E-government per lo sviluppo. Il piano del Governo per la digitalizzazione della Pubblica Amministrazione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "E-government per lo sviluppo. Il piano del Governo per la digitalizzazione della Pubblica Amministrazione"

Transcript

1 4 Antonio Cenini E-government per lo sviluppo. Il piano del Governo per la digitalizzazione della Pubblica Amministrazione 1 E-government: concetti generali E-government è la ricetta italiana per migliorare la qualità e l accessibilità dei servizi pubblici. È il tentativo di radicale trasformazione del rapporto tra la Pa e i cittadini fondato sul potenziamento dell efficienza interna delle amministrazioni attraverso l avvio di importanti progetti di riorganizzazione basati sul determinante e irrinunciabile ricorso alle tecnologie ed all innovazione. Precondizione essenziale, questa, per aggiungere valore al servizio pubblico e consentire di rispondere alla nuova qualità della domanda espressa dai cittadini e dalle imprese. Più compiutamente, è la realizzazione delle iniziative di integrazione ed interoperabilità del sistema della Pa diffusa sul territorio, in modo da consentire l accesso ai servizi da qualsiasi sportello fisico di ogni soggetto che svolge funzioni pubbliche (scuole ed ospedali, ministeri, comuni, ecc.). È evidente che non si intende confinare i benefici delle azioni di e-government ai soli mezzi di accesso telematico, ma offrire sia in modalità fisica sia in modalità virtuale il godimento di servizi pubblici erogati in tempi rapidi e in modalità trasparente. Ma sarà possibile effettuare anche un integrale inversione dell impostazione tradizionale dei servizi per cui all utente non dovranno più essere richieste informazioni già a disposizione della Pa, e non dovrà più essere richiesta una conoscenza dell organizzazione interna dello Stato per sapere a chi rivolgersi per soddisfare le proprie esigenze. Ad esempio, sarà sufficiente comunicare variazioni anagrafiche una sola volta e ad un unico sportello, in qualunque località d Italia. E-government è anche la scommessa, l ambiziosa sfida, il sogno del Governo Berlusconi di creare un modello di stato digitale, entro il 2006, che sia da esempio per tutti i Paesi europei. Il Presidente del Consiglio è tra i più entusiasti sostenitori di questo progetto, ed annuncia che per quella data saranno trenta milioni le carte di identità elettroniche in tasca ai cittadini per abolire le code, le attese, favorire la trasparenza. L accesso on line sarà possibile per i due terzi delle pratiche; le comunicazioni all interno della Pa avverranno con la po-

2 76 ANTONIO CENINI sta elettronica. In sostanza, dal pagamento delle tasse, ai passaggi di proprietà, ai documenti di ogni genere, alla ricerca di posti di lavoro, tutto sarà possibile tramite Internet. Per far questo il Governo ha istituito sin dall inizio della nuova legislatura un apposito Dipartimento per l Innovazione Tecnologica, presso la Presidenza del Consiglio, guidato dal Ministro Lucio Stanca, ex manager Ibm, che ha mosso i primi passi in un settore che andava completamente riorganizzato stabilendo, tra le basilari priorità, l imperativo di rendere omogeneo il sistema di riconoscimento del cittadino, visto che attualmente ci sono 41 metodi diversi sparsi tra le varie amministrazioni locali. Sarà necessario convogliare su un unico sito tutti i servizi pubblici offerti con un occhio di riguardo alle necessità burocratiche delle imprese. Si dovrà colmare lo squilibrio digitale tra Sud e Nord Italia con l obiettivo di medio periodo di erogare l 80 per cento dei servizi all 80 per cento degli utenti. È doveroso segnalare che il piano d azione per l e-government fu lanciato nel giugno 2000 dal Governo Amato, su diretto impegno dell ex Ministro della Funzione pubblica, Franco Bassanini. Questo consisteva in una serie di provvedimenti studiati per favorire l innovazione tecnologica nella Pa italiana e prevedeva una successione di tappe per realizzare tre obiettivi principali: migliorare l efficienza interna delle amministrazioni, offrire servizi integrati ai cittadini e alle imprese superando le frammentazioni imposte dalle competenze di ciascun ente, garantire a tutti l accesso telematico alle informazioni e ai servizi erogati. Un lavoro certamente ambizioso e complesso che non giunse ad una considerevole realizzazione per cause evidentemente politiche e per ragioni tecniche scaturenti da prevedibili problemi relativi alla rigidità di un macchinoso sistema burocratico ed alla difficoltà del reperimento dei fondi necessari. Il nuovo Governo ha il merito, fino ad ora, di avere inserito l e-government tra le priorità strategiche della legislatura, evitando di snaturarlo negli obiettivi originari e proiettandolo in uno scenario internazionale. Infatti, con la Conferenza di Palermo dello scorso aprile, ottenuta la collaborazione del Segretario Generale dell Onu, Kofi Annan, del Presidente della Banca Mondiale, James Wolfensohn, ed alla presenza delle delegazioni di 70 Paesi, l e-government si è trasformato in uno strumento di sviluppo per i Paesi poveri o emergenti. L Italia metterà in campo 6,5 milioni di dollari iniziali per l avvio di cinque progetti-pilota con Albania, Tunisia, Giordania, Mozambico e Nigeria, proponendosi di estendere le opportunità di modernizzazione come ha affermato lo stesso Stanca trasparenza e democratizzazione ai Paesi che lo chiederanno.

3 E-GOVERNMENT PER LO SVILUPPO 77 2 E-government: il Piano del Governo Per quanto riguarda la specificità italiana, la rinnovata rotta del progetto e-government è chiaramente impostata dalla Direttiva Stanca del dicembre 2001, indirizzata alle Pa centrali e diventata elemento operativo della strategia del Governo per rendere l Italia un Paese leader dell era digitale. Cinque saranno le mosse per creare un rapporto e una connessione diretta tra Stato e cittadini, per meglio dire una transazione definita e compiuta dal Governo al cittadino e dal cittadino al Governo : 1) e-government nelle Regioni e negli enti locali; 2) un portale nazionale in luogo dei circa duemila della Pa; 3) la carta d identità elettronica; 4) una rete nazionale per facilitare l accesso da parte degli utenti; 5) la sicurezza dell infrastruttura tecnologica per evitare che, aumentando i servizi in rete, possa essere violata la privacy. Solo attraverso l esecuzione dei suddetti passaggi si potranno determinare le seguenti trasformazioni visibili e misurabili nella Pa, un miglioramento dell efficienza e dell economicità della gestione migliorando i processi di back office, ossia affidando responsabilità di coordinamento e organizzazione alle amministrazioni centrali e ristrutturando un approccio standard di investimenti, non esclusivamente nel retrobottega amministrativo (contabilità, mandato informatico, gestione del personale); la realizzazione della procurement card per i responsabili dell ufficio acquisti via Internet; la gestione della contabilità finanziaria ed economica esclusivamente in forma digitale e l approvazione dei documenti con la firma elettronica; l attuazione del nuovo e digitale Sistema Unitario di Amministrazione e gestione del personale; la dotazione di una postazione informatizzata per la maggior parte del personale; la sostituzione del tesserino individuale di ogni dipendente con la carta multiservizio elettronica; la valorizzazione del patrimonio informativo delle amministrazioni; dello sviluppo delle competenze informatiche dei dipendenti dello Stato; la diffusione dell e-learning nella Pa (formazione a distanza dei dipendenti). Più dettagliatamente, le cinque mosse precedentemente descritte sono ovviamente connesse tra loro in base all idea-guida dell interoperabilità fra tutti i sistemi informatici, centrali e locali, per rendere possibile l erogazione dei servizi integrati di sportello ed evitare conseguentemente pericolose frammentazioni. Sistema nevralgico di tutto ciò sarà la rete telematica nazionale, avente la finalità di unificare le reti istituzionali esistenti ai vari livelli attraverso un accordo di interconnessione gestito da diversi provider. In questo caso, emerge la possibilità di coesistenza di una logica federalista e decentrata che attribuisce agli enti locali (Comuni, Province, Regioni, uffici periferici della sanità, del commercio e del fisco) un ruolo primario nel rapporto diretto e interattivo con i cittadini, espletando una funzione di front office aperti al pubblico; e una logica centralista, ma non gerarchica, del por-

