Blocchi funzione: FbModbusAsciiMs

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Blocchi funzione: FbModbusAsciiMs"

Transcript

1 Pagina 1 di 6 ELSIST Srl, Blocchi funzione MNL041Q000 FbModbusAsciiMs Questo blocco funzione permette lo scambio di dati tra due sistemi, uno master ed uno slave, utilizzando una connessione MODBUS ASCII in linea seriale. Per la comunicazione con i sistemi slave il blocco funzione utilizza le funzioni MODBUS 41: Read memory bytes (User function) e 42: Write memory bytes (User function), si rimanda alla documentazione del blocco funzione FbModbusAsciiSl per la documentazione completa delle funzioni utilizzate. Per un esempio di rete di comunicazione tra un sistema master e due o piu sistemi slave, fare riferimento a HT001. Code:PFB044 Prototype FbModbusAsciiMs.h History report Declaration void FbModbusAsciiMs(FBMODBUSASCIIMSDATA* S); Parameters FBMODBUSASCIIMSDATA* S Data ure address (Range from 0x0000 to 0xFFFF) Return value None Struttura dati Il blocco funzione utilizza una struttura dati di 64 bytes di cui forniamo prototipo. I membri riportati sotto l'indicazione di Internal use only members sono utilizzati internamente dal blocco funzione e non devono essere modificati dal programma utente. typedef // [Members that can be managed by user program]-- BOOL Enable:1; //Enable BOOL ResetCtrs:1; //Resets all the counters BOOL b2:1; BOOL b3:1; BOOL DoWrite:1; //Write memory bytes BOOL DoRead:1; //Read memory bytes BOOL DoWrRd:1; //Write/read memory bytes BOOL b7:1; }Command; //Command BOOL Enabled:1; //Enabled BOOL JobDone:1; //Command executed BOOL b2:1; BOOL b3:1; BOOL Timeouts:1; //Timeout error BOOL Overruns:1; //Overrun error BOOL CommErrs:1; //Communication error BOOL Parameters:1; //Parameter error }Status; //Status unsigned char NodeAdd; //Node address unsigned char Dummy1; unsigned int WrLcStAd; //Master send data start address unsigned int WrRmStAd; //Slave receive data start address unsigned char WrBytes; //Number of bytes to send (from 0x00 to 0x20) unsigned char Dummy2; unsigned int RdLcStAd; //Master receive data start address

2 Pagina 2 di 6 unsigned int RdRmStAd; //Slave send data start address unsigned char RdBytes; //Number of bytes to receive (from 0x00 to 0x20) unsigned char Dummy3; unsigned int CommndWt; //Wait time before start (msec) unsigned int TimeOutCk; //Timeout Check (msec) unsigned char Dummy4; unsigned int Timeouts; //Timeout error counter unsigned int Overruns; //Overrun error counter unsigned int CommErrs; //Communication error counter unsigned int TxFrames; //Transmit string counter unsigned int RxFrames; //Received string counter unsigned int PLCMemStart; //Start PLC memory unsigned char Dummy5; unsigned char FrameLength; //Rx/Tx frame Length unsigned char* FrameBuf; //Rx/Tx frame buffer // [Internal use only members]--... }FBMODBUSASCIIMSDATA; 00 Command Bits di comando del blocco funzione, il programma utente può gestire questi bits in funzione delle proprie necessità. 0 Enable FALSE: Disabilita l'fb, la comunicazione si arresta. Disabilitando l'fb si azzerano anche tutti i bits di errore in Status e tutti gli altri bits di comando non sono piu attivi. TRUE: Abilita l'fb e si attiva la comunicazione. 1 ResetCtrs TRUE: Esegue il reset di tutti i counters, il bit viene automaticamente resettato. 4 DoWrite TRUE: Comanda il trasferimento dei dati verso il sistema slave. Con l'inizio della esecuzione comando il bit viene automaticamente resettato. 5 DoRead TRUE: Comanda la lettura dei dati dal sistema slave. Con l'inizio della esecuzione comando il bit viene automaticamente resettato. 6 DoWrRd TRUE: Comanda il trasferimento dei dati verso il sistema slave e la sucessiva lettura. Con l'inizio della esecuzione comando il bit viene automaticamente resettato. 01 Status Bits di stato del blocco funzione, il programma utente può testare questi bits. 0 Enabled TRUE: Indica che la FB è stata abilitata. 1 JobDone Attivato per un loop di programma al termine della esecuzione del comando richiesto. 4 Timeouts TRUE: Indica un errore di timeout esecuzione comando, il sistema slave non ha risposto alla richiesta inviata. Si resetta azzerando il bit Command.Enable. 5 Overruns TRUE: Indica un errore di overruns in ricezione risposta da linea seriale, è stato ricevuto un numero di caratteri maggiore della lunghezza buffer di ricezione. Si resetta azzerando il bit Command.Enable. 6 CommErrs TRUE: Indica un errore in ricezione risposta da linea seriale, è stato ricevuto un carattere errato od un numero di caratteri diverso da quello atteso. Si resetta azzerando il bit Command.Enable. 7 Parameters TRUE: Indica un errore nei parametri impostati nella struttura dati della FB. Si resetta azzerando il bit Command.Enable. 02 NodeAdd Caricato dal programma utente, definisce l'indirizzo di nodo slave con cui comunicare (Da 0x00 a 0xFF). 04 WrLcStAd Caricato dal programma utente, definisce l indirizzo di inizio dell area dati sistema master da trasferire verso il sistema slave (Da 0x0000 a 0xFFFF). 06 WrRmStAd Caricato dal programma utente, definisce l'indirizzo di inizio dell area del sistema slave in cui vengono trasferiti i dati letti dal sistema master (Da 0x0000 a 0xFFFF). L'indirizzo utilizzato dal comando MODBUS per la scrittura dei dati sul sistema slave sarà la somma tra questo valore ed il valore di PLCMemStart. 08 WrBytes Caricato dal programma utente, definisce il numero di bytes da trasferire verso il sistema slave (Da 1 a 32). 0A RdLcStAd Caricato dal programma utente, definisce l'indirizzo di inizio dell area del sistema master in cui vengono trasferiti i dati letti dal sistema slave (Da 0x0000 a 0xFFFF). 0C RdRmStAd Caricato dal programma utente, definisce l'indirizzo di inizio dell area del sistema slave da cui verranno letti i dati che saranno trasferiti nel sistema master (Da 0x0000 a 0xFFFF). L'indirizzo utilizzato dal comando MODBUS per la lettura

