Ministero delle Politiche Agricole e Forestali. ISTITUTO SPERIMENTALE PER LO STUDIO E LA DIFESA DEL SUOLO Piazza M.D Azeglio, FIRENZE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Ministero delle Politiche Agricole e Forestali. ISTITUTO SPERIMENTALE PER LO STUDIO E LA DIFESA DEL SUOLO Piazza M.D Azeglio, 30-50121 FIRENZE"

Transcript

1 Ministero delle Politiche Agricole e Forestali ISTITUTO SPERIMENTALE PER LO STUDIO E LA DIFESA DEL SUOLO Piazza M.D Azeglio, FIRENZE Centro Nazionale di Cartografia Pedologica MANUALE D USO DEL DBMS CNCP 2003 A cura di E. Costantini, R. Barbetti e F.Urbano e A. Lachi #$k Introduzione Il DBMS CNCP 2003 (database management system) è un sistema di gestione di database operante in Access 2000 ed Access XP progettata dal Centro Nazionale di Cartografia Pedologica dell'istituto Sperimentale per lo Studio e la Difesa del Suolo di Firenze. Le precedenti versioni di CNCP sono nate per agevolare la creazione delle unità e sottounità tipologiche di suolo e facilitarne la correlazione a livello nazionale e regionale. In seguito con la Convezione stipulata con la regione Lazio per la realizzazione della carta dei suoli a scala 1:25000 tale applicazione è stata aggiornata per le finalità speciche del rilevamento in questione e per gestire la geografia al fine di spazializzare l informazione pedologica puntuale. Oltre a consentire l'archiviazione e la gestione delle unità e sottounità tipologiche di suolo (serie e unità generiche, fasi, unità aggiuntive, varianti, suoli accidentali), permette anche l introduzione in BD delle osservazioni pedologiche di tipo puntuale (pozzetti, osservazioni speditive, trivellate, profili) per un database georeferenziato dei suoli europei (presente sul sito Il software è stato derivato per successive approssimazioni dal precedente ISSDS97, già largamente sperimentato in Italia. La scelta di Access come ambiente per lo sviluppo del database è stata fatta per la sua larga diffusione commerciale e per la sua facilità di uso. Per l utilizzo dell'applicazione CNCP è necessario il software Access (Microsoft Office 2000) o superiori ed averne una conoscenza di base. I riferimenti metodologici per la creazione e correlazione tipologica sono riportati nel documento: Criteri per la definizione delle unità tipologiche di suolo (UTS) del progetto metodologie # TUTTO $ tutto k tutto 1

2 pedologiche per la carta dei suoli d Italia a scala 1: , presente sul sito Le codifiche dei campi e tabelle del software sono quelle del manuale per la descrizione del suolo edito dall Istituto Sperimentale per lo Studio e la Difesa del Suolo e dalla Regione Toscana, compatibili con il manuale per la descrizione del suolo redatto da Wolf e Carnicelli, anch esso presente sul sito Caratteristiche generali Il DBMS CNCP2003 è composto da due software, uno è l interfaccia con l utente per l immissione dei dati e ne permette un appropriata visualizzazione (motore), l altro è la banca dati vera e propria. Il primo è l'applicazione Cncp_2003, responsabile dell architettura del sistema e della gestione delle tabelle di residenza dei dati, per mezzo degli appositi strumenti messi a disposizione da Access (Query, Schede, Report, Macro e Moduli); il secondo è il file Cncp_b, il contenitore in cui i dati pedologici vengono accumulati, la cui struttura è rappresentata in fig.1. Questa configurazione consente di scegliere quale contenitore di dati interrogare e gestire ogni volta che viene lanciata l'applicazione Cncp_2003. Il programma consente le seguenti funzioni: 1) archiviazione dei dati pedologici: la modalità di immissione dati avviene prevalentemente per mezzo di caselle di controllo (selezione di dati da un elenco) che rendono più rapido il data entry ed evitano gli errori di battitura. 2) archiviazione dei dati geografici: La struttura del database per l archiviazione dei dati pedologici viene relazionata a tabelle che fanno riferimento ad entità poligonali al fine di spazializzare l informazione puntuale. Le entità poligonali geografiche georeferenziate possono coesistere nella banca dati alfanumerica in un database unico. Fig 1a 3) stampa dei profili e delle unità in versione prosaica: per mezzo di apposite decodifiche i dati immessi nella banca dati in forma di codice, vengono tradotti nel loro equivalente prosaico; la stampa in forma descrittiva sarà utile per la divulgazione dei dati e per la creazione di pubblicazioni, report etc. 4) gestione dei dati: per mezzo di filtri e query potrà essere interrogata la banca dati per ogni singolo carattere o combinazione di caratteri e stampati i risultati di tale ricerca. Fig. 1 - struttura della banca dati pedologica 2

3 fig1a il Collegamento tra le informazioni pedologiche con le informazioni geografiche alle varie scale di dettaglio: Il software Cncp 2003 I dati pedologici possono essere gestiti o direttamente dalle tabelle del database Cncp_b oppure attraverso l utilizzo del software Cncp L apertura del software è ottenibile o facendo doppio clic sul file Cncp_2003.mdb, oppure aprendo Access 2000 od XP attraverso il menù file ciccando sul pulsante apri e navigando attraverso le cartelle del computer cercando e selezionando il file Cncp_2003.mdb. All apertura del software apparirà la schermata in fig. 2. Fig 2 3

4 Gli elementi che permettono di gestire le maschere di immissione e visualizzazione dei dati sono la BARRA DEI MENU e la BARRA START (vedi fig. 3), grazie alla quale è possibile gestire l intero database. Fig. 3 Come iniziare Dopo aver avviato il Cncp_2003 è necessario allegare la base dati Cncp_b attraverso l uso del pulsante CAMBIA DB (Fig. 4) che si trova nella BARRA START. Fig. 4 Appena ciccato sul pulsante apparirà la maschera in fig. 5 che ci permetterà di navigare all interno del nostro computer alla ricerca della cartella contenente la nostra base di dati, ossia il file Cncp_b.mdb. Dopo averla trovata è necessario ciccare sul pulsante OK ed il software provvederà automaticamente ad allegare tutte le tabelle. Se disponiamo di più di una base dati potremmo attraverso sempre questo semplice sistema gestirle una alla volta. Il software ricorda l ultimo database allegato, per cui non sarà necessario dopo ogni riavvio dover allegare la base dati. Come possiamo notare nella fig 5 nell intestazione è indicata la path dell ultimo DB allegato. Fig. 5 4

5 Gestione di più basi dati Per poter gestire più basi dati è necessario avere alcune accortezze. E bene ricordare che il nome del file della base dati deve essere Cncp_b.mdb, e non può essere modificato, altrimenti il Cncp_2003 non lo riconoscerà come tale. E necessario usare più cartelle, nominarle in modo diverso, ed in ognuna di esse porre il file Cncp_b.mdb. E possibile vedere un esempio di questa organizzazione in fig. 6. Fig. 6 - DB TOSCANA DB SIENA Cncp_b.mdb DB FIRENZE Cncp_b.mdb - DB LAZIO DB ROMA 1 Cncp_b.mdb DB ROMA 2 Cncp_b.mdb DB ROMA 2_new Cncp_b.mdb Gestione dei codici di rilevamento Prima di iniziare ad inserire i dati è necessario definire uno o più codici di rilevamento. Questa operazione si esegue tramite il pulsante COD. RILEV. (vedi fig. 4) che aprirà la maschera CODICI DI RILEVAMENTO (vedi Fig. 7). 5

6 Fig. 7 Dopo aver inserito il codice si può farvi riferimento attraverso il campo combinato codice rilevamento (vedi Fig. 8) della maschera SCHEDE PEDOLOGICHE; tutte le volte che viene aggiunto un nuovo codice questo verrà automaticamente aggiunto alla lista. Il codice può essere composto da numeri e/o lettere purché non ecceda le 5 unità. Fig. 8 Barra START E possibile accedere alle varie maschere di gestione dei dati attraverso i pulsanti della barra START (Fig. 2). Sulla barra alcuni pulsanti risultano inattivi, infatti esistono delle sincronizzazioni tra le maschere evidenziate dalla barra stessa. Una prima sincronizzazione l abbiamo tra la maschera schede pedologiche e quella orizzonti; guardando la figura 9 vediamo che dopo l apertura della maschera schede pedologiche si attiva il pulsante orizzonti, che se usato, permetterà l apertura della relativa maschera, in cui appariranno i dati relativi solo agli orizzonti riferiti alla scheda pedologica visualizzata in quel momento. Nel caso in cui si cambiasse scheda pedologica attraverso i pulsanti di scorrimento dei record e si passasse ad una nuova scheda pedologica, la maschera orizzonti si chiuderebbe automaticamente e il pulsante orizzonti diverrebbe inattivo. Lo stesso legame si ha tra le maschere unità tipologiche e sottounità. 6

