SIEMENS. Ridondanza software per SIMATIC S7-300 e S Argomenti della guida di S7_SWR_E.HLP del 12/99

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SIEMENS. Ridondanza software per SIMATIC S7-300 e S7-400. Argomenti della guida di S7_SWR_E.HLP del 12/99"

Transcript

1 SIEMENS Ridondanza software per SIMATIC S7-300 e S7-400 Argomenti della guida di S7_SWR_E.HLP del 12/99

2 SIEMENS AG All Rights Reserved La duplicazione e la cessione della presente documentazione sono vietate, come pure l uso improprio del suo contenuto, se non dietro autorizzazione scritta. Le trasgressioni sono possibili di risarcimento dei danni. Tutti i diritti sono riservati, in particolare quelli relativi ai brevetti e ai marchi registrati. Ci riserviamo eventuali modifiche tecniche. Argomenti della guida di S7_SWR_E.HLP (12/99)

3 SIMATIC S7 Ridondanza software per SIMATIC S7-300 e S7-400 Contenuto Come usare la presente descrizione? - Un suggerimento per la lettura Prime informazioni Perché impiegare un sistema con ridondanza software? Di quale hardware si necessita? Di quale software si necessita? Dove si può impiegare la ridondanza software? Come funziona un sistema con ridondanza software? Come funziona un sistema con ridondanza software? Struttura della parola di stato della ridondanza software Struttura della parola di controllo della ridondanza software Regole per l impiego della ridondanza software Blocchi per la ridondanza software La biblioteca con i blocchi per la ridondanza software Contenuto dei pacchetti di blocchi Panoramica dei blocchi della ridondanza software FC 100 SWR_START FB 101 SWR_ZYK FC 102 SWR_DIAG FB 103 'SWR_SFCCOM', FB 104 'SW_AG_COM' e FB 105 'SWR_SFBCOM' Blocchi di dati DB_WORK_NO, DB_SEND_NO e DB_RCV_NO Blocchi di dati DB_A_B e DB_B_A per lo scambio di dati non ridondanti Blocco di dati DB_COM_NO Esempio per iniziare rapidamente con una configurazione minima Dati tecnici dei blocchi Riferimenti e integrazioni Proprietà e caratteristiche della ridondanza software Commutazione master-riserva Durata della commutazione master-riserva Durata del trasferimento dati dal master alla riserva Tempi di commutazione per gli slave DP dell ET200M Durata del riconoscimento errori nel caso di anomalie nel sistema ridondante Reti con le quali si possono collegare le due stazioni Modificare la configurazione e il programma utente in RUN Particolarità per la programmazione in CFC...46 Argomenti della guida di S7_SWR_E.HLP (12/99) Pagina 3

4 Ridondanza software per SIMATIC S7-300 e S7-400 SIMATIC S7 4.7 Moduli impiegabili per la ridondanza software Comunicazione con le altre stazioni Comunicazione con una stazione dell's7-300/s Comunicazione con un secondo sistema con ridondanza software Concetto di saltatore per la ridondanza software Impiego degli OB d errore Esempio: ridondanza software con il SIMATIC S Compito da risolvere e schema tecnologico Struttura hardware per l'esempio con l's Configurazione dell hardware Progettazione delle reti Progettazione dei collegamenti Creazione del programma utente Collegamento di apparecchiature B&B Esempio: ridondanza software con il SIMATIC S Compito da risolvere e schema tecnologico Struttura hardware per l'esempio con l's Configurazione dell hardware Progettazione delle reti Progettazione dei collegamenti Creazione del programma utente Collegamento di apparecchiature B&B Ridondanza software e stazioni operative con WinCC Blocco pagina per compiti di pilotaggio e osservazione La configurazione del blocco pagina con WINCC Progettazione del collegamento per WinCC Definizione delle variabili del blocco pagina Introduzione del blocco pagina in una pagina Collegamento dei campi di visualizzazione con le variabili (dinamizzazione della pagina)...80 Pagina 4 Argomenti della guida di S7_SWR_E.HLP (12/99)

5 SIMATIC S7 Ridondanza software per SIMATIC S7-300 e S7-400 Come usare la presente descrizione? - Un suggerimento per la lettura Le seguenti sezioni descrivono come fare ad incrementare la disponibilità dei nostri sistemi di automazione SIMATIC S7 con l'aiuto del pacchetto software Ridondanza software. La descrizione del prodotto viene presentata all'utente sotto forma di guida in linea. Ciò ha il vantaggio della possibilità di lettura di tutte le informazioni al proprio PC/PG durante la progettazione e la programmazione con STEP 7 in rapporto alla situazione. Non è quindi necessario l'uso di un manuale stampato. Per i clienti i quali preferiscono leggere la descrizione su carta, sono stati raggruppati gli argomenti della guida in un documento del quale può essere presa visione e del quale si può avere una stampa tramite Acrobat-Reader. Il documento si trova sul CD e porta quale nome di file SWR_Italiano.PDF. Per aprire il documento si necessita di Acrobat-Reader dalla V2.1. Tale software è prodotto per il quale non si necessita di licenza della Adobe e può essere installato dall'utente dalla cartella S7 manualmente all'interno della cartella STEP7, oppure esso è stato già installato con STEP7. Per i clienti che preferiscono lavorare con Winword, sono stati raggruppati tutti i gli argomenti della guida in un documento di tale tipo. Esso si trova sul CD e porta quale nome di file SWR_Italiano.DOC. Per poterlo aprire si necessita di Microsoft Winword a partire dalla versione 6.0. A chi è destinata la descrizione La presente descrizione si rivolge a quella cerchia di lettori che già conosce i nostri sistemi di automazione S7-300/S7-400 e l'unità periferica decentralizzata ET 200M. Anche per poter lavorare con il nostro software di programmazione STEP 7 si presuppone che l'utente ne abbia una conoscenza di base. Modo di procedere consigliato La descrizione tratta più argomenti chiusi in sé. Si consiglia di leggere prima le sezioni Prime informazioni e Funzionamento della ridondanza software. In tali sezioni si trovano le informazioni di base di cui l'utente necessita per l'impiego della ridondanza software. Se l'utente ha già avuto esperienze complesse con STEP 7, gli si consiglia di dare un'occhiata ai nostri progetti con esempi per l's7-300 e l's Sulla base di un'applicazione semplificata si sarà così in grado di comprendere subito i passi necessari. Se l'utente vuole invece conoscere prima i blocchi con i parametri relativi, dovrà allora leggere la sezione Blocchi della ridondanza software. In tale sezione si trova in un sunto tutto quanto bisogna sapere sui blocchi. Vi si troveranno inoltre due esempi per l's7-300 e per l's7-400 per i quali sono stati già creati da parte nostra dei progetti con una configurazione minima. I progetti si trovano a installazione terminata nella cartella dei progetti di STEP 7 e possono essere ampliati dall'utente a piacere. La sezione Riferimenti e integrazioni tratta diversi argomenti singoli ideati per l'approfondimento e che rispondono a particolari domande. In tale sezione si descrivono il modo di funzionamento e i componenti necessari alla creazione della ridondanza software. Argomenti della guida di S7_SWR_E.HLP (12/99) Pagina 5

6 Ridondanza software per SIMATIC S7-300 e S7-400 SIMATIC S7 1 Prime informazioni 1.1 Perché impiegare un sistema con ridondanza software? I fermi della produzione costano tempo e denaro Il crescente grado di automazione degli impianti industriali per l'accrescimento della produttività e della qualità, incrementa contemporaneamente la dipendenza dalla disponibilità dei sistemi di automazione. In seguito al guasto di un simile sistema (ad esempio a causa di guasto di una CPU) possono aversi costi elevati per via di perdite di produzioni e di tempi di fermo. In molte applicazione le esigenze per la qualità di ridondanza o della complessità delle parti dell'impianto che richiedono sistemi di automazione ridondanti, non sono sufficientemente elevate da richiedere necessariamente l'impiego di uno speciale sistema ad alta disponibilità. Spesso sono sufficienti semplici meccanismi software che rendono possibile, in caso di anomalie, il proseguimento di un compito di pilotaggio venuto a mancare su un sistema di riserva. Grazie alla ridondanza software tale necessità viene soddisfatta in modo completo. Disponibilità più elevata grazie alla ridondanza software La ridondanza software è utilizzabile nei sistemi di automazione standard S7-300 e S L'aumento della disponibilità è possibile per la periferia decentralizzata a un canale che si trova in un ET 200M con interfaccia slave DP ridondante (ad esempio IM o IM ridondante). Le interfacce slave DP dispongono di due interfacce DP e vengono collegate al sistema master DP della stazione A e a quello della stazione B. La ridondanza software opera affinché il compito di pilotaggio altamente disponibile possa essere proseguito in ambedue sistemi di automazione. Come compito di pilotaggio altamente disponibile si indica, tra l'altro, quella parte del programma utente che, nel caso di guasto della stazione, deve essere assolutamente eseguita sulla stazione di riserva. Si può trattare in tal caso o dell'intero programma utente o anche di una parte di esso. Con l'aiuto della ridondanza software vengono controllati i seguenti guasti: Guasto dei componenti in un'apparecchiatura centrale (alimentazione, bus di pannello, master DP) Guasto della CPU a causa di difetti hardware o software Interruzione del cavo di bus per il collegamento ridondante con l'interfaccia DP ridondante Difetto di un modulo PROFIBUS nell'interfaccia slave DP (ad esempio IM 153-3) Pagina 6 Argomenti della guida di S7_SWR_E.HLP (12/99)

7 SIMATIC S7 Ridondanza software per SIMATIC S7-300 e S Di quale hardware si necessita? La base dell'hardware necessario è costituita da due stazioni dall's7-300 o S In ciascuna di esse si trova una CPU e un connettore per un sistema master DP. Ambedue le stazioni sono accoppiate tramite un sistema di bus attraverso il quale esse possono scambiare dati. Il collegamento alla periferia avviene tramite due sistemi master DP, uno nella stazione A e uno in quella B. Ai due sistemi master DP vengono collegate unità periferiche decentralizzate ET 200M con interfaccia DP ridondante (ad esempio IM 153-3). L'interfaccia slave DP rende possibile, nel caso di anomalia, la commutazione dalla prima alla seconda interfaccia e di inoltrare quindi gli stati del processo dal secondo master DP alla periferia. Panoramica della struttura hardware Ampliamento opzionale Pilotaggio e osservazione MPI/PROFIBUS o Ethernet S7-300/S7-400 stazione A S7-300/S7-400 stazione B PROFIBUS-DP PROFIBUS-DP Unità periferica decentralizzata ET 200M con IM Unità periferica decentralizzata ET 200M con IM Argomenti della guida di S7_SWR_E.HLP (12/99) Pagina 7

