MEMORIA E FUTURO I NONNI RACCONTANO RACCONTI FILASTROCCHE CONTE PROVERBI. 5^A - S. Chiara - Nocera Inf.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "MEMORIA E FUTURO I NONNI RACCONTANO RACCONTI FILASTROCCHE CONTE PROVERBI. 5^A - S. Chiara - Nocera Inf."

Transcript

1 MEMORIA E FUTURO I NONNI RACCONTANO RACCONTI FILASTROCCHE CONTE PROVERBI 5^A - S. Chiara - Nocera Inf. 1

2 I NONNI RACCONTANO I miei nonni mi hanno raccontato che quando erano piccoli non vivevano bene come i ragazzi di oggi. La maggior parte delle persone viveva nei cortili dove i servizi igienici, spesso, erano situati all esterno delle case perché venivano utilizzati da più famiglie. Le case erano riscaldate con i bracieri o con i camini e non avevano molte stanze. Spesso c era un unica stanza da letto dove dormivano genitori e figli insieme. I ragazzi, quando non erano occupati a svolgere lavori per aiutare la famiglia,giocavano nel cortile con i vicini perché si conoscevano tutti. Si giocava con la corda, con la palla, che spesso era fatta di stracci ( a pall e pezz), a settimana, a nascondino,. Di sera si ascoltava la radio o ci si riuniva in casa di chi già possedeva un televisore, per assistere ai primi programmi televisivi. La domenica, poi, si andava a messa indossando il vestito buono. Per risparmiare, i vestiti e le scarpe dei fratelli più grandi passavano ai più piccoli e,inoltre, non c erano tante varietà di merendine e la carne si mangiava solo la domenica. A scuola c erano banchi di legno con i sediolini attaccati. Gli alunni indossavano grembiuli neri; gli insegnanti erano molto severi e, spesso, punivano gli alunni con bacchettate sulle mani oppure facendoli stare in gi- 2

3 nocchio dietro la lavagna. Le cartelle erano di cartone pressato e i quaderni avevano la copertina nera. Non tutti i ragazzi potevano continuare gli studi perché dovevano imparare un mestiere per dare il loro aiuto alla famiglia. Unici momenti di svago erano le feste organizzate in casa tra amici e parenti,o le feste di piazza. I nonni mi hanno anche detto che hanno trascorso la loro gioventù facendo molti sacrifici perché non avevano le comodità che abbiamo ora. Per spostarsi da un posto all altro, infatti, usavano la bicicletta o la filovia e per sbrigare le faccende domestiche usavano le mani. Quando dovevano svezzare un neonato, non avevano tutte le varietà di pappine che ci sono adesso, ma facevano bollire le fette della salute nell orzo oppure nell acqua zuccherata. Ai neonati facevano succhiare una specie di ciucciotto fatto con un pezzo di stoffa arrotolata a forma di pallina in cui era racchiuso dello zucchero ( a pupatella e zuccher). 3

4 Gli uomini, nei giorni festivi,si incontravano nei bar o dal barbiere, per giocare a carte o per guardare insieme i programmi sportivi; le donne, invece, si riunivano nei cortili a chiacchierare. Quando il tempo lo permetteva, molti lavori domestici venivano svolti in cortile, come: lavare i panni, allargare la lana, rammendare oppure fare lavori per le fabbriche conserviere(sgranare agli, sfogliare basilico o spuntare fagiolini verdi). Tra i vari cortili giravano i venditori ambulanti che vendevano di tutto: dai generi alimentari ai detersivi,ed anche arrotini, ombrellai, gelatai che, oltre ai gelati al limone vendevano i Cazzimbocchi, che erano fatti di ghiaccio tritato bagnato con scriroppo alla menta o all amarena o al limone. I nonni nel raccontare il loro passato, provavano un po di malinconia anche perché ritornava alla loro mente il ricordo di persone che ormai non ci sono più. 4

5 INTERVISTA AD UN NONNO (classe 5^A.S.Chiara) Il giorno 23 febbraio 2011, è venuto a farci visita in classe il nonno Arturo P. che gentilmente ha risposto alle nostre domande. Ecco il testo dell intervista: 1) Nonno Arturo, quanti anni ha lei? Sono nato nel 1927 per cui ho 84 anni 2) Ha fratelli o sorelle? Avevo quattro fratelli, due sono morti, e ho una sorella che purtroppo soffre di una grave malattia. 3) Ha un amico speciale? Avevo un amico carissimo che ora non c è più. Il vuoto lasciato dalla sua mancanza, però, lo sento un po meno perché suo figlio viene spesso a trovarmi per chiedermi consigli su come coltivare le viti o altre piante da frutto. 4) Quali sono stati i momenti più belli della sua vita e quali quelli più tristi? I momenti più belli li ho vissuti quando ho comicia to a conoscere le ragazze, anche se il momento che mi ha dato gioia più di tutti, è stato quello in cui fu annunciata la fine della II guerra mondiale. I momenti più tristi, invece, li ho vissuti quando è morto mio padre anche perché non mi sentivo più protetto, in effetti sentivo il peso di nuove responsabilità dal momento che ero il primogenito 5

6 5) Qual era il suo cantante preferito? Mi piacevano molto sia Giacomo Rondinella che Sergio Bruni; tra i cantanti di oggi preferisco Massimo Ranieri. 6) Come si divertiva da bambino? Giocavamo con palle di pezza che lasciavamo trascinare dall acqua che fuoriusciva del fossato quando i contadini irrigavano i campi. Vinceva il proprietario della palla che veniva trasportata più lontano. Un altro gioco che ci piaceva fare era O si lascio che consisteva nel ripetere una cantilena mentre un giocatore batteva sulla spalla dell altro ed insieme puntavano con le dita facendo attenzione a non puntare lo stesso numero. 7) Cosa abbiamo noi bambini di oggi che voi non avevate? Noi non avevamo quasi nulla mentre voi avete tanto!pensate che durante la guerra anche il pane mancava perciò veniva distribuito con la tessera. Comunque la cosa che più di tutto mi fa impazzire sono le diavolerie tecnologiche moderne perché mi fanno sentire un buono a nulla. Pensate che per vedere un programma o usare il telefono cellulare devo spesso chiedere aiuto ai miei nipoti. 8) Che cosa la spaventava da bambino? Ero terrorizzato all idea di morire sotto le bombe. Quando sentivo suonare la sirena che ci annunciava un imminente bombardamento, venivo preso dal panico 6

7 che non mi lasciava neanche quando stavamo al sicuro nel rifugio sotterraneo in cui correvamo a ripararci. Alla fine dell intervista, quando abbiamo ringraziato nonno Arturo per esserci venuto a trovare, è stato lui a ringraziare noi. Ha, infatti, detto che quella era stata per lui la giornata più bella della sua vita poiché l aveva trascorsa in un aula scolastica con noi, che gli abbiamo fatto ricordare alcuni bei momenti del suo passato. Com è simpatico! Che bello stare con voi1 7

8 CONTE, FILASTROCCHE E PASSATEMPI A GALLINA A gallina zoppa, zoppa, quante penne tene ngoppa? Ne teneva ventitré: uno, ddoje e tre. E teneva nu turnesiello e s accattaje nu tuscaniello: miez a me, miez a te e miez o figlio do re. A BEFANA A befana vene e notte, port e scarpe tutt rotte. Vene, bussa e scappa pa via, a befana è mamma mia. A SEMMANA DA SFATICATA Lunnerì : ndi ndì Marterì : pure accussì Miercurì : a nannarella Gioverì : chiste e chella Viernarì : si reca a messa e ppo allu spasso Sabato : Marito mijo, che mo levo affà stu camms? e a dummenica, o marito a vattette! PO NENNILLO Sbatt e mane ca vene papà, porta o zucchero e o babbà. Nuje o mettimmo a cucinà e o nennillo so va a mangià! NINNA NANNA Ninna. nanna e ninna nannarella, o lup s è mangiat a pecurella. Eh, pecurella mia, cumme faraje quanno mmocca o lupo te truvarraje? Eh, pecurella mia, cumme faciste quanno mmocca o lup te truvaste? 8

