Database Management Systems

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Database Management Systems"

Transcript

1 Database Management Systems Definizioni fondamentali l Database: Collezione di dati correlati l Dati: Fatti noti che possono essere memorizzati ed avere un significato intrinseco l Dominio: Parte del mondo reale che è memorizzata nel database, per esempio: i voti degli studenti e il loro curriculum in una università l Database Management System (DBMS): Pacchetto software o sistema per facilitare la creazione e la gestione di un database computerizzato l Sistema di basi di dati: DBMS e dati; A volte, nella definizione sono incluse le applicazioni l 1

2 Database Management System(DBMS) Un DBMS è costituito da: luna collezione di dati interrelati lun insieme di programmi per accedere a questi dati Un DBMS fornisce un ambiente che è sia efficiente che (relativamente) semplice da utilizzare. Funzionalità tipiche di un DBMS l Definizione di un database in termini di tipi di dati, strutture contenuti l Costruzione o caricamento di un database su una memoria secondaria l Manipolazione delle basi di dati: interrogazione, generazione di report, inserimenti, cancellazioni o modifica dei contenuti l Processi concorrenti e condivisione tra utenti e programmi mantenendo i dati validi e consistenti l 2

3 Funzionalità tipiche di un DBMS Altre caratteristiche: l Protezione o uso di misure di sicurezza per prevenire accessi non autorizzati l Elaborazione attiva per intraprendere azioni interne sui dati l Presentazione e Visualizzazione dei dati Applicazioni DBMS Banche: Tutte le transazioni Compagnie Aeree: prenotazione posti, orari,.. Università: immatricolazioni, voti,.. Vendite: clienti, prodotti, ordini,.. Produzione: Piani di produzione, magazzini, ordini,.. Risorse umane: dipendenti, salari, tasse,.. Catasto urbano: Mappe, classi, categorie,.. l 3

4 Un database server consente di: lgestire una grande quantità di dati in modo affidabile lgestire la multiutenza lavere performance elevate lrealizzare l indipendenza dei dati dalle applicazioni limplementare politiche di crash-recovery Considerazioni sull uso dei DBMS Tutti i dati potrebbero essere memorizzati in semplici file ma.. -Ridondanza e inconsistenza dei dati -Multipli formati di file, duplicazione di informazioni in diversi file - Difficoltà nell accesso ai dati - Bisogna scrivere un programma per realizzare qualsiasi nuovo accesso - Integrità - Vincoli di integrità (ad esempio età >0) diventano parte del codice del programma: difficile aggiungere nuovi vincoli o modificare quelli esistenti l 4

5 Considerazioni sull uso dei DBMS Atomicità degli aggiornamenti Errori possono lasciare la base dati in uno stato inconsistente: es. un bonifico non può scalare il saldo del c/c del mittente ma non aggiornare quello del destinatario Accesso simultaneo di più utenti - l accesso simultaneo è spesso indispensabile - E facile ottenere inconsistenze: es.due persone che lavorano su un bilancio e lo aggiornano contemporaneamente Problemi di sicurezza I DBMS offrono soluzioni a tutti i problemi elencati DBMS Un DBMS è un sistema SW che gestisce grandi quantità di dati persistenti e condivisi e che offre supporto per almeno un modello dei dati. La gestione di grandi quantità di dati richiede particolare attenzione a problemi di efficienza (ottimizzazione delle richieste,..) l 5

6 DBMS La persistenza e la condivisione richiedono che un DBMS fornisca meccanismi per garantire la affidabilità dei dati (fault tolerance), per il controllo degli accessi e per il controllo della concorrenza. Un modello di dati consente di disporre di un astrazione ad alto livello attraverso cui interagire con il DB. DBMS Altre funzionalità sono messe a disposizione per motivi di efficacia: semplificare la descrizione delle informazioni, lo sviluppo di applicazioni, l amministrazione di un db,.. l 6

7 Principali caratteristiche dell approccio con i database l Natura auto-descrittiva di un sistema database: Il catalogo di un DBMS raccoglie le descrizioni del database (chiamate meta-dati). Ciò permette al DBMS di lavorare con differenti database l Separazione tra programmi e dati: è detta independenza tra dati e programmi. Consente di modificare le strutture di memorizzazione e le operazioni sui dati senza interessare i programmi che accedono al DBMS Principali caratteristiche dell approccio con i database l Astrazione dei dati: è usato un modello dei dati per nascondere i dettagli implementativi e presentare all utente una vista concettuale del database l Supporto per molteplici viste sui dati: Ogni utente può cogliere diversi aspetti da un database, descrivendo solo i dati di interesse per quell utente l 7

8 Principali caratteristiche dell approccio con i database Condivisione di dati e transazioni multiutente: l consente a più utenti di interrogare e aggiornare il database. l Il controllo della concorrenza nei DBMS garantisce che ogni transazione sia correttamente eseguita oppure venga rimossa completamente. l OLTP (Online Transaction Processing) è l uso più tipico fatto dalle applicazioni che lavorano con i database Utenti dei database Gli utenti possono essere divisi in quelli che di fatto usano e controllano il contenuto nei database (chiamati attori della scena ) e quelli che fanno in modo che un database possa essere sviluppato, e che progettano ed implementano i software che accedono ai DBMS (che sono i lavoratori dietro le quinte ) l 8

9 Utenti del Database l DBA: responsabile degli accessi al database, coordina e controlla l uso del DB, l acquisizione di software e di risorse hardware, controlla dell uso e l efficienza delle operazioni l Progettisti di DB: responsabile della definizione del contenuto, della struttura, dei vincoli, delle funzioni o transazioni relative al database. Essi devono comunicare con gli utenti finali e capire i loro bisogni l Utenti finali: usano i dati mediante interrogazioni, report e alcuni aggiornano il contenuto del database Categorie di utenti finali l Casuali: accedono occasionalmente al l database quando occorre l Semplici o parametrici: compongono una larga popolazione di utenti finali.compiono funzioni ben definite sottoforma di transazioni preconfezionate. Sono esempi le persone che consultano dati di borsa o gli impiegati alle reception l 9

10 Categorie di utenti finali l Sofisticati: comprende gli analisti, scienziati, ingegneri, e utenti che hanno familiarità con le caratteristiche del sistema. Molti di essi usano pacchetti software che lavorano molto da vicino con i database l Stand-alone: utilizzano i database per scopi personali usando applicazioni pronte per l uso. l Esempi sono i programmi per il pagamento delle tasse che creano un database personale Vantaggi nell utilizzo di un database lcontrollo della ridondanza nella memorizzazione dei dati e degli sforzi nella loro manutenzione l Divisione dei dati tra più utenti lrestrizioni agli accessi non autorizzati. lstrutture di memorizzazione per un efficiente processo di interrogazione l 10

11 Vantaggi nell utilizzo di un database l Servizi di backup e recovery l Interfacce molteplici per diverse classi di utenti l Rappresentazione di relazioni complesse tra i dati l Vincoli di integrità l Permette di effettuare inferenze e azioni utilizzando delle regole Altre considerazioni con l uso dei database l Alto potenziale per l uso di standard: cruciale per il successo delle applicazioni per database, in grandi organizzazioni lo standard si riferisce a nomi di dati, formati per la visualizzazione, meta-dati (descrizione dei dati) ecc. l Ridotto tempo di sviluppo: la differenza di tempo per l aggiunta di nuove applicazioni è ridotta l Flessibilita nel modificare strutture dati: le strutture dei database possono evolversi con il variare dei requisiti l Disponibilità di informazioni aggiornate moltoimportanti per sistemi con transazioni on-line(aereoporti, hotel, noleggio automobili, ecc..) l Economie di scala: consolidando i dati e applicazioninei vari dipartimenti, sovrapposizioni inutili di risorse e di personale possono essere evitate l 11

12 Estensione delle capacità dei database Sono state aggiunte nuove funzionalità ai DBMS nelle seguenti aree: l Applicazioni scientifiche l Gestione e memorizzazione delle immagini l Gestione audio e video l Data mining l Gestione dei dati spaziali l Serie temporali e gestione dei dati storici Quando non utilizzare un DBMS l Principali inibitori (costi) all uso dei DBMS: l Alto investimento iniziale e possibile acquisto di nuovo hardware l Sovraccarico nel fornire generalità, sicurezza, controllo della concorrenza, recovery, funzioni di integrità l Quando un DBMS può essere non necessario l Se le applicazioni sono semplici, ben fatte e non ci si aspetta che cambino l Quando ci sono requisiti di real-time che potrebbero non essere soddisfatti a causa del sovraccarico proprio dei database l Quando non è richiesto un accesso concorrente l 12

