L impatto della Tecnologia: Il Nanaofuturo. Enzo Di Fabrizio

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L impatto della Tecnologia: Il Nanaofuturo. Enzo Di Fabrizio"

Transcript

1 L impatto della Tecnologia: Il Nanaofuturo Enzo Di Fabrizio BIONEM Laboratory & Nanobioscience lab at IIT (Italian Institute of Technology) Department of Experimental Medicine Università della Magna Græcia di Catanzaro, Italy Contact:

2 Master in communication SISSA Outline Introduzione alle nanotecnologie la miniaturizzazione l Interdisciplinarità l organizzazione dei gruppi di ricerca L impatto delle nanotecnologie la comunicazione delle ricerche e dei risultati

3 Science, Technology & Industry 1780s 1840s: Industrial Revolution in 18 th century England (cotton spinning, iron making, steam power) 1850s 1900s: 2 nd wave (steel making, railways) 1900s 1950s: 3 rd wave (electricity, internal combustion engine) 1950s 1980s: 4 th wave (petrochemicals, electronics, computing, aerospace) /2015: 5 th wave (networking) 2010/2015: Next technology wave (Nanotechnology?) The Economist, Sep. 22, 2001, Technology Quarterly, p.3 Master in communication SISSA

4 Master in communication SISSA

5 Master in communication SISSA

6 Master in communication SISSA

7

8 Brief History 1959 Feynman s talk 1974 N. Taniguchi coined term nanotechnology 1981 Scanning Tunneling Microscope (STM) invented 1985 Fullerene (C 60 ) discovered 1986 Atomic Force Microscope (AFM) invented 1989 IBM logo is written with 35 Xe atoms 1991 Carbon nanotube discovered Nanoscience 2000 NNI announcement (significance?) 2015 Physical limits of silicon technology

9

10 Nanofabrication Nanofabrication can generally be divided into two categories based on the approach: Top-Down : Fabrication of device structures via monolithic processing on the nanoscale. Bottom-Up : Fabrication of device structures via systematic assembly of atoms, molecules or other basic units of matter.

11 Nanotech and Microfabrication Microfabrication is a top-down technique utilizing the following processes in sequential fashion: Film Deposition CVD, PVD Photolithography Optical exposure, PR Etching Aqueous, plasma Many of these techniques are useful, directly or indirectly in nanofabrication

12

13

14 Dip-pen litho: top down-bottom up Hybrid technique L 'autoassemblaggio si verifica spontaneamente quando molecole dotate di un apposito «gruppo terminale» (in giollo} si ancorano alia superficie di un substrato

15 Miniaturization: Surface vs. Volume Si has a diamond structure with a = 5.43 Å A Si nanocube 10 nm on a side is composed of: ~6250 unit cells ~50,000 atoms Each nanocube face is composed of: ~340 unit cells per face ~680 surface atoms per face Total surface area is: ~4080 atoms (~10% surface atoms) Si nanocube A bulk Si film 1 µm thick on a 10 cm square: ~6.3 X unit cells ~5 X atoms ~1.4 X surface atoms (~0.03% surface atoms) a Diamond unit cell Bulk Si film In a nanoscale material, the surface/boundary/interface plays an important role!

16 More than just size Interesting phenomena: Chemical take advantage of large to volume ratio, interfacial surface chemistry important, small for statistical analysis Electronic quantum confinement, engineering, change in electron tunneling surface and systems too bandgap density of states, STM of dangling bonds on a Si:H surface Magnetic giant magnetoresistance nanoscale multilayers, change in susceptibility by magnetic b Electron tunneling

17 More than just size Interesting phenomena: Mechanical improved strength hardness in light-weight nanocomposites and nanomaterials, altered bending, compression properties, nanomechanics of molecular structures Optical absorption and fluorescence of nanocrystals, single photon phenomena, photonic bandgap engineering Fluidic enhanced flow properties with nanoparticles, nanoscale adsorbed films important Thermal increased thermoelectric performance of nanoscale materials, interfacial thermal resistance important. Fluorescence of quantum dots of various sizes Phonon tunneling

18 Example:Electrons to write small

19 The miniaturized Bible Overall view of the sample Detailed view. One line has 100nm Courtesy by R. Malureanu One of the typical defects encountered

20 Gas Injection System Crossbeam chamber flange 3 axis micropositioner Vacuum jar with precursor capsules inside Nozzles Injection lines Pneumatic actuators 5 reservoirs for up to 5 different gases 5 separate injection lines (one per gas) All reservoirs and injection lines can be heated separately Fully software controlled

21 Focused Ion Beam milling and gas assisted etch Gas assisted etch 1. Adsorption of the gas molecules on to the substrate surface 2. Activation of an chemical reaction of the gas molecules with the substrate by the Ion- / E-beam 3. Generation of volatile reactionproducts : GaCl 3 SiCl 4 SiF 4 4. Evaporation of volatile species and sputtering of non volatile species Available on LEO CrossBeas: XeF 2,

22 Beam induced deposition 1. Adsorption of the precursor molecules on the substrate 2. Ion beam / e-beam induced dissociation of the gas molecules 3. Deposition of the material atoms and removal of the organic ligands Available on LEO CrossBeams: Metals: W, Pt Insulator: SiO 2 Tungsten wall Tungsten deposition

23 How to make things small

24 Ions to sculpture

25 Focused Ion Beam - Applications Diamond particle on sapphire stalk

26 Focused Ion Beam - Applications Microsculpture by FIB

27 3D PH. Crys. By X-ray litho 2D-3D structures 2D Bragg reflector Si/SiO2 Coll. F. Priolo Topographic lenses INFM network Catanzaro a-si 2D Photonic Crys. Coll. F. Pirri group

28 Gerd Binnig Heinrich Rohrer Per il progetto STM* unimmo alcune esperienze in spettroscopia Tunnel e superconduttività, ma nulla nel campo della miscroscopia e della fisica delle superfici. Questo ci diede il coraggio e la leggerezza per cominciare qualcosa che in principio non avrebbe mai potuto funzionare, come ci venne spesso ripetuto H. Rohrer 1978 G. Binnig viene assunto all IBM di Zurigo nel gruppo di Rohrer 1978 G.B. e H. R. nel tentativo di studiare le proprietà di superconduttori tramite spettroscopia tunnel localmente, si accorgono che uno strumento opportuno non esiste. 1978In un paio di settimane capiscono che il loro progetto potrebbe essere un nuovo rivoluzionario microscopio Viene formulata la prima richiesta di brevetto. Eric Courtens Physic manager at IBM, prevede migliaia di futuri STM 1980 prime immagini topografiche marzo, evidenza del decadimento esponenziale della corrente data ufficiale di nascita dell STM 1986 Nobel per la fisica *STM = Scanning Tunneling Microscope Marco Lazzarino TASC-INFM Trieste Corso di Nanotecnologie - il primo SPM: il microscopio a scansione tunnel

