SIEMENS. Ridondanza software per SIMATIC S7-300 e S Argomenti della guida di S7_SWR_E.HLP del 12/99

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SIEMENS. Ridondanza software per SIMATIC S7-300 e S7-400. Argomenti della guida di S7_SWR_E.HLP del 12/99"

Transcript

1 SIEMENS Ridondanza software per SIMATIC S7-300 e S7-400 Argomenti della guida di S7_SWR_E.HLP del 12/99

2 SIEMENS AG All Rights Reserved La duplicazione e la cessione della presente documentazione sono vietate, come pure l uso improprio del suo contenuto, se non dietro autorizzazione scritta. Le trasgressioni sono possibili di risarcimento dei danni. Tutti i diritti sono riservati, in particolare quelli relativi ai brevetti e ai marchi registrati. Ci riserviamo eventuali modifiche tecniche. Argomenti della guida di S7_SWR_E.HLP (12/99)

3 SIMATIC S7 Ridondanza software per SIMATIC S7-300 e S7-400 Contenuto Come usare la presente descrizione? - Un suggerimento per la lettura Prime informazioni Perché impiegare un sistema con ridondanza software? Di quale hardware si necessita? Di quale software si necessita? Dove si può impiegare la ridondanza software? Come funziona un sistema con ridondanza software? Come funziona un sistema con ridondanza software? Struttura della parola di stato della ridondanza software Struttura della parola di controllo della ridondanza software Regole per l impiego della ridondanza software Blocchi per la ridondanza software La biblioteca con i blocchi per la ridondanza software Contenuto dei pacchetti di blocchi Panoramica dei blocchi della ridondanza software FC 100 SWR_START FB 101 SWR_ZYK FC 102 SWR_DIAG FB 103 'SWR_SFCCOM', FB 104 'SW_AG_COM' e FB 105 'SWR_SFBCOM' Blocchi di dati DB_WORK_NO, DB_SEND_NO e DB_RCV_NO Blocchi di dati DB_A_B e DB_B_A per lo scambio di dati non ridondanti Blocco di dati DB_COM_NO Esempio per iniziare rapidamente con una configurazione minima Dati tecnici dei blocchi Riferimenti e integrazioni Proprietà e caratteristiche della ridondanza software Commutazione master-riserva Durata della commutazione master-riserva Durata del trasferimento dati dal master alla riserva Tempi di commutazione per gli slave DP dell ET200M Durata del riconoscimento errori nel caso di anomalie nel sistema ridondante Reti con le quali si possono collegare le due stazioni Modificare la configurazione e il programma utente in RUN Particolarità per la programmazione in CFC...46 Argomenti della guida di S7_SWR_E.HLP (12/99) Pagina 3

4 Ridondanza software per SIMATIC S7-300 e S7-400 SIMATIC S7 4.7 Moduli impiegabili per la ridondanza software Comunicazione con le altre stazioni Comunicazione con una stazione dell's7-300/s Comunicazione con un secondo sistema con ridondanza software Concetto di saltatore per la ridondanza software Impiego degli OB d errore Esempio: ridondanza software con il SIMATIC S Compito da risolvere e schema tecnologico Struttura hardware per l'esempio con l's Configurazione dell hardware Progettazione delle reti Progettazione dei collegamenti Creazione del programma utente Collegamento di apparecchiature B&B Esempio: ridondanza software con il SIMATIC S Compito da risolvere e schema tecnologico Struttura hardware per l'esempio con l's Configurazione dell hardware Progettazione delle reti Progettazione dei collegamenti Creazione del programma utente Collegamento di apparecchiature B&B Ridondanza software e stazioni operative con WinCC Blocco pagina per compiti di pilotaggio e osservazione La configurazione del blocco pagina con WINCC Progettazione del collegamento per WinCC Definizione delle variabili del blocco pagina Introduzione del blocco pagina in una pagina Collegamento dei campi di visualizzazione con le variabili (dinamizzazione della pagina)...80 Pagina 4 Argomenti della guida di S7_SWR_E.HLP (12/99)

5 SIMATIC S7 Ridondanza software per SIMATIC S7-300 e S7-400 Come usare la presente descrizione? - Un suggerimento per la lettura Le seguenti sezioni descrivono come fare ad incrementare la disponibilità dei nostri sistemi di automazione SIMATIC S7 con l'aiuto del pacchetto software Ridondanza software. La descrizione del prodotto viene presentata all'utente sotto forma di guida in linea. Ciò ha il vantaggio della possibilità di lettura di tutte le informazioni al proprio PC/PG durante la progettazione e la programmazione con STEP 7 in rapporto alla situazione. Non è quindi necessario l'uso di un manuale stampato. Per i clienti i quali preferiscono leggere la descrizione su carta, sono stati raggruppati gli argomenti della guida in un documento del quale può essere presa visione e del quale si può avere una stampa tramite Acrobat-Reader. Il documento si trova sul CD e porta quale nome di file SWR_Italiano.PDF. Per aprire il documento si necessita di Acrobat-Reader dalla V2.1. Tale software è prodotto per il quale non si necessita di licenza della Adobe e può essere installato dall'utente dalla cartella S7 manualmente all'interno della cartella STEP7, oppure esso è stato già installato con STEP7. Per i clienti che preferiscono lavorare con Winword, sono stati raggruppati tutti i gli argomenti della guida in un documento di tale tipo. Esso si trova sul CD e porta quale nome di file SWR_Italiano.DOC. Per poterlo aprire si necessita di Microsoft Winword a partire dalla versione 6.0. A chi è destinata la descrizione La presente descrizione si rivolge a quella cerchia di lettori che già conosce i nostri sistemi di automazione S7-300/S7-400 e l'unità periferica decentralizzata ET 200M. Anche per poter lavorare con il nostro software di programmazione STEP 7 si presuppone che l'utente ne abbia una conoscenza di base. Modo di procedere consigliato La descrizione tratta più argomenti chiusi in sé. Si consiglia di leggere prima le sezioni Prime informazioni e Funzionamento della ridondanza software. In tali sezioni si trovano le informazioni di base di cui l'utente necessita per l'impiego della ridondanza software. Se l'utente ha già avuto esperienze complesse con STEP 7, gli si consiglia di dare un'occhiata ai nostri progetti con esempi per l's7-300 e l's Sulla base di un'applicazione semplificata si sarà così in grado di comprendere subito i passi necessari. Se l'utente vuole invece conoscere prima i blocchi con i parametri relativi, dovrà allora leggere la sezione Blocchi della ridondanza software. In tale sezione si trova in un sunto tutto quanto bisogna sapere sui blocchi. Vi si troveranno inoltre due esempi per l's7-300 e per l's7-400 per i quali sono stati già creati da parte nostra dei progetti con una configurazione minima. I progetti si trovano a installazione terminata nella cartella dei progetti di STEP 7 e possono essere ampliati dall'utente a piacere. La sezione Riferimenti e integrazioni tratta diversi argomenti singoli ideati per l'approfondimento e che rispondono a particolari domande. In tale sezione si descrivono il modo di funzionamento e i componenti necessari alla creazione della ridondanza software. Argomenti della guida di S7_SWR_E.HLP (12/99) Pagina 5

6 Ridondanza software per SIMATIC S7-300 e S7-400 SIMATIC S7 1 Prime informazioni 1.1 Perché impiegare un sistema con ridondanza software? I fermi della produzione costano tempo e denaro Il crescente grado di automazione degli impianti industriali per l'accrescimento della produttività e della qualità, incrementa contemporaneamente la dipendenza dalla disponibilità dei sistemi di automazione. In seguito al guasto di un simile sistema (ad esempio a causa di guasto di una CPU) possono aversi costi elevati per via di perdite di produzioni e di tempi di fermo. In molte applicazione le esigenze per la qualità di ridondanza o della complessità delle parti dell'impianto che richiedono sistemi di automazione ridondanti, non sono sufficientemente elevate da richiedere necessariamente l'impiego di uno speciale sistema ad alta disponibilità. Spesso sono sufficienti semplici meccanismi software che rendono possibile, in caso di anomalie, il proseguimento di un compito di pilotaggio venuto a mancare su un sistema di riserva. Grazie alla ridondanza software tale necessità viene soddisfatta in modo completo. Disponibilità più elevata grazie alla ridondanza software La ridondanza software è utilizzabile nei sistemi di automazione standard S7-300 e S L'aumento della disponibilità è possibile per la periferia decentralizzata a un canale che si trova in un ET 200M con interfaccia slave DP ridondante (ad esempio IM o IM ridondante). Le interfacce slave DP dispongono di due interfacce DP e vengono collegate al sistema master DP della stazione A e a quello della stazione B. La ridondanza software opera affinché il compito di pilotaggio altamente disponibile possa essere proseguito in ambedue sistemi di automazione. Come compito di pilotaggio altamente disponibile si indica, tra l'altro, quella parte del programma utente che, nel caso di guasto della stazione, deve essere assolutamente eseguita sulla stazione di riserva. Si può trattare in tal caso o dell'intero programma utente o anche di una parte di esso. Con l'aiuto della ridondanza software vengono controllati i seguenti guasti: Guasto dei componenti in un'apparecchiatura centrale (alimentazione, bus di pannello, master DP) Guasto della CPU a causa di difetti hardware o software Interruzione del cavo di bus per il collegamento ridondante con l'interfaccia DP ridondante Difetto di un modulo PROFIBUS nell'interfaccia slave DP (ad esempio IM 153-3) Pagina 6 Argomenti della guida di S7_SWR_E.HLP (12/99)

