Alberi e perni Accoppiamenti albero e mozzo con linguette, chiavette, alberi scanalati e spine

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Alberi e perni Accoppiamenti albero e mozzo con linguette, chiavette, alberi scanalati e spine"

Transcript

1 Istituto Istruzione Superiore G. Boris Giuliano" Via Carducci, Piazza Armerina (En) Corso di Tecnologie Meccaniche e Applicazioni Anno scolastico Docente: Ing. Filippo Giustra Alberi e perni Accoppiamenti albero e mozzo con linguette, chiavette, alberi scanalati e spine Docente: Ing. Filippo Giustra Corso di Tecn. Mecc. e Applic. - A.S

2 GLI ALBERI DI TRASMISSIONE E LORO PERNI Docente: Ing. Filippo Giustra Corso di Tecn. Mecc. e Applic. - A.S

3 ALBERI ORIZZONTALI ALBERI VERTICALI Docente: Ing. Filippo Giustra Corso di Tecn. Mecc. e Applic. - A.S

4 Albero verticale Docente: Ing. Filippo Giustra Corso di Tecn. Mecc. e Applic. - A.S

5 ASSI E ALBERI: definizioni ALBERO: organo utilizzato per la trasmissione diretta del moto rotatorio e di un momento torcente. ASSE: organo che sostiene, senza trasmissione di momento torcente, corpi rotanti liberi di muoversi intorno ad esso. Quindi: Docente: Corso di Tecn. Mecc. e Applic. - A.S Ing. Docente: Filippo Ing. Giustra Filippo Giustra Corso di Tecnologia 2016 Meccanica A.S

6 ALBERI Sulle opportune sedi di un albero possono essere calettati organi rotanti come pulegge, ruote dentate, volani, dischi, ecc.; il calettamento consiste nel rendere solidale all albero i mozzi degli organi rotanti mediante linguette, chiavette, profili scanalati o collegamento forzato. L albero viene vincolato al basamento o al telaio mediante supporti e coppie rotoidali che consentono la rotazione intorno all asse. La coppia rotoidale e costituita dal cuscinetto (a strisciamento o volvente) e dal perno (intermedio o di estremità, secondo la sua posizione). La coppia perno-cuscinetto si definisce portante, quando sopporta carichi perpendicolari all asse, e reggispinta, quando sopporta carichi diretti con l asse. In taluni casi è di tipo misto. Docente: Corso di Tecn. Mecc. e Applic. - A.S Ing. Docente: Filippo Ing. Giustra Filippo Giustra Corso di Tecnologia 2016 Meccanica A.S

7 Dimensionamento alberi a torsione ASSI E ALBERI Gli assi si calcolano generalmente a flessione e si tiene conto di eventuali sforzi di taglio e normali, ma non è mai presente torsione. Gli alberi si calcolano a flessione, a torsione, a flesso torsione, a seconda del carico, della loro lunghezza e della distanza tra i supporti; si tiene poi conto del taglio e degli sforzi normali mediante verifiche. Docente: Corso di Tecn. Mecc. e Applic. - A.S Ing. Docente: Filippo Ing. Giustra Filippo Giustra Corso di Tecnologia 2016 Meccanica A.S

8 Docente: Ing. Filippo Giustra Corso di Tecn. Mecc. e Applic. - A.S

9 Docente: Ing. Filippo Giustra Corso di Tecn. Mecc. e Applic. - A.S

10 Docente: Ing. Filippo Giustra Corso di Tecn. Mecc. e Applic. - A.S

11 Docente: Ing. Filippo Giustra Corso di Tecn. Mecc. e Applic. - A.S

12 Docente: Ing. Filippo Giustra Corso di Tecn. Mecc. e Applic. - A.S

13 Docente: Ing. Filippo Giustra Corso di Tecn. Mecc. e Applic. - A.S

14 Dimensionamento alberi a torsione N=potenza trasmessa [W] e =(2* *n)/60 Il momento torcente si può esprimere anche M t =(9549* N)/n dove N=potenza trasmessa [kw] e n=giri/min albero Docente: Ing. Filippo Giustra Corso di Tecn. Mecc. e Applic. - A.S

15 Docente: Ing. Filippo Giustra Corso di Tecn. Mecc. e Applic. - A.S

16 Docente: Ing. Filippo Giustra Corso di Tecn. Mecc. e Applic. - A.S

17 PERNI DEGLI ALBERI DI TRASMISSIONE Docente: Ing. Filippo Giustra Corso di Tecn. Mecc. e Applic. - A.S

18 Docente: Ing. Filippo Giustra Corso di Tecn. Mecc. e Applic. - A.S

19 Docente: Ing. Filippo Giustra Corso di Tecn. Mecc. e Applic. - A.S

20 Docente: Ing. Filippo Giustra Corso di Tecn. Mecc. e Applic. - A.S

21 Docente: Ing. Filippo Giustra Corso di Tecn. Mecc. e Applic. - A.S

22 Dimensionamento PERNI E SEDI DI ESTREMITA Sui perni si opera una verifica a flessione considerandoli come travi incastrate sul resto dell albero e caricate in mezzeria con le reazioni vincolari dell albero. Il rapporto l/d si può assumere: - 1 l/d 2 cioè D l 2D per i casi normali l/d 1 cioè 0.5D l D per i casi di lubrificazione forzata Docente: Ing. Filippo Giustra Corso di Tecn. Mecc. e Applic. - A.S

23 Docente: Ing. Filippo Giustra Corso di Tecn. Mecc. e Applic. - A.S

24 Docente: Ing. Filippo Giustra Corso di Tecn. Mecc. e Applic. - A.S

25 VERIFICHE DEI PERNI Docente: Ing. Filippo Giustra Corso di Tecn. Mecc. e Applic. - A.S

26 VERIFICHE DEI PERNI Il calcolo dei perni poggia sull ipotesi di lubrificazione limite (inevitabile all avviamento), pertanto, una volta dimensionati (come descritto) prima occorre verificare che l usura e il riscaldamento non siano eccessivi. Verifica all usura Docente: Ing. Filippo Giustra Corso di Tecn. Mecc. e Applic. - A.S

27 Docente: Ing. Filippo Giustra Corso di Tecn. Mecc. e Applic. - A.S

28 Verifica al surriscaldamento Per la verifica al surriscaldamento si calcola il fattore K= p s *v dove p s è la pressione specifica calcolata in precedenza mentre v= *r è la velocità periferica del perno in cui =(2* *n)/60 è la velocità angolare e n il numero di giri al minuto del perno (albero). Tale valore di K deve essere inferiore a quelli riportati in tab. 2 (riportata in precedenza) e tab. 3. Docente: Ing. Filippo Giustra Corso di Tecn. Mecc. e Applic. - A.S