3 Pagina 3 di 6 dei dati dal sistema slave sarà la somma tra questo valore ed il valore di PLCMemStart. 0E RdBytes Caricato dal programma utente, definisce il numero di bytes da leggere dal sistema slave (Da 1 a 32). 10 CommndWt Caricato dal programma utente, definisce il tempo di attesa espresso in millisecondi che intercorre tra il termine della esecuzione di un comando (si ricorda che ogni comando è sempre composto da un invio di un frame comando ed una ricezione della relativa risposta) e l'avvio del comando successivo. In caso di comando DoWrRd rappresenta il tempo che intercorre tra il termine del comando di write e l invio del successivo comando di read (Da 0x0000 a 0xFFFF). 12 TimeOutCk Caricato dal programma utente, definisce il tempo disponibile per l'esecuzione un comando espresso in millisecondi (Da 0x0000 a 0xFFFF). 16 Timeouts Contiene il conteggio del numero di errori di timeouts occorsi sia in ricezione che in trasmissione (Da 0x0000 a 0xFFFF). Può essere azzerato da programma utente oppure attivando il bit Command.ResetCtrs. 18 Overruns Contiene il conteggio del numero di errori di overrun occorsi in ricezione (Da 0x0000 a 0xFFFF). Può essere azzerato da programma utente oppure attivando il bit Command.ResetCtrs. 1A CommErrs Contiene il conteggio del numero di errori di comunicazione occorsi in ricezione (Da 0x0000 a 0xFFFF). Può essere azzerato da programma utente oppure attivando il bit Command.ResetCtrs. 1C TxFrames Contiene il conteggio del numero stringhe di comando trasmesse (Da 0x0000 a 0xFFFF). Può essere azzerato da programma utente oppure attivando il bit Command.ResetCtrs. 1E RxFrames Contiene il conteggio del numero di stringhe di risposta ricevute (Da 0x0000 a 0xFFFF). Può essere azzerato da programma utente oppure attivando il bit Command.ResetCtrs. 20 PLCMemStart Caricato dal programma utente, definisce l'indirizzo di allocazione delle variabili PLC in memoria sul sistema slave (Da 0x0000 a 0xFFFF). L'indirizzo utilizzato dal comando MODBUS per la scrittura dei dati sul sistema slave sarà la somma tra questo valore ed il valore di WrRmStAd. L'indirizzo utilizzato dal comando MODBUS per la lettura dei dati sul sistema slave sarà la somma tra questo valore ed il valore di RdRmStAd. 23 FrameLength Caricato dal programma utente, definisce la dimensione in byte del buffer di ricezione/trasmissione frames (Da 12 a 255). Per mantenere la compatibilità con le precedenti versioni occorre definire una dimensione del buffer di 40 bytes. 24 FrameBuf Caricato da programma utente, definisce l'indirizzo di allocazione del buffer di ricezione/trasmissione frames (Da 0x0000 a 0xFFFF). Esempio RIL Nel seguente esempio viene eseguita la gestione della comunicazione Modbus con un sistema slave, il sistema master ed il sistema slave si scambiano automaticamente banchi di memoria. Per testarne il funzionamento basterà connettere il sistema master con un sistema slave su cui deve essere eseguito un programma che gestisce il blocco funzione FbModbusAsciiSl di gestione modbus slave. buffer") ; Here define the data buffer to communicate with the slave system. DEFG Y ToSlave KD 4 DEFG Y ToY0000 Y ToSlave KH 0000 ; ToSlave, Y 0000 DEFG Y ToY0001 Y ToSlave KH 0001 ; ToSlave, Y 0001 DEFG W ToW0002 Y ToSlave KH 0002 ; ToSlave, W 0002 DEFG Y FromSlave KD 2 DEFG Y FromY0020 Y FromSlave KH 0000 ; FromSlave, Y 0020 DEFG Y FromY0021 Y FromSlave KH 0001 ; FromSlave, Y 0021

4 Pagina 4 di 6 definitions") ; MODBUS master communication, data ure. DEFL Y Mdb KD 64 DEFL Y MdbCommand Y Mdb KH 0000 ; Mdb.Command DEFL Y MdbStatus Y Mdb KH 0001 ; Mdb.Status DEFL Y MdbNodeAdd Y Mdb KH 0002 ; Mdb.NodeAdd DEFL W MdbWrLcStAd Y Mdb KH 0004 ; Mdb.WrLcStAd DEFL W MdbWrRmStAd Y Mdb KH 0006 ; Mdb.WrRmStAd DEFL Y MdbWrBytes Y Mdb KH 0008 ; Mdb.WrBytes DEFL W MdbRdLcStAd Y Mdb KH 000A ; Mdb.RdLcStAd DEFL W MdbRdRmStAd Y Mdb KH 000C ; Mdb.RdRmStAd DEFL Y MdbRdBytes Y Mdb KH 000E ; Mdb.RdBytes DEFL W MdbCommndWt Y Mdb KH 0010 ; Mdb.CommndWt DEFL W MdbTimeOutCk Y Mdb KH 0012 ; Mdb.TimeOutCk DEFL W MdbTimeouts Y Mdb KH 0016 ; Mdb.Timeouts DEFL W MdbOverruns Y Mdb KH 0018 ; Mdb.Overruns DEFL W MdbCommErrs Y Mdb KH 001A ; Mdb.CommErrs DEFL W MdbTxFrames Y Mdb KH 001C ; Mdb.TxFrames DEFL W MdbRxFrames Y Mdb KH 001E ; Mdb.RxFrames DEFL W MdbPLCMemStart Y Mdb KH 0020 ; Mdb.PLCMemStart DEFL Y MdbFrameLength Y Mdb KH 0023 ; Mdb.FrameLength DEFL W MdbFrameBuf Y Mdb KH 0024 ; Mdb.FrameBuf ; Rx/Tx frame buffer definition. DEFL Y FrameBuf KD 40 init") ; MODBUS master communication, variables settings. ORGR LODT F PLCFirstLoop MOVI Y MdbNodeAdd KD 0 ; Mdb.NodeAdd MOVA W MdbWrLcStAd Y ToSlave ; Mdb.WrLcStAd MOVI W MdbWrRmStAd KH 0000 ; Mdb.WrRmStAd MOVI Y MdbWrBytes KD 4 ; Mdb.WrBytes MOVA W MdbRdLcStAd Y FromSlave ; Mdb.RdLcStAd MOVI W MdbRdRmStAd KH 0020 ; Mdb.RdRmStAd MOVI Y MdbRdBytes KD 2 ; Mdb.RdBytes MOVI W MdbCommndWt KD 40 ; Mdb.CommndWt MOVI W MdbTimeOutCk KD 500 ; Mdb.TimeOutCk MOVI W MdbPLCMemStart KH 0000 ; Mdb.PLCMemStart MOVI Y MdbFrameLength KD 40 ;Mdb.FrameLength MOVA W MdbFrameBuf Y FrameBuf ;Mdb.FrameBuf LTCH Y MdbCommand BD 1 ;Mdb.Command.ResetCtrs communication, master management") ; MODBUS master communication management. ; [End of file] ORGR SETR SETV KE IOSerialPortA TASK L FbModbusAsciiMs Y Mdb ; MODBUS master management LTCH Y MdbCommand BD 0 ;Mdb.Command.Enable LTCH Y MdbCommand BD 6 ;Mdb.Command.DoWrRd Esempio "C"