8 Ridondanza software per SIMATIC S7-300 e S7-400 SIMATIC S7 1.3 Di quale software si necessita? Software di programmazione STEP 7 Per la parametrizzazione dei blocchi per la ridondanza software si necessita solo del pacchetto di base STEP 7 dalla versione Solo a partire da tale versione, infatti, si ha il supporto della parametrizzazione dell'interfaccia slave ridondante DP IM (Per l interfaccia slave DP IM ridondante, si necessita di STEP7 dalla versione 5.0 SP3) Denominazione Compito dello strumento Pacchetto di base STEP 7, dalla versione V4.02 o STEP7 dalla versione 5.0 SP3 Progettazione e programmazione dell's7-300 e S7-400 Strumenti standard opzionali per SIMATIC NET e SIMATIC HMI L'utente può naturalmente impiegare per i sistemi con ridondanza software tutti i pacchetti opzionali di strumenti di ingegnerizzazione e progettazione. La panoramica seguente mostra gli strumenti standard che sono anche stati usati nei progetti dei nostri esempi applicativi. Denominazione Compiti dello strumento NCM S7 per PROFIBUS (compatibile con STEP 7 V4.02.). Dalla versione 5.0 di STEP7, NCM S7 viene fornito insieme a STEP7 Progettazione dei processori di comunicazione SIMATIC NET per reti PROFIBUS ProTool dalla versione 3.01 Progettazione di pannelli operativi SIMATIC HMI WinCC dalla versione 4.02 Progettazione grafica di stazioni operative WinCC del SIMATIC HMI Pagina 8 Argomenti della guida di S7_SWR_E.HLP (12/99)

9 SIMATIC S7 Ridondanza software per SIMATIC S7-300 e S Dove si può impiegare la ridondanza software? La ridondanza software si può impiegare nei luoghi in cui parti dell'impianto centrali e particolarmente importanti necessitino di una disponibilità elevata e in cui venga tollerata da parte del processo un'interruzione di breve durata (la mancanza di alcuni cicli di elaborazione) per via della commutazione all'altra stazione (commutazione master-riserva). Tali parti dell'impianto possono essere ad esempio: Il controllo del processo per circuiti di raffreddamento ad acqua Il controllo del processo per impianti di lavorazione dell'acqua potabile La sorveglianza e il pilotaggio di flussi di traffico Il regolaggio e la sorveglianza di stati di riempimento Il regolaggio e la sorveglianza della temperatura in celle frigorifere Il regolaggio e la sorveglianza della temperatura di altiforni vedi anche: Proprietà e caratteristiche della ridondanza software Commutazione master-riserva Argomenti della guida di S7_SWR_E.HLP (12/99) Pagina 9

10 Ridondanza software per SIMATIC S7-300 e S7-400 SIMATIC S7 2 Come funziona un sistema con ridondanza software? 2.1 Come funziona un sistema con ridondanza software? Definizione Un sistema con ridondanza software è caratterizzato da: due stazioni S7-300 e/o S7-400 accoppiate tramite un sistema di bus un programma utente ridondante che è caricato in ambedue le stazioni due sistemi master DP ai quali sono collegate unità periferiche decentralizzate ET 200M con interfaccia slave DP ridondante (ad esempio IM 153-3) l'impiego dei blocchi del pacchetto software Ridondanza software Principio della ridondanza software Il seguente diagramma di flusso mostra il modo di funzionamento di principio della ridondanza software dal punto di vista della CPU master e da quello della CPU di riserva. CPU master CPU di riserva Leggere le informazioni di ingresso Leggere le informazioni di ingresso Elaborazione del programma non ridondante Elaborazione del programma non ridondante Valutazione delle informazioni di stato della CPU di riserva Valutazione delle informazioni di stato della CPU master Elaborazione del programma ridondante Nessuna elaborazione del programma ridondante Copiatura dei dati ridondanti nella CPU di riserva Copiatura delle informazioni di stato nella CPU master Emissione delle informazioni di uscita ridondanti e non ridondanti Emissione delle informazioni di uscita ridondanti e non ridondanti* * Questi valori hanno uno stato più vecchio di quelli della CPU master, ma vengono ignorati dall IM La parte di software altamente disponibile viene caricata sia nella stazione master che in quella di riserva. Mentre la CPU master elabora questa parte di programma, quest'ultima viene saltata nella CPU di riserva. Con il salto di questa parte di programma nella CPU di riserva si evita lo scoordinamento delle due parti di programma (ad esempio a causa di allarmi, diversi tempi di ciclo ecc.). Nella stazione di riserva il programma è così pronto ad assumere l'elaborazione. Informazione: questo tipo di attesa di assunzione dell'elaborazione viene denominato anche come warm-standby, a differenza dell'hot-standby nei sistemi H (ad esempio S5-155H). In questi ultimi ambedue le CPU effettuano l'elaborazione in modo strettamente sincronizzato. Pagina 10 Argomenti della guida di S7_SWR_E.HLP (12/99)

11 SIMATIC S7 Ridondanza software per SIMATIC S7-300 e S7-400 La stazione master trasferisce continuamente i dati correnti alla stazione di riserva Affinché nel caso di guasto della stazione master il programma utente ad alta disponibilità non debba ricominciare da zero, la stazione master trasferisce continuamente i dati di elaborazione correnti alla stazione di riserva. Il trasferimento può però durare, a causa della comunicazione scelta o per via della quantità di dati da trasferire, più cicli, la riserva, cioè, rimane indietro rispetto al master a seconda delle prestazioni della comunicazione di più cicli. Se nel master si ha un'anomalia in una CPU, in un master DP o in uno slave DP, si avrà allora una commutazione master riserva. In tale commutazione la riserva assume la gestione del processo e diventa master. Aree della parte software ridondante La parte software ridondante ottiene un'immagine di processo un'area di tempi IEC, una di contatori IEC e una di merker, come pure un blocco di dati (area). A tali dati può accedere in scrittura solo la parte software ridondante. Prestare attenzione al fatto che già nella progettazione le aree sopracitate devono essere necessariamente dipendenti. Nella parametrizzazione del blocco di avvio SWR_START vengono lette tali aree senza soluzione di continuità. Elaborazione di periferia ad una via Oltre alla parte software ridondante può essere caricato anche un programma che pilota la periferia ad una via della CPU in questione. Questa parte del programma non viene influenzata dalla ridondanza software. Come periferia ad una via si indicano moduli periferici ai quali non si accede nella parte ridondante del programma utente, che sono cioè correlati solo ad una CPU. Fisicamente tali moduli possono essere collegati centralmente, decentralmente ad un proprio sistema master DP o decentralmente ad uno dei due sistema master DP, nel quale si trovano le interfacce slave DP ridondanti. Scambio dati tra le due stazioni La parte non ridondante del programma può scambiare i propri dati con il software ridondante tramite gli opportuni blocchi di dati. Questi vengono scambiati tramite la ridondanza software e messi quindi a disposizione dell'altra stazione. All'inizio dell'ob1 gli ingressi vengono letti nel PAE. Prima che questi dati della parte software ridondante (PAA, merker, DB, DB di tempi, contatore e istanza) vengano inviati alla riserva, viene elaborato il software ridondante. Se la seconda stazione si è appena avviata o se la ridondanza è stata ripristinata in questa parte di software, allora la stazione deve ricevere i dati da quella che già opera. Alla fine dell'ob1 i dati dal lato master e da quello di riserva del PAA ridondante vengono scritti nell'immagine di processo delle uscite e alla fine del ciclo OB inoltrati alla periferia. Gli allarmi possono passare in qualsiasi momento sul lato attivo e vengono elaborati immediatamente. Se in quel momento o subito dopo avviane una commutazione potrebbe aversi una perdita dell'allarme. Argomenti della guida di S7_SWR_E.HLP (12/99) Pagina 11

12 Ridondanza software per SIMATIC S7-300 e S7-400 SIMATIC S7 La commutazione master-riserva nei dettagli Affinché nel caso di guasto del master la stazione di riserva non debba ricominciare da zero, per il caso di emergenza/di commutazione essa trasferisce alla stazione master, tra l'altro, un PAA completo (coerente) della parte del programma ad alta disponibilità. L'immagine seguente mostra lo schizzo del trasferimento di dati di elaborazione rilevanti al programma ad alta disponibilità che si trova in attesa di diventare operativo nell'apparecchiatura di riserva. M a s t e r PAA Cic-OB-5 Cic-OB-4 Master PAA Cic-OB-4 Cic-OB-3 Master PAA Cic-OB-4 PAA Cic-OB-3 Cic-OB-2 Master PAA Cic-OB-2 Cic-OB-1 Master PAA Cic-OB-2 PAA Cic-1 Cic-OB Master La CPU nell apparecchiatura master si è guastata (ad esempio CPU in STOP) Il PAA appena congelato viene emesso (PAA-M: Cic-OB-1) l ultimo PAA trasferito completamente viene emesso (PAA-M: Cic-OB-3) il PAA corrente viene emesso R i s e r v a OB-Zyk-4 Cic-OB-5 Master Riserva Cic-OB-4 Riserva PAA coerente =Master: Cic-OB-5 Trasferimento di un PAA coerente 2) Cic-OB-3 Riserva Cic-OB-2 Riserva PAA coerente =Master: Cic-OB-4 Cic-OB-1 Riserva PAA Cic-OB-1 Incompleto Cic-OB Riserva PAA Cic-OB-3 Cic-OB+1 Riserva Tempo di riconoscimento dell errore e di commutazione 1) PAA Cic-OB+2 Cic-OB+2 Riserva PAA Cic-OB+3 Cic-OB+3 Riserva PAA Cic-OB+4 Cic-OB+4 Riserva Commutazione master riserva conclusa... Dati emessi sui moduli di segnale Dati trasferiti dal master alla riserva 1) 2) In dipendenza dal numero degli slave e dal tipo di errore Cicli necessari in dipendenza dalla comunicazione e quantità di dati (ad esempio 2) In dipendenza dalla comunicazione usata e della quantità di dati da trasferire, tale trasferimento può richiedere più di un ciclo. Nell'esempio (vedi figura) si suppone che per il trasferimento dell'intera immagine siano necessari due cicli. Nell'esempio viene trasferito quindi dal master alla riserva ogni secondo PAA. Nel funzionamento normale tutte le interfacce slave ridondanti sono correlate alla stazione master ed emettono i dati trasferiti dal master DP della stazione master. Dalla stazione di riserva o, meglio, dal master DP della stazione di riserva, viene inoltre trasferito ogni volta in generale ai moduli di segnale l'ultimo PAA completo trasmesso alla stazione di riserva. Siccome tutti gli slave sono correlati al master DP della CPU master, tali dati vengono ignorati dalle interfacce slave DP. Nel quadro di una commutazione esplicita (tramite ordine) master-riserva o implicita per via di un'anomalia, anche le stazioni slave vengono commutate o le interfacce slave DP si commutano autonomamente. Una commutazione autonoma delle stazioni slave DP avviene ad esempio al riconoscimento di un'anomalia del master DP o del bus DP della stazione master DP. Durante questa commutazione slave DP gli ultimo dati PAA emessi negli slave DP sono congelati (vedi figura sopra). Se le stazioni slave DP si sono commutate verso il master DP dell'ex stazione di riserva e se questa stazione non ha ancora effettuato (del tutto) la commutazione vera e propria master-riserva, nei moduli di segnale viene allora emesso l'ultimo PAA completo trasmesso alla stazione di riserva. La commutazione master-riserva specifica della stazione può durare in caso di anomalia più cicli. Pagina 12 Argomenti della guida di S7_SWR_E.HLP (12/99)