7 Le maschere Ogni maschera è caratterizzata da un intestazione in cui vi sono i dati che maggiormente identificano l oggetto a cui si riferiscono ed una serie di pagine dove poter inserire il resto dei dati. Quest ultime possono essere utilizzate ciccando sulle intestazioni delle pagine. Nelle figure 9 e 11 vediamo due pagine, caratteri generali e caratteri della stazione della maschera schede pedologiche. I colori delle maschere sono associati a quelli dei pulsanti per un più facile utilizzo del software. Fig. 9 Dal menù gestioni (Fig. 10) è possibile accedere rapidamente ad alcune tabelle o maschere. Ad esempio è possibile aggiungere, i codici dei rilevatori, trovare il codice istat desiderato (con i filtri di access), visualizzare i metodi analitici utilizzati; ed accedere alle tabelle di decodifica dove si possono modificare e/o inserire nuovi codici; corrispondenti a quelli della guida del rilevamento dei suoli. 7

8 Fig 10 Fig.11 Calcolo delle medie e deviazioni standard dei caratteri funzionali Per facilitare la creazione e correlazione delle unità (UTS) e sottounità tipologiche di suolo (STS) sono stati creati alcuni strumenti che permettono il calcolo ed il salvataggio di dati riguardanti caratteri e qualità degli orizzonti funzionali e delle STS. Il calcolo, eseguito attraverso il pulsante aggiorna statistiche nella pagina caratteri e qualità della maschera sottounità (visibile in basso a destra della fig. 12), avviene su dati presenti nelle tabelle del database riguardanti le schede pedologiche che appartengono a quella determinata UTS. Affinché questi vengano visualizzati correttamente è necessario aver ben compilato i campi delle maschere relative alle schede pedologiche ed orizzonti; in special modo il campo orizzonte funzionale della maschera orizzonti (vedi fig. 13) indicando il codice dell orizzonte stabilito (vedi fig. 14). 8

9 Orizzonti Funzionali:gli orizzonti funzionali possono essere o non essere accorpamenti di singoli orizzonti descritti o analizzati; Ad esempio gli orizzonti Ap1 ed Ap2 se similari dal punto di vista gestionale possono comporre un unico orizzonte funzionale attribuendo ad entrambi lo stesso codice numerico. La deviazione standard delle medie dei valori degli orizzonti funzionali indicano se è adeguato accorpare più orizzonti o meno. Precisiamo che il pulsante AGGIORNA STATISTICHE fa innescare una macro che avvia automaticamente una serie di azioni che in questo database sono sottoforma di query di aggiornamento. Oltre alle statistiche per gli orizzonti funzionali dette prima, vengono aggiornate le classificazioni delle UTS e STS una volta definiti gli orizzonti caposaldo ; il campo CODEX (stringa di testo del codice rilevamento, tipo osservazione e numero osservazione); la classe di Capacità d uso e di fertilità LCC delle STS. Stampe Oltre alla gestione dei dati con il CNCP 2003 è possibile creare delle stampe prosaiche (fig. 15) delle informazioni per mezzo del menù stampe o tramite dei pulsanti di stampa situati nelle maschere schede pedologiche (vedi in alto a destra di fig. 10), unità tipologiche e sottounità. (Per scorrere la visualizzazione in anteprima premere il tasto dei record in basso a sinistra). Esistono tre possibili uscite di stampa: 1) direttamente da Access, con le impostazioni relative alla stampante istallata; 2) in.pdf se nel sistema è installato adobe acrobat; 3) in.rtf, con lo strumento analizza con microsoft word di access. Circa il metodo n. 2: dal menù file si seleziona il sottomenù stampe e nel nome della stampante si sceglie Acrobat distiller o Acrobat PDF writer; queste sono due applicazioni che simulano una stampante, creando un file.pdf. Fig. 12 9

10 Fig. 13 Fig

11 Fig. 15 Con questo pulsante si apre una sottomaschera che mostra quanti record sul totale dei record disponibili vengono utilizzati per attribuire le classi dei caratteri e delle qualità del suolo. 11

12 maschera selezione profili per la defizione dell intervallo dei profili da stampare o da visualizzare in anteprima di stampa. Questa routine attiva anche l applicazione che permette di esportare lo stampato in fomato.rtf. Con questo pulsante apriamo una finestra sul database per l attribuzione degli orizzonti funzionali alle STS; (indispensabili per eseguire le stime e le statistiche delle STS). Esaminiamo brevemente ma nel dettaglio; la funzionalità delle applicazioni dei menù posti sopra la barra Start: Menù file: Esporta: simile al salva con nome; permette di salvare un oggetto di access all interno dell applicazione Cncp in un altro formato; ad esempio si può trasformare una tabella in una maschera o in un report oppure salvare un maschera come report; una macro in un modulo ecc. Carica dati esterni: Importazione in access di file di vari formati; dbf, rtf, xls, html ecc. Anteprima di stampa: apre l anteprima di stampa della pagina corrente Stampa: stampa la pagina corrente, settando preliminariamente le proprietà di stampa. Invia (x): Esci: si chiude l applicazione DBMS_CNCP_2003 Menù gestioni: Codici Istat dei comuni: visualizza la tabella dei codici Istat d Italia aggiornati all anno 1993; sono consentite aggiunte e modifiche. Decodifiche: Apre la tabella Specie tabella e la tabella Decodifiche relazionate tra di loro da una cardinalita 1 a N: Specie Tabella indica le aggregazioni dei domini (valori) che possono assumere 12

13 tutti gli attributi della banca dati. Tali codici riprendono coerentemente le specifiche della guida del rilevamento del suolo. Sembra importante sottolineare che le decodifiche non dovrebbero essere cambiate da ciascun utente, altrimenti non sarebbero più confrontabili dati e richieste provenienti da utenti diversi; è invece auspicabile l aggiunta di voci e di codici relativi al fine di definire meglio alcuni caratteri locali, ma si ritiene importante che ciò avvenga nella massima cautela ed informando i tecnici dell istituto fornitore. Abbinamenti di decodifica: Questa tabella come le due precedenti permette la gestione dei domini degli attributi: Il nome campo sono gli attributi del database; specie tabella sono le aggregazioni dei domini; descrizione in stampa, mostra la stringa di testo che viene stampata dal report quando viene decodificato un certo attributo; Tipo della decodifica distingue quali campi hanno un codice fisso a valore (esempio drenaggio interno) e quali invece devono codificare con intervalli di valore (esempio dimensione dei pori) Metodi analitici: apre la tabella con i codici ISO delle metodologie di analisi; il campo specie tabella come detto in abbinamenti di decodifica rappresenta l aggregazione del dominio dei valori di una determinata metodologia (cioè i vari metodi possibili per quel tipo di analisi). Sono consentiti ovviamente gli aggiornamenti. Rilevatori: Apre la tabella della lista dei rilevatori; ad ognuno dei quali viene assegnato un codice; non esistendo al momento una codifica ufficiale dei rilevatori, tale tabella può essere completamente aggiornata. Tipo coordinate: Apre la tabella delle descrizioni delle coordinate piane con le quali viene rilevato il sito di osservazione pedologica; è indicato il tipo, il fuso ed il datum. Tale tabella può essere aggiornata e modificata ad esempio se dovessero essere considerate anche le coordinate geografiche. Classi di attendibilità di attribuzione geografica: Apre la tabella delle descrizioni delle attendibilità con cui viene attribuita una certa Sottounità pedologica STS o sito alle componenti territoriali (land component) di un certo poligono ad una certa scala (sistema di terre o sottosistema di terre od unità di terre.) Questa tabella viene considerata in una fase avanzata del lavoro; dopo inserimento dei siti ;cioè in fase di spazializzazione dell informazione pedologica puntuale. Tale tabella può avere aggiunte; ma le modifiche devono essere discusse nella fase della pianificazione delle metodologie. Codici di rilevamento: Apre la tabella dei codici rilevamento analogamente a quanto effettua il pulsante Cod. rilev. nella barra Start. Tale tabella è legata con relazione 1 a molti con la tabella siti e con vincolo di integrità referenziale; vale a dire che deve essere definito il codice di rilevamento ancor prima di inserire un profilo. Sono concessi cambiamenti, aggiunte e modifiche. Menù Stampe report: Stampa scheda corrente: Stampa la pagina corrente visualizzata a video; sia anche la struttura della maschera. Stampa tutte UTS: Apre l anteprima di stampa del report della descrizione di tutte le Unità di suolo UTS presenti nel database, ovvero i dati inseriti nella tabella Unità Stampa UTS: Apre l anteprima di stampa del report della descrizione di una Unità di suolo che scegliamo inserendo il codice di una certa UTS 13