9 PE FA STA ZITTE E CRIATURE Addereto a porta e ze Vecenza nge steva na merda secca. Chi parla s allecca. Chi rire s a mangia CONTA Un, n ato, Catello, Catania, Napoli, Puortici, Nucera, e Pagani, a micia e so dieci. ALTRA CONTA Alli uni, alli doje, alli tre cancielli, o fravolo e pelle co ndin dan bò, cuntali bbuono ca durece so FILASTROCCA Ce steva na vota nu viecchio e na vecchia, steveno e casa ngopp a nu specchio, steveno e casa ngoppa a nu monte, statte zitto ca mo t o conto, Si t o cont chianu chianu, sient a ddore do tiano, si t o cont fort fort, sient e sbatte tutt e porte. A FARFALLINA ROSSA Na farfallina rossa m ha muzzecat o musso nu poco e vine russo m ha fatto mbriacà! Na rosa ind e capille, nu par e zucculille, guagliò che guarde affà? Ije a mossa a saccio fa! MASTU CICCIO Saca, seca, mastu Ciccio. A panella e o sasiccio. O sasiccio ngiò mangiammo e a panella ngià stipamma. Ngià stipammo pe Natale quanno veneno e zampognari. E zampognari nu vveneno cchiù, ngià mangiammo tutt e duje. 9

10 CIENT CINQUANTUNO E cient cinquantuno, e jocate o citrulo. Si nun t o vuo jucà, e spalle t aggià ammarrà! E tturre e tturre, palett e tammurre, e turre e turre, palette e tammurre QUANN E MAL TIEMPO Truone e lampi, acqua a rrazze, chesta è a casa e Santu Iazzo. Chesta è a esanto Simone, chesta è a casa e Nostro Signore. Nostro Signore sta mmiezz o campo, nun avè paura de truone e de lampi. ZI NICOLA A ricotta salata, o curtiello arricamato. Ricamato a te, ricamato a mme. Chella fetente e mariola, facette carè a zì Nicola. Zì Nicola sentette dolore e aizave o bbastone. O bbastone s rumpette e zi Nicola se ne jette! NDUVINA! Chi o fa, o fa po venne; chi o ordena nun ge serve e a chi ge serve nunn o vere. Chi ghiè?...( O tavuto) NDO - NDO Ndò, Ndò, Ndò, miett a capa ndò commò! Mettancelle chianu chianu, nu ffa male o parrucchiano! PEPPE A SCUPPETTA Peppe a scuppetta, o fucile e a baionetta! Spara o cannone e Peppe o maccarone! 10

11 E DDETE DE MMANE Miezz a na funtanella nje steva na paparella: chist acchiappa (pollice); chist a spenna (indice); chist a coce (medio); chist sa mangia (anulare); chist dice: Pirill, pirill, rammenne nu poco che so piccirillo (mignolo) P DDORME BBUON Me cocco e m addormo sott o manto da Maronna! A Maronna m è mamma, Gesù Cristo m è patre, i santi me so pparient, Maronna mia, nu me fa sunnà niente! PE LAVA A FACCIA DE CRIATURE Micia, micella, jatta jattella, che ti è mangiato: o ppane e o ccaso! E fruttacaso, e fruttacaso. A FACCIA A vavarella a pizzacane, a vucchella se mangia o ppane, o nasillo a lampione, l ucchizzulli a finestella, a tavulella pe mmangià, iammo ngopp o campanaro: din dan bò, din dan bò! 11

12 CUNT E CUNTULIAMMO : e fessi all erta e i buoni assettati! A vicchiarelle e o suricille Nge steve na vota na vecchiarelle che scupava a chiesiella e truvave nu surdicciulle. Allor penzaje: Si m accatte na castagnella, aggià iettà a scurzetella, si m accatte nu lupiniello, aggià iettà o scurzetiello, mo m accatte o janche e russo, po me metto ngopp o balcone che me voglio ammarità. A vecchierella s lavave, s pettinav, s pittav co janche e russo e s mettette ngopp o balcone. Passava nu ciucciariello e dicette: Vecchiarè che faje llà ffore? Me voglio ammarità! rispunnette a vecchierella Te vuò spusò a me? dicette o ciucciariello Pass annanze che nu ffaje pe me! rispunnette a vecchierella. Passava nu purcelluzzo e dicette; Vecchiarè che faje llà ffore? Me voglio ammarità! rispunnette a vecchierella Te vuò spusà a me? dicette o purcelluzzo Pass annanze che nu ffaje pe me! rispunnette a vicchiarella Passavan tan ati animali,ma a vecchierella diceva semp che nisciuno jeva bbuono pe essa. All urdime passav nu suricille e pur isso dicette: Vecchiarè che feje llà ffore? Me voglio ammarità! rispunnette a vecchierella Te vuò spusà a me? dicette o suricille Sì, saglie ngoppa che faje pe me! rispunnetta a vecchierella. S spusaron e a vecchierella jev a scupà a chiesiella e o suricille restava a casa pecchè era troppo piccirillo pe faticà. Nu juorn a vecchierella mettette a fa a menesta e primm e scenne dicette avvicin o suricille: Sta attient a meneste, però nunn a ggirà o si no nge vaje a finì arinte. O suricille, quann restave sul isse, sentette na bell addore e perciò vulette pruvà nu poco e menesta. Appena aizave o cupierchio nge iette a finì arinto. Quann a 12

13 vecchierella turnaje a casa, chiammav o suricille e nunn o puteva truvà a nisciuna parte. Quanno aizaje o cupierchio da pignata e verette o suricillo arinte s accumingiav a lamentà accussì: Povero marit mijo, manco muorto si bbuono! O LUPO E A VOLPE Era ntiemp e Pasqua e e furn de massarije eran tutt chin e pastiere. Nu lup e na volpe scennettene ndo paese e si trovarono dint a na massarije e a volpe ricette avvicin o lupo: Compa lu, nge vulimmo fa na mangiata e pastiere? O lupo rispunnette: Compa vo, e si arriva o padrone, comme facimme? A volpe arrispunnette: Nuje facimmo accussì: ammente ije sto rind o furno, tu faje o guardiano e po,esch ije e trase tu. - Va bbuon - dicette o lup. E accussì facetten. A volpe ogni tanto, s ammisurave pe vedè si ngià faceva d ascì arint o furno. Quann fu o turn do lupo, isso s abbuffaje e pastiere accussì quann arrivò o patrone, nu putette ascì a là ddint e perciò acchiappave nu sacco e mazzate. Quann o padrone se ne jette, o lupo tutt rutt verette a volpe che steve stesa pe terra e che alluccava manc acchè. Compa vò, che v assucciese? addummannaje o lup. A vorpa dicette: Aggi à avuto tanta mazzate ch è sicuro che m aggio rotto na cossa e nu pozzo camminà! O lup n avette pietà e s a caricaje ngopp e spalle. Ammente camminavano a vorpa jev dicenne: Ndani, ndani. ndani e o rutto porta o sano! O lup, allora, addummannaje : Cumpa vo, che jate dicenno? A vorpa rispunnette; Niente, cumpa lu, vaco dicenna na preghiera pe me e pe te! 13

