The Italo-Australian Press: Media and Mass Communication in the Emigration World Amedeo Tosco

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "The Italo-Australian Press: Media and Mass Communication in the Emigration World 1900-1940. Amedeo Tosco"

Transcript

1 The Italo-Australian Press: Media and Mass Communication in the Emigration World Amedeo Tosco Bachelor of Arts with Honors (Griffith University) Master of Arts (History), (University of Queensland) A Thesis Submitted in Fulfilment of the requirements of the Degree of Doctor of Philosophy School of Humanities Faculty of Arts Griffith University December 2002

2 1 La verità non esiste. Anche se esistesse non potremmo conoscerla e anche se la conoscessimo non potremmo comunicarla agli altri. Truth does not exist. Even if it were to exist we could not know it. Even if we could know it, we could not convey it to others. Gorgia da Lentini III century B.C.

3 2 ABSTRACT L'idea di questa tesi nasce da una serie di circostanze, prima tra tutte la professione dell'autore che per quindici anni ha svolto in Italia l'attività di giornalista, lavorando prima al Messaggero di Roma, come cronista, e successivamente alla Rai - Radiotelevisione Italiana in qualità di redattore di "giudiziaria" 1. Inoltre, l'autore di questa tesi, ha fatto una interessantissima esperienza professionale sia come critico cinematografico e sia come "pastonista politico" 2 presso la redazione romana del Giornale Nuovo - coordinata in quegli anni da Cesare Zappulli - quando era direttore il grande e indimenticabile Indro Montanelli, prima cioè che quell'arruffapopoli di Berlusconi affondasse completamente il giornale, trasformandolo nel bollettino parrocchiale di quel guazzabuglio politico che è "Forza Italia" Questo non è il nostro primo cimento nel campo della storia del giornalismo in quanto segue una tesi di Master, conseguita al dipartimento di Storia dell'university of Queensland e che ha avuto come relatore il Dr. Don Dignan, dal titolo "Press and Consensus in Fascist Italy". In questa prima tesi è stata affrontata la fascistizzazione della stampa italiana tra il 1922 ed il 1940 e il modo in cui Mussolini, che capì esattamente l'importanza dei media e del controllo dell'informazione, creò quella corrente di consenso che permise al fascismo di governare indisturbato per tutto il "ventennio". In quella tesi di Master è stato anche affrontato e studiato il modo in cui i giornalisti (gli sceneggiatori del regime) ed i giornali, sia essi "indipendenti" e di partito, manipolarono le notizie per darle in pasto ai propri 1 Il redattore di giudiziaria è quel giornalista che si interessa della cronaca di quei processi che hanno una certa risonanza e dei vari procedimenti penali in corso. In Italia le indagini sono portate avanti dai giudici istruttori, quelli che nel mondo anglosassone sono chiamati "public persecutors". La Polizia ha solo funzioni di "longa manu" dei vari giudici istruttori. e non ha alcuna funzione decisionale nello sviluppo delle indagini.

4 3 lettori, con tutte quelle interpolazioni, ridondanze ed ombre che identificano il modo tuttora esistenze di concepire e fare un giornale. Nella nostra tesi di Ph.D. seguiremo una traccia similare, cercando di vedere e di analizzare se anche la stampa etnica ha usato, direttamente o indirettamente, forme di manipolazioni, di interferenze o di ridondanze nel creare e porgere le notizie al lettore italo-australiano. Inoltre è nostro intento accertare fino a che punto questa stampa ha creato un consenso verso particolari scelte politiche, sociali e di costume e se questo consenso è stato accettato dai lettori etnici, e in che misura. In altre parole il quesito che in linea di massima ci poniamo è identificare che influenza ha avuto la stampa etnica sulla comunità italiana. I problemi che questo tipo di ricerca implica sono stati numerosi, soprattutto dovuti al fatto che non esiste una letteratura specifica e non vi sono studi, nel campo del giornalismo italo-australiano, dei primi quaranta anni del novecento. Inoltre la maggior parte dei giornali pubblicati in quegli anni sono andati distrutti. Si è cercato inoltre di delineare una immagine dei problemi e delle aspirazioni della comunità italo-australiana attraverso l'analisi della stampa etnica, visto che la maggior parte degli autori hanno affrontato, fino ad oggi, questo tema usando documenti ufficiali o racconti e testimonianze di persone vissute nel periodo analizzato dalla nostra tesi. Abbiamo cercato, quindi, di dare una nuova luce e, quando è stato possibile, di dare la giusta dimensione agli avvenimenti accaduti dato che quanto veniva pubblicato sulle colonne dei giornali era scritto a "caldo", senza influenze burocratiche e senza il filtro del tempo e delle memorie che spesso distorcono la realtà creando affabulazioni lontane dalla realtà. 2 Nel gergo redazionale il "pastonista politico" è quel redattore che cuce insieme, in un solo articolo, gli avvenimenti politici della giornata commentandoli secondo le direttive imposte dalla direzione del giornale.

5 4 INDICE ABSTRACT 2 ACKNOWLEDGMENTS 6 STATEMENT OF ORIGINALITY 7 PREMESSA 8 CAPITOLO I Funzione dei giornali come elemento di controllo politico e mezzo di creazione di consenso - La stampa etnica come problema specifico 16 CAPITOLO II Literature Review 51 CAPITOLO III Relazioni e rapporti tra comunità italiana e stampa 92 Periodo di formazione 99 Periodo di transizione e consolidamento 119 CAPITOLO IV Sviluppo e caratteristiche del periodo di formazione Stampa etnica e stampa provinciale australiana: una premessa 133

6 5 studi specifici: Uniamoci 143 L'Italo-Australiano 162 Oceania 190 CAPITOLO V Sviluppo e caratteristiche del periodo di consolidamento studi specifici: Il Giornale Italiano 222 La Stampa Italiana 267 L'Italo-Australian 296 CAPITOLO VI Stampa etnica e Governi australiani 328 CONCLUSIONI 358 APPENDICE L'Italo-Australiano (Gennaio-Luglio 1885) 367 Ministero della Cultura Popolare e "Stefani" 380 Ufficio stampa del Partito Nazionale Fascista 387 Indice dei nomi 397 BIBLIOGRAFIA 404

7 6 ACKNOWLEDGMENTS Desidero ringraziare i relatori, il professore David Moss e il Dr Don Dignan, per il costante aiuto e i fondamentali suggerimenti che mi hanno dato nella preparazione della tesi. La loro esperienza mi ha permesso di affrontare e superare le difficoltà incontrate in questa ricerca, dato che il tema esaminato è completamente nuovo e non vi sono precedenti studi su questo particolare argomento. È mio dovere ringraziare anche il professore Richard Bosworth per i suoi articoli sulla Stampa Italiana e sul suo fondatore Luigi Mistrorigo, e Catherine Marguerita Dewhirst, pronipote del conte Giovanni Battista Attanasio Pullè, editore dei giornali L'Italo-Australiano e di Oceania, per le informazioni gentilmente fornitemi sulla storia delle due testate. I miei ringraziamenti vanno allo staff della Griffith University che mi ha permesso di raccogliere il materiale necessario alla compilazione della tesi. In particolare a: Catherine Ashley, Team Leader - Nathan Document Delivery; Christine Cordwell, Arts Librarian; Colette Smith-Strong, Team Leader - Nathan Education Products and Services. Un grazie anche alla Flinders University che gentilmente ha acconsentito ad inviare per Interlibrary Loan i microfilms dell'italo-australian I miei più cari ringraziamenti vanno a mia moglie Maria Pia che non solo mi ha incoraggiato in questo difficile lavoro ma che, con costante dedizione, ha letto più volte la mia tesi, divenendo una insostituibile collaboratrice ed una perfetta correttrice di bozze. Infine dedico questa tesi a mia figlia Irene affinché conosca le lotte, i travagli e le battaglie che la comunità italiana ha dovuto affrontare e superare per trovare un suo giusto e dignitoso inserimento in seno alla società Australiana.

8 7 STATEMENT OF ORIGINALITY This work has not previously been submitted for a degree or diploma in any university. To the best of my knowledge and belief, the thesis contains non material previously published or written by another person except where due references is made in the thesis itself. ( Amedeo Tosco, M. A. )

9 8 PREMESSA Quanto ci prefiggiamo con questa tesi è duplice. Il primo scopo sarà affrontare uno studio ed una analisi della stampa italo-australiana, fino ad ora mai fatta se non marginalmente o in relazione ad altri temi, identificando la sua evoluzione e il suo affermarsi nella comunità italiana. Il secondo scopo sarà quello di analizzare le testate di lingua italiana come elemento di informazione e controllo sociale attraverso la creazione di consensi su specifiche scelte politiche ed economiche decise dai gruppi dominanti sia Australiani che Italiani. Queste testate, come d'altra parte tutti i giornali etnici, hanno dovuto sempre bilanciarsi tra le sollecitazioni che venivano dalle nazioni di origine e quelle che giungevano dal Paese ospitante. Questa dualità risulta estremamente evidente nei giornali pubblicati tra le due guerre dove i quotidiani come Il Giornale Italiano e L'Italo-Australian, i quali ricevevano finanziamenti dal MIN.CUL.POP. e dal partito fascista, si trovavano spesso a dovere difendere e appoggiare punti di vista e scelte che contrastavano con gli scopi del Governo Australiano. I punti di maggiore contrasto furono quelli riguardanti la politica dell'assimilazione etnica, che i gruppi dominanti australiani cercavano di applicare sugli emigranti, per non parlare poi della propaganda nazionalista e filo fascista che i giornali italiani facevano dalle loro colonne Volendo quindi sintetizzare, vi dovranno essere due tipi specifici di analisi. Nel primo la stampa italiana dovrà essere studiata da un angolo storico comprendente anche, tra le varie cose, una cronaca minuziosa delle alterne fortune delle singole testate, la loro evoluzione, l'affermarsi nell'ambito della comunità, il livello di circolazione, la pubblicità e la politica redazionale. Il secondo tipo di analisi dovrebbe essere essenzialmente sociologico, cercando di esplorare il processo di rapporto interattivo che viene a crearsi tra l'emigrante e la società ospitante. In questo processo il giornale in lingua etnica diventa il principale elemento di comunicazione e di mediazione tra i