13 Quando non utilizzare un DBMS Quando un DBMS non basta: l Se il database non è capace di gestire la complessità dei dati, a causa dei limiti della modellazione l Se gli utenti hanno bisogno di operazioni particolari che non sono supportate dai DBMS Modelli di dati l 13

14 Un database è.. un sistema che fornisce un metodo aperto, completo e integrato alla gestione delle informazioni Scopi di un database l Memorizzare ed estrarre informazioni tra loro correlate l realizzare l indipendenza tra la memorizzazione fisica e la struttura logica del DB l fornire una modalità di accesso semplice a tutte le tipologie di dati l dare una completa flessibilità nel disegno delle strutture di database l ridurre lo spazio di memorizzazione delle informazioni e limitare la ripetizione dei dati (ridondanza) l 14

15 Modelli di dati luna collezione di strumenti per descrivere: Dati Relazioni tra i dati Semantica dei dati Vincoli sui dati Modelli di dati lper un utente un DB è una collezione di dati che modellano una realtà di interesse ll astrazione logica con cui i dati vengono messi a disposizione dell utente è un modello di dati: Un modello di dati è una collezione di concetti messi a disposizione per descrivere i dati, le loro associazioni e i vincoli che questi devono rispettare. l 15

16 Modello dei dati l Insieme di costrutti utilizzati per organizzare i dati di interesse e descriverne la dinamica l Componente fondamentale: meccanismi di strutturazione (o costruttori di tipo) l Come nei linguaggi di programmazione esistono meccanismi che permettono di definire nuovi tipi, così ogni modello dei dati prevede alcuni costruttori l Esempio: il modello relazionale prevede il costruttore relazione, che permette di definire insiemi di record omogenei Modelli dei dati ldue tipi (principali) di modelli l modelli logici l modelli concettuali l 16

17 Modelli Concettuali Permettono di rappresentare i dati in modo indipendente da ogni sistema l cercano di descrivere i concetti del mondo reale l sono utilizzati nelle fasi preliminari di progettazione Il più diffuso è il modello Entity- Relationship Modelli logici l Adottati nei DBMS esistenti per l organizzazione dei dati l utilizzati dai programmi l indipendenti dalle strutture fisiche l esempi: relazionale, reticolare, gerarchico, a oggetti l 17

18 Modelli di Database (modelli logici) l Gerarchico: I dati sono connessi tra loro secondo strutture ad albero. Ogni record che non sia la radice dell albero deve avere uno ed un solo padre. Ridondanza dei dati. Limitazioni sui modi di esecuzione delle operazioni sui dati l Reticolare: I dati sono legati tra loro con strutture ad anello; ogni record può avere uno o più record padre. Dipendenza dei programmi dalla struttura dei dati. l Relazionale: I dati sono organizzati in tavole o tabelle chiamate relazioni. La relazione è la rappresentazione del legame logico dei dati. Indipendenza logica delle strutture con i programmi l Oggetti: Vengono memorizzati sia i dati che le operazioni sui dati come un singolo oggetto identificato da uno specifico OID (Object Identifier). Gli oggetti sono collegati tra loro attraverso le regole di ereditarietà tipiche del modello a oggetti Struttura di un database lfisica : Determinata dai file del S.O che costituiscono il Database llogica: Collezione di oggetti di Database. Gli oggetti sono strutture logiche che si riferiscono direttamente ai dati l 18

19 Architettura (semplificata) di un DBMS Architettura semplificata di un DBMS: schemi l schema logico: descrizione della base di dati nel modello logico (ad esempio, la struttura della tabella) l schema interno (o fisico): rappresentazione dello schema logico per mezzo di strutture memorizzazione (file; ad esempio, record con puntatori, ordinati in un certo modo) l 19

20 Indipendenza dei dati l Il livello logico è indipendente da quello fisico: l una tabella è utilizzata nello stesso lmodo qualunque sia la sua realizzazione fisica (che può anche cambiare nel tempo) Architettura ANSI/SPARC a tre livelli per DBMS l 20

21 Architettura ANSI/SPARC: schemi l schema logico: descrizione dell intera base di dati nel modello logico principale del DBMS l Schema interno (o fisico): rappresentazione dello schema logico per mezzo di strutture fisiche di emorizzazione l schema esterno: descrizione di parte della base di dati in un modello logico ( viste parziali, derivate, anche in modelli diversi) Una vista l 21

22 Indipendenza dei dati conseguenza della articolazione in livelli l l accesso avviene solo tramite il livello esterno (che può coincidere con il livello logico) l due forme: l indipendenza fisica l indipendenza logica Indipendenza fisica l il livello logico e quello esterno sono indipendenti da quello fisico l una relazione è utilizzata nello stesso modo qualunque sia la sua realizzazione fisica l la realizzazione fisica può cambiare senza che debbano essere modificati i programmi l 22

23 Indipendenza logica lil livello esterno è indipendente da quello logico l aggiunte o modifiche alle viste non richiedono modifiche al livello logico l modifiche allo schema logico che lascino inalterato lo schema esterno sono trasparenti Il modello relazionale ha tre principali aspetti: l Strutture: Le strutture sono oggetti ben definiti che memorizzano o accedono ai dati di un database. Le strutture e i dati contenuti al loro interno possono essere manipolati dalle operazioni l Operazioni: Le operazioni sono azioni chiaramente definite che permettono agli utenti di manipolare i dati e le strutture di un database. Queste operazioni devono conformarsi ad un insieme predefinito di regole (regole di integrità) l Regole di integrità: leggi che indicano quali operazioni sono ammesse sulle strutture di un database l 23

24 Progettazione di basi di dati Progettazione di basi di dati l È una delle attività del processo di sviluppo dei sistemi informativi l va quindi inquadrata in un contesto più generale: l il ciclo di vita dei sistemi informativi: Insieme e sequenzializzazione delle attività svolte da analisti, progettisti, utenti, nello sviluppo e nell uso dei sistemi informativi attività iterativa, quindi ciclo l 24

25 Ciclo di vita Fasi (tecniche) del ciclo di vita l Studio di fattibilità: definizione costi e priorità l Raccolta e analisi dei requisiti: studio delle proprietà del sistema l Progettazione: di dati e funzioni l Realizzazione l Validazione e collaudo: sperimentazione l Funzionamento: il sistema diventa operativo l 25

26 Progettazione l La progettazione di un sistema informativo riguarda due aspetti: l Progettazione dei dati l Progettazione delle applicazioni Ma: i dati hanno un ruolo centrale Sono più stabili Progettazione Dati l 26

27 Progettazione Dati Requisiti della Base di dati l 27

28 Prodotti delle fasi I prodotti della varie fasi sono schemi di alcuni modelli di dati: Schema concettuale Schema logico Schema fisico Modelli l modelli logici: utilizzati nei DBMS esistenti per l organizzazione dei dati utilizzati dai programmi indipendenti dalle strutture fisiche esempi: relazionale, reticolare, gerarchico, a oggetti l modelli concettuali: permettono di rappresentare i dati in modo indipendente da ogni sistema: l cercano di descrivere i concetti del mondo reale l sono utilizzati nelle fasi preliminari di progettazione l il più noto è il modello Entity-Relationship l 28

29 Modelli concettuali, perché? l Modelli concettuali, perché? l Proviamo a modellare una applicazione definendo direttamente lo schema logico della base di dati: l da dove cominciamo? rischiamo di perderci subito nei dettagli dobbiamo pensare subito a come correlare le varie tabelle (chiavi etc.) i modelli logici sono rigidi Modelli concettuali, perché? l servono per ragionare sulla realtà di interesse, indipendentemente dagli aspetti l realizzativi l permettono di rappresentare le classi di dati di interesse e le loro correlazioni l prevedono efficaci rappresentazioni grafiche (utili anche per documentazione e comunicazione) l 29

30 Architettura Architettura (semplificata semplificata) di ) di un un DBMS l 30

31 Generalità sull analisi dei dati L analisi dei dati li dato sono l elemento primario attorno a cui ruota il mondo dell informatica li dati sono esaminati, analizzati e rappresentati in uno schema (modello) concettuale che costituisce il riferimento per proseguire sino alla realizzazione di una base di dati gestita da un software specializzato: il DBMS l 31

32 L analisi dei dati Leggi DBMS Cancella Aggiorna Scrivi Vantaggi uso DBMS Per capire i vantaggi di un approccio di questo tipo è necessario osservare gli inconvenienti, gli errori riscontrati con l avvento e la propagazione dell informatica Le applicazioni inizialmente erano progettate con lo scopo di risolvere isolati problemi, generalmente settoriali e trascinavano con sé i dati necessari l 32

