Bruno Ballardini - Giovanna Colli - Giuliano Pietroni. dalla. strategia allo. spot. elementi di tecnica pubblicitaria

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Bruno Ballardini - Giovanna Colli - Giuliano Pietroni. dalla. strategia allo. spot. elementi di tecnica pubblicitaria"

Transcript

1

2 Bruno Ballardini - Giovanna Colli - Giuliano Pietroni dalla strategia allo spot elementi di tecnica pubblicitaria

3 Copyright 2003 CLITT srl - Roma Tutti i diritti letterari e artistici sono riservati. Nessuna parte può essere riprodotta, in alcun modo, senza specifica autorizzazione scritta dell Editore. Grafica e impaginazione: Giovanna Mancini (Clitt) Progetto e realizzazione della copertina: Silvia Masi (Clitt) Un testo di tecnica pubblicitaria è illustrato inevitabilmente con immagini di etichette, prodotti e messaggi pubblicitari. Le illustrazioni che si trovano nel volume vanno perciò intese esclusivamente quali esempi di documentazione didattica, indipendentemente dalle denominazioni commerciali che vi si possono leggere. La loro scelta è stata effettuata a puro scopo dimostrativo e senza fini di lucro. L Editore ha cercato di reperire tutte le fonti delle illustrazioni ed è comunque a disposizione di eventuali aventi diritto nell ambito delle leggi internazionali. Le riproduzioni effettuate per finalità di carattere professionale, economico o commerciale o comunque per uso diverso da quello personale possono essere effettuate a seguito di specifica autorizzazione rilasciata da AIDRO, Corso di Porta Romana n. 108, Milano 20122, e sito web

4 Bruno Ballardini - Giovanna Colli - Giuliano Pietroni dalla strategia allo spot elementi di tecnica pubblicitaria

5 dalla Strategia allo Spot INTRODUZIONE Introduzione La nuova edizione del testo è stata resa necessaria dal continuo processo di cambiamento che caratterizza l attuale società della globalizzazione. Nuovi strumenti si sono imposti nel mondo della comunicazione sociale, aziendale e pubblicitaria. Pertanto si è provveduto ad attualizzare le tematiche presentate, senza tuttavia modificare le basi solide dell impianto generale del precedente testo. In particolare sono state introdotte sezioni che trattano le nuove opportunità fornite dai new-media e soprattutto da Internet, in ambito aziendale e pubblicitario. Questa nuova edizione presenta, inoltre, una diversa organizzazione degli argomenti per conseguire ancora maggior chiarezza e fruibilità rispetto al testo precedente. Sono state anche ampliate ed approfondite alcune sezioni per meglio rispondere ai programmi ministeriali. È stato, infine, completamente aggiornato l apparato iconografico, facendo riferimento alle nuove campagne pubblicitarie di successo, che vengono analizzate al fine di incrementare le capacità di comprensione della complessità della comunicazione pubblicitaria da parte degli alunni. Le immagini proposte sono state ancorate di continuo al testo come occasione ulteriore di esemplificazione e approfondimento dei concetti analizzati. Infine, sono state riviste le sezioni dedicate alle esercitazioni, poste alla fine di ogni modulo, in misura idonea ad ogni argomento. Queste sono finalizzate sia a verificare la conoscenza dei contenuti trattati, sia a sviluppare le competenze strategiche e creative necessarie a chi opera come tecnico pubblicitario. Per favorire lo sviluppo di queste abilità si suggerisce che questo tipo di esercizi vengano eseguiti in gruppo, riproducendo così modalità di lavoro tipiche di chi opera nel mondo pubblicitario. Molti di questi esercizi derivano da vere case histories aziendali e sono stati adattati alla didattica per fornire modelli il più possibile vicini alla realtà del lavoro. In ultima istanza, è utile evidenziare che viene riconfermata la precisa scelta degli autori di fare riferimento soltanto a quelle branche che realmente hanno ottenuto risultati concreti nella loro applicazione pratica, trattando, tuttavia, tutti i temi che possano garantire una formazione completa. Gli autori 5

6 Indice INDICE MODULO 1. IL PRODUTTORE E IL SISTEMA AZIENDALE 1.1 LE AZIENDE LA CLASSIFICAZIONE DELLE AZIENDE PER SETTORI E FINI SOCIETÀ, AZIENDE E FORMA GIURIDICA LA STRUTTURA ORGANIZZATIVA AZIENDALE IL SISTEMA DI GESTIONE DELLA PRODUZIONE L IMMAGINE AZIENDALE IL CASO BENETTON: UN SUCCESSO IMPRENDITORIALE COSTRUITO ANCHE DA UNA FORTE IMMAGINE AZIENDALE...30 ESERCIZI MODULO Indice MODULO 2. IL CONSUMATORE E IL SISTEMA DI MERCATO 2.1 IL CONCETTO DI MERCATO LA NECESSITÀ DI INFORMAZIONI E LE RICERCHE DI MERCATO LE FONTI DI INFORMAZIONE LE FONTI INDIRETTE LE FONTI DIRETTE GLI STILI DI VITA E LE MAPPE SINOTTICHE L OSSERVAZIONE DIRETTA E LA DECODIFICA DELLA COMUNICAZIONE LA SCELTA DELLE FONTI LA SEGMENTAZIONE DEL MERCATO E LA CUSTOMER SATISFACTION...71 ESERCIZI MODULO MODULO 3. DAL PRODUTTORE AL CONSUMATORE: LE STRATEGIE DI MARKETING 3.1 IL CONCETTO DI MARKETING LE FASI DEL PROCESSO DI MARKETING: DALLA SWOT ANALYSIS AL CONTROLLO DEI RISULTATI LE 4 P DEL MARKETING MIX IL PRODOTTO E IL SUO CICLO DI VITA IL FATTORE PREZZO E LE SUE STRATEGIE LA PROMOZIONE : DALLE PUBBLICHE RELAZIONI AL DIRECT MARKETING IL POSTO: I CANALI DISTRIBUTIVI LA VENDITA: STRATEGIE DI EFFICACIA E CLASSIFICAZIONI DEL COMMERCIO ESERCIZI MODULO MODULO 4. PUBBLICITÀ E MASS MEDIA 4.1 L EVOLUZIONE DELLA COMUNICAZIONE PUBBLICITARIA LE CARATTERISTICHE DELLA COMUNICAZIONE PUBBLICITARIA...130

7 dalla Strategia allo Spot 4.3 LA SOCIETÀ DELLA GLOBALIZZAZIONE E LE COMUNICAZIONI DI MASSA LE CARATTERISTICHE DELLE COMUNICAZIONI DI MASSA LA PUBBLICITÀ SUI MASS MEDIA I NEW MEDIA INTERNET I MEDIA TRADIZIONALI E QUELLI CON IMMAGINI LA RADIO LA STAMPA IL CINEMA LA TELEVISIONE LE AFFISSIONI ESERCIZI MODULO indice MODULO 5. IL MESSAGGIO PUBBLICITARIO 5.1 LA PECULIARITÀ DEL MESSAGGIO PUBBLICITARIO IL PROCESSO DI COMUNICAZIONE E LE SUE FUNZIONI CAPTARE L INTERESSE DELL INTERLOCUTORE: DAL PROCESSO DI COMUNICAZIONE ALL ATTO COMUNICATIVO MOTIVAZIONI CONSCE ED INCONSCE DEL MESSAGGIO PUBBLICITARIO L EFFICACIA DEL MESSAGGIO PUBBLICITARIO LA CREATIVITÀ DEL LINGUAGGIO PUBBLICITARIO LE TIPOLOGIE PUBBLICITARIE ESERCIZI MODULO MODULO 6. LA CAMPAGNA PUBBLICITARIA 6.1 L AGENZIA PUBBLICITARIA LE TIPOLOGIE DI CAMPAGNA PUBBLICITARIA LE FASI DI UNA CAMPAGNA PUBBLICITARIA LE STRATEGIE DELLA CAMPAGNA PUBBLICITARIA DALLA PROMESSA ALLA REASON WHY LA REALIZZAZIONE DELLA COPY STRATEGY LE FORME DELLA COMUNICAZIONE PUBBLICITARIA: ESPRESSIONE, TONO E VOLUME DEL MESSAGGIO PUBBLICITARIO L ESPRESSIONE DEL MESSAGGIO PUBBLICITARIO IL TONO DEL MESSAGGIO PUBBLICITARIO IL VOLUME DI VOCE DEL MESSAGGIO PUBBLICITARIO IL MESSAGGIO PUBBLICITARIO COME VEICOLO DELLA SUPERIORITÀ DEL PRODOTTO LE TECNICHE DI PRODUZIONE DEL MESSAGGIO PUBBLICITARIO L ANNUNCIO STAMPA LO SPOT IL COMUNICATO RADIOFONICO

8 Indice 6.8 LA PIANIFICAZIONE PUBBLICITARIA PRODUZIONE E COORDINAMENTO DEI COMUNICATI ESERCIZI MODULO Indice MODULO 7. PUBBLICITÀ E CODICE DI AUTODISCIPLINA 7.1 PUBBLICITÀ E DEONTOLOGIA LE REGOLE DI COMPORTAMENTO IN AMBITO PUBBLICITARIO LE NORME PARTICOLARI GLI ORGANI DI CONTROLLO E LE SANZIONI LA TUTELA DELLE CREAZIONI PUBBLICITARIE, REGOLAMENTO SUI TEMPI TECNICI DI ATTUAZIONE DELLE DECISIONI AUTODISCIPLINARI E PER DEPOSITO PROGETTI PUBBLICITARI LA PUBBLICITÀ SOCIALE REGOLAMENTO PER LA PUBBLICITÀ DEGLI INTEGRATORI ALIMENTARI PROPOSTI PER IL CONTROLLO O LA RIDUZIONE DEL PESO E DI ALTRI TIPI DI INTEGRATORI REGOLAMENTO SULLA PUBBLICITÀ DEI MEDICINALI PER USO VETERINARIO ESERCIZI MODULO BIBLIOGRAFIA