10 9 due attori. Chiaramente il gruppo sociale ricevente ha maggiore potere di influenza sul singolo emigrante e non viceversa, ma a questo punto il giornale assume la funzione, oltre che di mediatore, di portatore di una nuova cultura e di nuove tradizioni e di nuove richieste. Quindi questa tesi si prefigge di usare il giornale come fonte primaria di ricerca e di analisi storica e sociologica, sia per quanto riguarda le testate stesse e sia per quanto concerne la comunità italo-australiana. Chiaramente formulare una definizione attendibile del giornale come fonte storica non è un compito facile. C'è da chiedersi se, a parte il genere storiografico specifico sulla stampa stessa, il giornale può essere considerato come una fonte attendibile per una ricerca storica degli aspetti più importanti della vita politica, economica, sociale e culturale di una società estremamente peculiare come la comunità italiana in Australia. Una risposta molto generale la si può ricavare dagli studi storiografici di questi ultimi decenni tra i quali, uno tra i primi esempi, possiamo indicare Bruno Vigezzi con il suo libro Dopoguerra e Fascismo , il quale ha indicato una nuova strada agli storici di come bisogna guardare ai quotidiani cogliendone le sollecitazioni e le implicazioni che essi propongono. Non dobbiamo dimenticare che il giornale, nel suo più ampio contesto, può essere preso in considerazione come fonte storica solo tenendo presente che i vari momenti informativi, che vengono proposti, non sono dati al pubblico come un prodotto fine a se stesso, dettato da scelte momentanee e contingenti, ma deve essere visto in un contesto più vasto che contiene principalmente tre elementi inscindibili anche se ben differenziati. I tre elementi sono: i. l'indirizzo politico-economico della proprietà del giornale; ii. il commento al testo; iii. le manipolazioni, le interpolazioni e le interferenze tipiche della tecnica dell'informazione. Questi tre elementi sono una costante del giornalismo e dei giornali in qualsiasi situazione storica, anche se una innegabile differenziazione deve

11 10 farsi in relazione all'ambiente in cui il giornale opera. Ci riferiamo a strutture democratiche o a regimi totalitari anche se, a nostro avviso, tale differenziazione è solo formale e non del tutto sostanziale. In tutti i sistemi, anche i più liberali, la stampa è sempre controllata e pilotata dal gruppo (regime dittatoriale) o dai gruppi (regimi democratici) che detengono il potere. Non a caso Noam Chomsky asserisce che la stampa nella società contemporanea ha "societal purpose". In pratica la stampa è un mezzo per imporre un certo tipo di sistema economico e la sua conseguente difesa, per privilegiare la politica di gruppi di potere e di pressione a livello nazionale e internazionale. Chiaramente questi sono esempi di stampa e quotidiani che rispecchiano interessi e componenti mille miglia lontani dalle nostre molto più modeste testate etniche, ma siamo del parere che i giornali italo-australiani rispecchiano, nel loro microcosmo, gli stessi problemi che travagliano giornali come il New York Times o Il Corriere della Sera. Per quanto riguarda il primo dei tre punto che caratterizzano la stampa - la proprietà - non vi sono difficoltà per la ricerca, in quanto i dati riguardanti la composizione politica e imprenditoriale che possiede il giornale sono facilmente reperibili, anche se le notizie che si ricavano dai dati ufficiali spesso non rispecchiano i confini reali del gruppo economico-finanziario che controlla una testata o una concentrazione di testate, Un esempio italoaustraliano di concentrazione sono Il Globo, La Fiamma e la stazione Radio Italia. In certi casi però il ricorso a prestanomi attendibili o società di comodo create all'uopo, qualche volta con sede all'estero, possono depistare e stendere un velo impenetrabile. In questo caso la nostra ricerca procederà per approssimazione e attingerà le notizie da varie fonti verificandole poi con un riscontro della lettura del giornale sotto analisi. Chiaramente il problema si 3 Bruno Vigezzi, Dopoguerra e Fascismo , La Terza, Bari, 1965.

12 11 complica quando il giornale ha cessato le pubblicazioni da un certo numero di decenni ed i suoi animatori sono passati a migliore vita. Non bisogna dimenticare che la consultazione di archivi, per quanto riguarda i giornali italo-australiani, non è semplice. Solo una parte, poco meno di una ventina, risultano le testate fino ad ora archiviate o riprodotte su microfilms e giacenti presso le biblioteche statali. Si tratta dei quotidiani più importanti con circolazione a livello nazionale. Secondo le informazioni raccolte sembra che vi sia sempre stata, fino dall'inizio del secolo, una proliferazione di giornali, se così possiamo definirli, a livello regionale se non addirittura a livello di comunità italiana nell'ambito della città di pubblicazione. Molti di questi giornali erano scritti a mano e ciclostilati. A parte il mito nato attorno a questi giornali fantasma, vissuti lo spazio di un mattino ed ingoiati dal turbine della seconda guerra mondiale, rimane sempre la necessità di giungere ad una loro identificazione e catalogazione se non altro approssimativa. Un problema similare si è avuto recentemente in Italia quando alcuni storici decisero di analizzare ed identificare la diffusione di tutta la stampa Italiana negli anni venti, sia per quanto riguardava la "grande stampa" che quella minore (giornali regionali e soprattutto gli innumerevoli giornali e giornaletti che nascevano a seguito dei vari raggruppamenti più o meno fascisti che si formavano in quegli anni). Una risposta a questi quesiti fu data da una minuziosa lettura delle corrispondenze tra i vari prefetti, le direzioni di polizia e la segreteria del PNF, conservate nei vari archivi. Il problema della diffusione dei giornali italo australiani, compresi quelli minori, può essere affrontato negli stessi termini. Dovranno essere consultati gli archivi della polizia federale australiana e dei vari Stati; gli archivi dei Departments of Justice sia federali che statali; e non ultimi gli archivi militari, sia per quanto riguarda il periodo bellico che per quei giornali stampati nei campi di internamento civili e militari. La conoscenza della diffusione e della tiratura di un giornale è importante per avere un quadro ben preciso del volume di pubblicità che il quotidiano ospita. Questo ci dà la misura del livello di imprenditorialità delle testate oltre a quello

13 12 politico e di manipolazione dell'opinione pubblica. La pubblicità è importante per fare fronte alle spese di gestione che gli abbonamenti e le vendite coprono solo in minima parte. Come abbiamo già accennato, Chomsky identifica nella pubblicità uno dei cinque "filtri" usati dai gruppi di potere per controllare ed imbrigliare la stampa. Oggi in un quotidiano come Il Corriere della Sera o Il Messaggero la pubblicità copre circa il 70% delle entrate. Bisognerà quindi verificare in che percentuale la pubblicità, o i sovvenzionamenti del MIN.CUL POP tra gli anni 20-40, hanno colmato il deficit delle varie testate Italo-australiane. Il rapporto tiratura-publicità ha un suo fascino sottile e delle implicazioni spesso sconcertanti. I nostri nonni, con quello sciovinismo che li caratterizzava, avrebbero detto che la pubblicità è imprevedibile, volubile e spesso illogica come una bella donna. Noi, meno sciovinisti e più politicizzati, ci associamo a Chomsky e come esempio ci riferiamo a quanto succede in Italia dove la regola, secondo la quale una maggiore tiratura implica una maggiore pubblicità, subisce delle fondamentali eccezioni. Prima di tutto non bisogna dimenticare che le grosse compagnie distributrici sono quasi sempre potenti gruppi industriali che possono tranquillamente negare la pubblicità a quotidiani che considerano "nemici politici" e quindi lesivi ai loro interessi politico-economici, anche se poi questi giornali discriminati sono un veicolo molto efficace di pubblicità. In Italia due esempi famosi e tipici furono, negli anni del secondo dopoguerra, il boicottaggio pubblicitario fatto all'unità, organo del PCI, e al Giorno, dell'ente Nazionale Idrocarburi, dalla Confederazione Nazionale dell'industria e dai suoi associati. Vi sono stati invece casi di giornali, insulsi e privi di una reale circolazione a livello nazionale, che sono stati gratificati e finanziati con larghe fette di pubblicità solo ed esclusivamente per ragioni politiche, uno di questi giornali fu il Luna Sera (alla fine degli anni 60) diretto da Ermanno Messina e voluto da Giulio Andreotti. Un altro elemento fondamentale di analisi è l'identificazione del gruppo dirigente del giornale. Questo tipo di informazione va oltre la semplice firma degli articolisti o dei grossi nomi che compaiono al termine degli articoli più

