23/02/2012. Economia Industriale. Esempi. Economia Industriale. Economia industriale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "23/02/2012. Economia Industriale. Esempi. Economia Industriale. Economia industriale"

Transcript

1 Economia Industriale Industria = mercato o settore di attività Economia industriale = studio delle imprese e dei mercati, in particolare non concorrenziali Comportamento delle imprese e modalità di interazione determinano la struttura di un mercato e il risultato in termini di efficienza Il fioraio Il Mulino Bianco Coca e Pepsi Microsoft Ryanair GlaxoSmithKline Esempi Economia industriale Natura strategica del comportamento delle imprese La teoria dei giochi: strumento per analizzare situazione di interdipendenza strategica tra imprese che hanno come obiettivo la max del profitto il quale dipende dalle scelte di tutti i competitors Economia Industriale Potere di mercato (PdM) Capacità di fissare prezzi superiori al costo marginale Le domande dell economia industriale: Le imprese hanno potere di mercato? Come fanno ad acquisirlo e a mantenerlo nel tempo? Quali sono le conseguenze del potere di mercato? Quale ruolo per le politiche pubbliche? 1

2 Impresa e mercato Mercato rilevante Obiettivo impresa: Max profitti e PdM Ottenere PdM: marketing, brevetti Mantenere PdM: Strategie di prezzo, deterrenza all entrata, prezzi predatori Conseguenze PdM: per l impresa per la società L impresa Cabral cap. 3 *Tirole Teoria dell organizzazione industriale Hoepli, 1991: cap. 1 Che cosa è un impresa? Technological view Contractual view Incomplete-contracting view Le imprese massimizzano i profitti? Le imprese adottano un comportamento ottimizzante? L obiettivo delle imprese è il profitto? L impresa Istituzione economica complessa con identità ed obiettivi propri L impresa esiste in quanto aumenta l efficienza delle transazioni (rispetto allo scambio diretto tra consumatori) ovvero riduce i costi di transazione (ricerca, comunicazione, contrattazione ) La visione tecnologica L impresa combina i fattori produttivi (input) per produrre beni o servizi (output) destinati alla vendita, ai consumatori o ad altre imprese. L impresa nasce per sfruttare le economie di scala o di scopo Il numero e l ampiezza (confini orizzontali) delle imprese è legato ai rendimenti di scala, in relazione alla domanda.

3 Le economie di scala Le economie di scala AC AC La visione tecnologica Elevati livelli di produzione consentono di utilizzare tecniche più efficienti La costituzione di un impresa permette di evitare la duplicazione dei costi fissi, relativi a marketing, personale, vendita, ricerca e sviluppo Organizzazione ad U L impresa come relazione di lungo periodo Due imprese: a monte (M) e a valle (V). M produce un bene intermedio utilizzato da V per produrre il bene finale, es. macchinari. Se questi beni capitali sono specifici monopolio bilaterale Lotta per il surplus inefficienze (hold up) L integrazione verticale è un modo per internalizzare lo scambio 3

4 L impresa come relazione di lungo periodo L integrazione verticale può creare altri problemi di incentivazione Produttori indipendenti sono più incentivati a mantenere elevati standard di qualità Soluzioni intermedie Integrazione residuale Franchising I confini verticali sono il risultato della mediazione tra le esigenze contrapposte di fornire i giusti incentivi a realizzare investimenti specifici ed evitare fenomeni di lassismo interno all impresa L impresa come contratto incompleto Imprese e contratti sono due modalità diverse di governance La minimizzazione di costi di transazione è un importante elemento nel disegno organizzativo A causa dei costi di transazione i contratti sono necessariamente incompleti Controllare che il contratto sia rispettato è costoso Far rispettare il contratto può richiedere spese legali rilevanti L impresa massimizza i profitti? L ipotesi di comportamento ottimizzante richiede che gli agenti siano razionali ovvero abbiano una ben definita funzione obiettivo e capacità computazionali illimitate L ipotesi alternativa di razionalità limitata suggerisce la possibilità che gli agenti adottino regole del pollice o comportamenti soddisfacenti L impresa massimizza i profitti? Proprietà (azionisti) e controllo (managers) sono separati e non hanno gli stessi obiettivi Il modello principale-agente analizza situazioni di asimmetria informativa tra il delegante e il delegato Soluzione ottimale con manager neutrale al rischio: management buyout con manager avverso al rischio: contratti incentivanti 4

5 L impresa massimizza i profitti? L impresa massimizza i profitti? Altri incentivi affinchè i managers agiscano nell interesse degli azionisti Reputazione Competizione nel mercato del prodotto Rischio scalate Anche se di solito proprietà e controllo sono separati, ci sono varie ragioni per pensare che un impresa non possa deviare troppo dall obiettivo di massimizzare i profitti. Queste ragioni includono l esistenza di contratti incentivanti per i managers, la disciplina del mercato del lavoro, la disciplina del prodotto e la minaccia di scalate Riassunto della lezione precedente Che cosa studia l economia industriale La natura strategica del comportamento delle imprese: la teoria dei giochi Il potere di mercato Il mercato rilevante Che cosa è una impresa (confini orizzontali e verticali) Le imprese massimizzano i profitti? L impresa massimizza i profitti I Ricavi pq Π = Ricavi Costi La domanda q=d(p) La domanda inversa P(q) La tecnologia CT(q)=CV(q) + F 5

6 Richiami di microeconomia Disponibilità a pagare e domanda di mercato L elasticità della domanda La tecnologia Costo totale Costo medio Costo marginale Richiami di microeconomia Argomenti della lezione La domanda La tecnologia e i costi Massimizzazione del profitto Offerta dell impresa in concorrenza perfetta 7 La domanda La funzione di domanda lineare La funzione di domanda.qual è la quantità domandata in corrispondenza di ciascun livello del prezzo ( ) q=d p La funzione di domanda inversa qual è la disponibilità a pagare dei consumatori per acquistare una data quantità ( ) p=p q q = α βp p = α 1 q = a bq β β p a a/b q 8 9 6

7 P A Il surplus dei consumatori C D Differenza tra quello che i consumatori pagano e ciò che sarebbero disposti a pagare Q Quantità Poichè tutti i consumatori pagano lo stesso prezzo P per il triangolo APC rappresenta il surplus dei consumatori ossia l eccesso di beneficio (utilità) totale dei consumatori rispetto alla spesa totale effettivamente sostenuta 30 L elasticità della domanda al prezzo misura la reattività della quantità domandata a cambiamenti del prezzo del bene stesso è definita come: ε = dq p Δ q / q dp q Δp / p - Δ % della quantità domandata Δ % prezzo del bene 31 Domanda elastica Domanda ELASTICA quando il valore dell elasticità ε > 1 ossia quando la variazione % della quantità domandata d è maggiore rispetto alla variazione i % del prezzo esempio: la quantità domandata si riduce del 10% a seguito di un aumento del 5% del prezzo -10% l elasticità è ε = = 5% Domanda inelastica Domanda INELASTICA se 0 < ε < 1 ossia quando la variazione % della quantità domandata è minore rispetto alla variazione % del prezzo esempio: se la quantità domandata si riduce del.5% a seguito di un aumento del prezzo del 5% -,5% l elasticità è ε = = 0, 5 5%

8 Da che cosa dipende l elasticità della domanda al prezzo? Dalla facilità con cui i consumatori possono sostituire il bene Esempio: i consumatori possono facilmente sostituire un detersivo con un altro se il prezzo del primo sale allora ci aspettiamo che la domanda del primo detersivo sia elastica ma se il prezzo di tutti i detersivi aumentasse la domanda sarebbe inelastica L elasticità è maggiore nel lungo periodo Nel breve periodo, i consumatori possono non essere in grado (o pronti) a modificare la quantità domandate Se il cambiamento del prezzo si mantiene a lungo è più probabile che i consumatori cambino le proprie modalità di acquisto. La domanda allora tende ad essere più elastica nel lungo periodo ma relativamente inelastica nel breve Ricavo marginale ed elasticità ε = dq dp p q R = pq = p dr MR = = dq ( q) q dp q dq 1 MR = p 1 ε dp + p = p dq q p + 1 Elasticità e ricavi Quando il prezzo di un bene varia, l effetto sui ricavi totali (RT) dipenderà dall elasticità della domanda rispetto al prezzo Se il prezzo Se il prezzo aumenta diminuisce La domanda è elastica La domanda ha elasticità unitaria La domanda è inelastica RT diminuisce RT non cambia RT aumenta RT aumenta RT non cambia RT diminuisce