7 SIMATIC S7 Ridondanza software per SIMATIC S7-300 e S Di quale hardware si necessita? La base dell'hardware necessario è costituita da due stazioni dall's7-300 o S In ciascuna di esse si trova una CPU e un connettore per un sistema master DP. Ambedue le stazioni sono accoppiate tramite un sistema di bus attraverso il quale esse possono scambiare dati. Il collegamento alla periferia avviene tramite due sistemi master DP, uno nella stazione A e uno in quella B. Ai due sistemi master DP vengono collegate unità periferiche decentralizzate ET 200M con interfaccia DP ridondante (ad esempio IM 153-3). L'interfaccia slave DP rende possibile, nel caso di anomalia, la commutazione dalla prima alla seconda interfaccia e di inoltrare quindi gli stati del processo dal secondo master DP alla periferia. Panoramica della struttura hardware Ampliamento opzionale Pilotaggio e osservazione MPI/PROFIBUS o Ethernet S7-300/S7-400 stazione A S7-300/S7-400 stazione B PROFIBUS-DP PROFIBUS-DP Unità periferica decentralizzata ET 200M con IM Unità periferica decentralizzata ET 200M con IM Argomenti della guida di S7_SWR_E.HLP (12/99) Pagina 7

8 Ridondanza software per SIMATIC S7-300 e S7-400 SIMATIC S7 1.3 Di quale software si necessita? Software di programmazione STEP 7 Per la parametrizzazione dei blocchi per la ridondanza software si necessita solo del pacchetto di base STEP 7 dalla versione Solo a partire da tale versione, infatti, si ha il supporto della parametrizzazione dell'interfaccia slave ridondante DP IM (Per l interfaccia slave DP IM ridondante, si necessita di STEP7 dalla versione 5.0 SP3) Denominazione Compito dello strumento Pacchetto di base STEP 7, dalla versione V4.02 o STEP7 dalla versione 5.0 SP3 Progettazione e programmazione dell's7-300 e S7-400 Strumenti standard opzionali per SIMATIC NET e SIMATIC HMI L'utente può naturalmente impiegare per i sistemi con ridondanza software tutti i pacchetti opzionali di strumenti di ingegnerizzazione e progettazione. La panoramica seguente mostra gli strumenti standard che sono anche stati usati nei progetti dei nostri esempi applicativi. Denominazione Compiti dello strumento NCM S7 per PROFIBUS (compatibile con STEP 7 V4.02.). Dalla versione 5.0 di STEP7, NCM S7 viene fornito insieme a STEP7 Progettazione dei processori di comunicazione SIMATIC NET per reti PROFIBUS ProTool dalla versione 3.01 Progettazione di pannelli operativi SIMATIC HMI WinCC dalla versione 4.02 Progettazione grafica di stazioni operative WinCC del SIMATIC HMI Pagina 8 Argomenti della guida di S7_SWR_E.HLP (12/99)

9 SIMATIC S7 Ridondanza software per SIMATIC S7-300 e S Dove si può impiegare la ridondanza software? La ridondanza software si può impiegare nei luoghi in cui parti dell'impianto centrali e particolarmente importanti necessitino di una disponibilità elevata e in cui venga tollerata da parte del processo un'interruzione di breve durata (la mancanza di alcuni cicli di elaborazione) per via della commutazione all'altra stazione (commutazione master-riserva). Tali parti dell'impianto possono essere ad esempio: Il controllo del processo per circuiti di raffreddamento ad acqua Il controllo del processo per impianti di lavorazione dell'acqua potabile La sorveglianza e il pilotaggio di flussi di traffico Il regolaggio e la sorveglianza di stati di riempimento Il regolaggio e la sorveglianza della temperatura in celle frigorifere Il regolaggio e la sorveglianza della temperatura di altiforni vedi anche: Proprietà e caratteristiche della ridondanza software Commutazione master-riserva Argomenti della guida di S7_SWR_E.HLP (12/99) Pagina 9

10 Ridondanza software per SIMATIC S7-300 e S7-400 SIMATIC S7 2 Come funziona un sistema con ridondanza software? 2.1 Come funziona un sistema con ridondanza software? Definizione Un sistema con ridondanza software è caratterizzato da: due stazioni S7-300 e/o S7-400 accoppiate tramite un sistema di bus un programma utente ridondante che è caricato in ambedue le stazioni due sistemi master DP ai quali sono collegate unità periferiche decentralizzate ET 200M con interfaccia slave DP ridondante (ad esempio IM 153-3) l'impiego dei blocchi del pacchetto software Ridondanza software Principio della ridondanza software Il seguente diagramma di flusso mostra il modo di funzionamento di principio della ridondanza software dal punto di vista della CPU master e da quello della CPU di riserva. CPU master CPU di riserva Leggere le informazioni di ingresso Leggere le informazioni di ingresso Elaborazione del programma non ridondante Elaborazione del programma non ridondante Valutazione delle informazioni di stato della CPU di riserva Valutazione delle informazioni di stato della CPU master Elaborazione del programma ridondante Nessuna elaborazione del programma ridondante Copiatura dei dati ridondanti nella CPU di riserva Copiatura delle informazioni di stato nella CPU master Emissione delle informazioni di uscita ridondanti e non ridondanti Emissione delle informazioni di uscita ridondanti e non ridondanti* * Questi valori hanno uno stato più vecchio di quelli della CPU master, ma vengono ignorati dall IM La parte di software altamente disponibile viene caricata sia nella stazione master che in quella di riserva. Mentre la CPU master elabora questa parte di programma, quest'ultima viene saltata nella CPU di riserva. Con il salto di questa parte di programma nella CPU di riserva si evita lo scoordinamento delle due parti di programma (ad esempio a causa di allarmi, diversi tempi di ciclo ecc.). Nella stazione di riserva il programma è così pronto ad assumere l'elaborazione. Informazione: questo tipo di attesa di assunzione dell'elaborazione viene denominato anche come warm-standby, a differenza dell'hot-standby nei sistemi H (ad esempio S5-155H). In questi ultimi ambedue le CPU effettuano l'elaborazione in modo strettamente sincronizzato. Pagina 10 Argomenti della guida di S7_SWR_E.HLP (12/99)

11 SIMATIC S7 Ridondanza software per SIMATIC S7-300 e S7-400 La stazione master trasferisce continuamente i dati correnti alla stazione di riserva Affinché nel caso di guasto della stazione master il programma utente ad alta disponibilità non debba ricominciare da zero, la stazione master trasferisce continuamente i dati di elaborazione correnti alla stazione di riserva. Il trasferimento può però durare, a causa della comunicazione scelta o per via della quantità di dati da trasferire, più cicli, la riserva, cioè, rimane indietro rispetto al master a seconda delle prestazioni della comunicazione di più cicli. Se nel master si ha un'anomalia in una CPU, in un master DP o in uno slave DP, si avrà allora una commutazione master riserva. In tale commutazione la riserva assume la gestione del processo e diventa master. Aree della parte software ridondante La parte software ridondante ottiene un'immagine di processo un'area di tempi IEC, una di contatori IEC e una di merker, come pure un blocco di dati (area). A tali dati può accedere in scrittura solo la parte software ridondante. Prestare attenzione al fatto che già nella progettazione le aree sopracitate devono essere necessariamente dipendenti. Nella parametrizzazione del blocco di avvio SWR_START vengono lette tali aree senza soluzione di continuità. Elaborazione di periferia ad una via Oltre alla parte software ridondante può essere caricato anche un programma che pilota la periferia ad una via della CPU in questione. Questa parte del programma non viene influenzata dalla ridondanza software. Come periferia ad una via si indicano moduli periferici ai quali non si accede nella parte ridondante del programma utente, che sono cioè correlati solo ad una CPU. Fisicamente tali moduli possono essere collegati centralmente, decentralmente ad un proprio sistema master DP o decentralmente ad uno dei due sistema master DP, nel quale si trovano le interfacce slave DP ridondanti. Scambio dati tra le due stazioni La parte non ridondante del programma può scambiare i propri dati con il software ridondante tramite gli opportuni blocchi di dati. Questi vengono scambiati tramite la ridondanza software e messi quindi a disposizione dell'altra stazione. All'inizio dell'ob1 gli ingressi vengono letti nel PAE. Prima che questi dati della parte software ridondante (PAA, merker, DB, DB di tempi, contatore e istanza) vengano inviati alla riserva, viene elaborato il software ridondante. Se la seconda stazione si è appena avviata o se la ridondanza è stata ripristinata in questa parte di software, allora la stazione deve ricevere i dati da quella che già opera. Alla fine dell'ob1 i dati dal lato master e da quello di riserva del PAA ridondante vengono scritti nell'immagine di processo delle uscite e alla fine del ciclo OB inoltrati alla periferia. Gli allarmi possono passare in qualsiasi momento sul lato attivo e vengono elaborati immediatamente. Se in quel momento o subito dopo avviane una commutazione potrebbe aversi una perdita dell'allarme. Argomenti della guida di S7_SWR_E.HLP (12/99) Pagina 11

