il processo di Copenaghen (vd più avanti), la garanzia di qualità diventa una questione prioritaria per l ambito della formazione professionale. La cooperazione politica in materia di indicatori si focalizza all inizio sulla qualità dell istruzione scolastica. La conferenza dei ministri europei dell istruzione di Praga del giugno 1998 invita la Commissione a costituire un gruppo di esperti nazionali, designati dai ministri, per definire un numero di indicatori in materia di qualità dell istruzione scolastica al fine di facilitare la valutazione dei sistemi a livello nazionale. I lavori di questo gruppo di esperti sfociano nella produzione, nel maggio 2000, del Rapporto europeo sulla qualità dell istruzione scolastica 16 indicatori di qualità, presentato alla conferenza dei ministri europei dell istruzione di giugno 2000 (Bucarest). Il rapporto presenta un analisi dei punti di forza e di debolezza di questi indicatori per prevederne un loro rafforzamento e la costruzione di nuovi. Il gruppo di esperti prosegue i suoi lavori e produce, per la riunione dei ministri europei dell istruzione di Bratislava nel giugno 2002, un secondo rapporto questa volta basato su 15 indicatori di qualità in materia di istruzione e formazione permanente. Data la complessità dell ambito, Eurostat garantisce parallelamente un lavoro di fondo sugli aspetti metodologici statistici dell istruzione e formazione permanente nel quadro di una task-force creata nel febbraio 2000 e che presenta un rapporto finale dei suoi lavori all inizio del Nonostante l assenza di un follow-up, questi lavori rappresentano comunque una prima tappa nella riflessione politica in materia di indicatori europei dell istruzione. Il consiglio europeo di Lisbona del marzo 2000 segna una tappa importante anche in questo ambito introducendo il metodo aperto di coordinamento che consacra gli indicatori e i criteri di riferimento europei (benchmarking) come strumenti chiave che permettono di misurare i progressi dell Unione verso gli obiettivi fissati in comune per il 2010.

14 : L ISTRUZIONE E LA FORMAZIONE AL CENTRO DELLA STRATEGIA ECONOMICA E SOCIALE DELL UNIONE PER IL 2010 Importanti eventi per la costruzione dell Europa comunitaria segnano questo inizio di secolo: prima di tutto l adozione nel marzo del 2000 di una nuova strategia economica, sociale e ambientale per l Unione, la cosiddetta strategia di Lisbona; poi l allargamento dell Unione, nel maggio 2004, a 10 nuovi stati membri; infine, l adozione da parte del Consiglio europeo, il 17 e 18 giugno 2004 a Roma, del progetto di trattato che stabilisce una nuova Costituzione per l Europa. In questi anni si verificano anche importanti cambiamenti nell ambito della cooperazione comunitaria in materia di istruzione e formazione, tanto nella sua dimensione politica che a livello di programmi rivolti ai cittadini. La strategia di Lisbona conduce i responsabili di questa cooperazione a definire, per la prima volta nella storia, un quadro di cooperazione politica comune ( Istruzione e formazione 2010 ), che diverrà il punto di riferimento per l insieme delle azioni di istruzione e formazione, e ad adottare un nuovo metodo di lavoro teso a favorire le convergenze dei sistemi. 1. L ISTRUZIONE E LA FORMAZIONE NELLA STRATEGIA DI LISBONA Il Consiglio Europeo di Lisbona fissa un obiettivo molto ambizioso da realizzare entro il 2010: l Unione deve diventare l economia della conoscenza più competitiva e più dinamica del mondo. Imponendo la scadenza del 2010, il Consiglio europeo forza l azione e stabilisce per tutti i settori interessati una certa esigenza di efficacia e di risultato. Le conclusioni di Lisbona sono dunque qualcosa di più che una dichiarazione politica di portata generale. Si tratta, di fatto, di una strategia coerente che mira a sostenere il processo di riforma e di cambiamento negli stati membri con un obiettivo a medio termine, un metodo di lavoro e di monitoraggio strutturato. Fino ad allora, l occupazione (attraverso la strategia europea per l occupazione SEO) e l economia erano stati i principali settori ad aver sviluppato strategie coordinate a livello comunitario. Facendo dell investimento nella conoscenza uno dei motori del ritorno alla prosperità nell Unione, i capi di Stato e di Governo non possono ormai più prescindere dal ruolo di protagonista dei sistemi di istruzione e formazione.

15 15 I PRINCIPI GUIDA DELLA STRATEGIA DI LISBONA Preparare la transizione verso una economia fondata sulla conoscenza sviluppare una società dell informazione per tutti creare uno spazio europeo della ricerca realizzare il mercato interno e renderlo pienamente operativo rafforzare la competitività e il dinamismo delle Piccole e Medie Imprese sviluppare mercati finanziari efficaci e integrati coordinare le politiche macroeconomiche Modernizzare il modello sociale europeo investendo nelle risorse umane e creando uno stato sociale attivo adattare i sistemi di istruzione e di formazione alla società della conoscenza garantire più posti di lavoro e di migliore qualità modernizzare la protezione sociale favorire l integrazione sociale Realizzazione di questa strategia attraverso il miglioramento dei processi esistenti e un nuovo metodo aperto di coordinamento per diffondere le migliori pratiche e garantire una maggiore convergenza in rapporto ai principali obiettivi dell Unione 1.1 La definizione di un quadro di cooperazione politica Il Consiglio europeo di Lisbona domanda in particolare ai ministri dell istruzione di intraprendere una riflessione generale sugli obiettivi concreti futuri dei sistemi di istruzione basata sulle preoccupazioni e le priorità comuni, pur nel rispetto delle diversità nazionali. Il Consiglio Istruzione adotta, così, il 12 febbraio 2001, e sottopone in seguito al Consiglio europeo di Stoccolma il 23 e 24 marzo 2001, il rapporto Istruzione e formazione in Europa: sistemi diversi, obiettivi comuni per il Il programma di lavoro sugli obiettivi futuri dei sistemi di istruzione e di formazione. Si tratta del primo documento ufficiale che definisce un approccio europeo globale e coerente nei confronti delle politiche nazionali di istruzione e formazione nell Unione europea. In questo rapporto, i ministri dell istruzione si mettono d accordo per la prima volta a livello europeo su obiettivi comuni da raggiungere

16 16 entro il Questi obiettivi, nel numero di 13, sono raggruppati attorno a tre finalità strategiche: 1. qualità/efficacia, 2. accesso 3. apertura. Il Consiglio europeo di Stoccolma approva questo rapporto e domanda che un programma di lavoro dettagliato sia elaborato per garantirne la realizzazione concreta. Quest ultimo è adottato congiuntamente dal Consiglio e dalla Commissione il 14 febbraio A Barcellona, il 15 e 16 marzo 2002, i capi di Stato e di Governo lo approvano e riaffermano i principali obiettivi fissati a Lisbona. L ISTRUZIONE E LA FORMAZIONE PER IL FINALITÀ STRATEGICHE E 13 OBIETTIVI CONCRETI COMUNI rafforzare l efficacia e la qualità dei sistemi attraverso Rendere i sistemi più accessibili attraverso Aprire i sistemi al mondo 1. il miglioramento della formazione degli insegnanti e dei formatori, 2. lo sviluppo delle competenze chiave, 3. l acceso per tutti alle TIC, 4. un maggior numero di laureati nelle materie scientifiche e tecnologiche, 5. l ottimizzazione dell utilizzo delle risorse. 6. lo sviluppo di un ambiente favorevole all apprendimento, 7. una maggiore attrattiva dell istruzione e della formazione, 8. una cittadinanza attiva, pari opportunità e coesione sociale. 9. rafforzando i legami con il mondo del lavoro, la ricerca e la società, 10. sviluppando lo spirito d impresa, 11. migliorando l apprendimento delle lingue straniere, 12. accrescendo la mobilità e gli scambi, 13. rafforzando la cooperazione europea.