29 Nella primavera del 1982 B. e R. studiarono la superficie 110 dell oro, osservandone la ricostruzione in linee alternate e ottenendo risoluzione atomica perpendicolarmente alle linee, ma senza osservare atomi distinti. Nell autunno 1982 dedicarono le loro attenzioni alla superficie 111 del silicio che mostrava una misteriosa ricostruzione 7x7. Ricostruzione 7x7 Si (111) non potevo smettere di guardare le immagini. Stavo entrando in un nuovo mondo. Stavo realizzando che mi trovavo ad un vertice insuperabile delle mia carriera e, in un certo senso, alla sua fine (G.Binnig) Sembrava esistesse un conflitto irriducibile tra l affascinante idea di poter vedere direttamente gli atomi in una rappresentazione tridimensionale registrando semplicemente le tracce (di un oscilloscopio) e la riserva innata, che, dopotutto, non poteva essere così semplice. (G. Binnig) Marco Lazzarino TASC-INFM Trieste Corso di Nanotecnologie - il primo SPM: il microscopio a scansione tunnel

30 Come funziona un STM I T ( z) I 0 e z z 0 Corrente di tunneling esponenziale attraverso il vuoto Punta metallica raggio di 10nm ma solo pochi atomi contribuiscono al tunneling Campione conduttivo Ultra alto vuoto (UHT) per risoluzione atomica Correnti di tunneling 1nA Distanza punta campione 0.5nm Marco Lazzarino TASC-INFM Trieste Corso di Nanotecnologie - il primo SPM: il microscopio a scansione tunnel

31 Muovere gli atomi 1. Una superficie viene preparata in modo da essere atomicamente piatta 2. Verifica STM 3. Atomi o molecole di specie differente vengono evaporate sulla superficie 4. Immagine STM 5. La punta STM viene avvicinata all atomo e molecola prescelta monitorando la corrente di tunneling. 6. La punta viene spostata nella posizione di arrivo, trascinandosi l atomo o la molecola 7. La punta viene allontanata e l atomo o molecola restano in posto E così via Requisiti Ultra alto vuoto Bassa temperatura (4K) Basso drift termico In figura atomi di ferro su Cu (111) Don Eigler, Nature (1990) IBM san Josè CA Marco Lazzarino TASC-INFM Trieste Corso di Nanotecnologie - il primo SPM: il microscopio a scansione tunnel

32 Ultimate Nano manipulation Xe on Ni(110)

33 Il microscopio a forza atomica AFM Basandosi sulle interazioni di Van der Waals, che nascono a livello interatomico fra la punta e la superficie campione e le altre interazioni prima citate, si ottiene una flessione del cantilever che, in accordo con la legge di Hook, una volta calcolata ci permette di ricostruire topograficamente la superficie in esame. Alberto Mazza Giuseppe Palmieri

34 Chemical identification of individual surface atoms by atomic force microscopy Yoshiaki Sugimoto, Pablo Pou, Masayuki Abe, Pavel Jelinek, Rubén Pérez, Seizo Morita, Oscar Custance Nature 446, (01 Mar 2007) Letters to Editor Chemical identification of single atoms (silicon, lead and tin) by detecting the short range forces associated with the onset of the chemical bond between the outermost atom of the tip apex and the surface atoms being imaged.

35 combination of AFM-Raman spectroscopy Medical&biological applications 1. Molecular structure 2. Secondary structure observation 3. Amino-acidic composition 4. Protein-Protein interactions Structured surface Main advantages of Raman 1. Water-transparent 2. Low damaging 3. Analysis vs temperature 4. Small samples (da 5 a 30 μl) 5. Fast measurements Main disadvantage: Low scattering cross-section

36 Adiabatic cone device on cantilever

37 Raman measurements with AFM: setup (Collaboration: M. Lazzarino, Alpan Bek, TASC-CBM Trieste)

38 Raman & AFM: chemical sensisng, fine scan Topography Raman intensity at 520 cm -1 AFM topography Sensing and topography resolution 5-10 nm From Raman detailed line shape analysis we found nano crystal size 5-7 nm 110 nm Fine scan along the wall. Scan step 7 nm Accepted for publication: Nature Nanotechnology

39 NanoManufacturing and Instrumentation The invention of new instrumentation has a crucial role for the fast nanotechnology growth The instrumentation changes the knowledge from qualitative to quantitative Limiting this observation to scanning probes we can see and measure quantitatively nano-objects we fabricate and manipulate. Metrological measurement of size, energy bond, angle on molecule anchoring, chemistry, through spectroscopy etc. Nanometer accuracy in production and manipulation has a strong influence on STANDARD definition and quality control (95% in product reliability) e.g. nanometer accuracy allowed the giant magnetoresistance layers to be manufactured

40 3D manipulation of cells:optical Tweezers,

41 Multibead optical cell trapping

42 Applications: manipulation of cells HeLa cells indirectly manipulated by trapped beads (in-vitro mechanical environment control) V. Emiliani et al LATSIS 2007 Losanne, june07 42/31

43 Measurement of the force exerted by neurites (collab V. Torre, D. Cojoc, E. Ferrari) Neurons obtained from dorsal root ganglia (DRG), isolated from P0-12 rats and plated on poly-l-lysine-coated glass dishes. 48 hours after incubation in 50 ng/ml of nerve growth factor (NGF). Goal: measure the force exerted by lamellipodia and filopodia 43/31

44 Measurement of the force exerted by neurites -Calibrate the trap by measuring the fluctuations of the bead in trap -Micro beads trapped by IR laser and positioned in front of lamellipodia and/or filopodia -Measure the fluctuations of the bead in the trap, due to its interaction with the neurite, and convert them into forces.

45 Measurement of the force exerted by neurites LATSIS 2007 Losanne, june07

46 Measurement of the force exerted by neurites Filopodia 2 minutes event, Fmax= 2pN Lamellipodia 2 minutes event, F> 20pN

47 Analysis of Force exerted by lamellipodia

48 SuperHydrophobic Surfaces towards Biomedical Applications

49 Diffusion limits 1 fm analyte concentration

50 can we avoid the diffiusion limit? SuperHydrophobicity for analyte Concentration Evaporation concentration and localization

51 The lotus effect Natural systems a b Artificial systems h Total surface area to total projectet surface area r 4ah a b a b 2 2 Total pillar surface area to total projectet surface area a a 2 b 2

52 Artificial lotus effect: micropatterned surface Photolithography combined with Deep RIE Full controllable size High aspect ratio (up to 20 or more) Both rigid and flexible substrates 10 m

53 Artificial lotus effect: micropatterned surface Evaporation of 10 l of water in few minutes Contact angle about 160

54 Evaporation and concentration Fluorescence of Rhodamine on pillars 10 l mol/l about 6000 molecules easily detected! 30 m

55 Evaporation and concentration (10 Attomolar) Rhodamine

56 Intensity (arb. units) Combination of Plasmonics and superhydrophobic surfaces Rhodamine 6G Raman detection of Rhodamine on pillars 10 l mol/l Raman shift (cm -1 )

57 Combination of Plasmonics and hydrophobic surfaces Single DNA molecule Starting concentration: M Fluorescence of single DNA moleculei

58

59

60

61

62

63

64

65 Nanomaterial for industry More than 300 nano products are mature for Industrial production:

66

67

68

69 5 challenges to address nanotechnology risk

70 Nanoscienze & Società Pietro Greco Tuttavia malgrado il (legittimo) interesse, questo interrogarsi e questo riconoscere in anticipo l importanza prioritaria della domanda sulle conseguenze sociali di una (promessa) rivoluzione tecnoscientifica ha tratti di marcata originalità. Nessuna comunità scientifica, nessun ambito disciplinare aveva mai fatto tanto. Ponendosi in maniera preventiva e organica il problema degli effetti sociali della propria attività e della loro gestione. E inaugurando, probabilmente, una nuova stagione nei complessi rapporti tra scienza e società.

