Esperienze didattiche di Media Education al Liceo Artistico di Brera1 Fulvio Benussi (Docente di Diritto Liceo Artistico di Brera)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Esperienze didattiche di Media Education al Liceo Artistico di Brera1 Fulvio Benussi (Docente di Diritto Liceo Artistico di Brera)"

Transcript

1 Esperienze didattiche di Media Education al Liceo Artistico di Brera1 Fulvio Benussi (Docente di Diritto Liceo Artistico di Brera) Come i media iniettano nello spettatore la loro ideologia senza che egli possa fare nulla a riguardo, così l educazione inietta il suo vaccino per annullare tali effetti Pier Cesare Rivoltella, Media education. Modelli, esperienze, profilo professionale, Carrocci, Roma 2001, pagg. 44 e ss. 1. Premessa. Una storia personale Il percorso che ho seguito, al Liceo artistico di Brera, nell utilizzo della media education a fini formativi è legata alla mia personale storia formativa e professionale. Negli anni ho vissuto esperienze di formazione 2 varie; mi è capitato di insegnare a studenti dei vari ordini di scuola ed universitari, ho lavorato con docenti nella formazione in servizio ed iniziale, ho insegnato in corsi per dirigenti scolastici, ho erogato corsi di formazione per lavoratori in riconversione alle nuove tecnologie, per operatori del volontariato, per detenuti e per diversamente abili. Tali esperienze hanno avuto un significativo influsso, in particolare nell ideazione progettazione e realizzazione del progetto Disinformazione e propaganda - ombre sul diritto del cittadino ad una corretta informazione politica. Ma forse l esperienza che più mi ha arricchito professionalmente, obbligandomi ad una riflessione e rivisitazione del mio agire educativo, è stata quella di genitore. Ed è proprio in quanto padre, che ho cominciato ad interessarmi di media education. Infatti, via, via che mio figlio cresceva, mi sono posto il problema di come arginare gli effetti dell invasività della pubblicità nella sua educazione. Ho perciò cominciato a raccogliere materiali multimediali per contrastare la comunicazione del marketing in televisione utilizzando, a scopo formativo, video tratti dalla televisione stessa. Per realizzare il mio scopo ho, innanzitutto, dotato il mio computer di una scheda 1 Il contributo è pubblicato in: Fulvio Benussi, La televisione a scuola. Esperienze didattiche di Media Education, in Adolescenti e media: cinema, televisione e ruolo della scuola ATTI incontri genitori insegnanti , Unione Femminile Nazionale e Centro Filippo Buonarroti, Milano 2010, In associazioni professionali e in ambito universitario

2 hardware che mi permettesse di acquisire, in formato digitale, quanto trasmesso dalla televisione analogica. Così ho cominciato a raccogliere spot pubblicitari trasmessi dalle diverse reti televisive nazionali e quelli reperibili in Internet ed ho iniziato la raccolta di esempi di pubblicità subliminale e di product placement3 presenti in fumetti, film e cartoni animati. Questi materiali hanno costituito la base sulla quale ho costruito il primo intervento formativo per la scuola: il progetto Pubblicità e propaganda - le figure retoriche nella comunicazione mediale, di cui parlerò approfonditamente nel seguito. 2. Televisione o televisioni? Prima di entrare nel merito della relazione sui progetti realizzati al Liceo desidero chiarire le motivazioni che mi hanno spinto a passare da un approccio alla televisione intesa come strumento singolare ad uno fondato su televisioni come strumento plurale ed a considerare la produzione visuale come quella trasmessa dalle new Tv. Nel passato il media di riferimento per i video era la televisione, oggi è più corretto parlare di video nelle televisioni. Le new Tv, che oggi affiancano la televisione tradizionale, sono quelle abilitate dalle piattaforme digitali attualmente disponibili. Si tratta di fenomeni molto eterogenei tra di loro che hanno come unico elemento in comune la natura del contenuto: i video. Le diverse piattaforme digitali possono essere raggruppate in tre macrocategorie4: la Sofa-Tv, che include tutte le televisioni digitali che vengono fruite tipicamente tramite lo schermo televisivo tradizionale. L espressione SofaTv caratterizza in modo molto chiaro le occasioni e le modalità di visione di queste televisioni. la Desktop-Tv include tutti i canali Video fruibili tramite Web (e Internet in generale). la Hand-Tv, che include tutte le offerte Tv e Video disponibili sulle piattaforme mobile. L espressione Hand-Tv vuole porre l attenzione sul concetto di Tv fruibile sul palmo di una mano. I riscontri ottenuti dai questionari somministrati agli studenti testimoniano della diffusione dell uso delle new Tv tra gli adolescenti (vedere gli specifici grafici nel successivo paragrafo: Customer sactisfation dei progetti di media education). 3. Risorse utilizzate per la realizzazione dei progetti di media 3 Per product placement si intende l inserimento in film di prodotti e marchi noti. Tale pratica è stata, successivamente, normata con il Decreto legislativo 15 marzo 2010, n. 44 che recepiva le indicazioni della Direttiva comunitaria 2007/65/CE 4 Da: del Politecnico di Milano

3 education Insegno diritto al Liceo artistico di Brera con un orario settimanale di lezione di 2 ore che, per poter realizzare i progetti, ho posizionate affiancate in modo da avere settimanalmente 2 ore continuative per operare. Negli scorsi anni scolastici ho utilizzato anche delle ore pomeridiane per lavorare con gli studenti allo sviluppo dei progetti. Va segnalato che il diritto, diversamente da molte altre materie, ha il vantaggio di essere molto legato all attualità e ciò crea una quasi automatica correlazione con le trasmissioni dei mass media. Infatti, le norme si rinnovano regolarmente con continue innovazioni legislative e spesso l esito dei processi viene pubblicizzato dai media che informano sulle più importanti sentenze. Infine varie situazioni tratte dalla televisione, dai film e da movie5 di Internet possono fruttuosamente essere utilizzate per l attività didattica. Gli strumenti tecnologici che ho utilizzato a scuola sono stati: il mio notebook connesso alla rete scolastica e collegato al videoproiettore e alle casse acustiche. Inoltre ho usufruito regolarmente di alcuni vecchi computer6, cui i ragazzi collegavano le loro cuffie7 personali per ascoltare i contenuti audio sui quali via, via si lavorava. Occasionalmente abbiamo anche usato la telecamera della scuola. 4. Riferimenti teorici e metodologici Al Liceo come segnalato nell indice di questa relazione ho proposto la media education con le seguenti logiche di intervento: il primo approccio è stato quello dell utilizzo dei media nell attività didattica disciplinare ordinaria In questo caso non posso parlare né di durata né di periodo in quanto tale modalità di lavoro con la media education l ho praticata con costanza da quando nel 2007 ho introdotto questo approccio nella mia didattica quotidiana a scuola. Specifico subito che per tale modalità di accostamento alla ME 8 ho seguito quello che Pier Cesare Rivoltella definisce un approccio strumentale. Infatti ho introdotto i media come utensili a supporto della mia azione formativa per migliorare l efficacia della didattica e come strumenti di lavoro a disposizione degli studenti per aumentare l efficacia del loro apprendimento9 5 brevi video digitali 6 oggi troppo vetusti per continuare l attività 7 quasi tutti gli studenti ascoltano regolarmente musica dal proprio i-pod e hanno perciò sempre con se delle cuffie 8 media education 9 Pier Cesare Rivoltella, Media education. Modelli, esperienze, profilo professionale, Carrocci, Roma 2001, pagg. 54 e ss.

4 Le altre due proposte le ho sviluppate attivando due progetti strutturati inseriti nel POF (=Piano dell Offerta Formativa) della scuola: il Progetto: Pubblicità e propaganda - le figure retoriche nella comunicazione mediale. Durata biennale - periodo: aa.ss e ed il Progetto: Disinformazione e propaganda - ombre sul diritto del cittadino a una corretta informazione politica. Durata biennale periodo: aa.ss e Il progetto Pubblicità e propaganda - le figure retoriche nella comunicazione mediale ha seguito inizialmente, con la presentazione di esempi di pubblicità subliminale e di product placement, un approccio inoculatorio che tende cioè a curare dall ideologia che i media iniettano nello spettatore10. E poi proseguito con un approccio alfabetico nella fase laboratoriale di sviluppo del progetto. Tale approccio prevede un accostamento grammaticale ai media in quanto si fonda sul presupposto che le scelte linguistiche dei prodotti mediali interagiscano profondamente con i contenuti veicolati e quindi non basta scomporre ed analizzare criticamente i prodotti degli altri, ma occorra impadronirsi dei media realizzando messaggi propri11 Il progetto Disinformazione e propaganda - ombre sul diritto del cittadino ad una corretta informazione politica ha invece seguito un approccio ideologico12. La lettura del prodotto mediale superava la logica dell accostamento tramite parametri di valore (bello/brutto, buono/cattivo) per procedere alla sua decostruzione e demitizzazione fino a riconoscervi i tratti della cultura egemone. Si passava così da una posizione meramente difensiva nei confronti dei media a una più aperta con l obiettivo di rendere consapevoli i formandi. Tale obiettivo era per me fondamentale in quanto presente anche nel Programma ministeriale della materia che insegno, Elementi di diritto: L introduzione del diritto nel percorso curricolare del triennio si propone di perseguire i seguenti obiettivi rivolti alla formazione di cittadini consapevoli della realtà sociale, politica e giuridica in cui vivono e dotati di adeguati strumenti interpretativi della stessa. Va rilevato inoltre che dal diritto alla libertà di pensiero e di opinione sancito dall art. 21 della Costituzione italiana 13, deriva 10 Pier Cesare Rivoltella, Media education, cit., pagg. 44 e ss. 11 Pier Cesare Rivoltella, Media education, cit., pagg. 60 e ss. 12 Pier Cesare Rivoltella, Media education, cit., pagg. 48 e ss. 13 Lo studio della Costituzione italiana era previsto al terzo anno del Liceo artistico. Segnalo che nel nuovo liceo