17 La realizzazione degli obiettivi comuni fissati per il 2010 Sulla base del programma di lavoro comune in vista degli obiettivi fissati per il 2010, la Commissione crea dei gruppi di lavoro composti da esperti, nominati dagli stati membri, ciascuno per un diverso ambito coperto dai 13 obiettivi. Le raccomandazioni emesse nei primi rapporti di questi gruppi di lavoro (2003/2004) esprimono tutte la necessità di un rafforzamento dell azione nazionale e comunitaria in tutti gi ambiti/obiettivi chiave del programma di lavoro adottato dai ministri dell istruzione nel Si tratta in particolare: di sviluppare le competenze chiave necessarie per vivere e lavorare nella società della conoscenza, di investire nella formazione degli insegnanti e dei formatori per aiutarli ad adeguarsi ai loro nuovi ruoli, di investire di più e meglio nelle risorse umane, di rafforzare l integrazione qualitativa delle TIC, di promuovere le lingue e di sensibilizzare all importanza della diversità linguistica e culturale, di sviluppare la cultura scientifica a partire dalla più giovane età, di accrescere significativamente la mobilità, di sviluppare concretamente l istruzione e la formazione permanente e di renderla accessibile a tutti, di riconoscere e di validare le competenze acquisite in maniera non formale o informale, di sviluppare la cittadinanza attiva, di modernizzare i sistemi di orientamento, ecc. Queste raccomandazioni hanno nutrito la prima comunicazione della Commissione del novembre 2003 sulla realizzazione della strategia di Lisbona e il primo rapporto congiunto del Consiglio e della Commissione pubblicato di lì a poco. Entrambi i documenti esortano gli stati membri ad accelerare il ritmo delle riforme e ad impegnarsi più attivamente nel raggiungimento degli obiettivi comuni fissati. Vengono così definiti, tra il 2002 e il 2004, attraverso questi gruppi o quelli creati nell ambito dell attuazione della dichiarazione di Copenaghen (vd più avanti) diversi quadri di riferimento ( framework ) e documenti di principi europei. Questi vertono su dimensioni essenziali della realizzazione dell Europa della conoscenza e del lifelong learning e permettono di iscrivere lo sviluppo delle politiche nazionali di istruzione e formazione nel contesto europeo. L essere recepiti dalle politiche nazionali sarà certamente un elemento determinante della loro efficacia. In particolare i temi che affrontano sono:

18 18 gli 8 ambiti di competenze chiave indispensabili per vivere e lavorare nella società della conoscenza; le competenze e le qualifiche degli insegnanti e dei formatori; il riconoscimento dell istruzione e della formazione non formali e informali; l orientamento permanente, la garanzia della qualità nell istruzione e formazione professionale; la qualità della mobilità a fini di apprendimento (definizione di una carta europea); miglioramento dell efficacia dei sistemi di istruzione e di formazione. Tali lavori non possono ormai più prescindere da una cooperazione sempre più stretta con gli altri ambiti comunitari interessati dalla strategia di Lisbona. Si tratta degli ambiti che, come l istruzione e la formazione, sono più direttamente interessati dallo sviluppo dell Europa della conoscenza, ossia la ricerca ma anche il lavoro e gli affari sociali. Questa cooperazione vale in particolare per i lavori riguardanti lo sviluppo del lifelong learning, 9 priorità anche dell ambito della strategia europea per l occupazione. Sul tema della mobilità, la Commissione adotta nel 2002 un piano d azione per eliminare gli ostacoli alla mobilità all interno dei mercati del lavoro europeo. Tale piano d azione propone 25 azioni concrete di cui 15 riguardano in particolare l istruzione e la formazione alfine di sviluppare un sistema più trasparente e più agile di riconoscimento delle qualifiche, dei diplomi e dei periodi di studio. Questo piano accolto favorevolmente al Consiglio europeo di Barcellona del marzo 2002, è oggetto di una prima valutazione nel 2004 che riflette i lavori e le analisi della situazione condotti nel quadro del programma Istruzione e formazione 2010 così come i progressi che restano da compiere in particolare per aumentare sostanzialmente la mobilità a fini professionali o educativi. Nel 2004 una direttiva relativa ai diritti dei cittadini dell Unione (compreso lo studente che si muove in Europa per fini di formazione professionale) di circolare e soggiornare liberamente sul territorio dell Unione verrà infine adottata. 1.3 Lo sviluppo di indicatori e benchmarks Strumenti chiave del nuovo metodo di cooperazione lanciato a Lisbona, gli indicatori sono indispensabili al monitoraggio dei progressi compiuti in direzione degli obiettivi che i ministri dell istruzione si sono fissati per il Per le domande che pongono e le differenze che mettono in luce tra i paesi, sono inoltre dei rivelatori di buone pratiche. La questione del benchmarking è tuttavia complessa e molto sensibile per numerosi stati membri che temono in particolare un 9 Una comunicazione congiunta della DG Istruzione e cultura e della DG Lavoro e Affari sociali viene adottata nel 2001 su Realizzare uno spazio europeo dell apprendimento permanente, COM(2001) 678 finale.

19 19 confronto dei risultati dei rispettivi sistemi educativi basati su elementi di natura essenzialmente quantitativa. Data questa complessità, la Commissione crea un gruppo permanente di esperti sugli indicatori e benchmark. La Commissione produce nel 2003 una prima analisi di questi indicatori, in particolare rispetto a cinque obiettivi chiave (benchmark) adottati dal Consiglio nel maggio Questo rapporto fornisce una prima panoramica della situazione dei sistemi di istruzione e formazione in Europa sottolineando gli ambiti in cui gli obiettivi fissati per il 2010 rischiano di essere difficilmente raggiunti senza un impegno maggiore. Si tratta dunque di un documento di riferimento fondamentale per la preparazione della comunicazione del novembre 2003 Istruzione e formazione 2010: l urgenza delle riforme per riuscire la strategia di Lisbona. Aggiornato e arricchito annualmente questo rapporto è chiamato a svolgere un ruolo sempre più importante, in particolare nel quadro della preparazione dei prossimi rapporti biennali al Consiglio europeo sui progressi compiuti verso gli obiettivi comuni del I cinque criteri di riferimento adottati nelle Conclusioni del Consiglio dei ministri europei dell istruzione del maggio 2003 sono dunque una tappa importante: anche se non prescrivono decisioni da prendere da parte dei governi, possono ispirare le politiche nazionali.

