Marketing sociale: un gioco che vale la candela

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Marketing sociale: un gioco che vale la candela"

Transcript

1 di Luisa Brogonzoli formatrice e consulente aziendale Marketing sociale: un gioco che vale la candela La comunicazione e il fundraising che consiste nella raccolta di risorse finanziarie per le organizzazioni non profit (ONP) rientrano ormai tra le attività più rilevanti del management; esse, infatti, costituiscono senza dubbio due delle attività strategiche che permettono a un organizzazione di svilupparsi in modo durevole, perseguendo le logiche di efficacia, efficienza ed economicità. La comunicazione delle ONP Nelle ONP l attività di comunicazione ricopre, indubbiamente, un ruolo strategico tanto internamente quanto esternamente; a essa vanno dedicate molte risorse. Si tratta, inoltre, di un attività molto delicata visto che la comunicazione sociale ha per interlocutori la coscienza del cittadino e l utilità comune, quindi richiede molta attenzione. Comunicare significa pensare, avere opinioni, trasmettere idee, informazioni e sentimenti. Il processo di comunicazione si distingue da quello informativo perché prevede un percorso di andata (fornire informazioni e stimoli a un destinatario) e un percorso di ritorno (il destinatario interagisce e si confronta). In altre parole, il processo di comunicazione diventa completo nel momento in cui c è interazione, ovvero quando il target di riferimento risponde. Figura 1. Il processo di comunicazione. Nel processo comunicativo l interazione diventa determinante per migliorare e crescere, consentendo di conoscere l interlocutore e capire le sue esigenze. Per una ONP la comunicazione è uno strumento essenziale per: affermare le proprie finalità; diffondere la propria mission; promuovere le proprie attività sul territorio; sensibilizzare alla propria causa e coinvolgere un target sempre più ampio; essere trasparente (per esempio, pubblicando il bilancio sociale). Il primo obiettivo di una ONP è quello di sensibilizzare alla causa il proprio pubblico di riferimento e di coinvolgerlo. Il pubblico, infatti, deve capire che il particolarismo dell ONP è finalizzato al raggiungimento di un interesse collettivo, volto a promuovere il bene comune, che è anche il suo. 15

2 Tradizionalmente l attività di comunicazione si sviluppa principalmente su due livelli: comunicazione istituzionale, volta a promuovere e diffondere la mission e le attività; per essere efficace deve essere continuativa e coerente; comunicazione specifica e/o promozionale, volta a comunicare, promuovere e pubblicizzare i prodotti e i servizi dell ONP; pertanto, la comunicazione dovrà essere molto specifica, mirata e immediata. A seconda dei destinatari, poi, si possono rilevare due diverse modalità di comunicazione: interna, mirata a informare e coinvolgere chi è parte integrante dell organizzazione, ovvero lo staff (amministrazione e dipendenti), gli utenti, i membri del consiglio d amministrazione e i volontari; esterna, finalizzata a presentare e promuovere l organizzazione a chi non ne è parte integrante. In questo caso gli interlocutori sono i potenziali volontari, gli utenti, i potenziali utenti, i fornitori di prodotti e servizi, i donatori, le aziende sponsor, le banche, gli enti pubblici, le organizzazioni internazionali, le altre ONP. Contenuto Istituzionale Promozionale Obiettivo: informare e sensibilizzare l opinione pubblica; deve essere continuativa e coerente Obiettivo di comunicazione e della ONP coincidono: promuovere e lanciare qualcosa di nuovo; deve essere molto specifica, mirata e immediata Target Interna Esterna Mirata a informare e coinvolgere l organizzazione stessa (amministrazione, dipendenti, consiglio d amministrazione, volontari, utenti) Finalizzata a presentare e promuovere l organizzazione verso potenziali interlocutori Tabella 1. Le caratteristiche della comunicazione. A seconda del target, quindi, verranno scelti stili e strumenti di comunicazione differenti. Per esempio, per un target interno uno degli strumenti più efficaci è rappresentato dalla newsletter, ossia una sorta di bollettino informativo che approfondisce le novità dell organizzazione, gli obiettivi raggiunti e così via. È dunque fondamentale definire con chiarezza le categorie di stakeholder che diventano i target della comunicazione di una ONP (tabella 2). Target Obiettivi Strumenti Stakeholder primari Stakeholder secondari Stakeholder esterni Mantenimento motivazionale Informazioni sulle attività e sui risultati Sviluppo della ONP Trasparenza Efficienza ed efficacia Sensibilizzazione in generale rispetto alla causa Conoscenza dell ONP Riunioni Bacheca Newsletter Newsletter Stampa Houseorgan Mass media 16 Tabella 2. Stakeholder e comunicazione. Per comunicare in modo efficace, l ONP non può limitarsi a trasmettere notizie e informazioni, ma deve costruire messaggi coerenti con i propri principi. A tal fine, un organizzazione deve essere in grado di identificare i propri obiettivi e tradurli in messaggi. Il messaggio può essere strutturato in modi diversi, in funzione della sua tipologia: razionale, civico o emozionale. Il messaggio razionale viene pensato e costruito per trasmettere informazioni pubbliche sull organizzazione, fornendo dati specifici sui prodotti/servizi, sulla struttura e sui

