Compressori e limiter

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Compressori e limiter"

Transcript

1 Compressori e limiter Introduzione "Questa batteria è compressa", "se non usi un compressore tuoi brani suoneranno sempre mosci", "senza compressione valvolare il suono della chitarra non è professionale"... Alzi la mano chi non ha mai sentito pronunciare una frase come queste. Non c'è niente come la compressione, nell'audio sia analogico che digitale, che sia in grado di scatenare panico e diffondere miti e mitologie nei tecnici alle prime armi, e a volte anche in quelli più esperti. Fino ad una certa età ho sentito parlare della compressione come di un fenomeno esoterico, avvolto in aloni mistici, le cui misteriose regole potevano essere comprese solo da veri iniziati. Nondimeno, alla compressione erano dovuti i più grandi suoni che potessero esistere, e contemporaneamente vi erano attribuiti i più gravi errori. Un fondo di verità in tutto questo c'è: in effetti la compressione non è un processo semplice o dai risultati comprensibili e controllabili per un profano come invece, ad esempio, la regolazione di un equalizzatore (non che quest'ultima sia semplice) o l'applicazione di un effetto come un riverbero. Già il nome "compressione" causa equivoci e fraintendimenti. E va detto che molti fattori nella compressione possono produrre effetti spiacevoli o rovinare completamente il lavoro di registrazione. Nonostante ciò, la compressione è essenziale per ottenere buoni risultati sia dal vivo che in studio, ed in questo tutorial cercheremo di capire perchè e come ottenere dei buoni risultati. Attenzione: diciamo subito che i compressori esistono in numerose forme, sia software che hardware. Questi ultimi in particolare si suddividono, come molte altre apparecchiature, tra compressori valvolari e a transistor. Si dice in genere che le apparecchiature valvolari siano migliori di quelle a transistor. Per quanto ciò, in presenza di ottime circuiterie, e a pari livello di accuratezza nella progettazione e nella costruzione, sia probabilmente vero, bisogna ricordare che non è la presenza di una valvola a rendere migliore un circuito per altri versi scadente o comunque non eccelso. Quindi, se intendete acquistare un compressore, prima di spendere delle grosse cifre, provatene vari modelli e imparate a fidarvi prima di tutto delle vostre orecchie. Definizioni I compressori e i limiter sono processori di segnale che riducono la gamma dinamica del segnale. In generale i processori che agiscono sulla dinamica vengono appunto detti processori di dinamica. Cosa sia la dinamica e come questa venga "compressa" lo spiegheremo tra poco. Notate che come plug-ins di software come Logic o Cubase i compressori vengono appunto catalogati come dynamics.

2 Prima di tutto cerchiamo di capire cosa è che viene compresso, e in che modo. Se infatti è ovvio che il compressore comprime, il cosa, come e perchè venga compresso sono concetti più difficili da afferrare. Cominciamo dal cosa: il compressore comprime, come abbiamo detto, un segnale audio. La dinamica di un segnale è il range nel quale varia l'ampiezza di un segnale. Ad esempio, la dinamica di un brano musicale potrebbe essere tra 40 db e 90 db (ipoteticamente, tanto per fare un esempio). In questo caso la dinamica complessiva sarebbe di 50 db, ossia la differenza tra il valore massimo e quello minimo. Ciò descrive il fatto che i valori hanno la facoltà di variare in un intervallo (o, appunto, range) di 50 db complessivi. Abbiamo detto che per tutto il tempo per il quale la compressione è applicata, il segnale viene compresso in una gamma dinamica più ristretta di quella originaria. Attenzione: non è detto che, in termini di livelli, il segnale sia di livello più alto o più basso che in origine; ma certamente la differenza tra il massimo livello e il livello minimo del segnale compresso sarà minore della differenza tra il massimo livello e il livello minimo del segnale non compresso. Facciamo un esempio cambianfdo i valori: se il segnale originario assume valori oscillanti tra 10 db e 80 db, l'effetto del compressore potrebbe essere di fare in modo che il segnale venga "costretto" in un range compreso tra 50 db e 100 db. Come vediamo, il segnale avrà un valore massimo più alto del segnale originario, ma la sua gamma dinamica complessiva sarà stata "compressa" - appunto - da 70 db (80-10) a 50 db (100-50). Sarà anche possibile che lo stesso segnale venga compresso per assumere valori di ampiezza compresi tra 40 e 70 db: in questo caso la gamma dinamica è ancora più ristretta (soli 30 db) ma il valore massimo sarà inferiore a quello originario. In entrambi i casi c'è stata compressione. Come si fa a dire al compressore come modificare la gamma dinamica di un segnale? Diciamo per ora che il compressore agisce quando il segnale raggiunge una certa soglia o threshold, ossia un certo valore minimo prestabilito, regolato dall'utente, e che la "quantità" di compressione applicata viene stabilita mediante controlli di ratio e gain, oltre a controlli più fini come attack, release e knee. Vedremo tutti questi valori più avanti. Intanto vediamo cos'è un limiter. Il limiter propriamente detto è un processore di dinamica progettato per impedire ai segnali di oltrepassare un dato livello, generalmente regolabile, detto livello di soglia (threshold). A volte il limiter viene configurato come un vero e proprio "muro" ("brick wall" è esattamente il termine utilizzato) che impedisce al livello d'uscita di andare oltre la soglia stabilita, qualunque sia l'incremento del livello d'ingresso. L'effetto è quello di consentire al segnale solo un piccolo incremento (non lineare) nel livello d'uscita per qualsiasi incremento del livello d'ingresso oltre la soglia stabilita. Quest'azione, poichè elimina i picchi di livello di segnale in un programma, è conosciuta anche come "livellamento" (leveling), ed i limiter sono anche detti "amplificatori di livellamento audio" (audio leveling amplifiers). Parametri e valori Abbiamo già citato la threshold.

3 Questo è un valore fondamentale perchè stabilisce a partire da quale livello di input il compressore agisce sul segnale. Per valori inferiori alla threshold, il segnale passa attraverso il compressore senza subire modifiche. Ciò vuol dire che una parte del segnale - tutto ciò che è inferiore alla threshold - non viene affatto compressa. I valori assegnabili alla threshold variano generalmente tra -40 e +20 dbu. Per i segnali sopra la threshold, il rapporto tra la variazione nel livello d'ingresso (in db) e la variazione del livello di uscita - dopo la compressione - è conosciuto come "rapporto di compressione" o ratio. Attenzione: perchè per la ratio si parla di "variazione nel livello" e non semplicemente di "livello"? Se ci pensate un attimo è ovvio. Il compressore agisce sulla dinamica, per cui reagisce a variazioni di livello. Come abbiamo già detto, è la dinamica del segnale ad essere compressa. La ratio indica esattamente la percentuale della quale il compressore comprime le variazioni del livello d'ingresso. Con una ratio di 2:1, ad esempio, il compressore trasformerà una variazione di 20 db (ad esempio da 40 db a 60 db) in una variazione di 10 db. Vediamo questo esempio nella schermata del compressore grafico nel software soundforge.

4 La maggior parte dei limiter, che sono come abbiamo visto particolari compressori - avranno una ratio tra 8:1 e 20:1, o anche superiore. Se un'unità è impostata su una compressione di 8:1, allora un incremento nel livello d'ingresso di 8 db (assumendo che il segnale d'ingresso sia sopra il valore di soglia) risulterà come un incremento di 1 db nel livello d'uscita. Alcune unità offrono un valore di compressione infinita, dove nessun incremento del livello d'entrata sopra la soglia causerà un incremento nel livello di uscita. E' il caso del "muro" come abbiamo visto prima. In questo caso il compressore-limiter impone un livello massimo possibile di uscita al segnale. I compressori in genere usano una ratio più bassa dei limiter, normalmente tra 1,5:1 e 4:1. Vediamo un'impostazione di limiter nel compressore di soundforge.

5 Poichè la caratteristica di trasferimento (ossia la pendenza del grafico raffigurante il cambiamento in uscita del segnale in entrata) cambia al livello di soglia, la soglia o threshold è anche conosciuta come punto di rotazione (ma si tratta di una dicitura utilizzata molto raramente). Nel grafico che segue vediamo come cambia la risposta del compressore con un effetto combinato delle regolazioni di threshold e ratio.

