I limiti della pubblicità televisiva

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I limiti della pubblicità televisiva"

Transcript

1 Consumatori in cifr I limiti dlla pubblicità tlvisiva Lucia Canzi Michl Cavuoti Prmssa 134 In Italia la rgolamntazion dlla pubblicità in tlvision è costituita da una sri di lggi, dcrti, rgolamnti codici di comportamnto ch stabiliscono i limiti quantitativi di mssaggi pubblicitari risptto all intra programmazion. Il principal rifrimnto normativo è la Lgg 223/90, in alcun parti modificata intgrata dalla più rcnt Lgg Gasparri (Lgg 112/2004) poi confluita nl Tsto Unico pr la Radiotlvision (D.Lgs. 177/2005). A qusto si aggiungono alcun lggi rlativ a spcifici argomnti, il Codic di Autorgolamntazion tv Minori il Codic di Autodisciplina Pubblicitaria. Il problma dll ingombro pubblicitario in tlvision è comunqu un argomnto smpr oggtto di discussioni intrprtazioni più o mno rstrittiv ch coinvolg molti soggtti intrssi contrapposti. Dal punto di vista dl mrcato, l affollamnto pubblicitario tlvisivo costituisc un problma s mtt in discussion la distribuzion dll risors pubblicitari con l altr form di comunicazion principalmnt con la stampa. Dal punto di vista dl consumator, il punto critico sta nlla fruibilità dl mzzo tlvisivo, val a dir nlla possibilità di sguir in modo continuativo il programma prsclto. È chiaro ch a volt qusta fruibilità vin a mancar: è il caso di partit di calcio o film intrrotti, o di programmi all intrno di quali l ingombro pubblicitario è tal da rndrn sgradvol la vision. È principalmnt pr un problma di fruibilità dlla tlvision da part dl consumator ch Altroconsumo ha dciso di svolgr uno spcifico studio sull argomnto. Lo studio è stato svolto in collaborazion con l Ossrvatorio di Pavia con lo scopo di quantificar l ingombro pubblicitario di vrificar l insrimnto di mssaggi pubblicitari all intrno di particolari programmi; in qust ottica sono, quindi, stati monitorati la prsnza la durata di minispot all intrno di manifstazioni sportiv, la prsnza l ntità di pubblicità durant i programmi di cartoni animati la prsnza di pubblicità di alcolici supralcolici in fascia prottta o nll vicinanz di programmi rivolti a minori. Lo studio ha avuto una durata di undici msi (da sttmbr 2005 a luglio 2006): pr ogni ms abbiamo sclto un giorno, nll arco di qusta giornata, abbiamo monitorato dall 7 di mattina all 23 di sra tutti i programmi tlvisivi Lucia Canzi Michl Cavuoti Altroconsumo Associazion Indipndnt di Consumatori numro 1/2007 Consumatori in cifr Mrcato

2 trasmssi dall tlvisioni nazionali (Rai Uno, Rai Du, Rai Tr, Canal 5, Italia 1, Rt 4 La7). Il monitoraggio, quindi, è stato di 16 or al giorno pr un total di 176 or complssiv. Ingombro pubblicitario risptto di limiti La quantità di mssaggi pubblicitari proposti ogni giorno al tlspttator è uno di punti più critici dlla programmazion tlvisiva. In qust ottica abbiamo calcolato il tmpo ddicato alla pubblicità risptto all intra programmazion. I risultati sono contnuti nlla Tab. 1. Tab. 1 Prcntual di tmpo ddicata alla pubblicità Giorno monitorato Emittnt Rai Tr Rai Du Rai Uno La7 Rt 4 Canal 5 Italia 1 Tutt 7 sttmbr 5% 8% 11% 18% 23% 24% 23% 16% 8 ottobr 5% 9% 9% 20% 23% 22% 23% 16% 2 novmbr 6% 8% 11% 21% 25% 26% 24% 17% 7 dicmbr 5% 7% 9% 19% 24% 24% 24% 16% 5 gnnaio 5% 7% 12% 20% 25% 23% 24% 17% 8 fbbraio 6% 8% 11% 20% 25% 25% 24% 17% 8 marzo 6% 8% 10% 18% 24% 24% 25% 16% 6 april 5% 7% 11% 18% 26% 26% 25% 17% 10 maggio 6% 7% 9% 19% 22% 24% 23% 16% 9 giugno 5% 7% 9% 19% 25% 24% 23% 16% 8 luglio 5% 7% 7% 18% 24% 23% 23% 15% Tutti i giorni 5% 8% 10% 19% 24% 24% 24% 16% Complssivamnt il 16% dl tmpo di programmazion è ddicato alla pubblicità. Notvoli, tuttavia, sono l diffrnz tra l mittnti, in particolar tra l pubblich l privat. La rt pubblica con minor incidnza di pubblicità è Rai Tr (5% di ingombro), sguita da Rai Du (8%) Rai Uno (10%). Tra l privat spicca in positivo La7 con un 19%, mntr l tr rti Mdiast hanno risultati idntici pari al 24%. Qusto significa ch in qust ultimo caso, s guardiamo la tlvision pr un ora circa, un quarto d ora sarà ddicato alla pubblicità. Fino a qui possiamo dir ch la prcntual di programmazion ddicata alla pubblicità è quindi molto lvata. La domanda da porsi a qusto punto è la sgunt: i limiti di affollamnto pubblicitario stabiliti dalla lgg sono rispttati? numro 1/2007 Consumatori in cifr Mrcato 135

3 La normativa di rifrimnto è la Lgg 223/90, modificata succssivamnt dalla Lgg Gasparri poi riprsa nl Tsto Unico pr la Radiotlvision. In sintsi, gli spot non possono suprar il limit dl 12% dlla programmazion oraria pr la concssionaria pubblica il 18% pr l concssionari privat. La lgg prvd, inoltr, ch ci sia una possibilità di sforamnto dall suddtt prcntuali pr un massimo dl 2%, rcuprabil nll ora prcdnt o in qulla succssiva. Da ossrvar ch qusti limiti di affollamnto pubblicitario riguardano solo gli spot (com spcificato dalla Lgg Gasparri), quindi, dal calcolo vngono sclus tutt l altr form di pubblicità com tlvndit, tlpromozioni spazi ddicati agli sponsor. I risultati dl nostro monitoraggio sono riassunti nlla Tab. 2. Tab. 2 Numro sforamnti rilvati durant il monitoraggio Giorno monitorato Emittnt Rai Tr Rai Du Rai Uno La7 Italia 1 Rt 4 Canal 5 7 sttmbr ottobr novmbr dicmbr gnnaio fbbraio marzo april maggio giugno luglio Tutti i giorni Nssuna violazion pr Rai Du Rai Tr, du violazioni pr Rai Uno pr La7. Molto più critica la situazion dll rti Mdiast: 40 violazioni pr Italia 1, 44 pr Rt 4 45 pr Canal 5. Qusto significa ch circa in un quarto di casi rilvati (176 or pr ciascuna mittnt), l rti Mdiast hanno sforato i limiti di affollamnto pubblicitario, quindi, hanno violato sistmaticamnt i limiti orari pubblicitari stabiliti pr lgg. Pr rndr ancora più chiaro il conctto, possiamo dir ch il 2% di mssaggi pubblicitari trasmssi nl corso dl monitoraggio dall rti Mdiast è frutto dgli sforamnti. Pr risolvr il problma dll frqunti violazioni di ttti è ncssario ch siano comminat rgolarmnt l sanzioni ch tali sanzioni siano di ntità tal da indurr l mittnt a non sforar i ttti di lgg. numro 1/2007 Consumatori in cifr Mrcato