3 risultati attesi; è volto a sottolineare la qualità e il valore del servizio. Il messaggio civile è finalizzato alla sensibilizzazione dell opinione pubblica rispetto a una precisa causa. Il messaggio emozionale punta sull emotività per indurre il pubblico di riferimento a seguire il comportamento desiderato; è una leva particolarmente utilizzata nelle campagne di raccolta fondi e di reclutamento di volontari. Un messaggio di comunicazione è efficace se riesce ad attrarre l attenzione del pubblico di riferimento; a tal fine, gli ideatori del messaggio hanno a disposizione numerose variabili, quali lo stile, il tono, le parole, l ordine e il formato. Lo stile è il modo con cui si comunica (per esempio: raccontando una storia, raccogliendo delle testimonianze e così via). Il tono del messaggio varia in funzione del pubblico obiettivo e della reazione che si intende ottenere dallo stesso (serio, drammatico, umoristico ecc). Anche l ordine di presentazione è importante nel caso in cui vi siano numerose idee e informazioni da trasmettere; secondo gli esperti di scienze sociali le persone tendono a ricordare gli elementi presentati per primi e per ultimi. Infine, gli elementi del formato cambiano in funzione del mezzo di comunicazione utilizzato. Se si ricorre alla stampa, è necessario definire con grande attenzione il titolo, il testo, la grafica e i colori; se, invece, si trasmette il messaggio tramite radio bisogna scegliere attentamente le parole, la voce e la modulazione. Per strutturare e pianificare l attività di comunicazione è necessario redigere il piano di comunicazione, uno strumento di lavoro essenziale per programmare e sviluppare le attività di comunicazione. Gli elementi essenziali per la definizione dello stesso sono i seguenti: l obiettivo specifico della comunicazione, non dimenticando gli elementi indirettamente funzionali a questa attività; il messaggio da comunicare; il target di riferimento; la quantificazione del pubblico di riferimento; il brief, documento di comunicazione da sottoporre all agenzia che cura la campagna; il copy, il testo della campagna; le risorse umane da coinvolgere e la loro responsabilità; il timing, ovvero il periodo di tempo in cui avrà luogo la campagna; i mezzi di comunicazione, ovvero stabilire se si intende comunicare tramite TV, radio, stampa ecc.; il budget, ovvero l ammontare di risorse economiche necessarie per la realizzazione vera e propria del piano di comunicazione. Per quanto attiene alla scelta del mezzo di comunicazione, a titolo di esempio vengono riportati i più importanti nella tabella 3. Mezzi Caratteristiche Punti di forza Punti di debolezza TV e radio Stampa Esempi: spot pubblicitari, partecipazione a trasmissioni radiotelevisive e apparizioni televisive. In funzione della diffusione locale o nazionale del messaggio, lo stile e l impostazione dello stesso variano Esempi: inserzioni e spazi pubblicitari, articoli, pubblicazioni varie (bollettini, periodici, annual report, libri, cataloghi ecc.) TV: è uno dei mezzi di maggior efficacia in quanto coniuga suono e immagine, raggiunge un numero elevato di persone, rende visibile e conferisce prestigio all ONP Radio: ottimo mezzo di comunicazione che consente di mantenere costi contenuti, selezionare l audience, modificare il tipo di comunicazione Giornali: mezzo di comunicazione estremamente efficace in quanto ampiamente diffuso e letto da un ampio pubblico TV: alto costo dei programmi e degli spot televisivi; bassa incisività e ricordo del messaggio a causa dei numerosi spot pubblicitari quotidianamente emessi Radio: i messaggi radiofonici hanno il pregio/difetto di basare la propria comunicazione sull ascolto; hanno a disposizione un lasso di tempo molto ridotto Giornali: - scarsa possibilità di selezionare il target di riferimento 17

4 Lo stile della comunicazione su stampa varia in funzione del target di riferimento: confidenziale e simpatica nel caso in cui si debba realizzare una newsletter, formale e istituzionale se si deve confezionare la brochure di presentazione dell ONP Pubblicazioni: veicolo per informare e fare cultura, sono la carta di presentazione dell ONP - i messaggi, per farsi notare, devono avere dimensioni significative - deperibilità (validità temporale breve) Pubblicazioni: costi di pubblicazione e promozione molto elevati Internet Affissione Esempi: banner pubblicitari, articoli che parlano dell ONP, sito web, . Internet, mezzo di informazione e comunicazione immediato, è il nuovo mezzo di comunicazione di massa. Non essere presenti sulla rete significa deludere le aspettative del pubblico di riferimento che ormai si aspetta di trovarvi e ricevere informazioni Esempi: manifesti, gonfaloni, poster, cartelli volanti, manifesti fermata bus, cartelli tram - Ottimo rapporto costibenefici - Elevata flessibilità perché il lead time è molto basso - Messaggio multimediale, ovvero composto di testo, grafica, suono e video - Comunicazione interattiva: chi naviga può interagire e dare il proprio feed-back I costi sono contenuti e il messaggio è operativo 24 ore al giorno - Analfabetismo informatico 1 - Difficoltà e onerosità a creare visibilità e traffico Il messaggio deve essere necessariamente breve e conciso Manifestazioni ed eventi Esempi: manifestazioni, premiazioni, festival, convegni e conferenze Occasione più o meno formale per coinvolgere direttamente staff, volontari, sostenitori ecc. (fidelizzazione) e per coinvolgere nuovi potenziali sostenitori Tabella 3. I mezzi di comunicazione di una ONP. La difficoltà sta nel saper organizzare l evento, nel saper trasformare l evento in un utile strumento di comunicazione. Se mal organizzato, può dare una cattiva immagine dell ONP 18 Fundraising: che cosa, come e perché Il termine fundraising tradotto letteralmente significa elevamento o aumento di fondi (quindi non solo raccolta di fondi come viene spesso interpretato); è un termine, dunque, che porta in sé un idea di comportamento proattivo e dinamico, di strategie e azioni da realizzare affinché si attui uno sviluppo nella raccolta di risorse e di conseguenza nelle attività istituzionali. In altre parole si può dire che con l espressione fundraising si indica l insieme delle strategie e delle azioni che un organizzazione non profit sviluppa affinché possa garantire nel tempo un continuo afflusso di risorse finanziarie elargite gratuitamente per sostenere le attività istituzionali. Risulta immediatamente chiaro che sono categoricamente da escludere da tali attività quelle commerciali in senso classico e le prestazioni di servizi a pagamento; possono essere ricomprese soltanto le elargizioni a titolo gratuito. Dunque, per parlare di fundraising bisogna fare riferimento al doppio circuito tipico di una ONP: da una parte, esiste un cliente/utente che riceve una prestazione di servizi o un bene relazionale, dall altra, l organizzazione riceve da un cosiddetto terzo pagante quanto necessita per realizzare i propri obiettivi. Per comprendere il motivo per cui in una ONP l attività di fundraising riveste un ruolo così determinante, bisogna capire le ragioni delle difficoltà a reperire risorse finanziarie in altro modo. 1. Al momento in Italia, rispetto agli altri paesi avanzati, la penetrazione di internet è bassa, pari a circa il 10% della popolazione, anche se è previsto un trend di forte crescita: si stima che nel giro di 3 anni la diffusione toccherà circa il 50% della popolazione italiana.