33 Vantaggi uso DBMS In seguito si è rilevata la necessità di integrare le applicazioni tra di loro. La mancanza di dettami, di regole di condivisione delle risorse informatiche aveva prodotto i seguenti inconvenienti sui dati: sfasature, incongruenze, duplicazioni, sinonimie.. Modello dei dati L idea di base è stata quella di esaminare i dati aziendali in modo globale, comprendendone la natura, considerandone gli aspetti semantici. Si sono fissate poi una volta per tutte le regole legate agli accessi ai dati e si è realizzato un software specifico per questo compito: il DBMS l 33

34 Come rappresentare un serbatoio grande di dati interpretandone correttamente i contenuti? Tramite una vista concettuale del mondo dati legata alla essenziale natura del dato. Si è rilevato uno stretto legame tra il modello concettuale ed i dati reali, si è cercato di automatizzare la traduzione del modello concettuale nel modello Logico che rappresenta una vista aderente al tipo di DBMS utilizzato e poi al modello fisico strettamente legato ai supporti magnetici. l 34

35 Metodi Metodi Il modello concettuale può essere ottenuto con un approccio top-down raffinando e approfondendo gradualmente il modello. Una razionalizzazione della base dati può essere applicata anche a partire dal basso. Raccogliendo tutte le aggregazioni di dati usati nell azienda: documenti, archivi, dati immessi a schermo. La normalizzazione consente di estrarre gruppi significativi di dati. l 35

36 Metodo pratico Fasi di lavoro lcostruire il modello concettuale con l approccio Top Down lapplicare la normalizzazione per verificare la bontà del modello ottenuto l 36

37 Diagramma Entity - Relationship l 37

38 Diagramma E-R l L approccio Entity Relationship al problema della progettazione dei dati è dovuto a Chen che lo ha presentato negli anni l Qusto approccio consiste di uno strumento grafico (il diagramma E-R) che si presta in modo semplice ed efficace ad identificare e rappresentare i fenomeni significativi (entità) nell ambito di una certa realtà ed i loro legami (relazioni). Realtà da rappresentare? Il criterio per tracciare il confine della realtà da studiare sarà quello di includervi tutto ciò che presenta un alto livello di integrazione logica tra i dati trattati e le entità coinvolte. l 38

39 Entità l Una entità è una qualunque cosa che interessi la nostra applicazione della quale sia necessario tenere traccia. l Può rappresentare qualcosa di materiale come ad esempio un impiegato, un corso, una disciplina,.. l Le entità appartengono generalmente a queste categorie: persone, cose, luoghi ed eventi. l 39

40 Entità l Sono entità: Impiegato Prodotto Cliente.. l Non sono entità: Codice prodotto Codice prodotto è solo una proprietà dell entità prodotto non l entità vera e propria. Entità Insieme di oggetti della realtà che possiedono caratteristiche comuni e che hanno un esistenza autonoma. Graficamente un entità si rappresenta con un rettangolo Persona Automobile l 40

41 Tipo Entità Le entità possono essere classificate in tipi entità in modo da potersi riferire all insieme di tutte le entità omogenee con il nome assegnato al tipo entità. Nel gergo comune tipo entità ed entità si considerano sinonimi Un singolo oggetto dell insieme tipo entità viene chiamato ISTANZA o RICORRENZA Esempio lentità (o tipo entità) : Persona listanza o ricorrenza dell entità persona: Mario Rossi l 41

42 Associazioni Una associazione indica qualunque legame logico tra due o più entità (Rilevante nella realtà che si sta analizzando) Esempio Rossi Bianchi Ancona Bologna Milano Associazione che rappresenta la residenza l 42

43 Associazione Graficamente un associazione si rappresenta con un rombo. Persona Persona-Città Città Istanza di una associazione Aggregazione di istanze delle entità che prendono parte ad una associazione Sia p una istanza dell entità persona Sia c una istanza dell entità città La coppia p,c è una istanza della associazione persona-città(risiede) Es. (Bianchi,Ancona) l 43

44 Cardinalità di una associazione Esprime il rapporto quantitativo che esiste tra le istanze delle due entità correlate in esame. Si rappresenta con i valori minimo e massimo. Cardinalità di una associazione Cliente (1,1) Cliente- (0,M) Ordine Ordine (Min,Max) (Min,Max) l 44

45 Cardinalità lm indica che ad un cliente possono essere associati molti prodotti l1che a ciascun ordine è associato necessariamente ad un solo cliente l0 che a un cliente può non essere associato alcun ordine Cardinalità Un modo pratico Presa una istanza dell entità CLIENTE (un preciso cliente) quanti ordini (istanze dell entità ORDINE) sono associati a lui? Al minimo nessuno (0) Al massimo M (Molti) Presa una istanza dell entità Ordine (un preciso ordine) quanti clienti vi sono associati? Al minimo 1 Al massimo 1 l 45

46 Associazioni:vincoli di cardinalità Esempio l 46

47 Esercizio cardinalità Associazioni ricorsive (0,1) Persona (0,1) Matrimonio Monogamia Persona (0,M) Matrimonio Poligamia (0,1) Le ricorrenze della entità giocano ruoli diversi a seconda del senso di percorrenza dell associazione l 47

48 esercizio lmodellare un organigramma aziendale (relazione dipende da..) l 48

49 l 49

50 Associazioni tra più di 2 entità Esempio: Si vuole modellare e tenere traccia di quale attività di un progetto è realizzata da uno specifico fornitore Associazioni tra più di due entità Progetto Fornitore (0,M) Progetto- Fornitore- Attività Attività (0,M) (0,M) l 50

51 Associazione tra più di due entità Nella associazione dell esempio le entità coinvolte sono 3. La cardinalità esprime di volta in volta le associazioni tra le diverse coppie e la rimanente entità. Quindi: la cardinalità (0,M) accanto all entità progetto esprime che a una precisa coppia composta da attività e fornitore non necessariamente corrisponda un progetto ma possono corrispnderne molti. l La cardinalità (0,M) accanto all entità attività significa che un fornitore non realizza necessariamente una attività in un progetto, ma potrebbe realizzarne molte. l La cardinalità (0,M) accanto a Fornitore, significa che non è detto che ad ogni coppia progetto, attività corrisponda un fornitore, ma una attività di un progetto può essere realizzata da più fornitori Nel caso di associazioni tra 4 entità si ragionerebbe valutando le cardinalità delle terne rispetto alla quarta entità e così via. l 51

52 Esempio Modellare la seguente applicazione: Un cliente stipula diverse polizze assicurative per assicurare i propri beni Si faccia riferimento ad una unica compagnia assicurativa e che i beni siano tutti i beni assicurati dai clienti di questa compagnia Associazioni tra più di due entità l 52

53 Associazioni tra più di due entità Associazioni ridondanti l 53

54 Associazioni ridondanti ll associazione PROMOZIONE è ridondante. Esprime che a certi clienti, certe parti sono state offerte in promozione Dipendenze Vi sono dei tipi speciali di entità e associazioni che è bene evidenziare nel diagramma E/R Dipendenze per esistenza Dipendenze per identificazione l 54

55 Dipendenze per esistenza ll esistenza di una certa entità dipende dalla presenza o meno di una o più entità Dipendenze per identificazione lsi parla di dipendenza per identificazione quando l identificatore dell entità indipendente concorre ad identificare l entità dipendente. l 55

56 Dipendenze per identificazione Dipendenze per identificazione lnell esempio l istanza RIGA ORDINE è identificata dal numero di ordine e da un progressivo di riga. lle dipendenze per identificazione sono sempre anche dipendenze per esistenza l 56

57 Osservazioni le importante individuare la presenza delle entità dipendenti e indipendenti a causa delle regole semantiche di integrità che la loro gestione dovrà rispettare in futuro. Ciò significa definire il comportamento da seguire quando si cancella o aggiorna l entità indipendente e quando si inserisce quella dipendente. Entità dipendenti e indipendenti l 57

58 Gerarchie ISA lnella pratica può capitare che una entità sia scomponibile in sottoentità con queste caratteristiche: Hanno dati propri e non appartenenti alle altre sottoentità Vi sono correlazioni che coinvolgono solo alcune sottoentità Gerarchie ISA l 58

59 Gerarchie IS-A lnell esempio DIPENDENTE AMMINISTRATIVO, RAPPRESENTANTE vi sono dati tipici del rappresentante (provvigioni, quote,..). Inoltre possono esistere delle associazioni tra i dipendenti e i clienti che riguardano solo i rappresentanti ldefinire Entità Riassumendo: Associazioni e cardinalità l Individuare: Dipendenze per esistenza e identificazione Gerarchie IS-A l 59

