Compressori e limiter

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Compressori e limiter"

Transcript

1 Compressori e limiter Introduzione "Questa batteria è compressa", "se non usi un compressore tuoi brani suoneranno sempre mosci", "senza compressione valvolare il suono della chitarra non è professionale"... Alzi la mano chi non ha mai sentito pronunciare una frase come queste. Non c'è niente come la compressione, nell'audio sia analogico che digitale, che sia in grado di scatenare panico e diffondere miti e mitologie nei tecnici alle prime armi, e a volte anche in quelli più esperti. Fino ad una certa età ho sentito parlare della compressione come di un fenomeno esoterico, avvolto in aloni mistici, le cui misteriose regole potevano essere comprese solo da veri iniziati. Nondimeno, alla compressione erano dovuti i più grandi suoni che potessero esistere, e contemporaneamente vi erano attribuiti i più gravi errori. Un fondo di verità in tutto questo c'è: in effetti la compressione non è un processo semplice o dai risultati comprensibili e controllabili per un profano come invece, ad esempio, la regolazione di un equalizzatore (non che quest'ultima sia semplice) o l'applicazione di un effetto come un riverbero. Già il nome "compressione" causa equivoci e fraintendimenti. E va detto che molti fattori nella compressione possono produrre effetti spiacevoli o rovinare completamente il lavoro di registrazione. Nonostante ciò, la compressione è essenziale per ottenere buoni risultati sia dal vivo che in studio, ed in questo tutorial cercheremo di capire perchè e come ottenere dei buoni risultati. Attenzione: diciamo subito che i compressori esistono in numerose forme, sia software che hardware. Questi ultimi in particolare si suddividono, come molte altre apparecchiature, tra compressori valvolari e a transistor. Si dice in genere che le apparecchiature valvolari siano migliori di quelle a transistor. Per quanto ciò, in presenza di ottime circuiterie, e a pari livello di accuratezza nella progettazione e nella costruzione, sia probabilmente vero, bisogna ricordare che non è la presenza di una valvola a rendere migliore un circuito per altri versi scadente o comunque non eccelso. Quindi, se intendete acquistare un compressore, prima di spendere delle grosse cifre, provatene vari modelli e imparate a fidarvi prima di tutto delle vostre orecchie. Definizioni I compressori e i limiter sono processori di segnale che riducono la gamma dinamica del segnale. In generale i processori che agiscono sulla dinamica vengono appunto detti processori di dinamica. Cosa sia la dinamica e come questa venga "compressa" lo spiegheremo tra poco. Notate che come plug-ins di software come Logic o Cubase i compressori vengono appunto catalogati come dynamics.

2 Prima di tutto cerchiamo di capire cosa è che viene compresso, e in che modo. Se infatti è ovvio che il compressore comprime, il cosa, come e perchè venga compresso sono concetti più difficili da afferrare. Cominciamo dal cosa: il compressore comprime, come abbiamo detto, un segnale audio. La dinamica di un segnale è il range nel quale varia l'ampiezza di un segnale. Ad esempio, la dinamica di un brano musicale potrebbe essere tra 40 db e 90 db (ipoteticamente, tanto per fare un esempio). In questo caso la dinamica complessiva sarebbe di 50 db, ossia la differenza tra il valore massimo e quello minimo. Ciò descrive il fatto che i valori hanno la facoltà di variare in un intervallo (o, appunto, range) di 50 db complessivi. Abbiamo detto che per tutto il tempo per il quale la compressione è applicata, il segnale viene compresso in una gamma dinamica più ristretta di quella originaria. Attenzione: non è detto che, in termini di livelli, il segnale sia di livello più alto o più basso che in origine; ma certamente la differenza tra il massimo livello e il livello minimo del segnale compresso sarà minore della differenza tra il massimo livello e il livello minimo del segnale non compresso. Facciamo un esempio cambianfdo i valori: se il segnale originario assume valori oscillanti tra 10 db e 80 db, l'effetto del compressore potrebbe essere di fare in modo che il segnale venga "costretto" in un range compreso tra 50 db e 100 db. Come vediamo, il segnale avrà un valore massimo più alto del segnale originario, ma la sua gamma dinamica complessiva sarà stata "compressa" - appunto - da 70 db (80-10) a 50 db (100-50). Sarà anche possibile che lo stesso segnale venga compresso per assumere valori di ampiezza compresi tra 40 e 70 db: in questo caso la gamma dinamica è ancora più ristretta (soli 30 db) ma il valore massimo sarà inferiore a quello originario. In entrambi i casi c'è stata compressione. Come si fa a dire al compressore come modificare la gamma dinamica di un segnale? Diciamo per ora che il compressore agisce quando il segnale raggiunge una certa soglia o threshold, ossia un certo valore minimo prestabilito, regolato dall'utente, e che la "quantità" di compressione applicata viene stabilita mediante controlli di ratio e gain, oltre a controlli più fini come attack, release e knee. Vedremo tutti questi valori più avanti. Intanto vediamo cos'è un limiter. Il limiter propriamente detto è un processore di dinamica progettato per impedire ai segnali di oltrepassare un dato livello, generalmente regolabile, detto livello di soglia (threshold). A volte il limiter viene configurato come un vero e proprio "muro" ("brick wall" è esattamente il termine utilizzato) che impedisce al livello d'uscita di andare oltre la soglia stabilita, qualunque sia l'incremento del livello d'ingresso. L'effetto è quello di consentire al segnale solo un piccolo incremento (non lineare) nel livello d'uscita per qualsiasi incremento del livello d'ingresso oltre la soglia stabilita. Quest'azione, poichè elimina i picchi di livello di segnale in un programma, è conosciuta anche come "livellamento" (leveling), ed i limiter sono anche detti "amplificatori di livellamento audio" (audio leveling amplifiers). Parametri e valori Abbiamo già citato la threshold.

3 Questo è un valore fondamentale perchè stabilisce a partire da quale livello di input il compressore agisce sul segnale. Per valori inferiori alla threshold, il segnale passa attraverso il compressore senza subire modifiche. Ciò vuol dire che una parte del segnale - tutto ciò che è inferiore alla threshold - non viene affatto compressa. I valori assegnabili alla threshold variano generalmente tra -40 e +20 dbu. Per i segnali sopra la threshold, il rapporto tra la variazione nel livello d'ingresso (in db) e la variazione del livello di uscita - dopo la compressione - è conosciuto come "rapporto di compressione" o ratio. Attenzione: perchè per la ratio si parla di "variazione nel livello" e non semplicemente di "livello"? Se ci pensate un attimo è ovvio. Il compressore agisce sulla dinamica, per cui reagisce a variazioni di livello. Come abbiamo già detto, è la dinamica del segnale ad essere compressa. La ratio indica esattamente la percentuale della quale il compressore comprime le variazioni del livello d'ingresso. Con una ratio di 2:1, ad esempio, il compressore trasformerà una variazione di 20 db (ad esempio da 40 db a 60 db) in una variazione di 10 db. Vediamo questo esempio nella schermata del compressore grafico nel software soundforge.

4 La maggior parte dei limiter, che sono come abbiamo visto particolari compressori - avranno una ratio tra 8:1 e 20:1, o anche superiore. Se un'unità è impostata su una compressione di 8:1, allora un incremento nel livello d'ingresso di 8 db (assumendo che il segnale d'ingresso sia sopra il valore di soglia) risulterà come un incremento di 1 db nel livello d'uscita. Alcune unità offrono un valore di compressione infinita, dove nessun incremento del livello d'entrata sopra la soglia causerà un incremento nel livello di uscita. E' il caso del "muro" come abbiamo visto prima. In questo caso il compressore-limiter impone un livello massimo possibile di uscita al segnale. I compressori in genere usano una ratio più bassa dei limiter, normalmente tra 1,5:1 e 4:1. Vediamo un'impostazione di limiter nel compressore di soundforge.

5 Poichè la caratteristica di trasferimento (ossia la pendenza del grafico raffigurante il cambiamento in uscita del segnale in entrata) cambia al livello di soglia, la soglia o threshold è anche conosciuta come punto di rotazione (ma si tratta di una dicitura utilizzata molto raramente). Nel grafico che segue vediamo come cambia la risposta del compressore con un effetto combinato delle regolazioni di threshold e ratio.