12 Ridondanza software per SIMATIC S7-300 e S7-400 SIMATIC S7 La commutazione master-riserva nei dettagli Affinché nel caso di guasto del master la stazione di riserva non debba ricominciare da zero, per il caso di emergenza/di commutazione essa trasferisce alla stazione master, tra l'altro, un PAA completo (coerente) della parte del programma ad alta disponibilità. L'immagine seguente mostra lo schizzo del trasferimento di dati di elaborazione rilevanti al programma ad alta disponibilità che si trova in attesa di diventare operativo nell'apparecchiatura di riserva. M a s t e r PAA Cic-OB-5 Cic-OB-4 Master PAA Cic-OB-4 Cic-OB-3 Master PAA Cic-OB-4 PAA Cic-OB-3 Cic-OB-2 Master PAA Cic-OB-2 Cic-OB-1 Master PAA Cic-OB-2 PAA Cic-1 Cic-OB Master La CPU nell apparecchiatura master si è guastata (ad esempio CPU in STOP) Il PAA appena congelato viene emesso (PAA-M: Cic-OB-1) l ultimo PAA trasferito completamente viene emesso (PAA-M: Cic-OB-3) il PAA corrente viene emesso R i s e r v a OB-Zyk-4 Cic-OB-5 Master Riserva Cic-OB-4 Riserva PAA coerente =Master: Cic-OB-5 Trasferimento di un PAA coerente 2) Cic-OB-3 Riserva Cic-OB-2 Riserva PAA coerente =Master: Cic-OB-4 Cic-OB-1 Riserva PAA Cic-OB-1 Incompleto Cic-OB Riserva PAA Cic-OB-3 Cic-OB+1 Riserva Tempo di riconoscimento dell errore e di commutazione 1) PAA Cic-OB+2 Cic-OB+2 Riserva PAA Cic-OB+3 Cic-OB+3 Riserva PAA Cic-OB+4 Cic-OB+4 Riserva Commutazione master riserva conclusa... Dati emessi sui moduli di segnale Dati trasferiti dal master alla riserva 1) 2) In dipendenza dal numero degli slave e dal tipo di errore Cicli necessari in dipendenza dalla comunicazione e quantità di dati (ad esempio 2) In dipendenza dalla comunicazione usata e della quantità di dati da trasferire, tale trasferimento può richiedere più di un ciclo. Nell'esempio (vedi figura) si suppone che per il trasferimento dell'intera immagine siano necessari due cicli. Nell'esempio viene trasferito quindi dal master alla riserva ogni secondo PAA. Nel funzionamento normale tutte le interfacce slave ridondanti sono correlate alla stazione master ed emettono i dati trasferiti dal master DP della stazione master. Dalla stazione di riserva o, meglio, dal master DP della stazione di riserva, viene inoltre trasferito ogni volta in generale ai moduli di segnale l'ultimo PAA completo trasmesso alla stazione di riserva. Siccome tutti gli slave sono correlati al master DP della CPU master, tali dati vengono ignorati dalle interfacce slave DP. Nel quadro di una commutazione esplicita (tramite ordine) master-riserva o implicita per via di un'anomalia, anche le stazioni slave vengono commutate o le interfacce slave DP si commutano autonomamente. Una commutazione autonoma delle stazioni slave DP avviene ad esempio al riconoscimento di un'anomalia del master DP o del bus DP della stazione master DP. Durante questa commutazione slave DP gli ultimo dati PAA emessi negli slave DP sono congelati (vedi figura sopra). Se le stazioni slave DP si sono commutate verso il master DP dell'ex stazione di riserva e se questa stazione non ha ancora effettuato (del tutto) la commutazione vera e propria master-riserva, nei moduli di segnale viene allora emesso l'ultimo PAA completo trasmesso alla stazione di riserva. La commutazione master-riserva specifica della stazione può durare in caso di anomalia più cicli. Pagina 12 Argomenti della guida di S7_SWR_E.HLP (12/99)

13 SIMATIC S7 Ridondanza software per SIMATIC S7-300 e S7-400 A commutazione master-riserva avvenuta, viene emesso il nuovo PAA rilevato dal nuovo master (vedi figura sopra). Nel caso di comunicazione ottimale, di quantità di dati piccole e di errori quale ad esempio CPU in STOP (in un S7-400) la commutazione può avvenire in un ciclo. Nell'esempio è stata rappresentata volutamente una commutazione con una perdita di 5 cicli. Nel caso di una commutazione avviata manualmente questa viene ottimizzata. Essa verrà ad esempio iniziata solo subito dopo la conclusione di un trasferimento completo di PAA. Ripristino della ridondanza software dopo una riparazione Per il ripristino della ridondanza software, ad esempio dopo un guasto nella CPU, nella CPU sostitutiva vengono caricati l'intera progettazione e l'intero programma (tramite PG o Memory Card). Fatto ciò la CPU viene avviata. Argomenti della guida di S7_SWR_E.HLP (12/99) Pagina 13

14 Ridondanza software per SIMATIC S7-300 e S7-400 SIMATIC S7 2.2 Struttura della parola di stato della ridondanza software La panoramica seguente mostra la configurazione della parola di stato. Essa si trova nella DBW 8 del DB di istanza dell'fb 101 SWR_ZYK. Parola di stato della ridondanza software DBB 8 DBB 9 N di bit Parola di dati = il bit non è rilevante 1: fase di avvio 1: Stazione è master 1: Stazione è riserva 1: Ident. A, la stazione è app. parziale A 1: Ident. B, la stazione è app. parziale B 0: ridondanza è attiva 1: ridondanza non è attiva 0: accoppiamento ridondante presente 1: accoppiamento ridondante guasto 1: commutazione master-riserva in corso 1: l apparecchiatura partner è ancora occupata con la commutazione 1: nessuno slave DP accessibile 1: non tutti gli slave DP sono accessibili 1: tutti gli slave DP sono accessibili Pagina 14 Argomenti della guida di S7_SWR_E.HLP (12/99)

15 SIMATIC S7 Ridondanza software per SIMATIC S7-300 e S Struttura della parola di controllo della ridondanza software La panoramica seguente mostra la configurazione della parola di controllo. Essa si trova nella DBW 10 del DB di istanza dell'fb 101 SWR_ZYK. Parola di controllo della ridondanza software DBB 10 DBB 11 N di bit Parola di dati 1: commutazione master-riserva bloccata 1: commutazione master-riserva abilitata Il bit è riservato e non deve essere modificato = il bit non è rilevante 1: attivare la commutazione master-riserva Avvertenza: Se la commutazione master-riserva è stata bloccata a livello utente, (bit 11.0 nella parola di controllo settato), l'apparecchiatura di riserva scrive allora degli zero nel PAA dell'interfaccia slave DP ridondante IM 153. Questo stato rimane fino a quando l'utente non riattiva la ridondanza (bit 11.1 nella parola di controllo settato). Argomenti della guida di S7_SWR_E.HLP (12/99) Pagina 15

16 Ridondanza software per SIMATIC S7-300 e S7-400 SIMATIC S7 2.4 Regole per l impiego della ridondanza software Le seguenti sezioni offrono un riassunto di tutte le regole da rispettare nella progettazione e nella programmazione di un sistema con ridondanza software funzionale. Regole per la configurazione hardware Le unità periferiche decentralizzate ET 200M nelle quali si trova un'interfaccia slave DP ridondante (ad esempio IM 153-3), devono essere configurare in ambedue le stazioni in modo identico. Affinché la coerenza con vada persa, copiare (anche nel caso di piccole modifiche) sempre il sistema master DP completo della prima stazione nel master DP della seconda stazione. Usare a tale scopo il comando di menù Modifica > Inserisci ridondante. Tramite il comando di menù Modifica > Inserisci ridondante si assicura che gli indirizzi di periferia degli slave DP siano identici in ambedue le stazioni. Se si desidera inoltre impiegare unità periferiche decentralizzate dell'et 200 da un lato (come ad esempio l'et 200B), configurare tali apparecchiature dopo la copiatura del sistemi master DP (vedi anche la descrizione nella sezione Principio della ridondanza software). Prestare attenzione già nella struttura hardware al fatto che nella ridondanza software si possono usare solo aree continue (ad esempio uscite da 0 a 20, aree di merker da 50 a 100, stazioni slave DP da 1 a 6, ecc.). La ridondanza software supporta un sistema master PROFIBUS DP. Se si necessita di più sistemi master DP, si dovrà usare la ridondanza software più volte (cioè più parti di programma ridondanti). I baudrate ammessi per il PROFIBUS-DP; La ridondanza software supporta per l'interfacciamento slave DP ridondante solo i baudrate di 187,5 KBaud fino a 12 MBaud. Regole per il programma utente Strutturazione del programma utente Se il proprio programma utente è nelle due stazioni solo in parte ridondante, strutturarlo allora se possibile in modo che la parte per l'impianto a esecuzione ridondante sia separata da quella per la parte dell'impianto a esecuzione non ridondante. Consiglio: scrivere i programmi per la parte dell'impianto ridondante e per quella dell'impianto non ridondante in blocchi organizzativi diversi ad esempio nell'ob 1 e nell'ob 35. Programma utente ridondante Il programma utente ridondante è chiuso in due richiami di blocco dell'fb 101 SWR_ZYK. Il primo richiamo dell'fb 101 SWR_ZYK porta il parametro CALL_POSITION=TRUE e il secondo richiamo il parametro CALL_POSITION=FALSE. Comunicazione Se per l'accoppiamento ridondante si utilizza un collegamento S7 e se tramite il collegamento S7 si desiderano espletare anche altri compiti di comunicazione, sarà allora necessario che il numero d'ordine R_ID sia maggiore di 2. (Il numero d'ordine R_ID= 1 e R_ID=2 vengono usati dalla ridondanza software.) Se per la comunicazione si impiega l'fb 103 SWR_SFCCOM, la ridondanza software usa allora i blocchi di comunicazione SFC 65 X_SEND e SFC 66 X_RCV con il numero d'ordine R_ID > H. Se per la comunicazione si impiega l'fb 104 SWR_AG_COM, la ridondanza software usa allora i blocchi di comunicazione FC 5 AG_SEND e FC 6 AG_RCV con il numero d'ordine R_ID > H. Se per la comunicazione si impiega FB 105 SWR_SFBCOM (BSEND, BRCV), nella progettazione della comunicazione bisognerebbe sempre indicare Trasmettere le segnalazioni dello stato operativo sì, affinché il guasto del collegamento venga riconosciuto nel modo più rapido possibile. Impiego di tempi e contatori Nella parte ridondante del software, non possono essere impiegati in generale tempi e contatori S7 poiché essi non possono essere aggiornati. Utilizzare al loro posto tempi e contatori IEC. Se si impiegano tempi brevi (inferiori al ciclo di tempo dell OB o inferiori al tempo di Pagina 16 Argomenti della guida di S7_SWR_E.HLP (12/99)