13 SIMATIC S7 Ridondanza software per SIMATIC S7-300 e S7-400 A commutazione master-riserva avvenuta, viene emesso il nuovo PAA rilevato dal nuovo master (vedi figura sopra). Nel caso di comunicazione ottimale, di quantità di dati piccole e di errori quale ad esempio CPU in STOP (in un S7-400) la commutazione può avvenire in un ciclo. Nell'esempio è stata rappresentata volutamente una commutazione con una perdita di 5 cicli. Nel caso di una commutazione avviata manualmente questa viene ottimizzata. Essa verrà ad esempio iniziata solo subito dopo la conclusione di un trasferimento completo di PAA. Ripristino della ridondanza software dopo una riparazione Per il ripristino della ridondanza software, ad esempio dopo un guasto nella CPU, nella CPU sostitutiva vengono caricati l'intera progettazione e l'intero programma (tramite PG o Memory Card). Fatto ciò la CPU viene avviata. Argomenti della guida di S7_SWR_E.HLP (12/99) Pagina 13

14 Ridondanza software per SIMATIC S7-300 e S7-400 SIMATIC S7 2.2 Struttura della parola di stato della ridondanza software La panoramica seguente mostra la configurazione della parola di stato. Essa si trova nella DBW 8 del DB di istanza dell'fb 101 SWR_ZYK. Parola di stato della ridondanza software DBB 8 DBB 9 N di bit Parola di dati = il bit non è rilevante 1: fase di avvio 1: Stazione è master 1: Stazione è riserva 1: Ident. A, la stazione è app. parziale A 1: Ident. B, la stazione è app. parziale B 0: ridondanza è attiva 1: ridondanza non è attiva 0: accoppiamento ridondante presente 1: accoppiamento ridondante guasto 1: commutazione master-riserva in corso 1: l apparecchiatura partner è ancora occupata con la commutazione 1: nessuno slave DP accessibile 1: non tutti gli slave DP sono accessibili 1: tutti gli slave DP sono accessibili Pagina 14 Argomenti della guida di S7_SWR_E.HLP (12/99)

15 SIMATIC S7 Ridondanza software per SIMATIC S7-300 e S Struttura della parola di controllo della ridondanza software La panoramica seguente mostra la configurazione della parola di controllo. Essa si trova nella DBW 10 del DB di istanza dell'fb 101 SWR_ZYK. Parola di controllo della ridondanza software DBB 10 DBB 11 N di bit Parola di dati 1: commutazione master-riserva bloccata 1: commutazione master-riserva abilitata Il bit è riservato e non deve essere modificato = il bit non è rilevante 1: attivare la commutazione master-riserva Avvertenza: Se la commutazione master-riserva è stata bloccata a livello utente, (bit 11.0 nella parola di controllo settato), l'apparecchiatura di riserva scrive allora degli zero nel PAA dell'interfaccia slave DP ridondante IM 153. Questo stato rimane fino a quando l'utente non riattiva la ridondanza (bit 11.1 nella parola di controllo settato). Argomenti della guida di S7_SWR_E.HLP (12/99) Pagina 15

16 Ridondanza software per SIMATIC S7-300 e S7-400 SIMATIC S7 2.4 Regole per l impiego della ridondanza software Le seguenti sezioni offrono un riassunto di tutte le regole da rispettare nella progettazione e nella programmazione di un sistema con ridondanza software funzionale. Regole per la configurazione hardware Le unità periferiche decentralizzate ET 200M nelle quali si trova un'interfaccia slave DP ridondante (ad esempio IM 153-3), devono essere configurare in ambedue le stazioni in modo identico. Affinché la coerenza con vada persa, copiare (anche nel caso di piccole modifiche) sempre il sistema master DP completo della prima stazione nel master DP della seconda stazione. Usare a tale scopo il comando di menù Modifica > Inserisci ridondante. Tramite il comando di menù Modifica > Inserisci ridondante si assicura che gli indirizzi di periferia degli slave DP siano identici in ambedue le stazioni. Se si desidera inoltre impiegare unità periferiche decentralizzate dell'et 200 da un lato (come ad esempio l'et 200B), configurare tali apparecchiature dopo la copiatura del sistemi master DP (vedi anche la descrizione nella sezione Principio della ridondanza software). Prestare attenzione già nella struttura hardware al fatto che nella ridondanza software si possono usare solo aree continue (ad esempio uscite da 0 a 20, aree di merker da 50 a 100, stazioni slave DP da 1 a 6, ecc.). La ridondanza software supporta un sistema master PROFIBUS DP. Se si necessita di più sistemi master DP, si dovrà usare la ridondanza software più volte (cioè più parti di programma ridondanti). I baudrate ammessi per il PROFIBUS-DP; La ridondanza software supporta per l'interfacciamento slave DP ridondante solo i baudrate di 187,5 KBaud fino a 12 MBaud. Regole per il programma utente Strutturazione del programma utente Se il proprio programma utente è nelle due stazioni solo in parte ridondante, strutturarlo allora se possibile in modo che la parte per l'impianto a esecuzione ridondante sia separata da quella per la parte dell'impianto a esecuzione non ridondante. Consiglio: scrivere i programmi per la parte dell'impianto ridondante e per quella dell'impianto non ridondante in blocchi organizzativi diversi ad esempio nell'ob 1 e nell'ob 35. Programma utente ridondante Il programma utente ridondante è chiuso in due richiami di blocco dell'fb 101 SWR_ZYK. Il primo richiamo dell'fb 101 SWR_ZYK porta il parametro CALL_POSITION=TRUE e il secondo richiamo il parametro CALL_POSITION=FALSE. Comunicazione Se per l'accoppiamento ridondante si utilizza un collegamento S7 e se tramite il collegamento S7 si desiderano espletare anche altri compiti di comunicazione, sarà allora necessario che il numero d'ordine R_ID sia maggiore di 2. (Il numero d'ordine R_ID= 1 e R_ID=2 vengono usati dalla ridondanza software.) Se per la comunicazione si impiega l'fb 103 SWR_SFCCOM, la ridondanza software usa allora i blocchi di comunicazione SFC 65 X_SEND e SFC 66 X_RCV con il numero d'ordine R_ID > H. Se per la comunicazione si impiega l'fb 104 SWR_AG_COM, la ridondanza software usa allora i blocchi di comunicazione FC 5 AG_SEND e FC 6 AG_RCV con il numero d'ordine R_ID > H. Se per la comunicazione si impiega FB 105 SWR_SFBCOM (BSEND, BRCV), nella progettazione della comunicazione bisognerebbe sempre indicare Trasmettere le segnalazioni dello stato operativo sì, affinché il guasto del collegamento venga riconosciuto nel modo più rapido possibile. Impiego di tempi e contatori Nella parte ridondante del software, non possono essere impiegati in generale tempi e contatori S7 poiché essi non possono essere aggiornati. Utilizzare al loro posto tempi e contatori IEC. Se si impiegano tempi brevi (inferiori al ciclo di tempo dell OB o inferiori al tempo di Pagina 16 Argomenti della guida di S7_SWR_E.HLP (12/99)

17 SIMATIC S7 Ridondanza software per SIMATIC S7-300 e S7-400 trasferimento dal master alla riserva) non è opportuno aggiornare tali tempi. In questo caso si possono impiegare anche tempi S7. Se si necessita di tempi più lunghi o di contatori, va allora prestata attenzione al fatto che il fronte d ingresso per l avvio del tempo o per il conteggio venga riconosciuto in modo sicuro anche nel caso di commutazione. Ciò può anche avvenire con impulsi (1-0 o 0-1) più lunghi del tempo di commutazione. Se ciò non avviene, la valutazione del fronte deve essere richiamata in ogni caso (anche nella riserva). Qui i tempi/contatori IEC non devono essere aggiornati. Si possono però qui impiegare anche tempi e contatori S7. La gestione dei blocchi della ridondanza software Affinché l'istanza multi DB della ridondanza software possa essere creata correttamente, tutte le funzioni di sistema (SFC, SFB) utilizzate dalla ridondanza software devono trovarsi nel progetto S7. Se vengono effettuate modifiche alla progettazione nel blocco di avvio SWR_START, è allora necessario cancellare i seguenti blocchi affinché i nuovi parametri possano essere prelevati e affinché non si abbiano funzionamenti errati: DB_WORK_NO (DB operativo della ridondanza software) DB_SEND_NO (DB di trasmissione della ridondanza software) DB_RCV_NO (DB di ricezione della ridondanza software) DB_A_B_NO (DB per lo scambio dati della parte software non ridondante della stazione A con il software ridondante) DB_B_A_NO (DB per lo scambio dati della parte software non ridondante della stazione B con il software ridondante) OB 86 (guasto del rack) Nei primo 20 byte delle variabili locali dell'ob 86 non devono essere inserite variabili, poiché queste vengono usate e modificate dalla ridondanza software. PAA nella ridondanza software Se nell'fc 100 SWR_START vengono parametrizzate uscite che non si trovano nel PAA, ciò causa un errore di accesso alla periferia. Commutazione master-riserva Durante la commutazione master-riserva nel sistema si trovano per un breve momento due master o due riserve. Spegnimento di uno slave DP Senza ulteriori misure, nello spegnimento di uno slave DP si giunge ad una commutazione masterriserva. La misura contro la commutazione è descritta nel seguente esempio di programma. Supposizione: E 1.0 è l interruttore con il quale si impedisce la commutazione. Ciò può essere anche un introduzione di comando o simile. Argomenti della guida di S7_SWR_E.HLP (12/99) Pagina 17