14 Stampa tutte UTS: Apre l anteprima di stampa del report della descrizione di tutte le Sottounità di suolo STS presenti nel database, ovvero i dati inseriti nella tabella sottounità. Stampa tutte STS di UTS: Apre l anteprima di stampa del report della descrizione di tutte le Sottounità di suolo STS appartenenti ad una certa UTS che possiamo scegliere inserendo il relativo codice. Stampa dei profili con word: Apre una maschera nella quale possiamo sciegliere una o più descrizioni di profili stampare; indicando codice rilevamento e numero di osservazione si apre l anteprima di stampa dell intervallo di profili scelto; l apertura del report attiva anche l applicazione Pubblica con MS word (in alto nei menù di access) che permette di esportare il contenuto del report in formato rtf; precisando che la inevitabile perdita di formattazione, rende tale documento di qualità non eccelsa. Access permetterebbe anche l esportazione del report in formato HTML (Macro/nuova macro/ output su opzione salva in HTML) ma la perdita di formattazione in questo caso è ancora più accentuata. Menu utili: Calcolatrice: Apre la calcolatrice di Windows. Diario Aggiornamenti: Apre una tabella che permette di archiviare in forma descrittiva tutti i cambiamenti rilevanti che vengono apportati a qualsiasi aspetto del database Es: variazione di struttura; aggiunta di tabelle; aggiornamento di nuovi dati o modifica di quelli esistenti. Relazioni DB: apre una finestra che mostra come sono relazionate tra loro le tabelle. La variazione dei Join tra queste deve essere effettuata con la massima cautela e con la competenza necessaria, in quanto la variazione delle relazioni può pregiudicare il funzionamento del database e dell applicazione stessa. COMPATTA DB: Apre una Utility di Access che permette di comprimere le dimensioni del file.mdb Menu finestra: Scopri DB associato: Permette di visionare la struttura dell applicazione DBMS_CNCP_2003 nella sua interezza (collegamenti degli oggetti del Database associato; siano essi tabelle, query, maschere report, macro e moduli visual basic. Affianca Disponi icone SOVRAPPONI Queste opzioni sono tipiche degli ambienti windows permettendo di gestire a 1 o più maschere a video. 14

15 Visualizzazione foto: Dalla pagina Caratteristiche generali delle schede podologiche (vedi fig.9) ciccando sul pulsante inserisci riferimento foto si accede ad una sottomaschera ove è possibile creare dei link per la visualizzazione delle foto dei profili. Si clicca con il pulsante destro del mause sul campo Hyperlink foto scegliendo dal menu collegamento ipertestuale la voce modifica collegamento ipertestuale ; dopodiché access ci chiederà la path o percorso della cartella ove risiede la foto (formato jpg; btm ecc). Quando si crea un collegamento ipertestuale in un file di Microsoft Access, è possibile trasformare il percorso come collegamento relativo (collegamento relativo: Quando un collegamento ipertestuale utilizza un percorso basato su un collegamento relativo, è possibile spostare il file che contiene il collegamento ipertestuale e la relativa destinazione senza interrompere il collegamento ipertestuale. Occorre spostare contemporaneamente il file che contiene il collegamento ipertestuale e la relativa destinazione.). Il percorso di un collegamento relativo può essere modificato facilmente impostando la base del collegamento ipertestuale (base del collegamento ipertestuale: Se un collegamento relativo è basato su un percorso specificato, ovvero la prima parte del percorso è condivisa sia dal file che contiene il collegamento ipertestuale sia dal file di destinazione, tale percorso rappresenta il collegamento ipertestuale base.) In pratica è buona norma far risiedere la cartella delle foto nella medesima cartella ove risiede il database (cncp_b) che rappresenta una sottocartella rispetto alla ubicazione dell applicazione DBMS_CNCP_2003. COME CERCARE IL RECORD RICHIESTO In un database con molti profili può essere utile usare i filtri di access per cercare un record in maniera più rapida. I filtri operano con gli stessi criteri che si usano quando si creano le query. Filtro in base a selezione : si preme il pulsante filtro in base a selezione poi si seleziona con il mause il valore di un campo e si preme il bottone applica filtro. Successivamente alla prima selezione si possono applicare nuove selezioni per restringere maggiormente l intervallo di record. Filtro in base a maschera: questo pulsante richiede i criteri di ricerca in uno o più campi; una volta immessi i criteri si preme il pulsante applica filtro. Per tornare al set di record completo si deve premere nuovamente il tasto applica filtro. SCHELETRO NELLE STATISTICHE STS Nel caso di dati importati: In caso di mancato aggiornamento del calcolo dello scheletro nelle statistiche delle STS bisogna assicurarsi che i tre campi scheletro quantità primario, secondaro e terziario siano valori numeri e non stringhe vuote (0 al posto di null) per permettere la somma aritmetica FUNZIONI VISUAL BASIC (MODULI ACCESS) Sono presenti ed in via di sviluppo una serie di moduli in linguaggio visual basic (VBA). Tali funzioni possono essere richiamate dalle query in visualizzazione struttura (pulsante genera espressioni) per eseguire alcuni calcoli. Sono presenti: funzione per il calcolo della classe tessiturale e classe granulometrica USDA Capacità d aria (secondo HALL e al 1977) (modulo capacità d aria) Awc (secondo Thomasson & jones 1997) (modulo funzione AWC) Matching table per la definizione della capacità depurativa dei suoli (modulo qualità derivate) 15

16 Matching table per la stima dell intervallo della conducibilità idraulica dei suoli. (modulo qualità derivate). Per capire come utilizzare una funzione in access- aprite la query AWC_THOMASSON in visualizzazione struttura (menù finestra/scopri DB associato/query AWC_THOMASSON) Specifichiamo i parametri che la funzione utilizza: 1) Arg= % argilla 2) sabtot = % sabbia totale 3) smf= % sabbia molto fine 4) inf = limite inferiore dell orizzonte 5) sup= limite superiore dell orizzonte 6) infawc= profondità utile e limita al calcolo solo gli orizzonti entro 100 cm 7) spes= spessore orizzonte 8) tipo= tipo di orizzonte 9) bulk_den = densità apparente in codice (1 bassa-2 media-3-alta) (stima d.a. da manuale) 10) sch= scheletro totale orizzonte 16

17 17

MODULO 5 Basi di dati (database)

MODULO 5 Basi di dati (database) MODULO 5 Basi di dati (database) I contenuti del modulo: questo modulo riguarda la conoscenza da parte del candidato dei concetti fondamentali sulle basi di dati e la sua capacità di utilizzarli. Il modulo

Dettagli

. A primi passi con microsoft a.ccepss SommarIo: i S 1. aprire e chiudere microsoft access Start (o avvio) l i b tutti i pro- grammi

. A primi passi con microsoft a.ccepss SommarIo: i S 1. aprire e chiudere microsoft access Start (o avvio) l i b tutti i pro- grammi Capitolo Terzo Primi passi con Microsoft Access Sommario: 1. Aprire e chiudere Microsoft Access. - 2. Aprire un database esistente. - 3. La barra multifunzione di Microsoft Access 2007. - 4. Creare e salvare

Dettagli

7. Microsoft Access. 1) Introduzione a Microsoft Access

7. Microsoft Access. 1) Introduzione a Microsoft Access 1) Introduzione a Microsoft Access Microsoft Access è un programma della suite Microsoft Office utilizzato per la creazione e gestione di database relazionali. Cosa è un database? Un database, o una base

