MEMORIA E FUTURO I NONNI RACCONTANO RACCONTI FILASTROCCHE CONTE PROVERBI. 5^A - S. Chiara - Nocera Inf.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "MEMORIA E FUTURO I NONNI RACCONTANO RACCONTI FILASTROCCHE CONTE PROVERBI. 5^A - S. Chiara - Nocera Inf."

Transcript

1 MEMORIA E FUTURO I NONNI RACCONTANO RACCONTI FILASTROCCHE CONTE PROVERBI 5^A - S. Chiara - Nocera Inf. 1

2 I NONNI RACCONTANO I miei nonni mi hanno raccontato che quando erano piccoli non vivevano bene come i ragazzi di oggi. La maggior parte delle persone viveva nei cortili dove i servizi igienici, spesso, erano situati all esterno delle case perché venivano utilizzati da più famiglie. Le case erano riscaldate con i bracieri o con i camini e non avevano molte stanze. Spesso c era un unica stanza da letto dove dormivano genitori e figli insieme. I ragazzi, quando non erano occupati a svolgere lavori per aiutare la famiglia,giocavano nel cortile con i vicini perché si conoscevano tutti. Si giocava con la corda, con la palla, che spesso era fatta di stracci ( a pall e pezz), a settimana, a nascondino,. Di sera si ascoltava la radio o ci si riuniva in casa di chi già possedeva un televisore, per assistere ai primi programmi televisivi. La domenica, poi, si andava a messa indossando il vestito buono. Per risparmiare, i vestiti e le scarpe dei fratelli più grandi passavano ai più piccoli e,inoltre, non c erano tante varietà di merendine e la carne si mangiava solo la domenica. A scuola c erano banchi di legno con i sediolini attaccati. Gli alunni indossavano grembiuli neri; gli insegnanti erano molto severi e, spesso, punivano gli alunni con bacchettate sulle mani oppure facendoli stare in gi- 2

3 nocchio dietro la lavagna. Le cartelle erano di cartone pressato e i quaderni avevano la copertina nera. Non tutti i ragazzi potevano continuare gli studi perché dovevano imparare un mestiere per dare il loro aiuto alla famiglia. Unici momenti di svago erano le feste organizzate in casa tra amici e parenti,o le feste di piazza. I nonni mi hanno anche detto che hanno trascorso la loro gioventù facendo molti sacrifici perché non avevano le comodità che abbiamo ora. Per spostarsi da un posto all altro, infatti, usavano la bicicletta o la filovia e per sbrigare le faccende domestiche usavano le mani. Quando dovevano svezzare un neonato, non avevano tutte le varietà di pappine che ci sono adesso, ma facevano bollire le fette della salute nell orzo oppure nell acqua zuccherata. Ai neonati facevano succhiare una specie di ciucciotto fatto con un pezzo di stoffa arrotolata a forma di pallina in cui era racchiuso dello zucchero ( a pupatella e zuccher). 3

4 Gli uomini, nei giorni festivi,si incontravano nei bar o dal barbiere, per giocare a carte o per guardare insieme i programmi sportivi; le donne, invece, si riunivano nei cortili a chiacchierare. Quando il tempo lo permetteva, molti lavori domestici venivano svolti in cortile, come: lavare i panni, allargare la lana, rammendare oppure fare lavori per le fabbriche conserviere(sgranare agli, sfogliare basilico o spuntare fagiolini verdi). Tra i vari cortili giravano i venditori ambulanti che vendevano di tutto: dai generi alimentari ai detersivi,ed anche arrotini, ombrellai, gelatai che, oltre ai gelati al limone vendevano i Cazzimbocchi, che erano fatti di ghiaccio tritato bagnato con scriroppo alla menta o all amarena o al limone. I nonni nel raccontare il loro passato, provavano un po di malinconia anche perché ritornava alla loro mente il ricordo di persone che ormai non ci sono più. 4

5 INTERVISTA AD UN NONNO (classe 5^A.S.Chiara) Il giorno 23 febbraio 2011, è venuto a farci visita in classe il nonno Arturo P. che gentilmente ha risposto alle nostre domande. Ecco il testo dell intervista: 1) Nonno Arturo, quanti anni ha lei? Sono nato nel 1927 per cui ho 84 anni 2) Ha fratelli o sorelle? Avevo quattro fratelli, due sono morti, e ho una sorella che purtroppo soffre di una grave malattia. 3) Ha un amico speciale? Avevo un amico carissimo che ora non c è più. Il vuoto lasciato dalla sua mancanza, però, lo sento un po meno perché suo figlio viene spesso a trovarmi per chiedermi consigli su come coltivare le viti o altre piante da frutto. 4) Quali sono stati i momenti più belli della sua vita e quali quelli più tristi? I momenti più belli li ho vissuti quando ho comicia to a conoscere le ragazze, anche se il momento che mi ha dato gioia più di tutti, è stato quello in cui fu annunciata la fine della II guerra mondiale. I momenti più tristi, invece, li ho vissuti quando è morto mio padre anche perché non mi sentivo più protetto, in effetti sentivo il peso di nuove responsabilità dal momento che ero il primogenito 5

6 5) Qual era il suo cantante preferito? Mi piacevano molto sia Giacomo Rondinella che Sergio Bruni; tra i cantanti di oggi preferisco Massimo Ranieri. 6) Come si divertiva da bambino? Giocavamo con palle di pezza che lasciavamo trascinare dall acqua che fuoriusciva del fossato quando i contadini irrigavano i campi. Vinceva il proprietario della palla che veniva trasportata più lontano. Un altro gioco che ci piaceva fare era O si lascio che consisteva nel ripetere una cantilena mentre un giocatore batteva sulla spalla dell altro ed insieme puntavano con le dita facendo attenzione a non puntare lo stesso numero. 7) Cosa abbiamo noi bambini di oggi che voi non avevate? Noi non avevamo quasi nulla mentre voi avete tanto!pensate che durante la guerra anche il pane mancava perciò veniva distribuito con la tessera. Comunque la cosa che più di tutto mi fa impazzire sono le diavolerie tecnologiche moderne perché mi fanno sentire un buono a nulla. Pensate che per vedere un programma o usare il telefono cellulare devo spesso chiedere aiuto ai miei nipoti. 8) Che cosa la spaventava da bambino? Ero terrorizzato all idea di morire sotto le bombe. Quando sentivo suonare la sirena che ci annunciava un imminente bombardamento, venivo preso dal panico 6