18 Ridondanza software per SIMATIC S7-300 e S7-400 SIMATIC S7 Esempio per l OB86 per lo spegnimento di slave senza commutazione: L #OB86_EV_CLASS L B#16#39 ==I // evento in arrivo SPBN M001 U E 1.0 //ingresso speciale (con SPBN M001 // Slave==1 acceso)-->non commutare) AUF DB 3 // DB3 è il DB di ricezione (DB_EMPF) L DBW 4 // Slave partner presente DEC 1 // ridurlo già adesso T DBW 4 // per evitare così la commutazione M001: NOP 0 CALL "SWR_DIAG" // Call of FC 102 'SWR_DIAG' DB_WORK :=1 // Work DB for SWR OB86_EV_CLASS:=#OB86_EV_CLASS OB86_FLT_ID :=#OB86_FLT_ID RETURN_VAL :=MW14 // Block return value Pagina 18 Argomenti della guida di S7_SWR_E.HLP (12/99)

19 SIMATIC S7 Ridondanza software per SIMATIC S7-300 e S Blocchi per la ridondanza software 3.1 La biblioteca con i blocchi per la ridondanza software In seguito all'installazione del software opzionale, in STEP 7 si trova la biblioteca SWR_LIB. Essa viene raggiunta tramite il SIMATIC-Manager con il comando di menù File > Apri > Biblioteche Nella biblioteca SWR_LIB si trovano cinque pacchetti di blocchi. Si tratta di due pacchetti per l's7-300 e di tre per l's Corrispondentemente al tipo di collegamento e alla rete attraverso la quale si accoppiano le due stazioni tra loro, si dovrà impiegare sempre esattamente uno di tali pacchetti. Pacchetti di blocchi per l's7-300 Scegliere il pacchetto... se la rete... e il tipo di collegamento... XSEND_300 MPI collegamento non progettato Annotazione Collegamento di rete all'interfaccia MPI della CPU AG_SEND_300 PROFIBUS Collegamento FDL Collegamento di rete tramite CP Industrial Ethernet Collegamento ISO Collegamento di rete tramite CP Pacchetto di blocchi per l S7-400 Scegliere il pacchetto... se la rete... e il tipo di collegamento... XSEND_400 MPI Collegamento non progettato Annotazione Collegamento di rete all'interfaccia MPI della CPU AG_SEND_400 PROFIBUS Collegamento FDL Collegamento di rete tramite CP Industrial Ethernet Collegamento ISO Collegamento di rete tramite CP BSEND_400 MPI Collegamento S7 Collegamento di rete tramite interfaccia MPI della CPU PROFIBUS Collegamento di rete tramite CP Industrial Ethernet Collegamento di rete tramite CP vedi anche Contenuto dei pacchetti di blocchi Argomenti della guida di S7_SWR_E.HLP (12/99) Pagina 19

20 Ridondanza software per SIMATIC S7-300 e S7-400 SIMATIC S7 3.2 Contenuto dei pacchetti di blocchi In ogni pacchetto di blocchi si trovano quattro blocchi adattati l'uno all'altro. Non usare in nessun caso blocchi appartenenti a pacchetti di blocchi diversi, pena la possibilità di funzionamenti errati delle stazioni. Contenuto dei pacchetti di blocchi XSEND_300 e XSEND_400 Blocco Annotazione FC 100 SWR_START Il blocco deve essere richiamato nel programma di avvio (OB 100) FB 101 SWR_ZYK Il blocco deve essere richiamato nel programma ciclico o pilotato a tempo. Il blocco va richiamato sempre prima e dopo l'elaborazione del programma utente ridondante. FC 102 SWR_DIAG Il blocco deve essere richiamato nel DB di diagnostica (OB 86). FB 103 SWR_SFCCOM Il blocco supporta la gestione del trasferimento dati e viene richiamato dall'fb 101 SWR_ZYK in modo coperto. Il blocco deve essere caricato dall'utente solo in ambedue le CPU. Contenuto dei pacchetti di blocchi AGSEND_300 e AGSEND_400 Blocco Annotazione FC 100 SWR_START Il blocco deve essere richiamato nel programma di avvio (OB 100) FB 101 SWR_ZYK Il blocco deve essere richiamato nel programma ciclico o pilotato a tempo. Il blocco va richiamato sempre prima e dopo l'elaborazione del programma utente ridondante. FC 102 SWR_DIAG Il blocco deve essere richiamato nel DB di diagnostica (OB 86). FB 104 SWR_AG_COM Il blocco supporta la gestione del trasferimento dati e viene richiamato dall'fb 101 SWR_ZYK in modo coperto. Il blocco deve essere caricato dall'utente solo in ambedue le CPU. Avvertenza: l'fb 104 SWR_AG_COM richiama i blocchi FC 5 AG_SEND e FC 6 AG_RCV in modo coperto. Tali blocchi sono parte dell'ncm S7 e devono essere caricati dall'utente in ambedue le CPU. Contenuto del pacchetto di blocchi BSEND_400 Blocco Annotazione FC 100 SWR_START Il blocco deve essere richiamato nel programma di avvio (OB 100) FB 101 SWR_ZYK Il blocco deve essere richiamato nel programma ciclico o pilotato a tempo. Il blocco va richiamato sempre prima e dopo l'elaborazione del programma utente ridondante. FC 102 SWR_DIAG Il blocco deve essere richiamato nel DB di diagnostica (OB 86). FB 105 SWR_SFBCOM Il blocco supporta la gestione del trasferimento dati e viene richiamato dall'fb 101 SWR_ZYK in modo coperto. Il blocco deve essere caricato dall'utente solo in ambedue le CPU. Pagina 20 Argomenti della guida di S7_SWR_E.HLP (12/99)

Sistema di memorizzazione 4

Sistema di memorizzazione 4 4 4.1 Aree di memoria e ritenzione 4.1.1 Aree di memoria della CPU Le tre aree di memoria della CPU Memoria della CPU CPU Memoria di caricamento CPU (si trova sulla MMC) MMC Memoria di sistema Memoria

Dettagli

DIAGNOSTICA: SEGNALAZIONE ERRORI DI SISTEMA. (Reporting of System Errors)

DIAGNOSTICA: SEGNALAZIONE ERRORI DI SISTEMA. (Reporting of System Errors) DIAGNOSTICA: SEGNALAZIONE ERRORI DI SISTEMA (Reporting of System Errors) Indice 1 Introduzione...2 1.1 Componenti supportati e insieme delle funzioni...2 2 STEP7: Configurazione HW...3 2.1 Scheda Generale...4

Dettagli

SIMATIC NET. CP S7 per PROFIBUS Progettazione e messa in funzione B1 B2 B3 B4

SIMATIC NET. CP S7 per PROFIBUS Progettazione e messa in funzione B1 B2 B3 B4 SIMATIC NET CP S7 per PROFIBUS Progettazione e messa in funzione Manuale Parte A - Impiego generale Prefazione, Indice Comunicazione tramite CP S7 1 Caratteristiche dei CP PROFIBUS 2 NCM S7 per CP PROFIBUS

Dettagli

SIMATIC. Component Based Automation SIMATIC imap STEP 7 AddOn, Creazione di componenti PROFINET. Prefazione

SIMATIC. Component Based Automation SIMATIC imap STEP 7 AddOn, Creazione di componenti PROFINET. Prefazione SIMATIC Component Based Automation SIMATIC Component Based Automation SIMATIC imap STEP 7 AddOn, Creazione di componenti PROFINET Manuale di progettazione Prefazione Creazione di componenti PROFINET con

Dettagli

SIMATIC NET. Funzioni (FC) e blocchi funzionali (FB) per CP S7 SIMATIC NET. Prefazione. Panoramica e informazioni generali sull'utilizzo di FC/FB

SIMATIC NET. Funzioni (FC) e blocchi funzionali (FB) per CP S7 SIMATIC NET. Prefazione. Panoramica e informazioni generali sull'utilizzo di FC/FB Prefazione Panoramica e informazioni generali sull'utilizzo di FC/FB 1 SIMATIC NET Funzioni (FC) e blocchi funzionali (FB) per CP S7 SIMATIC NET Manuale di programmazione FC / FB per Industrial Ethernet

Dettagli

4 Nozioni per lo sviluppo di strutture di programma

4 Nozioni per lo sviluppo di strutture di programma 4 Nozioni per lo sviluppo di strutture di programma 4.1 Programmi in una CPU In una CPU vengono eseguiti due programmi distinti: il sistema operativo e il programma utente. Sistema operativo Il sistema

Dettagli

3 Configurazione della periferia decentrata (DP)

3 Configurazione della periferia decentrata (DP) 3 Configurazione della periferia decentrata (DP) Introduzione Il termine "periferia decentrata" indica i sistemi master, costituiti da master DP e slave DP, che sono collegati mediante un cavo bus e comunicano

Dettagli

CPU 317T-2 DP: Comando di un asse. virtuale SIMATIC. Sistema di automazione S7-300 CPU 317T-2 DP: Comando di un asse virtuale.

CPU 317T-2 DP: Comando di un asse. virtuale SIMATIC. Sistema di automazione S7-300 CPU 317T-2 DP: Comando di un asse virtuale. CPU 317T-2 DP: Comando di un asse virtuale SIMATIC Sistema di automazione S7-300 CPU 317T-2 DP: Comando di un asse virtuale Introduzione 1 Preparazione 2 Moduli didattici 3 Ulteriori informazioni 4 Getting

Dettagli

Configurazione & Programmazione Profibus DP. in Ambiente Siemens TIA Portal

Configurazione & Programmazione Profibus DP. in Ambiente Siemens TIA Portal Configurazione & Programmazione Profibus DP in Ambiente Siemens TIA Portal Configurazione Optional: Aggiungere File GSD Inserire Masters e Slaves Inserire Sottorete Profibus DP e collegare tutte le interfacce

Dettagli

Programmare OB1 in KOP

Programmare OB1 in KOP Come programmare la funzione di memoria in Kop Programmare OB1 in KOP Inseriamo un nuovo segmento utilizzando il tasto destro Programmare FB in KOP Il blocco funzionale (FB) è subordinato al blocco organizzativo.