29 ACCOPPIAMENTI ALBERO-MOZZO Accoppiare due o più elementi di un qualsiasi complessivo, significa predisporre dei collegamenti in modo da renderli, in qualche maniera, solidali. In particolare ci occuperemo dei collegamenti albero-mozzo, cioè di quei collegamenti fra elementi di macchina chiamati ALBERI e altri organi rotanti quali PULEGGE, RUOTE DENTATE, destinati a ricevere o a trasmettere il moto. L ALBERO è un corpo cilindrico con spallamenti (o gradini) su cui sono montati organi rotanti, da cui riceve o a cui trasmette il moto di rotazione; esso è sostenuto da supporti ricavati nella struttura rigida della macchina. Tra i supporti e l albero vengono interposti dei cuscinetti. Docente: Ing. Filippo Giustra Corso di Tecn. Mecc. e Applic. - A.S

30 ACCOPPIAMENTI ALBERO-MOZZO Gli organi rotanti, per evitare vibrazioni, devono essere sempre posizionati coassialmente all albero, e resi ad esso solidali attraverso dei vincoli che ne limitano la possibilità di movimento o la impediscano del tutto. In questi tipi di accoppiamento i movimenti possibili dell organo rotante sono due: moto di traslazione lungo una direzione parallela all asse dell albero; moto di rotazione intorno all asse dell albero. Quando è impedito il solo moto traslatorio, l organo rotante si dice FOLLE SULL ALBERO in quanto può solo ruotare. Mentre quando sono impediti tutti i movimenti l organo rotante si dice CALETTATO SULL ALBERO, cioè esso acquista in movimenti dell albero. Docente: Ing. Filippo Giustra Corso di Tecn. Mecc. e Applic. - A.S

31 ACCOPPIAMENTI ALBERO-MOZZO Per rendere possibile il collegamento con l albero, gli organi rotanti hanno la parte centrale forata che prende il nome di MOZZO. Un generico organo rotante munito di mozzo con una cava (sede della linguetta) è rappresentato in figura. Quando l organo è di grandi dimensioni si preferisce alleggerirlo collegando mozzo e corona con delle razze. Docente: Ing. Filippo Giustra Corso di Tecn. Mecc. e Applic. - A.S

32 ACCOPPIAMENTI ALBERO-MOZZO Docente: Ing. Filippo Giustra Corso di Tecn. Mecc. e Applic. - A.S

33 ACCOPPIAMENTI ALBERO-MOZZO Docente: Ing. Filippo Giustra Corso di Tecn. Mecc. e Applic. - A.S

34 ACCOPPIAMENTI ALBERO-MOZZO Docente: Ing. Filippo Giustra Corso di Tecn. Mecc. e Applic. - A.S

35 ACCOPPIAMENTI ALBERO-MOZZO Docente: Ing. Filippo Giustra Corso di Tecn. Mecc. e Applic. - A.S

36 Chiavette Docente: Ing. Filippo Giustra Corso di Tecn. Mecc. e Applic. - A.S

37 Docente: Ing. Filippo Giustra Corso di Tecn. Mecc. e Applic. - A.S

38 È un organo di collegamento di forma prismatica (BARRETTA A SEZIONE RETTANGOLARE) che viene inserita in una cava ricavata in parte sull albero e in parte nel mozzo. Le dimensioni delle cave sono unificate e riportate, con le relative tolleranze, in tabelle, in funzione del diametro dell albero su cui si deve realizzare. La lunghezza della linguetta è circa 1,5 volte il diametro dell albero ed è sempre più corta della larghezza del mozzo. Docente: Ing. Filippo Giustra Corso di Tecn. Mecc. e Applic. - A.S

39 Docente: Ing. Filippo Giustra Corso di Tecn. Mecc. e Applic. - A.S

40 Docente: Ing. Filippo Giustra Corso di Tecn. Mecc. e Applic. - A.S

41 La linguetta effettua il collegamento trasmettendo lo sforzo sulle pareti laterali, mentre radialmente esiste un gioco variabile tra 0,2 e 0,5 mm; quindi agisce per ostacolo impedendo il moto relativo di rotazione, ma non quello di traslazione. La linguetta lavora sui fianchi senza pressione radiale, quindi è soggetta a sforzi di taglio. Docente: Ing. Filippo Giustra Corso di Tecn. Mecc. e Applic. - A.S

42 Docente: Ing. Filippo Giustra Corso di Tecn. Mecc. e Applic. - A.S

43 Linguette Docente: Ing. Filippo Giustra Corso di Tecn. Mecc. e Applic. - A.S

44 Docente: Ing. Filippo Giustra Corso di Tecn. Mecc. e Applic. - A.S

45 La forma delle linguette a disco e le loro dimensioni (comprese quelle delle relative sedi su albero e su mozzo) sono normalizzate dalla UNI Esempio di designazione di una linguetta a disco, sezione b x h1 = 3 x 6.5 mm: Linguetta UNI x 6.5 Docente: Ing. Filippo Giustra Corso di Tecn. Mecc. e Applic. - A.S

46 Docente: Ing. Filippo Giustra Corso di Tecn. Mecc. e Applic. - A.S

47 Sono adatti a trasmettere grandi potenze. Questi tipi di collegamento, anche se costosi, sono largamente usati nell industria per la facilità di montaggio e smontaggio, per il perfetto centraggio del mozzo sull albero, per lo scorrimento assiale del mozzo sull albero anche sotto carico, per la simmetria. Docente: Ing. Filippo Giustra Corso di Tecn. Mecc. e Applic. - A.S

48 Profilo ad evolvente, centraggio sui fianchi. Utilizzato per applicazioni dove è richiesta la trasmissione di momenti elevati Docente: Ing. Filippo Giustra Corso di Tecn. Mecc. e Applic. - A.S

49 Docente: Ing. Filippo Giustra Corso di Tecn. Mecc. e Applic. - A.S

50 Docente: Ing. Filippo Giustra Corso di Tecn. Mecc. e Applic. - A.S

51 Docente: Ing. Filippo Giustra Corso di Tecn. Mecc. e Applic. - A.S

52 Docente: Ing. Filippo Giustra Corso di Tecn. Mecc. e Applic. - A.S

53 Docente: Ing. Filippo Giustra Corso di Tecn. Mecc. e Applic. - A.S

54 Docente: Ing. Filippo Giustra Corso di Tecn. Mecc. e Applic. - A.S

Collegamenti tra albero e mozzo

Collegamenti tra albero e mozzo Collegamenti tra albero e mozzo L albero è un corpo cilindrico a più gradini su cui sono calettati gli organi rotanti, da cui riceve o a cui trasmette il moto Supporti Gli elementi caratteristici degli

Dettagli

Laboratorio di Disegno Assistito dal Calcolatore

Laboratorio di Disegno Assistito dal Calcolatore Laboratorio di Disegno Assistito dal Calcolatore Luca Cortese c/o Dipartimento di Meccanica ed Aeronautica Ufficio n 20, via Eudossiana 18 tel. 06 44 585 236 e-mail: luca.cortese@uniroma1.it Laboratorio

Dettagli

Componente o organo meccanico di macchina, che trasmette Coppia (Momento torcente, Potenza), col movimento di rotazione.