4 78 ANTONIO CENINI tale nazionale da considerare tuttavia come un grande network costruito su standard comuni, un punto di organizzazione, di ingresso e di orientamento. Un unica porta di accesso, quindi, a tutti i servizi digitali della Pa che si chiamerà e-italia e costituirà, una base di aggregazione delle informazioni relative al funzionamento dello Stato, agli iter procedurali della Pa ed alle modalità di erogazione dei servizi alla collettività. In particolare, e-italia sarà caratterizzato da funzioni finalizzate a qualificare l offerta di servizio, a trasmettere al cittadino una visione unitaria e facilmente accessibile della Pa, configurandosi, altresì, quale strumento di cooperazione tra le diverse amministrazioni. Anzitutto, e-italia garantirà l organizzazione dei contenuti informativi, secondo uno schema logico che ripercorre i principali episodi della vita del cittadino, l indirizzamento intelligente ai servizi digitali offerti dalla Pa centrale e locale e la composizione di una vetrina di contenuti organizzati per aree tematiche trasversali rispetto agli episodi della vita, relative alle nuove tecnologie ed alla società digitale (notizie e forum di discussione su Carta Nazionale dei Servizi, Carta di Identità Elettronica, Rapporti sulla Società dell informazione). Si verrà a creare in questo modo, all interno del portale stesso, una sorta di Pagine gialle della burocrazia, un indirizzario della Pa, motori di ricerca sui contenuti interni e strumenti di interazione e transazione utilizzabili attraverso la firma digitale, l identity card e le carte di pagamento. L eventuale successo di e-italia non può prescindere, ovviamente, dall impegno delle singole amministrazioni che dovranno fornire il proprio contributo per rendere disponibili i contenuti di propria competenza nel portale, garantendone il continuo aggiornamento e monitoraggio. Pertanto, in relazione alla necessità di erogare la più ampia gamma di servizi digitali integrati a cittadini, ministeri, uffici ed enti pubblici sono chiamati ad agevolare la realizzazione delle soluzioni tecnologiche di integrazione del portale con i propri siti Internet. La Direttiva Stanca prescrive che la collaborazione tra le amministrazioni dovrà essere supportata dalla costituzione, nel corso del 2002, di gruppi di lavoro comuni, la cui attività sarà orientata all interpretazione delle esigenze dei cittadini ed alla predisposizione delle migliori risposte. Inoltre, un obiettivo da conseguire, in tempi rapidi, è l operazione di restyling di tutti i siti prevalentemente informativi delle varie amministrazioni, per renderli più vicini ai cittadini e in grado di fornire notizie anche di attualità ed in tempo reale. Dovranno essere privilegiati, infine, siti interattivi tali da consentire lo scambio bidirezionale di informazioni tra amministrazioni e cittadini. Come anticipato, uno dei mezzi a disposizione degli utenti per beneficiare dei servizi via via fruibili in rete sarà la nuova carta d identità elettronica, già sperimentata in oltre cento Comuni italiani (Roma, Milano, Bologna, Napoli, Bari, Catania, Perugia, Trieste, ecc.). Di fatto questa è una smart card prodotta dall Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato, che conserva la funzione di documento di riconoscimento personale, ma progressivamente diventerà uno strumento multifunzionale

5 E-GOVERNMENT PER LO SVILUPPO 79 di garanzia per l accesso sicuro ai servizi on line. L identificazione del titolare è assicurata dai dati stampati sulla card, che contengono le generalità del cittadino. Il microchip riproduce in formato digitale queste informazioni, ma permette anche la memorizzazione di ulteriori chiavi di accesso ai servizi, prima fra tutte la firma digitale. Nel momento in cui la diffusione delle nuove carte raggiungerà un livello omogeneo sul territorio nazionale, diventerà reale anche la caduta del vincolo territoriale proposta dal piano e-government, e si potranno ottenere certificati e prestazioni da parte dell amministrazione pubblica ovunque ci si trovi. È verosimile, peraltro, che in futuro si potrà votare per il collegio elettorale di appartenenza anche trovandosi al di fuori della zona di residenza. Ogni Comune, inoltre, potrà integrare a sua discrezione nella carta d identità altri documenti o servizi civici, come la tessera sanitaria, la tessera elettorale e il pagamento dei tributi, mentre l unico vincolo verso l amministrazione centrale è la trasmissione delle variazioni sostanziali delle anagrafi. Grande attenzione nell interazione con la Pa è riservata ai dipendenti pubblici, che usufruiranno di una carta multiservizi, in sostituzione dell attuale tesserino di riconoscimento, adibita a diversi usi quali ad esempio il controllo degli accessi, la firma digitale, l identificazione personale, l addebito mensa ecc. Ma a parte il microchip in dote agli statali, l obiettivo del Ministro Stanca è di ottimizzare l attività dei dipendenti intervenendo su più fronti: dotazione di una postazione di lavoro informatizzata, successivamente al completamento della cablatura delle amministrazioni, in modo da consentire la totale interoperabilità. Di conseguenza si legge nella Direttiva tutte le postazioni di lavoro dovranno essere in rete, disporre di collegamento ad Internet, di una stampante di servizio, del software di office automation in dotazione all amministrazione. Sono previsti, inoltre, corsi di formazione a distanza per completare l alfabetizzazione tecnologica ed informatica dei dipendenti, favorendo l apprendimento della lingua inglese, oltreché l utilizzo di Internet. Pilastro portante di questo processo di formazione sarà il ricorso all e-learning, ovvero la diffusione di tecniche di formazione a distanza per promuovere l affermazione della cultura tecnologica nella Pa e fornire un supporto alla crescita delle competenze professionali dei dipendenti. I programmi di formazione sull Information and Communication Technology potranno fare leva sulle opportunità offerte dall e-learning, consentendo un alfabetizzazione informatica omogenea e coordinata all interno della Pa. Contestualmente allo sviluppo delle proprie competenze tecnologiche, i dipendenti pubblici saranno investiti di maggiori responsabilità come nel caso dell avvio della piattaforma e-procurement che consentirà tutte le attività di acquisizione di beni e servizi per via elettronica. Nel corso del 2002 il Dipartimento per l innovazione e le tecnologie si preoccuperà di predisporre il regolamento sul commercio elettronico e sulle aste on line, al fine di disciplinare la materia, e studierà la possibilità di introdurre procurement card per i responsabili del-