6 I processori di dinamica hanno in generale due possibili modalità di funzionamento: ci sono quelli basati sui valori di picco e quelli che si basano sul valore "rms response". Ognuno dei due sistemi presenta i suoi vantaggi in differenti situazioni. Ad esempio, l'analisi basata sui picchi si rivela particolarmente efficace con le percussioni, mentre l'analisi rms dà migliori risultati con programmi complessi. Inoltre, il compressore ha due possibili modi di applicare la riduzione di gain (gain reduction) i cosiddetti "hard knee" e "soft knee". Alla lettera, queste locuzioni potrebbero essere tradotte come "ginocchio duro"e "ginocchio soffice". Il ginocchio è quello che prima abbiamo chiamato punto di rotazione della caratteristica di compressione, ossia il punto in cui il segnale raggiunge la threshold. Con un'impostazione di hard knee si ha una risposta più "meccanica" dal compressore, mentre il soft knee può garantire risultati più morbidi, con un senso più "musicale", in quanto la compressione inizia a lavorare in modo meno istantaneo e quindi, apparentemente, più naturale. Tra i valori che l'utente può modificare in un compressore che lavori in peak mode, ci sono l'attack e il release. I compressori che lavorano in rms mode regolano questi valori automaticamente. Con il valore di attacco (generalmente compreso tra 0.1 ms e 200 ms) si stabilisce quanto velocemente la circuiteria interna del compressore/limiter debba reagire ai cambiamenti nel livello del segnale d'ingresso. Quanto più lungo viene settato il tempo di attacco, tanta più parte della dinamica del segnale originale viene lasciata inalterata prima che entri in azione il compressore.

7 Con tempi d'attacco più lenti, si ottiene un suono più omogeneo, che tende a mantenere le caratteristiche dinamiche del segnale originale, ma in compenso il compressore non reagirà molto rapidamente a cambi di livello subitanei, e questo è un fattore di cui tenere conto nella regolazione del tempo di attacco. Vediamo un paio di esempi chiarificatori: con un tempo di attacco lungo su un suono di chitarra, si potrà ottenere una compressione che mantenga il classico attacco della pennata del chitarrista. Analogamente, un tempo di attacco lungo su una cassa di batteria conserva una parte del suono iniziale tipico di questo strumento. In questi casi, scegliere un tempo più lungo può rendere un suono più naturale e che non snatura le caratteristiche degli strumenti presi in esame. Un attacco cortissimo è invece necessario quando si usi un limiter per evitare forti picchi che possano danneggiare l'impianto. Il tempo di release (generalmente compreso tra 50 ms e 5 secondi) determina quanto impiega il compressore ad interrompere la propria azione. Con tempi di rilascio brevi, il compressore riproduce ogni minima variazione nel livello d'ingresso, il che può produrre un effetto irregolare di "ondulazione" che riduce la dinamica ma aumenta il livello di uscita. Tempi di rilascio più lunghi tendono a schiacciare maggiormente il segnale, producendo un output più basso ma mantenendo maggiormente le caratteristiche della dinamica del segnale originale. Un tempo di release molto lungo può essere utilizzato come un effetto, e infatti negli anni '60 una tecnica di registrazione molto diffusa utilizzava lunghi tempi di rilascio nella compressione della batteria. Nell'immagine che segue osserviamo l'effetto dei tempi di attacco e rilascio. Un altro valore da regolare su tutti i compressori è l'output gain, in genere variabile tra -20 e +20 db). Questo controllo è importantissimo e per capire come agisce bisogna aver capito molto bene come agisce la compressione. Nel processo di riduzione della dinamica, si ha un abbassamento del livello generale del segnale. Con la threshold a -20 db, una ratio di 10:1 ed un valore massimo di input di -10 db, il livello massimo di output sarà di -19 db. Come esercizio, verificate questo calcolo! Il controllo del gain di output è necessario per poter compensare questa perdita generale di livello, aumentando il livello del segnale in uscita. Nel nostro esempio, sarà necessario un output gain di +9 db per compensare l'effetto della compressione.

8 Attenzione: ciò causerà anche un incremento della regione situata sotto la threshold, il che comporta una maggiore "potenza" del segnale nel suo insieme (e questo è un effetto che può essere ricercato in molti casi) ma anche un incremento del rumore di fondo, per cui fate attenzione nel regolare questo parametro. E' ovvio inoltre che un output troppo alto può causare distorsione nel segnale. Vediamo ad esempio, nell'illustrazione che segue, prima il segnale originale, poi il segnale compresso senza aggiustamento del gain, e infine l'effetto della compensazione apportata con la regolazione del gain output. Nella prossima illustrazione invece vediamo l'effetto di distorsione causato da un eccesssivo aumento del gain, un errore da evitare attentamente!

9 A cosa serve il limiter? Generalmente i limiter sono usati solo per processare i picchi di un programma, e questo è il motivo per cui sono anche conosciuti come limitatori di picco (peak limiters). Nel settore delle trasmissioni radio-televisive (broadcast), tali unità impediscono una "sovramodulazione" del segnale trasmesso. Nell'amplificazione dal vivo (sound reinforcement) possono essere usati per proteggere i diffusori da eventuali danni meccanici nel caso, ad esempio, della caduta di un microfono (limitando il livello di picco che sarà fornito all'amplificatore ed agli altoparlanti). Nell'incisione dei dischi (parliamo ovviamente dei dischi in vinile), essi prevengono un'eccessiva escursione della puntina di incisione, che potrebbe altrimenti causare la fusione di solchi adiacenti e perciò conseguenti salti quando il disco impresso viene riprodotto. Il limiter viene utilizzato in tutte quelle situazioni in cui un improvviso incremento del livello del segnale possa essere dannoso. A cosa serve la compressione? La compressione ha una molteplicità di utilizzi. Nella registrazione di nastri, nel broadcast o nell'amplificazione dal vivo, la compressione può essere usata per schiacciare la gamma dinamica di un programma al fine di adattarlo alla memorizzazione o al mezzo di riproduzione. Non è detto infatti che il supporto sia in grado di reggere una gamma dinamica molto ampia.

10 Se il tetto del rumore al punto di saturazione del nastro rappresenta una gamma dinamica di 50 db, e il programma suonato ha una gamma dinamica di 100 db (il tetto di rumore al livello di picco), allora una compressione di 2:1 adatta il programma a stare sul nastro. In ogni situazione in cui il livello del rumore d'ambiente è alto, e il livello massimo del suono che può essere riprodotto è limitato (è il caso di sistemi audio che lavorano in ambienti industriali o commerciali) la compressione può essere usata per schiacciare il programma in una gamma dinamica molto piccola, e questa gamma può essere riprodotta appena sotto la capacità massima di uscita del sistema sonoro. Prendiamo ad esempio il sistema audio di uno stadio. Poniamo che il livello di rumore d'ambiente durante un evento sia regolarmente al di sopra dei 95 db SPL (durante acclamazioni ed applausi) e che il massimo livello sonoro che il sistema di amplificazione può sprigionare al centro del pubblico sia di 110 db SPL, per cui avremo 15 db di effettiva gamma dinamica. La voce di un presentatore allenato può avere una gamma dinamica di 30 db (voci non allenate variano di più). Applicando una compressione di 2:1 alla voce, l'intero programma è schiacciato a 15 db, e può essere quindi riprodotto dal sistema sonoro a livelli udibili dal pubblico. Questa è una spiegazione molto semplificata, poichè spesso un programma coerente come la voce si può discernere anche al di sotto del livello di rumore casuale, ma questo dipende da fattori psicoacustici che non approfondiremo in questo tutorial. Differenza tra limiter e compressore Poichè la circuiteria è quasi identica, la reale distinzione tra un compressore e un limiter sta nel modo in cui il dispositivo viene usato. Molti di questi dispositivi sono progettati per svolgere entrambe le funzioni. Essi hanno un'ampia gamma di impostazioni del valore di soglia e del valore del rapporto di compressione (ratio), e a volte anche dei valori dei tempi di attacco e di rilascio, e sono quindi conosciuti come compressori/limiter. Come funzionano i compressori/limiter La circuiteria di un compressore o di un limiter può essere molto complessa ed è difficile comprenderne da profani l'intero funzionamento. Vediamo però quali sono le componenti essenziali. In generale c'è un amplificatore controllato in tensione (control voltage amplifier, VCA) il cui guadagno (gain) può essere variato in base al voltaggio applicato. Viene utilizzato un circuito di rilevazione detto side chain, ovvero, tradotto alla lettera, catena laterale, che contiene il valore di soglia e le regolazioni dei tempi di attacco e di rilascio, e che campiona il segnale in ingresso per creare un segnale di controllo. Il segnale di controllo viene quindi applicato al VCA. Solitamente ci sono anche controlli dei livelli di ingresso ed uscita, e può esserci un circuito contatore (meter) che può essere impostato, tramite un controllo di tipo switch, per indicare il livello d'ingresso, il livello di uscita e/o la quantità di riduzione del gain in ogni istante.