14 A PUPATA E ZUCCHERO Nge steva na vota na signurina che pe fa mangià e frate suije, ieve arrubbà ind a casa de briganti. Quanno i briganti s accurgettene che ogni jurno mancava coccosa, si mettettero affà a posta pe vedè chi era che l arrubbava. O capo de briganti, quanno sapette che era na signurina che l arrubbava, dicette che ngia vuleva fa pagà. Allora, cummannaje all uommine suoje che l avevano mprigionà pecchè isso sa vuleva spusà e po, a primma notte e sposa, l aveva accirere. E accussì facette: sa spusaje e quanno s ritirarono ndà cammera e lietto, pigliaje o curtiello p accirere. A signurina, però, era furba e aveva capito che vuleva fa o capo de briganti, perciò ndò lietto nge mettette na pupata e zucchero che s aveva fatto fa do zuccararo. Quanno o capo de briganti nfilaje o curtiello ndò core da signurina, nu schizzo e zucchero nge ietto mmocca e allora dicette: Pupatella mia, pure morta s ì ddoce pe mme! Comme pozzo fa pe te fa turnà a mme? A signurina sentette e parole do capo de briganti e rispunnette: Si me vuò fa turnà addà tte, tutt i beni tuoje li e rà a mme! O brigante accussì facette e da tanne, isso e a signurina stetteno sempe assieme. Loro là e nuje ccà. 14

15 FRANIELLO Quanno Franiello tenena i renari,, tutt l amici o mmitavano a bbeve. Quanno Franiello fernette e renari, nu teneva cchiù né amici e né cumpari. Quanno Franiello facette nata vota e renari, vicino o vurzilli nge mettette la chiave. O SIGNOE E O CAFONE Nge steva na vota nu signore che s avantava pecchè diceva che isso sapeva nduvinà ogni cosa. Na vota prumettette tre sord a chi esse stat capace e nge fa na domanda che isso nu sapesse responnere. Se facette annanzi nu zappatore tutt brutt, stuort e zuzzuso! O signore quanno o verette, penzaje: Addò savvia stu pover ommo! O zappatore, quanno arrivaje vicin o signore, ricette: Va pozzo fa ije na domanda? O signore ricette: Sì! O cafone accumminciaje dicenne: Maestà, primm e venì ccà, m aggie mangiato carne cresciuta e mai nata! Po m aggie bbevuto vino e sett anne e po, quanno so arrivato sotto a reggia vosta, agge visto o muscio che rompeva o tuosto! Aite capito? O signore, penzave e penzave e ppo avetta rice che nu sapeva risponne. Fu accussì che o signore avetta rà e tre sorde o zappatore, che tutt cuntento se ne steve 15

16 ienne. Ammente se ne steve ienno, però, o signore o fermaje e dicette: Dimme na cosa, ije o vino e sett ann o saccio che è o vine nvecchiato, ma rimme quali è a carna cresciuta e mai nata e chi gghiè o muscio che sott a reggia mia rompe o tuosto. O zappatore se fermaje e dicette accussì: Signò, ammente steve venenno ccà, tre briganti hann accise na pecara prena e po m hanno mmitato a mmangià cu lloro o pecuriello che portave nd à panza: chesta è a carne cresciuta e mai nata! O mmuscio che sotto a reggia vosta rompe o tuosto è chella goccia r acqua che care da copp all astico vuosto e va a ffinì ngopp a preta che sta annanz o portone! O vino e sett anne, po, nunn è o vine nvecchiato, ma è o vino che avevan fatto sette femmine che se cchiammavano Anna! O signore, allora, ngape a isso penzaje: O zappatore tene e scarpe rotte e a mente fina! 16

17 PILLOLE DI SAGGEZZA POPOLARE Aria netta nunn à paura e tronale A sciummo matto nun je ije a natà pecchè nje sfunn arint Chi cammin co zuopp, ncap e l ann s azzoppa Cient gall a cantà nun fa mai matina Para, para piglia e piglia piglia par Chi se cocca co e criature, a matina se sceta spuorc e latte Dicette S. Biase: Guaglù, viern mo trase! Risponnett a vecchia a dint o forn : Tann è vera estate quann è giugno! Marz i malat l allum e i bbuon l ammazza! E a panza che nzegn a vita! Chi ten mala capa, tene bboni ccosce! So jocatore e semp aggie vint e mo vir comme m aggià dipinte 17

18 Chiacchiere e tabbacchere e legno, o bbanco e Napule nun mpegna Chi buon erede vo fa cu figlie femmene addà accumincià Tre pasture ncampagna stevene, nu magnavano e nu bbeveveno, ricette uno e loro: Nunn è fatto notte ancora! Ngoppa a na pianta nce steva na cimignoccola cu cientcinquantacinche cimignucculille. A cimignoccola reve a mmangià i cientcinquantacinche cimignucculille e i cientcinquantacinche cimignucculille nu ddeven a mmangià a cimignoccola O cane mozzeca semp o stracciat A cervèlla 'e ll'ommo è 'na sfoglia 'e cepolle Chi ha avuto, ha avuto, e chi ha rat, ha rat Ogni cerviello è nu tribunale Ogni scarpa addeventa scarpone O sparagno nun è maje guaragno 18

19 A rrobba bbona è fatta po pover omme A raggiona se rà 'e fessi O pesce fète d a capa Pane e cipolle e core cuntent Nu' sputa' 'ncielo, ca 'nfaccia te torna Chi chiagne, fott 'a chi ride" More mast Francisco e nun ze fanne cchiù cavurare? Si febbrajo nu frevareja, marzo mal a penza Si marz ngotogna te fa carè e dete cu tutte ll ogne April caccia o sciore e maggio nn ave onore Chi troppo pecora se fa, o lup s ò mangia Chi nn ave pietà de ccarne e ll ate, è ssoije se mmangiane e cani. Nisciuno dice: Lavate a faccia che sì cchiù bbello e me! 19

20 ACCUSSì E O MUNNO: CHI NATA E CHI VA A FUNNO! 20

INDAGINE SUI GIOCHI E SUI GIOCATTOLI Classe 2 a A A. S. 2007/08. Intervista

INDAGINE SUI GIOCHI E SUI GIOCATTOLI Classe 2 a A A. S. 2007/08. Intervista Allegato 11 INDAGINE SUI GIOCHI E SUI GIOCATTOLI Classe 2 a A A. S. 2007/08 Proponi ai nonni e ai genitori la seguente intervista Intervista 1. Con che cosa giocavi? 2. Chi ti comprava i giochi? 3. Ne

Dettagli

LE NOSTRE CANZONI DI NATALE

LE NOSTRE CANZONI DI NATALE CANZONE: LE NOSTRE CANZONI DI NATALE VIENI BAMBINO TRA I BAMBINI Quando la notte è buia E buio è anche il giorno, non credi che il domani potrà mai fare ritorno. Quando la notte è fredda C è il gelo nel

Dettagli

RISCRIVI SUL FOGLIO CHE VIENE DOPO QUESTE FRASI IN ORDINE:

RISCRIVI SUL FOGLIO CHE VIENE DOPO QUESTE FRASI IN ORDINE: RISCRIVI SUL FOGLIO CHE VIENE DOPO QUESTE FRASI IN ORDINE: La frase la maestra scrive sulla lavagna Chiara una foto ai bambini fa Una torta prepara la mamma al cioccolato Giocano con la corda i ragazzi

Dettagli

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

GESU E UN DONO PER TUTTI

GESU E UN DONO PER TUTTI GESU E UN DONO PER TUTTI OGGI VIENE ANCHE DA TE LA CREAZIONE IN PRINCIPIO TUTTO ERA VUOTO E BUIO NON VI ERANO NE UOMINI NE ALBERI NE ANIMALI E NEMMENO CASE VI ERA SOLTANTO DIO NON SI VEDEVA NIENTE PERCHE

Dettagli

Ricordi, giochi, poesie e abitudini dell infanzia e della gioventù. Poesia della mia prima elementare

Ricordi, giochi, poesie e abitudini dell infanzia e della gioventù. Poesia della mia prima elementare Ricordi, giochi, poesie e abitudini dell infanzia e della gioventù Poesia della mia prima elementare Sebbene faccio la classe prima Non mi è difficile parlare in rima, teco l augurio che il cuor mi detta

Dettagli

Poesie di Marianna Porzio

Poesie di Marianna Porzio Poesie di Marianna Porzio Geometria di un quasi giorno, arabeschi e frammenti di un quasi futuro disegnano confondono, gli uccellini concertano la radio trasmette mentre il profumo del caffè si confonde

Dettagli

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Io..., papà di...... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Lettura albo, strumento utilizzato in un Percorso di Sostegno alla Genitorialità biologica EMAMeF - Loredana Plotegher, educatore professionale

Dettagli

SPETTACOLO DI NATALE 2014

SPETTACOLO DI NATALE 2014 Sabato 20 Dicembre 2014 SPETTACOLO DI NATALE 2014 TUTTO IL MONDO FESTEGGIA IL NATALE Carissime famiglie, mamme, papà, fratelli, sorelle, nonni, zii Benvenuti a tutti! Eccoci anche quest anno alle porte

Dettagli

Sempre state importanti. Per loro.

