E-government per lo sviluppo. Il piano del Governo per la digitalizzazione della Pubblica Amministrazione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "E-government per lo sviluppo. Il piano del Governo per la digitalizzazione della Pubblica Amministrazione"

Transcript

1 4 Antonio Cenini E-government per lo sviluppo. Il piano del Governo per la digitalizzazione della Pubblica Amministrazione 1 E-government: concetti generali E-government è la ricetta italiana per migliorare la qualità e l accessibilità dei servizi pubblici. È il tentativo di radicale trasformazione del rapporto tra la Pa e i cittadini fondato sul potenziamento dell efficienza interna delle amministrazioni attraverso l avvio di importanti progetti di riorganizzazione basati sul determinante e irrinunciabile ricorso alle tecnologie ed all innovazione. Precondizione essenziale, questa, per aggiungere valore al servizio pubblico e consentire di rispondere alla nuova qualità della domanda espressa dai cittadini e dalle imprese. Più compiutamente, è la realizzazione delle iniziative di integrazione ed interoperabilità del sistema della Pa diffusa sul territorio, in modo da consentire l accesso ai servizi da qualsiasi sportello fisico di ogni soggetto che svolge funzioni pubbliche (scuole ed ospedali, ministeri, comuni, ecc.). È evidente che non si intende confinare i benefici delle azioni di e-government ai soli mezzi di accesso telematico, ma offrire sia in modalità fisica sia in modalità virtuale il godimento di servizi pubblici erogati in tempi rapidi e in modalità trasparente. Ma sarà possibile effettuare anche un integrale inversione dell impostazione tradizionale dei servizi per cui all utente non dovranno più essere richieste informazioni già a disposizione della Pa, e non dovrà più essere richiesta una conoscenza dell organizzazione interna dello Stato per sapere a chi rivolgersi per soddisfare le proprie esigenze. Ad esempio, sarà sufficiente comunicare variazioni anagrafiche una sola volta e ad un unico sportello, in qualunque località d Italia. E-government è anche la scommessa, l ambiziosa sfida, il sogno del Governo Berlusconi di creare un modello di stato digitale, entro il 2006, che sia da esempio per tutti i Paesi europei. Il Presidente del Consiglio è tra i più entusiasti sostenitori di questo progetto, ed annuncia che per quella data saranno trenta milioni le carte di identità elettroniche in tasca ai cittadini per abolire le code, le attese, favorire la trasparenza. L accesso on line sarà possibile per i due terzi delle pratiche; le comunicazioni all interno della Pa avverranno con la po-

2 76 ANTONIO CENINI sta elettronica. In sostanza, dal pagamento delle tasse, ai passaggi di proprietà, ai documenti di ogni genere, alla ricerca di posti di lavoro, tutto sarà possibile tramite Internet. Per far questo il Governo ha istituito sin dall inizio della nuova legislatura un apposito Dipartimento per l Innovazione Tecnologica, presso la Presidenza del Consiglio, guidato dal Ministro Lucio Stanca, ex manager Ibm, che ha mosso i primi passi in un settore che andava completamente riorganizzato stabilendo, tra le basilari priorità, l imperativo di rendere omogeneo il sistema di riconoscimento del cittadino, visto che attualmente ci sono 41 metodi diversi sparsi tra le varie amministrazioni locali. Sarà necessario convogliare su un unico sito tutti i servizi pubblici offerti con un occhio di riguardo alle necessità burocratiche delle imprese. Si dovrà colmare lo squilibrio digitale tra Sud e Nord Italia con l obiettivo di medio periodo di erogare l 80 per cento dei servizi all 80 per cento degli utenti. È doveroso segnalare che il piano d azione per l e-government fu lanciato nel giugno 2000 dal Governo Amato, su diretto impegno dell ex Ministro della Funzione pubblica, Franco Bassanini. Questo consisteva in una serie di provvedimenti studiati per favorire l innovazione tecnologica nella Pa italiana e prevedeva una successione di tappe per realizzare tre obiettivi principali: migliorare l efficienza interna delle amministrazioni, offrire servizi integrati ai cittadini e alle imprese superando le frammentazioni imposte dalle competenze di ciascun ente, garantire a tutti l accesso telematico alle informazioni e ai servizi erogati. Un lavoro certamente ambizioso e complesso che non giunse ad una considerevole realizzazione per cause evidentemente politiche e per ragioni tecniche scaturenti da prevedibili problemi relativi alla rigidità di un macchinoso sistema burocratico ed alla difficoltà del reperimento dei fondi necessari. Il nuovo Governo ha il merito, fino ad ora, di avere inserito l e-government tra le priorità strategiche della legislatura, evitando di snaturarlo negli obiettivi originari e proiettandolo in uno scenario internazionale. Infatti, con la Conferenza di Palermo dello scorso aprile, ottenuta la collaborazione del Segretario Generale dell Onu, Kofi Annan, del Presidente della Banca Mondiale, James Wolfensohn, ed alla presenza delle delegazioni di 70 Paesi, l e-government si è trasformato in uno strumento di sviluppo per i Paesi poveri o emergenti. L Italia metterà in campo 6,5 milioni di dollari iniziali per l avvio di cinque progetti-pilota con Albania, Tunisia, Giordania, Mozambico e Nigeria, proponendosi di estendere le opportunità di modernizzazione come ha affermato lo stesso Stanca trasparenza e democratizzazione ai Paesi che lo chiederanno.

3 E-GOVERNMENT PER LO SVILUPPO 77 2 E-government: il Piano del Governo Per quanto riguarda la specificità italiana, la rinnovata rotta del progetto e-government è chiaramente impostata dalla Direttiva Stanca del dicembre 2001, indirizzata alle Pa centrali e diventata elemento operativo della strategia del Governo per rendere l Italia un Paese leader dell era digitale. Cinque saranno le mosse per creare un rapporto e una connessione diretta tra Stato e cittadini, per meglio dire una transazione definita e compiuta dal Governo al cittadino e dal cittadino al Governo : 1) e-government nelle Regioni e negli enti locali; 2) un portale nazionale in luogo dei circa duemila della Pa; 3) la carta d identità elettronica; 4) una rete nazionale per facilitare l accesso da parte degli utenti; 5) la sicurezza dell infrastruttura tecnologica per evitare che, aumentando i servizi in rete, possa essere violata la privacy. Solo attraverso l esecuzione dei suddetti passaggi si potranno determinare le seguenti trasformazioni visibili e misurabili nella Pa, un miglioramento dell efficienza e dell economicità della gestione migliorando i processi di back office, ossia affidando responsabilità di coordinamento e organizzazione alle amministrazioni centrali e ristrutturando un approccio standard di investimenti, non esclusivamente nel retrobottega amministrativo (contabilità, mandato informatico, gestione del personale); la realizzazione della procurement card per i responsabili dell ufficio acquisti via Internet; la gestione della contabilità finanziaria ed economica esclusivamente in forma digitale e l approvazione dei documenti con la firma elettronica; l attuazione del nuovo e digitale Sistema Unitario di Amministrazione e gestione del personale; la dotazione di una postazione informatizzata per la maggior parte del personale; la sostituzione del tesserino individuale di ogni dipendente con la carta multiservizio elettronica; la valorizzazione del patrimonio informativo delle amministrazioni; dello sviluppo delle competenze informatiche dei dipendenti dello Stato; la diffusione dell e-learning nella Pa (formazione a distanza dei dipendenti). Più dettagliatamente, le cinque mosse precedentemente descritte sono ovviamente connesse tra loro in base all idea-guida dell interoperabilità fra tutti i sistemi informatici, centrali e locali, per rendere possibile l erogazione dei servizi integrati di sportello ed evitare conseguentemente pericolose frammentazioni. Sistema nevralgico di tutto ciò sarà la rete telematica nazionale, avente la finalità di unificare le reti istituzionali esistenti ai vari livelli attraverso un accordo di interconnessione gestito da diversi provider. In questo caso, emerge la possibilità di coesistenza di una logica federalista e decentrata che attribuisce agli enti locali (Comuni, Province, Regioni, uffici periferici della sanità, del commercio e del fisco) un ruolo primario nel rapporto diretto e interattivo con i cittadini, espletando una funzione di front office aperti al pubblico; e una logica centralista, ma non gerarchica, del por-