14 13 importanti. Vi è sempre un direttore che con il suo nome da una chiara indicazione della piega politica del quotidiano. Per non parlare poi del caporedattore, eminenza grigia di tutti i giornali, che raramente scrive e firma articoli ma che ha una importante funzione politica in quanto, interpretando le indicazioni ricevute dal direttore, coordina ed imposta la stesura del giornale. Infatti spesso si arriva alla conclusione che l'identità di un giornale non sempre coincide con quella presentata dai "grossi nomi" che firmano (in neretto, corpo 12) i più succulenti articoli del quotidiano. Come ci ha insegnato la storia del giornalismo italiano, gli articoli che hanno cambiato l'indirizzo politico del nostro Paese sono stati sempre anonimi o firmati con pseudonimi. Le funzioni di un giornale si possono indicare in due serie di obiettivi: quelli dichiarati e quelli non dichiarati. I primi sono quelli di fornire notizie e commenti, intrattenere i lettori, e pubblicizzare enti e strutture sia private che pubbliche. Gli obiettivi non dichiarati sono politici e sempre i più importanti e decisivi nella compilazione di un quotidiano. Importanti sono anche le fonti di informazione di cui il giornale si serve. In Italia le fonti sono evidenti: centri di potere e personalità del mondo politico ed economico, strutture statali come Procura della Repubblica, polizia e agenzie stampa. Nella nostra ricerca si dovrà identificare da quali fonti di informazione i giornali italo-australiani hanno attinto le proprie notizie. Solo dopo la seconda guerra mondiale, agli inizi degli anni '50, troviamo i primi collegamenti con l'ansa per via Intercable, collegamenti che con gli anni si sono fatti sempre più sofisticati. Risulta evidente, da una prima sommaria lettura dei giornali italo australiani tra le due guerre, di una maggiore presenza di notizie australiane, più o meno commentate, rispetto a quelle italiane, proporzione che tende ad invertirsi passando dagli anni venti ai trenta. Volendo continuare nella nostra critica al testo giornalistico non dobbiamo perdere di vista l'impaginazione. A parte i giornali dichiaratamente politicizzati, in tutti gli altri troviamo che l'impaginazione e la titolazione hanno particolari funzioni di persuasione e di pressione. Infatti cliché messi in una particolare positura tendono ad attrarre l'attenzione del lettore distogliendolo da altre parti

15 14 della pagina. Anche il tipo di carattere scelto per comporre il titolo può aiutare a fare passare quasi inosservato un articolo. E' quel gioco di interferenze, ridondanze, ancoraggi che Fiske descrive nel suo libro. Un classico esempio di quanto stiamo dicendo apparve sulla prima pagina del Corriere della Sera del 4 febbraio 1943: l'articolo annunciava la disfatta delle truppe italotedesche a Stalingrado. L'articolo ed il titolo, anche se posizionati a cinque colonne in centro pagina, passano inosservati ad un esame veloce e superficiale. Chiaramente il contenuto del titolo dava poi la sua dose di propaganda. Quindi non c'è alcun dubbio che uno studio della tecnica di titolazione, e non solo grafico, dei giornali italo-australiani costituisce un elemento basilare per un approccio conoscitivo e di lettura di questo tipo di stampa. Il titolo, nella sua più complessa struttura, può modificare o travisare il contenuto di un avvenimento in relazione a interessi politici o di mercato del giornale. Un discorso a parte va anche fatto sulla struttura del quotidiano e della divisione e dell'accomunamento degli articoli nelle pagine interne. Anche in queste scelte vi è una volontà della direzione del giornale di operare una ben specifica operazione di informazione-persuasione sul lettore. Un ultimo elemento importante da verificare è la funzione del nostro giornale etnico come elemento di mantenimento del tessuto sociale e delle istituzioni della comunità italo-australiana. Questi fattori di coesione si esprimono attraverso i vari club, associazioni e strutture di cooperazione. Quindi troviamo un elemento nuovo e completamente sconosciuto alla stampa italiana: il giornale come elemento di sopravvivenza e punto di riferimento socioculturale. In pratica si dovrà verificare come quelle funzioni, che in Italia sono tipiche di certe istituzioni statali, vengono amministrate dalle strutture editoriali e presentate ai lettori. Un'ultima cosa da chiarire è il significato che dovremo dare al concetto di "opinione pubblica" quando ci riferiremo, con questa espressione, alla comunità italo-australiana. E' sempre esistita una ambiguità su questo termine nato all'interno di gruppi sociali dove è sempre più incerto il confine di distinzione tra opinioni diffuse dal vertice del potere politico e divenute,

16 15 attraverso una serie di amplificazioni, ridondanze e ancoraggi, voce comune e quelle, al contrario, nate tra i gruppi subalterni e adottate, anche queste con le debite correzioni, dai gruppi di potere dominante. Spesso si usa identificare l'opinione pubblica con due elementi: o con le opinioni che prevalgono nelle maggioranze parlamentari, oppure con quelle che hanno maggiore riscontro nella stampa politica. Si è tentato anche di teorizzare una istituzionalizzazione del concetto, delimitandolo e legandolo a dati verificabili e obiettivi. Si è tentato pure di stabilire un ampliamento del concetto di opinione pubblica in momenti particolari e di crisi di tipo pre-rivoluzionario, con una fusione di quanto sostiene la maggioranza parlamentare, i giornali più autorevoli e quello che viene espresso liberamente dal gruppo sociale subalterno. Chiaramente queste teorie sono rimaste relegate tra coloro che le hanno pensate e scritte, in quanto è inaccettabile un concetto di opinione pubblica così ristretto e inevitabilmente manovrato dai gruppi di potere dominante. E' altrettanto vero che è molto difficile dare una definizione di questo concetto. A nostro avviso si può parlare di reazioni che emergono dalla società civile, a seguito di situazioni contingenti sia storiche, economiche e politiche, e che giungono attraverso i più svariati canali - i più comuni sono i sondaggi di opinione - ai vertici istituzionali con funzione di correzione e spesso antagonista a chi gestisce il potere.

17 16 CAPITOLO I FUNZIONE DEI GIORNALI COME ELEMENTO DI CONTROLLO POLITICO E MEZZO DI CREAZIONE DI CONSENSO - LA STAMPA ETNICA COME PROBLEMA SPECIFICO Prima di affrontare una analisi della stampa etnica riteniamo opportuno soffermarci su alcuni punti che riteniamo indispensabili per potere capire la nascita, l affermarsi e la funzione che un giornale ha sul gruppo sociale nel quale opera o a cui è indirizzato. Dobbiamo ricordare una regola che tutti, più o meno, conosciamo: un giornale non presenta mai ai propri lettori del materiale giornalistico grezzo ma un prodotto elaborato, modificato e manipolato in modo estremamente sofisticato. In parole povere un giornale non è una istantanea di un particolare momento storico o di cronaca, ma è come un film di Fellini dove le immagini e gli attori (nel nostro caso i fattori che compongono gli avvenimenti) prendono simbologie e significati specifici, spesso in una veste completamente nuova, decisi dal regista. Perché queste manipolazioni? Perché un giornale non riporta le notizie grezze come la logica suggerirebbe? La risposta è quasi lapalissiana: la necessità di mantenere il controllo politico, da parte del gruppo dominante sulle classi subalterne. Una volta la Chiesa cattolica usava armi come l Inquisizione, la scomunica ed i roghi. Oggi che la Chiesa ha perso il suo dominio temporale, come elemento di controllo viene usata una informazione manipolata ed addomesticata.

18 17 Gramsci, nel suo concetto di egemonia, chiarisce perfettamente come il gruppo dominante plagi le classi subalterne attraverso la disseminazione di una cultura a lui solamente favorevole. Quindi ricerca di consenso e di controllo politico attraverso la creazione, in campo giornalistico, di quello che Gramsci chiama: Una nuova superstruttura, i cui rappresentanti (gli intellettuali) non possono non essere concepiti come nuovi intellettuali, sorti dalla nuova situazione e non continuazione della precedente intellettualità. 4. Spesso è molto difficile distinguere stampa e potere in quanto, il più delle volte, queste due identità si fondono e si compensano a vicenda. Addirittura i giornalisti vanno oltre a quanto Gramsci suggerisce sulla funzione degli intellettuali che egli considera come: i commessi del gruppo dominante per l esercizio delle funzioni subalterne dell egemonia sociale e del governo politico 5, dato che l intellettuale giornalista si identifica nel gruppo stesso di potere. Abbiamo parlato di stampa come controllo politico e quindi stampa come mezzo di creazione di consenso. Cerchiamo di chiarire il concetto di "consenso" facendo una breve equiparazione al significato che esso assume nel pensiero anglosassone, dove questa parola ha maggiori significati e sfumature e dove può essere tradotta con: "consent" e "consensus". Nella lingua italiana non vi è una diversificazione così netta, potremmo forse tradurre "consent" con "consenso politico" e "consensus" con "consenso sociale" anche se queste traduzioni non rispecchiano fedelmente le connotazioni che esse hanno in inglese. Possiamo dire che il termine "consent" è generalmente usato in filosofia politica, mentre "consensus" è un termine tipico della sociologia. Volendo definirne i significati potremmo dire che "consent" viene usato in certe teorie politiche, particolarmente in relazione ai concetti di libertà e democrazia per giustificare l'autorità politica e l'obbedienza ad essa. "Consensus" appare in sociologia per spiegare sia l'ordine che la coesione sociale. Spesso i concetti di "consent" e libertà sono strettamente connessi all'idea di diritto, facenti capo infine quei problemi 4 Antonio Gramsci, Materialismo Storico, Editori Riuniti, Roma, 1979, p. 148.