5 In primo luogo, in queste organizzazioni manca il capitale di rischio, non esistendo uno o più proprietari; a ciò si associa la strutturale difficoltà connessa all accesso al credito e ai finanziamenti di banche o società finanziarie, dovuta all impossibilità di poter fornire sufficienti garanzie reali per la carenza di beni immobili o mobili nel patrimonio delle ONP. Un altra concausa è da ricercarsi nella ancor diffusa difficoltà culturale di considerare l avanzo di gestione come un obiettivo, anche se intermedio rispetto agli obiettivi istituzionali, da ottenere e migliorare come fonte essenziale e primaria di autofinanziamento. Infine, si segnala, per taluni casi, una sorta di dipendenza dagli enti pubblici. Il fundraising è composto di una molteplicità di processi che un organizzazione deve svolgere (direttamente o in outsourcig), come schematizzato di seguito. 1 Focus sulla mission È importante che lo sviluppo di un azione di fundraising inizi da questo punto, visto che viene implementata come attività di supporto per il raggiungimento delle finalità istituzionali; essa dunque, per quanto strategica, non dovrà mai divenire predominante rispetto alle attività tipiche dell organizzazione. A questo scopo, è buona prassi stilare la cosiddetta carta degli intenti, documento riportante le informazioni principali che si vogliono portare all attenzione di tutti i soggetti cui verrà chiesto di sostenere l organizzazione e i suoi progetti. Nella carta dovranno essere presentati chiaramente la mission, gli obiettivi, gli strumenti e le modalità con cui opera la ONP. 2 Analisi degli stakeholder Tenendo conto che in quest ambito l analisi verrà compiuta solo sul gruppo ristretto dei donatori (o potenziali donatori), si può distinguere tra: - donatori individuali (persone fisiche); - imprese; - enti pubblici, locali, nazionali e sovranazionali; - fondazioni bancarie. Per ciascuna categoria è fondamentale analizzare che cosa sia già stato fatto in passato, in termini di contatti e di risultati, per poi definire le modalità di intervento per il futuro e gli obiettivi sperati, partendo dalla stesura di un database target dell intervento. 3 Strumenti Una volta realizzata la segmentazione degli stakeholder è necessario compiere una verifica sia per appurare lo stato dell arte dei rapporti tra i donatori e l organizzazione, sia per pianificare le strategie e le azioni per i rapporti futuri. Infine, sarà necessario individuare e applicare gli strumenti e le tecniche più congeniali per raggiungere gli obiettivi attesi. 4 Monitoraggio Ogni azione deve poi essere monitorata costantemente per verificare il raggiungimento degli obiettivi e, nel caso ciò non si stia realizzando pienamente, per attivare i correttivi più opportuni affinché il risultato non venga compromesso. Naturalmente, un efficace attività di fundraising presuppone, anche in un ottica di fidelizzazione del donatore, una puntuale rendicontazione sull uso dei soldi raccolti. Per questo, alcuni tra i più accreditati rappresentanti del Terzo settore Forum permanente del Terzo settore, Sodalitas, Summit della solidarietà e Telethon hanno realizzato un codice di autoregolamentazione, la Carta della donazione, attraverso cui l ONP garantisce ai donatori il loro diritto a un informazione precisa e trasparente. Figura 2. L attività di fundraising. 19

6 Risulta chiaro che gestire le attività di fundraising, secondo quanto appena indicato, significa possedere delle competenze diversificate, dalla psicologia all economia, alla comunicazione, al marketing, al diritto, alle pubbliche relazioni, e possedere altresì abilità in termini di praticità, sensibilità. Tutto ciò per rilevare, analizzare, valutare, ideare, predisporre e realizzare le azioni di fundraising più coerenti con le tipologie di donatori che si vogliono coinvolgere. Per tale motivo non tutte le ONP sono in grado di svolgere autonomamente tale delicato processo; entra così in gioco una nuova figura professionale: il fundraiser. Secondo una ricerca svolta dall Aiccon (Associazione italiana per la promozione della cultura della cooperativa e del non profit) sarebbero almeno 8 mila gli esperti in fundraising richiesti dalle organizzazioni non profit italiane e si prevede che entro il 2005 l economia civile creerà 200 mila nuovi posti di lavoro, una buona percentuale dei quali attinenti a vario titolo all attività di raccolta fondi 2. È ormai palese come il fundraiser, colui che raccoglie le risorse necessarie al conseguimento della loro mission per gli enti non lucrativi, sia diventata una figura decisiva per la crescita del Terzo settore e il fundraising un attività che costituirà uno dei motori della sua crescita 3. Il costo del fundraising Quando si tratta di valutare l azione di fundraising e i relativi costi in rapporto a quanto raccolto, le opinioni sono diverse. C è chi afferma che una buona campagna che non raccoglie soldi è una campagna fallita, chi afferma che oltre al valore economico prodotto (ricavi costi) esiste un valore meta-economico in termini di comunicazione e immagine che l organizzazione ha prodotto per il fatto di essere entrata sul mercato attirando attenzione. Da uno studio a cura della Fund Raising School è emerso che per i donatori la conoscenza dei dati circa il costo del fundraising è uno dei fattori discriminanti per una corretta informazione. Il tema dei costi è di vitale importanza e ancora di più lo è se si pensa che nessuna organizzazione non profit è un isola a sé stante. Infatti, se tutte le organizzazioni riducono i costi di fundraising, tutte ne guadagnano, a motivo del maggior incasso netto, ma se una sola organizzazione riduce le sue spese, anche le rimanenti si prendono il guadagno. Inoltre, non si deve fare l errore di scambiare costi alti nel fundraising come indicatore di cattiva gestione e inefficienza; per esprimere un giudizio si deve compiere un analisi avendo presenti diversi elementi, come per esempio il capitale investito, il capitale raccolto, la fase di sviluppo dell ente e il suo grado di notorietà. Non si può, dunque, individuare un livello ottimale di spesa teorico della raccolta fondi valido in generale, ma è doverosa una riflessione: nella valutazione delle spese per la raccolta dei fondi, le organizzazioni non profit hanno storicamente rivolto l attenzione al valore medio dei costi sostenuti; è errato: l attenzione deve essere rivolta al rendimento marginale. Un esempio significativo: le sponsorizzazioni sociali Sono svariati gli strumenti utilizzabili per raccogliere fondi: dalla tradizionale organizzazione di un grande evento (festa in piazza, tombolata, cena di gala e così via), al direct-mail (invio random di lettere e volantini) e al telemarketing (contatto telefonico). Presentiamo qui una delle attività di gran lunga più efficaci quando il donatore è un impresa: la sponsorizzazione. 20 L espressione sponsorizzazione sociale non indica un azione ben precisa, ma un ventaglio di modalità di relazione che le ONP possono instaurare con le imprese, differenti per caratteristiche operative, modalità di contribuzione e finalità. Tra le più importanti segnaliamo: le sponsorizzazioni istituzionali e di eventi: l impresa sponsor sostiene, attraverso un contribuito, i progetti e le attività istituzionali dell organizzazione non profit o uno specifico evento (manifestazioni di piazza, convegni); 2. Significativo a tale proposito è che sono sempre più numerose le università italiane che offrono corsi di studio ad hoc, da quelli di specializzazione dell Università Bocconi alla Fund Raising School di Forlì. 3. Si pensi che nel 2000 il Terzo settore ha raccolto oltre 1 miliardo di euro e che si tratta di un trend in crescita.