4 78 ANTONIO CENINI tale nazionale da considerare tuttavia come un grande network costruito su standard comuni, un punto di organizzazione, di ingresso e di orientamento. Un unica porta di accesso, quindi, a tutti i servizi digitali della Pa che si chiamerà e-italia e costituirà, una base di aggregazione delle informazioni relative al funzionamento dello Stato, agli iter procedurali della Pa ed alle modalità di erogazione dei servizi alla collettività. In particolare, e-italia sarà caratterizzato da funzioni finalizzate a qualificare l offerta di servizio, a trasmettere al cittadino una visione unitaria e facilmente accessibile della Pa, configurandosi, altresì, quale strumento di cooperazione tra le diverse amministrazioni. Anzitutto, e-italia garantirà l organizzazione dei contenuti informativi, secondo uno schema logico che ripercorre i principali episodi della vita del cittadino, l indirizzamento intelligente ai servizi digitali offerti dalla Pa centrale e locale e la composizione di una vetrina di contenuti organizzati per aree tematiche trasversali rispetto agli episodi della vita, relative alle nuove tecnologie ed alla società digitale (notizie e forum di discussione su Carta Nazionale dei Servizi, Carta di Identità Elettronica, Rapporti sulla Società dell informazione). Si verrà a creare in questo modo, all interno del portale stesso, una sorta di Pagine gialle della burocrazia, un indirizzario della Pa, motori di ricerca sui contenuti interni e strumenti di interazione e transazione utilizzabili attraverso la firma digitale, l identity card e le carte di pagamento. L eventuale successo di e-italia non può prescindere, ovviamente, dall impegno delle singole amministrazioni che dovranno fornire il proprio contributo per rendere disponibili i contenuti di propria competenza nel portale, garantendone il continuo aggiornamento e monitoraggio. Pertanto, in relazione alla necessità di erogare la più ampia gamma di servizi digitali integrati a cittadini, ministeri, uffici ed enti pubblici sono chiamati ad agevolare la realizzazione delle soluzioni tecnologiche di integrazione del portale con i propri siti Internet. La Direttiva Stanca prescrive che la collaborazione tra le amministrazioni dovrà essere supportata dalla costituzione, nel corso del 2002, di gruppi di lavoro comuni, la cui attività sarà orientata all interpretazione delle esigenze dei cittadini ed alla predisposizione delle migliori risposte. Inoltre, un obiettivo da conseguire, in tempi rapidi, è l operazione di restyling di tutti i siti prevalentemente informativi delle varie amministrazioni, per renderli più vicini ai cittadini e in grado di fornire notizie anche di attualità ed in tempo reale. Dovranno essere privilegiati, infine, siti interattivi tali da consentire lo scambio bidirezionale di informazioni tra amministrazioni e cittadini. Come anticipato, uno dei mezzi a disposizione degli utenti per beneficiare dei servizi via via fruibili in rete sarà la nuova carta d identità elettronica, già sperimentata in oltre cento Comuni italiani (Roma, Milano, Bologna, Napoli, Bari, Catania, Perugia, Trieste, ecc.). Di fatto questa è una smart card prodotta dall Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato, che conserva la funzione di documento di riconoscimento personale, ma progressivamente diventerà uno strumento multifunzionale

5 E-GOVERNMENT PER LO SVILUPPO 79 di garanzia per l accesso sicuro ai servizi on line. L identificazione del titolare è assicurata dai dati stampati sulla card, che contengono le generalità del cittadino. Il microchip riproduce in formato digitale queste informazioni, ma permette anche la memorizzazione di ulteriori chiavi di accesso ai servizi, prima fra tutte la firma digitale. Nel momento in cui la diffusione delle nuove carte raggiungerà un livello omogeneo sul territorio nazionale, diventerà reale anche la caduta del vincolo territoriale proposta dal piano e-government, e si potranno ottenere certificati e prestazioni da parte dell amministrazione pubblica ovunque ci si trovi. È verosimile, peraltro, che in futuro si potrà votare per il collegio elettorale di appartenenza anche trovandosi al di fuori della zona di residenza. Ogni Comune, inoltre, potrà integrare a sua discrezione nella carta d identità altri documenti o servizi civici, come la tessera sanitaria, la tessera elettorale e il pagamento dei tributi, mentre l unico vincolo verso l amministrazione centrale è la trasmissione delle variazioni sostanziali delle anagrafi. Grande attenzione nell interazione con la Pa è riservata ai dipendenti pubblici, che usufruiranno di una carta multiservizi, in sostituzione dell attuale tesserino di riconoscimento, adibita a diversi usi quali ad esempio il controllo degli accessi, la firma digitale, l identificazione personale, l addebito mensa ecc. Ma a parte il microchip in dote agli statali, l obiettivo del Ministro Stanca è di ottimizzare l attività dei dipendenti intervenendo su più fronti: dotazione di una postazione di lavoro informatizzata, successivamente al completamento della cablatura delle amministrazioni, in modo da consentire la totale interoperabilità. Di conseguenza si legge nella Direttiva tutte le postazioni di lavoro dovranno essere in rete, disporre di collegamento ad Internet, di una stampante di servizio, del software di office automation in dotazione all amministrazione. Sono previsti, inoltre, corsi di formazione a distanza per completare l alfabetizzazione tecnologica ed informatica dei dipendenti, favorendo l apprendimento della lingua inglese, oltreché l utilizzo di Internet. Pilastro portante di questo processo di formazione sarà il ricorso all e-learning, ovvero la diffusione di tecniche di formazione a distanza per promuovere l affermazione della cultura tecnologica nella Pa e fornire un supporto alla crescita delle competenze professionali dei dipendenti. I programmi di formazione sull Information and Communication Technology potranno fare leva sulle opportunità offerte dall e-learning, consentendo un alfabetizzazione informatica omogenea e coordinata all interno della Pa. Contestualmente allo sviluppo delle proprie competenze tecnologiche, i dipendenti pubblici saranno investiti di maggiori responsabilità come nel caso dell avvio della piattaforma e-procurement che consentirà tutte le attività di acquisizione di beni e servizi per via elettronica. Nel corso del 2002 il Dipartimento per l innovazione e le tecnologie si preoccuperà di predisporre il regolamento sul commercio elettronico e sulle aste on line, al fine di disciplinare la materia, e studierà la possibilità di introdurre procurement card per i responsabili del-

6 80 ANTONIO CENINI la funzione acquisti, al fine di aumentare la responsabilizzazione dell acquisto, indicando chiari limiti per tipologia di voci, di acquisto o per importi di spesa. Sul versante della contabilità pubblica, entro la fine del biennio le singole amministrazioni saranno obbligate a far scattare programmi ad hoc per la progressiva eliminazione della modalità di compilazione manuale dei documenti. Ogni operazione di natura contabile (gestione degli stanziamenti, assestamenti, impegni, mandati di pagamento) dovrà essere effettuata telematicamente e tutti i documenti dovranno essere approvati con firma elettronica. Per attuare il controllo di gestione, inoltre, tutte le amministrazioni dovranno dotarsi, entro il 2002, di sistemi informativi di gestione della contabilità finanziaria ed economica che, oltre a garantire gli adempimenti contabili richiesti dalla normativa, costituiranno strumenti di controllo della performance e dell efficienza delle strutture. Nel contempo, un ruolo importante sarà svolto dalla Consip (Concessionaria Servizi Informatici Pubblici Spa) nell avvio pratico del servizio, si sta pensando di creare centri e-procurement regionali sulla spesa sanitaria che poi potranno evolvere e specializzarsi anche in altri campi. Non può passare in secondo piano, a questo punto, l attenzione che l egovernment focalizza sull uso della firma elettronica da parte di privati ed imprese, ma soprattutto da parte dei dipendenti pubblici. La firma digitale ha assunto piena validità giuridica in Italia con la Legge 59/1997, che stabilisce l equivalenza del documento informatico firmato digitalmente con i documenti cartacei e la possibilità di inviare per via telematica istanze alle Pa. Ciò impone l adeguamento della gestione dei documenti anche ai formati elettronici, favorendo l adozione di moderni sistemi integrati di protocollo. Ma attualmente, si deve ancora attendere l aggiornamento dei software per rendere compatibile il riconoscimento della firma digitale in ambienti diversi (Windows, Macintosh, Linux, ecc.). Ma quali costi si dovranno sostenere per questa rivoluzione? Secondo il Governo sono disponibili, al momento, 120 milioni di euro, che saliranno a 2 miliardi entro il Uno sforzo finanziario dovuto all urgenza di recuperare il ritardo dell Italia rispetto ai partner dell Unione Europea. È previsto un piano di co-finanziamento che sarà effettuato con un primo bando per l avvio di progetti innovativi. Non saranno elargiti finanziamenti a pioggia, ma definiti criteri con i quali si prevedono quote a carico dello stato tra il 25 e il 50%. Le gare si terranno tra i migliori progetti, con un certo grado di competizione, cui spetterà una prima tranche di oltre 100 milioni di euro e a seguire altri 150. Si diventa, così, un po più europei nelle forme di stanziamento giacché, eventuali errori o leggerezze iniziali potranno essere corretti nella seconda tornata di valutazione dei progetti. Non come in passato, quando i soldi o non venivano utilizzati e le idee restavano completamente al buio, o venivano odiosamente e spesso consapevolmente sprecati. Il bando, e quindi i successivi finanziamenti, cercheranno di valorizzare prioritariamente progetti studiati e proposti in cooperazione tra diversi enti, mirando ad una logica sia di ti-