5 Pagina 5 di 6 Nel seguente esempio viene eseguita la gestione della comunicazione Modbus con un sistema slave, il sistema master ed il sistema slave si scambiano automaticamente banchi di memoria. Per testarne il funzionamento basterà connettere il sistema master con un sistema slave su cui deve essere eseguito un programma che gestisce il blocco funzione FbModbusAsciiSl di gestione modbus slave. // FILE INCLUSIONS #include <ElSystemLib.h> #include <ElPLCLib.h> #include <FbModbusAsciiMs.h> // GENERAL DEFINITIONS #define MDBFRAMELENGTH 40 //Modbus frame length // DATA BUFFER DEFINITIONS // Here define the data buffer to communicate with the slave system. unsigned char Byte0; //To slave system, byte 0 unsigned char Byte1; //To slave system, byte 1 unsigned int Word2; //To slave system, word 2 }ToSlave; //Data buffer to slave unsigned char Byte0; //From slave system, byte 0 unsigned char Byte1; //From slave system, byte 1 }FromSlave; //Data buffer from slave // EXAMPLE PROGRAM void Example(void) // Local variable definitions. static FBMODBUSASCIIMSDATA Mdb; //MODBUS master data ure static unsigned char FrameBuf[MDBFRAMELENGTH]; //Rx/Tx frame buffer // PROGRAM INIT // Execute the system init at first program execution loop. if (PLCFirstLoop) // Set variables to manage the MODBUS master communication. Mdb.NodeAdd=0; //Node address Mdb.WrLcStAd=(unsigned int)&toslave; //Master send data start address Mdb.WrRmStAd=0x0000; //Slave receive data start address Mdb.WrBytes=sizeof(ToSlave); //Number of bytes to send Mdb.RdLcStAd=(unsigned int)&fromslave; //Master receive data start address Mdb.RdRmStAd=0x0004; //Slave send data start address Mdb.RdBytes=sizeof(FromSlave); //Number of bytes to receive Mdb.TimeOutCk=500; //Timeout Check (msec)

6 Pagina 6 di 6 } Mdb.CommndWt=0; //Wait time before start (msec) Mdb.PLCMemStart=0x0000; //Start PLC memory Mdb.FrameLength=MDBFRAMELENGTH; //Rx/Tx frame length Mdb.FrameBuf=&FrameBuf; //Rx/Tx frame buffer Mdb.Command.Enable=FALSE; //Enable Mdb.Command.ResetCtrs=TRUE; //Resets all the counters // MODBUS MASTER COMMUNICATION // MODBUS master communication call. } SetTermIOVectors(IOSerialPortA); FbModbusAsciiMs(&Mdb); //MODBUS master management Mdb.Command.Enable=TRUE; //Enable Mdb.Command.DoWrite=TRUE; //Write memory bytes // [End of file]

Configurazione moduli I/O serie EX

Configurazione moduli I/O serie EX Configurazione moduli I/O serie EX aggiornamento: 20-12-2014 IEC-line by OVERDIGIT overdigit.com Tabella dei contenuti 1. Moduli di I/O con protocollo Modbus... 3 1.1. Parametri di comunicazione... 4 1.2.

Dettagli

MODBUS-RTU per. Specifiche protocollo di comunicazione MODBUS-RTU per controllo in rete dispositivi serie. Expert NANO 2ZN

MODBUS-RTU per. Specifiche protocollo di comunicazione MODBUS-RTU per controllo in rete dispositivi serie. Expert NANO 2ZN per Expert NANO 2ZN Specifiche protocollo di comunicazione MODBUS-RTU per controllo in rete dispositivi serie Expert NANO 2ZN Nome documento: MODBUS-RTU_NANO_2ZN_01-12_ITA Software installato: NANO_2ZN.hex

Dettagli

7.16 Funzioni ed FB gestione modem

7.16 Funzioni ed FB gestione modem 7.16 Funzioni ed FB gestione modem Le funzioni ed i blocchi funzione per la gestione del modem utilizzano un modem GSM connesso ad un terminale di I/O del sistema (Tipicamente è utilizzata una porta seriale).

Dettagli

Comunicazione. Prof. Antonino Mazzeo. Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica

Comunicazione. Prof. Antonino Mazzeo. Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica Comunicazione Seriale Prof. Antonino Mazzeo Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica UART/USART Intel 8251A Standard Universal Synchronous/Asynchronous Receiver/Trasmitter (USART) Progettata

Dettagli

Descrizione del protocollo

Descrizione del protocollo EFA Automazione S.r.l.Serial Bridge 3 - Modbus RTU slave to Atlas Copco Power MACS (01 ITA).doc pag. 1 / 8 Descrizione del protocollo Sulla porta seriale collegata ad ATLAS COPCO vengono intercettate le

Dettagli

EFA Automazione S.r.l. Serial Bridge 3 - Modbus RTU slave to EIB (01 ITA).doc pag. 1 / 9

EFA Automazione S.r.l. Serial Bridge 3 - Modbus RTU slave to EIB (01 ITA).doc pag. 1 / 9 EFA Automazione S.r.l. Serial Bridge 3 - Modbus RTU slave to EIB (01 ITA).doc pag. 1 / 9 Configurazione Una volta lanciato il Configuratore, per creare un nuovo progetto accedere al menu File -> Nuovo

Dettagli

Part. Y1792A - 06/06-01 PC. Protocollo di comunicazione seriale Modbus

Part. Y1792A - 06/06-01 PC. Protocollo di comunicazione seriale Modbus Part. Y1792A - 06/06-01 PC Protocollo di comunicazione seriale Modbus 3 INDICE 1. Protocollo Modbus Pag. 4 1.1 Impostazione parametri di comunicazione Pag. 4 2. Protocollo Modbus RTU Pag. 5 2.1 Funzioni

Dettagli

Indice Generale. Indice Analitico... i. Software Design Kit 1

Indice Generale. Indice Analitico... i. Software Design Kit 1 Indice Generale Capitolo 1 Guida alle API... 1 1.1 Task Scheduler...1 1.1.1 funzioni Task Scheduler... 2 1.2 Serial Virtual Channel 1... 15 1.2.1 funzioni Serial Virtual Channel 1... 17 1.3 Serial Virtual

Dettagli

Capitolo 8 - Protocollo Modbus RTU per Drive SIRCO

Capitolo 8 - Protocollo Modbus RTU per Drive SIRCO Capitolo 8 - Protocollo Modbus RTU per Drive SIRCO 8.1 Introduzione I parametri Drive vengono riferiti nel capitolo come registri Modbus di 16 bit; un parametro Drive di 32 bit occupa quindi 2 registri

Dettagli

Collegamento di processori PLC-5 e SLC tramite rete DH+ Utilizzando processori SLC 5/04

Collegamento di processori PLC-5 e SLC tramite rete DH+ Utilizzando processori SLC 5/04 Guida di riferimento Collegamento di processori PLC-5 e SLC tramite rete DH+ Utilizzando processori SLC 5/04 Questo documento mette insieme la documentazione disponibile di PLC e SLC per mostrarvi come

Dettagli

ISTRUZIONI PER L'UTILIZZO DEL PROTOCOLLO MODBUS

ISTRUZIONI PER L'UTILIZZO DEL PROTOCOLLO MODBUS ISTRUZIONI PER L'UTILIZZO DEL PROTOCOLLO MODBUS INDICE 1. Introduzione... 2 1.1 Abbreviazioni... 2 1.2 Specifiche Modbus... 2 1.3 Tipologia rete Modbus... 2 2. Configurazione MODBUs... 3 2.1 Cablaggio...