7 Cause Related Marketing: questa modalità prevede la promozione di un prodotto collegato a una buona causa. Il prodotto diventa il mezzo per trasmettere il messaggio sociale e il contributo economico è collegato in tutto, o in parte, ai risultati di vendita conseguiti; tra gli esempi più noti ricordiamo il legame tra Wwf e Golia Bianca. Support Salary Programme: l azienda diventa strumento per la promozione della causa presso i propri dipendenti, che sono chiamati a contribuire destinando una piccola parte del loro stipendio al finanziamento del progetto proposto. L impresa sostiene l iniziativa con un versamento iniziale oppure incrementando i fondi raccolti presso i dipendenti. Merchandising: in questa tipologia rientrano le attività di vendita di prodotti quali biglietti augurali, calendari e altri oggetti promozionali. Al contrario delle altre forme di raccolta fondi, la sponsorizzazione non consiste in una mera donazione, ma si basa su un rapporto di scambio in una logica simile a quella del do ut des latino. Tale attività, infatti, dal punto di vista aziendale ha un grande valore commerciale (creazione/rafforzamento di un immagine positiva dell impresa o abbinamento di marchi per la vendita di beni sul mercato). Dunque, risulta chiaro che le sponsorizzazioni sociali costituiscono per le imprese un attività di marketing; le ONP, quindi, si devono preoccupare di fornire loro tutte le informazioni utili a definire quale sarà il target raggiunto e il conseguente ritorno di immagine. Per questa ragione è indispensabile raccogliere preventivamente le informazioni relative alla notorietà e all immagine del marchio dell associazione, oltre a fornire un sintetico profilo socio-demografico degli attuali e potenziali sostenitori (approccio sistemico agli sponsor). È evidente che la gestione dei rapporti con le imprese è un attività molto delicata, soprattutto per chi assume posizioni critiche nei confronti del mondo delle imprese; per tale motivo, spesso, nella stesura della Carta degli intenti viene dedicato un paragrafo alle definizione dei criteri e delle linee guida che dovranno essere seguite nell implementazione delle attività di fundraising. Un finanziatore speciale: l Unione europea L integrazione europea gioca un importante opportunità per il Terzo settore, in particolare attraverso due fattori che esaltano il ruolo dell economia sociale: la visione globale e la sussidiarietà. Ogni impresa, non soltanto in senso economico, nasce da un originante visione di prospettive e di opportunità per rispondere a bisogni e ciò è particolarmente vero per l economia sociale. L integrazione delle società europee, la valorizzazione di lingue e culture locali, il rinnovamento in atto nei paesi dell Est di prossimo accesso, uniti alla sostenibile accoglienza dei flussi migratori, sono dimensioni in cui il non profit può esprimere illimitate risorse creative. L Europa, divenuta soggetto politico, si trova inoltre a svolgere un ruolo essenziale, soprattutto in aree quali il rispetto dei diritti umani, la cooperazione allo sviluppo e la tutela dell ambiente. Si tratta di campi d intervento in cui l economia sociale è per definizione in prima linea, con un insostituibile ruolo anche politico. L Europa comunitaria, inoltre, è l unico soggetto politico che ha come principio fondamentale la sussidiarietà. Scopo del principio di sussidiarietà è far sì che le decisioni comunitarie vengano prese a un livello quanto più possibile vicino ai cittadini e sul piano istituzionale ciò si esprime attraverso due obiettivi antitetici. Da un lato, il principio autorizza l intervento della Comunità nella misura in cui un obiettivo non può essere realizzato dagli Stati a livello nazionale, dall altro, tende a garantire la competenza degli Stati nei settori in cui l intervento comunitario non garantirebbe soluzioni migliori di quelle locali. La sussidiarietà come principio costituzionale europeo offre all economia sociale una bandiera e un potente strumento di affermazione della propria originaria identità. 21

8 Bibliografia M. Andreaus, Le aziende non profit: circuiti gestionali, sistema informativo e bilancio d esercizio, Giuffrè, Milano P. Capaldo, Le aziende non profit tra stato e mercato, in Atti del XVIII Convegno Annuale AIDEA, CLUEB Bologna P. Kotler, A. Andreasen, Marketing per le organizzazioni non profit, Il Sole-24 Ore, Milano F. Manfredi, Le sponsorizzazioni sociali, Etas Libri, Milano D. Mason, V. Meandri, Il management delle organizzazioni non profit, Maggioli, Santarcangelo di Romagna 1999 V. Meandri, A. Masacci, Fund raising per le organizzazioni non profit, Il Sole-24 Ore, Milano A. Merlo (a cura di), Aziende non profit: una raccolta di casi di studio, Egea, Milano P. Milanese, Non profit marketing e valore sociale, Egea, Milano

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

THE FUND RAISING SCHOOL. www.fundraisingschool.it. Calendario Corsi 2015

THE FUND RAISING SCHOOL. www.fundraisingschool.it. Calendario Corsi 2015 THE FUND RAISING SCHOOL Calendario Corsi 2015 www.fundraisingschool.it LA PRIMA SCUOLA ITALIANA DI RACCOLTA FONDI Nata nel 1999 The Fund Raising School è la prima scuola di formazione italiana dedicata

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio Croce Rossa Italiana Campagna Soci Ordinari CAMPAGNA SOCI ORDINARI Pagina 1 di 12 SOMMARIO 1. Premessa... 3 2. Quali sono gli obiettivi della Campagna Soci Ordinari... 4 3. Cosa vuol dire essere Soci Ordinari

Dettagli

1 BI Business Intelligence

1 BI Business Intelligence K Venture Corporate Finance Srl Via Papa Giovanni XXIII, 40F - 56025 Pontedera (PI) Tel/Fax 0587 482164 - Mail: info@kventure.it www.kventure.it 1 BI Business Intelligence Il futuro che vuoi. Sotto controllo!

