Rallo. Cartella Stampa Press Kit. AZIENDA AGRICOLA Rallo

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Rallo. Cartella Stampa Press Kit. AZIENDA AGRICOLA Rallo"

Transcript

1 Rallo Cartella Stampa Press Kit AZIENDA AGRICOLA Rallo

2 RALLO radicati nel presente, dal 1860 DALLE ORIGINI A OGGI: UN MARCHIO CHE FA STORIA È il 1860 quando Diego Rallo fonda le storiche Cantine. Sono gli anni dell Unità d Italia, di Garibaldi e del marsala, vino apprezzato ed esportato in tutto il mondo, attore protagonista dell enologia italiana di quei tempi. La storia continua e si rinnova: Rallo è ancora oggi sinonimo di affidabilità e qualità. Non solo vini fortificati ma i prodotti Rallo sono anche fini vini da pasto, eleganti e fruttati che riflettono i gusti dei moderni estimatori, di coloro che rispettando il vino come alimento trovano in esso soddisfazione organolettica e motivo di convivialità.

3 LA FAMIGLIA VESCO: PERFEZIONISTI DI NATURA Nel 1997 la famiglia Vesco diventa proprietaria delle Cantine Rallo, portando in dote una florida azienda agricola situata nella zona classica della D.O.P. Alcamo. I Vesco colgono l importante eredità di un marchio storico e, grazie a un ambizioso progetto, ne segnano la rinascita. Infatti, è attraverso la cura minuziosa dei dettagli, la costante ricerca della perfezione e dell equilibrio che Cantine Rallo diventa nuovamente un punto di riferimento per tutta l enologia e la vitivicultura siciliana.

4 TRE SITI, UN UNICA REGIA Nell aprile del 2010 un ulteriore svolta segna la storia della Rallo: la definizione giuridica di Società Agricola secondo quanto prevede l art del c.c. E questa la veste più consona al progetto Rallo che prevede la valorizzazione, attraverso la loro trasformazione, delle principali produzioni agricole della provincia di Trapani; in particolar modo dei prodotti dei propri tre siti agricoli ubicati nei comuni di Alcamo, Marsala e Pantelleria. Andrea Vesco, il cui omonimo nonno diede il là alla creazione della dote agricola con la quale la famiglia arricchì l azienda dopo l acquisizione, guida con sapiente impegno la Cantina, curando personalmente e scrupolosamente tutte le fasi della produzione: dalla coltivazione delle uve all imbottigliamento del vino, il tutto con il valido supporto professionale di uno staff di oltre 20 collaboratori. Le tecniche fungono da guida, in una relazione dialettica, che vede la natura compiere al meglio il suo percorso. Nascono così i vini Rallo, dal 2010 integralmente prodotti e confezionati all origine dal viticultore. Vini figli di agricoltura biologica certificata, i migliori e più compiuti rappresentanti delle cultivar tipiche della Sicilia occidentale. Alcamo / Patti Piccolo Marsala / Piane Liquide Pantelleria / Bugeber

5 IL TERRITORIO L Uva Regina d Occidente UNA TERRA VOCATA PER IL VINO: LA SICILIA OCCIDENTALE L area della Sicilia occidentale in cui hanno sede le Cantine vanta un patrimonio ampelografico di inestimabile valore: con i suoi 70 mila ettari di vigneti la provincia di Trapani è la più vitata d Italia. La mitezza del clima che si sposa con la ricchezza dei terreni, prevalentemente sabbiosi, determina la forte vocazione della zona.

6 UN VIAGGIO, TRE TAPPE Il nostro viaggio inizia nella cittadina di Alcamo, nel cuore della Sicilia centrooccidentale, in collina, e porta fino all isola di Pantelleria passando per Marsala, proprio a ridosso del mare, dello stesso mare su cui si affaccia la sede storica della Rallo - Società Agricola. Terra di antica civiltà vinicola, ossia di cultura e pratiche agronomiche tramandate da generazioni, la zona di Alcamo è caratterizzata dalla presenza di colline fertili e sabbiose; su questi suoli, coltivati a vite da più di tre secoli, si allevano diversi vitigni, ma in maniera più diffusa, il Nero d Avola e il Catarratto: l uno rappresenta il vanto dell enologia siciliana; l altro, invece, una scommessa su cui Rallo investe e crede molto. Cultivar di base per l Alcamo bianco D.O.P., il Catarratto è rimasto per troppo tempo dietro le quinte dell enologia italiana, avendo avuto per molti anni il solo compito di dare forza e carattere ai deboli e spesso anonimi vini del nord italia.

7 ALCAMO Vendemmie leggermente anticipate, rese misurate per ceppo, poche concimazioni e potature equilibrate consentono di produrre uve perfette, basi per ottimi vini. Uno dei risultati concreti è il vino Carta d Oro, primo ed unico Alcamo D.O.P. ad aggiudicarsi durante la 37ª edizione del Vinitaly di Verona la Gran Medaglia d Oro nella sua categoria. Il vanto di casa Rallo a base di uve Catarratto è il Beleda, prodotto secondo il disciplinare della DOP Sicilia, un vino unico e ineguagliabile a queste latitudini per finezza, persistenza ed intensità aromatica. Il Nero d Avola, sviluppa in questi suoli sabbiosi, su queste colline alte mediamente 350 metri inconfondibili e marcati profumi di ciliegia e di lampone. Il Principe dei vitigni italiani, il più popolare tra i vitigni siciliani, qui acquisisce un identità unica, espressa anche dal monovarietale di nuovi natali, Il Manto.

8 MARSALA Marsala, antico porto del Mediterraneo fondato dai Fenici e conquistato dagli Arabi, deve la sua fama al vino che porta il suo nome. Così come ad Alcamo non esiste un fazzoletto di terra che non sia in collina, a Marsala tutto è piano, ettari ed ettari perfettamente pianeggianti si susseguono trovando come unico ed invalicabile argine il mare. Le viti basse e potate ad alberello crescono fin sulla sabbia. Il territorio, che raggruppa vari comuni della Sicilia occidentale ed ha Marsala come riferimento, è zona D.O.P. da decenni, sinonimo di vini fortificati a carattere ossidativo, la prima riconosciuta in Italia. Tale primato, per colpa di molti, rischia di limitarsi alla dimensione temporale. Ed è solo per la tenace caparbietà di pochissimi produttori che antiche e sofisticate quanto raffinate tecniche di produzione e invecchiamento, quali la fortificazione e la Soleras, vengono mantenute e tramandate. Le Cantine Rallo propongono ai propri estimatori una riserva di Marsala Vergine invecchiata in piccole botti di rovere, con il metodo Soleras (dal quale trae il nome), appunto, per oltre vent anni. Ma non finisce qui, da quel Grillo, sapido e minerale, cresciuto sotto il sole cocente dell isola e temprato dalla salsa brezza di mare, la Rallo ottiene un fine vino da pasto a DOP Sicilia, il Bianco Maggiore, che ha appena ottenuto il prestigioso Tre Bicchieri dalla guida ai Vini d Italia edita dal Gambero Rosso, nonché il Premio Speciale conferito come Miglior Acquisto possibile, grazie all ottimo rapporto qualità/prezzo.

9 PANTELLERIA Siamo partiti dall entroterra per arrivare fin alla costa e dalla costa adesso ci spostiamo, salpando in mare su un altra isola, molto più piccola della prima ed ancora più a sud: Pantelleria. Sull isola i terrazzamenti lavici di muretti a secco insieme alle vigne e agli ulivi bassi e ricurvi sono i protagonisti del paesaggio. Senza pali, senza fili, dentro una conca, la vigna di Pantelleria è vigna primordiale e, se i sesti non fossero così perfettamente regolari, sembrerebbe quasi spontanea e selvaggia. Figlia del vento, del sole e del vulcano, l uva Zibibbo è la regina dell isola. Dai suoi acini, lasciati appassire al sole, nasce il Passito, vino dall aspetto denso e mieloso con tipici ed inconfondibili sentori di albicocca, fichi secchi e datteri, vera poesia e prodigio dell enologia siciliana. Nel 2009, il Passito di Pantelleria Rallo annata 2006 guadagna la Gran Medaglia d Oro alla XVI edizione del Concours Mondial de Bruxelles.

10 LA BASE AGRICOLA La Cura di un Ricco Patrimonio Naturale per Vini Autentici e Naturalmente Biologici IL VIGNETO DI ALCAMO - PATTI PICCOLO Siamo ad Alqam, terra fangosa, la fertile terra in cui pulsa il cuore della viticoltura della Sicilia centro-occidentale. Ma siamo anche al confine con Monreale, l antico villaggio arabo situato alle pendici del Monte Caputo. Qui in contrada Patti Piccolo si estendono i cento ettari del principale dei tre siti agricoli della Rallo.