5 il diritto all informazione, cioè il diritto, per il cittadino, a essere correttamente informato ed il correlato diritto a non essere disinformato e/o ingannato. Infatti, la libertà di pensiero intesa non solo come possibilità teorica di parola, ma come possibilità diffusa di proporre all opinione pubblica il proprio pensiero, se realizzata, garantirebbe di per sé il diritto di informazione per il cittadino. Ma la situazione è ben diversa le attuali condizioni economiche, la concentrazione delle testate, l assenza di editori puri, l influenza delle imprese che acquistano spazi pubblicitari dagli organi di stampa, il conflitto di interessi, ecc. vanificano l effetto sul diritto ad una libera informazione che, secondo le intenzioni degli estensori della Costituzione, dall art 21 Cost. sarebbero dovuti derivare. Nella fase laboratoriale del progetto, infine, ho proposto agli studenti delle attività che seguivano un approccio costruttivista e prevedevano anche momenti di meta-riflessione sulle modalità seguite dagli studenti nello sviluppo del progetto e nella realizzazione dei prodotti richiesti. 5. Utilizzo dei media nella Didattica disciplinare Gli adolescenti sono affascinati dalle nuove possibilità comunicative: creano podcast musicali, video per Youtube o addirittura hanno un loro V-Log (blog dotati di video) che aggiornano regolarmente. Inoltre le nuove generazioni sembrano aver scoperto una nuova scrittura: la scrittura filmica e, così come l invenzione della stampa di Guttemberg aveva reso agevole la diffusione della stampa, la disponibilità di software di video-editing, la facilità d uso che la tutta la popolazione del Web i video prodotti sta favorendo una enorme diffusione di questa nuova forma linguistica. Personalmente credo che, come le righe per la composizione che tramite l inserimento dei caratteri standard in piombo avevano consentito la diffusione della produzione di testi cioè l avvento dell epoca della stampa, la timeline linerarizzando e facilitando enormemente il montaggio di spezzoni digitali audio e video e di immagini digitali, ha reso agevole la produzione e la successiva diffusione dei lavori prodotti anche da utenti non professionisti e spesso adolescenti favorendo così l avvento dell epoca del video. A mio avviso, prima dell avvento dei nuovi software e del Web 2.0 c erano, a mio avviso, maggiori difficoltà nell inserire nella didattica ordinaria la media education. In particolare, nella scuola secondaria superiore, nel caso di utilizzo di materiali tratti dai media e non autoprodotti ci si doveva confrontare con problemi di riformato dall attuale Governo l insegnamento del diritto sparirà nella maggioranza dei Licei e di conseguenza anche dal Liceo artistico.

6 scarsità di tempo (durata delle lezioni) e con l impossibilità di protagonismo dei discenti rispetto ai materiali mediali proposti. La visione collettiva di un film prevede un rapporto uno a molti (uno schermo molti discenti come spettatori) tale da non consentire a ognuno di gestire autonomamente i propri tempi di fruizione. Inoltre la centralizzazione del prodotto mediale rendeva difficile se non impossibile assegnare proposte di lavoro a gruppi di discenti o somministrare verifiche fondate su materiali mediali che per tali attività avrebbero invece dovuto essere replicati in modo da essere visionabili in ogni postazione di lavoro. Come già segnalato nel paragrafo Risorse utilizzate per la realizzazione dei progetti di media education, per affrontare il problema dei tempi ridotti di lezione ho posizionato le due ore settimanali di lezione della mia materia affiancate in modo da avere settimanalmente 2 ore continuative per operare. Nelle attività laboratoriali, per facilitare l apprendimento, è importante favorire un accostamento autonomo e che coinvolga personalmente ogni singolo studente all attività proposta e ciò vale anche nel caso di compiti fondati su prodotti multimediali. Un approccio personale favorisce, infatti, l attivazione del discente che si trova impegnato personalmente a rapportarsi col media assegnato e ad uscire dalla condizione di passività che spesso accompagna la visione / l ascolto di tali prodotti. Va segnalato che un cospicuo numero di adolescenti interagisce quotidianamente con prodotti mediali, spesso anche producendone in proprio e, a volte pubblicandoli su Youtube o diffondendoli nei Social network14. Infine va affrontata la difficoltà di strutturare e poter quindi assegnare delle verifiche fondate su materiali di origine mediale. Garantire tale possibilità è fondamentale. Infatti, tutte le altre tipologie di attività didattica proposte a scuola sono soggette a verifica ed alla relativa attribuzione di voto quindi l assenza di verifiche per le sole attività di media education rischierebbe di comportare che gli studenti attribuiscano, erroneamente, una scarsa rilevanza a tale tipologia di proposta formativa. L insieme dei problemi sopra indicati, hanno recentemente trovato soluzione grazie alla possibilità tecnica di ottenere materiali mediali (video e audio) in formato digitale predisponendoli da telecamera oppure acquisendoli direttamente dalla televisione e dalla radio con le relative schede hardware o infine fruendo dell enorme massa di movie, ossia spezzoni video, e podcast audio scaricabili agevolmente da Internet. Inoltre i nuovi software 15 di video ed audio editing semplificano significativamente le operazioni di taglio e di montaggio delle sequenze digitali selezionate. Nell approccio strumentale alla media education16 proposta a supporto 14 Vedere gli esiti del questionario somministrato nel successivo paragrafo 8 La valutazione di customer sactisfation dei progetti di media education da parte degli studenti 15 Segnalo il sito dove è possibile reperire, anche gratuitamente, software per il trattamento dei media digitali (ovviamente in Rete esistono altri siti per scaricare software free) 16 Gli studi bruneriani e quelli narratologici mettono in luce come esempi, suggestioni immaginifiche e rappresentazioni possano contribuire a costruire i processi cognitivi, agevolare la comprensione delle informazioni e dei concetti esposti in una lezione e che, per alcuni soggetti, costituiscano addirittura la condizione sine qua non per comprendere quello che viene esposto e spiegato. Elisabetta Nigris Quali metodologie per quale apprendimento? In Didattica generale, pag. 162

7 dell insegnamento del diritto17 ho utilizzato movie tratti da telegiornali e trasmissioni televisive18, da film19 prodotti per il cinema, e da podcast20 tratti dalla radio quali elementi di contestualizzazione delle spiegazioni (di diritto) e di riflessione nei lavori di gruppo e come stimolo per le proposte di lavoro nelle verifiche assegnate. L uso di video e podcast, in quanto strumenti in grado di coinvolgere i sensi degli studenti ed, in particolare, la vista e l udito, hanno favorito il perseguimento dell obiettivo di costruire un ambiente di apprendimento particolare ed estremamente motivante, che preveda l utilizzo di metodologie facenti parte di quell universo multimediale nel quale gli studenti si muovono con piena disinvoltura 21 Infine tra i materiali assegnati agli studenti, a supporto di esercitazioni e approfondimenti, ho inserito anche articoli vari tratti da riviste 22 e giornali. 17 Con utilizzo dei media nella didattica ordinaria del diritto intendo quelle brevi attività a supporto di spiegazioni ed esercitazioni correlate allo svolgimento quotidiano del programma. Negli altri casi l introduzione della media education era collegata allo sviluppo di progetti didattici di più ampio respiro (maggior numero di ore dedicate all attività) 18 Da servizi giornalistici tratti dai telegiornali della Rai e di Mediaset. Si sono utilizzati anche discorsi pubblici di S.Pertini, di P.Calamandrei di O.L.Scalfaro, ecc. 19 Tra i numerosi altri citiamo qui lo spezzone tratti da il signor Rossi e la Costituzione opera teatrale di Paolo Rossi, o per un approfondimento sul diritto del lavoro e sulle difficoltà nella ricerca dello stesso sono stati utilizzati spezzoni tratti da Tempi moderni di Charlie Chapin (la catena di montaggio, il videocontrollo, il cartellino, l alienazione del lavoratore, ecc.), da Lilo e Stich (Nani alla ricerca di lavoro), da Santa Maradona (vari esempi di colloqui di lavoro). 20 servizi tratti dai radio-giornali 21 R. Maragliano, O. Martini, S. Penge, I media e la formazione, La Nuova Italia Scientifica, Roma 1994, pag Ad esempio gli articoli: dal Financial time L Italia delle modelle e delle astrologhe traduzione in Internazionale oppure Rosario Sapienza, I diritti dell uomo sulla scena intemazionale a 60 anni dalla Dichiarazione universale, Aggiornamenti Sociali pp

8 6. Il progetto: Pubblicità e propaganda - le figure retoriche nella comunicazione mediale Esempio di product placement in un fumetto L attività di progetto è iniziata con la presentazione di alcuni dei numerosi esempi di pubblicità subliminale e di product placement che, come sopra segnalato ho raccolto negli anni, e che ho presentato agli studenti allo scopo di provocare un loro iniziale spiazzamento cognitivo che li predisponesse ad applicarsi con impegno nel percorso di media education che andavo ad introdurre23. La successiva attività laboratoriale, era relativa all analisi dell uso delle figure retoriche nelle comunicazioni mediali. Dopo aver spiegato le principali figure retoriche, ho proposto agli studenti di impegnarsi nell analisi di pubblicità su carta tratte da riviste a larga diffusione. Successivamente gli studenti hanno continuato identificando le figure retoriche sottese a spot pubblicitari trasmessi da canali televisivi nazionali e si è concluso con la ricerca delle figure retoriche inserite nella comunicazione politica24. I materiali per i vari gruppi di studenti (2-3 studenti) erano memorizzati in formato digitale sui computer del laboratorio a loro disposizione. Utilizzando tale attrezzatura dovevano eseguire il compito assegnato cioè produrre dei brevi elaborati di risposta alle richieste. 23 Per l approfondimento sulle caratteristiche di subliminalità e product placement e dell impatto psicologico della pubblicità sugli adolescenti sono stato supportato della psicologa Chiara Ferrario che ha svolto un intervento ad hoc presso il Liceo 24 In particolare per l individuazione delle figure retoriche inserite nel dibattito politico, agli studenti, è stato proposto di analizzare il confronto televisivo pre-elettorale tra l On. Prodi e l On. Berlusconi trasmesso da RAI 1 alle ore 21,15 del N.B. anche i movie con gli spot pubblicitari e le pubblicità cartacee tratte da riviste erano del 2006