Dettagli

FAR EAST FILM FESTIVAL 16 Il più grande festivaldel cinema dall Estremo Oriente

FAR EAST FILM FESTIVAL 16 Il più grande festivaldel cinema dall Estremo Oriente FAR EAST FILM FESTIVAL 16 Il più grande festivaldel cinema dall Estremo Oriente un grande evento mondiale una grande festa popolare Che cos è Far east Film Festival? Un grande evento popolare Far East

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

Il Fund Raising per la cultura: realtà o miraggio?

Il Fund Raising per la cultura: realtà o miraggio? Il Fund Raising per la cultura: realtà o miraggio? Marianna Martinoni Per citare il contenuto di queste slides, usate il seguente formato: Martinoni M, (2010), Lezioni di fundraising: Il Fund Raising per

Dettagli

MASTER IN INNOVATIVE MARKETING, E-MANAGEMENT & CREATIVE SOLUTIONS

MASTER IN INNOVATIVE MARKETING, E-MANAGEMENT & CREATIVE SOLUTIONS MASTER IN INNOVATIVE MARKETING, E-MANAGEMENT & CREATIVE SOLUTIONS Eidos Communication Via G. Savonarola, 31 00195 Roma T. 06. 45.55.54.52. F. 06. 45.55.55.44. E. info@eidos.co.it W. www.eidos.co.it INFORMAZIONI

Dettagli

Cap.12 Le relazioni pubbliche. Corso di Comunicazione d Impresa - A.A. 2011-2012 Prof. Fabio Forlani - fabio.forlani@uniurb.it

Cap.12 Le relazioni pubbliche. Corso di Comunicazione d Impresa - A.A. 2011-2012 Prof. Fabio Forlani - fabio.forlani@uniurb.it Cap.12 Le relazioni pubbliche Corso di Comunicazione d Impresa - A.A. 2011-2012 Prof. Fabio Forlani - fabio.forlani@uniurb.it Capitolo 12 Le relazioni pubbliche Le relazioni pubbliche (PR) Insieme di attività

Dettagli

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE FAMIGLIA IN COMPAGNIA (allegato n. 2) PREMESSA Il Progetto FAMIGLIA IN COMPAGNIA mette al

Dettagli

GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006

GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006 GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006 PROGRAMMA: Area Management e Marketing dei Beni Culturali INTRODUZIONE AL MARKETING Introduzione ed Obiettivi Il marketing nell

Dettagli

INTERACTIVE ADVERTISING New media per nuove strategie

INTERACTIVE ADVERTISING New media per nuove strategie INTERACTIVE ADVERTISING New media per nuove strategie Mobile Marketing Interattivo QR Code Inside Active Mailing Interattivo Interattivo Chi Siamo Interactive Advertising si avvale di un network di manager

Dettagli

nel mondo delle professioni e della salute

nel mondo delle professioni e della salute Una Aggiornamento storia che e si formazione rinnova nel mondo delle professioni e della salute una rete di professionisti, la forza dell esperienza, l impegno nell educazione, tecnologie che comunicano.

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

BANDI 2015 2. 1) Come presentare un progetto sui bandi della Fondazione. 2) La procedura di selezione e valutazione dei progetti

BANDI 2015 2. 1) Come presentare un progetto sui bandi della Fondazione. 2) La procedura di selezione e valutazione dei progetti BANDI 2015 2 Guida alla presentazione La Fondazione Cariplo è una persona giuridica privata, dotata di piena autonomia gestionale, che, nel quadro delle disposizioni della Legge 23 dicembre 1998, n. 461,

Dettagli

Mai più senza smartphone.

Mai più senza smartphone. Mai più senza smartphone. Il telefonino ha superato il pc come mezzo di consultazione del web: 14,5 milioni contro 12,5 milioni.* Sempre più presente, lo smartphone è ormai parte integrante delle nostre

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

Content marketing per acquisire e fi delizzare i clienti

Content marketing per acquisire e fi delizzare i clienti Alessandra Cimatti*, Paolo Saibene Marketing Content marketing per acquisire e fi delizzare i clienti Nelle fasi iniziali del processo d acquisto, oggigiorno, i compratori sono dei fai da te e - sempre

Dettagli

Informazioni sulle modalità di collaborazione al Progetto Avvocato di Strada

Informazioni sulle modalità di collaborazione al Progetto Avvocato di Strada Informazioni sulle modalità di collaborazione al Progetto Avvocato di Strada Uno degli obiettivi istituzionali del Progetto Avvocato di Strada è quello di esportare il proprio modello nelle città dove

Dettagli

Piano Giovani di Zona Quattro Vicariati Comuni di Ala, Avio, Brentonico, Mori e Ronzo-Chienis

Piano Giovani di Zona Quattro Vicariati Comuni di Ala, Avio, Brentonico, Mori e Ronzo-Chienis Piano Giovani di Zona Quattro Vicariati Comuni di Ala, Avio, Brentonico, Mori e Ronzo-Chienis BANDO PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI PER LA FORMAZIONE DEL PIANO OPERATIVO GIOVANI (POG) Anno 2015 PREMESSA:

Dettagli

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo:

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo: SCHEDA 1/B SCHEDA PROGETTO PER L IMPEGNO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN EMILIA-ROMAGNA ENTE 1)Ente proponente il progetto: CARITAS DIOCESANA DI REGGIO EMILIA GUASTALLA (legata da vincoli associativi

Dettagli

Le associazioni di volontariato iscritte nei registri regionali: le imposte sul reddito

Le associazioni di volontariato iscritte nei registri regionali: le imposte sul reddito OdV Le associazioni di volontariato iscritte nei registri regionali: le imposte sul reddito di Sebastiano Di Diego* Nell articolo viene descritto il variegato regime fiscale, ai fini IRES, delle associazioni

Dettagli

10 errori e-mail da evitare!

10 errori e-mail da evitare! 10 errori e-mail da evitare! Dal sito PILLOLE DI MARKETING WEB Le e-mail sono parte integrante dell attività di business come mezzo di contatto e di relazione e come tali diffondono l immagine di aziende

Dettagli

DEOR DISSEMINATION AND EXPLOITATION OF RESULTS

DEOR DISSEMINATION AND EXPLOITATION OF RESULTS DEOR DISSEMINATION AND EXPLOITATION OF RESULTS AGENDA Il contesto la strategia europea Significati e definizioni Disseminazione:quando e come, a beneficio di chi? Youthpass Link e materiali di disseminazione

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School.

Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School. Avviso 2014C-01 del 30/12/2014 Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School. La Fondazione Bologna University Business School (d ora in poi

Dettagli

Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense

Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense Chi siamo Siamo una delle più consolidate realtà di Internet Marketing in Italia: siamo sul mercato dal 1995, e

Dettagli

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI?

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI? FAQ: AREA DELLA PROGRAMMAZIONE (PDP) QUAL È LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO SUI DSA NELLA SCUOLA? Al momento è in vigore la Legge 170 che regola in modo generale i diritti delle persone con DSA non soltanto

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI PREMESSA Nell ambito del Programma Torino e le Alpi, la Compagnia di San Paolo ha promosso dal 12 al 14 settembre 2014,

Dettagli

TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT

TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT E quell insieme di organizzazioni che producono beni/servizi e gestiscono attività fuori dal mercato o, se operano nel mercato, agiscono con finalità non

Dettagli

L IDEA PER FAR CONOSCERE A TUTTI

L IDEA PER FAR CONOSCERE A TUTTI L IDEA PER FAR CONOSCERE A TUTTI IL VOSTRO LAVORO E LA VOSTRA PASSIONE I VOSTRI CAVALLI La nostra iniziativa vuole essere un aiuto agli allevatori per raggiungere ogni potenziale cliente e trasformarlo

Dettagli

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 NORME GENERALI Art. 1 Validità del regolamento interno Il presente regolamento, derivante dai principi espressi dallo Statuto da cui discende, rappresenta le regole e le concrete

Dettagli

Programma di Compliance Antitrust. Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001

Programma di Compliance Antitrust. Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001 Programma di Compliance Antitrust Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001 Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 19 febbraio 2015 Rev 0 del 19 febbraio

Dettagli

Master in Fundraising e Project Management

Master in Fundraising e Project Management Master in Fundraising e Project Management Il Master in Fundraising e Project Management, in collaborazione con l Università degli Studi di Roma Tor Vergata, è volto a formare esperti di raccolta fondi

Dettagli

FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA

FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA novembre 2004 FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA CICLO DI FORMAZIONE SUL RUOLO E SULLA VALORIZZAZIONE DELLA MARCA NELLA VITA AZIENDALE 3, rue Henry Monnier F-75009 Paris www.arkema.com TEL (+33)

Dettagli

BRM. Tutte le soluzioni. per la gestione delle informazioni aziendali. BusinessRelationshipManagement

BRM. Tutte le soluzioni. per la gestione delle informazioni aziendali. BusinessRelationshipManagement BRM BusinessRelationshipManagement Tutte le soluzioni per la gestione delle informazioni aziendali - Business Intelligence - Office Automation - Sistemi C.R.M. I benefici di BRM Garantisce la sicurezza

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTÀ DI SCIENZE STATISTICHE CORSO DI LAUREA IN STATISTICA E GESTIONE DELLE IMPRESE TESI DI LAUREA LA PUBBLICITA E LA SUA EFFICACIA: UNA RASSEGNA. RELATORE: PROF.SSA

Dettagli

Che cos è il Marketing 3.0?

Che cos è il Marketing 3.0? Che cos è il Marketing 3.0? di Fabrizio Pieroni Philip Kotler, studioso di Marketing attento ai cambiamenti della società e pronto a modificare di conseguenza le sue posizioni, ha recentemente presentato

Dettagli

Catalogo formativo. Kaleidos Comunicazione Training Dpt. 01/01/2014

Catalogo formativo. Kaleidos Comunicazione Training Dpt. 01/01/2014 2014 Catalogo formativo Kaleidos Comunicazione Training Dpt. 01/01/2014 Internet Training Program Email Marketing Negli ultimi anni l email è diventata il principale strumento di comunicazione aziendale

Dettagli

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI)

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI) Pag. 1 di 16 PROCEDURE DEL MODELLO Pag. 2 di 16 Indice PROCEDURE DEL MODELLO... 1 PCI 01 - VENDITA DI SERVIZI... 3 PCI 02 PROCEDIMENTI GIUDIZIALI ED ARBITRALI... 5 PCI 03 AUTORIZZAZIONI E RAPPORTI CON

Dettagli

Il master è in collaborazione con

Il master è in collaborazione con Il Master in Turismo Sostenibile e Responsabile - Imprenditorialità e Management ideato dal Centro Studi CTS, giunto alla XII edizione, in collaborazione con Scuola di Comunicazione IULM e AITR - Associazione

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

Guida ai Circoli professionali del Rotary

Guida ai Circoli professionali del Rotary Guida ai Circoli professionali del Rotary Rotary International Rotary Service Department One Rotary Center 1560 Sherman Avenue Evanston, IL 60201-3698 USA www.rotary.org/it 729-IT (412) Introduzione ai

Dettagli

FORMAZIONE SUL CAMPO IN FARMACIA

FORMAZIONE SUL CAMPO IN FARMACIA FORMAZIONE SUL CAMPO IN FARMACIA Proposte formative 2011 Novità accreditamento ECM FINALITA Per soddisfare l esigenza di aggiornamento professionale continuo, grazie all esperienza maturata da Vega nelle

Dettagli

Elaidon Web Solutions

Elaidon Web Solutions Elaidon Web Solutions Realizzazione siti web e pubblicità sui motori di ricerca Consulente Lorenzo Stefano Piscioli Via Siena, 6 21040 Gerenzano (VA) Telefono +39 02 96 48 10 35 elaidonwebsolutions@gmail.com

Dettagli

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno Indice 01. 02. 03. I tipi di house organ Dall idea al progetto I contenuti A

Dettagli

Logistica digitale delle Operazioni a premio

Logistica digitale delle Operazioni a premio Logistica digitale delle Operazioni a premio La piattaforma logistica delle operazioni a premio digitali BITGIFT è la nuova piattaforma dedicata alla logistica digitale delle vostre operazioni a premio.

