(Ai sensi dell art. 26 del D. Lgs. 81/08 e s.m.i.)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "(Ai sensi dell art. 26 del D. Lgs. 81/08 e s.m.i.)"

Transcript

1 D.U.V.R.I. Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali (Ai sensi dell art. 26 del D. Lgs. 81/08 e s.m.i.) DITTA COMMITTENTE LOMBARDIA INFORMATICA S.p.A. DITTA APPALTATRICE APPALTO SEDE OGGETTO APPALTO FORNITURA COMPONENTI INFRASTRUTTURALI HW E SERVIZI DI MANUTENZIONE FUNZIONALI ALL AGGIORNAMENTO ED AL POTENZIAMENTO DELL INFRASTRUTURA TECNOLOGICA E DEI DATA CENTER DI LOMBARDIA INFORMATICA MILANO: VIA TARAMELLI, 26 VIA DON MINZONI, 24 DATA DI EMISSIONE.. VERSIONE 1.0 COMMITTENTE APPALTATORE

2 CRONOLOGIA DELLE VERSIONI N.ro vers. Data Sintesi delle variazioni 01 Del.. Primo documento, allegato alla contratto d appalto n. / DUVRI_ FORNITURA E MANUTENZIONE COMPONENTI HW Pagina 2 di 27

3 INDICE DEL DOCUMENTO 1 PREMESSA RIFERIMENTI NORMATIVI VALUTAZIONE DEI RISCHI DOVUTI A INTERFERENZE E MISURE DA ADOTTARE SCHEDA - DATI COMMITTENTE E RISCHI SPECIFICI SEDE OGGETTO DELL APPALTO SCHEDA - DATI DITTA APPALTATRICE E RISCHI SPECIFICI INTRODOTTI SCHEDA - RISCHI INTERFERENZIALI INDIVIDUATI E MISURE DA ADOTTARE SCHEDA NORME GENERALI DI COMPORTAMENTO COSTI RELATIVI ALLA SICUREZZA Calcolo costi relativi alla sicurezza ALLEGATO I CERTIFICATO DI ISCRIZIONE ALLA CAMERA DI COMMERCIO E DURC ALLEGATO II AUTOCERTIFICAZIONE DI IDONEITÀ TECNICO PROFESSIONALE ALLEGATO III VERBALE PRELIMINARE DI COORDINAMENTO E COOPERAZIONE DUVRI_ FORNITURA E MANUTENZIONE COMPONENTI HW Pagina 3 di 27

4 1 PREMESSA Il presente DUVRI, messo a disposizione ai fini della formulazione dell offerta, è redatto ai sensi dell art. 26 del D. Lgs. 81/08 e s.m.i. e dovrà essere allegato al contratto di appalto. Il campo di applicazione è quello del D. Lgs. 163/06 e s.m.i. relativo ai contratti pubblici di forniture e servizi, costituendo il documento specifica tecnica ai sensi dell art. 68 e dell Allegato VIII dello stesso decreto. Il Documento analizza le fasi della prestazione oggetto dell appalto al fine di individuare per poi eliminare o, se non possibile, ridurre e governare le possibili interferenze. Per interferenza si intende qualsiasi attività che nel corso del suo svolgimento può intralciare o interferire con un altra attività. Il concetto di interferenza ha come presupposto fondamentale la condivisione anche per brevissimi periodi di parti di edifici, aree o spazi normalmente utilizzati dal Committente e temporaneamente concessi in uso alla ditta/e appaltatrice/i. È appunto in tali aree che possono nascere possibili rischi per entrambi, committente ed appaltatori. In particolare, sono considerati rischi interferenti i seguenti rischi: 1. derivanti da sovrapposizioni di più attività svolte ad opera di appaltatori diversi 2. immessi nel luogo di lavoro del committente dalle lavorazioni dell appaltatore 3. esistenti nel luogo di lavoro del committente, ove è previsto che debba operare l appaltatore, ulteriori rispetto a quelli specifici dell attività propria dell appaltatore 4. derivanti da modalità di esecuzione particolari (che comportano rischi ulteriori rispetto a quelli specifici dell attività appaltata), richieste esplicitamente dal committente. Le impresa aggiudicatarie, nella comunicazione dei rischi specifici connessi alla propria attività, potranno presentare proposte di integrazione al DUVRI, ove ritengano di poter meglio garantire la sicurezza del lavoro, sulla base della propria esperienza. Se necessario potranno essere concordati incontri anche in corso d opera per eventuali integrazioni e/o revisioni del presente documento. Il DUVRI valuta unicamente i rischi derivanti da interferenze e non sostituisce le valutazioni dei rischi dell appaltatore e del committente relativamente alla propria attività. Per i rischi specifici propri dell impresa e/o attività, l osservanza di tutte le norme in materia di sicurezza ed igiene del lavoro e la prescrizione di tutte le relative misure di tutela necessarie è a totale carico dell appaltatore. Dopo l aggiudicazione dell appalto i Datori di lavoro (ditta appaltante e ditta appaltatrice) dovranno impegnarsi a cooperare all attuazione delle misure di prevenzione e protezione dai rischi sul lavoro incidenti sull attività lavorativa oggetto dell appalto ed a coordinare, informandosi reciprocamente, gli interventi di protezione e prevenzione dai rischi cui sono esposti i propri lavoratori, al fine di eliminare i rischi dovuti alle interferenze. Il documento dovrà essere utilizzato come guida da tutti i soggetti facenti parte del sistema organizzativo della sicurezza per applicare al meglio tutte le misure da adottare durante le varie attività lavorative in relazioni ai fattori di rischio presenti. Sarà compito di ciascun Datore di lavoro formare e informare i propri dipendenti circa i rischi analizzati e descritti nel presente documento e le misure di prevenzione e controllo generali e specifiche contenute. In caso di inosservanza di norme in materia di sicurezza o in caso di pericolo imminente per i lavoratori, il Responsabile dei lavori ovvero il Committente potrà ordinare la sospensione DUVRI_ FORNITURA E MANUTENZIONE COMPONENTI HW Pagina 4 di 27

5 dei lavori disponendone la ripresa solo quando sia di nuovo assicurato il rispetto della normativa vigente e siano ripristinate le condizioni di sicurezza ed igiene del lavoro. Per sospensioni dovute a pericolo grave ed imminente il Committente non riconoscerà alcun compenso o indennizzo all Appaltatore. 1.1 Riferimenti Normativi D. Lgs. 09 Aprile 2008, n. 81, Testo unico in materia di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro, attuazione dell'articolo 1 della legge 3 agosto 2007, n. 123, in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro D. Lgs. 03 agosto 2009, n. 106, Disposizioni integrative e correttive del decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81, in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro. D. Lgs. 12 aprile 2006, n. 163 Codice dei contratti pubblici relativi a lavori, servizi e forniture in attuazione delle direttive 2004/17/CE e 2004/18/CE Determinazione dell Autorità per la vigilanza sui lavori pubblici n. 4 del 26 luglio 2006 D. lgs. 31 luglio 2007, n. 113 Disposizioni correttive ed integrative del d. lgs. n. 163 del 2006 Schema di regolamento di esecuzione e attuazione del Decreto Legislativo 12 aprile 2006, n. 163, approvato dal Consiglio dei Ministri il 21 dicembre 2007 Determinazione dell Autorità per la Vigilanza sui Contratti Pubblici di Lavori, Servizi e Forniture n. 3 del 5 marzo 2008 Linee guida per la stima dei costi della sicurezza nei contratti pubblici di forniture e servizi del 20 Marzo 2008, - ITACA - approvate dalla Conferenza delle Regioni e delle Province Autonome in data 20 marzo 2008 Regione Lombardia - Direzione Generale Sanità - Decreto n del 29 Dicembre del Linee di indirizzo per la redazione del Documento Unico di valutazione dei rischi da interferenza Linea Guida Inail per la compilazione del DUVRI Prezzari regionali per la valutazione dei costi per la sicurezza da rischi interferenziali DUVRI_ FORNITURA E MANUTENZIONE COMPONENTI HW Pagina 5 di 27