11 PADRI PER CULTURA Il progetto di valorizzazione del vigneto di Alcamo ha una storia che inizia negli anni 20 del secolo scorso quando don Benedetto, il bisnonno di Andrea Vesco, l attuale Presidente, acquista pochi ettari in quella contrada. È lui a gettare il primo seme, sarà il figlio Andrea, nonno del giovane Andrea, a cogliere i frutti e a spargere altra semente per le viti e le vite che verranno. Negli anni Cinquanta, il piccolo fazzoletto di inizio Novecento è già cresciuto: somiglia, infatti, seppure in parte, all attuale fondo agricolo, figlio di padri che rispettano una madre generosa; padri che per cultura sentono l esigenza di fare il loro mestiere ; padri che seguono, guidano, indirizzano. Quell appezzamento costituirà il nucleo originario di una più vasta ed ambiziosa progettualità.

12 BIOLOGICI SECONDO NATURA Il piccolo vigneto di una volta, oggi ristrutturato ed ampliato, è una realtà moderna ed efficiente: 100 ettari di estensione, di cui 68 circa di vigneto, 12 a seminativo, 7 di uliveto, 10 di bosco e 3 di stradelle. La coltivazione della vite, qui come altrove, è frutto di un incontro felice tra l uomo e il suo l ambiente. Uve perfettamente sane dal giusto equilibrio acido-zuccherino, giungono a maturazione, in un clima contraddistinto da forti escursioni termiche tra il giorno e la notte e tra una stagione e l altra, grazie al duro lavoro di uomini capaci e rispettosi che coltivano la terra con i metodi e gli strumenti ammessi in regime di agricoltura biologica certificata dalla Agribiocert di Bologna che garantisce il pieno rispetto delle regole.

13 LA DIVERSITÀ: UN VALORE, UNA GUIDA In un ambiente adatto per natura, l uomo accompagna lo sviluppo di individui che vedono progressivamente conquistare una propria identità. Autoctoni e internazionali, i vitigni di Patti Piccolo godono di un allevamento scrupoloso, mai distratto, attento ma non invasivo. Il primo insegnamento si chiama biodiversità. NO AI FIGLI UNICI La pratica dell inerbimento, l impiego esclusivo e moderato di concimi organici per la nutrizione, di zolfo e poco rame per la difesa, unito all impiego di tecniche di confusione sessuale a feromoni per gli insetti, scagiona i filarti da qualunque minaccia di sintesi chimica. Nel nome della biodiversità, vaste aree, circa il 10% del totale, sono sottratte alla coltivazione e si alternano alla superficie vitata ed arborata; così facendo, numerose oasi di salvaguardia ambientale, insieme agli arredi rurali, preservano l esistenza di specie animali e vegetali altrimenti compromessa dalla monocoltura. Varia, così è questa terra, proprio come la vita sulla Terra. Batteri, insetti, funghi e microbi indispensabili all equilibrio del sistema: qui continuano a riprodursi e a combattersi, generazione dopo generazione; un meccanismo naturale che genera equilibrio nel ciclo vitale, in cui nessuno prevarica sull altro, dove ciascuno contribuisce al tutto e il tutto assume significato e valore grazie al singolo.

14 Ecco allora come appare il sito di Alcamo: filari ordinati, allevati con cura, cresciuti insieme ad erbe, fiori, alberi, siepi, fra cui si muovono silenziosamente di continuo macro e microrganismi, fonte di ricchezza per questi suoli. Tra rovi, pini mediterranei, ulivi, rosmarini prospera una famiglia variegata. Si chiamano Catarratto, Insolia, Viogner, Chardonnay, Müller Thurgau, Sauvignon Blanc, Zibibbo, Cabernet Sauvignon, Merlot, Syrah e Nero d Avola. Undici figli, propri e d adozione, tutti allevati in nome di uno stesso principio: trasformare solo quelle varietà che trovano nella Sicilia occidentale il loro ambiente ideale. GLI ALLEVAMENTI Gli allevamenti si dispongono su terreni collinari ad altitudine variabile da circa 250 metri ai 600 della collina su cui è impiantato il Müller Thurgau. Gli impianti hanno una densità pari a 4-5mila ceppi per ettaro, a seconda delle cultivar e delle zone. Questa densità, nuova per l area, consente di ridurre il carico d uva per singola pianta, favorendo la concentrazione di zuccheri e polifenoli nei grappoli. La coltivazione delle piante avviene in asciutto con la possibilità, grazie ad un bacino artificiale, di intervenire nell anno con una o due irrigazioni di soccorso. Sui filari, disposti a controspalliera, si pota a guyot o a cordone speronato semplice, mentre per la vendemmia si utilizza, salvo rare e motivate eccezioni, il metodo manuale. Tutti gli impianti hanno l impalcatura in legno per i pali di testata ed acciaio per i pali vignaioli, i fili sono in acciaio inox così come tutti gli accessori. I fili sono distribuiti su 3 ordini al fine di contingentare la vegetazione senza dover far ricorso a cimature. Le rose, sentinelle della vigna, ornano tutte le testate.

15 CATARATTO E INZOLIA Una buona parte di Patti Piccolo è dedicata al Catarratto, circa quattordici ettari che costituisce il nerbo della produzione della Rallo: Carta d Oro e Beleda, D.O.C. Sicilia. Anche il vigneto dell Insolia occupa una percentuale rilevante dei vigneti di Patti Piccolo, con piante che hanno un età superiore ai quindici anni e che danno linfa al monovarietale Evrò; sia Catarratto che Insolia sono allevati a controspalliera e potati a guyot. NERO D AVOLA Su poco più di dodici ettari tra i 250 e i 400 metri di altezza, con suoli principalmente sabbiosi, alleviamo con estrema attenzione il Nero d Avola che vinifichiamo in purezza per dare i natali da solo al nostro Manto DOP Sicilia e in blend per Il Principe DOP Sicilia. MULLER THURGAU Il vigneto che si estende per tre ettari è stato impiantato nel 2003 e le produzioni confermano come, grazie al particolare microclima di Patti Piccolo e all altitudine a cui è allevato, circa 600 metri, questo vitigno, seppure abituato a latitudini ben diverse, si adatti perfettamente e sia in grado di produrre uve dalla perfetta integrità aromatica.

16 CHARDONNAY Anche lo Chardonnay è un vigneto giovane, entrato in produzione con la vendemmia Su una delle colline più alte, a circa 400 metri, con esposizione a nord, beneficia dei venti freschi di tramontana. Viene allevato a cordone speronato semplice ed è stato impiantato con una densità di 5200 ceppi per ettaro. L ubicazione del vigneto, la forma di allevamento, i suoli freschi e sabbiosi, l intensità di impianto con le relative bassissime rese per ceppo, garantiscono l ottenimento di uve atte a dare vini di grande longevità e corpo. Il vino ottenuto viene, di volta in volta, a discrezione degli enologi, utilizzato in taglio. MERLOT Il vigneto di Merlot, cinque ettari, situato all ingresso dell azienda, lungo la strada provinciale, è esposto a sud ovest e conta tre diversi cloni ed un unico portainnesto SO4. Degrada dolcemente verso il basso, al centro della vallata. E stato impiantato da quasi dieci anni. Viene sempre allevato a cordone speronato semplice ed è stato impiantato con una densità di 4830 ceppi per ettaro. Le sue uve sono generalmente vendemmiate tra la seconda metà di Agosto e la prima decade di Settembre.

17 SYRAH Nella zona di Alcamo il Syrah, da più di un decennio, trova le condizioni ideali per il suo migliore sviluppo. A Patti Piccolo ha trovato spazio dal 2004, anno del primo impianto. A lui è stato dedicato un appezzamento di origine alluvionale, ricco di scheletro, esposto a sud. Il sistema di allevamento è sempre a cordone speronato semplice e la densità per ettaro elevata, pari a 5200 ceppi. La Clarissa I.G.P. Sicilia è il nome del vino ottenuto con queste uve, nome dato per la particolare ubicazione del vigneto, un tempo giardino di un convento di suore clarisse.

18 IL VIGNETO DI MARSALA - PIANE LIQUIDE La città di Marsala ospita la sede storica della Rallo, nonché gli uffici tecnici e commerciali della Cantina. Il legame che la Cantina ha con la cittadina costiera è completato dalla presenza di una proprietà agricola Piane Liquide che si estende per circa dieci ettari nei pressi della Riserva naturale dello Stagnone. Lì dove mare e terra si confondono in un continuum senza confini ben distinguibili, dove le saline si mostrano come vasche dentro le quali lo spazio si scioglie ed il sole si specchia. GRILLO Delle Piane Liquide il Grillo, vitigno maggiormente rappresentativo dell areale che storicamente veniva utilizzato come base per il Marsala e che oggi acquisisce nuova e più elegante identità nel Bianco Maggiore DOP Sicilia. Tipico di questa fascia costiera il Grillo conquista la pienezza del suo gusto e del suo aroma e la particolare sapidità che lo contraddistingue. Il sistema di allevamento è sia ad alberello che a controspalliera, la potatura a guyot a 6 gemme. Questo vitigno, che ha guadagnato per il brand di Marsala i più mprestigiosi premi nella stagione 2014, ad oggi è una delle più importanti scommesse a firma Rallo che si possono dire Vinte.