9 dalla Strategia allo Spot modulo 1 IL PRODUTTORE E IL SISTEMA AZIENDALE BLOCCHI TEMATICI L azienda La classificazione, l organizzazione e la gestione delle aziende La forma giuridica delle società La produzione L immagine aziendale OBIETTIVI SPECIFICI Conoscere l impresa e la sua organizzazione Conoscere il sistema di produzione e il suo rapporto con il mercato Conoscere i segni distintivi di un azienda OBIETTIVI GENERALI Saper analizzare i protagonisti del mercato e riconoscerne le caratteristiche funzionali Saper progettare un nuovo prodotto, farlo nascere e muovere sul mercato 9

10 Le aziende Il produttore e il sistema aziendale La scacchiera è un sistema dove gli elementi sono interdipendenti fra loro. 1.1 LE AZIENDE Chi intende operare nel settore pubblicitario, per confezionare un prodotto che soddisfi pienamente le attese del proprio cliente, deve conoscere, oltre alle diverse tecniche grafiche, anche l ambiente aziendale e le sue strategie di comunicazione e marketing. Ciò comporta la necessità di essere ben informati sulle diverse realtà e tipologie aziendali presenti sul mercato, sulle nuove frontiere nell area dell organizzazione e della comunicazione da parte delle imprese. Pertanto, in questo primo modulo approfondiremo i concetti principali del sistema aziendale. Si può definire l azienda come un sistema complesso formato da elementi interdipendenti, ovvero le persone, le risorse tecnico-finanziarie e le variabili organizzative (input), finalizzati verso uno scopo comune: la soddisfazione del cliente. Per comprendere appieno questa definizione, è necessario capire il concetto di sistema. Immaginate una scacchiera dove una sola mossa fa cambiare significato alle posizioni di tutti i pezzi oppure un campo di calcio dove ogni giocatore condiziona il gioco dei compagni e degli avversari. Diverso è il caso di uno scaffale di supermercato dove ogni prodotto può essere tolto o aggiunto senza interferire con il resto, se non per irrilevanti particolari. Come si evince da questi esempi, il sistema è un insieme di elementi funzionali in stretto rapporto tra loro, organizzati per raggiungere degli obiettivi comuni. Inoltre un sistema complesso, può essere a sua volta suddiviso in tanti sistemi interni di livello inferiore (detti sottosistemi o subsistemi) e questi, a loro volta, possono essere ulteriormente scomposti in altri sottosistemi, fino ad arrivare alle cosiddette unità elementari che non possono essere più suddivise. Il corpo umano è un esempio di sistema complesso. Il corpo umano acquisisce dall ambiente esterno alcuni fattori, quali l aria, il cibo, l acqua (input), che gli permettono di funzionare, cioè di compiere delle azioni, come camminare, lanciare il disco, leggere, studiare (output). Le azioni che l uomo compie sono il risultato di processi elementari che si sviluppano in uno stretto legame di corrispondenze (digerire, inviare segnali ). Inoltre, queste azioni sono svolte nell ambiente esterno, con cui in continuazione si interfacciano. 10 Per il sistema aziendale le cose vanno all incirca nello stesso modo. Per un agenzia pubblicitaria, ad esempio, gli input (cioè i fattori produttivi) possono essere

11 dalla Strategia allo Spot costituiti da: energia elettrica, telefono, personale, affitto immobile, attrezzature (fotografiche, informatiche, tipografiche, ecc.), rapporti con i clienti, rapporti con i mass-media (stampa, radio, televisione, ecc.), rapporti con le altre agenzie pubblicitarie, ecc. Il processo di trasformazione consiste, in questo caso, nel trasformare i bisogni ed i desideri del cliente in una campagna pubblicitaria efficace ed esauriente. Gli output, infine, sono costituiti essenzialmente dalle campagne pubblicitarie realizzate e diffuse. L azienda, inoltre, è racchiusa in un altro sistema di ordine superiore, da cui trae la possibilità di sopravvivere: l ambiente socio-economico. Anche il sistema aziendale, come tutti i sistemi complessi, può essere a sua volta suddiviso in tanti sistemi interni di livello inferiore, ulteriormente scomponibili fino alle unità elementari. Per un azienda i sottosistemi sono rappresentati dagli organi che, nel loro complesso, costituiscono la struttura organizzativa. Definiamo organo un centro di lavoro composto da una o più persone che, sotto la responsabilità di un capo e servendosi dei mezzi messi a loro disposizione dall azienda, svolgono in modo coordinato i compiti o le funzioni loro assegnati. Le aziende Tipici organi aziendali, individuati in base alla funzione svolta, sono: Marketing, Produzione, Amministrazione, Ricerca e Sviluppo, Finanze, Personale. Ognuno di essi, poi, può essere disaggregato in altri organi di livello inferiore. Ad esempio, l organo Marketing può essere scomposto in più sottosistemi: Vendite, Pubblicità, Ricerche di Mercato, Distribuzione, ecc. A sua volta, ciascuno di questi organi può essere ulteriormente suddiviso in altri organi di livello ancora inferiore. Ad esempio, l organo Vendite viene spesso scorporato dalle aziende che operano a livello nazionale in Vendite Area Nord, Vendite Area Centro e Vendite Area Sud + Isole. Si procede così, con ulteriori suddivisioni, fino ad arrivare alle unità elementari aziendali: i singoli dipendenti. Dall ambiente le aziende ricevono degli input, sotto forma di fattori di produzione, norme di legge, vincoli sindacali o amministrativi, tecnologia, valori, informazioni, ecc. All ambiente esse ripropongono, alla fine del ciclo produttivo, i propri output (prodotti, servizi, immagine, ecc.), nati dalla trasformazione, al proprio interno, degli input ricevuti. Vendendo ai consumatori i propri servizi, l azienda consegue i ricavi, cioè gli introiti di denaro che le permettono di coprire i costi dei fattori produttivi impiegati e di conseguire il guadagno, che costituisce la ragione ultima della sua esistenza. 11

12 Le aziende Il produttore e il sistema aziendale Per sperare di conseguire degli utili duraturi, però, le aziende devono operare in modo efficiente ed efficace, individuando tempestivamente i bisogni del consumatore e poi soddisfacendoli al meglio. Solo soddisfacendo i clienti, cioè appagando i loro bisogni e risolvendo i loro problemi, infatti, esse possono sperare di centrare gli obiettivi prefissati e di conseguire un risultato positivo che perduri nel tempo e le remuneri per tutti gli sforzi compiuti. Per poter sopravvivere, un sistema deve mantenere in equilibrio gli elementi che lo compongono. Ciò vale, ovviamente, anche per il sistema aziendale. A causa delle perturbazioni che provengono dall ambiente esterno, però, l equilibrio dei sistemi aziendali è generalmente instabile. La complessità dell ambiente sta crescendo ad un livello che non ha uguali nella storia recente: la varietà dei prodotti aumenta sempre più velocemente; i consumatori diventano sempre più esigenti ed i mercati sempre più instabili; molte imprese crollano ed altre nascono; vengono messe in discussione idee e modelli di riferimento che si ritenevano consolidati Diventa così assai difficile, per le aziende, riuscire ad effettuare previsioni e programmi efficaci, almeno nel medio-lungo periodo. Parallelamente al crescere della turbolenza e della complessità dell ambiente, aumenta anche l incertezza, da parte degli operatori, sui comportamenti da seguire e sulle azioni da intraprendere per ottenere i risultati migliori. Ciò porta, inevitabilmente, ad un maggior bisogno di informazioni. Solo attraverso informazioni rapide ed efficienti, infatti, le aziende possono individuare le strategie utili ad affrontare con successo i problemi che l ambiente esterno continuamente pone loro. Un agenzia pubblicitaria dovrebbe essere sempre informata su ciò che accade nel mondo, per cercare di sfruttare al meglio le opportunità che si presentano e, nel contempo, evitare le situazioni negative. Così, una diminuzione dei costi degli spazi pubblicitari da parte di una data emittente televisiva potrebbe rendere più economico l inserimento di uno spot televisivo nella campagna pubblicitaria. Ed ancora, la presenza di forti disordini sociali in una data area geografica potrebbe rendere meno vantaggioso l utilizzo a fini pubblicitari di immagini tratte da tale zona. 12

13 dalla Strategia allo Spot 1.2. LA CLASSIFICAZIONE DELLE AZIENDE PER SETTORI E FINI Abbiamo detto che lo scopo di un azienda è la soddisfazione di un desiderio o di un particolare bisogno dei consumatori. Solo riuscendo ad esaudire la propria clientela meglio di quanto riescano a fare i concorrenti, un azienda può garantirsi un successo duraturo. Soddisfare i bisogni dell uomo, però, non è sempre facile. Partendo dalle cose più semplici, da quelle cioè che ci offre la natura, notiamo che esse sono spesso inadatte a un consumo immediato da parte dell uomo. Passeggiando per i monti, noi potremmo, ad esempio, vedere tra le rocce un bel minerale da utilizzare per un anello, ma per fare questo, dovremmo prima estrarlo e poi lavorarlo adeguatamente. Per prima cosa, quindi, occorrono delle aziende che si approprino delle materie che la natura offre e le rendano disponibili alla lavorazione. Le aziende di questo tipo sono chiamate primarie. Lo scopo di un azienda è la soddisfazione del cliente. Esse si distinguono in aziende: a. agricole, che si occupano della coltivazione delle piante e dell allevamento degli animali (concetto di far crescere ); b. estrattive, che si occupano di estrarre i beni dal mondo della natura: estrazione di minerali; caccia e pesca (concetto di prelevare ). Una volta che l uomo si è appropriato delle materie della natura, facendole crescere appositamente (aziende agricole) o prelevandole direttamente da essa (aziende estrattive), diventa necessario che i beni della natura, resi disponibili dalle aziende primarie, vengano lavorati e trasformati in prodotti adatti ad essere consumati dall uomo. Le aziende che si occupano di trasformare le materie grezze in prodotti pronti per essere consumati si chiamano aziende industriali e compongono il cosiddetto settore secondario. Le persone che hanno bisogno dei prodotti che le varie industrie fabbricano vivono, però, spesso in località lontane. Occorrono perciò delle aziende che si occupino di spostare i prodotti dal luogo di produzione fino ai posti dove essi saranno consumati. Le aziende di questo tipo si chiamano aziende di trasporto (a seconda dei casi si può trattare di trasporto aereo, marittimo, terrestre, fluviale, ecc.). Inoltre, bisogna che i beni siano sempre disponibili per essere consumati, in qualsiasi momento le persone li richiedono. Le aziende che si occupano di conservare 13