9 Funzione di domanda lineare, ricavo marginale ed elasticità Funzione di domanda lineare, ricavo marginale ed elasticità Esercizio Calcolate la funzione del ricavo marginale nel caso di funzione di domanda lineare q = α βp Verificate che sia soddisfatta la relazione con l elasticità Rappresentate graficamente la funzione di domanda e la funzione del ricavo marginale dq p p α q ε = = β = dp q q q R = pq = = aq bq ( a bq ) MR = a bq q = p a MR a/b D a/b q L elasticità incrociata della domanda L elasticità incrociata della domanda del bene i rispetto al prezzo del bene j è: % della Q del bene i ε ij = % del P del bene j e può essere positiva o negativa E positiva se i due beni sono sostituti: ad esempio tè e caffè E negativa se i due beni sono complementari: ad esempio tè e zucchero 40 Costi di produzione La teoria dell offerta La decisione dell impresa circa il quanto produrre dipende sia dai costi di produzione sia dai ricavi che si possono ottenere dalla vendita dei prodotti L impresa sceglie quanto produrre Ricavi 41 9

10 La scelta del volume di produzione Per qualsiasi livello di output, l impresa cerca di minimizzare i costi Ipotizziamo che l impresa cerchi di massimizzare i profitti I profitti dipendono sia dai COSTI sia dai RICAVI ognuno dei due varia al variare dell output I costi I costi contabili spese effettivamente sostenute dall impresa in un periodo (non includono i costi irrecuperabili) Il costo opportunità ciò cui si è rinunciato (mancato guadagno) per il fatto di non avere utilizzato le risorse nel migliore degli usi alternativi Gli economisti includono il costo opportunità tra i costi totali dell impresa 4 43 Minimizzazione dei costi I costi (minimi) dipendono dalla tecnologia utilizzata nel processo produttivo, cioè dalla funzione di produzione La funzione di produzione indica la massima quantità di output che può essere prodotta, date certe quantità degli input ( x x ) q = f,... 1, x n Minimizzazione dei costi Nel caso di due soli input il problema di ottimizzazione è : min w x + w 1 1 t. c. q = f ( x, x ) 1 La soluzione ottimale richiede che x PM1 w1 = SMST = PM w

11 Minimizzazione dei costi Costo totale, medio e marginale q C x1 q Graficamente la combinazione ottimale di input per produrre un dato livello q è data dal punto di tangenza tra le rette di isocosto e l isoquanto di produzione Il costo totale (minimo) dipende dalle tecniche produttive disponibili e dai prezzi dei fattori produttivi Costo fisso Costi variabili = somma dei costi opportunità di tutte tte le risorse impiegate Il costo medio (AC) è dato dal costo totale diviso la quantità prodotta. Il costo marginale (MC) è la variazione del costo totale conseguente alla produzione di una unità addizionale Costo totale, medio e marginale TC( q) = VC( q) + F TC( q) AC ( q ) = q dtc( q) MC( q) = dq Costo totale, medio e marginale Esercizio Calcolare il costo medio e marginale sapendo che TC ( q) = q Rappresentate graficamente TC, AC e MC

12 La massimizzazione dei profitti (1) La massimizzazione dei profitti () Ricavi e costi dipendono dalla quantità prodotta. L impresa calcola il livello di profitto associato ad ogni possibile livello di produzione e sceglie il volume di produzione corrispondente al massimo profitto. La soluzione ottima è t.c. MR=MC 50 MC, MR MC E MR 0 Q 1 Quantità prodotta ed offerta Se MR > MC, un aumento dell output comporta un aumento dei profitti. Se MR < MC, una diminuzione dell output comporta un aumento dei profitti I profitti sono allora massimi in Q 1, dove MR = MC (se l impresa copre i propri costi variabili) 51 La massimizzazione dei profitti Esercizio Sapendo che la curva di domanda per l impresa è q=10-p e che la funzione del costo totale è TC( ( q ) = 100+ q Scrivete i profitti in funzione della quantità e Calcolate la quantità e il prezzo di equilibrio 5 Breve e lungo periodo Il breve periodo è quell orizzonte temporale nel quale l impresa può variare solo parzialmente l impiego degli input esempio: l impresa può variare la quantità di lavoro ma non i beni capitalia Il lungo periodo è quell orizzonte temporale nel quale l impresa può variare le quantità acquistate di tutti gli inputs La curva del costo totale di lungo periodo mostra il costo totale minimo che l impresa deve sostenere quando essa è libera di variare le quantità di tutti i fattori. 53 1

13 Il costo medio di lungo periodo Si ipotizza che il costo medio di lungo periodo possa avere un andamento a forma di U: Economie di scala Economie di scala o rendimenti crescenti di scala si verificano quando il costo medio di lungo periodo diminuisce all aumentare della quantità prodotta LAC LAC Quantità prodotta 54 Quantità prodotta 55 Rendimenti decrescenti di scala si verificano quando il costo medio di lungo periodo aumenta all aumentare della quantità prodotta Rendimenti costanti di scala si verificano quando il costo medio di lungo periodo non varia all aumentare della quantità prodotta LAC LAC Quantità prodotta 56 Quantità prodotta 57 13

14 AC MC MR P AC 1 La decisione del livello di produzione, nel lungo periodo La decisione: Se il prezzo è maggiore o uguale ad LMC AC 1, l impresa produce Q 1. Se il prezzo è LAC inferiore ad AC 1, l impresa esce dal mercato Dimostrate che LMC LMC = MR passa sempre per il punto di minimo della MR LAC. Q 1 Quantità prodotta 58 AC MC MR P SATC 1 SAVC 1 La decisione del livello di produzione, nel breve periodo SMC SATC SAVC SMC = MR MR Q 1 Quantità L impresa sceglie il livello di produzione Q 1 per il quale SMC=MR ed osserva che: se il prezzo è maggiore di SATC 1 essa produrrà Q 1 ottenendo profitti se il prezzo è compreso tra SATC 1 and SAVC 1 essa produrrà sempre Q 1 ma in perdita se il prezzo è inferiore a SAVC 1, l impresa sceglie di chiudere 59 La scelta del volume di produzione Costi Ricavi Tecnologia e costi dei fattori produttivi Curva di domanda La decisione del livello di produzione: riassunto Applicazione del criterio marginalista Controllo se produrre Costo totale CT AC AR La decisione Scegliere quella di breve quantità Q di output periodo per la quale MR = SMC Il prezzo deve essere superiore al costo medio variabile SAVC. Altrimenti l impresa chiude MC Controlla: è opportuno produrre? Scelta del volume di produzione MR La decisione di lungo periodo Scegliere quella quantità Q di output per la quale MR = LMC Il prezzo deve essere superiore al costo medio LAC

15 Le forme di mercato Monopolio Concorrenza perfetta Concorrenza monopolistica Oligopolio Monopolio Una sola impresa, la domanda per l impresa coincide con quella di mercato. La condizione di massimizzazione del profitto, MR = MC >0 implica che p = μ MC Calcolate μ in funzione dell elasticità della domanda e dimostrate che μ > P P 1 AC 1 La massimizzazione del profitto in monopolio MC=MR Q 1 MR I profitti sono massimi nel punto in cui MC = MR. La MC quantità da produrre sarà Q 1 ed il prezzo P 1. AC Per Q 1, AR>AC AC e l impresa ottiene extra-profitti (area scura). D = AR Le barriere all entrata impediscono a nuove imprese di entrare nel Quantità settore. 64 Potere di mercato ed elasticità 65 15

16 Il monopolio naturale La concorrenza perfetta P P 1 Q 1 MR LAC D Quantità Economie di scala ed una domanda che ne consente lo sfruttamento LAC è continuamente decrescente fino alla domanda l impresa più grande avrà un vantaggio di costo rispetto a tutte le altre.. e finirà per dominare il settore Atomicità (molti piccoli operatori) Omogeneità del prodotto Completa informazione Uniformità tecnologica Libertà di entrata e uscita dal mercato (senza costi) La massimizzazione del profitto in concorrenza perfetta La massimizzazione del profitto richiede MR = MC p (p ) In concorrenza perfetta MR = P (perché?) Quindi: P = MC (se P>AC) La curva di offerta in concorrenza perfetta Nel breve periodo, anche se ha delle perdite, l impresa rimane nel mercato purchè riesca a coprire i costi variabili. Al di sotto del PREZZO DI CHIUSURA, l impresa non riesce nemmeno a coprire i costi variabili, ed esce dal mercato Nel lungo periodo, l impresa rimane nel mercato se i ricavi coprono i costi

17 La curva di offerta in concorrenza perfetta b.p. La curva di offerta in concorrenza perfetta l.p. La curva SMC al di sopra del prezzo di chiusura è la CURVA DI OFFERTA DI BREVE PERIODO dell impresa essa mostra quanto l impresa desidera produrre, per ogni livello del prezzo. AC MC P P 3 U LMC LAC La curva LMC al di sopra del prezzo di uscita P 3 è la CURVA DI OFFERTA DI LUNGO PERIODO dell impresa Q 3 Quantità AC MC P P L impresa e il settore in concorrenza perfetta Impresa MC P=MR=AR AC MC P Settore q Quantità Q Quantità Il prezzo di mercato si forma, dall incontro tra domanda e offerta. L impresa subisce il prezzo di mercato P e sceglie quella quantità q per cui MC=MR avendo come obiettivo la massimizzazione del profitto 7 P D S L equilibrio di lungo periodo In presenza di profitti positivi nuove imprese entrano nel mercato aumentando l offerta e riducendo prezzi e profitti. Il mercato raggiunge un equilibrio quando l impresa rappresentativa ottiene solo i profitti normali (nulli)