4 Un altro disincntivo al ritrarsi dll violazioni di lgg può ssr la pubblicità dll sanzioni comminat, in modo tal ch ciascuna mittnt si snta in fftti controllata non solo dall Autorità prposta, ma da tutti, consumatoriutnti comprsi. Prsnza durata dlla pubblicità durant i programmi di cartoni animati La catgoria ch maggiormnt dv ssr tutlata dall trasmissioni pubblicitari è qulla di minori, mno critici, quindi, più influnzabili dai mssaggi tlvisivi. Pr qusto nl corso dl monitoraggio abbiamo prso in considrazion i programmi contnitor di cartoni animati, cioè qui programmi in cui i cartoni animati (anch di divrsi soggtti) si sussguono snza ssr intrrotti da altri tipi di trasmissioni (s non pubblicitari). La lgg vita in raltà l insrimnto dlla pubblicità all intrno di cartoni animati. È, tuttavia, ormai invalsa l intrprtazion scondo la qual sarbb possibil insrir la pubblicità tra un pisodio l altro di cartoni animati, frmo rstando il divito di insrirla all intrno di un singolo pisodio: i bambini, pr smpio, vdranno la pubblicità tra Braccio di Frro Tom & Jrry, ma non all intrno dll pisodio di Braccio di Frro o di Tom & Jrry. Qusta intrprtazion, ccssivamnt prmissiva, rischia di tradursi in sostanza in un abrogazion tacita dl divito di far pubblicità durant i cartoni animati. Ragionando al contrario, infatti, risultrbb comunqu risibil irralistica l ipotsi di pubblicità ch intrrompano singoli cartoni animati, solitamnt dlla durata di du o tr minuti. La vra tutla di minori prndrbb sostanza solo s foss riaffrmato con chiarzza il divito di pubblicità anch tra un carton animato il succssivo non solo all intrno dl singolo carton animato. Consgunza dll intrprtazion ccssivamnt prmissiva dlla lgg è un affollamnto pubblicitario ch raggiung in alcuni casi un quinto dll intro programma di cartoni. In Tab. 3 si possono lggr i risultati dl nostro monitoraggio. Nlla tablla si può ossrvar ch la situazion rlativa all affollamnto pubblicitario ni programmi di cartoni animati è molto trogna. Il monitoraggio di Rai Tr Rai Uno ci fa vdr ch non sono mai stat insrit pubblicità all intrno di cartoni nppur tra un carton l altro. Rai Du è in una situazion intrmdia: molto limitata la pubblicità ni programmi mattutini pomridiani, mntr in qullo sral è più frqunt, visto ch la mdia è dll 11%, con una punta massima dl 27% rgistrata l 8 fbbraio. Tra l rti Mdiast è Italia 1 la prposta ai programmi di cartoni; qui l prcntuali di ingombro dlla pubblicità sono molto lvat vanno dal 9 al 23%. numro 1/2007 Consumatori in cifr Mrcato 137

5 Tab. 3 Prcntual di tmpo ddicata alla pubblicità ni programmi contnitor di cartoni animati Giorno di rilvazion Rt Priodo dlla giornata rang orario indicativo 7 Sttmbr 8 Ottobr 2 Novmbr 7 Dicmbr 5 Gnnaio 8 Fbbraio 8 Marzo 6 April 10 Maggio 9 Giugno 8 Luglio Tutti Rai Uno prima mattina (6.30-9) 0% 0% Rai Du Rai Tr Italia 1 prima mattina (6.30-9) 2% 3% 0% 1% 1% 2% 2% 1,6% 2% 1% mattina ( ) 0% 0% 0% 4% 0% 1% 1% tardo pomriggio (17-18) 3% 0% 1,5% sral (19-21) 18% 0% 0% 25% 0% 27% 20% 0% 13% 14% 9% 11% mattina ( ) 0% 0% tarda mattinata ( ) 0% 0% 0% primo pomriggio ( ) 0% 0% 0% 0% 0% 0% 0% pomriggio ( ) 0% 0% 0% 0% 0% prima mattina (6.30-9) 11% 21% 19% 22% 21% 18% 18% 21% 19% 15% 19% mattina ( ) 22% 22% tarda mattinata ( ) 22% primo pomriggio ( ) 14% 12% 13% 9% 13% 11% 13% 13% 12% 13% 12% pomriggio ( ) 19% 21% 23% 17% 17% 17% 14% 9% 14% 17% Si tratta di prcntuali molto alt, spci s si considra ch nl calcolarl non sono stat prs in considrazion l pubblicità appna prima o subito dopo la trasmission di cartoni. Ma quali sono l pubblicità rivolt ai bambini? Lo abbiamo vrificato nl corso dl monitoraggio di dicmbr, val a dir nl priodo prcdnt il Natal. Chiaramnt in qusto priodo la pubblicità di giocattoli risulta ssr prpondrant: pr Rai Du la prcntual di pubblicità di giochi sul total è stata intorno al 30% (29% pr un contnitor 33% pr l altro), mntr pr Italia 1 l prcntuali raggiungono valori molto più lvati, partndo dal 13% dl contnitor dl primo pomriggio arrivando all 80% dl programma mattutino. In qusti casi, quindi, si tratta di pubblicità dirttamnt rivolt ai bambini, ch hanno lo scopo di indurr il dsidrio all acquisto. 138 numro 1/2007 Consumatori in cifr Mrcato

6 L pubblicità di alcolici supralcolici Oggtto dl monitoraggio sono stat anch l pubblicità di bvand alcolich supralcolich. In Tab. 4 si può ossrvar il numro di pubblicità di qusto gnr trasmss nl corso dl monitoraggio. Tab. 4 Numro di mssaggi pubblicitari di alcolici supralcolici Giorno monitorato Numro mssaggi pubblicitari 7 sttmbr 4 8 ottobr 11 2 novmbr 36 7 dicmbr 90 5 gnnaio 10 8 fbbraio 14 8 marzo 32 6 april maggio 45 9 giugno 64 8 luglio 58 Tutti i giorni 468 In total sono stat trasmss 468 pubblicità di alcolici supralcolici, suddivis in modo difform tra i vari giorni di rilvazion: i giorni con più spot sono stati il 7 dicmbr (90 spot) il 6 april (104 spot), in concomitanza probabilmnt con l fst natalizi pasquali. Tuttavia più ch il numro di pubblicità di bvand alcolich supralcolich è intrssant la loro ubicazion all intrno dl palinssto. Sono a ridosso o all intrno di programmi rivolti a minori? Sono insrit in fascia prottta? In qusto snso, la normativa di rifrimnto è la Lgg 125/01, la qual stabilisc ch: la pubblicità di supralcolici è vitata in fascia prottta, al di fuori di ssa, ni programmi rivolti ai minori ni 15 minuti prcdnti succssivi alla trasmission dgli stssi; la pubblicità di alcolici è vitata all intrno di programmi dirttamnt rivolti ai minori ni 15 minuti prcdnti succssivi alla trasmission dgli stssi. Inoltr il Codic di Autorgolamntazion a qusto proposito stabilisc ch in fascia oraria di protzion spcifica ( ) si dbba vitar la pubblicità in favor di bvand supralcolich alcolich, qust ultim all intrno di programmi dirttamnt rivolti a minori nll intrruzioni pubblicitari immdiatamnt prcdnti succssiv. numro 1/2007 Consumatori in cifr Mrcato 139