71

72 Lezione 0 biofotonica Pavia

73 Acknowledgements I colleghi e collaboratori di UMG In particolare Francesco De Angelis, Patrizio Candeloro, Carlo Liberale, Gianni Cuda, Ennio Carbone, Marco Gaspari Gli studenti di dottorato

I Nanomateriali. C.E. Bottani Dipartimento di Energia Politecnico di Milano

I Nanomateriali. C.E. Bottani Dipartimento di Energia Politecnico di Milano I Nanomateriali C.E. Bottani Dipartimento di Energia Politecnico di Milano La scala nanometrica 10 mm Mosca 1mm = 10-3 m 100 µm Capello 10 µm 1µm = 10-6 m Cromosoma 100 nm 10 nm Virus 1nm = 10-9 m 1 Å

Dettagli

L utilizzo della microscopia a sonda in ambito biomedico: dallo studio cellulare a quello tissutale.

L utilizzo della microscopia a sonda in ambito biomedico: dallo studio cellulare a quello tissutale. Università degli studi di Trieste L utilizzo della microscopia a sonda in ambito biomedico: dallo studio cellulare a quello tissutale. 5 marzo 2010 Michele Carraro e Cristina Zennaro Università degli Studi

Dettagli

Proposte di tesi 2015 Laurea magistralein Fisica

Proposte di tesi 2015 Laurea magistralein Fisica 1/20 Proposte di tesi 2015 Laurea magistralein Fisica Fisica della materia Dott.ssa Università degli Studi di Catania Consiglio Nazionale delle Ricerche IMM-CNR Uos Catania (Università) 2 www.dfa.unict.it/home/bruno

Dettagli

A.Zecchina. Le nanotecnologie e le nanoscienze all Universit. Università di Torino

A.Zecchina. Le nanotecnologie e le nanoscienze all Universit. Università di Torino A.Zecchina Le nanotecnologie e le nanoscienze all Universit Università di Torino Alcuni cenni introduttivi su nanoscienze e nanotecnologie Lo sviluppo temporale della Scienza è contrassegnato da periodi

Dettagli

ITALY-USA JOINT DOCTORATE PROGRAM IN MATERIALS FOR ENVIRONMENTAL AND ENERGY APPLICATIONS

ITALY-USA JOINT DOCTORATE PROGRAM IN MATERIALS FOR ENVIRONMENTAL AND ENERGY APPLICATIONS ITALY-USA JOINT DOCTORATE PROGRAM IN MATERIALS FOR ENVIRONMENTAL AND ENERGY APPLICATIONS Biomaterials Composite materials Superconducting materials Metals Optical/photonic materials Polymers Materials

Dettagli

Infrastrutture di ricerca accessibili per imprese e gruppi di ricerca e il progetto Open-Lab. Alberto Morgante IOM-CNR Director Trieste University

Infrastrutture di ricerca accessibili per imprese e gruppi di ricerca e il progetto Open-Lab. Alberto Morgante IOM-CNR Director Trieste University Infrastrutture di ricerca accessibili per imprese e gruppi di ricerca e il progetto Open-Lab Alberto Morgante IOM-CNR Director Trieste University Elettra 2.4 GeV 3 rd generation Synchrotron Radiation Facility

Dettagli

Ionici (Ion Beam. Laboratorio Fasci c/o Istituto IMM

Ionici (Ion Beam. Laboratorio Fasci c/o Istituto IMM Laboratorio Fasci c/o Istituto IMM Ionici (Ion Beam Laboratory) Responsabile della visita De Nicola Pietro denicola@bo.imm.cnr.it +39 051 6399165 Acceleratore ionico Tandetron 1.7 MV per impiantazione

Dettagli

Spettroscopia Raman. Spettri Raman e polarizzabilità. Spettri Raman di risonanza. Microscopia Raman. SERS: Surface Enhanced Raman Spectroscopy

Spettroscopia Raman. Spettri Raman e polarizzabilità. Spettri Raman di risonanza. Microscopia Raman. SERS: Surface Enhanced Raman Spectroscopy Spettroscopia Raman Spettri Raman e polarizzabilità Spettri Raman di risonanza Microscopia Raman SERS: Surface Enhanced Raman Spectroscopy Transizioni coinvolte nei processi di scattering che considerano

Dettagli

Roberto Rella IMM CNR - Lecce Istituto per la Microelettronica e i Microsistemi Consiglio Nazionale delle Ricerche Ecotekne Campus Universitario del

Roberto Rella IMM CNR - Lecce Istituto per la Microelettronica e i Microsistemi Consiglio Nazionale delle Ricerche Ecotekne Campus Universitario del Roberto Rella IMM CNR - Lecce Istituto per la Microelettronica e i Microsistemi Consiglio Nazionale delle Ricerche Ecotekne Campus Universitario del Salento Via Monteroni Lecce Who are we? The research

Dettagli

Microscopia alla nanoscala

Microscopia alla nanoscala Microscopia alla nanoscala Guido Paolicelli lli Centro S3, Modena Microscopio ottico Scanning Probe Microscopy, SPM AFM Microscopi elettronici TEM SEM STM Scanning Probe Microscopy, SPM? Immagine microscopica

Dettagli

Microscopia alla nanoscala

Microscopia alla nanoscala Microscopia alla nanoscala Guido Paolicelli lli Centro S3, Modena Microscopio ottico Microscopi elettronici TEM SEM Scanning Probe Microscopy, SPM STM AFM Scanning Probe Microscopy, SPM? Un insieme di

Dettagli

MICROSCOPIA A FORZA ATOMICA (AFM)

MICROSCOPIA A FORZA ATOMICA (AFM) MICROSCOPIA A FORZA ATOMICA (AFM) Binnig and Rohrer (1982, STM, Nobel prize in 1986) Binnig, Quate and Gerber (1986, AFM) Anno 2001-2002 1 Principio di funzionamento di un AFM A B C D Rivelatore Specchio

Dettagli

FE SEM LEO 1525 ZEISS. A. Di Michele

FE SEM LEO 1525 ZEISS. A. Di Michele Microscopio Elettronico a Scansione FE SEM LEO 1525 ZEISS A. Di Michele Materiali Nanostrutturati - Dipartimento di Fisica 20 Aprile 2012 Laboratorio LUNA Laboratorio Universitario NAnomateriali Acquistato

Dettagli

Docente Dott. Vito Michele PARADISO email: vito.paradiso@agr.uniba.it Tel. 080 544 3467