6 I processori di dinamica hanno in generale due possibili modalità di funzionamento: ci sono quelli basati sui valori di picco e quelli che si basano sul valore "rms response". Ognuno dei due sistemi presenta i suoi vantaggi in differenti situazioni. Ad esempio, l'analisi basata sui picchi si rivela particolarmente efficace con le percussioni, mentre l'analisi rms dà migliori risultati con programmi complessi. Inoltre, il compressore ha due possibili modi di applicare la riduzione di gain (gain reduction) i cosiddetti "hard knee" e "soft knee". Alla lettera, queste locuzioni potrebbero essere tradotte come "ginocchio duro"e "ginocchio soffice". Il ginocchio è quello che prima abbiamo chiamato punto di rotazione della caratteristica di compressione, ossia il punto in cui il segnale raggiunge la threshold. Con un'impostazione di hard knee si ha una risposta più "meccanica" dal compressore, mentre il soft knee può garantire risultati più morbidi, con un senso più "musicale", in quanto la compressione inizia a lavorare in modo meno istantaneo e quindi, apparentemente, più naturale. Tra i valori che l'utente può modificare in un compressore che lavori in peak mode, ci sono l'attack e il release. I compressori che lavorano in rms mode regolano questi valori automaticamente. Con il valore di attacco (generalmente compreso tra 0.1 ms e 200 ms) si stabilisce quanto velocemente la circuiteria interna del compressore/limiter debba reagire ai cambiamenti nel livello del segnale d'ingresso. Quanto più lungo viene settato il tempo di attacco, tanta più parte della dinamica del segnale originale viene lasciata inalterata prima che entri in azione il compressore.

7 Con tempi d'attacco più lenti, si ottiene un suono più omogeneo, che tende a mantenere le caratteristiche dinamiche del segnale originale, ma in compenso il compressore non reagirà molto rapidamente a cambi di livello subitanei, e questo è un fattore di cui tenere conto nella regolazione del tempo di attacco. Vediamo un paio di esempi chiarificatori: con un tempo di attacco lungo su un suono di chitarra, si potrà ottenere una compressione che mantenga il classico attacco della pennata del chitarrista. Analogamente, un tempo di attacco lungo su una cassa di batteria conserva una parte del suono iniziale tipico di questo strumento. In questi casi, scegliere un tempo più lungo può rendere un suono più naturale e che non snatura le caratteristiche degli strumenti presi in esame. Un attacco cortissimo è invece necessario quando si usi un limiter per evitare forti picchi che possano danneggiare l'impianto. Il tempo di release (generalmente compreso tra 50 ms e 5 secondi) determina quanto impiega il compressore ad interrompere la propria azione. Con tempi di rilascio brevi, il compressore riproduce ogni minima variazione nel livello d'ingresso, il che può produrre un effetto irregolare di "ondulazione" che riduce la dinamica ma aumenta il livello di uscita. Tempi di rilascio più lunghi tendono a schiacciare maggiormente il segnale, producendo un output più basso ma mantenendo maggiormente le caratteristiche della dinamica del segnale originale. Un tempo di release molto lungo può essere utilizzato come un effetto, e infatti negli anni '60 una tecnica di registrazione molto diffusa utilizzava lunghi tempi di rilascio nella compressione della batteria. Nell'immagine che segue osserviamo l'effetto dei tempi di attacco e rilascio. Un altro valore da regolare su tutti i compressori è l'output gain, in genere variabile tra -20 e +20 db). Questo controllo è importantissimo e per capire come agisce bisogna aver capito molto bene come agisce la compressione. Nel processo di riduzione della dinamica, si ha un abbassamento del livello generale del segnale. Con la threshold a -20 db, una ratio di 10:1 ed un valore massimo di input di -10 db, il livello massimo di output sarà di -19 db. Come esercizio, verificate questo calcolo! Il controllo del gain di output è necessario per poter compensare questa perdita generale di livello, aumentando il livello del segnale in uscita. Nel nostro esempio, sarà necessario un output gain di +9 db per compensare l'effetto della compressione.

8 Attenzione: ciò causerà anche un incremento della regione situata sotto la threshold, il che comporta una maggiore "potenza" del segnale nel suo insieme (e questo è un effetto che può essere ricercato in molti casi) ma anche un incremento del rumore di fondo, per cui fate attenzione nel regolare questo parametro. E' ovvio inoltre che un output troppo alto può causare distorsione nel segnale. Vediamo ad esempio, nell'illustrazione che segue, prima il segnale originale, poi il segnale compresso senza aggiustamento del gain, e infine l'effetto della compensazione apportata con la regolazione del gain output. Nella prossima illustrazione invece vediamo l'effetto di distorsione causato da un eccesssivo aumento del gain, un errore da evitare attentamente!

9 A cosa serve il limiter? Generalmente i limiter sono usati solo per processare i picchi di un programma, e questo è il motivo per cui sono anche conosciuti come limitatori di picco (peak limiters). Nel settore delle trasmissioni radio-televisive (broadcast), tali unità impediscono una "sovramodulazione" del segnale trasmesso. Nell'amplificazione dal vivo (sound reinforcement) possono essere usati per proteggere i diffusori da eventuali danni meccanici nel caso, ad esempio, della caduta di un microfono (limitando il livello di picco che sarà fornito all'amplificatore ed agli altoparlanti). Nell'incisione dei dischi (parliamo ovviamente dei dischi in vinile), essi prevengono un'eccessiva escursione della puntina di incisione, che potrebbe altrimenti causare la fusione di solchi adiacenti e perciò conseguenti salti quando il disco impresso viene riprodotto. Il limiter viene utilizzato in tutte quelle situazioni in cui un improvviso incremento del livello del segnale possa essere dannoso. A cosa serve la compressione? La compressione ha una molteplicità di utilizzi. Nella registrazione di nastri, nel broadcast o nell'amplificazione dal vivo, la compressione può essere usata per schiacciare la gamma dinamica di un programma al fine di adattarlo alla memorizzazione o al mezzo di riproduzione. Non è detto infatti che il supporto sia in grado di reggere una gamma dinamica molto ampia.

10 Se il tetto del rumore al punto di saturazione del nastro rappresenta una gamma dinamica di 50 db, e il programma suonato ha una gamma dinamica di 100 db (il tetto di rumore al livello di picco), allora una compressione di 2:1 adatta il programma a stare sul nastro. In ogni situazione in cui il livello del rumore d'ambiente è alto, e il livello massimo del suono che può essere riprodotto è limitato (è il caso di sistemi audio che lavorano in ambienti industriali o commerciali) la compressione può essere usata per schiacciare il programma in una gamma dinamica molto piccola, e questa gamma può essere riprodotta appena sotto la capacità massima di uscita del sistema sonoro. Prendiamo ad esempio il sistema audio di uno stadio. Poniamo che il livello di rumore d'ambiente durante un evento sia regolarmente al di sopra dei 95 db SPL (durante acclamazioni ed applausi) e che il massimo livello sonoro che il sistema di amplificazione può sprigionare al centro del pubblico sia di 110 db SPL, per cui avremo 15 db di effettiva gamma dinamica. La voce di un presentatore allenato può avere una gamma dinamica di 30 db (voci non allenate variano di più). Applicando una compressione di 2:1 alla voce, l'intero programma è schiacciato a 15 db, e può essere quindi riprodotto dal sistema sonoro a livelli udibili dal pubblico. Questa è una spiegazione molto semplificata, poichè spesso un programma coerente come la voce si può discernere anche al di sotto del livello di rumore casuale, ma questo dipende da fattori psicoacustici che non approfondiremo in questo tutorial. Differenza tra limiter e compressore Poichè la circuiteria è quasi identica, la reale distinzione tra un compressore e un limiter sta nel modo in cui il dispositivo viene usato. Molti di questi dispositivi sono progettati per svolgere entrambe le funzioni. Essi hanno un'ampia gamma di impostazioni del valore di soglia e del valore del rapporto di compressione (ratio), e a volte anche dei valori dei tempi di attacco e di rilascio, e sono quindi conosciuti come compressori/limiter. Come funzionano i compressori/limiter La circuiteria di un compressore o di un limiter può essere molto complessa ed è difficile comprenderne da profani l'intero funzionamento. Vediamo però quali sono le componenti essenziali. In generale c'è un amplificatore controllato in tensione (control voltage amplifier, VCA) il cui guadagno (gain) può essere variato in base al voltaggio applicato. Viene utilizzato un circuito di rilevazione detto side chain, ovvero, tradotto alla lettera, catena laterale, che contiene il valore di soglia e le regolazioni dei tempi di attacco e di rilascio, e che campiona il segnale in ingresso per creare un segnale di controllo. Il segnale di controllo viene quindi applicato al VCA. Solitamente ci sono anche controlli dei livelli di ingresso ed uscita, e può esserci un circuito contatore (meter) che può essere impostato, tramite un controllo di tipo switch, per indicare il livello d'ingresso, il livello di uscita e/o la quantità di riduzione del gain in ogni istante.