9 Esempio di alcuni elaborati degli studenti Alla fine del percorso di analisi e approfondimento sulle figure retoriche, agli studenti, divisi in 3 gruppi, è stato chiesto di produrre un breve spot che, a rafforzamento del messaggio da veicolare, utilizzasse una o più figure retoriche. Ecco, la proposta di lavoro consegnata agli studenti:

10 I lavori sono stati realizzati dagli studenti con tecniche diverse. Due gruppi hanno prodotto lo spot richiesto effettuando riprese con la telecamera ed inserendo poi opportunamente la traccia audio mentre l ultimo gruppo ha tralasciato la fase di ripresa ed ha scelto di occuparsi esclusivamente del reperimento di spezzoni da Youtube, del montaggio e della successiva sincronizzazione con la musica e il commento vocale 25. Anche l attività di solo montaggio ha mostrato una significativa valenza formativa oltre che di efficacia comunicativa del prodotto realizzato. Va ricordato che le avanguardie russe degli anni Venti attribuivano grande 25 E stato possibile analizzare gli spot prodotti ed approfondire in particolare il tema della tutela della dignità della donna col contributo di Vera Paggi di RAI News24 che è venuta al Liceo per dialogare con gli studenti

11 importanza al montaggio perché era considerato la sede naturale della costruzione narrativa e creativa. Ejzenstejn sottolineava che la giustapposizione di due inquadrature porta ad un risultato qualitativamente superiore rispetto alla loro semplice somma: induce lo spettatore a cercare un significato anche se le inquadrature non hanno legami di tipo narrativo. Segnalo, per chi volesse visionarlo, che lo spot sulla dignità della donna è stato pubblicato in Internet dagli studenti. E visionabile all indirizzo:

12 7. Il progetto: Disinformazione e propaganda - ombre sul diritto del cittadino a una corretta informazione politica (art. 21 Costituzione). I costituzionalisti affermano che l articolo 21 è il pilastro della democrazia dall intervento del Prof. Massimo Villone 26 al Seminario: Lo statuto giuridico delle informazioni, 24 maggio 2010, Università degli studi di Milano Bicocca Vista la maggior articolazione delle attività proposte ho strutturato la relazione di questo progetto per fasi: Fase delle spiegazioni teoriche (di introduzione ed utile a fornire gli strumenti concettuali di analisi dei testi giornalistici televisivi) In questa fase ho fornito agli studenti alcuni strumenti teorici utili al rinvenimento ( smascheramento ) all interno di giornali, giornali-radio e telegiornali di elementi mendaci, disinformativi o di mera propaganda. L analisi della comunicazione giornalistica ha riguardato servizi e articoli tratti da telegiornali delle reti RAI, Mediaset, la 7 e da radiogiornali di Radio Popolare oltre che da numerosi giornali a diffusione nazionale 27. Ho anche proposto alcuni esempi storici tratti dal testo Menzogna e propaganda, armi di disinformazione di massa dell Università Federico II di Napoli 27 La Repubblica, Il Corriere della sera, L unità, Il Manifesto, Il Giornale 28 Massimo Chiais, Menzogna e propaganda, armi di disinformazione di massa, Ed. Lupetti, 2008

13 Un esempio di bufala internazionale Coinvolgendo gli studenti in un lavoro sulle fonti giornalistiche dell epoca 29, è stata anche analizzata, proponendo la visione dei servizi televisivi tratti dai telegiornali delle reti RAI e la lettura dei giornali dell epoca, la vicenda della rivoluzione rumena di Timisoara del Si è così analizzata una delle più clamorose bufale creata dai media nel recente passato: l affermata e poi smentita strage di civili di Timisoara. Si è infine considerata la connessione tra democrazia e comunicazione politica: il modello della teoria democratica classica presuppone che i cittadini si interessino alla politica e sviluppino nel tempo un bagaglio di conoscenze che consenta loro non solo di decidere per chi votare, ma anche di esercitare un certo grado di controllo sull operato dei propri rappresentanti e governanti. Purtroppo la realtà dei fatti, così come è registrata dalla ricerca empirica, ci racconta una storia diversa: i cittadini sono mediamente poco informati e prendono decisioni di voto basate su ragionamenti approssimativi e scorciatoie cognitive 30. Fase di lancio dell attività laboratoriale Svolta questa lunga introduzione, l attività è proseguita con la parte esercitativa utile per una più approfondita comprensione di quanto considerato teoricamente. Allo scopo ho scelto una notizia giornalistica che avesse forti implicazioni politiche, economiche e giuridiche. La notizia selezionata è stata quella relativa alla firma del Trattato di amicizia, partenariato e cooperazione tra la Repubblica italiana e la Grande Giamahiria araba libica popolare socialista, siglata a Bengasi il 30 agosto Agli studenti, che non erano particolarmente informati di tale avvenimento, ho fornito i seguenti materiali: i servizi dei telegiornali di tre reti televisive 32 cui era stata completamente eliminata la traccia audio (risultavano perciò completamente muti), i giornali on-line del periodo, la copia digitale degli articoli sull argomento apparsi nei giornali cartacei nazionali, gli articoli sull argomento presenti in giornali esteri tradotti dalla rivista Internazionale e il testo della Legge (definita e promulgata alcuni mesi dopo la firma di Bengasi) contenente il Trattato. Infine ho proposto loro la visione del film Il leone del deserto TG di RAI 1 e RAI 2, La Repubblica, L Unità, Il Corriere della sera, Libération, Internazionale 30 Donatella Campus, Comunicazione politica, Editori Laterza, Bari, LEGGE 6 febbraio 2009, n. 7 Ratifica ed esecuzione del Trattato di amicizia fatto a Bengasi il 30 agosto RAI 1, RAI 2, Tg24 SKY 33 Il leone del deserto, realizzato nel 1981 per la regia di Moustapha Akkad, è un film storico, con la partecipazione di Anthony Quinn nel ruolo del condottiero senussita libico Omar al-mukhtar. Il film narra le vicende di Omar al-mukhtar, insegnante di professione e irredentista per vocazione, che nei primi anni '30 guerreggiò contro le truppe coloniali italiane alla testa delle sue bande partigiane tra le oasi del deserto della Libia. In occasione della visita di Gheddafi a Roma, è stato trasmesso per la prima volta in televisione, su Sky. In precedenza "Il leone del deserto" era stato proiettato in Italia in modo semiclandestino solo in alcuni festival minori, e ancora oggi lo si trova solo scaricandolo da internet, in una versione in lingua inglese con sottotitoli in italiano. (Tratto da:

14 Fase laboratoriale Per far comprendere meglio il senso dell attività e favorire un apprendimento significativo, ho seguito un approccio costruttivista proponendo agli studenti di calarsi nel ruolo di membri della redazione di una testata giornalistica televisiva 34. Ho suddiviso gli studenti della classe in due gruppi e ho assegnato loro il compito di produrre un servizio televisivo, con durata variabile tra i 3 e i 5 minuti. Il servizio doveva essere effettuato montando gli spezzoni ritenuti utili, tra i vari servizi televisivi muti forniti, ai quali dovevano però aggiungere, sincronizzandolo, l audio da loro predisposto ad hoc (quindi con le loro voci a commento di quanto inserito nel servizio in via di realizzazione). Era anche consentito inserire spezzoni realizzati direttamente dagli studenti con la telecamera della scuola o con strumenti personali. Alcune fasi del lavoro dei due gruppi La simulazione prevedeva una finzione sulla data in cui le redazioni degli studenti si trovavano a operare. Ho, infatti, chiesto loro di fingere di essere al lavoro come redazione nella giornata del 30 agosto 2008 per la predisposizione del servizio giornalistico televisivo, con cui si annuncia l accordo siglato a Bengasi, da trasmettere nel TG di prima serata. 34 Per la progettazione e la realizzazione dell attività di simulazione ho fatto riferimento in particolare ad indicazioni tratte da: Maurizio Castagna, Role playing, autocasi ed esercitazioni psicosociali Come insegnare comportamenti interpersonali, Franco Angeli, Milano, 2001 e dal testo: Maurizio Castagna, Esercitazioni, casi e questionari Come insegnare agli adulti conoscenze e capacità, Franco Angeli, Milano, 2001

15 L obiettivo del servizio da realizzare era: per il primo gruppo: presentare in modo convincente e credibile la notizia come un grande successo del Governo con significativi riflessi positivi per i cittadinielettori. per il secondo gruppo l obiettivo era analogo, ma opposto: dovevano predisporre un credibile e convincente servizio che evidenziasse come la firma del trattato fosse certamente un grave errore per i nefasti effetti della sottoscrizione di tale atto per i cittadini-elettori. In sintesi le due redazioni, una filo-governativa e una filo-opposizione, dovevano utilizzare nel miglior modo possibile le strategie di disinformazione e propaganda studiate in precedenza ed inserirle ben mimetizzate nei servizi giornalistici prodotti. Alle due redazioni era perciò richiesto di agire senza alcuna etica. A servizi realizzati ho chiesto ai due gruppi di illustrare i trucchi di disinformazione e propaganda utilizzati nella realizzazione del servizio sul Trattato. I gruppi hanno svolto il compito realizzando una breve intervista a uno dei membri del gruppo che illustrava le scelte manipolative seguite dalla sua redazione nella realizzazione del servizio. Fase della riflessione I servizi prodotti sono stati visionati e analizzati col contributo di tutta la classe al fine di valutarne credibilità ed efficacia propagandistica. Abbiamo visionato, infine, le versioni originali (con l audio) dei servizi televisivi trasmessi in televisione la sera del 30 agosto 2008 e si svolta un ampia riflessione socializzata. (Da un elaborato di Ivan a pochi mesi dall inizio dell attività di media education) <<Prof. sa che, da quando abbiamo fatto il lavoro sui telegiornali, non guardo più la televisione come prima. Adesso quando

