PRODUTTIVA IMPIANTI INDUSTRIALI. Ing. Diana Rossi Università degli Studi di Brescia. D. Rossi 1

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PRODUTTIVA IMPIANTI INDUSTRIALI. Ing. Diana Rossi Università degli Studi di Brescia. diana.rossi@ing.unibs.it. D. Rossi 1"

Transcript

1 IMPIANTI INDUSTRIALI 8. ANALISI DELLA CAPACITÀ PRODUTTIVA Ing. Diana Rossi Università degli Studi di Brescia Diana Rossi - Università di Brescia 1 D. Rossi 1

2 La capacità produttiva Cp Cp = POTENZIALITÀ UTILIZZO PRODUTTIVA RESA La Capacità Produttiva esprime la dimensione dell output realizzabile da un sistema produttivo considerata su un orizzonte temporale significativo (tipicamente l anno) La Capacità Produttiva è sempre calcolata facendo riferimento ad un ben determinato mix di produzione Dimensionalmente la Capacità Produttiva è espressa in unità/periodo. ià/ id Diana Rossi - Università di Brescia 2 D. Rossi 2

3 La capacità produttiva Cp Cp POTENZIALITÀ UTILIZZO = PRODUTTIVA RESA [unità / [ore di utilizzo / [unità/ora] periodo] [%] periodo]= O ritmo produttivo, è una grandezza di flusso e tiene conto delle perturbazioni i generate dal fatto che si producono prodotti diversi sullo stesso sistema E un rapporto tra due tempi, e tiene conto degli elementi di perturbazione temporale del sistema produttivo E una grandezza adimensionale e tiene conto degli elementi di possibile inefficienza i del processo produttivo Diana Rossi - Università di Brescia 3 D. Rossi 3

4 La potenzialità produttiva La potenzialità produttiva (o ritmo standard) d) esprime quanto è in grado di produrre una macchina o un impianto per unità di tempo POTENZIALITÀ DI TARGA POTENZIALITÀ DI MIX Sistema monoprodotto a regime Variazioni del mix di produzione P mix n i 1 ritmo 1 % volume produttivo del prodotto i produttivo standard i [unità / ora] Diana Rossi - Università di Brescia 4 D. Rossi 4

5 Le grandezze standard Una grandezza si dice standard d quando è ricavata da una stima ingegneristica relativa alle normali condizioni operative Riferito alla potenzialità (o al ritmo produttivo), quindi, il temine standard identifica un valore proprio di situazioni diverse da quelle di collaudo e, come tale, è numericamente inferiore al dato di potenzialità di targa, valido in condizioni ideali e monoprodotto Diana Rossi - Università di Brescia 5 D. Rossi 5

6 La potenzialità di mix P mix Quantità totalet prodotta (a dato tempo standard impiegato mix) P mix tempo Quantità totale prodotta (a dato mix) standard prodotto 1 tempo standard prodotto n Tempo standard prodotto i Ritmo Quantità standard prodotta prodotto i i unità ora P mix Quantità totale prodotta (a dato mix) Quantità prodotta 1 Quantità prodotta n Ritmo standard prodotto 1 Ritmo standard prodotto n P mix n i 1 % volume 1 produttivo del prodotto ritmo produttivo standard i [unità / ora] i Diana Rossi - Università di Brescia 6 D. Rossi 6

7 Esempio di calcolo l La potenzialità di mix Prodotto 1 Prodotto 2 Ritmo produttivo standard [unità / ora] Mix di produzione A [unità] Mix di produzione B [unità] P mix A ,8 unità ora P mix B ,4 unità ora Diana Rossi - Università di Brescia 7 D. Rossi 7

8 Esempio di calcolo errato La potenzialità di mix Prodotto 1 Prodotto 2 Ritmo produttivo standard [unità / ora] Mix di produzione A [unità] Mix di produzione on B [unità] P mix A , P mix B , Perché così è sbagliato? Diana Rossi - Università di Brescia 8 D. Rossi 8

9 TNA TNU TSB Utilizzo Tempo solare TS Tempo di apertura impianto TA Tempo di utilizzo lordo TUL TGM Tempo di utilizzo netto TUN Tempo produttivo lordo TPL TSU+TFM T prod. netto TPN Impianto chiuso Non utilizzo (problemi esterni al sistema) Stand-by (problemi Guasto esterni alla macchina macchina) Set-up e fermate minori Causa esterna al sistema Causa interna al sistema Causa interna alla macchina Diana Rossi - Università di Brescia 9 D. Rossi 9

10 Stati di utilizzo Sigla Denominazione Definizione/contenuti Stato Tempo non lavorato per TNA ragioni i legali li o per volontà dell azienda TA TNU Tempo di apertura dell impianto Tempo di non utilizzo Ferie, festività, turnazioni, situazioni i i eccezionali (alluvioni, i Impianto chiuso terremoti, epidemie, etc.) Tempo in cui l impianto è aperto, non necessariamente utilizzabile e funzionante. Coincide con il tempo massimo per cui si può pianificare la produzione Tempo in cui l impianto non è utilizzato per: mancanza materiali a magazzino, mancanza energia o informazioni, mancanza MdO (sciopero, assenteismo, assemblee sindacali), tempo per prove tecniche e produzioni non vendibili Impianto aperto Impianto aperto, ma non utilizzabile per motivi esogeni (assenza delle condizioni necessarie) oppure non programmato per produrre Diana Rossi - Università di Brescia 10 D. Rossi 10

11 Stati di utilizzo Sigla Denominazione Definizione/contenuti Stato TUL Tempo Tempo di utilizzo lordo (o teorico) di apertura impianto in cui esso sarebbe potenzialmente t utilizzabile Impianto aperto ed utilizzabile TSB Tempo di stand-by per attese dovute a: Struttura sistema Qualità materiali Logistica interna Impianto/macchin a utilizzabile, ma funzionamento non Tempo di non utilizzo dovuto a: - Microassenteismo, cambio turno, maggiorazioni fisiologiche, interferenza uomo macchina o macchina macchina - Mancanza materiali a piè di macchina,,proprietà p chimico- fisiche del materiale improprie, attese servomezzi - Tempo di stand-by in attesa di guasto di altra macchina richiesto o non possibile a causa di attese di: operatori, materiali, altre macchine, altri eventi Diana Rossi - Università di Brescia 11 D. Rossi 11