11 Uno dei fattori più importanti che distingue un compressore/limiter da un altro è il metodo col quale ognuno individua il livello del segnale d'ingresso. Alcune unità, in particolare i limiter per il broadcast o per l'incisione, operano basandosi sul picco istantaneo del segnale d'ingresso; altre unità operano basandosi sul livello medio del segnale; altre ancora individuano il livello root mean square (rms). Qual'è la differenza? Il sistema basato sul calcolo del livello di picco, in particolare con una ratio alta, può essere utilizzato per impedire al segnale in uscita di superare un valore prestabilito, anche solo per una frazione di secondo. Inoltre tale sistema abbasserà il livello di uscita in presenza di un picco momentaneo, il che in alcuni casi è più problematico che impedire al picco di raggiungere l'uscita. I sistemi basati sul calcolo dei livelli medio ed rms possono permettere ad una frazione di ciclo, o anche a molti cicli di segnale di livello più alto della soglia, di passare prima che la compressione ne abbassi il livello. Ciò renderà il suono più naturale, in modo particolare quando la soglia è regolata in modo tale da applicare una compressione moderata ad una larga percentuale del programma o a tutto il programma. Il calcolo della media del livello di segnale viene fatto da un circuito relativamente semplice. Comunque, è il sistema basato sul calcolo del valore rms quello che corrisponde meglio al modo in cui le nostre orecchie percepiscono i volumi relativi, non quello basato sul calcolo della media numerica. Il calcolo del valore rms è però più difficoltoso da effettuare. Con un'onda sinusoidale pura, il valore rms del segnale è 1,414 volte il livello di picco, ma con un segnale audio complesso il valore rms non si ricava così facilmente. Si utilizza la tecnologia LED/LDR: si è scoperto che la luce emessa da una lampadina o da un LED eccitati da un segnale AC corrisponde al valore rms di quel segnale. Una sorgente di luce (ad esempio un LED) eccitata da un segnale d'ingresso campionato può essere usata per eccitare un resistore dipendente dalla luce (LDR), che modula il controllo in tensione per l'amplificatore VCA. Ci sono altri rilevatori di rms anche più complessi che non si affidano alla tecnologia LED/LDR. La velocità alla quale il gain viene ridotto, in risposta ad un aumento del segnale d'ingresso, è definita sia come tempo d'attacco (attack time, in millisecondi) che come quota d'attacco (attack rate in db al secondo). Il termine varia a seconda della natura della circuiteria e a seconda di come il costruttore tratta questi parametri. La velocità alla quale il gain viene riportato al valore originale dopo che l'impulso d'ingresso è stato rimosso è noto come tempo di rilascio (release time) oppure come quota di rilascio (release rate). Su alcuni compressori/limiter il circuito di rilevazione o side chain è portato ad un paio di connettori di input/output. Ciò permette di usare dei processori di segnale nella side chain. Se si vuole più compressione in risposta a segnali ad alta frequenza, si può inserire un equalizzatore nella

12 catena con un incremento (boost) sulle frequenze alte. Questa configurazione viene spesso utilizzata per il de-essing, per cui le sibilanze della voce vengono rimosse da una compressione differenziata. Se si usa un equalizzatore con un taglio (cut) sulle basse frequenze, il compressore lascia passare i suoni di una batteria più o meno inalterati, ma può tagliare una nota alta di sintetizzatore relativamente meno potente ma più pericolosa per i tweeter. Se si inserisce un breve ritardo di segnale nel percorso del segnale principale, e l'input del side chain viene alimentato in un punto che precede il ritardo, può essere ottenuto un tempo d'attacco zero o anche un inusuale effetto di precompressione, dove la compressione si sente prima del segnale che la provoca (questo assomiglia al suono di una registrazione su nastro riprodotta al contrario). A puro titolo di curiosità, riporto lo schema di un semplice circuito di compressore. Qualche consiglio per le regolazioni Non è possibile dare delle regole da seguire in tutti i casi per una buona compressione. E' possibile però mettere insieme dei consigli di massima, da apllicare "cum grano salis" e soprattutto fidandosi, come al solito, di ciò che ci dice l'orecchio. Iniziamo dai valori di attacco e rilascio. Non esiste un valore di attacco o di rilascio che sia ottimale per ogni situazione. Come abbiamo già detto, un attacco troppo rapido causa fluttuazioni innaturali nel livello del programma, ed una considerevole distorsione del segnale a bassa frequenza quando il compressore cerca di "cavalcare" la forma d'onda. Un attacco troppo lento consente all'output di eccedere il livello che è stato scelto come il massimo desiderato prima che il compressore/limiter abbia il tempo di agire. Un rilascio troppo rapido, invece, causa pulsazioni o respiri (breathing) quando il gain cambia rapidamente, ed un rilascio troppo lento fa sì che le porzioni del programma a livello più basso vadano perse, poichè accade che il gain di uscita viene ancora ridotto in risposta ad uno stimolo d'ingresso che in realtà non è più ad alto volume. I costruttori in genere forniscono tempi di attacco e rilascio che cambiano automaticamente in risposta al segnale d'ingresso, oppure modificabili manualmente. Sebbene molti preferiscano sempre le regolazioni manuali, a volte certi errori di regolazione causano seri problemi nel suono, per cui è utile provare innanzi tutto ad utilizzare i parametri automatici. Alcuni modelli hanno sia il modo automatico sia quello manuale. Se si preferisce regolare manualmente i parametri, è

13 comunque preferibile seguire i suggerimenti forniti dal costruttore dell'apparecchio. In assenza di questi, ecco alcuni consigli. Prima di tutto è bene regolare il controllo del livello d'ingresso in modo che il segnale sia ben al di sopra del rumore di fondo, ma senza causare distorsioni. La soglia e la ratio vanno impostate su valori che siano di volta in volta appropriati alla situazione. Per la protezione degli altoparlanti, ad esempio, la soglia dovrebbe essere regolata ad un valore che impedisca all'amplificatore di potenza di esprimere il livello stabilito come limite meccanico per gli altoparlanti. Poniamo che la capacità dei diffusori sia di 100 watt continui e di 200 watt di picco, e che l'amplificatore di potenza possa emettere 200 watt all'impedenza di carico degli altoparlanti (dato un ingresso a +4 dbu). Supponiamo anche che l'attenuatore di ingresso dell'amplificatore di potenza sia abbassato di 10 db (per semplicità, assumiamo che i controlli di livello d'ingresso e d'uscita del compressore siano regolati senza attenuazione attraverso l'apparecchio quando non c'è compressione). In questo caso, un segnale di +14 dbu applicato all'amplificatore fa sì che questo mandi 200 watt agli altoparlanti. La soglia e la ratio del compressore/limiter devono quindi essere regolati in modo da non superare i +14 dbu. Se si vuole conservare quanto più possibile della dinamica naturale del programma, bisogna impostare la soglia a +10 dbu. Questi criteri richiedono che ogni segnale in ingresso, non importa quanto forte, non faccia aumentare il livello di uscita di più di 4 db sopra questo valore. Assumiamo che, data la capacità dell'equipaggiamento che fornisce il segnale al compressore/limiter, nessun segnale in ingresso superi i +26 db. Sottraiamo +10 da +26 e vediamo che una gamma dinamica di 16 db deve essere compressa in 4 db, ed una semplice operazione matematica ci mostra che una ratio di 4:1 sarà in gredo di fare il lavoro necessario. Se invece avessimo impostato la soglia a +13 dbu, avremmo dovuto restringere i restanti 13 db (26 db di dinamica meno 13 db) di possibile aumento del segnale d'ingresso ad 1 db solamente di aumento del segnale di uscita (una ratio di 13:1). Questo sarebbe matematicamente corretto, ma valori di ratio molto alti suonano meno naturali poichè l'effetto viene prodotto tutto in una volta. Questo va bene se si programma di controllare attentamente i segnali d'ingresso per evitare la regione sopra la soglia, e in questo caso l'azione di limiter è veramente solo una protezione a "muro". Applicato un segnale al compressore/limiter, ascoltate il segnale in uscita (e se possibile valutatelo con un meter o un oscilloscopio) mentre regolate l'attacco. Se state usando il sistema come limiter (ad esempio per proteggere i diffusori o per evitare problemi d'incisione) usate il tempo più rapido che potete senza udire distorsione. Se state usando il sistema come compressore (ad esempio per livellare una voce o per aumentare il sustain di una chitarra elettrica) usate l'attacco più lento possibile, coerentemente con un controllo del livello di uscita ragionevole. Impostate un tempo di rilascio abbastanza lento da non sentire una pulsazione o un respiro eccessivi, ma abbastanza veloce da impedire che il segnale sia tagliato inutilmente dopo un passaggio a volume alto. In bocca al lupo e buona compressione!