18 Un confronto tra monopolio e concorrenza perfetta Rispetto alla concorrenza perfetta in monopolio si ha: un prezzo più alto una minore quantità scambiata Un confronto tra monopolio e concorrenza perfetta (esercizio) Sapendo che la funzione di domanda inversa è p=100-q e la curva del costo totale è TC ( q) = 100+ q Calcolate l equilibrio (prezzo, quantità e profitti) e il benessere sociale In monopolio In concorrenza perfetta Monopolio e scelta del livello delle spese in pubblicità (esercizio 9.) Considerate un settore in cui è presente una solo impresa: La domanda di mercato è Q=11-p +h cioè la domanda dipende negativamente dal prezzo p e positivamente dalle ore di spot pubblicitari in TV, h. La funzione del costo è TC=Q+a. La relazione tra le spese pubblicitarie, a, e le ore di messaggi pubblicitari è a=h Determinate il livello ottimo del prezzo e delle spese pubblicitarie. La concorrenza monopolistica Stesse caratteristiche della CP tranne omogeneità del prodotto: i beni sono differenziati, la curva di domanda dell impresa non è orizzontale e l impresa ha un certo potere di mercato e può fissare il prezzo (price-maker)

19 La concorrenza monopolistica b.p. La concorrenza monopolistica l.p Esercitazione Microeconomia da Garavaglia Es. 1.1 a) b) c) Es. 1. a) b) Es..1 a) b) c) d) Es. 3.1 a) b) c) e) Riassunto dell ultima lezione lezione Le imprese massimizzano il profitto MR=MC P>AC In concorrenza perfetta il prezzo di equilibrio si forma dall equilibrio domanda/offerta le imprese sono price-takers (la curva di offerta della singola impresa è orizzontale)

20 Mercati non concorrenziali MR=MC P>MC Monopolio Legale (brevetti), di fatto (strategico), naturale (tecnologico) Oligopolio Poche imprese che compiono scelte strategiche Concorrenza monopolistica Non omogeneita del prodotto (pubblicita etc.) L intervento pubblico Equità riguarda la distribuzione del benessere Efficienza riguarda il miglior utilizzo delle risorse scarse Efficienza statica Appropriato livello di output prodotto nel modo meno costoso possibile data la tecnologia Efficienza dinamica (capacità innovativa) Miglioramento nel tempo dei prodotto e delle tecniche produttive 8 83 Efficienza paretiana Criterio paretiano: Una situazione A è preferibile ad una B se in A qualcuno sta meglio e nessuno sta peggio che in B Efficienza Paretiana: Dati i gusti dei consumatori, le risorse e la tecnologia, una allocazione delle risorse è efficiente in senso paretiano se non è possibile muoversi ad altra allocazione che migliori la condizione di qualcuno, senza peggiorare la condizione di qualcun altro I teorema dell economia del benessere in un sistema economico di concorrenza perfetta nel quale vi sia un insieme completo di mercati, un equilibrio concorrenziale, se esiste, è un ottimo paretiano CONCORRENZA PERFETTA EFFICIENZA PARETIANA MERCATI COMPLETI

21 Concorrenza perfetta ed efficienza paretiana I fallimenti del mercato P 1 * D SS D Q 1 * Quantità Per qualsiasi quantità, ad esempio Q 1, l ultima unità deve dare al consumatore una utilità almeno pari P 1 *. La curva di offerta (SS) del settore mostra il costo marginale di produzione Per qualsiasi allocazione diversa da P 1 *, Q 1 *, vi sarebbe una differenza tra il beneficio marginale che i consumatori otterrebbero da una unità in più ed il costo marginale di quella unità. Nel caso in cui i mercati siano incompleti o se vengono meno i presupposti della concorrenza perfetta (es. numerosità, perfetta informazione) allora il mercato non riesce a raggiungere una allocazione efficiente Mercati non concorrenziali MR=MC P>MC Monopolio Legale (brevetti), di fatto (strategico), naturale (tecnologico) Oligopolio Poche imprese che compiono scelte strategiche Concorrenza monopolistica Non omogeneita del prodotto (pubblicita etc.) Politiche per la concorrenza Obiettivo: efficienza allocativa BS=CS+PS CS = differenza tra il prezzo effettivamente pagato per una data quantità del bene e disponibilità ibilità a pagare PS = differenza tra il prezzo a cui l impresa vende il prodotto e il prezzo minimo al quale sarebbe disposta a venderlo

22 Il surplus dei consumatori Il surplus dei produttori (rendimenti costanti di scala) A Considerate la curva di domanda D e supponete che il prezzo sia P e dunque la quantità domandata Q. P rappresenta il valore attribuito P C al lbene dal consumatore marginale allora la curva D può D rappresentare anche il beneficio marginale sociale Q Quantità Poichè tutti i consumatori pagano lo stesso prezzo P per il triangolo APC rappresenta il surplus dei consumatori ossia l eccesso di beneficio (utilità) totale dei consumatori rispetto alla spesa totale effettivamente sostenuta P Q Per semplicità, ipotizziamo rendimenti costanti di scala (costo medio e marginale costante). Il surplus dei produttori è l eccesso di ricavo sui costi totali variabili. In LAC = LMC assenza di costi fissi coincide con il profitto D è indicato dal rettangolo. Quantita P c Benessere sociale in concorrenza perfetta Q c In un mercato perfettamente, concorrenziale l equilibrio di lungo periodo sarebbe in Q c con un prezzo P c. Il surplus dei consumatori è dato dall area rossa del LAC = LMC triangolo D Quantità P m P c Il costo sociale del monopolio (rendimenti costanti di scala) Q m MR Q c Se il settore fosse monopolizzato, il monopolista sceglierebbe di vendere una quantità Q m ad un prezzo P m. Il surplus dei consumatori è ora il triangolo verde (più piccolo). Il monopolista ottiene un surplus del produttore LAC = LMC (profitto) pari al rettangolo blu. la perdita netta di benessere D sociale - ossia il costo sociale del monopolio - è pari al Quantità triangolo rosso 9 93

23 Il costo sociale del monopolio Politiche per la concorrenza I teorema dell economia del benessere stabilisce un nesso tra efficienza allocativa e struttura di mercato e costituisce il fondamento teorico delle Politiche per la Concorrenza Impedire alle imprese di abusare del potere di mercato attraverso la difesa della concorrenza, e favorire l allocazione efficiente delle risorse Politiche per la concorrenza Liberalizzazione e apertura dei mercati Impresa pubblica Regolamentazione (5. e 5.3 da leggere) Controllo diretto, attraverso l imposizione di regole, ad es. prezzo massimo praticabile Legislazione antimonopolistica Impedire alle imprese di abusare del potere di mercato influenzando la struttura di mercato e la condotta delle imprese 96 La regolamentazione di prezzo TC=cq+F La regolamentazione efficiente (PR=c) profitti negativi Alternativamente PR=c + un sussidio pari ad F PR=AC (average cost pricing) Altre forme di regolamentazione di prezzo Tasso di rendimento massimo Margine di profitto massimo Price cap 97 3

24 La regolamentazione dei canoni di accesso (5.3) Una impresa a monte (1) che produce un mezzo di produzione essenziale, compete a valle con altre imprese non integrate verticalmente () Siano c1, c i costi marginali e p1, p i prezzi nel mercato a valle. Indichiamo con w il prezzo all ingrosso pagato da ad 1. La Regola del prezzo efficiente delle componenti cerca di impedire la discriminazione di prezzo nei confronti dei concorrenti imponendo w= p1 -c1 Il margine di profitto di è p (c + w )= p -p1 + (c1 -c) 98 La legislazione antimonopolistica Obiettivi: Efficienza statica Tutela della libertà economica Diffusione del potere di mercato Integrazione dei mercati 99 La legislazione antimonopolistica Motta-Polo Antitrust, Economia e politica della concorrenza il Mulino, 005: Cap. 1 Lo Sherman Act (1890) Proibire la formazione dei cartelli Legislazione Europea 1951 Nascita della CECA 1957 Trattato di Roma 1999 Trattato di Amsterdam Legislazione italiana 1990 Legge 87/90 La legislazione europea Articolo 101 ex 81 (art. e 4 della 87/90) Intese orizzontali e verticali Articolo 10 ex 8(art. 3 della 87/90) Abuso posizione dominante Merger Regulation (art. 6 della 87/90) Fusioni e acquisizioni

25 Il mercato rilevante Dimensione merceologica valutando la sostituibilità tra beni (misurata dalla elasticità incrociata). Dimensione geografica valutando i costi di trasporto ed altre barriere allo scambio tra aree geografiche (ad esempio l ostacolo linguistico) (Abuso di) posizione dominante Posizione dominante: quando l impresa può comportarsi in modo indipendente dai concorrenti e dai consumatori E vietato l abuso di posizione dominante Esempi di abuso sono Prezzi ingiustificatamente gravosi Comportamenti volti ad ostacolare l accesso O ad indurre l uscita L impresa dominante Le intese Possono avere come obiettivo o effetto di restringere la concorrenza Intese orizzontali Fissazione congiunta dei prezzi Spartizione dei mercati Intese verticali Accordi di esclusiva Prezzi imposti