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

INFORMATIVA SUI COOKIE

INFORMATIVA SUI COOKIE INFORMATIVA SUI COOKIE I Cookie sono costituiti da porzioni di codice installate all'interno del browser che assistono il Titolare nell erogazione del servizio in base alle finalità descritte. Alcune delle

Dettagli

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 9306 LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 Norme per la sicurezza, la qualità e il benessere sul lavoro. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Dettagli

Business Process Modeling Caso di Studio

Business Process Modeling Caso di Studio Caso di Studio Stefano Angrisano, Consulting IT Specialist December 2007 2007 IBM Corporation Sommario Perché l architettura SOA? Le aspettative del Cliente. Ambito applicativo oggetto dell introduzione

Dettagli

PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE

PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE LINEE GUIDA PER UNA EFFICACE PRESENTAZIONE DI UN BUSINESS PLAN INTRODUZIONE ALLA GUIDA Questa breve guida vuole indicare in maniera chiara ed efficiente gli elementi salienti

Dettagli

BANDO DEV REPORTER NETWORK

BANDO DEV REPORTER NETWORK BANDO DEV REPORTER NETWORK Premessa La Federazione Catalana delle Ong per lo Sviluppo (FCONGD), il Consorzio delle Ong Piemontesi (COP) e la Rete Rhône-Alpes di appoggio alla cooperazione (RESACOOP) realizzano

Dettagli

PASSEPARTOUT PLAN PLANNING E AGENDA I PLANNING LA MAPPA INTERATTIVA LA GESTIONE DEI SERVIZI LA PRENOTAZIONE

PASSEPARTOUT PLAN PLANNING E AGENDA I PLANNING LA MAPPA INTERATTIVA LA GESTIONE DEI SERVIZI LA PRENOTAZIONE PASSEPARTOUT PLAN Passepartout Plan è l innovativo software Passepartout per la gestione dei servizi. Strumento indispensabile per una conduzione organizzata e precisa dell attività, Passepartout Plan

Dettagli

AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A. delle Vie Francigene

AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A. delle Vie Francigene AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A delle Vie Francigene Pacchetto Soci 2015 1 MOSTRA DA CANTERBURY A ROMA: 1.800 KM ATTRAVERSO L EUROPA La mostra approfondisce, attraverso immagini supportate da testi

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

agenzia per le ONLUS Linee Guida per la Raccolta dei Fondi Agenzia per le Organizzazioni Non Lucrative di Utilità Sociale

agenzia per le ONLUS Linee Guida per la Raccolta dei Fondi Agenzia per le Organizzazioni Non Lucrative di Utilità Sociale agenzia per le Linee Guida per la Raccolta dei Fondi Agenzia per le Organizzazioni Non Lucrative di Utilità Sociale Linee Guida per la Raccolta dei Fondi 2010 Linee Guida per la Raccolta dei Fondi maggio

Dettagli

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo Pagina 1 di 24 INTRODUZIONE SEZ 0 Manuale Operativo DOCUMENTO TECNICO PER LA CERTIFICAZIONE DEL PROCESSO DI VENDITA DEGLI AGENTI E RAPPRESENTANTI DI COMMERCIO OPERANTI PRESSO UN AGENZIA DI RAPPRESENTANZA:

Dettagli

I profili con maggiore potenzialità occupazionale nel non profit in Europa, riscontrati attraverso le vacancy e nel recruitment passaparola

I profili con maggiore potenzialità occupazionale nel non profit in Europa, riscontrati attraverso le vacancy e nel recruitment passaparola I profili con maggiore potenzialità occupazionale nel non profit in Europa, riscontrati attraverso le vacancy e nel recruitment passaparola Europrogettista Il profilo è ricercato in particolare da ONG,

Dettagli

La par condicio. Sintesi dei principali adempimenti per l emittenza radiotelevisiva locale

La par condicio. Sintesi dei principali adempimenti per l emittenza radiotelevisiva locale La par condicio Sintesi dei principali adempimenti per l emittenza radiotelevisiva locale Par condicio fonti normative Legge 515/93 (Disciplina delle campagne elettorali per l elezione alla Camera dei

Dettagli

L attività più diffusa a livello mondiale è quella di inviare e ricevere SMS.

L attività più diffusa a livello mondiale è quella di inviare e ricevere SMS. SMS: usali per raggiungere i tuoi contatti... con un click! Guida pratica all utilizzo degli sms pubblicitari L attività più diffusa a livello mondiale è quella di inviare e ricevere SMS. 2 SMS: usali

Dettagli

Codice deontologico dell Assistente Sociale

Codice deontologico dell Assistente Sociale Codice deontologico dell Assistente Sociale Approvato dal Consiglio Nazionale dell Ordine Roma, 6 aprile 2002 TITOLO I Definizione e potestà disciplinare 1. Il presente Codice è costituito dai principi

Dettagli

La Fiera di successo Una Guida per gli espositori.

La Fiera di successo Una Guida per gli espositori. La Fiera di successo Una Guida per gli espositori. Pagina 5 Introduzione Indice Indice LA PREPARAZIONE DELLA FIERA Pagina GLI OBIETTIVI DI PARTECIPAZIONE Definite gli obiettivi prima di agire! 4 LA PIANIFICAZIONE

Dettagli

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia la gestione dei processi di comunicazione in quale scenario deve identificarsi un progetto di miglioramento, nella gestione dei beni digitali per

Dettagli

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Modello 730 precompilato e fatturazione elettronica Roma, 11 marzo 2015 2 PREMESSA Signori

Dettagli

PROGETTO ACCOGLIENZA RIFUGIATI SOMALI

PROGETTO ACCOGLIENZA RIFUGIATI SOMALI ASSOCIAZIONE ROS ACCOGLIENZA ONLUS Piazza del Popolo, 22 Castagneto Carducci (LI) Tel. 0565 765244 FAX 0586 766091 PROGETTO ACCOGLIENZA RIFUGIATI SOMALI Target I beneficiari del progetto saranno circa

Dettagli

MARKETING INTELLIGENCE SUL WEB:

MARKETING INTELLIGENCE SUL WEB: Via Durini, 23-20122 Milano (MI) Tel.+39.02.77.88.931 Fax +39.02.76.31.33.84 Piazza Marconi,15-00144 Roma Tel.+39.06.32.80.37.33 Fax +39.06.32.80.36.00 www.valuelab.it valuelab@valuelab.it MARKETING INTELLIGENCE

Dettagli

DEFINIZIONE DEL PIANO DI COMUNICAZIONE INTERNA Fare della Vostra Azienda il Miglior Posto in cui Lavorare

DEFINIZIONE DEL PIANO DI COMUNICAZIONE INTERNA Fare della Vostra Azienda il Miglior Posto in cui Lavorare DEFINIZIONE DEL PIANO DI COMUNICAZIONE INTERNA Fare della Vostra Azienda il Miglior Posto in cui Lavorare Creating Your Future Impostazione e Linee Guida Obiettivi Questo documento illustra l approccio

Dettagli

Lettera d invito... 3. SEZIONE 1. PREMESSA, OBIETTIVI E AREE DI INTERVENTO... 4 1.1 Premessa... 4 1.2 Obiettivi e Aree di intervento...