Dettagli

EFA Automazione S.r.l. Serial Bridge 3 - Modbus RTU slave to Technolife (01 ITA).doc pag. 1 / 9

EFA Automazione S.r.l. Serial Bridge 3 - Modbus RTU slave to Technolife (01 ITA).doc pag. 1 / 9 EFA Automazione S.r.l. Serial Bridge 3 - Modbus RTU slave to Technolife (01 ITA).doc pag. 1 / 9 Applicazione Integrazione di tutta la gamma di Centrali Techno (Technodin, Techno32, Techno88 e Techno200)

Dettagli

Controllo comunicazioni

Controllo comunicazioni Controllo comunicazioni Il controllo comunicazioni consente di aggiungere nell'applicazione funzioni semplici per comunicazioni attraverso porte seriali nonché funzioni avanzate per la creazione di uno

Dettagli

E-Mail : Info@HenonResearch.com. Http: www.henonresearch.com Pagina 1

E-Mail : Info@HenonResearch.com. Http: www.henonresearch.com Pagina 1 E-Mail : Info@HenonResearch.com Http: www.henonresearch.com Pagina 1 Comunicazione ProfiBus tra PLC Siemens S414-2DP Master e CLX Slave 3 Configurazione Hardware del Master Siemens 3 Descrizione delle

Dettagli

cej_ed Yedjhebb[h MODBUS Device interno Device interno - MODBUS Aggiornato il: 26/02/07

cej_ed Yedjhebb[h MODBUS Device interno Device interno - MODBUS Aggiornato il: 26/02/07 cej_ed Yedjhebb[h MODBUS Device interno Device interno - MODBUS Aggiornato il: 26/02/07 Il presente manuale è pubblicato dalla QEM S.r.l. senza alcun tipo di garanzia e si riserva di apportare modifiche

Dettagli

Assembler di Spim. Assembler di SPIM. Struttura di un programma assembler. Direttive

Assembler di Spim. Assembler di SPIM. Struttura di un programma assembler. Direttive Assembler di Spim Assembler di SPIM Il programma è organizzato in linee Ogni linea può contenere un commento che parte dal carattere # e si estende fino alla fine della linea Ogni linea che non sia bianca

Dettagli

Datalogger. Protocolli di comunicazione. Aggiornamento 09/06/2014. INSTUM_00727_it

Datalogger. Protocolli di comunicazione. Aggiornamento 09/06/2014. INSTUM_00727_it Datalogger Protocolli di comunicazione Aggiornamento 09/06/24 INSTUM_727_it Copyright 20-24 LSI LASTEM. Tutti i diritti riservati. Le informazioni contenute nel presente manuale sono soggette a modifiche

Dettagli

AMICA Antarctic Multiband Infrared CAmera

AMICA Antarctic Multiband Infrared CAmera Protocollo di comunicazione del software di interfaccia dell elettronica di acquisizione MIR/NIR della Skytech Technical Report v.1.2.b Prepared Verified Authorized Date E. Giro D. Fantinel C. Bonoli G.

Dettagli

Esercizio sulla gestione di file in Unix

Esercizio sulla gestione di file in Unix Esercizio sulla gestione di file in Unix 1 Esercizio Si vuole realizzare un programma C che, utilizzando le system call di Unix, realizzi uno schema di comunicazione tra due processi (padre e figlio) mediante

Dettagli

CONFIGURATION MANUAL

CONFIGURATION MANUAL RELAY PROTOCOL CONFIGURATION TYPE CONFIGURATION MANUAL Copyright 2010 Data 18.06.2013 Rev. 1 Pag. 1 of 15 1. ENG General connection information for the IEC 61850 board 3 2. ENG Steps to retrieve and connect

Dettagli

Schede di espansione per Hi-drive: Profibus. Expansion cards for Hi-drive: Profibus

Schede di espansione per Hi-drive: Profibus. Expansion cards for Hi-drive: Profibus Schede di espansione per Hi-drive: Profibus Expansion cards for Hi-drive: Profibus Rev.0.0 Settembre 2005 Rev.0.0 October 2005 1.SCHEDE DI ESPANSIONE Dal firmware Rev.4 (micro + FPGA_200) è prevista la

Dettagli

Indirizzi MODBUS per ETH4164 22 Mar 2012

Indirizzi MODBUS per ETH4164 22 Mar 2012 Indirizzi MODBUS per ETH4164 22 Mar 2012 Modalità di connessione : TCP ModBus e TCP ModBus RTU Porta di connessione di default : 502 (consigliata) GALAXY La funzione 06 Write Single Register o 16 Write

Dettagli

AXO. Operativo. Architetture dei Calcolatori e Sistema. programmazione di sistema

AXO. Operativo. Architetture dei Calcolatori e Sistema. programmazione di sistema AXO Architetture dei Calcolatori e Sistema Operativo programmazione di sistema Il sistema operativo Il Sistema Operativo è un insieme di programmi (moduli software) che svolgono funzioni di servizio nel

Dettagli

Livello di Trasporto

Livello di Trasporto Livello di Trasporto Introduzione Problemi e requisiti Livello di trasporto in Internet UDP -UserDatagramProtocol TCP - Transmission Control Protocol Meccanismo di ritrasmissione Controllo del flusso Three-way

Dettagli

SISTEMI OPERATIVI 3 febbraio 2014 corso A nuovo ordinamento e parte di teoria del vecchio ordinamento indirizzo SR

SISTEMI OPERATIVI 3 febbraio 2014 corso A nuovo ordinamento e parte di teoria del vecchio ordinamento indirizzo SR SISTEMI OPERATIVI 3 febbraio 2014 corso A nuovo ordinamento e parte di teoria del vecchio ordinamento indirizzo SR Cognome: Nome: Matricola: 1. Ricordate che non potete usare calcolatrici o materiale didattico,

Dettagli

PROTOCOLLO MODBUS RTU

PROTOCOLLO MODBUS RTU Progettato e prodotto interamente in Italia CONTABILIZZATORE DI IMPULSI MONTAGGIO GUIDA DIN PROTOCOLLO MODBUS RTU Il protocollo di comunicazione è MODBUS, conforme alle specifiche Modbus Application Protocol

Dettagli

strutturare dati e codice

strutturare dati e codice Puntatori e passaggio parametri strutturare dati e codice Tipo di dati int * Pi ; Op. dereferenziazione j = *Pi ; Op. indirizzo Pi = &i ; By value int f(int i) ; a = f(b) ; By address int f(int * Pi) ;

Dettagli

http://ennius.interfree.it/vba/vba89.htm Stampa questa pagina

http://ennius.interfree.it/vba/vba89.htm Stampa questa pagina 1 of 7 26/02/2007 18.09 Stampa questa pagina Controllo comunicazioni MSCOMM32.OCX per comunicare col Modem e/o chiamare numeri telefonici. Premetto che non ho nè provato, nè intendo farlo, ad usare le

Dettagli

By E.M. note sull'uso di GAMBAS

By E.M. note sull'uso di GAMBAS By E.M. note sull'uso di GAMBAS GAMBAS viene installato sotto Xubuntu nella directory: /usr/share/gambas2 link problema su uso dell'esempio SerialPort http://gambasrad.org/zforum/view_topic?topic_id=1057

Dettagli

Reti e Sistemi per l Automazione MODBUS. Stefano Panzieri Modbus - 1

Reti e Sistemi per l Automazione MODBUS. Stefano Panzieri Modbus - 1 MODBUS Stefano Panzieri Modbus - 1 La Storia Diventa uno STANDARD nel 1979 Nato come protocollo di comunicazione SERIALE si è successivamente adattato alle specifiche TCP/IP Permette una comunicazione

Dettagli

Sistema di protezione (2) Protezione (1)

Sistema di protezione (2) Protezione (1) Sistema di protezione (1) Sistema di protezione (2) Sistema di protezione (3) - Un processo potrebbe tentare di modificare il programma o i dati di un altro processo o di parte del S.O. stesso. - Protezione:

Dettagli

Sistema di protezione (1)

Sistema di protezione (1) Sistema di protezione (1) - Un processo potrebbe tentare di modificare il programma o i dati di un altro processo o di parte del S.O. stesso. - Protezione: politiche (cosa) e meccanismi (come) per controllare

Dettagli

Technical Support Bulletin No. 18 ModBus Tips

Technical Support Bulletin No. 18 ModBus Tips Technical Support Bulletin No. 18 ModBus Tips Sommario! Chiarimenti! Comandi implementati! Esempi di comandi o frames! Calcolo dell area logica! Lettura di variabile con segno! Esempi di comando con Ech200B!