6 80 ANTONIO CENINI la funzione acquisti, al fine di aumentare la responsabilizzazione dell acquisto, indicando chiari limiti per tipologia di voci, di acquisto o per importi di spesa. Sul versante della contabilità pubblica, entro la fine del biennio le singole amministrazioni saranno obbligate a far scattare programmi ad hoc per la progressiva eliminazione della modalità di compilazione manuale dei documenti. Ogni operazione di natura contabile (gestione degli stanziamenti, assestamenti, impegni, mandati di pagamento) dovrà essere effettuata telematicamente e tutti i documenti dovranno essere approvati con firma elettronica. Per attuare il controllo di gestione, inoltre, tutte le amministrazioni dovranno dotarsi, entro il 2002, di sistemi informativi di gestione della contabilità finanziaria ed economica che, oltre a garantire gli adempimenti contabili richiesti dalla normativa, costituiranno strumenti di controllo della performance e dell efficienza delle strutture. Nel contempo, un ruolo importante sarà svolto dalla Consip (Concessionaria Servizi Informatici Pubblici Spa) nell avvio pratico del servizio, si sta pensando di creare centri e-procurement regionali sulla spesa sanitaria che poi potranno evolvere e specializzarsi anche in altri campi. Non può passare in secondo piano, a questo punto, l attenzione che l egovernment focalizza sull uso della firma elettronica da parte di privati ed imprese, ma soprattutto da parte dei dipendenti pubblici. La firma digitale ha assunto piena validità giuridica in Italia con la Legge 59/1997, che stabilisce l equivalenza del documento informatico firmato digitalmente con i documenti cartacei e la possibilità di inviare per via telematica istanze alle Pa. Ciò impone l adeguamento della gestione dei documenti anche ai formati elettronici, favorendo l adozione di moderni sistemi integrati di protocollo. Ma attualmente, si deve ancora attendere l aggiornamento dei software per rendere compatibile il riconoscimento della firma digitale in ambienti diversi (Windows, Macintosh, Linux, ecc.). Ma quali costi si dovranno sostenere per questa rivoluzione? Secondo il Governo sono disponibili, al momento, 120 milioni di euro, che saliranno a 2 miliardi entro il Uno sforzo finanziario dovuto all urgenza di recuperare il ritardo dell Italia rispetto ai partner dell Unione Europea. È previsto un piano di co-finanziamento che sarà effettuato con un primo bando per l avvio di progetti innovativi. Non saranno elargiti finanziamenti a pioggia, ma definiti criteri con i quali si prevedono quote a carico dello stato tra il 25 e il 50%. Le gare si terranno tra i migliori progetti, con un certo grado di competizione, cui spetterà una prima tranche di oltre 100 milioni di euro e a seguire altri 150. Si diventa, così, un po più europei nelle forme di stanziamento giacché, eventuali errori o leggerezze iniziali potranno essere corretti nella seconda tornata di valutazione dei progetti. Non come in passato, quando i soldi o non venivano utilizzati e le idee restavano completamente al buio, o venivano odiosamente e spesso consapevolmente sprecati. Il bando, e quindi i successivi finanziamenti, cercheranno di valorizzare prioritariamente progetti studiati e proposti in cooperazione tra diversi enti, mirando ad una logica sia di ti-

7 E-GOVERNMENT PER LO SVILUPPO 81 po verticale (aggregazioni di enti locali dello stesso territorio), sia di tipo orizzontale (aggregazioni di Comuni). Elementi significativi per le valutazioni saranno le modalità di trasferimento e di riutilizzo delle soluzioni tra le amministrazioni, e la preparazione di piani di azione territoriali. Si deve impedire, insomma, la costruzione di due Italie digitali. Si deve promuovere una convergenza verso architetture comuni che riguardino l organizzazione dei servizi on line, l interconnessione e lo scambio di rete, gli strumenti di identificazione digitale. Sarebbe sbagliato ha ammesso Stanca non agire sin dall inizio su base nazionale, dovendosi reinventare ogni volta le soluzioni. La logica non può essere, dunque quella del finanziami il mio piano e poi ci penso io. I progetti, una volta ammessi al finanziamento, saranno seguiti nel corso dell attuazione da un attenta azione di monitoraggio e sostegno, anche mediante la creazione di centri di competenza territoriale. Dovranno essere presentati esclusivamente via , e a tal fine sarà concessa a tutti i Comuni che lo richiederanno la firma digitale necessaria a certificare il mittente e la spedizione. I progetti più innovativi mirano a dare un forte impulso al raggiungimento di standard comuni nell identificazione e nella formattazione delle informazioni, uniformando dati già parzialmente disponibili su Internet in banche dati settoriali, e proponendo regole condivise per l interfaccia dei siti delle amministrazioni. Sarà possibile realizzare anche delle joint venture pubblico-privato per i portali, così come non è da escludere che alcuni progetti, in particolare quelli di effettiva distribuzione del servizio o delle informazioni, possano essere affidati in gestione a privati. I primi sforzi tangibili sono rappresentati dal Portale unificato delle norme e dal Portale per i servizi integrati al cittadino, che una volta a pieno regime costituirà uno sportello unico virtuale per tutti i servizi della Pa gestibili senza la necessità di una presenza fisica dell interessato. Il Portale per i servizi di certificazione, permetterà poi ai funzionari dello Stato abilitati di verificare le autocertificazioni, mentre il Portale per i servizi all impiego propone di far compiere un passo avanti ai numerosi servizi statali e parastatali dedicati all incontro tra domanda e offerta di lavoro. In questo caso, Regioni e Province potranno attivare portali territoriali interconnessi a livello interregionale con gli enti locali vicini e a livello nazionale con il Ministero del Lavoro. Il Portale per i servizi alle imprese, grazie all interoperabilità fra Inps, Inail e Registro delle Imposte consentirà l unificazione della modulistica per le imprese e la trasmissione di documentazioni e comunicazioni varie. L obiettivo finale è fornire quindi transazioni complete con la concreta e contestuale speranza di una sensibile riduzione dei costi. Secondo il Governo se si riuscirà a sviluppare dei servizi capaci di ridurre questi pesanti costi, in piccola parte questi risparmi potranno essere utilizzati per finanziare ulteriori servizi positivi. A tale riguardo, secondo i calcoli degli esperti del Ministero, ammonteranno a 340 milioni di euro i risparmi derivanti dall uso dei servizi telematici per i cittadini a cui andranno aggiunti altri milioni di euro di minor spese dall uso di acquisti on li-