Dettagli

MANUALE SOFTWARE F24 ISTRUZIONI PER L UTENTE

MANUALE SOFTWARE F24 ISTRUZIONI PER L UTENTE MANUALE SOFTWARE F24 ISTRUZIONI PER L UTENTE PAGINA 2 MODELLO F24 Indice Capitolo 1: Come muoversi all interno del programma 3 1.1 Importazione dati da anno precedente 3 1.2 Inserimento di una nuova anagrafica

Dettagli

Lezione 1: Introduzione Struttura e aspetto di PowerPoint Sviluppare una presentazione. Patente Europea di Informatica ECDL Modulo 6

Lezione 1: Introduzione Struttura e aspetto di PowerPoint Sviluppare una presentazione. Patente Europea di Informatica ECDL Modulo 6 Patente Europea di Informatica ECDL Modulo 6 Lezione 1: Introduzione Struttura e aspetto di PowerPoint Sviluppare una presentazione Anno 2009/2010 Syllabus 5.0 Microsoft PowerPoint è un software progettato

Dettagli

Modulo 1. Database: concetti introduttivi

Modulo 1. Database: concetti introduttivi Modulo 1 Database: concetti introduttivi Iniziamo questi primi passi introducendo alcune definizioni e concetti fondamentali sul software DBMS, basilare nella moderna gestione dei dati. 2 Il termine informatica

Dettagli

Compilazione rapporto di Audit in remoto

Compilazione rapporto di Audit in remoto Compilazione rapporto di Audit in remoto Installazione e manuale utente CSI S.p.A. V.le Lombardia 20-20021 Bollate (MI) Tel. 02.383301 Fax 02.3503940 E-mail: info@csi-spa.com Rev. 1.1 23/07/09 Indice Indice...

Dettagli

Microsoft Access - dispensa didattica ECDL Modulo 5 - a cura di Antonino Terranova PAG 1

Microsoft Access - dispensa didattica ECDL Modulo 5 - a cura di Antonino Terranova PAG 1 Microsoft Access - Determinare l input appropriato per il database...2 Determinare l output appropriato per il database...2 Creare un database usando l autocomposizione...2 Creare la struttura di una tabella...4

Dettagli

Utilizzo di Blue s. Avvio di Blue s C A P I T O L O 7. Come avviare il programma e inserire la password

Utilizzo di Blue s. Avvio di Blue s C A P I T O L O 7. Come avviare il programma e inserire la password Capitolo 7 83 C A P I T O L O 7 Avvio di Blue s Questo capitolo introduce l'utilizzatore all'ambiente di lavoro e alle funzioni di aggiornamento delle tabelle di Blue s. Blue s si presenta come un ambiente

Dettagli

5.2 UTILIZZO DELL APPLICAZIONE

5.2 UTILIZZO DELL APPLICAZIONE 5.2 UTILIZZO DELL APPLICAZIONE Base offre la possibilità di creare database strutturati in termini di oggetti, quali tabelle, formulari, ricerche e rapporti, di visualizzarli e utilizzarli in diverse modalità.

Dettagli

Capitolo 3 Guida operativa del programma TQ Sistema

Capitolo 3 Guida operativa del programma TQ Sistema Capitolo 3 Guida operativa del programma TQ Sistema Panoramica delle funzionalità Questa guida contiene le informazioni necessarie per utilizzare il pacchetto TQ Sistema in modo veloce ed efficiente, mediante

Dettagli

SH.Invoice è un software pratico e completo per la gestione della fatturazione di professionisti e imprese.

SH.Invoice è un software pratico e completo per la gestione della fatturazione di professionisti e imprese. Presentazione: SH.Invoice è un software pratico e completo per la gestione della fatturazione di professionisti e imprese. Il programma si distingue per la rapidità e l elasticità del processo di gestione

Dettagli

Corso introduttivo a MS Excel ed MS Access. sergiopinna@tiscali.it

Corso introduttivo a MS Excel ed MS Access. sergiopinna@tiscali.it Corso introduttivo a MS Excel ed MS Access sergiopinna@tiscali.it Seconda Parte: Ms Access (lezione #2) CONTENUTI LEZIONE Query Ordinamento Avanzato Maschere Report Query (interrogazioni) Gli strumenti

Dettagli

HORIZON SQL MODULO AGENDA

HORIZON SQL MODULO AGENDA 1-1/11 HORIZON SQL MODULO AGENDA 1 INTRODUZIONE... 1-2 Considerazioni Generali... 1-2 Inserimento Appuntamento... 1-2 Inserimento Manuale... 1-2 Inserimento Manuale con Seleziona... 1-3 Inserimento con

Dettagli

GUIDA DELL'UTENTE PER IL SOFTWARE P-TOUCH EDITOR. PJ-623/PJ-663 Stampante mobile. Versione 0 ITA

GUIDA DELL'UTENTE PER IL SOFTWARE P-TOUCH EDITOR. PJ-623/PJ-663 Stampante mobile. Versione 0 ITA GUIDA DELL'UTENTE PER IL SOFTWARE P-TOUCH EDITOR PJ-6/PJ-66 Stampante mobile Versione 0 ITA Introduzione Le stampanti mobili Brother, modelli PJ-6 e PJ-66 (con Bluetooth), sono compatibili con numerose

Dettagli

Manuale d uso software Gestione Documenti

Manuale d uso software Gestione Documenti Manuale d uso software Gestione Documenti 1 Installazione del Programma Il programma Gestione Documenti può essere scaricato dal sito www.studioinformaticasnc.com oppure può essere richiesto l invio del

Dettagli

Guida introduttiva. Ottenere assistenza Fare clic sul punto interrogativo per accedere al contenuto della Guida.

Guida introduttiva. Ottenere assistenza Fare clic sul punto interrogativo per accedere al contenuto della Guida. Guida introduttiva Microsoft Access 2013 ha un aspetto diverso dalle versioni precedenti. Per questo abbiamo creato questa guida per facilitare l'apprendimento. Cambiare le dimensioni dello schermo o chiudere

Dettagli

1. Le macro in Access 2000/2003

1. Le macro in Access 2000/2003 LIBRERIA WEB 1. Le macro in Access 2000/2003 Per creare una macro, si deve aprire l elenco delle macro dalla finestra principale del database: facendo clic su Nuovo, si presenta la griglia che permette

Dettagli

Direzione Centrale per le Politiche dell Immigrazione e dell Asilo

Direzione Centrale per le Politiche dell Immigrazione e dell Asilo Direzione Centrale per le Politiche dell Immigrazione e dell Asilo Sistema inoltro telematico domande di nulla osta, ricongiungimento e conversioni Manuale utente Versione 2 Data creazione 02/11/2007 12.14.00

Dettagli

Le principali novità di Word XP

Le principali novità di Word XP Le principali novità di Word XP di Gemma Francone supporto tecnico di Mario Rinina Il programma può essere aperto in diversi modi, per esempio con l uso dei pulsanti di seguito riportati. In alternativa

Dettagli

Capitolo 1 Installazione del programma

Capitolo 1 Installazione del programma Capitolo 1 Installazione del programma Requisiti Hardware e Software Per effettuare l installazione del software Linea Qualità ISO, il computer deve presentare una configurazione minima così composta:

Dettagli

Esercitazione n. 9: Creazione di un database relazionale

Esercitazione n. 9: Creazione di un database relazionale + Strumenti digitali per la comunicazione A.A 2013/14 Esercitazione n. 9: Creazione di un database relazionale Scopo: Scopo di questa esercitazione è la creazione di una base dati relazionale per la gestione

Dettagli

Obiettivi del corso. Creare, modificare e formattare un semplice database costituito da tabelle, query, maschere e report utilizzando Access 2000.