26 Le Fusioni La concentrazione, ovvero la riduzione del numero di imprese, facendo aumentare la collusione causa potere di mercato La concentrazione viene misurata da vari indici: Quoziente di concentrazione Indice di Herfindahl Gli ambiti di intervento della AGCM (www.agcm.it) Cosa sono le intese restrittive della concorrenza E un abuso di posizione dominante? Parliamo ora delle operazioni di concentrazione e di quando vengono vietate Ai fini dell esame. Pre-appello (?) o Primo appello analisi di un caso Analisi di un caso mercato rilevante strategia adottata dall impresa norma violata sanzione

27 Esercizio Considerate un mercato in cui la domanda (inversa) è P=100-q e il costo totale è TC=40q Calcolate l equilibrio di concorrenza perfetta Calcolate l equilibrio di monopolio Calcolate la perdita di benessere sociale associata al monopolio NB: La scelta è il prezzo o la quantità? Calcolate l equilibrio di duopolio Riassunto della scorsa lezione Efficienza paretiana Efficienza paretiana ed equilibrio di concorrenza perfetta: la perdita sociale di monopolio Le politiche per la concorrenza Regolamentazione di prezzo dei canoni di accesso Legislazione antimonopolistica La discriminazione di prezzo (Cabral cap. 10 PRN capp. 5 e 6) Modalità della discriminazione di prezzo I grado II grado III grado Prezzi non lineari Versioning Vendite collegate Discriminazione di prezzo e antitrust La discriminazione di prezzo Pratica di fissare prezzi diversi per lo stesso bene in base alla quantità acquistata (es. 3x, abbonamenti) alle caratteristiche dell acquirente (es. sconti per studenti / anziani) Obiettivo dell impresa: appropriarsi di SC La discriminazione di prezzo è possibile in assenza di arbitraggio (ovvero se non esiste mercato secondario) 7

28 La discriminazione di prezzo di I grado La discriminazione di prezzo di I grado Ciascun consumatore paga un prezzo pari alla sua disponibilità a pagare Il monopolista discriminante si appropria di tutto il surplus dei consumatori Dilemma efficienza/equità BS è massimo ma SC è nullo L obiettivo della politica della concorrenza deve essere BS o SC? p M c B A C MR D Monopolio: BS=A+B Monopolio discriminante: BS=A+B+C q M q MD Quantità La discriminazione di prezzo di I grado Un venditore dispone di 5 auto d epoca. Dalle ricerche di mercato risulta che vi sono diversi collezionisti interessati all acquisto (vd. Tabella) Ha calcolato che se fissa un prezzo uniforme può vendere 3 automobili al prezzo di 6000 ciascuna. Qual è l incremento di profitto nel caso di discriminazione di prezzo di I grado? Disp. a pagare C C 8000 C C C5 000 La discriminazione di prezzo di II e III grado III grado: l impresa osserva alcune caratteristiche dei consumatori correlate alla disponibilità a pagare (es. studenti, anziani). II grado: l impresa NON osserva le caratteristiche dei consumatori. Offre diverse combinazioni del prodotto a prezzi diversi e lascia che i consumatori si autoselezionino (es. tariffe aeree) 8

29 La discriminazione di prezzo di III grado Segmentazione del mercato Spaziale (localizzazione geografica) Per età (giovani/ anziani) Per categorie (studenti, ti lavoratori) I produttori applicano prezzi più elevati nei segmenti di mercato con elasticità della domanda più bassa: ε 1 > ε p 1 < p La discriminazione di prezzo di III grado Consideriamo un monopolista che vende in due mercati separati (discriminazione di III grado) Π = q 1 P ( q 1 ) + q P ( q ) TC ( q 1 + q ) Max Π MR MR 1 = = 1 p 1 1 ε 1 1 p 1 1 ε 1 p 1 1 ε = p = = MC 1 1 ε MC La discriminazione di prezzo di III grado (Esempio p. 8 PRN) La domanda (inversa) in due mercati (paesi) è, rispettivamente: p 1 = 4q1 p = q Il costo marginale è lo stesso nei due mercati, è costante e pari a 4 Calcolate l equilibrio Di monopolio Nel caso del monopolista discriminante Assegnazione: esercizi 4.1 e 4.3 La discriminazione di prezzo di II grado: i prezzi non lineari Sconto per la quantità (es. 3x) Tariffa a due parti (stadi) es. servizi di telefonia Canone fisso (F) + prezzo (p) per ogni unità. La somma pagata è F+pq Il prezzo unitario F/q + p, diminuisce con la quantità acquistata 9

Seconda Università di Napoli AA. 2012/2013 Facoltà di Economia. ECONOMIA INDUSTRIALE Prof. Roberto Basile (roberto.basile@unina2.

Seconda Università di Napoli AA. 2012/2013 Facoltà di Economia. ECONOMIA INDUSTRIALE Prof. Roberto Basile (roberto.basile@unina2. Seconda Università di Napoli AA. 2012/2013 Facoltà di Economia ECONOMIA INDUSTRIALE Prof. Roberto Basile (roberto.basile@unina2.it) Monopolio e regolamentazione Introduzione Regola dell elasticità Inefficienza

Dettagli

Università degli Studi di Perugia A.A. 2014/2015 Dipartimento di Economia. ECONOMIA INDUSTRIALE Prof. Davide Castellani (davide.castellani@unipg.

Università degli Studi di Perugia A.A. 2014/2015 Dipartimento di Economia. ECONOMIA INDUSTRIALE Prof. Davide Castellani (davide.castellani@unipg. Università degli Studi di Perugia A.A. 2014/2015 Dipartimento di Economia ECONOMIA INDUSTRIALE Prof. Davide Castellani (davide.castellani@unipg.it) Introduzione Tipologie di discriminazione Prezzi non

Dettagli

Seconda Università di Napoli AA. 2012/2013 Facoltà di Economia. ECONOMIA INDUSTRIALE Prof. Roberto Basile (roberto.basile@unina2.

Seconda Università di Napoli AA. 2012/2013 Facoltà di Economia. ECONOMIA INDUSTRIALE Prof. Roberto Basile (roberto.basile@unina2. Seconda Università di Napoli AA. 2012/2013 Facoltà di Economia ECONOMIA INDUSTRIALE Prof. Roberto Basile (roberto.basile@unina2.it) Introduzione Discriminazione di prezzo Tipologie di discriminazione Prezzi

Dettagli

MONOPOLIO. 1. Massimizzazione del Profitto

MONOPOLIO. 1. Massimizzazione del Profitto MONOPOLIO Quando nel mercato c è una sola impresa, difficilmente questa accetta il prezzo di mercato come dato. Il monopolista può infatti influire sul prezzo di mercato (price-maker) e quindi sceglie

Dettagli

Università degli Studi di Perugia AA. 2014/2015 Dipartimento di Economia. ECONOMIA INDUSTRIALE Prof. Davide Castellani (davide.castellani@unipg.

Università degli Studi di Perugia AA. 2014/2015 Dipartimento di Economia. ECONOMIA INDUSTRIALE Prof. Davide Castellani (davide.castellani@unipg. Università degli Studi di Perugia AA. 2014/2015 Dipartimento di Economia ECONOMIA INDUSTRIALE Prof. Davide Castellani (davide.castellani@unipg.it) Richiami di microeconomia La curva di domanda o Le scelte

Dettagli

Economia Industriale

Economia Industriale Università del Piemonte Orientale Amedeo Avogadro Facoltà di Economia A.A. 2005/2006 Economia Industriale Dott. Massimiliano Piacenza Lezione 3 Monopolio e regola dell elasticità Monopolio naturale e regolamentazione

Dettagli

Capitolo 8 La teoria dell offerta: tecnologia di produzione e costi

Capitolo 8 La teoria dell offerta: tecnologia di produzione e costi Capitolo 8 La teoria dell offerta: tecnologia di produzione e costi Trasparenti tratti, con modifiche e integrazioni, da: David Begg, Stanley Fischer e Rudiger Dornbusch, Economia, cap.8 McGraw-Hill, 2001

Dettagli

12.4 Risposte alle domande di ripasso

12.4 Risposte alle domande di ripasso Il monopolio 81 12.4 Risposte alle domande di ripasso 1. Controllo su input fondamentali; economie di scala; brevetti; economie di rete; licenze governative. Nel lungo periodo il controllo sugli input

Dettagli

Seconda Università di Napoli AA. 2012/2013 Facoltà di Economia. ECONOMIA INDUSTRIALE Prof. Roberto Basile (roberto.basile@unina2.