Dettagli

SIMATIC S7-SCL V5.3 per S7-300/400

SIMATIC S7-SCL V5.3 per S7-300/400 s SIMATIC S7-SCL V5.3 per S7-300/400 Getting Started Edizione 0/2005 Primi passi L'esempio contemplato da questo prodotto non rappresenta una descrizione autonoma, bensì costituisce una parte del manuale

Dettagli

SIMATIC NET NCM S7 per Industrial Ethernet Manuale

SIMATIC NET NCM S7 per Industrial Ethernet Manuale SIMATIC NET NCM S7 per Industrial Ethernet Manuale per NCM S7 a partire da V5.x Il presente manuale fa parte del pacchetto di documentazione con il numero di ordinazione: 6GK7080 1AA03 8EA0 Prefazione,

Dettagli

SIMATIC. Modifica dell'impianto in funzionamento mediante CiR. Prefazione, Indice Premessa e informazioni generali 1. Oggetti e unità CiR 2

SIMATIC. Modifica dell'impianto in funzionamento mediante CiR. Prefazione, Indice Premessa e informazioni generali 1. Oggetti e unità CiR 2 s SIMATIC Modifica dell'impianto in funzionamento mediante CiR Manuale Prefazione, Indice Premessa e informazioni generali 1 Oggetti e unità CiR 2 Superficie operativa 3 Modifica della parametrizzazione

Dettagli

INFO ESTERNA Industry sector

INFO ESTERNA Industry sector INFO ESTERNA Industry sector Nr: 2010/1.5/35 Data:03/09/10 I IA AS PLC: STEP7 Nuovo STEP7 V5.5 & STEP7 Professional 2010. Con la presente s informa che da ora sono disponibili le nuove versioni di STEP7

Dettagli

Indice. Introduzione alla Logica Digitale. Corsi Apparecchiature e Sistemi Siemens. Ulteriori Attività. Modalità

Indice. Introduzione alla Logica Digitale. Corsi Apparecchiature e Sistemi Siemens. Ulteriori Attività. Modalità Catalogo corsi 2013 Scuola di Automazione Industriale Sede Legale Via Ticino, 30 20052 - Monza (MI) Tel. +39 039 2726061 +39 039 2726069 Fax. +39 039 2726077 e-mail : psa.monza@psa-corporation.com Sede

Dettagli

SIMATIC. Software di sistema per S7-300/400 Funzioni standard e di sistema. Manuale di riferimento. Edizione 08/2000 A5E00069895-02

SIMATIC. Software di sistema per S7-300/400 Funzioni standard e di sistema. Manuale di riferimento. Edizione 08/2000 A5E00069895-02 SIMATIC Software di sistema per S7-300/400 Funzioni standard e di sistema Manuale di riferimento Il presente manuale fa parte del seguente pacchetto di documentazione con il numero di ordinazione: 6ES7810-4CA05-8ER0

Dettagli

Documentazione didattica SCE per una soluzione di automazione omogenea Totally Integrated Automation (TIA)

Documentazione didattica SCE per una soluzione di automazione omogenea Totally Integrated Automation (TIA) Documentazione didattica SCE per una soluzione di automazione omogenea Totally Integrated Automation (TIA) Siemens Automation Cooperates with Education Modulo TIA Portal 010-020 Tipi di blocchi del controllore

Dettagli

SIMATIC FM 351. Getting Started Edizione 02/2000

SIMATIC FM 351. Getting Started Edizione 02/2000 SIATIC F 351 Getting Started Edizione 02/2000 Le presenti informazioni guidano l utente, sulla base di un esempio concreto articolato in cinque fasi, nell esecuzione della messa in servizio fino ad ottenere

Dettagli

SIMATIC. Portale TIA STEP 7 Basic V10.5. Introduzione al portale TIA 1. Esempio semplice 2. Esempio avanzato 3. Esempio "Regolazione PID" 4

SIMATIC. Portale TIA STEP 7 Basic V10.5. Introduzione al portale TIA 1. Esempio semplice 2. Esempio avanzato 3. Esempio Regolazione PID 4 SIMATIC Portale TIA SIMATIC Portale TIA Introduzione al portale TIA 1 Esempio semplice 2 Esempio avanzato 3 Esempio "Regolazione PID" 4 Esempio "Motion" 5 Getting Started 12/2009 A5E02714429-01 Avvertenze

Dettagli

Modulo server (6ES7193-6PA00-0AA0) SIMATIC. ET 200SP Modulo server (6ES7193-6PA00-0AA0) Prefazione. Guida alla documentazione dell'et 200SP

Modulo server (6ES7193-6PA00-0AA0) SIMATIC. ET 200SP Modulo server (6ES7193-6PA00-0AA0) Prefazione. Guida alla documentazione dell'et 200SP Prefazione Guida alla documentazione dell'et 200SP 1 SIMATIC ET 200SP Modulo server (6ES7193-6PA00-0AA0) Manuale del prodotto Panoramica del prodotto 2 Parametri/area di indirizzi 3 Dati tecnici 4 Set

Dettagli

L ambiente di sviluppo STEP 7 è un pacchetto software creato per sviluppare progetti di automazione basati sui prodotti Siemens della serie SIMATIC.

L ambiente di sviluppo STEP 7 è un pacchetto software creato per sviluppare progetti di automazione basati sui prodotti Siemens della serie SIMATIC. STEP 7 L ambiente di sviluppo STEP 7 è un pacchetto software creato per sviluppare progetti di automazione basati sui prodotti Siemens della serie SIMATIC. Le informazioni relative alle caratteristiche

Dettagli

FormatChecker for Microsoft Word

FormatChecker for Microsoft Word FormatChecker for Microsoft Word 2006 STAR AG Tutti i diritti riservati. L'uso dei testi e delle immagini senza previa autorizzazione scritta di STAR AG non è consentito ai sensi della legge sul diritto

Dettagli

SIMATIC. TeleService S7-Library V6.1. Prefazione, Indice. TeleService S7-Library 1 Creazione di un collegamento remoto con un PG/PC: FB 46 "PG_DIAL"

SIMATIC. TeleService S7-Library V6.1. Prefazione, Indice. TeleService S7-Library 1 Creazione di un collegamento remoto con un PG/PC: FB 46 PG_DIAL s SIMATIC Manuale Prefazione, Indice TeleService S7-Library 1 Creazione di un collegamento remoto con un PG/PC: FB 46 "PG_DIAL" 2 Creazione di un collegamento remoto PLC-PLC: FB 47 "AS_DIAL" 3 Programma

Dettagli

SIMATIC. Configurazione dell hardware e progettazione di collegamenti STEP 7

SIMATIC. Configurazione dell hardware e progettazione di collegamenti STEP 7 s SIMATIC Configurazione dell hardware e progettazione di collegamenti STEP 7 Manuale Il presente manuale fa parte del pacchetto di documentazione con il numero di ordinazione: 6ES7810-4CA08-8EW8 Prefazione

Dettagli

SIMATIC HMI. Comunicazione per sistemi basati su Windows 21 A. Premessa, Indice. Parte I Informazioni generali 1 SIMATIC S5 SIMATIC S7.

SIMATIC HMI. Comunicazione per sistemi basati su Windows 21 A. Premessa, Indice. Parte I Informazioni generali 1 SIMATIC S5 SIMATIC S7. Premessa, Indice Parte I Informazioni generali 1 SIMATIC HMI Comunicazione per sistemi basati su Windows Manuale utente 6AV6596 1MA05 2AD0 Parte II Parte III Parte IV Parte V Parte VI Accoppiamento al

Dettagli

PLC_1 [CPU 1214C DC/DC/DC]

PLC_1 [CPU 1214C DC/DC/DC] PLC_1 [CPU 1214C DC/DC/DC] PLC_1 Generale\Informazioni sul progetto Nome PLC_1 Autore Studente Commento PositionNumber 1 Generale\Informazioni sul catalogo Descrizione sintetica CPU 1214C DC/DC/DC Descrizione

Dettagli

PLC Simatic. Serie S7-200

PLC Simatic. Serie S7-200 PLC Simatic I sistemi Simatic prodotti dalla Siemens mettono a disposizione dell utente una vasta gamma di PLC con caratteristiche differenti e adatti per le più svariate applicazioni come quelli appartenenti

Dettagli

SIMATIC S7-1200 Aggiornamento del manuale di sistema S7-1200, edizione 06/2015 Informazioni sul prodotto

SIMATIC S7-1200 Aggiornamento del manuale di sistema S7-1200, edizione 06/2015 Informazioni sul prodotto SIMATIC S7-1200 Aggiornamento del manuale di sistema S7-1200, edizione 06/2015 Informazioni sul prodotto Informazioni generali sull'aggiornamento della documentazione dell's7-1200 Nonostante il nostro

Dettagli

SIMATIC WinCC V7.0 SP1 COMUNICAZIONE CON PLC S7. Versione 1.0-06/2009

SIMATIC WinCC V7.0 SP1 COMUNICAZIONE CON PLC S7. Versione 1.0-06/2009 SIMATIC WinCC V7.0 SP1 COMUNICAZIONE CON PLC S7 Versione 1.0-06/2009 Scopo della presentazione La seguente presentazione è limitata alle diverse tipologie di collegamento tra WinCC e i PLC S7-300/400,

Dettagli

PERICOLO questo simbolo indica che la mancata osservanza delle opportune misure di sicurezza provoca la morte o gravi lesioni fisiche.