Obiettivi del corso. Creare, modificare e formattare un semplice database costituito da tabelle, query, maschere e report utilizzando Access 2000. ECDL Excel 2000 Obiettivi del corso Creare, modificare e formattare un semplice database costituito da tabelle, query, maschere e report utilizzando Access 2000. Progettare un semplice database Avviare

Dettagli

INFORMATICA PER LE APPLICAZIONI ECONOMICHE PROF.SSA BICE CAVALLO

INFORMATICA PER LE APPLICAZIONI ECONOMICHE PROF.SSA BICE CAVALLO Basi di dati: Microsoft Access INFORMATICA PER LE APPLICAZIONI ECONOMICHE PROF.SSA BICE CAVALLO Database e DBMS Il termine database (banca dati, base di dati) indica un archivio, strutturato in modo tale

Dettagli

Modulo 3 - Elaborazione Testi 3.1 Utilizzo applicazione

Modulo 3 - Elaborazione Testi 3.1 Utilizzo applicazione Università degli Studi dell Aquila Corso ECDL programma START Modulo 3 - Elaborazione Testi 3.1 Utilizzo applicazione Maria Maddalena Fornari Aprire il programma Per creare un nuovo documento oppure per

Dettagli

GUIDA UTENTE BILLIARDS COUNTER (Vers. 1.2.0)

GUIDA UTENTE BILLIARDS COUNTER (Vers. 1.2.0) ------------------------------------------------- GUIDA UTENTE BILLIARDS COUNTER (Vers. 1.2.0) GUIDA UTENTE BILLIARDS COUNTER (Vers. 1.2.0)... 1 Installazione Billiards Counter... 2 Primo avvio e configurazione

Dettagli

Utilizzo di FileMaker Pro con Microsoft Office

Utilizzo di FileMaker Pro con Microsoft Office Guida Pratica Utilizzo di FileMaker Pro con Microsoft Office Integrare FileMaker Pro con Office pagina 1 Sommario Introduzione... 3 Prima di iniziare... 4 Condivisione di dati tra FileMaker Pro e Microsoft

Dettagli

Direzione Centrale per le Politiche dell Immigrazione e dell Asilo

Direzione Centrale per le Politiche dell Immigrazione e dell Asilo Direzione Centrale per le Politiche dell Immigrazione e dell Asilo SUI Sportello Unico Immigrazione Sistema inoltro telematico domande di nulla osta al lavoro, al ricongiungimento familiare e conversioni

Dettagli

GUIDA UTENTE FATTURA IMPRESA

GUIDA UTENTE FATTURA IMPRESA GUIDA UTENTE FATTURA IMPRESA (Vers. 4.5.0) Installazione... 2 Prima esecuzione... 5 Login... 6 Funzionalità... 7 Documenti... 8 Creazione di un nuovo documento... 9 Ricerca di un documento... 17 Calcolare

Dettagli

INTERNET EXPLORER Breve manuale d uso

INTERNET EXPLORER Breve manuale d uso INTERNET EXPLORER Breve manuale d uso INDICE INTRODUZIONE... 3 COME IMPOSTARE LA PAGINA INIZIALE... 3 LA WORK AREA... 3 LE VOCI DI MENU... 5 IL MENU FILE... 5 IL MENU MODIFICA... 6 IL MENU VISUALIZZA...

Dettagli

Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto. Approfondimento SOFTWARE PER L ARCHIVIAZIONE

Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto. Approfondimento SOFTWARE PER L ARCHIVIAZIONE APPROFONDIMENTO ICT Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto Approfondimento SOFTWARE PER L ARCHIVIAZIONE ORGANISMO BILATERALE PER LA FORMAZIONE IN CAMPANIA INDICE SOFTWARE PER

Dettagli

MODALITA D USO DELLA MASCHERA D INSERIMENTO CARTA DI PREVENZIONE IMA in ACCESS. Indice. Introduzione... 2. Installazione... 2. Modalità d uso...

MODALITA D USO DELLA MASCHERA D INSERIMENTO CARTA DI PREVENZIONE IMA in ACCESS. Indice. Introduzione... 2. Installazione... 2. Modalità d uso... MODALITA D USO DELLA MASCHERA D INSERIMENTO CARTA DI PREVENZIONE IMA in ACCESS Indice Introduzione... 2 Installazione... 2 Modalità d uso... 2 Inserimento dei dati nella scheda IMA... 3 Chiusura della

Dettagli

Modulo 6 Strumenti di presentazione

Modulo 6 Strumenti di presentazione Modulo 6 Strumenti di presentazione Gli strumenti di presentazione permettono di realizzare documenti ipertestuali composti da oggetti provenienti da media diversi, quali: testo, immagini, video digitali,

Dettagli

COMUNE DI PESCARA SETTORE TRIBUTI COMUNICAZIONE ICI PROCEDURA DI COMPILAZIONE

COMUNE DI PESCARA SETTORE TRIBUTI COMUNICAZIONE ICI PROCEDURA DI COMPILAZIONE COMUNE DI PESCARA SETTORE TRIBUTI COMUNICAZIONE ICI PROCEDURA DI COMPILAZIONE INSTALLAZIONE DEL PROGRAMMA Requisisti di sistema L applicazione COMUNICAZIONI ICI è stata installata e provata sui seguenti

Dettagli

Archivio Parrocchiale

Archivio Parrocchiale BREVI INFORMAZIONI PER L UTILIZZO DEL PROGRAMMA Archivio Parrocchiale 1 INDICE PREMESSA...3 CENNI SUL PROGRAMMA...4 REQUISITI MINIMI DEL PC...5 LA FINESTRA PRINCIPALE...6 I PULSANTI DEL MENU PRINCIPALE...7

Dettagli

MANUALE SOFTWARE IRE (INTERVENTI DI RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA) ISTRUZIONI PER L UTENTE

MANUALE SOFTWARE IRE (INTERVENTI DI RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA) ISTRUZIONI PER L UTENTE MANUALE SOFTWARE IRE (INTERVENTI DI RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA) ISTRUZIONI PER L UTENTE PAGINA 2 MODELLO IRE Indice Capitolo 1: Premessa 3 Capitolo 2: Come muoversi all interno del programma 3 2.1 Inserimento

Dettagli

Domande e Risposte ALLEGATI CLIENTI E FORNITORI. DATALOG Soluzioni Integrate

Domande e Risposte ALLEGATI CLIENTI E FORNITORI. DATALOG Soluzioni Integrate KING Domande e Risposte ALLEGATI CLIENTI E FORNITORI DATALOG Soluzioni Integrate - 2 - Domande e Risposte Allegati Clienti e Fornitori Sommario Premessa.... 3 Introduzione... 4 Elenco delle domande...

Dettagli

CORSI DI FORMAZIONE AMMEGA.IT. Formazione informatica di base IC 3 /MOS. http://www.ammega.it

CORSI DI FORMAZIONE AMMEGA.IT. Formazione informatica di base IC 3 /MOS. http://www.ammega.it Formazione informatica di base IC 3 /MOS http://www.ammega.it Formazione informatica di base IC 3 Descrizione sintetica IC 3 è un Programma di Formazione e Certificazione Informatica di base e fornisce

Dettagli

Guida all uso di Adobe Acrobat e Adobe Reader in ambito didattico

Guida all uso di Adobe Acrobat e Adobe Reader in ambito didattico Guida all uso di Adobe Acrobat e Adobe Reader in ambito didattico Indice Format PDF e software per la creazione di documenti Che cosa si può fare con Adobe Acrobat Commenti, annotazioni e marcature grafiche

Dettagli

Manuale d uso Manutenzione impianti termici Ver. 1.0.6 [05/01/2015]

Manuale d uso Manutenzione impianti termici Ver. 1.0.6 [05/01/2015] Manuale d uso Manutenzione impianti termici Ver. 1.0.6 [05/01/2015] Realizzato e distribuito da LeggeraSoft Sommario Panoramica... 2 Menù principale... 2 Link Licenza... 3 Link Dati del tecnico... 3 Link

Dettagli

Come costruire una presentazione. PowerPoint 1. ! PowerPoint permette la realizzazione di presentazioni video ipertestuali, animate e multimediali

Come costruire una presentazione. PowerPoint 1. ! PowerPoint permette la realizzazione di presentazioni video ipertestuali, animate e multimediali PowerPoint Come costruire una presentazione PowerPoint 1 Introduzione! PowerPoint è uno degli strumenti presenti nella suite Office di Microsoft! PowerPoint permette la realizzazione di presentazioni video

Dettagli

COME CREARE IL DATABASE GESTIONE CLIENTI IN ACCESS 2010

COME CREARE IL DATABASE GESTIONE CLIENTI IN ACCESS 2010 ALBERTO FORTUNATO COME CREARE IL DATABASE GESTIONE CLIENTI IN ACCESS 2010 SPIEGAZIONE ED ILLUSTRAZIONE GUIDATA DI TUTTI I PASSAGGI PER LA CREAZIONE DELLE TABELLE, DELLE MASCHERE, DELLE QUERY, DEI REPORT

Dettagli

4.1 UTILIZZO DELL APPLICAZIONE

4.1 UTILIZZO DELL APPLICAZIONE 4.1 UTILIZZO DELL APPLICAZIONE Il foglio elettronico (definito anche spreadsheet) è uno strumento formidabile. Possiamo considerarlo come una specie di enorme tabellone a griglia il cui utilizzo si estende

Dettagli

Laboratorio informatico di base

Laboratorio informatico di base Laboratorio informatico di base A.A. 2013/2014 Dipartimento di Scienze Aziendali e Giuridiche (DISCAG) Università della Calabria Dott. Pierluigi Muoio (pierluigi.muoio@unical.it) Sito Web del corso: www.griadlearn.unical.it/labinf

Dettagli

Cartella Clinica Basic

Cartella Clinica Basic Cartella Clinica Basic ADD-ON Governo Clinico ASL COMO Istruzioni di installazione ed utilizzo REV. 1.0.3 Sommario Prerequisiti per l installazione... 2 Installazione... 2 Utilizzo... 3 Ricerca Pazienti...