16 guardo i TG mi accorgo quando mi stanno imbrogliando. A volte non capisco come, ma capisco che è successo qualcosa >> (Commenti di Ivan sul lavoro svolto in una chiacchierata avvenuta alcuni mesi dopo la fine del progetto Disinformazione e propaganda - ombre sul diritto del cittadino ad una corretta informazione politica) Fase di ulteriore approfondimento teorico e di rilancio Si sono proposti agli studenti nuovi documenti e la visione del documentario Fascist legacy35 realizzato dalla BBC Alla luce delle nuove conoscenze e materiali video forniti avrei poi voluto proporre36 la predisposizione di un servizio giornalistico televisivo che rispettasse al meglio il diritto del Cittadino ad una corretta informazione. Il lavoro si sarebbe infine chiuso con una riflessione di sintesi complessiva. I tempi di realizzazione del percorso Lo sviluppo del lavoro indicato ha richiesto tempi lunghi, ma è stato sostenuto dalla voglia degli studenti di svolgere e concludere il compito. Il percorso ha richiesto in due anni un impegno di circa 30 ore d aula/laboratorio oltre alle attività svolte autonomamente dagli studenti: lettura e approfondimento dei documenti forniti, costruzione di testi da sincronizzare con i servizi forniti, ideazione e realizzazione di ulteriori servizi da inserire 8. Customer sactisfation dei progetti e delle attività di media education Per ottenere dei riscontri da parte degli studenti, relativamente alle proposte didattiche legate alla media education, ho predisposto e somministrato in anni scolastici differenti ed a classi diverse (o alle stesse classi in anni scolastici successivi) dei questionari di customer sactisfation. Ho anche testato la loro frequentazione, nel tempo libero, dei diversi media. Relativamente all utilizzo dei media nella didattica ordinaria del diritto, la valutazione degli studenti, effettuata dagli studenti di due diverse classi terze alla fine dell anno scolastico (a distanza di 2 anni) è stata quella evidenziata nel grafico 1 35 Fascist Legacy ("L'eredità del fascismo") è un documentario in due parti sui crimini di guerra commessi dagli italiani durante la Seconda Guerra Mondiale, realizzato dalla BBC e mandato in onda in Inghilterra nei giorni 1 ed 8 novembre 1989 ed in Italia nel 2005 in versione non integrale su La 7 ed integralmente nel 2006 su Sky-History Channel. 36 per mancanza di tempo non abbiamo svolto questa fase

17 Grafico 1 Come si vede l utenza di entrambe le classi, ha dimostrato di apprezzare la novità, anche se emerge che alcuni studenti hanno trovato confuse e di difficile partecipazione le attività multimediali proposte.

18 L esito del progetto: Disinformazione e propaganda - ombre sul diritto del cittadino a una corretta informazione politica. Grafico 2 Il grafico riporta l esito del questionario somministrato alla classe quinta che è stata coinvolta nel progetto Disinformazione e propaganda - ombre sul diritto del cittadino a una corretta informazione politica per due anni scolastici successivi ( e ). L esito appare complessivamente più che positivo anche se tre ragazzi/e hanno valutato l attività una perdita di tempo e uno/a l ha travata noiosa. A riguardo penso che la valutazione risenta dei problemi di realizzazione che abbiamo dovuto affrontare nel secondo anno di svolgimento del progetto. Infatti, a causa delle resistenze di alcuni colleghi non ho potuto utilizzare il laboratorio dotato di computer in grado di utilizzare i software di video editing necessari per realizzare i servizi giornalistici richiesti. Mi sono perciò trovato a dover ridurre le risorse tecnologiche a disposizione della classe a due soli computer (uno dei quali di mia proprietà e che portavo regolarmente a scuola per poter svolgere le previste attività di progetto). Questo ha ovviamente rallentato i lavori e reso più lenta e faticosa l attività.

19 Ecco infine alcuni grafici, che riporto senza commento, e che permettono di conoscere il livello di interazione con le New Tv e con i media degli studenti delle classi coinvolte nel progetto hanno nel loro tempo libero.

20 9. Ringraziamenti A conclusione della relazione desidero ringraziare chi a diverso titolo mi ha sostenuto nello sviluppo dell attività. Innanzitutto desidero menzionare Vera Paggi di RAI News per i suggerimenti che mi ha dato e per le importanti indicazioni fornite agli studenti sui loro Spot con figure retoriche e Chiara Ferrario per il supporto nella presentazione alle classi del lavoro sulla pubblicità subliminale e sul product placement. Ringrazio l Istituto pedagogico della Resistenza di Milano per la documentazione e le indicazioni che mi ha generosamente fornito e che sono stati fondamentali per lo sviluppo del lavoro. Un sentito grazie infine alla dirigente del Liceo artistico di Brera la Prof.ssa Carla Maria Arienti e alla Vicaria della Dirigente, Prof.ssa Enrica Maggi, per la disponibilità nell individuare le soluzioni affinché potessi fruire a scuola delle tecnologie che mi occorrevano per la realizzazione dell attività oltre che per il sostegno sempre dimostrato all iniziativa.

CRITICA TEATRALE IN RETE - WEB WRITER E WEB EDITOR

CRITICA TEATRALE IN RETE - WEB WRITER E WEB EDITOR CRITICA TEATRALE IN RETE - WEB WRITER E WEB EDITOR MASTER 2013 Tecnologie digitali e metodologie sullo spettacolo direttore scientifico da Antonella Ottai Il Centro Teatro Ateneo, insieme con il Dipartimento

Dettagli

Relazione finale. Descrizione di contenuti, tempi, luoghi, fasi, modalità, strumenti e protagonisti

Relazione finale. Descrizione di contenuti, tempi, luoghi, fasi, modalità, strumenti e protagonisti Relazione finale Descrizione di contenuti, tempi, luoghi, fasi, modalità, strumenti e protagonisti Il progetto English Podcast è stato finalizzato alla registrazione di file audio o video di lezioni in

Dettagli

Giuseppe Riva L come libro, T come tablet. Come si studia meglio? Il Mulino Anno LXIII, Numero 475, Pagine 790-794 http://www.rivistailmulino.

Giuseppe Riva L come libro, T come tablet. Come si studia meglio? Il Mulino Anno LXIII, Numero 475, Pagine 790-794 http://www.rivistailmulino. Giuseppe Riva L come libro, T come tablet. Come si studia meglio? Il Mulino Anno LXIII, Numero 475, Pagine 790-794 http://www.rivistailmulino.it/ L approvazione della legge n. 128/2013 consente da quest

Dettagli

PROGETTO FORMATIVO Scuola e comunicazione nell era di internet

PROGETTO FORMATIVO Scuola e comunicazione nell era di internet PROGETTO FORMATIVO Scuola e comunicazione nell era di internet La rivoluzione tecnologica innescata dal web e dai social network, ha accentuato l uso quotidiano di nuovi strumenti informatici entrati prepotentemente

Dettagli

ISTITUTO STATALE COMPRENSIVO Magistri Intelvesi San Fedele Intelvi (Como) Anno Scolastico 2012-2013 PROGETTO TEATRO

ISTITUTO STATALE COMPRENSIVO Magistri Intelvesi San Fedele Intelvi (Como) Anno Scolastico 2012-2013 PROGETTO TEATRO ISTITUTO STATALE COMPRENSIVO Magistri Intelvesi San Fedele Intelvi (Como) Anno Scolastico 2012-2013 PROGETTO TEATRO Il progetto teatro nasce dalla necessità di avvicinare gli alunni al mondo teatrale perché

Dettagli

PSA: Laboratorio disciplinare di religione per gli insegnanti della scuola elementare

PSA: Laboratorio disciplinare di religione per gli insegnanti della scuola elementare PSA: Laboratorio disciplinare di religione per gli insegnanti della scuola elementare Sottogruppo coordinato da Fortunata Capparo (verbale 2 incontro - 18 /11 2002) L ispettore Gandelli ha iniziato l incontro

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO «MARIO PAGANO»

LICEO SCIENTIFICO «MARIO PAGANO» LICEO SCIENTIFICO «MARIO PAGANO» anno scolastico 2012/2013 PROGETTO GIORNALINO DI ISTITUTO DOCENTI REFERENTI DESTINATARI FINALITA' prof.sse Maria-Eleonora De Nisco Claudia Liberatore Alunni di tutte le

Dettagli

Il testo narrativo autobiografico Io com ero, come sono, come sarò

Il testo narrativo autobiografico Io com ero, come sono, come sarò Istituto Comprensivo Taverna Montalto Uffugo Scuola Secondaria di Primo Grado Scuola Secondaria di 1 Grado Classe II Sez. C Progetto di un intervento didattico su Italiano Titolo dell attività Il testo

Dettagli

1. Descrizione dei contenuti, tempi, luoghi, fasi, modalità, strumenti e protagonisti

1. Descrizione dei contenuti, tempi, luoghi, fasi, modalità, strumenti e protagonisti Relazione finale del progetto: Laboratorio di scrittura 1. Descrizione dei contenuti, tempi, luoghi, fasi, modalità, strumenti e protagonisti Il progetto intendeva fornire competenze lessicali, grammaticali

Dettagli

A SCUOLA CON JUMPC. Report sintetico dei risultati del progetto, dal punto di vista degli insegnanti e degli. studenti che hanno partecipato

A SCUOLA CON JUMPC. Report sintetico dei risultati del progetto, dal punto di vista degli insegnanti e degli. studenti che hanno partecipato A SCUOLA CON JUMPC Report sintetico dei risultati del progetto, dal punto di vista degli insegnanti e degli studenti che hanno partecipato Roma, 20 aprile 2009 Indice dei contenuti Gli esiti del sondaggio

Dettagli

Da oggetto della comunicazione di massa a protagonisti della produzione di contenuti La nuova certificazione ECDL Multimedia

Da oggetto della comunicazione di massa a protagonisti della produzione di contenuti La nuova certificazione ECDL Multimedia Da oggetto della comunicazione di massa a protagonisti della produzione di contenuti La nuova certificazione ECDL Multimedia Pier Paolo Maggi, Gianmario Re Sarto AICA pierpaolomaggi@aicanet.it - g.resarto@aicanet.it

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA G.Rodari RAPAGNANO CLASSE QUARTA