Docente Dott. Vito Michele PARADISO email: vito.paradiso@agr.uniba.it Tel. 080 544 3467 Corso di Laurea: Scienze e Tecnologie Alimentari Corso Integrato: Tecnologie alimentari e packaging (9 CFU) Modulo: Packaging (3 CFU: 2.5 CFU Lezioni + 0.5 CFU Esercitazioni) Docente Dott. Vito Michele

Dettagli

Appunti & trasparenze - Parte 10

Appunti & trasparenze - Parte 10 CdL Scienza dei Materiali - Fisica delle Nanotecnologie - a.a. 2004/5 Appunti & trasparenze - Parte 10 Versione 3, Dicembre 2004 Francesco Fuso, tel 0502214305, 0502214293 - fuso@df.unipi.it http://www.df.unipi.it/~fuso/dida

Dettagli

Microscopie a Sonda Scanning Probe Microscopies (SPM)

Microscopie a Sonda Scanning Probe Microscopies (SPM) Microscopie a Sonda Scanning Probe Microscopies (SPM) ampia classe di tecniche per l analisi microscopica delle superfici eseguono una mappatura della superficie del campione grazie alle interazioni fra

Dettagli

Introduction Pump & Probe Warm Dense Matter Coherent Diffraction Imaging Four Wave Mixing

Introduction Pump & Probe Warm Dense Matter Coherent Diffraction Imaging Four Wave Mixing Dinamica ultraveloce nei materiali e negli stati estremi della materia studiata con i FEL Introduction Pump & Probe Warm Dense Matter Coherent Diffraction Imaging Four Wave Mixing C. Masciovecchio Elettra-Sincrotrone

Dettagli

Electron Holography for the Analysis of Magnetic and Electric Microfields in Nanostructured Systems

Electron Holography for the Analysis of Magnetic and Electric Microfields in Nanostructured Systems Diss. ETH No. 15170 Electron Holography for the Analysis of Magnetic and Electric Microfields in Nanostructured Systems A dissertation submitted to the SWISS FEDERAL INSTITUTE OF TECHNOLOGY ZURICH for

Dettagli

QR Laboratory & Nanofacility Piemonte!

QR Laboratory & Nanofacility Piemonte! QR Laboratory & Nanofacility Piemonte! Cleanroom classe 100 2 mask aligners (1 µm) Microscopio ottico spinner 2 Gas cabinet H2, O2, SiH2Cl2, NH3, N2 Personnel: 8 researchers & technologists 3 technicians

Dettagli

LAr purification and LAr purity measurement

LAr purification and LAr purity measurement LAr purification and LAr purity measurement on behalf of A. DI Vacri Technology developed by INFN groups in the framework of ICARUS project. ICARUS LNGS group (F. Arneodo,, F. Cavanna,, O. Palamara and

Dettagli

Lezione n. 2 OLTRE LA MICROSCOPIA OTTICA:

Lezione n. 2 OLTRE LA MICROSCOPIA OTTICA: Lezione n. 2 OLTRE LA MICROSCOPIA OTTICA: Le nuove nano -scopie (Parte I) Sandro Carrara Corso di NanoBioTecnologie Il microscopio ci fa vedere le cose micro -scopiche Microbi Cellule I circuiti della

Dettagli

Sviluppo di Innovazione tecnologica e biotecnologica

Sviluppo di Innovazione tecnologica e biotecnologica Sviluppo di Innovazione tecnologica e biotecnologica Ospitata presso l Incubatore dell Università degli Studi di Torino 2i3T - Società per la gestione dell Incubatore di Imprese e per il Trasferimento

Dettagli

MATERIALI NANOSTRUTTURATI

MATERIALI NANOSTRUTTURATI MATERIALI NANOSTRUTTURATI Carlo Bottani - Politecnico di Milano Introduzione Il Laboratorio Materiali Micro- e Nanostrutturati del Dipartimento di Energia del Politecnico di Milano svolge attività di sintesi

Dettagli

CHIMICA DELLE SUPERFICI ED INTERFASI

CHIMICA DELLE SUPERFICI ED INTERFASI CHIMICA DELLE SUPERFICI ED INTERFASI DOTT. GIULIA FIORAVANTI UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELL AQUILA LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA CHIMICA LAUREA MAGISTRALE IN SCIENZE CHIMICHE A.A. 2015-2016 CARATTERIZZAZIONE

Dettagli

Estendere Lean e Operational Excellence a tutta la Supply Chain

Estendere Lean e Operational Excellence a tutta la Supply Chain Estendere Lean e Operational Excellence a tutta la Supply Chain Prof. Alberto Portioli Staudacher www.lean-excellence.it Dipartimento Ing. Gestionale Politecnico di Milano alberto.portioli@polimi.it Lean

Dettagli

Combinazioni serie IL-MIL + MOT

Combinazioni serie IL-MIL + MOT Combinazioni tra riduttori serie IL-MIL e MOT Combined series IL-MIL + MOT reduction units Combinazioni serie IL-MIL + MOT Sono disponibili varie combinazioni tra riduttori a vite senza fine con limitatore

Dettagli

HeatReCar. Reduced Energy Consumption by Massive Thermoelectric Waste Heat Recovery in Light Duty Trucks

HeatReCar. Reduced Energy Consumption by Massive Thermoelectric Waste Heat Recovery in Light Duty Trucks HeatReCar Reduced Energy Consumption by Massive Thermoelectric Waste Heat Recovery in Light Duty Trucks SST.2007.1.1.2 Vehicle/vessel and infrastructure technologies for optimal use of energy Daniela Magnetto,

Dettagli

ELECTRON BEAM INDUCED DEPOSITION OF RHODIUM NANOSTRUCTURES

ELECTRON BEAM INDUCED DEPOSITION OF RHODIUM NANOSTRUCTURES ELECTRON BEAM INDUCED DEPOSITION OF RHODIUM NANOSTRUCTURES THÈSE N O 2528 (2002) PRÉSENTÉE Á LA FACULTÉ STI SECTION DE MICROTECHNIQUE ÉCOLE POLYTECHNIQUE FÉDÉRALE DE LAUSANNE POUR L'OBTENTION DU GRADE

Dettagli

UNI EN ISO 12944-6. Corrosion protection of steel structures by protective paint systems. Laboratory performance test for

UNI EN ISO 12944-6. Corrosion protection of steel structures by protective paint systems. Laboratory performance test for via di Marmiceto, 6/C-56016 Ospeetto PISA P.IVA 01115340505 CCIAA Pi 101169 Report n 2050451/5 UNI EN ISO 12944-6 Corrosion protection of steel structures by protective paint systems Laboratory performance

Dettagli

Curriculum Vitae Europass

Curriculum Vitae Europass Curriculum Vitae Europass Informazioni personali Nome(i) / Cognome(i) Indirizzo(i) Saad Altarazi Via botticelli 14-20851 Lissone (MB) Telefono(i) +39 039483070 Cellulare: +39 3398822402 Fax +39 039483071

Dettagli

MICROSCOPIO ad EFFETTO TUNNEL. Scanning Tunneling Microscope

MICROSCOPIO ad EFFETTO TUNNEL. Scanning Tunneling Microscope MICROSCOPIA: dal microscopio ottico al microscopio a risoluzione atomica GRAFITE 1cm Occhio umano 10µm microscopio ottico 0.1µm microscopio elettronico. 0.1nm 1nm microscopio a scansione MICROSCOPIO ad

Dettagli

Principali prove meccaniche su materiali polimerici

Principali prove meccaniche su materiali polimerici modulo: Proprietà viscoelastiche e proprietà meccaniche dei polimeri Principali prove meccaniche su materiali polimerici R. Pantani Scheda tecnica di un materiale polimerico Standard per prove meccaniche

Dettagli

LE APPLICAZIONI DEL PLASMA QUALE STRUMENTO DI INNOVAZIONEPER LE PMI PIEMONTESI. Il trattamento delle polveri a che scopo? Ing.