60 Esercizio La Biblioteca l 60

61 Attributi lentità e Associazioni possiedono un certo numero di PROPRIETA che le caratterizzano. lun ATTRIBUTO è una delle proprietà che descrive una entità Attributi l 61

62 Dominio di un attributo linsieme dei possibili valori che l attributo può assumere Non va considerato semplicemente il Formato dei dati. Ad esempio il dominio dell attributo sesso è costituito da due valori F e M Osservazioni su domini e attributi l Attributi derivati Il loro valore è ricavato mediante un procedimento di calcolo dal valore di altri attributi l Univocità di significato E fondamentale che ciascun attributo abbia un significato univoco ben preciso ed indipendente dal valore di altri attributi l Gruppo di attributi In una prima fase di analisi non è sempre desiderabile individuare tutti i singoli attributi di entità e associazioni; in alcuni casi è possibile riferirsi con un nome complessivo, detto gruppo di attributi ad un insieme di singoli attributi omogenei l 62

63 lattributi derivati Osservazioni Tot-ordine lunivocità di significato Es. QTA-PARTE (prodotta e ordinata) lgruppo di attributi Es. attr-magazzino-parte Chiave candidata di una entità lindichiamo come chiave candidata di una entità ogni attributo o insieme di attributi che identifichi univocamente ciascuna ricorrenza di un entità l 63

64 Chiavi candidate Chiave primaria e chiavi candidate lnell esempio gli attributi CODICE, CODICE FISCALE e l insieme (NOME, DATA DI NASCITA, LUOGO) sono tre chiavi candidate per l entità impiegato. ldall insieme delle chiavi candidate si sceglie la chiave primaria che descrive tra tutte le possibili chiavi al meglio l entità rappresentata l 64

65 Chiavi candidate di una associazione Una chiave candidata di una associazione è composta da più chiavi primarie delle entità coinvolte. Chiavi candidate di una associazione l 65

66 Osservazioni lnell esempio si è fatta l ipotesi che la numerazione degli ordini e dei clienti sia un progressivo assoluto lla associazione cliente-ordine ha una chiave candidata uguale alla chiave candidata dell entità ordine lquesto accade sempre nelle relazione 1-M Attributi nelle gerarchie IS-A lnelle gerarchie IS-A vi sono attributi propri delle diverse sottoentità. La chiave primaria delle sottoentità è la stessa dell entità principale. l 66

67 Esempio Attributi multivalore l Es. N di telefono l Carte di credito l.. Rivelano entità secondarie. Estrarre dal modello Entità Attributive Es. L attributo numero di telefono dell entità cliente: Se è prevista la gestione di + numeri telefonici per lo stesso cliente tale attributo diventa multivalore l 67

68 Associazioni M-M lle correlazioni M M dotate di attributi propri rivelano l esistenza nel modello di entità associative Es. Se si considera la relazione ISCRIZIONE tra impiegato e corso questa diventa una entità associativa per la presenza degli attributi propri data_iscrizione, stato iscrizione Entità del modello ER lentità fondamentali lprima stesura del modello lentità attributive lattributi multivalore l Entità associative lcorrelazioni M-M l 68

69 Conclusioni l Lo schema mostra i passi da seguire per ottenere lo schema concettuale secondo la metodologia ERD l Non si deve pernsare che ogni passo debba essere necessariamente completato prima di passare al successivo l Le attività di individuazione delle entità e delle associazioni sono interdipendenti e si passa da una all altra senza una sequenza predeterminabile l L intero processo è di tipo ripetitivo, intendendo con ciò che le fasi più a valle possono determinare un riciclo delle attività precedenti. l 69

70 Conclusioni l La prima stesura del modello evidenzia le entità fondamentali. Se qualcuna dovesse sfuggire sarà individuata approfondendo il modello. l L approfondimento del modello che consiste nell assegnazione degli attributi ad entità ed associazioni rivela entità secondarie in quanto o gli attributi sono multivalore o vi sono correlazioni M-M dotate di attributi propri Nel primo caso le entità estratte si chiamano attributive Nel secondo caso si chiamano entità associative Esercizio ER l 70

Lezione 1. Introduzione e Modellazione Concettuale

Lezione 1. Introduzione e Modellazione Concettuale Lezione 1 Introduzione e Modellazione Concettuale 1 Tipi di Database ed Applicazioni Database Numerici e Testuali Database Multimediali Geographic Information Systems (GIS) Data Warehouses Real-time and

Dettagli

Database. Organizzazione di archivi mediante basi di dati. ing. Alfredo Cozzi 1

Database. Organizzazione di archivi mediante basi di dati. ing. Alfredo Cozzi 1 Database Organizzazione di archivi mediante basi di dati ing. Alfredo Cozzi 1 Il database è una collezione di dati logicamente correlati e condivisi, che ha lo scopo di soddisfare i fabbisogni informativi

Dettagli

DBMS (Data Base Management System)

DBMS (Data Base Management System) Cos'è un Database I database o banche dati o base dati sono collezioni di dati, tra loro correlati, utilizzati per rappresentare una porzione del mondo reale. Sono strutturati in modo tale da consentire

Dettagli

Introduzione alle basi di dati. Gestione delle informazioni. Gestione delle informazioni. Sistema informatico

Introduzione alle basi di dati. Gestione delle informazioni. Gestione delle informazioni. Sistema informatico Introduzione alle basi di dati Introduzione alle basi di dati Gestione delle informazioni Base di dati Modello dei dati Indipendenza dei dati Accesso ai dati Vantaggi e svantaggi dei DBMS Gestione delle

Dettagli

Sistema di Gestione di Basi di Dati DataBase Management System DBMS

Sistema di Gestione di Basi di Dati DataBase Management System DBMS Base di dati (accezione generica) collezione di dati, utilizzati per rappresentare le informazioni di interesse per una o più applicazioni di una organizzazione (accezione specifica) collezione di dati

Dettagli

Le Basi di dati: generalità. Unità di Apprendimento A1 1

Le Basi di dati: generalità. Unità di Apprendimento A1 1 Le Basi di dati: generalità Unità di Apprendimento A1 1 1 Cosa è una base di dati In ogni modello di organizzazione della vita dell uomo vengono trattate informazioni Una volta individuate e raccolte devono

Dettagli

Corso di Informatica Generale 1 IN1. Linguaggio SQL

Corso di Informatica Generale 1 IN1. Linguaggio SQL Università Roma Tre Facoltà di Scienze M.F.N. di Laurea in Matematica di Informatica Generale 1 Linguaggio SQL Marco (liverani@mat.uniroma3.it) Sommario Prima parte: le basi dati relazionali Basi di dati:

Dettagli

INFORMATICA. Applicazioni WEB a tre livelli con approfondimento della loro manutenzione e memorizzazione dati e del DATABASE.

INFORMATICA. Applicazioni WEB a tre livelli con approfondimento della loro manutenzione e memorizzazione dati e del DATABASE. INFORMATICA Applicazioni WEB a tre livelli con approfondimento della loro manutenzione e memorizzazione dati e del DATABASE. APPLICAZIONI WEB L architettura di riferimento è quella ampiamente diffusa ed

Dettagli

Informatica Documentale

Informatica Documentale Informatica Documentale Ivan Scagnetto (scagnett@dimi.uniud.it) Stanza 3, Nodo Sud Dipartimento di Matematica e Informatica Via delle Scienze, n. 206 33100 Udine Tel. 0432 558451 Ricevimento: giovedì,

Dettagli

Introduzione alle Basi di Dati

Introduzione alle Basi di Dati 1 Introduzione alle Basi di Dati Massimo Paolucci (paolucci@dist.unige.it) DIST Università di Genova Sistema Azienda 2 Sistema organizzativo è costituito da una serie di risorse e di regole necessarie

Dettagli

TEORIA sulle BASI DI DATI

TEORIA sulle BASI DI DATI TEORIA sulle BASI DI DATI A cura del Prof. Enea Ferri Cos è un DATA BASE E un insieme di archivi legati tra loro da relazioni. Vengono memorizzati su memorie di massa come un unico insieme, e possono essere

Dettagli

Introduzione al data base

Introduzione al data base Introduzione al data base L Informatica è quella disciplina che si occupa del trattamento automatico dei dati con l ausilio del computer. Trattare i dati significa: raccoglierli, elaborarli e conservarli

Dettagli

Sistemi Informativi Aziendali II

Sistemi Informativi Aziendali II Modulo 2 Sistemi Informativi Aziendali II 1 Corso Sistemi Informativi Aziendali II - Modulo 2 Modulo 2 La gestione delle informazioni strutturate nell impresa: La progettazione di un Data Base; Le informazioni