Componente o organo meccanico di macchina, che trasmette Coppia (Momento torcente, Potenza), col movimento di rotazione. $/%(5,(02==,- 1a Parte - *** Definizione, Elementi caratteristici, Esempi, Punti di forza, Posizionamento, Mozzo, Immagine di ruote, mozzo albero, ruota dentata a modulo, Tipi di collegamento fra albero

Dettagli

Disegno di Macchine. corso per I anno della laurea in ing. meccanica Docente: ing. Francesca Campana

Disegno di Macchine. corso per I anno della laurea in ing. meccanica Docente: ing. Francesca Campana Disegno di Macchine corso per I anno della laurea in ing. meccanica Docente: ing. Francesca Campana Lezione n 12 Collegamenti per trasmissione di potenza Chiavette Le chiavette sono degli elementi prismatici

Dettagli

Disegno Tecnico Industriale

Disegno Tecnico Industriale Università degli Studi di Catania Facoltà di Ingegneria Corso di laurea in Ingegneria Industriale Disegno Tecnico Industriale Collegamenti albero-mozzo Prof. Ing. S. M. Oliveri Collegamenti albero-mozzo

Dettagli

Laboratorio di Tecnologie Biomediche

Laboratorio di Tecnologie Biomediche Laboratorio di Tecnologie Biomediche Collegamenti meccanici Carmelo De Maria carmelo.demaria@unipi.it Imbiettamenti collegamenti di tipo smontabile che hanno per scopo quello di impedire la rotazione relativa

Dettagli

P: potenza in kw, n: numero di giri R: raggio puleggia in metri B = 1,1 b + 10 mm dove: B: larghezza corona l = B dove l : lunghezza mozzo puleggia

P: potenza in kw, n: numero di giri R: raggio puleggia in metri B = 1,1 b + 10 mm dove: B: larghezza corona l = B dove l : lunghezza mozzo puleggia ESERCIZIO Si deve provvedere all accoppiamento, con un riduttore a ruote dentate cilindriche a denti diritti, tra un motore asincrono trifase e un albero, rappresentato nello schema, che a sua volta trasmette

Dettagli

ARGOMENTI DELLA LEZIONE Collegamenti Albero-Mozzo Definizioni Applicazioni

ARGOMENTI DELLA LEZIONE Collegamenti Albero-Mozzo Definizioni Applicazioni ARGOMENTI DELLA LEZIONE Collegamenti Albero-Mozzo Definizioni Applicazioni Introduzione L unione di parti meccaniche mediante elementi che possano essere rimossi in caso di necessità senza alterazioni

Dettagli

Collegamenti Albero-Mozzo

Collegamenti Albero-Mozzo Corso di Disegno Tecnico Industriale (6 CFU) A.A. 2016/2017 S.S.D. ING-IND/15 «Disegno e Metodi dell Ingegneria Industriale» Collegamenti Albero-Mozzo Prof. Alessio Balsamo alessio.balsamo@unina.it Dipartimento

Dettagli

Laboratorio di Disegno Assistito dal Calcolatore

Laboratorio di Disegno Assistito dal Calcolatore Laboratorio di Disegno Assistito dal Calcolatore Luca Cortese c/o Dipartimento di Meccanica ed Aeronautica Ufficio n 20, via Eudossiana 18 tel. 06 44 585 236 e-mail: luca.cortese@uniroma1.it Laboratorio

Dettagli

Istituto Istruzione Superiore G. Boris Giuliano" Via Carducci, Piazza Armerina (En)

Istituto Istruzione Superiore G. Boris Giuliano Via Carducci, Piazza Armerina (En) Istituto Istruzione Superiore G. Boris Giuliano" Via Carducci, 13-94015 Piazza Armerina (En) Corso di Tecnologie Meccaniche e Applicazioni Anno scolastico 2015-2016 Docente: Cuscinetti volventi Cuscinetti

Dettagli

ITIS OTHOCA ORISTANO GLI ALBERI DI TRASMISSIONE E LORO PERNI

ITIS OTHOCA ORISTANO GLI ALBERI DI TRASMISSIONE E LORO PERNI ITIS OTHOCA ORISTANO GLI ALBERI DI TRASMISSIONE E LORO PERNI L'albero di trasmissione è l'organo rotante di una macchina che ha la funzione di trasmettere o ricevere coppie motrici (o resistenti) tra gli

Dettagli

Agenda. Collegamenti albero-mozzo. Introduzione. Introduzione. Introduzione. Introduzione

Agenda. Collegamenti albero-mozzo. Introduzione. Introduzione. Introduzione. Introduzione Università degli Studi di Napoli Federico II Dipartimento di Meccanica ed Energetica Agenda Collegamenti albero-mozzo Chiavette e linguette Quotature cave Spine e perni Accoppiamenti scanalati Altri collegamenti

Dettagli

ACCOPPIAMENTI ALBERO - MOZZO

ACCOPPIAMENTI ALBERO - MOZZO 1 CCOPPIMENTI LBERO - ccoppiare due o più elementi di un qualsiasi complessivo, significa predisporre dei collegamenti in modo da renderli, in qualche maniera, solidali. Ciò si realizza introducendo dei

Dettagli

I CUSCINETTI VOLVENTI

I CUSCINETTI VOLVENTI I CUSCINETTI VOLVENTI Il cuscinetto volvente, detto anche cuscinetto a rotolamento, è un elemento posizionato tra il perno di un albero e il sopporto, nel quale il movimento relativo tra parte rotante

Dettagli

Problemi tecnici - esercizi

Problemi tecnici - esercizi Problemi tecnici - esercizi Una macchina operatrice, funzionante a 750 giri/min, è azionata, mediante una trasmissione a cinghie trapezoidali con due successive riduzioni, da un albero motore che ruota

Dettagli

Trasmissione di potenza

Trasmissione di potenza Trasmissione di potenza Alberi Lo scopo di questi appunti è quello di introdurre alla comprensione della funzione degli alberi e alle loro regole di disegno e rappresentazione. Esercitarsi nella rappresentazione

Dettagli

Collegamenti tra organi rotanti: accoppiamento albero-mozzo

Collegamenti tra organi rotanti: accoppiamento albero-mozzo Accoppiamenti albero-mozzo Collegamenti tra organi rotanti: accoppiamento albero-mozzo Accoppiamenti albero-mozzo Accoppiamenti albero-mozzo 3 Accoppiamenti albero-mozzo 4 Accoppiamenti albero-mozzo Compito

Dettagli

CALETTATORI DI BLOCCAGGIO PER ATTRITO

CALETTATORI DI BLOCCAGGIO PER ATTRITO PER ATTRITO Il sistema di bloccaggio tramite calettamento per attrito rende solidale all albero uno o più organi che permettono di trasmettere il moto o sopportare una spinta assiale. L accoppiamento per

Dettagli

SOLUZIONE DELLA TRACCIA N 2

SOLUZIONE DELLA TRACCIA N 2 SOLUZIONE DELLA TRACCIA N La presente soluzione verrà redatta facendo riferimento al manuale: Caligaris, Fava, Tomasello Manuale di Meccanica Hoepli. - Studio delle sollecitazioni in gioco Si calcolano

Dettagli

CALETTATORI DI BLOCCAGGIO PER ATTRITO

CALETTATORI DI BLOCCAGGIO PER ATTRITO CALETTATORI DI BLOCCAGGIO PER ATTRITO Il sistema di bloccaggio tramite calettamento per attrito rende solidale all albero uno o più organi che permettono di trasmettere il moto o sopportare una spinta

Dettagli

Dimensionamento della trasmissione flessibile a cinghie trapezoidali.