8 82 ANTONIO CENINI ne per la Pa. Un ulteriore ed indispensabile elemento per il corretto funzionamento di un sistema tanto complesso ed articolato è rappresentato dal fattore sicurezza. Si sta pensando di creare un centro nazionale con competenze sulla sicurezza nella Pa centrale e periferica. Ci troviamo in un campo molto sofisticato per metodi e tecnologie, che manca ancora di specialisti, ma una società che diviene sempre più dipendente dalle reti deve pensare anche a proteggerle, e questo vale sia per l utente che per l infrastruttura. In particolare, il Ministero delle Comunicazioni sta predisponendo una direttiva sulla sicurezza dell Ict, definendo un percorso di autovalutazione sul livello di sicurezza tecnologica di ogni amministrazione, per arrivare a stabilire il proprio livello di rischio. Sembra chiaro, a questo punto, che l e-government sia una piano di sviluppo improntato ad un assoluto tecnicismo, ma non è così, anzi presuppone aspetti, al momento ancora teorici, che investono elementi più strettamente politici ed addirittura etici. I pubblici amministratori danno l impressione di aver compreso pienamente l importanza di certe iniziative che non sono limitate al miglioramento dell erogazione dei servizi all utenza, ma, secondo intenzioni molto più ambiziose, rappresentano un fattore chiave per lo sviluppo di un economia più competitiva, basata sulla conoscenza dinamica e soprattutto sull accrescimento della partecipazione democratica. Vivienne Jupp, direttrice di Accenture Global E-government Services, ha spiegato concretamente le condizioni di base dell e-government: Primo, conosci il tuo utente, ascoltalo e capisci quello che dice. Metti l utente al centro della soluzione, che deve essere accessibile a tutti. Secondo, per conoscere l utente bisogna identificarlo, raccogliendo le informazioni di base una volta per tutte in modo da poter condividere i dati con gli altri servizi pubblici e poter meglio individuare i bisogni di ciascuno. Terzo, è necessario il forte impegno ai massimi livelli istituzionali. L e-government deve quindi garantire al cittadino scelta, convenienza e controllo nel rapporto con la Pa. È nell insieme di questi concetti che si può tentare di dare una definizione precisa di e-government, considerando che nell era della new economy la gestione del tempo e delle relazioni risulta di cruciale importanza. Le innovazioni apportate dalle Ict consentono all uomo di superare i confini di spazio e di tempo entro cui, da sempre, ha dovuto limitare la sua vita ed il lavoro. Ora è possibile riorganizzare processi, tagliare costi, semplificare procedure, risparmiare tempo e denaro. In funzione di queste trasformazioni, il vecchio modello di organizzazione burocratica, dirigistica, verticale e segmentata cede il posto ad un modello orizzontale in cui i cittadini possano essere pienamente informati e partecipare direttamente, appunto, senza mediazioni, al governo della città. Allora possiamo chiamare e-government la gestione elettronica delle informazioni, della democrazia, dei servizi e delle relazioni. Tuttavia, nel momento in cui questo processo si estende a significati e finalità non solo tecniche, trova il suo fondamento il dibattito di lungo corso, dagli Anni Ottanta, dell e-democracy. Ossia, la costruzione di

9 E-GOVERNMENT PER LO SVILUPPO 83 nuovi istituti di partecipazione, mediante l utilizzo delle nuove tecnologie, tali da abbattere le barriere di accesso che tradizionalmente scoraggiano i più a prendere parte ai sistemi democratici. In realtà l e-government rappresenterebbe un aspetto dell e-democracy perché, mentre quest ultima è ancorata, appunto, alle radici di una riflessione su democrazia e nuove tecnologie, la prima è legata comunque agli studi delle organizzazioni e dei processi aziendali. Del resto, questo è un argomento che ancora divide e che nelle sue argomentazioni teoriche rende difficoltosa una demarcazione netta dei confini tra le due sfere. Infatti, se la rivoluzione digitale della Pa sarà condotta a dovere e con successo non potranno non trarne beneficio conseguentemente anche gli altri istituti democratici. Ciò potrebbe essere credibile trovandoci solo nella prima fase dell e-government, mentre dobbiamo attendere e considerare un contesto in cui devono migliorare i rapporti tra Governo ed individui, famiglie e comunità verso cui la Pa ha imprescindibili doveri e responsabilità. Ovvero, il ripristino fondamentale della fiducia reciproca tra gli attori in gioco. Di conseguenza, si impongono in tutta la loro evidenza e rilevanza fattori di eguaglianza, velocità di risposta, accesso ed efficienza. La seconda fase dell e-government sposterà così il focus dell informazione dalle transazioni di base ad un integrazione dei cittadini nelle esperienze delle amministrazioni pubbliche, coinvolgendoli nei processi decisionali e chiedendo loro un contributo di idee. Ecco i tre pilastri di questo passo in avanti: integrazione, collaborazione e fiducia. 3 L e-government nel mondo L ineluttabile affermarsi di questa realtà disegna ovvie strategie di progresso civile, economico, e sociale verso le quali si sta incamminando tutto il mondo industrializzato. L Unione Europea, in particolare, ha maturato una visione globale in materia lanciando, nel 1999, l iniziativa e-europe che si propone la creazione di una rete Internet più economica, più veloce e sicura, l investimento nello sviluppo di personale e competenze professionali e lo stimolo ad utilizzare Internet sia nel settore privato che in quello pubblico. Se dell Italia abbiamo abbondantemente tracciato piani e obiettivi, è opportuno rappresentare un quadro di massima su ciò che sta avvenendo negli altri Stati membri dell Unione. Davanti a tutti primeggiano il Regno Unito, la Francia e i Paesi del Nord. Londra è tra le più avanzate dichiarando l innovazione tecnologica una priorità a livello nazionale ed approvando un piano d azione nel 1999, il White Paper Modernising Government, finalizzato, con uno stanziamento di 250 milioni di sterline, a portare l intera amministrazione on line entro il In Francia, il successo del Minitel (il Videotel francese) ha ritardato la diffusione di Internet, ma il piano è stato avviato nel 1998 e pre-

10 84 ANTONIO CENINI vede una strategia delineata nel documento Stato e Ict: verso un accesso molteplice ai servizi pubblici. Diversi ministeri, come il Servizio occupazione francese e il Ministero degli Affari Sociali hanno annunciato programmi di e-government innovativi. La Germania ha illustrato i suoi piani di sviluppo in un documento intitolato Innovazione e lavoro nella società dell informazione del XXI secolo. L ampliamento tedesco dei servizi pubblici on line avverrà in gran parte a livello locale e di singoli Länder, dove molte amministrazioni stanno adottando un approccio integrato all erogazione dei servizi via Internet. La Finlandia vanta on line la maggior parte dei dipartimenti e delle agenzie, mentre la strategia di e-government è gestita dalla sezione di public management del Ministero delle Finanze. Per esempio, per fornire informazioni più accurate sulle condizioni stradali e problemi di traffico, la Finnish National Road Administration (FinnRa) ha adottato un sistema informativo web-based che consente di trasferire elettronicamente le informazioni sui lavori stradali e sulle condizioni atmosferiche ai centri FinnRa che si occupano dei servizi informativi sulle condizioni climatiche della rete stradale. Questo sistema, battezzato Keiju, registra automaticamente i dati riguardanti il numero di volte che uno spazzaneve viene usato su un determinato tratto di strada, le distanze percorse dal veicolo e i materiali utilizzati. La Svezia ha affidato alle singole agenzie statali la massima autonomia nella definizione delle proprie strategie, accontentandosi di ricoprire un ruolo di regia delle linee di fondo. Sono on line numerosi database: molti servizi interattivi, ora gestiti per telefono, saranno trasferiti su Internet. Il nuovo sistema di gestione elettronica dei documenti ha rivoluzionato i processi amministrativi del Belgio. In particolare, è stato implementato un progetto di scansione ed archiviazione per il caricamento dei documenti su un unica rete di computer. Ora, l Ente nazionale per le pensioni è in grado di monitorare ogni file, calcolare le pensioni e pagarle in modo efficiente ed accurato. Basti pensare che vengono amministrati i pagamenti di oltre due milioni di pensionati, con un tempo medio di accesso di soli 12 secondi rispetto alla settimana impiegata con il vecchio sistema. Superando i confini europei approdiamo in Asia, dove si riscontra una certa originalità nel progetto attuato fin dal 1999 da Singapore basato su un unica struttura user friendly per favorire l accesso dei meno esperti e per permettere alle agenzie coinvolte di mantenere le proprie sezioni. Ma è l Australia il Paese a cui è riconosciuto il merito di aver tracciato la strada dell erogazione on line dei servizi pubblici. Nello stato di Vittoria, fin dal 1997, sono state adottate strategie avanzate che porteranno entro l anno ad un sistema telematico completamente integrato con sportelli virtuali a disposizione di cittadini e imprese. Sono diversi, dunque, i volti di e-government connessi tra loro in una realizzazione graduale che parte da un ambito nazionale/locale (miglioramento della qualità dei rapporti cittadino/pa, evoluzione della partecipazione democratica, transazione diretta Governo/comunità), si estende alla promozione e all adozione di proget-