DLC 1 SYNQ AUDIO MANUALE ITALIANO

DLC 1 SYNQ AUDIO MANUALE ITALIANO DLC 1 SYNQ AUDIO MANUALE ITALIANO CONNESSIONI Le connessioni possono essere effettuate con cavi bilanciati o sblilanciati jack o XLR. Usate connettori e cavi di buona qualità per minimizzare rumori e interferenze.

Dettagli

Il decibel. Massimiliano Salfi. salfi@dmi.unict.it

Il decibel. Massimiliano Salfi. salfi@dmi.unict.it Il decibel Massimiliano Salfi salfi@dmi.unict.it Il concetto di decibel Il concetto di decibel entra in gioco ogni volta che ci troviamo a misurare una grandezza legata alla teoria del suono. L'orecchio

Dettagli

L A B O R A T O R I O D I I N F O R M A T I C A M U S I C A L E

L A B O R A T O R I O D I I N F O R M A T I C A M U S I C A L E L A B O R A T O R I O D I I N F O R M A T I C A M U S I C A L E MODULO 1: MANIPOLAZI ONE DEL SEGNALE AUDI O G.PRESTI - 12/03/2015 - LE ZI ON E 2 1. CONVERSIONE DA ANALOGICO A DIGITALE Convertire un segnale

Dettagli

Amplificatori Audio di Potenza

Amplificatori Audio di Potenza Amplificatori Audio di Potenza Un amplificatore, semplificando al massimo, può essere visto come un oggetto in grado di aumentare il livello di un segnale. Ha quindi, generalmente, due porte: un ingresso

Dettagli

La prove dinamiche sugli edifici II parte strumentazione e analisi dei segnali

La prove dinamiche sugli edifici II parte strumentazione e analisi dei segnali La prove dinamiche sugli edifici II parte strumentazione e analisi dei segnali Luca Facchini e-mail: luca.facchini@unifi.it Introduzione Quali strumenti vengono utilizzati? Le grandezze di interesse nelle

Dettagli

CPLX 200. >> Manuale di istruzioni

CPLX 200. >> Manuale di istruzioni CPLX 200 >> Manuale di istruzioni I Avvertenze Generali AVVERTENZE GENERALI Vi consigliamo di leggere attentamente le istruzioni contenute nel presente manuale in quanto forniscono infor mazioni importanti

Dettagli

Indice: Introduzione 2. L'onda (La sinusoide del nostro segnale) 3. Adsr 4. I cavi 6. Tipo di connettori 7. Gli alimentatori 9. L'amplificatore 11

Indice: Introduzione 2. L'onda (La sinusoide del nostro segnale) 3. Adsr 4. I cavi 6. Tipo di connettori 7. Gli alimentatori 9. L'amplificatore 11 Indice: Introduzione 2 L'onda (La sinusoide del nostro segnale) 3 Adsr 4 I cavi 6 Tipo di connettori 7 Gli alimentatori 9 L'amplificatore 11 Le valvole 15 I trasduttori elettroacustici 16 Il compressore

Dettagli

CONVERTITORI DIGITALE/ANALOGICO (DAC)

CONVERTITORI DIGITALE/ANALOGICO (DAC) CONVERTITORI DIGITALE/ANALOGICO (DAC) Un convertitore digitale/analogico (DAC: digital to analog converter) è un circuito che fornisce in uscita una grandezza analogica proporzionale alla parola di n bit

Dettagli

Cenni su Preamplificatori, mixer e segnali

Cenni su Preamplificatori, mixer e segnali Cenni su Preamplificatori, mixer e segnali Preamplificazione: spalanca le porte al suono! Tra mixer, scheda audio, amplificazione, registrazione, il segnale audio compie un viaggio complicato, fatto a

Dettagli

E ora, col cuore leggero per lo scampato pericolo, andiamo ad approfondire, e a scoprire:

E ora, col cuore leggero per lo scampato pericolo, andiamo ad approfondire, e a scoprire: di Pier Francesco Piccolomini 1 Dopo aver spiegato come si accende il computer e come si usano mouse e tastiera, con questa terza puntata della nostra guida entriamo trionfalmente all interno del PC, dove

Dettagli

Introduzione. Il principio di localizzazione... 2 Organizzazioni delle memorie cache... 4 Gestione delle scritture in una cache...

Introduzione. Il principio di localizzazione... 2 Organizzazioni delle memorie cache... 4 Gestione delle scritture in una cache... Appunti di Calcolatori Elettronici Concetti generali sulla memoria cache Introduzione... 1 Il principio di localizzazione... 2 Organizzazioni delle memorie cache... 4 Gestione delle scritture in una cache...

Dettagli

Chiamiamo macchina un dispositivo che funzioni accettando in ingresso una qualche forma di energia e producendo in uscita un'altra forma di energia.

Chiamiamo macchina un dispositivo che funzioni accettando in ingresso una qualche forma di energia e producendo in uscita un'altra forma di energia. Lezione 17 - pag.1 Lezione 17: le macchine 17.1. Che cosa è una macchina? Il termine macchina, nell uso comune della lingua italiana, sta diventando sinonimo di automobile, cioè, alla lettera, dispositivo

Dettagli

Lezione 8: Suono (1) Sommario. Informatica Multimediale. Docente: Umberto Castellani

Lezione 8: Suono (1) Sommario. Informatica Multimediale. Docente: Umberto Castellani Lezione 8: Suono (1) Informatica Multimediale Docente: Umberto Castellani Sommario Introduzione al suono Rappresentazione del suono Elaborazione digitale Standard MIDI Sintesi del suono Parlato (Speech)

Dettagli

Nota Tecnica n.19 del C.R.A.

Nota Tecnica n.19 del C.R.A. X Dipartimento del COMUNE DI ROMA via Cola di Rienzo 23 00192 ROMA Roma 7 maggio 2002 Protocollo n.9543 del X Dipartimento Nota Tecnica n.19 del C.R.A. da Fabrizio Calabrese Consigliere Tecnico del C.R.A.