Dimensionamento della trasmissione flessibile a cinghie trapezoidali. SOLUZIONE TRACCIA II PROVA SCRITTA DI MECCANICA E MACCHINE ESAME DI STATO 005/06 Lo schema della trasmissione può essere schematizzato come indicato in figura, ove il motore elettrico è separato dalla

Dettagli

INGRANAGGI CILINDRICI e CREMAGLIERE

INGRANAGGI CILINDRICI e CREMAGLIERE INGRANAGGI CILINDRICI e CREMAGLIERE INGRANAGGI CILINDRICI CON MOZZO LATERALE pag. 4 INGRANAGGI CILINDRICI SENZA MOZZO LATERALE 7 CREMAGLIERE 1 INGRANAGGI CILINDRICI E CREMAGLIERE INGRANAGGI CILINDRICI

Dettagli

BRAND RCK CALETTATORI

BRAND RCK CALETTATORI CAETTATORI BRAND RCK SERIE RCK 11 pag. 6 SERIE RCK 13 pag. 7 SERIE RCK 15 pag. 8 SERIE RCK 16 pag. 9 SERIE RCK 19 pag. 10 SERIE RCK 40 pag. 11 SERIE RCK 45 pag. 12 SERIE RCK 50 pag. 13 SERIE RCK 55 pag.

Dettagli

Trasmissione del moto: ruote di frizione ruote dentate cinghie

Trasmissione del moto: ruote di frizione ruote dentate cinghie Istituto Istruzione Superiore G. Boris Giuliano" Via Carducci, 13-94015 Piazza Armerina (En) Corso di Tecnologie Meccaniche e Applicazioni Docente: Ing. Filippo Giustra Trasmissione del moto: ruote di

Dettagli

ESAME DI STATO 2014/2015 INDIRIZZO ITMM MECCANICA MECCATRONICA ED ENERGIA TEMA DI : DISEGNO, PROGETTAZIONE E ORGANIZZAZIONE INDUSTRIALE

ESAME DI STATO 2014/2015 INDIRIZZO ITMM MECCANICA MECCATRONICA ED ENERGIA TEMA DI : DISEGNO, PROGETTAZIONE E ORGANIZZAZIONE INDUSTRIALE ESAME DI STATO 2014/2015 INDIRIZZO ITMM MECCANICA MECCATRONICA ED ENERGIA Prima parte TEMA DI : DISEGNO, PROGETTAZIONE E ORGANIZZAZIONE INDUSTRIALE A) Dimensionamento dell albero L albero rappresentato

Dettagli

ESERCIZI NUMERICI. Esercizio 1

ESERCIZI NUMERICI. Esercizio 1 Politecnico di Milano Facoltà di Ingegneria Industriale Corso di Laurea in Ingegneria Meccanica Progettazione di Sistemi Meccanici (Prof.ssa C. Colombo, Prof. C. Gorla) Appello esame 01.07.2015 ATTENZIONE:

Dettagli

L 1. Grandezza Coppia Velocità Dimensioni Peso

L 1. Grandezza Coppia Velocità Dimensioni Peso TIP RSBW Questa è una ruota libera a corpi di contatto tipo C. Si tratta di un gruppo completo, autocentrante con cuscinetti a strisciamento indicato per basse velocità di rotazione. a tenuta è assicurata

Dettagli

SOLUZIONE SECONDA PROVA SCRITTA ESAME DI STATO 2006/07 TEMA DI: DISEGNO, PROGETTAZIONE ED ORGANIZZAZIONE INDUSTRIALE

SOLUZIONE SECONDA PROVA SCRITTA ESAME DI STATO 2006/07 TEMA DI: DISEGNO, PROGETTAZIONE ED ORGANIZZAZIONE INDUSTRIALE SOLUZIONE SECOND PROV SCRITT ESME DI STTO 006/07 TEM DI: DISEGNO, PROGETTZIONE ED ORGNIZZZIONE INDUSTRILE Lo schema dell impianto di sollevamento può avere diverse configurazioni, si ipotizza che tra il

Dettagli

METODI PER LA PROGETTAZIONE INDUSTRIALE. Prof. G. Fargione a.a. 2011/12

METODI PER LA PROGETTAZIONE INDUSTRIALE. Prof. G. Fargione a.a. 2011/12 METODI PER LA PROGETTAZIONE INDUSTRIALE Prof. G. Fargione a.a. 2011/12 La concretizzazione qualitativa Corrisponde a rivestire con determinate forme e materiali lo schema del principio, può venire espressa

Dettagli

I CUSCINETTI VOLVENTI

I CUSCINETTI VOLVENTI I CUSCINETTI VOLVENTI COSA SONO? Organi meccanici interposti tra albero e struttura rigida con lo scopo di: favorire la rotazione regolare dell albero ridurre al minimo l attrito sopportare le forze trasmesse

Dettagli

ESAME DI STATO 2012/2013 INDIRIZZO MECCANICA

ESAME DI STATO 2012/2013 INDIRIZZO MECCANICA ESAME DI STATO 2012/2013 INDIRIZZO MECCANICA TEMA DI:DISEGNO, PROGETTAZIONE, ORGANIZZAZIONE INDUSTRIALE Dimensionamento dell albero L albero rappresentato nell allegato può essere assimilato ad una trave

Dettagli

ESAME DI STATO 2008/09 INDIRIZZO MECCANICA TEMA DI : DISEGNO, PROGETTAZIONE, ORGANIZZAZIONE INDUSTRIALE

ESAME DI STATO 2008/09 INDIRIZZO MECCANICA TEMA DI : DISEGNO, PROGETTAZIONE, ORGANIZZAZIONE INDUSTRIALE ESAME DI STATO 2008/09 INDIRIZZO MECCANICA TEMA DI : DISEGNO, PROGETTAZIONE, ORGANIZZAZIONE INDUSTRIALE Verifica di stabilità dell albero L albero rappresentato nell allegato può essere assimilato ad una

Dettagli

RUOTE DENTATE CILINDRICHE A DENTI DIRITTI E CREMAGLIERE

RUOTE DENTATE CILINDRICHE A DENTI DIRITTI E CREMAGLIERE RUOTE DENTATE CILINDRICHE A DENTI DIRITTI E CREMAGLIERE Gli ingranaggi cilindrici e le cremagliere sono gli elementi classici per la trasmissione meccanica dei movimenti di rotazione e di traslazione tra

Dettagli

Disegno di Macchine. - Collegamenti filettati. corso per I anno della laurea in ing. meccanica Docente: ing. Francesca Campana