7 che non mi lasciava neanche quando stavamo al sicuro nel rifugio sotterraneo in cui correvamo a ripararci. Alla fine dell intervista, quando abbiamo ringraziato nonno Arturo per esserci venuto a trovare, è stato lui a ringraziare noi. Ha, infatti, detto che quella era stata per lui la giornata più bella della sua vita poiché l aveva trascorsa in un aula scolastica con noi, che gli abbiamo fatto ricordare alcuni bei momenti del suo passato. Com è simpatico! Che bello stare con voi1 7

8 CONTE, FILASTROCCHE E PASSATEMPI A GALLINA A gallina zoppa, zoppa, quante penne tene ngoppa? Ne teneva ventitré: uno, ddoje e tre. E teneva nu turnesiello e s accattaje nu tuscaniello: miez a me, miez a te e miez o figlio do re. A BEFANA A befana vene e notte, port e scarpe tutt rotte. Vene, bussa e scappa pa via, a befana è mamma mia. A SEMMANA DA SFATICATA Lunnerì : ndi ndì Marterì : pure accussì Miercurì : a nannarella Gioverì : chiste e chella Viernarì : si reca a messa e ppo allu spasso Sabato : Marito mijo, che mo levo affà stu camms? e a dummenica, o marito a vattette! PO NENNILLO Sbatt e mane ca vene papà, porta o zucchero e o babbà. Nuje o mettimmo a cucinà e o nennillo so va a mangià! NINNA NANNA Ninna. nanna e ninna nannarella, o lup s è mangiat a pecurella. Eh, pecurella mia, cumme faraje quanno mmocca o lupo te truvarraje? Eh, pecurella mia, cumme faciste quanno mmocca o lup te truvaste? 8

9 PE FA STA ZITTE E CRIATURE Addereto a porta e ze Vecenza nge steva na merda secca. Chi parla s allecca. Chi rire s a mangia CONTA Un, n ato, Catello, Catania, Napoli, Puortici, Nucera, e Pagani, a micia e so dieci. ALTRA CONTA Alli uni, alli doje, alli tre cancielli, o fravolo e pelle co ndin dan bò, cuntali bbuono ca durece so FILASTROCCA Ce steva na vota nu viecchio e na vecchia, steveno e casa ngopp a nu specchio, steveno e casa ngoppa a nu monte, statte zitto ca mo t o conto, Si t o cont chianu chianu, sient a ddore do tiano, si t o cont fort fort, sient e sbatte tutt e porte. A FARFALLINA ROSSA Na farfallina rossa m ha muzzecat o musso nu poco e vine russo m ha fatto mbriacà! Na rosa ind e capille, nu par e zucculille, guagliò che guarde affà? Ije a mossa a saccio fa! MASTU CICCIO Saca, seca, mastu Ciccio. A panella e o sasiccio. O sasiccio ngiò mangiammo e a panella ngià stipamma. Ngià stipammo pe Natale quanno veneno e zampognari. E zampognari nu vveneno cchiù, ngià mangiammo tutt e duje. 9

10 CIENT CINQUANTUNO E cient cinquantuno, e jocate o citrulo. Si nun t o vuo jucà, e spalle t aggià ammarrà! E tturre e tturre, palett e tammurre, e turre e turre, palette e tammurre QUANN E MAL TIEMPO Truone e lampi, acqua a rrazze, chesta è a casa e Santu Iazzo. Chesta è a esanto Simone, chesta è a casa e Nostro Signore. Nostro Signore sta mmiezz o campo, nun avè paura de truone e de lampi. ZI NICOLA A ricotta salata, o curtiello arricamato. Ricamato a te, ricamato a mme. Chella fetente e mariola, facette carè a zì Nicola. Zì Nicola sentette dolore e aizave o bbastone. O bbastone s rumpette e zi Nicola se ne jette! NDUVINA! Chi o fa, o fa po venne; chi o ordena nun ge serve e a chi ge serve nunn o vere. Chi ghiè?...( O tavuto) NDO - NDO Ndò, Ndò, Ndò, miett a capa ndò commò! Mettancelle chianu chianu, nu ffa male o parrucchiano! PEPPE A SCUPPETTA Peppe a scuppetta, o fucile e a baionetta! Spara o cannone e Peppe o maccarone! 10

11 E DDETE DE MMANE Miezz a na funtanella nje steva na paparella: chist acchiappa (pollice); chist a spenna (indice); chist a coce (medio); chist sa mangia (anulare); chist dice: Pirill, pirill, rammenne nu poco che so piccirillo (mignolo) P DDORME BBUON Me cocco e m addormo sott o manto da Maronna! A Maronna m è mamma, Gesù Cristo m è patre, i santi me so pparient, Maronna mia, nu me fa sunnà niente! PE LAVA A FACCIA DE CRIATURE Micia, micella, jatta jattella, che ti è mangiato: o ppane e o ccaso! E fruttacaso, e fruttacaso. A FACCIA A vavarella a pizzacane, a vucchella se mangia o ppane, o nasillo a lampione, l ucchizzulli a finestella, a tavulella pe mmangià, iammo ngopp o campanaro: din dan bò, din dan bò! 11