Dettagli

Archivi e Basi di Dati

Archivi e Basi di Dati Archivi e Basi di Dati A B C File Programma 1 Programma 2 A B C File modificati Programma 1 DBMS DB Programma 2 Informatica Generale (CdL in E&C), A.A. 2000-2001 55 Problemi nella gestione di archivi separati

Dettagli

L ARCHIVIAZIONE E LA GESTIONE DATI ATTRAVERSO L INTERAZIONE TRA MICROSOFT ACCESS ED EXCEL 1 INTRODUZIONE

L ARCHIVIAZIONE E LA GESTIONE DATI ATTRAVERSO L INTERAZIONE TRA MICROSOFT ACCESS ED EXCEL 1 INTRODUZIONE Roccatello Ing. Eduard L ARCHIVIAZIONE E LA GESTIONE DATI ATTRAVERSO L INTERAZIONE TRA MICROSOFT ACCESS ED EXCEL 1 INTRODUZIONE Agenda Presentazione docente Definizione calendario Questionario pre corso

Dettagli

Sistemi Informativi e Basi di Dati

Sistemi Informativi e Basi di Dati Sistemi Informativi e Basi di Dati Laurea Specialistica in Tecnologie di Analisi degli Impatti Ecotossicologici Docente: Francesco Geri Dipartimento di Scienze Ambientali G. Sarfatti Via P.A. Mattioli

Dettagli

Corso di SISTEMI INFORMATICI E TELEMATICI PER LA PROFESSIONE. Lezione 2: Data Base. Ing. Maria Grazia Celentano www.mariagraziacelentano.

Corso di SISTEMI INFORMATICI E TELEMATICI PER LA PROFESSIONE. Lezione 2: Data Base. Ing. Maria Grazia Celentano www.mariagraziacelentano. Corso di SISTEMI INFORMATICI E TELEMATICI PER LA PROFESSIONE Lezione 2: Data Base Ing. Maria Grazia Celentano www.mariagraziacelentano.it 1 Introduzione La raccolta, l organizzazione e la conservazione

Dettagli

70555 Informatica 3 70777 Sicurezza 2. 70555 Mario Rossi 70777 Anna Bianchi. Esempio istanza:

70555 Informatica 3 70777 Sicurezza 2. 70555 Mario Rossi 70777 Anna Bianchi. Esempio istanza: DOMANDE 1) Definire i concetti di schema e istanza di una base di dati, fornendo anche un esempio. Si definisce schema di una base di dati, quella parte della base di dati stessa che resta sostanzialmente

Dettagli

I livelli di progettazione possono essere così schematizzati: Esistono tre tipi diversi di modelli logici: Modello gerarchico: Esempio SPECIFICHE

I livelli di progettazione possono essere così schematizzati: Esistono tre tipi diversi di modelli logici: Modello gerarchico: Esempio SPECIFICHE I DATABASE o basi di dati possono essere definiti come una collezione di dati gestita dai DBMS. Tali basi di dati devono possedere determinati requisiti, definiti come specifiche, necessarie per il processo

Dettagli

Corso di Informatica (Basi di Dati)

Corso di Informatica (Basi di Dati) Corso di Informatica (Basi di Dati) Lezione 1 (12 dicembre 2008) Introduzione alle Basi di Dati Da: Atzeni, Ceri, Paraboschi, Torlone - Basi di Dati Lucidi del Corso di Basi di Dati 1, Prof. Carlo Batini,

Dettagli

Data Base Relazionali. Ing. Maria Grazia Celentano www.mariagraziacelentano.it

Data Base Relazionali. Ing. Maria Grazia Celentano www.mariagraziacelentano.it Data Base Relazionali Ing. Maria Grazia Celentano www.mariagraziacelentano.it 1 Introduzione La raccolta, l organizzazione e la conservazione dei dati sono sempre stati i principali compiti dei sistemi

Dettagli

DEFINIZIONI FONDAMENTALI

DEFINIZIONI FONDAMENTALI Consorzio per la formazione e la ricerca in Ingegneria dell'informazione DEFINIZIONI FONDAMENTALI Per vincere ci vuole una buona partenza... Docente: Cesare Colombo CEFRIEL colombo@cefriel.it http://www.cefriel.it

Dettagli

Algebra e calcolo relazionale. Ripasso. Le 7 Virtù del DBMS persistenza affidabilità volume condivisione riservatezza efficienza efficacia

Algebra e calcolo relazionale. Ripasso. Le 7 Virtù del DBMS persistenza affidabilità volume condivisione riservatezza efficienza efficacia Algebra e calcolo relazionale Ripasso Le 7 Virtù del DBMS persistenza affidabilità volume condivisione riservatezza efficienza efficacia I 4 Livelli di astrazione Le Tabelle Livello fisico (o interno)

Dettagli

Basi di Dati. Introduzione ai sistemi di basi di dati. K.Donno - Introduzione ai sistemi di basi di dati

Basi di Dati. Introduzione ai sistemi di basi di dati. K.Donno - Introduzione ai sistemi di basi di dati Basi di Dati Introduzione ai sistemi di basi di dati Introduzione ai sistemi di basi di dati Gestione dei Dati Una prospettiva storica File system verso DBSM Vantaggi di un DBMS Modelli dei dati Utenti

Dettagli

Informatica Introduzione alle basi di dati

Informatica Introduzione alle basi di dati Informatica Introduzione alle basi di dati Prof. Giovanni Giuffrida e-mail: giovanni.giuffrida@dmi.unict.it 27 November 2014 Basi di Dati - Introd. - Prof. G. Giuffrida 1 Materiale didattico Atzeni,Ceri,Paraboschi,Torlone,

Dettagli

Introduzione ai sistemi di basi di dati

Introduzione ai sistemi di basi di dati Basi di Dati Introduzione ai sistemi di basi di dati Alessandro.bardine@gmail.com alessandro.bardine@iet.unipi.it Introduzione ai sistemi di basi di dati Gestione dei Dati Una prospettiva storica File

Dettagli

Teoria sulle basi di dati

Teoria sulle basi di dati Teoria sulle basi di dati Introduzione alle basi di dati Una base di dati (database) può essere considerata come una raccolta di dati logicamente correlati, utilizzata per modellare una realtà. I dati

Dettagli

INTRODUZIONE. Data Base Management Systems evoluzione tecniche gestione dati

INTRODUZIONE. Data Base Management Systems evoluzione tecniche gestione dati INTRODUZIONE Accesso ai dati tramite DBMS Livelli di astrazione Modello dei dati: schema / istanza / metadati Alcuni modelli dei dati Linguaggi per DBMS Architettura di base di un DBMS cesarini - BDSI

Dettagli

Organizzazione degli archivi

Organizzazione degli archivi COSA E UN DATA-BASE (DB)? è l insieme di dati relativo ad un sistema informativo COSA CARATTERIZZA UN DB? la struttura dei dati le relazioni fra i dati I REQUISITI DI UN DB SONO: la ridondanza minima i

Dettagli

Informatica 2 Basi di dati

Informatica 2 Basi di dati Informatica 2 Basi di dati Prof. Giovanni Giuffrida e-mail: giovanni.giuffrida@dmi.unict.it DB - Introduzione 1 Recapiti Prof. Giuffrida Giovanni Email: giovanni.giuffrida@dmi.unict.it Info sul corso:

Dettagli

Modello relazionale. ing. Alfredo Cozzi 1

Modello relazionale. ing. Alfredo Cozzi 1 Modello relazionale E fondato sul concetto matematico di relazione tra insiemi di oggetti Una relazione su n insiemi A1, A2,..,An è un sottoinsieme di tutte le n-uple a1,a2,,an che si possono costruire

Dettagli

Introduzione. Elenco telefonico Conti correnti Catalogo libri di una biblioteca Orario dei treni aerei

Introduzione. Elenco telefonico Conti correnti Catalogo libri di una biblioteca Orario dei treni aerei Introduzione Elenco telefonico Conti correnti Catalogo libri di una biblioteca Orario dei treni aerei. ESEMPI DI INSIEMI DI DATI DA ORGANIZZARE ED USARE IN MANIERA EFFICIENTE Introduzione Più utenti con

Dettagli

Lezione V. Aula Multimediale - sabato 29/03/2008

Lezione V. Aula Multimediale - sabato 29/03/2008 Lezione V Aula Multimediale - sabato 29/03/2008 LAB utilizzo di MS Access Definire gli archivi utilizzando le regole di derivazione e descrivere le caratteristiche di ciascun archivio ASSOCIAZIONE (1:1)

Dettagli

1.1 I componenti di un DBMS... 5

1.1 I componenti di un DBMS... 5 Indice 1 Introduzione ai DBMS.......................................................... 1 1.1 Scopi di un DBMS............................................................ 1 1.2 Modelli dei dati..............................................................