Lettera d invito... 3. SEZIONE 1. PREMESSA, OBIETTIVI E AREE DI INTERVENTO... 4 1.1 Premessa... 4 1.2 Obiettivi e Aree di intervento... Bando Ambiente 2015 Sommario Lettera d invito... 3 SEZIONE 1. PREMESSA, OBIETTIVI E AREE DI INTERVENTO... 4 1.1 Premessa... 4 1.2 Obiettivi e Aree di intervento... 4 SEZIONE 2. CRITERI PER LA PARTECIPAZIONE

Dettagli

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari Circ.-CFB 98/2 Commerciante di valori mobiliari Pagina 1 Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari (Commerciante di valori mobiliari)

Dettagli

ORGANIGRAMMA E FUNZIONIGRAMMA

ORGANIGRAMMA E FUNZIONIGRAMMA 1 SCOPO Lo scopo del presente documento è di descrivere le mansioni e le responsabilità connesse alla gestione delle attività da parte di PHISIOVIT SRL 2 DESCRIZIONE DEL DOCUMENTO PHISIOVIT SRL, per favorire

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

Allegato "A" al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE "In Atto" Art. 1) Ai sensi della Legge 7

Allegato A al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE In Atto Art. 1) Ai sensi della Legge 7 Allegato "A" al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE "In Atto" Art. 1) Ai sensi della Legge 7 dicembre 2000, n. 383 e delle norme del codice civile in tema

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Produzioni dal Basso. Manuale di utilizzo della piattaforma

Produzioni dal Basso. Manuale di utilizzo della piattaforma Produzioni dal Basso Manuale di utilizzo della piattaforma FolkFunding 2015 Indice degli argomenti: 1 - CROWDFUNDING CON PRODUZIONI DAL BASSO pag.3 2 - MODALITÁ DI CROWDFUNDING pag.4 3- CARICARE UN PROGETTO

Dettagli

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012 anno 2 - numero 3 - marzo/aprile 2012 MADE IN ITALY PAVANELLOMAGAZINE l intervista Certificazione energetica obbligatoria Finestra Qualità CasaClima Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente Articolo 1 (Principi generali) 1. Ogni persona ha diritto all apprendimento permanente. 2. Per apprendimento permanente si

Dettagli

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying by Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying di Alberto Cattaneo Partner, Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying Ormai è diventato un

Dettagli

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI A tutti i Ministeri - Uffici di Gabinetto -Uffici del

Dettagli

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA 1. A norma degli articoli 14 e seguenti del Codice Civile è costituita la Fondazione dell

Dettagli

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici SOMMARIO SERVIZI ALLE AZIENDE E AGLI ENTI PUBBLICI - accoglienza; - consulenza relativa alle comunicazioni obbligatorie; - servizio

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE Volume VIII manuali campi volontariato Il fare e il dire di Legambiente nei campi Dal 1991 ad oggi sono stati oltre 3.000 i campi di volontariato che Legambiente

Dettagli

La carta dei servizi al cliente

La carta dei servizi al cliente La carta dei servizi al cliente novembre 2013 COS E LA CARTA DEI SERVIZI La Carta dei Servizi dell ICE Agenzia si ispira alle direttive nazionali ed europee in tema di qualità dei servizi e rappresenta

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

Essere biblioteca, fare biblioteche Spazi, servizi, risorse

Essere biblioteca, fare biblioteche Spazi, servizi, risorse Essere biblioteca, fare biblioteche Spazi, servizi, risorse Trento 20 maggio 2011 1 Il Consorzio SBCR Atto Costitutivo 31 Luglio 1997 Il Consorzio per il sistema bibliotecario dei Castelli Romani è nato

Dettagli

Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore!

Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore! Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore! oppure La Pubblicità su Google Come funziona? Sergio Minozzi Imprenditore di informatica da più di 20 anni. Per 12 anni ha lavorato

Dettagli

Ottimizzare gli sconti per incrementare i profitti

Ottimizzare gli sconti per incrementare i profitti Ottimizzare gli sconti per incrementare i profitti Come gestire la scontistica per massimizzare la marginalità di Danilo Zatta www.simon-kucher.com 1 Il profitto aziendale è dato da tre leve: prezzo per

Dettagli

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi ONDI OMUNI: AI A CELTA IUSTA Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi CONOSCERE I FONDI D INVESTIMENTO, PER FARE SCELTE CONSAPEVOLI I fondi comuni sono

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE

REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE Premessa Impresa in azione è il programma didattico dedicato agli studenti degli ultimi anni della Scuola Superiore e pensato per valorizzare la creatività e lo spirito imprenditoriale

Dettagli

EDUCATRICE ed EDUCATORE PROFESSIONALE

EDUCATRICE ed EDUCATORE PROFESSIONALE EDUCATRICE ed EDUCATORE PROFESSIONALE 1. CARTA D IDENTITÀ...2 2. CHE COSA FA...4 3. DOVE LAVORA...5 4. CONDIZIONI DI LAVORO...6 5. COMPETENZE...7 CHE COSA DEVE ESSERE IN GRADO DI FARE...7 CONOSCENZE...10

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI

6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI dell Ambiente del 6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI In questo capitolo esporremo i risultati che ci sembrano di maggior interesse tra quelli emersi dall elaborazione dei dati restituitici dagli

Dettagli

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Preambolo La Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale è il documento che definisce i valori e i princìpi condivisi da tutte le organizzazioni

Dettagli

top Le funzioni di stampa prevedono elenchi, etichette, statistiche e molto altro.

top Le funzioni di stampa prevedono elenchi, etichette, statistiche e molto altro. La collana TOP è una famiglia di applicazioni appositamente studiata per il Terzo Settore. Essa è stata infatti realizzata in continua e fattiva collaborazione con i clienti. I programmi di questa collana

Dettagli

Bando di Concorso ENERGIOCHI 10

Bando di Concorso ENERGIOCHI 10 REGIONE ABRUZZO Servizio Politica Energetica, Qualità dell aria, SINA Bando di Concorso ENERGIOCHI 10 anno scolastico 2014-2015 1. PREMESSA La Regione Abruzzo - insieme al MIUR (Ministero della Pubblica

Dettagli