19 IL VIGNETO DI PANTELLERIA - BUGEBER Due ettari il vigneto di Pantelleria a strapiombo sul lago di Venere. Il Moscato d Alessandria, comunemente chiamato Zibibbo, termine retaggio della colonizzazione araba. Genericamente gli Arabi chiamano Zibib l uva. Coltivata in particolari conche per difendere le piante dal vento e consentire alle stesse un migliore sfruttamento delle risorse idriche, in contrada Bugeber, l uva di Pantelleria è una fonte straordinaria di sfumature gusto olfattive. Il sistema di allevamento utilizzato è quello tradizionale ad alberello pantesco con quattro speroni, la densità altissima, si può arrivare teoricamente fino a diecimila piante per ettaro. Data la particolare conformazione orografica, l agricoltura è praticata, escluse le piane di Ghirlanda e Monastero, solo sui terrazzamenti mai più grandi di 3mila, 4mila metri quadrati; per cui diecimila piante tutte su un unico piano rappresenrtano una rarità. La vendemmia va da metà settembre ai primi di ottobre.

20 L OLIO Da millenni nei nostri territori la vite è sposata con l ulivo. Entrambe queste coltivazioni costituivano la base dell alimentazione dei nostri antenati, della storia enogastronomica del Mediterraneo. Al centro di Patti Piccolo sorge la collina dell uliveto, che si estende per cinque ettari, con millequattrocento alberi di olive, la quasi totalità messi a dimora più di cento anni fa. Anche questi alberi, oggi, sono allevati nel rispetto delle procedure accettate dai regimi di agricoltura biologica certificata. Monocultivar Cerasuola con sesto di allevamento di 5 metri per 5 metri e la potatura ad ombrello. La zona ha una grandissima vocazione alla produzione olearia. L escursione termica tra notte e giorno, anche d estate, favorisce lo sviluppo nella drupa dei precursori aromatici indispensabili a dare all olio ricchezza e complessità gusto-olfattiva. Per questo motivo Cantine Rallo ha deciso di proporre anche un suo olio ma più per far partecipe il pubblico di quanto consumato giornalmente sulla tavola della famiglia Vesco che per un mero interesse economico. Le bottiglie prodotte sono in numero ridotto, numerate e certificate dalla C.C.I.A.A. di Trapani secondo il Disciplinare D.O.P. Valli Trapanesi.

21 I VIGNETI IN SINTESI Ubicazione Alcamo (Trapani), Monreale (Palermo), sedi principali; Marsala e Pantelleria (Trapani), sedi secondarie Estensione 80 ettari Cultivar Catarratto, Insolia, Merlot, Cabernet Sauvignon, Sauvignon Blanc, Müller Thurgau, Viogner, Syrah, Nero d Avola, Grillo, Zibibbo Allevamento Controspalliera ed alberello Potatura Guyot, cordone speronato e alberello alcamese, marsalese e pantesco Suoli Sabbiosi, in parte moderatamente argillosi e limosi Altitudine 30 / 600 metri s.l.m. Esposizione Tutte

22 LA CANTINA Gli Uomini e la Tecnologia per Vini di Qualità IL BAGLIO A Marsala, sulla via del vino delle Terre d Occidente, si trova la sede principale della Rallo, uno splendido edificio costruito alla fine dell Ottocento. La storica e prestigiosa Cantina, affacciata sul mare, di fronte alle isole Egadi, ha un fascino unico e rispecchia la tipologia tradizionale del baglio trapanese, composto da due corpi di fabbrica che si dispongono specularmene attorno a un vasto cortile quadrangolare. Il baglio è l antica espressione architettonica dell economia rurale siciliana. La collocazione sul mare, favorevole per l approvvigionamento e il commercio dei prodotti, aveva il grave svantaggio di rendere le attività commerciali estremamente vulnerabili agli attacchi provenienti dal mare. Per proteggere i propri beni e i propri interessi dagli avventurieri che si aggiravano per il Mediterraneo i contadini e i commercianti rifugiavano le loro attività in edifici fortificati: i bagli, appunto. Il baglio di Cantine Rallo copre un estensione di due ettari e mezzo, per una lunghezza di circa 320 metri e una superficie coperta di circa mq. L accesso dall imponente portale immette, lasciando il mare alle spalle, nel cortile, dominato al centro da un palazzina in stile Ingham a due piani più mansarda, sede attuale degli uffici e futura della ricezione della Cantina. Alle spalle dell edificio un giardino ottocentesco in fase di recupero.

23 TRADIZIONE E INNOVAZIONE L edificio, recentemente ristrutturato, è la sintesi di tradizione e innovazione su cui Cantine Rallo fonda il proprio operato: accanto alle bottaie, protagoniste dell antica e insostituibile tecnica di affinamento del vino, si dispongono i più moderni macchinari per la vinificazione e una linea di imbottigliamento veloce e versatile. Tutti i locali della Cantina, le bottaie, i magazzini e le aree di transito sono termo ed igrocondizionati ad una temperatura costante di 17 C. e 80% di umidità.

24 IL GIUSTO CONNUBIO TRA QUALITÀ E MERCATO Le risorse umane e le dotazioni tecniche della Cantina sono tra le più qualificate per raggiungere con successo gli obiettivi che l azienda si prefigge. Un gruppo appassionato di uomini esperti e dediti al proprio lavoro anima la vita della Cantina e, insieme alla direzione e agli enologi, costituisce il fulcro dell attività aziendale. Il team enologico si avvale da due anni della prestigiosa consulenza di Carlo Ferrini, il cui nome è legato indissolubilmente alla recente storia del vino italiano. Le dimensioni della Cantina sono le più favorevoli al raggiungimento degli obiettivi aziendali. Rallo è una realtà media che non si concentra solo sui numeri come le aziende di grandi dimensioni e che non produce vini per pochi eletti come le piccole realtà locali, ma che punta ad essere presente sul mercato nel totale rispetto della qualità.

25 LE CERTIFICAZIONI La qualità e la perfezione perseguite in tutte le fasi di lavorazione nel pieno rispetto dell ambiente hanno fatto meritare alle Cantine Rallo le certificazioni UNI EN ISO 9001:2008 e 14001:2004. L azienda è inoltre in possesso delle certificazioni di prodotto IFS e BRC. ISO 9001/2008: IL CONTROLLO TOTALE L impegno e il valore del lavoro orientato alla completa soddisfazione delle aspettative dei consumatori hanno valso all azienda l ottenimento della certificazione ISO Le Cantine Rallo forniscono al cliente prodotti della qualità desiderata grazie ad un accurata selezione delle uve e delle materie prime, al costante monitoraggio dei prodotti fin dall origine e al totale controllo del processo produttivo, attraverso l utilizzo di un equipaggiato laboratorio di analisi. ISO 14001: 2004 QUANDO IL VINO RISPETTA LA NATURA Essere certificati ISO per l azienda vuol dire vedersi riconoscere l attenzione all ambiente sia per quanto riguarda la coltivazione della vite, sia per i processi di produzione del vino, ma anche la correttezza e la completezza nella gestione delle attività aziendali in una logica di sostenibilità. Infatti, questo riconoscimento si inserisce in un progetto più ampio di qualità totale in senso etico e che riguarda anche l impatto sociale e la cultura del paesaggio. Molteplici fattori hanno concorso alla certificazione ambientale: oltre alle coltivazioni biologiche certificate, anche i criteri rispettosi dell ambiente in fatto di smaltimento dei rifiuti, la limitazione dei consumi energetici, la manutenzione degli impianti, la sensibilizzazione e soddisfazione del personale.

26 LA CANTINA IN SINTESI Ubicazione Marsala e Pantelleria (Trapani) Dotazioni Produzione, invecchiamento (cantina per l affinamento), linea di imbottigliamento, sala degustazione, uffici, magazzini. Superficie mq (coperti ) Capacità in acciaio hl Capacità in legno hl Capacità in cemento hl Linea Imbottigliamento bottiglie/ora Magazzino 900 mq termo-controllati a temperatura di 17 C Produzione bottiglie Formati Bottiglie da lt. 0,375-0,50 e 0,75 in casse da 6/12/24

27 IL PROCESSO PRODUTTIVO LA VENDEMMIA Le uve prodotte vengono portate in cantina per essere trasformate in vino. I grappoli, scelti con cura e raccolti a mano, vengono posti per la maggior parte in piccole cassette, scartando, quando necessario, quelli non idonei alla vinificazione. La vendemmia avviene in tempi successivi, a seconda dello stato di maturazione delle varie cultivar nelle singole parti del vigneto: le uve bianche sono solitamente raccolte tra la fine di agosto e i primi giorni di settembre, mentre per le uve rosse, in particolare per il Cabernet, la vendemmia prosegue fino a metà ottobre. Come in gran parte della Sicilia, per via del gran caldo, la raccolta dell uva in pieno giorno è sconsigliabile. Per salvaguardare la dotazione aromatica delle uve a bacca bianca, normalmente la raccolta avviene nelle prime ore del mattino quando l uva raggiunge la temperatura più bassa. Il trasporto avviene in cantina in cassette o in cassoni solo nelle ore più fresche della giornata.