17 SIMATIC S7 Ridondanza software per SIMATIC S7-300 e S7-400 trasferimento dal master alla riserva) non è opportuno aggiornare tali tempi. In questo caso si possono impiegare anche tempi S7. Se si necessita di tempi più lunghi o di contatori, va allora prestata attenzione al fatto che il fronte d ingresso per l avvio del tempo o per il conteggio venga riconosciuto in modo sicuro anche nel caso di commutazione. Ciò può anche avvenire con impulsi (1-0 o 0-1) più lunghi del tempo di commutazione. Se ciò non avviene, la valutazione del fronte deve essere richiamata in ogni caso (anche nella riserva). Qui i tempi/contatori IEC non devono essere aggiornati. Si possono però qui impiegare anche tempi e contatori S7. La gestione dei blocchi della ridondanza software Affinché l'istanza multi DB della ridondanza software possa essere creata correttamente, tutte le funzioni di sistema (SFC, SFB) utilizzate dalla ridondanza software devono trovarsi nel progetto S7. Se vengono effettuate modifiche alla progettazione nel blocco di avvio SWR_START, è allora necessario cancellare i seguenti blocchi affinché i nuovi parametri possano essere prelevati e affinché non si abbiano funzionamenti errati: DB_WORK_NO (DB operativo della ridondanza software) DB_SEND_NO (DB di trasmissione della ridondanza software) DB_RCV_NO (DB di ricezione della ridondanza software) DB_A_B_NO (DB per lo scambio dati della parte software non ridondante della stazione A con il software ridondante) DB_B_A_NO (DB per lo scambio dati della parte software non ridondante della stazione B con il software ridondante) OB 86 (guasto del rack) Nei primo 20 byte delle variabili locali dell'ob 86 non devono essere inserite variabili, poiché queste vengono usate e modificate dalla ridondanza software. PAA nella ridondanza software Se nell'fc 100 SWR_START vengono parametrizzate uscite che non si trovano nel PAA, ciò causa un errore di accesso alla periferia. Commutazione master-riserva Durante la commutazione master-riserva nel sistema si trovano per un breve momento due master o due riserve. Spegnimento di uno slave DP Senza ulteriori misure, nello spegnimento di uno slave DP si giunge ad una commutazione masterriserva. La misura contro la commutazione è descritta nel seguente esempio di programma. Supposizione: E 1.0 è l interruttore con il quale si impedisce la commutazione. Ciò può essere anche un introduzione di comando o simile. Argomenti della guida di S7_SWR_E.HLP (12/99) Pagina 17

18 Ridondanza software per SIMATIC S7-300 e S7-400 SIMATIC S7 Esempio per l OB86 per lo spegnimento di slave senza commutazione: L #OB86_EV_CLASS L B#16#39 ==I // evento in arrivo SPBN M001 U E 1.0 //ingresso speciale (con SPBN M001 // Slave==1 acceso)-->non commutare) AUF DB 3 // DB3 è il DB di ricezione (DB_EMPF) L DBW 4 // Slave partner presente DEC 1 // ridurlo già adesso T DBW 4 // per evitare così la commutazione M001: NOP 0 CALL "SWR_DIAG" // Call of FC 102 'SWR_DIAG' DB_WORK :=1 // Work DB for SWR OB86_EV_CLASS:=#OB86_EV_CLASS OB86_FLT_ID :=#OB86_FLT_ID RETURN_VAL :=MW14 // Block return value Pagina 18 Argomenti della guida di S7_SWR_E.HLP (12/99)

19 SIMATIC S7 Ridondanza software per SIMATIC S7-300 e S Blocchi per la ridondanza software 3.1 La biblioteca con i blocchi per la ridondanza software In seguito all'installazione del software opzionale, in STEP 7 si trova la biblioteca SWR_LIB. Essa viene raggiunta tramite il SIMATIC-Manager con il comando di menù File > Apri > Biblioteche Nella biblioteca SWR_LIB si trovano cinque pacchetti di blocchi. Si tratta di due pacchetti per l's7-300 e di tre per l's Corrispondentemente al tipo di collegamento e alla rete attraverso la quale si accoppiano le due stazioni tra loro, si dovrà impiegare sempre esattamente uno di tali pacchetti. Pacchetti di blocchi per l's7-300 Scegliere il pacchetto... se la rete... e il tipo di collegamento... XSEND_300 MPI collegamento non progettato Annotazione Collegamento di rete all'interfaccia MPI della CPU AG_SEND_300 PROFIBUS Collegamento FDL Collegamento di rete tramite CP Industrial Ethernet Collegamento ISO Collegamento di rete tramite CP Pacchetto di blocchi per l S7-400 Scegliere il pacchetto... se la rete... e il tipo di collegamento... XSEND_400 MPI Collegamento non progettato Annotazione Collegamento di rete all'interfaccia MPI della CPU AG_SEND_400 PROFIBUS Collegamento FDL Collegamento di rete tramite CP Industrial Ethernet Collegamento ISO Collegamento di rete tramite CP BSEND_400 MPI Collegamento S7 Collegamento di rete tramite interfaccia MPI della CPU PROFIBUS Collegamento di rete tramite CP Industrial Ethernet Collegamento di rete tramite CP vedi anche Contenuto dei pacchetti di blocchi Argomenti della guida di S7_SWR_E.HLP (12/99) Pagina 19

20 Ridondanza software per SIMATIC S7-300 e S7-400 SIMATIC S7 3.2 Contenuto dei pacchetti di blocchi In ogni pacchetto di blocchi si trovano quattro blocchi adattati l'uno all'altro. Non usare in nessun caso blocchi appartenenti a pacchetti di blocchi diversi, pena la possibilità di funzionamenti errati delle stazioni. Contenuto dei pacchetti di blocchi XSEND_300 e XSEND_400 Blocco Annotazione FC 100 SWR_START Il blocco deve essere richiamato nel programma di avvio (OB 100) FB 101 SWR_ZYK Il blocco deve essere richiamato nel programma ciclico o pilotato a tempo. Il blocco va richiamato sempre prima e dopo l'elaborazione del programma utente ridondante. FC 102 SWR_DIAG Il blocco deve essere richiamato nel DB di diagnostica (OB 86). FB 103 SWR_SFCCOM Il blocco supporta la gestione del trasferimento dati e viene richiamato dall'fb 101 SWR_ZYK in modo coperto. Il blocco deve essere caricato dall'utente solo in ambedue le CPU. Contenuto dei pacchetti di blocchi AGSEND_300 e AGSEND_400 Blocco Annotazione FC 100 SWR_START Il blocco deve essere richiamato nel programma di avvio (OB 100) FB 101 SWR_ZYK Il blocco deve essere richiamato nel programma ciclico o pilotato a tempo. Il blocco va richiamato sempre prima e dopo l'elaborazione del programma utente ridondante. FC 102 SWR_DIAG Il blocco deve essere richiamato nel DB di diagnostica (OB 86). FB 104 SWR_AG_COM Il blocco supporta la gestione del trasferimento dati e viene richiamato dall'fb 101 SWR_ZYK in modo coperto. Il blocco deve essere caricato dall'utente solo in ambedue le CPU. Avvertenza: l'fb 104 SWR_AG_COM richiama i blocchi FC 5 AG_SEND e FC 6 AG_RCV in modo coperto. Tali blocchi sono parte dell'ncm S7 e devono essere caricati dall'utente in ambedue le CPU. Contenuto del pacchetto di blocchi BSEND_400 Blocco Annotazione FC 100 SWR_START Il blocco deve essere richiamato nel programma di avvio (OB 100) FB 101 SWR_ZYK Il blocco deve essere richiamato nel programma ciclico o pilotato a tempo. Il blocco va richiamato sempre prima e dopo l'elaborazione del programma utente ridondante. FC 102 SWR_DIAG Il blocco deve essere richiamato nel DB di diagnostica (OB 86). FB 105 SWR_SFBCOM Il blocco supporta la gestione del trasferimento dati e viene richiamato dall'fb 101 SWR_ZYK in modo coperto. Il blocco deve essere caricato dall'utente solo in ambedue le CPU. Pagina 20 Argomenti della guida di S7_SWR_E.HLP (12/99)

SIMATIC FM 351. Getting Started Edizione 02/2000

SIMATIC FM 351. Getting Started Edizione 02/2000 SIATIC F 351 Getting Started Edizione 02/2000 Le presenti informazioni guidano l utente, sulla base di un esempio concreto articolato in cinque fasi, nell esecuzione della messa in servizio fino ad ottenere

Dettagli

SIMATIC. SCL per S7-300/400 Programmazione di blocchi. Prefazione, Contenuto. Parte 1: Sviluppo di programmi. Parte 2: Uso e test

SIMATIC. SCL per S7-300/400 Programmazione di blocchi. Prefazione, Contenuto. Parte 1: Sviluppo di programmi. Parte 2: Uso e test Prefazione, Contenuto Parte 1: Sviluppo di programmi Parte 2: Uso e test SIMATIC Parte 3: Descrizione del linguaggio Programmazione di blocchi Appendici Glossario, Indice analitico Manuale Numero di ordinazione

Dettagli

SIMATIC S7. Primi passi ed esercitazioni con STEP 7. Benvenuti in STEP 7, Contenuto. Introduzione a STEP 7 1