7 E-GOVERNMENT PER LO SVILUPPO 81 po verticale (aggregazioni di enti locali dello stesso territorio), sia di tipo orizzontale (aggregazioni di Comuni). Elementi significativi per le valutazioni saranno le modalità di trasferimento e di riutilizzo delle soluzioni tra le amministrazioni, e la preparazione di piani di azione territoriali. Si deve impedire, insomma, la costruzione di due Italie digitali. Si deve promuovere una convergenza verso architetture comuni che riguardino l organizzazione dei servizi on line, l interconnessione e lo scambio di rete, gli strumenti di identificazione digitale. Sarebbe sbagliato ha ammesso Stanca non agire sin dall inizio su base nazionale, dovendosi reinventare ogni volta le soluzioni. La logica non può essere, dunque quella del finanziami il mio piano e poi ci penso io. I progetti, una volta ammessi al finanziamento, saranno seguiti nel corso dell attuazione da un attenta azione di monitoraggio e sostegno, anche mediante la creazione di centri di competenza territoriale. Dovranno essere presentati esclusivamente via , e a tal fine sarà concessa a tutti i Comuni che lo richiederanno la firma digitale necessaria a certificare il mittente e la spedizione. I progetti più innovativi mirano a dare un forte impulso al raggiungimento di standard comuni nell identificazione e nella formattazione delle informazioni, uniformando dati già parzialmente disponibili su Internet in banche dati settoriali, e proponendo regole condivise per l interfaccia dei siti delle amministrazioni. Sarà possibile realizzare anche delle joint venture pubblico-privato per i portali, così come non è da escludere che alcuni progetti, in particolare quelli di effettiva distribuzione del servizio o delle informazioni, possano essere affidati in gestione a privati. I primi sforzi tangibili sono rappresentati dal Portale unificato delle norme e dal Portale per i servizi integrati al cittadino, che una volta a pieno regime costituirà uno sportello unico virtuale per tutti i servizi della Pa gestibili senza la necessità di una presenza fisica dell interessato. Il Portale per i servizi di certificazione, permetterà poi ai funzionari dello Stato abilitati di verificare le autocertificazioni, mentre il Portale per i servizi all impiego propone di far compiere un passo avanti ai numerosi servizi statali e parastatali dedicati all incontro tra domanda e offerta di lavoro. In questo caso, Regioni e Province potranno attivare portali territoriali interconnessi a livello interregionale con gli enti locali vicini e a livello nazionale con il Ministero del Lavoro. Il Portale per i servizi alle imprese, grazie all interoperabilità fra Inps, Inail e Registro delle Imposte consentirà l unificazione della modulistica per le imprese e la trasmissione di documentazioni e comunicazioni varie. L obiettivo finale è fornire quindi transazioni complete con la concreta e contestuale speranza di una sensibile riduzione dei costi. Secondo il Governo se si riuscirà a sviluppare dei servizi capaci di ridurre questi pesanti costi, in piccola parte questi risparmi potranno essere utilizzati per finanziare ulteriori servizi positivi. A tale riguardo, secondo i calcoli degli esperti del Ministero, ammonteranno a 340 milioni di euro i risparmi derivanti dall uso dei servizi telematici per i cittadini a cui andranno aggiunti altri milioni di euro di minor spese dall uso di acquisti on li-

8 82 ANTONIO CENINI ne per la Pa. Un ulteriore ed indispensabile elemento per il corretto funzionamento di un sistema tanto complesso ed articolato è rappresentato dal fattore sicurezza. Si sta pensando di creare un centro nazionale con competenze sulla sicurezza nella Pa centrale e periferica. Ci troviamo in un campo molto sofisticato per metodi e tecnologie, che manca ancora di specialisti, ma una società che diviene sempre più dipendente dalle reti deve pensare anche a proteggerle, e questo vale sia per l utente che per l infrastruttura. In particolare, il Ministero delle Comunicazioni sta predisponendo una direttiva sulla sicurezza dell Ict, definendo un percorso di autovalutazione sul livello di sicurezza tecnologica di ogni amministrazione, per arrivare a stabilire il proprio livello di rischio. Sembra chiaro, a questo punto, che l e-government sia una piano di sviluppo improntato ad un assoluto tecnicismo, ma non è così, anzi presuppone aspetti, al momento ancora teorici, che investono elementi più strettamente politici ed addirittura etici. I pubblici amministratori danno l impressione di aver compreso pienamente l importanza di certe iniziative che non sono limitate al miglioramento dell erogazione dei servizi all utenza, ma, secondo intenzioni molto più ambiziose, rappresentano un fattore chiave per lo sviluppo di un economia più competitiva, basata sulla conoscenza dinamica e soprattutto sull accrescimento della partecipazione democratica. Vivienne Jupp, direttrice di Accenture Global E-government Services, ha spiegato concretamente le condizioni di base dell e-government: Primo, conosci il tuo utente, ascoltalo e capisci quello che dice. Metti l utente al centro della soluzione, che deve essere accessibile a tutti. Secondo, per conoscere l utente bisogna identificarlo, raccogliendo le informazioni di base una volta per tutte in modo da poter condividere i dati con gli altri servizi pubblici e poter meglio individuare i bisogni di ciascuno. Terzo, è necessario il forte impegno ai massimi livelli istituzionali. L e-government deve quindi garantire al cittadino scelta, convenienza e controllo nel rapporto con la Pa. È nell insieme di questi concetti che si può tentare di dare una definizione precisa di e-government, considerando che nell era della new economy la gestione del tempo e delle relazioni risulta di cruciale importanza. Le innovazioni apportate dalle Ict consentono all uomo di superare i confini di spazio e di tempo entro cui, da sempre, ha dovuto limitare la sua vita ed il lavoro. Ora è possibile riorganizzare processi, tagliare costi, semplificare procedure, risparmiare tempo e denaro. In funzione di queste trasformazioni, il vecchio modello di organizzazione burocratica, dirigistica, verticale e segmentata cede il posto ad un modello orizzontale in cui i cittadini possano essere pienamente informati e partecipare direttamente, appunto, senza mediazioni, al governo della città. Allora possiamo chiamare e-government la gestione elettronica delle informazioni, della democrazia, dei servizi e delle relazioni. Tuttavia, nel momento in cui questo processo si estende a significati e finalità non solo tecniche, trova il suo fondamento il dibattito di lungo corso, dagli Anni Ottanta, dell e-democracy. Ossia, la costruzione di

9 E-GOVERNMENT PER LO SVILUPPO 83 nuovi istituti di partecipazione, mediante l utilizzo delle nuove tecnologie, tali da abbattere le barriere di accesso che tradizionalmente scoraggiano i più a prendere parte ai sistemi democratici. In realtà l e-government rappresenterebbe un aspetto dell e-democracy perché, mentre quest ultima è ancorata, appunto, alle radici di una riflessione su democrazia e nuove tecnologie, la prima è legata comunque agli studi delle organizzazioni e dei processi aziendali. Del resto, questo è un argomento che ancora divide e che nelle sue argomentazioni teoriche rende difficoltosa una demarcazione netta dei confini tra le due sfere. Infatti, se la rivoluzione digitale della Pa sarà condotta a dovere e con successo non potranno non trarne beneficio conseguentemente anche gli altri istituti democratici. Ciò potrebbe essere credibile trovandoci solo nella prima fase dell e-government, mentre dobbiamo attendere e considerare un contesto in cui devono migliorare i rapporti tra Governo ed individui, famiglie e comunità verso cui la Pa ha imprescindibili doveri e responsabilità. Ovvero, il ripristino fondamentale della fiducia reciproca tra gli attori in gioco. Di conseguenza, si impongono in tutta la loro evidenza e rilevanza fattori di eguaglianza, velocità di risposta, accesso ed efficienza. La seconda fase dell e-government sposterà così il focus dell informazione dalle transazioni di base ad un integrazione dei cittadini nelle esperienze delle amministrazioni pubbliche, coinvolgendoli nei processi decisionali e chiedendo loro un contributo di idee. Ecco i tre pilastri di questo passo in avanti: integrazione, collaborazione e fiducia. 3 L e-government nel mondo L ineluttabile affermarsi di questa realtà disegna ovvie strategie di progresso civile, economico, e sociale verso le quali si sta incamminando tutto il mondo industrializzato. L Unione Europea, in particolare, ha maturato una visione globale in materia lanciando, nel 1999, l iniziativa e-europe che si propone la creazione di una rete Internet più economica, più veloce e sicura, l investimento nello sviluppo di personale e competenze professionali e lo stimolo ad utilizzare Internet sia nel settore privato che in quello pubblico. Se dell Italia abbiamo abbondantemente tracciato piani e obiettivi, è opportuno rappresentare un quadro di massima su ciò che sta avvenendo negli altri Stati membri dell Unione. Davanti a tutti primeggiano il Regno Unito, la Francia e i Paesi del Nord. Londra è tra le più avanzate dichiarando l innovazione tecnologica una priorità a livello nazionale ed approvando un piano d azione nel 1999, il White Paper Modernising Government, finalizzato, con uno stanziamento di 250 milioni di sterline, a portare l intera amministrazione on line entro il In Francia, il successo del Minitel (il Videotel francese) ha ritardato la diffusione di Internet, ma il piano è stato avviato nel 1998 e pre-

10 84 ANTONIO CENINI vede una strategia delineata nel documento Stato e Ict: verso un accesso molteplice ai servizi pubblici. Diversi ministeri, come il Servizio occupazione francese e il Ministero degli Affari Sociali hanno annunciato programmi di e-government innovativi. La Germania ha illustrato i suoi piani di sviluppo in un documento intitolato Innovazione e lavoro nella società dell informazione del XXI secolo. L ampliamento tedesco dei servizi pubblici on line avverrà in gran parte a livello locale e di singoli Länder, dove molte amministrazioni stanno adottando un approccio integrato all erogazione dei servizi via Internet. La Finlandia vanta on line la maggior parte dei dipartimenti e delle agenzie, mentre la strategia di e-government è gestita dalla sezione di public management del Ministero delle Finanze. Per esempio, per fornire informazioni più accurate sulle condizioni stradali e problemi di traffico, la Finnish National Road Administration (FinnRa) ha adottato un sistema informativo web-based che consente di trasferire elettronicamente le informazioni sui lavori stradali e sulle condizioni atmosferiche ai centri FinnRa che si occupano dei servizi informativi sulle condizioni climatiche della rete stradale. Questo sistema, battezzato Keiju, registra automaticamente i dati riguardanti il numero di volte che uno spazzaneve viene usato su un determinato tratto di strada, le distanze percorse dal veicolo e i materiali utilizzati. La Svezia ha affidato alle singole agenzie statali la massima autonomia nella definizione delle proprie strategie, accontentandosi di ricoprire un ruolo di regia delle linee di fondo. Sono on line numerosi database: molti servizi interattivi, ora gestiti per telefono, saranno trasferiti su Internet. Il nuovo sistema di gestione elettronica dei documenti ha rivoluzionato i processi amministrativi del Belgio. In particolare, è stato implementato un progetto di scansione ed archiviazione per il caricamento dei documenti su un unica rete di computer. Ora, l Ente nazionale per le pensioni è in grado di monitorare ogni file, calcolare le pensioni e pagarle in modo efficiente ed accurato. Basti pensare che vengono amministrati i pagamenti di oltre due milioni di pensionati, con un tempo medio di accesso di soli 12 secondi rispetto alla settimana impiegata con il vecchio sistema. Superando i confini europei approdiamo in Asia, dove si riscontra una certa originalità nel progetto attuato fin dal 1999 da Singapore basato su un unica struttura user friendly per favorire l accesso dei meno esperti e per permettere alle agenzie coinvolte di mantenere le proprie sezioni. Ma è l Australia il Paese a cui è riconosciuto il merito di aver tracciato la strada dell erogazione on line dei servizi pubblici. Nello stato di Vittoria, fin dal 1997, sono state adottate strategie avanzate che porteranno entro l anno ad un sistema telematico completamente integrato con sportelli virtuali a disposizione di cittadini e imprese. Sono diversi, dunque, i volti di e-government connessi tra loro in una realizzazione graduale che parte da un ambito nazionale/locale (miglioramento della qualità dei rapporti cittadino/pa, evoluzione della partecipazione democratica, transazione diretta Governo/comunità), si estende alla promozione e all adozione di proget-