19 18 concernenti il modo in cui una società dovrebbe essere organizzata politicamente, e alla maniera in cui l'autorità politica dovrebbe essere costituita. "Consensus" è invece un termine più descrittivo che si riferisce ai processi e ai rapporti che sono gli elementi costituenti la struttura di una società. Chiarendo meglio il concetto potremmo aggiungere che il termine "consent" è tipico di un contesto politico: esso infatti, si riferisce alle possibili relazioni tra i membri di una comunità e coloro i quali hanno l'autorità politica e di governo, inoltre il termine "consent" si riferisce al modo in cui l'autorità politica dovrebbe essere esercitata. "Consensus" invece correla i rapporti che intercorrono tra i membri di una società e la loro attività e interazioni sociali. Quando in sociologia si afferma che esiste un "consensus" sociale in una determinata società si intende asserire la realtà di una serie di rapporti che entrano nella costituzione di un sistema sociale nella sua interezza. Facendo un esempio potremmo dire che se un particolare Governo riceve il "consent" dai sui governati, questo "consent" fa parte e rappresenta solo una parte del "consensus" sociale caratteristico di quella particolare società. La nozione di consensus viene usata in sociologia anche in riferimento a due principali caratteristiche della struttura di una società: la prima è il concetto di "accordo", la seconda consiste in un particolare tipo di armonia che caratterizza un gruppo sociale e i suoi membri e implica inoltre una serie di elementi volontaristici di organizzazione e integrazione sociale. Ciò ci suggerisce la coscienza, il volere e la libera accettazione di vari elementi e interazioni esistenti nel sistema sociale, che escludono un conformarsi e un obbedire imposti da forme coercitive o di paura. Il problema che ora si pone è il rapporto tra "consensus", da una parte, e organizzazione e stabilità sociale, dall'altra. Crediamo che vi siano tre punti da chiarire: a) in quali componenti e interazioni di una società il "consensus" deve essere presente; b) su quali elementi si deve basare il "consensus" per 5 Antonio Gramsci, Gli intellettuali, Editori Riuniti, Roma, 1979, p. 9.

20 19 mantenere una stabilità sociale; c) il modo in cui tale "consensus" deve operare. Una teoria che cerca di dare una risposta a questi quesiti attribuisce un ruolo determinante a certe norme ed a particolari sistemi comuni di valutazione che sono insiti in una società. Infatti modelli stabili e persistenti di rapporti tra individui e gruppi in una società richiedono norme che definiscano i modi, i doveri, i diritti e le richieste a cui i membri appartenenti al gruppo sociale devono attenersi. Solo la più vasta adesione a queste norme, sia morali che di interazione, è la condizione per avere una integrazione e una stabilità sociale. Questa teoria non è certo una delle più moderne, infatti è il pensiero di Talcott Parsons. Nelle moderne e più complesse società di tipo industriale vi è una larga fascia di "dissenso" o di deviazione dalle norme comunemente accettate. Vi sono larghe fasce di dissenso nei confronti di quei sistemi comuni di valutazione: in campo politico, economico, di uguaglianza sociale, di diritto e responsabilità. Il nuovo problema che si pone è la ricerca di quelle aree di interazione e di struttura sociali dove il "consensus" è basilare per il funzionamento di una società. A questo proposito credo che sia interessante notare quanto suggerisce Edward Shils 6. Secondo Shils il "consensus" esiste: a) quando vi è un accordo generale sulle soluzioni che devono essere prese sulla assegnazione e divisione di quelle aree di limitata accessibilità (autorità, status, diritto, ricchezza ecc.) e su una accettabile gamma di punti di dissenso; b) quando sono accettate quelle istituzioni preposte a tali assegnazioni e divisioni; c) quando assegnazioni e divisioni ineguali sono accettate per tutta una serie di ragioni che prescindono da forme di coercizione e di obbligo. Chiaramente Shils, con il suo dualismo consenso-dissenso si muove in quell'area tipica dei "conflict theorists" anche se con elementi differenti. Facendo il punto su queste brevi note potremmo dire che vi sono due teorie base sul "consensus": la prima prende le mosse da sistemi tradizionali di 6 Edward Shils, "Literary Test, Culture and Mass Communication", Mass Media e Mass Communication, Chadwyck-Healey, Cambridge Vol 2, 1978, pp

The Italo-Australian Press: Media and Mass Communication in the Emigration World 1900-1940. Amedeo Tosco

The Italo-Australian Press: Media and Mass Communication in the Emigration World 1900-1940. Amedeo Tosco The Italo-Australian Press: Media and Mass Communication in the Emigration World 1900-1940 Amedeo Tosco Bachelor of Arts with Honors (Griffith University) Master of Arts (History), (University of Queensland)

Dettagli

DA SUDDITI A CITTADINI

DA SUDDITI A CITTADINI DA SUDDITI A CITTADINI LO STATO ASSOLUTO 1) L'assolutismo. Lo Stato nasce in Europa a partire dal 15 secolo: i sovrani stabilirono il loro poteri su territori che avevano in comune razza, lingua, religione

Dettagli

Processo di referaggio collana punto org

Processo di referaggio collana punto org Caro Referee, grazie in anticipo per aver accettato di referare per la collana punto org. Il Suo è un ruolo delicato: appartiene a una comunità di studiosi, docenti e professionisti che forniscono ai colleghi

Dettagli

La vita quotidiana durante la guerra

La vita quotidiana durante la guerra La vita quotidiana durante la guerra 1936: il discorso di Giuseppe Motta Ascoltiamo il discorso pronunciato da Giuseppe Motta, allora Consigliere federale, e quindi leggiamo il testo qui sotto riportato

Dettagli

IL GIORNALE DI CHE COSA PARLANO I GIORNALI

IL GIORNALE DI CHE COSA PARLANO I GIORNALI IL GIORNALE Il termine giornale deriva da giorno. Tra i giornali distinguiamo i periodici (settimanali, quindicinali, mensili, trimestrali ecc.) e i quotidiani (dal latino cotidie che significa ogni giorno

Dettagli

Mario Albertini. Tutti gli scritti III. 1958-1961. a cura di Nicoletta Mosconi. Società editrice il Mulino

Mario Albertini. Tutti gli scritti III. 1958-1961. a cura di Nicoletta Mosconi. Società editrice il Mulino Mario Albertini Tutti gli scritti III. 1958-1961 a cura di Nicoletta Mosconi Società editrice il Mulino 914 Anno 1961 A Luigi Pellizzer Pavia, 22 settembre 1961 Caro Avvocato, io credo che la discussione

Dettagli

IL PARTITO DEVE ESSERE UN LUOGO

IL PARTITO DEVE ESSERE UN LUOGO La vittoria della coalizione del centrosinistra alle elezioni Comunali di Milano di quest anno ha aperto uno scenario inedito che deve essere affrontato con lungimiranza e visione per riuscire a trovare

Dettagli

1796-1809: Arezzo Giochi di carte nel Casino dei Nobili Franco Pratesi 27.09.2014 INTRODUZIONE

1796-1809: Arezzo Giochi di carte nel Casino dei Nobili Franco Pratesi 27.09.2014 INTRODUZIONE 1796-1809: Arezzo Giochi di carte nel Casino dei Nobili Franco Pratesi 27.09.2014 INTRODUZIONE Il fondo Casino dei Nobili dell Archivio di Stato di Arezzo, ASAR, (1) contiene tutti i documenti rimasti

Dettagli

G. M. QUER, Democrazia e diritti umani in Israele. Un modello per un mondo che cambia, Milano, Proedi Editore, 2006, pp. 1-79.

G. M. QUER, Democrazia e diritti umani in Israele. Un modello per un mondo che cambia, Milano, Proedi Editore, 2006, pp. 1-79. G. M. QUER, Democrazia e diritti umani in Israele. Un modello per un mondo che cambia, Milano, Proedi Editore, 2006, pp. 1-79. di Cristina Gazzetta Il libro che qui si segnala al lettore è il risultato

Dettagli

1 Forum Internazionale sulla Regolazione dei Servizi Idrici e la Sostenibilità

1 Forum Internazionale sulla Regolazione dei Servizi Idrici e la Sostenibilità 1 Forum Internazionale sulla Regolazione dei Servizi Idrici e la Sostenibilità Roma, 21 Gennaio 2009 Palazzo Marini Sala delle Colonne Discorso di apertura, Luciano Baggiani Presidente ANEA Illustri ospiti,

Dettagli

IL FACTORING COME SOLUZIONE AD ALCUNE PROBLEMATICHE FINANZIARIE LEGATE AL SETTORE DELLA VENDITA

IL FACTORING COME SOLUZIONE AD ALCUNE PROBLEMATICHE FINANZIARIE LEGATE AL SETTORE DELLA VENDITA Factoring tour: Brescia - Il factoring: la gestione professionale dei crediti al servizio dell impresa (10 ottobre 2006 ) Giuseppe Masserdotti - Stefana S.p.A. Il factoring come soluzione ad alcune problematiche