12 CUNT E CUNTULIAMMO : e fessi all erta e i buoni assettati! A vicchiarelle e o suricille Nge steve na vota na vecchiarelle che scupava a chiesiella e truvave nu surdicciulle. Allor penzaje: Si m accatte na castagnella, aggià iettà a scurzetella, si m accatte nu lupiniello, aggià iettà o scurzetiello, mo m accatte o janche e russo, po me metto ngopp o balcone che me voglio ammarità. A vecchierella s lavave, s pettinav, s pittav co janche e russo e s mettette ngopp o balcone. Passava nu ciucciariello e dicette: Vecchiarè che faje llà ffore? Me voglio ammarità! rispunnette a vecchierella Te vuò spusò a me? dicette o ciucciariello Pass annanze che nu ffaje pe me! rispunnette a vecchierella. Passava nu purcelluzzo e dicette; Vecchiarè che faje llà ffore? Me voglio ammarità! rispunnette a vecchierella Te vuò spusà a me? dicette o purcelluzzo Pass annanze che nu ffaje pe me! rispunnette a vicchiarella Passavan tan ati animali,ma a vecchierella diceva semp che nisciuno jeva bbuono pe essa. All urdime passav nu suricille e pur isso dicette: Vecchiarè che feje llà ffore? Me voglio ammarità! rispunnette a vecchierella Te vuò spusà a me? dicette o suricille Sì, saglie ngoppa che faje pe me! rispunnetta a vecchierella. S spusaron e a vecchierella jev a scupà a chiesiella e o suricille restava a casa pecchè era troppo piccirillo pe faticà. Nu juorn a vecchierella mettette a fa a menesta e primm e scenne dicette avvicin o suricille: Sta attient a meneste, però nunn a ggirà o si no nge vaje a finì arinte. O suricille, quann restave sul isse, sentette na bell addore e perciò vulette pruvà nu poco e menesta. Appena aizave o cupierchio nge iette a finì arinto. Quann a 12

13 vecchierella turnaje a casa, chiammav o suricille e nunn o puteva truvà a nisciuna parte. Quanno aizaje o cupierchio da pignata e verette o suricillo arinte s accumingiav a lamentà accussì: Povero marit mijo, manco muorto si bbuono! O LUPO E A VOLPE Era ntiemp e Pasqua e e furn de massarije eran tutt chin e pastiere. Nu lup e na volpe scennettene ndo paese e si trovarono dint a na massarije e a volpe ricette avvicin o lupo: Compa lu, nge vulimmo fa na mangiata e pastiere? O lupo rispunnette: Compa vo, e si arriva o padrone, comme facimme? A volpe arrispunnette: Nuje facimmo accussì: ammente ije sto rind o furno, tu faje o guardiano e po,esch ije e trase tu. - Va bbuon - dicette o lup. E accussì facetten. A volpe ogni tanto, s ammisurave pe vedè si ngià faceva d ascì arint o furno. Quann fu o turn do lupo, isso s abbuffaje e pastiere accussì quann arrivò o patrone, nu putette ascì a là ddint e perciò acchiappave nu sacco e mazzate. Quann o padrone se ne jette, o lupo tutt rutt verette a volpe che steve stesa pe terra e che alluccava manc acchè. Compa vò, che v assucciese? addummannaje o lup. A vorpa dicette: Aggi à avuto tanta mazzate ch è sicuro che m aggio rotto na cossa e nu pozzo camminà! O lup n avette pietà e s a caricaje ngopp e spalle. Ammente camminavano a vorpa jev dicenne: Ndani, ndani. ndani e o rutto porta o sano! O lup, allora, addummannaje : Cumpa vo, che jate dicenno? A vorpa rispunnette; Niente, cumpa lu, vaco dicenna na preghiera pe me e pe te! 13

14 A PUPATA E ZUCCHERO Nge steva na vota na signurina che pe fa mangià e frate suije, ieve arrubbà ind a casa de briganti. Quanno i briganti s accurgettene che ogni jurno mancava coccosa, si mettettero affà a posta pe vedè chi era che l arrubbava. O capo de briganti, quanno sapette che era na signurina che l arrubbava, dicette che ngia vuleva fa pagà. Allora, cummannaje all uommine suoje che l avevano mprigionà pecchè isso sa vuleva spusà e po, a primma notte e sposa, l aveva accirere. E accussì facette: sa spusaje e quanno s ritirarono ndà cammera e lietto, pigliaje o curtiello p accirere. A signurina, però, era furba e aveva capito che vuleva fa o capo de briganti, perciò ndò lietto nge mettette na pupata e zucchero che s aveva fatto fa do zuccararo. Quanno o capo de briganti nfilaje o curtiello ndò core da signurina, nu schizzo e zucchero nge ietto mmocca e allora dicette: Pupatella mia, pure morta s ì ddoce pe mme! Comme pozzo fa pe te fa turnà a mme? A signurina sentette e parole do capo de briganti e rispunnette: Si me vuò fa turnà addà tte, tutt i beni tuoje li e rà a mme! O brigante accussì facette e da tanne, isso e a signurina stetteno sempe assieme. Loro là e nuje ccà. 14

15 FRANIELLO Quanno Franiello tenena i renari,, tutt l amici o mmitavano a bbeve. Quanno Franiello fernette e renari, nu teneva cchiù né amici e né cumpari. Quanno Franiello facette nata vota e renari, vicino o vurzilli nge mettette la chiave. O SIGNOE E O CAFONE Nge steva na vota nu signore che s avantava pecchè diceva che isso sapeva nduvinà ogni cosa. Na vota prumettette tre sord a chi esse stat capace e nge fa na domanda che isso nu sapesse responnere. Se facette annanzi nu zappatore tutt brutt, stuort e zuzzuso! O signore quanno o verette, penzaje: Addò savvia stu pover ommo! O zappatore, quanno arrivaje vicin o signore, ricette: Va pozzo fa ije na domanda? O signore ricette: Sì! O cafone accumminciaje dicenne: Maestà, primm e venì ccà, m aggie mangiato carne cresciuta e mai nata! Po m aggie bbevuto vino e sett anne e po, quanno so arrivato sotto a reggia vosta, agge visto o muscio che rompeva o tuosto! Aite capito? O signore, penzave e penzave e ppo avetta rice che nu sapeva risponne. Fu accussì che o signore avetta rà e tre sorde o zappatore, che tutt cuntento se ne steve 15