11 E-GOVERNMENT PER LO SVILUPPO 85 ti internazionali (e-europe), ed approda ad una concezione universalista e di reciprocità dello sviluppo delle relazioni economiche e politiche tra gli Stati. Quest ultimo aspetto ha avuto ampio risalto, nella recente Conferenza internazionale di Palermo sull e-government, in cui è emersa la volontà del Governo italiano di avviare una nuova frontiera della cooperazione a sostegno dei Paesi in via di sviluppo con l obiettivo di ridurre il digital divide, vale a dire il divario di conoscenze avanzate che rischia di creare nuove povertà anche nelle società dei Paesi industrializzati. Ma soprattutto per definire modelli di organizzazione statuale basata sulle migliori pratiche, per aiutare a costruire sistemi informatici efficienti dove le norme, i contratti, la fiscalità e i tempi di espletamento di tutte le operazioni siano certe, trasparenti ed accessibili sul web. Dando così sicurezza sia ai cittadini sia agli investitori esteri. Il Ministro Stanca ha proposto, per esempio, di mettere in rete il catasto di questi Paesi in modo che siano statuiti con certezza i diritti di proprietà. Le aziende, in questo senso, respingono quelle teorie che le dipingono interessate all investimento in posti senza vincoli. Non è vero hanno chiarito da Palermo servono regole chiare e semplici, condizioni uguali per chi vuole competere. E tanta trasparenza, anti-corruzione. Per troppe volte abbiamo assistito, ed ancora assistiamo, allo sperpero di risorse, sotto forma di aiuti umanitari, che alla fine sono servite a finanziare guerre e classi dirigenti corrotte. A questo argomento sembra essere molto sensibile anche il Presidente della Banca mondiale, James Wolfensohn, che dichiara siamo alla vigilia di una rivoluzione in cui si leva con forza la necessità per molti Stati e Governi di funzionare in modo trasparente ed efficiente. Consentire ai Paesi emergenti di disporre di strutture quali permessi per le costruzioni, documenti catastali, diritti proprietari, patenti, certificati civili, ecc. è essenziale per lo sviluppo e il rafforzamento dei valori di base che danno credibilità all apparato statale. L Italia comincia dai cinque progetti-paese finanziando insieme alla Banca mondiale e all Onu, 9 milioni di dollari iniziali per la creazione di sistemi e-procurement (approvvigionamenti via Internet) per le Pa tunisine e giordane; di un catasto informatizzato in Nigeria; di un sistema di contabilità nazionale in Mozambico; dell anagrafe in Albania, con prevedibili effetti positivi anche sulla lotta dell Italia all immigrazione clandestina. Per dirla con il Presidente del Consiglio l e-government è una grande opportunità per limitare il divario fra Nord e Sud del mondo, uno strumento da cui possono nascere nuovi scenari di pace. Se non si agirà in fretta, se non riequilibreranno i rapporti fra ricchi e poveri ci sarà il rischio di altri 11 settembre, perché cresceranno risentimento e disperazione. Questa è la strada verso lo sviluppo che parte dall e-government, e che oggi è una strada di non ritorno.

12 Bibliografia AA.VV., Italia. Gov. un anno dopo, in Internet News, giugno AA.VV., La firma digitale trova le correzioni, in Italia Oggi, 16 gennaio AA.VV., Nuove regole del gioco dei servizi migliori, in Il Sole 24 ore, 18 gennaio BAGNOLI R., Documenti elettronici, in arrivo trenta milioni di carte d identità, in Il Corriere della Sera, 14 febbraio CARAVITA G., È l ora di aiutare davvero i cittadini, in Il Sole 24 ore, 18 gennaio CAROBENE B., La difficile rincorsa alla tecnologia, in Il Sole 24 ore, 18 gennaio DIR. MIN , Linee guida in materia di digitalizzazione dell amministrazione, in Gazzetta Ufficiale n. 30, 5 febbraio MINGOZZI P., E-government al via, in Italia Oggi, 18 gennaio N.P., Per la Pubblica Amministrazione scommessa digitale entro il 2006, in Il Sole 24 ore, 14 febbraio ROGARI M., Con il portale Italia l iter sarà digitale, in Il Sole 24 ore, 28 gennaio ROGARI M., Microchip in dote ai dipendenti, in Il Sole 24 ore, 28 gennaio ROGARI M., Una card elettronica per acquisti più snelli, in Il Sole 24 ore, 28 gennaio 2002.

IL MINISTRO PER L INNOVAZIONE E LE TECNOLOGIE

IL MINISTRO PER L INNOVAZIONE E LE TECNOLOGIE IL MINISTRO PER L INNOVAZIONE E LE TECNOLOGIE VISTO l articolo 5 della legge 23 agosto 1988, n. 400, recante Disciplina dell attività di Governo e ordinamento della Presidenza del Consiglio dei Ministri

Dettagli

Il nuovo codice della PA digitale

Il nuovo codice della PA digitale Il nuovo codice della PA digitale 1. Cosa è e a cosa serve Le pubbliche amministrazioni sono molto cambiate in questi ultimi anni: secondo i sondaggi i cittadini stessi le vedono mediamente più veloci

Dettagli

IL CODICE DELL AMMINISTRAZIONE DIGITALE

IL CODICE DELL AMMINISTRAZIONE DIGITALE IL CODICE DELL AMMINISTRAZIONE DIGITALE SCHEDA Il Codice è il risultato di oltre due anni di lavoro, di continue interazioni con tutti i livelli istituzionali, con le Regioni e le Autonomie Locali. È stato

Dettagli

1. P.T.I. PIATTAFORMA TELEMATICA INTEGRATA

1. P.T.I. PIATTAFORMA TELEMATICA INTEGRATA 1. P.T.I. PIATTAFORMA TELEMATICA INTEGRATA La Regione Siciliana ha intrapreso nell'ultimo decennio un percorso di modernizzazione che ha come frontiera la creazione della Società dell Informazione, ovvero

Dettagli

Con DGR n. 447 del 14/10/2011 è stato approvato il nuovo Piano Strategico Triennale, atto che definisce gli obiettivi delle attività previste in

Con DGR n. 447 del 14/10/2011 è stato approvato il nuovo Piano Strategico Triennale, atto che definisce gli obiettivi delle attività previste in PROGRAMMA STRATEGICO TRIENNALE 2011-2013 Per La Realizzazione Del Sistema Informativo Regionale Con DGR n. 447 del 14/10/2011 è stato approvato il nuovo Piano Strategico Triennale, atto che definisce gli

Dettagli

L attuazione del piano nazionale di e-e government nella PAL

L attuazione del piano nazionale di e-e government nella PAL L attuazione del piano nazionale di e-e government nella PAL Seminario sulla Società dell informazione, cooperazione territoriale e sviluppo locale Catania, 9 novembre 2005 Mauro Savini CNIPA, Progetto

Dettagli

Copyright Esselibri S.p.A.