11 Uno dei fattori più importanti che distingue un compressore/limiter da un altro è il metodo col quale ognuno individua il livello del segnale d'ingresso. Alcune unità, in particolare i limiter per il broadcast o per l'incisione, operano basandosi sul picco istantaneo del segnale d'ingresso; altre unità operano basandosi sul livello medio del segnale; altre ancora individuano il livello root mean square (rms). Qual'è la differenza? Il sistema basato sul calcolo del livello di picco, in particolare con una ratio alta, può essere utilizzato per impedire al segnale in uscita di superare un valore prestabilito, anche solo per una frazione di secondo. Inoltre tale sistema abbasserà il livello di uscita in presenza di un picco momentaneo, il che in alcuni casi è più problematico che impedire al picco di raggiungere l'uscita. I sistemi basati sul calcolo dei livelli medio ed rms possono permettere ad una frazione di ciclo, o anche a molti cicli di segnale di livello più alto della soglia, di passare prima che la compressione ne abbassi il livello. Ciò renderà il suono più naturale, in modo particolare quando la soglia è regolata in modo tale da applicare una compressione moderata ad una larga percentuale del programma o a tutto il programma. Il calcolo della media del livello di segnale viene fatto da un circuito relativamente semplice. Comunque, è il sistema basato sul calcolo del valore rms quello che corrisponde meglio al modo in cui le nostre orecchie percepiscono i volumi relativi, non quello basato sul calcolo della media numerica. Il calcolo del valore rms è però più difficoltoso da effettuare. Con un'onda sinusoidale pura, il valore rms del segnale è 1,414 volte il livello di picco, ma con un segnale audio complesso il valore rms non si ricava così facilmente. Si utilizza la tecnologia LED/LDR: si è scoperto che la luce emessa da una lampadina o da un LED eccitati da un segnale AC corrisponde al valore rms di quel segnale. Una sorgente di luce (ad esempio un LED) eccitata da un segnale d'ingresso campionato può essere usata per eccitare un resistore dipendente dalla luce (LDR), che modula il controllo in tensione per l'amplificatore VCA. Ci sono altri rilevatori di rms anche più complessi che non si affidano alla tecnologia LED/LDR. La velocità alla quale il gain viene ridotto, in risposta ad un aumento del segnale d'ingresso, è definita sia come tempo d'attacco (attack time, in millisecondi) che come quota d'attacco (attack rate in db al secondo). Il termine varia a seconda della natura della circuiteria e a seconda di come il costruttore tratta questi parametri. La velocità alla quale il gain viene riportato al valore originale dopo che l'impulso d'ingresso è stato rimosso è noto come tempo di rilascio (release time) oppure come quota di rilascio (release rate). Su alcuni compressori/limiter il circuito di rilevazione o side chain è portato ad un paio di connettori di input/output. Ciò permette di usare dei processori di segnale nella side chain. Se si vuole più compressione in risposta a segnali ad alta frequenza, si può inserire un equalizzatore nella

12 catena con un incremento (boost) sulle frequenze alte. Questa configurazione viene spesso utilizzata per il de-essing, per cui le sibilanze della voce vengono rimosse da una compressione differenziata. Se si usa un equalizzatore con un taglio (cut) sulle basse frequenze, il compressore lascia passare i suoni di una batteria più o meno inalterati, ma può tagliare una nota alta di sintetizzatore relativamente meno potente ma più pericolosa per i tweeter. Se si inserisce un breve ritardo di segnale nel percorso del segnale principale, e l'input del side chain viene alimentato in un punto che precede il ritardo, può essere ottenuto un tempo d'attacco zero o anche un inusuale effetto di precompressione, dove la compressione si sente prima del segnale che la provoca (questo assomiglia al suono di una registrazione su nastro riprodotta al contrario). A puro titolo di curiosità, riporto lo schema di un semplice circuito di compressore. Qualche consiglio per le regolazioni Non è possibile dare delle regole da seguire in tutti i casi per una buona compressione. E' possibile però mettere insieme dei consigli di massima, da apllicare "cum grano salis" e soprattutto fidandosi, come al solito, di ciò che ci dice l'orecchio. Iniziamo dai valori di attacco e rilascio. Non esiste un valore di attacco o di rilascio che sia ottimale per ogni situazione. Come abbiamo già detto, un attacco troppo rapido causa fluttuazioni innaturali nel livello del programma, ed una considerevole distorsione del segnale a bassa frequenza quando il compressore cerca di "cavalcare" la forma d'onda. Un attacco troppo lento consente all'output di eccedere il livello che è stato scelto come il massimo desiderato prima che il compressore/limiter abbia il tempo di agire. Un rilascio troppo rapido, invece, causa pulsazioni o respiri (breathing) quando il gain cambia rapidamente, ed un rilascio troppo lento fa sì che le porzioni del programma a livello più basso vadano perse, poichè accade che il gain di uscita viene ancora ridotto in risposta ad uno stimolo d'ingresso che in realtà non è più ad alto volume. I costruttori in genere forniscono tempi di attacco e rilascio che cambiano automaticamente in risposta al segnale d'ingresso, oppure modificabili manualmente. Sebbene molti preferiscano sempre le regolazioni manuali, a volte certi errori di regolazione causano seri problemi nel suono, per cui è utile provare innanzi tutto ad utilizzare i parametri automatici. Alcuni modelli hanno sia il modo automatico sia quello manuale. Se si preferisce regolare manualmente i parametri, è

13 comunque preferibile seguire i suggerimenti forniti dal costruttore dell'apparecchio. In assenza di questi, ecco alcuni consigli. Prima di tutto è bene regolare il controllo del livello d'ingresso in modo che il segnale sia ben al di sopra del rumore di fondo, ma senza causare distorsioni. La soglia e la ratio vanno impostate su valori che siano di volta in volta appropriati alla situazione. Per la protezione degli altoparlanti, ad esempio, la soglia dovrebbe essere regolata ad un valore che impedisca all'amplificatore di potenza di esprimere il livello stabilito come limite meccanico per gli altoparlanti. Poniamo che la capacità dei diffusori sia di 100 watt continui e di 200 watt di picco, e che l'amplificatore di potenza possa emettere 200 watt all'impedenza di carico degli altoparlanti (dato un ingresso a +4 dbu). Supponiamo anche che l'attenuatore di ingresso dell'amplificatore di potenza sia abbassato di 10 db (per semplicità, assumiamo che i controlli di livello d'ingresso e d'uscita del compressore siano regolati senza attenuazione attraverso l'apparecchio quando non c'è compressione). In questo caso, un segnale di +14 dbu applicato all'amplificatore fa sì che questo mandi 200 watt agli altoparlanti. La soglia e la ratio del compressore/limiter devono quindi essere regolati in modo da non superare i +14 dbu. Se si vuole conservare quanto più possibile della dinamica naturale del programma, bisogna impostare la soglia a +10 dbu. Questi criteri richiedono che ogni segnale in ingresso, non importa quanto forte, non faccia aumentare il livello di uscita di più di 4 db sopra questo valore. Assumiamo che, data la capacità dell'equipaggiamento che fornisce il segnale al compressore/limiter, nessun segnale in ingresso superi i +26 db. Sottraiamo +10 da +26 e vediamo che una gamma dinamica di 16 db deve essere compressa in 4 db, ed una semplice operazione matematica ci mostra che una ratio di 4:1 sarà in gredo di fare il lavoro necessario. Se invece avessimo impostato la soglia a +13 dbu, avremmo dovuto restringere i restanti 13 db (26 db di dinamica meno 13 db) di possibile aumento del segnale d'ingresso ad 1 db solamente di aumento del segnale di uscita (una ratio di 13:1). Questo sarebbe matematicamente corretto, ma valori di ratio molto alti suonano meno naturali poichè l'effetto viene prodotto tutto in una volta. Questo va bene se si programma di controllare attentamente i segnali d'ingresso per evitare la regione sopra la soglia, e in questo caso l'azione di limiter è veramente solo una protezione a "muro". Applicato un segnale al compressore/limiter, ascoltate il segnale in uscita (e se possibile valutatelo con un meter o un oscilloscopio) mentre regolate l'attacco. Se state usando il sistema come limiter (ad esempio per proteggere i diffusori o per evitare problemi d'incisione) usate il tempo più rapido che potete senza udire distorsione. Se state usando il sistema come compressore (ad esempio per livellare una voce o per aumentare il sustain di una chitarra elettrica) usate l'attacco più lento possibile, coerentemente con un controllo del livello di uscita ragionevole. Impostate un tempo di rilascio abbastanza lento da non sentire una pulsazione o un respiro eccessivi, ma abbastanza veloce da impedire che il segnale sia tagliato inutilmente dopo un passaggio a volume alto. In bocca al lupo e buona compressione!