20 20 I CINQUE LIVELLI DI RIFERIMENTO DEL RENDIMENTO MEDIO EUROPEO CHE L UNIONE DOVREBBE RAGGIUNGERE ENTRO IL ) Abbandono scolastico prematuro: è necessario ridurre la percentuale di persone che lasciano prematuramente l istruzione scolastica e ci si prefigge l obiettivo di ridurre la percentuale di abbandoni scolastici almeno al 10%; 2) Matematica, scienze, tecnologie: si rileva che esiste una carenza di scienziati specializzati e un disequilibrio tra i sessi, a svantaggio delle donne sul numero di laureati in questo settore e ci si prefigge l obiettivo di aumentare almeno del 15% il totale dei laureati in matematica, scienze e tecnologie, diminuendo, nel contempo, la disparità di genere; 3) Completamento del ciclo di istruzione secondaria superiore: per partecipare con successo alla società della conoscenza, è necessario poter disporre degli elementi di base forniti da questo livello di istruzione e ci si prefigge, pertanto, l obiettivo di arrivare almeno all 85% dei ventiduenni che abbiano completato tale ciclo di istruzione; 4) Competenze di base: ai fini dell occupazione, dell inclusione, dell apprendimento permanente, della realizzazione e dello sviluppo personali, ci si prefigge di ridurre la percentuale dei quindicenni con scarse capacità di lettura almeno del 20% rispetto all anno 2000; 5) Apprendimento permanente (lifelong learning): per massimizzare il proprio sviluppo personale, mantenere e migliorare la propria posizione professionale, è necessario che tutti aggiornino e integrino in maniera continua le proprie conoscenze, competenze e capacità. Ci si prefigge, pertanto, di innalzare almeno al 12.5% la partecipazione degli adulti in età lavorativa (25-64 anni) all apprendimento permanente. La fine dell anno 2004 è stata caratterizzata da un ulteriore produzione di strumenti comunitari di valutazione. La Commissione europea ha, infatti, pubblicato un documento di lavoro, dal titolo New indicators on Education and Training, nel quale presenta proposte per il miglioramento della qualità e della comparabilità degli indicatori esistenti. In particolare, si evidenzia la necessità di raccogliere nuovi dati di base, soprattutto sui risultati degli alunni, partendo dal presupposto che, proprio l assenza di tali dati, ha reso difficili i lavori dei diversi gruppi di esperti riuniti nel corso degli ultimi cinque anni dalla Commissione per l esame di possibili ulteriori indicatori.

Verso lo Spazio Europeo dell Istruzione Superiore Comunicato dei Ministri Europei dell istruzione superiore Praga, 19 maggio 2001

Verso lo Spazio Europeo dell Istruzione Superiore Comunicato dei Ministri Europei dell istruzione superiore Praga, 19 maggio 2001 Verso lo Spazio Europeo dell Istruzione Superiore Comunicato dei Ministri Europei dell istruzione superiore Praga, 19 maggio 2001 1. Due anni dopo la firma della Dichiarazione di Bologna e tre dopo quella

Dettagli

Consiglio informale dei Ministri del Lavoro e degli Affari Sociali. (Varese, 11-12 Luglio 2003)

Consiglio informale dei Ministri del Lavoro e degli Affari Sociali. (Varese, 11-12 Luglio 2003) Ministero del Lavoro e degli Affari Sociali Consiglio informale dei Ministri del Lavoro e degli Affari Sociali (Varese, 11-12 Luglio 2003) Documento della Presidenza Domande per orientare il dibattito

Dettagli

Il Programma per la formazione permanente.

Il Programma per la formazione permanente. Anno VII 15 dicembre 2008 Numero speciale a cura di Giuseppe Anzaldi NUMERO SPECIALE: IL PROGRAMMA PER LA FORMAZIONE PERMANENTE Introduzione Obiettivi e struttura I quattro pilastri Comenius Erasmus Leonardo

Dettagli

Investire efficacemente su Istruzione e Formazione: un imperativo per l'europa Gennaio 2003 - Comunicazione della Commissione

Investire efficacemente su Istruzione e Formazione: un imperativo per l'europa Gennaio 2003 - Comunicazione della Commissione 1.2 Il quadro di riferimento europeo: obiettivi, strategie, raccomandazioni La scelta di inserire un breve approfondimento che estenda l analisi di contesto alla dimensione europea è stata dettata da più

Dettagli

Traduzione non ufficiale

Traduzione non ufficiale Traduzione non ufficiale Proposta di RACCOMANDAZIONE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO sulla costituzione del Quadro europeo delle Qualifiche per l apprendimento permanente (testo con attinenza all

Dettagli

STRATEGIA DELLE LINGUE PER IL SETTORE DEL SECONDARIO II

STRATEGIA DELLE LINGUE PER IL SETTORE DEL SECONDARIO II STRATEGIA DELLE LINGUE PER IL SETTORE DEL SECONDARIO II Strategia della CDPE del 24 ottobre 2013 per il coordinamento a livello nazionale dell insegnamento delle lingue seconde nel settore del secondario

Dettagli

La risposta del sistema educativo e formativo al lifelong learning

La risposta del sistema educativo e formativo al lifelong learning I. Fortunato. MIUR 1 La risposta del sistema educativo e formativo al lifelong learning Camerino 18.12. 2008 Il ruolo del Sistema istruzione e della scuola nelle politiche di lifelong learning Considerazioni

Dettagli

Raccomandazione n. 195 sulla valorizzazione delle risorse umane, 2004

Raccomandazione n. 195 sulla valorizzazione delle risorse umane, 2004 Raccomandazione n. 195 sulla valorizzazione delle risorse umane, 2004 Allegato La Conferenza generale dell Organizzazione internazionale del Lavoro, convocata a Ginevra dal Consiglio di amministrazione

Dettagli

CONFINDUSTRIA - CGIL, CISL, UIL TAVOLO SU FORMAZIONE E VALORIZZAZIONE DELLE RISORSE UMANE

CONFINDUSTRIA - CGIL, CISL, UIL TAVOLO SU FORMAZIONE E VALORIZZAZIONE DELLE RISORSE UMANE Premessa CONFINDUSTRIA - CGIL, CISL, UIL TAVOLO SU FORMAZIONE E VALORIZZAZIONE DELLE RISORSE UMANE La formazione è una delle leve cardine per il rilancio di un'efficace politica di sviluppo, dei diritti

Dettagli

STUDIARE IN EUROPA: I PROGRAMMI PER LA MOBILITA

STUDIARE IN EUROPA: I PROGRAMMI PER LA MOBILITA STUDIARE IN EUROPA: I PROGRAMMI PER LA MOBILITA Quali sono gli obiettivi dell Unione nel realizzare i programmi per la mobilità? Questi programmi rientrano all interno della politica di istruzione, formazione

Dettagli

Flexicurity: il ruolo delle Istituzioni europee nel difficile percorso verso una crescita economica che non rinneghi il modello sociale europeo.