Disegno di Macchine. - Collegamenti filettati. corso per I anno della laurea in ing. meccanica Docente: ing. Francesca Campana Disegno di Macchine corso per I anno della laurea in ing. meccanica Docente: ing. Francesca Campana - Collegamenti filettati I collegamenti In questa sezione si discutono i mezzi per rendere i corpi tra

Dettagli

MECCANICA APPLICATA ALLE MACCHINE Allievi meccanici AA prova del Problema N.1. Problema N.2

MECCANICA APPLICATA ALLE MACCHINE Allievi meccanici AA prova del Problema N.1. Problema N.2 MECCANICA APPLICATA ALLE MACCHINE Allievi meccanici AA.2011-2012 prova del 01-02-2013 Problema N.1 Il sistema meccanico illustrato in figura giace nel piano verticale. L asta AB con baricentro G 2 è incernierata

Dettagli

Disegno di Macchine. Lezione n 10 Cuscinetti radenti e volventi. corso per I anno della laurea in ing. meccanica Docente: ing.

Disegno di Macchine. Lezione n 10 Cuscinetti radenti e volventi. corso per I anno della laurea in ing. meccanica Docente: ing. Disegno di Macchine corso per I anno della laurea in ing. meccanica Docente: ing. Francesca Campana Lezione n 10 Cuscinetti radenti e volventi Supporti e Cuscinetti I supporti sorreggono gli elementi rotanti

Dettagli

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca M552 ESAME DI STATO DI ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca M552 ESAME DI STATO DI ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE Pag. 1/1 Sessione ordinaria 2010 Seconda prova scritta Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca M552 ESAME DI STATO DI ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE CORSO DI ORDINAMENTO Indirizzo: MECCANICA

Dettagli

DISEGNO TECNICO INDUSTRIALE. I collegamenti smontabili non filettati

DISEGNO TECNICO INDUSTRIALE. I collegamenti smontabili non filettati UNIVERSITÀ DI LECCE Corso di Laurea in Ingegneria Industriale DISEGNO TECNICO INDUSTRIALE I collegamenti smontabili non filettati 1 Il collegamento tra due o più parti può essere necessario per: Evitare

Dettagli

DISEGNO DI MACCHINE Interpretazione di assiemi: tenditore per funi

DISEGNO DI MACCHINE Interpretazione di assiemi: tenditore per funi DISEGNO DI MACCHINE Interpretazione di assiemi: tenditore per funi Esempio comune di tenditore a due forcelle Associare ai richiami i nomi dei componenti e interpretare l uso del dispositivo Sapresti dire

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA Facoltà di Ingegneria sede di Vicenza A.A. 2007/08

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA Facoltà di Ingegneria sede di Vicenza A.A. 2007/08 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA Facoltà di Ingegneria sede di Vicenza A.A. 2007/08 Corso di Disegno Tecnico Industriale per il Corso di Laurea triennale in Ingegneria Meccanica e in Ingegneria Meccatronica

Dettagli

McGraw-Hill. Tutti i diritti riservati. Esercizi aggiuntivi capitolo 13

McGraw-Hill. Tutti i diritti riservati. Esercizi aggiuntivi capitolo 13 Esercizi aggiuntivi capitolo 13 Analisi 13-4 Un pignone cilindrico a denti dritti di 21 denti ingrana con una ruota da 28 denti. Il passo diametrale è di 3 denti/in e l angolo di pressione è di 20. Realizzare

Dettagli

Cuscinetti a strisciamento e a rotolamento

Cuscinetti a strisciamento e a rotolamento Cuscinetti a strisciamento e a rotolamento La funzione dei cuscinetti a strisciamento e a rotolamento è quella di interporsi tra organi di macchina in rotazione reciproca. Questi elementi possono essere

Dettagli

COLLEGAMENTI ALBERO-MOZZO

COLLEGAMENTI ALBERO-MOZZO COLLEGAMENTI ALBERO-MOZZO 342 Introduzione I collegamenti albero-mozzo sono collegamenti smontabili che consentono di rendere solidali, rispetto alla rotazione attorno ad un asse comune, una parte piena

Dettagli

Elementi Costruttivi delle Macchine. Soluzione - Verifica di un albero di trasmissione 3.1. Politecnico di Torino CeTeM

Elementi Costruttivi delle Macchine. Soluzione - Verifica di un albero di trasmissione 3.1. Politecnico di Torino CeTeM Si richiede la verifica di un albero di che riceve il moto da una ruota dentata calettata sull albero stesso il quale trasmette moto alternato a una puleggia. 40 50 20 20 R.5 R.1 R.5 R.2 R.1 Ø65 Ø46 Ø41

Dettagli

Fondamenti di Meccanica Esame del

Fondamenti di Meccanica Esame del Politecnico di Milano Fondamenti di Meccanica Esame del 0.02.2009. In un piano verticale un asta omogenea AB, di lunghezza l e massa m, ha l estremo A vincolato a scorrere senza attrito su una guida verticale.

Dettagli

La Trasmissione Dell Energia Meccanica

La Trasmissione Dell Energia Meccanica La Trasmissione Dell Energia Meccanica La trasmissione del moto I sistemi meccanici sono dispositivi costituiti da più componenti in grado di trasmettere energia cinetica. Alcuni sono anche in grado di

Dettagli

DISEGNO DI MACCHINE Interpretazione di assiemi: giunti per alberi coassiali

DISEGNO DI MACCHINE Interpretazione di assiemi: giunti per alberi coassiali DISEGNO DI MACCHINE Interpretazione di assiemi: giunti per alberi coassiali Giunti Quando è necessario trasmettere potenza da un albero all altro senza variare velocità, si ricorre all uso di giunti. I

Dettagli

Esempi di meccanismi e componenti meccanici

Esempi di meccanismi e componenti meccanici Esempi di meccanismi e componenti meccanici Cuscinetti Figura 1 - cuscinetto di strisciamento In questo tipo di cuscinetto il flusso di olio lubrificante è garantito dalla presenza dell anello centrale

Dettagli

CORSO DI LAUREA IN ING. ELETTRICA CORSO DI MECCANICA E TECNICA DELLE COSTRUZIONI MECCANICHE ANNO ACCADEMICO VERIFICA DI RIGIDEZZA DI ALBERO

CORSO DI LAUREA IN ING. ELETTRICA CORSO DI MECCANICA E TECNICA DELLE COSTRUZIONI MECCANICHE ANNO ACCADEMICO VERIFICA DI RIGIDEZZA DI ALBERO CORSO DI LAUREA IN ING. ELETTRICA CORSO DI MECCANICA E TECNICA DELLE COSTRUZIONI MECCANICHE ANNO ACCADEMICO 25-6 VERIFICA DI RIGIDEZZA DI ALBERO E' dato l'albero riportato in Figura, recante all'estermità

Dettagli

DISEGNO TECNICO INDUSTRIALE. Lezione Trasmissioni meccaniche

DISEGNO TECNICO INDUSTRIALE. Lezione Trasmissioni meccaniche UNIVERSITÀ DI LECCE Corso di Laurea in Ingegneria Meccanica, Gestionale e dei Materiali DISEGNO TECNICO INDUSTRIALE Lezione Trasmissioni meccaniche 1 Argomenti della lezione Trasmissioni del moto rotatorio

Dettagli

Università del Salento Facoltà di Ingegneria. Costruzione di Macchine

Università del Salento Facoltà di Ingegneria. Costruzione di Macchine Università del Salento Facoltà di Ingegneria Costruzione di Macchine I giunti meccanici a cura dell ing. Riccardo Nobile 1 I giunti meccanici I giunti sono degli organi meccanici utilizzati per realizzare

Dettagli

I cuscinetti sono componenti rotanti che servono da supporto a componenti meccanici in rotazione come ad esempio gli alberi.