SCUOLA PRIMARIA G.Rodari RAPAGNANO CLASSE QUARTA ISTITUTO COMPRENSIVO MONTE URANO SCUOLA PRIMARIA G.Rodari RAPAGNANO CLASSE QUARTA Abstract TG Rodari.it la voce dei piccoli roditori è un progetto che nasce dall esigenza di realizzare un attività didattica

Dettagli

La Scuola Secondaria di Primo Grado

La Scuola Secondaria di Primo Grado La Scuola Secondaria di Primo Grado È un ambiente educativo sereno, nel quale i ragazzi imparano solide nozioni di base e un efficace metodo di studio, utilizzando le nuove tecnologie, la rete internet

Dettagli

WORKSHOP DI NARRATIVA A OPATIJA, HR. Gennaio 2010. Un progetto di collaborazione tra DND-Opatija (HR) e seed (CH)

WORKSHOP DI NARRATIVA A OPATIJA, HR. Gennaio 2010. Un progetto di collaborazione tra DND-Opatija (HR) e seed (CH) WORKSHOP DI NARRATIVA A OPATIJA, HR. Gennaio 2010. Scriviamo un racconto, insieme! Un progetto di collaborazione tra DND-Opatija (HR) e seed (CH) Resoconto Obiettivi Il workshop si è svolto dal 15 al 17

Dettagli

IN MUSEO DALL OGGETTO AL CON-TESTO

IN MUSEO DALL OGGETTO AL CON-TESTO IN MUSEO DALL OGGETTO AL CON-TESTO SCUOLA: Istituto comprensivo di Crespellano (Valsamoggia, Bologna) MUSEO: Museo civico archeologico Arsenio Crespellani di Bazzano (Valsamoggia, Bologna) ALTRI PARTNER:

Dettagli

Sceneggiare un unità di lavoro LIM centrata sullo studente

Sceneggiare un unità di lavoro LIM centrata sullo studente Sceneggiare un unità di lavoro LIM centrata sullo studente Titolo UN VIAGGIO DI..ISTRUZIONE Argomento Attività didattica interdisciplinare preliminare al Viaggio d Istruzione a Roma: posizione geografica,

Dettagli

Corso di formazione CORSO DI FORMAZIONE. Prof. Marco Scancarello Prof.ssa Carolina Biscossi Email: didatticaelim@gmail.com

Corso di formazione CORSO DI FORMAZIONE. Prof. Marco Scancarello Prof.ssa Carolina Biscossi Email: didatticaelim@gmail.com Corso di formazione CORSO DI FORMAZIONE Prof. Marco Scancarello Prof.ssa Carolina Biscossi Email: didatticaelim@gmail.com IL CORSO L utilizzo sempre più frequente delle nuove tecnologie nella vita quotidiana

Dettagli

Allegato 2. Anna Magnani II anno Classe C2 Tutor: Isa Maria Sozzi RELAZIONE FINALE

Allegato 2. Anna Magnani II anno Classe C2 Tutor: Isa Maria Sozzi RELAZIONE FINALE Allegato 2 Anna Magnani II anno Classe C2 Tutor: Isa Maria Sozzi RELAZIONE FINALE Il progetto è stato modificato rispetto alla griglia di progettazione presentata a giugno. Il tempo che è stato possibile

Dettagli

o saper formulare con i compagni riflessioni ed ipotesi interpretative, non su richiesta del docente, ma in modo il più spontaneo possibile

o saper formulare con i compagni riflessioni ed ipotesi interpretative, non su richiesta del docente, ma in modo il più spontaneo possibile RELAZIONE FINALE PROGETTO COMPETENZE IN CRESCITA. Laboratorio 2 1) TITOLO: Il gusto della lettura 2) CLASSE: Classi della scuola dell infanzia (solo bambini di 5 anni) Classi prime, seconde e quarte della

Dettagli

CINEAMANDO LO SVILUPPO DELLA PERSONA ATTRAVERSO IL CINEMA

CINEAMANDO LO SVILUPPO DELLA PERSONA ATTRAVERSO IL CINEMA CINEAMANDO LO SVILUPPO DELLA PERSONA ATTRAVERSO IL CINEMA 1. PREMESSA Il nostro tempo è caratterizzato da continui e complessi cambiamenti culturali e dalla contemporanea disponibilità di numerose informazioni

Dettagli

Progetto Non uno di meno per l integrazione positiva delle ragazze e dei ragazzi immigrati

Progetto Non uno di meno per l integrazione positiva delle ragazze e dei ragazzi immigrati Ministero della Pubblica Istruzione Osservatorio nazionale per l integrazione degli alunni stranieri e per l educazione interculturale Progetto Non uno di meno per l integrazione positiva delle ragazze

Dettagli

DOL Diploma On Line Modulo di progettazione II anno Relazione finale. Pitti Floriana Classe F7 Tutor: Giovanni Di Rosa

DOL Diploma On Line Modulo di progettazione II anno Relazione finale. Pitti Floriana Classe F7 Tutor: Giovanni Di Rosa DOL Diploma On Line Modulo di progettazione II anno Relazione finale Pitti Floriana Classe F7 Tutor: Giovanni Di Rosa Realizzazione di un full adder a due bit 08/11/2010 Premessa A causa di un mancato

Dettagli

PIANO TRIENNALE DI INTERVENTO DELL ANIMATORE DIGITALE PER IL PNSD

PIANO TRIENNALE DI INTERVENTO DELL ANIMATORE DIGITALE PER IL PNSD PIANO TRIENNALE DI INTERVENTO DELL ANIMATORE DIGITALE PER IL PNSD Premessa Il presente piano è frutto della rielaborazione di un documento collaborativo condiviso mediante un gruppo pubblico di Animatori

Dettagli

PROGETTO L. INGLESE (Lab. alunni) Move on Trinity 2 RELAZIONE FINALE

PROGETTO L. INGLESE (Lab. alunni) Move on Trinity 2 RELAZIONE FINALE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE G.MARCONI Via Gen.A.Di Giorgio, 4-90143 Palermo Tel e Fax: 091.6255080 e-mail : paic89300r@istruzione.it sito web: www.scuolamediamarconipa.gov.it COD.MEC.: paic89300r PROGETTO

Dettagli

Istruzioni, indicatori e strumenti di valutazione per i consigli di classe (Allegato 2 Decr MIUR 22 agosto 2007)

Istruzioni, indicatori e strumenti di valutazione per i consigli di classe (Allegato 2 Decr MIUR 22 agosto 2007) ISTITUTO PROFESSIONALE DI STATO PER I SERVIZI COMMERCIALI, TURISTICI, GRAFICI, ALBERGHIERI E SOCIALI L. EINAUDI Istruzioni, indicatori e strumenti di valutazione per i consigli di classe (Allegato 2 Decr

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE CAPACCIO PAESTUM

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE CAPACCIO PAESTUM ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE CAPACCIO PAESTUM Località Villaggio 84047 CAPACCIO (SA) - C.M. SAIC8AZ00C Tel. 0828725413/0828724471 Fax. 0828720747/0828724771 e-mail SAIC8AZ00C@istruzione.it Ascolta i bambini

Dettagli

5.4. Il PIM nella scuola secondaria di II grado

5.4. Il PIM nella scuola secondaria di II grado 5.4. Il PIM nella scuola secondaria di II grado Percorso didattico: Accogliere e orientare Autore Corrado Marchi e Franca Regazzoni Scuola Scuola secondaria di secondo grado Classi Prima, terza, quarta

Dettagli

DIRITTI UMANI E CULTURA DI PACE L.R. 55/1999 VOUCHER EDUCATIVI VOLONTARIATO INTERNAZIONALE PER LO SVILUPPO CARATTERISTICHE DEL PERCORSO

DIRITTI UMANI E CULTURA DI PACE L.R. 55/1999 VOUCHER EDUCATIVI VOLONTARIATO INTERNAZIONALE PER LO SVILUPPO CARATTERISTICHE DEL PERCORSO TITOLO PERCORSO Alla ricerca del diritto perduto Ente no profit Sede legale Referente progetto VOLONTARIATO INTERNAZIONALE PER LO SVILUPPO via Appia Antica, 126 00179 Roma RM Emma Colombatti tel. 335/8726222

Dettagli

ISTITUTO STATALE COMPRENSIVO Magistri Intelvesi San Fedele Intelvi (Como) Anno Scolastico 2012-2013 PROGETTO CINEMA

ISTITUTO STATALE COMPRENSIVO Magistri Intelvesi San Fedele Intelvi (Como) Anno Scolastico 2012-2013 PROGETTO CINEMA ISTITUTO STATALE COMPRENSIVO Magistri Intelvesi San Fedele Intelvi (Como) Anno Scolastico 2012-2013 PROGETTO CINEMA Il progetto si propone di avvicinare i ragazzi al mondo del cinema con un approccio ludico

Dettagli

Il progetto elaborato dall ISTITUTO PERTINI DI AFRAGOLA

Il progetto elaborato dall ISTITUTO PERTINI DI AFRAGOLA SCHEDA INFORMATIVA Il progetto elaborato dall ISTITUTO PERTINI DI AFRAGOLA Per l iniziativa ministeriale nazionale PON C3 LE(G)ALI AL SUD. UN PROGETTO PER LA LEGALITA IN OGNI SCUOLA moduli didattici: Ambientiamoci

Dettagli

Sostegno a Distanza: una fiaba per Angela. Presentazione

Sostegno a Distanza: una fiaba per Angela. Presentazione Presentazione Nella classe 1^ secondaria di1 grado, durante il primo quadrimestre, si è lavorato sul tipo di testo fiaba ed i ragazzi venendo a conoscenza del progetto SAD portato avanti dagli allievi

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE ISTITUTO ANNO SCOLASTICO INDIRIZZO CLASSE PRIMA SEZIONE DISCIPLINA DOCENTE QUADRO ORARIO (N. ore settimanali nella classe) 1. FINALITA DELLA DISCIPLINA L asse

Dettagli

Istituto San Tomaso d Aquino

Istituto San Tomaso d Aquino Istituto San Tomaso d Aquino alba pratalia aràba Linee di progetto per l utilizzo delle tecnologie nella didattica a.s. 2013 2014 a.s. 2014 2015 0 Linee di progetto per l utilizzo delle tecnologie nella

Dettagli

Relazione finale progetto Learning by Blogging and Podcasting - II Corsista Maria Anna Di Gioia classe E11 Gennaio 2009-giugno 2009

Relazione finale progetto Learning by Blogging and Podcasting - II Corsista Maria Anna Di Gioia classe E11 Gennaio 2009-giugno 2009 Relazione finale progetto Learning by Blogging and Podcasting - II Corsista Maria Anna Di Gioia classe E11 Gennaio 2009-giugno 2009 1. Descrizione di contenuti, tempi, luoghi, fasi, modalità, strumenti

Dettagli

Fine classe terza COMPETENZE SPECIFICHE CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE COMUNI. Lessico approfondito relativo agli argomenti trattati.