Dettagli

Progetto Monitoraggio

Progetto Monitoraggio MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO DIPARTIMENTO PER LO SVILUPPO E LA COESIONE ECONOMICA Progetto Monitoraggio Sistema Gestione Progetti Query (SGPQ) Manuale Utente Report Operativi Contenuti 1. Premessa...

Dettagli

Dispense Corso Access

Dispense Corso Access Dispense Corso Access Introduzione La dispensa più che affrontare Access, dal punto di vista teorico, propone l implementazione di una completa applicazione Access, mettendo in risalto i punti critici

Dettagli

Istruzioni per installare EpiData e i files dati ad uso di NetAudit

Istruzioni per installare EpiData e i files dati ad uso di NetAudit Istruzioni per installare EpiData a cura di Pasquale Falasca e Franco Del Zotti Brevi note sull utilizzo del software EpiData per una raccolta omogenea dei dati. Si tratta di istruzioni passo-passo utili

Dettagli

Esercizio sui data base "Gestione conti correnti"

Esercizio sui data base Gestione conti correnti Database "Gestione conto correnti" Testo del quesito La banca XYZ vuole informatizzare le procedure di gestione dei conti correnti creando un archivio dei correntisti (Cognome, Nome, indirizzo, telefono,

Dettagli

Monitor Orientamento. Manuale Utente

Monitor Orientamento. Manuale Utente Monitor Orientamento Manuale Utente 1 Indice 1 Accesso al portale... 3 2 Trattamento dei dati personali... 4 3 Home Page... 5 4 Monitor... 5 4.1 Raggruppamento e ordinamento dati... 6 4.2 Esportazione...

Dettagli

WORD per WINDOWS95. Un word processor e` come una macchina da scrivere ma. con molte più funzioni. Il testo viene battuto sulla tastiera

WORD per WINDOWS95. Un word processor e` come una macchina da scrivere ma. con molte più funzioni. Il testo viene battuto sulla tastiera WORD per WINDOWS95 1.Introduzione Un word processor e` come una macchina da scrivere ma con molte più funzioni. Il testo viene battuto sulla tastiera ed appare sullo schermo. Per scrivere delle maiuscole

Dettagli

MICROSOFT ACCESS. Fabrizio Barani 1

MICROSOFT ACCESS. Fabrizio Barani 1 MICROSOFT ACCESS Premessa ACCESS è un programma di gestione di banche dati, consente la creazione e modifica dei contenitori di informazioni di un database (tabelle), l inserimento di dati anche mediante

Dettagli

AGGIORNAMENTO DATI SU PORTALE DOCENTI

AGGIORNAMENTO DATI SU PORTALE DOCENTI AGGIORNAMENTO DATI SU PORTALE DOCENTI Il sito http://docenti.unicam.it consente agli utenti di accedere alle informazioni sui docenti dell' Università di Camerino: curriculum, carichi didattici, pubblicazioni,

Dettagli

BARRA LATERALE AD APERTURA AUTOMATICA...

BARRA LATERALE AD APERTURA AUTOMATICA... INDICE 1) SOMMARIO... 1 2) PRIMO AVVIO... 1 3) BARRA LATERALE AD APERTURA AUTOMATICA... 2 4) DATI AZIENDALI... 3 5) CONFIGURAZIONE DEL PROGRAMMA... 4 6) ARCHIVIO CLIENTI E FORNITORI... 5 7) CREAZIONE PREVENTIVO...

Dettagli

ISTRUZIONI PER L UTILIZZO DEL SOFTWARE Moda.ROA. Raccolta Ordini Agenti

ISTRUZIONI PER L UTILIZZO DEL SOFTWARE Moda.ROA. Raccolta Ordini Agenti ISTRUZIONI PER L UTILIZZO DEL SOFTWARE Raccolta Ordini Agenti AVVIO PROGRAMMA Per avviare il programma fare click su Start>Tutti i programmi>modasystem>nomeazienda. Se il collegamento ad internet è attivo

Dettagli

FPf per Windows 3.1. Guida all uso

FPf per Windows 3.1. Guida all uso FPf per Windows 3.1 Guida all uso 3 Configurazione di una rete locale Versione 1.0 del 18/05/2004 Guida 03 ver 02.doc Pagina 1 Scenario di riferimento In figura è mostrata una possibile soluzione di rete

Dettagli

Circolari e lettere da Word con anagrafiche e indirizzi da Metodo

Circolari e lettere da Word con anagrafiche e indirizzi da Metodo Circolari e lettere da Word con anagrafiche e indirizzi da Metodo Metodo sfrutta tutte le potenzialità messe a disposizione da Microsoft Windows integrandosi perfettamente su tale piattaforma e permettendo

Dettagli

Sommario SELEZIONARE UN OGGETTO UTILIZZANDO LA BARRA DEGLI OGGETTI 10 NAVIGARE ATTRAVERSO I RECORD IN UNA TABELLA, IN UNA QUERY, IN UNA MASCHERA 12

Sommario SELEZIONARE UN OGGETTO UTILIZZANDO LA BARRA DEGLI OGGETTI 10 NAVIGARE ATTRAVERSO I RECORD IN UNA TABELLA, IN UNA QUERY, IN UNA MASCHERA 12 $FFHVV;3 A Sommario cura di Ninni Terranova Marco Alessi DETERMINARE L INPUT APPROPRIATO PER IL DATABASE 3 DETERMINARE L OUTPUT APPROPRIATO PER IL DATABASE 3 CREARE LA STRUTTURA DI UNA TABELLA 3 STABILIRE

Dettagli

Capitolo IX Esercitazione n. 9: Creazione di un database relazionale

Capitolo IX Esercitazione n. 9: Creazione di un database relazionale Capitolo IX Esercitazione n. 9: Creazione di un database relazionale Scopo: Scopo di questa esercitazione è la creazione di una base dati relazionale per la gestione della biblioteca universitaria; il

Dettagli

Organizzazione delle informazioni: Database

Organizzazione delle informazioni: Database Organizzazione delle informazioni: Database Laboratorio Informatico di base A.A. 2013/2014 Dipartimento di Scienze Aziendali e Giuridiche Università della Calabria Dott. Pierluigi Muoio (pierluigi.muoio@unical.it)

Dettagli

GNred Ver1.5 Manuale utenti

GNred Ver1.5 Manuale utenti GNred Ver1.5 Manuale utenti [ultima modifica 09.06.06] 1 Introduzione... 2 1.1 Cos è un CMS?... 2 1.2 Il CMS GNred... 2 1.2.1 Concetti di base del CMS GNred... 3 1.2.2 Workflow... 3 1.2.3 Moduli di base...