6 2 VALUTAZIONE DEI RISCHI DOVUTI A INTERFERENZE E MISURE DA ADOTTARE Nella presente sezione sono analizzate le attività e le fasi delle attività dell appalto, individuando gli ipotetici fattori di rischio che possono interferire con gli specifici lavori aziendali e le misure da attuare per eliminarli e/o ridurli. 2.1 SCHEDA - DATI COMMITTENTE E RISCHI SPECIFICI SEDE OGGETTO DELL APPALTO RAGIONE SOCIALE SEDE LEGALE PARTITA IVA / CF NUMERO ISCRZIONE C.C.I.A.A. SETTORE ATTIVITÀ DITTA COMMITTENTE DATI GENERALI Lombardia - Informatica S.p.A. Via Don Giovanni Minzoni, 24 Milano MILANO N R.E.A Servizi TEL/ FAX / MAIL PRESIDENTE RESPONSABILI/R EFERENTI GESTIONE DUVRI RSPP ORGANIGRAMMA SICUREZZA Davide Rovera Paolo Bazzaco - Cell Tel 02/ Fax 02/ Mail Grazia Castrogiovanni ASPP MEDICO COMPETENTE RLS Anna Castorina Della Rovere Filippo Paola Longobardo Marco Garofalo Alberto Gazzoli DUVRI_ FORNITURA E MANUTENZIONE COMPONENTI HW Pagina 6 di 27

7 AMBIENTE LAVORO SEDE APPALTO COMPITI DEI REFERENTI DEI SITI DESCRIZIONE DELL ATTIVITÀ SVOLTA NELLA SEDE DEL COMMITTENTE DESCRIZIONE SEDE COMMITTENTE Via Don Minzoni n 24, (CED- piano -2) Via Taramelli n 26, (data center- piano -1) Conoscendo i locali, gli arredi, le attrezzature, aiutano lo svolgimento dell attività dell impresa appaltatrice coordinando eventuali richieste d intervento di tecnici coinvolti nell attività di trasloco. Sorvegliano e verificano che la ditta appaltatrice operi nel rispetto delle norme di sicurezza dei siti. In caso di anomalie o dubbi informa Lombardia Informatica. Gestisce la lotta antincendio essendo qualificato per rischio MEDIO Attività di tipo ufficio I locali della sede di via Don Minzoni 24,sono ubicati in un grande edificio indipendente, con superficie pari a circa m 2, che si sviluppa su sei piani, oltre ad un piano rialzato, un piano seminterrato, ed un piano interrato. L immobile è suddiviso idealmente in quattro blocchi a sviluppo verticale (A, B, C, D). I locali di via Taramelli 26, sono costituiti da un solo corpo di fabbrica insistente nell area compresa tra via Abbadesse - via Taramelli via Rosellini. E composto da sei piani fuori terra, compreso il piano terra, e due piani interrati, ha un altezza di circa 21 m,(altezza antincendio 18,40 m), occupa una superficie in pianta di m², ed ha un volume pari a m³. Lo stabile ospita differenti aziende, ed ogni aria è identificate tramite lettere. Le zone assegnate a Lombardia Informatica e d interessate dall attività delle gara sono individuate con le lettere M ed L. Fornitura biennale di componenti hardware dei data Center di Lombardia Informatica per un miglioramento e consolidamento dei servizi offerti. Sono previsti quattro lotti di fornitura che interesseranno ambiti differenti. DESCRIZIONE DELL ATTIVITÀ SVOLTA NEI LOCALI SEDE DELL APPALTO DUVRI_ FORNITURA E MANUTENZIONE COMPONENTI HW Pagina 7 di 27

8 Di seguito i componenti previsti dalla fornitura: DUVRI_ FORNITURA E MANUTENZIONE COMPONENTI HW Pagina 8 di 27

9 Sono inoltre compresi i seguenti servizi accessori: Consegna Collaudo Manutenzione CONSEGNA: prevede diverse visite preliminari presso i locali di LI, atte a predisporre le attività logistiche e l ottenimento delle dovute autorizzazioni per l accesso. Il fornitore dovrà posizionare e/o alloggiare,le attrezzature secondo le indicazioni di LI e unitamente consegnare i manuali tecnici. Per DUVRI_ FORNITURA E MANUTENZIONE COMPONENTI HW Pagina 9 di 27

10 ogni consegna dovrà essere redatto un apposito verbale di consegna, sottoscritto da un incaricato di LI e da un incaricato del fornitore. COLLAUDO: è la verifica delle apparecchiature e dei componenti hardware e programmi software forniti. Il fornitore, sotto la supervisione del Referente incaricato di LI, dovrà effettuare l accensione, (con autodiagnosi), verificare il buon funzionamento delle apparecchiature e il caricamento dei software preinstallati. Verrà redatto apposito verbale di collaudo, firmato da LI e controfirmato dal fornitore. MANUTENZIONE: delle apparecchiature oggetto della fornitura per la durata di dodici mesi a partire dalla data di consegna. In presenza di malfunzionamenti dovrà essere effettuata una fase di diagnosi, espletata dal fornitore, che identifichi la natura del problema e le eventuali parti di ricambio necessarie, in modo che la prima uscita del tecnico (intervento onsite) sia risolutiva. Al termine di ciascun intervento, e prima di abbandonare la sede, il fornitore dovrà compilare un rapporto d intervento che dovrà essere controfirmato dal PM L.I. o dal Referente Operativo LI delegato. Per la corretta ed efficiente gestione del servizio di manutenzione è richiesta l erogazione di un servizio di Call Management atto a consentire al personale di LI autorizzato di usufruire di un interfaccia unica competente e precisamente identificata per affrontare e risolvere qualunque problema o malfunzionamento dovesse verificarsi e per la gestione dei servizi previsti nell ambito del rapporto contrattuale. Il servizio di Call Managent sarà gestito da un help desk con due livelli di intervento: 1. accettazione della chiamata con erogazione di assistenza immediata 2. intervento specialistico per problemi complessi ORARIO DI LAVORO NEI LOCALI OGGETTO DI APPALTO Solo per esigenze lavorative potrebbero essere presenti alcuni lavoratori di Lombardia Informatica, ma per brevi intervalli temporali. DUVRI_ FORNITURA E MANUTENZIONE COMPONENTI HW Pagina 10 di 27

11 Vie di transito Il personale delle ditte appaltatrici per poter avere accesso ai locali deve qualificarsi alla reception principale di Via Don Minzoni 24 e di via Taramelli 26 e sarà indirizzato successivamente al responsabile dei lavori della committente. Il personale incaricato svolgerà l attività accedendo rispettivamente dall autorimessa per quanto riguarda l edificio di Via Don Minzoni 24 ad al cortile interno nell edificio di Via Taramelli 26. I percorsi e le uscite di emergenza sono segnalate da appositi cartelli. Le vie di transito sono costituite in parte da battuto in cemento ed in parte da pavimento galleggiante. Il piano di evacuazione è affisso in ogni locale. FATTORI DI RISCHIO PRESENTI NELL AMBIENT E DI LAVORO E MISURE DI PREVENZIONE ADOTTATE Rischio elettrico Gli impianti elettrici degli edifici sono dotati di Certificato di adeguatezza ai sensi del DM 37/08. Gli impianti di messa a terra sono stati sottoposti a verifica periodica con esito positivo. Tutti gli armadi elettrici sono dotati di interruttore magnetotermico/differenziale. Rischio incendio Gli edifici sono dotati di Certificato di Prevenzione Incendi Sono stati designati Addetti alla prevenzione incendi in numero adeguato, formati attraverso corsi di prevenzione incedi. In area dedicata sono presenti bombole di gas inerte per impianto di spegnimento automatico. Il locale CED è dotato di sistemi automatici di rilevazione incendi collegati ad impianto di spegnimento automatico. Sono disponibili nei locali, estintori a polvere ed a CO2 regolarmente manutenuti e segnalati con cartello. La gestione dell antincendio è di esclusiva competenza di Lombardia Gestione/Lombardia Informatica. Il piano di evacuazione è affisso in diverse posizioni dei locali. Sono disponibili in ogni locale i numeri di telefono utili per la gestione dell emergenza. Rischio scariche atmosferiche I fabbricati sono dotati di impianti di protezione dalle scariche atmosferiche, dotati di dichiarazione di conformità e sottoposti a verifica DUVRI_ FORNITURA E MANUTENZIONE COMPONENTI HW Pagina 11 di 27