Dettagli

Programmazione IEC 61131 su SlimLine

Programmazione IEC 61131 su SlimLine ELSIST S.r.l. Sistemi in elettronica Via G. Brodolini, 15 (Z.I.) 15033 CASALE M.TO ITALY Internet: http://www.elsist.it TEL. (39)-0142-451987 Email: elsist@elsist.it FAX (39)-0142-451988 INDICE 1 - SLine...

Dettagli

Test di comunicazione tra due LOGO! 0BA7: Master - Master

Test di comunicazione tra due LOGO! 0BA7: Master - Master Industry Test di comunicazione tra due LOGO! 0BA7: Master - Master Dispositivi utilizzati: - 2 LOGO! 0BA7 (6ED1 052-1MD00-0AB7) - Scalance X-208 LOGO! 0BA7 Client IP: 192.168.0.1 LOGO! 0BA7 Server IP:

Dettagli

Il sistema di I/O. Hardware di I/O Interfacce di I/O Software di I/O. Introduzione

Il sistema di I/O. Hardware di I/O Interfacce di I/O Software di I/O. Introduzione Il sistema di I/O Hardware di I/O Interfacce di I/O Software di I/O Introduzione 1 Sotto-sistema di I/O Insieme di metodi per controllare i dispositivi di I/O Obiettivo: Fornire ai processi utente un interfaccia

Dettagli

BARRIERA DI MISURA METRON GESTIONE LINEA SERIALE RS-485 www.reer.it

BARRIERA DI MISURA METRON GESTIONE LINEA SERIALE RS-485 www.reer.it BARRIERA DI MISURA METRON GESTIONE LINEA SERIALE RS-485 www.reer.it 2 8540641 Rev.1-11 Aprile 2008 BARRIERA DI MISURA METRON GESTIONE LINEA SERIALE RS-485 SOMMARIO Gestione linea seriale...5 Modalità linea

Dettagli

104server104 INAF-OAA Gruppo Strumentazione Infrarossa. C.Baffa, E.Giani

104server104 INAF-OAA Gruppo Strumentazione Infrarossa. C.Baffa, E.Giani 104server104 INAF-OAA Gruppo Strumentazione Infrarossa Progetto Giano Protocollo per la comunicazione tra gbridge e Giano GUI C.Baffa, E.Giani Versione 1.08, Firenze 19 Giugno 2007 Sommario Nel presente

Dettagli

CANPC-S1. Programmable CanBus-PC interface

CANPC-S1. Programmable CanBus-PC interface CANPC-S1.doc - 01/03/04 SP02002 Pagina 1 di 13 Specifica tecnica CANPC-S1 Programmable CanBus-PC interface Specifica tecnica n SP02002 Versione Autore Data File Note Versione originale BIANCHI M. 16/09/02

Dettagli

Guida utente User Manual made in Italy Rev0

Guida utente User Manual made in Italy Rev0 Guida utente User Manual Rev0 made in Italy Indice/Index Informazioni generali General Info... 3 Guida Rapida per messa in funzione Start Up procedure... 3 Login Login... 3 Significato dei tasti Botton

Dettagli

Inter Process Communication. Laboratorio Software 2008-2009 C. Brandolese

Inter Process Communication. Laboratorio Software 2008-2009 C. Brandolese Inter Process Communication Laboratorio Software 2008-2009 C. Brandolese Introduzione Più processi o thread Concorrono alla relaizzazione di una funzione applicativa Devono poter realizzare Sincronizzazione

Dettagli

USART PIC 16F876. R/W-0 R/W-0 R/W-0 R/W-0 U-0 R/W-0 R-1 R/W-0 CSRC TX9 TXEN SYNC _ BRGH TRMT TX9D Bit 7 Bit 6 Bit 5 Bit 4 Bit 3 Bit 2 Bit 1 Bit 0

USART PIC 16F876. R/W-0 R/W-0 R/W-0 R/W-0 U-0 R/W-0 R-1 R/W-0 CSRC TX9 TXEN SYNC _ BRGH TRMT TX9D Bit 7 Bit 6 Bit 5 Bit 4 Bit 3 Bit 2 Bit 1 Bit 0 USART PIC 16F876 L USART (Universal Synchronous Asynchronous Receiver Trasmitter) è uno dei due moduli di I/O seriali, esso è conosciuto anche come Serial Comunications Interface (SCI). L USART può essere

Dettagli

Gestione dei processi

Gestione dei processi Gestione dei processi Dormire unsigned int sleep(unsigned int); Attende un numero specificato di secondi a meno che non si verifichi un segnale Restituisce 0 se l'attesa è terminata senza interruzioni,

Dettagli

Note applicative AN001: Driver ModBus

Note applicative AN001: Driver ModBus WebCommander e WebLog Note applicative AN001: Driver ModBus Generalita Questo documento descrive la configurazione dei parametri ModBus nei dispositivi WebLog e WebCommander, al fine di definire le variabili

Dettagli

DEL FATTORE DI POTENZA PROTOCOLLO DI COMUNICAZIONE MODBUS COMUNICATION PROTOCOL MODBUS. Doc. I427IGB09_15.docx Date: 28/09/2015 P.

DEL FATTORE DI POTENZA PROTOCOLLO DI COMUNICAZIONE MODBUS COMUNICATION PROTOCOL MODBUS. Doc. I427IGB09_15.docx Date: 28/09/2015 P. 577 REGOLATORE AUTOMATICO DEL FATTORE DI POTENZA DCRL 3 DCRL5 DCRL8 DIGITAL POWER FACTOR CONTROLLER DCRL3 DCRL5 DCRL8 PROTOCOLLO DI COMUNICAZIONE MODBUS COMUNICATION PROTOCOL MODBUS ADDENDUM ADDENDUM Doc.

Dettagli

CANUSB. Programmable CAN bus-pc interface

CANUSB. Programmable CAN bus-pc interface CANUSB-Man-Ita_revd.doc - 05/04/05 SP04002 Pagina 1 di 12 Specifica tecnica CANUSB Programmable CAN bus-pc interface Specifica tecnica n SP04002 Versione Autore Data Note Rev. 0 M. BIANCHI 10/09/04 Prima

Dettagli

IL LIVELLO DI LINEA O LIVELLO DI DATA LINK 1. Servizi offerti 2. Struttura dei pacchetti 3 CAMPO DATI 3. Character stuffing 4.