Cenni su Preamplificatori, mixer e segnali

Cenni su Preamplificatori, mixer e segnali Cenni su Preamplificatori, mixer e segnali Preamplificazione: spalanca le porte al suono! Tra mixer, scheda audio, amplificazione, registrazione, il segnale audio compie un viaggio complicato, fatto a

Dettagli

Fonica: Scheda 2. Il suono. Il rumore. (a cura di Pietro Di Mascolo)

Fonica: Scheda 2. Il suono. Il rumore. (a cura di Pietro Di Mascolo) Fonica: Scheda 2 (a cura di Pietro Di Mascolo) Il suono Possiamo definire il suono come una particolare sensazione percepita dall organo dell udito eccitato da un agente esterno. Esso ha origine dal movimento

Dettagli

Sviluppo di procedure di misura complesse basate su tone bursts

Sviluppo di procedure di misura complesse basate su tone bursts Sviluppo di procedure di misura complesse basate su tone bursts M. Bigi, M. Jacchia, D. Ponteggia Metodi di misura e di elaborazione del segnale nella riproduzione elettroacustica del suono Rimini, 38

Dettagli

AUDIOSCOPE Mod. 2813-E - Guida all'uso. Rel. 1.0 DESCRIZIONE GENERALE.

AUDIOSCOPE Mod. 2813-E - Guida all'uso. Rel. 1.0 DESCRIZIONE GENERALE. 1 DESCRIZIONE GENERALE. DESCRIZIONE GENERALE. L'analizzatore di spettro Mod. 2813-E consente la visualizzazione, in ampiezza e frequenza, di segnali musicali di frequenza compresa tra 20Hz. e 20KHz. in

Dettagli

ELABORAZIONE DEL VALORE MEDIO NELLE MISURE ELETTRONICHE

ELABORAZIONE DEL VALORE MEDIO NELLE MISURE ELETTRONICHE NOTE PER IL TECNICO ELABORAZIONE DEL VALORE MEDIO NELLE MISURE ELETTRONICHE da BRUEL & KJAER Le cosiddette «application notes» pubblicate a cura della Bruel & Kjaer, nota Fabbrica danese specializzata

Dettagli

DALLA TEORIA ALLA PRATICA

DALLA TEORIA ALLA PRATICA DALLA TEORIA ALLA PRATICA Comunicare a distanza: il telefono a filo La prima esperienza di telecomunicazione (dal greco tele = distante) si realizza con due piccoli contenitori di plastica, cartone o metallo,

Dettagli

IL SAMPLE AND HOLD UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO. Progetto di Fondamenti di Automatica. PROF.: M. Lazzaroni

IL SAMPLE AND HOLD UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO. Progetto di Fondamenti di Automatica. PROF.: M. Lazzaroni UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI Corso di Laurea in Informatica IL SAMPLE AND HOLD Progetto di Fondamenti di Automatica PROF.: M. Lazzaroni Anno Accademico

Dettagli

ELABORARE FILE AUDIO CON AUDACITY Tutorial per le prime funzionalità

ELABORARE FILE AUDIO CON AUDACITY Tutorial per le prime funzionalità ELABORARE FILE AUDIO CON AUDACITY Tutorial per le prime funzionalità INDICE 1. Caricare un file audio. p. 2 2. Riprodurre una traccia. p. 2 3. Tagliare una traccia... p. 3 4. Spostare una traccia. p. 3

Dettagli

TELECOMUNICAZIONI (TLC) Generico sistema di telecomunicazione (TLC) Trasduttore. Attuatore CENNI DI TEORIA (MATEMATICA) DELL INFORMAZIONE

TELECOMUNICAZIONI (TLC) Generico sistema di telecomunicazione (TLC) Trasduttore. Attuatore CENNI DI TEORIA (MATEMATICA) DELL INFORMAZIONE TELECOMUNICAZIONI (TLC) Tele (lontano) Comunicare (inviare informazioni) Comunicare a distanza Generico sistema di telecomunicazione (TLC) Segnale non elettrico Segnale elettrico TRASMESSO s x (t) Sorgente

Dettagli

User Manual ULTRA-DI DI20. Professional Active 2-Channel DI-Box/Splitter

User Manual ULTRA-DI DI20. Professional Active 2-Channel DI-Box/Splitter User Manual ULTRA-DI DI20 Professional Active 2-Channel DI-Box/Splitter 2 ULTRA-DI DI20 Indice Grazie...2 1. Benvenuti alla BEHRINGER!...6 2. Elementi di Comando...6 3. Possibilità Di Connessione...8 3.1

Dettagli

Legga attentamente questo manuale prima di utilizzare o installare il prodotto!

Legga attentamente questo manuale prima di utilizzare o installare il prodotto! MANUALE GENERALE Gentile cliente, benvenuto nella famiglia NewTec e grazie per la fiducia dimostrata con l acquisto di questi altoparlanti. Optando per un sistema audio di altissimo design ha dimostrato

Dettagli

Mini manuale di Audacity.

Mini manuale di Audacity. Mini manuale di Audacity. Questo mini manuale è parte del corso on-line Usare il software libero di Altrascuola. Il corso è erogato all'interno del portale per l'e-learning Altrascuola con la piattaforma

Dettagli

DAL SUONO AL SEGNO GRAFICO

DAL SUONO AL SEGNO GRAFICO Teoria musicale - 2 DAL SUONO AL SEGNO GRAFICO IL FENOMENO FISICO DEL SUONO Il suono è un fenomeno fisico generato dalla vibrazione di un corpo e percepito dal nostro sistema uditivo. La vibrazione viene

Dettagli

tanhαl + i tan(ωl/v) 1 + i tanh αl tan(ωl/v). (10.1)

tanhαl + i tan(ωl/v) 1 + i tanh αl tan(ωl/v). (10.1) 10 - La voce umana Lo strumento a fiato senz altro più importante è la voce, ma è anche il più difficile da trattare in modo esauriente in queste brevi note, a causa della sua complessità. Vediamo innanzitutto

Dettagli

Strumenti Elettronici Analogici/Numerici

Strumenti Elettronici Analogici/Numerici Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Firenze Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni Strumenti Elettronici Analogici/Numerici Ing. Andrea Zanobini Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni

Dettagli

ALTOPARLANTE SUPER BASS PORTATILE BLUETOOTH

ALTOPARLANTE SUPER BASS PORTATILE BLUETOOTH ALTOPARLANTE SUPER BASS PORTATILE BLUETOOTH Manuale DA-10287 Grazie per aver acquistato l'altoparlante portatile Super Bass Bluetooth DIGITUS DA-10287! Questo manuale d'istruzioni vi aiuterà ad iniziare

Dettagli

Come ha detto? Pacchetto didattico sul rumore e sulle lesioni uditive. Esercizi di approfondimento 60 minuti semplici 2009-0303

Come ha detto? Pacchetto didattico sul rumore e sulle lesioni uditive. Esercizi di approfondimento 60 minuti semplici 2009-0303 Come ha detto? Pacchetto didattico sul rumore e sulle lesioni uditive Esercizi di approfondimento 60 minuti semplici Obiettivo Gli studenti sono in grado di approfondire in maniera corretta informazioni

Dettagli

Manuale d'istruzioni. Alimentatore DC Programmabile 200 Watt (40 Volt / 5 Amp) Modello 382280

Manuale d'istruzioni. Alimentatore DC Programmabile 200 Watt (40 Volt / 5 Amp) Modello 382280 Manuale d'istruzioni Alimentatore DC Programmabile 200 Watt (40 Volt / 5 Amp) Modello 382280 382280 Introduzione Congratulazioni per aver acquistato l'alimentatore DC Programmabile 382280 della Extech.