Flexicurity: il ruolo delle Istituzioni europee nel difficile percorso verso una crescita economica che non rinneghi il modello sociale europeo. Flexicurity: il ruolo delle Istituzioni europee nel difficile percorso verso una crescita economica che non rinneghi il modello sociale europeo. La flexicurity è uno strumento di disciplina del mercato

Dettagli

I. Partenariato. II. Verifica

I. Partenariato. II. Verifica Lo Spazio Europeo dell Istruzione Superiore Raggiungere gli obiettivi Comunicato della Conferenza dei Ministri dell Istruzione Superiore, Bergen, 19-20 Maggio 2005 Noi, Ministri dell Istruzione Superiore

Dettagli

LA STRATEGIA DELL UNIONE EUROPEA A FAVORE DELLA GIOVENTÙ: Investire nei giovani e conferire loro maggiori responsabilità

LA STRATEGIA DELL UNIONE EUROPEA A FAVORE DELLA GIOVENTÙ: Investire nei giovani e conferire loro maggiori responsabilità LA STRATEGIA DELL UNIONE EUROPEA A FAVORE DELLA GIOVENTÙ: Investire nei giovani e conferire loro maggiori responsabilità Roma, 2 dicembre 2010 Vittorio Calaprice della Commissione europea Dal 2009 al 2010

Dettagli

COMMISSIONE EUROPEA DG Concorrenza. Bruxelles, 01/03/2012 COMP/DG/2012/022543

COMMISSIONE EUROPEA DG Concorrenza. Bruxelles, 01/03/2012 COMP/DG/2012/022543 COMMISSIONE EUROPEA DG Concorrenza Il direttore generale Bruxelles, 01/03/2012 COMP/DG/2012/022543 Modernizzazione degli aiuti di Stato dell UE Documento di discussione Il presente documento espone a grandi

Dettagli

CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME

CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME Obbligo di istruzione Linee guida per le agenzie formative accreditate ai sensi del DM del 29/11/2007 (MPI/MLPS) Premessa 1. Il contesto di riferimento

Dettagli

Meeting nazionale sulle Politiche giovanili

Meeting nazionale sulle Politiche giovanili Meeting nazionale sulle Politiche giovanili PATTO APERTO PER LA GIOVENTU Oltre la Strategia di Lisbona: la dimensione culturale nello sviluppo sostenibile Urbino 13-14-15-16 Luglio 2005 Investire nella

Dettagli

LA RISOLUZIONE DI GÖTEBORG

LA RISOLUZIONE DI GÖTEBORG TERZA CONFERENZA AMBIENTALE DEI MINISTRI E DEI LEADER POLITICI REGIONALI DELL'UNIONE EUROPEA LA RISOLUZIONE DI GÖTEBORG Dopo l incontro di preparazione tenuto nella regione Rhône-Alpes, Francia, il 28

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca DIPARTIMENTO PER L UNIVERSITA, L ALTA FORMAZIONE ARTISTICA E MUSICALE E PER LA RICERCA Direzione Generale per l Università, lo Studente ed il Diritto allo Studio Ufficio IV Il Processo di Bologna Lo Spazio

Dettagli

PARLAMENTO EUROPEO E CONSIGLIO

PARLAMENTO EUROPEO E CONSIGLIO 30.12.2006 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 394/5 II (Atti per i quali la pubblicazione non è una condizione di applicabilità) PARLAMENTO EUROPEO E CONSIGLIO RACCOMANDAZIONE DEL PARLAMENTO EUROPEO

Dettagli

NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA

NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA Premessa Nel marzo 2007 è stato approvato dalla Conferenza Stato-Regioni

Dettagli

IL PERCHE DI UN CONGRESSO STRAORDINARIO DELL AEDE EUROPEA L AEDE E LA CRISI DELL UNIONE EUROPEA

IL PERCHE DI UN CONGRESSO STRAORDINARIO DELL AEDE EUROPEA L AEDE E LA CRISI DELL UNIONE EUROPEA IL PERCHE DI UN CONGRESSO STRAORDINARIO DELL AEDE EUROPEA L AEDE E LA CRISI DELL UNIONE EUROPEA Silvano MARSEGLIA E per me un grande piacere ed un onore aprire i lavori di questo nostro Congresso Straordinario

Dettagli

Oggi parlare di educazione ambientale significa sempre più aprirsi ad un ampio ventaglio di tematiche tra loro trasversali, con l obiettivo comune di

Oggi parlare di educazione ambientale significa sempre più aprirsi ad un ampio ventaglio di tematiche tra loro trasversali, con l obiettivo comune di Oggi parlare di educazione ambientale significa sempre più aprirsi ad un ampio ventaglio di tematiche tra loro trasversali, con l obiettivo comune di puntare ad una diffusione della sostenibilità sul territorio.

Dettagli

Inclusione dei disabili

Inclusione dei disabili Inclusione dei disabili Strategia europea per la parità delle opportunità Commissione europea Pari opportunità per pari diritti Il valore aggiunto europeo L Anno europeo dei cittadini disabili nel 2003

Dettagli

(PRIMA BOZZA) Milano, 15 Aprile, 2011

(PRIMA BOZZA) Milano, 15 Aprile, 2011 RETE LOMBARDA DELLE SCUOLE CHE PROMUOVONO SALUTE CORNICE METODOLOGICA (PRIMA BOZZA) Milano, 15 Aprile, 2011 PREMESSA Il presente documento è il frutto di un percorso di elaborazione a cui hanno partecipato

Dettagli

ISMENE TRAMONTANO Le iniziative per la diffusione della qualità

ISMENE TRAMONTANO Le iniziative per la diffusione della qualità ISMENE TRAMONTANO Le iniziative per la diffusione della qualità Il Reference Point italiano sulla qualità dei Sistemi di Istruzione e Formazione professionale A cura di Ismene Tramontano Ricercatrice Isfol

Dettagli

Premessa: VALIDATION OF NON FORMAL AND INFORMAL LEARNING: UN AGGIORNAMENTO DELLA CORNICE EUROPEA

Premessa: VALIDATION OF NON FORMAL AND INFORMAL LEARNING: UN AGGIORNAMENTO DELLA CORNICE EUROPEA Premessa: VALIDATION OF NON FORMAL AND INFORMAL LEARNING: UN AGGIORNAMENTO DELLA CORNICE EUROPEA Il tema della trasparenza e del riconoscimento delle competenze comunque e ovunque acquisite rappresenta

Dettagli

Gazzetta ufficiale dell'unione europea. (Risoluzioni, raccomandazioni e pareri) RISOLUZIONI CONSIGLIO

Gazzetta ufficiale dell'unione europea. (Risoluzioni, raccomandazioni e pareri) RISOLUZIONI CONSIGLIO 20.9.2008 C 241/1 I (Risoluzioni, raccomandazioni e pareri) RISOLUZIONI CONSIGLIO Risoluzione del Consiglio e dei rappresentanti dei governi degli Stati membri, riuniti in sede di Consiglio, del 16 maggio