12 periodiche con esito positivo Rischio chimico Gli impianti di spegnimento automatico impiegano gas inerte. In caso di scarica dei gas segnalata dai pannelli acustici luminosi è obbligo raggiungere il più rapidamente possibile l uscita. Rischio microclima Tutti i locali sono dotati di impianto di ventilazione forzata e climatizzazione con temperatura. Rischio Illuminazione I locali sono dotati di adeguata illuminazione artificiale e di illuminazione di emergenza. Primo soccorso In vari punti degli edifici sono disponibili delle cassette di primo soccorso con contenuto come da Allegato 2 del D.M. 388/2003 e i nominativi degli addetti al primo soccorso con i riferimento telefonici. Rischio Rumore Le attività lavorative svolte all interno dei locali producono dei rumori il cui valore è molto al di sotto dei valori limite di esposizione e dei valori di azione di cui all'articolo 189 del D. Lgs. 81/08 e s.m.i.. Servizi igienici I servizi igienici sono presenti in ogni piano degli edifici. Rischio scivolamento, cadute inciampi Le aree destinate al transito per il raggiungimento dei locali e dei servizi igienici sono sufficientemente ampie, con pavimentazioni prive di evidenti asperità, sconnessioni e dislivelli. Rischio investimenti I locali interrati destinati al parcheggio di mezzi di trasporto sono sufficientemente ampi, con pavimentazioni prive di evidenti asperità, sconnessioni e dislivelli. 2.2 SCHEDA - DATI DITTA APPALTATRICE E RISCHI SPECIFICI INTRODOTTI RAGIONE SOCIALE SEDE LEGALE PARTITA IVA/CF DITTA APPALTATRICE (Da compilarsi a cura della Ditta appaltatrice) DATI GENERALI DUVRI_ FORNITURA E MANUTENZIONE COMPONENTI HW Pagina 12 di 27

13 NUMERO ISCRIZIONE C.C.I.A.A. SETTORE ATTIVITÀ NUMERO LAVORATORI ADDETTI POSIZIONE INPS/INAIL POLIZZA ASSICURATIVA RCT TEL/FAX MAIL DATORE DI LAVORO RESPONSABILE/REFERENTE APPALTO RSPP MEDICO COMPETENTE RLS ORGANIGRAMMA SICUREZZA - Fornitura biennale di componenti hardware dei data Center di Lombardia Informatica per un miglioramento e una consolidazione dei servizi offerti. Sono previsti quattro lotti di fornitura che interesseranno ambiti differenti. ATTIVITÀ OGGETTO DELL APPALTO Di seguito gli elementi previsti dalla fornitura: DUVRI_ FORNITURA E MANUTENZIONE COMPONENTI HW Pagina 13 di 27

14 DUVRI_ FORNITURA E MANUTENZIONE COMPONENTI HW Pagina 14 di 27

15 Sono inoltre compresi i seguenti servizi accessori: Consegna Collaudo Manutenzione DUVRI_ FORNITURA E MANUTENZIONE COMPONENTI HW Pagina 15 di 27

16 CONSEGNA: prevede diverse visite preliminari presso i locali di LI, atte a predisporre le attività logistiche e l ottenimento delle dovute autorizzazioni per l accesso.il fornitore dovrà posizionare e/o alloggiare,le attrezzature secondo le indicazioni di LI e unitamente consegnare i manuali tecnici. Per ogni consegna dovrà essere redatto un apposito verbale di consegna, sottoscritto da un incaricato di LI e da un incaricato del fornitore. COLLAUDO: è la verifica delle apparecchiature e dei componenti hardware e programmi software forniti. Il fornitore, sotto la supervisione del Referente incaricato di LI, dovrà effettuare l accensione, (con autodiagnosi), verificare il buon funzionamento delle apparecchiature e il caricamento dei software preinstallati. Verrà redatto apposito verbale di collaudo, firmato da LI e controfirmato dal fornitore. MANUTENZIONE: delle apparecchiature oggetto della fornitura per la durata di dodici mesi a partire dalla data di consegna. In presenza di malfunzionamenti dovrà essere effettuata una fase di diagnosi, espletata dal fornitore, che identifichi la natura del problema e le eventuali parti di ricambio necessarie, in modo che la prima uscita del tecnico (intervento on-site) sia risolutiva. Al termine di ciascun intervento, e prima di abbandonare la sede, il fornitore dovrà compilare un rapporto d intervento che dovrà essere controfirmato dal PM L.I. o dal Referente Operativo LI delegato. Per la corretta ed efficiente gestione del servizio di manutenzione è richiesta l erogazione di un servizio di Call Management atto a consentire al personale di LI autorizzato, di usufruire di un interfaccia unica competente e precisamente identificata per affrontare e risolvere qualunque problema o malfunzionamento dovesse verificarsi e per la gestione dei servizi previsti nell ambito del rapporto contrattuale. Il servizio di Call Managent sarà gestito da un help desk con due livelli di intervento: 1. accettazione della chiamata con erogazione di assistenza immediata 2. intervento specialistico per problemi complessi LUOGO DI INTERVENTO DATA INIZIO LAVORI DURATA DEI LAVORI ORARIO IN CUI VERRA SVOLTO L INTERVENTO ATTREZZATURE UTILIZZATE DUVRI_ FORNITURA E MANUTENZIONE COMPONENTI HW Pagina 16 di 27

17 MATERIALI INTRODOTTI NOMINATIVI E QUALIFICA PERSONALE IMPIEGATO CORSI DI FORMAZIONE EFFETTUATI corsi sulla sicurezza ed igiene del lavoro D.Lgs. 81/08 e s.m.i. corsi per addetti all uso di carrelli a forche SORVEGLIANZA SANITARIA DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE UTILIZZATI: RISCHI SIGNIFICATIVI INTRODOTTI caduta dall alto caduta di materiali scivolamento uso di macchine uso di apparecchi elettrici rumore emissione di polveri emissione di fumi e vapori incendio investimento inciampamento getti e schizzi rischio biologico DUVRI_ FORNITURA E MANUTENZIONE COMPONENTI HW Pagina 17 di 27

18 RISCHI PER I LAVORATORI ADDETTI ustioni sezionamento impianti elettrici interruzione alimentazione impianti idrici interruzione servizio ascensore interruzione riscaldamento uso di mezzi di sollevamento uso di sostanze infiammabili uso di sostanze corrosive uso di sostanze esecuzione di saldature uso di apparecchi a pressione movimentazione e trasporto materiali caduta dall alto caduta di materiali uso di scale uso di macchine uso di apparecchi elettrici uso di mezzi di sollevamento urti, colpi, impatti e compressioni movimentazione manuale dei carichi elettrocuzione folgorazione uso di apparecchi a pressione uso di apparecchi di sollevamento incidente stradale investimento rischio di incendio rischio di esplosione esposizione ad agenti chimici esposizione ad agenti cancerogeni esposizione ad agenti biologici DUVRI_ FORNITURA E MANUTENZIONE COMPONENTI HW Pagina 18 di 27

19 microclima rumore vibrazioni radiazioni uso di videoterminali 2.3 SCHEDA - RISCHI INTERFERENZIALI INDIVIDUATI E MISURE DA ADOTTARE INTERFERENZE DI LUOGO INTERFERENZE DI TEMPO INTERFERENZE CON COMMITTENTE INTERFERENZE CON ALTRE DITTE APPALTATRICI ASSENZA DI RISCHI DI INTERFERENZA Fase di lavoro Rischio di interferenza Misure di prevenzione Consegna Collaudo Scivolamento Inciampamento Uso di macchine Rumore Polveri Caduta di materiali Scivolamento Inciampamento Coordinamento con il Responsabile di sede. Delimitare l area di intervento. Applicare segnaletica di sicurezza. Utilizzo dei dispositivi di protezione individuale. Deposito attrezzature e materiali in luogo idoneo. Installazione di sistemi di aspirazione localizzata. Chiusura di porte di accesso ad altri locali. La superficie dei pavimenti galleggianti non deve essere soggetta a strisciamenti per evitare danneggiamenti. Utilizzo di elevatori e montacarichi dotati di apposite barriere di protezione. Le porte di accesso ai CED, REI 120, devono essere tenute costantemente chiuse. Coordinamento con il Responsabile di sede. Applicare segnaletica di sicurezza. DUVRI_ FORNITURA E MANUTENZIONE COMPONENTI HW Pagina 19 di 27

20 Manutenzione Uso di macchine Rumore Polveri Utilizzo dei dispositivi di protezione individuale. Deposito attrezzature e materiali in luogo idoneo. Divieto di fumare. Chiusura di porte di accesso ad altri locali. Monitoraggio ambientale. Le porte di accesso ai CED, REI 120, devono essere tenute costantemente chiuse. Coordinamento con il Responsabile di sede. Delimitare l area di intervento. Applicare segnaletica di sicurezza. Utilizzo di materiali non nocivi. Predisposizione mezzi antincendio. Divieto di fumare. Utilizzo dei dispositivi di protezione individuale. Le porte di accesso ai CED, REI 120, devono essere tenute costantemente chiuse. Installazione di sistemi di aspirazione localizzata. 2.4 SCHEDA NORME GENERALI DI COMPORTAMENTO L appaltatore è tenuti ad informare il proprio personale dipendente e a fargli osservare scrupolosamente anche le seguenti note riportate a titolo esclusivamente esemplificativo e non esaustivo ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO Tutto il personale in ingresso è sottoposto a controllo da parte del personale di guardiania di Regione Lombardia. Dovrà quindi immediatamente presentarsi al referente del sito per l autorizzazione all ingresso nei CED; per il coordinamento delle attività si fa riferimento al responsabile dell appalto. Ogni intervento deve essere programmato con il responsabile della ditta committente ed il responsabile dell appalto. Prima dell ingresso al CED l appaltatore darà ricevuta di avvenuta consegna dell informativa relativa ai rischi ambientali Esporre la tessera di riconoscimento corredata di fotografia contenente le generalità del lavoratore e l indicazione del datore di lavoro per tutto il tempo di permanenza nelle sedi DUVRI_ FORNITURA E MANUTENZIONE COMPONENTI HW Pagina 20 di 27