Seconda Università di Napoli AA. 2012/2013 Facoltà di Economia. ECONOMIA INDUSTRIALE Prof. Roberto Basile (roberto.basile@unina2. Seconda Università di Napoli AA. 2012/2013 Facoltà di Economia ECONOMIA INDUSTRIALE Prof. Roberto Basile (roberto.basile@unina2.it) Relazioni verticali Introduzione Vantaggi e svantaggi dell integrazione

Dettagli

Capitolo 9 Concorrenza perfetta

Capitolo 9 Concorrenza perfetta Capitolo 9 Concorrenza perfetta Trasparenti tratti, con modifiche e integrazioni, da: David Begg, Stanley Fischer e Rudiger Dornbusch, Economia, cap.9 McGraw-Hill, 2001 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO definire

Dettagli

Fallimenti del mercato: Il monopolio

Fallimenti del mercato: Il monopolio Corso di Scienza Economica (Economia Politica) prof. G. Di Bartolomeo Fallimenti del mercato: Il monopolio Facoltà di Scienze della Comunicazione Università di Teramo Concorrenza imperfetta La concorrenza

Dettagli

Il mercato di monopolio

Il mercato di monopolio Il monopolio Il mercato di monopolio Il monopolio è una struttura di mercato caratterizzata da 1. Un unico venditore di un prodotto non sostituibile. Non ci sono altre imprese che possano competere con

Dettagli

Economia Pubblica il Monopolio Naturale

Economia Pubblica il Monopolio Naturale Economia Pubblica il Monopolio Naturale Giuseppe De Feo Università degli Studi di Pavia email: giuseppe.defeo@unipv.it Secondo Semestre 2011-12 Outline il Monopolio Naturale Il problema del Monopolio Naturale

Dettagli

Capitolo 9. Concorrenza imperfetta e conseguenze del potere di mercato. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S.

Capitolo 9. Concorrenza imperfetta e conseguenze del potere di mercato. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S. Capitolo 9 Concorrenza imperfetta e conseguenze del potere di mercato Forme di concorrenza imperfetta Esistono tre forme di concorrenza imperfetta: 1) Monopolio una singola impresa tratta con molti acquirenti;

Dettagli

Teoria del commercio internazionale

Teoria del commercio internazionale Teoria del commercio internazionale (Krugman e Obstfeld Economia Internazionale Hoepli, 2003. Capp. 2, 4 leggere; 6 studiare) Vantaggi dallo scambio Differenze nelle caratteristiche dei paesi danno luogo

Dettagli

Il monopolio. Concetti chiave. Massimizzazione del profitto Confronto tra monopolio e c.p. Perdita netta di monopolio Discriminazione di prezzo

Il monopolio. Concetti chiave. Massimizzazione del profitto Confronto tra monopolio e c.p. Perdita netta di monopolio Discriminazione di prezzo Il monopolio Concetti chiave Massimizzazione del profitto Confronto tra monopolio e c.p. Perdita netta di monopolio Discriminazione di prezzo 1 Ipotesi di base in un modello di Struttura di mercato Massimizzazione

Dettagli

Capitolo 12 Il monopolio. Robert H. Frank Microeconomia - 5 a Edizione Copyright 2010 - The McGraw-Hill Companies, srl

Capitolo 12 Il monopolio. Robert H. Frank Microeconomia - 5 a Edizione Copyright 2010 - The McGraw-Hill Companies, srl Capitolo 12 Il monopolio IL MONOPOLIO Il monopolio è una forma di mercato in cui un unico venditore offre un bene che non ha stretti sostituti, ad una moltitudine di consumatori La differenza fondamentale

Dettagli

COMPORTAMENTO MONOPOLISTICO

COMPORTAMENTO MONOPOLISTICO COMPORTAMENTO MONOPOLISTICO LE DISCRIMINAZIONI DI PREZZO In mercato concorrenziale, esistono molte imprese che vendono prodotto identico. Se un impresa tenta di vendere il suo prodotto ad un prezzo superiore

Dettagli

Il monopolio (Frank, Capitolo 12)

Il monopolio (Frank, Capitolo 12) Il monopolio (Frank, Capitolo 12) IL MONOPOLIO Il monopolio è una forma di mercato in cui un unico venditore offre un bene che non ha stretti sostituti, ad una moltitudine di consumatori La differenza

Dettagli

Unità 3 I mercati e le ipotesi di fallimento del mercato

Unità 3 I mercati e le ipotesi di fallimento del mercato Unità 3 I mercati e le ipotesi di fallimento del mercato Sommario Mappa grafica dei contenuti proposti dalla scheda Abstract Obiettivi d apprendimento specifici alla scheda 1. Equilibrio di mercato 2.

Dettagli

Oligopolio. G. Degli Antoni 26/2/2014 (Economia Applicata/Industriale)

Oligopolio. G. Degli Antoni 26/2/2014 (Economia Applicata/Industriale) Oligopolio G. Degli Antoni 26/2/2014 (Economia Applicata/Industriale) Oligopolio In Oligopolio le imprese possono produrre beni sostanzialmente omogenei, oppure differenziati (automobili, bibite, giornali)

Dettagli

Antonella Laino Il monopolio naturale

Antonella Laino Il monopolio naturale A13 477 Antonella Laino Il monopolio naturale Copyright MMXII ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it via Raffaele Garofalo, 133/A B 00173 Roma (06) 93781065 ISBN 978-88-548-4809-2

Dettagli

Economia Politica Lezioni 12-16. Le forme di mercato

Economia Politica Lezioni 12-16. Le forme di mercato Economia Politica Lezioni 12-16 Le forme di mercato Frank: Capitolo 11 (par. 1-9) Capitolo 12 (par. 1-9) Capitolo 13 (par 1-3; Appendice 13.2) Per esercitarsi: Capitolo 11: Domande 1,2,4,7-10, 12; Problemi

Dettagli

Università degli Studi di Macerata Dipartimento di Scienze politiche, della Comunicazione e delle Relazioni internazionali

Università degli Studi di Macerata Dipartimento di Scienze politiche, della Comunicazione e delle Relazioni internazionali Università degli Studi di Macerata Dipartimento di Scienze politiche, della Comunicazione e delle Relazioni internazionali ECONOMIA MODULO TEORIA A.A. 2013/2014 IL O Fabio Clementi E-mail: fabio.clementi@unimc.it

Dettagli

Capitolo 8. Il monopolio e la concorrenza imperfetta

Capitolo 8. Il monopolio e la concorrenza imperfetta Capitolo 8 Il monopolio e la concorrenza imperfetta In alcuni casi, è ragionevole pensare che le imprese possano influenzare il prezzo Oppure, in alcuni casi è ragionevole aspettarsi che le imprese prendano

Dettagli

I costi nel breve periodo

I costi nel breve periodo I costi di produzione e la funzione di offerta Breve e lungo periodo Il breve periodo è quell orizzonte temporale nel quale l impresa può variare solo parzialmente l impiego degli input esempio: l impresa

Dettagli

Economia Politica. Il monopolio. Cap 15. Appunti delle lezioni Fabiano Schivardi

Economia Politica. Il monopolio. Cap 15. Appunti delle lezioni Fabiano Schivardi Economia Politica Appunti delle lezioni Fabiano Schivardi testo di riferimento: Mankiw, Principi di economia, 3 ed., 2004, Zanichelli Cap 15 Il monopolio Inquadramento generale In questa sezione prenderemo

Dettagli

Capitolo 6. Offerta in concorrenza perfetta: il lato dei costi

Capitolo 6. Offerta in concorrenza perfetta: il lato dei costi Capitolo 6 Offerta in concorrenza perfetta: il lato dei costi Costo opportunità Adalberto può guadagnare 6 all ora come cameriere; in alternativa può effettuare raccolta per riciclaggio al prezzo di 2

Dettagli

Microeconomia Settima edizione

Microeconomia Settima edizione Robert S. Pindyck Daniel L. Rubinfeld Microeconomia Settima edizione Edizione italiana a cura di Emanuele Bacchiega Sommario breve PARTE I Introduzione: mercati e prezzi Capitolo 1 Concetti di base 3 Capitolo

Dettagli

Microeconomia A-K, Prof Giorgio Rampa a.a. 2011-2012. Svolgimento della prova scritta di Microeconomia AK del 19 settembre 2012

Microeconomia A-K, Prof Giorgio Rampa a.a. 2011-2012. Svolgimento della prova scritta di Microeconomia AK del 19 settembre 2012 Svolgimento della prova scritta di Microeconomia AK del 19 settembre 2012 A DEFINIZIONI - Si definiscano sinteticamente i termini anche con l ausilio, qualora necessario, di formule e grafici. 1. Beni

Dettagli

Scuola di Harvard (paradigma struttura-condotta-performance) SCUOLE DI PENSIERO e POLITICHE ANTITRUST

Scuola di Harvard (paradigma struttura-condotta-performance) SCUOLE DI PENSIERO e POLITICHE ANTITRUST SCUOLE DI PENSIERO e POLITICHE ANTITRUST Le legislazioni Antitrust contemplano 4 punti: 1. Divieto di abuso di posizione dominante 2. Divieto di intesa 3. Controllo delle concentrazioni 4. Istituzione