12 Stati di utilizzo Sigla Denominazione Definizione/contenuti Stato TUN Tempo di utilizzo netto (o effettivo) Tempo per cui l impianto/macchina è utilizzabile e ne è richiesto il funzionamento Tempo di guasto TGM macchina (o di manutenzione) Tempo di mancanza di funzionalità per cause di guasto o manutenzione Funzionamento richiesto, ma impianto/macchina non disponibile Diana Rossi - Università di Brescia 12 D. Rossi 12

13 Stati di utilizzo Sigla Denominazione Definizione/contenuti Stato TPL Tempo di produzione lordo Tempo in cui è richiesto il funzionamento e l impianto/macchina è disponibile Funzionamento richiesto e possibile TSU Tempo di set-up Tempo non direttamente produttivo per: Setup (cambio prodotto) Cambio utensili e attrezzature, cambio materiale, regolazioni a seguito di cambio prodotto e materiale (shut-down e start-up), t pulizie lii Impianto funzionante, ma impiegato in attività tà indirettamente produttive Diana Rossi - Università di Brescia 13 D. Rossi 13

14 Stati di utilizzo Sigla Denominazione Definizione/contenuti Stato TFM Tempo per fermate minori Tempo non direttamente produttivo a causa di: Piccole fermate Ripristini, regolazioni non a seguito di cambi Impianto/macchin a non funzionante, ma temporaneamente non operativo per breve durata TPN Tempo di produzione netto Tempo in cui l impianto/macchina è impiegato in attività direttamente t produttive, con velocità operativa effettiva anche diversa da quella standard Impianto/macchin a funzionante e impiegato in attività direttamente produttive Diana Rossi - Università di Brescia 14 D. Rossi 14

15 L utilizzo degli impianti Misura l impatto dei tempi di non utilizzo per problemi esterni al sistema Misura l impatto dei tempi di non utilizzo per problemi sia esterni che interni al sistema Diana Rossi - Università di Brescia 15 D. Rossi 15

16 Disponibilità A Evidenzia i l impatto dei guasti e delle fermate per manutenzione Si esprime come il rapporto tra il tempo produttivo lordo e il tempo di utilizzo netto, che differisce dal primo per il tempo di Guasto Macchina (TGM) Diana Rossi - Università di Brescia 16 D. Rossi 16

17 Saturazione S Esprime l incidenza id del tempo direttamente produttivo (TPN) sulla somma dei tempi direttamente e indirettamente produttivi, evidenziando l impatto dei set-up e delle fermate minori Diana Rossi - Università di Brescia 17 D. Rossi 17

18 La resa Alimentazione Processo Controllo Qit input Qir input Qout Qcon teorico reale output conforme Qnp non processata Qno non in output t Qnc non conforme Diana Rossi - Università di Brescia 18 D. Rossi 18

19 Causali di resa Sigla Denomin. Definizione / contenuti Stato Rq Rc Rv Resa di quantità Resa di conformità Resa di velocità Percentuale della capacità teorica (Tpn*Pmix) disponibile a valle di cali di Impianto/macchina funzionante, nante ma resa quantitativa nell impianto. La che non utilizza riduzione di resa si manifesta tutta la quantità tipicamente come perdita di massa in input legata al tipo di processo o a sfridi Impianto/macchina Percentuale della capacità disponibile a funzionante, ma valle delle operazioni di controllo e che produce rilavorazione output non conforme Percentuale della capacità teorica Impianto/macchina (Tpn*Pmix) disponibile a valle di funzionante a rallentamenti, perdite di cadenza ritmo inferiore nell impianto o minor saturazione rispetto allo volumetrica di macchine che lavorano standard per cariche (batch) Diana Rossi - Università di Brescia 19 D. Rossi 19

20 Riassumendo PARTE DIMENSIONALE C p P mix TAUNASR v R q R c UTILIZZO RESA Diana Rossi - Università di Brescia 20 D. Rossi 20

Misure di Prestazione di Sistemi Produttivi

Misure di Prestazione di Sistemi Produttivi Misure di Prestazione di Sistemi Produttivi 1) Modello di riferimento Per prestazioni di un sistema produttivo si intendono i risultati direttamente percepibili e misurabili dal cliente oppure dal sistema

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. Facoltà di Ingegneria. Corso di Gestione dell Informazione Aziendale. Glossario e Formulario

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. Facoltà di Ingegneria. Corso di Gestione dell Informazione Aziendale. Glossario e Formulario UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Corso di Gestione dell Informazione Aziendale prof. Paolo Aymon Glossario e Formulario Glossario e Formulario Pianificazione Programmazione Tempi di produzione KanBan

Dettagli

Progettazione e gestione degli impianti di produzione. Le misure di produttività

Progettazione e gestione degli impianti di produzione. Le misure di produttività Progettazione e gestione degli impianti di produzione Le misure di produttività Le prestazioni di Efficienza o produttività Produttività delle risorse produttive Manodopera Impianti Materiali (rese) Produttività

Dettagli

PIANO DI GESTIONE DEI FABBISOGNI DI

PIANO DI GESTIONE DEI FABBISOGNI DI PIANO DI GESTIONE DEI FABBISOGNI DI CAPACITÀ (a cura di E. Padoano) [Bozza 2010] Indice 1 Introduzione 1 2 Capacity Requirements Planning (CRP) 2 3 Dati di input di CRP 2 4 La capacità disponibile 4 5

Dettagli

READY-TO-GO PRODUZIONE

READY-TO-GO PRODUZIONE READY-TO-GO PRODUZIONE Modulo Standard QlikView OBIETTIVO Le aziende che fabbricano prodotti hanno la necessità di avere un controllo efficiente delle loro attività produttive e di assemblaggio. Questo,

Dettagli

Budget del Personale

Budget del Personale Budget del Personale Dott. Cosimo Baldari coximo@libero.it H1 Hrms sistema integrato di gestione del personale e Budget del personale http://www.ebcconsulting.com HR Budget del Personale - Software H1