14 La classificazione delle aziende per settori e fini Il produttore e il sistema aziendale Le aziende commerciali appartengono al settore terziario. i prodotti dal momento della produzione al momento del consumo vengono chiamate commerciali. Le aziende commerciali acquistano i beni e li conservano fino a che non li rivendono ai consumatori (commercio al dettaglio) o ad altri commercianti (commercio all ingrosso). Le aziende commerciali e quelle di trasporto compongono il settore terziario. Ciò che differenzia le aziende del secondario da quelle terziarie è essenzialmente questo: le prime fabbricano prodotti, le seconde offrono servizi. Sempre al settore terziario appartengono le aziende bancarie e quelle assicurative. Le prime raccolgono il denaro dei risparmiatori e lo prestano alle persone ed alle aziende che ne hanno bisogno per svolgere la propria attività economica. Le società assicurative, invece, s incaricano di assicurare le persone contro determinati rischi: se il fatto avverso poi si verifica, esse provvedono a coprire i danni da questo provocati. Attualmente, la globalizzazione dei mercati, il crescente, generalizzato bisogno d informazione e il frenetico sviluppo delle reti telematiche di comunicazione hanno portato alla nascita del nuovo settore terziario avanzato (o quaternario), composto dalle aziende inserite nel comparto della comunicazione applicata all informatica. Tutte le aziende fin qui esaminate vengono chiamate aziende di produzione o imprese ed hanno una caratteristica in comune: producendo beni o servizi capaci di soddisfare specifici bisogni dei consumatori esse mirano a conseguire il profitto, che costituisce la ragione ultima ed il presupposto della loro esistenza. Esistono, però, anche delle aziende, chiamate di erogazione o no profit, che non hanno come fine ultimo il guadagno (o profitto), bensì la soddisfazione diretta dei bisogni della collettività o di un gruppo organizzato di persone. Ne sono esempio lo Stato, le Regioni, le Province ed i Comuni, le associazioni e le fondazioni. Le associazioni sono costituite da un insieme di due o più persone che si associano per uno scopo specifico (umanitario, religioso, ricreativo, sportivo, culturale, ecc.), mentre le fondazioni sono aziende create attraverso lasciti o donazioni per fini assistenziali, culturali, filantropici. 14 Riassumendo, le imprese possono essere classificate in base al settore economico a cui appartengono: settore primario: le aziende agricole ed estrattive settore secondario: le aziende artigianali ed industriali settore terziario: le aziende commerciali, di trasporto, tutte le aziende che offrono servizi di qualsiasi genere, fra cui le aziende bancarie ed assicurative settore del terziario avanzato: tutte le aziende inserite nell ambito della comunicazione applicata all informatica.

15 dalla Strategia allo Spot Un ulteriore classificazione distingue le aziende per il loro fine: le imprese, che mirano a conseguire un profitto le aziende no profit, il cui scopo ultimo non è il guadagno, ma l erogazione di un servizio per la collettività. Abbiamo, dunque, definito l impresa (o azienda di produzione) un azienda che produce e vende beni o servizi capaci di soddisfare specifici bisogni dei consumatori. Tuttavia bisogna ora chiedersi cosa differenzia i beni dai servizi. Tradizionalmente, la distinzione consiste nel fatto che un bene è un prodotto tangibile (= che si può toccare, come ad esempio un compact disc), mentre un servizio non lo è (ad esempio, l esecuzione delle canzoni in un concerto). La classificazione delle aziende per settori e fini 15

16 1 Società, aziende e forma giuridica 1.3 SOCIETÀ, AZIENDE E FORMA GIURIDICA Il produttore e il sistema aziendale 16 Le aziende possono essere classificate, oltre che per settori e fini, anche in base alla loro forma giuridica. Considerando la forma giuridica le aziende possono essere distinte in: 1) aziende individuali; 2) aziende collettive (o società). Sono aziende individuali quelle in cui il soggetto giuridico è rappresentato da una singola persona: l imprenditore, che si assume gli oneri di tutte le decisioni relative alla gestione dell attività aziendale. Le aziende individuali sono generalmente di piccole dimensioni e vengono identificate nei rapporti con il mondo esterno da un nome (chiamato ditta) che serve anche a differenziarle dalle altre aziende presenti sul mercato. Tale nome può essere di fantasia, ma deve comunque essere seguito dal cognome o dalla sigla dell imprenditore. L azienda collettiva (o società) è invece costituita da più persone fisiche (soci) che unendo le proprie forze finanziarie o le proprie capacità professionali danno vita ad un azienda dalla cui attività si aspettano di ricavare un utile e della quale dividono i rischi. Le società, a loro volta, possono essere suddivise in: 1) società di persone; 2) società di capitali; 3) società cooperative. 1) Le società di persone sono quelle in cui i soci rispondono in modo solidale ed illimitato delle obbligazioni assunte dall azienda. Le società di persone sono individuate tramite un nome, che viene chiamato ragione sociale. Le società di persone possono assumere le due forme seguenti: A) Società in nome collettivo, la cui abbreviazione è S.n.c. Esse sono determinate dall unione di due o più persone che collaborano ad un dato progetto, secondo i patti convenuti, per raggiungere un fine prestabilito. Sono indicate soprattutto a persone legate da stretti rapporti che desiderano avviare in comune progetti a basso rischio che non comportano ingenti esborsi di denaro. La ragione sociale è costituita dal nome di uno o più soci, seguito dalla dicitura snc. B) Società in accomandita semplice, la cui abbreviazione è S.a.s. Sono particolarmente indicate a favorire l incontro di soggetti dotati di capacità imprenditoriali e di buone idee ma con scarsi mezzi finanziari, con soggetti disposti ad investire i propri denari in iniziative promettenti. I primi diventano soci accomandatari, dirigono l impresa e rispondono in modo solidale ed illimitato delle obbligazioni sociali. I secondi diventano, invece, soci accomandanti, possono collaborare all attività aziendale e partecipano alla distribuzione degli utili sulla base delle quote versate. La ragione sociale è costituita dal nome di uno o più soci accomandatari, seguito dalla dicitura S.a.s.

17 dalla Strategia allo Spot 2) Le società di capitali sono composte, come le società di persone, dall unione di più persone fisiche, ma, contrariamente a queste, sono dotate di personalità giuridica. Ciò significa che dalla legge tali società sono considerate alla stregua di normali persone fisiche, capaci di assumere in proprio diritti e doveri. Da questo fatto derivano alcune importanti conseguenze: Le società di capitali rispondono solo con il proprio capitale delle obbligazioni assunte. I debiti contratti restano della società e non dei soci, per cui in nessun caso questi possono essere chiamati a rimborsarli con il proprio patrimonio personale. Si dice perciò che i soci hanno responsabilità limitata alle quote di capitale sottoscritte. Il numero dei soci non è limitato né soggetto al consenso preventivo degli altri soci, come nel caso delle società di persone. Il patrimonio delle società di capitali è suddiviso in quote o azioni. Società, aziende e forma giuridica Le società di capitali possono assumere le forme che qui di seguito elenchiamo: A) Società per azioni, la cui abbreviazione è: S.p.a. Solitamente sono aziende di grandi dimensioni. Il loro capitale è rappresentato dalle azioni, cioè da titoli rappresentativi di una quota di proprietà della società. I soci, detti azionisti, sono responsabili limitatamente alla somma versata per l acquisto delle azioni, si dividono gli utili di esercizio (detti dividendi) sulla base delle azioni possedute e possono partecipare alle assemblee dei soci e contribuire così ad indirizzare l attività dell azienda. Le società per azioni, come tutte le società di capitali, agiscono sotto una denominazione sociale identificatrice dell azienda. Non esistono qui norme particolari: si può scegliere un nome di fantasia, una sigla, un cognome, ecc. Resta, comunque, l obbligo di far seguire al nome la dicitura società per azioni (S.p.a.). B) Società a responsabilità limitata, la cui abbreviazione è S.r.l. Sono adatte alle persone che vogliano dar vita in comune ad un azienda di piccole o medie dimensioni, senza dover rischiare il proprio patrimonio personale. Il capitale sociale non è rappresentato da azioni, ma da quote che possono essere di diverso importo. Riguardo alla denominazione sociale che identifica l azienda non esistono norme particolari: si può scegliere un nome di fantasia, una sigla, un cognome, ecc. Resta comunque l obbligo di far seguire al nome la dicitura società a responsabilità limitata (S.r.l.). C) Società in accomandita per azioni, la cui abbreviazione è S.a.p.a. Sono caratterizzate dalla presenza di due differenti categorie di soci: accomandatari e accomandanti e hanno il capitale suddiviso in azioni, tutte di Le S.p.a. solitamente sono aziende di grandi dimensioni. Il loro capitale è rappresentato dalle azioni. 17