Dettagli

Lezione 23. Discriminazione dei prezzi. Discriminazione dei prezzi. Discriminazione di primo grado. Discriminazione di primo grado

Lezione 23. Discriminazione dei prezzi. Discriminazione dei prezzi. Discriminazione di primo grado. Discriminazione di primo grado Lezione 3 omportamento monopolistico ome dovrebbe fissare il prezzo un monopolista? Fino ad ora abbiamo pensato al monopolio come ad un impresa che deve vendere il suo prodotto allo stesso prezzo per ogni

Dettagli

MICROECONOMIA. L oligopolio. Enrico Saltari Università di Roma La Sapienza

MICROECONOMIA. L oligopolio. Enrico Saltari Università di Roma La Sapienza MICROECONOMIA L oligopolio Enrico Saltari Università di Roma La Sapienza 1 Π 1 = P Q 1 2 Secondo i criteri adottati, l oligopolio può essere definito come quella forma di mercato composta da un numero

Dettagli

Economia, Corso di L.M. in Ing. Elettrotecnica, A.A. 2013-2014. Prof. R. Sestini SCHEMA DELLE LEZIONI DELLA DECIMA SETTIMANA

Economia, Corso di L.M. in Ing. Elettrotecnica, A.A. 2013-2014. Prof. R. Sestini SCHEMA DELLE LEZIONI DELLA DECIMA SETTIMANA Economia, Corso di L.M. in Ing. Elettrotecnica, A.A. 203-204. Prof. R. Sestini SCHEMA DELLE LEZIONI DELLA DECIMA SETTIMANA Cenni sulla regolamentazione del mercato elettrico in Italia Il processo di liberalizzazione

Dettagli

Struttura di mercato e potere di mercato

Struttura di mercato e potere di mercato Struttura di mercato e potere di mercato Valutazione del potere di mercato Potere di mercato dal punto di vista teorico: P>Cma Come valutare il potere di mercato in concreto? Prima problema cosa intendiamo

Dettagli

LA POLITICA MICROECONOMICA I

LA POLITICA MICROECONOMICA I capitolo 6-1 LA POLITICA MICROECONOMICA I LA POLITICA MICROECONOMICA MIRA A REALIZZARE OBIETTIVI DI EFFICIENZA ED EQUITA OPERANDO (A SECONDA DEI CASI) PER: ASSICURARE ESISTENZA E FUNZIONAMENTO DEI MERCATI

Dettagli

Lezione X: La discriminazione di prezzo

Lezione X: La discriminazione di prezzo Lezione X: La discriminazione di prezzo Difficilmente due passeggeri di un volo di linea avranno pagato prezzi simili per quello stesso volo, pur tenendo conto del tipo di biglietto (classe di volo, cambiabilità,

Dettagli

Corso di Politica Economica

Corso di Politica Economica Corso di Politica Economica Lezione 11: Potere di Mercato David Bartolini Università Politecnica delle Marche (Sede di S.Benedetto del Tronto) d.bartolini@univpm.it (email) http://utenti.dea.univpm.it/politica

Dettagli

Capitolo 10 Potere di mercato: Monopolio e Monopsonio

Capitolo 10 Potere di mercato: Monopolio e Monopsonio Temi da discutere Capitolo 10 Potere di mercato: e Monopsonio Potere di monopolio Fonti del potere monopolistico Il costo sociale del potere monopolistico Temi da discutere Concorrenza perfetta Monopsonio

Dettagli

Esercitazione relativa al capitolo 14 I MONOPOLI E LA CONCORRENZA IMPERFETTA

Esercitazione relativa al capitolo 14 I MONOPOLI E LA CONCORRENZA IMPERFETTA Esercitazione relativa al capitolo 14 I MONOPOLI E LA CONCORRENZA IMPERFETTA Esistono quattro principali tipi di strutture di mercato: concorrenza perfetta, monopolio, concorrenza monopolistica e oligopolio.

Dettagli

Indice generale. Presentazione dell edizione italiana XIII Presentazione della terza edizione XV Prefazione XVII Ringraziamenti XXI

Indice generale. Presentazione dell edizione italiana XIII Presentazione della terza edizione XV Prefazione XVII Ringraziamenti XXI Pagine di apertura VII XXII 26-05-2003 14:45 Pagina VII Presentazione dell edizione italiana XIII Presentazione della terza edizione XV Prefazione XVII Ringraziamenti XXI Capitolo 1 L economia di mercato

Dettagli

Capitolo 17. I mercati con informazione asimmetrica

Capitolo 17. I mercati con informazione asimmetrica Capitolo 17 I mercati con informazione asimmetrica Introduzione L incertezza sulla qualità e il mercato dei bidoni I segnali di mercato Il rischio morale Il problema agente-principale L informazione asimmetrica

Dettagli

Università degli Studi di Perugia A.A. 2014/2015 Dipartimento di Economia. ECONOMIA INDUSTRIALE Prof. Davide Castellani (davide.castellani@unipg.

Università degli Studi di Perugia A.A. 2014/2015 Dipartimento di Economia. ECONOMIA INDUSTRIALE Prof. Davide Castellani (davide.castellani@unipg. Università degli Studi di Perugia A.A. 2014/2015 Dipartimento di Economia ECONOMIA INDUSTRIALE Prof. Davide Castellani (davide.castellani@unipg.it) Introduzione Stabilità di un accordo collusivo Fattori

Dettagli

CAPITOLO SECONDO RICHIAMI DI MICROECONOMIA

CAPITOLO SECONDO RICHIAMI DI MICROECONOMIA CAPITOLO SECONDO RICHIAMI DI MICROECONOMIA SOMMARIO: 2.1 La domanda. - 2.2 Costi, economie di scala ed economie di varietà. - 2.2.1 I costi. - 2.2.2 Le economie di scala. - 2.2.3 Le economie di varietà.

Dettagli

Restrizioni verticali e integrazione verticale

Restrizioni verticali e integrazione verticale Restrizioni verticali e integrazione verticale Spesso le imprese operanti in diversi stadi della filiera produttiva (es. produttore-distributore) sottoscrivono contratti finalizzati a 1. ridurre i costi

Dettagli

Capitolo 13: L offerta dell impresa e il surplus del produttore

Capitolo 13: L offerta dell impresa e il surplus del produttore Capitolo 13: L offerta dell impresa e il surplus del produttore 13.1: Introduzione L analisi dei due capitoli precedenti ha fornito tutti i concetti necessari per affrontare l argomento di questo capitolo:

Dettagli

Una tassonomia dei mercati

Una tassonomia dei mercati Monopolio capitolo 15 Una tassonomia dei mercati concorrenza perfetta monopolio oligopolio concorrenza monopolistica 1 Concorrenza perfetta tanti venditori, tanti compratori bene omogeneo (identico o perfettamente

Dettagli

Selezione avversa, screening e segnalazione

Selezione avversa, screening e segnalazione Selezione avversa, screening e segnalazione Il modello principale agente è uno strumento fondamentale per analizzare le relazioni economiche caratterizzate da problemi di asimmetrie informative un primo

Dettagli

Le imprese nell economia. esportazioni, multinazionali. Capitolo 8. adattamento italiano di Novella Bottini (ulteriore adattamento di Giovanni Anania)

Le imprese nell economia. esportazioni, multinazionali. Capitolo 8. adattamento italiano di Novella Bottini (ulteriore adattamento di Giovanni Anania) Capitolo 8 Le imprese nell economia globale: esportazioni, outsourcing e multinazionali [a.a. 2012/13] adattamento italiano di Novella Bottini (ulteriore adattamento di Giovanni Anania) 8-1 Struttura della

Dettagli

Corso di Economia Politica (a.a. 2007-8) Esercitazioni - Microeconomia

Corso di Economia Politica (a.a. 2007-8) Esercitazioni - Microeconomia Corso di Economia Politica (a.a. 007-8) Esercitazioni - Microeconomia Capitolo 6: Problemi 5, 6, 8, 9 Capitolo 7: Problemi 1,, 4 Capitolo 8: Problemi 3, 10 Capitolo 9: Problemi 3, 4, 7, 9 Capitolo 10:

Dettagli

Economia e politica di gestione del territorio. mercato [1:cap.3]

Economia e politica di gestione del territorio. mercato [1:cap.3] Economia e politica di gestione del territorio Corso di Laurea in Scienze e Tecnologie Agrarie (L.M.) A.A. 2013-2014 Lezione n.4: I fallimenti del mercato [1:cap.3] Docente: Antonio Lopolito tel. 0881-589.417

Dettagli

Esercizi svolti per l esame di Microeconomia

Esercizi svolti per l esame di Microeconomia Esercizi svolti per l esame di Microeconomia Università di Bari aa. 014-15 CL Economia e Commercio CL Scienze Statistiche Es. 3.1 Concorrenza perfetta In un mercato in concorrenza perfetta in equilibrio

Dettagli

MINIMIZZAZIONE DEI COSTI

MINIMIZZAZIONE DEI COSTI Università degli studi di MACERATA Facoltà di SCIENZE POLITICHE ECONOMIA POLITICA: MICROECONOMIA A.A. 2009/2010 MINIMIZZAZIONE DEI COSTI Fabio CLEMENTI E-mail: fabio.clementi@univpm.it Web: http://docenti.unimc.it/docenti/fabio-clementi