Dettagli

L Impatto dell Accordo Mirafiori sulla performance produttiva della FIAT

L Impatto dell Accordo Mirafiori sulla performance produttiva della FIAT Dipartimento di Impresa e Management Cattedra Gestione della produzione L Impatto dell Accordo Mirafiori sulla performance produttiva della FIAT RELATORE CANDIDATO Alessia Berdozzi Prof.ssa Maria Elena

Dettagli

Efficienza Produttiva. Il Piano d azione dell efficienza

Efficienza Produttiva. Il Piano d azione dell efficienza Efficienza Produttiva Il Piano d azione dell efficienza Nino Guidetti Direttore Commerciale Grandi Clienti Schneider Electric per eliminare le inefficienze La Lean Manufacturing è una strategia operativa,

Dettagli

Piano dei fabbisogni di capacità

Piano dei fabbisogni di capacità Piano dei fabbisogni di capacità CRP 1 Piano aggregato Piano delle risorse Lungo termine MPS Piano della capacità di massima Medio termine MRP CRP Breve termine Controllo della produzione Controllo della

Dettagli

COSA È IL BUDGET non insieme programmi esercizio successivo breve periodo

COSA È IL BUDGET non insieme programmi esercizio successivo breve periodo COSA È IL BUDGET Il budget non è un bilancio preventivo, atto finale del relativo processo di costruzione, ma l insieme programmi di gestione attinenti all esercizio successivo, ossia il complesso delle

Dettagli

ciclo non obbligato tanti input/output prodotti differenziati (ad es tanti fornitori, + complessità)

ciclo non obbligato tanti input/output prodotti differenziati (ad es tanti fornitori, + complessità) Impianti di processo Definizione: MP PF tramite trasformazioni fisico/chimiche Caratteristiche: automazione investimenti elevati ( ciclo continuo) ciclo tecnologico obbligato rischio di impatti ambientali

Dettagli

di Antonio Farchione Produzione e logistica >> Sistemi di management

di Antonio Farchione Produzione e logistica >> Sistemi di management IL BUDGET DI PRODUZIONE di Antonio Farchione Produzione e logistica >> Sistemi di management Ogni impresa che voglia affrontare con serietà lo scenario che le si presenta all orizzonte, non può negare

Dettagli

prof. Paolo Aymon Piani operativi GIA-L04 seconda parte

prof. Paolo Aymon Piani operativi GIA-L04 seconda parte UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Corso di Gestione dell Informazione Aziendale prof. Paolo Aymon Piani operativi seconda parte Sommario della lezione Gestione dell Informazione nella Supply Chain Piani

Dettagli

Corso di Gestione dell Informazione Aziendale. Processi snelli GIA-L04 terza parte

Corso di Gestione dell Informazione Aziendale. Processi snelli GIA-L04 terza parte UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Corso di Gestione dell Informazione Aziendale prof. Paolo Aymon Processi snelli terza parte UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Processi snelli Corso di Gestione dell Informazione

Dettagli

I Fondamentali di Controllo di Gestione Parte IV

I Fondamentali di Controllo di Gestione Parte IV I Fondamentali di Controllo di Gestione Parte IV Budget della produzione Struttura del budget della produzione Le fasi del budget La distinta base Il piano operativo dei volumi di attività Il budget della

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. Facoltà di Economia

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. Facoltà di Economia UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Facoltà di Economia Programmazione e controllo IL PROCESSO DI BUDGET prof. Pagina 1 di 58 IL PROCESSO DI BUDGET IN AZIENDA Pagina 2 di 58 IL PROCESSO DI FORMULAZIONE DEL

Dettagli

ivo Avanzato PER TITOLARI D'IM PRESE DIPULIZIA IL COSTO DEL LAVORO LE GARE D APPALTO L ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO LA GESTIONE DEL RAPPORTO DI LAVORO

ivo Avanzato PER TITOLARI D'IM PRESE DIPULIZIA IL COSTO DEL LAVORO LE GARE D APPALTO L ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO LA GESTIONE DEL RAPPORTO DI LAVORO Pe rc o r s Fo o r m a t ivo Avanzato PER TITOLARI D'IM PRESE DIPULIZIA 2010 IL COSTO DEL LAVORO La determinazione e la gestione del costo del personale negli appalti di pulizia LE GARE D APPALTO La predisposizione

Dettagli

Analisi dei costi di produzione

Analisi dei costi di produzione Analisi dei costi di produzione industriale Analisi dei costi 1 Comportamento dei costi La produzione è resa possibile dall impiego di diversi fattori. L attività di produzione consuma l utilità dei beni

Dettagli

I Fondamentali di Controllo di Gestione. Parte II

I Fondamentali di Controllo di Gestione. Parte II I Fondamentali di Controllo di Gestione Parte II LA STRUTTURA DEL SISTEMA DI CONTROLLO DI GESTIONE definizione di una struttura organizzativa costruzione della struttura tecnico contabile attivazione del

Dettagli

Prof. Ferdinando Azzariti

Prof. Ferdinando Azzariti Materiali di Economia e Organizzazione Aziendale, Università di Udine A.A. 2011-12 Prof. Ferdinando Azzariti www.ferdinandoazzariti.com 1 La gestione della produzione La programmazione e il controllo della

Dettagli

Allocazione delle scorte nelle reti distributive. Quantità di prodotti. supply chain management Pianificazione

Allocazione delle scorte nelle reti distributive. Quantità di prodotti. supply chain management Pianificazione Fabrizio Dallari, Damiano Milanato - Centro di Ricerca sulla Logistica LIUC Università Cattaneo Aprile 2013 44 Lo stock disponibile presso i depositi centrali delle reti logistiche è spesso insufficiente

Dettagli

Centri di Smistamento

Centri di Smistamento 1 Centri di Smistamento Progettazione e criteri di dimensionamento Agenda 2 Centri di Smistamento Il Dimensionamento Premessa Campo di applicazione I segmenti di processo Punti di attenzione Linee guida