SIMATIC S7. Primi passi ed esercitazioni con STEP 7. Benvenuti in STEP 7, Contenuto. Introduzione a STEP 7 1 s SIMATIC S7 Primi passi ed esercitazioni con STEP 7 Getting Started Benvenuti in STEP 7, Contenuto Introduzione a STEP 7 1 SIMATIC Manager 2 Programmazione con nomi simbolici 3 Creazione di un programma

Dettagli

Guida alle FM 35x. Siemens S.p.A. I IA AS PLC

Guida alle FM 35x. Siemens S.p.A. I IA AS PLC . Guida alle FM 35x. 1 ... 1 Guida alle FM 35x.... 1 Tipologie d Encoder... 4 Acquisizione degli encoder con S7-300 e S7-400.... 4 Conteggio e misura.... 6 Modalità di conteggio... 6 Posizionamento con

Dettagli

04/2004 A5E00264164-01

04/2004 A5E00264164-01 Prefazione SIMATIC Premesse Descrizione del compito SM331; AI 8 x 12 Bit Struttura meccanica dell impianto di esempio Collegamento elettrico Getting Started Parte2: Tensione e PT100 Progettazione con SIMATIC

Dettagli

PCS7 PROCESS CONTROL FOR SITE EMISSION CONTAINMENT

PCS7 PROCESS CONTROL FOR SITE EMISSION CONTAINMENT P.M.S. S.r.l. Via Migliara 46 n 6 04010 B.go S.Donato Sabaudia (LT) Tel. 0773.56281 Fax 0773.50490 Email info@pmstecnoelectric.it PROGETTO: PCS7 PROCESS CONTROL FOR SITE EMISSION CONTAINMENT Dalla richiesta

Dettagli

Documentazione didattica SCE per una soluzione di automazione omogenea Totally Integrated Automation (TIA)

Documentazione didattica SCE per una soluzione di automazione omogenea Totally Integrated Automation (TIA) Documentazione didattica SCE per una soluzione di automazione omogenea Totally Integrated Automation (TIA) Siemens Automation Cooperates with Education Modulo TIA Portal 020-011 Avvio alla programmazione

Dettagli

Parametrizzazione, progettazione e visualizzazione con SIRIUS

Parametrizzazione, progettazione e visualizzazione con SIRIUS Parametrizzazione, progettazione e visualizzazione con SIRIUS /2 Introduzione /5 Soft Starter ES /8 Biblioteca di blocchi softstarter SIRIUS RW44 per SIMATIC PCS 7 /10 Motor Starter ES /1 Biblioteca di

Dettagli

SISTEMA DI CONTROLLO DISTRIBUITO DI UN IMPIANTO DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA RIFIUTI NON PERICOLOSI

SISTEMA DI CONTROLLO DISTRIBUITO DI UN IMPIANTO DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA RIFIUTI NON PERICOLOSI SISTEMA DI CONTROLLO DISTRIBUITO DI UN IMPIANTO DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA RIFIUTI NON PERICOLOSI s.d.i. automazione industriale ha fornito e messo in servizio nell anno 2003 il sistema di controllo

Dettagli

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it FIRESHOP.NET Gestione Utility & Configurazioni Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it Sommario SOMMARIO Introduzione... 4 Impostare i dati della propria azienda... 5 Aggiornare il programma... 6 Controllare l integrità

Dettagli

Nota di applicazione: impostazione della comunicazione

Nota di applicazione: impostazione della comunicazione Nota di applicazione: impostazione della comunicazione Questa nota di applicazione descrive come installare e impostare la comunicazione tra l'inverter e il server di monitoraggio SolarEdge. Questo documento

Dettagli

Manuale d'uso per Nokia Image Viewer SU-5. 9356197 Edizione 1

Manuale d'uso per Nokia Image Viewer SU-5. 9356197 Edizione 1 Manuale d'uso per Nokia Image Viewer SU-5 9356197 Edizione 1 DICHIARAZIONE DI CONFORMITÀ Noi, NOKIA CORPORATION, dichiariamo sotto la nostra esclusiva responsabilità che il prodotto SU-5 è conforme alle

Dettagli

Guida Dell di base all'acquisto dei server

Guida Dell di base all'acquisto dei server Guida Dell di base all'acquisto dei server Per le piccole aziende che dispongono di più computer è opportuno investire in un server che aiuti a garantire la sicurezza e l'organizzazione dei dati, consentendo

Dettagli

Manuale istruzioni. 01942 Comunicatore GSM-BUS

Manuale istruzioni. 01942 Comunicatore GSM-BUS Manuale istruzioni 01942 Comunicatore GSM-BUS Indice 1. Descrizione 2 2. Campo di applicazione 2 3. Contenuto della confezione 2 4. Vista frontale 3 5. Funzione dei tasti e led 4 6. Operazioni preliminari

Dettagli

Sistema AirLINE per il pilotaggio ed il Controllo Remoto del Processo WAGO INGRESSI/USCITE remoti e Fieldbus

Sistema AirLINE per il pilotaggio ed il Controllo Remoto del Processo WAGO INGRESSI/USCITE remoti e Fieldbus Sistema AirLINE per il pilotaggio ed il Controllo Remoto del Processo 86-W Sistema integrato compatto di valvole con I/O elettronici Sistemi personalizzati premontati e collaudati per il pilotaggio del

Dettagli

MODBUS-RTU per. Specifiche protocollo di comunicazione MODBUS-RTU per controllo in rete dispositivi serie. Expert NANO 2ZN

MODBUS-RTU per. Specifiche protocollo di comunicazione MODBUS-RTU per controllo in rete dispositivi serie. Expert NANO 2ZN per Expert NANO 2ZN Specifiche protocollo di comunicazione MODBUS-RTU per controllo in rete dispositivi serie Expert NANO 2ZN Nome documento: MODBUS-RTU_NANO_2ZN_01-12_ITA Software installato: NANO_2ZN.hex

Dettagli

Boot Camp Guida di installazione e configurazione

Boot Camp Guida di installazione e configurazione Boot Camp Guida di installazione e configurazione Indice 3 Introduzione 4 Panoramica dell'installazione 4 Passo 1: Verificare la presenza di aggiornamenti 4 Passo 2: Per preparare il Mac per Windows 4

Dettagli

Controllare un nastro trasportatore fischertechnik con Arduino

Controllare un nastro trasportatore fischertechnik con Arduino TITOLO ESPERIENZA: Controllare un nastro trasportatore fischertechnik con Arduino PRODOTTI UTILIZZATI: OBIETTIVO: AUTORE: RINGRAZIAMENTI: Interfacciare e controllare un modello di nastro trasportatore

Dettagli

Manuale d'istruzioni. Alimentatore DC Programmabile 200 Watt (40 Volt / 5 Amp) Modello 382280

Manuale d'istruzioni. Alimentatore DC Programmabile 200 Watt (40 Volt / 5 Amp) Modello 382280 Manuale d'istruzioni Alimentatore DC Programmabile 200 Watt (40 Volt / 5 Amp) Modello 382280 382280 Introduzione Congratulazioni per aver acquistato l'alimentatore DC Programmabile 382280 della Extech.

Dettagli

Istruzioni per l uso Sartorius

Istruzioni per l uso Sartorius Istruzioni per l uso Sartorius Descrizione dell interfaccia per le bilance Entris, ED, GK e GW Indice Impiego previsto Indice.... 2 Impiego previsto.... 2 Funzionamento.... 2 Uscita dati.... 3 Formato

Dettagli

SIMATIC WinCC Runtime Professional ARCHITETTURE. Versione 1.0 03/2014

SIMATIC WinCC Runtime Professional ARCHITETTURE. Versione 1.0 03/2014 SIMATIC WinCC Runtime Professional V13 ARCHITETTURE Ronald Lange (Inventor 2011) TIA Portal: Automation Software that Fits Together As Perfectly As Lego Blocks Versione 1.0 03/2014 - Architetture Novità

Dettagli

Cicli in Visual Basic for Application. For contatore = inizio To fine istruzioni Next contatore

Cicli in Visual Basic for Application. For contatore = inizio To fine istruzioni Next contatore Cicli in Visual Basic for Application Le strutture del programma che ripetono l'esecuzione di una o più istruzioni sono chiamate Cicli. Alcune strutture per i cicli sono costruite in modo da venire eseguite

Dettagli

Architettura dei Calcolatori

Architettura dei Calcolatori Architettura dei Calcolatori Sistema di memoria parte prima Ing. dell Automazione A.A. 2011/12 Gabriele Cecchetti Sistema di memoria parte prima Sommario: Banco di registri Generalità sulla memoria Tecnologie

Dettagli

Controllo industriale SE-609

Controllo industriale SE-609 Controllo industriale SE-609 Controllo e visualizzazione uniti come soluzione per l automazione con comandi mediante touch Controlli industriali all avanguardia per impianti per il trattamento termico

Dettagli

Guida al ripristino e alla risoluzione dei problemi. Creare i dischi di ripristino subito dopo l'impostazione.