Copyright Esselibri S.p.A. CAPITOLO SECONDO IL CODICE DELL AMMINISTRAZIONE DIGITALE Sommario: 1. Struttura e finalità del codice dell amministrazione digitale. - 2. La teleamministrazione e l atto elettronico. - 3. Il documento

Dettagli

Le Province, l e-government e le politiche di sviluppo

Le Province, l e-government e le politiche di sviluppo AtoB Piemonte AtoB Piemonte è il progetto di e-government che le Province piemontesi hanno ideato per aziende, utenza e territorio al fine di semplificare, velocizzare e rendere più trasparenti i procedimenti

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri

Presidenza del Consiglio dei Ministri Presidenza del Consiglio dei Ministri SCUOLA SUPERIORE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FORMAZIONE AVANZATA e-government 1. Premessa Oggi l innovazione nella pubblica amministrazione (PA) e, in particolare,

Dettagli

Direttiva del 4 gennaio 2005 LINEE GUIDA IN MATERIA DI DIGITALIZZAZIONE DELL AMMINISTRAZIONE. (Gazzetta Ufficiale n. 35 del 12 febbraio 2005)

Direttiva del 4 gennaio 2005 LINEE GUIDA IN MATERIA DI DIGITALIZZAZIONE DELL AMMINISTRAZIONE. (Gazzetta Ufficiale n. 35 del 12 febbraio 2005) Direttiva del 4 gennaio 2005 LINEE GUIDA IN MATERIA DI DIGITALIZZAZIONE DELL AMMINISTRAZIONE (Gazzetta Ufficiale n. 35 del 12 febbraio 2005) ----------------------------------------------------- IL MINISTRO

Dettagli

Relazione di accompagnamento allo Studio di Fattibilità Tecnica per la Continuità Operativa ed il Disaster Recovery

Relazione di accompagnamento allo Studio di Fattibilità Tecnica per la Continuità Operativa ed il Disaster Recovery COMUNE DI PALOMONTE Provincia di Salerno Relazione di accompagnamento allo Studio di Fattibilità Tecnica per la Continuità Operativa ed il Disaster Recovery ai sensi della Circolare n.58 di DigitPA del

Dettagli

Il sostegno delle istituzioni ai processi di innovazione e di sviluppo del territorio. Alberto Daprà Milano, 26 Maggio 2009

Il sostegno delle istituzioni ai processi di innovazione e di sviluppo del territorio. Alberto Daprà Milano, 26 Maggio 2009 Il sostegno delle istituzioni ai processi di innovazione e di sviluppo del territorio Alberto Daprà Milano, 26 Maggio 2009 Contenuti Lombardia: un territorio fertile per l innovazione Il sostegno delle

Dettagli

1. I principi guida del nuovo CAD

1. I principi guida del nuovo CAD 1. I principi guida del nuovo CAD Sancire nuovi diritti, nuove opportunità, nuovi doveri: Diritto all uso delle tecnologie verso amministrazioni e gestori di servizi pubblici (art.3) I cittadini e le imprese

Dettagli

FORUM PER LA SOCIETA DELL INFORMAZIONE Enti Territoriali e Società dell Informazione: La Riforma Federalista e la Rete

FORUM PER LA SOCIETA DELL INFORMAZIONE Enti Territoriali e Società dell Informazione: La Riforma Federalista e la Rete FORUM PER LA SOCIETA DELL INFORMAZIONE Enti Territoriali e Società dell Informazione: La Riforma Federalista e la Rete Torino, 27 settembre 1999 STRUMENTI PER PROGETTARE ED ATTUARE LA RIFORMA Relatore:

Dettagli

Il progetto P.E.O.P.L.E. Progetto Enti On-line Portali Locali E-government

Il progetto P.E.O.P.L.E. Progetto Enti On-line Portali Locali E-government Il progetto P.E.O.P.L.E. Dimensioni del progetto Presentato da 55 enti con quasi 7,4 milioni di abitanti, circa il 13% della popolazione nazionale. P.E.O.P.L.E. si basa su un budget iniziale complessivo

Dettagli

E-Europe: : organizzazione e fruizione delle informazioni nei siti web della Pubblica Amministrazione

E-Europe: : organizzazione e fruizione delle informazioni nei siti web della Pubblica Amministrazione E-Europe: : organizzazione e fruizione delle informazioni nei siti web della Pubblica Amministrazione Ornella Nicotra a.a. 2001-2002 Modulo europeo Action Jean Monnet Scuola Speciale per Archivisti e Bibliotecari

Dettagli

ANALISI DEI FABBISOGNI FORMATIVI DEI DIRIGENTI DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

ANALISI DEI FABBISOGNI FORMATIVI DEI DIRIGENTI DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE 1 ANALISI DEI FABBISOGNI FORMATIVI DEI DIRIGENTI DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE Indice Premessa..pag. 3 1. Verso l e-government.pag. 4 2. Inadeguatezza della dotazione tecnologica...pag. 6 3. Frequenza

Dettagli

Il nuovo CAD in pillole

Il nuovo CAD in pillole Di 14 gennaio 2001 Il 10 gennaio 2011 è stato pubblicato il G.U. il d.lsg. 235/2010 Nuovo Codice dell Amministrazione Digitale Ecco cosa cambia 2 Il Nuovo CAD: Sancisce nuovi diritti 1. Diritto all uso

Dettagli

PIATTAFORMA COMUNE ED INTEGRAZIONE TRA LE AMMINISTRAZIONI LINEA AMICA FASE 2

PIATTAFORMA COMUNE ED INTEGRAZIONE TRA LE AMMINISTRAZIONI LINEA AMICA FASE 2 PIATTAFORMA COMUNE ED INTEGRAZIONE TRA LE AMMINISTRAZIONI LINEA AMICA FASE 2 Evoluzione del Network di Linea Amica Meno costi per le PA, più efficienza per il cittadino 15 Marzo 2011 OGGI Linea Amica:

Dettagli

Spending Re-engineering

Spending Re-engineering Spending Re-engineering Una possibile riforma strutturale della PA Franco Masera, Senior Advisor, KPMG Advisory Forum PA Roma, 28 maggio 2014 Premessa La PA in Europa, ed in particolare in Italia, non

Dettagli

PloneGov.org Open source collaboration for the public sector

PloneGov.org Open source collaboration for the public sector PloneGov.org Open source collaboration for the public sector Assessora Fortunata Dini Navacchio, 04 Dicembre 2008 Quadro normativo Obiettivi strategici Conferenza di Lisbona del 2000 Il passaggio ad un

Dettagli

2. Intervista confronto L IT e l ITC nel sistema paese: parlano i presidenti delle Regioni

2. Intervista confronto L IT e l ITC nel sistema paese: parlano i presidenti delle Regioni 2. Intervista confronto L IT e l ITC nel sistema paese: parlano i presidenti delle Regioni 2.2 Intervista al Presidente della Regione Toscana, On. Claudio Martini di Elisabetta Zuanelli* ESTRATTO: L innovazione

Dettagli

E-Europe: : indicazioni e normativa sulla struttura informativa dei siti web

E-Europe: : indicazioni e normativa sulla struttura informativa dei siti web E-Europe: : indicazioni e normativa sulla struttura informativa dei siti web Ornella Nicotra 1 febbraio 2003 Modulo europeo Action Jean Monnet Scuola Speciale per Archivisti e Bibliotecari Universita degli

Dettagli

LA QUALITÀ DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE PER LA QUALITA DELLA VITA FORUMPA 2005 Intervento di apertura del Ministro Mario Baccini Roma, 9 maggio 2005

LA QUALITÀ DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE PER LA QUALITA DELLA VITA FORUMPA 2005 Intervento di apertura del Ministro Mario Baccini Roma, 9 maggio 2005 LA QUALITÀ DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE PER LA QUALITA DELLA VITA FORUMPA 2005 Intervento di apertura del Ministro Mario Baccini Roma, 9 maggio 2005 Autorità, Signore, Signori, il tema centrale di Forum

Dettagli

Progetto dematerializzazione

Progetto dematerializzazione Progetto dematerializzazione -1- Contesto di riferimento Il progetto dematerializzazione si inserisce nelle linee di programmazione dell Area Amministrativa e Tecnica tra i progetti trasversali che nel

Dettagli

Direzione Segreteria dell Assemblea regionale Settore Progettazione, Sviluppo e Gestione Sistemi Informativi e Banca dati Arianna

Direzione Segreteria dell Assemblea regionale Settore Progettazione, Sviluppo e Gestione Sistemi Informativi e Banca dati Arianna Direzione Segreteria dell Assemblea regionale Settore Progettazione, Sviluppo e Gestione Sistemi Informativi e Banca dati Arianna Attività 2004 1 SISTEMA INFORMATIVO CONSILIARE E BANCA DATI ARIANNA Sono

Dettagli

Il Comune Lo sviluppo informatico

Il Comune Lo sviluppo informatico Il Comune Lo sviluppo informatico Il SISTEMA INFORMATIVO COMUNALE Situazione di contesto Il sistema informativo del Comune di Fabriano è composto da due parti essenziali. La prima, più visibile è costituita

Dettagli

E sperienze di cittadinanza democratica con bambini, ragazzi e giovani

E sperienze di cittadinanza democratica con bambini, ragazzi e giovani E sperienze di cittadinanza democratica con bambini, ragazzi e giovani NOVEMBRE 2010 S ommario Premessa pag. 4 Un impegno che ha una storia pag. 6 La proposta 2010/2011 pag. 8 Concittadini pag. 10 Fasi

Dettagli

!!" # $%!!& %!!& ' (

!! # $%!!& %!!& ' ( !!" # $%!!& %!!& ' ( )*+,- Confindustria Servizi Innovativi e Tecnologici si fa interprete dell evoluzione dell economia degli ultimi anni, che ha visto realizzarsi una convergenza sempre più incisiva

Dettagli

Gli strumenti del Codice dell Amministrazione Digitale. Prefettura di Reggio Calabria 23-25 novembre 2010 www.vincenzocalabro.it

Gli strumenti del Codice dell Amministrazione Digitale. Prefettura di Reggio Calabria 23-25 novembre 2010 www.vincenzocalabro.it Gli strumenti del Codice dell Amministrazione Digitale Prefettura di Reggio Calabria 23-25 novembre 2010 www.vincenzocalabro.it Programma Il Codice dell Amministrazione Digitale Il Documento Informatico

Dettagli

Piano di informatizzazione delle procedure per la presentazione delle istanze, dichiarazioni, segnalazioni

Piano di informatizzazione delle procedure per la presentazione delle istanze, dichiarazioni, segnalazioni COMUNE DI SANTA GIUSTINA IN COLLE (PD) * * * Piano di informatizzazione delle procedure per la presentazione delle istanze, dichiarazioni, segnalazioni 1 CONTESTO La realizzazione del Piano di informatizzazione