Dettagli

KPI e OEE con SIMATIC WinCC DowntimeMonitor

KPI e OEE con SIMATIC WinCC DowntimeMonitor KPI e OEE con SIMATIC WinCC DowntimeMonitor In un periodo in cui è imperativo per tutte le aziende contenere i costi di produzione, avere degli strumenti di raccolta dati ed analisi della produttività

Dettagli

Sistemi produttivi Just In Time. Just-In-Time Systems (Lean Production)

Sistemi produttivi Just In Time. Just-In-Time Systems (Lean Production) Sistemi produttivi Just In Time Just-In-Time Systems (Lean Production) 1 Origini del JIT e della Produzione Snella Introdotto da Toyota Adottato da altre aziende giapponesi Introdotto successivamente nelle

Dettagli

BUDGET IL BUDGET COME STRUMENTO AZIENDALE

BUDGET IL BUDGET COME STRUMENTO AZIENDALE BUDGET Il budget è un documento amministrativo in cui vengono stabiliti in via preventiva gli atti di gestione che l'azienda intende effettuare in un periodo futuro, al fine di conseguire un determinato

Dettagli

IL BUDGET DELLA PRODUZIONE: ASPETTI GENERALI

IL BUDGET DELLA PRODUZIONE: ASPETTI GENERALI IL BUDGET DELLA PRODUZIONE: ASPETTI GENERALI 1 BUDGET DEL VOLUME (QUANTITA ) DI PRODUZIONE 2 BUDGET DEI COSTI DI PRODUZIONE 3 BUDGET DEGLI ACQUISTI DI PERSONALE E MATERIE 1 IL BUDGET (DEL VOLUME) DELLA

Dettagli

GESTIONE AVANZATA DEI MATERIALI

GESTIONE AVANZATA DEI MATERIALI GESTIONE AVANZATA DEI MATERIALI Divulgazione Implementazione/Modifica Software SW0003784 Creazione 23/01/2014 Revisione del 25/06/2014 Numero 1 Una gestione avanzata dei materiali strategici e delle materie

Dettagli

I Sistemi di produzione PULL

I Sistemi di produzione PULL I Sistemi di produzione PULL Sistema Push Il sistema push pianifica e schedula la produzione basandosi sulla previsione di domanda o sull acquisizione di ordini dei clienti. Quindi si controlla il rilascio

Dettagli

Come calcolare il costo "vero" del prodotto

Come calcolare il costo vero del prodotto Come calcolare il costo "vero" del prodotto In questi tempi di crisi o di lenta ripresa è molto importante riuscire a valutare nel modo corretto il costo reale del prodotto, soprattutto per la piccola

Dettagli

determinazione della quantità fisica di prodotti da realizzare nel periodo considerato BUDGET DI PRODUZIONE BUDGET della PRODUZIONE

determinazione della quantità fisica di prodotti da realizzare nel periodo considerato BUDGET DI PRODUZIONE BUDGET della PRODUZIONE Budget delle vendite L articolazione per Centri di Costo determinazione della quantità fisica di prodotti da realizzare nel periodo considerato 1 I criteri per individuare i centri di costo sono: Rilevanza

Dettagli

Classificazioni dei sistemi di produzione

Classificazioni dei sistemi di produzione Classificazioni dei sistemi di produzione Sistemi di produzione 1 Premessa Sono possibili diverse modalità di classificazione dei sistemi di produzione. Esse dipendono dallo scopo per cui tale classificazione

Dettagli

Logiche e strumenti per la valutazione degli investimenti

Logiche e strumenti per la valutazione degli investimenti Finanza Aziendale Analisi e valutazioni per le decisioni aziendali Logiche e strumenti per la valutazione degli investimenti Capitolo 13 Indice degli argomenti 1. Definizioni e modalità di classificazione

Dettagli

Il miglioramento delle performance produttive tramite l analisi di KPI: stabilimento food & beverage. Case history Parmalat

Il miglioramento delle performance produttive tramite l analisi di KPI: stabilimento food & beverage. Case history Parmalat Il miglioramento delle performance produttive tramite l analisi di KPI: stabilimento food & beverage. Case history Parmalat - Food-Beverage&Packaging Industry - Analisi del contesto esterno La competitività

Dettagli

10 L EFFICIENZA. L efficienza

10 L EFFICIENZA. L efficienza 10 L EFFICIENZA Ragioneria Generale e Applicata 1 L efficienza Quali condizioni aiutano l azienda a raggiungere l equilibrio economico? L Efficienza Un impresa è efficiente quando riesce a massimizzare

Dettagli

FONDAMENTI DI ECONOMIA AZIENDALE E IMPIANTISTICA INDUSTRIALE. Sistemi di rilevazione dei costi Job Costing, Process Costing

FONDAMENTI DI ECONOMIA AZIENDALE E IMPIANTISTICA INDUSTRIALE. Sistemi di rilevazione dei costi Job Costing, Process Costing FONDAMENTI DI ECONOMIA AZIENDALE E IMPIANTISTICA INDUSTRIALE Proff.. Alberto Baggini Marco Melacini A.A. 2008/2009 Sistemi di rilevazione dei costi Job Costing, Process Costing Allocazione dei costi industriali

Dettagli

La pianificazione integrate della filiera logistica

La pianificazione integrate della filiera logistica easypoli La pianificazione integrate della filiera logistica La pianificazione come processo: le fasi e il livello di aggregazione www.easypoli.it facebook.com/easypoli contatti@easypoli.it Lapianificazioneintegratadellafilieralogistica

Dettagli

Ottimizzazione della disponibilità delle risorse in produzione gli effetti di una gestione efficiente della schedulazione

Ottimizzazione della disponibilità delle risorse in produzione gli effetti di una gestione efficiente della schedulazione Ottimizzazione della disponibilità delle risorse in produzione gli effetti di una gestione efficiente della schedulazione Relatore : Dario Capellini Contatti: dario.capellini@capellinitechnology.com -

Dettagli

L orientamento gestionale delle informazioni contabili. Nicola Castellano

L orientamento gestionale delle informazioni contabili. Nicola Castellano L orientamento gestionale delle informazioni contabili Nicola Castellano 1 Agenda Le rilevazioni elementari: contabilità particolari e contabilità generale Gli archivi anagrafici I valori standard, di