Sempre state importanti. Per loro. parteniamo al nostro nome. Forse l unica parte che ci appartiene veramente. Il nome. Infatti L ho cambiato. Ho sfogliato in libreria il libro dei nomi, uno di quei libri che ti regalano quando fai un figlio.

Dettagli

O PRIMMO SURCO. A mia madre Giuseppina Serpe

O PRIMMO SURCO. A mia madre Giuseppina Serpe O PRIMMO SURCO A mia madre Giuseppina Serpe PRESENTAZIONE Tutti quanti hanno già conosciuto Ninì hanno potuto apprezzarne la spiccata personalità che esalta talune qualità umane non sempre facili da trovarsi,

Dettagli

Titivillus presenta. la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. Buon viaggio, si parte!

Titivillus presenta. la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. Buon viaggio, si parte! Titivillus presenta la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. I Diavoletti per tutti i bambini che amano errare e sognare con le storie. Questi racconti arrivano

Dettagli

All. 1 UDL Il viaggio - Elaborati alunnni Francesca Pulvirenti 1

All. 1 UDL Il viaggio - Elaborati alunnni Francesca Pulvirenti 1 All. 1 1 All. 2 2 All. 3 Visione I sequenza: La partenza I. Chi sono queste persone? Che cosa fanno? Come sono? E. sono i parenti e gli amici. X. Sono contenti perché sperano che trovano lavoro. E. stanno

Dettagli

COME SI VIVEVA... ...DURANTE IL FASCISMO ...DURANTE LA SECONDA GUERRA MONDIALE. Intervista alla signora Agnese

COME SI VIVEVA... ...DURANTE IL FASCISMO ...DURANTE LA SECONDA GUERRA MONDIALE. Intervista alla signora Agnese COME SI VIVEVA......DURANTE IL FASCISMO...DURANTE LA SECONDA GUERRA MONDIALE Intervista alla signora Agnese " Cosa ricorda dell'inizio della guerra? Che cambiamento c'è stato nella vita di tutti i giorni?"

Dettagli

La mia Storia. nome. cognome. Istituto Comprensivo di Scuola Primaria di Classe II sez. By Maestra Luciana. Spazio riservato alla foto del bambino

La mia Storia. nome. cognome. Istituto Comprensivo di Scuola Primaria di Classe II sez. By Maestra Luciana. Spazio riservato alla foto del bambino La mia Storia nome Spazio riservato alla foto del bambino cognome Istituto Comprensivo di Scuola Primaria di Classe II sez. Questa è la copia del mio documento d identità: ( Spazio riservato alla copia

Dettagli

1 Consiglio. Esercizi 1 1

1 Consiglio. Esercizi 1 1 1 Consiglio Prima di andare a dormire scrivi cinque parole italiane che ti interessano. La mattina dopo, prima di alzarti, cerca di ricordarti le parole scritte la sera prima. 1 Animali Fai il cruciverba.

Dettagli

Federico Platania Il primo sangue Copyright 2008 Via Col di Lana, 23 Ravenna Tel. 0544 401290 - fax 0544 1390153 www.fernandel.it fernandel@fernandel.it ISBN: 978-88-87433-89-0 Copertina di Riccardo Grandi

Dettagli

IL VIAGGIO DI SCIANTAH di Kamil Kileny

IL VIAGGIO DI SCIANTAH di Kamil Kileny لش حن لطح ح ل ة ر كام ل ك يالني IL VIAGGIO DI SCIANTAH di Kamil Kileny traduzione italiana riga per riga, parola per parola curata da Pier Luigi Farri plfarri@vbscuola.it 1 Due buoni fratelli. Sciantah

Dettagli

SCHEDA n 4. Dopo la raccolta delle preconoscenze si individuano collettivamente i temi da indagare.

SCHEDA n 4. Dopo la raccolta delle preconoscenze si individuano collettivamente i temi da indagare. SCHEDA n 4 6) Individuazione dei temi da indagare per delineare i quadri di società relativi alle quattro generazioni: famiglia, lavoro, casa, cibo, abbigliamento, gioco, mezzi di trasporto, mezzi di comunicazione,

Dettagli

http://www.sprachkurse-hochschule.de

http://www.sprachkurse-hochschule.de Lingua: Italiana Livello: A1/A2 1. Buongiorno, sono Sandra, sono di Monaco. (a) Buongiorno, sono Sandra, sono da Monaco. Buongiorno, sono Sandra, sono in Monaco. 2. Mia sorella chiama Kerstin. (a) Mia

Dettagli

Corso ITALIANO Prof.ssa S. DOTTI Liv. 2

Corso ITALIANO Prof.ssa S. DOTTI Liv. 2 IN GIRO PER ACQUISTI Signora Rossi: Voglio vedere una camicia per mio figlio. Commessa : Di che colore? Signora Rossi: Non so.. Commessa : Le consiglio il colore rosa. Se Suo figlio segue la moda, gli

Dettagli

Università degli Studi di Genova. Anno Accademico 2011/12 LIVELLO A1

Università degli Studi di Genova. Anno Accademico 2011/12 LIVELLO A1 Anno Accademico 2011/12 COGNOME NOME NAZIONALITA NUMERO DI MATRICOLA FACOLTÀ TEST Di ITALIANO (75 MINUTI) 3 ottobre 2011 LIVELLO A1 1. Completa le frasi con gli articoli determinativi (il, lo, la, l, i,

Dettagli

1. Completa le frasi con l imperfetto e il passato prossimo dei verbi tra parentesi.

1. Completa le frasi con l imperfetto e il passato prossimo dei verbi tra parentesi. Nome studente Data TEST DI AMMISSIONE AL LIVELLO B1.1 (Medio 1) 1. Completa le frasi con l imperfetto e il passato prossimo dei verbi tra parentesi. Es. Ieri sera non ti (noi-chiamare) abbiamo chiamato

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

F R A S A R I O ITALIANO BIELORUSSO

F R A S A R I O ITALIANO BIELORUSSO F R A S A R I O BIELORUSSO Note di pronuncia: zh (scritto g ) = sgj dolce, come j di jardin ) sc(i) = sci dolce di scialle sc(e) = sce dolce di pesce k = c di casa z = s di naso c = c di pace kh = ch aspirata

Dettagli

Adotto un animale CD1 2

Adotto un animale CD1 2 Adotto un anima CD 2 Ascolta e indica chi parla. Oggi vado al canile a lavare i miei cani.. Ma tu non hai cani. Lo so. Per questo vado a lavare quelli del canile. Perché non ne prendi uno? La mia mamma

Dettagli

VERIFICA DI GRAMMATICA La frase: IL SOGGETTO

VERIFICA DI GRAMMATICA La frase: IL SOGGETTO La frase: IL SOGGETTO Leggi le seguenti frasi e sottolinea il soggetto: 1. Marco va a trovare la nonna. 2. Il cane ha morso il postino. 3. E caduta la bottiglia del latte. 4. Sono solito fare i compiti

Dettagli

1. Queste mele sono. a. buonissime b. meno buonissime c. più buonissime. 2. La sua auto è mia. a. nuovissima b. più nuova della c.