16 ienne. Ammente se ne steve ienno, però, o signore o fermaje e dicette: Dimme na cosa, ije o vino e sett ann o saccio che è o vine nvecchiato, ma rimme quali è a carna cresciuta e mai nata e chi gghiè o muscio che sott a reggia mia rompe o tuosto. O zappatore se fermaje e dicette accussì: Signò, ammente steve venenno ccà, tre briganti hann accise na pecara prena e po m hanno mmitato a mmangià cu lloro o pecuriello che portave nd à panza: chesta è a carne cresciuta e mai nata! O mmuscio che sotto a reggia vosta rompe o tuosto è chella goccia r acqua che care da copp all astico vuosto e va a ffinì ngopp a preta che sta annanz o portone! O vino e sett anne, po, nunn è o vine nvecchiato, ma è o vino che avevan fatto sette femmine che se cchiammavano Anna! O signore, allora, ngape a isso penzaje: O zappatore tene e scarpe rotte e a mente fina! 16

17 PILLOLE DI SAGGEZZA POPOLARE Aria netta nunn à paura e tronale A sciummo matto nun je ije a natà pecchè nje sfunn arint Chi cammin co zuopp, ncap e l ann s azzoppa Cient gall a cantà nun fa mai matina Para, para piglia e piglia piglia par Chi se cocca co e criature, a matina se sceta spuorc e latte Dicette S. Biase: Guaglù, viern mo trase! Risponnett a vecchia a dint o forn : Tann è vera estate quann è giugno! Marz i malat l allum e i bbuon l ammazza! E a panza che nzegn a vita! Chi ten mala capa, tene bboni ccosce! So jocatore e semp aggie vint e mo vir comme m aggià dipinte 17

18 Chiacchiere e tabbacchere e legno, o bbanco e Napule nun mpegna Chi buon erede vo fa cu figlie femmene addà accumincià Tre pasture ncampagna stevene, nu magnavano e nu bbeveveno, ricette uno e loro: Nunn è fatto notte ancora! Ngoppa a na pianta nce steva na cimignoccola cu cientcinquantacinche cimignucculille. A cimignoccola reve a mmangià i cientcinquantacinche cimignucculille e i cientcinquantacinche cimignucculille nu ddeven a mmangià a cimignoccola O cane mozzeca semp o stracciat A cervèlla 'e ll'ommo è 'na sfoglia 'e cepolle Chi ha avuto, ha avuto, e chi ha rat, ha rat Ogni cerviello è nu tribunale Ogni scarpa addeventa scarpone O sparagno nun è maje guaragno 18

19 A rrobba bbona è fatta po pover omme A raggiona se rà 'e fessi O pesce fète d a capa Pane e cipolle e core cuntent Nu' sputa' 'ncielo, ca 'nfaccia te torna Chi chiagne, fott 'a chi ride" More mast Francisco e nun ze fanne cchiù cavurare? Si febbrajo nu frevareja, marzo mal a penza Si marz ngotogna te fa carè e dete cu tutte ll ogne April caccia o sciore e maggio nn ave onore Chi troppo pecora se fa, o lup s ò mangia Chi nn ave pietà de ccarne e ll ate, è ssoije se mmangiane e cani. Nisciuno dice: Lavate a faccia che sì cchiù bbello e me! 19

20 ACCUSSì E O MUNNO: CHI NATA E CHI VA A FUNNO! 20

PRONOMI DIRETTI (oggetto)

PRONOMI DIRETTI (oggetto) PRONOMI DIRETTI (oggetto) - mi - ti - lo - la - La - ci - vi - li - le La è la forma di cortesia. Io li incontro spesso. (gli amici). Non ti sopporta più. (te) Lo legge tutti i giorni. (il giornale). La

Dettagli

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste.

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste. FIGLI DI DIO Cosa significa essere un figlio di Dio? E importante essere figli di Dio? Se sono figlio di Dio che differenza fa nella mia vita quotidiana? Queste sono questioni importanti ed è fondamentale

Dettagli

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO Sono arrivata in Italia in estate perché i miei genitori lavoravano già qui. Quando ero in Cina, io e mia sorella Yang abitavamo con i nonni, perciò mamma e papà erano tranquilli.

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

Miseria e Nobiltà di Edoardo De Filippo atto primo

Miseria e Nobiltà di Edoardo De Filippo atto primo Miseria e Nobiltà di Edoardo De Filippo atto primo PERSONAGGI Gaetano, padre di Gemma e Luigino Marchese Ottavio Favetti Eugenio, suo figlio Pasquale Felice Concetta Luisella Bettina Pupella Giacchino

Dettagli

Cammurriata Canti di malavita (1983)

Cammurriata Canti di malavita (1983) Giuseppe Patroni Griffi Cammurriata Canti di malavita (1983) Milano, Mondadori Editore, 1999 «Cammurriata», è parola inventata usando il termine «camorra», al modo di «tammorra», tipo di grosso tamburo

Dettagli

FILUMENA:(sicura del fatto suo) He fernuto? He a dicere niente cchiù? DOMENICO:( di scatto) Statte zitta, nun parla, nun me fido e te sentere!

FILUMENA:(sicura del fatto suo) He fernuto? He a dicere niente cchiù? DOMENICO:( di scatto) Statte zitta, nun parla, nun me fido e te sentere! FILUMENA E DOMENICO da Filumena Maturano di Eduardo De Filippo riduzione e adattamento di Giulio C. Carlotto Farnese DOMENICO: Pazzo,pazzo,pazzo! Ciento vote, mille vote. Io songo n ommo e niente! Io m

Dettagli

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini,

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini, Cari bambini, Civile questo libretto che vi viene oggi proposto vi aiuterà a conoscere i rischi e ad imparare come difendervi, in particolare dai rischi legati al terremoto. Questo come tutti sapete è

Dettagli

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94 DAL MEDICO A: Buongiorno, dottore. B: Buongiorno. A: Sono il signor El Assani. Lei è il dottor Cannavale? B: Si, piacere. Sono il dottor Cannavale. A: Dottore, da qualche giorno non mi sento bene. B: Che

Dettagli

AL SUPERMERCATO UNITÁ 11

AL SUPERMERCATO UNITÁ 11 AL SUPERMERCATO Che cosa ci serve questa settimana? Un po di tutto; per cominciare il pane. Sì, prendiamo due chili di pane. Ci serve anche il formaggio. Sì, anche il burro. Prendiamo 3 etti di formaggio

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO 90 ICARO MAGGIO 2011 LA TEORIA DEL CUCCHIAIO di Christine Miserandino Per tutti/e quelli/e che hanno la vita "condizionata" da qualcosa che non è stato voluto. La mia migliore amica ed io eravamo nella

Dettagli

Invece n da stu paes, come sempre, ston i solt casen, il centro è sempre pulito ed in periferia stie na latren.