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca Trascrizione del testo e redazione delle soluzioni di Paolo Cavallo. La prova Il candidato svolga una relazione

Dettagli

Appunti di Misure Elettriche Richiami vari Quantità elettriche corrente ampere elettroni

Appunti di Misure Elettriche Richiami vari Quantità elettriche corrente ampere elettroni Appunti di Misure Elettriche Richiami vari QUANTITÀ ELETTRICHE... 1 Corrente... 1 Tensione... 2 Resistenza... 3 Polarità... 3 Potenza... 4 CORRENTE ALTERNATA... 4 Generalità... 4 Valore efficace... 5 Valore

Dettagli

Telefono Sirio lassico

Telefono Sirio lassico GUIDA USO Telefono Sirio lassico 46755H Aprile 2013 3 Indice INTRODUZIONE...1 CARATTERISTICHE TECNICHE E FUNZIONALI...1 CONTENUTO DELLA CONFEZIONE...1 INSTALLAZIONE...2 DESCRIZIONE DELL APPARECCHIO...3

Dettagli

Trattamento aria Regolatore di pressione proporzionale. Serie 1700

Trattamento aria Regolatore di pressione proporzionale. Serie 1700 Trattamento aria Serie 7 Serie 7 Trattamento aria Trattamento aria Serie 7 Serie 7 Trattamento aria +24VDC VDC OUTPUT MICROPROCESS. E P IN EXH OUT Trattamento aria Serie 7 Serie 7 Trattamento aria 7 Trattamento

Dettagli

GUIDA ALLE SOLUZIONI

GUIDA ALLE SOLUZIONI La caratteristica delle trasmissioni digitali è " tutto o niente ": o il segnale è sufficiente, e quindi si riceve l'immagine, oppure è insufficiente, e allora l'immagine non c'è affatto. Non c'è quel

Dettagli

FUNZIONAMENTO DI UN BJT

FUNZIONAMENTO DI UN BJT IL TRANSISTOR BJT Il transistor inventato nel 1947, dai ricercatori Bardeen e Brattain, è il componente simbolo dell elettronica. Ideato in un primo momento, come sostituto delle valvole a vuoto per amplificare

Dettagli

Metodi e Strumenti per la Caratterizzazione e la Diagnostica di Trasmettitori Digitali RF ing. Gianfranco Miele g.miele@unicas.it

Metodi e Strumenti per la Caratterizzazione e la Diagnostica di Trasmettitori Digitali RF ing. Gianfranco Miele g.miele@unicas.it Corso di laurea magistrale in Ingegneria delle Telecomunicazioni Metodi e Strumenti per la Caratterizzazione e la Diagnostica di Trasmettitori Digitali RF ing. Gianfranco Miele g.miele@unicas.it Trasmettitore

Dettagli

Una scuola vuole monitorare la potenza elettrica continua di un pannello fotovoltaico

Una scuola vuole monitorare la potenza elettrica continua di un pannello fotovoltaico ESAME DI STATO PER ISTITUTI PROFESSIONALI Corso di Ordinamento Indirizzo: Tecnico delle industrie elettroniche Tema di: Elettronica, telecomunicazioni ed applicazioni Gaetano D Antona Il tema proposto

Dettagli

MASTERSOUND 300 B S. E. Amplificatore integrato in classe A Single ended. Congratulazioni per la Vostra scelta

MASTERSOUND 300 B S. E. Amplificatore integrato in classe A Single ended. Congratulazioni per la Vostra scelta MASTERSOUND 300 300 B S. E. Amplificatore integrato in classe A Single ended Congratulazioni per la Vostra scelta Il modello 300 B S.E. che Voi avete scelto è un amplificatore integrato stereo in pura

Dettagli

AUTORIZZAZIONE DELLA SUITE DI PLUG IN SAFFIRE VST/AU Dovrete autorizzare la vostra suite di plug-in Saffire, prima di poterla utilizzare.

AUTORIZZAZIONE DELLA SUITE DI PLUG IN SAFFIRE VST/AU Dovrete autorizzare la vostra suite di plug-in Saffire, prima di poterla utilizzare. GUIDA VELOCE INTRODUZIONE Questa Guida è stata scritta per offrirvi le informazioni necessarie per iniziare ad utilizzare Saffire LE, installare il software fornito, autorizzare la suite di plug-in VST/AU

Dettagli

Accuratezza di uno strumento

Accuratezza di uno strumento Accuratezza di uno strumento Come abbiamo già accennato la volta scora, il risultato della misurazione di una grandezza fisica, qualsiasi sia lo strumento utilizzato, non è mai un valore numerico X univocamente

Dettagli

PROGETTO E SIMULAZIONI DEL SISTEMA PROPRIETARIO DI LINEE DI TRASMISSIONE. (DDDL= Dual Drive Dual Line) Implementato per il modello CANTICO CX8.

PROGETTO E SIMULAZIONI DEL SISTEMA PROPRIETARIO DI LINEE DI TRASMISSIONE. (DDDL= Dual Drive Dual Line) Implementato per il modello CANTICO CX8. 1 PROGETTO E SIMULAZIONI DEL SISTEMA PROPRIETARIO DI LINEE DI TRASMISSIONE D3L (DDDL= Dual Drive Dual Line) Implementato per il modello CANTICO CX8. CX via ottavio rinuccini, 3 milano info@labirintiacustici.it

Dettagli

LA REGISTRAZIONE DEI FILE AUDIO.WAV IN CONTEMPORANEA CON LE MISURE FONOMETRICHE.

LA REGISTRAZIONE DEI FILE AUDIO.WAV IN CONTEMPORANEA CON LE MISURE FONOMETRICHE. Pagina 1 di 5 LA REGISTRAZIONE DEI FILE AUDIO.WAV IN CONTEMPORANEA CON LE MISURE FONOMETRICHE. A. Armani G. Poletti Spectra s.r.l. Via Magellano 40 Brugherio (Mi) SOMMARIO. L'impiego sempre più diffuso

Dettagli

Controllare un nastro trasportatore fischertechnik con Arduino

Controllare un nastro trasportatore fischertechnik con Arduino TITOLO ESPERIENZA: Controllare un nastro trasportatore fischertechnik con Arduino PRODOTTI UTILIZZATI: OBIETTIVO: AUTORE: RINGRAZIAMENTI: Interfacciare e controllare un modello di nastro trasportatore

Dettagli

ipod nano Guida alle funzionalità

ipod nano Guida alle funzionalità ipod nano Guida alle funzionalità 1 Indice Capitolo 1 4 Nozioni di base di ipod nano 5 Panoramica su ipod nano 5 Utilizzare i controlli di ipod nano 7 Disabilitare i controlli di ipod nano 8 Utilizzare

Dettagli

Elettronica delle Telecomunicazioni Esercizi cap 2: Circuiti con Ampl. Oper. 2.1 Analisi di amplificatore AC con Amplificatore Operazionale reale

Elettronica delle Telecomunicazioni Esercizi cap 2: Circuiti con Ampl. Oper. 2.1 Analisi di amplificatore AC con Amplificatore Operazionale reale 2. Analisi di amplificatore AC con Amplificatore Operazionale reale Un amplificatore è realizzato con un LM74, con Ad = 00 db, polo di Ad a 0 Hz. La controreazione determina un guadagno ideale pari a 00.