21 II personale della Ditta dovrà attenersi alle norme, alle procedure, ai regolamenti interni e alle disposizioni emanate dalla ditta committente Prendere visione del piano di evacuazione localizzando i percorsi di emergenza e le vie di uscita e delle procedure di emergenza e primo soccorso affisse nei locali sede dei servizi, prima di iniziare l attività La pulizia dei locali dopo gli interventi dell appaltatore è a carico dell appaltatore stesso: a lavori ultimati la zona interessata dovrà essere lasciata sgombra e libera da macchinari, eventuali materiali di risulta, rottami (smaltiti a carico della ditta secondo la normativa di legge) buche o avvallamenti pericolosi OBBLIGHI E DIVIETI Obbligo di attenersi scrupolosamente a tutte le indicazioni segnaletiche ed in specie ai divieti contenuti nei cartelli indicatori e negli avvisi e/o acustici Divieto di accedere senza precisa autorizzazione a zone diverse da quelle interessate ai lavori Obbligo di non trattenersi negli ambienti di lavoro al di fuori dell orario stabilito Divieto di introdurre sostanze infiammabili o comunque pericolose o nocive Divieto di compiere, di propria iniziativa, manovre ed operazioni che non siano di propria competenza e che possono compromettere anche la sicurezza di altre persone Divieto di compiere lavori usando fiamme libere, di utilizzare mezzi ignifori nei luoghi di lavoro senza la necessaria preventiva autorizzazione scritta del Committente Non occultare i presidi e la segnaletica di sicurezza con materiali e/o attrezzature Obbligo di non usare sul luogo di lavoro indumenti o abbigliamento che in relazione alla natura delle operazioni da svolgere possono costituire pericolo per chi lo indossa e/o compromettere la salubrità e l igiene dei locali Divieto di ingombrare passaggi, corridoi ed uscite di sicurezza con materiali di qualsiasi natura Obbligo di impiegare macchine, attrezzi ed utensili rispondenti alle vigente norme di legge Obbligo di segnalare immediatamente eventuali deficienze dei dispositivi di sicurezza o l esistenza di condizioni di pericolo (adoperandosi direttamente in caso di emergenza e nell ambito delle proprie competenze e possibilità, per l eliminazione di dette deficienze o pericoli). Garantire un contegno corretto del personale dipendente sostituendo coloro che non osservano i propri doveri Rispettare le normative vigenti in campo ambientale applicabili alla propria attività Continuare la collaborazione prima e durante l esecuzione degli interventi al fine di rendere effettiva l attuazione delle misure di protezione e prevenzione dei rischi individuate E fatto divieto di fumare nei locali oggetto di intervento 2.5 Costi relativi alla sicurezza L art. 26 del D. Lgs. 81/06 e s.m.i. prevede l individuazione specifica dei costi riferibili alla sicurezza. Sono in questa sede quantificabili come costi per la sicurezza i soli oneri relativi agli adempimenti connessi all'eliminazione e/o alla riduzione dei rischi interferenti durante DUVRI_ FORNITURA E MANUTENZIONE COMPONENTI HW Pagina 21 di 27

22 l espletamento delle attività oggetto dell appalto individuati nel DUVRI, non contemplati nella dotazione obbligatoria per l impresa appaltatrice. Tali costi, applicati all intera durata delle lavorazioni previste nell'appalto, vanno tenuti distinti dall importo a base d asta e non sono soggetto a ribasso. Come indicato dalla Determinazione dell Autorità per la Vigilanza sui Contratti Pubblici di Lavori, Servizi e Forniture del 5 marzo 2008, la stima dei costi deve essere congrua, analitica per singole voci (quindi non a percentuale), riferita ad elenchi prezzi standard o specializzati, oppure basata su prezziari o listini ufficiali vigenti nell'area interessata, o sull'elenco prezzi delle misure di sicurezza del committente; nel caso in cui un elenco prezzi non sia applicabile o non sia disponibile, la stima deve essere effettuata con riferimento ad una analisi dei costi dettagliata e desunta da indagini di mercato Calcolo costi relativi alla sicurezza In questo contesto la stima è stata effettuata analiticamente per voci singole e risponde a quanto verificato attraverso consultazione di prezzari regionali e listini ufficiali vigenti. I costi della sicurezza sono stati quantificati in 524,73 (cinquecentoventiquattro/73) per singolo lotto ed intera durata dell attività e sono di seguito specificati: APPRESTAMENTI PREVISTI QUANTITÀ UNITA DI MISURA COSTO TOTALE Riunioni di coordinamento 6 ora 26,83 160,98 Partecipazione a riunioni di informazione e formazione dei lavoratori della ditta, in riferimento alle planimetrie di evacuazione e alle procedure di emergenza 6 ora 26, Cartelli di pericolo (colore giallo), conformi al D. Lgs 81/08 e s.m.i., in lamiera di alluminio 5/10, con pellicola adesiva rifrangente, triangolare, lato 350 mm 10 pezzi Cad/utilizzo mensile 0,46 4,6 Cartelli di divieto (colore rosso), conformi al D. Lgs. 81/08, in lamiera di alluminio 5/10,con pellicola adesiva rinfrangente, 700x500 mm 10 pezzi Cad/utilizzo mensile 0,89 8,9 Cartelli di obbligo (colore blu), conformi al Dlgs 81/08, in lamiera di alluminio 700X500 mm, con pellicola adesiva rinfrangente 10 pezzi Cad/utilizzo mensile 0,89 8,9 Guanti di protezione dal freddo, con resistenza ai tagli, alle abrasioni ed agli strappi, rischi per il freddo con resistenza al freddo convettivo e da contatto. Giubbetto per la protezione dal freddo certificato secondo la EN 1149, EN 531, EN 343, EN Cad 2,30 27,6 6 cad 18,55 111,3 DUVRI_ FORNITURA E MANUTENZIONE COMPONENTI HW Pagina 22 di 27

23 Barriera fissa in ferro, piedi di sostegno e con losanghe bianco/rosse eventualmente in caso di lavori notturni anche rifrangente, secondo le disposizioni e le tavole di cui al D.M.10/07/2002, fornita e posta in opera per delimitazione di zone da interdire. Dimensioni standard: cm 20x120 20x Cad/utilizzo mensile 3,02 18,12 Nastro segnaletico per delimitazione zone di lavoro, percorsi obbligati, aree inaccessibili, ecc, di colore bianco/rosso, larghezza 75 mm, fornito e posto in opera, compresi: fornitura tondo di ferro ogni 2 metri di recinzione, diametro 14 mm e altezza cm 130 a cui ancorare il nastro 8 ml 2,93 23,44 TOTALE COMPLESSIVO 524,73 DUVRI_ FORNITURA E MANUTENZIONE COMPONENTI HW Pagina 23 di 27

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO (ai sensi dell articolo 26 del D.Lgs. 81/2008) Allegato

Dettagli

Città di Spinea Provincia di Venezia

Città di Spinea Provincia di Venezia Città di Spinea Provincia di Venezia APPALTO: servizio di pulizia interna uffici comunali 2013 2014 AFFIDAMENTO: da appaltare REDATTO DA REVISIONE N. DATA APPROVATO DA 1 SOMMARIO 1. SEZIONE DESCRITTIVA...