Invece n da stu paes, come sempre, ston i solt casen, il centro è sempre pulito ed in periferia stie na latren. Cari lettori Oggi della pulizia del nostro paese vi voglio parlare, che per come funziona, troppo cara ce la fanno pagare. Pe quanda solt co senec ne fasce pagà de rummat, Putignan er a iess nu paes, splendente

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

Una voce poco fa / Barbiere di Siviglia

Una voce poco fa / Barbiere di Siviglia Una voce oco a / Barbiere di Siviglia Andante 4 3 RÔ tr tr tr 4 3 RÔ & K r # Gioachino Rossini # n 6 # R R n # n R R R R # n 8 # R R n # R R n R R & & 12 r r r # # # R Una voce oco a qui nel cor mi ri

Dettagli

pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì

pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì pag. 2 La mamma diceva che ero dimagrito e così mi portò dal medico. Il dottore guardò le urine, trovò dello

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

NATALE SARA. Come sempre Natale sarà una festa, una grande magia, per svegliare la tua fantasia giù dal cielo un bel sogno verrà.

NATALE SARA. Come sempre Natale sarà una festa, una grande magia, per svegliare la tua fantasia giù dal cielo un bel sogno verrà. NATALE SARA Su nel cielo che gran movimento, su tra gli angeli del firmamento: quelli addetti agli effetti speciali si rimboccano tutti le ali. C'è chi pensa ai fiocchetti di neve, chi compone una musica

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

5ª tappa L annuncio ai Giudei

5ª tappa L annuncio ai Giudei Centro Missionario Diocesano Como 5 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Febbraio 09 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 5ª tappa L annuncio ai Giudei Pagina

Dettagli

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 Cari catechisti, buonasera! Mi piace che nell Anno della fede ci

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

IL CANE CHE NON SAPEVA ABBAIARE

IL CANE CHE NON SAPEVA ABBAIARE IL CANE CHE NON SAPEVA ABBAIARE C'era una volta un cane che non sapeva abbaiare. Non abbaiava, non miagolava, non muggiva, non nitriva, non sapeva fare nessun verso. Era un cagnetto solitario, chissà come

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo?

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? In Italia, secondo valutazioni ISTAT, i nonni sono circa undici milioni e cinquecento mila, pari al 33,3% dei cittadini che hanno dai 35 anni in su. Le donne

Dettagli

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT SEGUI LE STORIE DI IGNAZIO E DEL SUO ZAINO MAGICO Ciao mi chiamo Ignazio Marino, faccio il medico e voglio fare il sindaco di Roma.

Dettagli

ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA. Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni. Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav

ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA. Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni. Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav Matite italiane ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav Edizione italiana a cura di Gianni Rodari Editori Riuniti I edizione in

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07 GRUPPO ANNI 3 Novembre- maggio Documentazione a cura di Quaglietta Marica Per sviluppare Pensiero creativo e divergente Per divenire

Dettagli

Che cosa fai di solito?

Che cosa fai di solito? Che cosa fai di solito? 2 1 Ascolta la canzone La mia giornata, ritaglia e incolla al posto giusto le immagini di pagina 125. 10 dieci Edizioni Edilingua unità 1 2 Leggi. lindylindy@forte.it ciao Cara

Dettagli

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna...

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna molto probabilmente avrei un comportamento diverso. Il mio andamento scolastico non è dei migliori forse a causa dei miei interessi (calcio,videogiochi, wrestling ) e forse mi applicherei

Dettagli

Discorso diretto e indiretto

Discorso diretto e indiretto PERCORSI DIDATTICI di: Mavale Discorso diretto e indiretto scuola: Cremona area tematica: Lingua italiana pensato per: 8-11 anni scheda n : 1 OBIETTIVO DIDATTICO: Saper riconoscere ed usare il discorso

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

Routine per l Ora della Nanna

Routine per l Ora della Nanna SCHEDA Routine per l Ora della Nanna Non voglio andare a letto! Ho sete! Devo andare al bagno! Ho paura del buio! Se hai mai sentito il tuo bambino ripetere queste frasi notte dopo notte, con ogni probabilità

Dettagli

FAMIGLIA, CASA, PARENTI

FAMIGLIA, CASA, PARENTI FAMIGLIA, CASA, PARENTI 14. Mazzat e panell fann i figl bbell Botte e il dovuto vitto fanno i figli belli Chi risparmia la verga, odia suo figlio; chi invece lo ama, prodiga correzioni 10. 15. Chi prima

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS MA IL CIELO È SEMPRE PIÙ BLU di Rino Gaetano Didattizzazione di Greta Mazzocato Univerisità Ca Foscari di Venezia Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano

Dettagli

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

S.I.A.E. TEATRO COMICO NAPOLETANO. UN RIMEDIO PER OGNI MALE 2004 Commedia in due atti di Colomba Rosaria ANDOLFI

S.I.A.E. TEATRO COMICO NAPOLETANO. UN RIMEDIO PER OGNI MALE 2004 Commedia in due atti di Colomba Rosaria ANDOLFI S.I.A.E. TEATRO COMICO NAPOLETANO UN RIMEDIO PER OGNI MALE 2004 Commedia in due atti di Colomba Rosaria ANDOLFI Tutti i diritti dell opera sono riservati. Non sono consentiti adattamenti, né modifiche