28 L ARRIVO IN CANTINA Le uve vengono accolte in Cantina seguendo gli stessi principi di passione e dedizione con cui vengono allevate. Per assicurare procedure di vinificazione ottimali la Cantina è attrezzata con le più moderne attrezzature enologiche. Un vasto assortimento di tini, in acciaio e in legno, consente di effettuare le lavorazioni anche per piccole quantità di uve, potendo in tal modo adattare la trasformazione alla produzione agricola e ai risultati di ciascuna vendemmia. Una volta giunti in cantina e prima di essere immessi nella diraspatrice, i grappoli vengono raffreddati e sterilizzati grazie al passaggio in un tunnel saturo di anidride carbonica, al doppio fine di preservare le sostanze volatili (aromi) e di eliminare la flora microbatterica. LA PIGIATURA La cantina dispone di due pigiadiraspatrici, una per i bianchi e una per i rossi, entrambe dotate di fascio tubiero refrigerato che porta la pasta, ottenuta dalla diraspatura, all interno della pressa per i vini bianchi e alle rispettive vasche per i rossi. Il fascio tubiero abbassa la temperatura del mosto gradatamente, tanto che esso giunge all interno del vinificatore cui è destinato, ad una temperatura intorno ai 20/21 per i rossi e 8/10 per i bianchi. Le cassette che restano in attesa di poter essere svuotate all interno dei diraspatori sono collocate all interno di locali climatizzati, in modo da evitare l innalzamento della temperatura dell uva. LA VINIFICAZIONE: I VINI BIANCHI Le uve a bacca bianca, per ottenere vini freschi e profumati, vengono vinificate utilizzando talvolta il metodo della criomacerazione, oltre a quello della riduzione. A seconda delle scelte si utilizzano presse differenti. Quella saturabile di azoto per le vinificazioni in riduzione dove le uve arrivano in pressa perfettamente integre senza passare dalla pigia-diraspatrice e dal fascio tubiero di scambio. Per la criomacerzione, invece, le bucce ricche di sostanze aromatiche sono tenute a contatto con il mosto alla temperatura di 4 C per circa due/tre ore. Inoltre, la fermentazione di parte delle uve bianche avviene in tini d acacia che, lasciando inalterate le caratteristiche organolettiche del vitigno, conferiscono al vino maggiore complessità gusto olfattiva LA FERMENTAZIONE La fermentazione dei bianchi avviene in diversi serbatoi da 25 a 600 ettolitri, tramite l aggiunta di lieviti selezionati e sostanze azotate, principali fonti di nutrimento dei lieviti stessi. Inizialmente, nel mosto dei bianchi, viene svolta una decantazione statica (a freddo) e, all occorrenza, un attenta operazione di filtratura del mosto: l impiego di un filtro rotativo o separatore centrifugo consente di ottenere vini con profumi e note aromatiche delicate e preserva il mosto da fenomeni ossidativi.

29 LA VINIFICAZIONE: I VINI ROSSI Le uve a bacca rossa subiscono il tradizionale processo di macerazione assieme alla più qualificante tecnica del salasso che consente di ottenere vini rossi carichi di colore, tannici e ben strutturati. I rossi vengono vinificati in 28 serbatoi d acciaio a temperatura controllata, dotati di sistema automatico di rimontaggio del vino sul cappello di vinacce che si forma in alto nel tino. Le operazioni di rimontaggio, accompagnate a volte anche dall operazione di follatura, l immersione cioè dell intero cappello di vinacce all interno della massa in fermentazione, dipendono dalle condizioni di maturazione delle uve e vengono decise di volta in volta dagli enologi. LA FERMENTAZIONE La fermentazione, sia in acciaio che in legno, viene effettuata interamente a temperatura controllata. Al termine della fase di fermentazione i vini rossi vengono predisposti per la pressatura nelle presse pneumatiche a polmone. Queste macchine consentono una pressatura non violenta delle bucce esaurite evitando in tal modo di estrarre dalle stesse, oltre al vino, anche i tannini, sostanze amare contenute nelle bucce e nei vinaccioli, per ottenere vini morbidi, rotondi e vellutati. I rossi terminano la fermentazione alla fine di novembre. Da quel momento in poi la loro storia si divide: una parte resta nei serbatoi ad affinare in acciaio, una gran parte invece viene messa ad affinare nelle 80 botti di legno di rovere francese restandovi per periodi variabili tra i 6 e i 12 mesi per la necessaria maturazione. Un ultima parte, infine, è destinata alle 100 barriques di rovere.

30 IL LABORATORIO ANALISI Rallo è dotata di un attrezzatissimo laboratorio di analisi che permette di monitorare l intero processo di produzione dei vini. I tecnici sono in grado di monitorare e valutare, in ogni istante della vinificazione, tutti i parametri chimici, seguendo un unico fondamentale principio: limitare l intervento dell uomo a favore dell espressione naturale delle uve. In Cantina gli enologi curano le caratteristiche delle uve, senza forzarne il corso, verso risultati desiderati. L IMBOTTIGLIA- MENTO La catena d imbottigliamento è versatile e totalmente automatizzata. Un moderno impianto imbottiglia fino a bottiglie l ora, dopo un attenta filtratura sterile. L intera linea è inoltre mantenuta sotto azoto per proteggere il vino da qualsiasi principio di ossidazione della fase più delicata del processo. LO STOCCAGGIO I magazzini per la conservazione dei vini in bottiglia sono bui e termocondizionati; la temperatura oscilla sempre tra i 17 e 19 gradi C.

Schede tecniche LA SOURCE

Schede tecniche LA SOURCE Schede tecniche LA SOURCE s.a.s di Celi Stefano & C. Società Agricola - C.F. e P. IVA 01054500077 Loc. Bussan Dessous, 1-11010 Saint-Pierre (AO) - Cell: 335.6613179 - info@lasource.it Documento scaricato

Dettagli

ASSOVINI SICILIA, L ASSOCIAZIONE CHE FA IMPRESA

ASSOVINI SICILIA, L ASSOCIAZIONE CHE FA IMPRESA ASSOVINI SICILIA, L ASSOCIAZIONE CHE FA IMPRESA Promuovere la Sicilia del vino di qualità come se fosse una grande azienda, dotata di obiettivi, strategia e know-how specifico. Ecco il segreto dell associazione

Dettagli

CONSORZIO TUTELA DOC TULLUM

CONSORZIO TUTELA DOC TULLUM CONSORZIO TUTELA DOC TULLUM il nuovo modo di bere Abruzzo Abruzzo DOP Tullum Tullum è il riconoscimento ai produttori di Tollo, cittadina in provincia di Chieti, che vedono premiata la vocazione di un

Dettagli

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DEI VINI A DENOMINAZIONE DI ORIGINE CONTROLLATA VENEZIA

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DEI VINI A DENOMINAZIONE DI ORIGINE CONTROLLATA VENEZIA DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DEI VINI A DENOMINAZIONE DI ORIGINE CONTROLLATA VENEZIA Approvato con DM 22 dicembre 2010 G.U. 4-07.01.2011 (S. O. n. 6) Modificato con DM 30.11.2011 Pubblicato sul sito ufficiale

Dettagli

Vini SPUMANTI. Franciacorta Cuve Imperiale Brut. Valdobbiadene Prosecco. Superiore Brut. Prosecco Treviso Extra Dry. Valdobbiadene Prosecco

Vini SPUMANTI. Franciacorta Cuve Imperiale Brut. Valdobbiadene Prosecco. Superiore Brut. Prosecco Treviso Extra Dry. Valdobbiadene Prosecco Carta dei Vini 2015 Vini SPUMANTI Franciacorta Cuve Imperiale Brut Superiore Brut Berlucchi Regione LOMBARDIA Uve Chardonnay e Pinot Nero Vino Bouquet ricco e persistente,con note fruttate e floreali.

Dettagli

Densità di impianto: distanza tra le piante sul filare e tra i filari (da Fregoni 1984 e Calò 1987)

Densità di impianto: distanza tra le piante sul filare e tra i filari (da Fregoni 1984 e Calò 1987) Densità di impianto: distanza tra le piante sul filare e tra i filari (da Fregoni 1984 e Calò 1987) Prima regola: oltre un certo carico produttivo per ceppo la qualità diminuisce ( ) Fittezza in relazione

Dettagli

PINOT GRIGIO FRIULI COLLI ORIENTALI D.O.C. : marnoso argilloso UVE : Pinot Grigio 100% FORMA DI ALLEVAMENTO : cordone speronato basso

PINOT GRIGIO FRIULI COLLI ORIENTALI D.O.C. : marnoso argilloso UVE : Pinot Grigio 100% FORMA DI ALLEVAMENTO : cordone speronato basso PINOT GRIGIO : marnoso argilloso UVE : Pinot Grigio 100% : in bianco, solo acciaio NOTE GUSTATIVE : colore giallo paglierino con riflessi dorati. Profumo elegante di frutta matura, fiori di campo e fieno

Dettagli

Una selezione delle migliori bollicine: la linea IL ROGGIO.