18 Società, aziende e forma giuridica uguale valore. Adatte agli imprenditori o agli amministratori che intendono ampliare le proprie aziende mantenendone il controllo, sono però poco diffuse nella realtà italiana. La denominazione sociale è costituita dal nome di uno o più soci accomandatari, seguito dall indicazione di società in accomandita per azioni (S.a.p.a.). Il produttore e il sistema aziendale Glossario Azione = titolo che attribuisce al proprietario una quota di proprietà del capitale di una società. Responsabilità solidale = responsabilità che si ha quando i soci sono tenuti per legge a rispondere anche dei debiti contratti dagli altri soci. Responsabilità illimitata = responsabilità che si ha quando i soci rispondono degli obblighi assunti dalla società non solo con il capitale in essa investito, ma anche con il patrimonio personale. & = e (commerciale) C (sempre in maiuscolo) = letteralmente: company, cioè soci. Linea ufficio = l insieme degli stampati cartacei (carta da lettera, biglietti da visita, blocchi commissioni, fatture commerciali, ecc.) necessari alla comunicazione epistolare ed all espletamento di tutte le pratiche amministrative di una qualunque attività imprenditoriale. 3) Oltre alle società di persone e a quelle di capitali, esistono anche le cooperative, che sono società particolari, in quanto non hanno come scopo principale il lucro. L attività aziendale, infatti, è svolta dai soci non al fine principale di conseguire un utile, ma per aiutarsi reciprocamente, producendo cioè beni o servizi da destinare a se stessi ed alle proprie famiglie. Le cooperative, quindi, hanno un fine mutualistico ed operano nell interesse dei soci, che possono conseguire una maggiore retribuzione per il lavoro in esse prestato e risparmi di spesa per i beni ed i servizi acquistati. La legge impone che le iniziali che contraddistinguono la conformazione di una società e tutti i dati fiscali necessari alla sua identificazione socio-amministrativa, in ogni espressione grafico-pubblicitaria, debbano affiancare il marchio o il logotipo delle società stessa. Tali sigle possono essere oggetto di composizioni e di interpretazioni grafico-tipografiche delle più varie, in particolar modo per l impaginazione di una delle espressioni più importanti per l immagine di un azienda: la linea ufficio. Per l impaginazione degli stampati, la linea ufficio solitamente utilizza, come identificativo dell azienda, il marchio o logotipo affiancati dalle sigle che contraddistinguono la tipologia dell azienda (S.r.l.; S.a.s.; S.p.a.; ecc.). Dette sigle, graficamente, hanno corpo di norma contenuto e possono essere trascritte con caratteri o tipi delle diverse famiglie, in nero o neretto, stampatello o corsivo, ecc. Qui di seguito, si suggeriscono alcune possibili soluzioni compositive: tutte e tre le iniziali con caratteri in maiuscolo: S.R.L. S.P.A. S.N.C. S.A.P.A. le iniziali pari in maiuscolo e le dispari in minuscolo: s.r.l. s.p.a. s.a.p.a. s.n.c. prima ed ultima iniziale in carattere maiuscolo, mentre quella centrale in carattere minuscolo: S.n.C. S.r.L. S.p.A. S.a.S. prima iniziale in carattere maiuscolo seguita dalle successive in carattere minuscolo: S.n.c. S.a.p.a. S.p.a. S.r.l. tutte e tre le lettere iniziali in carattere minuscolo: s.p.a. s.n.c. s.a.s. s.a.p.a. il sistema 18

19 dalla Strategia allo Spot 1.4 LA STRUTTURA ORGANIZZATIVA AZIENDALE Per struttura organizzativa s intende l insieme dei rapporti e delle procedure che regolano le persone ed i mezzi a disposizione dell azienda. Le strutture organizzative variano: da azienda ad azienda, in base ai diversi obiettivi che ognuna si propone di raggiungere; all interno di ciascuna azienda, nel tempo, per adattarsi ai mutamenti dell ambiente esterno. Il potere organizzativo, cioè quello di dare forma alla struttura organizzativa di un azienda, spetta all imprenditore. L art del Codice Civile definisce imprenditore colui che esercita professionalmente un attività economica organizzata al fine della produzione o dello scambio di beni o servizi. L imprenditore, per essere tale, deve organizzare la propria attività, cioè dirigere l impresa verso il fine stabilito, effettuando le scelte opportune, coordinando l attività delle altre persone (dipendenti, consulenti, ecc.) che in vario modo vi sono impegnate. L imprenditore è, dunque, il capo dell impresa e da lui dipendono per via gerarchica i suoi collaboratori. Nell organizzare l azienda, però, l imprenditore incontra una serie di limitazioni di natura legale e sindacale (norme sulle assunzioni del personale; Statuto dei lavoratori; contratti nazionali e aziendali, ecc.), dovute soprattutto a motivi di ordine economico-sociale che di fatto diminuiscono il suo potere. Ogni impresa, quindi, presuppone un organizzazione al cui vertice si pone l imprenditore. Ad aiutare in modo stabile e continuativo l imprenditore nello svolgimento dell attività aziendale sono i dipendenti. Si chiama dipendente il prestatore di lavoro subordinato, cioè chi si obbliga mediante retribuzione a collaborare nell impresa, prestando il proprio lavoro intellettuale o manuale alle dipendenze e sotto la direzione dell imprenditore (art C.C.). Un lavoratore è quindi un dipendente quando viene retribuito per collaborare in modo continuativo al raggiungimento degli obiettivi di una data azienda, alle dipendenze e sotto la guida dell imprenditore. Il complesso dei compiti svolti assegnati ad una data posizione aziendale viene definita funzione. Le funzioni nascono quando i superiori delegano mansioni specifiche ai propri sottoposti. L imprenditore deve coordinare l attività dei dipendenti e dei collaboratori. Glossario Bene = prodotto tangibile di cui il consumatore si serve per soddisfare un proprio bisogno. Servizio = prestazione effettuata con l obiettivo di soddisfare un bisogno o un desiderio della clientela. Il servizio si distingue dagli altri beni aziendali perché: 1. è intangibile; 2. presuppone una partecipazione attiva da parte dell utenza; 3. presuppone la simultaneità tra l attività di erogazione svolta dall azienda e quella di consumo effettuata dall utenza. Utile = sinonimo di guadagno o profitto; è rappresentato dalla differenza tra i ricavi ed i relativi costi. Globalizzazione (dei mercati) = fenomeno, favorito dalla diffusione dell economia di mercato su gran parte dei Paesi del globo e dallo sviluppo della tecnologia delle comunicazioni, che porta ad un progressivo abbattimento, a livello economico, delle frontiere nazionali ed alla creazione di un mercato unico che comprenda tutte le nazioni del mondo. 19

20 La struttura organizzativa aziendale Il produttore e il sistema aziendale 20 L insieme dei dirigenti di un azienda viene chiamato management. Sono tipiche funzioni aziendali: amministrazione, marketing, produzione. Nelle imprese di produzione, le funzioni aziendali vengono usualmente classificate in sei differenti categorie. Abbiamo, più precisamente, una funzione: tecnica, che si riferisce all acquisto dei fattori produttivi ed alla loro trasformazione in prodotti finiti; di marketing, che si riferisce alla programmazione ed alla gestione delle vendite e delle attività collegate (promozione, pubblicità, ricerche di mercato, imballaggio, ecc.); gli elementi del marketing finanziaria, che è volta al reperimento dei mezzi finanziari (denaro) necessari all attività aziendale; del personale, che si occupa di tutela, ricerca, selezione, formazione e gestione del personale; amministrativa, che si occupa della rilevazione dei fatti di gestione; di ricerca e sviluppo, che è interessata allo studio dei nuovi prodotti e dei processi di produzione innovativi. Nelle imprese commerciali è assente la funzione tecnica, in quanto in questo tipo di aziende non viene attuato un vero e proprio processo di trasformazione. Ricordiamo che attualmente, sta crescendo sempre più il peso della funzione marketing, che fino a non molti anni fa era conosciuta come funzione commerciale. La causa, come già specificato, è da ricercare nella crescente difficoltà, da parte delle imprese, a vendere i propri prodotti. I mercati, infatti, sono saturi: i consumatori, cioè, non riescono più a comperare tutti i prodotti dalle aziende. Inoltre, la globalizzazione ha portato aziende di paesi assai distanti a competere tra loro, alla ricerca di un proprio spazio vitale. I dipendenti possono svolgere due differenti tipi di funzioni: funzioni direttive funzioni esecutive. Svolgono funzioni direttive i dirigenti, ossia i dipendenti che affiancano l imprenditore nella conduzione dell impresa. Il loro compito principale è di dirigere, coordinare e controllare il lavoro di tutti i sottoposti, e fare in modo che questi svolgano i propri compiti in modo corretto ed efficiente. L insieme dei dirigenti di un azienda viene chiamato management. Il loro lavoro è di tipo esclusivamente intellettuale e innanzitutto devono definire la mission dell azienda. La mission è la dichiarazione scritta contenente gli scopi che l azienda vuole concretamente raggiungere. La missione dovrebbe contenere obiettivi reali e l indicazione dei tempi di massima per la loro realizzazione.