Dettagli

OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali

OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali Lettera Rischi Interferenziali Spett.le Ditta Appaltatrice Ditta Subappaltatrice Luogo, Data 2 OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali In relazione alla necessità di una possibile

Dettagli

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122 MINISTERO DELLA SALUTE UFFICIO GENERALE DELLE RISORSE DELL ORGANIZZAZIONE E DEL BILANCIO UFFICIO VIII EX DGPOB LOTTO 2. AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DELLA SEDE DEL COMANDO CARABINIERI PER LA TUTELA

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI)

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) COMPITI DELLE IMPRESE E DOCUMENTAZIONE CONTRATTUALE AI SENSI DI QUANTO PREVISTO DAL D.L.GS 8108 e s.m.i. TIPOLOGIA APPALTO: SERVIZIO DI PULIZIA

Dettagli

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 TABELLA B RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 1 B1) Disponibilità dei locali B1.1) Scansione del documento di disponibilità esclusiva dei locali della sede operativa per almeno tre

Dettagli

Capitolato Tecnico. Pagina 1

Capitolato Tecnico. Pagina 1 Gara a procedura aperta per l affidamento dei servizi di facchinaggio della sede di SACE sita in Roma Piazza Poli 37/42 - CIG 5778360584 Pagina 1 1 PREMESSA 3 2 Oggetto dell Appalto 3 3 Durata dell Appalto

Dettagli

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Corso di laurea in Ingegneria Edile CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Anno Accademico 2011/2012 Definire: Obbiettivi della lezione Rischi Interferenziali - DUVRI e PSC Rischi Propri - POS Conoscere gli aspetti

Dettagli

ELENCO INDICATIVO E NON ESAUSTIVO DEGLI OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO AI SENSI DEL D.L

ELENCO INDICATIVO E NON ESAUSTIVO DEGLI OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO AI SENSI DEL D.L ELENCO INDICATIVO E NON ESAUSTIVO DEGLI OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO AI SENSI DEL D.L. 81/2008 (PER L ELENCO ESAUSTIVO CONSULTARE SEMPRE LA NORMATIVA) - Nomina Rspp Responsabile servizio prevenzione e

Dettagli

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio 5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio Pag. 1 di 36 DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI PER LA SALUTE E LA SICUREZZA NEGLI AMBIENTI DI LAVORO ai sensi degli artt. 17, 28 e 29 del D.lgs 81/08

Dettagli

Oggetto dell appalto:

Oggetto dell appalto: ALLEGATO 5 DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENTI (art. 26 comma 3 D.Lgs. 81/08) Oggetto dell appalto: Servizio di vigilanza armata da effettuarsi con guardie giurate particolari fornite

Dettagli

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56 Cosa devo fare per quanto riguarda la sicurezza sul lavoro se assumo il primo dipendente/collaboratore? Come datore di lavoro devo: 1. valutare i rischi a cui andrà incontro questa persona compiendo il

Dettagli

VERBALE DELLA RIUNIONE PERIODICA DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DAI RISCHI (ai sensi dell'art. 35 del D.Lgs 81/08).

VERBALE DELLA RIUNIONE PERIODICA DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DAI RISCHI (ai sensi dell'art. 35 del D.Lgs 81/08). VERBALE DELLA RIUNIONE PERIODICA DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DAI RISCHI (ai sensi dell'art. 35 del D.Lgs 81/08). Il giorno del mese di dell'anno duemila il sottoscritto titolare/legale rappresentante della

Dettagli

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO - PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO G.1. I reati di cui all art. 25 septies del D.Lgs. n. 231/2001 La Legge 3 agosto 2007, n. 123, ha introdotto l art. 25 septies del

Dettagli

Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture

Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture 1 di 9 Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture Determinazione n.3/2008 Del 5 marzo 2008 Sicurezza nell esecuzione degli appalti relativi a servizi e forniture. Predisposizione

Dettagli

SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO SICUREZZA SUL LAVORO In-Formare è già prevenire Questo Mini-Manuale è aggiornato alle più recenti disposizioni 2014 sulla salute, l igiene e la sicurezza sul lavoro: Testo Unico, D.Lgs. 81/2008 e, in particolare,

Dettagli

OGGETTO:BANDO PER L ISTITUZIONE DI UN ALBO DI FORNITORI 2012 PRESSO L ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA ROMA

OGGETTO:BANDO PER L ISTITUZIONE DI UN ALBO DI FORNITORI 2012 PRESSO L ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA ROMA OGGETTO:BANDO PER L ISTITUZIONE DI UN ALBO DI FORNITORI 2012 PRESSO L ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA ROMA 1.1. ) ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA Largo Arrigo VII, 5-00153 Roma (Italia) ; centralino 06/5717621;

Dettagli

Azienda Municipale Ambiente SpA Roma Capitale. DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE (art. 26, comma 3 D. Lgs. 81/08 e s.m.i.

Azienda Municipale Ambiente SpA Roma Capitale. DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE (art. 26, comma 3 D. Lgs. 81/08 e s.m.i. Azienda Municipale Ambiente SpA Roma Capitale DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE (art. 26, comma 3 D. Lgs. 81/08 e s.m.i.) Rev. N. 00 00 Data: Bando di gara di appalto o di prestazione

Dettagli

La sicurezza sul lavoro

La sicurezza sul lavoro La sicurezza sul lavoro 1-La storia della sicurezza sul lavoro in Italia 2-I decreti legislativi 626, 81 e i successivi provvedimenti integrativi 3- Il T.U. 81 sostituisce completamente il D. Lgs. 626/94

Dettagli

CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI. TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Arezzo, 06 maggio 2011

CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI. TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Arezzo, 06 maggio 2011 CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i Arezzo, 06 maggio 2011 Dott. DAVIDDI Paolo STOLZUOLI Stefania Tecnici di Prevenzione Dipartimento della Prevenzione Azienda USL 8 - Arezzo

Dettagli

Premessa. Gli scopi del presente documento sono:

Premessa. Gli scopi del presente documento sono: Premessa La società EUR Congressi Roma S.r.l. (di seguito Committente) in un ottica di Global Service ha affidato alla Marcopolo S.p.a., mediante contratto di servizio, la gestione dei servizi di Facility

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI (Emanato con D.R. n. 57 del 21 gennaio 2015) INDICE Pag. Art. 1 - Oggetto 2 Art. 2 - Procedura

Dettagli

VERBALE DI VERIFICA DEL P.O.S. E RELATIVE DOCUMENTAZIONI

VERBALE DI VERIFICA DEL P.O.S. E RELATIVE DOCUMENTAZIONI Contratto d Appalto : Impresa Affidataria : Importo Lavori : di cui Oneri per la Sicurezza : VERBALE DI VERIFICA DEL P.O.S. E RELATIVE DOCUMENTAZIONI Responsabile dei Lavori : Coordinatore Sicurezza in

Dettagli

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO C O M U N E D I R O V E R B E L L A Via Solferino e San Martino, 1 46048 Roverbella Tel. 0376/6918220 Fax 0376/694515 PEC PROTOCOLLO : roverbella.mn@legalmail.it RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI

Dettagli

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO In base all art. 256 del D. Lgs. 81/2008, così come modificato dal D. Lgs. 106/2009, i

Dettagli

AMIANTO PIANO DI LAVORO

AMIANTO PIANO DI LAVORO AMIANTO PIANO DI LAVORO Piano di lavoro [art. 256 D. Lgs. 81/2008] I lavori di demolizione o rimozione dei materiali contenenti amianto possono essere effettuati solo da imprese iscritte all Albo nazionale

Dettagli

RICHIESTA DI SUBAPPALTO ATTIVITÀ IN TITOLO I E IN TITOLO IV

RICHIESTA DI SUBAPPALTO ATTIVITÀ IN TITOLO I E IN TITOLO IV RICHIESTA DI SUBAPPALTO ATTIVITÀ IN TITOLO I E IN TITOLO IV DOCUMENTI A CURA DELL APPALTATORE DA INOLTRARE ALL AREA ACQUISTI ALMENO 10 GIORNI PRIMA DELLA DATA PRESUNTA DI INIZIO LAVORI (DA ALLEGARE ALLA

Dettagli

ALLEGATO XV. Contenuti minimi dei piani di sicurezza nei cantieri temporanei o mobili 1. DISPOSIZIONI GENERALI

ALLEGATO XV. Contenuti minimi dei piani di sicurezza nei cantieri temporanei o mobili 1. DISPOSIZIONI GENERALI ALLEGATO XV Contenuti minimi dei piani di sicurezza nei cantieri temporanei o mobili 1.1. - Definizioni e termini di efficacia 1. DISPOSIZIONI GENERALI 1.1.1. Ai fini del presente allegato si intendono

Dettagli

Parte II specifica Edificio RM022 - Villino A Via degli Apuli, 1-00185 Roma. Il Responsabile dell Uspp Arch. Simonetta Petrone

Parte II specifica Edificio RM022 - Villino A Via degli Apuli, 1-00185 Roma. Il Responsabile dell Uspp Arch. Simonetta Petrone PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE (ai sensi del D.Lgs. 81/08 artt.18, 43, 46 e del D.M. 10/03/98 art. 5) Il presente documento è parte integrante del Documento di Valutazione dei Rischi di cui all art.