Dettagli

TRACER218 MODULO DATALOGGER RS485 MODBUS SPECIFICA PRELIMINARE

TRACER218 MODULO DATALOGGER RS485 MODBUS SPECIFICA PRELIMINARE TRACER218 MODULO DATALOGGER RS485 MODBUS SPECIFICA PRELIMINARE V.00 AGOSTO 2012 CARATTERISTICHE TECNICHE Il modulo TRACER218 485 è un dispositivo con porta di comunicazione RS485 basata su protocollo MODBUS

Dettagli

Ogni frazione si può trasformare, dividendo il numeratore per il denominatore, in un numero che sarà:

Ogni frazione si può trasformare, dividendo il numeratore per il denominatore, in un numero che sarà: Ogni frazione si può trasformare, dividendo il numeratore per il denominatore, in un numero che sarà: naturale, se la frazione è apparente. Esempi: 4 2 2 60 12 5 24 8 decimale limitato o illimitato, se

Dettagli

bipolari, quando essi, al variare del tempo, assumono valori sia positivi che negativi unipolari, quando essi non cambiano mai segno

bipolari, quando essi, al variare del tempo, assumono valori sia positivi che negativi unipolari, quando essi non cambiano mai segno Parametri dei segnali periodici I segnali, periodici e non periodici, si suddividono in: bipolari, quando essi, al variare del tempo, assumono valori sia positivi che negativi unipolari, quando essi non

Dettagli

L'amplificatore operazionale - principi teorici

L'amplificatore operazionale - principi teorici L'amplificatore operazionale - principi teorici Cos'è? L'amplificatore operazionale è un circuito integrato che produce in uscita una tensione pari alla differenza dei suoi due ingressi moltiplicata per

Dettagli

LE VALVOLE PNEUMATICHE

LE VALVOLE PNEUMATICHE LE VALVOLE PNEUMATICHE Generalità Le valvole sono apparecchi per il comando, per la regolazione della partenza, arresto e direzione, nonché della pressione e passaggio di un fluido proveniente da una pompa

Dettagli

I db, cosa sono e come si usano. Vediamo di chiarire le formule.

I db, cosa sono e come si usano. Vediamo di chiarire le formule. I db, cosa sono e come si usano. Il decibel è semplicemente una definizione; che la sua formulazione è arbitraria o, meglio, è definita per comodità e convenienza. La convenienza deriva dall osservazione

Dettagli

L=F x s lavoro motore massimo

L=F x s lavoro motore massimo 1 IL LAVORO Nel linguaggio scientifico la parola lavoro indica una grandezza fisica ben determinata. Un uomo che sposta un libro da uno scaffale basso ad uno più alto è un fenomeno in cui c è una forza

Dettagli

Soluzioni per la comunicazione al pubblico Plena Un approccio flessibile per la gestione audio

Soluzioni per la comunicazione al pubblico Plena Un approccio flessibile per la gestione audio Soluzioni per la comunicazione al pubblico Plena Un approccio flessibile per la gestione audio 2 Soluzioni per la comunicazione al pubblico Plena Il vostro sistema per la comunicazione al pubblico di facile

Dettagli

Compressori serie P Dispositivi elettrici (PA-05-02-I)

Compressori serie P Dispositivi elettrici (PA-05-02-I) Compressori serie P Dispositivi elettrici (PA-05-02-I) 5. MOTORE ELETTRICO 2 Generalità 2 CONFIGURAZIONE PART-WINDING 2 CONFIGURAZIONE STELLA-TRIANGOLO 3 Isolamento del motore elettrico 5 Dispositivi di

Dettagli

Caratteristiche raccomandate del Network in un progetto di Home Automation

Caratteristiche raccomandate del Network in un progetto di Home Automation Caratteristiche raccomandate del Network in un progetto di Home Automation Uno degli aspetti progettuali più importanti di un sistema Control4 è la rete. Una rete mal progettata, in molti casi, si tradurrà

Dettagli

Circuiti Elettrici. Schema riassuntivo. Assumendo positive le correnti uscenti da un nodo e negative quelle entranti si formula l importante

Circuiti Elettrici. Schema riassuntivo. Assumendo positive le correnti uscenti da un nodo e negative quelle entranti si formula l importante Circuiti Elettrici Schema riassuntivo Leggi fondamentali dei circuiti elettrici lineari Assumendo positive le correnti uscenti da un nodo e negative quelle entranti si formula l importante La conseguenza

Dettagli

LAVORO, ENERGIA E POTENZA

LAVORO, ENERGIA E POTENZA LAVORO, ENERGIA E POTENZA Nel linguaggio comune, la parola lavoro è applicata a qualsiasi forma di attività, fisica o mentale, che sia in grado di produrre un risultato. In fisica la parola lavoro ha un

Dettagli

ALLENARSI CON LA FASCIA CARDIO

ALLENARSI CON LA FASCIA CARDIO ALLENARSI CON LA FASCIA CARDIO Come effettuare il monitoraggio dei nostri allenamenti? Spesso è difficile misurare il livello di sforzo di una particolare gara o sessione di allenamento. Come vi sentite?

Dettagli

Cenni di Elettronica non Lineare

Cenni di Elettronica non Lineare 1 Cenni di Elettronica non Lineare RUOLO DELL ELETTRONICA NON LINEARE La differenza principale tra l elettronica lineare e quella non-lineare risiede nel tipo di informazione che viene elaborata. L elettronica

Dettagli

Gli attuatori. Breve rassegna di alcuni modelli o dispositivi di attuatori nel processo di controllo

Gli attuatori. Breve rassegna di alcuni modelli o dispositivi di attuatori nel processo di controllo Gli attuatori Breve rassegna di alcuni modelli o dispositivi di attuatori nel processo di controllo ATTUATORI Definizione: in una catena di controllo automatico l attuatore è il dispositivo che riceve

Dettagli

Forma d onda rettangolare non alternativa.

Forma d onda rettangolare non alternativa. Forma d onda rettangolare non alternativa. Lo studio della forma d onda rettangolare è utile, perché consente di conoscere il contenuto armonico di un segnale digitale. FIGURA 33 Forma d onda rettangolare.

Dettagli

ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione.

ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione. ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione. COMPETENZE MINIME- INDIRIZZO : ELETTROTECNICA ED AUTOMAZIONE 1) CORSO ORDINARIO Disciplina: ELETTROTECNICA

Dettagli

L OSCILLOSCOPIO. L oscilloscopio è il più utile e versatile strumento di misura per il test delle apparecchiature e dei

L OSCILLOSCOPIO. L oscilloscopio è il più utile e versatile strumento di misura per il test delle apparecchiature e dei L OSCILLOSCOPIO L oscilloscopio è il più utile e versatile strumento di misura per il test delle apparecchiature e dei circuiti elettronici. Nel suo uso abituale esso ci consente di vedere le forme d onda

Dettagli

Spider IV 15 Manuale del Pilota

Spider IV 15 Manuale del Pilota Spider IV 15 Manuale del Pilota 40-00-0187 Cliccate su www.line6.com/manuals per scaricare questo libretto d istruzioni Rev D Istruzioni per la vostra sicurezza ATTENZIONE RISCHIO DI SCOSSE ELETTRICHE

Dettagli

CAP X GLI INTERVALLI. Teoria musicale - 13

CAP X GLI INTERVALLI. Teoria musicale - 13 Teoria musicale - 13 CAP X GLI INTERVALLI Quando si parla di intervalli nella teoria musicale, si intende la valutazione tonale della distanza tra due note. Non si tratta quindi l argomento dal punto di

Dettagli

Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda

Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda Figura 1: Foto dell apparato sperimentale. 1 Premessa 1.1 Velocità delle onde trasversali in una corda E esperienza comune che quando

Dettagli

COMPRESSORE ROTATIVO A VITE CSM MAXI 7,5-10 - 15-20 HP

COMPRESSORE ROTATIVO A VITE CSM MAXI 7,5-10 - 15-20 HP LABORATORI INDUSTRIA COMPRESSORE ROTATIVO A VITE CSM MAXI HP SERVIZIO CLIENTI CSM Maxi la Gamma MAXI HP Una soluzione per ogni esigenza Versione su Basamento Particolarmente indicato per installazioni

Dettagli

Sistema theremino Collegare celle di carico ai Pin di tipo ADC

Sistema theremino Collegare celle di carico ai Pin di tipo ADC Sistema theremino Collegare celle di carico ai Pin di tipo ADC Sistema theremino Connecting Load Cells - 7 aprile 2015 - Pagina 1 Tutto è iniziato da qui Su ebay si trovano celle di carico che costano

Dettagli

Guida al backup. 1. Introduzione al backup. Backup dei dati una parte necessaria nella gestione dei rischi. Backup su nastro media ideale

Guida al backup. 1. Introduzione al backup. Backup dei dati una parte necessaria nella gestione dei rischi. Backup su nastro media ideale 1. Introduzione al backup Guida al backup Backup dei dati una parte necessaria nella gestione dei rischi Con l aumentare dei rischi associati a virus, attacchi informatici e rotture hardware, implementare

Dettagli

Il motore a corrente continua, chiamato così perché per. funzionare deve essere alimentato con tensione e corrente

Il motore a corrente continua, chiamato così perché per. funzionare deve essere alimentato con tensione e corrente 1.1 Il motore a corrente continua Il motore a corrente continua, chiamato così perché per funzionare deve essere alimentato con tensione e corrente costante, è costituito, come gli altri motori da due

Dettagli

1 di 6 29/06/2014 11:51

1 di 6 29/06/2014 11:51 1 di 6 29/06/2014 11:51 Nuova sezione Fine Tuning! Per parlare di cavi, connettori, tavolini, accessori vari, tutto ciò che occorre per aggiungere quel piccolo quid che manca al vostro impianto. "Il suono

Dettagli

TESTER PROVA ALIMENTATORI A 12 VOLT CC CON CARICO VARIABILE MEDIANTE COMMUTATORI DA 4,2 A 29,4 AMPÉRE.