Dettagli

Il Direttore Generale. Loredana Gulino

Il Direttore Generale. Loredana Gulino PICCOLI E GRANDI INVENTORI CRESCONO: UN LUNGO VIAGGIO NELLE SCUOLE ITALIANE PER PROMUOVERE LA CULTURA BREVETTUALE PREMESSA Quando, nel 2008, ho assunto la direzione della Direzione Generale per la Lotta

Dettagli

4.0 IL PROGETTO EDUCATIVO

4.0 IL PROGETTO EDUCATIVO 4.0 IL PROGETTO EDUCATIVO 4. 1 LA MISSION La Direzione Didattica San Giovanni conferma le scelte educative delineate nel corso degli ultimi anni, coerenti con le finalità e gli obiettivi del sistema nazionale

Dettagli

2.5. Educazione alla Cittadinanza Democratica

2.5. Educazione alla Cittadinanza Democratica 2.5. Educazione alla Cittadinanza Democratica L educazione alla cittadinanza democratica (EDC) è il risultato di un dibattito che nasce da diverse problematiche: il basso livello di partecipazione alle

Dettagli

LA STRUTTURA DEL RAV

LA STRUTTURA DEL RAV GUIDA PRATICA ALLA ELABORAZIONE DEL RAV IN FUNZIONE DEL MIGLIORAMENTO Dino Cristanini Vico Equense 30 Gennaio 2015 LA STRUTTURA DEL RAV 1 CONTESTO E RISORSE Quali vincoli presentano? Quali leve positive

Dettagli

22.1.2010 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 17/43

22.1.2010 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 17/43 22.1.2010 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 17/43 IV (Atti adottati prima del 1 o dicembre 2009, in applicazione del trattato CE, del trattato UE e del trattato Euratom) DECISIONE DEL CONSIGLIO

Dettagli

PER UNA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DI QUALITÀ

PER UNA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DI QUALITÀ PER UNA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DI QUALITÀ La qualità dei servizi e delle politiche pubbliche è essenziale per la competitività del sistema economico e per il miglioramento delle condizioni di vita dei

Dettagli

Politiche europee per i giovani

Politiche europee per i giovani Politiche europee per i giovani Roma, 25 maggio 2011 Natalja Montefusco della Commissione europea Base giuridica: Trattato di Lisbona Articolo 165 (ex articolo 149 del TCE) L'azione dell'unione è intesa

Dettagli

Il contributo del Programma Leonardo da Vinci al Lifelong Learning e le prospettive per la nuova fase di programmazione

Il contributo del Programma Leonardo da Vinci al Lifelong Learning e le prospettive per la nuova fase di programmazione From the Lifelong Learnig Programme to Erasmus for All Investing in high quality education and training Istituto di Istruzione Superiore Crescenzi Pacinotti di Bologna 24 maggio 2013 Il contributo del

Dettagli

La formazione professionale nella SEO: Employment Guidelines.

La formazione professionale nella SEO: Employment Guidelines. La formazione professionale nella SEO: Employment Guidelines. Keywords: Training, Vocational Training, Retraining, Traineeships, Lifelong Training (Learning), Apprenticeship Training, Open Land Training,

Dettagli

ACCORDO. Tra MIUR. la Regione Sardegna. per. La realizzazione di interventi finalizzati all integrazione e al potenziamento dell offerta di istruzione

ACCORDO. Tra MIUR. la Regione Sardegna. per. La realizzazione di interventi finalizzati all integrazione e al potenziamento dell offerta di istruzione ACCORDO Tra MIUR e la Regione Sardegna per La realizzazione di interventi finalizzati all integrazione e al potenziamento dell offerta di istruzione PREMESSO - che nella Regione Sardegna l insuccesso scolastico

Dettagli

UNIVERSITÀ DI GENOVA CENTRO DI ATENEO PER LA RICERCA EDUCATIVA E DIDATTICA (C.A.R.E.D.) Master in

UNIVERSITÀ DI GENOVA CENTRO DI ATENEO PER LA RICERCA EDUCATIVA E DIDATTICA (C.A.R.E.D.) Master in UNIVERSITÀ DI GENOVA CENTRO DI ATENEO PER LA RICERCA EDUCATIVA E DIDATTICA (C.A.R.E.D.) Genova, 16 marzo 2006 Via Balbi, 1a - 16126 GENOVA Tel. 010/2095962 Fax 010/2095961 e-mail: cared@unige.it Master

Dettagli

Materiale elaborato, su incarico del Bologna Follow Up Group, dall apposito Bologna Working Group on Qualifications Frameworks

Materiale elaborato, su incarico del Bologna Follow Up Group, dall apposito Bologna Working Group on Qualifications Frameworks Estratto dal documento A Framework for Qualifications of the European Higher Education Area (Il Quadro dei Titoli dello Spazio Europeo dell Istruzione Superiore), disponibile sul sito www.processodibologna.it/documentieuropei

Dettagli

Indirizzi per la regolamentazione dell Apprendistato per la Qualifica e per il Diploma Professionale ai sensi del Regolamento 47/R del 2003 e s.m.i.

Indirizzi per la regolamentazione dell Apprendistato per la Qualifica e per il Diploma Professionale ai sensi del Regolamento 47/R del 2003 e s.m.i. Allegato A Indirizzi per la regolamentazione dell Apprendistato per la Qualifica e per il Diploma Professionale ai sensi del Regolamento 47/R del 2003 e s.m.i. Indirizzi per la regolamentazione dell apprendistato

Dettagli

ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO TTMLM/2013/14. Riunione Tecnica Tripartita sulla Migrazione per Lavoro

ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO TTMLM/2013/14. Riunione Tecnica Tripartita sulla Migrazione per Lavoro Conclusioni 1 La Riunione Tecnica Tripartita sulla migrazione per lavoro, ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO Riunione Tecnica Tripartita sulla Migrazione per Lavoro TTMLM/2013/14 Ginevra, 4-8 novembre

Dettagli

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Oggetto: schema di decreto recante linee guida in materia di semplificazione e promozione dell istruzione tecnico professionale a norma dell articolo 52 del decreto legge 9 febbraio 2012, n.5, convertito

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

IL FORUM NAZIONALE DEI GIOVANI E IL SERVIZIO CIVILE

IL FORUM NAZIONALE DEI GIOVANI E IL SERVIZIO CIVILE IL E IL SERVIZIO CIVILE POSITION PAPER Approvato dall assemblea del 14-15 Dicembre 2013 INTRODUZIONE Il Forum Nazionale dei Giovani nella transizione italiana Il Forum Nazionale dei Giovani ha, in questi

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 14.3.2014 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 74/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. 240/2014 DELLA COMMISSIONE del 7 gennaio 2014 recante un codice europeo di condotta

Dettagli

Indicazioni Nazionali per il Curricolo

Indicazioni Nazionali per il Curricolo Indicazioni Nazionali per il Curricolo Scuola dell infanzia e primo ciclo di istruzione Conferenza Stampa Mercoledì 6 Marzo 2013 MIUR- Sala della Comunicazione Ore 15:00-17:00 #InScuola Le nuove Indicazioni

Dettagli

Liberare il potenziale dell Economia Sociale per la crescita in Europa: la Strategia di Roma