Fine classe terza COMPETENZE SPECIFICHE CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE COMUNI. Lessico approfondito relativo agli argomenti trattati. ISTITUTO COMPRENSIVO 3 VICENZA DIPARTIMENTO DI LINGUA STRANIERA CURRICOLO DI INGLESE SCUOLA SECONDARIA COMPETENZE CHIAVE EUROPEE Comunicazione in lingua straniera Fine classe terza COMPETENZE SPECIFICHE

Dettagli

I giovani del Medio Campidano

I giovani del Medio Campidano I giovani del Medio Campidano Indagine sulla condizione giovanile nella Provincia Ufficio Provinciale Giovani - Associazione Orientare Pagina 1 Il questionario è stato predisposto e realizzato dall Associazione

Dettagli

Scheda di Progettazione di un Curricolo verticale

Scheda di Progettazione di un Curricolo verticale Scheda di Progettazione di un Curricolo verticale ISTITUTO COMPRENSIVO Taverna di Montalto Uffugo (CS) Anno Scolastico 2013-2014 Docenti: Anna Maria Santoro e Silvia Mazzeo Nel nostro tempo, dove situazioni

Dettagli

Conferenza dei presidi delle Facoltà di Scienze della Comunicazione PROTOCOLLO D'INTESA TRA

Conferenza dei presidi delle Facoltà di Scienze della Comunicazione PROTOCOLLO D'INTESA TRA Conferenza dei presidi delle Facoltà di Scienze della Comunicazione PROTOCOLLO D'INTESA TRA MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DIPARTIMENTO PER L ISTRUZIONE LA CONFERENZA DEI PRESIDI

Dettagli

IDEE PER LA DOCUMENTAZIONE (estratto dalle precedenti edizioni)

IDEE PER LA DOCUMENTAZIONE (estratto dalle precedenti edizioni) Per prepararci all evento finale IDEE PER LA DOCUMENTAZIONE (estratto dalle precedenti edizioni) Mentre le attività scolastiche e quelle delle ACS stanno svolgendosi ancora a pieno ritmo, cominciamo a

Dettagli

UNA LIM PER TUTTI PREMESSA

UNA LIM PER TUTTI PREMESSA UNA LIM PER TUTTI PREMESSA Nelle scuole dei Comuni di Tavarnelle Val di Pesa e Barberino Val d Elsa si è venuta rafforzando negli ultimi anni la collaborazione tra scuola e famiglie. La nascita del Comitato

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE G.V.GRAVINA. Anno scolastico 2010/2011. Programmazione didattica

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE G.V.GRAVINA. Anno scolastico 2010/2011. Programmazione didattica ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE G.V.GRAVINA LICEO DELLE SCIENZE UMANE OPZIONE ECONOMICO-SOCIALE Anno scolastico 2010/2011 Programmazione didattica Materia d insegnamento: Psicologia

Dettagli

PROGETTO AULA DIGITALE

PROGETTO AULA DIGITALE ) PROGETTO AULA DIGITALE Egregio Sig. Preside, La scuola italiana vive oggi un momento di grande trasformazione. Molte sono le voci che si levano e che ne chiedono un profondo ammodernamento, una ridefinizione

Dettagli

INDAGINE del Consiglio Nazionale dell Ordine degli Psicologi sui Servizi Psicologici nella scuola

INDAGINE del Consiglio Nazionale dell Ordine degli Psicologi sui Servizi Psicologici nella scuola INDAGINE del Consiglio Nazionale dell Ordine degli Psicologi sui Servizi Psicologici nella scuola Svolta in collaborazione con gli IRRE e con i Consigli Territoriali dell Ordine degli Psicologi 1. Attività

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI DIRITTO E LEGISLAZIONE TURISTICA E VALUTAZIONE DELLE COMPETENZE DEL TERZO ANNO DEL SECONDO BIENNIO

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI DIRITTO E LEGISLAZIONE TURISTICA E VALUTAZIONE DELLE COMPETENZE DEL TERZO ANNO DEL SECONDO BIENNIO PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI DIRITTO E LEGISLAZIONE TURISTICA E VALUTAZIONE DELLE COMPETENZE DEL TERZO ANNO DEL SECONDO BIENNIO di Maria Grazia PASTORINO LE LINEE GUIDA DI DIRITTO E LEGISLAZIONE TURISTICA

Dettagli

IIS FERMI GALILEI CIRIE TAVOLA DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE CLASSI: SECONDO BIENNIO INDIRIZZO LICEO SCIENTIFICO

IIS FERMI GALILEI CIRIE TAVOLA DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE CLASSI: SECONDO BIENNIO INDIRIZZO LICEO SCIENTIFICO MATERIA: LATINO IIS FERMI GALILEI CIRIE TAVOLA DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE CLASSI: SECONDO BIENNIO INDIRIZZO LICEO SCIENTIFICO A.S. 2013-14 Competenze chiave trasversali di cittadinanza

Dettagli

Alla Dottoressa Francesca Sabella Ufficio IV Al Direttore ANSAS nucleo del Veneto Dottoressa A. Missana

Alla Dottoressa Francesca Sabella Ufficio IV Al Direttore ANSAS nucleo del Veneto Dottoressa A. Missana Alla Dottoressa Francesca Sabella Ufficio IV Al Direttore ANSAS nucleo del Veneto Dottoressa A. Missana Oggetto: Relazione della quarta annualità del progetto Psicologia dell'apprendimento della matematica.

Dettagli

Sezione Soci Coop Valtiberina. Non giochiamo con la legalità

Sezione Soci Coop Valtiberina. Non giochiamo con la legalità Sezione Soci Coop Valtiberina Non giochiamo con la legalità 1 INTRODUZIONE L Associazione Il Timone ormai da anni gestisce un doposcuola frequentato da ragazzi italiani e stranieri che vivono in Valtiberina.

Dettagli

Mozione presentata al Collegio dei Docenti dell istituto Albert di Lanzo

Mozione presentata al Collegio dei Docenti dell istituto Albert di Lanzo Lettera aperta ai colleghi dell Istituto Albert, al Preside, al Direttore scolastico regionale, alla Ministra della Pubblica Istruzione, Al mondo sindacale e politico, ai giornali. Mozione presentata al

Dettagli

Relazione finale del progetto

Relazione finale del progetto Relazione finale del progetto Un percorso nella Cappella Palatina DOL 2009 classe E_13 tutor Domenico Franzetti Corsista: Vincenza Saia Il progetto Un percorso nella cappella Palatina nasce dall esperienza

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO G. SOLARI LORETO http://www.istitutocomprensivosolari.it/ INDICATORI DI APPRENDIMENTO DELLA SCUOLA PRIMARIA

ISTITUTO COMPRENSIVO G. SOLARI LORETO http://www.istitutocomprensivosolari.it/ INDICATORI DI APPRENDIMENTO DELLA SCUOLA PRIMARIA ISTITUTO COMPRENSIVO G. SOLARI LORETO http://www.istitutocomprensivosolari.it/ INDICATORI DI APPRENDIMENTO DELLA SCUOLA PRIMARIA anno scolastico 2013 2014 1 CLASSE PRIMA ITALIANO - Ascoltare, comprendere

Dettagli

ABILITA : UTILIZZARE CONOSCENZE DI DEAF STUDIES NELLA PROGETTAZIONE DIDATTICA

ABILITA : UTILIZZARE CONOSCENZE DI DEAF STUDIES NELLA PROGETTAZIONE DIDATTICA Obiettivi: CORSO DOCENTE LIS II EDIZIONE A:S: 2015/2016 Programma e Contenuti Il corso per Docente di LIS si articola in un percorso didattico finalizzato alla formazione di personale qualificato. L obiettivo

Dettagli

ISTITUTO TECNICO NAUTICO STATALE BUCCARI 09125 Cagliari Viale Colombo, 60 Tel +39/070-300303/301793 Fax +39/070-340742 E-Mail: mail@itnbuccari.

ISTITUTO TECNICO NAUTICO STATALE BUCCARI 09125 Cagliari Viale Colombo, 60 Tel +39/070-300303/301793 Fax +39/070-340742 E-Mail: mail@itnbuccari. ISTITUTO TECNICO NAUTICO STATALE BUCCARI 09125 Cagliari Viale Colombo, 60 Tel +39/070-300303/301793 Fax +39/070-340742 E-Mail: mail@itnbuccari.it ISTITUTO TECNICO NAUTICO STATALE BUCCARI CAGLIARI & LICEO

Dettagli

Liceo Scientifico " C. CATTANEO " PIANO DI LAVORO DI INFORMATICA CLASSE 3 LSA SEZ. H

Liceo Scientifico  C. CATTANEO  PIANO DI LAVORO DI INFORMATICA CLASSE 3 LSA SEZ. H Liceo Scientifico " C. CATTANEO " PIANO DI LAVORO DI INFORMATICA CLASSE 3 LSA SEZ. H Sommario PIANO DI LAVORO DI INFORMATICA... 1 INDICAZIONI GENERALI... 2 PREREQUISITI... 2 CONOSCENZE, COMPETENZE E CAPACITA...