Dettagli

Informatica (Basi di Dati)

Informatica (Basi di Dati) Corso di Laurea in Biotecnologie Informatica (Basi di Dati) Introduzione alle Basi di Dati Anno Accademico 2009/2010 Da: Atzeni, Ceri, Paraboschi, Torlone - Basi di Dati Lucidi del Corso di Basi di Dati

Dettagli

Basi di dati. Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Canale di Ingegneria delle Reti e dei Sistemi Informatici - Polo di Rieti

Basi di dati. Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Canale di Ingegneria delle Reti e dei Sistemi Informatici - Polo di Rieti Basi di dati Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Canale di Ingegneria delle Reti e dei Sistemi Informatici - Polo di Rieti Anno Accademico 2008/2009 Introduzione alle basi di dati Docente Pierangelo

Dettagli

I Sistemi Informativi

I Sistemi Informativi I Sistemi Informativi Definizione Un Sistema Informativo è un mezzo per acquisire, organizzare, correlare, elaborare e distribuire le informazioni che riguardano una realtà che si desidera descrivere e

Dettagli

Data Base. Prof. Filippo TROTTA

Data Base. Prof. Filippo TROTTA Data Base Definizione di DataBase Un Database può essere definito come un insieme di informazioni strettamente correlate, memorizzate su un supporto di memoria di massa, costituenti un tutt uno, che possono

Dettagli

Telerilevamento e GIS Prof. Ing. Giuseppe Mussumeci

Telerilevamento e GIS Prof. Ing. Giuseppe Mussumeci Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria per l Ambiente e il Territorio A.A. 2014-2015 Telerilevamento e GIS Prof. Ing. Giuseppe Mussumeci Strutture di dati: DB e DBMS DATO E INFORMAZIONE Dato: insieme

Dettagli

Corso di Informatica

Corso di Informatica Corso di Informatica Modulo T2 A2 Introduzione ai database 1 Prerequisiti Concetto di sistema File system Archivi File e record 2 1 Introduzione Nella gestione di una attività, ad esempio un azienda, la

Dettagli

Basi di Dati. Programmazione e gestione di sistemi telematici

Basi di Dati. Programmazione e gestione di sistemi telematici Basi di Dati. Programmazione e gestione di sistemi telematici Coordinatore: Prof. Paolo Nesi Docenti: Prof. Paolo Nesi Dr.sa Michela Paolucci Dr. Emanuele Bellini Cosa e l informatica? Scienza del trattamento

Dettagli

Alessandra Raffaetà. Basi di Dati

Alessandra Raffaetà. Basi di Dati Lezione 2 S.I.T. PER LA VALUTAZIONE E GESTIONE DEL TERRITORIO Corso di Laurea Magistrale in Scienze Ambientali Alessandra Raffaetà Dipartimento di Informatica Università Ca Foscari Venezia Basi di Dati

Dettagli

Facoltà di Farmacia - Corso di Informatica

Facoltà di Farmacia - Corso di Informatica Basi di dati Riferimenti: Curtin cap. 8 Versione: 13/03/2007 1 Basi di dati (Database, DB) Una delle applicazioni informatiche più utilizzate, ma meno conosciute dai non informatici Avete già interagito

Dettagli

Laboratorio di Informatica

Laboratorio di Informatica Laboratorio di Informatica Corso di Laurea Interfacoltà in Biotecnologie Lezione 3: Basi di Dati Lucido 1 Scopo della lezione Definire cos è una base di dati e un sistema di gestione della base di dati

Dettagli

Facoltà di Pianificazione del Territorio A.A. 2011/2012. Informatica

Facoltà di Pianificazione del Territorio A.A. 2011/2012. Informatica Facoltà di Pianificazione del Territorio A.A. 2011/2012 Informatica Le basi di dati 2 Dati e Informazioni Un dato in sé non costituisce un informazione in quanto consiste semplicemente di un insieme di

Dettagli

Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Algoritmi e basi di dati Modulo Basi di dati a.a. 2010-2011

Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Algoritmi e basi di dati Modulo Basi di dati a.a. 2010-2011 Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Algoritmi e basi di dati Modulo Basi di dati a.a. 2010-2011 2011 Docente: Gigliola Vaglini Docente laboratorio: Alessandro Lori 1 Obiettivi del corso Imparare

Dettagli

BASI DI DATI. Queste slides sono un adattamento di quelle di Luca Anselma e Gian Luca Pozzato, cui va il mio ringraziamento

BASI DI DATI. Queste slides sono un adattamento di quelle di Luca Anselma e Gian Luca Pozzato, cui va il mio ringraziamento BASI DI DATI Queste slides sono un adattamento di quelle di Luca Anselma e Gian Luca Pozzato, cui va il mio ringraziamento BASI DI DATI (DATABASE, DB) Una delle applicazioni informatiche più utilizzate,

Dettagli

Le funzionalità di un DBMS

Le funzionalità di un DBMS Le funzionalità di un DBMS Sistemi Informativi L-A Home Page del corso: http://www-db.deis.unibo.it/courses/sil-a/ Versione elettronica: DBMS.pdf Sistemi Informativi L-A DBMS: principali funzionalità Le

Dettagli

Abilità Informatiche A.A. 2010/2011 Lezione 8: Basi di Dati. Facoltà di Lingue e Letterature Straniere

Abilità Informatiche A.A. 2010/2011 Lezione 8: Basi di Dati. Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Abilità Informatiche A.A. 2010/2011 Lezione 8: Basi di Dati Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Base di dati (accezione generica, metodologica) Insieme organizzato di dati utilizzati per il supporto

Dettagli

Istituto Angioy Informatica BASI DI DATI. Prof. Ciaschetti

Istituto Angioy Informatica BASI DI DATI. Prof. Ciaschetti Istituto Angioy Informatica BASI DI DATI Prof. Ciaschetti Introduzione e prime definizioni Una Base di dati o Database è un archivio elettronico opportunamente organizzato per reperire in modo efficiente

Dettagli

Cultura Tecnologica di Progetto

Cultura Tecnologica di Progetto Cultura Tecnologica di Progetto Politecnico di Milano Facoltà di Disegno Industriale - DATABASE - A.A. 2003-2004 2004 DataBase DB e DataBase Management System DBMS - I database sono archivi che costituiscono

Dettagli

Le Basi di Dati. Le Basi di Dati

Le Basi di Dati. Le Basi di Dati Le Basi di Dati 20/05/02 Prof. Carlo Blundo 1 Le Basi di Dati Le Base di Dati (database) sono un insieme di tabelle di dati strutturate in maniera da favorire la ricerca di informazioni specializzate per

Dettagli

BASE DI DATI: introduzione. Informatica 5BSA Febbraio 2015

BASE DI DATI: introduzione. Informatica 5BSA Febbraio 2015 BASE DI DATI: introduzione Informatica 5BSA Febbraio 2015 Di cosa parleremo? Base di dati relazionali, modelli e linguaggi: verranno presentate le caratteristiche fondamentali della basi di dati. In particolare

Dettagli

13. IL MONDO DELLE BASI DI DATI

13. IL MONDO DELLE BASI DI DATI 13. IL MONDO DELLE BASI DI DATI Definizione: Una base di dati (in inglese database) può essere considerata come una raccolta di dati progettati per essere fruiti in maniera ottimizzata da differenti applicazioni

Dettagli

PIANO DI LAVORO EFFETTIVAMENTE SVOLTO IN RELAZIONE ALLA PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE

PIANO DI LAVORO EFFETTIVAMENTE SVOLTO IN RELAZIONE ALLA PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE Istituto di Istruzione Secondaria Superiore ETTORE MAJORANA 24068 SERIATE (BG) Via Partigiani 1 -Tel. 035-297612 - Fax 035-301672 e-mail: majorana@ettoremajorana.gov.it - sito internet: www.ettoremajorana.gov.it

Dettagli

PROGRAMMAZIONE MODULARE. Periodo mensile. Ore previste

PROGRAMMAZIONE MODULARE. Periodo mensile. Ore previste PROGRAMMAZIONE MODULARE Indirizzo: INFORMATICA SIRIO Disciplina: INFORMATICA Classe: QUINTA Ore previste: 16 di cui 66 ore di teoria e 99 ore di laboratorio. N. modulo Titolo Modulo Titolo unità didattiche