Una selezione delle migliori bollicine: la linea IL ROGGIO. La linea Bollicine Una selezione delle migliori bollicine: la linea IL ROGGIO. Una linea composta da sei Bottiglie dal packaging elegante e piacevole che ne esalta appieno lo stile. Prosecchi a denominazione

Dettagli

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DEI VINI AD INDICAZIONE GEOGRAFICA TIPICA «EMILIA» O «DELL'EMILIA»

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DEI VINI AD INDICAZIONE GEOGRAFICA TIPICA «EMILIA» O «DELL'EMILIA» DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DEI VINI AD INDICAZIONE GEOGRAFICA TIPICA «EMILIA» O «DELL'EMILIA» Art. 1. La indicazione geografica tipica «Emilia» o «dell'emilia» accompagnata o meno dalle specificazioni

Dettagli

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DEI VINI A DENOMINAZIONE DI ORIGINE CONTROLLATA «TRENTINO»

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DEI VINI A DENOMINAZIONE DI ORIGINE CONTROLLATA «TRENTINO» DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DEI VINI A DENOMINAZIONE DI ORIGINE CONTROLLATA «TRENTINO» Approvato con DPR 04.08.1971 G.U. 221 02.09.1971 Modificato con DPR 07.07.1979 G.U. 324 28.11.1979 Modificato con DPR

Dettagli

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali DIPARTIMENTO DELLE POLITICHE COMPETITIVE, DELLA QUALITÀ AGROALIMENTARE, IPPICHE E DELLA PESCA DIREZIONE GENERALE PER LA PROMOZIONE DELLA QUALITÀ

Dettagli

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Come ottenere energia rinnovabile e compost dai rifiuti organici Un percorso di educazione ambientale alla scoperta dell impianto di compostaggio

Dettagli

NUOVI CLONI DI VITE ISMA - AVIT

NUOVI CLONI DI VITE ISMA - AVIT NUOVI CLONI DI VITE ISMA - AVIT 2 NUOVI CLONI DI VITE ISMA - AVIT NUOVI CLONI DI VITE ISMA - AVIT di Umberto Malossini Le schede ISMA - AVIT 3001 da Goldtraminer, B. ISMA - AVIT 513 da Pinot grigio, G.

Dettagli

DOLCETTO D ACQUI PIEMONTE GRIGNOLINO BARBERA MONFERRATO. Denominazione di Origine Controllata. Denominazione di Origine Controllata

DOLCETTO D ACQUI PIEMONTE GRIGNOLINO BARBERA MONFERRATO. Denominazione di Origine Controllata. Denominazione di Origine Controllata Piemonte Piemonte Piemonte DOLCETTO D ACQUI PIEMONTE GRIGNOLINO BARBERA MONFERRATO ZONA DI PRODUZIONE Colline del Monferrato, province di Alessandria e Asti ZONA DI PRODUZIONE Colline del Monferrato, nelle

Dettagli

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni.

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. 8 regioni settentrionali: il Piemonte (Torino), la Val d Aosta (Aosta),

Dettagli

COS E LA PRODUZIONE INTEGRATA?

COS E LA PRODUZIONE INTEGRATA? Cos è la Produzione Integrata (PI). Con questo scritto desidero fare una cronistoria sulla produzione integrata, un sistema di lotta iniziato negli anni 80, dove un ticinese nella persona del Dott. Mario

Dettagli

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DEI VINI A DENOMINAZIONE DI ORIGINE CONTROLLATA "SAN COLOMBANO AL LAMBRO" O "SAN COLOMBANO"

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DEI VINI A DENOMINAZIONE DI ORIGINE CONTROLLATA SAN COLOMBANO AL LAMBRO O SAN COLOMBANO DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DEI VINI A DENOMINAZIONE DI ORIGINE CONTROLLATA "SAN COLOMBANO AL LAMBRO" O "SAN COLOMBANO" Approvato con DPR 18.07.1984 G.U. 334-05.12.1984 Modificato con DM 13.11.2002 G.U.

Dettagli

L influenza del suolo sulla performance viticola: DALL APPARATO RADICALE ALLA QUALITÀ DEL VINO

L influenza del suolo sulla performance viticola: DALL APPARATO RADICALE ALLA QUALITÀ DEL VINO L influenza del suolo sulla performance viticola: DALL APPARATO RADICALE ALLA QUALITÀ DEL VINO Fabrizio Battista, Federica Gaiotti, Davide Mosetti, Gilberto Bragato, Diego Tomasi CRA-VIT CENTRO DI RICERCA

Dettagli

POTATURA DELLA VITE QUANTE GEMME LASCIARE NEL 2014

POTATURA DELLA VITE QUANTE GEMME LASCIARE NEL 2014 C.E.C.A.T. Castelfranco V.to COMUNICATO TECNICO n 1/2014 (9-01-2014) PROGETTO VITE POTATURA DELLA VITE QUANTE GEMME LASCIARE NEL 2014 Per ottenere dal vigneto il risultato migliore intermini di qualità

Dettagli

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO Comune di CORI (Lt) Assessorato all RACCOLTA DIFFERENZIATA PORTA A PORTA GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO pagina 1 SOMMARIO Premessa... 3 1 Principi generali: Cos è il Compostaggio... 4 2 Cosa mettere nella

Dettagli

MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE E FORESTALI

MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE E FORESTALI MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE E FORESTALI D.M. 14-7-2000 Modificazione al disciplinare di produzione dei vini ad indicazione geografica tipica «delle Venezie». Pubblicato nella Gazz. Uff. 29 luglio

Dettagli

Tutt uno con la natura: godetevi le squisite specialità di speck e salumi dalle falde del Massiccio dello Sciliar.

Tutt uno con la natura: godetevi le squisite specialità di speck e salumi dalle falde del Massiccio dello Sciliar. Tutt uno con la natura: godetevi le squisite specialità di speck e salumi dalle falde del Massiccio dello Sciliar. Tutto il fascino delle montagne dell Alto Adige, catturato nelle specialità L Alto Adige,

Dettagli

ANTHILIA DOP (2012) - DONNAFUGATA

ANTHILIA DOP (2012) - DONNAFUGATA 1 di 7 24/03/2014 10.53 3 Altro Blog successivo» Crea blog Entra domenica 23 marzo 2014 Informazioni personali ANTHILIA DOP (2012) - DONNAFUGATA completo Roberto Marega Monza e Brianza, Italy Visualizza

Dettagli

Settori. Personale qualificato. Chi siamo

Settori. Personale qualificato. Chi siamo Settori Pubblico Pulizia di edifici di Pubbliche amministrazioni seguendo le richieste indicate nei capitolati d oneri, controllate inoltre delle specifiche norme UNI EN ISO 9001 e SA8000. Privato personalizzati

Dettagli

Il vecchio contadino in viaggio verso l Europa. Dove va il diritto agrario oggi?

Il vecchio contadino in viaggio verso l Europa. Dove va il diritto agrario oggi? Il vecchio contadino in viaggio verso l Europa. Dove va il diritto agrario oggi? Delle molte definizioni che sono state date, quella del «diritto della produzione agricola» o «diritto dell agricoltura»

Dettagli

Facciamoci due conti

Facciamoci due conti Facciamoci due conti Ma alla fine quanto si guadagna a coltivare canapa? la domanda sorge spontanea ed è più che legittima, specie considerando il panorama deprimente dell agricoltura in Italia ai giorni

Dettagli

5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi

5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi 5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi Riferimenti normativi Codice di Misura Articolo 36 (a) (vi) e 41 del Reg. (CE) N 1698/2005 e punto 5.3.2.1.6. dell Allegato II del Reg. (CE) 1974/06

Dettagli

Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015.

Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015. Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015. Giorni favorevoli per il taglio di legname da costruzione e uso falegnameria. Gli alberi dai quali si ricava legname da costruzione e per la fabbricazione

Dettagli

Allegato A al Decreto n. 2 del 23 gennaio 2012 pag. 1/22

Allegato A al Decreto n. 2 del 23 gennaio 2012 pag. 1/22 giunta regionale Allegato A al Decreto n. 2 del 23 gennaio 2012 pag. 1/22 Allegato 1 Bacini viticoli omogenei veneti Elenco n descrizione 1 della pianura veneziana del Veneto orientale 2 della pianura

Dettagli

Studio Immobiliare Regina srl Via Villa della Regina n 1 10131 Torino

Studio Immobiliare Regina srl Via Villa della Regina n 1 10131 Torino Cantiere Pastiglie Leone Rita Miccoli Cell. 335.80.22.975 r.miccoli@studioimmobiliareregina.it www.studioimmobiliareregina.it Studio Immobiliare Regina srl Via Villa della Regina n 1 10131 Torino RINASCE

Dettagli

IL SUOLO AMBIENTE VIVO gli organismi che vivono nel suolo

IL SUOLO AMBIENTE VIVO gli organismi che vivono nel suolo IL SUOLO AMBIENTE VIVO gli organismi che vivono nel suolo Le forze inorganiche creano sempre solo l inorganico. Mediante una forza superiore che agisce nel corpo vivente, al cui servizio sono le forze

Dettagli

L agricoltura nell Europa industrializzata

L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura delle società industrializzate europee si differenzia da quella dell età moderna per gli attrezzi, le fonti di energia, i macchinari utilizzati

Dettagli

DOP&IGP_Guida. Il documento informativo necessario per conoscere e proteggere la qualità dei prodotti a livello comunitario INDICE INTERATTIVO

DOP&IGP_Guida. Il documento informativo necessario per conoscere e proteggere la qualità dei prodotti a livello comunitario INDICE INTERATTIVO +39.06.97602592 DOP&IGP_Guida Il documento informativo necessario per conoscere e proteggere la qualità dei prodotti a livello comunitario INDICE INTERATTIVO Pag. 2 Intro e Fonti Pag. 3 DOP o IGP? Differenze

Dettagli

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi Tra Il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, con sede in Via Cristoforo Colombo, 44, 00187

Dettagli

BELA VINO ZA PONETI VINO BIANCO DA ASPORTO

BELA VINO ZA PONETI VINO BIANCO DA ASPORTO BELA VINO ZA PONETI VINO BIANCO DA ASPORTO GAVI (D.O.P.) Sorta/Uvaggio: Cortese. Alkohol/Alc.Vol.: 12,00% Fla a 0.75/Bottiglia 0.75... 960,oo LANGHE NASCETA (D.O.C.) Vinarija/Cantina: Azienda Agricola

Dettagli

CORSO PER SOMMELIER. Diventare. Sommelier

CORSO PER SOMMELIER. Diventare. Sommelier Sommelier, nella prestigiosa realtà della Sommellerie di Roma e del Lazio, significa Professionismo nel vino. Chiediamo agli appassionati di essere professionisti del buon bere in maniera concreta, nella

Dettagli

Progetto, realizzazione e manutenzione di un laghetto da giardino - Direttive generali -

Progetto, realizzazione e manutenzione di un laghetto da giardino - Direttive generali - Progetto, realizzazione e manutenzione di un laghetto da giardino - Direttive generali - (tratto dalla relazione di Martino Buzzi del 17.09.06) Lo stagno: un angolo di natura Avere uno stagno nel proprio

Dettagli

Il clima degli ultimi 50 anni in Veneto

Il clima degli ultimi 50 anni in Veneto Abano Terme, 27 29 Aprile 2007 Il clima degli ultimi 50 anni in Veneto Adriano Barbi, Alessandro Chiaudani, Irene Delillo ARPAV Centro Meteorologico di Teolo Sabato 28 Aprile 2007 In collaborazione con

Dettagli

Valdigrano: quando l ambiente è un valore!

Valdigrano: quando l ambiente è un valore! Valdigrano: quando l ambiente è un valore! Valutazione di impatto ambientale delle linee Valdigrano, Valbio e La Pasta di Franciacorta Programma per la valutazione dell impronta ambientale Progetto co-finanziato

Dettagli

Verifica - Conoscere le piante

Verifica - Conoscere le piante Collega con una linea nome, descrizione e disegno Verifica - Conoscere le piante Erbe Hanno il fusto legnoso che si ramifica vicino al terreno. Alberi Hanno il fusto legnoso e resistente che può raggiungere

Dettagli

SEMINA DIRETTA (SENZA ARATURA) E CONCIMAZIONE ORGANICA LOCALIZZATA ALLA SEMINA DI GRANO TENERO: VANTAGGI AGRONOMICI ED ECONOMICI

SEMINA DIRETTA (SENZA ARATURA) E CONCIMAZIONE ORGANICA LOCALIZZATA ALLA SEMINA DI GRANO TENERO: VANTAGGI AGRONOMICI ED ECONOMICI SEMINA DIRETTA (SENZA ARATURA) E CONCIMAZIONE ORGANICA LOCALIZZATA ALLA SEMINA DI GRANO TENERO: VANTAGGI AGRONOMICI ED ECONOMICI Anno 2006/2007 A cura dell ufficio Agronomico Italpollina Spa OBIETTIVO

Dettagli

Ricerca, Qualità, Sicurezza e Salute

Ricerca, Qualità, Sicurezza e Salute Ricerca, Qualità, Sicurezza e Salute Chi Siamo Hygeia Lab S.r.l. nasce nel 2011 dalla passione e dal desiderio di giovani laureati di continuare la crescita e la formazione scientifica. E una Start-Up

Dettagli

Flavescenza dorata (FD) Diffusione epidemica Vettore: cicalina Scaphoideus

Flavescenza dorata (FD) Diffusione epidemica Vettore: cicalina Scaphoideus L AVANZAMENTO DELLA RICERCA SULLA RESISTENZA ALLA FLAVESCENZA DORATA Elisa Angelini CRA-VIT Centro di Ricerca per la Viticoltura, Conegliano (TV) DUE GIALLUMI IMPORTANTI IN EUROPA ED ITALIA Flavescenza

Dettagli

Al Rawdatain. ZHUJIANG BEER. Al Rawdatain in breve

Al Rawdatain. ZHUJIANG BEER. Al Rawdatain in breve ZHUJIANG BEER Al Rawdatain. Al Rawdatain in breve SETTORE ACQUA & CSD Al-Rawdatain Al-Rawdatain Water Bottling Co. Safat, Kuwait >> cartonatrice SMI WP 300 >> fardellatrice SMI SK 350 T >> manigliatrice

Dettagli

DEFINIZIONE DELLE SPECIFICHE TECNICHE DI SVILUPPO DELL ATTREZZATURA PROTOTIPO PER LA CONCENTRAZIONE DI BIOMASSA MICROBICA DA ESTRATTO DI CASTAGNA

DEFINIZIONE DELLE SPECIFICHE TECNICHE DI SVILUPPO DELL ATTREZZATURA PROTOTIPO PER LA CONCENTRAZIONE DI BIOMASSA MICROBICA DA ESTRATTO DI CASTAGNA DEFINIZIONE DELLE SPECIFICHE TECNICHE DI SVILUPPO DELL ATTREZZATURA PROTOTIPO PER LA CONCENTRAZIONE DI BIOMASSA MICROBICA DA ESTRATTO DI CASTAGNA Premesso che nell ambito del progetto Castagna di Montella:

Dettagli

STUDIO DI SETTORE SM43U ATTIVITÀ 52.46.6 COMMERCIO AL DETTAGLIO DI MACCHINE, ATTREZZATURE E PRODOTTI PER L AGRICOLTURA E IL GIARDINAGGIO

STUDIO DI SETTORE SM43U ATTIVITÀ 52.46.6 COMMERCIO AL DETTAGLIO DI MACCHINE, ATTREZZATURE E PRODOTTI PER L AGRICOLTURA E IL GIARDINAGGIO STUDIO DI SETTORE SM43U ATTIVITÀ 52.46.6 COMMERCIO AL DETTAGLIO DI MACCHINE, ATTREZZATURE E PRODOTTI PER L AGRICOLTURA E IL GIARDINAGGIO Settembre 2002 1 STUDIO DI SETTORE SM43U Numero % sugli invii Invii

Dettagli

Medaglia d Oro Blanc de Sers Vigneti delle Dolomiti 2010 Wine Guide Gilbert & Gaillard 2013

Medaglia d Oro Blanc de Sers Vigneti delle Dolomiti 2010 Wine Guide Gilbert & Gaillard 2013 Medaglia d Oro Blanc de Sers Vigneti delle Dolomiti 2010 Wine Guide Gilbert & Gaillard 2013 Medaglia d Oro Rosso Donna Marina Vigneti delle Dolomiti 2007 Wine Guide Gilbert & Gaillard 2013 Medaglia d Argento

Dettagli

STUDIO DI SETTORE TM43U ATTIVITÀ 52.46.4 COMMERCIO AL DETTAGLIO DI MACCHINE, ATTREZZATURE E PRODOTTI PER L AGRICOLTURA E IL GIARDINAGGIO

STUDIO DI SETTORE TM43U ATTIVITÀ 52.46.4 COMMERCIO AL DETTAGLIO DI MACCHINE, ATTREZZATURE E PRODOTTI PER L AGRICOLTURA E IL GIARDINAGGIO STUDIO DI SETTORE TM43U ATTIVITÀ 52.46.4 COMMERCIO AL DETTAGLIO DI MACCHINE, ATTREZZATURE E PRODOTTI PER L AGRICOLTURA E IL GIARDINAGGIO Ottobre 2006 PREMESSA L evoluzione dello Studio di Settore SM43U

Dettagli

Gli organismi viventi

Gli organismi viventi Gli organismi viventi Gli organismi viventi Quali caratteristiche contraddistinguono i viventi? È facile distinguere un organismo vivente da un oggetto non vivente? Gli organismi viventi Tutti gli organismi

Dettagli

Dall emozione di un sorso di vino ad un sorriso per la vita

Dall emozione di un sorso di vino ad un sorriso per la vita Dall emozione di un sorso di vino ad un sorriso per la vita La Bruciata adotta un filare per la vita L Azienda Vinicola La Bruciata, di Oscar Bosio, fatta da uomini e donne veri, gente della terra e venuta

Dettagli

Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune

Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune 1 Il Progetto di Filiera Dalla liquirizia di Calabria DOP Il Progetto di Filiera Dalla liquirizia di Calabria

Dettagli

OLIO EXTRA VERGINE DI OLIVA BRISIGHELLA

OLIO EXTRA VERGINE DI OLIVA BRISIGHELLA OLIO EXTRA VERGINE DI OLIVA BRISIGHELLA DISCIPLINARE DI PRODUZIONE Pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 228 del 29/9/95 (Pag.38) Articolo 1 Denominazione La denominazione di origine controllata olio

Dettagli

la storia Il luogo: Accademia Brera Castello Sforzesco Piazza alla Scala Duomo Palazzo di Giustizia Università Statale Chiostri Umanitaria

la storia Il luogo: Accademia Brera Castello Sforzesco Piazza alla Scala Duomo Palazzo di Giustizia Università Statale Chiostri Umanitaria Il luogo: la storia Castello Sforzesco Accademia Brera Montenapoleone Il complesso dei Chiostri dell Umanitaria nasce insieme all adiacente Chiesa di Santa Maria della Pace, voluta da Bianca di Visconti

Dettagli

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio.