Dettagli

Arcangela Mastromarco

Arcangela Mastromarco Autore: Con la collaborazione di: Arcangela Mastromarco Lidia Scarabelli 1 Unità 1 Questa è la mia famiglia. Io mi chiamo Meijiao. Faccio la IV elementare. La mattina mi alzo alle 7.00, mi vesto e faccio

Dettagli

Oleggio, 25/12/2009. Natività- Dipinto del Ghirlandaio

Oleggio, 25/12/2009. Natività- Dipinto del Ghirlandaio 1 Oleggio, 25/12/2009 NATALE DEL SIGNORE Letture: Isaia 9, 1-6 Salmo 96 Tito 2, 11-14 Vangelo: Luca 2, 1-14 Cantori dell Amore Natività- Dipinto del Ghirlandaio Ci mettiamo alla Presenza del Signore, in

Dettagli

IL LUNEDÌ SCOMPARSO. Dai 5 anni

IL LUNEDÌ SCOMPARSO. Dai 5 anni PIANO DI L ETTURA IL LUNEDÌ SCOMPARSO Silvia Roncaglia Dai 5 anni Illustrazioni di Simone Frasca Serie Arcobaleno n 5 Pagine: 34 (+ 5 di giochi) Codice: 978-88-384-7624-1 Anno di pubblicazione: 2006 L

Dettagli

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico SASHA La nostra storia é molto molto recente ed é stata fin da subito un piccolo "miracolo" perche' quando abbiamo contattato l' Associazione nel mese di Novembre ci é stato detto che ormai era troppo

Dettagli

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013 Farra, 24 febbraio 2013 informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara dare alcune indicazioni pratiche suggerire alcuni percorsi Quali sono le reazioni

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi

ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi come Anno scolastico 2012-2013 Classe 2 a D 1 Istituto Comprensivo G. Mazzini Erice Trentapiedi Dirigente Scolastico: Filippo De Vincenzi Ideato e realizzato

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

Dio c è ma non si vede! di Denny Arrichiello

Dio c è ma non si vede! di Denny Arrichiello Dio c è ma non si vede! di Denny Arrichiello 0 Dio c è ma non si vede! di Denny Arrichiello PRIMO ATTO La scenografia è la casa della famiglia Boncristiano. Arredata tutta in design futuristico. Sulle

Dettagli

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI La mia casa ideale è vicino al mare. Ha un salotto grande e luminoso con molte poltrone comode e un divano grande e comodo.

Dettagli

Concorso "La Fiorentina che vorrei". Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo.

Concorso La Fiorentina che vorrei. Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo. Concorso "La Fiorentina che vorrei". Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo. Mi chiamo Chiara abito a Sesto Fiorentino e per iniziare voglio fare una premessa. Io di calcio ci capisco

Dettagli

L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA?

L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA? dott.ssa Anna Campiotti Marazza (appunti non rivisti dall autrice; sottotitoli aggiunti dal redattore) L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA? primo incontro del ciclo Il rischio di educare organizzato

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Seconda PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI MATEMATICA Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

Lo sai, sono la tua anima gemella perchè...

Lo sai, sono la tua anima gemella perchè... Clémence e Laura Lo sai, sono la tua anima gemella perchè... Se fossi un paio di scarpe sarei i tuoi lacci Se fossi il tuo piede sarei il tuo mignolo Se fossi la tua gola sarei la tua glottide Se fossi

Dettagli

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Referenti: Coordinatore Scuole dott. Romano Santoro Coordinatrice progetto dott.ssa Cecilia Stajano c.stajano@gioventudigitale.net Via Umbria

Dettagli

La Sua Salute e il Suo Benessere

La Sua Salute e il Suo Benessere La Sua Salute e il Suo Benessere ISTRUZIONI: Questo questionario intende valutare cosa Lei pensa della Sua salute. Le informazioni raccolte permetteranno di essere sempre aggiornati su come si sente e

Dettagli

LA STREGA ROVESCIAFAVOLE

LA STREGA ROVESCIAFAVOLE LA STREGA ROVESCIAFAVOLE RITA SABATINI Cari bambini avete mai sentito parlare della strega Rovesciafavole? Vi posso assicurare che è una strega davvero terribile, la più brutta e malvagia di tutte le streghe

Dettagli

2 e3 anno I GIORNI DELLA TARTARUGA. ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente.

2 e3 anno I GIORNI DELLA TARTARUGA. ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente. 2 e3 anno narrativa CONTEMPORAN scuola second. di I grado EA I GIORNI DELLA TARTARUGA ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente. AUTORE: C. Elliott

Dettagli

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere!

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Anna La Prova Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Chi sono i bambini Oppositivi e Provocatori? Sono bambini o ragazzi che sfidano l autorità, che sembrano provare piacere nel far

Dettagli

Una notte incredibile

Una notte incredibile Una notte incredibile di Franz Hohler nina aveva dieci anni, perciò anche mezzo addormentata riusciva ad arrivare in bagno dalla sua camera. La porta della sua camera era generalmente accostata e la lampada

Dettagli

Trasformazione attivo-passivo

Trasformazione attivo-passivo Trasformazione attivo-passivo E possibile trasformare una frase attiva in passiva quando: 1. il verbo è transitivo 2. il verbo è seguito dal complemento oggetto. Si procede in questo modo: 1. il soggetto

Dettagli

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte)

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte) La canzone dei colori Rosso rosso il cane che salta il fosso giallo giallo il gallo che va a cavallo blu blu la barca che va su e giù blu blu la barca che va su e giù Arancio arancio il grosso cappello

Dettagli

Poesie. di Salvatore di Giacomo. Letteratura italiana Einaudi

Poesie. di Salvatore di Giacomo. Letteratura italiana Einaudi Poesie di Salvatore di Giacomo Edizione di riferimento: in Poesie e Prose, a cura di Elena Croce e Lanfranco Orsini, Mondadori, Milano 1977 Sommario I. SUNETTE ANTICHE Nannina 2 Pe la via 5 2 de nuvembre