11 E-GOVERNMENT PER LO SVILUPPO 85 ti internazionali (e-europe), ed approda ad una concezione universalista e di reciprocità dello sviluppo delle relazioni economiche e politiche tra gli Stati. Quest ultimo aspetto ha avuto ampio risalto, nella recente Conferenza internazionale di Palermo sull e-government, in cui è emersa la volontà del Governo italiano di avviare una nuova frontiera della cooperazione a sostegno dei Paesi in via di sviluppo con l obiettivo di ridurre il digital divide, vale a dire il divario di conoscenze avanzate che rischia di creare nuove povertà anche nelle società dei Paesi industrializzati. Ma soprattutto per definire modelli di organizzazione statuale basata sulle migliori pratiche, per aiutare a costruire sistemi informatici efficienti dove le norme, i contratti, la fiscalità e i tempi di espletamento di tutte le operazioni siano certe, trasparenti ed accessibili sul web. Dando così sicurezza sia ai cittadini sia agli investitori esteri. Il Ministro Stanca ha proposto, per esempio, di mettere in rete il catasto di questi Paesi in modo che siano statuiti con certezza i diritti di proprietà. Le aziende, in questo senso, respingono quelle teorie che le dipingono interessate all investimento in posti senza vincoli. Non è vero hanno chiarito da Palermo servono regole chiare e semplici, condizioni uguali per chi vuole competere. E tanta trasparenza, anti-corruzione. Per troppe volte abbiamo assistito, ed ancora assistiamo, allo sperpero di risorse, sotto forma di aiuti umanitari, che alla fine sono servite a finanziare guerre e classi dirigenti corrotte. A questo argomento sembra essere molto sensibile anche il Presidente della Banca mondiale, James Wolfensohn, che dichiara siamo alla vigilia di una rivoluzione in cui si leva con forza la necessità per molti Stati e Governi di funzionare in modo trasparente ed efficiente. Consentire ai Paesi emergenti di disporre di strutture quali permessi per le costruzioni, documenti catastali, diritti proprietari, patenti, certificati civili, ecc. è essenziale per lo sviluppo e il rafforzamento dei valori di base che danno credibilità all apparato statale. L Italia comincia dai cinque progetti-paese finanziando insieme alla Banca mondiale e all Onu, 9 milioni di dollari iniziali per la creazione di sistemi e-procurement (approvvigionamenti via Internet) per le Pa tunisine e giordane; di un catasto informatizzato in Nigeria; di un sistema di contabilità nazionale in Mozambico; dell anagrafe in Albania, con prevedibili effetti positivi anche sulla lotta dell Italia all immigrazione clandestina. Per dirla con il Presidente del Consiglio l e-government è una grande opportunità per limitare il divario fra Nord e Sud del mondo, uno strumento da cui possono nascere nuovi scenari di pace. Se non si agirà in fretta, se non riequilibreranno i rapporti fra ricchi e poveri ci sarà il rischio di altri 11 settembre, perché cresceranno risentimento e disperazione. Questa è la strada verso lo sviluppo che parte dall e-government, e che oggi è una strada di non ritorno.

12 Bibliografia AA.VV., Italia. Gov. un anno dopo, in Internet News, giugno AA.VV., La firma digitale trova le correzioni, in Italia Oggi, 16 gennaio AA.VV., Nuove regole del gioco dei servizi migliori, in Il Sole 24 ore, 18 gennaio BAGNOLI R., Documenti elettronici, in arrivo trenta milioni di carte d identità, in Il Corriere della Sera, 14 febbraio CARAVITA G., È l ora di aiutare davvero i cittadini, in Il Sole 24 ore, 18 gennaio CAROBENE B., La difficile rincorsa alla tecnologia, in Il Sole 24 ore, 18 gennaio DIR. MIN , Linee guida in materia di digitalizzazione dell amministrazione, in Gazzetta Ufficiale n. 30, 5 febbraio MINGOZZI P., E-government al via, in Italia Oggi, 18 gennaio N.P., Per la Pubblica Amministrazione scommessa digitale entro il 2006, in Il Sole 24 ore, 14 febbraio ROGARI M., Con il portale Italia l iter sarà digitale, in Il Sole 24 ore, 28 gennaio ROGARI M., Microchip in dote ai dipendenti, in Il Sole 24 ore, 28 gennaio ROGARI M., Una card elettronica per acquisti più snelli, in Il Sole 24 ore, 28 gennaio 2002.

G.U. 11 luglio 2002, n. 161 IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

G.U. 11 luglio 2002, n. 161 IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Direttiva del Presidente del Consiglio dei Ministri 30 maggio 2002 Conoscenza e uso del dominio internet ".gov.it" e l'efficace interazione del portale nazionale "italia.gov.it" con le IL PRESIDENTE DEL

Dettagli

di Francesco Verbaro 1

di Francesco Verbaro 1 IL LAVORO PUBBLICO TRA PROCESSI DI RIORGANIZZAZIONE E INNOVAZIONE PARTE II - CAPITOLO 1 I L L A V O R O P U B B L I C O T R A P R O C E S S I D I R I O R G A N I Z Z A Z I O N E E I N N O V A Z I O N E

Dettagli

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO E AZIENDE-UTENTI L IMPATTO DELLE PROCEDURE INFORMATIZZATE a cura di Germana Di Domenico Elaborazione grafica di ANNA NARDONE Monografie sul Mercato del lavoro e le politiche

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

2. Infrastruttura e sicurezza (Equivalente al Pillar 2-3 e 4 della Ade)

2. Infrastruttura e sicurezza (Equivalente al Pillar 2-3 e 4 della Ade) AGENDA DIGITALE ITALIANA 1. Struttura dell Agenda Italia, confronto con quella Europea La cabina di regia parte con il piede sbagliato poiché ridisegna l Agenda Europea modificandone l organizzazione e