Guida al ripristino e alla risoluzione dei problemi. Creare i dischi di ripristino subito dopo l'impostazione. Guida al ripristino e alla risoluzione dei problemi Creare i dischi di ripristino subito dopo l'impostazione. Indice Trovare le informazioni necessarie... 3 Ripristino e backup... 4 Cos'è il ripristino

Dettagli

XM100GSM SCHEDA GSM PER CENTRALI SERIE XM

XM100GSM SCHEDA GSM PER CENTRALI SERIE XM 1 Stato del combinatore direttamente sul display della Consolle XM Interrogazione credito residuo tramite SMS e inoltro SMS ricevuti Messaggi di allarme pre-registrati Completa integrazione con centrali

Dettagli

minilector/usb Risoluzione dei problemi più comuni di malfunzionamento

minilector/usb Risoluzione dei problemi più comuni di malfunzionamento minilector/usb minilector/usb...1 Risoluzione dei problemi più comuni di malfunzionamento...1 1. La segnalazione luminosa (led) su minilector lampeggia?... 1 2. Inserendo una smartcard il led si accende

Dettagli

FS-1118MFP. Guida all'installazione dello scanner di rete

FS-1118MFP. Guida all'installazione dello scanner di rete FS-1118MFP Guida all'installazione dello scanner di rete Introduzione Informazioni sulla guida Informazioni sul marchio Restrizioni legali sulla scansione Questa guida contiene le istruzioni sull'impostazione

Dettagli

SIMATIC WinCC Runtime Professional ARCHITETTURE. Versione 1.0 04/2013

SIMATIC WinCC Runtime Professional ARCHITETTURE. Versione 1.0 04/2013 SIMATIC WinCC Runtime Professional V12 ARCHITETTURE Ronald Lange (Inventor 2011) TIA Portal: Automation Software that Fits Together As Perfectly As Lego Blocks Versione 1.0 04/2013 - Architetture Novità

Dettagli

Accordo d Uso (settembre 2014)

Accordo d Uso (settembre 2014) Accordo d Uso (settembre 2014) Il seguente Accordo d uso, di seguito Accordo, disciplina l utilizzo del Servizio on line 4GUEST, di seguito Servizio, che prevede, la creazione di Viaggi, Itinerari, Percorsi,

Dettagli

Client di Posta Elettronica PECMailer

Client di Posta Elettronica PECMailer Client di Posta Elettronica PECMailer PECMailer è un semplice ma completo client di posta elettronica, ovvero un programma che consente di gestire la composizione, la trasmissione, la ricezione e l'organizzazione

Dettagli

Calc è il programma per la gestione di fogli di calcolo della suite OpenOffice.org.

Calc è il programma per la gestione di fogli di calcolo della suite OpenOffice.org. Calc è il programma per la gestione di fogli di calcolo della suite OpenOffice.org. Nuovo documento Anteprima di stampa Annulla Galleria Apri Controllo ortografico Ripristina Sorgente dati Salva Controllo

Dettagli

Virtualizzazione e installazione Linux

Virtualizzazione e installazione Linux Virtualizzazione e installazione Linux Federico De Meo, Davide Quaglia, Simone Bronuzzi Lo scopo di questa esercitazione è quello di introdurre il concetto di virtualizzazione, di creare un ambiente virtuale

Dettagli

Risoluzione di altri problemi di stampa

Risoluzione di altri problemi di stampa di altri problemi di stampa Nella tabella riportata di seguito sono indicate le soluzioni ad altri problemi di stampa. 1 Il display del pannello operatore è vuoto o contiene solo simboli di diamanti. La

Dettagli

Modulo di ricezione radio NBFP490 con telecomando master Istruzioni di montaggio, uso e manutenzione

Modulo di ricezione radio NBFP490 con telecomando master Istruzioni di montaggio, uso e manutenzione WWW.FUHR.DE Modulo di ricezione radio NBFP490 con telecomando master Istruzioni di montaggio, uso e manutenzione Le presenti istruzioni dovranno essere trasmesse dall addetto al montaggio all utente MBW24-IT/11.14-8

Dettagli

Samsung Data Migration v2.6 Introduzione e Guida all'installazione

Samsung Data Migration v2.6 Introduzione e Guida all'installazione Samsung Data Migration v2.6 Introduzione e Guida all'installazione 2013. 12 (Revisione 2.6.) Esclusione di responsabilità legale SAMSUNG ELECTRONICS SI RISERVA IL DIRITTO DI MODIFICARE I PRODOTTI, LE INFORMAZIONI

Dettagli

Aggiornamento del firmware per iphone con connettore Lightning compatibile con AppRadio Mode

Aggiornamento del firmware per iphone con connettore Lightning compatibile con AppRadio Mode Aggiornamento del firmware per iphone con connettore Lightning compatibile con AppRadio Mode Istruzioni sull aggiornamento per i modelli di navigazione: AVIC-F40BT, AVIC-F940BT, AVIC-F840BT e AVIC-F8430BT

Dettagli

Centralina Compatta. Manuale d istruzioni. 04/2015 Dati tecnici soggetti a modifi che. info@psg-online.de www.psg-online.de

Centralina Compatta. Manuale d istruzioni. 04/2015 Dati tecnici soggetti a modifi che. info@psg-online.de www.psg-online.de Centralina Compatta 04/2015 Dati tecnici soggetti a modifi che info@psg-online.de www.psg-online.de Manuale d istruzioni Messa in funzione Il regolatore viene fornito con le impostazioni standard pronto

Dettagli

Test di comunicazione tra due LOGO! 0BA7: Master - Master

Test di comunicazione tra due LOGO! 0BA7: Master - Master Industry Test di comunicazione tra due LOGO! 0BA7: Master - Master Dispositivi utilizzati: - 2 LOGO! 0BA7 (6ED1 052-1MD00-0AB7) - Scalance X-208 LOGO! 0BA7 Client IP: 192.168.0.1 LOGO! 0BA7 Server IP:

Dettagli

Controllori a Logica Programmabile. Cos è un PLC? Cenni storici. Cenni storici. Cenni storici. Definizione dallo Standard IEC 61131

Controllori a Logica Programmabile. Cos è un PLC? Cenni storici. Cenni storici. Cenni storici. Definizione dallo Standard IEC 61131 Controllori a Logica mabile Nella presente lezione vedremo le caratteristiche principali del controllore a logica programmabile (in inglese, mable Logic Controller, o PLC). In particolare, ci soffermeremo

Dettagli

Dispositivi di comunicazione

Dispositivi di comunicazione Dispositivi di comunicazione Dati, messaggi, informazioni su vettori multipli: Telefono, GSM, Rete, Stampante. Le comunicazioni Axitel-X I dispositivi di comunicazione servono alla centrale per inviare

Dettagli

Processi di riscaldamento industriali altamente precisi ed efficienti. Heating Control System per il comando di carichi ohmici SIPLUS HCS

Processi di riscaldamento industriali altamente precisi ed efficienti. Heating Control System per il comando di carichi ohmici SIPLUS HCS Processi di riscaldamento industriali altamente precisi ed efficienti Heating Control System per il comando di carichi ohmici SIPLUS HCS Answers for industry. SIPLUS HCS la risposta alle esigenze termiche

Dettagli

Background (sfondo): Finestra: Una finestra serve a mostrare il contenuto di un disco o di una cartella -, chiamata anche directory.

Background (sfondo): Finestra: Una finestra serve a mostrare il contenuto di un disco o di una cartella -, chiamata anche directory. @ PC (Personal computer): Questa sigla identificò il primo personal IBM del 1981 a cura di R.Mangini Archiviazione: Il sistema operativo si occupa di archiviare i file. Background (sfondo): Cursore: Nei

Dettagli

Trattamento aria Regolatore di pressione proporzionale. Serie 1700

Trattamento aria Regolatore di pressione proporzionale. Serie 1700 Trattamento aria Serie 7 Serie 7 Trattamento aria Trattamento aria Serie 7 Serie 7 Trattamento aria +24VDC VDC OUTPUT MICROPROCESS. E P IN EXH OUT Trattamento aria Serie 7 Serie 7 Trattamento aria 7 Trattamento

Dettagli

Manuale tecnico Stazione Meteo Eolo Davis

Manuale tecnico Stazione Meteo Eolo Davis Descrizione Generale Manuale tecnico Stazione Meteo Eolo Davis EOLO DAVIS rappresenta una soluzione wireless di stazione meteorologica, basata su sensoristica Davis Instruments, con possibilità di mettere

Dettagli

Sempre attenti ad ogni dettaglio Bosch Intelligent Video Analysis

Sempre attenti ad ogni dettaglio Bosch Intelligent Video Analysis Sempre attenti ad ogni dettaglio Bosch Intelligent Video Analysis 2 Intervento immediato con Bosch Intelligent Video Analysis Indipendentemente da quante telecamere il sistema utilizza, la sorveglianza

Dettagli

Trasmissione Seriale e Parallela. Interfacce di Comunicazione. Esempio di Decodifica del Segnale. Ricezione e Decodifica. Prof.

Trasmissione Seriale e Parallela. Interfacce di Comunicazione. Esempio di Decodifica del Segnale. Ricezione e Decodifica. Prof. Interfacce di Comunicazione Università degli studi di Salerno Laurea in Informatica I semestre 03/04 Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/professori/auletta/ 2 Trasmissione

Dettagli

Caratteristiche principali

Caratteristiche principali Il regolatore semaforico Hydra nasce nel 1998 per iniziativa di CTS Engineering. Ottenute le necessarie certificazioni, già dalla prima installazione Hydra mostra sicurezza ed affidabilità, dando avvio

Dettagli

WINDOWS - Comandi rapidi da tastiera più utilizzati.