LE APPLICAZIONI DEL PLASMA QUALE STRUMENTO DI INNOVAZIONEPER LE PMI PIEMONTESI. Il trattamento delle polveri a che scopo? Ing. LE APPLICAZIONI DEL PLASMA QUALE STRUMENTO DI INNOVAZIONEPER LE PMI PIEMONTESI Il trattamento delle polveri a che scopo? Ing. Danilo Musella Torino 27/05/2014 Azienda Diener electronic Comparazione tra

Dettagli

A Solar Energy Storage Pilot Power Plant

A Solar Energy Storage Pilot Power Plant UNIONE DELLA A Solar Energy Storage Pilot Power Plant DELLA Project Main Goal Implement an open pilot plant devoted to make Concentrated Solar Energy both a programmable energy source and a distribution

Dettagli

Quali conoscenze di base per comprendere l'innovazione?

Quali conoscenze di base per comprendere l'innovazione? Quali conoscenze di base per comprendere l'innovazione? 2006-2015: dieci anni di SPAIS 2015 Anno internazionale della luce e delle tecnologie basate sulla luce IX Edizione Il Sole. La nostra stella e/è

Dettagli

Rinnova la tua Energia. Renew your Energy.

Rinnova la tua Energia. Renew your Energy. Rinnova la tua Energia. Renew your Energy. Dai vita ad un nuovo Futuro. Create a New Future. Tampieri Alfredo - 1934 Dal 1928 sosteniamo l ambiente con passione. Amore e rispetto per il territorio. Una

Dettagli

Tester prova batterie

Tester prova batterie I modelli proposti Tester prova batterie BT3563 BT3562 3561 3554 Settori di utilizzo Applicazione tipica Linea di Produzione, Controllo Qualità, Ricerca & Sviluppo Batterie ad alta tensione, pacchi batteria

Dettagli

Chimica fisica dei materiali. Sergio Brutti

Chimica fisica dei materiali. Sergio Brutti Chimica fisica dei materiali Sergio Brutti Prerequisiti necessari 1. Elettrochimica di base (concetto di reazione Redox, definizione di cella galvanica e sistemi redox in soluzione, potenziali redox e

Dettagli

Modificazioni superficiali per le leghe metalliche Emanuele Galvanetto Università di Firenze

Modificazioni superficiali per le leghe metalliche Emanuele Galvanetto Università di Firenze Nanotecnologie e materiali funzionali come strumenti di innovazione Modificazioni superficiali per le leghe metalliche Emanuele Galvanetto Università di Firenze Applicazione specifica Proprietà funzionale

Dettagli

ISAC. Company Profile

ISAC. Company Profile ISAC Company Profile ISAC, all that technology can do. L azienda ISAC nasce nel 1994, quando professionisti con una grande esperienza nel settore si uniscono, e creano un team di lavoro con l obiettivo

Dettagli

Padova Smart City. Internet of Things. Alberto Corò

Padova Smart City. Internet of Things. Alberto Corò Padova Smart City Internet of Things Alberto Corò Padova 16 ottobre 2013 Smart City Le smart cities ("città intelligenti") possono essere classificate lungo 6 aree di interesse: Economia Mobilità Ambiente

Dettagli

Misure di.. FORZA. P = F v

Misure di.. FORZA. P = F v Misure di.. FORZA In FISICA prodotto di una massa per una F = m a accelerazione In FISIOLOGIA capacità di vincere una resistenza o di opporsi ad essa attraverso una contrazione muscolare POTENZA P = F

Dettagli

ELCART. Manuale di istruzioni/scheda tecnica SPECIFICATION

ELCART. Manuale di istruzioni/scheda tecnica SPECIFICATION PAGINA 1 DI 7 SPECIFICATION Customer : ELCART Applied To : Product Name : Piezo Buzzer Model Name : : Compliance with ROHS PAGINA 2 DI 7 2/7 CONTENTS 1. Scope 2. General 3. Maximum Rating 4. Electrical

Dettagli

Nanotecnologie e Applicazioni Industriali: Progetti di Ricerca Industriale in Piemonte

Nanotecnologie e Applicazioni Industriali: Progetti di Ricerca Industriale in Piemonte Nanotecnologie e Applicazioni Industriali: Progetti di Ricerca Industriale in Piemonte Fabrizio PIRRI Politecnico di Torino e Istituto Italiano di Tecnologia INFODAY NMP Torino 12 Luglio 2012 Piattaforma

Dettagli

Perché fare microscopia?

Perché fare microscopia? Perché fare microscopia? A volte è meglio osservare gli individui che fare misure mediate di un singolo osservabile (approccio delle singole molecole). La statistica collega la distribuzione dei parametri

Dettagli

Microscopia atomica a scansione (STM-AFM)

Microscopia atomica a scansione (STM-AFM) Microscopia atomica a scansione (STM-AFM)!I principi teorici del Microscopio STM!Altri Microscopi a sonda (AFM, SNOM)!Alcuni Risultati Sperimentali!Visita in Laboratorio?!? The Nanolab Group http://www.fisica.uniroma2.it/infm/nanolab

Dettagli

Mechanisms of neuronal apoptosis and axon growth. presented by. Dipl. accepted on the recommendation of. Valeria Gagliardini. Bioc.hemi.

Mechanisms of neuronal apoptosis and axon growth. presented by. Dipl. accepted on the recommendation of. Valeria Gagliardini. Bioc.hemi. Diss. ETH N 13375 Mechanisms of neuronal apoptosis and axon growth A dissertation submitted to the SWISS FEDERAL INSTITUTE OF TECHNOLOGY ZÜRICH for the degree of Doctor of Natural Science presented by

Dettagli

Tecniche biofisiche basate su nanopori

Tecniche biofisiche basate su nanopori Tecniche biofisiche basate su nanopori -Pori di dimensione nanometrica -Attraverso membrane lipidiche o inorganiche -Di natura proteica o scavati con tecnologie top-down Possono essere impiegati per -Studiare

Dettagli

I corsi di Dottorato del Dipartimento di Ingegneria Enzo Ferrari

I corsi di Dottorato del Dipartimento di Ingegneria Enzo Ferrari I corsi di Dottorato del Dipartimento di Ingegneria Enzo Ferrari Corsi di Dottorato in Ingegneria 1. PhD "Enzo Ferrari" in Industrial and Environmental Engineering: http://www.phd-enzoferrari.unimore.it