Dettagli

INTRODUZIONE ALLE SERIE DI FOURIER. poi più in generale la somma dei termini da 0 ad n (che chiamerò s n )

INTRODUZIONE ALLE SERIE DI FOURIER. poi più in generale la somma dei termini da 0 ad n (che chiamerò s n ) INTRODUZIONE ALLE SERIE DI FOURIER. Definizione di Serie Data una successione di numeri reali a k posso considerare la somma dei numeri da 0 a 5 (che chiamerò s 5 ): 5 s 5 = a k = a 0 + a + a + a 3 + a

Dettagli

Introduzione. Consideriamo la classica caratteristica corrente-tensione di un diodo pn reale: I D. V γ

Introduzione. Consideriamo la classica caratteristica corrente-tensione di un diodo pn reale: I D. V γ Appunti di Elettronica Capitolo 3 Parte II Circuiti limitatori di tensione a diodi Introduzione... 1 Caratteristica di trasferimento di un circuito limitatore di tensione... 2 Osservazione... 5 Impiego

Dettagli

BATTERIE & GESTIONE ENERGETICA

BATTERIE & GESTIONE ENERGETICA C A P I T O L O T R E BATTERIE & GESTIONE ENERGETICA In questo capitolo, imparerete le basi della gestione energetica e sapere come prolungare la vita delle batterie. 3-1 In questo capitolo, imparerete

Dettagli

wave a 44,1 khz, 16 bit, PCM, stereo (standard cd audio) L utilizzo di una risoluzione dipende anche dal supporto che la dovrà ospitare.

wave a 44,1 khz, 16 bit, PCM, stereo (standard cd audio) L utilizzo di una risoluzione dipende anche dal supporto che la dovrà ospitare. Il Suono Digitale Capitolo 3 - Formati e standard digitali dei file audio Il formato Wave, Wave 64, AIFF pag 1 Il Transfert Rate pag 4 Il formato mp3 pag 5 Il trasferimento di file tramite Internet pag

Dettagli

Algoritmi di scheduling

Algoritmi di scheduling Capitolo 2 Algoritmi di scheduling 2.1 Sistemi Real Time In un sistema in tempo reale (real time) il tempo gioca un ruolo essenziale. Le applicazioni di tali sistemi sono molteplici e di larga diffusione.

Dettagli

Descrizione del funzionamento di un Lock-in Amplifier

Descrizione del funzionamento di un Lock-in Amplifier Descrizione del funzionamento di un Lock-in Amplifier S.C. 0 luglio 004 1 Propositi di un amplificatore Lock-in Il Lock-in Amplifier é uno strumento che permette di misurare l ampiezza V 0 di una tensione

Dettagli

La catena di assicurazione

La catena di assicurazione La catena di assicurazione A cosa serve la corda? A trattenere una eventuale caduta Solo questo? Che cosa succede al momento dell arresto di una caduta? L arrampicatore avverte uno strappo Quanto è violento

Dettagli

RADIOSITY TUTORIAL. versione originale su: http://www.mvpny.com/radtutmv/radiositytut1mv.html

RADIOSITY TUTORIAL. versione originale su: http://www.mvpny.com/radtutmv/radiositytut1mv.html RADIOSITY TUTORIAL La "Profondità Diffusione" che si imposta nella finesta Settaggi Radiosity (render- >parametri rendering->radiosity) stabilisce quante volte una fonte di illuminazione andrà a riflettersi

Dettagli

www.andreatorinesi.it

www.andreatorinesi.it La lunghezza focale Lunghezza focale Si definisce lunghezza focale la distanza tra il centro ottico dell'obiettivo (a infinito ) e il piano su cui si forma l'immagine (nel caso del digitale, il sensore).

Dettagli

L importanza del salvataggio dei dati Febbraio 2001 I diritti di riproduzione, di memorizzazione elettronica e di adattamento totale o parziale con qualsiasi mezzo, compresi i microfilm e le copie fotostatiche

Dettagli

Obiettivo Principale: Spiegare come la stessa cosa possa essere realizzata in molti modi diversi e come, a volte, ci siano modi migliori di altri.

Obiettivo Principale: Spiegare come la stessa cosa possa essere realizzata in molti modi diversi e come, a volte, ci siano modi migliori di altri. 6 LEZIONE: Algoritmi Tempo della lezione: 45-60 Minuti. Tempo di preparazione: 10-25 Minuti (a seconda che tu abbia dei Tangram disponibili o debba tagliarli a mano) Obiettivo Principale: Spiegare come

Dettagli

Obiettivo Principale: Aiutare gli studenti a capire cos è la programmazione

Obiettivo Principale: Aiutare gli studenti a capire cos è la programmazione 4 LEZIONE: Programmazione su Carta a Quadretti Tempo della lezione: 45-60 Minuti. Tempo di preparazione: 10 Minuti Obiettivo Principale: Aiutare gli studenti a capire cos è la programmazione SOMMARIO:

Dettagli

L AUDIO ED IL SUO TRATTAMENTO. Mauro Mancini

L AUDIO ED IL SUO TRATTAMENTO. Mauro Mancini L AUDIO ED IL SUO TRATTAMENTO DI Mauro Mancini La scheda audio Le qualità sonore del computer dipendono dalla qualità della scheda audio Ingressi ed uscite audio Dipendono dalla scheda; questi i più diffusi:

Dettagli

ELETTRONICA. L amplificatore Operazionale

ELETTRONICA. L amplificatore Operazionale ELETTRONICA L amplificatore Operazionale Amplificatore operazionale Un amplificatore operazionale è un amplificatore differenziale, accoppiato in continua e ad elevato guadagno (teoricamente infinito).

Dettagli

MISURE CON L OSCILLOSCOPIO

MISURE CON L OSCILLOSCOPIO MISURE CON L OSCILLOSCOPIO Misure di ampiezza (1/4) Per effettuare misure di ampiezza con l oscilloscopio l di norma si eseguono in sequenza i seguenti passi: 1. Si procede innanzitutto alla predisposizione

Dettagli

BTNext Domande e Risposte più frequenti

BTNext Domande e Risposte più frequenti BTNext Domande e Risposte più frequenti 1. CON QUANTE PERSONE SI PUO PARLARE CONTEMPORANEAMENTE? Si può parlare con una sola persona alla volta in comunicazione full duplex (ovvero come una normale telefonata

Dettagli

Sistema acquisizione dati

Sistema acquisizione dati 12 Sistema acquisizione dati 3.1 Introduzione: Per convertire i segnali analogici trasmessi dai sensori in segnali digitali dobbiamo usare i convertitori analogici digitali o più comunemente chiamati ADC(Analog-to-Digital

Dettagli

Studio di una funzione ad una variabile

Studio di una funzione ad una variabile Studio di una funzione ad una variabile Lo studio di una funzione ad una variabile ha come scopo ultimo quello di pervenire a un grafico della funzione assegnata. Questo grafico non dovrà essere preciso

Dettagli

I Filtri Crossover. Per poter pilotare in modo corretto gli altoparlanti presenti in una cassa acustica sono essenziali i filtri Crossover.

I Filtri Crossover. Per poter pilotare in modo corretto gli altoparlanti presenti in una cassa acustica sono essenziali i filtri Crossover. I Filtri Crossover Per poter pilotare in modo corretto gli altoparlanti presenti in una cassa acustica sono essenziali i filtri Crossover. Reperire in commercio filtri Crossover con determinate caratteristiche

Dettagli

Autenticazione Vocale

Autenticazione Vocale Autenticazione Vocale (A. Gorziglia) INTRODUZIONE: perché usare i sistemi biometrici per l autenticazione. Il motivo principale è quello di impedire all utente di perdere (o dimenticare) la chiave di autenticazione

Dettagli

La MKT (Mean Kinetic Temperature) come criterio di accettabilità sui controlli della temperatura

La MKT (Mean Kinetic Temperature) come criterio di accettabilità sui controlli della temperatura La (Mean Kinetic Temperature) come criterio di accettabilità sui controlli della temperatura Come funzionano i criteri di valutazione sulla temperatura Vi sono 5 parametri usati per la valutazione del

Dettagli

Come l Analisi Multi Ciclica ci può evitare Stop-Loss e trovare buoni Ingressi in un Trade

Come l Analisi Multi Ciclica ci può evitare Stop-Loss e trovare buoni Ingressi in un Trade Come l Analisi Multi Ciclica ci può evitare Stop-Loss e trovare buoni Ingressi in un Trade Chi conosce l Analisi Ciclica capirà meglio la sequenza logica qui seguita. Anche chi non consoce bene l Analisi

Dettagli

) *!' " * +! #"#, ( -. - ( 0 0 00. - #

) *!'  * +! ##, ( -. - ( 0 0 00. - # ! " $% & ' ( ) *!' " * +! ", ( -. - /. - 0 0( ( ) $% * ++! " * +, ( -. - ( 0 0 00. - / 12! ) 1 1 3 /4**' $% * 3* 0 5 6 0!56" * 7'! "( - $% ' /. - 0560, 8 * 56 *, * 9$, $% 0560 :+; * " 3 *' $% ' /*, '(

Dettagli

Come costruire un Theremin (Traduzione dal sito www.strangeapparatus.com a cura di Agostino Cinnirella)