Dettagli

1. BASI DI DATI: GENERALITÀ

1. BASI DI DATI: GENERALITÀ 1. BASI DI DATI: GENERALITÀ BASE DI DATI (DATABASE, DB) Raccolta di informazioni o dati strutturati, correlati tra loro in modo da risultare fruibili in maniera ottimale. Una base di dati è usualmente

Dettagli

Gabriele Orlandi BASI DI DATI Database Informatica Dispense

Gabriele Orlandi BASI DI DATI Database Informatica Dispense Gabriele Orlandi BASI DI DATI Database Informatica Dispense INTRODUZIONE Una base di dati è una collezione di dati (fatti noti) che ha le seguenti proprietà: - rappresenta un aspetto del mondo reale (Universo

Dettagli

Introduzione ai Database e a Microsoft Access

Introduzione ai Database e a Microsoft Access Introduzione ai Database e a Microsoft Access 1 Il Sistema Informativo aziendale Un Sistema Informativo aziendale è costituito: dall'insieme delle informazioni utilizzate, prodotte e trasformate da un'azienda

Dettagli

Basi di dati. Basi di dati = database. Basi di dati

Basi di dati. Basi di dati = database. Basi di dati Basi di dati Da leggere: Cap. 6 Sawyer, Williams (testo A) Basi di dati = database Sono una delle applicazioni informatiche che hanno avuto il maggiore utilizzo in uffici, aziende, servizi -> oggi anche

Dettagli

Sistemi Informativi. Basi di Dati. Progettazione concettuale. Architettura Progettazione Analisi funzionale

Sistemi Informativi. Basi di Dati. Progettazione concettuale. Architettura Progettazione Analisi funzionale 6LVWHPL,QIRUPDWLYL H DVLGL'DWL Oreste Signore (Oreste.Signore@cnuce.cnr.it) &RQWHQXWR Sistemi Informativi Basi di Dati Architettura Progettazione Analisi funzionale Progettazione concettuale Information

Dettagli

Il modello Entity-Relationship per il progetto delle basi di dati

Il modello Entity-Relationship per il progetto delle basi di dati 1 Il modello Entity-Relationship per il progetto delle basi di dati Massimo Paolucci (paolucci@dist.unige.it) DIST Università di Genova Le metodologie di progettazione delle Basi di Dati 2 Una metodologia

Dettagli

Organizzazione delle informazioni: Database

Organizzazione delle informazioni: Database Organizzazione delle informazioni: Database Laboratorio Informatico di base A.A. 2013/2014 Dipartimento di Scienze Aziendali e Giuridiche Università della Calabria Dott. Pierluigi Muoio (pierluigi.muoio@unical.it)

Dettagli

Informatica per l'impresa. Sistemi per la gestione di basi di Dati

Informatica per l'impresa. Sistemi per la gestione di basi di Dati Informatica per l'impresa Sistemi per la gestione di basi di Dati Prof. Mauro Gaspari gaspari@cs.unibo.it 1 1 Sistema Informativo Insieme degli strumenti, risorse e procedure che consentono la gestione

Dettagli

Database. Appunti di Amaranto Oronzo e Giancane Diego Lezione dell Ing. Lucia Vaira 24/04/2014

Database. Appunti di Amaranto Oronzo e Giancane Diego Lezione dell Ing. Lucia Vaira 24/04/2014 Database Appunti di Amaranto Oronzo e Giancane Diego Lezione dell Ing. Lucia Vaira 24/04/2014 Cos'è un database? È una struttura di dati composta da tabelle a loro volta composte da campi. Caratteristiche

Dettagli

Il database management system Access

Il database management system Access Il database management system Access Corso di autoistruzione http://www.manualipc.it/manuali/ corso/manuali.php? idcap=00&idman=17&size=12&sid= INTRODUZIONE Il concetto di base di dati, database o archivio

Dettagli

LABORATORIO di INFORMATICA

LABORATORIO di INFORMATICA Università degli Studi di Cagliari Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria per l Ambiente ed il Territorio LABORATORIO di INFORMATICA A.A. 2010/2011 Prof. Giorgio Giacinto INTRODUZIONE AI SISTEMI DI BASI

Dettagli

Informatica Generale Andrea Corradini. 19 - Sistemi di Gestione delle Basi di Dati

Informatica Generale Andrea Corradini. 19 - Sistemi di Gestione delle Basi di Dati Informatica Generale Andrea Corradini 19 - Sistemi di Gestione delle Basi di Dati Sommario Concetti base di Basi di Dati Il modello relazionale Relazioni e operazioni su relazioni Il linguaggio SQL Integrità

Dettagli

Data Base. Ing. Maria Grazia Celentano www.mariagraziacelentano.it

Data Base. Ing. Maria Grazia Celentano www.mariagraziacelentano.it Data Base Ing. Maria Grazia Celentano www.mariagraziacelentano.it 1 Introduzione La raccolta, l organizzazione e la conservazione dei dati sono sempre stati i principali compiti dei sistemi informatici

Dettagli

Progettazione di Basi di Dati

Progettazione di Basi di Dati Progettazione di Basi di Dati Prof. Nicoletta D Alpaos & Prof. Andrea Borghesan Entità-Relazione Progettazione Logica 2 E il modo attraverso il quale i dati sono rappresentati : fa riferimento al modello

Dettagli

Università degli Studi di Napoli Federico II Facoltà di Medicina e Chirurgia Corso di Laurea in Infermieristica

Università degli Studi di Napoli Federico II Facoltà di Medicina e Chirurgia Corso di Laurea in Infermieristica Università degli Studi di Napoli Federico II Facoltà di Medicina e Chirurgia Corso di Laurea in Infermieristica Corso di Sistemi di Elaborazione delle Informazioni A.A. 2011/2012 Prof. Ing. Ivan Giammona

Dettagli

Al giorno d oggi, i sistemi per la gestione di database

Al giorno d oggi, i sistemi per la gestione di database Introduzione Al giorno d oggi, i sistemi per la gestione di database implementano un linguaggio standard chiamato SQL (Structured Query Language). Fra le altre cose, il linguaggio SQL consente di prelevare,

Dettagli

Databases relazionali e architetture dei RDBMS

Databases relazionali e architetture dei RDBMS A01 87 Salvatore Sessa Ferdinando Di Martino Michele Giordano Databases relazionali e architetture dei RDBMS Introduzione ai databases relazionali e all uso di Access Copyright MMVI ARACNE editrice S.r.l.

Dettagli

LABORATORIO. 2 Lezioni su Basi di Dati Contatti:

LABORATORIO. 2 Lezioni su Basi di Dati Contatti: PRINCIPI DI INFORMATICA CORSO DI LAUREA IN SCIENZE BIOLOGICHE Gennaro Cordasco e Rosario De Chiara {cordasco,dechiara}@dia.unisa.it Dipartimento di Informatica ed Applicazioni R.M. Capocelli Laboratorio

Dettagli

Structured Query Language parte 1

Structured Query Language parte 1 Consorzio per la formazione e la ricerca in Ingegneria dell'informazione Structured Query Language parte 1 Come interrogare una base di dati relazionale ed avere la risposta esatta Docente: Gennaro Pepe

Dettagli

Basi di dati. Le funzionalità del sistema non vanno però ignorate

Basi di dati. Le funzionalità del sistema non vanno però ignorate Basi di dati La progettazione di una base di dati richiede di focalizzare lo sforzo su analisi, progettazione e implementazione della struttura con cui sono organizzati i dati (modelli di dati) Le funzionalità

Dettagli

Introduzione Ai Data Bases. Prof. Francesco Accarino IIS Altiero Spinelli Via Leopardi 132 Sesto San giovanni

Introduzione Ai Data Bases. Prof. Francesco Accarino IIS Altiero Spinelli Via Leopardi 132 Sesto San giovanni Introduzione Ai Data Bases Prof. Francesco Accarino IIS Altiero Spinelli Via Leopardi 132 Sesto San giovanni I Limiti Degli Archivi E Il Loro Superamento Le tecniche di gestione delle basi di dati nascono

Dettagli

Che cos è un DBMS? Capitolo 1. Perché usare un DBMS? DBMS. Descrizioni dei dati nei DBMS. Modelli di dati

Che cos è un DBMS? Capitolo 1. Perché usare un DBMS? DBMS. Descrizioni dei dati nei DBMS. Modelli di dati Che cos è un DBMS? Capitolo 1 Introduzione ai sistemi di basi di dati Una collezione integrata molto grande di dati Modella organizzazioni del mondo reale Entità (ad esempio studenti, corsi) Relazioni

Dettagli

DATABASE RELAZIONALI

DATABASE RELAZIONALI 1 di 54 UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II DIPARTIMENTO DI DISCIPLINE STORICHE ETTORE LEPORE DATABASE RELAZIONALI Dott. Simone Sammartino Istituto per l Ambiente l Marino Costiero I.A.M.C. C.N.R.