Liberare il potenziale dell Economia Sociale per la crescita in Europa: la Strategia di Roma Liberare il potenziale dell Economia Sociale per la crescita in Europa: la Strategia di Roma Documento basato sui risultati della Conferenza di Roma, 17 e 18 novembre 2014 In occasione della Presidenza

Dettagli

ACCORDO TERRITORIALE

ACCORDO TERRITORIALE ACCORDO TERRITORIALE TRA REGIONE CALABRIA Dipartimento Lavoro, Politiche della Famiglia, Formazione Professionale, Cooperazione e Volontariato, in persona del Dirigente Generale Avv. Bruno Calvetta E UFFICIO

Dettagli

prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena

prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena UNIVERSITÀ, SCUOLE E ORIENTAMENTO IN ITALIA intervento al convegno Essenzialità dell Orientamento per il Futuro dei Giovani, Orvieto 9 11 dicembre

Dettagli

via Regina Elena, 5-62012- Civitanova Marche (MC) Tel. 0733/812992 Fax 0733/779436 www.icviareginaelena.gov.it IL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

via Regina Elena, 5-62012- Civitanova Marche (MC) Tel. 0733/812992 Fax 0733/779436 www.icviareginaelena.gov.it IL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA 1 via Regina Elena, 5-62012- Civitanova Marche (MC) Tel. 0733/812992 Fax 0733/779436 www.icviareginaelena.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 IL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA CHE COS E IL

Dettagli

Istituto Paritario Minerva. Progetto Educativo di Istituto (P.E.I)

Istituto Paritario Minerva. Progetto Educativo di Istituto (P.E.I) Istituto Paritario Minerva Progetto Educativo di Istituto (P.E.I) ANNO SCOLASTICO 2014-2015 PREMESSA La legge 62 del 10 Marzo 2000, recante Norme sulla parità scolastica e disposizioni sul diritto allo

Dettagli

RELAZIONE DEL GRUPPO AD ALTO LIVELLO SULLO SVILUPPO DI UNO SPAZIOUNICO EUROPEO DEI TRASPORTI SINTESI DELLE RACCOMANDAZIONI

RELAZIONE DEL GRUPPO AD ALTO LIVELLO SULLO SVILUPPO DI UNO SPAZIOUNICO EUROPEO DEI TRASPORTI SINTESI DELLE RACCOMANDAZIONI RELAZIONE DEL GRUPPO AD ALTO LIVELLO SULLO SVILUPPO DI UNO SPAZIOUNICO EUROPEO DEI TRASPORTI Giugno 2012 Gruppo ad alto livello presieduto dal professor B. T. Bayliss SINTESI DELLE RACCOMANDAZIONI Il gruppo

Dettagli

L università che cambia. Una nuova università. Come funziona l università Accesso all università RIFORMA UNIVERSITARIA

L università che cambia. Una nuova università. Come funziona l università Accesso all università RIFORMA UNIVERSITARIA L università che cambia Il volto e l organizzazione degli atenei in Italia è in continua trasformazione. Nell anno accademico 2001/2002, infatti, è stata applicata in tutti gli atenei la riforma universitaria

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE REGIONALE CITTADINANZA DI GENERE E CONCILIAZIONE VITA-LAVORO SOMMARIO

PROPOSTA DI LEGGE REGIONALE CITTADINANZA DI GENERE E CONCILIAZIONE VITA-LAVORO SOMMARIO PROPOSTA DI LEGGE REGIONALE CITTADINANZA DI GENERE E CONCILIAZIONE VITA-LAVORO SOMMARIO TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI OGGETTO PRINCIPI E OBIETTIVI art. 1 Oggetto e principi art. 2 Obiettivi TITOLO II

Dettagli

Capitolo 7 2 LE PRATICHE QUOTIDIANE DI VALUTAZIONE. Negli Stati Uniti si considera che ogni ragazzo abbia delle abilità diverse rispetto gli altri, e

Capitolo 7 2 LE PRATICHE QUOTIDIANE DI VALUTAZIONE. Negli Stati Uniti si considera che ogni ragazzo abbia delle abilità diverse rispetto gli altri, e Capitolo 7 2 LE PRATICHE QUOTIDIANE DI VALUTAZIONE. Negli Stati Uniti si considera che ogni ragazzo abbia delle abilità diverse rispetto gli altri, e siccome la valutazione si basa sulle abilità dimostrate

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxelles, 10.06.2004 COM(2004)415 definitivo COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO Piano d azione europeo per l agricoltura biologica

Dettagli

PQM-PON Potenziamento degli apprendimenti nell area logico-matematica

PQM-PON Potenziamento degli apprendimenti nell area logico-matematica PQM-PON Potenziamento degli apprendimenti nell area logico-matematica Scuola Secondaria di I grado Progetto realizzato con il contributo del Fondo Sociale Europeo - Programma Operativo Nazionale Competenze

Dettagli

Comune di Castelfiorentino

Comune di Castelfiorentino PROTOCOLLO D INTESA TRA COMUNE DI CASTELFIORENTINO CIRCOLO DIDATTICO CASTELFIORENTINO SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO BACCI-RIDOLFI CASTELFIORENTINO ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SUPERIORE F. ENRIQUES

Dettagli

l assicurazione di qualità della convalida dell apprendimento non formale e informale (LLP-LdV-TOI-11-IT-632)

l assicurazione di qualità della convalida dell apprendimento non formale e informale (LLP-LdV-TOI-11-IT-632) (LLP-LdV-TOI-11-IT-632) l assicurazione di qualità della convalida dell apprendimento non formale e informale Il presente progetto è finanziato con il sostegno della Commissione europea. L autore è il

Dettagli

REGIONE TOSCANA PREAMBOLO

REGIONE TOSCANA PREAMBOLO REGIONE TOSCANA L.R. 2 aprile 2009, n. 16 Cittadinanza di genere B.U. Regione Toscana 06 aprile 2009, n. 11 PREAMBOLO Visto l articolo 117, terzo, quarto e settimo comma della Costituzione; Visto l articolo

Dettagli

Giornata di Formazione per referenti delle Scuole Polo

Giornata di Formazione per referenti delle Scuole Polo Giornata di Formazione per referenti delle Scuole Polo Milano, 18 gennaio 2013 1 NORMATIVA RELATIVA ALLA SOLIDARIETA, AL BENESSERE DEGLI STUDENTI E ALL AUTONOMIA DEGLI ISTITUTI SCOLASTICI L. 285/97 relativa

Dettagli

RICERCA, ISTRUZIONE E FORMAZIONE:

RICERCA, ISTRUZIONE E FORMAZIONE: RICERCA, ISTRUZIONE E FORMAZIONE: VALORI PER SOCIETÀ SICURE ED INTERCULTURALI di Giovanna Spagnuolo Ci manca la comunità perché ci manca la sicurezza Z. Bauman (Voglia di comunità, Laterza, Bari-Roma,

Dettagli

Lo Spazio Europeo dell Istruzione Superiore

Lo Spazio Europeo dell Istruzione Superiore Lo Spazio Europeo dell Istruzione Superiore Maria Sticchi Damiani Sapienza, Roma 21 ottobre 2014 1 A Bologna nel 1999 i Ministri dell Istruzione di 29 paesi hanno concepito una visione comune: creare uno

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA ALUNNI DSA

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA ALUNNI DSA MOD. A04 Allegato n. 4 al P.O.F. PROTOCOLLO ACCOGLIENZA ALUNNI DSA Punti del documento: - Dichiarazione d intenti - Premessa - Obiettivi - Procedure e Strategie - Soggetti coinvolti - Prassi condivise.