Dettagli

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 CARTA SEMPLICE FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 ALL A.S.L. N. CN2 ALBA BRA DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio Prevenzione Sicurezza Ambienti di Lavoro Via Vida

Dettagli

CORSO ANTINCENDIO BASE

CORSO ANTINCENDIO BASE Evento formativo Corso di addestramento CORSO ANTINCENDIO BASE 1. Premessa Il D.Lgs. 81/2008 e D.M. 10.03.98 stabiliscono, tra l altro, i criteri per la valutazione dei rischi incendio nei luoghi di lavoro

Dettagli

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI Art. 1 Oggetto del capitolato Il presente appalto prevede: la

Dettagli

Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili

Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili RICHIAMO AL TESTO UNICO PER LA SICUREZZA D.lgs.vo 9 aprile 2008 n 81 Dott. Ing Luigi ABATE DPR N NN 37 3712 12 gennaio 1998 regolamento

Dettagli

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI Introduzione Le dimensioni delle cabine degli ascensori debbono rispettare valori minimi stabiliti dalle normative vigenti,

Dettagli

Da compilare da parte del personale del Garda Uno Spa. Codice Anagrafico: Codice Utenza: ODI: / Contratto N : /

Da compilare da parte del personale del Garda Uno Spa. Codice Anagrafico: Codice Utenza: ODI: / Contratto N : / Da compilare da parte del personale del Garda Uno Spa Codice Anagrafico: Codice Utenza: ODI: / Contratto N : / GARDA UNO SPA Spazio per timbro e data di protocollo Via I. Barbieri, 20 25080 PADENGHE s/g

Dettagli

Al SUAP. Denominazione società/ditta

Al SUAP. Denominazione società/ditta COMUNICAZIONE SUBINGRESSO DI COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE SU POSTEGGIO L.R. 28/2005 e s.m.i. Codice del Commercio art.74 e D.P. G.R. n. 15/R del 1 aprile 2009 Regolamento di attuazione della legge n. 28/2005

Dettagli

DA PARTE DI CIASCUN COMPONENTE IL RTI.

DA PARTE DI CIASCUN COMPONENTE IL RTI. MODULO PER DICHIARAZIONI REQUISITI TECNICI/ECONOMICI E DI IDONEITÀ MORALE DA COMPILARSI DA PARTE DI CIASCUN COMPONENTE IL RTI. OGGETTO: Gara per l affidamento del servizio di pulizia delle sedi del Ministero

Dettagli

L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n.

L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n. Spazio riservato al Servizio Urbanistica AGIBILITA' n del L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n.160 ) l sottoscritt...

Dettagli

TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO

TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO La presente tariffa individua le prestazioni che il professionista è chiamato a fornire : A per la richiesta del parere di conformità B per il rilascio del

Dettagli

1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via. Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045

1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via. Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045 BANDO DI GARA CON PROCEDURA APERTA 1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045 8051811 fax 045 8011566 - sito internet www.arena.it

Dettagli

CIL PER INTERVENTI DI EDILIZIA LIBERA 12 (art. 6, comma 2, lettere b, c, d ed e, d.p.r. 6 giugno 2001, n. 380)

CIL PER INTERVENTI DI EDILIZIA LIBERA 12 (art. 6, comma 2, lettere b, c, d ed e, d.p.r. 6 giugno 2001, n. 380) 2 Al Comune di Pratica edilizia SUAP SUE Indirizzo PEC / Posta elettronica del Protocollo CIL PER INTERVENTI DI EDILIZIA LIBERA 12 (art. 6, comma 2, lettere b, c, d ed e, d.p.r. 6 giugno 2001, n. 380)

Dettagli

Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine

Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine INDICE 1. Premessa 2. Scopo della procedura e campo di applicazione 3. Definizioni 4. indicazioni

Dettagli

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Innocenzo Mastronardi, Ingegnere Civile, professionista antincendio, PhD student in S.O.L.I.P.P. XXVI Ciclo Politecnico di Bari INTRODUZIONE Con l

Dettagli

AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA

AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA ESERCIZIO DI SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO DI ALIMENTI E BEVANDE TIPOLOGIA C " art. 3 c. 6 SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO

Dettagli

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio.

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio. Milano lì Ns. Rif.: 13 novembre 2013 820038.309 Agli Ordini e Collegi aderenti al C.I.P.I. loro sedi K:\Ufficio\07 Documenti\CIPI\820038 Comitato interpr. prevenzione incendi\820038 corrispondenza dal

Dettagli

Settori. Personale qualificato. Chi siamo

Settori. Personale qualificato. Chi siamo Settori Pubblico Pulizia di edifici di Pubbliche amministrazioni seguendo le richieste indicate nei capitolati d oneri, controllate inoltre delle specifiche norme UNI EN ISO 9001 e SA8000. Privato personalizzati

Dettagli

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro.

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. N. LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi

Dettagli

CAPITOLO 1 - GENERALITA' 3 CAPITOLO 2 - NORMA DI RIFERIMENTO 3 CAPITOLO 3 RILASCIO DELLA CERTIFICAZIONE 3

CAPITOLO 1 - GENERALITA' 3 CAPITOLO 2 - NORMA DI RIFERIMENTO 3 CAPITOLO 3 RILASCIO DELLA CERTIFICAZIONE 3 Regolamento per la certificazione del personale addetto alle attività di cui alla Norma UNI 11554, secondo la Prassi di Riferimento UNI/PdR 11:2014: Figure professionali operanti sugli impianti a gas di

Dettagli

- - Visto l'art. 63 del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza 18 giugno 1931, n. 773;

- - Visto l'art. 63 del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza 18 giugno 1931, n. 773; Decreto Ministeriale del 12/09/2003 Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per l'installazione e l'esercizio di depositi di gasolio per autotrazione ad uso privato, di capacita' geometrica

Dettagli

COMUNE DI SASSARI. Provincia di Sassari

COMUNE DI SASSARI. Provincia di Sassari COMUNE DI SASSARI Provincia di Sassari Azienda ISTITUTO COMPRENSIVO MONTE ROSELLO ALTO VIA MANZONI N. 1/A 07100 SASSARI TEL 079/244074 FAX 079/2590926 Email: ssic84900t@istruzione.it Datore di Lavoro Dott.

Dettagli

FASCICOLO DELL OPERA e PSC Relatore: Carmelo G. Catanoso

FASCICOLO DELL OPERA e PSC Relatore: Carmelo G. Catanoso ASSOCIAZIONE TAVOLO 494 IMOLA www.tavolo494imola.org info@ tavolo494imola.org Atti del convegno DAL D.LGS. 494/96 AL TESTO UNICO DI SICUREZZA: novità e criticità 19 novembre 2008 FASCICOLO DELL OPERA e

Dettagli

GRUPPO. Sicurezza per scelta

GRUPPO. Sicurezza per scelta Ge.Ma. Sicurezza per scelta Ge. Ma. la Qualità e la Sicurezza sono valori che costruiamo insieme a te GE.MA. company profile UN OCCHIO APERTO SUL FUTURO UNA REALTÀ DINAMICA, UN MODELLO EVOLUTO DI CONSULENZA

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO

ISTRUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO Dipartimento di Prevenzione SERVIZIO SPISAL Via S. Andrea, 8 32100 Belluno Tel. 0437 516927 Fax 0437 516923 e-mail: serv.spisal.bl@ulss.belluno.it Dipartimento di Prevenzione SERVIZIO SPISAL Via Borgo

Dettagli

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori?

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Le proposte emerse dai gruppi di RLS 1 Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Il RLS consulta il documento di valutazione dei rischi e verifica se il rischio

Dettagli

ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA Direzione Generale Direzione Centrale per l Attività Amministrativa e la Gestione del Patrimonio CAPITOLATO TECNICO

ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA Direzione Generale Direzione Centrale per l Attività Amministrativa e la Gestione del Patrimonio CAPITOLATO TECNICO SERVIZIO DI FACCHINAGGIO CON GESTIONE DEL CICLO LOGISTICO COMPRENSIVA DEL MONITORAGGIO INFORMATIZZATO E TRASPORTO COSE ALL INTERNO E TRA LE VARIE SEDI ISTAT DI ROMA CAPITOLATO TECNICO 1 INDICE 1. OGGETTO

Dettagli

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ope Facility management per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ingegneria dell efficienza aziendale Società per i Servizi Integrati

Dettagli

Sicurezza all IUE. All Istituto è presente la seguente struttura organizzativa in tema di sicurezza:

Sicurezza all IUE. All Istituto è presente la seguente struttura organizzativa in tema di sicurezza: Sicurezza all IUE In tema di sicurezza l Istituto, che gode dell autonomia prevista dalla Convenzione che lo istituisce e dall Accordo di Sede con l Italia, si ispira ai principi fondamentali della normativa