Dettagli

RUOLO E FINALITA DELLE ASSOCIAZIONI FEMMINILI IN UNA SOCIETA IN RAPIDA E CONTINUA EVOLUZIONE

RUOLO E FINALITA DELLE ASSOCIAZIONI FEMMINILI IN UNA SOCIETA IN RAPIDA E CONTINUA EVOLUZIONE Carissime amiche, nel ringraziare ancora per avermi eletta nel ruolo di vice Presidente del Distretto Sud Est, vi saluto augurandovi un Anno Sociale all insegna dell impegno e dell amicizia vera. Il mio

Dettagli

CONOSCENZE ABILITÀ CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE COMUNI EUROPEE Comunicazione in lingua straniera

CONOSCENZE ABILITÀ CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE COMUNI EUROPEE Comunicazione in lingua straniera ISTITUTO COMPRENSIVO 3-VICENZA DIPARTIMENTO DI LINGUE STRANIERE CURRICOLO DI INGLESE SCUOLA PRIMARIA Fine classe terza Fine classe quinta COMPETENZE CHIAVE COMPETENZE SPECIFICHE CONOSCENZE ABILITÀ CONOSCENZE

Dettagli

PROGETTUALITA DIDATTICA DIPARTIMENTO

PROGETTUALITA DIDATTICA DIPARTIMENTO Via dei Carpani 19/B 31033 Castelfranco V. ( TV ) Pag. 1 di 10 Anno Scolastico 2015-2016 PROGETTUALITA DIDATTICA DIPARTIMENTO Disciplina ITALIANO Classe PRIMA DATI IN EVIDENZA IN PREMESSA (richiami al

Dettagli

Circolare alunni n. 9 del 24 settembre 2014 Agli Alunni del triennio

Circolare alunni n. 9 del 24 settembre 2014 Agli Alunni del triennio LICEO SCIENTIFICO STATALE E.FERMI SEDE: VIA MAZZINI, 172/2-40139 BOLOGNA Telefono: 051/4298511 - Fax: 051/392318 - Codice fiscale: 80074870371 Sede Associata: Via Nazionale Toscana, 1-40068 San Lazzaro

Dettagli

Antonella Foco Relazione finale 2 Anno 2008/2009 Classe E12 Tutor: Angela Passoni Allegato 2

Antonella Foco Relazione finale 2 Anno 2008/2009 Classe E12 Tutor: Angela Passoni Allegato 2 Descrizione di contenuti, tempi, luoghi, fasi, modalità, strumenti e protagonisti 1 Il Progetto è nato dall esigenza di sperimentare nuove strategie per implementare nei ragazzi il desiderio di avvicinarsi

Dettagli

PROGETTO LEGALITÁ - Io, cittadino nel Mondo

PROGETTO LEGALITÁ - Io, cittadino nel Mondo PROGETTO LEGALITÁ - Io, cittadino nel Mondo Premessa Educare alla legalità significa elaborare e diffondere un'autentica cultura dei valori civili (Circolare Ministeriale n 302/93) Con tale progetto la

Dettagli

Cittadinanza e Costituzione Le parole, gli strumenti, i percorsi

Cittadinanza e Costituzione Le parole, gli strumenti, i percorsi Cittadinanza e Costituzione Le parole, gli strumenti, i percorsi Un orizzonte di senso Ripensare il curricolo alla luce di Cittadinanza e Costituzione Maria Teresa Ingicco ingiccomt@libero.it Torino 2

Dettagli

PROGETTO FINESTRE FOCUS

PROGETTO FINESTRE FOCUS Obiettivo Fornire, alle classi che hanno già realizzato negli anni precedenti il progetto Finestre, la possibilità di approfondire il tema del diritto d asilo attraverso specifici percorsi. La musica,

Dettagli

CRESCERE LAVORANDO IN GRUPPI AUTENTICI

CRESCERE LAVORANDO IN GRUPPI AUTENTICI Progetto in rete I CARE CRESCERE LAVORANDO IN GRUPPI AUTENTICI ISTITUTO COMPRENSIVO DI CURNO SCUOLA PRIMARIA DI CURNO GIOCHI LOGICI MATEMATICI REFERENTE: Ins. EPIFANI VINCENZA Tempi : II QUADRIMESTRE Classe

Dettagli

#cosìèsevipare IL NOSTRO TEAM

#cosìèsevipare IL NOSTRO TEAM IL NOSTRO TEAM Il nostro team è composto da una psicologa e da una web content editor laureata in psicologia. Mentre la prima ha proseguito lavorando in campo clinico, specializzandosi in psicodiagnostica,

Dettagli

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Repubblica Italiana Regione Siciliana

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Repubblica Italiana Regione Siciliana Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Repubblica Italiana Regione Siciliana Primo Istituto Comprensivo di Scuola Materna, Elementare e Media Leonardo Da Vinci Via Concetto Marchesi

Dettagli

La Buona Scuola: il MIUR ascolta il territorio

La Buona Scuola: il MIUR ascolta il territorio La Buona Scuola: il MIUR ascolta il territorio Terni, Auditorium A.Casagrande F.Cesi 3 novembre 2014 Silvio Improta Dirigente Scolastico - Staff Regionale per le Misure di accompagnamento alle Nuove Indicazioni

Dettagli

Il Piano di comunicazione

Il Piano di comunicazione Il Piano di comunicazione 23 lezione 11 novembre 2011 Cosa è un piano di comunicazione Il piano di comunicazione è uno strumento utilizzato da un organizzazione per programmare le proprie azioni di comunicazione

Dettagli

Torino, 8 Maggio2013

Torino, 8 Maggio2013 Torino, 8 Maggio2013 O I nativi digitali O La media education O La ricerca bambini e tv O Progettare percorsi di media education O Prospettive di sviluppo Nella società odierna i media pervadono il tempo

Dettagli

IC 41 CONSOLE NAPOLI A.S. 2012/2013 FUNZIONE STRUMENTALE AREA 5 - GESTIONE AREA TECNOLOGICA. Plesso Console RELAZIONE FINALE

IC 41 CONSOLE NAPOLI A.S. 2012/2013 FUNZIONE STRUMENTALE AREA 5 - GESTIONE AREA TECNOLOGICA. Plesso Console RELAZIONE FINALE IC 41 CONSOLE NAPOLI A.S. 2012/2013 FUNZIONE STRUMENTALE AREA 5 - GESTIONE AREA TECNOLOGICA Plesso Console RELAZIONE FINALE Docente: Zarrelli Patrizia La scuola, negli ultimi anni, mira alla diffusione

Dettagli

Pag. 04. Il Progetto. Pag. 05. Fomat e Linea Artistica. Pag. 06. Pubblicità Online e Tv. Pag. 08. Feedback. Pag. 10. Idee Future

Pag. 04. Il Progetto. Pag. 05. Fomat e Linea Artistica. Pag. 06. Pubblicità Online e Tv. Pag. 08. Feedback. Pag. 10. Idee Future 1 Il Progetto Pag. 04 Fomat e Linea Artistica Pag. 05 Pubblicità Online e Tv Pag. 06 Feedback Pag. 08 Idee Future Pag. 10 A Sinistra e Sotto: Fotogrammi Del Primo Video Realizzato. Il progetto Storie Fuori

Dettagli

Educando nella Provincia di Varese 2012

Educando nella Provincia di Varese 2012 Scheda progetto Educando nella Provincia di Varese 2012 ANCI Lombardia coordina e organizza le azioni degli enti associati in materia di servizio civile definendo una precisa strategia metodologica comune

Dettagli

MOVIMENTO CULTURALE IDEELIBERE

MOVIMENTO CULTURALE IDEELIBERE All attenzione del Dirigente Scolastico del Liceo Classico Adolfo Pansini, prof. Salvatore Pace Oggetto: Progetto Scriviamo... CAMBIAMO Introduzione Il sottoscritto, Salvatore Salzano, Presidente Nazionale

Dettagli

FILOSOFIA: AUTORI TESTI TEMI

FILOSOFIA: AUTORI TESTI TEMI Un libro di filosofia che legge e interpreta la realtà quotidiana FILOSOFIA: AUTORI TESTI TEMI M. Vegetti L. Fonnesu Il futuro è la nostra materia. www.mondadorieducation.it Piano dell opera M. Vegetti

Dettagli

Il trailer di Handy sbarca al cinema: una mano protagonista sul grande schermo

Il trailer di Handy sbarca al cinema: una mano protagonista sul grande schermo Il trailer di Handy sbarca al cinema: una mano protagonista sul grande schermo di Redazione Sicilia Journal - 09, ott, 2015 http://www.siciliajournal.it/il-trailer-di-handy-sbarca-al-cinema-una-mano-protagonista-sul-grandeschermo/

Dettagli

CISCI Cinema e Scienza Sorprendente e invitante. E il nuovo modo per far crescere l interesse nello studio di discipline scientifiche.