L azienda e le funzioni aziendali

L azienda e le funzioni aziendali UDA 5 TEMA 3 L operatore impresa L azienda e le funzioni aziendali a cura di Lidia Sorrentino Il concetto di azienda. Per soddisfare i propri bisogni, fin dall antichità l uomo si è associato con altre

Dettagli

Percorso A. p A. Le imprese e le loro caratteristiche. L azienda. La classificazione delle aziende

Percorso A. p A. Le imprese e le loro caratteristiche. L azienda. La classificazione delle aziende Percorso A ndimento 2 Un it à di re p p A Le imprese e le loro caratteristiche L azienda L azienda è un sistema aperto e finalizzato: sistema, perché composto da vari elementi posti in relazione tra loro;

Dettagli

MODULO DI ORGANIZZAZIONE AZIENDALE. Università di Ferrara

MODULO DI ORGANIZZAZIONE AZIENDALE. Università di Ferrara MODULO DI ORGANIZZAZIONE AZIENDALE Università di Ferrara 1 Lezione 3 CLASSIFICAZIONE DELLE AZIENDE Università di Ferrara 2 Riprendiamo alcuni concetti Le aziende possono essere classificate in base a vari

Dettagli

L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A

L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A L azienda può essere considerata come: Un insieme organizzato di beni e persone che svolgono attività economiche stabili e coordinate allo scopo di

Dettagli

Capitolo 1. Lavoro autonomo, attività d impresa: alcune nozioni fondamentali

Capitolo 1. Lavoro autonomo, attività d impresa: alcune nozioni fondamentali Capitolo 1 Lavoro autonomo, attività d impresa: alcune nozioni fondamentali Il termine imprenditore esprime un concetto economico prima ancora che giuridico. L imprenditore è, infatti, colui che si pone

Dettagli

Appunti di Economia L impresa nell ordinamento giuridico italiano impresa attività di impresa stagionale

Appunti di Economia L impresa nell ordinamento giuridico italiano impresa attività di impresa stagionale Appunti di Economia L impresa nell ordinamento giuridico italiano L impresa...1 L azienda...2 Avviamento...2 Trasferimento di azienda...3 Usufrutto e affitto di azienda...3 Classificazione dell attività

Dettagli

Autoimprenditorialità

Autoimprenditorialità Autoimprenditorialità Aspetti giuridici e burocratici dell impresa Febbraio 2012 La figura giuridica dell imprenditore L art. 2082 del Codice Civile definisce imprenditore chi esercita professionalmente

Dettagli

Per raggiungere tale scopo, un Business Plan deve contenere tutte le informazioni necessarie a:

Per raggiungere tale scopo, un Business Plan deve contenere tutte le informazioni necessarie a: GUIDA ALLA REDAZIONE DEL Business Plan Matteo Mangano Il Business Plan: aspetti generali Il Business Plan è un documento volto a rappresentare in ottica prospettica il progetto di sviluppo imprenditoriale

Dettagli

Guida all elaborazione del Business Plan

Guida all elaborazione del Business Plan Guida all elaborazione del Business Plan GUIDA ALL ELABORAZIONE DEL BUSINESS PLAN Titolo progetto Dare un titolo al progetto che si intende sviluppare (di norma contraddistingue il prodotto/servizio che

Dettagli

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEL BUSINESS PLAN

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEL BUSINESS PLAN GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEL BUSINESS PLAN COS È IL BUSINESS PLAN E QUAL È LA SUA UTILITÀ? Il business plan è un documento scritto che descrive la vostra azienda, i suoi obiettivi e le sue strategie, i

Dettagli

IL SISTEMA INFORMATIVO AZIENDALE

IL SISTEMA INFORMATIVO AZIENDALE IL SISTEMA INFORMATIVO AZIENDALE CL. 5ATP - A.S. 2006/2007 L azienda e i suoi elementi PERSONE AZIENDA BENI ECONOMICI ORGANIZZAZIONE L azienda è un insieme di beni organizzati e coordinati dall imprenditore

Dettagli

PARTE SECONDA La pianificazione strategica

PARTE SECONDA La pianificazione strategica PARTE SECONDA La pianificazione strategica 1. La pianificazione strategica dell impresa marketing oriented Di cosa parleremo Tutte le principali economie sono attualmente caratterizzate da continui e repentini

Dettagli

SUBAGENTE ASSICURATIVA e SUBAGENTE ASSICURATIVO

SUBAGENTE ASSICURATIVA e SUBAGENTE ASSICURATIVO SUBAGENTE ASSICURATIVA e SUBAGENTE ASSICURATIVO Aggiornato il 9 luglio 2009 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze

Dettagli

TECNICO SUPERIORE DELLA LOGISTICA INTEGRATA

TECNICO SUPERIORE DELLA LOGISTICA INTEGRATA ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE TRASPORTI TECNICO SUPERIORE DELLA LOGISTICA INTEGRATA STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI TECNICO SUPERIORE DELLA LOGISTICA INTEGRATA

Dettagli

operatore AllA Promozione e AccoglienzA turistica

operatore AllA Promozione e AccoglienzA turistica libri di base Piero Alacchi operatore AllA Promozione e AccoglienzA turistica MURSIA INDICE COMPETENZE DI RIFERIMENTO... 5 Capitolo 1 I soggetti dell attività economica 1.1 L attività economica... 9 1.2

Dettagli

Come costruire il piano commerciale

Come costruire il piano commerciale Come costruire il piano commerciale Definire un piano commerciale per la propria impresa è importante: quando mancano idee chiare e obiettivi, infatti, spesso l azione di vendita viene sviluppata in modo

Dettagli

Unione Giovani Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili di Catania

Unione Giovani Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili di Catania Dalla pianificazione dell investimento all avvio dell attività imprenditoriale INVENTALAVORO JOB 2011 Catania, Le Ciminiere 14, 15, 16 dicembre 2011 LA PIANIFICAZIONE DELL INVESTIMENTO La creazione di

Dettagli

TECNICHE PROFESSIONALI PER IL COMMERCIO E LA GRAFICA PUBBLICITARIA

TECNICHE PROFESSIONALI PER IL COMMERCIO E LA GRAFICA PUBBLICITARIA TECNICHE PROFESSIONALI PER IL COMMERCIO E LA GRAFICA PUBBLICITARIA TERZO ANNO U.D.A.: 01 LA MULTIMEDIALITÀ Individuare ed utilizzare le moderne forme di comunicazione visiva e multimediale, anche con riferimento

Dettagli

BUSINESS PLAN BUSINESS PLAN DI PER APERTURA PIZZERIA

BUSINESS PLAN BUSINESS PLAN DI PER APERTURA PIZZERIA BUSINESS PLAN DI PER APERTURA PIZZERIA 1 SINTESI DEL PROGETTO IMPRENDITORIALE: Tale sintesi dovrebbe dare al lettore una chiara idea del progetto imprenditoriale e dell opportunità di business che questo

Dettagli

TECNICO SUPERIORE DELLA COMMERCIALIZZAZIONE DEI PRODOTTI AGRICOLI ED AGROINDUSTRIALI

TECNICO SUPERIORE DELLA COMMERCIALIZZAZIONE DEI PRODOTTI AGRICOLI ED AGROINDUSTRIALI SETTORE AGRICOLTURA TECNICO SUPERIORE DELLA COMMERCIALIZZAZIONE DEI PRODOTTI AGRICOLI ED AGROINDUSTRIALI STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI TECNICO SUPERIORE DELLA COMMERCIALIZZAZIONE

Dettagli

GUIDA AL BUSINESS PLAN*

GUIDA AL BUSINESS PLAN* GUIDA AL BUSINESS PLAN* *La guida può essere utilizzata dai partecipanti al Concorso che non richiedono assistenza per la compilazione del businnes plan INDICE Introduzione 1. Quando e perché un business

Dettagli

METTERSI IN PROPRIO: FORME GIURIDICHE ED ADEMPIMENTI SCHEDE SINOTTICHE. (A cura di: Ezio Casavola)

METTERSI IN PROPRIO: FORME GIURIDICHE ED ADEMPIMENTI SCHEDE SINOTTICHE. (A cura di: Ezio Casavola) METTERSI IN PROPRIO METTERSI IN PROPRIO: FORME GIURIDICHE ED ADEMPIMENTI SCHEDE SINOTTICHE (A cura di: Ezio Casavola) L. 1 DISCIPLINA DELLE ATTIVITA COMMERCIALI FINO AL 1942: CODICE DI COMMERCIO, CHE REGOLAVA

Dettagli

CATALOGO SERVIZI REALI EXPORT

CATALOGO SERVIZI REALI EXPORT Allegato 5 CATALOGO SERVIZI REALI EXPORT Legge Regionale 24 febbraio 2006, n. 1 art. 6 comma 4 lett. d) 1 Indice Introduzione...3....3 Piano di marketing strategico per l estero... 4 Organizzazione funzione

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE. Indirizzo: TECNICO_ AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE. Indirizzo: TECNICO_ AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE Indirizzo: TECNICO_ AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING Anno scolastico Materia Classi 2013 / 14 Economia Aziendale 3^- 4^ Lo studio dell'economia Aziendale per il

Dettagli

1. Orientamento al prodotto 2. Orientamento alle vendite 3. Orientamento al mercato 4. Orientamento al marketing

1. Orientamento al prodotto 2. Orientamento alle vendite 3. Orientamento al mercato 4. Orientamento al marketing L ATTIVITA COMMERCIALE DELL AZIENDA: MARKETING Attività e processi mediante i quali l azienda è presente sul mercato reale su cui colloca i propri prodotti. Solitamente il marketing segue un preciso percorso,

Dettagli

APPROFONDIMENTO ORGANIZZAZIONE

APPROFONDIMENTO ORGANIZZAZIONE APPROFONDIMENTO ORGANIZZAZIONE Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto Approfondimento Posizione e ruolo nell organizzazione: le cinque parti dell organizzazione ORGANISMO BILATERALE

Dettagli

Corso di Programmazione e Controllo SEDE DI FANO

Corso di Programmazione e Controllo SEDE DI FANO Corso di Programmazione e Controllo SEDE DI FANO Docente: Selena Aureli LEZIONE 3 1 Dalla funzione al contenuto dell attività direzionale Dopo la II WW (anni 50), molti autori cercano di approfondire in

Dettagli

ECONOMIA DELLE AZIENDE TURISTICHE

ECONOMIA DELLE AZIENDE TURISTICHE ECONOMIA DELLE AZIENDE TURISTICHE PROF.SSA EMANUELA DE CARLO E STEFANIA BARTOLINI A.A. 2013-2014 Libera Università di Lingue e comunicazione IULM Introduzione Il corso di economia delle aziende turistiche

Dettagli

PARTE SECONDA La gestione aziendale

PARTE SECONDA La gestione aziendale PARTE SECONDA La gestione aziendale Di cosa parleremo In questo capitolo analizzeremo le diverse operazioni della gestione, che si distinguono in fatti esterni o di scambio e fatti interni o di produzione

Dettagli

L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO

L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO DISPENSA 1 Economia ed Organizzazione Aziendale L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO - Parte I - Indice Impresa: definizioni e tipologie Proprietà e controllo Impresa: natura giuridica Sistema economico: consumatori,

Dettagli

Periodo contabile Un periodo di tempo costante, come ad esempio un trimestre o un anno, utilizzato come riferimento per la redazione dei bilanci.