Dettagli

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA FRA LA REGIONE MARCHE IL MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA

PROTOCOLLO D INTESA FRA LA REGIONE MARCHE IL MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA PROTOCOLLO D INTESA FRA LA REGIONE MARCHE IL MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA IL MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI Per la realizzazione dall anno scolastico 2003/2004

Dettagli

Offerta formativa sperimentale d istruzione e formazione professionale nelle more dell emanazione dei decreti legislativi di cui alla legge 28 marzo

Offerta formativa sperimentale d istruzione e formazione professionale nelle more dell emanazione dei decreti legislativi di cui alla legge 28 marzo Offerta formativa sperimentale d istruzione e formazione professionale nelle more dell emanazione dei decreti legislativi di cui alla legge 28 marzo 2003, n.53 Criteri e procedure per la certificazione

Dettagli

DECENTRAMENTO DELLE POLITICHE DEL LAVORO E SVILUPPO LOCALE L ESPERIENZA ITALIANA Note introduttive. Giovanni Principe General Director ISFOL

DECENTRAMENTO DELLE POLITICHE DEL LAVORO E SVILUPPO LOCALE L ESPERIENZA ITALIANA Note introduttive. Giovanni Principe General Director ISFOL DECENTRAMENTO DELLE POLITICHE DEL LAVORO E SVILUPPO LOCALE L ESPERIENZA ITALIANA Note introduttive Giovanni Principe General Director ISFOL DECENTRALISATION AND COORDINATION: THE TWIN CHALLENGES OF LABOUR

Dettagli

COMITATO TECNICO SCUOLA E UNIVERSITA

COMITATO TECNICO SCUOLA E UNIVERSITA Emilia Gangemi COMITATO TECNICO SCUOLA E UNIVERSITA Linee di indirizzo 12 dicembre 2012 Il quadro disegnato dai dati più recenti, tra cui le indagini ISTAT, in merito al mercato del lavoro nel Lazio non

Dettagli

Per costruire e migliorare il rapporto di collaborazione Scuola /Famiglia

Per costruire e migliorare il rapporto di collaborazione Scuola /Famiglia Istituto Comprensivo - Monte Urano Via Vittorio Alfieri 1 - Monte Urano - prov. Ascoli Piceno - cap.63015 telefono 0734/840605 Fax 0734/840880 Per costruire e migliorare il rapporto di collaborazione Scuola

Dettagli

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO 10 OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI AUTOCONTROLLO ATTENZIONE E PARTECIPAZIONE ATTEGGIAMENTO E COMPORTAMENTO

Dettagli

Quadro di Riferimento PISA per la Literacy Scientifica

Quadro di Riferimento PISA per la Literacy Scientifica Quadro di Riferimento PISA per la Literacy Scientifica Il testo che segue è una sintesi della prima parte dello Science Framework di PISA 2006. Il testo definitivo sarà pubblicato dall OCSE entro il mese

Dettagli

Politica di coesione post 2013 e obiettivi di Europa 2020. Regione del Veneto Assessorato al Bilancio e agli Enti Locali Direzione Programmazione

Politica di coesione post 2013 e obiettivi di Europa 2020. Regione del Veneto Assessorato al Bilancio e agli Enti Locali Direzione Programmazione Politica di coesione post 2013 e obiettivi di Europa 2020 Regione del Veneto Assessorato al Bilancio e agli Enti Locali Direzione Programmazione 1 Il contesto globale Accelerazione e intensificazione delle

Dettagli

Ministero della Pubblica Istruzione Il Ministro

Ministero della Pubblica Istruzione Il Ministro Ministero della Pubblica Istruzione Il Ministro Prot. n. 1437/A6 Roma, 15 Marzo 2007 Linee di indirizzo EDUCAZIONE ALLA SICUREZZA STRADALE VISTA la Costituzione della Repubblica Italiana; VISTO il D.P.R.

Dettagli

PROPOSTE per un PROGRAMMA di LAVORO del CODAU

PROPOSTE per un PROGRAMMA di LAVORO del CODAU PROPOSTE per un PROGRAMMA di LAVORO del CODAU Premessa Nel rispetto delle linee tracciate dal nuovo Statuto approvato dall Assemblea del 18-19-20 marzo 2004, si ritiene opportuno fare una premessa metodologica,

Dettagli

PROGETTO NAZIONALE QUALITÀ E MERITO (PQM)

PROGETTO NAZIONALE QUALITÀ E MERITO (PQM) PROGETTO NAZIONALE QUALITÀ E MERITO (PQM) Le note riportate corrispondono ad alcune sezioni estratte dalla documentazione accessibili online all indirizzo www.pqm.indire.it. Le sezioni integralmente riportate

Dettagli

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE Le piccole imprese sono la spina dorsale dell'economia europea. Esse sono una fonte primaria di posti di lavoro e un settore in cui fioriscono le idee commerciali.

Dettagli

Realizzare la valutazione inclusiva

Realizzare la valutazione inclusiva LA VALUTAZIONE NELLE CLASSI COMUNI IT Realizzare la valutazione inclusiva La fase conclusiva del progetto La valutazione nelle classi comuni dell Agenzia ha visto un dibattito e una spiegazione del concetto

Dettagli

3.6 La mobilità transnazionale e la cooperazione a supporto dell istruzione, della formazione e dell'occupabilità

3.6 La mobilità transnazionale e la cooperazione a supporto dell istruzione, della formazione e dell'occupabilità 3.6 La mobilità transnazionale e la cooperazione a supporto dell istruzione, della formazione e dell'occupabilità Obiettivo globale 6 - Promuovere politiche di mobilità transnazionale e di cooperazione

Dettagli

Il Rapporto di Autovalutazione. Prof.ssa Maria Rosaria Villani

Il Rapporto di Autovalutazione. Prof.ssa Maria Rosaria Villani Il Rapporto di Autovalutazione Prof.ssa Maria Rosaria Villani D.P.R. 28 marzo 2013, n. 80 recante il Regolamento sul Sistema Nazionale di valutazione in materia di istruzione e formazione, in vigore dal

Dettagli

PROPOSTA DI PROGETTO DI LEGGE. Qualità, innovazione ed internazionalizzazione nei sistemi di istruzione, formazione e lavoro in Regione Lombardia

PROPOSTA DI PROGETTO DI LEGGE. Qualità, innovazione ed internazionalizzazione nei sistemi di istruzione, formazione e lavoro in Regione Lombardia PROPOSTA DI PROGETTO DI LEGGE Qualità, innovazione ed internazionalizzazione nei sistemi di istruzione, formazione e lavoro in Regione Lombardia Art. 1 (Innovazione nel sistema educativo di istruzione