PERICOLO questo simbolo indica che la mancata osservanza delle opportune misure di sicurezza provoca la morte o gravi lesioni fisiche. Ridondanza software per SIMATIC S7 SIMATIC S7-300/S7-400 Ridondanza software per SIMATIC S7 Manuale di guida alle funzioni Contenuto 1 Come utilizzare la presente descrizione - Un 2 suggerimento per la

Dettagli

Esempio LA CONFIGURAZIONE E PROGRAMMAZIONE DELLA COMUNICAZIONE PROFIBUS-DP IN AMBIENTE SIEMENS STEP 7. Corso su

Esempio LA CONFIGURAZIONE E PROGRAMMAZIONE DELLA COMUNICAZIONE PROFIBUS-DP IN AMBIENTE SIEMENS STEP 7. Corso su Corso su LA CONFIGURAZIONE E PROGRAMMAZIONE DELLA COMUNICAZIONE PROFIBUS-DP IN AMBIENTE SIEMENS STEP 7 creato in esclusiva per Associazione PLC Forum www.plcforum.it versione 1.0 Prof.Ing.Salvatore Cavalieri

Dettagli

Documentazione didattica SCE per una soluzione di automazione omogenea Totally Integrated Automation (TIA)

Documentazione didattica SCE per una soluzione di automazione omogenea Totally Integrated Automation (TIA) Documentazione didattica SCE per una soluzione di automazione omogenea Totally Integrated Automation (TIA) Modulo TIA Portal 010-070 Comunicazione con 2 SIMATIC S7-1200 Documentazione didattica SCE Pagina

Dettagli

SIMATIC. SCL per S7-300/400 Programmazione di blocchi. Prefazione, Contenuto. Parte 1: Sviluppo di programmi. Parte 2: Uso e test

SIMATIC. SCL per S7-300/400 Programmazione di blocchi. Prefazione, Contenuto. Parte 1: Sviluppo di programmi. Parte 2: Uso e test Prefazione, Contenuto Parte 1: Sviluppo di programmi Parte 2: Uso e test SIMATIC Parte 3: Descrizione del linguaggio Programmazione di blocchi Appendici Glossario, Indice analitico Manuale Numero di ordinazione

Dettagli

L ambiente di sviluppo STEP 7

L ambiente di sviluppo STEP 7 L ambiente di sviluppo STEP 7 STEP 7 è il pacchetto software per sviluppare progetti di automazione basati sui prodotti Siemens della serie SIMATIC [1]. I progetti sono costituiti dall insieme dei dati

Dettagli

Software di applicazione Tebis

Software di applicazione Tebis Software di applicazione Tebis Prodotti ingresso / Uscita Tapparella / Uscita radio Caratteristiche elettriche / meccaniche: vedi manuale prodotto Riferimento prodotto Denominazione prodotto Prodotto filare

Dettagli

Nr. 2012/1.5/20 Data: 1.6.12 PLC:S7 400. Nuova CPU S7-400H PN/DP con FW V6.0.

Nr. 2012/1.5/20 Data: 1.6.12 PLC:S7 400. Nuova CPU S7-400H PN/DP con FW V6.0. Industry Automation USO ESTERNO Nr. 2012/1.5/20 Data: 1.6.12 PLC:S7 400 Nuova CPU S7-400H PN/DP con FW V6.0. Con la presente s informa che è stata rinnovata tuta la gamma di CPU ridondate S7-400H. La novità

Dettagli

Test di comunicazione tra LOGO! 0BA7 e PLC S7-300 con CP343-1

Test di comunicazione tra LOGO! 0BA7 e PLC S7-300 con CP343-1 Industry Test di comunicazione tra LOGO! 0BA7 e PLC S7-300 con CP343-1 Dispositivi utilizzati: - CPU 315-2DP (315-2AG10-0AB0) - CP 343-1 (343-1EX30-0XE0) - LOGO! 0BA7 (6ED1 052-1MD00-0AB7) CPU 315-2DP

Dettagli

SIMATIC WinCC V7.0 SP3

SIMATIC WinCC V7.0 SP3 SIMATIC WinCC V7.0 SP3 COMUNICAZIONE CON PLC S7 Leonetti Domenico WinCC Product Manager I IA AS HMI Tel: +39 02 24362884 E-Mail: domenico.leonetti@siemens.com Versione 3.0 Scopo della presentazione La

Dettagli

SIMATIC NET. CP S7 per Industrial Ethernet. CP 343-1 Lean. Manuale apparecchio parte B8. dalla versione 1 (versione firmware V1.0)

SIMATIC NET. CP S7 per Industrial Ethernet. CP 343-1 Lean. Manuale apparecchio parte B8. dalla versione 1 (versione firmware V1.0) SIMATIC NET CP S7 per Industrial Ethernet Manuale apparecchio parte B8 CP 343-1 Lean 6GK7 343-1CX00-0XE0 per SIMATIC S7-300 / C7-300 dalla versione 1 (versione firmware V1.0) Indicatori LED Interfaccia

Dettagli

Progetto di esempio "Filling Station" SIMATIC. STEP 7 Professional / WinCC Advanced V11 per il progetto di esempio "Filling Station"

Progetto di esempio Filling Station SIMATIC. STEP 7 Professional / WinCC Advanced V11 per il progetto di esempio Filling Station Presentazione del Getting Started 1 Creazione del progetto di esempio "Filling Station" 2 SIMATIC STEP 7 Professional / WinCC Advanced V11 per il progetto di esempio "Filling Station" Getting Started Inserimento

Dettagli

ENCODER SERIE Pxx EQUIPAGGIATO CON INTERFACCIA PROFIBUS-DP

ENCODER SERIE Pxx EQUIPAGGIATO CON INTERFACCIA PROFIBUS-DP Documentazione Profibus-DP ENCODER SERIE Pxx EQUIPAGGIATO CON INTERFACCIA PROFIBUS-DP PxxDocSTD R4/0/701 1 SOMMARIO DEGLI ARGOMENTI: 1. Procedura di installazione meccanica:...3 2. Procedura d installazione

Dettagli

Correzioni del manuale 19298439

Correzioni del manuale 19298439 Tecnica degli azionamenti \ Automazione \ Integrazione di sistema \ Servizi di assistenza Correzioni del manuale 19298439 Controllo di applicazione e azionamento decentralizzato MOVIPRO -ADC con interfaccia

Dettagli

SIMATIC NET. CP S7 per Industrial Ethernet Progettazione e messa in servizio

SIMATIC NET. CP S7 per Industrial Ethernet Progettazione e messa in servizio SIMATIC NET CP S7 per Industrial Ethernet Progettazione e messa in servizio Manuale di progettazione Parte A Impiego generale Prefazione, Indice Comunicazione nelle stazioni S7 1 Caratteristiche dei CP

Dettagli

Indice. Pagina. Introduzione... 3. Mettere in servizio il pannello operatore... 8. Passi fondamentali... 12. Testare il progetto...

Indice. Pagina. Introduzione... 3. Mettere in servizio il pannello operatore... 8. Passi fondamentali... 12. Testare il progetto... Progettazione di sistemi basati su Windows Indice Indice Pagina Introduzione... 3 Mettere in servizio il pannello operatore... 8 Passi fondamentali... 12 Testare il progetto... 20 Estendere il progetto

Dettagli

Interfaccia di Comunicazione DFTS Manuale d'uso

Interfaccia di Comunicazione DFTS Manuale d'uso Domino Domino Interfaccia di Comunicazione DFTS Manuale d'uso Versione 1.2 - Giugno 2002 srl Via Longhena 4-20139 MILANO Tel. 02/57300377 - FAX 02/55213686 Domino - DFTS: Manuale d'uso r.1.2 Indice 1-

Dettagli

PLC Siemens PLC. Controllori. Indice generale. PLC Siemens... PLC... Controllori... Software... configurazione hardware... Programmazione...

PLC Siemens PLC. Controllori. Indice generale. PLC Siemens... PLC... Controllori... Software... configurazione hardware... Programmazione... Indice generale PLC Siemens... PLC... Controllori... Software... configurazione hardware... Programmazione... PLC Siemens Per il funzionamento degli impianti è richiesto la presenza di elementi di controllo.

Dettagli

Documentazione didattica SCE per una soluzione di automazione omogenea Totally Integrated Automation (TIA)

Documentazione didattica SCE per una soluzione di automazione omogenea Totally Integrated Automation (TIA) Documentazione didattica SCE per una soluzione di automazione omogenea Totally Integrated Automation (TIA) Modulo TIA Portal 010-030 Temporizzatori e contatori IEC nel controllore SIMATIC S7-1200 Documentazione

Dettagli

SIMATIC HMI. WinCC flexible 2005 SP1 Introduzione a WinCC flexible. Introduzione a SIMATIC HMI. Presentazione del sistema WinCC flexible

SIMATIC HMI. WinCC flexible 2005 SP1 Introduzione a WinCC flexible. Introduzione a SIMATIC HMI. Presentazione del sistema WinCC flexible SIMATIC HMI WinCC flexible 2005 SP1 SIMATIC HMI WinCC flexible 2005 SP1 Introduzione a SIMATIC HMI 1 Presentazione del sistema WinCC flexible 2 Concetti di automazione 3 Concetti di progettazione 4 Stampa

Dettagli

SIMATIC S7. Primi passi ed esercitazioni con STEP 7. Benvenuti in STEP 7, Contenuto. Introduzione a STEP 7 1

SIMATIC S7. Primi passi ed esercitazioni con STEP 7. Benvenuti in STEP 7, Contenuto. Introduzione a STEP 7 1 s SIMATIC S7 Primi passi ed esercitazioni con STEP 7 Getting Started Benvenuti in STEP 7, Contenuto Introduzione a STEP 7 1 SIMATIC Manager 2 Programmazione con nomi simbolici 3 Creazione di un programma

Dettagli

SIMATIC S7. Primi passi ed esercitazioni con STEP 7 V5.3. Benvenuti in STEP 7, Contenuto. Introduzione a STEP 7 1. SIMATIC Manager

SIMATIC S7. Primi passi ed esercitazioni con STEP 7 V5.3. Benvenuti in STEP 7, Contenuto. Introduzione a STEP 7 1. SIMATIC Manager s SIMATIC S7 Primi passi ed esercitazioni con STEP 7 V5.3 Getting Started Benvenuti in STEP 7, Contenuto Introduzione a STEP 7 1 SIMATIC Manager 2 Programmazione con nomi simbolici 3 Creazione di un programma

Dettagli

Software Requirements Specification

Software Requirements Specification SJS Sicilian Java Solutions Software Requirements Specification Data di inizio redazione: 16/11/2008 Data di fine redazione: 19/11/2008 Versione: 1.0 Redattore: Pennisi Carmelo Approvatori: Di Giorgio

Dettagli

Copyright 2012. Siemens AG. All rights reserved.