Dettagli

Analisi «make or buy»: il caso Curti Costruzioni Meccaniche SpA

Analisi «make or buy»: il caso Curti Costruzioni Meccaniche SpA Analisi «make or buy»: il caso Curti Costruzioni Meccaniche SpA di Roberto Ballanti (*) e Andrea Panizza (**) La trasformazione di alcuni costi fissi in costi variabili è il sogno di tutti gli imprenditori,

Dettagli

Informazioni Chiave per fare scelte consapevoli

Informazioni Chiave per fare scelte consapevoli Informazioni Chiave per fare scelte consapevoli Il controllo di gestione per costruire il sistema delle informazioni chiave: metodologie e risvolti operativi nella realtà delle PMI RELATORI Dott.ssa Mariella

Dettagli

REGOLAMENTO SULL ORARIO DI LAVORO DEI DIPENDENTI DEL COMUNE DI QUARTU SANT ELENA

REGOLAMENTO SULL ORARIO DI LAVORO DEI DIPENDENTI DEL COMUNE DI QUARTU SANT ELENA REGOLAMENTO SULL ORARIO DI LAVORO DEI DIPENDENTI DEL COMUNE DI QUARTU SANT ELENA ART.1 OGGETTO 1. Il presente regolamento, adottato con la capacità e i poteri del privato datore di lavoro, ai sensi dell

Dettagli

Tipologie di Sistemi di Produzione manifatturiera 11

Tipologie di Sistemi di Produzione manifatturiera 11 Schema generale di flusso logistico SVILUPPO PRODOTTO ACQUISTO MAGAZZINO PROGETTI PROGETTAZIONE APPROVVIGIONAMENTO MAGAZZINO MATERIE PRIME FABBRICAZIONE CLIENTE FINALE MAGAZZINO COMPONENTI ASSEMBLAGGIO

Dettagli

CL Produzioni Animali

CL Produzioni Animali CL Produzioni Animali Anno Accademico 2013-134 Metodi e Strumenti di analisi degli investimenti introduzione La valutazione economica degli investimenti costituisce una tipica analisi di LUNGO PERIODO

Dettagli

Loss Adjustment Basic Stima del macchinario ed impianti. Politecnico di Milano Corso Avanzato Loss Adjustment Basic. a.a. 2007. Ing.

Loss Adjustment Basic Stima del macchinario ed impianti. Politecnico di Milano Corso Avanzato Loss Adjustment Basic. a.a. 2007. Ing. Politecnico di Milano Corso Avanzato Loss Adjustment Basic a.a. 2007 Ing.Fabio Mancini Ringrazio i Docenti del corso ed in particolare il relatore Geom.Marco Valle per l assistenza prestatami. - 1 - INTRODUZIONE

Dettagli

Tecniche di programmazione, lancio e controllo della produzione

Tecniche di programmazione, lancio e controllo della produzione Tecniche di programmazione, lancio e controllo della produzione 1 PIANIFICAZIONE DI LUNGO PERIODO DELLA PRODUZIONE CAP.1 :Terminologia 2 TERMINOLOGIA Efficacia Efficacia : Risultato fornito Risultato previsto

Dettagli

Generalità sull energia eolica

Generalità sull energia eolica Generalità sull energia eolica Una turbina eolica converte l energia cinetica della massa d aria in movimento ad una data velocità in energia meccanica di rotazione. Per la produzione di energia elettrica

Dettagli

Specialisti della Supply Chain

Specialisti della Supply Chain Specialisti della Supply Chain Link Management Srl Via S. Francesco, 32-35010 Limena (PD) Tel. 049 8848336 - Fax 049 8843546 www.linkmanagement.it - info@linkmanagement.it Analisi dei Processi Decisionali

Dettagli

Ottava Edizione. Programmazione Aggregata e MPS Prof. Sergio Cavalieri

Ottava Edizione. Programmazione Aggregata e MPS Prof. Sergio Cavalieri Ottava Edizione Programmazione Aggregata e MPS Prof. Sergio Cavalieri Le fasi del processo di PPC 2 Pianificazione di lungo termine Pianificazione aggregata Elaborazione del piano principale di produzione

Dettagli

Just-In-Time: la definizione

Just-In-Time: la definizione 1 Just In Time Definizione e concetti generali Produzione a flusso continuo Vantaggi della flessibilità degli impianti e della riduzione del set-up Le relazioni con i fornitori Relazioni con i sistemi

Dettagli

TOTALE COSTO MENSILE DEL LAVORO 2.043,80 TOTALE COSTO ORARIO DEL LAVORO 15,12 15,12 MARK - UP IRAP 4,25% IVA 20%

TOTALE COSTO MENSILE DEL LAVORO 2.043,80 TOTALE COSTO ORARIO DEL LAVORO 15,12 15,12 MARK - UP IRAP 4,25% IVA 20% B1 PAGA ORARIA BASE 8,3812 1.307,46 INDENNITA' DI COMPARTO (non spetta per 13^) 0,2908 39,31 RATEO H. 13^ 0,8059 108,96 RATEO FERIE Complessivamente 26 gg. annui. Rateo ferie (187,20) = gg 26 x 7,20 (ore

Dettagli

OGGETTO PROBLEMI POSTI DALLA CARENZA DELLA DOTAZIONE ORGANICA

OGGETTO PROBLEMI POSTI DALLA CARENZA DELLA DOTAZIONE ORGANICA 1 OGGETTO PROBLEMI POSTI DALLA CARENZA DELLA DOTAZIONE ORGANICA QUESITI (posti in data 19 giugno 2012) Sono il responsabile facente funzioni di una unità operativa complessa di anestesia e rianimazione,

Dettagli

CONSERVATORIO STATALE DI MUSICA EVARISTO FELICE DALL ABACO ISTITUTO SUPERIORE di STUDI MUSICALI VERONA

CONSERVATORIO STATALE DI MUSICA EVARISTO FELICE DALL ABACO ISTITUTO SUPERIORE di STUDI MUSICALI VERONA Ministero dell Università della Ricerca Scientifica e Tecnologica Alta Formazione Artistica e Musicale Prot. n. 656 F/7 Verona, 02/03/2011 CONSERVATORIO STATALE DI MUSICA EVARISTO FELICE DALL ABACO ISTITUTO