Dettagli

Microscopi digitali con Tablet PC B-190TB

Microscopi digitali con Tablet PC B-190TB Microscopi digitali con Tablet PC B-190TB La serie B-190 è il risultato di una perfetta fusione tra anni di esperienza nel settore microscopia e uno studio di design raffinato. Questa serie rappresenta

Dettagli

SEGATO ANGELA. Progettazione, costruzioni stampi per lamiera Stampaggio metalli a freddo conto terzi

SEGATO ANGELA. Progettazione, costruzioni stampi per lamiera Stampaggio metalli a freddo conto terzi SEGATO ANGELA Progettazione, costruzioni stampi per lamiera Stampaggio metalli a freddo conto terzi Designing and manufacturing dies for sheet metal and metal forming for third parties. Segato Angela,

Dettagli

Curriculum Vitae et Studiorum Francesco Ruffino

Curriculum Vitae et Studiorum Francesco Ruffino Curriculum Vitae et Studiorum Francesco Ruffino 1. Informazioni Personali Nome Francesco Cognome Ruffino Residenza Via Montegrappa 43-96100 Siracusa, Italia Telefono 3471880281 E-mail francesco.ruffino@ct.infn.it

Dettagli

Storie di superfici microscopie a effetto tunnel STM/STS. microscopia AFM. Maria Grazia Betti and Carlo Mariani

Storie di superfici microscopie a effetto tunnel STM/STS. microscopia AFM. Maria Grazia Betti and Carlo Mariani Storie di superfici microscopie a effetto tunnel STM/STS microscopia AFM Maria Grazia Betti and Carlo Mariani Piezolelectric Tube with Electrodes Scanning Tunneling Microscopy (STM) Tunneling Current Amplifier

Dettagli

ISA ti proietta nel futuro!

ISA ti proietta nel futuro! Design evolution L evoluzione della specie. Non è importante dove siamo arrivati, quello che conta è riuscire a spingersi oltre. Dalla normalità all avanguardia, da materiali esclusivi ed ecologici alla

Dettagli

A new approach to concentrating solar plant (CSP) by ENEA

A new approach to concentrating solar plant (CSP) by ENEA A new approach to concentrating solar plant (CSP) by ENEA ENEA objective Economic element of solar plant ENEA technology innovations Archimede demonstrative solar plant Final remarks Presented by Mauro

Dettagli

TESSUTI TECNICI INNOVATIVI DA PROCESSI PLASMOCHIMICI. Pietro Favia, Pasqua Rossini, Francesco Fracassi, Riccardo d Agostino

TESSUTI TECNICI INNOVATIVI DA PROCESSI PLASMOCHIMICI. Pietro Favia, Pasqua Rossini, Francesco Fracassi, Riccardo d Agostino TESSUTI TECNICI INNOVATIVI DA PROCESSI PLASMOCHIMICI Pietro Favia, Pasqua Rossini, Francesco Fracassi, Riccardo d Agostino DIPARTIMENTO DI CHIMICA, UNIVERSITÀ DI BARI www.chimica.uniba.it/plasmalab PLASMA

Dettagli

GESTLabs Laboratorio Materiali & Servizi per l Industria

GESTLabs Laboratorio Materiali & Servizi per l Industria GESTLabs Laboratorio Materiali & Servizi per l Industria Polo Tecnologico di Vimercate 29/03/2012 Tino Taddei - C.L.O GESTLabs 1 STORIA 25 anni e piu di esperienza acquisiti in vari ambiti aziendali quali

Dettagli

Nanoparticelle e salute. Nanoparticelle e salute

Nanoparticelle e salute. Nanoparticelle e salute Nanoparticelle e salute Nanoparticelle e salute Tutto cominciò nel 2003 Nature, 424, 246, 2003 E nato quindi un nuovo termine e di conseguenza una nuova disciplina Nano-tossicologia Sono già state organizzate

Dettagli

Quality Certificates

Quality Certificates Quality Certificates Le più importanti certificazioni aziendali, di processo e di prodotto, a testimonianza del nostro costante impegno ed elevato livello di competenze. Qualità * certificata * Certified

Dettagli

SISTEMI LINEARI LINEAR SYSTEMS

SISTEMI LINEARI LINEAR SYSTEMS SISTEMI LINEARI LINEAR SYSTEMS SISTEMI LINEARI LINEAR SYSTEMS Per Alutec la movimentazione industriale non ha segreti; questa gamma di sistemi lineari risponde pienamente alle richieste più disparate dell

Dettagli

Nuove frontiere dei materiali fotovoltaici

Nuove frontiere dei materiali fotovoltaici Nuove frontiere dei materiali fotovoltaici Aldo Di Carlo - Centre for Hybrid and Organic Solar Energy Regione Lazio Università degli studi di Roma «Tor Vergata» e DYEPOWER, Roma Efficienza Celle Multigiunzioni

Dettagli

Celle da incasso Scotch Brite Built-in Scotch Brite cabinets

Celle da incasso Scotch Brite Built-in Scotch Brite cabinets Celle da incasso Scotch Brite Built-in Scotch Brite cabinets Componenti Tecnologici per l Arredamento Bar e per il Contract Technological components for bars and contract furnishing Sportelli a chiusura

Dettagli

Na N n a o n p o a p r a t r i t c i e c l e l l e l e d ' d o ' r o o r

Na N n a o n p o a p r a t r i t c i e c l e l l e l e d ' d o ' r o o r Nanoparticelle d'oro Un sentito ringraziamento all Ing. Franco Bonollo e al Dott. Alberto Fabrizi dell Università degli studi di Padova, sede di Vicenza. Introduzione Secondo la Royal Society & The Royal

Dettagli

Appunti & trasparenze - Parte 7

Appunti & trasparenze - Parte 7 CdL Scienza dei Materiali - Fisica delle Nanotecnologie - a.a. 2003/4 Appunti & trasparenze - Parte 7 Versione 2, Novembre 2003 Francesco Fuso, tel 0502214305, 0502214293 - fuso@df.unipi.it http://www.df.unipi.it/~fuso/dida

Dettagli

INTRODUZIONE ALLE NANOTECNOLOGIE

INTRODUZIONE ALLE NANOTECNOLOGIE INTRODUZIONE ALLE NANOTENOLOGIE Massimo De Vittorio Lab. Nanotecnologie NNL ISUFI - Università del Salento Il Nanoworld Nel mondo microscopico, gli elettroni sfrecciano a velocità relativistiche e il

Dettagli

M/S CERAMICA SCARABEO Località Pian del Trullo 01034 Fabrica di Roma (VT), ITALY. 01034 Fabrica di Roma (VT), ITALY. C. A. Sig.

M/S CERAMICA SCARABEO Località Pian del Trullo 01034 Fabrica di Roma (VT), ITALY. 01034 Fabrica di Roma (VT), ITALY. C. A. Sig. M/S C. A. Sig. Calisti Giampaolo RAPPORTO DI PROVA del LABORATORIO TECNOLOGICO N 65d/2013 in accordo con la norma UNI EN 14688 sul lavabo LUNA TECHNOLOGIAL LABORATORY TEST REPORT N 65d/2013 in compliance

Dettagli

LIGHTING SOLUTIONS. www.eko-s.com

LIGHTING SOLUTIONS. www.eko-s.com LIGHTING SOLUTIONS www.eko-s.com Eko-s Lighting solutions Con più di quarant anni di esperienza nel settore illuminotecnico, proponiamo una nuova linea di prodotti a tecnologia LED in ambito civile e industriale.