IL LIVELLO DI LINEA O LIVELLO DI DATA LINK 1. Servizi offerti 2. Struttura dei pacchetti 3 CAMPO DATI 3. Character stuffing 4. IL LIVELLO DI LINEA O LIVELLO DI DATA LINK 1 Servizi offerti 2 Struttura dei pacchetti 3 CAMPO DATI 3 Character stuffing 4 Bit stuffing 6 Protocolli di comunicazione 7 Protocolli di tipo simplex 8 Simplex

Dettagli

GENERALITÀ. Unità: Canali di comunicazione:

GENERALITÀ. Unità: Canali di comunicazione: GENERALITÀ L'apparecchiatura CON232E è una unità a microprocessore equipaggiata di un canale ethernet e due canali seriali rs232c. Il dispositivo trasmette i dati ricevuti dal canale Ethernet con protocollo

Dettagli

Radio Frequency Identification Systems

Radio Frequency Identification Systems Work--Tag passiivii Miinii--Conttrrollllerr USB CPR..PR50 & CPR..MR50 Manualle iinsttallllaziione Come tutti i dispositivi della Famiglia Work-Tag i controller operano con transponders di frequenza operativa

Dettagli

ED 2.03. To communicate with the DP module will need to configure the serial port s parameters of the PC/PLC as it follows:

ED 2.03. To communicate with the DP module will need to configure the serial port s parameters of the PC/PLC as it follows: ED 2.03 PROTOCOLLO MODBUS Le centraline di rifasamento della serie DP supportano il protocollo di comunicazione Modbus RTU sulla porta seriale. Attraverso questa funzione e' possibile leggere lo stato

Dettagli

L architettura di riferimento

L architettura di riferimento Architetture degli elaboratori e delle reti Lezione 10 L architettura di riferimento Proff. A. Borghese, F. Pedersini Dipartimento di Scienze dell Informazione Università degli Studi di Milano L 10 1/27

Dettagli

Web 4164ETH Rel. 1.1 7 Lug 2010

Web 4164ETH Rel. 1.1 7 Lug 2010 Web 4164ETH Rel. 1.1 7 Lug 2010 ACCESSO ALLA SCHEDA 4164 ETH Collegarsi via internet alla scheda con l indirizzo tcp/ip (le schede 4164 ETH hanno per default l indirizzo TCP/IP 192.168.25.101) Appare allora

Dettagli

Manuale utente. Quinx Box serie 200/300/400. Ethernet RS232 - TCP/IP converter

Manuale utente. Quinx Box serie 200/300/400. Ethernet RS232 - TCP/IP converter Manuale utente Quinx Box serie 200/300/400 Ethernet RS232 - TCP/IP converter A cura di: ICG Holding srl Div. Time & Access Via Leonardo da Vinci 45/47 20020 Lainate (MI) Nr. rif. Q 200 001 Versione 1.10.97

Dettagli

Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14. Pietro Frasca.

Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14. Pietro Frasca. Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14 Pietro Frasca Lezione 22 Martedì 7-1-2014 1 System Call per l'uso dei segnali Un processo che

Dettagli

Rev. 2.00.0 NGS FRAMEWORK

Rev. 2.00.0 NGS FRAMEWORK www.promax.it Le informazioni contenute nel manuale sono solo a scopo informativo e possono subire variazioni senza preavviso e non devono essere intese con alcun impegno da parte di Promax srl. Promax

Dettagli

Esercitazione [5] Input/Output su Socket

Esercitazione [5] Input/Output su Socket Esercitazione [5] Input/Output su Socket Leonardo Aniello - aniello@dis.uniroma1.it Daniele Cono D'Elia - delia@dis.uniroma1.it Sistemi di Calcolo - Secondo modulo (SC2) Programmazione dei Sistemi di Calcolo

Dettagli

Collegamento dei Sistemi SLC come I/O remoti ai Processori PLC 5

Collegamento dei Sistemi SLC come I/O remoti ai Processori PLC 5 Guida di Riferimento Collegamento dei Sistemi SLC come I/O remoti ai Processori PLC 5 Questo documento utilizza la documentazione disponibile sui PLC e SLC per mostrare come è possibile comunicare tra

Dettagli

Processi UNIX. I Processi nel SO UNIX. Gerarchie di processi UNIX. Modello di processo in UNIX

Processi UNIX. I Processi nel SO UNIX. Gerarchie di processi UNIX. Modello di processo in UNIX Processi UNIX I Processi nel SO UNIX UNIX è un sistema operativo multiprogrammato a divisione di tempo: unità di computazione è il processo Caratteristiche del processo UNIX: processo pesante con codice

Dettagli

SISTEMI OPERATIVI 14 settembre 2015 corso A nuovo ordinamento e parte di teoria del vecchio ordinamento indirizzo SR

SISTEMI OPERATIVI 14 settembre 2015 corso A nuovo ordinamento e parte di teoria del vecchio ordinamento indirizzo SR SISTEMI OPERATIVI 14 settembre 2015 corso A nuovo ordinamento e parte di teoria del vecchio ordinamento indirizzo SR Cognome: Nome: Matricola: 1. Ricordate che non potete usare calcolatrici o materiale

Dettagli

I N T E G R A S. R. L. Via Lecco, 5/E - 22036 Erba (CO) - ITALY Tel/Fax: +39-031 3338884 P.I. 02608090136 N CCIAA 269444 MANUALE UTENTE T-MOD

I N T E G R A S. R. L. Via Lecco, 5/E - 22036 Erba (CO) - ITALY Tel/Fax: +39-031 3338884 P.I. 02608090136 N CCIAA 269444 MANUALE UTENTE T-MOD Via Lecco, 5/E - 22036 Erba (CO) - ITALY Tel/Fax: +39-031 3338884 P.I. 02608090136 N CCIAA 269444 UNI EN ISO 9001:2008 CERT. N. 50 100 6048 Controllo ambientale integrato MANUALE UTENTE T-MOD Rev. Data

Dettagli

che vengano generati nell ordine corretto i sistema (es., la memoria, l unità aritmetico-

che vengano generati nell ordine corretto i sistema (es., la memoria, l unità aritmetico- Principi di architetture dei calcolatori: l unità di controllo Mariagiovanna Sami L unità di controllo Per eseguire le istruzioni di macchina, occorre che vengano generati nell ordine corretto i segnali

Dettagli

Sistemi di Elaborazione a Microprocessore 8259. (Controllore Program m abile delle Interruzioni) M. Rebaudengo - M. Sonza Reorda

Sistemi di Elaborazione a Microprocessore 8259. (Controllore Program m abile delle Interruzioni) M. Rebaudengo - M. Sonza Reorda 8259 (Controllore Program m abile delle Interruzioni) M. Rebaudengo - M. Sonza Reorda Politecnico di Torino Dip. di Automatica e Informatica 1 M. Rebaudengo, M. Sonza Reorda Generalità L'8259 è stato progettato

Dettagli

MDAC. Attualmente la versione disponibile di MDAC è la 2.8 ma faremo riferimento alla 2.6. ADO Active Data Objects ADO OLE DB ODBC

MDAC. Attualmente la versione disponibile di MDAC è la 2.8 ma faremo riferimento alla 2.6. ADO Active Data Objects ADO OLE DB ODBC MDAC MDAC è l acronimo di Microsoft Data Access Component e fa parte della tecnologia Microsoft denominata Universal Data Access (UDA). Mette a disposizione una serie di componenti per l accesso a svariate

Dettagli

Introduzione ai Device Drivers in Linux. E.Mumolo, DEEI mumolo@units.it

Introduzione ai Device Drivers in Linux. E.Mumolo, DEEI mumolo@units.it Introduzione ai Device Drivers in Linux E.Mumolo, DEEI mumolo@units.it 1 Device Drivers Moduli software che gestiscono le periferiche attraverso il file system Tutte le periferiche sono viste come file