Dettagli

Scaletta della lezione:

Scaletta della lezione: NATURA DELLA CONTABILITA DIREZIONALE Scaletta della lezione: 1. L approccio di Anthony al controllo di gestione 2. Natura e fini delle informazioni - informazioni per l esterno - informazioni per l interno

Dettagli

Il Business Plan (Allegato)

Il Business Plan (Allegato) Www.ebitda.it Facebook:Ebitda Twitter: Ebitda Discussion Paper (Allegato) Numero 13 - Maggio 2014 1. Aspetti Generali Il business plan è uno strumento, sia qualitativo che quantitativo, finalizzato alla

Dettagli

id: identificativo numerico o alfanumerico dell'impianto. Id_proprietario: identificativo del proprietario dell impianto.

id: identificativo numerico o alfanumerico dell'impianto. Id_proprietario: identificativo del proprietario dell impianto. Anagrafica Impianto Impianto Denominazione Note Descrizione Domini o Formato Impianto Proprietario Produttore E' il codice dell'impianto così come sarà definito dalla convenzione sulla anagrafica comune

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA 1. Applicazione delle Condizioni Generali di Vendita e modalità di modifica 1.1. Estral S.p.A., ora in avanti chiamata anche venditrice, e la Vs. società, ora in avanti definita

Dettagli

Lean production. Rappresenta l evoluzione del modello Toyota, ed è basata sul cosiddetto Lean Thinking (pensare snello):

Lean production. Rappresenta l evoluzione del modello Toyota, ed è basata sul cosiddetto Lean Thinking (pensare snello): Lean production Rappresenta l evoluzione del modello Toyota, ed è basata sul cosiddetto Lean Thinking (pensare snello): doing more and more with less and less less human effort, less equipment, less time,

Dettagli

Economia e gestione delle imprese - 06

Economia e gestione delle imprese - 06 Economia e gestione delle imprese - 06 Descrivere i concetti base del processo di gestione commerciale Delineare le principali relazioni con le altre gestioni Definire le attività principali del processo

Dettagli

Galileo Factory Control

Galileo Factory Control Galileo Factory Control SOMMARIO PRESENTAZIONE... 2 MODULI... 3 GESTIONE RISORSE... 3 DIALOGO OPERATORE... 3 CONFIGURAZIONE E MANUTENZIONE... 4 MONITORAGGIO E ANALISI DEI CONSUNTIVI... 5 MODULO COLLEGAMENTO

Dettagli

Credito d imposta per attività di ricerca e sviluppo - Provvedimento attuativo

Credito d imposta per attività di ricerca e sviluppo - Provvedimento attuativo A G E V O L A Z I O N I F I S C A L I Credito d imposta per attività di ricerca e sviluppo - Provvedimento attuativo 31 LUGLIO 20151 1 PREMESSA Con il DM 27.5.2015, pubblicato sulla G.U. 29.7.2015 n. 174,

Dettagli

Il budget. Prof. Salvatore Loprevite

Il budget. Prof. Salvatore Loprevite Il budget 1 Il Budget Il budget è un programma di gestione aziendale, tradotto in termini economico-finanziari, che guida e responsabilizza i manager verso obiettivi di , definiti nell

Dettagli

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti DIPARTIMENTO PER I TRASPORTI, LA NAVIGAZIONE, GLI AFFARI GENERALI ED IL PERSONALE Direzione Generale per il trasporto stradale e per l intermodalità Pubblicazione

Dettagli

LA LEAN MANUFACTURING E TOYOTA. QualitiAmo La Qualità gratis sul web

LA LEAN MANUFACTURING E TOYOTA. QualitiAmo La Qualità gratis sul web LA LEAN MANUFACTURING E TOYOTA GLI SPRECHI DA EVITARE Quali erano gli sprechi che Toyota voleva evitare, applicando la Produzione snella? Essenzialmente 3: le perdite di tempo legate alle rilavorazioni

Dettagli

beni immobili. Metodo e procedimenti

beni immobili. Metodo e procedimenti La stima del valore di mercato dei beni immobili. Metodo e procedimenti 26.X.2009 La metodologia estimativa La metodologia estimativa rappresenta l insieme delle tecniche e degli strumenti attraverso cui

Dettagli

BOZZA 16 novembre 2011 Allegato B1 Indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica Opzione Apparati, impianti e servizi tecnici industriali e civili

BOZZA 16 novembre 2011 Allegato B1 Indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica Opzione Apparati, impianti e servizi tecnici industriali e civili BOZZA 16 novembre 2011 Allegato B1 Indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica Opzione Apparati, impianti e servizi tecnici industriali e civili Profilo Il Diplomato di istruzione professionale nell indirizzo

Dettagli

Corso di. Analisi e contabilità dei costi

Corso di. Analisi e contabilità dei costi Corso di Analisi e Contabilità dei Costi I costi nelle aziende che lavorano su commessa 1. Cosa significa produrre su commessa? L azienda produce un bene (complesso) solo dopo aver ricevuto un ordine da

Dettagli

Gli indicatori per la Qualità. a cura di Gianfilippo Macchi

Gli indicatori per la Qualità. a cura di Gianfilippo Macchi Gli indicatori per la Qualità 1 La UNI ISO 9001: 2008 recita 8.2.3. Monitoraggio e misurazione dei processi L organizzazione deve adottare adeguati metodi per misurare e monitorare i processi del SGQ.