Copyright 2012. Siemens AG. All rights reserved. Le informazioni riportate in questo manuale tecnico contengono descrizioni o caratteristiche che potrebbero variare con l evolversi dei prodotti e non essere sempre appropriate, nella forma descritta,

Dettagli

SIMATIC. S7-300 SM331; AI 8 x 12 bit Getting Started Parte 3: Termocoppie. Prefazione. Presupposti 2. Obiettivo 3

SIMATIC. S7-300 SM331; AI 8 x 12 bit Getting Started Parte 3: Termocoppie. Prefazione. Presupposti 2. Obiettivo 3 SIMATIC S7-300 SIMATIC S7-300 SM331; AI 8 x 12 bit Getting Started Parte 3: Termocoppie Getting Started Prefazione 1 Presupposti 2 Obiettivo 3 Struttura meccanica dell impianto di esempio 4 Collegamento

Dettagli

Unità di ingressi digitali. DI 16x24VDC BA (6ES7521-1BH10-0AA0) SIMATIC

Unità di ingressi digitali. DI 16x24VDC BA (6ES7521-1BH10-0AA0) SIMATIC Unità di ingressi digitali DI 16x24VDC BA (6ES7521-1BH10-0AA0) SIMATIC S7-1500/ET 200MP Unità di ingressi digitali DI 16x24VDC BA (6ES7521-1BH10-0AA0) Manuale del prodotto Prefazione Guida alla documentazione

Dettagli

EUROPLUS - SOFT Art.: 4096

EUROPLUS - SOFT Art.: 4096 LINCE ITALIA S.p.A. REG.N.4796 UNI EN ISO 9001:2008 EUROPLUS - SOFT Art.: 4096 MANUALE DI INSTALLAZIONE, PROGRAMMAZIONE ED USO MADE IN ITALY SOMMARIO 1 Informazioni generali... 3 1.1 Requisiti di sistema...

Dettagli

P R O G E T T O L A R S A A P P U N T I S U L P. L. C.

P R O G E T T O L A R S A A P P U N T I S U L P. L. C. P R O G E T T O L A R S A A P P U N T I S U L P. L. C. L automazione di un qualunque procedimento industriale si ottiene mediante un insieme d apparecchiature, opportunamente collegate tra loro, in modo

Dettagli

Manuale di Nero ImageDrive

Manuale di Nero ImageDrive Manuale di Nero ImageDrive Nero AG Informazioni sul copyright e sui marchi Il manuale di Nero ImageDrive e il contenuto dello stesso sono protetti da copyright e sono di proprietà di Nero AG. Tutti i diritti

Dettagli

Documentazione didattica SCE per una soluzione di automazione omogenea Totally Integrated Automation (TIA)

Documentazione didattica SCE per una soluzione di automazione omogenea Totally Integrated Automation (TIA) Documentazione didattica SCE per una soluzione di automazione omogenea Totally Integrated Automation (TIA) Modulo TIA Portal 010-080 HMI Panel KTP600 con SIMATIC S7-1200 Documentazione didattica SCE Pagina

Dettagli

L interfaccia innovativa per la connessione punto a punto. IO-Link: integrazione ottimale di sensori ed attuatori. Industrial Communication

L interfaccia innovativa per la connessione punto a punto. IO-Link: integrazione ottimale di sensori ed attuatori. Industrial Communication Industrial Communication L interfaccia innovativa per la connessione punto a punto : integrazione ottimale di sensori ed attuatori siemens.com/io-link Comunicazione completa fino all ultimo metro: l interfaccia

Dettagli

Copyright 2013. Siemens AG. All rights reserved.

Copyright 2013. Siemens AG. All rights reserved. Le informazioni riportate in questo manuale tecnico contengono descrizioni o caratteristiche che potrebbero variare con l evolversi dei prodotti e non essere sempre appropriate, nella forma descritta,

Dettagli

Micro Application Example

Micro Application Example Micro Application Example Semplice comunicazione di processo sulla base di tecnologia Web (con S7-200 e CP243-1 IT) Micro Automation Set 15 I Micro Automation Set non sono vincolanti e non pretendono di

Dettagli

Software EasyKool. Istruzioni per l'uso

Software EasyKool. Istruzioni per l'uso Software EasyKool Istruzioni per l'uso 2 1 Indice 1 Indice 1 Indice... 3 1.1. In questo manuale... 5 2 Descrizione delle prestazioni... 5 2.1. Utilizzo... 5 2.2. Requisiti di sistema... 6 3 Prima di utilizzare

Dettagli

Impianti di controllo a sicurezza integrata

Impianti di controllo a sicurezza integrata Impianti di controllo a sicurezza integrata SIMATIC Safety Integrated Sportello di protezione con arresto di sicurezza attraverso dispositivo di chiusura con forza magnetica in categoria 4 secondo EN 954-1

Dettagli

SIMATIC NET. CP 243-1 IT Processore di comunicazione per Industrial Ethernet e per la tecnologia dell'informazione. Manuale dell'apparecchiatura

SIMATIC NET. CP 243-1 IT Processore di comunicazione per Industrial Ethernet e per la tecnologia dell'informazione. Manuale dell'apparecchiatura Premessa Avvertenze sul prodotto Indice Indice delle illustrazioni Indice delle tabelle Introduzione SIMATIC NET Processore di comunicazione per Industrial Ethernet e per la tecnologia dell'informazione

Dettagli

SIMATIC S7-1200 Aggiornamento del manuale di sistema S7-1200, edizione 01/2015 Informazioni sul prodotto

SIMATIC S7-1200 Aggiornamento del manuale di sistema S7-1200, edizione 01/2015 Informazioni sul prodotto SIMATIC S7-1200 Aggiornamento del manuale di sistema S7-1200, edizione 01/2015 Informazioni sul prodotto Informazioni generali sull'aggiornamento della documentazione dell's7-1200 Nonostante gli sforzi

Dettagli

SW semplice schemi a contatti struttura ciclica autodiagnostica

SW semplice schemi a contatti struttura ciclica autodiagnostica PLC: Caratteristiche generali Gestiscono sensori e attuatori (abilitazioni, allarmi, movimentazioni, sequenze,..) HW modulare Espandibile Diversi moduli - CPU - ingressi logici - uscite logiche - ingressi

Dettagli

SIMATIC NET. Tecnologia d informazione in SIMATIC S7 con CP 343 1 IT / CP 343 1 IT GX20 e CP 443 1 IT. Prefazione, indice

SIMATIC NET. Tecnologia d informazione in SIMATIC S7 con CP 343 1 IT / CP 343 1 IT GX20 e CP 443 1 IT. Prefazione, indice SIMATIC NET Tecnologia d informazione in SIMATIC S7 con CP 343 1 IT / CP 343 1 IT GX20 e CP 443 1 IT Manuale Prefazione, indice Panoramica del sistema Invio di messaggi di processo 2 tramite e mail Gestione

Dettagli

SLIO. Semplifica la vita. OCTOBER 13

SLIO. Semplifica la vita. OCTOBER 13 SLIO Semplifica la vita. 1 IL SISTEMA SLIO È VERSATILE Può essere comandato direttamente da pannelli o moduli di teleassistenza. Utilizzo tradizionale: comandato da un PLC, all interno di una rete di comunicazione.

Dettagli

- 15G0078A120 - MODULO DEVICENET ISTRUZIONI INTERFACCIA PER ASAC-0/ASAC-1/ASAB

- 15G0078A120 - MODULO DEVICENET ISTRUZIONI INTERFACCIA PER ASAC-0/ASAC-1/ASAB - 5G0078A0 - MODULO DEVICENET ISTRUZIONI INTERFACCIA PER ASAC-0/ASAC-/ASAB Emesso il 5/06/0 R. 0 Il presente manuale costituisce parte integrante ed essenziale del prodotto. Leggere attentamente le avvertenze

Dettagli

Kit A72 MANUALE DEL SOFTWARE TWIDO PER IL DISTACCO UTENZE (CEI 0-16 ALLEGATO M)

Kit A72 MANUALE DEL SOFTWARE TWIDO PER IL DISTACCO UTENZE (CEI 0-16 ALLEGATO M) Kit A72 MANUALE DEL SOFTWARE TWIDO PER IL DISTACCO UTENZE (CEI 0-16 ALLEGATO M) INDICE 1 OBIETTIVO...2 2 CONFIGURAZIONE DEL PROGRAMMA...2 2.1 Configurazione oggetti di memoria...2 3 FUNZIONAMENTO...5 3.1

Dettagli

Equipaggiamenti elettrici per macchine utensili WS 400-10/20/22 Pannelli

Equipaggiamenti elettrici per macchine utensili WS 400-10/20/22 Pannelli Equipaggiamenti elettrici per macchine utensili WS 400-10/20/22 Pannelli Edizione 11.91 Descrizione Equipaggiamenti elettrici per macchine utensili WS 400/WF 470 Manuale Divisione energia e tecnica di

Dettagli

ARCHITETTURA DI UN SISTEMA A MICROPROCESSORE

ARCHITETTURA DI UN SISTEMA A MICROPROCESSORE ARCHITETTURA DI UN SISTEMA A MICROPROCESSORE 1. INTRODUZIONE In questo capitolo viene presentata la struttura, sia interna che esterna, di un microprocessore generico riprendendo i concetti esposti nella

Dettagli

Equipaggiamenti elettrici per macchine speciali Software Standard A per SIMATIC S5 in combinazione con schede WF tecnologiche

Equipaggiamenti elettrici per macchine speciali Software Standard A per SIMATIC S5 in combinazione con schede WF tecnologiche Equipaggiamenti elettrici per macchine speciali Software Standard A per SIMATIC S5 in combinazione con schede WF tecnologiche Edizione 12.96 Istruzioni di progettazione Panoramica 2 Software Standard

Dettagli

Gestione del database Gidas

Gestione del database Gidas Gestione del database Gidas Manuale utente Aggiornamento 20/06/2013 Cod. SWUM_00535_it Sommario 1. Introduzione... 3 2. Requisiti e creazione del Database Gidas... 3 2.1.1. SQL Server... 3 2.1.2. Requisiti

Dettagli

LOGO! 0BA6 & 0BA7. For internal use only / Siemens AG 2010. All Rights Reserved.