Dettagli

STRUMENTI DI PRESENTAZIONE MODULO 6

STRUMENTI DI PRESENTAZIONE MODULO 6 STRUMENTI DI PRESENTAZIONE MODULO 6 2012 A COSA SERVE POWER POINT? IL PROGRAMMA NASCE PER LA CREAZIONE DI PRESENTAZIONI BASATE SU DIAPOSITIVE (O LUCIDI) O MEGLIO PER PRESENTARE INFORMAZIONI IN MODO EFFICACE

Dettagli

Guida all uso del software Gestione Agenzie Remax

Guida all uso del software Gestione Agenzie Remax Guida all uso del software Gestione Agenzie Remax 1 INDICE Capitolo 0: Per iniziare Configurazione. 3 Struttura del software.. 4 Utilizzo del software 5 Capitolo 1: Tabelle di base Clienti 6 Consulenti

Dettagli

MANUALE OPERATIVO. Programma di gestione della fatturazione. BDWinfatture 2007. Versione 6.0

MANUALE OPERATIVO. Programma di gestione della fatturazione. BDWinfatture 2007. Versione 6.0 MANUALE OPERATIVO Programma di gestione della fatturazione BDWinfatture 2007 Versione 6.0 MANUALE OP ERAT I V O BDWinfatture Belvedere Daniele Software Via Petitti, 25 10017 Montanaro (To) info@belvederesoftware.it

Dettagli

Database 1 biblioteca universitaria. Testo del quesito

Database 1 biblioteca universitaria. Testo del quesito Database 1 biblioteca universitaria Testo del quesito Una biblioteca universitaria acquista testi didattici su indicazione dei professori e cura il prestito dei testi agli studenti. La biblioteca vuole

Dettagli

MANUALE PORTALE UTENTE IMPRENDITORE

MANUALE PORTALE UTENTE IMPRENDITORE MANUALE PORTALE UTENTE IMPRENDITORE Indice 1. REQUISITI MINIMI DI SISTEMA E CONTATTI PROGETTO RIGENER@... 3 2. IL PORTALE RIGENER@... 4 2.1 ACCESSO ALLE AREE PRIVATE... 7 2.1.1 Accesso al sito con Windows

Dettagli

3. MENU GENERALE - GESTIONE DELLE ANAGRAFICHE - APERTURA DELLA PRATICA

3. MENU GENERALE - GESTIONE DELLE ANAGRAFICHE - APERTURA DELLA PRATICA 3. MENU GENERALE - GESTIONE DELLE ANAGRAFICHE - APERTURA DELLA PRATICA 1. Menù generale Inseriti i dati di configurazione in maniera completa, il sistema presenta una schermata d approccio all applicazione

Dettagli

Figura 1 Le Icone dei file di Excel con e senza macro.

Figura 1 Le Icone dei file di Excel con e senza macro. 18 Le macro Le macro rappresentano una soluzione interessante per automatizzare e velocizzare l esecuzione di operazioni ripetitive. Le macro, di fatto, sono porzioni di codice VBA (Visual Basic for Applications)

Dettagli

GUIDA AL PRIMO AVVIO E MANUALE D USO

GUIDA AL PRIMO AVVIO E MANUALE D USO GUIDA AL PRIMO AVVIO E MANUALE D USO Informazioni preliminari Il primo avvio deve essere fatto sul Server (il pc sul quale dovrà risiedere il database). Verificare di aver installato MSDE sul Server prima

Dettagli

Manuale di istruzioni sulle maschere per il calcolo del punteggio e del voto (unico) degli studenti che sostengono la Prova nazionale 2011

Manuale di istruzioni sulle maschere per il calcolo del punteggio e del voto (unico) degli studenti che sostengono la Prova nazionale 2011 Manuale di istruzioni sulle maschere per il calcolo del punteggio e del voto (unico) degli studenti che sostengono la Prova nazionale 2011 (CLASSI NON CAMPIONE) Prova nazionale 2010 11 1 A.S. 2010 11 Pubblicato

Dettagli

Talento LAB 2.1 - GUIDA E ASSISTENTE LA GUIDA IN LINEA. In questa lezione imparerete a:

Talento LAB 2.1 - GUIDA E ASSISTENTE LA GUIDA IN LINEA. In questa lezione imparerete a: Lab 2.1 Guida e assistente LAB 2.1 - GUIDA E ASSISTENTE In questa lezione imparerete a: Descrivere la Guida in linea e l'assistente Office, Descrivere gli strumenti della Guida in linea di Windows XP,Utilizzare

Dettagli

STRUMENTI PER L ACCESSIBILITÀ DEL COMPUTER.

STRUMENTI PER L ACCESSIBILITÀ DEL COMPUTER. STRUMENTI PER L ACCESSIBILITÀ DEL COMPUTER. Windows 7 e 8 strumenti per l ipovisione. Windows Seven/8 offrono ottimi strumenti per personalizzare la visualizzazione in caso di ipovisione: - una lente di

Dettagli

ACCESSO AL SISTEMA HELIOS...

ACCESSO AL SISTEMA HELIOS... Manuale Utente (Gestione Formazione) Versione 2.0.2 SOMMARIO 1. PREMESSA... 3 2. ACCESSO AL SISTEMA HELIOS... 4 2.1. Pagina Iniziale... 6 3. CARICAMENTO ORE FORMAZIONE GENERALE... 9 3.1. RECUPERO MODELLO

Dettagli

GESTIONE DI FINESTRE, FILE E CARTELLE con Windows XP

GESTIONE DI FINESTRE, FILE E CARTELLE con Windows XP GESTIONE DI FINESTRE, FILE E CARTELLE con Windows XP Desktop (scrivania) Il Desktop è la prima schermata che appare all accensione del computer. icone Barra delle applicazioni Le piccole immagini che appaiono

Dettagli

GUIDA UTENTE PRIMA NOTA SEMPLICE

GUIDA UTENTE PRIMA NOTA SEMPLICE GUIDA UTENTE PRIMA NOTA SEMPLICE (Vers. 2.0.0) Installazione... 2 Prima esecuzione... 5 Login... 6 Funzionalità... 7 Prima Nota... 8 Registrazione nuovo movimento... 10 Associazione di file all operazione...

Dettagli

ARGO DOC Argo Software S.r.l. e-mail: info@argosoft.it -

ARGO DOC Argo Software S.r.l. e-mail: info@argosoft.it - 1 ARGO DOC ARGO DOC è un sistema per la gestione documentale in formato elettronico che consente di conservare i propri documenti su un server Web accessibile via internet. Ciò significa che i documenti

Dettagli

INTERNET EXPLORER. Breve manuale d'uso

INTERNET EXPLORER. Breve manuale d'uso INTERNET EXPLORER Breve manuale d'uso INDICE INTRODUZIONE... 3 COME IMPOSTARE LA PAGINA INIZIALE...3 LA WORK AREA... 3 LE VOCI DI MENU... 5 IL MENU FILE... 5 IL MENU MODIFICA... 6 IL MENU VISUALIZZA...

Dettagli

Esercitazione n. 8: Funzionalità base di MS Access

Esercitazione n. 8: Funzionalità base di MS Access + Strumenti digitali per la comunicazione A.A 2013/14 Esercitazione n. 8: Funzionalità base di MS Access Scopo: Familiarizzare con le funzionalità principali del DBMS (Database Management System) Microsoft

Dettagli

"LA SICUREZZA NEL CANTIERE"

LA SICUREZZA NEL CANTIERE Andrea Maria Moro "LA SICUREZZA NEL CANTIERE" 1 Il programma allegato al volume è un utile strumento di lavoro per gestire correttamente in ogni momento il cantiere, nel rispetto delle norme a tutela della

Dettagli

Concetti di base della Tecnologia dell'informazione e della Comunicazione. Studio Elfra sas Via F.lli Ruffini 9 17031 Albenga SV 0182596058

Concetti di base della Tecnologia dell'informazione e della Comunicazione. Studio Elfra sas Via F.lli Ruffini 9 17031 Albenga SV 0182596058 by Studio Elfra sas Concetti di base della Tecnologia dell'informazione e della Comunicazione Aggiornato a Aprile 2009 Informatica di base 1 Elaborazione testi I word processor, o programmi per l'elaborazione

Dettagli

Quaderni di formazione Nuova Informatica

Quaderni di formazione Nuova Informatica Quaderni di formazione Nuova Informatica Airone versione 6 - Funzioni di Utilità e di Impostazione Copyright 1995,2001 Nuova Informatica S.r.l. - Corso del Popolo 411 - Rovigo Introduzione Airone Versione

Dettagli

Cultura Tecnologica di Progetto

Cultura Tecnologica di Progetto Cultura Tecnologica di Progetto Politecnico di Milano Facoltà di Disegno Industriale - DATABASE - A.A. 2003-2004 2004 DataBase DB e DataBase Management System DBMS - I database sono archivi che costituiscono

Dettagli

Manuale Print and fax

Manuale Print and fax Manuale Print and fax Print And Fax è l applicativo che consente ai Clienti FastWeb che hanno sottoscritto il servizio Fax, di spedire fax dall interno di qualsiasi programma che preveda un operazione

Dettagli

Corso base di informatica

Corso base di informatica Corso base di informatica AVVIARE IL COMPUTER Per accendere il computer devi premere il pulsante di accensione posto di norma nella parte frontale del personal computer. Vedrai apparire sul monitor delle

Dettagli

2.2.2.1 Identificare le diverse parti di una finestra: barra del titolo, barra dei menu, barra degli strumenti, barra di stato, barra di scorrimento.