7 Infin una rcnt modifica alla Lgg Gasparri prvd ch «è vitata ogni forma di comunicazion pubblicitaria avnt com oggtto bvand contnnti alcool all intrno di programmi dirttamnt rivolti ai minori nll intrruzioni pubblicitari immdiatamnt prcdnti succssiv». Ch cos è possibil ddurr dallo studio di Altroconsumo? Notvoli sono stat nl corso dl monitoraggio l violazioni riscontrat, alcun particolarmnt rilvanti, in quanto rlativ a bvand supralcolich. È ncssario ossrvar ch solo in un caso lo spot di un alcolico è stato trasmsso a ridosso di un programma di cartoni animati. D altro canto, l intrprtazion scondo la qual pr programmi rivolti a minori si dbbano intndr solo l trasmissioni di cartoni animati ci smbra poco ralistica. In fftti, visto ch pr minori si intndono i ragazzi fino ai 14 anni, ci smbra più corrtto considrar com rivolti ai minori anch qui programmi (di intrattnimnto, documntari tlfilm) di cui di fatto i minori sono spttatori. Prsnza durata di minispot all intrno di manifstazioni sportiv Un altro oggtto di rilvazion dl monitoraggio è stato la prsnza di minispot all intrno dll partit di calcio. La norma (Dlibra n. 250/04/CSP) prvd ch l intrruzioni pubblicitari possono avvnir nll paus dl gioco o ngli arrsti suscttibili di ssr aggiunti alla durata rgolamntar dl tmpo. In altr parol, l intrruzioni possono ssr insrit o ngli intrvalli o nll intrruzioni di gioco dtrminat, pr smpio, da punizioni o sostituzioni di calciatori. In Tab. 5 sono contnuti i dati rlativi all dici partit monitorat: tr non sono stat intrrott da minispot, quattro sono stat intrrott da 6 minispot, una da 7 una da 8. Tab. 5 Numro di minispot trasmssi durant l partit 140 Giorno Numro minispot Partita Emittnt monitorato totali finiti ad azion riprsa 7 sttmbr Bilorussia-Italia Rai Uno ottobr Italia-Slovnia Rai Uno novmbr Juvntus-Bayrn Italia dicmbr Rapid Vinna-Juvntus Italia dicmbr Bari-Palrmo Rai Du marzo Milan-Bayrn Italia april Milan-Lion Canal maggio Midlsbrough-Siviglia Rt giugno Grmania-Costarica Rai Uno luglio Grmania-Portogallo Rai Uno 0 0 numro 1/2007 Consumatori in cifr Mrcato

8 Com si può ossrvar l partit andat in onda in sttmbr ottobr contnvano un numro maggior di minispot. Qusto è dovuto al fatto ch il 24 novmbr 2005 è ntrata in vigor una modifica al rgolamnto dll AGCOM (Dlibra 105/05/CSP), ch ha stabilito ch non possono ssr insriti più di 6 minispot all intrno di tmpi rgolamntari di ogni partita di calcio smpr all intrno dll intrruzioni di gioco. Dall ntrata in vigor di tal norma, il monitoraggio di Altroconsumo non ha mai riscontrato violazioni. In raltà siamo dll opinion ch non dbba ssr concssa la possibilità di trasmttr minispot ch dbba rstar la possibilità di far pubblicità solo ngli intrvalli vri propri dll partit. L altr paus, infatti, sono dl tutto imprvdibili sia rlativamnt al momnto in cui si vrificano sia pr la loro durata, pr cui l intrruzioni costituiscono un limit alla possibilità dl consumator di godr intgralmnt dlla partita. In qusto snso, si è sprssa anch la Commission uropa, sostnndo ch paus naturali dgli vnti sportivi non dvono ssr l paus accidntali non prvdibili (com un calcio d angolo, una punizion o la sostituzion di un giocator), ma l intrruzioni programmat. Criticità mrs possibili soluzioni Dallo studio sulla pubblicità tlvisiva sono mrs alcun criticità. Analizzandol abbiamo crcato di individuar alcun soluzioni. La prima criticità riguarda l ingombro pubblicitario, ch abbiamo vrificato non solo ssr ingnt, ma prsino al di fuori di limiti disposti pr lgg. Un sistma pr disincntivar la diffusa pratica dllo sforamnto di ttti pubblicitari consist nl punirli sistmaticamnt con ingnti sanzioni. Inoltr, qust sanzioni dovrbbro ssr rs pubblich in modo tal ch tutti l possano constatar. Una sconda ossrvazion mrita la modalità di calcolo di ttti pubblicitari orari giornaliri: attualmnt in bas alla lgg vignt si tin conto solo dgli spot, mntr si scludono l altr form di pubblicità. Noi crdiamo ch qusta division dbba ssr suprata: scludr tlvndit tlpromozioni significa, infatti, allargar ultriormnt i già ampi margini dll mittnti. La sconda criticità riguarda l intrprtazion dlla normativa rlativa alla pubblicità all intrno di programmi di cartoni animati. In fftti l intrprtazion attual dlla lgg a noi par troppo prmissiva: la pubblicità dv ssr vitata anch tra un pisodio di cartoni animati l altro non solo all intrno di uno stsso spisodio (ch spsso dura solo qualch minuto). Il fin dlla norma è la tutla dl minor, ch non ha ancora sviluppato l capacità critich di valutazion dll adulto ch, quindi, è maggiormnt sposto all prssioni srcitat dalla pubblicità. E la tutla non è pinamnt srcitata s la pubblicità vin insrita tra un pisodio l altro di cartoni. numro 1/2007 Consumatori in cifr Mrcato 141

9 Anch pr quanto riguarda l pubblicità rlativ ad alcolici supralcolici ci sono margini di miglioramnto, anch solo con il smplic risptto dlla lgg dl Codic di Autorgolamnazion tv Minori. Sottoliniamo, inoltr, ch pr programmi rivolti ai minori non possono ssr considrati solo i cartoni animati, ma tutt l trasmissioni ch hanno un pubblico di minori. Qusta intrprtazion è in lina con la dfinizion di minor ch lo stsso Codic di Autorgolamntazion tv Minori stabilisc: si tratta di ragazzi fino ai 14 anni, ch non possiamo ragionvolmnt pnsar guardino solo cartoni animati ch, in raltà, costituiscono il pubblico più snsibil alla sollcitazion all acquisto di qusto gnr di prodotti. Infin, con rifrimnto ai programmi sportivi, ritniamo ch l intrruzioni pubblicitari, in particolar modo all intrno dll partit di calcio, dbbano ssr limitat agli intrvalli vri propri dlla partit. Insrir minispot in qull paus accidntali imprvdibili (com un calcio d angolo, una punizion o la sostituzion di un giocator) significa limitar il consumator nlla vision intgral dlla partita, in spcial modo s l intrruzion pubblicitaria trmina (com possibil, vista la sua imprvdibilità) a gioco già riprso. Tutt l criticità ch abbiamo riscontrato nl corso dl nostro studio ch abbiamo crcato qui di sinttizzar hanno un punto in comun: si tin conto troppo poco dl tlspttator, ch dovrbb potr accdr a un srvizio tlvisivo fruibil adatto ai programmi ch scgli di sguir. E qusto non è dtto ch avvnga s un quarto dl tmpo è ddicato alla pubblicità, s l partit sono intrrott da minispot s i programmi di cartoni animati sono pini di spot. 142 numro 1/2007 Consumatori in cifr Mrcato

Provvedimento di Predisposizione del Programma Annuale dell'esercizio finanziario 2014. Il Dsga

Provvedimento di Predisposizione del Programma Annuale dell'esercizio finanziario 2014. Il Dsga Provvdimnto di Prdisposizion dl Programma Annual dll'srcizio finanziario 2014 Il Dsga Visto Il Rgolamnto crnnt l istruzioni gnrali sulla gstion amministrativotabil dll Istituzioni scolastich Dcrto 01 Fbbraio

Dettagli

Parcheggi e altre rendite aeroportuali

Parcheggi e altre rendite aeroportuali Argomnti Parchggi altr rndit aroportuali Marco Ponti Elna Scopl La rgolamntazion dl sistma aroportual italiano fino al 2007 non ha vitato la formazion di rndit ingiustificat. In particolar l attività non-aviation,

Dettagli

Comunità Europea (CE) International Accounting Standards, n. 36. Riduzione durevole di valore delle attività

Comunità Europea (CE) International Accounting Standards, n. 36. Riduzione durevole di valore delle attività Scopo contnuto dl documnto Comunità Europa (CE) Intrnational Accounting Standards, n. 36 Riduzion durvol di valor dll attività Riduzion durvol di valor dll attività SOMMARIO Finalità 1 Ambito di applicazion

Dettagli

MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÁ E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO PROVINCIALE DI SALERNO PIANO EDUCATIVO INDIVIDUALIZZATO

MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÁ E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO PROVINCIALE DI SALERNO PIANO EDUCATIVO INDIVIDUALIZZATO Distrtto Scolastico N 53 Nocra Infrior (SA) SCUOLA MEDIA STATALE Frsa- Pascoli Vial Europa ~ 84015 NOCERA SUPERIORE (SA) Tl. 081 933111-081 931395- fax: 081 936230 C.F.: 94041550651 Cod: Mcc.: SAMM28800N

Dettagli

Esercizi sullo studio di funzione

Esercizi sullo studio di funzione Esrcizi sullo studio di funzion Prima part Pr potr dscrivr una curva, data la sua quazion cartsiana splicita f () occorr procdr scondo l ordin sgunt: 1) Dtrminar l insim di sistnza dlla f () ) Dtrminar

Dettagli

Progetto I CARE Progetto CO.L.O.R.