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio, recita un noto proverbio africano. Perché la famiglia

Dettagli

Sono nati per l autoconsumo,

Sono nati per l autoconsumo, Il prodotto bio è fai da te Consumatori Li considerano troppo cari e con una tracciabilità inadeguata. Eppure gli shopper apprezzano sempre di più le referenze biologiche. Così decidono di coltivarle in

Dettagli

STUDIO DI SETTORE SM43U

STUDIO DI SETTORE SM43U ALLEGATO 3 NOTA TECNICA E METODOLOGICA STUDIO DI SETTORE SM43U NOTA TECNICA E METODOLOGICA CRITERI PER LA COSTRUZIONE DELLO STUDIO DI SETTORE Di seguito vengono esposti i criteri seguiti per la costruzione

Dettagli

A COSA SERVONO SEMI E FRUTTI?

A COSA SERVONO SEMI E FRUTTI? A COSA SERVONO SEMI E FRUTTI? Dopo la fecondazione il fiore appassisce e i petali cadono. L ovulo fecondato si trasforma in SEME, mentre l ovario si ingrossa e si trasforma in FRUTTO. Il SEME ha il compito

Dettagli

Istituto Tecnico Agrario Giuseppe Vivarelli Azienda Agraria Didattica VALUTAZIONE TECNICO AGRONOMICA DELLA SEMINA SU SODO DI GRANO DURO

Istituto Tecnico Agrario Giuseppe Vivarelli Azienda Agraria Didattica VALUTAZIONE TECNICO AGRONOMICA DELLA SEMINA SU SODO DI GRANO DURO Istituto Tecnico Agrario Giuseppe Vivarelli Azienda Agraria Didattica VALUTAZIONE TECNICO AGRONOMICA DELLA SEMINA SU SODO DI GRANO DURO FABRIANO 06 MAGGIO 2014 1 Fig 1 Intervento di semina su sodo con

Dettagli

TONNARA di SCOPELLO Comunione Tonnare Scopello & Guzzo

TONNARA di SCOPELLO Comunione Tonnare Scopello & Guzzo Vi preghiamo di tener presente che le sistemazioni offerte sono in linea con lo spirito del luogo, lontane dal comfort e dagli standard delle strutture ricettive. In particolare, alcune abitazioni hanno

Dettagli

Gli impianti Schmack Biogas a rifiuti

Gli impianti Schmack Biogas a rifiuti Gli impianti Schmack Biogas a rifiuti Gli impianti biogas a rifiuti 2/3 Gli impianti biogas a rifiuti La tecnologia Schmack Biogas per la digestione anaerobica della FORSU La raccolta differenziata delle

Dettagli

Gestione delle avversità in agricoltura biologica

Gestione delle avversità in agricoltura biologica Gestione delle avversità in agricoltura biologica Anna La Torre Consiglio per la ricerca in agricoltura e l analisi dell economia agraria Centro di ricerca per la patologia vegetale «Noi ereditiamo la

Dettagli

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE TITOLO RELAZIONE I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità A partire dal 3 gennaio 2013 è entrato in vigore il regolamento (UE)

Dettagli

Società Agricola: Emon Agri

Società Agricola: Emon Agri Società Agricola: Emon Agri INTERVISTA AD UN AGRICOLTORE DELLA SOCIETA' AGRICOLA: Sul vostro logo c'è scritto che attuate una coltivazione virtuosa, ci può dire cosa si intende? Ci spiega: Per coltivazione

Dettagli

Problemi Scarsa areazione, difficoltà di rivoltamento

Problemi Scarsa areazione, difficoltà di rivoltamento Che cos è il compost Il compost è il terriccio (humus) che si forma dai rifiuti organici (erba, foglie, avanzi di frutta e verdura, ecc) grazie all azione del sole, dell aria e dei microrganismi presenti

Dettagli

Relazione specialistica

Relazione specialistica Relazione specialistica Dipl.-Ing. Hardy Ernst Dipl.-Wirtschaftsing. (FH), Dipl.-Informationswirt (FH) Markus Tuffner, Bosch Industriekessel GmbH Basi di progettazione per una generazione ottimale di vapore

Dettagli

Gli altri Saloni. 9 / 30 settembre 2012

Gli altri Saloni. 9 / 30 settembre 2012 9 / 30 settembre 2012 Il progetto 2012 Il progetto 2012 di DimoreDesign, sulla scia del successo dell edizione 2011, ne riprende e amplia l obiettivo fondamentale di rendere fruibile il patrimonio artistico,

Dettagli

Sintesi dei risultati ottenuti nel primo anno di sperimentazione

Sintesi dei risultati ottenuti nel primo anno di sperimentazione Sintesi dei risultati ottenuti nel primo anno di sperimentazione Linea 1 Nella linea 1 sono state impiantate due prove di confronto parcellare nei due siti sperimentali di Antria e Marciano. Il materiale

Dettagli

ISISS BUONARROTI CE. Dall Uva al Vino. Dall'uva al vino

ISISS BUONARROTI CE. Dall Uva al Vino. Dall'uva al vino Dall Uva al Vino In questa attività didattica abbiamo dimostrato come in un ambiente scolastico cittadino si può sviluppare nei giovani la cultura del territorio, della vite, dell uva e del vino. In questa

Dettagli

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012 anno 2 - numero 3 - marzo/aprile 2012 MADE IN ITALY PAVANELLOMAGAZINE l intervista Certificazione energetica obbligatoria Finestra Qualità CasaClima Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre

Dettagli

Appunti della panificazione rurale

Appunti della panificazione rurale Appunti della panificazione rurale MATERIE PRIME Dal grano duro coltivato nell area del Sarcidano con il metodo di produzione Biologica, alla produzione di farine e semole macinate nel mulino di Nurri,

Dettagli

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali ENERGIA 269 ENERGIA Il ricorso all utilizzo di fonti rinnovabili sovvenzionate comporta dei potenziali impatti ambientali. Fra questi, vi sono l alterazione dei corsi d acqua a causa delle derivazioni

Dettagli

THEATRON Linea GLASS. Sistemi per Balconi

THEATRON Linea GLASS. Sistemi per Balconi www.metrawindows.it THEATRON Linea GLASS Sistemi per Balconi METRA. LO STILE CHE DA VALORE AL TUO HABITAT METRA. Design, Colore, Emozione. Lo stile italiano che il mondo ci invidia. I sistemi integrati

Dettagli

Il nuovo regolamento sul vino biologico e la posizione di FederBio

Il nuovo regolamento sul vino biologico e la posizione di FederBio Il nuovo regolamento sul vino biologico e la posizione di FederBio Roberto Pinton Segretario della Sezione Soci Produttori e Trasformatori FederBio La genesi del regolamento è stata abbastanza sofferta.