Periodo contabile Un periodo di tempo costante, come ad esempio un trimestre o un anno, utilizzato come riferimento per la redazione dei bilanci. Periodo contabile Un periodo di tempo costante, come ad esempio un trimestre o un anno, utilizzato come riferimento per la redazione dei bilanci. Debiti verso fornitori Importi dovuti ai fornitori. Crediti

Dettagli

prima della gestione.

prima della gestione. 1 Il Business Plan per l impresa alberghiera è uno strumento fondamentale per programmare e controllare la gestione delle attività alberghiere volto ad esplicitare, esaminare e motivare in modo completo

Dettagli

CAPITOLO 11 G. Pellicelli INTEGRAZIONE VERTICALE E INTEGRAZIONE ORIZZONTALE

CAPITOLO 11 G. Pellicelli INTEGRAZIONE VERTICALE E INTEGRAZIONE ORIZZONTALE UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI URBINO Carlo Bo FACOLTA' DI ECONOMIA CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN ECONOMIA AZIENDALE CAPITOLO 11 G. Pellicelli INTEGRAZIONE VERTICALE E INTEGRAZIONE ORIZZONTALE Alessandro

Dettagli

L avvio di un attività

L avvio di un attività Le forme societarie e le Condizioni di Equilibrio Economico/Finanziario Le Forme Societarie L avvio di un attività Avviare un attività d impresa è un sogno di tante persone che, per proprie attitudini,

Dettagli

Incentivo Start Up Polaris

Incentivo Start Up Polaris Incentivo Start Up Polaris Per l avvio di nuove iniziative d impresa negli ambiti tecnologici di specializzazione del parco Allegato A GUIDA FORMULARIO BUSINESS PLAN VRT 04/08-2010 INDICE 1. SINTESI DEL

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER L ORGANIZZAZIONE E IL MARKETING DEL TURISMO INTEGRATO

TECNICO SUPERIORE PER L ORGANIZZAZIONE E IL MARKETING DEL TURISMO INTEGRATO ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE TURISMO TECNICO SUPERIORE PER L ORGANIZZAZIONE E IL MARKETING DEL TURISMO STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI TECNICO SUPERIORE PER

Dettagli

CATALOGO SERVIZI REALI EXPORT

CATALOGO SERVIZI REALI EXPORT CATALOGO SERVIZI REALI EXPORT Legge Regionale 2007, n. 2, articolo 24, comma 13 1/18 Indice Introduzione 3 Piano di marketing strategico per l estero.4 Organizzazione funzione commerciale/ufficio export..5

Dettagli

Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Dalla Conformità al Sistema di Gestione Tab.

Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Dalla Conformità al Sistema di Gestione Tab. Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Gli elementi che caratterizzano il Sistema Qualità e promuovono ed influenzano le politiche di gestione delle risorse

Dettagli

Capitolo 13. La distribuzione al dettaglio e all ingrosso. Capitolo 13- slide 1

Capitolo 13. La distribuzione al dettaglio e all ingrosso. Capitolo 13- slide 1 Capitolo 13 La distribuzione al dettaglio e all ingrosso Capitolo 13- slide 1 e all ingrosso Obiettivi di di apprendimento La distribuzione al dettaglio. Le decisioni di marketing dell impresa al dettaglio.

Dettagli

TECNICO SUPERIORE DEI TRASPORTI E DELL INTERMODALITÀ

TECNICO SUPERIORE DEI TRASPORTI E DELL INTERMODALITÀ ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE TRASPORTI TECNICO SUPERIORE DEI TRASPORTI E DELL INTERMODALITÀ STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI TECNICO SUPERIORE DEI TRASPORTI E

Dettagli

MANTENERE LE RELAZIONI CON I CLIENTI FINALI

MANTENERE LE RELAZIONI CON I CLIENTI FINALI MANTENERE LE RELAZIONI CON I CLIENTI FINALI Il mantenimento delle relazioni con i clienti finali e il processo mediante il quale il fornitore soddisfa nel tempo le esigenze del cliente definite di comune

Dettagli

UD14. La ripartizione dei costi comuni. obiettivi

UD14. La ripartizione dei costi comuni. obiettivi _ MODULO 5 la gestione economica _ I UD14 La ripartizione dei costi comuni obiettivi Vedremo come si forma il costo e con quale metodologia i costi indiretti possono essere ripartiti tra i settori aziendali

Dettagli

BUSINESS PLAN APPROFONDIMENTO

BUSINESS PLAN APPROFONDIMENTO BUSINESS PLAN APPROFONDIMENTO IL BUSINESS PLAN CHE SEGUE PRESENTE IN INTERNET E STATO ELABORATO DA FINANCIAL ADVISOR BUSINESS APPROFONDIMENTO Cessione BANCHE IL BUSINESS PLAN: Come sintetizzare in un documento

Dettagli

Stato patrimoniale al 31/12/n

Stato patrimoniale al 31/12/n Tema d esame Gestione economica delle imprese ristorative, analisi di bilancio e fonti di finanziamento di Grazia BATARRA ATTIVITÀ DIDATTICHE 1 MATERIE ECONOMICHE (Classe 5 a IP Tecnico servizi ristorativi)

Dettagli

Concorso idee imprenditoriali

Concorso idee imprenditoriali Concorso idee imprenditoriali Ancona, 28 febbraio 2008 Il contenuto del business plan Descrizione dell idea di business descrizione dell idea imprenditoriale; analisi del mercato e della concorrenza; definizione

Dettagli

COME GESTIRE LA NUOVA IMPRESA: FORNIRE CONOSCENZE, METODI E SISTEMI DI DI LAVORO SULLE AREE DELLA GESTIONE AZIENDALE

COME GESTIRE LA NUOVA IMPRESA: FORNIRE CONOSCENZE, METODI E SISTEMI DI DI LAVORO SULLE AREE DELLA GESTIONE AZIENDALE COME GESTIRE LA NUOVA IMPRESA: FORNIRE CONOSCENZE, METODI E SISTEMI DI DI LAVORO SULLE AREE DELLA GESTIONE AZIENDALE PROF. VALTER CANTINO 1 L AZIENDA Soggetto unitario composto di più elementi diversi

Dettagli

Costi unitari materie dirette 30 40 Costi unitari manodopera diretta. Energia 10 20 Quantità prodotte 600 400 Prezzo unitario di vendita 120 180

Costi unitari materie dirette 30 40 Costi unitari manodopera diretta. Energia 10 20 Quantità prodotte 600 400 Prezzo unitario di vendita 120 180 SVOLGIMENTO Per ogni attività di programmazione e pianificazione strategica risulta di fondamentale importanza per l impresa il calcolo dei costi e il loro controllo, con l attivazione di un efficace sistema

Dettagli

Anno scolastico 2013/2014. Curricolo verticale. Servizi socio sanitario/ Servizi Commerciali

Anno scolastico 2013/2014. Curricolo verticale. Servizi socio sanitario/ Servizi Commerciali Istituto Istruzione Superiore 'Mattei Fortunato' Eboli (SA) Anno scolastico 2013/2014 Curricolo verticale Servizi socio sanitario/ Servizi Commerciali Disciplina: DIRITTO ED ECONOMIA Al termine del percorso

Dettagli

Dalla business idea alla sua realizzazione: il ruolo del business plan

Dalla business idea alla sua realizzazione: il ruolo del business plan TRIESTE 25 gennaio - 15 febbraio 2014 Dalla business idea alla sua realizzazione: il ruolo del business plan GIORGIO VALENTINUZ DEAMS «Bruno de Finetti» Università di Trieste www.deams.units.it Il business

Dettagli

GUIDA DI APPROFONDIMENTO IL CONTROLLO DI GESTIONE: LA CONTABILITÁ ANALITICA

GUIDA DI APPROFONDIMENTO IL CONTROLLO DI GESTIONE: LA CONTABILITÁ ANALITICA WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO IL CONTROLLO DI GESTIONE: LA CONTABILITÁ ANALITICA A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO LA NOZIONE E LE CARATTERISTICHE DELLA CONTABILITÀ ANALITICA...