Dettagli

I libri di testo. Carlo Tarsitani

I libri di testo. Carlo Tarsitani I libri di testo Carlo Tarsitani Premessa Per accedere ai contenuti del sapere scientifico, ai vari livelli di istruzione, si usa comunemente anche un libro di testo. A partire dalla scuola primaria, tutti

Dettagli

Sante Perazzolo Trainer PNL e coach PNL new code

Sante Perazzolo Trainer PNL e coach PNL new code Sante Perazzolo Trainer PNL e coach PNL new code e-cons s.r.l. Via del Lavoro, 4 35040 Boara Pisani (PD) Quando comunichiamo con altre persone dobbiamo riuscire a capire: se ci stanno seguendo, se comprendono

Dettagli

B C sulla TUTELA della PRIVACY Manuale ad uso degli incaricati del trattamento dei dati personali

B C sulla TUTELA della PRIVACY Manuale ad uso degli incaricati del trattamento dei dati personali ADALBERTO BIASIOTTI A B C sulla TUTELA della PRIVACY Manuale ad uso degli incaricati del trattamento dei dati personali Aggiornato con il D.Lgs. 196/2003 e s.m.i. e con la più recente giurisprudenza 1

Dettagli

TABELLA 1 Livelli comuni di riferimento: scala globale

TABELLA 1 Livelli comuni di riferimento: scala globale TABELLA 1 Livelli comuni di riferimento: scala globale avanzato intermedio elementare C2 C1 B2 B1 A2 A1 È in grado di comprendere senza sforzo praticamente tutto ciò che ascolta o legge. Sa riassumere

Dettagli

Il Piano di comunicazione

Il Piano di comunicazione Il Piano di comunicazione 23 lezione 11 novembre 2011 Cosa è un piano di comunicazione Il piano di comunicazione è uno strumento utilizzato da un organizzazione per programmare le proprie azioni di comunicazione

Dettagli

L asse storico sociale Diritto ed Economia politica: che cosa e come insegnare?

L asse storico sociale Diritto ed Economia politica: che cosa e come insegnare? L asse storico sociale Diritto ed Economia politica: che cosa e come insegnare? Rosamaria Maggio Il contesto europeo Da un esame dei documenti dell Unione Europea in materia di istruzione - sia per quanto

Dettagli

IL CENTRO PARLA CON NOI

IL CENTRO PARLA CON NOI Pesaro, in via Diaz n. 10 Tel 0721 639014 1522 parlaconnoi@provincia.ps.it CARTA DEI SERVIZI del Centro Antiviolenza provinciale Parla Con Noi La Carta è lo strumento che permette ai cittadini il controllo

Dettagli

Corso di Sociologia. Politica e Relazioni Internazionali. Stefania Fragapane A.A. 2012-2013

Corso di Sociologia. Politica e Relazioni Internazionali. Stefania Fragapane A.A. 2012-2013 Corso di Sociologia Politica e Relazioni Internazionali Stefania Fragapane A.A. 2012-2013 Programma delle lezioni 1) MODULO - Tradizione classica e sviluppo della disciplina: Introduzione alla sociologia

Dettagli

Presentazione evento 18 compleanno di Affaritaliani.it

Presentazione evento 18 compleanno di Affaritaliani.it e Presentazione evento 18 compleanno di Affaritaliani.it Mercoledì 16 aprile 2014 Sala Collina, Sole 24ore Fondato a Milano da Angelo Maria Perrino l 11 aprile 1996, è il primo quotidiano online d Italia.

Dettagli

IL COMPORTAMENTO DEL LEADER E LA REAZIONE DEI MEMBRI DEL GRUPPO IN TRE DIVERSI CLIMI AZIENDALI AUTORITARIO DEMOCRATICO LASSISTA. www.ergonomica.

IL COMPORTAMENTO DEL LEADER E LA REAZIONE DEI MEMBRI DEL GRUPPO IN TRE DIVERSI CLIMI AZIENDALI AUTORITARIO DEMOCRATICO LASSISTA. www.ergonomica. IL COMPORTAMENTO DEL LEADER E LA REAZIONE DEI MEMBRI DEL GRUPPO IN TRE DIVERSI CLIMI AZIENDALI AUTORITARIO DEMOCRATICO LASSISTA Ogni decisione sul da farsi viene presa dal leader. Tutte le cose da farsi

Dettagli

IL FASCISMO 1919-1943

IL FASCISMO 1919-1943 IL FASCISMO 1919-1943 Origini del fascismo 1919-1921 Il fascismo prende il potere 1922-1924 Diventa una regime totalitario di massa (dittatura) 1925-1943 Le origini del Fascismo 1919-1921 Dalla crisi economica

Dettagli

COME AVERE SUCCESSO SUL WEB?

COME AVERE SUCCESSO SUL WEB? Registro 1 COME AVERE SUCCESSO SUL WEB? Guida pratica per muovere con successo i primi passi nel web INTRODUZIONE INDEX 3 6 9 L importanza di avere un dominio e gli obiettivi di quest opera Come è cambiato

Dettagli

PUNTI DI FORZA PERSONALI: Questo sono io

PUNTI DI FORZA PERSONALI: Questo sono io PUNTI DI FORZA PERSONALI: Questo sono io Creatività / ingegno Risolvo i problemi in modo diverso Riesco a pensare a cose nuove facilmente Ho idee visionarie Sviluppo nuove opportunità e le metto in pratica

Dettagli

Master di II livello in Grafica Digitale per il Giornalismo

Master di II livello in Grafica Digitale per il Giornalismo Master di II livello in Grafica Digitale per il Giornalismo OBIETTIVI: Il Master si presenta nel panorama nazionale come corso di formazione e sperimentazione avanzata in grado di fornire le conoscenze

Dettagli

CONOSCI MEGLIO IL WEB.

CONOSCI MEGLIO IL WEB. CONOSCI MEGLIO IL WEB. CONOSCI MEGLIO IL WEB. di Stefania Pompigna Il mondo virtuale offre infinite opportunità ed infinite insidie. E meglio scoprirle, capirle ed impararle. GUIDA SULLA TORTUOSA STRADA

Dettagli

Elisa Vecchi, LA RIDEFINIZIONE DEI RAPPORTI INTERGENERAZIONALI FRA

Elisa Vecchi, LA RIDEFINIZIONE DEI RAPPORTI INTERGENERAZIONALI FRA Elisa Vecchi, LA RIDEFINIZIONE DEI RAPPORTI INTERGENERAZIONALI FRA MAROCCO E ITALIA: UN ANALISI DELLE PROBLEMATICHE INCONTRATE DAI GENITORI NEL CONTESTO DI MIGRAZIONE ITALIANO, Università degli studi di

Dettagli

Dal Settecento ad oggi: ecco come si è evoluto il giornalismo. Caldara, Bassini, Baracchi,Capelletti,Fava

Dal Settecento ad oggi: ecco come si è evoluto il giornalismo. Caldara, Bassini, Baracchi,Capelletti,Fava Dal Settecento ad oggi: ecco come si è evoluto il giornalismo Caldara, Bassini, Baracchi,Capelletti,Fava Affermazione nel Settecento Rischi & conseguenze Il primo giornale: The Spectator TRASFORMAZIONE

Dettagli

COMUNICAZIONE E ASCOLTO NELLA COPPIA

COMUNICAZIONE E ASCOLTO NELLA COPPIA COMUNICAZIONE E ASCOLTO NELLA COPPIA Comunicare vuol dire scambiare informazioni legate a fatti o ad emozioni personali con un'altra persona. La vera comunicazione avviene quando uno riceve il messaggio

Dettagli

data, non solo i martiri di Nassiriya, morti per cercare di fermare la guerra civile presente in Iraq, ma anche tutti coloro che hanno perso la vita

data, non solo i martiri di Nassiriya, morti per cercare di fermare la guerra civile presente in Iraq, ma anche tutti coloro che hanno perso la vita Costituita in memoria di Piero Salvati, carabiniere e poi funzionario della Pubblica Amministrazione, ottimo maresciallo dell ANC di Tortona, mancato all affetto dei suoi cari e dei suoi tanti amici il

Dettagli

Come scrivere la tesi (e tesina) di laurea

Come scrivere la tesi (e tesina) di laurea Come scrivere la tesi (e tesina) di laurea Mirco Fasolo, Elisa Silvia Colombo, Federica Durante COME SCRIVERE LA TESI (E TESINA) DI LAUREA Una guida alla stesura degli elaborati scientifici www.booksprintedizioni.it

Dettagli

IL COACHING delle Ambasciatrici

IL COACHING delle Ambasciatrici IL COACHING delle Ambasciatrici European Commission Enterprise and Industry Coaching ambasciatrici WAI-Women Ambassadors in Italy, Ravenna, 20/05/2010 2 FASE 1 Le motivazioni e gli scopi FASE 2 L analisi

Dettagli

INCONTRO ANNUALE CONSOB CON IL MERCATO FINANZIARIO MILANO, 9 MAGGIO 2011

INCONTRO ANNUALE CONSOB CON IL MERCATO FINANZIARIO MILANO, 9 MAGGIO 2011 INCONTRO ANNUALE CONSOB CON IL MERCATO FINANZIARIO MILANO, 9 MAGGIO 2011 RINGRAZIO IL PRESIDENTE VEGAS PER AVERMI INVITATO IN OCCASIONE DELLA SUA PRIMA RELAZIONE ANNUALE. IL FATTO CHE SIAMO QUI OGGI TESTIMONIA