I cuscinetti sono componenti rotanti che servono da supporto a componenti meccanici in rotazione come ad esempio gli alberi. Cuscinetti I cuscinetti sono componenti rotanti che servono da supporto a componenti meccanici in rotazione come ad esempio gli alberi. Si possono suddividere fondamentalmente in due tipi: cuscinetti strisciamento

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA Facoltà di Ingegneria A.A. 2009/10

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA Facoltà di Ingegneria A.A. 2009/10 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA Facoltà di Ingegneria A.A. 2009/10 Corso di Disegno Tecnico Industriale per i Corsi di Laurea triennale in Ingegneria Meccanica e in Ingegneria dell Energia Elementi di

Dettagli

Anno accademico 2005-06

Anno accademico 2005-06 Universita degli Studi di Firenze Dipartimento di Meccanica e Tecnologie Industriali CORSO DI: DISEGNO MECCANICO (FI) CORSO DI: DISEGNO TECNICO IND.LE (PO) Docenti: Anno accademico 2005-06 Modulo 6: Elementi

Dettagli

M296 - ESAME DI STATO DI ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

M296 - ESAME DI STATO DI ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE Pag. 1/1 Sessione ordinaria 007 Seconda prova scritta M96 - ESAME DI STATO DI ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE CORSO DI ORDINAMENTO Indirizzo: MECCANICA Tema di: DISEGNO, PROGETTAZIONE ED ORGANIZZAZIONE INDUSTRIALE

Dettagli

MECCANICA APPLICATA E MACCHINE A FLUIDO

MECCANICA APPLICATA E MACCHINE A FLUIDO MECCNIC PPLICT E MCCHINE FLUIDO Taccia n 2 Sessione ordinaria 204 Lo schema in figura rappresenta una smerigliatrice con due mole, azionata da un motore elettrico, tramite una trasmissione con cinghie

Dettagli

INDICE 3 INTRODUZIONE 17 CAPITOLO 1

INDICE 3 INTRODUZIONE 17 CAPITOLO 1 INDICE Pagina INDICE 3 INTRODUZIONE 17 CAPITOLO 1 VM MOTORI E KISSsoft AG: STORIA E PRESENTE DELLE AZIENDE... 19 1.1 VM MOTORI 19 1.1.1 Le tappe fondamentali della storia.....20 1.1.2 La produzione attuale.....22

Dettagli

Il Vostro partner ROBA -DS. Giunti di transmissione torsionalmente rigidi K.950.V14.IT

Il Vostro partner ROBA -DS. Giunti di transmissione torsionalmente rigidi K.950.V14.IT Il Vostro partner ROBA D Giunti di transmissione torsionalmente rigidi K.95.V4.IT www..com ROBA D Il Vostro partner Tecnologicamente superiore Insensibile ai carichi alternati fino al % della coppia nominale

Dettagli

È una condizione di isostaticità (che è anche l'unica condizione che si studia alle superiori). M F = F L 2

È una condizione di isostaticità (che è anche l'unica condizione che si studia alle superiori). M F = F L 2 Meccanica Dimensionamento dei perni (calcolare il diametro) Un perno può essere equiparato a questa trave, con gdl=3 e gdv=3 e quindi con gdl=gdv è un sistema staticamente determinato. cuscinetto intermedio

Dettagli

ALBERI SCANALATI E BUSSOLE

ALBERI SCANALATI E BUSSOLE Gli alberi scanalati e le bussole di scorrimento sono elementi trasmittenti unificati che si integrano nel nostro programma di vendita. Potranno trovare impiego dove risultano necessarie grandi forze di

Dettagli

L Unità didattica in breve

L Unità didattica in breve L Unità didattica in breve Generalità su macchine e meccanismi La Meccanica applicata alle macchine studia gli elementi che le compongono, riguardo ai reciproci movimenti, alle forze, alle masse, alle

Dettagli

INGRANAGGI CILINDRICI e CREMAGLIERE. INGRANAGGI CILINDRICI CON MOZZO LATERALE pag. 4 INGRANAGGI CILINDRICI SENZA MOZZO pag. 7 CREMAGLIERE pag.

INGRANAGGI CILINDRICI e CREMAGLIERE. INGRANAGGI CILINDRICI CON MOZZO LATERALE pag. 4 INGRANAGGI CILINDRICI SENZA MOZZO pag. 7 CREMAGLIERE pag. INGRANAGGI CILINDRICI e CREMAGLIERE INGRANAGGI CILINDRICI CON MOZZO LATERALE pag. 4 INGRANAGGI CILINDRICI SENZA MOZZO pag. 7 CREMAGLIERE pag. 9 INGRANAGGI CILINDRICI E CREMAGLIERE INGRANAGGI CILINDRICI

Dettagli

Giunti cardanici massicci e trasmissioni telescopiche. Linear and motion solutions

Giunti cardanici massicci e trasmissioni telescopiche. Linear and motion solutions Giunti cardanici massicci e trasmissioni telescopiche Linear and motion solutions INDUSTRY 1 Giunti cardanici massicci e trasmissioni telescopiche INDUSTRY INDUSTRY Sommario Giunti cardanici massicci Serie

Dettagli

Cuscinetti a strisciamento e a rotolamento

Cuscinetti a strisciamento e a rotolamento Cuscinetti a strisciamento e a rotolamento La funzione dei cuscinetti a strisciamento e a rotolamento è quella di interporsi tra organi di macchina in rotazione reciproca. Questi elementi possono essere

Dettagli

CUSCINETTI. Di seguito sono elencati alcune terminologie utilizzate per i cuscinetti.