Dettagli

Economia e Statistica Regionale. Roberto Basile

Economia e Statistica Regionale. Roberto Basile Economia e Statistica Regionale Modelli teorici, modelli statistici ed evidenze empiriche Roberto Basile Seconda Università degli Studi di Napoli Facoltà di Economia Dispense preparate per il corso di

Dettagli

Massimizzazione del profitto

Massimizzazione del profitto Massimizzazione del Profitto e offerta concorrenziale Mercati perfettamente concorrenziali Massimizzazione del profitto Ricavo marginale, costo marginale e massimizzazione del profitto La scelta di produzione

Dettagli

Introduzione. Economie di scala e commercio internazionale. Economia Internazionale Corso di Laurea in Internazionalizzazione delle Imprese

Introduzione. Economie di scala e commercio internazionale. Economia Internazionale Corso di Laurea in Internazionalizzazione delle Imprese Economia Internazionale Corso di Laurea in Internazionalizzazione delle Imprese Lezione del 15/3/2005 Davide Castellani castellani@uniurb.it Introduzione Le teorie di Ricardo ed HO spiegano il commercio

Dettagli

Economie di scala, concorrenza imperfetta e commercio internazionale

Economie di scala, concorrenza imperfetta e commercio internazionale anna-randaccio Lezione n. 2 Economie di scala, concorrenza imperfetta e commercio internazionale Commercio dovuto al vantaggio comparato (commercio inter-industriale) e commercio dovuto alla presenza di

Dettagli

Capitolo 8. La massimizzazione del profitto e l offerta concorrenziale. F. Barigozzi Microeconomia CLEC 1

Capitolo 8. La massimizzazione del profitto e l offerta concorrenziale. F. Barigozzi Microeconomia CLEC 1 Capitolo 8 La massimizzazione del profitto e l offerta concorrenziale F. Barigozzi Microeconomia CLEC 1 Argomenti trattati nel capitolo I mercati in concorrenza perfetta La massimizzazione del profitto

Dettagli

Lezione XI: Relazioni verticali

Lezione XI: Relazioni verticali Lezione XI: Relazioni verticali In molti casi i clienti delle imprese non sono consumatori finali ma altre imprese (intermediarie o di trasformazione): si pen- si alla catena produttore/grossista/dettagliante

Dettagli

Capitoli: 1-9. Corso di Economia Politica Esercitazioni (Microeconomia)

Capitoli: 1-9. Corso di Economia Politica Esercitazioni (Microeconomia) Capitoli: 1-9 Corso di Economia Politica Esercitazioni (Microeconomia) 1 Capitolo 1 Problema 2 Coltivazione di pomodori: prezzo al mercato 30 cent. al KG La produzione finale dipende dall utilizzo di concime

Dettagli

Capitolo 8. Ricerca del profitto e mano invisibile. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S. Bernanke

Capitolo 8. Ricerca del profitto e mano invisibile. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S. Bernanke Capitolo 8 Ricerca del profitto e mano invisibile Mercati e motivazioni personali Non è dalla benevolenza del macellaio, del birraio, o del fornaio che ci aspettiamo il nostro desinare, ma dalla considerazione

Dettagli

Equilibrio di mercato e analisi di statica comparata

Equilibrio di mercato e analisi di statica comparata CAPITOLO 1 Equilibrio di mercato e analisi di statica comparata Esercizio 1.1. Si consideri un mercato per un determinato bene. La curva di offerta delle imprese è Q S = 60 + p, quella di domanda dei consumatori

Dettagli

Università degli Studi dell Aquila

Università degli Studi dell Aquila Università degli Studi dell Aquila Esame di Microeconomia 9 crediti 3 settembre 2014 Docente: Giuseppe Pace ISTRUZIONI Riempire i campi relativi a nome, cognome (IN STAMPATELLO) e matricola sulla griglia.

Dettagli

La Concorrenza Monopolistica

La Concorrenza Monopolistica La Concorrenza Monopolistica Caratteristiche Molteplicità di imprese Libertà di entrata (entreranno imprese finché vi sarà possibilità di profitti positivi). L entrata di nuove imprese favorisce i consumatori

Dettagli

COSTI, RICAVI E PROFITTI

COSTI, RICAVI E PROFITTI COSTI, RICAVI E PROFITTI L obiettivo dell impresa è la massimizzazione dei profitti. I profitti sono dati dalla differenza tra i ricavi e i costi. Al variare della quantità prodotta, q, variano sia i costi

Dettagli

RELAZIONI VERTICALI. Le restrizioni verticali limitano la concorrenza, ma possono avere anche effetti positivi su efficienza e benessere

RELAZIONI VERTICALI. Le restrizioni verticali limitano la concorrenza, ma possono avere anche effetti positivi su efficienza e benessere RELAZIONI VERTICALI Relazione tra un impresa a monte (produttore) e un impresa a valle (rivenditore). Produttore Rivenditore Consumatore Relazione tra imprese. Le restrizioni verticali limitano la concorrenza,

Dettagli

OLIGOPOLIO. Introduzione

OLIGOPOLIO. Introduzione OLIGOPOLIO Introduzione Nelle precedenti lezioni abbiamo visto differenti forme di mercato quali la concorrenza perfetta e il monopolio. Queste due strutture di mercato sono assai diverse 1, tuttavia entrambe

Dettagli

Corso di POLITICA ECONOMICA

Corso di POLITICA ECONOMICA Corso di POLITICA ECONOMICA Giuseppe Croce Università La Sapienza - sede di Latina a.a. 2013-14 Queste slides non sostituiscono in alcun modo i testi consigliati per la preparazione dell esame ma intendono

Dettagli

Corso di Economia Politica prof. S. Papa. Lezione 17: Facoltà di Economia Università di Roma La Sapienza

Corso di Economia Politica prof. S. Papa. Lezione 17: Facoltà di Economia Università di Roma La Sapienza Corso di Economia Politica prof. S. Papa Lezione 17: Il monopolio Facoltà di Economia Università di Roma La Sapienza Concorrenza imperfetta La concorrenza perfettaè una forma di mercato identificata dalla

Dettagli

Introduzione all economia dell informazione. Varian, Farrell, Shapiro

Introduzione all economia dell informazione. Varian, Farrell, Shapiro Introduzione all economia dell informazione Varian, Farrell, Shapiro In economia, l informazione ha un duplice ruolo. Da un lato, l informazione perfetta è un elemento chiave per raggiungere l efficienza:

Dettagli

Economia del benessere

Economia del benessere Economia del benessere 1 Mercato e Stato Il problema principale che si pone è come e in quali condizioni i risultati economici che possono essere conseguiti attraverso il mercato garantiscono il rispetto

Dettagli

ELASTICITÀ. Sarebbe conveniente per il produttore aumentare ulteriormente il prezzo nella stessa misura del caso

ELASTICITÀ. Sarebbe conveniente per il produttore aumentare ulteriormente il prezzo nella stessa misura del caso Esercizio 1 Data la funzione di domanda: ELASTICITÀ Dire se partendo da un livello di prezzo p 1 = 1.5, al produttore converrà aumentare il prezzo fino al livello p 2 = 2. Sarebbe conveniente per il produttore

Dettagli

9 a Esercitazione: soluzioni

9 a Esercitazione: soluzioni 9 a Esercitazione: soluzioni Corso di Microeconomia K, a.a. 009 00 Monica Bonacina (monica.bonacina@unibocconi.it) Corso di Microeconomia L Z, a.a. 009 00 Stefania Migliavacca (stefania.migliavacca@enicorporateuniversity.eni.it)

Dettagli

La Massimizzazione del profitto

La Massimizzazione del profitto La Massimizzazione del profitto Studio del comportamento dell impresa, soggetto a vincoli quando si compiono scelte. Ora vedremo un modello per analizzare le scelte di quantità prodotta e come produrla.

Dettagli

Fallimenti del mercato

Fallimenti del mercato Fallimenti del mercato Il mercato fallisce quando non è in grado di raggiungere un ottimo socialmente soddisfacente in termini di efficienza ed equità Potere di mercato Esternalità Beni pubblici Asimmetria

Dettagli

MONOPOLIO, MONOPOLISTA

MONOPOLIO, MONOPOLISTA Barbara Martini OBIETTIVI IL SIGNIFICATO DI MONOPOLIO, IN CUI UN SINGOLO MONOPOLISTA È L UNICO PRODUTTORE DI UN BENE COME UN MONOPOLISTA DETERMINA L OUTPUT ED IL PREZZO CHE MASSIMIZZANO IL PROFITTO LA

Dettagli

L oligopolio a.a. 2008/2009. Dott. Laura Vici

L oligopolio a.a. 2008/2009. Dott. Laura Vici L oligopolio a.a. 008/009 Dott. Laura Vici Esercitazioni: giovedì 9:00-11:00, Aula A, Via Berti Pichat, 6 Ricevimento: giovedì 1:00-15:00 Dipartimento di Scienze Economiche- Strada Maggiore, 45 Studion.