Progetto I CARE Progetto CO.L.O.R. Attori in rt pr la mobilità di risultati dll apprndimnto Dirtta WEB, 6 dicmbr 2011 Progtto I CARE Progtto CO.L.O.R. Elmnti distintivi complmntarità Michla Vcchia Fondazion CEFASS gli obittivi Facilitar

Dettagli

1. LA STRUTTURA DI RELAZIONI TRA MANIFATTURA E SERVIZI ALLE IMPRESE IN UN CONTESTO EUROPEO

1. LA STRUTTURA DI RELAZIONI TRA MANIFATTURA E SERVIZI ALLE IMPRESE IN UN CONTESTO EUROPEO 1. La struttura di rlazioni tra manifattura srvizi all imprs in un contsto uropo 11 1. LA STRUTTURA DI RELAZIONI TRA MANIFATTURA E SERVIZI ALLE IMPRESE IN UN CONTESTO EUROPEO La quota di srvizi sul commrcio

Dettagli

PROGETTAZIONE DIDATTICA PER COMPETENZE

PROGETTAZIONE DIDATTICA PER COMPETENZE ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE G. M. MONTANI CONVITTO ANNESSO AZIENDA AGRARIA 63900 FERMO Via Montani n. 7 - Tl. 0734-622632 Fax 0734-622912 www.istitutomontani.it -mail aptf010002@istruzion.it Coc

Dettagli

- Radioattività - - 1 - 1 Ci = 3,7 1010 dis / s. ln 2 T 2T = e ln 2 2 = e 2ln 2 = 1 4

- Radioattività - - 1 - 1 Ci = 3,7 1010 dis / s. ln 2 T 2T = e ln 2 2 = e 2ln 2 = 1 4 Radioattività - Radioattività - - - Un prparato radioattivo ha un attività A 0 48 04 dis / s. A quanti μci (microcuri) si riduc l attività dl prparato dopo du tmpi di dimzzamnto? Sapndo ch: ch un microcuri

Dettagli

REPORT DELLA VALUTAZIONE COLLETTIVA

REPORT DELLA VALUTAZIONE COLLETTIVA CONCORSO DI PROGETTAZIONE UNA NUOVA VIVIBILITA PER IL CENTRO DI NONANTOLA PROCESSO PARTECIPATIVO INTEGRATO CENTRO ANCH IO! REPORT DELLA VALUTAZIONE COLLETTIVA ESITO DELLE VOTAZIONI RACCOLTE DURANTE LE

Dettagli

Le politiche per l equilibrio della bilancia dei pagamenti

Le politiche per l equilibrio della bilancia dei pagamenti L politich pr l quilibrio dlla bilancia di pagamnti Politich pr ottnr l quilibrio dlla bilancia di pagamnti (BP = + MK = 0) nl lungo priodo BP 0 non è sostnibil prchè In cambi fissi S BP0 si sauriscono

Dettagli

Guida allʼesecuzione di prove con risultati qualitativi

Guida allʼesecuzione di prove con risultati qualitativi TitoloTitl Guida allʼscuzion di prov con risultati qualitativi Guid to prform tsts with qualitativ rsults SiglaRfrnc DT-07-DLDS RvisionRvision 00 DataDat 0602203 Rdazion pprovazion utorizzazion allʼmission

Dettagli

IL NUOVO QUADRO LEGISLATIVO ITALIANO SULL EFFICIENZA ENERGETICA DEGLI EDIFICI

IL NUOVO QUADRO LEGISLATIVO ITALIANO SULL EFFICIENZA ENERGETICA DEGLI EDIFICI IL NUOVO QUADRO LEGISLATIVO ITALIANO SULL EFFICIENZA ENERGETICA DEGLI EDIFICI D.Lgs. 192/2005 + D.Lgs. 311/2006 Vincnzo Corrado, Matto Srraino Dipartimnto di Enrgtica Politcnico Di Torino un progtto di:

Dettagli

CORSO. FIM Via. associazione geometri liberi professionisti. della provincia di Modena. Sede. Costi. Colleg. 2 Pia. rispettivi tecnica.

CORSO. FIM Via. associazione geometri liberi professionisti. della provincia di Modena. Sede. Costi. Colleg. 2 Pia. rispettivi tecnica. CORSO MASTER associazion gomtri libri profssionisti dlla provincia Modna novmbr, cmbr 2014 gnnaio, fbbraio PERCORSO FORMATIVO DI 48 ORE Sd Il corsoo è organizzato prsso la sala convgni dl Collg io Gomm

Dettagli

Art. 1. - Campo di applicazione e definizioni Art. 2. - Classificazione di reazione al fuoco

Art. 1. - Campo di applicazione e definizioni Art. 2. - Classificazione di reazione al fuoco DM 10 marzo 2005 Classi di razion al fuoco pr i prodotti da costruzion da impigarsi nll opr pr l quali ' prscritto il rquisito dlla sicurzza in caso d'incndio. (GU n. 73 dl 30-3-2005) IL MINISTRO DELL'INTERNO

Dettagli

Studio di funzione. Pertanto nello studio di tali funzioni si esamino:

Studio di funzione. Pertanto nello studio di tali funzioni si esamino: Prof. Emnul ANDRISANI Studio di funzion Funzioni rzionli intr n n o... n n Crttristich: sono funzioni continu drivbili in tutto il cmpo rl D R quindi non sistono sintoti vrticli D R quindi non sistono

Dettagli

Poteri/ funzioni attribuiti dalla norma

Poteri/ funzioni attribuiti dalla norma Compiti funzioni attribuiti dalla tiva all nazional Lgg Art. 6, comma 5 Art. 6, comma 7, ltt.a Art. 6, comma 7, ltt.b Potri/ funzioni attribuiti dalla Vigilanza su tutti i contratti pubblici (lavori, srvizi

Dettagli

L ELLISSOIDE TERRESTRE

L ELLISSOIDE TERRESTRE L ELLISSOIDE TERRESTRE Fin dll scond mtà dl XVII scolo (su propost di Nwton) l suprfici più dtt ssr ssunt com suprfici di rifrimnto pr l Trr è stt individut in un ELLISSOIDE DI ROTAZIONE. E l suprfici

Dettagli

2.1 Proprietà fondamentali dei numeri reali. 1. Elenchiamo separatamente le proprietà dell addizione, moltiplicazione e relazione d ordine.

2.1 Proprietà fondamentali dei numeri reali. 1. Elenchiamo separatamente le proprietà dell addizione, moltiplicazione e relazione d ordine. Capitolo 2 Numri rali In qusto capitolo ci occuprmo dll insim di numri rali ch indichrmo con il simbolo R: lfunzionidfinitsutaliinsimiavaloriralisonol oggttodistudiodll analisi matmatica in una variabil.