1. Queste mele sono. a. buonissime b. meno buonissime c. più buonissime. 2. La sua auto è mia. a. nuovissima b. più nuova della c. QUARTA MEDIA RIPASSO DI GRAMMATICA / LESSICO E FUNZIONI SCEGLI LA FORMA CORRETTA. 1. (a) Quello uomo (b) Quell'uomo (c) quel uomo è stato un famoso atleta. 2. Il mio ufficio è vicino (a) alla stazione

Dettagli

E Penelope si arrabbiò

E Penelope si arrabbiò Carla Signoris E Penelope si arrabbiò Rizzoli Proprietà letteraria riservata 2014 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-07262-5 Prima edizione: maggio 2014 Seconda edizione: maggio 2014 E Penelope si

Dettagli

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013 per Bambini dai 7 ai 10 anni DIOCESI DI FOSSANO Commissione Diocesana Pastorale Ragazzi Ehi!!

Dettagli

Aggettivi possessivi

Aggettivi possessivi mio, mia, miei, mie tuo, tua, tuoi, tue suo, sua, suoi, sue nostro, nostra, nostri, nostre vostro, vostra, vostri, vostre loro, loro, loro, loro Aggettivi possessivi L'aggettivo possessivo è sempre preceduto

Dettagli

ITALIANO: corso multimediale d'italiano Per stranieri. Percorso

ITALIANO: corso multimediale d'italiano Per stranieri. Percorso unità 7 - quattro chiacchiere con gli amici lezione 13: un tè in compagnia 64-66 lezione 14: al telefono 67-69 vita italiana 70 approfondimenti 71 unità 8 - una casa nuova lezione 15: cercare casa 72-74

Dettagli

E ora inventiamo una vita.

E ora inventiamo una vita. E ora inventiamo una vita. - Venga Cristina, facciamo due chiacchiere. Il ragioniere dell'ufficio personale si accomoda e con un respiro inizia il suo discorso. Lei sa vero che ha maturato l'età per il

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 3

Test di ascolto Numero delle prove 3 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI SCRIVERE LE RISPOSTE NEL FOGLIO DELLE RISPOSTE.

Dettagli

CENA PASQUALE EBRAICA

CENA PASQUALE EBRAICA PARROCCHIA B.V.M. IMMACOLATA CENA PASQUALE EBRAICA per i ragazzi della Prima Comunione Sabato 4 aprile 2009 - Ore 16,00 CAPPUCCINI ORISTANO 1 momento - La schiavitù del popolo d Israele (I ragazzi sono

Dettagli

Pinguini nel deserto Concorso a tema per le scuole di ogni ordine e grado sul tema della disabilità intellettiva: I Edizione 2009

Pinguini nel deserto Concorso a tema per le scuole di ogni ordine e grado sul tema della disabilità intellettiva: I Edizione 2009 Concorso a tema per le scuole di ogni ordine e grado sul tema della disabilità intellettiva: I Edizione 2009 Iscritto per: Scuola Secondaria Primo Grado Motto di iscrizione: Raccontami e dimenticherò-mostrami

Dettagli

Oleggio, 11/5/2014 OMELIA. Lode! Lode! Lode! Amen! Alleluia! Gloria al Signore, sempre!

Oleggio, 11/5/2014 OMELIA. Lode! Lode! Lode! Amen! Alleluia! Gloria al Signore, sempre! 1 Oleggio, 11/5/2014 IV DOMENICA DI PASQUA - ANNO A Letture: Atti 2, 14.36-41 Salmo 23 (22) 1 Pietro 2, 20-25 Vangelo: Giovanni 10, 1-10 Il Pastore Bello NEL NOME DEL PADRE, DEL FIGLIO E DELLO SPIRITO

Dettagli

pomeriggio sms voglia cellulare giro acqua suoi foto a. dalla mattina alla sera. b. un caldo terribile. c. entrando in acqua.

pomeriggio sms voglia cellulare giro acqua suoi foto a. dalla mattina alla sera. b. un caldo terribile. c. entrando in acqua. sanze che trovi u Paese che vai, Q1. Completa le frasi con le parole della lista. pomeriggio sms voglia cellulare giro acqua suoi foto a. Mentre Manuele e Carlo sono seduti su una panchina, suona il di

Dettagli

Metodologia della ricerca

Metodologia della ricerca Presupposti teorici lingue in contatto spazio linguistico, nel senso di repertorio condiviso nelle comunità, in conseguenza dell ingresso di immigrati in Italia percezione di una lingua percezione delle

Dettagli

Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone

Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone 1 ANNO CATECHISMO 2014-2015 Alla Scoperta di Gesù SUSSIDIO SCHEDE RISCOPERTA DEL BATTESIMO 1 NOME COGNOME Le mie catechiste NOME COGNOME Telefono NOME COGNOME Telefono

Dettagli

In questa unità inizierai a conoscere meglio la tua storia personale: comincerai, cioè, a ricostruire la tua storia da quanto eri piccolo fino

In questa unità inizierai a conoscere meglio la tua storia personale: comincerai, cioè, a ricostruire la tua storia da quanto eri piccolo fino La nostra storia La nostra storia In questa unità inizierai a conoscere meglio la tua storia personale: comincerai, cioè, a ricostruire la tua storia da quanto eri piccolo fino a oggi. Imparerai a ricostruire

Dettagli

Ogni gruppo, partendo dalla 1a elementare fino alle Medie, presenta un segno ed il motivo del ringraziamento (vedi allegato)

Ogni gruppo, partendo dalla 1a elementare fino alle Medie, presenta un segno ed il motivo del ringraziamento (vedi allegato) Conclusione dell anno catechistico Elementari e Medie Venerdì 30 maggio 2014 FESTA DEL GRAZIE Saluto e accoglienza (don Giancarlo) Canto: Alleluia, la nostra festa Presentazione dell incontro (Roberta)

Dettagli

Parlare in famiglia. Annella Bartolomeo s.p.a.e.e. Università Cattolica Milano 26 febbraio 2015 CUGGIONO

Parlare in famiglia. Annella Bartolomeo s.p.a.e.e. Università Cattolica Milano 26 febbraio 2015 CUGGIONO Parlare in famiglia Annella Bartolomeo s.p.a.e.e. Università Cattolica Milano 26 febbraio 2015 CUGGIONO Perché è importante? IMPORTANZA DEL DIALOGO IN FAMIGLIA stili educativi: autoritario, democratico,

Dettagli

МИНИСТЕРСТВО НА ОБРАЗОВАНИЕТО, МЛАДЕЖТА И НАУКАТА ЦЕНТЪР ЗА КОНТРОЛ И ОЦЕНКА НА КАЧЕСТВОТО НА УЧИЛИЩНОТО ОБРАЗОВАНИЕ

МИНИСТЕРСТВО НА ОБРАЗОВАНИЕТО, МЛАДЕЖТА И НАУКАТА ЦЕНТЪР ЗА КОНТРОЛ И ОЦЕНКА НА КАЧЕСТВОТО НА УЧИЛИЩНОТО ОБРАЗОВАНИЕ МИНИСТЕРСТВО НА ОБРАЗОВАНИЕТО, МЛАДЕЖТА И НАУКАТА ЦЕНТЪР ЗА КОНТРОЛ И ОЦЕНКА НА КАЧЕСТВОТО НА УЧИЛИЩНОТО ОБРАЗОВАНИЕ ТЕСТ ПО ИТАЛИАНСКИ ЕЗИК ЗА VII КЛАС I. PROVA DI COMPRENSIONE DI TESTI ORALI Testo 1

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 3

Test di ascolto Numero delle prove 3 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI SCRIVERE LE RISPOSTE NEL FOGLIO DELLE RISPOSTE.