Dettagli

PROGETTAZIONE CONCETTUALE

PROGETTAZIONE CONCETTUALE Fasi della progettazione di basi di dati PROGETTAZIONE CONCETTUALE Parte V Progettazione concettuale Input: specifiche utente Output: schema concettuale (astrazione della realtà) PROGETTAZIONE LOGICA Input:

Dettagli

BASI DI DATI - : I modelli di database

BASI DI DATI - : I modelli di database BASI DI DATI - : I modelli di database DAL 1960 ci si e' orientati verso 3 direzioni: 1 MODELLO GERARCHICO Se i dati si presentano naturalmente in una struttura ad albero (ES. File System) Limiti: rigidità

Dettagli

Progettazione concettuale usando il modello Entità-Relazione (ER) e Progettazione Logica

Progettazione concettuale usando il modello Entità-Relazione (ER) e Progettazione Logica Progettazione concettuale usando il modello Entità-Relazione (ER) e Progettazione Logica 1 Introduzione alla progettazione delle basi di dati v Progettazione concettuale (in questa fase si usa il modello

Dettagli

Basi di dati e Sistemi informativi aziendali

Basi di dati e Sistemi informativi aziendali Sistemi informativi Linguaggio SQL: fondamenti Istruzione SELECT: fondamenti Interrogazioni nidificate Operatori insiemistici Istruzioni di aggiornamento Gestione delle tabelle 2 2007 Politecnico di Torino

Dettagli

LABORATORIO di INFORMATICA

LABORATORIO di INFORMATICA Università degli Studi di Cagliari Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria per l Ambiente ed il Territorio LABORATORIO di INFORMATICA A.A. 2010/2011 Prof. Giorgio Giacinto IL MODELLO ER PER LA PROGETTAZIONE

Dettagli

BASI DI DATI per la gestione dell informazione. Angelo Chianese Vincenzo Moscato Antonio Picariello Lucio Sansone

BASI DI DATI per la gestione dell informazione. Angelo Chianese Vincenzo Moscato Antonio Picariello Lucio Sansone BASI DI DATI per la gestione dell informazione Angelo Chianese Vincenzo Moscato Antonio Picariello Lucio Sansone Libro di Testo 22 Chianese, Moscato, Picariello e Sansone BASI DI DATI per la Gestione dell

Dettagli

Corso di Access. Prerequisiti. Modulo L2A (Access) 1.1 Concetti di base. Utilizzo elementare del computer Concetti fondamentali di basi di dati

Corso di Access. Prerequisiti. Modulo L2A (Access) 1.1 Concetti di base. Utilizzo elementare del computer Concetti fondamentali di basi di dati Corso di Access Modulo L2A (Access) 1.1 Concetti di base 1 Prerequisiti Utilizzo elementare del computer Concetti fondamentali di basi di dati 2 1 Introduzione Un ambiente DBMS è un applicazione che consente

Dettagli

Progettaz. e sviluppo Data Base

Progettaz. e sviluppo Data Base Progettaz. e sviluppo Data Base! Introduzione ai Database! Tipologie di DB (gerarchici, reticolari, relazionali, oodb) Introduzione ai database Cos è un Database Cos e un Data Base Management System (DBMS)

Dettagli

Basi di dati. (Sistemi Informativi) teoria e pratica con Microsoft Access. Basi di dati. Basi di dati. Basi di dati e DBMS DBMS DBMS

Basi di dati. (Sistemi Informativi) teoria e pratica con Microsoft Access. Basi di dati. Basi di dati. Basi di dati e DBMS DBMS DBMS Basi di Basi di (Sistemi Informativi) Sono una delle applicazioni informatiche che hanno avuto il maggiore utilizzo in uffici, aziende, servizi (e oggi anche sul web) Avete già interagito (magari inconsapevolmente)

Dettagli

Lo schema concettuale risultante dalla progettazione concettuale è l input alla fase di progettazione logica.

Lo schema concettuale risultante dalla progettazione concettuale è l input alla fase di progettazione logica. Progettazione logica Lo schema concettuale risultante dalla progettazione concettuale è l input alla fase di progettazione logica. La progettazione logica è basata su un particolare modello logico dei

Dettagli

database: modello entityrelationship

database: modello entityrelationship Insegnamento di Informatica CdS Scienze Giuridiche A.A. 2007/8 database: modello entityrelationship Prof.Valle D.ssaFolgieri Lez7 25.10.07 Trattamento dati. Database: modello entity-relationship 1 Fasi

Dettagli

PROGETTAZIONE DI UN DATABASE

PROGETTAZIONE DI UN DATABASE Indice PROGETTAZIONE DI UN DATABASE 1.Il modello ER (entity relationship)...1 Generalità...1 I costrutti principali del modello...2 Entità...2 Associazioni...2 Attributi...2 Altri costrutti del modello...2

Dettagli

ITI Galilei Salerno Corso Database ed SQL

ITI Galilei Salerno Corso Database ed SQL ITI Galilei Salerno Corso Database ed SQL prof Carmine Napoli Introduzione Database: Si definisce Database un insieme di dati, di solito di notevoli dimensioni, raccolti, memorizzati ed organizzai in modo

Dettagli

Linguaggi per basi di dati

Linguaggi per basi di dati ALGEBRA RELAZIONALE Linguaggi per basi di dati operazioni sullo schema DDL: data definition language operazioni sui dati DML: data manipulation language interrogazione ("query") aggiornamento 2 Linguaggi

Dettagli

Modello Relazionale. Sistemi di Elaborazione delle Informazioni. DB ed SQL. Modello relazionale: concetti di base

Modello Relazionale. Sistemi di Elaborazione delle Informazioni. DB ed SQL. Modello relazionale: concetti di base Sistemi di Elaborazione delle Informazioni DB ed SQL Prof. Silvio Vassallo Modello Relazionale Il modello relazionale si basa sul concetto di RELAZIONE tra insiemi di oggetti. Dati n insiemi A 1,A 2, A

Dettagli

PIANIFICAZIONE E REALIZZAZIONE DI UN SISTEMA INFORMATIVO 147 6/001.0

PIANIFICAZIONE E REALIZZAZIONE DI UN SISTEMA INFORMATIVO 147 6/001.0 PIANIFICAZIONE E REALIZZAZIONE DI UN SISTEMA INFORMATIVO 147 6/001.0 PIANIFICAZIONE E REALIZZAZIONE DI UN SISTEMA INFORMATIVO ELEMENTI FONDAMENTALI PER LO SVILUPPO DI SISTEMI INFORMATIVI ELABORAZIONE DI

Dettagli

Basi di dati. Il Modello Relazionale dei Dati. K. Donno - Il Modello Relazionale dei Dati

Basi di dati. Il Modello Relazionale dei Dati. K. Donno - Il Modello Relazionale dei Dati Basi di dati Il Modello Relazionale dei Dati Proposto da E. Codd nel 1970 per favorire l indipendenza dei dati Disponibile come modello logico in DBMS reali nel 1981 (non è facile realizzare l indipendenza

Dettagli

La normalizzazione Trasformazione da concettuale a relazionale

La normalizzazione Trasformazione da concettuale a relazionale Oreste Signore (Oreste.Signore@cnuce.cnr.it) Definizione Il concetto di chiave Chiave primaria Chiave esterna L algebra relazionale Le operazioni Le operazioni speciali La normalizzazione Trasformazione

Dettagli

Fondamenti di Informatica Laurea in Ingegneria Civile e Ingegneria per l ambiente e il territorio

Fondamenti di Informatica Laurea in Ingegneria Civile e Ingegneria per l ambiente e il territorio Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Parma Fondamenti di Informatica Laurea in Ingegneria Civile e Ingegneria per l ambiente e il territorio Gli applicativi software Stefano

Dettagli

Database. Docente referente: Prof.ssa Rosa Marincola

Database. Docente referente: Prof.ssa Rosa Marincola Database Alunni: Classe V A Sistemi Informativi Aziendali, indirizzotecnico Economico A. Guarasci Rogliano, dell Istituto Istruzione Superiore IPSIA Marconi Cosenza Lic Sc.e ITE Rogliano Altomare Francesco

Dettagli

Database (Base di dati)

Database (Base di dati) Database (Base di dati) Cos è un database Per comprendere appieno cos è un database e quali sono i vantaggi legati al suo impiego, è necessario definire in modo esatto e preciso cosa si intende per: Database

Dettagli