Dettagli

SOMMARIO. I Motori in Corrente Continua

SOMMARIO. I Motori in Corrente Continua SOMMARIO Gralità sull Macchi i Corrt Cotiua...2 quazio dlla forza lttromotric...2 Circuito quivalt...2 Carattristica di ccitazio...3 quazio dlla vlocità...3 quazio dlla Coppia rsa all'albro motor:...3

Dettagli

Corso di ordinamento - Sessione suppletiva - a.s. 2009-2010

Corso di ordinamento - Sessione suppletiva - a.s. 2009-2010 Corso di ordinmnto - Sssion suppltiv -.s. 9- PROBLEMA ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO SESSIONE SUPPLETIA Tm di: MATEMATICA. s. 9- Dt un circonrnz di cntro O rggio unitrio, si prndno

Dettagli

LA TRASFORMATA DI LAPLACE

LA TRASFORMATA DI LAPLACE LA RASFORMAA DI LAPLACE Pr dcrivr l voluzion di un itma in rgim tranitorio, oia durant il paaggio dll ucit da un rgim tazionario ad un altro, è ncario ricorrr ad un modllo più gnral riptto al modllo tatico,

Dettagli

Alberi di copertura minimi

Alberi di copertura minimi Albr d coprtur mnm Sommro Albr d coprtur mnm pr grf pst Algortmo d Kruskl Algortmo d Prm Albro d coprtur mnmo Un problm d notvol mportnz consst nl dtrmnr com ntrconnttr fr d loro dvrs lmnt mnmzzndo crt

Dettagli

GUIDE ITALIA Un confronto sulle ultime tendenze a supporto della semplificazione e dell efficienza

GUIDE ITALIA Un confronto sulle ultime tendenze a supporto della semplificazione e dell efficienza GUIDE ITALIA Un confronto sull ultim tndnz a supporto dlla smplificazion dll fficza L voluzion dll architttur IT Sogi RELATORE: Francsco GERBINO 16 novmbr 2010 Agnda Prsntazion dlla Socità Architttur IT

Dettagli

T13 Oneri per Indennita' e Compensi Accessori

T13 Oneri per Indennita' e Compensi Accessori T13 Oneri per Indennita e Compensi Accessori Qualifiche per le Voci di Spesa di Tipo I IND. IND RZ. INDNNITÀ VACANZA STRUTT. ART. 42, D MARIA PROFSSION CONTRATTU COMP. SCLUSIVITA POSIZION POSIZION - RISULTATO

Dettagli

Lo strato limite PARTE 11. Indice

Lo strato limite PARTE 11. Indice PARTE 11 a11-stralim-rv1.doc Rl. /5/1 Lo strato limit Indic 1. Drivazion dll qazioni indfinit di Prandtl pr lo strato limit sottil pag. 3. Intgrazion nmrica dll qazioni indfinit di Prandtl. 11 3. Lo strato

Dettagli

Il presente Regolamento Particolare di Gara. è stato approvato in data con numero di approvazione RM / CR /2015.

Il presente Regolamento Particolare di Gara. è stato approvato in data con numero di approvazione RM / CR /2015. Vrsion 5 3 Agosto Valità 2015 la Manifstazion : Campionato Italiano Rally Assoluto Campionato Italiano Rally Junior Campionato Italiano Rally Costruttori Coppa ACI-SPORT Rally CIR Equipaggi Inpndnti Coppa

Dettagli

T13 Oneri per Indennita' e Compensi Accessori

T13 Oneri per Indennita' e Compensi Accessori T13 Oneri per Indennita e Compensi Accessori Qualifiche per le Voci di Spesa di Tipo I IND. IND RZ. INDNNITÀ VACANZA STRUTT. ART. 42, D MARIA PROFSSION CONTRATTU COMP. SCLUSIVITA POSIZION POSIZION - RISULTATO

Dettagli

COMUNICAZIONE INTERNA, SISTEMA INFORMATIVO, CONSIGLIO COMUNALE, SPORTELLO DEL CITTADINO

COMUNICAZIONE INTERNA, SISTEMA INFORMATIVO, CONSIGLIO COMUNALE, SPORTELLO DEL CITTADINO Nm prcmnt Dscrizin Fasi (dscrizin sinttica da input ad utput) Nrm rifrimnt rspnsabil istruttria Rspnsabil prcmnt mcgmmatricla richista infrmazini prcmnt incar tlf, fax pc inrizz Trmin cnclusi n prcm nt

Dettagli

INTRODUZIONE ALLA BUSINESS PROCESS MODELING NOTATION (BPMN) 1

INTRODUZIONE ALLA BUSINESS PROCESS MODELING NOTATION (BPMN) 1 ITRODUZIOE ALLA BUSIESS PROCESS MODELIG OTATIO (BPM) 1 1. Prsntazin La ntazin BPM (http://www.bpn.rg) è sviluppata dalla Businss Prcss Managnt Initiativ dall Objct Managnt Grup (http://www.g.rg), assciazini

Dettagli

10. Risorse umane coinvolte nella prima fase del progetto Ceis comunità.

10. Risorse umane coinvolte nella prima fase del progetto Ceis comunità. 0. Risrs uman cinvl nlla prima fas dl prg Cis cmunià. funzini n. n. r Oprari di Prg Prgazin, pianificazin dl prg O p r a ri d l p r g prari di bas prari cnici cn qualifica prfssinal prari spcializzai Op.

Dettagli

Conservatorio di Musica Giuseppe Tartini Trieste NUCLEO DI VALUTAZIONE

Conservatorio di Musica Giuseppe Tartini Trieste NUCLEO DI VALUTAZIONE Cnsrvari Musica Giuspp Tartini Trist NUCLEO DI VALUTAZIONE RELAZIONE ANNUALE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE sull dll a.a.2010/11 (DPR 28/2/03 n.132, art.10 cmma 2 ltt. b) Nucl valutazin Waltr Grbin Prsidnt

Dettagli

LINGUAGGI'CREATIVITA 'ESPRESSIONE' '

LINGUAGGI'CREATIVITA 'ESPRESSIONE' ' LINGUAGGICREATIVITA ESPRESSIONE 3 4ANNI 5ANNI Mniplrmtrilidivritipin finlizzt. Fmilirizzrindivrtntcnil cmputr Ricnsclmntidl mnd/rtificilcglindn diffrnzprfrmmtrili Distingugliggttinturlidqulli rtificili.

Dettagli

Anno 2013 Tipologia Istituzione U - UNITA' SANITARIE LOCALI. Istituzione 9565 - ASL VENEZIA - MESTRE 12 Contratto SSNA - SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE

Anno 2013 Tipologia Istituzione U - UNITA' SANITARIE LOCALI. Istituzione 9565 - ASL VENEZIA - MESTRE 12 Contratto SSNA - SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE nno 213 Tipologia Istituzione U - UNIT' SNIT LCLI Istituzione 9565 - SL VNZI - MSTR 12 Contratto SSN - SRVIZI SNIT NZINL Fase/Stato Rilevazione: pprovazione/ttiva Data Creazione Stampa: 19/6/215 14:15:25

Dettagli

Codice di autoregolamentazione Tv e minori

Codice di autoregolamentazione Tv e minori PREMESSA Le Imprese televisive pubbliche e private e le emittenti televisive aderenti alle associazioni firmatarie (d ora in poi indicate come imprese televisive) considerano: a) che l utenza televisiva

Dettagli

La par condicio. Sintesi dei principali adempimenti per l emittenza radiotelevisiva locale

La par condicio. Sintesi dei principali adempimenti per l emittenza radiotelevisiva locale La par condicio Sintesi dei principali adempimenti per l emittenza radiotelevisiva locale Par condicio fonti normative Legge 515/93 (Disciplina delle campagne elettorali per l elezione alla Camera dei

Dettagli

JOHANN SEBASTIAN BACH Invenzioni a due voci

JOHANN SEBASTIAN BACH Invenzioni a due voci JOH EBTI BCH Invnzon a u voc BWV 772 7 cura Lug Catal trascrzon ttuata con UP htt//ckngmuscarchvorg/ c 200 Lug Catal (lucatal@ntrrt) Ths ag s ntntonally lt ut urchtg nltung Wormt nn Lbhabrn s Clavrs, bsonrs