TESTER PROVA ALIMENTATORI A 12 VOLT CC CON CARICO VARIABILE MEDIANTE COMMUTATORI DA 4,2 A 29,4 AMPÉRE. TESTER PROVA ALIMENTATORI A 12 VOLT CC CON CARICO VARIABILE MEDIANTE COMMUTATORI DA 4,2 A 29,4 AMPÉRE. Nello Mastrobuoni, SWL 368/00 (ver. 1, 06/12/2011) Questo strumento è utile per verificare se gli

Dettagli

Le misure di energia elettrica

Le misure di energia elettrica Le misure di energia elettrica Ing. Marco Laracca Dipartimento di Ingegneria Elettrica e dell Informazione Università degli Studi di Cassino e del Lazio Meridionale Misure di energia elettrica La misura

Dettagli

GRANDEZZE SINUSOIDALI

GRANDEZZE SINUSOIDALI GRANDEE SINUSOIDALI INDICE -Grandezze variabili. -Grandezze periodiche. 3-Parametri delle grandezze periodiche. 4-Grandezze alternate. 5-Grandezze sinusoidali. 6-Parametri delle grandezze sinusoidali.

Dettagli

Oscilloscopi serie WaveAce

Oscilloscopi serie WaveAce Oscilloscopi serie WaveAce 60 MHz 300 MHz Il collaudo facile, intelligente ed efficiente GLI STRUMENTI E LE FUNZIONI PER TUTTE LE TUE ESIGENZE DI COLLAUDO CARATTERISTICHE PRINCIPALI Banda analogica da

Dettagli

COME MISSARE UNA CANZONE POP DA ZERO di Jezar

COME MISSARE UNA CANZONE POP DA ZERO di Jezar COME MISSARE UNA CANZONE POP DA ZERO di Jezar Introduzione Scrivo questo articolo perché mi sembra che qui fuori esistano moltissime persone entusiaste che hanno comprato tutti i "giocattoli" giusti, ma

Dettagli

Marco Giorgi. Palazzo di Giustizia di Torino 30 marzo 2012

Marco Giorgi. Palazzo di Giustizia di Torino 30 marzo 2012 Marco Giorgi Palazzo di Giustizia di Torino 30 marzo 2012 Post mortem (Dopo lo spegnimento del sistema) Si smonta il dispositivo e lo si collega ad un PC dedicato all'acquisizione Live forensics (Direttamente

Dettagli

Elettronica Circuiti nel dominio del tempo

Elettronica Circuiti nel dominio del tempo Elettronica Circuiti nel dominio del tempo Valentino Liberali Dipartimento di Fisica Università degli Studi di Milano valentino.liberali@unimi.it Elettronica Circuiti nel dominio del tempo 14 aprile 211

Dettagli

Lezione n.19 Processori RISC e CISC

Lezione n.19 Processori RISC e CISC Lezione n.19 Processori RISC e CISC 1 Processori RISC e Superscalari Motivazioni che hanno portato alla realizzazione di queste architetture Sommario: Confronto tra le architetture CISC e RISC Prestazioni

Dettagli

INVERTER per MOTORI ASINCRONI TRIFASI

INVERTER per MOTORI ASINCRONI TRIFASI APPUNTI DI ELETTROTECNICA INVERTER per MOTORI ASINCRONI TRIFASI A cosa servono e come funzionano A cura di Marco Dal Prà www.marcodalpra.it Versione n. 3.3 - Marzo 2013 Inverter Guida Tecnica Ver 3.3 Pag.

Dettagli

SiStemi musicali Origine delle note Divisione dell ottava

SiStemi musicali Origine delle note Divisione dell ottava Scale Chi ha stabilito i rapporti d altezza fra le note musicali? Chi ha stabilito che le note sono sette e i semitoni dodici? Se il è uguale al Re perché hanno lo stesso nome? Se sono diversi qual è più

Dettagli

User guide Conference phone Konftel 100

User guide Conference phone Konftel 100 User guide Conference phone Konftel 100 Dansk I Deutsch I English I Español I Français I Norsk Suomi I Svenska Conference phones for every situation Sommario Descrizione Connessioni, accessoires, ricambi

Dettagli

Curve di risonanza di un circuito

Curve di risonanza di un circuito Zuccarello Francesco Laboratorio di Fisica II Curve di risonanza di un circuito I [ma] 9 8 7 6 5 4 3 0 C = 00 nf 0 5 0 5 w [KHz] RLC - Serie A.A.003-004 Indice Introduzione pag. 3 Presupposti Teorici 5

Dettagli

Quando troncare uno sviluppo in serie di Taylor

Quando troncare uno sviluppo in serie di Taylor Quando troncare uno sviluppo in serie di Taylor Marco Robutti October 13, 2014 Lo sviluppo in serie di Taylor di una funzione è uno strumento matematico davvero molto utile, e viene spesso utilizzato in

Dettagli

Siamo così arrivati all aritmetica modulare, ma anche a individuare alcuni aspetti di come funziona l aritmetica del calcolatore come vedremo.

Siamo così arrivati all aritmetica modulare, ma anche a individuare alcuni aspetti di come funziona l aritmetica del calcolatore come vedremo. DALLE PESATE ALL ARITMETICA FINITA IN BASE 2 Si è trovato, partendo da un problema concreto, che con la base 2, utilizzando alcune potenze della base, operando con solo addizioni, posso ottenere tutti

Dettagli

Esempi di algoritmi. Lezione III

Esempi di algoritmi. Lezione III Esempi di algoritmi Lezione III Scopo della lezione Implementare da zero algoritmi di media complessità. Verificare la correttezza di un algoritmo eseguendolo a mano. Imparare a valutare le prestazioni

Dettagli

Esercizi e considerazioni pratiche sulla legge di ohm e la potenza

Esercizi e considerazioni pratiche sulla legge di ohm e la potenza Esercizi e considerazioni pratiche sulla legge di ohm e la potenza Come detto precedentemente la legge di ohm lega la tensione e la corrente con un altro parametro detto "resistenza". Di seguito sono presenti

Dettagli

Identificazione delle parti IL CARBURATORE SI

Identificazione delle parti IL CARBURATORE SI Identificazione delle parti IL CARBURATORE SI A) Vite di regolazione del minimo. B) Getto MAX C) Getto MIN D) Vite corta coperchio camera del galleggiante E) Vite lunga coperchio camera del galleggiante

Dettagli

Manuale per ascoltare e creare file audio Utilizzando la tecnologia Virtual Singer (VS) di Choralia

Manuale per ascoltare e creare file audio Utilizzando la tecnologia Virtual Singer (VS) di Choralia Manuale per ascoltare e creare file audio Utilizzando la tecnologia Virtual Singer (VS) di Choralia Informazioni generali Questo manuale fornisce informazioni e istruzioni per l ascolto e la creazione

Dettagli

HA-2. Amplificatore per cuffie/dac USB portatile MANUALE UTENTE

HA-2. Amplificatore per cuffie/dac USB portatile MANUALE UTENTE HA-2 Amplificatore per cuffie/dac USB portatile MANUALE UTENTE Informazioni importanti Il punto esclamativo all interno di un triangolo equilatero ha lo scopo di avvisare l utente della presenza di istruzioni