Dettagli

CORSO DI RETI SSIS. Lezione n.3 9 novembre 2005 Laura Ricci

CORSO DI RETI SSIS. Lezione n.3 9 novembre 2005 Laura Ricci CORSO DI RETI SSIS Lezione n.3 9 novembre 2005 Laura Ricci IL LIVELLO TRASPORTO realizza un supporto per la comunicazione logica tra processi distribuiti comunicazione logica = astrazione che consente

Dettagli

Corso di Sicurezza Informatica. Sicurezza del software. Ing. Gianluca Caminiti

Corso di Sicurezza Informatica. Sicurezza del software. Ing. Gianluca Caminiti Corso di Sicurezza Informatica Sicurezza del software Ing. Gianluca Caminiti Software Sicuro Privo di errori (logici) che comportino un comportamento inatteso. Tali bug possono minare la sicurezza dell

Dettagli

Capitolo 5 - Funzioni

Capitolo 5 - Funzioni Capitolo 5 - Funzioni Divide and conquer Introduzione Costruire un programma da pezzi più piccoli o da singole componenti Questi pezzi più piccoli sono chiamati moduli Ogni singolo pezzo è più facilmente

Dettagli

Guida all utilizzo del modulo MPI BrainChild

Guida all utilizzo del modulo MPI BrainChild Document version: 1.0 easitec S.r.l. Viale Martiri della Benedicta, 102 15069 Serravalle Scrivia (AL) - Italy Phone +39.0143.686023 - Fax +39.0143.634777 info@easitec.it - www.easitec.it Revision History

Dettagli

ESERCIZI DI PROGRAMMAZIONE C IN AMBIENTE UNIX

ESERCIZI DI PROGRAMMAZIONE C IN AMBIENTE UNIX ESERCIZI DI PROGRAMMAZIONE C IN AMBIENTE UNIX Introduzione In questa dispensa sono stati raccolti alcuni esercizi di programmazione C in ambiente Unix, tratti dagli esami di Sistemi Operativi svoltisi

Dettagli

Interfaccia BL232 con uscite RS232/422/485 MODBUS e 0-10V. Interfaccia BL232

Interfaccia BL232 con uscite RS232/422/485 MODBUS e 0-10V. Interfaccia BL232 BIT LINE STRUMENTAZIONE PER IL MONITORAGGIO AMBIENTALE Interfaccia BL232 con uscite RS232/422/485 MODBUS e 0-10V Facile e rapida installazione Ideale domotica e building automation Alimentazione estesa

Dettagli

Lezione 2 Principi Fondamentali di SO Interrupt e Caching. Sommario

Lezione 2 Principi Fondamentali di SO Interrupt e Caching. Sommario Lezione 2 Principi Fondamentali di SO Interrupt e Caching Sommario Operazioni di un SO: principi fondamentali Una visione schematica di un calcolatore Interazione tra SO, Computer e Programmi Utente 1

Dettagli

Protocollo Modbus sui controlli pco Modbus protocol for pco controllers

Protocollo Modbus sui controlli pco Modbus protocol for pco controllers Protocollo Modbus sui controlli pco Modbus protocol for pco controllers Manuale d uso User manual Integrated Control Solutions & Energy Savings Protocollo Modbus controlli pco ATTENZIONE CAREL basa lo

Dettagli

Corso di Sicurezza Informatica

Corso di Sicurezza Informatica Corso di Sicurezza Informatica Sicurezza del Software Ing. Giuseppe D Aquì Sicurezza nell informatica Un computer sicuro è un computer spento (Kevin Mitnick) Attacchi informatici Gli attacchi informatici,

Dettagli

I/O su Socket TCP: read()

I/O su Socket TCP: read() I/O su Socket TCP: read() I socket TCP, una volta che la connessione TCP sia stata instaurata, sono accedibili come se fossero dei file, mediante un descrittore di file (un intero) ottenuto tramite una

Dettagli

PROTOCOLLI DI COMUNICAZIONE

PROTOCOLLI DI COMUNICAZIONE Manuale d Uso versione 1.06 PROTOCOLLI DI COMUNICAZIONE per indicatori di peso SERIE W (programmi BASE CARICO SCARICO 3/6/14 PROD.) SIMBOLOGIA Di seguito sono riportate le simbologie utilizzate nel manuale

Dettagli

Sistema di protezione

Sistema di protezione Sistema di protezione - Un processo potrebbe tentare di modificare il programma o i dati di un altro processo o di parte del S.O. stesso. - Protezione: politiche (cosa) e meccanismi (come) per controllare

Dettagli

Protocollo USB Elementi di un sistema USB Comunicazione USB

Protocollo USB Elementi di un sistema USB Comunicazione USB Protocollo USB Elementi di un sistema USB HOST: dispositivo master (PC), l unico autorizzato ad avviare una comunicazione sul bus HUB: come nelle reti di computer, l hub fornisce un punto di connessione

Dettagli

EMI-10L Introduzione Il convertitore EMI-10L permette di convertire una porta di comunicazione seriale RS485 in un bus ethernet con protocollo TCP/IP.

EMI-10L Introduzione Il convertitore EMI-10L permette di convertire una porta di comunicazione seriale RS485 in un bus ethernet con protocollo TCP/IP. MANUALE ISTRUZIONI IM471-I v0.2 EMI-10L Introduzione Il convertitore EMI-10L permette di convertire una porta di comunicazione seriale RS485 in un bus ethernet con protocollo TCP/IP. Transmission Control

Dettagli

PIRELLI Discus NetGate VoIP v2 VOIP ADSL ROUTER GUIDA ALL INSTALLAZIONE

PIRELLI Discus NetGate VoIP v2 VOIP ADSL ROUTER GUIDA ALL INSTALLAZIONE VoIP ADSL Router Discus NetGate VoIP v2 Pirelli (0.56S) Manuale operativo Pag. 1 PIRELLI Discus NetGate VoIP v2 VOIP ADSL ROUTER GUIDA ALL INSTALLAZIONE Release 0.56S VoIP ADSL Router Discus NetGate VoIP

Dettagli

77 DMG210 DMG300 DMG210 DMG300 MODBUS I302 I GB 1109. Doc. AHIT101C0208.doc Date: 10/11/2009 P. 1 / 18

77 DMG210 DMG300 DMG210 DMG300 MODBUS I302 I GB 1109. Doc. AHIT101C0208.doc Date: 10/11/2009 P. 1 / 18 77 210 300 210 300 700 800 700 800 I302 I GB 1109 Multimetro digitale PROTOCOLLO DI COMUNICAZIONE MODBUS Digital multimeter MODBUS COMMUNICATION PROTOCOL Doc. AHIT101C0208.doc Date: 10/11/2009 P. 1 / 18

Dettagli

Tipi primitivi. Ad esempio, il codice seguente dichiara una variabile di tipo intero, le assegna il valore 5 e stampa a schermo il suo contenuto:

Tipi primitivi. Ad esempio, il codice seguente dichiara una variabile di tipo intero, le assegna il valore 5 e stampa a schermo il suo contenuto: Tipi primitivi Il linguaggio Java offre alcuni tipi di dato primitivi Una variabile di tipo primitivo può essere utilizzata direttamente. Non è un riferimento e non ha senso tentare di istanziarla mediante

Dettagli

EK20-IDPAYI MANUALE D USO

EK20-IDPAYI MANUALE D USO RFID TRANSPONDER TECHNOLOGY DOC. 368-R1-IT EK20-IDPAYI MANUALE D USO EK20-IDPAYI (qui chiamato LETTORE) è un dispositivo fisso RFID adatto a eseguire pagamenti con il metodo a inserzione. -Opera con CARTE