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO

PROVINCIA DI PESARO E URBINO Allegato alla delibera di G.P. n. del PROVINCIA DI PESARO E URBINO SISTEMA DI VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE INDIVIDUALE ED ORGANIZZATIVA DEI DIPENDENTI DEI LIVELLI IVI COMPRESI GLI INCARICATI DI P.O. E

Dettagli

Bozza,NV 20 Settembre DOCUMENTO INTRODUTTIVO

Bozza,NV 20 Settembre DOCUMENTO INTRODUTTIVO Bozza,NV 20 Settembre DOCUMENTO INTRODUTTIVO Comitato per lo Sviluppo della Cultura Scientifica e Tecnologica Roma, 8 Ottobre 2010 Premessa Il problema dello sviluppo della cultura Scientifica e Tecnologica

Dettagli

PROTOCOLLO PER L ACCOGLIENZA E L INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO PER L ACCOGLIENZA E L INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI ISTITUTO COMPRENSIVO di PORTO MANTOVANO (MN) Via Monteverdi 46047 PORTO MANTOVANO (MN) tel. 0376 398 781 e-mail: mnic813002@istruzione.it e-mail certificata: mnic813002@pec.istruzione.it sito internet:

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO CEPAGATTI a. s. 2014-2015. DIPARTIMENTI per AREE DISCIPLINARI e/o per ASSI CULTURALI

ISTITUTO COMPRENSIVO CEPAGATTI a. s. 2014-2015. DIPARTIMENTI per AREE DISCIPLINARI e/o per ASSI CULTURALI ISTITUTO COMPRENSIVO CEPAGATTI a. s. 2014-2015 DIPARTIMENTI per AREE DISCIPLINARI e/o per ASSI CULTURALI Composizione I Dipartimenti sono composti dai docenti, raggruppati per aree disciplinari e/o per

Dettagli

CONSIGLIO D EUROPA COMITATO DEI MINISTRI

CONSIGLIO D EUROPA COMITATO DEI MINISTRI CONSIGLIO D EUROPA COMITATO DEI MINISTRI Raccomandazione Rec(2001)1 del Comitato dei Ministri (degli Esteri) agli Stati membri sul Servizio Sociale (adottato dal Comitato dei Ministri (degli Esteri)0il

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA M.I.U.R.

PROTOCOLLO D INTESA TRA M.I.U.R. PROTOCOLLO D INTESA TRA M.I.U.R. Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca e ItaliaNostra onlus Associazione nazionale per la tutela del patrimonio storico, artistico e naturale VISTO

Dettagli

Legge n. 170 del 08-10-2010 LEGGE 8 ottobre 2010, n. 170 Nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambito scolastico. (GU n.

Legge n. 170 del 08-10-2010 LEGGE 8 ottobre 2010, n. 170 Nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambito scolastico. (GU n. Legge n. 170 del 08-10-2010 LEGGE 8 ottobre 2010, n. 170 Nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambito scolastico. (GU n. 244 del 18-10- 2010 ). La Camera dei deputati ed il Senato

Dettagli

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI

Dettagli

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione)

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione) Raccomandazione CM/Rec(2010)7 del Comitato dei Ministri agli stati membri sulla Carta del Consiglio d Europa sull educazione per la cittadinanza democratica e l educazione ai diritti umani * (adottata

Dettagli

IL PROGETTO «LAUREE SCIENTIFICHE»

IL PROGETTO «LAUREE SCIENTIFICHE» IL PROGETTO «LAUREE SCIENTIFICHE» XI IL PROGETTO «LAUREE SCIENTIFICHE» Il Progetto «Lauree Scientifiche» nasce inizialmente dall esigenza di contrastare il drammatico calo di immatricolazioni ai Corsi

Dettagli

5 Orientamento all Europa Marina Silverii 1

5 Orientamento all Europa Marina Silverii 1 5 Orientamento all Europa Marina Silverii 1 Idocumenti ufficiali della Commissione Europea relativi all istruzione e alla formazione a partire dal 1996 (anno europeo del lifelong learning), ribadiscono

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 SVILUPPO LOCALE DI TIPO PARTECIPATIVO POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A dicembre 2013, il Consiglio dell Unione europea ha formalmente adottato le nuove normative e le leggi che regolano il ciclo successivo

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE ISTITUTO ANNO SCOLASTICO INDIRIZZO CLASSE PRIMA SEZIONE DISCIPLINA DOCENTE QUADRO ORARIO (N. ore settimanali nella classe) 1. FINALITA DELLA DISCIPLINA L asse

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO NETTUNO I VALUTAZIONE INTERMEDIA

ISTITUTO COMPRENSIVO NETTUNO I VALUTAZIONE INTERMEDIA ISTITUTO COMPRENSIVO NETTUNO I VALUTAZIONE INTERMEDIA ANNO SCOLASTICO 212/213 Il percorso di autovalutazione dei risultati di apprendimento dell Istituto Comprensivo Nettuno I ha lo scopo di : Scuola dell

Dettagli

Soggiorni di studio all estero Sottoprogramma Comenius Mobilità individuale degli alunni. Incontro del 14 ottobre 2011 Roma Liceo Tasso

Soggiorni di studio all estero Sottoprogramma Comenius Mobilità individuale degli alunni. Incontro del 14 ottobre 2011 Roma Liceo Tasso Soggiorni di studio all estero Sottoprogramma Comenius Mobilità individuale degli alunni Incontro del 14 ottobre 2011 Roma Liceo Tasso Premessa Numerosi alunni delle scuole secondarie di istruzione secondaria

Dettagli

e-learning Pensare all'istruzione di domani

e-learning Pensare all'istruzione di domani 1 COMMISSIONE DELLE COMUNITA EUROPEE e-learning Pensare all'istruzione di domani Introduzione Durante il Consiglio europeo di Lisbona, tenutosi nei giorni 23 e 24 marzo 2000, i Capi di Stato e di Governo,

Dettagli

IL CONSIGLIO DELL'UNIONE EUROPEA E I RAPPRESENTANTI DEI GOVERNI DEGLI STATI MEMBRI, I. INTRODUZIONE

IL CONSIGLIO DELL'UNIONE EUROPEA E I RAPPRESENTANTI DEI GOVERNI DEGLI STATI MEMBRI, I. INTRODUZIONE C 183/12 IT Gazzetta ufficiale dell'unione europea 14.6.2014 Risoluzione del Consiglio e dei rappresentanti dei governi degli Stati membri, riuniti in sede di Consiglio, del 21 maggio 2014, sul piano di

Dettagli

PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015

PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015 PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015 La definizione del Programma Il Programma annuale è elaborato ai sensi del Regolamento concernente le istruzioni generali sulla gestione amministrativo -

Dettagli

Delibera del Collegio dei Docenti. Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante

Delibera del Collegio dei Docenti. Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante Delibera del Collegio dei Docenti Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante Anno scolastico 2013/2014 IL COLLEGIO DEI DOCENTI VISTI CONSIDERATO ESAMINATE PRESO ATTO TENUTO CONTO

Dettagli