Dettagli

La Pubblica Amministrazione Digitale in Sardegna

La Pubblica Amministrazione Digitale in Sardegna Direzione generale degli affari generali e riforma La Pubblica Amministrazione Digitale in Sardegna Dematerializzazione dei document i dell Amministrazione Regionale Conferenza stampa dell Assessore Massimo

Dettagli

Prospettive di collaborazione: dall anagrafe agli authority file

Prospettive di collaborazione: dall anagrafe agli authority file Prospettive di collaborazione: dall anagrafe agli authority file di Marco Paoli Eccellenze, autorità, colleghi bibliotecari, già con la firma dell Intesa fra CEI e MiBAC (18 aprile 2000) relativa alla

Dettagli

Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014

Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014 Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014 Ordinativo informatico locale - Revisione e normalizzazione del protocollo sulle regole tecniche ed obbligatorietà dell utilizzo nei servizi di tesoreria PREMESSA L

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA Presentazione SOFTLAB

Dettagli

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Direzione Generale per le Politiche Attive e Passive del Lavoro Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Controlli interni e Ciclo della performance alla luce dell art.3 del D.L. 174/2012 Position Paper

Dettagli

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli

DigitPA egovernment e Cloud computing

DigitPA egovernment e Cloud computing DigitPA egovernment e Cloud computing Esigenze ed esperienze dal punto di vista della domanda RELATORE: Francesco GERBINO 5 ottobre 2010 Agenda Presentazione della Società Le infrastrutture elaborative

Dettagli

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Modello 730 precompilato e fatturazione elettronica Roma, 11 marzo 2015 2 PREMESSA Signori

Dettagli

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte DOCUMENTI 2013 Premessa 1. Sul quadro istituzionale gravano rilevanti incertezze. Se una situazione di incertezza è preoccupante

Dettagli

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO Il disegno di legge 1212 Disposizioni sulle Città metropolitane, sulle Province, sulle unioni e fusioni di Comuni approvato dal Senato ha

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE 7 TH QUALITY CONFERENCE Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE INFORMAZIONI DI BASE 1. Stato: Italia 2. Nome del progetto: La diffusione di Best Practice presso gli Uffici Giudiziari

Dettagli

***** Il software IBM e semplice *****

***** Il software IBM e semplice ***** Il IBM e semplice ***** ***** Tutto quello che hai sempre voluto sapere sui prodotti IBM per qualificare i potenziali clienti, sensibilizzarli sulle nostre offerte e riuscire a convincerli. WebSphere IL

Dettagli

2013-2018 ROMA CAPITALE

2013-2018 ROMA CAPITALE 2013-2018 ROMA CAPITALE Proposte per il governo della città Sintesi stampa IL VINCOLO DELLE RISORSE ECONOMICO-FINANZIARIE Il debito del Comune di Roma al 31/12/2011 ammonta a 12,1 miliardi di euro; di

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo.

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. Consiglio dei Ministri: 05/04/2007 Proponenti: Esteri ART. 1 (Finalità

Dettagli

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF)

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) di A. Sveva Balduini ISFOL Agenzia Nazionale LLP Nell aprile del 2008, al termine di un lungo lavoro preparatorio e dopo un ampio processo di consultazione che

Dettagli

9 Forum Risk Management in Sanità. Progetto e Health. Arezzo, 27 novembre 2014

9 Forum Risk Management in Sanità. Progetto e Health. Arezzo, 27 novembre 2014 9 Forum Risk Management in Sanità Tavolo interassociativo Assinform Progetto e Health Arezzo, 27 novembre 2014 1 Megatrend di mercato per una Sanità digitale Cloud Social Mobile health Big data IoT Fonte:

Dettagli

Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC)

Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC) Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC) Information Day Ministero dello sviluppo economico Salone Uval, Via Nerva, 1 Roma, 2

Dettagli

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI dalla G.U. n. 59 del 12 marzo 2014 (s.o. n. 20) DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 3 dicembre 2013 Regole tecniche in materia di sistema di conservazione ai sensi degli articoli 20, commi

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

IMU: analisi dei versamenti 2012

IMU: analisi dei versamenti 2012 IMU: analisi dei versamenti 2012 1. Analisi dei versamenti complessivi I versamenti IMU totali aggiornati alle deleghe del 25 gennaio 2013 ammontano a circa 23,7 miliardi di euro, di cui 9,9 miliardi di

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

MASTER MAGPA Argomenti Project Work

MASTER MAGPA Argomenti Project Work MASTER MAGPA Argomenti Project Work MODULO I LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE: PROFILO STORICO E SFIDE FUTURE Nome Relatore: Dott.ssa Ricciardelli (ricciardelli@lum.it) 1. Dal modello burocratico al New Public

Dettagli

top Le funzioni di stampa prevedono elenchi, etichette, statistiche e molto altro.

top Le funzioni di stampa prevedono elenchi, etichette, statistiche e molto altro. La collana TOP è una famiglia di applicazioni appositamente studiata per il Terzo Settore. Essa è stata infatti realizzata in continua e fattiva collaborazione con i clienti. I programmi di questa collana

Dettagli

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo.

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. impostazioni di sistema postazione clinica studio privato sterilizzazione magazzino segreteria amministrazione sala di attesa caratteristiche UNO tiene

Dettagli

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Ricerca comunitaria idee cooperazione persone euratom capacità IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Guida tascabile per i nuovi partecipanti Europe Direct è un servizio

Dettagli

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Ci sono momenti nella storia in cui i popoli sono chiamati a compiere scelte decisive. Per noi europei, l inizio del XXI secolo rappresenta uno di

Dettagli

LO SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITÀ PRODUTTIVE

LO SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITÀ PRODUTTIVE LO SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITÀ PRODUTTIVE I problemi del sistema vigente Lo Sportello Unico per le attività Produttive (SUAP) non ha avuto diffusione su tutto il territorio nazionale e non ha sostituito

Dettagli

RENATO BRUNETTA PER IL FOGLIO Un Nazareno digitale. Perché l Italia riparte solo se informatizzata

RENATO BRUNETTA PER IL FOGLIO Un Nazareno digitale. Perché l Italia riparte solo se informatizzata a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia - Il Popolo della Libertà - Berlusconi Presidente 918 RENATO BRUNETTA PER IL FOGLIO Un Nazareno digitale. Perché l Italia riparte solo

Dettagli

Il pos virtuale di CartaSi per le vendite a distanza

Il pos virtuale di CartaSi per le vendite a distanza X-Pay Il pos virtuale di CartaSi per le vendite a distanza Agenda CartaSi e l e-commerce Chi è CartaSi CartaSi nel mercato Card Not Present I vantaggi I vantaggi offerti da X-Pay I vantaggi offerti da

Dettagli

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it il server? virtualizzalo!! Se ti stai domandando: ma cosa stanno dicendo? ancora non sai che la virtualizzazione è una tecnologia software, oggi ormai consolidata, che sta progressivamente modificando

Dettagli

CINQUE IDEE PER LA P.A. DI DOMANI

CINQUE IDEE PER LA P.A. DI DOMANI FORUM PA 2014 Roma, 27 maggio 2014 CINQUE IDEE PER LA P.A. DI DOMANI PERCHÉ UNA P.A. DI TUTTI HA BISOGNO DI TUTTI 1 - TRASPARENZA 2.0 Per render conto ai cittadini Garantire l'accessibilità totale Siamo

Dettagli

L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE

L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE I rapporti di Eurydice PREMESSA Questo breve rapporto sull adozione dei libri di testo è nato in seguito a una specifica richiesta all unità italiana

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni:

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni: Passepartout Mexal BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL?

SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL? archiviazione ottica, conservazione e il protocollo dei SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL? Il software Facile! BUSINESS Organizza l informazione

Dettagli

SIASFi: il sistema ed il suo sviluppo

SIASFi: il sistema ed il suo sviluppo SIASFI: IL SISTEMA ED IL SUO SVILUPPO 187 SIASFi: il sistema ed il suo sviluppo Antonio Ronca Il progetto SIASFi nasce dall esperienza maturata da parte dell Archivio di Stato di Firenze nella gestione

Dettagli

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10 Indice La Missione 3 La Storia 4 I Valori 5 I Clienti 7 I Numeri 8 I Servizi 10 La Missione REVALO: un partner operativo insostituibile sul territorio. REVALO ha come scopo il mantenimento e l incremento

Dettagli

Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE. Versione 1.0 24 Giugno 2014

Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE. Versione 1.0 24 Giugno 2014 Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE Versione 1.0 24 Giugno 2014 1 Indice Indice... 2 Indice delle figure... 3 Indice delle tabelle... 4 Obiettivi del documento...

Dettagli

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile Company Profile Chi siamo Kammatech Consulting S.r.l. nasce nel 2000 con l'obiettivo di operare nel settore I.C.T., fornendo servizi di progettazione, realizzazione e manutenzione di reti aziendali. Nel

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA FORMAZIONE PER LA PA FINANZIATA DAL FSE PARTE II - CAPITOLO 2 LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA PROGRAMMAZIONE DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME

Dettagli

CHE FINE HA FATTO IL FEDERALISMO IN SANITÀ? E CHI SE NE STA OCCUPANDO? Fabio Pammolli (Direttore CeRM)

CHE FINE HA FATTO IL FEDERALISMO IN SANITÀ? E CHI SE NE STA OCCUPANDO? Fabio Pammolli (Direttore CeRM) Fabio Pammolli (Direttore CeRM) CHE FINE HA FATTO IL FEDERALISMO IN SANITÀ? E CHI SE NE STA OCCUPANDO? 1 CeRM Competitività, Regole, Mercati Dopo anni di dibattito e anche qualche tentativo non riuscito,

Dettagli

Company Profile 2014

Company Profile 2014 Company Profile 2014 Perché Alest? Quando una nuova azienda entra sul mercato, in particolare un mercato saturo come quello informatico viene da chiedersi: perché? Questo Company Profile vuole indicare

Dettagli

Affrontare il Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione (MePA), obbligatorio per gli acquisti pubblici con la Spending Review

Affrontare il Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione (MePA), obbligatorio per gli acquisti pubblici con la Spending Review Affrontare il Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione (MePA), obbligatorio per gli acquisti pubblici con la Spending Review Ing. Francesco Porzio Padova, 5 Giugno 2013 f.porzio@porzioepartners.it

Dettagli

V I V E R E L ' E C C E L L E N Z A

V I V E R E L ' E C C E L L E N Z A VIVERE L'ECCELLENZA L'ECCELLENZA PLURIMA Le domande, come le risposte, cambiano. Gli obiettivi restano, quelli dell eccellenza. 1995-2015 Venti anni di successi dal primo contratto sottoscritto con l Istituto

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, con Passepartout Mexal BP ogni utente può disporre di funzionalità

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, con Passepartout Mexal BP ogni utente può disporre di funzionalità PASSEPARTOUT MEXAL BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE

ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE Oracle Business Intelligence Standard Edition One è una soluzione BI completa, integrata destinata alle piccole e medie imprese.oracle

Dettagli

explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting.

explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting. explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting.it Procedura di gestione per Laboratori di Analisi Cliniche Pag.

Dettagli

Ottimizzazione della gestione del data center con Microsoft System Center

Ottimizzazione della gestione del data center con Microsoft System Center Ottimizzazione della gestione del data center con Microsoft System Center Declinazione di responsabilità e informazioni sul copyright Le informazioni contenute nel presente documento rappresentano le conoscenze

Dettagli

Allegato 1 L AGENDA PER LA SEMPLIFICAZIONE 2015-2017

Allegato 1 L AGENDA PER LA SEMPLIFICAZIONE 2015-2017 Allegato 1 L AGENDA PER LA SEMPLIFICAZIONE 2015-2017 \ Premessa L obiettivo generale I settori chiave di intervento La cittadinanza digitale Il welfare e la salute Il fisco L edilizia L impresa Gli strumenti

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana Storie di successo Microsoft per le Imprese Scenario: Software e Development Settore: Servizi In collaborazione con Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci

Dettagli

DICHIARAZIONE DEI DIRITTI IN INTERNET

DICHIARAZIONE DEI DIRITTI IN INTERNET DICHIARAZIONE DEI DIRITTI IN INTERNET Testo elaborato dalla Commissione per i diritti e i doveri in Internet costituita presso la Camera dei deputati (Bozza) PREAMBOLO Internet ha contribuito in maniera

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA 1. Definizioni La vendita dei prodotti offerti sul nostro sito web www.prada.com (di seguito indicato come il Sito") è disciplinata dalle seguenti Condizioni Generali di

Dettagli

L 8 maggio 2002 il Ministero

L 8 maggio 2002 il Ministero > > > > > Prima strategia: ascoltare le esigenze degli utenti, semplificare il linguaggio e la navigazione del sito. Seconda: sviluppare al nostro interno le competenze e le tecnologie per gestire in proprio

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

Piazza delle Imprese alimentari. Viale delle Manifatture. Via della Produzione

Piazza delle Imprese alimentari. Viale delle Manifatture. Via della Produzione Piazza delle Imprese alimentari Viale delle Manifatture Via della Produzione PASSEPARTOUT MEXAL è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

BRM. Tutte le soluzioni. per la gestione delle informazioni aziendali. BusinessRelationshipManagement

BRM. Tutte le soluzioni. per la gestione delle informazioni aziendali. BusinessRelationshipManagement BRM BusinessRelationshipManagement Tutte le soluzioni per la gestione delle informazioni aziendali - Business Intelligence - Office Automation - Sistemi C.R.M. I benefici di BRM Garantisce la sicurezza

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

DIRITTI DEI CONSUMATORI

DIRITTI DEI CONSUMATORI DIRITTI DEI CONSUMATORI 1. Quali sono i diritti dei consumatori stabiliti dal Codice del Consumo 2. Qual è la portata della disposizione? 3. Qual è l origine dell elencazione? 4. In che cosa consiste il

Dettagli

Commissione parlamentare di vigilanza sull'anagrafe tributaria. Roma, 18 marzo 2015

Commissione parlamentare di vigilanza sull'anagrafe tributaria. Roma, 18 marzo 2015 Commissione parlamentare di vigilanza sull'anagrafe tributaria Audizione del Direttore dell Agenzia del Demanio Roma, 18 marzo 2015 Indice Audizione presso la Commissione Parlamentare di Vigilanza sull