Dettagli

Come affrontare i monopoli naturali

Come affrontare i monopoli naturali Come affrontare i monopoli naturali Il problema del monopolio naturale è che se anche l impresa volesse fissare il prezzo a un livello pari al costo marginale (efficienza sociale), produrrebbe in perdita

Dettagli

Beni pubblici e beni privati forniti dal settore pubblico

Beni pubblici e beni privati forniti dal settore pubblico Beni pubblici e beni privati forniti dal settore pubblico Obiettivi delle prossime due lezioni Che cosa distingue i beni pubblici, tipicamente forniti dal settore pubblico, dai beni forniti dal mercato?

Dettagli

Introduzione all economia

Introduzione all economia Introduzione all economia 4.X.2005 Macro e microeconomia La teoria economica è divisa in due sezioni principali: la microeconomia e la macroeconomia La microeconomia studia il comportamento dei singoli

Dettagli

Capitolo 26: Il mercato del lavoro

Capitolo 26: Il mercato del lavoro Capitolo 26: Il mercato del lavoro 26.1: Introduzione In questo capitolo applichiamo l analisi della domanda e dell offerta ad un mercato che riveste particolare importanza: il mercato del lavoro. Utilizziamo

Dettagli

Il sistema fiscale. Teoria

Il sistema fiscale. Teoria Il sistema fiscale Teoria Il sistema fiscale: aspetti generali I fallimenti del mercato ci dicono che una serie di beni devono essere prodotti dallo Stato per ragioni di efficienza: difesa (beni pubblici);

Dettagli

Massimizzazione del Profitto e offerta concorrenziale. G. Pignataro Microeconomia SPOSI

Massimizzazione del Profitto e offerta concorrenziale. G. Pignataro Microeconomia SPOSI Massimizzazione del Profitto e offerta concorrenziale 1 Mercati perfettamente concorrenziali 1. Price taking Poiché ogni impresa vende una porzione relativamente piccola della produzione complessiva del

Dettagli

Economia Industriale. La Discriminazione di Prezzo Non Lineare

Economia Industriale. La Discriminazione di Prezzo Non Lineare Economia Industriale Prof. Gianmaria Martini Anno Accademico 2009/2010 La Discriminazione di Prezzo Non Lineare 9 ottobre 2009 1 La Discriminazione di Prezzo Per discriminazione di prezzo si intende la

Dettagli

No (questo accadrebbe, all incirca, se l elasticità fosse pari a -2) 1.5.3. FALSO. Un aumento del prezzo dell 1%

No (questo accadrebbe, all incirca, se l elasticità fosse pari a -2) 1.5.3. FALSO. Un aumento del prezzo dell 1% Facoltà di Economia Test intermedio di Microeconomia A-K del 7/04/011 Turno A-C SOLUZIONI 1. Attenzione: in questo prototipo l ordine delle domande è diverso da quello di ciascuno dei vostri compiti; inoltre,

Dettagli

La pubblicità. La pubblicità. La pubblicità. La pubblicità

La pubblicità. La pubblicità. La pubblicità. La pubblicità La La rappresenta il canale principale attraverso il quale i consumatori ottengono informazioni sui prodotti. Nel 2006, le spese pubblicitarie in USA sono state pari al 2,2% 2% del PIL. In Italia, nel

Dettagli

Capitolo 11 La discriminazione di prezzo

Capitolo 11 La discriminazione di prezzo Capitolo La discriminazione di prezzo Le diverse forme di discriminazione Effetti della discriminazione Tariffe a due componenti F. Barigozzi Microeconomia CLEGA Appropriarsi del surplus del consumatore

Dettagli

Efficienza ed equità

Efficienza ed equità Efficienza ed equità Efficienza ed equità Abbiamo visto nelle lezioni precedenti che, nella situazione ideale di assenza di fallimenti del mercato, il mercato condurrebbe a un risultato Pareto-efficiente.

Dettagli

Corso di Laurea: Operatori pluridisciplinari e interculturali d'area mediterranea SCIENZA DELLE FINANZE. Docente: Gatto Antonino

Corso di Laurea: Operatori pluridisciplinari e interculturali d'area mediterranea SCIENZA DELLE FINANZE. Docente: Gatto Antonino Corso di Laurea: Operatori pluridisciplinari e interculturali d'area mediterranea SCIENZA DELLE FINANZE Docente: Gatto Antonino Elaborazione: Dott.ssa Locantro Antonia Lucia I motivi dell intervento dello

Dettagli

ESERCITAZIONE 8: GIOCHI SEQUENZIALI, ASIMMETRIE INFORMATIVE ED ESTERNALITA

ESERCITAZIONE 8: GIOCHI SEQUENZIALI, ASIMMETRIE INFORMATIVE ED ESTERNALITA MICRECNMI CLE.. 003-004 ssistente alla didattica: Elena rgentesi ESERCITZINE 8: GICHI SEUENZILI, SIMMETRIE INFRMTIVE E ESTERNLIT Esercizio : Giochi sequenziali e minacce credibili Si consideri un mercato

Dettagli

Tutorial a cura di: LEGRENZI ROBERTO 44456 LUBRINI DAMIANO 46235 NORIS MARCO 44570 PALAMINI MAURIZIO 44585

Tutorial a cura di: LEGRENZI ROBERTO 44456 LUBRINI DAMIANO 46235 NORIS MARCO 44570 PALAMINI MAURIZIO 44585 LA CONCORRENZA DEI PREZZI Differenziazione/Oligopolio Tutorial a cura di: LEGRENZI ROBERTO 44456 LUBRINI DAMIANO 4635 NORIS MARCO 44570 PALAMINI MAURIZIO 44585 Economia industriale: Prof. Gianmaria Martini

Dettagli

La Minimizzazione dei costi

La Minimizzazione dei costi La Minimizzazione dei costi Il nostro obiettivo è lo studio del comportamento di un impresa che massimizza il profitto sia in mercati concorrenziali che non concorrenziali. Ora vedremo la fase della minimizzazione

Dettagli

Economia Politica Lezioni 9-11

Economia Politica Lezioni 9-11 Economia Politica ezioni 9-11 e scelte delle imprese a massimizzazione dei profitti e la minimizzazione dei costi a funzione di produzione I fattori di produzione Il breve e il lungo periodo Rendimenti

Dettagli

Equilibrio generale ed efficienza dei mercati (Frank, Capitolo 15)

Equilibrio generale ed efficienza dei mercati (Frank, Capitolo 15) Equilibrio generale ed efficienza dei mercati (Frank, Capitolo 15) EQUILIBRIO ECONOMICO GENERALE Esistono molteplici relazioni tra mercati Per comprendere il funzionamento dell economia è quindi indispensabile

Dettagli

Capitolo 7. Efficienza e scambio. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S. Bernanke

Capitolo 7. Efficienza e scambio. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S. Bernanke Capitolo 7 Efficienza e scambio Pareto-efficienza L efficienza in senso economico ha una definizione ristretta che prende il nome da un economista italiano (Vilfredo Pareto) una allocazione è efficiente

Dettagli

Politica della Concorrenza e Antitrust

Politica della Concorrenza e Antitrust Competizione, Mercati e Politica Economica Politica della Concorrenza e Antitrust Prof. Matteo Maria Galizzi, MSc, PhD Dipartimento di Economia, LIUC DSE, Università di Brescia Lezione 14: Relazioni verticali

Dettagli

Equilibrio Economico Generale ed Economia del Benessere

Equilibrio Economico Generale ed Economia del Benessere Equilibrio Economico Generale ed Economia del enessere lessandro Scopelliti Università di Reggio Calabria e University of Warwick alessandro.scopelliti@unirc.it 1 EQUILIRIO ECONOMICO GENERLE E ECONOMI

Dettagli

Le altre forme di mercato

Le altre forme di mercato CL Medicina Veterinaria Anno Accademico 2014-15 Le altre forme di mercato 1 Critiche alla forma di mercato della concorrenza perfetta La forma di mercato della concorrenza perfetta (che è alla base di

Dettagli

Economia Pubblica Giochi con informazione incompleta e Selezione Avversa

Economia Pubblica Giochi con informazione incompleta e Selezione Avversa Economia Pubblica Giochi con informazione incompleta e Selezione Avversa Giuseppe De Feo Università degli Studi di Pavia email: giuseppe.defeo@unipv.it Secondo Semestre 2014-15 Outline Un semplice mercato

Dettagli

I : tasso di inflazione indicatore della variazione. X : incremento della produttività. Y : particolari variazioni dei costi

I : tasso di inflazione indicatore della variazione. X : incremento della produttività. Y : particolari variazioni dei costi MECCANISMI DI REGOLAMENTAZIONE TARIFFARIA Due meccanismi principali Tasso di rendimento del capitale investito (RB-ROR) Tetto ai prezzi (Price Cap) Il meccanismo del tasso di rendimento (RB-ROR) Meccanismo

Dettagli