Dettagli

06/09/2013. Gianfranco Tripi. Deroghe

06/09/2013. Gianfranco Tripi. Deroghe CORSO BASE DI SPECIALIZZAZIONE DI PREVENZIONE INCENDI Analisi di rischio e individuazione delle misure di sicurezza equivalenti. Individuazione delle misure di prevenzione e/o di protezione che permettono

Dettagli

POS: Piano Operativo di Sicurezza. D.Lgs 81/08 art. 96 c.1. Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici

POS: Piano Operativo di Sicurezza. D.Lgs 81/08 art. 96 c.1. Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici Servizio Prevenzione e Sicurezza degli Ambienti di Lavoro Azienda Sanitaria Locale della Provincia di Mantova D.Lgs 81/08 art. 96 c.1 Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici Azienda Sanitaria

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE Sede legale: Via G. Cusmano, 24 90141 PALERMO C.F. e P. I.V.A.: 05841760829 Dipartimento Provveditorato e Tecnico Servizio Progettazione e Manutenzioni Via Pindemonte, 88-90129 Palermo Telefono: 091 703.3334

Dettagli

Area Vigilanza AVVISA

Area Vigilanza AVVISA COMUNE DI VILLASOR Provincia di Cagliari Area Vigilanza P.zza Matteotti, 1 - C.A.P. 09034 Part. IVA 00530500925 Tel 070 9648023 - Fax 070 9647331 www.comune.villasor.ca.it C.F: 82002160925 MANIFESTAZIONE

Dettagli

per la durata di seguito indicata: nel periodo dal al nella/e giornata/e:

per la durata di seguito indicata: nel periodo dal al nella/e giornata/e: Marca da bollo 14,62 AL SIGNOR SINDACO DEL COMUNE DI BERTINORO OGGETTO: Richiesta licenza di spettacolo o trattenimento pubblici di cui all art. 68/ 69 del regio decreto 18 giugno 1931, n. 773, a carattere

Dettagli

Documento di valutazione dei rischi ai sensi del D.Lgs. 81/2008

Documento di valutazione dei rischi ai sensi del D.Lgs. 81/2008 Pagina 1 di 27 Sezione 3.3 Attività lavorativa Collaboratore Scolastico Descrizione Responsabilità e competenze Attività svolte Luoghi di lavoro Rischi per la sicurezza Rischi per la salute Dispositivi

Dettagli

AL COMUNE DI RACALMUTO Sportello Unico per le Attività Produttive

AL COMUNE DI RACALMUTO Sportello Unico per le Attività Produttive Bollo 14,62 AL COMUNE DI RACALMUTO Sportello Unico per le Attività Produttive ESERCIZIO DI COMMERCIO AL DETTAGLIO MEDIE STRUTTURE DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE (COM 4A - D.A. 8/5/2001) Ai sensi della L.r.

Dettagli

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007)

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) COMUNE DI NORMA Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) Articolo 1 SCOPI DEL REGOLAMENTO 1. L Amministrazione Comunale, in

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG

REPUBBLICA ITALIANA SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI LOMAGNA (Prov. di Lecco) Contratto Rep. n. del SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG 6170496661 L anno duemilaquindici addì del mese di presso

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE UNIVERSITA' DEGLI STUDI SASSARI UFFICIO TECNICO LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE, RESTAURO CONSERVATIVO E ADEGUAMENTO NORMATIVO DELL EDIFICIO SITO IN SASSARI IN LARGO PORTA NUOVA DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

Dettagli

AVVISO PUBBLICO RENDE NOTO

AVVISO PUBBLICO RENDE NOTO Regione Puglia COMUNE DI VICO DEL GARGANO Provincia di Foggia - Ufficio Tecnico Comunale - III SETTORE - Largo Monastero, civ.6 e-mail aimolaelio@fastwebnet.it. e-mail aimolaelio@comune.vicodelgargano.fg.it

Dettagli

Periodo: 1.3.2011 28.2.2014

Periodo: 1.3.2011 28.2.2014 PROCEDURA IN ECONOMIA ex art. 125 del D. Lgs. n. 63/2006 per l affidamento del servizio di CONTROLLO INTEGRATO DELLE INFESTAZIONI ENTOMATICHE E MURINE PRESSO LE STRUTTURE UNIVERSITARIE Periodo: 1.3.2011

Dettagli

AVVISO PUBBLICO PER L ISCRIZIONE ALL ALBO FORNITORI

AVVISO PUBBLICO PER L ISCRIZIONE ALL ALBO FORNITORI AVVISO PUBBLICO PER L ISCRIZIONE ALL ALBO FORNITORI In base alla Deliberazione del Direttore Generale n. 312 del 18 ottobre 2012 si è provveduto all istituzione e disciplina dell Albo dei Fornitori dell

Dettagli

L AUTORIZZAZIONE VA COMPILATA IN TUTTE LE SUE PARTI

L AUTORIZZAZIONE VA COMPILATA IN TUTTE LE SUE PARTI Marca da Bollo 16,00 Al Sig. Presidente della Provincia di Pavia Ufficio concessioni pubblicitarie Piazza Italia, 2 27100 Pavia AUTORIZZAZIONE OGGETTO: Richiesta di autorizzazione per il posizionamento

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI LINEE D INDIRIZZO PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI CORRELATI ALL INSTALLAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOTAICI SU EDIFICI DESTINATI

Dettagli

COMUNICAZIONE INIZIO LAVORI PERMESSO DI COSTRUIRE

COMUNICAZIONE INIZIO LAVORI PERMESSO DI COSTRUIRE Modello da compilarsi a cura del dichiarante, direttore lavori e impresa esecutrice opere Sportello per l Edilizia COMUNE DI VENEZIA DIREZIONE SPORTELLO UNICO EDILIZIA Sede di Venezia - San Marco 4023

Dettagli

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI Assessorato alla f amiglia, all Educazione ed ai Giov ani Municipio Roma III U.O. Serv izi Sociali, Educativ i e Scolastici Allegato n. 3 al Bando d Istruttoria Pubblica per l intervento Nuovi PercHorsi

Dettagli

OPERE SPECIALI PREFABBRICATI

OPERE SPECIALI PREFABBRICATI OPERE SPECIALI PREFABBRICATI (Circ. Min. 13/82) ISTRUZIONI SCRITTE (Articolo 21) Il fornitore dei prefabbricati e della ditta di montaggio, ciascuno per i settori di loro specifica competenza, sono tenuti

Dettagli

SUAP Piazza Municipio 3 10090 BRUINO (TO)

SUAP Piazza Municipio 3 10090 BRUINO (TO) Al Comune di BRUINO SUAP Piazza Municipio 3 10090 BRUINO (TO) OGGETTO: SCIA di subingresso nell'esercizio dell'attività di commercio su aree pubbliche ai sensi dell art. 28, comma 12, del D.Lgs. n. 114/1998

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEGLI OPERATORI ECONOMICI DI FIDUCIA DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM - EX ART.

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEGLI OPERATORI ECONOMICI DI FIDUCIA DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM - EX ART. Universita Telematica UNIVERSITAS MERCATORUM REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEGLI OPERATORI ECONOMICI DI FIDUCIA DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM - EX ART. 125, COMMA 12 DEL D.L.VO

Dettagli

3.2 B ANALISI DEI RISCHI E SOLUZIONI NELLA FASE LAVAGGIO

3.2 B ANALISI DEI RISCHI E SOLUZIONI NELLA FASE LAVAGGIO 3.2 B ANALISI DEI RISCHI E SOLUZIONI NELLA FASE LAVAGGIO FASE DI LAVORAZIONE : LAVAGGIO COD. INAIL : FATTORE DI RISCHIO : - Rischi per la salute e igienico ambientali: rumore prodotto dal motore delle

Dettagli

STIMA DEI COSTI DELLA SICUREZZA

STIMA DEI COSTI DELLA SICUREZZA COMUNE DI SANTA MARGHERITA LIGURE Piazza Mazzini, 46 16038 SANTA MARGHERITA LIGURE (GE) REALIZZAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOLTAICI SULLE COPERTURE DELLA SCUOLA PRIMARIA A.R. SCARSELLA, DELLA SCUOLA DELL'INFANZIA

Dettagli

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa PER IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITÀ NAZIONALE ANTICORRUZIONE Via M.Minghetti 10 00187 Roma CIG 6253408B85 GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI CONCERNENTI

Dettagli

AVVISO DEL 31 OTTOBRE 2013

AVVISO DEL 31 OTTOBRE 2013 AVVISO DEL 31 OTTOBRE 2013 FORMAZIONE DI UN ELENCO DI OPERATORI ECONOMICI DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE IN ECONOMIA (ART.125 D. LGS. 163/2006) Ai sensi dell art.125 del D. Lgs. 163/2006 e s.m.i, la Fondazione