Dettagli

ADDETTA E ADDETTO AL CONTROLLO DI GESTIONE

ADDETTA E ADDETTO AL CONTROLLO DI GESTIONE Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 ADDETTA E ADDETTO AL CONTROLLO DI GESTIONE Aggiornato il 6 marzo 2009 1. CARTA D IDENTITÀ...2 2. CHE COSA FA...3 3. DOVE

Dettagli

Albez edutainment production. Il patrimonio. Classe III ITC

Albez edutainment production. Il patrimonio. Classe III ITC Albez edutainment production Il patrimonio Classe III ITC Alla fine di questo modulo sarete in grado di: Conoscere la condizione di equilibrio patrimoniale e finanziario di un impresa Conoscere e classificare

Dettagli

STARTCUP. Guida alla Compilazione del Business Plan

STARTCUP. Guida alla Compilazione del Business Plan STARTCUP Guida alla Compilazione del Business Plan 2 INDICE DEL BUSINESS PLAN 1. SINTESI DEL PROGETTO IMPRENDITORIALE 3 2.L'IMPRESA : SETTORE DI ATTIVITÀ E FORMA GIURIDICA 3 3. IL GRUPPO IMPRENDITORIALE

Dettagli

IL BUSINESS PLAN UNO STRUMENTO PER PIANIFICARE LA PROPRIA IDEA IMPRENDITORIALE

IL BUSINESS PLAN UNO STRUMENTO PER PIANIFICARE LA PROPRIA IDEA IMPRENDITORIALE Agenzia nazionale per l attrazione degli investimenti e lo sviluppo d impresa SpA IL BUSINESS PLAN UNO STRUMENTO PER PIANIFICARE LA PROPRIA IDEA IMPRENDITORIALE Autoimpiego: le misure agevolative e i territori

Dettagli

LA STRUTTURA GIURIDICA DELL IMPRESA

LA STRUTTURA GIURIDICA DELL IMPRESA LA STRUTTURA GIURIDICA DELL IMPRESA Le scelte economiche relative alla possibilità d intraprendere un attività in proprio sono profondamente connesse con le scelte di carattere giuridico. Di solito la

Dettagli

Presentazione sintetica degli indirizzi e delle articolazioni

Presentazione sintetica degli indirizzi e delle articolazioni Presentazione sintetica degli indirizzi e delle articolazioni Gli indirizzi del settore economico fanno riferimento a comparti in costante crescita sul piano occupazionale e interessati a forti innovazioni

Dettagli

LA GESTIONE DELL INNOVAZIONE TECNOLOGICA NELLA PICCOLA E MEDIA IMPRESA

LA GESTIONE DELL INNOVAZIONE TECNOLOGICA NELLA PICCOLA E MEDIA IMPRESA LA GESTIONE DELL INNOVAZIONE TECNOLOGICA NELLA PICCOLA E MEDIA IMPRESA Parte III : R&S nella piccola e media impresa Angelo Bonomi PICCOLE E MEDIE IMPRESE E R&S Esistono varie definizioni di piccole e

Dettagli

Dalla motivazione del personale al miglioramento della qualità dei Servizi Sanitari

Dalla motivazione del personale al miglioramento della qualità dei Servizi Sanitari Dalla motivazione del personale al miglioramento della qualità dei Servizi Sanitari Definizione di progetto Cos è un progetto Progetto si definisce, di regola, uno sforzo complesso di durata solitamente

Dettagli

TECNICO SUPERIORE DELLE INFRASTRUTTURE LOGISTICHE

TECNICO SUPERIORE DELLE INFRASTRUTTURE LOGISTICHE ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE TRASPORTI TECNICO SUPERIORE DELLE INFRASTRUTTURE LOGISTICHE STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI TECNICO SUPERIORE DELLE INFRASTRUTTURE

Dettagli

L UOMO L ORGANIZZAZIONE

L UOMO L ORGANIZZAZIONE UNITÀ DIDATTICA 1 L UOMO E L ORGANIZZAZIONE A.A 2007 / 2008 1 PREMESSA Per poter applicare con profitto le norme ISO 9000 è necessario disporre di un bagaglio di conoscenze legate all organizzazione aziendale

Dettagli

ASSE STORICO SOCIALE

ASSE STORICO SOCIALE ASSE STORICO SOCIALE 1 ASSE STORICO SOCIALE competenze attese d asse indicatori descrittori Competenze di asse Indicatori Descrittori 1. Comprendere il cambiamento e la diversità dei tempi storici in una

Dettagli

Facoltà di Scienze Politiche e di Scienze della Comunicazione. Corso di laurea in Economia e Metodi Quantitativi per le Aziende

Facoltà di Scienze Politiche e di Scienze della Comunicazione. Corso di laurea in Economia e Metodi Quantitativi per le Aziende Facoltà di Scienze Politiche e di Scienze della Comunicazione Marketing MARKETING DEL Corso di laurea in Economia e Metodi Quantitativi per le Aziende TURISMO II MODULO STATISTICA ECONOMICA E MARKETING

Dettagli

Indice. pagina 2 di 8

Indice. pagina 2 di 8 LEZIONE SOURCING, PROCUREMENT E METODOLOGIE PER L'OTTIMIZZAZIONE DELLA CATENA DEL VALORE DOTT.SSA ROSAMARIA D AMORE Indice 1 Catena del valore e creazione del valore --------------------------------------------------------------

Dettagli

MODELLI DI GESTIONE DELLE RISORSE UMANE

MODELLI DI GESTIONE DELLE RISORSE UMANE MODELLI DI GESTIONE DELLE RISORSE UMANE SOMMARIO La ricerca di nuovi modelli di sviluppo delle r.u. La pianificazione dello sviluppo del personale Modelli di leadership La ricerca di nuovi modelli di sviluppo

Dettagli

ECONOMIA CLASSE IV prof.ssa Midolo L ASPETTO ECONOMICO DELLA GESTIONE. (lezione della prof.ssa Edi Dal Farra)

ECONOMIA CLASSE IV prof.ssa Midolo L ASPETTO ECONOMICO DELLA GESTIONE. (lezione della prof.ssa Edi Dal Farra) ECONOMIA CLASSE IV prof.ssa Midolo L ASPETTO ECONOMICO DELLA GESTIONE (lezione della prof.ssa Edi Dal Farra) La GESTIONE (operazioni che l azienda compie per raggiungere i suoi fini) può essere: ORDINARIA

Dettagli

LA MATRICE DEI CONTI NAZIONALI. ANNO 2011 1. Nota metodologica

LA MATRICE DEI CONTI NAZIONALI. ANNO 2011 1. Nota metodologica LA MATRICE DEI CONTI NAZIONALI. ANNO 2011 1 Nota metodologica I flussi monetari registrati nei Conti nazionali possono essere presentati in forma matriciale a vari livelli di dettaglio. Tale rappresentazione,

Dettagli

(traccia di business plan da allegare alla domanda in duplice copia e possibilmente senza spillature)

(traccia di business plan da allegare alla domanda in duplice copia e possibilmente senza spillature) Modello A (traccia di business plan da allegare alla domanda in duplice copia e possibilmente senza spillature) Ragione sociale dell impresa o Titolo del progetto imprenditoriale BUSINESS PLAN per l accesso

Dettagli

Tema d esame ATTRAVERSO IL BILANCIO ATTIVITÀ DIDATTICHE. di Luisa VENINI

Tema d esame ATTRAVERSO IL BILANCIO ATTIVITÀ DIDATTICHE. di Luisa VENINI Tema d esame ATTIVITÀ DIDATTICHE REDDITO, PATRIMONIO E ATTRAVERSO IL BILANCIO LORO RAPPRESENTAZIONE di Luisa VENINI MATERIE AZIENDALI (classe 5 IP Tecnico servizi sociali) Tecnica amministrativa Il candidato,

Dettagli

Lezioni di Economia Aziendale classe quarta Prof. Monica Masoch LA FINANZA AZIENDALE E LE DECISIONI DI INVESTIMENTO

Lezioni di Economia Aziendale classe quarta Prof. Monica Masoch LA FINANZA AZIENDALE E LE DECISIONI DI INVESTIMENTO Lezioni di Economia Aziendale classe quarta Prof. Monica Masoch LA FINANZA AZIENDALE E LE DECISIONI DI INVESTIMENTO LE DECISIONI DI INVESTIMENTO Cosa significa «Investimento»? L investimento è la seconda

Dettagli

CURRICULUM VITAE (Da compilare per ogni componente del gruppo imprenditoriale)

CURRICULUM VITAE (Da compilare per ogni componente del gruppo imprenditoriale) CURRICULUM VITAE (Da compilare per ogni componente del gruppo imprenditoriale) Dati personali Nome e cognome: Data e luogo di nascita: Residenza: Stato civile: Telefono casa: Fax: Telefono cellulare: E-mail:

Dettagli

ANALISI DEGLI SCOSTAMENTI premessa

ANALISI DEGLI SCOSTAMENTI premessa ANALISI DEGLI SCOSTAMENTI premessa il processo di programmazione e controllo prende le mosse dalla pianificazione strategica e con riferimento al budget aziendale definisce il quadro con cui confrontare

Dettagli

Introduzione al processo di Marketing Management Cap. 1

Introduzione al processo di Marketing Management Cap. 1 Introduzione al processo di Marketing Management Cap. 1 Introduzione al processo di Marketing Management 1) La filosofia del marketing, ovvero il marketing concept 2) Che cos è il marketing 3) La funzione

Dettagli

Forma giuridica dell impresa. Impresa individuale. Ditta individuale. Società. L avvio di un attività domande frequenti. Dott.

Forma giuridica dell impresa. Impresa individuale. Ditta individuale. Società. L avvio di un attività domande frequenti. Dott. La scelta della forma giuridica e la governance Dott. Paolo Bolzonella L avvio di un attività domande frequenti Come si fa ad avviare un impresa? Quale tipo di impresa scegliere? Quali requisiti occorrono?