CUSCINETTI. Di seguito sono elencati alcune terminologie utilizzate per i cuscinetti. CUSCINETTI Il cuscinetto è un organo che si interpone tra un componente mobile e uno e che è in grado di lavorare, se adeguatamente lubrificato, in presenza di elevati carichi e di alte velocità relative

Dettagli

DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA INDUSTRIALE E DELL'INFORMAZIONE anno accademico 2015/16 Registro lezioni del docente DE FALCO DOMENICO

DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA INDUSTRIALE E DELL'INFORMAZIONE anno accademico 2015/16 Registro lezioni del docente DE FALCO DOMENICO DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA INDUSTRIALE E DELL'INFORMAZIONE anno accademico 2015/16 Registro lezioni del docente DE FALCO DOMENICO Attività didattica MECCANICA APPLICATA ALLE MACCHINE [A14099] Periodo di

Dettagli

CUSCINETTI ad ATTRITO VOLVENTE

CUSCINETTI ad ATTRITO VOLVENTE CUSCINETTI ad ATTRITO VOLVENTE tipologie, costruzione, montaggio e calcolo della durata Piero Morelli CUSCINETTI ad ATTRITO VOLVENTE - March 14, 2005 Costruzione di Macchine Lt - a.a. 2004/2005 - p. 1/33

Dettagli

Organi meccanici per la trasmissione del moto

Organi meccanici per la trasmissione del moto Organi meccanici per la trasmissione del moto La trasmissione del moto fra due organi meccanici ha lo scopo di trasportare e/o trasformare il movimento e con esso le forze che lo generano. In una trasmissione

Dettagli

STUDIO E OTTIMIZZAZIONE DI UN GENERATORE EOLICO AD ASSE VERTICALE

STUDIO E OTTIMIZZAZIONE DI UN GENERATORE EOLICO AD ASSE VERTICALE Università degli Studi di Bologna FACOLTA DI INGEGNERIA Corso di Laurea in Ingegneria Meccanica Laboratorio CAD L STUDIO E OTTIMIZZAZIONE DI UN GENERATORE EOLICO AD ASSE VERTICALE Tesi di Laurea di: JACOPO

Dettagli

ITIS OTHOCA ORISTANO INNESTI E FRIZIONI

ITIS OTHOCA ORISTANO INNESTI E FRIZIONI ITIS OTHOCA ORISTANO INNESTI E FRIZIONI Prof. Ignazio Peddis A.S. 2007/08 Gli innesti Si definisce INNESTO un organo meccanico capace di rendere solidali due estremità di albero coassiali, in modo da permettere

Dettagli

Introduzione. SIT SpA Via Watt, Milano - T F SUPER TORQUE STPD (010.04)

Introduzione. SIT SpA Via Watt, Milano - T F SUPER TORQUE STPD (010.04) Introduzione SIT SpA Via Watt, 15-20143 - Milano - T 02.891441 F 02.89122337 - info@sitspa.it - SUPER TORQUE STPD (010.04) Importante - Vogliate consultare l ufficio vendite SIT per il dimensionamento

Dettagli

-7b - FRESATURA FRESATURA

-7b - FRESATURA FRESATURA -7b - FRESATURA 1 FRESATURA La fresatura è una lavorazione per asportazione di materiale che consente di ottenere una vasta gamma di superfici (piani, scanalature, spallamenti, ecc.) mediante l azione

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA Disciplina: DISEGNO PROGETTAZIONE ED ESERCITAZIONI Docente: Classe: 4 CA A.S. 2009/2010 Libri di Testo: L. Caligaris, S. Fava, C. Tomasello DAL PROGETTO AL PRODOTTO Vol. B Ed.

Dettagli

RUOTE DENTATE ELICOIDALI AD ASSI PARALLELI

RUOTE DENTATE ELICOIDALI AD ASSI PARALLELI RUOTE DENTATE ELICOIDALI AD ASSI PARALLELI Non interessa qui trattare del taglio delle ruote dentate elicoidali, basti ricordare che le superfici dei denti sono delle superfici coniugate a evolvente come

Dettagli

MECCANICA APPLICATA E MACCHINE A FLUIDO

MECCANICA APPLICATA E MACCHINE A FLUIDO Meccanica e Macchine ese 01 MECCNIC PPLICT E MCCHINE FLUIDO Sessione ordinaria 01 Lo schema di fig. 1 rappresenta un albero per motore elettrico che deve trascinare una puleggia calettata ad una estremità.

Dettagli

Fresatura. LIUC - Ingegneria Gestionale 1

Fresatura. LIUC - Ingegneria Gestionale 1 Fresatura LIUC - Ingegneria Gestionale 1 Fresatura È un operazione che consente di realizzare in generale: Superfici piane Scanalature e cave di forma semplice e complessa Denti di ruote dentate Per fresare

Dettagli

Gradi di libertà e vincoli. Moti del corpo libero

Gradi di libertà e vincoli. Moti del corpo libero Gradi di libertà e vincoli Moti del corpo libero Punto materiale Il punto materiale descrive un corpo di cui interessa individuare solo la sua posizione Nel piano la posizione di un punto si individua

Dettagli

GIUNTI DI PRECISIONE MARZORATI. drive your motion GIUNTI AD ELASTOMERO: LKE - KE2 - HKE GIUNTI A SOFFIETTO: KB2 - HKB - LKB ALLUNGHE: AZ - EAZ - ZE2

GIUNTI DI PRECISIONE MARZORATI. drive your motion GIUNTI AD ELASTOMERO: LKE - KE2 - HKE GIUNTI A SOFFIETTO: KB2 - HKB - LKB ALLUNGHE: AZ - EAZ - ZE2 drive your motion GIUNTI DI PRECISIONE MARZORATI GIUNTI AD ELASTOMERO: LKE - KE2 - HKE GIUNTI A SOFFIETTO: KB2 - HKB - LKB ALLUNGHE: AZ - EAZ - ZE2 IT La Nostra Gamma GIUNTI AD ELASTOMERO LKE Da 0.5 a

Dettagli

Alcune definizioni utili: - MECCANISMO: sistema meccanico composto da più corpi che hanno la possibilità di moto relativo tra di loro;

Alcune definizioni utili: - MECCANISMO: sistema meccanico composto da più corpi che hanno la possibilità di moto relativo tra di loro; (pp. 12-27) Numero dei gradi di libertà dei meccanismi Sistemi meccanici e meccanismi Alcune definizioni utili: - MECCANISMO: sistema meccanico composto da più corpi che hanno la possibilità di moto relativo

Dettagli

FRACOM CARATTERISTICHE COSTRUTTIVE

FRACOM CARATTERISTICHE COSTRUTTIVE FA 270/320/350 CARATTERISTICHE COSTRUTTIVE STRUTTURE PORTANTI Tutte le strutture sono ricavate da fusione di ghisa perlitica ad alta resistenza e termicamente stabilizzata, particolarmente adatta alla

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BERGAMO Facoltà di Ingegneria

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BERGAMO Facoltà di Ingegneria UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BERGAMO Facoltà di Ingegneria COSTRUZIONE DI MACCHINE prof. Sergio Baragetti Allievi del corso di Laurea in Ingegneria Meccanica Testi delle esercitazioni per l Anno Accademico

Dettagli

CUSCINETTI VOLVENTI. Introduzione

CUSCINETTI VOLVENTI. Introduzione CUSCINETTI VOLVENTI 377 Introduzione Un cuscinetto volvente (o a rotolamento) è un elemento posizionato tra un albero (parte ruotante) ed un supporto (parte fissa). La rotazione relativa tra la parte fissa