Dettagli

LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1

LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1 LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1 Sintesi per le partecipanti Laboratorio LAVORO 1 e 2 Progetto Leadership femminile aprile-giugno 2013 Elena Martini Francesca Maria Casini Vanessa Moi 1 LE ATTESE E LE MOTIVAZIONI

Dettagli

Le aree del Progetto Educativo Individualizzato

Le aree del Progetto Educativo Individualizzato Dott.ssa Viviana Cipulli Le aree del Progetto Educativo Individualizzato Compilazione di un PEI Non è sufficiente affermare che la relazione educativa c è e c è sempre: è struttura ineliminabile del lavoro

Dettagli

Quadro di Riferimento PISA per la Literacy Scientifica

Quadro di Riferimento PISA per la Literacy Scientifica Quadro di Riferimento PISA per la Literacy Scientifica Il testo che segue è una sintesi della prima parte dello Science Framework di PISA 2006. Il testo definitivo sarà pubblicato dall OCSE entro il mese

Dettagli

L ACCERTAMENTO ISPETTIVO IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO

L ACCERTAMENTO ISPETTIVO IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO L ACCERTAMENTO ISPETTIVO IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO Cagliari, 22 luglio 2010 ore 10.00 Intervento di apertura dei lavori del Presidente del Gruppo Giovani Imprenditori Edili Simona Pellegrini Vi

Dettagli

Lavorare in gruppo. Corso di formazione per i dipendenti dell Università di Palermo

Lavorare in gruppo. Corso di formazione per i dipendenti dell Università di Palermo Lavorare in gruppo Corso di formazione per i dipendenti dell Università di Palermo Premessa La conoscenza del gruppo e delle sue dinamiche, così come la competenza nella gestione dei gruppi, deve prevedere

Dettagli

autorità maschile all interno della famiglia la donna debba obbedire al suo sposo donne e politica nella sfera pubblica piuttosto che in famiglia

autorità maschile all interno della famiglia la donna debba obbedire al suo sposo donne e politica nella sfera pubblica piuttosto che in famiglia Il Medio Oriente si scopre progressista Una ricerca dalla University of Michigan Institute for Social Research mette a fuoco la percezione della donna in sette paesi a maggioranza musulmana (Ilaria Orrù)

Dettagli

MASTER DI GIORNALISMO. Direttore didattico: Luisa Briganti Docenti: Franco Fracassi, Massimo Lauria, Giorgia Pietropaoli

MASTER DI GIORNALISMO. Direttore didattico: Luisa Briganti Docenti: Franco Fracassi, Massimo Lauria, Giorgia Pietropaoli MASTER DI GIORNALISMO Direttore didattico: Luisa Briganti Docenti: Franco Fracassi, Massimo Lauria, Giorgia Pietropaoli MODULO I CORSO BASE DI GIORNALISMO (8 settimane) Il corso serve ad apprendere le

Dettagli

Il crollo dello stato liberale e l avvento del fascismo

Il crollo dello stato liberale e l avvento del fascismo L Italia fascista Il crollo dello stato liberale e l avvento del fascismo La nascita e l affermazione del Fascismo La prima riunione del movimento dei fasci di combattimento si tenne a Milano nel 1919.

Dettagli

COMUNITÀ DI PRATICA. i loro membri condividono modalità di AZIONE E INTERPRETAZIONE della realtà

COMUNITÀ DI PRATICA. i loro membri condividono modalità di AZIONE E INTERPRETAZIONE della realtà Comunità di pratica e reti professionali di Massimo Tomassini Vorrei ringraziare per questo invito. Sono molto lieto di essere in questa sala in cui sono stato circa quattro anni fa, presentando con altri

Dettagli

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana 1. LA MOTIVAZIONE Imparare è una necessità umana La parola studiare spesso ha un retrogusto amaro e richiama alla memoria lunghe ore passate a ripassare i vocaboli di latino o a fare dei calcoli dei quali

Dettagli

2.1. Riferimenti alle Convenzioni e alle Dichiarazioni in tema di diritti umani e

2.1. Riferimenti alle Convenzioni e alle Dichiarazioni in tema di diritti umani e educazione 2.1. Riferimenti alle Convenzioni e alle Dichiarazioni in tema di diritti umani e I documenti presentati presentano nella maggior parte dei casi ripetuti riferimenti alla Dichiarazione Universale

Dettagli

CORSO DI RELAZIONI INTERNAZIONALI. UNICAL a.a. 2014/2015 Docente: Cecilia Emma Sottilotta Mail: sottilottac@gmail.com

CORSO DI RELAZIONI INTERNAZIONALI. UNICAL a.a. 2014/2015 Docente: Cecilia Emma Sottilotta Mail: sottilottac@gmail.com CORSO DI RELAZIONI INTERNAZIONALI UNICAL a.a. 2014/2015 Docente: Cecilia Emma Sottilotta Mail: sottilottac@gmail.com INTERNATIONAL POLITICAL ECONOMY I DIBATTITI CONTEMPORANEI 3 LA STABILITA EGEMONICA (I)

Dettagli

POF 2013-2014 - COMPETENZE

POF 2013-2014 - COMPETENZE POF 2013-2014 - COMPETENZE Seguendo le indicazioni della normativa, La Scuola anche per il SECONDO BIENNIO riconosce l importanza dei quattro assi culturali sulla base dei quali gestire la formulazione

Dettagli

MOVIMENTO CULTURALE IDEELIBERE

MOVIMENTO CULTURALE IDEELIBERE All attenzione del Dirigente Scolastico del Liceo Classico Adolfo Pansini, prof. Salvatore Pace Oggetto: Progetto Scriviamo... CAMBIAMO Introduzione Il sottoscritto, Salvatore Salzano, Presidente Nazionale

Dettagli

Consigli utili per migliorare la tua vita

Consigli utili per migliorare la tua vita Consigli utili per migliorare la tua vita Le cose non cambiano, siamo noi che cambiamo A volte si ha la sensazione che qualcosa nella nostra vita non stia che, diciamo la verità, qualche piccola difficoltà

Dettagli

Studiare I consumi: Imparare dalla crisi

Studiare I consumi: Imparare dalla crisi MATCHING 24 / 11 /2009 Seminario Studiare I consumi: Imparare dalla crisi Quanto più la ripresa sarà lenta, tanto più la selezione delle aziende sul mercato sarà rapida. È fondamentale uscire dalle sabbie

Dettagli

++++++++++++++++++++++++ Come si fa un giornale

++++++++++++++++++++++++ Come si fa un giornale ++++++++++++++++++++++++ Come si fa un giornale COME SI FA UN GIORNALE dall idea alla distribuzione Un giornale è una struttura complessa composta da un gruppo di persone che lavorano insieme che chiameremo

Dettagli

EMAS III Le prospettive dell'eccellenza ambientale

EMAS III Le prospettive dell'eccellenza ambientale EMAS III Le prospettive dell'eccellenza ambientale Adelphi Consult GmbH Managing Director Walter Kahlenborn 1 Per parlare di EMAS bisogna soffermarsi sui problemi che esistono e definiscono gli obiettivi

Dettagli

Osservatorio sulla mobilità e i trasport. Eurispes Italia SpA. Profilo Costitutivo ed Operativo dell Osservatorio sulla Mobilità ed i Trasporti

Osservatorio sulla mobilità e i trasport. Eurispes Italia SpA. Profilo Costitutivo ed Operativo dell Osservatorio sulla Mobilità ed i Trasporti Eurispes Italia SpA Profilo Costitutivo ed Operativo dell Osservatorio sulla Mobilità ed i Trasporti COSTITUZIONE E SEDE Nell ambito delle sue attività istituzionali, l Eurispes Italia SpA ha deciso di

Dettagli

INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24

INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24 25 ottobre 2013 INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24 Audio da min. 12:00 a 20:45 su http://www.radio24.ilsole24ore.com/player.php?channel=2&idprogramma=focuseconomia&date=2013-10-25&idpuntata=gslaqfoox,

Dettagli

Per raggiungere il suo scopo, un testo deve innanzitutto essere comprensibile, completo e coerente.