Dettagli

Flame of Hope maggio 2015

Flame of Hope maggio 2015 Flame of Hope maggio 2015 Cari amici, Quand è che si apprezza maggiormente la vita e si è consapevoli di essere vivi e ne siamo grati? Quando quel dono prezioso è minacciato e poi si apprezza la vita il

Dettagli

Ciao ragazzi! - Lombardo Nosengo Ulysse

Ciao ragazzi! - Lombardo Nosengo Ulysse Unità 3 41 Il Vesuvio Ciao ragazzi! - Lombardo Nosengo Ulysse affresco - Pompei Capri Il golfo di Napoli Pompei Napoli Pompei Capri 42 L imperfetto indicativo L alternanza passato prossimo e imperfetto

Dettagli

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama Adorazione Eucaristica a cura di Don Luigi Marino Guida: C è un esperienza che rivela il potere unificante e trasformante dell amore, ed è l innamoramento, descritto in modo splendido nel Cantico dei Cantici.

Dettagli

PETROLINI E' QUELLA COSA CHE TI BURLA IN TON GARBATO POI TI DICE: TI HA PIACIATO? SE TI OFFENDI SE NE FREG. MA TUTTO QUEL CHE SONO

PETROLINI E' QUELLA COSA CHE TI BURLA IN TON GARBATO POI TI DICE: TI HA PIACIATO? SE TI OFFENDI SE NE FREG. MA TUTTO QUEL CHE SONO PTROINI ' QUA COSA CH TI BURA IN TON GARBATO POI TI DIC: TI HA PIACIATO? S TI OFFNDI S N FRG. MA TUTTO QU CH SONO NON POSSO DIR A DIR NON SON BUONO MI PRORO' A CANTAR. I barzelletta NADIA Due popolane

Dettagli

Tip #2: Come siriconosceun leader?

Tip #2: Come siriconosceun leader? Un saluto alla Federazione Italiana Tennis, all Istituto Superiore di Formazione e a tutti gli insegnanti che saranno presenti al SimposioInternazionalechesiterràilprossimo10 maggio al ForoItalico. Durante

Dettagli

Alcune regole di lettura del dialetto:

Alcune regole di lettura del dialetto: Dedica:... a chi ama Gambatesa... Prefazione Correvano gli anni cinquanta a Gambatesa quando l improvvisazione in rima baciata dilagò nella pratica delle maitunate stuzzicando la creatività e l ingegno

Dettagli

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B.

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A. Ignone - M. Pichiassi unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A B 1. È un sogno a) vuol dire fare da grande quello che hai sempre sognato

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

Unità VI Gli alimenti

Unità VI Gli alimenti Unità VI Gli alimenti Contenuti - Gusti - Preferenze - Provenienza Attività AREA ANTROPOLOGICA 1. Cosa piace all Orsoroberto L Orsoroberto racconta ai bambini quali sono i cibi che lui ama e che mangia

Dettagli

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958)

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958) NOTIZIARIO PARROCCHIALE Anno XC - N 8 dicembre 2012 - L Angelo in Famiglia Pubbl. mens. - Sped. abb. post. 50% Bergamo Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

COME IL PANE ANTOLOGIA POETICA PER I BAMBINI DELLA SCUOLA DELL INFANZIA E PER QUELLI DELLA PRIMA CLASSE DELLA SCUOLA PRIMARIA. Dormono (Lina Schwarz)

COME IL PANE ANTOLOGIA POETICA PER I BAMBINI DELLA SCUOLA DELL INFANZIA E PER QUELLI DELLA PRIMA CLASSE DELLA SCUOLA PRIMARIA. Dormono (Lina Schwarz) COME IL PANE ANTOLOGIA POETICA PER I BAMBINI DELLA SCUOLA DELL INFANZIA E PER QUELLI DELLA PRIMA CLASSE DELLA SCUOLA PRIMARIA Dormono (Lina Schwarz) Il gattino accanto al fuoco si addormenta a poco a poco;

Dettagli

Ente Culturale Schola Cantorum San Lorenzo Martire San Lorenzello Ente di rilievo regionale per la promozione di attività educativo-culturali

Ente Culturale Schola Cantorum San Lorenzo Martire San Lorenzello Ente di rilievo regionale per la promozione di attività educativo-culturali Ente Culturale Schola Cantorum San Lorenzo Martire San Lorenzello Ente di rilievo regionale per la promozione di attività educativo-culturali San Lorenzello e le sue canzoni 1 Nustalgia d i paes (Nicola

Dettagli

Con Rikke nei Parchi d Abruzzo di Kristiina Salmela

Con Rikke nei Parchi d Abruzzo di Kristiina Salmela di Kristiina Salmela Gole di Fara San Martino (CH) Hei! Ciao! Sono un bel TONTTU - uno gnometto mezzo finlandese mezzo abruzzese, e mi chiamo Cristian alias Rikke. Più di sei anni fa sono nato nel Paese

Dettagli

n de st oasi de relacchese, cibborio e de sollazzo,

n de st oasi de relacchese, cibborio e de sollazzo, n de st oasi de relacchese, cibborio e de sollazzo, Ecco ancora n occasione in cui veng a rompe r cazzo, Perché propo l artroieri sta signora ch è qui sotto Ha sgarato n artro anno, per cui mò sò ggià

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ====================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO www.lachiesa.it/liturgia ====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

Dettagli

Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche

Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche Strumenti per la didattica, l educazione, la riabilitazione, il recupero e il sostegno Collana diretta da Dario Ianes Rossana Colli e Cosetta Zanotti Giro,

Dettagli

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE Presentazione La guida dell educatore vuole essere uno strumento agile per preparare gli incontri con i ragazzi.

Dettagli

1 Decidi come finisce la frase.

1 Decidi come finisce la frase. No mamma no A1/A2 anno di produzione: 1993 durata: 18 genere: commedia regia: Cecilia Calvi sceneggiatura: Cecilia Calvi fotografia: Franco Lecca montaggio: Valentina Migliaccio interpreti: Isa Barsizza,

Dettagli

Come si chiama? E per le ragazze? Lo facevate volentieri?