Dettagli

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27 MESSA VIGILIARE 18.00 In questa festa della Sacra Famiglia vorrei soffermarmi su un aspetto del brano di vangelo che abbiamo appena ascoltato. Maria e Giuseppe, insieme, cercano angosciati Gesù. Cosa può

Dettagli

LA CHIESA I SUOI SIMBOLI ED I SUOI SIGNIFICATI. Maggio-Giugno

LA CHIESA I SUOI SIMBOLI ED I SUOI SIGNIFICATI. Maggio-Giugno LA CHIESA I SUOI SIMBOLI ED I SUOI SIGNIFICATI Maggio-Giugno Le campane nel campanile suonano a festa. E risorto Gesù E Pasqua senti come suonano allegre! ascoltiamole Queste suonano forte! Maestra perchè

Dettagli

STORIA PERSONALE Elena Grossi, Marina Imposimato sc. pr. Baracca Laura Michelini Monica Turini sc. pr. Balducci

STORIA PERSONALE Elena Grossi, Marina Imposimato sc. pr. Baracca Laura Michelini Monica Turini sc. pr. Balducci STORIA PERSONALE Elena Grossi, Marina Imposimato sc. pr. Baracca Laura Michelini Monica Turini sc. pr. Balducci LINEA DEL TEMPO I CAMBIAMENTI NEL FISICO Prima Ora/subito Dopo Data LA GIORNATA NELLA MIA

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 3

Test di ascolto Numero delle prove 3 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI SCRIVERE LE RISPOSTE NEL FOGLIO DELLE RISPOSTE.

Dettagli

I Giochi Tradizionali all Aria Aperta

I Giochi Tradizionali all Aria Aperta I Giochi Tradizionali all Aria Aperta Salta cavallo a lungo a lungo Lo scaricabarile Giocatori maschi almeno 6 Si formavano due quadre con un uguale numero di concorrenti. I componenti di una delle due

Dettagli

I NOSTRI NONNI A SCUOLA CLASSE 2 A

I NOSTRI NONNI A SCUOLA CLASSE 2 A I NOSTRI NONNI A SCUOLA CLASSE 2 A a.s. 2011-2012 I NONNI A SCUOLA NOME COGNOME ETA MESTIERE ANGELA BASILE 90 Sarta NONNO NONNA DELL ALUNNO Miriam e Rita PLESSO R. VIVIANI A.S. 2011-2012 ..LA SCUOLA DEI

Dettagli

Un pasto di Pietro Un episodio di vita al Nido: due punti di vista

Un pasto di Pietro Un episodio di vita al Nido: due punti di vista Un pasto di Pietro Un episodio di vita al Nido: due punti di vista Il punto di vista dell educatrice Pietro ha 20 mesi, già da 6 frequenta il Nido e il momento del pasto è vissuto con molta tensione: l

Dettagli

DOLCI RICORDI - Adattamento e riduzione -

DOLCI RICORDI - Adattamento e riduzione - PROVA DI ITALIANO DOLCI RICORDI - Adattamento e riduzione - Molti anni fa vivevo con la mia famiglia in un paese di montagna. Mio padre faceva il medico, ma guadagnava poco perché i suoi malati erano poveri

Dettagli

Non è necessario stampare questo file, puoi anche solo scrivere le risposte in maniera chiara e ordinata su un foglio a parte

Non è necessario stampare questo file, puoi anche solo scrivere le risposte in maniera chiara e ordinata su un foglio a parte Compiti delle vacanze estive per chi in agosto sarà al livello 3 Non è necessario stampare questo file, puoi anche solo scrivere le risposte in maniera chiara e ordinata su un foglio a parte Questi compiti

Dettagli

Parrocchia Maria SS. Immacolata Fiumefreddo di Sicilia. GESU rimani sempre in mezzo a noi, Giornata di spiritualità PRIMA COMUNIONE di

Parrocchia Maria SS. Immacolata Fiumefreddo di Sicilia. GESU rimani sempre in mezzo a noi, Giornata di spiritualità PRIMA COMUNIONE di Parrocchia Maria SS. Immacolata Fiumefreddo di Sicilia GESU rimani sempre in mezzo a noi, per aiutarci a volerci bene, come TU vuoi a tutti noi. Giornata di spiritualità PRIMA COMUNIONE di 12 Iniziamo

Dettagli

1 Completate con i verbi dati. 2 Completate le frasi. 3 Completate la domanda o la risposta.

1 Completate con i verbi dati. 2 Completate le frasi. 3 Completate la domanda o la risposta. 1 Completate con i verbi dati. parlate partono preferiamo abitano pulisce lavora sono vivo aspetto 1. Stefania... tanto. 2. Io... una lettera molto importante. 3. Tu e Giacomo... bene l inglese. 4. Noi...

Dettagli

L integrazione scolastica degli alunni con disabilità è un [ ] processo di crescita per gli alunni con disabilità e per i loro compagni.

L integrazione scolastica degli alunni con disabilità è un [ ] processo di crescita per gli alunni con disabilità e per i loro compagni. L integrazione scolastica degli alunni con disabilità è un [ ] processo di crescita per gli alunni con disabilità e per i loro compagni. la presenza di alunni disabili non è un incidente di percorso, un

Dettagli

ΤΠΟΤΡΓΔΙΟ ΠΑΙΓΔΙΑ ΚΑΙ ΠΟΛΙΣΙΜΟΤ ΓΙΔΤΘΤΝΗ ΜΔΗ ΔΚΠΑΙΓΔΤΗ ΚΡΑΣΙΚΑ ΙΝΣΙΣΟΤΣΑ ΔΠΙΜΟΡΦΩΗ ΣΕΛΙΚΕ ΕΝΙΑΙΕ ΓΡΑΠΣΕ ΕΞΕΣΑΕΙ ΥΟΛΙΚΗ ΥΡΟΝΙΑ 2010-2011

ΤΠΟΤΡΓΔΙΟ ΠΑΙΓΔΙΑ ΚΑΙ ΠΟΛΙΣΙΜΟΤ ΓΙΔΤΘΤΝΗ ΜΔΗ ΔΚΠΑΙΓΔΤΗ ΚΡΑΣΙΚΑ ΙΝΣΙΣΟΤΣΑ ΔΠΙΜΟΡΦΩΗ ΣΕΛΙΚΕ ΕΝΙΑΙΕ ΓΡΑΠΣΕ ΕΞΕΣΑΕΙ ΥΟΛΙΚΗ ΥΡΟΝΙΑ 2010-2011 ΤΠΟΤΡΓΔΙΟ ΠΑΙΓΔΙΑ ΚΑΙ ΠΟΛΙΣΙΜΟΤ ΓΙΔΤΘΤΝΗ ΜΔΗ ΔΚΠΑΙΓΔΤΗ ΚΡΑΣΙΚΑ ΙΝΣΙΣΟΤΣΑ ΔΠΙΜΟΡΦΩΗ ΣΕΛΙΚΕ ΕΝΙΑΙΕ ΓΡΑΠΣΕ ΕΞΕΣΑΕΙ ΥΟΛΙΚΗ ΥΡΟΝΙΑ 2010-2011 Μάθημα: Ιταλικά Δπίπεδο: 2 Γιάρκεια: 2 ώρες Ημερομηνία: 23 Μαΐοσ

Dettagli

BENVENUTI ALLA SCUOLA T OSCANA!!!

BENVENUTI ALLA SCUOLA T OSCANA!!! Test your Italian This is the entrance test. Please copy and paste it in a mail and send it to info@scuola-toscana.com Thank you! BENVENUTI ALLA SCUOLA T OSCANA!!! TEST DI INGRESSO Data di inizio del corso...

Dettagli

Esercizi pronomi diretti

Esercizi pronomi diretti 1. Completate con i pronomi diretti: Esercizi pronomi diretti 1. Marina ha la tosse, dobbiamo portar dal dottore. 2. Signorina, prego di salutare i Suoi genitori quando vedrà. 3. Caro, sei libero stasera?

Dettagli

COPIONI TEATRALI DI UNA MAESTRA IRREQUIETA

COPIONI TEATRALI DI UNA MAESTRA IRREQUIETA Concetta Silvestri COPIONI TEATRALI DI UNA MAESTRA IRREQUIETA Teatro per ragazzi 2 Titolo COPIONI TEATRALI DI UNA MAESTRA IRREQUIETA Teatro per ragazzi Autore Concetta Silvestri Editore Editrice SOLLEONE

Dettagli

HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Beginners. (Section I Listening) Transcript

HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Beginners. (Section I Listening) Transcript 2014 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION Italian Beginners (Section I Listening) Transcript Familiarisation Text MALE: FEMALE: MALE: FEMALE: Ciao Roberta! Da quanto tempo che non ci vediamo Dove vai?