Come costruire un Theremin (Traduzione dal sito www.strangeapparatus.com a cura di Agostino Cinnirella) Come costruire un Theremin (Traduzione dal sito www.strangeapparatus.com a cura di Agostino Cinnirella) Il Theremin (dal nome del suo inventore Leon Theremin) è uno strumento musicale che risale ai primi

Dettagli

Suono: aspetti fisici. Tutorial a cura di Aldo Torrebruno

Suono: aspetti fisici. Tutorial a cura di Aldo Torrebruno Suono: aspetti fisici Tutorial a cura di Aldo Torrebruno 1. Cos è il suono Il suono è generalmente prodotto dalla vibrazione di corpi elastici sottoposti ad urti o sollecitazioni (corde vocali, corde di

Dettagli

3. Gestione di un sistema operativo a interfaccia grafica (elementi di base) 3.1 Software

3. Gestione di un sistema operativo a interfaccia grafica (elementi di base) 3.1 Software Pagina 29 di 47 3. Gestione di un sistema operativo a interfaccia grafica (elementi di base) 3.1 Software Come abbiamo già detto in precedenza, l informatica si divide in due grandi mondi : l hardware

Dettagli

Retroazione In lavorazione

Retroazione In lavorazione Retroazione 1 In lavorazione. Retroazione - introduzione La reazione negativa (o retroazione), consiste sostanzialmente nel confrontare il segnale di uscita e quello di ingresso di un dispositivo / circuito,

Dettagli

GUIDA ALL USO 4 STAR PRESENTA LA RUBRICA VOCALE UN SOLO NUMERO PER CHIAMARE CHI VUOI.

GUIDA ALL USO 4 STAR PRESENTA LA RUBRICA VOCALE UN SOLO NUMERO PER CHIAMARE CHI VUOI. GUIDA ALL USO 4 STAR PRESENTA LA RUBRICA VOCALE UN SOLO NUMERO PER CHIAMARE CHI VUOI. INDICE TUTTO SULLA TUA RUBRICA 02 COS È IL SERVIZIO RUBRICA 02 PER UTILIZZARE IL SERVIZIO 03 ALCUNE INFORMAZIONI UTILI

Dettagli

Mixer stereo Professionale

Mixer stereo Professionale NOIZ MX 600 USB/DSP Mixer stereo Professionale Manuale d'uso WORLDWIDE DISTRIBUTION AUDIO4 & C srl - Via Polidoro da Caravaggio 33-20156 MILANO - ITALY Tel. +39-0233402760 - Fax +39-0233402221 - Web: www.audio4.it

Dettagli

Basetta per misure su amplificatori

Basetta per misure su amplificatori Basetta per misure su amplificatori Per le misure viene utilizzata una basetta a circuito stampato premontata, che contiene due circuiti (amplificatore invertente e noninvertente). Una serie di interruttori

Dettagli

I modi della scala maggiore - prima parte

I modi della scala maggiore - prima parte I modi della scala maggiore - prima parte Perché imparare i modi? La risposta è molto semplice, direi quasi banale. E per inciso è applicabile per tutti i musicisti indipendentemente dallo strumento suonato,

Dettagli

Corso di Informatica Generale (C. L. Economia e Commercio) Ing. Valerio Lacagnina Fondamenti di calcolo booleano

Corso di Informatica Generale (C. L. Economia e Commercio) Ing. Valerio Lacagnina Fondamenti di calcolo booleano Breve introduzione storica Nel 1854, il prof. Boole pubblica un trattato ormai famosissimo: Le leggi del pensiero. Obiettivo finale del trattato è di far nascere la matematica dell intelletto umano, un

Dettagli

Serie MAX 158/110/112/115 Amplificatori Combo per basso

Serie MAX 158/110/112/115 Amplificatori Combo per basso Serie MAX 158/110/112/115 Amplificatori Combo per basso Manuale di istruzioni Il simbolo del fulmine con la freccia all interno di un triangolo equilatero, avverte l utente della presenza all interno del

Dettagli

Gli oscillatori a basso jitter: perché si sentono

Gli oscillatori a basso jitter: perché si sentono Gli oscillatori a basso jitter: perché si sentono Guido Tent, Novembre 2000 Introduzione In un lettore CD è necessario un clock stabile per una corretta conversione D/A. Il clock è un segnale elettrico

Dettagli

Brochure descrittiva dei sistemi di trading. Aggiornamento 20 novembre 2010

Brochure descrittiva dei sistemi di trading. Aggiornamento 20 novembre 2010 Brochure descrittiva dei sistemi di trading Aggiornamento 20 novembre 2010 Ciao e benvenuta/o in Sapienza Forex. In questa brochure verrai a conoscenza delle caratteristiche delle nostre strategie che

Dettagli

Hardware, software e periferiche. Facoltà di Lettere e Filosofia anno accademico 2008/2009 secondo semestre

Hardware, software e periferiche. Facoltà di Lettere e Filosofia anno accademico 2008/2009 secondo semestre Hardware, software e periferiche Facoltà di Lettere e Filosofia anno accademico 2008/2009 secondo semestre Riepilogo - Concetti di base dell informatica L'informatica è quel settore scientifico disciplinare

Dettagli

Corso di Elettronica di Potenza (12 CFU) ed Elettronica Industriale (6 CFU) Convertitori c.c.-c.c. 2/83

Corso di Elettronica di Potenza (12 CFU) ed Elettronica Industriale (6 CFU) Convertitori c.c.-c.c. 2/83 I convertitori c.c.-c.c. monodirezionali sono impiegati per produrre in uscita un livello di tensione diverso da quello previsto per la sorgente. Verranno presi in considerazione due tipi di convertitori

Dettagli

Introduzione. Classificazione di Flynn... 2 Macchine a pipeline... 3 Macchine vettoriali e Array Processor... 4 Macchine MIMD... 6

Introduzione. Classificazione di Flynn... 2 Macchine a pipeline... 3 Macchine vettoriali e Array Processor... 4 Macchine MIMD... 6 Appunti di Calcolatori Elettronici Esecuzione di istruzioni in parallelo Introduzione... 1 Classificazione di Flynn... 2 Macchine a pipeline... 3 Macchine vettoriali e Array Processor... 4 Macchine MIMD...

Dettagli

CONVERSIONE ANALOGICA DIGITALE (ADC)(A/D) CONVERSIONE DIGITALE ANALOGICA (DAC)(D/A)

CONVERSIONE ANALOGICA DIGITALE (ADC)(A/D) CONVERSIONE DIGITALE ANALOGICA (DAC)(D/A) CONVERSIONE ANALOGICA DIGITALE (ADC)(A/D) CONVERSIONE DIGITALE ANALOGICA (DAC)(D/A) ELABORAZIONE ANALOGICA O DIGITALE DEI SEGNALI ELABORAZIONE ANALOGICA ELABORAZIONE DIGITALE Vantaggi dell elaborazione

Dettagli

Introduzione all analisi dei segnali digitali.

Introduzione all analisi dei segnali digitali. Introduzione all analisi dei segnali digitali. Lezioni per il corso di Laboratorio di Fisica IV Isidoro Ferrante A.A. 2001/2002 1 Segnali analogici Si dice segnale la variazione di una qualsiasi grandezza

Dettagli

Articolo. Considerazioni per la scelta di convertitori DC/DC isolati in formato brick

Articolo. Considerazioni per la scelta di convertitori DC/DC isolati in formato brick Ref.: MPS352A Murata Power Solutions www.murata-ps.com Articolo Considerazioni per la scelta di convertitori DC/DC isolati in formato brick Paul Knauber, Field Applications Engineer, Murata Power Solutions

Dettagli

(a) Segnale analogico (b) Segnale digitale (c) Segnale digitale binario

(a) Segnale analogico (b) Segnale digitale (c) Segnale digitale binario A.s. 2010-2011 2011 Segnali analogici e digitali (a) Segnale analogico (b) Segnale digitale (c) Segnale digitale binario Un segnale si definisce analogico se può assumere tutti gli infiniti valori nel

Dettagli

Guardiamo ora però la cosa da un altro punto di vista analizzando il seguente grafico a forma di torta. La torta in 5 parti

Guardiamo ora però la cosa da un altro punto di vista analizzando il seguente grafico a forma di torta. La torta in 5 parti L EQUIVALENZA FRA I NUMERI RAZIONALI (cioè le frazioni), I NUMERI DECIMALI (quelli spesso con la virgola) ED I NUMERI PERCENTUALI (quelli col simbolo %). Ora vedremo che ogni frazione (sia propria, che