Dettagli

Manuale d Uso. Ref: 04061

Manuale d Uso. Ref: 04061 Manuale d Uso Ref: 04061 1 Grazie per aver acquistato il lettore digitale ENERGY SISTEM INNGENIO 2000. Questo manuale fornisce istruzioni operative dettagliate e spiegazioni delle funzioni per godere al

Dettagli

(accuratezza) ovvero (esattezza)

(accuratezza) ovvero (esattezza) Capitolo n 2 2.1 - Misure ed errori In un analisi chimica si misurano dei valori chimico-fisici di svariate grandezze; tuttavia ogni misura comporta sempre una incertezza, dovuta alla presenza non eliminabile

Dettagli

DC AC POWER INVERTERS ONDA SINOSOIDALE PURA AP12-1000NS / AP12-1500NS AP24-1000NS / AP24-1500NS LIBRETTO PER LA MESSA IN SERVIZIO E L UTILIZZO

DC AC POWER INVERTERS ONDA SINOSOIDALE PURA AP12-1000NS / AP12-1500NS AP24-1000NS / AP24-1500NS LIBRETTO PER LA MESSA IN SERVIZIO E L UTILIZZO DC AC POWER INVERTERS ONDA SINOSOIDALE PURA AP12-1000NS / AP12-1500NS AP24-1000NS / AP24-1500NS LIBRETTO PER LA MESSA IN SERVIZIO E L UTILIZZO - PRECAUZIONI DI SICUREZZA - LEGGERE ATTENTAMENTE PRIMA DELL

Dettagli

Virtualizzazione e installazione Linux

Virtualizzazione e installazione Linux Virtualizzazione e installazione Linux Federico De Meo, Davide Quaglia, Simone Bronuzzi Lo scopo di questa esercitazione è quello di introdurre il concetto di virtualizzazione, di creare un ambiente virtuale

Dettagli

se Electronics Bundle X1 + Project Studio Reflexion Filter X1: microfono a condensatore per voce e strumenti

se Electronics Bundle X1 + Project Studio Reflexion Filter X1: microfono a condensatore per voce e strumenti se Electronics Bundle X1 + Project Studio Reflexion Filter Questa settimana vogliamo dedicare spazio ad una soluzione se Electronics davvero interessante per chi si cimenta con l home recording. Il bundle

Dettagli

Introduzione agli oscilloscopi

Introduzione agli oscilloscopi o s c i l l o s c o p i Indice Introduzione...3 Integrità del segnale Significato dell integrità del segnale..................................4 Perché l integrità del segnale è un problema?...........................4

Dettagli

FAS-420-TM rivelatori di fumo ad aspirazione LSN improved version

FAS-420-TM rivelatori di fumo ad aspirazione LSN improved version Sistemi di Rivelazione Incendio FAS-420-TM rivelatori di fumo ad FAS-420-TM rivelatori di fumo ad Per il collegamento alle centrali di rivelazione incendio FPA 5000 ed FPA 1200 con tecnologia LSN improved

Dettagli

XM100GSM SCHEDA GSM PER CENTRALI SERIE XM

XM100GSM SCHEDA GSM PER CENTRALI SERIE XM 1 Stato del combinatore direttamente sul display della Consolle XM Interrogazione credito residuo tramite SMS e inoltro SMS ricevuti Messaggi di allarme pre-registrati Completa integrazione con centrali

Dettagli

v in v out x c1 (t) Molt. di N.L. H(f) n

v in v out x c1 (t) Molt. di N.L. H(f) n Comunicazioni elettriche A - Prof. Giulio Colavolpe Compito n. 3 3.1 Lo schema di Fig. 1 è un modulatore FM (a banda larga). L oscillatore che genera la portante per il modulatore FM e per la conversione

Dettagli

Dinamica e Misura delle Vibrazioni

Dinamica e Misura delle Vibrazioni Dinamica e Misura delle Vibrazioni Prof. Giovanni Moschioni Politecnico di Milano, Dipartimento di Meccanica Sezione di Misure e Tecniche Sperimentali giovanni.moschioni@polimi.it VibrazionI 2 Il termine

Dettagli

PRINCIPI BASILARI DI ELETTROTECNICA

PRINCIPI BASILARI DI ELETTROTECNICA PRINCIPI BASILARI DI ELETTROTECNICA Prerequisiti - Impiego di Multipli e Sottomultipli nelle equazioni - Equazioni lineari di primo grado e capacità di ricavare le formule inverse - nozioni base di fisica

Dettagli

Manuale d uso. Per abitazioni, baite, camper, caravan, barche

Manuale d uso. Per abitazioni, baite, camper, caravan, barche Manuale d uso Regolatore di carica EP5 con crepuscolare Per abitazioni, baite, camper, caravan, barche ITALIANO IMPORTANTI INFORMAZIONI SULLA SICUREZZA Questo manuale contiene importanti informazioni sulla

Dettagli

3 m 3 m. 1 m. B) Fili elettrici C) Isolatori D) Paletti E) Paletti messa a terra. Assicurarsi che ci siano almeno 2500V in tutta la linea del recinto

3 m 3 m. 1 m. B) Fili elettrici C) Isolatori D) Paletti E) Paletti messa a terra. Assicurarsi che ci siano almeno 2500V in tutta la linea del recinto B) Fili elettrici C) Isolatori D) Paletti E) Paletti messa a terra 3 m 3 m 1 m Assicurarsi che ci siano almeno 2500V in tutta la linea del recinto Il sistema di recinzione elettrico consiste di: A) un

Dettagli

AmpEQ. Amplificatore equlizzato atto a compensare la disequalizzazione provocata da lunghe tratte di cavi coassiali

AmpEQ. Amplificatore equlizzato atto a compensare la disequalizzazione provocata da lunghe tratte di cavi coassiali AmpEQ Amplificatore equlizzato atto a compensare la disequalizzazione provocata da lunghe tratte di cavi coassiali GAI04 Memo Series Alessandro Scalambra Rev: Sergio Mariotti, Jader Monari I.N.A.F GAI04-FR-2.0

Dettagli

Prof. Antonino Cucinotta LABORATORIO DI ELETTRONICA CIRCUITI RADDRIZZATORI

Prof. Antonino Cucinotta LABORATORIO DI ELETTRONICA CIRCUITI RADDRIZZATORI Materiale e strumenti: Prof. Antonino Cucinotta LABORATORIO DI ELETTRONICA CIRCUITI RADDRIZZATORI -Diodo raddrizzatore 1N4001 (50 V 1A) -Ponte raddrizzatore da 50 V 1 A -Condensatori elettrolitici da 1000

Dettagli

MODI, TONALITA E SCALE

MODI, TONALITA E SCALE Teoria musicale - 2 MODI, TONALITA E SCALE MODO MAGGIORE E MODO MINORE Parafrasando il titolo di un celebre libro di Thomas Merton, No man is an island - Nessun uomo è un isola, mi piace affermare subito

Dettagli

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI Capitolo 9: PROPAGAZIOE DEGLI ERRORI 9.1 Propagazione degli errori massimi ella maggior parte dei casi le grandezze fisiche vengono misurate per via indiretta. Il valore della grandezza viene cioè dedotto

Dettagli

FILTRI PASSIVI. Un filtro elettronico seleziona i segnali in ingresso in base alla frequenza.

FILTRI PASSIVI. Un filtro elettronico seleziona i segnali in ingresso in base alla frequenza. FILTRI PASSIVI Un filtro è un sistema dotato di ingresso e uscita in grado di operare una trasmissione selezionata di ciò che viene ad esso applicato. Un filtro elettronico seleziona i segnali in ingresso

Dettagli

Modal 2 Modulo Analisi modale Modulo per l Analisi della dinamica strutturale.

Modal 2 Modulo Analisi modale Modulo per l Analisi della dinamica strutturale. Modal 2 Modulo Analisi modale Modulo per l Analisi della dinamica strutturale. L analisi modale è un approccio molto efficace al comportamento dinamico delle strutture, alla verifica di modelli di calcolo

Dettagli

TRANSITORI BJT visto dal basso

TRANSITORI BJT visto dal basso TRANSITORI BJT visto dal basso Il transistore BJT viene indicato con il simbolo in alto a sinistra, mentre nella figura a destra abbiamo riportato la vista dal basso e laterale di un dispositivo reale.

Dettagli