Dettagli

COMUNE DI TERNO D ISOLA

COMUNE DI TERNO D ISOLA COMUNE DI TERNO D ISOLA Provincia di BERGAMO Piano triennale di informatizzazione delle procedure per la presentazione di istanze, dichiarazioni e segnalazioni (Art 24 comma 3bis D.L. 90/2014) INDICE 1)

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA

PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA Premesso che il programma di Governo ha previsto una legislatura caratterizzata da profonde riforme istituzionali; che tale

Dettagli

SPORTELLO UNICO ATTIVITÀ PRODUTTIVE VISTA D INSIEME SISTEMA INFORMATIVO REGIONE PIEMONTE SUI VAR - 41

SPORTELLO UNICO ATTIVITÀ PRODUTTIVE VISTA D INSIEME SISTEMA INFORMATIVO REGIONE PIEMONTE SUI VAR - 41 Pag. 1 di 10 SPORTELLO UNICO ATTIVITÀ PRODUTTIVE VISTA D INSIEME agosto 2010 Pag. 2 di 10 SOMMARIO 1. SCOPO DEL DOCUMENTO...3 2. INQUADRAMENTO...3 3. LO USER GROUP SPORTELLO UNICO...4 4. IL SOFTWARE PER

Dettagli

Livorno città digitale

Livorno città digitale Comune di Livorno Livorno città digitale Livorno città digitale Uno degli adempimenti dei primi 100 giorni del mandato è stata l ideazione e la formalizzazione nel Libro Bianco dell Innovazione tecnologica,

Dettagli

CARTA REGIONALE DEI SERVIZI SISTEMA INFORMATIVO SOCIO- SANITARIO DELLA REGIONE LOMBARDIA

CARTA REGIONALE DEI SERVIZI SISTEMA INFORMATIVO SOCIO- SANITARIO DELLA REGIONE LOMBARDIA CARTA REGIONALE DEI SERVIZI SISTEMA INFORMATIVO SOCIO- SANITARIO DELLA REGIONE LOMBARDIA IL CLIENTE Regione Lombardia, attraverso la società Lombardia Informatica. IL PROGETTO Fin dal 1998 la Regione Lombardia

Dettagli

Portale integrato Lavoro, Formazione, Politiche sociali e Osservatorio e servizio Centri Impiego On Line

Portale integrato Lavoro, Formazione, Politiche sociali e Osservatorio e servizio Centri Impiego On Line Portale integrato Lavoro, Formazione, Politiche sociali e Osservatorio e servizio Centri Impiego On Line Dott.ssa Alessandra Bordini Provincia di Reggio Calabria Responsabile Servizio Pianificazione Progettazione

Dettagli

RICOGNIZIONE DELLA SITUAZIONE ESISTENTE...7

RICOGNIZIONE DELLA SITUAZIONE ESISTENTE...7 COMUNE DI SPECCHIA Piano di informatizzazione delle procedure per la presentazione e la compilazione on-line da parte di cittadini e imprese delle istanze, dichiarazioni e segnalazioni al Comune INDICE

Dettagli

CREARE UN ONU ADATTA AL 21 SECOLO

CREARE UN ONU ADATTA AL 21 SECOLO CREARE UN ONU ADATTA AL 21 SECOLO Il Vertice Mondiale 2005 dibatterà le proposte che potrebbero dar vita alla ristrutturazione di maggiore portata che le Nazioni Unite abbiano mai conosciuto nei sessanta

Dettagli

L evoluzione del Sistema Informativo della fiscalità. Il nuovo paradigma dei servizi

L evoluzione del Sistema Informativo della fiscalità. Il nuovo paradigma dei servizi L evoluzione del Sistema Informativo della fiscalità Il nuovo paradigma dei servizi Ing. Giuseppe Lacerenza Roma, 21 maggio 2007 Il nuovo paradigma dei servizi Indice Sogei e il Sistema informativo della

Dettagli

Il Patto Globale. Corporate Leadership in the World Economy

Il Patto Globale. Corporate Leadership in the World Economy Il Patto Globale. Corporate Leadership in the World Economy Kofi Annan Scegliamo di unire il potere dei mercati con l autorevolezza degli ideali universalmente riconosciuti. 1. Le opportunità del Patto

Dettagli

Il Presidente della Regione Toscana e il Presidente di ANCI Toscana, Ricordate:

Il Presidente della Regione Toscana e il Presidente di ANCI Toscana, Ricordate: ALLEGATO A Protocollo di intesa tra Regione Toscana e ANCI Toscana finalizzato al supporto delle politiche e delle iniziative per l innovazione nel territorio toscano. Il Presidente della Regione Toscana

Dettagli

Linee guida in materia di formazione per la esociety

Linee guida in materia di formazione per la esociety Allegato parte integrante Linee guida formazione esociety ALLEGATO ALLA DELIBERA N. DEL 14 LUGLIO 2006 Linee guida in materia di formazione per la esociety La Società dell informazione deve garantire,

Dettagli

La Provincia di Imperia, rappresentata dal Presidente Avv. Gianni GIULIANO, in qualità di coordinatore del progetto banda larga;

La Provincia di Imperia, rappresentata dal Presidente Avv. Gianni GIULIANO, in qualità di coordinatore del progetto banda larga; PROTOCOLLO D INTESA TRA LA PROVINCIA DI IMPERIA, LE COMUNITÀ MONTANE E I COMUNI PER LA REALIZZAZIONE DI UNA INFRASTRUTTURA A BANDA LARGA SU TUTTO IL TERRITORIO PROVINCIALE. La Provincia di Imperia, rappresentata

Dettagli

TRASMISSIONE ONLINE DEI CERTIFICATI DI MALATTIA

TRASMISSIONE ONLINE DEI CERTIFICATI DI MALATTIA TRASMISSIONE ONLINE DEI CERTIFICATI DI MALATTIA Una storia di successo per l INPS 180 mila medici 17 milioni di lavoratori dipendenti 4,4 milioni di imprese Roma, 24 marzo 2011 Indice 2 Executive summary

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Reg.delib.n. 2727 Prot. n. 104/08-112C-S112 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE O G G E T T O: Disposizioni per l'attuazione dell'articolo 8, comma 1, della legge

Dettagli

Lepida@Unife: Rete e Servizi

Lepida@Unife: Rete e Servizi Direzione Generale Centrale Organizzazione, Personale,Sistemi Informativi e Telematica Lepida@Unife: Rete e Servizi Polo Scientifico e Tecnologico, Università di Ferrara 22 gennaio 2007 Regione Emilia-Romagna/

Dettagli

PA e Web: evoluzione e tendenze

PA e Web: evoluzione e tendenze Progetto PerformancePA Ambito A - Linea 1 - Una rete per la riforma della PA PA e Web: evoluzione e tendenze Autore: Maurizio Boscarol Creatore: Formez PA, Progetto Performance PA Diritti: Dipartimento

Dettagli

Ai sensi del comma 3 bis dell art. 24 del D.L. 90/2014 convertito nella legge 11/08/2014 n. 114

Ai sensi del comma 3 bis dell art. 24 del D.L. 90/2014 convertito nella legge 11/08/2014 n. 114 Piano di informatizzazione delle procedure per la presentazione di istanze, dichiarazioni e segnalazioni che permetta la compilazione on line con procedure guidate accessibili tramite autenticazione con

Dettagli

Il Patto Globale. Corporate Leadership in the World Economy

Il Patto Globale. Corporate Leadership in the World Economy Il Patto Globale. Corporate Leadership in the World Economy Kofi Annan * Abstract Il Segretario Generale delle Nazioni Unite, Kofi Annan, propose per primo il Global Compact in un discorso al World Economic

Dettagli

Comune di Sondrio PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ DEL COMUNE DI SONDRIO 2012-2013-2014

Comune di Sondrio PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ DEL COMUNE DI SONDRIO 2012-2013-2014 Comune di Sondrio PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ DEL COMUNE DI SONDRIO 2012-2013-2014 1. PREMESSA Con la redazione del presente Programma Triennale per la trasparenza e l integrità,

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITA

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITA ANNI 2015 2016 2017 1 Il Programma Triennale della Trasparenza e Integrità è strutturato in sezioni relative a: 1) Premessa; 2) Supporto normativo; 3)

Dettagli

Rete per il Lavoro. Piano esecutivo. Modello Sperimentale di Collaborazione Pubblico-Privato per la Gestione delle Politiche del Lavoro

Rete per il Lavoro. Piano esecutivo. Modello Sperimentale di Collaborazione Pubblico-Privato per la Gestione delle Politiche del Lavoro Convenzione Italia Lavoro S.p.A. Agenzia per l Inclusione Sociale per la sperimentazione di modelli di collaborazione pubblico-privato nelle politiche attive del lavoro e la costituzione della Rete Locale

Dettagli

MINISTERO DEGLI AFFARI ESTERI LIMES Linea informatica di Migrazione, Emergenza e Sicurezza. Presentazione al G-Award 2012

MINISTERO DEGLI AFFARI ESTERI LIMES Linea informatica di Migrazione, Emergenza e Sicurezza. Presentazione al G-Award 2012 MINISTERO DEGLI AFFARI ESTERI LIMES Linea informatica di Migrazione, Emergenza e Sicurezza Presentazione al G-Award 2012 Responsabile del progetto: Francesco Lazzaro Capo dell Ufficio DGAI IV Sviluppo

Dettagli

I sistemi di Pagamento Elettronico come abilitatore centrale della Rivoluzione Digitale. Università degli Studi di Roma Tor Vergata

I sistemi di Pagamento Elettronico come abilitatore centrale della Rivoluzione Digitale. Università degli Studi di Roma Tor Vergata I sistemi di Pagamento Elettronico come abilitatore centrale della Rivoluzione Digitale Università degli Studi di Roma Tor Vergata Roma, 13 Marzo 2014 Rivoluzione Industriale e Rivoluzione Digitale Rivoluzione

Dettagli

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE S. PERTINI

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE S. PERTINI Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE S. PERTINI Via Napoli, n.3-00045 GENZANO DI ROMA Tel.06121125600

Dettagli

Programmi europei: opportunità per Regioni ed Enti Locali

Programmi europei: opportunità per Regioni ed Enti Locali Programmi europei: opportunità per Regioni ed Enti Locali ForumPA - Roma, 22 Maggio 2007 Flavia Marzano flavia.marzano2@unibo.it Roma, 22 Maggio 2007 Flavia Marzano 1 Ricerca europea? Arrivare al 3% del

Dettagli

Piano Triennale della Trasparenza e Integrità 2015-2016-2017. Aggiornamento.