2.2.2.1 Identificare le diverse parti di una finestra: barra del titolo, barra dei menu, barra degli strumenti, barra di stato, barra di scorrimento. Uso del computer e gestione dei file 57 2.2.2.1 Identificare le diverse parti di una finestra: barra del titolo, barra dei menu, barra degli strumenti, barra di stato, barra di scorrimento. All interno

Dettagli

Word per iniziare: aprire il programma

Word per iniziare: aprire il programma Word Lezione 1 Word per iniziare: aprire il programma Per creare un nuovo documento oppure per lavorare su uno già esistente occorre avviare il programma di gestione testi. In ambiente Windows, esistono

Dettagli

Capitolo 1 GESTIONE DEL SOFTWARE APPLICATIVO:

Capitolo 1 GESTIONE DEL SOFTWARE APPLICATIVO: Capitolo 1 GESTIONE DEL SOFTWARE APPLICATIVO: IL WORD PROCESSOR SOMMARIO 1. Introduzione. - 2. Requisiti di base per le operazioni di Word Processing. - 3. La creazione di un documento di testo. - 4. La

Dettagli

Geass-Link Manuale di istruzione

Geass-Link Manuale di istruzione Geass-Link Manuale di istruzione GEASS S.r.l. - Via Ambrosini 8/2 10151 Torino - Tel. 011.22.91.578 - Fax 011.27.45.418 - info@geass.com - www.geass.com GEASS-LINK V.1.0.4 Software di Gestione e Acquisizione

Dettagli

Manuale d uso Gestionale di contabilità Ver. 1.0.8 [05/01/2015]

Manuale d uso Gestionale di contabilità Ver. 1.0.8 [05/01/2015] Manuale d uso Gestionale di contabilità Ver. 1.0.8 [05/01/2015] Realizzato e distribuito da Leggerasoft Sommario Introduzione... 3 Guida all installazione... 4 Fase login... 5 Menù principale... 6 Sezione

Dettagli

MODULO STAMPA BOLLETTINO PDF

MODULO STAMPA BOLLETTINO PDF MODULO STAMPA BOLLETTINO PDF MODULO STAMPA BOLLETTINO PDF pagina 2 di 7 INTRODUZIONE Il modulo STAMPA BOLLETTINO PDF è una applicazione stand-alone, sviluppata in linguaggio Java, che permette di produrre

Dettagli

ISTAT bt.viewer: Basi Territoriali MANUALE UTENTE. Servizio INT Sistema Informativo Geografico

ISTAT bt.viewer: Basi Territoriali MANUALE UTENTE. Servizio INT Sistema Informativo Geografico ISTAT bt.viewer: Basi Territoriali MANUALE UTENTE Servizio INT Sistema Informativo Geografico INDICE Utilizzare il bt.viewer Navigare nella mappa Confrontare foto aeree Tematismi Tematismi: applicare la

Dettagli

Affari Generali. Manuale Utente. AGSPR - Produzione Lettere Interne e In Uscita. Sistema di qualità certificato secondo gli standard ISO9001

Affari Generali. Manuale Utente. AGSPR - Produzione Lettere Interne e In Uscita. Sistema di qualità certificato secondo gli standard ISO9001 Sistema di qualità certificato secondo gli standard ISO9001 Indice e Sommario 1 PRODUZIONE LETTERE INTERNE ED IN USCITA 3 1.1 Descrizione del flusso 3 1.2 Lettere Interne 3 1.2.1 Redazione 3 1.2.2 Firmatario

Dettagli

ESSE 3 GUIDA DOCENTI PER LA GESTIONE DEI REGISTRI DELLE LEZIONI e DEGLI IMPEGNI (AGGIORNATO AL 20/04/2015)

ESSE 3 GUIDA DOCENTI PER LA GESTIONE DEI REGISTRI DELLE LEZIONI e DEGLI IMPEGNI (AGGIORNATO AL 20/04/2015) ESSE 3 GUIDA DOCENTI PER LA GESTIONE DEI REGISTRI DELLE LEZIONI e DEGLI IMPEGNI (AGGIORNATO AL 20/04/2015) 1 INDICE 1. Materiale informativo e assistenza... 3 2. Accesso al Registro delle Lezioni di Esse3...

Dettagli

ios users guide il modulo copia commissione digitale su ipad

ios users guide il modulo copia commissione digitale su ipad ios users guide il modulo copia commissione digitale su ipad Ordini...pag. 4 Gestione...pag. 11 Impostazioni...pag. 13 Importa...pag. 14 Esporta...pag. 16 Business...pag. 18 www.ordersender.com ordini

Dettagli

Esame di Informatica CHE COS È UN FOGLIO ELETTRONICO CHE COS È UN FOGLIO ELETTRONICO CHE COS È UN FOGLIO ELETTRONICO. Facoltà di Scienze Motorie

Esame di Informatica CHE COS È UN FOGLIO ELETTRONICO CHE COS È UN FOGLIO ELETTRONICO CHE COS È UN FOGLIO ELETTRONICO. Facoltà di Scienze Motorie Facoltà di Scienze Motorie CHE COS È UN FOGLIO ELETTRONICO Una tabella che contiene parole e numeri che possono essere elaborati applicando formule matematiche e funzioni statistiche. Esame di Informatica

Dettagli

MANUALE PER CONSULTARE LA RASSEGNA STAMPA VIA WEB ( ULTIMO AGGIORNAMENTO 26MARZO 2009)

MANUALE PER CONSULTARE LA RASSEGNA STAMPA VIA WEB ( ULTIMO AGGIORNAMENTO 26MARZO 2009) MANUALE PER CONSULTARE LA RASSEGNA STAMPA VIA WEB ( ULTIMO AGGIORNAMENTO 26MARZO 2009) I N D I C E VISUALIZZAZIONE PDF COLORE E RIDUZIONE.4 INVIO MAIL MULTIPLA IN PDF O SOMMARIO.5 GESTIONE 9 GESTIONE TESTATE..9

Dettagli

www.filoweb.it STAMPA UNIONE DI WORD

www.filoweb.it STAMPA UNIONE DI WORD STAMPA UNIONE DI WORD Molte volte abbiamo bisogno di stampare più volte lo stesso documento cambiando solo alcuni dati. Potremmo farlo manualmente e perdere un sacco di tempo, oppure possiamo ricorrere

Dettagli

Manuale d uso [Rev.1 del 07/08/2015] Manutenzione impianti termici Ver. 1.0.6 [05/01/2015]

Manuale d uso [Rev.1 del 07/08/2015] Manutenzione impianti termici Ver. 1.0.6 [05/01/2015] Manuale d uso [Rev.1 del 07/08/2015] Manutenzione impianti termici Ver. 1.0.6 [05/01/2015] Realizzato e distribuito da LeggeraSoft Sommario Introduzione... 2 Installare il programma... 2 Tasto licenza...

Dettagli

L ACQUISIZIONE E LA GESTIONE DEI DOCUMENTI ELETTRONICI

L ACQUISIZIONE E LA GESTIONE DEI DOCUMENTI ELETTRONICI L ACQUISIZIONE E LA GESTIONE DEI DOCUMENTI ELETTRONICI DOCUSOFT integra una procedura software per la creazione e l'archiviazione guidata di documenti in formato elettronico (documenti Microsoft Word,

Dettagli

MODULO 5 DATA BASE PROGRAMMA. Progettazione rapida introduzione alla progettazione di DB

MODULO 5 DATA BASE PROGRAMMA. Progettazione rapida introduzione alla progettazione di DB MODULO 5 DATA BASE MODULO 5 - DATA BASE 1 PROGRAMMA Introduzione: concetti generali di teoria Progettazione rapida introduzione alla progettazione di DB Utilizzo di Access pratica sulla creazione e l utilizzo

Dettagli