Dettagli

COME NASCONO I TAPPI DI SUGHERO

COME NASCONO I TAPPI DI SUGHERO IL SUGHERO CHE COS È Il sughero è un prodotto naturale che si ricava dall estrazione della corteccia della Quercus suber L, la quercia da sughero. Questa pianta è una sempreverde, longeva, che cresce nelle

Dettagli

C era una bianca un foglio, di sana fibra e bell animo. Forte di valori e ideali puliti, attendeva di nascere in un mondo migliore, un luogo dove

C era una bianca un foglio, di sana fibra e bell animo. Forte di valori e ideali puliti, attendeva di nascere in un mondo migliore, un luogo dove I love Ci C era una bianca un foglio, di sana fibra e bell animo. Forte di valori e ideali puliti, attendeva di nascere in un mondo migliore, un luogo dove poter crescere con gioia e buon senso, contribuendo

Dettagli

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano (Fabio Musmeci, Angelo Correnti - ENEA) Il lago di Bracciano è un importante elemento del comprensorio della Tuscia Romana che non può non

Dettagli

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Il primo maggio 2015 si inaugura a Milano l EXPO, un contenitore di tematiche grandi come l universo: "Nutrire il pianeta. Energia per la vita. Una

Dettagli

(LE PROVE DI SPIRITO) SPIRITO divino 4

(LE PROVE DI SPIRITO) SPIRITO divino 4 (LE PROVE DI SPIRITO) La fucina delle grandi bollicine Solo 350.000 bottiglie l anno, ma una meglio dell altra. Ecco Jacquesson, condotta abilmente dai fratelli Chiquet in un ottica di rigore e tradizionalità

Dettagli

Prodotti di cui ti puoi fidare

Prodotti di cui ti puoi fidare Prodotti di cui ti puoi fidare Vogliamo offrirti alimenti di buona qualità a prezzi bassi, prodotti in modo responsabile. Stiamo lavorando in tutte le parti della catena alimentare, dalla fattoria al negozio

Dettagli

Alle nostre latitudini la domanda di

Alle nostre latitudini la domanda di minergie Protezioni solari con lamelle, in parte fisse, e gronde Benessere ter edifici ed effi Nella società contemporanea trascorriamo la maggior parte del nostro tempo in spazi confinati, in particolare

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA

IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA Un impianto solare fotovoltaico consente di trasformare l energia solare in energia elettrica. Non va confuso con un impianto solare termico, che è sostanzialmente

Dettagli

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o Come disposto nelle norme di attuazione, artt. 15, 16, 17 e dall Allegato 5 alle NTA del PTC2 gli strumenti urbanistici generali e le relative varianti assumono l obbiettivo strategico e generale del contenimento

Dettagli

Francia. Champagne. Gaston Chiquet. Propetaire recoltant. Cuvée Rosé Brut Premier Cru 90,00. Egly Ouriet. Les Vignes de Vrigny 90,00

Francia. Champagne. Gaston Chiquet. Propetaire recoltant. Cuvée Rosé Brut Premier Cru 90,00. Egly Ouriet. Les Vignes de Vrigny 90,00 Francia Champagne Gaston Chiquet Propetaire recoltant Cuvée Rosé Brut Premier Cru 90,00 ( Pinot Meunier, Chardonnay, Pinot Nero ) Egly Ouriet Propetaire recoltant Les Vignes de Vrigny 90,00 ( Pinot Meunier

Dettagli

APPLICAZIONE MODELLISTICA PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AREA DI INSEDIAMENTO DEL CENTRO AGRO ALIMENTARE TORINESE

APPLICAZIONE MODELLISTICA PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AREA DI INSEDIAMENTO DEL CENTRO AGRO ALIMENTARE TORINESE APPLICAZIONE MODELLISTICA PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AREA DI INSEDIAMENTO DEL CENTRO AGRO ALIMENTARE TORINESE Introduzione La porzione di territorio situata a sud-ovest dell Area Metropolitana

Dettagli

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale 1 Maria Giovanna Piva * * Presidente del Magistrato alle Acque di Venezia Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale Da moltissimi anni il Magistrato alle Acque opera per

Dettagli

ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO

ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO 1 2. Economia e società nel mondo romano-germanico. ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO mondo romano germanico mondo bizantino mondo arabo Cartina 1 UN MONDO CON MOLTI BOSCHI, POCHI UOMINI E

Dettagli

TRASFORMAZIONI: DALL UVA AL VINO

TRASFORMAZIONI: DALL UVA AL VINO Scuola elementare istituto comprensivo Adro Classi seconde a.s. 2003 2004 TRASFRMAZINI: DALL UVA AL VIN BIETTIV: sservare, porre domande, fare ipotesi e verificarle. Riconoscere e descrivere fenomeni del

Dettagli

CATALOGO DEI PRODOTTI. Dall orto alla tavola

CATALOGO DEI PRODOTTI. Dall orto alla tavola CATALOGO DEI PRODOTTI Dall orto alla tavola Tutti i prodotti della nostra gamma sono senza coloranti nè conservanti, per preservare la vera natura delle pregiate materie prime utilizzate nella lavorazione

Dettagli

Il Pinot grigio. di Emanuele Tosi 1, Giovanni Tezza 2, Carlo Bletzo 3. Centro per la Sperimentazione in Vitivinicoltura, Provincia di Verona 2

Il Pinot grigio. di Emanuele Tosi 1, Giovanni Tezza 2, Carlo Bletzo 3. Centro per la Sperimentazione in Vitivinicoltura, Provincia di Verona 2 Il Pinot grigio di Emanuele Tosi 1, Giovanni Tezza 2, Carlo Bletzo 3 1 Centro per la Sperimentazione in Vitivinicoltura, Provincia di Verona 2 Cantine dei Colli Berici - Lonigo 3 Libero professionista

Dettagli

Il gelato artigianale proprio come lo vuoi tu. E tanto altro ancora...

Il gelato artigianale proprio come lo vuoi tu. E tanto altro ancora... Impianti Carpigiani per Artigianale a Norme HACCP Tutte le macchine Carpigiani sono progettate e realizzate per rispettare appieno le norme internazionali di sicurezza ed igiene. Il Gelatiere professionista

Dettagli

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI Presentazione per le scuole primarie A cura di Enrico Forcucci, Paola Di Giacomo e Alessandra Santini ni Promuovere la conoscenza e la diffusione delle energie provenienti

Dettagli

POWERED BY SUN LEAF ROOF

POWERED BY SUN LEAF ROOF POWERED BY SUN LEAF ROOF DALLA COPERTURA COME PROTEZIONE... [...] essendo sorto dopo la scoperta del fuoco un principio di comunità fra uomini [...] cominciarono in tale assembramento alcuni a far tetti

Dettagli

CON LO SGUARDO RIVOLTO AL FUTURO

CON LO SGUARDO RIVOLTO AL FUTURO CON LO SGUARDO RIVOLTO AL FUTURO LA PRODUTTIVITÀ HA UN NUOVO LOGO ED UNA NUOVA IMMAGINE resentiamo il nuovo logo e il nuovo pay off aziendali in un momento P storico della realtà Laverda, contraddistinto

Dettagli

Previsione di impatto acustico relativa a:

Previsione di impatto acustico relativa a: PROVINCIA DI MODENA COMUNE DI FIORANO M. Previsione di impatto acustico relativa a: nuovo capannone uso deposito ditta Atlas Concorde Spa ubicato in Via Viazza I Tronco - Fiorano M. (MO) Settembre 2012

Dettagli

N O EATR THI. NO LC A B ER I P TEM IS S etra.it.m w w w

N O EATR THI. NO LC A B ER I P TEM IS S etra.it.m w w w www.metra.it SISTEMI PER BALCONI. THEATRON METRA. LO STILE CHE DA VALORE AL TUO HABITAT METRA. Design, Colore, Emozione. Lo stile italiano che il mondo ci invidia. I sistemi integrati METRA sono stati

Dettagli

Un workshop eccezionale

Un workshop eccezionale Un posto splendido Ischia, l isola bella nel Golfo di Napoli, nata da un vulcano. Al sud dell Isola si trova un albergo in mezzo alla natura, 200 m sopra il mare, in un giardino romantico con le palme,

Dettagli

Quando è sera, ma anche nella luce del mezzogiorno o in quella umida di novembre, mi fermo a guardare le vigne e so che i miei occhi non potranno mai

Quando è sera, ma anche nella luce del mezzogiorno o in quella umida di novembre, mi fermo a guardare le vigne e so che i miei occhi non potranno mai Generazioni si sono succedute su questa terra, ognuna ne ha preso cura col suo carico d amore e di rispetto, consegnandola alle seguenti certa che fosse in buone mani. La terra, le vigne e il vino è il

Dettagli

Con Rikke nei Parchi d Abruzzo di Kristiina Salmela

Con Rikke nei Parchi d Abruzzo di Kristiina Salmela di Kristiina Salmela Gole di Fara San Martino (CH) Hei! Ciao! Sono un bel TONTTU - uno gnometto mezzo finlandese mezzo abruzzese, e mi chiamo Cristian alias Rikke. Più di sei anni fa sono nato nel Paese

Dettagli

CARATTERISTIC HE-ALIMENTARI. buono da mensa ottimo per salse fragranza intensa

CARATTERISTIC HE-ALIMENTARI. buono da mensa ottimo per salse fragranza intensa CARATTRISTICH- CARATTRISTIC H-ALIMNTARI DV pomodoro ovale di daniele semina: febbraio trapianto: aprile-maggio raccolta: luglio-novembre buccia chiara, arancione se maturo, polpa compatta, pochi semi,

Dettagli

Sintesi Report n 15 - Eventi enogastronomici come motivazioni di vacanza

Sintesi Report n 15 - Eventi enogastronomici come motivazioni di vacanza Sintesi Report n 15 - Eventi enogastronomici come motivazioni di vacanza Gli eventi organizzati in provincia di Trento che hanno al loro centro una proposta enogastronomica sono, nell arco dell anno, numerosi.

Dettagli