Dettagli

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa Partenariato transatlantico su commercio e investimenti Parte normativa settembre 2013 2 I presidenti Barroso, Van Rompuy e Obama hanno chiarito che la riduzione delle barriere normative al commercio costituisce

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

Lo Sportello Informativo on line La tua Regione a portata di mouse

Lo Sportello Informativo on line La tua Regione a portata di mouse UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA Per favorire il dialogo con i cittadini la Regione Calabria lancia lo sportello informativo, il servizio on line che consente di avere, in tempi certi,

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

Ministro per l innovazione e le tecnologie. Linee guida del Governo per lo sviluppo della Società dell Informazione nella legislatura

Ministro per l innovazione e le tecnologie. Linee guida del Governo per lo sviluppo della Società dell Informazione nella legislatura Ministro per l innovazione e le tecnologie Linee guida del Governo per lo sviluppo della Società dell Informazione nella legislatura Roma, giugno 2002 1 2 Presentazione La modernizzazione del Paese attraverso

Dettagli

Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco?

Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco? Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco? Le elezioni per il prossimo Parlamento europeo sono state fissate per il 22-25 maggio 2014. Fra pochi mesi quindi i popoli europei

Dettagli

Modelli di consumo e di risparmio del futuro. Nicola Ronchetti GfK Eurisko

Modelli di consumo e di risparmio del futuro. Nicola Ronchetti GfK Eurisko Modelli di consumo e di risparmio del futuro Nicola Ronchetti GfK Eurisko Le fonti di ricerca Multifinanziaria Retail Market: universo di riferimento famiglie italiane con capofamiglia di età compresa

Dettagli

2.0 DAL WEB. social. tecnologico, 2006. Reply www.reply.eu

2.0 DAL WEB. social. tecnologico, 2006. Reply www.reply.eu ALL INTERNO DEL FIREWALL: ENI 2.0 Il modo di lavorare è soggetto a rapidi cambiamenti; pertanto le aziende che adottano nuovi tool che consentono uno scambio di informazioni contestuale, rapido e semplificato

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO 1. Il presente Codice di Comportamento integrativo definisce, in applicazione dell'art. 54 del DLgs. n. 165/2001 come riformulato dall'art.1, comma

Dettagli

CURATORI E INFORMATIZZAZIONE PROCEDURE CONCORSUALI. presentazione novità Legge 221/2012 e Legge Stabilità

CURATORI E INFORMATIZZAZIONE PROCEDURE CONCORSUALI. presentazione novità Legge 221/2012 e Legge Stabilità CURATORI E INFORMATIZZAZIONE PROCEDURE CONCORSUALI presentazione novità Legge 221/2012 e Legge Stabilità Zucchetti Software Giuridico srl - Viale della Scienza 9/11 36100 Vicenza tel 0444 346211 info@fallco.it

Dettagli

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione)

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione) Raccomandazione CM/Rec(2010)7 del Comitato dei Ministri agli stati membri sulla Carta del Consiglio d Europa sull educazione per la cittadinanza democratica e l educazione ai diritti umani * (adottata

Dettagli

LA TEMATICA. Questa situazione si traduce facilmente:

LA TEMATICA. Questa situazione si traduce facilmente: IDENTITY AND ACCESS MANAGEMENT: LA DEFINIZIONE DI UN MODELLO PROCEDURALE ED ORGANIZZATIVO CHE, SUPPORTATO DALLE INFRASTRUTTURE, SIA IN GRADO DI CREARE, GESTIRE ED UTILIZZARE LE IDENTITÀ DIGITALI SECONDO

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

Principi d Azione. www.airliquide.it

Principi d Azione. www.airliquide.it Principi d Azione Codice Etico www.airliquide.it Il bene scaturisce dall'onestà; l'onestà ha in sè la sua origine: quello che è un bene avrebbe potuto essere un male, ciò che è onesto, non potrebbe essere

Dettagli

Ulteriori misure urgenti per la crescita del Paese.

Ulteriori misure urgenti per la crescita del Paese. Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 245 del 19 ottobre 2012 - Serie generale Spediz. abb. post. 45% - art. - 1, art. comma 2, comma 1 20/b Legge 27-02-2004, 23-12-1996, n. n. 46-662 Filiale

Dettagli

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions PASSIONE PER L IT PROLAN network solutions CHI SIAMO Aree di intervento PROFILO AZIENDALE Prolan Network Solutions nasce a Roma nel 2004 dall incontro di professionisti uniti da un valore comune: la passione

Dettagli

SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI.

SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI. SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI. Come gruppo industriale tecnologico leader nel settore del vetro e dei materiali

Dettagli

Ministero dell Interno Dipartimento per gli Affari Interni e Territoriali Direzione Centrale per i Servizi Demografici

Ministero dell Interno Dipartimento per gli Affari Interni e Territoriali Direzione Centrale per i Servizi Demografici ALLEGATO TECNICO ALLA CIRCOLARE N. 23/05 Ai sensi del presente allegato tecnico si intende: a) per "S.S.C.E. il sistema di sicurezza del circuito di emissione dei documenti di identità elettronica; b)

Dettagli

Documento di posizione AISCAT su:

Documento di posizione AISCAT su: Documento di posizione AISCAT su: Consultazione UE sul Rapporto del Gruppo ad Alto Livello in merito all estensione dei principali assi delle Reti transeuropee ai paesi vicini dell UE Roma, gennaio 2006

Dettagli

Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi.

Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi. Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi. Internet: la rete delle reti Alberto Ferrari Connessioni

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA ISTITUTO «LEONARDA VACCARI» PER LA RIEDUCAZIONE DEI FANCIULLI MINORATI PSICO - FISICI CORSO ECM Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento Sede corso:

Dettagli

REGOLAMENTO INTERNO DELL UFFICIO SEGRETERIA

REGOLAMENTO INTERNO DELL UFFICIO SEGRETERIA REGOLAMENTO INTERNO DELL UFFICIO SEGRETERIA PREMESSA Le attività dell Ordine dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri di Ravenna sono regolate dal DLCPS 233/1946, dal DPR 221/1950 e dalla legge 409/1985

Dettagli

Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A.

Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A. Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A. Firenze, 27 novembre 2013 Classificazione Consip Public indice Il Programma per la razionalizzazione degli acquisti Focus: Convenzione per

Dettagli

La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti

La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti pubblici ecologici Olbia, 17 maggio 2013 Gli appalti pubblici coprono una quota rilevante del PIL, tra il 15 e il 17%: quindi possono

Dettagli

EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 RAPPORTO NAZIONALE

EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 RAPPORTO NAZIONALE Standard Eurobarometer European Commission EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 Standard Eurobarometer 63.4 / Spring 2005 TNS Opinion & Social RAPPORTO NAZIONALE ITALIA

Dettagli

Manifesto dei diritti dell infanzia

Manifesto dei diritti dell infanzia Manifesto dei diritti dell infanzia I bambini costituiscono la metà della popolazione nei paesi in via di sviluppo. Circa 100 milioni di bambini vivono nell Unione europea. Le politiche, la legislazione

Dettagli