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER LA PROGRAMMAZIONE DELLA PRODUZIONE E LA LOGISTICA

TECNICO SUPERIORE PER LA PROGRAMMAZIONE DELLA PRODUZIONE E LA LOGISTICA ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO TECNICO SUPERIORE PER LA PROGRAMMAZIONE DELLA PRODUZIONE E LA LOGISTICA STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI

Dettagli

RIMANENZE DI MAGAZZINO ESEMPLIFICAZIONE

RIMANENZE DI MAGAZZINO ESEMPLIFICAZIONE RIMANENZE DI MAGAZZINO ESEMPLIFICAZIONE Università Roma Tre Facoltà di Economia Federico Caffè Prof. Ugo Marinelli Anno accademico 10 11 Struttura del controllo sui rischi Valore delle rimanenze determinato

Dettagli

Dispensa Definizione di Sistema Produttivo

Dispensa Definizione di Sistema Produttivo Dispensa Definizione di Sistema Produttivo 1) Introduzione ai Sistemi Produttivi 1.1 Definizione di Sistema Produttivo In questa prima sezione si vuole dare una visione generale del sistema produttivo,

Dettagli

L approccio Lean. Investire sulle persone chiave individuare i champions e gli agenti del cambiamento

L approccio Lean. Investire sulle persone chiave individuare i champions e gli agenti del cambiamento Cosa si intende per L approccio Lean Investire sulle persone chiave individuare i champions e gli agenti del cambiamento Ottenere e usare il contributo di tutti a tutti i livelli Facciamolo e basta con

Dettagli

THE ART OF BUSINESS PLANNING

THE ART OF BUSINESS PLANNING THE ART OF BUSINESS PLANNING La presentazione dei dati: realizzazione e presentazione di un Business Plan Francesca Perrone - Head of Territorial & Sectorial Development Plans Giusy Stanziola - Territorial

Dettagli

Allegato 6 PROFILI FORMATIVI A CARATTERE PROFESSIONALIZZANTE PER GLI APPRENDISTI DEL SETTORE PANIFICAZIONE

Allegato 6 PROFILI FORMATIVI A CARATTERE PROFESSIONALIZZANTE PER GLI APPRENDISTI DEL SETTORE PANIFICAZIONE Allegato 6 PROFILI FORMATIVI A CARATTERE PROFESSIONALIZZANTE PER GLI APPRENDISTI DEL SETTORE PANIFICAZIONE 1 AZIENDE ARTIGIANALI GRUPPO A AREA PANIFICAZIONE Profilo: Qualifiche: Area di attività: Settore:

Dettagli

Il metodo reddituale esprime il valore dell impresa come funzione esclusiva della sua capacità di reddito

Il metodo reddituale esprime il valore dell impresa come funzione esclusiva della sua capacità di reddito Il metodo reddituale Il metodo reddituale esprime il valore dell impresa come funzione esclusiva della sua capacità di reddito W = f (R) W cioè il valore del capitale economico è funzione del reddito 11

Dettagli

INCONTRI INTERNAZIONALI B2B Applicazioni innovative della metrologia per l innovazione di prodotto e di processo

INCONTRI INTERNAZIONALI B2B Applicazioni innovative della metrologia per l innovazione di prodotto e di processo 1 INCONTRI INTERNAZIONALI B2B Applicazioni innovative della metrologia per l innovazione di prodotto e di processo Applicazioni metrologiche innovative sulle macchine utensili: la MMT (Measuring Machine

Dettagli

IPOTESI ACCORDO AZIEIVDALE. Addì 13 aprile 2007 in Rionero in Vulture, presso lo Stabilimento della società

IPOTESI ACCORDO AZIEIVDALE. Addì 13 aprile 2007 in Rionero in Vulture, presso lo Stabilimento della società IPOTESI ACCORDO AZIEIVDALE Addì 13 aprile 2007 in Rionero in Vulture, presso lo Stabilimento della società si sono incontrate la Società Fonti del Vulture Srl, stabilimento di Rionero, rappresentata dai

Dettagli

ID e Operations. KPI produttivi e logistici con il supporto della identificazione automatica. Bologna, 15 Maggio 2012

ID e Operations. KPI produttivi e logistici con il supporto della identificazione automatica. Bologna, 15 Maggio 2012 ID e Operations KPI produttivi e logistici con il supporto della identificazione automatica Bologna, 15 Maggio 2012 Dott. Alessandro Pacelli Partner Opta Dott. Gianluca Spada Partner Opta Presentazione

Dettagli

Analisi dei costi degli Impianti Industriali e Criteri di Investimento

Analisi dei costi degli Impianti Industriali e Criteri di Investimento Analisi dei costi degli Impianti Industriali e Criteri di Investimento Questa dispensa vale sia per M2 che per M3 1) Obiettivi economici di un azienda industriale L impianto industriale, può essere definito

Dettagli

La Gestione della Produzione

La Gestione della Produzione La Gestione della Produzione Gestione dei sistemi industriali Consiste nel: - predisporre i mezzi ed assumere le decisioni necessarie a realizzare gli obiettivi strategici aziendali - operare scelte tra

Dettagli

Pianificare approvvigionamenti e scorte

Pianificare approvvigionamenti e scorte di Andrea Martinelli, Andrea Bacchetti Pianificare approvvigionamenti e scorte In questa e nelle prossime pagine si descrive la progettazione di uno strumento informativo in grado di supportare il processo

Dettagli

Ottava Edizione. MRP Prof. Sergio Cavalieri

Ottava Edizione. MRP Prof. Sergio Cavalieri Ottava Edizione MRP Prof. Sergio Cavalieri critici La pianificazione dei fabbisogni Madio / Lungo Termine Master Production Schedule (MPS) Programmazione Aggregata Strategia Famiglie prodotti Lungo Termine

Dettagli

Polizza di Assicurazione Tutti i Rischi di Montaggio (E.A.R. Erection All Risks)

Polizza di Assicurazione Tutti i Rischi di Montaggio (E.A.R. Erection All Risks) QUESTIONARIO Polizza di Assicurazione Tutti i Rischi di Montaggio (E.A.R. Erection All Risks) PARTE I GENERALITÀ 1) NOMINATIVI a) Contraente domiciliato in b) Assicurato domiciliato in c) Committente d)

Dettagli

Indicazioni per la definizione del prezzo di riferimento per un servizio di Contact Center Inbound di Qualità