Dettagli

Quale tipo di società scegliere per il proprio business

Quale tipo di società scegliere per il proprio business Quale tipo di società scegliere per il proprio business È possibile scegliere la forma giuridica più conveniente all interno di queste quattro categorie: 1) Impresa individuale 2) Società di persone 3)

Dettagli

STUDIO DI SETTORE SG42U

STUDIO DI SETTORE SG42U ALLEGATO 2 NOTA TECNICA E METODOLOGICA STUDIO DI SETTORE SG42U NOTA TECNICA E METODOLOGICA CRITERI PER LA COSTRUZIONE DELLO STUDIO DI SETTORE Di seguito vengono esposti i criteri seguiti per la costruzione

Dettagli

Le operazioni di gestione. Prof.ssa Paola Orlandini

Le operazioni di gestione. Prof.ssa Paola Orlandini Le operazioni di gestione Prof.ssa Paola Orlandini 1 La gestione è un sistema di operazioni economiche messe in atto dal soggetto conomico per il raggiungimento del fine aziendale 2 Come coordinazione

Dettagli

L ECONOMICITÀ AZIENDALE

L ECONOMICITÀ AZIENDALE L ECONOMICITÀ AZIENDALE IMPRESA tende alla sopravvivenza (autonoma) nel tempo 1 a condizione: Equilibrio economico Risorse consumo (utilizzazione) Collocamento l azienda deve conseguire in volume di ricavi

Dettagli

I.2 L analisi economico-finanziaria: redditività conseguita, redditività attesa e creazione di valore economico

I.2 L analisi economico-finanziaria: redditività conseguita, redditività attesa e creazione di valore economico Introduzione I.1 Premessa Analizzare la situazione economico-finanziaria di un impresa significa poter affrontare alcune questioni critiche della gestione dell azienda e cioè essere in grado di poter rispondere

Dettagli

Internazionalizzare, per vivere la globalizzazione come opportunità

Internazionalizzare, per vivere la globalizzazione come opportunità Internazionalizzare, per vivere la globalizzazione come opportunità La globalizzazione Il mondo si fa sempre più piccolo e la globalizzazione è il nuovo ordine che accomuna le popolazioni all inter-dipendenza.

Dettagli

LA MATRICE DEI CONTI NAZIONALI. ANNO 2009 1. Nota metodologica

LA MATRICE DEI CONTI NAZIONALI. ANNO 2009 1. Nota metodologica LA MATRICE DEI CONTI NAZIONALI. ANNO 2009 1 Nota metodologica I flussi monetari registrati nei Conti nazionali possono essere presentati in forma matriciale a vari livelli di dettaglio. Tale rappresentazione,

Dettagli

6 La gestione. aziendale. 1 La gestione aziendale SCHEDA

6 La gestione. aziendale. 1 La gestione aziendale SCHEDA SCHEDA 6 La gestione aziendale Gli obiettivi didattici Conoscere il concetto di gestione Conoscere fonti di finanziamento ed elementi del patrimonio Saper classificare le operazioni di gestione Saper classificare

Dettagli

Prevedere eventuali allegati (CV, piani operativi, documenti sulla protezione della P.I., ecc.).

Prevedere eventuali allegati (CV, piani operativi, documenti sulla protezione della P.I., ecc.). Premessa e guida per la compilazione Il Business Plan deve essere riferito al primo triennio di attività, deve essere sintetico (lunghezza massima 20 pagine), chiaro, esaustivo ma, soprattutto, deve convincere

Dettagli

ECONOMIA E GESTIONE DELLE IMPRESE. ECONOMIA E GESTIONE DELLE IMPRESE Università LUMSA - A.A. 2013-2014

ECONOMIA E GESTIONE DELLE IMPRESE. ECONOMIA E GESTIONE DELLE IMPRESE Università LUMSA - A.A. 2013-2014 ECONOMIA E GESTIONE DELLE IMPRESE Università LUMSA - A.A. 2013-2014 Contenuti: - Capitolo 8 - Capitolo 9 - Capitolo 10 - Capitolo 11 - Capitolo 12 IL CICLO DI DIREZIONE AZIENDALE PROGRAMMAZIONE (atti di

Dettagli

Università degli Studi di Macerata Economia e Gestione delle Imprese. L impresa. Il sistema impresa

Università degli Studi di Macerata Economia e Gestione delle Imprese. L impresa. Il sistema impresa Università degli Studi di Macerata Economia e Gestione delle Imprese L impresa Il sistema impresa L impresa come sistema Le principali funzioni aziendali I principali processi aziendali La catena del valore

Dettagli

INTRODUZIONE. Research, April 1999. 1 B. Harvey, The expanded ARF model: bridge to the accountable advertising future, Journal of Advertising

INTRODUZIONE. Research, April 1999. 1 B. Harvey, The expanded ARF model: bridge to the accountable advertising future, Journal of Advertising INTRODUZIONE Negli ultimi anni l accesso alla Rete e l uso attivo di Internet da parte di aziende e famiglie si è notevolmente allargato; questo media relativamente nuovo si sta rapidamente avviando a

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca ESAME DI STATO DI ISTITUTO PROFESSIONALE Indirizzo: tecnico dei servizi turistici TEMA DI ECONOMIA E TECNICA DELL AZIENDA TURISTICA 2008 In base

Dettagli

Albez edutainment production. Il reddito. Classe III ITC

Albez edutainment production. Il reddito. Classe III ITC Albez edutainment production Il reddito Classe III ITC Alla fine di questo modulo sarete in grado di: Conoscere la condizione di equilibrio economico di un impresa Conoscere la classificazione dei costi

Dettagli

di Andrea Papavero Marketing e Vendite >> CRM

di Andrea Papavero Marketing e Vendite >> CRM RICONOSCERE I CLIENTI PROFITTEVOLI : GLI STRUMENTI DI VALUTAZIONE di Andrea Papavero Marketing e Vendite >> CRM DEFINIRE IL GRADO DI PROFITTABILITA DEL CLIENTE Avere un'organizzazione orientata al cliente

Dettagli

La gestione aziendale, il reddito e il patrimonio

La gestione aziendale, il reddito e il patrimonio 1 di 6 La gestione aziendale, il reddito e il patrimonio Come possono essere classificate le operazioni di gestione? La gestione aziendale è l insieme coordinato di operazioni attraverso le quali l impresa

Dettagli

Evidenziare le modalità con le quali l azienda agrituristica produce valore per i clienti attraverso la gestione dei propri processi.

Evidenziare le modalità con le quali l azienda agrituristica produce valore per i clienti attraverso la gestione dei propri processi. 5. Processi Evidenziare le modalità con le quali l azienda agrituristica produce valore per i clienti attraverso la gestione dei propri processi. Il criterio vuole approfondire come l azienda agrituristica

Dettagli

Le strategie internazionali

Le strategie internazionali Le strategie internazionali Le strategie internazionali costituiscono alternative di fondo seguite nella costruzione e/o nel rafforzamento del vantaggio competitivo in ambito internazionale (Valdani &

Dettagli

INDICE. Pagina 1 di 11 Economia e gestione delle aziende ristorative 2 Selezione a cura di Marcello Sanci

INDICE. Pagina 1 di 11 Economia e gestione delle aziende ristorative 2 Selezione a cura di Marcello Sanci INDICE LA GESTIONE FINANZIARIA DELLE IMPRESE RISTORATIVE... 2 Il fabbisogno finanziario:concetto e problematiche... 3 Definizione di fabbisogno finanziario... 3 Le fonti di finanziamento... 3 Scelta tra

Dettagli

Linee guida e schemi di redazione dei bilanci di esercizio degli Enti non profit

Linee guida e schemi di redazione dei bilanci di esercizio degli Enti non profit ENTI NON PROFIT Linee guida e schemi di redazione dei D I L U C A P A G L I O T T A 1. Introduzione Dopo aver esaminato in un recente intervento (vedi Notizie Sintesi n. 265 di Dicembre 2008, pag. 2) gli

Dettagli

Guida al livellamento delle risorse con logica Critical Chain (1^ parte)

Guida al livellamento delle risorse con logica Critical Chain (1^ parte) Paolo Mazzoni 2011. E' ammessa la riproduzione per scopi di ricerca e didattici se viene citata la fonte completa nella seguente formula: "di Paolo Mazzoni, www.paolomazzoni.it, (c) 2011". Non sono ammesse

Dettagli

SCHEMA DI BUSINESS PLAN a cura di Massimo D Angelillo

SCHEMA DI BUSINESS PLAN a cura di Massimo D Angelillo SCHEMA DI BUSINESS PLAN a cura di Massimo D Angelillo Genesis s.r.l. - Via Galliera, 26-40121 Bologna - www.genesis.it Copyright Genesis, 2004. - 1 - CHECK LIST 1. Hai messo a fuoco il mercato a cui rivolgerti?

Dettagli

Corso di ragioneria generale

Corso di ragioneria generale Corso di ragioneria generale LAUREA TRIENNALE IN MARKETING E COMUNICAZIONE D AZIENDA PROF.SSA SABRINA SPALLINI A.A. 2013/ 2014 ATTIVITÀ ECONOMICA E CLASSIFICAZIONE DELLE AZIENDE MARKETING E COMUNICAZIONE

Dettagli

LA CONTABILITA INTERNA. La contabilità interna

LA CONTABILITA INTERNA. La contabilità interna LA CONTABILITA INTERNA 1 LA CONTABILITA ANALITICA La gestione dei costi aziendali richiede informazioni più dettagliate rispetto a quelle offerte dalla contabilità esterna: è, infatti, necessario individuare

Dettagli

10 L EFFICIENZA. L efficienza

10 L EFFICIENZA. L efficienza 10 L EFFICIENZA Ragioneria Generale e Applicata 1 L efficienza Quali condizioni aiutano l azienda a raggiungere l equilibrio economico? L Efficienza Un impresa è efficiente quando riesce a massimizzare

Dettagli

VERIFICA FINE MODULO 2

VERIFICA FINE MODULO 2 Verifica di fine modulo 2 pag. 1 di 8 VERIFICA FINE MODULO 2 Localizzazione e gestione dell azienda 1. Segna con una crocetta la risposta esatta. 1. Per le imprese industriali la scelta del luogo dove

Dettagli

Edizioni Simone - Vol. 40/1 Compendio di Organizzazione aziendale

Edizioni Simone - Vol. 40/1 Compendio di Organizzazione aziendale Edizioni Simone - Vol. 40/1 Compendio di Organizzazione aziendale Capitolo 1 L azienda Sommario 1. Il sistema aziendale. - 2. L equilibrio d azienda e i fattori aziendali. - 3. L equilibrio nel breve e

Dettagli