Dettagli

Dopo aver riflettuto e discusso sulla vita dei bambini che lavoravano, leggi questo brano:

Dopo aver riflettuto e discusso sulla vita dei bambini che lavoravano, leggi questo brano: Imparare a "guardare" le immagini, andando al di là delle impressioni estetiche, consente non solo di conoscere chi eravamo, ma anche di operare riflessioni e confronti con la vita attuale. Abitua inoltre

Dettagli

UN LIBRO CHE ANNUNCIA.. LA GIOIA DEL NATALE ... VANGELO NASCITA NATALE GESU GIOIA FESTA. Parole chiave. Novembre-dicembre

UN LIBRO CHE ANNUNCIA.. LA GIOIA DEL NATALE ... VANGELO NASCITA NATALE GESU GIOIA FESTA. Parole chiave. Novembre-dicembre UN LIBRO Novembre-dicembre CHE ANNUNCIA..... LA GIOIA DEL NATALE VANGELO NASCITA NATALE GESU GIOIA FESTA Parole chiave SEGNI E SIMBOLI DELLA FESTA DI NATALE nella borsina ci sono due scatole che contengono

Dettagli

Destinazione 11. Ciao Maria!

Destinazione 11. Ciao Maria! Destinazione 11 Ciao Maria! Ciao Luca! Guarda oggi ho un regalino per te eh. No, ma veramente? No, non dovevi, ma oggi non è Natale, non è il mio compleanno, non è San Valentino, perché? Ma dai non c è

Dettagli

Hanno scritto: «sono partito dal Ghana nel 2010, avevo 13 anni. Ero un po spaventato all idea di viaggiare in aereo da solo, in quanto i miei

Hanno scritto: «sono partito dal Ghana nel 2010, avevo 13 anni. Ero un po spaventato all idea di viaggiare in aereo da solo, in quanto i miei LABORATORIO Emigrare da un continente all altro è difficile, è complicato lasciarsi alle spalle una vita per cominciarne un altra in un luogo sconosciuto. I ragazzi provengono da diversi stati: India,

Dettagli

TESTO SCRITTO DI INGRESSO

TESTO SCRITTO DI INGRESSO TESTO SCRITTO DI INGRESSO COGNOME NOME INDIRIZZO NAZIONALITA TEL. ABITAZIONE/ CELLULARE PROFESSIONE DATA RISERVATO ALLA SCUOLA LIVELLO NOTE TOTALE DOMANDE 70 TOTALE ERRORI Test Livello B1 B2 (intermedio

Dettagli

VENERDì 5 GIUGNO 2009 ALLE ORE 17 - PRESSO LA SCUOLA DELL INFANZIA

VENERDì 5 GIUGNO 2009 ALLE ORE 17 - PRESSO LA SCUOLA DELL INFANZIA ISTITUTO COMPRENSIVO E. TOTI - Scuola statale dell Infanzia di Musile di Piave - A.S..2008-09 VENERDì 5 GIUGNO 2009 ALLE ORE 17 - PRESSO LA SCUOLA DELL INFANZIA Siete invitati alla nostra festa che si

Dettagli

PRONOMI DIRETTI (oggetto)

PRONOMI DIRETTI (oggetto) PRONOMI DIRETTI (oggetto) - mi - ti - lo - la - La - ci - vi - li - le La è la forma di cortesia. Io li incontro spesso. (gli amici). Non ti sopporta più. (te) Lo legge tutti i giorni. (il giornale). La

Dettagli

Corso d italiano L2 a cura di Paola Sguazza

Corso d italiano L2 a cura di Paola Sguazza Corso d italiano L2 a cura di Paola Sguazza elementare 1 Presentarsi Ciao! Mi chiamo John e sono senegalese. Il mio Paese è il Senegal. Il Senegal è uno Stato dell Africa. Ho 17 anni e vivo in Italia,

Dettagli

Ernesto Riggi POI VENNE L AURORA

Ernesto Riggi POI VENNE L AURORA Poi venne l aurora Ernesto Riggi POI VENNE L AURORA Romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2014 Ernesto Riggi Tutti i diritti riservati A tutti i giovani coraggiosi, capaci di lottare pur di realizzare

Dettagli

HA - A. Domani andrò pranzo dalla zia, invece stasera resterò casa. cena perchè la mamma preparato la torta per dolce.

HA - A. Domani andrò pranzo dalla zia, invece stasera resterò casa. cena perchè la mamma preparato la torta per dolce. HA - A Ricorda: HA verbo indica possedere, agire o sentire A preposizione risponde alle domande A chi? A fare cosa? Dove? Come? Quando? Completa le frasi con HA oppure con A Domani andrò pranzo dalla zia,

Dettagli

Mafia, amore & polizia

Mafia, amore & polizia 20 Mafia, amore & polizia -Ah sì, ora ricordo... Lei è la signorina... -Francesca Affatato. -Sì... Sì... Francesca Affatato... Certo... Mi ricordo... Lei è italiana, non è vero? -No, mio padre è italiano.

Dettagli

UNITA DI APPRENDIMENTO

UNITA DI APPRENDIMENTO UNITA DI APPRENDIMENTO Io racconto, tu mi ascolti. Noi ci conosciamo Istituto comprensivo n.8 ( Fe ) SCUOLA PRIMARIA DI BAURA Classe seconda Ins: Anna Maria Faggioli, Marcello Gumina, Stefania Guiducci.

Dettagli

Conversazione semi-libera

Conversazione semi-libera Titolo del file: ML05_080212.doc Pseudonimo: DAVID Partecipanti: ML05 DAVID, ML Laurence Data di registrazione: Attività svolte: conversazioni semi-libera; storia per immagini sul pesce; storia per immagini

Dettagli

- 1 reference coded [0,86% Coverage]

<Documents\bo_min_9_M_18_ita_stu> - 1 reference coded [0,86% Coverage] - 1 reference coded [0,86% Coverage] Reference 1-0,86% Coverage E le altre funzioni, le fotografie, o, non so le altre cose che può offrire il cellulare sono cose che

Dettagli

Gesù è sempre con noi, non ci abbandonerà mai e porterà sempre gioia a tutti. Racconta come un personaggio del presepe presenterebbe il nostro lavoro

Gesù è sempre con noi, non ci abbandonerà mai e porterà sempre gioia a tutti. Racconta come un personaggio del presepe presenterebbe il nostro lavoro PRESEPE Racconta come un personaggio del presepe presenterebbe il nostro lavoro Buongiorno, io sono il fiume Giordano, un fiume molto importante perché nelle mie acque è stato battezzato Gesù. Vi racconterò

Dettagli

LIVELLO A2 LAAS SISTEMA DI VALUTAZIONE DI CONOSCENZA DELLE LINGUE ESAMI DI LINGUA ITALIANA MAGGIO 2010. Certificazione riconosciuta dall ICC

LIVELLO A2 LAAS SISTEMA DI VALUTAZIONE DI CONOSCENZA DELLE LINGUE ESAMI DI LINGUA ITALIANA MAGGIO 2010. Certificazione riconosciuta dall ICC Nome:... Cognome:... ESAMI DI LINGUA ITALIANA LAAS SISTEMA DI VALUTAZIONE DI CONOSCENZA DELLE LINGUE LIVELLO A2 Certificazione riconosciuta dall ICC ISTRUZIONI MAGGIO 2010 Scrivi il tuo nome e cognome

Dettagli

Mi presento 1. CIAO, MI CHIAMO 2. SONO UN RAGAZZO UNA RAGAZZA 3. HO ANNI 4. VENGO DA 5. SONO IN ITALIA DA 1 MESE 3 MESI 6 MESI 1 ANNO PIU DI UN ANNO