Dettagli

Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process)

Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process) Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process) All data aquired from a scan position are refered to an intrinsic reference system (even if more than one scan has been performed) Data

Dettagli

G. Maccarrone M. Antonelli, M. Capponi (INFN-Roma3), C. Capoccia, A. Iaciofano (INFN-Roma3), S. Lauciani, P. Laurelli, G. Pileggi, B.

G. Maccarrone M. Antonelli, M. Capponi (INFN-Roma3), C. Capoccia, A. Iaciofano (INFN-Roma3), S. Lauciani, P. Laurelli, G. Pileggi, B. Frasca& Prototype G. Maccarrone M. Antonelli, M. Capponi (INFN-Roma3), C. Capoccia, A. Iaciofano (INFN-Roma3), S. Lauciani, P. Laurelli, G. Pileggi, B. Ponzio, 1 Guide lines Good &me to finalize all the

Dettagli

Metodologie di progettazione

Metodologie di progettazione Metodologie di progettazione 1 Metodologie di progettazione Una procedura per progettare un sistema Il flusso di progettazione può essere parzialmente o totalmente automatizzato. Un insieme di tool possono

Dettagli

AZULEJ. textures colours sizes technical features packing

AZULEJ. textures colours sizes technical features packing AZULEJ textures colours sizes technical features packing Azulej è una collezione completa che può essere impiegata per la creazione di ambienti molto decorati, ma anche minimal. E composta da tre colori

Dettagli

Processo di Fabbricazione

Processo di Fabbricazione Progettazione Microelettronica Processo di Fabbricazione 1 Processo CMOS tradizionale 2 Un moderno processo CMOS gate-oxide TiSi 2 AlCu Tungsten SiO 2 n+ p-well p-epi poly n-well p+ SiO 2 p+ Processo CMOS

Dettagli

ITALTRONIC CBOX CBOX

ITALTRONIC CBOX CBOX 61 Contenitori per la Building Automation Materiale: PC/ABS autoestinguente Colore: Grigio scuro È un nuovo sistema PER L EQUIPAGGIAMENTO DI APPARECCHIATURE ELETTRONICHE su scatole elettriche a parete

Dettagli

INDICE nuovi prodotti abbigliamento pelletteria new products clothing leather

INDICE nuovi prodotti abbigliamento pelletteria new products clothing leather Catalogo generale Le chiusure, sono presenti sul mercato della pelletteria dalla nascita del prodotto e sono contraddistinte dalla famosa scatola marrone. Il marchio e la qualità, non necessitano di particolare

Dettagli

Workshop I Energia e sostenibilità ambientale dei prodotti: nuove opportunità per le imprese

Workshop I Energia e sostenibilità ambientale dei prodotti: nuove opportunità per le imprese Workshop I Energia e sostenibilità ambientale dei prodotti: nuove opportunità per le imprese Ecodesign, integrare economia ed ecologia nel ciclo di vita dei prodotti Alessandro Santini Dipartimento di

Dettagli

La qualità vista dal monitor

La qualità vista dal monitor La qualità vista dal monitor F. Paolo Alesi - V Corso di aggiornamento sui farmaci - Qualità e competenza Roma, 4 ottobre 2012 Monitoraggio La supervisione dell'andamento di uno studio clinico per garantire

Dettagli

Realizzazione di una rete per il monitoraggio e la gestione ottimizzata dei consumi dei laboratori del NEST (Scuola Normale Superiore di Pisa)

Realizzazione di una rete per il monitoraggio e la gestione ottimizzata dei consumi dei laboratori del NEST (Scuola Normale Superiore di Pisa) Realizzazione di una rete per il monitoraggio e la gestione ottimizzata dei consumi dei laboratori del NEST (Scuola Normale Superiore di Pisa) Gioacchino Bellia ENEL Ingegneria e Innovazione Research technical

Dettagli

Trasduttori Polimerici. IPMC-Ionic Polymer Metal Composite. Ing. Elena Umana

Trasduttori Polimerici. IPMC-Ionic Polymer Metal Composite. Ing. Elena Umana Trasduttori Polimerici IPMC-Ionic Polymer Metal Composite IP 2 C -Ionic Polymer -Polymer Composite Ing. Elena Umana Cosa sono gli IPMC? La realizzazione di dispositivi di interesse in ambiti quale la robotica,

Dettagli

Tecnologie per ottica integrata. Raffaella Costa

Tecnologie per ottica integrata. Raffaella Costa Tecnologie per ottica integrata Raffaella Costa Introduzione: Progetto e realizzazione di un circuito Circuito Materiale Spessore Indice Tolleranze Guida Forma Dimensioni (monomodalità) Indice efficace

Dettagli

M257SC. Scanner per lastre Scanner for slabs

M257SC. Scanner per lastre Scanner for slabs M257SC Scanner per lastre Scanner for slabs M257SC Scanner per lastre utilizzato per la creazione di foto digitali a colori ad alta defi nizione e per il rilevamento dei dati dimensionali. Per ogni lastra

Dettagli

MAIL LE NUOVE APPLIQUE S, L, XL. MAIL is the new wall lamp collection, with indirect light, designed by Alberto Saggia and Valerio Sommella.

MAIL LE NUOVE APPLIQUE S, L, XL. MAIL is the new wall lamp collection, with indirect light, designed by Alberto Saggia and Valerio Sommella. MAIL LE NUOVE APPLIQUE S, L, XL / The new wall lamps S, L, XL MAIL è la nuova collezione di applique a luce indiretta disegnata da Alberto Saggia e Valerio Sommella. I designer ALBERTO SAGGIA nasce a Novara

Dettagli

La produzione scientifica nelle università italiane Regione Friuli Venezia Giulia

La produzione scientifica nelle università italiane Regione Friuli Venezia Giulia PON GOVERNANCE E ASSISTENZA TECNICA 2007-2013 PROGETTO SUPPORTO ALLA DEFINIZIONE ED ATTUAZIONE DELLE POLITICHE REGIONALI DI RICERCA E INNOVAZIONE (SMART SPECIALISATION STRATEGY REGIONALI) La produzione

Dettagli

materia: qualche applicazione

materia: qualche applicazione Proprietà quantistiche della Marco Anni Dipartimento di Ingegneria dell Innovazione Università del Salento, Lecce materia: qualche applicazione Proprietà ondulatorie della materia: microscopia elettronica

Dettagli

I plotter della serie COLORSCAN sono tra i più avanzati sistemi di decorazione digitale

I plotter della serie COLORSCAN sono tra i più avanzati sistemi di decorazione digitale INTESA S.p.A. è una società del GRUPPO SACMI specializzata nella produzione e fornitura di tecnologie per la smaltatura e la decorazione di piastrelle ceramiche. Nata dall esperienza di SACMI e INGEGNERIA

Dettagli

CILINDRI SILICONICI PER DECORAZIONE CERAMICA SILICONE CYLINDERS FOR CERAMIC DECORATION [ IT EN ]

CILINDRI SILICONICI PER DECORAZIONE CERAMICA SILICONE CYLINDERS FOR CERAMIC DECORATION [ IT EN ] CILINDRI SILICONICI PER DECORAZIONE CERAMICA SILICONE CYLINDERS FOR CERAMIC DECORATION [ IT EN ] I cilindri System 2 System è da sempre sinonimo di decorazione, grazie a Rotocolor e ai cilindri Rotorollers.