CISCI Cinema e Scienza Sorprendente e invitante. E il nuovo modo per far crescere l interesse nello studio di discipline scientifiche. Questionario europeo per migliorare l insegnamento di materie scientifiche Coloro che compileranno questo questionario riceveranno in omaggio un CD ROM relativo al progetto CISCI, che contiene materiale

Dettagli

Liceo Scientifico " C. CATTANEO " PIANO DI LAVORO DI INFORMATICA. CLASSE 4 LSA SEZ. C e E

Liceo Scientifico  C. CATTANEO  PIANO DI LAVORO DI INFORMATICA. CLASSE 4 LSA SEZ. C e E Liceo Scientifico " C. CATTANEO " PIANO DI LAVORO DI INFORMATICA CLASSE 4 LSA SEZ. C e E Sommario PIANO DI LAVORO DI INFORMATICA... 1 INDICAZIONI GENERALI... 2 PREREQUISITI... 2 CONOSCENZE, COMPETENZE

Dettagli

PAS, Percorso Abilitante Speciale a.a. 2014/2015

PAS, Percorso Abilitante Speciale a.a. 2014/2015 PAS, Percorso Abilitante Speciale a.a. 2014/2015 Laboratorio di Tecnologie Didattiche (3 cfu - 3 lezioni d aula, 18 ore + 18 ore online) Prof.ssa Maria Grazia Ottaviani pas.ottaviani.univr@gmail.com Syllabus

Dettagli

MAGAZINE, PROGETTI E SERVIZI FORMATO FAMIGLIA

MAGAZINE, PROGETTI E SERVIZI FORMATO FAMIGLIA MAGAZINE, PROGETTI E SERVIZI FORMATO FAMIGLIA FattoreFamiglia è il magazine dedicato alla famiglia è promotore di servizi e progetti a sostegno della famiglia è la Community formatofamiglia è FaFaNetwork:

Dettagli

Associazione Docenti Italiani http://www.adiscuola.it

Associazione Docenti Italiani http://www.adiscuola.it Associazione Docenti Italiani http://www.adiscuola.it DA GUTENBERG ALL EBOOK Come cambia l'editoria scolastica di Valentina Gabusi DA GUTENBERG ALL EBOOK Come cambia l'editoria scolastica - Valentina Gabusi

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO U. FERRARI DI CASTELVERDE SCUOLA DELL INFANZIA STATALE IL GIRASOLE DI SAN MARTINO IN BELISETO. English is fun

ISTITUTO COMPRENSIVO U. FERRARI DI CASTELVERDE SCUOLA DELL INFANZIA STATALE IL GIRASOLE DI SAN MARTINO IN BELISETO. English is fun ISTITUTO COMPRENSIVO U. FERRARI DI CASTELVERDE SCUOLA DELL INFANZIA STATALE IL GIRASOLE DI SAN MARTINO IN BELISETO English is fun Anno scolastico 2011/2012 Istituto Comprensivo U. Ferrari di Castelverde

Dettagli

Referente gruppo di lavoro PER LA CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE NELLA LINGUA INGLESE

Referente gruppo di lavoro PER LA CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE NELLA LINGUA INGLESE SCHEDA RELAZIONE ATTIVITÁ SVOLTE DALLE COMMISSIONI GRUPPI DI LAVORO (art. 37 CCNI 31/8/99) DOCENTE: BECCARI SARA Referente gruppo di lavoro PER LA CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE NELLA LINGUA INGLESE Finalità

Dettagli

COME SPIEGARE AI PICCOLI LE COSE DEI GRANDI. Action 1 - Youth for Europe Sub-Action 1.2 - Youth Initiatives

COME SPIEGARE AI PICCOLI LE COSE DEI GRANDI. Action 1 - Youth for Europe Sub-Action 1.2 - Youth Initiatives COME SPIEGARE AI PICCOLI LE COSE DEI GRANDI Action 1 - Youth for Europe Sub-Action 1.2 - Youth Initiatives Prefazione Se mi fosse chiesto di indicare il senso di Fiabe giuridiche, lo rintraccerei nelle

Dettagli

prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena

prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena UNIVERSITÀ, SCUOLE E ORIENTAMENTO IN ITALIA intervento al convegno Essenzialità dell Orientamento per il Futuro dei Giovani, Orvieto 9 11 dicembre

Dettagli

La sottoscritta Patrizia La Bella, in qualità di referente per l Educazione Stradale per l Istituto T. Weiss di Trieste, comunica

La sottoscritta Patrizia La Bella, in qualità di referente per l Educazione Stradale per l Istituto T. Weiss di Trieste, comunica lettera ai genitori : informazioni sul progetto Alle famiglie degli alunni della classe II B della Scuola Primaria Virgilio Giotti. Oggetto: Educazione stradale e attività scientifiche collegate. La sottoscritta

Dettagli

ASSE STORICO SOCIALE

ASSE STORICO SOCIALE ASSE STORICO SOCIALE 1 ASSE STORICO SOCIALE competenze attese d asse indicatori descrittori Competenze di asse Indicatori Descrittori 1. Comprendere il cambiamento e la diversità dei tempi storici in una

Dettagli

Piano di studio. Certificato di studi avanzati (CAS) SUPSI Competenze gestionali e relazionali del docente di classe

Piano di studio. Certificato di studi avanzati (CAS) SUPSI Competenze gestionali e relazionali del docente di classe Piano di studio Certificato di studi avanzati (CAS) SUPSI Competenze gestionali e relazionali del docente di classe Stato del documento: Approvato dalla Direzione DFA il 15 giugno 2011 Introduzione Il

Dettagli

PON 2007 IT 05 1 PO 007 F.S.E. AOODGAI / 44621. Annualità 2012 / 2013. Azione: C 1 F.S.E. 2011 2467

PON 2007 IT 05 1 PO 007 F.S.E. AOODGAI / 44621. Annualità 2012 / 2013. Azione: C 1 F.S.E. 2011 2467 PON 2007 IT 05 1 PO 007 F.S.E. AOODGAI / 44621 Annualità 2012 / 2013 Azione: C 1 F.S.E. 2011 2467 Questionari Gradimento Soddisfazione Monitoraggio corsi PON CORSI ANALIZZATI 4 S o g g e t t i I n t e

Dettagli

IL METODO DI STUDIO PAOLA BRUNELLO

IL METODO DI STUDIO PAOLA BRUNELLO IL METODO DI STUDIO PAOLA BRUNELLO APPRENDIMENTO L apprendimento è un processo attivo di costruzione di conoscenze, abilità e competenze in un contesto di interazione dei ragazzi con gli insegnanti, i

Dettagli

Accordo di rete per l innovazione della didattica Studenti 2.0: educare ai media le nuove generazioni

Accordo di rete per l innovazione della didattica Studenti 2.0: educare ai media le nuove generazioni Accordo di rete per l innovazione della didattica Studenti 2.0: educare ai media le nuove generazioni Documentazione del lavoro svolto Anno scolastico 2010/2011 Scuola Primaria Statale Pennabilli Capoluogo

Dettagli

Corso EPICT Valutazione e ICT

Corso EPICT Valutazione e ICT Corso EPICT Valutazione e ICT (Certificazione EPICT Bronze Valutazione e ICT) La valutazione nella Scuola digitale evolve come evoluti rispetto alla scuola tradizionale - sono gli oggetti di valutazione.

Dettagli

Direzione generale per lo studente Ufficio III PROGETTO GENITORI E SCUOLA SCHEDA RICOGNITIVA ESPERIENZE DI PATERNARIATO GENITORI E SCUOLA

Direzione generale per lo studente Ufficio III PROGETTO GENITORI E SCUOLA SCHEDA RICOGNITIVA ESPERIENZE DI PATERNARIATO GENITORI E SCUOLA MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA DIPARIMENTO PER L ISTRUZIONE Direzione generale per lo studente Ufficio III PROGETTO GENITORI E SCUOLA SCHEDA RICOGNITIVA ESPERIENZE

Dettagli

MEDIA EDUCATION - Progetti educativi per ragazzi/e

MEDIA EDUCATION - Progetti educativi per ragazzi/e MEDIA EDUCATION - Progetti educativi per ragazzi/e Coinvolgere i ragazzi con quello che meglio sanno usare: la tecnologia La Cooperativa Sociale Aeris propone progetti e strumenti nella convinzione che

Dettagli

in rapporto con le competenze chiave di cittadinanza

in rapporto con le competenze chiave di cittadinanza in rapporto con le competenze chiave di cittadinanza 1 Componenti dell Asse dei linguaggi Padronanza della lingua italiana come ricezione e produzione, orale e scritta Conoscenza di almeno una lingua straniera

Dettagli

La scuola ha bisogno di cambiare

La scuola ha bisogno di cambiare Oggi il modo di comunicare è cambiato. La Rivoluzione digitale ha innescato nuove dinamiche di relazione e di condivisione delle informazioni. Il flusso continuo di conoscenze ha creato la necessità di

Dettagli

ATTIVITÁ CARATTERIZZANTI IL NOSTRO ISTITUTO

ATTIVITÁ CARATTERIZZANTI IL NOSTRO ISTITUTO ATTIVITÁ CARATTERIZZANTI IL NOSTRO ISTITUTO PROGETTO CONTINUITÀ: Prevede l attivazione di rapporti di collaborazione con le scuole primarie del territorio in cui è situata la scuola, finalizzati alla progettazione

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO ENEA TALPINO Nembro. Curricolo verticale IMPARARE AD IMPARARE

ISTITUTO COMPRENSIVO ENEA TALPINO Nembro. Curricolo verticale IMPARARE AD IMPARARE ISTITUTO COMPRENSIVO ENEA TALPINO Nembro Curricolo verticale IMPARARE AD IMPARARE 1 CURRICOLO INFANZIA-PRIMARIA-SECONDARIA DI I GRADO IMPARARE A IMPARARE Dal Curricolo Scuola Primaria e Secondaria di I

Dettagli

LINGUA INGLESE DALLE INDICAZIONI NAZIONALI

LINGUA INGLESE DALLE INDICAZIONI NAZIONALI LINGUA INGLESE DALLE INDICAZIONI NAZIONALI L apprendimento della lingua inglese e di una seconda lingua comunitaria, oltre alla lingua materna e di scolarizzazione, permette all alunno di sviluppare una

Dettagli

SCHEDA PROGETTAZIONE UDA

SCHEDA PROGETTAZIONE UDA SCHEDA PROGETTAZIONE UDA UNITA DI APPRENDIMENTO Denominazione Descrizione sintetica del progetto Prodotti Competenze mirate Comuni/cittadinanza professionali BISOGNI, BENI, CONSUMI DEGLI ADOLESCENTI Il

Dettagli

Relazione finale sul Progetto IL CORPO UMANO

Relazione finale sul Progetto IL CORPO UMANO Diploma On Line secondo anno 2006/07 Relazione finale sul Progetto IL CORPO UMANO Corsista: Orazio Rapisarda classe C1 Il progetto scaturisce dall opportunità di lavorare con un gruppo di alunni che avevano

Dettagli

Progetto per l attuazione del PNSD nel PTOF 2016-2019

Progetto per l attuazione del PNSD nel PTOF 2016-2019 Progetto per l attuazione del PNSD nel PTOF 2016-2019 Premessa Il Piano nazionale scuola Digitale (PNSD) (D.M. n.851 del 27/10/2015) si pone nell ottica di scuola non più unicamente trasmissiva e di scuola

Dettagli