Indicazioni per la definizione del prezzo di riferimento per un servizio di Contact Center Inbound di Qualità Indicazioni per la definizione del prezzo di riferimento per un servizio di Contact Center Inbound di Qualità Elaborazione Ufficio Studi - Novembre 2015 OVERVIEW DEL DOCUMENTO Obiettivo del presente documento

Dettagli

CONTRATTAZIONE INTEGRATIVA PERSONALE A.T.A. VERBALI D'INTESA ISTITUTO COMPRENSIVO SAN FRANCESCO ANGUILLARA SABAZIA

CONTRATTAZIONE INTEGRATIVA PERSONALE A.T.A. VERBALI D'INTESA ISTITUTO COMPRENSIVO SAN FRANCESCO ANGUILLARA SABAZIA CONTRATTAZIONE INTEGRATIVA PERSONALE A.T.A. VERBALI D'INTESA ISTITUTO COMPRENSIVO SAN FRANCESCO ANGUILLARA SABAZIA Il giorno 13 dicembre 2010 alle ore 14,15 si riuniscono per la contrattazione integrativa

Dettagli

Meccanica degli Azionamenti

Meccanica degli Azionamenti Università degli Studi di Brescia Laurea in Ingegneria dell Automazione Industriale Parte I Introduzione all automazione industriale I.1 Automazione e Flessibilità Automazione Automazione: Impiego di mezzi

Dettagli

TOMO 1-3. DIRECT COSTING, FULL COSTING E ACTIVITY BASED COSTING Svolgimento a cura di Gabriela Subinaghi

TOMO 1-3. DIRECT COSTING, FULL COSTING E ACTIVITY BASED COSTING Svolgimento a cura di Gabriela Subinaghi TOMO 1-3. DIRECT COSTING, FULL COSTING E ACTIVITY BASED COSTING Svolgimento a cura di Gabriela Subinaghi 3.2 margine di contribuzione ( ) Scelta del prodotto di cui incrementare la produzione e la vendita

Dettagli

Modelli Input/Output Teoria ed Applicazioni

Modelli Input/Output Teoria ed Applicazioni Corso di LOGISTICA TERRITORIALE www.uniroma2.it/didattica/lot_20112011 DOCENTE prof. ing. Agostino Nuzzolo Modelli Input/Output Teoria ed Applicazioni Introduzione Si deve all economista Wassily Leontief

Dettagli

LOGISTICA DI PROTEZIONE CIVILE

LOGISTICA DI PROTEZIONE CIVILE DI PROTEZIONE CIVILE La logistica nelle fasi di: Prevenzione Emergenza Ripristino A cura dell Ist. Arch. Francesco Stucchi 1/38 Alcune definizioni Logistica è un termine derivato dal gergo militare che

Dettagli

LE COSTANTI E LE LEGGI FISICHE DIPENDONO DAL TEMPO

LE COSTANTI E LE LEGGI FISICHE DIPENDONO DAL TEMPO Pagina 1 di 8 LE COSTANTI E LE LEGGI FISICHE DIPENDONO DAL TEMPO Ing. Pier Franz Roggero, Dott. Michele Nardelli, P.A. Francesco Di Noto Abstract: This paper explains that all physical constants and consequently

Dettagli

Grafici di redditività BREAK-EVEN ANALYSIS

Grafici di redditività BREAK-EVEN ANALYSIS Grafici di redditività BREAK-EVEN ANALYSIS 1 Analisi del punto di equilibrio o di pareggio Consiste nella determinazione grafica o matematica del quantitativo di vendita al quale i costi totali e i ricavi

Dettagli

La gestione dei costi nella ristorazione. Di Stefano Azzini

La gestione dei costi nella ristorazione. Di Stefano Azzini . La gestione dei costi nella ristorazione Di Stefano Azzini La vostra azienda ha subito un calo di vendite?. Prima di iniziare ad attivare iniziative di marketing per la ricerca di nuovi clienti, conviene

Dettagli

STOCK CUTTER. Previsioni. della domanda. Pianificazione delle scorte. Programmazione ordini a fornitori LOGISTIC C O N S U L T I N G

STOCK CUTTER. Previsioni. della domanda. Pianificazione delle scorte. Programmazione ordini a fornitori LOGISTIC C O N S U L T I N G Previsioni della domanda Pianificazione delle scorte Programmazione ordini a fornitori LOGISTIC C O N S U L T I N G Lo scenario nel quale le aziende si trovano oggi ad operare è spesso caratterizzato da

Dettagli

SOGGETTI, RUOLI E STRUMENTI DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA. Autore: Dott. Francesco Rhodio

SOGGETTI, RUOLI E STRUMENTI DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA. Autore: Dott. Francesco Rhodio SOGGETTI, RUOLI E STRUMENTI DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA SOGGETTI STATO REGIONI AZIENDE STATO Ruolo: individua la missione del Sistema Sanitario, ne definisce i principi e gli assetti istituzionali,

Dettagli

ALLEGATO 4 METODO DI ELABORAZIONE DEL CONTO ECONOMICO CONSUNTIVO E DI RILEVAZIONE DEI DATI TECNICO-GESTIONALI

ALLEGATO 4 METODO DI ELABORAZIONE DEL CONTO ECONOMICO CONSUNTIVO E DI RILEVAZIONE DEI DATI TECNICO-GESTIONALI ALLEGATO 4 METODO DI ELABORAZIONE DEL CONTO ECONOMICO CONSUNTIVO E DI RILEVAZIONE DEI DATI TECNICO-GESTIONALI 62 I parametri per effettuare il monitoraggio del contratto di servizio, da inserire nell apposito

Dettagli

ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI APRILE 2012

ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI APRILE 2012 ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI APRILE 2012 Punto 5) Politiche di remunerazione e di incentivazione. All art. 18 4 comma, lo Statuto prevede che l Assemblea Ordinaria approvi, secondo i criteri previsti dalle

Dettagli

Servizi Postali. Funzione Impianti CMP

Servizi Postali. Funzione Impianti CMP 1 Consegnato OO.SS. 20 maggio 2013 Funzione Impianti CMP Funzione Impianti nei CMP: contesto 2 Il contesto ci chiede di confrontarci giornalmente con una riduzione dei volumi e una richiesta sempre maggiore

Dettagli