Per raggiungere il suo scopo, un testo deve innanzitutto essere comprensibile, completo e coerente. Che cos è un testo? Il termine testo (dal latino textus "intreccio, tessuto") sta ad indicare un insieme di parole, scritte od orali, strutturato in base alle norme di una certa lingua per comunicare un

Dettagli

Biografia linguistica

Biografia linguistica EAQUALS-ALTE Biografia linguistica (Parte del Portfolio Europeo delle Lingue di EAQUALS-ALTE) I 1 BIOGRAFIA LINGUISTICA La Biografia linguistica è un documento da aggiornare nel tempo che attesta perché,

Dettagli

Psicologia sociale delle religioni

Psicologia sociale delle religioni Psicologia sociale delle religioni 0-Presentazione del corso (secondo semestre) vers. 0.2 (3 marzo 2014) Germano Rossi 1 germano.rossi@unimib.it 1 Dipartimento di Psicologia, Università di Milano-Bicocca

Dettagli

risulta (x) = 1 se x < 0.

risulta (x) = 1 se x < 0. Questo file si pone come obiettivo quello di mostrarvi come lo studio di una funzione reale di una variabile reale, nella cui espressione compare un qualche valore assoluto, possa essere svolto senza necessariamente

Dettagli

IL COUNSELING NELLE PROFESSIONI D AIUTO

IL COUNSELING NELLE PROFESSIONI D AIUTO IL COUNSELING NELLE PROFESSIONI D AIUTO Obiettivi: Conoscere le peculiarità del counseling nelle professioni d aiuto Individuare le abilità del counseling necessarie per svolgere la relazione d aiuto Analizzare

Dettagli

PREMESSA. È sembrato opportuno partire, in questo elaborato, da. un analisi del mezzo usato per l emissione del messaggio e la

PREMESSA. È sembrato opportuno partire, in questo elaborato, da. un analisi del mezzo usato per l emissione del messaggio e la PREMESSA Lo studio dei mass media non può mai prescindere dal contesto storico-sociale in cui opera e di cui tratta influenzando, spesso, i soggetti che vi vivono. È sembrato opportuno partire, in questo

Dettagli

FINESTRE INTERCULTURALI

FINESTRE INTERCULTURALI Scuola Classe 1C FINESTRE INTERCULTURALI DIARIO DI BORDO 2013 / 2014 IC Gandhi - Secondaria di primo grado Paolo Uccello Insegnante / materia lettere Data Febbraio Durata 4h TITOLO DELLA FINESTRA INTERCULTURALE

Dettagli

Come si fa un giornale

Come si fa un giornale Come si fa un giornale COME SI FA UN GIORNALE dall idea alla distribuzione Un giornale è una struttura complessa composta da un gruppo di persone che lavorano insieme che chiameremo LA REDAZIONE Al vertice

Dettagli

ALTRO CHE ATTACCO ALLA MAGISTRATURA

ALTRO CHE ATTACCO ALLA MAGISTRATURA a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Il Popolo della Libertà Berlusconi Presidente 87 ALTRO CHE ATTACCO ALLA MAGISTRATURA Stralcio del discorso del Presidente Silvio Berlusconi sulla

Dettagli

Il venditore di successo deve essere un professionista competente,

Il venditore di successo deve essere un professionista competente, Ariel SIGNORELLI A vete mai ascoltato affermazioni del tipo: sono nato per fare il venditore ; ho una parlantina così sciolta che quasi quasi mi metto a vendere qualcosa ; qualcosa ; è nato per vendere,

Dettagli

Istituto Tecnico per Geometri Genga Via Nanterre - 61100 Pesaro (PU) Programma svolto di Storia (A.S. 2013-2014) Classe: IV D n alunni: 24

Istituto Tecnico per Geometri Genga Via Nanterre - 61100 Pesaro (PU) Programma svolto di Storia (A.S. 2013-2014) Classe: IV D n alunni: 24 Istituto Tecnico per Geometri Genga Via Nanterre - 61100 Pesaro (PU) Programma svolto di Storia (A.S. 2013-2014) Classe: IV D n alunni: 24 Docente: Prof.ssa Mariotti Maria Adele Libri di testo adottati

Dettagli

L AUTOVALUTAZIONE DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI

L AUTOVALUTAZIONE DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI L AUTOVALUTAZIONE DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI Mi figura dla rujenedes Meine Sprachenfigur La mia figura delle lingue Silvia Goller Scuola dell infanzia Santa Cristina/Val Gardena Le bambine e i bambini

Dettagli

LEADERSHIP E COESIONE DI SQUADRA SECONDO I PRINCIPI DELLA METODOLOGIA OPERATIVA

LEADERSHIP E COESIONE DI SQUADRA SECONDO I PRINCIPI DELLA METODOLOGIA OPERATIVA LEADERSHIP E COESIONE DI SQUADRA SECONDO I PRINCIPI DELLA METODOLOGIA OPERATIVA Sul tema della leadership già a partire dai primi anni del novecento sono stati sviluppati diversi studi, che consideravano

Dettagli

La prima pagina uno schema fisso La testata manchette

La prima pagina uno schema fisso La testata manchette IL QUOTIDIANO La prima pagina è la facciata del quotidiano, presenta gli avvenimenti trattati più rilevanti e solitamente sono commentati; gli articoli sono disposti secondo uno schema fisso che ha lo

Dettagli

LA BIBLIOTECA DEL CLUB DEL LIBRO. Dai vita ai tuoi libri!

LA BIBLIOTECA DEL CLUB DEL LIBRO. Dai vita ai tuoi libri! LA BIBLIOTECA DEL CLUB DEL LIBRO Dai vita ai tuoi libri! "I libri. Sono stati i miei grandi amici, perché non c è di meglio che viaggiare con qualcuno che ha fatto già la stessa strada, che ti racconta

Dettagli

Il consulente aziendale di Richard Newton, FrancoAngeli 2012

Il consulente aziendale di Richard Newton, FrancoAngeli 2012 Introduzione Chiedete a qualunque professionista di darvi una definizione dell espressione consulente aziendale, e vedrete che otterrete molte risposte diverse, non tutte lusinghiere! Con tale espressione,

Dettagli

Classi 1 A 1B 1C Scuola Aurelio Saffi di Siena LA POSTA DEL CUORE

Classi 1 A 1B 1C Scuola Aurelio Saffi di Siena LA POSTA DEL CUORE Classi 1 A 1B 1C Scuola Aurelio Saffi di Siena LA POSTA DEL CUORE All inizio del mese di Febbraio abbiamo chiesto ai bambini di procurarsi delle buste da lettera nuove. Quando tutti le hanno portate a

Dettagli

Curricolo verticale di Cittadinanza e Costituzione. Scuola dell infanzia - Anni 3

Curricolo verticale di Cittadinanza e Costituzione. Scuola dell infanzia - Anni 3 Curricolo verticale di Cittadinanza e Costituzione Scuola dell infanzia - Anni 3 A Identità e appartenenza. A1 Percepire e riconoscere se stesso. A1Mi conosco attraverso giochi motori sul corpo. A2 Saper

Dettagli

IL CONSUMO CONSAPEVOLE DI ENERGIA ELETTRICA IN ITALIA

IL CONSUMO CONSAPEVOLE DI ENERGIA ELETTRICA IN ITALIA PRESENTAZIONE DELLA RICERCA IL CONSUMO CONSAPEVOLE DI ENERGIA ELETTRICA IN ITALIA ROMA 23 OTTOBRE 2008 Vorrei ringraziare gli intervenuti, i relatori, le Istituzioni ed il GSE che con la sua collaborazione

Dettagli

INTERVENTO 3 CLASSE 3^ SERVIZI DEL TURISMO. Descrizione contenuti specifici. riferim ento 1C. Descrizione competenza da acquisire

INTERVENTO 3 CLASSE 3^ SERVIZI DEL TURISMO. Descrizione contenuti specifici. riferim ento 1C. Descrizione competenza da acquisire INTERVENTO 3 CLASSE 3^ SERVIZI DEL TURISMO Descrizione competenza da acquisire AREA DEI LINGUAGGI Padroneggiare gli strumenti espressivi ed argomentativi indispensabili per gestire l interazione comunicativa

Dettagli

INFANZIA PRIMARIA SECONDARIA

INFANZIA PRIMARIA SECONDARIA INFANZIA PRIMARIA SECONDARIA GEOGRAFIA - TRAGUARDI DI SVILUPPO DELLE COMPETENZE si orienta nello spazio conosciuto colloca elementi dell ambiente conosciuto secondo criteri spaziali si orienta nello spazio

Dettagli

L effetto osservatore costellatore

L effetto osservatore costellatore L effetto osservatore costellatore Uno degli elementi costituenti il campo collettivo di una Costellazione, è il campoologramma del costellatore. Il suo campo morfogenetico contiene in-formazioni multidimensionali

Dettagli

I sondaggi consentono la realizzazione di strategie di marketing, promozione e PR, consapevoli e mirate. LORENZA MIGLIORATO - CONSULENTE

I sondaggi consentono la realizzazione di strategie di marketing, promozione e PR, consapevoli e mirate. LORENZA MIGLIORATO - CONSULENTE La comunicazione efficace - cioè quella qualità nella comunicazione che produce il risultato desiderato nell interlocutore prescelto - è il prodotto di un perfetto ed equilibrato mix di scientificità,

Dettagli

Storia contemporanea WELFARE STATE Percorso analitico tra lo storico e il sociale

Storia contemporanea WELFARE STATE Percorso analitico tra lo storico e il sociale Facoltà di Scienze Sociali Lezioni di Storia contemporanea WELFARE STATE Percorso analitico tra lo storico e il sociale PROGRAMMA DELLE LEZIONI Prima parte Concezione del welfare state e caratteri generali;

Dettagli

La Dichiarazione di Pechino

La Dichiarazione di Pechino La Dichiarazione di Pechino CAPITOLO I OBIETTIVI 1. Noi, Governi partecipanti alla quarta Conferenza mondiale sulle donne, 2. Riuniti qui a Pechino nel settembre del 1995, nel cinquantesimo anniversario

Dettagli

FINESTRE INTERCULTURALI

FINESTRE INTERCULTURALI Scuola Classe 1C FINESTRE INTERCULTURALI DIARIO DI BORDO 2013 / 2014 IC Gandhi - Secondaria di primo grado Paolo Uccello Insegnante / materia Anelia Cassai/lettere Data Febbraio Durata 4h TITOLO DELLA