Dettagli

Linee Guida per la Redazione del Bilancio Sociale delle Organizzazioni Non Profit. lo studio è stato realizzato in collaborazione con ALTIS

Linee Guida per la Redazione del Bilancio Sociale delle Organizzazioni Non Profit. lo studio è stato realizzato in collaborazione con ALTIS Linee Guida per la Redazione del Bilancio Sociale delle Organizzazioni Non Profit lo studio è stato realizzato in collaborazione con ALTIS 1 INDIC INDIC...2 PRFAZION...4 RINGRAZIAMNTI...6 PRSNTAZION...7

Dettagli

chiarezza delle aspettative dell organizzazione verso l individuo e chiara esplicitazione all individuo di tali aspettative

chiarezza delle aspettative dell organizzazione verso l individuo e chiara esplicitazione all individuo di tali aspettative FORMA 3: Valutazione dei comportamenti organizzativi Nozioni di base 1. LA VALUAZION DLL COMPNZ INDIVIDUALI 1.1 L COMPNZ INDIVIDUALI In base ai recenti contributi di numerosi autori, possiamo intendere

Dettagli

aleatoria; se è nota la sua densità di probabilità ad essa si può associare una valore medio statistico. La grandezza così definita: (III.1.

aleatoria; se è nota la sua densità di probabilità ad essa si può associare una valore medio statistico. La grandezza così definita: (III.1. Caitolo III VALORI MEDI. SAZIONARIEÀ ED ERGODICIÀ III. - Mdi tatitich dl rimo ordi. Sia f( ) ua fuzio cotiua i aoci al gal alatorio (, t ζ ) la uatità dfiita dalla y f[(, t ζ )]. Ea idividua, a ua volta,

Dettagli

ARMONIZZAZIONE DEI SISTEMI CONTABILI

ARMONIZZAZIONE DEI SISTEMI CONTABILI ARMONIZZAZION DI SISTMI CONTABILI D. Lgs. 118/2011 Maggio 2014 Le origini: il federalismo fiscale Legge 5/5/2009 n. 42 Delega al Governo in materia di FDRALISMO FISCAL in attuazione dell art. 119 della

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

AVVISO SELEZIONE PUBBLICA PER L ASSEGNAZIONE DELL INCARICO DI CONSULENTE ARTISTICO

AVVISO SELEZIONE PUBBLICA PER L ASSEGNAZIONE DELL INCARICO DI CONSULENTE ARTISTICO AVVISO SELEZIONE PUBBLICA PER L ASSEGNAZIONE DELL INCARICO DI CONSULENTE ARTISTICO Premessa Il Centro Servizi Culturali Santa Chiara propone annualmente una Stagione di Teatro che si compone di differenti

Dettagli

Monitoraggio quantitativo della risorsa idrica superficiale Anno 2012

Monitoraggio quantitativo della risorsa idrica superficiale Anno 2012 Regione Toscana Giunta Regionale Direzione Generale Politiche mbientali, nergia e Cambiamenti Climatici Settore Servizio Idrologico Regionale Centro Funzionale della Regione Toscana M Monitoraggio quantitativo

Dettagli

( D) =,,,,, (11.1) = (11.3)

( D) =,,,,, (11.1) = (11.3) G. Ptrucci Lzioni di Cotruzion di Macchin. CRITERI DI RESISTENZA La vrifica di ritnza ha o copo di tabiir o tato tniona d mnto truttura anaizzato è ta da provocarn i cdimnto into com rottura o nrvamnto.

Dettagli

DIRITTI DEI CONSUMATORI

DIRITTI DEI CONSUMATORI DIRITTI DEI CONSUMATORI 1. Quali sono i diritti dei consumatori stabiliti dal Codice del Consumo 2. Qual è la portata della disposizione? 3. Qual è l origine dell elencazione? 4. In che cosa consiste il

Dettagli

Utilizzare Swisscom TV

Utilizzare Swisscom TV Swisscom (Svizzera) SA Contact Center CH-3050 Bern www.swisscom.ch 125474 12/2010 Utilizzare Swisscom TV Panoramica delle funzioni più importanti Indice Funzioni importanti quadro generale 3 Funzione PiP

Dettagli

GLI ELEMENTI DI UNO SPOT PUBBLICITARIO

GLI ELEMENTI DI UNO SPOT PUBBLICITARIO GLI ELEMENTI DI UNO SPOT PUBBLICITARIO Uno spot pubblicitario è formato da tre elementi principali: IMMAGINI MUSICA PAROLE L INFLUENZA DELLO SPOT SULLO SPETTATORE LE IMMAGINI Possono, anche tramite l'utilizzo

Dettagli

10s CATENA 1 - SPECIFICHE TECNICHE 2 - COMPATIBILITA ATTENZIONE! ATTENZIONE! HD-LINK ULTRA-NARROW CN-RE400 CX 10 ULTRA NARROW

10s CATENA 1 - SPECIFICHE TECNICHE 2 - COMPATIBILITA ATTENZIONE! ATTENZIONE! HD-LINK ULTRA-NARROW CN-RE400 CX 10 ULTRA NARROW CATNA 10s ULTRA NARROW 1 - SPCIFICH TCNICH 2 - COMPATIBILITA CX 10 HD-LINK ULTRA-NARROW CN-R400 L utilizzo di pignoni e ingranaggi non "Campagnolo" può danneggiare la catena. Una catena danneggiata può

Dettagli

Regolamento Nazionale Specialità "POOL 8-15" ( Buche Strette )

Regolamento Nazionale Specialità POOL 8-15 ( Buche Strette ) Regolamento Nazionale Specialità "POOL 8-15" ( Buche Strette ) SCOPO DEL GIOCO : Questa specialità viene giocata con 15 bilie numerate, dalla n 1 alla n 15 e una bilia bianca (battente). Un giocatore dovrà

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

Come realizzare una buona presentazione (traduzione libera a cura della redazione di EpiCentro)

Come realizzare una buona presentazione (traduzione libera a cura della redazione di EpiCentro) Come realizzare una buona presentazione (traduzione libera a cura della redazione di EpiCentro) Quando si realizzano dei documenti visivi per illustrare dati e informazioni chiave, bisogna sforzarsi di

Dettagli

Integrali de niti. Il problema del calcolo di aree ci porterà alla de nizione di integrale de nito.

Integrali de niti. Il problema del calcolo di aree ci porterà alla de nizione di integrale de nito. Integrli de niti. Il problem di clcolre l re di un regione pin delimitt d gr ci di funzioni si può risolvere usndo l integrle de nito. L integrle de nito st l problem del clcolo di ree come l equzione

Dettagli

ISISS BUONARROTI CE. Dall Uva al Vino. Dall'uva al vino

ISISS BUONARROTI CE. Dall Uva al Vino. Dall'uva al vino Dall Uva al Vino In questa attività didattica abbiamo dimostrato come in un ambiente scolastico cittadino si può sviluppare nei giovani la cultura del territorio, della vite, dell uva e del vino. In questa

Dettagli

FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO I PARERI SULLA GIURISPRUDENZA DEL LAVORO PARERE N. 7 TERMINE PER IRROGARE LA SANZIONE DISCIPLINARE IL QUESITO

FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO I PARERI SULLA GIURISPRUDENZA DEL LAVORO PARERE N. 7 TERMINE PER IRROGARE LA SANZIONE DISCIPLINARE IL QUESITO FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO I PARERI SULLA GIURISPRUDENZA DEL LAVORO PARERE N. 7 TERMINE PER IRROGARE LA SANZIONE DISCIPLINARE IL QUESITO Si chiede di precisare quali sono gli effetti delle

Dettagli

CIRCOLARE N. 7/E Roma 20 marzo 2014. Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti. OGGETTO: Cinque per mille per l esercizio finanziario 2014

CIRCOLARE N. 7/E Roma 20 marzo 2014. Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti. OGGETTO: Cinque per mille per l esercizio finanziario 2014 CIRCOLARE N. 7/E Roma 20 marzo 2014 Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti OGGETTO: Cinque per mille per l esercizio finanziario 2014 2 INDICE PREMESSA 1. ADEMPIMENTI 1.1 Enti del volontariato 1.2

Dettagli

REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI

REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI Art. 1 Oggetto. Il Comune di Varedo, nell ottica di garantire una sempre maggiore attenzione alle politiche sportive e ricordando i principi ispiratori del

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

Tutorial Sky Go su Samsung v.1.1

Tutorial Sky Go su Samsung v.1.1 Tutorial Sky Go su Samsung v.1.1 1.1 Presentazione...2 2.2 Download e installazione...2 2.2 Login...3 2.2.1 Limitazioni all'accesso...4 2.3 Profili di visione...6 2.4 Reti...7 2.5 Diritti...7 3.0 Fruizione

Dettagli

A tu per tu con il Mister del Pavia Massimo Morgia: l allenamento di rifinitura del sabato pomeriggio.