WINDOWS - Comandi rapidi da tastiera più utilizzati. WINDOWS - Comandi rapidi da tastiera più utilizzati. La prima colonna indica il tasto da premere singolarmente e poi rilasciare. La seconda e terza colonna rappresenta la combinazione dei i tasti da premere

Dettagli

Siemens AG 2008. SIMATIC PDM Il Process Device Manager

Siemens AG 2008. SIMATIC PDM Il Process Device Manager Il Process Device Manager Lo strumento ideale per l'engineering, la parametrizzazione, la messa in servizio, la diagnostica e il service Brochure Aprile 2008 Software www.siemens.com/simatic-pdm Process

Dettagli

Gestore Comunicazioni Obbligatorie. Progetto SINTESI. Comunicazioni Obbligatorie. Modulo Applicativo COB. - Versione Giugno 2013 -

Gestore Comunicazioni Obbligatorie. Progetto SINTESI. Comunicazioni Obbligatorie. Modulo Applicativo COB. - Versione Giugno 2013 - Progetto SINTESI Comunicazioni Obbligatorie Modulo Applicativo COB - Versione Giugno 2013-1 Versione Giugno 2013 INDICE 1 Introduzione 3 1.1 Generalità 3 1.2 Descrizione e struttura del manuale 3 1.3 Requisiti

Dettagli

AGGIORNAMENTO PROTOCOLLO VERSIONE 3.9.0

AGGIORNAMENTO PROTOCOLLO VERSIONE 3.9.0 AGGIORNAMENTO PROTOCOLLO VERSIONE 3.9.0 Con questo aggiornamento sono state implementate una serie di funzionalità concernenti il tema della dematerializzazione e della gestione informatica dei documenti,

Dettagli

Testi della Guida introduttiva a cura di Martin Ley. Revisione e controllo qualità: Cristina Bachmann, Heiko Bischoff, Marion Bröer, Sabine Pfeifer,

Testi della Guida introduttiva a cura di Martin Ley. Revisione e controllo qualità: Cristina Bachmann, Heiko Bischoff, Marion Bröer, Sabine Pfeifer, Guida Introduttiva Testi della Guida introduttiva a cura di Martin Ley. Revisione e controllo qualità: Cristina Bachmann, Heiko Bischoff, Marion Bröer, Sabine Pfeifer, Heike Schilling. Data di rilascio:

Dettagli

Manuale - TeamViewer 6.0

Manuale - TeamViewer 6.0 Manuale - TeamViewer 6.0 Revision TeamViewer 6.0 9947c Indice Indice 1 Ambito di applicazione... 1 1.1 Informazioni su TeamViewer... 1 1.2 Le nuove funzionalità della Versione 6.0... 1 1.3 Funzioni delle

Dettagli

Guida rapida all uso di ECM Titanium

Guida rapida all uso di ECM Titanium Guida rapida all uso di ECM Titanium Introduzione Questa guida contiene una spiegazione semplificata del funzionamento del software per Chiputilizzare al meglio il Tuning ECM Titanium ed include tutte

Dettagli

Manuale di installazione e d uso

Manuale di installazione e d uso Manuale di installazione e d uso 1 Indice Installazione del POS pag. 2 Funzionalità di Base - POS Sagem - Accesso Operatore pag. 2 - Leggere una Card/braccialetto Cliente con il lettore di prossimità TeliumPass

Dettagli

TB-SMS. Combinatore telefonico GSM-SMS Manuale di installazione ed uso. Ver. 1.6.10 31/07/07

TB-SMS. Combinatore telefonico GSM-SMS Manuale di installazione ed uso. Ver. 1.6.10 31/07/07 TB-SMS Combinatore telefonico GSM-SMS Manuale di installazione ed uso Ver. 1.6.10 31/07/07 MANUALE DI INSTALLAZIONE ED USO INTRODUZIONE. Il combinatore TB-SMS offre la possibilità di inviare sms programmabili

Dettagli

Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE

Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE 1 ANALYSIS.EXE IL PROGRAMMA: Una volta aperto il programma e visualizzato uno strumento il programma apparirà come nell esempio seguente: Il programma

Dettagli

8. L'USO DEL PROGRAMMA DI POSTA ELETTRONICA INSIEME ALLA GESTIONE PROFESSIONALE DI DOCUMENTI IN FORMATO E-MAIL

8. L'USO DEL PROGRAMMA DI POSTA ELETTRONICA INSIEME ALLA GESTIONE PROFESSIONALE DI DOCUMENTI IN FORMATO E-MAIL This project funded by Leonardo da Vinci has been carried out with the support of the European Community. The content of this project does not necessarily reflect the position of the European Community

Dettagli

5.5.2.2 Configurazione 111 controllo sensorless semplice con regolatore PI. 5.5.2.3 Configurazione 410 controllo sensorless a orientamento di campo

5.5.2.2 Configurazione 111 controllo sensorless semplice con regolatore PI. 5.5.2.3 Configurazione 410 controllo sensorless a orientamento di campo 5.5.2.2 Configurazione 111 controllo sensorless semplice con regolatore PI La configurazione 111 amplia la configurazione di controllo con un controllore PI per applicazioni specifiche tipiche di regolazione

Dettagli

Accesso all Area di Lavoro

Accesso all Area di Lavoro Accesso all Area di Lavoro Una volta che l Utente ha attivato le sue credenziali d accesso Username e Password può effettuare il login e quindi avere accesso alla propria Area di Lavoro. Gli apparirà la

Dettagli

PANDORA Sistema di Telecontrollo per Ascensori PANDORA is powered by

PANDORA Sistema di Telecontrollo per Ascensori PANDORA is powered by PANDORA Sistema di Telecontrollo per Ascensori l'espressione v a s o d i P a n d o r a viene usata metaforicamente per alludere all'improvvisa scoperta di un problema o una serie di problemi che per molto

Dettagli

Gestione posta elettronica (versione 1.1)

Gestione posta elettronica (versione 1.1) Gestione posta elettronica (versione 1.1) Premessa La presente guida illustra le fasi da seguire per una corretta gestione della posta elettronica ai fini della protocollazione in entrata delle mail (o

Dettagli

MANUALE UTENTE DEL SOFTWARE DI GESTIONE DEGLI ART. SDVR040A/SDVR080A/SDVR160A

MANUALE UTENTE DEL SOFTWARE DI GESTIONE DEGLI ART. SDVR040A/SDVR080A/SDVR160A MANUALE UTENTE DEL SOFTWARE DI GESTIONE DEGLI ART. SDVR040A/SDVR080A/SDVR160A Leggere attentamente questo manuale prima dell utilizzo e conservarlo per consultazioni future Via Don Arrigoni, 5 24020 Rovetta

Dettagli

FAS-420-TM rivelatori di fumo ad aspirazione LSN improved version

FAS-420-TM rivelatori di fumo ad aspirazione LSN improved version Sistemi di Rivelazione Incendio FAS-420-TM rivelatori di fumo ad FAS-420-TM rivelatori di fumo ad Per il collegamento alle centrali di rivelazione incendio FPA 5000 ed FPA 1200 con tecnologia LSN improved

Dettagli

Arcserve Replication and High Availability

Arcserve Replication and High Availability Arcserve Replication and High Availability Guida operativa per Oracle Server per Windows r16.5 La presente documentazione, che include il sistema di guida in linea integrato e materiale distribuibile elettronicamente

Dettagli

6,(0(16 SIMATIC COM PROFIBUS. Premessa, indice. Panoramica del prodotto. Installazione e deinstallazione. Interfaccia operativa

6,(0(16 SIMATIC COM PROFIBUS. Premessa, indice. Panoramica del prodotto. Installazione e deinstallazione. Interfaccia operativa 6,(0(16 Premessa, indice Panoramica del prodotto 1 Installazione e deinstallazione 2 SIMATIC Manuale Il presenta manuale è parte del CD-ROM con il numero di ordinazione: (66( Interfaccia operativa 3 Esempio

Dettagli

Manuale dell'utente di Symantec Backup Exec System Recovery Granular Restore Option

Manuale dell'utente di Symantec Backup Exec System Recovery Granular Restore Option Manuale dell'utente di Symantec Backup Exec System Recovery Granular Restore Option Manuale dell'utente di Symantec Backup Exec System Recovery Granular Restore Option Il software descritto nel presente

Dettagli

FileMaker Server 12. Guida introduttiva

FileMaker Server 12. Guida introduttiva FileMaker Server 12 Guida introduttiva 2007 2012 FileMaker, Inc. Tutti i diritti riservati. FileMaker, Inc. 5201 Patrick Henry Drive Santa Clara, California 95054 FileMaker e Bento sono marchi di FileMaker,

Dettagli

Simplex Gestione Hotel

Simplex Gestione Hotel Simplex Gestione Hotel Revisione documento 01-2012 Questo documento contiene le istruzioni per l'utilizzo del software Simplex Gestione Hotel. E' consentita la riproduzione e la distribuzione da parte

Dettagli

Ridondante Modulare Affidabile

Ridondante Modulare Affidabile Ridondante Modulare Affidabile Provata efficacia in decine di migliaia di occasioni Dal 1988 sul mercato, i sistemi di chiusura Paxos system e Paxos compact proteggono oggi in tutto il mondo valori per

Dettagli

PD32. Esercitazione sull interfacciamento con un dispositivo di IO

PD32. Esercitazione sull interfacciamento con un dispositivo di IO PD32 Esercitazione sull interfacciamento con un dispositivo di IO Domanda #5 14/09/2000 Si dispone di un PD32 per effettuare il collaudo di un circuito integrato combinatorio con 5 ingressi e una uscita,

Dettagli

Manuale dell'amministratore

Manuale dell'amministratore Manuale dell'amministratore di LapLink Host 2 Introduzione a LapLink Host 4 Requisiti per LapLink Host 6 Esecuzione dell'installazione silent di LapLink Host 8 Modifica del file di procedura per l'installazione

Dettagli

MANUALE GESTIONE DELLE UTENZE - PORTALE ARGO (VERS. 2.1.0)

MANUALE GESTIONE DELLE UTENZE - PORTALE ARGO (VERS. 2.1.0) Indice generale PREMESSA... 2 ACCESSO... 2 GESTIONE DELLE UTENZE... 3 DATI DELLA SCUOLA... 6 UTENTI...7 LISTA UTENTI... 8 CREA NUOVO UTENTE...8 ABILITAZIONI UTENTE...9 ORARI D'ACCESSO... 11 DETTAGLIO UTENTE...