Come si chiama? E per le ragazze? Lo facevate volentieri? LEONE PIERINA nata a Rivoli il 22/08/1929 - deceduta ad Alpignano il 22/08/2009 Intervista rilasciata su videocassetta dalla Sig.ra Pierina Leone il 2 aprile 2003 presso il laboratorio di storia della

Dettagli

TABELLA DEI COMPLEMENTI

TABELLA DEI COMPLEMENTI TABELLA DEI COMPLEMENTI REALIZZATA CON LA COLLABORAZIONE DELLA CLASSE II B DELLA SCUOLA SECONDARIA DALLA CHIESA E RUSSO DI BUSNAGO (MB) A. s. 2011/ 12 COMPLEMENTO DOMANDA A CUI RISPONDE ESEMPIO OGGETTO

Dettagli

Tesi per il Master Superformatori CNA

Tesi per il Master Superformatori CNA COME DAR VITA E FAR CRESCERE PICCOLE SOCIETA SPORTIVE di GIACOMO LEONETTI Scorrendo il titolo, due sono le parole chiave che saltano agli occhi: dar vita e far crescere. In questo mio intervento, voglio

Dettagli

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa TUTTO CIO CHE FA Furon sette giorni così meravigliosi, solo una parola e ogni cosa fu tutto il creato cantava le sue lodi per la gloria lassù monti mari e cieli gioite tocca a voi il Signore è grande e

Dettagli

1. In generale, direbbe che la sua salute è: (Indichi un numero) Eccellente... 1 Molto buona... 2 Buona..3 Passabile... 4 Scadente...

1. In generale, direbbe che la sua salute è: (Indichi un numero) Eccellente... 1 Molto buona... 2 Buona..3 Passabile... 4 Scadente... ISTRUZIONI: Il questionario intende valutare cosa lei pensa della sua salute. Le informazioni raccolte permetteranno di essere aggiornati su come si sente e su come riesce a svolgere le sue attività' consuete.

Dettagli

Dario torna a casa dalla scuola con il Nonno.

Dario torna a casa dalla scuola con il Nonno. Dario torna a casa dalla scuola con il Nonno. Sai Nonno: oggi abbiamo concluso le prove generali per lo spettacolo di fine d anno; credo proprio che ti piacerà, soprattutto il finale. Poco prima dell ultima

Dettagli

LUPI DIETRO GLI ALBERI

LUPI DIETRO GLI ALBERI dai 7 anni LUPI DIETRO GLI ALBERI Roberta Grazzani Illustrazioni di Franca Trabacchi Serie Azzurra n 133 Pagine: 176 Codice: 978-88-566-2952-1 Anno di pubblicazione: 2014 L Autrice Scrittrice milanese

Dettagli

libro primo 7 grazie, farò del mio meglio per non arrecarti altro disturbo. E appena ho provato a reagire, mi hai bloccata, sei passato a discorsi

libro primo 7 grazie, farò del mio meglio per non arrecarti altro disturbo. E appena ho provato a reagire, mi hai bloccata, sei passato a discorsi Capitolo primo 1. Se tu te ne sei scordato, egregio signore, te lo ricordo io: sono tua moglie. Lo so che questo una volta ti piaceva e adesso, all improvviso, ti dà fastidio. Lo so che fai finta che non

Dettagli

PASQUA DI NOSTRO SIGNORE GESU CRISTO

PASQUA DI NOSTRO SIGNORE GESU CRISTO PASQUA DI NOSTRO SIGNORE GESU CRISTO Annuncio della Pasqua (forma orientale) EIS TO AGHION PASCHA COMUNITÀ MONASTICA DI BOSE, Preghiera dei Giorni, pp.268-270 È la Pasqua la Pasqua del Signore, gridò lo

Dettagli

7ª tappa È il Signore che apre i cuori

7ª tappa È il Signore che apre i cuori Centro Missionario Diocesano Como 7 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Aprile 2009 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 7ª tappa È il Signore che apre

Dettagli

E vestirti coi vestiti tuoi DO#-7 SI4 dai seguimi in ciò che vuoi. e vestirti coi vestiti tuoi

E vestirti coi vestiti tuoi DO#-7 SI4 dai seguimi in ciò che vuoi. e vestirti coi vestiti tuoi SOGNO intro: FA#4/7 9 SI4 (4v.) SI4 DO#-7 Son bagni d emozioni quando tu FA# sei vicino sei accanto SI4 DO#-7 quando soltanto penso che tu puoi FA# FA#7/4 FA# SI trasformarmi la vita. 7+ SI4 E vestirti

Dettagli

Che diavolo sono le gare di rally (e altri argomenti interessanti!)?

Che diavolo sono le gare di rally (e altri argomenti interessanti!)? Che diavolo sono le gare di rally (e altri argomenti interessanti!)? Molti di voi avranno sentito parlare di gare in cui i cani concorrono in esercizi di olfatto, come la ricerca, o gare di agility e di

Dettagli

ANNO, MESI, SETTIMANE E CALENDARIO

ANNO, MESI, SETTIMANE E CALENDARIO ANNO, MESI, SETTIMANE E CALENDARIO Iniziamo il percorso ricordando agli alunni le motivazioni che hanno spinto gli uomini a creare sistemi di misurazione del tempo, come fatto già per l orologio. Facciamo

Dettagli

4.Che cosa... di bello da vedere nella tua città? (A) c'è (B) è (C) ci sono (D) e

4.Che cosa... di bello da vedere nella tua città? (A) c'è (B) è (C) ci sono (D) e DIAGNOSTIC TEST - ITALIAN General Courses Level 1-6 This is a purely diagnostic test. Please only answer the questions that you are sure about. Since this is not an exam, please do not guess. Please stop

Dettagli

1 - Sulla preghiera apostolica

1 - Sulla preghiera apostolica 1 - Sulla preghiera apostolica Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Do una piccola istruzione di metodo sulla preghiera apostolica. Adesso faccio qualche premessa sulla preghiera apostolica,

Dettagli