Dettagli

Laboratorio della Memoria

Laboratorio della Memoria Comune di Gemmano Laboratorio della Memoria Progetto 2006 a cura dell Auser Provinciale di Rimini 1 Laboratorio della Memoria 2006 Premessa Il presente progetto è la prosecuzione del progetto approvato

Dettagli

LA GRANDE GUERRA sui media

LA GRANDE GUERRA sui media LA GRANDE GUERRA sui media 1 IL CENTRO http://ilcentro.gelocal.it/pescara/cronaca/2015/11/21/news/marini-la-grande-guerra-e-il-terrorismo- 1.12485624 Il CENTRO 22 novembre 2015 2 Il Messaggero 22 novembre

Dettagli

I giovani del Medio Campidano

I giovani del Medio Campidano I giovani del Medio Campidano Indagine sulla condizione giovanile nella Provincia Ufficio Provinciale Giovani - Associazione Orientare Pagina 1 Il questionario è stato predisposto e realizzato dall Associazione

Dettagli

AMICI VIRTUALI E AMICI REALI: Aspetti Psicosociali dei Social Network. Prof. Giuseppe Riva. Università Cattolica del Sacro Cuore

AMICI VIRTUALI E AMICI REALI: Aspetti Psicosociali dei Social Network. Prof. Giuseppe Riva. Università Cattolica del Sacro Cuore AMICI VIRTUALI E AMICI REALI: Aspetti Psicosociali dei Social Network Prof. Giuseppe Riva Università Cattolica del Sacro Cuore www.isocialnetwork.info 1-1 Indice I social network sono una moda? SN come

Dettagli

Il trailer di Handy sbarca al cinema: una mano protagonista sul grande schermo

Il trailer di Handy sbarca al cinema: una mano protagonista sul grande schermo Il trailer di Handy sbarca al cinema: una mano protagonista sul grande schermo di Redazione Sicilia Journal - 09, ott, 2015 http://www.siciliajournal.it/il-trailer-di-handy-sbarca-al-cinema-una-mano-protagonista-sul-grandeschermo/

Dettagli

Carta dei diritti e delle responsabilità dei genitori in Europa

Carta dei diritti e delle responsabilità dei genitori in Europa Carta dei diritti e delle responsabilità dei genitori in Europa Preambolo aggiornato al 2008 Crescere figli è un segno di speranza. Ciò dimostra che si ha speranza per il futuro e fede nei valori che si

Dettagli

I PROTAGONISTI DELL IMMIGRAZIONE. Indovinello: QUANDO GLI EMIGRANTI ERAVAMO NOI

I PROTAGONISTI DELL IMMIGRAZIONE. Indovinello: QUANDO GLI EMIGRANTI ERAVAMO NOI Comunità Leumann 2011/2012 I PROTAGONISTI DELL IMMIGRAZIONE Indovinello: Non sono molto alti e sono di carnagione scura. Hanno i capelli neri. Parlano tra loro usando dialetti incomprensibili, sono rumorosi

Dettagli

Anno 2004/2005 CORSO SNES-CSI PER FORMATORI. Bologna, 3 dicembre 2005. Lara Rossin

Anno 2004/2005 CORSO SNES-CSI PER FORMATORI. Bologna, 3 dicembre 2005. Lara Rossin Anno 2004/2005 LA FIGURA DEL FORMATORE CSI -LE SUE PECULIARITÀ E LA SUA MISSION- CORSO SNES-CSI PER FORMATORI Bologna, 3 dicembre 2005 Lara Rossin 1 INTRODUZIONE Non si insegna e non si può insegnare,

Dettagli

1-BEN-ESSERE DELLA PERSONA

1-BEN-ESSERE DELLA PERSONA AREA SOCIO/AFFETTIVA- SCUOLA PRIMARIA Integrazione tra i lavori di gruppo di settembre (Thouar, Villini, Paganini, Montanella) 1-BEN-ESSERE DELLA PERSONA Competenza personale L alunno è consapevole della

Dettagli

GENNAIO CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL SIENA. Giuseppe Di Vittorio 1954 MARTEDÌ MERCOLEDÌ GIOVEDÌ VENERDÌ DOMENICA

GENNAIO CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL SIENA. Giuseppe Di Vittorio 1954 MARTEDÌ MERCOLEDÌ GIOVEDÌ VENERDÌ DOMENICA GENNAIO 1 17 2 3 18 19 4 20 5 6 21 22 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 23 24 25 26 27 28 29 30 31 Vedo davanti a me tante facce, vedo dei neri,...dei bianchi, dei gialli, dei mezzi neri come me, ma tutti insieme,

Dettagli

Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio

Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio Allegato 1 REVISIONE DEL SISTEMA DI VALUTAZIONE DEL COMPARTO Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio SINTESI DEI COMPORTAMENTI ORGANIZZATIVI

Dettagli

Diritto.it. Il bene si può definire statico, il servizio si può definire dinamico.

Diritto.it. Il bene si può definire statico, il servizio si può definire dinamico. Prestazione di servizi e contratto di assicurazione: resoconto del convegno sull argomento e intervista al Prof. Gabriele Racugno Presidente dell AIDA Sardegna, Ordinario di Diritto Commerciale e Avvocato

Dettagli

dal 2007 - Kryptos LA PERSONA ECCELLENZE: Lorenzo Zago

dal 2007 - Kryptos LA PERSONA ECCELLENZE: Lorenzo Zago ECCELLENZE: Lorenzo Zago dal 2007 - Kryptos LA PERSONA Nel corso della storia, la libertà di scelta è stata una grande conquista da parte dell uomo. Oggi, la maggior parte di noi vive in Paesi dove è possibile

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO FACOLTÀ DI STUDI UMANISTICI Corso di laurea triennale in Scienze umanistiche per la comunicazione

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO FACOLTÀ DI STUDI UMANISTICI Corso di laurea triennale in Scienze umanistiche per la comunicazione UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO FACOLTÀ DI STUDI UMANISTICI Corso di laurea triennale in Scienze umanistiche per la comunicazione LA RETE SOCIALE PER COMUNICARE L'AMBIENTE: SOCIAL NETWORK ED ECOLOGIA

Dettagli

Una risposta ad una domanda difficile

Una risposta ad una domanda difficile An Answer to a Tough Question Una risposta ad una domanda difficile By Serge Kahili King Traduzione a cura di Josaya http://www.josaya.com/ Un certo numero di persone nel corso degli anni mi hanno chiesto

Dettagli

PENSIERO DI LENIN. Fonte: Lenin [Vladimir Ilic Ulianov], Scritti economici, Roma, Editori Riuniti, 1977, pp. 837-840.

PENSIERO DI LENIN. Fonte: Lenin [Vladimir Ilic Ulianov], Scritti economici, Roma, Editori Riuniti, 1977, pp. 837-840. PENSIERO DI LENIN Fonte: Lenin [Vladimir Ilic Ulianov], Scritti economici, Roma, Editori Riuniti, 1977, pp. 837-840. Articolo datato 6 gennaio 1923 e pubblicato sulla «Pravda» del 27 gennaio 1923. ******

Dettagli

NICOLETTA MARASCHIO Presidente dell Accademia della Crusca. Intervento fuori programma

NICOLETTA MARASCHIO Presidente dell Accademia della Crusca. Intervento fuori programma NICOLETTA MARASCHIO Presidente dell Accademia della Crusca Intervento fuori programma Buona sera. Grazie a Giovanni Puglisi che mi ha dato la parola. La mia è una voce diversa da tutte quelle che mi hanno

Dettagli

INTERVENTO DEL DR. FABIO CERCHIAI, PRESIDENTE FeBAF XLIV GIORNATA DEL CREDITO ROMA, 3 OTTOBRE 2012

INTERVENTO DEL DR. FABIO CERCHIAI, PRESIDENTE FeBAF XLIV GIORNATA DEL CREDITO ROMA, 3 OTTOBRE 2012 INTERVENTO DEL DR. FABIO CERCHIAI, PRESIDENTE FeBAF XLIV GIORNATA DEL CREDITO ROMA, 3 OTTOBRE 2012 Si può essere quotati in Borsa e avere un ottica di lungo periodo? E come recuperare un merito creditizio

Dettagli

Contabilità ordinaria, semplificata e altri regimi contabili

Contabilità ordinaria, semplificata e altri regimi contabili Contabilità ordinaria, semplificata e altri regimi contabili Obiettivi del corso Iniziamo, con questa prima lezione, il nostro corso dal titolo addetto alla contabilità. Si tratta di un corso base che

Dettagli

Mario Albertini. Tutti gli scritti VIII. 1979-1984. a cura di Nicoletta Mosconi. Società editrice il Mulino

Mario Albertini. Tutti gli scritti VIII. 1979-1984. a cura di Nicoletta Mosconi. Società editrice il Mulino Mario Albertini Tutti gli scritti VIII. 1979-1984 a cura di Nicoletta Mosconi Società editrice il Mulino Nota sulla Polonia Il caso polacco ha valore storico, nel senso che pone per tutti, e non solo per

Dettagli

I TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI ALL IRC NEI CAMPI DI ESPERIENZA.

I TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI ALL IRC NEI CAMPI DI ESPERIENZA. I TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI ALL IRC NEI CAMPI DI ESPERIENZA. (Cfr. Indicazioni nazionali per il curricolo Sc. Infanzia D.P.R. dell 11-02-2010) Il sé e l altro Le grandi domande,

Dettagli