Piano Triennale della Trasparenza e Integrità 2015-2016-2017. Aggiornamento. COMUNE DI MONTEPRANDONE Provincia di Ascoli Piceno Piano Triennale della Trasparenza e Integrità 2015-2016-2017. Aggiornamento. 1) QUADRO NORMATIVO DI RIFERIMENTO La principale fonte normativa per la stesura

Dettagli

SOMMARIO. TITOLO TESI: e- GOVERNMENT E SOCIETA DELL INFORMAZIONE

SOMMARIO. TITOLO TESI: e- GOVERNMENT E SOCIETA DELL INFORMAZIONE SOMMARIO TITOLO TESI: e- GOVERNMENT E SOCIETA DELL INFORMAZIONE CAPITOLO PRIMO LE ORIGINI DELLA SOCIETÀ DELL INFORMAZIONE 1. Introduzione 1.1 La definizione di società dell informazione 1.2 La Società

Dettagli

Direzione generale per gli studi la statistica e i sistemi informativi

Direzione generale per gli studi la statistica e i sistemi informativi MIUR AOODGSSSI REGISTRO UFFICIALE Prot. 2172 del 19.04.2011 - USCITA Alle Istituzioni Scolastiche Statali LORO SEDI OGGETTO PROGETTI DI INNOVAZIONE TECNOLOGICA PER LE ISTITUZIONI SCOLASTICHE. Come è noto

Dettagli

Comune di Sclafani Bagni Provincia di Palermo

Comune di Sclafani Bagni Provincia di Palermo Comune di Sclafani Bagni Provincia di Palermo Progetto per l acquisizione ed integrazione di nuovi servizi informatici (Rimodulazione approvata con deliberazione Giunta comunale n. 81 del 12/12/2012) È

Dettagli

1. PREMESSA. 2. IL QUADRO DI RIFERIMENTO PER LA COMUNITÀ 3. VALUTAZIONE DELLA SITUAZIONE ATTUALE 4. ALTRI PROCEDIMENTI 5.

1. PREMESSA. 2. IL QUADRO DI RIFERIMENTO PER LA COMUNITÀ 3. VALUTAZIONE DELLA SITUAZIONE ATTUALE 4. ALTRI PROCEDIMENTI 5. Via Alberti 4 38033 CAVALESE tel. 0462-241311 fax 0462-241322 C.F. 91016130220 e-mail: info@comunitavaldifiemme.tn.it pec: comunita@pec.comunitavaldifiemme.tn.it www.comunitavaldifiemme.tn.it PIANO DI

Dettagli

SPECIFICHE TECNICO-FUNZIONALI FORNITURA SOFTWARE APPLICATIVO PROTOCOLLO ATTI E RILEVAZIONE PRESENZE

SPECIFICHE TECNICO-FUNZIONALI FORNITURA SOFTWARE APPLICATIVO PROTOCOLLO ATTI E RILEVAZIONE PRESENZE SPECIFICHE TECNICO-FUNZIONALI FORNITURA SOFTWARE APPLICATIVO PROTOCOLLO ATTI E RILEVAZIONE PRESENZE 1. IL SOFTWARE APPLICATIVO PROGETTOENTE 1.1 Linee guida generali: Un software aperto che Vi accompagna

Dettagli

COMUNE DI VIGONOVO PROVINCIA DI VENEZIA Via Veneto, 2 30030 VIGONOVO (VE)

COMUNE DI VIGONOVO PROVINCIA DI VENEZIA Via Veneto, 2 30030 VIGONOVO (VE) COMUNE DI VIGONOVO PROVINCIA DI VENEZIA Via Veneto, 2 30030 VIGONOVO (VE) Comune di Vigonovo Sistemi Informativi Piano di informatizzazione delle procedure per la presentazione delle istanze, dichiarazioni

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2012-2013-2014

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2012-2013-2014 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2012-2013-2014 1 PREMESSA Con la redazione del presente Programma Triennale per la trasparenza e l integrità, di seguito denominato Programma,

Dettagli

Estratto dell'agenda dell'innovazione Smau Milano 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica. Il caso INCA CGIL

Estratto dell'agenda dell'innovazione Smau Milano 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica. Il caso INCA CGIL Estratto dell'agenda dell'innovazione Smau Milano 2011 Speciale: I casi Introduzione dell'area tematica Il caso INCA CGIL Innovare e competere con le ICT - PARTE I Cap.1 L innovazione nella gestione dei

Dettagli

Il Sistema di gestione del fascicolo penale digitale

Il Sistema di gestione del fascicolo penale digitale APQ PUGLIA SOCIETÀ DELL INFORMAZIONE PROGETTO PILOTA Informatizzazione Procura della Repubblica di Lecce Il Sistema di gestione del fascicolo penale digitale ForumPA 11 maggio 2009 Maurizio Natale InnovaPuglia

Dettagli

PIANO TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2014 2016

PIANO TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2014 2016 COMUNE DI FERRERA DI VARESE PROVINCIA DI VARESE PIANO TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2014 2016 Approvato con deliberazione di G.C. n. del INDICE 1. PREMESSA NORMATIVA 2. CONTENUTO DEL PROGRAMMA

Dettagli

PIANO DI INFORMATIZZAZIONE

PIANO DI INFORMATIZZAZIONE Comune di Rocca San Giovanni PIANO DI INFORMATIZZAZIONE delle procedure per la presentazione e compilazione on-line da parte di cittadini ed imprese delle istanze, dichiarazioni e segnalazioni al comune

Dettagli

Allegato 1 L AGENDA PER LA SEMPLIFICAZIONE 2015-2017

Allegato 1 L AGENDA PER LA SEMPLIFICAZIONE 2015-2017 Allegato 1 L AGENDA PER LA SEMPLIFICAZIONE 2015-2017 Premessa La semplificazione è essenziale per recuperare il ritardo competitivo dell Italia, liberare le risorse per tornare a crescere e restituire

Dettagli

Piano di informatizzazione delle procedure per la presentazione di istanze, dichiarazioni e segnalazioni

Piano di informatizzazione delle procedure per la presentazione di istanze, dichiarazioni e segnalazioni Piano di informatizzazione delle procedure per la presentazione di istanze, dichiarazioni e segnalazioni Ai sensi del comma 3 bis dell art. 24 del D.L. 90/2014 convertito nella legge 11/08/2014 n. 114

Dettagli

PER FACILITARE IL LAVORO DI AMMINISTRAZIONI ED ENTI PUBBLICI E PER CONTRIBUIRE A MIGLIORARE I SERVIZI VERSO I CITTADINI

PER FACILITARE IL LAVORO DI AMMINISTRAZIONI ED ENTI PUBBLICI E PER CONTRIBUIRE A MIGLIORARE I SERVIZI VERSO I CITTADINI Partner Tecnologico della Pubblica Amministrazione PER FACILITARE IL LAVORO DI AMMINISTRAZIONI ED ENTI PUBBLICI E PER CONTRIBUIRE A MIGLIORARE I SERVIZI VERSO I CITTADINI SEMPLIFICHIAMO IL LAVORO DI AMMINISTRAZIONI

Dettagli

COMUNE DI ANZOLA Mercoledì, 29 ottobre 2014

COMUNE DI ANZOLA Mercoledì, 29 ottobre 2014 COMUNE DI ANZOLA Mercoledì, 29 ottobre 2014 COMUNE DI ANZOLA Mercoledì, 29 ottobre 2014 29/10/2014 Pagina 35 MATTEO BARBERO Sblocca Italia, assegnati gli sconti sul Patto 2014 1 29/10/2014 Pagina 37 ROBERTO

Dettagli

Le novità normative in tema di rapporto di lavoro pubblico: il D.Lgs. 150/2009

Le novità normative in tema di rapporto di lavoro pubblico: il D.Lgs. 150/2009 Le novità normative in tema di rapporto di lavoro pubblico: il D.Lgs. 150/2009 Parma, Sala aurea C.C.I.A.A., Via Verdi 2 Gaetano Palombelli La riforma del lavoro pubblico nel contesto della riforma istituzionale

Dettagli

PROGETTO PER L INTERCONNESSIONE E LA CONDIVISIONE DELLE INFORMAZIONI TRA LE STRUTTURE INFORMATIVE PIEMONTESI

PROGETTO PER L INTERCONNESSIONE E LA CONDIVISIONE DELLE INFORMAZIONI TRA LE STRUTTURE INFORMATIVE PIEMONTESI PROGETTO PER L INTERCONNESSIONE E LA CONDIVISIONE DELLE INFORMAZIONI TRA LE STRUTTURE INFORMATIVE PIEMONTESI Regione Piemonte Comunicazione Istituzionale della Giunta Regionale Direttore: Roberto Moisio