Dettagli

La gestione dei processi in Minix

La gestione dei processi in Minix La gestione dei processi in Minix Sistemi Operativi Lez. 28 Scheduling Round robin su 16 code di priorità Quando un processo viene bloccato senza aver esaurito il suo quanto di tempo, una volta risvegliato,

Dettagli

STRUTTURE DEI SISTEMI DI CALCOLO

STRUTTURE DEI SISTEMI DI CALCOLO STRUTTURE DEI SISTEMI DI CALCOLO 2.1 Strutture dei sistemi di calcolo Funzionamento Struttura dell I/O Struttura della memoria Gerarchia delle memorie Protezione Hardware Architettura di un generico sistema

Dettagli

Inter-Process Communication

Inter-Process Communication Inter-Process Communication (IPC) IPCS 1 1. Code di messaggi 2. Semafori 3. Memoria condivisa send receive 2? 3 p1 p3 p2 CODE DI MESSAGGI Modello di Comunicazione Code di Messaggi Il processo ricevente

Dettagli

drag & drop visual programming appinventor storia appinventor un esempio di drag & drop programming: Scratch

drag & drop visual programming appinventor storia appinventor un esempio di drag & drop programming: Scratch drag & drop visual programming appinventor realizzazione app per Google Android OS appinventor è un applicazione drag & drop visual programming Contrariamente ai linguaggi tradizionali (text-based programming

Dettagli

Il protocollo MODBUS. Il protocollo MODBUS Pag. 1 di 11

Il protocollo MODBUS. Il protocollo MODBUS Pag. 1 di 11 Il protocollo MODBUS Il protocollo MODBUS Pag. 1 di 11 1. IL PROTOCOL MODBUS II protocollo MODBUS definisce il formato e la modalità di comunicazione tra un "master" che gestisce il sistema e uno o più

Dettagli

7 Secure Digital Card (SDcard)

7 Secure Digital Card (SDcard) 7 Secure Digital Card (SDcard) 7.1 Descrizione generale La Secure Digital (SD) card è una scheda di memoria flash-based con grande capacità di immagazzinamento dati (da 16Mb a 2GB a seconda della scheda)

Dettagli

SMAL2 ExC-D9F-/S25...

SMAL2 ExC-D9F-/S25... Manuale d uso Preliminare SMAL2 ExC-D9F-/S25... Descrizione Il presente manuale è stato realizzato per la serie di prodotti STEM abbinati alla banda magnetica MTAL2. Questo sistema, con alimentazione a

Dettagli

Classe 5I2 AS. 2013/14 Niccolò Bulla Giorgia Novelli

Classe 5I2 AS. 2013/14 Niccolò Bulla Giorgia Novelli Obiettivo: Implementare un sistema che consenta la trasmissione, puramente ottica, di un messaggio in codice Morse tramite una stazione di trasmissione (sorgente) e una di ricezione. Lo scopo finale è

Dettagli

Verona, 29-30 ottobre 2013!

Verona, 29-30 ottobre 2013! Verona, 29-30 ottobre 2013! Il Machine Controller piattaforma integrata di Controllo, Motion, Robotica, Visione e Sicurezza su bus EtherCAT Omron Electronics spa Ing. Marco Filippis Product Manager Servo,

Dettagli

Le operazioni di allocazione e deallocazione sono a carico del sistema.

Le operazioni di allocazione e deallocazione sono a carico del sistema. Allocazione della memoria In C++ è possibile creare (allocare) variabili in maniera statica o dinamica. Nell allocazione statica una variabile esiste ed è utilizzabile dal momento della sua dichiarazione

Dettagli

RICORSIVITA. Vediamo come si programma la soluzione ricorsiva al problema precedente: Poniamo S 1 =1 S 2 =1+2 S 3 =1+2+3

RICORSIVITA. Vediamo come si programma la soluzione ricorsiva al problema precedente: Poniamo S 1 =1 S 2 =1+2 S 3 =1+2+3 RICORSIVITA 1. Cos è la ricorsività? La ricorsività è un metodo di soluzione dei problemi che consiste nell esprimere la soluzione relativa al caso n in funzione della soluzione relativa al caso n-1. La

Dettagli

PROCEDURA DI CONFIGURAZIONE: Per configurare i parametri di rete dell RCX LAN è necessario installare il software Tibbo DS Manager

PROCEDURA DI CONFIGURAZIONE: Per configurare i parametri di rete dell RCX LAN è necessario installare il software Tibbo DS Manager Via S. Antonio, 47 35030 Veggiano PD Tel: 04441800191 Fax: 0497960910 www.shitek.it info@shitek.it RCX LAN Wi -Fi RCX LAN Wi-Fi MAN_00023_ita_RCX_LAN Ca PROCEDURA DI CONFIGURAZIONE: 1. PARAMETRI PER LA

Dettagli

APPLICAZIONE COMPACTRIO DI RIFERIMENTO PER UN DATALOGGER A BORDO VEICOLO BASATO SU TIPS & TECHNIQUES

APPLICAZIONE COMPACTRIO DI RIFERIMENTO PER UN DATALOGGER A BORDO VEICOLO BASATO SU TIPS & TECHNIQUES APPLICAZIONE DI RIFERIMENTO PER UN DATALOGGER A BORDO VEICOLO BASATO SU COMPACTRIO Ryan King Q uesta applicazione presenta una soluzione software per un datalogger embedded stand-alone basato su hardware

Dettagli

Il Linguaggio di Programmazione IEC 61131-3

Il Linguaggio di Programmazione IEC 61131-3 Il Linguaggio di Programmazione IEC 61131-3 Testo di Riferimento: R.W.Lewis, "Programming industrial control systems using IEC 1131-3", IEE Control Engineering Series 50. Limiti "Storici" della Programmazione

Dettagli

Sistemi Operativi. Des crizione e controllo dei proces s i

Sistemi Operativi. Des crizione e controllo dei proces s i Sistemi Operativi Des crizione e controllo dei proces s i Servizi di un Sistema Operativo Permettere ad un utente di creare processi (lanciare programmi) Interallacciare l esecuzione di diversi processi,

Dettagli

Sistemi Operativi (M. Cesati)

Sistemi Operativi (M. Cesati) Sistemi Operativi (M. Cesati) Compito scritto del 16 luglio 2015 Nome: Matricola: Corso di laurea: Cognome: Crediti da conseguire: 5 6 9 Scrivere i dati richiesti in stampatello. Al termine consegnare

Dettagli

MODBUS RTU MODBUS RTU

MODBUS RTU MODBUS RTU 577 RGAM RGAM I171 I.GB.02 05 PROTOCOLLO DI COMUNICAZIONE COMMUNICATION PROTOCOL MODBUS RTU MODBUS RTU ADDENDUM ADDENDUM Doc: AD2005B1.doc 22/02/2005 p. 1 / 13 PROTOCOLLO MODBUS A partire dalla revisione

Dettagli

COMPITINO #1 di CALCOLATORI ELETTRONICI 1 del 03-11-09 COGNOME NOME

COMPITINO #1 di CALCOLATORI ELETTRONICI 1 del 03-11-09 COGNOME NOME MATRICOLA COGNOME NOME 1) [28/40] Trovare il codice assembly MIPS corrispondente dei seguenti micro-benchmark (utilizzando solo e unicamente istruzioni dalla tabella sottostante), rispettando le convenzioni

Dettagli