A tu per tu con il Mister del Pavia Massimo Morgia: l allenamento di rifinitura del sabato pomeriggio. articolo N.40 MARZO 2007 RIVISTA ELETTRONICA DELLA CASA EDITRICE WWW.ALLENATORE.NET REG. TRIBUNALE DI LUCCA N 785 DEL 15/07/03 DIRETTORE RESPONSABILE: FERRARI FABRIZIO COORDINATORE TECNICO: LUCCHESI MASSIMO

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015 CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 26 marzo 2015 OGGETTO: Articolo 1, comma 154, legge 23 dicembre 2014, n. 190 (Legge stabilità 2015) Contributo del cinque per mille dell

Dettagli

Piano Giovani di Zona Quattro Vicariati Comuni di Ala, Avio, Brentonico, Mori e Ronzo-Chienis

Piano Giovani di Zona Quattro Vicariati Comuni di Ala, Avio, Brentonico, Mori e Ronzo-Chienis Piano Giovani di Zona Quattro Vicariati Comuni di Ala, Avio, Brentonico, Mori e Ronzo-Chienis BANDO PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI PER LA FORMAZIONE DEL PIANO OPERATIVO GIOVANI (POG) Anno 2015 PREMESSA:

Dettagli

Focus di approfondimento: gli anni interessati e i rapporti cointestati. Direzione Regionale della Lombardia

Focus di approfondimento: gli anni interessati e i rapporti cointestati. Direzione Regionale della Lombardia Focus di approfondimento: gli anni interessati e i rapporti cointestati Nel 2003 Tizio apre un conto corrente, cointestato con la moglie Caia, in Svizzera, con il conferimento di una provvista iniziale

Dettagli

Manuale Software. www.smsend.it

Manuale Software. www.smsend.it Manuale Software www.smsend.it 1 INTRODUZIONE 3 Multilanguage 4 PANNELLO DI CONTROLLO 5 Start page 6 Profilo 7 Ordini 8 Acquista Ricarica 9 Coupon AdWords 10 Pec e Domini 11 MESSAGGI 12 Invio singolo sms

Dettagli

F N dell'area edificata in settori a pericolosità geologica elevata individuata nella "Carta di Sintesi" 25 27 B LOCALITA'

F N dell'area edificata in settori a pericolosità geologica elevata individuata nella Carta di Sintesi 25 27 B LOCALITA' LOALITA' Aa NTRO STORIO I b γ Ab NTRO STORIO I Ac NTRO STORIO I a LASS I IONITA' URANISTIA IR. 7/LAP ascia fluviale ex PS PRSRIZIONI INTGRATIV RISPTTO Presenza di tratti stradali, convoglianti le acque

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO Settore Giovanile e Scolastico GUIDA AI REGOLAMENTI DEI TORNEI GIOVANILI ORGANIZZATI DA SOCIETÀ

FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO Settore Giovanile e Scolastico GUIDA AI REGOLAMENTI DEI TORNEI GIOVANILI ORGANIZZATI DA SOCIETÀ FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO Settore Giovanile e Scolastico GUIDA AI REGOLAMENTI DEI TORNEI GIOVANILI ORGANIZZATI DA SOCIETÀ Stagione Sportiva 2014/2015 Tornei organizzati da società Norme, disposizioni

Dettagli

Guida Utente: Indicatore Trading Central per la MetaTrader4

Guida Utente: Indicatore Trading Central per la MetaTrader4 Guida Utente: Indicatore Trading Central per la MetaTrader4 1 Indice Descrizione...2 Installazione...3 Caratteristiche e parametri...7 Processo di aggiornamento... 10 2 Descrizione L`Indicatore Trading

Dettagli

Lavorare su tutta la classe per il rispetto delle regole. INSEGNANTE: Maria Teresa Macellari TIROCINANTE: Martina Marenghi

Lavorare su tutta la classe per il rispetto delle regole. INSEGNANTE: Maria Teresa Macellari TIROCINANTE: Martina Marenghi Lavorare su tutta la classe per il rispetto delle regole Classe 1ª 1 Scuola elementare di San Polo INSEGNANTE: Maria Teresa Macellari TIROCINANTE: Martina Marenghi LA SCELTA DELL OBIETTIVO Lavoriamo sulle

Dettagli

Cap.12 Le relazioni pubbliche. Corso di Comunicazione d Impresa - A.A. 2011-2012 Prof. Fabio Forlani - fabio.forlani@uniurb.it

Cap.12 Le relazioni pubbliche. Corso di Comunicazione d Impresa - A.A. 2011-2012 Prof. Fabio Forlani - fabio.forlani@uniurb.it Cap.12 Le relazioni pubbliche Corso di Comunicazione d Impresa - A.A. 2011-2012 Prof. Fabio Forlani - fabio.forlani@uniurb.it Capitolo 12 Le relazioni pubbliche Le relazioni pubbliche (PR) Insieme di attività

Dettagli

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Corso di laurea in Ingegneria Edile CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Anno Accademico 2011/2012 Definire: Obbiettivi della lezione Rischi Interferenziali - DUVRI e PSC Rischi Propri - POS Conoscere gli aspetti

Dettagli

Accesso dei media alle elezioni del Consiglio federale: principi e condizioni

Accesso dei media alle elezioni del Consiglio federale: principi e condizioni Parlamentsdienste Services du Parlement Servizi del Parlamento Servetschs dal parlament Servizio informazioni CH-3003 Berna Tel. 031 322 87 90 Fax 031 322 53 74 www.parlamento.ch information@pd.admin.ch

Dettagli

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI Dall anno 2003 l Unione Province Piemontesi raccoglie, con la collaborazione

Dettagli

LA PROGRAMMAZIONE NEL SETTORE GIOVANILE PROGRESSIONI DIDATTICHE, SCHEDE DI ALLENAMENTO E ESERCITAZIONI SPECIFICHE

LA PROGRAMMAZIONE NEL SETTORE GIOVANILE PROGRESSIONI DIDATTICHE, SCHEDE DI ALLENAMENTO E ESERCITAZIONI SPECIFICHE LA PROGRAMMAZIONE NEL SETTORE GIOVANILE PROGRESSIONI DIDATTICHE, SCHEDE DI ALLENAMENTO E ESERCITAZIONI SPECIFICHE La programmazione nel settore giovanile P R O G R E S S I O N I D I D A T T I C H E, S

Dettagli

L OSCILLOSCOPIO. L oscilloscopio è il più utile e versatile strumento di misura per il test delle apparecchiature e dei

L OSCILLOSCOPIO. L oscilloscopio è il più utile e versatile strumento di misura per il test delle apparecchiature e dei L OSCILLOSCOPIO L oscilloscopio è il più utile e versatile strumento di misura per il test delle apparecchiature e dei circuiti elettronici. Nel suo uso abituale esso ci consente di vedere le forme d onda