Dettagli

group HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE

group HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE edizione/edition 04-2010 HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE DESCRIZIONE GENERALE GENERAL DESCRIPTION L'unità di controllo COBO è una centralina elettronica Multiplex Slave ; la sua

Dettagli

di Franco Faldini Engineering Service for Energy S.r.l. Sede Legale MILANO (20156) Via Giovanni da Udine, 34

di Franco Faldini Engineering Service for Energy S.r.l. Sede Legale MILANO (20156) Via Giovanni da Udine, 34 IL CONTRIBUTO DELL ESE NELLO SVILUPPO DEGLI IMPIANTI SOLARI A CONCENTRAZONE CON SPECCHI PIANI O QUASI PIANI INVENTATO IN ITALIA di Franco Faldini Engineering Service for Energy S.r.l. Sede Legale MILANO

Dettagli

ENEA - Centro Ricerche PORTICI

ENEA - Centro Ricerche PORTICI ENEA - Centro Ricerche PORTICI L ENEA e la ricerca di sistema elettrico: Il fotovoltaico innovativo - 12 luglio 211 Film sottili di silicio: Sviluppo di substrati di ZnO per un efficace intrappolamento

Dettagli

ENVIRONMENTAL CONTROL & LEAK DETECTION SYSTEM

ENVIRONMENTAL CONTROL & LEAK DETECTION SYSTEM ENVIRONMENTAL CONTROL & LEAK DETECTION SYSTEM YEAR: 2011 CUSTOMER: THE PROJECT Il Progetto S.E.I.C. developed the Environmental Control & Leak Detection System (ecolds) for Ferrera - Cremona Pipeline which

Dettagli

13-01-2009. Giuseppe Rosace. Dipartimento Ingegneria Industriale. Dipartimento Ingegneria Industriale PREPARAZIONE TINTURA/STAMPA FINISSAGGIO

13-01-2009. Giuseppe Rosace. Dipartimento Ingegneria Industriale. Dipartimento Ingegneria Industriale PREPARAZIONE TINTURA/STAMPA FINISSAGGIO Giuseppe Rosace PREPARAZIONE TINTURA/STAMPA FINISSAGGIO 1 Finissaggi tessili: situazione attuale - Applicazione di prodotti chimici (principi attivi, catalizzatori, ausiliari) differenti per tipo di processo

Dettagli

4 6 7 7 8 8 9 10 11 14 15 17 21 25 Riassunto Realizzazione di un Sistema Informativo Territoriale per la sorveglianza sanitaria della fauna nel Parco Nazionale della Majella tramite software Open Source

Dettagli

PIANO DIDATTICO SCIENZA DEI MATERIALI PER LA CONVERSIONE FOTOVOLTAICA

PIANO DIDATTICO SCIENZA DEI MATERIALI PER LA CONVERSIONE FOTOVOLTAICA PIANO DIDATTICO SCIENZA DEI MATERIALI PER LA CONVERSIONE FOTOVOLTAICA Celle solari: dai mirtilli agli spaghetti CONVERSIONE FOTOVOLTAICA: L ENERGIA DEL FUTURO v Energia inesauribile e rinnovabile v Non

Dettagli

Appunti & trasparenze - Parte 1

Appunti & trasparenze - Parte 1 CdL Scienza dei Materiali - Fisica delle Nanotecnologie - a.a. 2004/05 Appunti & trasparenze - Parte 1 Versione 3, Ottobre 2004 Francesco Fuso, tel 0502214305, 0502214293 - fuso@df.unipi.it http://www.df.unipi.it/~fuso/dida

Dettagli

HOLCROFT POWER GENERATOR FOR QUENCHING FURNACE

HOLCROFT POWER GENERATOR FOR QUENCHING FURNACE OEM SALES AND HOLCROFT POWER GENERATOR FOR QUENCHING FURNACE FOR SALE Monfalcone, September 15 th 2015 Page 1 of 7 OEM SALES AND MAIN TECHNICAL DATA OF UNIVERSAL HOLCROFT POWER GENERATOR FOR ATMOSPHERE

Dettagli

Studio mediante Microscopia a Forza Atomica (Atomic Force Microscopy AFM) dell interazione tra DNA e molecole organiche di sintesi

Studio mediante Microscopia a Forza Atomica (Atomic Force Microscopy AFM) dell interazione tra DNA e molecole organiche di sintesi Studio mediante Microscopia a Forza Atomica (Atomic Force Microscopy AFM) dell interazione tra DNA e molecole organiche di sintesi La possibilità di osservare direttamente singole molecole dà grandi vantaggi

Dettagli

Le Aziende del Distretto Green & High Tech presentano i loro progetti. Valorizzare le sinergie della rete per creare valore aggiunto.

Le Aziende del Distretto Green & High Tech presentano i loro progetti. Valorizzare le sinergie della rete per creare valore aggiunto. Le Aziende del Distretto Green & High Tech presentano i loro progetti Valorizzare le sinergie della rete per creare valore aggiunto GEST Labs Tino Taddei Responsabile del Laboratorio 10-15 Aprile 2014

Dettagli

Verifica di Fisica 27-10-2015 classe 2 N

Verifica di Fisica 27-10-2015 classe 2 N Nome e cognome Verifica di Fisica 27-10-2015 classe 2 N Do not use pencil, highlighters, glue or correction fluid. You may lose marks if you do not show your working or if you do not use appropriate units.

Dettagli

CMI-T / CMI-TC / CMI-TD

CMI-T / CMI-TC / CMI-TD Range Features Ceramic arc tube ensures colour uniformity and stability throughout lamp life Very high luminous efficiency in a compact lamp format Excellent colour rendering UV-stop quartz reduces colour

Dettagli

TORCIA CHIUSA PER BIOGAS tipo TBE. ENCLOSED BIOGAS FLARE TBE Type DESCRIZIONE DESCRIPTION VANTAGGI

TORCIA CHIUSA PER BIOGAS tipo TBE. ENCLOSED BIOGAS FLARE TBE Type DESCRIZIONE DESCRIPTION VANTAGGI TORCIA CHIUSA PER BIOGAS tipo TBE ENCLOSED BIOGAS FLARE TBE Type DESCRIZIONE Le torce chiuse sono generalmente usate al posto delle torce aperte per motivi estetici o di sicurezza. Il processo di combustione

Dettagli

Name on a passport, HANGTAG

Name on a passport, HANGTAG recagroup design architecture art cinema travel music food Name on a passport, HANGTAG A quick look at printing techniques for hangtags RECA GROUP The hangtag of a garment is its ID card, its passport,

Dettagli