Dettagli

Serie numeriche e serie di potenze

Serie numeriche e serie di potenze Serie numeriche e serie di potenze Sommare un numero finito di numeri reali è senza dubbio un operazione che non può riservare molte sorprese Cosa succede però se ne sommiamo un numero infinito? Prima

Dettagli

GA-11. Generatore di segnale a bassa frequenza. Manuale d uso

GA-11. Generatore di segnale a bassa frequenza. Manuale d uso INFORMAZIONE AGLI UTENTI ai sensi dell art. 13 del decreto legislativo 25 luglio 2005, n. 15 Attuazione delle Direttive 2002/95/ CE, 2002/96/CE e 2003/108/CE, relative alla riduzione dell uso di sostanze

Dettagli

Machines 2010. :Nuova legge in Europa. :Nuove norme. Quasi-macchine. MTTFd. Documenti DC SIL PL. B10d CCF

Machines 2010. :Nuova legge in Europa. :Nuove norme. Quasi-macchine. MTTFd. Documenti DC SIL PL. B10d CCF Machines 2010 :Nuova legge in Europa :Nuove norme Quasi-macchine MTTFd B10d CCF Documenti DC SIL PL : Nuovi obblighi per progettisti, utilizzatori, costruttori, importatori di macchine: - Nuova Direttiva

Dettagli

ATTENZIONE: per importanti informazioni sulla prevenzione di danni all udito, consulta Importanti informazioni sulla sicurezza a pagina 166.

ATTENZIONE: per importanti informazioni sulla prevenzione di danni all udito, consulta Importanti informazioni sulla sicurezza a pagina 166. Musica 8 Ottenere musica Ottieni musica e altri contenuti audio su ipad. Acquistare musica da itunes Store: vai su itunes Store. Consulta Capitolo 22, itunes Store, a pagina 119. icloud: accedi a tutti

Dettagli

PROVE SU PISTA CAN LCU-ONE. LCU-ONE CAN su motori 2 Tempi. Per migliorare la tecnica di guida e per perfezionare la messa a punto del kart

PROVE SU PISTA CAN LCU-ONE. LCU-ONE CAN su motori 2 Tempi. Per migliorare la tecnica di guida e per perfezionare la messa a punto del kart LCU-ONE CAN + TERMOCOPPIA GAS DI SCARICO CONTROLLO PUNTUALE DEL TUO MOTORE PROVE SU PISTA LA PROVA LCU-ONE CAN su motori 2 Tempi UNO STRUMENTO ESSENZIALE Per migliorare la tecnica di guida e per perfezionare

Dettagli

INTEGRATORE E DERIVATORE REALI

INTEGRATORE E DERIVATORE REALI INTEGRATORE E DERIVATORE REALI -Schemi elettrici: Integratore reale : C1 R2 vi (t) R1 vu (t) Derivatore reale : R2 vi (t) R1 C1 vu (t) Elenco componenti utilizzati : - 1 resistenza da 3,3kΩ - 1 resistenza

Dettagli

MODULAZIONI ANGOLARI

MODULAZIONI ANGOLARI MODULAZIONI ANGOLARI Una sinusoide: v(t) = V M * cos (ω * t + φ o ) = V M * cos φ(t) : t è il tempo e φ(t) = fase istantanea è identificata da: 1. Ampiezza V M o V P oppure anche dal suo valore efficace

Dettagli

Il Suono Digitale. Capitolo 1 - Dal segnale analogico al segnale digitale. Introduzione

Il Suono Digitale. Capitolo 1 - Dal segnale analogico al segnale digitale. Introduzione Il Suono Digitale Capitolo 1 - Dal segnale analogico al segnale digitale Introduzione pag 1 Vantaggi del segnale digitale pag 2 Svantaggi della rappresentazione digitale pag 2 Schema della catena audio

Dettagli

Considerazioni sulle specifiche.

Considerazioni sulle specifiche. # SINTESI PER TENTATIVI IN ω PER GLI ASSERVIMENTI # Considerazioni sulle specifiche. Come accennato in precedenza, prima di avviare la prima fase della sintesi di un sistema di asservimento, e cioe la

Dettagli

Come visto precedentemente l equazione integro differenziale rappresentativa dell equilibrio elettrico di un circuito RLC è la seguente: 1 = (1)

Come visto precedentemente l equazione integro differenziale rappresentativa dell equilibrio elettrico di un circuito RLC è la seguente: 1 = (1) Transitori Analisi nel dominio del tempo Ricordiamo che si definisce transitorio il periodo di tempo che intercorre nel passaggio, di un sistema, da uno stato energetico ad un altro, non è comunque sempre

Dettagli

GUIDA ALLE SOLUZIONI

GUIDA ALLE SOLUZIONI Come posizionare una antenna indoor attiva o passiva per una ricezione ottimale? Come verificare in una stanza se il segnale digitale è presente? Perché effettuando la scansione con l antenna indoor non

Dettagli

I.P.S.I.A. Di BOCCHIGLIERO

I.P.S.I.A. Di BOCCHIGLIERO I.P.S.I.A. Di BOCCHIGLIERO a.s. 2010/2011 -classe III- Materia: Telecomunicazioni ---- Oscillatori ---- alunna Serafini Rossella prof. Ing. Zumpano Luigi L'oscillatore L'oscillatore è l'elemento fondamentale

Dettagli

Trasmissione Dati. Trasmissione Dati. Sistema di Trasmissione Dati. Prestazioni del Sistema

Trasmissione Dati. Trasmissione Dati. Sistema di Trasmissione Dati. Prestazioni del Sistema I semestre 03/04 Trasmissione Dati Trasmissione Dati Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/professori/auletta/ Ogni tipo di informazione può essere rappresentata come insieme

Dettagli

INDICE PROGRAMMA CORSO

INDICE PROGRAMMA CORSO INDICE PROGRAMMA CORSO PRIMA LEZIONE: Componenti di un computer: Hardware, Software e caratteristiche delle periferiche. SECONDA LEZIONE: Elementi principali dello schermo di Windows: Desktop, Icone, Mouse,

Dettagli

Strumenti Digitali. Corso di Misure Elettriche http://sms.unipv.it/misure/

Strumenti Digitali. Corso di Misure Elettriche http://sms.unipv.it/misure/ Strumenti Digitali Corso di Misure Elettriche http://sms.unipv.it/misure/ Piero Malcovati Dipartimento di Ingegneria Industriale e dell Informazione Università di Pavia piero.malcovati@unipv.it Piero Malcovati

Dettagli

Inizializzazione degli Host. BOOTP e DHCP

Inizializzazione degli Host. BOOTP e DHCP BOOTP e DHCP a.a. 2002/03 Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/~auletta/ Università degli studi di Salerno Laurea e Diploma in Informatica 1 Inizializzazione degli Host Un

Dettagli

Indice. 1 Il funzionamento del sistema uditivo --------------------------------------------------------------------------------------- 3

Indice. 1 Il funzionamento del sistema uditivo --------------------------------------------------------------------------------------- 3 LEZIONE: IL FUNZIONAMENTO DEL SISTEMA UDITIVO PROF. EDORDO ARSLAN Indice 1 Il funzionamento del sistema uditivo --------------------------------------------------------------------------------------- 3

Dettagli

La Minimizzazione dei costi

La Minimizzazione dei costi La Minimizzazione dei costi Il nostro obiettivo è lo studio del comportamento di un impresa che massimizza il profitto sia in mercati concorrenziali che non concorrenziali. Ora vedremo la fase della minimizzazione

Dettagli

L amplificatore. A che serve l'amplificatore?