Mi presento 1. CIAO, MI CHIAMO 2. SONO UN RAGAZZO UNA RAGAZZA 3. HO ANNI 4. VENGO DA 5. SONO IN ITALIA DA 1 MESE 3 MESI 6 MESI 1 ANNO PIU DI UN ANNO Mi presento 1. CIAO, MI CHIAMO 2. SONO UN RAGAZZO UNA RAGAZZA 3. HO ANNI 4. VENGO DA 5. SONO IN ITALIA DA 1 MESE 3 MESI 6 MESI 1 ANNO PIU DI UN ANNO 6. ABITO A 7. QUESTA E LA MIA FAMIGLIA: 1 8. A CASA

Dettagli

apre lavora parti parla chiude prende torno vive

apre lavora parti parla chiude prende torno vive 1. Completa con la desinenza della 1 a (io) e della 2 a (tu) persona singolare dei verbi. 1. - Cosa guard...? - Guardo un film di Fellini. 2. - Dove abiti? - Abit... a Milano. 3. - Cosa ascolt...? - Ascolto

Dettagli

Amore in Paradiso. Capitolo I

Amore in Paradiso. Capitolo I 4 Amore in Paradiso Capitolo I Paradiso. Ufficio dei desideri. Tanti angeli vanno e vengono nella stanza. Arriva un fax. Lo ha mandato qualcuno dalla Terra, un uomo. Quando gli uomini vogliono qualcosa,

Dettagli

R E N A T A C I A R A V I N O BALLARE DI LAVORO. A mio nonno Fiorino Camillo, alla sua lista

R E N A T A C I A R A V I N O BALLARE DI LAVORO. A mio nonno Fiorino Camillo, alla sua lista R E N A T A C I A R A V I N O BALLARE DI LAVORO A mio nonno Fiorino Camillo, alla sua lista Non badare alle lettere che qualcuno scrive; credimi, la maggior parte della gente è disperata ed in gran parte

Dettagli

stelle, perle e mistero

stelle, perle e mistero C A P I T O L O 01 In questo capitolo si parla di un piccolo paese sul mare. Elenca una serie di parole che hanno relazione con il mare. Elencate una serie di parole che hanno relazione con il mare. Poi,

Dettagli

1 Completate il cruciverba.

1 Completate il cruciverba. Esercizi 1 Completate il cruciverba. Orizzontali 1. Giulia scrive messaggini a tutti con il... 2. Che bello... gli amici! 3. Amo... lezione d italiano. 4. Il primo giorno di scuola conosco nuovi... Verticali

Dettagli

Sono stato crocifisso!

Sono stato crocifisso! 12 febbraio 2012 penultima dopo l epifania ore 11.30 con i fidanzati Sono stato crocifisso! Sia lodato Gesù Cristo! Paolo, Paolo apostolo nelle sue lettere racconta la sua storia, la storia delle sue comunità

Dettagli

ESERCITAZIONE DI RIEPILOGO

ESERCITAZIONE DI RIEPILOGO ESERCITAZIONE DI RIEPILOGO SOTTOLINEA IN NERO LE VOCI VERBALI AL CONGIUNTIVO E IN ROSSO QUELLE AL CONDIZIONALE Che cosa faresti se vincessi al totocalcio? Sarebbe opportuno che prendessero una decisione

Dettagli

Canti per i funerali. Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese

Canti per i funerali. Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese Canti per i funerali Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese SYMBOLUM 77 (84) 1. Tu sei la mia vita, altro io non ho Tu sei la mia strada, la mia verità Nella tua parola io camminerò

Dettagli

Come si fa a stare bene insieme?

Come si fa a stare bene insieme? Come si fa a stare bene insieme? Stare insieme è bello. Alle volte per noi bambini è difficile. Abbiamo intrapreso questo viaggio alla scoperta di un modo migliore per vivere a scuola e non solo. Progetto

Dettagli

Spruloquianno Mo te ceco n uócchio

Spruloquianno Mo te ceco n uócchio Spruloquianno Mo te ceco n uócchio Salvatore Argenziano Stammatina sta lenga latina m ha fatto vutà i ppalle i ll uocchie e ggià me vene a cechìa i roppo mangiato. Mia madre me tène sott uocchie 1 perché

Dettagli

MORENDO. Camminando con triste fatica su terra bruna, dormendo svegli su letti di legno, è come quando morendo si sta. (Giacomo C.

MORENDO. Camminando con triste fatica su terra bruna, dormendo svegli su letti di legno, è come quando morendo si sta. (Giacomo C. Scuola primaria E. Fermi di Bogliasco anno scolastico 2014/2015 1 MORENDO Camminando con triste fatica su terra bruna, dormendo svegli su letti di legno, è come quando morendo si sta. (Giacomo C.) 2 IL

Dettagli

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che inizia la processione all altare)

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che inizia la processione all altare) 18 novembre 2012 prima di avvento anno C ore 18.00 ore 10.00 18.00 (Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che inizia la processione all altare) Oggi è una domenica speciale: oggi inizia l Avvento.

Dettagli

Unità III Gli animali

Unità III Gli animali Unità III Gli animali Contenuti - Fattoria - Zoo - Numeri Attività AREA ANTROPOLOGICA 1. Roberto racconta L Orsoroberto si presenta e racconta ai bambini un poco di sé. L Orsoroberto ama mangiare il miele,

Dettagli

Intervista con Elsa Moccetti

Intervista con Elsa Moccetti Intervista con Elsa Moccetti [L intervista è condotta da Sonja Gilg di Creafactory SA. Intervengono altre due persone di cui un ospite: Antonietta Santschi] Dicevo, che è stata una mia scelta di venire

Dettagli

Si ricorda cosa le hanno detto, come l ha saputo?

Si ricorda cosa le hanno detto, come l ha saputo? Intervista rilasciata su videocassetta dalla Sig.ra Miranda Cavaglion il 17 giugno 2003 presso la propria abitazione in Cascine Vica, Rivoli. Intervistatrice: Prof.ssa Marina Bellò. Addetto alla registrazione:

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

Venite tutti a casa mia. Ragazzi, perché non ascoltiamo un po di musica? Quanti CD hai?

Venite tutti a casa mia. Ragazzi, perché non ascoltiamo un po di musica? Quanti CD hai? TEMPO LIBERO Venite tutti a casa mia Ragazzi, perché non ascoltiamo un po di musica? Ho molti CD di musica ska; tanti di musica punk-rock, pochi invece di altri generi. Per me la musica ska è la più divertente

Dettagli

Indice dei giochi per la festa in giardino per bambini dai 4 ai 6 anni

Indice dei giochi per la festa in giardino per bambini dai 4 ai 6 anni Indice dei giochi per la festa in giardino per bambini dai 4 ai 6 anni 1. Le corse. 2. Un, due, tre, stella! 3. I gemelli. 4. La mosca cieca. 5. La strega comanda color.. 6. Il lupo mangia frutta 7. Giocare

Dettagli

Mettere l articolo determinativo e l articolo indeterminativo.

Mettere l articolo determinativo e l articolo indeterminativo. Mettere l articolo determinativo e l articolo indeterminativo. 1. stadio 2. ristorante 3. cinema 4. stazione 5. biblioteca 6. monumento 7. palazzo 8. fiume 9. _ catena di montagne 10. isola 11. casa 12.

Dettagli

La parola ROSARIO deriva dalla lingua latina e significa GIARDINO DI ROSE o MAZZO DI ROSE. Quando noi recitiamo il Rosario, rivolgiamo a Maria, la

La parola ROSARIO deriva dalla lingua latina e significa GIARDINO DI ROSE o MAZZO DI ROSE. Quando noi recitiamo il Rosario, rivolgiamo a Maria, la La parola ROSARIO deriva dalla lingua latina e significa GIARDINO DI ROSE o MAZZO DI ROSE. Quando noi recitiamo il Rosario, rivolgiamo a Maria, la mamma di Gesù, tante preghiere; ogni preghiera ricorda

Dettagli