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO

PROVINCIA DI PESARO E URBINO PROVINCIA DI PESARO E URBINO Regolamento interno della Stazione Unica Appaltante Provincia di Pesaro e Urbino SUA Provincia di Pesaro e Urbino Approvato con Deliberazione di Giunta Provinciale n 116 del

Dettagli

Ing. Mauro Malizia - Criteri generali di sicurezza antincendio - testo coordinato - Comando Provinciale VVF di Ascoli Piceno

Ing. Mauro Malizia - Criteri generali di sicurezza antincendio - testo coordinato - Comando Provinciale VVF di Ascoli Piceno D.M. 10 marzo 1998 (1) Criteri generali di sicurezza antincendio e per la gestione dell'emergenza nei luoghi di lavoro (S.O. n. 64 alla G.U. n. 81 del 7 aprile 1998) Il Ministro dell'interno e il Ministro

Dettagli

Prefettura - U.T.G. di Roma Bando di Gara Procedura ristretta. Determina. Sezione I: Amministrazione Aggiudicatrice: I.1) Prefettura di Roma UTG - Via

Prefettura - U.T.G. di Roma Bando di Gara Procedura ristretta. Determina. Sezione I: Amministrazione Aggiudicatrice: I.1) Prefettura di Roma UTG - Via Prefettura - U.T.G. di Roma Bando di Gara Procedura ristretta. Determina 2707/09. Sezione I: Amministrazione Aggiudicatrice: I.1) Prefettura di Roma UTG - Via IV Novembre 119/A- 00187 Roma (Italia) Punti

Dettagli

Fondazione MAXXI Ministero per i Beni e le attività Culturali

Fondazione MAXXI Ministero per i Beni e le attività Culturali Ministero per i Beni e le attività Culturali Museo Nazionale delle Arti del XXI Secolo Via Guido Reni, 4a - Roma DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE (art. 26, comma 3 D. Lgs 81/08)

Dettagli

Art. 1 Oggetto del servizio

Art. 1 Oggetto del servizio CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO TRASLOCHI NEGLI ISTITUTI SCOLASTICI, NEI CENTRI SCOLASTICI, NEI CENTRI DI FORMAZIONE PROFESSIONALE E NEGLI UFFICI DI COMPETENZA PROVINCIALE

Dettagli

PIANO OPERATIVO DI SICUREZZA (POS) PIANO OPERATIVO DI SICUREZZA. Realizzazione della Metropolitana di., Linea..

PIANO OPERATIVO DI SICUREZZA (POS) PIANO OPERATIVO DI SICUREZZA. Realizzazione della Metropolitana di., Linea.. PIANO OPERATIVO DI SICUREZZA (POS) Ai sensi del D.Lgs. 81/08 e successive modifiche ed integrazioni. Realizzazione della Metropolitana di., Linea.. Sottosistema di Impianti presso la stazione di.. Committente:.

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALE NIGUARDA CA GRANDA MILANO AVVISO PUBBLICO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICO LIBERO-PROFESSIONALE SI RENDE NOTO

AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALE NIGUARDA CA GRANDA MILANO AVVISO PUBBLICO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICO LIBERO-PROFESSIONALE SI RENDE NOTO AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALE NIGUARDA CA GRANDA MILANO Atti 184/10 all. 45/8 Riapertura termini riferimento 122 INGECLI AVVISO PUBBLICO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICO LIBERO-PROFESSIONALE SI RENDE NOTO

Dettagli

QUESTIONARIO PER RACCOLTA DATI E INFORMAZIONI DI POTENZIALI IMPRESE APPALTATRICI PER LAVORI, SERVIZI ORDINARI E FORNITURE SERVIZI

QUESTIONARIO PER RACCOLTA DATI E INFORMAZIONI DI POTENZIALI IMPRESE APPALTATRICI PER LAVORI, SERVIZI ORDINARI E FORNITURE SERVIZI Pag. 1/6 SETTORI DI INTERESSE LAVORI SERVIZI Elettrici Impianti fotovoltaici Idraulici Edili Stradali Pulizie Tappezzerie Tinteggiatura e verniciatura Carpenteria metallica FORNITURE Cavi elettrici bt

Dettagli

SCIA valida anche ai fini dell art. 86 del Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza, approvato con R.D. 18/6/1931, n. 773.

SCIA valida anche ai fini dell art. 86 del Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza, approvato con R.D. 18/6/1931, n. 773. Modulo di segnalazione certificata di inizio attività per la somministrazione di alimenti e bevande all' interno dei circoli privati da presentare in carta libera Spazio per apporre il timbro di protocollo

Dettagli

PICCOLI TRATTENIMENTI MUSICALI O DIFFUSIONE SONORA NEI DEHORS E NELLE AREE DI PERTINENZA PRIVATE ANNESSE AI LOCALI DI SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO

PICCOLI TRATTENIMENTI MUSICALI O DIFFUSIONE SONORA NEI DEHORS E NELLE AREE DI PERTINENZA PRIVATE ANNESSE AI LOCALI DI SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO Dipartimento Economia e Promozione della Città Settore Attività Produttive e Commercio U.O. Somministrazione, manifestazioni, artigianato e ricettive 40129 Bologna Piazza Liber Paradisus, 10, Torre A -

Dettagli

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II.

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. In esecuzione della deliberazione del Direttore generale n. 765 del 30.04.2013,

Dettagli

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 C O M U N E D I M A R A Provincia di Sassari C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 Email: protocollo@comune.mara.ss.it Pec: protocollo@pec.comune.mara.ss.it SERVIZIO AFFARI

Dettagli

chiede l ammissione dell impresa medesima alla gara indetta per l affidamento del servizio in oggetto. Al proposito

chiede l ammissione dell impresa medesima alla gara indetta per l affidamento del servizio in oggetto. Al proposito ALLEGATO 1 Via A. Picco Oggetto: istanza di ammissione alla gara relativa servizio di manutenzione ordinaria e straordinaria delle macchine operatrici di ACAM Ambiente s.p.a.. Il sottoscritto...., nato

Dettagli

Allo Sportello Unico delle Attività Produttive Comune / Comunità / Unione Identificativo SUAP:

Allo Sportello Unico delle Attività Produttive Comune / Comunità / Unione Identificativo SUAP: CODICE PRATICA *CODICE FISCALE*GGMMAAAAHH:MM Allo Sportello Unico delle Attività Produttive Comune / Comunità / Unione Identificativo SUAP: SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA' ATTIVITA' DI ASILO

Dettagli

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE Allegato sub. A alla Determinazione n. del Rep. C O M U N E D I T R E B A S E L E G H E P R O V I N C I A D I P A D O V A CONVENZIONE INCARICO PER LA PROGETTAZIONE DEFINITIVA - ESECUTIVA, DIREZIONE LAVORI,

Dettagli

- - - - - - - - - - - - 1 - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AFM S.p.A. Sede Legale in Bologna, Via del Commercio Associato n. 22/28 MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO

Dettagli

Direzione Centrale Manutenzione, Contratti e Beni Confiscati Acquisti

Direzione Centrale Manutenzione, Contratti e Beni Confiscati Acquisti Direzione Centrale Manutenzione, Contratti e Beni Confiscati Acquisti PROCEDURA DI GARA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA, IGIENE AMBIENTALE E FACCHINAGGIO DA EFFETTUARSI PRESSO GLI UFFICI DELL

Dettagli

COMUNICAZIONE EFFETTUAZIONE

COMUNICAZIONE EFFETTUAZIONE Esente da bollo N.B.: presentare almeno 10 giorni prima dell inizio SPAZIO PER ETICHETTA PROTOCOLLO COMUNALE Si consiglia di presentare in triplice copia di cui n.1 timbrata dall Ufficio PROTOCOLLO da

Dettagli

AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI RECEPTION, CENTRALINO E FATTORINAGGIO ESTERNO PER GLI UFFICI DELLA SOGESID S.P.A. VIA CALABRIA, 35 E VIA CALABRIA 56 ROMA.

AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI RECEPTION, CENTRALINO E FATTORINAGGIO ESTERNO PER GLI UFFICI DELLA SOGESID S.P.A. VIA CALABRIA, 35 E VIA CALABRIA 56 ROMA. AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI RECEPTION, CENTRALINO E FATTORINAGGIO ESTERNO PER GLI UFFICI DELLA SOGESID S.P.A. VIA CALABRIA, 35 E VIA CALABRIA 56 ROMA. CIG: 5066492974 Quesito 1 Domanda: Nel Capitolato Tecnico

Dettagli