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

GUIDA RAPIDA ALL INSTALLAZIONE

GUIDA RAPIDA ALL INSTALLAZIONE GUIDA RAPIDA ALL INSTALLAZIONE Sommario DECODER CUBOVISION 1 TELECOMANDO 3 COLLEGAMENTO ALLA TV 4 COLLEGAMENTO A INTERNET 6 COLLEGAMENTO ANTENNA 8 COLLEGAMENTO ALLA RETE ELETTRICA 9 COLLEGAMENTO AUDIO

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME ART. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le procedure per la trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo pieno a tempo parziale dei dipendenti

Dettagli

CENTO ANNI FA: LA GRANDE GUERRA

CENTO ANNI FA: LA GRANDE GUERRA Collegno, 17 novembre 2014 CENTO ANNI FA: LA GRANDE GUERRA PROPOSTA DI TRENO STORICO RIEVOCATIVO DA TORINO A UDINE progetto per la realizzazione di una tradotta militare rievocativa, da Torino a Udine

Dettagli

MEZZI E METODI PER LO SVILUPPO DELLA FORZA (link PAGINA La Forza e PAGINA AREA SPORTIVA)

MEZZI E METODI PER LO SVILUPPO DELLA FORZA (link PAGINA La Forza e PAGINA AREA SPORTIVA) MEZZI E METODI PER LO SVILUPPO DELLA FORZA (link PAGINA La Forza e PAGINA AREA SPORTIVA) L allenamento della Forza come capacità condizionale, è oggi di rigore anche nelle discipline sportive in cui era

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

Non è compresa nel presente contratto l assistenza tecnica sui sistemi hardware e software dell UTENTE.

Non è compresa nel presente contratto l assistenza tecnica sui sistemi hardware e software dell UTENTE. CONDIZIONI GENERALI DI UTILIZZO DEL PROGRAMMA ONEMINUTESITE 1. PREMESSA L allegato tecnico contenuto nella pagina web relativa al programma ONEMINUTESITE(d ora in avanti: PROGRAMMA, o SERVIZIO O SERVIZI)

Dettagli

Esercizi sulle serie di Fourier

Esercizi sulle serie di Fourier Esercizi sulle serie di Fourier Corso di Fisic Mtemtic,.. 3- Diprtimento di Mtemtic, Università di Milno Novembre 3 Sviluppo in serie di Fourier (esponenzile) In questi esercizi, si richiede di sviluppre

Dettagli

Software per la gestione di palestre, centri benessere e sportivi

Software per la gestione di palestre, centri benessere e sportivi Software per la gestione di palestre, centri benessere e sportivi Applicazione gestionale progettata per gestire tutti gli aspetti di palestre, centri sportivi e centri benessere Sicuro Personalizzabile

Dettagli

L ORDINAMENTO FINANZIARIO E CONTABILE DEGLI ENTI LOCALI. Slides a cura del dott. Paolo Longoni

L ORDINAMENTO FINANZIARIO E CONTABILE DEGLI ENTI LOCALI. Slides a cura del dott. Paolo Longoni L ORDINAMENTO FINANZIARIO E CONTABILE DEGLI ENTI LOCALI 1 Slides a cura del dott. Paolo Longoni!1 PARLARE DI CONTABILITÀ NEGLI ENTI LOCALI.. Significa adottare un punto di vista diverso da quello in uso

Dettagli

Guida a LE REGOLE DELLA COMUNICAZIONE IN PERIODO ELETTORALE LA PAR CONDICIO A LIVELLO LOCALE

Guida a LE REGOLE DELLA COMUNICAZIONE IN PERIODO ELETTORALE LA PAR CONDICIO A LIVELLO LOCALE Guida a LE REGOLE DELLA COMUNICAZIONE IN PERIODO ELETTORALE LA PAR CONDICIO A LIVELLO LOCALE a cura del Comitato regionale per le comunicazioni del Friuli Venezia Giulia Udine 22 febbraio 2008 Guida a

Dettagli

Roma 2020: valori e opinioni I valori economici dei Giochi Olimpici e Paralimpici di Roma 2020

Roma 2020: valori e opinioni I valori economici dei Giochi Olimpici e Paralimpici di Roma 2020 Roma 2020: valori e opinioni I valori economici dei Giochi Olimpici e Paralimpici di Roma 2020 Roma 2020: valori e opinioni I valori economici dei Giochi Olimpici e Paralimpici di Roma 2020 La spesa complessiva

Dettagli

Direzione generale per lo studente Ufficio III PROGETTO GENITORI E SCUOLA SCHEDA RICOGNITIVA ESPERIENZE DI PATERNARIATO GENITORI E SCUOLA

Direzione generale per lo studente Ufficio III PROGETTO GENITORI E SCUOLA SCHEDA RICOGNITIVA ESPERIENZE DI PATERNARIATO GENITORI E SCUOLA MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA DIPARIMENTO PER L ISTRUZIONE Direzione generale per lo studente Ufficio III PROGETTO GENITORI E SCUOLA SCHEDA RICOGNITIVA ESPERIENZE

Dettagli

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO TARDIVO OD OMESSO VERSAMENTO SANZIONI - RICORSI IL RAVVEDIMENTO - COMPENSAZIONE RIMBORSI SCHEDA N. 3 Claudio Venturi Camera di Commercio Diritto Annuale

Dettagli

Automotive Business Intelligence. La soluzione per ogni reparto, proprio quando ne avete bisogno.

Automotive Business Intelligence. La soluzione per ogni reparto, proprio quando ne avete bisogno. Automotive Business Intelligence La soluzione per ogni reparto, proprio quando ne avete bisogno. Prendere decisioni più consapevoli per promuovere la crescita del vostro business. Siete pronti ad avere

Dettagli

ALLENARSI CON LA FASCIA CARDIO

ALLENARSI CON LA FASCIA CARDIO ALLENARSI CON LA FASCIA CARDIO Come effettuare il monitoraggio dei nostri allenamenti? Spesso è difficile misurare il livello di sforzo di una particolare gara o sessione di allenamento. Come vi sentite?

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

Scopriamo insieme il

Scopriamo insieme il Scopriamo insieme il SettemariClub Sol Falcó Durante la visita tecnica della struttura, porta con te questo Mini Book inspection, potrà esserti utile. In molti casi, le notizie contenute nel Mini Book

Dettagli

Suggerimenti sulla distribuzione del montepremi nei tornei

Suggerimenti sulla distribuzione del montepremi nei tornei Suggerimenti sulla distribuzione del montepremi nei tornei Scopo del documento Questo documento si propone di fornire alcuni suggerimenti agli organizzatori sulla distribuzione del montepremi nei tornei.

Dettagli

Ingegneri & Geologi Associati

Ingegneri & Geologi Associati MODELLI IDRAULICI MONODIMENSIONALI Si riportano gli output forniti dal codice di calcolo Hec-Ras relativi al modello dello stato attuale e allo stato di progetto: per il primo si allegano La tabella con

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Documentazione Servizio SMS WEB. Versione 1.0

Documentazione Servizio SMS WEB. Versione 1.0 Documentazione Servizio SMS WEB Versione 1.0 1 Contenuti 1 INTRODUZIONE...5 1.1 MULTILANGUAGE...5 2 MESSAGGI...7 2.1 MESSAGGI...7 2.1.1 INVIO SINGOLO SMS...7 2.1.2 INVIO MULTIPLO SMS...9 2.1.3 INVIO MMS

Dettagli

FAI IL PIENO DI CALCIO

FAI IL PIENO DI CALCIO REGOLAMENTO INTEGRALE DEL CONCORSO A PREMI FAI IL PIENO DI CALCIO La Beiersdorf SpA, con sede in Via Eraclito 30, 20128 Milano, promuove la seguente manifestazione, che viene svolta secondo le norme contenute

Dettagli