L amplificatore. A che serve l'amplificatore? L amplificatore L'amplificazione è un elemento imprenscindibile della catena audio, in qualsiasi situazione e applicazione. Infatti, se è ovvio che l'amplificazione sia importantissima nella riproduzione

Dettagli

Min Tipico Max Unità Note Tensione di alimentazione

Min Tipico Max Unità Note Tensione di alimentazione --------------- RX-AUDIO-2.4 Caratteristiche Nessuna compressione per alta qualità del suono, latenza di 0.5 ms. Audio digitale con frequenza di campionamento a 44.1 KHz e 16-bit di risoluzione. Demodulazione

Dettagli

Reti sequenziali sincrone

Reti sequenziali sincrone Reti sequenziali sincrone Un approccio strutturato (7.1-7.3, 7.5-7.6) Modelli di reti sincrone Analisi di reti sincrone Descrizioni e sintesi di reti sequenziali sincrone Sintesi con flip-flop D, DE, T

Dettagli

Introduzione all Analisi dei Segnali

Introduzione all Analisi dei Segnali Tecniche innovative per l identificazione delle caratteristiche dinamiche delle strutture e del danno Introduzione all Analisi dei Segnali Prof. Ing. Felice Carlo PONZO - Ing. Rocco DITOMMASO Scuola di

Dettagli

ELABORARE FILE AUDIO CON AUDACITY Tutorial per le prime funzionalità

ELABORARE FILE AUDIO CON AUDACITY Tutorial per le prime funzionalità ELABORARE FILE AUDIO CON AUDACITY Tutorial per le prime funzionalità INDICE 1. Caricare un file audio. p. 2 2. Riprodurre una traccia. p. 2 3. Tagliare una traccia... p. 3 4. Spostare una traccia. p. 3

Dettagli

AMPLIFICATORI DI POTENZA

AMPLIFICATORI DI POTENZA AMPLIFICATORI DI POTENZA I segnali applicati ad utilizzatori, quali servo-motori e impianti audio, sono associati generalmente ad elevati livelli di potenza; questo significa alti valori di corrente oltre

Dettagli

Colorare coi numeri La rappresentazione delle immagini

Colorare coi numeri La rappresentazione delle immagini Attività 2 Colorare coi numeri La rappresentazione delle immagini Sommario I computer memorizzano i disegni, le fotografie e le altre figure usando solo numeri. Questa attività mostra come fanno. Competenze

Dettagli

Come funziona la radio? Informazioni agli insegnanti

Come funziona la radio? Informazioni agli insegnanti Informazioni agli insegnanti 1/7 Compito Gli alunni guardano un filmato e danno prova del loro apprendimento rispondendo alle domande della scheda di lavoro. Obiettivo Gli alunni imparano come nasce e

Dettagli

ANALISI FREQUENZIALE E PROGETTO NEL DOMINIO DELLE FREQUENZE

ANALISI FREQUENZIALE E PROGETTO NEL DOMINIO DELLE FREQUENZE CONTROLLI AUTOMATICI Ingegneria della Gestione Industriale e della Integrazione di Impresa http://www.automazione.ingre.unimore.it/pages/corsi/controlliautomaticigestionale.htm ANALISI FREQUENZIALE E PROGETTO

Dettagli

Lezione n.19 Processori RISC e CISC

Lezione n.19 Processori RISC e CISC Lezione n.19 Processori RISC e CISC 1 Processori RISC e Superscalari Motivazioni che hanno portato alla realizzazione di queste architetture Sommario: Confronto tra le architetture CISC e RISC Prestazioni

Dettagli

L'impulso di una forza che varia nel tempo

L'impulso di una forza che varia nel tempo Lezione 13 approfondimento pag.1 L'impulso di una forza che varia nel tempo Un riassunto di quel che sappiamo Riprendiamo in esame il solito carrellino che si trova sopra la rotaia a basso attrito. Se

Dettagli

GRANDEZZE E UNITÀ DI MISURA

GRANDEZZE E UNITÀ DI MISURA GRANDEZZE E UNITÀ DI MISURA Il suono si propaga attraverso onde elastiche longitudinali, per la cui descrizione fisica le grandezze di base sono, come per tutti i fenomeni ondulatori, frequenza, ampiezza

Dettagli

QUANTIZZAZIONE diverse fasi del processo di conversione da analogico a digitale quantizzazione

QUANTIZZAZIONE diverse fasi del processo di conversione da analogico a digitale quantizzazione QUANTIZZAZIONE Di seguito lo schema che illustra le diverse fasi del processo di conversione da analogico a digitale. Dopo aver trattato la fase di campionamento, occupiamoci ora della quantizzazione.

Dettagli

Andrea Milanese. I comportamenti corretti per la salute del bambino quando viaggia in auto e non solo. Crescere bambini ecologici

Andrea Milanese. I comportamenti corretti per la salute del bambino quando viaggia in auto e non solo. Crescere bambini ecologici Andrea Milanese I comportamenti corretti per la salute del bambino quando viaggia in auto e non solo IL CONCETTO DI SICUREZZA PASSIVA POLITECNICO DI MILANO DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA AEROSPAZIALE Laboratori

Dettagli

Esami di Stato 2008 - Soluzione della seconda prova scritta. Indirizzo: Elettronica e Telecomunicazioni Tema di ELETTRONICA

Esami di Stato 2008 - Soluzione della seconda prova scritta. Indirizzo: Elettronica e Telecomunicazioni Tema di ELETTRONICA Risposta al quesito a Esami di Stato 2008 - Soluzione della seconda prova scritta Indirizzo: Elettronica e Telecomunicazioni Tema di ELETTRONICA (A CURA DEL PROF. Giuseppe SPALIERNO docente di Elettronica

Dettagli

ISTRUZIONI PER L'USO

ISTRUZIONI PER L'USO KARAOKE ROBOT ISTRUZIONI PER L'USO PRIMA DI UTILIZZARE IL PRODOTTO, LEGGERE ATTENTAMENTE LE ISTRUZIONI PER L'USO E CONSERVARLE PER CONSULTAZIONI FUTURE. REV 0 1 1. Componenti / Pulsanti 1. Altoparlanti

Dettagli

UPS ed alimentazione

UPS ed alimentazione UPS ed alimentazione INFORMAZIONE Uno dei principali pregi di internet è anche uno dei suoi peggiori difetti: tutti possono pubblicare materiale informativo, dal ricercatore più esperto, al quindicenne

Dettagli

Equalizzatori e Filtri

Equalizzatori e Filtri Equalizzatori e Filtri Massimiliano Salfi salfi@dmi.unict.it Nozioni generali Quando un segnale elettrico rappresentante un'onda acustica (per esempio il segnale che esce da un microfono) entra in un circuito,

Dettagli

Dipartimento di Fisica Sperimentale Laboratorio di Elettronica

Dipartimento di Fisica Sperimentale Laboratorio di Elettronica Dipartimento di Fisica Sperimentale Laboratorio di Elettronica D.Gamba,P.P.Trapani April 9, 2004 1 1 Circuiti Digitali Integrati: Timer, ADC e DAC In questo Lab. si imparera ad usare alcuni circuiti integrati

Dettagli

Reti combinatorie: Codificatori

Reti combinatorie: Codificatori Reti combinatorie: Codificatori P. Marincola (Rev..2) Come si ricorderà, i decodificatori hanno essenzialmente il compito di convertire un codice binario a n bit in un codice -su-m, dovem =2 n. In molte

Dettagli

Incrementa le performance dei tuoi apparecchi acustici. Gamma Accessori Wireless Phonak

Incrementa le performance dei tuoi apparecchi acustici. Gamma Accessori Wireless Phonak Incrementa le performance dei tuoi apparecchi acustici Gamma Accessori Wireless Phonak La moderna tecnologia degli apparecchi acustici rende piacevoli l ascolto e la comprensione nella maggior parte delle

Dettagli

Trattamento dell informazione

Trattamento dell informazione Insegnamento di Informatica CdS Scienze Giuridiche A.A. 2007/8 Trattamento dell informazione Prof. Giorgio Valle D.ssa Raffaella Folgieri giorgio.valle@unimi.it folgieri@dico.unimi.it Lez1 4.10.07 Trattamento

Dettagli

www.internetbusinessvincente.com

www.internetbusinessvincente.com Come trovare nuovi clienti anche per prodotti poco ricercati (o che necessitano di essere spiegati per essere venduti). Raddoppiando il numero di contatti e dimezzando i costi per contatto. Caso studio

Dettagli

Manuale Utente. Versione 3.0. Giugno 2012 1

Manuale Utente. Versione 3.0. Giugno 2012 1 Manuale Utente Versione 3.0 Giugno 2012 1 Manuale d uso di Parla con un Click Versione 3.0 Indice degli argomenti 1. Immagini Modificare le immagini - Modifiche generali delle immagini - Modifiche specifiche

Dettagli