Dettagli

SVILUPPO LOCALE E RETI DI CONOSCENZA ED INNOVAZIONE

SVILUPPO LOCALE E RETI DI CONOSCENZA ED INNOVAZIONE SVILUPPO LOCALE E RETI DI CONOSCENZA ED INNOVAZIONE Riccardo Cappellin OS.E.L.R. - Osservatorio sulle Economie Locali e Regionali Dipartimento di Economia e Istituzioni Università di Roma "Tor Vergata"

Dettagli

La strategia AgID per la realizzazione dell Agenda. Agostino Ragosa

La strategia AgID per la realizzazione dell Agenda. Agostino Ragosa La strategia AgID per la realizzazione dell Agenda Digitale Italiana Agostino Ragosa Forum PA 2013 Palazzo dei Congressi - Roma, 28 Maggio 2013 Il contesto L economia digitale italiana Ha registrato un

Dettagli

ICT Solution. E-Learning. E-Learning. E-Learning

ICT Solution. E-Learning. E-Learning. E-Learning ICT Solution ICT Solution WeTech Srl è un'azienda italiana operante nel campo dell'information & Communication Technology che, grazie alla sua offerta di prodotti e servizi ad alto valore aggiunto, è in

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2015 2016 2017. (allegato al piano triennale anticorruzione)

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2015 2016 2017. (allegato al piano triennale anticorruzione) COMUNE DI CELLAMARE (Prov. di Bari) PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2015 2016 2017 (allegato al piano triennale anticorruzione) Approvato con deliberazione di G.C. n. 3 del 29/01/2015

Dettagli

Programma triennale per la trasparenza e l integrità 2015-2017 (art. 10 del D. Lgs. 14 marzo 2013 n. 33)

Programma triennale per la trasparenza e l integrità 2015-2017 (art. 10 del D. Lgs. 14 marzo 2013 n. 33) Programma triennale per la trasparenza e l integrità 2015-2017 (art. 10 del D. Lgs. 14 marzo 2013 n. 33) INTRODUZIONE Il decreto legislativo 14.03.2013 n. 33 avente ad oggetto il Riordino della disciplina

Dettagli

PARTE SECONDA. VISTO il PO 2007 2013 FESR della Regione Puglia, come approvato dalla Commissione Europea con C(2007) 5726 del 20/11/2007;

PARTE SECONDA. VISTO il PO 2007 2013 FESR della Regione Puglia, come approvato dalla Commissione Europea con C(2007) 5726 del 20/11/2007; 50014 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia n. 175 del 24 12 2014 PARTE SECONDA Atti regionali DETERMINAZIONE DEL DIRETTORE AREA POLITICHE PER LO SVILUPPO ECONOMICO, IL LAVORO E L IN NOVAZIONE 18 dicembre

Dettagli

Contact Center Regionale Multicanale. Progetto IQuEL

Contact Center Regionale Multicanale. Progetto IQuEL interoperabilità verso il Progetto IQuEL Ver. 1.0 Sommario 1. Contact Center Regionale Multicanale: Obiettivi di progetto... 3 2. Interoperabilità fra il Progetto Contact Center Regionale Multicanale e

Dettagli

DESCRIZIONE DELLA CARTA

DESCRIZIONE DELLA CARTA PRESENTAZIONE Il Comune di Pisa, da sempre protagonista attivo del processo di riforma e di innovazione tecnologica della pubblica amministrazione, offre oggi ai propri cittadini un nuovo strumento per

Dettagli

Contact Center Integrato Multicanale dell Area territoriale fiorentina

Contact Center Integrato Multicanale dell Area territoriale fiorentina COMUNE DI FIRENZE Area Comunicazione Contact Center Integrato Multicanale dell Area territoriale fiorentina Forum P.A. - Roma, 08 maggio 2006 I PERCORSI DI CAMBIAMENTO E INNOVAZIONE NEL COMUNE DI FIRENZE

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITÀ ANNI 2012-13-14

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITÀ ANNI 2012-13-14 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITÀ ANNI 2012-13-14 Le modifiche normative intervenute, nell ambito dell ampio programma di riforma della Pubblica Amministrazione, impongono agli Enti Locali

Dettagli

Vediamo nel dettaglio i punti caratterizzanti la soluzione realizzata: Il Portale consente agli utenti di identificarsi secondo differenti modalità:

Vediamo nel dettaglio i punti caratterizzanti la soluzione realizzata: Il Portale consente agli utenti di identificarsi secondo differenti modalità: Il Portale Integrato Il Portale per i servizi alle imprese (www.impresa-gov.it), realizzato dall INPS, è nato con l obiettivo di mettere a disposizione delle imprese un unico front end per utilizzare i

Dettagli

DIREZIONE CENTRALE. Attività Produttive, Politiche del Lavoro e dell'occupazione ----------------------------------------------

DIREZIONE CENTRALE. Attività Produttive, Politiche del Lavoro e dell'occupazione ---------------------------------------------- DIREZIONE CENTRALE Attività Produttive, Politiche del Lavoro e dell'occupazione ---------------------------------------------- Protocollo d Intesa tra Il Comune di Milano e l Ordine dei Consulenti del

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITA

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITA Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca DIREZIONE DIDATTICA STATALE 1 CIRCOLO N. VACCALLUZZO LEONFORTE (EN) Corso Umberto, 339 - C.A.P. : 94013 - Tel.Direzione: 0935/902257 Tel-Fax Segreteria

Dettagli

Essere leader nella Green Economy. Percorso formativo

Essere leader nella Green Economy. Percorso formativo Essere leader nella Green Economy Percorso formativo L urgenza di innovare il modello produttivo e di mercato che ha causato la crisi economica e ambientale che stiamo vivendo, sta aprendo spazi sempre

Dettagli

Il Nuovo Codice dell Amministrazione Digitale Decreto legislativo n. 235/2010. Roma, 25 gennaio 2011

Il Nuovo Codice dell Amministrazione Digitale Decreto legislativo n. 235/2010. Roma, 25 gennaio 2011 Il Nuovo Codice dell Amministrazione Digitale Decreto legislativo n. 235/2010 Roma, 25 gennaio 2011 Indice 1. Il nuovo CAD da oggi in vigore 2. Principi ispiratori 3. L e Gov diventa un diritto 4. Nuovi

Dettagli

Piano di informatizzazione delle procedure per la presentazione di istanze, dichiarazioni e segnalazioni

Piano di informatizzazione delle procedure per la presentazione di istanze, dichiarazioni e segnalazioni Piano di informatizzazione delle procedure per la presentazione di istanze, dichiarazioni e segnalazioni (D.L. 90/2014 convertito in legge 114/2014, art. 24 comma 3 bis) Indice 1. Finalità 2. Riferimenti

Dettagli

CST Area di Taranto. Assemblea dei Sindaci 19.09.2008. Evoluzione del CST

CST Area di Taranto. Assemblea dei Sindaci 19.09.2008. Evoluzione del CST CST Area di Taranto Assemblea dei Sindaci 19.09.2008 Evoluzione del CST 1. Introduzione Il prossimo 30 settembre 2008 termina il progetto di esercizio sperimentale dei servizi e, quindi, il Centro Servizi

Dettagli

SITAS. Sistema Informatico per la Trasparenza delle Autorizzazioni Sismiche

SITAS. Sistema Informatico per la Trasparenza delle Autorizzazioni Sismiche SITAS Sistema Informatico per la Trasparenza delle Autorizzazioni Sismiche Le procedure per l edificazione nei comuni della Regione Lazio classificati a rischio sismico soffrivano di: Complessa gestione

Dettagli

Comunica Facile. www.lavoro.gov.it/co comunicazioni obbligatorie Sistema Informativo del Lavoro contrasto al lavoro irregolare 800 196 196

Comunica Facile. www.lavoro.gov.it/co comunicazioni obbligatorie Sistema Informativo del Lavoro contrasto al lavoro irregolare 800 196 196 Comunica Facile. Non più tante comunicazioni cartacee, ma una: unica e on-line. A partire da marzo 2008, per comunicare l assunzione di un nuovo lavoratore, non dovrai più compilare modelli differenti

Dettagli

RELAZIONE TECNICA. Articolo 1

RELAZIONE TECNICA. Articolo 1 RELAZIONE TECNICA Articolo 1 L articolo 1 modifica le definizioni contenute nel Codice dell amministrazione digitale, introducendone alcune nuove in linea con le evoluzioni tecnologiche e con i più recenti

Dettagli

Pubblico e privato nelle strategie di e-government

Pubblico e privato nelle strategie di e-government Ruolo degli Enti Locali nel Piano di e-government La strategia del Comune per l e-government Gli strumenti attuativi della strategia Il necessario apporto del privato Ruolo degli Enti Locali nel Piano

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA TRIENNIO 2013/2015

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA TRIENNIO 2013/2015 www.comune.bottanuco.bg.it mail: comune.bottanuco@tin.it p.e.c. : comune.bottanuco@postecert.it PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA TRIENNIO 2013/2015 (Art. 11, comma 2, del D.Lgs 27.10.2009,

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: ABITARE INFORMATI 2.0 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO SETTORE e Area di Intervento: EDUCAZIONE E PROMOZIONE CULTURALE E 11 SPORTELLI INFORMA OBIETTIVI DEL PROGETTO Comune

Dettagli