Dettagli

MAKING MODERN LIVING POSSIBLE. ComLynx Datalogger / Datalogger + Manuale dell Utente DANFOSS SOLAR INVERTERS

MAKING MODERN LIVING POSSIBLE. ComLynx Datalogger / Datalogger + Manuale dell Utente DANFOSS SOLAR INVERTERS MAKING MODERN LIVING POSSIBLE ComLynx Datalogger / Datalogger + Manuale dell Utente DANFOSS SOLAR INVERTERS Sommario Sommario 1. Informazioni su questo Manuale utente 3 Simboli 3 2. Istruzioni di sicurezza

Dettagli

ABB i-bus KNX Accoppiatore di linea LK/S 4.2 Manuale del prodotto

ABB i-bus KNX Accoppiatore di linea LK/S 4.2 Manuale del prodotto Accoppiatore di linea LK/S 4.2 Manuale del prodotto Indice Indice Pagina 1 Generale... 3 1.1 Uso del manuale del prodotto...3 1.1.1 Struttura del manuale del prodotto...3 1.1.2 Note...4 1.2 Panoramica

Dettagli

GUIDA DELL UTENTE IN RETE

GUIDA DELL UTENTE IN RETE GUIDA DELL UTENTE IN RETE Memorizza registro di stampa in rete Versione 0 ITA Definizione delle note Nella presente Guida dell'utente viene utilizzata la seguente icona: Le note spiegano come intervenire

Dettagli

Telefono Sirio lassico

Telefono Sirio lassico GUIDA USO Telefono Sirio lassico 46755H Aprile 2013 3 Indice INTRODUZIONE...1 CARATTERISTICHE TECNICHE E FUNZIONALI...1 CONTENUTO DELLA CONFEZIONE...1 INSTALLAZIONE...2 DESCRIZIONE DELL APPARECCHIO...3

Dettagli

Funzioni di base. Manualino OE6. Outlook Express 6

Funzioni di base. Manualino OE6. Outlook Express 6 Manualino OE6 Microsoft Outlook Express 6 Outlook Express 6 è un programma, incluso nel browser di Microsoft Internet Explorer, che ci permette di inviare e ricevere messaggi di posta elettronica. È gratuito,

Dettagli

Creare e ripristinare immagine di sistema con Windows 8

Creare e ripristinare immagine di sistema con Windows 8 Creare e ripristinare immagine di con Windows 8 La versione Pro di Windows 8 offre un interessante strumento per il backup del computer: la possibilità di creare un immagine completa del, ovvero la copia

Dettagli

CE 100-8. CENTRALE FILO E RADIO (48 bit) MANUALE DI INSTALLAZIONE (VERSIONE 6.31)

CE 100-8. CENTRALE FILO E RADIO (48 bit) MANUALE DI INSTALLAZIONE (VERSIONE 6.31) CE 100-8 CENTRALE FILO E RADIO (48 bit) MANUALE DI INSTALLAZIONE (VERSIONE 6.31) AVVERTENZE Si ricorda che l installazione del prodotto deve essere effettuata da personale Specializzato. L'installatore

Dettagli

1 Programmazione chiave per veicoli prodotti dopo il 1997 e dotati di vecchia presa diagnostica circolare a 38 pin : W202, W208, W209, W210

1 Programmazione chiave per veicoli prodotti dopo il 1997 e dotati di vecchia presa diagnostica circolare a 38 pin : W202, W208, W209, W210 1 Programmazione chiave per veicoli prodotti dopo il 1997 e dotati di vecchia presa diagnostica circolare a 38 pin : W202, W208, W209, W210 Il software Mercedes Commander è in grado di generare i file

Dettagli

MANUALE D ISTRUZIONE:

MANUALE D ISTRUZIONE: SOFTWARE MANUALE D ISTRUZIONE: Versione 2.1.0-2001-2004 DESCRIZIONE PRODOTTO: Questo software è stato appositamente costruito per l utilizzo su macchine CNC come sistema di trasmissione e ricezione dati,

Dettagli

Introduzione ad Access

Introduzione ad Access Introduzione ad Access Luca Bortolussi Dipartimento di Matematica e Informatica Università degli studi di Trieste Access E un programma di gestione di database (DBMS) Access offre: un supporto transazionale

Dettagli

Procedura per il ripristino dei certificati del dispositivo USB

Procedura per il ripristino dei certificati del dispositivo USB Procedura per il ripristino dei certificati del dispositivo USB 30/04/2013 Sommario - Limitazioni di responsabilità e uso del manuale... 3 1 Glossario... 3 2 Presentazione... 4 3 Quando procedere al ripristino

Dettagli

Forerunner. 10 Manuale Utente. Luglio 2013 190-01472-31_0C Stampato a Taiwan

Forerunner. 10 Manuale Utente. Luglio 2013 190-01472-31_0C Stampato a Taiwan Forerunner 10 Manuale Utente Luglio 2013 190-01472-31_0C Stampato a Taiwan Tutti i diritti riservati. Ai sensi delle norme sul copyright, non è consentito copiare integralmente o parzialmente il presente

Dettagli

Manuale d'uso Nokia Treasure Tag Mini (WS-10)

Manuale d'uso Nokia Treasure Tag Mini (WS-10) Manuale d'uso Nokia Treasure Tag Mini (WS-10) Edizione 1.1 IT Manuale d'uso Nokia Treasure Tag Mini (WS-10) Indice Per iniziare 3 Parti 3 Inserire la batteria 3 Associare e collegare 5 Associare il sensore

Dettagli

FileMaker Server 13. Guida introduttiva

FileMaker Server 13. Guida introduttiva FileMaker Server 13 Guida introduttiva 2007-2013 FileMaker, Inc. Tutti i diritti riservati. FileMaker, Inc. 5201 Patrick Henry Drive Santa Clara, California 95054 Stati Uniti FileMaker e Bento sono marchi

Dettagli

Manuale Utente. S e m p l i c e m e n t e D a t i M i g l i o r i!

Manuale Utente. S e m p l i c e m e n t e D a t i M i g l i o r i! Manuale Utente S e m p l i c e m e n t e D a t i M i g l i o r i! INDICE INDICE... 3 INTRODUZIONE... 3 Riguardo questo manuale...3 Informazioni su VOLT 3 Destinatari 3 Software Richiesto 3 Novità su Volt...3

Dettagli

Guida all utilizzo del dispositivo USB

Guida all utilizzo del dispositivo USB Guida all utilizzo del dispositivo USB 30/04/2013 Sommario - Limitazioni di responsabilità e uso del manuale... 3 1. Glossario... 3 2. Guida all utilizzo del dispositivo USB... 4 2.1 Funzionamento del

Dettagli

SERVER VIDEO 1-PORTA H.264

SERVER VIDEO 1-PORTA H.264 SERVER VIDEO 1-PORTA H.264 MANUALE UTENTE DN-16100 SALVAGUARDIA IMPORTANTE Tutti i prodotti senza piombo offerti dall'azienda sono a norma con i requisiti della legge Europea sulla restrizione per l'uso

Dettagli

Agilent OpenLAB Chromatography Data System (CDS)

Agilent OpenLAB Chromatography Data System (CDS) Agilent OpenLAB Chromatography Data System (CDS) EZChrom Edition e ChemStation Edition Requisiti hardware e software Agilent Technologies Informazioni legali Agilent Technologies, Inc. 2013 Nessuna parte

Dettagli

MANUALE Gest-L VERSIONE 3.2.3

MANUALE Gest-L VERSIONE 3.2.3 MANUALE Gest-L VERSIONE 3.2.3 Installazione GEST-L 4 Versione per Mac - Download da www.system-i.it 4 Versione per Mac - Download da Mac App Store 4 Versione per Windows 4 Prima apertura del programma

Dettagli

G e s t i o n e U t e n z e C N R

G e s t i o n e U t e n z e C N R u t e n t i. c n r. i t G e s t i o n e U t e n z e C N R G U I D A U T E N T E Versione 1.1 Aurelio D Amico (Marzo 2013) Consiglio Nazionale delle Ricerche - Sistemi informativi - Roma utenti.cnr.it -

Dettagli

Installazione LINUX 10.0

Installazione LINUX 10.0 Installazione LINUX 10.0 1 Principali passi Prima di iniziare con l'installazione è necessario entrare nel menu di configurazione del PC (F2 durante lo start-up) e selezionare nel menu di set-up il boot

Dettagli

Le novità di QuarkXPress 10

Le novità di QuarkXPress 10 Le novità di QuarkXPress 10 INDICE Indice Le novità di QuarkXPress 10...3 Motore grafico Xenon...4 Interfaccia utente moderna e ottimizzata...6 Potenziamento della produttività...7 Altre nuove funzionalità...10

Dettagli

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo.

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. impostazioni di sistema postazione clinica studio privato sterilizzazione magazzino segreteria amministrazione sala di attesa caratteristiche UNO tiene

Dettagli

Talento LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) L'UTILIZZO DI ALTRI SERVIZI INTERNET. In questa lezione imparerete a:

Talento LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) L'UTILIZZO DI ALTRI SERVIZI INTERNET. In questa lezione imparerete a: Lab 4.1 Utilizzare FTP (File Tranfer Protocol) LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) In questa lezione imparerete a: Utilizzare altri servizi Internet, Collegarsi al servizio Telnet, Accedere

Dettagli

Guida alle funzioni GOLD versione E, SMART Link DX

Guida alle funzioni GOLD versione E, SMART Link DX Guida alle funzioni GOLD versione E, SMART Link DX 1. Generalità La funzione SMART Link DX è progettata per il controllo della temperatura dell'aria di mandata tramite l'interconnessione di un'unità di

Dettagli