LOGO! 0BA6 & 0BA7. For internal use only / Siemens AG 2010. All Rights Reserved. LOGO! 0BA6 & 0BA7 LOGO! 0BA6 & 0BA7 LOGO! la famiglia si allarga Page 2/15 2010-06-01 LOGO! Ha due nuovi moduli base LOGO! 0BA7 si aggiunge alla gamma già esistente di LOGO! 0BA6 Page 3/15 2010-06-01 Tutte

Dettagli

STEP 7 Basic V11 S7-1200 con firmware V2.0. Siemens Spa 2010

STEP 7 Basic V11 S7-1200 con firmware V2.0. Siemens Spa 2010 STEP 7 Basic V11 S7-1200 con firmware V2.0 STEP 7 Basic V11 S7-1200 con firmware V2.0 Nuovo hardware Nuove funzioni Teleservice S7-1200 Nuovo hardware Signal module (SM) DI8 x 120/230VAC / DO8 x Relay

Dettagli

ARCHITETTURA TRADIZIONALE DI UN SISTEMA DI CONTROLLO AUTOMATICO/1

ARCHITETTURA TRADIZIONALE DI UN SISTEMA DI CONTROLLO AUTOMATICO/1 ARCHITETTURA TRADIZIONALE DI UN SISTEMA DI CONTROLLO AUTOMATICO/1 Ogni sensore/attuatore è collegato direttamente al PLC Cablaggi relativamente semplici da eseguire Difficoltà a espandere l impianto Informazioni

Dettagli

testo easyheat Software di configurazione e analisi Manuale di istruzioni

testo easyheat Software di configurazione e analisi Manuale di istruzioni testo easyheat Software di configurazione e analisi Manuale di istruzioni it 2 Informazioni generali Informazioni generali Questo manuale contiene importanti informazioni sulle caratteristiche e sull impiego

Dettagli

www.nubitek.com Nubitek Email Primi passi Manuale rapido di riferimento

www.nubitek.com Nubitek Email Primi passi Manuale rapido di riferimento www.nubitek.com Nubitek Email Primi passi Manuale rapido di riferimento Primi passi. Manuale rapido di riferimento 2/14 Nubitek Email v1.5 Primi passi. Manuale rapido di riferimento. Ultimo aggiornamento:

Dettagli

Produrre energia elettrica estraendo olio minerale.

Produrre energia elettrica estraendo olio minerale. A Cura di Roberto Sentimenti Cefla Energia Produrre energia elettrica estraendo olio minerale. I progetti eco-sostenibili per lo sfruttamento ottimale delle risorse sono, per Agip, alla base delle moderne

Dettagli

LOGO! 0BA6 & 0BA7. For internal use only / Siemens AG 2010. All Rights Reserved.

LOGO! 0BA6 & 0BA7. For internal use only / Siemens AG 2010. All Rights Reserved. LOGO! 0BA6 & 0BA7 LOGO! 0BA6 & 0BA7 LOGO! la famiglia si allarga Page 2/15 2010-06-01 LOGO! Ha due nuovi moduli base LOGO! 0BA7 si aggiunge alla gamma già esistente di LOGO! 0BA6 Page 3/15 2010-06-01 Tutte

Dettagli

Tutorial TIA Portal v12 WinCC Professional v12

Tutorial TIA Portal v12 WinCC Professional v12 Università degli Studi di Catania Dipartimento di Ingegneria Elettrica Elettronica e Informatica Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria Informatica Tutorial TIA Portal v12 WinCC Professional v12 Indice

Dettagli

ECCM Service. Software di configurazione per unità di calcolo ECCMx2 (Release V1.0) Guida utente

ECCM Service. Software di configurazione per unità di calcolo ECCMx2 (Release V1.0) Guida utente ECCM Service Software di configurazione per unità di calcolo ECCMx2 (Release V1.0) Guida utente Indice contenuti 1 Introduzione... 2 2 Requisiti di sistema per l utilizzo del software... 2 3 Installazione

Dettagli

IL LIVELLO DI LINEA O LIVELLO DI DATA LINK 1. Servizi offerti 2. Struttura dei pacchetti 3 CAMPO DATI 3. Character stuffing 4.

IL LIVELLO DI LINEA O LIVELLO DI DATA LINK 1. Servizi offerti 2. Struttura dei pacchetti 3 CAMPO DATI 3. Character stuffing 4. IL LIVELLO DI LINEA O LIVELLO DI DATA LINK 1 Servizi offerti 2 Struttura dei pacchetti 3 CAMPO DATI 3 Character stuffing 4 Bit stuffing 6 Protocolli di comunicazione 7 Protocolli di tipo simplex 8 Simplex

Dettagli

HMI: WinCC. Service Pack 2 per SIMATIC Maintenance Station 2009 (Customer Support ID: 60498043)

HMI: WinCC. Service Pack 2 per SIMATIC Maintenance Station 2009 (Customer Support ID: 60498043) Industry Automation USO ESTERNO Nr. 2012/2.2/60 Data: 23.11.12 HMI: WinCC Service Pack 2 per SIMATIC Maintenance Station 2009 (Customer Support ID: 60498043) L opzione SIMATIC Maintenance Station 2009

Dettagli

testo Easy Climate Software Istruzioni per l'uso

testo Easy Climate Software Istruzioni per l'uso testo Easy Climate Software Istruzioni per l'uso 2 1 Indice 1 Indice 1 Indice... 3 1.1. In questo manuale... 5 2 Descrizione delle prestazioni... 6 2.1. Utilizzo... 6 2.2. Requisiti di sistema... 6 3 Prima

Dettagli

LOGICA CABLATA E LOGICA PROGRAMMATA

LOGICA CABLATA E LOGICA PROGRAMMATA PLC INTRODUZIONE Il controllore a logica programmabile (PLC), apparso sul mercato nel 1969 su iniziativa della General Motors, è un'apparecchiatura elettronica molto simile ad un calcolatore, in grado

Dettagli

SIMATIC HMI. ProTool Progettazione delle apparecchiature grafiche. Contenuto. Premessa. Introduzione. L'installazione e la configurazione di ProTool

SIMATIC HMI. ProTool Progettazione delle apparecchiature grafiche. Contenuto. Premessa. Introduzione. L'installazione e la configurazione di ProTool Contenuto Premessa 1 SIMATIC HMI ProTool Progettazione delle apparecchiature grafiche Manuale utente Introduzione L'installazione e la configurazione di ProTool La creazione di progetti Tecniche di progettazione

Dettagli

Symantec Enterprise Vault

Symantec Enterprise Vault Symantec Enterprise Vault Guida per gli utenti di Microsoft Outlook 2003/2007 9.0 Symantec Enterprise Vault: Guida per gli utenti di Microsoft Outlook 2003/2007 Il software descritto nel presente documento

Dettagli

Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2015-16. Pietro Frasca.

Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2015-16. Pietro Frasca. Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2015-16 Pietro Frasca Lezione 15 Martedì 24-11-2015 Struttura logica del sottosistema di I/O Processi

Dettagli

Scheda di controllo 1,5 assi

Scheda di controllo 1,5 assi CHARGE POWER RUN RD 5 000000 STS SD R88A-MCW5-@ Scheda di controllo,5 assi Schede controllo assi Controllo avanzato del movimento remoto. Collegabile direttamente a un servoazionamento della serie Sigma-II

Dettagli

Manuale di Programmazione Siemens Step7 5.3 con Esercizi Svolti

Manuale di Programmazione Siemens Step7 5.3 con Esercizi Svolti Manuale di Programmazione Siemens Step7 5.3 con Esercizi Svolti Professore Ing. S. Cavalieri Studente D. Marassà Introduzione... 4 Campi d impiego del Simatic S7-300... 4 STEP 7... 4 Linguaggi di Programmazione...

Dettagli

Copyright 2013. Siemens AG. All rights reserved.

Copyright 2013. Siemens AG. All rights reserved. Le informazioni riportate in questo manuale tecnico contengono descrizioni o caratteristiche che potrebbero variare con l evolversi dei prodotti e non essere sempre appropriate, nella forma descritta,

Dettagli

Capitolo 1 Connessione del router a Internet

Capitolo 1 Connessione del router a Internet Capitolo 1 Connessione del router a Internet Questo capitolo descrive come collegare il router e accedere a Internet. Contenuto della confezione La confezione del prodotto deve contenere i seguenti elementi:

Dettagli

PROVA DI CONOSCENZA CORSO DI ALFABETIZZAZIONE INFORMATICA 21 dicembre 2001 tema A

PROVA DI CONOSCENZA CORSO DI ALFABETIZZAZIONE INFORMATICA 21 dicembre 2001 tema A PROVA DI CONOSCENZA CORSO DI ALFABETIZZAZIONE INFORMATICA 21 dicembre 2001 tema A 1) Le funzioni dell'unità di controllo di un processore sono: A) Verificare che le periferiche funzionino correttamente.

Dettagli

Manuale xx7-library per registrazione storica dei dati nei DB s

Manuale xx7-library per registrazione storica dei dati nei DB s Manuale xx7-library per registrazione storica dei dati nei DB s N documento 26/874; Versione IT02 204-04-07 Indice 0 Indice 0. Cronologia del documento... 0-2 0.2 Marchi... 0-2 0. Funzioni... -.. Abbreviazioni...

Dettagli

http://ennius.interfree.it/vba/vba89.htm Stampa questa pagina

http://ennius.interfree.it/vba/vba89.htm Stampa questa pagina 1 of 7 26/02/2007 18.09 Stampa questa pagina Controllo comunicazioni MSCOMM32.OCX per comunicare col Modem e/o chiamare numeri telefonici. Premetto che non ho nè provato, nè intendo farlo, ad usare le

Dettagli

SIMATIC. S7-SCL V5.3 per S7-300/400. Prefazione, Indice. Presentazione del prodotto 1. Installazione. Ideazione di un programma S7-SCL

SIMATIC. S7-SCL V5.3 per S7-300/400. Prefazione, Indice. Presentazione del prodotto 1. Installazione. Ideazione di un programma S7-SCL s SIMATIC Manuale Prefazione, Indice Presentazione del prodotto 1 Installazione 2 Ideazione di un programma S7-SCL 3 Come utilizzare S7-SCL 4 Concetti di base S7-SCL 5 Struttura del programma S7-SCL 6

Dettagli

SIMATIC. SM331; AI 8 x 12 Bit. Getting Started Parte 3: Termocoppie. Edizione 04/2004 A5E00264196-01. Prefazione. Premesse

SIMATIC. SM331; AI 8 x 12 Bit. Getting Started Parte 3: Termocoppie. Edizione 04/2004 A5E00264196-01. Prefazione. Premesse Prefazione SIMATIC SM331; AI 8 x 12 Bit Getting Started Parte 3: Termocoppie Premesse Descrizione del compito Struttura meccanica dell impianto di esempio Collegamento elettrico dell impianto di esempio

Dettagli

SIMATIC S5 STEP 5 PRINT. Istruzioni A5E00108174. Edizione 11/2001

SIMATIC S5 STEP 5 PRINT. Istruzioni A5E00108174. Edizione 11/2001 SIMATIC S5 A5E00108174 Edizione 11/2001 STEP 5 PRINT Istruzioni Copyright Siemens AG 2001 Ci riserviamo eventuali modifiche Siemens Aktiengesellschaft Contenuto 1 Informazioni generali...3 2 Installazione...3

Dettagli