Dettagli

Università degli Studi della Calabria. Collegamenti smontabili non filettati

Università degli Studi della Calabria. Collegamenti smontabili non filettati Collegamenti smontabili non filettati Collegamenti albero-mozzo ELEMENTI ESIGENZE Anelli Scanalati Chiavette Linguette Spine elastici a Impedimento alla rotazione si si si si Impedimento alla traslazione

Dettagli

Costruzione di Macchine Verifica a fatica degli elementi delle macchine

Costruzione di Macchine Verifica a fatica degli elementi delle macchine Costruzione di Macchine Verifica a fatica degli elementi delle macchine In figura 1 è rappresentato schematicamente un mescolatore: l albero con la paletta è mosso da un motore elettrico asincrono trifase

Dettagli

Compito di Fisica Generale (Meccanica) 25/01/2011

Compito di Fisica Generale (Meccanica) 25/01/2011 Compito di Fisica Generale (Meccanica) 25/01/2011 1) Un punto materiale di massa m è vincolato a muoversi su di una guida orizzontale. Il punto è attaccato ad una molla di costante elastica k. La guida

Dettagli

Dinamica del punto materiale: problemi con gli oscillatori.

Dinamica del punto materiale: problemi con gli oscillatori. Dinamica del punto materiale: problemi con gli oscillatori. Problema: Una molla ideale di costante elastica k = 300 Nm 1 e lunghezza a riposo l 0 = 1 m pende verticalmente avendo un estremità fissata ad

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Pag. 1/2 Sessione ordinaria 2016 Seconda prova scritta Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M553 ESAME DI STATO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE Indirizzo: ITMM - MECCANICA, MECCATRONICA

Dettagli

Analisi ed ottimizzazione di un impianto propulsivo a due motori per un addestratore avanzato

Analisi ed ottimizzazione di un impianto propulsivo a due motori per un addestratore avanzato ALMA MATER STUDIORUM- UNIVERSITA DI BOLOGNA Corso di Laurea in Ingegneria Meccanica Sede Forlì Analisi ed ottimizzazione di un impianto propulsivo a due motori per un addestratore avanzato CANDIDATO Mirko

Dettagli

DIMENSIONAMENTO DI MASSIMA DI UNA TRASMISSIONE PER MOTORE DIESEL AERONAUTICO

DIMENSIONAMENTO DI MASSIMA DI UNA TRASMISSIONE PER MOTORE DIESEL AERONAUTICO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BOLOGNA SECONDA FACOLTA DI INGEGNERIA CON SEDE A CESENA ELABORATO FINALE DI LAUREA in Disegno Tecnico Industriale DIMENSIONAMENTO DI MASSIMA DI UNA TRASMISSIONE PER MOTORE DIESEL

Dettagli

Trasmissioni a cinghia per variatore

Trasmissioni a cinghia per variatore Trasmissioni a cinghia per variatore Trasmissioni a cinghia per variatore INDICE Trasmissioni a cinghia per variatore Pag. Cinghie per variatore SIT IO Descrizione serie CV 119 Sezioni e caratteristiche

Dettagli

STUDIO E OTTIMIZZAZIONE DI UN RIDUTTORE AD ELICHE CONTROROTANTI PER UN ADDESTRATORE ACROBATICO

STUDIO E OTTIMIZZAZIONE DI UN RIDUTTORE AD ELICHE CONTROROTANTI PER UN ADDESTRATORE ACROBATICO Università degli Studi di Bologna FACOLTA DI INGEGNERIA Corso di Laurea in Ingegneria Meccanica STUDIO E OTTIMIZZAZIONE DI UN RIDUTTORE AD ELICHE CONTROROTANTI PER UN ADDESTRATORE ACROBATICO Candidato:

Dettagli

A livello internazionale il sistema di tolleranze è stabilito dalle tabelle UNI ISO 286/1-2

A livello internazionale il sistema di tolleranze è stabilito dalle tabelle UNI ISO 286/1-2 Questi appunti sono stati scritti e diffusi al solo scopo di aiutare gli allievi del corso di Tecnologia Meccanica, Laurea in Ingegneria Meccanica dell Università di Roma La Sapienza. Qualunque altro uso

Dettagli

Comportamento Meccanico dei Materiali. 4 Soluzione degli esercizi proposti. Esercizio 4-1

Comportamento Meccanico dei Materiali. 4 Soluzione degli esercizi proposti. Esercizio 4-1 Esercizio 4-1 Una piastra in S355 EN 1007/1 (Fe510 UNI 7070) delle dimensioni indicate in figura viene sollecitata da un carico assiale T 64 kn. Con riferimento alla sezione con intaglio, calcolare i coefficienti

Dettagli

Giunti cardanici massicci e trasmissioni telescopiche

Giunti cardanici massicci e trasmissioni telescopiche Giunti cardanici massicci e trasmissioni telescopiche Linear and Motion Solutions GM 34 Giunti cardanici massicci e trasmissioni telescopiche Sommario Criteri di scelta dei giunti 3 pagina Giunti cardanici

Dettagli

Calettatori Shrink Discs Giunti rigidi.

Calettatori Shrink Discs Giunti rigidi. M I N I Calettatori Shrink Discs Giunti rigidi www.mav.it la nostra Azienda Nata nel 1989, MAV ha sede a Bosentino, nel Nord Italia, a pochi passi dalle Dolomiti, una delle più belle zone delle Alpi. Siamo

Dettagli

STUDIO E OTTIMIZZAZIONE DI UN RIDUTTORE ELICA PER UTILIZZO AERONAUTICO

STUDIO E OTTIMIZZAZIONE DI UN RIDUTTORE ELICA PER UTILIZZO AERONAUTICO Università degli Studi di Forlì Seconda Facoltà di Ingegneria con sede a Cesena Corso di Laurea in Ingegneria Meccanica Disegno assistito dal Calcolatore STUDIO E OTTIMIZZAZIONE DI UN RIDUTTORE ELICA PER

Dettagli

le lavorazioni a freddo asportazione di

le lavorazioni a freddo asportazione di le lavorazioni a freddo asportazione di le lavorazioni ad asportazione di truciolo la struttura truciolo delle macchine utensili lo studio del processo di asportazione di truciolo riveste un importanza

Dettagli

Progetto e costruzione di macchine 2/ed Joseph E. Shigley, Charles R. Mischke, Richard G. Budynas Copyright 2009 The McGraw-Hill Companies srl

Progetto e costruzione di macchine 2/ed Joseph E. Shigley, Charles R. Mischke, Richard G. Budynas Copyright 2009 The McGraw-Hill Companies srl Copyright 2009 The Companies srl Esercizi aggiuntivi capitolo 16 16.2 Per il freno dell Esercizio 16-1 (vedi libro), si considerino le medesime posizioni del perno e del punto di azione della forza. Si

Dettagli

Elementi di macchine 9 Elementi di macchine Generalità La costruzione di una macchina si basa anche sull utilizzo di componenti commerciali normalizzati; tali componenti possono essere impiegati come reperiti

Dettagli